P. 1
3.1 La Nozione Di Intenzionalit Nella Storia

3.1 La Nozione Di Intenzionalit Nella Storia

|Views: 14|Likes:
Published by Andrea Volonnino

More info:

Published by: Andrea Volonnino on Jan 04, 2013
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

10/26/2013

pdf

text

original

3

3.1

PROPRIETÀ INTENZIONALE DELL'ATTO COGNITIVO.
LA NOZIONE DI INTENIZIONALITÀ NELLA STORIA DEL PENSIERO FILOSOFICO.

Sfogliando una qualsiasi enciclopedia filosofica alla voce «intenzionalità» troviamo riportata in linea di massima questa proposizione: «Il riferimento interno di un atto o uno stato mentale a un determinato oggetto, cioè la connessione che l'atto o lo stato ha, in virtù della sua identità, con un certo oggetto, indipendentemente dall'eventuale sussistenza di questo oggetto nella realtà esterna»1. Se questa è, di fatto, la definizione generale della nozione di «intenzionalità», è bene sapere che nel pensiero della storia della filosofia siffatta nozione ha subito notevoli slittamenti semantici che, pur non intaccando o contrastando la definizione universale sopra riportata, ne accentuavano caratteristiche essenziali proprie. A partire dal neoplatonismo medioevale, in particolare modo per mezzo delle opere del filosofo persiano Avicenna, la nozione di intenzionalità viene utilizzata per intendere il rapporto conoscitivo con un oggetto, ossia il modo d'essere di ciò che è conosciuto nella coscienza. Fu sempre Avicenna a delineare le prime sfumature della nozione di intenzionalità: egli, distinguendo tra logica e scienze (fisiche), affermava che queste ultime erano riconducibili alle cosiddette “prime intenzioni” (intentiones primo intellectae), erano cioè rivolte alle cose reali (gli enti esistenti ontologicamente per sé); la logica invece era riconducibile alle “seconde intenzioni” (intentiones secundo intellectae), per il fatto di occuparsi dei processi cognitivi in quanto tali (quelli privi da ogni contenuto). Nell'alto medioevo l'intenzionalità fu scandagliata metodicamente dal domenicano Albero Magno prima, e dal suo discepolo Tommaso d'Aquino dopo. Fu proprio Tommaso a delineare un profilo più preciso della nozione di intenzionalità, lo stesso che verrà utilizzato e fatto proprio dalla scolastica. L'intenzionalità per l'Aquinate corrisponde a ciò che l'intelletto in sé stesso concepisce della cosa conosciuta2: l'atto cognitivo è una “intentio” in quanto in perenne tensione alla res significata. Tommaso sosteneva che nelle res – diremmo oggi nei contenuti intenzionali dell'atto cognitivo – c'è un “verbum interius”, un'essenza, una forma, così come l'intelletto è capace di apprenderla 3. Non dunque un costrutto mentale è
1 Cfr. la voce «intenzionalità» in: Enciclopedia Filosofia Garzanti, Milano, 1997, 540. 2 Cfr. Tommaso d'Aquino, Summa Contra Gentiles, IV, 11. 3 Cfr. ivi.

