You are on page 1of 3

Ai preât la biele stele Ai preât la biele stele, ducj i sanz dal Paradîs.

Che ‘l Signôr fermi la uere e'l gnò ben torni in paîs. Ma tu stele, biele stele và palese 'l gnò destin. Và daûr di che montagne là ch'al è il gnò curisin. Cara‘ l me’ Toni “Cara ‘l mè Toni, sta su alegher, te see un bel negher in verità!. Cara ‘l mè Toni…sta su alegher, te see un bel negher (2v.) Cara ‘l me Toni…in verità.

Al Cjante el gjâl. Al cjante el gjâl, al criche el dì, mandi ninine me mandi ninine me Al cjan te el gjâl, al criche el dì, mandi ninine me mi tocje partì.

La dosolina La dosolina la va di sopra, e la si mette al tavolino solo per scrivere ‘na leterina e per mandarla al napolitan. Napolitan l’è ‘nda a Bologna A zercarse la morosa; la dosolina, povera tosa, napolitano l’abandonò! Ma se ti trovo sola soletta Un bel baso te darìa; ma se ti trovo in compagnia, te l’ho giurato…t’ammazzerò

E l'allegrie E la ligrie 'e jè dai zòvins (3 v.) e nò dai vécjos nò dai vécjos maridaz. Rit. Ciribiribin doman l'é festa ciribiribin non si lavora ciribiribin g'ho l'amorosa ciribiribin d'andà a trovar. Le an piardùde biel lant a messe (3 v.) e in chè di e in chè di che son sposaz. Rit. E cjolmi me, cjolmi ninine (3 v.) che jo ti doi di mangjâ bem. Rit. L’uva fogarina Oh com'è bella l'uva fogarina oh com'è bello saperla vendemmiar a far l'amor con la mia ohi bella a far l'amore in mezzo al prà. Diridin din din, diridin din dìn diridin din din, diridin din din diridin din din, diridin din din diridin din din, diridin din din Filar no la vol filar cusir non lo sa far il sol de la campagna la dis che'l ghe fa mal. Teresina imbriacona poca voeuja de lavorà la s'è tolta ona vestaja la gh'ha ancora da pagà.

“Se mi sont negher cosa me’mporta? Su la mia porta cumandi mi. Se mi sont negher cosa me’mporta? Sulla mia porta (2v.) Se mi sont negher…Cumandi mi. Su la mia porta, sul mio cancello ohi come è bello fare all’amor! Su la mia porta, sul mio cancello ohi come è bello; (2v.) Su la mia porta…fare all’amor! Domanderemo al sior curato se l’è peccato fare all’amor. Domanderemo al sior curato se l’è peccato; (2v.) Domanderemo…fare all’amor. Con quelle belle non è peccato, con quelle brutte pecca mortal. Con quelle belle non è peccato, con quelle brutte; (2v.) con quelle belle…pecca mortal. Dove sei stato mio bell’alpino “Dove sei stato, mio bell’alpino, (2 v.) che ti gh’ha cambià colore?” “L’è stata l’aria, sì, del Trentino (2 v.) che mi ha cambià colore” “I tuoi colori ritorneranno (2 v.) questa sera, a far l’amore.

Romagna mia. Rit. e dal profondo del rio tra le mie braccia lo salverò. tu sei l'amore. . El scossarin l'ho già bagnato vestitevi a festa e cantate con me. quanti ricordi d’amor. Quando ti penso. RIT: Non ti potrò scordare piemontesina bella. l'ha mandato per scegliere quella che sarà la più buona e più bella. Lontano andrò. los corazones Ese lunar que tienes Cielito Lindo. sarai la sola stella che brillerà per me. a Torino ho lasciato il mio cuor. La gioventù non torna più. Gira e volta se vuoi girar ma l’amore non puoi fermar se lo perdi lo tornerai ad incontrar. Romagna in Cielito Lindo de contrabando fiore. (bis) Chi gettò la luna nel rio. Romagna. mia ho lasciato. quel re della luna la vuole sposar. Rit. Ha portato una letterina dove scritto sta così: Mi me ne vado in campagnola "Se mi piaci. parto col pianto nel cuor. la te bagnerà'l scossà. Mi me ne vado in campagnola ti darò tutto il cuor". lontan da te non si può star! Ay ay ay ay canta y no llores Porque cantando se alegran Cielito Lindo. Ricordi quelle sere passate al Valentino.Dove te vett o Mariettina Dove te vett o Mariettina Dove te vett o Mariettina Dove te vett o Mariettina 'nsci bon ora 'n mezz' al prà 'nsci bon ora 'n mezz' al prà. se ascoltate vi dico cos'è. gli studi son già terminati abbiamo finito così di sognar. Romagna mia La più bella la deve portare nel castello laggiù d'oltremar. di un giorno lontano è adesso dottor. chi la gettò? Per darmi tanto dolore. chi la gettò? La luna dell’amor mio. El scossarin l'ho già bagnato Rit. dove la mamma bruna. È arrivata per voi la fortuna. LA LUNA NEL RIO Chi gettò la luna nel rio. Rosina il tuo allegro studente. dammi l’ultimo bacio d’amor. Da un paese lontano lontano l'ha mandato un ignoto Pasciá. Belle bimbe dagli occhi sognanti Se la rosada la s'è alta che aspettate il più tenero amor. Cielito Lindo vienen bajando Un par de ojito negros Romagna mia. vorrei tornare dalla mia bella al casolare. junto a la boca no se lo des a nadie Cielito Lindo que a mi me toca Ay ay ay ay canta y no llores Porque cantando se alegran Cielito Lindo. stamattina in mezz' al prà stamattina in mezz' al prà. È arrivato l'Ambasciator! campagnola a lavorà. è arrivato l'Ambasciatore a cavallo d'un cammello. Se la rosada la s'è alta dischiudete finestre e balconi Se la rosada la s'è alta e intonate le liete canzoni. Mi me ne vado in campagnola campagnola a lavorà. los corazones Piemontesina Addio bei giorni passati. la te bagnerà'l scossà. Rit. chi la gettò? Ma stavolta aiuto dal cielo non cercherò e dal profondo del rio tra le mie braccia lo salverò. Ninì. io curo la povera gente ma pure non riesco a guarire il mio cuor. E dal profondo del rio l’amore mio ripescherò. El scossarin l'ho già bagnato Una rosa mettetevi in testa. chi la gettò? Una grande rete di stelle io prenderò e dal profondo del rio l’amore mio ripescherò. dove non so. Non ti potrò scordar casetta mia. col biondo studentino che ti stringeva sul cuor. L’ambasciatore È arrivato l'Ambasciatore con la piuma sul cappello. Sento la nostalgia d'un non importa se è bionda o se è passato. in questa Cielito Lindo notte stellata la mia De la Sierra Morena serenata io canto per te. tu sei la stella. mia piccola amica ti devo lasciar.