You are on page 1of 1

Strategia sbagliata per un obiettivo giusto e insostituibile

Con quanti soldi Pedemontana compenserebbe Seveso dall'ennesimo esproprio di territorio fatto con l'uscita a Baruccana ? L'informazione che ci si attendeva ieri sera in Commissione Interramento, i tecnici presenti di Pedemontana e CAL, alla fine non l'hanno data. E non detto che la daranno mai, viste le brutte acque in cui Pedemontana sembra navigare. A cinque anni dalla sua enunciazione in campagna elettorale, il perno di tutta la strategia di PDL e Lega Nord ovvero, l'uso di queste compensazioni per fare il passante ferroviario, ancora un perno senza appoggio. L'unico aspetto positivo della Commissione di ieri sera stato l'ennesimo riconoscimento da parte di tutti i tecnici non sevesini presenti (Ferrovienord, CAL, Pedemontana, Politecnico di Milano, redattore Piano Urbano del Traffico) che a Seveso non c' alcuna alternativa alla creazione di un passante ferroviario interrato. Quindi non sbagliato fare il passante ferroviario, sbagliata la strategia di chi ci ha governato cinque anni. Ad oggi sono due le strade possibili per fare il passante ferroviario interrato a Seveso. La prima giudiziaria. Ferrovienord si sta comportando come l'ILVA di Taranto: assoluta indisponibilit a qualsiasi investimento che risolva definitivamente i gravi problemi creati da una metropolitana di superficie di 150 treni/giorno. L'ILVA strumentalizza il bisogno dei lavoratori, Ferrovienord strumentalizza il bisogno dei pendolari: in ogni caso, da anni, a Seveso una azienda provoca danni economici per 6 milioni di euro all'anno ad una maggioranza silenziosa e paziente di imprese e famiglie che va ben oltre Seveso. Il Sindaco potrebbe ordinare subito una mitigazione di questo danno costringendo Ferrovienord a chiusure dei passaggi a livello limitate a 8 minuti. La legge, se invocata da Ferrovienord, confermerebbe l'ordinanza del Sindaco. Il Consiglio Comunale ha gi deciso a larga maggioranza di impegnare il Sindaco a prendere questa iniziativa ma il Sindaco, pur avendo personalmente votato a favore, non fa gli atti. La seconda strada, complementare alla prima, politica: votare alle regionali un nuovo governatore che voglia risolvere il problema: per quanto questo non sia sufficiente - anche Formigoni aveva messo l'interramento a Seveso nel suo ultimo programma di legislatura - questo certamente indispensabile. Regalare il territorio a Pedemontana, a Regione Lombardia o ai Comuni vicini chiedendo poco o niente invece una strada a fondo cieco. Sevesoviva, 31.10.2012