GIOCARE AI RIASSUNTI

Lch jR t E

ni p b
K

di Enrico

s zq mo V A
D

Pieruccini

abcdefg

Il fascino giocoso della sintesi
Prefazione (sul programma di sala dell’Estate Teatrale Veronese 2012) a Tutto Shakespeare in 90 minuti di Adam Long andato in scena il 12, 13 e 14 luglio al Teatro Romano nell’interpretazione di Zuzzurro e Gaspare e di Maurizio Lombardi con la regia di Paolo Valerio.

Quando noi uomini di oggi si era ragazzi o bambini, in questa nostra Italia c’erano dei mattacchioni che giocavano alla letteratura. Si divertivano un mondo. Li invidiavamo. Perché per giocare alla letteratura devi conoscerla a fondo. Altrimenti non ti diverti, ti stufi e fai stufare gli altri. Capitanati da Umberto Eco, giocavano con i romanzi, con la poesia, con i testi teatrali. Non si prendevano sul serio. Eppure erano serissimi e profondi. Erano dei modelli per noi. Gravitavano attorno al trimestrale Il cavallo di Troia diretto da Paolo Mauri. Nel comitato di redazione c’erano, tra gli altri, Giampaolo Dossena, Gaio Fratini, Alfredo Giuliani e Luigi Malerba. Tra i collaboratori il gruppo bolognese della Cacopedia e un brillantissimo Guido Almansi. Dall’Inghilterra, dove insegnava all’università dell’East Anglia, Almansi si faceva sentire. Ascoltarlo e leggerlo era un piacere. E se su RadioTre capitava che parlasse di un cervellotico spettacolo londinese tratto da Gravity’s rainbow di Thomas Pynchon, sul Cavallo di Troia poteva abbandonarsi ad analisi linguistiche di quella parolaccia di cinque lettere che comincia per m e che fa tanto ridere i bambini. Tirando in ballo la pneumodinamica, la collocava sopra il diaframma se significante, sotto il diaframma se significato. Del gruppo, chi aveva più porte aperte era Eco. Te lo ritrovavi così su L’Espresso o su la Repubblica. I suoi interventi erano sempre brillanti e piacevoli. Riusciva a estendere lo spirito ludico del Cavallo di Troia a testate ufficiali. Uno dei capolavori di Eco fu giusto trent’anni fa, su L’espresso del 10 ottobre 1982. Elogio del riassunto il titolo del suo intervento che esaltava il valore pedagogico della capacità di sintesi, dell’arte del riassumere. Raccogliendo l’invito-sfida di Eco che aveva riassunto in poche righe l’Ulisse di Joyce, undici scrittori avevano fatto lo stesso col loro romanzo o poema preferito. Italo Calvino con Robinson Crusoe, Alberto Moravia con Delitto e castigo, Piero Chiara con I promessi sposi, Attilio Bertolucci con La Certosa di Parma, Giovanni Mariotti con La divina commedia, Giovanni Raboni con Alla ricerca del tempo perduto, Ruggero Guarini con Le affinità elettive, Cesare Garboli con I miserabili, Luigi Malerba con l’Orlando furioso, Giovanni Giudici con David Copperfield e Alberto Arbasino con Madame Bovary. In quell’articolo dell’Espresso, oltre alle considerazioni di Eco che, promotore della sfida, proponeva diverse versioni dell’Ulisse in poche righe, c’erano i dodici riassunti. Più o meno riusciti. Saltava all’occhio, leggendoli, che quei riassunti, oltre a fare conoscere l’opera, permettevano al lettore, se voleva, di conoscere più a fondo coloro che li avevano scritti. Lo attestava un caso precedente arcinoto a Eco, ad Almansi e a Giampaolo Dossena, tutti e tre innamorati della giocosa cultura letteraria anglosassone d’oltre Manica e d’oltre Oceano, tutti e tre fan di Edward Lear e di Lewis Carrol. Era il riassunto estremo che il critico statunitense Francis Fergusson, prestigiosa penna del New York Review of Books e grande esperto di mitologia, aveva fatto dell’Edipo Re: “Cercate il colpevole”, sintesi di appena tre parole che ne sottintendeva

