You are on page 1of 364

Titolo originale

Introduction to Logical

Theory

Mcthucn & Co., Ltd, London O 1V6I Giulio Einaudi editore S. . ., Torino Traduzione di Aldo Visalberghi

P. F. Strawson

Introduzione alla teoria logica

Giulio Eiuaudi editore

ndice

p. XIII
XIX XXI

Preiasione Avvertenza Prefazione

del

tratluttore terminologica dell'autore

I. Valutazione logica
3 I. 4 5 6 8 11 13 14 li. 17 19 1. V a l u t a z i o n e l o g i c a c v a l u t a z i o n i d ' a l t r o g e n e r e

Incongruenza
2. Le parole di valutazione logica hanno significati fra loro connessi 3. C o n t r a d d i r e se s t e s s i 4. Le a s s e r z i o n i e n o n g l i e n u n c i a t i p o s s o n o e s s e r e incongruenti fra loro 5. P r e d i c a t i i n c o m p a t i b i l i 6. N e g a z i o n e 7. D e f i n i z i o n e 8. R e g o l e l i n g u i s t i c h e c r e l a z i o n i l o g i c h e

Ragionamento
9. Argomentare, provare, inferire: validit 10. N o n t u t t i i ' p a s s a g g i v a l i d i ' s o n o p a s s a g g i n e l ragion amento,

ili.
21 22 26 28 32 33

Il

vocabolario

di

secondo

ordine

del

logico

11, U s o d e l l e p a r o l e d i o r d i n e s u p e r i o r e del l o g i c o 12. C o n t r a r i e e c o n t r a d d i t t o r i e 13. I m p l i c a n z a c i n c o n g r u e n z a 14. A s s e r z i o n i cessit logicamente necessarie; implicanza e ne-

15. U n p r o b l e m a c i r c a l ' i m p l i c a n z a 16. E q u i v a l e n z a l o g i c a ; s u b c o n t r a r i e t : c o n d i z i o n i necessarie e sufficienti

Vili

Indice

II. Logica formale


p. 35 1. Il logico f o r m a l e non un c o m p i l a t o r e di elenchi

I.
35 36 <12 43 44 16 51

Generalit.

Vuso

delle

formule

2. La generalit delle asserzioni di itnplicanza del logico 3. L'uso delle formule 4. I m p l i c a n z a f r a e n u n c i a t i e f r a f o r m u l e 5. La g a m m a di valori di una variabile 6. F o r m u l e ' i n c o n g r u e n t i ' e f o r m u l e ' l o g i c a m e n t e necessarie ' 7. F r a i n t e n d i m e n t i di ' Z> 8. R a g i o n i d e l l ' u s o di ' Z>

il.
53 57 6U 62 65 68 70 ili. 74 77 81

Forma
9 . L e l i m i t a z i o n i i m p l i c i t e nel t e r m i n e ' f o r m a l e ' . Regole per modelli rappresentativi 10. A n a l o g i e f o r m a l i e i n t e l a i a t u r e v e r b a l i 11. U n ' a n a l o g i a f o r m a l e s e n z a i n t e l a i a t u r a : l a t r a n s i t i v i t 12. C o s t a n t i l o g i c h e 13. F o r m e l o g i c h e d i a s s e r z i o n i s p i e g a t e i n t e r m i n i d i analogie formali 14. F o r m a logica e f o r m u l e del logico 15. E r r o r i c i r c a l a f o r m a l o g i c a

Sistema
16. L ' i d e a l e l o g i c o di s i s t e m a , e i s u o i e f f e t t i 17. M e t o d i d i s i s t e m a t i z z a z i o n e 18. S i s t e m i a s t r a t t i e l o r o i n t e r p r e t a z i o n e

III. Funzioni di verit


I. 84 86 91 93 97 II. 101

Tavole

di

verit

1. Regole di formazione 2. 1 significati dei s i m b o l i del sistema 3 . U s o d e l l e t a v o l e nel d e t e r m i n a r e c o n d i z i o n i d i v e r i t 4 . U s o d e l l e t a v o l e p e r s t a b i l i r e r e l a z i o n i l o g i c h e e formule di controllo 5. Alcune leggi del sistema

Costanti

vero-funzionali

parole

ordinarie

6. I i' i d e n t i f i c a z i o n i u s u a l i

Indice
p. 102 103 107 116 116 7 . ' ~ ' e ' non ' B. ' . ' e d ' c " 9. ' D ' e " se ' 10. ' = ' e ' se e s o l t a n t o se ' 11. ' V ' e ' o
1

IX

.
120 123 126 129

Il

Costanti vero-funzionali e sistema deduttivo delle

relazioni logiche. vero-funzioni

1 2 . ' r) ' ed ' e s i g e ' 13. L a f u n z i o n e e o n s e g n o d i s b a r r a t o ( o d i S h e f f c r ) 11. Il sistema deduttivo delle vero-funzioni 15. E s e m p i d i d e r i v a z i o n i

IV. Logica delle classi: interpretazione alternativa del sistema tabellare


131 132 138 142 152 I. Il sistema c o m e esercizio astratto 2. Un'interpretazione alternativa. Classe-espressioni e classe-costanti 3. F o r m u l e di classe-asserzione 4. L'uso delle tabelle p e r stabilire regole logiche circa le formule di classe 5. Paralleli con linguaggio ordinario. Ricsprcssionc di regole c o m e i m p l i c a n t e fra f o r m u l e di classe-appartenenza 6. Limitazioni di un tale uso del m e c c a n i s m o tabellare

154

V. Formule predicative e quantificatori


I.
160 165 172 177 II. 183 188 192

Gli

elementi

<lei
fra

sistema
sistema

predicativo
di classe e sistema vero-fun-

1. R e l a z i o n i zionale

2 . P a r a f r a s i i n n u o v a n o t a z i o n e d e l l e f o r m u l e d i classeasserzione 3. P r o v e nella nuova notazione 4. Quantificazione m u l t i p l a e predicati relazionali

Il sistema preliminari
5. La tive :

predicativo

il

linguaggio

ordinario:
e predica-

distinzione fra espressioni riferimento e descrizione

individuali

6. A r g o m e n t i usati in favore del s i m b o l i s m o del sistema 7. ' (BAT)' e t e m p i v e r b u l i

Indice

VI. Soggetti, predicati ed esistenza


I. p. 1 9 5 199 205

sistema

tradizionale

delle

proposizioni

categoriche

1. F o r m u l e 2. Leggi .1. S i s t e m a t i z z a z i o n e

II.
209 211 ili. 2Ili 222 230 234 230 244 247

Le

critiche

ortodosse

al

sistema

4. Il d i l e m m a di esistenza 5. E s a m e dettagliato del d i l e m m a

Soggetti

predicati

6. lina soluzione formalistica 7 . I.a s o l u z i o n e r e a l i s t i c a : p r e s u p p o s i z i o n e e i m p l i c a n z a 8. Classe-appartenenza e classe-inclusione. Asserzioni soggetto-predicato 9. Significato dell'analisi delle asserzioni generali come congiunzioni di asserzioni singolari 10. A s s e r z i o n i s i n g o l a r i i n i z i e n t i c o n ' il ' e ' un ' 11. ' E s i s t e ' non e un p r e d i c a t o 12. L i m i t a z i o n i del s i s t e m a t r a d i z i o n a l e

VII. Asserzioni generali e relazioni


.
250 250 253 258

Asserzioni

generali
delle asserzioni generali soggetto-

1. Le vero-condizioni predicato 3. Asserzioni di leggi 4. L'impossibilit ciati generali di

2. Differenti generi di enunciati generali una classificazione netta di enun-

II.
260 262 263 264 265 268

Relazioni
5. Transitivit 6. Simmetria 7. Relazioni dirette e converse 8. F o r z a t u r e n e l l ' u s o d e l t e r m i n e ' r e l a z i o n e ' 9. T e n t a t i v i di r i d u r r e le i n f e r e n z e r e l a z i o n a l i 10. L e f o r m e l o g i c h e d i a r g o m e n t a z i o n e

Indice

V i l i . Due tipi di logica


I. p. 2 7 2
276 280

La

logica

formale:

applicazioni

limitazioni

1. R e g o l e Hi i m p l i c a n z a e r e g o l e <li r i f e r i m e n t o 2. Enunciati logicamente ideali 3. L'uso del m o d e r n o s i m b o l i s m o logico v e r i t n e c e s s a r i e e di l e g g i n a t u r a l i in sistemi di

il.
288 292 293

Differenze di

tipo

regole

di

formazione

4. Regole di f o r m a z i o n e e regole di g r a m m a t i c a 5. Restrizioni non grammaticali di tipo 6. La credenza metafisica in tipi fondamentali

ili.
296 298

Im

logica

del

linguaggio

7. La fluidit di linguaggio 8. La logica del linguaggio o r d i n a r i o

IX. Ragionamento induttivo e probabilit


I. 300 305 310 312 314 318

Suffragio

probabilit
ecc.

1. R a g i o n a m e n t o non deduttivo 2. Gradi di s u f f r a g i o : l'uso di ' p r o b a b i l e 3. Suffragio e f r e q u e n z e relative 4. Suffragio e p r o b a b i l i t n u m e r i c h e 5. Grado di suffragio per le generalizzazioni 6 . A s s e n z a d i r e g o l e p r e c i s e p e r l a d e t e r m i n a z i o n e dell'evidenza

II.
320 323 325 330 332 335

IM

'

giustificazione

'

dell'induzione

7. Il d u b b i o e la s u a f o n t e 8. Si vorrebbe una suprema premessa per le induzioni 9. Il tentativo di trovare una giustificazione m a t e m a t i c a 10. L ' i n s e n s a t e z z a d e l l a r i c h i e s t a 11. Q u a l u n q u e f e c o n d o m e t o d o d i s c o p e r t a d e v e e s s e r e induttivamente suffragato. 12. L a c r e d e n z a c h e l ' i n d u z i o n e p e r e s s e r e l e g i t t i m a ric h i e d a un ' p r e s u p p o s t o ' si f o n d a p r o b a b i l m e n t e s u l l a confusione fra due diverse questioni

341

Intlire

analitico

Peter Frederick Strawson, che un


ria logica

filosofo egli

del linguaggio piutalla teo-

tosto che un logico formale, scrivendo questa non gi ci ha inteso, secondo che di buoni Egli si propone costituisce quello traduce affatto a di in in indispensabile e i si lineamenti il numero logica ma la ch' logici di . c' non gli sono per nulla abbia aspetti spesso tali, Russell
le

Introduzione

stesso di

precisa, accrescere alle


tecniche

notevole non

manuali bens il

introduttivi punto le

della lettore, bens pale, stemi il

moderna. condizione formali ci

orientare d'arrivo

in esse del fra

il

libro, princisiapdirsi

realizzarne analizzare logici una questo del e

l'intento relazioni discorso

dichiaratamente

ordinario , critica pu di

che logico Non

necessariamente

considerazione in che nel facile

profondita

che propriamente, di sorprendente di pi i pi generici pi

quelli, una senso

nel e di

fatto pi
i

introdupresendi una rico-

zione tarci

carattere

elementarit
semplici,

solo

assimilazione di volta una in


alla

una disciplina. disciplina nosciuti lia senso punto strada. che scritto

Gli elementi pi i

fondamenti Anche

problematici a sua della

perci,

diffcili

chiarirsi.

matematica,
filosofa

all'inizio cose pi al si pi

Introduzione

matematica,

ovvie e facili principio, logica, n da individuano bens si

non sono sono dire n senso pu

quelle che, che, a gli non logico)

in dal

logico, di non vista Proprio sono cosi n

vengono della come n sono troppu

quelle vengano

deduzione lontanissimi facili semplici

met oggetti n . troppo

pi

facilmente i in concetti

vicinissimi, afferrare "

piccolissimi

grandissimi, complessi

(" semplici

XIV

P r e f a z i o n e del t r a d u t t o r e

E gli che d'uso il

per

l'appunto pi

Strawson elementari l'uso, a

dedica dei

buona calcoli della parte e

parte logici e

della

sua

attendifficolt ad sua

zione a concetti " semplici " strumenti ne del accompagnano linguaggio lo non alcuni a

in senso logico causa Gran e prone ma degli classica, presa

, cio all'analisi dedelle tendenza le della

spontanea dello V.

operare affrettate identificazioni fra di essi, e fra di essi e ordinario. come teoremi spazio Quine di trattazione egli libro, (salvo riserva, osservava W.

regole

recensendo decisione e alla e

procedimenti

schematici e la

esempi), critica

all'interpretazione strumenti che di logici Strawson coscienza sia e nel

critica
della rivaluta, tazioni gio troppo dichiarate. superiorit non tore, zioni a e role me possa gico che operate di gli degli

(Mind,

1953, pp. 433-451).


moderni delle sillogistica una sia nei acutamente limilinguagquesto non una let-

L'interpretazione stessa teoria significano implicite ordinario, fluido Intento dei e

progressiva sistemi relativamente nascosto di

logico-formali, parziali Strawson come massimo, tali, e in

quelli non

schematici, presupposizioni

ricco di funzioni allusive e di

tuttavia di difendere di il cii) far fatto di che profittare vigili e d'altronde distin-

lo studio della logica del linguaggio ordinario dal dogma sistemi di della Egli e formalizzati profittare logica abilita al impedisce sviluppi il senso teoria

formale cosi, in di

metodologiche. dalla ordine e

modo alcune

diretto tipiche fra fra

disinvolto, distinzioni linguaggio u pacodimensione

cogliere

l'importanza con del sistemi che la a filosofo cultura la pi della astratti

contemporanea,

come e logica e di

quella quella (qui loro la quella fra negli

metalinguaggio

(indicalo superiore i a

accessibile

espressione introdotta di

logico )

sintattica Per prensione. ha

dimensione riteniamo senso quello di

semantica

distinzione fra questo quel validamente formale e

interpretazione). Strawson d'incomdel loe in genere,

lettura rompere e

quest'opera il

contribuire del la

barriera lavoro

sostanziale

estraneit italiana

dell', umanista ultimi

contrassegnato

decenni

X I V P r e f a z i o n e del t r a d u t t o r e

che solo un studiosi dimostr dinario

da

poco di di

sembra recente anni anzich un suo

entrata ancora per di 3). come i una

in

fase Il

regressiva pi che senile

per

opera di

di

manipolo negli

studiosi ultimi di

esiguo.

autorevole

questi Peano orsi loforse molti volto domini fusi di che

notava testimoni,

l'interesse decadenza

Giuseppe secondo degli

problemi logici del linguaggio ampliamento interessi

favoleggiato, UMI di ,

ardito Ma

gici (L. Geymonat, P e a n o e le sorti d e l l a l o g i c a in I t a l i a , Bollettino numero a 1959, n. atti quest'ampliamento, sicch a in avvenuto Italia per troppo tardi, non trov da noi n il clima adatto, n un sufficiente volenterosi per la in la logica , a svilupparlo, proprio e legittima contro il lustri si gabell squalificare messi effetti del logica l'abile gioco dialettico respingerla che loro a zelante dei svolgere insieme altro e problema il n di verso loro affari. il suo quello del compito di nelle chiarifiscienze fra ordinadella ricolrape giustamostra in campo di costruci effetti volta che

pseudo-concettuali dovesse

soprattutto

matematici, troppo pu svolga non il

rono diceva In catrice stesse, i sit logica guardo. loca porti logica mente scarsa zione insegna

sospetto occuparsi logica

controllore

esclusivamente difficilmente non se esiste

ancilla

scientiae

quando comune, compresa, e

discorso simboli non

perch

matematica

rapporto

particolari di

algoritmi di facile il

impiegati

linguaggio il

rio di cui non possono compiti In di del o contemporanea questo uno aiuto e come

mai fare del tutto a espletamento, del tutto presente reciproco Egli per, nella col a libro fra

meno.

Questa complespanorama a tale s

mondiale panorama chiarimento ordinario. da fiducia piuttosto logico

confortante

Strawson

dei pi

vigorosi

tentativi di

ristabilire fecondi logica gli formalizzata stalo citata,

linguaggio nessuna e ritiene il

come logica

rimproverato

Quine che per

recensione suo -

nell'utilit della formale pu

formale e in

scientifico -

procedimento molte 76). cose

sistematica se logica

insegnarci, (p.

pur solamente del discorso

contrasto

importanti

circa la

ordinario

XVI

Certamente contro ressare condo un scipline [...] altre abbia sua a solo pi una soltanto la fisico, come

appare o un un il quasi di

agevole della Quine sar ha . appare che di nei pi si lo

elevare logica e un di il

l'accusa come filosofo individuo del fisica,

di della

unilateralit di scienza, inteseche

considerazione

suscettibile

scienziato

supposizione e

ipotetico

matematico, e magari anche un cultore di altre diche interessa alfine il a imparato (ci ben linguaggio ordinario in non sua nella cosa) ben meccain funcapaci il suo tradutil , losicmezzo quale o di per procedere in parafrasare addirittura matematica e quando nella della e il comune il bello

scientifiche, scienze . logica,

soddisfatto pensare

bisogno logica,

discorso che

notazione

perch

direttamente

notazione Quest'ideale

farla pensare per lui se solo logico della nella d'altra un cui si si

unilaterale pensa sviluppato

nondimeno da meno questa cervelli e Strawson appassionato le regole mai fluidit in un di Leibniz o

legittimo in poi

concreto, nismo zione di trionfo Ma trici gico che pare pure Di studio difficolt giore che a per piante

almeno

consapevolmente materiali tendenza effettivi ha .


macchine

realizzazione cibernetica parte topografo possano non alla dar e

meccanismi a

pensare per l'uomo

, e che

avuto

elettronici le

proprio

la cibernetica

sembrano volendo che

ragione che sia

quando della

paragona geometria figure

ch non

usare nei suoi disegni altro che esser fornite corrisponderanno sistematizzazione e cosi del presenta. secondo di l d'implicanza da sapiente. viva Per un e di quelli in Strawson, ordinario, poterlo numero che di di

geometriottiene all'origiapsia lo

costruzione completamente e calcolo far

nale . Il linguaggio ordinario, nella sua irriducibile il pi qui della che complesso l'esigenza, logica esso pensare quelle di analisi

flessibilit. qualsiasi, progredire le assai usare alla egli

linguaggio

malgrado dimensioni ed

molte specifica, magmolti logica

realizzare,

dobbiamo

contraddizione,

strumenti

appartengono

Prefazione del traduttore

XVII

formale l'opera tiene, in tipo Moore e

(pp. ha G.

298-99). dalla avuto Ryle di

Questa scuola i suoi nel secondo pi per

una

chiara cui

difesa del Strawson ed ha

valore delapparG. E. in di

intrapresa e che in

analitica

stesso

Wittgenstein, noti antesignani. filosofia . Non da da un'espansione scuola analitica Moore

Ed della

pienamente questo olpi compoche forchiari(fra Wright), di a poco loindi dei logica

accordo con l'indicazione prodotti fallacia

gli sviluppi della Strawson del linguaggio della

analitica per nulla uno

tre l'uso cospicui della preso

assertorio

filosofici naturalistica

quell'argomento altri,

elaborato mai tutto del e sono

e da

lo stesso Strawson, per cui legittimamente non che di ci in dimostra una tali per essi inferire del logica campi sembra

premesse assertorie si valutative. la fiducia non ordinario,

trebbero Tuttavia Strawson malizzata, menti. A scutibili,

conseguenze giustificata discorso vi apporti

investa

sostanziali indipendenti

parte il fallo che non costruire

mancati tentativi, sia pur diformalizzati

sistemi

i quali il pi noto la logica deonlica di G. II. von ancora s u b j u d i c e assertorio e giacch problema ad esso morali, poi degli del , linguaggio rilievo, gico timo debiti no. si N si tratta umane della scientifico correnti di di in un quello problema E

il problema stesso di una netta distinzione fra lega strettamente sociali e legato oggetti metodo verso le quello dello s t a t u s senza

delle scienze

genere. del alle

quest'ul-

perseguibilit,

impoverimenti estensione valori scarso con queste

indagine,

programma faccende e

un'effettiva e agli stessi mente che Ma gamente linguaggio perviene misura


2

umane marxisticonsidee cui

il quale convergono, sia naturalistiche affatto fra

pur confusa-

e del

accordo, non

pensiero

contemporaneo. diminuiscono le relazioni formulabili marginali avvia ad l'alta

osservazioni a (e

razione di cui degna l'opera di Strawson, che non solo cosi larimpegnato ordinario in di tale chiarire le riescono ma logica i ed alla formale risultati riserve circa rispetto intendere

proposito

generosa

impegno),

approfondire

XVIII

P r e f a z i o n e del t r a d u t t o r e

proprio pu tivo largo dar o discorsi

la

caratteristica conto, a

del e di al

linguaggio giudizio, ottativi esempi contesto via si

ordinario rispetto sulla e non quale solo da analisi a

che quello

soprattutto dei insiste nel ma dimoEspe-

nostro valutativi Questa ricchezza

dell'apparente

eterogeneit Straivson linguistico, altri in mio al ed la di

imperativi, assertorio. con

descrit-

caratteristica,

continuamente esistenziale. Procedendo strare assertori


rienza c

felici,

consiste

riferimento per la

implicito

questa piena

stessa mi

tentato

proprio ( in

traducibilit permetto dalla dover di sulla ancora presente insieme nota dovuto in un una

degli di lettura rendere

imperativi rimandare accurata qui della tentativo:

enunciati

proposito

v a l u t a z i o n e , Torino 1958. cap. I I ) . Ma tale dimostrazione

stata

facilitala del il si che sia sui la i

precisamente credo di infatti pi e in ho intrinseco

attenta

di qua-

Strawson, lunque di operata a per

testimonianza, funzione

valore

quel base che la

mio sui

rilevanza slimolatrice

un'opera

misura che qui quali

dissenzienti fluidit

consenzienti. io lista non dei sia riuscito del anche a fine di testo del renchiarezza

probabile Fornisco

nella

traduzione breve

rendere rendere

cristallina

originale. prezioso italiani dere delle stabilit riamente la

termini-chiave vocaboli Quest'elenco giustificazione conflitto fra necessa-

ricorrere senso

(avvalendomi Iiossi-Landi) inusitato, al dell'inglese. parziale ogni si quale

consiglio inusitati. o maggior da dell'uso risolvere solo,

dell'amico impiegati ricchezza posso mio danno del a

Ferruccio terminologica presumere, lavoro, ed di nel eleganza

costituisce

una

imperfezioni

terminologico

dovuto

quest'ultima.
ALDO VISALBKRCHI

P . F . .Strawson n a t o a L o n d r a n e l 1 9 1 0 ; h a s t u d i a t o f i l o s o f a , p o l i t i e a e d econ o m i a ad O x f o r d : dal 1948 p r o f e s s o r e a l l ' U n i v e r s i t y C o l l e g e di O x f o r d , e socio, dal I960, della Kritish A c a d e m y . Oltre al presente volume, ha pubblicato presso M e t h u e n , nel 1 9 5 9 , Individuals: An Essay in Descriptive Metaphysics. e n u m e r o s i saggi nelle principali riviste filosofiche anglosassoni.

Avvertenza
Abbiamo

terminologica.
regolarmente reso : con enunciato asserzione asserire asseverare denegare, diniego (in)congrucntc ( incongruenza esigere venire esatto implicanza suffragio, suffragare.

sentence statement state assert, assertion deny, denial (injeonsistent ( in )consistency entail to be entailed entailment support

Q u e s t i u l t i m i d u e t e r m i n i c o m p a i o n o s o l t a n t o nel c a p i t o l o f i n a l e , d e d i c a t o al r a g i o n a m e n t o i n d u t t i v o e a l l a p r o b a b i l i t , e si r i f e r i s c o n o a l l a c o m p r o v a c s p e r i c n z i a l e dell'induzione. Il ricorso in altri casi a termini italiani inusitati o q u a s i , s t a t o r e s o n e c e s s a r i o d a l f a t t o c h e i t e r m i n i i m p i e g a b i l i p i in u s o d o v e v a n o e s s e r r i s e r v a t i a l l a t r a d u z i o n e d i a l t r e p a r o l e i n g l e s i a d e s s i p i sim i l i . C o s i i m p l i c a z i o n e r e n d e l ' i n g l e s e implication, e p e r t r a d u r r e entailment, n o n p o t e n d o s i u s a r e e s a z i o n e , c h e s a r e b b e c o r r i s p o s t o a l l a r e s a d i to entail c o n u e s i g e r e t, si d o v u t o r i c o r r e r e ad i m p l i c a n z a .

Prefazione

C i s o n o o g g i molti m a n u a l i e m o l t e t r a t t a z i o n i t e c n i c h e d i log i c a f o r m a l e , e d i o non h o t e n t a t o d i a c c r e s c e r n e i l n u m e r o c o n q u e s t o l i b r o . P a r e c c h i d i q u e i testi, p e r q u a n t o s p e s s o e c c e l l e n t i n e l l e l o r o e s p o s i z i o n i d e g l i a s p e t t i t e c n i c i e s i s t e m a t i c i d e l l a log i c a , t r a t t a n o i n m o d o r e l a t i v a m e n t e s c h e m a t i c o , e non d i r a d o piuttosto fuorviente, delle relazioni fra i sistemi logico-formali che presentano e i lineamenti logici del discorso ordinario. Quest'omissione fa si che sia lasciato nell'ombra anche il vero carattere della stessa logica formale. Perci questo libro si p r o p o n e d u e scopi c o m p l e m e n t a r i : il p r i m o di rilevare alcuni punti di contrasto e d i c o n t a t t o f r a i l c o m p o r t a m e n t o d e l l e p a r o l e nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o e il c o m p o r t a m e n t o d e i s i m b o l i in un s i s t e m a l o g i c o , il s e c o n d o di c h i a r i r e , a un l i v e l l o i n t r o d u t t i v o , la n a t u r a d e l l a stessa logica f o r m a l e . La quantit di m a t e r i a l e e l e m e n t a r e della logica f o r m a l e qui inclusa sufficiente a fornire u n a base p e r la d i s c u s s i o n e filosofica d e l l a s u a n a t u r a , e p e r s e r v i r e , se lo si desidera, da introduzione a trattazioni tecniche pi avanzate. Giacch il l i b r o inteso a fungere da introduzione generale alla logica, ho aggiunto un capitolo conclusivo sull'induzione e la probabilit. Desidero riconoscere il mio debito ingente verso molti collcghi d i O x f o r d p e r i l p r o f i t t o c h e h o t r a t t o d i s c u t e n d o con l o r o gli arg o m e n t i di q u e s t o l i b r o ; e f r a q u e s t i v o g l i o m e n z i o n a r e , in p a r t i colare, H. P. Grice, dal quale mai ho cessato di i m p a r a r e in fatto di l o g i c a fin da q u a n d o e r a il m i o ' t u t o r e ' p e r t a l e m a t e r i a , e il

XXII

Prefazione dell'autore

p r o f . G i l b e r t R y l e , i l s i g n o r G . A . P a u l e l a s i g n o r i n a R u b y Meager, c h e tutti h a n n o letto il l i b r o in m a n o s c r i t t o o in b o z z e , e mi hanno fatto evitare molte goffaggini e molti errori.
PETER FREDERICK S T R A W S O N

Oxford, maggio 1952.

Introduzione alla teoria logica

I.

Valutazione logica

1.

Q u a n d o q u a l c u n o d i c e o s c r i v e q u a l c o s a , vi s o n o m o l t i

m o d i d i f f e r e n t i d i g i u d i c a r e l e s u e e s p r e s s i o n i . F r a l ' a l t r o , poss i a m o m e t t e r n e in q u e s t i o n e la v e r i d i c i t , o c r i t i c a r n e lo stile, p o s s i a m o c o n s i d e r a r e l a m o r a l i t d i ci c h e egli d i c e o p p u r e valut a r n e l a l o g i c a , p e r q u a n t o n o n tutti q u e s t i t i p i d i c o n s i d e r a z i o n e s i a n o a p p r o p r i a t i a tutti i t i p i di e s p r e s s i o n e . Le p a r o l e ' l o g i c o ' e ' i l l o g i c o ' s o n o esse stesse f r a le p a r o l e di v a l u t a z i o n e l o g i c a . Se dichiarate logico un discorso, significa che in qualche misura lo a p p r o v a t e . S e l o d i c h i a r a t e i l l o g i c o , s i g n i f i c a c h e i n q u a l c h e misura lo condannate. Parole ed espressioni che si accompagnano con gico ' ' logico ' sono sono ' c o n g r u e n t e ', ' i n c o n g r u e n t e ', ' c o g e n t e ',
1

v a l i d o ',

conse-

g u e n t e ' ; p a r o l e e d e s p r e s s i o n i c h e s i a c c o m p a g n a n o con ' i l l o ' a u t o - c o n t r a d d i t t o r i o ', ' i n v a l i d o ',

' non-sequitur '. P a r t e del nostro p r o b l e m a di v e d e r e c h e g e n e r e


di v a l u t a z i o n e s i a q u e l l o p e r cui si u s a n o q u e s t e p a r o l e , e a q u a l e genere di criteri facciamo a p p e l l o nell'usarle. facile vedere che non si tratta di criteri m o r a l i o estetici ; c i o che la critica l o g i c a non , ad esempio, una specie di critica letteraria. Una distinzione u n p o ' p i difficile q u e l l a f r a l a critica c h e noi f a c c i a m o q u a n d o d i c h i a r i a m o c h e le asserzioni di q u a l c u n o s o n o non-vere e q u e l l a che facciamo quando le dichiariamo incongruenti. Nel primo c a s o n o i c r i t i c h i a m o q u e l l e a s s e r z i o n i b a s a n d o c i s u l l a l o r o mancata r i s p o n d e n z a a i f a t t i ; nel s e c o n d o c a s o l e c r i t i c h i a m o s u l l a b a s e d e l l a m a n c a t a r i s p o n d e n z a i n t e r n a f r a l e a s s e r z i o n i stesse.

Valutazione logica

L ' a c c u s a di non-verit si r a p p o r t a , di l d a l l e p a r o l e e d a l l e prop o s i z i o n i u s a l e , a q u e l l a r e a l t , esistente nel m o n d o , s u l l a q u a l e v e r t e il d i s c o r s o . Noi n e g h i a m o l ' a s s e r z i o n e in p a r o l a , e, c o s i fac e n d o , f a c c i a m o d a p a r t e n o s t r a u n a c o n t r o - a s s e r z i o n e c i r c a l'oggetto del d i s c o r s o stesso. N o i c o n t r a d d i c i a m o il nostro interlocutore. Ma l ' a c c u s a di i n c o n g r u e n z a non si r i f e r i s c e , a l l o stesso m o d o , a d a l c u n c h che stia f u o r i d a l l e a s s e r z i o n i c h e egli c i f a . C i limit i a m o a c o n s i d e r a r e il m o d o in cui le s u e a s s e r z i o n i si l e g a n o f r a loro. Col s e m p l i c e e s a m e degli stessi e n u n c i a t i , cosi c o m e v e n g o n o i m p i e g a t i , noi p o s s i a m o f o r s e v e d e r e c h e non tutte l e s u e asserzioni p o s s o n o e s s e r e v e r e a s s i e m e . N o n c h e noi l o s i c o n t r a d d i c a , e c o n t r a d d i c e n d o l o si faccia una c o n t r o - a s s e r z i o n e s u l l o stesso soggetto del suo d i s c o r s o ; noi a f f e r m i a m o c h e egli h a c o n t r a d d e t t o se s t e s s o , e, nel f a r l o , non ci a p p e l l i a m o in nessun m o d o ai fatti e non e s p r i m i a m o o p i n i o n e a l c u n a su di essi. q u e s t o g e n e r e di critica i n t e r n a ci c h e c o s t i t u i s c e la v a l u t a z i o n e d e l l a l o g i c a di un d i s c o r s o .

1.

Incongruenza
2. L e p a r o l e d i v a l u t a z i o n e l o g i c a h a n n o significati f r a l o r o

c o n n e s s i . A v e r c h i a r o i l s i g n i f i c a t o d i u n a d i tali p a r o l e s i g n i f i c a aver chiaro il significato delle altre. P e r esempio, in un'argom e n t a z i o n e o d e d u z i o n e , u n ' a s s e r z i o n e ( l a c o n c l u s i o n e ) detta c o n s e g u i r e l o g i c a m e n t e , o e s s e r e l o g i c a m e n t e i m p l i c a t a , da a l t r e ( l e p r e m e s s e ) , se l ' a r g o m e n t a z i o n e v a l i d a ; e u n ' a r g o m e n t a z i o n e v a l i d a solo ove s i a i n c o n g r u e n t e (o a u t o - c o n t r a d d i t t o r i o ) afferm a r e l e p r e m e s s e e n e g a r e nel c o n t e m p o l a c o n c l u s i o n e ; o p p u r e , in a l t r e p a r o l e , solo se la v e r i t d e l l e p r e m e s s e i n c o m p a t i b i l e con la f a l s i t d e l l a c o n c l u s i o n e . U n ' a r g o m e n t a z i o n e d e d u t t i v a u n a s p e c i e d i a m m o n i m e n t o , c h e a s s u m e l a f o r m a : s e voi accet

Incongruenza

tate q u e s t e p r e m e s s e c o m e v e r e , a l l o r a d o v e t e a c c e t t a r e a n c h e q u e s t a c o n c l u s i o n e c o m e v e r a del p a r i , sotto p e n a d i auto-contradd i z i o n e . F r a i v a r i concetti di v a l u t a z i o n e l o g i c a , s c e g l i e r q u e s t a nozione di incongruenza

(inconsistency)

auto-contraddizione

per la trattazione dettagliata. Le ragioni che hanno consigliato q u e s t a scelta f r a l e m o l t e p o s s i b i l i e m e r g e r a n n o nel c o r s o d e l l a trattazione stessa. 3. C h e c o s ' l ' i n c o n g r u e n z a ? m e g l i o a f f r o n t a r e la q u e s t i o n e Perch preoccuparsi di evitare le

indirettamente, ponendo una serie di altre questioni. Ci si pu d o m a n d a r e prima di tutto: i n c o n g r u e n z e ? C h e c'c d i m a l e nel c o n t r a d d i r e s e s t e s s i ? M o r a l m e n t e , non c' niente di m a l e . E p u non e s s e r e n e p p u r e del tutto s e n z a s e n s o . Si pensi ad un u o m o c h e esce p e r a n d a r s e n e a p i e d i in un c e r t o p o s t o , ma c h e p o i , a r r i v a t o a m e z z a s t r a d a , fa d i e t r o front e r i t o r n a i n d i e t r o . Q u e s t o p u non e s s e r e s e n z a s e n s o . D o p o tutto, p u a v e r a v u t o b i s o g n o s o l t a n t o d i f a r e esercizio f i s i c o . M a , d a l p u n t o di vista del c a m b i a m e n t o di p o s t o , c o m e se non si f o s s e m a i m e s s o p e r l a s t r a d a . E cosi u n u o m o c h e s i c o n t r a d d i c e p u a v e r e s e r c i t a t o con successo l e s u e c o r d e v o c a l i . M a d a l p u n t o d i vista d e l f o r n i r e i n f o r m a z i o n i , d e l c o m u n i c a r e fatti ( o p a n z a n e ) c o m e se egli non avesse m a i a p e r t o la b o c c a . E g l i p r o f e r i s c e p a r o l e , m a non dice n i e n t e . O p p u r e p o t r e b b e v e n i r p a r a g o n a t o ad uno c h e fa p e r d a r via q u a l c o s a , e poi se la r i p r e n d e i n d i e t r o . E g l i desta a s p e t t a z i o n i c h e non a p p a g a : e q u e s t o p u e s s e r e stato il s u o s c o p o . A n a l o g a m e n t e , l'intento di u n a p e r s o n a c h e si contraddice p u essere proprio quello di creare imbarazzo. Ma il punto che interessa che lo scopo

comunemente

accettato

del

d i s c o r s o , l ' i n t e n z i o n e di c o m u n i c a r e q u a l c o s a , f r u s t r a t o p e r autoc o n t r a d d i z i o n e . C o n t r a d d i r s i c o m e s c r i v e r e q u a l c o s a e p o i canc e l l a r e ci c h e si scritto, o t i r a r v i su un f r e g o . U n a c o n t r a d d i z i o n e c a n c e l l a se stessa e non l a s c i a n u l l a . Di c o n s e g u e n z a n o n p o s s i b i l e s p i e g a r e ci clic l a c o n t r a d d i z i o n e s i a , s e m p l i c e m e n t e

Valutazione logica

con l ' i n d i c a r e u n a c e r t a f o r m a v e r b a l e , c o m e s i sarebbe, tentati di fare. Verrebbe da dire, infatti, che contraddizione sia qualunq u e e n u n c i a t o d e l l a f o r m a ' X fa al c a s o e X non fa al c a s o \ Ma con c i s i a p p r o d a a p o c o . S e q u a l c u n o v i d o m a n d a s e q u a l c h e c o s a vi p i a c i u t a , p o t e t e r i s p o n d e r e : ' B e ' , mi e p i a c i u t a e non mi piaciuta in questa e vi f a r e t e i n t e n d e r e p e r f e t t a m e n t e . O p p u r e ci p o t r e b b e forma, la seconda parte dell'affermazione
4

essere una convenzione per cui. q u a n d o qualcuno dicesse qualcosa dovrebbe v e n i r t r a s c u r a t a . A l l o r a i l r e q u i s i t o m i n i m o p e r a v e r s i u n a cont r a d d i z i o n e di tal g e n e r e , s a r e b b e di d i r e , p r i m a n o n fa al c a s o \ e s u b i t o d o p o
4

X fa al c a s o e X

X non fa al c a s o e X fa al c a s o '.

N o n d i m e n o , la tentazione di s p i e g a r e una contraddizione come q u a l c o s a c h e a b b i a q u e s t a f o r m a , non , c o m e v e d r e m o , p r i v a d i qualche giustificazione. 4. Le due questioni che si presentano successivamente sono

p i diilcili. E s s e s o n o : ( a ) q u a n d o u s i a m o q u e s t e p a r o l e d i valut a z i o n e l o g i c a , c o s ' e s a t t a m e n t e clic v a l u t i a m o ? e ( / ; ) c o m e l a valutazione logica diventa possibile? D o b b i a m o cio d o m a n d a r e : c o s ' e s a t t a m e n t e ci c h e noi d i c h i a r i a m o i n c o n g r u e n t e ? e p o i : c o s ' c h e r e n d e p o s s i b i l e l ' i n c o n g r u e n z a ? H o p a r l a t o d i asserzioni c o m e q u e l l e c h e s a r e b b e r o f r a l o r o i n c o n g r u e n t i ; e si tentati di p e n s a r e c h e i n q u e s t o contesto noi i n t e n d i a m o p e r a s s e r z i o n e semp l i c e m e n t e u n a p r o p o s i z i o n e d i u n certo t i p o ; o p p u r e , f o r s e , i l s i g n i f i c a t o d i u n tale e n u n c i a l o . M a s u p p o n i a m o c h e i o s c r i v a sulla lavagna le due coppie seguenti di enunciati: ( i ) alto m e n o di sei p i e d i ' e bigliettaio scapolo ' e
4 4 4

Io sono
4

Io s o n o a l l o p i di sei p i e d i '; ( i i )

II

II b i g l i e t t a i o s p o s a t o '. S c r i v e n d o gli

e n u n c i a t i s u l l a l a v a g n a , io, n a t u r a l m e n t e , non m i s o n o c o n t r a d detto ; p o s s o infatti a v e r l e s c r i t t e con intento p u r a m e n t e illustrativo, nel c o r s o d i u n a l e z i o n e d i l i n g u a . Q u a l c u n o p o t r e b b e d i r e : N o n d i m e n o , gli e n u n c i a t i di c i a s c u n a c o p p i a sono i n c o n g r u e n t i f r a loro. Ma questo che cosa significherebbe? Significherebbe forse

Incongruenza

clic, s e m a i essi fossero p r o n u n z i a t i con l ' i n t e n z i o n e d i f a r e u n a asserzione, ne risulterebbe un'incongruenza? Ma s u p p o n i a m o che i p r i m i d u e e n u n c i a t i f o s s e r o p r o n u n z i a t i da p e r s o n e d i v e r s e , o d a l l a stessa p e r s o n a con un i n t e r v a l l o di q u a l c h e a n n o ; e c h e i s e c o n d i d u e f o s s e r o p r o n u n z i a t i in a u t o b u s d i v e r s i , o n e l l o stesso autobus, ma in giorni diversi. Non ci sarebbe allora incongruenza alcuna. Pi sopra ho parafrasato l'espressione ' vedere che due affermazioni sono incongruenti ' con l'espressione ' vedere che esse non p o s s o n o essere vere a s s i e m e '. Ed c h i a r o c h e ci di cui p o s s i a m o d i r e c h e vero o f a l s o a n c h e ci di cui p o s s i a m o d i r e c h e c o n g r u e n t e o i n c o n g r u e n t e con q u a l c o s a d ' a l t r o d e l l o stesso g e n e r e . C i c h e m o s t r a n o q u e s t i e s e m p i c h e noi non p o s s i a m o i d e n t i f i c a r e ci c h e vero o f a l s o ( l ' a s s e r z i o n e ) con gli e n u n c i a t i usati nel f a r l a ; infatti l o stesso e n u n c i a t o p u e s s e r e u s a t o p e r f a r e a s s e r z i o n i del tutto diverse, a l c u n e v e r e e a l c u n e f a l s e . E c i non deriva da qualche ambiguit nell'enunciato. L'enunciato pu avere un u n i c o s i g n i f i c a t o che p r e c i s a m e n t e q u e l l o c h e , in q u e s t i c a s i , gli p e r m e t t e d i e s s e r e u s a t o p e r f a r e a s s e r z i o n i del tutto d i v e r s e . P e r c i non s e r v e i d e n t i f i c a r e l ' a s s e r z i o n e n con l ' e n u n c i a t o , n col s i g n i f i c a t o d e l l ' e n u n c i a t o . U n a particolare asserzione viene i d e n t i f i c a t a non s o l o f a c e n d o r i f e r i m e n t o a l l e p a r o l e u s a t e , m a a n c h e f a c e n d o r i f e r i m e n t o a l l e c i r c o s t a n z e i n cui esse v e n g o n o u s a t e , e, q u a l c h e volta, a l l ' i d e n t i t d e l l a p e r s o n a c h e le u s a . A ness u n o s a l t e r e b b e i n m e n t e d i d i r e c h e l ' e n u n c i a t o : ' I o s o n o alto p i d i sei p i e d i 1 sia i n c o n g r u e n t e con l ' e n u n c i a t o * T u sei alto m e n o di sei p i e d i \ Ma e v i d e n t e m e n t e essi p o s s o n o e s s e r e u s a t i , in c e r t e c i r c o s t a n z e , p e r f a r e a s s e r z i o n i c h e sono i n c o n g r u e n t i f r a l o r o ; e ci nel c a s o in cui il s e c o n d o e n u n c i a t o s i a rivolto a l l a persona che ha proferito il p r i m o . f a c i l e s c o r g e r e p e r c h si tentati li p e n s a r e c h e l ' e n u n c i a t o ' Io s o n o alto p i di ei p i e d i ' s i a i n c o n g r u e n t e con l ' e n u n c i a t o
4

Io s o n o alto m e n o di sei p i e d i '. Si p e n s a c h e a m b e d u e gli enun-

c i a t i v e n g a n o p r o n u n z i a l i , tutti d ' u n (iato, d a l l a stessa p e r s o n a .

Valutazione logica

I n questo c a s o , d i s o l i t o , noi c o n s i d e r e r e m m o q u e l l a p e r s o n a c o m e i n c o n t r a d d i z i o n e con s e s t e s s a , c i o l a c o n s i d e r e r e m m o c o m e a v e n t e detto e non detto q u a l c o s a , e p e r c i c o m e non a v e n t e detto n u l l a . Il p r e s u p p o s t o i m p o r t a n t e c h e le d u e e s p r e s s i o n i


1

alto

p i di sei p i e d i ' e ' a l t o m e n o di sei p i e d i ' v e n g o n o a p p l i c a t e a l l a stessa p e r s o n a nello stesso t e m p o . D i a m o il n o m e di * p r e d i c a t i i n c o m p a t i b i l i 1 a d o g n i c o p p i a d i e s p r e s s i o n i l a cui a p p l i c a z i o n e a l l a stessa p e r s o n a o cosa a l l o stesso t e m p o si r i s o l v e in un'incong r u e n z a . P o s s i a m o d i r e cosi c h e u n o dei m o d i in cui p o s s i b i l e d i r e q u a l c o s a di i n c o n g r u e n t e q u e l l o di a p p l i c a r e p r e d i c a t i persona o cosa ed a l l o stesso tempo. i n c o m p a t i b i l i a l l a stessa 5.

M a c' b i s o g n o c h e u n l i n g u a g g i o c o n t e n g a i n s p r e d i c a t i

incompatibili? E che cos' che rende i predicati i n c o m p a t i b i l i ? V o g l i o r i s p o n d e r e a l l a p r i m a q u e s t i o n e d i c e n d o non g i c h e u n linguaggio deve contenere in s predicati incompatibili, ma solo c h e m o l t o n a t u r a l e c h e li c o n t e n g a . E v o g l i o r i s p o n d e r e a l l a s e c o n d a d i c e n d o c h e s i a m o n o i , i f a c i t o r i del l i n g u a g g i o , c h e rend i a m o i p r e d i c a t i i n c o m p a t i b i l i . U n o dei p r i n c i p a l i s c o p i p e r i q u a l i u s i a m o il l i n g u a g g i o q u e l l o di r i f e r i r e eventi e di d e s c r i v e r e c o s e e p e r s o n e . T a l i resoconti e d e s c r i z i o n i s o n o c o m e r i s p o s t e a d o m a n d e d e l l a f o r m a : c h e cosa s e m b r a v a ( o s e m b r a ) ? a c h e cosa assomigliava (o assomiglia)? Noi descriviamo qualcosa, diciamo a c h e cosa a s s o m i g l i a o cosa s e m b r a , a p p l i c a n d o a q u e s t o q u a l c o s a p a r o l e c h e s i a m o d i s p o s t i a d a p p l i c a r e a n c h e a d a l t r e cose. M a non a tutte le a l t r e c o s e . U n a p a r a l a c h e f o s s i m o p r o n t i ad a p p l i care a q u a l u n q u e cosa senza eccezioni ( c o m e ve ne sono certune n e l l ' u s o p o p o l a r e c o r r e n t e , e s p e c i a l m e n t e in q u e l l o m i l i t a r e ) riuscirebbe inutilizzabile a scopo descrittivo. Infatti q u a n d o d i c i a m o a c h e u n a cosa s i m i l e , non s o l t a n t o la p a r a g o n i a m o c o n a l t r e c o s e , ina a n c h e l a d i s t i n g u i a m o d a a l t r e cose. ( N o n s i tratta d i d u e attivit d i v e r s e , m a d i d u e a s p e t t i d e l l a stessa a t t i v i t ) . D a q u a l c h e p a r t e , a l l o r a , o c c o r r e t r a c c i a r e u n confine c h e l i m i t i l ' a p -

Incongruenza

p l i c a b i l i l d i u n a p a r o l a usata n e l d e s c r i v e r e l e c o s e ; e s i a m o noi c h e d e c i d i a m o dove i confini h a n n o da esser t r a c c i a t i . Q u e s t a m e t a f o r a d e l t r a c c i a r e confini riesce f u o r v i e n t e p e r q u a l c h e r i g u a r d o . Con essa non i n t e n d o d i r e c h e noi p r e n d i a m o s p e s s o d e c i s i o n i consce d i q u e s t o g e n e r e ( t a l v o l t a t u t t a v i a l o facc i a m o ) ; n c h e il nostro t r a c c i a r confini s i a u n a f a c c e n d a del tutto a r b i t r a r i a ; n c h e i confini s i a n o fissi e d e f i n i t i ; n c h e le decisioni che prendiamo, quando le p r e n d i a m o , siano decisioni puram e n t e v e r b a l i . I confini sono p i s i m i l i a f a s c e di a p p a r t e n e n z a i n d e t e r m i n a t a clic a linee di f r o n t i e r a . N o i ci a c c o r g i a m o di e s s e r vicini a confini lei g e n e r e , e ci a c c o r g i a m o a n c h e d e l l a l o r o indet e r m i n a t e z z a , q u a n d o , in c h i a m a r l o rosso risposta
1

una

domanda

come ' Era

r o s s o ? ' d i a m o u n a risposta c o m e

B e ' , ritengo c h e a v r e s t e p o t u t o

E r i c o n o s c i a m o di e s s e r e sul p u n t o di p r e n d e r e

u n a d e c i s i o n e in fatto di confini q u a n d o , p u r a v e n d o p r e s e n t i tutti i fatti, e s i t i a m o ad a p p l i c a r e u n a certa p a r o l a . Un atto c o s i e cosi s p e c i f i c a t o costituisce un atto di a g g r e s s i o n e o n o ? Q u e s t ' e s e m p i o m o s t r a , i n o l t r e , c o m e l a n o s t r a d e c i s i o n e non s i a lina f a c c e n d a p u r a m e n t e v e r b a l e ; p o i c h i m p o r t a n t i c o n s e g u e n z e p o s s o n o ven i r e d a l l a nostra d e c i s i o n e se q u e s t o , o non , un atto di aggress i o n e . C i c h e rende non a r b i t r a r i e l e nostre d e c i s i o n i c i r c a u n a p a r o l a gi in u s o e la p r o b a b i l i t c h e la nostra n o r m a l e i n t e n z i o n e verr frustrata se la similitudine implicita nell'uso della parola t r o p p o i n n a t u r a l e , se la s i m i g l i a n z a t r o p p o t e n u e . Noi possiamo dire: due predicati sono incompatibili quando s t a n n o d a l l e p a r t i o p p o s t e d i u n c o n f i n e clic a b b i a m o t r a c c i a t o : ' alto m e n o di sei piedi ' e ' alto p i di sei p i e d i ' r o s s o ' e ' aranc i o n e ', ' a g g r e s s i v o ' e ' p a c i f i c o '. Ma ci a b b i s o g n a di q u a l c h e spiegazione. Immaginate di aver tracciato una figura chiusa su di un p e z z o di c a r t a e che p o i q u a l c u n o vi i n d i c h i un p u n t o sul soffitto e d i c a : ' Q u e s t o p u n t o g i a c e d e n t r o o f u o r i i confini d e l l a figura? ' N a t u r a l m e n t e u n o p o t r e b b e r i s p o n d e r e i m m a g i n a n d o i l i m i t i d e l l a figura estesi in u n ' a l t r a d i m e n s i o n e , su fino al soffitto.

10

Valutazione logica

M a voi p o t r e s t e r i f i u t a r v i d i r i s p o n d e r e a l l a d o m a n d a , d i c e n d o c h e avevate tracciato la linea divisoria solo sul piano della carta. Tutto ci c h e g i a c e f u o r i d e l l a l i n e a sul p i a n o d e l l a c a r t a e r a e s c l u s o dalla figura. Le cose giacenti su di un p i a n o diverso, non erano e s c l u s e d a e s s a , m a n o n v i e r a n o n e m m e n o incluse. L a f i g u r a h a u n c e r t o p i a n o d i e s c l u s i v i t . C o n e s p r e s s i o n e p i s e m p l i c e : essa h a un certo a m b i t o di i n c o m p a t i b i l i t . ' A l t o p i di sei p i e d i ' inc o m p a t i b i l e con ' alto m e n o di sei p i e d i ma non n c o m p a t i b i l e n i n c o m p a t i b i l e con ' a g g r e s s i v o '. L ' u l t i m a e s p r e s s i o n e lia un ambito d'incompatibilit differente dalle altre due. Talvolta si possono sollevare obiezioni di natura logica all'applicazione di e s p r e s s i o n i con d i f f e r e n t i gruenza. Q u a n d o a p p l i c h i a m o un predicato a qualcosa, implicitamente e s c l u d i a m o d a l l ' a p p l i c a z i o n e a l l a stessa cosa i p r e d i c a t i c h e giacc i o n o f u o r i d a i confini d e l p r e d i c a t o c h e a p p l i c h i a m o , m a nello stesso a m b i t o di i n c o m p a t i b i l i t . I n t e n d o d i r e con ci c h e se proc e d i a m o s u b i t o d o p o a d a p p l i c a r e a l l a c o s a u n o dei p r e d i c a t i c h e giacciono fuori di quei confini, si riterr che ci s i a m o contraddetti e c h e non a b b i a m o detto n i e n t e . ( Q u e s t a p o t r e b b e e s s e r e a s s u n t a c o m e d e f i n i z i o n e di * p r e d i c a t i i n c o m p a t i b i l i '). Ma a q u e s t o p u n t o c'c u n a s p e c i f i c a z i o n e d a f a r e . P r o p r i o c o m e p o t r e m m o rispond e r e a l l a d o m a n d a ' Vi p i a c i u t o ? ' con le p a r o l e ' B e ' , mi piaciuto e non mi p i a c i u t o ' s e n z a i n c o n g r u e n z a , cosi p o t r e m m o a p p l i c a r e alla stessa c o s a , n e l l o s t e s s e - m o m e n t o , d u e p r e d i c a t i c h e o r d i n a r i a m e n t e v e r r e b b e r o c o n s i d e r a t i i n c o m p a t i b i l i , s e n z a cont r a d d i r c i . Il f a r l o c o m e i n v i t a r e a c h i e d e r e : ' C o s a i n t e n d e t e d i r e ? ' , e se p o s s i a m o s p i e g a r e la nostra i n t e n z i o n e , o m o s t r a r e il s e n s o c h e ha il d i r e c i c h e d i c i a m o , a l l o r a non ci s i a m o cont r a d d e t t i . M a s e non s i a m o i n g r a d o d i f a r c i . a l l o r a s i a m o incong r u e n t i . Cosi p o s s i a m o d i r e , r i s p o n d e n d o a u n a d o m a n d a : * E g l i alto s i a p i c h e m e n o di sei p i e d i ', e p o i s p i e g a r e c h e ha ambiti di incompatibilit a l l a stessa cosa ; tuttavia non vi s a r l ' o b i e z i o n e c h e il f a r l o g e n e r i incon-

Incongruenza

11

u n a m a l a t t i a c h e lo r e n d e c u r v o , ma c h e se f o s s e c u r a t o e potesse s t a r e diritto s u p e r e r e b b e l ' a l t e z z a d i sei p i e d i . Q u e s t o nuovam e n t e c i m o s t r a c h e non s i p u s p i e g a r e p i e n a m e n t e c h e s i a l'autocontraddizionc facendo unicamente riferimento a raggruppamenti di parole. 6. F i n c h s i tenga p r e s e n t e q u e s t a s p e c i f i c a z i o n e , p o s s i a m o

p a r l a r e s e n z a p e r i c o l o di p r e d i c a t i i n c o m p a t i b i l i e s e n z a p e r i c o l o a f f e r m a r e c h e , piando a p p l i c h i a m o un p r e d i c a t o a q u a l c o s a nell'atto d i d e s c r i v e r l a , i m p l i c i t a m e n t e e s c l u d i a m o d a l l ' a p p l i c a z i o n e ad essa tutti i p r e d i c a t i i n c o m p a t i b i l i con q u e l l o c h e a p p l i c h i a m o . ( S i p o t r e b b e d i r e c h e noi a b b i a m o c o n t r a d d e t t o c h i u n q u e a v e s s e p r o p r i o a l l o r a a p p l i c a t o a l l a cosa uno q u a l s i a s i d i tali p r e d i c a t i ) . Q u a n d o ci r e n d i a m o conto c h e q u e s t a f u n z i o n e di e s c l u s i o n e i m p l i c i t a in tutti gli usi d e s c r i t t i v i del l i n g u a g g i o , non p o t r sorp r e n d e r c i il fatto c h e il l i n g u a g g i o c o n t e n g a degli a c c o r g i m e n t i p e r r e n d e r e la f u n z i o n e e s p l i c i t a ; f r a i q u a l i a c c o r g i m e n t i la par o l a ' non ' o c c u p a il posto p i i m p o r t a n t e . Vi s o n o m o l t e occas i o n i , e di assai differenti g e n e r i , in cui la nostra m a g g i o r preocc u p a z i o n e l ' e s c l u s i o n e e s p l i c i t a di un p r e d i c a l o ; p e r e s e m p i o , quando desideriamo contraddire un'asserzione precedente, opp u r e c o r r e g g e r e una p o s s i b i l e f a l s a i m p r e s s i o n e , o p p u r e e s p r i m e r e il c o n t r a s t o f r a ci clic si a s p e t t a t o , t e m u t o , s u g g e r i t o , s p e r a t o , e la r e a l t , a v o l l e , q u a n d o s t i a m o r i s p o n d e n d o a lina d o m a n d a d i r e t t a , a volte a n c o r a , q u a n d o c e r c h i a m o a tastoni la d e s c r i z i o n e giusta con l ' e l i m i n a r e q u e l l e s b a g l i a t e . C i c h e tutti q u e s t i casi h a n n o in c o m u n e c h e c r e a n o un b i s o g n o o un m o t i v o di accentuare una differenza piuttosto che una simiglianza. istruttivo p a r a g o n a r e l'uso di " n o n ' con l'uso di q u e l l e p a r o l e c h e c o m i n c i a n o con prefissi n e g a t i v i , c o m e ' i n t o l l e r a b i l e 'inattivo \ * i n e d u c a t o ', ' n o n - a g g r e s s i v o '. Q u e s t e p a r o l e p o r t a n o scritte in f a c c i a le l o r o i n c o m p a t i b i l i t con tanta s i c u r e z z a q u a n t a vi p u essere in qualunque frase contenente il ' n o n ' ; ma difficilmente

12

V a l u t a z i o n e logica

.si p o t r e b b e d i r e c h e esse a b b i a n o la stessa f u n z i o n e ci i r i g e t t a r e e s p l i c i t a m e n t e una d e s c r i z i o n e s u g g e r i t a . E s s e n o n a d d i t a n o con p i i m p e g n o l e d i f f e r e n z e a n z i c h l e s i m i g l i a n z e ; esse p i u t t o s t o s e r v o n o a s o t t o l i n e a r e il f a t t o c h e i d u e aspetti s o n o c o m p l e m e n t a r i . C i s i p o t r e b b e c h i e d e r e p e r c h tali p a r o l e a b b i a n o degli i n c o m p a t i b i l i cosi m a n i f e s t i ( c i o p a r o l e a d esse i d e n t i c h e , s a l v o solo l a m a n c a n z a del p r e f i s s o ) , m e n t r e a l t r e non n e h a n n o ; p e r c h non u s i a m o v o c a b o l i c o m e
k

i n b l ', p e r e s e m p i o . Si s a r e b b e pro-

p e n s i a s u g g e r i r e c h e c i a v v i e n e p e r c h ' non e s s e r e b l u ' relat i v a m e n t e t r o p p o i n d e t e r m i n a t o , c i o c h e q u a n d o esiste u n l a r g o ambito di predicati incompatibili, come quello delle parole che indicano colori, sarebbe innaturale avere una singola parola che e s p r e s s a m e n t e n e e s c l u d e s s e u n o . M a non p e n s o c h e q u e s t a risposta s i a c o m p l e t a . V a s t o l ' a m b i t o d e l l e razze e d e l l e n a z i o n a l i t , ma si u s a n o p a r o l e o e s p r e s s i o n i ( c o m e ' s t r a n i e r o * n o n - I n g l e s e ', ' n o n - E u r o p e o *) p e r i n d i c a r e " non a p p a r t e n e n t e a u n a p a r t i c o l a r e nazionalit (o g r u p p o di r a z z e ) ' . Penso che la giusta risposta s i a piuttosto c h e . se a v e s s i m o un interesse c o s t a n t e e p e r s i s t e n t e p e r c o s e c h e non s o n o b l u , u n interesse c i o ben d i v e r s o d a q u e l l o t e m p o r a n e o clic p u s o r g e r e , p e r e s e m p i o , d a l d e s i d e r i o d i c o r r e g g e r e u n a f a l s a i m p r e s s i o n e , a l l o r a noi avremmo u n a p a r o l a c o n i a t a a l l ' u o p o . A l l o r a p o t r e m m o d i r e c h e c h i a m a n d o u n a cosa ' i n b l ' noi a c c e n t u e r e m m o n e l l a stessa m i s u r a la s u a s i n i i g l i a n z a con a l t r e c o s e ' inbl ' e la s u a d i f f e r e n z a d a l l e c o s e b l u . ( E r a u n a c a r a t t e r i s t i c a d i q u e i logici f o r m a l i c h e c o n i a r o n o t e r m i n i negativi d ' a s p e t t o a l t r e t t a n t o i n n a t u r a l e ^ q u a n t o ' i n b l ' di n o n occup a r s i a f f a t t o di q u e s t i o n i e di d i f f e r e n z e di q u e s t a s o r t a ) . Q u e s t a d i s c u s s i o n e s u l l a f u n z i o n e di * non ' ci a i u t a a s c o r g e r e p a r t e del senso e d e l l a c o n v e n i e n z a di d i r e , p e r s c o r r e t t o c h e ci possa essere, che una contraddizione semplicemente qualcosa d e l l a f o r m a ' X fa al c a s o e X non fa al c a s o '. L ' u s o n o r m a l e o p r i m a r i o di ' non ' s p e c i f i c a m e n t e q u e l l o di c o n t r a d d i r e o corr e g g e r e , d i c a n c e l l a r e c i o u n s u g g e r i m e n t o p r o v e n i e n t e d a noi

Incongruenza

13

stessi o da a l t r i . E non v ' r e s t r i z i o n e d e l l a s f e r a in cui esso p u e s e r c i t a r e q u e s t a f u n z i o n e . N o n tutti i p r e d i c a t i h a n n o t e r m i n i c o r r i s p o n d e n t i f o r n i t i d e l p r e f i s s o n e g a t i v o , e non tutti gli enunciati s o n o del g e n e r e di q u e l l i in cui s e m p l i c e m e n t e a p p l i c h i a m o un p r e d i c a t o descrittivo a q u a l c h e p e r s o n a o c o s a . Ma q u a l s i a s i e n u n c i a t o , sia o m e n o di q u e s t o g e n e r e s e m p l i c e , p u v e n i r cont r a d d e t t o con l ' u s o di ' n o n C o s i noi p r o p e n d i a m o a c o n s i d e r a r e un e n u n c i a t o c h e c o m p o r t i q u a l c o s a d e l l a f o r m a ' X fa al c a s o e X non fa al c a s o ' c o m e u n ' a u t o - c o n t r a d d i z i o n e , a n c h e se p u r semp r e l ' i n d e t e r m i n a t e z z a lei confini v e r b a l i c h e t r a c c i a m o , i differenti p u n t i di vista clic ci p o s s o n o i n d u r r e ad a p p l i c a r e e a n o n a p p l i c a r e n e l l o stesso tempo un'espressione, rendono possibile die a q u a l c o s a c h e a b b i a (uclla f o r m a v e n g a t u t t a v i a a t t r i b u i t o un s i g n i f i c a t o c o n g r u e n t e . 7. d u n q u e la nostra stessa attivit c h e c o s t r u i s c e il l i n g u a g -

gio nell'atto stesso li u s a r l o , la nostra leterininazione dei l i m i t i di applicazione delle parole che rende possibile l'incongruenza; e non p e r un c a s o clic, {uando v o g l i a m o a p p r e s t a r c i u n o s c h e m a o t i p o g e n e r a l e d i i n c o n g r u e n z a , a d o p e r i a m o l e lue p a r o l e ' e ' e ' non '. a s s i e m e ad una r i p e t i z i o n e di q u a l c h e f r a s e o e s p r e s s i o n e . P o i c h tutti i concetti di v a l u t a z i o n e l o g i c a p o s s o n o e s s e r e spiegali in t e r m i n i di i n c o n g r u e n z a , non d e v e s o r p r e n d e r c i il f a t t o c h e piesle d u e p a r o l e a b b i a n o u n a p a r t e i m p o r t a n t e i n l o g i c a . Ma noi p o s s i a m o c r e a r e la p o s s i b i l i t li i n c o n g r u e n z a nell'ass e r z i o n e , e q u i n d i di v a l i d i t n e l l ' a r g o m e n t a z i o n e , in m o d o p i d e l i b e r a t o e c o n s a p e v o l e di lucili fin q u i c o n s i d e r a t i . N o i poss i a m o d e l i b e r a t a m e n t e fissare i confini di a l c u n e p a r o l e in rapporto a lucili di allre p a r o l e . Q u e s t o q u a n t o f a c c i a m o q u a n d o

definiamo

parole o frasi. Introdurre o accettare una definizione

1 Le p a r o l e ' d e f i n i r e * e ' d e f i n i z i o n e " h a n n o m o l t i u s i c o l l e g a t i , a n c h e s e d i s t i n g u i b i l i , d i a l c u n i d e i q u a l i c i c h e d i c o q u i non v e r o . U s o q u i t a l i p a r o l e in un s e n s o ' s t r e l l o \

14

V a l u t a z i o n e logica

significa a n n u n c i a r e o a c c e t t a r e clie c o n g i u n g e n d o l ' e s p r e s s i o n e d e f i n i t a ( o d e f i n i e n t e ) con l ' e s p r e s s i o n e d e f i n i e n t e (o d e f i n i t a ) med i a n t e l e p a r o l e ' e ' e " n o n " u s a t e a l m o d o n o r m a l e ( o i n qualsiasi modo e q u i v a l e n t e ) , e riferendo questa congiunzione ad una s i t u a z i o n e e ad u n a s o l a c i c h e si ottiene u n ' i n c o n g r u e n z a . Accettare una definizione significa accettare di essere vincolati da u n a r e g o l a di l i n g u a g g i o di q u e s t o g e n e r e . 8. R i t o r n i a m o o r a a l l e q u e s t i o n i poste in p r e c e d e n z a : v a l e a

d i r e , cos' c i cui a p p l i c h i a m o p a r o l e di v a l u t a z i o n e l o g i c a ? e a n c h e : cos' che rende possibile la valutazione logica? V e d e m m o c h e la r i s p o s t a alla p r i m a q u e s t i o n e non e r a ' f r a s i o g r u p p i di parole ma ' a s s e r z i o n i o g r u p p i di a s s e r z i o n i '. S o n o le a s s e r z i o n i e non le f r a s i c h e s o n o i n c o n g r u e n t i f r a l o r o , c h e c o n s e g u o n o le u n e d a l l e a l t r e , ecc. V e d i a m o o r a c h e l a risposta a l l a s e c o n d a ques t i o n e : i limiti di a p p l i c a z i o n e c h e t r a c c i a m o tra u n ' e s p r e s s i o n e ed u n ' a l t r a , le r e g o l e c h e p e r v e n i a m o a o s s e r v a r e n e l l ' u s o di espress i o n i di ogni g e n e r e '. E la r i s p o s t a a l l a s e c o n d a q u e s t i o n e m o s t r a p i e n a m e n t e c h e senso a v e s s e l a t e n t a z i o n e d i r i s p o n d e r e a l l a p r i m a a t t r i b u e n d o a g l i e n u n c i a t i ( g r u p p i di p a r o l e ) la p o s s i b i l i t di ess e r e i n c o n g r u e n t i . D i e t r o l e i n c o n g r u e n z e fra a s s e r z i o n i s t a n n o l e r e g o l e p e r l'uso d e l l e e s p r e s s i o n i . Q u a n d o s i s i a c a p i t a q u e s t a r e l a z i o n e , s i c h i a r i s c e u n a s e r i e d i e n i g m i clic h a n n o c r e a t o m o l t o imbarazzo. Si vede bene come una regola linguistica relativa alle e s p r e s s i o n i di un p a r t i c o l a r e l i n g u a g g i o p o s s a p o r t a r e a un enunc i a t o g e n e r a l e di v a l u t a z i o n e l o g i c a c h e t r a s c e n d a tutti i l i n g u a g g i particolari. I m m a g i n a t e che qualcuno d i c a : ' U n ' a s s e r z i o n e se-

' Ma d o b b i a m o notare ehe. p e r q u a n t o riguarda il discorso ordinario e a p r e s c i n d e r e d a l l ' i n t r o d u z i o n e di p a r o l e c o n definizioni, q u e s t o p a r l a r e di " r e g o l e " p u f u o r v i a r c i . I n generale ( n e l d i s c o r s o o r d i n a r i o ) n o i n o n f o r m u liamo regole per poi c o n f o r m a r v i la p r a t i c a ; succede piuttosto c h e estraiamo l e r e g o l e d a l l a p r a t i c a , p r e n d e n d o n o t a d i q u a n d o c i correggiamo f r a n o i . d i q u a n d o i n c l i n i a m o a d i c h i a r a r e q u a l c o s a inrongruenle. e c o s i v i a .

Incongruenza

15

concio la q u a l e u n a certa p e r s o n a il g e n e r o di q u a l c u n o incong r u e n t e con l ' a s s e r z i o n e c h e egli non inai stato s p o s a t o '. C h i a m i a m o l ' a s s e r z i o n e clic egli f a nel d i r ci u n ' a s s e r z i o n e g e n e r a l e d i v a l u t a z i o n e l o g i c a o , p e r b r e v i t , u n ' a s s e r z i o n e l o g i c a . O r a supp o n e t e c h e q u a l c u n o d i c a : ' In i t a l i a n o la p a r o l a " g e n e r o di " ha lo stesso s i g n i f i c a t o d e l l e p a r o l e " s p o s a t o con la figlia di " Chiam i a m o l ' a s s e r z i o n e clic egli fa in tal m o d o u n ' a s s e r z i o n e linguis t i c a . Q u a l c d u n q u e la r e l a z i o n e fra l ' e n u n c i a t o l o g i c o c l'asserzione linguistica? Bene, i m m a g i n i a m o di tradurre in francese l ' e n u n c i a t o u s a l o p e r f a r e l ' a s s e r z i o n e l o g i c a . O t t e r r e m o u n enunciato p r i v o d i p a r o l e i t a l i a n e . S e noi t r a d u c i a m o i n f r a n c e s e a n c h e l'enunciato usato per fare l'asserzione linguistica ( c i o l'enunciato c h e inizia ' In italiano ' ) , o t t e r r e m o un e n u n c i a t o f r a n c e s e c h e com i n c i a ' En italien ' e nel q u a l e le e s p r e s s i o n i ' " g e n e r o d i ' " e ' ' " s p o s a t o con l a f i g l i a d i ' " r i a p p a i o n o i m m u t a t e . S e m b r a c h e , m e n t r e s i a m o p r o p e n s i a d i r e c h e le v e r s i o n i f r a n c e s e ed i t a l i a n a d e l l ' a s s e r z i o n e logica s i g n i f i c a n o la stessa c o s a , o s o n o u s a l e p e r f a r e la stessa a s s e r z i o n e , non s i a m o p r o p e n s i a d i r e clic l ' e n u n c i a t o i t a l i a n o u s a t o p e r f a r e l ' a s s e r z i o n e l i n g u i s t i c a s i g n i f i c h i l o stesso d e l l ' e n u n c i a t o f r a n c e s e : ' E n fran;ais Ics inots " g c n d r e d e " velilent d i r e la n i m e chose q u e les m o t s "' m a r i a v e e la filie de " '. T e n d e r e m m o infatti a d i r e c h e c h i u n q u e u s a s s e questo e n u n c i a t o p a r l e r e b b e d i u n a regola d i f r a n c e s e , m e n t r e c h i u n q u e p r o f e r i s s e l ' e n u n c i a t o i t a l i a n o i m p i e g a t o p e r f a r e l ' a s s e r z i o n e l i n g u i s t i c a parl e r e b b e d i u n a regola d ' i t a l i a n o . Q u e s t e f r a s i sono i m p i e g a t e dunq u e p e r f a r e a s s e r z i o n i a f f a t t o d i f f e r e n t i s u cose a f f a t t o d i f f e r e n t i , e p r e c i s a m e n t e su p a r o l e f r a n c e s i e su p a r o l e i t a l i a n e . E se u n o d i c e q u e s t o , c o m e viene n a t u r a l e di f a r e , e dice a n c h e c h e le vers i o n i f r a n c e s e e i t a l i a n a d e l l ' a s s e r z i o n e l o g i c a s i g n i f i c a n o la stessa cosa ( s o n o v e r s i o n i d e l l a stessa a s s e r z i o n e ) , a l l o r a , n a t u r a l m e n t e , s e m b r e r e b b e c o n s e g u i r n e c h e l ' a s s e r z i o n e logica non s i r i f e r i s c e a l l e stesse cose cui si r i f e r i s c o n o le a s s e r z i o n i l i n g u i s t i c h e , e c h e la verit d e l l ' a s s e r z i o n e logica e i n d i p e n d e n t e d a l l a v e r i t d e l l e as-

16

Valutazione logica

serzioni l i n g u i s t i c h e ; d o n d e e b r e v e il p a s s o p e r g i u n g e r e a cons i d e r a r e i fatti logici c o m e i n d i p e n d e n t i d a i fatti l i n g u i s t i c i , e ad a s s u m e r e un a t t e g g i a m e n t o di r i v e r e n z a verso i fatti l o g i c i . Ma c o m p i e r e q u e s t o p a s s o s i g n i f i c a d i m e n t i c a r e c h e il fatto c h e le versioni i t a l i a n a e f r a n c e s e d e l l ' a s s e r z i o n e l o g i c a s i g n i f i c a n o la stessa cosa e q u i v a l e in p a r t e al fatto l i n g u i s t i c o clic * g e n e r o di * e ' spos a t o ' in i t a l i a n o s i g n i f i c a n o lo stesso di ' g e n d r c de ' e " m a r i e
1

in

francese. Questo potremmo esprimerlo dicendo che, dopotutto, esiste u n a t r a d u z i o n e a l t e r n a t i v a d e l l ' e n u n c i a l o i t a l i a n o u s a t o p e r fare l'asserzione linguistica, e precisamente l'enunciato francese citato s o p r a , c h e i n c o m i n c i a ' En f r a n c a t e . . . ' P o t r e m m o d i r e che q u e s t e s o n o v e r s i o n i r e a l m e n t e d i v e r s e Iella stessa r e g o l a ; c h e nel f o r m u l a r e le r e g o l e di i n c o n g r u e n z a in un l i n g u a g g i o , i m p l i c i t a m e n t e noi f o r m u l i a m o a n c h e l e r e g o l e d i i n c o n g r u e n z a p e r l e e s p r e s s i o n i c o r r i s p o n d e n t i in tutti gli altri l i n g u a g g i ; e e h e in tal m o d o u n ' a s s e r z i o n e l i n g u i s t i c a del genere citato t r a s c e n d e il ling u a g g i o d e l l e p a r o l e d i cui f a m e n z i o n e . s o l t a n t o m e n o n a t u r a l e d i r q u e s t o c h e non d i r e c h e u n ' a s s e r z i o n e logica t r a s c e n d e il ling u a g g i o in cui f o r m u l a t a . C o n s t a t i a m o d u n q u e c h e ci s o n o difficolt n e l l ' i d c n t i f i c a r c ass e r z i o n i l o g i c h e e d a s s e r z i o n i l i n g u i s t i c h e ; difficolt nel d i r e che gli e n u n c i a t i usati p e r f a r e a s s e r z i o n i l o g i c h e s i g n i f i c a n o l o stesso dei c o r r i s p o n d e n t i e n u n c i a t i usati p e r f a r e a s s e r z i o n i l i n g u i s t i c h e ; e il c o n s t a t a r e ci p u d a r c i l ' i l l u s i o n e di un r e g n o i n d i p e n d e n t e dei fatti l o g i c i , dei quali le regole linguistiche sono soltanto l ' a v v e n t i z i o r i v e s t i m e n t o v e r b a l e . S e n t i a m o c h e . m e n t r e i l fatto c h e l ' e s p r e s s i o n e " g e n e r o ' s i g n i f i c a ci c h e s i g n i f i c a s o l t a n t o q u e s t i o n e d i s t o r i a l i n g u i s t i c a , storia c h e a v r e b b e p o t u t o facilm e n t e e s s e r e d i v e r s a , l ' a s s e r z i o n e che f a c c i a m o q u a n d o d i c i a m o * L ' a s s e r z i o n e c h e un u o m o un g e n e r o i n c o n g r u e n t e con l'ass e r z i o n e c h e egli non m a i stato s p o s a t o ' tale c h e non p o t r e b b e e s s e r e f a l s o , a n c h e se u n ' a c c i d e n t a l i t s t o r i c a q u e l l a c h e ce lo fa f o r m u l a r e con q u e s t e p a r o l e . M a q u a n d o s i e s p r i m e q u e s t o senti-

Ragionamento

17

m e n t o , s i e s p r i m e s e m p l i c e m e n t e l ' e v i d e n t e b a n a l i t c h e u n a par o l a non p u a v e r e e non a v e r e nello stesso t e m p o il s e n s o c h e di fatti ha ( i l senso in cui la u s i a m o nel f a r e a s s e r z i o n i ) . La cosa i m p o r t a n t e r i l e v a r e c h e , q u a n d o t r a c c i a t e i l i m i t i di a p p l i c a b i l i t d e l l e p a r o l e di un l i n g u a g g i o e p o i m e t t e t e in rapp o r t o l e p a r o l e d i q u e l l i n g u a g g i o con q u e l l e d i u n a l t r o p e r m e z z o di r e g o l e di t r a d u z i o n e , non o c c o r r e t r a c c i a r e n u o v i l i m i t i p e r il s e c o n d o l i n g u a g g i o . Essi s o n o g i stati t r a c c i a t i . ( N o n v o g l i o d i r e c h e q u e s t o sia l ' o r d i n e in cui le c o s e vengon fatte, p e r q u a n t o sia l ' o r d i n e in cui le cose v e n g o n o i m p a r a t e ) . q u e s t a la r a g i o n e ( a l m e n o in p a r t e ) p e r cui le a s s e r z i o n i l o g i c h e f o r m u l a t e in un ling u a g g i o non si r i f e r i s c o n o s o l t a n t o a q u e l l i n g u a g g i o . a n c h e i m p o r t a n t e n o t a r e c h e q u e s t a r a g i o n e p e r l a q u a l e non c o n s i d e r i a m o le a s s e r z i o n i di v a l u t a z i o n e l o g i c a c o m e r e l a t i v e a particolari raggruppamenti di parole ( c i o enunciati) differente da q u e l l a c h e a b b i a m o d i s c u s s o in p r e c e d e n z a , a n c h e se vi conn e s s a . In p r e c e d e n z a a b b i a m o m e s s o in r i l i e v o clic non gli enunciati clic p r o n u n z i a m o s o n o f r a l o r o i n c o n g r u e n t i , c o n s e g u o n o l ' u n o d a l l ' a l t r o , ecc., ma le a s s e r z i o n i ; la q u e s t i o n e di q u a l e ass e r z i o n e venga f a t t a , e se a d d i r i t t u r a s i a stata f a t t a , d i p e n d e da altro c h e non s e m p l i c e m e n t e d a q u a l i p a r o l e v e n g a n o u s a t e . M a reg o l e c o n c e r n e n t i le p a r o l e s t a n n o d i e t r o a tutte le a s s e r z i o n i di v a l u t a z i o n e logica ; e r i m a n e da v e d e r e se p o s s i a m o m e g l i o f a r logica in t e r m i n i di r e g o l e c h e r i g u a r d a n o d i r e t t a m e n t e le espressioni rappresentative, o p p u r e in termini di relazioni logiche fra asserzioni.

II.

Ragionamento
9. Si d i c e s p e s s o c h e la l o g i c a lo s t u d i o dei p r i n c i p i del rag i o n a m e n t o d e d u t t i v o . Ma c o n c e z i o n e t r o p p o l i m i t a t a , e contiene s u g g e s t i o n i f u o r i l u o g o . A r g o m e n t a r e , p r o v a r e , i n f e r i r e , con-

IB

Valutazione logica

e l u d e r e , r i s o l v e r e u n p r o b l e m a m a t e m a t i c o , p o s s o n o tutti e s s e r e detti generi di r a g i o n a m e n t o . I l o r o intenti e s c o p i s o n o d i f f e r e n t i . L ' a r g o m e n t a r e s i p r o p o n e d i c o n v i n c e r e ; chi a r g o m e n t a lenta d i o t t e n e r e che q u a l c u n o r i c o n o s c a che q u a l c h e a s s e r z i o n e vera o f a l s a . P o t e t e o t t e n e r e c h e u n a p e r s o n a riconosca c h e u n ' a s s e r z i o n e vera m o s t r a n d o l e c h e essa c o n s e g u e da a l t r e a s s e r z i o n i c h e essa gi accetta. P o t e t e o t t e n e r e che riconosca c h e u n ' a s s e r z i o n e f a l s a p e r c h da q u e s t a c o n s e g u e u n ' a l t r a c h e essa r e s p i n g e , il p r o v a r e cosa d i v e r s a : u n a p e r s o n a p u a r g o m e n t a r e con s u c c e s s o , e pers i n o v a l i d a m e n t e , senza p r o v a r e ; infatti u n a r g o m e n t o i n v a l i d o [tuo c o n v i n c e r e , e le p r e m e s s e di un a r g o m e n t o v a l i d o p o s s o n o essere f a l s e . I n o l t r e , s i p u p r o v a r e q u a l c o s a s e n z a a r g o m e n t a z i o n e , s e n z a c e r c a r e d i c o n v i n c e r e . Q u a n d o trovate u n t e o r e m a m a t e m a tico nel corso di un e s a m e , non tentate di c o n v i n c e r e l ' e s a m i n a t o r e d e l l a s u a v e r i t ; vostro o b i e t t i v o di m o s t r a r e la vostra conoscenza m a t e m a t i c a s c r i v e n d o una s e r i e di a s s e r z i o n i di cui l ' u l t i m a il t e o r e m a da d i m o s t r a r s i e c i a s c u n a Ielle q u a l i c o n s e g u e da q u e l l e gi scritte, in u n i o n e con altri t e o r e m i p r e c e d e n t i . I n f e r i r e , t r a r r e c o n c l u s i o n i , c o s a a n c o r a d i f f e r e n t e . ITI tal c a s o voi conoscete gi a l c u n i fatti o v e r i t , e il vostro intento di v e d e r e piale i n f o r m a z i o n e u l t e r i o r e p u e s s e r n e fatta d e r i v a r e ; si tratta di trov a r e le loro c o n s e g u e n z e l o g i c h e . M a l g r a d o l ' i n f e r i r e , il p r o v a r e , l ' a r g o m e n t a r e a b b i a n o s c o p i d i v e r s i , s e m b r a d"orlinario ' c h e essi a b b i a n o in c o m u n e lo s c o p o di c o n n e t t e r e verit con v e r i t . La validit dei s i n g o l i p a s s a g g i e. in g e n e r a l e , a p p r e z z a t a in vista d e l l a verit d e l l e c o n c l u s i o n i a l l e piali essi p o r t a n o . Ma n lo s c o p o c h e l ' a r g o m e n t a r e , il p r o v a r e , l ' i n f e r i r e h a n n o in c o m u n e , n juelli c h e h a n n o c i a s c u n o p e r conto p r o p r i o , s o n o cosa c h e r i g u a r d i l a l o g i c a . La q u e s t i o n e l o g i c a , d e l l a v a l i d i t dei p a s s a g g i q u e s t i o n e c h e p u v e n i r s o l l e v a t a e risolta i n d i p e n d e n t e m e n t e d a l l a que' Non s e m p r e . Q u a n d o un b a m b i n o risolve problemi di aritmetica applic a t a . c i c l i c v u o l c o n s e g u i r e n o n la r i s p o s t a vera, ma la r i s p o s t a giuslu. F il v o l o n o n g l i v i c n d a t o p e r l u r i s p o s t a , m a p e r i l m o d o i n c u i l'Ila o t t e n u t a .

Ragionamento

19

s t i o n e s e questi s c o p i s o n o c o n s e g u i t i . L a v a l i d i t dei p a s s a g g i da s o l a non d g a r a n z i a d e l l a verit d e l l a c o n c l u s i o n e , n la loro i n v a l i d i t d e l l a sua f a l s i t . D i r e infatti clic i p a s s a g g i s o n o v a l i d i , clic l a c o n c l u s i o n e c o n s e g u e d a l l e p r e m e s s e , s i g n i f i c a d i r e semplicemente che sarebbe incongruente asserire le premesse e n e g a r e la c o n c l u s i o n e ; c h e la v e r i t d e l l e p r e m e s s e i n c o n g r u e n t e con l a f a l s i t d e l l a c o n c l u s i o n e . L o s t i m a r e u n r a g i o n a m e n t o valido e s c l u d e u n a certa combinazioni! di verit e f a l s i t , e p r e c i s a m e n t e di verit n e l l e p r e m e s s e e falsit nella c o n c l u s i o n e . Ma essa lascia a p e r t a la p o s s i b i l i t di altre c o m b i n a z i o n i : f a l s i t con falsit e f a l s i t con verit, c o m e a n c h e verit con v e r i t . Q u a n d o ci si dice clic il r a g i o n a m e n t o v a l i d o , non ci si d i c e c h e s a r e b b e i n c o n g r u e n t e n e g a r e tanto le p r e m e s s e c h e la c o n c l u s i o n e o afferm a r e la c o n c l u s i o n e e n e g a r e le p r e m e s s e . 10. Noi s p e s s o s e g n a l i a m o la nostra p r e t e s a c h e il p a s s a g g i o

c h e s t i a m o c o m p i e n d o s i a v a l i d o m e d i a n t e l ' u s o d i c e r t e espressioni c h e l e g a n o u n ' a s s e r z i o n e , o serie di a s s e r z i o n i , ad u n ' a l t r a . S i tratta d i p a r o l e e frasi sul g e n e r e d i ' c o s i ' , ' d i c o n s e g u e n z a 1 , ' perci " giacch ' infatti ' consegue che ecc. Ed a l t r e espressioni sono talvolta usate p e r s e g n a l a r e p a s s a g g i clic g i u s t a m e n t e e s i t e r e m m o a c h i a m a r e p a s s a g g i nel r a g i o n a m e n t o , ma clic non s o n o di m i n o r interesse p e r il logico. I n t e n d o r i f e r i r m i a espressioni c o m e ' ci a dire \ " in a l t r e p a r o l e \ ' p i in b r e v e ' int e n d o d i r e ' . Q u e s t e s o n o e s p r e s s i o n i c h e u s i a m o q u a l c h e volta ( a n c h e se non s e m p r e e non s o l t a n t o ) in o c c a s i o n i n e l l e q u a l i trov e r e m m o che s t i a m o non tanto i n f e r e n d o o a r g o m e n t a n d o , m a piuttosto, per e s e m p i o , m e t t e n d o in a l t r e p a r o l e q u a l c o s a c h e gi stato detto, o r i p e t e n d o l o t r a l a s c i a n d o q u a l c o s a , o r i a s s u m e n d o l o , o s c h e m a t i z z a n d o l o . N o n esiste u n a linea p r e c i s a e d e f i n i t a c h e s e p a r i quei p a s s a g g i che c h i a m e r e m m o p a s s a g g i nel r a g i o n a m e n t o da q u e i p a s s a g g i che d e s c r i v e r e m m o in u n o dei m o d i a l t e r n a t i v i clic ho e l e n c a t o . O v v i a m e n t e , vi s o n o casi e s t r e m i c h e classifiche-

20

Valutazione logica

r e m i n o senza e s i t a z i o n e . Q u a n d o i p a s s a g g i s o n o n u m e r o s i e intricati, non a b b i a m o d u b b i ad a p p l i c a r e p a r o l e c o m e ' i n f e r e n z a ' o " a r g o m e n t a z i o n e " ; q u a n d o q u a l c o s a c h e stata detta v i e n e ripetuta, in tutto o in p a r t e , non e s i t i a m o a r i t e n e r e i n a p p r o p r i a t e q u e s t e p a r o l e . M a c i s o n o casi i n t e r m e d i . U n a p e r s o n a c h e l e g a s s e u n a p a r t e del s u o d i s c o r s o ad u n ' a l t r a con la f r a s e
k

in a l t r e pa-

role ", con ci n e g a n d o o g n i p r e t e s a di v o l e r f a r e q u a l c o s a di cosi a m b i z i o s o coin u n ' i n f e r e n z a , p o t r e b b e i m b a t t e r s i n e l l ' o b i e z i o n e ' Ma q u e s t o non ne c o n s e g u e ', c h e rigetta e n e g a la p r e t e s a di a v e r v a l i d a m e n t e i n f e r i t o . Le d i f f e r e n z e fra i p a s s a g g i che s o n o passaggi nel r a g i o n a m e n t o e i p a s s a g g i c h e non si [tossono d i r tali sono i m p o r t a n t i da certi punti di vista. D a l p r e s e n t e p u n t o di vista, esse sono m e n o i m p o r t a n t i c h e non le s i m i g l i a n z e . C i c h e c o m u n e a tutti q u e s t i casi cui mi r i f e r i s c o e la p r e t e s a , resa esplicita con le e s p r e s s i o n i di l e g a m e ', c h e s a r e b b e i n c o n g r u e n t e asserire ci clie p r e c e d e tali e s p r e s s i o n i e n e g a r e ci c h e le s e g u e . Il logico si interessa dei casi in cui q u e s t a r e l a z i o n e ha l u o g o f r a ass e r z i o n i , senza r i g u a r d o al fatto c h e il p a s s a g g i o da u n ' a s s e r z i o n e a d u n ' a l t r a cosi l e g a t a a l l a p r i m a sia u n p a s s a g g i o c h e m e r i t i d i esser c h i a m a t o ' p a s s a g g i o nel r a g i o n a m e n t o '. o m e n o ; s e n z a rig u a r d o n e m m e n o a l fatto c h e v i s i a q u a l c o s a c h e s i p o s s a riconos c e r e c o m e u n p a s s a g g i o . ( P i t i a v a n t i v e d r e m o l a r a g i o n e del car a t t e r e cosi c o m p r e n s i v o e u n i v e r s a l e di t a l e i n t e r e s s e ) . Q u e s t o s p i e g a p e r c h l ' e s p r e s s i o n e ' s t u d i o dei p r i n c i p i del r a g i o n a m e n t o d e d u t t i v o v a l i d o ' d e s c r i v a la l o g i c a in m o d o t r o p p o a n g u s t o . U n a p e r s o n a c h e si r i p e t e non r a g i o n a . Ma i n c o n g r u e n t e a f f e r m a r e e n e g a r e la stessa c o s a . C o s i uh logico d i r c h e u n ' a s s e r z i o n e ha con se stessa la r e l a z i o n e c h e lo i n t e r e s s a .

1 Naturalmente, le espressioni di legame ehe ho elencato non sono s e m p r e impiegate allo s c o p o di segnalare p r o p r i o questa pretesa. Cfr. capitolo II. p. e capitolo IX.

Il vocabolario di secondo ordine

21

III.

Il
11.

vocabolario

di

secondo

ordine

del

logico

G r a n p a r t e d e l l e a s s e r z i o n i che f a c c i a m o non r i g u a r d a n o

esse stesse a s s e r z i o n i , ma c o n c e r n o n o p e r s o n e o c o s e . Q u e s t e asserzioni non r e l a t i v e a d a l t r e a s s e r z i o n i l e p o s s i a m o c h i a m a r e asserzioni d i p r i m o o r d i n e : l e a s s e r z i o n i i n t o m o a l l e a s s e r z i o n i d i primo ordine possiamo c h i a m a r l e asserzioni di secondo ordine, c cosi via. G i a c c h le p a r o l e di v a l u t a z i o n e l o g i c a , si u s a n o p e r parl a r e d i a s s e r z i o n i , l e a s s e r z i o n i clic f a c c i a m o u s a n d o tali p a r o l e d e v o n o e s s e r e a l m e n o d i s e c o n d o o r d i n e . D i r e m o c h e tali p a r o l e c o s t i t u i s c o n o u n a p a r t e del v o c a b o l a r i o di s e c o n d o o r d i n e del logico. P i i n n a n z i t r a t t e r e m o i n m o d o a n a l o g o d e g l i e n u n c i a t i d i p r i m o o r d i n e ( c i o , e n u n c i a l i usati per f a r e a s s e r z i o n i clic non r i g u a r d a n o e n u n c i a t i o a s s e r z i o n i ) , e degli e n u n c i a t i di s e c o n d o o r d i n e ( c i o e n u n c i a t i usati p e r f a r e a s s e r z i o n i c h e r i g u a r d a n o e n u n c i a t i o a s s e r z i o n i di p r i m o o r d i n e ) . Le f r a s i ' c o n s e g u e da ' e ' i m p l i c a l o g i c a m e n t e ' ci f a n n o pens a r e a ciucile s i t u a z i o n i a r t i f i c i o s e di e s e r c i z i o r a g i o n a t i v o in cui ci i m p e g n a r n e di proposito a condurre ragionamenti, a trarre
1

i l l a z i o n i , ecc. La p a r o l a * v a l i d o ' , a p p l i c a t a ad u n a s e r i e di asserzioni c o l l e g a t e con cpialchc e s p r e s s i o n e ( p . c . p e r c i ') c h e estrinseca la p r e t e s a c h e una di esse c o n s e g u a d a l l e a l t r e , c o m p o r t a lo stesso s u g g e r i m e n t o . A b b i a m o b i s o g n o d i u n a p a r o l a clic s i g n i f i c h i c h e un e n u n c i a t o c o l l e g a t o a un a l t r o in m o d o tale; c h e s a r e b b e i n c o n g r u e n t e a f f e r m a r e il p r i m o e n e g a r e il s e c o n d o , e c h e peraltro non c o m p o r t i s u g g e s t i o n i del g e n e r e . C ' la p o s s i b i l i t di u s a r e a q u e s t o s c o p o la p a r o l a
4

esige

' a l l a q u a l e r i c o r r e r e m o d'ordi-

1 II l e s t o i n g l e s e r e c a : C ' l ' a b i t u d i n e di u s a r e a q u e s t o s c o p o la p a r o l a ' entails ' . L ' u s o d e l v e r b o to entail, c h e p r o p r i a m e n t e e s p r i m e la fissazione d i u n p a r t i c o l a r e vincolo n e l d i r i t t o s u c c e s s o r i o , nel s e n s o d e l l ' i m p l i c a z i o n e

41 Valutazione logica n a r i o in q u e s t o l i b r o , p u r senza inibirci l ' u s o di pili c o m u n i p a r o l e e frasi di v a l u t a z i o n e l o g i c a , q u a n d o ve ne s i a c o n v e n i e n z a , e com u n q u e r i c o r r e n d o v i in m o d o da e v i t a r e l ' i m p r e s s i o n e c h e ci si stia m u o v e n d o in a s t r a t t e s i t u a z i o n i d ' e s e r c i z i o r a g i o n a t i v o . Discostarsi cosi d a l l i n g u a g g i o o r d i n a r i o non riesce n e c e s s a r i a m e n t e f u o r v i e n t e , ove se ne s i a ben c o n s a p e v o l i . 12. O c c o r r e ora d i s c u t e r e le r e l a z i o n i e h e h a n n o fra loro al-

c u n e p a r o l e del v o c a b o l a r i o d i s e c o n d ' o r d i n e del l o g i c o . A n z i t u t t o d o b b i a m o d i s t i n g u e r e fra d u e g e n e r i d i i n c o n g r u e n z a , fra u n senso pili a m p i o e d u n o p i ristretto d i ' c o n t r a d d i z i o n e ' . S u p p o n i a m o c h e q u a l c u n o d i c a c h e u n a certa p e r s o n a alta p i di sei p i e d i e c h e q u a l c u n a l t r o d i c a d e l l a stessa p e r s o n a c h e e alta m e n o di sci p i e d i . A b b r e v i a m o le d u e a f f e r m a z i o n i riducend o l e a s e m p l i c i l e t t e r e : la p r i m a ( p i ) ed m la s e c o n d a ( m e n o ) , e q u i n d i i n d i c h i a m o le d u e a s s e r z i o n i con A,, la p r i m a ed A, la s e c o n d a . A l l o r a , s a l v o clic s i a v a n z i n o s p e c i a l i s p i e g a z i o n i p e r dim o s t r a r e c h e la c o n t r a d d i z i o n e s o l o a p p a r e n t e , p r o p r i a m e n t e dir e m o clic colui c h e li a p a r l a t o per s e c o n d o ha c o n t r a d d e t t o il p r i m o p a r l a t o r e , c h e A, i n c o n g r u e n t e con A r U n a terza p e r s o n a p u i n t e r v e n i r e a d i r e clic l ' i n d i v i d u o in d i s c u s s i o n e alto esattam e n t e sei p i e d i , e c o s i d i c e n d o essa c o n t r a d d i r e b b e a m b e d u e le p r e c e d e n t i . D i c i a m o c h e egli f a A e ( l ' a s s e r z i o n e c h e l ' i n d i v i d u o i n d i s c u s s i o n e alto e s a t t a m e n t e sei p i e d i ) , e c h e A e i n c o n g r u e n t e tanto con A p c h e con A,. M a ora s u p p o n i a m o c h e colui c h e h a p a r l a t o p e r s e c o n d o , invece di f a r e A, a v e s s e fatto A,,.,, ( l ' a s s e r z i o n e c h e l ' i n d i v i d u o in d i s c u s s i o n e non a l t o i ti di sei p i e d i ) . Di n u o v o , a m e n o di spiel o g i c a d ' u s o r e l a t i v a m e n t e r a r o , e p e r c i a p p u n t o s t a t o p r e s c e l t o da m o l t i moderni logici anglosassoni per evitare l ' i m p i e g o dei termini ormai classici, non g r a d i t i p e r le r a g i o n i d e t t e nel t e s t o . T r a d u c i a m o * to entail ' c o n ' e s i g e r e '; tuttavia il sostantivo ' e n t a i l m e n t ' . non potendosi t r a d u r r e ' e s i g e n z a ' , sar sempre r e s o c o n ' i i u p l i r n n z n '.

Il vocabolario li secondo ordine

23

g a z i o n i p r o d o t t e a d i m o s t r a r e c h e la c o n t r a d d i z i o n e s o l o a p p a rente, noi d o v r e m m o d i r e c h e egli h a c o n t r a d d e t t o i l p r i m o p a r l a tore, c h e A,lo.p e r a i n c o n g r u e n t e con Ap. Ma la r e l a z i o n e f r a A p ed A. p non e s a t t a m e n t e la stessa r e l a z i o n e c h e i n t e r c o r r e f r a A p e A,. I n f a t t i m e n t r e e r a p o s s i b i l e f a r e u n ' a s s e r z i o n e , e p r e c i s a m e n t e A c , c h e f o s s e i n c o n g r u e n t e tanto con A p c h e con A m , non c' m o d o o r a li f a r n e u n a c h e s i a i n c o n g r u e n t e t a n t o con A p c h e con A 0 .p. E s p r i m i a m o q u e s t o fatto d i c e n d o c h e A p ed A.p sono c o n t r a d d i t t o r i e m e n t r e A p ed A, s o n o s o l o c o n t r a r i e . D i r e di lue a s s e r z i o n i c h e s o n o c o n t r a d d i t t o r i e e q u i v a l e a lire c h e s o n o incongruenti f r a l o r o e che n e s s u n a a s s e r z i o n e i n c o n g r u e n t e con anibclue a d u n t e m p o . D i r e d i lue a s s e r z i o n i c h e s o n o c o n t r a r i e equiv a l e a d i r e c h e son> incongruenti f r a l o r o , l a s c i a n d o a p e r t a la poss i b i l i t che v i sia q u a l c h e a s s e r z i o n e i n c o n g r u e n t e con a m b e d u e . ( Q u e s t a pu venire assunta come una definizione di ' c o n t r a d i c t o r i o ' e ' c o n t r a r i o * in t e r m i n i di ' i n c o n g r u e n t e ' ) . Ma noi lic i a m o c h e u n a p e r s o n a ' c o n t r a d t l i c c ' u n ' a l t r a (o se s t e s s a ) q u a n d o f a c c i a a s s e r z i o n i c h e s o n o i n c o n g r u e n t i con juelle d e l l ' a l t r a ( o di se s t e s s a ) , s i a n o o m e n o tali a s s e r z i o n i p r o p r i a m e n t e c o n t r a d d i t torie '. A b b i a m o gi liscusso la q u e s t i o n e di c o i n s i a p o s s i b i l e l'inc o n g r u e n z a ; e la m e d e s i m a d i s c u s s i o n e ci a i u t a a v e d e r e c o m e sia p o s s i b i l e la c o n t r a d d i z i o n e , nel suo s i g n i f i c a t o p i r i s t r e t t o ; e c o m e (ucsto s i g n i f i c a t o s o t t i n t e n d a la scelta n a t u r a l e di ' X fa al caso e X non fa al c a s o ' coin la f o r m a g e n e r a l e di u n a conlratldizione. P a r a g o n a m m o l'ambito di incompatibilit di un predicato con i l p i a n o d i u n a f i g u r a c h i u s a . D u e p r e d i c a t i e r a n o i n c o m p a t i bili piando v e n i v a n o a trovarsi r i s p e t t i v a m e n t e la u n a p a r t e e d a l l ' a l t r a d i u n c o n f i n e c h e a v e v a m o t r a c c i a t o ' i n u n certo a m b i t o ili i n c o m p a t i b i l i t . S u p p o n i a m o clic d u e predicati giacenti al

1 C o n t i n u e r ad u s a r e t a l v o l t a ' c o n t r a d d i z i o n e ' auto-contraddittorio " c o n t r a d d i r e * nel s e n s o p i l a r g o ; ina ' c o n t r a d d i t t o r i o * l o l i m i t e r a q u e l l o pi ristretto.

24 m o d o suddetto rispetto ad un tale confine vengano applicati alla stessa c o s a , d i m o d o c h e v e n g a n f a t t e d u e a s s e r z i o n i i n c o n g r u e n t i . A l l o r a noi p o s s i a m o f a r e u n ' a s s e r z i o n e i n c o n g r u e n t e con a m b e d u e le p r i m e a p p l i c a n d o a quella cosa un predicato che giaccia fuori d a i c o n f i n i d i a m b e d u e gli altri p r e d i c a t i , m a n e l l o stesso a m b i t o di i n c o m p a t i b i l i t . Ma s u p p o n i a m o che i p r i m i predicati esauris c a n o , f r a tutti e d u e . q u e s t ' a m b i t o . A l l o r a non c ' m o d o d i f a r e u n ' a s s e r z i o n e i n c o n g r u e n t e con a m b e d u e l e a s s e r z i o n i p r e c e d e n t i . ( S e m e t di tin f o g l i o di c a r t a c o l o r a t o in r o s s o e l ' a l t r a m e t i n b l u , non c ' m o d o d i t r o v a r e u n p u n t o s u l l a s u p e r f i c i e d e l l a c a r t a clic non s i a n n e l l ' a r e a b l u n i n q u e l l a r o s s a ) . V e d e m m o a n c h e c h e nel l i n g u a g g i o a v e v a m o , o l t r e a i p r e d i c a t i i n c o m p a t i b i l i . d e g l i a c c o r g i m e n t i ( c o m e i l ' non ' ) p e r e s p l i c i t a m e n t e escludere (respingere, rifiutare) un predicato dall'applicazione a qualcosa. Se questi accorgimenti esistono, facile vedere c o m e l'ambito di incompatibilit pu essere esaurito, e com' d u n q u e possibile f o r m u l a r e asserzioni contraddittorie. Se due asserzioni i n c o n g r u e n t i v e n g o n o f a t t e a p p l i c a n d o a q u a l c o s a p r e d i c a t i semplicemente incompatibili, incongruente rimane aperta con la possibilit mediante di fare un'asserzione ambedue, l'applica-

zione alla cosa stessa di un terzo p r e d i c a t o che a p p a r t e n g a allo s t e s s o a m b i t o d i i n c o m p a t i b i l i t . M a o v e u n ' a s s e r z i o n e s i a incong r u e n t e con u n ' a l t r a p e r c h e s s a e s p l i c i t a m e n t e r e s p i n g e ( r i f i u t a , e s c l u d e ) il p r e d i c a l o che l'altra a p p l i c a , questa possibilit svanis c e . D i r e clic u n a c o s a n h a , n non h a u n a c e r t a p r o p r i e t ( c i o t e n t a r e d i d i r e q u a l c o s a c h e s i a i n c o n g r u e n t e t a n t o con l'asserz i o n e c h e e s s a h a , q u a n t o con l ' a s s e r z i o n e c h e e s s a non h a q u e l l a p r o p r i e t ) c o m e lire c h e q u e l l a p r o p r i e t n e l l o s t e s s o t e m p o c e l ' h a e non c e I l i a . U n o non s a p r e b b e c h e d i a v o l o gli s i v o g l i a lire, a m e n o c h e non v e n g a f o r n i t a u n a s p i e g a z i o n e ; tuttavia l ' i n d e t e r m i n a t e z z a lei c o n f i n i d e l l e p a r o l e , i d i f f e r e n t i p u n t i di vista lai q u a l i s i a m o i n d o t t i ad a p p l i c a r e e a r i f i u t a r e le e s p r e s s i o n i , p o s s o n o t a l v o l t a p e r m e t t e r e i li a t t r i b u i r e u n s i g n i f i c a t o a d

Il vocabolario li secondo ordine

25

una simile combinazione di parole. Si potrebbe concludere: due a s s e r z i o n i sono c o n t r a d d i t t o r i e q u a n d o u n a p e r s o n a c h e a f f e r m a a m b e d u e e u n a p e r s o n a c h e nega a m b e d u e , s a r a n n o l ' u n a e l ' a l t r a c o n s i d e r a t e c o m e aventi c o n t r a d d e t t o se stesse e non aventi detto nulla. M a c' u n a l t r o m o d o d i i n t e n d e r e q u a l c u n o c h e d i c a c h e u n a cosa n h a n non h a u n a certa p r o p r i e t . P e r e s e m p i o : ' S i c u r a egli di c i ? ' ' E g l i n se ne c u r a , n non se ne c u r a : m o r t o ' . La r i s p o s t a m o s t r a che la q u e s t i o n e non a p p r o p r i a t a a l l e circos t a n z e , c h e q u a l c h e p r e s u p p o s t o a s s u n t o da chi la f o r m u l a non v e r o . E s s a non m o s t r a clic l ' a s s e r z i o n e c h e e g l i si c u r a di c i e q u e l l a c h e egli non s e n e c u r a s a r e b b e r o a m b e d u e f a l s e , essa mostra p i u t t o s t o c h e non si p o n e la q u e s t i o n e di q u a l e s i a v e r a , perc h non sono a d e m p i u t e l e c o n d i z i o n i d e l s u o s o r g e r e . M o l t e a s s e r z i o n i v e n g o n o fatte i n q u e s t o m o d o , s o p r a u n o s f o n d o d i a s s u n z i o n i c h e non c h i a m a t o in c a u s a q u a n d o si d i s c u t e la l o r o verit o f a l s i t , e la cui c h i a m a t a in c a u s a i m p e d i s c e c h e tali verit e f a l s i t s i a n o d i s c u s s e . Ogni c o m m e n t o s u l l e r e l a z i o n i l o g i c h e f r a a s s e r z i o n i a v v i e n e s u l l o stesso s f o n d o , e d a l l o stesso livello di a s s u n z i o n e , d e l l a d i s c u s s i o n e d e l l a loro v e r i t o f a l s i t . Le a s s e r z i o n i c o n t r a d d i t t o r i e h a n n o q u i n d i ' il c a r a t t e r e di ess e r e a s s i e m e l o g i c a m e n t e eschisive e l o g i c a m e n t e e s a u r i e n t i . f o r s e p i f a c i l e i m m a g i n a r e u n l i n g u a g g i o d o v e l e a s s e r z i o n i cont r a d d i t t o r i e n o n p o s s a n o esser f a t t e c h e non u n l i n g u a g g i o d o v e non p o s s a i i o e s s e r fatte a s s e r z i o n i s e m p l i c e m e n t e i n c o n g r u e n t i . S e vi f o s s e r o s o l o lue generi di q u a d r u p e d i , p e r e s e m p i o leoni e tigri, si a v r e b b e m i n o r b i s o g n o d e l l a p a r o l a ' non ' nel d i s c u t e r e l ' i d e n t i t d i u n q u a d r u p e d e . S e l a gente s e n t i s s e m e n o l ' i m p u l s o a p a r l a r e s e n z a u n ' i n f o r m a z i o n e a d e g u a t a , ad a v a n z a r e certi generi d i q u e s t i o n i , a d a f f r o n t a r e l ' e s p e r i e n z a con d u b b i , t i m o r i , s p e r a n z e e d a s p e t t a z i o n i , s i a v r e b b e m e n o b i s o g n o d i q u e l l a par o l a . Ma le o c c a s i o n i in cui si sente il b i s o g n o d e l l ' e s p l i c i t a esclus i o n e di un p r e d i c a t o , o d e l l ' e s p l i c i t o rifiuto di u n ' a s s e r z i o n e o

26

V a l u t a z i o n e logica

di un s u g g e r i m e n t o , s o n o in realt m o l t o n u m e r o s e . E cosi abb i a m o a s s e r z i o n i c o n t r a d d i t t o r i e . A r a g i o n e a s s o c i a m o con la contraddizione ( n e l senso ristretto) le seguenti c o p p i e di espressioni 0 nozioni a n t i t e t i c h e : " S i ' e ' N o " , a s s e v e r a r e e d e n e g a r e v e r i t e f a l s i t , ' f a al c a s o
7

e " n o n fa al c a s o " ( a f f e r m a z i o n e e nega-

z i o n e ) . T a l e a s s o c i a z i o n e non d a n n o s a finch ci r i c o r d i a m o c h e ' Si e no ' p u non e s s e r e u n a r i s p o s t a a u t o - c o n t r a d d i t t o r i a , c h e ' e non ' ( la c o n g i u n z i o n e di a f f r m a z i o n e e n e g a z i o n e ) p u essere usato per fare un'asserzione genuina, che possiamo esitare a tpialificare un'asserzione o vera o falsa. ' A s s e v e r a r e " e ' d e n e g a r e ' sono in p o s i z i o n e l i e v e m e n t e d i v e r s a . P e r essi l ' o p p o s i z i o n e c o n t r a d d i t t o r i a p a r t e del l o r o s i g n i f i c a t o . M a l g r a d o un u o m o p o s s a d i r e ' e non ' s e n z a a u t o - c o n t r a d d i z i o n e , e s i t e r e m m o a d i r e c h e egli i n s i e m e a s s e v e r a e d e n e g a la stessa c o s a . N o n dir e m m o clic u n u o m o p o s s a f a r c i senza a u t o - c o n t r a d d i z i o n e . F r a q u e s t e c o p p i e di e s p r e s s i o n i a n t i t e t i c h e , le c o p p i e ' a s s e v e r a r e ' e ' d e n e g a r e ", ' a f f e r m a t i v o ' e ' n e g a t i v o ', ' vero * e ' f a l s o ' a p p a r t e n g o n o . c o m e la stessa p a r o l a ' a s s e r z i o n e '. al v o c a b o l a r i o di second'ordinc del logico, per quanto esse non siano parole di v a l u t a z i o n e logica ; nel m e n t r e ' si " e ' no in contesti di s e c o n d o o r d i n e . 13. S i a m o ora
v

' " e ' non ' a p p a r -

tengono a l v o c a b o l a r i o d i p r i m o o r d i n e , s e b b e n e p o s s a n o f i g u r a r e

in grado di spiegare pi sistematicamente

n e l l e s u e i n t e r r e l a z i o n i il v o c a b o l a r i o di v a l u t a z i o n e l o g i c a del l o g i c o . A q u e s t o scoilo c o n v i e n e i n t r o d u r r e q u a l c h e a c c o r g i m e n t o abbreviativo. P^r cominciare introdurremo una nuova estensione di un a c c o r g i m e n t o a b b r e v i a t i v o clic a b b i a m o gi u s a t o . Discutendo la r e l a z i o n e f r a l ' a s s e r z i o n e r e l a t i v a a u n a certa p e r s o n a , c h e essa e r a alta p i di sei p i e d i , e l ' a s s e r z i o n e , relativa a l l a stessa p e r s o n a , c h e essa e r a alta m e n o d i sei p i e d i , c i s i a m o r i f e r i t i a l l a prima mediante l'espressione Ma ' A ' ed alla seconda mediante 1 e s p r e s s i o n e ' A, '. quando d i s c u t i a m o , in generale, delle

Il v o c a b o l a r i o di s e c o n d o o r d i n e

27

i n t e r r e l a z i o n i d e l v o c a b o l a r i o di v a l u t a z i o n e l o g i c a , o c c o r r e r rif e r i r c i ad a s s e r z i o n i in g e n e r a l e p i u t t o s t o c h e ad a s s e r z i o n i particolari. Per esempio, a b b i a m o introdotto la p a r o l a ' esige gando il suo signifcalo all'incirca al m o d o s e g u e n t e : spied i r e che

u n ' a s s e r z i o n e ne e s i g e u n ' a l t r a , e q u i v a l e a d i r e c h e s a r e b b e incongruente fare la prima e negare la seconda. Questa spiegazione, c h e non si r i f e r i s c e ad a s s e r z i o n i p a r t i c o l a r i , ma ad a s s e r z i o n i in generale, la potremmo esprimere come s e g u e : dire che Ai esige A2 e q u i v a l e a d i r e che s a r e b b e i n c o n g r u e n t e f a r e A| e n e g a r e A 2 . Q u i gli indici s o t t o r i g o a s s o l v o n o la f u n z i o n e Ielle p a r o l e ' u n a ', * u n ' a l t r a ". ' p r i m a ' e ' s e c o n d a " n e l l a s p i e g a z i o n e o r i g i n a l e . Questa spiegazione pu essere ulteriormente p a r a f r a s a t a . La n o z i o n e di d i n i e g o o n e g a z i o n e s t r e t t a m e n t e l e g a t a , c o m e s ' visto, con q u e l l a d i c o n t r a d d i t t o r i e t . N e g a r e u n ' a s s e r z i o n e h a l a stessa f o r z a l o g i c a che a f f e r m a r e l a s u a c o n t r a d d i t t o r i a ; l e differenze sono qui i r r i l e v a n t i . P e r c i noi p o s s i a m o p a r a f r a s a r e la nostra s p i e g a z i o n e coin s e g u e : d i r e c h e A ] e s i g e A 2 e q u i v a l e a d i r e che s a r e b b e i n c o n g r u e n t e a s s e r i r e A t e i n s i e m e a f f e r m a r e la cont r a d d i t t o r i a d i A j . Ora l a f o r m a n e g a t i v a d i u n ' a s s e r z i o n e ( c i o , una f o r m a c h e i n c l u d a la p a r o l a * non ') n o n s e m p r e la s u a cont r a d d i t t o r i a , c o m e a b b i a m o visto. Ma lo a b b a s t a n z a s p e s s o p e r c h e s i a giustificato c h e si a b b r e v i la f r a s e ' la c o n t r a d d i t t o r i a di A 2 ' in ' non-Ai ' In tal m o d o p o s s i a m o p a r a f r a s a r e n u o v a m e n t e : d i r e c h e A| e s i g e A2 e q u i v a l e a d i r e c h e s a r e b b e i n c o n g r u e n t e a f f e r m a r e A| e d i n s i e m e a f f e r m a r e non-A2. S e s a r e b b e i n c o n g r u e n t e f a r e u n a certa c o p p i a d i a s s e r z i o n i , s a r e b b e a n c h e i n c o n g r u e n t e f a r e l'ass e r z i o n e c o n g i u n t i v a ( a d o p e r a n d o , p e r e s e m p i o , la p a r o l a ' e ') in cui esse s i a n o le c o n g i u n t e . C o s i , a b b r e v i a n d o ' l ' a s s e r z i o n e congiuntiva di cui Ai e non-Ai s o n o le c o n g i u n t e ' in ' A| e non-Ai ', p o s s i a m o p a r a f r a s a r e a n c o r a : d i r e che Ai e s i g e A 2 e q u i v a l e a d i r e c h e Ai e non-A2 i n c o n g r u e n t e . Questa spiegazione dell'implicanza equivale a una definizione d i ' e s i g e ' . N o i d i a m o u n a regola p e r l ' u s o d e l l a p a r o l a . P o s s i a m o
4

47 Valutazione logica m e t t e r e in r i l i e v o q u e s t o c a r a t t e r e del p r o c e d i m e n t o u s a n d o le virgolette invertite e s c r i v e n d o : " A, e s i g e A 2 * p u e s s e r definito c o m e ' A| e non-A2 i n c o n g r u e n t e e q u e s t o p u e s s e r e a b b r e v i a t o in : * A! e s i g e A 2 ' = d ' A t e non-A i n c o n g r u e n t e '. Q u a n d o u s i a m o le v i r g o l e t t e invertite, m e t t i a m o in r i l i e v o il fatto clic s t i a m o f o r n e n d o u n a regola p e r l ' u s o d i u n a certa e s p r e s s i o n e in un certo l i n g u a g g i o . Q u a n d o e v i t i a m o di u s a r l e , m e t t i a m o invece in r i l i e v o il fatto c h e i m p l i c i t e in tale r e g o l a vi s o n o regole per tutte le e s p r e s s i o n i s i n o n i m e in tutti i l i n g u a g g i . La d e f i n i z i o n e sta alla s p i e g a z i o n e in certo m o d o c o m e l ' a s s e r z i o n e linguistica sta a l l ' a s s e r z i o n e l o g i c a . V i s o n o a l t r e d i f f e r e n z e fra l a s p i e g a z i o n e d e l l ' i i n p l i c a n z a e la s u a d e f i n i z i o n e '. E s s e v e r r a n n o in luce p i avanti. 14. rio
k 1

Varianti di

i n c o n g r u e n t e ' s o n o ' auto-contradditto-

l o g i c a m e n t e i m p o s s i b i l e ", ' l o g i c a m e n t e f a l s o '. S u p p o -

n i a m o ora di n e g a r e u n ' a s s e r z i o n e i n c o n g r u e n t e , o di a f f e r m a r n e la c o n t r a d d i t t o r i a . G i v e d e m m o c h e u n a p e r s o n a e b e faccia un'ass e r z i o n e i n c o n g r u e n t e , in certo m o d o , non ilice n u l l a a f f a t t o . La sua a s s e r z i o n e c a n c e l l a s e stessa. A l l o r a e b e c o s a vien detto d a u n a p e r s o n a clic nega u n ' a s s e r z i o n e i n c o n g r u e n t e ? S e m b r a clic n e p p u r essa dica n i e n t e : a n c h ' e s s a , i n f a t t i , lascia l e c o s e c o m ' e r a n o . ( N a turalmente, uno pu negare separatamente due asserzioni ebe sono incongruenti fra loro, a m m e s s o clic non siano contraddittorie e r i u s c i r e a d i r e q u a l c o s a : a c o l o r o clic a s s e r i s c o n o rispettivam e n t e Ap e A m noi p o s s i a m o d i r e ' A v e t e tutti e d u e torto ', e cosi d i c e n d o a s s e r i a m o i m p l i c i t a m e n t e A , . M a n e g a r e l a s i n g o l a asserz i o n e Ap e A e q u i v a l e a non d i r niente i n t o r n o a l l ' a l t e z z a dell'in' Il s i m b o l o ' Ai " c a m b i a il suo carattere ( c f r . innanzi c a p i t o l o I I . p p . 37 sgg. per la trattazione delle f o r m u l e e delle v a r i a b i l i ) .

