You are on page 1of 1

ALFABETO GRECO Lettere maiuscole Α Β Γ Δ Ε Ζ Η Θ Ι Κ Λ Μ Ν Ξ Ο Π Ρ Σ Τ Υ Φ Χ Ψ Ω minuscole α β γ δ ε ζ η θ ι κ λ μ ν ξ ο π ρ σ, ς1 τ υ φ χ ψ ω ἄλφα βῆτα γάμμα δέλτα ἒ ψιλόν ζῆτα ἦτα θῆτα ἰῶτα κάππα

λάμβδα μῦ νῦ ξεῖ (ξῖ) ὂ μικρόν πεῖ (πῖ) ῥῶ σῖγμα ταῦ ὖ ψιλόν φεῖ (φῖ) χεῖ (χῖ) ψεῖ (ψῖ) ὦ μέγα Nome latinizzato alpha beta gamma delta epsilon zeta eta theta iota cappa lambda my ny xi omicron pi rho sigma tau ypsilon phi chi psi omega a b g d e z ē th i k l m n x o p r s t y ph kh ps ō Suoni rappresentati [a], [aː] [b] [g] [d] [e] [dz] [ɛː] [th] [i], [iː] [k] [l] [m] [n] [ks] [o] [p] [r] [s] [t] [y], [yː] [ph] [kh] [ps] [ɔː]

Nome greco

Trascrizione

Davanti a γ κ χ la lettera γ indica la nasale velare [ŋ]. Es. ἄγγελος ángelos ‘messaggero’. Il digramma ου rende il suono [uː]. Es. Μοῦσα Moûsa ‘Musa’. Nella pratica scolastica θ si legge [t] (o anche [ts]), φ si legge [f], χ si legge [k]. Segni diacritici ‛ = spirito aspro (trascritto h): sopra vocale e ρ indica aspirazione. Es. ὑμνός hymnós ‘inno’, ῥήτωρ rhḗtōr ‘retore’. ’ = spirito dolce (non trascritto): sopra vocale indica assenza di aspirazione. Es. ἀβυσσός abyssós ‘abisso’. ´ = accento acuto: indica tono elevato. ` = accento grave: indica tono basso. ˜ = accento circonflesso: indica elevazione e abbassamento del tono su vocale lunga o dittongo. Nei dittonghi i diacritici si segnano sul secondo elemento, ma interessano il primo. Es: αὔρα aúra ‘aura, brezza’. Sulle vocali iniziali gli accenti acuto e grave si segnano dopo lo spirito (ἄγγελος ángelos ‘messaggero’), il circonflesso si segna sopra lo spirito (ἧπαρ h par ‘fegato’).

1

Il segno σ si usa in posizione iniziale e interna, il segno ς si usa in posizione finale di parola.