un’interpretazione freudiana. Dopo l’uscita dell’Espresso non mancò il dibattito. E se Calvino, che col riassunto del Robinson Crusoe tanto bene non se l’era cavata, finì – sorta di deformazione professionale – col recensire su la Repubblica del 22/10/82 i riassunti dei suoi undici colleghi, il più a scalpitare era Beniamino Placido. Tre mesi prima, in luglio, Placido si era scagliato contro l’ennesima banalità e bruttezza dei temi dati alla maturità, da lui definiti “inviti a dilungarsi e a strimpellare su un problema fingendo di condividerne l’impostazione”. Per l’occasione aveva ripreso l’idea del filosofo Guido Calogero (pubblicata sul Mondo di Pannunzio verso la fine degli anni 50) di sostituire il tema con il riassunto. Sosteneva giustamente, Placido, che non s’impara a scrivere divagando o ampiando, ma riassumendo. E citava, in quell’articolo di luglio, il buon poeta latino Orazio. Consapevole che scrivere molto è facile, scrivere poco è difficile, Orazio amava ripetere: “Brevis esse laboro”, ovvero “mi sforzo di essere breve”. Riprendendo l’argomento su la Repubblica del 26/10/82 “in margine all’intervento di Italo Calvino” Placido portava altre importanti argomentazioni. E partendo dal presupposto che un riassunto può tendere alla “purezza”, ovvero contenere il meno possibile quei cenni critici che chi lo fa può metterci dentro, Placido portava un esempio che andava oltre la sintesi dell’Edipo Re fatta da Fergusson. Era un esempio di assoluta non purezza, di intervento critico portato all’estremo che trasformava quel micro-microriassunto in un micro-microsaggio. Era il riassunto delle Opere complete del marchese De Sade proposto nel 1981 dalla rivista umoristica statunitense Mad (ancora cultura anglosassone) insieme a quelli di altri capolavori della letteratura mondiale. Alcuni erano brevi, altri lunghi. Quello delle opere di De Sade batteva tutti per brevità. Era una sola parola: “Ouch!” che per Placido suonava “uffa!” o “ouffa!” per “la noiosità delle opere di De Sade” ma che poteva essere letta anche come “ohi!” o “ahia!” in risposta alle vergate o alle frustate dei rituali tanto cari al marchese. Gli esempi portati nel dibattito confermavano un punto: che un riassunto poteva essere veramente un riassunto (magari un po’ piatto e bignamesco) oppure un saggio critico miniaturizzato e mimetizzato. Poteva esserci una terza via. Se nel 1982 già ci fosse stato Tutto Shakespeare in 90 minuti di Adam Long, di sicuro Eco, Calvino e Placido ci si sarebbero sbizzarriti. Riprova della brillantezza della cultura anglosassone, il testo di Long sarebbe potuto assurgere a esempio di effervescente riscrittura frutto di un certosino assemblaggio di riassunti mirati. Quelli, tutt’altro che bignameschi, delle oltre trenta opere di Shakespeare. Con una caratteristica. Come gli scrittori della sfida lanciata da Eco non avevano accantonato i loro intenti critico-saggistici, così Adam Long non avrebbe messo in disparte la propria idea di teatro. Così è stato. Ecco dunque la Verona di Romeo e Giulietta in una situazione di quasi normalità, la truce Roma imperiale di Tito Andronico “sintetizzata” invece in una trattoria romana dai toni molto Pulp Fiction, Jago che anziché finire in prigione fugge a Beverly Hills ma soprattutto ecco diverse opere di Shakespeare sintetizzate in un unico testo: La commedia degli errori (che finisce bene) dei due gentiluomini e delle allegre comari nella dodicesima notte di mezza estate che in verità è un racconto d’inverno. E, ancora, Molto rumore per Cimbelino che – come vi piace – doma Pericle, il mercante nella tempesta delle pene d’amore perdute. Per il resto, c’è Macbeth che assume toni pecoreccio-scatologici, Giulio Cesare e Antonio e Cleopatra che appaiono per un attimo, Troilo e Cressida che si mescolano agli alieni e a Elvis Presley... quand’ecco – colpo di scena, sintesi estrema che sarebbe piaciuta a Fergusson – tutte le numerose tragedie con titoli di re diventare una partita di calcio. Al posto del pallone ovviamente una corona che salta di qua e di là, da una testa all’altra. Va via spedita la partita di calcio, a ritmi da cardiopalmo, e per questo dura poco. Dopodiché, in chiusura, Amleto, l’opera shakespeariana più amata e conosciuta dagli inglesi. Forse per questo, continuando però a divertirsi, Long la riassume meno e le dedica quasi metà dell’intero copione. Noi ragazzi di trent’anni fa ci speravamo in cose così. Che non si vedessero solo a Londra e a New York, che ce le potessimo gustare anche in italiano. Questa è la volta buona. Con la speranza che si continui su questa strada. Magari – vista l’impossibilità di farlo con Pirandello e De Filippo – con un Tutto Goldoni in 90 minuti... Tra le infinite concatenazioni una potrebbe essere questa: In una delle ultime

