Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
2011 - Editoriale numero di Bricks dedicato alle LIM (Bricks Numero 1)

2011 - Editoriale numero di Bricks dedicato alle LIM (Bricks Numero 1)

Ratings: (0)|Views: 12|Likes:
Published by Pierfranco Ravotto
Pubblicato su Bricks, giugno 2011
Pubblicato su Bricks, giugno 2011

More info:

Categories:Types, Reviews
Published by: Pierfranco Ravotto on May 06, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

08/06/2014

pdf

text

original

 
5
In questo numero
di Pierfranco Ravotto
Ecco, nalmente, il numero 1 di Bricks.Come nelnumero zer
o
, anche questo – e così i prossimi – è dedicatoad un Tema. Se là il tema era Bricks stesso, il perché di questa nuovarivista, qui il tema sono le LIM,
le lavagne interattive multimediali
.Perché dedicare il primo numero alle LIM?Questa rivista si propone di dar voce agli insegnanti perché raccontinole proprie esperienze e le LIM sono e sono state, in questi anni, terrenodi tante esperienze didattiche. Sono state e sono, anche, oggetto di mi
-
tizzazioni, come se la loro introduzione sia di per sé foriera di trasformarela scuola, l’insegnamento, l’apprendimento da parte degli studenti. “LaLIM non è una bacchetta magica”, scrive, a ragione, una delle nostreautrici.La LIM, come dice il nome, è una lavagna. Un nuovo modello di la
-
vagna, interattivo e multimediale. In questo sta la sua forza: è unostrumento tradizionale – dunque noto, consolidato, abituale per gli inse
-
gnanti – ed è al contempo rinnovato, ricco di potenzialità che la lavagnatradizionale non ha.Scrivendo “lavagna tradizionale”, mi si è posta una domanda: da quan
-
do esiste questa tradizione?La lavagna è una supercie di grandi dimensioni, collocata vertical
-
mente, che può essere usata per illustrare gracamente delle idee, delleinformazioni, delle procedure. In che forma – con quale tecnologia? – siè cominciato ad usarla?
 
6
Faccio una veloce ricerca e scopro che, all’inizio dell’800, nelle scuolegli studenti si esercitavano non su quaderni – la carta era costosa – masu tavolette di ardesia su cui scrivevano con una punta dello stesso mate
-
riale e che cancellavano con uno straccio. Sembra sia stato James Pillans,Headmaster della Old High School di Edimburgo, Scozia, ad aver l’idea,nel 1801, di attaccare sul muro un certo numero di quelle tavolette perusarle nell’insegnamento della geograa (scriveva e gli allievi dovevanoripetere). L’introduzione della lavagna negli Stati Uniti è attribuita a Ge
-
orge Baron, istruttore all’Accademia militare di West Point ed è datata,a quanto pare, 1809.Ben presto fu inventato il gesso, per scrivere sulle lavagne in modopiù leggibile e infatti, prima del termine Blackboard venne usato, e lo èancora, Chalkboards, da chalk = gesso (sembra che il termine sia statousato per la prima volta nel 1820).Nel giro di poche decine d’anni le lavagne entrarono in tutte le scuoledegli Stati Uniti e, immagino, d’Europa.Chissà se ci fu un’animata discussione fra entusiasti fautori dell’in
-
troduzione della tecnologia del gesso e dell’ardesia e altri a ribadireche occorre, in primo luogo, ragionare sulla pedagogia. Immagino chel’introduzione della lavagna non abbia trasformato cattivi insegnanti inbravi docenti. Ma certo un impatto forte deve averlo avuto, soprattuttoin alcune materie; si pensi, appunto, all’insegnamento della matematicae, in particolare, della geometria; ma pensate anche all’insegnamentodell’ortograa e della grammatica. Nelle poche pagine in rete che hotrovato su questo argomento (in inglese) si sottolinea come prima l’inse
-
gnante dovesse scrivere gli esercizi sulla tavoletta di ogni allievo e quindila lavagna abbia comportato risparmio di tempo. Ma non penso sia quellala modica più rilevante.Il modello ottocentesco e novecentesco di classe prevede la lavagna,con i banchi tutti rivolti verso di essa; è coerente con un modello tra
-
smissivo della conoscenza. Ma allora, senza la tecnologia della lavagna,si sarebbero sviluppati altri modelli? Provocatoriamente: senza la lavagnasi sarebbe affermato un modello costruttivista?E, invece, a sottolineare l’effetto positivo della lavagna: avrebbe potutoesserci, senza la lavagna, l’alfabetizzazione di massa? Un unico maestroche insegna a leggere, scrivere e far di conto, a 30-40 bambini in unavolta?In ogni caso: la lavagna – quelle d’ardesia, come quelle orrende lava
-
gne verdi che si sono diffuse successivamente, o come le lavagne bianche
 
7
non più col gesso ma con i pennarelli – è uno strumento, permette coseche senza tale strumento non sarebbero possibili, ma può essere usatoin modi diversi, a seconda del contesto, del momento e dell’obiettivo, ea seconda dei modelli pedagogici di riferimento.Alla lavagna, per fare solo un esempio visivo, ci può stare l’insegnanteo lo studente, e le due forme si possono alternare.
 
 “A quadruple blackboard at the Helsinki University of Technologye “Students writing on a blackboardin a village school in Laos”, dalla voce Chalkboard nell’edizione inglese di Wikipedia (gure rilasciatecome Pubblico dominio).
La LIM sembra destinata a diventare parte dell’ordinario arredo di ogniaula (mi dicono che in altri paesi lo è già). Quindi è importante capirne lepotenzialità tecnologiche e quelle pedagogiche: raccontare e confrontarele esperienze è un passaggio essenziale.Per questo vi invitiamo ad aggiungere, a quelle che vengono pre
-
sentate su questo numero 1 di Bricks le vostre esperienze e le vostreriessioni.Bricks ha una doppia natura. E’ una
rivista
– che raggruppa una seriedi articoli – con una sua data di uscita e che quindi rimane ssa (ugualein web a quella che è nella versione PDF o ePub). Ma è anche un sito, inquanto tale dinamico, in cui intendiamo aggiungere articoli fra l’uscita diun numero e quella del successivo. Lo abbiamo fatto, in questo periodo,solo per i Convegni. Lo faremo, adesso, anche per gli
articoli che viinvitiamo a mandarci sul tema delle LIM
.Per cercare un articolo su un certo tema (man mano che i temi sarannosviluppati) potete utilizzare le “Categorie” oppure la nuvola dei tag.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->