Start Reading

Il volto perduto

Ratings:
210 pages3 hours

Summary

Nato nel 1917, David Loeb Goodis esordisce, a soli 22 anni, con Retreat From Oblivion (lett. "Ritorno dall’oblio", inedito in Italia, 1939) che "su uno sfondo di sbandamenti alcolici e guerra civile spagnola suona come un omaggio tardivo, commovente e imperfetto alla Generazione Perduta di Ernest Hemingway e Dorothy Parker". Aspirando al successo, Goodis inizia a scrivere freneticamente, su riviste pulp e su giornali, dopo essersi diplomato in una scuola di giornalismo. La svolta avviene nel ’46: il suo secondo lavoro, Dark Passage (Il volto perduto), piace alla Warner che decide di trarne un film omonimo (in italiano La fuga), diretto da Delmer Daves e interpretato dalla coppia noir Bogart - Bacall, con la sceneggiatura (anche) dello stesso Goodis. L’opera esce un anno dopo e si conquista il rispetto di critica e pubblico con almeno due trovate niente male, che ne fanno un classico del film noir: la lunghissima soggettiva iniziale, funzionale alla trama (il protagonista Vincent Parry/Humphrey Bogart è un gangster evaso di prigione, che tenta di rifarsi un volto ed una vita sottoponendosi ad una pratica di chirurgia estetica), e la caparbietà con cui la giovane Irene Jansen/Laureen Bacall ama ed aiuta il galeotto fuggito dal carcere, rischiando la sua stessa esistenza ("Quando qualche cosa mi entusiasma, io mi batto fino all’ultimo).

Read on the Scribd mobile app

Download the free Scribd mobile app to read anytime, anywhere.