You are on page 1of 6

Paolo Barnard: il vero potere mondiale ci vuole schiavi

Scritto il 15/8/11 nella Categoria: idee Condividi2319 Chi decide il nostro futuro? Quegli ometti in doppiopetto blu che in teoria possiamo promuovere o bocciare col voto? No, purtroppo: quelle sono solo le marionette del vero potere, che risiede lontano, protetto da palazzi inaccessibili, da cui dirama ordini attraverso il pi micidiale degli strumenti: la finanza. Il mondo ci sta franando addosso? Non un caso: era tutto perfettamente previsto. Anzi: organizzato. Da chi al lavoro da decenni per compiere il pi grande crimine: lo smantellamento della democrazia, la fine della sovranit, la privatizzazione degli Stati, leutanasia della politica. Una piovra elusiva, senza volto, ma pressoch onnipotente e dalle mille sigle: Bilderberg, Wto, Unione Europea e Bce, Fmi, con tanto di lobby e think-tanks, banche centrali, mafie. E il potere vero, quello che pu stabilire la rovina di intere nazioni per specularci sopra e realizzare guadagni favolosi, al di sopra degli Stati e della politica. La tesi, attorno a cui lavorano diversi eretici italiani, stata messa a fuoco e divulgata in modo organico e con vastissima documentazione da Paolo Barnard, pioniere della tv-verit prima con Santoro ai tempi di Samarcanda e poi con Report, fino alla rottura polemica con Milena Gabanelli per la mancata assistenza legale Rai di fronte al mare di querele rimediate in tante inchieste scottanti. Scomparso anche dal web, dove non pi visibile il sito paolobarnard.info che raccoglieva uninfinita quantit di scritti, dossier e reportage, il Barnard-pensiero rintracciabile direttamente su YouTube, dove il giornalista riassume quello che definisce il pi grande crimine (dal titolo dellultimo saggio), oppure su blog come Disinformazione che solo due anni fa proponeva il ritratto del vero potere secondo Barnard. Una profezia, quella del giornalista italiano, che fa venire i brividi, vista la crisi globale sempre pi esplosiva e le immancabili ricette anti-crisi, puntualmente annunciate con anni di anticipo dal reporter pi scomodo dItalia: misure cos dure e impopolari da decretare la fine di decenni di conquiste democratiche. La sua tesi: le antiche oligarchie terriere, messe in crisi dalle lotte sindacali e democratiche del 900, si sono riprese il mondo attraverso lalta finanza, riducendo allimpotenza gli Stati grazie al ricatto del debito pubblico, prima fittizio, ma poi divenuto sciaguratamente privato con il suo silenzioso trasferimento alle centrali finanziarie mondiali. Operazione coronata dallintroduzione dellEuro moneta che non appartiene a nessuno Stato, neppure a Bruxelles e dal Trattato di Lisbona, vero e proprio colpo di Stato europeo che sottrae agli Stati membri ogni residua sovranit: tutte le leggi principali dovranno essere conformi ai diktat di unlite mondiale, che in grado di condizionare qualsiasi governo con la leva finanziaria. Una spectre da fantascienza? No, tuttaltro: Paolo Barnard fa nomi e cognomi. Premessa: Il Potere stato eccezionalmente abile in molti aspetti, uno di questi stato il suo mascheramento: il Potere doveva rimanere nellombra, perch alla luce del sole avrebbe avuto noie infinite da parte dei cittadini pi attenti delle moderne democrazie. Ci hanno messo davanti politici e governi, in modo che il vero potere potesse agire sostanzialmente indisturbato. Non che la Casta sia innocente, naturalmente: le marionette che calcano il cortiletto della politica hanno relative torte da spartire, a patto per che eseguano poi gli ordini ricevuti. Da chi? Da un colossale e onnicomprensivo ingranaggio invisibile, che secondo lex presidente brasiliano Lula manovra il sistema da lontano: spesso cancella decisioni democratiche, prosciuga la sovranit degli Stati e si impone ai governi eletti. Secondo Barnard, oggi il vero potere sta nellaria, ha avvolto il mondo e dice questo: Pochi prescelti devono ricevere il potere dai molti. I molti devono stare ai margini e attendere fiduciosi