Il vocabolario li secondo ordine

29

d i v i d u o in d i s c u s s i o n e , g i a c c h fare q u e l l ' a s s e r z i o n e s i g n i f i c a non d i r niente i n t o r n o alla s u a a l t e z z a ) . N o n d i m e n o , a s s e r i r e l a contraddittoria di un'asserzione incongruente pu aver la sua import a n z a . P u s e r v i r e , p e r e s e m p i o , a r a m m e n t a r e a q u a l c u n o la regola t r a s g r e d i t a nel f a r l o . P u m o s t r a r g l i c h e si m e s s o a q u e l m o d o in un p a s t i c c i o . P u a i u t a r l o a m o s t r a r c i c o m e egli non stesse in r e a l t f a c e n d o affatto u n ' a s s e r z i o n e i n c o n g r u e n t e , ma tent a n d o di d e s c r i v e r e u n a s i t u a z i o n e p o c o c o m u n e o un c a s o interm e d i o . O p p u r e p u s e r v i r e a r a m m e n t a r e a noi stessi le r e g o l e , per a i u t a r c i a e l a b o r a r e q u a l c o s a , o a c o r r e g g e r e nostri p r o p r i imb r o g l i . E p u a v e r e a n c h e altri s c o p i . Q u a n d o noi a s s e r i a m o l a contraddittoria di un'asserzione incongruente, si dice che facciamo u n ' a s s e r z i o n e l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i a . V a r i a n t i di ' a s s e r z i o n e log i c a m e n t e n e c e s s a r i a ' s o n o ' a s s e r z i o n e a n a l i t i c a ', ' verit necessaria ' asserzione logicamente vera'. e v i d e n t e c h e gli s c o p i che a b b i a m o detto p o t e r e s s e r e perseguiti col f a r e u n ' a s s e r z i o n e l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i a , n e l l a f o r m a d i contraddizione di un'asserzione incongruente, potrebbero esser p e r s e g u i t i altrettanto b e n e col f a r l o n e l l a f o r m a d i u n a valutaz i o n e l o g i c a e s p r e s s a con u n ' a s s e r z i o n e d i s e c o n d ' o r d i n e . Q u e s t i s a r e b b e r o , di f a t t i , m o d i d i f f e r e n t i di d i r e la stessa c o s a , o di f a r e la stessa v a l u t a z i o n e . I n v e c c di d i r e ' E g l i non n e l l o stesso t e m p o alto p i e m e n o di sei p i e d i '. p o t r e m m o d i r e ' L ' a s s e r z i o n e c h e egli alto p i di sei p i e d i i n c o n g r u e n t e con l ' a s s e r z i o n e c h e egli alto m e n o di sei p i e d i ', o p p u r e ' L ' a s s e r z i o n e c h e egli alto p i di sei p i e d i e s i g e l ' a s s e r z i o n e c h e egli non a l t o m e n o di sei p i e d i ' . O p p u r e a n c o r a p o t r e m m o a d o t t a r e u n a f o r m a v e r b a l e int e r m e d i a f r a le g i c i t a t e f o r m e di p r i m o e di s e c o n d ' o r d i n e , e dire:
1

E g l i non pu e s s e r e i n s i e m e a l t o p i e m e n o di sci p i e d i '

oppure '

impossibile c h e egli s i a i n s i e m e alto p i e m e n o di

sei p i e d i ' . F r a queste f o r m e v e r b a l i , q u e l l e c h e i m p i e g a n o l e parole di v a l u t a z i o n e l o g i c a ' e s i g e ' e ' i n c o n g r u e n t e ' s o n o q u a n t o meno suscettibili di riuscire filosoficamente fuorvienti. La prima

49 Valutazione logica f o r m a r i c o r d a t r o p p o l a f o r m a v e r b a l e con cui d i a m o i n f o r m a zioni s u l l ' a l t e z z a d i u n a p e r s o n a , e p u f a r c i p e n s a r e c b e c h i u n q u e usi q u e s t a f r a s e stia f o r n e n d o c i i n f o r m a z i o n i m o l t o a t t e n d i b i l i in m a t e r i a . L e u l t i m e d u e f o r m e r i c o r d a n o t r o p p o l e f r a s i con cui d i s c u t i a m o le fisiche e p r a t i c h e i m p o s s i b i l i t d e l l a v i t a , e p o s s o n o f a r c i p e n s a r e di e s s e r e di f r o n t e a un c a s o di leggi p i f e r r e e persino d i q u e l l e d i n a t u r a , m a d e l l o stesso g e n e r e . Dire che un'asserzione necessaria equivale quindi a dire che la c o n t r a d d i t t o r i a di u n ' a s s e r z i o n e i n c o n g r u e n t e . D o v r e m m o not a r e c h e s i n g o l a r e u s a r e c o m u n q u e la p a r o l a
1

a s s e r z i o n e ' in tale

contesto, e c h e lo f a c c i a m o s o l t a n t o in virt di u n a sorta di anal o g i a . Q u a n d o u n a p e r s o n a f a u n ' a s s e r z i o n e o r d i n a r i a ( l e asserzioni o r d i n a r i e , c i o l e a s s e r z i o n i c h e non s o n o n i n c o n g r u e n t i n l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i e , son c h i a m a t e t a l v o l t a ' c o n t i n g e n t i ' o * sintetiche "), si p u m e t t e r e in q u e s t i o n e se c i c h e d i c e vero o f a l s o ; e p e r s t a b i l i r e la risposta a tale q u e s t i o n e , d o b b i a m o spos t a r e la nostra a t t e n z i o n e d a l l e p a r o l e clic u s a al m o n d o r e a l e , conc e n t r a n d o l a s u l l a cosa d i cui sta p a r l a n d o , q u a l u n q u e essa s i a . P u d a r s i c h e si d e l i b a n o e f f e t t u a r e e s p e r i m e n t i . M a , (liando u n a pers o n a fa u n ' a s s e r z i o n e n e c e s s a r i a o a u t o - c o n t r a d d i t t o r i a , una ques t i o n e del g e n e r e non si p o n e n p o s s i b i l e una p r o c e d u r a lei g e n e r e . N o n s a p r e m m o d o v e g u a r d a r e , o c h e e s p e r i m e n t i effett u a r e . C o m e p o t r e m m o d e t e r m i n a r e la v e r i t o f a l s i t di u n ' a s s e r z i o n e i n c o n g r u e n t e , se vero c h e chi fa u n a tale a s s e r z i o n e non dice n i e n t e ? N a t u r a l m e n t e , v i s o n o a n a l o g i e f r a ehi f a un'asserz i o n e i n c o n g r u e n t e e eli i fa u n ' a s s e r z i o n e o r d i n a r i a . A m b e d u e pronunciano (o scrivono) delle parole, e a m b e d u e usano parole che

possono e s s e r e i m p i e g a t e p e r i n f o r m a r e , b e n e o m a l e . La differenza sta nel f a t t o e h e chi f o r m u l a u n ' a s s e r z i o n e i n c o n g r u e n t e dis p o n e q u e s t e p a r o l e i n u n m o d o tale c h e noi c o n s i d e r i a m o c h e h a detto q u a l c h e cosa c h e c a n c e l l a s e m e d e s i m a . S i tratta d i u n m o d o non s o d d i s f a c e n t e di u s a r e le p a r o l e , e noi lo a s s i m i l i a m o con l'ins o d d i s f a z i o n e c h e ci p r o c u r a il m o d o in cui u s i a m o le p a r o l e

Il vocabolario li secondo ordine

31

q u a n d o f a c c i a m o un'asserzione falsa. Infatti lo scopo generale e c o m u n e p e r cui si f a n n o a s s e r z i o n i c q u e l l o di c o m u n i c a r e informazioni, di asserire falli. Questo scopo viene frustrato quando venga detto q u a l c o s a di f a l s o . a n c h e f r u s t r a t o , s e b b e n e in m o d o a f f a t t o d i v e r s o , q u a n d o u n a p e r s o n a s i c o n t r a d d i c e . C o s i noi assim i l i a m o i d u e m o d i di f a l l i r e lo s c o p o n c l l ' a s s e r i r e f a t t i , e, p e r a n a l o g i a col c a s o d i chi f a u n ' a s s e r z i o n e f a l s a , d i c i a m o a n c h e d i chi c o n t r a d d i c e s e stesso che f a u n ' a s s e r z i o n e f a l s a , u n ' a s s e r z i o n e f a l s a solo logicamente. E p o i c h d i c i a m o c h e c h i a f f e r m a la contraddittoria di un'asserzione falsa fa un'asserzione vera, facilmente c o m p i a m o il p a s s a g g i o p e r cui g i u n g i a m o a d i r e c h e chi nega la f o r m a v e r b a l e u s a l a p e r f a r e u n ' a s s e r z i o n e i n c o n g r u e n t e h a pron u n z i a t o u n ' a s s e r z i o n e v e r a , ma s o l t a n t o u n ' a s s e r z i o n e logicamente (o necessariamente) vera. E allora siamo fuorviati dall'analogia: o indotti a p e n s a r e a u n o s p e c i a l e c o m p l e s s o di fatti o r e a l t extral i n g u i s t i c h e ( n e c e s s i t l o g i c h e ) d e s c r i t t e d a l l e a s s e r z i o n i logicam e n t e v e r e , o p p u r e , piando v e d i a m o c h e c i c h e sta d i e t r o l e val u t a z i o n i l o g i c h e sono r e g o l e di l i n g u a g g i o , indotti a c o n s i d e r a r e s e n z ' a l t r o le a s s e r z i o n i n e c e s s a r i e c o m e a s s e r z i o n i sulle p a r o l e . t Ma esse non s o n o n l ' u n a n l ' a l t r a cosa ; un c o r r e t t i v o p e r a m b e d u e le c o n c e z i o n i q u e l l o di d i r e , di t a n t o in t a n t o : il t e r m i n e ' a s s e r z i o n e ' usato m a l e in tale contesto. Ma non c ' b i s o g n o di d i r l o tutto il t e m p o . C o s i io c o n t i n u e r a p a r l a r e di a s s e r z i o n i n e c e s s a r i e . Q u e s t a c o n c e z i o n e ci a b i l i t a a f o r n i r e u n ' u l t e r i o r e s p i e g a z i o n e del r a p p o r t o i n d i c a t o con l a par o l a ' esige ', q u e s t a volta in t e r m i n i di necessit l o g i c a . D i r e c h e A, e s i g e A2 e q u i v a l e a d i r e c h e la c o n t r a d d i t t o r i a di Ai e non-A2 l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i a . U s a n d o la c o n v e n z i o n e di a b b r e v i a r e * la c o n t r a d d i t t o r i a di ' in " non- ', ed u s a n d o le p a r e n t e s i p e r i n d i c a r e c h e si tratta d e l l a c o n t r a d d i t t o r i a d e l l a s i n g o l a a s s e r z i o n e , A| e non-Ai, d i cui s t i a m o p a r l a n d o , a b b i a m o : d i r e c h e A ) esige A 2 e q u i v a l e a d i r e che non-( A, e n o n - A 2 ) l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i a . P e r a n a l o g i a con una p r a s s i dei logici di cui t r a t t e r e m o p i in-

5 1 V a l u t a z i o n e logica n a n z i . l ' e s p r e s s i o n e ' ( A e 2 ) ' p u e s s e r e a b b r e v i a t a m e d i a n t e l'uso <lel s i m b o l o


k

3 ' in ' A| 3 A 2 '. S c r i v e n d o la spie-

gazione come definizione, a b b i a m o : ' A| esige A2 ' = di ' A) r> A 2 l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i a '. Se e l i m i n i a m o tutte le a b b r e v i a z i o n i e s c r i v i a m o l ' u l t i m a f o r m a della spiegazione p e r esteso, a b b i a m o : dire che un'asserzione esige u n ' a l t r a e q u i v a l e a d i r e c h e la c o n t r a d d i t t o r i a d e l l a congiunzione d e l l a p r i m a a s s e r z i o n e con l a c o n t r a d d i t t o r i a d e l l a s e c o n d a un'asserzione necessaria.^, 15. Q u e s t e d u e d e f i n i z i o n i di * Ai e s i g e A 2 ' c o m e ' A! e non-A2

i n c o n g r u e n t e ' e c o m e * o A 2 l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i a ' sollevano un problema. S u p p o n i a m o di avere due asserzioni delle q u a l i u n a i n c o n g r u e n t e e l ' a l t r a s i n t e t i c a . P o t r e m m o , p e r esemp i o , a v e r e l ' a s s e r z i o n e c h e u n a certa p e r s o n a e r a i n s i e m e alta p i e m e n o di sei p i e d i ( l a i n d i c h e r e m o con A ) e l ' a s s e r z i o n e c h e i l N a t a l e lei 1 9 0 0 e r a una b e l l a g i o r n a t a ( l a i n d i c h e r e m o con Af,). D o v r e m m o d i r e , in f o r z a del fatto c h e A i n c o n g r u e n t e , c h e c h i u n q u e f a c c i a A e non-Ab fa u n ' a s s e r z i o n e i n c o n g r u e n t e ? Se dic i a m o q u e s t o , e t e n i a m o f e r i n o a l l a n o s t r a d e f i n i z i o n e di ' e s i g e ', d o v r e m m o d i r e c h e A e s i g e A. Ma noi v o l e v a m o d a r e a ' esige ' un s i g n i f i c a t o t a l e c h e il d i r e c h e u n ' a s s e r z i o n e e s i g e v a u n ' a l t r a significasse che il secondo enunciato conseguiva logicamente dal p r i m o ; s a l v o clic si v o l e v a e v i t a r e il r i c h i a m o ad esercizi m e n t a l i <li i n f e r e n z a c h e e f o r s e legato a l l ' e s p r e s s i o n e ' c o n s e g u e da '. Ma noi non a v r e m m o detto c e r t a m e n t e c h e Aj, c o n s e g u i v a da A. ' E g l i e non a l t o p i di sei p i e d i ; p e r c i ( c o s i , di c o n s e g u e n z a , in a l t r e p a r o l e , c i a d i r e ) il N a t a l e del 1900 e r a u n a b e l l a giornata " u n ' a f f e r m a z i o n e c h e ci c o l p i s c e c o m e d e s t i t u i t a di s e n s o , e l'uso <li u n a q u a l s i a s i d e l l e e s p r e s s i o n i di l e g a m e a l l a t t o ingiustificato. In g e n e r a l e , ove noi nello stesso tempo si tenga f e r m o alla nostra d e f i n i z i o n e di ' e s i g e " e si s i a d ' a c c o r d o di c h i a m a r e

Il v o c a b o l a r i o li s e c o n d o o r d i n e

33

i n c o n g r u e n t e ogni a s s e r z i o n e c o n g i u n t i v a s e m p l i c e m e n t e i n b a s e al fatto c h e u n a o tutte e d u e le s u e c o n g i u n t e s i a n o i n c o n g r u e n t i , s a r e m o o b b l i g a t i a lire c h e u n ' a s s e r z i o n e i n c o n g r u e n t e e s i g e pials i a s i a s s e r z i o n e d i q u a l s i v o g l i a g e n e r e ( s i a essa s i n t e t i c a o m e n o ) e c h e u n ' a s s e r z i o n e n e c e s s a r i a esatta da pialsiasi a s s e r z i o n e di jualsivoglia g e n e r e ( s i a essa sintetica o m e n o ) . Q u e s t e c o n s e g u e n z e p o s s o n o e s s e r e e g u a l m e n t e e v i t a t e in lue intuii : o stabilen!) p e r l'uso di ' i n c o n g r u e n t e ' u n a r e g o l a tale c h e n e s s u n a a s s e r z i o n e c o n g i u n t i v a p o s s a venir c h i a m a t a i n c o n g r u e n t e s e m p l i c e m e n t e i n b a s e al fatto c h e una o tutte e d u e le s u e c o n g i u n t e s i a n o incong r u e n t i , o p p u r e a g g i u n g e n d o a l l a nostra d e f i n i z i o n e di ' Ai esige 2 ' c o m e ' A] e non-A2 i n c o n g r u e n t e ' l ' a v v e r t e n z a c h e l'incongruenza dell'asserzione congiuntiva non risulta semplicemente d a l l ' i n c o n g r u e n z a di u n a o di tutte c d u e le s u e c o n g i u n t e . S i a m o l i b e r i di s c e g l i e r e fra juestc a l t e r n a t i v e . 16. Ed ora possiamo concludere il catalogo delle parole di

v a l u t a z i o n e l o g i c a . I n p r i m o l u o g o , p o s s i a m o n o t a r e c h e , conced e n d o c i la l i c e n z a t e r m i n o l o g i c a r e c l a m a t a a l l ' i n i z i o li q u e s t a p a r t e del c a p i t o l o , a v r e m o c o m e v a r i a n t i di " A i e s i g e A 2 ' le seguenti e s p r e s s i o n i : ' A | i m p l i c a l o g i c a m e n t e A 2 ' , ' A i c o n s e g u e d a A| ', ' il p a s s a g g i o da Ai a A; v a l i d o ' A 2 d e d u c i b i l e da A| '. In s e c o n d o l u o g o , d o b b i a m o i n t r o d u r r e e d e f i n i r e la n o z i o n e di equivalenza logica come segue: ' A i logicamente equivalente a A2 ' = / ' A[ e s i g e A 2 e A 2 esige Ai '. U n a d e f i n i z i o n e a l t e r n a t i v a s a r e b b e : ' Aj e non-A2 sono c o n t r a l d i t t o r i e ' . e v i d e n t e c h e l'int r o d u z i o n e di q u a l s i a s i definizione porta a u n ' a s s e r z i o n e di equiv a l e n z a l o g i c a . La d e f i n i z i o n e li ' Ai e s i g e A 2 ' c o m e ' Ai incong r u e n t e con la contraldittoria di A 2 ' p o r t a p e r e s e m p i o alla seguente a s s e r z i o n e di e i j u i v a l e n z a : l ' a s s e r z i o n e c h e u n ' a s s e r z i o n e c o m p o r t a u n ' a l t r a l o g i c a m e n t e e q u i v a l e n t e a l l ' a s s e r z i o n e c h e la p r i m a i n c o n g r u e n t e con la c o n t r a d d i t t o r i a d e l l a s e c o n d a . In terzo l u o g o , p o s s i a m o lefinire ' Ai la s u b c o n t r a r i a di A ; ' al m o d o se-

53 Valutazione logica guente: ' non-A\ e i n c o n g r u e n t e con

nonA2'. Q u e s t a d e f i n i z i o n e

p u e s s e r e p a r a g o n a t a con q u e l l a di * Aj la c o n t r a r i a di A 2 ' c o m e ' A! i n c o n g r u e n t e con A 2 \ D u e a s s e r z i o n i s o n o c o n t r a r i e q u a n d o p e r esse l o g i c a m e n t e i m p o s s i b i l e e s s e r e a m b e d u e v e r e ; subcont r a r i e q u a n d o p e r esse i m p o s s i b i l e e s s e r e a m b e d u e f a l s e . Q u e s t e d e f i n i z i o n i di ' c o n t r a r i o ' e " s u b c o n t r a r i o " l a s c i a n o a p e r t a la questione se le a s s e r z i o n i c h e s t a n n o f r a loro in u n a di q u e s t e d u e relazioni s i a n o c o n t r a d d i t t o r i e o m e n o . Infine, d u e a g g i u n t e m o l t o utili al v o c a b o l a r i o del logico s o n o le frasi ' c o n d i z i o n e n e c e s s a r i a ' e ' c o n d i z i o n e sufficiente ' . Q u a n d o u n ' a s s e r z i o n e e s i g e u n ' a l t r a , l a verit d e l l a p r i m a u n a c o n d i z i o n e sufficiente p e r la verit d e l l a s e c o n d a , e la verit d e l l a s e c o n d a u n a c o n d i z i o n e n e c e s s a r i a p e r la verit d e l l a p r i m a .

II.

Logica formale

1.

Il

n u m e r o di valutazioni

l o g i c h e clic

potrebbero venir

fatte correttamente illimitato. Se il c o m p i t o del logieo f o r m a l e f o s s e q u e l l o d i c o m p i l a r e d e g l i e l e n c h i d i tutte l e p o s s i b i l i valutazioni logiche corrette, si tratterebbe di un c o m p i t o senza fine; p e r s i n o s e e g l i s i l i m i t a s s e a l l e v a l u t a z i o n i e s p r e s s e c o m e enunciati di i m p l i c a n z a . in base al fatto che tutte le relazioni logiche p o t r e b b e r o e s s e r e cosi e s p r e s s e , i l s u o c o m p i t o r i m a r r e b b e anc o r a i n f i n i t o . M a non c s u o c o m p i t o q u e l l o d i c o m p i l a r e e l e n c h i e s a u r i e n t i d i i m p l i c a n z e . I l s u o c o m p i t o l i m i t a t o d a tre f a t t o r i che tenter di chiarire in questo capitolo.

1.

Generalit.
2.

L'uso

delle

formule
impreso a registrare

I m m a g i n i a m o che un pazzo abbia

ogni i m p l i c a n z a . E g l i o d e c h e u n a p e r s o n a , A . d i c e d i u n ' a l t r a . B, c h e figlio c a d e t t o , ed e g l i a n n o t a c h e l ' a s s e r z i o n e c h e figlio c a d e t t o e s i g e l ' a s s e r z i o n e c h e ha un f r a t e l l o . P i t a r d i o d e q u a l c u n o , C, d i r e di q u a l c u n a l t r o , D, c h e D figlio c a d e t t o , e a n n o t a c h e l ' a s s e r z i o n e c h e D un figlio c a d e t t o e s i g e l'asserz i o n e e h e D ha un f r a t e l l o . F i n c h e g l i si l i m i t a c o s i a r e g i s t r a r e

particolari implicanze, c i o

implicanze

fra

singole

asserzioni, egli

non e s a u r i r m a i n e p p u r e l a s e r i e d i p a r t i c o l a r i i m p l i c a n z e c h e

Logica formale a s s o m i g l i a n o a q u e s t e rlue tanto s t r e t t a m e n t e q u a n t o q u e s t e d u e si a s s o m i g l i a n o f r a l o r o . ovvio c h e la r a g i o n e p e r cui tutte le particolari implicanze di di questa serie del possono genere reggere una ogni

generale

asserzione

implicanza

che segue:

a s s e r z i o n e c h e a f f e r m i c h e u n a certa p e r s o n a ( c e r t e p e r s o n e ) figlio c a d e t t o ( s o n o f i g l i c a d e t t i ) esige u n ' a s s e r z i o n e c h e a f f e r m i che q u e l l a p e r s o n a ( q u e l l e p e r s o n e ) h a u n f r a t e l l o ( h a n n o fratelli). I n d i c h i a m o l ' a s s e r z i o n e g e n e r a l e d i i m p l i c a n z a fatta con q u e s t e p a r o l e con 1. E c h i a m i a m o le p a r t i c o l a r i i m p l i c a n z e appartenenti generale. La a questo gruppo esemplificazioni di implicanza dell'implicanza esige c i a s c u n a generale asserzione

delle sue e s e m p l i f i c a z i o n i ; vale a diro che s a r e b b e incongruente f a r e AI 1 e n e g a r e c h e l ' a s s e r z i o n e fatta da A c h e e r a figlio c a d e t t o e s i g e s s e l ' a s s e r z i o n e c h e a v e v a un f r a t e l l o . Il p r i m o f a t t o r e clic l i m i t a il c o m p i t o del logico c h e egli si l i m i t a a f a r e a s s e r z i o n i g e n e r a l i di i m p l i c a n z a . Ci si r e n d e conto di c o m e egli p o s s a f a r l o se ci si r a m m e n t a di c o m e d i v e n g a possibile la v a l u t a z i o n e l o g i c a . Ogni un'esemplificazione di p a r t i c o l a r e a s s e r z i o n e di un'asserzione generale di implicanza

i m p l i c a n z a , g i a c c h d i e t r o ogni p a r t i c o l a r e a s s e r z i o n e d i valutaz i o n e logica sta u n a r e g o l a g e n e r a l e p e r l ' u s o d e l l e p a r o l e . 3. Prima di considerare il secondo f a t t o r e che limita il

c o m p i t o del l o g i c o , d o b b i a m o p r e n d e r e u n a d e c i s i o n e s u d i una q u e s t i o n e tecnica r i m a s t a a p e r t a d a l p r i m o c a p i t o l o , e precisam e n t e la q u e s t i o n e se s a r e b b e p i c o n v e n i e n t e f a r logica in termini di r e g o l e circa e s p r e s s i o n i r a p p r e s e n t a t i v e , o v v e r o in term i n i di r e l a z i o n i l o g i c h e fra a s s e r z i o n i . Il tentativo di c o n t i n u a r e la t r a t t a z i o n e in questi s e c o n d i t e r m i n i s o l t a n t o , la r e n d e r e b b e in r e a l t s e m p r e m e n o m a n e g g e v o l e . O p t a n d o p e r l a p r i m a altern a t i v a . ci m e t t i a m o in g r a d o di i n t r o d u r r e d i v e r s i itili accorgim e n t i a b b r e v i a t i v i , c h e ora i m p r e n d o a d i l l u s t r a r e p e r i l c a s o AI 1.

Generalit. L'uso delle formule

37

Il p r i m o p a s s o consiste n e l l ' o p e r a r e il p a s s a g g i o da AI 1 all'asserzione ( A I 2) d i e qualsiasi asserzione per fare la quale si a p p l i c h i il p r e d i c a t o


4

figlio c a d e t t o ' ad u n a certa p e r s o n a ,

esige u n ' a s s e r z i o n e per f a r e l a q u a l e s i a p p l i c h i a l l a stessa persona il predicato ' h a un f r a t e l l o ' . ( T r a l a s c i o qui le complicazioni n e c e s s a r i e a tener conto dei casi in cui si p a r l a di p i clic una p e r s o n a ) . AI 2 un'asserzione (o r e g o l a ) che apertamente c o n c e r n e l e e s p r e s s i o n i citate. A b b i a m o g i d i s c u s s o d e l l a relazione c h e i n t e r c o r r e fra a s s e r z i o n i c o m e AI 1 ed a s s e r z i o n i c o m e AI 2. F o r m u l a n d o s i AI 1 con le p a r o l e clic ho u s a t o a l l o s c o p o , le espressioni ' figlio c a d e t t o ' e * ha un f r a t e l l o ' sono usate s e m p l i c e m e n t e p e r identificare l a c l a s s e d i c o p p i e d i a s s e r z i o n i

(che

potrebbero
fra

esser

fatte

senza

ricorrere

all'uso

di
AI

queste
2

espressioni)

le q u a l i si d i c e c h e v a l e

l'implicanza.

p i ristretto di AI 1 in q u a n t o l i m i t a la n o s t r a a t t e n z i o n e a q u e i casi in cui le a s s e r z i o n i son fatte m e d i a n t e l'uso effettivo di queste e s p r e s s i o n i . M a p o s s i a m o c o m o d a m e n t e c o n c e d e r e clic l'asserzione linguistica. AI 2, funga ogni da

rappresentante

dell'asserpu

zione l o g i c a , A I 1 . Dietro a d

asserzione
4

logica che

esser fatta sta u n ' a s s e r z i o n e ( o r e g o l a ) l i n g u i s t i c a . A I 2 h a con AI 1 la r e l a z i o n e che la d e f i n i z i o n e di e s i g e ' da noi d a t a ha con l a s p i e g a z i o n e clic a b b i a m o d a t o d i i m p l i c a n z a . AI 2, c o m e AI 1. a l l o stesso t e m p o p e s a n t e e v a g a . E s s a a s s e r i s c e c h e q u a l s i a s i a s s e r z i o n e in cui il p r e d i c a t o
4

figlio ca-

detto ' a p p l i c a t o a una certa p e r s o n a e s i g e qualche ( e f f e t t i v a o p o s s i b i l e ) a s s e r z i o n e in cui a q u e l l a stessa p e r s o n a v e n g a a p p l i cato il p r e d i c a t o


4

ha un

f r a t e l l o '. Se qualche v e n i s s e sostituito


4

da qualsiasi, a l l o r a AI del

2 c e s s e r e b b e di e s s e r e v a g a , ma c e s s e r e b b e L'autore figlio cadetto' non esige un'asserzione

a n c h e di e s s e r e v e r a . U n ' a s s e r z i o n e fatta con le p a r o l e

Paradiso

Perduto
4

fatta con le p a r o l e

J o h n Milton ha un f r a t e l l o ', p e r c h , s e b b e n e

i p r e d i c a t i s i a n o a p p l i c a t i alla stessa p e r s o n a , c u n a q u e s t i o n e di fatto e non di logica clic la p e r s o n a c h e s c r i s s e il Paradiso

Logica formale

Perduto sia J o h n M i l t o n . N o n p o s s i a m o e l i m i n a r e la v a g h e z z a ili


AI 2 s o s t i t u e n d o " q u a l c h e ' con ' q u a l s i a s i ' ; s e m b r a a l l o r a c h e noi d o v r e m m o , s e m m a i , e l i m i n a r l a s p e c i f i c a n d o quali a s s e r z i o n i c h e a p p l i c h i n o la f r a s e figlio cadetto ' a
4

ha un f r a t e l l o ' a u n a certa p e r s o n a s o n o persona. Potrebbe sembrare

deducibili per implicanza da un'asserzione che applichi la frase q u e l l a stessa che un m o d o di far ci sarebbe quello di stabilire il requisito c h e . ili a m b e d u e le a s s e r z i o n i l e g a t e d a l l ' i m p l i c a n z a , la p e r s o n a cui q u e s t i p r e d i c a t i s i a p p l i c a n o d e b b a e s s e r e i n d i c a t a con u n a sola e m e d e s i m a e s p r e s s i o n e ( c l i c , p e r e s e m p i o , nel c a s o s o p r a r i p o r t a t o , d e b b a e s s e r e i n d i c a t a c o m e J o h n Milton i n a m b e d u e l e a s s e r z i o n i ) . S e m b r e r e b b e a l l o r a c h e tanto l a p e s a n t e z z a c h e la v a g h e z z a tli Al 2 p o t r e b b e r o esser f a c i l m e n t e e l i m i n a t e al modo seguente. C o n s i d e r i a m o le e s p r e s s i o n i ' figlio c a d e t t o ' , 'y ha un f r a t e l l o '. O v v i a m e n t e tutti gli e n u n c i a t i usati p e r a p p l i c a r e il p r e d i c a t o ' figlio c a d e t t o ' ad u n a q u a l s i v o g l i a p e r s o n a si s o m i g l i e r a n n o f r a loro p e r c h contenenti (]uesta f r a s e ; e molti di essi d i f f e r i r a n n o f r a loro p e r le d i f f e r e n t i e s p r e s s i o n i con cui si riferiscono a l l e d i f f e r e n t i p e r s o n e a l l e (piali il p r e d i c a t o a p p l i c a t o . L ' e s p r e s s i o n e * e figlio c a d e t t o ' p u e s s e r e c o n s i d e r a t a c o m e tale d a r a p p r e s e n t a r e l a s i m i g l i a n z a . p u r s e n z a e l i m i n a r e l e differenze. C h i a m e r ' f o r m u l a ' u n ' e s p r e s s i o n e del g e n e r e . Le form u l e non s o n o e n u n c i a t i ; m a ovvio c h e u n e n u n c i a t o s a r e b b e p r e s t o ottenuto solo r i s c r i v e n d o ' .r figlio c a d e t t o ' con l'avvertenza di s o s t i t u i r e ' ' con p a r o l e o f r a s i c o m e ' egli ', ' T o m ', ' il V i c a r i o di W a k e f i e l d '. Q u e l l e e s p r e s s i o n i d e l l e f o r m u l e , la cui s o s t i t u z i o n e con una p a r o l a o u n a f r a s e d a r e b b e l u o g o ad e n u n c i a t i , s o n o c h i a m a t e l i b e r e v a r i a b i l i , o s e m p l i c e m e n t e variab i l i . P a r r e b b e o r a c h e l ' a s s e r z i o n e g e n e r a l e d i i m p l i c a n z a . non v a g a , ili cui s i a m o i n cerca p o t r e b b e v e n i r f o r m u l a t a c o m e s e g u e ( A I 3 ) : qualsiasi asserzione fatta mediante l'uso di un enunciato o t t e n i b i l e s o s t i t u e n d o u n a certa p a r o l a o f r a s e a l l a v a r i a b i l e n e l l a

Generalit. L'uso delle formule formula ' usando un figlio cadetto ' e s i g e q u a l u n q u e a s s e r z i o n e ottenibile operando

39 fatta

enunciato

la

stessa

sostituzione

d e l l a v a r i a b i l e n e l l a f o r m u l a ' y ha un f r a t e l l o '. Se ci lo a b b r e v i a m o in ' .r figlio cadetto ' e s i g e ' ha un f r a t e l l o ' ove la r i p e t i z i o n e di


4

' i n d i c a c h e in c i a s c u n c a s o richiesta

la stessa s o s t i t u z i o n e , s e m b r a c h e ci si s i a l i b e r a t i non s o l o d e l l a v a g h e z z a , m a a n c h e della p e s a n t e z z a d i 2 . AI 3, t u t t a v i a , hen lungi lai r a p p r e s e n t a r e un p e r f e z i o n a m e n t o r i s p e t t o a AI 2; essa infatti o v v i a m e n t e f a l s a . Il m e r o fatto c h e lo stesso n o m e , p r o n o m e o f r a s e , descrittivi d e l l a stessa p e r s o n a s i n g o l a venga u s a t o in d u e d i f f e r e n t i e n u n c i a t i non affatto g a r a n z i a c h e i n a m b e d u e s i a u s a t o con r i f e r i m e n t o a l l a stessa p e r s o n a . N o n vero c h e u n ' a s s e r z i o n e f a l l a con le p a r o l e ' T o m ( o i l V i c a r i o d i W a k e f i e l d , o chi a l t r i ) e f i g l i o c a d e t t o ' e^iga q u a l s i v o g l i a a s s e r z i o n e fatta con l e p a r o l e ' T o m ( o i l Vic a r i o di W a k e f i e l d , o chi a l t r i ) ha un f r a t e l l o ' , g i a c c h le asserzioni p o s s o n o r i g u a r d a r e d i v e r s e p e r s o n e c h i a m a t e T o m . o diversi V i c a r i d i W a k e f i e l d . N u n e s p l i c i t o a v v e r t i m e n t o contro q u e s t a p o s s i b i l i t f a r e b b e al c a s o . C o n s i d e r i a m o i d u e e n u n c i a t i : ' T o m h a v e n l i n o v c anni d i e t ' e ' T o m h a m e n o d i t r e n t ' a n n i di et '. Si s a r e b b e p r o p e n s i a d i r e , sul p r e s u p p o s t o c h e il n o m e s i a u s a t o con r i f e r i m e n t o s e m p r e a l l a stessa p e r s o n a , c h e qualsiasi a s s e r z i o n e fatta u s a n d o i l p r i m o e n u n c i a t o e s i g e r e b b e qualsiasi a s s e r z i o n e fatta u s a n d o il s e c o n d o . Ma se le a s s e r z i o n i son fatte a d u e a n n i di distanza l ' u n a d a l l ' a l t r a ? In tal c a s o la p r i m a p o t r e b b ' e s s e r e v e r a e la s e c o n d a f a l s a . I logici h a n n o t r a s c u r a t o , di s o l i t o , fatti c o m e q u e l l o c h e u n a stessa e s p r e s s i o n e p u e s s e r e u s a t a in d i f f e r e n t i o c c a s i o n i con rifer i m e n t o a d i f f e r e n t i i n d i v i d u i , c h e il m o m e n t o in cui un enunc i a t o p r o n u n z i a t o p u essere d e c i s i v o p e r la v e r i t o f a l s i t li ci c h e d i c e . F.d f a c i l e a vetlersi la r a g i o n e p e r cui s' tentati

Logica formale di i g n o r a r e questi f a t t i : essi c o m p l i c a n o un liei p o ' la f a c c e n d a . Ma p o s s i b i l e t e n e r n e conto in un m o d o e b e non rinunzi a l l a s e m p l i f i c a z i o n e clic v i e n e d e l l ' i g n o r a r l i , e tuttavia ne eviti l'errore. S u p p o n i a m o ebe qualcuno faccia un'asserzione mediante l ' e n u n c i a t o ' T o m lia v e n t i n o v e anni di et '. N o n s a r e b b e a l l o r a p o s s i b i l e clic, i n s i e m e , nel p r o n u n z i a r e q u e s t ' e n u n c i a t o egli dicesse q u a l c o s a di v e r o , e clic, se lo slesso i n d i v i d u o e s a t t a m e n t e nella slessa s i t u a z i o n e e nello stesso contesto a v e s s e p r o n u n z i a t o invece l ' e n u n c i a t o : ' T o m ha meno di trent'anni d i e t ' , egli a v e s s e detto q u a l c o s a d i f a l s o . E s p r i m i a m o q u e s t ' a s s u n z i o n e d'id e n t i t di p a r l a n t e , di t e m p o c di s i t u a z i o n e m e d i a n t e la f r a s e * lo stesso contesto '. A l l o r a p o s s i a m o c o n f i g u r a r e le i m p l i c a n z e g e n e r a l i c h e d e s i d e r i a m o sul s e g u e n t e m o d e l l o : q u a l s i a s i asserz i o n e fatta u s a n d o 1111 e n u n c i a t o o t t e n i b i l e m e d i a n t e la sostituz i o n e di u n a certa p a r o l a o f r a s e a l l a v a r i a b i l e nella f o r m u l a ' ha v e n t i n o v e anni d ' e t " e s i g e l ' a s s e r z i o n e fatta u s a n d o nello

stesso contesto l ' e n u n c i a t o ottenuto o p e r a n d o la stessa s o s t i t u z i o n e


nella f o r m u l a ' ha m e n o di t r e n t ' a n n i d ' e t '. E ci lo p o s s i a m o a b b r e v i a r e in ' ha v e n t i n o v e a n n i d ' e t ' e s i g e ' ha m e n o di t r e n t ' a n n i d ' e t '. Alcune ulteriori modificazioni, di importanza relativamente s c a r s a , sono a l t r e s n e c e s s a r i e . P e r e s e m p i o , l a g r a m m a t i c a perm e t t e clic si d i c a ' T o m ha v e n t i n o v e a n n i d ' e t ', ' T o m figlio c a d e t t o '. ma non ' Io figlio c a d e t t o ', ' Essi ha v e n t i n o v e a n n i d ' e t ' . N o n c ' r a g i o n e d i t o l l e r a r e c h e q u e s t o fatto l i m i t i l a g e n e r a l i t d e l l a nostra i m p l i c a n z a . L ' a s s e r z i o n e ( A I 4 ) con cui p o s s i a m o infine r i m p i a z z a r e A I 2 d o v r e b b e d i c o n s e g u e n z a v e n i r formulata all'incirca cosi: qualunque asserzione fatta usando un e n u n c i a t o o t t e n i b i l e m e d i a n t e la s o s t i t u z i o n e di u n a certa

p a r o l a o f r a s e a l l a v a r i a b i l e n e l l a f o r m u l a ' figlio c a d e t t o ' ( c m e d i a n t e gli altri c a m b i a m e n t i clic p o s s a n e s s e r e g r a m m a t i c a l m e n t e n e c e s s a r i ) e s i g e l ' a s s e r z i o n e fatta u s a n d o nello stesso contesto l ' e n u n c i a t o ottenuto m e d i a n t e la stessa s o s t i t u z i o n e nella

Generalit. L'uso delle formule

41

f o r m u l a ' ha un f r a t e l l o " (e m e d i a n t e gli altri c a m b i a m e n t i che p o s s a n e s s e r e g r a m m a t i c a l m e n t e n e c e s s a r i ) . L a f o r m a v e r b a l e

' figlio cadetto ' e s i g e ' h a un f r a t e l l o '


d e v e v e n i r c o n s i d e r a t a c o m e a b b r e v i a z i o n e di AI 4 '. Ogni a s s e r z i o n e g e n e r a l e di i m p l i c a n z a di q u e s t o g e n e r e ci a u t o r i z z a a d o t t e n e r e d a essa u n ' a s s e r z i o n e d i i m p l i c a n z a m e n o g e n e r a l e m e d i a n t e una s o s t i t u z i o n e d e l l a v a r i a b i l e . C o s i d a A I 4

' Pi avanti sar conveniente usare anche le seguenti a b b r e v i a z i o n i : le p a r o l e ' asserzione fatta usautlo un e n u n c i a l o o t t e n i b i l e ineiliante la sostituzione di una parola (certe p a r o l e ) o frase ( f r a s i ) alla variabile (alle v a r i a b i l i ) nella f o r m u l a . . . e m e d i a n t e gli altri c a m b i a m e n t i che p o s s a n o essere grammaticalmente n e c e s s a r i * abbreviate in ' a s s e r z i o n e di f o r m a . . . ' ; e le parole ' l ' a s s e r z i o n e f a t t a u s a n d o n e l l o s t e s s o c o n t e s t o d e l l ' e n u n c i a t o o t t e n u t o mediante l a stessa sostituzione ( s o s t i t u z i o n i ) nella f o r m u l a . . . e m e d i a n t e gli a l t r i c a m b i a m e n t i clic p o s s a n o e s s e r e g r a m m a t i c a l m e n t e n e c e s s a r i ' a b b r e v i a t e in ' la corrispondente asserzione della forma . . . " Mediante l'uso di queste abbreviazioni p o t r e m m o esprimere 1 come s e g u e : o g n i a s s e r z i o n e d e l l o f o r m a ' f i g l i o c a d e t t o ' e s i g e la c o r r i s p o n d e n t e a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' .r ha un f r a t e l l o O c c o r r e r e b b e n o t a r e c h e q u a n d o c o n f i g u r i a m o l e n o s t r e i m p l i c a n z e generali i n tal m o d o ( m e d i a n t e q u e s t ' u s o d e l l a f r a s e ' n e l l o s t e s s o c o n t e s t o ' ) , n o n con questo riusciamo a specificare quali asserzioni che a p p l i c h i n o , per e s e m p i o , la f r a s e ' ha un f r a t e l l o ' a q u a l c u n o i n d i c a t o c o m e * T o m ' s o n o d e d u c i b i l i p e r i m p l i c a n z a da u n ' a s s e r z i o n e c h e a p p l i c h i la f r a s e * figlio c a d e t t o ' a q u a l c u n o indicato c o m e * T o m F o r n i a m o i n tal c a s o u n a c o n d i z i o n e s u f f i c i e n t e , m a non n e c e s s a r i a , p e r c h l ' i m p l i c a n z a r e g g a . D a t a u n a q u a l u n q u e c o p p i a d i f r a s i fra loro nel r a p p o r t o che lega ' f i g l i o c a d e t t o ' con ' h a u n f r a t e l l o ' , certe v a r i a z i o n i n e l l a s i t u a z i o n e i n cui l e f r a s i s o n o a p p l i c a t e a q u a l c o s a ( i n d i c a t a i n ciascun coso m e d i a n t e l a stessa espressione, p e r e s e m p i o ' T o m ' ) p o t r e b b e r o a n d a r e a s f a v o r e d e l l ' a s s e r z i o n e f a t t a u s a n d o l a p r i m a c o m e e s i g e n t e l'asserzione fatta usando la s e c o n d a ; altre variazioni non d e t e r m i n e r e b b e r o invece q u e s t ' i n c o n v e n i e n t e . P e r e s e m p i o , il c a m b i a m e n t o d e l l ' i d e n t i t di chi p a r l a e u n b r e v e l a s s o d i t e m p o t r a s c o r s o s p e s s o n o n c o s t i t u i r a n n o a l t e r a z i o n i rilev a n t i nel ' c o n t e s t o Ma d u b i t o clic sia p o s s i b i l e d a r e un q u a d r o a s s i e m e generale e non-circolare delle condizioni sia necessarie sia sufficienti p e r c h un'implicanza del genere regga. La f o r m u l a z i o n e trascelta descrive, perci, il caso limite ideale in cui tutte le variazioni del g e n e r e , c h e possono riuscire rilevanti, siano eliminate.

Logica formale o t t e n i a m o i l s e g u e n t e A I 5 : ogni a s s e r z i o n e fatta u s a n d o l'enunc i a t o ' T o m figlio c a d e t t o ' e s i g e l ' a s s e r z i o n e f a t t a u s a n d o , nello stesso c o n t e s t o , l ' e n u n c i a t o ' T o m lia un f r a t e l l o '. E q u e s t ' i m p l i c a n z a a n c o r a g e n e r a l e , m a m e n o g e n e r a l e , p u s i m i l m e n t e scriversi nella f o r m a a b b r e v i a t a : ' T o m figlio e a d e t t o ' e s i g e ' T o m lia un f r a t e l l o '. 4 . F i n qui noi a b b i a m o c o n s i d e r a t o l e f o r m e v e r b a l i ( 1 ) ' . e figlio c a d e t t o ' e s i g e ' Ita un f r a t e l l o ' ( 2 ) ' T o m f i g l i o c a d e t t o * e s i g e ' T o m lia u n f r a t e l l o ' come ossia modi intorno abbreviati di fare asserzioni intorno ad

asserzioni;

ad asserzioni

fatte u s a n d o degli

e n u n c i a t i citati

nella ( 2 ) o usando di enunciati ottenibili mediante sostituzioni o p e r a t e nelle f o r m u l e c i t a t e n e l l a ( 1 ). ad a s s e r z i o n i o g r u p p i di a s s e r z i o n i , non a e n u n c i a t i o f o r m u l e , clic, c o m e v e d e m m o , si a p p l i c a n o c o r r e t t a m e n t e i t e r m i n i di v a l u t a z i o n e l o g i c a ; non a b b i a m o d a t o nessun s i g n i f i c a t o al p a r l a r e di enunciati, o formule, c h e s i e s i g a n o l'un l ' a l t r o . N o n c ' . t u t t a v i a , n e s s u n a r a g i o n e p e r cui non dovremmo usare per la (i) parola quella ' e s i g e ',

in

un
clic

significato
una

nuovo,

sebbene collegato,

relazione

for

mula ha con u n ' a l t r a ( p i a n d o le a s s e r z i o n i f a t t e u s a n d o e n u n c i a t i


ottenibili mediante sostituzioni nella prima formula esigano le a s s e r z i o n i f a t t e u s a n d o , nello stesso c o n t e s t o , e n u n c i a t i ottenuti con c o r r i s p o n d e n t i s o s t i t u z i o n i n e l l a s e c o n d a ; e ( i i ) q u e l l a relaz i o n e c h e u n e n u n c i a t o h a con u n a l t r o q u a n d o u n ' a s s e r z i o n e fatta m e d i a n t e l'uso del p r i m o e s i g e l ' a s s e r z i o n e fatta m e d i a n t e l ' u s o , nello stesso contesto, del s e c o n d o . In q u e s t o n u o v o signific a t o d c l l ' i m p l i c a n z a , s a r e m o i n g r a d o d ' o r a i n poi d i p a r l a r e d ' i m p l i c a n z e fra f o r m u l e o f r a e n u n c i a t i ; e l e f o r m u l a z i o n i ( 1 ) e ( 2 ) non h a n n o p i b i s o g n o d i e s s e r e c o n s i d e r a t e c o m e a b b r e v i a z i o n i . N e l l o stesso m o d o p o s s i a m o a t t r i b u i r e significati ana-

43 l o g h i a l l e a l t r e p a r o l e ili v a l u t a z i o n e l o g i e a ( p . e . , ' l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i o ', ' i n c o n g r u e n t e \ ecc.). si c h e a n c h e q u e s t e p o s s a n o applicarsi direttamente ad espressioni, come enunciati e formule. P e r m e t t e r e m o a n c h e l ' u s o d i e s p r e s s i o n i d i l e g a m e c o m e ' perc i ' e " s i c c h ' f r a f o r m u l e , di m o d o c h e t e r m i n i c o m e ' v a l i d o ' potranno applicarsi a combinazioni di formule. E compiendo questi ultimi passi, ci a s s i c u r i a m o i vantaggi delle semplifica-

zioni tecniche ottenibili c o n d u c e n d o la trattazione solo in termini di regole per espressioni rappresentative. 5. Si sono introdotte e spiegate le f o r m u l e c o m e espressioni suscettibili di essere usati per fare asserzioni.

tali c h e , s o s t i t u e n d o [tarle o f r a s i a l l e v a r i a b i l i , [ t o s s i a m o ricavarne enunciati Ci pone un'implicita restrizione nell'ambito delle sostituzioni

ammissibili di variabili. Si potrebbero mettere assieme le parole in m o d o tale che l'espressione risultante rispondesse ai requisiti g r a m m a t i c a l i d i u n e n u n c i a t o , m a non a v e s s e a l c u n s i g n i f i c a t o , e f o s s e [terci i n u t i l i z z a b i l e p e r f a r e a s s e r z i o n i . N o i p a r l e r e m o d e l l a g a m m a d e i valori a m m i s s i b i l i o p o s s i b i l i tuzione alla variabile produce un d e l l a v a r i a b i l e in u n a Cosi f o r m u l a , i n t e n d e n d o con c i l a g a m m a d i e s p r e s s i o n i l a c u i sostienunciato significante. p o t r e m m o lire e h e , m e n t r e ' T o m ' un p o s s i b i l e v a l o r e d e l l a v a r i a b i l e n e l l a f o r m u l a * figlio c a d e t t o ', l ' e s p r e s s i o n e ' V 2 ' non l o e . M a q u i d o b b i a m o s t a r e attenti regole precise che determinino, ad evitare un facile d o g m a t i s m o c h e i g n o r a l a f l e s s i b i l i t del l i n g u a g g i o . N o n e s i s t o n o

per

il

linguaggio

ordinario,

che

c o s a s i a n o n s e n s o e c h e c o s a n o n lo s i a . V e d e m m o , nel t r a t t a r e l ' i n c o n g r u e n z a , c o m e non i n n a t u r a l m e n t e s i p o s s a c o n f e r i r e significato ad e n u n c i a t i c h e a p r i m a vista s a r e m m o p r o p e n s i a consid e r a r e c o m e i n c o n g r u e n t i . ( S i noti c h e q u i u s o i l t e r m i n e ' incongruente " [ter e n u n c i a t i , in a c c o r d o con il p r o c e d i m e n t o teste potrebbe d i s c u s s o ) . Lo s t e s s o p u lirsi del d i v e r s o g e n e r e li a s s u r d i t a p r i m a vista, che vengo ora a eonsitlerare. Qualcuno

!Logicaformale lire, p e r e s e m p i o , ' I l m i i l t i l a t e r a l i s m o figlio c a d e t t o ' ; e se egli fosse p r e p a r a t o a c o n t i n u a r e l ' a n a l o g i a in m o d o o p p o r t u n o , noi potremmo d i r e c h e piesto non e r a un'assurdit, ma una metafora. V e d r e m o c o m e una delle cose che contraddistinguono l'attivit del l o g i c o f o r m a l e d a piella d e l l a v a l u t a z i o n e l o g i c a del d i s c o r s o o r d i n a r i o p r o p r i o il f a t t o c h e i suoi sistemi s o n o caratterizzati da u n a rigidit c p r e c i s i o n e di r e g o l e clic non trova corr i s p o n d e n z a nel d i s c o r s o o r d i n a r i o . N e l l ' a m b i t o del s i s t e m a d i r e g o l e li un logico, le juestioni r e l a t i v e a l l ' i n c o n g r u e n z a o m e n o ili u n a f o r m u l a o li un e n u n c i a t o , e a l l ' a p p a r t e n e n z a di u n ' e s p r e s s i o n e a l l a g a m m a dei v a l o r i p o s s i b i l i d e l l a v a r i a b i l e in una lata f o r m u l a , s o n o r i s o l v i b i l i in m o d o ben definito col ricorso a l l e r e g o l e . L a l o g i c a r i c c a m e n t e v a r i a del nostro l i n g u a g g i o quotid i a n o non p r e s e n t a c e r t o u n a s i f f a t t a b e l l a s e m p l i c i t . 6. V e d e m m o n e l l ' u l t i m o c a p i t o l o c h e a d ogni a s s e r z i o n e d i corrispontlevano (i) un'asserzione affermante clic

implicanza

q u a l c h e a s s e r z i o n e c o n g i u n t i v a e i n c o n g r u e n t e , e ( i i ) un'asserz i o n e a f f e r m a n t e c h e la c o n t r a i h l i t t o r i a li tale a s s e r z i o n e congiuntiva e l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i a . N o i ora d o b b i a m o t r a s f e r i r e tali c o r r i s p o n d e n z e al d i s c o r s o r e l a t i v o ad e n u n c i a t i e f o r m u l e . La c o n t r a d d i t t o r i a di u n a lata f o r m u l a . F. s a r o v v i a m e n t e una form u l a t a l e c h e u n ' a s s e r z i o n e li q u e l l a f o r m a sia la c o n t r a d d i t t o r i a d e l l a c o r r i s p o n d e n t e a s s e r z i o n e li f o r m a F . A d o t t e r e m o s e m p l i c e m e n t e la c o n v e n z i o n e clic l ' e s p r e s s i o n e ottenuta s c r i v e n d o ' non ', o in p o s i z i o n e o p p o r t u n a d e n t r o ad F, o con u n a s b a r r e t t a lavanti ad F, con F c h i u s a in p a r e n t e s i , d e b b a c o n s i d e r a r s i la f o r m u l a contraddittoria di F. Analogamente, adotteremo la convenzione c h e l ' e s p r e s s i o n e c h e si ottiene s c r i v e n d o ' e ' fra d u e f o r m u l e la f o r m u l a c o n g i u n t i v a di q u e s t e d u e f o r m u l e '. In tal m o d o , in i ' o r r i s p o n d e n z a di
1 Q u e s t e c o n v e n z i o n i s o n o p a r a l l e l e a pielle u s a t e n e l c a p i t o l o p r e c e d e n t e . ( ( . f r . p p . 2 8 e 3 1 ) . M a . a n c h e s e p a r a l l e l e , tali c o n v e n z i o n i non s o n o l e s t e s s e .

Generalit. L'usi delle formule

45

( 1 ) ' figlio c a d e t t o ' e s i g e ' ha un f r a t e l l o '


abbiamo ( 3 ) ' .r figlio c a d e t t o e non ha un f r a t e l l o ' incongruente e ( 4 ) ' n o n - ( x figlio c a d e t t o e non ha un f r a t e l l o ) ' logicamente necessario. C o m e l a ( 1 ) , cosi a n c h e l a ( 3 ) e l a ( 4 ) p o s s o n o v e n i r considerate i n d u e m o d i d i v e r s i . P e r e s e m p i o , p o s s i a m o c o n s i d e r a r e l a ( 3 ) s i a c o m e u n a f o r m a v e r b a l e a b b r e v i a t a [ter f a r e l ' a s s e r z i o n e c h e ogni a s s e r z i o n e fatta con l'uso di un e n u n c i a t o o t t e n i b i l e m e d i a n t e l a sostituzione d i u n v a l o r e p o s s i b i l e d e l l a v a r i a b i l e ad ' ' n e l l a f o r m u l a ' .t figlio c a d e t t o e .f non ha un f r a t e l l o ' i n c o n g r u e n t e ; o p p u r e , con l ' a p p r o p r i a t a rettifica del s i g n i f i c a t o di ' i n c o n g r u e n t e ', p o s s i a m o c o n s i d e r a r e q u e s t ' a g g e t t i v o c o m e applicalo direttamente alla formula stessa. Infine, introduciamo il simbolo
k

Z)', abbreviando la ( 4 ) i n : figlio c a d e t t o > ha un f r a t e l l o " l o g i c a m e n t e necessario.

(5)

L e f o r m e v e r b a l i ( 1 ) , ( 3 ) , ( 4 ) , ( 5 ) non s o n o esse stesse f o r m u l e , ma

enunciati

usali

per

fare

asserzioni

intorno

formule.

E,

p r o p r i o c o m e o t t e n e m m o l a ( 2 ) d a l l a ( 1 ) , cosi p o s s i a m o deriv a r e tanto d a l l a ( 3 ) elle d a l l a ( 4 ) o d a l l a ( 5 ) u l t e r i o r i enunciati


N e l c a p i t o l o I la c o n v e n z i o n e e r a c h e ' non ', ' e * e 4 3 ' f o s s e r o da u s a r s i c o m e a h h r e v i a z i o n i p e r voci r i c o r r e n t i nel v o c a b o l a r i o d ' o r d i n e s u p e r i o r e d e l l o g i c o ( p . c . . ' c o n t r a d d i t t o r i o di '. e c c . ) , m e n t r e q u i la c o n v e n z i o n e e c h e ' non ' >>1 ' e ' c o m p a r i r a n n o c o m e p a r o l e n e l l e f o r m u l e d i p r i m o o r d i n e , p r o v v i s t e t u t t a v i a ili u n a b e n d e f i n i t a f o r z a l o g i c a . A n a l o g a m e n t e , il s i m b o l o ' 3 ', g i p r i m a i n t r o d o t t o , s a r ora u s a t o c o m e s i m b o l o c h e p u r i c o r r e r e i n f o r m u l e d ' e n u n c i a t i ili p r i m o o n l i n e , e non ( c o m e nel c a p i t o l o I ) c o m e u n ' a b b r e v i a zione per la frase d'ordine superiore ' il contraddittorio della congiunzione di, e c c . '.

! Logica formale usati per fare asserzioni intorno ad enunciati. (Si noti che io

(jui a p p l i c o la p a r o l a ' d e r i v a r e ' ad e n u n c i a t i , p e r a n a l o g i a con l'applicazione della p a r o l a ' e s i g e r e ', ' i n c o n g r u e n t e ', ecc., ad enunciati e f o r m u l e ) . Cosi dalla ( 5 ) d e r i v i a m o : ( 6 ) ' E g l i figlio c a d e t t o Z3 egli ha un f r a t e l l o " logicamente necessario. O g n i q u a l v o l t a , da una r e g o l a r e l a t i v a a u n a f o r m u l a , d e r i v i a m o p e r s o s t i t u z i o n e d e l l e v a r i a b i l i , u n a r e g o l a i n t o r n o ad 1111 enunc i a t o o intorno ad u n ' a l t r a f o r m u l a , d o b b i a m o o s s e r v a r e la r e g o l a g e n e r a l e ( i m p l i c i t a i n q u e s t e s p i e g a z i o n i ) c h e l a stessa sostituz i o n e d e v e e s s e r fatta o g n i q u a l v o l t a r i c o r r a u n a d a t a v a r i a b i l e ( p e r e s e m p i o ' . v ' ) . L ' i m p o r t a n z a del f a t t o clic s i usi l a stessa lettera c o m e v a r i a b i l e sta a p p u n t o i n c i . Q u a n d o s i a n o a m m i s s i bili sostituzioni d i f f e r e n t i , v e n g o n o usate lettere d i f f e r e n t i . 7. O c c o r r e ora d i r q u a l c o s a i n t o r n o a questo s i m b o l o ' 3 ' ,

a l l ' i m p o r t a n z a del s u o uso in l o g i c a , ed a l l e s u e p o s s i b i l i cattive i n t e r p r e t a z i o n i '. In p r e c e d e n z a si d i s c u s s o d e l l e a s s e r z i o n i nec e s s a r i e e del moilo in cui d o v e v a n o e s s e r e i n t e r p r e t a t e , e d e l l a loro funzione. Come esempio di enunciato impiegabile per fare u n ' a s s e r z i o n e del g e n e r e d e m m o il s e g u e n t e : ' E g l i non a l t o , i n s i e m e , p i c m e n o di sei p i e d i '. La f o r m u l a z i o n e c o r r i s p o n d e n t e r i s p e t t o a l nostro e s e m p i o p r e s e n t e s a r e b b e f o r s e : 'Non il c a s o clic egli s i a . i n s i e m e , figlio c a d e t t o e non a b b i a un f r a t e l l o ' . S i tratta d i u n e n u n c i a t o i n s o p p o r t a b i l m e n t e g o f f o , c h e s a r e m m o e s t r e m a m e n t e poco p r o p e n s i a d u s a r e ove v o l e s s i m o f a r e un'asserzione necessaria. Enunciati alternativi che

potremmo

u s a r e s o n o q u e l l i sul t i p o dei s e g u e n t i : ' S e egli f i g l i o c a d e t t o , a l l o r a ha un f r a t e l l o ' , 'O egli non figlio c a d e t t o o ha un fra-

1 C f r . a n c h o i e a p i t o l i ITI ed V I I I p e r lina pili p i e n a t r a t t a z i o n e di q u e s t o argomento.

Generalit. L'usi delle formule lello \


4

47

E g l i non pu e s s e r e figlio c a d e t t o s e n z a a v e r e un fra-

tello \ V e d e m m o che non si p o s s o n o i n t e r p r e t a r e tali e n u n c i a t i c o m e e s p r i m e n t i una q u a l u n q u e c o s a , serventi a d u n q u a l u n q u e s c o p o , se non li c o n s i d e r i a m o u s a t i , a l l a stessa s t r e g u a degli enunciati logici di s e c o n d o o r d i n e , p e r r a m m e n t a r e o c o m u n i c a r e al nostro u d i t o r i o fatti logici, e le r e g o l e l i n g u i s t i c h e c h e s t a n n o dietro a tali f a t t i . C i o , d o b b i a m o c o n s i d e r a r e tali e n u n c i a t i c o m e e q u i v a l e n t i non s e m p l i c e m e n t e a q u e l l o r i p o r t a t o nella ( 6 ) , m a p i u t t o s t o a l l a ( 6 ) presa nel s u o c o m p l e s s o . I l g r u p p o d i congiunzioni o q u a s i - c o n g i u n z i o n i ' Se . . . a l l o r a . . . ' , ' non . . . senza . . .', ' o non . . . o . . .' che in tali e n u n c i a t i f o r n i s c o n o l ' i n t e l a i a t u r a o v e c o l l o c a r e le e s p r e s s i o n i * egli figlio c a d e t t o ' e
1

egli ha un

f r a t e l l o ' , non p u p e r c i e s s e r e c o r r e t t a m e n t e identificato (pianto a s i g n i f i c a t o , con il s i m b o l o ' r i ' , c h e f o r n i s c e l ' i n t e l a i a t u r a p e r le stesse e s p r e s s i o n i n e l l ' e n u n c i a t o r i p o r t a t a n e l l a ( 6 ) . L e o r d i n a r i e c o n g i u n z i o n i i n c o r p o r a n o , nel l o r o p r e s e n t e contesto, l a n o z i o n e di necessit l o g i c a la (piale invece e s p r e s s a m e n t e f o r m u l a t a Ove si trascuri q u e s t o nella ( 6 ) , al di f u o r i d e l l ' e n u n c i a t o r i p o r t a t o , e c h e di c o n s e g u e n z a non p u c o n s i d e r a r s i i n c o r p o r a t a in fatto, c' u n a f o r t e tentazione a d i d e n t i f i c a r e * . . . z > . . . ' con " se . . . a l l o r a . . . ', l'unica d e l l e f r a s i in q u e s t i o n e c h e costituisca una c o n g i u n z i o n e u n i t a r i a , l ' u n i c a c h e non i n c l u d a " non Esistono altri f a t t o r i clic a u m e n t a n o la t e n t a z i o n e di a r r i v a r e a c i , e ne a g g r a v a n o l e c o n s e g u e n z e . L ' e n u n e i a t o ( 6 ) u n non m a s c h e r a t o enunciato di secondo ordine. Gli equivalenti enunciati d'uso o r d i n a r i o s o n o enunciati d i s e c o n d o o r d i n e m a s c h e r a t i . M a v i sono altri e n u n c i a t i o r d i n a r i c h e a d o p e r a n o l e e s p r e s s i o n i ' s e . . allora . . . * o . . . o . . . \ ' non . . . senza . . . * e c h e s o n o e n u n c i a t i d i p r i m o o r d i n e , c i o s o n o usati p e r f a r e asserzioni di un c e r t o genere circa c o s e c h e non s o n o e n u n c i a t i o asserzioni, come quando diciamo sar un fallimento '. Questi
1

Se piove, allora la riunione richiamano connessioni

enunciati

d altra n a t u r a c h e logica o l i n g u i s t i c a ; c o n n e s s i o n i f r a d i f f e r e n t i

Logica formale

cose esistenti nel i n o n d o , s c o p e r t e m e d i a n t e l ' e s p e r i e n z a di q u e s t e cose. L ' e s i s t e n z a di questi e n u n c i a l i p u i n c o r a g g i a r c i a p e n s a r e clic a n c h e e n u n c i a t i c o m e ' S e egli f i g l i o c a d e t t o , a l l o r a h a u n f r a t e l l o ' s i a n o e n u n c i a t i di p r i m o o r d i n e . E ci a s u a volta p u tentarci i n u n a d e l l e d u e d i r e z i o n i s e g u e n t i , c h e sono e g u a l m e n t e e r r o n e e . La p r i m a q u e l l a c h e ho g i c o m m e n t a t o e c h e consiste nel p e n s a r e che gli e n u n c i a t i a n a l i t i c i s u g g e r i s c a n o o regis t r i n o c o n n e s s i o n i di un g e n e r e p a r t i c o l a r e fra cose d i v e r s e esistenti nel m o n d o , ossia f o r n i s c a n o assai a t t e n d i b i l i i n f o r m a z i o n i di t i p o non l i n g u i s t i c o . La s e c o n d a consiste invece nel farci considerare
4

Se egli figlio c a d e t t o , a l l o r a ha un f r a t e l l o " c o m e

i d e n t i c o p e r s i g n i f i c a t o a l l ' e n u n c i a l o r i p o r t a t o nella ( 6 ) . c i o con ' ligli figlio c a d e t t o r> egli ha un f r a t e l l o ', d o n d e p u a n c o r a venirci la t e n t a z i o n e di p e n s a r e c h e '. . . Z) . . . ' s i a i d e n t i c o per significato a ' se . . . a l l o r a . . . ' abbiano fra i Questo genuini decisamente di primo e r r a t o . S e b b e n e le e s p r e s s i o n i ' se . . . a l l o r a . . . ', ' o non . . . o . . . ', ' non . . . s e n z a . . . ' o r d i n e , c' u n a certa a n a l o g i a usi p i c o m u n i fra q u e s t i usi

di p r i m o o r d i n e ed i loro usi m a s c h e r a t i ili s e c o n d o o r d i n e . p r e c i s a m e n t e q u e s t a a n a l o g i a c h e r e n d e n a t u r a l e tale d o p p i o imp i e g o e r e n d e f u o r v i e n t e l a l o r o i d e n t i f i c a z i o n e con " D \ a n c h e nei l o r o usi g e n u i n a m e n t e d i primo ordine. Possiamo chiarire la prima asserzione tale a n a l o g i a nel m o d o c h e s e g u e . Q u a n d o u n ' a s s e r z i o n e e s i g e u n ' a l t r a e noi s a p p i a m o o c r e d i a m o c h e s i a v e r a , p o s s i a m o d i r e q u a l c o s a c h e a b b i a la f o r m a " p. d u n q u e

q . ( L e v a r i a b i l i ' ' e ' q ' in q u e s t a f o r m u l a h a n n o , c o m e l o r o


g a m m a di v a l o r i c o m e s o n o o con marle p o s s i b i l i , clausole, c i o e s p r e s s i o n i c h e , o cosi q u a l c h e m o d i f i c a z i o n e del La parola modo del v e r b o , uno dei

p o t r e b b e r o e s s e r e u s a t e p e r f a r e d e l l e a s s e r z i o n i . P o s s i a m o chia"asserzioni-variabili"). 'dunque' t e r m i n i d i l e g a m e dei q u a l i a b b i a m o g i t r a t t a l o . E , i n q u e s t o contesto, e s p r i m e l a p r e t e s a c h e i l p a s s a g g i o nel r a g i o n a m e n t o s i a un p a s s a g g i o v a l i d o . Ma n o n t u l i o il r a g i o n a m e n t o r a g i o n a -

49 mento deduttivo. Operiamo spesso dei passaggi da un'asserzione ad un'altra, nell'argomentazione o nell'inferenza, p u r senza che il p r i m o e n u n c i a t o e s i g a il s e c o n d o , e t u t t a v i a il p a s s a g g i o perfettamente corretto e ragionevole, l'uso delle perfettamente giustificato: parole di l e g a m e per esempio, ' E g l i ha viaggiato per
1

sette o r e , d u n q u e s a r s t a n c o ' , ' L a p e n t o l a sul f u o c o d a d i e c i m i n u t i , d u n q u e deve b o l l i r e s u b i t o ' . L a p a r o l a dunque ' dichiara c h e s i f a l l o u n p a s s a g g i o c o r r e t t o nel r a g i o n a m e n t o ; m a non s e m p r e d i c h i a r a c h e q u e l l o c h e si f a t t o e in p a s s a g g i o d e d u t tivo. In q u e s t i e s e m p i i p a s s a g g i s o n o g i u s t i f i c a t i non da r e g o l e linguistiche, ma dal m o d o in cui a b i t u a l m e n t e v a n n o le cose nel m o n d o . L e c o n n e s s i o n i c h e v i s o n o i n v o l t e non s o n o c o n n e s s i o n i logiche, ma causali. D i c i a m o allora clic, q u a n d o il passaggio da un'asserzione saggio ad un'altra in risulterebbe, ove effettuato, un pascorretto ragionamenti

o dell'uno

dell'altro

di

questi

generi, c h e il

primo

e n u n c i a t o un fondamento

p e r il s e c o n d o .

C ' s i m i g l i a n z a e c' d i f f e r e n z a f r a l e c i r c o s t a n z e t i p i c h e i n c u i noi d i c i a m o q u a l c o s a d e l l a f o r m a * p, d u n q u e q ' e le c i r c o s t a n z e tipiche che la in cui diciamo asserzione qualcosa sia della f o r m a ' s e p. giustificati allora nel

q\
dire

Se u n ' a s s e r z i o n e un f o n d a m e n t o p e r u n ' a l t r a , e noi c r e d i a m o prima vera, siamo q u a l c o s a d e l l a f o r m a ' p, d u n q u e q ' ; se un e n u n c i a t o f o n d a mento p e r un altro, e s i a m o incerti se il p r i m o enunciato sia vero o meno, o crediamo che sia falso, siamo giustificati nel lire q u a l c o s a d e l l a f o r m a ' s e p , a l l o r a q \ N a t u r a l m e n t e , q u e s t i non s o n o gli u n i c i usi d i ' d u n q u e ' e d i ' s e ' . N e l d i r e " T u m i b a i d i s o b b e d i t o , d u n q u e t i p u n i r ' , non s t o f a c e n d o u n r a g i o n a mento, ti p e r q u a n t o dia una

ragione d e l l a m i a

preannunciata

in-

t e n z i o n e . E il c o r r i s p o n d e n t e a v v e r t i m e n t o ' Se mi d i s o b b e d i s c i , p u n i r 1 indica che la d i s o b b e d i e n z a sar considerata c o m e un f o n d a m e n t o ( u n a r a g i o n e ) p e r punire. Cosi quest'uso all'ing r o s s o a n a l o g o a g l i a l t r i . V i s o n o a l t r i u s i a n c o r a d i ' s e ' , nei quali l'analogia si a t t e n u a o svanisce. Ma in generale il s u o

Logica formale

i m p i e g o nel l e g a r e d u e c l a u s o l e i n d i c a c h e u n ' a s s e r z i o n e fatta m e d i a n t e l'uso d e l l a p r i m a c o s t i t u i r e b b e un f o n d a m e n t o o u n a ragione per un'asserzione fatta mediante l'uso della seconda. E c c o p e r c h , nel s u o uso m a s c h e r a t o di s e c o n d ' o r d i n e , d o v e il f o n d a m e n t o s o l t a n t o di n a t u r a l o g i c a , esso non fa s o l t a n t o il l a v o r o fatto da 'z>* b e n s il l a v o r o f a t t o da ' z > " in c o m b i n a z i o n e con l a f r a s e " a n a l i t i c o ' ( o ' l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i o ' ) . I n u n e n u n c i a t o del g e n e r e d e l l a ( 6 ) . l e frasi e s p l i c i t a m e n t e d i s e c o n d o o r d i n e sono e s s e n z i a l i a l f i n e d i f a r c a p i r e c h e c' un f o n d a m e n t o di c o n n e s s i o n e . Il s o l o u s o c h e p o t r e m m o f a r e d i * r > ' p e r s e stesso nel l e g a r e d u e e n u n c i a t i , s a r e b b e s e m p l i c e mente di negare l'asserzione r i s u l t a n t e d a l l a c o n g i u n z i o n e del p r i m o e n u n c i a t o con il c o n t r a d d i t t o r i o d e l s e c o n d o . C o s i , se q u a l c u n o d i c e s s e * G i o v a n n i e r a l, e P i e t r o non e r a l ', noi p o t r e m mo negare ci semplicemente perch Giovanni

non

era

l. o

s e m p l i c e m e n t e p e r c h P i e t r o era l . s e n z a p e r il m o m e n t o pens a r e c h e l ' e s s e r e l ili G i o v a n n i s a r e b b e u n a r a g i o n e p e r aspettarsi c h e a n c h e P i e t r o fosse l. N a t u r a l m e n t e , s e f o s s i m o convinti c h e c ' e r o q u e s t a c o n n e s s i o n e , s a r e m m o p r o p e n s i a n e g a r e l'asserz i o n e c h e G i o v a n n i e r a l e P i e t r o non e r a l, a n c h e in a s s e n z a di qualsiasi informazione d'altra fonte circa l ' a s s e n z a d i Giovanni o la p r e s e n z a di P i e t r o . P o t r e m m o n e g a r e l ' a s s e r z i o n e cong i u n t i v a p e r u n a q u a l u n q u e di q u e s t e r a g i o n i . L ' e n u n c i a t o ' Giov a n n i e r a l 3 P i e t r o e r a l ', se fosse u s a t o , a v r e b b e s e m p l i c e m e n t e la f o r z a di un m e r o d i n i e g o d e l l ' a s s e r z i o n e c o n g i u n t i v a , senza i n d i c a z i o n e a l c u n a d e l l a r a g i o n e del d i n i e g o , e c e r t a m e n t e senza s u g g e r i r e in alcun m o d o c h e la r a g i o n e ne s i a c h e l ' e s s e r l di Giovanni sarebbe un fondamento per aspettarsi che anche P i e t r o s i a l . O r a 1111 fatto c h e nel l i n g u a g g i o c o m u n e non esiste una s i n g o l a c o n g i u n z i o n e , ed da d u b i t a r s i c h e esista u n a com-

binazione di e s p r e s s i o n i , e h e a s s o l v a in m o d o c o n g r u e n t e p r o p r i o
q u e s t o c o m p i t o e niente di p i . E c c o p e r c h la s o l u z i o n e m i g l i o r e di p a r a f r a s a r e la f o r m u l a ' 3 q ' con In f o r m u l a , d a l l ' a s p e t t o

G e n e r a l i t . L'usi d e l l e f o r m u l e assai i n n a t u r a l e , ' non si d i n s i e m e elie e c h e tion-g

51 oppure

' n o n - ( p e n o n - g ) '; e di s c o n g i u r a r e le s u e p i attraenti identific a z i o n i con ' s e p, a l l o r a q ', 'o nn-/i, o q ", ' n o n - ( p s e n z a q) ' e cosi v i a . P e r s i n o (uando u s i a m o la f o r m a ' non i n s i e m e . . . e non . . . ' nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , c o m u n e m e n t e i n t e n d i a m o p i di q u e l c h e ' D malmente
1

non c o m p o r t i ; ma q u e l c h e in pili nordi e s p r e s s i o n i c o m e ' non pu in-

indicato dall'uso

s i e m e . . . ' o p p u r e ' c e r t a m e n t e '. P o s s i a m o r i a s s u m e r e tutta la q u e s t i o n e d i c e n d o : il s i m b o l o di p r i m o o n l i n e ' 3 ' non ha in p r a t i c a p r e s s o c h nessun uso s e n z a l ' a g g i u n t a d e l l e e s p r e s s i o n i di second'ordine ' analitico ' o ' 0 scritte, ma s o l a m e n t e s o t t i n t e s e . 8. ' Si p o t r e b b e essere indotti a c h i e d e r e : g i a c c h il s i m b o l o logicamente necessario"; sebbene q u e s t e u l t i m e p o s s a n o non e s s e r e f f e t t i v a m e n t e p r o n u n z i a t e ,

' talmente suscettibile d'interpretazioni fuorvienti, e giacch

lo s c o p o di r i u n i r e a m e z z o s u o d u e f o r m u l e e di d i c h i a r a r e a n a l i tica l a f o r m u l a risultante, p u e s s e r c o n s e g u i t o a l t r e t t a n t o b e n e d i c h i a r a n d o c h e l a p r i m a f o r m u l a e s i g e l a s e c o n d a , clic v a n t a g g i o si ha ad i n t r o d u r l o nella l o g i c a ? B e n e , ci s o n o diversi v a n t a g g i , il 1 i 11 i m p o r t a n t e dei q u a l i non v e r r in luce c h e p i t a r d i . Ma p o s s o i n d i c a r e fin d ' o r a a l c u n e c a r a t t e r i s t i c h e di ' o " c h e ne m o s t r a n o la c o n v e n i e n z a . S u p p o n i a m o c h e il l o g i c o c o n s i d e r i s u o c o m p i t o q u e l l o di s t e n d e r e tutte le r e g o l e g e n e r a l i a l l e q u a l i ci a p p e l l i a m o nel f a r e v a l u t a z i o n i l o g i c h e . V i s o n o d i v e r s e vie p e r l e q u a l i pervenirvi. Egli p o t r e b b e s c r i v e r e tutte l e a s s e r z i o n i l'osservazione potrebbe

g e n e r a l i di i m p l i c a n z a c h e r i u s c i s s e a p e n s a r e , o p p u r e tutte le formule necessarie (o analitiche), aggiungendovi g e n e r a l e c h e s i tratta d i s o l e f o r m u l e a n a l i t i c h e , o p p u r e a n c o r a tutte l e f o r m u l e i n c o n g r u e n t i , a c c o m p a g n a n d o l e con l ' o s s e r v a z i o n e g e n e r a l e c h e s i tratta e s c l u s i v a m e n t e d i formule auto-contradd i t t o r i e . C ' u n a resistenza p s i c o l o g i c a a m e t t e r s i p e r q u e s t a terza v i a , in c o n n e s s i o n e con l ' a b i t u d i n e c h e a b b i a m o a c h i a m a r e vere

! Logica formale le a s s e r z i o n i a n a l i t i c h e , e f a l s e q u e l l e a u t o - c o n t r a d d i t t o r i e . Ci semb r a c h e il l o g i c o d o v r e b b e d i r c i q u e l l o clic g i u s t o e non q u e l l o clic e r r a l o , p e r q u a n t o , in q u e s t o c a m p o , egli non p o t r e b b e f a r l ' i m a cosa senza f a r e a n c h e l ' a l t r a . C ' u n a certa c o n v e n i e n z a a s c e g l i e r e la s e c o n d a via p i u t t o s t o clic la p r i m a . E s s a ci p e r m e i l e di s c e n d e r e di un o r d i n e pili in b a s s o , di s c r i v e r e c i o s o l t a n t o f o r m u l e d i p r i m o o r d i n e . Invece d i u n a s e r i e d i p r o p o s i z i o n i del g e n e r e di ' figlio c a d e t t o " e s i g e ' .r ha un f r a t e l l o ' noi a v r e m m o una serie di p r o p o s i z i o n i del g e n e r e di

figlio c a d e t t o 3 lia un f r a t e l l o .
Al p o s t o d e l l e virgolette invertite e d e l l a e s p r e s s i o n e di s e c o n d o o r d i n e ' e s i g e ' m e t t i a m o l ' o s s e r v a z i o n e g e n e r a l e clie s t i a m o scriv e n d o s o l t a n t o f o r m u l e a n a l i t i c h e . E il m e t o d o riesce c o n v e n i e n t e a n c h e p e r un altro a s p e t t o . Q u a n d o i logici si i n t e r e s s a v a n o in m o d o pi e s c l u s i v o di (pici clic non facciali ora d e l l a v a l i d i t di certi tipi f a m i l i a r i di i n f e r e n z a o di a r g o m e n t a z i o n e , essi s p e s s o u s a v a n o il m e t o d o di s c r i v e r e f o r m u l e d ' a r g o m e n t a z i o n e v a l i d e , o schemi di inferenza, accompagnandovi l'osservazione generale d e l l a n a t u r a d i ci c h e f a c e v a n o . Essi c i o s c r i v e v a n o f o r m u l e d i p r i m o o r d i n e i n c o r p o r a n d o v i t e r m i n i di l e g a m e c o m e ' d u n q u e ' e * p e r c i '. G i si notato a sufficienza c h e non ogni c a s o in cui p o t r e m m o c o r r e t t a m e n t e d i c h i a r a r e a n a l i t i c o i l risultato del l e g a r e d u e f o r m u l e con 3 ', un c a s o in cui c o n s i d e r e r e m m o il passaggio da una proposizione esemplificante la prima formula ad una proposizione esemplificante la seconda come un'inferenza. Lo p o t r e m m o spesso c h i a m a r e una riformulazione, o una ripetizione con q u a l c o s a d i t r a l a s c i a t o : o p p u r e p e n s a r e e h e non c ' e r a a f f a t t o r a g i o n e di f a r l o . Ma se il p a s s a g g i o lo c o n s i d e r i a m o un e s e r c i z i o mentale sufficientemente arduo perch possa chiamarsi inferenza, p o s s i a m o s e m p r e ottenere uno s c h e m a valido (li inferenza di

Forma

53

p r i m o o n l i n e d a l l a f o r m u l a a n a l i t i c a ili p r i m o o n l i n e col semplice s o s t i t u i r e il ' z) ' con un ' p e r c i \ C o s i in c o r r i s p o n d e n z a dell'espressione di primo ordine

figlio c a d e t t o zd lia un f r a t e l l o
(piale f o r m u l a a n a l i t i c a , a b b i a m o l ' e s p r e s s i o n e d i p r i m o o r d i n e e figlio c a d e t t o , p e r c i ha un f r a t e l l o come valido schema di inferenza.

II.

Forma
9. t e m p o di d i s c u t e r e il s e c o n d o f a t t o r e clic l i m i t a il com-

pilo del logico formale. Rendere chiaro questo fattore equivale a c h i a r i r e l'aggettivo q u a l i f i c a n t e ' f o r m a l e ' . S u p p o n e m m o test c h e il l o g i c o c o n s i d e r a s s e s u o c o m p i t o q u e l l o di s t e n d e r e tutte le r e g o l e g e n e r a l i i m p l i c i t e in tutte le v a l u t a z i o n i l o g i c h e . Ma vi s o n o tanti m o d i diversi di e s s e r e i n c o n g r u e n t e , tanti m o d i d i v e r s i di e f f e t t u a r e p a s s a g g i v a l i d i e i n v a l i d i n e l l ' a r g o m e n t a z i o n e , tanti m o d i corretti e scorretti di p r e t e n d e r e di d i r e q u a l c o s a in a l t r e p a r o l e . A b b i a m o visto c h e ogni d e f i n i z i o n e p o r t a a e q u i v a l e n z e e i m p l i c a n z e g e n e r a l i e c h e p e r q u a s i o g n i p r e d i c a t o ci s o n o predicati con esso i n c o m p a t i b i l i . L ' a s s e r z i o n e che la f o r m u l a ' figlio c a d e t t o z> ha un f r a t e l l o ' a n a l i t i c a , da c o n s i d e r a r s i c o m e un p r i n c i p i o di l o g i c a ? O talc da c o n s i d e r a r s i l ' a s s e r z i o n e c h e ' s p o s a t o ' i n c o n g r u e n t e con ' s c a p o l o '? se cosi f o s s e , il l i b r o c h e f o r n i s s e i p r i n c i p i di l o g i c a s a r e b b e p i l u n g o di qualsiasi dizionario. Ma il logico non un l e s s i c o g r a f o . E g l i non ha da i n c l u d e r e nei s u o i libri le i m p l i c a n z e g e n e r a l i c r e a t e da ogni i n t r o d u z i o n e di un t e r m i n e tecnico nel l i n g u a g g i o . Q u e s t o c o m p i t o d e l l o spe-

! Logica formale a l i s t a : il c o m p i t o li c h i a r i r e i s i g n i f i c a t i Ielle p a r o l e clic sono p e c u l i a r i d e l l a s u a s p e c i a l e m a t e r i a . L ' i n t e r e s s e d e l l o g i c o pili a m p i o . E g l i si o c c u p a di tipi di i n c o n g r u e n z a , di tipi di v a l i d i t e i n v a l i d i t , i q u a l i non s o n o confinati a l l a t r a t t a z i o n e di un q u a l siasi g e n e r e di p a r t i c o l a r e m a t e r i a , ina si p o s s o n o r i s c o n t r a r e presenti nella t r a t t a z i o n e d i a r g o m e n t i d i c h i a r a t a m e n t e e t e r o g e n e i . C o s i le i m p l i c a n z e di p a r o l e c o m e
4

sposato ' e

s c a p o l o '. le q u a l i

c h i a r a m e n t e d e n u n c i a n o li d o v e r e s s e r e i m p i e g a t e l i m i t a t a m e n t e nlla t r a t t a z i o n e di una m a t e r i a di g e n e r e p a r t i c o l a r e , non figurer a n n o , c o m e tali, nella s u a lista. La sorta di regole che p o t e t e a t t e n d e r v i di t r o v a r e qui s o n o r e g o l e c o s i f f a t t e che il s a p e r e c h e u n a q u a l u n q u e di esse ': s t a t a o s s e r v a t a o i n f r a n t a in un c e r t o tratto di d i s c o r s o non ci f o r n i s c e nessun indizio circa l ' a r g o m e n t o del tratto m e d e s i m o . P o s s i a m o e s p r i m e r e picsto. f o r s e con un p o ' p i di p r e c i s i o n e , in t e r m i n i li i m p l i c a n z e , al m o d o s e g u e n t e : ogniqualvolta un'implicanza pu essere considerala come appartenente ad u n a c l a s s e di i m p l i c a n z e tale che la s u a d e s c r i z i o n e non f o r n i s c a i n d i c a z i o n e a l c u n a c i r c a la m a t e r i a Ielle a s s e r z i o n i in q u e s t i o n e , a l l o r a la f o r m u l a z i o n e di u n a regida g e n e r a l e p e r le i m p l i c a n z e di pieila c l a s s e , o ( o v e q u e s t a f o r m u l a z i o n e riesca diff i c i l e p e r una ragione qualsiasi) la descrizione generale della c l a s s e , p o s s o n o e s s e r e c o n s i d e r a t e c o m e e s e r c i z i o li logica f o r m a l e . M a , n a t u r a l m e n t e , a n c h e e n t r o u n a s f e r a d i attivit cosi circos c r i t t a . i l logico f o r m a l e p u o p e r a r e ( e d o p e r a ) u n ' u l t e r i o r e selezione, e pu imporsi (e si i m p o n e ) ulteriori obblighi. N o n difficile s c o p r i r e d e g l i e s e m p i di p r i n c i p i di [uesto tipo assolutamente generale. Possiamo enunciare in modo affatto g e n e r a l e il p r i n c i p i o c h e o g n i a s s e r z i o n e pialsivoglia su pialsiv o g l i a oggetto c i n c o n g r u e n t e con la n e g a z i o n e Iella stessa asserz i o n e . E p o s s i a m o e n u n c i a r e in m o d o a f f a t t o g e n e r a l e c h e ogni ass e r z i o n e e h e s o s t e n g a c h e tutti i m e m b r i di u n a certa c l a s s e s o n o m e m b r i di una s e c o n d a c l a s s e , in c o n g i u n z i o n e con l ' a s s e r z i o n e c h e a f f e r m i I a p p a r t e n e n z a d i u n a q u a l c h e cosa p a r t i c o l a r e a l l a

55 p r i m a classe c o m e suo m e m b r o , esige l'asserzione che q u e l l a cosa un m e m b r o della seconda classe. D o b b i a m o notare diversi punti a p r o p o s i t o d e l l e a s s e r z i o n i g e n e r a l i di q u e s t o g e n e r e . Il p r i m o c h e r i s p o n d o n o a l l a c o n d i z i o n e d i indilTerenza a l l a m a t e r i a tratt a t a . I l s e c o n d o che e s s e c o m e tali s o n o a s s e r z i o n i a n a l i t i c h e d i s e c o n d o o r d i n e , e c h e d i e t r o a d e s s e , i n pianto c o s i f o r m u l a t e , stanno le regole linguistiche p e r eerte espressioni che vi comp a i o n o , c o m e ( n e l caso della p r i m a ) ' asserzione ' , 1 incongruente ', ' n e g a z i o n e '. Il terzo c h e e s s e p r e s e n t a n o la c a r a t t e r i s t i c a c h e g i a b b i a m o notata [uelle nelle a s s e r z i o n i logiche in q u a n t o d i s t i n t e la riguardano dichiaratamente linguistiche: c i o , esse non

direttamente le espressioni di un q u a l u n q u e linguaggio particol a r e . ma si a p p l i c a n o i m l i l T e r e n t e m e n t e a tutte le a s s e r z i o n i lei g e n e r i d e s c r i t t i , s i a n o e s s e f a t t e in g r e c o , f r a n c e s e , i n g l e s e o inilos l a n o . E s s e p r e s e n t a n o a n c h e , e i n i n o d o m o l t o a c c e n t u a l o nel s e c o n d o c a s o , piella s c a r s a m a n e g g e v o l e z z a c h e d o b b i a m o attend e r c i da o g n i t e n t a t i v o di f a r e Iella l o g i c a in t e r m i n i di asserzioni circa asserzioni, anzich in termini di regole per espressioni r a p p r e s e n t a t i v e . D i c o n s e g u e n z a , i l l o g i c o c e r c a d i c a l a r e tali p r i n c i p i i n r e g o l e d i q u e s t o g e n e r e . C o m e r e g o l a r a p p r e s e n t a t i v a lei primo principio possiamo p r o p o r r e : ' e non-/. ' i n c o n g r u e n t e e c o m e r e g o l a r a p p r e s e n t a t i v a del s e c o n d o p r i n c i p i o ' tutti gli / s o n o g e un / ' e s i g e ' g ' oppure ' tutti gli I s o n o g e un / valida. Q u i i n c o n t r i a m o diilicolt a l l e q u a l i s i a m o g i p r e p a r a t i lalle g ' una formula d'inferenza

discussioni precedenti. Esse possono cosi r i a s s u m e r s i : n e p p u r e in un singolo linguaggio, per un'asserzione o un'inferenza che sia

Logica formale

del g e n e r e i n d i c a t o da un p r i n c i p i o l o g i c o g e n e r a l e , non condiz i o n e n n e c e s s a r i a n sufficiente q u e l l a c h e gli e n u n c i a t i usati per f a r e L u n a o l ' a l t r a e s e m p l i f i c h i n o lo s c h e m a v e r b a l e citato nella regola c h e r a p p r e s e n t a q u e l p r i n c i p i o . E c c o l ' i l l u s t r a z i o n e di q u e s t o p u n t o : la c o n d i z i o n e non sufficiente p e r c h le p a r o l e ' e non ' p o t r e b b e r o ritenersi e s e m p l i f i c a t i v e d e l l o s c h e m a verb a l e ' j) e non-p ' e tuttavia e s s e r e invece u s a t e p e r f o r n i r e u n a r i s p o s t a affatto c o n g r u e n t e a u n a d o m a n d a ( p . e . , * Il t e m p o piov o s o ? ' ) ; la condizione non necessaria perch molte inferenze ( s e non l a m a g g i o r p a r t e ) c h e p u r e r i s p o n d o n o a l l a d e s c r i z i o n e g e n e r a l e f o r n i t a nel s e c o n d o lei p r i n c i p i logici s o p r a r i p o r t a t i non e s e m p l i f i c a n o lo s c h e m a v e r b a l e
4

tutti gli / sono g e un

/ ' X g '.
P o s s i a m o metter la cosa in altra forma al m o d o che segue. E s p r e s s i o n i d i v e r s e p o s s o n o a v e r e , in q u a l c h e contesto, lo stesso i m p i e g o logico, p e r e s e m p i o e s p l e t a r e l a stessa f u n z i o n e logio^ nei tipi di i m p l i c a n z a . ecc., c h e i n t e r e s s a n o il logico. C o s i la f u n z i o n e g e n e r a l i z z a n t e d i M u l t i ' p u e s s e r e svolta d a ' u n ' o d a ' i l " ; una q u a l s i a s i d i tali e s p r e s s i o n i p u s e r v i r e a d i n t r o d u r r e un'ass e r z i o n e c h e a f f e r m i c h e tutti i m e m b r i di u n a certa c l a s s e h a n n o u n a eerta c a r a t t e r i s t i c a o s o n o m e m b r i di u n a eerta a l t r a c l a s s e . E la stessa e s p r e s s i o n e p u a v e r e usi logici d i f f e r e n t i ; p.e., in contesti d i v e r s i , p u a v e r e u n a f u n z i o n e logica d i v e r s a , p o s s e d e r e imp l i c a n z e d i v e r s e , ecc. C o s i , u n ' a s s e r z i o n e fatta con p a r o l e c h e cont e n g o n o una r i p e t i z i o n e di ' 11011 ' p u q u a l c h e volta e s s e r e logicamente equivalente alla corrispondente asserzione affermativa ("IVon vero c h e egli non p u v e n i r e ' ) ; m a q u a l c h e volta p u c o s t i t u i r e s o l t a n t o u n a n e g a z i o n e p i a c c e n t u a t a ( " N o n v e n g o no con voi " ) : e q u a l c h e volta p u a v e r e 1111 v a l o r e d i f f e r e n t e r i s p e t t o a tutti e d u e i casi p r e c e d e n t i ( p.e., ' E g l i non p u 11011 v e n i r e ' non e e q u i v a l e n t e n a ' E g l i p u v e n i r e ' n a " E g l i non p u v e n i r e ', ma a ' E g l i d e v e venire ' ) . In q u e s t a s i t u a z i o n e s a r e b b e r a g i o n e v o l e a t t e n d e r s i c h e la scelta c h e il l o g i c o fa dei m o d e l l i v e r b a l i p e r le

57 sue regole rappresentative fosse governata da questi d u e p r i n c i p i : p r i m o , c h e i l m o d e l l o v e r b a l e d e b b a e s s e r e u n o d i q u e l l i comune-

mente r i c o r r e n t i , p e r e s e m p i o , in i m p l i c a n z e d e l l a c l a s s e r e l a t i v a ;
secondo, che le espressioni che in tale modello ricorrono d e b b a n o a v e r e comunemente l'uso l o g i c o c h e e s s e h a n n o i n quelle implic a n z e . S i d o v r e b b e p e n s a r e c h e u n l o g i c o , n e l l o scegliere u n mod e l l o v e r b a l e f i s s o p e r i l l u s t r a r e u n d a t o p r i n c i p i o l o g i c o , adotti a n c h e u n u s o v e r b a l e f i s s o p e r l e e s p r e s s i o n i clic i n q u e l m o d e l l o ricorrono. Per ragioni ehe si faranno chiare q u a n d o tratteremo d e l l ' i d e a l e s i s t e m a t i c o del l o g i c o , e g l i non p u t o l l e r a r e c h e nel suo insieme di regole ricorrano espressioni che siano logicamente ambigue (abbiano differenti usi logici), come son suscettibili d ' e s s e r l o l e e s p r e s s i o n i del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o . I n tal m o d o , nel trasccglicre un certo modello v e r b a l e per le sue regole, il logico conferisce alle espressioni ebe vi ricorrono una rigidit logica c h e e s s e c o m u n e m e n t e non b a n n o . N e l l ' a m b i t o del s u o s i s t e m a , l e p a r o l e c h e r i c o r r o n o n e l l e s u e f o r m u l e h a n n o s o l t a n t o gli u s i l o g i c i clic s o n o p r e s c r i t t i d a l l e s u e r e g o l e . D i c o n s e g u e n z a , n o i non p o s s i a m o e s s e r s i c u r i d e l s i g n i f i c a t o d e l l e e s p r e s s i o n i ricorrenti n e l l e f o r m u l e d i u n l o g i c o f i n c h e non s i s i a n o e s a m i n a t e quelle 10. regole. ^ S i p o t r e b b e c h i e d e r e : c o m e s u c c e d e clic v i s i a n o q u e s t i

tipi g e n e r a l i d i v a l i d i t , o d i i n c o n g r u e n z a , q u e s t e c l a s s i g e n e r a l i di i n f e r e n z e l o g i c a m e n t e s i m i l i , c h e i n t e r e s s a n o il l o g i c o , e c h e possono venir discusse indipendentemente dalla materia su cui vertono le asserzioni c h e in tali inferenze c o m p a i o n o ? E c o m e succede che esistono modelli verbali rappresentativi per tipi o c l a s s i d e l g e n e r e , i (piali si p r e s t i n o ad e s s e r e citati n e l l e r e g o l e del l o g i c o ? Q u e s t e non s o n o q u e s t i o n i s e m p l i c i , m a l a p r e c e d e n t e d i s c u s s i o n e s u l l a n e g a z i o n e c i d i l m o d o d i d a r v i p a r z i a l e ris p o s t a . V e d e m m o a l l o r a c o m e s i a n a t u r a l e c h e u n l i n g u a g g i o contenga un mezzo di operare negazioni. Q u a l u n q u e argomento si

! Logica formale stia t r a t t a n d o , a v r e m o b i s o g n o d i q u a l c h e m o d o d i n e g a r e non meno che di a s s e r i r e ; cosicch una parola che serva semplicemente allo scopo della negazione presenter quell'indifferenza a l l a m a t e r i a c h e la q u a l i f i c a p e r c h le sia r i s e r v a t o un posto in un m o d e l l o v e r b a l e r a p p r e s e n t a t i v o a p p r e s t a t o d a l l o g i c o . I n gener a l e . (li q u a l u n q u e c o s a si stia p a r l a n d o , ci si a t t e n d e c h e il nostro l i n g u a g g i o sia c a p a c e d i e s p l e t a r e p e r noi c e r t e f u n z i o n i , p u r c h si tratti c o m u n q u e di un l i n g u a g g i o s u f f i c i e n t e m e n t e e v o l u t o . In (pianto si tratti di f u n z i o n i l o g i c a m e n t e c o l l e g a l e o in q u a l c h e m o d o s o v r a p p o s t e , a b b i a m o gi l a p o s s i b i l i t d i tipi d i incong n i e n z a e ili v a l i d i t c h e t r a s c e n d o n o la p a r t i c o l a r e m a t e r i a tratt a t a . In (pianto vi s i a n o a c c o r g i m e n t i linguistici s e p a r a t a m e n t e i d e n t i f i c a b i l i ' i m p i e g a t i ad e s p l e t a r e q u e s t e f u n z i o n i ( p . e . , ' non ' per la n e g a z i o n e ) , a b b i a m o g i la p o s s i b i l i t di m o d e l l i verb a l i r a p p r e s e n t a t i v i atti a figurare nelle regole a p p r e s t a t e da un l o g i c o p e r i l l u s t r a r e questi tipi di i n c o n g r u e n z a o di v a l i d i t . C o s i , u n r e q u i s i t o l i n g u i s t i c o a n c h e pi f o i i i l a m e n t a l e d i q u e l l o d e l l a n e g a z i o n e e l ' e s i s t e n z a di q u a l c h e m o d o di applicazione d e l l e f u n z i o n i che u s i a m o p e r d e s c r i v e r e l e c o s e a i casi p a r t i c o l a r i c h e s t i a m o d e s c r i v e n d o . S p e s s o o t t e n i a m o ci u s a n d o , a s s i e m e a d un predicato descrittivo, un'espressione (p.e., un p r o n o m e dimostrativo o p e r s o n a l e , o un n o m e p r o p r i o ) c h e e f f e t t u i il riferim e n t o al c a s o p a r t i c o l a r e c h e d e s i d e r i a m o d e s c r i v e r e , e congiung e n d o i d u e con q u a l c h e f o r m a del v e r b o ' e s s e r e * ( p . e . , ' un

') ; s e b b e n e s p e s s o altri a c c o r g i m e n t i s i a n o i m p i e g a t i al posto


ili q u e s t o . T u t t a v i a l ' u s o di q u e s t ' u l t i m o s u f f i c i e n t e m e n t e gene-

1 Gli ' a c c o r g i m e n t i l i n g u i s t i c i s e p a r a t a m e n t e i d e n t i f i c a b i l i ' n o n natur a l m e n t e n e c e s s a r i o c h e s i a n o punite s e p a r a t e . P o t r e b b e r o e s s e r e sullssi o a l t r i tipi di modificazione di s i n g o l e p a r o l e del contesto, o m o d i di d i s p o r r e le p a r o l e n e l l a p r o p o s i z i o n e , o q u a l c h e c o m b i n a z i o n e p i c o m p l e s s a . N e l ling u a g g i o s o l t a n t o p a r l a t o p o t r e b b e r o e s s e r e toni d e l l a v o c e . C ' s t a t o c h i Ila suggerito c o m e possibile m o d o di negazione di una proposizione quello di scriverla rovesciala.

Forma

59

ratizzato per conferire alla p a r o l a ' ' la necessaria indifferenza r i s p e t t o a l l a m a t e r i a trattata. 0 a n c o r a , di q u a l u n q u e c o s a si s t i a trattando, probabile ebe si a b b i a bisogno di qualche m o d o di g e n e r a l i z z a z i o n e , di f a r e a s s e r z i o n i c o n d i z i o n a l i o di e n u n c i a r e alt e r n a t i v e ; e p o s s i a m o u s a r e , a q u e s t i s c o p i , r i s p e t t i v a m e n t e , le parole
4

tutti \

se

e ' o', s e b b e n e a n c h e q u i si p o s s a f a r r i c o r s o

ad a c c o r g i m e n t i diversi. O v e ci si riscontri c a p a c i di d e s c r i v e r e u n a f u n z i o n e linguistica g e n e r a l e di q u e s t a sorta ( p.c., n e g a z i o n e o g e n e r a l i z z a z i o n e ) p o s s i a m o a n c h e a t t e n d e r c i di t r o v a r e espressioni s e p a r a t e ( p . e . , ' n o n * o


4

t u t t i ' ) , o altri a c c o r g i m e n t i , cui

p o s s a e s s e r p l a u s i b i l m e n t e d e v o l u t o l ' e s p l e t a m e n t o d i tale funz i o n e , p u r col d o v u t o r i g u a r d o a l l a flessibilit del l i n g u a g g i o . E l'esistenza d i tali a c c o r g i m e n t i c o s t i t u i s c e q u a s i u n a c o n d i z i o n e

sine qua non p e r la nostra p o s s i b i l i t di n o t a r e q u e l l e a n a l o g i e


fra i n f e r e n z e , ecc., che ci i n d u c o n o a c l a s s i f i c a r l e a s s i e m e c o m e p r e s e n t a n t i lo stesso tipo o f o r m a g e n e r a l e . E i n f a t t i , n o t a n d o tali a n a l o g i e f o r m a l i , cos' c h e v e r a m e n t e n o t i a m o ? N o t i a m o d e l l e

rassomiglianze f r a i n f e r e n z e v a l i d e . E non s o n o r a s s o m i g l i a n z e di
stile o di tema, ma rassomiglianze v e r b a l i ; rassomiglianze fra g r u p p i d i p a r o l e con u n m o d e l l o v e r b a l e r i c o r r e n t e . N o n u n c o m o d o a c c i d e n t e che l e i n f e r e n z e d e l l a stessa f o r m a p o s s a n o e s s e r e m o s t r a t e c o m e e s e m p l i f i c a n t i l o stesso m o d e l l o v e r b a l e . C i p o s s i b i l e p r e c i s a m e n t e in f o r z a d e l l ' a n a l o g i a clic ci i n d u c e a c l a s s i f i c a r l e a s s i e m e c o m e i n f e r e n z e d e l l a stessa f o r m a . O r a , i l m o d o di gran l u n g a il p i o v v i o in cui d i f f e r e n t i i n f e r e n z e poss o n o p a r t e c i p a r e dello stesso m o d e l l o c h e tale m o d e l l o c o n s i s t a in u n a i n t e l a i a t u r a ili p a r o l e i d e n t i c h e c h e o c c u p i n o le s t e s s e p o s i z i o n i r e l a t i v e nelle d i f f e r e n t i i n f e r e n z e . p r o p r i o u n a s i f f a t t a i n t e l a i a t u r a q u e l l a che, q u a n d o l e i n f e r e n z e clic d i essa p a r t e c i p a n o s o n o i n g e n e r a l e v a l i d e , noi s c e g l i a m o c o m e s c h e m a r a p p r e s e n t a t i v o da c i t a r e e da d i c h i a r a r e laiatura
6
4

v a l i d o ' in u n a r e g o l a l o g i c a . essere classificate con

C o m e h o gi fatto r i l e v a r e , i n f e r e n z e c h e non p o s s e g g o n o l'inteprescelta possono nondimeno

! Logica formale q u e l l e c h e la p o s s e g g o n o . L ' i n t e l a i a t u r a p r e s c e l t a s o l t a n t o rap

presentativa d e l l a c l a s s e . E i n f e r e n z e v a l i d e le q u a l i , con c a m b i a m e n t i v e r b a l i di m i n o r r i l i e v o e s e n z a c h e il senso ne s i a a l t e r a t o , p o s s a n o esser fatte r i e n t r a r e n e l l ' i n t e l a i a t u r a p r e s c e l t a , p r o p r i a m e n t e si d i c o n o e s s e r f o r m a l m e n t e a n a l o g h e a q u e l l e c h e senz'altro ne fanno mostra. Intesi c h e si s i a n o q u e s t i p u n t i , le d u e q u e s t i o n i con cui questa sezione si apriva cominciano ad assumere aspetto d i v e r s o : cominciano a sembrare una questione sola. 11. L'esistenza di un'intelaiatura di parole separate (o di

altri a c c o r g i m e n t i ) atte ad e s s e r citate in regole l o g i c h e , non tuttavia del tutto, a n c h e se lo q u a s i del tutto, u n a c o n d i z i o n e

sine qua non a c h e noi si p o s s a n o t a r e u n ' a n a l o g i a f o r m a l e . T a l volta infatti la r a s s o m i g l i a n z a nei m o d e l l i v e r b a l i di i n f e r e n z e valide pu essere abbastanza pronunciata perch si parli di una f o r m a c o m u n e cui esse p a r t e c i p a n o a n c h e ( p i a n d o non c i s i a un'intelaiatura distinta di p a r o l e da poter stendere una regola logica. Per esempio, inferenze ehe rispondano ai modelli seguenti appartengono a quest'ultima classe: .r c o n g r u e n t e con y e y c o n g r u e n t e con 2 con e un a s c e n d e n t e di y e y un a s c e n d e n t e di a s c e n d e n t e di pi veloce di y e y e p i veloce di .', pili veloce di : . esige y e y e s i g e .'. e s i g e . a b b a s t a n z a f a c i l e f o g g i a r e un u n i c o m o d e l l o che s i a p r e s e n t e in tutte q u e s t e i n f e r e n z e . sufficiente i n t r o d u r r e u n a n u o v a v a r i a b i l e , p e r e s e m p i o ' R ', p e r i n d i c a r e il m o d o c a r a t t e r i s t i c o in cui .r un congruente

Forma

61

u n a f r a s e r i p e t u t a in c i a s c u n a di q u e s t e i n f e r e n z e . A b b i a m o allora, come modello comune :

xRy e yRz

xRz.

Ma ovviamente, per quanto questo modello colga bene la fision o m i a d e l l a r a s s o m i g l i a n z a f r a tali i n f e r e n z e , esso non p e r niente a d a t t o a venir c i t a t o in u n a r e g o l a di l o g i c a d e l l a f o r m a ' F un m o d e l l o di i n f e r e n z a v a l i d a '. Di gran l u n g a t r o p p e sono le p o s s i b i l i inferenze clic e s e m p l i f i c h e r e b b e r o il m o d e l l o e non s a r e b b e a m m i s s i b i l e c h e noi l a s c i a s s i m o p a s s a r e , c o m e p r i n c i p i o di i n f e r e n z a , la d i c h i a r a z i o n e c h e q u e s t o m o d e l l o u n a v a l i d a formula di inferenza. Si consideri, per esempio, una qualsiasi i n f e r e n z a c h e risulti d a l T o p e r a r e , a s s i e m e a o p p o r t u n e sostituzioni di ' * ' y ' e ' s le s e g u e n t i sostituzioni di ' R ': ' a m a " o d i a \ ' d i v e r t e ' , ' l a r a d i c e q u a d r a t a d i ' , ' c o m m u o v e ' , ecc., ecc. A l c u n i logici h a n n o intuito clic tutte q u e l l e p a r o l e c h e , sostituite ad ' R ', producano schemi d'iuferenza valida,

debbano

avere qualche caratteristica verbale comune che renda possibile a p p r e s t a r e u n p r i n c i p i o d i i n f e r e n z a clic i n c o r p o r i u n a f o r m u l a r i p o r t a t a . C i riflette f o r s e un c e r t o d i s a g i o n e l l ' e s t e n d e r e la noz i o n e di u n ' a n a l o g i a f o r m a l e a c a s i nei q u a l i non p o s s a e s s e r trovata n e s s u n a f o r m u l a atta a l l o s c o p o . L ' a s s e n z a d i u n a t a l e form u l a cosa non tanto da d e p l o r a r s i q u a n t o da s p i e g a r s i . C i a dire che occorrerebbe ricercare ulteriori differenze fra questo c a s o e i casi in cui f o r m u l e del g e n e r e p o s s o n o invece esser trovate I n a s s e n z a d i u n a tale i n t e l a i a t u r a v e r b a l e , c h e c o s a p o s s i a m o f a r e p e r r e g i s t r a r e il s e n s o d e l l a s i i n i g l i a n z a v e r b a l e f r a inferenze c h e e s e m p l i f i c h i n o il m o d e l l o s o p r a r i p o r t a t o e clic s i a n o v a l i d e ? C i c h e p o s s i a m o f a r e ili d a r e un n o m e c o m u n e a tutte le p a r o l e o frasi che. sostituite ad " R ' in q u e l l o s c h e m a , p r o d u 1

Cfr. rapitolo V I I . sezione 8.

Logica formale

c a n o u n a f o r m u l a (li i n f e r e n z a v a l i d a . Ed q u e l l o c h e stato fatto. T u t t e le e s p r e s s i o n i del g e n e r e s o n o c h i a m a t e ' transitivamente relazionali '. Possiamo procedere allora, se lo vogliamo, a f o r m u l a r e un p r i n c i p i o a n a l i t i c o g e n e r a l e c o m e il s e g u e n t e : ogni a s s e r z i o n e che a f f e r m i c h e u n a cosa t r a n s i t i v a m e n t e in u n certo r a p p o r t o con u n ' a l t r a , a s s i e m e con u n ' a s s e r z i o n e c h e a f f e r m i clic la s e c o n d a c o s a ha lo stesso r a p p o r t o t r a n s i t i v o con u n a terza, e s i g e l ' a s s e r z i o n e c h e la p r i m a cosa n e l l o stesso rapp o r t o con l a terza. M a non d o b b i a m o p r e s u m e r e d i a v e r s c o p e r t o il p r i n c i p i o g e n e r a l e di q u e s t a c l a s s e di i m p l i c a n z e . C i c h e abb i a m o fatto di n o t a r e u n a r a s s o m i g l i a n z a l o g i c a c h e t r a s c e n d e d i f f e r e n z e di m a t e r i a t r a t t a t a , e di i n v e n t a r e p e r essa un n o m e . N o n gi c h e sia cosa di p o c o conto n o t a r e la r a s s o m i g l i a n z a . In c a r e n z a li u n ' i n t e l a i a t u r a v e r b a l e r a p p r e s e n t a t i v a atta ad esser citata in u n a r e g o l a di l o g i c a , s p e s s o ci voluto un g r a n t e m p o p r i m a clic si n o t a s s e r o tali r a s s o m i g l i a n z e . 12. L e f o r m u l e c o n t e n g o n o g e n e r a l m e n t e , oltre a l l e varia-

b i l i , e s p r e s s i o n i ( p a r o l e o s i m b o l i ) clic non s o n o v a r i a b i l i . Indic h e r e m o talvolta l e e s p r e s s i o n i c h e r i c o r r o n o n e l l e f o r m u l e e c h e non s o n o v a r i a b i l i con il t e r m i n e


1

costanti

In tal m o d o ogni

p a r o l a o f r a s e o r d i n a r i a , d a t o clic p u c o m p a r i r e in u n a f o r m u l a , pu venir indicata come una costante. Le espressioni che, per la scelta f a t t a n e d a i logici f o r m a l i , h a n n o l ' o n o r e d i f i g u r a r e c o m e costanti nei l o r o s c h e m i o f o r m u l e v e r b a l i r a p p r e s e n t a t i v e son dette talvolta ' c o s t a n t i l o g i c h e ( o f o r m a l i ) ' ; e l e f o r m u l e c h e non c o n t e n g o n o a l t r e costanti c h e l o g i c h e p o s s o n o d i c o n s e g u e n z a dirsi ' f o r m u l e logiche (o f o r m a l i ) ' . Cosi la parola ' s c a p o l o ' u n a costante, ma non u n a c o s t a n t e l o g i c a : i n f a t t i , il p r i n c i p i o , p e r e s e m p i o , c h e ' u n o s c a p o l o ' e s i g e ' non s p o s a t o ' un principio da lessicografo, non da logico formale. Ma la parola ' non u n a costante l o g i c a ; i n f a t t i la s c e g l i e m m o p e r f a r l a figur a r e in una f o r m u l a r a p p r e s e n t a t i v a citata in u n a r e g o l a da l o g i c o

Forma formale, per esempio nella regola che ' e non-'

63 incon-

g r u e n t e . A l l o stesso m o d o ' non-p " e u n a f o r m u l a l o g i c a , p e r c h non c o n t i e n e a l t r e costanti c h e l o g i c h e ; m a '. f i g l i o c a d e t t o ' non u n a f o r m u l a l o g i c a , p e r c h c o n t i e n e costanti non l o g i c h e . e v i d e n t e c h e non c' n u l l a di l o g i c a m e n t e s a c r o n e l l e costanti l o g i c h e . L e i n f e r e n z e f a t t e con esse, non h a n n o , s e v a l i d e , un g r a d o o un genere di v a l i d i t s u p e r i o r e a l l e i n f e r e n z e c h e non se ne a v v a l g o n o . N a t u r a l m e n t e , da a s p e t t a r s i e si t r o v e r c h e le costanti l o g i c h e s a r a n n o e s p r e s s i o n i atte a figurare in discussioni su di u n a g r a n d e v a r i e t di s o g g e t t i ; s i c c h se tutto ci c h e si sa q u a l i costanti l o g i c h e c o m p a i a n o nel d i s c o r s o di qualc u n o . ci non c i dir a n c o r a n u l l a c i r c a l ' a r g o m e n t o del d i s c o r s o stesso. Ma non t r o v e r e m o c h e tutte le e s p r e s s i o n i c h e a b b i a n o questa caratteristica di indifferenza rispetto alla materia trattata s i a n o costanti l o g i c h e , f i g u r i n o c i o n e l l e f o r m u l e c i t a t e n e l l e r e g o l e del l o g i c o . A b b i a m o g i notato coinc i l logico a b b i a u n certo a m b i t o d i scelta n c l l ' a t l i n g c r e a l l e risorse del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o ; a n z i , l ' i m b a r a z z o d e l l a s c e l t a . a g e v o l e v e d e r e , alm e n o in p a r t e , la r a g i o n e p e r cui e s p r e s s i o n i c o m e ' a m m e s s o c h e ', ' a c o n d i z i o n e c h e ', ' d a t o c h e ' abbiati ad e s s e r e trascurate, m e n t r e si tien c o n t o di ' s e ' ; e p e r c h il l o g i c o non a b b i a b i s o g n o di c o r r e d a r e le i m p l i c a n z e d e l l a f o r m u l a ' e e/ regole per ' d u n q u e ' c ' i n a g g i u n t a ' . Tuttavia con il desiderio di

e v i t a r e la r e d u p l i c a z i o n e n o n la s o l a r a g i o n e d e l l a s e l e t t i v i t del l o g i c o . Le p a r o l e ' ma ', ' s e b b e n e ', " n o n d i m e n o ', ad e s e m p i o , non s o n o m e r e v a r i a n t i s t i l i s t i c h e di ' e '. Il loro u s o i m p l i c a alm e n o c h e vi s i a q u a l c h e e l e m e n t o di c o n t r a s t o f r a gli e n u n c i a t i 0 a t t r i b u t i c o n g i u n t i , e talvolta c h e la c o n g i u n z i o n e s i a p o c o com u n e o sorprendente. Ma questo genere di implicazione, per (pianto non d e b b a venir t r a s c u r a t o q u a n d o s i a n o i n d i s c u s s i o n e 1 significati d e l l e p a r o l e , non f a c i l m e n t e e s p r i m i b i l e in u n a r e g o l a di i m p l i c a n z a o di i n c o n g r u e n z a . Se u n o d i c e s s e ' E l l a , s e b b e n e sia g e n t i l e , a m a b i l e ', noi s a r e m m o s o r p r e s i e pense-

Logica formale

r e m i n o c h e chi p a r l a a b b i a f a l t o q u a l c h e sorta d i e r r o r e d i ling u a g g i o ( f o r s e c h e egli non s a p p i a cosa s i g n i f i c a ' g e n t i l e ' ) ; m a non d i r e m m o c h e egli s i a stato i n c o n g r u e n t e o c h e a b b i a c o n t r a d detto se stesso. c o m p r e n s i b i l e c h e il logico t r a s c u r i q u e s t e congiunzioni. sebbene abbiano un sua trascuranza del di preposizioni di loro significato distintivo. Con come ' d i ' , ' p e r * , ' a * , ' c o n ' , affini, ' c o s i ' , ' d i consea n a l o g h e r a g i o n i , a n c h e se d i f f e r e n t i in c i a s c u n c a s o , si s p i e g a la 'in', e gruppo congiunzioni

g u e n z a " , ' g i a c c h ' , " p e r c h ' , ' i n f a t t i ' . S i gi t r a t t a t o d e l l a f u n z i o n e di q u e s t e u l t i m e : essa non ( i n g e n e r a l e ) q u e l l a di a s s e r i r e , bens solo d i s e g n a l a r e u n a p r e t e s a c h e u n a cosa costituisca un f o n d a m e n t o o u n a r a g i o n e p e r u n ' a l t r a . Le p r e p o s i z i o n i p r e s e n t a n o l a n e c e s s a r i a i n d i f f e r e n z a r i s p e t t o a l l a m a t e r i a trattata, e c e r t a m e n t e s o n o d * a i u t o nel d e t e r m i n a r e le i m p l i c a n z e degli e n u n c i a t i nei (piali esse figurano. Ma la l o r o f u n z i o n e in d e t e r m i n a z i o n i d i i m p l i c a n z a d i p e n d e c o m p l e t a m e n t e d a l l a loro c o l l o c a z i o n e nel contesto v e r b a l e . Possiamo discutere le implic a n z e di ' p a d r e di ' ma non le i m p l i c a n z e di " di '. Q u a n d o specifichiamo il contesto in m o d o sufficiente a r e n d e r e p o s s i b i l e u n a d e t e r m i n a z i o n e di i m p l i c a n z a . v e n i a m o m e n o a q u e l l ' i n d i f f e r e n z a p e r la m a t e r i a trattata c h e tanto a p p r e z z a t a dal logico. T u t t a v i a non si d a t a a n c o r a s p i e g a z i o n e p i e n a di cosa s i a q u e s t a selettivit del logico. C i s o n o , p e r e s e m p i o , p a r o l e c h e e s p r i m o n o g r a d i o q u a n t i t d i v e r s e , p e r le q u a l i possono essere fornite regole d ' i m p l i c a n z a definite, m a c h e non g o d o n o d e l l a d i s t i n z i o n e d i venir incluse f r a le costanti l o g i c h e . P e r c h le p a r o l e ' tutti ' e ' a l m e n o u n o ' , c h e s i a s s i c u r a n o u n posto nelle f o r m u l e del logico, s a r e b b e r o p r e f e r i t e a ' molti '. ' p o c h i ', " p a r e c c h i ', ' gran p a r t e ' , c h e q u e l p o s t o non c e l ' h a n n o ? L o s c h e m a d ' i n f e r e n z a ' G r a n p a r t e degli / s o n o g. G r a n p a r t e degli / s o n o h. .*. A l m e n o un / i n s i e m e g cd h ' u n o s c h e m a v a l i d o che p o s s i e d e la generalit r i c h i e s t a , ma non c o m p a r e nei l i b r i di testo di l o g i c a . C h e ci sia s o l t a n t o p e r c h c a p i t a t o clic ai logici sia s f u g g i t a la

Forma

65

possibilit di estendere le loro regole in questa direzione? La r i s p o s t a p u e s s e r e i n p a r t e q u e s t a . Ala u n f a t t o r e p i i m p o r t a n t e l ' i d e a l e logico di s i s t e m a , c h e v e r r tosto a t r a t t a r e . I l o g i c i amano presentare un lindo sistema di regole fra loro connesse. Il l i n d o r c del s i s t e m a p o t r e b b e s o f f r i r n e se ci f o s s e r o in esso troppe costanti. C i c h e q u e s t a d i s c u s s i o n e s u l l e costanti l o g i c h e ci m o s t r a c h e l a q u e s t i o n e d i q u a l i e s p r e s s i o n i a b b i a n o d a e s s e r e annoverate f r a le costanti l o g i c h e in p a r t e u n a q u e s t i o n e di s c e l t a . P o s s i a m o f o r n i r e criteri generali di eligibilit: ma questi las c i a n o a p e r t o un certo c a m p o nel q u a l e c p o s s i b i l e la s e l e z i o n e . S a r e b b e r o a n c o r a da discutersi le ragioni c h e ha il l o g i c o di f a r e la scelta c h e f a . 13. L ' e s i s t e n z a di f o r m u l e l o g i c h e ci i n c o r a g g i a a p a r l a r e

d e l l a forma logica di e n u n c i a t i e a s s e r z i o n i ; e f o r s e s i a m o propensi a c o n s i d e r a r e la f o r m a l o g i c a di u n ' a s s e r z i o n e c o m e u n a s o r t a d i s c h e l e t r o v e r b a l e c h e r i m a r r e b b e q u a n d o tutte l e espress i o n i , s a l v o q u e l l e trascelte c o m e costanti l o g i c h e , v e n i s s e r o elim i n a t e d a l l ' e n u n c i a t o con il q u a l e p o s s i b i l e f o r m u l a r e q u e l l ' a s s e r z i o n e , e f o s s e r o r i m p i a z z a t e da a p p r o p r i a t e v a r i a b i l i . Ma a questo punto sorgono difficolt di ogni genere. Un enunciato l i n g u i s t i c a m e n t e p e r f e t t o p o t r e b b e non c o n t e n e r e n e s s u n a d e l l e costanti d e l l o stretto c o r r e d o p r e s c e l t o , e t u t t a v i a p o t r e m m o a v e r b i s o g n o d i d i r e c h e l ' a s s e r z i o n e fatta con esse h a u n a certa f o r m a l o g i c a ( p . e . , i p o t e t i c a ) . I n o l t r e , c o m e a b b i a m o visto, l e espress i o n i trascelte c o m e costanti g o d o n o nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o d i lina l i c e n z a logica che tolta l o r o q u a n d o s i a n o i m p r i g i o n a t e nella r e g o l a di un logico ; c o s i il f a t t o c h e d u e e n u n c i a t i e s e m p l i f i c h i n o v e r b a l m e n t e l a stessa formula l o g i c a non garantisce la nostra i n c l i n a z i o n e a d i r e c h e le a s s e r z i o n i fatte p e r l o r o m e z z o a b b i a n o l a stessa f o r m a . E d invero u n i d e n t i c o e n u n c i a t o ( p . e . , ' I l gatto c a c c i a t o r e ' ) p o t r e b b ' c s s c r e u s a t o p e r f a r e a s s e r z i o n i

66 d i f o r m a l o g i c a d i v e r s a , c i o u n ' a s s e r z i o n e c i r c a u n s i n g o l o gatto e d lina g e n e r a l i z z a z i o n e i n t o r n o a i g a t t i . C h e d i r e p o i d e l l e asserz i o n i cui s i a m o p r o p e n s i a r i c o n o s c e r e l a f o r m a t r a n s i t i v a m e n t e r e l a z i o n a l e ? i n u t i l e a t t e n d e r s i c h e s i a n f a t t e con e n u n c i a t i c h e e s e m p l i f i c h i n o il retto m o d e l l o f a t t o di c o s t a n t i e v a r i a b i l i logic h e . g i a c c h u n t a l e m o d e l l o non e s i s t e i n q u e s t o c a s o . P e r v e n i r e i n c h i a r o d i q u e s t a n o z i o n e d i f o r m a l o g i c a , dovremo domandarci che uso intendiamo farne. Test parlavamo di asserzioni aventi

la

stessa

forma;

abbiamo ' generale

spesso

applicato

ad a s s e r z i o n i p a r o l e c o m e ' i p o t e t i c o

' congiuntivo

" n e g a t i v o 1 , che si considerano nomi di f o r m e l o g i c h e ; e talvolta p o s s i a m o a v e r b i s o g n o d i d i r e c h e l a f o r m a v e r b a l e i n c u i un'ass e r z i o n e f a t t a fuorviatile p e r c i c h e c o n c e r n e la s u a forma logica. P r i m a ancora v e d e m m o che il logico f o r m a l e si occupa di a n a l o g i e di un certo genere fra inferenze su a r g o m e n t i i p i diversi, sia a n a l o g i e a b b a s t a n z a strette p e r permettere la formulazione di un modello genuinamente rappresentativo atto ad esser citato in una regola logica per inferenze di quella classe, s i a a n a l o g i e q u a n t o m e n o sufficienti p e r p e r m e t t e r e u n a descriz i o n e p i o m e n o p r e c i s a d e i tratti c o m u n i d i t a l e c l a s s e . L a n o z i o n e d i f o r m a l o g i c a p u e s s e r e intesa m e g l i o c o m e i l r i s u l t a t o del t r a s f e r i m e n t o d i q u e s t ' i d e a d i a n a l o g i a l o g i c a d a l l e i n f e r e n z e c h e a p p a r t e n g o n o a u n a t a l e c l a s s e a l l e a s s e r z i o n i clic costituiscono tali inferenze. Ci sia lecito parlare dei

poteri

logici

di

u n ' a s s e r z i o n e , c o n ci i n t e n d e n d o l ' i n t e r a g a m m a d e l l e s u e possibili relazioni logiche (p.e., l'intera g a m m a delle funzioni che p u a v e r e i n i n f e r e n z e v a l i d e , e c c . ) . R e s t r i n g i a m o q u i n d i l a nostra a t t e n z i o n e s u l l e c l a s s i g e n e r a l i d i i n f e r e n z a , e c c . , c h e interessano il logico f o r m a l e . Possiamo parlare allora dei

poteri for-

mali d i u n ' a s s e r z i o n e , con c i i n t e n d e n d o l a g a m m a d e l l e funz i o n i c h e p u a v e r e i n i n f e r e n z e , ecc.. a p p a r t e n e n t i a t a l i c l a s s i generali. Nella misura avere funzioni simili in cui due asserzioni differenti in i n f e r e n z e , ecc., ilella stessa possano

classe gene-

Forma

67

rale, p o s s i a m o p a r l a r e di u n ' a n a l o g i a f r a i loro p o t e r i f o r m a l i .


N e l l a m i s u r a in cui i l o r o p o t e r i f o r m a l i n o n s o n o a n a l o g h i ( c i o c , un'asserzione pu avere una funzione in un'inferenza di q u a l c h e t i p o g e n e r a l e , m e n t r e n o n esiste a l c u n a a l t r a i n f e r e n z a d i q u e l t i p o g e n e r a l e n e l l a q u a l e l ' a l t r a a s s e r z i o n e p o s s a a v e r e u n a funzione s i m i l e ) , p o s s i a m o p a r l a r e d i u n a d i f f e r e n z a nei l o r o p o t e r i f o r m a l i . D i c i a m o che d u e a s s e r z i o n i s o n o d e l l a stessa f o r m a logica quando siamtf i n t e r e s s a t i ad un'analogia nei loro poteri f o r m a l i ; d i c i a m o che d u e a s s e r z i o n i h a n n o f o r m e l o g i c h e differenti q u a n d o s i a m o interessati ad u n a d i f f e r e n z a f r a i loro poteri formali. Cosi due negazioni comunque prese hanno la stessa forma l o g i c a ; ma possono anche avere forme logiche differenti. In quanto negazioni, esse mostrano analogie f o r m a l i ; possono anche mostrare differenze formali ma esse ( p . e . . ' T o m non

p a z z o ' , ' N o n tutti i tori s o n o p e r i c o l o s i ' ' ) . f a c i l e v e d e r e c o m e possiamo dare un nome alle forme logiche quando ci si rammenti c h e p o s s i a m o o e n u n c i a r e p r i n c i p i g e n e r a l i p e r i n f e r e n z e , ecc., di u n a certa e l a s s e , o p p u r e d e s c r i v e r e le loro c a r a t t e r i s t i c h e log i c h e c o m u n i . T a l i p r i n c i p i o d e s c r i z i o n i si r i f e r i r a n n o a elassi g e n e r a l i di a s s e r z i o n i , e non d o v r e m o f a r e a l t r o clic d a r e a cias c u n a d i tali classi d i a s s e r z i o n i u n n o m e ( p . e . , ' n e g a z i o n e ' , c o m e s' fatto s o p r a ) , u s a n d o f o r s e a l l o s c o p o u n a p a r o l a o f r a s e estratta d a l p r i n c i p i o o d a l l a d e s c r i z i o n e g e n e r a l e d e l l a c l a s s e di i n f e r e n z e , ecc., con cui a b b i a m o a c h e f a r e . In tal m o d o , estrae n d o l e c i t a z i o n i d a p r i n c i p i g e n e r a l i del t i p o d i q u e l l i c h e h o g i f o r n i t o , p o s s i a m o r i f e r i r c i a ' q u a l u n q u e a s s e r z i o n e clic tutti i m e m b r i di u n a certa c l a s s e s o n o m e m b r i di u n ' a l t r a e l a s s e ' c o m e a u n ' a s s e r z i o n e g e n e r a l e ed a ' q u a l u n q u e a s s e r z i o n e c h e u n a cosa ha q u a l c h e r e l a z i o n e t r a n s i t i v a con u n ' a l t r a c o s a ' c o m e a u n ' a s s e r z i o n e di f o r m a t r a n s i t i v a m e n t e r e l a z i o n a l e . I n f i n e pot r e m m o r a g i o n e v o l m e n t e d i r e c h e l a f o r m a v e r b a l e d i un'asserzione sarebbe ( a l m e n o potenzialmente) fuorviente rispetto alla s u a f o r m a l o g i c a nelle c i r c o s t a n z e s e g u e n t i : ( 1 ) ove l ' e n u n c i a t o

Logica formale

usato per furiti a b b i a i c o m u n e un certo m o d e l l o v e r b a l e con i m a gran q u a n t i t d i altri e n u n c i a t i ; ( 2 ) l a m a g g i o r p a r t e , o m o l t e d e l l e a s s e r z i o n i f a l l e a m e z z o di e n u n c i a l i p a r t e c i p a n t i di q u e l l a f o r m a v e r b a l e s i a n o a n a l o g h e f r a loro p e r u n certo a s p e t t o form a l e ; ( 3 ) l ' a s s e r z i o n e in q u e s t i o n e non sia a n a l o g a a q u e s t e altre p e r tale a s p e t t o f o r m a l e . In p r a t i c a , la n o z i o n e di ' f o r m a v e r b a l e f u o r v i e n t e r i s p e t t o alla f o r m a l o g i c a ' s t a t a usata in m o d o assai piti a m p i o e assai m e n o r i g o r o s o ; ed a s s o c i a t a con tanti e r r o r i ed i n c o e r e n z e clic non s a r e b b e i n o p p o r t u n o e v i t a r e a d d i r i t t u r a di u s a r e la f r a s e . Q u e s t a c o n s i d e r a z i o n e d e l l a f o r m a logica n e c o n n e t t e f e r m a m e n t e la n o z i o n e a q u e l l e classi di i n f e r e n z e , ecc., p e r le q u a l i i logici f o r m a l i c o s t i t u i s c o n o p r i n c i p i g e n e r a l i o di cui f o r n i s c o n o descrizioni generali. La classificazione delle asserzioni in rapporto alla loro f o r m a logica e resa d i p e n d e n t e d a l l a classificazione clic i logici f o r m a l i f a n n o di i n c o n g r u e n z e e v a l i d i t . Q u e sta r e s t r i z i o n e lei s i g n i f i c a t o di " f o r m a logica ' s t o r i c a m e n t e c o r r e t t a . Vi s o n o molti altri generi di r a s s o m i g l i a n z a e d i f f e r e n z a logica g e n e r a l e fra a s s e r z i o n i clic rivestono i m p o r t a n z a f i l o s o f i c a . Ma non c'c r a g i o n e di a n n e b b i a r e la d i s t i n z i o n e fra d i f f e r e n t i generi di c l a s s i f i c a z i o n e l o g i c a . 14. ( " un a l t r o m o d o di s p i e g a r e la n o z i o n e di f o r m a lo-

g i c a . i l q u a l e a p p r o d a ( c o n una s o l a l i m i t a z i o n e ) a g l i stessi risultati d e l l a s p i e g a z i o n e d a t a test, ma c h e tuttavia u n i s c e piti dirett a m e n t e tale n o z i o n e a l l e f o r m u l e l o g i c h e . A b b i a m o vislo c h e , nel trascegliere un'espressione come costante logica, il logico a t t r i b u i s c e a q u e l l ' e s p r e s s i o n e un uso l o g i c o fisso al q u a l e essa non n e c e s s a r i a m e n t e l i m i t a t a nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , ma al q u a l e l i m i t a t a nel s i s t e m a del logico. ( E s e m p i o di ci la regola c h e " e nnn-p ' i n c o n g r u e n t e ) . Q u e s t o fatto ci mette in g r a d o di s p i e g a r e la forma logica in

rapporto a un flato sistema


due asserzioni

ili regole al m o d o s e g u e n t e . P o s s i a m o d i r e che

Forma

69

liaiiuo l a stessa f o r m a l o g i e a q u a n d o esse p o t r e b b e r o v e n i r corr e t t a m e n t e f o r m u l a t e a m e z z o d i e n u n c i a t i ( i ) clie e s e m p l i f i c h i n o la stessa f o r m u l a logica ' e ( i i ) nei quali l'uso delle costanti logi-

che sia

esattamente

quello

fissato

per

quel

dato

sistema

di

regole.

C o m e g i in p r e c e d e n z a , a n c h e in tal m o d o reso p o s s i b i l e il caso di d u e a s s e r z i o n i a v e n t i i n s i e m e le stesse e d i f f e r e n t i f o r m e l o g i c h e . P e r e s e m p i o gli e n u n c i a t i ' T o m non e p a z z o ' e ' N o n tutti i tori s o n o p e r i c o l o s i ' e s e m p l i f i c a n o a m b e d u e la f o r m u l a " non-p ', ma il s e c o n d o e s e m p l i f i c a a n c h e la f o r m u l a ' non tutti gli / sono g ', m e n t r e ci non vero del p r i m o . I n o m i d e l l e f o r m e l o g i c h e p o s s o n o o r a v e n i r connessi d i r e t t a m e n t e a l l e f o r m u l e : p.e., ' non-p ' p u essere la f o r m u l a p e r la f o r m a n e g a t i v a , ' se

p, a l l o r a q ' p e r la f o r m a i p o t e t i c a , ' t u t t i gli / s o n o g' p e r la


f o r m a g e n e r a l e , e cosi v i a . Si d i r q u i u d i c h e u n ' a s s e r z i o n e ha u n a certa f o r m a o v e p o s s a v e n i r fatta c o r r e t t a m e n t e con un enunc i a t o clic e s e m p l i f i c h i l a f o r m u l a a p p r o p r i a t a , a m m e s s o c h e l e costanti l o g i c h e d e l l ' e n u n c i a t o , cosi c o m e s o n o usate per fare l ' a s s e r z i o n e , a b b i a n o l ' u s o logico c h e t i p i c o s e c o n d o q u e l sis t e m a di r e g o l e , eio o b b e d i s c a n o a l l e r e g o l e di q u e l s i s t e m a . Infine, p o t r e m m o p a r l a r e ( s e m p r e in r i f e r i m e n t o a un d a t o s i s t e m a d i r e g o l e ) d i u n ' a s s e r z i o n e fatta i n f o r m a v e r b a l e f u o r v i e n t e , s e l ' e n u n c i a t o con cui f a t t o e s e m p l i f i c a u n a certa f o r m u l a l o g i c a , ma le costanti c h e vi r i c o r r o n o al fine di f a r e l ' a s s e r z i o n e stessa non a b b i a n o l ' i m p i e g o l o g i c o c h e t i p i c o p e r q u e l s i s t e m a di regole.

