La mia famiglia è fatta così! by Eleonora Mongiovì and Claudio Mongiovì by Eleonora Mongiovì and Claudio Mongiovì - Read Online

Book Preview

La mia famiglia è fatta così! - Eleonora Mongiovì

You've reached the end of this preview. Sign up to read more!
Page 1 of 1

così!

Il risveglio!

Apro gli occhi, sento una voce soave in lontananza che mi chiama: "Elisa, Elisa. Amore, svegliati o farai tardi a scuola".

È la mia mamma!

Mi rigiro nel letto, ho ancora sonno, ieri sera mi sono addormentata tardi.

Mi rannicchio sotto le coperte, quasi a nascondermi: che bel caldo, spero che nessuno mi veda!

"Amore, è pronta la colazione" , dice la mamma.

Faccio finta di non sentire.

AMOREEE. AMOREEE!

Adesso il tono di voce si è alzato, non mi sembra più così tanto amorevole.

Cosa posso fare per restare ancora un po’ sotto le coperte?

Oggi non ho molta voglia di andare a scuola. Sono stanca. Provo a far finta di non sentire. Ma è possibile?

Ho i miei dubbi. Inizio a brontolare, sperando di convincere la mamma.

Tutto è inutile!

Non so come, mi trovo in bagno.

Come ho fatto, cosa è successo?

La mia mamma dopo il ventesimo A-M-O-R-E mi ha preparato per il lavaggio totale.

Provo a dirle: "Aspetta, un attimo! Non ho ancora aperto gli occhi!".

Ma voi adulti non potete rispettare i nostri tempi?

Sono una bambina che ha tanto sonno e vuole dormire ancora un poco.

Nell’altra stanza c’è la mia sorellina, Emma, dorme ancora. Beata lei.

Lavarmi, vestirmi, ma quanto tempo ho per fare tutto questo?

Quanti minuti mi dai, mamma?

SBRIGATI! Elisa, devi fare ancora colazione, c’è il latte pronto, altrimenti si raffredda!.

Non volevo alzarmi e mi ritrovo in cucina.

Mi sono appena svegliata e già sono impacchettata pronta per andare a scuola.

Ogni giorno è la stessa storia!

Mi presento

Sono Elisa e questo ormai si sa! Ho 8 anni!

Sono simpatica, generosa e altruista, così dice la mamma.

Ma se non vado a letto presto, divento veramente insopportabile.

La mia passione più grande: amo immensamente i cuccioli.

Un giorno, zio Filippo, il fratello della mia mamma, è venuto a trovarci portando con sé un cucciolo.

Non un cucciolo qualsiasi...

UN AGNELLO!

Nel momento stesso in cui l’ho visto, mi sono innamorata.

Impazzivo dalla gioia ma la mamma era disperata, solo papà mi capiva. Rimane con voi solo per poco tempo, dice lo zio, il tempo di cercare un’abitazione più grande.

Io, nel frattempo, lo accudisco, gli do il latte con un piccolo biberon, lo vedo crescere diventando giorno dopo giorno…

UNA PECORA! Una bellissima pecora.

Il mio sogno: diventare la dottoressa degli animali.

Ero in gita con la mia famiglia, stavo camminando e improvvisamente mi blocco... vedo qualcosa muoversi, lo inseguo finché non lo raggiungo. Non riesco a staccarmi da lui, lo guardo insistentemente e dico: Guarda, com’è carino!. La mia mamma con fatica mi raggiunge e urla:

È un gatto randagio, non vedi com’è ridotto?.

Secondo me era bellissimo!

Io vorrei portare tutti i cuccioli con me per curarli e aiutarli.

Tutti a casa mia. Ma non posso, la mamma non vuole. UFFA!

La mia collezione: elastici per capelli.

Li adoro. I miei capelli sono lunghi e mossi, li raccolgo in una grande coda quindi gli elastici sono indispensabili. La mia sorellina, invece, ha due codine. La mattina, la sistemo io scegliendo sempre i colori giusti e se lei vuole mi diverto a fare delle simpatiche treccine chiuse da un elastico con attaccato un cuore; ne ho di tutte le forme e di moltissimi colori conservati