che il bene gli coli addosso dallalto dei prescelti. I governi si levino di torno e lascino che ci accada. E la vecchia teoria dei Trickle Down Economics di Ronald Reagan e Margaret Thatcher, cio il neo-liberismo, la scuola di Chicago, il purismo del libero mercato. Questa idea economica comanda ogni atto del Potere, e di conseguenza la vostra vita, che significa che davvero sta sempre alla base delle azioni dei governi e dei legislatori, degli amministratori e dei datori di lavoro. Quindi essa comanda te, i luoghi in cui vivi, il tuo impiego, la tua salute, le tue finanze, proprio il tuo quotidiano ordinario, non cose astruse e lontane dal tuo vivere. La sua forza sta nel fatto di essere presente da 35 anni in ogni luogo del Potere esattamente come laria che esso respira nelle stanze dove esiste. Chiunque arrivi al potere respira questaria, senza scampo, dal momento in cui mette piede alluniversit, arrivando poi nei Parlamenti, nei consigli di amministrazione, nelle banche, nelle amministrazioni pubbliche. Tutti conquistati, ipnotizzati, teleguidati: il Potere ha creato attorno a quellidea degli organi potentissimi, grazie ai quali domina completamente il pianeta. Chi sono i potenti della Terra? Finanzieri, industriali, ministri, avvocati, intellettuali, militari, politici scelti con cura. Sono loro il vertice del club, la super-struttura che assume nomi diversi a seconda del luogo in cui si riunisce. Ad esempio: prende il nome di Commissione Trilaterale se i suoi membri si riuniscono a Washington, a Tokio o a Parigi, talvolta in altre capitali europee. La Trilaterale nasce nel 1973 come gruppo di influenti cittadini americani, europei e giapponesi; dopo soli due anni stila le regole per la distruzione globale delle sinistre e la morte delle democrazie partecipative, realmente avvenute, e afferma la supremazia della guida delle lite sulle masse di cittadini, che devono essere apatici, docili, ipnotizzati dai media. Fra i 390 membri della Trilaterale hanno figurato vip assoluti: da Henry Kissinger a Jimmy Carter, da David Rockefeller a Zbigniev Brzezinski, senza contare gli italiani Giovanni Agnelli e Arrigo Levi, e poi Edmond de Rothschild, George Bush padre, Dick Cheney, Bill Clinton e lex capo della Fed, Alan Greenspan, insieme ad accademici (da Harvard alla Bocconi), governatori delle maggiori banche, ambasciatori, petrolieri, ministri, industriali (Solvay, Mitsubishi, CocaCola, Texas Instruments, Hewlett-Packard, Caterpillar, Fiat, Dunlop) e fondazioni come quella di Bill Gates. Costoro scrive Barnard deliberano ogni anno su temi come il sistema monetario, il governo globale, dirigere il commercio internazionale, affrontare lIran, il petrolio, energia, sicurezza e clima, rafforzare le istituzioni globali, gestire il sistema internazionale in futuro. In pratica: tutto. E leggendo i rapporti che stilano, si comprende come i loro indirizzi siano divenuti realt nelle nostre politiche nazionali con una certezza sconcertante. Quando il club necessita di maggior riservatezza, si d appuntamento in luoghi meno visibili dei palazzi delle grandi capitali, e in questo caso prende il nome di Gruppo Bilderberg, dal nome dellhotel olandese che ne ospit il primo meeting nel 1954. Sono sempre gli stessi personaggi, pi molti altri a rotazione, compresi politici o monarchi in carica (mentre la Trilaterale riservata ai grandi ex). Il Bilderberg assai pi carbonaro della Trilaterale, perch la sua originaria specializzazione erano gli affari militari e strategici, gestiti dai vertici Nato. La peculiarit dirompente del Bilderberg? Al suo interno, i super-potenti possono dire tutto quello che vorrebbero fare: I desideri pi intimi del Potere non trovano neppure quello straccio di freno che listituzionalit impone. Da qui la tradizione di mantenere attorno al Bilderberg un alone di segretezza assoluto. Sono loro, come rivela il visconte Etienne Davignon, presidente del Bilderberg nel 2005, a coordinare i vertici dellOrganizzazione Mondiale del Commercio, della cooperazione transatlantica e dellintegrazione europea, ovvero i primatisti del libero mercato con potere sovranazionale e i padrini del Trattato di Lisbona, cio il colpo di Stato europeo con potere sovranazionale che ci ha trasformati in cittadini che verranno governati da burocrati non eletti. Per

