P. 1
Analisi matematica

Analisi matematica

|Views: 97|Likes:
Published by Domeniko Monte

More info:

Published by: Domeniko Monte on Aug 04, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

09/09/2015

pdf

text

original

Indi e

0 Introduzione.

0.1 Insiemi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
0.1.1 Operazioni elementari sugli insiemi. . . . .
0.2 Funzioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
0.3 Un po' di logi a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
0.4 Insiemi

niti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
0.4.1 Potenza del binomio (Formula di Newton).
0.5 Insiemi in

niti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
0.5.1 Insieme dei numeri naturali: N : . . . . . .
0.5.2 Insieme dei numeri interi relativi: Z: . . .
0.5.3 Il ampo dei numeri razionali: Q : . . . . .
0.5.4 Il ampo dei numeri reali: R: . . . . . . .
0.5.5 Distanze su R. . . . . . . . . . . . . . . . .
0.6 Proprieta di funzioni - funzioni elementari. . . . . .
0.7 Il ampo dei numeri omplessi: C : . . . . . . . . .
0.7.1 Forma algebri a dei numeri omplessi. . . .
0.7.2 Forma trigonometri a dei numeri omplessi.
0.7.3 Radi i n-esime. . . . . . . . . . . . . . . . .
0.7.4 Teorema fondamentale dell'algebra. . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

v

. v
. vi
. vii
. viii
. xi
. xiii
. xiv
. xiv
. xv
. xvi
. xvii
. xviii
. xx
. xxix
. xxix
. xxx
. xxxii
. xxxiii

1 Il ampo reale

1.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2 De

. . i .7 2. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 2. . . . . . . . . . . . .1 Operazioni algebri he . . . . . . . . . 2 Su essioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3 2. . . . . . . . Su essioni monotone. .5 2. . Criteri di onvergenza e di divergenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2. Al uni limiti notevoli. . . . . . . . . . . . .6 2. . . . .8 Introduzione. . . . . . . . . . . . . Teoremi fondamentali per il al olo dei limiti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. . . . . . . 1 1 2 6 15 15 16 18 22 25 28 30 33 . 1. . . . . .1 2. . . . . . . . . . . .4 2. . . . . . . . Su essioni reali. . . . . . . . . . . . . . . . . . Il numero "e". . . .nizione del Campo Reale . . . . . . . Limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

ii

INDICE

2.9 Confronto tra in

niti (e tra in

nitesimi)
2.9.1 Confronto tra in

. . . . . . . . . . . . . . . . .nitesimi . . . . . . . . . . . . . . . .2 Continuita. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2. . . . . . . .1 Introduzione. . . . . . . . 48 4. . . . . . . . .10 Massimo e minimo limite. . . . . . . . 45 3. . 4. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. . . 2. . . 43 3. . . . . . . . .1 Limiti in. . . . 4. . . . . . . .1 Introduzione. . . 4. . .2 Serie a termini positivi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3. . . . . . . . .3 Assoluta onvergenza. . . . . . . . . . . . . 35 36 38 41 3 Serie 43 4 Funzioni: ontinuita. . limiti. . . . . . . . . . . . . . . . . .3 Limiti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4. . . . . . 51 3. . . . . . . . . . . . . . . .11 La ondizione di Cau hy. . . . . . . . . . .1 Prime proprieta delle funzioni ontinue. . . . .

niti e limiti all'in.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 La derivata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5. . 4. . . .1 Verso della on avita per funzioni derivabili. . . . . . . . . . . . . . . . . 5.1 Derivate di funzioni elementari . . . . . 5. . . . . . . . . . . . . . . . .3. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5. .4 Proprieta fondamentali delle funzioni ontinue. . . . . . .6 La formula di Taylor . . . . 5. 5. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4. . . . . . . . 4. . . . . . . . . . . . . . . . . 51 51 53 54 55 56 58 59 60 61 62 63 66 69 69 69 73 74 79 83 86 91 92 94 96 98 99 103 105 . . . . . . . . 5.7. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .nito. . .1 Valutazioni dell'errore (o resto). . . . . . . . . . . . . . . 5. . . . . . . . . . . . . . .7. . . . . . . . . . . .3 Appli azioni. . . . . . . . 5.2 Il teorema di Weierstrass. . . . . . . . . . . 4. .2. . . . . . . . .3 Teoremi fondamentali del Cal olo Di erenziale. . . . . . . . .4 Limiti di funzioni monotone. . . 5. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 Introduzione. 4. . . .6. . . . . . . . . . . . . . .6. . . . . . . . . . .4. . . . . . . . . . . . . . 5. . . . . .2 Regole di derivazione.3.1 Il teorema di Bolzano (o degli zeri).3 Prime proprieta dei limiti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Cal olo di erenziale. .2. . . . . . .4. . . . . . . . . . . . . .2 Formula di M Laurin. . . . . . . .3 La ontinuita uniforme. . . . . . 5. . . . . . . .4 Teoremi di de l'H^opital . . . . 5. . . . .4. . 4. . . . . . . . . . . 4. . .1 Conseguenze. . . . . . 5. . 4. . . . . . . . .7 Convessita. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5. . . . . . .2 Limiti per difetto e per e esso. . . . . . . . .5 Derivate di ordine superiore al primo . .4 Funzioni inverse di funzioni ontinue. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3. . . .3. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 Massimi e minimi di funzioni derivabili. . . . . Dis ontinuita. . 4. . .

. . . 6. . . . . . . . . . .2 De. . . .1 Introduzione.iii INDICE 6 Integrale. . 6.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6 Integrazione delle funzioni razionali. . . . 6. . . . . . . . . .5. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 A. . . 6. . . . . . . . . . . . . .3 Integrale di una funzione limitata. . . . . . . . . . . . . A Funzioni di piu variabili A. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109 109 109 109 111 113 116 118 121 121 122 124 127 132 141 141 142 143 145 146 147 148 . . . . . . . . . . . . .1 Funzioni a s ala e loro integrale. . . . . . . . 6. . . . . .1 Classi di funzioni integrabili.4 A. . . . .2 Formule di al olo approssimato. . . 6. . . . . . Limiti. . . . . . . .4 Proprieta dell'integrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 Funzione integrale. . . . . . . . . 6. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5 A. . . . .5 Teorema fondamentale del al olo integrale. . . . . Massimi e minimi liberi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6. . . . . . . . . . . . . . . . . .3 A. . . . . 6. . . . . . . . .5. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Derivate parziali di ordine superiore. . . Derivabilita delle funzioni omposte. . . . . . .2. . . . . Derivate parziali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Formula di Taylor. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7 Integrali generalizzati. . . . . . . . . . . .3. . . . . . .6 A. 6. . .nizione di integrale. . . . . . . . .1 A. . . . . 6. . . . . . . . . . 6. . . .3 Cal olo delle primitive. . . . . . . . . . . . . . . .3. . . . . . . . . . . .7 Introduzione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 Il teorema del al olo. . . . . . . . . . . . .

iv INDICE .

avremo sempre a he fare on insiemi "ben de. Viene qui inoltre introdotta una buona parte del simbolismo matemati o he verra utilizzato nel seguito. Il se ondo motivo e he quelle parti he potrebbero avere aratteristi he di novita (ad esempio i numeri reali) saranno riprese nei Capitoli seguenti. senza al un riferimento o dimostrazione. 0. Il lettore e pertanto invitato. Questo Capitolo ha natura e s opo di erente da tutti quelli he seguono. In tutta la trattazione he segue assumeremo ome a quisita la nozione di insieme. a ompletare le eventuali la une sugli argomenti qui ri hiamati. per una miglior omprensione dei apitoli su essivi.Capitolo 0 Introduzione. essenzialmente per due motivi. Il primo e he molto del materiale riportato dovrebbe gia far parte del bagaglio ulturale del lettore e di queste argomenti vi sono in generale solo ri hiami.1 Insiemi.

niti". Un insieme e de.

La legge he de.nito quando e assegnata una legge he onsenta di stabilire se un oggetto appartenga o no all'insieme in esame.

A = fx : x e un numero primog : La relazione he lega un insieme A al suo elemento a e la relazione di appartenenza: ol simbolo a 2 A si indi a he a appartiene ad A (se a non appartiene ad A si s rive a 2= A). b. 4. puo essere un elen o degli elementi he appartengono all'insieme o puo enun iare una proprieta he lo aratterizzi: per esempio A = fa. 6. A = f2.nis e l'insieme puo essere formulata in vari modi. v . Dati due insiemi A e B si di e he A = B (relazione di uguaglianza ) quando A e B hanno gli stessi elementi ( ioe A e B sono lo stesso insieme). g .    g . si di e he A e un sottoinsieme di B e si s rive A  B (relazione di in lusione ) quando ogni elemento di A e an he un elemento di B: La relazione di in lusione e una relazione d'ordine : ha le proprieta  ri essiva ( ioe A  A)  antisimmetri a ( ioe se A  B e B  A allora A = B )  transitiva ( ioe se A  B e B  C allora A  C ).

vi CAPITOLO 0. INTRODUZIONE. e inve e orretto s rivere fag  A: questo signi. ioe he 'e almeno un elemento di B he non appartiene ad A e usato omunemente il simbolo A $ B: La s rittura a  A e errata. per indi are he A e ontenuto strettamente in B . Si noti he la relazione di in lusione non e di in lusione stretta: ogni insieme e un sottoinsieme di se stesso.

1 Operazioni elementari sugli insiemi. E onveniente (anzi indispensabile) onsiderare tra gli insiemi l'insieme vuoto (l'insieme he non ontiene nessun elemento. se esistesse. Non esiste l'insieme di tutti gli insiemi (si puo dimostrare he.  Unione di due insiemi A e B : si indi a on A [ B ed e l'insieme i ui elementi appartengono ad almeno uno tra i due insiemi A e B:  Intersezione di due insiemi A e B : si indi a on A \ B ed e l'insieme degli elementi omuni ad A e B (degli elementi he appartengono sia ad A he a B ). se siamo al ristorante i limitiamo ai ibi e alle bevande elen ati nel menu ed eventualmente ai loro prezzi. quindi A n B = A n (A \ B ) : Fissato un universo temporaneo X e omodo avere a disposizione an he l'operazione di  Complemento di un insieme A (ovviamente rispetto all'universo pre. Ogni insieme A non vuoto ha due sottoinsiemi detti impropri: ? e A. 0. allora se ne potrebbe ostruire uno piu grosso). indi ato on ?): esso e un sottoinsieme di ogni insieme. gli eventuali altri insiemi sono detti sottoinsiemi propri: sono quelli ontenuti propriamente (o strettamente) in A: Naturalmente gli insiemi he hanno solo un elemento hanno solo sottoinsiemi impropri.  Di erenza tra due insiemi A e B (o omplemento di B rispetto ad A): si indi a on A n B ed e l'insieme he ha ome elementi gli elementi di A he non sono elementi di B: Questa operazione ha senso an he se B non e un sottoinsieme di A : in e etti si tolgono da A solo gli elementi di A \ B.1. per motivi di omogeneita e per evitare paradossi e spesso opportuno limitarsi a un "universo temporaneo". ioe prendere in onsiderazione solo sottoinsiemi di questo universo: se per esempio stiamo fa endo dei al oli i restringiamo ad insiemi numeri i. a he l'insieme he ha ome uni o elemento a ioe l'insieme B = fag e un sottoinsieme di A.

ssato X ): si indi a on AC ed e l'insieme X n A: (Da usare on autela: deve essere ovvio he siamo in un ambiente prede.

di immediata veri.nito. lo spazio X ). Elen hiamo ora al une proprieta.

a. onnesse alle operazioni pre edenti: .

gli insiemi on intersezione vuota si di ono disgiunti. 3. b) in ui il primo elemento della oppia e un elemento di A ed il se ondo e un elemento di B : A  B = f(a.2 Funzioni. A[A=A A[?=A A[X =X A[B = B [A (A [ B ) [ C = A [ (B [ C ) A [ (A \ B ) = A (A [ B ) \ C = (A \ C ) [ (B \ C ) (A [ B )C = AC \ B C A\A = A A\?=? A\X =A A\B = B \A (A \ B ) \ C = A \ (B \ C ) A \ (A [ B ) = A (A \ B ) [ C = (A [ C ) \ (B [ C ) (A \ B )C = AC [ B C Con le operazioni pre edenti. x) (3. y) (3. 0. x) (2. Dati due insiemi A e B (non ne essariamente distinti) si hiama funzione da A a B una qualunque orrispondenza (formula. z ) (3. per esempio. y) (4.2. se A = f1.vii 0. il valore y 2 B orrispondente di x 2 A tramite f viene indi ato on y = f (x) : A volte si usa (impropriamente) quest'ultima notazione per indi are la funzione. x) (2. Un'operazione sugli insiemi he non ha la aratteristi a di omogeneita sopra itata e il  Prodotto artesiano di due insiemi A e B : si indi a on A  B ed il risultato e l'insieme delle oppie ordinate (a. z ) (4. regola) he asso ia ad ogni elemento di A uno ed un solo elemento di B: Se diamo il nome f a questa funzione. x) (1. L'insieme A su ui la funzione f e de. y) (2. la s rittura: f : x 7 ! f (x) e quella orretta. FUNZIONI. b) : a 2 A. 4g e B = fx. z g allora AB = 8 < : (1. non si es e dall'ambiente stesso. y) (1. gruppi di esseri umani si ottengono an ora gruppi di esseri umani. L'esistenza dell'insieme vuoto fa in modo he l'intersezione di due insiemi sia sempre un insieme. y. 2. unendo o interse ando. se si e in un ambiente omogeneo. b 2 B g : Per esempio. si s rive f : A ! B . z ) 9 = . x) (4.

equivalentemente. f (x) = f (y) =) x = y  suriettiva se f (A) = B . l'insieme B in ui f assume valori e il odominio di f .nita e il dominio (o ampo di esistenza) di f . Una funzione f : A ! B si di e  iniettiva se x 6= y =) f (x) 6= f (y) o. l'insieme f (A) = [ ff (x) : x 2 Ag e l'immagine (di A tramite f ).

Se f : A ! B e se g e. INTRODUZIONE.  biiettiva se e ontemporaneamente iniettiva e suriettiva. una funzione de. ioe se stabilis e una orrispondenza biunivo a tra A e B .viii CAPITOLO 0. a sua volta.

nita in B (a valori in un erto insieme C ). h : A ! C de. e possibile ostruire la funzione omposta h = g Æ f .

nita dalla regola h (x) = g (f (x)) : Se f : A ! B e una funzione biiettiva si di e he f e invertibile e si puo ostruire la funzione g : B ! A he asso ia ad ogni y 2 B l'uni o x 2 A tale he f (x) = y: La funzione g viene detta funzione inversa di f e viene di solito indi ata on f 1: Ovviamente se g = f 1 allora f = g 1 : Si osservi he la funzione omposta tra due funzioni inverse tra loro f e g e sempre l'identita (la funzione he ad ogni valore fa orrispondere se stesso). ioe la prima e l'identita su A. ma g Æ f = IA f Æ g = IB . la se onda e l'identita su B: Sia f : A ! B e sia A1  A: La funzione f1 : A1 ! B de.

nita da f1 (x) = f (x) per ogni x 2 A1 viene detta restrizione di f ad A1 : Il gra.

y 2 B . o di una funzione f : A ! B e il sottoinsieme del prodotto artesiano A  B (f ) = f(x. ioe f 1 (y) = fx : x 2 A. per ogni y 2 B si indi a on f 1 (y) l'insieme degli x 2 A per ui f (x) = y. l'insieme delle ontroimmagini (o delle immagini inverse). y = f (x)g : Sia f : A ! B una qualsiasi funzione (in generale non invertibile): si usa an ora ( on ris hio di onfusione) il simbolo f 1 per indi are. f (x) 2 E g : E possibile he per qual he y 2 B l'insieme f 1 (y) sia vuoto (in questo aso f non e suriettiva) o sia ostituito da piu di un elemento (in questo aso f non e iniettiva). Per le immagini e per le ontroimmagini e immediato veri. y) : x 2 A . in varie situazioni. f (x) = yg : In generale se E  B si ha f 1 (E ) = fx : x 2 A. f (x)) : x 2 Ag = f(x. in parti olare.

Introdu iamo ora al une de.3 Un po' di logi a. are he valgono sempre le seguenti relazioni f f (X [ Y ) = f (X ) [ f (Y ) (X [ Y ) = f 1 (X ) [ f 1 (Y ) 1 f f (X \ Y )  f (X ) \ f (Y ) (X \ Y ) = f 1 (X ) \ f 1 (Y ) 1 0.

Una proposizione e una frase dotata di senso: puo essere vera o falsa. Per esempio: 1. ma mai ontemporaneamente vera e falsa (puo an he darsi he non si sappia se essa sia vera o falsa). 100 e un quadrato perfetto. .nizioni ed il simbolismo della logi a elementare omunemente usati nella matemati a.

5. 4. l`equazione an + bn = n non ha soluzioni intere per ogni n > 1. ogni numero pari maggiore di due e la somma di due numeri primi sono proposizioni: le prime tre sono vere. 7. 6. l'ultima non si sa (e una " ongettura").3. 12 e divisibile per 3. il anarino e un mammifero. UN PO' DI LOGICA. 2. le altre sono false. 9 e un numero pari. 3. La terza proposizione (teorema di Fermat) era una ongettura . l`equazione an + bn = n non ha soluzioni intere se n  3.ix 0.

i piu sempli i tra questi sono:  "e" ( ongiunzione) si indi a ol simbolo: ^ e signi.no a po hi anni fa. Prendiamo in onsiderazione solo le proposizioni per ui e noto se sono vere o false: possiamo alla iare due proposizioni mediante onnettivi logi i.

a "entrambe"  "o" (disgiunzione) si indi a ol simbolo: _ e signi.

e falsa se sia P he Q sono false. allora dire he x 2 A \ B signi. a "almeno una"  "non" (negazione) si indi a ol simbolo: :: Se indi hiamo on P e on Q due proposizioni. e falsa quando almeno una tra P e Q e falsa. siano ad esempio A e B sottoinsiemi di X . mentre la proposizione P _ Q (si legge P o Q) e vera se e solo se almeno una tra P e Q e vera. Ovviamente :P (si legge non P ) e vera se e solo se P e falsa C'e una stretta parentela tra questi simboli e quelli delle operazioni tra insiemi. allora la proposizione P ^Q (si legge P e Q) e vera se e solo se sono vere sia P he Q.

a he per x sono ontemporaneamente veri.

A [ B = fx : x 2 A _ x 2 B g A n B = fx : (x 2 A) ^ (x 2= B )g . ioe di "una sola tra le due". Q" deve essere s ritta osi: [P ^ (:Q)℄ _ [(:P ) ^ Q℄ Analogamente l'insieme degli elementi he appartengono ad uno ed uno solo tra due insiemi A e B (di erenza simmetri a tra A e B ) e (A n B ) [ (B n A) = A \ B C   [ B \ AC = (A [ B ) n (A \ B ) : . quindi A \ B = fx : x 2 A ^ x 2 B g . AC = fx : (x 2 X ) ^ (x 2= A)g : La relazione di disgiunzione va intesa nel senso di "almeno una delle due" (il latino "vel") e non nel senso di ontrapposizione ( ome nel latino "aut" e nell'italiano "oppure"). La frase "solo una tra le proposizioni P . ate le ondizioni di appartenere ad A e di appartenere a B.

Un altro onnettivo e l'impli azione si indi a ol simbolo: =) e signi.x CAPITOLO 0. INTRODUZIONE.

o in. o da P segue Q. a "se : : : allora": ol simbolo P =) Q intendiamo "se e vera P allora e vera Q" (o an he P e una ondizione suÆ iente per Q.

he si indi a ol simbolo: () e signi. La doppia impli azione. ma da evitare. Q e una ondizione ne essaria per P ). quindi :P e falsa).in questo aso. l'impli azione e vera qualunque sia la verita di Q ( ioe: dal falso segue sempre il vero).ne. Meno ovvio e he osa si puo dire quando P e falsa: i logi i assi urano he. Dunque le due proposizioni P =) Q e Q _ (:P ) sono ontemporaneamente vere o ontemporaneamente false (la osa non deve turbar i: per noi l'ipotesi e sempre vera. E ovvio he P =) Q e vera quando sono vere sia P he Q ed e falsa quando P e vera e Q e falsa.

(n e pari) =) (n e divisibile per 4) (n e divisibile per 4) =) (n e pari) (n e divisibile per 4) () (n e pari) [(n e divisibile per 4) ^ (n e divisibile per 3)℄ () (n e divisibile per 6) [(n e divisibile per 2) ^ (n e divisibile per 3)℄ () (n e divisibile per 6) (la gallina e un mammifero)=)(10 e dispari) (la gallina e un mammifero)=)(10 e pari) (la gallina e un mammifero)()(10 e dispari) (la gallina e un mammifero)()(10 e pari) falsa vera falsa falsa vera vera vera vera falsa Date due proposizioni P e Q oltre alla nuova proposizione P =) Q (diretta ) si possono ostruire altre tre proposizioni: Q =) P (inversa ) . a volte hiamata ontronominale ): e fa ile veri. a "se e solo se" o " ondizione ne essaria e suÆ iente" di e he P e Q sono ontemporaneamente vere o false. (:P ) =) (:Q) ( ontraria ) e (:Q) =) (:P ) (inversa della ontraria o ontraria della inversa. si di e an he he P e Q hanno lo stesso "grado di verita". Esempi.

questa proposizione puo essere vera o falsa a se onda dei valori assunti dalle variabili. inoltre le proposizioni inversa e ontraria sono ontronominali tra loro. Ogni proposizione he ontenga almeno una variabile ( ioe in ui si fa riferimento ad un elemento he puo variare in un prestabilito insieme) si hiama predi ato . Sul fatto he P =) Q sia equivalente a (:Q) =) (:P ) e basato il metodo di dimostrazione per assurdo: si suppone falsa la tesi per arrivare a dimostrare he. non puo essere vera l'ipotesi. quindi an ora. are he la proposizione diretta e la ontronominale hanno sempre lo stesso grado di verita. on lo stesso grado di verita. da ui l'assurdo. si sa. tra di loro. ome si vede dagli esempi pre edenti puo apitare he la proposizione diretta sia vera mentre la inversa (e quindi an he la ontraria) sia falsa. di onseguenza. Per esempio la frase P (x) = fx e un quadrato perfettog . he pero. Naturalmente. deve essere vera.

5.4.    : Dato un predi ato si possono sempre ostruire le due proposizioni 8x. falsa per x = 2.    . rispettivamente: per ogni x vale la proposizione P (x) e possibile trovare almeno un x per ui vale P (x) naturalmente x fa parte di un universo provvisorio: se questo non e hiaro a priori si puo pre isare s rivendo 8x 2 X. e vera quando x vale 1. 9x : P (x) he vogliono dire. L'uso dei quanti. INSIEMI FINITI. 4.xi 0. P (x) . non lo e piu se il triangolo e disegnato su una sfera. 3. 9. P (x) oppure 9x 2 X : P (x) : Per esempio la proposizione "in ogni triangolo la somma degli angoli interni vale un angolo piatto" e vera pur he si pensi ai triangoli piani.

infatti negare la frase 8x 2 X. P (x) signi. atori 8 ed 9 e parti olarmente omodo quando si vogliono negare delle proprieta.

a a ermare he si puo trovare (in X ) almeno un elemento per ui la proprieta P (x) e falsa. P (x)) = (9x 2 X : :P (x)) e. analogamente negare la frase 9x 2 X : P (x) signi. ioe : (8x 2 X.

0.4 Insiemi . :P (x)) : Per esempio. a a ermare he per ogni elemento di X la proprieta P (x) e falsa. per negare he esiste un numero intero maggiore o uguale di tutti i numeri interi ( ioe he l'insieme degli interi ammette massimo) bisogna mostrare he omunque si prenda un numero intero se ne puo sempre trovare uno maggiore. ioe : (9x 2 X : P (x)) = (8x 2 X. per negare he ogni numero intero e pari basta trovare un numero intero he non e divisibile per due.

niti. Diamo per ovvia la possibilita di ostruire insiemi he ontengono un numero .

2g) in due modi diversi e. Di iamo he un insieme E e . in generale.    . tutti questi insiemi di singoli possono essere posti in orrispondenza biunivo a tra di loro (in un sol modo). 2. il simbolo n! si legge "n fattoriale. Ogni insieme di due elementi puo essere ordinato ( ioe posto in orrispondenza biunivo a on l'insieme f1. ng in n! = n  (n 1)  (n 2)      3  2  1 modi diversi (si veda la dimostrazione nel seguito del paragrafo).    . a2 .nito di oggetti distinti: 'e un solo insieme vuoto e i sono tanti (quanti se ne vuole) insiemi ostituiti da un solo elemento. an g puo essere posto in orrispondenza biunivo a on l'insieme f1. ogni insieme di n elementi fa1 .

2.nito quando e possibile trovare un numero n in modo he sia possibile stabilire una orrispondenza biunivo a tra E ed f1. ng : Ovviamente il numero n e uni o e. i possibili allineamenti distinti (le permutazioni) di E sono n!. ome detto sopra. .    .

INTRODUZIONE.xii CAPITOLO 0. In altri termini: due insiemi .

Si noti he non e possibile stabilire una orrispondenza biunivo a tra un insieme .niti hanno lo stesso numero di elementi (la stessa ardinalita) se e solo se li si puo mettere in orrispondenza biunivo a.

Da questo punto di vista. per ogni n .nito ed un suo sottoinsieme proprio.

2. on la onvenzione he si ritengono diversi due di questi allineamenti quando almeno in uno dei k posti di eris ono per l'oggetto ontenuto. una volta s elto f (1) f (2) puo essere s elto in (n 1) modi diversi. per ias una delle n (n 1) s elte diverse della oppia ff (1) . 2. Infatti siano Ek = f1.    . ng : Possiamo ostruire f : Ek ! En iniettiva nel modo seguente: f (1) puo essere s elto in n modi diversi. 2. tutti gli insiemi di n elementi vengono ritenuti equivalenti tra di loro ed il "prototipo" di questi insiemi e En = f1. f (2)g f (3) puo essere s elto in (n 2) modi e osi via . In generale.    . ng : Per ogni intero positivo k non superiore ad n il numero di tutte le possibili funzioni iniettive da Ek ad En e n  (n 1)  : : :  (n k + 1) (numero delle disposizioni sempli i di n oggetti k a k). kg ed En = f1.ssato.    . dati n oggetti diversi tra loro ogni allineamento di k oggetti distinti s elti tra gli n viene hiamato disposizione sempli e.

ome detto in pre edenza. ng ha. he il numero di tutte le possibili funzioni biiettive tra due insiemi di n elementi e n! = n  (n 1)  (n 2)  : : :  3  2  1 L'insieme En = f1. l'insieme vuoto.no ad f (k) : Nel aso k = n otteniamo. 2. omunque si . n sottoinsiemi (distinti) di un elemento e gli n sottoinsiemi di (n 1) elementi omplementari rispetto ad En di ias uno degli insiemi pre edenti. In generale.    . l'insieme En stesso. ome sottoinsiemi.

Si de. i sono n n (n 1)    (n k + 1) n! = = k! (n k)! k! k sottoinsiemi (distinti) di k elementi ed altrettanti sottoinsiemi di (n k) elementi.ssi k ompreso tra 0 ed n. Se x e il numero di tutti i possibili sottoinsiemi (distinti) di En ostituiti da k elementi allora deve essere n x  k! = n (n 1)    (n k + 1) quindi x= n k : viene detto oeÆ iente binomiale. Infatti sia Ak  En un qualunque sottoinsieme (non ordinato!) di k elementi: sappiamo he Ak puo essere ordinato in k! modi diversi e sappiamo he i sono n (n 1)    (n k + 1) possibili allineamenti di k elementi (distinti) s elti in En .

nis e ombinazione semk n pli e di n oggetti k a k ogni s elta di k oggetti distinti s elti tra n oggetti assegnati. k e quindi an he il numero  n  delle  n  ombinazioni sempli i di n oggetti k a k: Si onviene di porre 0! = 1 e = = 1: 0 n Il numero .

INSIEMI FINITI. Il termine oeÆ iente binomiale sopra introdotto e giusti.4.4.xiii 0. 0.1 Potenza del binomio (Formula di Newton).

uno sulla stessa olonna. inoltre ogni termine non agli estremi di una riga puo essere ottenuto n k k ome somma dei due termini della riga pre edente. n: dove Il oeÆ iente di ak bn k e il numero delle possibilita di estrarre dagli n fattori (ai + bi ) n esattamente k degli ai : e questo. ato dalla seguente formula: (a + b)n = n   X n k=0 k ak bn k : S riviamo (a + b)n ome prodotto di (a + b) per se stesso n volte nel seguente modo: (a + b)n = (a1 + b1 ) (a2 + b2 )    (an + bn ) dove a1 = a 2 =    = a n = a . infatti   n n = . ioe n n 1 n 1 = + : k k 1 k . e : k   n E omodo ordinare i oeÆ ienti binomiali in una tabella (triangolo di Tartaglia) in ui si trova all'in ro io della riga di indi e n on la olonna di indi e k: k n 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 k 0 1 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 3 4 5 6 7 8 9 1 3 6 10 15 21 28 36 3 1 4 10 20 35 56 84 4 5 6 7 8 9 1 5 1 15 6 1 35 21 7 1 70 56 28 8 1 126 126 84 36 9 1 in questa tabella si vede immediatamente he ogni riga e simmetri a rispetto al entro. Il risultato del prodotto e ostituito dalla somma di 2n termini tutti della forma x1 x2    xn xi = ai oppure xi = bi per ogni i = 1.    . l'altro nella olonna pre edente. per quanto detto. b 1 = b 2 =    = b n = b (gli indi i servono solo a ri ordare he ai e bi fanno parte dell' i-esimo fattore. 2.

Dalla formula di Newton segue immediatamente he la lasse dei sottoinsiemi distinti n   X n = 2n : di En .5 Insiemi in. ha 2n element_i: (1 + 1)n = k k=0 0. INTRODUZIONE. l'insieme delle parti di En .xiv CAPITOLO 0.

niti Come detto pre edentemente ogni insieme .

nito (non vuoto) e aratterizzato dal numero
dei suoi elementi. Un insieme non vuoto he non sia

nito viene detto in

nito; si puo
dinostrare he gli insiemi in

ii) n 2 A =) n+ 2 A allora A = N : Partendo da questi assiomi si possono de. 2. 2. 0.    g) e il "piu pi olo" (rispetto alla relazione di in lusione) insieme on le seguenti proprieta (assiomi di Peano): P1) uno e un numero naturale (in simboli: 1 2 N ) P2) per ogni numero naturale n esiste un numero naturale univo amente determinato detto il su essivo di n (in simboli: n+ ) P3) 1 non e il su essivo di al un numero naturale P4) numeri naturali diversi hanno su essivi diversi P5) se A e un sottoinsieme di N on le proprieta i) 1 2 A .1 Insieme dei numeri naturali: N : N = f1. 3.5. 1. 3.    g (se ondo altri N = f0.niti sono aratterizzati dalla proprieta di poter essere posti in orrispondenza biunivo a on una loro parte propria.

di iamo he l'ordine e totale per he. antisimmetri a e transitiva. a di erenza della relazione di in lusione per ui possono esistere insiemi non onfrontabili (nessuno dei due e ontenuto nell'altro). in questo aso dati due numeri naturali li si puo sempre onfrontare e vale sempre una e una sola tra le possibilita n < m . n > m: E fa ile ostruire una orrispondenza biunivo a tra N ed un suo sottoinsieme proprio: per esempio quella he ad ogni numero intero asso ia il suo doppio ( ioe f : n 7 ! 2n) da una .nire la somma ed il prodotto di due numeri naturali (le usuali operazioni) e si puo introdurre una relazione di ordine (totale): n  m () f(n = m) _ (9p 2 N : m = n + p)g : Come per la relazione di in lusione questa relazione gode delle proprieta ri essiva. n = m .

Si puo dimostrare he l'unione ed il prodotto artesiano di un numero . INSIEMI INFINITI orrispondenza biunivo a tra N e l'insieme dei numeri pari Ogni insieme he puo essere posto in orrispondenza biunivo a on N viene detto numerabile.5.xv 0.

nito di insiemi numerabili e an ora un insieme numerabile. Dall' assioma P5) si puo dedurre il fondamentale Prin ipio di induzione: Se una proprieta P (n) dipendente da una variabile intera n vale per n = 1 e se.    g = N[ f0g [ ( N ) : E ottenuto "aggiungendo" ad N lo zero e l'insieme degli opposti di tutti i numeri naturali.2 Insieme dei numeri interi relativi: Z: Z = f0.5. on le regole n + 0 = n . 1. n + ( n) = 0 Eser izio: osa vuole dire n + ( m) ? . 2. 0. 3. per ogni n 2 N vale P (n) =) P (n + 1) allora P vale su tutto N : Eser izi: Si possono dimostrare per induzione le seguenti proprieta:     n X k=1 n X k=1 n X k=1 k= n (n + 1) : 2 (2k 1) = n2 : k2 = n (n + 1) (2n + 1) : 6 n X n2 (n + 1)2 = k3 = 4 k=1 n X k=1 !2 k :  Se x > 1 allora (1 + x)n  1 + nx:  n!  2n :   xn 1 = (x 1) xn + xn +    + x + 1 : 1 1  (a + b)n = n   X n k=0 k 2 a k bn k :  Ogni insieme di n elementi ha 2n sottoinsiemi.

3 Il ampo dei numeri razionali: Q : Q = fp=q : p 2 Z .xvi CAPITOLO 0. "aggiungendo" i re ipro i degli interi relativi non nulli ed i loro multipli e de.5. INTRODUZIONE. q 2 Ng : Si ottiene questo insieme. 0. on ostruzioni diverse ma equivalenti.

nendo opportunamente le operazioni di somma e di prodotto. ioe  sono de. Il risultato e un insieme numerabile (lo si puo pensare ontenuto in un insieme equivalente a Z  N ) he ha la struttura algebri a di " ampo".

mentre quello rispetto al prodotto viene hiamato unita o uno. entrambe ommutative e asso ia- tive ed entrambe dotate di elemento neutro. L'elemento neutro rispetto alla somma viene hiamato zero.nite due operazioni (somma e prodotto).  ogni elemento di Q ammette opposto ed ogni elemento di Qn f0g ammette re ipro o.  vale la proprieta distributiva (del prodotto rispetto alla somma): a(b + ) = ab+a inoltre su Q e de.

nita una relazione di ordine totale (quella usuale) he e ompatibile on le operazioni. ioe      8a 2 Q vale a  a (proprieta ri essiva) (a  b) ^ (b  a) =) a = b (proprieta antisimmetri a) (a  b) ^ (b  ) =) a  (proprieta transitiva) (a  b) ^ ( 2 Q ) =) a +  b + (a  b) ^ ( > 0) =) a   b  Ogni ampo in ui e de.

Si veri.nita una relazione di ordine on queste proprieta viene hiamato " ampo ordinato".

ioe non ostituito da un solo elemento) i quadrati sono non negativi e. I numeri razionali possono essere disposti su una retta: una volta . l'unita e positiva. a fa ilmente he in ogni ampo ordinato (non banale. di onseguenza.

In tutti gli insiemi numeri i in ui sia stata de. ma non e detto he ad ogni punto sulla retta orrisponda una frazione he ne individui la posizione: per esempio il punto he indi a la lunghezza della diagonale del quadrato di lato unitario non ha as issa razionale: infatti l'equazione p2 = 2q2 non ha soluzioni intere.ssate le posizioni di 0 e di 1 tutti gli altri numeri della forma p=q possono essere fa ilmente individuati on sempli i ostruzioni geometri he: ogni numero razionale ha un posto sulla retta.

nita una relazione d'ordine ha senso parlare di insiemi numeri i limitati superiormente o inferiormente e di maggioranti e minoranti: se E e un sottoinsieme di un insieme ordinato X si di e he     2 X e un maggiorante di E se 8e 2 E vale  e: .

2 X e un minorante di E se 8e 2 E vale .

E e inferiormente limitato se ammette almeno un minorante. .  e: E e superiormente limitato se ammette almeno un maggiorante.

 e il massimo di E se 2 E e 8e 2 E vale  e:  .5. INSIEMI INFINITI  E e limitato se e limitato sia superiormente he inferiormente.xvii 0.

e il minimo di E se .

2 E e 8e 2 E vale .

ome minimo dei maggioranti. una ostruzione dello stesso sara data nel primo Capitolo. . p  Per ogni intero n  2 il numero n 2 non puo essere un numero razionale. ha questa (ovvia) proprieta he aratterizza.5.  e: 0. b 2 B e a  b allora esiste almeno uno  2 R tale he ab 8a 2 A . he viene in generale indi ata on x = n o on  x = 2 : Per esempio 2 nel aso n = 2 la soluzione dell'equazione x = e x = sup x > 0 : x < : Eser izi: Mostrare he: p  2 non puo essere un numero razionale.4 Il ampo dei numeri reali: R : Ri ordiamo qui al une proprieta fondamentali del ampo reale R. 8b 2 B: Come onseguenza il ampo reale ha la proprieta he ogni insieme non vuoto e superiormente limitato ammette "estremo superiore". l'estremo superiore: ogni numero minore di ` non puo essere un maggiorante. E un ampo ordinato he ha la seguente proprieta (assioma di ontinuita): AC) Se A e B sono due sottoinsiemi non vuoti di R e per ogni a 2 A .  Per ogni intero n  2 e per ogni numero primo p il numero pn p non puo essere un numero razionale. L'estremo superiore ` di un insieme (limitato) A  R. tra tutti i maggioranti. quindi se `0 < ` deve esser i in A almeno un elemento he supera `0 in simboli 9a 2 A : `0 < a  `: Analogamente ogni insieme non vuoto e inferiormente limitato ammette "estremo inferiore" (il massimo dei minoranti) he ha la proprieta aratteristi a: se  e l'estremo inferiore di E e 0 >  allora 9ea 2 A :   ea < 0 : Si puo dimostrare he R non e numerabile (si di e he ha la potenza del ontinuo). ioe l'insieme dei maggioranti di questo insieme ammette minimo (esiste un numero reale he e il minimo di questo insieme). R e il " ompletamento" del ampo razionale. Nell'insieme dei numeri reali positivi l'equazione xn = p ( > 0) ha sempre una e una 1=n sola soluzione.

xviii CAPITOLO 0.  Per ogni intero n  2 e per ogni prodotto . INTRODUZIONE.

5 Distanze su R . y) = jx yj : E immediato veri. xg (valore assoluto o modulo di x) he ad ogni x 2 R asso ia se stesso se x  0 o il suo opposto se x < 0 e parti olarmente utile per introdurre nel ampo reale la nozione di distanza: dati due numeri reali x e y si hiama distanza tra x e y il numero reale non negativo jx yj. 1 1 1 2 2 Quanto hiesto sopra si basa sulla proprieta he ogni numero intero puo essere s omposto in una sola maniera in prodotto di numeri primi (a meno dell'ordine in ui i fattori ompaiono). p .    .5. si pone ioe d (x. 0.nito di numeri primi p . La funzione jj : x 7 ! jxj = max fx. pk distinti il numero (p  p      pk ) =n non puo essere un numero razionale.

are he questa distanza ha le proprieta:  d (x. x)  d (x. y) : In R si de. y) = d (y. z) + d (z. y) = 0 () x = y  d (x. y)  d (x. y)  0 e d (x.

equivalentemente.nis e intorno ir olare di entro x0 e raggio r (r > 0) l'insieme U (x . r) = fx 2 R : jx x j < rg = fx 2 R : x Sia A un sottoinsieme di R. in. un punto x 2 R si di e 0 0 0 r < x < x0 + r g : 0  interno ad A se e possibile trovare un intorno ir olare di x tutto ontenuto in A  esterno ad A se e possibile trovare un intorno ir olare di x he non ontiene punti 0 0 di A  di frontiera per A (o sul bordo di A) se ogni intorno ir olare di x ontiene sia 0 punti di A he punti non di A:  di a umulazione per A se ogni intorno ir olare di x ontiene almeno un punto 0 di A diverso da x0 (o.

ad e ezione di x0 : 0 Si noti he i punti di frontiera e quelli di a umulazione per un insieme possono appartenere all'insieme oppure no. L'insieme A si di e  aperto se ogni suo punto e punto interno .niti punti di A):  isolato per A se x 2 A ed e possibile trovare un intorno ir olare di x he non 0 ontiene punti di A.

0. Dalle de. INSIEMI INFINITI xix  hiuso se il suo omplemento e aperto.5.

nizioni pre edenti segue he un insieme e hiuso se e solo se ontiene tutti i suoi punti di a umulazione. Si noti he l'insieme vuoto e l'insieme totale R ( omplementari tra loro) sono sia hiusi he aperti. In modo analogo si mostra he E e hiuso se e solo se ontiene tutti i suoi punti di frontiera. Quando si parla di intorno di un punto (senza spe i.

Si puo dimostrare he l'unione di insieme aperti e sempre un insieme aperto e he l'intersezione di un numero . are \intorno ir olare") si intende un qualunque insieme aperto he ontiene un intorno ir olare di quel punto.

passando ai omplementari.nito di insieme aperti e an ora un insieme aperto. si vede he l'intersezione di insieme hiusi e sempre un insieme hiuso e he l'unione di un numero . analogamente.

+1) = R: ( I primi tre insiemi sono intervalli aperti. non lo e.nito di insieme hiusi e an ora un insieme hiuso. L'intersezione di intervalli e sempre un intervallo (eventualmente vuoto) mentre l'unione. ioe gli insiemi della forma          (a. i se ondi tre sono intervalli hiusi. +1) = fx 2 R : x > ag [a. b) = fx 2 R : a  x < bg (a. ne aperti ne hiusi. b℄ = fx 2 R : a < x  bg ( 1. b) = fx 2 R : a < x < bg 1. ovviamente. i due su essivi vengono detti hiuso a sinistra e aperto a destra (e vi e-versa) e non sono. Le nozioni sopra riportate si possono fa ilmente estendere ad Rn (vedi Appendi e) o piu in generale su un insieme E in ui e de. +1) = fx 2 R : x  ag [a. b℄ = fx 2 R : x  bg [a. l'ultimo e l'insieme vuoto sono intervalli sia aperti he hiusi. b) = fx 2 R : x < bg (a. I piu sempli i sottoinsiemi di R sono gli intervalli. in generale. b℄ = fx 2 R : a  x  bg ( 1.

nita una generi a nozione di distanza d : E  E ! R+ he veri.

 A = f1=n. Esempi. n 2 Ng e l'unione di in. hi le tre proprieta prima ri hiamate per il valore assoluto (o modulo).

niti hiusi. he non appartiene ad A: A ammette massimo e non ammette minimo: 1 e il massimo di A e 0 ne e l'estremo inferiore. ha un solo punto di a umulazione. . non e ne hiuso ne aperto. ogni suo punto e un punto isolato. 0.

. 0 e il minimo di C e 3 ne e il massimo (quindi an he l'estremo superiore). n 2 Ng e hiuso. INTRODUZIONE.xx CAPITOLO 0. Si noti he in questo aso. L'uni o punto di a umulazione di C he non appartiene a C e 1.  B = f0g [ f1=n. 1) [ f3g non e ne hiuso ne aperto.  C = [0.

1℄ e un punto di a umulazione di E: 0. Ogni numero reale in [0.6 Proprieta di funzioni . q 2 N . p 2 N . non e ne hiuso ne aperto. Sia f una funzione de. 1) . 0 e l'estremo inferiore di E e 1 ne e l'estremo superiore.ssato " > 0 (e minore di 2) l'uni o elemento di C he e maggiore di 3 " e 3:  D = fp=q .funzioni elementari. p < qg e l'insieme di tutti i numeri razionali in (0.

a valori in R. inferiormente limitata). Si di e he f e limitata (superiormente limitata.nita in un qualsiasi insieme A. Per esempio dire he f assume (o ammette) massimo signi. he f assume massimo (o minimo) se l'immagine di f ha queste aratteristi he.

ioe se x 6= x0 =) f (x) < f (x0 ) si di e he x0 e un punto di massimo assoluto forte. Sia ora A  R. altrimenti si parla di massimo (sempre assoluto) debole. a a ermare he esiste almeno un elemento x0 di A tale he f (x)  f (x0 ) per ogni x 2 A: Se x0 e uni o. si di e he x0 e un punto di massimo relativo per f (o he f ha in x0 un massimo relativo) se e possibile trovare un intorno U di x0 in modo he x 2 U =) f (x)  f (x0 ) : La de.

y 2 A . Si di e he     f e non de res ente in A se x. rispettivamente. invertibili. x < y =) f (x)  f (y) f e strettamente de res ente in A se x. y 2 A . Se A e simmetri o rispetto all'origine si di e he  f e pari se per ogni x 2 A risulta f ( x) = f (x) . generando un po' di onfusione i termini non de res ente e non res ente vengono sostituiti on res ente e. Se f una funzione reale di variabile reale on dominio A (f : A  R ! R ). quindi. x < y =) f (x) < f (y) f e non res ente in A se x.nizione di minimo relativo e analoga. y 2 A . analogamente ogni funzione ostante ha in ogni punto del suo dominio sia un massimo he un minimo (deboli). Si noti he se x0 e un punto isolato allora x0 e ontemporaneamente punto di massimo e di minimo. Tutte le funzioni strettamente monotone su un insieme sono iniettive e. x < y =) f (x)  f (y) f e strettamente res ente in A se x. y 2 A . de res ente. x < y =) f (x) > f (y) Le funzioni on queste proprieta vengono dette monotone e a volte.

 DI FUNZIONI .FUNZIONI ELEMENTARI. sono de.6. salvo avviso ontrario. 0. PROPRIETA xxi  f e dispari se per ogni x 2 A risulta f ( x) = f (x) : Elen hiamo ora al une funzioni di uso omune nell'analisi matemati a he.

Il loro gra.nite su tutto R:  Funzioni ostanti: f (x) = : Asso iano ad ogni x sempre lo stesso valore.

 Funzioni lineari: f (x) = mx: Il loro gra. o e una retta orizzontale.

o e una retta per l'origine di oeÆ iente angolare m.  Funzioni aÆni: f (x) = mx + q: Il loro gra.

he in ontra l'asse verti ale nel punto di ordinata q. o e una retta.  Potenze ad esponente intero positivo: f (x) = xn . di oeÆ iente angolare m. Sono de. oltre ai asi visti sopra per n = 0 e n = 1. P (x) on P e Q polinomi. se n = 2 si ha una parabola.  Polinomi: f (x) = n X k=0 k xk = 0 + 1 x + 2 x2 +    + n xn : Sono ombinazioni lineari di potenze. n 2 N : Sono funzioni pari o dispari a se onda he n sia pari o dispari.

nite in tutti i  Funzioni razionali: f (x) = Q (x) punti in ui Q (x) = 6 0:  Radi i n esime: f (x) = pn x: Se n e dispari sono de.

nite su tutto R e sono le
funzioni inverse delle funzioni potenza; se n e pari sono de

nite su R (l'insieme dei
numeri reali non negativi) e sono le funzioni inverse della restrizione ad R delle
+

+

funzioni potenza. 

Potenze ad esponente
sia p 2 Z ; q 2 N ed x > 0. Si pone
p
p p razionale:

f (x) = xp=q = ( q x) = q xp: Se p=q e positivo allora la funzione viene de

nita
an he per x = 0 ponendo f (0) = 0: 

Potenze ad esponente reale: f (x) = x ; 2 R: Se e positivo e non e
razionale nsono funzionio de

nite solo su R e, per ogni x > 1

ssato si de.

nis e 1 1 xa = sup xp=q : pq < : Se x 2 (0. de. 1) allora x = on y > 1 quindi x = : y y + Se < 0 allora x = x 1 .

nita solo per x > 0:  Funzioni esponenziali: f (x) = ax . a > 0: Sono le funzioni de.

nite nel punto pre edente in ui la variabile si trova all'esponente. Sono de.

nite su tutto R. assumono valori strettamente positivi e sono strettamente res enti se a > 1 . strettamente de res enti se a < 1: .