sere di carnevale il gondoliere veneziano, che fu uomo di mondo, fa il servitore di due padroni nella bottega del caffè dove giungono la putta onorata, il cavaliere e la dama, la locandiera, le donne gelose che hanno le smanie per la villeggiatura e gli innamorati che sognano la casa nova. Sono invece all’osteria della posta i rusteghi, in un’atmosfera da baruffe chiozzotte...

Eccoli i dodici riassunti raccolti da Umberto Eco

Italo Calvino
Un naufrago raggiunge un’isola deserta, unico scampato. Ha con sé solo pipa e tabacco. Dal relitto faticosamente recupera provviste, rum, armi, munizioni (andrà a caccia d’uccelli e capre), ascia e sega (costruirà un fortino), chicchi di grano (seminerà e raccoglierà). Trova anche denaro (“A che servi?”, ma lo prende), penne inchiostro e carta; tre Bibbie; cani e gatti. Si fa un tavolo, una sedia, si mette a scrivere: un bilancio della sua sorte in due colonne, il male e il bene che lo compensa, per cui ringrazia Iddio. Fa tutto da sé: reinventa l’agricoltura; fa il vasaio; si veste di pellicce. Ha un pappagallo, sola voce amica. Dopo quindici anni di solitudine (anelando ritrovare i suoi simili) una scoperta lo terrorizza: l’orma d’un piede sulla sabbia! Tribù sogliono sbarcare a celebrare riti cannibalici. Sparando, salva una futura vittima. Il selvaggio Venerdì e un bianco (ma spagnolo, dunque nemico: altro pericolo!). Sbarcano finalmente degli inglesi; portano prigionieri legati (Venerdì crede anche i bianchi cannibali); sono marinai ammutinati. Gli ufficiali, salvati, recuperano la nave: dopo ventotto giorni Robinson lascia l’isola.

Alberto Moravia
Il Rastignac balzacchiano, imitatore di Napoleone, che lancia la sfida famosa: “Adesso, Parigi, a noi due”, nell’immaginazione mistica e sarmatica di Dostoevskij, alcuni decenni più tardi, diventa Raskolnikoff, studente disoccupato e povero che, rifacendosi anche lui a Napoleone, si arroga il diritto di far fuori un’immonda usuraia. Ma il delitto rimane delitto, tanto più che Raskolnikoff non può evitare di uccidere pure Elisabetta, la sorella innocente dell’usuraia. Da questo momento il romanzo cessa di descrivere il rapporto turbato tra individuo e società e diventa invece la storia di un rimorso, cioè la descrizione del rapporto di un uomo con se stesso, dando così l’avvio a tutta la corrente esistenzialista della narrativa europea. In “Delitto e castigo”, come in ogni romanzo che si rispetti, ci sono due storie parallele: quella di Raskolnikoff e quella di Svidrigailof, borghese ozioso e corrotto. Da questo momento il romanzo cessa di descrivere il rapporto turbato tra individuo e società e diventa invece la storia di un rimorso, cioè la descrizione del rapporto di un uomo con se stesso, dando così l’avvio a tutta la corrente esistenzialista della narrativa europea. In “Delitto e castigo”, come in ogni romanzo che si rispetti, ci sono due storie parallele: quella di Raskolnikoff e quella di Svidrigailof, borghese ozioso e corrotto. Mentre Raskolnikoff, pungolato dialetticamente dal sottile commissario Porfirio e moralmente dalla prostituta Sonia, va verso l’inevitabile “castigo” e l’altrettanto inevitabile conversione cristiana, Svidrigailof, pungolato lui, dalla coscienza della propria negatività, va verso l’inevitabile suicidio