Barnard sono i veri padroni della nostra vita: Decisioni inappellabili su lavoro, previdenza, servizi sociali, tassi dei mutui, costo della vita. Scelte cruciali, compiute non a Palazzo Chigi o allEliseo, ma a Ginevra o a Bruxelles o nelle banche centrali, dopo esser state discusse al Bilderberg. Un campione della razza padrona? Peter Sutherland: a capo della Bp, della super-banca Goldman Sachs e della London School of Economics, poi plenipotenziario Onu per limmigrazione e lo sviluppo, direttore generale dellOrganizzazione Mondiale del Commercio, membro della Commissione Europea e ministro della giustizia in Irlanda. E ovviamente, membro sia della Commissione Trilaterale che del Gruppo Bilderberg. Se il club resta il primo organo del super-potere, il secondo il colosso di Ginevra, il Wto: lOrganizzazione Mondiale del Commercio nata nel 1994 pi potente di qualsiasi nazione o parlamento. Riunisce 153 Paesi nella sede ginevrina, dove vengono dettate le regole del commercio internazionale, cio praticamente di tutta leconomia del mondo: Fette enormi dei nostri posti di lavoro, di ci che compriamo, mangiamo, con cui ci curiamo. Decidono tutto loro. E, come nel caso della nuova Europa del Trattato di Lisbona, le regole emanate dal Wto, denominate Accordi, sono sovranazionali, cio pi potenti delle leggi nazionali. Il meccanismo non democratico: le decisioni sono dominate dallo strapotere dei Paesi ricchi. Chi sta al timone il cosiddetto gruppo Quad, formato da Usa, Giappone, Canada ed Europa. Ma lEuropa intera rappresentata al tavolo delle trattative del Wto dalla Commissione Europea, che nessun cittadino elegge, sottolinea Barnard. In realt, chi decide per tutti noi europei un numero ancora pi ristretto di burocrati: il misterioso Comitato 133 della Commissione, formato da specialisti ancor meno legittimati. La politica italiana di norma firma gli Accordi senza neppure leggerli. Se un Paese si oppone a una regola del Wto, continua Barnard, pu essere processato da un tribunale interno, dotato di poteri enormi e formato da tre individui di estrazione economicofinanziaria, le cui sentenze finali sono inappellabili. Una sentenza del Wto pu penalizzare o persino ribaltare le scelte democratiche di milioni di cittadini, anche nei Paesi ricchi. Esempio: tutta lEuropa stata condannata a risarcire gli Usa con milioni di euro perch si rifiutata di importare la carne americana agli ormoni. Ma neppure gli Stati Uniti hanno potere sul Wto: il presidente Obama, di fronte allultima catastrofe finanziaria, aveva deciso di imporre regole restrittive contro le speculazioni selvagge delle banche (vera causa della crisi), ma gli stato sbarrato il passo proprio da una regola del Wto, che si chiama Accordo sui Servizi Finanziari, e che sancisce lesatto contrario, cio proibisce alla Casa Bianca e al Congresso di regolamentare quelle megabanche. E sapete chi, anni fa, negozi quellaccordo al Wto? Timothy Geithner, attuale ministro del Tesoro Usa, che uno dei membri del Gruppo Bilderberg. In materia di leggi internazionali, il Wto praticamente onnipotente: ha facolt di esautorare le politiche sanitarie di qualunque Paese, e inoltre toglie al cittadino la libert di sapere in quali condizioni sono fatte le merci che acquista, anche ostacolando luso delle etichette a tutela del consumatore. Inoltre, nelle gare dappalto, il Wto impone ai politici di concedere alle grandi multinazionali estere le stesse condizioni richieste alle aziende nazionali: favorire loccupazione nazionale considerata una discriminazione ai danni del libero mercato. Sempre le disposizioni del Wto accentrano nelle mani di poche multinazionali i brevetti della maggioranza dei principi attivi e delle piante che si usano per i farmaci o per lagricoltura, poich permettono la brevettabilit privata delle forme viventi e tutelano quei brevetti per 20 anni. Inoltre, il fatto che i brevetti siano protetti dal Wto per ventanni sta alla base anche della mancanza di farmaci salva-vita nei Paesi poveri. Non basta: il Wto sta promuovendo a tutto spiano la privatizzazione e lapertura al libero mercato estero di praticamente tutti i servizi alla cittadinanza, anche di quelli essenziali come sanit, acqua, istruzione e assistenza agli anziani, con regole che impediranno di fatto agli