 Funzioni logaritmi he: f (x) = loga x . INTRODUZIONE. a > 0 .xxii CAPITOLO 0. a 6= 1: Sono le funzioni inverse delle funzioni esponenziali: sono de.

nite per x > 0 e sono (ovviamente) strettamente res enti se a > 1 . b 6= 1) . b. y > 0 . v 2 R: E ben noto he valgono le seguenti proprieta: au  av = au+v . (au )v = auv log x loga (x  y) = loga x + loga y . loga x = b logb a e. (a. u. x. strettamente de res enti se a < 1: Riportiamo per omodita del lettore al une proprieta fondamentali (e note) delle potenze e dei logaritmi. per de. u  loga x = loga (xu ) . Siano a. au  bu = (a  b)u .

nizione di logaritmo ome funzione inversa dell'esponenziale e sempre aloga x = x . loga ax = x:  Funzioni trigonometri he: onsideriamo. y) veri. la ir onferenza unitaria: e il luogo dei punti le ui oordinate (x. in un piano riferito a oordinate ar- tesiane ortogonali.

ano l'equazione x2 + y2 = 1: Sia P un punto sulla ir onferenza e sia A il punto di oordinate (1. 0) : Detta  b (o la lunghezza dell'ar o di estrel'ampiezza dell'angolo (misurato in radianti) P OA mi A e P si de.

nis ono ome os  e sin  rispettivamente l'as issa e l'ordinata di P: In e etti i punti A e P non determinano un solo angolo ma in.

os ( + 2k ) = os : Si de. ioe sin ( + 2k ) = sin  . le loro ampiezze di eris ono quindi per un multiplo intero di 2: Le le funzioni seno e oseno sono quindi funzioni periodi he di periodo 2.niti e due di questi di eris ono per un numero intero di giri.

nis e la funzione tangente ome rapporto tra seno e oseno: tan  = sin = os  e una funzione periodi a di periodo  e non e de.

Riportiamo qui al une delle formule di maggior utilizzo os (x y) = os x os y + sin x sin y os (x + y) = os x os y sin x sin y sin (x + y) = sin x os y + os x sin y sin (x y) = sin x os y os x sin y sin 2 x =2 sin x os x os 2 x = os2 x sin2 x = 2 os2 x 1 = 1 2 sin2 x 2 1 os x 1 + os x 2 os2 = = sin2 x 2 x 2 tan x tan y tan x + tan y tan (x y) = tan (x + y) = 1 + tan x tan y 1 tan x tan y 1 sin2 x + os2 x 2 tan x = = 1 + tan2 x tan 2x = 1 tan2 x os2 x os2 x . Oltre alla uguaglianza fondamentale sin2  + os2  = 1 si vede immediatamente he la funzione oseno e "sfasata" di =2 rispetto al seno. k 2 Z: Proprieta delle funzioni trigonometri he. ioe nei punti di as issa k + =2 . ioe os (=2 + ) = sin  inoltre la funzione oseno e pari mentre le funzioni seno e tangente sono dispari.nita dove il oseno si annulla.

PROPRIETA xxiii  Funzioni inverse delle funzioni trigonometri he.FUNZIONI ELEMENTARI. In quanto periodi he le fun- zioni trigonometri he non possono essere invertibili non essendo iniettive. DI FUNZIONI .6. e pero possibile de. 0.

ar o oseno.nire la funzione inversa di una loro opportuna restrizione. ar tan () rispettivamente le funzioni inverse delle restrizioni del seno a [ =2. ar os () . Vengono hiamate ar oseno. =2℄ del oseno a [0. =2) : Le prime due funzioni sono de. ar otangente ed indi ate on ar sin () .  ℄ e della tangente a ( =2.

1℄ l'ultima su tutto R:  Altre funzioni di uso omune. Abbiamo gia in ontrato la funzione modulo o valore assoluto ottenuta ome massimo tra due funzioni.nite in [ 1. Si de.

nis e ome parte intera la funzione he ad ogni numero reale asso ia il massimo tra i numeri interi he non superano il numero assegnato: [x℄ = max fn 2 Z : n  xg e ome parte de imale o mantissa la funzione di erenza tra l'identita e la parte intera: mant (x) = x [x℄ : Si de.

1 se x < 0 e 0 se x = 0 : sgn x = x Ad ogni funzione f si possono in. sgn 0 = 0: +1 se x > 0 .nis e la funzione segno ome la funzione he ad ogni numero reale x asso ia i valori: jxj per x 6= 0 .

f de.ne asso iare le funzioni jf j . f+ .

nite da jf j = max ff. f = max ff. 0g : Ovviamente jf j = f + f e f = f f : + + + Riportiamo nel seguito i diagrammi di al une funzioni elementari. f = max f f. 0g . . f g .

IL CAMPO DEI NUMERI COMPLESSI: C: xxix 0.7.7 Il ampo dei numeri omplessi: C: Presentiamo ora la de.0.

De. Questo ampo. he risulta essere essenzialmente un ampliamento di R.nizione e le prin ipali proprieta del ampo dei numeri omplessi C . in seguito l'uso dei numeri omplessi si e rivelato fondamentale in molti settori della Matemati a e delle sue appli azioni. fu inizialmente introdotto per dare un assetto soddisfa ente alla teoria delle equazioni algebri he.

nizione. b) sulle quali sono de. Il ampo omplesso C e l'insieme delle oppie ordinate di numeri reali (a.

b)  ( .nite l'uguaglianza. d) () a = e b = d  (a. d) = (a + . b) + ( . a  d + b  ) : Si veri. d) = (a  b  d . b + d)  (a. la somma e il prodotto nel modo seguente:  (a. b) = ( .

a +b a +b in. b) e ( a.   b a l'opposto di (a. 0). (0. a fa ilmente he C e un ampo: la somma ed il prodotto sono ommutative ed asso iative. 0) e (1. se (a. 0) sono gli elementi neutri rispetto alla somma ed al prodotto. 2 2 . b) e. b) 6= (0. il suo re ipro o e 2 2 .

0) e un sotto ampo di C . 0) : 0. Questo e assurdo per he il quadrato di (0. in parti olare l'unita (1. 1) risulta essere il numero negativo ( 1. ioe somme e prodotti di elementi della forma pre edente hanno an ora la stessa forma.ne vale la proprieta distributiva del prodotto rispetto alla somma. Su C non e possibile introdurre un ordinamento ompatibile on le operazioni.1 Forma algebri a dei numeri omplessi. Infatti.7. se per assurdo lo fosse. Il sottoinsieme (proprio) C 0 di C delle oppie della forma (a. il quadrato di ogni numero omplesso diverso dallo zero dovrebbe risultare positivo. Come al solito la di erenza di due numeri omplessi e la somma del primo on l'opposto del se ondo ed il quoziente e il prodotto del primo on il re ipro o del se ondo. per quanto detto nel paragrafo sul ampo razionale. 0) negativo). 0) e positiva (ed il suo opposto ( 1. C 0 puo essere posto in orrispondenza biunivo a on R nel modo seguente: !a la relazione pre edente permette di identi.

Ogni elemento (a. b) di C puo essere s ritto nella forma (a. 0) 0 dove si e posto i = (0. 0) + (b. 0)  (1. 0)  (0. 1) e si e usata l'identi. 1) = a  (1. are R on C (in questo senso C e un ampliamento di R). 1) = a + ib (a. 0) + b  (0. b) = (a.

e i = 1. 0 2 La s rittura z = a + ib . "i" viene hiamato "unita immaginaria" e. azione pre edente del ampo reale on C . on questa notazione.

Si noti he on questa rappresentazione (vettoriale) dei numeri omplessi la somma di due numeri omplessi equivale alla solita somma (per omponenti) di vettori nel piano (regola del parallelogramma) di ovvio signi. e detta forma algebri a dei numeri omplessi e i numeri reali x e y sono detti parte reale e parte immaginaria di z ed indi ati rispettivamente on Re z ed Im z: Il vantaggio della s rittura in forma algebri a dei numeri omplessi deriva dal fatto he le operazioni di somma e di prodotto si possono eseguire nel modo abituale trattando (a + ib) ome un binomio. il piano della variabile omplessa e a volte hiamato piano di Gauss. INTRODUZIONE. quello delle ordinate e detto asse immaginario. on la sola avvertenza he i2 = 1: (a + ib) + ( + id) = a + ib + + id = (a + ) + i (b + d) (a + ib)  ( + id) = a + iad + ib + i2 bd = a bd + i (ad + b ) : I numeri omplessi possono essere rappresentati ome punti del piano (riferito ad assi oordinati ortogonali).xxx CAPITOLO 0. l'asse delle as isse e detto asse reale.

meno di multipli dell'angolo giro). mentre p 2 2 a +b b e p 2 2 sono rispettivamente il oseno ed il seno dell'angolo di ui deve ruotare il sea +b miasse positivo delle as isse per sovrapporsi alla semiretta us ente da O e passante per P (si noti he questo angolo e determinato a. Il numero positivo p  = a2 + b 2 .7. 0. ato geometri o. Osserviamo he ogni numero omplesso non nullo z = a + ib puo essere s ritto nella forma   p a b 2 2 z = a + ib = a + b p 2 2 + i p 2 2 : a +b a +b p Nell'interpretazione geometri a pre edente a2 + b2 e la distanza dall'origine O del puna to P di oordinate (a.2 Forma trigonometri a dei numeri omplessi. b) he rappresenta z nel piano omplesso C .

IL CAMPO DEI NUMERI COMPLESSI: C: xxxi viene detto modulo del numero omplesso z e si indi a on il simbolo jz j mentre ognuno degli in.0.7.

niti angoli  tali he os  = p a a +b 2 2 e sin  = p b a2 + b 2 e hiamato argomento di z_ e si indi a on il simbolo arg z . la relazione 1 ( os 1 + i sin 1 ) = 2 ( os 2 + i sin 2 ) . 2 > 0 impli a 1 = 2 e 1 = 2 + 2k per un k 2 Z: Lo zero del ampo omplesso e aratterizzato dal fatto di avere modulo nullo mentre l'argomento non e de. mentre l'argomento e determinato a meno di multipli interi di 2. in altre parole. Con le notazioni appena introdotte si ha z = a + ib =  ( os  + i sin ) : Si osservi he per ogni numero omplesso z 6= 0 il suo modulo e univo amente determinato. 1 > 0 .

Vedremo ora ome la forma trigonometri a sia parti olarmente onveniente per rappresentare il prodotto di due numeri omplessi: siano z1 = 1 ( os 1 + i sin 1 ) e z2 = 2 ( os 2 + i sin 2 ) allora.nibile. La s rittura z =  ( os  + i sin ). e immediato veri. viene detta forma trigonometri a di z . ri ordando le formule di addizione per le funzioni trigonometri he. dove del numero omplesso z sono posti in evidenza modulo ed argomento.

are he z1  z2 = 1 ( os 1 + i sin 1 )  2 ( os 2 + i sin 2 ) = 1  2 f os (1 + 2 ) + i sin (1 + 2 )g : Da questo segue he il prodotto di due numeri omplessi ha per modulo il prodotto dei .

xxxii CAPITOLO 0. moduli e per argomento la somma degli argomenti Quanto sopra e illustrato nella . INTRODUZIONE.

dati due numeri omplessi. Abbiamo visto he. una analoga proprieta non vale per la somma. si ha tuttavia la seguente disuguaglianza triangolare (da dimostrare per eser izio.gura he segue. si veda an he la . il modulo del prodotto e del quoziente sono rispettivamente il prodotto ed il quoziente dei moduli. Dalla formula pre edente si ri ava he se z =  ( os  + i sin ) allora 1 1 1 = ( os ( ) + i sin ( )) = ( os  i sin ) z   e da questo si ottiene he il quoziente di due numeri omplessi ha per modulo il quoziente dei moduli e per argomento la di erenza degli argomenti (ovviamente il divisore deve essere non nullo e gli argomenti possono essere s elti in modo qualsiasi).

mentre si ha jz + z j = jz j + jz j se e solo se arg z arg z = 2k (per un k 2 Z).gura relativa alla somma di numeri omplessi): jjz j jz jj  jz + z j  jz j + jz j : Nella disuguaglianza pre edente vale jjz j jz jj = jz + z j se e solo se arg z arg z = (2k + 1) . De.

nendo ora d (z . z ) = jz z j e immediato veri.

are he an he per questa distanza nel ampo omplesso valgono le proprieta della distanza de.

nita su R all'inizio 1 2 1 1 1 2 1 2 2 1 1 2 1 1 2 2 1 1 2 2 2 2 del paragrafo 0.5.5. Si osservi in.

dalla formula del prodotto (in forma trigonometri a) si ha z n = n ( os n + i sin n) da ui z n = n ( os n + i sin n) = r ( os ' + i sin ') . Mostriamo ora ome l'equazione z n = w ( on w 6= 0 ed n intero positivo) abbia sempre nel ampo omplesso n soluzioni distinte. 0. una simile proprieta e ben lungi dal valere nel ampo reale. z2 ) non e altro he la usuale distanza nel piano tra i punti he rappresentano z1 e z2 .3 Radi i n-esime.ne he d (z1 . dette "radi i n-esime" di w. Posto z =  ( os  + i sin ) .7. w = r ( os ' + i sin ') .

k 2 Z di eris e da un j per un multiplo (eventualmente nullo) di k = n 2 . n 1 ovviamente due di questi argomenti n non possono di erire tra loro per multipli interi di 2 . 1.0. puo essere riformulato nel modo seguente: il polinomio di grado n Pn (z ) = z n w puo sempre essere s omposto nel prodotto di n fattori di primo grado. 0. Sia P (z ) = ak z k on ak 2 C e an 6= 0. n X Teorema fondamentale dell'algebra. Il risultato appena ottenuto. dalla formula pre edente otteniamo solo n numeri omplessi distinti soluzioni dell'equazione data. assi ura he una simile s omposizione puo essere fatta per un qualsiasi polinomio di grado n. k 2 Z p 8 > < = nr > : = : ' + 2k . infatti abbiamo zn w= nY1 i=0 (z zj ) ove   p ' + 2j ' + 2j n + i sin : zj = r os n n Il Teorema fondamentale dell'algebra. k2Z n Osserviamo ora he. nel ampo reale il teorema non e vero in quanto. ' + 2j Infatti ponendo j = on j = 0. non e sempre possibile una s omposizione in fattori di primo grado del polinomio Pn (x) = xn a on a reale non nullo. al variare di k in Z.7. mentre ogni k della forma ' + 2k .    .    . ome gia osservato.7. Le radi i n-esime del numero w = r ( os ' + i sin ') hanno quindi la forma da questo si ottiene   p ' + 2j ' + 2j n + i sin zj = r os . 1.4 Teorema fondamentale dell'algebra. n 1 n n e le loro immagini si trovano ai verti i di unppoligono regolare di n lati is ritto in una ir onferenza on entro nell'origine e raggio n r. sulle radi i n-esime. j = 0. IL CAMPO DEI NUMERI COMPLESSI: C: xxxiii quindi 8 < n = r : n = ' + 2k . he i limiteremo ad enun iare. k=0 allora P (z ) puo sempre essere fattorizzato in modo essenzialmente uni o ome segue: P ( z ) = an s Y k=1 (z zk )  k dove gli zk sono le s radi i ( ioe soluzioni ) distinte dell'equazione P (z ) = 0 e gli interi positivi  k soddisfano la relazione s X k=1  k = n: .

osa questa he sara di una erta utilita per le appli azioni. in forma equivalente. A questo proposito dovremo premettere al une de. ome segue: Nel ampo omplesso la somma delle moltepli ita delle radi i di un polinomio di grado n e uguale ad n. Il Teorema puo essere formulato an he. L'intero  k e detto moltepli ita della radi e zk . INTRODUZIONE. Vediamo ora ome la fattorizzazione ottenuta nel ampo omplesso permetta di fattorizzare (in modo diverso) un polinomio nel ampo reale.xxxiv CAPITOLO 0.

nizioni ed osservazioni. Dato un numero omplesso z = a + ib di de.

nis e oniugato di z il numero omplesso z = a ib: Per z valgono le seguenti sempli i relazioni. di immediata veri.

   n). la seguente fattorizzazione: Sia Pn (x) = n X k=0 ak xk (ak 2 R . z  z = jz j2 = jz j2 z z 1 = = 2 . z z = 2i Im z . (z  w) = z  w . Iterando il pro edimento altre (eventuali) r 1 volte si ottiene l'asserto. Allora se w e una radi e del polinomio di moltepli ita r an he w e una radi e del polinomio on la stessa moltepli ita. Dimostrazione. allora P (z ) = Q (z )  B2 (z ) ove Q e un polinomio. (z n ) = (z )n . di grado n 2 per ui w e una radi e di moltepli ita r 1. Dimostriamo dapprima he w e una radi e del polinomio (si tenga presente he per ipotesi ak = ak ): P (w ) = n X k=0 ak ( w ) k = n X k=0 ak (wk ) = n X k=0 ak (wk ) = n X k=0 (ak wk ) = n X k=0 (ak wk ) = P (w) = 0: Si osservi ora he (z w)  (z w) = z 2 (2 Re w) z + jwj2 e un polinomio B2 (z ) di se ondo grado a oeÆ ienti reali. a: (z ) = z . per un polinomio a oeÆ ienti reali. (z=w) = z=w: Utilizziamo le relazioni pre edenti per dimostrare la seguente Proposizione. arg (z ) = arg (z ) + 2k . z + z = 2 Re z . Sia P (z ) = n X k=0 ak z k un polinomio di grado n a oeÆ ienti reali (ak 2 R per k = 0. per un opportuno k 2 Z z z  z jz j (z + w) = z + w . a oeÆ ienti reali. Dal teorema fondamentale dell'algebra e dalla Proposizione pre edente otteniamo. 1. an 6= 0) allora si ha 0 Pn (x) = an  s Y j =1 1 (x xj ) j A t Y k=1 x + pk x + q k 2 k ! .

 j . k 2 N legati dalla relazione s X j =1 j + 2 t X k=1 k = n: Si noti he le xj sono le radi i reali dell'equazione Pn (x) = 0 mentre le equazioni x2 + pk x + qk = 0 hanno due radi i omplesse e oniugate. xxxv .0. qk 2 R .7. pk . IL CAMPO DEI NUMERI COMPLESSI: C: on xj .

xxxvi CAPITOLO 0. . INTRODUZIONE.

1 Introduzione In questo apitolo i proponiamo di de.Capitolo 1 Il ampo reale 1.

quando onstatarono l'in ommensurabilita tra il lato e la diagonale di uno stesso quadrato. la ui inadeguatezza era gia stata rilevata dai Gre i. queste risulteranno fondamentali per tutto io he segue. Il punto di partenza sara la onos enza del ampo razionale Q .nire il Campo dei numeri reali ed illustrarne le prin ipali proprieta. In termini piu attuali io signi. piu di duemila anni fa.

in altre parole non esiste al un numero razionale il ui quadrato e 2. Questa premessa non deve indurre a sottovalutare l'importanza del ampo razionale Q . a he usando solo i numeri razionali non e possibile "misurare" la diagonale di un quadrato se l'unita di misura e il suo lato. avendo un numero . si pensi he gli elaboratori.

2. : : : g e Q il ampo razionale Q = f mn : n 6= 0. : : : . operano essenzialmente su Q .nito di ifre disponibili. on le ovvie identi. n. 1. 1. anzi su un sottoinsieme "molto pi olo "di Q . Z = f0. m 2 N 0 g abbiamo. n. : : : n. 2. : : : g. N 0 = f0. Z l' anello degli interi relativi. Ri ordiamo he se N 0 e l'insieme degli interi assoluti.

ed in Q le operazioni di somma sottrazione moltipli azione e divisione ( on divisore non nullo) sono sempre eseguibili nel senso he il "risultato di queste operazioni" appartiene an ora a Q . Conviene osservare he gli elementi di Q possono essere rappresentati in modo uni o mediante gli allineamenti de imali . ed in Z per la divisione. Cio inve e non sempre a ade in N per la sottrazione e la divisione. N 0  N  Z  Q . azioni.

il fatto he il periodo non possa essere 9 e meno immediato da vedere e ne riportiamo la dimostrazione nell'appendi e. Vi eversa e noto he dato un numero  0 . 1 : : : k k+1 : : : k+s ove le ifre k+1 : : : k+s non sono tutti 9. risulta infatti   1 :::  mn =  0 + 10 +    + kk + kk+1 s k+s : 10 10 (10 1) 1 . 1 : : : k k+1 : : : k+s . esiste un uni o razionale  mn per ui fa endo la divisione tra m ed n si ottiene  0 . dopo al piu n + 1 passi dopo la virgola. nella divisione si ritrova un resto ottenuto in pre edenza: da qui la periodi ita. Questi allineamenti si ottengono eseguendo la divisione tra numeratore e denominatore di una frazione  mn he rappresenta il numero razionale (algoritmo Eu lideo) ed osservando he essendo i resti possibili della divisione solo n.niti o periodi i on periodo diverso da 9.

2 CAPITOLO 1. IL CAMPO REALE Si noti he le operazioni aritmeti he sulle frazioni sono relativamente sempli i. sugli allineamenti .

Quale e il vantaggio di usare i numeri de imali se le operazioni sono piu ompli ate?. osa he non a ade per la rappresentazione frazionaria.niti (o di periodo 0) sono un po o piu ompli ate (si pensi alla divisione) mentre sugli allineamenti periodi i le operazioni sono de isamente piu omplesse e di fatto per eseguirle i si riporta alle frazioni generatri i. Vi sono almeno due vantaggi: il primo e he ogni razionale e rappresentato da un segno e da un uni o allineamento. in se ondo luogo. Gli allineamenti in. mentre per de idere quale tra due frazioni sia maggiore possono essere ne essarie delle moltipli azioni. dati due allineamenti e immediato de idere quale rappresenti il numero maggiore.

Premettiamo he vi sono molte di erenti presentazioni (o modelli) dei numeri reali: allineamenti in.niti permetteranno inoltre di introdurre in modo naturale il " ampo dei numeri reali".

sezioni di Dedekind. su essioni di Cau hy di numeri razionali ed altre. Da un punto di vista teori o tutte le presentazioni sono equivalenti (isomorfe).niti. oppie di lassi ontigue. la s elta di onsiderare i numeri reali ome allineamenti in.

Nel paragrafo de.niti e quindi puramente didatti a.

niremo un ampo numeri o R he " ontiene i razionali" e sul quale si possano eseguire in ondizionatamente (salvo la divisione per zero) le quattro operazioni e mediante il quale sia possibile misurare ogni segmento della retta.2 De. 1.

nizione del Campo Reale Gli elementi del ampo reale R sono gli allineamenti in.

: : : . n . sono es lusi.niti non periodi i di periodo 9 pre eduti da un segno + o da un segno ioe  . ioe in ui da un erto posto in poi tutte le ifre sono 9. gli allineamenti periodi i di periodo 9. : : : n : : : 0 1 2 ove 0 2 N 0 e 1 . : : : sono interi ompresi tra 0 e 9. 2 . Dopo aver identi. almeno per ora.

000 : : : 0 : : : due numeri reali si diranno uguali se e solo se hanno lo stesso segno e lo stesso allineamento de imale (in. ato. 000 : : : 0 : : : e 0. +0. ome e d'uso.

nito). e immediato he un simile allineamento in. 100100010000100000100000010 : : : ove i pa hetti sempre piu lunghi di zeri sono seguiti da un uni o 1. ad esempio 0. Osservazione 1 Questi allineamenti ontengono ovviamente allineamenti periodi i he rappresentano i numeri razionali. ma ne ontengono molti altri.

nito non puo essere periodi o. Gli allineamenti periodi i sono detti razionali. quelli non periodi i irrazionali. .

Gli allineamenti diversi da zero e pre eduti dal segno "+" ( he in genere si omette) sono detti numeri reali positivi e quelli pre eduti dal segno " " sono detti reali negativi. b1 : : : bn : : : e indi heremo on j j il numero se questo e positivo o nullo. 1 : : : n : : : porremo = m0 . b1 : : : bn : : : porremo 0 = m00 . per ui R = R+ [ f0g [ R . Con R+ si indi a l'insieme dei reali positivi on R l'insieme dei reali negativi. inoltre gli allineamenti periodi i di periodo zero vengono in generale s ritti omettendo il periodo. se = +m0 . In a ordo on le solite onvenzioni. 1 : : : n : : : . mentre se e negativo j j = : Introdu iamo in. 000 : : : 0 : : : e detto sempli emente zero e si indi a on 0. e se 0 = m00 . DEFINIZIONE DEL CAMPO REALE L'allineamento 0.3 1.2.

ne su R l'ordinamento nel modo seguente De.

Æ 1 :::::Æ n ::: e diremo he > Æ se e solo se per qual he n  0 si ha 0 = Æ 0 1 = Æ 1 :::: n n > Æn 1 = Æn 1 e Porremo ogni elemento positivo di R maggiore di ogni elemento negativo. 1 ::::: n ::: Æ = Æ 0 . mentre se e Æ sono negativi porremo >Æ se e solo se j j < jÆj in.nizione 2 Dati due elementi di R+ = 0 .

E immediato veri.ne lo zero e maggiore di ogni elemento negativo e minore di ogni elemento positivo.

o > Æ. Æ. gode delle seguenti proprieta: 1. are he R. Si noti he su Q (pensato ome sottoinsieme di R. per ogni . " 2 R dal fatto he < Æ e Æ < " segue he < " (proprieta transitiva). 2 R apita uno e uno solo dei seguenti fatti o < Æ. o = Æ 2. l'ordinamento appena de. on l'ordinamento introdotto. Æ . per ogni .

ove si pone  .nito oin ide on quello solito.

() .

 0: Al .

ne di sempli.

1) . o ontraddizione. Convenzione. Un allineamento del tipo m. 1 2 : : : k 99999:::: on k 6= 9 (1. are il linguaggio degli enun iati ed evitare inutili distinguo nelle dimostrazioni introdurremo la seguente onvenzione he non portera ad al una ambiguita.

4 CAPITOLO 1. sara identi. IL CAMPO REALE periodi o di periodo 9 ( he sino ad ora avevamo es luso dalle nostre onsiderazioni) .

1 2 : : : ( k + 1) (1. Cosi fa endo perdiamo l'uni ita di s rittura dei numeri reali (in parti olare di tutti i numeri de imali . pur essendo diversi.2) in altre parole i due allineamenti (1:1) e (1:2) rappresentano lo stesso numero reale. ato on l'allineamento m.

per qual he 6= . poi he e immediato onstatare he non vi e al un allineamento ompreso tra (1:1) e (1:2) on l'ordinamento sopra introdotto. ma otterremo i vantaggi di ui si e a ennato sopra.niti). > se e rappresentato mediante la (1:1) mentre  se rappresentato mediante la (1:2). Osservazione 3 La onvenzione appena fatta non introdu e al un in onveniente rispetto all'ordinamento. Prima di de. ioe non puo apitare he. Non staremo a ripeterlo ma una simile proprieta varra an he on le operazioni he introdurremo: il risultato di qualsiasi operazione non ambiera se utilizzeremo la forma (1:1) o la forma (1:2) per rappresentare il numero .

nire le operazioni su R mostriamo he R gode di una proprieta fondamentale (rispetto all'ordinamento) he man ava a Q . A questo proposito introdu iamo al une de.

nizioni. De.

In.nizione 4 Un sottoinsieme A  R si di e limitato superiormente se esiste un 2 R tale he per ogni a 2 A risulta a : Un simile viene detto maggiorante di A. Analogamente un sottoinsieme A  R si di e limitato inferiormente se esiste un Æ 2 R tale he per ogni a 2 A risulta Æa e tale Æ viene detto minorante di A.

Osservazione 5 E ovvio he se A ammette un maggiorante allora ne ammette in.ne A si di e limitato se e sia limitato superiormente he inferiormente.

E ora possibile dare la seguente fondamentale de.niti e analogamente per i minoranti.

.nizione.

1.2. DEFINIZIONE DEL CAMPO REALE 5 De.

Diremo he 2 R e l'estremo superiore di A (e s riveremo = sup A) se valgono le due seguenti proprieta i) 8a 2 A si ha he a  ( e un maggiorante di A) ii) se .nizione 6 Sia A un sottoinsieme di R limitato superiormente.

< allora esiste a 2 A tale he .

< a (non vi sono maggioranti di A piu pi oli di ) De.

Diremo he Æ 2 R e l'estremo inferiore di A (e s riveremo Æ = inf A) se valgono le due seguenti proprieta i) 8a 2 A si ha he a  Æ (Æ e un minorante e di A) ii) se .nizione 7 Sia A un sottoinsieme di R limitato inferiormente.

> Æ allora esiste a 2 A tale he a < .

Allora se A e limitato superiormente esiste ed e uni o l'estremo superiore di A. Vedremo he e proprio questo fatto he non permette. Poi he A e limitato superiormente vi e solo un numero . di risolvere il problema della misura. Dimostreremo he per un insieme di R+ limitato superiormente esiste sia estremo inferiore he estremo superiore. Con sempli i onsiderazioni sui segni si ri ava poi il aso generale. (non vi sono minoranti di A piu grandi di Æ ) Osservazione 8 Come vedremo nel seguito in Q esistono insiemi limitati superiormente he non ammettono (in Q !) estremo superiore. In R vale il seguente Teorema 9 Sia A un sottoinsieme di R. in Q . Dimostrazione. Se A e limitato inferiormente esiste ed e uni o l'estremo inferiore di A.

de.nito di s elte per le parti intere (gli interi prima della virgola) degli elementi di A. Detto m0 il massimo di tali valori.

niamo A0 = fa 2 A : la parte intera di a e proprio m0 g A0 e dunque il sottoinsieme non vuoto di A in ui tutti gli elementi hanno la massima parte intera. Poi he vi e solo un numero .

nito di s elte per la prima ifra 1 dopo la virgola. detto 1 tale valore de. esistera almeno un elemento di A0 per ui tale ifra e massima.

e per ri orrenza de. an ora A1 non e vuoto.niamo A1 = fa 2 A0 : la prima ifra dopo la virgola di a e proprio 1 g .

1 2 3 : : : n : : : .niamo An = fa 2 An 1 : la n-esima ifra dopo la virgola di a e massimag : Si onsideri ora l'allineamento (eventualmente di periodo 9) = m0 .

a1 . 1 2 3 : : : n 1 an : : : on an < n da ui a  .6 CAPITOLO 1. on a = a0 . allora a = m0 . IL CAMPO REALE E immediato vedere he e un maggiorante di A. :::an :::. Sia ora . Infatti dato un elemento a 2 A. questo o appartiene a tutti gli An e in tal aso oin ide on oppure appartiene ad un An 1 ma non ad An .

= b0 . b1 ::::bn ::: tale he .

< e sia i il primo indi e per ui risulta bi < i : Poi he Ai non e vuoto esiste un elemento a 2 Ai tale he ai = i e dunque .

2. Nel aso dell'estremo inferiore si pro ede allo stesso modo s egliendo i minimi anzi he i massimi. A tale s opo e ne essaria la seguente De.1 Operazioni algebri he Introdu iamo ora per i numeri reali le operazioni algebri he he gia onos iamo per i razionali. 1. E opportuno per il seguito introdurre la seguente onvenzione: Se A non e limitato superiormente poniamo sup A = +1 ed analogamente se A non e limitato inferiormente poniamo inf A = 1. ed in parti olare per gli allineamenti periodi i di periodo zero. < a.

2 . 21 22 : : : 2k : : : n = mn1 . : : : . posto 1 = m11 . : : : di numeri reali diremo he tale su essione si stabilizza se. n1 n2 : : : nk : : : (ove si e evitato il periodo 9 ) si ha he per ogni posto k . n . 11 12 : : : 1k : : : 2 = m21 .nizione 10 Data una su essione 1 .

8n). n. allora f n g1 n=1 si stabilizza.k : : : Si pro eda ome nella dimostrazione del Teorema 9: la parte intera assumera per un valore n0 il suo valore massimo mn0 ed allora per la monotonia per n  n0 ogni mn risultera .1 : : : n. S riviamo gli elementi di n evitando il periodo 9. Dimostrazione. n = mn . tale he per ogni n > N la k-esima ifra nk di n ha sempre lo stesso valore. Vale allora il seguente Teorema 11 Sia f n g1 n=1 una su essione limitata di numeri reali positivi.ssato esiste un intero N ( he in generale dipende da k). monotona res ente (tale ioe tale he n  n+1 .

Confrontando la ostruzione sopra riportata on quella (simile) del Teorema 9 si ha he il numero = supf n g = mn0 . De.1 osi proseguendo troveremo un nk .k = nk .k dunque la su essione si stabilizza. osi pure assumera valore massimo per un erto n1  n0 e quindi 8n  n1 avremo mn = mn0 n.k : : : e l'estremo superiore dell'insieme numeri o ostituito dai n .1 = n1 . on n0  n1      nk il valore massimo e per ogni n  nk 1  nk .7 1. DEFINIZIONE DEL CAMPO REALE uguale a mn0 .k assume n.2. per ui n.1 : : : nk . n1 .

per su essioni monotone.nizione 12 S riveremo n ! per indi are un su essione n he si stabilizza ad . il on etto appena introdotto equivale al on etto di limite. De. Osservazione 13 Si e usata una notazione he in seguito sara utilizzata per indi are il limite di una su essione . Cio non generera equivo i poi he in realta.

E hiaro he (n) e razionale. 1 : : : n n+1 : : : indi heremo on (n) = m. De. 1 : : : n 0000 : : : il suo tron ato al posto n.nizione 14 Dato un numero = m.

Siano = m 1 .nizione di somma. a1 : : : a n : : : .

b1 : : : b n : : : due numeri reali positivi. allora la su essione f n + . = m2 .

n g ( ) ( ) e monotona res ente e dunque per il Teorema 11 n (n) + .

(n) o ! : (1.3) .

IL CAMPO REALE Allora per de.8 CAPITOLO 1.

nizione si hiama somma di e .

e si s rive = +.

mentre in (1:4) la somma e quella de. (1.4) Si noti he in (1:3) la somma e la solita tra numeri razionali.

nita per tutti i reali positivi. Se > 0 e . una simile onsiderazioni andra tenuta presente an he per il seguito.

< 0 . si modi.

a leggermente la (1:3) e si onsidera  n ( ) + (.

si porra = + . 10n (1. n ( )  1 ) .5) an ora la (1:5) e monotona res ente e si stabilizza a .

Se e .

sono negativi ( )(n) + ( .

)(n) ! Æ e poniamo +.

= Æ La somma e de.

nita osi per ogni . .

2R. Per essa valgono le seguenti proprieta : 1s . .

2 R ) + .

2 R (R e hiuso rispetto alla somma) 2s + .

= .

+ (proprieta ommutativa della somma) 3s + (.

+ Æ ) = ( + .

) + Æ (proprieta asso iativa della somma) 4s 0 + = 8 (esistenza dell'elemento neutro rispetto alla somma) 5s 8 9.

: + .

= 0 (.

= ) (esistenza dell'opposto) La proprieta 1s e null'altro he la de.

nizione. La somma. appena de. la 2s e la 5s sono immediate. La dimostrazione della proprieta asso iativa ri hiede un po o di lavoro e viene las iata al lettore.

sul sottoinsieme Q dei razionali oin ide on la solita somma.nita. De.

Comin iamo a de.nizione di moltipli azione.

nire la moltipli azione per e .

In tal aso la su essione (n) . positivi.

(n) e monotona res ente e quindi (n) .

Poniamo (n) . (n) ! .

(n) ! = .

Inoltre se > 0 la su essione n ( ) 1 + 101n .

9 1. Quindi n ( ) 1 + 101n !Æ 1 Poniamo Æ = = 1 : Mediante la usuale regola dei segni si de.2. DEFINIZIONE DEL CAMPO REALE e monotona res ente.

nis e il prodotto in tutti i asi in ui e .

. Per il prodotto valgono le seguenti proprieta: 1p . non siano entrambi positivi e osi pure l'inverso se 6= 0.

2R) .

2R (R e hiuso rispetto al prodotto) 2p .

= .

(proprieta ommutativa del prodotto) 3p (.

Æ ) = ( .

)Æ (proprieta asso iativa del prodotto) 4p 1 = 8 (esistenza dell'elemento neutro rispetto al prodotto) 1 = 1 ) (esistenza dell'elemento inverso) An ora la 1p e la de.

5p seguono immediatamente dalla de.nizione. la 2p. 4p.

mentre la dimostrazione della 3p ri hiede un po' di lavoro ed e las iata al lettore.nizione. 5p se 6= 0 9. An he il prodotto sul sottoinsieme dei razionali oin ide on quello gia noto.

: .

= 1 (.

Per R valgono an he le seguenti proprieta he sappiamo valere per Q . . 1d 8 . = Altre proprieta.

Æ 2 R si ha (. .

+ Æ) = .

1d e hiamato ampo. Un insieme dotato di due operazioni he soddisfano le proprieta 1s. e un ampo. 1p. 5s . : : : .N e Z non lo sono. Q . l'insieme dei razionali. . : : : :5p . + Æ (proprieta distributiva del prodotto rispetto alla somma). Abbiamo gia introdotto un ordinamento su R he gode delle sue seguenti proprieta 1o 8 .

2 R vale una e una sola delle seguenti relazioni: <.

. =.

>. .

2o Se  .

e .

 allora  . . Valgono inoltre le due seguenti proprieta he legano l'ordinamento alle operazioni sopra introdotte: 1os Siano .

. 2 R allora da > .

segue + > .

+ : 1op Se > .

e > 0 allora > .

De. .

2o. 1os e 1op viene detto ampo ordinato.nizione 15 Un ampo per ui valgono an he le 1o. .

R e dunque un ampo ordinato he gode della proprieta dell'estremo superiore. IL CAMPO REALE Quindi R e un ampo ordinato. ma si potrebbe dimostrare he.10 CAPITOLO 1. Le proprieta 1o e 2o sono di dimostrazione immediata mentre 10s e 1op si dimostrano fa ilmente. "a meno di isomor. tenendo presente he valgono per Q . an he esso ampo ordinato. Non lo faremo.

Cio assi ura he tutte le diverse ostruzioni dei numeri reali portano sostanzialmente allo stesso ampo ordinato.smi". in Q non vale la proprieta dell'estremo superiore. ome vedremo subito. S egliamo un Æ > 0 on Æ < min fh. dunque dovra a adere he o 2 > 2 oppure 2 < 2. non puo essere 2 = 2. 1g e poniamo . Come abbiamo ri ordato nell'introduzione. Supponiamo per assurdo he esista 2 Q on = sup A. esiste un uni o ampo ordinato (non ridotto al solo elemento 0) he gode della proprieta dell'estremo superiore. Mostreremo he in entrambe i asi si arrivera ad un assurdo . Come avevamo gia anti ipato la di erenza essenziale tra R e Q e he. Supponiamo 2 > 2 e sia h = 2 2 > 0. he non ammette estremo superiore in Q : Sia A = fa 2 Q : a > 0 e a2 < 2g A non e vuoto poi he 1 2 A ed e limitato superiormente poi he a 2 A ! a < 2. se e razionale. Per questo basta mostrare he esiste un sottoinsieme A  Q . on A non vuoto e limitato superiormente.

Chiaramente . = 4Æ > 0.

< . .

2 Q e Æ 2 Æ Æ 2 ) = 2 + > 2 Æ > 2 2 + 2 = 2 4 2 4 Dunque .

e un maggiorante di A e .

< ontro l'ipotesi he fosse l'estremo superiore di A. Sia ora 2 < 2 e h = 2 2 > 0. S egliamo un Æ > 0 on Æ < minf h8 . 1g e sia .

Chiaramente . = + 8Æ > 0.

. > .

2 Q e .

2 = ( 2Æ Æ 2 Æ Æ Æ + < 2 + + = 2 + Æ < 2 + h = 2 .

2 = ( + )2 = 2 + 8 8 64 2 2 Dunque + 8Æ 2 A ed essendo < + 8Æ non e un maggiorante di A . Ora. Vale infatti il seguente Teorema 16 Fissato un intero n  1 ed un numero > 0 esiste un uni o numero . Dunque siamo arrivati ad un assurdo. mostriamo he in R si risolve fa ilmente il problema della radi e n-esima. on l'aiuto del Teorema 9.

> 0 tale he .

tale . n = .

Dimostriamo dapprima l'uni ita della radi e n-esima assoluta. viene hiamato radi e n-esima assoluta di Dimostrazione. Fissati ed n supponiamo per assurdo he esistano due numeri reali .

1 e .

2 on (.

1 )n = (.

2 )n = : Supponendo .

1 < .

2 otteniamo (.

1 )n < (.

. 2 )n . Dimostriamo ora l'esistenza della radi e n-esima assoluta. assurdo.

infatti (1 + )n > 1 + > 1+ dunque 1 + e un maggiorante dell'insieme A. Supponiamo quindi n  2 e sia A = fa 2 R : a > 0 . DEFINIZIONE DEL CAMPO REALE Se n = 1 il Teorema e ovvio. an < g Osserviamo he l'insieme A non e vuoto.11 1. infatti poi he il numero e minore di 1 si 1+ ha   n  < 1+ 1+ e quindi 2 A: L'insieme A e limitato superiormente. Sia .2.

= sup A. un tale .

esiste per il Teorema 9. Mostreremo he .

n = fa endo vedere he non puo essere .

n > o .

n < . Sia per assurdo .

S egliamo un Æ on 0 < Æ < 1 abbastanza pi olo in modo tale he si veri. n > .

hino le seguenti ondizioni .

n : Æ<.

0<Æ< (1 + .

)n .

n Ora .

> .

n! n ri ordando he = k! (n k)! k Æ )n = . per la formula dello sviluppo del binomio (si veda l'Introduzione). Æ > 0e.

n + (.

.

n n X k=1 Æk .

n k n k n X ( 1)k Æ k .

n k=1 n X > .

n Æ k=1 .

n k k n k n k > Æ f(1 + .

)n .

n g > : = .

n Quindi .

Æ e un maggiorante minore di .

assurdo. . .

Se inve e fosse .n .

s egliamo un Æ on 0 < Æ < 1 e Æ < (1 + . n < .

)n .

n Operando ome in pre edenza si ha (.

+ Æ )n = .

n + .

n + Æ n X k=1 .

n k n k n X k=1 Æk.

n k n k <  .

n + Æ f(1 + .

)n .

ng < Quindi .

+ Æ 2 A e dunque .

il numero . assurdo. Non stiamo qui a ri hiamare p le proprieta delle radi i. non e un maggiorante della lasse A.

Il se ondo simbolo non genera equivo i in quanto le radi i godono delle stessep propriet pa formali delle potenze. dato dal Teorema 9 si indi a an he on il simbolo n ed an he on 1=n . senza possibilita di equivo o il valore omune potra essere indi ato an he ol simbolo m=n : Sino ad ora abbiamo de. e immediato vedere he per ogni intero positivo m si ha n m = ( n )m .

nito m=n on mn razionale e positivo. di de. Questo i permette. ome vedremo.

nire an he .

per ogni .

2 R: .

IL CAMPO REALE De.12 CAPITOLO 1.

nizione 17 Sia  1 e sia .

l'insieme A = f q on 0 < q  . > 0.

. si pone allora . q 2 Qg e non vuoto ed e limitato superiormente.

= sup A : Se inve e 0 < < 1. e .

> 0 si pone .

se . = inf A : Per ogni > 0.

< 0 si pone .

= 1 .

essendo il se ondo membro de.

nito in pre edenza. In.

ne se .

per ogni > 0. per de. = 0 si pone.

Osserviamo he gli esponenziali .nizione 0 = 1.

sopra de.

niti on e .

> 0. godono di tutte le proprieta usuali delle potenze. De. reali.

nito l'esponenziale si puo introdurre per ogni oppia di numeri reali positivi a. La de. b on a 6= 1 il on etto di logaritmo in base a di b denotato on loga b .

nizione e la seguente: y = loga b () ay = b : Vale infatti il seguente Teorema (di esistenza del logaritmo) Teorema 18 Per ogni a > 0. a 6= 1 .

ed ogni b positivo .ssato.

ssato l'equazione ay = b ha sempre un'uni a soluzione Per la dimostrazione. vi e solo al une varianti te ni he on ernenti l'uso di opportune maggiorazioni. z > 0 logb y logb a Terminiamo questa breve trattazione dei numeri reali on al une proprieta del ampo reale he i torneranno utili in seguito. si pro ede ome nella dimostrazione dell'esistenza della radi e. a 6= 1. he non riporteremo. x. Dalle proprieta degli esponenziali seguono immediatamente le prin ipali proprieta dei logaritmi gia ri hiamate nell'Introduzione. ioe se b > 0 e b 6= 1 loga (x  z ) = loga x + loga z loga (x=z ) = loga x loga z loga y = 8a > 0. .

13 1.2. DEFINIZIONE DEL CAMPO REALE Teorema 19 (di densita) Dati due numeri reali e .

tra e .

esistono in.

niti numeri razionali e in.

niti numeri irrazionali. Dimostrazione. Supponiamo < .

. Per dimostrare il Teorema bastera far vedere he tra e .

esistono sempre un razionale r e un irrazionale i. r) e ( . Poi he poi il pro edimento puo essere iterato negli intervalli ( . i). Sia 0 < < .

mostriamo per prima osa he esiste un razionale r tale he < r < ..

Siano e . .

rappresentati on allineamenti de imali non di periodo 9: = 0 . 1 : : : n : : : .

= .

0. .

1 : : : .

n : : : Se .

0 > 0 . ne essariamente per qual he k  0 si ha 0 = .

0 . 1 = .

1 . : : : . k 1 = .

k 1 e k < .

allora il numero razionale er ato e 0 . k inoltre esiste un n0 > k on n0 6= 9. 1 : : : k 1 k : : : ( n0 + 1): Cer hiamo he p ora un irrazionale i ompreso tra e .

Poi h e 10 10 n1 2 < . . Sia n1 un intero positivo tale n1 p2 e in pre edenza.

dovep r e il numero razionale trovato p irrazionale (essendolo 2) il numero i = r + 10 n1 2 e un numero irrazionale ompreso tra e . r .

. Osservazione 20 Dalla dimostrazione segue an he he tra due numeri reali esistono in.

niti numeri de imali .

niti. .

14 CAPITOLO 1. IL CAMPO REALE .

Il piu sempli e appro io alle idee ed ai metodi del al olo in.1 Introduzione.Capitolo 2 Su essioni. 2.

nitesimale. in parti olare al fondamentale on etto di limite. ioe dalle funzioni de. e ostituito dalle su essioni.

nite sugli interi. Il dominio di queste funzioni ha in.

De. Guardando in prospettiva questo insieme pero. sembra he i suoi punti si a umulino verso un punto molto lontano (ma inesistente).niti elementi distinti e lontani l'uno dall'altro di almeno una unita.

3. a1 .    . questa viene di solito indi ata on uno dei simboli fan g fan gn2N fang1n =0 ff (n)gn2N0    A volte puo essere utile s rivere espli itamente i primi termini di una su essione he viene allora indi ata nel modo seguente: a0 . 2.nizione 21 Sia N 0 = f0. f (n). 1.    Il termine an di una su essione (e quindi la su essione) puo essere de. a2 . L'elemento di A orrispondente all'intero n. : : : g l'insieme degli interi non negativi ed A un insieme qualsiasi (non vuoto). an . viene usualmente denotato on an ed e hiamato il "termine n-esimo" (o di "indi e n") della su essione. Ogni orrispondenza f he assegni ad ogni elemento di N 0 un elemento di A si di e su essione.

nito da una formula espli ita oppure assegnando una regola he permetta. di ottenere an in funzione dei pre edenti: in questo aso si di e he la su essione e de. una volta noti i primi termini.

10 e 11 alla .nita per ri orrenza (si vedano gli esempi 9.

anzi se A e un insieme . Si osservi he non e detto he gli an siano elementi di A tutti distinti tra loro.ne del paragrafo).

nito deve ne essariamente esser i almeno un elemento di A ripetuto in.

nite volte. 15 .

Nei asi parti olari A = omplesse. an = n 1 n+1 3.16 CAPITOLO 2. an = 1 + 7. an = (2 + ( 1)n )n  1 n 6. a0 = x. an = 4. a0 = a1 = 1. R e A = C si parla di su essioni reali e di su essioni Esempi di su essioni reali e omplesse: 1. SUCCESSIONI. a0 = 1. an = 8. an = per n  1 1 (k + 2)(k + 1) Xn k=0  Yn n k=0 1 9. an+1 =  1 2 an + x an  1 per n  1 (x > 0 . an = ( 1)n 2. k  1 +2 an+1 = an + an 10. an = ( n)n+1 5.

an = (1 + i)n 15. an = n + ( 1)n 2 13. an+1 = (n + 1)an 12. an = (i)n 14. an = Xn k=0 xk (x 2 C . a0 = 1.ssato) 11.

per ridurre al minimo le diÆ olta iniziali i limiteremo a onsiderare il aso reale.2 Su essioni reali. Sebbene la maggioranza dei on etti he introdurremo nel presente apitolo e nel prossimo possano essere estesi a situazioni piu generali (ad esempio il ampo omplesso).ssato) 2. Premettiamo al une de.

nizioni he mettono in evidenza erte importanti aratteristi he delle su essioni. .