Umberto Eco

Stephen, intellettuale, simbolo dell’esilio spirituale, irride alla liturgia, conversa con un filisteo, contempla filosoficamente il mare. Leopold, piccolo borghese ebreo, simbolo di esilio carnale, marito tradito e assuefatto di Molly, va alla ricerca inconsapevole di una paternità insoddisfatta. Mangia rognoni, va al bagno turco, segue un funerale, passa in un giornale, fa colazione, entra in biblioteca dove scorge Stephen che parla di Shakespeare, vaga per le strade, beve al bar, litiga in taverna, si masturba sulla spiaggia, visita una partoriente, infine al bordello incontra Stephen e se lo porta a casa, dove scopre che i suoi cassetti sono popolati come il mondo, di cui in fondo tutto il libro riproduce la struttura, volta a volta rappresentan-do attraverso il linguaggio, vero protagonista della storia, le parti del corpo, i capitoli dell’“Odissea”, le tecniche letterarie, le scienze, le arti, i simboli archetipi. Intanto Molly, semiaddormentata, fantastica di amori passati e forse di un futuro con Stephen, in modo da saldare un oscuro e blasfemo rapporto trinitario. I fatti del romanzo non contano per quel che sono, ma in quanto appaiono e si concatenano nel monologo mentale dei protagonisti.

Piero Chiara
Il filatore Renzo Tramaglino e la filatrice Lucia Mondello stanno per passare a nozze. Don Rodrigo, un signorotto che concupisce Lucia, cerca d’impedire il coniugio. Un frate s’intromette, caritatevolmente, a quanto pare. Il matrimonio va a monte, ma fallisce anche il tentativo di ratto della giovane. Lucia si rifugia in convento e Renzo va a Milano. Coinvolto per minchioneria in un moto di piazza, il giovane sfugge agli sbirri e passa il confine. Don Rodrigo non molla, e a mezzo di un amico, l’Innominato, riesce a far rapire Lucia. Ma l’amico si pente e consegna la giovane al cardinal Federigo. Intanto scoppia la peste, che sistema tutto. Don Rodrigo muore, Renzo torna dall’esilio, sposa Lucia, diventa industriale tessile, poi padre di una numerosa prole. In tal modo, lascia intendere Manzoni, opera la Divina Provvidenza.

Attilio Bertolucci
Fabrizio del Dongo, giovane nobile lombardo, fugge dai luoghi ameni d’infanzia e dalla tetra famiglia reazionaria (eccezioni la mamma e la bella zia Gina, duchessa di Sanseverina), per seguire Napoleone nelle sue imprese, degne di Cesare e di Augusto. Ma gli tocca di assistere, più che partecipare, alla disfatta di Waterloo, riportandone ferite e delusioni. Tornato in Italia in pieno riflusso, finisce per rifugiarsi a Parma, dove la zia, che è innamorata di lui e amata senza speranza dal primo ministro il conte Mosca, lo protegge. Ma sin che può: il sovrano, altro respinto da lei, con un pretesto lo caccia in prigione. Ne fugge aiutato dalla zia e da Clelia, figlia del governatore delle carceri di cui egli s’innamora alla follia. Rifugiatosi in convento e divenuto eminente prelato, ha un figlio da Clelia: morti entrambi, si ritira, penitente, per finirvi i suoi giorni, nella certosa di Parma, dove ormai “le prigioni erano vuote, il conte immensamente ricco, Ernesto V adorato dai sudditi”.