amministratori locali la tutela dei cittadini meno abbienti che non possono permettersi servizi privati. Ovviamente questi Accordi sono vincolanti su qualsiasi legge nazionale, esautorando quindi i nostri politici dalla gestione dei capitoli-chiave della nostra economia. La strategia del club e del Wto, naturalmente, si avvale anche del terzo organo del super-potere: i lobbysti. Paolo Barnard li chiama i suggeritori. Sono loro che vengono ricevuti in privato da ogni politico che conti al mondo e che gli suggeriscono (spesso dettano) i contenuti delle leggi e dei decreti, ma anche delle linee guida di governo e persino dei programmi delle coalizioni elettorali. I suggeritori italiani sono un migliaio, ma diventeranno almeno diecimila entro una decina danni, scriveva Barnard nel 2008, citando lagenzia Reti dellex dalemiano Claudio Velardi e lattivit di lobbying condotta da vari gruppi per finanziare politici e averne in cambio enormi favori. Con una stima basata sui bilanci passati, si calcola che il denaro sommerso versato alla politica italiana ammonti a diverse decine di milioni di euro allanno, provenienti dai settori edile, autostradale, metallurgico, sanitario privato, bancario, televisivo e immobiliare. Le ricadute sui cittadini: leggi e regolamenti che vanno a modificare, spesso in peggio, la nostra economia di vita e di lavoro. Nessuno ne sembra immune: Barnard cita gli oltre 2 milioni di euro finiti nel 2008 allUdc, l80% dei quali provenienti dallimmobiliarista Caltagirone (pensate alla libert di Pierferdinando Casini nel legiferare in campo immobiliare), o i 50.000 euro a Di Pietro dalla famiglia Lagostena Bassi, che controlla il mercato delle Tv locali ma che contemporaneamente serve Silvio Berlusconi e foraggia la Lega Nord. E il famigerato Ponte sullo Stretto? Un favore al gruppo Gavio, forte di 650.000 euro versati al Pdl. Quanto ai suggeritori americani, si entra nel Guinness dei Primati: al prezzo di due milioni di morti fra Iraq e Afghanistan, stata la lobby del petrolio a puntare sulle guerre di Bush e i relativi profitti del greggio schizzato alle stelle. Dick Cheney e James Baker III, ma anche lex della Enron Kenneth Lay, il presidente del Carlyle Group, Frank Carlucci, e poi Robert Zoellick, Thomas White, George Schultz, Jack Sheehan, Don Evans, Paul ONeil: rispettivamente, a servizio di Shell, Mobil, Union Carbide, Huntsman, Amoco, Exxon, Alcoa, Conoco, Carlyle, Halliburton, Kellog Brown & Root, Bechtel e Enron. Se George Bush junior resta il politico pi oliato nella Storia americana, Obama si difende con la lobby finanziaria-assicurativa: Quando nel 2008 crollano le banche Usa dopo aver truffato milioni di esseri umani e migliaia di altre banche internazionali, 7 milioni di famiglie americane perdono il lavoro e lintera economia mondiale va a picco, Italia inclusa, il nuovo presidente firma unemorragia di denaro pubblico dopo laltra per salvare il deretano dei banchieri truffatori. Lalibi di Obama: rianimare leconomia (dai 5.000 agli 11.000 miliardi di dollari, secondo le stime), senza che neppure uno dei super-truffatori finisca in galera. Anzi: il suo governo ha chiamato a ripulire i disastri di questa crisi globale gli stessi personaggi che lhanno creata. Invece di farli fallire e di impiegare il denaro pubblico per la gente in difficolt, Obama e il suo ministro del Tesoro Timothy Geithner gli hanno offerto una montagna di denaro facile affinch comprino i debiti delle banche fallite. Grazie al piano-Obama, i delinquenti della finanza hanno ricevuto da Washington l85% del denaro necessario per comprare quei debiti, mettendo di proprio solo il 15%, e riservandosi ulteriori, lauti profitti in caso di ripresa, senza dover restituire il super-prestito a fondo perduto. E il solito socialismo al limone: le perdite sono dei contribuenti e i profitti sono degli investitori privati. Se n accorto il Washington Post, che ha accusato Obama di non aver posto alcun limite agli speculatori che causarono la catastrofe. Domanda: quanto denaro ha preso Obama in campagna elettorale dalle lobby finanziarie? Risposta: 38 milioni di dollari. Altri 20 milioni, continua Barnard, Obama li ha intascati dalle lobby assicurative sanitarie, che ha ricambiato con una falsa riforma della sanit che in realt non ha nulla di pubblico ed un ulteriore regalo ai giganti delle assicurazioni private, numerosissimi nella schiera dei 40.000

