Start Reading

Ba Ta Clan

Ratings:
141 pages48 minutes

Summary

A Lavinia Dickinson Editore Project. Extract from the Preface by Pasqale De Fazio: Roberto Malini is an author and activist capable of moving more and more into the future, towards the theory of an advanced civilization, the frontiers of poetic research and actions in the defence of human rights. He is a poet laureate, member of important international literary academies, the winner of prestigious poetry awards, and an award-winning author, both in Italy and abroad. "The young people ran / towards the emergency exit, / to escape the bullets, / like birds caught unaware by the hunters." Only a poet – this poet – is capable of expressing in so few words all the horror and degradation that an episode of violence and terrorism can bring to mind. In these sad times of ours, which seem to have been plunged back into barbarism and fostered fear - and with fear comes hatred - everyone withdraws into his or her own self-centeredness, yet no one wants to give up acquired privileges. Indifferent or complicit to corruption and abominations, abuses of the weakest, and the exploitation of so much misery. So much for human rights! The only thing that remains human is the pain, the cry of those who shout out for justice. And poetry. Poetry that, when it is authentic and prophetic, contains a gift.

Un progetto Lavinia Dickinson Editore. Questa raccolta di poesie, pubblicata in italiano e inglese, con un'edizione speciale per il Parlamento europeo e l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, conclude - dopo "Il silenzio dei violini" e "Dichiarazione" - la trilogia poetica dell'autore dedicata ai diritti umani. Dalla prefazione di Pasquale De Fazio: "Solo un poeta - questo poeta - è in grado di rendere in poche parole tutto l'orrore e la degradazione che un episodio di violenza e di terrorismo può richiamare alla mente. In questo nostro tempo così triste, in cui sembra di essere ripiombati nella barbarie e viene alimentata la paura, e con la paura l'odio, ognuno si chiude nel suo egoismo e nessuno vuole rinunciare ai privilegi acquisiti. Indifferente o complice di corruzione e nefandezze, prevaricazione dei più deboli e sfruttamento di tanti miseri. Altro che diritti umani! Di umano non resta che il dolore, il grido di chi chiede giustizia. E, ancora, la poesia. Poesia che, quando è autentica e profetica, contiene un dono".

Read on the Scribd mobile app

Download the free Scribd mobile app to read anytime, anywhere.