Consiglio di Zona 7 Seduta del 17 dicembre 2012

MOZIONE URGENTE: Linee guida zonali per l’emanazione del bando pubblico per la gestione delle attività CAM per il 2013/14

PREMESSO CHE: -In data 31.12.2012 si conclude la convenzione tra il Comune di Milano e Milanosport per la gestione dei CAM; -Suddetta convenzione non verrà più rinnovata, in quanto l’attuale amministrazione ritiene opportuno affidare la gestione dei CAM ai Consigli di Zona, attraverso bandi che coinvolgano associazioni operanti sui rispettivi territori; -Il bando pubblico per individuare il soggetto gestore del servizio sarà suddiviso in criteri generali emanati dal Comune di Milano, nonché in specifiche locali da definirsi a cura dei Consigli di Zona territorialmente competenti; -Tale bando dovrà essere pubblicato non oltre il mese di gennaio 2013, onde evitare che le operazioni di partecipazione ed aggiudicazione dello stesso non comportino periodi di sosta troppo lunghi nello svolgimento delle attività curriculari; -La Commissione numero 1, Sport e Benessere, competente per delega nella gestione dei CAM, nella seduta del 17.12.2012 ha approvato a all’unanimità la presente proposta, ritenendo nel contempo necessario procedere con mozione urgente, viste le ragioni sopra esposte.

IL CONSIGLIO DI ZONA 7 DELIBERA: -di approvare le linee-guida zonali per il bando relativo alla gestione del CAM, così come delineate nell’allegato alla presente; -di invitare il Settore Zona 7, di concerto con l’Assessorato al Decentramento, a promulgare suddetto bando entro la metà del mese di gennaio 2013; -di eleggere i seguenti Consiglieri come rappresentanti del Consiglio nella Commissione di valutazione zonale, qualora richiesto dal bando: Zacchetti, Filocamo, Tellini (maggioranza) e Ciampitti (opposizione); -di dare atto che, qualora il numero dei Consiglieri necessari nella Commissione di valutazione sia superiore, essi verranno scelti con il criterio proporzionale di 2 a1 tra maggioranza e opposizione, dalla lista dei membri effettivi della Commissione numero 1, Sport e Benessere, procedendo in ordine alfabetico così come pubblicati sul sito del Comune di Milano. -di invitare un rappresentante indicato dagli utenti del servizio C.A.M. a partecipare come osservatore a tutte le fasi di formazione e aggiudicazione del bando.

Lorenzo Zacchetti Presidente Commissione Sport e Benessere

Consiglio di Zona 7 Seduta del 17 dicembre 2012

ALLEGATO: Linee guida zonali per l’emanazione del bando pubblico per la gestione delle attività CAM per il 2013/14
1) OGGETTO DEL BANDO: Formano oggetto del presente bando tutte le attività riferibili al Polo Multifunzionale Zonale, ovvero ai C.A.M. (Centri di Aggregazione Multifunzionali) siti in via delle Betulle 39 ed in via delle Forze Armate 316, con le loro relative pertinenze, così come definite dal Consiglio di Zona nell’ambito della mappatura degli spazi multiuso. Sono altresì parte integrante del bando le attività organizzate presso la palestra di via Manaresi, negli spazi multiuso e tutte le attività organizzate nel contesto del C.A.M., sebbene svolte in luoghi diversi, quali (a mero titolo di esempio) le visite turistiche in luoghi di interesse della città, ovvero i corsi (quali il nuoto e l’informatica) che per loro natura o per ragioni di opportunità si svolgano anche temporaneamente in sedi differenti. In particolare, si considera parte integrante della struttura del C.A.M. di via delle Betulle 39 l’auditorium, la cui corretta gestione corrisponde ad uno specifico bisogno del territorio. 2) SUDDIVISIONE DEI COMPITI: L’aggiudicatario del bando dovrà garantire alla Zona il miglior servizio possibile in termini di gestione delle attività C.A.M., inserendosi in un contesto così strutturato:  CONSIGLIO DI ZONA 7: definisce le linee-politiche alle quali ispirare la gestione del servizio  SETTORE ZONA 7: si occupa dell’amministrazione del servizio, nel rispetto della Legge Bassanini e delle altre normative riferibili alla fattispecie in questione. Fa parte di questa funzione anche il personale amministrativo e l’animatore sociale dipendente del Comune, che dovranno garantire il coordinamento del servizio, sulla base delle linee politiche definite del Consiglio ed in constante collegamento con il referente dell’aggiudicatario del bando.  AGGIUDICATARIO DEL BANDO: gestisce le attività quotidiane in una logica di progettazione, realizzazione e gestione, coordinata con le altre funzioni sopra elencate, nonché con gli utenti del servizio stesso, garantendo la partecipazione a momenti di confronto e verifica. Garantisce inoltre il servizio di segreteria e di vigilanza sulle strutture e le attività che formano oggetto del presente bando, assicurando in maniera particolare che le modalità di iscrizione siano conformi a quelle istituite dal Consiglio di Zona nell’estate del 2012 (possibilità di iscriversi anche via email ed utilizzo dell’auditorium di via delle Betulle per una più comoda attesa del proprio turno). L’aggiudicatario provvede ad adempiere alle corrette procedure assicurative a beneficio degli utenti, relativamente alle attività intraprese. L’aggiudicatario infine nomina un proprio rappresentante, titolare a tutti gli effetti del rapporto con il Consiglio di Zona, il Settore e gli operatori addetti al servizio C.A.M.. 3) TIPOLOGIE DI ATTIVITA’: Le tipologie di attività oggetto del bando si dividono in due categorie principali: -Attività base -Attività extra 3.1) ATTIVITA’ BASE: Sono considerate attività-base le seguenti quattro attività, che rispondono ad esigenze fondamentali degli utenti del servizio: 1) Ginnastica dolce 2) Ballo (nelle sue diverse tipologie)