lobbysti che assediano giornalmente Washington. Compresi gli alfieri del network pi leggendario, la lobby ebraica, che condizionano la superpotenza: vietato mettere in dubbio la politica di Israele. Nel 2002, proprio mentre lesercito israeliano reinvadeva i Territori Occupati con i consueti massacri indiscriminati di civili, a Washington fu sommerso dai fischi lallora viceministro della difesa Paul Wolfowitz, super-falco neocon e filo-israeliano, che si era permesso di citare le sofferenze palestinesi. E prima ancora, nel 1992, il presidente uscente Bush fece un clamoroso passo falso: minacciando di bloccare 10 miliardi di aiuti se Tel Aviv non avesse frenato gli insediamenti ebraici nei Territori, perse i due terzi dellelettorato ebraico che laveva sostenuto nell88 e spian la strada alla vittoria di Clinton. Anche in Europa le lobby fanno la loro parte, mettendo in campo 15-20.000 suggeritori, che arrivano a spendere un miliardo di euro allanno per condizionare le scelte della Commissione Europea, che dopo il Trattato di Lisbona diventata il vero centro decisionale del continente, il super-governo (non eletto) di tutti noi, con poteri immensi. Le grandi aziende rappresentate sono migliaia: tra queste Fiat e Pirelli, Barilla, Canon e Kodak, Johnson & Johnson, Motorola, Ericsson e Nokia, Time Warner, Rank Xerox e Microsoft, Boeing, Dow Chemicals, Danone, Candy, Shell, Hewlett Packard, Ibm, Carlsberg, Glaxo, Bayer, Hoffman La Roche, Pfizer, Merck. E poi banche, assicurazioni, investitori. E un assedio alla politica, secondo Barnard, ma anche un vero e proprio attentato alla democrazia, perch sono i miliardari a imporre le decisioni, per giunta ad istituzioni comunitarie non pi dirette da politici regolarmente eletti. Da non trascurare, aggiunge Barnard nella sua diagnosi, linfluenza del quarto organo del superpotere mondiale, ovvero i think-tanks: letteralmente serbatoi di pensiero, per sviluppare idee destinate a condizionare la politica. A lanciare loffensiva fu Lewis Powell nel 1971, quando denunci una guerra ideologica contro il sistema delle imprese e i valori della societ occidentale e, per Barnard, diede il via alla riscossa delle lite e alla fine della democrazia partecipativa dei cittadini. Le destre economiche ambivano a riconquistare il mondo e sottomettere la politica, cio a divenire il vero Potere. Come? Armandosi di idee, raccogliendo denaro, selezionando cervelli e plasmandoli, per poi immetterli nel sistema di comando della societ, infiltrandolo tutto. Oggi le super-fondazioni sono 336, distribuite in ogni continente. Una delle pi note e aggressive lAdam Smith Institute di Londra, che ostenta unarroganza di potere tale da vantare come proprio motto questo: Solo ieri le nostre idee erano considerate sulla soglia della follia. Oggi stanno sulle soglie dei Parlamenti. La politica-marionetta, dice Barnard, il braccio esecutivo del vero potere. Spesso, i nostri ministri economici, i nostri banchieri centrali, ma anche presidenti del Consiglio (due nomi: Mario Draghi e lallora primo ministro Romano Prodi) si trovano a cene o convegni presso queste fondazioni / Think Tanks, di cui in qualche raro caso i Tg locali danno notizia. In apparenza cerimonie paludate e noiose, in realt ci che vi accade che ministri, banchieri e premier vi si recano per dar conto di ci che hanno fatto per compiacere allidea economica del vero Potere. Ovvero: minime regolamentazioni per il business e governi pi marginali, secondo i dettami del noto Omega Project emanato dallAdam Smith nel 1982: direttive che hanno regolarmente divorato la vita pubblica in Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti, e che ormai hanno varcato la soglia del Parlamento anche in Italia: con la super-manovra di Tremonti imposta da Bruxelles, come se il vero potere descritto col largo anticipo da Paolo Barnard avesse gettato la maschera. Eppure, i segnali erano chiarissimi. Barnard ricorda il 16 settembre 1992, quando George Soros decise di spezzare la schiena alla Gran Bretagna vendendo di colpo qualcosa come 10 miliardi di sterline. Il finanziere caus il collasso del valore della moneta inglese, che fu cos espulsa dal Sistema Monetario Europeo: Soros si intasc oltre 1 miliardo di dollari, ma milioni di inglesi piansero lacrime amare e il governo di Londra ne fu umiliato. Per non parlare dello speculatore

