P. 1
Protocolli Dei 7 Savi Di Sion

Protocolli Dei 7 Savi Di Sion

|Views: 69|Likes:
Il Protocollo detta legge e direttive per il Nuovo Ordine Mondiale
Il Protocollo detta legge e direttive per il Nuovo Ordine Mondiale
See more
See less

07/08/2013

1

"ccco, io ¯tccio ¤uovc 1u11c |c cosc" (Uv. |ivc|tzio¤c 2¦,¦-b) "ccco, io ¯tccio ¤uovc 1u11c |c cosc" (Uv. |ivc|tzio¤c 2¦,¦-b) "ccco, io ¯tccio ¤uovc 1u11c |c cosc" (Uv. |ivc|tzio¤c 2¦,¦-b) "ccco, io ¯tccio ¤uovc 1u11c |c cosc" (Uv. |ivc|tzio¤c 2¦,¦-b)












I IROTOCOLLI
DLI SAVI DI SION






^-ct oc||t 3c||czzt ^-ct oc||t 3c||czzt ^-ct oc||t 3c||czzt ^-ct oc||t 3c||czzt
2
3c oiccssino oi cssc-c t ¯tvo-c oci |-o1oco||i oi 3io¤, oi-ceec-o c¬c sitno oci ¯tzzi.
3c oiccssino oi tvc-|i sc-i11i ¤oi, oi-ceec-o c¬c sitno oci con¯|o11is1i ct-¤c¯ici.
3c occiocssino oi ¯uee|ict-|i, oicc¤oo c¬c c i| nonc¤1o oc||t vc-i1t, c¬isst'....
Cc-1o, nti oi-cno c¬c sit s1t1o sc-i11o otc|i s1cssi t-1c¯ici c¬c occi co¤1-o||t¤o i|
no¤oo, ¯c-c¬c' ¤o¤ |i -i1c¤itno su¯¯icic¤1cnc¤1c i¤1c||icc¤1i ¯c- nc11c-c su u¤ ¯it¤o
cosi ec¤ ¯t11o. ¦¤ ¯o¤oo ¤o¤ c-coitno c¬c et¤c¬ic-i c ¯o|i1ici ¯osst¤o in¯o--c u¤t si
¯t11t cu|1u-t oi no-1c, ¯c-c¬c' |o-o tnt¤o |t ocnoc-tzit. ¤c' 1t¤1o ¯-c1c¤oc-cno
c¬c ¯osst¤o ct¯i-c i| |ie-o oc||t '-ivc|tzio¤c' ¯c-c¬c' ¤o¤ so¤o 1t¤1o st¯ic¤1i ot
o¯¯o-si t| nt|c, st¯c¤oo c¬c ¤o¤ ¯o1-t' nti ¯-cvt|c-c oi ¯-o¤1c t| sic¤o-c -iso-1o c
t| rt1cc¬o¤.
c¯¯u-c ¤oi teeitno |'t-oi-c oi tnnc11c-c c¬c sc ¯ossino ¯t-1c oc||c sc¬ic-c st1t¤ic¬c
c |uci¯c-i¤c, ci st-ceec ¯itciu1o oi-c oi tvc-|o sc-i11o ¤oi, ¯c-c¬c' toc¯1i ¯o1cssc-o
csccui-|o t||t |c11c-t.
nt csis1o¤o toc¯1i ¯t-i ti vc-i st¤1i, ¯-o¤1i t no-i-c ¯c- i| |o-o 0io`
|-ovt1c|o t c¬icoc-c ti 1t¤1i ni||c i¤¯i¤i1i ¯t|si ¯-o¯c1i.

IROTOCOLLO #1 (iI leslo conpIelo
http://www.juliusevola.it/pdf/protocolli.pdf)

.. Slo pei espoiie .. iI noslio sislena dai due punli di visla, queIIo noslio e
queIIo dei goyin (cioò lesliane unano = non-eliei). Si deve nolaie che gIi
uonini con dei callivi islinli sono più nuneiosi di queIIi con dei luoni, e
quindi pei goveinaiIi, si ollengono i nigIioii iisuIlali con I'uso deIIa
vioIenza e deIIa leiioie. .. QuaIunque uono niia aI poleie, chiunque
voiielle divenlaie un dillaloie, se soIo polesse, e iaii davveio sono gIi
uonini che non saciificheielleio voIenlieii iI lenesseie di lulli pei iI
piopiio.

.. La Iileila poIilica ò un'idea na non ò un fallo. Si deve sapeie cone ..
uliIizza|ijIa cone esca pei alliiaie Ie nasse di genle aI piopiio paililo aIIo
scopo di allalleie un aIlio poleie. Queslo conpilo ò ieso più faciIe se
I'avveisaiio .. pei I'anoie di un'idea ò disposlo a cedeie un poco deI suo
poleie. .. Le iedini aIIenlale deI goveino sono sulilo affeiiale e iaccoIle
|daIIaj nuova auloiila |chej non ha che da acconodaisi neI poslo deIIa
vecchia che ò gia slala indeloIila daI LileiaIisno.

Ai noslii lenpi, iI poleie .. ò iI poleie deII'Oio. Ci fu un lenpo neI quaIe Ia
Iede conandava. Non ò possiliIe ieaIizzaie I'idea deIIa Iileila, peiche
nessuno sa cone usaiIa con nodeiazione. l sufficienle concedeie I'aulo-
deleininazione ad un popoIo pei un ceilo peiiodo pei vedeiIo
liasfoinaisi in una foIIa disoiganizzala. Da queI nonenlo in poi, alliano
un confIillo nicidiaIe che pieslo si aIIaiga in lallagIie lia Ie cIassi. .. Sia che
uno Slalo si esauiisca neIIe sue piopiie convuIsioni sia che iI suo
disaccoido inleino Io nella sollo I'auloiila di nenici esleini, in ogni caso,
si puo consideiaiIo una peidila iiiepaialiIe: ò neI noslio poleie. II
dispolisno deI CapilaIe, che ò conpIelanenle neIIe noslie nani, gIi slende
una cannuccia che Io Slalo, voIenle o noIenle, deve affeiiaie: pei non
scendeie neII'alisso.

3
Se c'ò quaIcuno di lendenza IileiaIe che dice che laIi consideiazioni cone
queIIe qui sopia sono innoiaIi, gIi faio Ie seguenli donande: .. ò possiliIe
|aveiej Ia ninina speianza di guidaie Ie nasse con dei consigIi e degIi
aigonenli iagionevoIi, quando si puo faie quaIsiasi oliezione o
conliaddizione, pei quanlo possa esseie insensala, e quando una laIe
oliezione puo esseie naggioinenle appiezzala daIIa genle, i cui poleii di
iagionaie sono supeificiaIi` CIi uonini neIIe nasse, .. che sono nolivali
soIo daIIe passioni neschine, daIIe convinzioni niseie, dai cosluni e daIIe
liadizioni, .. cadono in pieda aI dissenso di paile, che inpedisce
quaIunque foina di accoido, anche in lase ad un'aigonenlazione
peifellanenle iagionevoIe.

Ogni decisione piesa da una foIIa dipende o daI caso o da una
naggioianza pIeliscilaiia, Ia quaIe, deI lullo ignaia dei segieli deIIa
poIilica, avanza quaIche iisoIuzione, che senina iI sene deII'anaichia
neII'anninisliazione.

La poIilica non ha nienle in conune con Ia noiaIe. II goveinanle che si
Iascia guidaie daIIa noiaIe non ò un poIilico aliIe, e quindi, iI suo liono ò
piecaiio. CoIui che desideia goveinaie deve fai iicoiso aII'asluzia ed aIIa
finzione. Le giandi quaIila nazionaIi, cone Ia fianchezza e I'onesla, sono
dei difelli in poIilica. .. II noslio diiillo sla neIIa foiza. La paioIa "diiillo" ò
un pensieio asliallo, e non ò dinosliala da nuIIa. La paioIa vuoI diie
nienl'aIlio che: Daleni queIIo che vogIio che Io possa dinosliaie che sono
più foile di voi: .. allaccaie coI diiillo dei foili, e gellaie ai venli lulle Ie
foize esislenli di oidine e di conlioIIo, pei iicosliuiie lulle Ie isliluzioni e
pei divenlaie iI capo supieno di queIIi che ci hanno Iascialo i diiilli deI
Ioio poleie, avendoIi, con iI Ioio IileiaIisno, voIonlaiianenle deposli.

II noslio poleie .. saia più invinciliIe di quaIunque aIlio, peiche iinaiia
invisiliIe finche non allia acquislalo una laIe foiza che nessun'asluzia
polia più indeloIiiIo.

DaI naIe lenpoianeo che, pei oia, siano coslielli a faie, eneigeia iI
vanlaggio di un doninio saIdo. .. II iisuIlalo giuslifica iI nezzo. Che
diiigiano, conunque, .. non lanlo a queIIo che ò luono e noiaIe, na
piulloslo a queIIo che ò necessaiio ed uliIe. Alliano un piano davanli a
noi, con una slialegia daIIa quaIe non possiano deviaie, senza coiieie iI
iischio di vedeie faIIiie iI fiullo di lanli secoIi di Iavoio.

.. Si deve capiie che Ia foiza deIIa foIIa ò cieca, slupida e iiiagionevoIe,
senpie aIIa neice di un suggeiinenlo da dovunque esso venga. 1 ciechi
non possono guidaie i ciechi senza poilaiIi neII'alisso. .. L´ possiliIe che Ie
nasse di peisone si facciano un'opinione con caIna e senza geIosie
neschine, che si occupino degIi affaii deI paese, lenendo fuoii i Ioio
inleiessi peisonaIi` .. L´ soIanenle sollo un goveinanle dispolico che i
piani possono esseie eIaloiali in nodo esauiienle e chiaio, laIe da
disliiluiiIi lene lia i vaii selloii deIIa nacchina deIIo slalo: I'inevilaliIe
4
concIusione ò che una foina soddisfacenle di goveino pei quaIsiasi paese
ò un goveino in cui un'unica peisona ò iesponsaliIe. Senza un dispolisno
assoIulo Ia civiIizzazione non esisleielle, poiche non sono Ie nasse che Ia
fanno, na Ie Ioio guide, chiunque esse siano. .. Cuaidale Ie leslie
aIcoIizzale, confuse daI leie, iI cui uso eccessivo viene insiene aIIa Iileila.
.. I popoIi dei goyin sono confusi dagIi aIcoIici.

.. II noslio conliassegno ò Ia foiza e Ia finzione. SoIanenle Ia foiza vince
neIIe queslioni poIiliche, sopiallullo se ò nascosla. .. La vioIenza deve
esseie Ia noina, e I'asluzia e Ia finzione Ia iegoIa pei i goveini che non
vogIiono consegnaie Ie Ioio coione ai piedi degIi agenli di quaIche nuovo
poleie. Queslo naIe ò I'unico nezzo con iI quaIe si puo iaggiungeie Ia
nela, ossia iI lene. Dunque, non dolliano feinaici davanli aIIa
coiiuzione, aIIe faIsila e aI liadinenlo, se possano seiviie aI
iaggiunginenlo deIIo scopo. In poIilica, si deve sapeie cone conquislaie
Ia piopiiela degIi aIlii senza esilazione, se seive pei assicuiaisi Ia
sollonissione e Ia sovianila.

II noslio Slalo, pioseguendo suIIa via deIIa conquisla pacifica, ha iI diiillo
di scanliaie gIi oiioii deIIa gueiia con deIIe condanne a noile neno
appaiiscenli e più soddisfacenli, che sono necessaiie pei iI nanleninenlo
deI leiioie, iI quaIe lende a pioduiie una cieca sollonissione. Una seveiila
giusla e senza quailieie ò iI più inpoilanle falloie di poleie deIIo slalo: ..
dolliano nanleneie iI piogianna deIIa vioIenza e deIIa finzione. .. Non
ò lanlo coi nezzi quanlo con Ia dolliina deIIa seveiila, che liionfeieno e
che assoggelleieno lulli i goveino aI noslio supeigoveino. L´ sufficienle
pei Ioio sapeie che siano spielali pei fai cessaie Ia disullidienza.

Nei lenpi degIi Anlichi, funno i piini a giidaie lia Ie nasse di
popoIazione Ie paioIe "Lileila, UguagIianza, Iialeinila". .. I sedicenli saggi
dei goyin, gIi inleIIelluaIi, non capivano nuIIa deIIe paioIe neIIa Ioio
asliallezza: non nolavano Ia conliaddizione deI Ioio significalo e deIIa Ioio
inleiieIazione, non vedevano che neIIa naluia non c'ò nessuna
uguagIianza, che non ci puo esseie Ia Iileila: che Ia naluia in se aveva
slaliIilo una disuguagIianza neIIe nenli, nei caialleii e neIIe capacila,
esallanenle cone, innulaliInenle, aveva slaliIilo una suloidinazione
aIIe sue Ieggi. .. In lulli gIi angoIi deI nondo Ie paioIe "Lileila,
UguagIianza, IialeIIanza" poilavano, giazie ai noslii agenli, inleie Iegioni
nei noslii ianghi, e svenloIavano Ie noslie landieie con enlusiasno. ..
Quesle paioIe eiano dei laiIi aI Iavoio che foiavano iI lenesseie dei goyin,
e .. ci davano Ia possiliIila, lia I'aIlio, di piendeie possesso deIIa caila
vincenle Ia disliuzione dei piiviIegi, cioò deIIa veia esislenza
deII'aiislociazia goyin, queIIa cIasse che fu I'unica difesa che i popoIi ed i
paesi avevano conlio di noi. SuIIe iovine deII'aiislociazia naluiaIe e
geneaIogica dei goyin alliano fondalo I'aiislociazia deIIa noslia cIasse
educala, guidala daII'aiislociazia deI denaio. Alliano slaliIilo che i
iequisili pei quesl'aiislociazia sono Ia iicchezza, che dipende da noi, e Ia
conoscenza, pei Ia quaIe i noslii anziani eiudili piovvedono Ia foiza
5
noliice.
.. Noi alliano senpie Iavoialo sui lasli i più enolivi deIIa nenle unana,
.. suIIa cupidigia, sui lisogni insazialiIi deII'uono, ed ognuna di quesle
deloIezze unane, piesa da soIa, ò sufficienle a paiaIizzaie quaIunque
inizialiva, poiche nelle Ia voIonla degIi uonini a disposizione di coIui che
ha conpeialo Ie sue allivila.

L´asliazione deIIa Iileila ci ha peinesso di peisuadeie Ia nainagIia di
lulli i paesi che iI suo goveino non ò aIlio che iI naggioidono deIIe
peisone aIIe quaIi appailiene iI paese, e che si puo sosliluiie iI
naggioidono cone un guanlo consunalo.

Quesla possiliIila di sosliluiie i iappiesenlanli dei popoIi ò queIIa che Ii ha
nessi a noslia disposizione, e, cone diie, dalo Ia possiliIila di faie deIIe
nonine.

IROTOCOLLO #2 (iI leslo conpIelo
http://www.juliusevola.it/pdf/protocolli.pdf)

L' indispensaliIe pei iI noslio scopo che Ie gueiie, nei Iinili deI possiliIe,
non dellano concIudeisi con degIi aunenli leiiiloiiaIi: così Ia gueiia si
svoIgeia neI canpo deII'econonia, dove Ie nazioni non nancheianno di
peicepiie neIIa noslia assislenza dala, Ia polenza deI noslio piedoninio.
Queslo slalo di cose nelleia anledue Ie paili aIIa |nosliaj neice. ..

CIi anninislialoii, che scegIieieno lia iI pullIico con una seveia
allenzione pei Ie Ioio capacila di ullidiie con anino seiviIe, non saianno
deIIe peisone addesliale neIIe aili deI goveinaie, e quindi divenleianno
faciInenle deIIe pedine neI noslio gioco, neIIe nani degIi uonini coIli e
geniaIi che saianno i Ioio consigIieii, degIi speciaIisli liiali su daII'infanzia
pei leneie in pugno gIi affaii deI nondo inleio. .. Quesli noslii speciaIisli
|piendonoj Ie infoinazioni di cui |hannoj lisogno pei piepaiaisi a
iegnaie .. daIIe Iezioni deIIa sloiia, daIIe osseivazioni falle sugIi
avveninenli di lulli i nonenli nenlie succedono. I goyin non sono
guidali daII'uso pialico deIIe osseivazioni sloiiche senza piegiudizi, na da
una iouline leoiica senza nessuna allenzione ciilica pei i iisuIlali
conseguenli. .. Li alliano convinli ad accellaie i dellani deIIa scienza
(leoiia), |edj ò con quesl'idea in lesla che sliano coslanlenenle slinoIando
una fiducia cieca in quesle leoiie alliaveiso Ia noslia slanpa. CIi
inleIIelluaIi dei goyin si gonfieianno con Ia sua conoscenza. .. Iensale
allenlanenle ai successi che noi alliano iaggiunlo con iI daivinisno, iI
naixisno, iI nielzscheisno.

.. C'ò una giande foiza che ciea gIi sposlanenli di opinione deIIa genle, a
disposizione degIi slali odieini - Ia Slanpa. La Slanpa svoIge Ia funzione
di indicaloie dei lisogni che senliano essenziaIi, di daie voce aIIe
iinoslianze deIIa genle, di espiineie e di cieaie Io sconlenlo. .. Alliaveiso
Ia Slanpa, alliano guadagnalo iI poleie di infIuenzaie, nenlie noi
6
iinaniano neII'onlia. |AIcune osseivazioni suIIa siluazione odieina: Ia
naggioi paile deIIe agenzie di slanpa neI nondo sono conlioIIale daI
vincoIo "TiiIaleiaI Connission CIR".j




IROTOCOLLO #3 (iI leslo conpIelo
http://www.juliusevola.it/pdf/protocolli.pdf)

.. Iei incilaie chi ceica iI poleie ad un aluso di poleie, alliano nesso
lulle Ie foize in opposizione I'una conlio I'aIlia. .. A queslo scopo, alliano
noliIilalo ogni geneie d'inpiesa, alliano ainalo lulle Ie paili in
queslione, alliano cosliluilo I'auloiila cone un leisagIio pei ogni
anlizione. Alliano fallo degIi Slali deIIe aiene di gIadialoii dove una
niiiade di piolIeni confusi si conlendono ... ancoia un po', e i disoidini e
Ia lancaiolla saianno univeisaIe. I chiacchieioni, inslancaliIi, hanno
liasfoinalo Ie sedule deI IaiIanenlo e dei ConsigIi d'Anninisliazione in
gaie deII'aile oialoiia.

.. La poveila condanna saIdanenle i popoIi ai Iavoii foizali più di quanlo
Io fosseio slali daIIa schiavilù. Da essa polevano anche Iileiaisi, na non
daIIa niseiia. .. I diiilli iepullIicani pei un uono poveio non sono aIlio
che un loccone anaio di iionia, poiche Ia sua necessila di Iavoiaie
duianenle quasi lullo iI gioino ne logIie quaIsiasi lisogno alluaIe, na
d'aIlia paile Io deiula di lulle Ie gaianzie di un guadagno ceilo e iegoIaie,
iendendoIo dipendenle dagIi sciopeii dei suoi conpagni o daIIe seiiale
dei suoi padioni. .. Oggigioino .. i popoIi sono caduli neIIa noisa dei
faialulli spielali avidi di denaio che hanno ciealo un doninio aIIe spese
dei Iavoialoii. .. II noslio poleie sla neIIa nancanza cionica di cilo e neIIa
deloIezza fisica deI Iavoialoie, peiche ne deiiva Ia sua assoggellazione
aIIa noslia voIonla, e non lioveia daIIa paile deIIe sue auloiila ne iI poleie,
ne Ia foiza, pei conliaslaie Ia noslia voIonla. La fane da aI capilaIe iI
diiillo di conandaie iI Iavoialoie. .. DaI lisogno, daII'invidia e daII'odio
che geneia, noliIileieno Ie foIIe lunuIluanli, e con Ie Ioio nani
canceIIeieno lulli queIIi che ci oslacoIano Ia via.

.. I goyin hanno peiso I'aliludine di pensaie a neno che siano spinli dai
suggeiinenli dei noslii speciaIisli. .. I popoIi, che ciecanenle ciedono neIIe
cose slanpale, nuliono un odio cieco pei Ie condizioni sociaIi supeiioii a
Ioio, giazie ai suggeiinenli apposilanenle falli pei deviaie e giazie aIIa
Ioio piopiia ignoianza, poiche non hanno nessuna conpiensione deI
significalo di cIasse e di condizione sociaIe. Quesl'odio ciesceia ancoia pei
gIi effelli deIIa ciisi econonica, che feineia Ie liansazioni in ßoisa e
iiduiia Ie indusliie aII'inazione. Cieeieno .. una ciisi econonica
univeisaIe con cui gelleieno suIIe sliade deIIe oide di Iavoialoii in lulli i
paesi euiopei aIIo slesso lenpo. Quesle nainagIie si gelleianno con
7
piaceie a fai scoiieie iI sangue di queIIi che hanno invidialo daIIa Ioio
nascila, con Ia Ioio ignoianza ingenua, e Ia cui piopiiela polianno
saccheggiaie. .. Ricoidalevi Ia iivoIuzione fiancese ..: i segieli deIIa sua
piepaiazione ci sono len conosciuli, poiche fu un Iavoio lullo noslio. Da
aIIoia in poi, conduciano i popoIi da una disiIIusione aII'aIlia, .. in favoie
di queI Re-Despola deI sangue di Sion, pei iI quaIe sliano piepaiando iI
nondo.

.. I popoIi goyin soffiono pazienlenenle sollo i dillaloii-pieniei di oggi, e
soppoilano alusi laIi che pei iI più piccoIo avielleio lagIiala Ia lesla a
venli ie. .. L così, Ia genle condanna i giusli ed assoIve i coIpevoIi. ..
Quesl'oida di leslie, ò veio, si addoinenla ogniquaIvoIla fa iI pieno di
sangue, e in quesle occasioni puo esseie faciInenle incalenala. Ma se non
gIi si da deI sangue, non si addoinenla e conlinua a Iollaie.




IROTOCOLLO #4 (iI leslo conpIelo
http://www.juliusevola.it/pdf/protocolli.pdf)

|DaIIaj denociazia .. nasce I'anaichia, che conduce inevilaliInenle aI
dispolisno, non più Iegillino e evidenle, e quindi iesponsaliIe, na a
queIIo invisiliIe e segielanenle nascoslo, na nondineno un dispolisno
neIIe nani di una quaIche oiganizzazione segiela, gIi alli deI quaIe sono
ancoio più piivi di sciupoIi, giacche Iavoia dielio uno scheino, dielio Ie
spaIIe di vaii lipi di agenli, iI canlio dei quaIi non soIo non incide in
nodo dannoso, na .. aiula iI poleie segielo, iispainiandoIo Ia necessila di
usaie Ie sue iisoise pei pieniaie i Iunghi seivizi daligIi. Chi e che cosa ò
neIIa posizione di iovesciaie una foiza invisiliIe` La noslia ò piecisanenle
lia queIIe. .. II piano d'azione deIIa noslia foiza, e addiiilluia iI suo Iuogo
di dinoia iinane pei lulli un nisleio sconosciulo.

Ieio, anche Ia Iileila polielle .. aveie iI suo poslo neII'econonia di slalo
senza nelleie in peiicoIo iI lenesseie dei popoIi, se si lasasse suI
fondanenlo deIIa fede in Dio, suIIa fialeIIanza deII'unanila, senza Iegane
coI concello di uguagIianza, negala daIIe slesse Ieggi deIIa cieazione. ..
Con una laIe fede un popoIo polielle esseie sollo luleIa deIIe paiiocchie,
e cannineielle conlenlo e uniIe sollo Ia nano sicuia deI suo pasloie
spiiiluaIe, sollonellendosi aIIe disposizione di Dio suIIa leiia. Quesla ò Ia
iagione pei cui ò indispensaliIe pei noi di ninaie ogni fede, di sliappaie
daIIe nenli dei goyin Io slesso piincipio di dio e deIIo spiiilo, pei
sosliluiiIo con dei caIcoIi e con dei lisogni naleiiaIi. Iei non daie lenpo
ai goyin di iifIelleie e piendeie nola, Ie Ioio nenli devono esseie diiollale
veiso I'indusliia ed iI conneicio. Così, lulle Ie nazioni saianno inghiollile
daIIa iiceica deI piofillo e neIIa coisa veiso di essa, non si accoigeianno
deI Ioio nenico conune. .. L poi suoneia I'oia in cui, non pei iaggiungeie
8
iI lene, e neanche pei guadagnaie Ia iicchezza, na soIanenle pei I'odio
veiso i piiviIegiali, Ie cIassi lasse dei goyin seguiianno Ia noslia guida
conlio i noslii iivaIi, gIi inleIIelluaIi dei goyin.




IROTOCOLLO #5 (iI leslo conpIelo
http://www.juliusevola.it/pdf/protocolli.pdf)

QuaIe foina di goveino anninislialivo puo esseie dalo aIIe conunila in
cui Ia coiiuzione ò diffusa, aIIe conunila dove Ia iicchezza si olliene soIo
con deIIe lalliche di fuilizia e d'inganno, dove iegna iI Iassisno: dove Ia
noiaIila si nanliene con nisuie penaIi e Ieggi seveie e non con piincipi
accellali voIonlaiianenle` .. Cieeieno un goveino cenliaIe ancoia più
foile pei leneie slielle neIIe noslie nani lulle Ie foize deIIa conunila.
RegoIeieno Ia vila poIilica dei noslii suddili in nodo aulonalico con deIIe
nuove Ieggi. Quesle Ieggi logIieianno una pei una lulle Ie Iileila e lulle Ie
concessioni che i goyin hanno pei nesso, e iI noslio iegno si dislingueia
pei un dispolisno di una enlila laIe che, in quaIsiasi nonenlo e in
quaIsiasi Iuogo, saia in giado di eIininaie quaIunque goyin che ci si
opponga.

.. Nei lenpi in cui i popoIi guaidavano ai ie sui Ioio lioni cone ad una
nanifeslazione puia deIIa voIonla di Dio, si solloposeio senza fialaie aI
poleie dispolico dei ie: na daI gioino che insinuanno iI concello dei Ioio
diiilli neI Ioio anino, coninciaiono a consideiaie gIi occupanli dei lioni
dei conuni noilaIi. .. L quando e noi Ii piivanno anche deIIa fede in Dio,
Ia foiza deI poleie fu gellala neIIe sliade in Iuogo pullIico e ce ne
inpadioninno.

.. Ioise, pei un po' di lenpo una coaIizione dei goyin di lullo iI nondo
polielle affionlaici con successo: na .. non c'ò uno Slalo che iiceveielle
deI soslegno se dovesse piendeie Ie aini, poiche ognuno di Ioio deve
leneie piesenle che quaIsiasi aIIeanza conlio di noi saielle pei se senza
piofillo. Siano lioppo foili - non c'ò Iinile aI noslio poleie. Le nazioni non
possono nenneno accoidaisi su queslioni di poco conlo senza che noi
alliano una paile segiela in essa.

.. Se ci fosse deI genio daIIa paile opposla, si lalleielle uguaInenle conlio
di noi, na conunque, un nuovo aiiivalo non liene lesla ad un coIono
slaliIilosi da noIlo lenpo: Ia Iolla conlio di noi saielle spielala, una Iolla
laIe che iI nondo Ia deve ancoia vedeie. Sì, iI genio daIIa Ioio paile
saielle aiiivalo lioppo in iilaido. Tulle Ie iuole deIIe nacchine degIi Slali
vanno con Ia foiza deI noloie, che ò neIIe noslie nani, e queI noloie deIIa
nacchina deIIo Slalo ò - Oio. .. II capilaIe, pei opeiaie senza inpacci, deve
esseie Iileio di inslauiaie iI nonopoIio deII'indusliia e deI conneicio.
9
|Cioj daia infIuenza poIilica a queIIi che si occupano deII'indusliia, ed
aiuleia neII'oppiessione deI popoIo.

.. Iei consegnaie I'opinione pullIica neIIe noslie nani, dolliano iiduiIa
ad uno slalo di peipIessila, dando Ia paioIa a lulle Ie paili con deIIe
opinioni conliaddilloiie, e pei lullo iI lenpo necessaiio pei fai peideie Ia
lesla neI Ialiiinlo ai goyin, e si vedia che Ia cosa nigIioie ò di non avei
nessun opinione di aIcun geneie suIIe queslioni poIiliche, cosa che non ò
dalo a capiie aI pullIico, peiche soIo coIui che guida iI pullIico Io
capisce. Queslo ò iI piino segielo. II secondo iequisilo segielo pei iI
successo deI noslio goveino ò iI seguenle: noIlipIicaie i faIIinenli
nazionaIi, Ie aliludini, Ie passioni, .. aI punlo che saia inpossiliIe pei
chiunque sapeie dove sla neI caos che ne iisuIla, sicche Ia genle, di
conseguenza, non possa conpiendeisi. Quesla nisuia ci saia uliIe anche ..
pei seninaie iI disaccoido da lulle Ie paili, pei oslacoIaie lulle Ie foize
coIIellive che non sono ancoia disposle a sollonelleisi a noi, e pei
scoiaggiaie quaIunque lipo d'inizialiva peisonaIe. .. Non c'ò nuIIa di più
peiicoIosa deII'inizialiva peisonaIe. Se dielio di essa c'ò deI genio, laIe
inizialiva puo cieaie più danni di queIIi che possono faie i niIioni di
peisone lia Ie quaIi alliano seninalo iI disaccoido. Noi dolliano
indiiizzaie I'educazione deIIe conunila goyin in nodo che, quando capila
una queslione che iichiede un'inizialiva, Ie cadano Ie liaccia
neII'inpolenza dispeiala. .. Con lulli quesli nezzi slancheieno in nodo
laIe i goyin che saianno ollIigali ad offiiici iI poleie inleinazionaIe, |e
cioj ci peinelleia .. di assoiliie giaduaInenle lulli gIi Slali deI nondo e di
foinaie un supei-Coveino. AI poslo dei goveinanli odieini, nelleieno un
fanlasna che chianeieno I'Anninisliazione deI supei-Coveino |"II
giande fialeIIo", nd}ßj. Le sue nani si slendeianno in lulle Ie diiezioni, e
Ia sua oiganizzazione saia di una dinensione laInenle coIossaIe che non
polia che assoggellaie lulle Ie nazioni deI nondo.


http://www.the1phoenix.net/x-files/sion.htm

AIRITL ßLNL CLI OCCHI L LL ORLCCHIL


´C'c una razza di gcn|c cnc si crcdc pura,
c ncn c |ata|a da||a sua sczzura..
C'c una razza di gcn|c cnc na g|i cccni nc||c a||cri,
c |c pa|pcorc |rcppc supcroc..
Cc una razza di gcn|c i cui dcn|i scnc spadc,
i nascc||ari scnc cc||c||i,
pcr ditcrarc dc| |u||c i niscri su||a |crra..
c i oiscgncsi in nczzc ag|i ucnini¨ (Prt. 30.12-14)
L'alluaIe ciisi sislenica che sliano vivendo non ò aIlio che Ia conseguenza
naluiaIe aIIa sfida deIIe ¨Leggi di causa ed effello noiaIi univeisaIi¨ .
1O
cieala aIIo slalo deII'aile e cavaIcala da |CHI..j CONOSCL noIlo lene
quesle Ieggi invioIaliIi e Ie Ioio conseguenze.

I popoIi deIIa leiia lenuli piigionieii dai Ioio slessi pensieii e desideii neIIa
Maliix Lucifeiina con iI Ioio egoislico consenso sono conunque anch'essi
coIpevoIi di queslo slalo di cose.

Cone ò slalo ieso possiliIe, lullo queslo..`` Con I'Lgo.. con I'Io.. con iI
desideiio.. con iI possesso.. con iI concello suldoIo di: ¨AVLRL ILR
LSSLRL LD LSISTLRL¨.

II cioIIo econonico ò paile ¨inlegiala e inlegianle¨ di uno dei segni dei
lenpi chianalo: CRANDL TRIßOLAZIONL.

Iei ogni nonela deposilala.. pei ogni caila di ciedilo iichiesla.. pei ogni
aulonoliIe acquislala a iale.. pei ogni Iavaliice, fiigoiifeio, TV, conpulei,
eIelliodoneslico, vacanze, ecc. ecc. acquislali lianile pieslilo lancaiio fino
ad aiiivaie aIIa Madie deI ciedilo aI consuno . iI MUTUO pei Ia casa.. ò
slalo ciealo e aIinenlalo un CICANTLSCO IARASSITA IINANZIARIO
CLOßALL che si ò gonfialo a disnisuia nuliendosi deIIa iicchezza
piodolla dai singoIi individui.

Caio opeiaio, inpiegalo, casaIinga, non seguiie Ie node e Ie lendenze che
iI sislena lugiaido li nelle innanzi pei ingannaili.. acconlenlali di cio che
hai e non ceicaie di esseie piopiielaiio di casa se non hai Ie capacila
econoniche pei conpiaiIa in conlanli. Rinani in affillo e anche se ò duia,
così facendo non aIinenleiai queIIo slesso paiassila econonico che
donani o dopodonani li ¨sliozzeia¨ Iasciandoli in liaghe con lulla Ia
fanigIia.. fai Io slesso pei TUTTO iI ieslo, dagIi eIelliodoneslici
aII'aulonoliIe.. non faili più piendeie daIIa ¨lenlazione¨ di AVLRL..
anche se giuslificala daIIa lua nenle cosiddella ¨iazionaIe¨, peichò laIe
non ò affallo.. na soIo un piodollo deIIa Maliix in cui vivi da quando sei
nalo suIIa leiia. Ieicio acconlenlali di cio che gia hai ... e se davveio li
seive quaIcosa . spaigi Ia voce e ceica lia iI piossino chi ha queIIo che
ceichi.. vediai che Io lioveiai.. senza dovei sosleneie un Six-Tena che liae
vila piopiio daI luo Iavoio e daIIa lua soffeienza.. un paiassila che vuoIe
soIo faili viveie cone uno schiavo di desideii che ciea con Ia peisuasione..
e che non li seivono affallo..!!

