Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
8Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Lama Thubten Yeshe - Capire La Propria Mente

Lama Thubten Yeshe - Capire La Propria Mente

Ratings:

4.33

(3)
|Views: 550|Likes:
Published by lobeito

More info:

Published by: lobeito on Dec 14, 2008
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOCX, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

04/11/2013

pdf

text

original

 
CAPIRE LAPROPRIA MENTE
LAMA THUBTEN YESHE 
Quando si studia il buddhismo,studiamo noi stessi: impariamo aconoscere la natura della nostramente. Una tendenza istintiva dellamente umana è la ricerca dellafelicità, e da questo punto di vista,orientali e occidentali non sonodiversi. Tuttavia, se il vostro stile divita dà troppa importanza al mondosensoriale cui vi aggrappateemotivamente, ciò è moltopericoloso perché non avretecontrollo su voi stessi. Il controllonon è costume occidentale o unavisione buddhista, tutti ne abbiamobisogno e specialmente coloro chevivono una vita materialista e sonoanche psicologicamente attaccatiagli oggetti esterni. Nell’ottica dellafilosofia buddhista una mente diquesto tipo non è sana, maammalata. Sapete già che iprogressi tecnologici e scientificiesterni non possono soddisfare dasoli i desideri prodottidall’attaccamento o risolvere iproblemi emotivi. Così gliinsegnamenti di Buddha sono unmetodo per mostrare la natura dellamente e il vostro potenziale umanoe svilupparlo ulteriormente. Inoltre,questo metodo dà importanza allacomprensione dei processi metafisicie non alla fede cieca. In ogni caso,che siate religiosi o no, credenti onon, la cosa importante è capire lanatura della propria mente perché,se non la capite, potreste pensareche la vostra salute e la vostraattività quotidiana siano perfette,mentre, nella vostra mente la radicedelle emozioni perturbanti diventasempre più profonda e salda. Conun elemento fondamentale didisturbo di questo tipo, anche unlieve cambiamento delle condizionipuò far precipitare nella malattiamentale. Questo può infattiaccadere mentre siete ancoracompletamente immersinell’attaccamento cieco al mondosensoriale, senza ancora conoscerela natura della mente. Non potetenegare questo: “Non ci credo”, comenon potete negare di avere un naso:
 
 “Non credo di avere un naso!”,perché che ci crediate o no è là.Molti occidentali dicono: “Non credoin niente” e sono davvero orgogliosidi essere non credenti: controllateperché è molto importante che vene rendiate conto.In occidente ci sono moltecontraddizioni: gli scienziati siritengono dei non credenti, i religiosidei credenti; comunque, che siatecredenti o no dovete capire la naturadella vostra mente. Parlate sempredell’attaccamento, ma non sapetecome controllarlo. E’ facilepronunciare delle parole, ma capirela natura dell’attaccamento è moltodifficile. Un semplice esempio diquesto è che le automobili e gliaeroplani sono stati ideati perpermettere all’uomo di fare le cosepiù rapidamente e lasciargli adisposizione più tempo libero, ma ilrisultato è che la sua mente è piùagitata che mai. Non voglio esserepolemico: osservate la vostra vitaquotidiana. Quello che voglio dire èche quando tutto un paese è assortonel mondo dei sensi, sotto ilcontrollo dell’attaccamento, non vi èopportunità né tempo per potersioccupare della realtà della mente.Ritengo che questo sia uno stile divita difficile, non vi è modo di potergioire veramente e provaresoddisfazione, perché la gioia nascedalla mente, non dai fenomeniesterni. I giovani moderni,intelligentemente scettici, sannoqualcosa di ciò che vale veramentenella vita e sanno che la gioia nonviene dagli oggetti temporali o,secondo la terminologia buddhista,samsarici, così ricercano ciò che lisoddisfa veramente. Quando ilBuddha parlava tanto dellasofferenza, non si riferiva in modoparticolare alle malattie o al dolorefisico, ma all’insoddisfazione.L’insoddisfazione è la verasofferenza! Per quanto si possieda, ildesiderio non diminuisce, si vuolesempre di più: questa è lasofferenza, è la frustrazione. Lapsicologia buddhista elenca seiafflizioni fondamentali cheproducono frustrazione e disturbanola pace della mente umanarendendola agitata: l’attaccamento,l’ira, l’ignoranza, l’orgoglio, il dubbioe l’influenza delle opinioni distorte.Questi non sono fenomeni esterni,ma mentali. Così, quando il Buddhainsegnò alla gente come superarequeste afflizioni non si limitò a dareun credo o una fede ma sottolineò lanecessità di comprendere la proprianatura. Senza un’indagine dellapropria mente e lo sviluppo dellaconoscenza
-
saggezza
 
introspettiva,non è possibile accrescere questacomprensione. Anche se parliamomolto di afflizioni, in realtà non nesappiamo nulla. Queste afflizionifondamentali derivano dall’ego. Peressere liberi non è necessario cheabbandoniate i vostri beni, li potetetenere, ma se agite conattaccamento sarete irrequieti, lavostra vita sarà difficile econserverete una mente annebbiatae contaminata. La mente oscurata èper natura inquieta e ignorante e laluce della saggezza non puòilluminarla. La soluzione a questoproblema è la meditazione.Meditazione non significa sedersi inun angolo e restare fermi cercandodi sviluppare la concentrazionefocalizzata su un solo punto. E’ untipo di saggezza che è libera dallapigrizia e la cui funzione è laconsapevolezza dello stato dellamente. Ogni giorno della vostra vitadovreste essere consci di tuttoquello che fate, del perché e di come
 
lo fate. Di solito facciamo tuttoinconsapevolmente: mangiamoinconsapevolmente, beviamoinconsapevolmente, parliamoinconsapevolmente. Non abbiamonessuna idea di quello che stasuccedendo nella nostra menteanche se diciamo che siamo consci.Non dico questo per giudicarvi oumiliarvi, vi chiedo di osservarvi.La via del Buddha è confrontarsi conle proprie idee per esaminarle esperimentarle. Non sto parlando diqualche via su nel cielo, ma di cosemolto semplici. Se non conoscete lanatura dell’attaccamento e il suooggetto, vi sarà impossibile provareun amore profondo verso i vostriamici, i vostri genitori o il vostropaese. Finché la vostra mente èinconsapevole, nuocerete a tutticoloro che vi stanno vicini.Analogamente, una persona iratadimentica se stessa, non saassolutamente quello che succedenella sua mente, sapete com’è, equesti sono solo esempi. Molte voltedanneggiamo le persone per lanostra mancanza di consapevolezza:non siamo coscienti del nostrocomportamento, dell’atteggiamentomentale che abbiamo e nonabbiamo rispetto per gli altri. Inoccidente ci sono delle personespecializzate in psicologia che fannogli educatori, ma il Buddha desiderache tutti diventiamo psicologi:ognuno di noi deve imparare aconoscere la propria
 
mente. Ilsignore Buddha crede che questo èpossibile, che ogni essere umano hala potenzialità di capire e dunquecontrollare la propria mente.Quando si comprende la propriamente, il suo controllo avvienespontaneamente. Non dovetepensare che l’indagine psicologicasia una mania himalayana, qualcosadestinata solo a coloro che nonpossiedono beni materiali. Indagateogniqualvolta siete emotivamentecoinvolti in qualcosa. Invece direagire, rilassatevi. Provate a essereconsapevoli di quello che statefacendo, chiedetevi: “Che cosa stofacendo? Come? Che cosa me lo fafare?” Sarà una cosa meravigliosase riuscirete ad autoanalizzarvi inquesto modo, perché con laconsapevolezza potrete eliminare ivostri problemi con molta facilità. Ilnostro problema è che manchiamodell’intensa conoscenza-saggezza oconsapevolezza o coscienza… nonimporta come la volete chiamate.Perciò, per dimostrare un amoreprofondo nei confronti del prossimo,dovete conoscere la naturadell’oggetto, altrimenti ricadrete inun’altra illusione dell’ego: “Io loamo”, “Io la amo”. Accertatevi delcome e del perché: è cosìimportante che diventiate i vostripsicologi. Allora potrete usare lavostra saggezza verso voi stessi egodere dei vostri beni materiali conla mente rilassata, senzal’inquietudine che rovina la vita. Perdiventare psicologi non avetebisogno di studiare qualche grandefilosofia, tutto quello che dovete fareè esaminare la vostra mente tutti igiorni.Proprio come ogni giorno esaminatemolti oggetti quali il cibo in cucina,perché non fate altrettanto con lavostra mente? La mente è di granlunga più importante. La vita inoccidente è basata sulla mentalità: “Posso sempre acquistare lasoluzione ai miei problemi alsupermercato”. Si pensa che siasempre possibile andare in farmaciaa comprare qualche pillola magica eche ogni volta che si è frustrati sipuò avere qualche medicina dal

Activity (8)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
Guillem Català liked this
lobeito liked this
Sonia Kugo liked this
ladymorganas liked this
singingdrum liked this
Enzo Parisi liked this

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->