Uso qui

lu

frase

esemplificano

la stessa

formula

logica'

in

un senso

e s t e n s i v o , ili c u i 'non" ficativi zioni in della varie

l'analogo p u trovarsi nelle spiegazioni posizioni (sebbene altri non in tutte)

ilellc i m p l i c a n z e fra ritenersi non esempli-

f o r m u l e , pili s o p r a f o r n i t e in q u e s t o stesso c a p i t o l o . P.e.. e n u n c i a t i c o n t e n e n t i possono della formula ' null-/) ' : enunciati possono ritenersi esemplificacontengano

f o r m u l a ' un

/ ' sia che contengano, sia che

l ' a r t i c o l o i n d e f i n i t o , e c o s i v i a . P e r o g n i g r u p p o ili f o r m u l e l o g i c h e p o t r e b b e r o venir costituite o p p o r t u n e " regole di csctnplifi-nzionc '.

70 Ancor maggiore giustificazione storica compete a quest'altra c o n s i d e r a z i o n e a l t e r n a t i v a ( i n a non i n c o m p a t i b i l e ) d e l l a f o r m a logica. Nei v e c c h i testi in forma di logica leggevamo spesso: ci si 'mettere dire: un'asserzione logica". E con intendeva

e s p r i m e r e l ' a s s e r z i o n e con u n e n u n c i a t o e s e m p l i f i c a n t e u n a d e l l e formule logiche impiegate nell'insieme tradizionale di regole. Lo s v a n t a g g i o d i q u e s t a s p i e g a z i o n e sta nel f a t t o c h e i m p o n e un'ind e b i t a l i m i t a z i o n e a l n o s t r o p a r l a r e d i f o r m a l o g i c a . E s s a non ci p e r m e t t e r e b b e di r i f e r i r c i con tali t e r m i n i a (pici p o t e r i formali di asserzioni c h e si manifestano in tipi di inferenze ( p . c . , i n f e r e n z e t r a n s i t i v a m e n t e r e l a z i o n a l i ) p e r l e q u a l i non e s i s t e alc u n o s c h e m a v e r b a l e r a p p r e s e n t a t i v o atto a d e s s e r e c i t a t o i n u n a r e g o l a l o g i c a . v e r o clic noi p o s s i a m o s e m p r e c o s t r u i r e u n a reg o l a p e r tali tipi di i n f e r e n z e in t e r m i n i di u n a c o s t a n t e rima

neggiata, c o m e a d

esempio '-trans'

in

' R - t r a n s y e y /{-trans ' e s i g e ' R-trans ". Ma parlare di enunciati ordinari che esemplifichino la formula

' R-trans y ' i m p l i c a un g e n e r e d i f f e r e n t e di a r t i f i c i a l i t c h e non


l ' u s o a l l a r g a t o di ' e s e m p l i f i c a ' c h e ci p e r m e t t e di d i r e , p.c., c h e ' T o m non p a z z o ' e s e m p l i f i c a ' non-p '. 15. Ci r i m a n e di far menzione di alcuni dei m o d i in cui si forma logica. F r a questi

da altri i m p r o p r i a m e n t e parlato di

u n o d e i p i c o m u n i p a r l a r e de " la f o r m a l o g i c a " di u n ' a s s e r z i o n e , c o m e s e u n ' a s s e r z i o n e non p o t e s s e m a i a v e r e p i d i u n tipo di potere f o r m a l e ; c o m e se le asserzioni potessero venir r a g g r u p p a t e , r i s p e t t o a i l o r o p o t e r i f o r m a l i , i n c l a s s i f r a l o r o rec i p r o c a m e n t e e s c l u s i v e , c o m e gli a n i m a l i d i u n o z o o r i s p e t t o a l l e loro specie. Ma dire che un'asserzione di una q u a l c h e f o r m a logica significa s e m p l i c e m e n t e indicare una certa classe generale, a d e s e m p i o d i i n f e r e n z e v a l i d e , i n cui l ' a s s e r z i o n e p u a v e r e u n a certa parte. Non significa escludere la possibilit che vi siano

Forma

71

a l t r e classi g e n e r a l i di i n f e r e n z e v a l i d e in cui l ' a s s e r z i o n e p o s s a a v e r e a l t r e s u n a p a r t e . C o s i d i u n ' a s s e r z i o n e fatta c o n l e p a r o l e ' G i o v a n n i p i v e c c h i o di M a r i a ' p o s s i a m o d i r e c h e d e l l a f o r m a t r a n s i t i v a m e n t e r e l a z i o n a l e , r a m m e n t a n d o c i dei p o t e r i logici c h e p u d i m o s t r a r e in c o n g i u n z i o n e con u n ' a s s e r z i o n e coin q u e l l a c h e p u f a r s i con le p a r o l e ' M a r i a p i v e c c h i a di J a n e '. Ma noi p o s s i a m o d i r e a n c h e c h e essa d e l l a f o r m a ' soggetto-pred i c a t o ' ', r a m m e n t a n d o c i d e l l a f u n z i o n e l o g i c a c h e p u a v e r e in c o n g i u n z i o n e con u n ' a s s e r z i o n e coin q u e l l a clic p u f a r s i con l e p a r o l e ' T u t t i q u e l l i p i vecchi d i M a r i a s o n o t r o p p o vecchi p e r g i o c a r e con J a n e ' . L ' e r r o n e a c o n s i d e r a z i o n e d e l l a f o r m a l o g i c a c o m e un concetto s e g r e g a t i v o i n c o r a g g i a t a da i n g a n n e v o l i anal o g i e ; q u e l l e , a d e s e m p i o , con l a f o r m a d i u n s o n e t t o ( u n sonetto non p u a v e r e n e l l o stesso t e m p o la forma shakespeariana c q u e l l a p e t r a r c h e s c a ) o p p u r e con l a f o r m a d i u n v a s o . Si d i c e talvolta che le i n f e r e n z e sono v a l i d e in virt d e l l a loro f o r m a , o c h e tutte le i n f e r e n z e d i p e n d o n o s o l o d a l l a f o r m a , o c h e sono tutte f o r m a l i . T a l i o s s e r v a z i o n i p o s s o n o r i u s c i r e f u o r v i e n t i i n d u e m a n i e r e f r a loro c o n n e s s e . I n p r i m o l u o g o , s u g g e r i s c o n o c h e tutte le r e g o l e di i m p l i c a n z a , o regole di i n f e r e n z a , s i a n o regole f o r m a l i dei logici, c questo f a l s o . La r e g o l a clic ' figlio c a d e t t o ' e s i g e * ha un f r a t e l l o ' non u n a r e g o l a l o g i c a . L'esistenza di r e g o l e dei logici non r e n d e s u p e r f l u e le r e g o l e dei lessic o g r a f i . I n o l t r e q u e l l e o s s e r v a z i o n i s u g g e r i s c o n o q u a l c o s a clic p u essere o p u non e s s e r e v e r o . F a n n o c r e d e r e c h e o g n i i m p l i c a n z a , q u a l u n q u e essa s i a . p o s s a e s s e r e c o n s i d e r a t a c o m e a p p a r t e n e n t e a u n a c l a s s e g e n e r a l e di i m p l i c a n z e , i cui m e m b r i a v r e b b e r o tratti logici c o m u n i suscettibili di v e n i r descritti s e n z a i n d i c a r e il t i p o d i a r g o m e n t o t r a t t a t o ; o , i n a l t r e p a r o l e , clic p e r ogni i m p l i c a n z a . q u a l u n q u e essa s i a , e s i s t a n o a l t r e i m p l i c a n z e , r e l a t i v e a d argomenti t o t a l m e n t e d i v e r s i , tali c h e si p o s s a n d e s c r i v e r e le a n a l o g i e
' Gfr. rapitolo VI.

Logica formale

f o r m a l i c o m u n i a q u e s t e e q u e l l a '. Clie c i s i a o non s i a v e r o , dip e n d e ila fin d o v e s i a m o d i s p o s t i a f a r g i u n g e r e la n o z i o n e di analogia f o r m a l e . M a . q u a l u n q u e d e c i s i o n e s i [tossa p r e n d e r e s u questo p u n t o , r i m a n e u n ' i m p o r t a n t e d i f f e r e n z a f r a q u e i casi in cui le risorse del l i n g u a g g i o ci p e r m e t t o n o di c o s t i t u i r e s c h e m i v e r b a l i g e n u i n a m e n t e r a p p r e s e n t a t i v i alti ad e s s e r eitati in r e g o l e di imp l i c a n z a e q u e i casi p e r i q u a l i non p o s s i b i l e f o g g i a r e a l c u n a f o r m u l a r a p p r e s e n t a t i v a del g e n e r e , r e l a t i v a a d u n a elasse generale di i m p l i c a n z e . Q u e s t a d i s t i n z i o n e r i s c h i a ili v e n i r a n n u l l a t a q u a n d o si d i c e c h e ogni i n f e r e n z a f o r m a l e . E si tratta invece ili una d i s t i n z i o n e i m p o r t a n t e , p e r c h la c o n o s c e n z a dei p r i n c i p i logici sufficiente a d e t e r m i n a r e se u n ' i n f e r e n z a di un c e r t o t i p o v a l i d a o no, s o l t a n t o se ( s e b b e n e non s e m p r e s e ) nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o e s i s t a n o costanti r a p p r e s e n t a t i v e [ter q u e l t i p o ili infer e n z a . Se ci a r m i a m o d e l l a c o n o s c e n z a di un s i s t e m a ili r e g o l e l o g i c h e i n c o r p o r a n t i c i t a z i o n i ili f o r m u l e e ci m e t t i a m o q u i n d i ad e s a m i n a r e c a m p i o n i ili i n f e r e n z e , a l l o r a , con a l c u n e classi gen e r a l i ili i n f e r e n z e , d o v r e m m o p r o c e d e r e s p e d i t a m e n t e e Itene, a d i s p e t t o di a l c u n i p o s s i b i l i e r r o r i c a u s a t i d a l c a r a t t e r e logicam e n t e v a g o di [tarle c o m e " non \ Ma q u a n d o g i u n g e s s i m o a c a m p i o n i s u l t i p o di " T o m m a s o un d i s c e n d e n t e di E n r i c o , e E n r i c o e un d i s c e n d e n t e di R i c c a r d o , d u n q u e T o m m a s o un discendente di R i c c a r d o ' o p p u r e ' T o m m a s o odia Enrico, e Enrico o d i a R i c c a r d o , d u n q u e T o m m a s o o d i a R i c c a r d o ' , l a r e g o l a logica c h e ' R-trans y. e /{-trans s " e s i g e ' R-trans ' non ci d a r e b b e

' P . e . . si p o t r e b b e s o s t e n e r e : ( i ) e h e i p a s s a g g i ila ' Q u e s t o un g a t t o ' a ' Q u e s t o un a n i m a l e ', ila ' Q u e s t o v e r d e ' a " Q u e s t o c o l o r a t o da ' E g l i lia l ' i n f l u e n z a ' a ' E g l i h a u n ' i n d i s p o s i z i o n e * s a r e b b e r o f o r m a l m e n t e a n a l o g h i i n q u a n t o s a r e b b e r o tutti p a s s a g g i d a l l ' a s c r i z i o n e a q u a l c o s a d i u n c a r a t t e r e specifico all'ascrizione alla stessa cosa di un carattere g e n e r i c o ; e ( i i ) che i p a s s a g g i da ' C i v e r d e ' a " C i n o n b i a n c o ', da ' C i t r i a n g o l a r e ' a ' C i non q u a d r a t o ' , da ' E g l i i r r i t a b i l e * a ' E g l i non p l a c i d o ' sarebb e r o f o r m a l m e n t e a n a l o g h i i n q u a n t o s a r e b b e r o tutti p a s s a g g i d a l l ' a s c r i z i o n e ili u n p r e d i c a t o a l l ' e s p l i c i t a n e g a z i o n e d i u n p r e d i c a t o i n c o m p a t i b i l e .

Forma

73

p r o p r i o nessun a i u t o . N o n a v r e m m o i n d i z i o a l c u n o p e r d e c i d e r e se " d i s c e n d e n t e di ' e ' o d i a * s i a n o o m e n o e s p r e s s i o n i di relazioni t r a n s i t i v e . O r a . q u a l c u n o p o t r e b b e i n c l i n a r e a p e n s a r e c h e il fatto c h e non si a b b i a una c o s t a n t e , c o m e


4

trans- '. c h e ci s e r v a

a d i d e n t i f i c a r e l e p a r o l e c h e e s p r i m o n o r e l a z i o n i t r a n s i t i v e , non s i a a l t r o c h e un b a n a l e ed a c c i d e n t a l e i n c o n v e n i e n t e lei linguaggio. Ma non cosi. Non cosa b a n a l e il fatto c h e si d e b b a p e n s a r e a c h e g e n e r e di cosa sia q u e l l a di cui si sta p a r l a n d o q u a n d o si u s a n o c e r t e p a r o l e r e l a z i o n a l i ( c i o che si deliba p e n s a r e al significato d e s c r i t t i v o di tali p a r o l e ) al fine di c o g l i e r e l'esistenza o m e n o di u n a loro regola di t r a n s i t i v i t . D i r e clic ogni i n f e r e n z a f o r m a l e u t i l e in q u a n t o ci i n c o r a g g i a a r i c e r c a r e a n a l o g i e form a l i c h e a l t r i m e n t i ci p o t r e b b e r o s f u g g i r e . Ma d a n n o s o e ingannevole in (llanto ci i n c o r a g g i a a t r a s c u r a r e la d i s t i n z i o n e f r a i tratti logici i m p l i c i t i , s e b b e n e g e n e r a l i , di parole descrittive e l'esplicito o p e r a r e di funzioni logiche generali quali la negazione o la g e n e r a l i z z a z i o n e . L ' a s s e r z i o n e c h e le i n f e r e n z e s o n o v a l i d e in virt d e l l a loro f o r m a , o l ' a s s e r z i o n e che l ' i n f e r e n z a dipende d a l l a f o r m a , h a n n o u n ' a l t r a c a r a t t e r i s t i c a che p u f u o r v i a r e . E s s a e m e r g e p i c h i a r a m e n t e ( p i a n d o , c o m e si fa t a l v o l t a , si a s s e r i s c a clic il c o m p i t o del logico d u p l i c e : e p r e c i s a m e n t e clic ha da s c o p r i r e in p r i m o luogo q u a l i f o r m e l o g i c h e l e a s s e r z i o n i p o s s o n o a v e r e , i n s e c o n d o luogo le relazioni l o g i c h e fra le asserzioni che hanno queste f o r m e . C i s u g g e r i s c e c h e vi s i a il m o d o di s c o p r i r e la f o r m a logica d i u n ' a s s e r z i o n e i n d i p e n d e n t e m e n t e d a l l o s c o p r i r e q u a l i funzioni essa p o s s a e s p l e t a r e , e in q u a l i g e n e r i di i n f e r e n z e , e c h e a v e r fatto l a p r i m a s c o p e r t a sia u n a c o n d i z i o n e p e r p r o c e d e r e alla seconda. E questo p r o p r i o l'opposto della verit. Dire che u n ' a s s e r z i o n e ha la f o r m a r e l a z i o n a l e t r a n s i t i v a non significa forn i r e una r a g i o n e c h e s p i e g h i p e r c h essa p o s s a a v e r e u n a certa f u n z i o n e in un certo t i p o di i n f e r e n z a . ) c o n t r a r i o , noi la chiam i a m o r e l a z i o n a l e t r a n s i t i v a p r o p r i o p e r c h e essa h a u n a tale fun-

Logica formale f o r m a l o g i c a non lina propriet d e l l e asserzioni in

zinne. La

base alla (naie (o in virt d e l l a ( p i a l e ) esse a b b i a n o certi p o t e r i


f o r m a l i . 11 l o r o p o s s e s s o di una certa f o r m a il loro p o s s e s s o di quei poteri.

III.

Sistema
16. ft t e m p o o r m a i ili v e n i r e a p a r l a r e del terzo f a t t o r e c b e

u l t e r i o r m e n t e l i m i t a il c o m p i t o d e l l o g i c o e, f o r s e , c o n d i z i o n a la s u a p r o c e d u r a p i r a d i c a l m e n t e d i q u a l u n q u e a l t r a cosa fin qui m e n z i o n a t a . Da q u a n t o lio detto finora si p o t r e b b e p e n s a r e c h e i l l o g i c o f o r m a l e c o n s i d e r i s u o c o m p i t o q u e l l o d i c o m p i l a r e liste ili regole d ' i n f e r e n z a o tipi di i m p l i c a n z a a l t a m e n t e g e n e r a l i ; c o n c r e t a n d o q u e s t e , q u a n d o p o s s i b i l e , i n r e g o l e p e r f o r m u l e rapp r e s e n t a t i v e . S ' visto c o m e q u e s t o p a s s o - l ' a d o z i o n e di r e g o l e p e r f o r m u l e r a p p r e s e n t a t i v e - r a p p r e s e n t i l ' i n i z i o di u n a certa d i v e r g e n z a fra la logica di certe e s p r e s s i o n i ( p i a n d o f i g u r a n o c o m e eostanti nelle f o r m u l e , e la logica di q u e s t e stesse e s p r e s s i o n i in q u a n t o f i g u r i n o nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , d o v e esse p o s s o n o e s s e r e u s a t e in m o d i i d i o m a t i c i clic s o n o in c o n t r a s t o con le r e g o l e del l o g i c o . Q u e s t o non s i g n i f i c a c h e le r e g o l e del logico s i a n o scorrette, e non s i g n i f i c a n e p p u r e clic il l i n g u a g g i o o r d i n a r i o s i a inc o n g r u e n t e . S i g n i f i c a s e m p l i c e m e n t e c h e a u n a p a r o l a c h e nel linguaggio ordinario abbia usi logici differenti, nelle r e g o l e del logico d e v e v e n i r a s s e g n a t o un s o l o uso logico t i p i c o e fisso. C i c h e a l l a r g a , f i n o a l l a s e p a r a z i o n e t o t a l e , q u e l l a eerta div e r g e n z a fra e s p r e s s i o n i c h e c o m p a i o n o n e l l e r e g o l e l o g i c h e e d e s p r e s s i o n i ilei l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , q u a l c o s a c h e si p o t r e b b e c h i a m a r e l ' i d e a l e l o g i c o di s i s t e m a . Il l o g i c o non si accontenta di s c r i v e r e , a c a s o , u n a s e r i e di r e g o l e c h e s o d d i s f a n o il s e m p l i c e r e q u i s i t o d e l l a c o n g r u e n z a il r e q u i s i t o c h e lo c o s t r i n g e a pri-

Sistema

75

v a r e le s u e costanti d e l l a l i c e n z a logica di cui c o m u n e m e n t e god o n o . E g l i t e n d e a p r e s e n t a r e non u n a lista s c o n n e s s a , ma un ben connesso s i s t e m a di p r i n c i p i . Q u e s t ' i d e a l e s i s t e m a t i c o stato presente nella l o g i c a f o r m a l e sin d a l s u o i n i z i o . I logici p i a n t i c h i h a n n o visto c h e con l*aiulo di p o c h i p r i n c i p i logici s o l t a n t o , essi potevano, assumendo un piccolo numero di modelli d'inferenza v a l i d a c o m e f o n d a m e n t a l i , provare la v a l i d i t di un n u m e r o magg i o r e di altri m o d e l l i : c i o , essi p o t e v a n o a p p l i c a r e la l o g i c a entro la l o g i c a , o s s i a i m p i e g a r l a per la s u a stessa s i s t e m a z i o n e ' . E<1 q u e s t ' i d e a l e di s i s t e m a t i z z a z i o n e q u e l l o c h e ha p i prof o n d a m e n t e influenzato l o s v i l u p p o m o d e r n o d e l l a l o g i c a ; cosi p r o f o n d a m e n t e c h e l a c o n c e z i o n e o r i g i n a r i a d e l l a s e m p l i c e codificazione dei p r i n c i p i p i g e n e r a l i a i q u a l i c i a p p e l l i a m o nell ' e f f e t t u a r e le nostre v a l u t a z i o n i l o g i c h e s t a t a p e r s a di vista q u a s i del tutto. I n f a t t i le e s p r e s s i o n i del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , sul tipo di * s e ' , ' e ' , ' n o n " , ' t u t t i " , ' a l c u n i ' , ' o ' , che figuravano in moilo tanto p r e m i n e n t e c o m e costanti l o g i c h e nei m o d e l l i di i n f e r e n z a dei p r i m i logici, m a n c a n o , nel loro uso o r d i n a r i o , non solo d e l l a s t a b i l i t , m a a n c h e d e l l a s e m p l i c i t d i s i g n i f i c a t o clic s o l e p o t r e b b e r o f a r n e i c a n d i d a t i i d e a l i al r u o l o di costanti in s i s t e m i logici del genere o r a d e s i d e r a t o . Si t e n d e c o s i a r i m p i a z z a r l e con e s p r e s s i o n i costruite a p p o s t a cui v i e n e a s s e g n a t o esatt a m e n t e il g e n e r e di significato che n e c e s s a r i o p e r c h r i s p o n d a n o ai r e q u i s i t i del s i s t e m a . G l i usi logici di q u e s t e e s p r e s s i o n i artefatte in p a r t e c o r r i s p o n d o n o ad a l c u n i usi di a l c u n e e s p r e s s i o n i nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , ed in p a r t e ne d i v e r g o n o ; c o r r i s p o n d e n z a e d i v e r g e n z a che si rivelnno in un p a r z i a l e p a r a l l e l i s m o e in una p a r z i a l e d i s c r e p a n z a f r a le r e g o l e cui ci a p p e l l i a m o nelle nostre v a l u t a z i o n i l o g i c h e in l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , e le r e g o l e clic g o v e r n a n o l e n u o v e e s p r e s s i o n i . Q u e s t e u l t i m e v e n g o n o scritte i n s i m b o l i , non in p a r o l e . E il c a m b i a m e n t o esso stesso s i m b o l i c o ,

Cfr. capitolo V I , sezione 3.

! Logica formale g i a c c h vi s o n o hen p o c h e e s p r e s s i o n i , se p u r ve ne s o n o , le q u a l i a b b i a n o p r o p r i o e s o l t a n t o il s i g n i f i c a t o a s s e g n a t o ai s i m b o l i . Ci pu venir esposto anche altrimenti. Il logico f o r m a l e si p r o p o n e o r a d i r e a l i z z a r e u n a l o g i c a esatta e d a l t a m e n t e sistem a t i c a , p a r a g o n a b i l e p e r q u e s t i rispetti a l l a m a t e m a t i c a . M a egli non p u f o r n i r c i l'esatta e s i s t e m a t i c a l o g i c a di e s p r e s s i o n i del l i n g u a g g i o q u o t i d i a n o , p o i c h q u e s t e e s p r e s s i o n i non h a n n o affatto u n a l o g i c a esatta e s i s t e m a t i c a . C i c h e e g l i p u f a r e , e f a . di e s c o g i t a r e una s e r i e di r e g o l e c h e s o d d i s f a c c i a n o le s u e esigenze e c h e . al t e m p o stesso, p u r non r e n d e n d o p i e n a g i u s t i z i a a l l e c o m p l e s s i t d e l l ' u s o o r d i n a r i o e p u r d i v e r g e n d o n e in m o l t i modi, si riconncttano all'uso ordinario in alcuni punti v i t a l i . N e l l a s u a r e l a z i o n e col l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , i l l o g i c o f o r m a l e pot r e b b e v e n i r p a r a g o n a t o ad un u o m o v i s i b i l m e n t e intento a tracc i a r e la p i a n t a di un tratto di t e r r e n o i cui p r i n c i p a l i contorni s i a n o a s s a i i r r e g o l a r i e m u t e v o l i . Ma egli c un a p p a s s i o n a t o d e l l a g e o m e t r i a , e p e r s e v e r a a non u s a r e a l t r o , nei s u o i d i s e g n i , c h e figure g e o m e t r i c h e p e r cui p o s s a n o e s s e r f o r n i t e le r e g o l e di cos t r u z i o n e ; e di tali r e g o l e di c o s t r u z i o n e tenta di u s a r e il m i n o r n u m e r o p o s s i b i l e . N a t u r a l m e n t e l e s u e p i a n t e non r i s p o n d e r a n n o mai completamente all'originale. Ma un buon numero di pietre di c o n f i n e s o n o i d e n t i f i c a b i l i sul s u o d i s e g n o , ed esiste u n a corris p o n d e n z a a p p r o s s i m a t i v a f r a a l c u n e d e l l e c a r a t t e r i s t i c h e princ i p a l i del t e r r e n o e d a l c u n e d e l l e linee p r i n c i p a l i d e l l a p i a n t a . I l l o g i c o , p o s s i a m o d i r e , m a n i p o l a gli e l e m e n t i d i u n l i n g u a g g i o suo p r o p r i o c h e , d i v e r s a m e n t e d a l l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , soggetto a r e g o l e r i g i d e e s i s t e m a t i c a m e n t e c o n n e s s e , ed a l c u n i s i m b o l i del q u a l e m o s t r a n o a n a l o g i e l o g i c h e con e s p r e s s i o n i f a m i l i a r i del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o q u a n t o a l m o d o i n cui esse sono c o m u n e m e n t e , a n c h e se non s e m p r e , i m p i e g a t e . li nel p r o c e s s o di costruz i o n e s i s t e m a t i c a egli p u i n s e g n a r c i , e in effetti ci i n s e g n a - se p u r s o l a m e n t e p e r c o n t r a s t o - m o l t e c o s e i m p o r t a n t i circa la logica del d i s c o r s o o r d i n a r i o .

Sistema

77

17.

V e d r e m o i n s e g u i t o v a r i e s e m p i dei m e t o d i d i sistema-

t i z z a z i o n e c h e s o n o stati e f f e t t i v a m e n t e u s a t i . Q u e l l o c h e p i fort e m e n t e ha attratto i l o g i c i , c h e s e m b r a t o s o d d i s f a r e al p i alto g r a d o l ' i d e a l e di s i s t e m a , il m e t o d o d e d u t t i v o , o v e le a n a l o g i e con l a m a t e m a t i c a sono p i c h i a r e . U n p i c c o l o n u m e r o d i asserzioni o r e g o l e dei logici ( a f f e r m a n t i c i o c h e c e r t e f o r m u l e sono a n a l i t i c h e ) s o n o a s s u n t e c o m e p r e m e s s e , e d a l t r e r e g o l e n e derivano m e d i a n t e l ' i m p i e g o di u n a o d u e r e g o l e di i n f e r e n z a di o r d i n e p i alto. Q u e s t a a l m e n o la f o r m a clic ci si p u a t t e n d e r e un tale s i s t e m a d e d u t t i v o d e b b a a s s u m e r e . In p r a t i c a conveniente c o n s i d e r a r e i l p r o c e s s o d i d e d u z i o n e c o m e a p p l i c a t o a l l e stesse f o r m u l e a n a l i t i c h e ; cio considerarlo come un processo d i d e r i v a z i o n e d i f o r m u l e a n a l i t i c h e d a f o r m u l e a n a l i t i c h e , piuttosto c h e c o m e un p r o c e s s o di d e r i v a z i o n e di r e g o l e circa form u l e da r e g o l e circa f o r m u l e . Al r i g u a r d o n e c e s s a r i a q u a l c h e spiegazione. In un sistema deduttivo consideralo come un sistema in cui r e g o l e c i r c a f o r m u l e s i a n o d e r i v a l e da r e g o l e c i r c a formule, p o t r e m m o attenderci che valga il principio che qualsiasi regola logica g e n e r a l e esige q u a l s i a s i r e g o l a m e n o g e n e r a l e , ottenuta m e d i a n t e sostituzioni delle variabili ricorrenti nella form u l a citata n e l l a p r i m a r e g o l a , p r i n c i p i o d a u s a r s i c o m e u n a delle regole di inferenza di ordine pi alto. Si s u p p o n g a di avere un s i s t e m a c h e c o n t e n g a , c o m e costanti, le p a r o l e ' o ' e ' non ' e il s i m b o l o ' 3 \ e, c o m e p r e m e s s e , le r e g o l e ( 1 ) c h e ' 3 q * esige ' non-<7 3 non-p ' e ( 2 ) c h e ' o q ' e s i g e ' q ' ; o p p u r e , sec o n d o u n ' e s p r e s s i o n e a l t e r n a t i v a d e l l e p r i m e , le r e g o l e ( 1 ) che

' (p Z> q)

(non-<j 3 n o n - p ) '

analitico

(2)

che

'(

q ) 3 ( q ) ' analitico. Allora, mediante applicazione della


regola d ' i n f e r e n z a d ' o r d i n e p i a l t o , noi p o t r e m m o d e r i v a r e d a ( 1 ) la r e g o l a ( 3 ) che ' [ ( o q) 3 r] 3 [ non-r 3 non-( o q ) ] ' a n a l i t i c o . Il c o n s i d e r a r e il p r o c e s s o di d e d u z i o n e c o m e a p p l i cato d i r e t t a m e n t e alle f o r m u l e consiste nel c h i a m a r e l e f o r m u l e

Logica formale

c i t a l e nella s e c o n d a f o r m u l a z i o n e d e l l e r e g o l e ( 1 ) e ( 2 ) p r e m e s s e esse stesse, e nel s o s t i t u i r e la r e g o l a d ' i n f e r e n z a d ' o r d i n e piti alto

circa regole con u n a r e g o l a c h e s a n z i o n i

la d e r i v a z i o n e di for-

mule da formule t r a m i l e certi generi di s o s t i t u z i o n i d e l l e variabili. Ci c i permette d i parlare della formula ' [ ( / o g ) z > r ] 3 -r 3 n o n - ( p o < / ) ] " c o m e d e r i v a t a p e r i m p l i c a n z a d a l l a formula ' (p 3 q) 3 (non-r/ 3 n o n - p ) ' . Si s u p p o n g a ora c h e , nel regola di corso della derivazione di formule per mezzo della

s o s t i t u z i o n e , si ottenga una f o r m u l a in cui la p a r t e a s i n i s t r a del s e g n o p r i n c i p a l e ' 3 ' sia essa stessa u n a f o r m u l a a n a l i t i c a del sistema, come potremmo la fare derivando
4

dalla o

formula o

' ( / o p)J 3

q) 3 (non-</ 3 n o n - p ) '

formula

[(

q) 3 (q

[ n o n - ( r / ) 3 n o n - ( o < / ) ] '. La r e g o l a di s o s t i t u z i o n e ci permette d a s o l a d i s c r i v e r e q u e s t a l u n g a f o r m u l a d e f i n e n d o l a u n a f o r m u l a a n a l i t i c a del s i s t e m a . Ma s c r i v e r l a c o m e tale e q u i v a l e a d i c h i a r a r e clic


4

( o q) 3 (<7 ) ' e s i g e

non-( q ) 3 n o n - ( p

o q) \ Se o r a e s p l i c i t a m e n t e i n t r o d u c i a m o l ' u l t e r i o r e p r i n c i p i o d ' i n f e r e n z a d ' o r d i n e s u p c r i o r e c h e q u a l u n q u e f o r m u l a c h e mostri d i e s s e r e d e r i v a b i l e p e r i m p l i c a n z a d a u n ' a l t r a c h e s i a analitica nel s i s t e m a , essa stessa a n a l i t i c a nel s i s t e m a , con ci ci a u t o r i z z i a m o a s c r i v e r e , in b a s e al fatto c h e
4

( o q) 3 (q ) '

a n a l i t i c a nel s i s t e m a , la f o r m u l a * non-(</ ) 3 n o n - ( p o q) ' c o m e a n c h ' e s s a a n a l i t i c a nel s i s t e m a . C i e q u i v a l e a d i r e c h e possiamo considerare n o n - ( q ) 3 n o n - ( o q) c o m e essa stessa d e r i v a t a ila

( o q) 3 (q )
a s s i e m e con L ( p o q) 3 ( <7 o ) i 3 I non-( q ) 3 n o n - ( p o < / ) J . Questo secondo principio possiamo esprimerlo come una regola da applicare a formule, al modo seguente: qualsiasi formula F'

Sistema

79

p u e s s e r e d e r i v a t a e o m e u n a f o r m u l a a n a l i t i c a del s i s t e m a ogniq u a l v o l t a g i e s i s t a n o c o m e f o r m u l e a n a l i t i c h e del s i s t e m a s i a una f o r m u l a F , sia una f o r m u l a ottenuta s c r i v e n d o l a F , s e g u i t a da ' 3 ', s e g u i t o da F ' . La c o n v e n i e n z a di a p p l i c a r e d i r e t t a m e n t e il p r o c e s s o di ded u z i o n e a f o r m u l e di p r i m o o r d i n e p u e s s e r e c o n s i d e r a t a un'ult e r i o r e r a g i o n e d e l l a p r e v a l e n z a del s e g n o
4

3 ' in l o g i c a . Q u e s t o

p r o c e s s o di d e d u z i o n e consiste in u l t i m a a n a l i s i nel m o s t r a r e c h e sarebbe incongruente accettare le regole fondamentali del sistema e rifiutarsi di a c c e t t a r e le r e g o l e d e r i v a t e . I criteri gruenza sono superiore qui forniti principi dai alle di principi regole inferenza di inferenza ottenere corrispondenti per di di inconordine da non

formule

formule. Questi

d'ordine superiore

n a s c o n d o n o p r o p r i o n i e n t e d i m i s t e r i o s o . I l c a r a t t e r e dei d u e c h e lio trascelto p e r l ' e s e m p i o f o r n i t o s o p r a p u e s s e r m o s t r a t o nel m o d o p i ovvio i l l u s t r a n d o i l l o r o m o d o d i o p e r a r e i n casi c h e in effetti non si p r e s e n t e r e b b e r o in nessun s i s t e m a l o g i c o . N o n a v r e m m o , p e r e s e m p i o , difficolt a l c u n a a d a m m e t t e r e c h e sar e b b e i n c o n g r u e n t e a c c e t t a r e la r e g o l a c h e " T o m m a s o figlio c a d e t t o cipi d'inferenza la r e g o l a c h e
4 4

* figlio c a d e t t o 3 f r a t e l l o ' an-

Ita un f r a t e l l o ' e a n a l i t i c o e rifiutarsi di a c c e t t a r e la r e g o l a c h e 3 T o m m a s o ha un ch'esso a n a l i t i c o . Q u e s t ' i l l u s t r a z i o n e si r i f e r i s c e al p r i m o dei prind'ordine superiore, ed a l l a c o r r i s p o n d e n t e regola d i s o s t i t u z i o n e n e l l e f o r m u l e . S u p p o n i a m o o r a d i a c c e t t a r e se p, a l l o r a q 3 se non-q, a l l o r a n o n - p ' analitico, e d e r i v i a m o n e , in a c c o r d o col p r i m o p r i n c i p i o , la r e g o l a che " se un p a d r e , a l l o r a .* m a s c h i o 3 se .r non m a s c h i o , a l l o r a .v non un p a d r e ' a n a l i t i c o . N o n a v r e m m o difficolt a concedere che sarebbe incongruente accettare sia questa regola d e r i v a t a , s i a la regola c h e
4

se un p a d r e , a l l o r a m a s c h i o '

e a n a l i t i c o , e rifiutarsi nel c o n t e m p o di a c c e t t a r e la r e g o l a c h e " s e non m a s c h i o , a l l o r a .r non un p a d r e * a n c h ' e s s o analitico. Q u e s t ' i l l u s t r a z i o n e r i g u a r d a il s e c o n d o dei p r i n c i p i d'infe-

Logica formale

renza ili o r d i n e s u p e r i o r e , e la c o r r i s p o n d e n t e r e g o l a p e r la deriv a z i o n e di f o r m u l e . Il f a s c i n o i n t e l l e t t u a l e del m e t o d o d e d u t t i v o di s i s t e m a t i z z a r e la logica il f a s c i n o p r o p r i o di ogni s i s t e m a d e d u t t i v o . E s s o sta in p a r t e nel p o t e r e s i b i r e la s e r i e d e l l e f o r m u l e d i s p o s t e in bell ' o r d i n e , con ogni f o r m u l a d e r i v a t a maggior controllo e comprensione, (o teorema derivato) che gran c o n s e g u e da q u e l l e c h e la p r e c e d o n o ; in p a r t e in un senso di p e r a v e r ridotto u n a m a s s a di p r i n c i p i ad un p u g n o a p p e n a di p r e m e s s e e ad u n a copp i a di regole tali c h e , a p p l i c a n d o q u e s t e a q u e l l e , la g r a n m a s s a p u v e n i r ricostituita n e l l a f o r m a d i u n ' o r d i n a t a s t r u t t u r a . Tuttavia questo e c c i t a n t e successo non si ottiene s e n z a p a g a r n e il p r e z z o , c o m e gi h o a c c e n n a t o e c o m e v e d r e m o pili c h i a r a m e n t e q u i di s e g u i t o . Un metodo deduttivo ha uno svantaggio, almeno apparente. E s s o non f o r n i s c e , a l m e n o a p r i m a vista, nessun m e t o d o meccanico p e r c o n t r o l l a r e una q u a l u n q u e f o r m u l a , c o s t r u i t a nei term i n i Ielle costanti del s i s t e m a , o n d e d e t e r m i n a r e se s a r e b b e o m e n o i n c o n g r u e n t e r i f i u t a r s i d i a c c e t t a r l a c o m e u n a f o r m u l a analitica del s i s t e m a . P e r s t a b i l i r n e il c a r a t t e r e a n a l i t i c o , o c c o r r e trovare un m o d o di d e r i v a r l a ; e questa pu s e m b r a r e faccenda di q u a l c h e difficolt. Ne vien s u g g e r i t a la p o s s i b i l i t di un a l t r o mollo di s i s t e m a t i z z a r e la l o g i c a : un m o d o c h e consista s e m p l i c e m e n t e nello s t a b i l i r e un m e t o d o g e n e r a l e di controllo di ogni f o r m u l a d a t a , c o s t r u i t a nei t e r m i n i d e l l e costanti del s i s t e m a , p e r v e d e r e se essa l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i a o m e n o , nel s i s t e m a stesso. Vedremo l'esemplificazione anche di un metodo di questo genere. D o v e un m e t o d o di c o n t r o l l o si d i m o s t r a i n f e r i o r e , d a l p u n t o di vista del s i s t e m a , a un m e t o d o d e d u t t i v o , nel fatto c h e esso non provvede a disporre in nessun ordine particolare di le formule delle n e c e s s a r i e del s i s t e m a . N o n s a p r e i d i r e se esso in g e n e r a l e d i a o meno un senso egualmente soddisfacente complessit della logica. padronanza

Sistema

81

18.

P r i m a di v e n i r e a c o n s i d e r a r e effettivi s i s t e m i

logici,

voglio i n d i c a r e u n m o d o d i r i g u a r d a r e l ' a t t i v i t d i c o s t r u z i o n e s i s t e m a t i c a , c h e li a i s u o i p e r i c o l i , ma p u r i u s c i r e m o l t o illum i n a n t e ; u n m o d o a l q u a l e q u e s t a d i s c u s s i o n e d o v r e b b e averci p r e p a r a t o . H o d e t t o , p a r l a n d o u n p o ' a l l a b u o n a , clic m e n t r e i logici del p a s s a t o t e n t a v a n o d i r i v e l a r e q u a l c u n o d e i t i p i g e n e r a l i di i n c o n g r u e n z a , v a l i d i t e i n v a l i d i t c h e si p r e s e n t a v a n o nel nostro u s o o r d i n a r i o d e l l ' o r d i n a r i o l i n g u a g g i o , i n u o v i logici form a l i c r e a n o invece gli e l e m e n t i di un n u o v o g e n e r e di l i n g u a g g i o il q u a l e , s e b b e n e i suoi e l e m e n t i a b b i a n o q u a l c o s a in c o m u n e con a l c u n e p a r o l e d i l a r g o i m p i e g o nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , non s a r e b b e p a r t i c o l a r m e n t e a d a t t o p e r gli s c o p i del l i n g u a g g i o ordin a r i o , ma e s t r e m a m e n t e ben a d a t t a t o a l l o s c o p o di c o s t r u i r e un comprensivo ed elegante sistema di regole logiche. Naturalmente, nel d a r e u n s i g n i f i c a t o ( o , c o m e s i dice t a l v o l t a , u n ' i n t e r p r e t a z i o n e ) a l l e costanti di un tale s i s t e m a , il l o g i c o d e v e u s a r e p a r o l e il cui s i g n i f i c a t o gi c o n o s c i u t o . T a l v o l t a la c o r r i s p o n d e n z a f r a uno dei s u o i s i m b o l i e q u a l c h e p a r o l a gi in uso p u e s s e r e suffic i e n t e m e n t e stretta p e r c h egli semplicemente dica che il tal s i m b o l o s i g n i f i c a a l l ' i n c i r c a l o stesso d e l l a t a l e p a r o l a . T a l v o l t a e n e c e s s a r i o f o r n i r e s p i e g a z i o n i p i c o m p l i c a t e . N e l m i g l i o r e dei casi, tali i d e n t i f i c a z i o n i a p p r o s s i m a t e o s p i e g a z i o n i p i c o m p l i cale p o s s o n o s e r v i r e soltanto c o m e u n a s p e c i e d i g u i d a a l significato dei s u o i s i m b o l i ; noi d o v r e m o c o n t r o l l a r e , e f o r s e correggere, l e i m p r e s s i o n i c h e n e a b b i a m o a v u t o , m e d i a n t e u n e s a m e Ielle r e g o l e d e l s i s t e m a . E p o s s i a m o t r o v a r e c h e un e s a m e d e l l e regole rivela s e r i e deficienze n e l l a s p i e g a z i o n e . D o v r e m o a l l o r a cercare una spiegazione pi s o d d i s f a c e n t e ; dovremo trovare una nostra p r o p r i a i n t e r p r e t a z i o n e dei s i m b o l i . C i p u i n c o r a g g i a r c i a r i g u a r d a r e l ' a t t i v i t del logico form a l e d a u n a n g o l o v i s u a l e u n p o ' d i f f e r e n t e . P o s s i a m o considerarlo c o m e u n a p e r s o n a c h e a b b i a u n d u p l i c e c o m p i t o d a v a n t i

Logica formale

a s. In p r i m o l u o g o ha da c o s t r u i r e un s i s t e m a di s i m b o l i pura-

mente astratto. Il s i s t e m a consiste di ( 1 ) l ' i n t r o d u z i o n e e la class i f i c a z i o n e di un certo n u m e r o di s i m b o l i ( c o s t a n t i e v a r i a b i l i ) ; ( 2 ) regole che stabiliscano quali combinazioni di simboli siano p e r m e s s e ( l e r e g o l e d i f o r m a z i o n e del s i s t e m a ) ; ( 3 ) r e g o l e che s t a b i l i s c a n o piali c o m b i n a z i o n i p e r m e s s e s i a n o l e leggi i n i z i a l i ( o f o r m u l e n e c e s s a r i e ) 1 del s i s t e m a , e d u l t e r i o r i r e g o l e ( r e g o l e li t r a s f o r m a z i o n e o di d e r i v a z i o n e ) p e r t r a s f o r m a r e q u e s t e combinazioni in altre combinazioni che siano anche da considerarsi conic l e g g i ; o p p u r e , c o m e a l t e r n a t i v a a l l a ( 3 ) , ( 3 a ) r e g o l e p e r controllare le combinazioni permesse allo scopo di determinare s e esse d e b b a n o c o n s i d e r a r s i o m e n o c o m e leggi ( o f o r m u l e necess a r i e ) 1 ; c ( 4 ) u n a s e r i e d i a p p l i c a z i o n i d e l l e regole d i ( 3 ) o (3a), cio una serie di 'prove'. Un tale sistema si chiama * a s t r a t t o ' p e r c h ai s i m b o l i non l e g a t o nessun s i g n i f i c a t o oltre e s o p r a a l l e r e g o l e li c o m b i n a z i o n e e t r a s f o r m a z i o n e . La s e c o n d a p a r t e del c o m p i t o s a r a l l o r a q u e l l a d i c o n f e r i r e a i s i m b o l i u n s i g n i f i c a t o o u n ' i n t e r p r e t a z i o n e ; e a tale s c o p o s a r n e c e s s a r i o u s a r e e s p r e s s i o n i il cui s i g n i f i c a t o si c o n s i d e r i c o m e g i c o n o s c i u t o . L a r a g i o n e p e r cui q u e s t o m o d o d i c o n s i d e r a r e l a m a t e r i a p u r i u s c i r e f u o r v i e n t e c h e esso s u g g e r i s c e c h e le d u e p a r t i dell'attivit del l o g i c o s i a n o a f f a t t o d i s t i n t e ; m e n t r e , in p r a t i c a , il logico affronta sempre il compito della costruzione sistematica a v e n d o gi i n m e n t e q u a l c h e p a r t i c o l a r e g e n e r e d i interpretaz i o n e . L e r a g i o n i p e r cui esso riesce i l l u m i n a n t e s o n o a l m e n o due: (i) esso s u g g e r i s c e (vedremo pi a v a n t i c h e i l suggeripi di un'interpretam e n t o e s a t t o ) c h e un s i s t e m a c o s t r u i t o a v e n d o in m e n t e un'interpretazione pu rivelarsi suscettibile di z i o n e ( c i o , p o s s i a m o e s s e r m e s s i s u l l a t r a c c i a d i u l t e r i o r i ana1 Q u e s t a u n a p o s s i b i l e s c e l t a f r a m o l t e a l t r e . I-c c o m b i n a z i o n i d i s i m b o l i c h e c o s i r i c e v o n o u n o s p e c i a l e Hiatus n o n h a n n o b i s o g n o , q u a n d o i l s i s t e m a sia interpretato, di valere da f o r m u l e analitiche. C f r . capitolo I V . c sezione 8 di questo capitolo.

Sistema

83

l o g i e f o r m a l i ) ; ( i i ) esso c i r a m m e n t a c h e non p o s s i a m o e s s e r e del tutto s i c u r i di c o m e i s i m b o l i di un s i s t e m a d e b b a n o e s s e r e i n t e r p r e t a t i fino a che, a s u p p l e m e n t o d e l l e s p i e g a z i o n i , non si s i a fatto uno s t u d i o d e l l e r e g o l e del s i s t e m a . S e u n a certa interp r e t a z i o n e del s i s t e m a i n c o n g r u e n t e , non c o n s e g u e c h e di interp r e t a z i o n i c o n g r u e n t i non ce ne s i a n o a f f a t t o . ( Q u e s t o fatto i m p o r t a n t e in vista di u n a certa critica c o r r e n t e , ma b a s a t a su di un f r a i n t e n d i m e n t o , della logica t r a d i z i o n a l e ) . In r e a l t d i m o strato s o l t a n t o c h e l ' i n t e r p r e t a z i o n e c h e s t i a m o c o n s i d e r a n d o non u n ' i n t e r p r e t a z i o n e p o s s i b i l e del s i s t e m a c o s i c o m ' . Va da se che un s i s t e m a p e r il q u a l e noi f o s s i m o i n c a p a c i di t r o v a r e u n a q u a l s i a s i i n t e r p r e t a z i o n e c o n g r u e n t e non s a r e b b e di nessun interesse. Q u a l u n q u e s i s t e m a un s i s t e m a l o g i c o ( in q u a n t o c o n t r a p posto, a d e s e m p i o , a d u n o m a t e m a t i c o ) , s e esso p u e s s e r e , e d , i n t e r p r e t a t o i n m o d o t a l e c h e l e regole i n t e r p r e t a t e p r e s e n t i n o il c a r a t t e r e g e n e r a l e di cui s' trattato n e l l a s e c o n d a p a r t e di q u e s t o c a p i t o l o , o d i v e r g a n o da q u e l c a r a t t e r e s o l o nel m o d o trattato n e l l a terza p a r t e d e l l o stesso.

III.

Funzioni di verit

I.

Tavole
1.

ili

verit

Il p r i m o s i s t e m a l o g i c o c h e c o n s i d e r e r e m o il s i s t e m a

delle funzioni di verit o vero-funzioni. Esso p u venir sviluppato s i a con u n m e t o d o d e d u t t i v o , s i a con u n m e t o d o d i c o n t r o l l o . D a r e m o la p r e c e d e n z a a q u e s t ' u l t i m o . Il s i s t e m a c o n t i e n e , c o m e v a r i a b i l i , le l e t t e r e ' ', ' q ', ' r ' ,

' s ', e c c . , e c o m e c o s t a n t i , i s i m b o l i * ~ *, * . ', ' '. ' 3 ' e ' = '.


C h i a m e r e m o le c o m b i n a z i o n i lecite delle costanti e variabili del sistema ' f o r m u l e vero-funzionali '. Q u a l s i a s i espressione ottenuta o s c r i v e n d o ' ~ ' s e g u i t o da u n a q u a l c h e v a r i a b i l e , o s c r i v e n d o u n ' a l t r a q u a l s i a s i d e l l e a l t r e c o s t a n t i d e l s i s t e m a con u n a v a r i a bile per parte una f o r m u l a vero-funzionale. Le f o r m u l e ottenute i n (uesto m o d o l e c h i a m e r e m o f o r m u l e s e m p l i c i , e l e f o r m u l e ottenute modo in qualunque altro modo, formule complesse. In tal ' ~ ( / ' e ' p 3 <7' s o n o a m b e d u e formule vero-funzionali

s e m p l i c i . Q u a l s i a s i e s p r e s s i o n e o t t e n u t a s c r i v e n d o ' ~ ' s e g u i t o da una q u a l c h e f o r m u l a vero-funzionale chiusa in parentesi, una formula vero-funzionale; p.e.,' ~ ( p 3 </)'. Qualsiasi espressione o t t e n u t a s c r i v e n d o u n a q u a l u n q u e d e l l e a l t r e c o s t a n t i del s i s t e m a con o u n a v a r i a b i l e o u n a f o r m u l a v e r o - f u n z i o n a l e f r a p a r e n t e s i d a c i a s c u n lato d i e s s a u n a f o r m u l a v e r o - f u n z i o n a l e . L ' u l t i m a r e g o l a p e r m e t t e o v v i a m e n t e l a c o s t r u z i o n e d i f o r m u l e vero-funzionali una d i qualsiasi g r a d o d i complessit. P.e., ' p v ( p r ) vero-funzionale; cosi lo
1

formula

' [ (5 D r ) ] D [ ~

85 ( / ) 3 < ? ) ] ' ; c o s lo * { [ ( q 3 ) ] =3 [ ~ ( / > r > q)} V {[

(q 3 r ) ] . [ ~ { q 3 ) ] } ' .
L e p a r e n t e s i s o n o u n a c c o r g i m e n t o u n p o ' g o f f o , e noi possiamo limitarne l'impiego al modo che segue.
k

chiaro, dalle

r e g o l e eli f o r m a z i o n e d a t e , c h e il s i m b o l o

~ ', d o v u n q u e c o m -

paia, sar immediatamente seguito da una singola variabile o da una f o r m u l a tra p a r e n t e s i . N o i d i r e m o c h e l a f o r m u l a c o n s i s t e n t e n e l l ' e s p r e s s i o n e 1 c h e i m m e d i a t a m e n t e s e g u e ad ' ~ \ a s s i e m e a questo s t e s s o * ~ ', c o s t i t u i s c e il campo di quell'occorrenza di ' ~ '. A n a l o g a m e n t e , ogni o c c o r r e n z a di u n a q u a l s i a s i d e l l e a l t r e costanti avr, i m m e d i a t a m e n t e p r i m a ed i m m e d i a t a m e n t e d o p o , o d u e v a r i a b i l i o d u e f o r m u l e tra p a r e n t e s i , o u n a v a r i a b i l e e u n a f o r m u l a tra p a r e n t e s i . D i r e m o c h e l a f o r m u l a c o n s i s t e n t e n e l l a c o p p i a di espressioni i m m e d i a t a m e n t e precedenti e seguenti la c o s t a n t e , a s s i e m e con q u e s t a s t e s s a c o s t a n t e , c o s t i t u i s c e il campo di quella occorrenza della costante. Possiamo ora eliminare in larga m i s u r a le parentesi stabilendo una s p e c i e di regola di preced e n z a f r a le c o s t a n t i d e l s i s t e m a . S t a b i l i a m o c h e , in assenza di

parentesi orientative, il s i m b o l o '


campo meno esteso, in

' deve venir considerato come formula. Tra questi due

f o r n i t o del c a m p o pi e s t e s o , e il s i m b o l o ' ~ * c o m e f o r n i t o del qualsivoglia estremi c o l l o c h i a m o le altre costanti, in m o d o che l'ordine di ' p r e c e d e n z a di c a m p o ' r i s u l t i c o m e s e g u e : ' = ', ' 3 ', * ', * . \ ' '. In f o r z a di q u e s t a r e g o l a p e r s o s t i t u i r e le p a r e n t e s i noi o r a s a r e m o i n g r a d o , s p e s s o m a non s e m p r e , d i f a r e a m e n o d i q u e l l e . Per esempio, s a r e m o in grado di scrivere al posto della formula ' p 3 (gvr)', ' p 3 g v r ' lasciando invariato il campo delle c o s t a n t i . M a l a f o r m u l a " p v ( < j 3 r ) ' l a d o b b i a m o s c r i v e r e anc o r a con l e p a r e n t e s i , p e r c h o m e t t e n d o l e o t t e r r e m o ' p v q 3 r ' , la q u a l e in f o r z a d e l l a n o s t r a n u o v a r e g o l a lo s t e s s o c h e ' ( q)
1 In q u e s t o p a r a g r a f o u s o la p a r o l a ' e s p r e s s i o n e ' u n i c a m e n t e in mento variabili o a formule vero-funzionali.

riferi-

105

F u n z i o n i <1 i verit

ZD r '. C o s i , o m e t t e n d o le p a r e n t e s i , noi a l t e r e r e m m o in q u e s t o
e a s o i l c a m p o d e l l e c o s t a n t i . L e p a r e n t e s i c h e e f f e t t i v a m e n t e compaiano in una formula devono venir s e m p r e considerate come aventi la m e g l i o s u l l a r e g o l a li p r e c e d e n z a . 2. F i n pii ci si accostati al s i s t e m a in m o d o astratto. Ma

non c o n t i n u e r la s u a e s p o s i z i o n e c o m e se si trattasse di un sis t e m a p u r a m e n t e astratto. I n r e a l t esso v e n i v a c o s t r u i t o a v e n d o in niente un c e r t o g e n e r e ili i n t e r p r e t a z i o n e , e licliiarer o r a piale q u e s t ' i n t e r p r e t a z i o n e s i a , e a p i c s t ' i n t c r p r e t a z i o n e contin u a m e n t e m i r i f e r i r nel suo u l t e r i o r e s v o l g i m e n t o . Pili i n n a n z i , lo riguarderemo nuovamente come un sistema astratto, q u a n d o c e r c h e r e m o p e r esso u n a s e c o n d a interpretazione. Ma il nome " v e r o - f u n z i o n a l e ' pu applicarsi al sistema soltanto quando lo si i n t e r p r e t i nel m o d o di cui d o b b i a m o ora t r a t t a r e . 11 sistema

vero-funzionale c un s i s t e m a i n t e r p r e t a t o , non un s i s t e m a a s t r a t t o .
L e v a r i a b i l i d i q u e s t o s i s t e m a lianno c o m e loro v a l o r i possibili g r u p p i d i p a r o l e clic p o s s o n o c o m p a r i r e c o m e e n u n c i a t i separati lei g e n e r e i m p i e g a b i l e per f a r e a s s e r z i o n i . Se tutte le variabili li u n a f o r m u l a v e r o - f u n z i o n a l e s o n o sostituite la tali g r u p p i di p a r o l e , l ' e s p r e s s i o n e r i s u l t a n t e e un e n u n c i a t o v e r o - f u n z i o n a l e (p.e., un T o m m a s o p a z z o ' ) . I g r u p p i di p a r o l e c h e sostituivero-funzionale, saranno chiamati Ogni s c o n o le v a r i a b i l i in u n a f o r m u l a v e r o - f u n z i o n a l e p e r f o r m a r e enuncialo

gli

enunciali
fatta

costituenti

dell'enunciato

vero-funzionale.

asserzione

m e d i a n t e l'uso di un e n u n c i a t o v e r o - f u n z i o n a l e s a r e b b e un'asserzione v e r o - f u n z i o n a l e ; e le a s s e r z i o n i fatte m e d i a n t e l'uso, nello stesso c o n t e s t o , degli e n u n c i a t i costituenti q u e l l ' e n u n c i a t o verof u n z i o n a l e s a r a n n o c h i a m a t e , a n a l o g a m e n t e , l e a s s e r z i o n i costituenti d e l l ' a s s e r z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e . C o s i ' T o m m a s o p a z z o " l ' e n u n c i a t o costituente d e l l ' e n u n c i a t o v e r o - f u n z i o n a l e Tomm a s o p a z z o ' ; e u n ' a s s e r z i o n e fatta m e d i a n t e l'uso dell'enunc i a t o ' T o m m a s o p a z z o ' s a r e b b e l ' a s s e r z i o n e costituente lell'ns-

T a v o l e di verit

87

s e r z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e fatta m e d i a n t e l ' u s o , n e l l o stesso contesto, dell'enunciato Tommaso pazzo".

Le asserzioni verit o o
la

vero delle

funzionali determinata loro

sono

chiamale e costituenti.

cosi
Le

perch
regole

la dalla
clic

loro

fulsit

interamente

solamente

verit

falsit

asserzioni

governano

determi-

n a z i o n e d e l l a v e r i t e f a l s i t di u n ' a s s e r z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e in b a s e a l l a v e r i t o f a l s i t dello s u e a s s e r z i o n i costituenti sono le regole clic f o r n i s c o n o il significato ( l ' i n t e r p r e t a z i o n e ) d e l l e costanti del sistema. Tali regole esauriscono il loro significato. Q u e s t a la funzionali. Il t e r m i n e ' v e r o - f u n z i o n a l e " v i e n e i m p i e g a t o q u a l c h e volta per s i g n i f i c a r e ' f o r m u l a v e r o - f u n z i o n a l e * e q u a l c h e a l t r a volta per s i g n i f i c a r e ' a s s e r z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e ' . S ' visto o r a , in g e n e r a l e , q u a l e sia il g e n e r e di s i g n i f i c a t o p o s s e d u t o d a l l e costanti v e r o - f u n z i o n a l i , c clic si tratta di un g e n e r e di s i g n i f i c a t o m o l t o s e m p l i c e . V e d i a m o in d e t t a g l i o (piale s i a il s i g n i f i c a t o di c i a s c u n a . Da q u e l c h e s ' detto circa il g e n e r e di s i g n i f i c a t o l o r o a t t r i b u i t o , c h i a r o c h e p e r f a r c i sufficiente i n d i c a r e c o m e la verit o f a l s i t di u n ' a s s e r z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e di c i a s c u n a d e l l e forine ' ~p ' p.q \ ' q r a g i o n e p e r cui esse sono c h i a m a t e costanti vero-

' 3 q ', ' = q *

s i a d e t e r m i n a t a d a l l a verit o falsit d e l l e s u e a s s e r z i o n i costituenti. Q u e s t o l o f a c c i a m o , d a p p r i m a i n p a r o l e , a l m o d o s e g u e n t e : ( 1 ) Ogni asserzione della f o r m a 1


k

~ p ' v e r a s e e sol-

tanto se la s u a a s s e r z i o n e costituente f a l s a , e f a l s a se e soltanto se la s u a a s s e r z i o n e c o s t i t u e n t e v e r a . ( 2 ) Ogni a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' p . q ' v e r a s e c s o l t a n t o se a m b e d u e le sue a s s e r z i o n i costituenti s o n o v e r e , e f a l s a se


1 Cfr. rapitolo l i . p. 41 venire qui a m p l i a t a in 'ogni ottenibile con la sostituzione tarsi s c p u r u l a n i c n l e r o m e un

n por la spiegazione di questa frase. Essa pu asserzione falla medanle l'uso di un enuncialo di un g r u p p o di porole e b e p o t r e b b e r o presenenunciato, nella formula . . . '

88

F u n z i o n i <1 i verit e s o l t a n t o se a l m e n o u n a d e l l e s u e a s s e r z i o n i costituenti e falsa. ( 3 ) Ogni a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' q ' v e r a se e soltanto se a l m e n o u n a d e l l e s u e a s s e r z i o n i costituenti v e r a , e f a l s a se e s o l t a n t o se a m b e d u e le s u e a s s e r z i o n i costituenti sono f a l s e . ( 1 ) Ogni a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' z> q ' vera se e soltanto se non si d il easo c h e la p r i m a d e l l e s u e a s s e r z i o n i costituenti s i a v e r a e i n s i e m e la s e c o n d a s i a f a l s a , e f a l s a se e s o l t a n t o se la p r i m a d e l l e s u e a s s e r z i o n i costituenti s i a vera e la s e c o n d a f a l s a . ( 5 ) ogni a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' s q ' v e r a se e soltanto se le s u e a s s e r z i o n i costituenti s o n o o tutte e d u e vere o tutte e d u e f a l s e , e f a l s a se e s o l t a n t o se u n a di esse vera e l'altra falsa.

E s i s t e un m o d o c h i a r o e s e m p l i c e di a t t r i b u i r e q u e s t i s i g n i f i c a t i , tale da m e t t e r c i in g r a d o di f a r e a m e n o d e l l e s p i e g a z i o n i v e r b a l i . Non d o b b i a m o f a r e a l t r o c h e rappresentare v i s i v a m e n t e gli efTetti d e l l a verit o f a l s i t d e l l e a s s e r z i o n i c o s t i t u e n t i su di un'asserz i o n e v e r o - f u n z i o n a l e d i u n a q u a l s i a s i d e l l e f o r m e . P o s s i a m o scrivere in u n a c o l o n n a una lista dei vari m o d i p o s s i b i l i in cui la verit o f a l s i t p u e s s e r e c o m b i n a t a nelle a s s e r z i o n i c o s t i t u e n t i ; e in c o r r i s p o n d e n z a di c i a s c u n a di q u e s t e p o s s i b i l i c o m b i n a z i o n i i n d i c h i a m o il v a l o r e di verit ( v e r i t o f a l s i t ) c h e l ' a s s e r z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e d i una d a t a f o r m a a v r p e r q u e l l a c o m b i n a z i o n e d i v a l o r i d i v e r i t d e l l e a s s e r z i o n i c o s t i t u e n t i . D o v e c'c s o l t a n t o u n ' a s s e r z i o n e c o s t i t u e n t e , i m p r o p r i o p a r l a r e di p o s s i b i l i com-

binazioni di v a l o r i di v e r i t ;

dobbiamo semplicemente indicare possiamo farlo, schema-

l'effetto di ( 1 ) la verit e ( 2 ) la f a l s i t d e l l ' a s s e r z i o n e costituente suir asserzione vero-funzionale. Questo ticamente, cosi:

T a v o l e di verit (1)

89

V F

~P
F V

i n t e n d e n d o s i clic la c o l o n n a a s i n i s t r a r a p p r e s e n t a ( 1 ) il c a s o in cui l ' a s s e r z i o n e costituente vera e ( 2 ) il c a s o in cui l'asserz i o n e c o s t i t u e n t e f a l s a ; e che la c o l o n n a a d e s t r a r a p p r e s e n t a il m o d o in cui il v a l o r e di verit di u n ' a s s e r z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e della f o r m a ' ~ p ' determinato per ciascuno di questi casi. P e r l e a s s e r z i o n i v e r o - f u n z i o n a l i clic h a n n o d u e a s s e r z i o n i costituenti, la verit e f a l s i t p u e s s e r e c h i a r a m e n t e c o m b i n a t a in q u a t t r o m o d i d i f f e r e n t i n e l l e a s s e r z i o n i costituenti ; e la d e t e r m i n a z i o n e dei valori di verit delle asserzioni di questi vero-funzionali quattro modi dovranno differenti. essere forniti per ciascuno

A b b i a m o cosi

()
<1
V V F F V F V F

(M

(c) p => q
V F V V


V F F F

q
V V V F

p q
V F F V

q u a l i d e f i n i z i o n i d e l l e r i m a n e n t i costanti del s i s t e m a . L a p r i m a c o l o n n a di lettere r a p p r e s e n t a i p o s s i b i l i v a l o r i di v e r i t d e l l a p r i m a a s s e r z i o n e costituente, la s e c o n d a c o l o n n a di lettere i possibili v a l o r i di verit d e l l a s e c o n d a a s s e r z i o n e c o s t i t u e n t e , e le due colonne prese insieme come una sola colonna rappresentano le p o s s i b i l i combinazioni di v a l o r i di v e r i t d e l l e d u e a s s e r z i o n i costituenti. La colonna delle combinazioni possibili avr otto righi a n z i c h q u a t t r o nel c a s o d i u n a f o r m a d i a s s e r z i o n e verof u n z i o n a l e con tre a s s e r z i o n i c o s t i t u e n t i ; e, in g e n e r a l e , 2" righi per una forma di a s s e r z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e con asserzioni costituenti.

90 Qualcuno potrebbe dire:

F u n z i o n i <1 i verit M a cosa c i g a r a n t i s c e clic c i s i a

giusto q u e s t o n u m e r o di p o s s i b i l i t in c i a s c u n c a s o ? N o n parl i a m o f o r s e di m e z z e v e r i t , t a l v o l t a , p u r a v e n d o tutti i fatti a d i s p o s i z i o n e d a v a n t i a n o i . e non r i m a n i a m o esitanti se c h i a m a r e un e n u n c i a t o v e r o o f a l s o , o in q u a l c h e c a s o v e r o e f a l s o nello stesso t e m p o ? I n o l t r e , q u a n d o u n o r a c c o n t i u n a storia o scriva un r o m a n z o , s e m b r a p o c o a p p r o p r i a t o q u a l i f i c a r e o vere o f a l s e le c o s e c h e d i c e o s c r i v e . Kgli u s a il g e n e r e di e n u n c i a t i che

potrebbe s e r v i r e p e r f a r e a s s e r z i o n i v e r e o f a l s e , ma li u s a in
un m o d o d i f f e r e n t e , con un d i f f e r e n t e intento. Kgli non v u o l e f o r n i r e i n f o r m a z i o n i n giuste, n e r r a t e , bens solo i n t r a t t e n e r e il lettore. La finzione l e t t e r a r i a non f a l s i t , p e r q u a n t o q u a l c h e volta si m a s c h e r i e l e g a n t e m e n t e la f a l s i t c h i a m a n d o l a finzione l e t t e r a r i a . L a q u e s t i o n e d e l l a verit o f a l s i t ( n e l s e n s o o r d i n a r i o ) ili q u e l clic d i c e un n o v e l l a t o r e q u e s t i o n e c h e non s o r g e nepp u r e . gi a b b i a m o v e d u t o
1

clic vi s o n o altri m o d i d ' e s p r e s s i o n e , p r e s u p p o r r e , d u n q u e , clic vi sia pu

oltre a l l a finzione l e t t e r a r i a , nei q u a l i il p r o b l e m a d e l l a verit o f a l s i t non si p r e s e n t a . Il i g n o r a r e fatti r i s p o n d e r e in p r o p r i o questo numero di possibilit in ciascun caso, significa di q u e s t o g e n e r e . q u e s t a o s s e r v a z i o n e si m o d i d i v e r s i . U n o sta nel dire: B e n i s s i m o , noi

e l e v i a m o a r e g o l a c h e ai fini di q u e s t o s i s t e m a n u l l a p o s s a cons i d e r a r s i u n ' a s s e r z i o n e , c h e non s i a o v e r o o f a l s o c non tutte e d u e le c o s e a s s i e m e . Ma io non s c e g l i e r q u e s t a r i s p o s t a , c h e a p p e s a n t i s c e i l s i s t e m a con u n a r e g o l a s u p e r f l u a . D i r i n v e c e : lo s c o p o ili q u e s t e t a v o l e ( t a v o l e di v e r i t ) q u e l l o di c o n f e r i r e un eerto g e n e r e di s i g n i f i c a t o a certe c o s t a n t i ; un s i g n i f i c a t o c h e e s a u r i e n t e m e n t e c o n f e r i t o q u a n d o si s i a m o s t r a t o c o m e la verit e f a l s i t d e l l e a s s e r z i o n i di certe f o r m e s i a d e t e r m i n a t o c o m p l e t a m e n t e e d u n i c a m e n t e q u a n d o s i s i a m o s t r a t o q u a l e dei d u e v a l o r i ili v e r i t s i a p o s s e d u t o da c i a s c u n a d e l l e s u e a s s e r z i o n i

C.fr. c a p i t u l o I . s e z i o n e

12. p. 2 5 .

T a v o l e d i verit

91

costituenti. C o s i noi a b b i a m o a elle f a r e s o l t a n t o con i casi in cui l e a s s e r z i o n i costituenti h a n n o u n o e d u n o s o l o d i questi d u e v a l o r i di v e r i t . N o i non e s c l u d i a m o con n e s s u n a r e g o l a o pres u p p o s i z i o n e la p o s s i b i l i t di altri c a s i . S o l t a n t o li c o n s i d e r i a m o i r r i l e v a n t i al n o s t r o s c o p o , c h e a p p u n t o q u e l l o di d a r e t a l e g e n e r e di s i g n i f i c a t o a q u e s t e c o s t a n t i . N o i non ci i n t e s t i a m o a s o s t e n e r e clic o g n i a s s e r z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e o o g n i a s s e r z i o n e costituente d e v e a v e r e u n o s o l t a n t o di q u e s t i v a l o r i di v e r i t ; noi s t a b i l i a m o s o l t a n t o c h e se, e s o l t a n t o s e , c i a s c u n a d e l l e asserzioni costituenti di u n ' a s s e r z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e ha e s a t t a m e n t e u n o di q u e s t i d u e valori di v e r i t , a l l o r a l ' a s s e r z i o n e vero-funzion a l e h a e s a t t a m e n t e uno d i questi v a l o r i d i v e r i t . L e regole m o s t r a n o c o m e q u e s t o v a l o r e d i v e r i t s i a d e t e r m i n a t o p e r ogni c a s o in cui c i a s c u n a d e l l e a s s e r z i o n i costituenti ubbia e s a t t a m e n t e uno di q u e s t i d u e valori di v e r i t . 3. Noi d i r e m o che l e d e f i n i z i o n i c h e a b b i a m o f o r n i t o sin q u i le condizioni di verit o

stabiliscono

vero-condizioni

delle

for-

mule considerate nell'ultima sezione. Cio, le vero-condizioni di u n a f o r m u l a v e r o - f u n z i o n a l e s o n o i m o d i in cui il v a l o r e di verit di q u a l s i a s i a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a di q u e l l a f o r m u l a d e t c r m i nato d a i v a l o r i di verit d e l l e s u e a s s e r z i o n i c o s t i t u e n t i . Descriveremo ora un procedimento per determinare le vero-condizioni di f o r m u l e p i c o m p l e s s e . Si tratta di un p r o c e d i m e n t o estremam e n t e s e m p l i c e : consiste s e m p l i c e m e n t e i n r i p e t u t e a p p l i c a z i o n i d e l l e r e g o l e g i f o r n i t e c o m e d e f i n i z i o n i . P r e n d i a m o , c o m e esemp i o , l a f o r m u l a c o m p l e s s a ' ~ ( p . q ) ' e c o n f r o n t i a m o l a con l e f o r m u l e ' ~ p ' e ' p . r / ' p e r l e q u a l i a b b i a m o gi f o r n i t o l e verocondizioni. fornimmo Quando per fornimmo le vero-condizioni di quella di ' ~ p \ forma. le Le

ogni

asserzione

qualsivoglia

f o r n i m m o p e r c i a n c h e p e r i casi in cui l ' a s s e r z i o n e costituente d e l l ' a s s e r z i o n e d i q u e l l a f o r m a sia essa stessa u n ' a s s e r z i o n e verof u n z i o n a l e ; ad e s e m p i o , p e r il c a s o in cui l ' a s s e r z i o n e costituente 8

92

F u n z i o n i <1 i verit

sia d e l l a f o r m a ' p . g \ C o s i , i n b a s e a l l a t a b e l l a ( 1 ) ogni asserzione d e l l a f o r m a ' ~ ( p . q ) ' v e r a s e e s o l t a n t o s e l a c o r r i s p o n dente asserzione1 della f o r m a ' p . g ' falsa, e falsa se e soltanto se la c o r r i s p o n d e n t e a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a 'p.q' v e r a . Il valore d i verit d i ogni a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' p . q ' p e r c i a s c u n a p o s s i b i l e c o m b i n a z i o n e dei v a l o r i d i v e r i t d e l l e s u e costituenti dato nella colonna l'applicazione della ( o ) della tabella
k

( 2 ) . Cosi il valore di (1) alla colonna (a)

v e r i t d i ogni a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a regola della

~ ( p . q ) ' dato mediante

tabella

della t a b e l l a ( 2 ) . c i o s c r i v e n d o ' F ' d o v u n q u e i n q u e l l a c o l o n n a c o m p a i a " V ' e ' V ' d o v u n q u e in q u e l l a c o l o n n a c o m p a i a ' F '. Applicando ( 1 ) a ( 2 a ) otteniamo ( 2 e ) :

~p F V

(2)

p.q

()
V F F F

(e) ~(p.q)

V F

VV VF FV FF

F V V

Questo procedimento pu venir generalizzato al modo seguente. Ogni f o r m u l a c o n t i e n e u n a e o s t a n t e p r i n c i p a l e il cui c a m p o la f o r m u l a tutta i n t e r a : ed u n a o p i a l t r e costanti s u b o r d i n a t e , il c a m p o di ciascuna delle quali qualche formula meno a m p i a d e l l a f o r m u l a i n t e r a . D i c i a m o c h e o g n i f o r m u l a s i f f a t t a subordinata alla prossima formula p i a m p i a che l a i n c l u d e c o m e (1) s u a p a r t e . A l l o r a il p r o c e d i m e n t o g e n e r a l e p e r ottenere le verocondizioni di qualsiasi funzione complessa il seguente: annotate le vero-condizioni per le f o r m u l e subordinate m i n i m e i n g i o c o , c i o p e r l e f o r m u l e con l e costanti d i c a m p o m i n i m o ( c h e s a r a n n o f o r m u l e s e m p l i c i ) : ( 2 ) a p p l i c a t e q u i n d i a i risultati

' 1 frase " a s s e r z i o n e c o r r i s p o n d e n t e ' acquista qui il s e m p l i c e significato di * a s s e r z i o n e c o n le s l e s s e c o s t i t u e n t i *.

T a v o l e di verit

93

l e r e g o l e p e r l e costanti del p r o s s i m o c a m p o d i m a g g i o r a m p i e z z a , o t t e n e n d o c o s i l e vero-condizioni p e r l e f o r m u l e a l l e q u a l i l e f o r m u l e s e m p l i c i sono s u b o r d i n a t e ; e ( 3 ) c o n t i n u a t e i l p r o c e d i m e n t o fino a r a g g i u n g e r e la c o s t a n t e p r i n c i p a l e d e l l ' i n t e r a formula. Eccone l'illustrazione per un altro esempio semplice. Le vero-condizioni della formula ' ~ p . in grassetto d e l l a seguente t a b e l l a : ~ q ' son d a t e d a l l a c o l o n n a

1
V V F F V F V F

~P
F F V V F F F V

~q
F V F V

la q u a l e o t t e n u t a a p p l i c a n d o p r i m a a ' ~ ' e ' ~ q \ la r e g o l a d e l l a t a b e l l a ( 1 ) ed a p p l i c a n d o q u i n d i a l l e c o l o n n e r i s u l t a n t i la regola f o r n i t a n e l l a t a b e l l a (2<i). 4. I l p a s s o f i n a l e nello s v o l g i m e n t o del s i s t e m a sta n e l l ' u s o

d i q u e s t o m e t o d o t a b u l a r e p e r s t a b i l i r e l e v e r o - c o n d i z i o n i d i qual u n q u e f o r m u l a v e r o - f u n z i o n a l e , a g l i s c o p i : ( i ) d i s t a b i l i r e relazioni l o g i c h e f r a tali f o r m u l e , e ( i i ) d i s t a b i l i r e s e c i a s c u n a form u l a s i f f a t t a s i a a n a l i t i c a o m e n o nel s i s t e m a . Si tratta u n a volta a n c o r a d i cosa e s t r e m a m e n t e s e m p l i c e . S u p p o n i a m o d i c o m p o r r e in u n ' u n i c a t a b e l l a le vero-condizioni di p a r e c c h i e f o r m u l e differenti, e c o n f r o n t i a m o le vero-condizioni di u n a q u a l u n q u e c o p p i a d e l l e stesse, p e r e s e m p i o F j e F 2 . V i s o n o v a r i e p o s s i b i l i t . Potremmo trovare: ( 1 ) C h e tra le v a r i e c o m b i n a z i o n i p o s s i b i l i di v e r i t e f a l s i t n e l l e costituenti, non c ' e r a c o m b i n a z i o n e a l c u n a c h e c o n f e r i s s e verit a q u a l s i a s i a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a di Fi conferendo insieme falsit a una qualsiasi asserzione della forma di F j . G i a c c h le t a b e l l e f o r n i s c o n o i soli m o d i p o s s i b i l i in cui s i a verit che f a l s i t p o s s o n o v e n i r c o n f e r i t e a d asscr-

94

F u n z i o n i <1 i verit zioni d i a m b e d u e l e f o r m e , l ' a s s e n z a d i u n a tale c o m b i n a zione significherebbe che sarebbe corrispondente asserzione logicamente impossibile l e stesse per un'asserzione della f o r m a di F, essere vera mentre la ( c i o , l ' a s s e r z i o n e con c o s t i t u e n t i ) della f o r m a d i F 2 f o s s e f a l s a . M a d i r e q u e s t o d i r e c h e F i esige F 2 . C o m e e s e m p i o , p o s s i a m o p r e n d e r e i l c a s o in cui F! s i a ' . q ' e F 2 s i a
4

V q '.
pvq V V V F

p q
V F F V F V F

p.q
V F F F

N o n c' nessuna d e l l e p o s s i b i l i c o m b i n a z i o n i e l e n c a t e n e l l a c o l o n n a a s i n i s t r a p e r la q u a l e u n a q u a l s i a s i a s s e r z i o n e d e l l a forma


4

p . q ' a b b i a il v a l o r e di v e r i t v e r i t , e per il q u a l e
4

una qualsiasi asserzione della forma Possiamo (2) sommariamente trovare che

q ' a b b i a il v a l o r e
4

di verit f a l s i t . C i e q u i v a l e a d i r e c h e enunciare per ogni al modo seguente: Possiamo

p.q ' esige

q '.

ulteriori possibile

possibilit combina-

z i o n e , a s s e r z i o n i Ielle f o r m e F | e F 2 h a n n o l o stesso v a l o r e di v e r i t . Ma ci e q u i v a l e a d i r e c h e l o g i c a m e n t e i m p o s s i bile per asserzioni corrispondenti delle forme di Fj e F2 a v e r e v a l o r i di verit d i f f e r e n t i ; c i o , c h e F| logicamente

equivalente

F2.

Esempio:

' pvq'

~(~p.~q)'.

( 3 ) D u e f o r m u l e sono c o n t r a d d i t o r i c se, p e r ogni possib i l e c o m b i n a z i o n e , l e a s s e r z i o n i d e l l a loro f o r m a h a n n o valori di v e r i t o p p o s t i . ( E s e m p i o :


4

q ' e

~ p . ~ q ').

( 4 ) D u e f o r m u l e sono c o n t r a r i e s e non c ' n e s s u n a combinazione per la quale le asserzioni di a m b e d u e le forme siano vere. ( E s e m p i o :
4

p.q' e

~p.~q').

( 5 ) D u e f o r m u l e sono s u b c o i i t r u r i e s e non c' n e s s u u a

T a v o l e di verit

95

combinazione per la quale le asserzioni di a m b e d u e le forme siano false. ( E s e m p i o : ' p v g ' e ' ~ p v ~ g ' ) . I n tal m o d o p o s s i a m o ottenere d a l l e t a b e l l e r e g o l e l o g i c h e , c i o r e g o l e eon cui s t a b i l i r e c h e u n a f o r m u l a e s i g e u n ' a l t r a , l o g i c a m e n t e e q u i v a l e n t e ad u n ' a l t r a , la c o n t r a d d i t t o r i a di un'alt r a , ecc. M a esiste u n m o d o a l t e r n a t i v o d i e s p r i m e r e q u a l u n q u e r e g o l a s i f f a t t a . P e r e s e m p i o , d i r e c h e d u e f o r m u l e s o n o logicam e n t e e q u i v a l e n t i c o m e d i r e c h e le a s s e r z i o n i c o r r i s p o n d e n t i d i q u e s t e f o r m e , ove s i a n o a m b e d u e f o r n i t e d i v a l o r e d i v e r i t , hanno lo stesso valore di verit,

come

cosa

di

necessit

logica.

Ci a d i r e clic l ' a s s e r z i o n e , r e l a t i v a ad a s s e r z i o n i c o r r i s p o n d e n t i di questa forma, la quale afferma che, purch abbiano a m b e d u e v a l o r e di v e r i t , esse h a n n o lo stesso v a l o r e di v e r i t , un'asserzione a n a l i t i c a . Ma noi a b b i a m o g i d e f i n i t o un s i m b o l o , ' = ', in m o d o tale c h e u n ' a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a * = q ' vera se e s o l t a n t o s e l e s u e due a s s e r z i o n i costituenti h a n n o l o stesso v a l o r e di v e r i t , e f a l s o se e s o l t a n t o se le s u e d u e a s s e r z i o n i costituenti h a n n o v a l o r i di verit d i f f e r e n t i . C o s i , o v e le d u e a s s e r z i o n i costituenti d i u n ' a s s e r z i o n e d i q u e s t a f o r m a s i a n o l o g i c a m e n t e equivalenti ( c i o , sia l o g i c a m e n t e i m p o s s i b i l e p e r esse a v e r e v a l o r i di verit o p p o s t i ) , l ' a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' s q ' d e l l a q u a l e esse s i a n o costituenti essa stessa a n a l i t i c a ( c i o , non p u e s s e r e negata senza auto-contraddizione); e, corrispondentemente, la f o r m u l a c h e risulta d a l l ' u n i r e d u e f o r m u l e l o g i c a m e n t e e q u i v a lenti con ' = ' u n a f o r m u l a a n a l i t i c a . P e r c o n v e r s o , q u a n d o u n a f o r m u l a la cui costante p r i n c i p a l e s i a ' ' a n a l i t i c a , le d u e formule subordinate della formula complessiva sono logicamente equivalenti. Questo risulter evidente dalle tabelle nel modo s e g u e n t e : l ' a p p l i c a z i o n e dei p r o c e d i m e n t i p e r l a d e t e r m i n a z i o n e (li v e r o - c o n d i z i o n i ad u n a q u a l s i a s i f o r m u l a c h e risulti d a l riun i r e le d u e f o r m u l e e q u i v a l e n t i con * = uno colonna consistente interamente di dar sempre origine a 'v'; e, per converso.

96

F u n z i o n i <1 i verit

ogni volta c h e una c o l o n n a del g e n e r e s i a ottenuta p e r u n a form u l a la cui c o s t a n t e p r i n c i p a l e ' sa le f o r m u l e s u b o r d i n a t e alla f o r m u l a c o m p l e s s i v a s a r a n n o l o g i c a m e n t e e q u i v a l e n t i . C o s i , in c o r r i s p o n d e n z a con la r e g o l a c h e ' q ' l o g i c a m e n t e equivalente ( ~p. a ' ~ ( ~ p. ~ <7) ' ' analitica. abbiamo la regola che ' q = ~

C o r r i s p o n d e n z e a n a l o g h e e s i s t o n o p e r gli altri c a s i . C o s i : ( 1 ) P e r ogni i m p l i c a n z a esiste u n a f o r m u l a a n a l i t i c a d e l l a forma' litica. ( 2 ) P e r ogni e q u i v a l e n z a l o g i c a c'c una f o r m u l a a n a l i t i c a d e l l a f o r m a ' = q '. ( V e d i l ' e s e m p i o s o p r a r i p o r t a t o ) . (3) mula P e r ogni c a s o d i f o r m u l e c o n t r a d d i t t o r i e c' u n a foranalitica della
4 4

3 q\

Per esempio,

la

regola

che

'p.q'

esige

' q ' c o r r i s p o n d e alla r e g o l a c h e ' p . q Z> V <7 ' ana-

forma

(pvq). ~ ( p . q ) P e r

esem-

p i o : la r e g o l a c h e .(~p.~</)]' (4)

q ' la c o n t r a d d i t t o r i a di ' ~ p . ~ q '

corrisponde alla regola che ' [ ( p v i / ) v ~ p . ~ q ] . ~ [ ( p v q ) analitica. regola che alla regola
4

P e r ogni c a s o d i c o n t r a r i , c' u n a f o r m u l a a n a l i t i c a

d e l l a f o r m a ' ~(p-q) '. P e r e s e m p i o , la ' ~ p . ~ < 7 ' sono contrarie corrisponde [ ( p . q ) . ( ~ p . ~ g ) ] ' analitica.

p.q ' e
che
4

( 5 ) P e r ogni c a s o d i s u b c o n t r a r i , c' u n a f o r m u l a analitica d e l l a f o r m a ' q '. P e r e s e m p i o , la r e g o l a c h e e


4 4 4

q '

~ p v ~ < / ' sono subcontrarie corrisponde alla regola che

( p v q ) v ( ~ p v ~ 17)' analitica. stabilire che due formule vero-funzionali sono logica-

Lo

m e n t e c o l l e g a t e in q u a l c h e m o d o c o s i e s s e n z i a l m e n t e lo stesso
' P a r l e r e m o di q u a l s i a s i f o r m u l a la e u i e o s t a n t e p r i n e i p a l e s i a " Z) ' e o m e d i u n a f o r m u l a della forma ' / ) D 9 ' ; d i o g n i f o r m u l a l a c u i c o s t a n t e p r i n c i p a l e sin = c o m e di u n a f o r m u l a d e l l a f o r m a ' q e cosi via.

Tavole di verit

97

che s t a b i l i r e c h e u n a q u a l c h e f o r m u l a c h e i n c l u d e q u e s t e d u e analitica. Le f o r m u l e vero-funzionali analitiche ( c i o , formule tali che l ' a p p l i c a z i o n e a d esse del p r o c e d i m e n t o p e r d e t e r m i n a r e l e veroc o n d i z i o n i g e n e r i una c o l o n n a c o n s i s t e n t e i n t e r a m e n t e di ' V ') son dette t a l v o l t a f o r m u l e t a u t o l o g i c h e . L e f o r m u l e p e r l e q u a l i l ' a p p l i c a z i o n e d i questo p r o c e d i m e n t o g e n e r a u n a c o l o n n a consistente i n t e r a m e n t e di * F ' si c h i a m a n o f o r m u l e auto-contraddittorie. ( L ' e s e m p i o pi s e m p l i c e ' p . ~ p ' ) . L e f o r m u l e p e r l e q u a l i l ' a p p l i c a z i o n e d i questo p r o c e d i m e n t o g e n e r a u n a c o l o n n a m i s t a ( p . e . , u n a q u a l s i a s i d e l l e f o r m u l e s e m p l i c i ) son c h i a m a t e formule contingenti (o sintetiche). 5. A b b i a m o ora a d i s p o s i z i o n e un m e t o d o g e n e r a l e p e r con-

trollare qualunque formula vero-funzionale onde determinare se essa s i a o m e n o a n a l i t i c a . L e f o r m u l e a n a l i t i c h e p o s s i a m o chiamarle

leggi

del

sistema.

Considereremo annotare una

un

certo

numero

di

e s e m p i di tali leggi. ( a ) Anzitutto possiamo serie che stabilisce l ' i n t e r d e f n i b i l i t delle costanti del s i s t e m a .

(1)

(2)

=> q q

= ~ ( p . ~q) = ~( ~ p . ~<7)

( 3 ) (p = q) a ~ ( p . ~ q ) . ~ ( q . ~ p ) Ciascuna delle formule ( l ) - ( 3 ) , controllate per mezzo delle t a b e l l e d i v e r i t , s a r a n n o r i s c o n t r a t e c o m e a n a l i t i c h e . P o i c h esse s o n o tutte f o r m u l e a n a l i t i c h e d e l l a f o r m a


k

a q ', le f o r m u l e da

c i a s c u n lato d e l l a costante p r i n c i p a l e s o n o , c a s o p e r c a s o , logic a m e n t e e q u i v a l e n t i . P e r c i invece d i f o r n i r e d e f i n i z i o n i s e p a r a t e , v e r b a l i o s c h e m a t i c h e , di ' ', (p.e., ' D '


4

) ' e ' ', p o t r e m m o a v e r defi-

nito c i a s c u n a di queste costanti nei t e r m i n i d e l l e d u e r i m a n e n t i = D/ ' ~ ( P ~ q ) ' ) N o n difficile t r o v a r e ultep . e . ' = ' p u e s s e r e defiriori e q u i v a l e n z e che p e r m e t t o n o d e f i n i z i o n i a l t e r n a t i v e d i q u a l c h e c o s t a n t e nei t e r m i n i d e l l e a l t r e :

98

Funzioni <1 i verit

nita in termini di ' 3 ' e ' . ' ; ' 3 ' e ' . " in termini di ' ' e ' ~ * 1 e ' . ' in termini di ' 3 ' e ' ~ \ (b) D a l l e regole di f o r m a z i o n e fornite nella p r i m a sezione di questo capitolo a p p a r e clic ogni f o r m u l a vero-funzionale deve avere una costante p r i n c i p a l e ed una s o l a , identificaliile per mezzo della posizione delle parentesi e della regola di precedenza fra costanti. E (in qui ci s i a m o attenuti s e m p r e a questa n o r m a nella nostra esposizione. In assenza, invero, di un metodo p e r identificare la costante p r i n c i p a l e , s a r e b b e i m p o s s i b i l e app l i c a r e le regole gi fornite per s t a b i l i r e le vero-condizioni di una data f o r m u l a , e i m p o s s i b i l e quindi u s a r e le tabelle al fine di s t a b i l i r e leggi e regole del s i s t e m a . S u p p o n i a m o , per e s e m p i o , che ci si c h i e d a di d e t e r m i n a r e le vero-condizioni della form u l a ' /) D (j D \ P o t r e m m o tentare di congetturare q u a l e segno ' 3 ' dovesse considerarsi coin costante p r i n c i p a l e . Ma in questo caso congetture differenti g e n e r e r e b b e r o serie differenti di v e r o - c o n d i z i o n i ; in realt ' ( p 3 q) 3 p' una f o r m u l a contingente. l a d d o v e l p 3 (q 3 p) " analitica. P o t r e m m o dire che se 'p 3 q 3 ' fosse a m m i s s i b i l e c o m e una f o r m u l a vero-funzionale, essa riuscirebbe a m b i g u a ; asserzioni di q u e l l a f o r m a s i g n i f i c h e r e b b e r o una cosa p r e n d e n d o s i il p r i m o segno ' 3 ' c o m e costante p r i n c i p a l e , ed un'altra c o m p l e t a m e n t e diversa prendendosi c o m e costante p r i n c i p a l e il secondo segno. In effetti, ' 3 q 3 in base alle regole di f o r m a z i o n e non si qualifica p e r nulla c o m e una f o r m u l a vero-funzionale. Infatti le regole di form a z i o n e sono intese ad a s s i c u r a r e che una c o m b i n a z i o n e di simboli possa valere come f o r m u l a vero-funzionale se e soltanto se il p r o c e d i m e n t o per d e t e r m i n a r e le vero-condizioni pu essere m e c c a n i c a m e n t e a p p l i c a t o a quella f o r m u l a in m o d o tale da prod u r r e e s a t t a m e n t e una serie di vero-condizioni. S u p p o n i a m o ora di imbatterci in espressioni del tipo di ' 3 q 3 ' o di " 3 q 3 r nelle q u a l i non ci sono parentesi clic ci permettano di identificare la costante p r i n c i p a l e , ma siano differenti da '

T a v o l e d i verit

99 congettura si faccia, si giunga allora

q 3 r ' in
sempre

ci

che,

qualunque serie di

alla

stessa

vero-condizioni.

Potremmo

e m e n d a r e l e r e g o l e d i f o r m a z i o n e i n m o d o d a s a n z i o n a r e l'omiss i o n e d e l l e p a r e n t e s i in questi c a s i , c i o da a m m e t t e r e tali espressioni c o m e f o r m u l e v e r o - f u n z i o n a l i . E d i n effetti tali e s p r e s s i o n i esistono ; f r a esse q u e l l e in cui ci si i m b a t t e p i c o m u n e m e n t e sono le e s p r e s s i o n i dove s e m b r a c h e vi s i a libert di s c e g l i e r e uno q u a l s i a s i di u n a s e r i e di s e g n i semplicemente espressa come s e g u e : (4) e sono formule (5)
4

. ' o u n o q u a l s i a s i di u n a

s e r i e di s e g n i ' ' c o m e eostante p r i n c i p a l e . La cosa p u e s s e r e

(p.q).r
( p y q ) vr o

p.(q.r)
pv(gvr) del sistema, laddove ' 3

analitiche,

leggi,

( < 7 3 r ) = ( p 3 q ) 3 r ' non u n a f o r m u l a a n a l i t i c a , m a cont i n g e n t e . Le f o r m u l e da c i a s c u n lato del s e g n o ' s ' in ( 4 ) c ( S ) h a n n o le stesse v e r o - c o n d i z i o n i , m e n t r e le f o r m u l e da c i a s c u n lato del s e g n o ' = ' n e l l ' u l t i m a e s p r e s s i o n e h a n n o v e r o - c o n d i z i o n i diverse. D i c o n s e g u e n z a , ove s i a b b i a n o e s p r e s s i o n i c o m e ' p . q . r ' o 'pvqvr' (o anche, ' p . q v q . r v ( q 3 s)'), dove un certo n u m e r o di s e g n i ' . ' o un certo n u m e r o di s e g n i ' ' s e m b r a n o in c o m p e t i z i o n e p e r la c o m p e t i t o r i s o n o segni
4

p a r t e di c o s t a n t e p r i n c i p a l e , indiffe3 ', la scelta di u n o f r a essi c o m p o r t a

rente q u a l e noi si scelga p e r ((uesta p a r t e ; m e n t r e invece, se i c o n s e g u e n z e d i f f e r e n t i . C o s i l e e s p r e s s i o n i del p r i m o g e n e r e s o n o a m m e s s e , e q u e l l e del s e c o n d o g e n e r e non sono a m m e s s e c o m e formule vero-funzionali ;
4

noi

siamo

autorizzati
4

scrivere

' ( V q) r' e

( q r ) ' al p a r i c h e

q r \ S e modifi-

c h i a m o le r e g o l e di f o r m a z i o n e c s a n z i o n i a m o q u a l c h e o m i s s i o n e di p a r e n t e s i , lo f a c c i a m o in vista di a l c u n i risultati d e l l ' a p p l i c a zione d e l l e r e g o l e d i c o n t r o l l o . L e leggi ( 4 ) e ( 5 ) sono c h i a m a t e


4

leggi a s s o c i a t i v e '. ( c ) E l e n c o ora u n certo n u m e r o d i a l t r e leggi c h e , p e r v a r i e

119

F u n z i o n i <1 i verit

r a g i o n i , r i v e s t o n o interesse l o g i c o . A m o l t e di q u e s t e f a r riferim e n t o in s e z i o n i s u c c e s s i v c . (6 (7 (8 (9 (10 (11


~ ( p . ~ p )

~p

=> . q 3

'

. q = q .
q 3 V q

(12
(13 (14 (15

( V q) . ~ 3 q ~ ( p . q) . Z>~q
( p 3 q) . 3 q

(16
(17

(p 3 q) . ~ q 3 ~ Z > q = ~ q Z ) ~ p ( 3 q) . ( q 3 r ) 3 (p 3 r ) ~ p 3 (/ 3 q)
~ 3 ( 3 ~ q )

(18
(19 (20 (21 (22 (23 (24 (25 (26 (27 (28 (29 (30 (31 (32

q 3 ( P 3 q) q 3 ( ~ 3 q )
~ = ( 3 q) . (p 3 ~ q ) ~ ( p . q) = ~ p V ~ q ~(P vq) = ~p . ~q . (qV r) = . q v . r <jvr = ( p v r ) . ( q v r ) p . q v p . ~ q v ~ p . q v ~ p . ~ q 3 q 3 q (q 3 r) 3 ( p v q 3 p v r ) pv(qvr) 3 qv(pvr)

( ( / ) F o r n i s c o , infine, u n ' a l t r a d i m o s t r a z i o n e d e l l ' u s o d e l l e tab e l l e d i verit p e r s t a b i l i r e l ' a n a l i t i c i t d e l l e f o r m u l e , r i p r o d u ' Adottiamo la convenzione di scrivere ' ~ ( ~ p ) c o m e *

101 cendo la tabella per la f o r m u l a ( 1 8 ) . Si vedr che stabilire l'analit i c i t d e l l a f o r m u l a s i g n i f i c a s t a b i l i r e la t r a n s i t i v i t d e l s e g n o < 1


r 1

3 '.

(=></) V V F F V V V V

3 ( 3 )

V V F V F V V F F F V V F V F F F V F F F

F F F V F V V

F V V V F V V

F ' V F V V V V

e v i d e n t e c h e via v i a clic l e f o r m u l e v e r o - f u n z i o n a l i d i v e n t a n o pi complesse e contengono un n u m e r o s e m p r e maggiore di variabili, l'uso, senza modifiche, del m e t o d o t a b u l a r e di determinare il l o r o status ( c o m e a n a l i t i c o , s i n t e t i c o , o a u t o - c o n t r a d d i t t o r i o ) diventa s e m p r e p i i m b a r a z z a n t e . G r a n d e i n g e g n o s i t s i e d e d i c a t a ad escogitare gruppi di regole che permettessero metodi pi rapidi ed eleganti per il controllo di f o r m u l e complesse Non mi sofferm e r a d e s c r i v e r l i . I n f a t t i io n o n mi o c c u p o t a n t o d e l l ' a b i l i t tecn i c a i n l o g i c a , p e r a m m i r e v o l e c h e p o s s a e s s e r e , q u a n t o del c a r a t tere f o n d a m e n t a l e dei s i s t e m i l o g i c i e d e l l e l o r o r e l a z i o n i c o n il discorso ordinario.

II.

Costanti
6.

vero-funzionali

parole

ordinarie

Che dire delle relazioni fra le costanti vero-funzionali e

l e e s p r e s s i o n i del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o ? I l s i g n i f i c a l o , o i n t e r p r e tazione, di q u e l l e costanti, venne fornito, in parole, alle p p . 87-88,


1

Milano

C f r . , A! 1960).

esempio,

QUINE.

Methods

of Logic ( t r a d , it., Manuale di logica,

102

Funzioni <1 i verit

e tale s p i e g a z i o n e doveva essere intesa alla luce dei p r o c e d i m e n t i s v i l u p p a t i in seguito p e r d e t e r m i n a r e le vero-condizioni e stabilire le regole logiche. D o b b i a m o d o m a n d a r c i , in relazione con ciascuna di quelle costanti, se vi sia una q u a l c h e espressione del linguaggio o r d i n a r i o che a b b i a a l m e n o un uso di m a s s i m a identificabile col significato della costante stessa. assai c o m u n e suggerire, con certe riserve, le identificazioni s e g u e n t i : con ' non ', o ' non si d il caso che ' ; * . ' con 'e 1 ; '. . . . . . * con ' o . . . o . . . ' ; * . . . 3 . . . " con ' se . . . allora . . . ' ; ' . . .= . . . " con ' . . . se e soltanto se . . . " Di queste identificazioni le p r i m e lue sono le m e n o suscettibili li riuscire fuorvienti. Troveremo clic le rimanenti sono non solo f u o r v i e n t i , ma d e c i s a m e n t e false. S a r e m o in grado di dire clic una tale identificazione decis a m e n t e falsa non a p p e n a troveremo che la congiunzione ordinaria, nel suo uso di m a s s i m a o p r i m a r i o , non si c o n f o r m a ad una regola logica che vale per la costante vero-funzionale con la q u a l e essa viene identificata, e non a p p e n a troveremo, per converso, che la costante vero-funzionale non si c o n f o r m a ad una regola logica che vale per la congiunzione o r d i n a r i a nel suo uso di m a s s i m a o p r i m a r i o . Ma troveremo anche che persino la pi errata di queste identificazioni ha un punto a suo f a v o r e : s c o p r i r e m o non solo q u a l c h e g r a d o di p a r a l l e l i s m o f o r m a l e ( c h e potrebbe venir notato indipendentemente d a l l ' i n t e r p r e t a z i o n e ) , ma anche q u a l c h e g r a d o di interpretazione di significati rispettivamente fra le espressioni interpretate del sistema ed il linguaggio o r d i n a r i o . Non pot r e m m o . naturalmente, trovare quest'ultima caratteristica senza la prima. 7. Le leggi ( 6 ) e ( 7 ) , prese assieme, mostrano clic ogni enunciato o f o r m u l a vero-funzionale in cui la costante p r i n c i p a l e sia un segno il contraddittorio dell'enunciato o f o r m u l a che risulta d a l l ' o m i s s i o n e di cpiel segno. Noi a b b i a m o visto che un uso di m a s s i m a e p r i m a r i o di 1 non * in un enunciato consiste nell'as-

Costatili v e r o - f u n z i o n a l i

103

s e r i r e l a c o n t r a d d i t t o r i a d e l l ' a s s e r z i o n e c h e p o t r e b b e esser fatta u s a n d o , nello stesso contesto, lo stesso e n u n c i a t o s e n z a la p a r o l a ' non ' Q u e s t a i d e n t i f i c a z i o n e c o m p o r t a , a l l o r a , s o l o q u e l l e min i m e d i v e r g e n z e d a l l a l o g i c a del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o c h e d e v o n o s e m p r e r i s u l t a r e d a l l ' a t t i v i t del l o g i c o f o r m a l e d i c o d i f i c a r e d e l l e r e g o l e con l ' a i u t o d i m o d e l l i v e r b a l i : v a l e a d i r e ( i ) l ' a d o z i o n e d i una r e g o l a r i g i d a q u a n d o i l l i n g u a g g i o o r d i n a r i o p e r m e t t e v a r i a zioni e d e v i a z i o n i d a l l ' u s o d i m a s s i m a ( c f r . l e r e g o l e ( 6 ) e ( 9 ) e le d i s c u s s i o n i fatte nel c a p i t o l o I, s e z i o n e 3, e nel c a p i t o l o I I , sez i o n e 9 ) ; ( i i ) q u e l l ' e s t e n s i o n e del s e n s o d i ' e s e m p l i f i c a r e " c h e ci p e r m e t t e , p.e., di c o n s i d e r a r e ' T o m m a s o non p a z z o " del p a r i c h e ' N o n tutti i tori sono p e r i c o l o s i ' c o m e ' e s e m p l i f i c a z i o n i ' d i ' non-p '. C o s i noi chiameremo il s e g n o di n e g a z i o n e , e legge-

remo ' ~ ' c o m e ' non '.


S i p o t r e b b e e s s e r tentati d i p e n s a r e c h e d i c h i a r a n d o l e f o r m u l e ( 6 ) e ( 7 ) leggi del sistema non s i sia fatto a l t r o c h e d i r e c h e , p e r ci c h e r i g u a r d a questo s i s t e m a , u n ' a s s e r z i o n e non p u e s s e r e ass i e m e v e r a e f a l s a , e d e v e e s s e r e o vera o f a l s a . Ma non cosi. Le r e g o l e c h e ( 6 ) e ( 7 ) s o n o a n a l i t i c h e non s o n o r e g o l e i n t o r n o a l ' v e r o ' e al ' f a l s o ', sono r e g o l e i n t o r n o a Esse dicono ehe, d a t o clic u n ' a s s e r z i o n e a b b i a u n o dei d u e v a l o r i d i v e r i t , a l l o r a logicamente impossibile che sia quell'asserzione che l'asserzione c o r r i s p o n d e n t e d e l l a f o r m a ' ~ ' s i a n o v e r e , e clic s i a q u e l l ' a s serzione che l a corrispondente asserzione della forma * ~ p ' siano false. 8. N e l l ' i d e n t i f i c a z i o n e di ' e ' con ' . ' c' g i u n a c o n s i d e r e -

vole d i s t o r s i o n e dei f a t t i . ' E ' p u a v e r e m o l t e f u n z i o n i clic ' . '


' N a t u r a l m e n t e non d o b b i a m o p e n s a r e e h e l ' i n s e r z i o n e di ' n o n ' in qualunque p o s t o , in qualunque e n u n c i a l o a b b i a sempre q u e s t ' e f f e t t o . ' A l c u n i tori s o n o n o n p e r i c o l o s i ' non i la c o n t r a d d i t t o r i a di ' A l c u n i tori s o n o p e r i c o l o s i '. Q u e s t a la r a g i o n e p e r cui l ' i d e n t i f i c a z i o n e di ' ~ c o n ' n o n si d il c a s o clic " r ila p r e f e r i r s i a l l a s u a i d e n t i f i c a z i o n e r o n * n o n " sic et simplicitcr.

104

F u n z i o n i <1 i v e r i t

non p u a v e r e . P u , p e r e s e m p i o , e s s e r e u s a t a p e r a c c o p p i a r e dei nomi ( ' T o m m a s o e Guglielmo a r r i v a r o n o ' ) , o degli aggettivi ( ' E g l i e r a a f f a m a t o e a s s e t a t o * ) , o degli a v v e r b i ( " E g l i c a m m i nava lentamente e p e n o s a m e n t e ' ) ; mentre ' . ' pu essere usato soltanto per accoppiare espressioni che potrebbero a p p a r i r e come e n u n c i a t i s e p a r a t i . S i p o t r e b b e e s s e r tentati d i d i r e c h e gli enunciati in cui ' e ' a c c o p p i a in parole o f r a s i s i a n o abbreviazioni di grammaticalmente enunciali cui ' e ' a c c o p p i a proposizioni

c o m p l e t e ; p.c., c h e ' E g l i e r a a f f a m a t o e a s s e t a t o ' s a r e b b e u n ' a b b r e v i a z i o n e p e r ' E g l i e r a a f f a m a t o ed egli e r a a s s e t a t o '. Ma c i s e n z ' a l t r o f a l s o . Noi non d i c i a m o di n e s s u n o c h e usi un e n u n c i a t o c o m e ' T o m m a s o e G u g l i e l m o a r r i v a r o n o ', c h e egli sta p a r l a n d o e l i t t i c a m e n t e o clic usa a b b r e v i a z i o n i . Al c o n t r a r i o , q u e l l a di form a r e soggetti p l u r a l i o p r e d i c a t i c o m p o s t i p r o p r i o una d e l l e funzioni di ' e * p e r le q u a l i non si trova la c o r r i s p o n d e n t e nel c a s o di ' . '. ben v e r o , n a t u r a l m e n t e , clic m o l t e a s s e r z i o n i di f o r m a '. e y sono / " oppure " / e g ', s o n o l o g i c a m e n t e e q u i v a l e n t i a corr i s p o n d e n t i a s s e r z i o n i d e l l a f o r m a ' f e y f " o p p u r e ' .t / e

g \ M a . in p r i m o l u o g o , q u e s t o un fatto c h e r i g u a r d a l ' u s o ,
in certi contesti, d e l l a p a r o l a ' c ' , al q u a l e non c o r r i s p o n d e alc u n a r e g o l a p e r l'uso di ' . '. E, in s e c o n d o l u o g o , vi s o n o i n n u m e revoli contesti p e r i piali non v a l e u n a s i m i l e e p i i v a l e n z a . P e r e s e m p i o ' T o m m a s o e M a r i a si f e c e r o a m i c i ' non e q u i v a l e n t e a ' T o m m a s o si fece a m i c i e M a r i a si fece a m i c i '. Q u e s t e a s s e r z i o n i s i g n i f i c a n o , c o m u n e m e n t e , c o s e del tutto liverse '. E n e p p u r e v a l e , u n a t a l e e q u i v a l e n z a , ove si s o s t i t u i s c a a ' si f e c e r o a m i c i c o n t r a r o n o ieri ', ' s t a v a n o c o n v e r s a n d o ' si in' a n d a r o n o s p o s i ' o ' sta-

vano giocando a scaccili'. Persino ' T o m m a s o e Guglielmo arrivar o n o " non significa l o stesso c h e ' T o m m a s o a r r i v e G u g l i e l m o
1 M a s i n o t i c h e u n o p o t r e b b e lire ' T o m m a s o e M a r i a s i f e c e r o a m i c i ; m a n o n f r a l o r o ' . L ' i m p l i c a z i o n e ili m u t u a l i t n e l l a p r i m a f r a s e n o n c o s i stretta da non p o t e r essere rigettata senza auto-contraddizione ; ma abbastan za stretta da rendere In ripulsa s o r p r e n d e n t e , un effetto letterario.

C o s t a t i l i vero-funzionali

105

a r r i v ' ; infatti l a p r i m a a s s e r z i o n e s u g g e r i s c e u n ' i n s i e m e ' e l a s e c o n d a un o r d i n e di a r r i v o . P o t r e b b e v e n i r i g n o r a t o c h e ' e ' ba d e l l e f u n z i o n i c h e ' . ' non ha ( p . e . , p u c o m p o r t a r e in certi contesti u n ' i m p l i c a z i o n e di m u t u a l i t c h e ' . ' non c o m p o r t a ) , e sostenersi invece c h e le regole c h e v a l g o n o p e r ' e ', quando usato per

accoppiare

proposizioni

grammaticalmente

complete,

sono

le

stesse c h e v a l g o n o per ' . '. N e m m e n o q u e s t o v e r o . In b a s e a l l a legge ( 1 1 ) ' p . q ' l o g i c a m e n t e e q u i v a l e n t e a ' q. ' ; ma ' E s s i si s p o s a r o n o ed e b b e r o un b a m b i n o ' o p p u r e ' E g l i si d i e d e da f a r e e trov l a v o r o ' non sono p r o p r i o a f f a t t o l o g i c a m e n t e e q u i v a l e n t i a ' Essi e b b e r o un b a m b i n o e si s p o s a r o n o ' o p p u r e * E g l i trov lav o r o e si d i e d e da f a r e '. S i p o t r e b b e tentare d i e v i t a r e q u e s t e difficolt c o n s i d e r a n d o ' . ' c o m e a v e n t e la f u n z i o n e , non di ' e ', ma di q u a l c o s a c h e vi assomiglia, cio di un punto fermo. Non dovremmo allora parlare pi di a s s e r z i o n i della f o r m a ' p.q

p.q.r\ ecc., ma p a r l a r e in-

vece di serie-di-asserzioni di q u e s t e f o r m e . Ma ci non e v i t e r e b b e tutte le difficolt, p e r q u a n t o ne e v i t e r e b b e a l c u n e . P e r s i n o in un p a s s o di p r o s a consistente di d i v e r s i e n u n c i a t i i n d i c a t i v i , Vordine degli e n u n c i a t i p o t r e b b e e s s e r e in g e n e r a l e e s s e n z i a l e p e r il s e n s o , e in p a r t i c o l a r e , rilevante, in un m o d o e s c l u s o d a l l a r e g o l a ( 1 1 ) , in r a p p o r t o a l l e vero-condizioni di u n a serie-di-asserzioni f a t t e m e d i a n t e il p a s s o stesso. un f a t t o c h e , in g e n e r a l e , nel d i s c o r s o o r d i n a r i o e n e l l ' o r d i n a r i a s c r i t t u r a , c l a u s o l e ed e n u n c i a t i n o n cont r i b u i s c o n o a l l e vero-condizioni d e l l e c o s e dette m e d i a n t e ^ b r a n i c o m p l e s s i v i i n nessuno d i q u e i s e m p l i c i m o d i c h e s o n o r a p p r e s e n tati n e l l e t a b e l l e d i verit p e r i c o n n e t t i v i b i n a r i ( ' z > ' , ' . ' , ' ' , ' = ') del s i s t e m a , ma in m o d i m o l t o p i sottili, v a r i e c o m p l e s s i . Ma p r e c i s a m e n t e la s e m p l i c i t del m o d o in c u i , m e d i a n t e la definizione di una vero-funzione, proposizioni semplici congiunte p e r m e z z o d i questi connettivi c o n t r i b u i s c o n o a l l e v e r o - c o n d i z i o n i degli e n u n c i a t i risultanti d a l l e c o n g i u n z i o n i , c h e r e n d e p o s s i b i l e l o s t i l i z z a t o , m e c c a n i c o l i n d o r e del s i s t e m a logico. N o n s e r v e rim-

106

F u n z i o n i <1 i verit

p r o v e r a r e a l logico i l s u o d i v o r z i o d a l l e realt l i n g u i s t i c h e , p i d i q u e l che non s e r v a r i m p r o v e r a r e al littore astrattista di n o n e s s e r e un r i p r o d u t t i v i s t a ; ma g i u s t a m e n t e u n o p o t r e b b e r i m p r o v e r a r l o se egli pretendesse di e s s e r e un zione della r e a l t . U n a p i t t u r a a s t r a t t a p u e s s e r e , i n m o d o r i c o n o s c i b i l e , u n a pittura di q u a l c o s a . E l ' i d e n t i f i c a z i o n e d i ' . ' con ' e ', o con un p u n t o f e r m o , non un s e m p l i c e e r r o r e . u n ' a s s i m i l a z i o n e t u t t ' a l t r o c h e p r i v a di s i g n i f i c a t o , L ' i n t e r p r e t a z i o n e di ' . ', e le r e g o l e ad e s s o segno relative, definiscono un'operazione linguistica m i n i m a che potremmo c h i a m a r e ' c o n g i u n z i o n e s e m p l i c e ' e descrivere alla b u o n a c o m e la r i u n i o n e ili d u e o pi a s s e r z i o n i nel p r o c e s s o di ass e r i r l e a s s i e m e . E q u e s t o e u n a p a r t e di ci c h e f a c c i a m o s p e s s o con ' e ' e con i l p u n t o f e r m o . M a noi non l e g h i a m o a s s i e m e a l l a r i n f u s a tutte l e a s s e r z i o n i c h e c o n s i d e r i a m o v e r e ; noi l e l e g h i a m o assieme, pronunziando o scrivendo singoli enunciati o brani interi, s o l o (liando v i s i a q u a l c h e u l t e r i o r e r a g i o n e p e r l ' a c c o s t a m e n t o , p.e., (liando esse r e g i s t r i n o e p i s o d i successivi in u n a s i n g o l a narr a z i o n e . E ci p e r cui o p e r i a m o la c o n g i u n z i o n e p u c o n f e r i r e a g l i e n u n c i a t i in cui la c o n g i u n z i o n e stessa si c o n c r e t a c a r a t t e r i s t i c h e l o g i c h e in d i v a r i o r i s p e t t o a l l e r e g o l e s t a b i l i t e p e r " . *. C o s i g i si visto clic u n ' a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' e q' p u c o m p o r t a r e un'implicazione d'ordine temporale incompatibile cou quella d e l l a c o r r i s p o n d c n t e a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' q e *. C i non significa n e g a r e c h e a s s e r z i o n i c o r r i s p o n d e n t i a q u e s t e , m a d e l l a forma
11

artista

dedito

alla

rappresenta-

p.q' e ' q.p' s a r e b b e r o , q u a n d o

venissero

fatte, logica-

m e n t e e q u i v a l e n t i ; tali a s s e r z i o n i infatti non c o m p o r t e r e b b e r o implicazioni. e perci neppure implicazioni incompatibili, d'ordine t e m p o r a l e . N con ci si negu l ' i m p o r t a n z a , e l ' u t i l i t , d e l l ' a s s i m i l a z i o n e ; l ' a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a " p.q * significa a l m e n o u n a p a r t e d i ci c h e v i e n e s i g n i f i c a t o m e d i a n t e l a c o r r i s p o n d e n t e a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' e q '. P o t r e m m o d i r e : la f o r m a 'p.q' u n ' a s t r a z i o n e d a i d i f f e r e n t i usi d e l l a f o r m a ' e q La c o n g i u n z i o n e sein-

Costanti v e r o - f u n z i o n a l i

107

p l i e e un e l e m e n t o m i n i m o n e l l a c o n g i u n z i o n e c o l l o q u i a l e . Poss i a m o p a r l a r e d i ' . " c o m e del s e g n o c o n g i u n t i v o ; e l e g g e r l o , p e r semplicit come ' e ' oppure come
4

insieme . . . e . . .

I l o gi f a t t o notare c h e la d i v e r g e n z a f r a i significati a t t r i b u i t i a l l e costanti v e r o - f u n z i o n a l i e i s i g n i f i c a t i d e l l e c o n g i u n z i o n i ord i n a r i e con cui esse sono o r d i n a r i a m e n t e identificate s i a n o ridotte al m i n i m o nei casi di
4

~' e

S ' visto a n c h e c h e le r i m a n e n t i

costanti del s i s t e m a p o s s o n o v e n i r d e f i n i t e nei t e r m i n i di q u e s t e d u e . A l t r e interdefinizioni s o n o e g u a l m e n t e p o s s i b i l i . M a p o i c h


4

~ ' e " . ' s o n o p i d a p p r e s s o i d e n t i f i c a b i l i con

non

e " che

ogni a l t r a c o s t a n t e con q u a l s i a s i a l t r a p a r o l a del l i n g u a g g i o ordin a r i o , p r e f e r i s c o d a r r i l i e v o a l l a d e f n i b i l i t d e l l e r i m a n e n t i costanti nei t e r m i n i di


4

. ' c

~ \ u t i l e r i c o r d a r e c h e ogni r e g o l a

o l e g g e del s i s t e m a p u v e n i r e e s p r e s s a in t e r m i n i di n e g a z i o n e e di c o n g i u n z i o n e s e m p l i c e . Il s i s t e m a p u invero c h i a m a r s i il Sis t e m a di N e g a z i o n e e C o n g i u n z i o n e . 9. Le r e l a z i o n i fra " se " e


4 4

3 ' sono g i state d i s c u s s e , ma s o l o

p a r z i a l m e n t e '. Il segno

3 ' c h i a m a t o s e g n o d ' I m p l i c a z i o n e Ma-

t e r i a l e - n o m e questo c h e p r e n d e r in c o n s i d e r a z i o n e p i a v a n t i . Il s u o s i g n i f i c a t o d a t o d a l l a r e g o l a clic ogni a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' 3 q ' falsa nel c a s o in cui la p r i m a d e l l e s u e a s s e r z i o n i costituenti vera e la s e c o n d a f a l s a , e v e r a in ogni a l t r o c a s o cons i d e r a t o nel s i s t e m a . C i a d i r e clic la falsit d e l l a p r i m a asserz i o n e c o s t i t u e n t e o la v e r i t d e l l a s e c o n d a s o n o , del p a r i , c o n d i zioni sufficienti della verit di u n * a s s e r z i o n e di i m p l i c a z i o n e materiale; la c o m b i n a z i o n e di v e r i t n e l l a
2

prima e falsit nella

s e c o n d a l ' u n i c a c o n d i z i o n e , n e c e s s a r i a e sufficiente, d e l l a s u a f a l s i t . L ' u s o di m a s s i m a o p r i m a r i o


1

di un e n u n c i a t o " se . . . al-

II. sezione 7. d i f f i c i l e e s a g e r a r e l ' i m p o r t a n z a di q u e s t a f r a s e q u a l i f i c a t i v a . V s o n o impieghi di ' se . . . allora . . . " che non rispondono alla descrizione qui fornita, n a nessuna delle altre descrizioni fornite in questo capitolo.
2

108

F u n z i o n i <1 i verit

l o r a . . . ' si e f f e t t u a , d ' a l t r o c a n t o , c o m e g i v e d e m m o , in circos t a n z e in c u i , ove non si c o n o s c a se q u a l c h e a s s e r z i o n e fatta med i a n t e un e n u n c i a l o c o r r i s p o n d e n t e in certo m o d o a l l a p r o t a s i di un p e r i o d o i p o t e t i c o s i a vera o m e n o , o si c r e d a c h e s i a f a l s a , si ritiene n o n d i m e n o c h e u n p a s s a g g i o nel r a g i o n a m e n t o d a q u e l l ' a s serzione a un'asserzione similmente collegata all'apodosi sarebbe un p a s s a g g i o c o r r e t t o o r a g i o n e v o l e , p u r e s s e n d o d u b b i a la verit a n c h e della s e c o n d a a s s e r z i o n e , o r i t e n e n d o l a a d d i r i t t u r a f a l s a . P e r s i n o i n tali c i r c o s t a n z e s i p u e s i t a r e , t a l v o l t a , a d a p p l i c a r e l a p a r o l a ' v e r o ' a d a s s e r z i o n i i p o t e t i c h e ( c i o , a s s e r z i o n i clic pot r e b b e r o v e n i r fatte m e d i a n t e l'uso di ' s e . . . a l l o r a . . .' nel significato tipico di m a s s i m a ) , preferendo chiamarle ragionevoli o ben forniate. O r a u n a d e l l e c o n d i z i o n i sufficienti d e l l a v e r i t di u n ' a s s e r z i o n e d ' i m p l i c a z i o n e m a t e r i a l e p u e s s e r e s o d d i s f a t t a ben i s s i m o s e n z a c h e s i a n o s o d d i s f a t t e l e c o n d i z i o n i p e r l a verit ( o ragionevolezza) della corrispondente asserzione ipotetica; cio, u n ' a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' z> q ' non esige la c o r r i s p o n d e n t e ass e r z i o n e d e l l a f o r m a * se p. a l l o r a q '. Ma se s i a m o d i s p o s t i ad accettare l'asserzione ipotetica, d o b b i a m o per coerenza esser preparati a n e g a r e la c o n g i u n z i o n e d e l l ' a s s e r z i o n e c o r r i s p o n d e n t e a l l a p r o t a s i d e l l ' a s s e r z i o n e i p o t e t i c a con l a n e g a z i o n e d e l l ' a s s e r z i o n e c o r r i s p o n d e n t e a l l ' a p o d o s i ; c i o , u n ' a s s e r z i o n e Iella f o r m a ' s e p , a l l o r a q ' e s i g e la c o r r i s p o n d e n t e a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' ) q '. I l v a l o r e d e l l a p a r o l a " c o r r i s p o n d e n t e ' nel c a p o v e r s o preccd e n l e Ita b i s o g n o di e s s e r c h i a r i t o . C o n s i d e r i a m o i tre s e g u e n t i e s e m p l a r i li e n u n c i a t i i p o t e t i c i : ( 1 ) S e i T e d e s c h i a v e s s e r o invaso l ' I n g h i l t e r r a nel 1 9 1 0 . a v r e b b e r o vinto l a g u e r r a . ( 2 ) S e J o n e s fosse i n c a r i c a , m e t lei p e r s o n a l e s a r e b b e stato l i c e n z i a t o . ( 3 ) Se piove, l'incontro verr rinviato. G l i e n u n c i a t i c h e p o t r e b b e r o v e n i r usati p e r f a r e a s s e r z i o n i corri

C o s t a t i l i vero-funzionali

113

spandenti, nel senso v o l u t o s i a a l l e p r o t a s i c h e a l l e a p o d o s i , possono v e n i r d e t e r m i n a t i c o n s i d e r a n d o c h e c o s a ( i n g e n e r a l e ) s i d e v e p r e s u p p o r r e clic l ' a u t o r e di c i a s c u n a a s s e r z i o n e m e t t a in d u b b i o o c r e d a c h e non s i a vero. In tal m o d o , le c o p p i e di e n u n c i a t i corrispondenti alle ipotetiche citate s o n o : ( I n ) I T e d e s c h i i n v a s e r o l ' I n g h i l t e r r a nel 1 9 1 0 : essi vinsero la guerra. ( 2 t t ) J o n e s in c a r i c a ; m e t del p e r s o n a l e e stato licenziato. (3a) P i o v e r ; l'incontro verr rimandato.

Gli e n u n c i a t i c h e p o t r e b b e r o u s a r s i p e r f a r e l e a s s e r z i o n i d ' i m p l i cazione materiale

corrispondenti

alle

asserzioni

ipotetiche

fatte

d a g l i e n u n c i a t i d a ( 1 ) a ( 3 ) p o s s o n o o r a venir c o s t r u i t i con queste c o p p i e d i enunciati nel m o d o s e g u e n t e : ( M l ) I T e d e s c h i i n v a s e r o l ' I n g h i l t e r r a nel 1 9 1 0 v i n s e r o la g u e r r a . ( M 2 ) J o n e s in c a r i c a cenziato. (M3) Piover l'incontro verr rimandato. 3 m e t del p e r s o n a l e stato liZ) essi

Il fatto stesso clic q u e s t e m o d i f i c a z i o n i v e r b a l i s i a n o n e c e s s a r i e al fine di ottenere d a l l e p r o p o s i z i o n i del p e r i o d o i p o t e t i c o le prop o s i z i o n i del c o r r i s p o n d e n t e e n u n c i a t o d ' i m p l i c a z i o n e m a t e r i a l e costituisce g i u n s i n t o m o d e l l a r a d i c a l e d i f f e r e n z a f r a a s s e r z i o n i i p o t e t i c h e ed asserzioni v e r o - f u n z i o n a l i . A l c u n e d i f f e r e n z e di dettaglio r i s u l t a n o altres e v i d e n t i d a q u e s t i e s e m p i . L a f a l s i t d i u n ' a s s e r z i o n e fatta con ' I T e d e s c h i i n v a s e r o l ' I n g h i l t e r r a nel 1 9 4 0 ' o " J o n e s in c a r i c a ' u n a c o n d i z i o n e sufficiente d e l l a v e r i t d e l l e c o r r i s p o n d e n t i asserzioni fatte con ( M I ) e d ( M 2 ) ; m a l o stesso non v a l e , n a t u r a l m e n t e , p e r l e c o r r i s p o n d e n t i a s s e r z i o n i f a t t e con ( 1 ) e ( 2 ) . A l t r i m e n t i non c i s a r e b b e n o r m a l m e n t e senso a l c u n o ad u s a r e e n u n c i a t i r o m e (1 ) e ( 2 ) ; si tratta infatti di e n u n c i a t i

110

F u n z i o n i <1 i v e r i t

d i e n o r m a l m e n t e ' e o m p o r t e r e b b e r o , p e r il t e m p o e il m o d o del v e r b o , l ' i m p l i c a z i o n e clic c b i l i p r o n u n z i a c r e d e a l l a f a l s i t d e l l e a s s e r z i o n i c o r r i s p o n d e n t i a l l e p r o t a s i e a l l e a p o d o s i dei p e r i o d i i p o t e t i c i . Il f a t t o c h e non p i o v a sufficiente a v e r i f i c a r e un'asserz i o n e fatta con ( M 3 ) , m a non u n ' a s s e r z i o n e fatta con ( 3 ) . I l f a t t o c h e non p i o v a a n c h e sufficiente a v e r i f i c a r e u n ' a s s e r z i o n e fatta u s a n d o il s e g u e n t e ( M 4 ) : ' P i o v e r r> l'incontro non v e r r r i m a n d a l o '. Le f o r m u l e " 3 q ' e ' Z) ~ q ' s o n o c o n g r u e n t i fra l o r o , ed il fare congiuntamente corrispondenti asserzioni di queste f o r m e e q u i v a l e a u n ' a s s e r z i o n e c o r r i s p o n d e n t e Iella f o r m a ' ~ '. Ma ' Se p i o v e r , l ' i n c o n t r o v e r r r i m a n d a l o ' i n c o n g r u e n t e con ' Se p i o v e r , l ' i n c o n t r o n o n v e r r r i m a n d a t o ', e la loro c o n g i u n t a a s s e r z i o n e nello stesso contesto a u t o - c o n t r a d d i t t o r i a . S u p p o n i a m o d i c h i a m a r e l ' a s s e r z i o n e c o r r i s p o n d e n t e a l l a protasi del p e r i o d o i p o t e t i c o con cui si fa u n ' a s s e r z i o n e i p o t e t i c a antecedente dell'asserzione ipotetica; e l'enunciato corrispondente a l l ' a p o d o s i , s u o c o n s e g u e n t e . Si pensa talvolta c h e , m e n t r e ovv i a m e n t e f u t i l e i d e n t i f i c a r e a s s e r z i o n i c o n d i z i o n a l i con i m p l i c a zioni m a t e r i a l i in q u e i c a s i in cui il m o d o o il t e m p o del v e r b o normalmente comportano la falsit dell'antecedente ( p . e . , il caso ( 1 ) o ( 2 ) ), vi son r a g i o n i p e r s o s t e n e r e u n ' a l m e n o p a r z i a l e identificazione nei casi in cui n e s s u n a a s s u n z i o n e del g e n e r e prom o s s a . c i o ([liando s i a l a s c i a t a a p e r t a l a p o s s i b i l i t c h e s i a n o veri s i a 1'anteeedente clic i l c o n s e g u e n t e ( p . e . . i l c a s o ( 3 ) ) . N e i casi del p r i m o g e n e r e ( p e r i o d i ipotetici ' d e l l ' i r r e a l t " ) l a nostra attenz i o n e diretta s o l t a n t o s u l l e u l t i m e d u e linee d e l l e t a b e l l e di verit p e r ' 3 q ', d o v e l ' a n t e c e d e n t e Ita c o m e v a l o r e li v e r i t la f a l s i t ; ed il s u g g e r i m e n t o c h e " ~ p ' e s i g a ' se p. a l l o r a q ' c s e n t i t o c o m e o v v i a m e n t e e r r o n e o . M a nei c a s i del s e c o n d o g e n e r e , p o s s i a m o esa-

1 Ma n o n n e c e s s a r i a m e n t e . p o s s i b i l e c h e l ' i m p e r f e t t o o il p i u c c h e p e r f e t t o c o n g i u n t i v o s i a n o u s a l i q u a n d o s e m p l i c e m e n t e s i p r o s p e t t i n o l e conseg u e n z e ili u n ' i p o t e s i c h e s i d i s p o s t i a d e v e n t u a l m e n t e a c c o l l a r e .