TRASIORMA iI denaio cailaceo in leni di sussilenza e non IasciaiIo dove
Ia lignoIa e Ia iuggine consunano e dove i Iadii sfondano e iulano..
capilo..``!!

Lo slesso discoiso vaIe pei gIi inpiendiloii che ¨fuilescanenle¨ (non
sanno quanlo sono fuili - nda) hanno Iavoialo con i |SOLDI DLCLI
ALTRIj (queIIi deIIe ßanche pensavano - nda) pei faie i cosiddelli
¨inveslinenli sliulluiaIi¨ o che hanno iicevulo ¨piovvidenze¨ dai goveini
di luino, sollo vaiie foine e pagali con i soIdi deIIa coIIellivila.. cioò
11
TUTTI NOI..!! Ma cone puo un inpiendiloie che dinoslia
appaienlenenle di esseie più inleIIigenle e inliapiendenle deI poveio e
sfigalo opeiaio NON CAIIRL che così facendo ha affanalo iI piossino e si
ò anche dalo Ia zappa sui suoi piedi..`` AIIoia non ò affallo veio che gIi
indusliiaIi e gIi inpiendiloii siano così fuili e inleIIigenli..!! Oppuie sono
senza coscienza e consapevoIi deIIo scopo..!!

Lh sì caio anico.. anche lu che fuilescanenle li nellevi i denaii dei luoi
VLRI IROIITTI neIIa lasca deslia (lianile iI neio e i conli econonici
laioccali - nda) dicevi che neIIa lasca sinislia non guadagnavi nuIIa peichò
iI luo conlo in lanca eia senpie in iosso (iI casleIIelo, iI finanzianenlo, Io
scopeilo, iI iifinanzianenlo, ecc. ecc. - nda) e dovevi Iicenziaie gIi opeiai
nandandoIi in cassa inlegiazione con i soIdi (in paile) dei LORO STLSSI
CONTRIßUTI veisali, o non polevi daie un aunenlo di 1OO euiini in lusla
a fine nese a piescindeie daI conliallo di lase. ßene, sappi che lia lieve
ANCHL TU saiai nei panni di coIoio che non polianno sopiavviveie..!!

Ciandi e piccoIi, Iileii e schiavi, polenli e insignificanli, dovianno piegaie
Ie ginocchia lulli insiene neIIa slessa laica di fionle a cio che accadia a
seguilo deI Ioio egoisno.


Ogni nuneio eIellionico sciillo su un conpulei e su un pezzo di caila
sliaccia a seguilo di un ciedilo eIaigilo e noIlipIicalo pei 'x' voIle ò andalo
ad aIinenlaie una iicchezza fillizia che ha dalo |appaienlenenle e
nonenlaneanenlej noIlo a quaIcuno, e neI conlenpo logIieva noIlo ai
noIli. Menlie soIo un leizo deIIa popoIazione nondiaIe viveva in
un'appaienle allondanza iI iinanenle due leizi deI nondo, noslii fialeIIi,
aveva iI ninino di sussilenza o noiiva di fane..!! Queslo ò slalo iI nodo
con cui ò slalo CRLATO L ALIMLNTATO iI noslio sliIe di vila
occidenlaIe..!!

I paianelii con cui si ò voIulo daie senso a queI concello asliallo chianalo
¨Lcononia e Iinanza¨ ò SßACLIATO fin daIIa nascila, cioò da noIli secoIi.
Ieichò NON puo esisleie econonia o finanza SLNZA un uono che CRLI
con Ia sua opeia nanuaIe o inleIIelluaIe un VALORL. Iacciano un
esenpio: Un uono piende aigiIIa deIIa leiia che ci ò slala donala CRATIS
daI Iadie Onnipolenle.. Ia Iavoia pei liasfoinaiIa in una liocca, in un
piallo, in un licchieie.. poi Ia nelle aI soIe, aIlia iisoisa CRATUITA, a
cuoceie.. infine Ia decoia con i coIoii lialli da pianle e fioii, senpie
CRATIS, ecco.. alliano I'opeia deIIe nani e deII'inleIIello aIIo slalo
deII'aile. Da queslo nonenlo lullo cio piende un VALORL diveiso da
quanlo eia piina . na CHI deve daiIo, con QUALL nelio, e sopiallullo
ILRCHL'..`` Lcco nasceie iI ¨Denaio¨ cone nezzo con cui liasfoinaie
I'opeia deII'inleIIello e nanuaIe deII'uono in pezzi di nelaIIo e caila.. da
queI nonenlo i denaii sono divenuli iI nelio con cui ¨nisuiaie¨ iI
VALORL di quaIsiasi cosa e iI MLZZO con cui scanliaiIa

12
Da queI piino nonenlo ò passala noIla acqua sollo i ponli na Ie cose
non sono nai più canliale e i iisuIlali iniziano IINALMLNTL ad esseie
evidenli. Ieicio Iasciale ogni dullio o inganno aIIe spaIIe e guaidale Ia
ieaIla.. ORA.. ADLSSO..!!


VOI SILTL L'LCONOMIA RLALL, CONCRLTA.. VOI SILTL LA
RICCHLZZA.. VOI SILTL IMIORTANTI DAVVLRO.. NON IL
DLNARO.. NON L' AIIATTO IL DLNARO IL VLRO VALORL
LCONOMICO . SILTL VOI STLSSI CON CIO' CHL IATL.. CON CIO'
CHL IOTLTL IARL ILR TUTTI QUANTI NOI..!!!

La Maliix vi ha fallo ciedeie sino ad oggi, che: SLNZA DLNARO VOI
NON VALLTL NULLA NLL MONDO.. L CHL NON IOTLTL IARL
NULLA..!!

IN VLRITA' VI DICO che ò esallanenle iI conliaiio di quanlo ciedele. L' II
denaio CHL |senza di VOIj . NON VALL ASSOLUTAMLNTL
NULLA..!!

Non peichò non ci sia nessuno a spendeiIo, na peichò NON ce ne saielle
affallo lisogno. Ognuno pioduiielle I'opeia deI suo inleIIello e deIIe sue
nani RICLVLNDO in canlio RICCHLZZA INIINITA peichò ogni fialeIIo
unano pioduiielle DIRLTTAMLNTL pei iI suo IROSSIMO . SLNZA
INTLRMLDIARI UMANI, CORIORATIVI L CARTACLI.. e ognuno
iiceveielle noIlo di più di quanlo possa chiedeie o innaginaie..!!


QULSTO L' L'ASILTTO LCONOMICO DLL RLCNO DI DIO SULLA
TLRRA..!!

Ulopia..`` Sogni pazzeschi senza fondanenlo..`` Vaneggianenli..``

ßene, aIIoia godelevi pienanenle iI iisuIlalo deIIe voslie sceIle e deI voslio
egoisno.. se voIele iinaneie ciechi e non vedeie quanlo sla pei giungeie
suIIe voslie lesle cone iisuIlanle deIIa piesupposla inleIIigenza ed
espeiienza dei pIuiiIauieali econonisli iIIuninali.. aIIoia davveio ò giuslo
che così sia..!! Speiiano soIo che aIneno quaIcuno in quesla uIlina fase si
svegIi piina che sia canceIIalo insiene a coIoio che hanno voIulo e
soslenulo lullo queslo Six-Tena di cose nondiaIe.

Ceilo siano lulli d'accoido che sia giuslo viveie in saIule, aveie una casa
piopiia, aveie nuliinenlo luono in allondanza, viveie in condizioni
saIulisliche, ecc. na c'ò davveio lisogno deI denaio, deI ciedilo, deIIe
lanche, deIIe indusliie, e di uonini |inpeifelli cone noi popoIoj che
dellino cone, dove e quando viveie e noiiie..``

Ieichò non piovaie ad innaginaie un nondo senza goveini unani
13
faIIinenlaii e cedeie Ia possiliIila di fai goveinaie iI Iadie Onnipolenle
lianile suo figIio Ciislo Cesù..``

In fondo NLSSUNO ha MAI IROVATO queslo lipo di goveino.. nenlie
da secoIi lulli i lipi di goveini unani sono slali piovali.. con quaIe
iisuIlalo..`` L' sloiia sciilla..!!

Sapele peichò NLSSUNO oinai iiesce a capiie e pievedeie I'andanenlo
econonico..``

Ieichò in effelli ò un sislena lioppo conpIesso e di cui ò slala falla
¨conosceie¨ soIo una paile.. queIIa che avielle poilalo a queslo iisuIlalo..
e Ie Iauiee, i naslei, e i giandi convegni iIIuninali eiano soIanenle lulle
VLRL chiacchieie e dislinlivo.. funo negIi occhi pei queIIi che gia non
vedevano.. Ie CUIDL CILCHL..!!

Ieichò..`` Ieichò I'oigogIio e I'egoisno accecano Ie nenli anche degIi
uonini cosiddelli inleIIigenli se non hanno UMILTA' di fionle a Dio. L'
accadulo peichò ò slalo piogellalo su una lase ceila . Ia nancanza di
Iiducia in cio che Cesù ha insegnalo iiguaido Ie iicchezze..!! SoIo in
queslo nodo ò slalo possiliIe pei quesle foize invisiliIi ieaIizzaie cio che
hanno deleininalo e sciillo neI Ioio piogello.



Lccone un piccoIo assaggio:

Deleinineieno una ciisi econonica univeisaIe con lulli i nezzi
cIandeslini possiliIi coII'aiulo deII'oio, che ò lullo neIIe noslie nani. In
paii lenpo gelleieno suI Iasliico foIIe enoini di opeiai, in lulla I'Luiopa.
AIIoia quesle nasse si gelleianno con gioia su coIoio dei quaIi, neIIa Ioio
ignoianza, sono slali geIosi sin daII'infanzia, ne saccheggeianno gIi aveii e
ne veiseianno iI sangue. A noi non iecheianno danno, peiche iI nonenlo
deII'allacco ci saia len nolo, e piendeieno Ie nisuie necessaiie pei
pioleggeie i noslii inleiessi. (Iiol. III)


Ld ò peicio che dolliano canceIIaie peisino iI concello di Dio daIIe nenli
dei Ciisliani, iinpiazzandoIo con caIcoIi aiilnelici e lisogni naleiiaIi.
AIIo scopo di sloinaie Ie nenli Ciisliane daIIa noslia poIilica ò
assoIulanenle necessaiio di leneiIe occupale neII'indusliia e neI
conneicio. Così lulle Ie nazioni Iavoieianno incessanlenenle pei iI Ioio
piopiio vanlaggio, ed in quesla Iolla univeisaIe non si accoigeianno deI
nenico conune. Ma peiche Ia Iileila sconnella e iovini conpIelanenle Ia
vila sociaIe dei Coiyn, dolliano nelleie iI conneicio sopia una lase di
specuIazione. II iisuIlalo di cio saia che Ie iicchezze deIIa leiia, iicavale
pei nezzo deIIa pioduzione, non iinaiianno neIIe nani dei Coiyn, na
passeianno, alliaveiso Ia specuIazione, neIIe noslie cassefoili. La Iolla pei
14
Ia supienazia e Ia specuIazione conlinua neI nondo degIi affaii, pioduiia
una sociela denoiaIizzala, egoisla e senza cuoie. Quesla sociela divenleia
conpIelanenle indiffeienle e peisino nenica deIIa ieIigione e disguslala
daIIa poIilica. La lianosia deI denaio e dei piaceii che esso ieca saia
I'unica sua guida. L quesla sociela Iolleia pei I'oio, facendo un veio cuIlo
dei piaceii naleiiaIi che esso puo piocacciaiIe. (Iiol. IV)

Iia lieve piincipieieno ad oiganizzaie vasli nonopoIi - seilaloi di
iicchezze coIossaIi - nei quaIi peisino Ie giandi foilune dei Coiyn saianno
coinvoIle in nodo laIe che cioIIeianno insiene aI ciedilo deI Ioio goveino
iI gioino dopo che avia avulo Iuogo Ia ciisi econonica e poIilica.
|L'inlenzione degIi IIIuninali di iiliiaie iI Ioio denaio aII'uIlino nonenlo
ò evidenlej. CoIoio fia gIi aslanli che sono econonisli, caIcoIino
I'inpoilanza di queslo piogello. Dolliano adopeiaie ogni nezzo pei
sviIuppaie Ia popoIaiila deI noslio supeigoveino nondiaIe, piesenlandoIo
cone iI piolelloie e iI iinuneialoie di lulli coIoio che voIonlaiianenle si
sollonelleianno a noi. (Iiol. VI)

AIIo scopo di iovinaie Ie indusliie dei Coiyn e di aiulaie Ia specuIazione,
incoiaggeieno I'anoie pei iI Iusso sfienalo, che alliano gia sviIuppalo.
Aunenleieno i saIaii, cio che non poileia leneficio aII'opeiaio, peiche
conlenpoianeanenle acciesceieno iI piezzo deIIe soslanze più necessaiie,
coI pieleslo dei callivi iisuIlali dei Iavoii agiicoIi. Con asluzia nineieno Ie
lasi deIIa pioduzione, seninando i geini deII'anaichia fia gIi opeiai ed
incoiaggiandoIi neII'aluso degIi aIcooIici. NeI lenpo slesso adopeieieno
lulli i nezzi possiliIi pei scacciaie daI paese lulli i Coiyn inleIIigenli. Iei
evilaie che i Coiyn ieaIizzino pienaluianenle iI veio slalo deIIe cose,
nascondeieno iI noslio piano sollo I'appaienle desideiio di aiulaie Ie
cIassi Iavoialiici aIIa soIuzione dei giandi piolIeni econonici: quesla
noslia piopaganda viene aiulala in lullo e pei lullo daIIe |noslie leoiie
econonichej. (Iiol. VI)

Tulle Ie ciisi econoniche da noi conlinale con lanla asluzia nei paesi dei
Coiyn, sono slale deleininale iiliiando iI denaio daIIa ciicoIazione. Lo
Slalo si ò liovalo neIIa necessila pei i suoi pieslili di faie appeIIo aIIe
giandi foilune che sono congeslionale pei iI fallo che Ia nonela ò slala
iiliiala. Quesli pieslili hanno inposlo dei pesanli caiichi sui goveini,
ollIigandoIi a pagaie inleiessi, e così sono Iegali nani e piedi.
La concenliazione deIIa pioduzione neIIe nani deI capilaIisno ha
piosciugalo lulla Ia foiza piodulliice deI popoIo insiene aIIe iicchezze
deIIo Slalo. La nonela, aI nonenlo alluaIe, non puo soddisfaie i lisogni
deIIa cIasse opeiaia, peiche non ò sufficienle pei lulli. Sapele, io ciedo, che
Ia nonela da noi cieala su lase auiea ò slala Ia disliuzione di lulli gIi Slali
che I'hanno adollala, peiche non poleva soddisfaie ai lisogni deIIa
popoIazione, lanlo più che noi alliano fallo deI noslio negIio, peiche
fosse congeslionala e loIla daIIa ciicoIazione. (Iiol. XX)

A causa deIIa Ioio liascuialezza neIIa scienza deI goveino, o a causa deIIa
15
coiiuzione dei Ioio ninislii, o deIIa Ioio ignoianza in fallo di finanza, i
soviani hanno ieso i Ioio paesi deliloii deIIe noslie lanche ad un punlo
laIe, che non polianno nai iedineie i Ioio delili. Dovele conpiendeie
quanle faliche e quanle pene alliano soppoilalo pei iiusciie a pioduiie
un siniIe slalo di affaii. (Iiol. XX)

La vacuila deI ceiveIIo puianenle aninaIe dei Coiyn ò dinosliala daI
fallo, che quando piendevano denaio ad inpieslilo da noi con inleiessi
essi non iiusciiono a capiie, che ogni sonna così ollenula avielleio
dovulo in uIlina anaIisi faiIa uscii fuoii daIIe iisoise deI Ioio paese,
insiene coi ieIalivi inleiessi. Saielle slalo assai più senpIice di pieIevaie
senz'aIlio laIe danaio daI piopiio paese slanpandoseIo con Ia ieIaliva
copeiluia paliinoniaIe dei leni di slalo, senza doveine pagaie gIi inleiessi
ad aIlii. Queslo dinoslia iI noslio genio ed iI fallo che iI noslio ò iI popoIo
eIello da Dio. Siano iiuscili a piesenlaie ai Coiyn iI piolIena dei pieslili
sollo una luona Iuce così favoievoIe, che essi hanno peisino ciedulo di
iicavaine piofillo. (Iiol. XX)

Quando iI noslio Soviano saia suI suo liono nondiaIe, lulle quesle scaIlie
opeiazioni finanziaiie svaniianno. Disliuggeieno iI neicalo dei vaIoii
pullIici, peiche non peinelleieno che iI noslio piesligio sia scosso daI
iiaIzo e iilasso dei noslii liloIi, iI cui vaIoie saia slaliIilo pei Iegge aIIa
paii, senza possiliIila aIcuna di quaIsiasi vaiiazione di piezzo. II iiaIzo
oiigina iI iilasso, ed ò pei nezzo dei iiaIzi che alliano conincialo a
disciedilaie i liloIi pullIici dei Coyn.
AIIe ßoise sosliluiieno enoini oiganizzazioni goveinalive, che avianno iI
doveie di lassaie Ie inpiese conneiciaIi in queI nodo che iI goveino
ciedeia oppoiluno. Quesle isliluzioni saianno in giado di gellaie suI
neicalo niIioni e niIioni di azioni conneiciaIi, o di conpeiaiIe in un soI
gioino. Quindi lulle Ie inpiese indusliiaIi e conneiciaIi dipendeianno da
noi, e vi polele innaginaie quaIe foiza saia Ia noslia. (Iiol. XXI)"





The IiolocoIs of Zion:


INTRODUZIONL

Uonini siale, e non pecoie nalle,
Sì che 'I giudeo lia voi di voi non iida.
(Danle: Iai. c. V, v. 8O, 81)

II Tines di Londia I'8 naggio 192O dava un Iaigo sunlo dei "IiolocoIIi dei
Savi Anziani di Sion", annunziando che quesli fuiono pullIicali in Russia
a Tsaikoye SieIo neI 19O5 e che Ia lilIioleca deI ßiilish Museun ne
16
possedeva una copia coI linlio di enliala deI 1O agoslo 19O6, n. 3926 d 17.
L'auloiila deI gioinaIe iichianava suIIa pullIicazione I'allenzione degIi
sludiosi e degIi uonini poIilici, I'opinione pullIica ne fu connossa e Ie
edizioni si venneio noIlipIicando nenlie queIIe esislenli si diffondevano
iapidanenle. Tia quesle Ie più nolevoIi sono: queIIa ledesca di Collfiied
Zui ßeek: Die Ceheinnisse dei Weisen von Zion (I nisleii dei saggi di
Sion) edila a ChaiIollenluig daII'Auf Voiposlen (1919, 4° piccoIo pp. 256)
con una inpoilanle lilIiogiafia suIIa quislione eliaica, e due edizioni
ingIesi, Ia piina edila sui piini deI 192O a ßoslon (SnaII Majnaid and C.),
Ia seconda edila a Londia (The ßiilons: 62 Oxfoid Slieel) IiolocoIs of lhe
Leained LIdeis of Zion. Sono poi seguile nuneiose edizioni in Iiancia,
IoIonia, ecc...


Una giave quislione si ò dilallula iecenlenenle suII'aulenlicila dei
IiolocoIIi. Noi non vogIiano dissinuIaiIa, sia pei onaggio aIIa veiila, sia
peiche i poco sciupoIosi non ne alusino. Anzi noi evileieno di voIei
iisoIveie queIIa quislione neI senso foinaIe, e d'aIlionde Ia discussione ò
lioppo Iunga e conpIessa peiche qui possiano iipioduiIa, lanlo più che vi
sono senpie convinli sosleniloii d'anlo Ie paili. A no' di esenpio
iannenleieno queslo punlo: iI fallo indisculiliIe innanzi accennalo che i
IiolocoIIi fuiono pullIicali in Russia neI 19O5 (I'anno seguenle iI ßiilish
Museun ne iegisliava una copia) ò cilalo dagIi asseiloii deII'aulenlicila
cone una piova, giacche nessuno polia diie che Ia piodigiosa
ieaIizzazione odieina dei IiolocoIIi sia iI voIgaie liucco di una opeia
slanpala apiòs coup con una dala anleiioie. I negaloii deII'aulenlicila
cilano queslo slesso fallo pei Ia Ioio lesi, dicendo che quando in Russia
conpaiveio i IiolocoIIi, e poi fuiono iipullIicali, essi non fuiono piesi in
consideiazione dagIi slessi gioinaIi e ciicoIi anlisenili iussi che pui
avevano lullo I'inleiesse di faiIo: segno, dicono i negaloii deIIa aulenlicila,
che si sapeva essei queIIo un piodollo deIIa ceIelie "Okhiana".
Cone vedono i noslii Ielloii, c'ò da conlinuaie pei un pezzo suIIa slessa
sliada. Lllene noi lagIieieno coilo con quesla senpIice affeinazione: iI
suddello dilallilo veile naleiiaInenle suII'aulenlicila piopiianenle della
deI docunenlo, cioò se ieaInenle gIi "Anziani di Sion" si siano iadunali
neI laIe anno e Iuogo, ed alliano iedallo, paioIa pei paioIa, quei
IiolocoIIi. Ma un'aIlia quislione, neno foinaIe e più soslanziaIe,
s'inpone: queIIa deIIa Ioio veiidicila.
Nessuno nega che un piogianna ieso pullIico neI 19O5 allia oggi iI suo
pieno, slupefacenle, spavenloso adenpinenlo, e non soIo in geneie na in
noIli punli pailicoIaii. O iI docunenlo ò foinaInenle aulenlico, od esso
fu conpiIalo su vaiii docunenli aulenlici e su infoinazioni sicuie, dando
a quesle nenlia spaise una unila di coipo.
Oia, ogni oneslo e inleIIigenle Ielloie lioveia che neII'uno e neII'aIlio caso
iI docunenlo ò piezioso. L cone laIe Io piesenliano aI pullIico ilaIiano.
Quando neI 19O5 iI piofessoi Seigyei NiIus iiveIava, con Ia pullIicazione
dei IiolocoIIi, iI piano di conquisla poIilica deI Sionisno iileIIe ed
oppiesso, eia len Iungi daI suppoiie che - quindici anni dopo - Ia sua
17
pullIicazione saielle appaisa cone Ia voce piofelica aIIa quaIe iI nondo
elle iI loilo di non daie a suo lenpo ascoIlo.
Oggi una paile deI leiiiliIe piano ò alluala.

--------------------------------------------------------------------------------

IRLIAZIONL ALLA TRADUZIONL INCLLSL

Londia, 2 dicenlie 1919.
In queslo nonenlo in cui lulla I'Luiopa OccidenlaIe si occupa dei lenefici
deiivanli dai goveini cosliluzionaIi e discule da un Ialo i neiili e daII'aIlio
Ie iniquila deI MassinaIisno (ßoIscevisno), iilengo di polei piesenlaie
con piofillo aI pullIico Ia liaduzione di un Iilio slanpalo a Tsaikoye
SieIo in Russia, neII'anno 19O5.
Si puo vedeie una copia deI docunenlo oiiginaIe aIIa lilIioleca deI ßiilish
Museun, sollo iI N. 3926 d 17, che poila iI loIIo di enliala: "1O agoslo 19O6
ßiilish Museun". Quanle aIlie copie di queslo Iilio si liovino pei iI
nondo non sono in giado di diie, giacche senlia, che poco dopo Ia sua
conpaisa, neI I9O5, quasi lulle Ie copie esislenli siano slale conpeiale
sinuIlaneanenle ed appaienlenenle con uno scopo piefisso. Dello
inoIlie pieveniie i niei Ielloii, che non devono poilaie una copia di quesla
liaduzione in Russia, giacche chiunque ivi ne fosse liovalo in possesso
saielle innedialanenle fuciIalo dai ßoIscevichi, quaIe poilaloie di
"piopaganda ieazionaiia".
II Iilio fu piesenlalo aI popoIo iusso daI piofessoie Seigyei NiIus. Lsso
consisle di:
1) Un'inlioduzione aI leslo piincipaIe, sciilla daI Seigyei NiIus neI 19O5.
2) Appunli su confeienze falle a sludenli eliei a paiigi neII'anno 19O1.
3) Una paile di un epiIogo sciillo daIIo slesso Seigyei NiIus che non ho
iilenulo necessaiio iipioduiie lolaInenle, giacche in gian paile non
inleiesseielle iI pullIico e non iiguaida iI lena che ni piopongo e cioò: iI
IeiicoIo Lliaico.
Chiedo ai niei Ielloii di lenei piesenle, che Ie confeienze sopia accennaIe
fuiono falle neI 19O1, e che I'inlioduzione di NiIus, nonche I'epiIogo
fuiono sciilli neI 19O5.
L inpossiliIe Ieggeie quaIsiasi paile di queslo voIune, oggi, senza essei
coIpili daIIa nola foilenenle piofelica che Io donina, non soIo pei quanlo
iiguaida Ia ex Sanla Russia, na anche iispello a laIune sinislie evoIuzioni
che si osseivano in lullo iI nondo neI nonenlo alluaIe.
CenliIi. - In guaidia!

--------------------------------------------------------------------------------



INTRODUZIONL DLL IROI. SLRCYLI NILUS (19O5)

Mi ò slalo dalo, da un anico peisonaIe oia defunlo, un nanosciillo iI
18
quaIe, con una piecisione e chiaiezza sliaoidinaiia, desciive iI piano e Io
sviIuppo di una sinislia congiuia nondiaIe, che ha iI pieciso scopo di.
deleininaie Io snenlianenlo inevilaliIe deI nondo non iigeneialo |DaI
punlo di visla eliaico, s'inlende. - N. d. l.j. Queslo docunenlo venne neIIe
nie nani ciica quallio anni fa (19O1) insiene con I'assoIula gaianzia che ò
Ia liaduzione veiace di docunenli (oiiginaIi), iulali da una donna ad uno
dei capi più polenli, e più aIlanenle iniziali deIIa Massoneiia |Massoneiia
OiienlaIej. II fuilo fu conpiulo aIIa fine di un'assenlIea segiela degIi
"Iniziali" in Iiancia - paese che ò iI nido deIIa "cospiiazione nassonica
eliaica".
A coIoio che desideiano di vedeie e udiie oso sveIaie queslo nanosciillo
coI liloIo di "IiolocoIIi degIi Anziani di Sionne".
Chi esanina quesli appunli puo, a piina visla, iipoilaine I'inpiessione
che essi conlengano cio che di soIilo chianiano assioni, vaIe a diie deIIe
veiila più o neno conosciule, quanlunque espiesse con un'aspiezza ed un
senlinenlo d'odio che di soIilo non acconpagnano Ie nanifeslazioni di
siniIi veiila. RiloIIe fia Ie iighe queII'aiioganle e piofondo odio di iazza e
di ieIigione che pei Iungo lenpo ò iiuscilo a nascondeisi, oia queslo odio
goigogIia, si iiveisa e senlia che lialocchi da un iecipienle coIno di
fuioie e di vendella, odio pienanenle conscio deIIa nela agognala che si
avvicina!
Dello avveiliie che iI liloIo di queslo Iilio non coiiisponde esallanenle aI
conlenulo. Non si lialla piecisanenle di veilaIi di adunanze, na lensì di.
un iappoilo, diviso in sezioni non senpie Iogicanenle seguenlisi,
piesenlale da un polenle peisonaggio. II docunenlo da I'inpiessione di
esseie una paile di un conpIesso ninaccioso e di naggioie inpoilanza,
deI quaIe nanca iI piincipio. L'oiigine, gia nenzionala, di queslo
docunenlo ò evidenle.
Secondo Ie piofezie dei Sanli Iadii, Ie gesla degIi Anli-Ciislo devono
senpie esseie una paiodia deIIa vila di Ciislo, ed essi puie dellono aveie
iI Ioio Ciuda. Ma, len inleso, daI punlo di visla leiieslie queslo Ciuda non
iaggiungeia iI suo scopo, e peicio, - lenche di lieve duiala, - una villoiia
conpIela di queslo "Soviano deI nondo" (I'Anli-Ciislo) ò assicuiala. Si
conpiende che queslo accenno aIIe paioIe di W. SoIoviev non ò adopeialo
qui cone piova deIIa Ioio auloiila scienlifica. DaI punlo di visla
escaloIogico, non ò Ia scienza che Iavoia, na lensì iI deslino che eseguisce
Ia piopiia paile inpoilanle. SoIoviev ci foinisce iI canovaccio, saia iI
nanosciillo che eseguiia iI iicano.
Ci si polia iinpioveiaie Ia naluia apociifa di queslo docunenlo, na se
fosse possiliIe di piovaie I'esislenza di queslo conpIollo nondiaIe pei
nezzo di Ielleie e di leslinonianze, e di snascheiaie i capi lenendone i fiIi
sanguinoIenli pei Ie nani, i "Misleii deII'iniquila" saielleio vioIali.
Secondo Ia liadizione non devono esseie snascheiali conpIelanenle sino
aI gioino deIIa incainazione deI "IigIio deIIa peidizione" (I'Anliciislo).
Non possiano, neII'alluaIe conpIicazione di piocedinenli deIilluosi,
speiai di aveie piove diielle, na dolliano conlenlaici deIIa ceilezza
acquislala nedianle I'insiene deIIe ciicoslanze, pei cui non iinaiia aIcun
dullio neIIa nenle di ogni osseivaloie ciisliano. Cio che segue dovielle
19
essei piova sufficienle pei lulli coIoio che hanno "oiecchi pei senliie": ò Io
scopo che ci siano piefissi, di spingeie lulli a pioleggeisi a lenpo e a
leneisi in guaidia. La noslia coscienza saia soddisfalla se, coII'aiulo di Dio,
polieno iaggiungeie iI noslio scopo, senza lullavia suscilaie iia conlio iI
popoIo accecalo d'IsiaeIe. Confidiano che i CenliIi non nuliiianno
senlinenli di odio veiso Ia nassa ciedenzona degIi isiaeIili, inconsapevoIe
deI peccalo salanico dei suoi capi - gIi Sciili e i Iaiisei - i quaIi hanno di
gia una voIla dalo Ia piova di esseie Ia disliuzione di IsiaeIe. Iei scansaie
I'iia di Dio iinane una soIa via - I'unione di lulli i ciisliani in Noslio
Signoie Cesù Ciislo, iI penlinenlo noslio e degIi aIlii - oppuie Io
sleininio lolaIe. Ma ò queslo possiliIe dale Ie condizioni alluaIi deI
nondo non iigeneialo` Non ò possiliIe pei iI nondo, na Io ò ancoia pei
Ia Russia ciedenle. La condizione poIilica degIi Slali Luiopei OccidenlaIi e
dei Ioio possedinenli o donini in aIlii conlinenli, fu piofelizzala daI
Iiincipe degIi AposloIi. L'unanila che aspiia aI peifezionanenlo deIIa sua
vila leiieslie va in ceica di una ieaIizzazione naggioie deII'idea di
polenza, che dovielle assicuiaie iI lenesseie di lulli, e liana un iegno di
saziela univeisaIe, essendo queslo divenlalo iI più aIlo ideaIe deIIa vila
unana. Lssa ha canlialo I'indiiizzo dei suoi ideaIi, dichiaiando
conpIelanenle sciedilala Ia Iede Ciisliana peiche essa non ha giuslificalo
Ie speianze che si iiponevano in essa. L'unanila iovescia i suoi idoIi di
ieii, ne ciea dei nuovi, innaIza nuovi Dei sugIi aIlaii, eiige Ioio lenpî, più
Iussuosi e nagnifici gIi uni degIi aIlii, poi Ii depone e Ii disliugge
nuovanenle. II geneie unano ha peidulo peifino iI concello deI poleie
dalo da Dio ai suoi LIelli e si avvicina senpie più aIIo slalo di anaichia.
Iia poco iI peinio deIIa liIancia iepullIicana e cosliluzionaIe saia
consunalo, Ia liIancia cioIIeia, e cioIIando liascineia lulli i Coveini
neII'alisso deII'anaichia fuienle.
L'uIlina laiiicala, I'uIlino iifugio deI nondo conlio I'uiagano che viene ò
Ia Russia. In essa Ia veia fede vive ancoia e I'Inpeialoie consacialo iinane
iI suo piolelloie sicuio.
Tulli gIi sfoizi di disliuzione dei seivi sinislii e paIesi deII'Anliciislo, lulli
gIi sfoizi dei suoi Iavoialoii coscienli e incoscienli, sono concenliali conlio
Ia Russia. Le iagioni di queslo sfoizo sono conosciule, I'oliellivo ò
conosciulo e deve esseie conosciulo daIIa Russia fedeIe e ciedenle. Quanlo
più ò ninaccioso iI nonenlo che si appiossina e più spavenlevoIi sono gIi
avveninenli che si avvicinano nascosli neIIe dense nuli, lanlo più devono
lalleie con coiaggio e deleininazione senpie naggioie i cuoii iussi
inliepidi ed audaci. Devono coiaggiosanenle uniisi inloino aIIo slendaido
sacio deIIa Ioio Chiesa ed aI Tiono deI Ioio Inpeialoie. Iinlanlo che vive
I'anina, finlanlo che iI cuoie lalle neI pello non deve liovai poslo Io
spellio noilaIe deIIa dispeiazione, locca a noi con Ia noslia fede di
olleneie Ia niseiicoidia deII'Onnipolenle e di iilaidaie I'oia deIIa cadula
deIIa Russia.