2. SUCCESSIONI REALI.17 2. De.

ioe se e possibile determinare un numero positivo K tale he j an j K per ogni n. E immediato veri.nizione 22 Una su essione reale fan g si di e limitata se l'insieme numeri o dei valori da essa assunti e limitato.

5. 9 e 14 non lo sono. negli esempi pre edenti. 4. 3 e 8 sono limitate mentre 1. De. le su essioni 2. are he.

nizione 23 Una su essione reale fan g si di e monotona non de res ente se an+1  an per ogni n. In maniera analoga si de.

la su essione si dira strettamente res ente (strettamente de res ente). Nel aso in ui risulti. an+1 > an (an+1 < an ). per ogni n. Piu generi amente diremo he una su essione e monotona se e veri.nis e il on etto di su essione non res ente.

. e la 8. e 5 non hanno al una proprieta di monotonia. 11. 4. e 12 sono monotone non de res enti mentre la 1 e la 7 sono strettamente res enti. Nel seguito diremo he una su essione ha de. ma non vi e-versa). sono strettamente de res enti. mentre le 3. La 2. Negli esempi pre edenti le su essioni 9. ata almeno una delle proprieta pre edenti (e ovvio he ogni su essione res ente e an he non de res ente.

a +n . a +1 . : : : abbia la proprieta in questione. di iamo he fan g e de. ioe se esiste un indi e  tale he la nuova su essione a .nitivamente una erta proprieta se questa proprieta vale "da un erto posto in poi". Per esempio se la disuguaglianza an+1 > an vale per tutti gli n maggiori di un erto indi e  . a +2 . : : : .

nitivamente res ente. Le su essioni non de res enti 9 e 11 sono de.

Le su essioni 1 e 2 sono de.nitivamente res enti. mentre la 12 non lo e.

puo apitare he f (n) non sia de. assegnando una su essione an = f (n) tramite una espressione analiti a. minore di 1=100: Osserviamo inoltre he.nitivamente maggiore di 100 e. rispettivamente.

questo non reera problemi per i on etti e le questioni he i interesseranno. ome vedremo nel seguito. onsidereremo la su essione fan g senza stare a pre isare espli itamente he essa sia de.nita per al uni valori di n (per esempio an = 1= log n). Poi he.

he verra spesso utilizzata nel seguito De.nita da un erto posto in poi. Con ludiamo on la nozione di sottosu essione.

nizione 24 Data una su essione fan g. . sia fnk g = fn(k)g una su essione res ente di interi positivi. La nuova su essione fbk g = fank g = fan(k) g viene detta sottosu essione di fan g (o an he su essione parziale o su essione estratta).

il on etto di onvergenza. nel aso piu sempli e delle su essioni reali. Per esempio la su essione dei numeri pari e una sottosu essione di quella degli interi. 2. he sta alla base di tutta la Analisi Matemati a.18 CAPITOLO 2.3 Limiti In questo paragrafo introdurremo. SUCCESSIONI. la su essione 13 ammette una sottosu essione a valori reali. Saranno altres dimostrate al une sempli i proprieta delle su essioni onvergenti. De.

1) Di iamo ioe he una su essione onverge se e possibile trovare un numero reale ` on questa proprieta: omunque si .nizione 25 La su essione fan g onverge se esiste un numero ` tale he 8" > 0 9 =  (") tale he n   )j an ` j< ": (2.

ssi un intervallo entrato in ` la su essione ade de.

In questo aso di iamo an he he fan g onverge (o tende) a ` per n tendente all'in.nitivamente in questo intervallo.

nito. per n tendente all'in. o he ` e il limite.

o an ! `. omettendo "per n ! +1". Nel aso delle su essioni infatti. di an . e si di e. e s riviamo lim a n!1 n = `. oppure an ! ` per n ! +1: A volte si s rive.nito. ontrariamente ad altri asi he vedremo in seguito. e ragionevole de. lim an = `. piu brevemente.

nire solo il limite per n tendente all'in.

nito. La de. la disuguaglianza j an ` j< " e equivalente a ` " < an < ` + " . Osservazione 26 Nel aso reale.

nizione di limite si puo enun iare an he di endo: an ! ` per n ! +1 se. .

ssato arbitrariamente " > 0. i termini della su essione appartengono de.

per l'osservazione Esempi: 1 ! 0 per n ! 1.nitivamente all'intervallo (` ". Osservazione 27 an ! 0 se e solo se j an j! 0. se e solo se j an ` j! 0: `) ! 0 e quindi. . Osservazione 28 an ! ` se e solo se bn = (an pre edente. ` + "). Infatti.

la ondizione (2.1) e veri.ssato " > 0 s egliendo n  1 = + 1 ([ ℄ = parte intera di ).

an = . " 1. ata.

LIMITI   1 ! 0 per n ! 1.3. . Infatti.19 2.

1) e veri.ssato " > 0 s egliendo 2. an = log2 1 +   n 1 = " + 1 la ondizione (2.

2 1   1 3. ata. Infatti. an = log10 100 + ! 2 per n ! 1. .

ssato " > 0 s egliendo n   1 + 1 la ondizione (2.1) e veri.

ata. = 100(10" 1) Dalla pre edente de.

Supponiamo he esistano (almeno) due valori distinti `1 ed `2 he soddis.nizione si ottiene immediatamente l'importante Teorema 29 Se fan g onverge. Dimostrazione. il suo limite e uni o.

no (2.1). ioe tali he. omunque .

S elto.  2 (")g.ssato " > 0 9 1 =  1(") tale he n   1 )j an `1 j< " 9 2 =  2(") tale he n   2 )j an `2 j< " e supponiamo `1 < `2 . ad esempio. " = 31 (`2 `1 ) sia  = maxf 1 ("). Per ogni n   deve essere `1 " < an < `1 + " < `2 " < an < `2 + " assurdo. L'osservazione he segue dis ende dalla de.

: : : . Sia M = Max fj a0 j.nizione di onvergenza e dalla uni ita del limite: Osservazione 30 Ogni su essione fan g onvergente e limitata. Infatti sia ` il limite di fan g. j a1 j. j ` j +1g : Ovviamente j an j M per ogni n. A anto al on etto di onvergenza e utile porre quello di divergenza: De. S egliamo " = 1 e sia  =  (1). j a j.

nizione 31 La su essione fan g diverge a +1 se 8K > 0 9 =  (K ) tale he n   =) an > K: (2.2) .

In questo aso s riviamo lim a n!1 n = +1. SUCCESSIONI.20 CAPITOLO 2. oppure an ! +1 per n ! +1: Cos ome la onvergenza e aratterizzata dal fatto he la su essione ade de.

si ottiene una aratterizzazione della divergenza ponendo la ondizione he la su essione superi de.nitivamente in intervalli arbitrariamente pi oli.

nitivamente ogni barriera. vale la De. per la divergenza a 1. Analogamente. per quanto grande essa sia stata posta.

nizione 32 La su essione fan g diverge a 1 se 8K > 0 9 =  (K ) tale he n   =) an < K: (2. h p i 1.3) Qui s riveremo lim a n!1 n = 1. oppure an ! 1 per n ! +1: Esempi. an = n2 ! +1: Infatti .

2) e veri.ssato K > 0 basta s egliere  = K + 1 e la (2.

  1 2. ata. an = log10 ! 1: Infatti .

3) n e veri.ssato K > 0 basta s egliere  = 10K + 1 e la (2.

inoltre poi he non puo essere limitata essa non puo nemmeno onvergere. ata. Osservazione 33 Chiaramente una su essione divergente a +1 non puo divergere an he a 1 (e vi eversa). Chiameremo regolari le su essioni he ammettono limite .

nito od in.

Dall'osservazione pre edente e dal Teorema 29 segue he ogni su essione regolare ammette un uni o limite. . irregolari od os illanti le altre.nito.

nito o in.

) Se fan g onverge ad un limite diverso 1. fan g ha de. se non onvergono a zero. Per le su essioni regolari.nito. vale il Teorema 34 (Della permanenza del segno. E inoltre immediato vedere he ogni sottosu essione di una su essione regolare e regolare e ne onserva il limite.

nitivamente segno ostante (quello del da zero o se diverge a +1 o a proprio limite). .

LIMITI Dimostrazione.21 2. an e de. Se si s eglie " = `=2. Sia quindi lim an = ` e supponiamo ` positivo. L'enun iato e ovvio nel aso delle su essioni divergenti.3.

al una permanenza di segno. ( 1)n La su essione . he tende a zero. in n generale. mostra he per ` = 0 non si puo assi urare.nitivamente maggiore di `=2: Nel aso ` negativo si pro ede allo stesso modo. an = ( n)n : E immediato onstatare he ognuna di esse ha in. an = sin(n=2). Riportiamo tre esempi di su essioni irregolari: an = ( 1)n .

niti termini positivi e in.

A volte e possibile dare una des rizione migliore dell'andamento di una su essione aÆnando ome segue le de. Si osservi he nel primo e nel terzo aso fjan jg e regolare. per il teorema della permanenza del segno. E inoltre ovvio he zero non puo essere il limite di nessuna di queste su essioni. nessuna puo ammettere limite diverso da zero. quindi.niti termini negativi.

De.nizioni di limite gia introdotte.

o an he nlim !1 an = ` . La pre edente de.nizione 35 La su essione fan g onverge ad ` per difetto se 8" > 0 9 =  (") tale he n   ) ` " < an  `: (2.4) In questo aso s riviamo an ! ` per n ! 1.

mantenendosi de.nizione esprime il fatto he la su essione fan g tende ad `.

a zero Per esempio le su essioni n n n per e esso. rispettivamente. divergente od irregolare. a uno per difetto e a zero senza verso determinato ( ioe ne per difetto ne per e esso). inoltre posto bn = a +n ( intero . . Osservazione 36 Il arattere di una su essione. Si osservi he `+ ed ` non sono due nuovi numeri reali. Analogamente si di e he an ! `+ quando 8" > 0 9 =  (") tale he n   ) `  an < ` + ": (2.nitivamente minore o uguale ad `. ioe l'essere onvergente. ma due simboli he stanno ad indi are il verso di onvergenza al numero `.5) 1 n 1 ( 1)n . sono onvergenti. non dipende dai suoi primi termini.

ssato). le due su essioni fan g e fbn g hanno lo stesso arattere. .

Per esempio le su essioni 1. on abuso di linguaggio. :::. ::: hanno. l'osservazione pre edente si esprime di endo he "aggiungendo o togliendo un numero . Qual he volta. 103. 2. 102. ::: 100 + n.22 CAPITOLO 2. ::: 101. ovviamente. lo stesso arattere. n. SUCCESSIONI. 3.

4 Su essioni monotone. In parti olare le su essioni monotone ostituis ono una importante lasse di su essioni regolari. Poi he fan g e monotona per ogni n   e S " < a  an  S: Se inve e fan g non fosse limitata superiormente. e non si ambia il arattere di una su essione operando una traslazione sugli indi i. Se fan g e limitata superiormente allora onverge. per difetto. Naturalmente an he il limite. 2. Come vedremo in diverse o asioni le proprieta di monotonia hanno una grande rilevanza nell'Analisi Matemati a. Se fan g non e superiormente limitata diverge a +1. Dimostrazione. . se esiste. non ambia. Supponiamo dapprima he fan g sia limitata.nito di termini ad una su essione non se ne ambia il arattere". ome segue dal Teorema 37 Sia fan g una su essione non de res ente. all'estremo superiore dei valori da essa assunti. Posto S = Supfak : k 2 Ng mostriamo he lim an = S : Sia " > 0: Per la proprieta aratteristi a dell'estremo superiore esiste almeno un indi e  tale he a > S ".

per e esso. In modo del tutto analogo si dimostra il seguente Teorema 38 Sia fan g una su essione non res ente. Allora (an ora per la monotonia) per ogni n   risulterebbe an  a > K . Quindi nlim !1 an = +1. I due teoremi pre edenti si adattano an he alle su essioni de.ssato arbitrariamente un numero positivo K sarebbe possibile determinare almeno un indi e  tale he a > K . Se fan g e limitata inferiormente allora onverge. all'estremo inferiore dei valori da essa assunti. Se fan g non e inferiormente limitata diverge a 1. Osservazione.

. nel senso he il limite esiste.nitivamente monotone.

nito o in.

nito. .

2 2n 9 1+n 1 + (n 10)2 sono de. .4. Infatti sia. Si vede fa ilmente he lim a = Supfak : k >  g e non e detto he questa quantita oin ida on Supfak : k 2 Ng. SUCCESSIONI MONOTONE. fan g res ente per n >  . per esempio. n!1 n Per esempio le su essioni n 10 1 1 .23 2.

nitivamente de res enti ma solo l'ultima onverge all'estremo inferiore dei valori assunti. Osserviamo in.

ne he non e detto he una su essione onvergente o divergente on verso determinato sia monotona. nemmeno de.

an = n + ( 1)n  10: n Mostriamo ora on un esempio ome per su essioni date per ri orrenza la eventuale monotonia possa essere una proprieta estremamente utile per stabilirne il arattere e. 1 + ( 1)n . an+1 = 2 E immediato veri. Sia a0 = 0. 1 + an .nitivamente. per al olarne il limite. qualora siano regolari. ome mostrano i seguenti esempi.

da io segue he fan g e monotona res ente. monotona de res ente. a= Appli azioni. Poi he fan+1 g e fan g hanno lo stesso limite. ome osservato nell'Introduzione. Come appli azione dei teoremi sulla monotonia ri averemo al uni importanti limiti riguardanti le funzioni esponenziali e logaritmi he he. risultano strettamente monotone nel loro insieme di de. tende ad un limite a  1. Quindi fan g. are per induzione he an < 1. si sarebbe ottenuto una su essione positiva. res ente e limitata. an ora on limite 1. utilizzando le proprieta dei limiti he vedremo nel Capitolo sulla ontinuita segue immediatamente he deve sussistere la relazione an = 1+a da ui a=1 2 se nella su essione pre edente si fosse posto a0 = 3.

Per dimostrare ii).nizione. allora n i) nlim !1 a = +1 ii) nlim !1 loga n = +1 Sia 0 < b < 1. Proposizione 39 Sia a>1. Nel aso a > 1 le su essioni an e loga n sono res enti. Posto a = 1 + " ( on " > 0). basta osservare he se fosse loga n < K (per qual he K . allora n i0 ) nlim !1 b = 0 ii0 ) nlim !1 logb n = 1 Dimostrazione. da ui i). basta quindi dimostrare he non sono limitate. si ha an = (1 + ")n > 1 + n" e quest'ultima quantita non e limitata rispetto ad n.

e si avrebbe un assurdo. allora sarebbe n < aK .ssato e per ogni n). . sempre per ogni n.

assurdo per Proposizione 39. Poi he xn ! +1. e sia xn ! +1. esiste un intero  per ui si ha = 1 "<a 1 < a1= < 1 + ": Sia ora fyn g una qualsiasi su essione tendente a 0: Allora esiste un n per ui. per quanto detto sopra. a > 1 e tenendo onto dell'Osservazione 46 iv0 ). e 1= < yn < 1= . allora lim axn = a` : n!1 Se inoltre a 6= 1 e ` > 0 nlim !1 loga xn = loga `: Dimostrazione. !1 b = 0 Dimostrazione. per ogni n > n . i) Fissato M > 0.: a Piu in generale si puo dimostrare la Proposizione 40 Sia a > 1. La su essione a1=n e de res ente e maggiore di uno. per la Proposizione 1. e possibile determinare un intero  per ui a > M . In modo analogo si vede he a 1=n ! 1 ( res endo).24 CAPITOLO 2. e sia xn ! ` (` 2 R). Proposizione 41 Sia a > 0. per n > n . Supponiamo he sia a > 1 ed ` = 0: Mostriamo dapprima he a1=n ! 1. si ha 1 "<a = 1 < ayn < a1= < 1 + ": Se a > 1 ed ` 6= 0 i si ri ondu e al aso pre edente onsiderando l'uguaglianza axn a` = a` (axn ` 1) e ponendo xn ` = yn. Si ha dunque he. Per dimostrare la se onda parte osserviamo he loga xn loga ` = loga (xn =`): . La ii0 ) si ottiene dalla ii) on un ambiamento di base mentre la i0 ) si ottiene dalla i) 1 ponendo b = . per n > n . allora xn i) nlim !1 loga xn = +1 !1 a = +1 ii) nlim Sia 0 < b < 1. si avrebbe a1=n > !. ioe !n < a. allora xn ii') nlim i') nlim !1 logb xn = 1. axn > a > M . Se il suo limite ! fosse maggiore di uno. esiste un n per ui xn >  per ogni n > n . In modo analogo si dimostrano gli altri punti. da ui i). da ui. SUCCESSIONI. La dimostrazione nel aso a < 1 e identi a alla pre edente. Fissato " > 0.

2. x n ! ` : Se xn ! 0.5. CRITERI DI CONVERGENZA E DI DIVERGENZA. per esempio. Se xn ! ` 6= 0. 25 Posto xn =` = yn . x n Se xn ! +1. Si ha inoltre il seguente utile Corollario 42 Sia fxn g una su essione a termini positivi e sia 6= 0. onsiderando questa volta le su essioni 1  1=n. almeno de. espressa dal Teorema 43 (del Confronto) Siano fan g. x n  se > 0 se < 0:  se > 0 se < 0: ! 0+1 ! +0 1 Basta s rivere. f n g tre su essioni (reali) tali he.2. x n nella forma 2 log2 xn ed appli are le proposizioni pre edenti. Diamo ora al uni riteri di onvergenza per su essioni generi he. Dimostrazione. dobbiamo solo dimostrare he se yn e una su essione tendente ad 1 allora log yn ! 0: Come nel aso pre edente. si dimostra he log yn onverge e he il suo limite e 0. Per stabilire il arattere ed eventualmente il limite di una su essione reale e di fondamentale importanza la seguente osservazione. fbn g.5 Criteri di onvergenza e di divergenza.

nitivamente an  b n  n : Se fan g e f n g onvergono allo stesso limite. Sia lim an = lim n = ` (. allora fbng onverge e lim a n!1 n = nlim !1 bn = nlim !1 n Se an ! +1 allora an he bn ! +1: Se n ! 1 allora an he bn ! 1: Dimostrazione.

Fissato " > 0 siano  1 (") e  2 (") tali he n   1 ) ` " < an < ` + " n   2 ) ` " < n < ` + " Per n  maxf 1 .nito).  2 g si ottiene ` " < an  bn  n < ` + ": .

allora sin "n ! 0: Infatti vale la disuguaglianza 0 j sin "n jj "n j. Le dimostrazioni degli altri due asi sono ovvie e pro edono in modo analogo. 1.26 CAPITOLO 2. Piu in generale. se an ! . SUCCESSIONI. Esempi. bn =j sin "n j e n =j "n j. Sia f"n g una su essione tendente a zero. Infatti 0  jsin an sin j . Posto an = 0 (per ogni n). poi he j "n j! 0. per il riterio del onfronto j sin "n j! 0 e quindi sin "n ! 0 (si veda l'Osservazione 27). an he sin an ! sin .

.

a + = 2 .

.

os n 2 .

.

.

.

a .

.

a .

.

 2 .

.

sin n  jan j : sin n .

2 2 .

Sia ora f"n g una su essione mai nulla e onvergente a zero. In modo analogo si dimostra he se an ! . 2. Posto an  0 e bn = jan j per l'Osservazione (28) segue l'asserto.6) Infatti se 0 < x < =2. onsiderando nella . Allora sin "n "n ! 1: (2. an he os an ! os .

da ui sin x < 1: os x < x Si osservi he l'ultima disuguaglianza vale an he quando =2 < x < 0. OT P e del settore ir olare OSP . poi he os x sin x non dipendono dal segno di x.gura le aree dei triangoli OSP . risulta sin x < x < tg x . e x Allora avremo de.

nitivamente sin "n < 1: "n Dal riterio del onfronto segue quindi l'asserto. os "n < Usando ora ome su essione di onfronto la progressione geometri a fqn g (si veda la Proposizione 39). si ottengono i seguenti riteri di onvergenza a zero e di divergenza he risulteranno parti olarmente signi.

se risulta de. Data una su essione fan g. Criterio della radi e. ativi quando parleremo delle serie.

nitivamente se risulta de.

n!1 n lim ja j = +1. n!1 n .nitivamente p n a n p n a j j  q < 1. allora allora lim a = 0. j nj  q > 1.

5. Dimostrazione.27 2. CRITERI DI CONVERGENZA E DI DIVERGENZA. La dimostrazione e immediata osservando he. nel primo aso si ha de.

nitivamente jan j  qn . mentre nel se ondo risulta de.

Esempio. n 3 1 p Infatti n an =  per n  6: n 2 Criterio del rapporto. n 3 an = tende a zero per n ! +1.nitivamente jan j  qn . Data una su essione fan g a termini de.

nitivamente diversi da zero. .

.

.

an+1 .

.

 q < 1 allora lim an = 0 se risulta de.

nitivamente .

.

.

n!1 a n .

.

.

a .

se risulta de.

nitivamente .

.

n+1 .

.

 q > 1 allora nlim !1 jan j = +1. .

an .

.

.

Sia . Dimostrazione.

.

an+1 .

.

 q per n   . sempre per n   . Allora. an .

.

.

.

.

an .

.

a +1 a +2 an 1 an .

.

n  .

.

=.

 a a .

 q .

a .

.

per il q riterio del onfronto an ! 0: Nel aso q > 1 la dimostrazione e analoga. poi he l'ultimo termine della disuguaglianza tende a zero. Esempio.7) n! p n . n! 10 10 a < se n > 10: Infatti risulta n+1 = an n + 1 11 Nello stesso modo si puo vedere he per ogni A > 0 risulta An ! 0: (2. 10n an = ! 0 per n ! +1. a a    +1 n 2 n 1 ja j da ui jan j   qn e.

.

.

an+1 .

.

.

.

a .

dalla de. di jan j oppure di n se 0   < 1 an ! 0. (q e il punto medio tra 1 e ). Nel aso (parti olare) in ui esiste il limite. +1 .. mentre se  > 1 jan j ! 1. Osservazione. .

nizione di limite segue Infatti. posto q = 2 .

.

p .

an+1 .

n .

)  e de.

se  < 1 la su essione jan j (oppure .nitivamente immediatamente he.

.

an .

minore di q < 1. mentre se  > 1 e de.

. la se onda tende a zero. ma la prima diverge.nitivamente maggiore di q > 1: Se inve e  = 1 nulla si puo dire a priori del omportamento di an . la terza onverge a 3 e la quarta os illa. 3+ e f2 + ( 1)n g : n an ! 1 n n in tutti i asi.     1 1 p Basta infatti onsiderare le su essioni fng . .

Allora i) an + bn ! A + B iii) an  bn ! A  B ii) an bn ! A B A a iv) n ! .6 Teoremi fondamentali per il al olo dei limiti. e si ostruis ono in modo analogo la su essione prodotto. si puo dedurre il arattere e l'eventuale limite della su essione f n g. esponenziale. pur he B 6= 0 bn B Dimostrazione.28 CAPITOLO 2. Comunque si . dal omportamento di fan g e fbng. Vale il Teorema 45 Siano fan g e fbn g due su essioni onvergenti rispettivamente ad A e a B . SUCCESSIONI. In questo paragrafo saranno presentati gli strumenti di base per a rontare il al olo dei limiti. 2. le operazioni dell'algebra elementare. quoziente. Sia dato " > 0. Date due su essioni fan g e fbn g si possono ostruire. nuove su essioni. Esempio 44 Sia A > 1 ed > 0. mediante operazioni elementari. allora an = n n ! 0: A   a n+1 1 1 Infatti risulta n+1 =  ! < 1: an n A A Ulteriori importanti appli azioni dei riteri pre edenti saranno date in seguito. e . Ci poniamo il problema di stabilire se. Iniziamo on i asi piu sempli i. Per esempio la su essione f n g somma delle due pre edenti e ottenuta ponendo n = an + bn .

per ogni n   j an A j<  j bn B j< : Per dimostrare i) ed ii) s egliamo  = "=2: Allora. per n   si ha j (an + bn) (A + B ) jj an A j + j bn B j< ": Proviamo iii): poi he bn onverge. janbn AB j  janbn Abnj + jAbn AB j = = jbn j jan Aj + jAj jbn B j   M jan Aj + jAj jbn B j   (jAj + M ) : Se si e . risulta j bn j M per qual he M > 0: S riviamo allora.ssi  > 0 e possibile trovare  =  ( ) tale he sia. per ogni n. ontemporaneamente.

avendo dimostrato iii). Per dimostrare iv). . e suÆ iente vedere he 1 bn ! B1 .ssato  < " j A j +M si ottiene l' asserto.

6. . TEOREMI FONDAMENTALI PER IL CALCOLO DEI LIMITI. per n   1 sia j bn j Fissato ora  > 0 e possibile trovare un  >  1 per ui.29 2. per ogni n >  sia Si ha dunque. per n > . Si ome B 6= 0 e possibile s egliere  1 in modo he.

.

1 .

.

b n .

1 .

.

j bn B j = B.

j bn B j .

.

.

B.

.

.

.

2.

2 La seguente osservazione mostra ome i risultati pre edenti possano essere estesi a asi piu generali. > 0: j bn B j< .  B2 : 2 "B 2 si ottiene l' asserto. per esempio quando uno dei limiti e in.

nito. se si e .

ssato  < Osservazione 46 i') Se fan g diverge e fbn g e limitata allora fan + bn g e fan bn g divergono. i") Se fan g diverge e fbn g (limitata o no) ha de.

nitivamente lo stesso segno di fan g. iii') Se an ! 0 e fbn g e limitata allora an  bn ! 0: iii") Se an ! 1 e bn > " > 0 allora an  bn ! 1: 1 ! +1: iv') Se an ! 0+ e an 6= 0 8n allora an 1 iv") Se an ! 1 allora ! 0 (0+ o 0 in a ordo ol segno dell'in. fan + bng diverge.

. la i'). le s ritture pre edenti possono essere utilizzate solo per sintetizzare una situazione oinvolgente un pro edimento di limite. proponendo una suggestiva aritmetizzazione parziale del tipo +1  K = +1 oppure 1=1 = 0. an Dimostriamo. Supponiamo he an ! +1 e he sia j bn j M per ogni n. Si notip he bn = sin(1=n) ! 0.    . pur he le operazioni algebri he oinvolte. Questa "aritmetizzazione parziale" non puo essere ulteriormente forzata. Fissato K sia  tale he per ogni n   risulti an > K + M . ma an = n ! +1. 1=0+ = +1. nel aso del quoziente. Allora. Esamineremo ora sistemati amente queste situazioni. Se ponessimo inve e an = n2 oppure an = n si avrebbe an  bn ! 1 o. siano possibili. se n >  si ha an  bn > K . L'osservazione estende questi risultati al aso in ui al uni dei limiti oinvolti non siano numeri reali.nito). a titolo di esempio. infatti ome abbiamo visto in (2. di un prodotto o di un quoziente di su essioni e rispettivamente la somma.6) n  sin(1=n) ! 1 per n ! 1. Il teorema pre edente puo essere riformulato di endo tout ourt he il limite di una somma. rispettivamente an  bn ! 0: Questi esempi mostrano he se bn ! 0 e an ! +1 nulla si puo dire a priori ( ioe senza un ulteriore esame) sul omportamento di an  bn. Le altre due dimostrazioni sono las iate al lettore ome eser izio. il prodotto o il quoziente dei limiti. Attenzione: non abbiamo introdotto al una nuova operazione ne al un nuovo numero reale.

30 CAPITOLO 2. SUCCESSIONI. Quando le su essioni onsiderate nel Teorema 45 hanno limiti in. Forme di inde isione (razionali).

log1 0 . forme di inde isione "1 1". 11 . nel se ondo il prodotto di una per la re ipro a dell'altra. Si ridu ono al aso pre edente onsiderando nel primo aso le su essioni re ipro he. a priori.0: 0 0 . Dalle relazioni i) logan bn = log bn log an ii) anbn = bn log an segue he per il al olo dei limiti delle su essioni i) e ii) i si puo' sempre riportare. Queste ultime si possono s hemati amente rappresentare nella forma log1 1 .niti o la su essione al denominatore tende a zero non si puo. dire nulla ne sull'esistenza ne sul valore dei limiti.7 Il numero "e". forme di inde isione "1=1". mostriamo he se an ! +1 e bn ! +1. salvo in appare poi in qual he forma di inde isione. In tutti i asi sotto riportati si ris ontrano delle "forme di inde isione". log0 1 . 2. mediante le proposizioni 39 e 40 all'utilizzo del teorema 45. La seguente su essione:  1 an = 1 + n n 1 . Altre forme di inde isione. log1 1 . bn forme di inde isione "0=0" e "0  1" . log0 0 . an = (n + 1) an = (n + 1)2 p an = n + 1 an = n + ( 1)n bn = n bn = n 2 p bn = n bn = n an an an an bn = 1 bn ! +1 1 bn = p p !0 n+1+ n bn = ( 1)n e irregolare. an = (n + 1) bn = n p an = n bn = n p an = n bn = n an = (2 + ( 1)n )n bn = n an abn !1 n !0 ban n !1 b ann = 2 + ( 1)n e irregolare. fan bn g puo avere qualunque tipo di omportamento.

Per veri. IL NUMERO "E ".7. 31 he riveste un ruolo di grande importanza sia nell'Analisi Matemati a he in molte appli azioni si presenta nella forma di inde isione appena ri hiamata 11 : Ci proponiamo di dimostrare he questa su essione e res ente e limitata. quindi onvergente.2. Il suo limite viene indi ato on la lettera "e".

are la limitatezza di fan g puo essere opportuno introdurre la nuova su essione fbn g:  1 bn = 1 + n n+1   1 = 1+ a : n n Vale allora il seguente Teorema 47 Le su essioni fan g e fbn g sopra de.

  1 n     1+ an n+1 n n 1 n n i) = =  n  an 1  n 1 n 1 1+ n 1 per he. n =1  n n 1 n2 1 n2 n 1 n  n +n 1 n+1  1 1 n2 = 1 1 n n >1 1 si ottiene n2  n  n = n2 n2 1 n+1 n n = 1 n2 1 > 1 per la disuguaglianza pre edente. appli ata on x = : 2 1 n 1 1+ n  n 1 n n 1+ 2 >1+ 2 > 1 + 2. n 1 n 1 n = iii) e evidente. on x =  1 n2 1 n >1+n  bn 1 = bn ii)  1+ 1 1+  n 1  2 1 n n 1 =   1 n+1 1+ n  n 1 . . appli ando la disuguaglianza  1 = (1 + x)n > 1 + nx.nite hanno le seguenti proprieta: i) fan g e res ente ii) fbn g e de res ente iii) an  bn per ogni n iv) nlim !1 an = nlim !1 bn Dimostrazione. valida per x > 1 (e x 6= 0).

i) Il numero e e ompreso tra 2 e 3. infatti a1 = 2 e b5 < 3: Non e pero opportuno utilizzare le su essioni fan g e fbn g per ottenere una buona approssimazione di questo a 2 numero: si tenga onto he bn an = n  . Sia ora fxn g una qualsiasi su essione divergente a +1.32 CAPITOLO 2. he vale 4) e fbn g e inferiormente limitata. SUCCESSIONI. iv) fan g e superiormente limitata (per esempio da b1 . Riportiamo qui le prime ifre de imali di questo "miti o" numero: 2. posto  1 un = 1 + [xn ℄ + 1 [xn ℄  1 vn = 1 + [xn ℄ [xn ℄+1 (2. Osservazioni. posto A = lim an . 718281828459    ii) Dal risultato pre edente si ottiene immediatamente he.8) . onverge an ora ad e. an e bn hanno lo stesso limite. da ak < A  B < b k si ottiene 0B  8k > 0  1 ak = 1 + ak k A  bk ak = ak k  k4 Poi he k e arbitrario. n Con un pro edimento standard si ottiene he e e an ora il limite della su essione  1 1+ hn hn sotto la sola ondizione he fhn g sia una su essione di interi (non ne essariamente res ente) divergente a +1. se fkn g e una su essione res ente di interi (divergente a +1) la su essione   1 1+ kn kn  1 n sottosu essione di 1 + . Nel seguito svilupperemo dei metodi n n he permettono di approssimare rapidamente e on la pre isione voluta e di dimostrarne l'irrazionalita. quindi le due su essioni sono onvergenti e. Vale an ora  1 1 + lim n!1 xn xn = e: Infatti. B = lim bn .

e immediato ( on [xn ℄ si intende la parte intera di xn .8. quindi [xn ℄ veri.33 2. ALCUNI LIMITI NOTEVOLI.  xn < [xn℄ + 1).

inoltre un   xn 1 1+ xn  vn : Il risultato segue dal teorema del onfronto. are he fun g e fvn g onvergono ad e. Se in.

di notevole interesse: Siano: # reale. fxn g ed f"n g due su essioni tali he j xn j! 1 e "n ! 0. Allora i)  # 1+ xn xn ii) (1 + #  "n)1="n ! e# ! e# iii) log(1 + "n ) "n !1 iv) a"n 1 "n ! log a v) (1 + "n )# "n 1 !# . "n 6= 0 per ogni n.ne fyn g e una su essione divergente a  1 lim 1 + n!1 yn 1 si ha an ora yn = e: Infatti. posto xn = yn si ottiene:  1 1+ yn yn =  1  1 xn  xn = xn 1  xn xn 1 1  xn 1  = 1+  1 xn 1 xn =  1 + x 1 ! e: n Possiamo on ludere a ermando he la ondizione j xn j! 1 e suÆ iente per garantire la = 1+ xn 1 onvergenza ad e della su essione  1 1+ xn xn : 2. a positivo.8 Al uni limiti notevoli. Dai risultati del paragrafo pre edente si ottengono fa ilmente i seguenti limiti.

si ha an ! e . quindi per la Proposizione 41 log an = 1 log(1 + "n ) ! log e = 1: "n 1 = n . Dimostrazione. i) e ii). altrimenti l'asserto e ovvio. si ottiene: (1 + "n )# "n Esempi:  1 1 n n ! 1e : 1 = e# log(1+n ) 1 # log(1 + "n )  # log(1 + n ) "n  3 log 1 + sin 3 n = n  log 1 + sin 3 n sin n 1=n pn  10 1 n  10 1 = ! log 10 1=n   p3 n + 7n 3 2 n=n r 3 7 1+ n  3 sin n  3  3 ! 1: n 1 7 3 1+ n 1 = 7 n ! ! #:    1  7 ! 37 # n # " e . posto (rispettivamente "n = 1 1 = ) si ha j yn j! 1 e xn #yn  # 1+ xn xn  1 = 1+ yn #yn =  1 1+ yn xn = yn . allora poi he 1 + n e# > 1 + # e passando ai logaritmi si ottiene an he loge (1 + #) < #: . Evidente se # = 0: Altrimenti. SUCCESSIONI. ioe xn = #yn # yn # ! e# : iii) Posto (1 + "n )1="n = an .34 CAPITOLO 2. ponendo n = 1 si ha Osservazione 48 Sia # > 0. ioe "n = loga (1 + n ) si ha n ! 0 e iv) Posto a"n n n a"n 1 = =  loge a ! log a: "n loga (1 +  n ) loge (1 +  n) v) Se # 6= 0.

9.9 Confronto tra in.2. CONFRONTO TRA INFINITI (E TRA INFINITESIMI) 35 2.

niti (e tra in.

nitesimi) Vogliamo ora introdurre il on etto di "rapidita" di divergenza all'in.

nito o di onvergenza ad un limite .

Questi on etti sono pre isati in maniera operativa dalle seguenti de. tuttavia i sembra ragionevole asserire he bn tende a +1 "piu rapidamente" di an . Naturalmente il on etto di "rapidita" di divergenza esige un riferimento: ha senso parlare di "lentezza" o di "rapidita" di an rispetto a bn . per ogni M (abbastanza grande) la su essione bn risulta maggiore di M molto prima di an .nito. le nozioni he daremo qui non solo saranno essenziali per lo sviluppo del al olo dei limiti. Consideriamo il seguente esempio: an = 1000 n e b n = n2 : E hiaro he entrambe queste su essioni sono divergenti a +1 . ma avranno appli azioni in tutti i apitoli seguenti. ioe he.

Comin iamo a onsiderare il aso della divergenza a +1.nizioni. Siano dunque fan g e fbn g due su essioni entrambe divergenti a +1: De.

nizione 49 i) Di iamo he an e un in.

nito di ordine inferiore rispetto a bn o he bn e un in.

se A > 1 ed > 0 la su essione fAn g diverge piu rapidamente di fn g.nito di ordine superiore rispetto ad an se a lim n = 0 n!1 bn e in tal aso s riviamo an = o(bn ) he si legge "an e o pi olo di bn ". ioe se e possibile trovare due bn numeri positivi m e M tali he a m < n < M: bn Dall' esempio 44 si dedu e he. ii) Di iamo he an e bn sono asintoti he se an lim =1 n!1 bn e in tal aso s riviamo an  bn e leggiamo "an e asintoti o a bn ". ioe n = o(An ): Mostriamo ora he. on sempli i modi. iii) Piu in generale di iamo he an e bn hanno lo stesso ordine di grandezza se la a su essione n si mantiene limitata e dis osta da zero.

si puo giungere al risultato generale. . he.

SUCCESSIONI. . Proposizione 50 Siano fan g e fbn g divergenti a +1 e siano A > 1 .36 CAPITOLO 2. > 0 .

> 0: Allora:   ii) (logA (bn )) = o (bn ).

: i) (an ) = o(A.

Dimostriamo dapprima la proposizione nel aso = .an ): Dimostrazione.

per n abbastanza grande. = 1: Pro edendo ome in 2. (an ) ([an ℄ + 1) (2[an ℄) [an ℄ < < = 2 Aan A[an ℄ A[an ℄ A[an ℄ dal teorema del onfronto segue i) on = .8 si ha [an ℄ lim = 0: n!1 A[an ℄ Allora. poi he.

= 1: Dalla uguaglianza an A.

an =   .

.

1 a nC B  .

si ome n! n n 1 n 2 21 1 =    < n n n n n nn n risulta a sua volta n! = o(nn ). si ome n = o(An ). allora an he (10n) = o(An ) pur he sia A > 1. ii) si ottiene da i) ponendo log bn = an .1 Confronto tra in. ome si vede fa ilmente. A A an 0 e da quanto sopra segue i) nel aso generale.9. 2. Attenzione: mentre e del tutto ovvio he . e falso) he (2n)! = o(nn ). non e altrettanto hiaro (anzi.7) per ogni A > 1 risulta An = o(n!). D'altra parte. Abbiamo gia visto he ( vedi 2.

Ovviamente le su essioni 1=an e 1=bn divergono all'in.nitesimi Siano an e bn due su essioni positive e onvergenti a zero.

nito e la rapidita di divergenza di queste i da una misura della rapidita di onvergenza di an e bn . in quanto n2 diverge piu rapidamente di n. Per esempio se an = 1=n2 e bn = 1=n risulta spontaneo dire he an onverge a zero piu rapidamente di bn . Tutto questo puo essere pre isato on la seguente de.

nizione : .

9. CONFRONTO TRA INFINITI (E TRA INFINITESIMI) De.37 2.

nizione 51 Di iamo he an e un in.

nitesimo di ordine superiore rispetto a bn o he bn e un in.

nitesimo di ordine inferiore rispetto ad an se a lim n = 0: n!1 bn In tal aso s riveremo an = o(bn ). Le de.

nizioni e le s ritture per le su essioni in.

nitesime asintoti he o on lo stesso ordine di grandezza oin idono on quelle date per le su essioni divergenti. se an ! 0. tenendo onto dei risultati ottenuti pre edentemente. sin(an )  an (vedi(2. Per esempio.6)) loge(1 + an )  an ean 1  an : Per le su essioni in.

e siano A .nitesime vale an ora la Proposizione 50. e . riformulata nel seguente modo Proposizione 52 Sia fan g una su essione positiva e tendente a zero. B .

positivi. A < 1 . B 6= 1: Allora: i) A.

ii) (an )  jlogB (an )j.=an = o ((an ) ) .

= o(1) dove on o(1) si intende una su essione il ui rapporto on la su essione ostante 1 tende a zero. ioe una su essione in.

nitesima. Ponendo in i) bn = 1=an si trova un risultato analogo a quello della Proposizione 1 nel aso A < 1: Al .

a + Supponiamo he il limite di n n si presenti in una forma indeterminata. bn + dn Supponiamo inoltre he sia n = o(an ) e dn = o(bn ): Allora an + n an lim = lim : n!1 bn + dn n!1 bn La pre edente uguaglianza va interpretata nel modo seguente: se esiste uno dei due limiti esiste an he l'altro ed essi oin idono. fbn g . Infatti: n an + n an 1 + an an =  =  (1 + o(1)) : bn + dn bn 1 + dn bn bn . f n g e fdn g quattro su essioni.ne del al olo dei limiti risultera di fondamentale importanza la seguente Proposizione 53 Siano fan g .

Abbiamo gia osservato he data una su essione. non e detto he questa ammetta limite. ioe he "esista un numero he ne des riva il omportamento all'in. an he se limitata. Esempi.10 Massimo e minimo limite.  3n3 + 10n2 = 5n3 7n 3n3 1 +  5n3 1  10 3n  7 5n2 ! 35 : ! 1 1 1 1 sin  1 + sin + 2 n2  sin n1 n n = n  1 2 2 n 1 sin 2 +  1 +  sin n n n 2 n2 ! 21 : 2. SUCCESSIONI.38 CAPITOLO 2.

almeno parzialmente. In questo paragrafo mostreremo ome. sia possibile ovviare a questo in onveniente. Dapprima vediamo ome ad ogni su essione reale limitata si possono asso iare due "signi.nito".

anzi da questo e dalla monotonia delle due su essioni segue.10) Le su essioni fbk g e f k g sono ovviamente monotone (rispettivamente non de res ente e non res ente). Inoltre. posto B = Sup fbk : k 2 Ng = lim bk C = Inf f k : k 2 Ng = lim k risulta B  C . i) per ogni k si ha bk  k . piu in generale. Se fan g e una su essione reale e limitata. ii) se n  k e bk  an  k : Per quanto detto. j e bi  j . Osserviamo he. per ogni k 2 N poniamo bk = Inf fan : n  kg (2. he per ogni oppia di interi i .9) k = Supfan : n  kg: (2. ative" su essioni monotone e quindi onvergenti. De.

nizione 54 B e C si di ono. minimo e massimo limite di fan g (o limite inferiore e superiore di fan g): B = liminf a n!1 n C = limsup an : n!1 . rispettivamente.

10. Si noti he. per la de.39 2. MASSIMO E MINIMO LIMITE.

vale la disuguaglianza 8" > 0 9 =  (") : n   =) B " < b  an   < C + ": (2.nizione di limite e per ii).11) Da questa disuguaglianza e dalla de.

nizione di  si ottiene la Proprieta aratteristi a del massimo limite: C e il massimo limite di fan g se e solo se. omunque si .

esistono in.ssi " > 0.

niti elementi di fan g maggiori di C ". mentre solo un numero .

nito di elementi di fan g puo essere maggiore di C + ": In altri termini: fan g non e de.

nitivamente minorante di C " mentre e de.

Se infatti fan g fosse de.nitivamente minorante di C + ".

la: Proprieta aratteristi a del minimo limite: B e il minimo limite di fan g se e solo se. se ioe fosse an  C " per ogni n  .nitivamente minorante di C ". Per il minimo limite si dimostra. per (2. assurdo per he k  C per ogni k: L'a ermazione relativa a C + " segue dalla (2. in modo analogo.11). omunque si .10) sarebbe an he k  C " per ogni k  .

esistono in.ssi " > 0.

mentre solo un numero .niti elementi di fan g minori di B + ".

nito di elementi di fan g puo essere minore di B ": Cioe: fan g non e de.

nitivamente maggiorante di B + " mentre e de.

Teorema 55 Condizione ne essaria e suÆ iente per he la su essione (reale) limitata fang onverga e he liminf a = limsup an n!1 n n!1 in tal aso questo valore e il limite della su essione. infatti abbiamo gia osservato he per ogni " > 0 risulta de. Dimostrazione. Dalle proprieta aratteristi he del massimo e del minimo limite date sopra segue immediatamente la seguente aratterizzazione della onvergenza di una su essione. 1) La ondizione e suÆ iente.nitivamente maggiorante di B ".

Sia ` = lim an . per n   =  ("). ` " < an < ` + " .nitivamente  liminf a n!1 n    " < an < limsup an + " n!1 e quindi fan g onverge al valore omune. 2) La ondizione e ne essaria. Fissato " > 0 risulta.

in ogni intorno dei quali adono in. SUCCESSIONI.40 CAPITOLO 2. Come abbiamo visto il massimo ed il minimo limite di una su essione limitata sono due numeri reali (eventualmente oin identi). risultera quindi an he ` " < b = Supfan : n >  g e  = inf fan : n >  g < ` + ": da ui ` " < lim inf an  lim sup an < ` + " e quindi la tesi.

C + k1 ) adono in. Dimostrazione. Da questo fatto segue il elebre Teorema 56 (di Bolzano-Weierstrass) Da ogni su essione limitata si puo estrarre una sottosu essione onvergente.11) nell'intervallo (C k1 .niti elementi della su essione stessa. Sia C il massimo limite di fan g: Fissato un intero k. grazie a (2.

Per le proprieta aratteristi he del massimo e del minimo limite e hiaro he non possono esistere sottosu essioni onvergenti a valori maggiori di C o minori di B. da questa si possono sempre estrarre due sottosu essioni. l'altra al massimo limite. pro edendo in questo modo si ostruis e una su essione res ente di interi fnk g tale he ank 2 (C k1 . C + k1 ): La su essione fank g . sia n2 il primo indi e maggiore di n1 per ui an2 2 (C 12 . ome abbiamo visto nella dimostrazione del teorema pre edente e equivalente a dire he. C + 1). onverge a C: Ripetendo le stesse argomentazioni per il minimo limite si ha il Corollario 57 Data una su essione limitata. tuttavia e possibile he fan g ammetta an he sottosu essioni onvergenti a valori strettamente ompresi tra il massimo ed il minimo limite: in generale diremo he ` e un valore limite per fan g se esiste una sottosu essione fank g onvergente a `.niti elementi di fan g: Sia n1 il primo indi e per ui an1 2 (C 1. una onvergente al minimo limite. sottosu essione di fan g. e questo. . C + 12 ).

` + ") adono in.ssato arbitrariamente " > 0. nell'intervallo (` " .

niti elementi di fan g: Completamento della de.

la de. Se la su essione fan g e inferiormente limitata ma non lo e superiormente.nizione.

mentre la su essione f k g non e de.nizione di minimo limite data in pre edenza ontinua a valere.

nita. In modo analogo si de. Si di e allora he lim sup an = +1. In questo aso e immediato onstatare he dalla su essione fan g e possibile estrarre una sottosu essione divergente a +1.

nis e il minimo limite di una su essione non limitata inferiormente. Naturalmente per una su essione he non sia limitata ne superiormente ne inferiormente si porra lim inf an = 1. lim sup an = +1: .

sono valori limite. he nel seguito sara utilizzata per rilevanti questioni teori he. an he 1=2 e +1=2. Quanto esposto nel paragrafo pre edente i permette di introdurre e di dimostrare una ondizione ne essaria e suÆ iente per la onvergenza di una su essione (teorema 60). Premettiamo le seguenti de. oltre a 1 e +1. si puo provare (ma non e sempli e) he sono valori limite tutti i valori tra 1 e +1: 2. Vedremo he ondizioni analoghe. an he 0 e un valore limite di an . e 5.41 2.11. opportunamente adattate. Esempi: 1: an = ( 1)n lim inf an = 1 lim sup an = 1 2: an = (2 + ( 1)n )n lim inf an = 1 lim sup an = +1  ( 1)n 3: an = 1 + n 4: an = sin  n  2 5: an = 2  sin 6: an = os  n  3  n  n lim inf an = 1 e lim sup an = e lim inf an = 1 lim inf an = p lim sup an = 1 3 p lim sup an = 3 3 lim inf an = 1 lim sup an = 1 7: an = sin (n) lim inf an = 1 lim sup an = 1 Si noti he negli esempi 4. mentre nell'esempio 6.11 La ondizione di Cau hy. si presenteranno ogni qual volta si e portati a onsiderare pro essi di limite. Per quanto riguarda l'esempio 7. LA CONDIZIONE DI CAUCHY.

nizione ed osservazione: De.

nizione 58 Si di e he la su essione fan g veri.

a la ondizione di Cau hy (o he fang e una su essione di Cau hy) se 8" > 0 9 =  (") tale he n. ome ogni insieme .L' insieme fan : 1  n   g e.12) Osservazione 59 Ogni su essione di Cau hy e limitata. m   =)j an am j< ": (2. " = 1. sia  =  (1). Infatti posto. per esempio.

per ogni n   si ha j an jj a j +1. E quindi limitata an he l' unione dei due insiemi. Dimostriamo ora il fondamentale Teorema 60 Condizione ne essaria e suÆ iente per he la su essione fan g onverga e he essa sia di Cau hy. . limitato. quindi an he l'insieme fan : n   g e limitato. Inoltre. ioe la su essione fan g.nito.

