Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
2Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
I primi 100 giorni del governo Monti - Rapporto

I primi 100 giorni del governo Monti - Rapporto

Ratings: (0)|Views: 1,232|Likes:
Published by linkiesta
Il rapporto pubblicato sul sito del governo sui primi 100 giorni dell’esecutivo guidato da Mario Monti
Il rapporto pubblicato sul sito del governo sui primi 100 giorni dell’esecutivo guidato da Mario Monti

More info:

Published by: linkiesta on Feb 24, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

02/24/2012

pdf

text

original

 
 
GOVERNO MONTI:attività dei primi 100 giorni
 
Governo Monti: attività dei primi 100 giorni2
INDICERigore:
 
Provvedimenti Salva ItaliaCrescita:Provvedimenti Cresci ItaliaEquità:Liberalizzazioni e SemplificazionePiù Italia in Europa, più Europa in ItaliaDalla burocrazia al cittadino
 Politiche di settore
:
 
Mezzogiorno per l’EuropaItalia più forte negli scenari internazionaliSicurezza e Giustizia più vicina a cittadini ed imprese Agenda digitale per l’Italia di domaniUna scuola in chiaroImpresa e territorioPiù concorrenza nei servizi pubblici localiIl rilancio del settore turistico Appendice/I provvedimenti approvati dal Consiglio dei Ministri Allegato/Le opere sbloccate dal Cipe
 
Governo Monti: attività dei primi 100 giorni3
IL RIGORE: SALVA ITALIA 
Tutte le componenti della società devono partecipare allo sforzo per la salvezza eil rilancio dell’Italia. Con queste basi si è dato il via al
corposo pacchetto dimisure urgenti
per
assicurare la stabilità finanziaria, la crescita el’equità
. Il compito di questo governo è quello di far uscire il Paese dalla zonad’ombra in cui era stato confinato, di porre fine all’emergenza e, soprattutto, digettare le basi per una rinascita economica e sociale. Per questo il primoprovvedimento adottato dal governo il 4 dicembre 2011 segue due direttrici:quella del
rigore e delle riforme strutturali
, e quella della prime
misureper la crescita
. L’insieme degli interventi ammonta a
circa 20 miliardi dieuro
strutturali per il triennio 2012- 2014 con una forte componente permanentedi risparmi conseguiti.
La correzione lorda è di oltre 30 miliardi
in quantosono previsti interventi di spesa a favore della crescita, del sistema produttivo edel lavoro
per oltre 10 miliardi
. All’interno del pacchetto è inclusa lacorrezione dei saldi pari a
4 miliardi
previsti quale clausola di salvaguardia nellamanovra di agosto 2011.
Pensioni.
È il primo tassello
 
di una riforma più completa che riguarderà anche il
mercato del lavoro
e gli ammortizzatori sociali. Il governo,
in tempi rapidied in anticipo rispetto agli altri partner europei
, ha avviato la riformadella previdenza: da questo anno viene esteso a tutti i lavoratori
il metodocontributivo
per il calcolo della pensione.
Fisco.
È stata anticipata l’introduzione dell’Imposta Municipale - IMU - sugliimmobili che sostituirà l’Ici. La misura si è resa necessaria per
superarel’anomalia
presente nella legge delega sul federalismo fiscale che escludevadalla tassazione la prima casa con una serie di effetti negativi. Tutta via in Italia
l’incidenza sul PIL delle imposte patrimoniali
che gravano sugli immobiliè, in base agli ultimi dati OCSE (
 Revenue Statistics
, 2001),
solo dello 0,6%
 rispetto ad una media OCSE dell’1,1% e a valori che arrivano a 2,4% per la Franciae a 3,5% per il Regno Unito.
Beni di lusso.
Per ripartire
equamente
l’onere del maggior prelievo fiscale, viene aumentata la tassazione di alcune
specifiche manifestazioni diricchezza
. Gli interventi riguardano da un lato le auto di
grossa cilindrata,
giàinteressate da una misura simile, dall’altro sono state introdotte nuove forme ditassazione per le
imbarcazioni
da diporto e per gli
aeromobili
privati.Sono state
rimodulate le aliquote di accisa sui carburanti
. La misura haripristinato in parte il peso del carico fiscale rispetto al prezzo di vendita deicarburanti stessi, notevolmente ridottosi negli anni a causa della dinamica delprezzo internazionale del petrolio. La prospettiva è quella di
promuovere
,anche attraverso la leva fiscale, i
prodotti
energetici che registrano un
minoreimpatto sull’ambiente
.Il decreto introduce
l’incremento di due punti percentuali delle aliquoteIVA 
del 21% e del 10% a decorrere dal 1° ottobre 2012 e di ulteriori 0,5 puntipercentuali a decorrere dal 2014.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->