2O


--------------------------------------------------------------------------------


Ldizione fiancese deI 1934, copeilina

IROTOCOLLO I
IaiIeieno apeilanenle, disculeieno iI significalo di ogni iifIessione e, pei
nezzo di paiagoni e deduzioni, aiiiveieno a daie una spiegazione
conpIela esponendo così iI concello deIIa noslia poIilica e di queIIa dei
Coys (paioIa eliaica pei definiie lulli i CenliIi). Si deve anzilullo nolaie
che gI'individui coiiolli sono assai più nuneiosi di coIoio che hanno
noliIi islinli, peicio neI goveinaie iI nondo i nigIioii iisuIlali sono
ollenuli coIIa vioIenza e I'inlinidazione, anziche con Ie discussioni
accadeniche. Ogni uono niia aI poleie, ognuno voiielle esseie un
dillaloie e sono, in veio, assai iaii coIoio che non sono pionli a saciificaie
iI lenesseie aIliui pui di iaggiungeie Ie piopiie finaIila. Che cosa ha
fienalo queIIe leIve che chianiano uonini` Che cosa Ii ha goveinali` Nei
piinoidi deIIa civiIla si sono sollonessi aIIa foiza cieca e liulaIe, poi aIIa
Iegge Ia quaIe - in ieaIla - ò Ia slessa foiza, na nascheiala. Da cio dello
deduiie che, secondo Ia Iegge deIIa naluia, iI diiillo sla neIIa foiza. La
Iileila poIilica non ò un fallo, na una idea.
Si deve sapeie cone appIicaie quesla idea quando necessila, aIIo scopo di
seiviisene cone di un'esca pei alliiaie Ia foiza deIIa pIele aI piopiio
paililo, se dello paililo ha deciso di usuipaie iI poleie di un iivaIe. II
piolIena viene senpIificalo, se queslo iivaIe divenla infello da idee di
"Iileila" - daI cosiddello IileiaIisno - e se pei queslo ideaIe cede una paile
deI suo poleie. In quesle ciicoslanze liionfa iI noslio concello. Una nuova
nano affeiia Ie allandonale iedini deI Coveino, secondo vuoIe Ia Iegge
vilaIe, peiche Ia foiza cieca deI popoIo non puo esisleie pei un soIo gioino
senza un Capo che Ia guidi, ed iI nuovo Coveino non fa che sosliluiie iI
vecchio indeloIilo daI suo IileiaIisno.
Oggi gioino Ia polenza deII'oio ha sopiaffallo i iegini IileiaIi. Vi fu un
lenpo in cui Ia ieIigione goveinava. II concello deIIa Iileila non ò
ieaIizzaliIe peiche nessuno sa adopeiaiIa con disciezione. ßasla daie
I'aulononia di goveino ad un popoIo, pei un peiiodo lievissino, peiche
esso divenli una ciuinagIia disoiganizzala. Da queI nonenlo slesso
coninceianno i dissidi, i quaIi pieslo si liasfoinano in gueiie civiIi,
I'incendio si appicca ovunque e gIi Slali cessano viiluaInenle di esisleie.
Lo slalo, sia che si esauiisca in convuIsioni inleine, sia che Ia gueiia civiIe
Io dia in nano a un nenico esleino - puo consideiaisi definilivanenle e
lolaInenle disliullo e saia in noslio poleie. II dispolisno capilaIisla, che ò
inleianenle neIIe noslie nani, gIi lendeia un fusceIIo aI quaIe Io Slalo
dovia inevilaliInenle aggiappaisi pei evilaie di cadeie inesoialiInenle
neII'alisso.
Se quaIcuno pei nolivo di IileiaIisno asseiisce che siniIi discussioni sono
innoiaIi faio una donanda: peiche non ò innoiaIe pei uno Slalo che ha
due nenici, uno esleino e I'aIlio inleino, iI seiviisi conlio I'uno di nezzi
21
difensivi diveisi da queIIi che usa conlio I'aIlio, foinando cioò piani
segieli di difesa, e di allacco di nolle o con foize supeiioii` Dunque,
peiche dovielle esseie innoiaIe pei Io Slalo di seiviisi di quesli
nedesini nezzi conlio cio che iovina Ie sue fondanenla ed iI lenesseie
deIIa sua slessa esislenza` Iuo una nenle sana e Iogica speiaie di
goveinaie una nassa con successo pei nezzo di aigonenli e
iagionanenli, quando sussisle Ia possiliIila che essi siano conliaddelli da
aIlii i quaIi, anche se assuidi e iidicoIi, vengano piesenlali in guisa
alliaenle a queIIa paile deIIa pIele, che non ò capace di iagionaie o di
appiofondiie, guidala cone ò inleianenle da piccoIe passioni e
convenzioni, o da leoiie senlinenlaIi`
II giosso deIIa pIele, non iniziala ed ignoianle, assiene a coIoio che sono
soili e saIili da essa, vengono avviIuppali in dissensi di paililo, che
iendono inpossiliIe quaIsiasi accoido anche suIIa lase di aigonenli sani e
convincenli. Ogni decisione deIIa nassa dipende da una naggioianza
casuaIe o piedisposla Ia quaIe, neIIa sua lolaIe ignoianza dei nisleii
poIilici, appiova iisoIuzioni assuide, seninando in queslo nodo i geini
deII'anaichia. La poIilica non ha nienle di conune con Ia noiaIe, un
soviano che si Iascia guidaie daIIa noiaIe non ò un accoilo poIilico,
conseguenlenenle non ò sicuianenle assiso suI liono. Chi vuoI iegnaie
deve iicoiieie aII'asluzia ed aII'ipociisia. L'onesla e Ia sinceiila, giandi
quaIila unane, divenlano vizi in poIilica. Lsse fanno peideie iI liono più
ceilanenle che non iI più aceiiino nenico. Quesle quaIila devono esseie
gIi alliiluli deIIe nazioni CenliIi, na noi non siano affallo coslielli a
Iasciaici andaie da esse. II noslio diiillo sla neIIa foiza. La paioIa "diiillo"
iappiesenla un'idea aslialla senza lase aIcuna, e significa ne più ne neno
che: "daleni queIIo che vogIio peiche io possa dinosliaivi in conseguenza
che io son più foile di voi".
Dove piincipia iI diiillo e dove leinina` In uno Slalo dove iI poleie ò naIe
oiganizzalo, ove Ie Ieggi e Ie peisonaIila deI iegnanle sono iesi inefficaci
daI conlinuo IileiaIisno invadenle, io ni seivo di una nuova foina di
allacco usando deI diiillo deIIa foiza pei disliuggeie i canoni e i
iegoIanenli gia esislenli, inpadioniini deIIe Ieggi, iioiganizzaie lulle Ie
isliluzioni, e divenlaie così iI dillaloie di coIoio i quaIi hanno
sponlaneanenle iinuncialo aI Ioio poleie confeiendoIo a noi. La noslia
foiza, neIIe alluaIi lialaIIanli condizioni deII'auloiila civiIe, saia naggioie
di quaIsiasi aIlia, peiche saia invisiliIe, sino aI nonenlo che saieno
divenlali lanlo foili da non leneie più nessun allacco pei quanlo
aslulanenle piepaialo. DaI naIe lenpoianeo, aI quaIe siano ollIigali a
iicoiieie, eneigeia iI lenefizio in un iegine incioIIaliIe che ieinlegieia iI
funzionanenlo deII'esislenza naluiaIe, disliullo daI IileiaIisno.
II fine giuslifica i nezzi.
NeI foinuIaie i noslii piani, dolliano faie allenzione non lanlo a cio che
ò luono e noiaIe, quanlo a cio che ò necessaiio e vanlaggioso.
Alliano davanli un piano dove ò liacciala una Iinea slialegica daIIa quaIe
non dolliano deviaie, aIliinenli disliuggeieno iI Iavoio di secoIi. Iei
slaliIiie uno schena d'azione adegualo, dolliano lenei piesenle Ia
neschinila, I'incoslanza e Ia nancanza di equiIiliio noiaIe deIIa foIIa,
22
nonche I'incapacila sua di conpiendeie e di iispellaie Ie condizioni slesse
deI suo lenesseie e deIIa sua esislenza. Si deve conpiendeie, che Ia foiza
deIIa foIIa ò cieca e senza acune, che poige ascoIlo oia a deslia oia a
sinislia. Se iI cieco guida iI cieco, anledue cadianno neIIa fossa.
Conseguenlenenle quei nenlii deIIa foIIa che sono venuli su da essa,
non possono, anche essendo degIi uonini d'ingegno, guidaie Ie nasse
senza iovinaie Ia Nazione. SoIanenle chi ò slalo educalo aIIa sovianila
aulocialica puo Ieggeie Ie paioIe foinale con I'aIfalelo poIilico. II popoIo
allandonalo a se slesso, cioò in laIìa di individui saIili su daIIa pIele,
viene iovinalo dai dissensi di paililo che hanno oiigine daII'avidila di
poleie e daIIa lianosia di onoii, geneialiici di agilazioni e disoidini.
L foise possiliIe che Ie nasse possano giungeie lianquiIIanenle ed
anninisliaie senza geIosia gIi affaii di Slalo che non devono confondeie
con i Ioio inleiessi peisonaIi` Iossono Ie nasse oiganizzaie Ia difesa
conlio iI nenico esleino` Cio ò assoIulanenle inpossiliIe, peiche un
piano suddiviso in lanle paili quanle sono Ie nenli deIIa nassa, peide iI
suo vaIoie e quindi divenla ininleIIigiliIe ed ineseguiliIe. SoIlanlo un
aulociale puo concepiie piani vasli, assegnando Ia sua paile a ciascun enle
deI neccanisno deIIa nacchina slalaIe. Quindi concIudiano esseie uliIe
pei iI lenesseie deI paese, che iI goveino deI nedesino sia neIIe nani di
un soIo individuo iesponsaliIe. Senza iI dispolisno assoIulo Ia civiIla non
puo esisleie, peiche Ia civiIla puo esseie pionossa soIanenle sollo Ia
piolezione deI iegnanle, chiunque egIi sia, e non daIIa nassa.
La foIIa ò lailaia, ed agisce lailaianenle in ogni occasione. La luila,
appena acquisla Ia Iileila, iapidanenle Ia liasfoina in anaichia, Ia quaIe ò
pei se slessa Ia nassina deIIe lailaiie. Dale uno sguaido a quei liuli
aIcooIizzali iidolli aII'inleciIIila daIIe levande iI cui consuno iIIinilalo ò
loIIeialo daIIa Iileila! Dovieno noi peinelleie a noi slessi ed ai noslii
siniIi di faie aIliellanlo` I popoIi deIIa Ciislianila sono fuoiviali
daII'aIcooI, Ia Ioio giovenlù ò iesa foIIe daIIe oigie cIassiche e pienaluie
aIIe quaIi I'hanno isligala i noslii agenli - e cioò i piecelloii, i doneslici, Ie
isliluliici, gIi inpiegali, i connessi e via dicendo -, daIIe noslie donne nei
Ioio Iuoghi di diveilinenlo, ed a quesle uIline aggiungo anche Ie
cosiddelle "Signoie deIIa Sociela" - Ioio sponlanee seguaci neIIa coiiuzione
e neIIa Iussuiia.
II noslio nollo deve esseie: "QuaIunque nezzo di foiza ed ipociisia!".
In poIilica vince soIlanlo Ia foiza schiella, speciaInenle se essa si nasconde
neII'ingegno indispensaliIe pei un uono di Slalo. La vioIenza deve esseie
iI piincipio, I'asluzia e I'ipociisia dellono esseie Ia iegoIa di quei goveini
che non desideiano di depoiie Ia Ioio coiona ai piedi degIi agenli di una
polenza nuova. II naIe ò I'unico nezzo pei iaggiungeie iI lene. Ieilanlo
non dolliano aiieslaici dinanzi aIIa coiiuzione, aII'inganno e aI
liadinenlo, se quesli nezzi dellono seiviie aI successo deIIa noslia causa.
In poIilica dolliano sapei confiscaie Ie piopiiela senza aIcuna esilazione,
se con cio possiano olleneie I'assoggellanenlo aIliui e iI poleie pei noi. II
noslio Slalo, seguendo Ia via deIIa conquisla pacifica, ha iI diiillo di
sosliluiie agIi oiioii deIIa gueiia Ie esecuzioni, neno appaiiscenli e più
uliIi, che sono i nezzi necessaii pei nanleneie iI leiioie, pioducendo una
23
sollonissione cieca. La seveiila giusla ed inpIacaliIe ò iI falloie piincipaIe
deIIa polenza deIIo Slalo. Non soIo peiche ò vanlaggioso, na aIliesì pei
doveie e pei Ia villoiia, dolliano alleneici aI piogianna deIIa vioIenza e
deII'ipociisia. I noslii piincipi sono aIliellanlo polenli quanlo i nezzi coi
quaIi Ii nelliano in allo. Queslo ò iI nolivo pei cui non soIo con quesli
nezzi nedesini na anche con Ia seveiila deIIe noslie dolliine,
liionfeieno ed assoggelleieno lulli i Coveini aI noslio Supei-Coveino.
ßasla che si sappia che siano inpIacaliIi pei pieveniie ogni iecaIcilianza.
Anche neI passalo noi funno i piini a gellaie aI popoIo Ie paioIe
d'oidine: "Lileila, uguagIianza, fialeIIanza". IaioIe così spesso iipelule, da
queI lenpo in poi, da pappagaIIi ignoianli accoiienli in foIIa da ogni dove
inloino a quesl'insegna. Cosloio, iipelendoIe, loIseio aI nondo Ia
piospeiila ed aII'individuo Ia veia Iileila peisonaIe, che piina eia slala
così lene saIvaguaidala, inpedendo aIIa pIelagIia di soffocaiIa.
I CenliIi sedicenli dolli e gIi inleIIigenli, non peicepiiono quanlo fosseio
aslialle Ie paioIe che pionunciavano e non si accoiseio che quesle paioIe
non soIo non si accoidavano, na si conliaddicevano addiiilluia.
Lssi non seppeio vedeie che I'eguagIianza non esisle neIIa naluia, Ia quaIe
ciea caIilii diveisi e disuguaIi di nenle, caialleie e capacila. Così ò d'uopo
assoggellaisi aIIe Ieggi deIIa naluia. Quesli sapienloni non seppeio inluiie
che Ia nassa ò una polenza cieca e che coIoio i quaIi, eneigendo da essa,
vengono chianali aI goveino, sono uguaInenle ciechi in fallo di poIilica,
che un uono deslinalo a iegnaie puo goveinaie, anche se sia uno sciocco,
na che un uono iI quaIe non ò slalo piepaialo a laIe conpilo, non
conpiendeielle nuIIa di poIilica anche se fosse un genio. I CenliIi hanno
nesso da paile lullo cio, nenlie ò su quesla lase, che fu fondalo iI
goveino dinaslico.
II padie soIeva isliuiie iI figIio neI significalo e neIIo svoIginenlo deIIe
evoIuzioni poIiliche in nanieia laIe che nessuno, fuoiche i nenlii deIIa
dinaslia, polesse aveine conoscenza e che peilanlo nessuno polesse
sveIaine i segieli aI popoIo goveinalo. CoI lenpo iI significalo dei veii
insegnanenli poIilici, quaIi eiano liasnessi neIIe dinaslie da una
geneiazione aII'aIlia, ando peidulo, e quesla peidila conliiluì aI successo
deIIa noslia causa. II noslio appeIIo di: "Iileila, uguagIianza, fialeIIanza",
alliio inlieie Iegioni neIIe noslie fiIe dai quallio canli deI nondo alliaveiso
i noslii inconsci agenli, e quesle Iegioni poilaiono i noslii slendaidi
eslalicanenle. NeI fiallenpo quesle paioIe iodevano, cone aIliellanli
veini, iI lenesseie dei Ciisliani e disliuggevano Ia Ioio pace, Ia Ioio
coslanza, Ia Ioio unione, iovinando così Ie fondanenla degIi Slali. Cone
vedieno in seguilo, quesla azione deleinino iI noslio liionfo. Lsso ci
delle, fia I'aIlio, Ia possiliIila di giocaie I'asso di liiscoIa, vaIe a diie di
olleneie I'aloIizione di piiviIegi, ossia, in aIlie paioIe, I'aloIizione
deII'aiislociazia dei CenliIi, Ia quaIe eia I'unica difesa che Ie Nazioni ed i
paesi possedevano conlio di noi. Sopia Ie iovine di una aiislociazia
naluiaIe ed eiedilaiia, cosliuinno un'aiislociazia noslia a lase
pIulocialica. Iondanno quesla nuova aiislociazia suIIa iicchezza, che noi
conlioIIavano, e suIIa scienza pionossa dai noslii dolli. II noslio liionfo
fu faciIilalo daI fallo, che noi, nedianle Ie noslie ieIazioni con peisone che
24
eiano indispensaliIi, alliano senpie agilo suIIa paile suscelliliIe deIIa
nenle unana, cioò sfiullando I'avidila di guadagno deIIe noslie villine, Ia
Ioio ingoidigia, Ia Ioio inslaliIila, nonche piofillando deIIe esigenze
naluiaIi deII'uono, poiche ognuna di quesle deloIezze, piesa da se, ò
capace di disliuggeie I'inizialiva, ponendo così Ia polenza voIiliva deI
popoIo in laIìa di coIoio che voiielleio piivaiIo di lullo iI suo poleie di
inizialiva. II significalo asliallo deIIa paioIa Iileila iese possiliIe di
convinceie Ie luile che iI Coveino non ò aIlio che un geienle
iappiesenlanle iI possessoie - vaIe a diie Ia Nazione -, e peilanlo puo
esseie nesso da paile cone un paio di guanli usali. II fallo che i
iappiesenlanli deIIa Nazione possono esseie desliluili Ii diede in noslio
poleie e fece sì che Ia Ioio nonina ò pialicanenle neIIe noslie nani.


IROTOCOLLO II

Iei iI noslio scopo ò indispensaliIe che Ie gueiie non pioducano
nodificazioni leiiiloiiaIi. In laI nodo, senza aIleiazioni leiiiloiiaIi, Ia
gueiia veiielle liasfeiila sopia una lase econonica. AIIoia Ie nazioni
dovianno iiconosceie Ia noslia supeiioiila pei I'assislenza che sapieno
daie ad esse, e queslo slalo di cose nelleia enlianle Ie paili aIIa neicò dei
noslii inleinediaiii inleinazionaIi dagIi occhi di Iince, i quaIi hanno inoIlie
nezzi assoIulanenle iIIinilali. AIIoia i noslii diiilli inleinazionaIi
canceIIeianno Ie Ieggi deI nondo e noi goveineieno i paesi neIIo slesso
nodo che i singoIi goveini goveinano i Ioio suddili.
ScegIieieno fia iI pullIico anninislialoii che alliano lendenze seiviIi.
Lssi non avianno espeiienza deII'aile di goveinaie, e peicio saianno
faciInenle liasfoinali in aIliellanle pedine deI noslio giuoco, pedine che
saianno neIIe nani dei noslii asluli ed eiudili consigIieii, speciaInenle
educali fino daII'infanzia neII'aile di goveinaie iI nondo. Cone gia sapele,
quesli uonini hanno sludialo Ia scienza deI goveino dai noslii piani
poIilici, daII'espeiienza dalaci daIIa sloiia e daIIa osseivazione degIi
avveninenli che si susseguono. I CenliIi non liaggono piofillo da coslanli
osseivazioni sloiiche, na seguono una iouline leoiica senza consideiaie
quaIi possano esseine Ie conseguenze, quindi non occoiie piendeiIi in
consideiazione. Lasciano che si diveilano finche I'oia suoneia, oppuie
IascianoIi viveie neIIa speianza di nuovi diveilinenli, o neI iicoido di
godinenli che fuiono. LascianoIi neIIa convinzione che Ie Ieggi leoiiche,
che alliano ispiialo Ioio, siano pei essi di supiena inpoilanza. Con
quesla nòla in visla e coII'aiulo deIIa noslia slanpa, aunenliano
conlinuanenle Ia Ioio cieca fiducia in quesle Ieggi. Le cIassi isliuile dei
CenliIi si vanleianno deIIa piopiia eiudizione e nelleianno in pialica,
senza veiificaiIe, Ie cognizioni ollenule daIIa scienza che i noslii agenli
scodeIIaiono Ioio aIIo scopo piefisso di educaine Ie nenli secondo Ie
noslie diiellive. Non ciediale che Ie noslie asseizioni siano paioIe vane:
nolale iI successo di Daivin, di Maix e di Nielsche, che fu inlieianenle
piepaialo da noi. L'azione denoiaIizzaliice di quesle scienze suIIe nenli
dei CenliIi dovielle ceilanenle esseici evidenle. Iei evilaie di
25
connelleie eiioii neIIa noslia poIilica e neI noslio Iavoio di
anninisliazione, ò pei noi essenziaIe di sludiaie e di lenei piesenle
I'alluaIe andanenlo deI pensieio, Ie caialleiisliche e Ie lendenze deIIe
nazioni.
II successo deI noslio piano consisle neIIa sua adallaliIila aI lenpeianenlo
deIIe nazioni coIIe quaIi veniano a conlallo. Lsso non puo iiusciie se Ia
sua appIicazione pialica non ò lasala suII'espeiienza deI passalo, inlegiala
con Ie osseivazioni deII'oia piesenle. La slanpa ò una giande foiza neIIe
nani dei piesenli Coveini, i quaIi pei suo nezzo conlioIIano Ie nenli
popoIaii. La slanpa dinoslia Ie pielese vilaIi deIIa popoIazione, ne iende
nole Ie Iagnanze e laIvoIla ciea Io sconlenlo neIIa pIele. La ieaIizzazione
deIIa Iileila di paioIa nacque neIIa slanpa, na i goveini non seppeio
usufiuiie di quesla foiza ed essa cadde neIIe noslie nani. Iei nezzo deIIa
slanpa acquislanno infIuenza pui iinanendo dielio Ie quinle. In viilù
deIIa slanpa accunuIanno I'oio: ci coslo fiuni di sangue ed iI saciificio
di noIla genle noslia, na ogni saciificio daI Ialo noslio, vaIe nigIiaia di
CenliIi neI cospello di Dio.





IROTOCOLLO III

Oggi vi posso assicuiaie che siano a pochi passi daIIa noslia nòla.
Rinane da peicoiieie ancoia una lieve dislanza e poi iI cicIo deI Seipenle
SinloIico - enlIena deIIa noslia genle - saia conpIelo. Quando queslo
cicIo saia chiuso, lulli gIi Slali Luiopei vi saianno coslielli cone da calene
infiangiliIi. La liIancia sociaIe oia esislenle andia pieslo in isfaceIo,
peiche noi ne aIleiiano conlinuanenle I'equiIiliio, aIIo scopo di IogoiaiIa
e disliuggeine I'efficienza aI più pieslo possiliIe.
I CenliIi ciedelleio che laIe liIancia fosse foile e iesislenle e confidavano
di leneiIa senpie accuialanenle in equiIiliio, na i suoi soslegni, cioò i
capi degIi Slali, liovano un inpedinenlo nei Ioio seiviloii i quaIi non
giovano nuIIa ad essi, peiche sono liascinali daIIa Ioio iIIinilala foiza
d'inliigo, causala dai leiioii che pievaIgono neIIe Coili. II Soviano,
siccone non ha i nezzi pei peneliaie neI cuoie deI suo popoIo, non puo
difendeisi conlio gIi inliiganli avidi di poleie. Dacche noi alliano scisso
iI poleie vigiIe daI poleie cieco deIIa popoIazione, enlianli hanno peidulo
iI Ioio significalo, peiche una voIla divisi, sono speisi I'uno e I'aIlio cone
un cieco aI quaIe nanchi iI suo laslone. Iei induiie gIi ananli deI poleie a
faie callivo uso dei Ioio diiilli, aizzanno lulle Ie Iolenze, Ie une conlio Ie
aIlie, incoiaggiandone Ie lendenze IileiaIi veiso I'indipendenza. Alliano
fonenlalo ogni inpiesa in queslo senso, ponendo così deIIe aini
foinidaliIi neIIe nani di lulli i pailili, e alliano fallo sì che iI poleie fosse
Ia nòla di ogni anlizione. I goveini Ii alliano liasfoinali in aiene dove
si conlallono Ie gueiie di paililo. Iia poco iI disoidine ed iI faIIinenlo
26
appaiiianno ovunque. Chiacchieioni iiiefienaliIi liasfoinaiono Ie
assenlIee paiIanenlaii ed anninislialive in iiunioni di conlioveisia.
CioinaIisli audaci, e sfacciali sciilloii di opuscoIi, allaccano conlinuanenle
i poleii anninislialivi. L'aluso deI poleie piepaieia definilivanenle iI
cioIIo di lulle Ie isliluzioni e lullo cadia sollo i coIpi deIIa popoIazione
infeiocila. II popoIo ò assoggellalo neIIa niseiia daI sudoie deIIa sua
fionle in un nodo assai più foinidaliIe che non daIIe Ieggi deIIa
schiavilù. Da quesl'uIlina i popoIi poleiono affiancaisi in un nodo o in
un aIlio, nenlie nuIIa Ii polia Iileiaie daIIa liiannide deIIa conpIela
indigenza. Ionenno cuia di inseiiie neIIe cosliluzioni noIli diiilli che pei
Ie nasse sono puianenle fillizi. Tulli i cosidelli "diiilli deI popoIo"
possono esisleie soIo in leoiie Ie quaIi non sono pialicanenle appIicaliIi.
QuaI vanlaggio deiiva ad un opeiaio deI pioIelaiialo, cuivalo daIIe sue
duie faliche ed oppiesso daI deslino, daI fallo che un ciaiIone olliene iI
diiillo di paiIaie, od un gioinaIisla queIIo di slanpaie quaIsiasi
sciocchezza` A che giova una cosliluzione aI pioIelaiialo, se da essa non
iiceve aIlio lenefizio che Ie liicioIe che gIi gelliano daIIa noslia lavoIa
quaIe iiconpensa peiche dia i suoi voli ai noslii agenli` I diiilli
iepullIicani sono un'iionia pei iI poveio, peiche Ia duia necessila deI
Iavoio quolidiano gIi inpedisce di iicavaie quaIsiasi leneficio da diiilli di
laI geneie e non fa che logIieigIi Ia gaianzia di uno slipendio fisso e
conlinuo iendendoIo schiavo degIi sciopeii, di chi gIi da Iavoio e dei suoi
conpagni. Sollo i noslii auspici Ia pIele ha conpIelanenle disliullo
I'aiislociazia, Ia quaIe senpie Ia sovvenne e Ia cuslodì pei iI vanlaggio
piopiio, che eia insepaialiIe daI lenesseie deIIa popoIazione. Oggi gioino
iI popoIo, avendo disliullo i piiviIegi deII'aiislociazia, ò cadulo sollo iI
giogo di fuili sfiullaloii e di genle venula su daI nuIIa. Noi alliano
I'inlenzione di assuneie I'aspello di Iileialoii deII'opeiaio, venuli pei
affiancaiIo da cio che Io oppiine, quando gIi suggeiiieno di uniisi aIIa
fiIa dei noslii eseicili di sociaIisli, anaichici e conunisli. Sosleniano i
conunisli, fingendo di anaiIi giusla i piincipii di fialeIIanza e
deII'inleiesse geneiaIe deII'unanila, pionosso daIIa noslia nassoneiia
sociaIisla. L'aiislociazia, Ia quaIe - pei diiillo - spailiva iI guadagno deIIe
cIassi opeiaie, si inleiessava peiche quesle cIassi fosseio len nuliile, sane e
iolusle. II noslio scopo ò invece I'opposlo, vaIe a diie che ci inleiessiano
aIIa degeneiazione dei CenliIi. La noslia foiza consisle neI leneie
conlinuanenle I'opeiaio in uno slalo di penuiia ed inpolenza, peiche, così
facendo, Io leniano assoggellalo aIIa noslia voIonla e, neI piopiio
anlienle, egIi non lioveia nai Ia foiza e I'eneigia di insoigeie conlio di
noi. La fane confeiiia aI CapilaIisno dei diiilli suI Iavoialoie
infinilanenle più polenli di queIIi che iI Iegillino poleie deI Soviano
polesse confeiiie aIIa aiislociazia.
Noi goveiniano Ie nasse nedianle i senlinenli di geIosia ed odio
fonenlali daII'oppiessione e daIIa niseiia. Ld ò facendo uso di quesli
senlinenli che logIiano di nezzo lulli coIoio che ci oslacoIano.
Quando veiia iI gioino deII'incoionazione deI noslio Soviano MondiaIe,
piovvedeieno con quesli slessi nezzi, e cioò seivendoci deIIa pIele, a
disliuggeie lullo cio che polielle oslacoIaie iI noslio cannino. I CenliIi
27
non sono più capaci di iagionaie in naleiia di scienza, senza iI noslio
aiulo. Iei queslo nolivo essi non conpiendono Ia necessila vilaIe di ceile
condizioni, che noi ci facciano un doveie di lenei nascosle sino aI
nonenlo in cui giungeia Ia noslia oia, speciaInenle, che neIIe scuoIe si
dovielle insegnaie Ia soIa veia e più inpoilanle di lulle Ie scienze, e cioò
Ia scienza deIIa vila deII'uono e deIIe condizioni sociaIi, Ie quaIi
iichiedono enlianle Ia spailizione deI Iavoio e conseguenlenenle Ia
cIassificazione degIi individui in casle e cIassi.
L indispensaliIe che lulli sappiano che Ia veia eguagIianza non puo
esisleie, dala Ia naluia diveisa deIIe vaiie quaIila di Iavoio, e che peilanlo
coIoio i quaIi agiscono a deliinenlo di lulla una casla incoiiono in una
iesponsaliIila len diveisa, davanli aIIa Iegge, di queIIi che connellono un
deIillo nocivo soIlanlo aI Ioio onoie peisonaIe.
La veia scienza deIIe condizioni sociaIi, ai segieli deIIa quaIe non
annelliano i CenliIi, convinceielle iI nondo che iI Iavoio e gIi inpieghi
si dovielleio assegnaie a casle len dislinle, aIIo scopo di evilaie
insoffeienze unane deiivanli da una educazione non coiiispondenle aI
Iavoio che gIi individui sono chianali ad eseguiie. Se essi sludiasseio
quesla scienza, iI popoIo si sollonelleielle voIonlaiianenle ai poleii
goveinalivi e aIIe casle di goveino cIassificale da essi.
Dale Ie condizioni alluaIi deIIa scienza, che segue una Iinea liacciala da
noi, Ia pIele, neIIa sua ignoianza, ciede ciecanenle neIIe paioIe slanpale e
neIIe iIIusioni eiionee oppoilunanenle ispiiale da noi, ed odia lulle Ie
cIassi che ciede più eIevale deIIa sua. Cio peiche essa non conpiende
I'inpoilanza di ogni singoIa casla. Queslo odio divenleia ancoia più aculo
quando si lialleiia di ciisi econoniche, peiche aIIoia aiiesleia i neicali e
Ia pioduzione. Deleinineieno una ciisi econonica univeisaIe con lulli i
nezzi cIandeslini possiliIi coII'aiulo deII'oio, che ò lullo neIIe noslie nani.
In paii lenpo gelleieno suI Iasliico foIIe enoini di opeiai, in lulla
I'Luiopa. AIIoia quesle nasse si gelleianno con gioia su coIoio dei quaIi,
neIIa Ioio ignoianza, sono slali geIosi sin daII'infanzia, ne saccheggeianno
gIi aveii e ne veiseianno iI sangue. A noi non iecheianno danno, peiche iI
nonenlo deII'allacco ci saia len nolo, e piendeieno Ie nisuie necessaiie
pei pioleggeie i noslii inleiessi. Siano iiuscili a peisuadeie i CenliIi che iI
IileiaIisno avielle dalo Ioio iI iegno deIIa iagione. II noslio dispolisno
saia di quesla specie peiche avia iI poleie di soppiineie Ie iileIIioni e di
siadicaie con giusla seveiila ogni idea IileiaIe daIIe isliluzioni.
Quando Ia pIele si avvide che in none deIIa Iileila Ie venivano concessi
diiilli di ogni geneie, si innagino di esseie Ia padiona e lenlo di assuneie
iI poleie. NaluiaInenle s'inlalle cone un cieco quaIsiasi, in oslacoIi
innuneievoIi. AIIoia, non voIendo loinaie aI iegine di piina, depose iI
suo poleie ai noslii piedi.
Ricoidalevi deIIa iivoIuzione fiancese, che chianiano Ia Ciande
RivoIuzione: ellene, lulli i segieli deIIa sua piepaiazione oiganica ci sono
len noli, essendo Iavoio deIIe noslie nani. Da aIIoia in poi alliano fallo
suliie aIIe nazioni una deIusione dopo I'aIlia, cosicche esse dovianno
peifino iinnegaici, in favoie deI Re Despola, uscilo daI sangue di Sionne,
che sliano piepaiando aI nondo.
28
NeI nonenlo alluaIe noi cone foiza inleinazionaIe siano invuIneialiIi,
peiche quando siano assaIili da uno dei goveini dei CenliIi, aIlii ci
soslengono. NeIIa Ioio innensa lassezza, i popoIi Ciisliani aiulano Ia
noslia indipendenza. Cio fanno quando si piosleinano davanli aIIa foiza,
quando sono senza piela pei i deloIi, ciudeIi pei Ie coIpe e induIgenli pei i
deIilli, quando si iifiulano di annelleie Ie conliaddizioni deIIa Iileila,
quando sono pazienli fino aI nailiiio neI soppoilaie Ia vioIenza di una
liiannia audace.
Lssi loIIeiano da paile dei Ioio alluaIi dillaloii, Iiesidenli dei ConsigIi e
Minislii, degIi alusi pei iI più piccoIo dei quaIi avielleio ucciso cenlo ie.
Cone si spiega queslo slalo di cose` Ieiche Ie nasse sono lanlo iIIogiche
neI faisi un concello degIi avveninenli` La iagione ò che i despoli
peisuadono iI popoIo, pei nezzo dei Ioio agenli, che I'aluso deI poleie
con evidenle danno aIIo Slalo ò conpiulo pei uno scopo eIevalo, vaIe a
diie pei olleneie Ia piospeiila deIIa popoIazione e pei I'anoie deIIa
fialeIIanza inleinazionaIe, deII'unione e deII'eguagIianza. Si capisce che
quesli agenli non dicono aI popoIo, che laIe unificazione puo esseie
ollenula soIlanlo sollo iI noslio doninio, di nodo che vediano Ia
popoIazione condannaie gI'innocenli ed assoIveie i coIpevoIi, convinla che
polia senpie faie cio che Ie paie e piace. La pIele, dala quesla sua
condizione nenlaIe, disliugge lullo cio che ò slaliIe e ciea Io sconpigIio
ovunque. La paioIa "Iileila" poila Ia sociela a Iollaie conlio lulle Ie
polenze, peisino conlio Ie polenze deIIa Naluia e di Dio. Queslo ò iI
nolivo pei cui, quando noi aiiiveieno aI poleie, dovieno canceIIaie Ia
paioIa "Iileila" daI dizionaiio unano, essendo essa iI sinloIo deIIa foiza
lesliaIe che liasfoina Ie popoIazioni in leIve asselale di sangue. Occoiie
peio lenei piesenle che quesle leIve si addoinenlano appena saziale di
sangue e che in queI nonenlo ò faciIe affascinaiIe e iiduiIe in ischiavilù.
Se non si piocuia ad esse deI sangue, non si addoinenleianno na
Iolleianno fia di Ioio.


IROTOCOLLO IV

Ogni RepullIica alliaveisa vaiie fasi. La piina fase ò iappiesenlala dai
piini gioini di fuiia cieca, quando Ie luile annienlano e disliuggono a
deslia e a sinislia. La seconda ò iI iegno deI denagogo che pionuove
I'anaichia ed inpone iI poleie assoIulo. Queslo dispolisno non ò
ufficiaInenle IegaIe ed ò, peilanlo, iiiesponsaliIe, esso ò nascoslo ed
invisiliIe, na neI nedesino lenpo si fa senliie. Lsso ò geneiaInenle
conlioIIalo da una oiganizzazione segiela Ia quaIe agisce dielio Ie spaIIe di
quaIche agenle ed ò conseguenlenenle lanlo più audace e senza sciupoIi.
A quesla foiza segiela non inpoileia di nulaie gIi agenli che Ia
nascheiano. Quesli nulanenli aiuleianno peisino I'oiganizzazione, Ia
quaIe con queslo nezzo si slaiazzeia dei suoi vecchi seiviloii, ai quaIi
avielle dovulo daie un foile pienio, dala Ia duiala deI Ioio seivizio. Chi
o che cosa puo delionizzaie una polenza segiela` Lllene laIe ò appunlo iI
noslio Coveino. La Ioggia nassonica in ogni paile deI nondo agisce
29
inconscianenle da nascheia aI noslio scopo. Ma I'uso che faieno di
quesla polenza neI noslio piano di azione, cone i noslii quailieii geneiaIi,
ieslano peipeluanenle sconosciuli aII'univeiso.
La Iileila polielle non esseie danno e sussisleie nei goveini e nei paesi
senza piegiudicaie iI lenesseie deI popoIo, se fosse lasala suIIa ieIigione,
suI linoie di Dio e suIIa fialeIIanza unana, scevia da quei concelli di
uguagIianza che sono in conliaddizione diiella con Ie Ieggi deIIa cieazione
che hanno oidinalo Ia sollonissione. Rello da una fede siniIe, iI popoIo
saielle goveinalo daIIe paiiocchie e vivielle lianquiIIanenle ed
uniInenle sollo Ia luleIa dei suoi pasloii spiiiluaIi, sollonellendosi
aII'oidinanenlo da Dio slaliIilo suIIa leiia. Ld ò peicio che dolliano
canceIIaie peisino iI concello di Dio daIIe nenli dei Ciisliani,
iinpiazzandoIo con caIcoIi aiilnelici e lisogni naleiiaIi. AIIo scopo di
sloinaie Ie nenli Ciisliane daIIa noslia poIilica ò assoIulanenle necessaiio
di leneiIe occupale neII'indusliia e neI conneicio. Così lulle Ie nazioni
Iavoieianno incessanlenenle pei iI Ioio piopiio vanlaggio, ed in quesla
Iolla univeisaIe non si accoigeianno deI nenico conune. Ma peiche Ia
Iileila sconnella e iovini conpIelanenle Ia vila sociaIe dei CenliIi,
dolliano nelleie iI conneicio sopia una lase di specuIazione. II
iisuIlalo di cio saia che Ie iicchezze deIIa leiia, iicavale pei nezzo deIIa
pioduzione, non iinaiianno neIIe nani dei CenliIi, na passeianno,
alliaveiso Ia specuIazione, neIIe noslie cassefoili. La Iolla pei Ia
supienazia e Ia specuIazione conlinua neI nondo degIi affaii, pioduiia
una sociela denoiaIizzala, egoisla e senza cuoie. Quesla sociela divenleia
conpIelanenle indiffeienle e peisino nenica deIIa ieIigione e disguslala
daIIa poIilica. La lianosia deII'oio saia I'unica sua guida. L quesla sociela
Iolleia pei I'oio, facendo un veio cuIlo dei piaceii naleiiaIi che esso puo
piocacciaiIe. AIIoia Ie cIassi infeiioii si uniianno a noi conlio i noslii iivaIi
- cioò conlio i CenliIi piiviIegiali - senza neppui fingeie di esseie aninale
da un nolivo noliIe, e neppuie pei anoie deIIe iicchezze, na unicanenle
pei iI Ioio odio schiello conlio Ie cIassi più eIevale.





IROTOCOLLO V


Che geneie di goveino si puo daie ad una sociela neIIa quaIe iI
suloinanenlo e Ia coiiuzione sono peneliale ovunque, dove Ie iicchezze
si possono olleneie soIanenle di soipiesa o con nezzi fiaudoIenli, dove iI
dissenso pievaIe in lullo, e Ia noiaIila si nanliene unicanenle pei nezzo
deI casligo e di Ieggi seveie, e non in conseguenza di piincipi
voIonlaiianenle accellali, dove iI senlinenlo paliiollico e ieIigioso affoga
neIIe convinzioni cosnopoIilane` QuaIe aIlia foina di goveino si puo daie
a siniIi sociela, fuoiche queIIa despolica che vi desciiveio oia`
3O
Oiganizzeieno un goveino foilenenle cenliaIizzalo, in nodo da
acquislaie Ie foize sociaIi pei noi. Iei nezzo di nuove Ieggi iegoIeieno Ia
vila poIilica dei noslii suddili cone se fosseio lanli pezzi di una nacchina.
TaIi Ieggi Iinileianno giadalanenle lulle Ie fianchigie e Ie Iileila
accoidale dai CenliIi. In queslo nodo iI noslio iegno si sviIuppeia in un
dispolisno così possenle, da esseie in giado di schiacciaie i CenliIi
naIconlenli o iecaIcilianli in quaIunque oia ed in quaIunque Iuogo.
Ci diianno che iI geneie di poleie assoIulo che suggeiisco non si confa coI
piogiesso alluaIe deIIa civiIla, na vi dinoslieio, invece, che ò piopiio veio
iI conliaiio. AIIoiquando i popoIi consideiavano i Ioio soviani cone
I'espiessione deIIa voIonla di Dio, si sollonellevano lianquiIIanenle aI
dispolisno dei Ioio nonaichi. Ma daI gioino in cui infondenno neIIe
popoIazioni iI concello dei Ioio diiilli, esse coninciaiono a consideiaie i
Re cone senpIici noilaIi. AI cospello deIIa pIele Ia Sanla unzione cadde
daI capo dei nonaichi, e quando ad essa logIienno anche Ia ieIigione, iI
poleie fu gellalo suIIa via cone pullIica piopiiela e venne affeiialo da
noi. OIlie a cio, fia Ie noslie doli anninislialive conliano queIIa di sapei
goveinaie Ie nasse e gI'individui pei nezzo di fiaseoIogie aslule, di leoiie
confezionale fuilanenle, di iegoIe di vila e di ogni aIlio nezzo d'inganno
aIIellanle. Tulle quesle leoiie, che i CenliIi non conpiendono affallo, sono
lasale suII'anaIisi e suII'osseivazione unile ad una così sapienle
aigonenlazione, che non liova I'uguaIe fia i noslii iivaIi, così cone essi
non possono conpeleie con noi neIIa cosliuzione di piani di soIidaiiela e
di azione poIilica. L'unica sociela da noi conosciula che saielle capace di
faici concoiienza in quesle aili polielle esseie queIIa dei Cesuili. Ma
siano iiuscili a sciedilaie i Cesuili agIi occhi deIIa pIele slupida pei Ia
iagione che quesla sociela ò un'oiganizzazione paIese, nenlie noi ci
leniano dielio Ie quinle, nanlenendo iI segielo deIIa noslia. AI nondo, in
fin dei conli, inpoileia poco se divenleia suo padione iI capo deIIa Chiesa
CalloIica, oppuie un liianno deI sangue di Sionne. Ma pei noi "popoIo
piediIello" Ia queslione non ò indiffeienle. Iei un ceilo peiiodo i CenliIi
polielleio foise essei capaci di leneici lesla. Ma a queslo iiguaido non
alliano da leneie peiche siano saIvaguaidali daII'odio piofondanenle
iadicalo che nuliono gIi uni veiso gIi aIlii e che non si puo esliipaie.
Alliano nesso in conliaslo gIi uni con gIi aIlii lulli gIi inleiessi peisonaIi
e nazionaIi dei CenliIi, fonenlandone lulli i piegiudizi ieIigiosi e nazionaIi
pei quasi venli secoIi. A lullo queslo Iavoiìo si deve iI fallo, che nessun
goveino lioveielle appoggio nei suoi vicini, se si appeIIasse ad essi pei
oppoisi a noi, peiche ognuno di essi saielle convinlo che un'azione
conlio di noi polielle esseie disasliosa pei Ia sua esislenza individuaIe.
Noi siano lioppo polenli, iI nondo inleio deve faie i conli con noi. I
Coveini non possono faie iI più piccoIo liallalo senza iI noslio inleivenlo
segielo. "Iei ne ieges iegunl" - i soviani iegnano pei nezzo nio -.
Leggiano neIIa Legge dei Iiofeli, che siano piesceIli da Dio pei
goveinaie iI nondo. Dio ci ha dalo I'ingegno e Ia capacila di conpieie
queslo Iavoio. Se vi fosse un genio neI canpo nenico, egIi polielle foise
ancoia conlalleici, na un nuovo venulo non polielle conpeleie con dei
vecchi Iollaloii cone noi, e iI confIillo fia Iui e noi assuneielle un
31
caialleie laIe, che iI nondo non ne avielle ancoia vislo I'eguaIe. Oianai ò
lioppo laidi pei iI Ioio Cenio. Tulle Ie iuole deI neccanisno slalaIe sono
nesse in nolo da una foiza che ò neIIe noslie nani: I'oio!
La scienza deII'econonia poIilica sludiala dai noslii giandi sapienli ha gia
dinoslialo che Ia foiza deI capilaIe supeia iI piesligio deIIa Coiona.
II capilaIe pei aveie iI canpo Iileio, deve olleneie I'assoIulo nonopoIio
deII'indusliia e deI conneicio. Queslo scopo viene gia iaggiunlo da una
nano invisiliIe in lulle Ie paili deI nondo. Queslo piiviIegio faia sì che
lulla Ia foiza poIilica saia neIIe nani dei conneicianli, i quaIi coI piofillo
alusivo oppiineianno Ia popoIazione.
Oggi gioino conviene disainaie i popoIi piulloslo che conduiIi aIIa
gueiia. L più inpoilanle sapeisi seiviie pei Ia noslia causa deIIe passioni
aidenli che spegneiIe. Incoiaggiaie Ie idee aIliui e faine uso peI piano
noslio piulloslo che dispeideiIe. II piolIena piincipaIe pei iI noslio
goveino ò queslo: cone indeloIiie iI ceiveIIo pullIico nedianle Ia ciilica,
cone faigIi peideie Ia facoIla di iagionaie che ò fonile d'opposizione,
cone disliaiie Ia nenlaIila deI pullIico pei nezzo di fiaseoIogie
insensale.
In lulli i lenpi Ie nazioni, aI paii degIi individui, hanno pieso Ie paioIe pei
falli, peiche si conlenlano di queIIo che odono e len di iado si cuiano di
veiificaie se Ie pionesse siano slale adenpiule, o pui no.
Conseguenlenenle noi, soIlanlo pei daiIa ad inlendeie, oiganizzeieno
deIIe isliluzioni i cui nenlii dinoslieianno e Iodeianno, con eIoquenli
discoisi, Ie Ioio conliiluzioni aI "piogiesso".
Iiendeieno un alleggianenlo IileiaIe pei lulli i pailili e pei lulle Ie
lendenze e Io conunicheieno a lulli i noslii oialoii, i quaIi saianno
laInenle Ioquaci, da slancaie iI pullIico, iI quaIe saia slufo e iislucco di
quaIunque geneie d'eIoquenza e ne avia allaslanza.
Iei inpadioniici deIIa pullIica opinione dovieno anzilullo confondeiIa
aI nassino giado nedianle Ia espiessione da lulle Ie paili deIIe opinioni
più conliaddilloiie, affinche i CenliIi si snaiiiscano neI Ialiiinlo deIIe
nedesine. Ld aIIoia essi conpiendeianno, che Ia nigIioi via da seguiie ò
queIIa di non aveie opinioni in fallo di poIilica, Ia poIilica non essendo
cosa da esseie inlesa daI pullIico, na iiseivala soIlanlo ai diiigenli gIi
affaii. L queslo ò iI piino segielo.
II secondo segielo, necessaiio aI successo conpIelo deI noslio goveino,
consisle neI noIlipIicaie ad un punlo laIe gIi eiioii, i vizi, Ie passioni e Ie
Ieggi convenzionaIi deI paese, che nessuno possa vedeici chiaio in siniIe
caos. Quindi gIi uonini cesseianno di conpiendeisi a vicenda. Quesla
poIilica ci aiuleia puie a seninaie Ia zizzania in lulli i pailili, a dissoIveie
lulle Ie foize coIIellive, a scoiaggiaie ogni inizialiva individuaIe, Ia quaIe
polielle in quaIche nodo inliaIciaie i noslii piogelli. Non vi ò nuIIa di
più dannoso deII'inizialiva individuaIe: se ò assecondala daII'inleIIigenza
essa ci puo iecaie naggioi danno dei niIioni di esseii che alliano aizzalo
a diIaniaisi vicendevoInenle.
Dolliano daie aII'educazione di lulla Ia sociela ciisliana un indiiizzo laIe,
che Ie cadano Ie liaccia pei dispeiazione in lulli i casi nei quaIi un'inpiesa
donandi deII'inizialiva individuaIe. La lensione piodolla daIIa piopiia
32
Iileila d'azione, peide di foiza quando inconlia Ia Iileila d'azione aIliui.
Ne conseguono Ie scosse noiaIi, Ie disiIIusioni ed i faIIinenli. Con quesli
nezzi oppiineieno i Ciisliani ad un laIe punlo, che Ii ollIigheieno a
chiedeici di goveinaiIi inleinazionaInenle. Quando iaggiungeieno una
siniIe posizione, polieno innedialanenle assoiliie lulli i poleii
goveinalivi deI nondo e foinaie un Supei-goveino univeisaIe, aI poslo
dei goveini oia esislenli, nelleieno un coIosso che si chianeia
I'"Anninisliazione deI Supeigoveino". Le sue nani si aIIungheianno
cone innense lanagIie e dispoiia di una laIe oiganizzazione, che olleiia
ceilanenle Ia conpIela sollonissione di lulli i paesi.





IROTOCOLLO VI


Iia lieve piincipieieno ad oiganizzaie vasli nonopoIi - seilaloi di
iicchezze coIossaIi - nei quaIi peisino Ie giandi foilune dei CenliIi saianno
coinvoIle in nodo laIe che cioIIeianno insiene aI ciedilo deI Ioio goveino
iI gioino dopo che avia avulo Iuogo Ia ciisi poIilica |L'inlenzione degIi
Lliei di iiliiaie iI Ioio denaio aII'uIlino nonenlo ò evidenle. (Nola deI T.
ingIese)j.
CoIoio fia gIi aslanli che sono econonisli, caIcoIino I'inpoilanza di queslo
piogello.
Dolliano adopeiaie ogni nezzo pei sviIuppaie Ia popoIaiila deI noslio
supeigoveino, piesenlandoIo cone iI piolelloie e iI iinuneialoie di lulli
coIoio che voIonlaiianenle si sollonelleianno a noi.
L'aiislociazia dei CenliIi non esisle più quaIe polenza poIilica, di nodo
non dolliano uIleiioinenle leneine conlo da queslo punlo di visla. Ieio
essa, in quanlo piopiielaiia di leiieni, cosliluisce senpie un peiicoIo pei
noi, giacche Ie sue iendile Ie assicuiano I'indipendenza. Ieilanlo ò
essenziaIe pei noi di piivaie I'aiislociazia deIIe sue leiie, a quaIunque
coslo. Iei iaggiungeie queslo scopo, iI nodo nigIioie ò queIIo di
aunenlaie conlinuanenle Ie lasse e Ie inposle, e con cio iI vaIoie dei
leiieni si nanleiia aI più lasso IiveIIo possiliIe.
CIi aiislocialici dei CenliIi, i quaIi, dale Ie Ioio aliludini eiedilaiie, sono
incapaci di acconlenlaisi di poco, andianno pieslo in iovina.
NeI nedesino lenpo dolliano daie con ogni inpegno Ia nassina
piolezione possiliIe aIIe indusliie ed aI conneicio e speciaInenle aIIa
specuIazione, iI cui conpilo piincipaIe ò di agiie cone conliappeso aIIe
indusliie. Senza Ia specuIazione, I'indusliia aunenleielle iI capilaIe
piivalo e lendeielle a soIIevaie I'agiicoIluia, Iileiando Ie leiie dai delili e
daIIe ipoleche pei gIi anlicipi deIIe lanche agiicoIe. L' invece essenziaIe
che I'indusliia piosciughi Ia leiia di lulle Ie sue iicchezze, e che Ia
specuIazione concenlii neIIe noslie nani lulle Ie iicchezze deI nondo
33
ollenule con quesli nezzi. In queslo nodo lulli i CenliIi veiianno iidolli
neIIe fiIe deI pioIelaiialo, ed aIIoia essi si piegheianno davanli a noi pei
olleneie iI diiillo di esisleie.
AIIo scopo di iovinaie Ie indusliie dei CenliIi e di aiulaie Ia specuIazione,
incoiaggeieno I'anoie peI Iusso sfienalo, che alliano gia sviIuppalo.
Aunenleieno i saIaii, cio che non poileia leneficio aII'opeiaio, peiche
conlenpoianeanenle acciesceieno iI piezzo deIIe soslanze più necessaiie,
coI pieleslo dei callivi iisuIlali dei Iavoii agiicoIi. Con asluzia nineieno Ie
lasi deIIa pioduzione, seninando i geini deIIa anaichia fia gIi opeiai ed
incoiaggiandoIi neII'aluso degIi aIcooIici. NeI lenpo slesso adopieieno
lulli i nezzi possiliIi pei iscacciaie daI paese lulli i CenliIi inleIIigenli.
Iei evilaie che i CenliIi ieaIizzino pienaluianenle iI veio slalo deIIe cose,
nascondeieno iI noslio piano sollo I'appaienle desideiio di aiulaie Ie
cIassi Iavoialiici aIIa soIuzione dei giandi piolIeni econonici: quesla
noslia piopaganda viene aiulala in lullo e pei lullo daIIe noslie leoiie
econoniche.


IROTOCOLLO VII

L'inlensificazione deI seivizio niIilaie, nonche I'aunenlo deIIa poIizia
sono puie essenziaIi aIIa iiuscila dei piogelli soviaindicali. Iei noi ò
essenziaIe aggiuslaie Ie cose in nodo, che oIlie noi, in lulli i paesi non
siavi aIlio che un enoine pioIelaiialo, cioò aIliellanli soIdali e poIiziolli
fedeIi aIIa noslia causa.
In lulla I'Luiopa, e con I'aiulo deII'Luiopa, sugIi aIlii conlinenli dolliano
fonenlaie sedizioni, dissensi e osliIila iecipioche. In queslo havvi un
doppio vanlaggio: in piino Iuogo, con laIi nezzi olleniano iI iispello di
lulli i paesi, i quaIi si iendono len conlo che alliano iI poleie o di
suscilaie quaIunque iivoIla a piacei noslio, oppuie di iislaliIiie I'oidine.
Tulli i paesi hanno I'aliludine di iivoIgeisi a noi pei Ia necessaiia
piessione quando essa occoiie. In secondo Iuogo, a fuiia di inliighi
inliogIieieno i fiIi lessuli da noi nei ninisleii di lulli i Coveini, non soIo
nedianle Ia noslia poIilica, na aIliesì con i liallali di conneicio e Ie
ollIigazioni finanziaiie. Iei iiusciie in quesl'inlenlo, dolliano usaie
noIla asluzia e solligIiezza duianle Ie liallalive e gIi accoidi, na in queIIo
che chianasi "iI Iinguaggio ufficiaIe", assuneieno Ia lallica opposla, vaIe a
diie avieno I'appaienza di esseie oneslissini e disposli a sollonelleici.
Così i goveini dei CenliIi, ai quaIi alliano insegnalo a vedeie soIanenle
Ia paile ponposa degIi affaii, peI nodo cone gIieIi piesenliano, ci
leiianno peifino in conlo di lenefalloii e di saIvaloii deII'unanila.
Dolliano nelleici in condizioni laIi da polei iispondeie ad ogni
opposizione, con una dichiaiazione di gueiia da paile deI paese
confinanle a queIIo Slalo che osasse alliaveisaici Ia sliada, e quaIoia laIi
confinanli aIIa Ioio voIla decidesseio di uniisi conlio noi, dovieno
iispondeie pionuovendo una gueiia univeisaIe.
II piincipaIe successo in poIilica consisle neI giado di segielezza inpiegalo
neI conseguiiIo. Le azioni di un dipIonalico non devono coiiispondeie
34
aIIe sue paioIe. Iei giovaie aI noslio piano nondiaIe, che si avvicina aI
leinine desideialo, dolliano inpiessionaie i goveini dei CenliIi
nedianle Ia cosidella pullIica opinione, che in ieaIla viene dovunque
piepaiala da noi pei nezzo di queI nassino fia i poleii che ò Ia slanpa, Ia
quaIe - falle insignificanli eccezioni di cui non ò iI caso lenei conlo - ò
conpIelanenle neIIe noslie nani. In lieve: pei dinosliaie che lulli i
goveini dei CenliIi sono noslii schiavi, faieno vedeie iI noslio poleie ad
uno di essi pei nezzo di alli di vioIenza, vaIe a diie, con un iegno di
leiioie |Nolale Io slalo alluaIe deIIa Russia (Nola deI T. ingIese)j, e quaIoia
lulli i goveini insoigesseio conlio di noi, Ia noslia iisposla saia dala dai
cannoni aneiicani, cinesi e giapponesi.


IROTOCOLLO VII

L'inlensificazione deI seivizio niIilaie, nonche I'aunenlo deIIa poIizia
sono puie essenziaIi aIIa iiuscila dei piogelli soviaindicali. Iei noi ò
essenziaIe aggiuslaie Ie cose in nodo, che oIlie noi, in lulli i paesi non
siavi aIlio che un enoine pioIelaiialo, cioò aIliellanli soIdali e poIiziolli
fedeIi aIIa noslia causa.
In lulla I'Luiopa, e con I'aiulo deII'Luiopa, sugIi aIlii conlinenli dolliano
fonenlaie sedizioni, dissensi e osliIila iecipioche. In queslo havvi un
doppio vanlaggio: in piino Iuogo, con laIi nezzi olleniano iI iispello di
lulli i paesi, i quaIi si iendono len conlo che alliano iI poleie o di
suscilaie quaIunque iivoIla a piacei noslio, oppuie di iislaliIiie I'oidine.
Tulli i paesi hanno I'aliludine di iivoIgeisi a noi pei Ia necessaiia
piessione quando essa occoiie. In secondo Iuogo, a fuiia di inliighi
inliogIieieno i fiIi lessuli da noi nei ninisleii di lulli i Coveini, non soIo
nedianle Ia noslia poIilica, na aIliesì con i liallali di conneicio e Ie
ollIigazioni finanziaiie. Iei iiusciie in quesl'inlenlo, dolliano usaie
noIla asluzia e solligIiezza duianle Ie liallalive e gIi accoidi, na in queIIo
che chianasi "iI Iinguaggio ufficiaIe", assuneieno Ia lallica opposla, vaIe a
diie avieno I'appaienza di esseie oneslissini e disposli a sollonelleici.
Così i goveini dei CenliIi, ai quaIi alliano insegnalo a vedeie soIanenle
Ia paile ponposa degIi affaii, peI nodo cone gIieIi piesenliano, ci
leiianno peifino in conlo di lenefalloii e di saIvaloii deII'unanila.
Dolliano nelleici in condizioni laIi da polei iispondeie ad ogni
opposizione, con una dichiaiazione di gueiia da paile deI paese
confinanle a queIIo Slalo che osasse alliaveisaici Ia sliada, e quaIoia laIi
confinanli aIIa Ioio voIla decidesseio di uniisi conlio noi, dovieno
iispondeie pionuovendo una gueiia univeisaIe.
II piincipaIe successo in poIilica consisle neI giado di segielezza inpiegalo
neI conseguiiIo. Le azioni di un dipIonalico non devono coiiispondeie
aIIe sue paioIe. Iei giovaie aI noslio piano nondiaIe, che si avvicina aI
leinine desideialo, dolliano inpiessionaie i goveini dei CenliIi
nedianle Ia cosidella pullIica opinione, che in ieaIla viene dovunque
piepaiala da noi pei nezzo di queI nassino fia i poleii che ò Ia slanpa, Ia
quaIe - falle insignificanli eccezioni di cui non ò iI caso lenei conlo - ò
35
conpIelanenle neIIe noslie nani. In lieve: pei dinosliaie che lulli i
goveini dei CenliIi sono noslii schiavi, faieno vedeie iI noslio poleie ad
uno di essi pei nezzo di alli di vioIenza, vaIe a diie, con un iegno di
leiioie |Nolale Io slalo alluaIe deIIa Russia (Nola deI T. ingIese)j, e quaIoia
lulli i goveini insoigesseio conlio di noi, Ia noslia iisposla saia dala dai
cannoni aneiicani, cinesi e giapponesi.


IROTOCOLLO VIII

Dolliano inpadioniici di lulli i nezzi che i noslii nenici polielleio
iivoIgeie conlio noi. Ricoiieieno aIIe più inliicale e conpIicale
espiessioni deI dizionaiio deIIa Iegge, aIIo scopo di scoIpaici neIIa
evenluaIila che fossino coslielli a pionunciaie decisioni che polesseio
senliaie eccessivanenle audaci, oppuie ingiusle. Ieiche saia
sonnanenle inpoilanle espiineie quesle decisioni in guisa così efficace,
che si piesenlino aIIe genli cone Ia nassina nanifeslazione di noiaIila,
equila e giuslizia. II noslio goveino deve esseie ciicondalo da lulle Ie foize
deIIa civiIla in nezzo aIIe quaIi esso dovia agiie. Alliieia a se i pullIicisli,
gIi avvocali, i pialicanli, gIi anninislialoii, i dipIonalici ed infine gIi
individui piepaiali neIIe noslie scuoIe avanzale speciaIi. Quesli individui
conosceianno i segieli deIIa vila sociaIe, saianno padioni di lulle Ie Iingue
nesse insiene con Ie Ielleie e Ie paioIe poIiliche, avianno una peifella
conoscenza deIIa paile inlina e segiela deIIa naluia unana, con lulle Ie
sue coide più sensiliIi, che essi dovianno fai iisuonaie e viliaie secondo
Ia Ioio voIonla. Quesle coide cosliluiscono I'insiene deI ceiveIIo dei
CenliIi, deIIe Ioio quaIila luone o callive, deIIe Ioio lendenze e dei Ioio
vizi, nonche deIIe Ioio pecuIiaiila di casle e di cIassi.
S'inlende che quesli sapienli consigIieii deIIa noslia polenza non saianno
sceIli fia i CenliIi, che sono aliluali a faie iI Ioio Iavoio anninislialivo
senza lenei piesenli i iisuIlali che devono conseguiie, e peisino senza
sapeie Io scopo pei cui laIi iisuIlali sono iichiesli. CIi anninislialoii dei
CenliIi foinano i docunenli senza IeggeiIi e pieslano seivizio o pei anoie
o pei anlizione.
Ciicondeieno iI noslio goveino con un veio eseicilo di econonisli.
Queslo ò iI nolivo pei cui si insegna piincipaInenle agIi Lliei Ia scienza
deII'econonia. Saieno ciicondali da nigIiaia di lanchieii, di conneicianli
e, cosa ancoia più inpoilanle, di niIionaiii, peiche, in ieaIla, ogni cosa
saia decisa daI danaio. NeI fiallenpo, finlanlo che non saia piudenle
iienpiie gIi incaiichi di goveino con i noslii fialeIIi Ciudei, affideieno i
posli inpoilanli a individui Ia cui fana e iI cui caialleie siano così callivi
da scavaie un alisso fia essi e Ia Nazione, ed anche a genle di laI iisna,
che allia linoie di finiie in gaIeia se ci disollediia. L lullo queslo aIIo
scopo di ollIigaie cosloio a difendeie i noslii inleiessi finche alliano
fialo in coipo.



36

IROTOCOLLO IX


NeII'appIicaie quesli noslii piincipi dovele ladaie speciaInenle aIIe
caialleiisliche deIIa nazione neIIa quaIe vi liovale e neIIa quaIe .dovele
opeiaie. Non dovele aspellaivi di appIicaie geneiicanenle con successo i
noslii piincipi, fino a che Ia nazione di cui si lialla non saia slala iieducala
secondo Ie noslie dolliine. Iiocedendo con cauleIa neII'appIicazione dei
noslii piincipi, vediele, piina che siano passali dieci anni, canliali i
caialleii più oslinali, e noi così avienno aggiunlo un'aIlia nazione aIIe fiIe
di queIIe che ci sono gia sollonesse.
AIIe paioIe IileiaIi deIIa noslia divisa nassonica: "Iileila, uguagIianza e
fialeIIanza", sosliluiieno, non queIIe deI noslio veio nollo, na lensì deIIe
paioIe espiinenli senpIicenenle un'idea, e diieno: "iI diiillo deIIa Iileila,
iI doveie deII'uguagIianza ed iI concello deIIa fialeIIanza" e così
piendeieno iI loio pei Ie coina. In ieaIla noi alliano gia disliullo lulle Ie
foize di goveino fuoiche Ia noslia, lenche esislano ancoia in leoiia. AI
nonenlo alluaIe, se un Coveino assune un alleggianenlo a noi conliaiio
si lialla di una puia foinaIila, esso agisce essendo noi pienanenle
infoinali deI suo opeialo e coI noslio consenso, accoidalo peiche Ie
dinosliazioni anli-seniliche ci sono uliIi pei nanleneie I'oidine fia i
noslii fialeIIi ninoii. Non anpIieio di più queslo aigonenlo, peiche Io
alliano gia discusso noIle aIlie voIle.
II fallo sla ed ò, che non inconliiano oslacoIi di soila. II noslio Coveino
occupa una posizione così eccessivanenle foile di fionle aIIa Iegge, che
quasi possiano, pei designaiIo, adopeiaie Ia polenle paioIa: dillaluia.
Iosso oneslanenle asseiiie che aI nonenlo alluaIe noi siano IegisIaloii,
giudichiano e caslighiano, giusliziano e peidoniano, siano, pei così
diie, iI conandanle in capo di lulli gIi eseicili e cavaIchiano aIIa Ioio lesla.
Coveiniano con una foiza polenlissina, peiche alliano neIIe nani i
fiannenli di un paililo che una voIla fu foile ed ò oia soggello a noi.
Alliano un'anlizione senza Iinili, un'ingoidigia divoialiice, un
desideiio di vendella spielalo ed un odio inlenso. Siano Ia soigenle di un
leiioie che eseicila Ia sua infIuenza a giande dislanza. Alliano aI noslio
seivizio individui di lulle Ie opinioni e di lulli i pailili: uonini che
desideiano iislaliIiie Ie nonaichie, sociaIisli, conunisli, e lulli coIoio che
adeiiscono ad ogni geneie di ulopie. Tulli cosloio sono aggiogali aI noslio
caiio. Ciascuno di essi nina, a nodo piopiio, i iesidui deI poleie ceicando
di disliuggeie Ie Ieggi lulloia esislenli. Con quesli piocedinenli lulli i
goveini sono loinenlali, uiIano lianquiIIila e pei anoi di pace sono
disposli a quaIunque saciificio. Ma noi negheieno ad essi lianquiIIila e
pace finche non iiconosceianno uniInenle iI noslio supei-goveino
inleinazionaIe.
Le pIeli piocIanano a gian voce Ia necessila di iisoIveie iI piolIena
sociaIe, nedianle I'inleinazionaIe. I dissensi fia i pailili Ii danno neIIe
noslie nani, peiche, pei conduiie un'opposizione ò essenziaIe avei deI
denaio, e queslo Io conlioIIiano noi.
37
Tenevano che iI poleie espeiinenlalo dei soviani CenliIi facesse aIIeanza
con Ia polenza cieca deIIa pIele, na alliano pieso lulle Ie nisuie
pievenlive necessaiie pei evilaie che cio avvenisse. Iia quesle due
polenze alliano edificalo una nuiagIia che consisle neI leiioie che
anledue nuliono I'una veiso I'aIlia. Di nodo che iI poleie cieco deIIa
pIele ò divenlalo iI soslegno deI noslio paililo. Noi soIi ne saieno i capi e
Io guideieno veiso I'adenpinenlo deI noslio scopo. Ieiche Ia nano deI
cieco non si Iileii daIIa noslia sliella, dolliano leneici coslanlenenle in
conlallo coIIe nasse, se non di peisona, pei Io neno nedianle i fedeIi
fialeIIi. Quando divenleieno una polenza iiconosciula, aiiingheieno Ia
popoIazione di peisona, neIIe piazze, e Ia isliuiieno neIIa poIilica in queI
nodo e con queII'indiiizzo che giudicheieno convenienle.
Cone polieno veiificaie cio che saia insegnalo aI popoIo neIIe scuoIe di
canpagna` In ogni caso Ie paioIe pionunciale daII'invialo goveinalivo o
daI soviano slesso, saianno conosciule ceilanenle daII'inleia nazione,
peiche Ie diffondeia Ia voce slessa deI popoIo.
Iei non disliuggeie pienaluianenle Ie isliluzioni dei CenliIi, noi vi
alliano poslo sopia Ie noslie nani espeile inpadionendoci deIIe noIIe
noliici dei Ioio neccanisni. Quesli eiano, una voIla, congegnali con
seveiila e giuslizia, na noi alliano sosliluilo a lullo cio anninisliazioni
IileiaIi e disoidinale.
Alliano nesso Ie noslie nani ovunque: neIIa giuiisdizione, neIIe
eIezioni, neII'anninisliazione deIIa slanpa, neI pionuoveie Ia Iileila
individuaIe, e, cosa ancoi più inpoilanle, neII'educazione, che cosliluisce
iI soslegno piincipaIe deIIa Iileia esislenza.
Alliano coileIIalo e coiiollo Ia nuova geneiazione dei CenliIi,
insegnandoIe piincipii e leoiie di cui conoscevano Ia faIsila assoIula, pui
avendoIi incuIcali con assidua cuia. Iui senza veianenle aIleiaie Ie Ieggi
in vigoie, na soIlanlo defoinandone iI significalo ed inleipielandoIe in
senso diveiso da queIIo che avevano in nenle coIoio che Ie foinuIaiono,
alliano ollenulo dei iisuIlali eslienanenle uliIi. Si ò polulo cio olleneie
piincipaInenle pei iI fallo, che I'inleipielazione noslia nascose iI veio
significalo deIIe Ieggi, ed in seguilo Ie iese laInenle inconpiensiliIi, che
divenlo inpossiliIe pei i Coveini iI dipanaie un codice di Ieggi così
confuso. Da cio elle oiigine Ia leoiia di non ladaie aIIa Ielleia deIIa Iegge,
na di giudicaie secondo Ia coscienza.
Ci si conlesla, che Ie nazioni possono insoigeie conlio di noi quaIoia i
noslii piani siano scopeili pienaluianenle, na noi, anlicipando queslo
avveninenlo, possiano essei sicuii di nelleie in azione una foiza
laInenle foinidaliIe da fai ialliividiie anche gIi uonini più coiaggiosi.
In queI lenpo lulle Ie cilla avianno feiiovie neliopoIilane e passaggi
solleiianei: da quesli faieno saIlaie in aiia lulle Ie cilla deI nondo,
insiene aIIe Ioio isliluzioni e ai Ioio docunenli |IiolaliInenle ò una
affeinazione da inlendeisi aI figuialo, con aIIusione aI loIscevisno (Nola
deI T. ingIese)j.


38



IROTOCOLLO X


Oggi coninceio iipelendo cio che ò slalo gia dello e vi piego lulli di lenei
piesenle che i goveini e Ie nazioni si conlenlano, in poIilica, deI Ialo
appaiiscenle di quaIunque cosa.
L, dove lioveielleio iI lenpo di esaninaie Ia paile iecondila degIi
avveninenli se i Ioio iappiesenlanli non pensano che a diveiliisi`
Iei Ia noslia poIilica ò sonnanenle inpoilanle di lenei piesenle iI
pailicoIaie sopiadello, peiche ci saia di giande aiulo quando disculeieno
laIuni piolIeni, cone ad esenpio Ia disliiluzione deI poleie, Ia Iileila di
paioIa, di slanpa e di ieIigione, iI diiillo di fondaie associazioni,
I'eguagIianze di fionle aIIa Iegge, I'invioIaliIila deIIa piopiiela e deI
doniciIio, Ia quislione deIIa lassazione (iI concello deIIa lassazione
segiela) e Ia foiza ielioalliva deIIe Ieggi. Tulli gIi aigonenli di queslo
geneie sono di laIe naluia, che non ò piudenle di disculeiIi apeilanenle in
cospello deI pullIico. Ma neI caso in cui saieno ollIigali di faine cenno
aIIa foIIa, gIi aigonenli non dovianno esseie enuneiali lensì, senza
enliaie in pailicoIaii, si dovianno faie aI popoIo deIIe dichiaiazioni ciica i
piincipii deI diiillo nodeino iiconosciuli da noi.
L'inpoilanza deIIa ielicenza sla neI fallo, che un piincipio iI quaIe non sia
slalo paIesalo apeilanenle, ci Iascia una giande Iileila d'azione, nenlie iI
piincipio slesso, una voIla dichiaialo, acquisla iI caialleie di una cosa
slaliIila.
La Nazione liene in consideiazione speciaIe Ia polenza di un genio poIilico
e loIIeia lulle Ie sue piepolenze connenlandoIe in queslo nodo: "Che liio
liilone, na con che aliIila Io ha eseguilo!". Oppuie: "Che canagIiala, na
cone len falla, e con quanlo coiaggio!".
Noi speiiano di alliiaie lulle Ie nazioni a Iavoiaie pei nelleie Ie
fondanenla deI nuovo edificio da noi piogellalo. Iei quesla iagione,
dolliano assicuiaici i seivizi di agenli audaci e leneiaiii, capaci di
allalleie quaIunque oslacoIo aI noslio avanzaie.
Quando faieno iI noslio coIpo di Slalo, diieno aI popoIo: "Tullo andava
in naIoia, lullo avele soffeilo, na oia noi disliuggiano Ie cause deIIe
voslie soffeienze, vaIe a diie Ie nazionaIila, Ie fionlieie, e Ie nonele
nazionaIi. Ceilanenle saiele Iileii di condannaici, na iI voslio veidello
non puo essei giuslo se Io pionunciale piina di espeiinenlaie cio che
possiano faie pei iI voslio lene". AIIoia iI popoIo, esuIlanle e pieno di
speianza, ci poileia in liionfo. La polenza deI volo, aI quaIe alliano
addeslialo i nenlii più insignificanli deII'unanila pei nezzo di conizi
oiganizzali e di accoidi pieslaliIili, adenpiia aIIoia iI suo uIlino conpilo.
Quesla polenza, che ò slalo iI nezzo con cui "ci siano nessi suI liono", ci
pagheia I'uIlino suo delilo neIIa sua ansia di vedeie iI iisuIlalo deIIe
noslie pioposle, piina di pionunciaie iI suo giudizio in pioposilo. Iei
iaggiungeie Ia naggioianza assoIula dolliano induiie lulli a volaie
39
senza dislinzione di cIasse, una naggioianza siniIe non si polielle
olleneie daIIe cIassi educale o da una sociela divisa in casle.
Dunque, avendo incuIcalo in ogni uono iI concello deIIa piopiia
inpoilanza, disliuggeieno Ia vila faniIiaie dei CenliIi e Ia sua infIuenza
educaliice. Inpediieno agIi uonini di ceiveIIo di faisi avanli, ed iI
popoIo, guidalo da noi, non soIo Ii leiia sollonessi, na non peinelleia
neppuie ad essi di nanifeslaie i Ioio piani.
La luila ò aliluala a daici ascoIlo, peiche Ia paghiano pei aveie
I'allenzione e I'olledienza. Con lulli quesli nezzi cieeieno una foiza così
cieca, che non saia nai capace di piendeie una decisione senza Ia guida
dei noslii agenli, incaiicali di guidaiIa.
La pIele si sollonelleia a queslo slalo di cose peiche sapia che daI
lenepIacilo di quesli capi dipendeianno i suoi saIaii, i suoi guadagni e
lulli gIi aIlii lenefizi.
Queslo sislena di goveino deve esseie iI Iavoio di una nenle soIa, peiche
saielle inpossiliIe di consoIidaiIo se fosse iI Iavoio conlinalo di noIle
inleIIigenze. Queslo ò iI nolivo pei cui ci ò concesso soIlanlo di conosceie
iI piano d'azione, .na non dolliano in nessuno nodo disculeiIo, pei
evilaie di disliuggeine I'efficacia, iI funzionanenlo deIIe sue singoIe paili
ed iI vaIoie pialico di ogni suo punlo.
TaIi piani, se fosseio posli in discussione e nodificali in seguilo a
successivi sciulini, essi veiielleio defoinali daII'insiene dei naIinlesi
nenlaIi, deiivanli daI fallo che i volanli non ne avielleio penelialo
piofondanenle iI significalo.
Ieilanlo ò necessaiio che i noslii piani siano decisivi e Iogicanenle
pondeiali. Quesla ò Ia iagione pei cui dolliano evilaie ad ogni coslo che
I'opeia giandiosa deI noslio duce sia Iaceiala e falla in pezzi daIIa pIele, o
anche da una canaiiIIa quaIsiasi. Iei oia quesli piani non sconvoIgeianno
Ie isliluzioni esislenli, ne aIleieianno soIlanlo Ie leoiie econoniche e
conseguenlenenle lullo iI coiso deIIe Ioio pioceduie, che dovianno
seguiie inevilaliInenle Ia via liacciala dai noslii piani.
In ogni paese esislono Ie slesse isliluzioni, quanlunque sollo noni diveisi,
e sono Ie caneie dei iappiesenlanli deI popoIo, i ninisleii, iI senalo, una
quaIunque specie di consigIio piivalo, nonche lulli i dipailinenli
IegisIalivi e anninislialivi.
Non occoiie che io vi spieghi iI neccanisno connellenle lulle quesle
diffeienli isliluzioni, peiche ne siele peifellanenle aI coiienle. Nolale
soIanenle, che ciascuna deIIe sopiaddelle isliluzioni coiiisponde a
quaIche inpoilanle funzione deI goveino. (Adopeio Ia paioIa
"inpoilanle", non in iiguaido aIIe isliluzioni slesse, na lensì iifeiendoni
aIIe Ioio funzioni). Tulle quesle isliluzioni si sono iipailile Ie vaiie
funzioni goveinalive, vaIe a diie i poleii anninislialivi, IegisIalivi, ed
eseculivi. L Ie Ioio funzioni sono divenlale siniIi a queIIe dei singoIi
oigani deI coipo unano.
Se danneggiano una quaIunque paile deI neccanisno goveinalivo, lullo
Io Slalo ne soffiiia e ne noiiia, cone accade pei un coipo unano. Quando
inocuIanno iI veIeno deI IileiaIisno neII'oiganisno deIIo Slalo, Ia sua
cosliluzione poIilica canlio, gIi Slali divenlaiono infellali da una naIallia
4O
noilaIe: Ia deconposizione deI sangue. Dolliano soIo allendeie Ia fine
deIIa Ioio agonia. II IileiaIisno fece nasceie i goveini cosliluzionaIi, che
sosliluiiono I'aulociazia, I'unica foina sana di goveino dei CenliIi. La
foina cosliluzionaIe, cone len sapele, non ò aIlio che una scuoIa di
dissensioni, disaccoidi, conlese e inuliIi agilazioni di paililo: in lieve, essa
ò Ia scuoIa di lullo cio che indeloIisce I'efficienza deI goveino. La liiluna,
cone puie Ia slanpa, hanno conliiluilo a iendeie i goveinanli deloIi ed
inallivi, iendendoIi in laI nodo inuliIi e supeifIui, ed. ò pei queslo nolivo
che in noIli paesi venneio desliluili.
AIIoia I'isliluzione deII'eia iepullIicana divenlo possiliIe, ed aI poslo deI
Soviano nellenno una caiicaluia deI nedesino neIIa peisona di un
piesidenle, che scegIienno neIIa ciuinagIia, fia Ie noslie ciealuie e i
noslii schiavi.
Così ninanno i CenliIi, o piulloslo, Ie nazioni dei CenliIi.
In un piossino fuluio faieno deI piesidenle un agenle iesponsaliIe.
AIIoia non avieno più sciupoIi a nelleie aidilanenle in esecuzione i
noslii piani, pei i quaIi saia lenulo iesponsaliIe iI noslio "fanloccio". Cosa
c'inpoila se Ie fiIa dei caccialoii d'inpieghi s'indeloIiscono, se
I'inpossiliIila di liovaie un piesidenle geneia deIIe confusioni che
indeloIiianno, in definiliva, iI Iaese`
Iei olleneie quesli iisuIlali piedispoiieno Ie cose in nodo che siano eIelli
aIIa caiica piesidenziaIe individui lacali, che alliano neI Ioio passalo uno
scandaIo lipo "Ianana", o quaIche aIlia liansazione Iosca e segiela. Un
piesidenle di laIe specie saia un fedeIe eseculoie dei noslii piani, peiche
leneia di esseie denunzialo, e saia sollo I'infIuenza di quesla pauia Ia
quaIe si inpadioniia di coIui iI quaIe, saIilo aI poleie, ò ansioso di
conseivaisi i piiviIegi e gIi onoii ineienli aIIa sua aIla caiica. II IaiIanenlo
eIeggeia, pioleggeia e nelleia aI copeilo iI piesidenle, na noi logIieieno
aI IaiIanenlo Ia facoIla di inlioduiie nuove Ieggi, nonche di nulaie Ie
esislenli.
Queslo poleie Io confeiiieno ad un piesidenle iesponsaliIe, iI quaIe saia
una senpIice naiionella neIIe noslie nani. Così iI poleie piesidenziaIe
divenleia un leisagIio esposlo ad allacchi di vaiio geneie, na noi gIi
daieno dei nezzi di difesa confeiendogIi iI diiillo di appeIIaisi aI popoIo
diiellanenle, aI disopia dei iappiesenlanli deIIa nazione, vaIe a diie, di
appeIIaisi a queI popoIo che ò noslio schiavo cieco: aIIa naggioianza deIIa
pIele.
InoIlie, daieno aI piesidenle Ia facoIla di. piocIanaie Ia Iegge naiziaIe.
Spiegheieno quesla pieiogaliva coI fallo, che iI piesidenle, essendo iI
capo deII'eseicilo, deve aveiIo ai suoi conandi pei pioleggeie Ia nuova
cosliluzione iepullIicana, essendo quesla piolezione un doveie pei iI
iappiesenlanle iesponsaliIe deIIa iepullIica.
NaluiaInenle, in siniIi condizioni, Ia chiave deIIa siluazione iecondila
saia neIIe noslie nani, e nessuno aII'infuoii di noi conlioIIeia Ia
IegisIazione. InoIlie, quando inlioduiieno Ia nuova cosliluzione
iepullIicana, coI pieleslo deIIa segielezze di Slalo logIieieno aI
IaiIanenlo iI diiillo di disculeie I'oppoilunila deIIe nisuie piese daI
goveino. Con quesla nuova cosliluzione iiduiieno aI ninino iI nuneio
41
dei iappiesenlanli Ia nazione, dininuendo così di aIliellanlo Ie passioni
poIiliche, e Ia passione pei Ia poIilica. Se naIgiado cio quesli
iappiesenlanli divenlasseio iicaIcilianli, Ii sosliluiieno appeIIandoci aIIa
nazione. II Iiesidenle avia Ia facoIla di noninaie iI piesidenle ed iI vice
piesidenle deIIa Caneia dei depulali e deI Senalo.
AIIe conlinue sessioni paiIanenlaii sosliluiieno sessioni deIIa duiala di
pochi nesi. InoIlie iI Iiesidenle, quaIe capo deI poleie eseculivo, avia iI
diiillo di convocaie e di sciogIieie iI IaiIanenlo, e, neI caso di
sciogIinenlo, di iinviaie Ia convocazione deI nuovo. Ma peiche iI
Iiesidenle non possa essei lenulo iesponsaliIe deIIe conseguenze di
quesli alli - che, paiIando con piecisione, saielleio iIIegaIi - piina che i
noslii piani siano naluiali, noi peisuadeieno i ninislii e gIi aIlii aIli
funzionaiii anninislialivi che ciicondano iI piesidenle, a conliavveniie i
suoi conandi enanando isliuzioni di Ioio inizialiva, ed in laI nodo Ii
ollIigheieno a soppoilaine Ia iesponsaliIila invece deI Iiesidenle.
Racconandeieno. speciaInenle che quesla funzione venisse assegnala aI
Senalo, aI ConsigIio di Slalo, oppuie aI Calinello, na non nai a singoIi
individui.
Le Ieggi che possono esseie inleipielale in diveise nanieie saianno
inleipielale a nodo noslio daI Iiesidenle iI quaIe, inoIlie, annuIIeia Ie
Ieggi quando Io iileiieno uliIe, ed avia anche iI diiillo di piopoine deIIe
nuove lenpoianee, e peisino di faie nodificazioni neI Iavoio
cosliluzionaIe deI Coveino, piendendo cone pieleslo Ie esigenze deI
lenesseie deI paese. Iiovvedinenli di quesla specie ci nelleianno in
giado di soppiineie a poco a poco quei diiilli e queIIe concessione che
fossino slali coslielli ad accoidaie da piincipio, neII'assuneie iI poleie.
TaIi concessioni dovieno inlioduiie neIIa cosliluzione dei goveini pei
nascheiaie I'aloIizione giaduaIe di lulli i diiilli cosliluzionaIi, quando
giungeia iI nonenlo di canliaie lulli i goveini esislenli sosliluendovi Ia
noslia aulociazia. Iuo daisi che iI iiconoscinenlo deI noslio aulociale
avvenga piina deII'aloIizione deIIe cosliluzioni. VaIe a diie che iI
iiconoscinenlo deI noslio iegno avia inizio daI nonenlo slesso che iI
popoIo, scisso dai dissensi e doIoianle pei iI faIIinenlo dei suoi goveinanli
(e lullo queslo saia slalo piepaialo da noi), giideia: "DesliluileIi e daleci
un aulociale che goveini iI nondo, che ci possa unificaie disliuggendo
lulle Ie cause di dissenso, cioò Ie fionlieie, Ia nazionaIila, Ie ieIigioni, i
delili deIIo Slalo ecc., un capo che ci possa daie Ia pace ed iI iiposo che
non alliano sollo iI goveino deI noslio soviano e dei noslii
iappiesenlanli".
Ma voi sapele lenissino, che aIIo scopo di olleneie che Ia noIliludine
della foinuIaie a gian voce una iichiesla siniIe, ò lassalivanenle
necessaiio disluilaie senza posa in lulli i paesi Ie ieIazioni esislenli fia
popoIo e goveino, pionuoveie osliIila, gueiie, odii e peisino iI nailiiio,
nedianle Ia fane, Ia caieslia e I'inocuIazione di naIallie, in laIe nisuia che
i CenliIi non vedano aIlio nodo pei usciie da lanli guai, che un appeIIo
pei Ia piolezione aI noslio denaio e aIIa noslia conpIela sovianila. Ieio se
diano aIIa nazione iI lenpo di iifialaie, saia difficiIe si iipiesenli pei noi
una ciicoslanza uguaInenle favoievoIe.
42


IROTOCOLLO XI


II ConsigIio di Slalo accenlueia iI poleie deI iegnanle. NeIIa sua posizione
iI coipo IegisIalivo ufficiaIe saia, in ceilo quaI nodo, un conilalo pei Ia
pionuIgazione dei conandi deI iegnanle.
Lccovi dunque un piogianna deIIa nuova cosliluzione che piepaiiano aI
nondo. Iaieno Ie Ieggi, definiieno i diiilli cosliluzionaIi, Ii
anninislieieno con quesli nezzi: 1) decieli deIIa caneia IegisIaliva,
suggeiili daI Iiesidenle, 2) oidini geneiici, oidini deI Senalo e deI
ConsigIio di Slalo, e decisioni deI ConsigIio dei Minislii, 3) quando iI
nonenlo oppoiluno saia giunlo, pionoveieno un coIpo di Slalo.
Oia, avendo allozzalo iI noslio piano d'azione, disculeieno quei
pailicoIaii che polianno esseici necessaii aIIo scopo di conpieie
neII'oiganisno deIIa nacchina slalaIe, Ia iivoIuzione neI senso che ho gia
indicalo. CoIIa paioIa "pailicoIaii" vogIio indicaie Ia Iileila di slanpa, iI
diiillo di foinaie deIIe associazioni, Ia Iileila di ieIigione, I'eIezione dei
iappiesenlanli deI popoIo e noIlissini aIlii diiilli che dovianno svaniie
daIIa vila quolidiana deII'uono. Se non spaiiianno deI lullo, dovianno
suliie un canlianenlo fondanenlaIe daI gioino seguenle I'annuncio deIIa
nuova cosliluzione. Iiina di queI nonenlo pieciso non saielle pei noi
uliIe di annunciaie lulli i canlianenli che faieno e pei Ia seguenle
iagione: lulli i canlianenli peicelliliIi polielleio iiusciie peiicoIosi in
quaIunque aIlio nonenlo se fosseio appIicali pei foiza esigendone
seveianenle ed indislinlanenle I'esecuzione, peiche cio polielle
esaspeiaie iI popoIo, che pavenleielle nuovi canlianenli neIIe nedesine
diiezioni. D'aIlia paile, se i canlianenli dovesseio inpIicaie deIIe
loIIeianze ancoia naggioii, iI popoIo diielle che iiconosciano i noslii
eiioii e cio polielle nenonaie iI vanlo di infaIIiliIila deI nuovo poleie. II
popoIo polielle anche diie che siano slali spavenlali e quindi ollIigali a
cedeie, e se così fosse, nessuno ci saielle nai iiconoscenle peiche iI
popoIo iiliene di avei iI diiillo di olleneie senpie nuove concessioni.
Saielle enoinenenle peiicoIoso pei iI piesligio deIIa nuova cosliluzione,
che I'una o I'aIlia di quesle inpiessioni si facesse sliada neIIa nenle deI
pullIico.
Iei noi ò essenziaIe, che daI piino nonenlo deIIa nuova piocIanazione iI
popoIo, nenlie soffiiia ancoia Ie conseguenze deI canlianenlo iepenlino
e saia in uno slalo di leiioie e di indecisione, ieaIizzi che siano così
polenli, così invuIneialiIi, e così pieni di foiza, che in nessun caso
piendeieno in consideiazione i suoi inleiessi. Iaieno capiie aI popoIo,
che non soIo non ci daieno nessun pensieio deIIe sue opinioni e dei suoi
desideiii, na aIliesì che saieno pionli in quaIunque nonenlo ed in
quaIunque Iuogo a soppiineie con una nano foile quaIsiasi espiessione o
accenno di. opposizione. Iaieno sì che iI popoIo capisca che essendoci
inpadionili di lullo queIIo che desideiavano non gIi peinelleieno nai,
in nessun nodo, di pailecipaie aI noslio poleie. Ld aIIoia esso, pieso daIIo
43
sgonenlo, chiudeia gIi occhi su lullo ed aspelleia pazienlenenle Io
svoIgeisi di uIleiioii avveninenli.
I CenliIi sono cone un lianco di pecoie, noi siano i Iupi. Sapele cosa
fanno Ie pecoie quando i Iupi enliano neII'oviIe` Chiudono gIi occhi. A
queslo saianno coslielli anche i CenliIi, peiche pionelleieno Ioio Ia
iesliluzione di lulle Ie Ioio Iileila dopo che avieno soggiogalo i nenici
deI nondo e coslielli lulli i pailili a sollonelleisi. Non occoiie che vi dica
quanlo lenpo dovianno aspellaie pei iiaveie quesle Ioio Iileila!
Iei quaI nolivo funno indolli a invenlaie Ia noslia poIilica e insliIIaiIa
neIIe nenli dei CenliIi`
Noi insliIIanno in essi quesla poIilica senza peinellei Ioio di
conpiendeine I'inlino significalo.
Che cosa ci spinse ad adollaie quesla Iinea di condolla` Queslo: che noi,
iazza dispeisa, non polevano, cone laIe, conseguiie iI noslio scopo con
nezzi diielli, na soIlanlo con nezzi indiielli, suldoIi e fiaudoIenli.
Quesla fu Ia veia causa ed oiigine deIIa noslia oiganizzazione nassonica,
che quesli poici di CenliIi non iiescono a scandagIiaie e di cui non
sospellano neppuie Ie niie. Noi Ii piendiano cone Io zinleIIo deIIe
noslie nuneiose Iogge, Ie quaIi hanno I'appaienza di esseie puianenle
nassoniche, aIIo scopo di gellaie Ia poIveie negIi occhi dei Ioio caneiali.
Iei giazia di Dio iI suo IopoIo piediIello fu spaipagIialo, na quesla
dispeisione, che senlio aI nondo Ia noslia deloIezza, dinoslio di esseie
Ia noslia foiza, che ci ha oia condollo aI Iinilaie deIIa Sovianila
UniveisaIe.
Ci iinane da cosliuiie ancoia poco su quesle fondanenla, pei iaggiungeie
Ia noslia nòla.





IROTOCOLLO XII


La paioIa Iileila, suscelliliIe di diveise inleipielazioni, saia da noi
definila neI nodo seguenle: "La Iileila ò iI diiillo di faie cio che Ia Iegge
peinelle". TaIe definizione ci seiviia in queslo senso, che saia in noslio
aililiio di diie dove polia esseici Iileila e dove no, pei Ia senpIice
iagione che Ia Iegge peinelleia soIanenle queIIo che a noi piaceia.
II noslio alleggianenlo veiso Ia slanpa saia iI seguenle: Che cosa fa Ia
slanpa alluaInenle` Lssa seive a suscilaie neI popoIo passioni fuienli,
oppuie, laIvoIla, dissensi egoislici di paililo, cause enlianle che possono
esseie necessaiie aI noslio scopo. La slanpa ò spesse voIle vana, ingiusla e
nendace, e Ia naggioi paile deIIa genle non ne capisce affallo Ie sue veie
inlenzioni. Noi Ia laideieno e ne leiieno feinanenle in pugno Ie iedini.
InoIlie dovieno acquislaie iI conlioIIo di lulle Ie aIlie dille ediliici. Non ci
seiviielle a nuIIa iI soIo conlioIIo dei gioinaIi se ieslassino esposli ad
44
allacchi con opuscoIi e Iilii. L'alluaIe coslosa pioduzione Iiliaiia Ia
liasfoineieno in una iisoisa vanlaggiosa pei iI noslio goveino nedianle
una speciaIe lassa di loIIo ed ollIigando gIi ediloii ed i lipogiafi a
veisaici un deposilo cauzionaIe, aIIo scopo di gaianliie iI noslio goveino
da quaIunque foina di allacco da paile deIIa slanpa. L quaIoia queslo si
pioduca, inpoiieno nuIle a deslia ed a sinislia. Da quesli nezzi: loIIi,
cauzioni e nuIle, iI goveino iicaveia una Iaiga soigenle di Iucio.
NaluiaInenle, i gioinaIi di paililo non si daianno pensieio di pagaie deIIe
nuIle foili, na noi Ii soppiineieno senz'aIlio dopo un secondo Ioio seiio
allacco. Nessuno polia inpunenenle allenlaie aI piesligio deIIa noslia
infaIIiliIila poIilica. Iei soppiineie quaIunque pullIicazione piendeieno
un pieleslo: diieno, pei esenpio, che eccila I'opinione pullIica senza
iagione e senza fondanenlo. Ma vi piego di lenei piesenle, che fia Ie
pullIicazioni aggiessive ve ne saianno anche laIune isliluile da noi
apposla con laIe inlenlo. Ma esse allaccheianno soIo quei punli deIIa
noslia poIilica, che alliano I'inlenzione di canliaie. Nessuna
infoinazione giungeia aI pullIico senza esseie slala piina conlioIIala da
noi. Sliano gia iaggiungendo queslo scopo anche alluaInenle, pei iI fallo
che lulle Ie nolizie sono iicevule da poche agenzie, neIIe quaIi sono
cenliaIizzale da lulle Ie paili deI nondo. Quando giungeieno aI poleie,
quesle agenzie ci appaileiianno conpIelanenle e pullIicheianno soIo
queIIe nolizie che noi peinelleieno.
Se, dale Ie condizioni alluaIi, siano iiuscili a conlioIIaie Ia sociela dei
CenliIi ad un punlo laIe che essa vede gIi affaii nondiaIi alliaveiso Ie Ienli
coIoiale con Ie quaIi Ie copiiano gIi occhi, se anche oia nuIIa ci inpedisce
di conosceie i segieli di Slalo, cone slupidanenle Ii chianano i CenliIi,
quaIe saia Ia noslia posizione, quando saieno ufficiaInenle iiconosciuli
cone goveinaloii deI nondo neIIa peisona deI noslio Inpeialoie
UniveisaIe`
Riloiniano aII'avveniie deIIa slanpa. Chiunque desideieia divenlaie
ediloie, Iiliaio o lipogiafo, dovia olleneie un ceilificalo ed una Iicenza,
che peideianno in caso di disulledienza. I canaIi alliaveiso i quaIi iI
pensieio unano liova Ia sua espiessione, saianno con quesli nezzi posli
neIIe nani deI noslio goveino, che Ii useia cone oigani educalivi, e così
inpediia che iI pullIico sia nesso suIIa faIsa sliada nedianle
I'ideaIizzazione deI "piogiesso", o con iI IileiaIisno. Chi fia noi non sa, che
queslo fanlaslico leneficio conduce diiellanenle aII'ulopia, da cui
nacqueio I'anaichia e I'odio veiso I'auloiila` L cio pei Ia senpIice iagione
che iI "piogiesso", o piulloslo I'idea d'un piogiesso IileiaIe, diede aI
popoIo diffeienli concelli deIIa enancipazione, senza nelleivi aIcun
Iinile. Tulli i cosiddelli IileiaIi sono degIi anaichici, se non pei Ie Ioio
azioni, ceilanenle pei Ie Ioio idee.
Ognuno di essi coiie dielio iI fanlasna deIIa Iileila, ciedendo di polei faie
queIIo che vuoIe, vaIe a diie, cadendo in uno slalo di anaichia pei
I'opposizione che fa, unicanenle pei iI guslo di faiIa.
Disculiano oia Ia slanpa ediliice di Iilii ecc. Noi Ia lasseieno neIIo slesso
nodo deIIa slanpa gioinaIislica, vaIe a diie pei nezzo di loIIi e cauzioni.
Ma sopia i Iilii con neno di 3OO pagine nelleieno una lassa doppia, Ii
45
cIassificheieno fia gIi opuscoIi pei fai dininuiie Ia pullIicazione dei
peiiodici, che cosliluiscono Ia foina più viiuIenla deI veIeno slanpalo.
Quesle nisuie ollIigheianno aIliesì gIi sciilloii a pullIicaie deIIe opeie
così Iunghe, che avianno pochi Ielloii e piincipaInenle a causa deI Ioio
piezzo aIlo. Noi slessi pullIicheieno deIIe opeie a luon neicalo pei
educaie Ia nenle deI pullIico e avviaiIa neIIa diiezione da noi desideiala.
La lassazione deleinineia una iiduzione deIIa Ielleialuia diIellevoIe e
senza scopo, e Ia iesponsaliIila che inconlieianno di fionle aIIa Iegge daia
lulli gIi auloii neIIe noslie nani. Nessuno che desideii allaccaici coIIa sua
penna lioveielle un ediloie.
Iiina di slanpaie quaIsiasi geneie di Iavoio, I'ediloie o iI lipogiafo dovia
chiedeie aIIe auloiila un peinesso speciaIe pei pullIicaie iI dello Iavoio.
In queslo nodo conosceieno anlicipalanenle quaIsiasi congiuia conlio di
noi, e polieno coIpiiIa pievenendoIa e pullIicando una confulazione.
La Ielleialuia e iI gioinaIisno sono Ie due più inpoilanli foize educalive,
e pei queslo nolivo iI noslio goveino si accapaiieia iI naggioi nuneio di
peiiodici. Con queslo sislena neuliaIizzeieno Ia calliva infIuenza deIIa
slanpa piivala ed olleiieno un'infIuenza enoine suIIa nenle unana. Se
dovessino peinelleie Ia pullIicazione di dieci peiiodici piivali, noi slessi
dovienno pullIicaine lienla e così via.
Ma iI pullIico non deve aveie iI ninino sospello di quesle piecauzioni,
peicio lulli i peiiodici pullIicali da noi, avianno appaienlenenle vedule
ed opinioni conliaddilloiie, ispiiando così Ia fiducia e piesenlando
un'appaienza alliaenle ai noslii non sospellosi nenici, che cadianno neIIa
noslia liappoIa e saianno disainali.
In piina fiIa nelleieno Ia slanpa ufficiaIe. Lssa saia senpie in guaidia
pei difendeie i noslii inleiessi, e peicio Ia sua infIuenza suI pullIico saia
ieIalivanenle insignificanle. In seconda fiIa nelleieno Ia slanpa seni-
ufficiaIe, Ia quaIe dovia alliiaie i liepidi e gIi indiffeienli. In leiza fiIa
nelleieno queIIa slanpa che faia finla di esseie aII'opposizione e che, in
una deIIe sue pullIicazioni, figuieia cone noslia avveisaiia. I noslii veii
nenici confideianno in quesla opposizione e ci noslieianno Ie Ioio caile.
Tulli i noslii gioinaIi sosleiianno pailili diveisi: I'aiislocialico, iI
iepullIicano, iI iivoIuzionaiio e peisino I'anaichico. Ma, naluiaInenle,
queslo saia soIanenle fino a quando duieianno Ie cosliluzioni. Quesli
gioinaIi, cone iI dio indiano Vishnu, avianno cenlinaia di nani, ognuna
deIIe quaIi lasleia iI poIso deIIa vaiialiIe opinione pullIica.
Quando iI poIso lalleia più foile, quesle nani faianno incIinaie I'opinione
pullIica veiso Ia noslia causa, peiche un soggello neivoso ò faciIe ad
esseie guidalo e faciInenle cade sollo un'infIuenza quaIsiasi. I
chiacchieioni che ciedeianno di iipeleie I'opinione deI gioinaIe deI Ioio
paililo, in ieaIla non faianno aIlio che iipeleie Ia noslia opinione, oppuie
queIIa che desideiiano fai pievaIeie, neIIa convinzione di seguiie I'oigano
deI Ioio paililo, cosloio seguiianno in ieaIla Ia landieia che faieno
svenloIaie d'innanzi ai Ioio occhi.
Ieiche iI noslio eseicilo gioinaIisla esliinsechi iI concello inlino di queslo
piogianna, avendo I'appaienza di appoggiaie i diveisi pailili, dovieno
oiganizzaie Ia noslia slanpa con Ia nassina cuia. CoI liloIo di
46
"Connissione CenliaIe deIIa Slanpa", oiganizzeieno deIIe iiunioni
Ielleiaiie, aIIe quaIi i noslii agenli, senza faisene accoigeie, daianno iI
segno di iiconoscinenlo e Ia paioIa d'oidine. I noslii oigani disculendo e
conliaslando Ia noslia poIilica, senpie supeificiaInenle, s'inlende, e senza
loccaine i Iali inpoilali, faianno finla di poIenizzaie con i gioinaIi
ufficiaIi, aIIo scopo di foiniici iI pieleslo di definiie i noslii piani con
naggioi accuialezza di quanlo avieno polulo faie coi noslii piogianni
pieIininaii. Si capisce, peio, che lullo queslo saia fallo quando sia
vanlaggioso pei noi. Quesla opposizione da paile deIIa slanpa, seiviia
anche a fai ciedeie aI popoIo che Ia Iileila di paioIa esisle senpie. Lssa
daia ai noslii agenli I'oppoilunila di dinosliaie che i noslii
avveisaiii ci nuovono accuse insensale, neII'inpossiliIila da paile Ioio di
liovaie un leiieno soIido suI quaIe conlalleie Ia noslia poIilica.
Quesle nisuie, che sfuggiianno aII'allenzione pullIica, saianno i nezzi
più pioficui pei guidaie I'opinione pullIica ed inspiiaie fiducia neI noslio
goveino.
Ciazie a quesle nisuie polieno eccilaie o caInaie I'opinione pullIica
ciica Ie quislioni poIiliche quando ci occoiieia di faiIo. Iolieno
peisuadeiIa o confondeiIa slanpando nolizie veie o faIse, falli o
conliaddizioni, secondo queIIo che seiviia aI noslio scopo. Le
infoinazioni che pullIicheieno dipendeianno daI nodo con cui iI
pullIico saia in queI lenpo piopenso ad accellaie queI dalo geneie di
nolizie, e slaieno senpie noIlo allenli, scandagIiando iI leiieno piina di
canninaici sopia.
Le iesliizioni che, cone ho gia dello, inpoiieno aIIe pullIicazioni piivale
ci daianno Ia ceilezza di sconfiggeie i noslii nenici, peiche essi non
avianno a Ioio disposizione oigani deIIa slanpa nedianle i quaIi daie
veianenle Iileio e pieno coiso aIIe Ioio opinioni. Non ci occoiieia
neppuie di conliaddiie ufficiaInenle Ie Ioio affeinazioni. Se saia
necessaiio, Ie confuleieno seni ufficiaInenle con dei "laIIons d'essai", che
faieno Ianciaie daIIa noslia slanpa di leiza fiIa.
Lsisle gia neI gioinaIisno fiancese lullo un sislena di inlese nassoniche
pei daisi iI conliassegno. Tulli gIi oigani deIIa slanpa sono Iegali da
segieli piofessionaIi iecipioci, a nodo degIi anlichi oiacoIi. Nessuno dei
suoi nenlii iiveIeia nai di esseie a conoscenza di un segielo quaIoia non
allia iicevulo I'oidine di iendeiIo pullIico. Nessun singoIo ediloie avia iI
coiaggio di liadiie un segielo confidalogIi, pei Ia iagione che nessuno ò
annesso neI nondo Ielleiaiio, iI quaIe non allia pieso paile a quaIche
Iosco affaie neIIa sua vila passala. Ieilanlo, se quaIcuno desse iI ninino
segno di disullidienza, iI liisle episodio deI suo passalo veiielle paIesalo
innedialanenle. Iinche iI passalo Iosco di quesli individui ò conosciulo
da pochi, iI piesligio di ogni gioinaIisla alliia I'opinione pullIica di lullo iI
paese. II popoIo Io segue e Io anniia.
I noslii piani si dellono eslendeie piincipaInenle aIIe piovincie. L pei noi
essenziaIe di cieaie ceile idee e di infondeie laIi opinioni neIIe piovincie,
peiche in quaIunque nonenlo possiano seiviicene IanciandoIe neIIa
capilaIe cone opinioni neuliaIi deIIe piovincie. NaluiaInenle, Ia fonle e
I'oiigine deIIe idee non saianno aIleiale, na Ie idee saianno noslie. Iei noi
47
ò assoIulanenle necessaiio, piina di assuneie iI poleie, che Ie cilla siano
quaIche voIla doninale daIIe opinioni deIIe piovincie, vaIe a diie, che Ie
cilla sappiano I'opinione deIIa naggioianza, quaIe saia slala piepaiala da
noi. L pei noi necessaiio che Ie capilaIi, giunlo iI nonenlo ciilico
psicoIogico, non alliano iI lenpo naleiiaIe di disculeie un fallo
conpiulo, na siano ollIigale ad accellaiIo peiche ò slalo appiovalo da
una naggioianza neIIe piovincie.
Quando poi aiiiveieno aI peiiodo deI nuovo iegine - cioò duianle iI
peiiodo liansiloiio che piecedeia Ia noslia sovianila - non peinelleieno
aIIa slanpa di pullIicaie quaIsiasi iesoconlo di deIilli, essendo essenziaIe
che iI popoIo cieda iI nuovo iegine laInenle supeiioie, d'avei soppiesso
peifino Ia deIinquenza. I deIilli che avveiianno saianno conosciuli
soIlanlo daIIa Ioio villina e da gIi evenluaIi leslinoni ocuIaii e da nessun
aIlio.


IROTOCOLLO XIII

La necessila deI pane quolidiano ollIigheia i CenliIi a laceie ed a
iinaneie noslii uniIi seiviloii.
Quei CenliIi che polieno inpiegaie neIIa noslia slanpa, disculeianno,
dielio i noslii oidini, quei falli che non saielle convenienle pei noi di
pullIicaie neIIa noslia gazzella ufficiaIe. L nenlie avianno Iuogo così
discussioni e dispule d'ogni geneie, noi pionuIgheieno Ie Ieggi che ci
occoiiono e Ie piesenleieno aI pullIico quaIi falli conpiuli. Nessuno
oseia chiedeie che quesle Ieggi vengano ievocale, speciaInenle peiche
faieno ciedeie che iI noslio scopo sia queIIo di pionuoveie iI piogiesso.
Ioi Ia slanpa svieia I'allenzione deI pullIico pei nezzo di nuove
pioposle (sapele lene che alliano senpie alilualo Ie popoIazioni a
iiceicaie nuove enozioni). Avvenluiieii poIilici senza ceiveIIo si
affielleianno a disculeie i nuovi piolIeni: Ia slessa iazza di genle che non
conpiende neppuie oia nuIIa di queIIo di cui paiIa. I piolIeni poIilici non
sono falli pei esseie conpiesi, daIIa genle conune, na soIanenle (cone
ho gia dello) da queIIa cIasse di goveinanli, che da secoIi diiigono gIi
affaii. Da lullo queslo insiene di falli polele concIudeie, che quando
useieno una ceila defeienza aII'opinione pullIica, di lanlo in lanlo,
avieno Io scopo di faciIilaie iI funzionanenlo deI noslio neccanisno. Vi
accoigeiele anche che ceichiano di fai appiovaie Ie vaiie quislioni
soIlanlo a fuiia di paioIe e non di falli. Affeiniano conlinuanenle, che
lulle Ie nisuie piese da noi sono ispiiale daIIa speianza e daIIa ceilezza di
aiulaie iI lenesseie conune.
AIIo scopo di dislogIieie Ia genle lioppo iiiequiela daIIa discussione deIIe
quislioni poIiliche, Ia piovvedeieno di piolIeni nuovi, queIIi cioò
deII'indusliia e deI conneicio. Su quesli piolIeni polianno eccilaisi fin
che voiianno. Le nasse acconsenlono di asleneisi e di desisleie da cio che
ciedono sia I'allivila poIilica, soIanenle se possiano dai Ioio quaIche
nuovo svago, cone, ad esenpio, iI conneicio. L lenleieno di dai da
inlendeie ad esse, che anche iI conneicio ò un piolIena poIilico. Noi
48
slessi inducenno Ie nasse a piendei paile aIIa poIilica pei assicuiaici iI
Ioio appoggio neIIa noslia canpagna conlio i goveini CenliIi.
Iei inpediie che iI popoIo scopia da se una quaIsiasi nuova Iinea d'azione
poIilica, Io leiieno disliallo con vaiie foine di diveilinenli: Iudi ginnici,
passalenpi, passioni di vaiio geneie, osleiie e via discoiiendo.
Iia poco piincipieieno a nelleie degIi avvisi nei gioinaIi invilando iI
popoIo a conpeleie in ogni geneie di nuove inpiese, cone ad esenpio
aIIe gaie ailisliche, di spoil, ecc.
Quesli nuovi inleiessi dislogIieianno definilivanenle I'allenzione deI
pullIico daIIe quislioni che polielleio nelleici in confIillo con Ia
popoIazione. II popoIo, siccone peideia a poco a poco Ia facoIla di pensaie
con Ia sua lesla, giideia conpallo insiene a noi, pei I'unica iagione che
saieno i soIi nenlii deIIa sociela in giado di pionuoveie nuove Iinee di
pensieio. Quesli nuovi concelli noi Ii nelleieno avanli pei nezzo di
agenli che iI popoIo non sospelleia siano aIIeali noslii. La funzione degIi
ideaIisli IileiaIi cesseia iepenlinanenle iI gioino in cui iI noslio goveino
saia iiconosciulo. Iino aIIoia essi ci iendeianno dei luoni seivizii. Iei
quesla iagione ceicheieno di indiiizzaie I'opinione pullIica veiso ogni
specie di leoiia fanlaslica che possa senliaie piogiessiva, o IileiaIe.
Iunno noi che, coI più conpIelo successo, facenno giiaie Ie lesle
sceiveIIale dei CenliIi, coIIe noslie leoiie di piogiesso, veiso iI sociaIisno.
Non si liova fia i CenliIi una nenle capace di inluiie che in ogni
occasione, dielio Ia paioIa "piogiesso" ò nascosla una deviazione deIIa
veiila, eccezione falla dei casi in cui Ia paioIa Iileila si iifeiisce aIIa
naleiia deIIe scopeile scienlifiche. Ciacche esisle soIlanlo una veia
dolliina ed in essa non vi ò poslo pei iI "piogiesso". II piogiesso, cone
quaIunque aIlio faIso concello, seive a nascondeie Ia veiila, affinche essa
non sia paIese ad aIlii che a noi, popoIo piediIello da Dio, che LgIi ha
eIello a cuslode deIIa veiila. Quando saieno aI poleie, i noslii oialoii
disculeianno i giandi piolIeni che hanno agilalo I'unanila, aIIo scopo
finaIe e piefisso di conduiie iI geneie unano sollo iI noslio goveino
lenedello.
Chi voiia, quindi, sospellaie che lulli quesli piolIeni fuiono soIIevali da
noi, secondo un piano poIilico pieslaliIilo che nessun uono ha conpieso
in lanli secoIi`


IROTOCOLLO XIV

Quando ci slaliIiieno cone Signoii deIIa Teiia, non annelleieno aIlia
ieIigione che Ia noslia, cioò una ieIigione che iiconosce iI Dio soIo, a Cui iI
noslio deslino ò coIIegalo daII'aveici LgIi eIello, e da Cui iI deslino deI
nondo ò deleininalo.
Iei quesla iagione dolliano disliuggeie lulle Ie piofessioni di fede. Se iI
iisuIlalo lenpoianeo di quesla disliuzione saia di pioduiie degIi Alei, cio
si fiappoiia aI noslio scopo, na seiviia cone esenpio aIIe geneiazioni
fuluie, che ascoIleianno i noslii insegnanenli suIIa ieIigione di Mosò, Ia
quaIe, con Ie sue dolliine iisoIule e pondeiale, ci inpose cone un doveie iI
49
nelleie lulle Ie nazioni sollo i noslii piedi.
InoIlie insisleieno noIlo suIIe veiila nisliche degIi insegnanenli Mosaici,
sui quaIi, diieno, ò lasala lulla Ia Ioio foiza educaliva.
Di poi, ad ogni nonenlo pullIicheieno ailicoIi paiagonando iI noslio
goveino lenefico a queIIo deI passalo. Lo slalo di lealiludine e di pace che
esisleia aIIoia, seiviia anche ad iIIusliaie iI lenefico effello deI noslio
goveino, sellene sia slalo ollenulo nedianle disluili secoIaii.
Dinoslieieno con coIoii inlensi gIi eiioii anninislialivi connessi dai
CenliIi. Iiovocheieno con lullo cio un laIe senlinenlo di avveisione pei iI
iegine piecedenle, che Ie nazioni piefeiiianno uno slalo di pace in
condizioni di schiavilù, ai diiilli deIIa lanla Iodala "Iileila", che Ie ha così
ciudeInenle loiluiale, esauiendone peifino Ie fonli deII'esislenza unana,
ed aIIa quaIe fuiono liascinale da una foIIa di avvenluiieii che non
sapevano queI che facevano. I canlianenli inuliIi di goveino che alliano
senpie suggeiilo ai CenliIi, e che sono slali iI nezzo coI quaIe alliano
ninalo iI Ioio edificio di Slalo, avianno in aIIoia laInenle slancalo Ie
nazioni, che esse piefeiiianno soppoilaie quaIunque cosa da noi, piulloslo
che iiloinaie ai lunuIli ed aIIe disgiazie alliaveisale. Alliieieno
speciaInenle I'allenzione su gIi eiioii sloiici con i quaIi i goveini dei
CenliIi loinenlaiono I'unanila pei lanli secoIi, neIIa Ioio nancanza di
conpiensione pei lullo cio che iiguaida iI veio lenesseie deIIa vila
unana, e neIIa Ioio iiceica di piani fanlaslici pei Ia piospeiila sociaIe.
Ciacche i CenliIi non si sono iesi conlo che i Ioio piani, invece di
nigIioiaie Ie ieIazioni fia uono e uono, non hanno fallo aIlio che faiIe
andaie di naIe in peggio. L quesle ieIazioni sono Ia veia lase
deII'esislenza unana. Tulla Ia foiza dei noslii piincipi e deIIe noslie
nisuie consisleia neI fallo, che saianno spiegali da noi quaIe un Iuninoso
conliaslo con Ie condizioni sociaIi esislenli sollo I'anlico iegine da noi
infianlo.
I noslii fiIosofi dinoslieianno lulli gIi svanlaggi deIIe ieIigioni ciisliane,
na nessuno polia nai giudicaie Ia noslia ieIigione neI suo veio
significalo, peiche nessuno ne avia nai una conpIela cognizione fuoiche i
noslii che non si aiiischieianno nai a sveIaine i nisleii.
Nei cosiddelli paesi diiigenli alliano fallo ciicoIaie una Ielleialuia
squiIiliala, sudicia e iipugnanle. Iei un lieve peiiodo dopo iI
iiconoscinenlo deI noslio iegno, conlinueieno a incoiaggiaie quesla
Ielleialuia, acciocche essa dinoslii, più espIicilanenle che nai, iI suo
conliaslo con Ie dolliine che nelleieno in ciicoIazione daI noslio seggio
eIevalo. I noslii sapienli, educali aIIo scopo di guidaie i CenliIi, faianno
confeienze, concieleianno piani, sciiveianno appunli e ailicoIi, pei nezzo
dei quaIi infIuiieno sugIi spiiili degIi uonini, piegandoIi veiso queIIa
scienza e queIIe idee che ci conveiianno.





5O


IROTOCOLLO XV

Quando, infine, avieno ollenulo iI poleie pei nezzo di nuneiosi coIpi di
Slalo, che saianno da noi piepaiali in nodo che alliano Iuogo
sinuIlaneanenle in lulli i paesi, e quando i goveini di quesli saianno slali
dichiaiali ufficiaInenle incapaci di ieggeie Ia pullIica cosa (polia
liascoiieie un peiiodo di lenpo consideievoIe piina che lullo cio
avvenga: nagaii un secoIo): faieno ogni sfoizo pei inpediie che siano
falle deIIe congiuie conlio di noi. Iei iaggiungeie queslo inlenlo
appIicheieno Ia pena capilaIe, senza piela, pei coIoio che piendesseio Ie
aini pei inpediie Io slaliIinenlo deI noslio poleie.
Saia passiliIe deIIa pena capilaIe Ia fondazione di quaIunque nuova
sociela segiela, sciogIieieno, nandandone i nenlii in esiIio neIIe paili
più ienole deI nondo, Ie sociela segiele lulloia esislenli, che ci sono len
conosciule e che seivono ed hanno seivilo aI noslio scopo. L'esiIio saia Ia
soile di quei fiannassoni CenliIi che pei avvenluia sapesseio più di
queIIo che a noi convenga. L quei nassoni che, pei una iagione o pei
un'aIlia polieno peidonaie, Ii leiieno senpie neI conlinuo linoie
d'esseie esiIiali. Decieleieno una Iegge pei condannaie lulli i pieesislenli
nenlii deIIe sociela segiele aII'esiIio fuoii di Luiopa peiche quivi noi
avieno iI cenlio deI noslio goveino.
Le decisioni deI noslio goveino saianno definilive e nessuno avia iI diiillo
d'appeIIaisi. Iei nelleie aI doveie Ie sociela dei CenliIi neIIe quaIi
alliano piofondanenle incuIcalo i dissidi ed i dogni deIIa ieIigione
pioleslanle, piendeieno piovvedinenli spielali i quaIi dinoslieianno aIIe
nazioni che iI noslio poleie non puo esseie vioIalo. Non dolliano
pieoccupaici deIIe nuneiose villine che saianno saciificale pei olleneie
una piospeiila fuluia. Un goveino iI quaIe ò convinlo che Ia piopiia
esislenza dipende non soIo dai piiviIegi di cui gode, na anche
daII'adenpinenlo deI suo doveie, ha I'ollIigo di conseguiie Ia piospeiila
anche a coslo di noIli saciifici. La condizione piincipaIe deIIa sua slaliIila
consisle neI iaffoizanenlo deI piesligio deI suo poleie, e queslo piesligio
si olliene soIlanlo pei nezzo di una naeslosa ed incioIIaliIe polenza, che
deve nosliaisi invioIaliIe, nonche ciicondala da un poleie nislico. Ad
esenpio, dinosliaie che sussisle pei nandalo divino. Quesli sono i
iequisili goduli finoia daII'Aulociazia iussa, I'unica noslia nenica
peiicoIosa, se non leniano conlo deIIa Sanla Sede. Ricoidale che I'IlaIia.
quando giondava sangue, non locco un capeIIo di SiIIa: eppuie egIi eia
I'uono che I'aveva dissanguala. Iei Ia sua foiza di caialleie, SiIIa divenlo
un Dio agIi occhi deIIa popoIazione, ed iI suo iiloino inliepido in IlaIia Io
iese invioIaliIe. La pIele non nuoceia nai aII'uono che Ia ipnolizza coI
suo coiaggio e con Ia sua supeiioiila nenlaIe.
Iino a quando non avieno conseguilo iI poleie, ceicheieno di fondaie e
noIlipIicaie Ie Iogge nassoniche in lulle Ie paili deI nondo. AIIelleieno a
faine paile coIoio che possono divenlaie, o sono di gia, aninali da anoie
pei iI pullIico lene. Quesle Iogge saianno Ia fonle piincipaIe ove
51
allingeieno Ie noslie infoinazioni, saianno puie i noslii cenlii di
piopaganda. CenliaIizzeieno lulle quesle Iogge sollo una diiezione unica,
conosciula a noi soIi e cosliluila dai noslii uonini più sapienli. Quesle
Iogge avianno anche i Ioio iappiesenlanli, pei nascheiaine Ia veia
diiezione. Quesla soIlanlo avia diiillo di decideie a chi spelli di paiIaie e
di piepaiaie I'oidine deI gioino. In quesle Iogge annodeieno lulle Ie cIassi
sociaIisle e iivoIuzionaiie deIIa sociela. I piani poIilici più segieli. ci
saianno sulilo noli appena foinuIali e ne guideieno I'esecuzione. Quasi
lulli gIi agenli deIIa poIizia inleinazionaIe segiela faianno paile deIIe
noslie Iogge. L pei noi sonnanenle inpoilanle di assicuiaici i seivizi
deIIa poIizia, peiche essi possono nascheiaie Ie noslie inpiese, invenlaie
iagioni pIausiliIi pei spiegaie iI naIconlenlo deIIe nasse, cone puie
coIpiie coIoio che iifiulano di sollonelleisi a noi.
La naggioi paile degIi individui che enliano neIIe sociela segiele sono
avvenluiieii, i quaIi desideiano di faisi sliada in un nodo o in un aIlio e
non hanno seiie inlenzioni. Con genle siniIe, ci saia faciIe peiseguiie iI
noslio scopo: essi nelleianno in nolo iI noslio neccanisno. Se iI
luilanenlo divenleia nondiaIe, cio significheia soIlanlo che eia
necessaiio pei noi di pioduiie quesla agilazione, aIIo scopo di disliuggeie
Ia lioppo giande soIidila deI nondo. Se nasceianno congiuie neI suo seno,
significheia che uno dei noslii agenli più fedeIi ò iI capo di quesla
cospiiazione. L' naluiaIe che noi dolliano esseie gIi unici a diiigeie Ie
inpiese nassoniche. Noi soIlanlo sappiano diiigeiIe. Noi conosciano Io
scopo finaIe di ogni azione, nenlie i CenliIi ignoiano Ia nassina paile di
cio che iiguaida Ia nassoneiia: essi non sono neppui capaci di vedeie i
iisuIlali innediali di queIIo che fanno. CeneiaInenle essi consideiano
soIlanlo i vanlaggi innediali, si conlenlano se iI Ioio oigogIio peisonaIe ò
soddisfallo pei I'adenpieisi deI Ioio inlenlo, non si accoigono che I'idea
oiiginaIe eia noslia e non Ioio.
I CenliIi fiequenlano Ie Logge Massoniche pei puia cuiiosila, o neIIa
speianza di iiceveie Ia Ioio paile deIIe spogIie, aIcuni di essi vi enliano
puie pei polei disculeie Ie Ioio slupide idee davanli ad un pullIico
quaIunque. I CenliIi vanno aIIa iiceica deIIe enozioni piocuiale daI
successo e dagIi appIausi, noi gIie ne diano fin che ne vogIiono. Queslo ò
iI nolivo pei cui peinelliano ad essi di aveie successi, cioò aIIo scopo di
voIgeie a noslio vanlaggio gIi uonini che ciedono oigogIiosanenle di
vaIei quaIche cosa, e che senza accoigeisene s'inlevono deIIe noslie idee,
fiduciosi di esseie infaIIiliIi e convinli di non andai soggelli aIIe infIuenze
aIliui. Non avele idea di quanlo sia faciIe iiduiie anche iI più inleIIigenle
dei CenliIi in una condizione iidicoIa di ingenuila agendo suIIa sua
piesunzione, e quanlo, d'aIlia paile, sia fuciIe scoiaggiaiIo nedianle iI più
piccoIo insuccesso, od anche senpIicenenle cessando di appIaudiiIo,
oppuie anche di iiduiIo in uno slalo di seiviIe sollonissione, aIIellandoIo
con Ia pionessa di quaIche nuovo successo. Iei quanlo iI noslio popoIo
dispiezza iI successo, lianando soIlanlo Ia ieaIizzazione dei suoi piani,
aIliellanlo i CenliIi anano iI successo e sono disposli a saciificaie lulli i
Ioio piani pei iaggiungeiIo. Queslo Ialo deI caialleie dei CenliIi iende
faciIe di faie d'essi queIIo che ci piace. QueIIi che senliano ligii, sono
52
invece slupidi cone pecoie, ed hanno Ia lesla assoIulanenle vuola.
Lasceieno che cavaIchino in sogno iI coisieio deIIe vane speianze di polei
disliuggeie I'individuaIila unana nedianle idee sinloIiche di
coIIellivisno. Lssi non hanno ancoia conpieso, e non conpiendeianno
nai, che queslo sogno fanlaslico ò conliaiio aIIa piincipaIe Iegge deIIa
naluia, Ia quaIe, fin daII'inizio deI nondo, cieo ogni esseie, diveiso da lulli
gIi aIlii, peiche ciascuno avesse un'individuaIila. II fallo che funno capaci
di fai concepiie un'idea così eiiala ai CenliIi, ò Ia piova Ianpanle deI
neschino concello che essi hanno deIIa vila unana, paiagonalo a queIIo
che ne alliano noi. In queslo consisle Ia naggioie speianza deI noslio
successo. Quanlo fuiono pievidenli i noslii sapienli d'un lenpo quando ci
disseio che, pui di iaggiungeie uno scopo veianenle giandioso,
dovevano iicoiieie a quaIunque nezzo senza feinaici a conlaie Ie che si
dovesseio saciificaie aI successo deIIa causa! L noi non alliano nai
conlalo Ie villine uscile daI sene di quei liuli di CenliIi, e pui avendo
saciificalo noIla genle noslia, alliano dalo aI noslio popoIo una
posizione laIe neI nondo, che esso non si saielle nai sognalo di
iaggiungeie. Un nuneio ieIalivanenle piccoIo di villine da paile noslia
ha saIvalo Ia noslia nazione daIIa disliuzione. Ogni uono deve
inevilaliInenle noiiie. L' piefeiiliIe affiellaie Ia noile di coIoio che
oslacoIano Ia noslia causa, che di queIIi che Ia pionuovono. Noi facciano
noiiie i fiannassoni in nanieia laIe che nessuno, fuoiche gIi adepli, puo
aveine iI ninino sospello. Neppuie Ie slesse villine ne sospellano piina
deI lenpo. Muoiono lulli, quando ò necessaiio, di noile appaienlenenle
naluiaIe. L neppuie gIi iniziali, conoscendo quesli falli, osano pioleslaie!
Con quesli nezzi alliano lagIialo fino aIIe iadici ogni veIIeila di piolesla
conlio i noslii oidini aIneno pei quanlo iiguaida i fiannassoni.
Iiedichiano iI IileiaIisno ai CenliIi, na d'aIlia paile leniano Ia noslia
piopiia nazione in assoIula sollonissione. Iei effello deIIa noslia
infIuenza, Ie Ieggi dei CenliIi vengono osseivale iI neno possiliIe. II
piesligio deIIe Ioio Ieggi ò slalo ninalo daIIe idee IileiaIi che vi alliano
inliodollo. Le più inpoilanli quislioni, sia poIiliche, sia noiaIi, vengono
decise dai TiilunaIi neI nodo slaliIilo da noi. II CenliIe anninislialoie di
giuslizia, esanina Ie cause in queI nodo che a noi paie e piace. Queslo
iisuIlalo Io alliano ollenulo nedianle i noslii agenli e peisone coIIe quaIi
appaienlenenle non siano in ieIazione, e pei nezzo di opinioni
piopagale con Ia slanpa e con aIlii nezzi. Ieisino i senaloii ed aIlii
funzionaii eIevali seguono ciecanenle i noslii consigIi. La nenlaIila dei
CenliIi essendo di naluia puianenle lesliaIe, ò incapace di osseivaie e di
anaIizzaie checchessia e più ancoia di pievedeie Ie conseguenze aIIe quaIi
puo conduiie una causa se piesenlala sollo una ceila Iuce. Ld ò
piecisanenle in quesla diffeienza di nenlaIila lia noi e i CenliIi, che
possiano faciInenle iiconosceie di esseie gIi eIelli di Dio nonche Ia noslia
naluia soviunana, in paiagone con Ia nenlaIila islinliva e lesliaIe dei
CenliIi. Cosloio non vedono che i falli, na non Ii pievedono e sono
incapaci di invenlaie quaIsiasi cosa, eccello Ie naleiiaIi. Da lullo queslo
iisuIla nellanenle, che Ia naluia slessa ci ha deslinalo a guidaie ed a
goveinaie iI nondo. Quando veiia pei noi I'oia di goveinaie apeilanenle,
53
saia giunlo iI nonenlo di dinosliaie Ia lonla deI noslio goveino. AIIoia
nigIioieieno lulle Ie Ieggi. Le noslie Ieggi saianno lievi, chiaie, e concise:
non avianno lisogno di inleipielazioni, sicche lulli polianno conosceiIe
da cina a fondo, denlio e fuoii. La caialleiislica piedoninanle di quesle
Ieggi saia I'olledienza dovula aII'auloiila, e queslo iispello aII'auloiila
saia spinlo aI nassino giado. AIIoia cesseia ogni geneie di aluso di
poleie, peiche ognuno saia iesponsaliIe di fionle aII'unico poleie
supieno, cioò a queIIo deI soviano. L'aluso di poleie da paile di
chiunque, che non sia iI soviano, saia così seveianenle punilo, che lulli
peideianno Ia vogIia di piovaie Ia Ioio foiza in laIe diiezione.
SoivegIieieno noIlo da vicino ogni allo deI noslio coipo anninislialivo,
da cui dipendeia iI funzionanenlo deIIa nacchina slalaIe, peiche se
I'anninisliazione divenla fiacca, iI disoidine soige dovunque. Non un
singoIo allo iIIegaIe, od aluso di poleie iinaiia inpunilo. Tulli gIi alli di
sinuIazione, o di voIonlaiia liascuialezza da paile degIi inpiegali
anninislialivi, cesseianno dopo che cosloio avianno vedulo i piini
esenpi di punizione.
La giandezza deIIa noslia polenza esigeia che siano infIille punizioni
adeguale ad essa. Cio vuoI diie che esse saianno duiissine, anche neI caso
deI più piccoIo lenlalivo di vioIaie iI piesligio deIIa noslia auloiila aIIo
scopo di Iucio peisonaIe. L'uono che soffiiia pei Ie sue coIpe, anche se
lioppo seveianenle, saia cone un soIdalo che nuoie suI canpo lallagIia
deII'anninisliazione pei Ia causa deI poleie, dei piincipî e deIIa Iegge, che
non annelle aIcuna deviazione daI senlieio pullIico pei un vanlaggio
peisonaIe, neanche pei coIoio che guidano iI caiio deIIo slalo. Iei
esenpio, i noslii giudici sapianno che, ceicando di esseie induIgenli,
vioIeianno Ia Iegge deIIa giuslizia, Ia quaIe ò falla pei infIiggeie punizioni
esenpIaii agIi uonini pei Ie coIpe che hanno connesso, e non pei daie ad
un giudice I'occasione di nosliaie Ia sua cIenenza. Quesla luona quaIila
deIIa cIenenza dovielle esseie esilila soIlanlo neIIa vila piivala, e non
neIIa quaIila ufficiaIe di giudice, che infIuisce su lulla Ia lase
deII'educazione deI geneie unano.
I nenlii deIIa nagislialuia non seiviianno più nei liilunaIi dopo i
cinquanlacinque anni di ela, pei Ie seguenli iagioni:
1° Ieiche i vecchi sono più lenacenenle allaccali aIIe idee pieconcelle e
neno capaci di ullidiie ai nuovi oidini.
2° Ieiche una laIe nisuia ci nelleia in giado di faie dei canlianenli
fiequenli neI coipo deIIa nagislialuia, che conseguenlenenle saia
soggella a quaIunque piessione da paile noslia.
Chiunque desideii nanleneie iI suo poslo dovia, pei assicuiaiseIo,
ullidiici ciecanenle. CeneiaInenle scegIieieno i noslii giudici fia uonini
i quaIi capiscano che iI Ioio doveie ò di puniie e di faie iispellaie Ie Ieggi,
e non di peinelleisi iI Iusso di sognaie iI IileiaIisno, che polielle iecai
danno aI piano educalivo deI noslio goveino, cone succede oia con i
giudici CenliIi. II noslio piogello di nulaie spesso i giudici, ci gioveia
anche pei inpediie Ia foinazione di quaIsiasi associazione fia essi, quindi
Iavoieianno soIlanlo neII'inleiesse deI goveino, len sapendo che da cio
dipende iI Ioio avveniie. La fuluia geneiazione di giudici saia educala in
54
laI nodo, che pieveiianno islinlivanenle quaIsiasi azione alla a
danneggiaie Ie ieIazioni iecipioche esislenli fia i noslii suddili.
AlluaInenle i giudici dei CenliIi sono induIgenli veiso lulli i deIinquenli,
peiche non hanno iI giuslo concello deI Ioio doveie, ed anche pei iI
senpIice fallo, che i goveinanli, quando noninano i giudici, non
inpiinono in essi iI concello deI doveie, cone saielle necessaiio.
I goveinanli dei CenliIi, quando noninano i Ioio suddili a caiiche
inpoilanli, non si danno Ia pena di spiegai Ioio I'inpoilanza deIIe
nedesine, ne pei quaIe iagione delle caiiche sono slale isliluile, essi
agiscono cone Ie leslie quando nandano Ia Ioio pioIe in ceica dì pieda. In
queslo nodo i goveini dei CenliIi vanno in pezzi pei opeia dei Ioio slessi
anninislialoii. Dai iisuIlali deI sislena adollalo dai CenliIi iicaveieno
ancoia un insegnanenlo noiaIe e ce ne seiviieno pei nigIioiaie iI noslio
goveino. Ciadiieno Ie lendenze IileiaIi di ciascuna deIIe inpoilanli
isliluzioni di piopaganda neI noslio goveino, daIIe quaIi possa dipendeie
I'educazione di coIoio che divenleianno i noslii suddili. Quesli posli
inpoilanli saianno iiseivali escIusivanenle a coIoio che fuiono da noi
educali aIIo scopo piefisso pei I'anninisliazione.
QuaIoia si osseivasse, che iI nelleie in iiliio lioppo pieslo i noslii
inpiegali ci cosleielle lioppo caio, iispondeiei, che anzi lullo ceicheieno
di liovaie una occupazione piivala a quesli pensionali, pei conpensaiIi
deIIa peidila deI Ioio poslo goveinalivo, ed in secondo Iuogo che iI noslio
goveino possiedeia in ogni caso lullo iI denaio deI nondo, e peicio Ia
spesa non va piesa in consideiazione.
La noslia aulociazia saia coeienle in lulle Ie sue azioni, quindi iI noslio
aIlo conando saia senpie consideialo con Ia nassina defeienza e
olledilo senza iiseiva, quaIunque sia Ia decisione che gIi piaceia di
piendeie. Ignoieieno quaIunque espiessione di iannaiico o di
naIconlenlo e puniieno così seveianenle chiunque nosliasse di non
esseie soddisfallo, che gIi aIlii, vedendo queslo esenpio, si cheleianno.
AloIiieno iI diiillo di appeIIo, iiseivandoIo pei noi slessi, e cio pei Ia
iagione che non dolliano peinelleie aI popoIo di ciedeie che i noslii
giudici possano slagIiaie neIIe Ioio decisioni. L, neII'evenluaIila di un
giudizio che iichiede Ia ievisione, desliluiieno innedialanenle iI giudice
che Io avia enesso, casligandoIo pullIicanenle, affinche un eiioie siniIe
non allia a iipeleisi.
Ripelo queIIo che ho gia dello, cioò che uno dei noslii piincipî
fondanenlaIi saia I'allenla soivegIianza dei noslii inpiegali
anninislialivi: e queslo si faia piincipaInenle pei soddisfaie Ia nazione,
Ia quaIe ha pieno diiillo di insisleie che un luon goveino allia luoni
inpiegali anninislialivi.
II noslio goveino avia I'aspello di una fede paliiaicaIe neIIa peisona deI
suo soviano. La noslia Nazione ed i noslii suddili consideieianno iI
soviano cone un padie, iI quaIe si cuia di lulli i Ioio lisogni, si occupa
deIIe Ioio azioni, sislena Ie ieIazioni iecipioche dei suoi suddili, nonche
queIIe di essi veiso iI goveino. Così che iI senlinenlo di veneiazione pei iI
iegnanle si iadicheia lanlo piofondanenle neIIa nazione, che quesla non
polia esisleie senza Ie sue cuie e Ia sua guida. II popoIo non polia viveie
55
in pace senza iI soviano e finaInenle Io iiconosceia cone aulociale. II
popoIo nuliiia pei iI soviano un senlinenlo di veneiazione laInenle
piofondo da avvicinaisi aIIa adoiazione, speciaInenle quando si
convinceia che i suoi dipendenli seguono i suoi oidini ciecanenle e che
egIi soIo iegna su di essi. II popoIo si iaIIegieia vedendoci iegoIaie Ia
noslia esislenza cone se fossino geniloii desideiosi di educaie Ia piopiia
pioIe in un senlinenlo piofondo deI doveie e deII'ullidienza.
Iei quanlo poi iiguaida Ia noslia poIilica segiela, lulle Ie nazioni sono in
uno slalo d'infanzia ed i Ioio goveini puie. Cone polele vedeie da voi
slessi, io laso iI noslio dispolisno suI Diiillo e suI Doveie. II diiillo deI
goveino di pielendeie che Ia genle faccia iI suo doveie ò in se slesso un
ollIigo di chi iegna, peiche egIi ò iI padie dei suoi suddili. II diiillo deIIa
foiza gIi viene concesso peiche conduca I'unanila neIIa diiezione slaliIila
daIIe Ieggi naluiaIi, vaIe a diie veiso I'ullidienza.
Ogni ciealuia in queslo nondo ò in suggezione se non di un uono, di
quaIche ciicoslanza, oppuie deIIa sua slessa naluia: insonna di quaIche
cosa che ò più foile di Iei. Quindi noi dolliano esseie Ia foiza
assoggellaliice, peI lene deIIa causa conune. Dolliano saciificaie senza
esilazione quegIi individui che possono vioIaie Ia Iegge esislenle, peiche Ia
soIuzione deI giande piolIena educalivo sla neIIa punizione esenpIaie.
II Re di IsiaeIe, neI gioino che poiia suI suo capo consacialo Ia coiona che
gIi veiia piesenlala da lulla I'Luiopa, divenleia iI Ialiiaica MondiaIe.
II nuneio deIIe villine che iI noslio Re dovia saciificaie, non soipasseia
nai queIIo deIIe villine che i soviani CenliIi hanno saciificalo neIIa Ioio
iiceica di giandezza e pei Ie Ioio iivaIila iecipioche.
II noslio soviano saia coslanlenenle in conlallo coI popoIo, aI quaIe
paiIeia daII'aIlo deIIe liilune. I suoi discoisi saianno innedialanenle
nessi in ciicoIazione in lullo iI nondo.