1) La ondizione e ne essaria. si . e limitata. supposto per assurdo B < C . SUCCESSIONI. La su essione fan g.42 CAPITOLO 2. siano B = lim inf an C = lim sup an e. Dimostrazione. di Cau hy. Sia ` = lim an : Fissato " > 0 sia  =  ("=2) tale he per ogni k >  risulti j ak ` j< "=2: Comunque presi n   ed m   si ha j an am jj an ` j + j am ` j< ": 2) La ondizione e suÆ iente.

ssi " = (C B )=3 e sia  =  (") in (2.12). B 2" = " . Per le proprieta aratteristi he del massimo e del minimo limite esistono almeno un m >  ed un n >  tali he am < B + " ed an > C ": Quindi an am > C assurdo.

posto a0 = s0 e. an = sn questa puo assumere la forma (3:1). per ogni n  1. Per onvenienza le su essioni pre edenti si indi ano ol simbolo 1 X n=0 an (3. Dati i termini fan g si ottiene in questo modo una su essione fsng he possiamo s rivere per esteso nella forma sn = ao + a1 + a2 + ::::: + an : Vi eversa.Capitolo 3 Serie 3. riguardanti ad esempio problemi di approssimazione. In molte appli azioni. La su essione fsng viene hiamata "su essione delle somme parziali" della serie (3:2) : 1 X an non deve trarre in inganno: non abbiamo de.1) sn 1 .1 Introduzione.2) e vengono hiamate serie (di termine generale an ). data una su essione fsn g. risulta onveniente onsiderare su essioni assegnate nel modo seguente: sn = s n 1 + a n dove sn 1 rappresenta l'approssimazione al passo (n 1)-esimo ed an e il termine aggiuntivo per ottenere una "migliore " approssimazione al passo su essivo. (3.

nito la somma di in.

in generale non valgono le usuali proprieta della somma). ma solo s ritto la su essione fsng in una forma di erente. ome vedremo.niti Il simbolo n=0 termini (infatti. Di onseguenza attribuiremo alla serie il arattere della su essione delle sue somme parziali: si di e dunque he De.

nizione 61 Una serie onverge ed ha per somma A se la su essione fsn g onverge ad A: 43 .

44 CAPITOLO 3. Consideriamo ad esempio la serie (serie di Mengoli): 1 X 1 : n=1 n(n + 1) 1 1 1 = si ottiene: n(n + 1) n n + 1         1 1 1 1 1 1 1 1 sn = 1 ! 1: + +  + + =1 2 2 3 n 1 n n n+1 n+1 1 X 1 : Si ha dunque 1 = n(n + 1) n=1 Un altro esempio di serie. he la serie e os illante se la su essione fsng os illa. parti olarmente signi. SERIE In questo aso s riviamo A = 1 X n=0 an : Analogamente si di e he la serie diverge se fsn g diverge.

e dato dalla "serie geometri a di ragione q" os de. ativo.

nita: 1 X qn = 1 + q + q2 + q3 +    + qn +    Poi he an = n=0 ove q e un numero reale .

Si veri.ssato.

Diamo ora un esempio di serie non onvergente il ui termine generale an ! 0. Nell'esempio pre edente si vede he la serie geometri a onverge se e solo se il suo termine generale tende a 0. a immediatamente he per q 6= 1 si ha 1 qn+1 sn = 1 + q + q 2 + q 3 +    + q n = 1 q mentre se q = 1 e sn = n + 1. (si veda l'esempio su essivo) pero questa ondizione e ne essaria: vale infatti la seguente P Osservazione 62 Se la serie an onverge allora an ! 0. ni a n n=1 Poi he 1 1 1 1 1 + +    + n+1  2n n+1 = (s2n+1 s2n ) = n 2 + 1 2n + 2 2 2 2 . 1 . Osserviamo preliminarmente he una serie i ui termini sono positivi o nulli non puo essere os illante: infatti sn = sn 1 + an  sn 1 quindi la su essione fsng e monotona. dunque regolare. e suÆ iente vedere he la su essione delle somme parziali non e limitata. Infatti poi he an = sn sn 1 ed il se ondo membro dell'uguaglianza tende a zero. an he an ! 0. mentre sn Quindi per 1 < q < 1 sn ! 1 q os illa per q  1. per mostrare la divergenza della serie armo1 1 X . In generale la ondizione an ! 0 non e suÆ iente per assi urare la onvergenza di una serie. Dall'osservazione pre edente segue he. per q  1 sn ! +1.

2. si ha: s2n+1 = (s2n+1 s2n ) + (s2n s2n 1 ) +    + (s2 s1 ) + s1  (n + 1) 12 + 1: Abbiamo osi trovato una sottosu essione illimitata di fsn g. SERIE A TERMINI POSITIVI.45 3. Dalla de. da ui l'asserto.

q on  < p < q si abbia jap + ap +     +aq j < ": +1 +2 Osservazione 64 La divergenza della serie armoni a puo an he essere vista osservando he la ondizione di Cau hy non e veri. Osserviamo he. derivandola naturalmente dalla ondizione sulla su essione delle somme parziali. Per il seguito sara utile ris rivere espli itamente la ondizione di Cau hy per le serie. se q e maggiore di p. sq sp = ap+1 + ap+2 +  +aq : Si ottiene allora il Teorema 63 (Condizione di Cau hy per le serie) Condizione ne essaria e suÆ ienP te aÆn he la serie an onverga e he 8" > 0 9 > 0 tale he per ogni p. an he la serie (an ) onverge e si ha X inoltre se an he P (an ) =  bn onverge.nizione di serie onvergente si dedu e immediatamente he tutte le proprieta P viste per le su essioni si possono adattare alle serie. allora la serie X (an + bn ) = X P X an . in parti olare se a onverge e n P  2 R. (an + bn ) onverge e si ha an + X bn : La questione del prodotto di due serie e molto piu deli ata e non la tratteremo.

Infatti. omunque sia stato . ata. per " < 21 .

2 Serie a termini positivi.ssato  . in de. Per quanto osservato nel paragrafo pre edente una serie a termini positivi puo solo onvergere o divergere a +1. Quando si devono onsiderare delle serie si presentano naturalmente due problemi: preliminarmente stabilirne la onvergenza. Il se ondo problema e il piu deli ato. ottenerne una "buona approssimazione ". Ci o uperemo ora di dare riteri he assi urano la onvergenza di una serie. ponendo p = 2n e q = 2n+1 si ottiene sempre he jap+1 + ap+2 +     +aq j  21 : 3. quanto meno. questo dipende dalla limitatezza o meno delle somme parziali e quindi. poi al olarne la soma o. e nel seguito (vedi l'Osservazione 82) rius iremo a risolverlo solo in qual he aso parti olare. se n e tale he 2n >  .

da "quanto rapidamente " il termine generale tende a zero. e molto utile per determinare il arattere di una serie: . Il seguente riterio.nitiva. quasi una ovvia osservazione.

la tesi segue immediatamente dal teorema del onfronto per le su essioni. P bn o Questo riterio e appli abile una volta noto il omportamento di al une serie ampione on le quali operare il onfronto.46 CAPITOLO 3. per ogni n. e dal onfronto on la serie armoni a si ottiene he la serie data n n diverge. X 1 onverge se e solo se > 1: Mostriamo ora he la serie n 1 1 Infatti. Se. Per esempio ogni serie maggiorante della serie armoni a e divergente ed ogni serie (a termini non negativi) minorante della serie di Mengoli e onvergente. se  1. Dimostrazione. Osservazione 66PDalla (3. an e X k n  ak n . e A  B: P Nelle ondizioni pre edenti si di e he la serie an e minorante della serie an he he la se onda serie e maggiorante della prima.3) si ha An  Bn . Se inve e > 1. poi he le su essioni fAn g e fBn g sono monotone (quindi regolari). se la serie bn onverge an he la serie an onverge. nel aso della onvergenza delle due serie. onsideriamo an ora la di erenza (s2n+1 s2n ) = 1 (2n + 1) + 1 (2n + 2) ++ 1 n 1 =2  2 2n 2(n+1) (1 )n : Segue allora he s2n+1 = (s2n+1  s + 1 n X k=0 s2n 1 ) +    + (s2 s1 ) + s1  (1 )(n+1) 1 )k = s + 1 2  S1 + 1 (1 ) 1 2 1 2(1 s2n ) + (s2n 2(1 ) : La limitatezza di s2n+1 impli a la onvergenza della serie.3) segue. SERIE P P Teorema 65 (Criterio del onfronto) Siano an e bn due serie a termini positivi. he posto P A = an e B = bn . Bn = bo + b1 + b2 + b3 +    + bn (3. allora: se la serie P an diverge an he la serie Pbn diverge.  . Osservazione 67 Si las ia al lettore la dimostrazione della seguente proprieta: se an ! 0 de res endo.Pvale la relazione 0  an  bP n . allora per ogni k intero le serie X hanno lo stesso arattere. Posto An = ao + a1 + a2 +    + an .

le on lusioni del riterio del onfronto ontinuerebbero a valere (basta apportare una pi ola modi.2. SERIE A TERMINI POSITIVI.47 3. Osservazione 68 Se nel riterio del onfronto la relazione an  bn valesse solo per gli indi i n abbastanza grandi.

P P Naturalmente non e piu detto he. sia an  bn : P P Tenendo in. sempre nel aso della onvergenza. he viene las iata al lettore). a alla dimostrazione.

de. Teorema 70 (Criterio del rapporto) Se esiste un  < 1 tale he. lo stesso a ade per la serie data. per il riterio del onfronto.ne presente he le due serie an e an ( ostante positiva) hanno lo stesso arattere si ri ava il seguente riterio di uso frequente: Osservazione 69 Se an  bn allora le due serie P an e P bn hanno lo stesso arattere. l'asserto. Infatti dalla relazione di asintoti ita segue he esiste un indi e  tale he per ogni n   si ha 21 bn  an  2bn quindi. n pn X Vediamo un altro esempio: si onsideri la serie : Poi he n2 log n pn X 3=2  n e la serie n 3=2 onverge. n2 log n Dal riterio del onfronto e dal omportamento della serie geometri a si ottengono i due seguenti riteri (della radi e e del rapporto) gia visti per le su essioni . 1 1 Osservando he 2  avremmo potuto ottenere la onvergenza della serie n n(n + 1) X 1 per  2 onfrontandola on la serie di Mengoli.

mentre. allora la serie onverge. se n+1  1 de.nitivamente. si a a abbia n+1  .

an e de. per onfronto on la serie geometri a di ragione  < 1 (moltipli ata per la ostante a   ). Ripetendo il pro edimento utilizzato nel an  riterio del rapporto per le su essioni si ottiene: 0 < an  a   n da ui. an+1   per n   . Se inve e n+1  1. a segue la onvergenza.nitivamente. la serie an an diverge.

de. an n+1 2 Sempre onfrontando on la serie geometri a si ha il Teorema 72 (Criterio della radi e) Se esiste un  < 1 tale he. Sia Esempio 71 La serie X 2n n! onverge: infatti si ha an+1 2 1 = < per n > 3.nitivamente monotona non de res ente an e non puo tendere a zero. Dimostrazione.

se inve e e de.nitivamente. la serie onverge. si abbia pn a  .

quindi la serie e de. n Dimostrazione.nitivamente n pn a  1. la serie diverge. La prima a ermazione segue dal fatto he. per n abbastanza grande. an  n on  <p1.

Se n an  1. . an non tende a zero e quindi la serie diverge .nitivamente minorante di una serie geometri a onvergente.

si ottiene Dimostrazione. +1 (si osservi he <  < 1). .48 CAPITOLO 3. nn Poi he pn a = 2 < 1 n n per n > 2. posto  = 2 an+1 he e de. la serie I riteri enun iati sopra si utilizzano frequentemente nella seguente forma (piu debole): P an+1 an+1 = < 1 la serie an onverge. Nel primo aso. se nlim > 1 la serie Corollario 74 Se nlim !1 !1 a an n P an diverge. SERIE Esempio 73 Si onsideri la serie X 2n onverge.

an Con modi.nitivamente minore di . il se ondo aso e ovviamente analogo.

he di dettaglio si dimostra il pn a = < 1 la serie a onverge. Vedremo ora ome i riteri per le serie a termini non negativi. ed in entrambi i asi nlim n n!1 !1 an P 3. se lim pn a > 1 la serie Corollario 75 Se nlim n n n n!1 !1 P an diverge. possano essere utilizzati per stabilire la onvergenza di una serie on termini di segno qualsiasi. appli ati alla serie dei moduli.3 Assoluta onvergenza. a n an vale 1 nulla si pu Osservazione 76 Se il limite di n+1 o di p o dire sul omportamento an della serie. De. Consideriamo infatti la serie armoni a e la serie di Mengoli: la prima serie an+1 pn a = 1: = lim diverge e la se onda onverge. Si potrebbe vedere he le serie assolutamente onvergenti godono di tutte le proprieta formali della somma. Per questo e opportuno introdurre la nozione di serie assolutamente onvergente.

la ondizione di Cau hy deve essere veri.nizione 77 Si di e he una serie P j an j . P an onverge assolutamente se onverga la serie La ondizione della onvergenza assoluta e piu forte della onvergenza (sempli e o ordinaria): vale infatti il seguente Teorema 78 Se P janj onverge allora an he P an onverge . Dimostrazione. Poi he jap + ap +     +aq j < jap j + jap j +    + jaq j +1 +2 +1 +2 e la serie onverge assolutamente.

Per la disuguaglianza pre edente la ondizione di Cau hy e veri. ata per la serie dei moduli. ioe jap+1 j + jap+2 j +    +P jaq j < ".

di onseguenza. . onvergere. ata an he per an he deve.

se ne puo studiare l'assoluta onvergenza ( he impli a la onvergenza sempli e) appli ando i riteri del onfronto. Osservazione 79 Una ovvia onseguenza di questo teorema e he. data una serie a termini di segno qualunque. Consideriamo ora.49 3. nemmeno de. ASSOLUTA CONVERGENZA. dunque il teorema 78 non puo essere invertito. P Osservazione 80 Vedremo tra po o he la serie ( 1)n 1 onverge ma non onverge n assolutamente.3. del rapporto e della radi e alla serie dei moduli. tra le serie i ui termini non sono.

Vale il seguente Teorema 81 (Criterio di Leibniz) Sia an > 0. per difetto. Osservazione 82 Con analoghe onsiderazioni si puo vedere he S2n e monotona de res ente. Poi he S2n = S2n 1 + a2n e a2n ! 0 an he S2n ! A. Inoltre ris rivendo S2n 1 = a0 (a1 a2 ) (a3 a4 )  a n 2 1 si ha an he he S2n 1 < a0 . . da ui l'asserto. ad un limite A  a0 . questa su essione e monotona res ente. Allora la serie n=0 Dimostrazione. inoltre poi he jSn Sn 1 j = jan j. quindi la su essione S2n 1 onvergera. una lasse molto parti olare per la quale e fa ile stabilire direttamente la onvergenza sempli e: quella delle serie on termini di segno alterno. e an+1  an per ogni n  1. he onverge assolutamente). 1 X ( 1)n an e onvergente. Osservazione 83 La ri hiesta he i termini della serie siano di segno alterno e ovvia- mente molto restrittiva.nitivamente. an ! 0. Consideriamo le somme parziali ottenute sommando un numero pari di termini: si puo s rivere S2n 1 = ( a0 a1 ) + (a2 a3 ) +    + (a2n 2 a2n 1 ) e poi he ogni addendo tra parentesi e positivo. si vede he jA Snj  jan j: questa e una (buona) stima dell'approssimazione della somma ennesima. Si avra quindi he S2n tende ad A per e esso. di segno ostante. la distribuzione dei segni dei termini di una serie puo essere del P tutto asuale (si pensi per esempio a (sin n2 )=n2 .

Infatti se una sola di queste due serie fosse divergente. nulla si puo dire sul arattere della serie: per esempio posto an = 2 n per n pari. Se questa ondizione viene a man are. SERIE Osservazione 84 La ondizione an+1  an e indispensabile. . 0g ed osservia- mo he an = (an )+ (an ) e he jan j = (an )+ + (an ) . P Si vedePinoltre hePse an onverge ma non onverge assolutamente allora ne essariamente (an )+ e (an ) divergono entrambe. Chiudiamo il apitolo on la seguente onsiderazione. 1. Per ilP riterio del onfronto la serie P P + janj onverge se e solo se le serie (a termini positivi) (an ) e (an ) onvergono. nella dimostrazione. 0g e (an ) = max f an . per ottenere la monotonia delle sottosu essioni S2n 1 e S2n . la somma sarebbe divergente.an = 3 n per n dispari. an = 1=n per n dispari. E appunto per questo fatto he le serie non assolutamente onvergenti non godono di una proprieta fondamentale della somma: la proprieta ommutativa. essendo (an )+ e (an ) divergenti. pur non essendo la su essione fan g monotona.50 CAPITOLO 3. 1 X n=0 1 X n=0 ( 1)n an diverge a ( 1)n an onverge (assolutamente) Osservazione 85 Il riterio di Leibniz i permette tra l'altro di ostruire serie onvergenti il ui termine generale tende a zero tanto lentamente quanto si vuole. mentre posto an = 2 n per n pari. per la onvergenza dell'altra. osa impossibile on le serie a termini positivi. he permette meglio di apire il rapporto tra le serie assolutamente onvergenti e quelle solo sempli emente onvergenti: Osservazione 86 Poniamo (an )+ = max fan . Dall'osservazione pre edente si apis e il ruolo fondamentale delle ompensazioni nel aso di serie onvergenti ma non assolutamente onvergenti: l'ordine on ui si susseguono i termini positivi e quelli negativi risulta essenziale sia perPla onvergenza he per il valore P numeri o della somma della serie.

In questo apitolo introdurremo il on etto di ontinuita per una funzione e. partendo da questo. Se f e una funzione a valori reali de. limiti.1 Introduzione. 4. al aso delle funzioni. gia vista per le su essioni.Capitolo 4 Funzioni: ontinuita. estenderemo la nozione di limite.

nita in un intervallo I . il suo gra.

o e un sottoinsieme di I  R. identi.

ando f ol suo gra.

o viene naturale dire he f e " ontinua in I " se il suo gra.

2 Continuita. e il on etto "globale" di ontinuita. o e una linea ontinua nel senso omune del termine. Esprimiamo ora in termini matemati i questa idea di "vi inanza ". he ben aderis e al senso omune. ioe una linea he si puo tra iare senza sta are la penna dal foglio. 4. Diamo ora la de. Questo. espresso informalmente. In altre parole a punti "abbastanza vi ini " in I orrispondono punti "vi ini " in f (I ).

Siano A e B due sottoinsiemi (non vuoti) di R (per esempio degli intervalli) e sia f : A ! B: De.nizione di ontinuita in un punto.

1) La de.nizione 87 f : A ! B e ontinua in x0 2 A se ad ogni numero positivo " si puo asso iare un numero positivo Æ (in generale dipendente da ") tale he per ogni x in A he disti da x0 per meno di Æ segue he f (x) dista da f (x0 ) per meno di ": In forma sinteti a f e ontinua in x0 se 8" > 0 9Æ = Æ(") > 0 : (x 2 A) ^ (jx x j < Æ) =) jf (x) f (x )j < ": 0 0 (4.

almeno nel punto x0 . il on etto intuitivo di ontinuita a ennato nell'introduzione: per avere valori di f (x) vi ini ad f (x0 ) basta s egliere x opportunamente vi ino ad x0 : Una funzione (de.nizione pre edente formalizza.

nita in x0 ) he non sia ontinua in x0 si di e dis ontinua in x0 . io i permettera l'utilizzo delle te ni he sviluppate nel Capitolo 2. 51 . Il seguente teorema mostra ome questo on etto di ontinuita possa essere espresso in termini di su essioni.

Infatti: a) (4.2). FUNZIONI: CONTINUITA.2) Dimostrazione. Sia fxn g una su essione onvergente ad x0 : deve risultare de. LIMITI. 52 Teorema 88 f : A ! B e ontinua in x0 2 A se per ogni su essione fxn g di elementi di A da xn ! x0 segue f (xn) ! f (x0 ): (4. CAPITOLO 4.1) impli a (4.

Supponiamo. per assurdo.1).nitivamente jxn x0 j < Æ e quindi jf (xn ) f (x0 )j < ": b) (4.1) non sia veri. he (4.2) impli a (4.

dalla de. Osservazione 89 Se x0 e un "punto isolato" di A. ponendo nella formula pre edente. per ogni n intero. si puo trovare un xn 2 A on jxn x0 j < n1 ed jf (xn) f (x0 )j  ": Si e osi ostruita una su essione fxn g onvergente ad x0 on ff (xn)g non onvergente ad f (x0). Æ = n1 . ata. ioe he 9" > 0 : 8Æ > 0 9x = x(Æ) 2 A : (jx x j < Æ) ^ (jf (x) f (x )j  ") : 0 0 Allora. ioe se esiste un intorno di x0 he non ontiene altri punti di A.

nizione 87 segue immediatamente he ogni funzione de.

in parti olare tutte le su essioni sono funzioni ontinue su N . Diamo ora la de.nita in A e ontinua in x0 .

nizione di funzione ontinua in un insieme. De.

Dalla De.nizione 90 f e ontinua in A se e ontinua in ogni punto di A.

le funzioni ontinue in A sono proprio quelle il ui gra. detto x0 il limite di xn risulta f (xn) ! f (x0 ): (4.4) Osservazione 91 Vedremo in seguito (Teorema 113) he. 8" > 0 9Æ = Æ(". x0 ) > 0 : (x 2 A) ^ (jx x0 j < Æ ) =) jf (x) f (x0 )j < ": (4.nizione 87 segue immediatamente he f e ontinua in A se e solo se 8x0 2 A. onvergente ad un punto di A. se A e un intervallo.3) Dal Teorema 88 segue inve e he f e ontinua in A se e solo se per ogni su essione fxn g di elementi di A.

o e una linea ontinua. La ontinuita di una funzione in un solo punto non porta inve e ome onseguenza la possibilita di disegnarne un gra.

o:  la2 funzione x se x e razionale f (x) = x2 se x e irrazionale e ontinua in x = 0 (e solo in x = 0) ed il suo gra.

o e addirittura impensabile. .

f g e f  g. 53 4. 0  0 1 an he e ontinua in x0 . se inoltre f (x ) 6= 0. lo sono an he f + g.  Se f e ontinua in x ed f (x ) 6= 0. e possibile trovare un intorno di x in ui f si 0 0 0 0 0 mantiene di segno ostante (il segno di f (x0 )).1 Prime proprieta delle funzioni ontinue. f Le funzioni elementari sono ontinue nel loro insieme di de.2. Per le funzioni ontinue in un punto o in un insieme valgono proprieta analoghe a quelle delle su essioni onvergenti: utilizzando il Teorema 88 e le analoghe proprieta delle su essioni onvergenti e immediato dimostrare he:  Se f e ontinua in x e possibile trovare un intorno di x in ui f e limitata. CONTINUITA. 4.  Se f e g sono ontinue in x .2.

per la ontinuita di g. posto yn = f (xn ). se xn ! x0 allora yn = f (xn) ! f (x0 ) = y0 e. B. Per il Teorema 88 basta provare he. Dimostrazione.nizione. per ogni su essione fxn g in A. C sottoinsiemi non vuoti di R e siano f : A ! B e g : B ! C due funzioni ontinue rispettivamente in x0 2 A e in y0 = f (x0 ) 2 B: Allora la funzione h = g Æ f (h : A ! C ) e ontinua in x0 . Una notevole proprieta delle funzioni ontinue e he la ontinuita si onserva attraverso la omposizione di funzioni: vale infatti il seguente Teorema 92 Siano A. se yn ! y0 g(yn ) ! g(y0 ) dunque h(xn ) = g(f (xn )) = g(yn ) ! g(y0 ) = g(f (x0 )) = h(x0 ): Se le ondizioni del teorema pre edente valgono per ogni x0 ottiene la ontinuita globale della funzione omposta: 2 A e per ogni y 2 B si 0 Corollario 93 Siano f : A ! B e g : B ! C due funzioni ontinue rispettivamente A e in B: Allora la funzione h = g Æ f (h : A ! C ) e ontinua in A. nemmeno se l'insieme di de. la ondizione xn ! x0 impli a h(xn ) ! h(x0 ): Per la ontinuita di f . Osservazione 94 Non si puo dire he una funzione ontinua in un insieme sia ivi limitata (basta pensare all'identita su R).

nizione e limitato: per 1 e de.

ma non e ivi limitata. 1). esempio f (x) = p x x2 Osservazione 95 E bene ribadire he si parla di a di una funzione "solo" nei  ontinuit 1 =x se x 6= 0 non e ontinua in punti ove questa e de.nita e ontinua su (0.

nita: la funzione f (x) = 3 se x = 0 x = 0. mentre la funzione f (x) = 1=x e ontinua sul suo insieme di de.

ioe su R n f0g: .nizione.

e omunque un abuso di linguaggio. 4. CAPITOLO 4. an he se s usabile. questo. LIMITI. Consideriamo le funzioni osi de. 54 In al uni testi apita di leggere he la funzione 1=x non e ontinua (sottintendendo "su tutto R") nel senso he non e possibile estendere questa funzione ad una funzione ontinua su tutto R.3 Limiti. FUNZIONI: CONTINUITA.

g(x) vale +1 sui positivi e 1 sui negativi.nite su Rnf0g : f (x) = sin x x g(x) = jxj h(x) = sin x 1 x k(x) = 1 : x2 E fa ile onstatare he se x e "abbastanza vi ino " a 0. f (x) e vi ina ad 1. h(x) assume in.

h. non e superiormente limitata. in questi ultimi insiemi. 8 sin x > se x 6= 0 < x Nel primo aso. negli altri asi inve e non e possibile "estendere per ontinuita " le funzioni g. k in x = 0. posto F (x) = F e una funzione ontinua in x = 0 > : 1 se x = 0 (lo e in e etti su tutto R).nite volte ogni valore tra 1 ed 1 in ogni in ogni insieme del tipo 0 < jxj < Æ e k(x). Siamo os portati alla seguente de.

nizione di limite: De.

nizione 96 (di limite .

nito al .

Di iamo he lim f (x) = ` x!x0 se.nito) Sia f : A ! B e sia x0 un punto di a umulazione per A. posto F (x) = 8 < f (x) per x 6= x0 : ` per x = x0 F e ontinua in x0 . La de.

nizione pre edente si puo riformulare in forma diretta nei due seguenti modi equivalenti De.

Di iamo he lim f (x) = ` se x!x0 8" > 0 9Æ = Æ(") > 0 : (x 2 A) ^ (0 < jx x j < Æ) =) jf (x) `j < ": 0 (4.nizione 97 Sia f : A ! B e sia x0 un punto di a umulazione per A.5) .

3.55 4. De. LIMITI.

xn 6= x0 =) f (xn ) ! `: (4.6) Osservazione 99 Il fatto he f sia o meno de.nizione 98 Sia f : A ! B e sia x0 un punto di a umulazione per A. Di iamo he lim f (x) = ` x!x0 se per ogni su essione fxn g: xn 2 A. xn ! x0 .

nita in x0 non ha nessuna importanza per quanto riguarda l'esistenza del limite ed il suo eventuale valore: se f e de.

8) possiamo a ermare he.nita in x0 .3.1 Limiti in. Osservazione 100 Per quanto visto nel Capitolo delle su essioni (si veda 1. a se onda he sia f (x0 ) = ` o f (x0 ) 6= ` si potra dire he f e ontinua in x0 oppure he non lo e. per a reale e per x ! 0 valgono i seguenti limiti: (1 + a  x)1=x ! ea log(1 + x) x !1 ax 1 x ! log a (1 + x)a x 1 !a 4.

niti e limiti all'in.

Supponiamo he f non ammetta limite .nito.

onsiderate tutte le su essioni fxn g he onvergono ad x0 senza mai assumere il valore x0 . le orrispondenti su essioni ff (xn)g sono tutte divergenti a +1 (oppure tutte a 1) diremo he f ammette limite +1 (rispettivamente 1) per x ! x0 : In aso ontrario diremo he f non ammette limite per x ! x0 : Otteniamo in questo modo le de.nito per x ! x0 : Se.

nizioni di limite in.

nito (+1 o 1): De.

equivalentemente (4. xn 6= x0 =) f (xn ) ! +1 (rispettivamente f (xn ) ! 1) o an he. lim f (x) = +1 x!x0  rispettivamente xlim !x0 f (x) = 1  se xn 2 A. xn ! x0 .nizione 101 Sia f : A ! B e sia x0 un punto di a umulazione per A.7) .

CAPITOLO 4. 56 De. FUNZIONI: CONTINUITA. LIMITI.

lim f (x) = +1 x!x0  rispettivamente xlim f (x) = !x0 1  8K > 0 9Æ = Æ(K ) > 0 : (x 2 A) ^ (0 < jx x j < Æ) =) f (x) > K (4. essere illimitato superiormente (o inferiormente). in questo aso. De.8) 0 (rispettivamente f (x) < K ) : Con ludiamo ol aso piu simile a quello delle su essioni: quello del limite per x ! +1 (o per x ! 1). Il dominio A di f deve.nizione 102 Sia f : A ! B e sia x0 un punto di a umulazione per A.

nizione 103 x!lim f (x) = ` (oppure +1 o 1) se per ogni su essione fxn g in +1 A.9) he e equivalente a: De. xn ! +1 =) f (xn) ! ` (oppure f (xn) ! +1 o f (xn) ! 1) (4.

nizione 104 x!lim f (x) = ` (oppure +1 o 1) se +1 8" > 0 9H = H (") > 0 : (x 2 A) ^ (x > H ) =) jf (x) `)j < " oppure 8K > 0 9H = H (K ) > 0 : (x 2 A) ^ (x > H ) =) f (x) > K (o f (x) < K ) (4.10) La de.

3.2 Limiti per difetto e per e esso. 4. Dis ontinuita. Siano A1 = fx 2 A : x < x0 g e A2 = f x 2 A : x > x 0 g Se x0 e un punto di a umulazione sia per A1 he per A2 .nizione di limite per x ! 1 e analoga e viene las iata ome eser izio. Sia f : A ! R e sia x0 un punto di a umulazione per A (appartenente o meno ad A). onsideriamo le due "restrizioni " di f ad A1 e ad A2 . ioe le due funzioni f1 : A1 ! R e f2 : A2 ! R osi de.

se xlim !x0 f1 (x) = `1 (.nite: f1 (x) = f (x) per x 2 A1 f2 (x) = f (x) per x 2 A2 : Per ias una di queste due funzioni ha senso er are il limite per x ! x0 .

nito od in.

nito) o se xlim !x f2 (x) = `2 (.

nito od in.

nito) s riveremo 0 lim f (x) = `1 x!x0 e rispettivamente lim f (x) = `2 x!x+ 0 .

qualora esistano. E tuttavia immediato veri. in generale. LIMITI. questi. ne essariamente oin idono. e diremo he il limite per x he tende ad x0 per difetto o per e esso (o an he da sinistra e da destra) di f e `1 (rispettivamente `2 ).3. ne tantomeno.57 4. L'esistenza di ias uno dei due limiti pre edenti non impli a quella dell'altro.

are he lim f (x) = ` () lim f (x) = lim+ f (x) = ` x!x0 x!x0 ioe f ammette limite per x ! x0 se e solo se ammette limite da destra e da sinistra e questi limiti sono uguali. x!x0 Osservazione 105 Se x0 e punto di a umulazione solo per A1 (o solo per A2 ). Le nozioni sopra de. ovviamente avra solo senso parlare di limite per difetto (o per e esso).

nite di limite per difetto o per e esso i permettono di des rivere il omportamento qualitativo di una funzione nell'intorno di un suo punto di dis ontinuita. In generale si di e he f in x0 ha  una "dis ontinuita a salto " se i limiti per difetto e per e esso esistono .

niti e sono diversi  una dis ontinuita eliminabile se il limite esiste .

nito. ma e diverso da f (x ) 0 Sempre se f e de.

nita in x0 si hanno altri tipi di dis ontinuita quando  almeno uno dei due limiti (per e esso o per difetto) e in.

Come gia visto nel aso delle su essioni. sia sempre f (x)  ` (oppure f (x)  `). puo apitare he xlim !x0 f (x) = ` e he. dai vari Autori. nomi diversi. a titolo di esempio. In questo aso. riferendo i pero ai valori assunti dalla funzione inve e he a quelli assunti dalla variabile indipendente.nito  almeno uno dei due limiti (per e esso o per difetto) non esiste. parleremo an ora di limite per difetto o per e esso (o an he dal di sotto e dal di sopra) e s riveremo lim f (x) = ` x!x0 (rispettivamente lim f (x) = `+ ): x!x0 Riportiamo. la seguente de. A questi due ultimi tipi di dis ontinuita vengono dati. in un opportuno intorno di x0 .

nizione: lim f (x) = 7 se e solo se 8" > 0 9Æ = Æ (") > 0 : x!3+ (x 2 A) ^ (3 < x < 3 + Æ ) =) 7 " < f (x)  7 (4.11) Osservazione 106 Tutte le de.

x0 2 R[ f+1g [ f 1g) signi.nizioni di limite possono essere riassunte in una sola: f (x) ! ` per x ! x0 (`.

omunque assegnato un intorno U di ` e possibile trovare un intorno V di x0 tale he. a he. risulta f (x) 2 U: In altri termini: f ((V \ A) n fx0 g)  U: . tranne eventualmente x = x0 . per ogni x 2 V \ A.

FUNZIONI: CONTINUITA. in a ordo on la (4.11). LIMITI. 58 Una analoga struttura hanno an he i limiti per e esso e per difetto: in questo aso gli intorni vanno onsiderati "unilateri". CAPITOLO 4. Dalla ondizione di Cau hy per le su essioni e dalla De.

per le funzioni. la seguente Condizione di Cau hy: Condizione ne essaria e suÆ iente per he f ammetta limite .nizione 98 segue immediatamente.

.nito per x ! x0 (x0 2 R[ f+1g [ f 1g) e he.

oppure le si puo ri avare ome onseguenza della De. x > K . Per i limiti di funzioni valgono. x 2 A n fx g) ^ (jx x j < Æ) =) jf (x ) f (x )j < " nel aso x = +1 s riveremo 8" > 0 9K = K (") > 0 : (x . Queste proprieta si possono dimostrare direttamente. opportunamente riadattate. x 2 A .3 Prime proprieta dei limiti. 1 2 0 1 2 1 2 0 1 2 1 2 1 2 0 4. x2 2 ((V \ A) n fx0 g) risulti jf (x1 ) f (x2)j < ": Se x0 2 R la ondizione pre edente ha la seguente forma: 8" > 0 9Æ = Æ(") > 0 : (x . tutte le proprieta viste per i limiti di su essioni (si veda Capitolo 1) e quelle delle funzioni ontinue.ssato arbitrariamente " > 0 sia possibile trovare un intorno V di x0 tale he.3. per ogni x1 . x > K ) =) jf (x ) f (x )j < " nel aso x = 1 la ondizione e analoga.

 Se f ammette limite . In parti olare:  Il limite.nizione 98 e dalle analoghe proprieta delle su essioni. e uni o. se esiste.

(Teorema del onfronto).  Se f e g ammettono limite . f e limitata in un opportuno intorno di x (o di 1).  Se f ammette limite positivo (o +1) per x ! x (o per x ! 1).nito per x ! x (o per x ! 1). allora lim f (x)  lim g(x) (non e detto he debba essere 0 0 0 0 0 lim f (x) < lim g(x)). g. f e positiva in un opportuno intorno di x (o di 1).  Se f.  Se f e g sono due funzioni he ammettono limite per x ! x (o per x ! 1) e vale la disuguaglianza f (x) < g(x). h sono tre funzioni tali he f (x)  g(x)  h(x) e xlim !x0 f (x) = xlim !x0 h(x) (oppure xlim !1 f (x) = xlim !1 h(x)) allora g ammette limite (per x ! x0 o per x ! 1) e questo oin ide oi pre edenti.

nito. e se lim f = 6 0 si ha lim f1 = lim1 f (Quindi lim fg = lim f . lim(f  g) = (lim f )(lim g) . allora lim(f + g) = lim f + lim g lim(f g) = lim f lim g lim g ).

LIMITI.  Se f ha limite in.3.59 4.

allora f + g ha limite in.nito e g e limitata.

 f (x) ! +1 per x ! x (o per x ! 1) =) f (1x) ! 0 per x ! x (o per x ! 1) + 0 0  f (x) ! 0 per x ! x (o per x ! 1) =) f (1x) ! +1 per x ! x (o per x ! 1) + 0 0 pur he abbia senso al olare il limite.3. lim g(x) = 0. Osservazione 107 Per i limiti non vale.nito. in generale.    : 0 altrimenti f e ontinua. il risultato sopra itato vale an ora quando x ! a e quando x ! b (se a e b sono . ma h non ammette limite per x ! 0. la funzione F (t) = f t t ` per t ! 0+ . posto x = . k = 1.  Se f ha limite 0 e g e limitata. Se f e una funzione monotona in un intervallo (a.4.1 e 1.4 Limiti di funzioni monotone. Il aso delle funzioni monotone e relativamente simile a quello delle su essioni monotone: per le su essioni ha solo senso er are il limite per n ! +1.    1 1 tende a f (x) ! ` per x ! +1 se e solo se. x!0 4. allora. ed avevamo potuto. limitato o illimitato. la proprieta della omposizione: e ne essario hiedere an he la ontinuita in x0 di una delle funzioni della omposizione (quella esterna): Esempio: f (x) = 8 < : x sin(=x) se x 6= 0 h(x) = g(f (x)) = g(x) = se x = 0 0 8 < 0 se x 6= 0 : 5 se x = 0 8 < 5 se x = 0 o x = 1=k.2).4. 2. b). allora f  g ha limite 0. assi urarne l'esistenza (si vedano i teoremi 1.

b)g x!b (2) lim f (x) = inf ff (x) : x 2 (a. b)g x!a se f e non res ente (3) lim f (x) = inf ff (x) : x 2 (a. b)g x!b (4) lim f (x) = sup ff (x) : x 2 (a.niti si tratta ovviamente di limiti per e esso e per difetto). Vale infatti il Teorema 108 Sia f : (a. b)g : x!a . Allora se f e non de res ente (1) lim f (x) = sup ff (x) : x 2 (a. b) ! R una funzione monotona.

b)g e supponiamo S 2 R: Per la proprieta dell'estremo superiore. FUNZIONI: CONTINUITA. Dimostriamo solo l'a ermazione (1) (le altre si dimostrano in modo analogo). LIMITI. CAPITOLO 4. 60 Dimostrazione. Sia S = sup ff (x) : x 2 (a. .

vale dunque la (1) nel aso .ssato " > 0 e possibile determinare x 2 (a. b) tale he f (x) > S ": Vista la monotonia di f risulta. b). S " < f (x)  S . per ogni x 2 (x.

nito. Se inve e fosse S = +1. .

ssato K > 0 sarebbe possibile determinare x 2 (a. b). b) tale he f (x) > K. quindi la (1). b) si avrebbe f (x) > K. e an ora per ogni x 2 (x. Non e inve e detto he il limite esista in ogni altro punto interno ad (a. in questi punti si puo pero assi urare l'esistenza dei limiti (.

b). A2 = (x0 . b) ! R monotona e sia x0 2 (a. Si puo inoltre dimostrare he l'insieme dei punti di dis ontinuita di una funzione monotona e al piu numerabile. . Sia infatti x0 interno ad (a. x0 ) .niti) per difetto e per e esso. b) e siano A1 = (a. ioe vuoto. b) : Appli ando il teorema pre edente alle restrizioni di f ad A1 e ad A2 si ottiene il Corollario 109 Sia f : (a. Allora se f e non de res ente lim f (x) = sup ff (x) : x < x0 g x!x0 lim f (x) = inf ff (x) : x > x0 g x!x+ 0 se f e non res ente lim f (x) = inf ff (x) : x < x0 g x!x0 lim f (x) = sup ff (x) : x > x0 g : x!x+ 0 Osservazione 110 Una immediata onseguenza e he le funzioni monotone possono avere solo dis ontinuita a salto.

nito o in.

Vedremo ora al une importanti proprieta delle funzioni ontinue su un intervallo hiuso e limitato [a. b℄ : In Rn (o piu in generale negli spazi di dimensione . vale la seguente proprieta: Da ogni su essione fxn g ontenuta in un intervallo hiuso e limitato [a. per il teorema di Bolzano-Weierstrass (Teorema 1.10.nito numerabile. 4.2). b℄ si puo estrarre una sottosu essione onvergente ad un punto di [a.4 Proprieta fondamentali delle funzioni ontinue. b℄ : Ri ordiamo he.

.nita) questa proprieta vale per tutti gli insiemi hiusi e limitati (e solo per questi). Nel seguito i sara indispensabile a volte ri hiedere la ontinuita della funzione in oggetto su un intervallo mentre in altri asi sara suÆ iente avere la ontinuita su un insieme ompatto per su essioni. Gli insiemi he godono di questa proprieta vengono detti " ompatti per su essioni".

4. 4. FONDAMENTALI DELLE FUNZIONI CONTINUE.4. La prima proprieta e onnessa alla parola " ontinuita": questa i suggeris e he il gra. PROPRIETA 61 4.1 Il teorema di Bolzano (o degli zeri).

altrimenti poniamo se f ( ) < 0 a1 = . b1 ℄ sono veri. o di una funzione ontinua deve essere una linea he si puo tra iare senza sta are la matita dal foglio. ioe posto = 2 uno "zero " di f (e il teorema e dimostrato). Per he questo possa avvenire deve per prima osa essere ontinuo il dominio della funzione. f (b) > 0 e onsideriamo il valore a+b se f ( ) = 0 abbiamo trovato assunto da f nel punto medio di (a. b1 = b se f ( ) > 0 a1 = a . b). deve ioe essere un intervallo. Pro ediamo per bisezioni su essive: otterremo una su essione he onverge ad uno "zero " di f: Supponiamo f (a) < 0 . b) in ui f si annulla: Dimostrazione. b1 = Nell'intervallo [a1 . Il teorema degli zeri di e he non e possibile unire on una linea ontinua due punti he si trovano da parti opposte rispetto ad una retta (l'asse delle as isse nel nostro aso) senza to are almeno una volta la retta stessa: Teorema 111 (di Bolzano o degli zeri) Sia f ontinua su [a. b℄ e sia f (a)  f (b) < 0: Allora esiste almeno un punto interno ad (a.

ate le ipotesi di partenza: f e ontinua. b2 ℄ in modo he sia f (a2 ) < 0 e f (b2 ) > 0: Ripetendo inde. f (a1 ) < 0 e f (b1 ) > 0: Possiamo ripetere la ostruzione pre edente onsiderando il segno di f nel punto medio di [a1 . b1 ℄ e ostruendo (se e il aso) il nuovo intervallo [a2 .

Cias una delle due su essioni. Inoltre sara sempre f (an) < 0 . la prima e non de res ente. onverge e. f (bn ) > 0: Consideriamo le su essioni fan g e fbn g: sono limitate.nitamente (a meno he si sia trovato uno zero) il pro edimento otteniamo una su essione di intervalli [an . la se onda e non res ente. . bn ℄ ias uno ontenuto nel pre edente e di ampiezza sempre la meta. essendo monotona e limitata. posto = lim an .

= lim bn . tenendo onto he .

dedu iamo he deve an he essere = . < bn an = (b a) =2n .

e non e possibile s egliere a priori quale zero di f si sta approssimando. Naturalmente f puo annullarsi piu volte in [a.: Per la ontinuita di f e per la proprieta di monotonia del limite deve essere f ( ) = lim f (an )  0  lim f (bn) = f ( ) dunque f ( ) = 0: Osservazione 112 La dimostrazione e di tipo ostruttivo: le su essioni ostruite on questo metodo possono essere e ettivamente utilizzate per approssimare una delle soluzioni dell'equazione f (x) = 0 ed e an he immediata una stima dell'errore. Osserviamo in. b℄ .

ne he esistono metodi di approssimazione piu velo i (ad esempio il metodo di Newton e quello di Raphson-Newton) basati su onsiderazioni piu so.

sti ate. .

FUNZIONI: CONTINUITA. f (x2 )) la funzione g(x) = f (x) ` veri. Conseguenze del teorema di Bolzano. CAPITOLO 4. b℄ : Allora f assume almeno una volta in [x1 . Teorema 113 (dei valori intermedi) Sia f ontinua su [a. Supponiamo x1 < x2 e f (x1 ) < f (x2 ): Fissato ` 2 (f (x1 ).62  LIMITI. x2 2 [a. b℄ e siano x1 . x2 ℄ ogni valore ompreso tra f (x1 ) ed f (x2 ): Dimostrazione.

x2 ℄ le ondizioni del teorema di Bolzano. f (b)℄: per esempio l'immagine di [0. a. 2 ℄ per la funzione seno e [ 1. Osservazione 114 Quanto detto sopra puo essere espresso ome: l'immagine tramite una funzione ontinua di un intervallo e un intervallo. in [x1 . Una diversa formulazione del teorema pre edente e nota sotto il nome di Proprieta di Darboux: Ogni funzione ontinua su un intervallo assume almeno una volta ogni valore ompreso tra l'estremo inferiore e l'estremo superiore dei valori assunti. 1℄ : Un'altra onseguenza del teorema di Bolzano e il seguente risultato di punto . b℄) = [f (a). Attenzione: non e detto he f ([a.

sso (si di e he x0 e un punto .

o unito. di f se f (x0 ) = x0 ).sso. parti olarmente utile quando si studiano su essioni de.

f (b)  b: x e tenere 4. b℄ ontinua. in f (A).2 Il teorema di Weierstrass. Dimostrazione. Allora l'equazione f (x) = x ha almeno una soluzione in [a. Allora f assume in A massimo assoluto e minimo assoluto.4. b℄ : Dimostrazione.nite per ri orrenza: Corollario 115 Sia f : [a. una su essione fyng he tende (per difetto) ad S: Per ogni n sia xn un punto di A tale he f (xn ) = yn : Dalla su essione fxn g si puo estrarre una sottosu essione fxnk g onvergente ad un punto p 2 A: Per la ontinuita di f si ha: f (p) = lim f (xnk ) = lim ynk = S: k!1 k!1 (Si osservi he S non puo essere +1 per he f e de. Sia S = sup ff (x) : x 2 Ag : Per la proprieta aratteristi a dell'estremo superiore e possibile ostruire. Basta appli are il teorema degli zeri alla funzione f (x) onto he ne essariamente e f (a)  a . Una notevole proprieta delle funzioni ontinue su insiemi ompatti per su essioni (non ne essariamente su intervalli) assi ura l'esistenza del massimo assoluto e del minimo assoluto dei valori assunti dalla funzione stessa. b℄ ! [a. Teorema 116 (di Weierstrass) Sia f ontinua su un insieme A hiuso e limitato.

nita in p). . La dimostrazione per il minimo e identi a.