John Meriwether, che aveva irretito praticamente tutte le maggiori banche del mondo con 4,6 miliardi di dollari ad alto rischio. I suoi manager si fregiavano del titolo di padroni delluniverso, ma nellagosto del 1998 contemplarono il crollo dei mercati mondiali per causa loro; la Federal Reserve dovette poi intervenire in emergenza, col solito salvataggio a spese dei contribuenti. Un copione che si ripetuto durante lultima crisi, con lo speculatore internazionale Joseph Cassano che, franati i suoi investimenti-truffa da 500 miliardi di dollari, telefona alla casa Bianca per dire: Sorry, ho mandato al diavolo la vostra economia. Panico mondiale, fine del credito al mondo del lavoro di quasi tutto il pianeta e, sul piatto di noi cittadini, ecco servita la crisi economica pi pericolosa dal 1929 a oggi. Colpa di quello che Barnard chiama il Tribunale degli Investitori e degli Speculatori Internazionali, altro braccio armato del vero potere che sta privatizzando il mondo, a tappe forzate, espropriando Stati e cittadini. Altro che Tremonti o Confindustria: nel mondo odierno esiste una comunit di singoli individui privati capaci di movimentare quantit di ricchezze talmente colossali da scardinare in poche ore leconomia di un Paese ricco, o le economie di centinaia di milioni di lavoratori che per esse hanno faticato unintera vita, cio famiglie sul lastrico, aziende che chiudono. Le loro decisioni sono come sentenze planetarie. Inappellabili. E irte di cifre mostruose: Stanno facendo oscillare sul pianeta qualcosa come 525.000 miliardi di dollari in soli prodotti finanziari derivati, cio denaro ad altissimo rischio di bancarotta improvvisa. E possibile che i mercati facciano sparire, di colpo, centinaia di miliardi, provocando perdita di posti di lavoro, precarizzazione e relativo effetto-domino sulleconomia. Basta che qualcuno non sia entusiasta dellobbedienza dei politici, o che abbia intravisto una convenienza speculativa. Questa tirannia del vero Potere, scrive ancora Barnard, prende il nome tecnico di capital flight: letteralmente, capitali che prendono il volo. E semplicemente denaro in cerca di maggiori profitti, per dirla con Investors.com. Si tratta di flussi enormi di capitali in uscita da un Paese: spesso cos enormi da incidere su tutto il sistema finanziario di una nazione. Peccato che di mezzo ci siano i soliti, ingombranti esseri umani: a milioni. Il Tribunale degli speculatori chiude il cerchio, la super-piramide retta dal club e dal Wto con lappoggio dellUnione Europea, dei lobbysti e dei think-tank. Vi si potrebbe aggiungere il World Economic Forum, il Codex Alimentarius, lFmi, il sistema delle Banche Centrali, le multinazionali del farmaco, dice ancora Barnard. Senza trascurare le mafie: perch traffico di droga, prostituzione, traffico darmi e riciclaggio di rifiuti tossici sono servizi che le mafie praticano per conto di committenti sempre riconducibili al vero Potere, o perch da esso condizionati, oppure perch suoi ingranaggi importanti. Ed ecco composto il puzzle dellorrore, da cui derivano i problemi capitali della nostra vita di cittadini, o addirittura i drammi quotidiani che tante famiglie di lavoratori patiscono. C qualcuno che decide tutto, al di sopra qualsiasi controllo. Se vi sta a cuore la democrazia, la giustizia sociale e la vostra economia quotidiana di lavoro e di servizi essenziali alla persona conclude Barnard nel suo appello allora dovete colpire chi veramente opera per sottrarceli, cio il vero Potere. Ci si organizzi per svelarlo al grande pubblico e per finalmente bloccarlo. Ora lo conoscete, e soprattutto ora sapete che razza di macchina micidiale, immensa e possente esso . Se gli attuali metodi di lotta dei movimenti sono pietosamente inadeguati, infantili chimere, fuochi di paglia che mai un singolo attimo hanno impensierito quel vero Potere, secondo Barnard per arginare un titano di quella portata lunica speranza opporgli unorganizzazione di attivisti e di comunicatori eccezionalmente compatta, finanziata, ferrata, disciplinata, su tutto il territorio, al lavoro sempre, implacabile, nei luoghi della gente comune, per anni. Altra speranza non c. Sempre che ancora esista, una speranza.