C o s t a t i l i vero-funzionali

113

m i n a r e a n c h e l e p r i m e d u e l i n e e p e r c h l a p o s s i b i l i t c h e l'antec e d e n t e si a v v e r i l a s c i a t a a p e r t a ; e il s u g g e r i m e n t o c h e ' . ry ' e s i g a ' se p, a l l o r a q ' non sentito c o m e o v v i a m e n t e e r r o n e o . Ma si tratta di u n ' i l l u s i o n e , s i a p u r e di u n ' i l l u s i o n e g e n e r a t a eia u n a r e a l t . L ' a v v e r a r s i sia d e l l ' a n t e c e d e n t e c h e d e l c o n s e g u e n t e d i un'ass e r z i o n e i p o t e t i c a non m o s t r a c h e chi l ' h a fatta a v e s s e r a g i o n e ; il c o n s e g u e n t e infatti p o t r e b b e a v v e r a r s i c o m e r i s u l t a t o d i f a t t o r i c h e non h a n n o c o n n e s s i o n e a l c u n a con l ' a v v e r a r s i d e l l ' a n t e c e d e n t e o a d d i r i t t u r a con esso m a l s i c o n c i l i a n o , a n z i c h e s s e r n e u n a conseg u e n z a . D o v r e m m o esser d i s p o s t i a d i r e c h e chi ha fatto l ' a s s e r z i o n e i p o t e t i c a a v e v a r a g i o n e s o l t a n t o ove f o s s i m o a l t r e s d i s p o s t i a d i r e che l ' a v v e r a r s i d e l l ' a n t e c e d e n t e costituisce, a l m e n o in p a r t e , la s p i e g a z i o n e d e l l ' a v v e r a r s i del c o n s e g u e n t e . L a realt c h e sta d i e t r o l ' i l l u s i o n e c o m p l e s s a : in p a r t e il fatto c h e , in m o l t i c a s i , l'avverarsi i n s i e m e di a n t e c e d e n t e e c o n s e g u e n t e p u f o r n i r e c o n f e r m a a l l ' i d e a clic l'esistenza di stali di cose c o m e quelli descritti d a l l ' a n tecedente c u n a b u o n a r a g i o n e p e r a s p e t t a r s i stali di cose c o m e q u e l l i descritti dal c o n s e g u e n t e ; in p a r t e il fatto clic u n o c h e d i c a . p.e. ' S e p i o v e r , l'incontro s a r r i m a n d a t o ' f a u n a p r e d i z i o n e ( e p r e c i s a m e n t e q u e l l a c h e l ' i n c o n t r o s a r r i m a n d a t o ) sotto u n a cond i z i o n e ( e p r e c i s a m e n t e , c h e p i o v a ) , e c h e l'effettivo r i m a n d o dell'incontro a e a u s a della p i o g g i a ci p o r t a a d i r e non s o l o c h e la ragionevolezza d e l l a p r e d i z i o n e ne c o n f e r m a l a , ma a d d i r i t t u r a c h e ne c o n f e r m a t a la p r e d i z i o n e s t e s s a . P o i c h u n ' a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' r> q ' non e s i g e la corrispondente asserzione della forma ' s e p. allora q' (nel suo uso di m a s s i m a ) , d o b b i a m o a s p e t t a r c i , e in effetti si t r o v a t a , u n a divergenza fra le r e g o l e p e r ' r> ' e le r e g o l e p e r ' se ' ( n e l s u o u s o di m a s s i m a ) . P o i c h ' se p, a l l o r a q ' esige ' z> q '. d o b b i a m o a n c h e a t t e n d e r c i di trovare un q u a l c h e p a r a l l e l i s m o fra le r i s p e t t i v e reg o l e ; infatti tutto ci c h e ' r> q ' e s i g e , lo e s i g e a n c h e ' s e p, a l l o r a q '. In r e a l t , il p a r a l l e l i s m o c h e t r o v i a m o m a g g i o r e di q u e l l o c h e s e m p l i c e m e n t e c o n s e g u i r e b b e d a l f a t t o c h e ' se p. al-

112 l o r a q ~ e s i g e ' 3 q \ uiiito al f a t t o e h e l ' i m p l i c a n z a t r a n s i t i v a . Le leggi da ( 1 9 ) a ( 2 3 ) c o m p r e s a non hanno leggi p a r a l l e l e per " s e '. M a p e r (15) (16) (18) ( P 3 q) . 3 q
(p 3

q)

. ~q = ~q
3

~P

(17) (p

3 q
3

3 ~p r)
3

q) . ( q

(p

r)

t r o v i a m o e h e , con c e r t e r i s e r v e ' , h a n n o b u o n a v a l i d i t l e s e g u e n t i leggi p a r a l l e l e : (i) ( ii ) (iii) (iv) ( s e p, a l l o r a q ; e p) 3 q ( s e p. a l l o r a q ; c n o n - q ) 3 n o n - p ( s e p , a l l o r a q ) 3 ( s e non -q, a l l o r a n o n - p ) ( s e p, allora

q : e se q. allora r) 3 ( s e p. allora r)

( necessario rammentarsi che c h i a m a r e leggi le f o r m u l e da ( i ) a ( iv ) lo stesso c h e d i r e c h e . p . e . . nel c a s o di ( iii ), ' se p. a l l o r a q ' e s i g e ' s e non-ry, a l l o r a n o n - p ' ) . l i t r o v i a m o s i m i l m e n t e c h e . p e r
' Tali riserve sona importanti. Per esempio, e spesso impossibile applicare direttamente la legge di implicanza ( i i i ) senza ottenere risultati scorretti o assurdi. Si rende necessaria di solito qualche modificazione della struttura delle p r o p o s i z i o n i del p e r i o d o i p o t e t i c o . M a l a l o g i c a f o r m a l e n o n c i g u i l l a a l l a t t o a scoprire quali modificazioni siano necessarie. Se a p p l i c h i a m o la regola ( i i i ) ai nostri e s e m p l a r i di e n u n c i a t i ipotetici, senza m o d i f i c a r e affatto i t e m p i o i modi delle singole proposizioni, otteniamo espressioni di scarsa correttezza l i n g u i s t i c a . Se m a n t e n i a m o q u a n t o p i p o s s i b i l e la struttura t e m p o r a l e e m o d a l e , nel m o d o pili s e m p l i c e c o n c u i s i p o s s a o t t e n e r e l ' a c c o r d o c o n i r e q u i siti g r a m m a t i c a l i , o t t e n i a m o gli enunciati : S c i T e d e s c h i n o n a v e s s e r o v i n t o l a g u e r r a , essi n o n a v r e b b e r o i n v a s o l ' I n g h i l t e r r a nel 1 0 . Se met del personale non fosse stato licenziato, J o n e s non s a r e b b e in c a r i c a . S e l ' i n c o n t r o n o n s a r r i m a n d a t o , non p i o v e r . Ma questi enunciali, che sono ben lungi dall'essere logicamente equivalenti agli originali, h a n n o in ciascun caso un senso affatto d i f f e r e n t e . p o s s i b i l e , a l m e n o i n a l c u n i c a s i del g e n e r e , c o s t r u i r e e n u n c i a t i d i f o g g i a pili o m e n o a p p r o priata perche si possa i m m a g i n a r n e un uso e che stiano nella relazione logica

Costatili

vero-funzionali

113

a l c u n i p a s s a g g i c h e s a r e b b e r o invalidi p e r ' se ", vi s o n o p a s s a g g i e o r r i s p o n d e n t i c h e s a r e b b e r o invalidi p e r " 3 ". P e r e s e m p i o : ( p 3 q) . q

( 3 q)

. ~ .'. ~q

sono s c h e m i d ' i n f e r e n z a i n v a l i d i , e tali s o n o a n c h e se p, a l l o r a q ; e q se />, a l l o r a q : e non-p .*. non-q. I . ' a n a l o g i a f o r m a l e p u v e n i r q u i descritta d i c e n d o c h e n e ' p 3 q ' , n ' se p, a l l o r a q ' sono f o r m u l e s e m p l i c e m e n t e c o n v e r t i b i l i . A b b i a m o trovato m o l t e leggi ( p . e . , q u e l l e d a ( 1 9 ) a ( 2 3 ) ) c h e v a l g o n o p e r ' 3 ' e non p e r ' s e ' . C o m e e s e m p i o invece d i u n a legge c h e v a l e p e r ' se ' e non p e r ' 3 ' p o s s i a m o d a r e la f o r m u l a analitica ' ~ T ( s e p . a l l o r a q ) . ( s e p , a l l o r a n o n - q ) ] . L a c o r r i s p o n d e n t e formula ' ~ ( 3 q) . (p 3 ~ q ) l ' non analitica, ma (cfr. ( 2 3 ) ) e equivalente alla formula contingente

'.

Le regole affermanti che formule come quelle da ( 1 9 ) a ( 2 3 ) s o n o a n a l i t i c h e sono dette t a l v o l t a ' p a r a d o s s i d c l l ' i m p l i c a z i n n e Q u e s t o t e r m i n e i m p r o p r i o . Se ' 3 ' c o n s i d e r a t o c o m e i d e n t i c o
r i c h i e s t a c o n g l i e n u n c i a t i o r i g i n a l i ( p . c . , * Se non si l il c a s o c h e m e t Hol p e r s o n a l e sia s t a t o l i c e n z i a t o , a l l o r a J o n e s non pu essere i n c a r i c a ' ; o p p u r e * Se i T e d e s c h i non vinsero la g u e r r a , solo perch essi non invasero l ' I n g h i l t e r r a nel 1 9 4 0 ' : o a n c h e ( s e i d o c u m e n t i s t o r i c i d i v e n t a s s e r o m o l t o s c a r s i , i l c h e non p r o b a b i l e ) ' S e i T e d e s c h i n o n v i n s e r o l a g u e r r a , n o n p u e s s e r v e r o c h e essi i n v a s e r o l ' I n g h i l t e r r a nel 1 9 1 0 ' ) . Q u e s t i m u t a m e n t i r i f l e t t o n o d i f f e renze nelle circostanze in cui u n o p o t r e b b e usare questi e n u n c i a t i , a n z i c h gli originali. Cosi l'enunciato che inizia ' S e J o n e s fosse in carica . . verrebbe usato n o r m a l m e n t e ( m a non necessariamente) da una persona che gi s a p p i a Ile J o n e s n o n in c a r i c o ; l ' e n u n c i a t o c h e c o m i n c i a ' N o n si d il c a s o c h e m e t del p e r s o n a l e s i a stato l i c e n z i a t o . . . ' d a u n a p e r s o n a i n v i a d i g i u n g e r e alla c o n c l u s i o n e c h e J o n e s non in eariro. Dire c h e gli enunciati s o n o nondimeno logicamente equivalenti significa rilevare il fatto che i f o n d a m e n t i p e r a c c e t t a r e sin l ' u n o c h e l ' a l t r o s a r e b b e r o s t a t i , i n d i f f e r e n t i c i r c o s t a n z e , f o n d a m e n t i p e r a c c e t t a r e la l e g i t t i m i t li un p a s s a g g i o da " J o n e s in c a r i c a ' " M e t d e l p e r s o n a l e s t a t o l i c e n z i a t o '.

114

F u n z i o n i <1 i verit

sin ad ' esige '. s i a . pili a m p i a m e n t e a ' se . . . a l l o r a . . . " nel s u o uso. d i m a s s i m a , q u e l l e r e g o l e non s o n o p a r a d o s s a l i , m a s e m p l i c e m e n t e s c o r r e t t e . Se a " 3 ' d a t o il s i g n i f i c a t o c h e ha nel s i s t e m a d e l l e v e r o - f u n z i o n i , l e r e g o l e s o n o c o n s e g u e n z e non gi p a r a d o s s a l i . ma s e m p l i c i e p i a n e , del s i g n i f i c a t o a t t r i b u i t o al s i m b o l o . N e l c o r s o di q u e s t a s e z i o n e ho p a r l a l o di un uso ' p r i m a r i o o di m a s s i m a " di ' se . . . a l l o r a . . . ' o di ' se \ le cui c a r a t t e r i s t i c h e p r i n c i p a l i e r a n o : c h e p e r c i a s c u n a a s s e r z i o n e i p o t e t i c a fatta med i a n t e q u e s t ' u s o di ' se si p o t e v a f a r e e s a t t a m e n t e una a s s e r z i o n e c h e f o s s e l ' a n t e c e d e n t e d e l l ' i p o t e t i c a ed e s a t t a m e n t e una a s s e r z i o n e c h e fosse la s u a c o n s e g u e n t e ; c h e l ' a s s e r z i o n e i p o t e t i c a accettab i l e ( v e r a , r a g i o n e v o l e ) nel c a s o in cui l ' a s s e r z i o n e a n t e c e d e n t e , se fatta o a c c e t t a t a , c o s t i t u i r e b b e , nelle c i r c o s t a n z e d a t e , un b u o n fondamento o ragione per accettare l'asserzione conseguente: e che il f a r e l ' a s s e r z i o n e i p o t e t i c a c o m p o r t i l ' i m p l i c a z i o n e e h e o si s i a incerti circa l ' a v v e r a r s i tanto d e l l ' a n t e c e d e n t e , q u a n t o del conseg u e n t e , o s e n z ' a l t r o clic non si c r e d a in un tale a v v e r a m e n t o '. Tuttavia non tutti gli usi di ' se " e s i b i s c o n o tutte q u e s t e c a r a t t e r i s t i c h e . I n p a r t i c o l a r e c' u n u s o c h e h a u g u a l e diritto a d e s s e r e c a t a l o g a t o c o m e uso di m a s s i m a e c h e s t r e t t a m e n t e c o n n e s s o con q u e l l o descritto. ma c h e non e s i b i s c e la p r i m a c a r a t t e r i s t i c a e p e r il q u a l e la d e s c r i z i o n e del resto d e v e v e n i r m o d i f i c a t a in c o n s e g u e n z a . Ho in m e n t e q u e l l i c h e si p o s s o n o c h i a m a r e p e r i o d i ipotetici ' variabili " o " g e n e r a l i ' , c o m e , p.c., i s e g u e n t i : " S e il g h i a c c i o las c i a t o a l s o l e , esso f o n d e ' ; ' S e u n lato d i u n t r i a n g o l o v i e n e p r o l u n g a t o , l ' a n g o l o e s t e r n o u g u a l e a l l a s o m m a dei d u e a n g o l i interni o p p o s t i ': ' Se un b a m b i n o s o t t o p o s t o a d i s c i p l i n a m o l t o stretta nella p r i m a i n f a n z i a , s v i l u p p e r t e n d e n z e a g g r e s s i v e nella

1 C i r r o q u e s t o unnici di u s a r e " se ' ci s a r c h i l e da d i r e a s s a i di pili : in p a r t i colare. sarchile da esaminarsi che significa la q u e s t i o n e ' se l'antecedente sia un b u o n f o n d a m e n t o o r a g i o n e p e r a c c e t t a r e il c o n s e g u e n t e ' e c o m e esattaniente questa questione si r a p p o r t i alla questione se l'asserzione ipotetica sia vera ( accettabile. r a g i o n e v o l e ) o m e n o .

Costatili v e r o - f u n z i o n a l i

113

vita a d u l t a ' ; c cosi via. A u n ' a s s e r z i o n e fatta m e d i a n t e un enunciato c o m e questi non corrisponde nessuna singola c o p p i a di e n u n c i a t i c h e s i a n o , r i s p e t t i v a m e n t e , il s u o a n t e c e d e n t e e il s u o c o n s e g u e n t e . D ' a l t r a p a r t e , p e r ogni a s s e r z i o n e s i f f a t t a c ' u n num e r o indefinito d i a s s e r z i o n i i p o t e t i c h e n o n - g e n e r a l i c h e p o t r e b b e r o esser c h i a m a t e e s e m p l i f i c a z i o n i , a p p l i c a z i o n i , d e l l ' i p o t e t i c a v a r i a b i l e ; p e r e s e m p i o , u n ' a s s e r z i o n e fatta m e d i a n t e l ' e n u n c i a t o Se q u e s t o p e z z o di g h i a c c i o s a r l a s c i a t o al s o l e , esso f o n d e r '. Sull'argomento delle ipotetiche variabili ritorner pi avanti '. D u e usi r e l a t i v a m e n t e p o c o c o m u n i di ' se ' s o n o q u e l l i rispettiv a m e n t e i l l u s t r a b i l i con gli e n u n c i a t i : ' Se egli si s e n t i i m b a r a z z a t o , non n e m o s t r segno a l c u n o ' e " S e egli h a p a s s a t o q u e s t o e s a m e , io sono Olandese ( i o mi mangio il cappello, ecc.) '. La condizione sufficiente e n e c e s s a r i a d e l l a verit d e l l ' a s s e r z i o n e fatta col p r i m o e n u n c i a t o c h e la p e r s o n a cui si r i f e r i s c e non a b b i a m o s t r a t o s e g n o a l c u n o di i m b a r a z z o . Di c o n s e g u e n z a , un tale e n u n c i a t o non p u e s s e r e trattato n c o m e u n ' i p o t e t i c a d i m a s s i m a n c o m e u n ' i m p l i c a z i o n e m a t e r i a l e . K s c m p i del s e c o n d o g e n e r e v e n g o n o t a l v o l t a erroneamente considerati c o m e una prova che ' s e ' si comporta, d o p o tutto, s u p p e r g i c o m e si c o m p o r t a ' 3 '. L ' e v i d e n z a su cui c i s i a p p o g g i a r i s i e d e , p r e s u m i b i l m e n t e , nei fatti ( i ) c h e non c' c o n n e s s i o n e a l c u n a fra a n t e c e d e n t e e c o n s c g u e n t e , ( i i ) clic ovviam e n t e i l c o n s e g u e n t e non s i a v v e r a ( o non s i a v v e r e r ) ; ( i i i ) che l'intenzione di chi p a r l a p a l e s e m e n t e q u e l l a di d a r e r i l i e v o e s p r e s s i v o a l l a c o n v i n z i o n e clic n e p p u r e l ' a n t e c e d e n t e a v v e r a t o , e ( i v ) i l fatto c h e ' ( p 3 q ) . ~ q ' e s i g e ' ~ p ' . M a q u e s t o costituisce u n o s t r a n o e s e m p i o di l o g i c a . I n f a t t i , in q u a l s i a s i p o s s i b i l e i n t e r p r e t a z i o n e , * se p. a l l o r a q ' h a . rispetto a l l a ( i v ) , gli stessi poteri logici d i ' p 3 q ' . e s o n o p r o p r i o q u e s t i p o t e r i logici c h e esso sia s f r u t t a n d o , non si sa se p e r s c h e r z o o p e r d a r s i ai voli di fantasia. l ' a s s e n z a li c o n n e s s i o n e cui s' fatto r i f e r i m e n t o in ( i )
' C f r . r a p i t o l o V I I , p a r t e 1.

lift

F u n z i o n i di verit

c h e ne fa u n ' a r g u z i a , un gioco v e r b a l e , un uso s t r a v a g a n t e di " se '. S e l e a s s e r z i o n i i p o t e t i c h e f o s s e r o i m p l i c a z i o n i m a t e r i a l i , l e asserzioni p a r t i c o l a r i i n e s a m e non s a r e b b e r o u n ' a r g u t a s t r a v a g a n z a , ma e s e m p i ili s o b r i e t l i n g u i s t i c a e ili l i n e a r e v e r i t . Infine, [lussiamo n o t a r e c h e " se
1

p u e s s e r e i m p i e g a t o non s o l o

nel f a r e s e m p l i c e m e n t e a s s e r z i o n i , m a a n c h e , p.e.. nel f a r e a n n u n z i c o n d i z i o n a l i di intenzioni ( p.e., ' Se p i o v e r , s t a r a c a s a '), i q u a l i , c o m e gli a n n u n z i di i n t e n z i o n i i n c o n d i z i o n a l i , non v e n g o n o chiamati veri o f a l s i , b e n s descritti in q u a l c h e a l t r o m o d o . Se la persona che p r o f e r i s c e l ' e n u n c i a t o citato esce di c a s a a d i s p e t t o d e l l a p i o g g i a , non d i c i a m o c h e c i c h e a v e v a detto e r a f a l s o , p e r q u a n t o

potremmo d i r e clic egli m e n t i v a ( c h e m a i c i o f o s s e s t a l a s u a intenzione d i s t a r e i n c a s a ) ; o p p u r e c h e egli h a c a m b i a t a o p i n i o n e . S i d n n o a n c h e altri usi d i ' s e ' , dei q u a l i non t r a t t e r . Il m o d o |)i s i c u r o di leggere il s e g n o di i m p l i c a z i o n e mater i a l e , f o r s e , " non i n s i e m e . . . e non . . . '. 10. Il s e g n o di e q u i v a l e n z a m a t e r i a l e ' = ' ha il s i g n i f i c a t o

che fornito dalla seguente definizione:


k

= < / ' = D / ' ( p => q) . (q => p ) '

e la f r a s e con la q u a l e q u a l c h e volta lo si i d e n t i f i c a , c i o ' se e soltanto se ', ha il s i g n i f i c a t o f o r n i t o d a l l a s e g u e n t e d e f i n i z i o n e : ' se e s o l t a n t o se q ' = D/ ' se p. a l l o r a q, e se q, a l l o r a '. Di c o n s e g u e n z a , le o b b i e z i o n i c h e v a l g o n o c o n t r o l ' i d e n t i f i c a z i o n e di ' 3 q " con ' se p. a l l o r a q ' v a l g o n o con f o r z a r a d d o p p i a t a contro l ' i d e n t i f i c a z i o n e di " = q ' con ' se e s o l t a n t o se q ". 11. Le r e l a z i o n i f r a ' " e ' o ' ( o p p u r e ' o . . . o . . . ') sono in

c o m p l e s s o m e n o i n t i m e di q u e l l e fra " . ' e ' e ', ma m e n o r e m o t e di q u e l l e fra ' r> ' e " se ". D i c i a m o a s s e r z i o n e alternativa un'asserz i o n e fatta a c c o p p i a n d o d u e p r o p o s i z i o n i g r a m m a t i c a l i c o m p l e t e

C o s t a t i l i vero-funzionali

113

per m e z z o di ' o ', e p a r l i a m o d e l l a p r i m a e s e c o n d a alterna di u n a siffatta a s s e r z i o n e , a n a l o g a m e n t e a c o m e p a r l a v a m o di a n t e c e d e n t e e c o n s e g u e n t e di u n ' a s s e r z i o n e i p o t e t i c a . Ad u n a f e r m a t a d'atilobus, q u a l c u n o potrebbe d i r e : '0 prendiamo questo autobus, o d o v r e m o f a r e a piedi tutta la s t r a d a fino a c a s a '. E g l i p o t r e b b e a v e r detto altrettanto b e n e : ' S e non p r e n d i a m o q u e s t o a u t o b u s , d o v r e m o f a r e a p i e d i tutta la s t r a d a fino a c a s a '. Si s a r v e d u t o c h e l ' a n t e c e d e n t e d e l l ' a s s e r z i o n e i p o t e t i c a e b e egli p o t r e b b e a v e r f a t t o la n e g a z i o n e d e l l a p r i m a a l t e r n a d e l l ' a s s e r z i o n e a l t e r n a t i v a fatta. O v v i a m e n t e , non c o n s i d e r e r e m m o il fatto clic si p r e n d a l ' a u t o b u s c o m e u n a c o n d i z i o n e s u f f i c i e n t e d e l l a ' verit " di a m b e d u e le asserzioni ; se r i s u l t a s s e c h e l ' a u t o b u s p r e s o non e r a l ' u l t i m o , d i r e m m o che la p e r s o n a clic ha fatto l ' a s s e r z i o n e si e r a s b a g l i a t a . La verit di u n a d e l l e a l t e r n e non u n a c o n d i z i o n e sufficiente d e l l a v e r i t d e l l ' a s s e r z i o n e a l t e r n a t i v a pili di q u e l c h e la f a l s i t d e l l ' a n t e c e dente sia c o n d i z i o n e sufficiente d e l l a verit d e l l ' a s s e r z i o n e ipotetica. E p o i c h ' 3 V q ' (e p a r i m e n t i ' q Z3 q ") e una legge del s i s t e m a v e r o - f u n z i o n a l e , q u e s t o fatto m o s t r a s u f f i c i e n t e m e n t e che esiste una d i f f e r e n z a f r a a l m e n o un u s o di m a s s i m a di ' o ' e il significato a t t r i b u i t o a ' ' . O r a , in tutti o (piasi tutti i casi nei q u a l i s i a m o d i s p o s t i a d i r e q u a l c o s a d e l l a f o r m a * o q *, noi s i a m o a n c h e d i s p o s t i a d i r e q u a l c o s a d e l l a f o r m a ' se n o n - p . a l l o r a q '. E questo fatto p u indurci a e s a g e r a r e la d i f f e r e n z a f r a ' ' e ' o ', a p e n s a r e c h e , d a t o che in a l c u n i c a s i l ' a v v e r a r s i di u n a a l t e r n a non c o n d i z i o n e sufficiente d e l l a verit d e l l ' a s s e r z i o n e a l t e r n a t i v a di cui essa u n a a l t e r n a , l ' a v v e r a r s i di u n a a l t e r n a non s i a m a i cond i z i o n e sufficiente della verit di u n ' a s s e r z i o n e a l t e r n a t i v a . E questa c e r t a m e n t e u n ' e s a g e r a z i o n e . S e q u a l c u n o d i c e : ' O e r a Giovanni, o e r a R o b e r t o - ma non p o t r e i d i r e ehi dei d u e '. noi s i a m o s o d d i s f a t t i d e l l a verit d e l l ' a s s e r z i o n e a l t e r n a t i v a s e u n a q u a l s i a s i (Ielle d u e a l t e r n e risulta e s s e r v e r a ; e d i c i a m o c h e ehi ha p a r l a t o era in e r r o r e soltanto se n e s s u n a d e l l e d u e risulta e s s e r v e r a . A questo punto s e m b r a c i s i p r e s e n t i u n r e b u s ; a q u a n t o p a r e , i u f a t l i ,

F u n z i o n i di verit s t i a m o d i c e n d o elle ' 0 e r a G i o v a n n i , o e r a R o b e r t o ' e s i g e ' Se non e r a G i o v a n n i , e r a R o b e r t o ' , e . a l l o stesso t e m p o , c h e ' E r a Giovanni " esige la p r i m a , nta non la s e c o n d a . Q u i r i s e n t i a m o f o r s e di una certa c r u d e z z a d e l l a nostra n o z i o n e di i m p l i c a n z a , di u n a difficolt n e l l ' a p p l i c a r e q u e s t o concetto t r o p p o i n d i f f e r e n z i a t o a i fatti linguistici; o, se lo p r e f e r i a m o , di un'ambiguit nella nozione di c o n d i z i o n e sufficiente. L ' a s s e r z i o n e clic e r a G i o v a n n i e s i g e l'asserz i o n e clic e r a o G i o v a n n i o R o b e r t o nel senso che la conferma : ( p i a n d o si s c o p r a clic stato G i o v a n n i , v i e n e m o s t r a l o clic c h i diceva clic o e r a G i o v a n n i , o e r a R o b e r t o , a v e v a r a g i o n e . Ma la p r i m a a s s e r z i o n e non e s i g e la s e c o n d a nel senso clic il p a s s a g g i o " E r a Giovanni, dunque era o Giovanni o Roberto
1

s i a un p a s s a g g i o logica-

m e n t e a p p r o p r i a t o ( s a l v o clic la p e r s o n a clic lo d i c e non intenda con ci s e m p l i c e m e n t e (die u n ' a s s e r z i o n e a l t e r n a t i v a fatta in precedenza era c o r r e t t a , c i o clic ' era uno dei d u e ' ) . I n f a t t i l ' a s s e r z i o n e a l t e r n a t i v a c o m p o r t a l ' i m p l i c a z i o n e d e l l ' i n c e r t e z z a di chi la fa c i r c a chi f o s s e dei d u e . e q u e s t ' i m p l i c a z i o n e i n c o n g r u e n t e con l ' a s s e r z i o n e c h e e r a G i o v a n n i . C o s i , in q u e s t o s e n s o di ' c o n d i z i o n e sufficiente ', l ' a s s e r z i o n e c h e e r a G i o v a n n i non u n a c o n d i z i o n e sufficiente di ( non e s i g e ) l ' a s s e r z i o n e c h e e r a o G i o v a n n i o R o b e r t o pi di (piel e s s a non s i a u n a c o n d i z i o n e sufficiente di ( n o n e s i g a ) l ' a s s e r z i o n e c h e s e non e r a G i o v a n n i , e r a R o b e r t o . L ' u l t e r i o r e rass o m i g l i a n z a . c h e gi a b b i a m o notato, fra l ' a s s e r z i o n e a l t e r n a t i v a e quella ipotetica, che qualsiasi conoscenza o esperienza renda r a g i o n e v o l e l ' a s s e r z i o n e a l t e r n a t i v a , r e n d e a n c h e r a g i o n e v o l e l'ass e r z i o n e c h e ( a c o n d i z i o n e c h e non fosse G i o v a n n i ) e r a R o b e r t o . Ma m e n o f e l i c e ci r i u s c i r e b b e l ' a f f e r m a z i o n e clic l ' a s s e r z i o n e ipotetica sia confermala d a l l a s c o p e r t a c h e e r a G i o v a n n i , di q u e l c h e non r i u s c i s s e l ' a f f e r m a z i o n e c h e l ' a s s e r z i o n e a l t e r n a t i v a conferm a t a da q u e s t a s c o p e r t a . N o i p r o p e n d i a m o infatti a d i r e c h e la q u e s t i o n e d e l l a c o n f e r m a d e l l ' a s s e r z i o n e i p o t e t i c a ( i n q u a n t o distinta d a l l a q u e s t i o n e d e l l a s u a r a g i o n e v o l e z z a o a c c e t t a b i l i t ) si p o n e solo nei t e r m i n i c h e l a c o n d i z i o n e ( c l i c non e r a G i o v a n n i )

119 risulti a v v e r a l a . C i r i v e l a u n ' a s i m m e t r i a , p e r q u e l c h e r i g u a r d a l a

conferma, n o n l ' a c c e t t a b i l i t , f r a ' se non p, a l l o r a q * e


allora ' che non rispecchiata nelle forme " o q * e ' se non q. a l l o r a ' s o n o l o g i c a m e n t e e q u i v a l e n t i

k k

se non q. o q ".

T a l e a s i m m e t r i a i g n o r a t a n e l l a r e g o l a c h e ' se n o n , a l l o r a q ' e giacch questa r e g o l a r i g u a r d a l ' a c c e t t a b i l i t p i u t t o s t o c h e l a c o n f e r m a . E rettam e n t e . S p e s s o i n f a t t i noi p o s s i a m o d i s c u t e r e la ' v e r i t ' di u n a cond i z i o n a l e soggiuntiva o d e l l ' i r r e a l t , d o v e p u r e la f o r m a d e l l e parole i m p i e g a t e s u g g e r i s c e c h e n o n c i s i p u a t t e n d e r e p o s s i b i l i t di c o n f e r m a . N o n s e n z a r e l a z i o n e con q u a n t o d e t t o s o p r a l a d i f f e r e n z a f r a e n u n c i a t i eoi ' s e ' e d e n u n c i a t i c o n ' ' c o n s i s t e n t e nel f a t t o c h e , mentre q u a n d o usiamo di questi ultimi s a r e m m o anche pronti a u s a r e d e i p r i m i , n o n v a l e il c o n v e r s o . I c a s i in c u i g e n e r a l m e n t e non v a l e s o n o q u e l l i d e l l e c o n d i z i o n a l i s o g g i u n t i v e o i p o t e t i c h e dell ' i r r e a l t . N o n c ' n e s s u n e n u n c i a t o con ' * e h e p o s s a s e r v i r e c o m e p a r a f r a s i di ' Se i T e d e s c h i a v e s s e r o i n v a s o l ' I n g h i l t e r r a nel 1 9 4 0 , essi a v r e b b e r o v i n t o l a g u e r r a ' , a l m o d o i n c u i q u e s t ' e n u n c i a t o v e r r e b b e p i c o m u n e m e n t e u s a t o . E c i in r a p p o r t o al f a t t o c h e " o . . . o . . . * a s s o c i a t o con s i t u a z i o n i c h e i n v o l g o n o s c e l t a o t l c c i s i o n e . ' O l ' u n a o l ' a l t r a di q u e s t e s t r a d e c o n d u c e a O x f o r d ' non s i g n i f i c a lo stesso c h e ' O q u e s t a s t r a d a c o n d u c e a O x f o r d o vi conduce q u e l l a ' ; ma a m b e d u e le asserzioni ci pongono di fronte alla necessit di fare una scelta. Q u e s t o ci p o r t a a u n a c a r a t t e r i s t i c a di ' o ' la q u a l e , a differenza li q u e l l e fin qui t r a t t a t e , c o m u n e m e n t e m e n z i o n a t a n e l l a t r a t t a z i o n e d e l l e s u e r e l a z i o n i con
4

v ' ; il fatto, precisamente, che

i n certi c o n t e s t i v e r b a l i ' o . . . o . . . ' c h i a r a m e n t e c o m p o r t a l ' i m p l i c a z i o n e ' e non i n s i e m e . . . e . . . ' , m e n t r e i n a l t r i c o n t e s t i non la c o m p o r t a . Se ne parla talvolta, rispettivamente, c o m e del senso e s c l u s i v o e d i q u e l l o i n c l u s i v o d i * o ' ; e d c h i a r o c h e . s e dob' C.fr. nulli p. 1 1 2 .

120

F u n z i o n i <1 i v e r i t

liianio i d e n t i f i c a r e ' ' con un dei d u e , d o v r e m o f a r l o eon il sec o n d o . L a r a g i o n e p e r cui q u e s t a c a r a t t e r i s t i c a d e l l ' u s o o r d i n a r i o di ' o ". a d i f f e r e n z a di a l t r e , c o m u n e m e n t e m e n z i o n a t a , c h e la d i f f e r e n z a p u v e n i r f a c i l m e n t e e s p r e s s a nel s i m b o l i s m o del sis t e m a v e r o - f u n z i o n a l e : essa la d i f f e r e n z a f r a ' ( q). ~ (p.q) ' ( s e n s o e s c l u s i v o ) e ' q' ( s e n s o i n c l u s i v o ). ' () ", c o m e " e '. v i e n e c o m u n e m e n t e u s a t o p e r c o n g i u n g e r e parole e frasi n o n m e n o c h e p r o p o s i z i o n i c o m p l e t e . Le ' difficolt di m u t u a l i t ' p r e s e n t i n e l l ' a m p l i a m e n t o g e n e r a l e di ' e y s o n o /' in ' .r / e y / ' non s o n o presenti n e l l ' a m p l i a m e n t o di ' o y / * in ' / o y e / '. ( C i non significa c h e l ' a m p l i a m e n t o p o s s a sempre correttamente effettuarsi). P o s s i a m o c h i a m a r e " " il s e g n o d i s g i u n t i v o e, u n a volta messi in g u a r d i a c o n t r o il p r e n d e r e la lettura t r o p p o s e r i a m e n t e , legg e r l o ' o ".

III.

Costanti Il
12.

vero-funzionali deduttivo

e delle

relazioni

logiche.

sistema

vero-funzioni

D o v r e b b e r o o r a esser c h i a r e a l c u n e c o s e circa il s i s t e m a

d e l l e v e r o - f u n z i o n i . D o v r e b b e e s s e r c h i a r o c h e l e costanti del sis t e m a non p o s s o n o v e n i r s e m p l i c e m e n t e i d e n t i f i c a t e , p e r signific a t o , con q u e l l e e s p r e s s i o n i del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o cui esse sono talvolta a s s i m i l a t e d a g l i scrittori d i l o g i c a . D o v r e b b e e s s e r c h i a r o , i n o l t r e , c h e la d e c i s i o n e circa i significati d e l l e c o s t a n t i del s i s t e m a , la s e l e z i o n e di u n a s e r i e d e f i n i b i l e in t e r m i n i di s e m p l i c e congiunzione e semplice negazione ( d i " . ' e non s o l t a n t o uno strav a g a n t e c a p r i c c i o del l o g i c o f o r m a l e , m a d e t t a t a d a l d e s i d e r i o ili s e m p l i c i t s i s t e m a t i c a . Infatti una t a l e c a r a t t e r i s t i c a , m e n t r e mirabilmente esemplificata dal sistema vero-funzionale, non e s e m p l i f i c a l a affatto da un resoconto v e r i d i c o del l a b i r i n t o di usi

C o s t a t i l i vero-funzionali

113

logici a t t r a v e r s o il q u a l e ci a v v e n t u r i a m o s e n z a e s i t a z i o n e nel nostro q u o t i d i a n o i m p i e g o d e l l e c o n g i u n z i o n i c o m e a b i t u a l m e n t e connesse. I n f i n e , d o v r e b b e e s s e r e c h i a r o c h e , m e n t r e un e r r o r e iden-

tificare, i l l u m i n a n t e pura ganare, le c o n g i u n z i o n i a b i t u a l i con le


costanti v e r o - f u n z i o n a l i . Q u e s t a c o m p a r a z i o n e ci o b b l i g a a un mig l i o r i n t e n d i m e n t o d i a l c u n e d e l l e c a r a t t e r i s t i c h e l o g i c h e p i generali del nostro l i n g u a g g i o . D o v r e b b e a n c h e esser c h i a r o c h e un e r r o r e c h e si c o n f o n d e ( p u r senza c o i n c i d e r e ) con q u e l l o ili i d e n t i f i c a r e le costanti e le cong i u n z i o n i q u e l l o di i d e n t i f i c a r e l ' i m p l i c a z i o n e m a t e r i a l e con l'imp l i c a z i o n e l o g i c a o i m p l i c a n z a (" 3 ' con ' e s i g e ' ) ; l ' e q u i v a l e n z a m a t e r i a l e con l ' e q u i v a l e n z a logica (' = ' con ' l o g i c a m e n t e equiv a l e n t e ' ) ; l a n e g a z i o n e d i u n a c o n g i u n z i o n e con l ' i n c o n g r u e n z a ( " ~ ( p . q) ' con " l ' a s s e r z i o n e c h e i n c o n g r u e n t e con l'asserz i o n e c h e q ' ) , ecc. Q u e s t o c o m p l e s s o di i d e n t i f i c a z i o n i ci in cui si concreta un e r r o r e c h e a l l o stesso t e m p o s i n g o l a r m e n t e ovvio e. c i o n o n o s t a n t e , s i n g o l a r m e n t e a t t r a e n t e . I v o c a b o l i stessi ne sono una p r o v a . U n o p o t r e b b e d i r e clic la f u n z i o n e d e l l ' a g g e t t i v o ' mat e r i a l e ' s a r e b b e q u e l l a di n e u t r a l i z z a r e gli i n g a n n e v o l i suggerimenti dei n o m i ' i m p l i c a z i o n e ' c ' e q u i v a l e n z a '. I v o c a b o l i incorp o r a n o tanto l ' e r r o r e c h e l a s u a c o r r e z i o n e . L a r a g i o n e d e l l ' a t t r a e n z a d i q u e s t o e r r o r e s t a . s e n z a d u b b i o , nel fatto clic noi p o s s i a m o u s a r e e d u s i a m o l e costanti v e r o - f u n z i o n a l i c o m e l e costanti p r i n c i p a l i nello s c r i v e r e r e g o l e l o g i c h e ( o f o r m u l e a n a l i t i c h e ) tanto del s i s t e m a v e r o - f u n z i o n a l e , q u a n t o di altri sistemi e p e r s i n o del d i s c o r s o o r d i n a r i o . P e r e s e m p i o , se s c r i v i a m o in f u n z i o n e di legge l ' e s p r e s s i o n e ( p 3 q ) 3 ( ~ q 3 ~ p) [tossiamo c o r r e t t a m e n t e l e g g e r l a c o m e ' " / > 3 q " e s i g e " ~ q 3 "' '. Ma nel l e g g e r l a c o s i noi t a c i t a m e n t e a g g i u n g i a m o le virgolette di c i t a z i o n e e la f r a s e di s e c o n d o o r d i n e ' a n a l i t i c a ", il cui sottinteso accompagnare la formula ' (p 3 /) 3 ( ~q 3 ~ p) '

122

F u n z i o n i <1 i verit

solo giustifica l a n o s t r a a d o z i o n e d i u n a tale l e t t u r a . Q u e s t o s p i e g a a n c h e , in p a r t e , la t e n t a z i o n e di i d e n t i f i c a r e * 3 ' eon ' s e ' . I n f a t t i possiamo anehc indicare che intendiamo c o m e u n a l e g g e l e g g e n d o l a ' se

( p z > t / ) z > ( ~ <73 ~ p ) ' ~ q 3 ~ '. Ma il

3 q, a l l o r a

l'atto c h e ' 3 \ d o v e esso la c o s t a n t e p r i n c i p a l e di u n a f o r m u l a intesa c o m e c o r r e d a l a da virgolette di c i t a z i o n e e d a l l e p a r o l e ' a n a l i t i c a p u v e n i r sostituita d a ' e s i g e ' ( c o n altri a p p r o p r i a t i e m e n d a m e n t i ) . o p u e s s e r e letta c o m e ' s e . . . a l l o r a . . . ' , non g i u s t i f i c a , n a t u r a l m e n t e , q u e s t a s o s t i t u z i o n e o q u e s t a lettura quand o l a f o r m u l a non sia ( n e p p u r e i n v i s i b i l m e n t e ) c o s i c o r r e d a t a , o q u a n d o * 3 ' o c c o r r e in q u a l s i a s i a l t r a p o s i z i o n e c h e non sia q u e l l a d i c o s t a n t e p r i n c i p a l e i n una f o r m u l a cosi c o r r e d a t a . L a m a n c a t a o s s e r v a n z a d i q u e s t a s e m p l i c e r e g o l a p o r t a d r i t t o a i pretesi ' p a r a d o s s i d e l l ' i m p l i c a z i o n e ' . D i r e , p e r e s e m p i o , clic ' ~ 3 ( 3 q) ' u n a l e g g e lei s i s t e m a lo stesso c o i n d i r e che ' ~ p ' e s i g e ' 3 q ' ; ma non a f f a t t o lo s t e s s o c o i n d i r e c h e * ~ ' e s i g e ' l ' a s s e r z i o n e che e s i g e l ' a s s e r z i o n e clic q '. D i r e clic " ~ p 3 (p 3 q) ' u n a l e g g e o f o r m u l a a n a l i t i c a f o r n i r e una regola intorno al s i m b o l o ' 3 ' ( n e l l a s u a s e c o n d a o c c o r r e n z a ) ed f a r e uso del s i m b o l o * 3 ' ( n e l l a s u a p r i m a o c c o r r e n z a ) nel f o r n i r e la reg o l a ; non f o r n i r e u n a r e g o l a o d i r e a l c u n c h i n t o r n o a l l a p a r o l a * e s i g e '. l l n ' a l t r a a l t e r n a t i v a p o s s i b i l e clic noi si i n d i c h i che int e n d i a m o " ~p 3 (p 3 q) ' c o m e u n a l e g g e , l e g g e n d o l a ' se ~ p, a l l o r a 3 q '. Ma se noi t e n t i a m o di i n d i c a r e ci l e g g e n d o l a ' se ~ p, a l l o r a s e a l l o r a q ' , l a l e g g i a m o m a l e ; infatti c h i a m a r e ' ~ p 3 (p 3 q) ' a n a l i t i c a f o r n i r e u n a r e g o l a intorno a " ~ ' e ' 3 ', non u n a r e g o l a i n t o r n o a ' se . . . a l l o r a . . . allora 11 fatto clic le costanti del s i s t e m a v e r o - f u n z i o n a l e p o s s a n o essere u s a t e c o s i ( c o m e costanti p r i n c i p a l i ) p e r f o r n i r e regole l o g i c h e una c o n s e g u e n z a diretta del l o r o e s s e r d e f i n i b i l i s o l t a n t o in term i n i di n e g a z i o n e s e m p l i c e e di c o n g i u n z i o n e s e m p l i c e . V e d e m m o . per quanto nell'indicarc c h e essa u n a r e g o l a si possa s o s t i t u i r e il p r i m o " 3 * con ' se . . .

C o s t a t i l i vero-funzionali

113

per e s e m p i o , nel c a p i t o l o 1 c h e ' A| e s i g e A 2 ' p o t e v a e s s e r definito c o m e ' la congiunzione di A] con contraddittoria la contraddittoria di A 2 autodi A 2 analio p p u r e , a l t e r n a t i v a m e n t e , c o m e ' la contraddittocon la contraddittoria

ria d e l l a congiunzione di A)

tica '. Ed a ' - ' e '. ' ( n e i cui t e r m i n i le r i m a n e n t i c o s t a n t i p o s s o n o e s s e r e d e f i n i t e ) noi r i s p e t t i v a m e n t e a t t r i b u i m m o ( i ) l a f u n z i o n e d i c o n t r a d d i r e q u a l s i v o g l i a a s s e r z i o n e venisse f a t t a d a l resto dell'en u n c i a t o di cui f o s s e c o s t a n t e p r i n c i p a l e , e ( i i ) la f u n z i o n e di cong i u n z i o n e s e m p l i c e ' . U n a c o n s e g u e n z a e g u a l m e n t e s e m p l i c e dei significati c o n f e r i t i i n i z i a l m e n t e a l l e costanti del s i s t e m a e d elaborati nelle i s t r u z i o n i p e r l ' u s o d e l l e t a b e l l e di v e r i t , c h e l ' a n e l i t i cita di q u a l s i a s i f o r m u l a costituita nei t e r m i n i di q u e l l e costanti d o v e s s e r i v e l a r s i p e r m e z z o di u n a c o l o n n a di ' V ' n e l l e t a b e l l e , e c h e l ' a u t o - e o n t r a d d i t t o r i e t di q u a l s i a s i s i f f a t t a f o r m u l a d o v e s s e rivelarsi con u n a c o l o n n a di ' F ". Le regole l o g i c h e g o v e r n a n t i le costanti del s i s t e m a sono, naturalmente, d i f f e r e n t i d a l l e r e g o l e governanti l e p a r o l e d i v a l u t a z i o n e l o g i c a , p e r q u a n t o l e costanti dei s i s t e m i definiti p o s s a n o e s s e r e u s a t e in cooperazione con p a r o l e di valutazione logica (p.e., ' a n a l i t i c o ' ) per fare il lavoro di altre p a r o l e di v a l u t a z i o n e l o g i c a ( p.e., ' esige ' ) . C a u s e d e l l a c o n f u s i o n e sono i fatti s e g u e n t i : p r i m o , c h e le costanti s e m b r a n o v i v e r e u n a d o p p i a vita, a s e c o n d a c h e esse s i a n o o n o n s i a n o c o r r e d a t e con ' a n a l i t i c o ' e ' a u t o - c o n t r a d d i t t o r i o ', e, s e c o n d o , c h e n e l l ' a m bito del s i s t e m a v e r o - f u n z i o n a l e e s s e s o n o u s a t e cosi corredate a l l o s c o p o di f o r n i r e regole p e r il l o r o stesso i m p i e g o p r i v e di tale corredo \ 13. Si o s s e r v a v a in p r e c e d e n z a c h e c i a s c u n a d e l l e costanti del

s i s t e m a p o t r e b b e venir definita nei t e r m i n i di ' ~ ' a s s i e m e con

C f r . p p . 105-6. P e r u n a t r a t t a z i o n e p i e s a u r i e n t e d e l l ' u s o di ' Z> ' n e l l a c o s t r u z i o n e di sistemi logici, cfr. capitolo V i l i , parte I. sezione 3.
1 :

io

124

F u n z i o n i <1 i verit

u n ' a l t r a c o s t a n t e , d i m o d o c h e s a r e b b e p o s s i b i l e e s p r i m e r e tutte l e leggi del s i s t e m a , a d e s e m p i o , nei t e r m i n i d i n e g a z i o n e s e m p l i c e e c o n g i u n z i o n e s e m p l i c e . Ma q u e s t a t e n d e n z a a l l a m a s s i m a econ o m i a d i s i m b o l i p u e s s e r e p o r t a t a a n c o r a u n g r a d i n o pili i n l . N o n c' r a g i o n e p e r c h non s i d e b b a i n t r o d u r r e u n u n i c o s i m b o l o , a t t r i b u e n d o g l i un s i g n i f i c a t o t a l e che tutte le a l t r e costanti p o s s a n o v e n i r definite nei t e r m i n i di q u e l l o s o l t a n t o . E c c o introdotto cosi il s i m b o l o ' I \ p e r il q u a l e le r e g o l e di f o r m a z i o n e s o n o s i m i l i a q u e l l e p e r ' rj * ' ' e la cui i n t e r p r e t a z i o n e d a t a , v e r b a l m e n t e , come segue : Ogni a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a '

q ' v e r a se e s o l t a n t o se

a l m e n o u n a d e l l e s u e a s s e r z i o n i costituenti f a l s a , e f a l s a se e s o l t a n t o se a m b e d u e le s u e a s s e r z i o n i costituenti s o n o vere e, schematicamente, dalla tabella: <1 V V F F V F V F 1<i F V V V

Se ora c o s t r u i a m o la f o r m u l a ' ( | q) I ( I q) ', la d e t e r m i n a zione delle sue vero-condizioni data dalla colonna centrale della tabella seguente : <i V V F F V F V F (P F V V V </)|(p V F F F

1)
F V V V

D o n d e e v i d e n t e c h e ' . * p u v e n i r definito in t e r m i n i di ' | ' al modo seguente : 'P.Q' - U


4

(?)(!9)'

C o s t a t i l i vero-funzionali

113

Inoltre, un c o n f r o n t o f r a le d u e t a b e l l e m o s t r a e b e '(p \ q) | ( | q) ' la c o n t r a d d i t t o r i a di ' | q \ C i a d i r e c h e ' (p ! q) \ ( I q) ' ha la stessa i n t e r p r e t a z i o n e di ' ~ | q '. Ma ' ( p l q ) l ( p l q ) ' esem|ilifica la f o r m u l a ' \p '. C o s i p o s s i a m o a n c h e d e f i n i r e mini di ' I ' c o m e s e g u e : = D/>lp' in ter-

l)r>nde v i e n e c h e tutte le costanti del s i s t e m a s o n o d e f i n i b i l i nei termini d e l l a f o r m u l a - s b a r r a t a . E q u e s t o r i s u l t a t o p o t r e b b e esser stato r a g g i u n t o e g u a l m e n t e , s e p u r e i n m o d o d i f f e r e n t e , c o n f e r e n d o a ' I q ' il s i g n i f i c a t o
k

i n s i e m e non-p e non-q ' a n z i c h , c o m e so-

p r a , il s i g n i f i c a t o "non i n s i e m e e q\ E le leggi del s i s t e m a p o t r e b b e r o in tal m o d o s c r i v e r s i c o m e f o r m u l e la cui c o s t a n t e p r i n c i p a l e fosse il s e g n o - d i - s b a r r a t o ; e la d i c h i a r a z i o n e clic ogni f o r m u l a s i f f a t t a s a r e b b e a n a l i t i c a e q u i v a r rebbe a l l a d i c h i a r a z i o n e c h e l a f o r m u l a c h e p r e c e d e l a c o s t a n t e p r i n c i p a l e s a r e b b e i n c o n g r u e n t e ( i n c o m p a t i b i l e ) con l a f o r m u l a che l a s e g u e . C o s i l a d i c h i a r a z i o n e c h e ' ( p . q ) l ~ ( p v e / ) ' s i a a n a l i t i c a s a r e b b e e q u i v a l e n t e a l l a d i c h i a r a z i o n e c h e ' p . q ' sia i n c o n g r u e n t e con ' ~ ( p v q ) \ e d a m b e d u e s a r e b b e r o e q u i v a l e n t i alla d i c h i a r a z i o n e che ' p . q ' e s i g a 'pwq \ U n u l t e r i o r e s i n t o m o della f a t a l e f a c i l i t con cui le costanti v e r o - f u n z i o n a l i v e n g o n o m a l e i n t e r p r e t a t e c o m e p a r o l e di r e l a z i o n e l o g i c a a c a u s a del loro uso c o m e costanti p r i n c i p a l i in f o r m u l e d i c h i a r a t e a n a l i t i c h e , il fatto che il s e g n o - d i - s b a r r a t o , q u a n d o venne i n t r o d o t t o la p r i m a v o l t a , fu detto e s p r i m e r e la n o z i o n e di i n c o m p a t i b i l i t . In r e a l t , gli a t t r i b u i t o il significato di n e g a z i o n e di u n a c o n g i u n z i o n e . S o l o q u a n d o la c o n t r a d d i t t o r i a d e l l a c o n g i u n z i o n e e s s a stessa a n a l i t i c a le congiunte sono mutuamente incompatibili. La formula-sbarrata Ita uno s p e c i a l e f a s c i n o in q u a n t o illustra con s i n g o l a r e c h i a r e z z a la d i s t a n z a c h e d i v i d e il concetto di d e f i n i z i o n e n e l l ' a m b i t o di un sistema formale dalla concezione ordinaria di dilucidazione verbale del s i g n i f i c a t o . Infatti si p r o p e n s i a d i r e c h e essa non p u v e n i r

F u n z i o n i d i verit spiegata s o l t a n t o nei t e r m i n i d e l l e n o z i o n i ( c o n g i u n z i o n e e negaz i o n e ) p e r la cui d e f i n i z i o n e essa u s a t a , n e l l ' a m b i t o del s i s t e m a . 14. La p o s s i b i l i t di d e f i n i r e tutte le costanti del s i s t e m a vero-

f u n z i o n a l e in t e r m i n i d e l l a s i n g o l a c o s t a n t e ' | ' in r e a l t di magg i o r e i n t e r e s s e in c o n n e s s i o n e con il m e t o d o d e d u t t i v o di s v i l u p p o del s i s t e m a c h e non in c o n n e s s i o n e con il m e t o d o di c o n t r o l l o , ivi c o m p r e s o l'uso d e l l e t a b e l l e d i v e r i t , c h e h o d e s c r i t t o f i n q u i . N e l m e t o d o di c o n t r o l l o , q u a l e io l ' h o i n t r o d o t t o , le vero-condizioni d e l l e f o r m u l e s e m p l i c i e . p e r c i , l e d e f i n i z i o n i d e l l e costanti individuali. erano date ciascuna separatamente per mezzo delle tabelle di v e r i t . L ' i n t e r d e f i n i b i l i t d e l l e c o s t a n t i e r a vista c o m e un fatto c h e r i s u l t a v a d a q u e s t e d e f i n i z i o n i iniziali d a t e s e p a r a t a m e n t e . Ma nel m e t o d o d e d u t t i v o la p r o c e d u r a d i f f e r e n t e . Q u i noi part i a m o ila u n a s e r i e i n i z i a l e di leggi a s s u n t e c o m e p r e m e s s e e d e r i v i a m o d a esse u l t e r i o r i l e g g i , i m p i e g a n d o nel p r o c e s s o u n certo numero di regole di derivazione d'ordine superiore quali quelle c h e descrissi n e l l ' u l t i m a p a r t e del c a p i t o l o I I ' . A l m e n o q u a l c u n a d e l l e costanti c h e c o m p a i o n o n e l l a s e r i e i n i z i a l e di leggi p r e s a come indefinita, o

primitiva

nell'ambito

del sistema 2,

sebbene

tutte, n a t u r a l m e n t e , p o s s a v e n i r d a t a u n ' i n t e r p r e t a z i o n e v e r b a l e p r e l i m i n a r e r i s p e t t o a l l a c o s t r u z i o n e del s i s t e m a . Il resto d e l l e costanti c h e c o m p a i o n o nel s i s t e m a definito a l l o r a , d i r e t t a m e n t e o i n d i r e t t a m e n t e , nei t e r m i n i d e l l e costanti p r i m i t i v e , e le r e g o l e di derivazione d'ordine superiore sono integrate da una regola che permette la sostituzione di qualsiasi espressione al suo equivalente d e f i n i t o . E c c o n e u n ' i l l u s t r a z i o n e tratta d a l s i s t e m a d e d u t t i v o d i v e r o - f u n z i o n i ( q u a l c h e volta i n d i c a t o col n o m e d i c a l c o l o p r o p o s i ' C f r . r a p i t o l o II. sezione 17. A n a l o g a m e n t e , i * V ' e gli " F ' elle c o s t i t u i s c o n o l ' a p p a r a t o d e l l e definizioni tabulari del m e t o d o di controllo non possono venir considerati c o m e d e f i n i t i nell'ambito del sistema, s e b b e n e il l o r o u s o s i a s p i e g a t o n e l l e o s s e r v a zioni interpretative e b e p r e c e d o n o la costruzione del sistema.
1

C o s t a t i l i vero-funzionali

113

/.oliale) q u a l e f u p e r l a p r i m a volta s v i l u p p a t o d a W h i t e h e a d e Russell sunti nei Principia Mathematica I s e g n i ' ~ ' e ' v ' e r a n o asq u a l i costanti p r i m i t i v e , o i n d e f i n i t e , del s i s t e m a . E r a n o

quindi introdotte le seguenti definizioni: De. I Def. I I Def. III ' 3 q ' 'p . q' = ' . q'

=
=

D/
D /

'~ g '
'-( ~ p v ~ q ) ' ' ( p 3 q) . ( q 3 p) '

D/

Le c i n q u e p r o p o s i z i o n i p r i m i t i v e s e g u e n t i , o leggi i n i z i a l i o postulali. v e n i v a n o f o r m u l a t e c o m e l e p r e m e s s e d a l l e q u a l i d o v e v a n o venir d e d o t t e l e r i m a n e n t i leggi d e l s i s t e m a : p v p n p ( Taut.) (Add.) ( Perm.) (Somm.) ( Ass. )


1

q ) q q 3 q
(q 3 r) 3 ( q 3 r) p v ( q v r ) 3 q v ( p v r )

I.a s e l e z i o n e di una s c r i c di leggi iniziali non g o v e r n a t a d a l loro interesse intrinseco, c h e p u e s s e r e p i c c o l o . N e g o v e r n a t a da considerazioni come potrebbe esser quella che l'interpretazione attribuita a l l e costanti indefinite del s i s t e m a , u n i t a a l l a d e f i n i z i o n e delle restanti nei t e r m i n i d e l l e p r i m e , r e n d a la l o r o necessit logica p a r t i c o l a r m e n t e o v v i a . U n a p r i m a c o n s i d e r a z i o n e c h e esse d o v r e b b e r o e s s e r e c o n g r u e n t i ( c i o , p e r q u e s t o s i s t e m a , c h e esse non d o v r e b b e r o i n c l u d e r e , o e s s e r costituite in m o d o da permettere c h e n e v e n g a d e d o t t a , n e s s u n a f o r m u l a d e l l a f o r m a ' . ~ ' ) . I. na s e c o n d a clic esse d o v r e b b e r o e s s e r e a d e g u a t e a p e r m e t t e r e l o s v i l u p p o del s i s t e m a f i n o alla p i e n a e s t e n s i o n e d e s i d e r a t a dai suoi a u t o r i . C i c h e nel nostro e a s o p u c o n s i d e r a r s i c o m e il re' L o leggi d i f o r m a z i o n e p e r i l m e t o d o d e d u t t i v o s a r a n n o , n a t u r a l m e n t e , identiche a quelle f o m i t e p e r il metodo tabellare. " Q u e s t i titoli abbreviati delle leggi significano r i s p e t t i v a m e n t e ' T a u t o logia ', ' A d d i z i o n e ', * P e r m u t a z i o n e \ ' S o m i n a z i o n e \ ' A s s o c i a z i o n e \

128

F u n z i o n i <1 i verit

quisito che qualsiasi formula che pu venir dimostrata analitica con il m e t o d o d e l l e t a b e l l e di verit d e b b a e s s e r e d e r i v a b i l e , mediante l'impiego dei principi d'inferenza d'ordine superiore, da questi c i n q u e p o s t u l a t i . I n f i n e , in un t a l e s i s t e m a , c o n s i d e r a t o una s p e c i e di desideratum estetico c h e il n u m e r o di p r o p o s i z i o n i p r i m i t i v e e il n u m e r o di costanti i n d e f i n i t e d e b b a n o e s s e r e i min i m i c o m p a t i b i l i con l a s o d d i s f a z i o n e del r e q u i s i t o d i a d e g u a t e z z a . Questo esige almeno che i postulati siano indipendenti, cio che n e s s u n o di essi p o s s a e s s e r e d e r i v a b i l e d a g l i altri - c o n d i z i o n e , q u e s t a , non s o d d i s f a t t a d a l l a s e r i e s o p r a r i p o r t a t a , i l cui q u i n t o postulato superfluo. E l ' i n t r o d u z i o n e Iella formula-sbarrata, c h e , c o m e a b b i a m o visto, p e r m e t t e l a r i d u z i o n e d e l l e costanti prim i t i v e ad u n a s o l a , p e r m e t t e in realt u n ' u l t e r i o r e r i d u z i o n e nel numero dei postulati. Ho gi m e n z i o n a t o le r e g o l e li d e r i v a z i o n e i m p i e g a t e da Whitehead e Russell. Esse s o n o :

( 1 )

La regola di sostituzione delle variabili, c h e p u venir

formulata come s e g u e : Una qualsivoglia formula F pu venir d e r i v a t a c o m e f o r m u l a a n a l i t i c a nel s i s t e m a , a c o n d i z i o n e c h e il s i s t e m a gi c o n t e n g a u n a f o r m u l a a n a l i t i c a F' tale clic F s i a ottenuta d a F ' s o s t i t u e m l o v a r i a b i l i o f o r m u l e a l l e v a r i a b i l i di F ' , o p e r a n d o s i s e m p r e la stessa s o s t i t u z i o n e p e r la stessa variabile. (2)

La

regola

di

inferenza.

Una

qualsivoglia

formula

p u v e n i r d e r i v a t a c o m e f o r m u l a a n a l i t i c a del s i s t e m a a cond i z i o n e c h e i l s i s t e m a g i c o n t e n g a sia q u a l c h e f o r m u l a analitica. F ' . s i a l a f o r m u l a c h e s i ottiene s c r i v e n d o F ' s e g u i l a d a Z3 ' s e g u i t a da F.

regola di sostituzione definizionale. U n a q u a l s i a s i f o r m u l a F p u v e n i r d e r i v a t a c o m e f o r m u l a a n a l i t i c a d e l sis t e m a a c o n d i z i o n e c h e il s i s t e m a g i c o n t e n g a u n a f o r m u l a a n a l i t i c a F' t a l e c h e F s i a ottenuta la F' s o s t i t u e n d o q u a l c h e

( 3 ) La

Gustanti v e r o - f u n z i o n a l i

129

f o r m u l a a d una f o r m u l a e q u i v a l e n t e p e r d e f i n i z i o n e e h e app a i a i n F ' ; e due f o r m u l e s o n o e q u i v a l e n t i p e r d e f i n i z i o n e s e c o m p a i o n o a i lati o p p o s t i del s e g n o ' = o / " n e l l e d e f i n i z i o n i da I a I I I , o se u n a p u e s s e r e ottenuta p e r s o s t i t u z i o n e d e l l e v a r i a b i l i d i una d e l l e f o r m u l e c i t a l e d a u n lato d i q u a l c u n a d e l l e definizioni da I a I I I m e n t r e l ' a l t r a p u e s s e r e ottenuta o p e r a n d o l e stesse s o s t i t u z i o n i rispetto a l l e v a r i a b i l i d e l l a form u l a citata d a l l ' a l t r o lato d e l l a stessa d e f i n i z i o n e . 15. Le f o r m u l e d e r i v a t e nel s i s t e m a s o n o c h i a m a t e teoremi.

I l l u s t r e r l a d e r i v a z i o n e d i f o r m u l e nel s i s t e m a m e d i a n t e d u e e s e m p i . D o b b i a m o a s s u m e r e c h e i l s i s t e m a gi c o n t e n g a c o m e u n teorema la formula (a) pv ~p.

D a q u e s t a noi d o b b i a m o d e r i v a r e , c o m e t e o r e m i u l t e r i o r i , l e d u e formule

(b)
(c)

~p ~q 3 ~(p.~p)

~(p.q)

m e d i a n t e l ' u s o d e l l e tre r e g o l e d i d e r i v a z i o n e r i p o r t a t e s o p r a . L e i n d i c h e r r i s p e t t i v a m e n t e c o m e Sst.. I n f . e D e f . L a p r i m a derivazione come s e g u e : Da ( a ) p e r Sst. ( ' ' a ' ' ) Da ~ ( i ) p e r Def. ( I ) 3 ~ p v ~ < / 3 Da ( i i i ) per Def. ( I I ) ~ p v ~q 3 ~ ( p . q ) ( ~ ~<7) (i) (i) (iii)

D a ( i i ) per Sst. ( ' ~ p v ~ < / ' a ' p ' )

(b)

130

F u n z i o n i <1 i verit E c c o o r a la s e c o n d a d e r i v a z i o n e : Da ( a ) p e r S s t . (4 - ' a ' ' ) ~P D a () per Sst. ( ' ~ p ' a ' < / ' ) ~p D a ( i ) e ( ii ) p e r Inf.
~ ( P - ~ P ) (<)

(') (ii)

3 ~(p. ~p)

IV.

Logica delle classi : interpretazione alternativa del sistema tabellare

1.

U n a v o l t a s t a b i l ito c h e l e v a r i a b i l i del s i s t e m a c o n s i d e r a t o

n e l l ' u l t i m o c a p i t o l o e r a n o v a r i a b i l i r e l a t i v e a d a s s e r z i o n i , e d una volta a t t r i b u i t o i l s i g n i f i c a t o c h e s' a t t r i b u i t o a l l ' a p p a r a t o d i col o n n e e di l i n c e , di ' V ' e di ' F il s o l o g e n e r e ili r e g o l e l o g i c h e p e r l a cui f i s s a z i o n e p o t e v a m o u s a r e i l s i s t e m a t a b e l l a r e e r a n o l e r e g o l e del s i s t e m a v e r o - f u n z i o n a l e . M a ci non e q u i v a l e a d i r e c h e non p o t r e m m o t r o v a r e a n c h e u n ' a l t r a i n t e r p r e t a z i o n e p e r l ' a p p a rato s i m b o l i c o del s i s t e m a . D e s i d e r o o r a i l l u s t r a r e q u e s t a p o s s i b i lit. D o b b i a m o r i c o r d a r e a n z i t u t t o c h e i l s i s t e m a p o t e v a v e n i r cons i d e r a t o c o m e p u r a m e n t e a s t r a t t o , e s t a c c a t o da o g n i e q u a l s i v o g l i a interpretazione. Si potrebbe insegnarne l'uso c o m e se si trattasse d i u n g e n e r e d ' e s e r c i z i o d a e s e g u i r s i con c a r a t t e r i a i q u a l i non andasse congiunto nessun significato. P r i m a di metterci a cercare un'interpretazione alternativa, v e d i a m o di renderci conto di come ci p o t r e b b e v e n i r f a t t o . P o t r e m m o a b b o z z a r e lina s e r i e d i r e g o l e , iniziando cosi: (1) I s e g n i da u s a r s i n e l l ' e s e r c i z i o s o n o : ( i ) le l e t t e r e miparen-

n u s c o l e ' ', ' q \ ' r ', e c c . ; ( ii ) le l e t t e r e m a i u s c o l e " V ' e ' F '; ( iii ) i segni ' ~ ', ' . ', ' ', ' 3 ', ' ss ' ; e ( i v ) tesi. (2) Certe combinazioni Qualunque di questi segni sono chiamate da " espressioni '. lettera minuscola preceduta

' ~ ' u n ' e s p r e s s i o n e . U n a c o m b i n a z i o n e c o n s i s t e n t e di q u a l s i a s i l e t t e r a m i n u s c o l a s e g u i t a d a q u a l s i a s i a l t r o s e g n o del

132

L o g i c a Ielle classi g r u p p o ( i i i ) s e g u i t a la u n ' a l t r a lettera m i n u s c o l a u n ' e s p r e s s i o n e . I n o l t r e , pialuniue e s p r e s s i o n e c h i u s a tra p a r e n t e s i e p r e c e d u t a da ' ~ ' f o r m a u n ' e s p r e s s i o n e ; e pialuntjuc c o m b i n a z i o n e c o n s i s t e n t e di u n a lettera m i n u s c o l a o di u n ' e s p r e s s i o n e tra p a r e n t e s i , cui s e g u a pialsiasi a l t r o s e g n o del g r u p p o ( i i i ) s e g u i t o a s u a volta da u n a lettera m i n u s c o l a o da un'es p r e s s i o n e fra p a r e n t e s i essa stessa u n ' e s p r e s s i o n e . (3) Ogni espressione ha una serie

V-o-F.

determinabile

s e c o n d o c e r t e r e g o l e , ed o u n ' e s p r e s s i o n e tutta-V, o u n ' e s p r e s s i o n e tutta-F o u n ' e s p r e s s i o n e mista. Oggetto tlcll'cscrcizio di s c o p r i r e a piali li ueste classi a p p a r t e n g a ogni espress i o n e d a t a ; e la r i s p o s t a giusta nella s o l a c h e risulta dall ' a p p l i c a z i o n e corretta Ielle reglc s e g u e n t i . . . E cosi si p o t r e b b e o v v i a m e n t e c o n t i n u a r e , i n t r o d u c e n d o a questo p u n t o t a b e l l e recanti le lettere " V ' e ' F ', e f o r n e n d o r e g o l e , c h e p u r s e m p r e non facciati m e n z i o n e c h e di lettere e s e g n i , p e r determinare le "serie V-o-F' ( q u e l l e , cio, che nell'interpretazione vero-funzionale abbiam chiamate 'vero-condizioni') di ogni e s p r e s s i o n e . O v e la s e r i e V-o-F di u n ' e s p r e s s i o n e consista di u n a c o l o n n a di ' V ', p o t r e m m o d i r e c h e p e r r e g o l a deve v e n i r c h i a m a t a e s p r e s s i o n e ' tulta-V e clic le d e v e e s s e r e a s s e g n a t o un tosto s p e c i a l e ; e cosi via. P o t r e m m o a l l o r a a s s e g n a r e esercizi di d e t e r m i n a z i o n e Iella c l a s s e a l l a piale a p p a r t e r r e b b e r o e s p r e s s i o n i late, e p o t r e m m o s e g n a r e le r i s p o s t e c o m e " giuste ' ed " e r r a t e ". E tutto q u e s t o p o t r e m m o f a r l o s e n z a lare n e s s u n a i n t e r p r e t a z i o n e q u a l e c h e s i a a i segni del s i s t e m a ; p r o p r i o coin u n o p o t r e b b e , forse, insegnare a qualcun altro come fare s o m m e e moltiplicazioni senza i n s e g n a r g l i l'uso dei n u m e r a l i nel c o n t a r e le cose. 2. N e l c e r c a r e u n ' i n t e r p r e t a z i o n e a l t e r n a t i v a del s i s t e m a noi

c e r c h i a m o , a l l o r a , u n a l t r o m o d o d i a t t r i b u i r e s i g n i f i c a t o a i suoi segni e d a l l e s u e o p e r a z i o n i , tale d a r e n d e r p o s s i b i l e l'uso d e l l e t a b e l l e p e r s t a b i l i r e r e g o l e l o g i c h e d i u n a l t r o g e n e r e . N e l sugge-

I n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t a b e l l a r e

133

rire u n ' a l t r a i n t e r p r e t a z i o n e , f a r uso, in r e a l t , ili segni d i f f e r e n t i . Ma si tratta di s e m p l i c e c o n v e n i e n z a , dettata in p a r t e d a l l ' o p p o r tunit di e v i t a r c o n f u s i o n i , in p a r t e d a l l ' o p p o r t u n i t di conform a r s i a l l a p r a t i c a c o r r e n t e . Potrei u s a r e e g u a l m e n t e b e n e i s e g n i coi q u a l i s i a m o g i f a m i l i a r i ; m a essi s o n o u s u a l m e n t e considerati p r o p r i d e l l ' i n t e r p r e t a z i o n e e b e a b b i a m o sin q u i c o n s i d e r a l a . Il punto i m p o r t a n t e e b e ci d o v r e b b e e s s e r e u n a c o r r i s p o n d e n z a esatta, p e r q u e l clic c o n c e r n e le leggi di c o m b i n a z i o n e e le leggi clic g o v e r n a n o l ' u s o d e l l e t a b e l l e , fra i s e g n i clic g i a b b i a m o fam i l i a r i e q u e l l i c h e p r o p o n g o ora di i n t r o d u r r e . Le v a r i a b i l i ' ' , ' < / ' , ' r ' , ecc., le s o s t i t u i r con le lettere greche ' '. ' \ ' \ ecc. Q u a n t o ai loro v a l o r i , d e v e a s s u m e r s i c h e non s i a n o p r o p o s i z i o n i g r a m m a t i c a l i costituenti e n u n c i a t i completi, ma espressioni di classe. C o n e s p r e s s i o n e di c l a s s e i n t e n d o , a l l ' i n g r o s s o , un n o m e , o u n a f r a s e - n o m e , al p l u r a l e . P e r e s e m p i o , le e s p r e s s i o n i ' c o s e rosse ', ' gente c h e v i v e in c a s e di vetro ' ', ' padri ' sono tutte da c o n s i d e r a r s i e s p r e s s i o n i di c l a s s e , o classe-espres-

sioni. C o m e s p i e g a z i o n e a l t e r n a t i v a p o s s i a m o d i r e c h e q u a l s i a s i
e s p r e s s i o n e c h e potesse r i m p i a z z a r e con s i g n i f i c a l o la s e c o n d a var i a b i l e n e l l a f o r m u l a ' un m e m b r o d e l l a c l a s s e degli ' u n a c l a s s e - e s p r e s s i o n e . U n ' e s p r e s s i o n e p u r i m p i a z z a r e con s i g n i f i c a t o la s e c o n d a v a r i a b i l e in q u e s t a f o r m u l a se la f o r m u l a r i s u l t a n t e , p.e. * un m e m b r o d e l l a c l a s s e Ielle p e r s o n e c h e vivono in c a s e ili vetro ', u n a da cui p o s s a trarsi jualche e n u n c i a t o s i g n i f i c a n t e t r a m i t e la s o s t i t u z i o n e di u n a p a r o l a o di u n a f r a s e a l l a v a r i a b i l e ' . v " . T a l i e n u n c i a t i li c h i a m e r e m o e n u n c i a t i li c l a s s e - a p p a r t e n e n z a , e le a s s e r z i o n i fatte m e d i a n t e il l o r o i m p i e g o , a s s e r z i o n i di classe-appartenenza. Questi enunciati riuscirebbero, naturalmente,

' L ' e s p r e s s i o n i * i n g l e s e p e o p l e w h o l i v e in g l a s s - h o u s e s si a p p l i c a a l l e p e r s o n e m o l t o in v i s t a , la cui v i t a a n c h e p r i v a t a o s s e r v a t a la t u t t i , eil p i usala della corrispondente espressione italiana in quanto proverbiale. Si dice i n f a t t i : P e o p l e w h o l i v e i n g l a s s - h o u s e s s h o u l d not t h r o w s t o n e s ( L a geilte c h e v i v e i n c a s e d i v e t r o n o n d o v r e b b e l a n c i a r s a s s i ) [ N . J . T . 1 .

134

Lngicn d e l l e classi

i n g o m b r a n t i pili del n e c e s s a r i o , e noi r a r a m e n t e li u s e r e m m o , nel d i s c o r s o o r d i n a r i o . Afa se noi ci i m b a t t e s s i m o in un s i f f a t t o enunc i a l o . n o r m a l m e n t e non a v r e m m o difficolt a l c u n a a p r o d u r r e un e n u n c i a t o in l i n g u a c o r r e n t e c h e s a r e m m o p r o p e n s i a d i r e f o r n i t o cfollo stesso s i g n i f i c a t o . E p e r c o n v e r s o ci s o n o m o l t i e n u n c i a t i in l i n g u a c o r r e n t e c h e p o t r e m m o p a r a f r a s a r e i n q u e s t o m o d o ingomb r a n t e . P.e.. ' G i o v a n n i e un p a d r e \ ' G i o v a n n i vive in u n a c a s a di vetro \ ' Q u e s t o rosso ' p o t r e b b e r o tutti e s s e r resi f a c e n d o uso d e l l a f r a s e ' e un m e m b r o d e l l a c l a s s e di ', u n i t a m e n t e ad una od altra d e l l e c l a s s e - e s p r e s s i o n i e l e n c a t e s o p r a . L a f r a s e " u n m e m bro della c l a s s e d i 1 ( o p p u r e , v a r i a n t e o c c a s i o n a l e , ' a p p a r t i e n e a l l a c l a s s e d i ' ) r a p p r e s e n t a t a q u a l c h e volta con l a lettera ' ' , c h e . di c o n s e g u e n z a , una c o s t a n t e e non una v a r i a b i l e . ( Ma ' ' non u n a d e l l e costanti clic a p p a r t e n g o n o al s i s t e m a t a b e l l a r e n e l l a sua i n t e r p r e t a z i o n e a l t e r n a t i v a . D o b b i a m o u s a r l a , non p e r r i m p i a z z a r e q u a l c u n a d e l l e costanti v e r o - f u n z i o n a l i nel s i s t e m a , ma s o l t a n t o nelle o s s e r v a z i o n i e s p l i c a t i v e e i n t e r p r e t a t i v e intorno al s i s t e m a ) . P o s s i a m o s c r i v e r e ora gli e n u n c i a t i di c l a s s e - a p p a r t e nenza c h e s t a v a m o test c o n s i d e r a n d o c o m e Giovanni padre G i o v a n n i p e r s o n e c h e vivono n e l l e c a s e di vetro Q u e s t o c o s e rosse e le f o r m u l e c h e essi e s e m p l i f i c a n o c o m e .. R i u s c i r e v i d e n t e c h e . u n a volta c h e sia stato a t t r i b u i t o u n v a l o r e a d u n a d e l l e v a r i a b i l i . l a g a m m a dei v a l o r i p o s s i b i l i d e l l ' a l t r a dovr p r o b a b i l m e n t e v e n i r ristretta C o m e c o s t a n t i del s i s t e m a t a b e l l a r e nella s u a n u o v a interpret a z i o n e , noi r i m p i a z z e r e m o ' ~ ' con ' ' X ", ' 3 " con ' * \ e ' ' con ' **
1

con ' + ' , " . ' con

P u r c o n c e d e n d o s i q u e s t e so-

Cfr. r a p i t o l o t i . sezione 5.

135 s l i t u z i o n i , l e r e g o l e d i f o r m a z i o n e r i m a n g o n o , n a t u r a l m e n t e , inalt e r a t e ; e noi s i a m o perci autorizzati a costruire f o r m u l e c o m e

' + 0 \ ' ()

' - ( - ) \ ' * * ' , e cos via. Queste


dalle formule vero-funzionali dal

f o r m u l e differiranno tuttavia

p u n t o d i vista i n t e r p r e t a t i v o . I l s i g n i f i c a t o d a a t t r i b u i r s i o r a a l l e eostanti tale che q u a n d o in queste f o r m u l e le v a r i a b i l i vengono rimpiazzate da classe-espressioni, le espressioni risultanti sono esse stesse d a c o n s i d e r a r s i c o m e c l a s s e - e s p r e s s i o n i e n o n , c o m e n e l l ' i n t e r p r e t a z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e , c o m e e n u n c i a t i . C i a m p l i a i l nostro c o n c e t t o d i f o r m u l a . A b b i a m o c o n s i d e r a t o f i n o r a l e f o r m u l e c o m e e s p r e s s i o n i c o n t e n e n t i c o s t a n t i c v a r i a b i l i , d e l l e (piali f o s s e v e r o clic, q u a n d o l e v a r i a b i l i s i a n o r i m p i a z z a t e d a p a r o l e o f r a s i , si ottiene un enunciato. D o b b i a m o ora c o n s i d e r a r e f o r m u l e ove la sostituzione delle variabili con parole o frasi del genere appropriato case di produce classe-espressioni, che possiamo chiamare unitarie

c l a s s e - e s p r e s s i o n i composte ( p . c . , ' p a d r i p e r s o n e c h e v i v o n o in vetro') in contrapposto alle classe-espressioni come " padri '. Le f o r m u l e che esse esemplificano le possiamo c h i a m a r e f o r m u l e di classe. Le classe-espressioni u n i t a r i e c h e compaiono in una classe-espressione composta possiamo c h i a m a r l e sue classe-espressioni Impressioni costituenti. alle classe-espressioni composte ricoranaloghe

rono s p e s s o nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o . C i a d i r e c h e noi s p e s s o c o m b i n i a m o n o m i p l u r a l i con a l t r i n o m i o a g g e t t i v i o p r o p o s i z i o n i r e l a t i v e , p e r f o r m a r e f r a s i n o m i n a l i c h e s o n o e s s e s t e s s e classeespressioni. A tale scopo spesso semplicemente g i u s t a p p o n i a m o le espressioni combinate (p.e.. 'donne psicopatiche', ' tappeti e talvolta le u n i a m o rossi" ' p a d r i che trascurano i loro figli'),

m e d i a n t e c o n g i u n z i o n i c o m e ' e ' e " o ' ( p . e . , ' c a v o l i e re ', ' dottori o a v v o c a t i ', ' p e s c a t o r i e g i o c a t o r i ' ) . P e r q u a n t o n o n si a d o p e r i n o m a i . n a t u r a l m e n t e , a q u e s t o s c o p o l e c o s t a n t i c h e h o teste i n t r o d o t t o , gli a c c o r g i m e n t i e h e s i a d o p e r a n o p o s s o n o e s s e r e u s a t i per illustrare un po' alla buona i significati attribuiti ad alcune

136

L o g i c a I e l l e classi di donne psicopatiche, q u a n d o p a r l i a m o di categorie contempora-

di q u e l l e c o s t a n t i . C o s i , q u a n d o p a r l i a m o insieme una donna e un essere l u n a t i c o ;

comunemente intendiamo quelle persone ciascuna delle quali

donne

e psicopatici

(come,

per

esempio,

n e a m e n t e c o l p i t e d a i n e l e g g i b i l i t n e l l e v o t a z i o n i ) noi c o m u n e mente intendiamo quelle persone ciascuna delle quali o una d o n n a o uno p s i c o p a t i c o o a m b e d u e le c o s e a s s i e m e . La p r i m a e s p r e s s i o n e , cosi intesa, lia lo stesso s i g n i f i c a t o d e l l a classe-espress i o n e ' d o n n e p s i c o p a t i c i ' ; l a s e c o n d a e s p r e s s i o n e , cosi i n t e s a , ha lo stesso s i g n i f i c a t o d e l l a c l a s s e - e s p r e s s i o n e ' d o n n e + psicop a t i c i \ Le f o r m u l e clic esse r i s p e t t i v a m e n t e e s e m p l i f i c a n o s o n o c h i a m a t e f o r m u l a del p r o d o t t o logico ( ' ' o, s e c o n d o c h e la s i usa s c r i v e r e t a l v o l t a , ' " ) e l a f o r m u l a d e l l a s o m m a l o g i c a (' + ' ) . La s o m m a logica di d u e classi g e n e r a l m e n t e p i amp i a del loro p r o d o t t o logico e lo i n c l u d e . Nel d i s c o r s o o r d i n a r i o u s i a m o a n c h e , c o m u n e m e n t e , classec s p r c s s i o n i c h e i n c o r p o r a n o la p a r o l a ' non ' o q u a l c h e accorgim e n t o e q u i v a l e n t e . P . c . , p o s s i a m o p a r l a r e d i " p e r s o n e c h e non g i o c a n o a bridge \ Q u e s t a f r a s e ha lo stesso s i g n i f i c a t o d e l l a classee s p r e s s i o n e c o m p o s t a ' p e r s o n e c h e g i o c a n o a bridge ', c h e esemplifica l a f o r m u l a " a ' . C h i a m e r e m o q u e s t ' u l t i m a l a f o r m u l a c o m p l e m e n t a r e ; e p a r l e r e m o d e l l a c l a s s e di q u e l l e c o s e o p e r s o n e c h e non a p p a r t e n g o n o a d u n a d a t a c l a s s e c o m e i l c o m p l e m e n t o d e l l a c l a s s e d a t a . S i a m o ora i n g r a d o d i s c o r g e r e , a l l ' i n g r o s s o , c o m e debbano interpretarsi le classe-espressioni espressione ' ( a v v o c a t i + dottori) X di maggior compless i t , c h e i n c o r p o r i n o p r o p r i o q u e s t e tre c o s t a n t i . C o s i , l a classequelli che giocano a

bridge ' a v r lo stesso s i g n i f i c a t o d e l l a f r a s e di l i n g u a g g i o ordin a r i o ' a v v o c a t i o dottori c h e non g i o c a n o a bridge '. Q u e s t o esemp i o ci m e t t e in g r a d o di s c o r g e r e , in p r i m a a p p r o s s i m a z i o n e , c o m e l e c o n v e n z i o n i c i r c a i l c a m p o non s i a n o m e n o e s s e n z i a l i p e r questa i n t e r p r e t a z i o n e c h e per q u e l l a v e r o - f u n z i o n a l e . S e e l i m i n i a m o la parentesi nella c l a s s e - e s p r e s s i o n e s o p r a riportata, otteniamo

I n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t a b e l l a r e " avvocati + dottori X c o l o r o c h e g i o c a n o a bridge + ' invece di '


1

137 dove, per

le r e g o l e di f o r m a z i o n e , la c o s t a n t e di c a m p o p i a m p i o ora N e l l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , in cui la distinzione f a t t a in m o d o p i c h i a r o n e l l a f o r m a scritta c h e in ([nella [tarlata, si a v r e b b e a l l o r a ' a v v o c a t i , o d o t t o r i clic non g i o c a n o a bridge'', e la classe di p e r s o n e cui ci si r i f e r i s c e o v v i a m e n t e non i d e n t i c a a q u e l l a cui si r i f e r i s c e l ' e s p r e s s i o n e p r e c e d e n t e , q u a n t u n q u e esse a b b i a n o a l c u n i m e m b r i i n c o m u n e . L e f o r m u l e esemplificate dalle due classe-espressioni sono, rispettivamente.

' ( + ) ' e ' + - \


U n ' i n t e r p r e t a z i o n e ( o s p i e g a z i o n e lei s i g n i f i c a t o ) d i c a r a t t e r e a l q u a n t o p i f o r m a l e p u v e n i r d a t a , per q u e s t e c o s t a n t i , t r a m i t e le d e f i n i z i o n i s e g u e n t i 1 :

' ( a x p ) ' = / k * . . ' ' ( + ) ' = D / ' . . ' ' ' = D ' ~ ( ) \ /
Il significato d e l l e r i m a n e n t i d u e costanti p u o r a v e n i r dato o nei termini d i q u e l l e gi d e f i n i t e :

' ( * ) ' = tv ' - ( a ) ' ' .( ** ) ' = / ' ( * ) ( * ) ] "


o p p u r e , a l t e r n a t i v a m e n t e , nel m o d o s e g u e n t e :

' ( * ) ' = / ' *>. ' ' *( ** ) " = / ' * = . '.


Nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o non vi s o n o s e m p l i c i e s p r e s s i o n i o semplici tipi di c o m b i n a z i o n i clic c o r r i s p o n d a n o ai s i m b o l i ' * ' e
1 L e p a r e n t e s i u s a t e i n q u e s t e d e f i n i z i o n i n o n s o n o , n a t u r a l m e n t e , strettaniente necessarie. N e s s u n a a m b i g u i t v e r r e b b e dalla loro r i m o z i o n e . E s s e sono slate inserite soltanto p e r rendere la lettura pi c o m o d a e agevole, e verranno omesse quando non sembreranno necessarie a questo scopo.

I n n c a r a t t e r i s t i c a o v v i a e p r e v e d i b i l e d i q u e s t e u l t i m e d u e definiz i o n i la l o r o a n a l o g i a : ' " ) q" = / " ~ ( ~ <J ) " ' e * " q ~ = D/ " ( O q I . ( => ) "

1 5 7 L o g i c a I e l l e classi * ' nelle i n t e r p r e t a z i o n i c h e a b b i a m o test f o r n i t o . E la r a g i o n e ovvia se c o n s i d e r i a m o cosa q u e s t e i n t e r p r e t a z i o n i s i a n o . L ' e s p r e s s i o n e ' d o n n e ** p s i c o p a t i c i ' s i g n i f i c h e r e b b e , a l l ' i n g r o s s o . ' c o l o r o c h e sono o i n s i e m e d o n n e e p s i c o p a t i c i , o n d o n n e n p s i c o p a t i c i '. R a r a m e n t e a b b i a m o o c c a s i o n e d i f a r r i f e r i m e n t o a classi d e s c r i t t e in s i f f a t t a m a n i e r a . 3. Prima di esaminare come il metodo tabellare pu venir

u s a t o p e r s t a b i l i r e r e g o l e l o g i c h e c i r c a f o r m u l e d i elasse, d o b b i a m o c o n s i d e r a r e p r e l i m i n a r m e n t e certi tipi di a s s e r z i o n i clic p o s s o n o v e n i r fatte con l ' i m p i e g o d i e n u n c i a t i i n c o r p o r a n t i classe-espress i o n i . C i o , d o b b i a m o c o n s i d e r a r e certi tipi di f o r m u l e di asser-

zione elle i n c o r p o r a n o v a r i a b i l i c h e s i a n o c l a s s e - e s p r e s s i o n i . C h i a m i a m o l e formule di classe-asserzione. ( 1 ) La

formula di classe-appartenenza.

Di

un

tipo

li

formula

di c l a s s e - a s s e r z i o n e si gi fatta m e n z i o n e . la f o r m u l a li classea p p a r t e n e n z a . " . ', e s e m p l i f i c a l a da f o r m u l e p i c o m p l e s s e sul g e n e r e li ". + \ ' . * * ' , ecc., e d a e n u n c i a t i sul g e n e r e d i ' G i o v a n n i p e r s o n e c h e v i v o n o in c a s e di vetro gettano pietre \ ( 2 ) Formule * c o s e rosse persone che

esistenziali.

Si

consideri

la

classe-espressione

u n i c o r n i ' o, in f o r m a c o r r e n t e , ' u n i c o r n i rossi '.

Enti lei g e n e r e non e s i s t o n o . In l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , p o t r e m m o d i r e : non c ' n i e n t e cui s i a p p l i c h i l a f r a s e ' u n i c o r n i r o s s i ' ; opp u r e : n o n c i s o n o u n i c o r n i rossi. F i s s i a m o c i i n m e n t e a m b e d u e piesti m o d i di d i r e la c o s a . N e l l i n g u a g g i o Ielle c l a s s e - e s p r e s s i o n i i n v e n t i a m o m o d i d i d i r l o , p a r a l l e l i a piesti d u e . U n p r i m o m o d o di d i r l o ([nello di c i t a r e la c l a s s e - e s p r e s s i o n e in u n o dei contesti seguenti: L a c l a s s e - e s p r e s s i o n e ' c o s e rosse u n i c o r n i ' non ha a p p l i c a z i o n e a l c u n a ; o p p u r e , L a c l a s s e - e s p r e s s i o n e ' c o s e rosse X unicorni ' ha estensione z e r o : o p p u r e , La classe-espressione ' c o s e rosse u n i c o r n i ' vuota (o n u l l a ) . A l t e r n a t i v a m e n t e , p o t r e m m o d i r l o non g i c i t a n d o , m a i m p i e g a n d o l a c l a s s e - e s p r e s s i o n e i n u n o

I n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t a b e l l a r e di q u e s t i m o d i : vuota

139

Non c' niente che sia un membro della classe di


Abbreviamo q u e s t o se-

cose r o s s e u n i c o r n i ; o p p u r e , La classe di c o s e r o s s e X u n i c o r n i ( nulla, non ha nessun membro). condo g r u p p o di modi di dirlo nella f o r m a : cose rosse u n i c o r n i = 0 dove l ' e s p r e s s i o n e " = 0 ' u n a c o s t a n t e , ed u n a a b b r e v i a z i o n e di qualunque espressione di quelle riportate sopra in corsivo. Allora l'enunciato ' cose rosse u n i c o r n i = 0 ' e s e m p l i f i c a la formula la

negativamente

esistenziale

' = 0 ',
qualcuno

perci,

naturalmente,

f o r m u l a n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l e ' = 0 '. S u p p o n i a m o che desideri contraddire l'asserzione che non vi s o n o u n i c o r n i r o s s i . E g l i p o t r e b b e d i r e : ' Ce ne sono a l c u n i , s a i ! " M a d i c e n d o q u e s t o , egli gi s ' i m p e g n a p i del necess a r i o ; infatti ' a l c u n i " i m p l i c a ' p i c h e u n o m e n t r e s a r e b b e sufficiente, ai fini di c o n t r a d d i r e v e r a c e m e n t e l ' a s s e r z i o n e negativamente e s i s t e n z i a l e , clic egli fosse in g r a d o di a f f e r m a r e veracemente c h e ce n' u n o . E g l i p o t r e b b e d i r e : ' C ' in effetti giusto un u n i c o r n o rosso ' . M a nel d i r e q u e s t o , n u o v a m e n t e s ' i m p e g n a p i del n e c e s s a r i o ; i n f a t t i ci c h e dice q u e s t a volta f a l s o se ci s o n o p a r e c c h i u n i c o r n i rossi, m a l g r a d o a n c h e i n q u e s t o c a s o egli p o s s a veracemente contraddire l'asserzione negativamente esistenziale. Egli i n c o r r e nel rischio m i n i m o d i f a l s i t , c o m p a t i b i l m e n t e col c o n s e g u i m e n t o d e l l ' i n t e n t o d i c o n t r a d d i r e l ' a s s e r z i o n e negativamente e s i s t e n z i a l e , d i c e n d o ' C ' a l m e n o un u n i c o r n o rosso '. La contraddittoria della formula negativamente esistenziale ' = 0 ' la f o r m u l a " ft ', f o r m u l a c h e d e v e di c o n s e g u e n z a interpretarsi: ' C' almeno un m e m b r o della classe degli a' o p p u r e ' La c l a s s e degli non vuota ( n o n n u l l a ) '. C o n f r o n t i a m o la f o r m u l a * 0 " con la f o r m u l a " = 0 '. E s s e sono m o l t o d i f f e r e n t i . L a p r i m a u s a t a p e r l ' a f f e r m a z i o n e , l a seconda per la negazione dell'esistenza di a l m e n o una cosa di una certa c l a s s e . Q u e s t ' u l t i m a deve e s s e r letta : 11
4

N o n c' n i e n t e che s i a

140

L o g i c a I e l l e classi

m e m b r o d e l l a c l a s s e dei ', clie, giusta le i s t r u z i o n i p r e c e d e n t e m e n t e d a t e , p u e s s e r e a m p l i a t o i n : ' N o n c ' niente c h e s i a u n m e m b r o d e l l a c l a s s e di c o s e o p e r s o n e c h e non sono m e m b r i di ' e n u o v a m e n t e c o n t r a l t a in ' N o n c' n i e n t e c h e non s i a un m e m b r o d e l l a c l a s s e degli '. Si tentati di i n t e r p r e t a r e ci c o m e se significasse lo slesso di ' Ogni cosa m e m b r o d e l l a c l a s s e ' ; e p e r cons e g u e n z a , di d a r e il s i g n i f i c a t o di ' Ogni cosa m e m b r o d e l l a c l a s s e . . , ' a u n a n u o v a c o s t a n t e , e p r e c i s a m e n t e a " = 1 ', c h e viene introdotta a q u e s t o p u n t o e p u v e n i r d e f i n i t a c o m e s e g u e : * = 1 ' =

/ ' -

0 ' ' -

1'=/'

0'

Q u e s t a l e t t u r a di ' = 1 ' c o m e ' Ogni cosa m e m b r o d e l l a c l a s s e d i . . . ' non c o m p o r t a i n c o n v e n i e n t i , e d anzi utile s e strettam e n t e a p p l i c a t a . M a , e f f e t t u a t o s e n z a c u r a , l'uso di ' ogni ' p u p o r t a r e , c o m e v e d r e m o , ad e r r o r i i n t e r p r e t a t i v i , ed a s a l v a g u a r d a r c i da q u e s t i clic g i o v a la lettura n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l e cui ci r i c h i a m a la d e f i n i z i o n e di d e s t r a . Le c o n t r a d d i t t o r i e d e l l e formule esemplificanti ' = 1 ' vengon f o r m a t e a l l o stesso modo d e l l e c o n t r a d d i t t o r i e d e l l e f o r m u l e e s e m p l i f i c a n t i ' = 0 ', c i o s b a r r a n d o i l s e g n o d i e q u a z i o n e . C o m e s ' visto, o t t e r r e m o u n a form u l a . e s e m p l i f i c a t a d a e n u n c i a t i u s a t i p e r a s s e r i r e l'esistenza d i a l m e n o u n m e m b r o d i u n a certa c l a s s e . (3)

Formule

(li

classe-inclusione

classe-identit.

Esiste

una

certa f o r m u l a n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l e c h e p r e s e n t a uno s p e c i a l e interesse, p e r c h lue u l t e r i o r i costanti clic r i c o r r o n o n e l l e f o r m u l e d i c l a s s e - a s s e r z i o n e p o s s o n o v e n i r d e f i n i t e nei t e r m i n i d i q u e l l a . Si tratta d e l l a f o r m u l a ' aX 0 = 0 '. U n ' u t i l e c o n v e n z i o n e da adott a r e in a l c u n i casi q u e l l a di s c r i v e r e il s e g n o ' ' s o p r a tutta q u e l l a p a r t e d e l l ' e s p r e s s i o n e c h e costituisce i l s u o c a m p o , a n z i c h p r i m a di e s s a ; ne d e r i v a , p e r la f o r m u l a s o p r a citata, la f o r m a conv e n i e n t e m e n t e a b b r e v i a t a ' = 0 '. N e i t e r m i n i di q u e s t a , la form u l a di c l a s s e - i n c l u s i o n e , ' C ', d e f i n i t a c o m e s e g u e : ' c ' =
D/ 1

= 0 '

I n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t a b e l l a r e e q u i n d i la f o r m u l a di c l a s s e - i d e n t i t . " = \ c o m e s e g u e : ' = ' = D / ' a c . c a "

141

P e r e s s e r e b e n e i n c h i a r o circa l e n u o v e f o r m u l e d i classe-ass e r z i o n e , e p r e p a r a t i a non l a s c i a r s i t e n t a r e da c e r t e i d e n t i f i c a z i o n i t r o p p o f a c i l m e n t e sollecitate d i q u e s t e e d a l t r e f o r m u l e con c e r t e f o r m e c o m u n i del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , d o b b i a m o a p p o r t a r e qualche rifinitura all'interpretazione data a ' = 0 ', specialmente q u a n d o esso a p p a i a d o p o u n a f o r m u l a d i c l a s s e d i p r o d o t t o l o g i c o . 1 / i n t e r p r e t a z i o n e che g i a b b i a m o f o r n i t a tale da i n d u r c i a leggere " = 0 ' c o m e ' N o n c' niente c h e s i a m e m b r o d e l l a c l a s s e '. La r i f i n i t u r a s u l l a q u a l e d o b b i a m o i n s i s t e r e c h e ci v e n g a inteso i n m o d o t a l e c h e ' N o n c ' n i e n t e c h e s i a m e m b r o d e l l a classe ' e ' N o n c' n i e n t e c h e s i a m e m b r o d e l l a c l a s s e ' s i a n o e g u a l m e n t e , e d i n d i p e n d e n t e m e n t e , c o n d i z i o n i sufficienti, a n c h e se non n e c e s s a r i e , della verit di ' N o n c ' n i e n t e e h e sia m e m b r o della c l a s s e a ' f t p a r t i c o l a r m e n t e i m p o r t a n t e s o t t o l i n e a r e q u e s t o fatto p e r c h si dice t a l v o l t a c h e ' = 0 ' ha lo stesso s i g n i f i c a t o di ' N e s s u n ' (oppure 'Nessuno degli ') e ' = 0' ( o p p u r e ' C ') ha lo stesso s i g n i f i c a t o di ' T u t t i gli s o n o '. Difficilm e n t e noi c o n s i d e r e r e m m o c o n d i z i o n e sufficiente d i u n ' a s s e r z i o n e e s p r e s s a con le p a r o l e ' T u t t i gli u o m i n i al r i c e v i m e n t o indossavano la m a r s i n a ', il fatto c h e u o m i n i non ce ne f o s s e r o a f f a t t o , bens s o l o d o n n e ; n s a r e m m o p r o p e n s i a c o n s i d e r a r e c i u n a c o n d i z i o n e sufficiente d e l l a verit d e l l ' a s s e r z i o n e c h e n e s s u n o degli
' Espressioni definitorie alternative s a r e b b e r o : 0\

per ' a C ' o ' a * = 1 ' o ' - ( a * ) = 0 ' per ' = ' ' * * = 1 ' ' - ( * * ) =

C i a d i r e e b e u n ' a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' = 0 ' d e d u c i b i l e p e r implicanza dalla corrispondente asserzione della formo 4 a = 0 ed a n c h e d a l l a c o r r i s p o n d e n t e a s s e r z i o n e d e l l a f o n i l a " fi = 0 '; ma n o n e s i g e n l ' u n a n l ' a l t r a di fpieslc due asserzioni.

142

L o g i c a I e l l e classi

uomini al ricevimento indossava la marsina. S a r e m m o piuttosto p r o p e n s i a c o n s i d e r a r l a c o m e i n c o m p a t i b i l e con la verit tanto dell'una clic d e l l ' a l t r a a s s e r z i o n e . Ma " u o m i n i al ricevimento = 0 ' u n a c o n d i z i o n e sufficiente d e l l a verit tanto di ' u o m i n i al r i c e v i m e n t o X c o l o r o che i n d o s s a n o la m a r s i n a = 0 ', q u a n t o di
4

u o m i n i al r i c e v i m e n t o c o l o r o c h e i n d o s s a n o la m a r s i n a

= 0 '. D ' a l t r a p a r t e , o v v i a m e n t e v e r o c h e l ' a s s e r z i o n e c h e tutti gli u o m i n i a l r i c e v i m e n t o i n d o s s a v a n o l a m a r s i n a i m p l i c a l'asserz i o n e clic la c l a s s e di u o m i n i al r i c e v i m e n t o non i n d o s s a n t i la marsina era vuota.
4

T u t t i gli s o n o ' e s i g e

C ', ma q u e s t a

non esige q u e l l a . T a l e s i t u a z i o n e r i c h i a m a q u e l l a d i cui s ' d i s c o r s o n e l l ' u l t i m o c a p i t o l o , a p r o p o s i t o di a l c u n e p r e t e s e di identificaz i o n e f r a costanti v e r o - f u n z i o n a l i e p a r o l e o r d i n a r i e . In p r o p o s i t o , d i r e m o di pi pi avanti. P o s s i a m o notare qui, tuttavia, che la stessa m a n c a n z a di p l a u s i b i l i t inficia l ' i d e n t i f i c a z i o n e di con ' T u t t i gli sono e tutti i sono '. 4. S e v o g l i a m o c h e sia giustificata l a p r e t e s a d i d a r e a l s i s t e m a
4

= '

t a b e l l a r e , p e r i l q u a l e a b b i a m o g i d e s c r i t t a l ' i n t e r p r e t a z i o n e verofunzionale, un'interpretazione alternativa in termini di formule di elasse, d o b b i a m o mostrare che il metodo tabellare pu venir usato, in m o d o esattamente parallelo, per stabilire regole logiche c i r c a le f o r m u l e di c l a s s e . P o t r e m m o a s p e t t a r c i c h e i nostri risultati p r e n d a n l a f o r m a d i u n a d i m o s t r a z i o n e c h e a l c u n e f o r m u l e d i c l a s s e - a s s e r z i o n e s o n o a n a l i t i c h e . M a s e m b r a esserci u n ' o v v i a difficolt nel f a r q u e s t o , ed q u e l l a c h e n e s s u n a d e l l e costanti ebe introducemmo al fine di rendere possibile la costruzione di f o r m u l e di classe-asserzione ( c o m e distinte dalle semplici formule d i c l a s s e ) f i g u r a v a n e l l a nostra lista o r i g i n a l e d e l l e costanti c h e d o v e v a n o r e a l i z z a r e l a r e - i n t e r p r e t a z i o n e d e l l e costanti vero-funz i o n a l i . Q u e l l a lista i n c l u d e v a non
4 4

', * ', ' + ',


4

* ', e

** ' ; ma

\ ' = \ ' c

' \ ' = 0 \ e

= 1 \ D o v r e m m o ovvia-

m e n t e a b b a n d o n a r e la p r e l e s a di u s a r e lo stesso s i s t e m a astratto

I n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t a b e l l a r e

143

di regole, se incorporiamo nello strumentario di prova simboli elio c o m u n q u e non c o s t i t u i s c a n o le strette c o n t r o p a r t i di q u e l l i usati p e r l ' i n t e r p r e t a z i o n e t r a d i z i o n a l e . P o s s i a m o n o t a r e , tuttavia, c h e tutte l e f o r m u l e d i classe-asserzione d i cui a b b i a m o trattato, a d e c c e z i o n e d e l l e f o r m u l e d i classeappartenenza, possono venir espresse o c o m e equazioni allo ' 0 ' ili q u a l c h e f o r m u l a di e l a s s e ( o p p u r e , c i c h e p o i lo stesso, c o m e l ' e q u a z i o n e a l l " 1 ' del c o m p l e m e n t o di q u e l l a f o r m u l a di c l a s s e ) c o m e le n e g a z i o n i di tali e q u a z i o n i . O r a il d i r e c h e q u a l c h e f o r m u l a d ' a s s e r z i o n e in cui q u a l c h e f o r m u l a di c l a s s e e g u a g l i a t a allo ' 0 ' a n a l i t i c a e q u i v a r r e b b e a d i r e c h e , c o m e q u e s t i o n e d i necessit l o g i c a , u n a c l a s s e - e s p r e s s i o n e e s e m p l i f i c a n t e q u e l l a formula sarebbe vuota o nulla, cio sarebbe logicamente impossibile per u n a tale c l a s s e - e s p r e s s i o n e di v e n i r a p p l i c a t a a c h e c c h e s s i a . P o t r e m m o e s p r i m e r e c i col d i r e c h e l a f o r m u l a d i c l a s s e i n questione era auto-contraddittoria, o

logicamente nulla.

Similmente,

m o s t r a r e c h e la f o r m u l a di a s s e r z i o n e in cui il c o m p l e m e n t o di una d a t a f o r m u l a di c l a s s e v e n g a e g u a g l i a t o a ' 1 ' a n a l i t i c a , e q u i v a r r e b b e a n c h e a m o s t r a r e c h e la f o r m u l a di c l a s s e e r a logicamente nulla. Potremmo dire che la formula complementare d i q u e l l a f o r m u l a d i c l a s s e v e r r e b b e c o n ci d i m o s t r a t a c o m e

logicamente comprensiva. C o s i il nostro p r o b l e m a


mulato come segue:

p u venir rifor-

possibile usare il metodo tabellare per

d e t e r m i n a r e s e l e f o r m u l e d i c l a s s e s o n o l o g i c a m e n t e n u l l e , logicamente c o m p r e n s i v e , o n l ' u n a n l ' a l t r a c o s a ? Se q u e s t o fosse il caso, le regole per determinarlo dovrebbero essere esattamente parallele alle regole per determinare se le f o r m u l e vero-funzionali sono a u t o - c o n t r a d d i t t o r i e , a n a l i t i c h e o c o n t i n g e n t i . in effetti p e r f e t t a m e n t e p o s s i b i l e u s a r e il m e t o d o t a b e l l a r e p e r d e t e r m i n a r e lo status di u n a f o r m u l a di c l a s s e in un m o d o e s a t t a m e n t e p a r a l l e l o a q u e l l o in cui esso u s a t o p e r d e t e r m i n a r e lo status di u n a f o r m u l a v e r o - f u n z i o n a l e . Q u e s t a u n a c o n s e g u e n z a del p a r a l l e l i s m o f r a i significati d a t i a l l e costanti d e l l e d u e inter-

144

L o g i c a I e l l e classi

p r e l a z i o n i . Il v a l o r e di verit di u n ' a s s e r z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e i n t e r a m e n t e d e t e r m i n a t o dai v a l o r i d i v e r i t d e l l e s u e a s s e r z i o n i costitutive. Si potrebbe d i r e : il ' v a l o r e - d i - a p p a r t e n e n z a ' di una c l a s s e - e s p r e s s i o n e c o m p o s t a e i n t e r a m e n t e d e t e r m i n a t o d a i valorid i - a p p a r l e n e n z a d e l l e s u e c l a s s e - e s p r e s s i o n i costitutive. Mi si p e r m e t t a di i n i z i a r e con l ' a t t r i b u i r e un s i g n i f i c a t o a l l a f r a s e ' e s t e n s i o n e d i u n a c l a s s e - e s p r e s s i o n e ' . L o f a r i n m o d o non f o r m a l e , a v v a l e n d o m i d i u n ' i l l u s t r a z i o n e : l ' e s t e n s i o n e d e l l a classee s p r e s s i o n e ' c o s e v e r d i ' l'intero g r u p p o Ielle c o s e di cui s a r e b b e vero d i r e clic sono v e r d i . Q u i n d i io s p i e g h e r 1 ' ' e s c l u s i o n e ' di piesta c l a s s e - e s p r e s s i o n e c o m e l ' i n t e r o g r u p p o d e l l e c o s e d i cui s a r e b b e vero d i r e c h e non sono verli. ( L ' e s c l u s i o n e li u n a classee s p r e s s i o n e l ' e s t e n s i o n e lei s u o c o m p l e m e n t o ; ma non p o s s i a m o u s a r e piesta c o m e d e f i n i z i o n e s e v o g l i a m o e v i t a r e u n c i r c o l o logico i n ci c h e s e g u e ) . D e f i n i r piindi 1 " u n i v e r s o d i d i s c o r s o ' d i una classe-espressione come l'insieme delle cose comprendente sia la s u a e s t e n s i o n e c h e la s u a e s c l u s i o n e . P r e n d i a m o anzitutto nota di ci c h e piesta d e f i n i z i o n e e s c l u d e d a l l ' u n i v e r s o di d i s c o r s o di u n a c l a s s e - e s p r e s s i o n e . In p r i m o l u o g o , e nel m o d o p i ovvio, essa e s c l u d e tutte pielle c o s e clic non a p p a r t e n g o n o alla g a m m a d i p o s s i b i l i v a l o r i d e l l a v a r i a b i l e nella f o r m u l a c o s t r u i t a s c r i v e n d o " .r " s e g u i t a da ' ' s e g u i t a d a l l a c l a s s e - e s p r e s s i o n e . Se la classee s p r e s s i o n e in q u e s t i o n e e ' cose vcrtli ', tutte pielle c o s e di cui il d i r e e b e non sono verdi non d s e n s o l e t t e r a l e s o n o e s c l u s e dall'universo di discorso della classe-espressione. In secondo luogo, essa e s c l u d e ( d e v e e s s e r e intesa c o m e e s e l u d e n t e ) d a l l ' u n i v e r s o di liscorso tutti i casi d e l l a l i n e a d i v i s o r i a . P e r ci c h e c o n c e r n e il nostro e s e m p i o , essa e s c l u d e d a l l ' u n i v e r s o di d i s c o r s o d e l l a c l a s s e - e s p r e s s i o n e ' c o s e v e r d i ' tutte pielle c o s e di c u i , m e n t r e a v r e b b e senso d i r e c h e s o n o v e r d i , non s a r e b b e v e r o in molo definito d i r e c h e s o n o v e r d i e non s a r e b b e v e r o in m o d o definito lire c h e non s o n o v e r d i . A p p a r t e n g o n o a l l ' u n i v e r s o d i d i s c o r s o s o l t a n t o j u d i e c o s e rispetto all: piali u u a li pieste a s s e r z i o n i s a r e b b e

I n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t a b e l l a r e

145

vera in m o d o d e f i n i t o . Il r e s t r i n g e r e la n o s t r a a t t e n z i o n e a q u e s t e d u e elassi a n a l o g o al r e s t r i n g e r e la n o s t r a a t t e n z i o n e , nel determ i n a r e il s i g n i f i c a t o da d a r s i a l l e costanti v e r o - f u n z i o n a l i , ai casi d i a s s e r z i o n e e b e h a n n o i n m o d o definito u n o dei d u e v a l o r i d i verit, verit o f a l s i t . In tal m o d o l ' u n i v e r s o di d i s c o r s o di u n a s i n g o l a classe-espressione v i e n e d i v i s o in due classi o g r u p p i di c o s e m u t u a m e n t e esclusivi e c o n g i u n t a m e n t e e s a u r i e n t i : l ' e s t e n s i o n e e l ' e s c l u s i o n e d e l l a c l a s s e - e s p r e s s i o n e . V e n i a m o o r a a p a r l a r e d e l l ' u n i v e r s o di d i s c o r s o di una c o p p i a di c l a s s e - e s p r e s s i o n i , e d e f i n i a m o l o c o m e il g r u p p o d e l l e c o s e c h e a p p a r t e n g o n o o a l l ' e s t e n s i o n e o a l l ' e s c l u s i o n e di ciascuna delle due classe-espressioni. Evidentemente, l'universo di d i s c o r s o di u n a c o p p i a di c l a s s e - e s p r e s s i o n i d i v i s o in q u a t t r o classi m u t u a m e n t e esclusive e c o n g i u n t a m e n t e e s a u r i e n t i : precis a m e n t e , i l g r u p p o d i c o s e c h e a p p a r t e n g o n o a l l e estensioni d i a m b e d u e le classe-espressioni; il g r u p p o delle cose che appartengono a l l ' e s t e n s i o n e della p r i m a , m a non a l l ' e s t e n s i o n e d e l l a sec o n d a ; il g r u p p o di cose c h e a p p a r t e n g o n o a l l ' e s t e n s i o n e d e l l a sec o n d a , ma non a q u e l l a d e l l a p r i m a ; il g r u p p o d e l l e c o s e c h e non appartengono n a l l ' e s t e n s i o n e d e l l ' u n a n a quella dell'altra, cio c h e a p p a r t e n g o n o a l l ' e s c l u s i o n e d i a m b e d u e . P e r u n a terna di c l a s s e - e s p r e s s i o n i , ci s a r a n n o otto s u d d i v i s i o n i d e l l ' u n i v e r s o di d i s c o r s o , e in g e n e r a l e , p e r c l a s s e - e s p r e s s i o n i , l ' u n i v e r s o di discorso a v r 2 " s u d d i v i s i o n i . O r a a t t r i b u i a m o un s i g n i f i c a t o di un c e r t o g e n e r e a l l e costanti che a p p a r t e n g o n o al s i s t e m a . A tutte d i a m o un s i g n i f i c a t o t a l e c h e la risposta alla domanda se qualcosa che a p p a r t i e n e all'universo di d i s c o r s o di u n a c l a s s e - e s p r e s s i o n e c o m p o s t a m e m b r o d e l l a s u a e s t e n s i o n e o della s u a e s c l u s i o n e (e d e v e e s s e r e o l ' u n a o l'altra c o s a ) s i a i n t e r a m e n t e d e t e r m i n a t a u n a volta c h e s i a d a t a 1 a p p a r t e n e n z a d e l l a cosa a l l e estensioni o e s c l u s i o n i d e l l e classee s p r e s s i o n i costitutive. S u p p o n i a m o d i a v e r e u n a classe-espressione c o m p o s t a , p e r e s e m p i o d e l l a f o r m a ' '- A l l o r a c i a s c u n a

I
146 L o g i c a I e l l e classi

cosa c h e a p p a r t e n g a a l l ' u n i v e r s o d i d i s c o r s o d e l l a classe-espress i o n e c o m p o s t a deve a p p a r t e n e r e a d u n a s o l t a n t o , e p u a p p a r t e nere a q u a l s i a s i , d e l l e q u a t t r o s u d d i v i s i o n i di q u e l l ' u n i v e r s o di discorso. Le regole che mostrano, per ciascuna di queste quattro s u d d i v i s i o n i , se l ' a p p a r t e n e n z a di u n a cosa a q u e l l a s u d d i v i s i o n e la r e n d e m e m b r o d e l l ' e s t e n s i o n e o d e l l ' e s c l u s i o n e d e l l a classeespressione composta, esaurisce interamente il significato della c o s t a n t e ' X '. E cosi p e r le a l t r e c o s t a n t i . Queste regole possono venir fornite in una forma schematica che strettamente parallela alla f o r m a schematica delle tabelle di v e r i t . S u p p o n i a m o a n c o r a u n a volta d i a v e r e u n a classe-espress i o n e d e l l a f o r m a ' '. R a p p r e s e n t i a m o il s u o u n i v e r s o di d i s c o r s o m e d i a n t e u n a figura c i r c o l a r e , e le q u a t t r o s u d d i v i s i o n i d i q u e s t o u n i v e r s o m e d i a n t e u n a c o m p a r t i m e n t a z i o n e del c i r c o l o in q u a t t r o settori. I n d i c h i a m o la s u d d i v i s i o n e costituita da q u e l l e cose, s e v e n e s o n o , c h e s o n o m e m b r i dell'estens i o n e d i a m b e d u e l e c l a s s e - e s p r e s s i o n i costitutive s c r i v e n d o ' MM ' nel q u a d r a n t e s u p e r i o r e sinis t r o ; l a s u d d i v i s i o n e costituita d a q u e l l e c o s e , se ve ne sono, che sono m e m b r i dell'estensione d e l l a p r i m a c l a s s e - e s p r e s s i o n e c o s t i t u t i v a , m a non di q u e l l a d e l l a s e c o n d a , s c r i v e n d o ' MN " nel quad r a n t e s u p e r i o r e d e s t r o ; l a s u d d i v i s i o n e costituita d a q u e l l e cose, se ve ne sono, che sono membri dell'estensione della seconda, ma non d i q u e l l a d e l l a p r i m a , c l a s s e - e s p r e s s i o n e costitutiva, s c r i v e n d o ' NM ' nel q u a d r a n t e sottostante a q u e s t ' u l t i m o ; e la s u d d i v i s i o n e c o s t i t u i t a d a q u e l l e c o s e , s e v e n e s o n o , c h e non s o n o m e m b r i d e l l e e s t e n s i o n i n d e l l ' u n a n d e l l ' a l t r a c l a s s e - e s p r e s s i o n e costit u i v a . s c r i v e n d o ' NN ' nel q u a d r a n t e r i m a s t o . P o s s i a m o a l l o r a d a r e il s i g n i f i c a t o d e l l a costante ' X ' m e d i a n t e la r e g o l a c h e tutte quelle cose, se ve ne sono, che sono m e m b r i della suddivisione ' MM ". sono m e m b r i d e l l ' e s t e n s i o n e d e l l a c l a s s e - e s p r e s s i o n e comp o s t a . e tutti gli altri m e m b r i del s u o u n i v e r s o di d i s c o r s o n o n

I n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t a b e l l a r e

147

sono m e m b r i d e l l a sua e s t e n s i o n e , c i o s o n o m e m b r i d e l l a s u a esclusione. Similmente, possiamo definire la s o m m a logica di due c l a s s e - e s p r e s s i o n i c o m e l a c l a s s e - e s p r e s s i o n e l a cui e s t e n s i o n e comp r e n d e tutti i m e m b r i del s u o u n i v e r s o di d i s c o r s o eccetto q u e l l i , se ve ne sono, che appartengono alla suddivisione ' N N ' ; questi u l t i m i a p p a r t e r r a n n o a l l a s u a e s c l u s i o n e . E cosi v i a . ovvio c h e p o s s i a m o r a p p r e s e n t a r e queste r e g o l e n e l l a f o r m a t a b e l l a r e c h e c i f a m i l i a r e , con l a d i f f e r e n z a c h e l e c o l o n n e , a n z i c h e s i b i r e ( i ) p o s s i b i l i c o m b i n a z i o n i dei valori di v e r i t Ielle a s s e r z i o n i costitutive di un d a t o tipo di a s s e r z i o n e , e ( i i ) l'effetto di c i a s c u n a di questi sul v a l o r e di verit d e l l ' a s s e r z i o n e nel s u o c o m p l e s s o , mostrer ( i ) le suddivisioni dell'universo di discorso di un dato tipo di c l a s s e - e s p r e s s i o n e c ( i i ) l'elfetto d e l l ' a p p a r t e n e n z a a c i a s c u n a di queste sull'appartenenza all'estensione della classe-espressione in q u e s t i o n e . A v r e m o cosi la seguente tabella ( 1 ) : e la seguente tabella ( 2 ) :

()
NM NN

( +

(0 *

(d) **

G i s' i n d i c a t o c o m e q u e s t i s c h e m i d e b b a n esser letti. E s s i s o n o soltanto r a p p r e s e n t a z i o n i s o m m a r i e d e l l e o s s e r v a z i o n i p r e c e d e n t e m e n t e f a t t e , di regole c h e i n c l u d o n o q u e l l e g i e n u n c i a t e e di altre r e g o l e d e l l a stessa s o r t a . N e l l e c o l o n n e sotto l e f o r m u l e composte, u n a l e t t e r a ' ' m o s t r a e h e i m e m b r i d e l l a c o r r i s p o n d e n t e

/
I ts L o g i c a Ielle classi

s u d d i v i s i o n e ' d e l l ' u n i v e r s o di d i s c o r s o s o n o m e m b r i dell'estens i o n e d e l l a c l a s s e - e s p r e s s i o n e c o m p o s t a di q u e l l a f o r m a ; ed u n a ' ' m o s t r a c h e i m e m b r i d e l l a c o r r i s p o n d e n t e s u d d i v i s i o n e dell ' u n i v e r s o d i d i s c o r s o s o n o m e m b r i d e l l ' e s c l u s i o n e d e l l a classco s p r e s s i o n c c o m p o s t a . ovvio c h e . c o m e nel c a s o d e l l e t a b e l l e di v e r i t , p o s s i a m o f a r u s o d i tali s c h e m i c o m e d i r e g o l e p e r o t t e n e r e c o l o n n e di e di p e r f o r m u l e di g r a n l u n g a p i c o m p l i c a t e contenenti le stesse c o s t a n t i . P e r e s e m p i o , le * c o n d i z i o n i di app a r t e n e n z a ' per la formula * ( ) ' sono date, mediante applicazione della regola della tabella (1) alla colonna (2o), n e l l a c o l o n n a ( e ) d e l l a t a b e l l a s o t t o r i p o r t a t a ; e la c o l o n n a p e r ' ( a X ) ' e fornita subito di seguito. Possiamo notare, onde potervi f a r r i f e r i m e n t o p i i n n a n z i , c h e l a c o l o n n a p e r quest'ultima f o r m u l a identica con q u e l l a f o r n i t a s o p r a p e r ' * '. ( Q u a n d o l e c o l o n n e c h e c o m p a i o n o sotto u n a f o r m u l a d i c l a s s e c o m p l e s s a s o n o p i c h e u n a , l a c o l o n n a r i s u l t a n t e p e r l'intera form u l a . n a t u r a l m e n t e , q u e l l a c h e a p p a r e sotto l a costante d i c a m p o p i esteso. L e a l t r e c o l o n n e r a p p r e s e n t a n o s t a d i i n t e r m e d i n e l l ' a p plicazione delle regole).

(e) ()

- ( - )
MM NN NN

(/)

C o n s i d e r i a m o ora a l c u n i casi in cui l ' a p p l i c a z i o n e di q u e s t e r e g o l e p r o d u c e , p e r q u a l c h e f o r m u l a c o m p l e s s a , u n a c o l o n n a inter a m e n t e c o n s i s t e n t e o di o di . S c e g l i a m o le f o r m u l e ' ( ) X


' Ci;, la suddivisione indicata dalla e o p p i a di lettere nella colonna di sinistra, allo stesso rigo.

I n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t a b e l l a r e - ( + ) \ ' - l ( a ) X(a + ) ] ' e ' * a + ' .

149 Otte-

n i a m o p e r esse i seguenti risultati :

MM

()

(g)

() - ( + ) [ ( ) ( + ) ]

* +

(;)

C o m e d o b b i a m o interpretare questi risultati? Consideriamo, in p r i m o l u o g o , i l risultato d e l l a f o r m u l a d e l l a c o l o n n a ( g ) . O r a l a c o l o n n a a l l ' e s t r e m a sinistra d e l l a t a b e l l a d e s c r i v e l ' i n t e r o u n i v e r s o di d i s c o r s o di u n a c l a s s e - e s p r e s s i o n e e s e m p l i f i c a n t e la f o r m u l a in questione, nelle sue quattro suddivisioni mutuamente esclusive e congiuntamente esaurienti. Ma la colonna di risultante per ( g ) e s c l u d e i m e m b r i di c i a s c u n a di q u e s t e q u a t t r o s u d d i v i s i o n i dall ' a p p a r t e n e n z a a l l ' e s t e n s i o n e d i q u a l u n q u e c l a s s e - e s p r e s s i o n e esemp l i f i c a n t e l a f o r m u l a d i ( g ) . C i o , n i e n t e clic a p p a r t e n g a all'universo d i d i s c o r s o d i una tale c l a s s e - e s p r e s s i o n e p u a p p a r t e n e r e alla s u a e s t e n s i o n e . Ci significa c h e n i e n t e del tutto p u a p p a r t e nere a l l a s u a e s t e n s i o n e ; c q u e s t a u n a c o n s e g u e n z a del s i g n i f i c a t o dato a l l e costanti in q u e s t i o n e . C i e q u i v a l e a d i r e c h e la f o r m u l a di c l a s s e ' ( ) ( + ) * l o g i c a m e n t e n u l l a , o l o g i c a m e n t e vuota o a u t o - c o n t r a d d i t t o r i a . G i a b b i a m o a nostra d i s p o s i z i o n e un modo alternativo di esprimere questo risultato: dire che la formula di c l a s s e l o g i c a m e n t e n u l l a lo stesso c h e d i r e clic la formula di classe-asserzione formata e g u a g l i a n d o la f o r m u l a di classe a 0 l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i a , o a n a l i t i c a . A b b i a m o in tal m o d o : ' ( ) ( + ) = 0' analitica. La f o r m u l a d e l l a c o l o n n a ( li ) il c o m p l e m e n t o d e l l a f o r m u l a d e l l a colonna ( g ) . L'applicazione della regola della tabella ( 1 ) produce por essa u n a c o l o n n a consistente i n t e r a m e n t e di . II m o d o di in-

1 6 9 L o g i c a I e l l e classi t e r p r e t a r e il risultato e ovvio. Ogni m e m b r o di c i a s c u n a d e l l e suddivisioni congiuntamente esaurienti dell'universo di discorso di una c l a s s e - e s p r e s s i o n e d i q u e s t a f o r m a a p p a r t i e n e a l l ' e s t e n s i o n e d i q u e s t a c l a s s e - e s p r e s s i o n e . C i o , ogni m e m b r o del suo u n i v e r s o d i discorso appartiene alla sua estensione. Cosi a b b i a m o : ' 1 ( ) ( + ) ] ' l o g i c a m e n t e c o m p r e n s i v a clic p o s s i a m o e s p r i m e r e a l t r i m e n t i nella f o r m a : ' - [ ( ) X - ( + ) 1 = 1 ' a n a l i t i c a . Similmente per ( j ) a b b i a m o il risultalo che ' * + ' l o g i c a m e n t e c o m p r e n s i v a ovvero '* + = 1 ' analitica.