4. Corollario 118 Se A e hiuso e limitato ed f e ontinua in A. Nella de. per il teorema di Weierstrass f (A) e limitato.3 La ontinuita uniforme. PROPRIETA 63 Osservazione 117 Il teorema assi ura l'esistenza in A di due punti p e q tali he f (p) = max f e f (q) = min f. adattando la dimostrazione pre edente ad una qualunque su essione fyng in f (A) onvergente ad y0 (ne essariamente esistente) si determina un punto x0 2 A tale he f (x0 ) = y0 : 4. f (A) e hiuso e limitato. FONDAMENTALI DELLE FUNZIONI CONTINUE. assi ura ioe he per ogni x in A vale la disuguaglianza f (q)  f (x)  f (p): Non e ovviamente detto he p e q siano uni i. Se y0 e un punto di a umulazione per f (A). 4. Dimostrazione. Infatti.4.

il numero Æ he si trova nella formula (4. ioe: De. in generale. Diremo in seguito he f e uniformemente ontinua in A se.nizione 90 di ontinuita in tutto un insieme A. ma an he da x0 .4) dipende. per ogni " > 0 si puo determinare un Æ" > 0 he dipende solo da " (ed eventualmente da A). non solo da ".

nizione 119 f : A ! R e uniformemente ontinua in A se 8" > 0 9Æ = Æ(") > 0 : (x . x 2 A) ^ (jx 1 2 1 x2 j < Æ) =) jf (x1 ) f (x2 )j < ": (4.12) Osservazione 120 Per ogni " > 0 .

nel generi o punto x. l'estremo superiore delle semiampiezze degli intervalli in ui i valori assunti da f distano dal valore f (x) per meno di ": f e uniformemente ontinua in A se tutte queste funzioni (della variabile x e dipendenti dal parametro ") si mantengono dis oste da 0.ssato si puo ostruire la funzione Æ "(x) he da. se ioe (per ogni " > 0) inf fÆ " (x) : x 2 Ag = Æ " > 0: Ogni funzione uniformemente ontinua in A e. ma non e detto il vi eversa: esistono ioe funzioni he sono ontinue. ivi ontinua. ovviamente. ma non sono uniformemente ontinue. Per mostrare he una funzione non e uniformemente ontinua in un insieme A o orre negare la De.

La funzione esponenziale f (x) = ex e uniformemente ontinua in ogni insieme superiormente limitato.nizione 4. se x < y < M si ottiene: f (y) f (x) = ey e x = e x ey e questa quantita non supera " se y x < e M ( ioe dall'insieme) ma non dal punto. Infatti. x  1 < eM ey M log(1 + "): x 1  Questo e il Æ (") he dipende da .12 e quindi vedere he 9" > 0 : 8Æ > 0 9x . x 2 A : (jx 1 2 1 x2 j < Æ ) ^ (jf (x1 ) f (x2 )j  ") : (4.13) Esempi.

si vede immediatamente he si possono prendere punti tanto vi ini quanto si vuole in modo he tra questi l'os illazione di f valga almeno log 2: La ondizione di ontinuita su insiemi hiusi e limitati impli a la ontinuita uniforme. FUNZIONI: CONTINUITA. CAPITOLO 4. quindi f (xnk ) f (ynk ) ! 0. +1). mentre non lo e in (0. per ogni Æ > 0 esiste almeno una oppia x. vale infatti il Teorema 121 (di Cantor-Heine) Ogni funzione ontinua su un insieme A hiuso e limitato e ivi uniformemente ontinua. f (ynk ) ! f (z ). x + Æ per ui l'os illazione di f tra x ed x + Æ risulta maggiore di ": basta prendere x > log("=Æ ): La funzione log x e uniformemente ontinua in(1. Posto (per ogni n intero) Æ = 1=n e possibile determinare xn ed yn in A in modo he jxn ynj < n1 ^ jf (xn) f (yn)j  ": Dalla su essione fxn g si puo estrarre una sottosu essione fxnk g onvergente ad un punto di A: sia z questo punto. Ripetendo la valutazione pre edente e posto y = x + Æ si ottiene per la disuguaglianza nell'Osservazione 48:  f (x + Æ ) f (x) = ex eÆ   1 > ex eÆ  1 > Æ ex : Posto " = 1. La funzione esponenziale f (x) = ex non e uniformemente ontinua in ogni intervallo superiormente illimitato. Dimostrazione. b℄. b) e limitata e puo sempre essere estesa per ontinuita ad [a. La sottosu essione di fyng presa sugli stessi indi i nk e an h'essa onvergente allo stesso punto z : infatti jynk zj  jynk xnk j + jxnk zj < n1 + jxnk zj ! 0: k Per la ontinuita di f deve essere f (xnk ) ! f (z ) . in ontrasto on jf (xn ) f (yn)j  " per ogni n: Osservazione 122 Ogni funzione uniformemente ontinua su un intervallo limitato (a. ioe esistono . Pro ediamo per assurdo: supponiamo ioe he valga (4. tenendo onto he log x log(x=2) = log 2.64  LIMITI.13). Basta allora prendere Æ (") = "=2: Per x < 1. 1) : Æ Æ < 2 (sempre per l'Osservazione Per x > 1 si ottiene: log(x + Æ ) log x = log 1 + x x 48).

niti lim+ f (x) x!a e lim f (x): x!b Infatti per ogni su essione fxn g in (a. b) onvergente ad a+ (o a b ) la su essione ff (xn)g. grazie alla ontinuita uniforme. E immediato veri. e una su essione di Cau hy. quindi onverge.

are he il limite non dipende dalla su essione s elta. .

 FONDAMENTALI DELLE FUNZIONI CONTINUE. +1) per ogni a > 0: Una ondizione suÆ iente (ma non ne essaria) per assi urare la ontinuita uniforme (an he in insiemi non limitati) e la Condizione di Lips hitz: questa di e he il rapporto tra l'in remento della funzione e quello della variabile si mantiene limitato. 4. lo e inve e su ogni insieme della forma [a. Vedremo in seguito he questa ondizione e assi urata sotto ipotesi he si possono veri. PROPRIETA 65 Una onseguenza di quanto sopra e he la funzione sin(1=x) e ontinua su (0.4. +1) ma non uniformemente ontinua.

De. are on una erta fa ilita.

y 2 A jf (x) f (y)j  K jx yj (4.14) La veri.nizione 123 f : A ! B e lips hitziana in A se esiste un numero K tale he 8x.

1℄ he non e lips hitziana: infatti x Osservazione 124 E immediato veri. a he le funzioni lips hitziane p sono uniformemente ontinue e immediata: basta prendere Æ(") = "=K: La funzione x fornis e un esempio di funzione uniformemente f (x) ! 1 per x ! 0: ontinua su [0.

Le proprieta di ui sopra vengono inve e onservate on la omposizione: e infatti immediato veri. ogni loro ombinazione lineare onserva tale proprieta. per il prodotto: la funzione f (x) = x e uniformemente ontinua su tutto R mentre il suo quadrato non lo e. Lo stesso non si puo dire. are he se f e g sono due funzioni uniformemente ontinue o Lips hitziane nello stesso insieme. in generale.

jg (y1 ) g (y2 )j  K jy1 y2 j allora jg (f (x )) g (f (x ))j  HK jx 1 2 1 x2 j Osservazione 125 Per funzioni ontinue in insiemi illimitati la veri. y2 2 B jf (x ) f (x )j  K jx 1 2 1 x2 j . x2 2 A . are he se f : A ! B e g : B ! C sono tali he 8x1 . 8y1.

per x1 e x2 abbastanza grandi si ottiene: jf (x ) f (x )j = j(f (x ) (mx + q)) (f (x ) (mx + q)) + m(x 1 2 1 1 2 2 1 x2 )j  jm(x1 x2 )j + " : 2m Vediamo ora ome il Teorema di Heine-Cantor possa essere appli ato ad un problema di approssimazione di funzioni ontinue mediante funzioni a s ala. Infatti se esistono due numeri m e q tali he f (x) (mx + q) ! 0 per x ! 1. a della eventuale ontinuita uniforme non e sempre sempli e. b℄ ! R si di e a s ala (o ostante a tratti) quando assume un numero . Una funzione f : [a. e pero immediato assi urare questa proprieta quando la funzione ammette un asintoto (orizzontale oppure obliquo).

nito di valori e ias uno di questi valori viene assunto in una unione .

b℄ : Vale allora il seguente basta quindi s egliere Æ = " 2 .nita di sottointervalli di [a.

Allora 8" > 0 e possibile determinare una funzione a s ala g" tale he jf (x) g" (x)j < per ogni x 2 [a. b℄ : Infatti.66  LIMITI. b℄ ! R una funzione ontinua. Corollario 126 Sia f : [a. FUNZIONI: CONTINUITA. . CAPITOLO 4.

4 Funzioni inverse di funzioni ontinue. per i = 0. Esempio 127 La funzione f : [0.    . ioe quando essa da una orrispondenza biunivo a tra A e f (A). f (xi )) si ottiene una funzione `" ontinua. lineare a tratti. Utilizzando la ostruzione pre edente e interpolando linearmente tra i punti di oordinate (xi . g" (b) = f (xn 1 ). 2℄ de. xi+1 ) . b℄ tale he xi+1 xi < Æ . 1℄ [ [2. la funzione g" ha la proprieta sopra itata.4. he si s osta per meno di " da f: 4.ssato " > 0 esiste un Æ tale he jx yj < Æ =) jf (x) f (y)j < ": Sia allora a = x0 < x1 < x2 <    < xn = b una suddivisione di [a. n 1: Posto g" (x) = f (xi ) nell'intervallo [xi . 3) ! [0. In generale questo non avviene sempre. 1. Ci poniamo ora il problema di stabilire se e quando la ontinuita di una funzione invertibile impli hi la ontinuita della funzione inversa. Ri ordiamo he f : A ! B e invertibile quando e iniettiva.

f (x) = 4 x per 2  x < 3 e ontinua. Si noti in. Si noti he f 1 e una funzione dis ontinua he ha per inversa una funzione ontinua.nita da: f (x) = x per 0  x  1 . e la sua inversa f 1 . he vale f 1 (y) = y per 0  y  1 . invertibile. f 1 (y) = 4 y per 1 < y  2 non e ontinua in y = 1.

ne he non e possibile de.

in seguito. il nostro ompito. In omin iamo on qual he osservazione he puo rendere piu sempli e.nire f in x = 3 in modo he f risulti ontinua ed invertibile. Mostreremo he si puo garantire la ontinuita dell'inversa di una funzione ontinua in due asi: quando il dominio di f e un intervallo e quando esso e un insieme hiuso e limitato. .

4. per assurdo. Per esempio le funzioni f : [0. nemmeno su un intervallo. f (x3 )g e f (x2 ). Dimostrazione. x2 . quando non si ri hiede la ontinuita. x1 . per la proprieta di Darboux. 1℄ de. Osservazione 130 La (stretta) monotonia di f (sempre suÆ iente per garantire l'in- vertibilita) non e una ondizione ne essaria. aperto. 4. nel se ondo lo stesso dovrebbe a adere per ogni valore ompreso tra min ff (x1 ). assurdo per l'invertibilita di f: Osservazione 129 Non ha importanza he l'intervallo sia hiuso. 1℄ ! [0. f (x3 )g oppure f (x2 ) < min ff (x1 ). limitato o meno. f non fosse monotona esisterebbero in I tre punti. f (x3 )g e f (x2 ) dovrebbe essere assunto. PROPRIETA 67 Proposizione 128 Ogni funzione ontinua ed invertibile su un intervallo I e strettamente monotona. FONDAMENTALI DELLE FUNZIONI CONTINUE. x3 . on x1 < x2 < x3 e tali he o f (x2 ) > max ff (x1 ). almeno due volte da f . f (x3 )g : Nel primo aso ogni valore ompreso tra max ff (x1 ). Se.

f (x) = 2 2 x per 1 2 x1 = f ). Proposizione 131 Se f e monotona su un intervallo e l'immagine di f e un intervallo. siamo ora in grado di dimostrare il . f (1) = 1 . Tenendo onto he ogni funzione strettamente monotona e invertibile e he la funzione inversa e an ora strettamente monotona. allora f e ontinua.nite da: f (0) = 0 . Dimostrazione. f (x) = 1 x per 0 < x < 1 oppure da: f (x) = x per 0  x < sono invertibili (e f 1 3 1 . ma non monotone. Supponiamo he f sia dis ontinua in un erto punto x0 : La dis ontinuita e ne essariamente a salto quindi l'immagine di f non puo essere un intervallo.

CAPITOLO 4. f 1 e monotona e l'immagine di f 1 ( he e il dominio di f ) e un intervallo. 68 Teorema 132 (della ontinuita della funzione inversa) Ogni funzione ontinua ed invertibile su un intervallo ha inversa ontinua. Dimostrazione. Come abbiamo visto nell'esempio all'inizio del paragrafo. La dimostrazione e immediata onseguenza delle proposizioni pre edenti: f e monotona. LIMITI. l'immagine di f ( he e il dominio di f 1) e un intervallo. se l'insieme di de. FUNZIONI: CONTINUITA.

nizione di f non e un intervallo non e detto he l'inversa di una funzione ontinua sia a sua volta ontinua. Con ludiamo mostrando he la ontinuita della funzione inversa si onserva nel aso in ui la funzione sia de.

Teorema 133 Ogni funzione ontinua ed invertibile su un insieme A hiuso e limitato ha inversa ontinua. 1) de. xn = f 1(yn ) non onvergesse a x0 = f 1(y0 ). xn = f 1 (yn ) (xn e l'uni o punto di A tale he f (xn) = yn). f (x0 ) = y0 k!1 k!1 assurdo per l'ipotesi di invertibilita. 0) ! (0. da questa su essione si potrebbe estrarre una sottosu essione fxnk g onvergente ad un punto z 2A.nita in un insieme hiuso e limitato. Dimostrazione. Se. Bisogna dimostrare he: per ogni y0 2 f (A) e per ogni su essione fyng  f (A) onvergente a y0 f 1 (yn ) ! f 1(y0 ): Sia. Osservazione 134 Considerando la funzione f : ( 1. per ogni n. per assurdo. z 6= x0 : Dalla ontinuita di f in A si ottiene f (z ) = lim f (xnk ) = lim ynk = y0 .

.nita da f (x) = ex si vede subito he la proprieta di ontinuita uniforme non si onserva passando all'inversa.

In parti olare la formula di Taylor fornis e approssimazioni mediante polinomi di funzioni on un opportuno "grado di regolarita".Capitolo 5 Cal olo di erenziale. Il Cal olo Di erenziale e uno strumento fondamentale dell'Analisi Matemati a e permette non solo di raÆnare lo studio delle proprieta qualitative delle funzioni. 5. 5. In questo apitolo tratteremo del Cal olo Di erenziale per funzioni di una sola variabile reale. Introdu iamo ora la nozione di derivata per una funzione reale di variabile reale. enni di Cal olo Di erenziale per funzioni di piu variabili reali saranno riportati nell'Appendi e.1 Introduzione. ma an he di fornire approssimazioni numeri he di funzioni appartenenti a lassi suÆ ientemente ampie.2 La derivata. In tutto questo apitolo supporremo he f sia una funzione a valori reali de.

on opportune autele. Molte delle onsiderazioni he faremo si possono estendere. al aso di funzioni de.nita in un intervallo I (limitato o illimitato).

nite in un insieme ostituito dall'unione di un numero .

h) = f (x0 + h) f (x0 ) viene detta in remento della variabile dipendente. h) = h x 69 . Chiameremo rapporto in rementale relativo al punto x0 e all'in remento h la quantita f (x0 + h) f (x0 ) f (x0 . Sia x0 un punto interno ad I e sia h reale tale he il punto in rementato x = x0 + h appartenga an ora ad I .nito di intervalli. L'in remento della variabile indipendente e la quantita x = x x0 = h mentre la quantita f (x0 .

CALCOLO DIFFERENZIALE.70 CAPITOLO 5. De.

nizione 135 Di iamo he f e derivabile in x0 se esiste .

nito lim h!0 f (x0 + h) f (x0 ) = `: h Il valore ` di tale limite. he denoteremo on il simbolo f 0 (x0 ) viene detto derivata della funzione f nel punto x0 : Altri simboli omunemente usati per indi are la derivata di f nel punto x0 sono:  df f (x0 ) (Df ) (x0 ) (x ) dx 0 e se la funzione viene indi ata on il simbolo y = f (x) si usano i simboli y (x0 ) dy (x0 ): dx Nel aso risultino entrambi .

derivata destra e sinistra in x0 e s riveremo `1 = f+0 (x0 ) e `2 = f 0 (x0 ). E ovvio he f risulta derivabile in x0 se e solo se esistono derivata destra e sinistra e sono uguali. rispettivamente. h) = 0. Nel aso esista uno solo dei suddetti limiti diremo he f ammette derivata destra o sinistra in x0 . Disegnato il gra. h) = 0. per ogni h risulti f (x0 . vi eversa se esiste un x0 2 I tale he. lim h!0+ 6= Osservazioni. Risulta evidente he se f e ostante in I allora per ogni x0 2 I e per ogni h risulta f (x0 . f e ostante in I . Nel aso x0 2 I sia l'estremo sinistro o destro dell'intervallo si parla an ora di derivabilita di f in x0 onsiderando rispettivamente solo la derivata destra o sinistra di f nel punto x0 .niti. e quindi f 0 (x) = 0 per ogni x. ma diversi i due limiti y0 (x0 ) f (x0 + h) f (x0 ) = `1 h f (x0 + h) f (x0 ) lim = `2 h h!0 diremo he f ammette.

f (x0 )) e Ph  (xh . h) il rapporto in rementale risulta quindi il oeÆ iente angolare della retta h ongiungente i due punti P0 e Ph : Da io segue he le uni he funzioni aventi rapporto . o della funzione f in un sistema artesiano ortogonale. = x x0 h f (x0 . yh ) = (x0 + h. h) . si onsiderino su di esso i due punti P0 e Ph rispettivamente di oordinate P0  (x0 . f (x0 + h)): L'equazione della retta he li ongiunge e y y0 f (x0. y0 ) = (x0 .

71 5. LA DERIVATA. in rementale ostante in un punto x0 sono quelle il ui gra.2.

In generale il rapporto in rementale non e ostante e rappresenta la "pendenza media" del gra. o e una retta. h) risulta proporzionale ad h sono del tipo f (x) = ax + b. In altre parole le uni he funzioni per ui l'in remento f (x0 .

x0 ℄. x0 + h℄ o [x0 + h. Signi. o di f nell'intervallo [x0 .

ato geometri o di f 0 (x0 ). f (x0 )) e (x0 + h. f (x0 + h)). h) = = tan (h) h h rappresenta il oeÆ iente angolare della retta ongiungente i due punti di oordinate (x0 . Quanto detto sopra giusti. Abbiamo gia osservato he il rapporto in rementale f (x0 + h) f (x0 ) f (x0 . Dire he f e derivabile in x0 equivale a dire he esiste il limite di tan (h) per h ! 0 e quindi he la retta se ante tP ongiungente i punti P0 e Ph ammette una "posizione limite" t0 per h ! 0.

a la De.

nizione 136 Sia f derivabile in x0 : Si di e retta tangente al gra.

il polinomio P1 (x) = f (x0 ) + f 0(x0 )(x x0 ) e l'uni o per ui risulta f (x) P (x) = o ((x x0 )) per x ! x0 : Geometri amente questo signi. f (x0 )) la retta t0 di equazione y = f (x0 ) + f 0(x0 )(x x0 ): (5. e inoltre he tra tutti i polinomi di primo grado P (x).1) Dimostreremo ora he tutte le funzioni derivabili sono ontinue. o di f nel punto di oordinate (x0 .

f (x0 )) la retta tangente e quella il ui gra. a he tra tutte le rette passanti per il punto (x0 .

in un opportuno intorno del punto x0 . quello della funzione f . Vediamo dapprima he l'esistenza della derivata (. o approssima meglio.

Allora f e ontinua in x0 .nita) in un punto e una ondizione piu forte della ontinuita nel punto stesso: vale infatti il Teorema 137 Sia f derivabile in x0 .

Dimostrazione.72 CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE. Per ogni h 6= 0 si ha f (x0 + h) f (x0 ) = e poi he f (x0 .2) ! f 0(x ) (. h) h f (x0 . h) h h (5.

nito) si ottiene 0 lim (f (x0 + h) f (x0 )) = 0: h!0 Pre isiamo e dimostriamo ora quanto a ermato dopo la De.

se fosse f (x0 ) 6= P (x0 ) = a il limite non potrebbe essere . s ritto nella forma P (x) = a + m (x x0 ) : Allora lim x!x0 f (x) P (x) =0 x xo se e solo se a = f (x0 ) e m = f 0(x0 ): Dimostrazione. Si ome f e P sono funzioni ontinue in x0 .nizione 136: Teorema 138 Sia f derivabile in x0 e sia P (x) un qualsiasi polinomio di primo grado.

h) e quindi la "parte prin ipale" di f (x0. h) rappresenta l'in remento relativo al passaggio da x0 a x0 + h misurato sul gra. h) o. nel passare dal punto x0 al punto x0 + h. piu sempli emente. Geometri amente df (x0 . quindi deve essere a = f (x0 ): Dunque f (x) P (x) f (x) f (x0 ) m (x x0 ) f (x) f (x0 ) = = x xo x xo x xo da ui l'asserto. quando non vi siano dubbi ir a il punto e l'in remento in questione. h) = h f 0 (x0 ): P1 (x0 .nito. h) = h f 0 (x0 ) + o(h) mentre P1 (x0 . la funzione f subis e un in remento f (x0 .2) si puo ris rivere ome f (x0 + h) = f (x0 ) + h f 0 (x0 ) + o(h): Notiamo he. m ! f 0(x0 ) m Osservazione 139 La formula (5. h) e prende il nome di di erenziale della funzione f relativo al punto x0 e all'in remento h e viene usualmente denotata on il simbolo df (x0 . on df.

o della retta tangente al gra.

o della funzione nel punto di oordinate (x0 . f (x0 )). .

Osservazione 140 Nella de. LA DERIVATA.2.73 5.

nizione di derivabilita abbiamo ri hiesto he il limite del rapporto in rementale fosse .

Quando il limite del rapporto in rementale esiste ma e +1 o 1 puo a adere he la funzione sia dis ontinua in x0 : per esempio la funzione sgn(x) (segno di x) he vale 1 per x > 0.nito ed abbiamo quindi potuto dimostrare la ontinuita delle funzioni derivabili. 1 per x < 0 e 0 per x = 0. parlare di retta tangente nell'origine al gra. nell'esempio pre edente. e dis ontinua nell'origine ed il limite del rapporto in rementale in x0 = 0 esiste e vale +1: Non ha ovviamente senso.

o della funzione. Tuttavia nel aso di funzioni ontinue per ui il limite del rapporto in rementale in x0 esiste in.

nito. in a ordo on l'intuizione geometri a onviene de.

nire la retta (verti ale) x = x0 ome retta tangente alp gra.

Considereremo sempre funzioni ontinue. f (x0 )) .2. si pensi ad esempio alla funzione f (x) = 3 x: 5. o della funzione nel punto (x0 . f e de.1 Derivate di funzioni elementari Pro ediamo ora al al olo delle derivate di al une funzioni he sono di importanza fondamentale nell'Analisi Matemati a. 1) Sia f (x) = x on 6= 0 reale. quindi il rapporto in rementale si presentera sempre nella forma di inde isione 0=0: per superare queste diÆ olta si utilizzeranno sistemati amente i limiti notevoli visti in pre edenza.

.nita per ogni x positivo e.

4) 1 .v).8.6) e della ontinuita della funzione oseno f 0 (x0 ) = os(x0 ) (5. 2) Sia f (x) = ax (a > 0).3) 3) Sia f (x) = sin(x).ssato x0 > 0 risulta:  (x + h) (x0 ) = lim (x0 ) lim 0 h!0 h!0 h h 1+ x0 h  1  = lim (x0 h!0 ) (  h 1+ x0 h x0 1) 1 = x 0 per il limite notevole (2. Quindi f 0 (x0 ) = x 0 1 : Nel aso in ui sia un intero relativo la stessa formula vale per ogni x 6= 0 ed an he in x = 0 nel aso intero positivo. Ri ordando le formule di prostaferesi abbiamo sin h  os  x0 +h 2  2 2 f (x0 + h) f (x0 ) sin(x0 + h) sin(x0 ) = =2 h h h e tenuto onto del limite notevole (1. Allora f (x0 + h) f (x0 ) ax0 +h ax0 ah 1 = = ax0 h h h da ui f 0(x0 ) = ax0 loge a (5. In quest'ultimo aso invitiamo il lettore a dimostrare la formula pre edente utilizzando la formula del binomio di Newton.

Analogamente. posto f (x) = os(x) si ottiene f 0 (x0 ) = sin(x) (5.74 CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE.5) 4) Sia in.

Per quanto riguarda la 3: osserviamo he f (x0 + h)g(x0 + h) f (x0 )g(x0 ) = h f (x0 + h)g(x0 + h) f (x0 + h)g(x0 ) + f (x0 + h)g(x0 ) f (x0 )g(x0 ) = =    h  f (x0 + h) f (x0 ) g(x0 + h) g(x0 ) = g(x0 ) + f (x0 + h): h h . Per le note proprieta dei logaritmi abbiamo   h loga 1 + f (x0 + h) f (x0 ) loga (x0 + h) loga (x0 ) x0 = = h h h e quindi ri ordando il limite notevole (1. Come e gia stato fatto per il al olo dei limiti mostreremo he. a 6= 1) e sia x0 > 0.8. (f  g)0 (x0 ) = f 0 (x0 )g(x0 ) + f (x0 )g0 (x0 ) inoltre se g(x0 ) 6= 0. an he f=g risulta derivabile in x0 e  0 f 0 (x0 )g(x0 ) f (x0 )g0 (x0 ) f (x0 ) = 4. e possibile ri avare.i) f 0 (x0 ) = 1 log e x0 a (5. (f + g)0 (x0 ) = f 0(x0 ) + g0 (x0 ) 3.2 Regole di derivazione. la derivata di funzioni ottenute da queste mediante operazioni algebri he. Derivata e operazioni algebri he.6) Osservazione 141 Si noti ome la s elta della base e per le funzioni esponenziali e logaritmi he renda le formule (5. Le prime due formule seguono immediatamente dalle analoghe proprieta dei limiti. 5. Allora le funzioni f ( reale) f + g e f  g risultano an h'esse derivabili in x0 e 1.ne f (x) = loga (x) (a > 0.6) parti olarmente sempli i. nota la derivata di due funzioni f e g nel punto x0 .3) e (5. ( f )0 (x0 ) = f 0 (x0 ) 2. Vale infatti il seguente Teorema 142 Siano f e g derivabili in x0 . g (g(x0 ))2 Dimostrazione.2. nello stesso punto.

2. LA DERIVATA. In.75 5. Tenendo onto della ontinuita di f nel punto x0 la 3: si ottiene passando al limite per h ! 0.

se g(x0 ) 6= 0 allora per ontinuita esiste un Æ > 0 tale he g(x) 6= 0 per jx x0 j < Æ .ne per dimostrare la 4: omin iamo on l'osservare he. Per tali x risulta de.

7) Combinando la 3: e (5. note le derivate delle funzioni elementari.nita la 1 funzione G(x) = e inoltre g(x)  1 G(x0 + h) G(x0 ) 1 = h h g(x0 + h)  1 g(x0 ) g(x0 + h) 1  = g(x0 ) g(x0 + h)g(x0 ) h per 0 < jhj < Æ . Vedremo ora altre due regole estremamente utili per il al olo delle derivate: queste regole infatti i permetteranno. Passando al limite per h ! 0 si ottiene G0 (x0 ) = g0 (x0 ) : (g(x0 ))2 (5.7) si ottiene la 4. Teorema 144 (Derivata della funzione omposta) Sia f una funzione de. Esempio 143 Cal oliamo la derivata di tan(x) = sin(x) . di al olare fa ilmente le derivate delle funzioni he si ottengono da queste mediante omposizione ed inversione. os(x) Per la 4: abbiamo (tan)0 (x) = ( os(x))2 1 sin(x)( sin(x)) = = 1 + (tan(x))2 : 2 ( os(x)) ( os(x))2 Derivata della funzione omposta.

nita in un intervallo aperto I ontenente il punto x0 e sia g de.

. Osserviamo inoltre he. Consideriamo la funzione 8 g(y) g(y0 ) > > < y y0 (y) = > > : 0 g (y0 ) se y 6= y0 se y = y0 : Poi he g e derivabile in y0 la funzione  risulta ontinua in y0 . allora la funzione omposta g Æ f ( he ad ogni x asso ia g(f (x))) e derivabile in x0 e risulta (g Æ f )0 (x0 ) = g0 (y0 )  f 0 (x0 ): Dimostrazione.nita in un intervallo aperto J ontenente il punto y0 = f (x0 ): Se f e derivabile in x0 e g e derivabile in y0 . per ogni x 6= x0 .

g(f (x)) g(f (x0 )) f (x) f (x0 ) = (f (x)) : x x0 x x0 (5. CALCOLO DIFFERENZIALE. mentre se f (x) 6= f (x0 ) si ottiene il se ondo membro della (5.8) Infatti se f (x) = f (x0 ) entrambi i membri della (5.8) moltipli ando e dividendo il primo membro per f (x) f (x0 ) e tenendo presente la de.76 CAPITOLO 5.8) sono nulli.

Cal oliamo per esempio la derivata di f (x) = esin(e x) Posto h(x) = sin (ex ) risulta f 0 (x) = eh(x)  h0 (x) = esin(e ) ex os(ex ): x Derivata della funzione inversa. nel se ondo f (x) = x3 e g(y) = sin y: Si ottiene: h0 (x) = 3(sin(x))2 os x k0 (x) = 3x2 sin(x3 ): l'uso del Teorema pre edente si estende in modo immediato al aso di omposizione di tre o piu funzioni.nizione della funzione . Osserviamo he una funzione invertibile e la sua inversa hanno "il gra. Poi he  ed f sono ontinue rispettivamente in y0 e in x0 ed f e derivabile in x0 si ottiene la tesi fa endo tendere x a x0 . Esempi. A titolo di esempio al oliamo le derivate di h(x) = (sin(x))3 e di k(x) = sin(x3 ): Nel primo aso e f (x) = sin(x) e g(y) = y3 .

quindi an he la retta tangente al gra. o in omune".

Allora la funzione inversa f 1 risulta derivabile nel punto y0 = f (x0 ) e 1 1 = 0 1 (f 1 )0 (y0 ) = 0 f (x0 ) f (f (y0 )) (5. Il seguente teorema formalizza quanto detto sopra e per la sua dimostrazione si ri hiedera la ontinuita della funzione inversa. b) ! R ontinua e invertibile. o.9) . on la sola avvertenza he la tangente orizzontale per una funzione diventa verti ale per la funzione inversa. y= Teorema 145 (Derivata della funzione inversa) Sia f : (a. Sia x0 un punto di (a. e la stessa. Se s riviamo la sua equazione nella forma ax + by + = 0 questa diventa b a x e an he x= y : b b a a In dipendenza dal sistema di riferimento il oeÆ iente angolare assumera un valore o il suo re ipro o. se esiste. b) in ui f risulta derivabile on f 0 (x0 ) 6= 0.

2.77 5. Osserviamo innanzitutto he f 1 risulta de. Dimostrazione. LA DERIVATA.

1) 1 : (5. on x 2 (0. + ): 2 2 Cal oliamo la derivata della funzione inversa ar tan y nel generi o punto y0 : Dalla formula pre edente risulta he 1 1 1 = = (5.nita e ontinua in un intervallo aperto ontenente y0 (vedi Osservazione 114).12) Consideriamo ora y = f (x) = os x.9) si ottiene immediatamente dal Teorema della derivata della funzione omposta tenendo presente he f 1(f (x))  x:   Esempio 147 Sia y = f (x) = tan(x). on x 2 ( . + : Cal oliamo la derivata della funzione inversa Sia y = f (x) = sin x. on x 2 2 2 x = f 1 (y) = ar sin y nel generi o punto y0 interno all'intervallo ( 1.   ar oseno  . Risulta ar sin0 (y0 ) = Si ome. risultera 2 2 1 ar sin0 (y0 ) = q 1 (y0 )2 (5. se 1 os(ar sin(y0 )) p   < x < + . 1). Dobbiamo al olare il limite per y ! y0 del rapporto in rementale f 1 (y) f 1 (y0 ) : y y0 Mostriamo he per ogni su essione fyng1 n=1 onvergente a y0 (yn 6= y0 ) f 1(yn ) f 1(y0 ) ! f 0(1x ) : yn y0 0 Posto xn = f 1 (yn) per la ontinuita di f 1si ha he xn ! x0 = f 1(y0 ): Poi he 1 xn x0 f 1 (yn) f 1 (y0 ) ! 1 = = yn y0 f (xn ) f (x0 ) f (xn ) f (x0 ) f 0(x0 ) xn x 0 il Teorema e dimostrato. ) : Con gli stessi pro edimenti si ottiene per la funzione inversa x = f 1 (y) = ar os y nel generi o punto y0 interno all'intervallo ( 1.10) ar tan0 (y0 ) = 0 2 tan (ar tan(y0 )) 1 + (tan(ar tan(y0 ))) 1 + (y0 )2 1 Esempio 148 Derivata delle funzioni e ar o oseno.13) ar os0 (y0 ) = q 1 (y0 )2 . os(x) = 1 (sin x)2 . Osservazione 146 Si osservi he una volta dimostrata l'esistenza di f 0 in y0 la formula (5.11) (5.

CALCOLO DIFFERENZIALE.78 CAPITOLO 5. Eser izio 149 Ri ordando he x = log y e la funzione inversa di y = ex ri avare la derivata della funzione logaritmo fa endo uso del Teorema pre edente. Osservazione 150 Si osservi he tutte le "regole" di derivazione dimostrate .

non rimane altro he ri orrere alla de. ome mostra il seguente esempio.nora sono in realta dei Teoremi he hanno ome ipotesi fondamentale il fatto he le funzioni oinvolte siano derivabili nei punti presi in esame. Qualora io non sia a priori garantito.

Esempio 151 Sia a > 0 e sia fa (x) = 8 > > < > > : jxja sin   1 x per x 6= 0 per x = 0 0 Osserviamo he.nizione di derivata per de idere la derivabilita o meno della funzione in esame. fa0 (x0 ) esiste per le regole sopra itate e vale ajx0 ja 1 sgn(x0 ) sin  1 x0    jx ja os x1 : 0 2 0 Se x0 = 0 l'espressione qui sopra perde di signi. se x0 6= 0.

ato. Possiamo quindi on ludere he fa e derivabile in ogni punto x0 2 R se e solo se a > 1. in questo aso f 0 (x0 ) = a 8 > > < > > : ajx0 ja 1 sgn(x0 ) sin  1 x0   jx ja os x1 0  2 0 0 per x0 6= 0 per x0 = 0 Analogamente a quanto fatto per le funzioni ontinue diamo la seguente De. Analizzando il rapporto in rementale si ottiene   1 f (0 + h) f (0) = sgn(h) jhja 1 sin h h da ui segue immediatamente he: fa0 (0) non esiste se 0 < a  1 fa0 (0) = 0 se a > 1.

se ondo i asi. . Negli eventuali estremi degli intervalli si onsiderano naturalmente solo la derivata destra o sinistra.nizione 152 f si di e derivabile nell'intervallo aperto I se e derivabile in ogni punto di I: Piu in generale diremo he f e derivabile nell'insieme E unione di intervalli disgiunti se f e derivabile in ogni punto di E .

quindi fa risulta ontinua e derivabile per a > 1 ma fa0 risulta ontinua solo per a > 2.3. i Teoremi he dimostreremo ostituis ono i fondamenti del Cal olo Di erenziale . fa endo uso del Teorema di Lagrange. Per omodita del lettore riportiamo ora una tabella di derivate di funzioni elementari f (x) f 0 (x) x ex ax log jxj x 1 ex ax log a 1 x1 1 loga e = x x log a os x sin x 1 1 + tan2 x = 2 os x osh x sinh x 1 1 tanh2 x = osh2 x 1 p 2 1 x p 1 2 1 x 1 1 + x2 loga jxj sin x os x tan x sinh x osh x tanh x ar sin x ar os x ar tan x 5.5. TEOREMI FONDAMENTALI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE. Ci proponiamo ora di illustrare al une tra le piu importanti appli azioni del on etto di derivata. In seguito (si veda la Proposizione 176) dimostreremo.3 Teoremi fondamentali del Cal olo Di erenziale. 79 Osservazione 153 Nell'esempio pre edente xlim f 0 (x) non esiste se 1 < x  2 mentre !0 a tale limite e zero se a > 2. he questo tipo di dis ontinuita "patologi o" e l'uni o ammissibile per una funzione derivata.

CALCOLO DIFFERENZIALE.80 CAPITOLO 5. sono inoltre la base per il Cal olo Di erenziale per funzioni di piu variabili ed uno strumento essenziale per pro edure e formule di approssimazione. Questi risultati saranno utilizzati nelle appli azioni del Cal olo Di erenziale allo studio dell'andamento del gra. per funzioni di una variabile reale.

Una prima sempli e onsiderazione riguarda il signi. o di una funzione reale di variabile reale e alla ri er a di formule di approssimazione di funzioni mediante polinomi.

Se la funzione e an he derivabile. Allora se f e derivabile in x0 risulta f 0 (x0 ) = 0: Dimostrazione. Per de. il seguente teorema i permette di lo alizzarli. b℄ ! R e sia x0 2 (a. Supponiamo he x0 sia un punto di massimo relativo (nel aso del minimo si pro ede in modo analogo). Teorema 154 (di Fermat) Sia f : [a. b) un punto di massimo o di minimo relativo per f . ato dell'annullarsi della derivata: abbiamo visto he il Teorema di Weierstrass assi ura l'esistenza di massimo e minimo assoluti per funzioni ontinue su un intervallo hiuso e limitato.

e f (x0 + h) f (x0 )  0 quindi f (x0 + h) f (x0 ) h  0 se Æ<h<0 f (x0 + h) f (x0 )  0 se 0 < h < Æ: h Passando al limite per h ! 0 (limite he ertamente esiste per he f e derivabile in x0 ) si ottiene he f 0 (x0 )  0 mentre f+0 (x0 )  0 quindi.nizione di massimo relativo esiste un Æ > 0 tale he. per jhj < Æ . risulta f 0 (x0 ) = 0. dovendo essere f 0 (x0 ) = f+0 (x0 ). Osservazione 155 Una immediata onseguenza di questo Teorema e he f non puo avere massimi o minimi relativi nei punti interni al suo insieme di de.

Osservazione 156 Si noti he gli estremi dell'intervallo a e b possono essere punti di massimo o minimo relativo senza he ne essariamente le due derivate f+0 (a) e f 0 (b) (se esistono) risultino nulle. Ri ordiamo inoltre he l'esistenza di un punto di massimo o di minimo relativo per una funzione f nel punto x0 non impli a ne la derivabilita ne la ontinuita di f in (x0 ).nizione in ui essa e derivabile on derivata diversa da zero. In ogni x0 2 R la funzione : 1 se x e irrazionale assume un massimo oppure un minimo. ma f e dis ontinua ovunque. . ma non e ivi derivabile. si pensi per esempio a f (x) = x in [0. 1℄. 1  x  1: Nell' origine f ha un minimo (assoluto). ome mostrano i seguenti esempi: f (x) = jxj . 8 e razionale < 0 se x  f (x) = (funzione di Diri helet).

in questo punto. Dimostrazione.3. b℄. e il primo di una atena he i permettera di passare da uno studio qualitativo delle funzioni di variabile reale alla possibilita di darne una approssimazione numeri a. Teorema 157 (di Rolle) Sia f : [a. Siano e d rispettivamente il punto di massimo e quello di minimo. b) tale he f 0( ) = 0. f ha derivata nulla: questo punto e uno degli  er ati. tale he f (a) = f (b) Allora esiste almeno un punto  in (a.5. b) : Osservazione 158 I seguenti esempi mostrano he basta he una sola delle tre le ipotesi non sia veri. Per il Teorema di Weierstrass ogni funzione ontinua su un intervallo hiuso e limitato assume ivi un valore massimo e un valore minimo (assoluti). Se inve e il punto di massimo e quello di minimo si trovano entrambi agli estremi dell'intervallo. TEOREMI FONDAMENTALI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE. fa ile onseguenza dei teoremi di Fermat e di Weierstrass. b℄ ! R una funzione  1. in questo aso  e un punto qualsiasi dell'intervallo (a. 81 Il teorema he segue. poi he f assume valori uguali negli estremi essa e ostante e quindi ha derivata nulla in ogni punto. b) 3. ontinua nell'intervallo hiuso [a. b℄ 2. derivabile nell'intervallo aperto (a. Se almeno uno tra e d e interno ad [a. per il Teorema di Fermat.

. ata per he non si possa piu garantire l'esistenza di un punto a tangente orizzontale.

CALCOLO DIFFERENZIALE. Se togliamo.82 CAPITOLO 5. l'ipotesi f (a) = f (b). nel Teorema di Rolle. possiamo an ora garantire l'esistenza di un punto in ui la retta tangente al gra.

b) f (b) f (a) . derivabile nell'intervallo aperto (a. b) Allora esiste un punto  in (a. Questa e l'interpretazione geometri a del Teorema 159 (di Lagrange) Sia f : [a. b℄ 2. Ci riportiamo al Teorema di Rolle mediante una funzione ausiliaria h ostruita per di erenza tra f e la funzione il ui gra. f (b)). o della funzione e parallela alla retta he unis e i punti di oordinate (a. tale he f 0 ( ) = b a Dimostrazione. ontinua nell'intervallo hiuso [a. b℄ ! R una funzione  1. f (a)) e (b.

e h. soddisfa tutte e tre le ipotesi del Teorema di Rolle. ma he i permettera di dimostrare l'importante Teorema di de l'H^opital. b℄ e derivabili nell'intervallo aperto (a. f (a)) e (b. poi he f (b) f (a) h0 (x) = f 0(x) b a si ha f (b) f (a) 0 = h0 ( ) = f 0 ( ) b a da ui la tesi. Osservazione 160 Si osservi he sia per il Teorema di Rolle he per quello di Lagrange non e ri hiesta l'esistenza di f+0 (a) e f 0 (b). on ludiamo dimostrandone una ulteriore generalizzazione di interpretazione geometri a meno immediata. b): Allora esiste un punto  interno ad [a. Teorema 161 (di Cau hy) Siano f e g due funzioni ontinue in un intervallo hiuso [a. b℄ tale he f (b) f (a) f 0( ) = : g(b) g(a) g0 ( ) . Pertanto esiste  interno ad [a. b). somma di funzioni ontinue e derivabili. o e la retta passante per i punti di oordinate (a. Supponiamo inoltre he g0 (x) 6= 0 per ogni x in (a. b℄ tale he h0 ( ) = 0. f (b)). Prima di dare importanti appli azioni dei teoremi pre edenti. Sia dunque   f (b) f (a) h(x) = f (x) f (a) + (x a) : b a Ovviamente h(a) = h(b) = 0.

sia per il suo frequente utilizzo sia per la sua evidenza geometri a. os non fosse dovrebbe esser i almeno un punto in (a.3. g(x) = x si ritrova il teorema di Lagrange. Il Teorema di Lagrange fornis e una relazione tra i valori he una funzione f assume e i valori he assume la sua derivata f 0 e io risulta di fondamentale importanza per lo studio dell'andamento del gra. dunque esiste un punto  in ui 0 = h0 ( ) = [g(b) g(a)℄ f 0 ( ) [f (b) f (a)℄ g0 ( ): da ui la tesi. TEOREMI FONDAMENTALI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE. Poniamo h(x) = [g(b) g(a)℄ f (x) [f (b) f (a)℄ g(x): h e ontinua e derivabile. b) in ui g0 si annulla.3. he e stato enun iato separatamente. Dimostrazione. Osservazione 162 Si osservi he ponendo. Osserviamo innanzitutto he g(a) 6= g(b): se. per assurdo. 5. nel Teorema di Cau hy. A tale s opo s egliamo una ombinazione lineare di f e g suggerita dalla tesi del Teorema. inoltre h(a) = h(b) = g(b)f (a) f (b)g(a).1 Conseguenze.83 5. Come per il Teorema di Lagrange si tratta ora di ostruire una funzione ausiliaria alla quale appli are il Teorema di Rolle.

. Proposizione 163 Sia f derivabile in ( . o di f: Vediamone ora al une appli azioni.

). Condizione ne essaria e suÆ iente aÆn he f sia non de res ente in ( . .

. ) e he risulti f 0(x)  0 per ogni x 2 ( .

Condizione ne essaria e suÆ iente aÆn he f sia non res ente in ( . ). .

. ) e he risulti f 0 (x)  0 per ogni x 2 ( .

). Ri ordiamo he una funzione e non de res ente in un intervallo ( . . Dimostrazione.

. b) in ( . ) se e solo se per ogni oppia di punti (a.

) risulta f (b) f (a) b a  0: (5. f 0 risulta sempre non negativa.14) Quindi se f e non de res ente e derivabile. Vi eversa se f 0  0 in ( . .

) appli ando il Teorema di Lagrange si ottiene he esiste almeno f (b) f (a) un punto  in ( . .

Non vale inve e il vi eversa ome mostra il seguente Esempio 165 f (x) = x3 in [a. In modo analogo si dimostra la se onda parte. ) per ui = f 0( ): Poi he in questo punto la derivata e b a non-negativa la (5.14) e soddisfatta. b℄ = [ 1. 1℄. f e strettamente res ente ma f 0(0) = 0. Osservazione 164 Dalla dimostrazione pre edente risulta an he he se f 0(x) > 0 (rispettivamente f 0 (x) < 0) allora f e strettamente res ente (rispettivamente de res ente). .

Osservazione 166 Dalla Proposizione pre edente si ottiene immediatamente la seguente regola per la determinazione dei punti di massimo e di minimo relativo interni all'insieme di de. CALCOLO DIFFERENZIALE.84 CAPITOLO 5.

x0 e inve e un punto di massimo relativo se f 0 (x) > 0 per x < x0 e f 0 (x) < 0 per x > x0 : Una immediata onseguenza di quanto appena detto e he i punti di massimo e di minimo relativo interni all'insieme di de.nizione di una funzione derivabile: Regola: Sia f derivabile in un intorno del punto x0 : se f 0 (x) < 0 per x < x0 e f 0 (x) > 0 per x > x0 allora x0 e un punto di minimo relativo per f .

Questo non es lude he vi possano essere massimi o minimi relativi nei punti di frontiera del dominio della funzione. Una trattazione piu esauriente del problema della ri er a dei massimi e dei minimi sara riportata nell'ultimo paragrafo di questo Capitolo. Nel aso di funzioni non derivabili in qual he punto. questi punti devono essere presi in onsiderazione separatamente: per esempio la funzione f : x ! jxj ha un minimo nell'origine senza essere ivi derivabile. . Proposizione 167 (Caratterizzazione delle ostanti) Una funzione e ostante in un intervallo ( .nizione di una funzione derivabile vanno er ati nei punti in ui la derivata della funzione si annulla.

) se e solo se essa e derivabile ed ha ivi derivata identi amente nulla. Sia ora f 0 (x) = 0 in ( . . E ovvio he ogni funzione ostante su un intervallo ha ivi derivata nulla. Dimostrazione.

. Fissiamo a in ( . ).

. ) e. per ogni x in ( .

ioe f (x) = f (a) per ogni x 2 ( . appli hiamo il Teorema di Lagrange nell'intervallo [a. . ). x℄: Otteniamo f (x) f (a) = (x a)f 0 ( ) = 0.

Osservazione 168 Le due Proposizioni pre edenti riguardano solo funzioni de. ). da ui la tesi.

Se l'insieme di de.nite su intervalli.

ome mostrano i seguenti esempi: La funzione tan(x) e ontinua e derivabile nel suo insieme di de. in generale. ne essariamente veri.nizione non e un intervallo gli enun iati non sono piu.

nizione on derivata 1 + (tan(x))2 > 0. ma non e res ente nel suo insieme di de.

nizione. Osservazione 169 La funzione osi de.

nita: f (x) =  1 +1 se x < 1 se x > 1 ha derivata nulla. ma non e ostante sul suo insieme di de.

nizione. Eser izio 170 Fa endo uso delle derivate dimostrare he   1 = ar tan(x) + ar tan x  =2 +=2 se x < 0 se x > 0 e dire per he io non e in ontraddizione on la Proposizione 167. .

