Dieci buoni motivi per (non) farla finita by Antropoetico by Antropoetico - Read Online

About

Summary

Micro manuale di sopravvivenza.

Credo che sia inevitabile. Sì, alla fine capita a tutti noi di "vedere nero", di ipotizzare un futuro pieno di scenari drammatici. La vita, infatti, se da un lato è assolutamente meravigliosa, affascinante, irresistibile, dall'altra nasconde insidie e pericoli esattamente come il mare. Possiamo immaginare di essere al sicuro su di una bella spiaggia tropicale mentre facciamo un bagno nell'acqua chiara e calma ma nella stessa maniera possiamo drammaticamente "vederci" su uno dei tanti barconi che vanno a fondo nel mediterraneo. Di vita si può anche morire.
Published: StreetLib on
ISBN: 9788826010052
Availability for Dieci buoni motivi per (non) farla finita
With a 30 day free trial you can read online for free
  1. This book can be read on up to 6 mobile devices.

Reviews

Book Preview

Dieci buoni motivi per (non) farla finita - Antropoetico

You've reached the end of this preview. Sign up to read more!
Page 1 of 1

finale

Introduzione

La livella...

Credo che sia inevitabile. Sì, alla fine capita a tutti noi di vedere nero, di ipotizzare un futuro pieno di scenari drammatici. La vita, infatti, se da un lato è assolutamente meravigliosa, affascinante, irresistibile, dall'altra nasconde insidie e pericoli esattamente come il mare. Possiamo immaginare di essere al sicuro su di una bella spiaggia tropicale mentre facciamo un bagno nell'acqua chiara e calma ma nella stessa maniera possiamo drammaticamente vederci su uno dei tanti barconi che vanno a fondo nel mediterraneo. Di vita si può anche morire. D'altronde le spinte verso il gesto estremo stanno aumentando in concomitanza con una crisi se non mondiale, almeno europea, mai vista prima. Tutti i settori della cosiddetta società civile sono stati toccati, nessuno escluso. Non parliamo, infatti, solo di crollo economico, di fine del capitalismo così come lo abbiamo conosciuto negli ultimi cinquanta anni e dai cui siamo stati risucchiati nella spirale illusoria di un benessere economico continuo, ma di una vera e propria distruzione di ogni certezza storicizzata dal dopo guerra a oggi. Fine di un certo tipo di occupazione lavorativa, fine della concezione tradizionale della famiglia a vantaggio di modelli emergenti relazionali dove i ruoli finiscono per confondersi, stravolgersi. Diciamola tutta. Non esiste più la differenza di genere. Un rapporto non è più fra un uomo e una donna, o per lo meno, non solo. Bene o male che sia, sta di fatto che oggi conta l'incastro psicologico con le persone che decidiamo di far accedere alla nostra vita e non importa se si trova il completamento in persone dello stesso sesso. D'altronde è anche logico che si possa voler bene in modo straordinario a un essere vivente e cosciente indipendentemente dalla sua sessualità. Abbiamo inoltre assistito al cambio epocale importato nella vita di tutti i giorni dalla rete e dai social. Tutti andiamo in giro con il nostro cellulare tecnologico e ogni "due