Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Geobiofisica Per Comprendere l'Energia Del Pianeta

Geobiofisica Per Comprendere l'Energia Del Pianeta

Ratings: (0)|Views: 31 |Likes:
Published by Patrizia Puggioni
INSEGNAMENTI E RICERCHE DEL DR. ERNST HARTMANN NELL’AM­BITO DELLA GEOBIOLOGIA MODERNA
INSEGNAMENTI E RICERCHE DEL DR. ERNST HARTMANN NELL’AM­BITO DELLA GEOBIOLOGIA MODERNA

More info:

Categories:Types, Research, Science
Published by: Patrizia Puggioni on Jun 20, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

05/13/2013

pdf

text

original

 
L'ENERGIA DI GAIA
GEOBIOFISICA E BIOENERGETICAPER COMPRENDERE L'ENERGIADEL PIANETAtratto da Wetter-Boden-Mensch 3-4/99,rivista del Forschungkreis fur Geobiologie "dr. Hartmann" di Waldbrunn (Heidelberg)
di Pier Prosperoe Marilinda ResidoriIl comportamento dell’energiatellurica è molto similea quello degli altri tipi di energia,sebbene con alcune sue particolarità,quindi possiamo pensare che uncampo energetico tellurico possaessere percepito in superficie condue qualità fondamentali:la sua intensità e le informazionitrasportate.In una visione olistica diviene impossibile scindere per settori non comunicanti la realtà,per cui in ogni analisi si considera l’interazione di tutti i fattori in gioco. Quindi la nocività dovutaall’informazione trasportata e quella dovuta all’intensità del campo energetico portante sono daprendere in considerazione entrambe nello stesso modo e nello stesso momento. L’energia vitale del pianeta si scarica con vibrazioni o eruzioni e a volte ciò avviene in manieraviolenta sia con i fenomeni vulcanici, sia con gli spostamenti delle zolle e i conseguentimovimenti tettonici che si trasformano in forze sismiche. Noi, esseri umani, possediamo un recettore/decodificatore per tutti i tipi di energia che ha sedenel nostro stesso corpo e nel suo sistema energetico, ed è potente e "a largo spettro", perciòriceviamo molto bene le emissioni di energia tellurica, e a volte questi campi energetici possonorisultare dannosi per noi, ad esempio perché scatenano ansia e incutono un "timor panico".Cioè ci procurano uno stress troppo forte. In Geobiofisica è molto importante comprendere questo concetto riguardo aglieffetti dello stress: H. Selye in "Stress without Distress"[1]afferma che se lo stress è leggero, breve e rimane senza angoscia non è dannosoall’organismo è può essere utilizzato in modo costruttivo, mentre se lo stress è troppo forte o
1 / 7
 
L'ENERGIA DI GAIA
troppo prolungato arriva a produrre angoscia e questa situazione è patologica. Lo stress produce angoscia quando la reazione al suo stimolo richiede più energia di quella cheil corpo ha a disposizione per reagire. Selye, pioniere degli studi sullo stress, dimostra che qualsiasi condizione di stress eccessivo,indipendentemente dalla sua causa, produce la stessa sequenza di eventi che descrive inqueste tre fasi: la prima fase, o reazione d’allarme, che produce iperattività delle surrenali,contrazione del timo e dei nodi linfatici e sviluppo di problemi gastrici; la seconda, o fase diresistenza, che si ha quando lo stress continua e l’organismo sviluppa un adattamentoadeguato alla situazione mettendo in campo la sua energia "di riserva"; la terza, o fase diesaurimento che subentra quando al perdurare ulteriore dello stress l’organismo esaurisce lasua riserva di energia e crolla ammalandosi. Anche Alexander Lowen[2]sviluppando il pensiero di Wilhelm Reich nell’Analisi Bioenergetica, riprende gli studi di Selley eapprofondisce la questione dello stress. Lowen è consapevole anche della relatività delle situazioni e della diversità delle persone, infattisi chiede "
perché alcune persone si ammalano mentre ad altre, in situazioni analoghe, questo non accade? La risposta ovvia è che alcune persone hanno maggior capacità di affrontare le situazioni... Dal punto di vista generale la differenza deve trovarsi nella quantità di energia disponibile. La seconda domanda ha a che fare con il tipo di malattia che le persone sviluppano...: la loro (differente) struttura caratteriale li predispone più a determinate malattie che ad altre.
" Definito il processo energetico dello stress si può affrontare il problema dello stress "tellurico"che è uno dei possibili effetti dell’energia emessa dalle strutture geologiche e idrogeologiche,l’effetto che interessa la Geobiofisica.[3] Anche lo stress tellurico può essere lieve o breve e quindi utilizzabile con profitto dal nostroorganismo, oppure troppo intenso o troppo prolungato e quindi patogeno. (...) Ecco la specificità dell'Analisi Geobiofisica e dell’arte della percezione applicata all’analisi delsito: riconoscere le zone migliori per disporre le stanze da letto o i letti, poiché in terminienergetici il territorio non è tutto uguale e gli effetti dell’esposizione all’energia tellurica presentedove dormiamo sono molto diversi, vanno dal benessere al malessere, fino alla patologia. L’energia tellurica ha molti elementi di perturbazione, ma considerare in particolare il fenomenodella
faglia geologica 
2 / 7
 