85 Proposizione 171 Sia.5. per qual he Æ > 0. TEOREMI FONDAMENTALI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE. f ontinua in [a.3. a+Æ ). Allora se esiste . a+Æ ) e derivabile in (a.

a℄ riguardante l'esistenza di f 0 (a): Osservazione 173 Da quanto detto sopra segue he. Osservazione 172 Vale. ovviamente. una proposizione simmetri a nell'intervallo (a Æ. x℄ il Teorema di Lagrange: f (x) f (a) = f 0( x) x a dove a <  x < x. da ui l'esistenza di f+0 (a) e l'uguaglianza f+0 (a) = l. Se esiste il limite per x ! a+ di f 0 (x) allora esiste an he il limite per x ! a+ di f 0 ( x ) e i due limiti sono uguali. S riviamo il rapporto in rementale (destro) relativo ad a: f (x) f (a) x a e appli hiamo all'intervallo [a.nito lim f 0(x) = ` x!a+ esiste an he f+0 (a) e risulta f+0 (a) = `. Dimostrazione. se esistono lim+ f 0(x) e lim f 0(x) x!a x!a e sono diversi (o almeno uno dei due non e .

nito). f non puo essere derivabile in a: Osservazione 174 Una funzione puo essere derivabile in tutti i punti di un intervallo senza he f 0 risulti ontinua: per esempio la funzione f (x) = ha per derivata f 0 (x) = 8 < : 8 < :   1 x sin x 0 se x 6= 0 se x = 0 2   1 2x sin x 0 os   1 x se x 6= 0 se x = 0 ma lim f 0(x) non esiste an he se f e derivabile in x = 0: x!0 Osservazione 175 Osserviamo in.

ne he esistono funzioni de.

nite su tutto vabili in un solo punto per esempio la funzione f (x) =  x2 x2 per x razionale per x irrazionale e derivabile solo in x = 0. on derivata nulla. R ma deri- .

Qualora pero f risulti essere la derivata di una funzione F . la proprieta dei valori intermedi ontinua a valere. b℄ essa assume almeno una volta ogni valore ompreso tra il massimo e il minimo. Sappiamo (vedi Teorema 113) he se una funzione e ontinua in [a.86 CAPITOLO 5. . Questa a ermazione e palesemente falsa se f non e ontinua. CALCOLO DIFFERENZIALE. an he se f non e ontinua. Si ha infatti la seguente Proposizione 176 Sia F derivabile in ( . Conviene ri ordare un'altra proprieta delle funzioni derivate nota ome "proprieta dei valori intermedi".

. ). Siano a e b due punti di ( .

4 Teoremi di de l'H^opital Il Teorema di Cau hy ha appli azioni immediate allo studio dei limiti nelle forme di 0 1 inde isione del tipo e . da ui F (x) > F (a) (a non e quindi un punto di massimo). Allora F 0 (x) assume almeno una volta ogni valore ompreso tra F 0 (a) e F 0 (b). in modo analogo si vede he an he b non puo essere di massimo. O upiamo i prima del aso piu sempli e: 0 1 Teorema 177 (di de l'H^opital per la forma 0=0) Siano f e g due funzioni ontinue e derivabili su un intervallo (a. Nel punto  di massimo assoluto (interno ad [a. Dimostrazione. ). b) : Poi he F e ontinua in [a. b℄ essa deve assumere in questo intervallo massimo assoluto ed il punto di massimo non puo essere ne F (x) F (a) x = a ne x = b per he F 0 (a) > 0 impli a he il rapporto in rementale e x a positivo per x in un intorno destro di a. b) e he lim f (x) = lim+ g(x) = 0: x!a+ x!a Allora se esiste (. b). se ` e un valore ompreso tra F 0 (a) e F 0 (b) il risultato si ottiene appli ando le onsiderazioni pre edenti alla funzione G(x) = F (x) `x: 5. b℄) deve essere F 0 ( ) = 0: Nel aso generale. Comin iamo ol supporre F 0 (a) > 0 e F 0 (b) < 0 e mostriamo he F 0 deve annullarsi in almeno un punto di (a. Supponiamo he inoltre g0 (x) 6= 0 su (a.

nito o in.

nito) il limite f 0(x) lim+ 0 x!a g (x) f (x) e i due limiti sono uguali. b) ponendo f (a) = g(a) = 0. Comin iamo on l'osservare he f e g sono prolungabili on ontinuita ad [a. le onsidereremo quindi de. ioe risulta esiste an he il limite lim+ x!a g (x) f (x) f 0(x) lim+ = lim+ 0 : x!a g (x) x!a g (x) Dimostrazione.

b) : Dal Teorema di Cau hy segue he ad ogni x 2 (a. ed appli ando il Teorema di omposizione di limiti si ottiene la tesi. .nite su [a. x) per ui f (x) f (x) f (a) f 0 ( x ) = = : g(x) g(x) g(a) g0 ( x ) Quando x tende ad a an he  x tende ad a. b) si puo asso iare uno  x 2 (a.

4. e fa ile x!0 veri. non puo quindi apitare he esistano entrambi i limiti e siano diversi.^ 5. D'altronde. TEOREMI DI DE L'HOPITAL 87 Osservazione 178 Risultati del tutto analoghi si ottengono se f e g tendono a zero per x ! b anzi he ad a+ . se poniamo g(x) = x. Osservazione 179 Si osservi he il Teorema di de l'H^opital non asseris e he l'ugua- glianza f (x) f 0 (x) lim+ = lim+ 0 x!a g (x) x!a g (x) vale sempre ma he ogni volta he esiste il limite del rapporto tra le derivate esiste an he quello del rapporto tra le funzioni e in questo aso i due limiti sono uguali. Puo pero apitare he f (x) f 0(x) esista lim+ ma non esista lim+ 0 x!a g (x) x!a g (x) ome mostra il seguente Esempio 180 Sia 8 <   1 se x 6= 0 x sin f (x) = x : 0 se x = 0 Abbiamo gia osservato in pre edenza (Osservazione 153 ed Esempio 151) he 8     1 1 < 2 x sin os per x 6= 0 f 0 (x) = x x : 0 per x = 0 e he in parti olare he lim f 0 (x) non esiste.

nulle in x0 . ri ordando la formula (5. sono derivabili in x0 e g0 (x0 ) 6= 0. are he   1 f (x) = lim x sin =0 lim x!0 x!0 g (x) x mentre f 0(x) lim 0 = lim f 0 (x) x!0 g (x) x!0 non esiste. 2 Osservazione 181 Se f e g. allora si ha sempre f (x) f 0 (x0 ) = 0 : lim x!x0 g (x) g (x0 ) Infatti. . si sono poste di erenti ipotesi.2) f (x) f 0 (x0 ) (x x0 ) + o(x x0 ) f 0 (x0 ) = ! : g(x) g0 (x0 ) (x x0 ) + o(x x0 ) g0 (x0 ) Si noti he questo non ontraddi e quanto detto in pre edenza.

+1) e sia lim f (x) = x!lim g(x) = 0: Sia inoltre g0 (x) 6= 0 per x > . CALCOLO DIFFERENZIALE. x!+1 +1 Allora se esiste esiste an he e risulta f 0 (x) lim x!+1 g 0 (x) f (x) lim x!+1 g (x) f 0(x) f (x) lim = x!lim x!+1 g 0 (x) +1 g (x) f (x) : Un analogo risultato vale .88 CAPITOLO 5. Il Teorema di de l'H^opital si estende fa ilmente al aso in ui f e g tendano a zero per x ! +1 o per x ! 1: vale infatti il Corollario 182 Siano f e g derivabili in un intervallo del tipo ( . on ovvie modi.

appli ando il Teorema appena dimostrato. . he. lim F (t) = lim+ G(t) = 0 t!0+ t!0 e   1 1 0 0 G (t) = g 6= 0: t t2 Poi he     1 1 1 0 0 f f 0 2 F (t) f 0(x) t t t     = = = 1 1 G0 (t) g0 (x) 0 1 g0 g t t2 t F 0 (t) e. 1 1 1 e G(t) = g . Tuttavia questi asi possono essere riportati fa ilmente al aso in esame mediante sempli i onsiderazioni sui segni o mediante 1 il ambiamento di variabile x = : t . a +1 o a 1. Ci limitiamo al aso  x ! +1 essendo   l'altro del tutto analogo. per x! lim1 g(x) Dimostrazione. si ottiene esiste lim+ 0 t!0 G (t) f 0 (x) F 0 (t) F (t) f (x) lim = lim = lim+ = x!lim : 0 + x!+1 g 0 (x) + 1 G ( t ) G ( t ) g(x) t!0 t!0 O upiamo i ora del aso in ui f e g tendono a +1 per x ! a+ . Volendo essere pignoli i sarebbero pare hi altri asi (quanti?) da onsiderare: almeno una tra f e g puo tendere a 1 ed x puo tendere a b . Allora F e G risultano ontinue Poniamo x(t) = e siano F (t) = f t t t   1 e derivabili nell'intervallo 0.

Supponiamo he lim f (x) = lim+ g(x) = +1 x!a x!a+ supponiamo inoltre he esista f 0(x) lim+ 0 : x!a g (x) f Allora esiste an he il limite del rapporto e g f (x) f 0(x) lim+ = lim+ 0 : x!a g (x) x!a g (x) Dimostrazione. A tale s opo onviene distinguere due asi: L .^ 5. f 0(x) Sia L = lim+ 0 : Dimostreremo he per ogni su essione fxn g tendente ad a per e esso x!a g (x) f (xn) risulta nlim !1 g(xn ) = L. b) e sia g0 (x) 6= 0 per ogni x 2 (a. b). per la proprieta dei valori intermedi per le funzioni derivate (Proposizione (176)). b). b). g0 non puo ambiare segno in (a. Poi he lim+ g(x) = +1 risultera g0 (x) < 0 per ogni x!a x 2 (a.4. quindi g e de res ente in (a. b) (altrimenti dovrebbe annullarsi in almeno un punto). TEOREMI DI DE L'HOPITAL 89 Teorema 183 (di de l'H^opital per la forma 1=1) Siano f e g due funzioni derivabili in (a. Osserviamo he.

nito e L = +1. 1) Sia L .

nito. a + Æ ). y℄ otteniamo f (xn) f (y) f 0( n ) = g(xn ) g(y) g0 ( n ) ove n 2 (xn . a + Æ) risulta L " < fg0 ((xx)) < L + ": S egliendo Æ suÆ ientemente pi olo possiamo garantire he g(x) > 0 se x 2 (a. Appli ando il Teorema di Cau hy nell'intervallo [xn . Fissiamo y 2 (a.15) per 1 s ente. Fissato " > 0 arbitrario. a + Æ ): per n abbastanza grande risultera a < xn < y < a + Æ . quantita positiva poi he g e de reg(xn )  g(y) f (xn ) f (y) < + (L + ") 1 (L ") < g(xn ) g(xn ) g(xn )  g(y) : g(xn ) . otteniamo  f (y) + 1 g(xn )  (5.15)  g(y) . Sia fxn g una qualunque su essione tendente ad a per e esso. y) e quindi L "< f (xn ) f (y) < L + ": g(xn ) g(y)  Moltipli ando i membri di (5. per ipotesi esiste un Æ > 0 tale he 0 8x 2 (a.

f (y) g(y) Poi he nlim !1 g(xn ) = nlim !1 g(xn ) = 0 il primo ed il terzo membro della disuguaglianza pre edente tendono rispettivamente a L " e a L + " e questo impli a f (xn) (L ")  lim inf  lim sup fg((xxn))  (L + "): n!1 g (xn ) n!1 n Per l'arbitrarieta di " risulta f (x ) f (xn) = lim sup n = L lim inf n!1 g (xn ) n!1 g (xn ) e quindi la tesi nel aso L .90 CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE.

per n abbastanza grande risultera a < xn < y < a + Æ . Fissiamo y 2 (a. y℄ otteniamo f (xn ) f (y) f 0 ( n ) = g(xn ) g(y) g0 ( n ) ove n 2 (xn . a + Æ ). Sia fxn g una qualunque su essione tendente ad a per e esso. Fissato M > 0 arbitrario. quantita positiva poi he g e g(xn ) Moltipli ando entrambi i membri di (5. a + Æ) risulta M < fg0 ((xx)) : S egliendo Æ suÆ ientemente pi olo possiamo garantire he g(x) > 0 se x 2 (a. Poi he nlim !1 Osservazione 184 Una uriosita: l'ipotesi f (x) ! +1 non e mai stata usata. ontrariamente a io he a ade per la forma 0=0. sia he il numeratore ammetta limite o no. a + Æ ). per ipotesi esiste un Æ > 0 tale he 0 8x 2 (a. . y) e quindi M< f (xn ) f (y) : g(xn ) g(y)  (5. Appli ando il Teorema di Cau hy nell'intervallo [xn . 2) Sia L = +1. otteniamo   g(y) f (xn ) f (y) + 1 : M< g(xn ) g(xn ) g(xn ) f (y) g(y) = nlim !1 g(xn ) = 0 per n abbastanza grande si avra g(xn ) M f (xn)  g(x ) : 2 n Per l'arbitrarieta di M segue la tesi. fermo restando ovviamente he le altre ipotesi siano soddisfatte. Si puo quindi on ludere he questo Teorema e appli abile.16) per 1 de res ente.16)  g(y) .nito.

5. DERIVATE DI ORDINE SUPERIORE AL PRIMO 91 5.5.5 Derivate di ordine superiore al primo Sia I un intervallo di R. e sia f una funzione derivabile in I . L'appli azione he asso ia ad ogni x 2 I il valore f 0(x) e a sua volta una funzione de.

si de.nita su I a valori in R he indi heremo ol simbolo f 0 . La funzione f 0 puo essere a sua volta derivabile in un erto punto x0 2 I o addirittura in tutto l'intervallo I . In tal aso diremo he f e derivabile due volte in x0 (rispettivamente in I ) e denoteremo on il simbolo f 00 (x0 ) la derivata di f 0 al olata in x0 e on f 00 la funzione he ad ogni x 2 I asso ia il valore f 00 (x). Il pro edimento puo essere iterato.

niranno quindi in modo analogo0 la derivata terza. Dn f . n esima. riportiamo qui quelle piu omunemente usate: dn y dn f . Nel seguito tornera utile la seguente De. osi pure in Fisi a   ed in Me ani a si indi ano le derivate prima e se onda di f on f ed f rispettivamente. ma e vin olata ad avere al une proprieta di "regolarita". Osservazione 185 La funzione f 0 (o qualunque altra derivata su essiva di f ) non puo essere una qualunque funzione. per esempio non puo avere dis ontinuita a salto poi he per essa (si veda la Proposizione (176)) deve valere la proprieta dei valori intermedi. quarta. f 000 sono simboli frequentemente usati per le prime tre derivate. per ri orrenza. f (n) (x) = f (n 1) (x) per n  1. An he per indi are le derivate n esime sono usate diverse notazioni. dove si e posto. n dx dxn f 0 . . f 00 .

in questa de.nizione 186 Per ogni n intero non negativo diremo he f e di lasse C (n) in un intervallo aperto I (e s riveremo f 2 C (n) (I )) quando f e derivabile n volte in I e tutte queste derivate sono ontinue in I .

nizione si onviene he C (0) (I ) indi hi l'insieme delle funzioni ontinue su I . Diremo in.

Esempi.ne he una funzione f e di lasse C (1) (I ) se f e di lasse C (n) (I ) per ogni intero positivo n. I polinomi e le funzioni esponenziali sono tutti di lasse C (1) (R): Le funzioni razionali. logaritmi he e trigonometri he sono di lasse C (1) su ogni intervallo ontenuto nel loro insieme di de.

nizione. Ogni funzione ottenuta omponendo le funzioni sopra itate e an ora di lasse C (1) su ogni intervallo ontenuto nel suo insieme di de.

Questo dipende dalla regola di derivazione delle funzioni omposte e dal fatto he le derivate di queste funzioni sono an ora "dello stesso tipo". Se k e un intero positivo la funzione f (x) = jxjk risulta de.nizione.

nita e ontinua in R ma se k e dispari risulta di lasse C (k 1) (R) e non di lasse C (k) (R) . +1) o all'intervallo ( 1. ristretta all'intervallo (0. 0) risulta di lasse C (1) : Con ludiamo questo paragrafo trovando l'espressione della derivata n-esima del prodotto di due funzioni. mentre per ogni k pari f risulta (ovviamente) di lasse C (1) (R) : Si noti inoltre he per ogni k la funzione in oggetto. .

Nell'ambito delle funzioni di lasse C n troveremo la migliore approssimazione "lo ale" ioe determineremo un polinomio Pn . la "migliore approssimazione": an he restando in un ambito polinomiale si potranno trovare polinomi diversi he ostituis ono la miglior approssimazione della stessa funzione. CALCOLO DIFFERENZIALE.92 CAPITOLO 5. tale he f (x) Pn (x) lim = 0: x!x0 (x x0 )n Questo generalizza io he abbiamo ottenuto nel aso lineare ( ioe on n = 1) (si veda quanto segue la De. 5. e molto vago e non esiste. Proposizione 187 Siano f e g due funzioni derivabili n volte in un intervallo. La dimostrazione si fa per induzione su n e viene las iata al lettore (si veda an he la dimostrazione dello sviluppo della potenza del binomio). Il termine "approssimare". Allora f  g e derivabile n volte e vale (f  g) n ( ) = n   X n k=0 k f (k) g(n k) : Dimostrazione. S opo di tale formula e di "approssimare" una funzione f di lasse C n (I ) on un polinomio Pn di grado al piu n.6 La formula di Taylor Veniamo ora alla formula piu importante del Cal olo Di erenziale. in relazione al problema he si sta trattando. di grado al piu n. in generale.

il polinomio os trovato dara an he una "buona approssimazione" globale (si veda il Teorema 195). E noto dall'algebra he . Mostreremo an he he. Polinomi di Taylor.nizione 136). sotto opportune ipotesi.

1 .    .    . yi ) on xi 6= xj per i 6= j esiste un uni o polinomio P di grado al piu n tale he P (xi ) = yi : Le n + 1 ondizioni P (xi ) = yi determinano quindi univo amente il polinomio P (x) = n X k=0 k x k determinandone i oeÆ ienti 0 . n : Una osa analoga a ade quando si danno opportune n + 1 ondizioni inerenti uno stesso punto x0 : Vale infatti il seguente Teorema 188 Fissati n + 1 numeri b0 .    .ssati nel piano n + 1 punti di oordinate (xi . b1 . 1. n: . bn ed un punto x0 2 R esiste un uni o polinomio P di grado al piu n tale he P (k) (x0 ) = bk per k = 0.

per ogni s = 0.x 0 (x0 ) = f (x0 ) per k = 0.6. Corollario 189 Sia f 2 C (n) (I ) e sia x0 2 I: Il polinomio f n(x0 ) f "(x0 ) (x x0 )2 +    + (x x0 )n = Pn. 1.    .    . n: Il polinomio er ato e quindi Pn (x) = n X bk k! k=0 (x x0 )k : Si osservi he le n + 1 ondizioni date determinano univo amente Pn .x0 (x) = f (x0 ) + f 0(x0 )(x x0 ) + 2! n! n k X f (x0 ) = (x x0 )k k ! k=0 e l'uni o polinomio di grado al piu n tale he (k ) (k ) Pn. 1. Poi he xk = (x x0 + x0 )k = k   X k i=0 i xk0 i (x x0 )i ogni polinomio di grado n si puo s rivere nella forma Pn (x) = n X k=0 k (x x0 )k = 0 + 1 (x x0 ) + 2 (x x0 )2 +    + n (x x0 )n : Poi he la derivata s-esima di Pn vale Pn(s) (x) = n X i=s i (i 1)    (i s + 1) i (x x0 )i s si ha he Pn(s) (x0 ) = s! s .f.93 5.f. n: De. LA FORMULA DI TAYLOR Dimostrazione.

Osservazione 191 Se f e un polinomio di grado k.f.f 0 . omettendo quindi la dipendenza da f e da x0 ogniqualvolta questo non dia luogo a equivo i. x0 ): .x0 viene hiamato Polinomio di Taylor di f di grado n entrato nel punto x0 : Indi heremo Pn. per ogni n  k si ha Pn = f: Osservazione 192 Poi he il polinomio di Taylor di una funzione viene ostruito utiliz- zando le derivate della funzione stessa.f.g.f.x0 (f 1 0 . Pn.f.x 0 = Pn . In parti olare: 0 Pn.x0 sempli emente on Pn .x0 .nizione 190 Il polinomio Pn. valgono per questi polinomi proprieta di linearita direttamente dedu ibili dalle regole di derivazione.f +g.x0 + Pn.x0 = Pn.

il problema he si sta trattando in genere ne suggeris e la s elta.6. CALCOLO DIFFERENZIALE. Si onos ono diversi tipi di valutazione per Rn (x).1 Valutazioni dell'errore (o resto). si puo sempre s rivere f (x) = Pn (x) + (f (x) Pn (x)) : Allora Rn (x) = f (x) Pn (x) risulta essere l'errore he si ommette quando si sostituis e ad f (x) il valore Pn (x).94 CAPITOLO 5. n volte derivabile in x0 . parti olarmente signi. 5. Data una funzione f . noi i limiteremo a riportarne due.

ative per i problemi he a ronteremo. Inoltre f (n 1) risulta derivabile in x0 . Vale a proposito il seguente Teorema 193 (Formula di Taylor on resto di Peano) Sia f : I ! R derivabile n volte in un punto x0 2 I . Allora risulta Rn (x) =0 lim x!x0 (x x0 )n Dimostrazione. Questo non garantis e la ontinuita di f (n 1) in tutto U ma solo nel punto x0 . f (x) Pn (x) Consideriamo ora il rapporto : Il numeratore si annulla in x = x0 on tutte (x x0 )n le sue derivate . Ri ordiamo he se f e derivabile n volte in x0 allora esiste un intorno U di x0 in ui f risulta di lasse C (n 2) .

no all'ordine n mentre il denominatore si annulla on tutte le sue derivate .

per de.no all'ordine n 1 solo nel punto x = x0 : Possiamo quindi appli are iterativamente il Teorema di de l'H^opital n 1 volte ottenendo os la seguente uguaglianza: f (n f (x) Pn (x) = lim lim x!x0 x!x0 (x x0 )n 1) (x) f (n (x0 ) f (n) (x0 )(x x0 ) : n!(x x0 ) 1) Poi he.

Peano. dovuta a G.nizione di derivata n esima si ha lim x!x0 f (n 1) (x) f (n (x x0 ) 1) (x0 ) = f (n) (x0 ) otteniamo he lim x!x0 f (n 1) (x) f (n f (n (x0 ) f (n) (x0 )(x x0 ) = xlim !x0 n!(x x0 ) 1) 1) (x) f (n 1) (x0 ) n!(x x0 ) f n (x0 ) = 0: n! Osservazione 194 Questa valutazione del resto. risulta signi.

. Al une appli azioni saranno riportate in fondo al Capitolo. ativa solo quando si e in presenza di qual he pro esso di limite e non permette di ri avare al una stima numeri a dell'errore. Questo dipende essenzialmente dal fatto he abbiamo fatto ipotesi su f solo nel punto x0 ( he oinvolgono il omportamento di f in un opportuno intorno di x0 ).

b) si possa trovare una espressione del resto he ne permetta an he una valutazione numeri a. da una stima della derivata di ordine (n+1) di f in tutto l'intervallo I . omunque risulta evidente he. l'uni a di erenza e he la atena degli  i risulta res ente. Teorema 195 (Formula di Taylor on resto di Lagrange) Sia f 2 C (n+1) (I ) e sia x0 2 I . Si tratta di appli are n volte il teorema di Cau hy partendo dalle due funzioni F (x) = Rn (x) e G(x) = (x x0 )n+1 : Si osservi preliminarmente he F (x0 ) = F 0 (x0 ) =    = F (n) (x0 ) = 0 e an he G(x0 ) = G0 (x0 ) =    = G(n) (x0 ) = 0 mentre G(n+1) (x) = (n + 1)! e F (n+1) (x) = f (n+1) (x): Per omodita di s rittura supponiamo x > x0 . si possono ottenere maggiorazioni dell'errore.95 5. Allora per ogni x 2 I esiste un punto  x ompreso tra x0 e x ( ioe  x = x0 +  (x x0 ) per un opportuno  2 (0. 1)) tale he Rn (x) = (x x0 )n+1 (n+1) f ( x ) : (n + 1)! Dimostrazione. Vediamo ora qual he esempio. Osservazione 196 L'uni a informazione he la formula da sul punto  x e he questo e ompreso nell'intervallo di estremi x0 e x. Per il teorema di Cau hy abbiamo la seguente atena di uguaglianze F (x) F (x0 ) F 0 ( 1 ) F 0 ( 1 ) F 0 (x0 ) F (x) = = = =  G(x) G(x) G(x0 ) G0 ( 1 ) G0 ( 1 ) G0 (x0 ) F (n) ( ) F (n) ( ) F (n) (x0 ) F (n+1) ( x) f (n+1) ( x ) = (n) n = (n) n = = (n + 1)! G ( n ) G ( n ) G(n) (x0 ) G(n+1) ( x ) dove x0 <  x <  n <    <  1 < x: Per x < x0 si pro ede nello stesso modo.    . LA FORMULA DI TAYLOR Vediamo ora ome. ponendo su f ipotesi in un intero intervallo (a.6.

.

. x0 = 0: Poi he. . per ogni n.

f (n) (x).

I = 4 4 questo aso he jRn(x)j .  1 abbiamo in . Sia f (x) = sin x .

.

.

(n+1) .

f (  ) x .

.

= .

.

.

(n + 1)! .

a meno di 10 7 : 4 4 Si osservi an he he per il al olo approssimato delle funzioni trigonometri he l'intervallo . n  n 1 1  jxjn  (jnx+j 1)!  4 (n + 1)! (n + 1)! +1 +1 +1    da qui si ri ava he P10 (x) da una approssimazione di sin x in .

96 CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE. e piu he suÆ iente. poi he i si puo sempre ri ondurre a questo intervallo. Sia ora . La 4 4 formula di Taylor e quindi uno strumento eÆ a e per la tabulazione di tali funzioni.    .

f (x) = ex . I = ( M. per ogni x . M ) . x0 = 0: Poi he.

( n ) .

f (x).

= ex < eM si ha jRn(x)j .

.

.

e x .

.

.

=.

(n + 1)! .

poi he nlim e !1 (n + 1)! = 0 segue immediatamente he per ogni x 2 ( M.17) Nel aso M = 1. 1) a meno di 10 7 : n+1 M M Dalla valutazione in (5. P10 i da una approssimazione di ex nell'intervallo ( 1.17). n+1 jxjn  eM (nM+ 1)! : +1 2 I e per ogni n (5. il resto Rn (x) tende a 0 per n ! 1: Per l'arbitrarieta di M e per la de. M ) .

qg. q S egliendo n > maxf2. dalla (5. p Supponiamo per assurdo he e sia razionale: e = on p e q interi primi tra loro. su tutto R. l'uguaglianza 1 xn X : ex = n! 0 Osservazione 197 Con la valutazione dell'errore trovata in (5. Come abbiamo visto negli esempi pre edenti apita spesso di s rivere la formula di Taylor on entro nell'origine.2 Formula di M Laurin. In questo aso si parla di Formula di M Laurin e questa assume la forma f (x) = f (0) + f 0(0)x + n k X f (0) k f n(0) n f "(0) 2 x +  + x + Rn (x) = x + Rn (x) 2! n! k! k=0 .nizione di somma di una serie vale.17) dimostreremo l'irrazionalita del numero e.6.17) si ottiene p 0< q n X 0 1 3 < k! (n + 1)! e moltipli ando i membri della disuguaglianza per n! risulta p 0< q assurdo per he nore di 1: p q n X 0 ! n X 0 ! 1 3 n! < k! n+1 3 1 n! e un intero positivo mentre e strettamente mik! n+1 5.

se = 1 si riottiene la se onda formula riportata nell'elen o. 1 x 1 2. ar sin x = x + 1 3 5 (2n 1) x2n+1 1 x3 1 3 x5 1 3 5 x7 + + ++    (2n) (2n + 1) + R2n+1 (x) 2 3 24 5 246 7 246  10.97 5. os x = 1 1 2 1 4 x + x 2 4! 1 6 x2n x +    + ( 1)n + R2n (x) 6! (2n)! 1 1 x2n+1 1 + R2n+1 (x) 7. = 1 x + x2 x3 +    + ( 1)n xn + Rn (x) 1+x xn 1 2 1 3 x + x +    + ( 1)n+1 + Rn (x) 3. osh x = 1 + x2 + x4 + x6 +    + 2 4! 6! (2n)! 9. sin x = x 3! 5! 7! (2n + 1)! 6.6. log (1 + x) = x 2 3 n n 1 1 x 4. ar os x = ar sin x = 2 3 1 x 1 3 x5 1 3 5 x7  x = 2 2 3 24 5 246 7 n 1) x n    12 34 56    (2(2 + R n (x) n) (2n + 1) 2 +1 2 +1 1 3 1 5 1 7 x2n+1 x + x x +    + ( 1)n + R2n+1 (x) 3 5 7 2n + 1         12. ex = 1 + x + x2 + x3 +    + + Rn (x) 2 3! n! x2n+1 1 3 1 5 1 7 x + x x +    + ( 1)n + R2n+1 (x) 5. ar tan x = x . sinh x = x + x3 + x5 + x7 +    + 3! 5! 7! (2n + 1)! 1 1 x2n 1 + R2n (x) 8. x Eser izio 198 Mostrare he = x + 2x2 + 3x3 + 4x4 +    + nxn + Rn (x) : (1 x)2 11. (1 + x) = 1 + x+ x2 + x3 +    + xn + Rn (x) 1 2 3 n   ( 1) ( 2)    ( k + 1) : Si osservi he se e intero positivo questi dove = k! k oeÆ ienti sono tutti nulli per k > : si riottiene os la formula del binomio di Newton. LA FORMULA DI TAYLOR dove Rn (x) = 8 > > < > > : o(xn ) resto se ondo Peano : f n+1( x ) n+1 x resto se ondo Lagrange (n + 1)! Riportiamo qui per omodita del lettore le formule di M Laurin di al une funzioni elementari 1 = 1 + x + x2 + x3 +    + xn + Rn (x) 1.

6.  xn+1 xn+1 1 = 1 + x + x2 +    + x n + e poi he = o (xn ) si ha lo sviluppo (1): 1 x 1 x 1 x Lo sviluppo (2) si ottiene nello stesso modo. f (0) = f 0 (0) = 0 ma f 0 non esiste per nessun x 6= 0. quindi f non e derivabile due volte in nessun punto. l'esistenza della derivata n esima di f nel punto x0 : Si pensi ad esempio alla funzione he vale x2 sui razionali e x2 sugli irrazionali. Analogamente. sottraendo le due uguaglianze pre edenti 0 = ( k dk ) (x x0 )k + ( k+1 dk+1 ) (x x0 )k+1 +    + ( n dn ) (x x0 )n + o ((x x0 )n ) : Dividendo tutti i termini della formula pre edente per (x x0 )k si ottiene 0 = ( k dk ) + ( k+1 dk+1 ) (x x0 ) +    + ( n dn ) (x x0 )n k +o  (x x0 )n k  questo risulta assurdo per he il primo membro e identi amente nullo mentre il se ondo. Infatti supponiamo. CALCOLO DIFFERENZIALE. tende a k dk he e diverso da zero.18) non impli a. f (x) = o x2  . senza al oli di derivate. per n  2. Vediamo ora ome dall'Osservazione pre edente si possano ri avare.3 Appli azioni. di avere due rappresentazioni distinte della stessa funzione f . 5. per x ! 0. ioe oltre alla (5:18) sia an he f (x) = d0 + d1 (x x0 ) + d2 (x x0 )2 +    + dn (x x0 )n + o ((x x0 )n ) ove almeno uno dei di e diverso dal orrispettivo i . per assurdo.   1 1 2 4 2n 2n = 1 + x + x +    + x + o x da ui la formula di Taylor per : 1 x2 1 x2 n t 12 13 t + t +    + ( 1)n+1 + o(tn ) si ha he Ri ordando he log(1 + t) = t 2 3 n 3n 1 6 1 9 n +1 x 3n 3 3 x + x +    + ( 1) + o(x ) log(1 + x ) = x 2 3 n 3 abbiamo os la formula di Taylor per log(1 + x ): . Abbiamo dunque. per x ! x0 .: per questa funzione risulta . va tuttavia osservato he l'esistenza per una segue ne essariamente he k = k! funzione f di una rappresentazione del tipo (5. Prima di presentare al une appli azioni della formula di Taylor mostriamo he la rappresentazione di una funzione f nella forma f (x) = 0 + 1 (x x0 ) + 2 (x x0 )2 +    + n (x x0 )n + o ((x x0 )n ) (5.18) e uni a. Osservazione 199 Se f ammette n derivate nel punto x0 allora dalla formula di Taylor f (k) (x0 ) . Sia k il primo degli indi i per ui io avviene.98 CAPITOLO 5. i polinomi di Taylor di al une funzioni elementari.

 5.7. Si noti in. CONVESSITA. 99 E hiaro a questo punto ome possa essere utilizzata l'osservazione pre edente per ottenere nuove formule di Taylor da formule note.

ne he se Pn e il polinomio di Taylor di grado n di una funzione f. allora Pn0 e il polinomio di Taylor di grado n 1 di f 0: In parti olare dalla formula (3) si ri ava immediatamente la (2) e dalla (5) la (6): In seguito vedremo he una relazione analoga vale an he per le primitive. ex x2 sin x os x : Sostituendo i termini al numeratore on le riSi onsideri lim x!0 x3 spettive espressioni date dalla formula di Taylor si ha he il limite pre edente si puo s rivere ome         x2 x3 x3 x2 3 3 3 2 1+x+ + +o x +o x +o x x x 1 2 6 6 2 = lim x!0 x3 3  x + o x3 1 = lim 3 3 = : x!0 x 3 Pro edendo in modo analogo si ottiene   4  x 4 2 2   +o x x + x 1 1 1 x2 + log(1 x2 ) 2 lim + = lim = : = lim 2 x!0 x2 x!0 x!0 x log(1 x2 ) log(1 x2 ) x2 ( x2 + o (x2 )) 2     x3 x5 x6 5 2 6  6 x x + + o ( x ) 6 x + o ( x ) + x4 x sin x sin x2 x2 6 120 6   = lim lim p = x!0 x!0 x2 x4 x2 x4 1 x2 os x 4 4 + o(x ) 1 + + o(x ) 1 2 8 2 24 21 6 x + o(x6 ) 20 = lim = 0: x!0 x4 4 + o(x ) 6 Vediamo in. Vediamo ora ome la formula di Taylor ol resto se ondo Peano possa essere utilizzata per il al olo dei limiti.

an he per il al olo dei limiti per x ! 1.7 Convessita.ne ome. si possano an ora utilizzare gli sviluppi di Taylor operando prima la trasformazione x = 1=t : ! r   p 2 1 p 2 2 1=x 4 2 1=x t2 = 2 4 + 2x2 2 1 + = lim e = lim x x x e 1 + 2 t e lim x x!1 x!1 t!0 t4 x2 !    2t2 2 t4 + o(t4 ) t4 2t2 1 4 2 4 + o(t ) 1 + t + + o(t ) = lim = 1: = lim 4 1 + t!0 t!0 t 2 8 2 t4 5. In questo paragrafo vedremo ome il segno della derivata se onda di una funzione reale aratterizzi al uni aspetti del suo gra.

Introdurremo a questo proposito il on etto di funzione onvessa e studieremo in qual he dettaglio al une proprieta di questa lasse di funzioni. o. al di la della immediata appli azione di queste proprieta allo studio dei gra. io per he.

in ui la onvessita gio a un ruolo fondamentale. i. nel prosieguo degli studi i si imbattera spesso in questioni. per esempio in problemi di ottimizzazione. .

CALCOLO DIFFERENZIALE.100 CAPITOLO 5. Sia f una funzione de.

f (x1 )) . 1℄ : Inoltre poi he la retta ongiungente i punti (x1 . x2 ℄ ha as issa x = x1 +  (x2 x1 ) = (1 )x1 + x2 al variare di  in [0. x2 di I e per ogni numero reale  2 [0. x2 di I il gra.19) Ri ordiamo ora al uni fatti di geometria elementare he permettono di dare una sempli e interpretazione geometri a della (5:19). f (x2 )) ha equazione f (x2 ) f (x1 ) (x x1 ) y = f ( x1 ) + x2 x1 il punto di as issa x sulla retta risulta avere ordinata y = (1 ) f (x1 ) + f (x2 ) : La ondizione (1) e dunque equivalente alla seguente ondizione geometri a: una funzione si di e onvessa in un intervallo I se per ogni oppia di punti x1 .nita in un intervallo I a valori reali. Il generi o punto x del segmento [x1 . Diremo he f e onvessa in I se per ogni oppia di punti x1 . (x2 . 1℄ a ade he f ((1 )x1 + x2 )  (1 ) f (x1 ) + f (x2 ) : (5.

o di f ristretto all'intervallo (x1 . x2 ) si trova non al di sopra del segmento he unis e i punti (x1 . f (x1 )) e (x2 . f (x2 )) : Diamo ora un'altra de.

Chiamiamo epigra.nizione equivalente di onvessita.

o di f il sottoinsieme di R2 ostituito dai punti " he stanno sopra al gra.

o di f " ioe l'insieme Epi(f ) = f(x. y) : x 2 I e y  f (x)g: Allora f e una funzione onvessa se e solo se Epi(f ) e una .

P2 2 Epi(f ) an he il segmento he li ongiunge appartiene ad Epi(f ): .gura onvessa nel senso della geometria elementare. ioe se per ogni oppia di punti P1 .

CONVESSITA. In parti olare . 101 Osservazione 200 Poi he per ogni polinomio di primo grado y = mx + q la ondizione (1) vale sempre on il segno "=" nel seguito. 5. potremo sempre sommare alle funzioni in esame un opportuno polinomio di primo grado senza on questo alterarne la onvessita. ogniqualvolta onvenga.7.

v (w) f (v) f (w) = v w v w f (v) f (u) v u . gu.v (v) = 0: Siamo ora in grado di dimostrare il seguente Lemma 201 Sia f onvessa in I .v (u) = gu.v (x) = f (x) f (u) f (v) f (u) (x u) v u poi he gu. v 2 I on u < v e siano z.v (w) poi he e segue l'asserto.v (z ) u z  0  gu.v ) si ha gu. v) . Allora f (u) f (z ) u z  f (vv) fw(w) : (5.v (z ) f (u) f (z ) = u z u z f (v) f (u) v u gu.v (vv) gwu.20) Dimostrazione.v (u) gu. w 2 (u.v (v) gu.v (u) gu.ssati u e v in I sara opportuno onsiderare la funzione gu. Usando le notazioni pre edenti osserviamo he per la onvessita di f (e quindi di gu. siano u.

Osservazione 202 Si noti he nel Lemma pre edente puo essere z = w. Osservazione 203 La ondizione (5:20) e an he suÆ iente per la onvessita. CALCOLO DIFFERENZIALE. Infatti mostreremo he se f non e onvessa esistono tre punti u < z = w < v tali he f (u) f (z ) f (v) f (z ) > : u z v z per de. inoltre la relazione (5:20) ontinua a valere an he se z = v oppure w = u ( ioe quando non si annullano i denominatori).102 CAPITOLO 5.

la non onvessita impli a l'esistenza di un intervallo (u. Dal Lemma 201 e dalla osservazione pre edente si ottiene il Teorema 204 Una funzione f e onvessa su un intervallo I se e solo se. omunque .nizione. v) tale he il punto (z. f (v)) : Quindi f (v) f (u) f (v) f (u) (z u) = f (v) + (z v ) v u v u dalla prima disuguaglianza si ottiene f (z ) > f (u) + f (z ) f (u) f (v) f (u) > z u v u mentre dalla se onda si ottiene (poi he z v e negativo) f (z ) f (v) f (v) f (u) < z v v u da ui l'asserto. v) in I e di un punto z 2 (u. f (z )) sta sopra alla orda he ongiunge (u. f (u)) e (v.

il rapporto in rementale f (x) f (x0 ) x x0 e una funzione non de res ente di x. Sia f onvessa e sia x0 2 I . Dimostrazione.ssato x0 in I .

x1 = z . Siano x1 .ssato. x2 2 I on x1 < x2 : Mostriamo he f (x1 ) f (x0 ) x1 x0  f (xx) fx(x ) : 2 0 2 0 (5. Allora l'osservazione 203 porta a una ontraddizione. . x2 = v: In modo analogo si pro ede nel aso x1 < x2 < x0 : Supponiamo ora he f sia una funzione a rapporto in rementale non de res ente e he f non sia onvessa in I . x2 = v: Se inve e x0 < x1 < x2 . la (5:21) segue an ora dalla (5:20) ponendo x0 = u = w . z = w = x0 .21) Infatti. se x1 < x0 < x2 . la (5:21) segue dalla (5:20) ove si e posto x1 = u .

7. b℄. b) esistono . 103 Corollario 205 Sia f onvessa su [a. 5. CONVESSITA. Allora in ogni punto x0 2 (a.

L'asserto segue immediatamente per la proprieta di esistenza del limite f (x) f (x0 ) della funzione monotona . Dimostrazione.nite sia la derivata destra f+0 (x0 ) he la derivata sinistra f 0 (x0 ). x x0 Osserviamo he in generale non e detto he una funzione onvessa sia derivabile in tutti i punti del suo insieme di de.

neppure si puo garantire l'esistenza di f 0 (b) e di f+0 (a) . basti pensare a f (x) = jxj.nizione.

b). per il Corollario pre edente.1 Verso della on avita per funzioni derivabili. Sia x0 2 (a. lim x!x+ 0 f (x ) f (x0 ) f (x ) f (x0 ) (x x0 ) = lim (x x0 ) = 0 x x0 x x0 x!x0 e quindi la tesi.nite ome mostra il seguente esempio f (x) = 8 < : 0 se 0 < x < 1 1 se x = 0 o x = 1: Corollario 206 Ogni funzione onvessa su [a. L'esempio sopra mostra he f puo non essere ontinua sia in a he in b. Abbiamo visto he una funzione onvessa su un intervallo aperto I non puo essere dis ontinua e deve ammettere derivata sia destra he sinistra in ogni suo punto. S riviamo f (x ) f (x0 ) (x x0 ) f (x) = f (x0 ) + x x0 e osserviamo he. 5. Si potrebbe dimostrare he i punti in ui una funzione onvessa non e derivabile sono al piu un'in. b℄ risulta ontinua su (a.7. Dimostrazione. b). Osservazione.

Allora f risulta onvessa se e solo se per ogni x0 di I si ha he f (x)  f (x0 ) + f 0 (x0 ) (x x0 ) (5.nita numerabile. Supporremo he per la restante parte del paragrafo f sia derivabile in ogni punto di I .22) In altre parole il gra. In queste ipotesi vale il seguente Teorema 207 Sia f derivabile in I .

o di una funzione onvessa si trova sempre al di sopra della retta tangente al gra.

Dimostrazione. o stesso in un qualunque suo punto. Sia f onvessa e .

. Allora per il Teorema 204 risulta y x0 0 tendere y a x0 si ottiene la (5:22) per x > x0 . S egliamo y tale he f (y) f (x0 ) f (x ) f (x0 )  x x e fa endo x > y > x0 .ssiamo x maggiore di x0 . Per x < x0 si pro ede in modo analogo.

x0 ℄ e [x0 . x1 . v 2 I on u < v: Dalla formula (5:20) fa endo tendere z a u e w a v otteniamo f 0 (u)  f 0 (v) : Vi eversa supponiamo ora he f 0 sia non de res ente ed f non onvessa. assurdo. Il Teorema seguente fornis e un riterio per stabilire la onvessita di funzioni derivabili. esistono due punti  e  tali he f (x1 ) f (x0 ) = f 0 ( ) x1 x0 e f (x2 ) f (x0 ) = f 0 () x2 x0 Poi he  < x0 <  deve essere. Allora f e onvessa se e solo se la derivata prima e monotona non de res ente in I Dimostrazione.23) D'altra parte per ipotesi abbiamo he f (x1 ) > f (x0 ) + f 0 (x0 ) (x1 x0 ) da ui f (x0 ) f (x1 ) < f 0 (x0 ) : x0 x1 Analogamente si ri ava f (x0 ) f (x2 ) > f 0 (x0 ) : x0 x2 Le due ultime disuguaglianze onfrontate tra di loro sono in ontraddizione on la (5:23). Vi eversa supponiamo per assurdo he valga la (5:22) e he f non sia onvessa. Per l'osservazione 203 esistono quindi x0 .104 CAPITOLO 5. x2 ℄. Sia f onvessa e siano u. f 0 ( )  f 0( ) e io porta ad una disuguaglianza di verso opposto a quella in (5:24). appli ato separatamente agli intervalli [x1 . Allora per l'osservazione 203 esistono tre punti x1 < x0 < x2 tali he f (x1 ) f (x0 ) f (x2 ) f (x0 ) > x1 x0 x2 x0 (5. per ipotesi.24) mentre per il Teorema di Lagrange. CALCOLO DIFFERENZIALE. x2 2 I on x1 < x0 < x2 tali he f (x0 ) f (x1 ) f (x0 ) f (x2 ) > : x0 x1 x0 x2 (5. Ri ordando le relazioni tra il segno della derivata prima di una funzioni e la sua monotonia si ottiene immediatamente il . Teorema 208 Sia f derivabile in I .

 5. 105 Corollario 209 Sia f derivabile due volte in I . Allora f e onvessa se e solo se la derivata se onda f 00 e non negativa in I . ioe le funzioni de. CONVESSITA. Nel linguaggio omune le funzioni onvesse sono an he dette " on ave verso l'alto" mentre " on ave verso il basso" vengono hiamate le funzioni f per ui f e onvessa.7.

nite su I he veri.

Per le funzioni derivabili i punti in ui la on avita " ambia verso" vengono detti "punti di esso". x2 di I e per ogni numero reale  2 [0. ome mostra il seguente esempio: f1 (x) = x2 . f2 (x) = x2 + sin x: Osservazione 211 In molti problemi di approssimazione risulta utile la seguente. x0 ) . in parti olare se f e derivabile due volte in I . Osservazione 210 La somma di due funzioni onvesse sullo stesso intervallo e sempre una funzione onvessa mentre in generale la di erenza non lo e. f ha on avita di erenti nei due intervalli (x0 Æ. allora f e on ava verso il basso se e solo se la derivata se onda f 00 e non positiva in I . sem- pli issima onsiderazione: se f e onvessa su un intervallo I allora per ogni k 2 R l'equazione f (x) = k non puo avere piu di due soluzioni. x0 + Æ ) : Nel aso la funzione ammetta derivata se onda ontinua. di iamo ioe he x0 e un punto di esso per f se f e derivabile in x0 e per un opportuno Æ > 0. ano la seguente ondizione: per ogni oppia di punti x1 . (x0 . Da quanto detto sopra segue an he he i gra. per quanto detto sopra. 1℄ si ha f ((1 )x1 + x2 )  (1 ) f (x1 ) + f (x2 ) : Tali funzioni vengono an he dette sempli emente " on ave" e valgono per queste Teoremi e aratterizzazioni analoghe alle pre edenti. quest'ultima deve annullarsi nei punti di esso.

Osserviamo in. una on ava e l'altra onvessa sullo stesso intervallo I hanno al piu due intersezioni. i di due funzioni.

ne he questo non a ade per funzioni on la stessa on avita: basta onsiderare le due funzioni dell'Osservazione pre edente. i ui gra.

i hanno in.

5.2 Massimi e minimi di funzioni derivabili.nite intersezioni. Sia A un intervallo o una unione di intervalli e sia f : A ! R: Ri ordiamo he per il teorema 154 (di Fermat) i punti di massimo e di minimo (relativi ed assoluti) per f vanno er ati tra  i punti interni ad A in ui f e derivabile on derivata nulla  i punti interni ad A in ui f non e ontinua o non e derivabile  i punti sulla frontiera di A: .7.

Per il primo aso inve e. se x0 e un punto interno ad A. se f ammette derivata se onda in un intorno di x0 e questa e di segno ostante allora f 0 (nulla in x0 ) e monotona e deve essere positiva prima di x0 e negativa dopo o vi e-versa. CALCOLO DIFFERENZIALE. Questa ondizione e abbastanza ovvia: il gra.106 CAPITOLO 5. Lo studio del segno di f 0 puo essere parti olarmente ompli ato. de res ente in ogni intervallo in ui f 0 < 0: Quindi se f 0 (x) > 0 per x < x0 e f 0 (x) < 0 per x > x0 allora x0 e un punto di massimo se f 0 (x) < 0 per x < x0 e f 0 (x) > 0 per x > x0 allora x0 e un punto di minimo se f 0 (x) > 0 per x < x0 e f 0 (x) > 0 per x > x0 o se f 0 (x) < 0 per x < x0 e f 0 (x) < 0 per x > x0 allora x0 non puo essere ne un punto di massimo ne di minimo. dunque se f 0 (x0 ) = 0 e f " (x) < 0 in U (x0 ) allora x0 e un punto di massimo se f 0 (x0 ) = 0 e f " (x) > 0 in U (x0 ) allora x0 e un punto di minimo. Per gli ultimi due asi e ne essario un esame diretto del omportamento di f in un opportuno intorno di questi punti. f 0 (x0 ) = 0 ed f e derivabile in un intorno di x0 . il teorema di Lagrange (Teorema 159) assi ura he f e res ente in ogni intervallo in ui f 0 > 0.

deve stare sotto (rispettivamente sopra) la retta tangente. per motivi di on avita. In ogni aso per stabilire se x0 e un punto di massimo o di minimo e suÆ iente onos ere il segno di f " (x0 ) : vale la regola se f 0 (x0 ) = 0 e f " (x0 ) < 0 allora x0 e un punto di massimo se f 0 (x0 ) = 0 e f " (x0 ) > 0 allora x0 e un punto di minimo. o di f ha retta tangente orizzontale in (x0 . Infatti f 0 (x0 ) = 0 e f " (x0 ) < 0 signi. f (x0 )) e.

in questo aso x0 sarebbe punto di minimo. In generale. per esempio lo studio del segno di f " on le sue impli azioni sulla monotonia di f 0: Se per esempio fosse f " (x)  0 in U (x0) allora f 0 (nulla in x0) sarebbe non de res ente. quindi negativa prima di x0 e positiva dopo. a f 0 (x) f 0 (x) f 0 (x0 ) = lim <0 lim x!x0 x x0 x!x0 x x0 e questo impli a he (in un opportuno intorno di x0 ) il segno di f 0 (x) e opposto a quello di (x x0 ) dunque f 0 (x) > 0 per x < x0 e f 0 (x) < 0 per x > x0 : Naturalmente. se f e derivabile n volte in x0 on f 0 (x0 ) = f " (x0 ) =    = f (n 1) (x0 ) = 0 e f (n) (x0 ) 6= 0 allora . nel aso f " (x0 ) = 0. nulla si puo dire sulla presenza di massimi o minimi: in tal aso sono ne essari studi piu approfonditi.

f+0 (x0 ) > 0 =) x0 e di minimo f 0 (x0 ) > 0 . oltre he tra i punti in ui la derivata prima si annulla. 107 se n e pari e f (n) (x0 ) < 0 allora x0 e un punto di massimo se n e pari e f (n) (x0 ) > 0 allora x0 e un punto di minimo. rispettivamente. Questa proprieta puo essere dimostrata on le stesse argomentazioni usate in pre edenza nel aso f " (x0 ) 6= 0. 5. f (x) f (x0 ) si mantiene. b) e =) =) =) =) a e di minimo a e di massimo a e di massimo a e di minimo f 0 (x0 ) < 0 . b℄ ! R. Tuttavia in qual he aso una analisi del tipo pre edente funziona an ora: supponiamo f : [a.7. Sia f : [0. 1℄ ! R la funzione osi de. CONVESSITA. detto he questi punti debbano ne essariamente essere di massimo o di minimo: ogni punto deve essere onsiderato singolarmente. a se onda he n sia pari o dispari. Esempio. se n e dispari allora x0 non e un punto di massimo ne di minimo. ome si puo fa ilmente dimostrare. f+0 (x0 ) < 0 =) x0 e di massimo. studiando il segno delle derivate su essive in U (x0 ) : Molto piu sempli e e risolutivo e pero l'utilizzo della formula di Taylor on resto se ondo Peano: f (x) = n X f (n) (x0 ) f (k) (x0 ) (x x0 )k + o ((x x0 )n ) = f (x0 ) + (x x0 )n + o ((x x0 )n ) k ! n ! k=0 quindi f (x) f (x0 ) = (x x0 )n ( f (n) (x0 ) + o (1) n! ) f (n) (x0 ) e tenendo onto he. Si era detto all'inizio he i punti di massimo e di minimo di f andavano er ati. di segno ostante ( aso del massimo o del minimo) oppure ambia segno. allora. f+0 (a) > 0 f+0 (a) < 0 f 0 (b) > 0 f 0 (b) < 0 inoltre se x0 2 (a. in un opportuno intorno di x0 la quantita +o (1) mantiene n! il segno di f (n) (x0 ) . an he tra i punti interni ad A in ui f e non derivabile e tra i punti sulla frontiera di A: Non e. ovviamente.

nita: 1 f (0) = 0 . per x 6= 0 e f 0 (x) = 1 2 os x1 + 4x sin x1 : L'origine e un punto di minimo (di frontiera) ed e an he punto di a umulazione di massimi e di minimi relativi. infatti f 0 (x) ambia di segno in. f (x) = x + 2x2 sin : x Risulta f+0 (0) = 1 e.

nite volte in ogni intorno dell'origine. . Possiamo osservare he la ondizione f 0 (x0 ) 6= 0 non impli a he debba esistere un intorno di x0 in ui f e monotona.

. CALCOLO DIFFERENZIALE.108 CAPITOLO 5.

1 Introduzione.Capitolo 6 Integrale. 6. La ne essita on reta di misurare l'area di una super.

ie piana (terreno) ha stimolato sin dall'anti hita la messa a punto di uno strumento matemati o he risolvesse il problema. Naturalmente le diÆ olta sorgevano quando il bordo della super.

ie da misurare non risultava essere una poligonale bensi una .

sebbene non fosse possibile determinare on esattezza l'area della .gura omposta da tratti urvi. An he in questo aso pero.

In qual he aso parti olare. on metodi molto ingegnosi. si rius iva a darne una approssimazione on l'a uratezza "suÆ iente allo s opo". L'idea di integrale e dunque molto anti a ma la potenzialita e la appli abilita di questo strumento divennero notevolissime quando fu sviluppato il al olo di erenziale e fu provato il legame tra il Cal olo integrale e il Cal olo di erenziale (Teorema fondamentale del al olo integrale). Cio he ai tempi di Ar himede ri hiedeva virtuosismi matemati i e attualmente un banale eser izio di al olo. o meglio della modellisti a . Con Newton e Leibniz il al olo di erenziale ed integrale ombinati hanno favorito uno sviluppo enorme sia della Matemati a he della Fisi a.gura. si rius iva an he a darne delle stime esatte.

si a attualmente hiamata Me ani a Razionale. Attualmente sono state elaborate diverse e so.

sti ate teorie della integrazione. nei paragra.

oltre ad avere una suÆ iente generalita e essibilita per le appli azioni piu omuni. ha an he il pregio di poter essere presentato in forma elementare.2 De. seguenti presenteremo l'integrale di Riemann he. 6.

In questo paragrafo intendiamo de.1 Funzioni a s ala e loro integrale. 6.2.nizione di integrale.

b℄ ed M opportuno.nire (quando possibile) l'integrale su un insieme limitato di una funzione limitata ioe di una funzione f : [a. A questo proposito introdu iamo la seguente De. b℄ ! R on 1 < a < b < +1 e jf (x)j  M per ogni x 2 [a.

nizione 212 Una funzione reale ' de.

nita in un intervallo limitato I si di e ostante a tratti (o funzione a gradino o a s ala) se e possibile suddividere l'intervallo I in un 109 .

INTEGRALE. numero .110 CAPITOLO 6.

Dato un insieme E  R. gli Ik sono disgiunti tra loro e ' assume un valore k per ogni x 2 Ik : Gli intervalli Ik . semiaperti ed eventualmente ridotti ad un solo punto. hiusi. Per meglio rappresentare le funzioni a s ala onviene introdurre la nozione di funzione aratteristi a di un insieme. denotiamo on E (funzione aratteristi a di E ) la funzione de.nito di intervalli disgiunti Ik in modo he su ias uno di essi la funzione risulti [ ostante. ioe I = Ik . possono essere aperti.

poi he ad esempio un qualsiasi intervallo Ik potrebbe essere a sua volta suddiviso in un numero .1).1) Naturalmente la stessa funzione puo essere rappresentata in modi di erenti mediante la (6. ioe '= n X k=1 k   I k : (6.nita nel modo seguente: E (x) = 8 < 1 se x 2 E : 0 se x 2 Rn E : Osservazione 213 Con la notazione pre edente si ha he la funzione a gradino ' puo essere rappresentata ome ombinazione lineare di funzioni aratteristi he di intervalli.

Inoltre la formula (6. Si osservi inoltre he ombinazioni lineari.1) rappresenta sempre una funzione [ a s ala su I. prodotti e moduli di funzioni a gradino sono an ora dello stesso tipo. an he se gli Ik non sono disgiunti. pur he Ik = I .nito di intervalli. Diamo ora la de.

P De.nizione di integrale di una funzione a s ala.

on ' = nk=1 k  Ik dove gli Ik sono intervalli di estremi a e bk : De. b℄ ! R una funzione a s ala.nizione 214 Sia ' : [a.

inoltre se ' e sono due funzioni a s ala he di eris ono solo in un insieme .niamo integrale della funzione a s ala ' Pn k nell'intervallo [a. b℄ il numero k=1 k  (bk ak ) e s riviamo Z b a '(x) dx = n X k=1 k  (bk ak ) : (6.2) Osservazione 215 L'integrale di una funzione a s ala non dipende dalla rappresentazione della funzione stessa.

b℄ . i loro integrali oin idono. Questo permette an he di estendere le de.nito di punti in [a.

eventualmente . Z b a Pn k=1 k  Ik e una sua rappresentazione on in- '(x) dx rappresenta l'area dell'unione dei rettangoli.nizioni pre edenti di funzione a s ala e di integrale di funzioni a s ala an he a intervalli limitati non ne essariamente hiusi. Osservazione 216 Se ' e positiva e tervalli disgiunti.

degeneri. INTEGRALE DI UNA FUNZIONE LIMITATA.3. (plurirettangolo) di base Ik e on altezza k . in sintesi l'area he sta tra l'asse delle as isse ed il gra.111 6.

b℄) ed e . 2 S ([a. e uno spazio vettoriale su R: Le seguenti proprieta dell'integrale di una funzione a s ala sono immediate e la loro dimostrazione e las iata al lettore. b℄. he denoteremo on S ([a. Proposizione 217 Siano '. o della funzione ': Abbiamo gia impli itamente osservato he l' insieme delle funzioni a s ala su un intervallo [a. b℄).

3. Allora 1. . Da ' (x)  (x) per ogni x segue he 2. reali.

Z b .

.

.

a Z b a .

.

' (x) dx.

.

 Z b a Z b a ' (x) dx  Z b a (x) dx: j' (x)j dx: ( ' (x) + .

(x)) dx = Z b a ' (x) dx + .

Z b a (x) dx 6. Diamo ora le de.3 Integrale di una funzione limitata.

nizione di integrabilita e di integrale (quando possibile) di una funzione limitata de.

nita su un intervallo limitato. De.

b℄. b℄ ! R e sia f limitata su [a. De.nizione 218 Sia f : [a.

b℄ il numero inf Z b a (x) dx : 2 S ([a.niamo integrale superiore di f su [a. (x)  f (x) 8x 2 [a. b℄) . b℄ questo numero si indi a on il simbolo Z b a f (x) dx:  .

Analogamente de.112 CAPITOLO 6. INTEGRALE.

b℄ questo numero si indi a on il simbolo Z b a  f (x) dx: Osservazione 219 L'integrale superiore e quello inferiore sono ben de. b℄ il numero sup Z b a ' (x) dx : ' 2 S ([a.niamo integrale inferiore di f su [a. b℄) . ' (x)  f (x) 8x 2 [a.

Rb℄) on ' (x)  f (x)  (x) per ogni x in [a. b℄ dunque vale sempre la relazione Z b a f (x) dx  Z b a   Z b a f (x) dx f (x) dx: Diamo ora la de. b℄ = Z b a f (x) dx da ui Z b a f (x) dx = sup Z b a ' (x) dx : ' 2 S ([a. b℄ allora M  ([a. b℄) . ' (x)  f (x) 8x 2 [a. 2 S ([a.b℄) (x)  f (x)  M  ([a. b℄ si ha R dalla 1) della Proposizione 217 he ab ' (x) dx  ab (x) dx e quindi Z b a ' (x) dx  inf Z b a (x) dx :  2 S ([a.niti per ogni funzione limitata per he se jf (x)j  M per ogni x 2 [a.b℄) (x) per ogni x 2 [a. b℄ quindi M (b a)  Z b a Z b f (x) dx e a f (x) dx  M (b a) : Poi he inoltre per ogni '. (x)  f (x) 8x 2 [a. b℄) .

De.nizione di funzione integrabile.

b℄ se vale la uguaglianza Z b a f (x) dx = Z b a f (x) dx: In tal aso questo valore omune viene hiamato integrale di f su [a. f si di e integrabile in [a. b℄ ed indi ato on il simbolo Z b a f (x) dx: Osservazione 221 Ogni funzione a s ala risulta ovviamente integrabile se ondo quest'ultima de. b℄ ! R on 1 < a < b < +1 e f (x) limitata.nizione 220 Sia f : [a.

nizione ed il suo integrale oin ide on quello dato dalla formula (6.2). Osservazione 222 Se f e una funzione limitata e positiva la ondizione di integrabilita equivale ad a ermare he l'estremo superiore di tutte le aree dei plurirettangoli ins ritti .

113 6. INTEGRALE DI UNA FUNZIONE LIMITATA.3. nel trapezoide in .

salvo asi "patologi i". Esempio 224 Sia f : [0. ome vedremo nel prossimo paragrafo. tutte le "solite" funzioni limitate sono integrabili su un intervallo limitato il seguente esempio mostra he esistono funzioni limitate non integrabili. Osservazione 223 Sebbene. 1℄ ! R la "funzione di Diri hlet" osi de.gura oin ide on l'estremo inferiore di tutte le aree dei plurirettangoli ir os ritti allo stesso trapezoide.

b℄ apita he. 1℄ 0 per x 2 QC \ [0.nita: f (x) = allora se (x) = n X k+1 8 < : k  Ik (x) 1 per x 2 Q\ [0. tutti i rimanenti k sono maggiori o uguali a 1 poi he ogni intervallo non ridotto a un solo punto ontieneZ in.1℄  f (x) per ogni x 2 [a. 1℄ = Q\[0. salvo per qual he indi e k per ui l'intervallo Ik e ridotto a un solo punto.

tenendo presente he ogni intervallo non ridotto ad un solo punto onZ b tiene in. Segue quindi he per ogni funzione a s ala Z b maggiorante di f risulta b a (x)dx  1 da f (x) dx = 1: Analogamente.niti razionali.

ui a 6. Certamente questa funzione e piuttosto "patologi a": avevamo gia infatti osservato he essa e dis ontinua in ogni punto.niti irrazionali. quindi la funzione di Diri hlet non a risulta integrabile. si vede he f (x) dx = 0.3.1 Classi di funzioni integrabili. Al .

ne di stabilire he ampie lassi di funzioni sono integrabili premettiamo il seguente riterio di integrabilita .

INTEGRALE. Teorema 225 Sia f una funzione reale de.114 CAPITOLO 6.

b℄ e tali he Z b a " (x)dx Z b a '" (x)dx < ": (6. Osserviamo he per la de. b℄ ed ivi limitata.nita su un intervallo limitato [a.3) Dimostrazione. Allora f e integrabile se e solo se per ogni " > 0 e possibile trovare due funzioni a s ala '" e " on '"(x)  f (x)  " (x) per ogni x 2 [a.

.nizione di integrale superiore e di integrale inferiore.

f e Teorema 226 Ogni funzione ontinua su un intervallo hiuso e limitato e ivi integrabile. Dimostriamo ora il seguente Z b a f (x) dx f (x) dx  Z b a Z b a Z b a f (x) dx + " " (x)dx Z b a '"(x)dx se vale la f (x) dx < " e. b℄ e hiuso e limitato f e ivi uniformemente ontinua (vedi Teorema 121) quindi. Osserviamo preliminarmente he per il teorema di Weierstrass (Teorema 116) la funzione e limitata ed ha quindi senso parlare di integrabilita. Dimostrazione.3) deve essere Z b a integrabile. Poi he l'intervallo [a. Vi eversa. per l'arbitrarieta di ". . poi he Z b a f (x) dx ondizione (6.ssato " > 0 devono esistere due funzioni a s ala '" e " on '" (x)  f (x)  " (x) e Z b a f (x) dx " < 2 Z b a '"(x)dx  Z b a f (x) dx  Z b a f (x) dx  Z b a " (x)dx < Z b a " f (x) dx + : 2 Da questa atena di disuguaglianze si ottiene he Z b a " (x)dx Z b a '" (x)dx < Z b a f (x) dx quindi l'integrabilita di f impli a la (6:3).

ssato " > 0 esiste un Æ > 0 per ui " : x1 . b℄ e jx1 x2 j < Æ allora jf (x1 ) f (x2 )j < b a Sia ora fI gn una partizione di I ioe una ollezione . x2 2 [a.

nita di intervalli disgiunti tali he [ k k=1 I = Ik . s elti in modo he la lunghezza di ias uno di questi intervalli non superi Æ: Posto si ha he Mk mk = inf ff (x) : x 2 Ik g e Mk = sup ff (x) : x 2 Ik g " mk < : b a .

INTEGRALE DI UNA FUNZIONE LIMITATA.3. Il Teorema appena dimostrato si puo adattare an he a funzioni ontinue. Siano '" = n X k=1 mk  Ik e " Ovviamente vale la relazione '" (x)  f (x)  Z b a " (x)dx Z b a '"(x)dx = = n X k=1 " (x) n X k=1 (Mk Mk  Ik : inoltre mk )  ` (Ik ) < ": Dal Teorema pre edente segue l'asserto. pur he limitate.115 6. de.

una funzione ontinua e Dimostrazione. Fissato " > 0. Vale infatti il seguente !R Corollario 227 Sia I un intervallo limitato e sia f : I limitata su I . Poi he f e integrabile su J e possibile 4M Z Z " e 'e < : trovare due funzioni a s ala de. sia J  I un intervallo hiuso e limitato on " ` (J ) > ` (I ) ove M = sup fjf (x)j : x 2 I g. Allora f e integrabile su I .nite su intervalli limitati ma non hiusi.

'e e e tali he 2 J J De.nite su J .

Nello stesso modo si ottiene il R I R I ' < ". da ui. per il riterio di Corollario 228 Sia I un intervallo limitato e sia f : I ! R una funzione limitata su I ed ivi ontinua salvo in un numero .niamo ora su I le due funzioni a s ala:   e (x) x) se x 2 J se x 2 J : '(x) = 'e (M ( x ) = se x 2 I n J M se x 2 I n J Si ha immediatamente '(x)  f (x)  (x) e integrabilita (6.3) segue l'asserto.

Allora f e integrabile su I . b℄ ! R una funzione monotona. b℄ in n parti uguali.xk +1) + f (xn 1 )  [xn 1 . Per la dimostrazione useremo an ora il riterio di integrabilita (6. Supponiamo per esempio he f sia non de res ente.    . b a . Allora f e integrabile su [a. 1.3). n: Posto I punti della partizione saranno xk = a + k n '" = nX2 k=0 f (xk )  [xk . b℄ : Dimostrazione.nito di punti. on k = 0. la ui dimostrazione e las iata per eser izio. Una diversa lasse di funzioni integrabili e data dal seguente Teorema 229 Sia f : [a. (b a) (f (b) f (a)) < " e dividiamo Fissato " > 0 s egliamo un intero n in modo he n [a.xn ℄ .

" = nX2 k=0 f (xk+1)  [xk .116 CAPITOLO 6.xn ℄ allora risulta '"(x)  f (x)  Z b a " (x)dx Z b a '" (x)dx = " (x) e n 1 b aX (b a) (f (b) f (a)) < ": (f (xk+1 f (xk )))  n k=0 n Osservazione 230 Questo teorema assi ura l'integrabilita di funzioni he. INTEGRALE.xk +1) + f (xn )  [xn 1 . possono an he avere una in. pur he monotone.

Da quanto pre ede risulta he tutte le funzioni di uso piu omune. sono integrabili su un intervallo limitato.nita (numerabile) di punti di dis ontinuita. Con le stesse te ni he usate nel Corollario 227 il Teorema si puo estendere a funzioni monotone a tratti. Vale in. pur he limitate.

ne la pena di ri ordare he la ri er a di ondizioni ne essarie e suÆ ienti di integrabilita (in termini della "misura" dell'insieme dei punti di dis ontinuita) ha portato alla ostruzione di teorie dell'integrazione piu so.

2 Formule di al olo approssimato. Mostriamo ora ome direttamente dalle de.sti ate he esulano dagli s opi della nostra trattazione.3. 6.

b℄ : Allora per ogni " > 0 e possibile determinare un Æ = Æ (") > 0 tale he per ogni partizione di [a.nizioni date si possano ri avare formule per il al olo approssimato dell'integrale. he vedremo a suo tempo. Dette formule assumono interesse parti olarmente rilevante quando non risulti possibile la determinazione di una "primitiva" della funzione integranda ed appli are il Teorema fondamentale del al olo integrale. Pro edendo ome nella dimostrazione del Teorema 226 dimostriamo il seguente Teorema 231 Sia f ontinua su [a. b℄ in intervalli disgiunti Ik di lunghezza lk < Æ (per ogni k) e per ogni s elta di yk in Ik si ha .

Z .

b .

f .

.

a n X k=1 f (yk )  .

.

lk .

.

.

Fissato " > 0 sia Æ tale he per ogni oppia di punti x0 .4) Dimostrazione. x00 in [a. "= n X k=1 Mk  Ik . b℄ on jx0 x00j  Æ risulti jf (x0) f (x00 )j < b " a (questo e possibile per la ontinuita uniforme di f ). b℄ = '" = n [ k=1 n X k=1 Ik : Posto mk  Ik . Sia ora fIk gnk=1 una qualunque ollezione di intervalli disgiunti ias uno di lunghezza minore di Æ tali he [a. < ": (6.

b℄ : Allora Z b a   n b aX b a f (x)dx = nlim : f a+k !1 n n k=1 (6. nel Teorema pre edente una suddivisione in parti uguali. Da queste tre relazioni segue l'asserto. dove mk ed Mk sono rispettivamente l'estremo inferiore e l'estremo superiore dei valori assunti da f in Ik . Si noti he n X k=1 f (yk )  lk non e altro he l'integrale della funzione a s ala g = n X k=1 f (yk )  Ik : Considerando.3. INTEGRALE DI UNA FUNZIONE LIMITATA.5) Osservazione 233 La formula (6:5) e la de. si ottiene il seguente Corollario 232 Sia f ontinua su [a.117 6. Pro edendo ome nella dimostrazione del Teorema 226 si ha Z b a e naturalmente Z b a Z b " (x)dx '" (x)dx  a Z b a '" (x)dx < " f (x)dx  Z b a " (x)dx ed an he Z b a '" (x)dx  n X k=1 f (yk )  lk  Z b a " (x)dx per he mk  f (yk )  Mk .

Il Teorema vale in generale per funzioni integrabili ma la dimostrazione. Aggiungendo ipotesi di regolarita sulla funzione f si puo ottenere fa ilmente una stima dell'errore nella formula (6:4).nizione di integrale di una funzione ontinua data da Cau hy. E abbastanza evidente ome la dimostrazione del Teorema pre edente si possa adattare an he a funzioni ontinue a tratti. b℄ in intervalli disgiunti di lunghezza lk < Æ (per ogni k) allora per ogni s elta di yk in Ik si ha . e piuttosto laboriosa. quindi la omettiamo. Vale infatti il seguente Teorema 234 Sia f di lasse C (1) ([a. b℄) e sia jf 0 (x)j  K per ogni x 2 [a. sebbene non diÆ ile. b℄ : Allora se fIk gnk=1 e una partizione di [a.

Z .

b .

f .

.

a n X k=1 f (yk )  .

.

lk .

.

.

Siano '" e " ome nella dimostrazione del Teorema pre edente. < ÆK (b a) : Dimostrazione. per il Teorema di Lagrange " '"  KÆ: . L'asserto segue immediatamente dal fatto he.

In questo paragrafo mostreremo he le tutte proprieta viste per l'integrale delle funzioni a s ala valgono in generale per le funzioni integrabili. Si ha infatti il Teorema 235 Siano f e g due funzioni limitate e integrabili su [a. INTEGRALE. b℄.118 CAPITOLO 6.4 Proprieta dell'integrale. . Allora (a) 8 . 6.

2 R f + .

b℄. (d) f  g e integrabile su [a. (b) f + ed f (parte positiva e parte negativa di f ) sono integrabili su [a. ( ) jf j e integrabile su [a. Valgono inoltre le seguenti formule: R R R (1) ab ( f (x) + .g e integrabile su [a. b℄. b℄. b℄.

g(x)) dx = ab f (x)dx + .

ab g(x)dx R (2) se f  0 allora ab f (x)dx  0 R R (3) se f  g allora ab f (x)dx  ab g(x)dx .

R .

R (4) .

.

ab f (x)dx.

.

g. " 'f." (x) . E ovvio he il multiplo di una funzione integrabile e integrabile e he vale Z b a f (x)dx = Z b a f (x)dx: Per mostrare la (a) e la (1) basta quindi mostrare he f + g e integrabile e he vale Zb (f (x) + g(x)) dx = Zb f (x)dx + g(x)dx: a a a Zb Fissato " > 0 per l'integrabilita di f e di g si possono trovare due oppie di funzioni 'f." (x)dx g.  ab jf (x)j dx R (5) se f  0 e ontinua allora da ab f (x)dx = 0 segue he f (x) = 0 per ogni x Rb f (x)dx (6) se m  f (x)  M allora m  a  M (teorema della media integrale) (b a) R (7) se inoltre f e ontinua su [a." (x) + 'g." (x)dx < ."(x)  g(x)  Z b a g. b℄ esiste  2 (a." tali he 'f." (x) . b) tale he ab f (x)dx = (b a)  f ( ) : Dimostrazione." (x)  f (x)  e Z b a f."." (x) + g."(x) e " (x) = f. e 'g." (x)dx Z b a f."." (x) Z b a " 'g."(x)dx < : 2 Allora posto '" (x) = 'f. 2 'g." . f.

4. DELL'INTEGRALE. 6. PROPRIETA 119 risulta '" (x)  f (x) + g(x)  Dunque f + g e integrabile e poi he Z b e an he quindi a Z b a f (x)dx + Z b a g(x)dx "  (f (x) + g(x)) dx  Z b a .

Z b .

.

(f (x) + g(x)) dx .

a e la (1) e dimostrata. Per la (b) basta osservare he se Z b " (x) e a Z b a Z b a Z b a '+" (x)  f +(x)  (f (x) + g(x)) dx f (x)dx + f (x)dx '" (x)  f (x)  a Z b a " (x) '" (x)dx < ": a Z b '" (x)dx  " (x)dx  Z b " (x)dx Z b a .

.

g(x)dx.

.

si pro ede in analogamente. osa he in qual he o asione puo onvenire. Per la (d). La (4) segue dalla (3) tenendo onto he jf (x)j  f (x) e an he jf (x)j  f (x): La (5) e onseguenza del Teorema della permanenza del segno per le funzioni ontinue: infatti se f fosse positiva in un punto. Terminiamo questo paragrafo on un Teorema he i permettera di spezzare un integrale su un intervallo in piu parti. . Poi he jf j = f + + f la ( ) e onseguenza della (b) e della (a). b℄. sebbene in modo piu ompli ato.b℄ (x)  f (x)  M  [a. La formula (2) e immediata e la (3) segue dalla (2) appli ata alla funzione f g. Per la parte negativa di f osservando he f = ( f )+ i si ri ondu e al aso pre edente. b℄. Z b 1 f (x)dx prende il nome di "media integrale" della funzione f sull'inIl valore (b a) a tervallo [a.b℄ (x) e la (7) segue dalla (6) ri ordando la propriet a dei valori intermedi per le funzioni ontinue. Nel aso di funzioni ontinue e positive questo di e he l'area del trapezoide individuato dalla funzione f e uguale all'area del rettangolo di base (a. g(x)dx + " <" allora " (x) + e si vede immediatamente he e an he 0 " (x) + '+" (x)  " (x) '"(x): Pro edendo ome nel punto pre edente si ottiene il risultato per la parte positiva di f (i dettagli sono las iati al lettore). b) ed di altezza f ( ) per un opportuno  in [a. dovrebbe essere f (x) Z h per qual he h > 0 in un intervallo I . dunque poi he f (x) > h  I (x) dovrebbe essere b a f (x)dx  h`(I ): La (6) segue dal fatto he m  [a.

INTEGRALE. (a)Allora f e integrabile su ogni intervallo [ .120 CAPITOLO 6. b℄ ! R limitata ed integrabile. Teorema 236 Sia f : [a. .

e on Z b a f (x)dx " Z b a " Z b " (x)dx a Z b a '" (x)dx < ": all'intervallo [ .6) Dimostrazione. . b℄ : (b) Se f e limitata ed integrabile an he su [b. ℄ ontenuto in [a. per l'integrabilita di f su [a. ℄ e vale la relazione Z a f (x)dx = Z b a f (x)dx + Z b f (x)dx: (6. b℄ due funzioni a s ala '" e " on '"(x)  f (x)  " (x) e Allora le restrizioni 'f" e f". di '" e on 'f" (x)  f (x)  f"(x). ℄ allora f e integrabile su [a. Fissato " > 0 esistono. Come al solito appli heremo la ondizione (6.3).

'f" (x)dx < Z b a " (x)dx Z b a '" (x)dx < " da ui la (a). ℄. Per la (b) si pro ede in modo analogo s egliendo due opportune oppie di funzioni a s ala su [a. b℄ e su [b. ℄ on integrali he di eris ono per meno di "=2: Osservazione 237 Quanto detto sopra vale an ora per un numero . sono an ora funzioni a s ala.

Da questo e dalle ondizioni suÆ ienti per l'integrabilita viste pre edentemente segue he se f e una funzione limitata su [a. Fino ad ora. b℄. Z b f (x)dx. abbiamo sempre supposto a < b.nito di intervalli ontigui. b℄ e questo intervallo e unione di intervalli onse utivi in ias uno dei quali f e ontinua o monotona. allora f e integrabile su [a. nella de.

nizione di integrale a Per il seguito sara utile introdurre la seguente onvenzione: sempre supponendo a < b poniamo Z a b f (x)dx = Z b a f (x)dx: Z d f (x)dx indipendentemente dal fatto Cosi fa endo abbiamo dato signi.

ato al simbolo he sia maggiore o minore di d. pur he naturalmente f sia integrabile sull'intervallo di estremi e d. E immediato veri.

are he. la formula (6.6) vale indipendente dall'ordine dei punti a. pur he gli integrali in essa ontenuti abbiano signi. grazie alla onvenzione pre edente. b.

. Z f (x)dx (dove I e un Nella teoria dell'integrazione e di uso frequente il simbolo Z b I f (x)dx dove a < b ed I e un intervallo intervallo) on questo simbolo si intende sempre a di estremi a e b ( he puo essere indi erentemente hiuso. aperto o semiaperto). ato.

TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. 121 De.6.5.

nizione 238 Sia ora E un insieme ostituito da un numero .

E = k=1 e integrabile su ogni Ik e si pone Z f (x)dx = E n Z X k=1 Ik f (x)dx: 6.5 Teorema fondamentale del al olo integrale. Si . 6.5. Sia f limitata e integrabile su un intervallo I .1 Funzione integrale.nito di intervalli din [ Ik : Allora f si di e integrabile su E se f sgiunti non ne essariamente onse utivi.

ssi in punto x0 2 I . allora per ogni Z x x 2 I e de.

.nito f (u)du: Naturalmente questo integrale.

ssato x0 . dipendera da x x0 e la onvenzione fatta nel pre edente paragrafo ne assi ura un signi.

Ponendo Fx0 (x) = Z x x0 f (u)du abbiamo de. ato an he quando x < x0 .

Essa ovviamente dipende da x0 (estremo inferiore di integrazione) tuttavia tale dipendenza e po o rilevante per il seguito. nel seguito. . infatti.6) si ha Fx1 (x) = Z x x1 f (u)du = Z x0 x1 f (u)du + Z x x0 f (u)du = Fx0 (x) Fx0 (x1 ): Si vede quindi he due funzioni integrali di una stessa funzione di eris ono per una ostante e he quindi le eventuali proprieta di limitatezza. f (u)du si ha Allora posto F (x) = x0 1. b 2 I ed F e una funzione integrale di f si ha Z b a f (u)du = F (b) F (a): Per le funzioni integrali valgono le seguenti proprieta: Proposizione 239 Sia Z x f : I ! R on f limitata ed integrabile su I . Per quanto detto. F e lips hitziana su I (e quindi e uniformemente ontinua su I ). pur he non dia luogo ad equivo i indi heremo una funzione integrale on F (x) omettendo l'indi azione dell'estremo inferiore di integrazione. dalla formula (6.nito una funzione. ontinuita e di derivabilita di una funzione integrale non dipendono dall'estremo inferiore di integrazione. Fx0 (x) viene hiamata funzione integrale di f . Vale inoltre la pena di osservare he se a. in tutto l'intervallo I . della variabile x. F e limitata su I: 2.

Poi he per qual he M > 0 si ha jf (x)j  M per ogni x 2 I vale la seguente atena di disuguaglianze: jF (x)j .122 CAPITOLO 6. Dimostrazione. INTEGRALE.

Z x .

.

.

.

= .

f (u)du.

.

 x0 .

Z x .

.

.

x0 jf (u)j .

.

du.

.

x2 2 I jF (x ) F (x )j 1 2 .  M jx x j  M  ` (I ) 0 da ui la (1). Inoltre per ogni oppia di punti x1 .

Z x .

2 .

.

.

=.

f (u)du.

.

x1  M jx 2 x1 j da ui la (2). La prin ipale proprieta delle funzioni integrali e espressa dal seguente Teorema 240 Sia f : I ! R on f limitata ed integrabile su I . Per ogni x 2 I . Se f e ontinua in un punto x 2 I allora F risulta derivabile in x e vale F 0 (x) = f (x): Dimostrazione.

.

F (x) .

.

x F (x) x .

.

f (x).

.

= = .

.

.

.

x 1 1 Z x x jx xj .

x f (u)du Z x .

.

.

x 1 x x Z x x.

.

.

f (x)du.

.

= .

(f (u) f (x)) du.

.

 sup jf (u) f (x)j = "(x) u2J dove J e l'intervallo di estremi x e x: Per la ontinuita di f in x.2 Il teorema del al olo. "(x) tende a zero quando x tende a x da ui l'asserto. Al .5. 6.

ne di enun iare in forma sinteti a il Teorema fondamentale del al olo onviene premettere la seguente De.

Vale an he il vi eversa.nizione 241 Sia f : I ! R una funzione di variabile reale sull'intervallo I . Osservazione 242 Se G e una primitiva di f su I ovviamente per ogni ostante reale an he la funzione G + e una primitiva di f su I . ioe Proposizione 243 Ogni primitiva di f si ottiene aggiungendo una ostante ad una primitiva pre. Allora G : I ! R si di e primitiva di f su I se G0(x) = f (x) per ogni x 2 I .

F ha derivata identi amente nulla su I poi he F 0 (x) = G01 (x) G0 (x) = f (x) f (x) = 0. Siano G e G1 due primitive di f su I . per la proposizione 167 la funzione F e identi amente uguale ad una ostante e quindi G1 = G + . da ui l'asserto. di onseguenza. Dimostrazione.ssata. Posto F = G1 G. .

TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. 123 Osservazione 244 Abbiamo ristretto la de.5.6.

nizione di primitiva alle sole funzioni de.

Questa de.nite su intervalli.

a funzioni de. ad esempio.nizione potrebbe essere estesa.

3) ma di eris ono per una funzione he e ostante a tratti ma non ostante. 3) ! R on f (x)  1: Allora le funzioni G(x) = x e G1(x) =  x + 1 per 0 < x < 1 x 1 per 2 < x < 3 sono due primitive di f su (0. 1) [ (2.nite su unioni di intervalli disgiunti. Osservazione 245 Non e detto he una funzione de. 1) [ (2. Tuttavia in quest'ultimo aso non si potrebbe piu a ermare he due primitive della stessa funzione di eris ono per una ostante: per onvin ersene basta onsiderare il seguente esempio: sia f : (0.

. Possiamo ora enun iare il Teorema 246 (Teorema fondamentale del al olo integrale) Sia f ontinua su un intervallo I . b℄  I si ha Z b a f (x)dx = G(b) G(a): Dimostrazione. quest'ultima dovrebbe essere della forma G (x) = x + 1 nell'intervallo ( 1. 1): se questa funzione ammettesse ome primitiva G. a) Poi he f e ontinua suZ tutto I .nita su un intervallo ammetta ivi una primitiva: si onsideri ad esempio la funzione f (x) = signum(x) sull'intervallo ( 1. ma. per il Teorema pre edente. G non puo essere derivabile in x = 0 per he le derivate sinistra e destra in quel punto sono diverse. omunque si s elga G(0). 1) : AÆn he G risulti ontinua deve essere 1 = 2 = G(0). Questo e un fatto generale poi he si e dimostrato nella Proposizione 176 he la derivata di una funzione non puo avere dis ontinuita a salto. 0) e della forma G (x) = x + 2 nell'intervallo (0. Allora Z x a) F (x) = f (t)dt e una primitiva di f su I per ogni x0 2 I: x0 b) Se G e una qualsiasi primitiva di f su I e se [a.

svilupperemo in seguito il " al olo" delle primitive. Osservazione 247 Il Teorema pre edente ri ondu e il al olo dell'integrale di una funzione f alla ri er a di una sua primitiva. .ssato un x punto x0 2 I la funzione integrale F (x) = f (t)dt e una primitiva di f su I: x0 b) Se G e una qualsiasi primitiva di f su I abbiamo visto he esiste una ostante per ui G(x) = F (x) + da ui G(b) G(a) = F (b) F (a) = Z b x0 f (t)dt Z a x0 f (t)dt = Z b a f (t)dt: Sara utile nel seguito indi are la quantita G(b) G(a) on il simbolo [G(x)℄ba dove si e messa in evidenza una primitiva di f . Vediamo ora qual he sempli issimo esempio.

124 CAPITOLO 6. Si voglia al olare Z 1 x2 dx: Poi he una primitiva di x2 e la funzione G(x) = x3 si ha 3 0 1 Z1  1 x dx = G(1) G(0) = x3 3 2 0 Analogamente Z  =2 e Z 1 3 1 1 = : 3 0 sin x dx = [ os x℄=2 = 1: xex dx = [(x 1) ex ℄31 = 2e3 : Si noti he il primo integrale puo essere valutato on relativa fa ilita utilizzando la de. INTEGRALE.

nizione di integrale. ai . mentre. Il Teorema fondamentale del al olo mette in lu e l'importanza. Allora la funzione H (x) = Z g(x) x0 f (t)dt (x0 ) 2 I e derivabile e vale la seguente relazione: H 0 (x) = f (g (x))  g0 (x) : Dimostrazione. per gli altri due. Basta osservare he H (x) = (F Æ g) (x) dove F (u) = Ru x0 f (t)dt ed appli are quindi la regola di derivazione delle funzioni omposte.3 Cal olo delle primitive.5. una loro valutazione avrebbe ri hiesto al oli piu ompli ati. Naturalmente se h (x) e g (x) sono due funzioni derivabili a valori in I si ha: d dx Z g(x) h(x) f (t)dt = f (g (x))  g0 (x) f (h (x))  h0 (x) : Si voglia per esempio derivare H (x) = H 0 (x) = e Z sin sin x os x 2x e t2 dt : si ottiene os x e os 2x sin x: 6. Dalla parte a) del Teorema fondamentale del al olo e dalla regola di derivazione delle funzioni omposte si ottiene la seguente formula di derivazione: Proposizione 248 Sia f ontinua in I e g : J ! I derivabile.

in questo paragrafo i o uperemo di sviluppare il al olo delle primitive o. ome e an he in uso dire. degli integrali inde. della onos enza di una primitiva della funzione integranda.ni del al olo di un integrale.

.niti.

Ad esempio se f (x) = os x abbiamo os xdx = sin x + .5.6. Il simbolo introdotto hiaris e an he il termine integrale inde. 125 Converra. introdurre la seguente Rnotazione:R se f e una funzione he ammette primitiva in un intervallo I on il simbolo f o on f (x)dx indi heremo R l'insieme di tutte le primitive di f in I . TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. infatti al variare della ostante al se ondo membro dell'espressione pre edente si ottengono tutte le primitive di f . a questo proposito.

ovvia Osservazione 249 Poi he la ri er a di una primitiva e l'operazione inversa del al olo della derivata.nito non sono infatti pre isati in al un modo gli estremi di integrazione. Comin iamo on la seguente. dalla tabella delle derivate delle funzioni elementari (letta a roves io) si ottiene una tabella delle primitive. Z Z Z Z Z Z Z Z Z Z Z x dx = 8 > < > : 1 +1 x + se 6= 1 +1 sin xdx log jxj + se = 1 = ex + 1 x = a + = ax loga e + log a = os x + os xdx = sin x + tan xdx = sinh xdx = osh x + osh xdx = sinh x + ex dx ax dx log j os xj + tanh xdx = log osh x + p 1 2 dx = ar sin x + 1 = ar os x + 2 1 x 1 dx = ar tan x + 1 + x2 Dalle regole di derivazione seguono immediatamente analoghe regole per la ri er a delle primitive: si ha infatti la seguente Proposizione 250 1) Se f e g ammettono primitiva in I ed a e b sono ostanti reali si ha Z (af + bg) = a Z f +b Z g . he riportiamo qui nel seguito per omodita del lettore.

Z Z Z ! 1)    (n 1 n+1 k + 1) xn k Z xn dx = = ex n X k=0  xn+1 log x n+1 1  ar tan xdx = x dx = x ar tan x 1 + x2 1 2  log 1 + x2 + : sin x dx = ar tan os x + : Si e usata la 3) on 1 + os2 x 1 f 0 (t) = e t = G(x) = os x. Allora xn+1 log x xn log xdx = n+1 7. tenendo presen- ti. Mostriamo ora qual he esempio di utilizzo delle formule pre edenti. del prodotto e della funzione omposta. 1. Z Z 2 + x2 dx = 1 + x2 Z xex2 dx = 1 2 x2 dx = 1 4 Z Z  1 4+ ex2 (2x) dx = 21 ex2 + : Si e posto f 0(t) = et e t = g(x) = x2 : Z 1+ 4. Z f 0 (g(x)) g0 (x)dx = f (g(x)) + ((formula di integrazione per sostituzione)) Dimostrazione. Z ar tan xdx = = x ar tan x 8. 2. le regole di derivazione della somma. Basta derivare entrambi i membri delle uguaglianze.126 CAPITOLO 6. g0 (x) = ex si ottiene ex dx = xex ex + : 5. Si voglia al olare Z  1 1+ dx = x + ar tan x + : 1 + x2 xex dx = xex Z Z 1 x 2 dx = Z 1 2 2 1+ 1 1 x 2 2 dx = 12 ar tan x2 + : 2 xex dx: Usando la formula 2) on f (x) = x. 1 + t2 ( )k n! n x k!  k 1 + : (n + 1) . 3. 2) Se f e g sono derivabili on ontinuita in I si ha Z Z fg0 = fg f 0g ((formula di integrazione per parti)) 3) Nelle stesse ipotesi. rispettivamente. Pro edendo iterativamente ome nell'esempio pre edente si al ola Z Z n x n x n x e dx = x e n x 1 ex dx =    = = ex xn + n X k=1 ( )k n (n 6. pur he la s rittura abbia senso. Sia Z n 6= 1. INTEGRALE.

Z os x dx = Z 2 = sin x os x + Z Z os x os x dx = sin x os x +  Z sin2 x dx = 1 os x dx = sin x os x + x 2 Z os2 x dx da ui os2 x dx = 12 x + 12 sin x os x + : Osservazione 251 A questo punto vorremmo mettere in guardia lo studente ir a le dif- .127 6. 9.6. INTEGRAZIONE DELLE FUNZIONI RAZIONALI.

La prima diÆ olta e di natura algoritmi a: essendo la ri er a delle primitive l'operazione inversa della derivazione. on un esempio spe i. olta he si possono in ontrare nel al olo delle primitive. Ritorneremo nel seguito. an he in asi relativamente sempli i l'appli azione delle regole 2) e 3) e meno me ani a he nel aso diretto della derivazione e non e detto he porti sempre ad un risultato.

Vi e tuttavia una ragione an ora piu profonda he rende il al olo delle primitive "diÆ ile": il fatto e he mentre la derivata di una funzione omposta di funzioni elementari e an ora esprimibile ome funzione omposta di queste funzioni e delle loro derivate. ad esempio he ogniqualvolta si in ontri una x2n e x on n intero positivo. Si potrebbe dimostrare (ma questo esula dai nostri s opi) he le primitive della elebre funzione gaussiana f (x) = e x2 non sono esprimibili mediante funzioni elementari o omposte di queste. su questa osservazione. o. tuttavia io non signi. io non avviene per le primitive. Naturalmente da queste 2funzioni se ne possono ri avare molte altre on la medesima proprieta. e os avviene an he per le funzioni os x2 e sin x2 .

ioe della forma f (x) = P (x) Q(x) on P (x) e Q(x) polinomi. Ci o uperemo in questo paragrafo di sviluppare un algoritmo he permetta di trovare le primitive delle funzioni razionali. naturalmente le primitive sono er ate negli intervalli in ui f (x) e de. a funzione f nella ui espressione analiti a ompaia e x2 allora f non ammetta una primitiva esprimibile mediante funzioni elementari: si veda il se ondo degli esempi pre edenti. Dall'osservazione pre edente si omprende quanto possa essere utile sviluppare metodi per la determinazione delle primitive di lassi parti olari di funzioni. 6.6 Integrazione delle funzioni razionali.

ome vedremo.nita. a dx on n intero positivo. Questo aso e molto 1) Si voglia determinare (x )n sempli e e si ha:Z 1 a a dx = per n 6= 1 + n (x ) 1 n (x )n 1 . i si puo sempre ridurre pur he si onos ano le radi i del Z polinomio Q(x). Vediamo dapprima due asi parti olari ai quali.

INTEGRALE.128 CAPITOLO 6. Z a per n = 1 dx = a log jx j + x Le uguaglianze s ritte signi.

s. p.7) Poi he sappiamo he J1 = ar tan t. ano he in ogni intervallo non ontenente le primitive a di sono le funzioni al se ondo membro.6) poi he x2 + px + q = x + + k dove k = q 2 4 si ha Z Z   rp  1 1 rp  n on dx = s dx = s n  2 p 2 (x + px + q) 2 x + 2 2 + k2 Z 1 (s rp=2)  k n dx:   k2n 1 x+p=2 2 +1 k x + p=2 e. a meno della ostante Operiamo nell'ultimo integrale la sostituzione t = k (s rp=2) moltipli ativa i ri ondu iamo a al olare l'integrale k2n 1 Z 1 dt: Jn = (1 + t2 )n Jn = = Jn Jn = ui Z 1 Z Z Z 1 1 + t 2 t2 1 2t dt = dt = Jn 1 dt = t n (1 + t2 ) (1 + t2 )n 2 (1 + t2 )n 1 2n 1 t t 1 1 + + Jn 1 = J n 1 n 1 2 2 2 (1 n) (1 + t ) 2 (1 n) 2 (n 1) (1 + t ) 2 (n 1) n 1  Z t2 + 1 1 1 t t dt = dt = + 2 n + 2nJn 2nJn+1 da n n n +1 2 (1 + t2 ) (1 + t2 ) (1 + t2 )n (1 + t ) Jn+1 =   t 1 + (2n 1) Jn : 2n (1 + t2 )n (6. n e 2) Si voglia ora determinare (x2 + px + q)n un intero positivo e p2 4q < 0 (il polinomio a denominatore non ha quindi radi i reali). la formula pre edente permette di al olare per ri orrenza ogni Jn he.6) e immediato e si ottiene r 2 Z 8 > > < 2x + p dx = 2 > (x + px + q)n > : r log 2  x2 + px + q + r 1 2 (1 n) (x + px + q)n 2 1 se n = 1 + se n > 1 r  p 2 2 p2 per il se ondo integrale nella (6. si esprimeranno ome ombinazioni lineari di funzioni . a onti fatti. (x )n Z rx + s dx dove r. Z rx + s r dx = n 2 (x + px + q) 2 Z rp  2  2x + p dx + s (x2 + px + q)n Z 1 dx: (x + px + q)n 2 Il primo integrale al se ondo membro nella (6. q sono numeri reali.