1

non è la condizione esistenziale delle res sunt. Il contenuto intenzionale in questa veste non necessariamente ha una propria esistenza reale (può infatti essere irreale come ad esempio sono le fantasie. compiendo così una vera e propria trascendenza che dal piano del soggetto si pone in quella della res. il suo proprio contenuto intenzionale. Den Haag. l'essere stesso di ciò che è. 2 . le immaginazioni). al contrario. 32-34) nei quali puntualizza che l'oggettualità (esistenza reale) degli oggetti di conoscenza è pre-supposta. per il soggetto. 1950. per l'appunto. ma ciononostante le due diverse concezioni possono dirsi complementari. Il taglio critico assunto dalla fenomenologia non è quindi rivolto all'essere della cosa bensì al suo modo di essere conosciuta. di vivere. indipendentemente dal soggetto cognitivo che ne fa conoscenza. Per Brentano l'intenzionalità è un fenomeno psichico. In età moderna il concetto di intenzionalità viene rivisitato da Brentano il quale analizza con maggiore acutezza i modi in cui l'atto intenzionale si presenta. per l'io. è il sostrato di fondo antecedente ad ogni approccio cognitivo 4. Invero. Il problema di Husserl non era infatti quello di Tommaso: in Husserl non è la problematicità inerente il passaggio dalla coscienza all'essere a posizionarsi al centro dell'analisi dell'intenzionalità (problema caro alla filosofia scolastica). Si può ben notare come il concetto di intenzionalità differisca tra la tradizione scolastica e la scuola fenomenologica. invece. ma è comunque portatore di un “in sé”. Pariser Vorträge. quindi. Husserl. i sogni. al cogito cartesiano). lo stesso che rende partecipe la coscienza di esperire. che non è un'entità trascendente il soggetto cognitivo ma una sua rappresentazione. Codesta impostazione teoretica del concetto di intenzionalità sarà poi la stessa ripresa e condivisa dalla scuola fenomenologica. dunque. Su questo punto Husserl è abbastanza esplicito nei Discorsi parigini (cfr. Ciononostante.ciò che attira a sé l'atto intenzionale. Il dubbio è condizione di un approccio cognitivo. sosteneva che l'intenzionalità è il modo proprio del rapporto tra il soggetto e l'oggetto della coscienza: la correlazione che sussiste tra i due e che rende il soggetto cosciente di ciò che sta vivendo. si manifesta. Solo laddove si è già conosciuto qualcosa può presentarsi il dubbio. di vissuto in vissuto. Oggetto di dubbio. la differente analisi sul concetto di intenzionalità che ne usano fare la trazione 4 Questo sta a significare che l'esistenza degli oggetti di conoscenza non è sottoposta a dubbio. o vissuto che sia. L'intenzionalità diretta è più precisamente il dirigersi dell'intelletto verso l'ente ontologicamente inteso. verso i propri oggetti di conoscenza: il pensiero. I vissuti vertono necessariamente verso i medesimi correlati di coscienza. ma. l'intenzionalità indiretta è il proiettarsi dell'intelletto verso l'oggetto. quanto piuttosto quella circa la cognizione di sapere come il mondo è per me. di volta in volta. al suo senso. è sempre pensiero o vissuto di un qualche cosa (in opposizione. di un senso oggettivo. Tommaso analizza ulteriormente l'atto intenzionale differenziando l'intenzionalità in «diretta» ed in «indiretta». è sempre lo stesso oggetto (fenomeno) ad essere esperito (vissuto). non importa poi sotto quale aspetto intenzionale esso si presenta alla coscienza. e di come esso.

ad emergere è infatti un diverso modo di analisi del concetto di intenzionalità: nel primo caso riguardo l'essere della cosa. o semplicemente non mettendo in luce. Pur non volendo fu Roderick Chisholm. di fisico. nel secondo riguardo il suo senso. nel secondo caso vuole significare la capacità della coscienza di orientarsi verso un oggetto. ha tentato di promuovere. annullando. però. La teoria di cui stiamo parlando è quella che spiega l'intenzionalità in termini di «atteggiamenti proposizionali». a tutti gli effetti. che la conoscenza sia un atto intenzionale e sopratutto un atto spirituale.scolastica e la tradizione fenomenologica. il secondo significato di intenzionalità a cui abbiamo appena fatto riferimento. Ciò ha fatto sì che l'intenzionalità – ergo il processo cognitivo – venisse ridotta ad un processo fisico e che la coscienza venisse in un certo qual modo naturalizzata. a indirizzare la nozione di intenzionalità verso questa concezione riduttivista e naturalista. filosofo statunitense del Massachussets. difatti. irriducibile in modo alcuno alla materia. e «a è p» che si mostra come proposizione che esprime il contenuto proposizionale di «S crede» mediante la congiunzione «che». e che come tale è in sé portatore di un senso originario che fa sì. per esempio: immaginare. desiderare. memore dell'impostazione positivista del filosofare. In linea di massima. ma il discorso è analogo con qualsiasi altro verbo intenzionale. La nozione di intenzionalità nel mondo analitico assume quindi due valori semantici differenti: in un primo caso essa sta a significare la capacità di formare o avere rappresentazioni (stati mentali).). ma attraverso la teoria da lui stesso promossa finì in un certo qual ad agevolare la naturalizzazione dell'intenzionalità. ma abbiamo appena detto che la conoscenza è un atto spirituale. L'atteggiamento proposizionale può essere spiegato mediante la forma canonica «S crede che a è p». dove «S crede» si presenta come proposizione principale costituita dal verbo intenzionale (nel caso specifico quello di credere. 3 . non si presenta come una giustapposizione dell'una sull'altra. nei paesi di lingua anglofona l'intenzionalità è quasi sempre stata concepita come il primo significato qui vuole intendere. piuttosto che come la capacità della coscienza di dirigersi verso un oggetto (concezione presente sì nella filosofia analitica ma con un più debole utilizzo). infatti. Una simile concezione dell'intenzionalità (quella che la vede ridotta al substrato neuronale) è quella che il modo analitico di fare filosofia. Entrambe. hanno la comune convinzione che esiste un mondo oggettivo ed ontologicamente indipendente dal soggetto conoscente. Egli. e non un qualcosa di riducibile ad alcunché di materiale. come l'emarginazione di una delle due per far spazio alla restante. ovvero le relazioni che si instaurano tra soggetto e proposizione. I filosofi analitici hanno concepito l'intenzionalità quasi sempre come la capacità di formare rappresentazioni e/o contenuti mentali. pensare ecc. come Brentano non conveniva nella riduzione dell'intenzionalità ad alcunché di materiale.