E d ora p o s s i a m o s u b i t o n o t a r e c h e , c o m e nel c a s o dell'interp r e t a z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e , p o s s i a m o ottenere gli stessi risultati in un m o d o almeno in superfcie dilferentc. Si supponga di confront a r e le c o l o n n e ( 2 e ) e ( 2 6 ) , c i o le c o l o n n e d e l l e f o r m u l e ' ' ed ' + '. O s s e r v i a m o che non c' n e s s u n a d e l l e q u a t t r o s u d d i v i s i o n i d e l l ' u n i v e r s o d i d i s c o r s o d i cui u n m e m b r o q u a l u n q u e a p p a r t e n g a a l l ' e s t e n s i o n e d e l l a c l a s s e - e s p r e s s i o n e ' ' ma non a p p a r t e n g a all'estensione della corrispondente classe-espressione della forma ' + '. In a l t r e p a r o l e , p e r n e c e s s i t l o g i c a , non c' niente c h e sia m e m b r o d e l l ' e s t e n s i o n e d e l l a c l a s s e - e s p r e s s i o n e d e l l a p r i m a forma e non s i a m e m b r o d e l l ' e s t e n s i o n e d e l l a c o r r i s p o n d e n t e classee s p r e s s i o n e d e l l a s e c o n d a f o r m a . A b b i a m o a nostra d i s p o s i z i o n e m o d i d i f f e r e n t i d i e s p r i m e r e c i . U n o f r a essi consiste nel d i c h i a rare che la formula di classe-inclusione " a e a + ' a n a l i t i c a ; u n a l t r o a n c o r a nel d i c h i a r a r e c h e l a f o r m u l a n e g a t i v a m e n t e esis t e n z i a l e " X ( + ) = 0 ' a n a l i t i c a . O r a c o n f r o n t i a m o le c o l o n n e p e r * * ' e ' ( ) ' ;

I n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t a b e l l a r e

151

cio, la colonna 2 ( c ) c la colonna ( / ) . Osserviamo che la disposiz i o n e degli e degli la stessa. Q u e s t o r i s u l t a t o lo p o s s i a m o interpretare come segue. logicamente impossibile per qualsivoglia cosa e s s e r e u n m e m b r o d e l l ' e s t e n s i o n e d i u n a c l a s s e - e s p r e s s i o n e e s e m p l i f i c a n t e la p r i m a f o r m u l a e non un m e m b r o d e l l ' e s t e n s i o n e della corrispondente classe-espressione esemplificante la seconda f o r m u l a ; e v i c e v e r s a . Ci e q u i v a l e a d i r e c h e , p e r necessit l o g i c a , non c ' n i e n t e c h e s i a m e m b r o di u n a e s t e n s i o n e e non d e l l ' a l t r a . Ma ci c o m e d i r e : la f o r m u l a ' * = ( ) ' analitica. I n m o d i s i f f a t t i , p o s s i a m o u s a r e del m e c c a n i s m o d e l l e t a b e l l e per s t a b i l i r e l ' a n a l i t i c i t d i f o r m u l e d i c l a s s e - a s s e r z i o n e del t i p o n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l e e, in p a r t i c o l a r e , di q u e i casi s p e c i a l i di tali f o r m u l e c h e s o n o le f o r m u l e di c l a s s e - i n c l u s i o n e e di classei d e n t i t . D u e c o s e m e r i t a n o in p a r t i c o l a r e di e s s e r notate. E s s e s o n o : ( i ) c h e ogni q u a l v o l t a , m e d i a n t e l ' a p p l i c a z i o n e d e l l e r e g o l e , o t t e n i a m o u n a c o l o n n a di sotto u n a f o r m u l a di c l a s s e c o m p l e s s a della f o r m a * * ', s t a b i l i a m o con ci l ' a n a l i t i c i t d e l l a c o r r i s p o n dente f o r m u l a d i classe-asserzione d e l l a f o r m a ' a C ' ; e ( i i ) c h e ogni q u a l v o l t a , m e d i a n t e l ' a p p l i c a z i o n e d e l l e r e g o l e , o t t e n i a m o u n a c o l o n n a di sotto una f o r m u l a di c l a s s e c o m p l e s s a d e l l a f o r m a
4

* * ', s t a b i l i a m o con ci l ' a n a l i t i c i t d e l l a c o r r i s p o n d e n t e for4

m u l a di classe-asserzione d e l l a f o r m a colonna

= ' . D i r e infatti c h e la

p e r u n a c l a s s e - e s p r e s s i o n e d e l l a f o r m a ' * ' consiste

i n t e r a m e n t e di coin d i r e c h e non ci p u e s s e r e nessun m e m bro del s u o u n i v e r s o d i d i s c o r s o c h e non s i a m e m b r o d e l l a s u a e s t e n s i o n e , c i o c h e , p e r necessit l o g i c a , non c ' niente clic sia m e m b r o d e l l ' e s t e n s i o n e d e l l a p r i m a d e l l e s u e c l a s s e - e s p r e s s i o n i costitutive e non s i a m e m b r o d e l l ' e s t e n s i o n e d e l l a s e c o n d a ; e d i r e questo e q u i v a l e e s a t t a m e n t e a d i r e c h e il c o r r i s p o n d e n t e classeenunciato della forma " C ' logicamente necessario. Similmente, dire che una classe-espressione della forma
4

* * '

l o g i c a m e n t e c o m p r e n s i v a e q u i v a l e a d i r e c h e ogni m e m b r o del s u o

1 7 1 L o g i c a I e l l e classi u n i v e r s o di d i s c o r s o d e v e l o g i c a m e n t e e s s e r e o m e m b r o d e l l e estensioni di a m b e d u e le s u e c l a s s e - e s p r e s s i o n i costitutive o m e m b r o d e l l ' e s t e n s i o n e d i n e s s u n a d e l l e d u e : e d i r e q u e s t o e q u i v a l e esattam e n t e a d i r e clic il c o r r i s p o n d e n t e c l a s s e - e n u n c i a t o d e l l a f o r m a " = ' logicamente necessario. 5. Il metodo tabellare, allora, pu essere usato per stabilire

r e g o l e l o g i c h e circa f o r m u l e di e l a s s e . E la c o r r i s p o n d e n z a s i m b o l o a - s i m b o l o . rcgola-a-regola fra q u e s t ' u s o d e l l e t a b e l l e e l'uso verof u n z i o n a l e e e s a t t a . V a l e a d i r e c h e . se p r e n d i a m o u n a q u a l u n q u e t a b e l l a c o r r e t t a m e n t e e l a b o r a t a del s i s t e m a v e r o - f u n z i o n a l e e sostituiamo ' ' a ' V V ' a * , ' * ' a 3 V * * ' a
4

F V * a '. \
1

- ' a ' ~ ' a ' \


4

\ ' + ' a

' a \ e ' \ ' \

q \ ' r ' in

ogni s i n g o l o c a s o , o t t e r r e m o u n a t a b e l l a c o r r e t t a m e n t e e l a b o r a t a del c l a s s e - s i s t e m a . L ' u s o d e l l e d u e d i v e r s e s e r i e d i s i m b o l i , d a l p u n t o di vista del m e c c a n i s m o , non n e c e s s a r i o . P o t r e m m o u s a r e la stessa s e r i e di s i m b o l i , a p p l i c a r e le stesse r e g o l e astratte ( c i o , r e g o l e clic m e n z i o n i n o solo lettere e s e g n i ) , e l e g g e r e o interpret a r e i risultati in d u e m o d i d i v e r s i . N e l l a c l a s s e - i n t e r p r e t a z i o n e d o v r e m o e s p r i m e r e i nostri risultati ( n e l p r i m o c a s o ) d i c h i a r a n d o le f o r m u l e l o g i c a m e n t e c o m p r e n s i v e o l o g i c a m e n t e n u l l e d o v e , n e l l ' i n t e r p r e t a z i o n e v e r o - f u n z i o n a l e , e s p r i m i a m o i nostri risultati d i c h i a r a n d o le f o r m u l e l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i e o auto-contraddittorie. I n molti casi p o s s i a m o t r o v a r e dei p a r a l l e l i f r a l e r e g o l e p e r f o r m u l e ili c l a s s e s t a b i l i t e in q u e s t o m o d o ed il c o m p o r t a m e n t o d e l l e c l a s s e - e s p r e s s i o n i nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o . P e r e s e m p i o , l e f o r m u l e d i c l a s s e ' * * ' ' ( + ) * * + ' risultano, s e r i s c o n t r a t e con l e t a b e l l e , l o g i c a m e n t e c o m p r e n s i v e . Q u e s t o risultato possiamo logicamente esprimerlo dichiarando analitiche le f o r m u l e ili c l a s s e - a s s e r z i o n e = ( + ) = + -

I n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t a b e l l a r e

153

L a p r i m a classe-identit h a l a s u a c o n t r o p a r t e a p p r o s s i m a t i v a nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o n e l l ' i d e n t i t d e l l e estensioni d i e s p r e s s i o n i c o m e ' r o s s o - c h i o m a t i avvocati ' e ' a v v o c a t i con la c h i o m a rossa \ " g i o c a t o r i d o n n e ' e ' d o n n e g i o c a t r i c i ' ; c i o nella f r e q u e n t e ind i f f e r e n z a l o g i c a p e r l ' o r d i n e di n o m i p l u r a l i e l o r o e p i t e t i q u a l i ficativi. Per la sceonda troviamo corrispondenze come l'assenza di d i s t i n z i o n e l o g i c a f r a . p e r e s e m p i o , ' S c o z z e s i c h e s o n o giuristi o s c i e n z i a t i ' e ' Giuristi scozzesi e s c i e n z i a t i scozzesi '. O g n i d i c h i a r a z i o n e d i a n a l i t i c i t d i u n a f o r m u l a d i classe-inclus i o n e o di classe-identit p u v e n i r e r i e s p r e s s a c o m e u n ' i m p l i c a n z a o u n ' e q u i v a l e n z a logica f r a f o r m u l e di c l a s s e - a p p a r t e n e n z a . D i r e infatti c h e d u e f o r m u l e d i c l a s s e s o n o a n a l i t i c a m e n t e i d e n t i c h e e q u i v a l e a d i r e c h e l ' a p p a r t e n e n z a a l l ' e s t e n s i o n e di u n a classee s p r e s s i o n e e s e m p l i f i c a n t e u n a d e l l e d u e f o r m u l e r e n d e logicamente necessaria l'appartenenza all'estensione della corrispondente classe-espressione esemplificante l'altra formula. Per esempio, ' ( + ) = + ' analitica p u v e n i r r i e s p r e s s a nella f o r m a ' . ( + ) ' l o g i c a m e n t e e q u i v a l e n t e a ' . ( + ) '. S i m i l m e n t e , l a d i c h i a r a z i o n e clic u n a f o r m u l a d i c l a s s e - i n c l u s i o n e a n a l i t i c a e q u i v a l e n t e a l l a d i c h i a r a z i o n e c h e l ' a p p a r t e n e n z a all ' e s t e n s i o n e di u n a c l a s s e - e s p r e s s i o n e e s e m p l i f i c a n t e la p r i m a formula subordinata necessariamente comporta l'appartenenza all'estensione della corrispondente classe-espressione esemplificante la seconda formula subordinata. Cosi da ' C + " a n a l i t i c a abbiamo ' * ' e s i g e ' , ( + ) '. Simili implicanze ed equivalenze possono allora venir riespresse nella f o r m a d i d i c h i a r a z i o n i c h e c e r t e f o r m u l e v e r o - f u n z i o n a l i in-

1 7 3 L o g i c a Ielle classi c o r p o r a n t i f o r m u l e d i c l a s s e - a p p a r t e n e n z a sono a n a l i t i c h e . A b b i a m o cosi ' . ( + ) = * ( + ) " a n a l i t i c a e ' . . ( + ) ' a n a l i t i c a . 6. Q u e s t ' u l t i m o m o d o di e s p r i m e r e i nostri risultati r i c h i a m a

l ' a t t e n z i o n e su di i m a n o t e v o l e l i m i t a z i o n e di q u e s t o intero m e t o d o di s v i l u p p o di un s i s t e m a l o g i c o p e r f o r m u l e di c l a s s e e f o r m u l e di c l a s s e - a s s e r z i o n e . Le costanti clic a b b i a m o c o n t i n u a t o a u s a r e nell ' e s p o s i z i o n e del s i s t e m a s o n o d i d u e g e n e r i . P o s s i a m o c h i a m a r l e -costanti c H-costanti. Le -costanti c o m p r e n d o n o tutte q u e l l e c h e e f f e t t i v a m e n t e r i c o r r o n o nelle t a b e l l e stesse, d o v e esse o b b e d i s c o n o a l l e stesse r e g o l e astratte d e l l e costanti v e r o - f u n z i o n a l i . C i o , esse comprendono ' ' , " + ' X ','*', e ' * * Esse sono usate per c o s t r u i r e f o r m u l e di c l a s s e e p o s s o n o e s s e r e u s a t e s o l o p e r q u e s t o , ove non v e n g a n o integrate con a l t r e e o s t a n t i . Le B-costanti non c o m p a i o n o n e l l e t a b e l l e , m a s o l t a n t o n e l l ' e s p r e s s i o n e dei risultati ottenuti dalle tabelle. Esse comprendono q u e l l e costanti delle ' '. (piali una a l m e n o d e v e v e n i r usata p e r c o s t r u i r e u n a f o r m u l a d i c l a s s e - a s s e r z i o n e . E s s e s o n o c i o * c ' , " = " , ' = 0 ', ' = 1 ' e F i n c h le s o l e costanti u s a t e s o n o costanti di c l a s s e ( c i o , A- e B - c o s t a n t i ) , t u l l e l e f o r m u l e i n t e r p r e t a b i l i contenenti q u a l c h e f i costante che possiamo costruire devono contenere soltanto una B-costantc, c quella come costante principale della formula. Non possiamo, per esempio, annettere un significato a ' ( a c ) C. ( C 5) ". n a " (a C ) + '. La p r i m a ; a v e n d o p e r c o s t a n t e p r i n c i p a l e " c '. a r i e g g i a ad e s s e r e u n a f o r m u l a di classe-asserzion e : la s e c o n d a , a v e n d o p e r c o s t a n t e p r i n c i p a l e
4

+ ", a r i e g g i a in-

vece a f o r m u l a di c l a s s e . Q u e s t ' u l t i m a v i e n e s u b i t o e l i m i n a t a c o m e priva di significato dalle regole di formazione per formule di classe. Infatti s o l o f o r m u l e di c l a s s e o v a r i a b i l i di c l a s s e p o s s o n o v e n i r cong i u n t e m e d i a n t e -costanti p e r f o r m a r e u l t e r i o r i f o r m u l e d i c l a s s e ;

I n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t a b e l l a r e

155

e ' e ' non u n a f o r m u l a di c l a s s e , ma u n a f o r m u l a di classea s s e r z i o n e . P e r (pianto r i g u a r d a l a p r i m a , s e t e n t i a m o d i interpretarla. a b b i a m o anzitutto: ' N o n c' niente che sia m e m b r o della c l a s s e a e e non sia m e m b r o d e l l a c l a s s e y c S ' ; e q u i n d i , s e tent i a m o d i a m p l i a r e q u e s t ' i n t e r p r e t a z i o n e u l t e r i o r m e n t e : ' N o n c' n u l l a c h e s i a m e m b r o della c l a s s e d i non c' n u l l a c h e s i a m e m b r o d e l l a c l a s s e . . . ' ecc., il c h e p r i v o di s e n s o . Le p a r o l e ' m e m b r o d e l l a c l a s s e ' tossono esser s e g u i t e s o l t a n t o da u n a elasse-espressione o da una formula di classe. F i n c h noi, allora, limitiamo la nostra a t t e n z i o n e a l l e f o r m u l e e b e p o s s o n o v e n i r c o s t r u i t e t r a m i t e l'uso d e l l e s o l e A- e li-costanti. p o s s i a m o s e m p r e ( c o n l ' e c c e z i o n e di q u e l l e ove una d e l l e B-costanti ' ') d e t e r m i n a r e il loro status logico f a c e n d o r i f e r i m e n t o a l l e t a b e l l e . L a q u e s t i o n e infatti d e l l o r o status l o g i c o p u s e m p r e , nel c a s o di f o r m u l e di classe-asserzione, venir trasformata nella questione se qualche formula di c l a s s e s i a l o g i c a m e n t e n u l l a , l o g i c a m e n t e c o m p r e n s i v a , o n l ' u n a cosa n l ' a l t r a ; e, nel caso di f o r m u l e di c l a s s e , la q u e s t i o n e t a l e sin d a p r i n c i p i o . Il m o d o di e s p r i m e r e i nostri risultati clic si a d o t t a t o a l l a fine d e l l ' u l t i m a s e z i o n e s u g g e r i s c e , t u t t a v i a , la p o s s i b i l i t c h e ci si permetta di i n t e g r a r e le A- e B-costanti con le costanti del s i s t e m a vero-funzionale. Ci facendo, possiamo costruire formule che sono perfettamente interpretabili, sebbene contengano pi che una Bc o s t a n t c , e il cui status logico non s a r ( i n g e n e r a l e ) d e t e r m i n a b i l e m e d i a n t e l ' u s o del m e t o d o t a b e l l a r e q u a l e l o a b b i a m o d e s c r i t t o ("m'ora. P e r e s e m p i o , l e s e g u e n t i f o r m u l e : ( 1 ) c z> c (2) a c . c y z i a c Y

(3) a = 0 3 a c
( 4 ) a <z . = 0 3 a = 0 s o n o i n t e r p r e t a b i l i ; ma il m e t o d o t a b e l l a r e , fin qui descritto, non ci f o r n i s c e n e s s u n mezzo p e r d e c i d e r e q u a l e status logico s i a da

1 7 5 L o g i c a Ielle classi conferir loro. Decidere per la loro analiticit sarebbe come deci d e r e che la f o r m u l a a s i n i s t r a del s e g n o ' 3 ' e s i g e , in c i a s c u n c a s o , la f o r m u l a a d e s t r a d e l l o stesso. Ma fino a q u e s t o m o m e n t o le s o l e implicanze fra formule di asserzione incorporanti formule di c l a s s e , p e r s t a b i l i r e l e q u a l i noi s i a b b i a u n m e t o d o , s o n o l e implicanze fra f o r m u l e di classe-appartenenza, quali quelle menzion a t e a l l a fine d e l l a S e z i o n e 5 ; e q u e s t e non s o n o tali. C o n f r o n t i a m o o r a q u e s t e f o r m u l e con certi risultati e b e poss i a m o ottenere m e d i a n t e i l m e t o d o t a b e l l a r e . C o n q u e s t o m e t o d o p o s s i a m o s t a b i l i r e T a n a l i t i c i t d e l l e s e g u e n t i f o r m u l e d i classei n c l u s i o n e , in cui tutte le c o s t a n t i s o n o A- o B - c o s t a n t i : (1.1) * c *

( 2 . 1 ) ( * ) ( * ) c * (3.1) - c * (4.1) ( * ) - c -
T r a s f o r m a n d o l e d i c h i a r a z i o n i c h e q u e s t e f o r m u l e d i classei n c l u s i o n e sono a n a l i t i c h e i n a s s e r z i o n i d i i m p l i c a n z a f r a f o r m u l e di classe-appartenenza, a b b i a m o : ( 1.2 )
4

, * ' e s i g e
1

- * - '
4

( 2 . 2 ) ' * ( * ) ( * ) ' e s i g e ( 3 . 2 ) * , esige


4

, * '

* '
4

(4.2) \ ( * )

- ' esige

* - '

F a c e n d o uso d i d e f i n i z i o n i p r e c e d e n t i , p o s s i a m o e s p r i m e r e queste a l m o d o s e g u e n t e : ( 1 . 3 ) ' -(.) ' esige ( 3 . 3 ) " -(* ' esige (4.3)
4 4 4

-(,) '
1

( 2 . 3 ) " -(.) e -(,) ' esige ' -(.) ' -(.) -(.) e -(.) ' esige ' -() '

I n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t a b e l l a r e

157

Ora q u e s t e s o n o i m p l i c a n z e g e n e r a l i . E s s e s u s s i s t o n o q u a l i c h e s i a n o i v a l o r i dati alle v a r i a b i l i , a c o n d i z i o n e c h e le stesse sostituzioni s i a n o fatte d o v u n q u e p e r l e stesse v a r i a b i l i . E s s e sussistono, in p a r t i c o l a r e , p e r tutti i v a l o r i di ' '. Si s u p p o n g a ora di a t t r i b u i r e a risultante a
1

a' e ' ' n e l l a p r i m a f o r m u l a , c i o in ( 1 . 3 ) , vadi 'esige'', l'asserzione fatta impiegando

lori tali c h e , q u a l u n q u e v a l o r e s i a t t r i b u i s c a a d ' * ' n e l l a f o r m u l a sinistra l ' e n u n c i a t o c h e n e d e r i v a s i a u n ' a s s e r z i o n e v e r a . A l l o r a p e r ogni c a s o l ' a s s e r z i o n e c o r r i s p o n d e n t e fatta m e d i a n t e i l c o r r i s p o n d e n t e e n u n c i a l o a destra d i ' e s i g e ' s a r v e r a ; essa infatti s a r d e d u c i bile p e r i m p l i c a n z a d a u n ' a s s e r z i o n e v e r a . M a l a s u p p o s i z i o n e e b e per ogni v a l o r e d a t o a ' .* ' n e l l a f o r m u l a a s i n i s t r a un'asserzione fatta con l ' e n u n c i a t o r i s u l t a n t e sia v e r a , non a l t r o c h e la s u p p o s i z i o n e c h e , per i v a l o r i di ' ' e ' ' c h e si s o n o t r a s c e l t i , l ' a s s e r z i o n e fatta m e d i a n t e l ' e n u n c i a t o d e l l a f o r m a * = 0 ' o ' C ' v e r a . La c o n s e g u e n z a di q u e s t a s u p p o s i z i o n e s a r e b b e la verit di tutte le a s s e r z i o n i f a t t e i m p i e g a n d o gli e n u n c i a t i esemplificanti la f o r m u l a a destra ( e o n i v a l o r i trascelti p e r ' ' e ' ' ) . E d i r e c h e tutte queste a s s e r z i o n i s o n o v e r e e q u i v a l e a d i r e c h e l ' a s s e r z i o n e fatta i m p i e g a n d o il c o r r i s p o n d e n t e e n u n c i a t o d e l l a forma ' a = 0 ' o ' c ' e vera. Queste considerazioni rimangono v a l i d e q u a l i ebe s i a n o le s o s t i t u z i o n i fatte p e r ' ' e ' '. Se queste s o s t i t u z i o n i p r o d u c o n o v e r i t q u a l i c h e s i a n o l e sostituzioni fatte p e r ' ' nella p a r t e s i n i s t r a d e l l ' i m p l i c a n z a ( 1 . 3 ) , e s s e d e v o n o p r o d u r r e verit q u a l i c h e s i a n o l e s o s t i t u z i o n i f a t t e p e r

'

n e l l a p a r t e destra di q u e l l ' i m p l i c a n z a . S e m b r a q u i n d i costi-

tuire una c o n s e g u e n z a l o g i c a d i ( 1 . 3 ) c h e ' c ' esige ' c ' <i c h e ' C :d C ' a n a l i t i c a . Con a n a l o g o r a g i o n a m e n t o , p o s s i a m o p e r s u a d e r c i i n m o d o s o d d i sfacente che l'analiticit di ciascuna delle formule

158

L o g i c a Ielle classi

(2) a c . c y r s a c y (3) a = 0 3 a c (4) a c . = 0 z > a = 0


consegue rispettivamente dalle implicanze ( 2 . 3 ) , ( 3 . 3 ) e ( 4 . 3 ) . N o n senza r a g i o n e p o s s i a m o s u p p o r r e che p e r tutte l e form u l e del t i p o da (1 ) fino a ( 4 ) , il cui status logico non direttam e n t e d e t e r m i n a b i l e m e d i a n t e i l m e t o d o t a b u l a r e , p u v e n i r cos t r u i t a q u a l c h e f o r m u l a c o n t e n e n t e s o l t a n t o - e B-costanti il cui

status l o g i c o sia d e t e r m i n a b i l e con il m e t o d o t a b e l l a r e , tali c h e


d a l l o status logico delle seconde possa venir inferito lo status logico delle prime mediante un processo ragionativo quale quello s o p r a e s e m p l i f i c a t o . Ma q u e s t o p r o c e s s o t o r t u o s o e c o m p l i c a t o , ben l o n t a n o d a l l a s e m p l i c i t d e l l ' i d e a l e s i s t e m a t i c o ove i r i s u l t a t i d e s i d e r a t i s o n o ottenuti m e d i a n t e l ' a p p l i c a z i o n e q u a s i - m e c c a n i c a di poche regole soltanto. Un confronto delle formule analitiche da ( 1 ) a ( 4 ) con l e f o r m u l e a n a l i t i c h e d a ( 1 . 1 ) a ( 4 . 1 ) m o s t r a invero u n a tale c o r r i s p o n d e n z a s i m b o l i c a da i n c o r a g g i a r e la sper a n z a clic s i a p o s s i b i l e e s c o g i t a r e u n a s e r i e d i regole c o n v e n i e n t e m e n t e s e m p l i c e p e r o p e r a r e l e d e r i v a z i o n i r i c h i e s t e 1 . M a que-

1 In r e a l t , la c o r r i s p o n d e n z a e t a l e da s u g g e r i r e u n a p o s s i b i l i t d i v e r s a e m e c c a n i c a m e n t e piti s e m p l i c e : c i o , c h e s i a d o t t i u n a s e r i e d i r e g o l e c h e c i a b i l i t i u s a g g i a r e l ' a n a l i t i c i t d i f o r m u l e c o m e q u e l l e d a ( 1 ) a ( 4 ) direttamente p e r m e z z o d e l l e t a b e l l e , a n z i c h i n u n p r i m o t e m p o r i c o n o s c e r e c o m e analitica una f o r m u l a c o n t e n e n t e s o l o A- e R-costanti ed in s e g u i t o d e r i v a r e da questa la formula desiderata mediante l'impiego di ulteriori regole. Ed a n c h e hen c h i a r o e h e f o r m a a s s u m e r e b b e una siffatta s e r i e di regole p e r la v e r i f i c a d i r e t t a d i tali f o r m u l e . I n p r i m o l u o g o d o v r r m m o e s c o g i t a r e r e g o l e d i f o r m a z i o n e p e r f o r m u l e di q u e s t o g e n e r e . P o i , s c e g l i e n d o o i V ed F, o i eil , d o v r e m m o d a r e i d e n t i c h e r e g o l e p e r o p e r a r e n e l l e t a b e l l e c o n ' ~

= 0 ' e " - ' ; identiche regole per operare c o n ' 3 ' * ' e ' d ' i identiche r e g o l e p e r o p e r o r e c o n ' + 1 e * v * ; e c o s i v i a . In f o r z a di u n a c o l o n n a di V ( o M ) cosi risultante sutto una f o r m u l a , d o v r e m m o dichiarare questa formula a n a l i t i c a . M a s i noti e h e s e a d o t t a s s i m o q u e s t o p r o c e d i m e n t o , s e m p l i c e m e n t e s e g u i r e m m o l ' i m p u l s o s u g g e r i t o r i d a l p a r a l l e l i s m o s i m b o l i c o c h e a b b i a m o rilevato. In base all'interpretazione p u r a m e n t e vero-funzionale, o all'interpreta-

I n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t a b e l l a r e

159

ste r e g o l e d o v r e b b e r o v e n i r a g g i u n t e a l l e r e g o l e p e r l'uso d e l mecc a n i s m o t a b e l l a r e che ci a b i l i t a a s t a b i l i r e c h e certe f o r m u l e di i-lasse sono n u l l e o c o m p r e n s i v e e p e r c i c h e c e r t e f o r m u l e di a s s e r z i o n e contenenti s o l t a n t o B-costanti s o n o a n a l i t i c h e . N o i d o b b i a m o a l l o r a c o n c l u d e r e c h e , nel m e n t r e l ' a s p i r a z i o n e a trovare un'interpretazione alternativa del meccanismo tabellare si d i m o s t r a l e g i t t i m a , il p i e n o s v i l u p p o di cui la ' l o g i c a d e l l e classi ' s e m b r a c a p a c e non p u c o n s e g u i r s i d i r e t t a m e n t e p e r questa via in m o d o c o n v e n i e n t e . N e l p r o s s i m o c a p i t o l o p r e n d e r e m o in considerazione un metodo alternativo per conseguire tale sviluppo.
z i n n e [inrunente enti f o r m u l e d i c l a s s e , l e r e g o l e t a b e l l a r i e r a n o c o r r o b o r a t e ila u n a s p i e g a z i o n e , e r a n o e s s e s t e s s e , s i p o t r e b b e d i r e , i n t e r p r e t a b i l i . I n v e c e pianto qui e suggerito le r e n d e r e b b e un e s p e d i e n t e meccanico il cui i m p i e g o s a r e b b e g i u s t i f i c a t o s e m p l i c e m e n t e dui s u o s u c c e s s o nel d e t e r m i n a r e r i s u l t a t i r i t e n u t i a c c e t t a b i l i s u basi a f f a t t o i n d i p e n d e n t i . S e n z a d u b b i o , s a r e b b e p o s s i bile r a p p r e s e n t a r l e come regole ' i n t e r p r e t a b i l i ' : ma il risultato s a r e b b e , con ogni p r o b a b i l i t , g o l f o e i n s o d d i s f a c e n t e .

V.

Formule predicative e quantificatori

I.

Gli
1. cati

elementi

del

sistema

predicativo

C h e sia possibile usare la stessa serie di regole meccanidifferenti, potrebbe s e m b r a r cosa a tutta prima sorpren-

che p e r stabilire l'analiticit di d u e serie di f o r m u l e con signifidente. Si p o t r e b b e c o n s i d e r a r e misterioso questo fatto che d e b b a esistere un s i m i l e p a r a l l e l i s m o f o r m a l e fra le leggi del sistema v e r o - f u n z i o n a l e e d u n a s e z i o n e d e l l e l e g g i del s i s t e m a d e l l e c l a s s i . E d'altronde, ci si p o t r e b b e chiedere perch m a i . dato c h e esiste u n p a r a l l e l i s m o i n t a l e g r a d o , i l p a r a l l e l o non d e b b a e s s e r e c o m p l e t o ; p e r c h m a i a l e u n c d e l l e l e g g i del s i s t e m a d e l l e c l a s s i possano venir direttamente stabilite mediante il sistema tabellare, mentre altre s e m b r a n o richiedere ragionamenti s u p p l e m e n t a r i o regole addizionali. V o g l i o o r a m o s t r a r e , i n p r i m o l u o g o , c h e non c ' n i e n t e d i s o r p r e n d e n t e i n n e s s u n a d i q u e s t e d u e c o s e , a m b e d u e a f f a t t o nat u r a l i . Q u e l l e l e g g i del c l a s s e - s i s t e m a c h e p o s s o n o v e n i r s t a b i l i t e direttamente m e d i a n t e il metodo tabellare sono, infatti, in un certo s e n s o , s e m p l i c e m e n t e c a s i s p e c i a l i d e l l e c o r r i s p o n d e n t i l e g g i del s i s t e m a v e r o - f u n z i o n a l e . E q u e l l e leggi d e l c l a s s e - s i s t e m a c h e non possono venir stabilite direttamente in questo modo non s o n o c a s i s p e c i a l i d i leggi v e r o - f u n z i o n a l i , s e b b e n e e s s e s i a n o strettam e n t e c o n n e s s e con a l t r e c h e l o s o n o . D i c o n s e g u e n z a s o n o necessarie regole supplementari per derivarle da queste seconde. In s e c o n d o l u o g o , v o g l i o m o s t r a r e c o m e , c o n l ' a d o z i o n e d i u n a differente notazione p e r e s p r i m e r e ci che finora a b b i a m o espresso

E l e m e n t i del s i s t e m a p r e d i c a t i v o

161

t r a m i t e il s i m b o l i s m o d e l l e v a r i a b i l i di c l a s s e - e s p r e s s i o n e e d e l l e classe-costanti, possiamo rendere pi perspicua la connessione fra leggi v e r o - f u n z i o n a l i e leggi di c l a s s e . In p a r t e , la n u o v a notazione r e a l i z z a ci f a c e n d o m a g g i o r u s o d e l l e stesse costanti verofunzionali ed impiegando un minor numero di nuovi simboli. Agli occbi del logico f o r m a l e , l a n u o v a n o t a z i o n e h a i n o l t r e a l t r i m e r i t i . I l l u s t r i a m o con un e s e m p i o il p r i m o di q u e s t i p u n t i . Abb i a m o visto c o m e una s o l a e m e d e s i m a a p p l i c a z i o n e del meccanismo delle tabelle produca, per una delle due interpretazioni d i s c u s s e , il risultato c h e l ' e s p r e s s i o n e

. q => V q
una f o r m u l a a n a l i t i c a o legge v e r o - f u n z i o n a l e , e p e r l ' a l t r a interp r e t a z i o n e , il risultato c h e

* + 0
una f o r m u l a di c l a s s e l o g i c a m e n t e c o m p r e n s i v a . Il s e c o n d o risultato pu essere altrimenti espresso nella conclusione che l'espressione

* + = 1

una legge del classe-sistema. U n a f o r m u l a z i o n e a l t e r n a t i v a d e l l a stessa legge . c o m e a b b i a m o visto,

c + .
Se p o s s i a m o d i m o s t r a r e c h e la l e g g e di c l a s s e , in q u a l c h e s e n s o , u n c a s o s p e c i a l e della l e g g e v e r o - f u n z i o n a l e , ci s a r d ' a u s i l i o nel r i m p i a z z a r e il q u a d r o di d u e i n d i p e n d e n t i s i s t e m i i n t e r p r e t a t i che m i r a c o l o s a m e n t e h a n n o l a stessa s t r u t t u r a f o r m a l e , c o n i l q u a d r o c h e c i mostri c o m e u n o dei s i s t e m i ( o , p i e s a t t a m e n t e , una certa p a r t e d i e s s o ) c o s t i t u i s c a s e m p l i c e m e n t e u n a v e r s i o n e m e n o g e n e r a l e d e l l ' a l t r o , e c o m e t a l e a b b i a n a t u r a l m e n t e l a stessa s t r u t t u r a f o r m a l e . D i m o s t r a r e q u e s t o nel c a s o del nostro e s e m p i o

162

Formule predicative

e q u i v a r r a d i m o s t r a r e c o m e la legge di elasse p o s s a v e n i r deriv a l a d a l l a l e g g e v e r o - f u n z i o n a l e col s e m p l i c e i m p i e g o d e l princ i p i o di s o s t i t u z i o n e e t e n e n d o ben p r e s e n t e l ' i n t e r p r e t a z i o n e d a t a a i s i m b o l i dei d u e s i s t e m i . C o m e p r i m o p a s s o , p o s s i a m o sostit u i r e f o r m u l e di c l a s s e - a p p a r t e n e n z a a l l e v a r i a b i l i di a s s e r z i o n e in

( 1 )

. q 3 pyq

ottenendo, ad esempio, l'espressione ( 2 ) .rea . y [5 3 . G i a c c h la ( 1 ) v a l i d a (piali clic s i a n o gli e n u n c i a t i c h e veng a n o sostituiti a ' ' e " q ', p u r c h i d e n t i c h e s o s t i t u z i o n i s i a n o f a t t e d o v u n q u e p e r i d e n t i c h e v a r i a b i l i , e s s a s a r v a l i d a p e r l a ristretta c l a s s e di casi in cui gli e n u n c i a l i sostituiti e s e m p l i f i c h i n o s e m p l i c i f o r m u l e d i c l a s s e - a p p a r t e n e n z a . L a legge ( 2 ) p e r c i s e m p l i c e mente un caso speciale della legge ( 1 ) . Giacch la ( 2 ) e valida q u a l u n q u e v a l o r e s i a d a t o a l l e v a r i a b i l i d e l l e f o r m u l e d i classca p p a r t e n e n z a , a c o n d i z i o n e c h e s i a n o dati d o v u n q u e identici valori a d i d e n t i c h e v a r i a b i l i , essa s a r v a l i d a p e r l a c l a s s e ristretta di casi in cui le v a r i a b i l i ' * e ' y ' h a n n o gli stessi v a l o r i nelle due formule di classe-appartenenza. Perci ( 3 ) . . . 3 . , e semplicemente un caso speciale della ( 2 ) e quindi della ( 1 ) . O r a . p e r l e leggi i n t e r p r e t a t i v e f o r n i t e p e r i s i m b o l i d i s o m m a l o g i c a e di p r o d o t t o l o g i c o d e l c l a s s e - s i s t e m a , la ( 3 ) e q u i v a lente a ( 4 ) , 3 . ( + ) E in b a s e a l l e r e g o l e i n t e r p r e t a t i v e p e r il s i m b o l o sistema, ( 4 ) equivalente a ( 5 ) . ( * + )
4

* " d e l classe-

E l e m e n t i del s i s t e m a p r e d i c a t i v o

163

O r a , a s s e r i r e l a ( 5 ) c o m e u n a l e g g e o f o r m u l a a n a l i t i c a , c o m e qui s t i a m o f a c e n d o , significa a s s e r i r e clie n e r i s u l t a u n e n u n c i a t o analitico qualunque sia la s o s t i t u z i o n e v e r b a l e s i g n i f i c a n t e elle oper i a m o p e r ' ', ' ' e ' ', a c o n d i z i o n e che si f a c c i a n o d o v u n q u e le stesse sostituzioni p e r le stesse v a r i a b i l i . a p p u n t o caratteristica d e l l e v a r i a b i l i quella di assicurare una tale generalit. E s p r i m i a m o ora p e r iscritto, p e r q u a n t o c o n c e r n e la v a r i a b i l e ' \ q u e s t a lecita g e n e r a l i t di s o s t i t u z i o n e entro la f o r m u l a s t e s s a , m e d i a n t e l ' u s o d e l l a [tarla ' ogni cosa '. O t t e n i a m o cosi ( 6 ) Ogni c o s a e m e m b r o d e l l a c l a s s e * -f clic il s i g n i f i c a l o d a t o d a l l e r e g o l e i n t e r p r e t a t i v e di * = 1 ' a

( 7 ) * + = 1
clic e q u i v a l e n t e a (7) c +

Q u e s t i p a s s a g g i m o s t r a n o in clic s e n s o v o g l i o d i r e elle la ( 7 ) , o la ( 7 ) , un caso speciale della ( 1 ) . Q u a n t u n q u e vi sia implicito q u a l c o s a di p i del s e m p l i c e uso del p r i n c i p i o di s o s t i t u z i o n e , questo non s e m b r a un u s o m o l t o i n n a t u r a l e d e l l e p a r o l e s p e c i a l e '. C i a s c u n a li q u e l l e leggi del classe-sistema clic p o s s o n o v e n i r d i r e t t a m e n t e s t a b i l i t e m e d i a n t e il m e t o d o t a b e l l a r e d e s c r i t t o nel c a p i t o l o p r e c e d e n t e , h a con q u a l c h e l e g g e v e r o - f u n z i o n a l e esattam e n t e l a r e l a z i o n e clic l a ( 7 ) h a con l a ( 1 ) ; c i o , p u v e n i r derivata d a q u a l c h e legge v e r o - f u n z i o n a l e t r a m i t e u n ' a n a l o g a s e r i e di passaggi. Consideriamo ora, come una conseguenza della ( 7 ) , una legge che non p u v e n i r d i r e t t a m e n t e s t a b i l i t a m e d i a n t e il m e t o d o t a b e l l a r e q u a l e stato d e s c r i t t o . A s s e r i r e l a ( 7 ) o l a ( 7 n ) e q u i v a l e ad a s s e r i r e c h e il p r o d o t t o l o g i c o di d u e c l a s s i i n c l u s o nella l o r o s o m m a logica ; c i o c h e non c ' niente c h e a p p a r t e n g a al p r o d o t t o l o g i c o di d u e classi e non a p p a r t e n g a a l l a loro s o m m a l o g i c a . M a s u p p o n i a m o c h e n e l l ' u n i v e r s o d i d i s c o r s o d i u n a certa
4

un c a s o

164

Formule predicative

r o p p i a di classi non vi s i a a f f a t t o n u l l a clie non a p p a r t e n g a al loro p r o d o t t o l o g i c o , c i o c h e ogni c o s a a p p a r t e n g a a l l o r o p r o d o t t o logico. A l l o r a , e v i d e n t e m e n t e , non c ' n u l l a a f f a t t o clic non app a r t e n g a a l l a loro s o m m a l o g i c a : c i o , o g n i cosa a p p a r t i e n e a l l a loro s o m m a l o g i c a . L a nostra l e g g e s t a b i l i s c e infatti c h e ogni cosa appartenente alla prima appartiene alla seconda. Cosi dalla ( 7 ) o d a l l a ( 7 a ) c o n s e g u e , con q u e s t o r a g i o n a m e n t o , l a l e g g e ( 8 ) 3 = 1 z> + 3 = 1 M a nel c o m p i e r e q u e s t ' u l t e r i o r e p a s s a g g i o , u s i a m o u n p r i n c i p i o d'inferenza affatto differente da q u a l u n q u e principio esemplific a t o nel p r o c e s s o d i q u a s i - s p e c i a l i z z a z i o n e d a l l a ( 1 ) a l l a ( 7 ) . 1 1 nuovo principio
1

potrebbe

venir espresso

come

la

regola

che

' a cz 3 ' e s i g e

= 1 D = . E c i a s c u n a d e l l e leggi del classe-

s i s t e m a c h e non p u v e n i r d i r e t t a m e n t e s t a b i l i t a m e d i a n t e il met o d o t a b e l l a r e , l e g a t a a q u a l c h e legge c h e p u v e n i r c o s i stabilita. c o m e l a ( 8 ) l e g a t a a l l a ( 7 ) o a l l a ( 7 n ) ; c i o , p u v e n i r n e d e r i v a t a m e d i a n t e l ' i m p i e g o d i p r i n c i p i q u a l i q u e l l o test enunc i a t o . Il n u m e r o di q u e s t i p r i n c i p i a d d i z i o n a l i c h e si r e n d o n o nec e s s a r i p i c c o l o . Un a l t r o e s e m p i o p o t r e b b e e s s e r n e la r e g o l a c h e ' <x3 = 1 ' e q u i v a l e n t e a ' a = l . = l \ I l l u s t r e r tutti q u e s t i p u n t i con un e s e m p i o u l t e r i o r e , fissando a n a l o g h i p a s s a g g i con la stessa n u m e r a z i o n e d e l l ' i l l u s t r a z i o n e precedente, ma senza ripetere la spiegazione. Si debba derivare, dalla legge ' ( p D 5 ) D ( ~ g 3 ~ p ) ' , i n p r i m o luogo l a l e g g e ' * 3 c 3 * ', c h e p u e s s e r e s t a b i l i t a d i r e t t a m e n t e m e d i a n t e il metodo t a b e l l a r e , e , i n s e c o n d o l u o g o , l a legge ' a c D c ' , clic non lo p u .

(1)

(p Z> q)

( ~q ~ p )

( 2 ) ( .rea z> 3 ) z> ( ~ ye$ ~ . ) ( 3 ) ( =) .3)_ ( ~ * => ~.) ( 1 ) . * 3 3 *


(5) ( * 3 ) * ( 3 * <*)

E l e m e n t i del s i s t e m a p r e d i c a t i v o ( 6 ) O g n i cosa m e m b r o d e l l a c l a s s e ( * ) * ( * ) (7) ( * ) * i * ) = 1 = l r > * = l


1

165

(7a) a * c * (8) a *

Giacch ' * = 1 ' per definizione ( 8 ) equivalente a ( ) c ) e

e q u i v a l e n t e a ' C \ la

.Nella sua u l t i m a d e f i n i z i o n e la legge a s s e r i s c e e h e se u n a c l a s s e inclusa in u n ' a l t r a , a l l o r a il c o m p l e m e n t o d e l l a s e c o n d a i n c l u s o nel c o m p l e m e n t o della p r i m a . 2. I / u l t i m a sezione c o n t r i b u i s c e a m o s t r a r e la stretta rela-

zione f r a le f o r m u l e i n t e r p r e t a t e d e l s i s t e m a di v e r o - f u n z i o n i e q u e l l e del s i s t e m a d i c l a s s i . M a essa s u g g e r i s c e a n c h e c h e l o spec i a l e s i m b o l i s m o del c l a s s e - s i s t e m a o s c u r a , p i u t t o s t o clic accentuare, tale r e l a z i o n e . b e n e e s a m i n a r e u n a n o t a z i o n e a l t e r n a t i v a d i e h a l'effetto o p p o s t o . C h i a m a n d o l a n o t a z i o n e a l t e r n a t i v a , intendo d i r e s e m p l i c e m e n t e c h e e u n a n o t a z i o n e con cui p o s s o n o venir e o s t r u i t e f o r m u l e aventi e s a t t a m e n t e l a stessa interpretazione di q u a l u n q u e f o r m u l a di c l a s s e - a s s e r z i o n e del g e n e r e di q u e l l e con cui a b b i a m o a v u t o a c h e f a r e fin q u i . C o n c i a n c h e e l i m i n a t o l o s p e c i a l e s i m b o l i s m o del c l a s s e - s i s t e m a , e d a l s u o posto possiamo impiegare soltanto quattro particolari accorgimenti in a g g i u n t a a l l e costanti del c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e clic ci sono f a m i l i a r i . Q u e s t i a c c o r g i m e n t i , c h e v e n g o n o s p i e g a t i nel seguito, sono : (i) variabili individuali ( i i ) variabili predicative ( i i i ) quantificazione esistenziale ( i v ) quantificazione universale.
' C r c pt l I . p Iti, n t 1 f . a ioo V . oa .

166

F o r m u l e predicative T r a t t a n d o del c l a s s e - s i s t e m a c o n s i d e r a v a m o d u e g e n e r i d i for-

m u l e di a s s e r z i o n e : in p r i m o l u o g o q u e l l e e s e m p l i f i c a t e eia enunciati di c l a s s e - a p p a r t e n e n z a , in s e c o n d o l u o g o , q u e l l e e s e m p l i f i c a l e da e n u n c i a t i p o s i t i v a m e n t e e n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l i . La f o r m u l a g e n e r a l e di c l a s s e - a p p a r t e n e n z a * . ". E s s a esemplificata d a u n e n u n c i a t o c o m e ' G i o v a n n i u n padre'. Nella n u o v a n o t a z i o n e m a n t e n i a m o i m m u t a l o i l c a r a t t e r e d e l l a variab i l e ' . * . C i s i g n i f i c a clic q u a l s i a s i e s p r e s s i o n e c h e s i a u n v a l o r e p o s s i b i l e di ' ' in q u a l c h e f o r m u l a di c l a s s e - a p p a r t e n e n z a un p o s s i b i l e v a l o r e di ' ' in q u a l c h e f o r m u l a lei n u o v o g e n e r e . F a c c i a m o a m e n o invece d e l l a c o s t a n t e d i c l a s s e - a p p a r t e n e n z a ' * e d e l l e v a r i a b i l i di c l a s s e - e s p r e s s i o n e ' ', ' ', ecc., r i m p i a z z a n d o l e con un nuovo t i p o di v a r i a b i l e , al q u a l e d i a m o il n o m e d ' variabile p r e d i c a t i v a ' e p e r il q u a l e u s i a m o le lettere ' / ', ' g ', ' li ', ecc. A l l a v a r i a b i l e ' ' e a l l e a l t r e v a r i a b i l i d e l l o stesso t i p o , p e r le quali usiamo altre lettere minuscole della (ine dell'alfabeto, d i a m o il n o m e di ' v a r i a b i l i i n d i v i d u a l i '. La v a r i a b i l e p r e d i c a tiva v i e n e n o r m a l m e n t e scritta p e r p r i m a , s e g u i t a d a l l a v a r i a b i l e i n d i v i d u a l e , i n q u e l l a clic noi c h i a m e r e m o u n a f o r m u l a p r e d i c a tiva. p e r es. ' / . ' , ' g y \ ecc. L a g a m m a d e l l e e s p r e s s i o n i individ u a l i , c i o dei p o s s i b i l i v a l o r i d e l l e v a r i a b i l i i n d i v i d u a l i , g i stata i n d i c a t a ' . P o s s i a m o d e f i n i r e u n ' e s p r e s s i o n e p r e d i c a t i v a c o m e q u e l l a q u a l s i a s i e s p r e s s i o n e c h e , a s s i e m e con q u a l c h e e s p r e s s i o n e i n d i v i d u a l e , p u f o r m a r e u n e n u n c i a t o s u s c e t t i b i l e d i v e n i r impiegato per fare un'asserzione. Cosi ' un p a d r e ' , ' v i v e in una c a s a di vetro ', ' rosso ' s o n o e s e m p i di e s p r e s s i o n i p r e d i c a t i v e , a r i a b i l i p r e d i c a t i v e s o n o a l l o r a le v a r i a b i l i i cui p o s s i b i l i v a l o r i sono e s p r e s s i o n i p r e d i c a t i v e . C o s q u a l s i a s i e n u n c i a t o d i classe-

' C f r . r a p i t o l a I V , p. 134. Q u e s t a g a m m a deve essere intesa c o m e esclud e n t e e s p r e s s i o n i c o m e ' n e s s u n o ', ' n i e n t e ', ' o g n i coso ', c h e p r o d u r r e b b e r o enunciati aventi la forza di negazioni o affermazioni di esistenza. P e r ogni altro r i g u a r d o , i l i m i l i s o n o soltanto quelli i m p o s t i dal r e q u i s i t o della significane.!. P e r u l t e r i o r e I m i t a z i o n e d e l l ' a r g o m e n t o , c f r . c a p i t o l o V . p p . 181-87.

E l e m e n t i del s i s t e m a p r e d i c a t i v o

167

appartenenza, e qualsiasi enunciato tipico della lingua comune a v e n t e l o stesso s i g n i f i c a t o , e s e m p l i f i c a n o del p a r i u n a f o r m u l a predicativa. Le esemplificazioni delle formule predicative sono enunciati suscettibili d i v e n i r i m p i e g a t i p e r f a r e a s s e r z i o n i . S i f f a t t e f o r m u l e p o s s o n o p e r c i v e n i r c o n s i d e r a t e c o m e u n g e n e r e d i v a r i a b i l i d'ass e r z i o n e , c i o p o s s o n o f i g u r a r e c o m e v a r i a b i l i i n f o r m u l e verof u n z i o n a l i . C o s i e s p r e s s i o n i del g e n e r e di ' fx . gy ', ' ~ ( f x f y ) ',

' f x 3 ~ gx \

~ ( / . v . ~ g.r) ' sono esemplificazioni

lecite d e l l e tali

f o r m u l e ' p . q ' , ' ~ ( q ) ', ' 3 ~ q \ ' ~ ( . ~ q) \ F r a

f o r m u l e p r e d i c a t i v e c o m p l e s s e , d i p a r t i c o l a r e interesse s o n o q u e l l e in cui viene r i p e t u t a la stessa v a r i a b i l e , c o m e in ' ~ ( f x . ~ gx) E s s e infatti ci d a n n o il m e z z o di p a r a f r a s a r e n e l l a n o s t r a n u o v a n o t a z i o n e tutte q u e l l e f o r m u l e di c l a s s e - a p p a r t c n c n z a in cui l'es p r e s s i o n e e b e s e g u e la * ' essa stessa u n a f o r m u l a li c l a s s e c o m p o s t a . C i ovvio ove si r a m m e n t i c o m e d e f i n i m m o i s i m b o l i di p r o d o t t o , s o m m a e c o m p l e m e n t o del c l a s s e - s i s t e m a 1 . P o i c h ' . ( + ) ' p e r d e f i n i z i o n e l ' e q u i v a l e n t e di ' xta . ', p u venir parafrasala in ' fx gx '. Analogamente, '

, ' d i v e n t a
' diventa
4

" fx . gx ' ; ' . ' diventa ' ~ fx ' ; ' * * ' o ' , ' fx 3 gx ' o ' ~ ( fx . ~ g.r ) ' ; e ' . * * ' diventa
r i m p i a z z a t a da ' ~ ( f x gx) . hx '.

fx s gx '. P e r

prendere un esempio un po' pi complicato, ' . ( + ) ' e v i d e n t e , a l l o r a , c h e t a n t o la s t r u t t u r a f o r m a l e q u a n t o il senso d i q u a l s i a s i f o r m u l a d i c l a s s e - a p p a r t e n e n z a , p e r c o m p l i c a t i che siano, vengono conservati nella nuova notazione, che allo stesso t e m p o ci l i b e r a d a l l o s p e c i a l e s i m b o l i s m o d e l l e c l a s s i e mette in r i l i e v o il fatto c h e tali f o r m u l e s o n o s e m p l i c e m e n t e spec i a l i z z a z i o n i d e l l e f o r m u l e dei s i s t e m a v e r o - f u n z i o n a l e . T u t t e le classe-asserzioni c o n s i d e r a t e , s a l v o le a s s e r z i o n i di c l a s s e - a p p a r t e n e n z a , e r a n o a f f e r m a z i o n i o n e g a z i o n i del f a t t o c h e
' Cfr. captolo I V , p. 137.

] 7 fi

Formule predicative

q u a l c h e c l a s s e f o s s e v u o t a , c i o e s e m p l i f i c a z i o n i d i f o r m u l e positivamente o negativamente esistenziali. Per ottenere le p a r a f r a s i di queste ultime, introduciamo l'accorgimento della quantificazione. P e r a f f e r m a r e c h e u n a c l a s s e e r a v u o t a , e g u a g l i a v a m o l a classeespressione appropriata a ' 0 sbarravamo
k

Per negare che essa fosse vuota, dell'equazione. La formula

il

segno

di

' eguale '

a = 0 ' p o t e v a esser letta ' N i e n t e un m e m b r o d e l l a c l a s s e a ' ;

e la f o r m u l a " 0 ' p o t e v a e s s e r letta ' C ' a l m e n o u n a c o s a c h e m e m b r o d e l l a e l a s s e ' N e l l a n u o v a n o t a z i o n e , la f o r m u l a corris p o n d e n t e a ' 0 ' " ( 3 x ) ( f x ) \ c h e p u v e n i r letta ' C ' almeno una cosa ( p e r s o n a ) che / ' ; e la formula corrispondente a ' = 0 ' la n e g a z i o n e di ' (3.r ) ( f x ) ', c i o ' ~ ( ( 3.v ) ( f x ) ) \ ehe p u esser letta ' N o n c ' n i e n t e ( n e s s u n o ) c h e / " . G i a c c h l ' o m i s s i o n e d e l l e p a r e n t e s i e s t e r n e non c o m p o r t a a l c u n a a m b i g u i t l a f o r m u l a c o m u n e m e n t e scritta ' ~ ( 3 . v ) ( f x ) ' . Q u e s t e f o r m u l e si a d a t t a n o f a c i l m e n t e ai casi in cui si a f f e r m a o si n e g a c h e u n a e l a s s e c o m p o s t a v u o t a . C o s i . ' = 0 ' p u esser p a r a f r a s a t a in

~(3x)(fx . gx)';

' + 0 '

in

' ( 3 . t ) (fx gx) ';

' = 0'

in ~ ( 3 . ) ( - / * ) ' ; ' = 0' in ' ~ ( 3 . ) ( f x . ~ g x ) (( ' in ' ( 3 . * ) ~ ( f x gx ) . ] '.

e ' +

Come l'ultimo e s e m p i o dimostra, le parentesi servono ora ad i n d i c a r e i l c a m p o s i a d e l l e costanti p r o p o s i z i o n a l i , s i a del s i m b o l o (plantificante ' ( 3 . v ) ', c h e , p e r o v v i e r a g i o n i , c h i a m a t o q u a n t i ficatore esistenziale. L'importanza di una chiara indicazione del c a m p o del q u a n t i f i c a t o r e e d e l l e costanti p r o p o s i z i o n a l i rispettivam e n t e in u n a f o r m u l a o e n u n c i a t o c h e c o n t e n g a s i a l ' u n o c h e le a l t r e , p u e s s e r e i l l u s t r a t a d a g l i e s e m p i s e g u e n t i . S i s u p p o n g a che n e l l e f o r m u l e ' ( 3 A ) ( f x . gx ) " e ' ( 3 . v ) ( f x ) . gx ' v e n g a attrib u i t o ad * / " il v a l o r e di ' rosso " e a ' g ' il v a l o r e di ' r o t o n d o '. Allora dalla prima formula otteniamo

l'enunciato ' C ' a l m e n o

u n a cosa c h e i n s i e m e r o s s a e r o t o n d a ', m e n t r e d a l l a s e c o n d a form u l a o t t e n i a m o ' C ' a l m e n o u n a cosa c h e rossa ed .r r o t o n d o L u l t i m a e s p r e s s i o n e non un e n u n c i a t o , ma la c o n g i u n z i o n e di

Elementi lei sistema predicativo

169

un enunciato e di una f o r m u l a . A m b e d u e le f o r m u l e soprariportate s o n o d i f f e r e n t i d a ' ( 3 x ) ( f x ) . ( 3 x ) ( g * ) ' . S e f a c c i a m o i n q u e s t ' u l t i m a l e stesse s o s t i t u z i o n i d i p r i m a , o t t e n i a m o l ' e n u n c i a t o c o n g i u n t i v o ' C ' a l m e n o u n a cosa e b e rossa e c ' a l m e n o u n a cosa c h e r o t o n d a ' La v e r i t d e l l ' a s s e r z i o n e fatta con q u e s t ' e n u n ciato c o m p a t i b i l e con la f a l s i t d e l l ' a s s e r z i o n e fatta con
i

(3.v)

( rosso . r o t o n d o ) '.
f a c i l e v e d e r e c o m e le f o r m u l e di c l a s s e - i n c l u s i o n e e classeidentit debban venir p a r a f r a s a t e q u a n d o ci si rammenti che " a C 0 ' e q u i v a l e n t e a ' = 0 ' e c h e ' = 0 ' e q u i v a l e n t e a ' = . 0 = 0 \ Le r i s p e t t i v e p a r a f r a s i s o n o " ~ ( 3 . v ) (fx .

~ g x ) e '~(3-0(/.t . - * ) . ~ ( 3 x ) ( g x . ~ f x ) \
Nel classe-sistema l ' a c c o r g i m e n t o di e g u a g l i a r e a ' 0 ' p e r indic a r e che u n a c l a s s e v u o t a e r a i n t e g r a t o d a l l ' a c c o r g i m e n t o di e g u a g l i a r e a ' 1 ' p e r i n d i c a r e c h e il c o m p l e m e n t o di u n a c l a s s e vuoto. C o s i ' = 1 ' e r a definito c o m e e q u i v a l e n t e a ' a = 0 L veniva i n t r o d o t t a l ' u l t e r i o r e r e g o l a c h e ' = 1 ' d o v e v a e s s e r e equivalente a 'a = 0 ' . Nella nuova notazione a b b i a m o la complicazione parallela di un secondo quantificatore, conosciuto come q u a n t i f i c a t o r e u n i v e r s a l e , scritto ' ( . t ) ' e d e f i n i b i l e nei t e r m i n i del p r i m o . Il significato del q u a n t i f i c a t o r e u n i v e r s a l e d a t o d a l l e d u e definizioni s e g u e n t i : '(*)(/*)' =o/'~(3.r ) ( - / * ) '
x

' (*) ( ~ f
Queste definizioni
1

) ' = D/ '~ (3.v) ( f x ) '

sono e s a t t a m e n t e p a r a l l e l e a l l e r e g o l e p e r

' = 1' e ' = 1 ' ; infatti le d u e e s p r e s s i o n i definenti s o n o rispettivamente le parafrasi d i ' a = 0 ' e ' a = 0\ Esattamente c o m e e r a v a m o tentati di l e g g e r e ' = 1 ' c o m e ' Ogni c o s a m e m bro d e l l a elasse ', cos s i a m o t e n t a t i , e q u a l c h e volta i n c o r a g g i a t i ,
1 I n m i o s v i l u p p o s t r e t t a m e n t e d e d u t t i v o d e l s i s t e m a , s u l t a n t o u n a definizione necessari.

] 7 fi

Formule predicative

a l e g g e r e ' ( .t ) ( fx ) ' c o m e * Ogni cosa / ', o p p u r e ' P e r ogni , f ' ; e ci s p e s s o c o n v e n i e n t e . Ma q u a n d o a b b i a m o in m e n t e p r o b l e m i ili i n t e r p r e t a z i o n e , p i s i c u r o , c o m e v e d r e m o , l e g g e r l o in t e r m i n i del suo

defniens.

Q u e s t e d u e d e f i n i z i o n i p r o d u c o n o , n a t u r a l m e n t e , l e d u e equivalenze

(1)
(2)

(x)(fx)
( x ) ( ~ f x )

^ ~ ( 3 x ) ( ~ f x )
~(3.t)(/,)

e da q u e s t e p o s s i a m o d i r e t t a m e n t e ottenere le d u e u l t e r i o r i equivalenze (3) (4) ~(-v)(/.v) = . (3.v)(~/.v) (3.r)(/.v)

~ ( x ) ( ~ l x )

u s a n d o le leggi e le p r o c e d u r e d ' i n f e r e n z e del c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e . C o s i nella l e g g e v e r o - f u n z i o n a l e

(p = ~q) = > ( - / > = q)


sostituiamo * (.v) ( / * ) ' a " \ ' ( 3 . t ) ( ~ f x ) ' a ' q \ ottenendo L(*)(/*)-~(3*)(~/x)]3[-(*)(/*)-(3x) (/*)] (i)

e d a l l a ( 1 ) e ( i ) o t t e n i a m o l a ( 3 ) m e d i a n t e l a R e g o l a d i Infer e n z a . P e r o t t e n e r e la ( 4 ) s o s t i t u i a m o ' { x ) ( ~ f x ) ' a ' ', ' ( 3 . r )

( f x ) ' a * q ' e procediamo come prima.


Dalle formule da ( 1 ) a ( 4 ) possiamo ottenere per sostituzione u n indefinito n u m e r o d i e q u i v a l e n z e p i c o m p l i c a t e . L ' e q u i v a lenza ( 2 ) . p e r e s e m p i o , e s e m p l i f i c a t a nei s e g u e n t i c a s i : (5) (6) (7) ~ ( 3 x ) ( f x . g x ) ~ ( 3 . v ) ( f x gx)

( * ) [ - ( / * . * * ) ] ( x ) t ~ ( /-V g.r ) ]

~ ( 3 x ) ( f x . ~ g x ) = ( x ) [ ~ ( f x.~gx)]

L a g i u s t i f i c a z i o n e d i q u e s t e sostituzioni p o t r e b b e non a p p a r i r e ovvia a p r i m a v i s t a . Ma se c o n s i d e r i a m o la f o r m u l a ' v e r d e e r o t o n d o ' e ' v e r d e o r o t o n d o ', v e d i a m o e b e a m b e d u e le espres-

E l e m e n t i del s i s t e m a p r e d i c a t i v o sioni, ' verde e rotondo


1

171 corrispondono alla

e ' verde o rotondo

n o s t r a d e s c r i z i o n e di una e s p r e s s i o n e p r e d i c a t i v a e c h e p e r c i amb e d u e le f o r m u l e e s e m p l i f i c a n o la f o r m u l a p r e d i c a t i v a ' fx '. Ved i a m o a n c h e c h e q u e s t e f o r m u l e sono l a v e r s i o n e i n l i n g u a g g i o o r d i n a r i o di * v e r d e . r o t o n d o \ ' x v e r d e . r o t o n d o ', che e s e m p l i f i c a n o r i s p e t t i v a m e n t e * fx . gx ' e ' fx V gx '. T u t t e le f o r m u l e p r e d i c a t i v e c o m p l e s s e p o s s o n o cosi v e n i r c o n s i d e r a t e c o m e e s e m p l i f i c a z i o n e d i una f o r m u l a p r e d i c a t i v a s e m p l i c e , e s a t t a m e n t e coin tutte le f o r m u l e c o m p l e s s e di c l a s s e - a p p a r t e n e n z a s o n o esemplificazioni di " .'. C o n s i d e r i a m o o r a le d u e f o r m u l e
4

~ ( 3 . v ) (fx . ~ g x ) ' e " ( . )

(fx 3 gx)' T e n e n d o hen p r e s e n t e il senso di ' 3 ', p o s s i a m o leggere l ' u l t i m a d e l l e due al m o d o s e g u e n t e * P e r ogni .r, non si ila il c a s o c h e fx e non-g.t testi? ( v e d i l a ( 7 ) Ma p r e c i s a m e n t e a q u e s t o m o d o c h e c h e a b b i a m o visto
4

noi d o v r e m m o leggere ' ( . ) [ ~ (fx . ~ g . v ) ]

poco s o p r a ) e s s e r e l ' e q u i v a l e n t e d i

~(3.r)

( f x . ~ g x ) \ S u queste basi i n t e r p r e t a t i v e s o l t a n t o s i a m o a l l o r a
tentati di c o n c l u d e r e c h e ' ( x ) ( f x 3 gx) ' e ' ~ ( 3 . v ) ( / . * . ~ g . t ) ' sono equivalenti. Questa tentazione diviene anche pili forte (piando notiamo che

~ ( fx . ~ g.v ) s fx 3 gx
non a l t r o clic u n a s p e c i a l i z z a z i o n e d e l l a l e g g e v e r o - f u n z i o n a l e

~(P ~q) =

q-

A b b i a m o infatti soltanto d a s c r i v e r e i l q u a n t i f i c a t o r e u n i v e r s a l e ' p e r ogni .r ' d a v a n t i a c i a s c u n a d e l l e d u e f o r m u l e p r e d i c a t i v e e q u i v a l e n t i , p e r ottenere (8) ( * ) [ - ( / * . ~ g * ) l - ( x ) ( f x z > gx)

Altera i n q u a l c h e m o d o , q u e s t ' i n t r o d u z i o n e d i * ( . * ) ' , l a correttezza d e l l ' e q u i v a l e n z a ? Si s a r e b b e p r o p e n s i a r i s p o n d e r e negativ a m e n t e ; e v e d r e m o pili i n n a n z i c h e c i e c o r r e t t o , c i o c h e le '3

] 7 fi Formule predicative regole del s i s t e m a c i p e r m e t t o n o d i p r o v a r e l ' e q u i v a l e n z a . O r a . prendendo la ( 8 ) assieme alla ( 7 ) . possiamo facilmente dimostrare (9) ~ ( 3 x ) ( f x . ~ g x ) = ( x ) { f x z > g x ) equivalenza alla quale faremo frequente riferimento d'ora innanzi, e p o s s i a m o u s a r e q u e s t o risultato a n t i c i p a t o p e r l e g i t t i m a r e la nostra lettura di ' ( * ) (fx r> gx) ' c o m e ' N o n c ' c n i e n t e c h e / e non-g ". A n a l o g a m e n t e p o s s i a m o a n t i c i p a r e le d i m o s t r a z i o n i di

(10)
(11) che faranno

~ ( 3 x ) ( f x v g x )= ( x ) ( ~ f x. ~ g x )
~ ( 3 x ) ( f x . g x ) = ( .v ) ( ~ /.r ~ g.v ) impiego delle leggi vero-funzionali

un consimile e

* ~ ( p <7)

= ~p . ~q "

' ~ ( p . q)

= ~py~q\

3.

N e l l ' u l t i m a s e z i o n e si s o n o p r e s e n t a t i b r e v e m e n t e gli cle-

menti di u n a n u o v a n o t a z i o n e con la piale p o s s i b i l e c o s t r u i r e f o r m u l e a v e n t i la stessa i n t e r p r e t a z i o n e di q u a l s i a s i legge del classe-sistema ( a l m o d o in cui piest'ultimo ila noi q u i i n t e s o ) . Ved r e m o p i i n n a n z i e b e l a n u o v a n o t a z i o n e p e r m e t t e u n uso p i c o m p r e n s i v o ; clic in essa p o s s o n o v e n i r c o s t r u i t e f o r m u l e non suscettibili di p a r a f r a s i in t e r m i n i di c l a s s e . 11 pi a m p i o s i s t e m a logico e b e p u v e n i r eostruito nella n u o v a n o t a z i o n e c h i a m a t o talvolta c a l c o l o p r e d i c a t i v o ( o f u n z i o n a l e ) . a l l o r a e v i d e n t e c h e tutte l e leggi del c a l c o l o d e l l e c l a s s i p o s s o n o v e n i r ottenute d a l l e leggi del c a l c o l o p r e d i c a t i v o m e d i a n t e p a r a f r a s i , ma c h e non vero il c o n v e r s o . N e l l a p r i m a s e z i o n e c e r c a m m o d i rentier c h i a r e l e r a g i o n i clic s p i e g a n o il p a r a l l e l i s m o f o r m a l e fra il c l a s s e - s i s t e m a e il c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e d e r i v a n d o l e leggi ( i n t e r p r e t a t e ) lei p r i m o d a l l e leggi ( i n t e r p r e t a l e ) del s e c o n d o . L a d e r i v a z i o n e era u n p o ' g o f f a , g i a c c h c o m p o r t a v a una q u a n t i t d i v a r i a z i o n i p u r a m e n t e nota-

Elementi lei sistema predicativo

173

r i o n a l i . U n o dei v a n t a g g i a t t r i b u i t i a l l a n o t a z i o n e d e l l e f o r m u l e p r e d i c a t i v e e dei q u a n t i f i c a t o r i e r a e b e e s s a r e n d e v a p i c h i a r a la r e l a z i o n e f r a le due s e r i e di leggi i n t e r p r e t a t e . P e r g i u s t i f i c a r e questa p r e t e s a , d o v r e m m o esser c a p a c i d i e f f e t t u a r e l a d e r i v a z i o n e d e l l e leggi n e l l a nuova n o t a z i o n e in m o d o p i s e m p l i c e e p i ra p i d o . R i t o r n i a m o a i nostri p r e c e d e n t i e s e m p i ( i )

Da

. q

3 V

otteniamo per sostituzione ( i i ) fx . gy 3 fx gy <. c o m e in p r e c e d e n z a , p e r u l t e r i o r e s p e c i a l i z z a z i o n e ( i i i ) fx . gx 3 fx gx. Ora a s s e r i r e u n a q u a l s i a s i f o r m u l a p r e d i c a t i v a c o m p l e s s a c o m e una legge s i g n i f i c a a s s e r i r e c h e q u a l s i a s i e n u n c i a t o d o t a t o di significato ottenuto p e r s o s t i t u z i o n e da q u e l l a a n a l i t i c o , q u a l i c h e siano i v a l o r i dati a l l e v a r i a b i l i i n d i v i d u a l i e p r e d i c a t i v e . S u p p o n i a m o che la n o s t r a l e g g e sia d e l l a f o r m a ' fx '. A l l o r a , m e d i a n t e un p a s s a g g i o c o r r i s p o n d e n t e a q u e l l o f r a la ( 5 ) e la ( 6 ) nella derivazione originale della sezione 1, possiamo asserire come una legge l a c o r r i s p o n d e n t e f o r m u l a del t i p o ' ( . * ) ( / * ) ' ( c i o , 'Ogni cosa / ' , o p p u r e ' Non c' niente c h e n o n - / ' ) . F a r q u e s t o s i g n i f i c a , c o m e in p r e c e d e n z a , a s c r i v e r e a l l a l e g g e - f o r m u l a stessa la permessa g e n e r a l i t d i s o s t i t u z i o n e p e r ci c h e r i g u a r d a l a v a r i a b i l e ' . . A b b i a m o , a l l o r a , la r e g o l a g e n e r a l e c h e da q u a l s i a s i f o r m u l a p r e d i c a t i v a c o m p l e s s a con u n a v a r i a b i l e i n d i v i d u a l e , l a q u a l e sia asserita con v a l o r e di l e g g e , p o s s i a m o d e r i v a r e con lo stesso v a l o r e d i legge l ' e s p r e s s i o n e c h e risulta d a l l a q u a n t i f i c a z i o n e u n i v e r s a l e

' C f r . sezioni. 1. p p . 1 6 1 - 6 4 .

] 7 fi Formule predicative di quella formula, senza modificarla in alcun altro modo ( i i i ) d e r i v i a m o , con l ' a p p l i c a z i o n e d i q u e s t a r e g o l a , l a l e g g e (iv) ( * ) ( f x . gx n f x v g x ) . C i p u v e n i r letto ' N o n c ' n i e n t e c h e i n s i e m e / e g e non / o Dalla

g ', c h e la p a r a f r a s i in t e r m i n i p r e d i c a t i v i d e l l a c o n c l u s i o n e originaria
4

c -f

(cio,

N o n c' n i e n t e c h e s i a m e m b r o

d e l l a classe e non s i a m e m b r o d e l l a c l a s s e -f * ) L a d e r i v a z i o n e p a r a l l e l a d e l l ' a l t r o e s e m p i o f o r n i t o nella sezione 1 procede come segue: (i) ( p 3 q) 3 ( ~ q 3 ~ p )

( i i ) ( f x 3 gx) 3 ( -gx 3 ~ f x ) ( i i i ) ( . r ) ( f x 3 gx) 3 ( ~gx 3 - / * ) ! Il mantenere dovunque un simile modello notazionale sfocia in un ovvio v a n t a g g i o p e r q u a n t o c o n c e r n a la s e m p l i c i t c la chiarezza. C o m e nella sezione 1, si rendono necessarie speciali regole a d d i z i o n a l i p e r l ' u l t e r i o r e s v i l u p p o f o r m a l e . E l e n c o u n certo num e r o d i f o r m u l e clic d o b b i a m o a s p e t t a r c i a b b i a l i v i g o r e d i leggi del s i s t e m a , ma clic non a b b i a m o finora i mezzi p e r d e r i v a r e : (12)( x ) ( f x . g x ) ^ ( x ) ( f x w g x ) (13)

( x ) ( f x z>gx) 3 ( x ) ( ~ g x 3 ~ / . r )

( 1 4 ) (X) ( f x 3 gx) . ( x ) (gX 3 hx) 3 ( * ) ( f x 3 hx) ( 1 5 ) ( * ) (fx 3 gx) . (.t) (fx 3 hx) 3 ( a ) (fx 3 gx . hx)
S e t r a d u c i a m o q u e s t e f o r m u l e i n p a r o l e , p o s s i a m o t r o v a r e c h e esse s o n o p a r a f r a s i d e l l e s e g u e n t i leggi del c l a s s e - s i s t e m a : C ( o ) = 1 3 + = 1 C(/.) c 3 c
' Questa operazione pu venir chiamata ' generalizzazione

Elementi lei sistema predicativo C(c) C(</) a c . c y i j a c Y a c . a c y D a c ^

175

O v v i a m e n t e , i plinti di p a r t e n z a p e r la d e r i v a z i o n e d a l l e l e g g i del calcolo proposizionale s o n o : ()

. q 3 pyq (
3

(b)
P(c) P(/)

q)

D ( ~

D ~ p )

( 3 q) . (<7 3 r ) 3 > ( p 3 r )
( p 3 <7) . ( p 3 r ) 3 ( p 3 f/ . r )

A b b i a m o teste veduto c o m e d a P ( a ) e P ( f o ) d e r i v i a m o

( x ) ( f x . gx 3 fx gx )

( a ) [ ( / 3 g * ) 3 ( ~gx 3

Con a n a l o g h i p a s s a g g i d e r i v i a m o d a P ( c ) e P ( f / ) ( . t ) (/. 3 g.r) . (gx 3 h) 3 ( f x 3 /i.r ) 1 e

( a ) ( ( f x 3 g . t ) . (fx 3 * ) 3 (/. 3 gx . ft*)].

11 p r o s s i m o p a s s a g g i o consiste nel v o l g e r e q u e s t e i m p l i c a z i o n i universalmente quantificate fra formule predicative, in implicazioni ordinarie fra formule universalmente quantificate. per questo passaggio ebe ci occorrono le regole addizionali. Ne sono esempi le regole a s s e r e n t i che le seguenti f o r m u l e
1

sono analitiche:

( * ) ( / * 3 gx) 3 [ ( * ) ( / * ) = > ( * ) ( * ) ]

I I ( * ) ( / * . gx) = ( x ) ( f x ) . ( * ) ( g x ) L ' a s s e r z i o n e d e l l a p r i m a c o m e l e g g e p u v e n i r e s p r e s s a c o m e segue : ' La f o r m u l a Non c' n i e n t e c h e / e non g " e s i g e la f o r m u l a " Se non c' n u l l a affatto c h e n o n /, non c' n u l l a a f f a t t o c h e non '. L ' a s s e r z i o n e d e l l a s e c o n d a c o m e l e g g e p u cosi v e n i r e espres1

fonie

Nello sviluppo teoremi.

rigoroso

del sistema, queste f o r m u l e vengono

derivate

] 7 fi

Formule predicative

sa : " La f o r m u l a " N o n c' n u l l a c h e non i n s i e m e / e g " logicam e n t e e q u i v a l e n t e a l l a f o r m u l a " N o n c' n u l l a clic non / c non c' n u l l a c h e non g " '. P e r e s e m p i o .
k

Non c' n u l l a c h e s i a p r e z i o s o c

non p e r i t u r o ' e s i g e ' Se non c' n u l l a c h e non s i a p r e z i o s o , a l l o r a non c' n u l l a c h e non s i a p e r i t u r o '; e ' N o n c' n u l l a c h e non s i a i n s i e m e p r e z i o s o e p e r i t u r o ' l o g i c a m e n t e e q u i v a l e n t e a ' N o n c' n u l l a clic non s i a p r e z i o s o e non c' n u l l a c h e non s i a p e r i t u r o '. L ' u s o di q u e s t e leggi a d d i z i o n a l i un s e m p l i c e e s e r c i z i o nella p r o c e d u r a d e d u t t i v a d e l i n e a t a p e r i l c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e . P.e., p e r ottenere la ( 1 2 ) , si sostituisca ottenendo nella I * f x . gx' a ' / A ; ' e

' fx gx' a ' gx

( * ) ( f x g-r => fx* px) => [ ( * ) (fx -ex) => (<) ( f x v f i x ) !


Noi a b b i a m o g i s t a b i l i t a l a p r i m a m e t d i q u e s t ' i m p l i c a z i o n e ; cosi, m e d i a n t e la r e g o l a di i n f e r e n z a , p o s s i a m o d e r i v a r e la sec o n d a m e t , c h e l a ( 1 2 ) , con v a l o r e d i l e g g e . L a d e r i v a z i o n e d e l l a ( 1 3 ) s e g u e lo stesso s c h e m a . P e r la ( 1 4 ) e la ( 1 5 ) p o s s i a m o , a s c o p o di s e m p l i c i t , u s a r e la r e g o l a a d d i z i o n a l e di i n f e r e n z a c h e e s p r e s s i o n i e q u i v a l e n t i p o s s o n o e s s e r e s o s t i t u i t e l ' u n a a l l ' a l t r a . Allora. avendo trasformato
(.r)

l(fx

gx)

. (gx

hx)

(fx

hx)]

in

(A.) [ ( f x 3 gx) . (gx 3 / * ) ] 3

(A) (fx 3 hx)

mediante l'impiego della I, trasformiamo questa in

(.*) ( f x 3 g * ) . (a:) (gx 3 hx) 3 ( x ) (fx 3 hx)


m e d i a n t e l ' u s o d e l l a II e la r e g o l a c h e p e r m e t t e lo s c a m b i o f r a loro d i f u n z i o n i e q u i v a l e n t i . S i m i l m e n t e s i p r o c e d e p e r l a ( 1 5 ) . La procedura generale mediante la quale si giustificano le equivalenze presentate alla fine della sezione precedente dovrebbe o r a e s s e r e o v v i a . D a l l e I e II p o s s i a m o d e r i v a r e III ( , ) (f.x = gX) Z3 ! ( * ) ( f x )

- (.) (g.v)l.

177 Allora, avendo derivato, per esempio ( . v ) [ ~ ( f x . ~ g x ) = fx 3 g x ] ila ' (p . ~ q ) = 3 q ' per sostituzione e generalizzazione,

usiamo la legge III per ottenere da questo risultato la formula


( AC) [ - ( / * . ~
g X

) l

= ( * ) ( / *

g x )

e per giustificare quindi l'equivalenza ~ ( 3\ x ) ( f x . ~ g x )

(,r)(/.v 3 gx).

A n a l o g o il p r o c e d i m e n t o p e r gli a l t r i c a s i . In questa sezione ho tentato solo di fornire illustrazioni un po'


alla colo

h u o n a di a l c u n i m e t o d i di d i m o s t r a z i o n e d e i t e o r e m i d e l calp r e d i c a t i v o . Ci s o n o a l t r e t e c n i c h e d i d i m o s t r a z i o n e , a l c u n e

pili r a p i d e n e l l ' a p p l i c a z i o n e , e p i e l e g a n t i di q u e s t e 1 . Io ho inteso s o p r a t t u t t o di s o t t o l i n e a r e le i n t i m e r e l a z i o n i f r a i s i s t e m i di r i a s s i e p r e d i c a t i v o , e f r a q u e s t i d u e p r e s i a s s i e m e c il s i s t e m a d e l l e vero-funzioni. t. F a c e v o n o t a r e piti s o p r a clic l a n o t a z i o n e d e l l e f o r m u l e pi comprensiva di quella

predicative e dei quantificatori era

i m p i e g a t a nel s e m p l i c e c l a s s e - s i s t e m a : c h e , m e n t r e t u t t e l e f o r m u l e clic p o s s o n o v e n i r c o s t r u i t e con q u e s t ' u l t i m a n o t a z i o n e p o t r e b b e r o v e n i r p a r a f r a s a t e m e d i a n t e f o r m u l e c o s t r u i t e con l a p r i m a , i l con\ e r s o non s u s s i s t e v a ; e c h e , di c o n s e g u e n z a , il c a l c o l o p r e d i c a t i v o p e r m e t t e u n m a g g i o r s v i l u p p o f o r m a l e c h e non i l c a l c o l o d e l l e c l a s s i . Q u e s t o p u n t o l o s i e s p r i m e t a l v o l t a d i c e n d o c h e l a notaz i o n e p r e d i c a t i v a p e r m e t t e u n ' a n a l i s i pili c o m p l e t a d e l l a f o r m a logica di certe asserzioni che non la s e m p l i c e notazione di classe. \ o g l i o i l l u s t r a r e certi m o d i in c u i c i si r e a l i z z a . Ma li i n t r o d u r r

' C f r . REICIIENBACH, Elements V riho,Is nf f.ngcy p a r l i li o i l l .

of

Symbolic

Logic,

rapitolo

IV.

QUINE,

] 7 fi

Formule predicative

m e d i a n t e l a c o n s i d e r a z i o n e d i u n a c l a s s e d i casi p e r l a q u a l e non i m p o s s i b i l e t r o v a r e p a r a f r a s i in t e r m i n i di c l a s s e . Fin qui a b b i a m o c o n s i d e r a t o in d e t t a g l i o s o l t a n t o e s e m p i di quelle formule predicative ebe contengono una singola variabile i n d i v i d u a l e : a b b i a m o visto tuttavia e b e lecito c o s t r u i r e f o r m u l e s i f f a t t e con d u e o p i v a r i a b i l i i n d i v i d u a l i . C o n s i d e r i a m o e b e sorta di interpretazione p o t r e m m o dare a una f o r m u l a contenente due v a r i a b i l i i n d i v i d u a l i c h e a m b e d u e c o m p a i a n o a n c h e i n u n a parentesi di q u a n t i f i c a z i o n e . N a t u r a l m e n t e , l ' i n t e r p r e t a z i o n e di un'espressione come ( a * ) ( f x ) r > ( 3 y ) ( g y ) ' non p r e s e n t a p r o b l e m a a l c u n o . l,e d u e v a r i a b i l i i n d i v i d u a l i son p a r t e , i n f a t t i , d i d u e form u l e i n d i p e n d e n t e m e n t e q u a n t i f i c a t e , n e s s u n a d e l l e (piali i n c l u d e l'altra nel s u o c a m p o . M a s u p p o n i a m o d i s c r i v e r e * ( . r ) f ( 3 y ) Che interpretazione possiamo dare, se pur possiamo

( f x gy)]

darne una. a questa espressione? S u p p o n i a m o c h e c i s i c h i e d a d i m o s t r a r e q u a n t o p i esattam e n t e p o s s i b i l e , m e d i a n t e i l nostro s i m b o l i s m o , l a f o r m a dell ' e n u n c i a t o * N e s s u n o a m a s e n z a s o f f r i r e '. P o t r e m m o f a r n e la p a r a f r a s i in ' N o n c' a l c u n o c h e i n s i e m e a m i e non s o f f r a ' e conclud e r e c h e la f o r m u l a a p p r o p r i a t a s a r e b b e ' ~ ( 3.v) (fx . ~ gx ) ' opp u r e ' (.v) ( f x r3 g * ) *. S u p p o n i a m o ora c h e ci si c h i e d a di f a r lo stesso p e r l ' e n u n c i a t o ' N e s s u n o a m a s e n z a c h e qualcuno s o f f r a ', nel q u a l e non c' i m p l i c a z i o n e a l c u n a c h e chi a m a e chi s o f f r e s i a n o n e c e s s a r i a m e n t e l a stessa p e r s o n a . P o s s i a m o p a r a f r a s a r l o i n i z i a l m e n t e in ' N o n c' a l c u n o c h e a m i senza c h e q u a l c u n o soffra ". Ma non t a n t o c h i a r o q u a l e a b b i a da e s s e r e il p a s s a g g i o successivo. L ' e s e m p i o evidentemente rammenta quello precedente in q u a n t o se c o m i n c i a m o col q u a n t i f i c a t o r e n e g a t i v a m e n t e esistenz i a l e . la p r o p o s i z i o n e r e l a t i v a i n t r o d o t t a da ' c h e ' d e v e r i e n t r a r e tutt'intera nel c a m p o di q u e l q u a n t i f i c a t o r e . Ma a l t r e t t a n t o c h i a r o che. nell'analisi della proposizione relativa, a b b i a m o bisogno di un ulteriore quantificatore negativamente esistenziale per render g i u s t i z i a a l ' s e n z a c h e q u a l c u n o s o f f r a " ( c i o , ' c o n n e s s u n o soffe-

E l e m e n t i lei s i s t e m a p r e d i c a t i v o

179

r e n t e ' ) . Queste considerazioni potrebbero indurci ad adottare la regola e b e * ~ ( 3 x ) [ a m a . ~ ( 3 y ) ( y s o f f r e ) ] ' s i a d a considerarsi c o m e l a p a r a f r a s i , n e l l a n o s t r a n o t a z i o n e , l a p i p r o s s i m a p o s s i b i l e a l l ' e n u n c i a t o o r i g i n a r i o . F o r m u l e o e n u n c i a t i c o m e questo. in cui un q u a n t i f i c a t o r e i n c l u d e un a l t r o nel s u o p r o p r i o c a m p o , p o s s o n o venir r i f o r m u l a t i in m o d o c h e i d u e q u a n t i f i c a t o r i compaiano insieme all'inizio dell'enunciato o formula in questione. B i s o g n a f a r e tuttavia m o l t a a t t e n z i o n e n e l l ' e f f c t t u a r e q u e s t o p a s s a g g i o . L a f o r m u l a e s e m p l i f i c a t a dal n o s t r o e n u n c i a t o d o p p i a mente q u a n t i f i c a t o e ' ~ ( 3.v) [ fx . ~ ( 3y ) ( gy ) J '. formula Se s e m p l i c e mente t r a s f e r i a m o ( 3 y ) ' nella posizione immediatamente dopo ( 3 . v ) { ~ l ( 3 v ) ( f x . g y ) ] } ',

' ~ ( 3 . r ) ', ottenendo la

c a m b i e r e m m o il c a m p o del s e g n o di n e g a z i o n e p r e c e d e n t e ' ( 3 y ) ' e p e r c i c a m b i e r e m m o il senso d e l l ' e s p r e s s i o n e . P r i m a di t r a s f e r i r e il q u a n t i f i c a t o r e d o b b i a m o e l i m i n a r e il s e g n o di n e g a z i o n e c h e lo p r e c e d e . Si tratta di u n a f a c i l e o p e r a z i o n e ; infatti ' fx . ~ ( 3 y ) ( g y ) ] ' della f o r m a " p . ~ q ' c p e r c i e q u i v a l e n t e , p e r e s e m p i o , alla c o r r i s p o n d e n t e e s p r e s s i o n e Iella f o r m a ~ p v q ) ' , cio a con l'ultima

" ~ [ ~ f x ( 3 y ) ( g y ) ] \ Sostituendo

la

precedente

nella f o r m u l a o r i g i n a l e , a b b i a m o * ~ ( 3 . r ) ~ | ~ fx ( 3y ) ( g y ) 1 ', clic, p e r la d e f i n i z i o n e del q u a n t i f i c a t o r e u n i v e r s a l e , e q u i v a l e n t e a ' (.) ~ f x v ( 3 y ) ( g v ) ] Il secondo quantificatore pu ora venir trasferito s e n z a i n c o n v e n i e n t i nella p o s i z i o n e i m m e d i a t a m e n t e successiva al p r i m o , d a n d o l u o g o a ' ( x ) ( 3 y ) ( ~ f x gy) '. C i equivalente a ' ( . t ) ( 3 y ) ( f x 3 g y ) ' , l a f o r m u l a d i cui a p p u n t o inves t i g a v a m o la paragrafo. La nostra s i m b o l i c a p a r a f r a s i di ' N e s s u n o a m a s e n z a c h e qualcuno s o f f r a ' l a s c i a a p e r t a la p o s s i b i l i t c h e chi a m a e chi s o f f r e siano persone differenti; ma lascia anche aperta la possibilit che esse s i a n o la stessa p e r s o n a . S u p p o n i a m o di a v e r o r a a clic f a r e con * N e s s u n o a m a senza c h e q u a l c u n altro s o f f r a '. P e r a f f r o n t a r e m e g l i o q u e s t o , r i c o r r i a m o p r i m a a un a l t r o e s e m p i o , e precisap o s s i b i l e i n t e r p r e t a z i o n e a l l a fine lei p r e c e d e n t e

Formule predicative m e n t e c h e si d e h b a e s p r i m e r e l ' e n u n c i a t o


4

C ' a l m e n o u n a crea4

tura c a p a c e di n u o t a r e e c' a l m e n o u n a c r e a t u r a , non identica con l a p r i m a , c a p a c e d i v o l a r e ' . U n tentativo p o t r e b h ' e s s e r e (.v c a p a c e di n u o t a r e . y c a p a c e di v o l a r e ) (3.r) ( 3 y ) Ma q u e s t o vero

a n c h e s e c' u n ' u n i c a c r e a t u r a c a p a c e s i a d i n u o t a r e c h e d i v o l a r e . P o t r e m m o a d o t t a r e l a c o n v e n z i o n e clic l'uso d i v a r i a b i l i d i f f e r e n t i nella stessa f o r m u l a i m p l i c h i d i f f e r e n z a di identit ove sia a s s e r i t a l ' e s i s t e n z a : m a c i c o m p o r t e r e b b e degli i n c o n v e n i e n t i , p e r esempio, l i m i t e r e b b e la n o s t r a l i b e r t n e l l e s o s t i t u z i o n i di v a r i a b i l i . In luogo di c i . si i n t r o d u c e la n u o v a f o r m u l a
4 4

y ' , con il senso

d i l i d e n t i c o a ( l a stessa p e r s o n a o cosa d i ) y ' . La f o r m u l a ' ~ ( . v = y) ' ha di c o n s e g u e n z a il s e n s o : " non i d e n t i c o a y ' . O r a p o s s i a m o c o m p l e t a r e l a p a r a f r a s i del nostro e n u n c i a t o c o m e segue: suno
(.
4

( 3 . v ) ( 3 y ) [A; c a p a c e ili n u o t a r e . y c a p a c e di v o l a r e . che


gy] '.

~ ( . v = y ) ] ' . A n a l o g a m e n t e , p o s s i a m o r e n d e r e l a f o r m a d i * Nesa m a senza


y)

qualcun

altro

soffra'

con

(.v)(3y)[~

. fx

P e r a l c u n i e s e m p i di f o r m u l e a q u a n t i f i c a z i o n e m u l t i p l a poss i a m o t r o v a r e p a r a f r a s i nella c l a s s e - n o t a z i o n e , s e n z a f a r uso d e l l a quantificazione. Per esempio, " Nessuno a m a senza che qualcuno s o f f r a ', c h e e s e m p l i f i c a
4

( . v ) ( 3 y ) ( fx 3 g y ) ' p u e s s e r e p a r a -

f r a s a t a * N o n si d i n s i e m e il c a s o c h e la c l a s s e di c o l o r o c h e a m a n o non s i a vuota e c h e la c l a s s e di c o l o r o c h e s o f f r o n o s i a vuota *, c h e e s e m p l i f i c a ' O 3 3 O '. Ma non p o s s i b i l e t r o v a r e u n a corrispondente parafrasi per


4

( x ) ( 3 y ) [ ~ ( x = y) . fx 3 g y ] '. In

g e n e r a l e , o g n i q u a l v o l t a u n a f o r m u l a con q u a n t i f i c a z i o n i m u l t i p l e e q u i v a l e n t e a u n a f o r m u l a consistente di d u e o p i f o r m u l e quantificate i n d i p e n d e n t e m e n t e l e g a t e d a connettivi v e r o - f u n z i o n a l i ,


4

s a r p o s s i b i l e t r o v a r e u n a c l a s s e - p a r a f r a s i c h e non r i c o r r a a l l a quantificazione. Cosi (.t) ( 3 y ) ( f x 3 gy) ' equivalente a


4 4

(3.v)

( f x ) 3 ( 3 y ) ( g y ) * . M a q u a n d o non s i d i a q u e s t a c o n d i z i o n e , u n a
tale p a r a f r a s i non p u esser t r o v a t a . La s p e c i f i c a z i o n e
ricorra

c h e non

a l l a q u a n t i f i c a z i o n e ' e s s e n z i a l e , g i a c c h s a r e b b e ovvia-

E l e m e n t i lei s i s t e m a p r e d i c a t i v o niente p o s s i b i l e s o s t i t u i r e f o r m u l e d i c l a s s c - a p p a r l e n c n z a tificate c h e a b b i a m o c o n s i d e r a t o ' . L ' u l t i m o e s e m p i o , con l ' i m p i e g o d e l l a e o s t a n t e


4

181 quali

" . ' a f o r m u l e p r e d i c a t i v e q u a l i ' fx ' in tutte le f o r m u l e quan= ', ci a v v i a

in u n a d i r e z i o n e in cui la n o t a z i o n e e h e s t i a m o c o n s i d e r a n d o c d e f i n i t a m e n t e p i c o m p r e n s i v a clic non q u e l l a del s e m p l i c e classesistema. Originariamente definimmo una variabile predicativa c o m e u n a v a r i a b i l e che p o t e v a a s s u m e r e e s p r e s s i o n i p r e d i c a t i v e coin p r o p r i v a l o r i ; e d u n a e s p r e s s i o n e p r e d i c a t i v a c o m e q u a l s i a s i e s p r e s s i o n e c h e , a s s i e m e con u n ' e s p r e s s i o n e i n d i v i d u a l e , poteva f o r m a r e u n e n u n c i a t o s u s c e t t i b i l e d i v e n i r e u s a t o p e r f a r e un'asserzione. O r a o v v i o che molti e n u n c i a t i o r d i n a r i , c o m e ' II gallo fra In o r l a e la

finestra ', ' Eteocle o d i a Polinice ', ' Il tatto pili

raro che la gentilezza ', c o n t e n g o n o piti di u n ' e s p r e s s i o n e individuale. Possiamo, per e s e m p i o , considerare sia ' odia Polinice ' che ' Lleoclc odia ' come espressioni predicative, possibili valori d i ' / ' in una f o r m u l a del tipo ' fx '. Ma l'esistenza di q u e s t i casi suggerisce u n ' e s t e n s i o n e del s e n s o di ' e s p r e s s i o n e p r e d i c a t i v a ' a ' q u a l u n que e s p r e s s i o n e clic, a s s i e m e con una o pi e s p r e s s i o n i i n d i v i d u a l i , possa f o r m a r e u n e n u n c i a t o s u s c e t t i b i l e d i v e n i r e u s a t o p e r f a r e un'asserzione'. Cosi considereremo ' fra . . e ' , ' o d i a ' , ' pi raro c h e ' c o m e e s p r e s s i o n i p r e d i c a t i v e , e ' e f r a y e ' odia '. ' pi r a r o di y ' c o m e f o r m u l e p r e d i c a t i v e , e s e m p l i f i c a n t i ris p e t t i v a m e n t e le f o r m u l e g e n e r a l i ' fxyz ', e ' fxy '. Le e s p r e s s i o n i predicative usate per f o r m a r e enunciati che esemplifichino formule p r e d i c a t i v e s e m p l i c i con p i e h e u n a v a r i a b i l e i n d i v i d u a l e v e n g o n o c h i a m a t e talvolta p r e d i c a t i r e l a z i o n a l i , e v e n g o n o d i s t i n t e in predicati d i a d i c i (' a d u e posti ' ) . t r i a d i c i ( " a tre posti ' ) , ecc., a se' Occorrc anche notare che q u a n d o si sia riusciti a r i d u r r e una f o r m u l a eon q u a n t i f i c a z i o n i m u l t i p l e a d u n a v e r o - f u n z i o n e d i f o r m u l e i n d i p e n d e n t e mente quantificate, s c o m p a r e la necessit di avere variahili individuali separate. C o s i ' ( 3 . v ) (fx) r> ( 3 y ) ( g y ) ' p u e s s e r e r i s c r i t t a c o m e ' ( 3 . t ) ( fx) z> 3 * ) (gx) ' s e n z a a m b i g u i t a l c u n a c i r c a i l r i f e r i m e n t o d e l l e p a r e n t e s i d i q u a n tificazione nelle due met dell'espressione.

] 7 fi

Formule predicative

c o n d a elei n u m e r o di e s p r e s s i o n i i n d i v i d u a l i c h e essi c o m u n e m e n t e r i c h i e d o n o p e r f o r m a r e u n e n u n c i a t o . D u e p u n t i d i cui o c c o r r e p r e n d e r nota s o n o i s e g u e n t i . In p r i m o l u o g o , q u a l u n q u e e n u n c i a t o esemplificante una


1

formula

relazionale

semplice,

p.e.,

fx y ' ,

esemplifica anche

fx '. In s e c o n d o l u o g o , l ' o r d i n e d e l l e v a r i a b i l i

in u n a f o r m u l a r e l a z i o n a l e non i n d i f f e r e n t e , ma c o n v e n z i o n a l m e n t e r i s p e c c h i a l ' o r d i n e d e l l e e s p r e s s i o n i i n d i v i d u a l i nell'enunc i a t o c h e e s e m p l i f i c a la f o r m u l a . C o s i , ' fxy = fyx ' non u n a formula a n a l i t i c a : per alcuni valori di
4 4

/ " essa d a r e b b e l u o g o , con

q u a n t i f i c a z i o n i u n i v e r s a l i d i .r ' e * y '. a e n u n c i a t i n e c e s s a r i a m e n t e o c o n t i n g e n t e m e n t e v e r i , p e r altri a e n u n c i a t i falsi o auto-contraddittori. Unendo l'accorgimento delle variabili di predicato relazionale con q u e l l o d e l l a q u a n t i f i c a z i o n e m u l t i p l a s i o t t i e n e , a l l o r a , un'ulteriore g a m m a di formule esemplificabili. Il c a m p o relativo dei q u a n t i f i c a t o r i , (piale e i n d i c a t o d a l loro o r d i n e , p u s p e s s o , a n c h e s e non s e m p r e , c o m p o r t a r e u n a d i f f e r e n z a e n u n c i a l i e s e m p l i f i c a n t i tali a m a y ) * non s i g n i f i c a l o stesso c h e
4

d i s i g n i f i c a t o negli
4

formule. L'enunciato

(3.v) ( y ) (x

( y ) ( 3 . v ) (. a m a y ) ' , s e b b e n e ma
4

l ' e n u n c i a l o in l i n g u a g g i o o r d i n a r i o " Q u a l c u n o a m a ogni cosa ' potrebbe ambiguamente adattarsi ad a m b e d u e ; ama y) ' e
4

(3.v) ( 3 y ) (*

( 3 y ) ( 3 . v ) ( x a m a v ) " sono e q u i v a l e n t i .

R e s t a d a m e n z i o n a r s i u n ' u l t e r i o r e e s t e n s i o n e del s i s t e m a . Abb i a m o visto c h e u n a f o r m u l a p r e d i c a t i v a c o m e ' f x 3 g y ' p u d a r l u o g o a un e n u n c i a t o s i a p e r s o s t i t u z i o n e di e s p r e s s i o n i i n d i v i d u a l i e predicative alle variabili individuali e predicative (p.e., ' T o m maso ama 3 M a r i a s o f f r e ' ) , sia per sostituzione operata soltanto con e s p r e s s i o n i p r e d i c a t i v e , a b b i n a t a a l l ' i m p i e g o d i q u a n t i f i c a t o r i relativi
4

alle

variabili

individuali

(p.e., * ( . t ) ( 3 y ) ( . v
4

ana
4

3 y ' e

s o f f r e ) " ) . In u n ' e s p r e s s i o n e c o m e q u e s t ' u l t i m a , le v a r i a b i l i y ', in q u a n t o c o m p a i o n o r i s p e t t i v a m e n t e p r i m a di

a m a ' e di

* s o f f r e '. son dette talvolta v a r i a b i l i legate, p r e s u m i b i l m e n t e perc h . in un e n u n c i a t o del g e n e r e , esse non s o n o libere di p r e n d e r e

Elementi lei sistema predicativo

183

c o m e v a l o r i e s p r e s s i o n i i n d i v i d u a l i , m a h a n n o p i u t t o s t o l a funzione di p r o n o m i relativi (' c h e ', ' il q u a l e ', e c c . ) c h e a l o r o volta si r i f e r i s c o n o a p a r o l e c o m e ' n i e n t e ', ' n e s s u n o ', ' q u a l c u n o ' '. La n o t a z i o n e stessa s u g g e r i s c e con forza q u a s i i r r e s i s t i b i l e la possibilit. in u n a f o r m u l a p r e d i c a t i v a , di l e g a r e non s o l o v a r i a b i l i individuali, ma anche variabili predicative. Si consideri la funzione

' fx 3 fy ', c h e s a r e b b e e s e m p l i f i c a t a d a * T o m m a s o s o f f r e 3 M a r i a
soffre '. Se manteniamo questi valori per le variabili individuali e l e g h i a m o la v a r i a b i l e p r e d i c a t i v a m e d i a n t e l ' i m p i e g o del q u a n t i f i c a t o r e u n i v e r s a l e a n z i c h s o s t i t u i r l a con u n ' e s p r e s s i o n e p r e d i c a tiva. o t t e n i a m o l ' e n u n c i a t o ' ( / ) ( / T o m 3 / M a r i a ) ' c h e e q u i v a lente a ' ~ ( 3 / ) ( / T o m . ~ / M a r i a ) ' e c h e p o t r e b b e esser letto " Non c' niente c h e sia vero di T o m e c h e non sia v e r o di M a r i a '. T u t t a v i a , q u a n d o n e l l o s v i l u p p o del s i s t e m a s i s i a r a g g i u n t o ({tiesto s t a d i o ( c i o d e l l a q u a n t i f i c a z i o n e d e l l e v a r i a b i l i p r e d i c a live) ci si allontana progressivamente s e m p r e pi dalla traduzione a p p r o s s i m a t a d i f o r m e d i a s s e r z i o n e u s u a l m e n t e i m p i e g a t e nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o . Il c o n s i d e r e v o l e u l t e r i o r e s v i l u p p o di cui il s i s t e m a c a p a c e ha i n t e r e s s a t o i logici p r i n c i p a l m e n t e p e r c h s e m b r a v a f o r n i r e un m e z z o p e r d e f i n i r e i concetti f o n d a m e n t a l i della m a t e m a t i c a . Ma io non e n t r e r in q u e s t o c a m p o , c h ' propriamente quello della logica matematica. IL

II
5.

sistema

predicativo

il

linguaggio

ordinario:

preliminari

Q u a n d o a v e m m o c o m p l e t a t o l ' e s p o s i z i o n e del s i s t e m a d e l l e

v e r o - f u n z i o n i , d i s c u t e m m o d e l l e r e l a z i o n i f r a q u e l s i s t e m a e la
' La distinzione fra variabili ' l e g a t e ' e ' l i b e r e ' utile p e r mettere in rilievo il fatto, ehe do v re bbe essere ovvio, ehe un'espressione una formula, in quanto distinta da un enunciato, soltanto se contiene a l m e n o una variabile libera. Se tutte le variabili di un'espressione correttamente costruita sono legate, q u e l l a e s p r e s s i o n e un enunciato.

] 7 fi

Formule predicative discussione comport un e ' se al

l o g i c a del d i s c o r s o o r d i n a r i o . Q u e s t a

c o n f r o n t o f r a l e r e g o l e c h e d e t e r m i n a n o i l s e n s o d e l l e costanti d e l s i s t e m a e il c o m p o r t a m e n t o di certe p a r o l e c o m e ' non m o d o del l o r o uso o r d i n a r i o . R i s u l t e v i d e n t e m e n t e f a l s a l'asserz i o u e c h e le costanti del s i s t e m a s i g n i f i c a s s e r o lo stesso che le parole con cui v e n i v a n o m e s s e a c o n f r o n t o . Q u e s t e s e c o n d e non avev a n o fra l o r o r e l a z i o n i cosi n e t t a m e n t e s i s t e m a t i c h e q u a l i q u e l l e c h e l e r e g o l e del s i s t e m a a s s i c u r a v a n o a l l e p r i m e . S u p p o n i a m o di i n t r a p r e n d e r e un s i m i l e c o n f r o n t o p e r il sis t e m a clic a b i t i a m o descritto i n q u e s t o c a p i t o l o , s i s t e m a clic, c o m e a b i t i a m o visto, p u c o n s i d e r a r s i inclusivo ilei s e m p l i c e classes i s t e m a descritto al c a p i t o l o I V . E s s o ha certi tratti in c o m u n e col s i s t e m a v e r o - f u n z i o n a l e , c c e r t e c a r a t t e r i s t i c h e u l t e r i o r i . U n a di q u e s t e c a r a t t c r i s t i c b c u l t e r i o r i q u e l l a di i m p i e g a r e d u e t i p i di varialtili in a g g i u n t a a l l ' u n i c o t i p o u s a t o nel c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e . I v a l o r i c h e le v a r i a b i l i di q u e l c a l c o l o p o t e v a n o a s s u m e r e e r a n o c l a u s o l e o p r o p o s i z i o n i tali d a p o t e r s t a r e d a sole c o m e enunciati completi. C o m e caratterizzeremo differenzialmente, pi e s a t t a m e n t e di q u a n t o non si sia fatto finora, le v a r i a b i l i c h e abb i a m o c h i a m a t o * v a r i a b i l i i n d i v i d u a l i ' c ' v a r i a b i l i p r e d i c a t i v e ', c i o c o m e p o t r e m m o p r e c i s a r e l a d i s t i n z i o n e f r a e s p r e s s i o n i indiv i d u a l i e p r e d i c a t i v e ? Non p o s s i a m o d a r m o l t o p e s o alla p a r o l a ' i n d i v i d u a l e \ N o n p o t r e m m o infatti d i r e c o m u n e m e n t e c h e la s i m p a t i a s i a un i n d i v i d u o , o c h e il fatto c h e ieri p i o v e v a s i a un i n d i v i d u o ; m a non s e m b r a esserci r a g i o n e a l c u n a d i n e g a r e c h e La s i m p a t i a u n a virt r a r a \ ' Il fatto c h e ieri p i o v e v a o r a d i m e n t i c a t o * possano essere considerale come esemplificazioni di " u n a virt r a r a ", ' .v o r a d i m e n t i c a t o e p e r c i di ' fx '. S e m b r a c h i a r o c h e la d i s t i n z i o n e f r a e s p r e s s i o n i i n d i v i d u a l i e pred i c a t i v e intesa a riflettere q u a l c h e c a r a t t e r i s t i c a ben r a d i c a l e d e l l a s t r u t t u r a d i e n u n c i a t i suscettibili d ' e s s e r e usati p e r f a r e asserzioni ; e. p r e n d e n d o lo s p u n t o da ' p r e d i c a t i v o ' , si p o t r e b b e esser p r o p e n s i a p e n s a r e c h e la d i s t i n z i o n e t e n d a a c o i n c i d e r e con q u e l l a

Il s i s t e m a p r e d i c a t i v o

185

fra soggetto g r a m m a t i c a l e e p r e d i c a t o g r a m m a t i c a l e di un enunciato s i n g o l a r e . M a i n q u e s t a f o r m a l a s u p p o s i z i o n e non r e g g e , p e r v a r i e r a g i o n i : c i o ( i ) essa c i i m p e d i r e b b e d i r i c o n o s c e r e nell'oggetto g r a m m a t i c a l e di un e n u n c i a t o il v a l o r e d e l l a s e c o n d a v a r i a bile i n d i v i d u a l e , q u a n d o l ' e n u n c i a t o e s e m p l i f i c h i u n a f o r m u l a pred i c a t i v a r e l a z i o n a l e : ( i i ) essa c i c o s t r i n g e r e b b e a d a m m e t t e r e c h e " n i e n t e ' , ' n e s s u n o ' , ' o g n i c o s a ' s i a n o e s p r e s s i o n i i n d i v i d u a l i , mentre a b b i a m o b i s o g n o d i f a r l e c o r r i s p o n d e r e a i q u a n t i f i c a t o r i ; ( i i i ) in forza d e l l ' a u t o r i t di a l c u n i g r a m m a t i c i , essa ci c o s t r i n g e r e b b e a d a m m e t t e r e c h e nelle l i n g u e c h e p r e m e t t o n o p r o n o m i a i verbi clic d e s c r i v o n o , ad e s e m p i o , f e n o m e n i a t m o s f e r i c i (* It is r a i n i n g ' , " I l p l e u t ' , ' E s r e g n e t ' ) , tale p r o n o m e s i a u n ' e s p r e s s i o n e individuale. Che noia d a r e b b e quest'ultima conseguenza? E c c o : una regola del s i s t e m a clic q u a l u n q u e e n u n c i a t o Iella f o r m a ' f x ' e s i g e i l c o r r i s p o n d e n t e e n u n c i a t o della f o r m a ' ( 3 . v ) ( f x ) ' ; m a non sar e m m o p r o p e n s i a d i r e c h e ' Il p l e u t ' e s i g a ' Il y a au m o i n s une chose qui p l e u t ' ! Potremmo tentare di affrontare queste ed altre difficolt u n a p e r u n a , p e r e s e m p i o c o s i : ( i ) e s i g e n d o c h e ogni espressione individuale sia grammaticalmente c a p a c e di espletare la f u n z i o n e di soggetto di un v e r b o s i n g o l a r e , ma non c h e essa d e b b a e l f c t t i v a m e n t c f a r l o i n q u a l u n q u e e n u n c i a t o i n cui a p p a i a come espressione individuale; (ii) escludendo espressamente e s p r e s s i o n i sul genere d i ' n i e n t e ' ; ( i i i ) r i c h i e d e n d o c h e i n ogni e n u n c i a t o i n cui u n ' e s p r e s s i o n e a p p a i a c o m e s o g g e t t o g r a m m a t i cale di un p r e d i c a t o ' / ' , e s s a , p e r p o t e r e in q u e l c a s o v a l e r e da e s p r e s s i o n e i n d i v i d u a l e , deliba e s s e r e u n a p o s s i b i l e r i s p o s t a a u n a p o s s i b i l e d o m a n d a Iella f o r m a ' C h e cosa ( e h i ) /? ' Il terzo requisito v e r r e b b e incontro a l l a terza d i f f i c o l t ; infatti n in inglese, n in f r a n c e s e , n in t e d e s c o si p o s s o n o f a r e d o m a n d e sul t i p o li ' C h i p i o v e ? ' a l l e ]uali si p o s s a r i s p e t t i v a m e n t e r i s p o n d e r e coi p r o n o m i ' lt ', o ' 11 o " Es '. Ma e s p e d i e n t i lei g e n e r e s o n o chiar a m e n t e insoldisfacenti. I l o fatta m e n z i o n e di e s s i , e d e l l e difficolt e b e li s u g g e r i s c o n o , s o l t a n t o p e r f a r m e g l i o c o g l i e r e il p u n t o

] 7 fi

Formule predicative

c h e non f a c i l e f o r m u l a r e un c r i t e r i o p e r d i s c r i m i n a r e ' espressione individuale il q u a l e sia ad un t e m p o netto ed a c c u r a t o . E f o r s e non n e p p u r e n e c e s s a r i o . F i n c h non si assoggetti la nostra d e s c r i z i o n e ad un e s a m e t r o p p o c r i t i c o , possiamo d e s c r i v e r e u n a d i s t i n z i o n e assai f a c i l m e n t e r i c o n o s c i b i l e nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o c h e s i p u p r e s u m e r e , s e n z a s f o r z a t u r e , riflettuta d a l l a d i s t i n z i o n e f r a v a r i a b i l i i n d i v i d u a l i e p r e d i c a t i v e . Nel f a r e le c o m u n i asserz i o n i , n o s t r a c o s t a n t e p r e o c c u p a z i o n e di riferirci a q u a l c h e part i c o l a r e p e r s o n a , oggetto o l u o g o , a q u a l c h e p a r t i c o l a r e e p i s o d i o , s i t u a z i o n e o istituzione, a q u a l c h e p a r t i c o l a r e q u a l i t o fatto, e di

ascrivere

tale

termine

qualche

propriet,

di pu

descriverlo

classificarlo in q u a l c h e m o d o , o a n c h e , in f o r m a p i v a g a e m e n o
r i g o r o s a , di

dire qualcosa su

di e s s o . O p p u r e

esser nostro

intento, nel f a r e u n a s o l a e m e d e s i m a a s s e r z i o n e , di r i f e r i r e i a d u e o p i p a r t i c o l a r i oggetti, o q u a l i t , ecc., e di d i r e c h e essi s o n o r e l a z i o n a t i i n q u a l c h e m o d o , c o m e q u a n d o d i c i a m o clic T o m p i alto di D i n o o c h e il tatto p i raro d e l l a g e n t i l e z z a . Poss i a m o a l l o r a d i s t i n g u e r e , a l l a b u o n a , fra l a f u n z i o n e d i r i f e r i m e n t o c h e le e s p r e s s i o n i tossono a v e r e in u n ' a s s e r z i o n e , e la f u n z i o n e ascrittiva o d e s c r i t t i v a : e t o s s i a m o d i r e clic in q u a n t o un'espress i o n e r i s p o n d a a l l a p r i m a f u n z i o n e , essa a p p a r e c o m e u n ' e s p r e s s i o n e i n d i v i d u a l e : e in q u a n t o u n ' e s p r e s s i o n e r i s p o n d a alla seconda funzione, essa a p p a r e come un'espressione predicativa. i m p o r t a n t e n o t a r e clic la d e s c r i z i o n e s o p r a f o r n i t a non p o n e nessun l i m i t e ai g e n e r i di c o s e cui ci si p u r i f e r i r e . N o n d ness u n a s p e c i a l e p r e f e r e n z a a l l a c o n c r e t e z z a . S a r e b b e corretto d i r e , p e r tutti i l i n g u a g g i in cui esista la d i s t i n z i o n e f r a e s p r e s s i o n i s o s t a n t i v a l i e non s o s t a n t i v a l i , c h e o g n i q u a l v o l t a ci r i f e r i a m o , nel s e n s o in cui q u i u s i a m o la tarla ' r i f e r i r s i ', u s i a m o un n o m e , un p r o n o m e , u n a f r a s e - n o m e , o una p r o p o s i z i o n e - n o m e , c i o u n a e s p r e s s i o n e s o s t a n t i v a o s o s t a n t i v a l e . F i n o a q u e s t o p u n t o la distinz i o n e fra e s p r e s s i o n e i n d i v i d u a l e e e s p r e s s i o n e p r e d i c a t i v a u n a semplice distinzione g r a m m a t i c a l e ; ma s o l t a n t o fino a questo

Il s i s t e m a p r e d i c a t i v o

187

p u n t o . t e n t a n t e , ma s a r e b b e s c o r r e t t o , d i r e c h e o g n i q u a l v o l t a u s i a m o u n ' e s p r e s s i o n e s o s t a n t i v a o s o s t a n t i v a l e , s t i a m o f a e e n d o un r i f e r i m e n t o . C i s a r e b b e scorretto p e r r a g i o n i g i m e s s e i n r i l i e v o . N i e n t e ' e ' n e s s u n o ' s o n o e s p r e s s i o n i s o s t a n t i v a l i ; ma q u a n d o d i c i a m o * n e s s u n o ' non ci r i f e r i a m o ad a l c u n o . C o s i p r o n o m i ' it ', ' il ', ' es ' di cui si d i c e v a , s o n o , n e l l e d i v e r s e l i n g u e menz i o n a t e , e s p r e s s i o n i s o s t a n t i v a l i ; ma q u a n d o si u s a n o con v e r b i c h e d e s c r i v o n o lo stato a t m o s f e r i c o non li r i f e r i a m o c e r t o a n i e n t e di cui si p o s s a d i r e ' e b e p i o v e C o s i non tutte le e s p r e s s i o n i g r a m m a t i c a l m e n t e s o s t a n t i v a l i p o s s o n o a v e r e un u s o r e f e r e n z i a l e ; e non tutti gli usi d e l l e e s p r e s s i o n i s o s t a n t i v a l i s o n o usi r e f e r e n z i a l i , c o m e s ' visto p e r i p r o n o m i m e n z i o n a t i s o p r a , c h e p u r e p o s s o n o e s s e r e usati a s c o p o di r i f e r i m e n t o . Ma la g r a n d e m a g g i o r a n z a d e l l e e s p r e s s i o n i s o s t a n t i v a l i pu e s s e r e u s a t a r e f e r e n z i a l m e n t e , e la gran m a g g i o r a n z a degli usi di tali e s p r e s s i o n i c o s t i t u i t a da usi r e f e r e n z i a l i . N e viene e b e q u a l i t , s i t u a z i o n i , f a t t i , e v e n t i , ecc., p o s s o n o e s s e r e t e r m i n i di r i f e r i m e n t o , non m e n o c h e eose e persone. E d a l fatto c h e p u esser fatto r i f e r i m e n t o a q u a l c o s a , non d e r i v a n e s s u n a c o n c l u s i o n e f i l o s o f i c a circa l a n a t u r a d i q u e s t o q u a l c o s a . T u t t o ci c h e vicn m o s t r a t o la necessit l i n g u i s t i c a di a v e r e un s o s t a n t i v o . I p u n t i q u i rilevati si r i p e r c u o t o n o s u i m o d i in cui ci s c o p r i a m o a leggere e n u n c i a t i c h e i n c o r p o r i n o q u a n t i f i c a t o r i e, p e r c i , v a r i a b i l i i n d i v i d u a l i l e g a t e . A l p o s t o d e l l a s p e c i f i c a espress i o n e r e f e r e n z i a l e a b b i a m o b i s o g n o d i q u a l c h e n o m e m o l t o generale e h e s e g u a a l l a f r a s e ' E s i s t e (o non e s i s t e ) a l m e n o un . . . ' M a q u a l c h e v o l t a l a lettura t i p i c a p e r certe e s p r e s s i o n i , c o m e a d esempio per il quantificatore negativamente esistenziale quella di * N o n c ' niente c h e . . . ', s e m b r a i n a p p r o p r i a t a . Ci s c o p r i a m o invece a l e g g e r e ' N o n c ' n e s s u n o c h e . . . ' , ' N o n c ' n e s s u n a creatura c h e . . . ', oppure, forse, ' Non c' nessuna qualit ehe . . . ' La scelta d e l l a f r a s e c h e s e g u e a " N o n c ' . . . ' dettata d a l l a c o n s i d e r a z i o n e d e l l a c a t e g o r i a g e n e r a l e a l l a q u a l e u n a q u a l u n q u e cosa deve a p p a r t e n e r e p e r c h l ' e s p r e s s i o n e p r e d i c a t i v a

] 7 fi

Formule predicative

che s e g u a p o s s a e s s e r g l i a p p l i c a b i l e . L ' a m b i t o ili tali c a t e g o r i e non s a r m e n o e s t e n s i v o d e l l ' a m b i t o d e l l e c a t e g o r i e a l l e cpiali i t e r m i n i di riferimento possono appartenere. 6. La d i s t i n z i o n e fra e s p r e s s i o n i i n d i v i d u a l i e p r e d i c a t i v e e.

perci, fra variabili individuali e predicative pu allora venir s p i e g a t a in t e r m i n i di d i s t i n z i o n e f r a la f u n z i o n e r e f e r e n z i a l e e b e le e s p r e s s i o n i p o s s o n o e s p l e t a r e nel l i n g u a g g i o , da un lato, e le s u e f u n z i o n i a s c r i t t i v a , d e s c r i t t i v a , o c l a s s i f i c a t o r i a d a l l ' a l t r o . Ma la s p i e g a z i o n e ili q u e s t a d i s t i n z i o n e , s e b b e n e c o s t i t u i s c a un n e c e s s a r i o p r e l i m i n a r e al c o n f r o n t o del s i s t e m a logico d e s c r i t t o in q u e s t o c a p i t o l o con la l o g i c a del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , di p e r s s o l a non p o r t a a l c u n c o n t r i b u t o a l c o n f r o n t o stesso. S e c i l i m i t a s s i m o a d a m p l i a r e lo s t r u m e n t a r i o dei s i m b o l i c d e l l e r e g o l e del s i s t e m a v e r o - f u n z i o n a l e con q u e s t i d u e tipi u l t e r i o r i di v a r i a b i l i , non sar e m m o c a p a c i d i p r o d u r r e nessuna u l t e r i o r e regola logica s a l v o clic r e g o l e tali da c o s t i t u i r e s e m p l i c e m e n t e versioni p i l i m i t a t e ( nel senso p i stretto ) del c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e ( p.c., ' fx . gx zd

fxvg.t'). N o n a v r e m m o q u i n d i c a m p o a l c u n o

p e r altri c o n f r o n t i

c h e v a d a n o p i in l ili quelli g i fatti nel c a p i t o l o I I I . T u t t e le leggi peculiari al s i s t e m a d i s c u s s o i n v o l g o n o la q u a n t i f i c a z i o n e . p e r c i la logica ili q u e l l e c h e p o t r e m m o c h i a m a r e le costanti d e l l a quantificazione (* (3.v) e ' ( . v ) ' ) c i c h e noi d o v r e m m o conf r o n t a r e con i l c o m p o r t a m e n t o d e l l e e s p r e s s i o n i n e l l ' u s o o r d i n a r i o . G i c i s i a m o f a m i l i a r i z z a t i con l ' i n t e r p r e t a z i o n e d i q u e s t e c o s t a n t i :

" ( 3 . v ) ( f x ) ' d e v e e s s e r e letto " C ' ( e s i s t e ) a l m e n o u n a cosa ( p e r s o n a . e c c . ) c h e / * ; la s u a n e g a z i o n e c o m e ' N o n c ' ( e s i s t e ) n i e n t e ( n e s s u n o ) c h e / ' : ' ( . r ) ( / x ) ' deve e s s e r e letto " N o n c' ( e s i s t e ) niente ( n e s s u n o ) d i cui non s i a vero c h e esso ( e g l i ) / " ; e l a s u a n e g a z i o n e c o m e " C ' ( e s i s t e ) a l m e n o u n a cosa ( p e r s o n a ) d i cui non v e r o c h e e s s a / ". O r a q u e s t e e s p r e s s i o n i ' C ' a l m e n o u n a cosa c h e . . ' N o n c' n i e n t e c h e . . . ' ecc., r i c o r r o n o nel linguaggio ordinario, ma raramente. E potremmo considerare strano

Il s i s t e m a p r e d i c a t i v o

189

elie tutta la m o d e r n a l o g i c a f o r m a l e , d o p o l a s c i a t a la l o g i c a prop o s i z i o n a l e e p r i m a di p e n e t r a r e nel c a m p o d e l l ' a n a l i s i dei concetti m a t e m a t i c i , d e b b a l i m i t a r s i a l l ' e l a b o r a z i o n e d i i n s i e m i d i regole clic d a n n o l e i n t e r r e l a z i o n i l o g i c h e d i f o r m u l e c h e , a n c h e s e c o m p l e s s e , c o m i n c i a n o tutte con q u e s t e p o c h e f r a s i piuttosto sforzate e goffe. S p e r o di p o t e r d a r e piti innanzi u n a s p i e g a z i o n e di q u e s t a stranezza. Anzitutto, devo a m m e t t e r e c h e m o l t i p o t r e b b e r o o s s e r v a r e clic io I lio e s a g e r a t a '. I n f a t t i , p o t r e b b e r o r e c l a m a r e , e s i s t o n o larghe e i m p o r t a n t i classi di e n u n c i a t i clic e s e m p l i f i c a n o le f o r m u l e p o s i t i v a m e n t e e n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l i d e l l a l o g i c a d e l l a quantificazione " ; e la n o t a z i o n e dei q u a n t i f i c a t o r i ha il m e r i t o di rentier p o s s i b i l e clic le r e l a z i o n i l o g i c h e di tali e n u n c i a t i s i a n o m e s s e piti s i s t e m a t i c a m e n t e e c h i a r a m e n t e in e v i d e n z a di q u e l c h e non s a r e b b e p o s s i b i l e senza di esso. In tal m o d o si p r e t e n d e talvolta c h e la c l a s s e l a r g a e i m p o r t a n t e d e l l e a s s e r z i o n i g e n e r a l i ( c i o , asserzioni c h e s t a b i l i s c o n o clic la totalit o n e s s u n o dei m e m b r i di u n a certa c l a s s e h a n n o una certa p r o p r i e t o s o n o m e m b r i di u n ' a l t r a c l a s s e ) sono i n realt a s s e r z i o n i n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l i . Q u e l l e che vengon fatte n a t u r a l m e n t e m e d i a n t e u n e n u n c i a t o c h e incomincia con ' tutti ' s a r e b b e r o in r e a l t d e l l a f o r m a ' ( x ) ( f x 3 gx) ' o d i q u e l l a e q u i v a l e n t e ' ~ ( 3 x ) ( f x . ~ g . v ) ' ; (pielle c h e naturalmente son fatte m e d i a n t e un e n u n c i a t o clic inizia con * nessun ' o ' n e s s u n o d e i ' sarebbero della forma * ( x ) ( f x 3 ~ g . t ) ' oppure ~ ( 3 . v ) ( / . v . gx) \ Le a s s e r z i o n i fatte n a t u r a l m e n t e con e n u n c i a t i

' q u e s t o v e r o ; inn l'Ilo e s a g e r a t a m e n o di q u a n t o n o n si s i a s o l i t i m i n i m i z z a r l a . F. le r a g i o n i p e r le q u a l i la s t r a n e z z a n o n a d a t t o c o s i g r a n d e non s o n o all'atto l e r a g i o n i c o m u n e m e n t e a d d o t t e . V e d i i t r e c a p i t o l i s e g u e n t i . l e formule ( o e n u n c i a t i ) che cominciano con " ~ ( 3 . r ) * O con ' ( * ) " possono venir chiamate ' n e g a t i v a m e n t e esistenziali ", giucche esse devono esser lette " N o n e s i s t e n i e n t e c h e . . . " e c c . ; l e f o r m u l e ( o s e n t e n z e ) c h e c o m i n c i a n o c o n " ( 3 . v ) ' o c o n ' ~ ( . v ) ' p o s s o n o v e n i r c h i a m a t e ' p o s i t i v a m e n t e esis t e n z i a l i '. g i a c c h e s s e d e b b o n o v e n i r l e t t e ' E s i s t e a l m e n o u n a c o s a c h e . . . ecc.

