Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Chomsky,Noam Faurisson & Thion - Il Caso Faurisson e Il Revisionismo Olocaustico

Chomsky,Noam Faurisson & Thion - Il Caso Faurisson e Il Revisionismo Olocaustico

Ratings: (0)|Views: 47 |Likes:
Published by Valentina Alvarado

More info:

Published by: Valentina Alvarado on May 30, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

06/29/2012

pdf

text

original

 
IL CASO FAURISSONE ILREVISIONISMOOLOCAUSTICO
Testi di
NOAM CHOMSKYROBERT FAURISSONSERGE THION
saggio introduttivo di
CESARE SALETTA
Traduzioni dal francese di
MARCO SERRA
LEGISEPUOIGRAPHOS
1997
AAARGH EDIZIONI SULL' INTERNET
2004
 
Il caso Faurisson e il revisionismo olocaustico
Indice
 Invece di una prefazione
Non morite idioti (AAARGH)
Cesare Saletta
La repressione legale del revisionismo olocausticoe l'emergere di una questione ebraica
 Note Appendice
Un r
echercheur salarié 
contro il revisionismo di sinistra
Il caso Faurisson
 Noam Chomsky
Alcune riflessioni elementari sul diritto alla libertà d'espressione
 Robert Faurisson
Il problema delle camera a gasAnnesso: Nessuna gassazione a Dachau (
 Martin Broszat 
)
 Robert Faurisson
Una prova... una sola prova
 Robert Faurisson
«Hitler non ha mai ordinato né consentito che chichessiafosse ucciso a causa della sua razza o della sua religione»
 Robert Faurisson
«Il problema delle camera a gas» o la «diceria di Auschwitz»
 Robert Faurisson
Avvertenza premessa a
 Mémoire en défense Robert Faurisson
Per una storia veridica della seconda guerra mondiale
Serge Thion
Verità storica o verità politica ?
Serge Thion
Il carrattere necessario del caso Faurisson
Vrij Historisch Onderzoek 
Olocausto e revisionismo. 33 domande e risposteCiò che avreste (forse) sempre desiderato sapere, ma che i media concordementetacciono
2
 
Il caso Faurisson e il revisionismo olocaustico
[7]
 Invece di una prefazione
Non morite idioti!
Il revisionismo, lo sanno tutti, è un abominio. Ma esiste; e persiste, anche. Lecondanna, morali e penali, i comitati di vigilanza, le stesse leggi della repubblica, nonpossono farci niente: da poco meno di vent'anni il revisionismo non fa che crescere ediventare più bello. Un recente sondaggio rivela che il trenta per cento dei francesi sonopronti ad accoglierne le idee di base. Tacciono solo per prudenza.Questa situazione si fa sempre più imbarazzante. Come diceva il venerabileavvocato della
 Ligue des Droits de l'Homme
che, davanti al giudice Pluyette, reclamavala proibizione del primo nurnero delle "Annales d'Histoire révisionniste": "Fino a che sitrattava di pubblicazioni confidenziali non dicevamo nulla. Ma ieri ha trovato questarivista al chiosco dell'aeroporto di Marignane. Allora, ecco, chiediamo la proibizione".Ahimè, questi discorsi arieggianti virtù e saggezza romane venivano tenuti nell'87. Diecianni fa. Dopo di allora le pubblicazioni revisioniste hanno conosciuto tiraturestupefacenti: è il caso del libro di Roger Garaudy, che si è venduto dovunque, per decinedi migliaia di esemplari.E il peggio deve ancora venire. E' esattamente un anno che su Internet esiste unsito revisionista in francese. L'équipe che lo anima, e cui soltanto le leggi repressiveimpediscono di rivendicare l'onore di salvare, animandola, la libertà effettiva diespressione, sembra essersi data il compito di porre a disposizione del pubblico iprincipali elementi della controversia e di trattame tanto razíonalmente quanto èpossibile farlo. Così, ci sono in Internet un certo numero di testi che quasi si potrebberodire "classici" e che erano difficili da trovare: poco a poco vengono messi in rete.[8] Si assiste ad un principio di messa a frutto dell'archivio della Vieille Taupe,gruppo che ha avuto un ruolo importantissimo nello svilupparsi delle polemiche inFrancia. Anche i numerosi interventi del professor Faurisson, a datare dal 1978, poco apoco vengono messi a disposizione di un pubblico che non ha vissuto gli inizi di questacontroversia. Si riparla di Paul Rassinier, che negli anni Cinquanta e Sessanta fu ilprincipale iniziatore della ricerca revisionistica in Francia e anche all'estero. Già unacinquantina di testi del '51-53 sono venuti fuori dagli archivi, dove giacevano quasidimenticati. Sono disponibili anche i libri di Serge Thion, che descrivono e analizzano gliinizi di quel periodo. Eric Delcroix è presente con un vigoroso pamphlet che gli è valsauna condanna da parte del tribunale di Parigi. C'è anche la famosa tesi di Nantessostenuta da Henri Roques nell'85, che provocò tanto scalpore. Altri testi seguirannotra breve.1 tentativi di soppressione della libertà intellettuale vi sono fatti oggetto dispeciale attenzione. Sono evocati i processi, con relative argomentazioni delle parti, e ilruolo che l'istituzione giudiziaria ha in tutta la questione viene analizzato in profondità.In un anno, così, centinaia di testi sono stati resi disponibili su Internet, creando una
3

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->