Per coloro – ed insieme ad essi per tutti i filosofi di matrice scientista – tutto il problema circa l'intenzionalità può essere spiegato in termini scientifici: esistono esclusivamente relazioni neurobiologiche che in quanto tali sottostanno alle rigide regole delle scienze naturali. Putnam. C'è da dire però che non tutti i filosofi analitici convengono con questa naturalizzazione dell'azione gnoseologica tanto che alcuni filosofi di fama internazionale. piuttosto. Per questi filosofi infatti non esisteva il problema di indagare una possibile esistenza degli stati mentali. The Intentions of Intentionality and Other New Models for Modalities. che si articola sulla distinzione di fondo tra sintattica e semantica. the computer is not merely a tool in the study of the mind. risolvere problemi. 192-222. Ivi. In particolare possiamo citare la cosiddetta “Chinese Room” di Searle. ecc. ossia che: «Secondo l'intelligenza artificiale forte. 3. se programmate a dovere. veniva loro a presentarsi la problematicità se codesti stati mentali potevano in qualche modo essere identificati con gli stati celebrali. Dordrecht. logico e matematico finlandese. John SEARLE. un computer programmato opportunamente è davvero una mente» [trad. nello studio della mente. “Mental representation”. “Mind. in: The Behavioral and Brain Sciences. Davidson. ed essere coscienti di sé come una mente umana8. insieme ad Hintikka. quindi. mia]. all'intelligenza artificiale forte. uno strumento. 13. the appropriately programmed computer really is a mind». John SEARLE. la quale sostiene che determinate forme di intelligenza artificiale. si avanza una forte confutazione a quell'idea che accosta la mente umana ad una macchina e. 7 Cfr. di nome Jaakko Hintikka. 6 Cfr. né tanto meno. quali Searle. Questa è la tesi di fondo di chi riduce (naturalizza) l'intenzionalità. Proprio nell'esperimento di Searle7. possono davvero ragionare. 8 Scrive John Searle che: «According to strong AI.. Jaakko HINTIKKA. vol. di riflesso. L'intenzionalità (nei termini di capacità di orientarsi verso qualcosa di altro da sé) non può essere analizzata con certezza. 4 . ma. 9-61. 78. anche Hartry Field non accettava la possibilità di metodi di indagine della mente diversi da quelli offerti dalle scienze naturali6.Il passo dalla considerazione dell'intenzionalità quale atteggiamento proposizionale a quella che la vede privata della capacità di orientarsi verso qualcosa fu breve. avanzò dure critiche alle capacità intenzionali del mentale fino a ridurle a semplici proprietà intensionali dello stesso5. quindi bisogna spostare l'analisi sul processo neurobiologico e risolverlo applicando i modelli proposti dalle neuroscienze. Harty FIELD. al punto che un noto filosofo. il computer non sarebbe soltanto. 1975. ossia la correlazione che sussiste tra atto mentale e correlato di coscienza (a prescindere dall'eventuale sussistenza di quest'ultimo nella realtà trascendente la sfera della psiche). Hintikka fu per certi versi uno dei capostipite della naturalizzazione dell'intenzionalità. Brains and Programs”. hanno orientato le proprie ricerche verso quell'idea di intenzionalità quale riferimento di un atto mentale (o stato mentale) ad uno specifico oggetto. Ma può davvero una macchina essere equiparata ad un 5 Cfr. in: Erkenntnis. 1980. rather.