129 t ed ar tan t.6. INTEGRAZIONE DELLE FUNZIONI RAZIONALI.6. si ri ordi he alla .

   . Vale allora il seguente teorema di de omposizione Teorema 252 Siano P e Q due polinomi a oeÆ ienti reali. 2 . Z Z Z 2x + 3 2x + 2 1 dx = dx + dx = 2 2 2 2 2 (x + 2x + 2) (x + 2x + 2) (x + 2x + 2)2 Z 1 1 = 2 +  2 dx x + 2x + 2 (x + 1)2 + 1 della forma   t poi he per la (6. r le radi i reali di Q di moltepli ita rispettivamente h1 .    hr e .7) J2 (t) = + ar tan t e t = x + 1 si ottiene 1 + t2 Z x 1 1 2x + 3 1 + ar tan (x + 1) + : dx = 2 2 2 2 (x + 2x + 2) 2 (x + 2x + 2) P (x) Vediamo ora ome nel aso generale in ui f (x) = .ne la variabile t deve essere sostituita (1 + t2 )k x + p=2 . on P e Q polinomi i si Q(x) possa ri ondurre ai due asi onsiderati pre edentemente. poi he eseguendo la divisione tra i due polinomi si ottiene 1 2 P (x) R(x) = S (x) + Q(x) Q(x) ove S (x) e un polinomio (di integrazione immediata) ed il grado del resto R e minore del grado di Q. primi tra loro e ol grado di P minore del grado di Q he supponiamo uguale ad n. Possiamo inoltre supporre he P e Q non abbiano fattori omuni e he il oeÆ iente del termine di grado massimo di Q sia 1. Siano inoltre 1 . on l'espressione k Illustriamo ora on un esempio on reto il metodo pre edente. Premettiamo he i si puo sempre ridurre al aso in ui il grado di P sia strettamente minore del grado di Q. h2 .

. 1  i 1 .

   . 2  i 2 . .

per i = 1. ks on h1 + h2 +    + hr + 2 (k1 + k2 +    + ks ) = n. s  i s le radi i omplesse e oniugate di Q di moltepli ita rispettive k1 . k2 .    .    . ioe    Q (x) = (x 1 )h1 (x 2 )h2    (x r )hr x2 + p1 x + q1 k1 x2 + p2 x + q2 k2    x2 + ps x + qs ks ove. s si e posto pi = 2.

i e qi = .

h1 + = h h 1 1 1 Q(x) (x 1 ) ( x 1 ) (x 1 ) A A2. .2 A2.2 P (x) A1. P Allora esiste ed e uni a la de omposizione di nella forma seguente: Q A A1. 2i + 2i .1 + +    + 1. .h2 + + h h 1 2 2 ( x 2 ) (x 2 ) (x 2 ) .1 + +    + 2..

1 : + 2 s.1 + + 2 1.1 M x + N2.k1 + 2 1.ks + 2 s. M x + Ns. .130 CAPITOLO 6.2 +    + 2s.2 M x + Ns. A Ar..2 +    + 21.1 k k 1 s s ( x + ps x + qs ) (x + psx + qs ) ( x + ps x + q s ) + La dimostrazione della pre edente de omposizione risulta essere piuttosto laboriosa ed e riportata nell'Appendi e.k1 M x + N1. INTEGRALE.k2 M x + N2. Osservazione 253 L'uni ita della de omposizione signi.hr + h h 1 r r (x r ) (x r ) (x r ) M x + N1.2 M x + N1.1 + 2 2.2 + + 2 2.ks M x + Ns.1 k k 1 1 1 ( x + p1 x + q 1 ) (x + p1 x + q1 ) (x + p1 x + q1 ) M x + N2.2 Ar.1 + +    + r.2 +    + 22.k2 k k 1 2 2 ( x + p2 x + q 2 ) (x + p2 x + q2 ) (x + p2 x + q2 ) .

1 x + n1.1 x2 + x + 1 + a1. Mu. si ha = + 1.2 + 12. Mu.v he ammette una uni a soluzione. Cio fornis e an he un metodo on reto.2 (x 1) x2 + x + 1 + (m1. a he le ostanti Ai.1 a m x + n1. Z x+1 dx: (x 1) (x2 + x + 1) x+1 a1.j .j . eseguendo le somme indi ate al se ondo membro ed uguagliando il risultato al primo membro si ottiene un sistema lineare di n equazioni nelle n in ognite Ai. Prima di riportare qual he esempio osserviamo he dal Teorema enun iato sopra e dai al oli he lo pre edevano segue immediatamente il Teorema 254 La primitiva di una funzione razionale e sempre esprimibile mediante la ombinazione lineare di una funzione razionale on logaritmi di polinomi di primo e se ondo grado e on funzioni ar otangente di polinomi di primo grado.v he entrano nella de omposizione pre edente sono univo amente determinate. ma non sempre il piu rapido.1 : 2 2 2 ( x 1) (x + x + 1) (x 1) (x + x + 1) (x 1) Fa endo la somma al se ondo membro ed uguagliando i due termini si ottiene   a1. Di fat- to. Esempi. per ottenere la de omposizione di ui sopra.v ed Nu. la diÆ olta risiede nella determinazione delle radi i reali e omplesse del polinomio Q al denominatore.v ed Nu. per quanto detto sopra.1 Ora.1 ) (x 1)2 = x + 1 la ui soluzione da x 1 2 1 x+1 + 2 da ui = 2 2 2 3 (x 1) 3 x + x + 1 (x 1) (x + x + 1) 3 (x 1) 1) Si voglia integrare Z 2 (x + 1) dx 2 = 2 2 3 ( x 1) (x 1) (x + x + 1) log (x 1) log x2 + x + 1 + 3 6  p 3 2x + 1 ar tan p + : 9 3 .

131 6.6. INTEGRAZIONE DELLE FUNZIONI RAZIONALI. Z 1 2) Consideriamo ora dx: 1 + x4 Z Z 1 1 dx = dx = 4 4 2 1+x (x + 2x + 1) 2x2 p p ! Z Z 2 x 2 1 1 2+x 2 p p p p dx = = dx = + 4 (x(2 2x + 1)(x2 + 2x + 1) x2 2x + 1 x2 +) 2x + 1 p p p  p  2 x2 + x 2 + 1 = log 2 p + 2 ar tan x 2 1 + 2 ar tan x 2 + 1 + : 8 x x 2+1 Il pre edente esempio mostra hiaramente il per he possano nas ere ompli azioni nel al olo delle primitive. Derivando il risultato dell'eser izio pre edente per ottenere la funzione integranda si devono eseguire molte sempli.

azioni. il metodo di integrazione illustrato permette di per orrere a roves io questa serie di sempli.

ad esempio. In al uni asi e possibile. azioni partendo dalla funzione integranda. ri ondursi a integrali di funzioni ex razionali. t2 4t 2 3 2 2 log t + 2 1 2 3 + 2 2 log t Z x sin x sostituendo a t la funzione tan si ottiene dx = 2 os x + sin x  tan x 2 x 4 tan 2 2  p  x p  6 4 2 log tan + 2 1 2  p   6 + 4 2 log tan x 2 p  2 1 + : . on sempli iZsostituzioni. la sostituzione t = tan : 2 Z sin x dx: Con la sostituzione di ui sopra. ri ordando he Si voglia al olare os x + sin x sin x = i si ri ondu e a al olare Z = (2t + 4) dt 4 p Z  Z 1 t2 2t e os x = 1 + t2 1 + t2  2t 1 + t2 dt = t2 2t 1 3t + 1 dt = t2 4t 4 t2 2t 1 p  p Z  p 2 p ! + 2 p p dt = + 2 1 t+ 2 1 t 3 2 p 3 2  2 1 + . Si voglia ad esempio al olare dx: Ponendo t = ex si ottiene e3x + 1  Z Z  Z 1 1 2 t 1 1 dt = dt = + dt = t3 + 1 (t + 1) (t2 t + 1) 3 t + 1 t2 t + 1  1 1 2t 1 1 log t2 t + 1 + p ar tan p = log (t + 1) 3 6 3 3 e quindi Z x 1 ex x + 1) 1 log e2x ex + 1 + p1 ar tan 2ep 1 : dx = log ( e e3x + 1 3 6 3 3 Con un pro edimento analogo si integrano funzioni razionali di funzioni trigonometri he x utilizzando.

7 Integrali generalizzati. Nei paragra. quando e possibile onviene utilizzare altre sostituzioni.132 CAPITOLO 6. onviene fare la sostituzione t = os x: al olare in 2 2 3 + 2 os x i si riporta osi al al olo di Z Z tan x 1 2t + 3 1 2 os x + 3 1 dt = log + da ui si ottiene dx = log + : 2 3t + 2t 3 2t 3 + 2 os x 3 2 os x 6. per esempio per     tan x una primitiva di . INTEGRALE. Come si e visto nell'esempio pre edente l'utilizzo delle formule parametri he porta a al oli a volte ompli ati.

pre edenti abbiamo introdotto la nozione di integrale per funzioni limitate de.

nite su intervalli limitati. La generalizzazione dell'integrale he faremo permettera. nelle situazioni piu omuni. di misurare. on opportuni pro essi di limite vedremo ora ome si possano rimuovere queste due limitazioni. Comin iamo onsiderando l'integrale di funzioni non limitate de. l'area di insiemi non limitati e di espli itare l'importante onnessione tra gli integrali e le serie. tutta la teoria sviluppata e dunque legata a queste due restrizioni. tra l'altro.

ha allora senso onsiderare l'integrale I () = a+ La funzione I () risulta de. b℄ on 0 <   b a. b℄ ma limitata ed integrabile su ogni intervallo hiuZ b f (t) dt: so [a + . b℄ ! R. Sia f : (a. f non limitata su (a.nite su intervalli limitati.

nita per ogni  2 (0. b a℄ : Diamo ora la seguente De.

nizione 255 Se esiste .

nito lim+ I () = I si di e he f ammette integrale genera!0 Z b f (t) dt: lizzato nell'intervallo (a. b℄ e si pone I = a Osservazione 256 Su questo argomento non sempre viene usata una terminologia uniforme: al uni Autori. ad esempio. nel aso in ui lim+ I () esista in.

nito di ono he  !0 l'integrale generalizzato esiste e vale in.

altri di ono he diverge. altri an ora di ono he l'integrale non esiste. b℄ allora I () risulta monotona e quindi lim+ I ( ) esiste sempre. . Osservazione 257 Se la funzione f ha segno ostante nell'intervallo (a.nito.

nito o in.

nito. si tratta solo di  !0 stabilire quale dei due asi si veri.

La situazione e piu ompli ata nel aso in ui f ambi segno in. hi.

Mostriamo ora on qual he esempio le possibili situazioni. 1) Sia < 0 . poi he allora il limite puo an he non esistere.nite volte in ogni intorno destro di a.

ssato e si onsideri la funzione f (x) = x on x 2 (0. 1℄ : Allora 8  1 > Z 1 1  +1 per 6= 1 < I () = x dx = + 1  > : log  per = 1 .

1 dunque per > 1 l'integrale generalizzato vale mentre per  1 si ha +1 lim I () = +1: Il risultato pre edente si puo interpretare geometri amente ome segue:  !0+ nel gra.7.133 6. INTEGRALI GENERALIZZATI.

o (*) e riportato l'andamento qualitativo della funzione f (x) = x per un > 1 e l'area tratteggiata ha misura .

nita. mentre nel gra.

o (**) per la stessa funzione on  1 l'area tratteggiata non ha misura .

nita. 1℄. la funzione f (x) = sin 1 x 1 1 os x x 1 1 dunque I () = sin 1  sin ! sin 1 quindi in questo x  Z 1 1 1 1 aso l'integrale generalizzato esiste ed e sin os dx = sin 1: x x x 0 allora una sua primitiva e x sin Negli ultimi due esempi la onos enza di una primitiva di f ha reso parti olarmente sempli e il de idere sull'esistenza o no degli integrali impropri. 2) Si onsideri nell'intervallo (0. sempre nell'intervallo (0. 1℄ la funzione f (x) =  1 1 1 sin x2 x x os 1 x  1 1 1 1 poi he per x > 0 una primitiva di questa funzione e os si ha he I () = os 1 os x x   dunque non esiste lim+ I () :  !0 3) Consideriamo ora. an he in presenza di in.

tuttavia in molti asi i si puo riportare a onsiderare gli integrali di funzioni positive.niti ambiamenti di segno. In generale le ose sono piu ompli ate. Infatti l'esistenza dell'integrale improprio equivale all'esistenza del limite .

la ondizione ne essaria e suÆ iente di Cau hy per l'esistenza di questo limite si espli ita nel modo seguente: .nito per  ! 0+ di I ( ).

INTEGRALE. Proposizione 258 Nelle ipotesi poste per f .  2 on a .134 CAPITOLO 6. ondizione ne essaria e suÆ iente aÆn he esista Z b f (x)dx e he per ogni " > 0 esista un Æ > 0 tale he per ogni oppia 1 .

Z a+ 2 .

0 < 1 < 2 < Æ risulti .

.

a+ 1 .

.

f (x)dx.

.

b℄ ed esista a se jf (x)j  g(x) per x 2 (a. b℄. b℄ an he f e jf j ammettono integrale improprio in (a. Sia inoltre g(x) > 0 su (a. Dimostrazione. < ": Si ottiene allora immediatamente il seguente Corollario utile per le appli azioni Corollario 259 ( riterio del onfronto) Siano f e g limitate e integrabili su ogni inZ b g(x)dx: Allora tervallo [a + . b℄ per ogni  > 0. Infatti se 0 < 1 < 2 < b a .

.

.

.

a+ Z 2 .

.

.

f (x)dx.

.

.

.

.

quindi se g ammette integrale improprio an he f e jf j lo ammettono. In parti olare. se f veri. a+ 1  a+ Z 2 a+ 1 jf (x)j dx  a+ Z 2 g(x)dx a+ 1 le disuguaglianza pre edenti impli ano he se per g vale la ondizione di Cau hy. an he per f e jf j vale la stessa ondizione.

1℄ ! R on f (x) = p1 sin 1 : Allora jf (x)j  p1 e quindi poi he x x x 1 px ammette integrale improprio in (0. a di erenza degli integrali di funzioni limitate su intervalli limitati. Vedremo in seguito on un esempio he per gli integrali generalizzati. lo stesso a ade per f . a le ipotesi del Corollario. 1℄ an he f e jf j lo ammettono. Sia f : (0. La de. e jf j ammette integrale improprio. puo a adere he f ammetta integrale generalizzato ma he non lo ammetta jf j : Esempio.

in modo analogo. b ℄ on 0 <  < b a. b) ! R limitate ed integrabili su ogni intervallo [a.nizione di integrale improprio e le varie osservazioni fatte si possono ripetere. per funzioni f : [a. si pensi ad esempio alla famiglia di funzioni de.

ontemporaneamente. ed an he situazioni piu generali.nite sull'intervallo [0. 1) f (x) = (1 x) on < 0: Vedremo nel seguito ome onsiderare i due asi. Studiamo ora il aso di funzioni de.

+ ) ! R. Z1  f (x)dx limitata ed integrabile su ogni intervallo [a. ℄ on  > a: Posto allora I () = a la funzione I () e de.nite su intervalli non limitati. Sia f : [a.

e quindi possibile dare la seguente De.nita per ogni   a.

nizione 260 Se esiste .

+1) e si s rive I = Z 1 + a f (x)dx: .nito !lim I () = I si di e he la funzione ammette integrale +1 generalizzato su [a.

7. Come nei asi pre edenti. INTEGRALI GENERALIZZATI. se f ha segno ostante in qual he intervallo del tipo [.135 6.

+1).. la funzione I () risulta de.

nitivamente monotona e quindi esiste sempre. .

si tratta quindi di stabilire quale dei due asi si veri. lim I ( ).nito o no.

Nel aso f ambiasse segno in. Svilupperemo a  !+1 proposito al une te ni he molto simili a quelle viste per le serie a termini positivi. hi.

Allora I () = 1 os  he non ammette limite per  ! +1: I seguenti gra. Sia. allora an he f e jf j lo ammettono.nite volte (in un intorno di +1) an ora mediante la ondizione di Cau hy si mostra immediatamente he se jf (x)j  g (x) su [a. per < 0. +1) ! R f (x) = sin x. +1) ed ivi g ammette integrale generalizzato. +1) : Allora I ( ) = Z  1 x dx = 8 > < > : 1  +1 +1 log  1  per 6= 1 per = 1 dunque: Z +1 1 per < 1 l'integrale generalizzato esiste e x dx = mentre +1 1 per  1 lim !+ I () = +1: Si onsideri inve e ora la funzione f : [0. f (x) = x per x 2 [1. Esempi.

i illustrano le tre situazioni: in 2a l'area tratteggiata e .

nita. in 2b risulta essere in.

nita. mentre in 2 l'area ( on segno) tra 0 e  non ammette limite per  ! +1: Si da una analoga de.

b℄ ! R limitate ed integrabili su ogni intervallo (. b℄ on   b. sia E un insieme non ne essariamente limitato e sia f : E ! R una funzione non ne essariamente limitata.nizione di integrale generalizzato per funzioni f : ( 1. Consideriamo ora una situazione he omprende i asi pre edenti. Allora . tutte le onsiderazioni fatte nel aso pre edente valgono ovviamente an he in quest'ultimo aso.

INTEGRALE.136 CAPITOLO 6. De.

nizione 261 Si di e he f ammette integrale generalizzato su E se e possibile s omporre E ome unione disgiunta di un numero .

 !0 2 x 0 (1 + x) Z +1 p 1  px dx = lim [2 ar tan x℄1 = : !1 (1 + x ) 2 1 Dunque l'integrale generalizzato er ato esiste e vale Z 1 + 0 1 p dx = : (1 + x) x Vediamo ora on un esempio ome si possano trovare situazioni paradossali non isolando 2x le singolarita di f: Sia f : ( 1. x2 . b) un intervallo on 1  a < Zb  +1 e sia E = I nZfx1 . In tal aso. la singolarita e lo alizzata in uno solo degli estremi dell'intervallo. +1) : Allora Z 1 p 1  p dx = lim [2 ar tan x℄1 = . se n T S E = Ik (Ir Is = . xn g : Inve e di b f (x)dx: f (x)dx s riviamo s rivere ome nella formula pre edente a E 1 p : Esempio. bk ℄ on 0 <  < bk ak . bk ℄ oppure del tipo [ak . 1) [ [1. ed e volta ad isolare le "singolarita" della funzione integranda e gli eventuali intervalli illimitati. +1) in (0. 1) ! R osi de. in on reto se Ik e un intervallo limitato di estremi ak e bk allora f deve essere limitata o su ogni intervallo del tipo [ak + .nito di intervalli Ik su ognuno dei quali f ammette integrale generalizzato di uno dei tipi prima onsiderati. Osservazione 262 Vale la pena di ribadire he la de omposizione E = n S Ik non e erto uni a.    . per r 6= s) si pone k=1 Z E f (x)dx = n Z X k=1 Ik f (x)dx ove ognuno degli integrali ontenuti nella sommatoria e un integrale generalizzato. b℄ oppure (a. +1) ! R la funzione f (x) = (1 + x) x Spezziamo (0. Se Ik fosse del tipo ( 1. +1℄ f dovra essere limitata su ogni sottointervallo limitato di Ik : k=1 Osservazione 263 In molti asi puo essere omodo il seguente abuso di notazione: sia I = (a. Sia f : (0.

. 1) : Infatti: Z 1     2x dx = log 1 x2 10  = log 2 2 ! 1 per  ! 0: Non isolando le 2 1 x 0 Z 1  2x singolarita e tenendo onto he f e dispari si otterrebbe inve e dx = 0 per x2 1+ 1 ogni  > 0: Su ede quindi he pro edendo simmetri amente verso i due punti singolari le ompensazioni della parte positiva e della parte negativa nas ondono la non esistenza dell'integrale generalizzato.nita: f (x) = : f non puo ammettere 1 x2 integrale generalizzato su I per he non lo ammette ne su ( 1. 0) ne su [0.

1) n f0g ! R la funzione f (x) = 2 : Allora. Il riterio del onfronto he abbiamo visto in un aso parti olare vale ovviamente an he nella situazione piu generale des ritta nell'ultima de. osservando he x x x  1 1 appli ando erroneamente il teorema fondamentale del al olo otteniamo: = 2 x 1 ovviamente assurdo per he una funzione positiva non puo avere integrale negativo. Il seguente esempio mostra ome il teorema fondamentale del al olo non valga in generale per gli integrali generalizzati se prima non si e stabilita la loro esistenza. 1). In questa otti a.137 6.   1 0 1 1 = 2 ed Sia f : ( 1. quando si tratta di integrali generalizzati diviene di fondamentale importanza ( ome del resto ha mostrato l'esempio pre edente) stabilirne a priori l'esistenza. INTEGRALI GENERALIZZATI. x2 Come abbiamo gia a ennato non e sempre fa ile o possibile al olare espli itamente il valore numeri o di un integrale.7. 1) e he non e una primitiva di x 1 su ( 1. Il fatto 1 e he f non ammette integrale generalizzato in ( 1. tuttavia metodi numeri i permettono in molti asi di darne una buona approssimazione.

4) [ [4. vale la disuguaglianza 1 os 3 x  14 3 x2 da ui ZÆ Æ Z  p 3 1 os x dx  4 x 1 0 = 2 3 dx = 12 Æ 1=3 : 0 p Poi he la funzione f (x) = (1 os 3 x) e ontinua in (Æ. 23  [ 3 2 . 2. 1℄ ! R on f (x) = (1 os 3 x)1 :  p p 1p Ri ordando lo sviluppo di os z si ha he. Infatti poi he x4 e x2 ! 0 per x ! +1 si ha he.nizione. Æ ℄ . +1) n f1. in modo analogo si ragiona in tutti gli altri intervalli limitati. 2 3 0  [ 1 1 2 1 dx esiste. 3g = 0. Riportiamo nel seguito al uni esempi nei quali si utilizzano te ni he analoghe a quelle usate a suo tempo per le serie. p Esempi.3 [ (3. 1 : poi he jf (x)j  p3 f ammette inx 1 tegrale generalizzato in questo intervallo. p p2 in un opportuno intervallo (0. mentre in (4. 3) 1 1 per x > Æ > 0 ( on Æ opportuno) x2 e x2 < 2 da ui esiste l'integrale generalizzato x . +1) :   8 Consideriamo per esempio l'intervallo 12 . 52  [ 5 2 . 1℄ esiste l'integrale generalizzato Z p (1 os 3 x) dx: 1 1 1 0 2) L'integrale generalizzato Z 1 + E = (0. infatti x (x 1) (x 2) (x 3) p . 1) Si onsideri la funzione f : (0.1 [ 1. +1) : Z +1 x2 e x2 dx esiste. 1 os 3 x = 3 x2 +o 3 x2 dunque. +1) 1 e quest'ultima funzione ammette integrale generalizzato in 0 < f (x)  q 3 (x 3)4 (4.2 [ 2. per z ! 0.

A maggior ragione esiste . 1 + 0 x2 e x2 dx: Poi he la funzione e pari lo stesso vale per l'intervallo simmetri o.138 Z CAPITOLO 6. INTEGRALE.

Vediamo in.nito Z 1 + 1 e x2 dx integrale della funzione di Gauss.

se de.ne ome gli integrali generalizzati su intervalli illimitati possano essere utilizzati per stabilire la onvergenza o la divergenza di serie a termini positivi. Osserviamo 1 X ak .

In questo spirito possiamo enun iare il seguente riterio di onvergenza per le serie a termini positivi. 3. 2.    ) si ha he Sn = n X k=1 ak = Zn f (x)dx e quindi S = 0 1 X k=1 ak = nlim !1 Zn f (x)dx 0 ma poi he f (x) ! 0 per x ! +1 lim Zn n!1 f (x)dx = lim Æ !1 0 ZÆ f (x)dx = 0 1 + Z f (x)dx: 0 Abbiamo osi visto he ad ogni serie onvergente possiamo asso iare una funzione il ui integrale generalizzato vale la somma della serie. +1) ! R nel preliminarmente he data una serie onvergente k=1 modo seguente: f (x) = ak per k 1  x < k (k = 1.niamo f : [0. illustrato nella .

gura a .

ne Capitolo: Teorema 264 Sia f una funzione positiva de.

Siano infatti h e g due funzioni ostanti a tratti osi de.nita su [0. Dimostrazione. 1 X f (k) e onvergente se e solo se esiste l'integrale generalizzato Allora k=1 Z 1 + 0 f (x)dx. +1) ed ivi monotona de res ente.

per ogni x 2 [0. +1) : 8 < g (x) = f (k) : h (x) = f (k + 1) per k  x < k + 1 per k  x < k + 1 per ogni intero k  0: Allora. per la monotonia di f .nite in [0. +1) si ha he h (x)  f (x)  g (x) e quindi nX +1 k=1 f (k ) = n X k=0 f (k + 1) = Zn 0 h(x)dx  Zn 0 f (x)dx  Zn 0 g(x)dx = n X k=0 f (k) : .

7. INTEGRALI GENERALIZZATI. Ribadiamo an he in questo aso he essendo f positiva e tendente a zero all'in.139 6. Dal questa atena di disuguaglianze segue immediatamente he la onvergenza della serie impli a l'esistenza dell'integrale generalizzato e vi eversa.

+1) ed ha ome primitiva log log x per ui l'integrale generalizzato non esiste (. La funzione f (x) = x log x n=2 n log n e positiva e monotona de res ente in [2. per l'esistenza dell'integrale generalizzato basta al olare il limite sugli interi.nito. 1 1 X 1 Mostriamo ad esempio he la serie diverge.

Infatti f (x) = Sia inve e .nito). 1 X 1 1 onverge.

> 1: Mostriamo he la serie .

x log.

x n=2 n log n 1 e positiva e monotona de res ente in [2. +1) ed ha ome primitiva log1 .

x per ui 1 .

quindi la serie data onverge. l'integrale generalizzato di f esiste. Mediante il riterio del onfronto per le serie e immediato stabilire he la serie 1 X 1 log.

n n=2 n onverge se e solo se o > 1 e .

e qualsiasi oppure se = 1 e .

ome mostra il seguente esempio. Si osservi pero he. > 1: Osservazione 265 La ondizione di monotonia per f risulta essenziale per l'analogia tra le serie e gli integrali generalizzati. per l'esistenza dell'integrale generalizzato su insiemi illimitati non e ne essario he la funzione integranda tenda a zero quando x tende all'in.

 Si onsideri f : [1. +1) ! R de.nito.

nita da f (x) = os x2 : Allora Z 1  os x dx = 2 Z 1  " sin x2 os x2 dx = 2x 2x 2x  # 1 + Z 1  sin x2 dx: 2x2 Il ammette limite .

il se ondo addendo pure poi he .nito per  ! 1.

.

primo addendo .

sin x2 .

1 1 .

.

e 2 ammette integrale generalizzato in [1. +1) : .

 .

2 2 .

.

. 2x 2x 2x Lo studente puo ostruire da se altri esempi di questo tipo.

140 CAPITOLO 6. INTEGRALE. .

la distanza di P dalla origine e data da p x2 + y2 : Questo numero viene detto norma di (x. Ri ordiamo he. y) in R2 .1 Introduzione. y) ed indi ato on k(x. dato un punto P  (x. y)k : E immediato veri.Appendi e A Funzioni di piu variabili A.

y) e (x z )2 + (y t)2 Con queste notazioni. y)k = 0 . . y)k + k(z. 0):  k  (x. t) nel modo seguente: d(P. (x. y)k  0 e k(x. t)k  k(x. t)k = p  (x. Q) = k(x. t) in R : 2 Mediante la norma e possibile introdurre la distanza tra due punti P Q  (z. y) = (0. y)k per ogni  2 R:  k(x. y)k = jj k(x. y) + (z. are he la norma ha le seguenti proprieta:  k(x. y) (z. y) e (z. t)k per ogni oppia di elementi (x.

y) (x0 . y) 2 R2 : k(x. y0 ) 2 R2 ed un numero r > 0. l'insieme dei punti he stanno nel er hio di entro (x0 . y0 ) e raggio r e:  (x.ssato un punto (x0 . y0 ))k < r Diamo ora una de.

nizione he sara utile nel seguito: De.

y0 ) e interno ad A): Osservazione 267 E ovvio he se il punto (x0 .nizione 266 Un insieme A  R2 e detto aperto se per ogni punto (x0 . y0 ) tutto interno ad A i segmenti di semiampiezza r entrati in (x0 . y0 ) 2 A esiste un er hio di entro (x0 . y0 ) e interno ad A ed r e il raggio di un er hio entrato in (x0 . y0 ) e paralleli rispettivamente all'asse x e all'asse y sono tutti interni ad A: 141 . y0 ) (di raggio opportuno) tutto ontenuto in A: (In questo aso diremo he il punto (x0 .

 VARIABILI APPENDICE A.2 Limiti. FUNZIONI DI PIU 142 A. Diamo ora la de.

nizione di limite per funzioni de.

Sia f : A ! R e sia (x0 .nite su un sottoinsieme A per sempli ita riterremo aperto. y0 ) 2 A:  R . he 2 De.

y0 ))k < Æ si ha jf (x.nizione 268 Di iamo he lim f (x. y) 2 A. y) (x0 . y) = ` se: per ogni " > 0 esiste un (x. per ui 0 < k(x. y) `j < ": Questo signi.y0 ) Æ > 0 tale he per ogni (x.y )!(x0 .

y0 ) (in R2 ) tale he l'immagine tramite f di V n f(x0 . a he ad ogni intorno U di ` (in R) si puo oordinare un intorno ir olare V di (x0 . y0 )g sia ontenuta in U ome illustrato nella seguente .

gura. E immediato veri.

are he tutte le proprieta dei limiti viste per le funzioni di una sola variabile si estendono a questo aso. Sempre in modo analogo alle funzioni di una variabile reale si introdu e il on etto di ontinuita: De. la permanenza del segno e le relazioni tra limiti ed operazioni. in parti olare: l'uni ita del limite.

y0 ) ( Inoltre si dira he f e ontinua in A se essa e ontinua in ogni punto di A: Osservazione 270 Il gra.y)!(x0 .nizione 269 Di iamo he f : A ! R e ontinua nel punto (x0 . y0 ) 2 A se lim f (x. y0 ): x. y) = f (x0 .

o di una funzione di due variabili e il sottoinsieme di R3 .

puo essere rappresentato ome una super.3. DERIVATE PARZIALI. y) 2 Ag e. y. 143 f(x. in generale. f (x. y)) .A. (x.

La ondizione di ontinuita suggeris e he questa super. ie.

f : A ! R e sia (x0 . si ottiene an ora he somme e prodotti di funzioni ontinue sono ontinue. y0 ) 2 A: Fissato y = y0 si ottiene una funzione della sola variabile x he.3 Derivate parziali. ome al solito. A. Per i quozienti bisogna naturalmente ri hiedere he il denominatore non si annulli. Per le funzioni di piu variabili. in modo analogo al aso unidimensionale. ie "non presenta strappi". Sia. per l'osservazione 267 e de.

nita in un intorno di x0 : Sia ' : x 7! f (x. y0 ) la funzione osi ostruita. De.

fx (x0 .nizione 271 f si di e derivabile parzialmente   rispetto ad x nel punto (x0 . y0 ) Pro edendo in modo analogo si ottiene la de. y0 ) = '0 (x0 ): x Altre s ritture utilizzate per indi are la derivata parziale di f rispetto ad x nel punto (x0 . y0 ) . Dx f (x0 . y0 ) . fx0 (x0 . y 0 ) f se ' e derivabile in x0: In questo aso si pone (x0 .y0 ) ( . y0 ) sono:  f x  x0 .

nizione di funzione derivabile parzialmente rispetto ad y nel punto (x0 . y0 ): .

ssatox = x0 e posto f (x0 . y). y0 ) = 0 (y0 ): : y 7! f (x0 . se e derivabile in y0 si avra y .

y0 ) '(x0 + h) '(x0 ) signi. Infatti dire he f e derivabile parzialmente rispetto ad x nel punto (x0 . FUNZIONI DI PIU 144 Osservazione. VARIABILI APPENDICE A. La derivabilita parziale di una funzione di due variabili non impli a la sua ontinuita.

a assi urare he esiste (.

y0 ) e questo assi ura la ontinuita di ' in x0 ioe la ontinuita di lim h!0 h f rispetto alla sola variabile x e solo quando y e stato .nito) lim ioe h!0 h f (x0 + h. y0 ) f (x0 .

ssato uguale ad y0 : Analogamente la derivabilita rispetto ad y nel punto (x0 . y0 ) sia rispetto ad x he rispetto ad y non ne a: la funzione f osi de. y0 ) assi ura la ontinuita di f rispetto ad y per x = x0 : Il fatto he f sia derivabile parzialmente in (x0 .

y) f (x0 . 0) e ivi ontinua. y0 ) = (f (x. y0 )) e appli ando due volte il teorema dell'in remento . in questo aso diremo he f e derivabile parzialmente in A: La funzione dell'esempio pre edente e derivabile parzialmente in tutto R2 ed e ontinua in tutto R2 tranne he in (0. y) f (x0 . y) = (0. y) = > > : 0 se (x. ma non f (x. y) f (x0 . 0) < 2 2 x + y ha derivate parziali nulle nella origine. 0): S rivendo l'in remento di f nella forma f (x. y)) + (f (x0 . infatti f (x. x) = 1 (se x 6= 0). y) 6= (0. E possibile he f sia derivabile parzialmente (rispetto a x e/o rispetto a y) in ogni punto di A.nita: 8 assi ura la ontinuit 2xy > > se (x.

ri hiedendo he f abbia derivate parziali ontinue. y0 ) = (x x0 )fx0 (.  ) on  ed  opportuni ompresi rispettivamente tra x0 e x e tra y0 e y: Dalla formula pre edente. y) + (y y0 )fy0 (x0 .nito (per funzioni di una sola variabile) si ottiene: f (x.1) . y) f (x0 . y0 ) = (x x0 )fx0 (x0 . y0 ) + (y y0 )fy0 (x0 . y) f (x0 . y0 ) +    dove  = Il piano di equazione p (x x0 )2 + (y y0 )2 e  ! 0 per  ! 0: (A. si ottiene fa ilmente il Teorema 272 Se f e derivabile parzialmente in A e le derivate parziali sono ontinue in A allora f e an h'essa ontinua in A: Inoltre f (x.

DERIVATE PARZIALI DI ORDINE SUPERIORE.145 A. De.4.

y0 ) e detto piano tangente alla super.nizione 273 z f (x0 . y0 ) + (y y0 )fy0 (x0 . y0 ) = (x x0 )fx0 (x0 .

y0 )) : De. y0 . f (x0 . ie di equazione z = f (x. y) nel punto ((x0 .

  f y y he indi heremo rispettivamente on 2f .  f x y 2f . yx 2f . (2)  .nizione 274 Se f e ontinua in A ed ammette derivate parziali ontinue in A diremo 2 C(1) (A): he f A. xy . y x    . f Supponiamo ora he f sia derivabile parzialmente rispetto ad x in A: La funzione puo x a sua volta essere derivabile parzialmente rispetto ad x e rispetto ad y e lo stesso puo f a adere per : Si possono osi ostruire quattro nuove funzioni (le derivate se onde di y f ):   f x x    f .4 Derivate parziali di ordine superiore. x2 Naturalmente diremo he f 2f y2 2 C (A) se queste derivate sono ontinue.

FUNZIONI DI PIU 146      f  f e posIn generale le "derivate se onde miste" di f ioe y x x y sono essere diverse. VARIABILI APPENDICE A. Un noto teorema (teorema di S hwarz). assi ura he esse oin idono in ogni punto in ui sono ontinue. Pro edendo sempre in questo modo diremo he f 2 C(n) (A) se f ha derivate parziali ontinue . di ui omettiamo la dimostrazione.

y = y(t) due funzioni de.no all'ordine n: Le derivate di ordine n di f sono 2n ma. soltanto n +1 sono distinte: pre isamente nf nf nf nf . : xn xn 1 y xyn 1 yn A. .5 Derivabilita delle funzioni omposte. appli ando ripetutamente il teorema di S hwarz.    . se sono ontinue. Sia f 2 C(1) (A) e siano x = x(t) . .

b) e vale F 0 (t) = fx0 (x(t). b). y(t)) 2 A per ogni t 2 (a. y(t)) x0 (t) + fy0 (x(t). e posto (x0 . y0 ) = (x(t0 ). Fissato un punto t0 in (a. b): Ci proponiamo di trovare la derivata della funzione omposta F (t) = f (x(t). y(t)) y0 (t): Dimostrazione. y(t0 )).nite e derivabili in un intervallo aperto (a. dalla formula dell'in remento . y(t)) : Questa e data dal seguente Nelle ipotesi pre edenti la funzione F (t) e derivabile nell'intervallo (a. b) tali he il punto (x(t).

Nel aso f 2 C(m) (A) e x = x(t).nito per funzioni di piu variabili (A. y = y(t) 2 C(m) (a. y0 ) (x(t0 + h) x(t0 )) + fy0 (x0 . y0 ) 0 + h h h h  q 0 2 2 0 = (x (t0 )) + (y (t0 )) e he  ! 0 per h ! 0 dunque osserviamo ora he lim h!0 jhj   ! 0 per h ! 0: Da questo. per la derivabilita di x(t) e di y(t). fa endo tendere h h a zero si ottiene l'asserto. y0 ) (y(t0 + h) y(t0 )) +    q dove  = (x(t0 + h) x(t0 ))2 + (y(t0 + h) y(t0 ))2 e  ! 0 per  ! 0: Dividendo entrambi i membri della formula pre edente per h otteniamo x(t + h) x(t0 ) y(t + h) y(t0 )  F (t0 + h) F (t0 ) = fx0 (x0 . y(t0 + h)) f (x(t0 ). b) il teorema pre edente puo essere appli ato m volte e si ottiene he la funzione omposta F (t) = f (x(t). y(t0 )) = fx0 (x0 . Nel aso parti olare y(t) = y0 + tk della derivata m esima e parti olarmente sempli e (oltre he utile): si ottiene infatti F (m) (t) = m   X m i=0 mf (x(t). y0 ) 0 + fy0 (x0 . y(t)) e de x ( t ) = x0 + th l'espressione rivabile on ontinuita m volte.1) si ha F (t0 + h) F (t0 ) = f (x(t0 + h). y(t)) hi km i xi ym i i .

y0 ) = F (1) F (0) = n 1 (i) X F (0) i=1 i! + F (n) (#) : (n + 1)! Dalle formule per le derivate di F ri avate in pre edenza segue la formula di Taylor on il resto di Lagrange. Tenendo onto della ontinuita delle derivate e del fatto he . k)    + (n 1)! i y n 1 i (x0 . y) punti di A tali he il segmento he li ongiunge sia tutto interno ad A: Allora posto h = x x0 . y0 ) + (x0 . k = y y0 vale la formula: f f f (x0 + h. y0 ). y0 )h + (x0 . y0 ) k +    2! x2 0 0 xy 0 0 y !  nX1  n 1 n 1  f 1 i n 1 i + Tn (h.147 A. y0 + k) f (x0 . y ) h + 2 (x . k) = n! nf (x + #h.6 Formula di Taylor. Posto F (t) = f (x0 + th. y0 )k+ x y   2 2 1 2f  f  f 2 2 + (x . Dimostrazione. y0 + k) = f (x0 .6. e fa ile memorizzare mediante la s rittura simboli a    :h + :k x y (m) (f ) : A. data la somiglianza on la formula del binomio di Newton. per la formula di Taylor per funzioni di una sola variabile. k) = n! n   X n i=0 (# opportuno ompreso tra 0 e 1): 1 Tn (h. f (x0 + h. y0 + tk) si ha. he. Siamo ora in grado di dimostrare la formula di Taylor per funzioni di piu variabili. Vale infatti il seguente Teorema 275 Sia f 2 C(n) (A) e siano (x0 . y )hi kn i xi yn i 0 0 ! i +o p h2 + k 2 n  (resto se ondo Peano). FORMULA DI TAYLOR. y0 + #k)hi kn i xi yn i 0 i (resto se ondo Lagrange) n   X n i=0 ! nf (x . (x. y ) hk + 2 (x0 . y0 )h k i x i=0 dove 1 Tn (h.

 VARIABILI APPENDICE A. FUNZIONI DI PIU 148 .

.

.

hi k n i .

y0 + #k )h k i x i=0 ! n    n  nf n 1 X i k n i = o ph 2 + k 2 ( x .   p h2 + k 2 n si ottiene immediatamente ! n   X n nf i n i i y n i (x0 + #h.7 Massimi e minimi liberi Sia f (x. y ) h : 0 0 n! i=0 i xi yn i 1 n! A. y) una funzione de.

y) 2 I risulti f (x. y0 ) appartenente ad A e un punto di massimo relativo per f se esiste un intorno I di (x0 . y0 ) risulta un massimo relativo se esiste un numero positivo r tale he per ogni (x. y0 )k < r si abbia f (x. y)  f (x0 .nita in un aperto A di R2 a valori reali. In altre parole (x0 . y) (x0 . Come nel aso di funzioni reali di una sola variabile reale diremo he un punto (x0 . y0 ) tale he per ogni (x. y0 ): La de. y)  f (x0 . y0 ). y) per ui risulti k(x.

y). y0 ) un punto di massimo relativo allora sia la funzione della sola x f (x. he la funzione della sola y f (x0 . y) una funzione a valori reali de. Si osservi he se una funzione f ha in (x0 .nizione di minimo relativo e analoga. Da quanto detto risulta evidente la seguente Proposizione 276 Sia f (x. hanno un massimo relativo rispettivamente in x0 e in y0 . y0 ).

y) he per f (x. Si vede pero fa ilmente he non vale il vi eversa. Ci proponiamo quindi di trovare delle ondizioni suÆ ienti he permettano di lo alizzare eventuali estremanti per funzioni di due variabili. y0 ) siano nulle. 0). Condizione ne essaria aÆn he (x0 . reali non tutti nulli. y) non si annulla mai ed ha sempre lo stesso segno (quello di a) . 0) dove f abbia segno ostante. y) 6= (0. y) = x2 3xy + 2y2 = (x y)(x 2y). y0 ) sia un punto di massimo o di minimo relativo per f e he le derivate parziali in (x0 . ma non esiste al un er hio on entro in (0. 0) si ha:  se b2 a < 0 allora Q(x. Il punto (0. 0) risulta un minimo relativo sia per f (0.nita in A ed ivi dotata di derivate parziali. y) = ax2 + 2bxy + y2 : Per (x. Si onsideri infatti la funzione f (x. Si onsideri il trinomio di se ondo grado Q(x. b. A tale s opo premettiamo la seguente osservazione Proposizione 277 Siano a.

y Se a = 0 e b 6= 0 si pro ede in modo analogo ponendo t = . y) si annulla sulla retta ax + by = 0 e nei rimanenti punti ha sempre lo stesso segno (quello di a o di )  se b2 a > 0 allora Q(x. y) ambia segno in ogni intorno della origine. MASSIMI E MINIMI LIBERI  se b2 a = 0 allora Q(x. se y 6= 0 si ha Q(x. Si osservi he. La tesi segue dalla nota dis ussione sul segno dei trinomi di se ondo grado di una variabile. x Dimostrazione. Posto t = si onsideri il trinomio di se ondo y grado P (t) = at2 + 2bt + .7.149 A. x In. 0) = ax2 . Supponiamo a 6= 0. y) = y P 2   x y mentre Q(x.

Supponiamo ora f (x.ne se a = = 0 e ovvio he bxy ha il segno di b nel primo e nel terzo quadrante mentre ha segno opposto a quello di b negli altri due quadranti. y) de.

y0 ) sia un estremo relativo e he det (H (x0 . y) (x. y) asso iata a f e 2 0 B H (x. y0 ) sia un estremo relativo e he det (H (x0 . y) yx y2 1 C C A Poi he f e di lasse C2 . y0 ) un punto in ui fx0 = fy0 = 0: Condizione ne essaria aÆn he il punto (x0 . y ) (x. Vale il seguente Teorema 278 Sia f : A ! R una funzione di lasse C2 e sia (x0 . y) x2 xy 2f 2f (x. La matri e Hessiana H (x.nita nel modo seguente: 2 C (A). y)) il suo determinante. y0 ) > 0: . H (x. 00 di minimo se fxx (x0 . y0 )) > 0: In questo aso il punto (x0 . y) risulta una matri e simmetri a. y0 ) < 0. y) = B  2f 2f ( x. Nel seguito indi heremo on det (H (x. y0 ))  0: Condizione suÆ iente aÆn he il punto (x0 . y0 ) sara   00 di massimo se fxx(x0 .

k2 ) e ragionando nello stesso modo si vede he in questo aso. y0 + t sin #) f (x0 . k) = 2 2x 0 0 xy 0 0 2y 0 0 proposizione 277 he esistono due oppie (h1 . sara un numero > 0: Preso un generi o in remento (t os #. y0 )) < 0. k1 ) e (h2 . f f Sia per esempio f (x. Il punto (x0 . quello di 2 (x0 . VARIABILI APPENDICE A. y0 ). y0 ): x Supponiamola positiva. In modo analogo si pro ede nel aso 2 (x0 . y0 ) i da:   1 2f 2f 2f 2 f (x0 + h. y0 ) non puo allora essere ne di massimo ne di minimo. Il aso det (H (x0 . y0 ) = ( x . Il minimo di Q( os #. y )k2 + 2  0 0 0 0 2 2x xy 2y 0 0 p dove  = h2 + k2 e  ! 0 per  ! 0: Condizione ne essaria: supponiamo per assurdo he sia det (H (x0 . k) = t(h1 . k) = t(h2 . Ponendo ora inve e (h. FUNZIONI DI PIU 150 Dimostrazione. y0 )  t2 ( +  ) e  ! 0 per t ! 0: Quindi per ogni t > 0 abbastanza pi olo l'in remento di f risulta essere positivo. y0 + k) f (x0 . y ) hk + (x . y0 ) < 0 x e si ottiene il massimo relativo. Condizione suÆ iente: sia det (H (x0 . La formula di Taylor arrestata al se ondo ordine ( on il resto se ondo Peano) e on entro nel punto (x0 . l'in remento di f e negativo. y0 ) = t2 s1 + t2 h21 + k12  = t2 s1 +   h21 + k12 per t ! 0: Per t abbastanza pi olo l'in remento di f e dunque positivo.  2f 2f 1 2f 2 ( x . 2 ℄. Osservazione. y0 + k) f (x0 . y) = x2 y4 . ertamente esistente per il teorema di Weierstrass. y ) hk + (x . sin #) su [0. per t abbastanza pi olo. k1 ) si hap Q(h. dunque 2f f ha un minimo relativo in (x0 . y ) h + 2 ( x . k) = t2 s1 quindi p  ove  ! 0 f (x0 + h. y ) h + 2 ( x . k1 ) = s1 > 0 e Q(h2 . y0 )) = 0 e detto aso dubbio e deve essere analizzato volta per volta. E immediato veri. y )k2 sappiamo per la Posto Q(h. t sin #) avremo: f (x0 + t os #. y0 )) > 0: Per la Proposizione 277 la funzione 2f Q( os #. k2 ) = s2 < 0: Posto dapprima (h. sin #) ha segno ostante. k2 ) tali he Q(h1 .

0)) = 0: La funzione non ha ne un massimo ne un minimo nell'origine. questa veri. infatti e positiva sull'asse x e negativa sull'asse y: Se inve e onsideriamo la funzione f (x. y) = x2 + y4 . 0) = (0. are he (0. 0) = 0 x y e he det (H (0.

. a an ora tutte le ondizioni pre edenti. ma ha un minimo (assoluto) nell'origine.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->