Formule predicative c o m i n c i e n t i con le p a r o l e * q u a l c h e \ ' q u a l c o s a ' o " q u a l c u n o ' sarebbero, d'altra parte, positivamente esistenziali. T a l u n e di queste p r e t e s e s o n o c h i a r a m e n t e le stesse li a l c u n e gi m e n z i o n a t e n e l c a p i t o l o IV" '. E s a m i n i a m o ora b r e v e m e n t e , nel c a s o di u n a di esse, q u a n t o p l a u s i b i l e o non p l a u s i b i l e s i a . S i s u p p o n g a c h e q u a l c u n o d i c a : ' T u t t i i l i b r i n e l l a s u a s t a n z a s o n o di a u t o r e inglese ' ( A l ) . U n ' a c c e t t a b i l e p a r a f r a s i li tale a s s e r z i o n e s a r e b b e : ' N o n c' u n ( s o l o ) l i b r o n e l l a s u a s t a n z a c h e non s i a d i a u t o r e i n g l e s e ' ( A 2 ) . Se nella f o r m u l a * ~ ( 3.r ) ( f x . ~ gx ) ' d i a m o ad ' / ' il v a l o r e di ' un l i b r o n e l l a s u a s t a n z a ' ed a ' g ' q u e l l o di ' li a u t o r e inglese *, o t t e n i a m o l ' e n u n c i a t o ' N o n c ' niente c h e s i a i n s i e m e un l i b r o nella s u a s t a n z a e non sia li a u t o r e i n g l e s e ' ( A 3 ) . E q u e s t i d u e e n u n c i a t i , A 2 e A 3 , s e m b r a n o m o l t o p r o s s i m i . T u t t a v i a , med i a n t e le r e g o l e del s i s t e m a , ' ~ ( 3 . v ) ( / . r ) ' e s i g e ' ~ ( 3 . r ) ( f x . ~

gx)'', s i c c h i m p i e g a r ; l ' e n u n c i a t o c h e fa u s o Iella piantificazione e leggerlo c o m e A3 significherebbe fare un'asserzione vera p e r s i n o se la s t a n z a in picstione non c o n t e n e s s e libri a l f a t t o . Ma s e m b r e r e b b e grottesco s o s t e n e r e c h e c h i u n q u e d i c e s s e ' T u t t i i l i b r i nella s u a s t a n z a s o n o di a u t o r e i n g l e s e ' a v r e b b e fatta u n ' a s s e r z i o n e vera se la s t a n z a in q u e s t i o n e fosse s f o r n i t a di l i b r i ; e a p p a r i r e b b e c o m e un g i o c h e t t o di cattivo gusto l ' a r g o m e n t a z i o n e ' N o n c' nemm e n o u n l i b r o n e l l a s u a s t a n z a ; q u i n d i non c' n e l l a s u a s t a n z a alcun l i b r o c h e non s i a di a u t o r e i n g l e s e '. C i ci r a m m e n t a c h e le i n t e r p r e t a z i o n i a p p r o s s i m a t e , i n l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , d e l l e espressioni s i m b o l i c h e d i u n s i s t e m a ( q u a l e l ' i n t e r p r e t a z i o n e clic s i concreta in A 3 ) p o s s o n o e s s e r e f u o r v i e n t i , e c h e esse p o s s o n o a v e r bis o g n o li v e n i r c o r r e t t e , re-intese, a l l a l u c e d e l l e r e g o l e del s i s t e m a . Q u i infatti a b b i a m o d u e e n u n c i a t i i n l i n g u a g g i o o r d i n a r i o ( A l e A 2 ) c h e s e m b r a n o i n t e r s c a m b i a b i l i , e li cui u n o s e m b r a m o l t o s i m i l e a l l a lettura ( A 3 ) p r o p o s t a p e r u n e n u n c i a t o d e l l a f o r m a * ~ ( 3 . v ) ( f x . ~ gx) ' . T u t t a v i a c o n d i z i o n e n e c e s s a r i a Iella verit d i

Cfr. p. 141.

Il s i s t e m a p r e d i c a t i v o

191

un'asserzione fatta impiegando sia il p r i m o che il secondo s e m b r a essere q u e l l a c h e ci s i a n o libri n e l l a s t a n z a cui ci si r i f e r i s c e ; mentre, ben lungi d a l d o v e r e s s e r e n e c e s s a r i a m e n t e s o d d i s f a t t a p e r c h l'asserzione in forma quantificata sia vera, ora a b b i a m o che quella c o n d i z i o n e e s i g e la verit di tale a s s e r z i o n e p r o p r i o ove essa non sia s o d d i s f a t t a . Per salvare l'analisi quantificazionale in questi casi, alcuni h a n n o ritenuto sufficiente a c c o r d a r s i sul n e c e s s a r i o a d e m p i m e n t o della c o n d i z i o n e e s i s t e n z i a l e , a l m e n o p e r u n m e m b r o d e l l a classesoggetto. p e r v e n e n d o a un e n u n c i a t o d e l l a f o r m a ' ~ ( 3 . v ) ( / . t

) . ( 3 x ) ( f x ) '. Ci si r i s o l v e , p e r q u a n t o r i g u a r d a il nostro esempio, n e l l ' a g g i u n g e r e la c l a u s o l a ' e c' a l m e n o un l i b r o n e l l a s u a stanza ' . P o t r e m m o a n c o r a e s i t a r e , con q u a l c h e b u o n f o n d a m e n t o , a d i r e clic il risultato r e n d e il s i g n i f i c a t o d e l l ' e n u n c i a t o o r i g i n a l e '. Q u a l c h e volta, a favore di questo s i m b o l i s m o , viene avanzato un titolo clic fa m a g g i o r i m p r e s s i o n e di q u e l l i finora m e n z i o n a t i : cio, e h e molti e n u n c i a t i c h e a p r i m a vista p r e n d e r e m m o p e r esemplificazioni i n c o n t r o v e r t i b i l i ili u n a s e m p l i c e f o r m u l a p r e d i c a t i v a , in realt r i c h i e d o n o u n ' a n a l i s i in t e r m i n i di q u a n t i f i c a z i o n e se si vuol r e n d e r e e s p l i c i t a l a loro f o r m a . C o s i l a f o r m a d i ' U n u o m o cadde' dev'esser rivelala scrivendo '(3.v)(.v un uomo . c a d i l e ) '; e la f o r m a di ' Il Re d ' I n g h i l t e r r a s o r r i s e ' d e v ' e s s e r fatta e s p l i c i t a d a l l ' e s p r e s s i o n e ' (3.v)[.v Re d ' I n g h i l t e r r a . ( y ) ( v Re d ' I n g h i l t e r r a = .r = y) . s o r r i s e ] '. C o n s i m i l e t r a t t a m e n t o da a c c o r d a r s i a tutti gli e n u n c i a t i con soggetti s i n g o l a r i introdotti da un a r t i c o l o indefinito o d e f i n i t o . Q u e s t i a r g o m e n t i li d i s c u t e r e m o pili a v a n t i . F r a l'altro, p o i , si s o s t i e n e a f a v o r e del m o d e r n o s i s t e m a ili q u a n t i f i c a z i o n e c h e esso f o r m a l i z z a l a l o g i c a d e g l i e n u n c i a t i ordinari cominciatiti con ' tutti ', ' q u a l c h e ' e ' n e s s u n o '. Ma c' un altro e p i a n t i c o s i s t e m a p e r ii q u a l e si u s a v a f a r v a l e r e q u e s t o
' Cfr. rapitolo VI.

fi

Formule predicative

titolo, c i o i l s i s t e m a d e l l e p r o p o s i z i o n i c a t e g o r i c h e che d o b b i a m o a d A r i s t o t e l e , e c h e i m p i e g a s c h e m i d a l l ' a r i a tanto f a m i l i a r e ( a c o n f r o n t o con q u e l l i d e l l a logica f o r m a l e m o d e r n a ) , c o m e p o s s o n o e s s e r e ' tutti gli s s o n o ' e ' q u a l c h e s La d o t t r i n a m o d e r n a o r t o d o s s a v u o l e c h e . q u a n d o i l v e c c h i o s i s t e m a s i a r i p u l i t o d a oscurit e c o n t r a d d i z i o n i , esso finisca col m o s t r a r s i c o m e s e m p l i c e m e n t e u n a p i c c o l a p a r t e d e l l a logica q u a n t i f i c a z i o n a i e , tutte l e s u e f o r m u l e e s s e n d o i n t e r p r e t a b i l i i n t e r m i n i d i f o r m u l e d i quest'ult i m o . Q u e s t a d o t t r i n a , t u t t a v i a , p o g g i a d i s o l i t o s u l l a tacita pres u p p o s i z i o n e c h e il s i s t e m a q u a n t i f i c a z i o n a l e sia in q u a l c h e senso q u e l l o ' c o r r e t t o * . N o n p o s s i a m o i n r e a l t e s s e r certi d i c o m e debbano interpretarsi le formule aristoteliche prima di aver studiato l e r e g o l e del s i s t e m a a r i s t o t e l i c o . P o t r e b b ' e e s e r e p o s s i b i l e t r o v a r e p e r esso u n ' i n t e r p r e t a z i o n e c o n g r u e n t e in cui si a b b i a n o costanti c h e si a v v i c i n i n o m o l t o bene al ' tutti
1

e al ' q u a l c h e ' lei d i s c o r s o

o r d i n a r i o , nel m e n t r e c h e l e s u e f o r m u l e d i f f e r i s c a n o p e r significato d a l l e f o r m u l e d e l l a logica q u a n t i f c a z i o n a l e a l l e q u a l i esse vengono comunemente assimilate. Posporremo perci un pieno esame della pretesa che il sistema della quantificazione formalizzi la l o g i c a d e l l e a s s e r z i o n i g e n e r a l i , ad un e s a m e del s i s t e m a tradiz i o n a l e . P o t r e m o a l l o r a c o n f r o n t a r e a m b e d u e c o n il nostro imp i e g o o r d i n a r i o di ' tutti \ ' q u a l c h e ', ecc. 7. O c c o r r e p r i m a fissare un u l t i m o p u n t o . Ho detto c h e il

q u a n t i f i c a t o r e e s i s t e n z i a l e d e v e v e n i r letto ' C ' ( e s i s t e ) a l m e n o u n a cosa ( p e r s o n a ) c h e . . .' Ora nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o noi i n d i c h i a m o c o m u n e m e n t e il r i f e r i m e n t o t e m p o r a l e di un v e r b o con una d i f f e r e n z a nella c o n i u g a z i o n e . D i s t i n g u i a m o fra ' E s i s t e . . . " e ' E s i s t e v a . . . ', f r a ' C ' . . . ' e ' Ci s a r . . . ' ; e nei contesti in cui q u e s t e distinzioni sono i m p o r t a n t i a s s u m i a m o c h e ' C ' . . . ' si a p p l i c h i , a l l ' i n c i r c a , a l l o stesso l a s s o di t e m p o in cui si p a r l a o si s c r i v e . In a l c u n i contesti la q u e s t i o n e del r i f e r i m e n t o t e m p o r a l e non s o r g e . P e r e s e m p i o , l ' e n u n c i a t o * C' a l m e n o un nu-

Il s i s t e m a p r e d i c a t i v o

193

m e r o p r i m o fra 16 e 20 ' non significa c h e ce n ' u n o in q u e s t o m o m e n t o . N significa c h e u n tale n u m e r o p r i m o c ' s e m p r e stato, e" o r a , e ci s a r s e m p r e . Infatti non ha s e n s o a l c u n o p a r l a r e dell'inizio o d e l l a fine o d e l p e r m a n e r e di un s i f f a t t o n u m e r o . Pot r e m m o d i r e c h e i n questo contesto ' C ' . . . " s e n z a t e m p o ; e elie senza t e m p o , nello stesso contesto, ' ( 3 . v ) Ma c o n s i d e r i a m o i contesti in cui sorge la q u e s t i o n e del r i f e r i m e n t o t e m p o r a l e . C o m e d o b b i a m o e s p r i m e r e nel s i m b o l i s m o dei q u a n t i f i c a t o r i l a d i f f e r e n z a fra ' C ' 1 , ' C ' e r a ' , ' C i s a r ' ? P o t r e m m o r i c o r r e r e a u n ' i n d i c a z i o n e d i t e m p o posta n e l l a p r o p o s i z i o n e d i p e n d e n t e c h e segue il quantificatore. Per esempio, potremmo tentare di scrivere l ' e n u n c i a t o * C ' e r a a l m e n o u n a d o n n a fra gli s c a m p a t i " nella f o r m a " I 3.v)(.v u n a d o n n a . era f r a gli s c a m p a t i ) '. Ma d i r e ' C ' almeno u n a p e r s o n a che una d o n n a ed e r a f r a gli s c a m p a t i ' significa q u a n t o m e n o s u g g e r i r e c h e la p e r s o n a in q u e s t i o n e viva nel m o m e n t o in cui l ' e n u n c i a t o p r o f e r i t o : nessun s u g g e r i m e n t o del genere invece c o m p o r t a t o d a l l ' e n u n c i a t o o r i g i n a l e . M u t a n d o il s e c o n d o ' " in ' e r a ' non si r i m e d i a : si p r o v o c a s o l t a n t o la dom a n d a ' Cosa successo poi di l e i ? I l a c a m b i a t o s e s s o ? ' N la difficolt p u e s s e r e evitata d i c h i a r a n d o c h e ' ( 3.v) ' in q u e s t ' e n u n ciato a t e m p o r a l e ; non vero c h e q u a n d o p a r l i a m o di p e r s o n e e d i incidenti l a q u e s t i o n e del r i f e r i m e n t o t e m p o r a l e non s o r g a . U n a p o s s i b i l e via d ' u s c i t a d i r e c h e " ( 3 . v ) ', nei contesti in cui non atemporale, ha temporalizzazionc ambigua, significando o ' C ' ' 0 ' C ' e r a ' o ' Ci s a r ' , e che d o b b i a m o f o n d a r c i sul contesto, oppure introdurre qualche indicazione speciale, per eliminare, q u a n d ' n e c e s s a r i o , tale a m b i g u i t . N o n s e m p r e n e c e s s a r i o elim i n a r l a : o piuttosto, l ' i n d e f i n i t e z z a t e m p o r a l e non s e m p r e ambiguit t e m p o r a l e . S i p u infatti d i s t i n g u e r e a n c h e u n a l t r o impiego del t e m p o g r a m m a t i c a l m e n t e p r e s e n t e , col q u a l e non si intende f a r e nessun p a r t i c o l a r e r i f e r i m e n t o al m o m e n t o in cui si fa 1 a s s e r z i o n e in q u a n t o d i v e r s o da un q u a l s i a s i a l t r o m o m e n t o , anche s e a c c a d i m e n t i t e m p o r a l i i n f l u i s c o n o d i r e t t a m e n t e s u l l a verit

] 7 fi

Formule predicative

d i ci c h e vien detto. S e , p e r r i t o r n a r e a d u n e s e m p i o p r e c e d e n t e , dico ' N e s s u n o a n a s e n z a c h e q u a l c u n o s o f f r a ', non i n t e n d o asserire s e m p l i c e m e n t e c h e n e s s u n o i n q u e s t o m o m e n t o a m a s e n z a c h e qualcuno soffra. Intendo asserire piuttosto che nessuno ha amato, a m a e amer senza accompagnamento dell'altra circostanza. Cosi la n e g a z i o n e di ' ( 3 . r ) ', i n t e r p r e t a l a q u e s t a volta disgiuntivamente c o m e ' C ' o c ' e r a o ci s a r ', r i u s c i r u t i l e a l l o s c o p o . In un contesto d i tal g e n e r e , non p a r l e r e m m o n e p p u r e d i ' ( 3 . r ) ' c o m e t e m p o r a l m e n t e a m b i g u o pi d i q u e l c h e non s i tacci d ' a m b i g u o q u e s t o c o m u n i s s i m o i m p i e g o del t e m p o p r e s e n t e con r i f e r i m e n t o t e m p o r a l e g e n e r a l e c h e ricorre nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o . Gli enunciati in cui il t e m p o p r e s e n t e u s a t o in q u e s t o m o d o p o t r e b b e r o chiamarsi enunciati p o r a l i '. S e m b r a a l l o r a c h e d a l p u n t o d i vista del r i f e r i m e n t o t e m p o r a l e l ' a c c o r g i m e n t o d e l l a q u a n t i f i c a z i o n e s i a r a g i o n e v o l m e n t e ben adottato q u a n d o si a b b i a a clic f a r e con gli e n u n c i a t i a t e m p o r a l i , p e r e s e m p i o , d e l l a m a t e m a t i c a , c con e n u n c i a t i s e n z a restrizione temp o r a l e ; ma p i u t t o s t o m a l r i s p o n d e n t e a q u e g l i e n u n c i a l i in cui sia f o r n i t o un r i f e r i m e n t o t e m p o r a l e , r e l a t i v o al m o m e n t o in cui vengono proferiti, mediante il tempo verbale prescelto. Questo p u n t o non p r i v o d ' i m p o r t a n z a . V e d r e m o p i i n n a n z i c o m e si tratti di un c a s o p a r t i c o l a r e di u n a p i g e n e r a l e l i m i t a z i o n e del c a m p o della logica formale. 'senza r e s t r i z i o n e t e m p o r a l e ' o ' onnitein-

VI.

Soggetti, predicali ed esistenza

I.

Il
1.

sistema

tradizionale

delle

proposizioni

categoriche'

L a l o g i c a f o r m a l e t r a d i z i o n a l e c o m p r e n d e d u e p a r t i prinpi

cipali. una delle quali venne sviluppata considerevolmente

dell'altra. La parte meno sviluppata trattava piuttosto sommariam e n t e d e l l e f o r m e d i p r o p o s i z i o n e i p o t e t i c h e e d i s g i u n t i v e 2 . Consisteva p r i n c i p a l m e n t e n e l l ' e l e n c a r e u n p i c c o l o n u m e r o d i f o r m e v a l i d e di i n f e r e n z a ( p . e . , 4 Se a l l o r a q; ma n o n - g ; .. n o n - p ' ) e nel f a r r i l e v a r e e e r t e c o m u n i f a l l a c i e ( p . e . , q u e l l a d i i n f e r i r e g i u s t a l o s c h e m a ' S e a l l o r a q ; c q; .'. p ' ) . La p a r t e pi s v i l u p p a t a trattava delle relazioni logiche di certe f o r m u l e le cui variabili p r e n d e v a n o c o m e v a l o r i non e n u n c i a t i c o m p l e t i , m a p a r t i d i e n u n c i a t i . L a p r i m a d i q u e s t e d u e p a r t i invita a l c o n f r o n t o con i l moderno calcolo proposizionale, la seconda con il m o d e r n o calcolo p r e d i c a t i v o . Ma m e n t r e f r a il c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e e il c a l c o l o predicativo sono stabilite, c o m e a b b i a m o visto, strette connessioni formali, nessuna connessione del genere tracciata nella logica t r a d i z i o n a l e f r a l e sue d u e p a r t i . L a p a r t e d i c u i o r a c i o c c u p e r e m o la seconda, q u e l l a pi s v i l u p p a t a , costituita dal sistema tradizionale delle proposizioni categoriche. In questo sistema si riconoscono quattro f o r m e di proposi-

pi I

' Per quanto concerne l'aspetto (orinale di questo capitolo, riconosco il l a r g o d e b i t o v e r s o l ' e c c e l l e n t e m o n o g r a f i a d e l d o t t . M l t . L E R , The Structure Aristotelian Logic. parte della logica tradizionale

' I n f e r e n z e d e l t i p o t r a t t a t o ila q u e s t a 011 d e t t e t a l v o l t a ' s i l l o g i s m i i p o t e t i c i '.

106

Sne2cii. predicati, esistenza

zinne, o f o r m u l e d ' a s s e r z i o n e . E s s e s o n o r i s p e t t i v a m e n t e i n d i c a t e c o m e l e f o r m e . E . I e d 0 , e p o s s o n o v e n i r scritte c o m e s e g u e : Ogni . y Nessun y Q u a l c h e .v y Q u a l c h e non y Ho d e l l o c h e il s i s t e m a invita al c o n f r o n t o con il c a l c o l o pred i c a t i v o . Ma ci s o n o i m p o r t a n t i d i f f e r e n z e f r a i d u e . U n a di q u e s t e d i f f e r e n z e c h e nel s i s t e m a t r a d i z i o n a l e non c ' a l c u n a distinz i o n e fra i t i p i di v a r i a b i l i . A f u n g e r e da v a r i a b i l i ho scelto le lettere m i n u s c o l e ' ', " y \ variabili individuali del s i s t e m a ecc., e c i p u r a m m e n t a r e le della quantificazione : ma in

r e a l t esse s o n o p i s t r e t t a m e n t e a n a l o g h e a l l e v a r i a b i l i p r e d i c a tive di q u e l s i s t e m a o a l l e v a r i a b i l i di c l a s s e del c l a s s e - s i s t e m a . I.e e s p r e s s i o n i clic p o s s o n o r i m p i a z z a r e l e v a r i a b i l i nelle f o r m u l e s o p r a r i p o r t a t e , i n m o d o la f o r m a r e e n u n c i a t i , s o n o c h i a m a t e

termini, e p o s s i a m o p e r c i c h i a m a r e ' \ ' y \ ' ' termine-variahili. I f a u t o r i del s i s t e m a d i r e b b e r o c o m u n e m e n t e c h e e n u n c i a t i


come Ogni a l c o o l v e l e n o s o T u t t i gli e l e f a n t i s o n o longevi T u l l e l e tigri r i n g h i a n o T u t t i gli ospiti si seflettero s o n o e n u n c i a t i Iella f o r m a A. E ci ha b i s o g n o di un c o m m e n t o . o v v i o infatti c h e , s a l v o il p r i m o , n e s s u n o di piesti e n u n c i a t i e s e m p l i f i c a la f o r m u l a " O g n i y' nel s e n s o d i r e t t o li e s s e r e da quella ottenibile mediante sostituzione di parole alle variabili. La f o r m u l a non p e r m e t t e d i f f e r e n z e di t e m p o v e r b a l e e di n u m e r o g r a m m a t i c a l e : n a m m e t t e r e b b e l ' e n o r m e c l a s s e d i e n u n c i a t i iniz i a m i con ' O g n i ' ( o ' T u t t i ' ) c h e non c o n t e n g o n o , c o m e v e r b o p r i n c i p a l e , il v e r b o e s s e r e . P o t r e m m o tentare di r i f o r m u l a r e gli e n u n c i a t i in m o d o t a l e che a l l a fine si a d a t t i n o ad u n o dei lue

197 s c h e m i ' O g n i i y ' o ' T u t t i gli s o n o y ' ; m a i r i s u l t a t i s a r e b b e r o , d a u n p u n t o d i vista l i n g u i s t i c o , s p e s s o goffi e t a l v o l t a a s s u r d i . I n o l t r e c' u n ' a l t r a difficolt d e l l o stesso g e n e r e . L o s v i l u p p o lei s i s t e m a r i c h i e d e c h e s i s i a i n g r a d o s o v e n t e ili p r e n d e r e d u e term i n i c o m e i d e n t i c i q u a n d o essi c o m p a i o n o i n p a r l i d i f f e r e n t i d i e n u n c i a t i ; p.e., che si riconosca c o m e identico il s e c o n d o termine di ' T u t t i gli u f f i c i a l i p a r t i r o n o p r i m a di m e z z a n o t t e ' e il p r i m o t e r m i n e d i ' T u t t i q u e l l i clic p a r t i r o n o p r i m a d i m e z z a n o t t e e r a n o s o b r i '. P e r a s s i c u r a r e l ' e s a t t a i d e n t i t v e r b a l e in tutti i c a s i di questo genere sarebbero necessarie ulteriori contorsioni di linguaggio. S e m b r a p e r c i p r e f e r i b i l e non c o n s i d e r a r e l e q u a t t r o f o r m u l e c o m e modelli che occorre esemplificare con stretta aderenza onde ottenere un enunciato qualificabile come della f o r m a corrispond e n t e , m a p i u t t o s t o c o m e m o d e l l i r a p p r e s e n t a t i v i nei c u i t e r m i n i d e b b a n o esser tracciate le relazioni logiche di l a r g h e classi di a s s e r z i o n i c h e p r e s e n t a n o l e s i r n i g l i a n z e i n d i c a t e , a n c h e s e non rigidamente definite, da quei modelli stessi. G l i e s e m p i f o r n i t i r i c h i e d o n o u n t d t e r i o r e c o m m e n t o . N o i abbiamo qui a che fare, per la p r i m a volta, con un sistema formale in cui le c o s t a n t i (' o g n i \ ' q u a l c h e ', e c c . ) s o n o p a r o l e c h e ricorrono nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o . Q u e s t o f a t t o d a s o l o non d g a r a n z i a c h e e s s e a b b i a n o n e l l ' i n t e r n o del s i s t e m a e s a t t a m e n t e l o stesso s e n s o c h e h a n n o nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o ; n d g a r a n z i a clic l ' e n u n c i a t o ' A l c u n e tigri r i n g h i a n o ' , p e r e s e m p i o , p r e s o c o m e u n enunciato della forma I, a b b i a p r o p r i o lo stesso senso che esso avrebbe nell'impiego ordinario. Non possiamo esser sicuri della i n t e r p r e t a z i o n e d e l l e c o s t a n t i d e l s i s t e m a f i n c h non s i s i a n o stud i a t e le r e g o l e del s i s t e m a , non si s i a visto (piali m o d e l l i di inferenza s o n o r i c o n o s c i u t i v a l i d i i n e s s o . e c c . ' . Q u e s t o s t e s s o s t u d i o
' M a del p a r i , e o m ' Maturale, n o n d o b b i a m o s e m p l i c e m e n t e i g n o r a r e i l i c n s o o r d i n a r i o d e l l e p a r o l e nel d e c i d e r e d e l l ' i n t e r p r e t a z i o n e d e l l e c o s t a n t i . tratter di aggiustare l'interpretazione delle regole alla luce del significato o r d i n a r i o ; esso fornisce un punto di partenza.

2UO

S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza

r i v e l e r i n q u a l m i s u r a l e leggi del s i s t e m a t r a d i z i o n a l e risultino p a r a l l e l e a l l e leggi dei c a l c o l i di c l a s s e e p r e d i c a t i v o , e q u i n d i in q u a l m i s u r a l e costanti d e l v e c c h i o s i s t e m a s i a n o i n t e r p r e t a b i l i con q u e l l e lei n u o v o . In ogni p a r t i c o l a r e e n u n c i a t o c h e e s e m p l i f i c h i u n a di q u e s t e f o r m u l e , il p r i m o t e r m i n e c h i a m a t o il suggello e il s e c o n d o il

predicalo. P o t r a p p l i c a r e talvolta q u e s t i n o m i , m e d i a n t e u n ' o v v i a


e s t e n s i o n e , r i s p e t t i v a m e n t e al p r i m o e al s e c o n d o termine-variab i l i ; e p o t r talvolta f a r r i f e r i m e n t o a l l e v a r i a b i l i c o m e a " t e r m i n i ' a s c o p o di b r e v i t . P r e m e t t e n d o un ' non
1

a qualsiasi termine o termine-variabile,

o t t e n i a m o un t e r m i n e o t e r m i n e - v a r i a b i l e n e g a t i v o . P o s s i a m o a v e r e cosi, come varianti della forma Ogni non-.v e y Ogni .r non-y Ogni non-.r non-y Un e s e m p i o di e n u n c i a t o d e l l a f o r m a E c o n t e n e n t e un t e r m i n e negativo s a r e b b e " N e s s u n non-romanzo v e n d i b i l e ' . Le f o r m e e E son dette universali ; le f o r m e I e 0 particolari. Le f o r m e e I son c h i a m a t e affermative ; le f o r m e E e O negative. La d i s t i n z i o n e fra f o r m e u n i v e r s a l i e p a r t i c o l a r i detta d i s t i n z i o n e di quantit ; q u e l l a fra f o r i n e a f f e r m a t i v e e n e g a t i v e , d i s t i n z i o n e di

qualit. S a r e b b e da r i l e v a r e c h e la p r e s e n z a ili t e r m i n i n e g a t i v i
non i m p l i c a u n a f o r m a n e g a t i v a ; p.e., ' O g n i -r n o n - y ' d e l l a f o r m a A , c i o d i una f o r m a a f f e r m a t i v a . Le quattro forme possono venir convenientemente simbolizzate c o m e s e g u e : ' xAy ', ' * E y ', ' ATIV ', " .vOy '. ( A l l a l u c e d e l l e osservazioni p r e c e d e n t i circa l ' e s e m p l i f i c a z i o n e , q u e s t a s i m b o l i z z a z i o n e p u esser c o n s i d e r a t a c o m e q u a l c o s a d i p i c h e una m e r a convenienza d i n o t a z i o n e ) . U n t e r m i n e n e g a t i v o p u v e n i r s i m b o l i z z a t o s c r i v e n d o l a v a r i a b i l e con u n trattino v e r t i c a l e i n alto ( p.e., ' * ' ' ) ;

11 s i s t e m a t r a d i z i o n a l e

199

c o s i c c h a v r e m o , c o m e c a s i s p e c i a l i d e l l a f o r m a A . 4 .v'Ay'. 4 . * ' A y " e ' rAy' 2. Come prossimo passo, dobbiamo cercare quali modelli di

i n f e r e n z a s i a n o r i c o n o s c i u t i v a l i d i nel s i s t e m a , e q u a l i r e l a z i o n i logiche valgano fra le sue f o r m u l e ; ossia, in altre parole, quali siano le leggi del s i s t e m a . Un a s p e t t o p e r il q u a l e il v e c c h i o s i s t e m a in netto c o n t r a s t o con i p i recenti la s u a r e l a t i v a p o v e r t f o r m a l e . Il n u m e r o d e l l e d i f f e r e n t i f o r m u l e a m m e s s e notevolmente p i c c o l o ; lo stesso v a l e pel n u m e r o ilei m o d e l l i d ' i n f e r e n z a v a l i d i . M e n t r e ho fornito s o l t a n t o tina p i c c o l a scelta d e l l ' i n d e f i n i t a variet di leggi c h e p o t r e b b e r o v e n i r s t a b i l i t e nei s i s t e m i p i recenti. s a r c o m p i t o ben b r e v e q u e l l o di e l e n c a r e tutte q u e l l e riconosciute nella l o g i c a t r a d i z i o n a l e . N e l l o s t e n d e r e le leggi del vecchio s i s t e m a s a r c o n v e n i e n t e u s a r e q u a l c o s a lei s i m b o l i s m o del n u o v o . C i non c a m h i c r per n u l l a i l s u o c a r a t t e r e ; s e m p l i c e mente f a r r i s p a r m i a r e s p a z i o . P e r e s e m p i o , a n z i c h s c r i v e r e : modello d'inferenza
4

II

xAy yAz .". xAz


v a l i d o ', s c r i v e r s e m p l i c e m e n t e la f o r m u l a di p r i m o o r d i n e .tAy yAz z> xAz a s s e g n a n d o l e u n n u m e r o c o m e u n a d e l l e leggi o f o r m u l e a n a l i t i c h e lei s i s t e m a . S i m i l m e n t e , a n z i c h s c r i v e r e
4

xAy ' la c o n t r a d d i t t o r i a di

.vOy "

scriver, come formula analitica

xAy ss

~.rOy.

Dove, c o m e n e l l ' u l t i m o c a s o , u n a legge m e t t e s e m p l i c e m e n t e i n

2UO

Soggetti, predicati, esistenza

r e l a z i o n e d u e f o r m u l e in cui i t e r m i n i stessi, la q u a l i t dei t e r m i n i , e il loro o r d i n e s o n o lutti i d e n t i c i , p o s s i a m o s e m p l i f i c a r e a n c o r a u l t e r i o r m e n t e l ' e s p r e s s i o n e d e l l a l e g g e : a l posto d e l l ' e q u i v a l e n z a precedente, possiamo scrivere A = ~0.

S c r i v e r e ci c o m e f o r m u l a a n a l i t i c a e q u i v a l e a d i r e che q u a l s i a s i e n u n c i a t o d e l l a f o r m a A il c o n t r a d d i t t o r i o d e l l ' e n u n c i a t o corri-

spendente

della

forma

0.

Le leggi del s i s t e m a t r a d i z i o n a l e si r a c c o l g o n o in tre g r u p p i principali. Questi sono: ( 1 ) Le leggi di i n f e r e n z a i m m e d i a t a , c h e s p e c i f i c a n o v a r i e trasformazioni valide di enunciati delle quattro forme. ( 2 ) L e leggi del q u a d r a t o d i o p p o s i z i o n e , c h e f o r n i s c o n o certe r e l a z i o n i l o g i c h e f r a f o r m u l e in cui i t e r m i n i , la loro q u a l i t e il l o r o o r d i n e s i a n o gli s t e s s i : (3) L e leggi del s i l l o g i s m o , clic e l e n c a n o m o d e l l i d i inferenza v a l i d i , c i a s c u n o dei (piali c o m p o r t a tre f o r m u l e .

( 1 )
(a)

Inferenze

immediate semplice c h e
consiste nella trasposizione di

Conversione

s o g g e t t o e di p r e d i c a l o , la q u a n t i t e la q u a l i t r i m a n e n d o i m m u tale. La c o n v e r s i o n e s e m p l i c e di a s s e r z i o n i E e I e solo di q u e s t i v a l i d a nel s i s t e m a . C o s i ( i) rEy 3 y Ex 3 yl.r

( i i ) .vly

sono leggi del s i s t e m a , e i c o r r i s p o n d e n t i m o d e l l i di i n f e r e n z a sono \ a l i d i : ma

xAy 3 yA.v
.rOy
3

yO.v

11 sistema tradizionale

201

non sono leggi del s i s t e m a , e i c o r r i s p o n d e n t i m o d e l l i di i n f e r e n z a sono i n v a l i d i . (I))

Conversione

per

accidens

che

consiste

nel

trasporre

il

soggetto e il p r e d i c a t o di u n ' a s s e r z i o n e e nel i m i t a r e la s u a quantit da u n i v e r s a l e a p a r t i c o l a r e , la q u a l i t r i m a n e n d o i m m u t a t a . A b i t i a m o q u i c o m e leggi ( iii ) .rAy 3 yl.v ( iv ) .tEy 3 yO.v S a r e b b e da r i l e v a r e c h e , m e n t r e la ( i ) e la ( i i ) p r o d u c o n o e q u i v a lenze. la ( i i i ) e la ( i v ) non ne p r o d u c o n o . U s a n d o l ' a r m a m e n t a r i o d i m o s t r a t i v o del c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e , p o s s i a m o , p e r e s e m p i o , d e r i v a r e d a l l a ( i ). p e r s o s t i t u z i o n e di ' y* a " ' e di ' .t * a " y ' , l ' e s p r e s s i o n e ' yE.v 3 . v E y ' . A b b i n a n d o q u e s t a a l l a ( i ) ed i m p i e g a n d o la d e f i n i z i o n e di e q u i v a l e n z a , a b b i a m o ' . r E y = yE.v '. Un risultato p a r a l l e l o non p u ottenersi p e r l a ( i i i ) e l a ( i v ) . (e)

Obversione (o

Permutazione):

c o n s i s t e nel

negare

il

pre-

dicato e c a m b i a r e la q u a l i t d e l l ' e n u n c i a t o , s o g g e t t o c q u a n t i t rim a n e n d o gli stessi. Q u a l u n q u e e n u n c i a t o d i u n a d e l l e q u a t t r o forme pu venir validamente obvertito. A b b i a m o cosi (v) (vi) (vii) .rAy 3 .vEv' .rEy 3 .rAy' .vly 3 .vOy'

( viii ) .vOy 3 .vly' Q u a l e e s e m p i o d e l l ' i i u p l i c a n z a di ' . r A y " ila p a r t e di ' .vEy '. poss i a m o p r e n d e r e l ' i m p l i c a n z a di " T u t t i i d e m o c r a t i c i s o n o non-fascisti ' da p a r t e di ' N e s s u n d e m o c r a t i c o f a s c i s t a ". (d)

Contrapposizione e Inversione :

consistono

in a p p l i c a z i o n i

successive di a l c u n e d e l l e o p e r a z i o n i p r e c e d e n t i . P . e . , la c o n t r a p p o s i z i o n e consiste nel ( 1 ) o b v e r t i r c , ( 2 ) c o n v e r t i r e i l r i s u l t a t o e ( 3 ) o b v e r t i r e di nuovo ; e p u venir v a l i d a m e n t e o p e r a t a esattamente in q u e i casi in cui c i a s c u n a o p e r a z i o n e s u c c e s s i v a s i a v a l i d a .

2UO

Soggetti, predicati, esistenza

C o s i la c o n t r a p p o s i t i v a di il r i s u l t a t o del p a s s a g g i o finale nella sequenza xAy .rEy' y'E.r ( p e r ohversione) ( p e r conversione)

y'Ax' ( p e r o h v e r s i o n e )
ed aldiiamo. come legge di contrapposizione.

xAy

3 y'Ax'

Q u e s t e leggi non s a r a n n o e l e n c a t e s e p a r a t a m e n t e .

(2)

II

quadrato

di

opposizione

L a d o t t r i n a del q u a d r a t o d i o p p o s i z i o n e c o n c e r n e l e r e l a z i o n i l o g i c h e fra c o p p i e di e n u n c i a t i di f o r m a d i v e r s a aventi lo stesso soggetto e p r e d i c a t o . G i a c c h i t e r m i n i , la loro p o s i z i o n e e la l o r o q u a l i t s o n o identici negli e n u n c i a t i m e s s i in r a p p o r t o f r a l o r o , possiamo simboleggiare le leggi di tale teoria scmpliccmcnte u s a n d o le lettere A, E, I, 0. La t e o r i a la s e g u e n t e : A la cont r a d d i t t o r i a di 0, e E di I ; A e E sono c o n t r a r i e , e I e 0 suhconI r a r i e : A e s i g e I, e E e s i g e (). O v e si e s p r i m a n o q u e s t e r e l a z i o n i c o m e leggi, a h h i a m o ( ix) (x) (xi) (xii) .vAy = ~ . r O y .rEy = ~.tly ~ (.vAy . . r E y ) .tlyv.vOy ossia ossia A = ~ 0

ossia E ss ~ I ~ (A . E) ossia I 0 ossia A 3 I ossia E 3 O

( xiii ) .rAy 3 xly ( x i v ) . E y 3 .rOy


(3)

Il sillogismo

La d o t t r i n a del s i l l o g i s m o e la r e a l i z z a z i o n e p i i m p o r t a n t e d e l l a l o g i c a t r a d i z i o n a l e . F i n q u i s" a v u t o a c h e f a r e con le rela-

11 sistema tradizionale

203

zioni l o g i c h e f r a soltanto d u e f o r m u l e d ' a s s e r z i o n e p r e s e i n s i e m e . La d o t t r i n a del s i l l o g i s m o si r i f e r i s c e a u n a certa c l a s s e di s c h e m i d ' i n f e r e n z a c h e i n v o l g o n o tre f o r m u l e d ' a s s e r z i o n e , d u e c o m e premesse ed una come conclusione. La classe di schemi d'inferenza in ipiestione p u v e n i r s p e c i f i c a t a c o m e s e g u e : ( a ) u n t e r m i n e d i u n a p r e m e s s a d e v e e s s e r e identico a un t e r m i n e d e l l ' a l t r a ; (b) gli altri due t e r m i n i d e l l e p r e m e s s e d e v o n o e s s e r e i d e n t i c i a i t e r m i n i d e l l a conclusione. Sillogismo qualsiasi argomentazione o inferenza, che e s e m p l i f i c h i u n o s c h e m a d ' i n f e r e n z a , v a l i d o o i n v a l i d o c h e sia. il q u a l e r i s p o n d a a q u e s t a d e s c r i z i o n e '. La t e o r i a del s i l l o g i s m o p r e s c r i v e q u a l i f r a tutti gli s c h e m i d ' i n f e r e n z a p o s s i b i l i c h e rispond o n o a q u e s t a d e s c r i z i o n e d e b b a n o ritenersi v a l i d i . Un e s e m p i o di un s i m i l e s c h e m a stato f o r n i t o a p. 199. O r a il n u m e r o di s c h e m i d ' i n f e r e n z a , v a l i d i o i n v a l i d i , del g e n e r e d e s c r i t t o , un n u m e r o r e l a t i v a m e n t e p i c c o l o . Q u e s t o num e r o d e t c r m i n a t o la d u e f a t t o r i : ( a ) il n u m e r o d e l l e d i f f e r e n t i f o r m e ili a s s e r z i o n e , clic di q u a t t r o ; (b) il n u m e r o d e l l e variazioni l o g i c a m e n t e significanti nelle p o s i z i o n i r e l a t i v e dei t e r m i n i . C h e l e p o s i z i o n i r e l a t i v e dei t e r m i n i p o s s a n o d e t e r m i n a r e u n a differenza nella v a l i d i t d e l l o s c h e m a d ' i n f e r e n z a , cosa c h e si vede f a c i l m e n t e . P e r e s e m p i o , gli s c h e m i d ' i n f e r e n z a

xAy yAz xAz :.

xAy
S -

xAz

consistono a m b e d u e interamente di forme A; e la sola differenza fra di essi n e l l ' o r d i n e dei t e r m i n i n e l l a s e c o n d a p r e m e s s a . M a , s u l p r e s u p p o s t o c h e 1" ogni ' del s i s t e m a si a p p r o s s i m i in significato a l l ' ' o g n i ' del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , noi d o v r e m m o p r o p e n d e r e a c o n s i d e r a r e le i n f e r e n z e d e l l o s c h e m a a s i n i s t r a c o m e v a l i d e ,
1 In a l c u n i a u t o r i la p a r o l a ' s i l l o g i s m o ' u s a t a in m o d o t a l e e h e l ' e s p r e s sione " sillogismo valido ' diventa pleonastica.

li

S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza

e (pielle d e l l o s c h e m a a d e s t r a c o m e i n v a l i d e . N e l l a d i s p o s i z i o n e dei t e r m i n i s i d a n n o q u a t t r o v a r i a z i o n i l o g i c a m e n t e s i g n i f i c a n t i :

(a)

il

termine

comune

ad

ambedue

le

premesse

(il

termine

medio) p u e s s e r e il soggetto di a m b e d u e ; (l>) esso p u e s s e r e il


p r e d i c a t o d i a m b e d u e ; o p p u r e ( c ) p u e s s e r e i l soggetto d i u n a e il p r e d i c a t o d e l l ' a l t r a - e q u e s t o c a s o si s u d d i v i d e in d u e , ( i ) il c a s o in cui esso il s o g g e t t o d e l l a p r e m e s s a il cui p r e d i c a t o a n c h e p r e d i c a t o d e l l a c o n c l u s i o n e , e ( i i ) il c a s o in cui esso il soggetto d e l l a p r e m e s s a il cui p r e d i c a l o il soggetto d e l l a conclus i o n e . Q u e s t i (piatir casi s o n o c h i a m a t i le (piatir figure del sillogismo, e sono comunemente rappresentati come segue ( premesso c h e ' m' sia a i n d i c a r e il t e r m i n e m e d i o ,
1

' il t e r m i n e c h e il

p r e d i c a t o d e l l a c o n c l u s i o n e , ed ' s ' il t e r m i n e c h e ne il s o g g e t t o ) : 1 ni s 2 m s m 3 4 III

in

III III s s
l'ordine

m
.<

s
premesse il

Potrebbe s e m b r a r e che

rovesciando

delle

n u m e r o d i v a r i a z i o n i a u m e n t e r e b b e . M a l e p r e m e s s e f o r m a n o ins i e m e u n ' a s s e r z i o n e c o n g i u n t i v a , l ' o r d i n e d e l l e cui c o n g i u n t e l o g i c a m e n t e i n d i f f e r e n t e rispetto al p r e s e n t e intento. E invero, di solito scriver le premesse nell'ordine inverso di quello illustrato sopra convenzionalmente, per meglio far emergere delle analogie con i gi c o n s i d e r a t i calcoli p r e d i c a t i v o e di c l a s s e . f a c i l e v e d e r e c h e in c i a s c u n a figura ci s o n o s e s s a n t a q u a t t r o f o r m e o modi del s i l l o g i s m o a r i t m e t i c a m e n t e p o s s i b i l i . Infatti la p r i m a p r e m e s s a p u a v e r e u n a d e l l e f o r m e A , E , I , 0 ; p e r ciascuna di queste quattro possibilit, la seconda premessa pu anche a v e r e u n a d e l l e q u a t t r o f o r m e ; e p e r c i a s c u n a di q u e s t e s e d i c i possibilit, la conclusione pu avere una delle quattro forme. Giacch vi sono q u a t t r o figure, ci s o n o in c o m p l e s s o 2 5 6 p o s s i b i l i m o d i del

11 sistema tradizionale

205

s i l l o g i s m o . D i q u e s t i 2 5 6 solo v e n t i q u a t t r o s o n o r i c o n o s c i u t i v a l i d i ; i r i m a n e n t i s o n o i n v a l i d i . I m o d i v a l i d i s o n o n o r m a l m e n t e elencati c o m e s e g u e : Ia Figura 2a Figura 3a Figura 4a Figura AAA, EAE, AAI, AAI, EAE, AEE, IAI, AEE, All, All. IAI, EIO, AAI, EAO

EIO, AOO, EAO, AEO EAO, OAO, EIO EAO, EIO, AEO

dove in c i a s c u n caso la p r i m a lettera sta p e r la p r e m e s s a contenente il t e r m i n e clic il p r e d i c a t o d e l l a c o n c l u s i o n e (premessa

maggiore), la s e c o n d a lettera p e r la p r e m e s s a c o n t e n e n t e il termine clic il soggetto d e l l a c o n c l u s i o n e

(premessa minore) e la

terza lettera p e r l a c o n c l u s i o n e . R o v e s c i a n d o l ' o r d i n e d e l l e premesse. p o t r e m m o s c r i v e r e l e leggi c o r r i s p o n d e n t i c o m e s e g u e ( t r a scelgo i l p r i m o modo di ciascuna figura c o m e illustrazione):

( XV ) .rAy . y A z

3 .rAs

( x x i ) xAy . s E y 3 * E z ( x x v i i ) y A* . y A s 3 x l s (xxxiii)

yAx . z A y 3 xlz

Si s a r notato c h e ho l a s c i a t o il posto p e r la n u m e r a z i o n e d e l l e restanti leggi, a d a l c u n e d e l l e q u a l i f a r r i f e r i m e n t o piti i n n a n z i . 3. N e l l ' u l t i m a sezione non s ' a f f a t t o p a r l a t o di nessun me-

todo g e n e r a l e da usarsi p e r v e r i f i c a r e la v a l i d i t dei m o d e l l i d'inf e r e n z a . n ho tentato m a i di d e r i v a r e u n a l e g g e da u n ' a l t r a . In eir< tli non Ito tentato di m o s t r a r e c h e le leggi m e n z i o n a t e f o s s e r o connesse fra loro in q u a l c u n o dei m o d i c h e g i u s t i f i c a n o il n o m e di " s i s t e m i ' a t t r i b u i t o ai calcoli p r o p o s i z i o n a l e , di c l a s s e e predicativo. Ho f o r n i t o s e m p l i c e m e n t e un elenco d e l l e leggi d e l l a l o g i c a t r a d i z i o n a l e . Ma e v i d e n t e m e n t e le leggi e l e n c a t e non s o n o tutte ind i p e n d e n t i f r a loro. P e r e s e m p i o , il nostro e l e n c o c o n t i e n e le leggi

U ( xi )

S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza

.vAy 3 xly ( q u a d r a t o di o p p o s i z i o n e ) I a figura del sillo1" figura del sillogismo )

( x v ) .rAy . yAz 3 .vA: ( 1 m o d o d e l l a ( x i x ) xAy . yAz 3 . r i : ( 5 m o d o d e l l a gismo )

Ma se avevamo come premesse due asserzioni delle forme ' . r A y ' e


1

yAz \ potevamo ovviamente derivare l'asserzione corrispon-

d e n t e d e l l a f o r m a ' . r l i ' m e d i a n t e l'uso d e l l e p r i m e d u e leggi soltanto, senza l ' a p p l i c a z i o n e d i r e t t a Iella t e r z a . L a legge ( x v ) prod u c e la c o n c l u s i o n e ' .vAz ' e la ( x i ) ci m e t t e in g r a d o di d e r i v a r e da q u e s t a la c o n c l u s i o n e
4

.rls '. D a t e le a l t r e lue leggi, la legge

( x i x ) s u p e r f l u a . D o v r e m m o perei') a t t e m l e r c i c h e esista un proc e d i m e n t o p e r d e r i v a r e la ( x i x ) lalle a l t r e d u e leggi ; e non difficile vedere in che m o d o l'applicazione del meccanismo di prova lei c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e ci m e t t e r e b b e in g r a d o di f a r l o . Di fatto e s i s t o n o , nelle e s p o s i z i o n i t r a d i z i o n a l i d e l l ' a r g o m e n t o , lue lifTerenti d o t t r i n e , c i a s c u n a Ielle q u a l i r a p p r e s e n t a u n a sistem a z i o n e p a r z i a l e d e l l e l e g g i . U n a la d o t t r i n a di riduzione; l'altra q u e l l a d e l l e regole del sillogismo. La p r i m a a n a l o g a , all'ing r o s s o , al m o d e r n o m e t o d o d e d u t t i v o di s i s t e m a t i z z a z i o n e , la sec o n d a a un m e t o d o di c o n t r o l l o . Q u e s t ' u l t i m a consiste in u n a s e r i e di a s s e r z i o n i di o r d i n e p i e l e v a t o c h e s t a b i l i s c o n o le c o n d i z i o n i cui u n d a t o m o d e l l o s i l l o g i s t i c o l'inferenza d e v e c o n f o r m a r s i p e r e s s e r e v a l i d o . Il n u m e r o di tali a s s e r z i o n i p i c c o l o , c la v a l i d i t di jualsiasi m o d e l l o p u e s s e r e d e t e r m i n a t a s e m p l i c e m e n t e f a c e n d o ricorso ad esse p e r vetlere se il m o d e l l o si c o n f o r m a a l l e r e g o l e . La d o t t r i n a d e l l e r e g o l e di m i n o r i n t e r e s s e l o g i c o di q u e l l a di r i d u z i o n e . L a t e o r i a g e n e r a l e c h e r e g g e q u e s t ' u l t i m a consiste i n c i c h e , con l ' i m p i e g o lei p r o c e d i m e n t i d ' i n f e r e n z a i m m e d i a t a e Ielle leggi del p i a d r a t o d ' o p p o s i z i o n e , tutti gli s c h e m i d ' i n f e r e n z a d e l l a s e c o n d a , terza e q u a r t a figura p o s s o n v e n i r
4

ridotti " a [uel-

li d e l l a p r i m a . M e d i a n t e u n ' u l t e r i o r e a p p l i c a z i o n e di piesti stessi

207 m e t o d i o ili m e t o d i s i m i l a r i , q u e l l i d e l l a p r i m a f i g u r a p o s s o n o venir ridotti a u n o s o l o . L ' i n t e r e s s e l o g i c o d e l l a r i d u z i o n e sta n e l l a stretta a n a l o g i a c h e s u s s i s t e f r a e s s a e l a d e d u z i o n e . R i d u r r e u n o schema d'inferenza ad un altro significa, in elfetti, dedurre una l e g g e c o r r i s p o n d e n t e a l p r i m o d a u n a l e g g e c o r r i s p o n d e n t e a l secondo. Vorrei mettere in luce questa a n a l o g i a ricorrendo a d u e e s e m p i , lino p e r c i a s c u n g e n e r e d i r i d u z i o n e r i c o n o s c i u t o ( r i d u z i o n e diretta e indiretta) e m o s t r a n d o c o m e si tratti di d e d u z i o n i ili q u e l t i p o c h e f a m i l i a r e nel c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e . F a r u s o d e l l o r e g o l e d ' i n f e r e n z a e d i a l c u n e d e l l e l e g g i del c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e , a s s i e m e a l l a l e g g e s u p p l e m e n t a r e c h e e s p r e s s i o n i logicamente equivalenti possono venir sostituite l'una all'altra in qual.iasi f o r m u l a . M e d i a n t e q u e s t ' u l t i m a r e g o l a s a r e m o i n g r a d o , p e r e s e m p i o , di s o s t i t u i r e d i r e t t a m e n t e a u n a f o r m u l a I o E la s u a conversa s e m p l i c e ( c f r . p . 2 0 0 ) . ( I ) La r i d u z i o n e d i r e t t a di un s i l l o g i s m o ad un a l t r o v i e n e t r a d i z i o n a l m e n t e d e s c r i t t a nel m o d o s e g u e n t e : r i d u r r e u n a f o r m a li s i l l o g i s m o a una f o r m a di s i l l o g i s m o A s i g n i f i c a m o s t r a r e c h e d a l l e p r e m e s s e d i , o d a p r e m e s s e o t t e n u t e d a l l a l o r o convers i o n e , in A s e g u e o la s t e s s a c o n c l u s i o n e di . o u n a c o n c l u s i o n e dalla (piale la conclusione di segue p e r conversione. P r e n d o come e s e m p i o la riduzione diretta di . r E y . z A y .*. .vEz ( 2 a
a

figura,

2 m o d o )

.rAy . y E z

.tEz ( 1 " figura, 2" m o d o )

e d i n t e n d o m o s t r a r e c o m e e s s a non s i a a l t r o c h e l a d e d u z i o n e d i ( x x i i ) .vEy . z A v ZD .vEz da ( xvi ) .rAy . y E z ZD .vEz Dalla ( x v i ) o t t e n i a m o , s o s t i t u e n d o a ' y E z ' e ' .vEz ' le f o r m u l e e q u i v a l e n t i ( c o n v e r s e ) ' z E y ' e ' zE.r ',
xAy . zEy
id

zEx

2UO

S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza

da c u i , o p e r a n d o u n a s o s t i t u z i o n e d e l l e v a r i a b i l i ( ' ' al posto di " ' e ' s ' al p o s t o di * ' ) , o t t e n i a m o z A y . .vEy 3 .vEz da c u i , m e d i a n t e la l e g g e ' . q q . ' e la r e g o l a clic p e r m e t t e la s o s t i t u z i o n e di e s p r e s s i o n i e q u i v a l e n t i , o t t e n i a m o * E y . zAy

3 xEz

la q u a l e a p p u n t o la l e g g e c h e d o v e v a m o d e r i v a r e . (2) l.a r i d u z i o n e i n d i r e t t a v i e n e t r a d i z i o n a l m e n t e descritta a l modo seguente: ridurre indirettamente una forma di sillogismo ad un'altra significa usare della seconda per mostrare che la falsit d e l l a c o n c l u s i o n e nella p r i m a i n c o n g r u e n t e con la verit d e l l e sue premesse. Prendo come esempio la riduzione di .Oy . z A y a .tOz ( 2 a f i g u r a , 4 m o d o )

xAy . y A z .. .vAz ( 1 * f i g u r a , 1 m o d o )
e d i n t e n d o m o s t r a r e c o m e essa s i a l a d e d u z i o n e d e l l a l e g g e corris p o n d e n t e a l p r i m o m o d e l l o d ' i n f e r e n z a d a l l a legge c o r r i s p o n dente al secondo. Da

( a )
valenti, otteniamo (/>)

xAy . yAz 3 .rAz

m e d i a n t e il q u a d r a t o d ' o p p o s i z i o n e ( i x ) e la s o s t i t u z i o n e di equi~ xOy . yAz

3 ~ AOZ

Da ( b ) m e d i a n t e ' ( 3 ~ q ) 3 ~ ( . q ) ' e la regola d ' i n f e r e n z a otteniamo (c) ~ l ( ~ . r O y . y A z ) . .vOz]

D a ( c ) m e d i a n t e ' ( p . g ) . r s ( r . q ) . p ' e s o s t i t u z i o n e d i equivalenti o t t e n i a m o


( d) ~

( xOz

yAz

) . ~ vOy ]

Critiche ortodosse al sistema Da ( d ) m e d i a n t e otteniamo


1

209

. (e)

D ( / ) D q ) ' e la r e g o l a d ' i n f e r e n z a .vOz . y A z 3 .tOy


1

Da ( e ) m e d i a n t e s o s t i t u z i o n e di ' y ' a ' 5 ' e di ' s ' a (/) xOy . sAy 3 * O s

y ' otteniamo

che la legge c h e d o v e v a m o d e r i v a r e . In m o d i s i m i l i a questi si potrebbe mostrare che anche le altre riduzioni sono deduzioni. C i clic q u e s t i e s e m p i ci a i u t a n o a v e d e r e e c h e s a r e b b e poss i b i l e p r e s e n t a r e l'intero c o r p o d i leggi d e l l a l o g i c a t r a d i z i o n a l e c o m e un c a l c o l o o s i s t e m a d e d u t t i v o del t i p o oggi in uso. Un s i m i l e c a l c o l o r i c h i e d e r e b b e , c o m e s p e c i a l i a s s i o m i o p o s t u l a t i , u n a conveniente s e l e z i o n e d e l l e s p e c i a l i leggi del s i s t e m a t r a d i z i o n a l e , ivi c o m p r e s e a l c u n e leggi di i n f e r e n z a i m m e d i a t a c del q u a d r a t o di o p p o s i z i o n e e d a l m e n o u n a legge s i l l o g i s t i c a ; esso r i c h i e d e r e b b e o p p o r t u n e leggi d ' i n f e r e n z a , e p r e s u p p o r r e b b e il c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e , c i o a c c e t t e r e b b e e i m p i e g h e r e b b e i t e o r e m i di quest'ultimo.

II. Le l. logica

critiche

ortodosse

al

sistema

L e q u e s t i o n i p i interessanti c h e s o n o sorte intorno alla tradizionale sono questioni che concernono l'interpreta-

zione del s i s t e m a . Si s a r e b b e inclinati a p e n s a r e c h e d i f f i c i l m e n t e p o t r e b b e p r e s e n t a r s i u n p r o b l e m a i n m e r i t o ; c h e , con certe r i s e r v e circa la p a r o l a " alcuni ', le r e g o l e e l e n c a t e d i a n o u n a r a p p r e s e n tazione p e r f e t t a m e n t e a c c e t t a b i l e dei p o t e r i logici d e l l e p a r o l e c h e figurano c o m e costanti del s i s t e m a , s e c o n d o il m o d o in cui q u e s t e p a r o l e s o n o pi c o m u n e m e n t e u s a t e nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o ; e che p e r c i la s o l u z i o n e del p r o b l e m a d ' i n t e r p r e t a z i o n e s i a seni-

2UO

S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza

p l i c e u i e n t e q u e l l a di e g u a g l i a r e le costanti del s i s t e m a a ([nelle p a r o l e nel loro i m p i e g o c o r r e n t e o t i p i c o . T e n t e r di m o s t r a r e a l l a fine c h e . s a l v o p o c h e riserve, q u e s t a c o n c e z i o n e i n g e n u a a n c h e q u e l l a c o r r e t t a . T u t t a v i a essa stata c o s i s o v e n t e oggetto di d i s p u t a c h e il n e g a r l a d i v e n t a t o o r t o d o s s i a ; a n z i , si va piti in l c si s o s t i e n e c h e a l l e costanti del s i s t e m a non s i p u a t t r i b u i r e nessuna i n t e r p r e t a z i o n e tale c h e ( n ) esse a b b i a n o a l l ' i n c i r c a l o stesso significato c h e h a n n o nel d i s c o r s o o r d i n a r i o e ( / ) c h e tutte le regole del s i s t e m a s u s s i s t a n o c o n t e m p o r a n e a m e n t e p e r tale interpretaz i o n e . Si s o s t i e n e , in a l t r e [tarle, c h e p e r il s i s t e m a nel s u o comp l e s s o non p u t r o v a r s i n e s s u n a i n t e r p r e t a z i o n e c o n g r u e n t e c h e si avvicini a l l ' i n t e r p r e t a z i o n e i n g e n u a . I n t e n d o m o s t r a r e c h e q u e s t a tesi e f a l s a ; e f a l s a in tin m o d o non p r i v o d ' i m p o r t a n z a . O v e infatti ci si r e n d a c o n t o di c o m e essa s i a f a l s a , si g i u n g e a r i l e v a r e u n a i m p o r t a n t e c a r a t t e r i s t i c a g e n e r a l e d e l l ' u s o o r d i n a r i o del l i n g u a g gio c h e v i e n e s i s t e m a t i c a m e n t e t r a s c u r a t a nella m o d e r n a logica f o r m a l e . Q u e s t a t r a s c u r a n z a non e i m p o r t a n t e p e r q u e l l i c h e s o n o gli intenti p r o p r i ili q u e l l a l o g i c a ; d i v e n t a i m p o r t a n t e s o l t a n t o q u a n d o essa ci i m p e d i s c e un c o r r e t t o i n t e n d i m e n t o del l i n g u a g g i o ordinario. L e c r i t i c h e a l s i s t e m a t r a d i z i o n a l e s i s o n o a p p u n t a t e tutte s u l l a q u e s t i o n o se s i a vero o m e n o c h e . n e l l ' u s o c h e si fa ili un e n u n c i a t o di u n a d e l l e q u a t t r o f o r m e , noi ci si d e b b a c o n s i d e r a r e c o m e imp e g n a t i a d a f f e r m a r e l'esistenza d i q u a l c o s a c h e r i s p o n d a a l l a des c r i z i o n e f o r n i t a dal p r i m o t e r m i n e d e l l ' e n u n c i a t o . S i h a l ' i m p r e s s i o n e c h e non si [tuo l a s c i a r senza r i s p o s t a ([tiesta q u e s t i o n e ; infatti l a r i s p o s t a a d essa c o m p o r t a una d i f f e r e n z a q u a n t o alla v a l i d i t delle l e g g i . Si arguisce che l'uso delle p a r o l e o r d i n a r i e ( p.e. " t u t t i " ) c h e c o r r i s p o n d o n o a q u a l c u n a d e l l e costanti del s i s t e m a presenta variazioni per questo rispetto. C h i u n q u e ammette che s a r e b b e a s s u r d o p r e t e n d e r e c h e l ' u o m o c h e d i c a " T u t t i i libri n e l l a s u a s t a n z a s o n o di a u t o r e inglese ' a b b i a fatta u n ' a s s e r z i o n e v e r a se n e l l a s t a n z a di cui p a r l a non ci ono libri a f f a t t o . Q u e s t o un

211 r a s o in c u i l ' u s o di ' tutti ' c o m p o r t a un impegno esistenziale.

P e r p r e n d e r e u n e s e m p i o c l a s s i c o : l ' a s s e r z i o n e f a t t a con ' T u t t i i c o r p i i n m o t o s u i q u a l i non a g i s c o n o f o r z e e s t e r n e c o n t i n u a n o i n u n o s t a t o di m o t o u n i f o r m e in l i n e a r e t t a ' p o t r e b b e b e n e e s s e r v e r a a n c h e se non ci f o s s e r o m a i stati c m a i ci d o v e s s e r o e s s e r e c o r p i i n m o t o s u i q u a l i non a g i s c a n o f o r z e e s t e r n e . I l p r o b l e m a di congruenza si pone allora per il sistema tradizionale al m o d o seguente: d o b b i a m o decidere, rispetto a ciascuna delle quattro plausibile decisione si prenda, intendendosi per f o r m e , s e e s s a c o m p o r t a o non c o m p o r t a l ' i m p e g n o e s i s t e n z i a l e . Ma. q u a l s i a s i p l a u s i b i l e l a d e c i s i o n e clic m a n t e n g a l e c o s t a n t i d e l s i s t e m a r a g i o * nevolinente aderenti per significato al loro uso c o m e parole del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , t r o v i a m o e b e q u a l c u n a d e l l e leggi d e l sistema tradizionale diventa invalida. Si e generalmente assunto che, nel c a s o d e l l e f o r i n e p a r t i c o l a r i , c i o I e O, e r a r a g i o n e v o l e u n a d e c i s i o n e s o l t a n t o , e p r e c i s a m e n t e clic e s s e c o m p o r t a s s e r o l ' i m pegno esistenziale; c e l i e quanto alle universali, quella decisione, q u a l u n q u e e s s a fosse, c h e s i f o s s e p r e s a p e r u n a d i e s s e , d o v e s s e v e n i r p r e s a a n c h e p e r l e a l t r e . I l p r o b l e m a s i r i d u c e cosi a d u n d i l e m m a . 0 le f o r m e A e h a n n o p o r t a t o e s i s t e n z i a l e o non l ' h a n n o . S e l ' h a n n o , u n g r u p p o d i leggi d e v e v e n i r s a c r i f i c a t o c o m e i n v a l i d o ; s e non l ' h a n n o , u n a l t r o g r u p p o d e v e s p a r i r e . P e r c i non p o s s i b i l e n e s s u n a i n t e r p r e t a z i o n e c o e r e n t e del s i s t e m a nel suo insieme entro i limiti prescritti. 5. L ' e s a m e d e t t a g l i a t o del d i l e m m a vien fatto d'abitudine

t r a m i t e un t e n t a t i v o d ' i n t e r p r e t a r e il s i s t e m a t r a d i z i o n a l e in termini di c a l c o l o d e l l e c l a s s i o p r e d i c a t i v o . Ed p r o c e d i m e n t o c h e non s e m b r a p r i v o d i u n a b a s e r a g i o n e v o l e . I c a l c o l i , i n f a t t i , h a n n o le c a r a t t e r i s t i c h e s e g u e n t i . In p r i m o l u o g o , la p r e s e n z a o l ' a s s e n z a d e l l ' i m p e g n o e s i s t e n z i a l e e s p l i c i t a n e l l e l o r o f o r m u l e f i n d a princ i p i o : g i a c c h q u e s t e f o r m u l e s o n o tutte, o q u a s i tutte, o p o s i t i v a m e n t e o n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l i . In s e c o n d o l u o g o , essi f o r n i -

212 crono f o r m u l e c h e q u a n t o m e n o s i a p p r o s s i m a n o assai p e r significalo agli usi t i p i c i di f o r m e li e n u n c i a t i li l i n g u a g g i o o r d i n a r i o c h e c o m i n c i n o con ' t u t t i ' , ' q u a l c u n o ' e ' n e s s u n o ' . In terzo l u o g o , ci sono n o t e v o l i a n a l o g i e f o r m a l i f r a le leggi di questi sistemi e m o l l e leggi del s i s t e m a t r a d i z i o n a l e . Il p r i m o di questi punti ovvio. Il s e c o n d o e il terzo p o s s o n o v e n i r i l l u s t r a l i a s s i e m e . Norm a l m e n t e a c c e t t e r e m m o di c o n s i d e r a r e ' T u t t i i lihri n e l l a s u a stanza s o n o li a u t o r e i n g l e s e ' e " A l m e n o u n o dei lihri n e l l a s u a s t a n z a non e di a u t o r e i n g l e s e ' c o m e c o n t r a d d i t t o r i e . Il s e c o n d o e n u n c i a t o s e m b r a assai p r o s s i m o p e r f o r m a a ' ( 3 . v ) (fx . ~ g v ) \ clic la c o n t r a d d i t t o r i a di ' ( ) ( f x 3 g.r) '; e il p r i m o e n u n c i a t o v e r r e b b e c o m u n e m e n t e accettato c o m e u n e s e m p i o d e l l a f o r m a ' .vAy ', c h e e la c o n t r a d d i t t o r i a di " . v O y ' . v e r o c h e s a r e m m o esitanti ad a c c e t t a r e ' C ' a l m e n o u n a c o s a c h e i n s i e m e / e non-g ' c o m e u n a p a r a f r a s i di ' Alcuni non s o n o y ', c h e il m o d o in cui ci si dice di l e g g e r e ' . v O y ' . D i r e i n f a t t i , p e r e s e m p i o , clic a l c u n e tigri non s o n o f e r o c i v e r r e b b e n o r m a l m e n t e consilerato c o m e imp l i c a n t e c h e ci s i a p i di lina tigre non f e r o c e . Ma a l l o r a noi dov r e m m o p r o v a r e e s a t t a m e n t e l a stessa e s i t a z i o n e circa l a lettura p r o p o s t a p e r ' . v O y ' , d a t o c h e la c o n t r a d d i t t o r i a di ' . r A y ' ; infatti la c o n t r a d d i t t o r i a d e l l ' a f f e r m a z i o n e c h e tutte le tigri sono f-roci l ' a s s e r z i o n e c h e a l m e n o u n a t i g r e nin f e r o c e . Le form u l e ' ( 3 . v ) (fx . ~ g x ) ' e ' .rOy q u a l u n q u e sia la loro lifferenza, h a n n o i n c o m u n e juesta p a r t i c o l a r e d i s c r e p a n z a d a l l a f o r m a ordin a r i a " A l c u n i sono non y '. U n a volta c h e si sia a m m e s s o q u e s t o g r a d o di p a r a l l e l i s m o f r a i d u e g e n e r i li f o r m u l e , si r e n d o n o evidenti d a s s o l e notevoli a n a l o g i e f o r m a l i : q u e l l e , p r e c i s a m e n t e , fra l a legge del p r i m o m o d o d e l l a p r i m a f i g u r a

xAy . yAz 3 xAz


e la l e g g e d e l l a transitivit Iella c l a s s e - i n c l u s i o n e c p . ^ C Y o a C Y

Critiche ortodosse al sistema ossia, n e l l a s u a f o r m a q u a n t i f c a z i o n a l c , l a l e g g e

213

( * ) ( / . * g.v) . ( x ) ( g x 3 hx) ZD ( x ) ( f \ => hx).


P r o c e d i a m o o r a n e l l ' a n a l i s i d e l d i l e m m a . A h h i a i n o visto che esso c o n s i s t e v a nel d o v e r d e c i d e r e se le f o r m e A e E d o v e v a n o avere o meno portato esistenziale per quanto concerneva i loro termini-soggetto. Questa decisione deve esser presa nella forma di a d o z i o n e di u n a di d u e i n t e r p r e t a z i o n i a l t e r n a t i v e d e l l e q u a t t r o f o r m e in t e r m i n i di f o r m u l e di c l a s s e o q u a n t i f i e a z i o n a l i . G i si e c o n v e n u t o c h e le f o r m e 1 ed (.) d e v o n c o n s i d e r a r s i c o m e aventi p o r t a t a e s i s t e n z i a l e , d i m o d o c h e l a loro t r a d u z i o n e non p r e s e n t a difficolt. P e r ' x l y ', ' xOy ' a d o t t i a m o le letture positivamente e s i s t e n z i a l i ' ( 3 . v ) (fx . gx) ', ' ( 3 ) (fx . ~ g x ) '; o p p u r e , in termini di c l a s s e , r i s p e t t i v a m e n t e " O ' e ' '. P e r A ed E, d o b b i a m o s c e g l i e r e f r a . d a u n lato, l a c o n g i u n z i o n e d e l l a f o r m u l a n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l e ( * ~ ( 3 . v ) ( / . r . ~ gx) ' p e r A) con u n a a s s e r z i o n e d i esistenza p e r pianto r i g u a r d a i l p r i m o ' t e r m i n e ' ( ' ( 3.v )(/.r ) ' ) ; o p p u r e , d ' a l t r o lato, l ' a d o z i o n e Iella f o r m u l a neg a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l e d a s o l a . P e r c i a s c u n a d i q u e s t e interpretazioni a l t e r n a t i v e d o b b i a m o t e n t a r e d i l e t c r m i n a r e q u a n t e d e l l e leggi del s i s t e m a t r a d i z i o n a l e c o n t i n u i n o a s u s s i s t e r e
1 R i a s s u m o i p a s s a g g i s u c c e s s i v i c o n cui si a r r i v a a q u e s t a p r o c e d u r a (e ila essa s i r i t o r n a a l p r o b l e m a d i p a r t e n z a ) . S i n o t a u n ' a m b i g u i t n e l l ' u s o o r d i n a r i o di ' o g n i ' o ' tutti \ Ne d e r i v a un d u b b i o c i r c a la p r e c i s a i n t e r p r e tazione delle costanti e delle f o r m u l e del sistema trailizinnalf. Per risolvere q u e s t o d u b b i o , t e n t i a m o d i t r o v a r e u n ' i n t e r p r e t a z i o n e non a m b i g u a del v e c c h i o sistema m o s t r a n d o c o m e esso non sia c h e una p a r l e o una sezione della logica delle classi o quantifcazionalc, e tradtircndo ciascuna f o r m u l a del vecchio sistema in q u a l c h e analoga f o r m u l a del n u o v o , il q u a l e , tuttavia, ha il merito di rendere esplicito l'impegno esistenziale. Ove non si riesca trovare per c i a s c u n a d e l l e q u a t t r o f o r m e u n a t r a d u z i o n e t a l e c h e lutti l e l e g g i d e l l a l o g i c a tradizionale rimangano valide per essa, s i a m o indotti a concludere che il v e c c h i o s i s t e m a non p u v e n i r c o n g r u e n t e m e n t e i n t e r p r e t a t o nella sua interezza in n e s s u n m o d o che si a p p r o s s i m i a q u e l l e e l l e s o n o le i n t e n z i o n i d e i suoi s o s t e n i t o r i ; c h e q u e s t a i n c o n g r u e n z a c d o v u t a a d u n ' u i t i b i g u i l d e l l e f o r m e .

2UO

S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza

C o n s i d e r o p e r p r i m a l a s e c o n d a d e l l e a l t e r n a t i v e s o p r a specificate. E s s a p o r t a a l l a s e g u e n t e t a b e l l a d i t r a d u z i o n i : Tabella E I 0 1

xAy

= 0 c c

~ ( 3x ) ( f x . ~ g x ) ( ) ( / . 3 gx) ~ ( 3x ) ( f x . g x ) ( )(/. 3 ~ g . v ) ( 3 x ) ( / . r . gx)

rEy = 0 .ri y 0 ~ ( c )

.vOy ~ ( c )

~(-)(/. 3 ~ g x ) ( 3 x ) ( f x . ~ g x )
O ~ ( x ) ( f x 3 gx)

P a s s i a m o o r a a e s a m i n a r e q u a l i leggi c o n t i n u i n o a s u s s i s t e r e p e r (piesta t r a d u z i o n e .

Conversione.

I.a c o n v e r s i o n e s e m p l i c e di

E e ili

rimane

ovviamente valida per questa interpretazione. Giacch " = ' c u n a leggi; del c l a s s e - s i s t e m a . ' = O' ( ' . r E y ' ) e " = O' ( ' y E * ' ) s o n o e q u i v a l e n t i , e tali s o n o a n c h e * 0 ' (' x l y 1 ) e ' O
1

C y l . * ' ) . M a , n a t u r a l m e n t e , " = ' non u n a

l e g g e , di m o d o clic la t r a s p o s i z i o n e dei t e r m i n i in e in 0 s a r e b b e i n v a l i d a , c o m e lo e p e r le leggi t r a d i z i o n a l i . S i m i l m e n t e , n e l l a n o t a z i o n e p r e d i c a t i v a , ' fx " e ' gx ' sono v a l i d a m e n t e i n t e r c a m b i a bili in " ~ ( 3.v ) (fx . gx) ' e ' ( 3 . r ) ( f x . gx) ', ma non in " ~ ( 3.v )

( f x . ~ g x ) \n in3 x ) ( f x . ~ g x ) \ Conversione per uc.cidens.


T a l e c o n v e r s i o n e non p i v a l i d a per questa interpretazione. Non possiamo inferire, da ' = O ' , " O ". O v v e r o , n e l l ' a l t r a n o t a z i o n e , non p o s s i a m o i n f e r i r e .
passata dal discorso o r d i n a r i o a q u e l l o logico c nascosta dall'uso di p a r o l e o r d i n a r i e c o m e c o s t a n t i del s i s t e m a : e elle i l m e g l i o c l i c p o s s i a m o f a r e p e r i l vecchio sistema di scegliere l'interpretazione che o p e r i il salvataggio del maggior n u m e r o possibile delle sue leggi, e lo rappresenti come malinteso f r a m m e n t o d i u n s i s t e m a l a cui s t r u t t u r a o r a p e r f e t t a m e n t e c h i a r a .

C r i t i c h e ortodosse a l s i s t e m a

215

da ' N o n c' n i e n t e clic i n s i e m e / e n o n / ' , ' C ' a l m e n o u n a c o s a c h e i n s i e m e g e / '. U n ' a s s e r z i o n e d e l l a p r i m a f o r m a p u e s s e r e vera n e l l o stesso t e m p o c h e l a c o r r i s p o n d e n t e a s s e r z i o n e d e l l a s e c o n d a f o r m a f a l s a . Lo stesso v a l e p e r il p a s s a g g i o da E al s u o converso limitato 0. Gli a n a l o g h i di classe e p r e d i c a t i v i d e l l a ohversione sono ovviamente v a l i d i :

xAy 3 . r E y '
.rEy 3 .tAy'

= O 3 = O ~ ( 3 . r ) ( f x . ~ g x ) 3 ~ (3.r) ( f x . ~ g x ) = O + 0

3 = O
~ ( 3 x ) ( f x . g x ) 3~(3.r)(/.r gx) gx)

xly 3 * 0 y ' xOy 3 xly'

3 0
( 3 x ) ( f x . g x ) 3 (3.v) ( f x

0 3 O ( 3 . r ) ( f x . ~ g x )3( B x ) ( f x . ~ g x )

Contrapposizione.

Le leggi di c o n t r a p p o s i z i o n e p e r A e 0 ri-

m a n g o n o v a l i d e , m e n t r e la c o n t r a p p o s i z i o n e * a t t e n u a t a ' di ' * E y ' a * y'O.r' ' c a d e . La f o r m u l a p e r A : .rAy 3 y'Ax' a c 3 c ( r ) ( / . v 3 gx) 3 ( . r ) ( ~ g . r 3 ~ / . r ) S o n o le v e c c h i e leggi del q u a d r a t o

Quadrato di opposizione.

di o p p o s i z i o n e q u e l l e c h e v e n g o n o a solTrire le p i g r a v i p e r d i t e : (1 ) La r e g o l a clic A la c o n t r a d d i t t o r i a di 0 c o n t i n u a nak

turalmente a valere: di'(3*)(/.

~ ( 3.r )( fx . ~ g x ) ' la c o n t r a d d i t t o r i a

( 2 ) V a l e lo stesso p e r la r e g o l a c h e E la c o n t r a d d i t t o r i a li I. L e a l t r e relazioni l o g i c h e c e s s a n o d i s u s s i s t e r e . ( 3 ) A e E non sono pili c o n t r a r i e . A s s e r z i o n i c o r r i s p o n denti d e l l e f o r m e ' ~ ( 3 x ) ( f x . ~ g x ) " e ' ~ ( 3 x ) ( f x gx) ' ( o p p u r e = 0 " e ' O ") p o s s o n o e s s e r e vere a s s i e m e .

2UO

S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza e p r e c i s a m e n t e nel c a s o in cui s i a v e r a la c o r r i s p o n d e n t e asserzione della forma * ~ ( 3 . r ) ( / . v ) " ( o p p u r e 'a = 0 ' ) . ( ) A l l o stesso m o d o , I e O non s o n o s u h c o n t r a r i e : asserzioni delle f o r m e ' ( 3 . r ) ( / . r . gx) ' e ' ( 3 . r ) ( / . r . ~ gx) ' saranno a m b e d u e false q u a n d o sia vera l'asserzione corrispondente della forma ' ~ ( 3 x ) ( f x ) \ ( 5 ) A non e s i g e I. D i r e clic la c l a s s e vuota non equiv a l e a d i r e che la c l a s s e ha dei m e m b r i . ( 6 ) E non e s i g e 0. D i r e c h e non c' niente c h e i n s i e m e / e

g non lo stesso clic i m p e g n a r s i a d i r e c h e c' a l m e n o u n a


cosa c h e i n s i e m e / e non-g.

Il sillogismo.

N o n c' nessun b i s o g n o di e s a m i n a r e in detta-

g l i o q u a l i dei m o d i accettati del s i l l o g i s m o r i u s c i r a n n o i n v a l i d i i n b a s e a q u e s t a i n t e r p r e t a z i o n e . D a i casi p r e c e d e n t i a p p a r e c h i a r o c h e tutti (pici casi in cui la v e r i t d e l l e p r e m e s s e , c o m e o r a ha da e s s e r e i n t e r p r e t a t a , p e r m e t t a clic u n a c e r t a c l a s s e sia v u o t a , mentre la verit d e l l a c o n c l u s i o n e r i c h i e d e clic la c l a s s e stessa a b b i a m e m b r i , s a r a n n o i n v a l i d i . U n ovvio e s e m p i o n e l l a p r i m a f i g u r a AAI. E o v v i a m e n t e m o l t o f a c i l e i d e n t i f i c a r e le c a r a t t e r i s t i c h e dell ' i n t e r p r e t a z i o n e p r o p o s t a clic s o n o r e s p o n s a b i l i d i q u e s t a irruz i o n e di i n v a l i d i t n e l l e leggi a c c e t t a t e . In c i a s c u n o dei casi menzionati la c a d u t a d e l l a l e g g e stata la c o n s e g u e n z a d i r e t t a di u n o dei fatti s e g u e n t i , o di a m b e d u e : p r i m o , clic le a s s e r z i o n i di f o r m a A e E, c o s i c o m e le a b b i a m o i n t e r p r e t a t e , s o n o v e r e in q u e i casi in cui la classe-soggetto v u o t a ; s e c o n d o , c h e le a s s e r z i o n i di f o r m a I c () non p o s s o n o e s s e r e vere in q u e s t a i n t e r p r e t a z i o n e se la classes o g g e t t o v u o t a . I m p i e g a n d o la n o t a z i o n e p r e d i c a t i v a : ' ~ ( 3 . v )

( f x ) e s i g e la verit di ' ~ ( 3 . r ) ( / . r . ~ gx) ' e ' ~ ( 3 . r ) ( / . r . gx)' e


la f a l s i t di ' ( 3 . r ) ( / . r . ~ g x ) ' e ' ( 3 . r ) ( / . r . gx) '. Le p r o s p e t t i v e d e l l ' i n t e r p r e t a z i o n e a l t e r n a t i v a , in cui u n a di q u e s t e c a r a t t e r i s t i c h e e e l i m i n a t a , p o t r e b b e r o s e m b r a r e un p o '

C r i t i c h e o r t o d o s s e al s i s t e m a

217

migliori. Inoltre, aggiungendo un i m p e g n o esistenziale alle forme u n i v e r s a l i , q u e s t ' i n t e r p r e t a z i o n e p u a p p a r i r c i f o r n i t a del vantaggio a d d i z i o n a l e d i p o r t a r c i u n p o ' p i v i c i n o a g l i usi p i frequenti d e l l e f o r m e con
4

tutti ' e ' n e s s u n o ' nel l i n g u a g g i o o r d i n a -

rio. T e n t i a m o di sostituire a l l a t a b e l l a 1 la t a b e l l a di t r a d u z i o n e r e v i s i o n a t a c h e r i p o r t i a m o qui s o t t o : Tabella vAy .rEy = . 0 = . O _ O 2

~ ( 3 x ) ( f x . ~g.v) . (3.r)(/.r)
~ ( 3 . ) ( / . . g.v ) . ( 3.r )(fx )

xly
.tOy

(3x)(fx.gx)
(3x){fx.~gx)

vero c h e q u e s t a s e c o n d a i n t e r p r e t a z i o n e s a l v a la v a l i d i t ili alcune d e l l e l e g g i t r a d i z i o n a l i c h e s o n o s t a t e s a c r i f c a t e i n b a s e a l l a p r i m a ; ma non di tutte. E q u e s t o l i m i t a l o s u c c e s s o g u a d a g n a t o al costo di r e n d e r e i n v a l i d e tuttavia a l t r e leggi del v e c c h i o s i s t e m a . Per e s e m p i o , d e l l e leggi del q u a d r a t o d ' o p p o s i z i o n e la n u o v a interpretazione salva A 3 I E 3 O ~ ( 3 * ) ( / * . ~ g x ) . ( 3 . r ) ( / . v ) 3 ( 3 x ) ( f x . gx) ~ ( 3 x ) ( / x . g x ) . ( 3 x ) ( / x ) 3 (3.v)(/.r . ~ g x )

~ ( A.E )~ [ ~ ( 3 x ) ( f x . ~ g x ). ( 3 x ) ( f x ) . ~ ( 3 x ) ( f x . g x ) C i o , essa s a l v a l e d u e i m p l i c a n z e d i f o r m e p a r t i c o l a r i d a f o r m e u n i v e r s a l i e la r e g o l a c h e A e E sono c o n t r a r i e . Ma non riesce a s a l v a r e la r e g o l a che I e O non p o s s o n o e s s e r e a m b e d u e f a l s e . In p i r e n d e i n v a l i d e le leggi ' A = ~ O ' e ' E = ~ I ' . I n f a t t i se 0 v i e n e n e g a t a in m o d o da p r o d u r r e la s u a c o n t r a d d i t t o r i a , o t t e n i a m o ' ~ ( 3x)(fx . ~ gx ) '; non o t t e n i a m o a n c h e la c o m p o nente p o s i t i v a m e n t e esistenziale d e l l a n u o v a f o r m a A. A e O non sono p i c o n t r a d d i t t o r i e , m a s o l o c o n t r a r i e ; g i a c c h , m e n t r e a m b e d u e non p o s s o n o e s s e r vere p e r u n d a t o e s e m p i o , a m b e d u e p o s s o n o e s s e r e f a l s e , nel c a s o c h e l a c o m p o n e n t e p o s i t i v a m e n t e

2 U O S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza e s i s t e n z i a l e di A sia f a l s a . In m o d o a n a l o g o , E e I sono s o l t a n t o contrarie. La nuova interpretazione preserva la validit della conversione

per acciilens di A in I. ma non (nella di E in 0. I n o l t r e , e s s a


r e n d e i n v a l i d a la c o n v e r s i o n e s e m p l i c e di E. Le f o r m u l e ' = I) , O' e ' = O . ' non sono affatto equivalenti. D i r e ' N e s s u n o i n s i e m e un a r c h i t e t t o e un a n g e l o ; e c' a l m e n o un a r c h i t e t t o " non lo stesso di d i r e * N e s s u n o i n s i e m e un a n g e l o e un a r c h i t e t t o ; e c' a l m e n o un a n g e l o ' . E con la v a l i d i t d e l l a c o n v e r s i o n e s e m p l i c e di E c a d e a n c h e la v a l i d i t di un c e r t o num e r o d i f o r m e del s i l l o g i s m o . Il d i l e m m a , allora, diventa chiaro. Esso si fonda sulla presupp o s i z i o n e c h e l e sole i n t e r p r e t a z i o n i non a m b i g u e del s i s t e m a p e r le (piali le s u e costanti si a v v i c i n i n o in s i g n i f i c a t o al loro u s o o r d i n a r i o s i a n o le d u e test c o n s i d e r a t e . A m e n o c h e tale p r e s u p p o s i z i o n e non tossa d i m o s t r a r s i e r r a t a , deve accettarsi la conc l u s i o n e c h e non esiste a l c u n a i n t e r p r e t a z i o n e c o n g r u e n t e e d accett a b i l e del s i s t e m a n e l l a s u a i n t e r e z z a .

III.

Soggetti
6.

predicati

Q u e s t a c o n c l u s i o n e , e la p r e s u p p o s i z i o n e s u l l a q u a l e si

f o n d a , s o n o in r e a l t e r r a t e . p e r f e t t a m e n t e p o s s i b i l e t r o v a r e int e r p r e t a z i o n i p e r le f o r m e A, E, I e O tali c h e per esse tutte le leggi del s i s t e m a t r a d i z i o n a l e p o s s a n o e s s e r e v a l i d e i u s i e m e . C i s o n o a l m e n o d u e m e t o d i d i s t i n t i , a n c h e s e legati fra l o r o , med i a n t e i (piali ci p u r e a l i z z a r s i . U n o ha s o l t a n t o un interesse l i m i t a t o e f o r m a l i s t i c o ; l ' a l t r o i l l u m i n a a l c u n e c a r a t t e r i s t i c h e gen e r a l i del n o s t r o d i s c o r s o o r d i n a r i o . M a p e r q u a n t o essi s i a n o m o l l o d i f f e r e n t i per certi rispetti^ i m o d i in cui essi o p e r a n o p e r s a l v a r e l a c o n g r u e n z a del s i s t e m a s o n o s t r e t t a m e n t e legati. Presen-

219 t e r p e r p r i m a la s o l u z i o n e f o r m a l i s t i c a , in p a r t e a s c o p o eli c o m p l e t e z z a , e i n p a r t e p e r l a l u c e c h e e s s a g e t t a s u l l a s e c o n d a soluzione, o soluzione realistica. I l p r i m o m e t o d o c o n s i s t e s e m p l i c e m e n t e i n u n ' u l t e r i o r e elab o r a z i o n e del t i p o d ' i n t e p r e t a z i o n e in t e r m i n i di c l a s s e o q u a n t i ficazionali che gi a b b i a m o considerato. Si tratta di una specie di a c c o m o d a m e n t o ad hoc d e l v e c c h i o s i s t e m a f a t t a al fine di r a p p r e s e n t a r l o , n e l l a s u a i n t e r e z z a , c o m e u n a p a r t e d e l n u o v o . I l met o d o c o n s i s t e n e l l ' o v v i a r e a d o g n i p e r d i t a d i v a l i d i t c h e s i verifichi in una legge tradizionale e m e n d a n d o l'interpretazione di c l a s s e o p r e d i c a t i v a s u g g e r i t a in m o d o t a l e c h e la p e r d i t a di valid i t non a b b i a p i l u o g o . P e r e s e m p i o i l n o s t r o s e c o n d o t e n t a t i v o di fornire una traduzione in termini di f o r m u l e positivamente o n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l i c i h a l a s c i a t o c o n t r e leggi del q u a d r a t o d i o p p o s i z i o n e r e s e i n v a l i d e . C o m i n c i a m o d u n q u e con l a p r e v e n z i o n e ad hoc di queste perdite di validit. Dobbiamo dunque
k

r e n d e r e A e O c o n t r a d d i t t o r i e . O r a , n e l l a t a b e l l a 2. A

~(3x)

( f x . ~ gx) . ( 3 x ) ( f x ) ' e d O ' ( 3 x ) ( f x . ~ g x ) ' . L a c o n t r a d d i t t o r i a d i u n ' e s p r e s s i o n e d e l l a f o r m a ' ~ p . q ' l ' e s p r e s s i o n e corrispondente della forma ' ~ q '. Di conseguenza decidiamo di d a r e ad O q u e s t a f o r m a r e i n t e r p r e t a n d o l a c o m e * ( 3.r )( fx . ~ g x ) ~ ( 3 . r ) ( f x ) '. A ed 0 s o n o o r a c o n t r a d d i t t o r i e . A n a l o g a m e n t e reinterpretiamo I come

( 3 x ) ( f x . g.r) v ~ ( 3 x ) ( f x )
di m o d o c h e e s s a d i v e n t a la c o n t r a d d i t t o r i a di E. clic c

~ ( 3 x ) ( f x . gx) . ( 3 x ) ( f x ) .
evidente che con questa m a n o v r a a b b i a m o salvato la legge che 1 e O s o n o s u b c o n t r a r i e ( c i o , c h e a s s e r z i o n i c o r r i s p o n d e n t i di queste f o r m e non p o s s o n o e s s e r e f a l s e i n s i e m e ) . Q u e s t a l e g g e diventava invalida p e r le interpretazioni precedenti, perch asserzioni d i q u e s t e f o r m e potevano a m b e d u e e s s e r e f a l s e , nel c a s o c h e l a
Ib

2UO

S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza ( 3 . t ) ( / . r ) ' fosse v e r a .

corrispondente asserzione della forma

Ma nella n u o v a i n t e r p r e t a z i o n e la v e r i t di q u e s t a a s s e r z i o n e u n a c o n d i z i o n e sufficiente d e l l a v e r i t d i a m b e d u e l e a s s e r z i o n i I e O : giacch


k

q z> q ' a n a l i t i c a . N , s a l v a n d o q u e s t e tre,

s a c r i f i c h i a m o q u a l c h e altra d e l l e leggi d e l q u a d r a t o d i o p p o s i z i o n e . A e E non s o n o state a l t e r a t e , p e r c i esse restano c o n t r a r i e . Le leggi ' A r) I ' e ' E 3 O
7

r i m a n g o n o v a l i d e . Infatti la v e c c h i a

f o r m a di I e s i g e la n u o v a f o r m a di I, ed A e s i g e la v e c c h i a f o r m a di I; q u i n d i A esige la n u o v a f o r m a di I. A n a l o g a m e n t e , E e s i g e la n u o v a O. Ulteriori emendamenti, tuttavia, si rendono necessari. Sebbene si s i a n o s a l v a l e tutte le leggi del q u a d r a t o di o p p o s i z i o n e , non a b b i a m o alterato la E della tabella 2: sicch la sua conversione semplice rimane invalida. Se trasponiamo i termini ( c i o le variabili predicative) nella f o r m u l a ' ( 3 x ) ( f x . gx) ~ ( 3 . v ) ( / . r ) ' o t t e n i a m o ' ( 3 . v ) ( g . v . f x ) ~ ( 3.v)( gx ) ": e q u e s t e f o r m u l e non s o n o allatto e q u i v a l e n t i . Infatti " ~ ( 3 . v ) ( / . v ) . ( 3 . r ) ( g . v ) ' e s i g e la p r i m a ed i n c o n g r u e n t e con la s e c o n d a . La r a g i o n e p e r cui la c o n v e r s i o n e di E c e s s a v a di e s s e r e v a l i d a e r a c h e ' ~ ( 3 . v ) ( g . v ) ' [ ' = O * ] era c o n g r u e n t e con ~ ( 3 . v ) ( / . v . gx) . ( 3 . v ) ( f x ) ma non con la s u a c o n v e r s a s e m p l i c e ~ ( 3 . v ) ( g v . f x ) . (3.v)(g.r) [ = . O ] . [ = . 0]

La s i m m e t r i a ilei t e r m i n i di E p u v e n i r e o v v i a m e n t e r i s t a b i l i t a , e l ' i n v a l i d i t p r e v e n u t a , ove si adotti l ' i n t e p r e t a z i o n e ~(3*)(/.r.g.t).(3.r)(/*).(3*)(g*) lo = . . Ol

A n a l o g a m e n t e , la s i m m e t r i a di t e r m i n i di I p u v e n i r e r i s t a b i l i t a reinterpretandola come
( 3 x ) ( f x . g x ) y ~(3.v)(/.v) ~(3v)(g.v)

Soggetti e predicati

221

c he m a n t i e n e altres la s u a p o s i z i o n e di c o n t r a d d i t t o r i a di E. Adott a n d o q u e s t a lettura p e r E e I o v v i a m e n t e ci c o s t r i n g i a m o ad oper a r e u l t e r i o r i m o d i f i c a z i o n i n e l l e a l t r e f o r m e a l l o s c o p o d i preserv a r e l e loro relazioni l o g i c h e . G i a c c h , p e r l a r e g o l a d i o h v e r s i o n e ,

" xAy ' e q u i v a l e n t e a ' * E y '

p o s s i a m o ottenere l'interpretazione

appropriata di A semplicemente negando il secondo termine (' g' o ' 0 ') per tramite dell'ultima forma che a b b i a m o indicato per E; eon il c h e o t t e n i a m o ~(3*)(/* . ~ g x ) . (3*)(/*) . (3*)(~g*) [oppure = . + . 0 ] Infine 0 , i n q u a n t o c o n t r a d d i t t o r i a d i A , d e v e v e n i r r e i n t e r p r e t a t a come

( 3 x ) ( f x . g x ) v ~ ( 3 x ) ( f x ) v ~(3.r)( ~ gx).
A b b i a m o cosi, c o m e nostra i n t e r p r e t a z i o n e f i n a l e : Tabella 3 A E I O ~ ( 3 * ) ( / * . ~ g x ) . ( 3 x ) ( f x ) . (3.r)( ~ g x ) ~ ( 3 x ) ( f x . gx) . ( 3 x ) ( / x ) . (3x)(gx) (3x)(fx.gx)y ~(3x)(/x)y ~(3x)(gx) (3x)(/x . ~ g x ) ~ ( 3 x ) ( / x ) v ~ ( 3 x ) ( ~gx).

P e r (piesta i n t e r p r e t a z i o n e tutte le leggi d e l l a l o g i c a t r a d i z i o n a l e r i m a n g o n o v a l i d e i n s i e m e ; e d esse r i m a n g o n o v a l i d e a n c h e nell ' a m b i t o d e l l a logica d e l l e c l a s s i o d e l l e f o r m u l e q u a n t i f i c a t e , come una parte di quella. In tal m o d o q u i n d i si p u a s s i c u r a r e la c o n g r u e n z a del sis t e m a . M a i l prezzo p a g a t o p e r tale c o n g r u e n z a p o t r e b b e semb r a r e p i u t t o s t o alto, s e s i a m o s o p r a t t u t t o d e s i d e r o s i e h e l e c o s t a n t i ' ogni ' (o ' tutti " ) , 4 q u a l c h e ' (o ' a l c u n i ' ) , e ' n e s s u n o ' riflettano i l t i p i c o c o m p o r t a m e n t o l o g i c o d i q u e s t e p a r o l e nel l i n g u a g g i o ord n a r i o . v e r a m e n t e p o c o p l a u s i b i l e s u g g e r i r e ehe, se q u a l c u n o

2UO

S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza

d i c e ' A l c u n i studenti d ' i n g l e s e r i c e v e r a n n o licci q u e s t ' a n n o ', cond i z i o n e sufficiente p e r c h egli a b b i a f a t t a u n ' a s s e r z i o n e v e r a s i a clic n e s s u n o s t u d e n t e a f f a t t o p r e n d a licci ! E p p u r e q u e s t a s a r e b b e una c o n s e g u e n z a d e l l ' a c c e t t a z i o n e l e l l ' i n t e r p r e t a z i o n e s o p r a fornita p e r I . S i noti c h e l ' a v e r l a s c i a t o c a d e r e l ' i m p l i c a z i o n e d i plur a l i t c o n t e n u t a in ' a l c u n i ' e l ' u s o in s u a vece di ' q u a l c h e ' o di " a l m e n o u n o ', c o n t r i b u i s c e p o c o a l l a s c a r s a p l a u s i b i l i t d e l l a trad u z i o n e . N o n c o n s i d e r e r e m m o i l s u g g e r i m e n t o s u d d e t t o p i conv i n c e n t e nel c a s o di pialcuno c h e d i c e s s e ' A l m e n o u n o s t u d e n t e ili i n g l e s e r i c e v e r d i e c i q u e s t ' a n n o '. Q u i n d i la terza t a b e l l a di t r a d u z i o n i s e r v e m e n o Ielle a l t r e d u e , s e p u r s e r v e , a d a t t e n u a r e il nostro s e n s o di d i v e r g e n z a d a l l ' u s o l i n g u i s t i c o c o m u n e . 7. Ricominciamo dunque daccapo, prendendo l'ultima tabella

c o m e g u i d a . E non r e s t i a m o v i n c o l a t i d a l p r e s u p p o s t o d o n d e s o n o s c a t u r i t e tutte queste difficolt, e c i o c h e , q u a l u n q u e interpretaz i o n e s i d i a a l l e q u a t t r o f o r i n e , d e b b a trattarsi d i u n ' i n t e r p r e t a zione in termini esplicitamente esistenziali e che tutte le asserzioni delle quattro f o r m e d e b b a n o essere positivamente o n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l i , o a m b e d u e le c o s e a s s i e m e . Si supp o n g a c h e i p i a l c u n o d i c a * T u t t i i b a m b i n i di G i o v a n n i sono add o r m e n t a t i '. ovvio c h e e g l i n o r m a l m e n t e , o p r o p r i a m e n t e , non d i r ci s e non c r e d e c h e G i o v a n n i a b b i a b a m b i n i (clic sono a d d o r m e n t a t i ) . M a s u p p o n i a m o c h e egli s i s b a g l i . S u p p o n i a m o c h e G i o v a n n i non a b b i a n e s s u n b a m b i n o . A l l o r a vero o f a l s o clic tutti i b a m b i n i di G i o v a n n i s o n o a d d o r m e n t a t i ? C i a s c u n a d e l l e due risposte possibili p o t r e b b e s e m b r a r tale d a f u o r v i a r c i . M a non s i a m o costretti a d a r n e n e s s u n a . P o s s i a m o d i r e , e n o r m a l m e n t e d i r e m m o , c h e . lato c h e G i o v a n n i non ha figli, la q u e s t i o n e non si p o n e . Ma se la f o r m a d e l l ' a s s e r z i o n e fosse

la r i s p o s t a corretta a l l a q u e s t i o n e c i r c a la s u a v e r i t s a r e b b e

Si ',

223 p e r c h " ~ ( 3 . v ) ( / * ) ' u n a c o n d i z i o n e sufficiente d e l l a verit d i ~ ( 3 . r ) ( / . r . ~ g . r ) \ E se la f o r m a d e l l ' a s s e r z i o n e f o s s e o ~(3*)(/.r . ~ g x ) . (3*)(/*) oppure ~ ( 3 x ) ( f x . ~ g x ) . ( 3 * ) ( / * ) . ( 3 . v ) ( ~ g * ) [Tabella 3] la r i s p o s t a c o r r e t t a alla q u e s t i o n e s a r e b b e c h e l ' a s s e r z i o n e e f a l s a ; infatti ' ~ ( 3.V ) ( / . * ) ' i n c o n g r u e n t e con a m b e d u e q u e s t e form u l e . Ma non riesce n a t u r a l e di tiare n l ' u n a n l ' a l t r a r i s p o s t a per il s e m p l i c e fatto c h e la classe-soggetto v u o t a . Si d i c e piuttosto c h e la q u e s t i o n e d e l l a v e r i t o f a l s i t d e l l ' a s s e r z i o n e s e m p l i c e m e n t e non s o r g e ; c h e u n a d e l l e c o n d i z i o n i p e r r i s p o n d e r v i i n un m o d o o n e l l ' a l t r o non s o d d i s f a t t a . L ' a d o z i o n e d i u n a q u a l s i a s i d e l l e a n a l i s i e s p l i c i t a m e n t e esistenziali, sia di quella negativamente esistenziale ( t a b e l l a 1 ) , sia d i q u e l l a fatta m e d i a n t e u n a c o n g i u n z i o n e d i c o m p o n e n t i positiv a m e n t e e n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l i ( t a b e l l e 2 e 3 ) , ci o b b l i g a a c o n c l u d e r e c h e la non esistenza dei b a m b i n i di G i o v a n n i sufficiente a d e t e r m i n a r e la verit o la f a l s i t d e l l ' a s s e r z i o n e g e n e r a l e ; l a r e n d e vera p e r l a p r i m a a n a l i s i , f a l s a p e r l e a l t r e d u e . L a c o n c e z i o n e p i realistica s e m b r a e s s e r q u e l l a p e r cui l'esistenza dei bambini di Giovanni una precondizionc necessaria non s o l t a n t o d e l l a verit di ci c h e vien detto, ma del s u o e s s e r e o v e r o o f a l s o . Il c h e s u g g e r i s c e la p o s s i b i l i t di i n t e r p r e t a r e tutte e quattro le f o r m e a r i s t o t e l i c h e su q u e s t a l i n e a : c i o , coin f o r m e tali e b e la q u e s t i o n e della verit o f a l s i t d e l l e a s s e r z i o n i che le esemp l i f i c a n o q u e s t i o n e clic non si p o n e ove la classe-soggetto non abbia membri. E i m p o r t a n t e rendersi conto del p e r c h si s i a esitato ad adottare u n a c o n c e z i o n e del g e n e r e di a l m e n o a l c u n e a s s e r z i o n i gen e r a l i . p r o b a b i l m e n t e da r i t e n e r s e n e r e s p o n s a b i l e l ' i n f l u e n z a d e l l a t r i c o t o m i a ' o v e r o o f a l s o o p r i v o di senso ' in q u a n t o a p p l i [Tabella 2]

S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza

cata a l l e a s s e r z i o n i . Q u e s t a t r i c o t o m i a , infatti, c o n t i e n e u n a conf u s i o n e : la confusione fra enuncialo e asserzione1. Naturalmente, l ' e n u n c i a t o ' T u t t i i b a m b i n i di G i o v a n n i s o n o a d d o r m e n t a t i ' non p r i v o di s e n s o . E s s o anzi p e r f e t t a m e n t e s i g n i f i c a n t e . Ma senza s e n s o d o m a n d a r e , dell'enunciato, se c vero o f a l s o . B i s o g n a d i s t i n g u e r e f r a ci clic p u e s s e r detto eirea r e n u n c a l o , e ci e b e p u esser detto c i r c a le a s s e r z i o n i fatte, in o c c a s i o n i d i f f e r e n t i , m e d i a n t e l'uso d e l l ' e n u n c i a t o . La q u e s t i o n e d e l l a verit o f a l s i t p u s o r g e r e soltanto r i g u a r d o a l l e a s s e r z i o n i : ed intorno a q u e s t e e s s a , q u a l c h e volta, p u m a n c a r e d i s o r g e r e . M a d i r e e b e c o l u i e b e u s a l ' e n u n c i a t o nel c a s o clic a b b i a m o i m m a g i n a t o m a n c a d i d i r e u n a q u a l s i a s i cosa c h e s i a o vera o f a l s a , non e q u i v a l e a d i r e c h e l ' e n u n c i a l o clic egli p r o f e r i s c e e p r i v o di s e n s o . N con c i si nega c h e egli f a c c i a un e r r o r e . N a t u r a l m e n t e , s c o r r e t t o (o fall a c e ) d a p a r t e s u a l ' u s o d i q u e s t ' e n u n c i a t o senza ( ) c h e p e n s i d i r i f e r i r s i a d a l c u n i b a m b i n i c h e ritiene e s s e r e a d d o r m e n t a t i ; (/>) c h e p e n s i c h e G i o v a n n i h a b a m b i n i ; ( c ) c h e p e n s i c h e i bambini ai quali si riferisce sono quelli di Giovanni. P o t r e m m o d i r e clic u s a n d o l ' e n u n c i a t o egli si impegna ad a f f e r m a r e l'esistenza dei b a m b i n i di G i o v a n n i . S a r e b b e , a p r i m a vista, u n a s o r t a di a s s u r d i t l o g i c a il d i r e ' T u t t i i b a m b i n i di G i o v a n n i s o n o add o r m e n t a t i ; ma G i o v a n n i non ha b a m b i n i '. E p o s s i a m o e s s e r tentati di p e n s a r e c h e q u e s t o g e n e r e di a s s u r d i t l o g i c a sia u n ' a u t o contraddizione delle pi dirette; ed esser quindi spinti una volta di p i ad u n ' a n a l i s i del t i p o di q u e l l a d e l l a t a b e l l a 2 ; e q u i n d i a l l a c o n c l u s i o n e c h e chi d i c e s s e ' T u t t i i b a m b i n i d i G i o v a n n i s o n o a d d o r m e n t a t i ' , ( p i a n d o G i o v a n n i non a b b i a f i g l i , f a r e b b e u n ' a s s e r z i o n e f a l s a . Ma non n e c e s s a r i o che* p e r il f a t t o c h e si r i l e v a t a q u e s t a s o r l a di a s s u r d i t , si v e n g a avviati a q u e s t a conc l u s i o n e . S e infatti u n ' a s s e r z i o n e A p r e s u p p o n e u n ' a s s e r z i o n e A ' nel senso c h e la verit di A' s i a u n a p r e c o n d i z i o n e d e l l a verit-o-

C f r . capitolo I, p. 7.

Soggetti e predicati

225

f a l s i t tli A . a l l o r a c i s a r n a t u r a l m e n t e u n q u a l c h e g e n e r e d i a s s u r d i t l o g i c a nel c o n g i u n g e r e A c o n la n e g a z i o n e di A ' . p r e c i s a m e n t e q u e s t a l a r e l a z i o n e c h e s u s s i s t e , nel c a s o d a noi i m m a g i n a t o , f r a l ' a s s e r z i o n e c h e tutti i b a m b i n i d i G i o v a n n i s o n o a d d o r m e n t a l i ( A ) e l ' a s s e r z i o n e c h e G i o v a n n i h a b a m b i n i , c h e esistono b a m b i n i d i Giovanni ( A ' ) . M a d o b b i a m o distinguere questo g e n e r e d i a s s u r d i t l o g i c a d a l l a d i r e t t a a u t o - c o n t r a d d i z i o n e . auto-contraddittorio congiungere A con la negazione di A' se A' una condizione necessaria semplicemente della verit, di A. L'u d i v e r s o g e n e r e d i a s s u r d i t l o g i c a s i h a q u a n d o s i c o n g i u n g e A con la n e g a z i o n e di A', se A' una c o n d i z i o n e necessaria d e l l a

verit o falsit di A. La r e l a z i o n e f r a A e A' n e l p r i m o c a s o c h e


A e s i g e A ' . A b b i a m o b i s o g n o d i u n n o m e d i f f e r e n t e p e r l a relaz i o n e f r a A e A ' nel s e c o n d o c a s o ; d i c i a m o , c o m e d i c e v a m o s o p r a , cite A

presuppone

A'.

S o t t o la m a n c a t a d i s t i n z i o n e f r a e n u n c i a t o c a s s e r z i o n e , e s o t t o l a t r i c o t o m i a s p u r i a ' v e r o , f a l s o , o p r i v o d i s e n s o ' , p o s s i a m o scoprire l'azione di un ulteriore pregiudizio logico che contribuisce a clic i fatti d e l l i n g u a g g i o ci s i a n s o t t r a t t i a l l a v i s t a . P o s s i a m o descrivere ci come la credenza o, forse meglio, c o m e il desiderio che, se un enunciato proferito da una p e r s o n a , in un certo mom e n t o e i n u n certo p o s t o , d l u o g o a d u n ' a s s e r z i o n e v e r a , a l l o r a q u e l l ' e n u n c i a t o pronunziato da un'altra p e r s o n a , in un altro momento. in un altro posto, dia ancora luogo ad u n ' a f f e r m a z i o n e vera. possa Riesce, naturalmente, incredibile che un logico formale c r e d e r e a ci s e n z a e s s e r f u o r d i s e n n o . R i e s c e t u t t a v i a

m o l t o n a t u r a l e c h e essi d e s i d e r i n o c h e l e c o s e s t i a n o c o s i , e c h e q u i n d i p a r l i n o c o m e s e c i f o s s e i l c a s o . E a c o l o r o c h e s o n tentati d i p a r l a r e c o m e s e c o s i f o s s e , l a d i s t i n z i o n e f r a e n u n c i a t i e asserzioni sulla quale ho insistito non si presenter o s e m b r e r poco importante. Perch questa credenza-desiderio debba riuscir n a t u r a l e a i l o g i c i f o r m a l i , e q u a l i u l t e r i o r i effetti e s s a a b b i a , cosa che discuter pi innanzi.

S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza

E d ecco d u n q u e c i clic p r o p o n g o . C i sono molti e n u n c i a t i d ' u s o o r d i n a r i o c h e c o m i n c i a n o con e s p r e s s i o n i q u a l i ' Ogni . . .', ' T u t t i . . . ' , ' N e s s u n o . . . ' . ' N e s s u n o dei . . . ' , ' Q u a l c h e . . A l c u n i . . . ' , ' A l m e n o un A l m e n o u n o dei . . .', i q u a l i , nel loro impiego tipico, mostrano caratteristiche parallele a quelle test descritte p e r il c a s o di un e n u n c i a t o r a p p r e s e n t a t i v o con " Ogni . . . ' Con ci v o g l i o d i r e c h e l'esistenza di m e m b r i d e l l a classe-soggetto d e v e c o n s i d e r a r s i p r e s u p p o s t a ( n e l senso s p e c i a l e d e s c r i t t o ) d a l l e a s s e r z i o n i fatte con l ' i m p i e g o d i q u e s t i e n u n c i a t i ; deve considerarsi d u n q u e c o m e una condizione necessaria non s e m p l i c e m e n t e d e l l a v e r i t , ma d e l l a verit o falsit di tali asserz i o n i . P r o p o n g o che l e q u a t t r o f o r m e a r i s t o t e l i c h e d e b b a n o v e n i r interpretale come forme di asserzioni di questo genere. L'adozione di q u e s t a proposta preserver il s i s t e m a dall'accusa di essere i n c o n g r u e n t e q u a n d o v e n g a i n t e r p r e t a t o ? L a risposta o v v i a m e n t e a f f e r m a t i v a , i n f a t t i ogni c a s o d i i n v a l i d i t , d i d e c a d i m e n t o d e l l e leggi, s o r g e a c a u s a d e l l a non-esistenza di m e m b r i p e r q u a l c h e classe-soggetto, non-esistenza c h e p u r riesce c o m p a t i b i l e con l a v e r i t , o con la f a l s i t , di q u a l c h e a s s e r z i o n e a v e n t e u n a d e l l e q u a t t r o f o r m e . C o s i l a nostra p r o p o s t a , c h e r e n d e l a non-esistenza d i m e m b r i d e l l a classe-soggetto i n c o m p a t i b i l e s i a con l a v e r i t c h e con la f a l s i t di q u a l u n q u e a s s e r z i o n e di q u e s t e f o r m e , riined i e r in u n a volta s o l a a tutti q u e s t i i n c o n v e n i e n t i . D o b b i a m o i m m a g i n a r e c h e ogni r e g i d a l o g i c a del s i s t e m a , q u a n d o sia e s p r e s s a in t e r m i n i di v e r i t o f a l s i t , s i a p r e c e d u t a d a l l a f r a s e ' P r e s u p p o s t o c h e le a s s e r z i o n i di cui trattasi s i a n o o v e r e o f a l s e , allora che. posti ; . . . " C o s i la r e g o l a clic A la c o n t r a d d i t t o r i a di O s t a b i l i s c e

se

asserzioni

corrispondenti

delle

forme

O
di

hanno
verit allora,

amopse

bedue valori di verit, a l l o r a spondenti di queste forme

devono

avere valori

la r e g o l a c h e A e s i g e I s t a b i l i s c e c h e . se asserzioni corri-

hanno

valori

di

verit,

1 asserzione della forma A e vera, l'asserzione della forma 1 deve e s s e r e vera ; e cosi v i a . Il s u g g e r i m e n t o c h e le r e g o l e di i m p l i c a n z a

Soggetti e p r e d i c a t i

227

d o v r e b b e r o e s s e r e intese a q u e s t o m o d o non p e c u l i a r e del c a s o p r e s e n t e '. P e c u l i a r e del c a s o p r e s e n t e s o l o il r e q u i s i t o e b e , affinch a d ogni a s s e r z i o n e a v e n t e u n a d e l l e q u a t t r o f o r m e c o m p e t a un v a l o r e li v e r i t , affinch c i o e s s a s i a o vera o f a l s a , necess a r i o c h e l a classe-soggetto a b b i a m e m b r i . abbastanza ovvio c h e l ' a d o z i o n e di piesto s u g g e r i m e n t o s a l v e r d a l d e c a d i m e n t o tutte l e r e g o l e del s i s t e m a t r a d i z i o n a l e , con la s o l a eccezione di q u e l l e c h e p e r m e t t o n o la c o n v e r s i o n e s e m p l i c e di E e di I, o s s i a ne c o m p o r t a n o la v a l i d i t . Il fatto c h e la classe-soggetto cui si r i f e r i s c e u n ' a s s e r z i o n e a v e n t e u n a li pteste d u e f o r m e d e b b a e s s e r e non-vuota affinch l ' a s s e r z i o n e s i a vera o f a l s a , non g a r a n t i s c e , nel c a s o d e l l a verit li u n ' a s s e r z i o n e li o Iella f a l s i t li u n ' a s s e r z i o n e 1, c h e non sia vuota la classep r e d i c a t o . Q u e s t a era l a r a g i o n e p e r cui l e i n t e r p r e t a z i o n i f i n a l i della t a b e l l a 3 r i c h i e d e v a n o p e r c i a s c u n a f o r m a tre c o m p o n e n t i al posto li d u e . Ma ci, p u r e s s e n d o v e r o , non costituisce u n ' o b i e zione, n p o r l a al d e c a d i m e n t o Ielle r e g o l e cosi c o m e o r a noi le i n t e n d i a m o . F o r s e cosi u n ' a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a * .rEy ' p o t r e b b e esser vera mentre la corrispondente asserzione della forma ' yE.r ' non s a r e b b e n v e r a n f a l s a . Ma tutto ci c h e r i c h i e d i a m o che n e l l a m i s u r a in cui c o r r i s p o m l e n t i a s s e r z i o n i d e l l e f o r m e ' .rEy " e ' yE.v ' siano a m b e d u e o vere o f a l s e , esse d e b b a n o essere o a m b e d u e vere, o a m b e d u e f a l s e . C i ci a s s i c u r a t o dall'int e r p r e t a r e ' .vEy ' c o m e la f o r m a d e l l e i n n u m e r e v o l i a s s e r z i o n i di l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , c h e c o m i n c i a n o con ' N e s s u n . . . ' o * Ness u n o dei . . .', del gimere d e s c r i t t o in ucsta s e z i o n e . Considerazioni similari valgono per I; per quanto il far m e n z i o n e di I ci faccia r a m m e n t a r e di u n a riserva non p r i v a di importanza che dobbiamo fare, prima di concludere semplicem e n t e c h e le costanti
1

ogni ', ' q u a l c h e ', ' n e s s u n o ' del s i s t e m a

t r a d i z i o n a l e p o s s a n o v e n i r intese, s e n z a d a n n o p e r n e s s u n a d e l l e
1

C-fr. la trattazione del sistema vero-funzionale, copitolo I I I . >|>. 09-91.

2UO

S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza

r e g o l e , c o m e aventi e s a t t a m e n t e l o stesso s i g n i f i c a t o c h e q u e s t e p a r o l e h a n n o nelle m i r i a d i d i a s s e r z i o n i o r d i n a r i e del g e n e r e c h e s t i a m o t r a t t a n d o . E q u e s t o un p u n t o clic gi stato r i l e v a t o : c h e , c i o , ' q u a l c h e ' , nel s u o i m p i e g o p i c o m u n e c o m e p a r o l a separata, (per non dire naturalmente di 'alcuni') comporta u n ' i m p l i c a z i o n e di p l u r a l i t c h e i n c o n g r u e n t e con il r e q u i s i t o c h e O d e b b a e s s e r e la p r e c i s a c o n t r a d d i t t o r i a di A, e I di E. C o s i ' q u a l c h e *, in q u a n t o c o s t a n t e del s i s t e m a , d e v e v e n i r i n t e r p r e tata c o m e ' A l m e n o un . . .' o ' A l m e n o u n o dei .. .', m e n t r e ' ogni ', ' tutti ' e ' n e s s u n o ' p o s s o n o v e n i r letti s e n z ' a l t r o c o m e s o n o . L ' i n t e r p r e t a z i o n e d e l l e f o r m e t r a d i z i o n a l i clic p r o p o n g o h a , d u n q u e , i m e r i t i s e g u e n t i : ( a ) e s s a mette l ' i n t e r o c o r p o d i leggi del s i s t e m a i n g r a d o d i e s s e r e accettato senza i n c o n g r u e n z a : ( b ) con la r i s e r v a rilevata s o p r a , essa d a l l e costanti del s i s t e m a esatt a m e n t e il s e n s o che esse h a n n o in un vasto g r u p p o di a s s e r z i o n i del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o : ( c ) essa m e t t e i n rilievo u n ' i m p o r t a n t e c a r a t t e r i s t i c a g e n e r a l e d e l l e a s s e r z i o n i di q u e s t o g r u p p o , e c i o c h e , m e n t r e l'esistenza di m e m b r i d e l l e loro classe-soggetti non p a r t e di ci c h e v i e n e a s s e r i t o d a l l e stesse, essa ne t u t t a v i a il p r e s u p p o s t o , nel s e n s o clic a b b i a m o e s a m i n a t o . q u e s t ' u l t i m a c a r a t t e r i s t i c a c h e r e n d e p o c o p l a u s i b i l e c h e s i c o n s i d e r i n o l e ass e r z i o n i di esistenza c o i n o l ' i n t e r o s e n s o , o p a r t i c o n g i u n t i v e o d i s g i u n t i v e , del senso di a s s e r z i o n i o r d i n a r i e sul g e n e r e di ' T u t t i gli u o m i n i c h e l a v o r a n o s u l l e i m p a l c a t u r e sono a n d a t i l a c a s a ' o ' A l c u n i u o m i n i sono a n c o r a al l a v o r o '. Q u e s t a e r a la r a g i o n e p e r cui non ci riusciva
1

agevole

di

considerare

espressioni

quali

' ( . r ) ( / . t r> gx)

come suscettibili

di f o r n i r e la f o r m a a q u e s t i

e n u n c i a t i , e la r a g i o n e p e r cui il nostro i m b a r a z z o non p o t e v a v e n i r e l i m i n a t o con l a s e m p l i c e a g g i u n t a d i f o r m u l e p o s i t i v a m e n t e o n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l i . P e r s i n o la r a s s o m i g l i a n z a f r a ' N o n c un s o l o l i b r o nella s u a s t a n z a c h e non s i a di a u t o r e i n g l e s e ' e la fo r m a I.a n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l e ' ~ ( 3 x ) ( f x . ~ gx) ' e r a prima asserzione, cosi come normalmente usata. fall a c c .

229 comporta lungi dal la presupposizione ' lihri-nella-sua-stanza ' per implicanza da e<l lien

risultare

' non-un-lihro-nclla-sua-

s t a n z a ' ; mentre la seconda risulta da * ~ ( 3 . r ) ( / * ) ' . Accade cosi c h e s e q u a l c u n o , con a r i a s o l e n n e , d i e a ' N o n c ' u n s o l o l i b r o straniero nella sua s t a n z a 1 e poi riveli in seguito che nella sua s t a n z a non c i s o n o lihri p e r n i e n t e , noi non a b b i a m o g i l a s e n s a z i o n e c h e c i s i a s t a t a detta u n a b u g i a , b e n s d i e s s e r s t a t e v i t t i m e di u n a s o r t a di i n g a n n o l i n g u i s t i c o . N a t u r a l m e n t e e g l i non disse clic n e l l a s t a n z a ci fossero l i b r i di s o r t a , di m o d o c h e non d i s s e niente di falso. Tuttavia ci che disse ci d a v a il diritto di presupporre che ce ne fossero, di m o d o che ci ha fuorviati. Perch ci clic lia d e t t o fosse vero ( o f a l s o ) e r a n e c e s s a r i o ( s e b b e n e non sufficiente) che ci fossero libri nella sua stanza. Di questo genere s o t t i l e la r e l a z i o n e fra ' N o n c ' un l i b r o n e l l a s u a s t a n z a c h e non sia d ' a u t o r e i n g l e s e ' e ' Ci s o n o l i b r i n e l l a s u a s t a n z a ' Ci che

' Q u a l c u n o dir clic questi punti non s o n o affatto pertinenti in logica ( s o n o * m e r a m e n t e pragmatici 1 ) . Se c h i a m a r l i 4 non pertinenti in logica * significa d i r e c h e n o n s o n o c o n s i d e r a l i n e i s i s t e m i f o r m a l i , a l l o r a s i t r a t t a d i c o s a clic n o n v o g l i o g i m e t t e r e i n d i s c u s s i o n e , m a a n z i d e s i d e r o s o t t o l i n e a r e . M a per la logica, in q u a n t o ha c h e fare con le relazioni fra classi generali di asserzioni c h e ricorrono nell'uso o r d i n a r i o , e con le condizioni generali alle q u a l i tali a s s e r z i o n i s o n o c o r r e t t a m e n t e c h i a m a t e ' v e r e ' o ' f a l s e ' , q u e s t i punti non sono irrilevanti. Sotto ad essi p u certo vedersi una considerazione ' p r a g m a t i c a ' , una regola generale di condotta linguistica: e precisamente la regola c h e non si deve avanzare ( l o g i c a m e n t e ) la p r e t e s a m i n o r e , q u a n d o si p o s s a v e r a c e m e n t e ( e con e g u a l e o m a g g i o r e e c o n o m i a l i n g u i s t i c a ) a v a n z a r e quella maggiore. S u p p o n i a m o per un m o m e n t o che la forma 4 Non c' un s o l o . , . c h e n o n s i a . . . ' s i a introdotta nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o c o n lo s t e s s o s i g n i f i c a t o d i 4 ~ ( 3 ) (fx . ~ g . r ) \ A l l o r a i l m o d o d i o p e r a r e d i q u e s t a regola generale ci inihirehhc l'uso di q u e s t a f o r m a q u a n d o si potesse d i r e verac e m e n t e s o l t a n t o ' N o n c' u n s o l o . . . ' ( o 4 ~ ( 3 . v ) ( / * ) ' ) . E p e r o p e r a di q u e s t a i n i b i z i o n e si t e n d e r e b b e a c o n i e r i r e alla f o r m a introdotta esattamente quelle presupposizioni logiche che ho descritto: la forma stessa tenderebbe, ove non rimanesse inerte, a s v i l u p p a r e p r o p r i o le gi sottolineate differenze della logica della forma simbolica che essa era introdotta a rappresentare, la (unzione di questa ' r e g o l a p r a g m a t i c a ' mi (u posta per la p r i m a volta in rilievo, in una connessione diversa, du II. P. Orice.