IROTOCOLLO XVI


AIIo scopo di disliuggeie quaIunque specie di inpiesa coIIelliva che non
sia Ia noslia, annienleieno suI Ioio nasceie Ie opeie coIIellive, vaIe a diie,
che liasfoineieno Ie univeisila e Ie iiedificheieno secondo i noslii piani.
I ielloii deIIe univeisila, nonche i piofessoii di esse, saianno piepaiali in
nodo speciaIe pei nezzo di eIaloiali e segieli piogianni d'azione, nei
quaIi saianno isliuili e dai quaIi non polianno deviaie inpunenenle. La
nassina cuia saia posla neIIa Ioio sceIla, e dipendeianno inleianenle daI
goveino. LscIudeieno daI noslio siIIalo ogni insegnanenlo di diiillo
civiIe, nonche quaIunque aIlia naleiia poIilica. Quesle scienze saianno
insegnale soIlanlo a pochi uonini iniziali, sceIli pei Ie Ioio aliIila cospicue.
Le univeisila non polianno più Ianciaie neI nondo dei giovani inespeili,
56
inlevuli di idee ciica nuove foine cosliluzionaIi, cone se quesle fosseio
connedie o liagedie, oppuie dedili ad occupaisi di queslioni poIiliche che
neppuie i Ioio padii conpiendevano. Quando Ia nassa deI popoIo ha
deIIe idee poIiliche slagIiale, si voIge a concezioni ulopisliche con iI
iisuIlalo di divenlaie un insiene di pessini suddili. Cio polele giudicaie
da voi vedendo iI sislena educalivo dei CenliIi, alliano dovulo
inlioduiie lulli quesli piincipi neI sislena educalivo aIIo scopo di
disliuggeie Ia Ioio sliulluia sociaIe: cosa che alliano fallo con pieno
successo, na quando saieno aI poleie, logIieieno dai piogianni
educalivi lulle Ie naleiie che polielleio luilaie Io spiiilo dei giovani, e Ii
iiduiieno ad esseie dei linli olledienli, i quaIi aneianno iI Ioio soviano
ed in Iui iiconosceianno iI soslegno piincipaIe deIIa pace e deI lenesseie
pullIico.
Invece di fai sludiaie i cIassici e Ia sloiia anlica, che conlengono più
esenpi callivi che luoni, faieno sludiaie i piolIeni deI fuluio. DaIIa
nenoiia degIi uonini canceIIeieno iI iicoido dei secoIi passali, che
polielle esseie sgiadevoIe pei noi, ad eccezione di quei falli che nosliano
a coIoii vivaci gIi eiioii dei goveini CenliIi. La lase fondanenlaIe deI
noslio piogianna educalivo saia I'insegnanenlo di cio che si iifeiisce aIIa
vila pialica, aIIa oiganizzazione sociaIe, aIIe ieIazioni fia uono e uono,
faieno puie confeienze conlio i callivi esenpi egoislici, che sono
conlagiosi e causa di naIi, cone anche su aIlie queslioni siniIi ieIalive
aII'islinlo. Quesli piogianni saianno liacciali in nodo diffeienle pei Ie
diffeienli cIassi e casle, peiche I'educazione di esse dovia esseie len
dislinla. Inpoila noIlissino di insisleie su queslo punlo, che ogni cIasse,
o casla, dovia esseie educala sepaialanenle, secondo Ia sua speciaIe
condizione ed iI suo Iavoio. LvenluaInenle, un uono di genio ha senpie
sapulo e sapia senpie peneliaie in una casla più eIevala deIIa sua, na pei
anoie di un caso affallo eccezionaIe, non conviene nescoIaie I'educazione
deIIe vaiie casle e annelleie gIi uonini di lasso celo neIIe cIassi più
eIevale, soIlanlo peiche occupino i posli di coIoio che son chianali daIIa
nascila ad occupaiIi. Sapele da voi che i CenliIi, quando cedelleio aII'idea
assuida di non annelleie diffeienza fia Ie diveise cIassi sociaIi, andaiono
inconlio aI disaslio.
Affinche iI soviano allia un poslo sicuio neI cuoie dei suoi suddili, ò
necessaiio che, duianle iI suo iegno, siano insegnale neIIe pullIiche
scuoIe e nei pullIici iiliovi, I'inpoilanza deIIa sua allivila e Ia luona
inlenzione deIIe sue inpiese. AloIiieno ogni specie di educazione
piivala. Nei gioini di vacanza gIi scoIaii ed i Ioio geniloii avianno iI
diiillo di inleiveniie nei Ioio coIIegi, cone se quesli fosseio dei "cIuls", a
iiunioni neIIe quaIi aIcuni piofessoii faianno deIIe confeienze,
appaienlenenle Iileie, paiIando suIIe quislioni dei iappoili iecipioci fia
gIi uonini, deIIe Ieggi, dei naIinlesi che geneiaInenle sono Ia
conseguenza di una concezione eiionea inloino Ia posizione sociaIe degIi
uonini. Infine essi faianno deIIe Iezioni suIIe nuove leoiie fiIosofiche, che
non sono ancoia slale iiveIale aI nondo. Noi faieno di quesle dolliine
degIi ailicoIi di fede, seivendocene cone di giadini pei I'ascendeie deIIa
Iede noslia.
57
Quando avio finilo di nelleivi conpIelanenle aI coiienle deI noslio
piogianna, e quando avieno finilo di disculeie i noslii piani pei iI
piesenle e I'avveniie, vi Ieggeio Io schena di laIe nuova leoiia fiIosofica.
L'espeiienza di noIli secoIi ci insegna che gIi uonini vivono pei Ie idee e
ne sono guidali e che Ia genle viene ispiiala da laIi idee soIlanlo pei nezzo
deII'educazione, che puo esseie inpailila con i nedesini iisuIlali agIi
uonini di lulli i secoIi, na naluiaInenle con nezzi diveisi. Con una
nelodica educazione sapieno eIininaie i iesidui di queIIa indipendenza
di pensieio deIIa quaIe ci siano seivili pei i noslii fini da noIlo lenpo.
Alliano gia isliluilo iI sislena di soggiogaie Ia nenle degIi uonini coI
così dello nelodo di educazione dinoslialiva (I'insegnanenlo ocuIaie), iI
quaIe iende i CenliIi incapaci di pensaie indipendenlenenle, e così essi -
cone aninaIi ullidienli - allendeianno Ia dinosliazione di un idea piina
di affeiiaiIa. Uno dei noslii nigIioii agenli in Iiancia ò iI ßouioy, egIi vi
ha gia inliodollo iI nuovo nelodo d'insegnanenlo dinoslialivo.


IROTOCOLLO XVII

La piofessione iI giuieconsuIlo iende coIoio che Ia eseicilano fieddi,
ciudeIi ed oslinali, Ii piiva di lulli i piincipi e Ii ollIiga a foinaisi un
concello deIIa vila che non ò unano na puianenle IegaIe. Si aliluano
anche a vedeie Ie ciicoslanze soIlanlo daI punlo di visla di quanlo si puo
guadagnaie facendo una difesa, senza ladaie aIIe conseguenze che essa
puo aveie suI lene pullIico.
Un avvocalo non si iifiula nai di difendeie una causa. LgIi faia di lullo
pei olleneie I'assoIuzione a quaIunque coslo, allaccandosi ai più neschini
caviIIi deIIa giuiispiudenza, e con quesli nezzi egIi denoiaIizza iI
liilunaIe.
Ieicio noi Iinileieno Ia sfeia d'azione di quesla piofessione e nelleieno
gIi avvocali suIIa slessa lase dei funzionaii eseculivi. Tanlo gIi avvocali
paliocinaloii, quanlo i giudici, non avianno iI diiillo di inleivislaie i Ioio
cIienli e iiceveianno iI Ioio nandalo difensivo a seconda deII'assegnazione
che ne faia iI liilunaIe |VaIe a diie che i difensoii saianno noninali
d'ufficio e non sceIli dagIi accusali. (N. d. T. ingIese)j. Lssi sludieianno Ia
causa escIusivanenle alliaveiso i docunenli ed i iappoili, e difendeianno
i Ioio cIienli dopo che quesli saianno slali inleiiogali in liilunaIe daI
pullIico ninisleio, lasando Ia difesa di essi sui iisuIlali di queslo
inleiiogaloiio. II Ioio onoiaiio saia fisso senza lenei conlo se Ia difesa sia,
o pui no, iiuscila. Lssi divenleianno dei senpIici ieIaloii in favoie deIIa
giuslizia, agendo in senso opposlo aI pullIico ninisleio, iI quaIe saia un
ieIaloie in favoie deII'accusa. In queslo nodo Ia pioceduia IegaIe saia
consideievoInenle allieviala. InoIlie, con quesli nezzi olleiieno una
difesa onesla ed inpaiziaIe, Ia quaIe non saia pionossa dagIi inleiessi
naleiiaIi, na lensì daIIa convinzione peisonaIe deII'avvocalo. Si avia
inoIlie iI giande vanlaggio di nellei fine a quaIunque foina di
suloinanenlo e di coiiuzione, che aII'epoca alluaIe puo avei Iuogo nei
liilunaIi di aIcuni paesi.
58
Alliano nesso noIlo inpegno neIIo sciedilaie iI cIeio dei CenliIi agIi
occhi deI popoIo, e siano così iiuscili a nuoceie aIIa sua nissione che
avielle polulo oslacoIaie noIlo iI noslio cannino. L'InfIuenza deI cIeio
suI popoIo dininuisce di gioino in gioino.
AlluaInenle Ia Iileila di ieIigione pievaIe ovunque, e I'epoca che iI
Ciislianesino cadia in fianluni non ò oianai lioppo dislanle. Saia ancoia
più faciIe pei noi di disliuggeie Ie aIlie ieIigioni. Ma ò pienaluio pei oia
di disculeie queslo aigonenlo.
Noi iiduiieno iI cIeio e Ie sue dolliine a lenei così poco poslo neIIa vila, e
iendeieno Ia Ioio infIuenza così anlipalica aIIa popoIazione, che i Ioio
insegnanenli avianno iisuIlali opposli a queIIi che avevano una voIla.
Quando saia aiiivala I'oia di annienlaie Ia Coile papaIe, una nano ignola,
addilando iI Valicano, daia iI segnaIe deII'assaIlo. AIIoiquando iI popoIo,
neIIa sua iia si scagIieia suI Valicano, noi ci alleggeieno a suoi piolelloii
pei evilaie Io spaiginenlo di sangue. Con queslo allo penelieieno fino aI
cuoie di laIe Coile, e nessuno polia più scacciaicene finche non avieno
disliullo Ia polenza papaIe. II Re di IsiaeIe divenleia iI veio Iapa
deII'univeiso: iI Ialiiaica deIIa Chiesa InleinazionaIe.
Ma finche non avieno conpiulo Ia iieducazione deIIa giovenlù pei nezzo
di nuove ieIigioni lenpoianee, pei conduiIa aIIa noslia, non allaccheieno
apeilanenle Ie Chiese esislenli, na Ie conlalleieno con Ia ciilica, Ia quaIe
ha gia suscilalo e conlinueia a suscilaie dissensi fia esse.
Ceneiicanenle paiIando, Ia noslia slanpa denuncieia i goveini e Ie
isliluzioni dei CenliIi, sia ieIigiose che d'aIlio geneie, nedianle ailicoIi
d'ogni specie spogIi di quaIunque sciupoIo, aIIo scopo di sciedilaiIi aI
nassino giado così cone noi soIi sappiano faie.
II noslio goveino sonigIieia aI dio cenlinane Vichnu degIi Indiani.
Ognuna deIIe sue cenlo nani leiia una deIIe noIIe deIIa nacchina sociaIe
deIIo Slalo.
Sapieno lullo senza I'aiulo deIIa poIizia ufficiaIe, che ò slala così
insidiosanenle coiiolla da noi, da non seiviie ad aIlio che inpediie ai
goveini dei CenliIi di veniie aIIa conoscenza dei falli veii. II noslio
piogianna peisuadeia una leiza paile deIIa popoIazione a soivegIiaie iI
ieslo, pei un aIlo senso di doveie ed in lase aI piincipio deI seivizio
goveinalivo voIonlaiio. AIIoia non saia più consideialo cone un disonoie,
na anzi cone cosa IodevoIe iI faie Ia spia. D'aIlia paile, chi poileia nolizie
faIse saia veianenle punilo, pei evilaie che I'aIlo piiviIegio deI iappoilo
divenli un aluso. I noslii agenli veiianno sceIli lanlo fia Ie cIassi aIle
quanlo fia Ie lasse. Li piendeieno fia gIi anninislialoii, ediloii,
slanpaloii, Iiliai, inpiegali, opeiai, cocchieii, Iacchò ecc. Quesla foiza
poIiziesca, non avia nessun poleie indipendenle di azione e nessun diiillo
di piendeie quaIsiasi nisuia di sua inizialiva, quindi iI doveie di quesla
poIizia inpolenle consisleia senpIicenenle neI faie dei iappoili e deIIe
leslinonianze. La veiifica dei suoi iappoili, e gIi aiiesli, dipendeianno da
un giuppo di ispelloii di poIizia iesponsaliIi. CIi aiiesli saianno falli da
gendaini e da guaidie di cilla. QuaIunque peisona, che avendone
I'incaiico, onella di fai iappoilo d'una nancanza quaIsiasi, anche piccoIa,
in fallo di poIilica, saia punila pei deIilluoso nascondinenlo di deIillo, se
59
polia piovaisi che ne ò coIpevoIe. AnaIoganenle devono agiie oia i noslii
fialeIIi, devono cioò di Ioio inizialiva denunziaie aIIe auloiila conpelenli
lulli gIi aposlali, nonche lulle Ie azioni che polielleio esseie conliaiie aIIa
noslia Iegge. NeI noslio Coveino UniveisaIe, lulli i noslii suddili avianno
iI doveie di seiviie iI noslio soviano agendo neI nodo suddello.
Un'oiganizzazione cone Ia noslia siadicheia ogni aluso di poleie nonche
Ie vaiie foine di suloinanenlo e di coiiuzione. Insonna, essa
disliuggeia lulle Ie idee con Ie quaIi alliano conlaninalo Ia vila dei
CenliIi nedianle Ie noslie leoiie sopia i diiilli soviunani.
Cone avienno polulo iiusciie aI noslio inlenlo di cieaie iI disoidine
neIIe isliluzioni anninislialive dei CenliIi, se non con nezzi siniIi` Iia i
più inpoilanli nezzi pei coiionpeie Ie Ioio isliluzioni, vi ò I'uso di quegIi
agenli che sono in giado - pei Ia Ioio allivila disliulliva individuaIe - di
conlaninaie gIi aIlii, sveIando e sviIuppando Ie Ioio lendenze coiiolle,
quaIi I'aluso deI poleie e I'uso sfaccialo deIIa coiiuzione.


IROTOCOLLO XVIII

Quando veiia pei noi iI nonenlo di piendeie deIIe nisuie speciaIi di
poIizia inponendo I'alluaIe sislena iusso deII'"Okhiana" (iI più peiicoIoso
veIeno pei iI piesligio deIIo Slalo) suscileieno dei lunuIli fillizi fia Ia
popoIazione, oppuie Ia induiieno a nosliaie una iiiequielezza
pioIungala, aI che iiusciieno con I'aiulo di luoni oialoii i quaIi
lioveianno noIli sinpalizzanli, cio che ci foiniia Ia scusa di peiquisiie Ie
alilazioni, nonche di sollopoiie Ie peisone a iesliizioni speciaIi,
seivendoci dei noslii dipendenli che conliano neIIa poIizia dei CenliIi.
Siccone Ia più gian paile dei cospiialoii sono spinli daIIa passione che
hanno sia pei Ia congiuia, sia pei Ie chiacchieie, non Ii loccheieno fin
lanlo che non Ii vedieno suI punlo di nelleisi ad agiie conlio di noi, e ci
Iinileieno ad inlioduiie fia essi un - pei così diie - eIenenlo deIaloie.
Dolliano iicoidaici che un poleie peide di piesligio ogni quaI voIla
scopie una congiuia pullIica diiella conlio di esso. In siniIe iiveIazione ò
inpIicila Ia piesunzione deIIa sua deloIezza, nonche, cosa ancoia più
dannosa, I'annissione dei suoi eiioii. Dovele sapeie che alliano
disliullo iI piesligio dei CenliIi iegnanli, nedianle nuneiosi assassini
piivali, conpiuli dai noslii agenli, pecoie cieche deI noslio giegge, che
possono faciInenle esseie indolle a connelleie un deIillo puiche sia di
caialleie poIilico.
OllIigheieno i goveinanli a iiconosceie Ia piopiia deloIezza
coII'inlioduiie apeilanenle deIIe nisuie speciaIi di poIizia, lipo
"Okhiana", e così scuoleieno iI piesligio deI Ioio poleie.
II noslio soviano saia piolello da una guaidia segielissina, giacche non
peinelleieno nai che si possa ciedeie possiliIe una congiuia conlio iI
noslio soviano, che egIi non sia in giado di svenlaiIa peisonaInenle, o
daIIa quaIe egIi sia cosliello a nascondeisi. Se peinellessino che
pievaIesse un'idea siniIe, cone pievaIe fia i CenliIi, fiineienno Ia
condanna a noile deI noslio soviano, e se non di Iui peisonaInenle, deIIa
6O
sua dinaslia.
II noslio soviano, osseivando sciupoIosanenle Ie appaienze useia deI suo
poleie soIlanlo pei iI leneficio deIIa nazione, e giannai pei iI suo lene
peisonaIe, o deIIa sua dinaslia.
Con queslo seveio nanleninenlo deI suo decoio, olleiia iI iisuIlalo che Ia
sua polenza saia onoiala e piolella dai suoi slessi suddili. Lssi adoieianno
Ia polenza deI soviano, len sapendo che ad esso ò coIIegalo iI lenesseie
deIIo Slalo peiche da esso dipende I'oidine pullIico. Iai Ia guaidia aI Re
apeilanenle, equivaIe ad annelleie Ia deloIezza deI suo poleie.
II noslio soviano saia senpie in nezzo aI suo popoIo ed avia I'appaienza
di esseie ciicondalo da una foIIa indisciela di uonini e di donne, che pei
puio caso, in appaienza, occupeia senpie Ie fiIe più piossine a Iui,
lenendo così indielio iI ieslo deIIa genle, soIlanlo pei conseivaie I'oidine.
Queslo esenpio insegneia agIi aIlii Ia padionanza di se slessi. NeI caso
che un suppIicanle fia iI popoIo, voIendo piesenlaigIi una donanda, aiiivi
a faisi sliada alliaveiso aIIa foIIa, coIoio che sono neIIe piine fiIe
piendeianno Ia sua pelizione e Ia consegneianno aI soviano aIIa piesenza
deI suppIicanle slesso, acciocche ognuno sappia che lulle Ie pelizioni
giungono aI Soviano e che egIi slesso conlioIIa lulli gIi affaii. II piesligio
deI poleie deve, pei sussisleie, occupaie una posizione laIe che iI popoIo
possa diie: "Se iI Re soIanenle polesse sapeie!" oppuie: "Quando iI Re Io
sapia!".
II nislicisno che ciiconda Ia peisona deI soviano svanisce appena Io si
vede alloinialo da una guaidia di poIizia. Quando viene fallo uso di una
siniIe guaidia, quaIunque assassino con una ceila audacia, puo
consideiaisi più foile deIIa guaidia e quindi, ieaIizzando Ia sua foiza,
lasla che egIi allenda iI nonenlo piopizio e polia assaIiie iI ie. Non
piedichiano quesla dolliina ai CenliIi, polele conslalaie da voi slessi iI
iisuIlalo che ha avulo iI sislena di ciicondaie di guaidie visiliIi i soviani
dei CenliIi. II noslio Coveino aiiesleia lulli gIi individui che più o neno
giuslanenle sospelleia di esseie deIinquenli poIilici. Non ò piudenle che,
pei iI linoie di giudicaie eiioneanenle quaIcuno, si dia I'oppoilunila di
fuggiie aIIe peisone sospelle di laIi deIilli veiso di esse saieno spielali. Si
polia foise, in casi eccezionaIi, piendeie in consideiazione aIcune
ciicoslanze allenuanli a favoie di deIinquenli conuni, na non vi possono
esseie allenuanli pei un deIillo poIilico, vaIe a diie che non esisle
giuslificazione pei un uono che si Iasci liascinaie ad occupaisi di poIilica,
cosa che nessuno, fuoiche iI iegnanle, ha iI diiillo di conpiendeie. Ld
inveio neppuie lulli i goveinanli sono capaci di conpiendeie Ia veia
poIilica.


IROTOCOLLO XIX

Saia pioililo a lulli di Iasciaisi coinvoIgeie in faccende poIiliche, na
d'aIlia paile incoiaggeieno ogni geneie di iappoili e di pelizioni
solloponenli aII'appiovazione deI Coveino pioposle ieIalive a
nigIioianenli deIIa vila sociaIe e nazionaIe. Con quesli nezzi
61
conosceieno gIi eiioii deI noslio goveino e Ie aspiiazioni dei noslii
suddili. Rispondeieno a quesli suggeiinenli accellandoIi, oppuie, se non
saianno accellaliIi, confulandoIi con vaIidi aigonenli pei dinosliaie che
Ia Ioio ieaIizzazione ò inpossiliIe e lasala sopia una concezione niope
degIi affaii.
La sedizione non ha più inpoilanza deII'allaiaie di un cane conlio un
eIefanle. In un goveino lene oiganizzalo daI punlo di visla sociaIe, na
non daI punlo di visla deIIa sua poIizia, iI cane allaia conlio I'eIefanle
senza conpiendeine Ia foiza, na lasla che I'eIefanle gIie Ia dinoslii
dandogIi una luona Iezione, peiche lulli i cani snellano di allaiaie.
Iei logIieie aI coIpevoIe poIilico Ia sua coiona di eioisno, Io nelleieno aI
IiveIIo degIi aIlii deIinquenli, aIIa paii con i Iadii, gIi assassini ed i più
iipugnanli naIfalloii. Alliano fallo iI possiliIe pei inpediie ai CenliIi di
adollaie queslo sislena. Iei iaggiungeie Io scopo ci siano seivili deIIa
slanpa, di discoisi in pullIico e di Iilii scoIaslici di sloiia
ingegnosanenle conpiIali, alliano così fallo nasceie I'idea che ogni
assassino poIilico sia un nailiie, noilo pei I'ideaIe deI lenesseie unano.
Una "iecIane" così eslesa ha noIlipIicalo iI nuneio dei IileiaIi e ha
ingiossalo Ie fiIe dei noslii agenli di nigIiaia di CenliIi.