3) Informatica 4) Lingue Queste attività dovranno essere fornite alla cittadinanza senza richiedere alcuna forma di pagamento da parte degli utenti. 3.2) ATTIVITA’ EXTRA: Sono considerate attività-extra le seguenti attività, che fanno parte del programma complessivo del CAM: 1) Nuoto 2) Discipline motorie (c.d. “Movimento e musica”) 3) Discipline motorie orientali (yoga, qi gong, tai chi, ecc…) 4) Restauro 5) Disegno e pittura 6) Attività legate al benessere 7) Attività culturali e formative 8) Attività legate all’Auditorium Olmi (vedi successiva specifica) 9) Attività proposte dai partecipanti al bando (vedi successiva specifica) Per queste attività potranno essere previste forme di pagamento a carico degli utenti, con tariffe da concordare con il Consiglio di Zona, nell’ambito delle periodiche verifiche del progetto. 3.3) ATTIVITA’ LEGATE ALL’AUDITORIUM OLMI: Quale tratto distintivo della Zona 7 si evidenzia la presenza di un importante auditorium, che necessita di un salto di qualità dal punto di vista gestionale, onde garantire la miglior risposta alle esigenze del territorio e la massima integrazione con le altre attività del C.A.M.. Si ricorda, inoltre, come le carenze strutturali dell’auditorium (mancanza di un proiettore da utilizzare per il cinema e inadeguatezza dell’impianto audio e luci) siano già state segnalate da tempo all’Assessorato per il Decentramento, ma gli elevati preventivi di spesa non lasciano supporre una pronta risoluzione del problema, che ostacola la fruibilità della struttura, importante risorsa della Zona. Pertanto, l’aggiudicatario del bando dovrà provvedere a: a) installare nell’auditorium tutte le apparecchiature necessarie al corretto e sicuro svolgimento delle attività, per tutta la durata della concessione b) garantire che lo spazio dell’auditorium sia a disposizione delle altre attività del C.A.M., secondo il palinsesto che andrà approvato dal Settore e dal Consiglio di Zona. c) garantire che lo spazio dell’auditorium sia a disposizione del Consiglio di Zona per le attività che l’assise riterrà di organizzare, patrocinare o comunque supportare, per un numero di giorni da calcolarsi sulla base dell’utilizzo effettivo nel corso dell’anno 2012 e comunque ad esso non inferiore. Altresì, l’aggiudicatario del bando avrà facoltà di: a) intraprendere attività teatrali e cinematografiche a pagamento in ogni spazio lasciato libero dai predetti usi dell’auditorium. Le tariffe di tali attività andranno concordate con il Consiglio di Zona, nell’ambito delle periodiche verifiche del progetto. b) intraprendere attività non-teatrali o cinematografiche a pagamento (ad es. convegni, assemblee, ecc…) in ogni spazio lasciato libero dai predetti usi dell’auditorium. Le tariffe di tali attività andranno concordate con il Consiglio di Zona, nell’ambito delle periodiche verifiche del progetto. c) gestire l’attività di somministrazione bevande e generi alimentari, qualora all’interno della struttura si individui uno spazio idoneo. d) pubblicizzare le proprie attività a pagamento mediante l’impiego della stamperia civica, qualora il Consiglio di Zona non esaurisca prima le proprie disponibilità mensili di stampa. 3.4) ATTIVITA’ PROPOSTE DALLE ASSOCIAZIONI DI ZONA: Il palinsesto delle attività C.A.M. 2013/14 verrà formato tenendo conto delle esperienze pregresse, dei dati relativi alle iscrizioni ed alle liste di attesa per le singole attività, ma anche apportando le innovazioni che il Consiglio di Zona ha già ritenuto necessarie. Pertanto, ai partecipanti al bando viene richiesto di formulare proposte che riguardino nuovi filoni di attività ed in particolare:

-Attività per bambini -Attività per adolescenti -Attività a sostegno della famiglia -Attività a sostegno delle neomamme -Attività creativo/espressive -Attività basate sull’aggregazione e non sull’apprendimento corsistico -Attività culturali -Attività incentrate sul rapporto con gli animali domestici 4) CRITERI E PUNTEGGI: Ai fini dell’aggiudicazione del bando, si evidenziano le caratteristiche che rappresenteranno titolo preferenziale, da tradurre in adeguati punteggi: -Aderenza della proposta ai criteri sopra delineati -Valutazione delle attività innovative proposte -Articolazione analitica della proposta di attività -Documentabile esperienza pregressa nei filoni di attività oggetto di bando -Documentabile esperienza trasversale nelle diverse attività, con particolare riferimento alle competenze in ambito ricreativo, culturale e nella gestione di attività teatrali -Documentabile esperienza con le diverse tipologie di utenza alle quali il bando si rivolge -Documentabile esperienza in servizi analoghi, collocati nelle periferie -Capacità di intessere relazioni di rete, atte a promuovere il servizio anche in altri quartieri e tipologie di utenza -Valutazione dei curriculum dello staff proposto per la realizzazione del progetto, con particolare riferimento ai coordinatori dello stesso -Radicamento sul territorio -Esperienze pregresse di positiva collaborazione con il Consiglio di Zona e/o con il Comune nell’ultimo biennio -Realizzazione ad hoc di ATI o altro tipo di partnership con altre associazioni specializzate per la realizzazione del progetto Lorenzo Zacchetti Presidente Commissione Sport e Benessere

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful