Start Reading

Tomcatraz: Storie caustiche - Volume 1

Ratings:
Length: 106 pages1 hour

Summary

Stai per visitare un ipotetico mondo parallelo, di cui non si conosce né dove né quando: forse esisterà in un
futuro più o meno lontano su questa Terra, o magari è già manifesto ed attivo nel tuo presente a distanza spaziale di chissà quanti chilometri, o metri, o centimetri… Forse già ti avvolge e tu nemmeno lo sai!
In questa ipotetica realtà, la razza umana si è “evoluta” assumendo forme di esistenza piuttosto bizzarre, controintuitive e addirittura contorte al fine di soddisfare le cosiddette “esigenze produttive globali”.
In questo mondo immaginario, i dipendenti del “sistema produttivo mondiale” (qui chiamato “Tomcatraz”) appartengono a due fazioni rivali per l’atteggiamento, decisamente opposto, manifestato nei confronti di carriera e lavoro: qui la casta dei “tom” si contrappone a quella dei ”gen”!!!
Come in natura esistono le classiche polarità ben conosciute da tutti (maschile e femminile, destra e sinistra, passato e futuro, bello e brutto, ecc…), in questo mondo fantastico il dualismo si manifesta contrapponendo anche i “tom” e i “gen”: queste categorie rappresentano due espressioni antitetiche della coscienza umana.
Ma chi sono i “tom”? Sono i fautori e i devoti della filosofia del profitto, dell’efficienza a scopo di lucro, dell’identificazione di carriera e vita: vivono per lavorare. La loro soddisfazione ed il loro valore personale sono proporzionali alla misura oggettiva dei raggiungimenti (prezzo del cellulare acquistato, prezzo del televisore acquistato, prezzo dell’auto acquistata, …).
Per loro l’incremento continuo del PIL planetario è l’unica missione a cui valga la pena dedicarsi, una grande
causa alla quale sacrificare tutta l’esistenza senza sconti, per il bene della società. Essi sono fermamente convinti
di essere il pilastro del benessere economico mondiale e, quindi, dell’unica felicità possibile.
I “gen”, invece, lavorano per vivere. Li ritroviamo tanto tra i freschi neo-assunti non ancora “ricondizionati” da Tomcatraz che tra i dipendenti più anziani che non hanno potuto, per ragioni etico-morali, ascendere oltre i primi livelli. Disprezzano l’ideologia dell’asservimento e non identificano nella realizzazione professionale una condizione necessaria e sufficiente per la felicità. Non hanno bisogno di tangibili risultati per essere soddisfatti e contenti. Hanno una vita al di fuori di Tomcatraz.
Leggendo i contenuti di questo piccolo libro, troverai delineate a colpi di scalpello ed in maniera inoppugnabile alcune tra le innumerevoli caratteristiche dei “tom” e dei “gen”, dalle qualità più grossolane alle sfaccettature più intime e sottili.
 

Read on the Scribd mobile app

Download the free Scribd mobile app to read anytime, anywhere.