2UO

249 Soggetti, predicati, esistenza

in q u e s t o c a s o , p i c h e nel c a s o del c o r r i s p o n d e n t e e n u n c i a t o di forma ' T u t t i " , allenta la nostra resistenza a l l ' a n a l i s i negativam e n t e e s i s t e n z i a l e la p o t e n t e a t t r a z i o n e d e l l a f r a s e n e g a t i v a d ' a p e r t u r a * N o n c' . . . ' P e r e v i t a r e f r a i n t e n d i m e n t i levo a g g i u n g e r e un p u n t o a proposito d i q u e s t a i n t e r p r e t a z i o n e d e l l e f o r m e del s i s t e m a tradizion a l e clic h o p r o p o s t o . N o n p r e t e n d o c h e essa r a p p r e s e n t i fedelincntc l e intenzioni dei s u o i p r i n c i p a l i s o s t e n i t o r i . Essi e r a n o , f o r s e , pi interessati a f o r m u l a r e r e g o l e clic g o v e r n i n o le r e l a z i o n i l o g i c h e di a s s e r z i o n i g e n e r a l i pi d e g n e di a t t e n z i o n e c h e non q u e l l e p r o p r i e d e l l a vita q u o t i d i a n a c h e i o h o p r e s o s o p r a t t u t t o in c o n s i d e r a z i o n e ; e r a n o i n t e r e s s a t i , p e r e s e m p i o , ai p o t e r i logici d e l l e g e n e r a l i z z a z i o n i s c i e n t i f i c h e , o di altri e n u n c i a t i c h e si avvicinano molto di pi alle condizioni desiderate per cui, se ne risulta un'asserzione vera q u a n d o siano pronunziati da qualcuno, in un ([uniche m o m e n t o , in un q u a l c h e lungo, a l l o r a d e b h a avvenire lo stesso [liando s i a n o p r o n u n z i a t e da q u a l c u n a l t r o , in pial u m p i c altro m o m e n t o , i n pinlunquc a l t r o l u o g o . D o b b i a m o cons i d e r a r e tuttavia in q u a l e m i s u r a la p r e s e n t a z i o n e fatta di a l c u n i e n u n c i a t i g e n e r a l i del d i s c o r s o o r i l i n a r i o sia a d e g u a t a p e r tutte le g e n e r a l i z z a z i o n i . 8. R i e s c e illuminante a questo punto la c o n s i d e r a z i o n e di

u n ' a l t r a critica o r t o d o s s a a l l a l o g i c a t r a d i z i o n a l e . S i lice s p e s s o c h e i logici t r a d i z i o n a l i c o n f o n d e v a n o lue r e l a z i o n i a f f a t t o diff e r e n t i , e p r e c i s a m e n t e q u e l l e di c l a s s e - i n c l u s i o n e e di classe-app a r t e n e n z a : c h e essi a s s i m i l a v a n o e r r o n e a m e n t e le a s s e r z i o n i di c l a s s e - a p p a r t e n e n z a a l l e a s s e r z i o n i li c l a s s e - i n c l u s i o n e . Il n u c l e o di piesta 'ritica sta in ci clic i logici t r a d i z i o n a l i , m e s s i di f r o n t e a u n a s i n g o l a a s s e r z i o n e c a t e g o r i c a c o m e piella f a t t a con le parole ' C e s a r e m o r t o \ la piale v e r r e b b e ora c l a s s i f i c a t a c o m e u n a a s s e r z i o n e s i n g o l a r e p r e d i c a t i v a o di c l a s s e - a p p a r t e n e n z a , c o m u n e m e n t e la a s s e g n a v a n o a l l a f o r m a A. E la s u a n e g a z i o n e ' C e s a r e

231 non m o r t o ' , l a a s s e g n a v a n o a l l a f o r m a E . L e o s s e r v a z i o n i e s p l i c a t i v e c h e d ' o r d i n a r i o a c c o m p a g n a n o q u e s t a d e c i s i o n e non presentano g r a n d e interesse. chiaro che la sua giustificazione, se g i u s t i f i c a z i o n e c ' , deve s t a r e i n q u a l c h e s t r e t t a a n a l o g i a f r a i poteri f o r m a l i di una simile asserzione c quelli di altre asserzioni della classe alla quale essa assegnata. O r a se le a s s e r z i o n i g e n e r a l i d e l l a f o r m a A f o s s e r o in effetti a s s e r z i o n i di c l a s s e - i n c l u s i o n e ( c i o a s s e r z i o n i Iella f o r m a ' C 0 ' o
1

( . v ) ( fx 3 gx) ' - o a n c h e - ~ ( 3 . r ) ( / . r . ~ g x ) . ( 3 v ) ( / . v ) ' ) , le

critiche moderne sarebbero ovviamente corrette. I poteri formali ili q u e s t e a s s e r z i o n i n e g a t i v a m e n t e ( o n e g a t i v a m e n t e c p o s i t i v a m e n t e ) e s i s t e n z i a l i sono m o l t o d i f f e r e n t i d a q u e l l i d i a s s e r z i o n i del tipo di classe-appartenenza o semplicemente predicativo. Q u a n d o s i a b b i a a d i s p o s i z i o n e u n s i m b o l i s m o l o g i c o atto a d e s p r i m e r e l e f o r m e d i a s s e r z i o n i d i certi t i p i , p o s s i a m o d i r e c h e d u e a s s e r z i o n i del g e n e r e s o n o d e l l a s t e s s a f o r m a s o l o s e u n a ili e s s e esemplifica qualche formula simbolica che esemplificata anche d a l l ' a l t r a . A l l o r a , e soltanto a l l o r a , ci sar q u a l c h e a n a l o g i a fra i loro p o t e r i f o r m a l i ; c i o , q u a l c h e l e g g e o m o d e l l o d ' i n f e r e n z a c h e s i a p p l i c h i a d a m b e d u e . C o s i i l d i r e clic l e s e m p l i c i a s s e r z i o n i predicative sono di forma totalmente differente dalle asserzioni ili c l a s s e - i n c l u s i o n e s i g n i f i c a a d d i t a r e fatti cosi ovvi c o m e q u e l l i c h e ' fx ' e ' ( x ) ( f x 3 g x ) ' n o n si e s e m p l i f i c a n o l ' u n a con l ' a l t r a ; che non c' una f o r m u l a c o m u n e che sia esemplificata da ambed u e ; che una legge come ( * ) ( / * =5 g.r) . ( . r ) ( g . r r> hx) r> ( * ) ( / * => hx) irriducibilmente differente per forma da una legge come

fy ( * ) ( / * =3 ')
e cosi via.

gy

La validit di questa critica del m o d o di p r o c e d e r e dei logici tradizionali dipende totalmente, tuttavia, dalla presupposizione

232

S o g g e t t i , p r e d i c a t i , esistenza

c h e a s s e r z i o n i Iella f o r m a A p o s s a n c o r r e t t a m e n t e c o n s i d e r a r s i c o m e a s s e r z i o n i di c l a s s e - i n c l u s i o n e , nel senso a t t r i b u i t o a q u e s t a f r a s e lai logici m o d e r n i . G i a c c h q u e s t ' a s s u n z i o n e f a l s a , la critica t o t a l m e n t e i n v a l i d a . C i n o n vuol d i r e c h e il p r o c e d i m e n t o t r a d i z i o n a l e fosse i n effetti g i u s t i f i c a t o ; vuol d i r e s o l t a n t o c h e non p o s s i b i l e d i r i m e r e la picstione l i m i t a n d o s i a c o n s i d e r a r e il s i m b o l i s m o del c a l c o l o p r e d i c a t i v o . L e a n a l o g i e f o r m a l i c h e c o l p i v a n o i logici t r a d i z i o n a l i s o n o a b b a s t a n z a o v v i e . Se u n o d i c e , p e r e s e m p i o , di tutti i m e m b r i di un ceriti g r u p p o , c h e h a n n o u n a certa c a r a t t e r i s t i c a , e c h e q u a h i n q u e cosa a b b i a q u e l l a c a r a t t e r i s t i c a h a a n c h e u n a c c r t ' a l t r a c a r a n e r i s t i c a , ne c o n s e g u e a l l o r a clic tutti i m e m b r i del g r u p p o in questione hanno la seconda caratteristica. A n a l o g a m e n t e , se u n o dice li u n a certa c o s a i n d i v i d u a l e c h e ha u n a certa caratter i s t i c a , e che ogni cosa c h e ha piclla c a r a t t e r i s t i c a ha u n a c c r t ' a l t r a c a r a l t e r i s t i c a , c o n s e g u e a l l o r a c h e l a cosa i n d i v i d u a l e i n piestione ha la s e c o n d a c a r a t t e r i s t i c a . A n a l o g h e c o n c l u s i o n i d i s c e n d o n o in questi casi da a n a l o g h e p r e m e s s e , e il fatto c h e si p a r l i li un i n d i v i d u o o di tutti i m e m b r i di un g r u p p o non fa d i f f e r e n z a q u a n t o alla v a l i d i t d e l l ' i n f e r e n z a . C o s i i logici t r a d i z i o n a l i e r a n o indotti da piesta a n a l o g i a a d i r e c h e a m b e d u e i tipi di i n f e r e n z a e r a n o d e l l o s c h e m a * xAy . yAz .'. A '. L ' a s s e g n a z i o n e a l l a f o r m a A Ielle a s s e r z i o n i p r e d i c a t i v e s i n g o l a r i e q u i v a l e a p p u n t o ad adottare questo metodo che pone in speciale rilievo poche analogie formali di tal g e n e r e . B i s o g n a a m m e t t e r e c h e si tratta di un m e t o d o , p e r certi r i s p e t t i , scelto m a l e . S e l e a s s e r z i o n i d i u n a certa c l a s s e s i levon c h i a m a r e a s s e r z i o n i d e l l a f o r m a A , d o b b i a m o a s p e t t a r c i clic le a n a l o g i e f o r m a l i f r a esse ed a l t r e a s s e r z i o n i di q u e l l a f o r m a s i a n o c o m p l e t e ; invece nel c a s o Ielle a s s e r z i o n i sing o l a r i non t r o v i a m o u n ' a n a l o g i a p l a u s i b i l e , al e s e m p i o , con la r e g o l a c h e A esige I . N o n d i m e n o , l ' a n a l o g i a f o r m a l e parziale esiste ; e non e r a a s s u r d o r i l e v a r l a nel m o d o t r a d i z i o n a l e . L i m p o r t a n z a d e l l a c r i t i c a m o d e r n a , tuttavia, non sta nell'oc-

Soggetti e predicati

233

c a s i o n e c h e essa ci offre di d i f e n d e r e il p r o c e d i m e n t o t r a d i z i o n a l e su di un p u n t o r e l a t i v a m e n t e b a n a l e . S t a p i u t t o s t o in c i , c h e ci rivela u n a c u r i o s a i m p l i c a z i o n e c h e s c a t u r i s c e d a l l ' a s s u m c r e c h e i s i s t e m i m o d e r n i siano a d e g u a t i a l l a logica del d i s c o r s o o r d i n a r i o . I l o fatto n o t a r e in p r e c e d e n z a


1

c h e la d i s t i n z i o n e f r a e s p r e s s i o n i

i n d i v i d u a l i e p r e d i c a t i v e - d i s t i n z i o n e fatta n e l l a l o g i c a quantifi(azionale p u venir b e n i s s i m o intesa nei t e r m i n i d e l l a distinzione f r a la f u n z i o n e di r i f e r i m e n t o e la f u n z i o n e a s c r i t t i v a o di classificazione, funzioni che possono a m b e d u e essere esercitate d a l l e e s p r e s s i o n i clic c o s t i t u i s c o n o le a s s e r z i o n i del linguaggio o r d i n a r i o . D i a m o la d e n o m i n a z i o n e l o g i c a di * a s s e r z i o n i soggettop r e d i c a t o ' a l l e asserzioni p e r f a r e l e (piali u s i a m o u n a p a r t e del nostro e n u n c i a t o con f u n z i o n e r e f e r e n z i a l e e la p a r t e r i m a n e n t e con f u n z i o n e ascrittiva o c l a s s i f i c a t o r i a . Si tratta di u n a d e n o m i n a z i o n e r a g i o n e v o l e ; noi infatti u s i a m o il soggetto g r a m m a t i c a l e di un e n u n c i a t o del genere con la p r i m a f u n z i o n e , e il p r e d i c a t o g r a m m a t i c a l e con l a s e c o n d a . C o m ' n a t u r a l e , l a l o g i c a quantific a z i o n a l e r i s e r v a un posto s o l t a n t o ad alcune e s p r e s s i o n i referenziali, e precisamente a quelle che possono a p p a r i r e come valori di v a r i a b i l i i n d i v i d u a l i . E s s a del p a r i r i s e r v a un p o s t o ad alcune a s s e r z i o n i s o g g e t t o - p r e d i c a t o : c i o a d a s s e r z i o n i s i n g o l a r i d i appartenenza di classe o predicative ( d e l l a forma ' . ' o
l

fx',

d o v e . ha per valori e s p r e s s i o n i i n d i v i d u a l i ) , a s s e r z i o n i clic non sono n p o s i t i v a m e n t e n n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l i . Q u a n d o s i c o n s i d e r a l a logica q u a n t i f i c a z i o n a l e c o m e a d e g u a t a p e r l ' a n a l i s i d e l l e o r d i n a r i e a s s e r z i o n i c a t e g o r i c h e , in g e n e r a l e ci si b a s a sul curioso presupposto che le sole asserzioni soggetto-predicato s i a n o , p e r d i r l a a l l a b u o n a , a s s e r z i o n i al s i n g o l a r e , e e h e tutte le a l t r e a s s e r z i o n i c a t e g o r i c h e s i a n o p o s i t i v a m e n t e o negativam e n t e e s i s t e n z i a l i . Ma n a t u r a l m e n t e noi p o s s i a m o riferirci a o par-

lare di i m e m b r i di un g r u p p o c o l l e t t i v a m e n t e , e s a t t a m e n t e n e l l o

C f r . r a p i t o l o V. seziono 5.

253 Soggetti, predicati, esistenza stesso m o d o in cui ci si p u r i f e r i r e a m e m b r i i n d i v i d u i di un g r u p p o o p a r l a r e d e g l i stessi. Si c o n f r o n t i u n ' a s s e r z i o n e fatta con le p a r o l e ' La s i g n o r i n a R o b i n s o n a n d a t a a c a s a ' con u n ' a s s e r z i o n e f a l l a con le p a r o l e * T u t t i i m e m b r i d e l l a f a m i g l i a R o b i n s o n sono a n d a t i a casa '. Il s o g g e t t o g r a m m a t i c a l e di c i a s c u n e n u n c i a t o u s a t o in m o d o r e f e r e n z i a l e , in un c a s o in r a p p o r t o a un individ u o . n e l l ' a l t r o in r a p p o r t o ai m e m b r i di un g r u p p o . Un riferim e n t o del g e n e r e non p u e s s e r e fatto se non esiste un s i f f a t t o i n d i v i d u o , o se non e s i s t o n o m e m b r i di tale g r u p p o . C o s i ogni a s s e r z i o n e c o m p o r t a u n a p r e s u p p o s i z i o n e d i e s i s t e n z a : m a nessuna delle due asserzioni e esistenziale. Se qualcuno cominciasse u n o dei d u e e n u n c i a t i e non potesse finirlo, non a v r e b b e f a t t o a s s e r z i o n e di s o r t a , e tanto m e n o u n ' a s s e r z i o n e clic sia o e s i g a un'asserzione esistenziale: m a egli tuttavia p o t r e b b e e s s e r gi riuscito a r i f e r i r s i a q u a l c h e i n d i v i d u o o ai m e m b r i di q u a l c h e g r u p p o , cosa c h e non p o t r e b b e farsi se un s i f f a t t o i n d i v i d u o o a l c u n i m e m b r i d i u n tale g r u p p o non e s i s t e s s e r o . L e m i e p r o p o s t e per l ' i n t e r p r e t a z i o n e del s i s t e m a t r a d i z i o n a l e s i s o n o i n g r a n p a r t e c o n f i g u r a t e nel f a r r i l e v a r e c h e m o l t e a s s e r z i o n i o r d i n a r i e c h e i n i z i a n o con le p a r o l e ' tutti ' , 4 n e s s u n o ' , 4 a l m e n o u n o ' s o n o , prop r i o s e c o n d o l a l o r o t r a d i z i o n a l e d e s i g n a z i o n e , a s s e r z i o n i soggettop r e d i c a t o . T u t t o ci clic il s i s t e m a fa di d a r c o n t o , in m o d o m o l t o i n c o m p l e t o , d e l l e r e l a z i o n i l o g i c h e fra a s s e r z i o n i d i q u e s t o g e n e r e , p e r m e t t e n d o l i m i t a t e v a r i a z i o n i f o r m a l i , sotto i n o m i di q u a n t i t e qualit. 9. Con la m i a p r e s e n t e insistenza s u l l e s i m i g l i a n z c f r a asserzioni s i n g o l a r i e p l u r a l i c h e ho c l a s s i f i c a t o a s s i e m e d e s i g n a n d o l e con l ' e s p r e s s i o n e s o g g e t t o - p r e d i c a t o , non v o g l i o n e g a r e c h e esse mostrino anche delle differenze. Voglio soprattutto mettere in r i l i e v o il loro c o n n i n e c o n t r a s t o rispetto a l l e a s s e r z i o n i negativam e n t e e p o s i t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l i , e mi a v v a l g o d e l l a critica o r t o d o s s a ili cui s ' d i s c u s s o n e l l ' u l t i m a s e z i o n e p e r m e t t e r e in

Soggetti e p r e d i c a t i

235

luce l'incongrua p r e s u p p o s i z i o n e di cui q u e l l a si sostanzia, c i o che le sole asserzioni categoriche che p o t r e b b e r o in tal m o d o venir c o n t r a p p o s t e alle asserzioni esistenziali s a r e b b e r o le asserzioni al singolare. istruttivo p r e n d e r nota di un risultato ulteriore di questa p r e s u p p o s i z i o n e ; istruttivo p e r c h illustra c o m e la tensione fra fatto linguistico e d o g m a logico p u f a r a l l i g n a r e un ingegnoso errore. Se ' J a c k Straw f e l i c e ' ( A i ) un enunciato c h e v e r r e b b e usato p e r f a r e un'asserzione soggetto-predicato, cosi, o v v i a m e n t e tale a n c h e ' J a c k Straw e Mary Straw sono a m b e d u e felici ' ( A 2 ) . A2 un enunciato al p l u r a l e . Ma esso non solleva nessuna difficolt seria per il dogma ; esso infatti p u venir correttamente rappresentato c o m e equivalente ad una congiunzione di sentenze s i n g o l a r i , cio a ' J a c k Straw felice e Mary Straw felice ', che esemplifica la f o r m u l a ' fx . fy '. Ma se A] e A 2 sono enunciati soggetto-predicato, s e m b r a incongruo sostenere che ' Tutti gli S t r a w sono f e l i c i ' ( A 3 ) non lo s i a , m a l g r a d o a b b i a f o r m a tutta d i v e r s a , e p r e c i s a m e n t e f o r m a p o s i t i v a m e n t e e / o n e g a t i v a m e n t e esistenziale. Si cerca perci q u a l c h e volta di ripetere con A 3 la m a n o v r a riuscita con A 2 , e di r a p p r e s e n t a r e anche A 3 c o m e u n a congiunzione di enunciati singolari, cio c o m e equivalente a q u a l c o s a c o m e ' J a c k Straw felice, e M a r y Straw felice, e G u g l i e l m o Straw felice, e . . e cosi via O r a , a n c h e se in un dato caso si sia in grado di c o m p l e t a r e l'inventario, ovvio che l'asserzione fatta m e d i a n t e il risultante enunciato congiuntivo non esige l'originario enunciato generale, n questo esige q u e l l o ; p e r c i essi non sono equivalenti. P e r a s s i c u r a r e l ' i m p l i c a n z a in un senso bisogna a g g i u n g e r e alle asserzioni singolari l'asserzione g e n e r a l e che questi sono tutti gli Straw esistenti. P e r a s s i c u r a r e l ' i m p l i c a n z a nell'altro senso, necessario e l i m i n a r e le asserzioni s i n g o l a r i tra-

L'equivalenza qui snggerila piaciuta ai logici anche p e r altre ragioni

oltre quelle accennate sopra.

236

Soggetti, predicati, esistenza

l a s c i a n d o ogni m e n z i o n e i n d i v i d u a l e degli S t r a w i n d i v i d u a l m e n t e p r e s i . In tal m o d o il t e n t a t i v o di r e n d e r e i d u e t i p i di a s s e r z i o n e e q u i v a l e n t i d e s t i n a t o al f a l l i m e n t o . Ma l ' i n t e r e s s e ilei suggerimento sta nel fatto c h e , p e r l a s p i n t a d e l l e s i m i g l i a n z c r e a l i f r a Ai e A 3 c h e non si v o g l i o n o a m m e t t e r e , si finiscono col n e g a r e differenze reali. Le differenze sono che A3 parla esplicitamente d e l l a totalit di u n a c o l l e z i o n e , e c h e Ai e A 2 non Io f a n n o ; c h e A 3 non fa e s p l i c i t a m e n z i o n e di i n d i v i d u i p a r t i c o l a r i , e c h e Ai e Ai la f a n n o . Si c nel g i u s t o q u a n d o si o s s e r v a c h e s i a le a s s e r z i o n i che p a r l a n o e s p l i c i t a m e n t e d i i n d i v i d u i p a r t i c o l a r i , s i a q u e l l e c h e non ne p a r l a n o , p o s s o n e s s e r e a s s e r z i o n i s o g g e t t o - p r e d i c a t o , e n a s s e r i r e , n n e g a r e , b e n s s o l o p r e s u p p o r r e l ' e s i s t e n z a li t e r m i n i di r i f e r i m e n t o m e d i a n t e , p e r e s e m p i o , i soggetti g r a m m a t i c a l i degli e n u n c i a t i i m p i e g a t i p e r f a r l e . Si c o n f r o n t i il c a s o di un'ass e r z i o n e c h e p a r l i non e s p l i c i t a m e n t e di un p a r t i c o l a r e i n d i v i d u o ; p e r e s e m p i o u n ' a s s e r z i o n e fatta con l e p a r o l e ' U n o ( a l m e n o u n o ) degli S t r a w f e l i c e ' ( A 4 ) . U n a m a n o v r a p a r a l l e l a a l l e g i esaminale sta nel dichiarare quest'enunciato equivalente a una d i s g i u n z i o n e di e n u n c i a t i s i n g o l a r i il cui uso c o m p o r t e r e b b e esplicita m e n z i o n e di p a r t i c o l a r i i n d i v i d u i : ' J a c k S t r a w f e l i c e o M a r y S t r a w f e l i c e o . . .' e cosi v i a . Ed a n c h e q u e s t a m a n o v r a f a l l i s c e , p e r c h l ' i m p l i c a n z a v a l e in u n a d i r e z i o n e s o l t a n t o . A 4 ass o m i g l i a a A| e Aj in q u a n t o un e n u n c i a t o s o g g e t t o - p r e d i c a t o e ne d i f f e r i s c e in q u a n t o non u s a t a p e r p a r l a r e e s p l i c i t a m e n t e di 1111 p a r t i c o l a r e i n d i v i d u o . un e r r o r e s i a e s a g e r a r e la s i m i g l i a n z a d i c h i a r a n d o l a e q u i v a l e n t e a u n e n u n c i a t o usato p e r p a r l a r e esplic i t a m e n t e di i n d i v i d u i p a r t i c o l a r i , s i a e s a g e r a r e e d i s t o r c e r e la differenza dichiarandola enunciato esistenziale. 10. Ho d e s c r i t t o c o m e il c a r a t t e r e l o g i c o degli e n u n c i a t i il cui uso nel f a r e a s s e r z i o n i p r e s u p p o n e l'esistenza di qualcosa cui i loro soggetti g r a m m a t i c a l i si r i f e r i s c o n o p u p a s s a r e inavvertito a c a u s a ( a l m e n o in p a r t e ) d e l l ' a p p l i c a z i o n e d e l l ' a r t i f i c i o s a

Soggetti e p r e d i c a t i

237

t r i c o t o m i a ' v e r o , f a l s o , o p r i v o di s e n s o ' , e c o m e q u e s t ' e r r o r e o p e r i nel c a m p o d e l i e a s s e r z i o n i g e n e r a l i . M a non i n q u e l c a m p o s o l t a n t o o p e r a q u e s t ' e r r o r e , e gli u l t i m i p a r a g r a f i ce lo f a n n o p r e s a g i r e : esso i n v a d e a n c h e il c a m p o d e l l e a s s e r z i o n i s i n g o l a r i e t e n d e a l i m i t a r e u l t e r i o r m e n t e la c l a s s e d e l l e e s p r e s s i o n i referenziali o soggetti l o g i c i . Una c l a s s i c a i l l u s t r a z i o n e di q u e s t o f a t t o ci f o r n i t a dalln " T e o r i a d e l l e d e s c r i z i o n i d e f i n i t e "' di R u s s e l l . S e c o n d o q u e s t a teoria. la f o r m a d e l l ' e n u n c i a t o ' 11 re di F r a n c i a s a g g i o ' v i e n e rivelala piando lo si scriva c o m e e n u n c i a l o e s p l i c i t a m e n t e e s i s t e n z i a l e , c i o ' ( 3.v ) [. re di F r a n c i a . ( v ) ( y re li F r a n c i a a = y) . . s a g g i o J '; il che epiivale a ' C ' u n a p e r s o n a di cui vero che essa e nessun altro re li F r a n c i a e c h e s a g g i a '. V i e n e argomentato che quest'analisi fornisce l'unieo mezzo accettabile di c o n c i l i a r e il f a l l o che l ' e n u n c i a t o f o r n i t o di s i g n i f i c a t o con il falto clic non ci sia un re di F r a n c i a . Si s u p p o n g a infatti c h e esso sia u n e n u n c i a t o s o g g e t t o - p r e d i c a t o . A l l o r a ( c o s i p r o c e d e l'argom e n t a z i o n e ) se esso non p r i v o di s i g n i f i c a t o , o v e r o o f a l s o , ft vero se il re di F r a n c i a s a g g i o c f a l s o se il re di F r a n c i a non s a g g i o . Ma l ' a s s e r z i o n e c h e il re di F r a n c i a s a g g i o e l'asserzione che il re ili F r a n c i a non s a g g i o p o s s o n o e s s e r e v e r e s o l o a c o n d i z i o n e che ci sia un re di F r a n c i a . P e r c i , se un e n u n c i a t o s o g g e t t o - p r e d i c a t o , o s e n z a s i g n i f i c a l o , o c' un re di F r a n c i a . I . ' a r g o m e n t a z i o n e posta talvolta in f o r m a p i b r e v e . Se l'enunciato li f o r m a s o g g e t t o - p r e d i c a t o , a l l o r a , se non s e n z a significato, leve e s s e r e intorno a jualeosa : piindi o s e n z a s i g n i f i c a t o o c' un re di F r a n c i a i n t o r n o al piale p o s s a v e r t e r e . Se ne t r a c la c o n c l u s i o n e c h e non un e n u n c i a t o s o g g e t t o - p r e d i c a t o , e si a d o t t a invece l ' a n a l i s i e s i s t e n z i a l e . In b a s e a q u e s t ' a n a l i s i , l ' e n u n c i a t o d i c h i a r a t a m e n t e falso ( e p e r c i s i g n i f i c a n t e ) s e non c' nessun r e di F r a n c i a ; i n f a l l i ( 3 . V ) ( / . r ) ' i m p l i c a ' ~ ( 3 . T ) l / . V . (y ) ( / y V = ) . g.vl '. I ,a teoria poi g e n e r a l i z z a t a fino a farvi r i e n t r a r e

238

Soggetti, predicati, esistenza

tutte l e a s s e r z i o n i c h e a p p a i a n o d i f o r m a s o g g e t t o - p r e d i c a t o , m a s i a n o al s i n g o l a r e e i n i z i n o con l ' a r t i c o l o d e f i n i t o . Questi argomenti perdono la loro forza se teniam ferma in m e n t e la d i s t i n z i o n e f r a e n u n c i a t i e a s s e r z i o n i , ed il concetto di a s s e r z i o n e s o g g e t t o - p r e d i c a t o , c h e h o d e l i n e a t o p i s o p r a . Perc h u n e n u n c i a t o d e l t i p o c h e s e r v e a f a r e a s s e r z i o n i a b b i a signific a t o , non n e c e s s a r i o c h e ogni i m p i e g o d e l l o s t e s s o , in q u a l u n q u e momento, in q u a l u n q u e luogo, debba dar luogo a un'asserzione v e r a o f a l s a . sufficiente c h e s i a p o s s i b i l e d e s c r i v e r e o i m m a g i n a r e c i r c o s t a n z e n e l l e q u a l i i l s u o u s o d a r e b b e l u o g o a d un'ass e r z i o n e v e r a o f a l s a . P e r c h u n a f r a s e r e f e r e n z i a l e a b b i a signific a t o , non n e c e s s a r i o c h e o g n i q u a l v o l t a la si i m p i e g a ci d e b b a essere qualcosa a cui riferirla. Talvolta iniziamo un'asserzione singolare circa una persona o u n a c o s a con u n n o m e ( ' R o b i n s o n ' ) o con u n a f r a s e con l'articolo definito a l p r i n c i p i o ( ' i l p r e s i d e n t e ' , ' l a s e d i a ' ) o con u n p r o n o m e . A l t r e v o l t e i n i z i a m o tali a s s e r z i o n i c o n e s p r e s s i o n i c h e f a c i l m e n t e c h i a m e r e m m o p i i n d e f i n i t e : con p a r o l e o f r a s i c o m e ' q u a l c u n o ', ' q u a l c o s a ', quest'ultima categoria
4

u n o di essi ' ; o con f r a s i i n t r o d o t t e dalanch'esse correntemente assimilate

l'articolo indefinito ( ' u n u o m o ' , ' u n t a v o l o ' ) . L e asserzioni d i sono alle asserzioni esistenziali. Cosi si direbbe che ' Un u o m o c a d d e dalla r i v a ' significa ' ( 3 * ) ( * un u o m o . c a d d e dalla r i v a ) ' ; e si direbbe ( f o r s e ) che ' Q u a l c u n o cadde dalla r i v a ' significa ' ( 3 x ) ( z una persona . cadde dalla r i v a ) ' . P u darsi che in u n p r i m o m o m e n t o q u e s t e t r a d u z i o n i c i c o l p i s c a n o c o m e inutilmente b r u t t e ; pu darsi che non riusciamo a c a p i r e come ci si p o s s a i n d u r r e a p r o p o r l e p e r q u a l s i a s i a l t r a r a g i o n e c h e non s i a il d e s i d e r i o di m e t t e r e in c a r i c a t u r a tutte le a s s e r z i o n i o r d i n a r i e mediante il simbolismo della logica quantificazionale. Potremmo c h i e d e r c i i n o l t r e s e t a l i t r a d u z i o n i i n t e n d a n o f a r e m e r g e r e l e diff e r e n z e l o g i c h e f r a , a d e s e m p i o , l e a s s e r z i o n i f a t t e con e n u n c i a t i c h e c o m i n c i n o con l ' a r t i c o l o d e f i n i t o , e q u e l l e f a t t e c o n e n u n c i a -

Soggetti e predicati

239

ti c h e c o m i n c i n o con l ' a r t i c o l o i n d e f i n i t o . Ma t u t t a v i a a s s u r d o a v a n z a r e l ' i d e a c h e la d i f f e r e n z a f r a ' Un u o m o c a d d e d a l l a r i v a ' e ' L ' u o m o c a d d e d a l l a r i v a ' s i a c h e la v e r i t di u n ' a s s e r z i o n e f a t t a m e d i a n t e l'uso del p r i m o e n u n c i a t o s i a c o n g r u e n t e c o n l ' e s i s t e n z a d i p i d i u n u o m o , m e n t r e n o n l o sia l a v e r i t d i u n ' a s s e r z i o n e fatta m e d i a n t e l ' u s o d e l s e c o n d o . T u t t a v i a q u e s t a a p p u n t o l a d i f f e r e n z a l o g i c a f r a ' ( 3 * ) ( * un u o m o . c a d d e d a l l a riva) ' e ' ( 3 x ) [ : r un u o m o . ( y ) ( y un u o m o = y)

. cadde

gi d a l l a r i v a ] '. N o n in questi t e r m i n i , n con a l c u n a l o r o v a r i a zione c h e si a t t e n g a al p r i n c i p i o d e l l ' a n a l i s i e s i s t e n z i a l e , clic arriveremo a intendere la differenza. C o m i n c i a m o ad intenderla piando p r e n d i a m o i n c o n s i d e r a z i o n e fatti c o m e i l s e g u e n t e : c h e in un r o m a n z o o in u n a c r o n a c a di g i o r n a l e un p a r a g r a f o inizi con l ' e n u n c i a t o ' Un u o m o si a v v i c i n a l l a r i v a ' e p o s s a finire c o n l'enunciato
1

L ' u o m o c a d d e d a l l a r i v a ' , d o v e l a f u n z i o n e del c a m b i a -

mento da ' un ' a ' i l ' p u e s s e r q u e l l a di i n d i c a r e ( a n c h e se n o n di a s s e r i r e ) c h e l ' u o m o cui ci si r i f e r i s c e n e l l ' u l t i m o e n u n c i a t o lo stesso al q u a l e ci si r i f e r i s c e nel p r i m o . T e n d i a m o g e n e r a l m e n t e a p a r l a r e de il q u a n d o p o s s i a m o s i c u r a m e n t e c o n t a r e su q u a l c h e c a r a t t e r i s t i c a d e l l a s i t u a z i o n e in cui s c r i v i a m o o p a r l i a m o , c o m e c a p a c e di f a r i n d i v i d u a r e ai nostri lettori o a s c o l t a t o r i jualche singolo . P o s s o n o e s s e r e la v i c i n a n z a , o la c o n t e m p o r a n e i t , o ( c o m e n e l l ' e s e m p i o s o p r a f o r n i t o ) il contesto l i n g u i s t i c o , a costituire tale c a r a t t e r i s t i c a , s u l l a q u a l e c o n t i a m o p e r m e t t e r e i n g r a d o i nostri lettori o a s c o l t a t o r i di c o g l i e r e il r i f e r i m e n t o , di identificare l'oggetto cui ci si r i f e r i s c e ( a n c h e se s o l t a n t o c o m e l'uomo

cui ci si riferiva all'inizio del paragrafo). L ' u s o di ' il ' di a u s i l i o


a l l ' i d e n t i f i c a z i o n e i n d i c a n d o ( a n c h e s e n o n d i c h i a r a n d o ) c h e noi

facciamo un t a l e a f f i d a m e n t o su q u e l l e c h e , in s e n s o l a t o , p o t r e b bero c h i a m a r s i c a r a t t e r i s t i c h e c o n t e s t u a l i . Q u e s t a , n a t u r a l m e n t e una descrizione molto a p p r o s s i m a t i v a ; ed inoltre p o s s i a m o usare, e di f a t t o u s i a m o , 4 il ' p e r altri intenti. D ' a l t r a p a r t e , n o i t e n d i a m o a p a r l a r e di un q u a n d o jueste c o n d i z i o n i n o n si v e r i f i c a n o ; e

259

Soggetti, p r e d i c a t i , e s i s t e n z a

Tuso li " un ' s e r v e a l l o r a ad i n d i c a r e c h e non ci a t t e n d i a m o c h e i nostri a s c o l t a t o r i s i a n o messi in g r a d o li lentilicare l ' o g g e t t o cui ci riferiamo per mezzo di caratteristiche contestuali. Anche ' u n ' p u e s s e r e a l t r e s u s a l o p e r a l t r e r a g i o n i , e li fati) lo . Si c o n s i d e r i n o i n o l l r e i m o d i in cui p o t r e m m o d i s s e n t i r e la u n ' a s s e r z i o n e f a t t a con le p a r o l e ' Un u o m o c a d d e d a l l a riva '. N o i p o t r e m m o d i r e : ' E g l i non c a d d e ; s i b u t t ' ; o p p u r e p o t r e m m o lire: ' H u e l l o non e r a u n u o m o , e r a u n a d o n n a c h e vestiva pant a l o n i ' ; o a n c o r a p o t r e m m o d i r e : ' N e s s u n o c a d u t o ; voi avete a v u t e le t r a v e g g o l e '. L ' i m p o r t a n z a dei p r o n o m i " egli ' e ' q u e l l o ' n e l l e lue p r i m e e s p r e s s i o n i di d i s s e n s o sta in c i . c h e a s s u m o n o c o m e r i f e r i m e n t o ad u n a p e r s o n a definita il r i f e r i m e n t o fatto in modo indefinito mediante la frase ' un uomo '. La prima affermaz i o n e nega ci c h e si d i c e c i r c a il soggetto lei r i f e r i m e n t o ; la s e c o n d a o s s e r v a z i o n e accetta ci c h e si lice c i r c a il soggetto d e l r i f e r i m e n t o , m a c o r r e g g e l a d e s c r i z i o n e d i tale soggetto. Q u e s t i e s e m p i m e t t o n o in r i l i e v o u n a s i i n i g l i a n z a logica fra e s p r e s s i o n i r e f e r e n z i a l i i n d e f i n i t e e d e f i n i t e . La terza o s s e r v a z i o n e li d i s s e n s o d i v e r s a da c i a s c u n a d e l l e a l t r e d u e . Si p o t r e b b e f a r l a , e facend o l a , contraddire l ' a s s e r z i o n e o r i g i n a r i a , s e n z a a m m e t t e r e c h e nell ' a s s e r z i o n e o r i g i n a r i a s i a stato fatto un pialuntpic r i f e r i m e n t o di s o r t a . In tal molo picsto e s e m p i o fa e m e r g e r e u n a d i f f e r e n z a f r a ' un u o m o ', n e l l ' u s o c h e ne fa l ' e n u n c i a t o o r i g i n a l e , e le espress i o n i r e f e r e n z i a l i d e f i n i t e ; e d una d i f f e r e n z a f r a q u e l l ' e n u n c i a t o ed i tipici e n u n c i a t i s o g g e t t o - p r e d i c a t o . Se pialcuno d i c e ' Il Pres i d e n t e c a d d e lalla r i v a ' , s i p u r e p l i c a r e ' N o n c a d d e n e s s u n o ' e la ci c o m p i e r e un p a s s a g g i o c o r r e t t o a ' D u n q u e egli non p u esser c a d u t o '. Ma se q u a l c u n o lice ' Un u o m o c a d d e d a l l a riva ', non s a r e b b e g e n e r a l m e n t e a p p r o p r i a t o c o m p i e r e , r e p l i c a n d o , i l p a s s a g g i o da ' N o n c a d d e n e s s u n o ' a ' D u n q u e egli non p u esser c a d u t o '. c o n s i d e r a n d o fatti c o m e questi ( i n n u m e r o p e r a s s a i m a g g i o r e ) c h e si g i u n g o n o a c o m p r e n d e r e le f u n z i o n i e s p l e t a t e da

Soggetti e predicati un

241

e ' il * n e l l ' i n t r o d u r r e a s s e r z i o n i s i n g o l a r i . La s t e r i l e a n a l i s i

e s i s t e n z i a l e non p u d a r c i c o n t o , a l m a s s i m o , c h e d i a l c u n i p o c h i Tra questi fatti, ed a n c h e a l l o r a s o l t a n t o a costo di f a l s i f i c a r n e a l t r i . N o n d i m e n o , si d e v o n o t e n t a r e di c o m p r e n d e r e i m o t i v i c h e d e p o n gono a f a v o r e d e l l ' a n a l i s i e s i s t e n z i a l e s i a nel c a s o di e s p r e s s i o n i r e f e r e n z i a l i indefinite ( ' u n u o m o ' ) , sia i n q u e l l o d i d e s c r i z i o n i definite (' il re di F r a n c i a ' ) . Infatti r a r a m e n t e i d o g m i d e l l a logica sono p e r v e r s i c a p r i c c i e n i e n t e p i . G i a h h i a m o m e s s a in luce la c r e d e n z a c h e sottost a l l a teoria d e l l e ' d e s c r i z i o n i definite '. p e r la q u a l e un g e n u i n o s o g g e t t o logico. u n a vera e s p r e s s i o n e r e f e r e n z i a l e , p u a v e r e u n s i g n i f i c a l o solo se esiste un oggetto al q u a l e si a p p l i c h i . ' Il re di F r a n c i a ', che m a n c a d i s o d d i s f a r e q u e s t a c o n d i z i o n e , v e n n e d e s t i t u i t o d a l l o

status di e s p r e s s i o n e r e f e r e n z i a l e . O r a , p e r c h q u e s t a c r e d e n z a c
cosi f e r m a m e n t e c o n d i v i s a ? L a risposta s e m b r a e s s e r e c h e i l signif i c a t o d i q u a l s i a s i e s p r e s s i o n e r e f e r e n z i a l e g e n u i n a v i e n e considerato come

identico all'oggetto

cui

si applica'.

Il

suo

significato

ci p e r cui s t a ; e ci p e r cui sta ci a cui si r i f e r i s c e . Q u e s t a e q u a z i o n e , s e m p l i c e e d a n c h e t r o p p o n a t u r a l e , riesce f a t a l e p e r l e pretese di frasi c o m e ' un 1101110 ' i m p i e g a t e c o m e e s p r e s s i o n i referenziali. I n f a t t i , m e n t r e di u o m i n i ce n' u n a q u a n t i t , non e' a d d i r i t t u r a nessun oggetto s i n g o l o elle sia il s i g n i f i c a t o d e l l a f r a s e . tuttavia non di q u e l l e f r a s i c h e d ' o r d i n a r i o si c h i a m e r e b b e r o a m b i g u e . E s s a ha lo stesso s i g n i f i c a t o in un n u m e r o i m m e n s o di e n u n c i a t i . S e m b r a d u n q u e d e r i v a r n e l a c o n c l u s i o n e c h e e s s a non u n ' e s p r e s s i o n e r e f e r e n z i a l e . In tal m o d o l ' a p p a r a t o l o g i c o di predicati e ili q u a n t i f i c a t o r i di cui d i s p o n i a m o d e v e v e n i r i m p i e g a t o per d i m o s t r a r e clic gli e n u n c i a t i nei q u a l i esso s e m b r i a v e r e u n a fu nzione in q u a l c h e m o d o r e f e r e n z i a l e , in r e a l t n o n s o n o affatto enunciati soggctto-prcdicalo, ma enunciati esistenziali.
' T.n f r a s e " l ' o g g e t t o c u i si a p p l i c a ' i m p l i c i t a m e n t e c o n t i e n e t u l i o il c o m p l e s s o d e l l e c o n f u s i o n i ili cui q u i s i t r a t t a , t u t t a i n t e r a u n a p e r s i s t e n t e e d e r r o n e a Icniiii ilei s i g n i f i c a l o .

242

Soggetti, predicati, esistenza A b b i a m o visto test c h e c' q u a l c o s a d a d i r e i n f a v o r e d i q u e s t a

conclusione, e che c' anche qualcosa da dire contro di e s s a ; a b b i a m o visto c h e e n u n c i a t i c o m e ' U n u o m o c a d d e d a l l a r i v a


1

non s i c o m p o r t a n o c o m e e n u n c i a t i s o g g e t t o - p r e d i c a t o p e r o g n i r i s p e t t o , a n c h e s e c o s i s i c o m p o r t a n o p e r a l c u n i r i s p e t t i . M a sebb e n e ci sia q u a l c o s a da d i r e in f a v o r e di t a l e c o n c l u s i o n e , n o n c' niente da d i r e in f a v o r e del r a g i o n a m e n t o con cui ci si giunti. Esso poggia una volta ancora sulla fatale confusione fra enunciati ed a s s e r z i o n i , s i g n i f i c a t i e r i f e r i m e n t i . P e r c h u n a s i n g o l a espress i o n e r e f e r e n z i a l e a b b i a un s i g n i f i c a t o , sufficiente c h e , in circostanze adatte, sia possibile usarla per riferirsi a q u a l c h e singola c o s a , p e r s o n a , l o c a l i t , ecc. Il s u o s i g n i f i c a t o l ' i n s i e m e d e l l e convenzioni linguistiche che governano il suo corretto impiego nel senso di un siffatto riferimento. Per la gran m a g g i o r a n z a delle espressioni referenziali, queste convenzioni permettono che una d a t a e s p r e s s i o n e v e n g a u s a t a , i n d i f f e r e n t i o c c a s i o n i , con riferim e n t o a cose i n d i v i d u a l i d i f f e r e n t i o a d i f f e r e n t i p e r s o n e , l u o g h i , ecc. U n a b r e v e r i f l e s s i o n e c i m o s t r a c h e q u e s t o v a l e non m e n o p e r la f r a s e ' il re di F r a n c i a ', o in g e n e r a l e p e r le f r a s i c h e i n i z i a n o con articoli d e t e r m i n a t i v i , c h e p e r

un u o m o ' o in g e n e r a l e p e r
4

le f r a s i c h e i n i z i a n o c o n l ' i n d e t e r m i n a t i v o

un ', ' u n a '. E n u n -

ciati, frasi e parole h a n n o significati che ne permettono l'impiego nel f a r e a s s e r z i o n i e nel r i f e r i r s i a cose. Ma i s i g n i f i c a t i d e g l i enunciati non s o n o le a s s e r z i o n i p e r cui v e n g o n o i m p i e g a t i , ed i signif i c a t i d i p a r o l e e f r a s i n o n s o n o l e c o s e cui p o s s o n o v e n i r r i f e r i t e . S o l o il p i g r o s s o l a n o e q u i v o c o n e l l ' u s o di e s p r e s s i o n i c o m e ' sig n i f i c a t o ' e ' r i f e r i m e n t o ' p u c o n t i n u a r e ad o s c u r a r e f a t t i c o s i evidenti. L e d o t t r i n e c h e sto q u i c r i t i c a n d o h a n n o u n a c u r i o s a conseg u e n z a p e r l ' i n t e r p r e t a z i o n e del s i m b o l i s m o d e l c a l c o l o p r e d i c a tivo. T r a t t a n d o d i q u e l s i m b o l i s m o , noi c o m i n c i a m m o col disting u e r e le v a r i a b i l i i n d i v i d u a l i d a l l e v a r i a b i l i p r e d i c a t i v e ; e g i a c c h una variabile la si spiega come un segno-di-lacuna in una f o r m u l a

Soggetti e predicati

243

s u s c e t t i b i l e d i v e n i r e s e m p l i f i c a t a d a u n e n u n c i a t o , q u e s t a distinzione f r a t i p i d i v a r i a b i l i s e m b r a v a i n v o l g e r e u n a d i s t i n z i o n e f r a t i p i di e s p r e s s i o n i e p r e c i s a m e n t e , la d i s t i n z i o n e f r a e s p r e s s i o n i individuali e predicative. S p i e g a m m o allora come da formule p r e d i c a t i v e p o t e v a n o v e n i r f o r m a t i e n u n c i a t i , o l e g a n d o l e variabili i n d i v i d u a l i in m o d o da ottenere e n u n c i a t i e s i s t e n z i a l i , o sostit u e n d o l e v a r i a b i l i con e s p r e s s i o n i i n d i v i d u a l i . C i a s p e t t e r e m o perci d i t r o v a r e d u e tipi f o n d a m e n t a l i d i e n u n c i a t i e s e m p l i f i c a n t i le f o r m u l e del c a l c o l o p r e d i c a t i v o , e p r e c i s a m e n t e gli e n u n c i a t i predicativi che contengono espressioni individuali e non comportano q u a n t i f i c a z i o n e , e gli e n u n c i a t i e s i s t e n z i a l i c h e c o n t e n g o n o q u a n t i f i c a t o r i e non e s p r e s s i o n i i n d i v i d u a l i , oltre a g l i e n u n c i a t i misti contenenti le u n e e gli a l t r i . La c o n s e g u e n z a c u r i o s a d e l l e dottrine test e s a m i n a t e c h e il l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , ove t a l e dottrina fosse valida, non conterrebbe affatto espressioni primo tipo. D o v e t r o v a r e infatti e s p r e s s i o n i con r i f e r i m e n t o i n d i v i d u a l e che a b b i a n o l e c a r a t t e r i s t i c h e c h e s a r e b b e r o r i c h i e s t e s e l e d o t t r i n e teste e s a m i n a t e f o s s e r o c o r r e t t e ? S i p o t r e b b e p e n s a r e c h e i n o m i p r o p r i f a c c i a n o a l caso. M a n e p p u r e u n n o m e p r o p r i o s o d d i s f a i l r e q u i s i t o p e r cui u n e n u n c i a t o c h e l o c o n t e n g a non p u r i u s c i r e s i g n i f i c a n t e se non esiste giusto giusto un i n d i v i d u o c h e ne s i a il significato. P u v e n i r c h i e s t o i n m o d o s i g n i f i c a n t e , c o n l ' i m p i e g o di un nome proprio
1

indi-

v i d u a l i , e di c o n s e g u e n z a non e s i s t e r e b b e r o a f f a t t o e n u n c i a t i d e l

E s i s t e N ? ' ; l o stesso n o m e p u v e n i r p o r t a t o

da m o l t e d i v e r s e cose o c r e a t u r e , e in n e s s u n c a s o il s i g n i f i c a t o di un n o m e i d e n t i c o ad u n a cosa o c r e a t u r a c h e lo p o r t a . I m p o r re un n o m e n o n d a r e s i g n i f i c a t o a u n a p a r o l a . I n o m i , q u i n d i , non s o d d i s f a n o a l r e q u i s i t o i n q u e s t i o n e , n v i s o d d i s f a ( e n e p p u r e lo p o t r e b b e ) qualsiasi altra espressione ricorrente nel linguaggio.


1 P i esattamente, una distinzione fra le espressioni a seconda di certi t i p i d i f u n z i o n e c h e ease e s p l e t a n o n e g l i e n u n c i a t i . C f r . c a p i t o l o V , s e z i o n e 5 .

24 J.

Soggetti, predicati, esistenza

li ci p e r c h e il r e q u i s i t o stesso i m p o s s i b i l e , ed esso stesso e s p r i m e l a gi d i s c u s s a c o n f u s i o n e . Il f a l l o c h e q u e s t e d o t t r i n e h a n n o q u e s t o c u r i o s o effetto sull ' i n t e r p r e t a z i o n e d e l l a logica q u a n t i f c a z i o n a l e non sufficiente, da s o l o , a c o n f u t a r l e . Ma r a g i o n i sufficienti p e r r i g e t t a r l e s o n o g i state fornite. Q u e l fatto, t u t t a v i a , mette in r i l i e v o u n a s t r a n e z z a del m o d o in cui q u e s t e d o t t r i n e ( p.e.. la t e o r i a d e l l a d e s c r i z i o n e ) vengono ordinariamente presentale. Si dice spesso che la forma v e r b a l e o g r a m m a t i c a l e di un e n u n c i a t o c o m e " il re ili F r a n c i a s a g g i o " fuorviatile q u a n t o a f o r m a l o g i c a ; realt e s i s t e n z i a l e . N a t u r a l m e n t e , q u e s t o per forma logica, infatti, s e m b r e r e b b e u n e n u n c i a t o s o g g e t t o - p r e d i c a t o , m e n t r e i n p o t r e b b e e s s e r vero s o l o se la m a g g i o r a n z a o una p a r t e c o n s i d e r e v o l e degli e n u n c i a t i clic a s s o m i g l i a n o a q u e s t o p e r f o r m a v e r b a l e o g r a m m a t i c a l e fossero in r e a l t , l o g i c a m e n t e , di f o r m a s o g g e t t o - p r e d i c a t o Ma s ' visto p o c o f a c o m e u n a c o n s e g u e n z a d e l l a d o t t r i n a clic s o g g i a c e alla teoria d e l l a d e s c r i z i o n e clic g e n u i n e e s p r e s s i o n i r e f e r e n z i a l i non e s i s t o n o , e q u i n d i non e s i s t o n o n e p p u r e veri e n u n c i a t i sogg e t t o - p r e d i c a t o . Se la s o g g i a c e n t e d o t t r i n a a b b a n d o n a t a , s p a r i s c e a n c h e ogni r a g i o n e ili a d o t t a r e l ' a n a l i s i e s i s t e n z i a l e . S i a p r e a l l o r a la via ad u n a c o n c e z i o n e pili r e a l i s t i c a d e l l e e s p r e s s i o n i con rifer i m e n t o i n d i v i d u a l e , via c h e ci p e r m e t t e di r i a m m e t t e r e in q u e l l a c l a s s e le d e s c r i z i o n i d e f i n i t e , i n s i e m e con n o m i p r o p r i e con a l c u n i p r o n o m i . L e c o n s e g u e n z e c u r i o s e c i r c a l ' i n t e r p r e t a z i o n e del simb o l i s m o d e l l a l o g i c a q u a n t i f c a z i o n a l e non r e g g o n o p i l i ; possibile c o n s i d e r a r e u n gran n u m e r o d i e n u n c i a t i c o m e e s e m p l i f i c a n t i

' fx '. Ma nello s t e s s o t e m p o o c c o r r e a b b a n d o n a r e le pretese menz i o n a t e alla f i n e del c a p i t o l o V , s e z i o n e 6 . 11. A t t r i b u e n d o a ' a s s e r z i o n e s o g g e t t o - p r e d i c a t o " il senso da

me proposto si ha per conseguenza immediata che le asserzioni


' C f r . r a p i t o l o I I . p p . 67-68.

215 esistenziali presupposte dalle asserzioni soggetto-predicato non

verranno considerate esse stesse c o m e asserzioni soggetto-predicato, e p e r c i v e r r a n n o a c o l l o c a r s i f u o r i d a l l ' a m b i t o ilei s i s t e m a t r a d i z i o n a l e i n t e r p r e t a t o nel m o d o ila m e c a l d e g g i a t o . ; q u a t t r o f o r m e , infatti, sono da interpretarsi in m o d o che la questione della verit o f a l s i t di u n ' a s s e r z i o n e c h e e s e m p l i f i c h i u n a di e s s e s o r g a s o l o a condizione che vi siano le cose (o vi sia una c o s a ) cui il termine soggetto fa riferimento. Di conseguenza, se tentassimo di assimilare u n ' a s s e r z i o n e ilei t i p o
k

.v e s i s t o n o ' a d u n a q u a l s i a s i d e l l e fronte all'assurdo

q u a t t r o f o r m e , o s e s e m p l i c e m e n t e l a c o n s i d e r a s s i m o c o m e un'asserzione soggetto-predicato, ci troveremmo di risultato che la questione se ci sia vero o falso p o t r e b b e sorgere s o l o s e f o s s e v e r o ; ossia c h e , s e f o s s e f a l s o , l a q u e s t i o n e s e c i s i a vero o f a l s o non s o r g e r e b b e . C i f o r n i s c e n u o v o m o r d e n t e a l l a fam i l i a r e o s s e r v a z i o n e f i l o s o f i c a c h e l ' e s i s t e n z a non u n p r e d i c a l o . Q u a n d o d i c h i a r i a m o o n e g h i a m o clic
4

ci s o n o ' c o s e r i s p o n d e n t i ad

u n a d e s c r i z i o n e c o s i e c o s i , o clic c o s e s i f f a t t e * e s i s t o n o ". l ' u s o d e l l e f r a s i f r a v i r g o l e t t e non d e v e e s s e r e a s s i m i l a t o n a l l ' u s o predicativo, n a quello referenziale delle espressioni. P o t r e b b e s e m b r a r e c l i c c i s o l l e v i u n a d i f f i c o l t . N e s s u n a restriz i o n e v e n n e p o s t a infatti c i r c a l ' a m b i t o dei p o s s i b i l i o g g e t t i d i riferimento. Non potremmo perci far riferimento, oltre che ai m e m b r i di una classe, alla classe stessa, e descriverla, per e s e m p i o , c o m e avente pochi, molti, dieci, alcuni m e m b r i , o p p u r e nessuno? In questo caso, d o b b i a m o affrontare due p r o b l e m i collegati. Uno c h e . s e t r a t t i a m o u n ' a s s e r z i o n e s i f f a t t a c o m e a s s e r z i o n e soggettopredicato, s e m b r i a m o impegnati a dire c h e essa p r e s u p p o n e che la c l a s s e cui si r i f e r i s c e il s u o t e r m i n e - s o g g e t t o e s i s t a . O r a , non c h i a r o elle c o s a p o s s a s i g n i f i c a r e l ' a s s e r z i o n e c h e u n a c l a s s e e s i s t e , s e non c h e u n a t a l e c l a s s e h a m e m b r i . M a c i p u e s s e r e p r e c i s a mente quello che la pretesa asserzione soggetto-predicato ora in questione a f f e r m a o p p u r e n e g a ; e in questo caso, ci scontriamo ncll i n a c c e t t a b i l e c o n c l u s i o n e c h e l ' a s s e r z i o n e i n q u e s t i o n e p r e s u p -

246

Soggetti, predicati, esistenza

p o n e la s u a p r o p r i a verit o f a l s i t . La s e c o n d a difficolt la s e g u e n t e : s e a l l ' a s s e r z i o n e c h e l a c l a s s e d e g l i h a m e m b r i dobb i a m o c o n c e d e r e lo status di p r o p o s i z i o n e s o g g e t t o - p r e d i c a t o , n o n sembra per nulla g i u s t i f i c a t o n e g a r e q u e s t o status a l l ' a s s e r z i o n e i n n e g a b i l m e n t e e q u i v a l e n t e c h e degli e s i s t o n o . Si tratta di difficolt d a s c o l a s t i c i e r i c h i e d o n o s o l u z i o n i d a s c o l a s t i c i . U n m o d o di a f f r o n t a r l e a m b e d u e b r e v e m e n t e il s e g u e n t e . I m p r e g i u d i c a t a r e s t a n d o r a t t r i h u z i o n e d i u n s i g n i f i c a t o s t a b i l e a l l a p r e t e s a asserzione c h e u n a c l a s s e esiste s e n z a c h e esso c o i n c i d a con l ' i n t e r p r e t a z i o n e c h e l a c l a s s e h a m e m b r i , noi p o s s i a m o d i r e s e m p l i c e m e n t e c h e non esistono a s s e r z i o n i e s i s t e n z i a l i c o l l e g a t e a d a s s e r z i o n i sogg e t t o - p r e d i c a t o c i r c a c l a s s i o p r o p r i e t al m o d o in cui l ' a s s e r z i o n e c h e degli ' e s i s t o n o ' si c o l l e g a ad u n ' a s s e r z i o n e soggetto-predic a t o c h e r i g u a r d i gli , e c h e di c o n s e g u e n z a la r e g o l a di p r e s u p p o s i z i o n e non s i a p p l i c a a l l e a s s e r z i o n i s o g g e t t o - p r e d i c a t o d e l p r i m o t i p o . ( U n ' a l t r a a l t e r n a t i v a p o s s i b i l e consiste n e l l o s t a b i l i r e c h e i l tlire c h e la c l a s s e d e g l i , o la p r o p r i e t di e s s e r e ( u n ) x, esiste, significa q u a l c o s a , m a q u a l c o s a d i d i v e r s o d a l l ' a s s e r z i o n e c h e c i sono m e m b r i d e l l a c l a s s e o c o s e c h e p o s s i e d o n o l a p r o p r i e t ; c h e s i g n i f i c a , p e r e s e m p i o , u n i c a m e n t e c h e l ' e s p r e s s i o n e di c l a s s e o il n o m e di p r o p r i e t in q u e s t i o n e , e tutti i l o r o s i n o n i m i r i c o n o s c i u t i , s o n o i n effetti s i g n i f i c a n t i ) . L a s e c o n d a difficolt p u v e n i r affrontata c o m e s e g u e . D i r e c h e l a c l a s s e d e g l i h a m e m b r i s i g n i f i c a a s c r i v e r e a l l a c l a s s e l a p r o p r i e t d i a v e r e m e m b r i . C i non s i g n i f i c a p r e d i c a r e a l c u n c h dei m e m b r i , degli .*. S i m i l m e n t e , con l'asserz i o n e e q u i v a l e n t e c h e d e g l i e s i s t o n o , n u l l a vien p r e d i c a t o degli Ma n e g a r e c h e l ' a s s e r z i o n e c h e degli e s i s t o n o s i a u n ' a s s e r z i o n e soggetto-predicato significa semplicemente dire che l'asserzione che degli e s i s t o n o , d i v e r s a m e n t e d a l l ' a s s e r z i o n e c h e gli s o n o g r a s s i o m a g r i , non p r e d i c a n u l l a di essi. D a l f a t t o c h e un'asserzione equivalente ad un'altra asserzione di una certa f o r m a , non c o n s e g u e c h e s i a essa stessa u n ' a s s e r z i o n e d i q u e l l a f o r m a . G i a c c h la g e n e s i li tutte q u e s t e difficolt in gran p a r t e termi-

Soggetti e predicati

247

nologica, potrebbe s e m b r a r possibile affrontarle con un'operazione t e r m i n o l o g i c a p i s e m p l i c e c h e non q u e s t a , c i o e s c l u d e n d o l e a s s e r z i o n i i c u i soggetti g r a m m a t i c a l i s i a n o u s a t i c o n r i f e r i m e n t o a classi o p r o p r i e t , dal n o v e r o d e l l e a s s e r z i o n i s o g g e t t o - p r e d i c a t o . Ma g i u n g e r e a t a n t o s a r e b b e un p e c c a l o , in q u a n t o la l o g i c a con cui t r a d i z i o n a l m e n t e a s s o c i a t a la t e r m i n o l o g i a d e i s o g g e t t i e dei p r e d i c a t i tratta d i a l c u n e a n a l o g i e f o r m a l i c h e s i e s t e n d o n o a l l e a s s e r z i o n i del t i p o in q u e s t i o n e , n o n m e n o c h e a l l e a s s e r z i o n i i cui soggetti g r a m m a t i c a l i s o n o u s a t i con r i f e r i m e n t o a p e r s o n e , a n i m a l i , oggetti e d i s t i t u z i o n i . 12. ovvio c h e il s i s t e m a t r a d i z i o n a l e non ci d c h e u n a

visione m o l t o l i m i t a t a d e l l e r e l a z i o n i l o g i c h e f r a a s s e r z i o n i sogg e t t o - p r e d i c a t o . S a r e b b e p o s s i b i l e a r r i c c h i r l o i n v a r i m o d i . S i pot r e b b e r o i n t r o d u r r e a l t r e v a r i a z i o n i in q u a n t i t oltre a q u e l l e d e l l e forme universali ('ogni' e 'nessuno') e particolari ('almeno uno ' ) , p e r q u a n t o i l f a r l o t o g l i e r e b b e s e m p l i c i t a l s i s t e m a senza u n c o r r i s p o n d e n t e g u a d a g n o i n r i c c h e z z a . S a r e b b e p o s s i b i l e , seg u e n d o l ' e s e m p i o d i a n a l o g h e r e g o l e nel c a l c o l o p r e d i c a t i v o , introd u r n e q u i u n g r u p p o che p e r m e t t a t r a s f o r m a z i o n i del t i p o p e r cui ' Ogni o y ' p o r t a a ' Ogni c h e n o n s i a y '. Q u e g l i esponenti della logica tradizionale che pretendevano che le regole di i n f e r e n z a i m m e d i a t a e dei s i l l o g i s m i c a t e g o r i c i o ipotetici fornissero u n c a n o n e e s a u r i e n t e del r a g i o n a m e n t o f o r m a l e e r a n o curiosamente cicchi su questo punto. P e r mostrare che un passaggio a r g o m e n t a t i v o e s e m p l i f i c a v a u n a d e l l e f o r m e r i c o n o s c i u t e e r a spesso necessario trasformare una delle premesse. P e r esempio, la f o r m a di i n f e r e n z a da ' Ogni o y ' e ' Ogni s ' a ' O g n i che non y s ' p u v e n i r p r e s e n t a t a c o m e s i l l o g i s t i c a s o l o trasform a n d o la p r i m a p r e m e s s a in ' Ogni c h e non y s '. U n a tras f o r m a z i o n e s i f f a t t a un e s e m p i o di d e d u z i o n e f o r m a l e v a l i d a esatt a m e n t e n e l l a stessa m i s u r a d e l l ' i n f e r e n z a s i l l o g i s t i c a c h e s e g u e . Il principio che la regge ha d u n q u e altrettanto diritto ad un posto

267 Soggetti, predicati, esistenza nel c a n o n e ilei s i s t e m a q u a n t o il v e r o e p r o p r i o p r i n c i p i o sillogistico. M a q u e l l a m a n i p o l a z i o n e p r e l i m i n a r e d e l l e p r e m e s s e v e n i v a invece c o m p l e t a m e n t e t r a s c u r a t a , p e r c h l a s i r i d u c e v a a d u n s e m p l i c e ' p o r r e le p r e m e s s e in f o r m a l o g i c a ' '. Se tutte le i n f e r e n z e d e d u t t i v e c h e r i c a d o n o f u o r i d a g l i s c h e m i r i c o n o s c i u t i del s i s t e m a v e n g o n o trattate c o s i , col d i c h i a r a r e c h e si tratta non g i di reali inferenze, ma di qualcosa d'altro, allora la pretesa di completezza d i v e n t a i n a t t a c c a b i l e , ma in virt di una b a n a l e s c a p p a t o i a . Alcune delle precedenti sezioni possono dar l'impressione di u n a d i f e s a del s i s t e m a t r a d i z i o n a l e . M a s i t r a t t a , a l m e n o i n p a r t e , di u n ' i m p r e s s i o n e e r r a t a . In p r i m o l u o g o t u t t ' a l t r o c h e c o n c e s s o , gi ne ho a c c e n n a t o , c h e gli e s p o n e n t i ilei s i s t e m a f a r e b b e r o buon viso ad u n a tale, d i f e s a . In s e c o n d o l u o g o , s a r e b b e e r r o n e o pretend e r e clic il s i s t e m a t r a d i z i o n a l e , o clic un q u a l s i a s i s i s t e m a f o r m a l e , p o t e s s e r o d a r conto i n m o d o e s a u r i e n t e d e l l a logica d e l l e asserzioni s o g g e t t o - p r e d i c a t o . c i non solo p e r le r a g i o n i teste f o r n i t e . Qualsiasi spiegazione esauriente includerebbe, per esempio, una d e s c r i z i o n e d e l l e d i f f e r e n z e fra e n u n c i a t i s i n g o l a r i c h e i n i z i a n o con frasi d e s c r i t t i v e d e f i n i t e e indefinite. A b b i a m o visto c h e q u e s t e differenze vengono mal rappresentate dalle caldeggiate traduzioni in t e r m i n i di q u a n t i f i c a z i o n e ; ma esse non p o s s o n o v e n i r r a p p r e s e n t a t e a f f a t t o d a nessun tratto f o r m a l e del s i s t e m a t r a d i z i o n a l e 3 . N q u e s t i o n i del g e n e r e si p r e s t a n o ad e s s e r e t r a t t a t e in t e r m i n i di
1 P e r u n ' e l a b o r a z i o n e ( e q u a l i f i c a z i o n e ) u n p o ' p i d e t t a g l i a t a d e l l e osserva/ioni contenute in questo paragrafo, cfr. innanzi, capitolo V I I , sezione 10.

Si confronti ci e b e p o t r e b b e dirsi un " sillogismo n a t u r a l e * con i rigidi e s e m p i irreali dei libri di testo, lino s q u a r c i o di d i a l o g o p u p r o c e d e r e c o s i : Un tale ha teste bevuto un'intera bottiglia di alcool metilico. Mai nessuno c h e p r e n d e una dose c o m e q u e l l a s o p r a v v i v e . Allora egli m o r i r . S i noti c o m e l ' i n d e f i n i t o p r i m o t e r m i n e p o r t i a l p r o n o m e d e f i n i t o ' e g l i ' n e l l a conclusione, e conic il l e m p o v e r b a l e e a m b i ad ogni p a s s o . A d i f f e r e n z a di altre divergenze dallo s c h e m a ortodosso ( c o m e " m o r i r ' per " n o n sopravviv e r ' e " p r e n d e una dose r o m e q u e l l a " per ' b e v e un'intera b o t t i g l i a ' , ecc.), q u e l l e lo non p o s s o n o v e n i r e l i m i n a l e s e n z a d i s t r u g g e r e i l s e n s o d e l l ' o r i g i n a l e .

Soggetti e predicati

249

un q u a l s i a s i s i s t e m a che p o s s a d i r s i f o r m a l e . Dei d u e [muti c h e mi son s o p r a t t u t t o p r e o c c u p a t o di s t a b i l i r e , u n o r e l a t i v a m e n t e banale, l ' a l t r o e i m p o r t a n t e . R e l a t i v a m e n t e b a n a l e q u e l l o c h e alcune critiche ortodosse al sistema tradizionale sono erronee. Il p u n t o i m p o r t a n t e c h e , a r e g g e r e a m b e d u e q u e s t e c r i t i c h e e le dottrine del t i p o d e l l a teoria d e l l e d e s c r i z i o n i , t r o v i a m o u n r a d i c a l e f r a i n t e n d i m e n t o di certi tratti logici g e n e r a l i d e l l ' i m p i e g o del ling u a g g i o , ed a n c h e di certi tratti l o g i c a m e n t e interessanti d e l l ' u s o ili [articolari tipi di e s p r e s s i o n i . D e l l e r a g i o n i ili q u e s t o fraintendimento (o t r a s c u r a n t i ) dir in seguito1. Ma sarebbe errato in linea ili fatto e di p r i n c i p i o p r e s e n t a r e il s i s t e m a t r a d i z i o n a l e c o m e c a p a c e di r i u s c i r e in u n ' i m p r e s a in cui la l o g i c a m o d e r n a f a l l i s c e , o viceversa.
' Nel rapitolo Vili.

VII.

Asserzioni generali e relazioni

I.
Asserzioni
1.

generali

Nelle asserzioni generali soggetto-predicato, della forma la q u e s t i o n e d e l l a l o r o v e r i t o f a l s i t s o r g e

' T u t t i gli s s o n o

solo, c o m e ho gi detto, se vi sono 5; ho inoltre arguito che, se la q u e s t i o n e si p o n e , l ' a s s e r z i o n e v e r a se n o n c ' n e s s u n s c h e n o n s i a p, e f a l s a se c ' un s c h e n o n s i a p. A n c h e u n a f o r m u l a z i o n e del g e n e r e h a b i s o g n o d i q u a l i f i c a z i o n e u l t e r i o r e p e r n o n r i u s c i r e definizione t r o p p o restrittiva. Infatti ci sono molti casi di asserzioni s o g g e t t o - p r e d i c a t o i n i z i a n t i con ' tutti ' c h e s a r e b b e v e r a m e n t e pedante d i c h i a r a r e false in forza di un'eccezione 0 di un g r u p p o di eccezioni. Se le circostanze in cui le eccezioni si presentano sono esse stesse molto eccezionali, p o s s i a m o aver la sensazione che esse non m i l i t i n o c o n t r o l a n o s t r a a s s e r z i o n e , q u a s i c h e q u e s t a r e c h i , inespressa p e r c h non necessaria, la q u a l i f i c a z i o n e ' in circostanze normali E n e p p u r e eccezioni che occorrano in circostanze affatto generalizPure, in altri casi, una singola normali ci impongono sempre di ammettere l'errore: zare vuol dire ' p a r l a r e in generale

eccezione costituisce una confutazione. E questi casi, essendo i pi limpidi, vengono considerati come tipici. 2. N o n t u t t e l e a s s e r z i o n i g e n e r a l i s o n o a s s e r z i o n i soggetto-

p r e d i c a t o . E n o n tutti gli e n u n c i a t i g e n e r a l i c h e c i a p p a i o n o c o m e s e f o s s e r o i m p i e g a t i p e r f a r e a s s e r z i o n i h a n n o i n r e a l t t a l e imp i e g o . E n e p p u r e tutti gli e n u n c i a t i g e n e r a l i i m p i e g a t i in effetti

Asserzioni generali

251

p e r f a r e a s s e r z i o n i h a n n o un u s o cosi diretto in tal s e n s o , c o m e si s a r e b b e p o r t a t i a p e n s a r e . F r a gli e n u n c i a t i g e n e r a l i s u s s i s t o n o , in realt, molte differenze. A l c u n e di q u e s t e d i f f e r e n z e s o n o s t a l e s f r u t t a t e a s o s t e g n o Iella tesi c h e vi sono a l m e n o a l c u n i e n u n c i a t i g e n e r a l i ai q u a l i a p p l i c a b i l e l ' a n a l i s i n e g a t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l e ( ' ( . t ) ( f x 3 gx) ' ) . S i considerino, per esempio, i seguenti enunciati: T u l l e le figure p i a n e rettilinee di venti lati h a n n o la

s o m m a dei loro a n g o l i u g u a l e a 2 X 18 a n g o l i retti. Tutti coloro d i e attraverseranno questo terreno verranno denunciati. Tutti i c o r p i in m o t o sui q u a l i non a g i s c o n o f o r z e e s t e r n e c o n t i n u a n o in uno stato di m o t o u n i f o r m e in l i n e a retta. C i a s c u n o d i q u e s t i e n u n c i a t i p u e s s e r p r o f e r i t o con v e r i t ; m a i n nessun c a s o c o n d i z i o n e n e c e s s a r i a d e l l a loro v e r i t i e r a a s s e r z i o n e c h e l a classe-soggetto a b b i a m e m b r i . N s i p u d i r e c h e l a ques t i o n e di tale loro v e r i d i c i t si p o n e s o l t a n t o ove la l o r o classesoggetto a b b i a m e m b r i . Essi non s o n o e n u n c i a t i s o g g e t t o - p r e d i c a t o . Q u e s t i fatti, t u t t a v i a , sono m o l t o i n a d e g u a t i c o m e s o s t e g n o dell'analisi proposta. Se l'analisi proposta fosse c o r r e t t a , condizione

sufficiente del p r o f e r i m e n t o v e r i t i e r o di q u e s t i e n u n c i a t i s a r e b b e
c h e l e l o r o classi-soggetto non a v e s s e r o m e m b r i ; infatti * ~ ( 3 . v )

( f x ) ' e s i g e ' ( * ) ( f x 3 g.r) ' . M a q u e s t o ben lungi d a l l ' e s s e r e i l


c a s o p e r gli e n u n c i a t i g e n e r a l i s u d d e t t i , o p e r altri q u a l s i a s i . Q u e s t i e n u n c i a t i s o n o d i f f e r e n t i f r a l o r o . Il p r i m o u n a p r o p o sizione di matematica. Accettarla come vera significa accettarla come necessariamente vera, come analitica. Rispetto alla questione se esso sia o m e n o una verit a n a l i t i c a d e l l a m a t e m a t i c a , l'ulteriore q u e s t i o n e se esista o no in n a t u r a (o in un q u a l s i a s i d i s e g n o ) una figura p i a n a s p e c i f i c a t a a pici m o d o riesce t o t a l m e n t e irrilevante. L ' a c c e t t a r l o c o m e v e r o significa a c c e t t a r l o c o m e e s e m p l i f i cazione della formula d'iinplicanza : 18

2S2
4

Asserzioni generali u n a figura p i a n a rettilinea di ri l a t i ' e s i g e ' ha la

s o m m a dei suoi a n g o l i u g u a l e a ( n 2 ) 2 a n g o l i r e t t i ' . Questa formulazione ci rammenta un'altra ehe accettiamo come equivalente : u n a figura p i a n a rettilinea di lati 3 ha la s o m m a dei suoi a n g o l i u g u a l e a (n 2) 2 a n g o l i retti ' a n a l i t i c o . E di qui a g e v o l e il p a s s a g g i o a l l ' e n u n c i a t o a n a l i t i c o g e n e r a l i z z a t o " (.) ( ) (. una figura p i a n a r e t t i l i n e a di lati 3 x ha la s o m m a dei s u o i a n g o l i u g u a l e a ( / i 2 ) X 2 a n g o l i r e t t i ) ' ; d i cui ' ( * ) (. u n a figura p i a n a rettilinea di 20 lati 3 ha la s o m m a dei s u o i a n g o l i u g u a l e a 18 2 a n g o l i r e t t i ) ' u n a s p e c i a l i z z a z i o n e . E questa e della forma " ( . r )

(fx 3 gx)'. C o s i noi

possiamo, dopo

tutto, f a r u s o del s i m b o l i s m o q u a n t i f c a z i o n a l c p e r l a f o r m u l a z i o n e d i q u e s t o e n u n c i a t o , m a ci s o l o ( s e n z a r i s c h i o ) s e m e t t i a m o bene in c h i a r o c h e s t i a m o s c r i v e n d o un e n u n c i a t o a n a l i t i c o , e p e r c i s o l o se t e n i a m o ben p r e s e n t e le riserve r e l a t i v e a l l ' u s o di tale simb o l i z z a z i o n e p e r e s p r i m e r e l ' i m p l i c a n z a '. D i c h i a r a r e senza ulter i o r e q u a l i f i c a z i o n e clic la formula negativamente esistenziale rende la forma dell'enunciato sarebbe falso. Il s e c o n d o e n u n c i a t o un e s e m p i o di q u e g l i e n u n c i a t i clic ci s i p r e s e n t a n o c o m e s e f o s s e r o usati p e r f a r e a s s e r z i o n i , m e n t r e q u e s t o non il c a s o . Il p r o p r i e t a r i o t e r r i e r o c h e c o l l o c a q u e l l a scritta su di un c a r t e l l o posto al c o n f i n e dei s u o i terreni non fa una p r e d i z i o n e , ma notifica un a v v e r t i m e n t o o u n a m i n a c c i a . Si p o t r e b b e d i r e c h e v e r i t i e r o o in b u o n a f e d e nel f o r m u l a r e l ' e n u n c i a t o s e q u e s t o c o r r i s p o n d e a l l e s u e i n t e n z i o n i . M a egli non fa n u n ' a s s e r z i o n e v e r a , n u n ' a s s e r z i o n e f a l s a , g i a c c h non fa un'asserzione affatto.

C f r . c a p i t o l o I, s e z i o n e 15, e c a p i t o l o V i l i , s e z i o n e 3.

2S2 Asserzioni generali Il terzo e n u n c i a t o a p p a r t i e n e a l l a t e o r i a fisica


1

; ed io non pre-

tendo di t r a t t a r l o che in un m o d o s c h e m a t i c a m e n t e r e a l i s t i c o . S u p p o n i a m o clic in ugni caso osservato la q u a n t i t di d e v i a z i o n e di un c o r p o in moto d a l l a p r o s e c u z i o n e con m o v i m e n t o u n i f o r m e e rettilineo. sia l e g a t a con q u a l c h e r a p p o r t o c o s t a n t e a l l a g r a n d e z z a e d alla d i r e z i o n e d e l l e f o r z e c h e o p e r a n o su di esso. E si s u p p o n g a clic questo r a p p o r t o s i a tale c h e a s s u m e n d o c h e esso v a l g a p e r generi ili casi non osservati sia e q u i v a l e n t e , nel c a s o m a i verificato di un c o r p o sul q u a l e non a g i s c a n e s s u n a f o r z a e s t e r n a , a l l ' a s s u n zione c h e un tal c o r p o c o n t i n u e r e b b e nel m o t o u n i f o r m e in linea retta. A l l o r a le prove in b a s e a l l e q u a l i c o n c l u d i a m o , se c r e d i a m o di f a r l o , c h e q u e s t o r a p p o r t o v a l e p e r tutti i c o r p i in m o t o s o n o altres q u e l l e i n b a s e a l l e q u a l i a c c e t t i a m o c o m e v e r a l ' a s s e r z i o n e in q u e s t i o n e . C o g l i a m o il v a l o r e di tale a s s e r z i o n e s o l o q u a n d o la c o n s i d e r i a m o c o m e p a r t e d i u n a teoria p i a m p i a . A l l o r a infatti v e d i a m o c h e , s e b b e n e l ' a s s e r z i o n e non a b b i a a l c u n a a p p l i c a z i o n e

diretta, g i a c c h e non ci s o n o , p o s s i a m o d i r e , c o r p i di s o r t a sui q u a l i


non o p e r i n o f o r z e esterne, tuttavia la q u e s t i o n e d e l l a s u a verit o falsit pu s o r g e r e , e l ' a s s e r z i o n e pu c o r r e t t a m e n t e d i r s i v e r a , c o m e una p a r t e , o c o n s e g u e n z a , d e l l a t e o r i a g e n e r a l e c h e ha a p p l i c a z i o n e d i r e t t a , g i a c c h e ci s o n o c o r p i in m o l o . Il s e n s o in cui noi c h i a m i a m o v e r a u n a s i f f a t t a a s s e r z i o n e g e n e r a l e p u v e n i r confrontato col senso in cui p o s s i a m o c h i a m a r v e r a q u a l c h e a s s e r z i o n e c o n d i z i o n a l e con c o n d i z i o n i non s o d d i s f a t t e . A n c h ' e s s e infatti possoii essere c o n s e g u e n z e l o g i c h e di g e n e r a l i z z a z i o n i a c c e t t a t e c h e h a n n o a p p l i c a z i o n e d i r e t t a ( f o r s e poste i n s i e m e con a l c u n e a l t r e asserzioni, non g e n e r a l i ) . 3. Le asserzioni g e n e r a l i e m p i r i c h e si s u o l e d i v i d e r l e in ge-

n e r a l i z z a z i o n i ristrette e non ristrette, o in g e n e r a l i z z a z i o n i circa


1 P u mirilo d a r s i elio r i o non s i a pili, o c l i c sia d i v e n t a t o un e n u n c i a t o analitico. Q u i non tengo conto n dell'una, n dell'altra possibilit, giacch il mio uso dell'enunciato solanlo illustrativo.

2S2 Asserzioni generali c l a s s i c h i u s e e g e n e r a l i z z a z i o n i c i r c a classi a p e r t e , o a n c h e , pot r e m m o d i r e , in r e g i s t r a z i o n i con v a l o r e p r o g n o s t i c o da un lato e leggi d a l l ' a l t r o . U n a tal d i v i s i o n e non n c h i a r a m e n t e d e f i n i t a , n esauriente. Ma un valore ce l'ha, per quanto sia spesso malam e n t e r a p p r e s e n t a t o . L ' a s s e r z i o n e i d e a l e con v a l o r e d i l e g g e potrebbe venir caratterizzata come segue, senza ambizioni di approf o n d i m e n t o e c o m p l e t e z z a : se A un e n u n c i a t o c h e e s p r i m e u n a siffatta a s s e r z i o n e , a l l o r a , d a t o c h e ove A s i a p r o f e r i t o da q u a l c h e p e r s o n a in un certo m o m e n t o e luogo l ' a s s e r z i o n e clic ne risulta v e r a , s e g u e n e c e s s a r i a m e n t e c h e da q u a l u n q u e a l t r a p e r s o n a , in q u a l u n q u e a l t r o t e m p o e l u o g o , A ( s e n z a m o d i f i c a a l c u n a , nepp u r e . p.e.. nel t e m p o v e r b a l e ) v e n g a p r o f e r i t o , esso d a n c o r a l u o g o ad u n ' a s s e r z i o n e v e r a . C o s i nessuna a s s e r z i o n e in cui i riferimenti delle parole usate d i p e n d a n o in un m o d o qualsiasi dalla s i t u a z i o n e i n cui esse s o n o p r o f e r i t e p u e s s e r e u n ' a s s e r z i o n e i d e a l e con v a l o r e d i l e g g e . Q u e s t a c a r a t t e r i z z a z i o n e s e m b r a p r e c i s a nel s u o a m b i t o di a p p l i c a b i l i t , ma la linea f r a g e n e r a l i z z a z i o n i ristrette e non ristrette non t r a c c i a l a in p r a t i c a in m o d o cosi netto. Ci s o n o m o l t e g e n e r a l i z z a z i o n i c h e si p r o p e n d e a c o n s i d e r a r e non ristrette, r e l a t i v e a " c l a s s i a p e r t e ' e cosi v i a , le q u a l i s o l t a n t o si a p p r o s s i m a n o a q u e s t o r e q u i s i t o . P e r e s e m p i o * T u t t i i galli a m a n o il p e s c e ' g e n e r a l i z z a z i o n e c h e c o m u n e m e n t e si f a r e b b e r i e n t r a r e in tale c a t e g o r i a . Ma s a r e b b e possibile d i r e : ' Era generalmente

vero clic tutti i gatti a m a n o il p e s c e ; ma o r a X Ita a l l e v a t o u n a


n u o v a razza di galli c h e d e t e s t a n o il p e s c e '. Q u a n d o c o l o r o c h e parlavano in epoca pre-X proferivano l'enunciato, facevano una a s s e r z i o n e v e r a : ma ((liando lo si p r o f e r i s c e in e p o c a post-X, ne v i e n e u n ' a s s e r z i o n e f a l s a . Ne d e r i v a c h e la c l a s s e cui ci si r i f e r i v a non e r a i d e a l m e n t e a p e r t a . M a o c c o r r e d i r e c h e , s e t e n t i a m o d i rendere la caratterizzazione abbastanza a m p i a da comprendere tutte q u e l l e a s s e r z i o n i g e n e r a l i c h e s o n o state c l a s s i f i c a t e c o m e non ristrette, essa d i v e n t a u n a c a r a t t e r i z z a z i o n e v a g a , d a f o r m u l a r s i i n termini di approssimazione all'ideale. Possiamo parlare, allora

255 ili a s s e r z i o n i - l e g g e e rli a s s e r z i o n i - q u a s i - l e g g c , i n c l u d e n d o n e l l a s e c o n d a c a t e g o r i a q u e l l e clie s o l t a n t o s i a p p r o s s i m a n o a l l ' i d e a l e . Nel f a r e tali a s s e r z i o n i u s i a m o i l t e m p o p r e s e n t e . M a l a f u n z i o n e elie lia q u e l t e m p o in tali a s s e r z i o n i non e g i di i n d i c a r e c h e si esprimono tratta del esempio, Si condizioni contemporanee all'atto espressivo. N si il presente atemporale delle asserzioni necessarie. il presente quasi-onnitemporale di alcune

p r e s e n t e u n n i - t e m p o r a l e d e l l e a s s e r z i o n i - l e g g e , o s s i a , nel n o s t r o asserzioniquasi-leggc. pensa t a l v o l t a c h e le a s s e r z i o n i - l e g g e d e l l a f o r m a ' tutti gli s s o n o ". le q u a l i a b b i a n o a p p l i c a z i o n i d i r e t t e a c a s i partic o l a r i , non v e n g o n o v e r i f i c a t e d a l l a s e m p l i c e c i r c o s t a n z a c h e non \ i sia ( o n n i l e m p o r a l m e n l e ) n e s s u n s c h e n o n s i a p ; s i r i t i e n e c i o d i e l e c o n d i z i o n i d i v e r i t s t a b i l i t e p e r l e a s s e r z i o n i g e n e r a l i sogg e t t o - p r e d i c a t o nel p r i m o p a r a g r a f o d i q u e s t o c a p i t o l o s i a n o inad e g u a t e p e r a s s e r z i o n i - l e g g e , e c h e a c c e t t a r q u e s t e c o m e v e r e significhi a c c e t t a r e l ' u l t e r i o r e r e q u i s i t o c h e e s i s t a q u a l c h e l e g a m e n e c e s s a r i o f r a la c a r a t t e r i s t i c a di e s s e r e un s e q u e l l a di un p, l e g a m e s o g g i a c e n t e a l l a l o r o c o s t a n t e c o n g i u n z i o n e . U n t i p i c o arg o m e n t o a s o s t e g n o di t a l e c o n c e z i o n e il s e g u e n t e '. Si s u p p o n g a che q u a l c u n o a b b i a ogni buon f o n d a m e n t o di c r e d e r e che non vi sia m a i s t a t o a l t r o c h e u n n u m e r o a s s a i p i c c o l o ili m e m b r i d i u n a certa s p e c i e (.<), c h e non v e n e s a r a n n o m a i p i i n f u t u r o , e c h e ciascun m e m b r o della specie, da adulto, avesse una certa caratteristica ( p ) f a c i l e a r i l e v a r s i ( c o m e , p e r e s e m p i o , u n c e r t o n u m e r o d i p e r s o n e p o t r e b b e r o a v e r e tutte d e i n a s i l u n g h i e s a t t a m e n t e d u e pollici). Allora si potrebbe a m m e t t e r e c o m e soddisfatta la condiz i o n e c h e n o n ci s o n o s c h e non s i a n o p. Ma l ' a s s e r z i o n e c h e t a l e c o n d i z i o n e s o d d i s f a t t a non s a r e b b e u n ' a s s e r z i o n e - l e g g e . S e g n o n e c h e non s a r e b b e l e g i t t i m o i n f e r i r e c h e . s e v i f o s s e u n a l t r o s . s a r e b b e a n c h e e s s o p . C o s i a l c u n e a s s e r z i o n i n o n r i s t r e t t e p e r cui
(.fr. KNKALE,

Probul'ility

und

Induction*

pulte

II.

2S2

Asserzioni generali

le c o n d i z i o n i di verit d e s c r i t t e sono a d e g u a t e non s o n o asserzionilegge. E q u i n d i , si c o n c l u d e , n e s s u n a a s s e r z i o n e p e r cui tali condizioni di v e r i t s o n o a d e g u a t e , s o n o a s s e r z i o n i - l e g g e . L'ultimo passaggio dell'argomentazione , tuttavia, invalido. Ci che c o n s e g u e non e h e le c o n d i z i o n i di v e r i t d e l l e asserzionil e g g e sono s t a l e i n a d e g u a t a m e n t e d e s c r i t t e , ma s o l t a n t o c h e inadeguata, per

qualche

rispetto,

la

caratterizzazione

delle

as-

serzioni-legge d a t a f i n o r a . N c' d a c e r c a r l o n t a n o : u n a p a r t e

essenziale d e l l e p r o v e su cui

p o g g i a la c o n c l u s i o n e p e r cui nel

c a s o test i m m a g i n a t o non vi s a r e b b e ( o n n i t e m p o r a l m e n t e ) nessun s che s i a non sta nel f a t t o c h e la c l a s s e dei m e m b r i d e l l a s p e c i e l i m i t a t a in un senso t e m p o r a l e m o l l o d e f i n i t o , n e l l ' e s s e r , c i o , p r o v a t o c h e non vi s a r a n n o altri m e m b r i , e c h e m a i ve ne f u r o n o , oltre al n u m e r o l i m i t a t o la cui o s s e r v a z i o n e stata regis t r a t a . T u t t o c i c h e d o b b i a m o a g g i u n g e r e a l l a nostra caratterizz a z i o n e d e l l e leggi n a t u r a l i il r e q u i s i t o c h e u n a p r o v a di q u e s t o g e n e r e non d e b b a c o s t i t u i r e p a r t e e s s e n z i a l e dei f o n d a m e n t i i n b a s e ai q u a l i le leggi stesse v e n g o n o accettate. Il m a t e r i a l e probatorio c h e i n s i e m e a m m i s s i b i l e ed a d e g u a t o al fine di s t a b i l i r e una legge s a r a l l o r a a d e g u a t o a n c h e al fine di s t a b i l i r e le relative asserzioni condizionali insoddisfatte. Bisognerebbe aggiungere che il l i n g u a g g i o o r d i n a r i o non esita a f f a t t o a d i s t i n g u e r e f r a questi c a s i . Infatti non u s e r e m m o m a i il p r e s e n t e o n n i t e m p o r a l c in un c a s o c o m e q u e l l o i m m a g i n a t o . D i r e m m o , i n v e c e : ' T u t t i gli s c h e m a i c i f u r o n o , f u r o n o p ; e non c e n e s a r a n n o p i l i ' . Se d u n q u e u n ' a s s c r z i o n e - l e g g e clic si a v v i c i n i a l l a f o r m a ' T u t t i gli s sono p ' h a a p p l i c a z i o n e diretta ( p . e . , ' T u t t i i m a m m i f e r i sono v e r t e b r a t i '. * l m e t a l l i r i s c a l d a t i si d i l a t a n o " ) . non c ' r a g i o n e d i p e n s a r e c h e l e s u e c o n d i z i o n i d i verit s i a n o d i v e r s e d a q u e l l e descritte p e r le a l t r e a s s e r z i o n i s o g g e t t o - p r e d i c a t o . ( D i r epiesto non significa negare che le asserzioni-legge di forma soggetto-predicato s i a u o d i v e r s e p e r alcuni rispetti dalle altre asserzioni soggettop r e d i c a t o , g i a c c h , c o m e s ' visto test, c h i a m a r l e asserzioni-legge

257
significa insieme soUolineare l'illimitatezza della loro a p p l i c a z i o n e e dire q u a l c o s a sulla natura delle prove che le s u f f r a g a n o ) . E se nn'asserzione-legge di questa forma non ha a p p l i c a z i o n e diretta ( p.e., ' I c o r p i s u i q u a l i non a g i s c o n o f o r z e e s t e r n e c o n t i n u a n o , e c c . ' ) . allora la s u a v e r i t o f a l s i t d i p e n d o n o d a l l a v e r i t o f a l s i t di a l t r e a s s e r z i o n i - l e g g e con le q u a l i e d e d u t t i v a m e n t e collegatu e c h e h a n n o a p p l i c a z i o n e d i r e t t a . La f r a s e * a p p l i c a z i o n e d i r e t t a a c a s i s p e c i f i c i ', c h e si u s a t a s o p r a , non d e v e e s s e r e i n t e r p r e t a t a t r o p p o r i g i d a m e n t e . ' I m e t a l l i r i s c a l d a l i s i d i l a t a n o ' u n a g e n e r a l i z z a z i o n e d i o r d i n e pili a l t o circa i l r a m e , l o z i n c o , l ' o r o , e c c . ( c i o , c i r c a tipi d i m a t e r i a l i ) ; e ' Tutti i m a m m i f e r i sono vertebrati ' anch'essa una generalizz a z i o n e c o n s i m i l e clic r i g u a r d a i l l e o n e , l a t i g r e , l a b a l e n a , ecc. ( c i o , specie d i a n i m a l i ) , l a d d o v e i ' c a s i s p e c i f i c i ' s o n o s i n g o l i pezzi di m e t a l l o e s i n g o l i a n i m a l i . I n o l t r e , la m a g g i o r a n z a d e l l e asserzioni-legge assomigliano piuttosto al ch capita qualcosa, capita primo che al secondo (' riscaldato si d i q u e s t i d u e e s e m p i . E s s e a s s e r i s c o n o , c i o , c h e q u a n d o a d alcunanche qualcos'altro d i l a t a ' ) . Asserzioni-legge di questo tipo vengono spesso espresse in e n u n c i a t i di f o r m a ' se . . . a l l o r a . . . ', o in e n u n c i a t i con un ' o g n i q u a l v o l t a '. c o n t e n e n t i d u e v e r b i finiti ( p . e . , " Se il p o t a s s i o m e s s o i n c o n t a t t o con l ' a c q u a , h a l u o g o u n a c o m b u s t i o n e ' ) . S a rebbe possibile, usando una forma linguistica un po' sforzata, e s p r i m e r e tali leggi n e l l a f o r m a d i g e n e r a l i z z a z i o n i s o g g e t t o - p r e d i c a t o r e l a t i v e a classi a p e r t e di eventi: " T u t t i i c a s i di p o t a s s i o posto i n c o n t a t t o con a c q u a s o n o ( o s o n o s e g u i t i d a ) c a s i d i c o m b u s t i o n e ' . C i c h e a p p a r e s f o r z a t o , (piesta n e c e s s i t d i u s a r e n o m i cosi a l t a m e n t e g e n e r a l i c o m e ' c a s i " , d e r i v a d a l f a t t o c h e i l ling u a g g i o p i ricco d i n o m i p e r t i p i c o m p l e s s i d i c o s e c h e non d i n o m i p e r t i p i c o m p l e s s i d i e v e n t i . N u n s i f f a t t o a r t i f i c i o possiede alcuna virt chiarificatrice. Nessuna s p e c i a l e virt c o m p e t e infatti a l l a s e m p l i c e f o r m a s o g g e t t o - p r e d i c a t o ; e q u a n t o si d e t t o delle condizioni di verit delle asserzioni n a t u r a l m e n t e fatte in

2S2

Asserzioni generali

q u e l l a f o r m a t r o v a i s u o i s e m p l i c i s s i m i p a r a l l e l i r i g u a r d a n t i le a s s e r z i o n i - l e g g e c h e p i n a t u r a l m e n t e vengon e f f e t t u a t e nelle a l t r e f o r m e di cui ho fatta m e n z i o n e 4. Ho p a r l a t o in p r e c e d e n z a di e n u n c i a t i g e n e r a l i i q u a l i ,

s e b b e n e u s a t i p e r f a r e a s s e r z i o n i piuttosto c h e p e r e s p r i m e r e amm o n i m e n t i o p e r fissare r e g o l e , non s o n o atti a f a r e a s s e r z i o n i cosi direttamente e c h i a r a m e n t e come potrebbe s e m b r a r e . Eccone un e s e m p i o : ' ( T u t t i ) i parlamentari ricevono mille sterline l'anno1. Q u e s t ' a s s e r z i o n e non e f a l s i f i c a t a dal c a s o di un p a r l a m e n t a r e al quale la Tesoreria dimenticasse di pagare le sue spettanze durante il p e r i o d o di p e r m a n e n z a al P a r l a m e n t o . N t a l e m a n c a t a falsificazione costituisce un s e m p l i c e c a s o ( n e e p i u t t o s t o un c a s o comp l e s s o ) d i u n a d e l l e q u a l i f i c a z i o n i cui s' fatto c e n n o nel p r i m o p a r a g r a f o di q u e s t o c a p i t o l o , n da s p i e g a r s i d i c e n d o c h e l'enunc i a t o usato s o l t a n t o p e r fissare, o c i t a r e , u n a r e g o l a , o p e r d i r e clic q u e l l a r e g o l a e s i s t e , senza i m p e g n a r s i circa il fatto clic sia o s s e r v a t a o m e n o . ( C o n f r o n t a c o n : ' I p a r l a m e n t a r i h a n n o diritto a m i l l e s t e r l i n e a l l ' a n n o ' ) . Si tratta p i u t t o s t o di q u a l c o s a a m e z z a s t r a d a fra l ' a s s e r i r e i fatti d e l l e effettive riscossioni ed a s s e r i r e il diritto ad esse ila p a r t e dei p a r l a m e n t a r i . Un m o d o di r e s p i n g e r e l ' a s s e r z i o n e c o n s i s t e n t e nel s e p a r a r e c h i a r a m e n t e q u e s t i d u e elementi p o t r e b b e e s s e r e : * In teoria essi r i c e v o n o cpiei s o l d i ; ma in p r a t i c a i p a g a m e n t i s o n o tanto in a r r e t r a t o c h e essi non r i c e v o n o m a i tutto q u e l l o cui h a n n o d i r i t t o ' . Q u e s t o e l e m e n t o d i riconoscim e n t o di u n a r e g o l a m e n o c h i a r a m e n t e p r e s e n t e in m o l t e a l t r e

' La t r a t t a z i o n e Ielle n s s e r z i o n i - l e g g c fatta in q u e s t o c a p i t o l o e nel pross i m o leve i n t e n d e r s i c o m e r e l a t i v a s o l t a n t o a l l e a s s e r z i o n i - l e g g e elle s i a p p l i c a n o a casi s p e c i f i c i o s i a n o s e m p l i c e m e n t e d e d u e i l i i l i d a a l t r e p e r c u i t a l e a p p l i c a z i o n e p o s s i b i l e . F o r s e s o l t a n t o q u e s t e ( o s o l o a l c u n e d i q u e s t e ) vengono chiamate propriamente ' generalizzazioni Ci sono altre leggi ed altri p r i n c i p i d i t e o r i a s c i e n t i f i c a , d i g r a d o p i a l t o , l a cui r e l a z i o n e eoi f a t t i osservati l u n g i (1 al l ' e s s e r e c o s i s e m p l i c e . )

259 asserzioni g e n e r a l i . P e r e s e m p i o : " T u t t i i l i b r i ili S m i t h s o n o legati in c a p r e t t o ' inilica un certo c o m p o r t a m e n t o n o r m a l e , u n a regola p r i v a l a del s i g n o r S m i t h . La r a g i o n e p e r cui tocco questi punti in a p p a r e n z a b a n a l i la s e g u e n t e : p o s s i b i l e f a r e degli e s e m p i di e n u n c i a t i g e n e r a l i clic c h i a r a m e n t e a p p a r t e n g o n o a classi in netto c o n t r a s t o , q u a l i a d e s e m p i o : asserzioni a n a l i t i c h e , a s s e r z i o n i - l e g g e i d e a l i , r e g o l e di giochi o ili istituzioni, c o l l o c a z i o n i di f a t t o del tutto f o r t u i t e . Alla p r i m a e a l l a terza di q u e s t e classi non p u a p p l i c a r s i il concetto di v e r i t o falsit e m p i r i c a . E s s o si a p p l i c a a l l a s e c o n d a c alla q u a r l a , e in un m o d o c h e f o n d a m e n t a l m e n t e lo stesso, c o m e ho c e r c a l o di m o s t r a r e . Ma gli e n u n c i a t i g e n e r a l i clic posson essere n e t t a m e n t e attribuiti ad u n a o ad u n ' a l t r a di tali classificazioni c o s t i t u i s c o n o , p r o b a b i l m e n t e , piuttosto l ' e c c e z i o n e c h e l a r e g o l a . Il fatto c h e gli e n u n c i a l i g e n e r a l i si r i v e l i n o in tal m o d o c o m e il c o n f u s o punto d ' i n c o n t r o di c a r a t t e r i s v a r i a t i ha i n s i e m e incoraggialo assimilazioni errate ' e promosso distinzioni spurie. In p a r t i c o l a r e , i m p o r t a n t e r i l e v a r e la s f u m a t a c o n t i n u i t che intercorre fra a s s e r z i o n i - l e g g e n a t u r a l i di alto g r a d o e q u e l l e asserzioni del t i p o ' tutti gli 5 s o n o p' circa le q u a l i non si ha r a g i o n e di negare, per ciascun m e m b r o individuale della elasse soggetto, un i n d i p e n d e n t e p o s s i b i l i t di p r o v a r e clic esso p. La m a g g i o ranza d e l l e a s s e r z i o n i g e n e r a l i e m p i r i c h e si t r o v a a vari punti f r a questi e s t r e m i . C o n s a p e v o l i d i q u e s t a c o n t i n u i t , s i a m o indotti a c e r c a r e la d i f f e r e n z a f r a di essi in c o s e c h e p o s s a n o m u t a r e g r a d u a l m e n t e : nel c a r a t t e r e dei f o n d a m e n t i in b a s e ai q u a l i facc i a m o tali a s s e r z i o n i , e n e l l a misura d e l l ' i m p e g n o c h e ci m e t t i a m o nel f a r l e , e 11011 gi in u n a b r u s c a rottura nel t i p o d e l l e c o n d i z i o n i d i verit c h e d o v r e b b e aversi i n q u a l c h e p u n t o p r o s s i m o a d u n a delle d u e e s t r e m i t d e l l a s e r i e .
' Si pensi soprattutto allo parola " l e g g e * .

2S2

Asserzioni generali

II.

Relazioni
5. T r a t t a n d o , nel c a p i t o l o I I , del g e n e r e d i a n a l o g i e f o r m a l i

sussistenti f r a i n f e r e n z e c h e i n t e r e s s a n o i l l o g i c o , v e d e m m o c h e una di tali a n a l o g i e e r a r i s c o n t r a b i l e in i n f e r e n z e dei seguenti modelli : . . un d i s c e n d e n t e di y . y un d i s c e n d e n t e ili d i s c e n d e n t e di s A' u n a p a r t e di y . y lina p a r t e di esige y . y esige c h i o di esige .t p i vec u n a p a r t e di un

.r p i v e c c h i o di y . y p i v e c c h i o di

= y . y =

= .

V e d e m m o a n c h e clic il d e s i d e r i o c h e ha il logico di c o d i f i c a r e le analogie formali mediante l'adozione di un modello verbale r a p p r e s e n t a t i v o c h e p o s s a figurare in u n a r e g o l a c i t a t a , i n c o n t r a v a in q u e s t o c a s o u n a certa difficolt. La difficolt s t a v a n e l l ' a s s e n z a di qualsiasi carattere formale c o m u n e pcrvasivo e peculiare delle a s s e r z i o n i r e l a z i o n a l i s u s c e t t i b i l i di e n t r a r e a f a r p a r t e di i n f e r e n z e v a l i d e di m o d e l l o a n a l o g o a q u e l l i s o p r a c i t a t i . N a t u r a l m e n t e , tutte le inferenze di questo genere hanno un carattere formale comune, a l t r i m e n t i non s o r g e r e b b e n e p p u r e l a q u e s t i o n e d i s c o p r i r e u n a a n a l o g i a f o r m a l e f r a di essi. Essi e s e m p l i f i c a n o tutti, infatti, il modello

fx y . fyz :. fxz.
Ma q u e s t o m o d e l l o non serve ai fini del l o g i c o . I n f a t t i , coin il modello generale dell'inferenza
m p. s

sillogistica
m .. 5

nella

prima figura

261 a n c h ' e s s o e s e m p l i f i c a t o , con a l m e n o p a r i f r e q u e n z a , da i n f e r e n z e i n v a l i d e non m e n o clie da i n f e r e n z e v a l i d e . M e n t r e il l i n g u a g g i o ci fornisce un p i c c o l o n u m e r o di costanti con cui p o t e r s p e c i f i c a r e differenti f o r m e v a l i d e del s i l l o g i s m o d e l l a p r i m a f i g u r a ( c o m e , ad e s e m p i o , ' ogni m p, ogni s e ni .'. ogni s p ' ) , esso non ci f o r n i s c e n e s s u n a costante con cui s p e c i f i c a r e , in u n a f o r m u l a , esattaniente quel s o t t o g r u p p o di i n f e r e n z e d e l l a f o r m a ' fxy . fyz .'. fxz ' clic sono v a l i d e . P o s s i a m o , v e r o , t r o v a r e a l c u n i m o d e l l i clie sembrano q u a l i f i c a t i p e r e s s e r c o n s i d e r a t i f o r m a l i ( m o s t r a n o , c i o , l a d e s i d e r a l a i n d i f f e r e n z a r i s p e t t o al c o n t e n u t o ) e c h e i n s i e m e coprono un buon n u m e r o d e l l e a s s e r z i o n i c h e p o s s o n o e n t r a r e in i n f e r e n z e v a l i d e d i questa f o r m a . P e r e s e m p i o .

pi che y

lia u n a m a g g i o r ( m i n o r ) q u a n t i t ( g r a d o ) di clic y lia lo stesso di y. l'n bel numero delle formule specifiche che possono figurare

in validi m o d e l l i d ' i n f e r e n z a del g e n e r e di cui ci o c c u p i a m o o e s e m p l i f i c a n o d i r e t t a m e n t e q u a l c u n o d i q u e l l i s o p r a r i p o r t a t i , opp u r e , con m a g g i o r e o m i n o r g r a d o di f o r z a t u r a l i n g u i s t i c a , p o s s o n o venir tradotti in f o r m u l e c h e li e s e m p l i f i c h i n o . Ma p e r q u a n t o si sforzi il l i n g u a g g i o , non si riesce a f a r si e h e q u e s t i m o d e l l i esauriscano tutti i c a s i di cui ci o c c u p i a m o ( p . e . , * un a s c e n d e n t e di y ', ' i n c l u d e y ', ' Z5 q ' ) . C ' inoltre, c o m e v e d r e m o , un'importante d i f f e r e n z a logica f r a l e p r i m e d u e , c h e p o s s o n o v e n i r cons i d e r a t e c o m e s e m p l i c i v a r i a n t i l i n g u i s t i c h e l ' u n a d e l l ' a l t r a , e l'ult i m a . Non s i a m o , cosi, p r o g r e d i t i a f f a t t o verso la s c o p e r t a di un modello veramente rappresentativo per le asserzioni relazionali, il q u a l e a b b i a e s a t t a m e n t e i p o t e r i logici di cui q u i ci o c c u p i a m o . I' ci r i m a n e soltanto l ' e s p e d i e n t e di c l a s s i f i c a r e i n s i e m e , sotto il n o m e di ' t r a n s i t i v i ', tutti q u e i p r e d i c a t i r e l a z i o n a l i c h e p r o d u cono f o r m u l e a n a l i t i c h e se sostituiti ad ' / ' nella f o r m u l a ' fxy .

f>' z 3 fxz '. I p r e d i c a t i r e l a z i o n a l i non t r a n s i t i v i p o s s o n o s u d d i -

2S2

Asserzioni generali

vidersi i n p r e d i c a t i c h e p r o d u c o n o f o r m u l e c o n t i n g e n t i q u a n d o s i a n o sostituiti a ' / " n e l l ' e s p r e s s i o n e c i t a t a ( p.e., ' a m a ' ) , e q u e l l i clic p r o d u c o n o f o r m u l e a n a l i t i c h e q u a n d o s i a n o sostituiti a d ' / ' nella formula ' fxy . fyz 3 ~ fxz ' son detti e perci producono formule a u t o - c o n t r a d d i t t o r i e se sostituiti ad ' / ' n e l l a f o r m u l a ' fxy . fyz 3

fxz '. Q u e s t i
6.

ultimi

predicati

relazionali

intransitivi.

S e c o n f r o n t i a m o l e d u e f o r m u l e t r a n s i t i v a m e n t e relazio-

nali '. ha la stessa g r a n d e z z a di y" e ' .v c pili g r a n d e di y \ e fac i l e s c o p r i r e l ' i m p o r t a n t e d i f f e r e n z a logica a l l a q u a l e h o teste a c c e n n a t o . L a p r i m a f o r m u l a e s i g e l a f o r m u l a clic risulta d a l l a t r a s p o s i z i o n e d e l l e s u e v a r i a b i l i i n d i v i d u a l i , m e n t r e la s e c o n d a i n c o m p a t i b i l e con l a f o r m u l a a n a l o g a m e n t e o t t e n u t a . Q u e s t a diff e r e n z a e s e m p l i f i c a u n ' u l t e r i o r e c l a s s i f i c a z i o n e dei p r e d i c a t i relaz i o n a l i . I p r e d i c a t i c h e . sostituiti ad ' / ' n e l l ' e s p r e s s i o n e ' fxy 3

fyx ', p r o d u c o n o f o r m u l e a n a l i t i c h e s o n o detti s i m m e t r i c i . P a r o l e


r e l a z i o n a l i non s i m m e t r i c h e s o n o q u e l l e c h e p r o d u c o n o f o r m u l e contingenti o a u t o - c o n t r a d d i t t o r i e q u a n d o v e n g o n o sostituite a d ' / ' in q u e s t a e s p r e s s i o n e ; e q u e l l e c h e p r o d u c o n o f o r m u l e auto-cont r a d d i t t o r i e s o n o c h i a m a t e a s i m m e t r i c h e . D e l l e r e l a z i o n i transitive, alcune sono simmetriche, alcune asimmetriche, ed alcune n l'uno n l ' a l t r o . T u t t e q u e l l e c h e i n v o l g o n o identit o e g u a g l i a n z a p e r q u a l c h e r i s p e t t o s o n o s i m m e t r i c h e ( p.e., ' c o n g r u e n t e con ', ' s i n o n i m o di ', ' l o g i c a m e n t e e q u i v a l e n t e a ', ' e f r a t e l l o o s o r e l l a di " ) . Q u e l l e c h e i n d i c a n o p o s i z i o n i r e l a t i v e a q u a l c h e t i p o di ordinamento sono asimmetriche ( p . e . , * pi granile, pi vecchio, pi alto d i ' , 4 a s c e n d e n t e d i ' ) . U n e s e m p i o d i r e l a z i o n e t r a n s i t i v a che 11011 e n s i m m e t r i c a n a s i m m e t r i c a quello d'implicanza : " l ' a s s e r z i o n e clic e s i g e l ' a s s e r z i o n e clic q ' e c o n g r u e n t e con la f o r m u l a ' l ' a s s e r z i o n e c h e q e s i g e l ' a s s e r z i o n e c h e ', ma non la e s i g e . Si s a r e b b e tentati di p e n s a r e c h e tutte le r e l a z i o n i s i m m e triche d e l i b a n o e s s e r e n e c e s s a r i a m e n t e t r a n s i t i v e , m a l a r e l a z i o n e ili s i m i g l i a n z a o f f r e un e s e m p i o in c o n t r a r i o . E s e m p i di r e l a z i o n i

Relazioni

263

intransitive a s i m m e t r i c h e , e li r e l a z i o n i e h e non s o n o n transitive n i n t r a n s i t i v e e n e p p u r e s i m m e t r i c h e o a s i m m e t r i c h e , non a f f a t t o difficile t r o v a r l i . 7. Le p a r o l e e s p r i m e n t i r e l a z i o n i v e n g o n o c l a s s i f i c a t e d a i lo-

gici a n c h e in a l t r e m a n i e r e , c o r r i s p o n d e n t i ad a l t r e c a r a t t e r i s t i c h e Formali. Di esse non t r a t t e r e m o . Ma o c c o r r e f a r c e n n o li un'ulteriore c a r a t t e r i s t i c a f o r m a l e c o m u n e a l l a m a g g i o r p a r t e dei predicali d i a d i c i , c i o clic p e r ogni a s s e r z i o n e c h e s t a b i l i s c e c h e u n a cosa sta in una c e r t a r e l a z i o n e con u n ' a l t r a c' di s o l i t o un'asserzione l o g i c a m e n t e e q u i v a l e n t e c h e s t a b i l i s c e c h e l a s e c o n d a sta in una pialchc r e l a z i o n e con la p r i m a ; o, in a l t r e p a r o l e , un e n u n c i a l o d e l l a f o r m a ' xRy ' c o m u n e m e n t e e s i g e q u a l c h e enuncialo della f o r m a ' yRx ', c h e a s u a volta e s i g e il p r i m o . Le d u e relazioni son dette l ' u n a la c o n v e r s a d e l l ' a l t r a . O v v i a m e n t e , un m o d o a l t e r n a t i v o di d i r e c h e un certo p r e d i c a l o r e l a z i o n a l e simmetrico consiste nel d i r e c h e esso il s u o p r o p r i o c o n v e r s o . P e r un bel n u m e r o di e s p r e s s i o n i r e l a z i o n a l i in cui la p a r o l a o p e r a t i v a un v e r b o , il c o n v e r s o p u e s s e r e f o r m a t o r e n d e n d o s e m p l i c e niente la voce la attiva a p a s s i v a o v i c e v e r s a : p.e., * .r istruisce y ' i e q u i v a l e n t e a ' y istruito la ". In altri casi p o s s i a m o f o r m a r e i conversi i m p i e g a n d o c o p p i e di p a r o l e o f r a s i o p p o s t e : p.c., ' a l l i e v o di ', * m a e s t r o di "; ' la r a d i c e q u a d r a t a di ', * il q u a d r a t o d i " ; " g e n i t o r e d i ' , " f i g l i o d i ' , ecc. O p p u r e p o s s i a m o s c e g l i e r e fra iii c o n v e r s i : ' e s i g e ' h a p e r c o n v e r s o tanto " d e d o t t o ( p e r i m p l i c a n z a ) d a ' , q u a n t o ' s e g u e d a ' . C o n t i n u a m e n t e , i n tutti i c a m p i p o s s i b i l i , t r a s f o r m i a m o certe a s s e r z i o n i n e l l e loro c o n v e r s e , ed ' l e g i t t i m o c h e il l o g i c o f o r m a l e si interessi a p p u n t o a l l a simig l i a n z a f o r m a l e c h e e s i s t e fra tali p a s s a g g i . I l m o d e l l o c h e essi tutti e s e m p l i f i c a n o

fxy .". gyx.

2S2

Asserzioni generali

I n m o d o a n c h e p i o v v i o c h e nel c a s o del m o d e l l o p u t a t i v o d e l l a t r a n s i t i v i t , noi non p o s s i a m o c i t a r e q u e s t o c o m e u n m o d e l l o d'inf e r e n z a v a l i d o . N p o s s i a m o , c o m e f a c e m m o nel c a s o d e l l a transitivit, i m p i e g a r e u t i l m e n t e il m o d e l l o c o m e h a s e p e r un contrasto f o r m a l e f r a a l c u n e e s p r e s s i o n i r e l a z i o n a l i e d a l t r e . P e r s i n o , infatti, se si d e s s e il c a s o c h e il l i n g u a g g i o m a n c a s s e di f o r n i r c i un converso che suoni naturale per alcune espressioni relazionali, q u e s t o fatto non a v r e h h c s i g n i f c a n z a logica : potremmo sempre i n v e n t a r e un s i f f a t t o c o n v e r s o s e n z a m u t a r e il senso d e l l ' e s p r e s s i o n e r e l a z i o n a l e p e r la q u a l e lo i n v e n t e r e m m o . C o s i la caratteristica l o g i c a Ielle e s p r e s s i o n i r e l a z i o n a l i di cui si trattato in q u e s t a s e z i o n e non o f f r e il f o n d a m e n t o p e r u n ' u l t e r i o r e classific a z i o n e f o r m a l e d e l l e a s s e r z i o n i r e l a z i o n a l i , sul g e n e r e d i q u e l l a in ' t r a n s i t i v e ', ' s i m m e t r i c h e ', ecc. 8. I l o fatto e s p r e s s a m e n t e r i l e v a r e clic l e a n a l o g i e f o r m a l i

fra l e a s s e r z i o n i c h e f o r m a n o l a m a g g i o r p a r t e d e l l a m a t e r i a trattata d a q u e s t a b r a n c a d e l l a logica non p o s s o n o , p e r l ' a s s e n z a d i costanti p e r v a s i v e , v e n i r poste in luce m e d i a n t e r e g o l e c h e stabil i s c a n o c h e certi m o d e l l i v e r b a l i citati s i a n o f o r m u l e a n a l i t i c h e , modelli validi d ' i n f e r e n z a , ecc. D o b b i a m o o r a far rilevare un p u n t o c o n n e s s o col p r e c e d e n t e e c h e s e r v e in p a r t e a s p i e g a r l o : c i o , che le a n a l o g i e f o r m a l i in q u e s t i o n e s o n o in un certo senso [li c o m p r e n s i v e di tutte le a l t r e con cui s ' a v u t o a c h e f a r e . P e r esempio, delle formule analitiche q r> q E p r> p E s

s p o s a t o a y r) y c s p o s a t o a
l e p r i m e d u e a p p a r t e n g o n o alla logica f o r m a l e , m e n t r e l a terza non v i a p p a r t i e n e . D i r e che u n ' a s s e r z i o n e del m o d e l l o ' p v q ' ( o p p u r e " s E p " ) significa classificarla assieme ad un g r u p p o di a s s e r z i o n i a l l e q u a l i essa f o r m a l m e n t e a n a l o g a . L ' a n a l o g i a for-

Relazioni male ira ' q \ ' s E p

265 e ' s p o s a t o eon y ', a n a l o g i a c h e ci

porta a d i c h i a r a r l e tutte f o r m u l e s i m m e t r i c h e , a b b r a c c i a costanti formali che appartengono a differenti branche della logica ( " v ' < I ") ed a n c h e a costanti non f o r m a l i (' s p o s a t o con " ) . R i n u n c i a n d o a c e r c a r e costanti r a p p r e s e n t a t i v e , c o m i n c i a m o a t r o v a r e analogie di pi a m p i o respiro. Questi esempi mostrano qualcosa d'altro, e precisamente come, p e r s e g u e n d o a n a l o g i e f o r m a l i p i estensive, s i s i a a l l a r g a t o i l s e n s o della p a r o l a * r e l a z i o n e '. L ' u s o di q u e s t o t e r m i n e a b b a s t a n z a n a t u r a l e finche si c o n s i d e r a n o e s e m p i sul t i p o d e l l a f o r m u l a ' A: c o n t i g u o a y '. Infatti a b b a s t a n z a n a t u r a l e d i r e c h e , f a c e n d o u n ' a s s e r z i o n e d i questa f o r m a f a c c i a m o m e n z i o n e d i ( o riferimento a) d u e c o s e o p e r s o n e , e d i c h i a r i a m o c h e esse s t a n n o in una certa r e l a z i o n e . M a q u e s t a d e s c r i z i o n e , d e r i v a t a d a l l e asserzioni singolari soggetto-predicato, diviene altamente innaturale q u a n d o la a p p l i c h i a m o a u n ' a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a * q ' semp l i c e m e n t e in virt del fatto c h e e di q u e s t a f o r m a . D i c e n d o c h e q u a l c o s a d e l l a f o r m a ' p v q ' noi non m e n z i o n i a m o d u e asserzioni o d u e c l a u s o l e , m a u s i a m o d u e c l a u s o l e p e r f a r e un'asserzione. N o n d i m e n o , l ' a n a l o g i a f o r m a l e ( c i o l a l e g i t t i m i t d i imperniare due pezzetti consimili di e n u n c i a t o su di un terzo pezzetto d i s s i m i l e ) c e r t a m e n t e p r e s e n t e . L ' u s o d e l l ' e s p r e s s i o n e ' asserzioni r e l a z i o n a l i s i m m e t r i c h e ' i n n o c u o f i n c h non la caric h i a m o di altri significati a l l ' i n f u o r i di q u e s t o . 9. Ho gi fatto in p r e c e d e n z a a l c u n e o s s e r v a z i o n i s u l l a dog-

matica p r e t e s a d i c o m p l e t e z z a c h e a l c u n i e s p o n e n t i d e l l a logica f o r m a l e t r a d i z i o n a l e a v a n z a n o a f a v o r e di q u e s t ' u l t i m a . c h i a r o clic il r i c o n o s c i m e n t o e s p l i c i t o d e l l e a n a l o g i e f o r m a l i trattate in questo c a p i t o l o , e q u i n d i d e l l e f o r m e di i n f e r e n z a c h e non rientrano nel s i s t e m a t r a d i z i o n a l e , i n c o m p a t i b i l e con u n a tale pretesa. f a c i l e s c o r g e r e c o m e l ' i m p o s s i b i l i t di c o s t r u i r e v a l i d i s c h e m i r a p p r e s e n t a t i v i p o t e s s e r i t a r d a r e il r i c o n o s c i m e n t o espli-

266 cito <li q u e s t e f o r m e . Ma a l c u n i d e i tipi di a r g o m e n t a z i o n e clic e s s e c o m p o r t a n o ( s o p r a t t u t t o l e i n f e r e n z e t r a n s i t i v a m e n t e relaz i o n a l i . o ' a r g o m e n t i a fortiori ') e r a n o t r o p p o c o m u n i p e r c h si potesse non prenderli affatto in considerazione. Di conseguenza, la p r e t e s a di c o m p l e t e z z a si s p i n t a t a l v o l t a fino a un t e n t a t i v o di a s s i m i l a r e l e i n f e r e n z e r e l a z i o n a l i a l l e f o r m e r i c o n o s c i u t e d i inferenza s o g g e t t o - p r e d i c a t o . u n p r o g r a m m a clic c o m p o r t a o v v i e difficolt. P e r e s e m p i o , un'inferenza della f o r m a .r e s i g e y y esige s .'.. e s i g e mostra u n ' a n a l o g i a abbastanza spiccata con il p r i m o m o d o della p r i m a figura del s i l l o g i s m o ; ma non certamente un'inferenza s i l l o g i s t i c a . I n f a t t i , c o n s i d e r a t e c o m e f o r m u l e a s s e r t o r i e soggettop r e d i c a t o , l e d u e p r e m e s s e non h a n n o n e s s u n t e r m i n e c o m u n e : l e loro variabili con funzione di termine-soggetto sono rispettivatrasformazione di ' L a m e n t e " .r " e * y ' ; le l o r o f o r m u l e p r e d i c a t o s o n o r i s p e t t i v a m e n t e 'esige y' e 'esige s ' . Analogamente, la b a n c a c o n t i g u a a l l ' u f f i c i o p o s t a l e ' in ' L ' u f f i c i o p o s t a l e contig u o a l l a b a n c a ' p r e s e n t a u n ' a n a l o g i a con a l c u n e f o r i n e d i infer e n z a i m m e d i a t a : m a non e s e m p l i f i c a n e s s u n a d i q u e s t e f o r m e . Infatti, considerate di forma soggetto-predicato, le due asserzioni non h a n n o p r o p r i o n e s s u n t e r m i n e c o m u n e . I n c i a s c u n c a s o l ' a n a logia precisamente una di quelle a n a l o g i e mal delimitabili sulle (piali la l o g i c a d e l l e r e l a z i o n i c o n c e n t r a l ' a t t e n z i o n e ; i n f a t t i ' xAy ' u n a f o r m u l a t r a n s i t i v a , e ' .vEy ' e ' . r l v * s o n o f o r m u l e s i m m e triche. I t e n t a t i v i di s o s t e n e r e , p u r di f r o n t e a q u e s t e d i f f i c o l t , la riducibilit delle inferenze, per esempio di quelle transitivamente relazionali, a forma sillogistica, presentano un certo interesse. Diverso pu essere il loro g r a d o di sottigliezza. Il tipo di riduzione relativamente sottile potrebbe venir illustrato al m o d o seguente:

Relazioni

267

q u a l s i a s i a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' e s i g e y ' e q u i v a l e n t e alla corrispondente asserzione della fonila ' T u t t e le asserzioni dedotte ila y s o n o d e d o t t e a n c h e da '. Se a p p l i c h i a m o q u e s t o m o d e l l o di traduzione alla forma di inferenza citata, otteniamo T u t t e le a s s e r z i o n i e s a t t e da y sono a s s e r z i o n i e s a t t e da .t T u t t e le a s s e r z i o n i e s a t t e da s o n o a s s e r z i o n i e s a t t e da y . ' . T u t t e le a s s e r z i o n i esatte da sono a s s e r z i o n i e s a t t e da .v. S i tratta d i u n s i l l o g i s m o d e l l a p r i m a f i g u r a , c h e h a p e r t e r m i n e m e d i o c o m u n e a l l e d u e p r e m e s s e " a s s e r z i o n i esatte da y \ Si p u d i r e c h e ora l ' i n f e r e n z a o r i g i n a l e stata ' ri-esibita ' in f o r m a sillogistica. Q u e s t o p r o c e d i m e n t o m a n c a , t u t t a v i a , d i c o n v a l i d a r e l a pretesa c h e l ' i n f e r e n z a non e r a m a i stata n i e n l ' a l t r o c h e un sillog i s m o m a s c h e r a t o . Al c o n t r a r i o , il p r i n c i p i o d e l l a t r a n s i t i v i t dell'implicanza, che manifestamente il principio dell'inferenza nella s u a f o r m a o r i g i n a l e , q u e l l o di cui c o p e r t a m e n t e si fa uso nelle t r a s f o r m a z i o n i i n d i v i d u a l i d e l l e p r e m e s s e e c o n c l u s i o n i dell ' i n f e r e n z a o r i g i n a l e nelle p r e m e s s e e c o n c l u s i o n i del s u o surrogato s i l l o g i s t i c o . La f o r m u l a ' e s i g e y' e q u i v a l e n t e a l l a form u l a ' T u t t e le a s s e r z i o n i esatte da y s o n o esatte da ' s o l o se ' e s i g e ' parola che e s p r i m e una relazione transitiva. Ma dir questo di ' e s i g e " e q u i v a l e e s a t t a m e n t e a d i r e c h e le i n f e r e n z e del m o d e l l o ' .v e s i g e y . y e s i g e .'. e s i g e ' s o n o v a l i d e . Q u e s t o c a s o di tentata r i d u z i o n e lo c h i a m o r e l a t i v a m e n t e sottile p e r c h in esso si fa c o p e r t a m e n t e u s o del p r i n c i p i o d e l l ' i n f e renza o r i g i n a l e . Il tipo li tentativo p i g r o s s o l a n o si l i m i t a ad i n t r o d u r r e tale p r i n c i p i o , o q u a l c h e verit n e c e s s a r i a ad esso corr i s p o n d e n t e , c o m e u n ' u l t e r i o r e p r e m e s s a , da a g g i u n g e r s i a (pielle d e l l ' i n f e r e n z a o r i g i n a l e . C o s i , a g u i s a di c a r i c a t u r a di q u e s t o t i p o di tentativo, p o t r e m m o i m m a g i n a r e clic si d i c a c h e la f o r m a d'inferenza da " L a b a n c a c o n t i g u a all'ufficio p o s t a l e ' a ' L ' u f f i c i o p o s t a l e c o n t i g u o alla b a n c a " v i e n e resa e s p l i c i t a ove la si scriva come sillogismo ipotetico: >9

2S2

Asserzioni generali Se la b a n c a e o n t i g n a all'ufficio p o s t a l e , l'ufficio p o s t a l e contiguo alla banca La b a n c a c o n t i g u a all'ufficio p o s t a l e .'.L'ufficio postale contiguo alla banca.

