Giuseppe “Peppino” Impastato

Una vita contro la mafia
Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

1/18/13

Selis Giulia VF 2010/2011

la famiglia La lotta contro la mafia La radio I “cento passi” La morte Fonti 1/18/13 .Indice • • • • • • Chi era.

di certo in quell'ambiente da lui poco onorato. negli occhi si leggeva la voglia di cambiare. aveva un cognome ingombrante e rispettato. tra Cinisi e Palermo parlava alla sua radio. la voglia di giustizia che lo portò a lottare.Chi era. la famiglia come si 1/18/13 muore e non se un ideale ti porterà . si sa dove si nasce ma non Chi era. la famiglia « Nato nella terra dei vespri e degli aranci.

la famiglia . piccola cittadina della provincia di Palermo. aveva concentrato tutti i suoi sforzi. scriverà: “Mio padre. nato e cresciuto in una famiglia mafiosa. sin dalla mia nascita.” 1/18/13 Chi era. è un ragazzo di Cinisi. con connotati ideologici tipici di una civiltà tardocontadina e preindustriale. capo del piccolo clan e membro di un clan più vasto. noto Peppino. Peppino.Giuseppe Impastato. della sua famiglia. nato nel gennaio del ‘48. nel tentativo di impormi le sue scelte e il suo codice comportamentale. E' riuscito soltanto a tagliarmi ogni canale di comunicazione affettiva e compromettere definitivamente ogni possibilità di espansione lineare della mia soggettività.

porterà Peppino a dissociarsi dalle idee della famiglia. Scriverà: “Approdai al PSIUP con la rabbia e la disperazione di chi. al tempo stesso. vuole rompere tutto e cerca protezione.” Peppino nel ‘65 fonderà il giornalino “L’idea Socialista”. Frequenterà ambienti completamente diversi da quelli familiari.Proprio il tentativo del padre di imporgli le sue scelte. rendendosi attivo nella lotta contro la mafia. la famiglia . che verrà chiuso dopo poco tempo. e aderirà al PSIUP 1/18/13 (Partito Socialista Italiano Di Unità Chi era.

scrivendo nei giornali e fondando una radio autofinanziata. Giuseppe fu il primo ad avere il coraggio di denunciare le opere e i progetti della mafia e a La renderli lotta contro la 1/18/13 mafia . tutti lo sapevano ma nessuno parlava.La lotta contro la mafia Peppino inizia una propaganda contro la mafia soprattutto servendosi dei media. Radio Aut. A Cinisi era la mafia e governare.

i mafiosi di Cinisi si sarebbero assicurati il controllo dei traffici internazionali di droga. in territorio di Cinisi. degli edili e dei disoccupati: attraverso questa nuova pista dell’aeroporto.Conduce le lotte dei contadini espropriati per la costruzione della terza pista dell‘aeroporto di Palermo. 1/18/13 La lotta contro la mafia .

La Radio Nel 1976 fonda Radio Aut. Il suo coraggio lo portò a essere malvisto dalla popolazione. La radio era il mezzo con cui Peppino denunciava tutti i personaggi mafiosi della provincia. Il programma più seguito era “Onda Libera a Mafiopoli” e Radio Out rappresentava l’unica voce di satira La radio 1/18/13 politica. che mirava a smascherare . ma soprattutto di Cinisi. impaurita dalla mafia. nella vicina città di Terrasini.

noto come “Don Tano”.Proprio il suo coraggio e la sua sfrontatezza lo portarono a spingersi sempre più oltre nella sua lotta. nonché uno dei membri più importanti di Cosa Nostra. fino a quando Peppino iniziò a denunciare tramite la sua radio anche il capomafia di Cinisi. assassinato su 1/18/13 La radio . Gaetano Badalamenti. Questo passo lo portò poi ad essere commissione dello stesso Badalamenti.

è la voglia. disposto a rinnegare il proprio padre. a rischiare la vita. pur di 1/18/13 I Cento Passi . la radio. L’aspetto più importante. fino alla sua morte. la rabbia e il coraggio di Peppino. da quando era bambino e inizia a comprendere i meccanismi dell’ambiente familiare.I cento passi “I cento passi” è un film che ripercorre la vita di Peppino. analizzando le tappe più importanti: le discussioni in famiglia. più evidente del film. la determinazione. pur di difendere i suoi ideali. gli amici. il partito.

Il sottolineare l’importanza di 1/18/13 I Cento Passi .Cento passi sono proprio quelli che ci voglio per arrivare da casa di Peppino a casa dello “zio Tano”. ma pur sempre lo separano. Solo cento passi separano Peppino dalla mafia.

« Mio padre. Prima che sia troppo tardi! Prima di abituarci alle loro facce! Prima di non accorgerci più di niente! » (Peppino Impastato/Luigi Lo Cascio) I Cento Passi 1/18/13 . il mio paese! Io voglio fottermene! Io voglio scrivere che la mafia è una montagna di merda! Io voglio urlare che mio padre è un leccaculo! Noi ci dobbiamo ribellare. la mia famiglia.

La morte 1/18/13 La morte . Inizialmente la stampa e la magistratura sostennero che si trattò di un atto terroristico e che l’attentatore fosse rimasto vittima. il corpo di Giuseppe Impastato fu trovato senza vita nei binari della ferrovia. in seguito parlarono di suicidio.• La notte tra l’8 e il 9 maggio ’78.

Solamente nel 2001 fu riconosciuta 1/18/13 La morte . presidente della DC.La notizia della morte di Peppino passò inosservata. in via Caetani a Roma. fu ritrovato il corpo di Aldo Moro. poiché nella stessa notte di maggio.

tratti dal film “I Cento Passi” 1/18/13 .Fonti • • • • Wikipedia peppinoimpastato.com Google per le immagini YouTube per i filmati.