Giovanni Mariotti

Fiorentino di mezz’età e dunque a un punto brutto come molti di noi, l’Io narrante si interna per trasognatezza nel buio di una selva il giorno 8 aprile 1300, e vi si perde, finché non vede un poggio soleggiato sul quale, per orientarsi, vorrebbe salire, ma ne è impedito da tre bestie feroci. E’ costretto a intraprendere, con l’aiuto del poeta Virgilio, una lunga deviazione, persino eccessiva dirà qualcuno, visto che per tornare a Firenze deve calarsi, lungo certi popolosi gradoni, dov’è allogato l’Inferno, sino al centro della terra, e, raggiunti gli antipodi di Gerusa-lemme, scalare una montagna che si trova colà, e che è il Purgatorio, per poi sollevarsi, da un giardino che si trova al suo sommo, attraverso i cieli della luna, di Mercurio, di Venere, ecc. sino all’Empireo, dove vede tre cerchi policromi che sono la santissima Trinità. Tutto questo accade nel corso, appunto, di una deviazione, e per la durata di una settimana, senza che ci sia detto nulla dell’ultima parte del percorso, cioè del “nostos” o ritorno, che dovrebbe riportare il protagonista alla sua casa e alla sua città. Ma in fondo importa poco, il viaggio è stato lungo e interessante, il poema è finito, e tutto sommato, come dicono le guide francesi di certi monumenti o ristoranti insigni, “Trinité vaut le détour”, “La Trinità merita una deviazione”.

Giovanni Raboni
Swann, ricco amatore d’arte che frequenta gli aristocratici, fra cui i Guermantes, s’innamora di una cocotte, Odette de Crécy, e la sposa. Marcel, giovane malaticcio e sensibile, s’innamora di Gilberte, loro figlia, e poi di Alberatine, che sospetta di tendenze saffiche. Uno dei Guermantes, il barone di Charlus, s’innamora del musicista Morel. Passioni tormentose, segnate dalla gelosia e dall’impossibilità di conoscere chi si ama. Anche gusti, reputazione e ambienti sono mutevoli, inafferrabili: Biche si trasforma nel grande Elstir, Cottard in un medico famoso; l’idolo delle donne Saint-Loup è omosessuale; Odette e la ridicola Madame Verdurin s’imparentano con i Guerman-tes. Solo nel tempo, e nella memoria che ne ricompone il fluire, ciò che nel presente è perduto acquista realtà e senso; al loro ritrovamento Marcel, divenuto scrittore, dedicherà la vita.

Ruggero Guarini
Un castello su un lago, una nobile coppia di sposi (Eduardo e Carlotta), due ospiti molto graditi (Ottilia e il Capitano): e come nel fenomeno chimico a cui allude il titolo, i due elementi della prima coppia, attratti dagli altri due, si disgregano per associarsi coi loro amici in due nuove coppie. Ma a ostacolare la legge naturale delle “affinità elettive” interviene la legge umana posta a tutela del matrimonio, che perverrà al verdetto seguendo i sinistri sentieri del Destino e/o dell’Inconscio. Infatti la povera Ottilia (l’elemento più giovane del quartetto) si punirà con un lapsus atroce, provocando “involontariamente”, in un moto di agitazione psicologicamente sospetto, la morte per annegamento del bimbo di Eduardo e di Carlotta. Il romanzo è pro o contro il matrimo-nio? “io non giudico: rappresento”, disse Goethe.

Cesare Garboli
Un ragazzo ruba due candelabri a un prete. “Perché l’hai fatto?” “ Mah... ”. Jean Valjean (è il nome del ragazzo) è un operaio sadomasochista che finisce forzato. Evade e incontra Cosetta, una bambina che lui proteggerà come una figlia. È uno che spaccherebbe con un pugno il collo di una mucca. È però perseguitato da un certo Javert che assomiglia a Basil Rathbone. Javert è la guardia e Jean il ladro. A un tratto Javert smette di giocare e si ferma a guardare l’acqua che scorre sotto il ponte di Notre-Dame. Ci sono state le barricate e Jean gli ha salvato la vita. A Javert non resta che posare il cappello sul parapetto e buttarsi giù. Ma intanto Jean ha cambiato casa e si è sottratto alla gratitudine di Cosetta. “ Ci sono in Parigi delle vie dove nessuno passa e delle case dove nessuno entra”. Là, in una di queste vie, Jean comincia a vestire decentemente di nero e a vergognarsi di sé. Non è più miserabile, non è più ragazzo e non è più perseguitato. Ma siccome non se la sente di peccare d’incesto, non è più nessuno.