L'ENERGIA DI GAIA
mette in sinergia gli studi geobiologici con quelli geofisici e geopsicopatologici. Inoltre, significaparlare di cose oggettive, studiate e misurate dai geofisici, riscontrabili sulle carte, rilevabilistrumentalmente, spesso visibili anche nell’evidenza del paesaggio. Significa parlare diemissioni energetiche potenti e di spostamenti reali della crosta terrestre. Lelinee di faglia, infatti, emettono anche un campo elettromagnetico, con punti di massima intensitànell’infrarosso e nell’ultravioletto, e questa emissione è visibile alla spettrometria aerea esatellitare.[4] Oltre alla maggior esposizione a sismi e microsismi, la permanenza in corrispondenza di lineedi faglia provoca l’esposizione ad un campo di energia tellurica troppo intenso e quindi nocivopoiché fonte di eccessivo stress, di eccessive scariche di adrenalina, che – come si è visto – alla fine portano l’organismo ad ammalarsi. Noi siamo tutti diversi, ma – come abbiamo visto anche dagli studi scientifici citati – lasoggettività della risposta è molto limitata ed è legata principalmente al tempo necessarioperché si manifesti un qualche sintomo e al grado di abitudine genetica allo stimolo. Quando lostimolo tellurico diventa estremo e si trasforma in aggressione, nessuno è più in grado ditollerarlo e in tutti si instaurano le premesse per uno sviluppo patologico. Similmente a quanto avviene con l’elettromagnetismo tecnico, con l’aumentare della distanzadall’origine l’intensità del campo energetico di una faglia diminuisce. Allontanandosi dalla linea di faglia si arriva ad un punto in cui la sua emissione costituisce unostress tollerabile per l’organismo, uno stimolo al quale si reagisce traendone beneficio. L’efficacia dello stimolo tellurico si può leggere negli usi e costumi e nei modi di fare a livello diintere popolazioni, anche se il suo effetto varia di grado col variare della salute delle persone,della loro storia genetica e del loro stile di vita. A livello di studi scientifici vi sono già i primi tentativi di affrontare la questione e, ad esempio,Persinger in un suo studio afferma che "
dal punto di vista evoluzionistico e biochimico, i fattori geologici influenzano il comportamento umano ... le prove finora a disposizione e la potenzialità concettuale del complesso legame tra fattori geologici e processi mentali sono sufficientemente interessanti per sostenere le ricerche." Il suo studio fa notare che in alcune comunità possono esservi notevoli variazioni sociologiche che si avvicinano al panico un certo tempo prima di un evento sismico: "la tendenza all’aumento di comportamenti insoliti nelle settimane e nei mesi precedenti i terremoti in una regione è più prevalente di quanto si sospetti ... tutte queste analisi indicano cambiamenti fondamentali penetranti nel comportamento umano, che avvengono in regioni che saranno imminentemente soggette ad attività sismica 
".[5] Il suo punto di vista è che esista un legame profondo tra il comportamento umano egli stimoli
3 / 7

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->