Mit Press. psiche-cervello. Putnam sostiene che il pensare. Invero. Hook (ed. che fu introdotta (ma poi abbandonata) da Hilary Putnam 9. che è la stessa cosa. S. New York. trad.: Rappresentazione e realtà. quindi. per questi neuroscienziati (e con essi anche i filosofi più scientisti) il binomio mente-cervello o va considerato in una sterile opposizione dicotomica a causa dell'intrinseca e differente struttura cellulare. il credere. in ultima analisi. Di contro parte alla concezione classica di anima e corpo. è sempre il pensare di qualcosa. invero. nell'ultimo secolo. fa sì che il mio atteggiamento proposizionale non sia privo di contenuto. l'immaginare ecc. Garzanti.). Sempre Putnam ha abbandonato definitivamente il funzionalismo a causa delle motivazioni riportate nel testo: Hilary PUTNAM. 1988. il credere di qualcosa. Ciò che qui chiamiamo mente e/o psiche è ciò che la tradizione chiamava anima: ma mentre per la filosofia pre-cartesiana il problema di un dualismo tra anima e corpo non sussisteva (essendo anima e corpo correlati ma irriducibili). bensì come due funzioni del medesimo sistema fisico. Representation and Reality.organismo biologico? La migliore realizzazione di ingegneria meccanica riuscirebbe a sanare il divario che sussiste tra umano e macchina. Dopo questa delucidazione storica della nozione di «intenzionalità» vediamo ora a livello teoretico l'effettiva impossibilità dell'atto cognitivo quale atto 9 Hilary Putnam ha promosso il funzionalismo nel saggio: Hilary PUTNAM. Attualmente è portavoce del funzionalismo l'allievo di Putnam Jerry Alan Fodor. 1991. in una costante e sincronica sinergia. concepiva la mente ed il cervello non come due sostanze interagenti.. del dualismo mente-corpo o. Questa teoria. per alcuni neuroscienziati il problema è diventato così invadente da occupare gran parte delle loro speculazioni e ricerche. “Minds and Machines”. Anche se in un primo momento Putnam sembrava promuovere la concezione che vede l'intenzionalità schiava delle leggi neuroscientifiche. oppure si tende a ridurre la mente al cervello (che in altre parole possiamo tradurre come la riduzione dell'anima alla corporeità). In: Dimension of Mind. 1960. 5 . Il professore di Harward University coniò il termine «aboutness» per sottintendere la necessaria pre-esistenza del contenuto dell'atteggiamento proposizionale. Se è possibile una qualsiasi azione di pensiero – dice Putnam – è perché c'è un qualcosa (about) che. La difficoltà nel trovare un fondamento epistemico alla problematica appena posta in essere ha portato a far parlare soprattutto in area analitica di “filosofia della mente” e. e così dicendo. con l'abbandono del funzionalismo si indirizzò verso il recupero del significato di intenzionalità quale condizione dinamica della coscienza. della coscienza. it. Cambridge (Massachussets). tra mente e computer? All'origine delle scienze cognitive e della stessa AI (acronimo che sta per Artificial Intelligence – Intelligenza Artificiale) è la teoria funzionalista ad aver designato il background per ogni modello e sistema riduzionista (materialista o naturalista che sia) della conoscenza e. proprio come il software (la mente) e l'hardware (il cervello) di un computer. Milano. informandomi della sua esistenza.

finendo per naturalizzare la coscienza ed eliminare il carattere spirituali tipico dell'atto intenzionale e della conoscenza tout court. rappresentazionismo.non-intenzionale10. Analizziamo dunque le tre grandi teorie cognitive che hanno segnato – in ultima analisi – la storia del pensiero filosofico: realismo. naturalismo. Alessandro Belli 10 Con “non-intenzionale” mi riferisco a tutte quelle nozioni di «intenzionalità» che definiscono l'azione gnoseologica sulla base del rapporto di causa-effetto proprio delle scienze fisiche. 6 .

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->