Luigi Malerba
I Bianchi (Cristiani) e i Mori schierati in campi avversi; il Re di parte bianca (Carlo Magno) e i Re dei Mori (Agramante); gli Alfieri (i Paladini) Orlando e Rinaldo, e i Cavalieri mori; la Regina Angelica (Regina di cuori se non di corona) e un soldato semplice, Medoro (pedina dei Mori) che assume un ruolo destabilizzante nella Partita sposando Angelica. Il poema ariostesco si potrebbe riassumere come una partita di scacchi se non intervenisse l’Amore (sentimento ignoto agli Scacchi) a sconvolgere ogni Mossa. Amore trascina in campo persino un eremita e porta Orlando alla follia. Quando Astolfo ne recupera il senno volando con l’Ippogrifo sulla Luna e Orlando rinsavisce, la tenzone finale tra i Paladini e i Cavalieri Mori sullo sfondo di Torri saracene riporta la trama nell’alveo del gioco. Ma il tentativo di riassumere decorosamente il poema usando gli schemi di una partita a Scacchi è ormai fallito.

Giovanni Giudici
Troppi personaggi. David (lo sanno tutti) è quasi Dickens, salvo che l’autore lo fa “nascere meglio”: orfano di padre (e poi anche di madre), Murdstone patrigno manesco con un’aria di sorella, un maestro di scuola quasi sadico, la dolce visione adolescenziale di Emily, che poi gli viene soffiata, sedotta e abbandonata dal condiscepolo Steerforth (bello e scellerato) che finirà male. Ed ecco la fuga nella babele della Londra vittoriano-industriale e delle sue insidie (dal lavoro minorile all’accattonaggio organizzato), l’amicizia con Micawber “buon debitore” e infine (sotto l’ala della benefica zia Betsey) gli studi, la carriera d’alto bordo, l’agiatezza con due matrimoni (Dora e Agnes) sempre con la figlia di un “principale”. Dora è un po’ fatua e Dickens la fa provvidamente morire per sostituirla con l’altra, moglieangelo. Dimenticavo il “cattivo” per eccellenza, Uriah Heep: smascherato e punito, nel lieto fine.

Alberto Arbasino
La Biblioteca ha colpito ancora. Dopo Don Chisciotte sul campo dell’avventura cavalleresca, la nuova vittima della iper-lettura sconsiderata si chiama Emma Bovary, nella sfera dell’evasione romantica e velleitaria dalle miserie senza splendori del quotidiano tran tran. (Nei “Promessi Sposi”, invece, la Biblioteca incoraggia l’inazione: dunque non vi sarà un “donferratismo” proverbiale accanto al donchisciottismo e al bovarismo). “La Bovary sono io”, dichiara giustamente Flaubert collezionista maniacale di banalità e stoltezze preferenzialmente immagazzinate in “Bouvard e Pécuchet”, ma attribuite alla Signora ove si privilegi il Kitsch sentimentale della passione e dello Chic, retribuito con punizioni crudeli: non emottisi eleganti, ma l’usuraio e il veleno per topi. I veri protagonisti: non povere donne sognanti e rustici modesti, azzimati vagheggianti e positivisti filistei, bensì artifici strutturali bellissimi, e la messa a morte anticipata delle idee “middlebrow”.

Nella foga del gioco Eco propose altri quattro riassunti dell’Ulisse.
Uscito alla metafisica ricerca di un figlio, ebreo dublinese sensuale e pasticcione mette un amante nel letto della moglie insoddisfatta. La vita quotidiana a Dublino, città-universo, vista in parte dal di fuori e in parte dal di dentro, attraverso la testa di tre persone. Il mito omerico rivitato in chiave piccolo borghese, ovvero la nostra epica non può essere che in giacca e bombetta, e non sappiamo chi ci aspetta a Itaca. Un giovane che filosofeggia, un uomo che vorrebbe far l’amore. una donna che lo farà, ma mentre loro pensano, chi fa davvero l’amore è il linguaggio.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful