Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
50Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Il Vangelo Di Gesù - Yogananda

Il Vangelo Di Gesù - Yogananda

Ratings:

5.0

(1)
|Views: 4,219 |Likes:
Published by Tommy

More info:

Published by: Tommy on Dec 17, 2008
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOC, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

09/07/2014

pdf

text

original

 
Il Vangelo di Gesù secondo Paramhansa Yogananda.Volume primo.Traduzione e disposizione del testo originale inglese a cura delleedizioni Vidyananda.PREFAZIONEOMCarissime anime,da più parti ci è stato chiesto di dire qualcosa su queste interpretazionidel Vangelo di Gesù da parte del grande Yogi Paramhansa Yogananda.Yogananda nacque in India il 5 gennaio 1893. Fin dall'inizio la sua vitafu benedetta da santi genitori e precettori, discepoli del grandeYogavatar di Benares Lahiri Mahasaya. Infine, il suo ardente desiderio diconoscere Dio gli fece incontrare il suo Guru; Swami Sri Yukteswarji, ungrande discepolo di Lahiri Mahasaya. Sotto la sua guida Yoganandaraggiunse la realizzazione di Dio, e la sua sete spirituale si placò persempre alla fonte di vita eterna dell'Infinito.Nel 1920 Yogananda andò in America, in obbedienza al comando del suoGuru e del Divino Babaji Maharaj. La sua missione fu quella di farconoscere in occidente l'antica scienza spirituale dello Yoga (KriyaYoga), e mostrare la perfetta unità esistente tra il vero insegnamento diGesù contenuto nel Vangelo e il vero insegnamento della Bhagavad Gita, laBibbia indù.Per potere svolgere meglio la sua missione in America, Yogananda fondòun’organizzazione religiosa, chiamata prima Yogoda Satsanga e quindi Self-Realization Fellowship. Dopo la metà degli anni venti, stabilito il suoquartier generale a Los Angeles, Yogananda cominciò la pubblicazione diuna rivista spirituale che nel corso degli anni ebbe vari nomi: InnerCulture, East-West, Self-Realization.A partire dal 1932 cominciarono ad apparire regolarmente sulla rivista leinterpretazioni e i commenti di Yogananda sul vangelo di Gesù Cristo e laBhagavad Gita di Sri Krishna. In ogni numero c'era un articolo sulVangelo e uno sulla Gita. Il commento al Vangelo, apparso regolarmente pervent'anni, giunse al termine nel marzo del 1952. Per una "strana"coincidenza, l'ultimo articolo della serie - The final experience, chetrattava dell'esperienza finale di Gesù, dopo la crocifissione - coincisecon il mahasamadhi (l'uscita finale di uno Yogi dal corpo) diParamhansaji. La rivista era già stampata, quando Yogananda lasciòfisicamente questa terra, il 7 marzo 1952.Negli ultimi anni della sua vita, trascorsi ininterrottamente innirvikalpa samadhi (il più alto stato di estasi o coscienza divina), eglipassò gran parte del suo tempo in ritiro (spesso nel deserto della Valledella Morte, in California), lavorando giorno e notte per completare isuoi scritti, e principalmente i commenti alla Bibbia (Genesi eApocalisse) e alla Gita.Gli insegnamenti di Gesù sono stati ricevuti e interpretati da Yoganandanello stato di Coscienza Cristica. Yogananda insegnava che la CoscienzaCristica di Gesù, liberata dalla crocifissione teologica, poteva essereriportata una seconda volta nelle anime degli uomini. Questa era la vera"Seconda venuta di Cristo". E il titolo che Yogananda diede al suocommento al Vangelo, e che intitolava la serie di articoli apparsi sullarivista, era proprio: "La seconda venuta di Cristo". Il sottotitolo era:
 
"Passi verso la realizzazione della Coscienza che era in Cristo Gesù". Lacitazione dei passi del Vangelo commentati era tratta dal libro: "Walks &words of Jesus" del rev. M. N. Olmsted.Per quanto ci risulta, il commento di Yogananda al Vangelo non è maistato pubblicato in volume in nessuna lingua. A partire dal 1979 una casaeditrice di Dallas, l'Amrita Foundation - che si dichiara dedicata agliscritti e agli insegnamenti originali e non cambiati di ParamhansaYogananda - ha cominciato a pubblicare parte dei commenti e altri scritti.Non sappiamo di altre iniziative negli ultimi anni.La nostra traduzione è basata sul testo originale di Yogananda apparso apuntate sulla sua rivista dal 1932 al 1952. Per quanto riguarda ladisposizione del testo, abbiamo cercato di attenerci il più possibile allasuccessione cronologica degli articoli, così come, venivano pubblicatinella rivista. Abbiamo preferito seguire di proposito una traduzione ilpiù letterale possibile dell'opera, a volte anche a scapito della bellaforma italiana, proprio per cercare di mantenere al massimo il senso, lostile, il tono e il linguaggio dell'originale inglese.E certo non è facile tradurre Yogananda. Il suo stile è molto prolisso,traboccante. Spesso usa numerosi aggettivi per definire un concetto o unaparola; e sovente crea nuovi aggettivi; anche composti, che in italianodevono essere tradotti con più parole. Ci sono frasi lunghissime, e nomicompletamente inventati, bellissimi, che esprimono perfettamente ilconcetto che sottintendono; per esempio, alcuni di questi nomi li abbiamotradotti con: vitatroni (lifetrons), astralfulminati (astralocuted),chiesismo (Churchianity) - il senso di queste parole sarà chiaro dalcontesto nel quale appaiono.Nel corso dell'opera si trovano molte ripetizioni o ricapitolazionidovute spesso alla necessità di riprodurre in sintesi al lettore argomentidi cui aveva parlato negli articoli precedenti, apparsi magari qualcheanno prima. Inoltre questo è un metodo particolarmente usato dai Maestriindiani, provenienti da una cultura principalmente a trasmissione orale;la ricapitolazione serve a mettere in rilievo un particolare aspetto deldiscorso, o ad aiutare il lettore a capire o assorbire meglio un concettoper lui nuovo.In conclusione, il commento al Vangelo scritto da Yogananda non èqualcosa da leggere, ma è piuttosto una Scrittura da meditare e assorbirelentamente ogni giorno, per imparare a espandere gradualmente la nostracoscienza umana nella Coscienza Cristica.Con questo augurio, noi offriamo questi scritti di Paramhansaji alleanime che cercano sinceramente la Verità.L'EDITORE"Perché non, v'è nulla di nascosto che non debba essere rivelato, e nulladi segreto che non debba essere manifestato. Quello che vi dico nelletenebre ditelo nella luce, e quello che vi è stato detto all'orecchiopredicatelo sui tetti". (Matteo 10: 26-27)."Se rimanete fedeli alla mia parola, sarete veramente miei discepoli;conoscerete la verità e la verità vi farà liberi". (Giovanni 8: 31-32).
 
LA SECONDA VENUTA DI CRISTO"E a tutti quelli che l'hanno accolto, ha dato il potere di diventarefigli di Dio". (Giovanni 1: 12).Come una piccola coppa non può contenere in sé l'oceano, non importaquanto sia desiderosa di farlo, allo stesso modo la coppa della coscienzaumana materiale non può contenere l'universale Coscienza Cristica, nonimporta quanto la desideri. Ma quando, grazie a certi metodi diconcentrazione e meditazione yoga, il devoto espande lo spazio della suacoscienza fino all'onniscienza, allora può contenere dentro la sua, lacoscienza universale presente in tutti gli atomi (Coscienza Cristica).Questo è il significato di "l'hanno accolto". Perciò, secondo Gesù, tuttele anime che possono effettivamente realizzare la loro unità con laCoscienza Cristica, per mezzo dell'intuitiva autorealizzazione, possonoessere chiamate "Figli di Dio".Tutte le sacre Scritture, come la Bhagavad Gita (la Bibbia indù) e laBibbia cristiana, hanno un triplice significato. In altre parole, le sacreScritture si occupano dei tre fattori che costituiscono l'essere umano,cioè, il materiale, il mentale e lo spirituale. Dunque, tutte le veresacre Scritture sono state scritte per essere di beneficio al corpo, allamente e all'anima dell'uomo. Le vere Scritture sacre sono come pozzid'acqua Divina, che possono placare la triplice sete materiale, mentale espirituale dell'uomo. Inoltre, le vere Scritture devono aiutare realmentel'uomo d'affari, l'intellettuale, e l'uomo spirituale. Sebbene, sial'interpretazione materiale, che quella psicologica delle sacre Scritturesiano necessarie, bisogna ricordare che gli autori delle Scritture sisottoposero a grandi sofferenze per mostrare all'uomo chel'interpretazione spirituale è della massima importanza.Un uomo materialmente o intellettualmente pieno di successo può non esserel'uomo veramente e scientificamente di successo che fa della vita unperfetto successo; mentre l'uomo spirituale è il felice uomo "completo",pieno di salute di ricchezza intellettiva, sempre contento e veramenteprospero, in possesso della saggezza che tutto soddisfa. Poiché, conl'intuizione, gli autori spirituali cercarono per prima cosa di renderel'uomo spirituale, io do l'interpretazione spirituale inserendo nel mezzoanche l'interpretazione psicologica e materiale. Queste interpretazioniaiuteranno ugualmente l'aspirante spirituale, l'intellettuale e l'uomo chelavora.Queste interpretazioni, ricevute e interpretate attraverso la CoscienzaCristica, rappresentano il metodo scelto dai Maestri per mostrare al mondola comune base scientifica della percezione intuitiva, dove possonotrovare unita la Bibbia cristiana, la Bhagavad Gita, e le sacre Scritturedi tutte le vere religioni. Quest'interpretazione spirituale del vangelorivela e libera la Verità nascosta nelle tenebrose caverne degli studispeculativi e teologici.Gesù Cristo fu crocifisso una volta ma il suo insegnamento è stato eviene crocifisso continuamente dalla gente ignorante. La comprensione el'applicazione di questi insegnamenti, percepiti intuitivamente, cerca dimostrare come la Coscienza Cristica di Gesù, liberata dalla crocifissioneteologica, può essere riportata una seconda volta nelle anime degliuomini.

Activity (50)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 thousand reads
1 hundred reads
Paolo Ramozzi liked this
Adrian Reds liked this
Gabriella Martis liked this
aloha_samoa liked this
qayxswedcvfr liked this

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->