N a t u r a l m e n t e con c i si ottenuta u n ' i n f e r e n z a v a l i d a , e di f o r m a d i v e r s a da q u e l l a d e l l ' o r i g i n a l e . Ma non si a f f a t t o resa e s p l i c i t a l a vera f o r m a d e l l ' o r i g i n a l e . P e r p r e t e n d e r e d i a v e r l o f a t t o , bisognerebbe aver fornito una premessa senza la quale l'inferenza o r i g i n a l e s a r e b b e s t a t a i n v a l i d a . M a l ' i n f e r e n z a o r i g i n a l e e r a val i d a cosi c o m e s t a v a , g i a c c h ' c o n t i g u o a ' un p r e d i c a t o relazion a l e s i m m e t r i c o . E d i r ci s i g n i f i c a d e s c r i v e r e la f o r m a d e l l a tras f o r m a z i o n e o r i g i n a l e : essa e r a infatti l a c o n v e r s i o n e d i un'asserzione relazionale simmetrica 10."' L'argomento della sezione precedente sembra abbastanza

s e m p l i c e . Ma la s u a a p p a r e n z a di l i n e a r i t in p a r t e i n g a n n e v o l e . Clic s i g n i f i c a infatti a s s e r i r e o n e g a r e c h e u n ' a r g o m e n t o di u n a certa f o r m a ? U n a d e l l e r i s p o s t e clie ho gi f o r n i t o c h e a s s e g n a r e un a r g o m e n t o ad u n a certa f o r m a e q u i v a l e a d i r e c h e esso esemplifica o . con qualche aggiustamento verbale, pu esser reso s u s c e t t i b i l e d i e s e m p l i f i c a r e u n certo m o d e l l o v e r b a l e . Q u a n d o a b b i a m o a clic f a r e con a r g o m e n t i o i n f e r e n z e o t r a s f o r m a z i o n i (piali si p r e s e n t a n o nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , o c c o r r e r i c o r r e r e a q u e s t a p o s s i b i l i t d i a g g i u s t a m e n t o p i s p e s s o d i q u a n t o non s e ne possa f a r e a m e n o . E a l l o r a q u a l i s o n o i limiti d e g l i aggiu' I n g e n e r a l e , d a t a c h e s i a u n a q u a l u n q u e i n f e r e n z a v a l i d a , p o s s i b i l e formare un'inferenza valida differente incorporando, nome premessa addizionale, una verit necessaria c o r r i s p o n d e n t e al principio dell'inferenza originale, e n e g l i s t a d i i n i z i a l i d e l l ' a p p l i c a z i o n e d i q u e s t o p r o r e d i m e n t o , l ' i n f e r e n z a otten u t a p u d i f f e r i r e p e r f o r m a d a q u e l l a elle i m m e d i a t a m e n t e l a p r e c e d e . ( M a n o n c' s p e r a n z a d i o t t e n e r e u n ' i n f e r e n z a v a l i d a c o n t a n t e p r e m e s s e d a p o t e r fare a m e n o di un p r i n c i p i o ) . 2 C f r . c a p i t o l o I I , p a r t e 11.

Relazioni staiiienti pra limiti? permissibili? P e r c h gli aggiustamenti sillogistica fatti nella

269 sotali

riportata

* riduzione * a

forma

eccedevano

La risposta fornita nella precedente sezione ha un carattere complesso che esige di essere esaminato. S ' i m m a g i n i che qualcuno d i c a c h e la f o r m a r e a l e d e l p a s s a g g i o da
1

Leslie padre ' a

L e s l i e m a s c h i o ' sia d a t a d a l m o d e l l o ' . q

sul f o n d a -

mento c h e ' L e s l i e p a d r e ' e q u i v a l e a ' L e s l i e g e n i t o r e e L e s l i e maschio '. Si p u obiettare che la validit del p a s s a g g i o nella sua f o r m a o r i g i n a l e g i p r e s u p p o s t a d a l l a t r a s f o r m a z i o n e d e l l e premesse nell'equivalente asserzione congiuntiva. Quest'obiezione e q u i v a l e a d a v e r p r e s o u n a d e c i s i o n e , q u e l l a d i r i f i u t a r s i d i ammettere c h e u n ' i n f e r e n z a da a q s i a d e l l a f o r m a a .'. b, q u a n d o l ' a g g i u s t a m e n t o di n e c e s s a r i o a c h e l ' i n f e r e n z a e s e m p l i f i c h i la f o r m a ti .'. li s i a t a l e da p r e s u p p o r r e la v a l i d i t d e l p a s s a g g i o da a q. Se ci si d o m a n d a : Q u a l , a l l o r a , la f o r m a d e l l ' i n f e r e n z a originale in questo caso? si pu rispondere: Il passaggio da ' L e slie [ l a d r e ' a ' L e s l i e e m a s c h i o ' r a s s o m i g l i a c e r t o ad u n a q u a n tit di altri p a s s a g g i v a l i d i in q u a n t o d e l m o d e l l o
1

fx .'. gx ', ma

i logici non si s o n o s c o m o d a t i a d a r e un n o m e s p e c i a l e a q u e s t a c l a s s e li i n f e r e n z e , d i m o d o c h e non c ' a l t r a r i s p o s t a a l l a questione fuori dal f a r rilevare questa s i m i g l i a n z a . Nel c a s o d e l l a t e n t a t a r i d u z i o n e in f o r m a s i l l o g i s t i c a di ' .v esige y . y esige e s i g e ', a b b i a m o gli stessi f o n d a m e n t i c h e nel s e m p l i c e c a s o s o p r a r i p o r t a t o p e r r i f i u t a r e d i a m m e t t e r e c h e 1 inferenza sia di f o r m a sillogistica. Ma a b b i a m o in pili, rispetto a (pici c a s o s e i n p l i c e , u n n u o v o n o m e t r a t t o d a l v o c a b o l a r i o del logico p e r i n d i c a r e l a c l a s s e d e l l e i n f e r e n z e c o n s i m i l i a l l a q u a l e a n c h e q u e s t a a p p a r t i e n e . P o s s i a m o cosi n o n s o l t a n t o r i f i u t a r c i d i a s s e g n a r l o a l l a f o r m a p r o f f e r t a c i p e r u n i t a r i a , m a a s s e g n a r l o invece ad u n a f o r m a d i f f e r e n t e , e p r e c i s a m e n t e a q u e l l a d e l l e inferenze t r a n s i t i v a m e n t e r e l a z i o n a l i : e d o q u e s t a p i a m p i a c l a s s e

2S2

Asserzioni generali

p o s s i a m o i n r e a l t a s s e g n a r e a n c h e tutte l e i n f e r e n z e d e l l a f o r m a proffertaei. Si consideri ora un caso che differisce da a m b e d u e i precedenti. Si p r o p o n e di c o n s i d e r a r e un p a s s a g g i o da a q c o m e e s e m p l i f i cante la f o r m a a .'. b. N e l c a s o s p e c i f i c o il n e c e s s a r i o aggiustam e n t o a cui o c c o r r e s o t t o p o r r e , p.e., p, non p r e s u p p o n e la v a l i d i t del p a s s a g g i o a q. ma e s e m p l i f i c a q u a l c h e a l t r o m o d e l l o riconosciuto ( p . e . , u n t e o r e m a d e r i v a b i l e i n q u a l c h e s i s t e m a l o g i c o ) . Ma a n c h e q u i d e c i s i o n e r a g i o n e v o l e q u e l l a di rifiutarsi di accett a r e la f o r m a p r o f f e r t a e i . A questo m o d o l ' e s i s t e n z a di a n a l o g i e fra il c a l c o l o p r e d i c a t i v o e le t r a s f o r m a z i o n i di c e r t e a s s e r z i o n i s o g g e t t o - p r e d i c a t o ci r e n d e p r e o c c u p a t i sul c o n t o di a l c u n e di q u e l l e t r a s f o r m a z i o n i che si e r a n fatte in p r e c e d e n z a a titolo di ' p o s i z i o n e d e l l e p r e m e s s e in f o r m a logica " ( c f r . c a p i t o l o V I , sezione 12). La c o n c l u s i o n e c h e p e r r i s p o n d e r e a q u e s t i o n i r e l a t i v e a l l e f o r m e l o g i c h e ili i n f e r e n z a , e q u i n d i di a s s e r z i o n i , o c c o r r e s e m p r e r i f e r i r s i a c l a s s i f i c a z i o n i f o r m a l i r i c o n o s c i u t e al m o m e n t o in cui le q u e s t i o n i stesse si p o n g o n o , a l t r i m e n t i le r i s p o s t e e q u i v a l g o n o a d e c i s i o n i c i r c a u l t e r i o r i c l a s s i f i c a z i o n i da a c c e t t a r e o circa il rigetto di q u e l l e e s i s t e n t i . E c h i e d e r s i se la g i u s t i f i c a z i o n e c h e u n o o p i s i s t e m i p o s s o n d a r e d e l l e f o r m e d ' i n f e r e n z a r i s c o n t r a b i l i nel d i s c o r s o o r d i n a r i o s i a c o m p l e t a o m e n o , e q u i v a l e s e m p r e , s e non ha da e s s e r e p o s i z i o n e di q u e s t i o n i f r i v o l e o c o n f u s e , ad u n a d e l l e d u e a l t e r n a t i v e s e g u e n t i ; o ci si c h i e d e s p e c i f i c a m e n t e se m e r i t i a d o t t a r e c e r t e u l t e r i o r i c l a s s i f i c a z i o n i c h e si p r o p o n g o n o , o ci si c h i e d e in g e n e r a l e se si d e v o n o a d o t t a r e u l t e r i o r i c l a s s i f i c a z i o n i . Cosa governa le nostre decisioni in siffatte m a t e r i e ? E b b e n e , ci c h e o v v i a m e n t e r i c h i e s t o clic la c l a s s i f i c a z i o n e p r o p o s t a p o s s a a v e r v a l o r e f o r m a l e ( m a l g r a d o f o r m a l e sia u n t e r m i n e v a g o ) , s i v u o l e c i o c h e la s i m i g l i a n z a p o s t a in luce p o s s i e d a il n e c e s s a r i o t i p o di g e n e r a l i t . I n o l t r e , un u l t e r i o r e desideratum s e m b r a e s s e r e

Relazioni

271

la " f o r m a l i z z a b i l i t \ c i o la p o s s i b i l i t di c o s t r u i r e f o r m u l e rapp r e s e n t a t i v e l e cui r e l a z i o n i p o s s a n v e n i r d e t e r m i n a t e con u n a tecnica s i s t e m a t i c a di c o n t r o l l o o d e d u z i o n e . G l i effetti di questo i d e a l e g i li a b b i a m o c o n s i d e r a t i ed ora ne i m p r e n d e r e m o un ulteriore e s a m e .

VIH.

D u e tipi di logica

I.

La
1.

logica

formale:

applicazioni

limitazioni

Il l i n g u a g g i o u s a t o a p a r e c c h i s c o p i d i v e r s i . L ' u s o nor-

m a l e di alcuni enunciati di d a r e o r d i n i ; altri servono a f a r e d o m a n d e ; altri a n c o r a , a p r o f e r i r e g i u r a m e n t i , ad inviare saluti, a f o r m u l a r e scuse, o a e s p r i m e r e gratitudine. Q u a n d o degli enunc i a t i s o n o i m p i e g a t i i n u n o d i q u e s t i m o d i , non Ita s e n s o c e r c a r e se c i c h e v i e n d e t t o v e r o o f a l s o . Ma l ' u s o n o r m a l e di un n u m e r o indefinitamente a m p i o di enunciati di d i r e cose cui un esame siffatto riesce a p p r o p r i a t o . T a l i enunciati li ho chiamati, con b r a c h i l o g i a d i f a c i l e i n t e n d i m e n t o , ' e n u n c i a t i d a a s s e r z i o n i ' . C o n o s c e r e il s i g n i f i c a t o di un e n u n c i a t o di q u e s t o t i p o c o n o s c e r e a quali condizioni qualcuno che lo usasse f a r e b b e un'asserzione v e r a ; spiegare il s i g n i f i c a t o dire q u a l i s i a n o q u e s t e c o n d i z i o n i , l ' n m o d o d i d a r c o n t o p a r z i a l m e n t e d i q u e s t e c o n d i z i o n i sta nel d i r e q u a l i s i a n o a l c u n e d e l l e i m p l i c a n z e d e l l ' e n u n c i a t o . D i r e infatti c h e u n e n u n c i a t o e s i g e u n a l t r o e q u i v a l e a lire c h e un'asserzione fatta m e d i a n t e l'uso del p r i m o vera solo se vera e l'asserzione corrispondente fatta mediante l'uso del s e c o n d o ;

d i r e c h e un e n u n c i a t o e s i g e un a l t r o e ne d e d u c i b i l e e q u i v a l e a d i r e e b e u n ' a s s e r z i o n e f a t t a m e d i a n t e l ' u s o del p r i m o e v e r a s e . e soltanto se, vera l'asserzione c o r r i s p o n d e n t e fatta m e d i a n t e l'uso del secondo. Ci potrebbe farci pensare che q u a n d o si forniscano l e i m p l i c a n z e r e c i p r o c h e ( c i o gli e q u i v a l e n t i l o g i c i ) d i u n e n u n c i a t o da a s s e r z i o n e , si f a t t o tutto q u a n t o p o s s i b i l e p e r f o r n i r n e il s i g n i f i c a t o , a l m e n o l i m i t a t a m e n t e a l l ' a s p e t t o verbale. E g i a c c h

La logica formale

273

i l s i g n i f i c a t o degli e n u n c i a t i p u q u a l c h e volta v e n i r s p i e g a t o s e m p l i c e m e n t e a p a r o l e , p o s s i a m o p e n s a r e c h e , in q u e s t i c a s i , si sia fatto tutto ci che occorre f a r e , c i o c h e , q u a n d o si p u spiegare p a r l a n d o , q u e s t o s i a l ' u n i c o t i p o d i d i s c o r s o c h e s i p u f a r e e l'unico c h e ci o c c o r r a . P e n s a r e a questo m o d o significa f a r e un e r r o r e , s i a p u r e un e r r o r e assai c o m u n e . R i f a c c i a m o c i a l p u n t o c h e s p i e g a r e i l significalo di un e n u n c i a l o da a s s e r z i o n e d i r e a (piali c o n d i z i o n i qualcuno c h e l o u s a s s e f a r e b b e u n ' a s s e r z i o n e v e r a , e d a c c o r d i a m o c i nel c h i a m a r e ci ' f o r n i r e l e r e g o l e d ' u s o ' d e l l ' e n u n c i a t o . A b b i a m o test r i l e v a l o c o m e vi s i a la t e n t a z i o n e di p e n s a r e c h e il s o l o genere di r e g o l e i n t e r e s s a t e s i a n o le r e g o l e d ' i m p l i c a n z a . V o g l i o m o s t r a r e c o m e , in p r i m o l u o g o , la c o n c e z i o n e s i a f a l s a e, in secondo l u o g o , i l fatto d e l l a s u a f a l s i t i m p o n g a u n ' i n e v i t a b i l e limitazione s u l l ' a m b i t o d i a p p l i c a z i o n e d e l l a l o g i c a f o r m a l e . S i tratta ili una l i m i t a z i o n e clic i n u t i l e d e p l o r a r e o c o n s i d e r a r e benven u t a : l ' i m p o r t a n t e r i l e v a r l a , g i a c c h a non f a r l o s i a m o indotti in una sorta di m i t o l o g i a l o g i c a . I l o gi n o t a t o pi s o p r a il fatto c h e le q u e s t i o n i r e l a t i v e a chi p r o f e r i s c a un e n u n c i a t o , ed al q u a n d o e al d o v e s i a p r o f e r i t o , possano r i u s c i r e r i l e v a n t i p e r d e c i d e r e s e s i s i a f a t t a , p e r l o r o m e z z o , u n ' a s s e r z i o n e v e r a . L o stesso e n u n c i a t o , i n b o c c h e d i f f e r e n t i , p u servire a f a r e a s s e r z i o n i v e r e o f a l s e (' Il m i o gatto m o r t o ' ) ; Io stesso e n u n c i a t o , in b o c c a a l l a stessa p e r s o n a in m o m e n t i d i v e r s i , pu a p p r o d a r e agli stessi risultati ( ' I l m i o gatto m o r t o ' ) ; e cosi di s e g u i t o . ( C i v e r o non solo p e r la m a g g i o r a n z a degli e n u n c i a l i d a a s s e r z i o n e che i m p i e g h i a m o nel d i s c o r s o o r d i n a r i o , m a costituisce a n c h e u n a c a r a t t e r i s t i c a i n e l i m i n a b i l e d i q u a l s i a s i l i n g u a g g i o p o t r e m m o c o s t r u i r e p e r r i s p o n d e r e a l l e stesse finalit g e n e r a l i : ma questo n o n tenter di p r o v a r l o , g i a c c h ora ci occup i a m o del d i s c o r s o o r d i n a r i o ) . S t a n d o cosi l e c o s e , l ' a s s e r z i o n e che un e n u n c i a t o A e s i g e un e n u n c i a t o A' non p u v e n i r e gener a l m e n t e a s s u n t a a s i g n i f i c a r e c h e , se v e r a u n a q u a l u n q u e asser-

27i z i o n e f a l t a m e d i a n t e l ' i m p i e g o lei

D u e tipi li logica primo, allora sarebbe vera

q u a l u n q u e a s s e r z i o n e fatta m e d i a n t e l ' i m p i e g o del s e c o n d o . S i d e v e piuttosto a s s u m e r l a a s i g n i f i c a r e pianto s e g u e : S e , in q u a l c b c m o m e n t o , i n u n q u a l c h e l u o g o , s u l l a b o c c a d i q u a l c h e parlante. il p r o f e r i m e n t o di A d l u o g o , o d a r e b b e l u o g o , a un'asserz i o n e v e r a , a l l o r a il p r o f e r i m e n t o di A ' , in q u e l l u o g o , in q u e l m o m e n t o , s u l l a b o c c a di uel p a r l a n t e , d a r e b b e l u o g o a un'asserzione v e r a . C o s i le i m p l i c a n z e li A p o s s o n o dirci a clic g e n e r e ili s i t u a z i o n e A pu correttamente a p p l i c a r s i ; ma esse non ci datino i s t r u z i o n i g e n e r a l i e b e ci m e t t a n o in g r a d o di d e t e r m i n a r e se. sulla b o c c a di un certo p a r l a n t e , in un certo m o m e n t o , in un certo l u o g o , A v e n g a in effetti a p p l i c a t o ad u n a s i t u a z i o n e li piel genere. mostra la p o s s i b i l e f o r n i r e s i f f a t t e i s t r u z i o n i g e n e r a l i , ma non precedente schematica formulazione, astraggono dal mediante le regole d'impiicanza. Le regole (l'implicanza. come m o m e n t o e d a l l u o g o del p r o f e r i m e n t o e d a l l ' i d e n t i t lei p a r l a n t e : e s s e non p o s s o n o p e r c i d i r tutto circa l e c o n d i z i o n i a l l e q u a l i u n enunciato impiegato a fare un'asserzione vera, a meno che l ' e n u n c i a t o non sia u n o di q u e l l i p e r cui v a l e c h e , se il s u o profer i m e n t o da p a r t e di c h i c c h e s s i a , in q u a l u n q u e m o m e n t o e in qual u n q u e l u o g o , si r i s o l v e in u n ' a s s e r z i o n e v e r a , a l l o r a il s u o prof e r i m e n t o da p a r t e di q u a l u n q u e a l t r o , in q u a l u n q u e m o m e n t o e in ( p i a h i m p i c l u o g o , si risolve in u n ' a s s e r z i o n e v e r a . Occorre d u n q u e che le regole di implicanza siano integrate da regole d i u n a l t r o g e n e r e . Q u e s t e u l t i m e l e p o s s i a m o c h i a m a r e " r e g o l e di r e f e r e n z a '. Le r e g o l e di r e f e r e n z a t e n g o n o conto di c i da cui le r e g o l e d ' i m p i i c a n z a a s t r a g g o n o , c i o del t e m p o e l u o g o del p r o f e r i m e n t o , e d e l l ' i d e n t i t del p a r l a n t e . E s e m p i di r e g o l e (li r e f e r e n z a s o n o : la parola ' i o ' viene correttamente usata da un p a r l a n t e con r i f e r i m e n t o a se stesso, la p a r o l a ' voi ', con rifer i m e n t o a l l a p e r s o n a o a l l e p e r s o n e cui il p a r l a n t e si r i v o l g e ; u n o degli usi corretti del t e m p o p r e s e n t e |uello p e r d e s c r i v e r e gli stati di c o s e c o n t e m p o r a n e i a l l a d e s c r i z i o n e clic se ne fa ; il t e m p o

275
p a s s a i " c o r r e t t a m e n t e u s a t o p e r i n d i c a r e clie la s i t u a z i o n e o l'evento r i p o r t a t i sono t e m p o r a l m e n t e a n t e r i o r i a l l ' a t t o lei riportarli. Le s p i e g a z i o n i , p a r z i a l i o e s a u r i e n t i , c i r c a gli usi di p a r o l e c o m e ' il \ " la ', ' un ', " u n a ' l s o p r a ' egli ', * essi \ ' o r a " 11 il i ', ' q u e s t o ', " quelli ' s o n o s p i e g a z i o n i di r e g o l e di r e f e r e n z a , e tali sono a n c h e a l c u n e t r a t t a z i o n i c i r c a l ' u s o di d i v e r s i t e m p i v e r b a l i . La c o n s i d e r a z i o n e di q u e s t i e di altri e s e m p i ci m o s t r a che o c c o r r e i n t e r p r e t a r e con a l q u a n t a l a r g h e z z a la g i f o r n i t a descrizione dei fattori p r e s i in c o n s i d e r a z i o n e d a l l e r e g o l e di referen/.a ( c i o , t e m p o c s p a z i o di p r o f e r i m e n t o , e identit del parl a n t e ) . Onesti fattori a b b r a c c i a n o m o l t e c a r a t t e r i s t i c h e distinguibili ili ci c h e p o t r e b b e d i r s i , in una l a r g a a c c e z i o n e del t e r m i n e , il contesto di un p r o f e r i m e n t o . U n a r e g o l a di r e f e r e n z a s t a b i l i s c e un

requisito contestuale

per l'impiego corretto

di

un'espressione. un e n u n c i a t o

Ma il fatto c h e il r e q u i s i t o c o n t e s t u a l e s i a s o d d i s f a t t o non u n a parte di ci c h e viene asserito m e d i a n t e l ' u s o di contenente u n ' e s p r e s s i o n e g o v e r n a l a ( i n q u e s t ' u s o ) d a u n a r e g o l a ili r e f e r e n z a : esso , p i u t t o s t o , p r e s u p p o s t o d a l l ' u s o d e l l ' e s p r e s sione, " p r e s u p p o s t o ' nel senso a t t r i b u i t o a q u e s t o t e r m i n e nel eal'itolo V I . In tal m o d o , se q u a l c u n o ilice, ' Kgli m o r i r nel e o r s o dei p r o s s i m i d u e mesi '. f u o r i da ogni d e c e n t e u s o l i n g u i s t i c o replicare 'No. non morir!'

ed

aggiungere

come

giustificazione

' E gi m o r t o '. Se l'evento ha gi a v u t o l u o g o , la q u e s t i o n e se a v r luogo o m e n o nei p r o s s i m i d u e m e s i q u e s t i o n e c h e non s o r g e n e p p u r e . * g i m o r t o ' critica il p r e s u p p o s t o c h e la s u a m o r t e sia a v v e n i m e n t o ila c o l l o c a r s i nel f u t u r o , c h e egli d u n q u e non sia gi morto, ma non

contraddire

l'asserzione

originale,

giacche

far

questo i m p o r t e r e b b e a m m e t t e r e le s u e p r e s u p p o s i z i o n i ; e di conseguenza non c o n t r a d d i c e a l c u n c h d e l l e i m p l i c a n z e dell'asserzione o r i g i n a l e . Il fatto clic l ' a d e m p i m e n t o del r e q u i s i t o contes t u a l e non fa p a r t e di c i c h e asserito m e d i a n t e un e n u n c i a t o contenente u n ' e s p r e s s i o n e g o v e r n a t a ila u n a r e g o l a d i r e f e r e n z a , \ iene c o s i ud i n v o l g e r e la d i s t i n z i o n e f r a r e g o l e di r e f e r e n z a e

27i

D u e tipi l i logica

r e g o l e d ' i m p i i c a n z a , e del p a r i t a l e d i s t i n z i o n e involge il f a t t o stesso '. 2. L a l o g i c a f o r m a l e s i o c c u p a del s i g n i f i c a t o degli e n u n c i a t i

s o l o n e l l a m i s u r a i n cui esso p u e s s e r d a t o d a r e g o l e d ' i m p i i c a n z a . A n z i , l ' a m b i t o del s u o interesse a s s a i p i l i m i t a t o di q u a n t o ci non s u g g e r i r e b b e , g i a c c h s o l t a n t o u n a r e l a t i v a m e n t e p i c c o l a sott o c l a s s e d i r e g o l e d ' i m p i i c a n z a a l t a m e n t e g e n e r a l i riscuote l'attenz i o n e del l o g i c o . P e r c i l a l o g i c a f o r m a l e i g n o r a s i s t e m a t i c a m e n t e l ' e l e m e n t o r e f e r e n z i a l e p r e s e n t e nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o . Q u e s t o fatto a i u t a a s p i e g a r e p e r c h la l o g i c a f o r m a l e si o c c u p i s o p r a t tutto di certi tipi di e n u n c i a t i , ed a n c h e c o m e m a i f r a i logici a b b i a n o p o p o l a r i t certe d o t t r i n e c o l l a t e r a l i , q u a l i q u e l l e trattate nel c a p i t o l o V I . D a l p u n t o di vista del l o g i c o , il t i p o i d e a l e di e n u n c i a t o e q u e l l o il cui s i g n i f i c a t o d a t o i n t e r a m e n t e da r e g o l e di i m p l i c a n z a , c i o q u e l l o da cui l ' e l e m e n t o r e f e r e n z i a l e a d a t t o a s s e n t e ; o s s i a , piti a l l a b u o n a , q u e l l o p e r cui vero c h e , se d a l s u o p r o f e r i m e n t o in un q u a l s i a s i l u o g o e m o m e n t o , e da p a r t e di q u a l s i a s i p a r l a n t e risulta u n ' a s s e r z i o n e v e r a , a l l o r a d a l suo profer i m e n t o in q u a l s i a s i a l t r o t e m p o e l u o g o , e da p a r t e di q u a l s i a s i p a r l a n t e , r i s u l t a a l t r e s u n ' a s s e r z i o n e v e r a . P r e s s o c h i s o l i tipi di enunciati contingenti (enunciati, cio, che proferiti dnno luogo ad a s s e r z i o n i c o n t i n g e n t i ) che a p p a i o n o i d o n e i a r e a l i z z a r e pien a m e n t e q u e s t o i d e a l e s o n o gli e n u n c i a t i p o s i t i v a m e n t e e negativ a m e n t e e s i s t e n z i a l i ( a l c u n e f o r m e dei q u a l i s o n o s t u d i a t e d a l c a l c o l o p r e d i c a t i v o ) e gli e n u n c i a t i c h e di essi si c o m p o n g o n o . Clic e n u n c i a t i di q u e s t a sorta p o s s a n f a c i l m e n t e r e a l i z z a r e tale i d e a l e , lo si v e d e a g e v o l m e n t e . Gli e l e m e n t i r e f e r e n z i a l i p i imp o r t a n t i , b e n c h non i soli, c h e c o m p a i o n o negli e n u n c i a t i c h e non ne sono scevri del tutto, a p p a r t e n g o n o a d u e t i p i : ( 1 ) le ind i c a z i o n i di t e m p o , r e l a t i v e al m o m e n t o in cui l ' e n u n c i a t o vien

' C r a c e p . 2 22 . f . nh p 2-3

277 p r o f e r i t o , l e q u a l i son late d a i t e m p i v e r b a l i ; ( 2 ) i s o g g e t t i l o g i c i , cini: le p a r o l e o f r a s i a s s t a n t i e b e si i m p i e g a n o p e r d e s i g n a r e l'oggetto o gli o g g e t t i , la p e r s o n a o le p e r s o n e , ecc., ai q u a l i si fa riferimento. N l'uno n l'altro di questi elementi occorre che sia p r e s e n t e i n u n e n u n c i a t o e s e m p l i f i c a n t e u n a d e l l e f o r m e positivamente o negativamente esistenziali studiate nel calcolo. Infatti ( I ) ' ( 3 . v ) " , c o m e a b b i a m o gi v i s t o 1 , d e v e v e n i r i n t e r p r e t a t o c o m e s e non t e m p o r a l m e n t e a m b i g u o , a t e m p o r a l e o o n n i t e m p o rale : e ( 2) g i a c c h un t a l e e n u n c i a t o e s i s t e n z i a l e , e s s o non ha bisogno di contenere nessuna espressione che a b b i a la funzione di soggetto l o g i c o . N a t u r a l m e n t e , n e l l a m i s u r a i n c u i t e n t i a m o d i gettare in queste f o r m e ordinarie asserzioni e m p i r i c h e , possiamo trovare uno o a m b e d u e questi tipi di elementi referenziali nelle c l a u s o l e s u b o r d i n a t e del r i s u l t a n t e e n u n c i a t o e s i s t e n z i a l e . M a i l logico s i o c c u p a d e l l a f o r m a ; e q u i s e m b r a clic e g l i a b b i a t r o v a t a una f o r m a clic pu e s s e r e e s e m p l i f i c a t a d a e n u n c i a t i c o m p l e t a A questo punto occorre aggiungere una qualificazione. Non c o m p l e t a m e n t e v e r o c h e i soli e n u n c i a t i c o n t i n g e n t i c h e r i s p o n d o n o a q u e s t o i d e a l e di i n d i p e n d e n z a d a l c o n t e s t o in c u i v e n g o n o proferiti siano quegli enunciati che risultano c o m p l e t a m e n t e scevri da elementi referenziali. Infatti gli e n u n c i a t i - l e g g e rispondono in g e n e r a l e a q u e s t o i d e a l e , e p e r c i vi r i s p o n d o n o gli e n u n c i a t i legge d i f o r m a s o g g e t t o - p r e d i c a t o , g i a c c h , m a l g r a d o essi contengano nn elemento referenziale del secondo tipo, tuttavia il riferimento a u n a c l a s s e a p e r t a e p e r t a n t o i n d i p e n d e n t e da c o n d i z i o n i contestuali. Tutti gli e n u n c i a t i n e c e s s a r i s i p u d i r e c h e r i s p o n d a n o , s i a pure in modi differenti, all'ideale di i n d i p e n d e n z a dal contesto. Infatti gli e n u n c i a t i c h e d a n c o r p o a d a s s e r z i o n i n e c e s s a r i e s o n o s e m p l i c e m e n t e gli a n a l o g h i d i e n u n c i a t i d i p i a l t o o r d i n e e n u n ' V, sezione 7.

mente s c e v r i d a c l e m e n t i r e f e r e n z i a l i .

297

cianti i m p l i c a n z e , anche altre relazioni logiche suscettibili di venir riespresse come implicanze. Essi non sono usati p e r des c r i v e r e o r e g i s t r a r e o p r e d i r e : essi d a n c o r p o a r e g o l e di i m p l i canza e, come queste, astraggono dalle condizioni contestuali. Di m o d o che, nel p r o n u n c i a r l i , non ci si riferisce a nessuna p a r t e del m o n d o , o a n e s s u n l a s s o di t e m p o o m o m e n t o d e l l a s t o r i a d e l mondo
1

: ed il t e m p o p r e s e n t e , in cui essi s o n o g e n e r a l m e n t e , p e r

q u a n t o non n e c e s s a r i a m e n t e , f o r m u l a t i , non il p r e s e n t e onnit e m p o r a l e , m a q u e l l o a t e m p o r a l e . A b b i a m o g i visto c o m e , adottando alcune precauzioni", si possa usare il simbolismo della logica m o d e r n a per scriverne alcuni. R i t o r n e r piti i n n a n z i a c o n s i d e r a r e gli e n u n c i a t i c h e r i s p o n d o n o a l l ' i d e a l e del l o g i c o . M a p r i m a v o g l i o s o t t o l i n e a r e u n a v o l t a a n c o r a i l f a t t o c h e l a g r a n m a g g i o r a n z a d e g l i e n u n c i a t i p e r asserzione che a b b i a m o , o p o t r e m m o avere occasione di usare nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o non v i r i s p o n d o n o . I n q u e s t o c o n t r a s t o , inf a t t i . f r a il t i p o eli e n u n c i a t o l o g i c a m e n t e i d e a l e ed i t i p i c h e p e r lo piti i m p i e g h i a m o , sta la s p i e g a z i o n e f i n a l e di m o l t i fatti g i m e n z i o n a t i nei c a p i t o l i p r e c e d e n t i , p a r t i c o l a r m e n t e negli u l t i m i tre. E s s o s p i e g a , p e r e s e m p i o , c o m e a c c a d a c h e m o l t e c a r a t t e r i s t i c h e d e l l ' u s o del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o l e q u a l i s o n o s u f f i c i e n t e m e n t e g e n e r a l i p e r m e r i t a r e d i e s s e r e c o n s i d e r a t e sotto u n titolo del gen e r e di ' La l o g i c a del l i n g u a g g i o n e c e s s a r i a m e n t e si m a n c h i di Posso c o n s i d e r a r l e s o t t o i l p i r i s t r e t t o titolo ' L o g i c a f o r m a l e di ' il

a d d u r r e c o m e e s e m p i o c a r a t t e r i s t i c h e sul t i p o d e g l i usi di ' un ' e o d e l l a r e l a z i o n e di p r e s u p p o s i z i o n e clic v i g e f r a c e r t e grammaticali. In secondo luogo, quel a s s e r z i o n i s o g g e t t o - p r e d i c a t o e c e r t e a s s e r z i o n i di e s i s t e n z a , o d e l l a f u n z i o n e dei v a r i t e m p i contrasto spiega l'accanimento con cui tipi diversi di asserzioni s o g g e t t o - p r e d i c a t o v e n g o n o a s s i m i l a t i a f o r m e d i a s s e r z i o n i nega-

1 5

T u t t a v i a , r f r . la n o t a a p. 2 8 0 . Cfr. c a p i t o l o V I I , p p . 251-53.

279 t i v a m e n t e e / o p o s i t i v a m e n t e e s i s t e n z i a l i , c o n i l r i s u l t a t o d i oscurare tanto i loro caratteri generali c o m u n i q u a n t o le differenze fra d i e s s e . Q u e s t a u n a c o n s e g u e n z a n a t u r a l e , g i a c c h i l l o g i c o f o r m a l e r i l u t t a n t e ad a m m e t t e r e , e p e r s i n o a c o n s i d e r a r e la possibilit, che il suo a r m a m e n t a r i o analitico sia inadeguato alla d i s s e z i o n e d e i tipi p i c o m u n i d i a s s e r z i o n e e m p i r i c a . I n t e r z o luogo, quel contrasto spiega il mito del n o m e logicamente p r o p r i o , e ne rivela pienamente l'importanza. Il n o m e logicamente p r o p r i o c o n s i d e r a t o c o m e u n t i p o d i e s p r e s s i o n e r e f e r e n z i a l e c h e dev ' e s s e r s c e v r a d a tutte l e c a r a t t e r i s t i c h e n o n - i d e a l i p o s s e d u t e d a ogni altra espressione referenziale. Se esistesse una classe di e s p r e s s i o n i , i l s i g n i f i c a t o d i c i a s c u n a Ielle q u a l i f o s s e i d e n t i c a a d un singolo oggetto, a l l o r a n a t u r a l m e n t e l'uso di q u a l s i a s i di esse con riferimento all'oggetto appropriato
1

sarchile

indipendente

dalle condizioni contestuali. Un enunciato contingente della forma

' fx ". o v e il p r e d i c a t o s o s t i t u e n t e
sione individuale sostituente
4

/ ' fosse o n n i t e m p o r a l e e l'espres-

' appartenesse alla classe suddetta,

a v r e b b e l a c a r a t t e r i s t i c a i d e a l e clic, s e d a l s u o p r o f e r i m e n t o i n q u a l s i a s i t e m p o e l u o g o e s u l l a b o c c a di q u a l s i a s i p a r l a n t e , risultasse u n ' a s s e r z i o n e v e r a , a l l o r a u n ' a s s e r z i o n e v e r a d o v r e b b e risultare anche dal suo p r o f e r i m e n t o in q u a l s i a s i altro t e m p o e luogo, e sulla bocca di q u a l u n q u e altro parlante. Ora l'intera struttura d e l l a l o g i c a q u a n t i f c a z i o n a l c , col s u o a p p a r a t o d i v a r i a b i l i i n d i v i duali, s e m b r a , o s e m b r a t a a gran parte dei suoi esponenti, tale da richiedere, p e r c h ne sia possibile l ' a p p l i c a z i o n e a l l ' o r d i n a r i o linguaggio e m p i r i c o , che esistano espressioni individuali referenziali c h e p o s s a n o a p p a r i r e c o m e v a l o r i d e l l e v a r i a b i l i i n d i v i d u a l i . Cio, l'intera struttura sembrata presupporre l'esistenza di e n u n c i a t i p r e d i c a t i v i s e m p l i c i d e l l a f o r m a " fx '. l.a c r e d e n z a nei n o m i l o g i c a m e n t e p r o p r i r e n d e v a p o s s i b i l e c h e i n s i e m e s i assum e s s e c h e tali e n u n c i a t i e s i s t e s s e r o e clic f o s s e r o d e l t i p o logicam e n t e i d e a l e , e c o n t r i b u i v a c o s i a p r e s e r v a r e l ' i l l u s i o n e clic la l o g i c a f o r m a l e f o s s e u n o s t r u m e n t o a d e g u a t o p e r l a d i s s e z i o n e del

27i

D u e tipi l i l o g i c a

l i n g u a g g i o o r d i n a r i o . In r e a l t , s i m i l i e n u n c i a t i ci sono, ma non sono del t i p o l o g i c a m e n t e i d e a l e . I n f i n e , l a p r e o c c u p a z i o n e p e r i l tipo ideale di enunciato spiega la persistente trascuranza della d i s t i n z i o n e Ira e n u n c i a t o e a s s e r z i o n e . I n f a t t i , n e l c a s o di e n u n c i a t i del t i p o i d e a l e , la d i s t i n z i o n e r e a l m e n t e p o c o i m p o r t a n t e . E n u n ciati del g e n e r e , c o m u n q u e u s a t i , sono usati p e r f a r e c i a s c u n o u n a s o l a e la stessa a s s e r z i o n e ; le c o n d i z i o n i c o n t e s t u a l i del loro u s o sono i r r i l e v a n t i p e r la verit o f a l s i t di q u e l l ' a s s e r z i o n e . A g l i e n u n c i a t i d i q u e s t o t i p o s i p u a p p l i c a r e i m p u n e m e n t e l'altriinenti i n g a n n e v o l e t r i c o t o m i a ' v e r o , f a l s o , o p r i v o di s e n s o ". 3. A b b i a m o visto clic e s i s t o n o e n u n c i a t i r i s p o n d e n t i a l l ' i d e a l e

logico. G l i e n u n c i a t i - l e g g e s o n o o n n i t c m p o r a l i , gli e n u n c i a t i analitici s o n o a t e m p o r a l i ; gli e n u n c i a t i a n a l i t i c i a s t r a g g o n o d a riferimenti a particolari oggetti o g r u p p i 1 ; gli e n u n c i a t i - l e g g e , se p u r c o n t e n g o n o r i f e r i m e n t i , ne c o n t e n g o n o s o l o u elassi a p e r t e . E o v v i o , p e r c i , d o m a n d a r c i : In piale m i s u r a l ' a p p a r a t o s i m b o lico d e l l a l o g i c a m o d e r n a a d e g u a t o ad e s p r i m e r e la f o r m a , o i p o t e r i logici g e n e r a l i , di tali e n u n c i a t i ? O r a un f a t t o d i e di q u e s t o a p p a r a t o l o g i c o si p u f a r e , e si f a , u s o , non s o l o n e l l a stessa l o g i c a f o r m a l e , m a a n e b e a p p l i c a n d o l o a l l a m a t e m a t i c a , e a s i s t e m i di e n u n c i a t i - l e g g e . La r e l a z i o n e d e d u t t i v a lei m e m b r i lei s i s t e m i di e n u n c i a t i - l e g g e c o n t i n g e n t i p u e s s e r m e s s a in evid e n z a p e r m e z z o li q u e s t o a p p a r a t o . C o s i c c h la nostra q u e s t i o n e d e v ' e s s e r e non se s i a p o s s i b i l e u s a r e q u e s t ' a p p a r a t o p e r tali s c o p i , bens come s i a p o s s i b i l e u s a r l o . C i r c a tali usi di q u e s t ' a p p a r a t o si p r e s e n t a n o i n f a t t i , a p r i m a vista, c e r t e d i f f i c o l t . L a difficolt m a g g i o r e p u v e n i r b r e v e m e n t e e n u n c i a t a . L a f o n d a z i o n e d e l l a l o g i c a m o d e r n a sta nel s i s t e m a d e l l e f o r m u l e
' O p p u r e , s o s e m b r a e b e c o n t e n g a n o tali r i f e r i m e n t i ( p . e . . ' S e L e s l i e e p a d r e . L e s l i e m a s c h i o ' ) , l a q u e s t i o n e d i q u a l e s i a i l r i f e r i m e n t o (atto ( o a d d i r i t t u r a se sia stato (atto riieriinento a l c u n o ) riesce c o m p l e t a m e n t e irrilevante per quel ebe concerne In loro verit.

281 vero-funzionali. Il carattere della soprastruttura quantifcazionale c o m p l e t a m e n t e determinato dal carattere di Caratteristiche formule quanlificazionali tale fondazione. c o m e ' ( . r ) ( / . r 3 g.r)' o

~ { 3 x ) ( f x . gx) ' , e c c . , s o n o , c o m e a b b i a m o v i s t o , c a s i q u a s i - s p e eiali di f o r m u l e vero-funzionali. Ora, una cosa che allatto chiara a proposito tanto delle asserzioni analitiche clic delle asserzionilegge che esse non sono vero-funzionali, in questo m o d o cosi c o m p l e t o . U n ' a s s e r z i o n e a n a l i t i c a d e l l a f o r m a ' se a l l o r a q " n o n v i e n e v e r i f i c a t a d a l l a c i r c o s t a n z a elle l ' a n t e c e d e n t e d e l l a c o n d i zionale sia falsa. Un'asserzione legge della forma
4

non c' nessun

c a s o di / c h e n o n s i a un c a s o di g' n o n v e r i f i c a t a d a l l a c i r c o stanza che ' n o n c' nessun caso di / ' . Cosi non p o s s i a m o , senza r i s e r v e , a d o t t a r e ' 3 q ' c o m e la f o r m a d e l l a p r i m a , o ' ( x ) ( f x 3 g.v) " c o m e l a f o r m a d e l l a s e c o n d a . Gi s' detto qualcosa del metodo con cui aggirare questa d i f f i c o l t nel c a s o d i a s s e r z i o n i a n a l i t i c h e . S e , i m p i e g a n d o i l s i m b o l i s m o v e r o - f u n z i o n a l e p e r e n u n c i a t i o f o r m u l e a n a l i t i c h e , ten i a m o ben c h i a r o in m e n t e ci clic s t i a m o f a c e n d o ; se, p e r esempio, p e r ciascuno di siffatti i m p i e g h i della f o r m a

teniamo presente l'invisibile scorta di virgolette da citazione e la f r a s e ' a n a l i t i c o ", a l l o r a l ' i m b a r a z z a n t e c o n s e g u e n z a n o t a t a s o p r a pi non si a c c o m p a g n a a l l ' i m p i e g o di q u e s t a f o r m a . Infatti, mentre u n a r e g o l a d e l s i s t e m a c h e la f o r m u l a ' ~ ' e s i g e la f o r m u l a ' 3 q " ( c i o , c h e u n ' a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' ~ ' e s i g e la corrispondente asserzione della forma 'p 3 q ' ) , non affatto una r e g o l a d e l s i s t e m a c h e u n ' a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a ' ~ ' e s i g a l'ass e r z i o n e c h e la c o r r i s p o n d e n t e a s s e r z i o n e d e l l a f o r m a " 3 q ' s i a a n a l i t i c a . U n p a s s a g g i o s i m i l e p o t r e b b e s e m b r a r e u t i l i z z a b i l e nel caso di asserzioni-legge contingenti. Cio, d o b b i a m o tener chiaro in mente, ogniqualvolta impieghiamo il simbolismo per esprimere un asserzione-legge, che ci a p p u n t o quel che s t i a m o facendo.

2 7 i D u e tipi l i l o g i c a N o n i m p i e g h e r e m o , c o m e nel c a s o d i f o r m u l e a n a l i t i c h e , l e virgolette da c i t a z i o n e , g i a c c h u n ' a s s e r z i o n e - l e g g e u n ' a s s e r z i o n e c o n t i n g e n t e c i r c a il m o d o in cui va il m o n d o , e non u n a r e g o l a l i n g u i s t i c a d i nessun g e n e r e . P o s s i a m o p i u t t o s t o i m m a g i n a r e c h e o g n i q u a l v o l t a i m p i e g h i a m o la f o r m u l a ' ( . r ) ( / . r 3 gx) ' p e r esprimere una asserzione-legge, la usiamo come una sorta di abbreviazione p o r ' della una legge naturale che

(x )(/.v 3 gx) '.


verificata

Come dalla

p r i m a e v i t i a m o l a c o n s e g u e n z a che u n a a s s e r z i o n e - l e g g e e s p r e s s a per mezzo formula quantifcazionale sia circostanza che la corrispondente asserzione della forma ' ~ ( 3 . v )

( f x ) " v e r a . I n f a t t i , m e n t r e u n a r e g o l a del s i s t e m a c h e ' ~ ( 3 . r )


(/.v) * e s i g e ' ( . ) ( fx 3 g.v) ', non a f f a t t o u n a r e g o l a ilei s i s t e m a c h e ' ~ ( 3 . v ) ( / . v ) ' e s i g a ' u n a legge n a t u r a l e c h e ( x ) ( f x 3 g * ) Queste sono soltanto manovre preliminari. Esse potrebbero ben s e m b r a r e futili o senza s i g n i f i c a t o , a m e n o c h e le r e l a z i o n i l o g i c h e fra e s p r e s s i o n i s i m b o l i c h e tutte m e n t a l m e n t e f o r n i t e del c o n t r a s s e g n o " a n a l i t i c o " o p p u r e ili q u e l l o ' l e g g e n a t u r a l e ' , costit u i s s e r o r e p l i c h e esatte d e l l e r e l a z i o n i l o g i c h e f r a l e c o r r i s p o n denti f o r m u l e p r i v e d i tali c o n t r a s s e g n i m e n t a l i . S o l t a n t o s e q u e s t o p a r a l l e l o fosse p i e n a m e n t e v a l i d o , noi s a r e m m o , s e m b r a , giustificati nella n o s t r a p r e t e s a di e s s e r c a p a c i di a p p l i c a r e i s i s t e m i logici in q u e s t i o n e ai c a m p i d e l l a verit n e c e s s a r i a o d e l l a legge scientifica. L e m a n o v r e p r e l i m i n a r i p o t r e b b e r o a p p a r i r e a l l o r a giustific a t e c o m e m i s u r e intese a i n t e r d i r e i confini logici di q u e s t i c a m p i a g l i intrusi c h e p r o v e n g o n o d a l d i s c o r s o e m p i r i c o non-scientifico. D ' a l t r o c a n t o , ove i l p a r a l l e l o d e b b a ritenersi v a l i d o , s e m b r a a l l o r a s i i n c o n t r i n o u l t e r i o r i difficolt. P e r e s e m p i o , s a r e m o imp e g n a t i a r i t e n e r e c h e la r e g o l a c h e ' ~ ' e s i g e ' 3 q ' si a p p l i c a a n c o r a q u a n d o l e f o r m u l e ( o e n u n c i a t i ) ili a m b e d u e q u e s t e f o r m e sono analitiche, ossia che un'asserzione che dichiari analitica una f o r m u l a d e l l a f o r m a ' ~ ' e s i g e l ' a s s e r z i o n e c h e la c o r r i s p o n d e n t e formula della forma ' 3 q ' analitica. E questa pu sembrare c o n s e g u e n z a non m o l t o m e n o i m b a r a z z a n t e d i q u e l l a c h e a b b i a m o

283 evitato. F a c c i a m o un e s e m p i o . ' N o n si d il caso che i q u a d r a t i a b b i a n o s o l t a n t o tre l a t i ' a n a l i t i c a . A l l o r a , a p p l i c a n d o q u e s t a r e g o l a , ' N o n si d il c a s o c h e i q u a d r a t i a b b i a n o s o l o t r e l a t i ', in quanto analitica, esige anch'esso c o m e analitico, q u a l s i v o g l i a enunciato della f o r m a ' I q u a d r a t i h a n n o soltanto tre lati tre lati 3 5 = V 25 ' e fra
1

3 q ' . dove

a q possiamo dare q u a l u n q u e valore. Cos ' I q u a d r a t i hanno solo I q u a d r a t i hanno solo tre lati 3 T o m che un enunciato della forma s c a p o l o ' s a r a n n o e n u n c i a t i a n a l i t i c i . I n tal m o d o , s e a m m e t t i a m o l'equivalenza l'asserzione 3 q ' a n a l i t i c o e l ' a s s e r z i o n e c h e il p r i m o e n u n c i a t o lei c o m posto v e r o - f u n z i o n a l e e s i g e i l s e c o n d o , d o v r e m o c o n c l u d e r e c h e ' 1 q u a d r a t i h a n n o s o l o t r e lati ' e s i g e ' 5 = V 25 ' e ' T o m scap o l o ' e q u a l s i a s i a l t r o e n u n c i a t o ci p i a c c i a m e n z i o n a r e . In gener a l e . q u a l s i a s i a s s e r z i o n e a u t o - c o n t r a d d i t t o r i a e s i g e r q u a l s i a s i ass e r z i o n e di q u a l u n q u e s o r t a . E q u e s t o in e v i d e n t e c o n t r a s t o col n o s t r o u s o n o r m a l e di ' e s i g e ' c o m e il c o n v e r s o di " d e d u c i bile da '. D o b b i a m o tuttavia r a m m e n t a r e che ci che ci d i s p o n e v a m o a s p i e g a r e e r a i l s u c c e s s o d e l l ' u s o d e l l ' a p p a r a t o s i m b o l i c o d e l l a logica n e l l o s v i l u p p o d i s i s t e m i d i v e r i t n e c e s s a r i e , p . c . , d i u n sistema logico o m a t e m a t i c o . Un p o ' di riflessione ci mostra c o m e la r e g o l a clic s t i a m o c o n s i d e r a n d o non a b b i a c o n s e g u e n z e i m b a r a z zanti i n u n s i m i l e i m p i e g o d e l l ' a p p a r a t o s i m b o l i c o . U n a s p e t t o f a c i l i t a n t e , c h e p u v e n i r m e n z i o n a t o p e r p r i m o , sta i n ci c h e , giacch le espressioni usate nello s v i l u p p o del sistema saranno limitate dalle regole di formazione e dalle definizioni del sistema, non s a r e m o m a i i n g r a d o d i d e r i v a r e , d a u n a f o r m u l a d e l l a f o r m a ' ~ ', u n a f o r m u l a d e l l a f o r m a ' 3 q \ in c u i le e s p r e s s i o n i c h e r i m p i a z z a n o ' q ' g i a c c i a n o c o m u n q u e f u o r i d a l s i s t e m a . Cos i c c h non v i s i a v r n u l l a d i q u e l l ' a p p a r e n z a d i l u n a t i c a a r b i t r a riet c h e c a r a t t e r i z z a v a gli e s e m p i f o r n i t i n e l p a r a g r a f o p r e c e d e n t e . M a u n p u n t o pi i m p o r t a n t e i l s e g u e n t e . S i s u p p o n g a c h e i l n o s t r o s i s t e m a venga s v i l u p p a t o col m e t o d o d e d u t t i v o . A l l o r a .

27i

D u e tipi li l o g i c a

a m e n o c h e il s i s t e m a s i a i u e o n g r u e n t e , nel q u a l c a s o q u a n t o p r i m a ci viene a g a l l a , t a n t o m e g l i o . n e s s u n o d e g l i a s s i o m i s a r autoc o n t r a d d i t t o r i o o i n c o n g r u e n t e con q u a l s i a s i a l t r o . Si p u p e n s a r e inoltre clic il s i s t e m a u s i . c o m e r e g o l e di i n f e r e n z a , il P r i n c i p i o di S o s t i t u z i o n e e il P r i n c i p i o di I n f e r e n z a ', c p r e s u p p o n g a il c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e . F r a gli a s s i o m i o i t e o r e m i p r i m i t i v i p o s s i a m o trovare espressioni della f o r m a ' ~ ', d a l l e q u a l i noi s a r e m o in g r a d o , c o n s e g u e n t e m e n t e , li d e r i v a r e f o r m u l e c o r r i s p o n d e n t i d e l l a f o r m a ' 3 q ' Ma se gli a s s i o m i o i t e o r e m i p r i m i t i v i c o n t e n g o n o , come analitica, una formula della forma
4

~ ', essi non conter-

r a n n o a l t r e s , a m e n o c h e il s i s t e m a non sia i n c o n g r u e n t e , l'espress i o n e c h e r i m p i a z z i ' " in tale f o r m a . Di c o n s e g u e n z a , non s a r e m o m a i in g r a d o di a p p l i c a r e la Hegola di I n f e r e n z a a u n a f o r m u l a della forma
1

3 q ' quand'essa sia derivata dalla corrispondente

f o r m u l a d e l l a f o r m a ' ~ ' m e d i a n t e l ' u s o d e l l a regida ' i m b a r a z zante *; v a l e a d i r e , da ima f o r m u l a d e l l a f o r m a ' ~D q ', cosi der i v a t a . non s a r e m o inai in g r a d o di d e r i v a r e l ' e s p r e s s i o n e c h e rimp i a z z a ' q '. S i c c h , p e r q u e l clic r i g u a r d a lo s v i l u p p o del s i s t e m a , la r e g o l a ' i m b a r a z z a n t e ' non i m b a r a z z a n t e a l l a t t o : e s s a non p u m a i costringerci ad accettare, come direttamente o indirettamente d e d u c i b i l e d a g l i a s s i o m i , nessun t e o r e m a c h e risulti i n c o n s e g u e n t e . Questo punto lo potremmo anche esprimere come segue: per quanto concerne l'iuiplicanza nell'ambito di un sistema (cio, la d e r i v a b i l i t d i r e t t a o i n d i r e t t a di t e o r e m i da a s s i o m i ) , il signifc a l o di ' e s i g e ' non d a l o s e m p l i c e m e n t e d a l l e r e g o l e p e r ' 3 ' (o da q u e l l e a f f a t t o a n a l o g h e p e r da queste regole . . 3 . . . " a n a l i t i c o ' ) , ma

prese

congiuntamente

con

le

regole

di

inferenza

del sistema. In se stesse, le p r e s u p p o s t e leggi del c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e non p e r m e t t o n o d e r i v a z i o n i di s o r t a : a permetterne, e l i m i t a r n e , l ' u s o , s o n o l e r e g o l e d i i n f e r e n z a d i p i alto o r d i n e d e l s i s t e m a . In p a r t i c o l a r e , ogni d i s s o d a m e n t o di nuovo terreno nel

' C f r . r a p i t o l i li e I I I . p p . TR-Rd 12R-29

285 sistema ( i n q u a n t o distinto d a l l ' e s e m p l i f i c a z i o n e di leggi gi stabilite) ba luogo sotto l'egida della R e g o l a d ' I n f e r e n z a . L ' i m p l i c a n z a di Fi da parte di Fi entro il sistema, dove F! relazionato con F2 in un t e o r e m a p r i m i t i v o p e r m e z z o di ' 3 ', r i c h i e d e c h e le r e g o l e d ' i n f e r e n z a p e r m e t t a n o c h e F 2 s i a d i s t a c c a t o d a F ] e d a s s e r i t o sella r a t a m e n t e c o m e u n a l e g g e . Q u e s t ' e s e m p i o s u f f i c i e n t e a m o s t r a r e c i c h e i n t e n d e v o mos t r a r e : e p r e c i s a m e n t e c o m e , m a l g r a d o il fatto che le regole p e r " 3 q ' ( s i a n o i c o s t i t u e n t i d e l l a f u n z i o n e c o n t i n g e n t i o necessari ) non s o n o a f f a t t o a n a l o g h e a q u e l l e p e r ' e s i g e '. n o n d i m e n o p e r f e t t a m e n t e p o s s i b i l e f a r u s o d e l l ' a p p a r a t o s i m b o l i c o d e l l e verofunzioni per lo sviluppo di sistemi di verit necessarie. R i m a n e a n c o r a d a e s a m i n a r s i u n a q u e s t i o n e , r e l a t i v a non a l l o s v i l u p p o d i (ali s i s t e m i , m a a l l ' a p p l i c a z i o n e d e l l e l e g g i . Q u a n d o i m a f o r m u l a della f o r m a ' 3 q ' vien derivata c o m e analitica nell'ambito del s i s t e m a , q u a l c h e v o l t a , m a non s e m p r e , v o g l i a m o d i r e c h e i l p r i m o dei s u o i c o s t i t u e n t i e s i g e i l s e c o n d o , c i o , c h e l a f o r m u l a a n a l i t i c a pu essa stessa venir letta, nelle a p p l i c a z i o n i del s i s t e m a , c o m e una r e g o l a c h e a u t o r i z z i d e d u z i o n i . N o n v o g l i a m o , p e r e s e m p i o , dir q u e s t o , q u a n d o la f o r m u l a d e l l a f o r m a ' 3 q ' d e r i v a t a
dalla

corrispondente formula della forma ' ~ ' . La risoluzione

li q u e s t o a s s a i d i v e r s o p r o b l e m a sta s e m p l i c e m e n t e n e l l ' i m p o s i zione d i r e s t r i z i o n i nel t r a d u r r e l a d i c h i a r a z i o n e clic u n a f o r m u l a


della

forma

'

q ' a n a l i t i c a n e l l a d i c h i a r a z i o n e c h e il p r i m o

dei suoi c o s t i t u e n t i e s i g e il s e c o n d o '. o v v i o c h e s i m i l i c o n s i d e r a z i o n i , p e r q u a n t o r i g u a r d a la ' imp l i c a n z a nel s i s t e m a ' , s i a p p l i c a n o a l l o s v i l u p p o d e d u t t i v o d i sistemi d i l e g g i n a t u r a l i . D a l s e m p l i c e p u n t o d i v i s t a d e l l o s v i l u p p o <li un s i s t e m a d e d u t t i v o , il f a t t o c h e il s i s t e m a s i a di l e g g i n a t u r a l i p i u t t o s t o c h e d i verit n e c e s s a r i e non s o l l e v a n e s s u n o s p e c i a l e problema.
1 C f r . c a p i t o l o I . p . 3 2 . l.u t r a t t a z i o n e c o m p l e t a d i q u e s t e r e s t r i z i o n i e troppo com plicata p e r poter essere affrontata q u i .

27i Due tipi li logica N o n d i m e n o s p e c i a l i p r o b l e m i s i p r e s e n t a n o l o stesso. C o m i n ciamo dalla manovra preliminare suggerita dal trattamento di s i s t e m i di v e r i t n e c e s s a r i e , e b e q u i a l t a m e n t e s o s p e t t a . I n f a t t i , nelle d i s c u s s i o n i svolte nel c a p i t o l o V I I , ci si s f o r z a t i di sottolineare il fatto che c h i a m a r e asserzione-legge un'asserzione generale s o g g e t t o - p r e d i c a t o non s i g n i f i c a v a a s s e g n a r l e u n g e n e r e d i f f e r e n t e di v e r o - c o n d i z i o n i rispetto ad ogni a l t r a a s s e r z i o n e g e n e r a l e soggetto-predieato. Con ci si diceva soltanto qualcosa circa l'ambito d e l l a s u a a p p l i c a z i o n e e circa il c a r a t t e r e d e l l e r i p r o v e a s u o sostegno. Un'asserzione generale soggetto-predicato dichiarante che ogni c a s o di / e un c a s o di g, sia essa o menu un'asserzione-legge, contraddetto dall'ordinaria asserzione contingente affermante che a l m e n o un c a s o di / non e un c a s o di g '. La c o n t r a d d i t t o r i a di u n ' a s s e r z i o n e l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i a u n ' a s s e r z i o n e auto-contradd i t t o r i a ; ma la c o n t r a d d i t t o r i a di u n ' a s s e r z i o n c - l c g g e un'ordina-

ria a s s e r z i o n e c o n t i n g e n t e ( c i o , non u n ' a s s e r z i o n e - l e g g e ) . S i c c h


la m a n o v r a p r e l i m i n a r e , clic d i s t a c c a n e t t a m e n t e le asserzionil e g g e , q u a n d o e s p r e s s e nel s i m b o l i s m o d e l i a l o g i c a m o d e r n a , d a l l e r e l a z i o n i l o g i c h e eon a s s e r z i o n i c o n t i n g e n t i o r d i n a r i e , d e v e v e n i r a b b a n d o n a t a o m o d i f i c a t a . Il p a r a l l e l o col c a m p o del n e c e s s a r i o riusciva f u o r v i e n t e : i l p r o b l e m a d i c o m e l ' a p p a r a t o s i m b o l i c o p u e s s e r e u s a t o p e r un s i s t e m a di a s s e r z i o n i - l e g g e r i m a n e d u n q u e in piedi. M a b a s t a u n p o ' d i senso c o m u n e p e r r i s o l v e r l o . Anzitutto dobbiamo rilevare che un'asserzione-legge generale soggetto-predicato, d i c h i a r a n t e c h e o g n i c a s o di / un c a s o di g. e s i g e la corrispondente asserzione Queste

negativamente

esistenziale

dichiarante

che

~ ( 3 x ) ( f x . ~ gx) o ( x ) ( f x 3 gx). S i a l ' u n a c h e l ' a l t r a s a r a n n o onnitemporali. conseguenze negativamente esistenziali delle asserzioni-legge soggetto-predicato possono esser chiamate

' Q u i d o b b i a m o f a r l u o g o a l l e q u a l i f i c a z i o n i m e n z i o n a t e nel p r i m o p a r a grafo del capitolo V I I .

La logica f o r m a l e a n c h ' e s s e a s s e r z i o n i - l e g g e . P o i , d o b b i a m o r i c o r d a r e c h e l a condizione dell'accettabilit di un'asserzione-legge che non abbia a p p l i c a z i o n e d i r e t t a la s u a r e l a z i o n e d e d u t t i v a con asserzionilegge clic tale a p p l i c a z i o n e h a n n o . L a s o l a p r e c a u z i o n e clic dobb i a m o a l l o r a a d o t t a r e e la r i s o l u z i o n e di non i n c l u d e r e n e l l e premesse del n o s t r o s i s t e m a a l t r o clic a s s e r z i o n i - l e g g e . Q u e s t o b a s t e r a d e s c l u d e r e q u a l s i a s i e n u n c i a t o d e l l a f o r m a ' ( x ) ( f x 3 g.r) ' c h e e s p r i m a u n a verit u n i c a m e n t e in virt del fatto clic il c o r r i s p o n dente e n u n c i a t o d e l l a f o r m a ' ~ ( 3 . r ) ( f x )
1

e s p r i m e una verit

( a m e n o che q u e s t ' u l t i m o e n u n c i a t o e s p r i m a non s o l t a n t o u n a verit. ma u n a l e g g e ) ; ma a ci si p e r v i e n e s e n z a i n n a l z a r e s p u r i e b a r r i e r e l o g i c h e f r a a s s e r z i o n i - l e g g e e d a s s e r z i o n i c o n t i n g e n t i clic non s i a n o a s s e r z i o n i - l e g g e . C o s i la m a n o v r a o r i g i n a r i a v i e n e modificala, p i u t t o s t o c h e c o m p l e t a m e n t e a b b a n d o n a t a . Ci r i m a n e ora un p r o b l e m a non t r o p p o i m p e g n a t i v o , c h e l ' a n a l o g o del p r o b l e m a d e l l ' a p p l i c a z i o n e in s i s t e m i di v e r i t necessarie. S i s u p p o n g a d i a v e r e u n e n u n c i a t o d e l l a f o r m a ' ~ ( 3 . r )

( fx ) ' c h e in effetti e s p r i m a u n ' a s s e r z i o n c - l e g g e . A l l o r a s a r e m o in


grado di derivare qualsiasi corrispondente enunciato della forma ' ( . r ) (fx 3 gx) '. D i r e m o c h e q u e s t ' e n u n c i a t o e s p r i m e u n a l e g g e o n o ? Nel contesto del s i s t e m a , d o v e la s u a d e r i v a z i o n e e v i d e n t e , non ha n e s s u n a i m p o r t a n z a che lo si d i c a o m e n o . Ma il d i r l o p u riuscire f u o r v i e n t e f u o r i d a q u e l contesto, g i a c c h n e v e r r e b b e i l s u g g e r i m e n t o c h e noi l o d i c i a m o s u f o n d a m e n t i d i v e r s i d a q u e l l i effettivi. P e r e s e m p i o , s a r e b b e f u o r v i e n t e trattore c o m e u n a legge ' Non esiste n e s s u n c o r p o m o b i l e non i n f l u e n z a t o da f o r z e e s t e r n e il q u a l e non c o n t i n u i , ecc. ' sul solo f o n d a m e n t o clic e r a u n a legge ehe non ci f o s s e nessun c o r p o m o b i l e non i n f l u e n z a t o da f o r z e esterne. ( N o n intendo s u g g e r i r e c h e q u e s t ' u l t i m a a s s e r z i o n e sia d i fallo una l e g g e , e n e p p u r e c h e essa sia v e r a ) . A n c h e q u i , c o m e nel caso a n a l o g o , richiesta la m e s s a in o p e r a di l e g g i restrittive. Non p r e t e n d o che q u e s t a s e z i o n e s i s p i n g a o l t r e l a s e m p l i c e i n d i c a z i o n e ilei m o d i in cui p o s s o n o v e n i r risolti i nostri r e b u s

27i

Due tipi li logica

circa l'uso d e l l ' a p p a r a t o s i m b o l i c o d e l l a l o g i c a m o d e r n a nello svil u p p o di s i s t e m i di v e r i t n e c e s s a r i e o di l e g g i n a t u r a l i . Ma gli altri p r o b l e m i s p e c i f i c i c h e p o s s o n o s o r g e r e a v r a n n o , i o p e n s o , d e l l e a n a l o g i e con q u e l l i qui trattati e s a r a n n o s u s c e t t i b i l i di v e n i r risolti in m o d i a n a l o g h i . 1 punti p r i n c i p a l i c h e ho tentato di stab i l i r e sono i s e g u e n t i : ( 1 ) c h e q u a n d o i n d a g h i a m o s u l l ' u s o c h e p u farsi d e l l ' a p p a r a t o s i m b o l i c o d e l l a l o g i c a , t r o v i a m o c h e p e r eerte r a g i o n i g e n e r a l i esso s e m b r a m e g l i o a d a t t a t o a l l a f u n z i o n e di m e t t e r e s i s t e m a t i c a m e n t e in l u c e le r e l a z i o n i l o g i c h e f r a enunciati c h e r i s p o n d a n o a l l ' i d e a l e d i i n d i p e n d e n z a d a l l e c o n d i z i o n i c o n t e s t u a l i : ( 2 ) c h e gli e n u n c i a t i d i q u e s t o t i p o c h e e f f e t t i v a m e n t e si presentano sono enunciati analitici ed enunciati-legge; ( 3 ) che gli e n u n c i a t i a n a l i t i c i e gli e n u n c i a t i - l e g g e s e m b r a n o p r e s e n t a r e certi ostacoli a l l a l o r o e s p r e s s i o n e m e d i a n t e u n s i m b o l i s m o comp l e t a m e n t e v e r o - f u n z i o n a l e ; ( 4 ) m a c h e q u a n d o e s a m i n i a m o l'effettivo p r o c e s s o di c o s t r u z i o n e di un s i s t e m a di tali e n u n c i a t i con l ' i m p i e g o d e l s i m b o l i s m o , v e d i a m o c o m e gli o s t a c o l i o s o n o , autom a t i c a m e n t e . s u p e r a t i , o p o s s o n o e s s e r l o , d e l i b e r a t a m e n t e . Se ten i a m o c h i a r i i n m e n t e tutti questi p u n t i , s i a m o p r e v e n u t i c o n t r o molte illusioni che a c c o m p a g n a n o l'uso indiscriminato, nell'analisi f i l o s o f i c a , del m o d e r n o s i m b o l i s m o l o g i c o , e d a l t r e s l i b e r a t i d a molti r e b u s r i g u a r d a n t i i loro usi l e g i t t i m i .

II.

Differenze
4.

di

tipo

regole

di

formazione

G i a b b i a m o visto ' c h e in u n o s t a d i o p r e c o c e d e l l o svi-

l u p p o d i q u a l s i a s i s i s t e m a l o g i c o d o v r e b b e r o v e n i r f i s s a t e regole p r e s c r i v e n t i q u a l i c o m b i n a z i o n i dei s i m b o l i del s i s t e m a sono ara-

Cfr. capitolo I I . p. 82.

Differenze di tipo

289

m e s s e . Q u e s t e sono l e r e g o l e d i f o r m a z i o n e del s i s t e m a . L e espressioni c o s t r u i t e in m o d o ad esse r i s p o n d e n t i s o n o dette h e n - f o r m a t e , m e n t r e l e c o m b i n a z i o n i d i s i m b o l i c h e l e v i o l a n o s o n o dette malf o r m a t e . L e e s p r e s s i o n i nal-forinate s o n o s e n z a s i g n i f i c a t o : la tecnica d e d u t t i v a o di c o n t r o l l o del s i s t e m a non p u e s s e r l o r o app l i c a t a , e , q u a n d o i l s i s t e m a v e n g a i n t e r p r e t a t o , n e s s u n senso p u essere a t t r i b u i t o a tali e s p r e s s i o n i . La c o s t r u z i o n e di r e g o l e di form a z i o n e p r e s u p p o n e o v v i a m e n t e la c l a s s i f i c a z i o n e Ielle eostanti e d e l l e v a r i a b i l i del s i s t e m a i n tipi d i f f e r e n t i , g i a c c h f o r n i r e r e g o l e di f o r m a z i o n e epiivale a d i r e q u a l i classi di s i m l x d i del s i s t e m a p o s s o n o s i g n i f i c a t i v a m e n t e figurare in c o m b i n a z i o n i li eerti generi con altri tipi di s i m b o l i del s i s t e m a . Q u a n d o al s i s t e m a lata un'interpretazione linguistica, questa classificazione di espressioni in tipi v i e n e o v v i a m e n t e t r a s f e r i t a nel d o m i n i o d e l l e p a r o l e e d e l l e f r a s i : essa s i a p p l i c a a l l e e s p r e s s i o n i v e r b a l i c h e p o s s o n o f i g u r a r e c o m e v a l o r i d e l l e v a r i a b i l i del s i s t e m a , e d a l l e e s p r e s s i o n i v e r b a l i usate p e r i n t e r p r e t a r e le s u e c o s t a n t i . S i c c h p o s s i a m o a s p e t t a r c i li t r o v a r e a l c u n e restrizioni a p p l i c a t e a c o m b i n a z i o n i s i g n i f i c a t i v e d e l l e e s p r e s s i o n i lei l i n g u a g g i o o r d i n a r i o , c h e s o n o a n a l o g h e a l l e regole di f o r m a z i o n e li un s i s t e m a l i n g u i s t i c a m e n t e i n t e r p r e t a b i l e . E. nella m i s u r a in cui non i n s i s t i a m o t r o p p o s u l l a l o r o r i g o r o s i t , queste a n a l o g i e l e t r o v i a m o e f f e t t i v a m e n t e . L e t r o v i a m o , p o s s i a m o dire, nelle r e g o l e (o in a l c u n e d e l l e r e g o l e ) di g r a m m a t i c a . I g r a m m a t i c i , c o m e i l o g i c i , c l a s s i f i c a n o le e s p r e s s i o n i in t i p i . D a t o d i e un enunciato contenga un'espressione di un tipo grammaticale, s p e s s o le r e g o l e di g r a m m a t i c a fisseranno a l l o r a dei r e q u i s i t i relativi agli altri tipi li e s p r e s s i o n e c h e esso d e v e c o n t e n e r e e. q u a l c h e o l l a , il metotlo p e r o r d i n a r l i . Se picsti reijuisiti non s o n o soddisfatti. a l l o r a non si ottiene e n u n c i a t o a l c u n o , o un e n u n c i a t o s g r a m maticalo. " S g r a m m a t i c a l o ' , all'incirca, l'analogo linguistico di ' m a l - f o r m a t o '. F a c c i a m o a l c u n i e s e m p i . ( 1 ) Le r e g o l e di f o r m a zione del c a l c o l o p r o p o s i z i o n a l e r i c h i e d o n o c h e ' . ' o ' ' d e b b a n o essere fiancheggiati almeno da due variabili da asserzione in

27i

D u e tipi l i l o g i c a

un'espressione ben-formata. La grammatica descrive la funzione di c o n g i u n z i o n i c o m e ' o ' e ' e ' c o m e q u e l l a di c o n g i u n g e r e d u e claus o l e o f r a s i s i m i l i . ( 2 ) In un s i s t e m a f o r m a l e e b e f a c c i a u n a dis t i n z i o n e di n o t a z i o n e f r a p r e d i c a t i ad un posto e a d u e p o s t i , ci s a r una r e g o l a di f o r m a z i o n e clic s t a b i l i s c e clic un p r e d i c a t o a d u e posti r i c h i e d e c h e a l m e n o d u e v a r i a b i l i o e s p r e s s i o n i individ u a l i figurino in u n a e s p r e s s i o n e b e n - f o r m a t a . Si c o n f r o n t i ci col r e q u i s i t o g r a m m a t i c a l e c h e u n v e r b o t r a n s i t i v o d e b b a a v e r e tanto un soggetto c h e un o g g e t t o . ( 3 ) La logica non a m m e t t e ' xyz ' c o m e e s p r e s s i o n e b e n - f o r m a t a . L a g r a m m a t i c a non a m m e t t e ' T o m , R i c o , Dino ' come enunciato. c h i a r o c h e i p a r a l l e l i p o t r e b b e r o v e n i r m o l t i p l i c a t i . Ma a n c h e c h i a r o clic non s i d e v e m i n i m a m e n t e s f o r z a r l i . L e classificazioni g r a m m a t i c a l i s o n o di m o l t i g e n e r i d i f f e r e n t i , difficile form u l a r l e c h i a r a m e n t e , e non s o n o s e m p r e a g e v o l i d a a p p l i c a r e . Q u e s t o e n a t u r a l e : e s s e infatti t r a t t a n o di l i n g u a g g i viventi o c h e gi f u r o n o viventi e non di s i m b o l i s m i i n v e n t a l i . Le c l a s s i f i c a z i o n i f o r m a l i s o n o e n u n c i a t e con ogni p r e c i s i o n e , e p o s s o n o e s s e r rese tanto a g e v o l i d a a p p l i c a r e q u a n t o colui c h e s c e g l i e i l s i m b o l i s m o p u d e s i d e r a r e . N o n s i a t t r i b u i s c e nessun s e n s o a l l e e s p r e s s i o n i che v i o l a n o l e r e g o l e d i f o r m a z i o n e del s i s t e m a . M a m o l t i e n u n c i a t i s g r a m m a t i c a t i d n n o un s e n s o , e lo d a n n o a n c h e m o l t e e s p r e s s i o n i clic non s o n o n e m m e n o e n u n c i a t i , ma clic, se v e n i s s e r o scritte, verr e b b e r o p o s t e fra p u n t i ; i n o l t r e il contesto p u c o n f e r i r e ad u n a singola parola la forza di un enunciato. Persino dove le dettagliate a n a l o g i e s e m b r a n o q u a n t o m a i streite, esse p o s s o n o f a l l i r e : ' L a g u e r r a ci s a r o p p u r e no ' un e n u n c i a t o p e r f e t t a m e n t e c o r r e t t o , ina ' p v ~ ' u n ' e s p r e s s i o n e m a l - f o r m a t a . P e r q u a n t o l e a n a l o g i e non p o s s a n o v e n i r s p i n t e t r o p p o i n n a n z i , evidente che, dove esse esistono, hanno una radice comune. In precedenza
1

v e d e m m o c o m e la d i s t i n z i o n e formale f r a v a r i a b i l i

Cfr. r a p i t o l o V, sezione 5.

291 i n d i v i d u a l i e p r e d i c a t i v e rifletta la d i s t i n z i o n e funzionale f r a il riferirsi a q u a l c h e c o s a e il d e s c r i v e r l a , e c o i n q u e s t a s i a c o r r i s p o n dentemente riflessa dalla d i s t i n z i o n e grammaticale f r a s o g g e t t o e predicato. La regola di formazione che una variabile individuale debba essere accompagnata da una variabile predicativa, la regola grammaticale che una proposizione d e b b a avere tanto un predicato c h e u n s o g g e t t o , h a n n o l a l o r o r a d i c e nel f a t t o n e c e s s a r i o c h e i-til s o l o r i f e r i m e n t o non si fa n e s s u n a a s s e r z i o n e . A n a l o g a m e n t e , l'esigenza g r a m m a t i c a l e c h e h a n n o l e c o n g i u n z i o n i d i u n i r e d u e frasi, l'esigenza formale dei connettivi di asserzione ili avere d u e a s s e r z i o n e - v a r i a b i l i d a c o n g i u n g e r e , r i f l e t t o n o del p a r i u n bel mazzo di tautologie: come quella, per e s e m p i o , che uno non pu dire c h e u n a c o s a c o n d i z i o n a t a da u n ' a l t r a s e n z a i n d i c a r e tanto la c o s a c o n d i z i o n a t a

quanto c i c h e la c o n d i z i o n a . Si p o t r e b b e

d o m a n d a r e a che vale distinguere la tautologia che sta alla radice dal r e q u i s i t o f o r m a l e o g r a m m a t i c a l e . La r i s p o s t a e c h e gli accorgimenti l i n g u i s t i c i m e d i a n t e i q u a l i si f a n n o a s s e r z i o n i di differenti g e n e r i p o t r e b b e r o r a g i o n e v o l m e n t e e s s e r stati a s s a i d i v e r s i d a q u e l l i c h e a b b i a m o f a m i l i a r i . T a n t o l e r e g o l e g r a m m a t i c a l i clic l e regole d i f o r m a z i o n e r i f l e t t o n o non s o l o l a t a u t o l o g i a c h e sta a l l a r a d i c e , m a a n c h e gli a c c o r g i m e n t i l i n g u i s t i c i c h e e f f e t t i v a m e n t e impieghiamo. Cosi le regole di formazione di un sistema, che rigidamente prescrivono certe combinazioni di espressioni c o m e destituite di senso, h a n n o c o n n e s s i o n i g e n u i n e con q u e l l e r e g o l e g r a m m a t i c a l i c h e g e n e r a n o s o l t a n t o u n a p r e s u n z i o n e c o n t r o certi g e n e r i d i c o m b i n a z i o n i d i p a r o l e c h e p u r dinno u n s e n s o . A m b e d u e r i f l e t t o n o necessit ili l i n g u a g g i o m o l t o g e n e r a l i . L e r e g o l e d i f o r m a z i o n e ili u n s i s t e m a s o n o c o l l e g a t e a i l o r o a n a l o g h i g r a m m a t i c a l i d a relazioni i n q u a l c h e m o d o s i m i l i a q u e l l e c h e c o l l e g a n o l e r e g o l e d i i m p l i c a n z a d i u n s i s t e m a a i l o r o a n a l o g h i nel l i n g u a g g i o o r d i n a rio ; le p r i m e s o n o r i g i d e e s i s t e m a t i c h e , i s e c o n d i flessibili e non sistematici.

2 7 i D u e tipi l i logica

5.

V e d e v a m o test elle le i m p l i c a n z e di sufficiente g e n e r a l i t

p e r i n t e r e s s a r e i l l o g i c o f o r m a l e non e r a n o l e s o l e i m p l i c a n z e c h e si t r o v a v a n o nel l i n g u a g g i o o r d i n a r i o . S i m i l m e n t e , t r o v i a m o c h e i r e q u i s i t i g r a m m a t i c a l i c h e s o n o a n a l o g h i a r e g o l e li f o r m a z i o n e non s o n o i soli r e q u i s i t i c h e un e n u n c i a t o d e v e s o d d i s f a r e p e r rius c i r e s e n s a t o . N e s s u n a r e g o l a g r a m m a t i c a l e v i e n e i n f r a n t a col d i r e c h e la r a d i c e c u b i c a di dieci l o n t a n a tre m i g l i a , o c h e nella s a l a di d i s e g n o c' un r u m o r o s o o d o r e . Ma d i r e u n a di q u e s t e cose equiv a r r e b b e , se non a d i r e s c i o c c h e z z e , a l m e n o a d i r e q u a l c o s a c h e non ha un s e n s o l e t t e r a l e o d i r e t t o . G l i e n u n c i a t i ' E g l i c o n o s c e bene il f r a n c e s e " e ' E g l i c o n o s c e l e n t a m e n t e il f r a n c e s e ' h a n n o la stessa s t r u t t u r a g r a m m a t i c a l e ; m a m e n t r e i l p r i m o d u n senso c o s i c o m e s t a . a l s e c o n d o p u v e n i r a t t r i b u i t o u n s e n s o solo consid e r a n d o l o una c a t t i v a p a r a f r a s i d i , p.c., ' E g l i sta l e n t a m e n t e imp a r a n d o a c o n o s c e r e il f r a n c e s e " o p p u r e di * E g l i sa l e g g e r e il f r a n c e s e l e n t a m e n t e ' o a n c h e di " E g l i c a p i s c e il f r a n c e s e q u a n d o tarlato l e n t a m e n t e ' . A n a l o g a m e n t e , ' I l c o n t r i b u e n t e m e d i o m a l c o n t e n t o del b i l a n c i o ' d d i r e t t a m e n t e u n s e n s o , m e n t r e ' 1 1 c o n t r i b u e n t e m e d i o m o r t o ieri ' p o t r e b b e e s s e r e un gioco di par o l e , u n o s c h e r z o , un e p i g r a m m a , o un e s e m p i o di a s s u r d i t . S e m b r a , a l l o r a , c h e vi s i a n o r e s t r i z i o n i a g g i u n t i v e , oltre a (pielle non t r o p p o r i g o r o s e i m p o s t e d a l l a g r a m m a t i c a , circa i m o d i in cui le p a r o l e p o s s o n o e s s e r e c o m b i n a t e p e r d a r e un senso letter a l e . P o s s i a m o i n d i c a r l e col n o m e di r e s t r i z i o n i di t i p o o r e g o l e di t i p o , g i a c c h esse e s c l u d o n o le c o m b i n a z i o n i di e s p r e s s i o n i di certi t i p i . C ' chi ha a v u t o la t e n t a z i o n e di a s s i m i l a r e la v i o l a z i o n e d e l l e restrizioni d i t i p o a l l e a u t o - c o n t r a d d i z i o n i . M a q u e s t o sembra un e r r o r e . La r a g i o n e p e r c u i ' o d o r e r u m o r o s o ' non da a l c u n senso non c h e gli o d o r i , c o m e i m o r m o r i i , s i a n o n e c e s s a r i a m e n t e t e n u i . Il r i f e r i r s i a q u a l c o s a c o m e a un o d o r e p r o s c r i v e c o m e insensata la q u e s t i o n e se s i a r u m o r o s o o non r u m o r o s o : il p a r l a n t e non e i m p e g n a t o a d a r e u n a d e l l e d u e r i s p o s t e i n c o m p a t i b i l i a l l a pie-

D i f f e r e n z e di t i p o

293

stione. A n z i c h a s s i m i l a r e le restrizioni di t i p o non g r a m m a t i c a l i ad i m p l i c a n z e non f o r m a l i , f a r e m m o m e g l i o a r i c o n o s c e r e lina r e l a z i o n e p a r a l l e l a : f r a r e s t r i z i o n i di t i p o g r a m m a t i c a l i e restrizioni di t i p o non g r a m m a t i c a l i da un l a t o , e fra i m p l i c a n z e f o r m a l i ( cio, i m p l i c a n z e f o r n i t e di q u e l l a g e n e r a l i t c h e i n t e r e s s a il log i c o ) e d i m p l i c a n z e non f o r m a l i ( o del l e s s i c o g r a f o ) d a l l ' a l t r o . Nessuno, dopotutto, vorrebbe assimilare le regole grammaticali ad implicanze altamente generali. 6. Esiste u n a certa c o n c e z i o n e m e t a f i s i c a , c h e s i o p p o n e a l l e

conclusioni d e l l ' u l t i m a s e z i o n e e a l l a (piale u n a p r e o c c u p a z i o n e per l a logica f o r m a l e p o t r e b b e r e n d e r c i i n c l i n i . S i p u s o m m a r i a mente e s p r i m e r l a c o m e la c o n c e z i o n e clic le s o l e d i f f e r e n z e di t i p o irriducibili sono quelle riconosciute dalla logica f o r m a l e , e che tutte le a l t r e d i f f e r e n z e di t i p o fra e s p r e s s i o n i s o n o in u l t i m a analisi s p i e g a b i l i c o m e d i f f e r e n z e f r a l e f o r m e l o g i c h e d e g l i e n u n c i a t i clic l e c o n t e n g o n o . Ci r i c h i e d e u n c h i a r i m e n t o . L a l o g i c a f o r m a l e ci i m p e g n a ad u n a d i s t i n z i o n e di t i p o fra e s p r e s s i o n i r e f e r e n z i a l i singolari (valori di variabili i n d i v i d u a l i ) ed espressioni predicalive ( v a l o r i d i v a r i a b i l i p r e d i c a t i v e ) . M a o v v i a m e n t e l e considerazioni svolte n e l l ' u l t i m a s e z i o n e ci r i c h i e d o n o di o p e r a r e ulteriori distinzioni d i tipo e n t r o c i a s c u n o d i q u e s t i t i p i . P e r e s e m p i o , i n o m i di q u a l i t u m a n e e i n o m i di esseri u m a n i i n d i v i d u a l i possono del p a r i f i g u r a r e c o m e e s p r e s s i o n i r e f e r e n z i a l i s i n g o l a r i . M a non ogni cosa c h e pu v e n i r d e l t a , con s i g n i f c a n z a l e t t e r a l e , di esseri u m a n i i n d i v i d u a l i , p u v e n i r d e t t a , con s i g n i f c a n z a letterale. di q u a l i t u m a n e i n d i v i d u a l i : e v a l e il c o n v e r s o . P e r d i r l a molto a l l a b u o n a : le g a m m e di e s p r e s s i o n i con cui i n o m i di uomini e i n o m i di q u a l i t u m a n e p o s s o n o s i g n i f i c a t i v a m e n t e c o m b i narsi sono d i f f e r e n t i . T a l v o l t a p u p l a u s i b i l m e n t e s o s t e n e r s i , lutlavia. c h e u n ' a s s e r z i o n e s i n g o l a r e circa u n a q u a l i t u m a n a logicamente equivalente a un'asserzione generale circa gli esseri u m a n i . In un c a s o del g e n e r e , p o t r e m m o e s s e r e i n c o r a g g i a t i a d i r e

27i Due tipi li logica c h e la d i f f e r e n z a in t i p o f r a e s p r e s s i o n i c h e f o r m a l m e n t e h a n n o finizioni s i m i l i in e n u n c i a t i f o r m a l m e n t e s i m i l i stata ridotta a una d i f f e r e n z a di f o r m a f r a e n u n c i a t i r e l a t i v i a c o s e d e l l o stesso t i p o ( c i o c , esseri u m a n i ) . T a l v o l t a s i d i c e c h e l a t r a d u z i o n e dell'asserzione singolare in quella generale svela la ' r e a l e ' forma logica della p r i m a . Q u e s t a m a n o v r a h a m o l t e c a r a t t e r i s t i c h e i n t e r e s s a n t i . S e c i impegnatilo n e l l ' u l t i m o dei p a s s a g g i m e n z i o n a t i , a l l o r a c i t r o v i a m o a d a r e a l l ' e s p r e s s i o n e ' f o r m a l o g i c a ' un senso a f f a t t o d i f f e r e n t e da quelli i n cui l ' a b b i a m o f i n q u i u s a l a . P e r c h infatti d o v r e m m o s c e g l i e r e di d i r e c h e , dei d u e e n u n c i a l i e q u i v a l e n t i , q u e l l o generale c h e r i v e l a la ' r e a l e ' f o r m a l o g i c a d e l l ' e n u n c i a t o s i n g o l a r e , piuttosto c h e i n c o n t r a r i o ? P e r c h d o v r e m m o c o n s i d e r a r e l a riduz i o n e , o l ' e l i m i n a z i o n e di un c e r t o t i p o di e s p r e s s i o n e , c o m e effettuantesi i n q u e l l a d i r e z i o n e piuttosto c h e n e l l ' a l t r a ? L a s o l a risposta p u e s s e r e c h e c o n s i d e r i a m o le e s p r e s s i o n i c h e si r i f e r i s c o n o ad esseri u m a n i i n d i v i d u a l i coin di t i p o piti ' f o n d a m e n t a l e ' o ' b a s i l a r e ' d e l l e e s p r e s s i o n i c h e si r i f e r i s c o n o a l l e q u a l i t u m a n e . Si s u p p o n g a infatti il nostro e n u n c i a t o g e n e r a l e scritto nella f o r m a
t

( . v ) ( / . v 3 g * ) \ con gli a p p r o p r i a t i v a l o r i p e r ' / ' e ' g ' . A l l o r a

la f o r m u l a c o r r i s p o n d e n t e d e l l a f o r m a ' fx ' a s s u m e r , c o m e v a l o r i d e l l a v a r i a b i l e i n d i v i d u a l e , e s p r e s s i o n i r i f e r e n t e s i a d esseri u m a n i i n d i v i d u a l i . L ' e n u n c i a t o s i n g o l a r e o r i g i n a r i o , e q u i v a l e n t e all'enunc i a t o g e n e r a l e , e s e m p l i f i c a v a esso stesso la f o r m u l a " fx ', ma a v e v a , q u a l e v a l o r e di ' ', il n o m e di u n a q u a l i t . C o s i c c h u n o d i c e c h e

' ( x ) ( f x 3 gx)' p i u t t o s t o clic '/. ' e r a la f o r m a r e a l e dell'enunciato originario soltanto se considera le variabili individuali come in qualche modo fondamentalmente designate ad indicare lacune d a r i e m p i r s i con d e s i g n a z i o n i d i p e r s o n e i n d i v i d u e piuttosto c h e con d e s i g n a z i o n i di q u a l i t . Si p u p a r l a r e , in questo modo, di f o r m a l o g i c a r e a l e di un e n u n c i a t o s o l t a n t o se si gi scelto un certo tijio ili e s p r e s s i o n e c o m e il t i p o b a s i l a r e , nei cui t e r m i n i la r e a l e f o r m a l o g i c a ' deve e s s e r d e f i n i t a . C o s i la r e a l e f o r m a logica

295 , un e n u n c i a t o A s a r d a t a d a l l a f o r m u l a e s e m p l i f i c a t a da un enunciato A' che ( 1 ) sia equivalente all'enunciato A e ( 2 ) non c o n t e n g a e s p r e s s i o n i d i t i p i n o n b a s i l a r i e n e p p u r e f o r m u l e sussid i a r i e tali c h e u n a v a r i a b i l e , l i b e r a i n q u e l l a f o r m u l a , p o s s a assumere come valore un'espressione di un tipo non basilare. S i a m o con ci a s s a i l o n t a n o d a l s e n s o i n c u i a b b i a m o u s a t o f i n q u i l ' e s p r e s s i o n e ' f o r m a l o g i c a '. A n c h e r e s p i n g e n d o q u e s t ' u l t i m o p a s s a g g i o , e r i f i u t a n d o c i perci d i i n t r o d u r r e n u o v i e l e m e n t i n e l l a n o z i o n e d i f o r m a l o g i c a , reta v e r o c h e i l p r o g r a m m a g e n e r a l e d i s p i e g a r e l e d i f f e r e n z e ili lipo, di l da quelle fnrmali-grammaticali. seguendo la direzione indicata, presuppone la selezione di un tipo di espressione come il tipo di espressione individuale per eccellenza. Q u e s t a selezione a sua volta i m p o r r la selezione di un tipo di espressione predicativa. t a l e p e r e c c e l l e n z a . T a l i s c e l t e d i e s p r e s s i o n i b a s i l a r i d a r a n n o luogo a u n a g a m m a di e n u n c i a t i d e l l a f o r m a ' fx ' tali c h e q u a l s i a s i e s p r e s s i o n e i n d i v i d u a l e clic c o m p a i a i n q u a l s i a s i d i e s s i p u e s s e r e s i g n i f i c a t i v a m e n t e c o m b i n a t a con q u a l s i a s i e s p r e s s i o n e p r e d i c a t i v a clic c o m p a i a i n q u a l s i a s i d i e s s i . L i m i t a t a m e n t e a q u e s t i e n u n c i a t i , la d i f f e r e n z a f o r m a l e di t i p o f r a e s p r e s s i o n i i n d i v i d u a l i e p r e d i c a tive coincider c o n la d i f f e r e n z a f r a i d u e t i p i b a s i l a r i ili e s p r e s sioni t r a s c e l t i . C o n gli e n u n c i a t i d i t a l e g a m m a p o s s i a m o c o s t r u i r e ( per c o m p o s i z i o n e vero-funzionale, quantificazione, o qualsiasi altro m e z z o r i c o n o s c i u t o d a l l a n o s t r a l o g i c a f o r m a l e ) e n u n c i a t i pi c o m p l e s s i , c h e t u t t a v i a n o n c o n t e r r a n n o e s p r e s s i o n e a l c u n a d i alcun tipo ulteriore, eccettuati quelli ufficialmente riconosciuti nella n o s t r a l o g i c a ( o n e l l a n o s t r a g r a m m a t i c a ) . O r a , i l p r o g r a m m a generale di spiegazione delle differenze di tipo pu teoricamente venir effettuato se, e soltanto se, p e r ogni e n u n c i a l o contenente e s p r e s s i o n i d i t i p o non b a s i l a r e c i s i a u n e n u n c i a t o l o g i c a m e n t e equivalente in cui queste espressioni siano e l i m i n a t e in favore di espressioni dei tipi basilari, in unione con qualsivoglia accorgim e n t o p e r c o s t r u i r e e n u n c i a t i c o m p l e s s i c h e sin r i c o n o s c i u t o n e l l a

27i

Due tipi li logica

n o s t r a l o g i c a f o r m a l e ( o n e l l a nostra g r a m m a t i c a ) . S e p o t e s s i m o ragionevolmente presumere che questo p r o g r a m m a di traduzioni potesse venir effettuato, potremmo ragionevolmente pretendere di a v e r s p i e g a t o tutte le d i f f e r e n z e di t i p o nei t e r m i n i di q u e l l e riconosciute d a l l a l o g i c a f o r m a l e ( o d a l l a g r a m m a t i c a ) , i n u n i o n e con le regole di i m p l i c a n z a s a n z i o n a n t i le t r a d u z i o n i . Molta m e t a f i s i c a c o n s i s t e nel tentativo di m o s t r a r e c h e q u e s t o p r o g r a m m a ( o u n a p a r t e d i e s s o ) p u t e o r i c a m e n t e v e n i r effettuato. Le i m p r e s s i o n i s e n s o r i a l i s o n o state f r a i c a n d i d a t i p e r i

desiguala d e l l e e s p r e s s i o n i

individuali

basilari;

lo

sono stati

a n c h e gli oggetti m a t e r i a l i . N o n c' r a g i o n e , t u t t a v i a , d i s u p p o r r e clic il p r o g r a m m a p o s s a v e n i r e f f e t t u a t o , e ci s o n o m o l t e b u o n e r a g i o n i p e r s u p p o r r e clic non l o p o s s a . Q u a n d o il p r o g r a m m a r i d u z i o n i s t a si c o m b i n a con la c r e d e n z a che i sistemi vero-funzionale e qiiantifcazionale forniscono un'analisi a d e g u a t a dei mezzi p e r c o s t r u i r e e n u n c i a t i c o m p l e s s i , a l l o r a la s p i n t a m e t a f s i c a d e l l a logica f o r m a l e r a g g i u n g e il m a s s i m o di p o t e n z a . A l l o r a si g i u n g e infatti a c r e d e r e c h e i m o d e r n i s i s t e m i s i m b o l i c i , i n s i e m e con l e o r d i n a r i e r e g o l e d i i m p l i c a n z a . fornis c a n o u n a m a p p a c o m p l e t a m e n t e a d e g u a t a d e l l a logica del ling u a g g i o nel s u o a s p e t t o a s s e r t o r i o . In q u e s t a s e z i o n e si tuttavia i n d i c a t o un a l t r o c a m p o - q u e l l o d e l l e d i s t i n z i o n i di t i p o in cui questa pretesa infondata.

III.

La
7.

logica

del

linguaggio

T r a t t a n d o d e l l a l o g i c a del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o h o u s a t o

s p e s s o la p a r o l a " r e g o l a ". I l o p a r l a t o di r e g o l e ili i m p l i c a n z a , di r e g o l e di r e f e r e n z a , di r e g o l e dei t i p i . I.a p a n d a non i n a p p r o p r i a t a : p a r l a r e infatti ili q u e s t e ed a l t r e ' r e g o l e " e q u i v a l e a parl a r e di m o d i in cui il l i n g u a g g i o p u e s s e r e u s a t o correttamente o

L a l o g i c a del l i n g u a g g i o

297

scorrettamente. Ma se p u r non i n a p p r o p r i a t a , la p a r o l a p u riuscire f u o r v i e n t e . N o i non g i u d i c h i a m o l a n o s t r a p r e t i c e l i n g u i s t i c a alla luce d i r e g o l e a n t e c e d e n t e m e n t e s t u d i a t e . S o n o l e r e g o l e c h e vengono f o r m l e t e ella l u c e d e l l o s t u d i o d e l l e p r e t i c a c o r r e n t e . Inoltre, q u e s t a p r a t i c a u n a f a c c e n d a m o l t o f l u i d a . S e p u r dobbiamo p a r l a r e di regole, d o b b i a m o considererle come regole che chiunque ho facolt di violare se ha qualche buona ragione per farlo. Nello sforzo di descrivere la nostra esperienza p i e g h i a m o c o n t i n u a m e n t e le p a r o l e e nuovi u s i , connessi con i l o r o usi feiniliari. me non identici q u e s t i , e le a p p l i c h i a m o a stati di c o s e che sono i n s i e m e s i m i l i e d i s s i m i l i rispetto a q u e l l i cui esse s o n o piti o r d i n a r i a m e n t e a p p l i c a t e . P e r c i p o s s i a m o d a r e u n s e n s o a d e n u n c i a t i c h e , a p r i m a v i s t a , s e m b r a n o a u t o - c o n t r a d d i t t o r i '. E p e r c i , p e r q u a n t o t a l u n o a b b i a i n c a u t a m e n t e p a r l e t o d e l l a violazione d e l l e r e g o l e dei tipi c o m e g e n e r a n t e e n u n c i a t i c h e , p u r n s g r a m m a t i c o t i n outo-controddittori, s a r e b b e r o a s s u r d i , in r e a l t diffcile c o s t r u i r e un e n u n c i a t o g r a m m e t i c e l e ol q u a l e s i a i m p o s s i b i l e i m m a g i n a r e c h e s i a d a t o un q u a l c h e s e n s o , e s i a d a t o non gi m e d i a n t e un fiat a r b i t r a r i o , ma m e d i a n t e u n ' e s t e n s i o n e intellig i b i l e . s e b b e n e p r o b a b i l m e n t e f i g u r a l a , dei s i g n i f i c a t i f a m i l i a r i d e l l e p a r o l e e d e l l e frasi in q u e s t i o n e 2 . P a r l a n d o d i r e g o l e d i i m p l i c a n z a f a c c i a m o uso d e l l a d i s t i n z i o n e fra a s s e r z i o n i a n a l i t i c h e e s i n t e t i c h e ( o c o n t i n g e n t i ) . P a r l a n d o d i regole dei tipi f a c c i a m o uso d e l l a d i s t i n z i o n e f r a l ' u s o l e t t e r a l e e l'uso f i g u r a t o del l i n g u a g g i o . M a non d o b b i a m o i i n m a g i n e r e c h e queste d i s t i n z i o n i s i e n o m o l t o nette, p i d i q u e l c h e d o b b i a m o i m m a g i n a r e m o l t o r i g i d e l e nostre r e g o l e l i n g u i s t i c h e . M o l t e volte p o s s i a m o e s i t a r e nel d i r e , d i d u e usi d i u n a p a r o l a , q u a l e sie letterale e q u a l e figurato, e c o n c l u d e r e c h e si tratta di d u e sensi diversi. s e b b e n e e m b e d u c l e t t e r e l i , del t e r m i n e . T a l v o l t a s a r e m m o

' C f r . c a p i t o l o I , p p . 9-11. ~ Cfr. capitolo I I . sezione 5.

27i

Due tipi li logica

incerti nel d i r e se u n a p a r o l a v i e n e u s a t a nello stesso s e n s o , o in sensi d i f f e r e n t i . E q u e s t e n o z i o n i - di s e n s i l e t t e r a l i e figurati, di sensi d i f f e r e n t i e d e l l o stesso s e n s o s o n o i n d i s p e n s a b i l i , p u r con tutta la l o r o i m p r e c i s i o n e , a s p i e g a r e e b e cosa i n t e n d i a m o p e r d i s t i n z i o n i di tipi e r e g o l e di t i p i . A n a l o g a m e n t e , p o s s i a m o e s i t a r e m o l t o s p e s s o nel d i r e se un d a t o e n u n c i a t o a n a l i t i c o o s i n t e t i c o ; e l ' i m p r e c i s i o n e di q u e s t a d i s t i n z i o n e , c o m ' a p p l i c a t a al l i n g u a g gio o r d i n a r i o , riflette l ' i m p r e c i s i o n e con cui a p p l i c a t a al linguaggio ordinario la nozione di implicanza. Q u e s t a fluidit d e l l e nostre r e g o l e , e q u e s t a i m p r e c i s i o n e nelle d i s t i n z i o n i e b e esse i n v o l g o n o , son c o s e d i cui d o b b i a m o a v e r cons a p e v o l e z z a s e t e n d i a m o a d u n o s t u d i o r e a l i s t i c o del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o . M a p e r q u a n t o esse r e n d a n o u n t a l e s t u d i o p i c o m p l i c a t o e m e n o o r d i n a t o di q u e l l o dei s i s t e m i f o r m a l i , esse non lo r e n d o n o i m p o s s i b i l e . L ' e s s e r n e c o n s a p e v o l i f a t a l e s t u d i o i n qualc h e m o d o p i f a c i l e , g i a c c h s e c i r e n d i a m o c o n t o c h ' gi molt i s s i m o g i u n g e r e s o l o a d e s c r i v e r e gli usi fissi e tipici di certi generi d i e s p r e s s i o n e , c i l a s c e r e m o d i s t u r b a r e m e n o d a i casi a t i p i c i . 8. A f f i a n c a t o a l l o s t u d i o d e l l a l o g i c a f o r m a l e , e in p a r t e so-

v r a p p o s t o a d esso, a b b i a m o u n a l t r o s t u d i o : l o s t u d i o d e l l e caratt e r i s t i c h e l o g i c h e del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o . Q u e s t o s e c o n d o s t u d i o p u i l l u m i n a r e il p r i m o , e p u e s s e r n e i l l u m i n a t o o a n n e b b i a t o . G r a n p a r t e di q u e s t o l i b r o tratta d e l l e i n t e r r e l a z i o n i f r a i d u e . H o f o r n i t o , b r e v e m e n t e d e l i n c a n d o l i , a l c u n i e s e m p i dei generi d i d i s t i n z i o n e c h e p o s s i a m o t r a c c i a r e , e dei g e n e r i di g e n e r a l i z z a z i o n e c h e p o s s i a m o f a r e , nel p e r s e g u i r e q u e s t o s e c o n d o s t u d i o . L a pi i m p o r t a n t e l e z i o n e g e n e r a l e c h e p o s s i a m o t r a r n e c h e le s e m p l i c i r e l a z i o n i d e d u t t i v e non s o n o l ' u n i c o g e n e r e d a considerarsi s e v o g l i a m o i n t e n d e r e l e o p e r a z i o n i l o g i c h e del l i n g u a g g i o . D o b b i a m o p e n s a r e s e c o n d o u n n u m e r o d i d i m e n s i o n i assai m a g g i o r e c h e q u e l l e d ' i m p i i c a n z a e di c o n t r a d d i z i o n e , ed u s a r e m o l t i s t r u m e n t i di a n a l i s i di l da q u e l l i c h e a p p a r t e n g o n o a l l a l o g i c a

L a l o g i c a del l i n g u a g g i o

299

f o r m a l e . L ' a m b i t o del s e c o n d o s t u d i o v i e n e u l t e r i o r m e n t e e s n a n s o di m o l t o se. a n z i c h r e s t r i n g e r e la nostra a t t e n z i o n e a l l ' u s o assertorio del l i n g u a g g i o , c o n s i d e r i a m o a n c h e a l c u n i d e i m o l t i altri usi che esso p u a v e r e . N , i n q u e s t o s t u d i o , s i a m o c o n f i n a t i a l l e m i n u z i e l i n g u i s t i c h e , p e r q u a n t o i l d e t t a g l i a t o e s a m e d i p i c c o l e diff e r e n z e l i n g u i s t i c h e possa r i u s c i r e a b b a s t a n z a a s s o r b e n t e . I n f a t t i , nel tentar di s c o p r i r e le r i s p o s t e a q u e s t i o n i d e l l a f o r m a ' Q u a l i sono le c o n d i z i o n i a l l e q u a l i u s i a m o la tale-e-tnle e s p r e s s i o n e o c l a s s e ili e s p r e s s i o n i ? ' o " P e r c h d i c i a m o u n a tal cosa e non u n a l a l ' a l t r a ? ' , p o s s i a m o riconoscerci i n g r a d o d i f o r m u l a r e classificazioni o ili s v e l a r e d i f f e r e n z e a b b a s t a n z a a m p i e e p r o f o n d e p e r s o d d i s f a r e il p i fiero a p p e t i t o di g e n e r a l i t . C i c h e non trover e m o nei nostri risultati s a r q u e l c a r a t t e r e di e l e g a n z a e sistematicit c h e a p p a r t i e n e a l l e c o s t r u z i o n i di l o g i c a f o r m a l e . vero n o n d i m e n o c h e l a logica del l i n g u a g g i o o r d i n a r i o o l f r e u n c a m p o ili s t u d i o i n t e l l e t t u a l e i n s u p e r a t o p e r r i c c h e z z a , c o m p l e s s i t e potere a s s o r b e n t e .

IX.

Ragionamento

induttivo e

probabilit

I.

Suffragio
1.

probabilit

Di un b r a n o (li r a g i o n a m e n t o d e d u t t i v o si p u c h i e d e r e :

v a l i d o o i n v a l i d o ? Le s u e p r e m e s s e e s i g o n o la c o n c l u s i o n e , o non l a e s i g o n o ? Q u e s t e s o n o q u e s t i o n i p e r l e q u a l i p o s s i b i l e u n a r i s p o s t a " Si-o-no '. Se il s e n s o d e l l ' a r g o m e n t o a b b a s t a n z a c h i a r o da a m m e t t e r e u n a r i s p o s t a , la r i s p o s t a netta : l ' a r g o m e n t o val i d o o non l o . Q u e s t o non v u o l d i r e clic non s i p o s s a e s i t a r e nel d e c i d e r e l a q u e s t i o n e d e l l a v a l i d i t d e l l ' a r g o m e n t o ' . M a s i tratta di un t i p o di e s i t a z i o n e c h e p o r t a , f o r s e , a d i r e : * B e n e , i n t e r p r e tato i n q u e s t o m o d o , l ' a r g o m e n t o s a r e b b e v a l i d o ; i n t e r p r e t a t o i n quell'altro modo, l'argomento sarebbe invalido '. Essa non pot r e b b e p o r t a r c i m a i a d a s s e g n a r e a l l ' a r g o m e n t o u n o status interm e d i o : la f r a s e ' a r g o m e n t o d i s c r e t a m e n t e v a l i d o ' non ha s e n s o . Il r a g i o n a m e n t o d e d u t t i v o non il s o l o g e n e r e di r a g i o n a m e n t o . e n e p p u r e i l g e n e r e pili e o i n u n e . N o i e f f e t t u i a m o p a s s a g g i deduttivi quando facciamo matematica pura e, qualche volta, q u a n d o a r g o m e n t i a m o f i l o s o f i c a m e n t e . E f f e t t u i a m o tali p a s s a g g i anche in regioni m e n o r a r e f a t t e : q u a n d o f a c c i a m o i conti aritmetici c o m u n i , q u a n d o m u t i a m o u n a f o r m a l i n g u i s t i c a i n u n ' a l t r a , quando facciamo un riassunto, quando tentiamo di mostrare che il n o s t r o o p p o s i t o r e si c o n t r a d d e t t o n e l l a s u a a r g o m e n t a z i o n e . Ma una buona parte del nostro ragionare procede p e r passaggi non di questo genere, ma di un altro, per quanto un singolo corso
1

Cfr. capitolo V i l i , seziono 7.

.Suffragio e probabilit

301

ili a r g o m e n t a z i o n e p o s s a i n v o l g e r e p a s s a g g i di a m b e d u e i t i p i . C o s i il d e t e c t i v e e lo s t o r i c o , cpiando t r a g g o n o c o n c l u s i o n i d a l l e loro p r e m e s s e , d a l loro m a t e r i a l e i n d i z i a r i o , t r a g g o n o s p e s s o conc l u s i o n i e b e q u e l l e p r e m e s s e non e s i g o n o . S p e s s o non c i s a r e b b e nulla di a u t o - c o n t r a d d i t t o r i o n e l l ' a c c e t t a r e le p r e m e s s e e r i g e t t a r e le c o n c l u s i o n i dei loro a r g o m e n t i . Ma d a l fatto c h e l ' a r g o m e n t a zione di u n o s t o r i c o o di un detective i n v a l i d a , se g i u d i c a t a sec o n d o il m o d e l l o d e d u t t i v o , non c o n s e g u e c h e essa s i a in un qualsiasi senso v i z i o s a . P u trattarsi d i u n ' a r g o m e n t a z i o n e p e r l a q u a l e i modelli deduttivi riescano i n a p p r o p r i a t i : pu non avanzare pretesa a l c u n a di essere d e d u t t i v a m e n t e v a l i d a . I m o d e l l i d e d u t t i v i non s o n o i soli m o d e l l i di b u o n a a r g o m e n t a z i o n e , g i a c c h il rag i o n a m e n t o d e d u t t i v o non il s o l o g e n e r e di r a g i o n a m e n t o . Il ragionamento dello scienziato sperimentale, come quello dello storico e del detective, in v a r i a m i s u r a non d e d u t t i v o . N a t u r a l mente, lo scienziato pu effettuare molti passaggi deduttivi, ma se questi f o s s e r o i soli p a s s a g g i leciti, la s c i e n z a s p e r i m e n t a l e s a r e b b e i m p o s s i b i l e . F a p a r t e infatti del c o m p i t o d e l l o s c i e n z i a t o s t a b i l i r e c o n c l u s i o n i c h e non s o n o d e d u c i b i l i p e r s e m p l i c e i m p l i c a n z a d a i suoi d a t i , d a l s u o m a t e r i a l e d i p r o v a . U n e s e m p i o d i a s s e r z i o n e scientifica ben s t a b i l i t a p o t r e b b e r i g u a r d a r e il p u n t o di f u s i o n e di un certo m e t a l l o : ' A l l e c o n d i z i o n i di p r e s s i o n e , m f o n d e s e m p r e a y g r a d i '. Il m a t e r i a l e di p r o v a su cui u n ' a s s e r z i o n e del genere fu f o n d a t a p o t r e b b e esser consistito di u n a o d u e p r o v e s p e r i m e n t a l i , u n i t a m e n t e al fatto c h e nessun m e t a l l o conosciuto p u n t o di f u s i o n e varialia. p e r quanto si sia finora osservalo, un

bile i n c o n d i z i o n i d i p r e s s i o n e c o s t a n t e . Q u e s t e ' p r e m e s s e ' non esigono la c o n c l u s i o n e c h e m f o n d a s e m p r e a y g r a d i n e l l e condizioni . Non ci s a r e b b e n u l l a di a u t o - c o n t r a d d i t t o r i o se le cong i u n g e s s i m o con la p r e v i s i o n e c h e il p r o s s i m o p e z z o di m, f u s o in q u e l l e c o n d i z i o n i , f o n d e r a y + 50 g r a d i . T u t t a v i a il m a t e r i a l e li p r o v a p u c o n s i d e r a r s i ben c o n e l u s i v o , s e b b e n e 1" ' a r g o m e n t o ' non s i a d e d u t t i v a m e n t e v a l i d o . N a t u r a l m e n t e , si p o t r e b b e intro-

321 Ragionamento induttivo d u r r e un a r g o m e n t o c h e fosse d e d u t t i v a m e n t e v a l i d o . P o t r e m m o i n t r o d u r r e c o m e u n a p r e m e s s a l ' a s s e r z i o n e g e n e r a l e * T u t t i i metalli h a n n o punti di f u s i o n e costanti in c o n d i z i o n i di p r e s s i o n e costante Q u e s t ' a s s e r z i o n e , i n s i e m e con q u e l l a c h e r e g i s t r a il risultato d i u n a s i n g o l a p r o v a s p e r i m e n t a l e , e s i g e r e b b e u n a c o n c l u s i o n e d e l l a f o r m a : ' A l l a c o n d i z i o n e d i p r e s s i o n e ,r. r n f o n d e s e m p r e a y g r a d i '. L ' a s s e r z i o n e g e n e r a l e i n t r o d o t t a c o m e u n a p r e m e s s a p o t r e b b e essa stessa e s s e r e u n a c o n s e g u e n z a d i q u a l c h e a l t r a asserzione teorica a c c e t t a t a c o m e ben s t a b i l i t a . Ma in q u a l c h e p u n t o ci i m b a t t e r e m o i n e v i t a b i l m e n t e in u n ' a s s e r z i o n e teoretica c h e si basi da u l t i m o sul m a t e r i a l e ili p r o v a i n c o r p o r a t o in a s s e r z i o n i clic r e g i s t r i n o i r i s u l t a l i di p a r t i c o l a r i o s s e r v a z i o n i ; tali a s s e r z i o n i non e s i g o n o l ' a s s e r z i o n e t e o r i c a . N e s s u n n u m e r o di a s s e r z i o n i registranti o s s e r v a z i o n i p a r t i c o l a r i p u m a i e s i g e r e u n ' a s s e r z i o n e teorica di q u e s t o g e n e r e ; l ' a s s e r z i o n e teorica infatti e s p o s t a al rischio logico, cui i n v e c e non s o n o e s p o s t e le p a r t i c o l a r i a s s e r z i o n i o s s e r v a t i v c , di r e c i t a z i o n e da p a r t e di a s s e r z i o n i registranti i risultati d i s i m i l i o s s e r v a z i o n i p a r t i c o l a r i c h e p o s s o n o v e n i r f a t t e in f u t u r o . Ma gli e s e m p i di q u e s t o g e n e r e f o r s e m e g l i o e v i t a r l i . G r a n p a r t e di noi ha s c a r s e c o n o s c e n z e di s c i e n z a n a t u r a l e . F o r t u n a t a m e n t e . non a b b i a m o b i s o g n o d i s p i n g e r c i fino a l l e a l t e z z e della s t o r i a , d e l l a s c i e n z a o d e l l ' i n v e s t i g a z i o n e p e r t r o v a r e e s e m p i di r a g i o n a m e n t o non d e d u t t i v o . La vita q u o t i d i a n a ce ne f o r n i s c e a dovizia. Si considerino () Fgli ha viaggiato continuamente per ventiquattr'ore,

sicch sar molto stanco. (/>) La p e n t o l a da d i e c i m i n u t i sul f u o c o , s i c c h dovrei) b ' e s s e r c s u l p u n t o di b o l l i r e . ( c ) S t a m a n e c ' u n g e l o c h e s t r i n a : s e n z a c a p p o t t o piglierai u n r a f f r e d d o r e . c h i a r o clic l ' a s s e r z i o n e fatta d a l l a p r i m a c l a u s o l a di c i a s c u n

.Suffragio e probabilit

303

e n u n c i a t o v i e n e c o n s i d e r a t a c o m e u n a r a g i o n e p e r a c c e t t a r e l'ass e r z i o n e fatta d a l l a s e c o n d a c l a u s o l a . L a s e c o n d a a s s e r z i o n e i n c i a s c u n c a s o in rptalcbc s e n s o u n a conclusione tratta d a l l a p r i m a ; la p r i m a p u , in q u a l c h e s e n s o , e s s e r c h i a m a t a premessa. Ma la p r e m e s s a non e s i g e l a c o n c l u s i o n e . N o n s a r e b b e auto-contraddittorio d i r e : ' L a p e n t o l a sul f u o c o d a d i e c i m i n u t i , m a l ' a c q u a f r e d d a c o m e il m a r m o \ Si s a r e b b e p r o p e n s i a d i r e c h e q u e s t o non s a r e b b e p o s s i b i l e : ma l ' i m p o s s i b i l i t non di n a t u r a l o g i c a . D'altro c a n t o , s e b b e n e la p r e m e s s a non e s i g a la c o n c l u s i o n e , essa . in c i a s c u n c a s o , u n a r a g i o n e p e r f e t t a m e n t e a d e g u a l a ter accettare la c o n c l u s i o n e . Gli a r g o m e n t i s o n o a r g o m e n t i p e r f e t t a m e n t e s a n i , s e p u r non v a l i d i d e d u t t i v a m e n t e . C o m e p r i m a , noi s a r e m m o tentali d i s p i e g a r e l a s a n i t non d e d u t t i v a degli argomenti d i c e n d o che si tratta di argomenti

realmente d e d u t t i v i con u n a p r e m e s s a s o p p r e s s a . Ed c e r t a m e n t e
\ o r o c h e p o s s i a m o , p e r c i a s c u n o dei tre a r g o m e n t i , c o s t r u i r e u n corrispondente argomento deduttivo valido: ad esempio, per ( ) . ' L e p e r s o n e che v i a g g i a n o p e r v e n t i q u a t t r ' o r e a l l a fine s o n o s e m p r e s t a n c h e ' ; p e r ( / > ) ' L e p e n t o l e b o l l o n o s e m p r e nel giro d i dieci m i n u t i d a q u a n d o v e n g o n m e s s e sul f u o c o ' ; per ( c ) ' C h i u n q u e non indossi un c a p p o t t o si r a f f r e d d a in un m a t t i n o gelato ' . M a c o n s i d e r a n d o q u e s t e a s s e r z i o n i g e n e r a l i c o m e premesse s o p p r e s s e degli a r g o m e n t i ( ) . (b) e ( c ) . non c i l i b e r i a m o per q u e s t o d a l p r o b l e m a g e n e r a l e d i s p i e g a r e c o m e p o s s i a m o rag i o n e v o l m e n t e t r a r r e c o n c l u s i o n i d a p r e m e s s e c h e non l e e s i g o n o . S e m p l i c e m e n t e s p o s t i a m o l ' a c c e n t o s u l l a p i ristretta q u e s t i o n e : Conte s t a b i l i a m o p r o p o s i z i o n i g e n e r a l i d i q u e s t o g e n e r e ? Q u e s t e non sono infatti p r o p o s i z i o n i l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i e . Se lo f o s s e r o state, gli a r g o m e n t i ( a ) , ( b ) e ( e ) s a r e b b e r o stati d e d u t t i v a m e n t e validi. . naturalmente, l'esperienza comune che costituisce il f o n d a m e n t o p e r l e nostre c r e d e n z e g e n e r a l i d i q u e s t o g e n e r e . L e c r e d e n z e v a n n o oltre l ' e s p e r i e n z a . I n d a g a r e con q u a l g e n e r e d i r a g i o n a m e n t o si sia giustificati n e l l ' a c c e t t a r c p r o p o s i z i o n i g e n e r a l i

304

Ragionamento induttivo

non ristrette c h e non s o n o p r o p o s i z i o n i n e c e s s a r i e , s i g n i f i c a semplicemente porre il p r o b l e m a generale in una f o r m a pi specifica, e meno realistica. una forma meno realistica perch queste generalizzazioni fondate sulla comune esperienza spesso in pratica non a p p a i o n o c o m e l e c o n c l u s i o n i d i a r g o m e n t i particolari: comuni. Non s e m b r a esservi in effetti n e s s u n a b u o n a r a g i o n e p e r limil a r e la q u e s t i o n e in q u e s t o m o d o . V e d e m m o in p r e c e d e n z a ' c h e , d a t a u n a certa i n f e r e n z a deduttiva, e r a s e m p r e p o s s i b i l e c o s t r u i r e una differente inferenza introducendo, come premessa addizion a l e . u n ' a s s e r z i o n e n e c e s s a r i a c o r r i s p o n d e n t e a l p r i n c i p i o dell'inf e r e n z a o r i g i n a r i a . M a v e d e m m o c h e l a p r e t e s a c h e q u e s t o procedimento rivelasse il reale carattere dell'inferenza originaria era in g e n e r a l e f a l l a c e , g i a c c h la nostra a c c e t t a z i o n e d e l l a p r e m e s s a a d d i z i o n a l e c o m e l o g i c a m e n t e n e c e s s a r i a e r a t u t t ' u n o con l a nostra accettazione dell'inferenza originaria come valida. Similm e n t e , nel c a s o dei p a s s a g g i non d e d u t t i v i i n ( e ) , ( f i ) e ( c ) , l a nostra a c c e t t a z i o n e v o l t a p e r volta d e l l a c o r r i s p o n d e n t e p r o p o s i z i o n e g e n e r a l e c o m e v e r a fa tutt'uno con la n o s t r a a c c e t t a z i o n e d e l l a p a r t i c o l a r e i n f e r e n z a , non c o m e d e d u t t i v a m e n t e v a l i d a , ina c o m e s a n a , o c o r r e t t a , o r a g i o n e v o l e . Si p o t r e b b e d i r e c h e tale p r o p o s i z i o n e g e n e r a l e non n e c e s s a r i a stia a un q u a l c h e d i v e r s o p r i n c i p i o del r a g i o n a m e n t o , n e l l a stessa r e l a z i o n e in cui n e l l ' a l t r o c a s o l a p r o p o s i z i o n e n e c e s s a r i a stava a l p r i n c i p i o d e l l ' o r i g i n a r i a i n f e r e n z a d e d u t t i v a . N o i non p o s s i a m o e s p r i m e r e p r i n c i p i d i questo g e n e r e eon l ' i m p i e g o ili p a r o l e di s e c o n d ' o r d i n e . c o m e ' e s i g e ', c h e a p p a r t e n g o n o a l l a d e d u z i o n e , m a p o t r e m m o e s p r i m e r l i con l ' i m p i e g o di f r a s i c o m e . . r e n d e certo c h e . . .', o p p u r e . . un b u o n f o n d a m e n t o p e r c o n c l u d e r e c h e . . .' C o s i la n o s t r a accettatratte d a casi l a l o r o a d o z i o n e a v v i e n e i n m o d o m e n o riflessivo.

Ma gli a r g o m e n t i ' s i c c h q ' , sul g e n e r e di ( a ) , ((>) e ( c ) . s o n o

C f r . r a p i t o l o V I I . sPKnnr 9.

.Suffragio e probabilit

305

zionc (Iella p r o p o s i z i o n e non n e c e s s a r i a e b e tutte le p e n t o l e bollono entro (licei m i n u t i d a l m o m e n t o in cui son p o s t e sul f u o c o fa tutt'uno con la nostra a c c e t t a z i o n e del p r i n c i p i o non d e d u t t i v o che il fatto elle u n a p e n t o l a stata m e s s a sul f u o c o p e r d i e c i mintiti un b u o n f o n d a m e n t o p e r c o n c l u d e r e clic e s s a s a r in ebolliz i o n e : ed a m b e d u e si i d e n t i f i c a n o con la nostra a c c e t t a z i o n e del p a s s a g g i o e f f e t t u a t o in ( h ) c o m e s a n o o c o r r e t t o o r a g i o n e v o l e . Il p r o b l e m a e b e d o b b i a m o c o n s i d e r a r e a l l o r a q u e l l o d e l l a natura d i q u e l g e n e r e d i r a g i o n a m e n t o c h e m u o v e d a u n ' a s s e r z i o n e non n e c e s s a r i a (o c o n g i u n z i o n e di a s s e r z i o n i ) ad u n ' a l t r a , e in cui la p r i m a non e s i g e la s e c o n d a . Q u e s t o t i p o di r a g i o n a m e n t o g e n e r a l m e n t e c h i a m a t o i n d u t t i v o . T a l v o l t a si t e n d e a r i s e r v a r e ([tiesto titolo a q u e i casi in cui la c o n c l u s i o n e u n ' a s s e r z i o n e gen e r a l e . I n f a t t i l ' a c c e t t a z i o n e d i u n a p r o p o s i z i o n e g e n e r a l e non n e c e s s a r i a c o m e s t a b i l i t a la stessa cosa d e l l ' a c c e t t a z i o n e d e l l a generale correttezza di una classe di particolari brani di ragion a m e n t o da p r e m e s s e a c o n c l u s i o n i c h e esse non e s i g o n o : esattamente c o m e l ' a c c e t t a z i o n e d i u n a certa a s s e r z i o n e g e n e r a l e c o m e n e c e s s a r i a l ' a c c e t t a z i o n e d e l l a v a l i d i t di u n a c l a s s e di particolari i n f e r e n z e d e d u t t i v e . 2. Voglio ora attirare l'attenzione su certe ulteriori differenze

fra r a g i o n a m e n t o induttivo e d e d u t t i v o . A q u e s t o s c o p o , ho bisogno di una parola generale per la relazione fra i fondamenti per una c o n c l u s i o n e i n d u t t i v a e la c o n c l u s i o n e s t e s s a . La s o l a cosa c h e ho detto finora circa t a l e r e l a z i o n e c h e non si tratta di q u e l l a di i m p l i c a n z a . D i c i a m o c h e in u n ' a r g o m e n t a z i o n e i n d u t t i v a i fond a m e n t i s u f f r a g a n o la c o n c l u s i o n e ; e p a r l i a m o , a n z i c h d e l l e prem e s s e d i u n a r g o m e n t o i n d u t t i v o , d e l l ' e v i d e n z a p e r u n a conclusione i n d u t t i v a . S ' visto test, a l l ' i n i z i o d e l l ' u l t i m a s e z i o n e , c h e le p r e m e s s e di un a r g o m e n t o d e d u t t i v o o e s i g o n o la c o n c l u s i o n e o non la e s i g o n o . E s s e non p o s s o n o e s i g e r l a p i o m e n o ; non ci p u e s s e r e q u e s t i o n e di gradi di i m p l i c a n z a . Ma ci p u e s s e r e , e

325

Ragionamento induttivo

c'. una q u e s t i o n e di g r a d i di s u f f r a g i o o c o m p r o v a ; ci p u e s s e r e , e c". m i g l i o r e o p e g g i o r e v i d e n z a p e r c o n c l u s i o n i induttive. Si s u p p o n g a q u i n d i c h e p\ p s i a n o a s s e r z i o n i c h e s u f f r a g a n o l'ass e r z i o n e che q. Si c o n s i d e r i n o , a l l o r a , i g r a d i di s u f f r a g i o distinti d a l l i n g u a g g i o c o m u n e : p\ p p o s s o n o r e n d e r e certo che q, possono r e n d e r e virtualmente certo clic q, p o s s o n o o assai probabile o assai verosimile c h e evidenza o r e n d e r e altamente q, possono p e r q. o darci evievi-

probabile

(talch probabilit clic q. O p p u r e , in t e r m i n i ili ' e v i d e n z a ": esse


p o s s o n o costituire denza

probante o conclusiva qualche

chiara

buona,

soltanto

evidenza,

debole

d e n z a . S i m i l m e n t e , esse posson e s s e r e r a g i o n i o f o n d a m e n t i conc l u s i v i . b u o n i , d e b o l i o p o v e r i p e r r i t e n e r e c h e q. i m p o r t a n t e n o t a r e clic d o v e p o s s i a m o p a r l a r e di e v i d e n z a p r o b a n t e o conclusiva p e r q. di pi p n c h e r e n d o n o certo c h e q, l p o s s i a m o a n c h e p a r l a r e di provare, stabilire o

mettere fuor di dubbio c h e q, quan-

t u n q u e ,