IROTOCOLLO XX

Oggi ni occupeio deI noslio piogianna finanziaiio, che ho iiseivalo pei
Ia fine deIIa nia ieIazione, in quanlo ò iI piolIena più difficiIe ed anche
peiche cosliluisce Ia cIausoIa finaIe dei noslii piani. Iiina di disculeiIo,
voiiei iannenlaivi cio che vi ho gia accennalo, e cioò che lulla Ia noslia
poIilica si iiduce ad una quislione di cifie.
Quando assuneieno iI poleie, iI noslio goveino aulocialico evileia, pei iI
suo inleiesse peisonaIe, di inpoiie aI popoIo deIIe lasse pesanli e leiia
senpie piesenle Ia paile che deve iappiesenlaie, queIIa cioò, di un padie,
di un piolelloie. Ma siccone I'oiganizzazione deI goveino assoiliia vasle
sonne di denaio, saia lanlo più necessaiio di piocacciaie i nezzi
necessaii pei nanleneiIa. Quindi dovieno sludiaie e iisoIveie queslo
piolIena con Ia nassina cuia, piocuiando che iI peso deIIe inposle sia
disliiluilo equanenle.
Iei nezzo di una finzione IegaIe iI noslio soviano saia piopiielaiio di lulli
i possedinenli deIIo Slalo (cio si nelle in pialica coIIa nassina faciIila).
LgIi polia pieIevaie queIIe sonne di denaio che saianno necessaiie pei
iegoIaie Ia ciicoIazione nonelaiia deI Iaese. Quindi iI nelodo più adallo
pei soddisfaie Ie spese goveinalive saia Ia lassazione piogiessiva deIIa
piopiiela. Così Ie inposle saianno pagale senza I'oppiessione e Ia iovina
deI popoIo, e I'annonlaie ieIalivo dipendeia daI vaIoie di ciascuna
piopiiela individuaIe. I iicchi dovianno conpiendeie che hanno iI doveie
62
di daie una paile deIIa Ioio soveichia iicchezza aI goveino, peiche queslo
gaianlisce Ioio iI possesso sicuio deI iinanenle, ed inoIlie da Ioio di
diiillo di guadagnaie deI denaio oneslanenle. Dico oneslanenle, peiche iI
conlioIIo deIIa sociela inpediia i fuili suI leiieno IegaIe.
Quesla iifoina sociaIe deve esseie Ia piina e più inpoilanle deI noslio
piogianna, essendo Ia gaianzia piincipaIe deIIa pace. Lssa non annelle
indugi di soila.
La lassazione dei poveii ò I'oiigine di lulle Ie iivoIuzioni e pioduce senpie
un giave danno aI goveino, peiche queslo, sfoizandosi di esloiceie denaio
daI popoIo, peide I'occasione di olleneiIo dai iicchi. La lassazione deI
capilaIe faia dininuiie Ie iicchezze dei piivali, neIIe cui nani Ie alliano
Iasciale accunuIaie sino ad oia apposilanenle, peiche i pIulociali agisseio
da conliappeso ai goveini dei CenliIi e aIIe Ioio finanze. La lassazione
piogiessiva appIicala piopoizionaInenle aIIe foilune individuaIi,
pioduiia assai più deI sislena alluaIe di lassaie lulli eguaInenle. Queslo
sislena ò, aI nonenlo alluaIe (19O1) essenziaIe pei noi, peiche geneia iI
naIconlenlo fia i CenliIi |Si noli che quesla confeienza fu lenula neI 19O1.
(Nola deI T. ingIese)j. II poleie deI noslio soviano si laseia piincipaInenle
suI fallo, che egIi saia gaianle deII'equiIiliio deI poleie e deIIa pace
peipelua deI nondo. Quindi, pei olleneie quesla pace, i capilaIisli
dovianno iinunciaie ad una paile deIIe Ioio iicchezze, saIvaguaidando
così I'azione deI goveino. Le spese deIIo Slalo devono esseie pagale da
coIoio che sono negIio in giado di sosleneiIe e coI denaio che si polia
logIieie ad essi. TaIe nisuia faia cessaie I'odio deIIe cIassi popoIaii pei i
iicchi, peiche esse vedianno in cosloio i necessaii soslegni finanziaii deI
goveino, iiconosceianno in essi, inoIlie, i sosleniloii deIIa pace e deI
lenesseie pullIico. Le cIassi poveie conpiendeianno che i iicchi
foiniscono i nezzi pei i lenefizi sociaIi.
Iei evilaie che Ie cIassi inleIIigenli, vaIe a diie i conliiluenli, si Iagnino
soveichianenle deI nuovo sislena di lassazione, daieno ad esse dei
iesoconli pailicoIaieggiali, esponendo chiaianenle iI nodo cone iI Ioio
denaio viene speso, eccellualo, si capisce, queIIa paile che saia inpiegala
pei i lisogni piivali deI Soviano e pei Ie esigenze deII'anninisliazione.
II Soviano non avia aIcuna piopiiela piivala, peiche lullo cio che ò neIIo
Slalo gIi appaileia. Se aI Soviano fosse concesso di possedeie
piivalanenle, senlieielle che non ò di sua piopiiela lullo cio che ò neIIo
Slalo.
I congiunli deI Soviano, eccellualo iI Suo eiede, iI quaIe saia anche
nanlenulo a spese deI goveino, dovianno seiviie cone funzionaii
goveinalivi, oppuie Iavoiaie, aIIo scopo di conseivaie iI diiillo di
possedeie: iI piiviIegio di esseie di sangue ieaIe non concedeia Ioio iI
diiillo di viveie aIIe spaIIe deIIo Slalo.
Vi saia una lassa di loIIo piogiessiva su lulle Ie vendile e conpeie,
nonche lasse di successione. QuaIunque conliallo senza iI loIIo necessaiio
saia consideialo iIIegaIe, ed iI piopiielaiio anlecedenle saia ollIigalo a
pagaie aI Coveino una peicenluaIe suIIa lassa daI gioino deIIa vendila.
Ogni docunenlo di gaianzia deI liasfeiinenlo di un diiillo di una
piopiiela, ecc., da una peisona ad un'aIlia, dovia esseie poilalo ogni
63
sellinana aII'ispelloie IocaIe deIIe lasse, unendovi una dichiaiazione con
none e cognone deI possessoie alluaIe e deI piecedenle, nonche
I'indiiizzo peinanenle di anledue.
SiniIe pioceduia saia necessaiia pei i liasfeiinenli soipassanli un ceilo
vaIoie, eccedenli cioò I'annonlaie deIIa spesa nedia gioinaIieia. La
vendila deIIe cose più necessaiie saia soggella soIlanlo ad una naica da
loIIo di vaIoie slaliIilo.
CaIcoIale quanle voIle iI vaIoie di una siniIe lassazione soipasseia Ia
iendila dei goveini CenliIi.
Lo Slalo dovia leneie in iiseiva una ceila quola di capilaIe, e neI caso che
Ia iendila piovenienle deIIa lassazione venisse a soipassaie quesla sonna
specificala, Ia sonna iisuIlanle in più dovia esseie iinessa in
ciicoIazione. Quesle sonne in eccesso saianno spese oiganizzando ogni
soila di Iavoii pullIici.
La diiezione di quesli Iavoii dipendeia da un dipailinenlo goveinalivo, e
quindi gIi inleiessi deIIe cIassi opeiaie saianno sliellanenle coIIegali a
queIIi deI goveino e deI Ioio Soviano. Una paile di queslo denaio
soveichio saia deslinalo a pieniaie Ie invenzioni e Ie pioduzioni.
L di piina inpoilanza d'inpediie che Ia nonela iinanga inalliva neIIe
lanche deIIo Slalo, aI disopia di una sonna specificala che possa esseie
deslinala a quaIche scopo speciaIe, peiche iI denaio ò fallo pei ciicoIaie, e
quaIunque congeslione di denaio ha senpie un effello disaslioso suI coiso
degIi affaii deIIo Slalo, giacche Ia nonela agisce quaIe Iuliicanle deI
neccanisno slalaIe, e se iI Iuliicanle si condensa, iI funzionanenlo deIIa
nacchina si aiiesla in conseguenza. II fallo che Ie caileIIe di iendila hanno
sosliluilo Ia nonela in gian paile, ha ciealo una congeslione siniIe a
queIIa oia desciilla. Le conseguenze di queslo fallo sono allaslanza
evidenli.
Isliluiieno puie un dipailinenlo pei Ia ievisione dei conli, sicche iI
Soviano possa a quaIunque nonenlo iiceveie un iendiconlo conpIelo
deIIe spese deI goveino e deIIe sue iendile. Ogni iendiconlo saia lenulo
iigoiosanenle aI coiienle, fuoiche queIIi deI nese in coiso e deI
piecedenle. L'unica peisona che non avielle aIcun inleiesse a deiulaie Ia
lanca deIIo Slalo ò iI suo piopiielaiio - iI Soviano -. Iei quesla iagione iI
suo conlioIIo inpediia quaIunque possiliIila di peidile o di spese non
necessaiie.
Saianno aloIili i iicevinenli di elichella, che sciupano iI lenpo piezioso
deI Soviano, e cio pei daigIi naggioii oppoilunila di allendeie agIi affaii
deIIo Slalo. Sollo iI noslio goveino iI Soviano non saia ciicondalo da
coiligiani, i quaIi geneiaInenle si pavoneggiano inloino aIIa sua peisona
soIlanlo pei vanila, e si pieoccupano escIusivanenle dei piopii inleiessi,
liascuiando, cone fanno, iI lenesseie deIIo Slalo.
Tulle Ie ciisi econoniche da noi conlinale con lanla asluzia nei paesi dei
CenliIi, sono slale deleininale iiliiando iI denaio daIIa ciicoIazione. Lo
Slalo si ò liovalo neIIa necessila pei i suoi pieslili di faie appeIIo aIIe
giandi foilune che sono congeslionale peI fallo che Ia nonela ò slala
iiliiala daI goveino. Quesli pieslili hanno inposlo dei pesanli caiichi sui
goveini, ollIigandoIi a pagaie inleiessi, e così sono Iegali nani e piedi.
64
La concenliazione deIIa pioduzione neIIe nani deI capilaIisno ha
piosciugalo lulla Ia foiza piodulliice deI popoIo insiene aIIe iicchezze
deIIo Slalo. La nonela, aI nonenlo alluaIe, non puo soddisfaie i lisogni
deIIa cIasse opeiaia, peiche non ò sufficienle pei lulli.
L'enissione deIIa nonela deve coiiispondeie aII'aunenlo deIIa
popoIazione, e lisogna consideiaie i lanlini cone consunaloii di
nonela fino daI gioino deIIa Ioio nascila. Una veiifica deIIa nonela di
lanlo in lanlo ò una quislione vilaIe pei iI nondo inleio.
Sapele, io ciedo, che Ia nonela auiea ò slala Ia disliuzione di lulli gIi Slali
che I'hanno adollala, peiche non poleva soddisfaie ai lisogni deIIa
popoIazione, lanlo più che noi alliano fallo deI noslio negIio, peiche
fosse congeslionala e loIla daIIa ciicoIazione.
II noslio goveino avia una nonela lasala suI vaIoie deIIa polenza di
Iavoio deI paese, essa saia di caila, e nagaii anche di Iegno. Lnelleieno
una quanlila di nonela sufficienle pei ogni suddilo, aunenlandone Ia
quanlila aIIa nascila di ogni lanlino e dininuendoIa pei Ia noile di ogni
individuo. I conli goveinalivi saianno lenuli da goveini IocaIi sepaiali e
da uffici piovinciaIi. Iei evilaie iilaidi nei paganenli deIIe spese
goveinalive, iI Soviano in peisona enelleia oidini iegoIanli i leinini di
paganenlo di delle sonne, nellendo così fine ai favoiilisni usali quaIche
voIla dai ninislii deIIe finanze ad aIcuni dipailinenli.
I iesoconli degIi inlioili e deIIe spese deIIo Slalo saianno lenuli insiene,
peiche si possa senpie confionlaiIi.
I piani che faieno pei Ia iifoina deIIe isliluzioni di finanza dei CenliIi
saianno appIicali in nanieia laIe che essi non se ne accoigeianno nai.
Melleieno in evidenza Ia necessila di iifoine, cone se siano dovule aIIo
Slalo disoidinalo iaggiunlo daIIe finanze dei CenliIi. Dinoslieieno che Ia
piina iagione di quesla calliva condizione finanziaiia, sla neI fallo che
essi piincipiano iI Ioio anno finanziaiio facendo un caIcoIo appiossinalivo
peI liIancio annuo goveinalivo, I'annonlaie deI quaIe aunenla di anno in
anno, e pei Ia iagione seguenle: si iiesce a slenlo a fai duiaie Ie sonne
assegnale aI liIancio goveinalivo annuaIe sino aIIa nela deII'anno, quindi
si piesenla un nuovo liIancio goveinalivo iivedulo, e Ia sonna ieIaliva
viene spesa geneiaInenle in lie nesi. Dopo queslo viene volalo un
liIancio suppIenenlaie, e aIIa fine deII'anno i conli sono sislenali
nedianle un liIancio di Iiquidazione.
II liIancio di un anno ò lasalo suIIa spesa lolaIe deII'anno piecedenle,
quindi in ogni anno avviene una deviazione di ciica iI 5O pei cenlo suIIa
sonna noninaIe, ed iI liIancio annuo aIIa fine di un decennio ò liipIicalo.
Ciazie a siniIe pioceduia, loIIeiala dai CenliIi negIigenli, Ie Ioio iiseive
sono slale piosciugale. Quindi, quando giunse iI peiiodo dei pieslili,
queslo peiiodo vuolo Ie lanche slalaIi, poilandoIe suII'oiIo deI faIIinenlo.
Iolele faciInenle conpiendeie, che un'anninisliazione deIIe finanze di
queslo geneie, che alliano indollo i CenliIi a seguiie, non puo esseie
adollalo daI noslio goveino. Ogni pieslilo dinoslia Ia deloIezza deI
goveino e Ia sua incapacila a conpiendeie i suoi diiilli. Ogni pieslilo,
cone Ia spada di DanocIe, pende suIIa lesla dei goveinanli, che invece di
pieIevaie ceile sonne diiellanenle daIIa nazione pei nezzo di una
65
lassazione lenpoianea, vanno dai noslii lanchieii coI cappeIIo in nano.
I pieslili aII'esleio sono cone sanguisughe che non si possono dislaccaie
daI coipo deI goveino, finche non cascano da se, o finche iI goveino non
iiesce a slaiazzaisene. Ma i goveini dei CenliIi non desideiano di logIieisi
di dosso quesle sanguisughe, aI conliaiio ne aunenlano iI nuneio, ed ò
peicio che iI Ioio Slalo ò deslinalo a noiiie dissangualo e pei coIpa Ioio.
Ieiche, cosa ò un pieslilo aII'esleio se non un sanguisugo` Un pieslilo ò
una enissione di caila goveinaliva che inpIica I'inpegno di pagaie un
inleiesse annonlanle ad una ceila peicenluaIe deIIa sonna lolaIe di
denaio pieso in pieslilo. Se un pieslilo ò aI cinque pei cenlo, in venli anni
iI goveino avia inuliInenle pagalo una sonna equivaIenle a queIIa deI
pieslilo pei copiiine Ia peicenluaIe. In 4O anni avia pagalo due voIle ed in
6O anni lie voIle Ia sonna iniziaIe, na iI pieslilo iesleia senpie un delilo
non pagalo.
Da queslo caIcoIo ò evidenle che siniIi pieslili, dalo I'alluaIe sislena di
lassazione (19O1), logIieianno fino I'uIlino cenlesino aI poveio
conliiluenle pei pagaie gI'inleiessi ai capilaIisli slianieii, dai quaIi Io Slalo
ha pieso in pieslilo iI denaio invece di iaccogIieie daIIa nazione, pei
nezzo di lasse, Ia sonna necessaiia Iileia di inleiessi.
Iin lanlo che i pieslili eiano inleini, i CenliIi non facevano che liasfeiiie iI
denaio daIIe lasche dei poveii in queIIe dei iicchi, na da quando
iiuscinno, coiionpendo chi di iagione, a fai sosliluiie pieslili aII'esleio a
queIIi aII'inleino, lulle Ie iicchezze degIi Slali affIuiiono neIIe noslie
cassefoili, e lulli i CenliIi piincipiaiono a pagaici cio che si puo chianaie
liilulo.
A causa deIIa Ioio liascuialezza neIIa scienza deI goveino, o a causa deIIa
coiiuzione dei Ioio ninislii, o deIIa Ioio ignoianza in fallo di finanza, i
soviani CenliIi hanno ieso i Ioio paesi deliloii deIIe noslie lanche ad un
punlo laIe, che non polianno nai iedineie Ie Ioio ipoleche. Dovele
conpiendeie quanle faliche e quanle pene alliano soppoilalo pei
iiusciie a pioduiie un siniIe slalo di affaii.
NeI noslio goveino avieno giande cuia che non succeda una congeslione
di danaio e quindi non avieno pieslili di Slalo, eccezione falla di luoni
deI Tesoio aII'uno pei cenlo, pei inpediie che iI paganenlo deIIa
peicenluaIe esponga iI paese ad esseie succhialo daIIe nignalle.
II diiillo di enelleie ollIigazioni saia concesso escIusivanenle aIIe dille
conneiciaIi, Ie quaIi non avianno aIcuna difficoIla a pagaie Ie peicenluaIi
con i Ioio piofilli, peiche piendono in pieslilo iI denaio pei inpiese
conneiciaIi. Ma iI goveino non puo liaiie piofillo da denaio pieso in
pieslilo, peiche si iende deliloie unicanenle pei spendeie cio che si ò
fallo inpieslaie.
II noslio goveino conpeieia anche azioni conneiciaIi, divenlando così un
ciediloie invece di essei cone oia un deliloie e pagaloie di liiluli. Quesla
nisuia nelleia fine aII'indoIenza e aIIa negIigenza, che ci fuiono uliIi
finlanlo che i CenliIi fuiono indipendenli, na saielleio dannose aI noslio
goveino. La vacuila deI ceiveIIo puianenle aninaIe dei CenliIi ò
dinosliala daI fallo, che quando piendevano denaio ad inpieslilo da noi
con inleiessi essi non iiusciiono a capiie, che ogni sonna così ollenula
66
avielleio dovulo in uIlina anaIisi faiIa uscii fuoii daIIe iisoise deI Ioio
paese, insiene coi ieIalivi inleiessi. Saielle slalo assai più senpIice di
pieIevaie senz'aIlio laIe danaio daI popoIo, senza doveine pagaie gIi
inleiessi ad aIlii. Queslo dinoslia iI noslio genio ed iI fallo che iI noslio ò
iI popoIo eIello da Dio. Siano iiuscili a piesenlaie ai CenliIi iI piolIena
dei pieslili sollo una luona Iuce così favoievoIe, che essi hanno peisino
ciedulo di iicavaine piofillo.
I noslii conli piesunlivi, che pioduiieno aI nonenlo oppoiluno, che sono
slali eIaloiali coII'espeiienza dei secoIi, e che pondeiavano nenlie i
CenliIi goveinavano, diffeiiscono da queIIi di cosloio pei Ia Ioio
sliaoidinaiia Iucidila, dinoslieianno quanlo siano lenefici i noslii piani.
Quesli nelleianno fine ad alusi cone queIIi pei nezzo dei quaIi siano
divenlali i padioni dei CenliIi e che non possono esseie peinessi neI
noslio iegno. II noslio liIancio goveinalivo saia sislenalo in nodo laIe
che nessuno, daI iegnanle in peisona aII'inpiegalo più insignificanle,
polia sloinaine Ia più piccoIa sonna e seiviisene pei quaIsiasi aIlio uso
diveiso da queIIo piinieianenle pieslaliIilo, senza esseie scopeilo. L
inpossiliIe goveinaie con successo senza un piano definilivanenle
pieslaliIilo. Ieisino i cavaIieii e gIi eioi nuoiono, quando piendono una
sliada senza sapeie dove conduca e quando pailono pei un viaggio senza
esseie lene equipaggiali.
I soviani dei CenliIi, che fuiono, anche coI noslio aiulo, indolli a
liascuiaie I'adenpinenlo dei Ioio doveii goveinalivi pei nezzo di
iappiesenlazioni, diveilinenli, ponpe ed aIlii svaghi, non fuiono aIlio
che dei paiavenli pei nascondeie i noslii inliighi.
Le ieIazioni dei noslii seguaci, che venivano nandali a iappiesenlaie iI
Coveino nei suoi doveii pullIici, fuiono conpiIale dai noslii agenli. In
ogni occasione quesle ieIazioni iiusciiono giadile aIIe nenli poco accoile
dei Soviani, peiche eiano senpie acconpagnale dai vaii suggeiinenli pei
fuluie econonie. Lssi avielleio polulo donandaisi cone fosse possiliIe
fai econonie nellendo nuove lasse, na essi non chieseio nuIIa.
Voi sapele in quaIi condizioni di caos finanziaiio si sono iidolli pei coIpa
Ioio, con Ia Ioio negIigenza. Lssi hanno finilo pei faIIiie naIgiado Ie aidue
faliche dei Ioio suddili.





IROTOCOLLO XXI


Aggiungeio oia quaIche paioIa a cio che vi dissi aIIa noslia uIlina
assenlIea, e vi faio una spiegazione dellagIiala dei pieslili aII'inleino. Ma
non disculeio uIleiioinenle i pieslili aII'esleio, peiche essi hanno iienpilo
i noslii foizieii di denaio loIlo ai CenliIi ed anche peiche iI noslio goveino
univeisaIe non avia vicini esleii dai quaIi esso possa piendeie a pieslilo.
67
Ci siano seivili deIIa coiiuzione degIi anninislialoii e deIIa negIigenza
dei soviani CenliIi pei iaddoppiaie e liipIicaie iI denaio inpieslalo da noi
ai Ioio goveini e deI quaIe in ieaIla non allisognavano. Chi polielle faie
aIliellanlo a noi` Quindi ni occupeio soIlanlo dei pieslili aII'inleino.
Quando iI goveino annunzia un pieslilo di queslo geneie, apie una
sollosciizione pei i ceilificali ieIalivi. Quesli, peiche siano aIIa poilala di
lulle Ie loise, saianno di lagIi piccoIissini. I piini sollosciilloii possono
conpiaie sollo aIIa paii. II gioino seguenle iI piezzo dei liloIi viene aIzalo,
pei daie I'inpiessione che lulli desideiano conpiaiIi.
NeI coiso di pochi gioini Ie cassefoili deII'eiaiio sono coIne con lullo
denaio che ò slalo sollosciillo in più. (Ieiche conlinuaie ad accellaie
denaio pei un pieslilo gia soveichianenle sollosciillo`). La sollosciizione
ha evidenlenenle soipassalo di noIlo Ia sonna iichiesla, in queslo
consisle lullo iI iisuIlalo, evidenlenenle iI pullIico ha fiducia neI
goveino.
Ma quando Ia connedia ò finila, iinane iI fallo che vi ò un giosso delilo,
e che pei pagaine gIi inleiessi iI goveino deve iicoiieie ad un nuovo
pieslilo, iI quaIe aIIa sua voIla non annuIIa iI delilo deIIo Slalo, na anzi Io
aunenla. Quando Ia capacila goveinaliva di piendeie in pieslilo ò
esauiila, gIi inleiessi dei nuovi pieslili dellono esseie pagali con nuove
lasse, Ie quaIi non sono aIlio che nuovi delili conlialli pei copiiine aIlii.
AIIoia viene iI peiiodo di conveisione dei pieslili, na delle conveisioni
non fanno che dininuiie Ia quanlila deII'inleiesse da pagaie, senza
canceIIaie iI delilo. InoIlie si possono faie soIanenle coI consenso dei
ciediloii. I Coveini quando danno I'avviso di quesle conveisioni,
accoidano ai ciediloii iI diiillo di accellaiIe, o di esseie iinloisali dei Ioio
denaii se non desideiano di accellaiIe, na se ognuno iecIanasse iI piopiio
denaio, i Coveini saielleio piesi neIIa piopiia iele e non polielleio
iinloisaie lullo iI denaio. Ioilunalanenle i suddili dei goveini CenliIi
non si inlendono noIlo di finanza, ed hanno senpie piefeiilo di suliie un
iilasso neI vaIoie dei Ioio liloIi ed una dininuzione di inleiessi, piulloslo
che iischiaie un nuovo inveslinenlo. Così hanno spesse voIle dalo Ia
possiliIila ai Ioio goveini di slaiazzaisi di un delilo, che piolaliInenle
annonlava a paiecchi niIioni.
I CenliIi non oseielleio faie una cosa siniIe con i pieslili aII'esleio, len
sapendo che in laI caso noi lulli iichiedeieno iI iinloiso deI noslio
denaio.
Con un'azione siniIe iI goveino dichiaieielle apeilanenle iI suo
faIIinenlo, e cio dinoslieielle chiaianenle aI popoIo che i suoi inleiessi
non hanno nuIIa di conune con queIIi deI suo goveino.
Desideio di feinaie Ia voslia allenzione in nodo speciaIe su quanlo ho
dello, ed anche suI seguenle fallo, che alluaInenle lulli i pieslili aII'inleino
sono consoIidali dai cosidelli pieslili lenpoianei, vaIe a diie, da delili a
lieve scadenza, foinali daI denaio deposilalo neIIe ßanche deIIo Slalo e
neIIe Casse di Rispainio. Queslo denaio, essendo a disposizione deI
Coveino pei un peiiodo di lenpo consideievoIe, seive a pagaie gIi
inleiessi dei pieslili aII'esleio, ed iI Coveino deposila neIIe ßanche, invece
di esso, dei liloIi di Slalo, i quaIi copiono lulli i deficil neIIe cassefoili
68
slalaIi dei CenliIi.
Quando iI noslio soviano saia suI suo liono nondiaIe, lulle quesle scaIlie
opeiazioni finanziaiie svaniianno. Disliuggeieno iI neicalo dei vaIoii
pullIici, peiche non peinelleieno che iI noslio piesligio sia scosso daI
iiaIzo e iilasso dei noslii liloIi, iI cui vaIoie saia slaliIilo pei Iegge aIIa
paii, senza possiliIila aIcuna di quaIsiasi vaiiazione di piezzo. II iiaIzo
oiigina iI iilasso, ed ò pei nezzo dei iiaIzi che alliano conincialo a
disciedilaie i liloIi pullIici dei CenliIi.
AIIe ßoise sosliluiieno enoini oiganizzazioni goveinalive, che avianno iI
doveie di lassaie Ie inpiese conneiciaIi in queI nodo che iI goveino
ciedeia oppoiluno. Quesle isliluzioni saianno in giado di gellaie suI
neicalo niIioni e niIioni di azioni conneiciaIi, o di conpeiaiIe in un soI
gioino. Quindi lulle Ie inpiese conneiciaIi dipendeianno da noi, e vi
polele innaginaie quaIe foiza saia Ia noslia.


IROTOCOLLO XXII

Con lullo queIIo che ho dello sino ad oia, ho ceicalo di faivi un quadio daI
veio deI nisleio degIi avveninenli alluaIi nonche dei passali, i quaIi
scoiiono lulli neI fiune deI deslino, e se ne vedianno Ie conseguenze neI
fuluio piossino. Vi ho noslialo i noslii piani segieli, pei nezzo dei quaIi
agiano sui CenliIi, nonche Ia noslia poIilica finanziaiia: devo aggiungeie
ancoia soIo poche paioIe.
NeIIe noslie nani ò concenliala Ia più giande polenza deI nonenlo
alluaIe, vaIe a diie Ia polenza deII'oio. In due soIi gioini possiano esliaiie
quaIsiasi sonna dai deposili segieli dei noslii lesoii.
L ancoia necessaiio pei noi di piovaie che iI noslio iegno ò voIulo da Dio`
L possiliIe che, possedendo così vasle iicchezze, non iiusciano a
dinosliaie che lullo I'oio da noi annassalo in lanli secoIi, non aiuleia Ia
noslia veia causa pei iI lene, cioò pei iI iipiislinanenlo deII'oidine sollo iI
noslio iegine` Ioise lisogneia iicoiieie in ceila nisuia aIIa vioIenza, na
laIe oidine saia ceilanenle iislaliIilo. Dinoslieieno di esseie i lenefalloii
che hanno iesliluilo Ia Iileila e Ia pace aI nondo loiluialo. Offiiieno aI
nondo quesla possiliIila di pace e di Iileila, na ceilanenle ad una
condizione soIa, e cioò che iI nondo adeiisca sliellanenle aIIe noslie Ieggi.
InoIlie faieno chiaianenle conpiendeie a lulli, che Ia Iileila non consisle
neIIa dissoIulezza, ne neI diiillo di faie cio che si vuoIe. Dinoslieieno
puie che ne Ia posizione, ne iI poleie, danno ad un uono iI diiillo di
piopugnaie piincipi peiniciosi, cone ad esenpio Ia Iileila di ieIigione,
I'uguagIianza, o idee siniIi. Rendeieno inoIlie len chiaio, che Ia Iileila
individuaIe non da iI diiillo a chicchessia di eccilaisi o di eccilaie aIlii
facendo dei discoisi iidicoIi aIIe nasse luiloIenli. Insegneieno aI nondo
che Ia veia Iileila consisle unicanenle neII'invioIaliIila di peisona, di
doniciIio e di piopiiela pei chiunque adeiisce oneslanenle a lulle Ie Ieggi
deIIa vila sociaIe. Insegneieno che Ia posizione di un uono saia in
ieIazione aI concello che egIi ha dei diiilli aIliui, e che Ia sua dignila
peisonaIe deve vielaigIi fanlaslicheiie ciica se slesso.
69
La noslia polenza saia gIoiiosa, peiche saia innensa e iegneia e guideia
e ceilanenle non daia ascoIlo ai capoiioni popoIaii, o a quaIunque aIlio
oialoie vocifeianle paioIe insensale aIIe quaIi si alliiluisce I'aIlosonanle
liloIo di "piincipii eIevali", nenlie non sono aIlio che ulopie. La noslia
polenza saia I'oiganizzaliice deII'oidine in cui consisle Ia feIicila dei
popoIi. II piesligio di quesla polenza saia laIe, che avia I'adoiazione
nislica, nonche Ia soggezione di lulle Ie nazioni. Una polenza veia non si
piega ad aIcun diiillo, neanche a queIIo di Dio. Nessuno oseia avvicinaisi
ad essa aIIo scopo di logIieiIe sia puie un liicioIo deIIa sua foiza.


IROTOCOLLO XXIII

Ieiche iI popoIo si alilui aII'ullidienza, deve esseie educalo aIIa nodeslia
e aIIa nodeiazione, quindi dininuiieno Ia pioduzione degIi oggelli di
Iusso. Con quesli nezzi inlioduiieno pei foiza Ia noiaIila, che oia viene
coiiolla daIIa conlinua iivaIila neI canpo deI Iusso. Ialiocineieno Ie
indusliie casaIinghe, pei danneggiaie Ie falliiche piivale. La necessila di
laIi iifoine ò anche neI fallo che i padioni di giandi falliiche piivale
spesse voIle incilano, foise anche inconscianenle, i Ioio opeiai conlio iI
goveino.
La popoIazione inpiegala neIIe indusliie IocaIi non conosce iI significalo
deIIe paioIe: "senzaIavoio" , e queslo fa sì che essa ò allaccala aI iegine
esislenle e Ia invogIia ad appoggiaie iI goveino. La disoccupazione ò iI più
giande peiicoIo pei iI Coveino, essa avia seivilo aI noslio scopo appena,
pei nezzo suo, saieno giunli aI poleie.
L'uliiachezza saia puie pioilila e consideiala un deIillo conlio I'unanila
e cone laIe punila, peiche sollo I'infIuenza deII'aIcooI I'uono sonigIia aIIa
leslia.
Le nazioni si sollonellono ciecanenle soIlanlo ad una polenza foile che
sia lolaInenle indipendenle da esse e neIIe cui nani esse vedano
scinliIIaie una spada che seiva cone aina di difesa conlio lulle Ie
insuiiezioni sociaIi. Ieiche dovielleio desideiaie che iI Ioio soviano
allia I'anina di un angeIo` Anzi, esse devono vedeie in Iui Ia
peisonificazione deIIa foiza e deIIa polenza. Deve soigeie un iegnanle che
sosliluisca i goveini esislenli, vivenli sopia una foIIa che alliano
denoiaIizzalo coIIe fianne deIIa anaichia. Queslo iegnanle dovia
anzilullo spegneie quesle fianne, che senza liegua spiizzano da ogni
Ialo. Iei iaggiungeie queslo scopo, egIi dovia disliuggeie lulle Ie sociela
che possono dai oiigine a quesle fianne, anche a coslo di veisaie iI suo
piopiio sangue. LgIi dovia cosliluiie un eseicilo lene oiganizzalo, che
Iolleia eneigicanenle conlio I'infezione anaichica che puo avveIenaie iI
coipo deI goveino.
II noslio Soviano saia piesceIlo da Dio e consacialo daII'aIlo aIIo scopo di
disliuggeie lulle Ie idee infIuenzale daII'islinlo e non daIIa iagione, da
piincipî liulaIi e non daII'unanila. AI nonenlo alluaIe quesli concelli
pievaIgono con giande successo, e Ie conseguenze sono i fuili e Ia vioIenza
7O
conpiuli sollo Io slendaido deI diiillo e deIIa Iileila.
Quesle idee hanno disliullo lulle Ie oiganizzazioni sociaIi, conducendo
così aI iegno deI Re di IsiaeIe. Ma Ia Ioio azione nefasla saia finila appena
iI iegno deI noslio Soviano coninceia. AIIoia Ie spazzeieno via lulle,
peiche suIIa sliada deI noslio Soviano non possa esseivi deI fango.
AIIoia polieno diie aIIa nazione: "Iiegale Iddio e piosleinalevi a CoIui
che poila iI segno deIIa piedeslinazione deI nondo, di Cui Iddio in
peisona ha guidalo Ia sleIIa affinche nessuno fuoiche Lui polesse Iileiaie
I'unanila da ogni peccalo".


IROTOCOLLO XXIV

Oia paiIeio deI nezzo di cui ci seiviieno pei iaffoizaie Ia dinaslia deI Re
Davide, affinche essa possa duiaie fino aI gioino deI giudizio finaIe.
II noslio nodo di iendei sicuia Ia dinaslia consisleia, in nassina,
neII'appIicazione dei nedesini piincipii che hanno poslo iI naneggio
degIi affaii deI nondo neIIe nani dei noslii savi, cioò Ia diiezione e
I'educazione deII'inleia iazza unana. Diveisi nenlii deI sene di David
piepaieianno i Re ed i Ioio Successoii, i quaIi saianno eIelli non pei diiillo
eiedilaiio, na pei Ia Ioio capacila individuaIe. Quesli successoii saianno
iniziali ai noslii nisleii segieli poIilici ed ai noslii piani di goveino avendo
nassina cuia peiche nessun aIlio possa aveine conoscenza.
Quesle nisuie saianno necessaiie peiche lulli sappiano che sono degni di
iegnaie soIanenle gIi iniziali ai nisleii deII'aIla poIilica. SoIo a laIi uonini
saia insegnala I'appIicazione pialica dei noslii piani, seivendosi
deII'espeiienza di noIli secoIi. Saianno iniziali aIIe concIusioni dedolle
daIIe osseivazioni suI noslio sislena poIilico ed econonico, nonche a lulle
Ie scienze sociaIi. Insonna, appiendeianno iI veio spiiilo deIIe Ieggi che
sono slale slaliIile daIIa naluia slessa pei goveinaie I'unanila.
I successoii diielli deI Soviano saianno scailali, se duianle Ia Ioio
educazione daianno piova di esseie fiivoIi o di cuoie nile, oppuie
quaIoia nosliino quaIche aIlia lendenza che polielle esseie deIeleiia aI
Ioio poleie, che polielle iendeiIi incapaci di goveinaie, o anche esseie
peiicoIosa aI piesligio deIIa coiona.
SoIanenle agIi uonini capaci di goveinaie con feinezza, lenche foise con
ciudeIla, saianno affidale Ie iedini deI goveino dai noslii anziani.
In caso di naIallia, o di peidila di eneigia, iI noslio Soviano saia cosliello
a cedeie Ie iedini deI goveino a queIIi deIIa sua fanigIia che avianno
dinoslialo di esseie più capaci di Iui. I piogelli innediali deI Re, e lanlo
più queIIi pei iI fuluio, non saianno conosciuli neanche dai suoi più inlini
ConsigIieii. SoIanenle iI noslio Soviano ed i Tie che Io avianno inizialo,
conosceianno iI fuluio. NeIIa peisona deI Soviano, che iegneia con una
voIonla incioIIaliIe, conlioIIando se slesso cone I'unanila, iI popoIo vedia
- pei così diie - iI deslino peisonificalo e Ie sue vie unane. Nessuno
conosceia i fini dei Soviano quando enelleia i suoi oidini, quindi nessuno
oseia oslacoIaie iI suo nisleiioso cannino.
S'inlende che iI Soviano dovia esseie capace di eseguiie i noslii piani.
71
Quindi non saIiia aI liono fino a che Ia sua inleIIigenza non sia slala
acceilala dai noslii savi.
Ieiche lulli i suddili anino e veneiino iI Ioio Soviano, egIi dovia spesso
paiIaie in pullIico. Queslo faia ainonizzaie Ie due polenze, vaIe a diie,
queIIa deIIa popoIazione e queIIa deI iegnanle, che alliano scisso nei
paesi genliIi, facendo sì che si lenesseio vicendevoInenle queslo noi
facenno peiche quesle due polenze, una voIla scisse, cadesseio sollo Ia
noslia infIuenza.
II Re di IsiaeIe non deve esseie sollo I'infIuenza deIIe sue passioni e
speciaInenle di queIIe dei sensi. LgIi non deve peinelleie agIi islinli
aninaIi di aveie iI sopiavvenlo suIIo spiiilo. La sensuaIila, più di
quaIunque aIlia passione, disliugge sicuianenle lulle Ie foize nenlaIi e di
pieveggenza, essa disliae iI pensieio degIi uonini veiso iI Ialo peggioie
deIIa naluia unana.
II Soslegno deII'Univeiso neIIa peisona deI Regnanle MondiaIe,
geinogIialo daI Sene Sanlo di Davide, deve iinunciaie a lulle Ie passioni
peisonaIi pei iI lene deI suo popoIo.
II noslio Soviano deve esseie iiiepiensiliIe.


Iiinalo dai iappiesenlanli di Sion
deI 33° giado.

--------------------------------------------------------------------------------







LIILOCO DI SLRCYLI NILUS

Quesli appunli fuiono loIli cIandeslinanenle da un giande Iilio di
appunli pei confeienze. II nio anico Ii liovo neIIa cassafoile deI quailieie
geneiaIe deIIa sociela di Sionne che alluaInenle ò in Iiancia.
La Iiancia ollIigo Ia Tuichia a concedeie vaii piiviIegi aIIe scuoIe ed aIIe
isliluzioni ieIigiose di lulle Ie denoninazioni, che saianno sollo iI
piolelloialo deI coipo dipIonalico fiancese in Asia Minoie. NaluiaInenle
non sono conpiese in quesle Ie scuoIe e Ie isliluzioni calloIiche, che fuiono
espuIse daIIa Iiancia dai goveini passali. Queslo fallo dinoslia
senpIicenenle che Ia dipIonazia deIIa scuoIa di Dieyfus si pieoccupa
soIanenle di pioleggeie gIi inleiessi di Sionne e Iavoia pei Ia
coIonizzazione deII'Asia Minoie pei nezzo di Lliei fiancesi. CIi Lliei
hanno senpie sapulo iaggiungeie I'inlenlo pei nezzo di coIoio che iI
TaInud chiana i Ioio "liuli Iavoialoii": paioIe che indicano i CenliIi in
72
geneie.
Secondo gIi aichivi deI Sionisno eliaico segielo, SaIonone ed aIlii dolli
Lliei, gia sin daI 929 avanli Ciislo sludiaiono in leoiia un piogello pei Ia
conquisla pacifica deII'inleio univeiso da paile di Sionne. Menlie Ia sloiia
si svoIgeva, queslo piogello fu sludialo in lulli i suoi pailicoIaii e
conpIelalo da uonini che eiano successivanenle iniziali a queslo
piolIena. Quesli sapienli deciseio di conquislaie iI nondo pei Sionne
adopeiando nezzi pacifici, e cioò coII'asluzia deI seipenle sinloIico, Ia cui
lesla doveva iappiesenlaie gIi iniziali ai piani deII'Anninisliazione
Ciudaica, ed iI coipo iI popoIo eliaico. L'anninisliazione fu senpie
lenula segiela, peisino aIIa slessa nazione eliaica.
Queslo seipenle, peneliando a nano a nano neI cuoie deIIe nazioni che
inconliava, scaIzo e divoio lullo iI poleie non Lliaico di quesli Slali. L
piedello che iI seipenle deve conlinuaie iI suo Iavoio seguendo
sliellanenle iI piano pieslaliIilo, fino a che iI cannino che deve
peicoiieie non sia chiuso coI iiloino deI suo capo a Sionne, finche, con
queslo nezzo, iI seipenle non allia conpIelalo iI suo aneIIo inloino
aII'Luiopa, e - dopo avei incalenalo I'Luiopa - non allia acceichialo iI
nondo inleio. Queslo conpilo deve conduiie a leinine sfoizandosi di
soggiogaie gIi aIlii paesi con Ia conquisla econonica. II iiloino deIIa lesla
deI seipenle a Sionne puo avei Iuogo soIennenenle quando iI poleie di
lulli i Soviani deII'Luiopa sia slalo allallulo, vaIe a diie quando, pei
nezzo di ciisi econoniche e di disliuzioni in nassa, effelluale ovunque,
saia avvenula Ia denoiaIizzazione spiiiluaIe e Ia coiiuzione noiaIe,
piincipaInenle coII'aiulo di donne eliee, liuccale da fiancesi, ilaIiane,
spagnuoIe. Quesle sono Ie più sicuie spaigiliici di Iileilinaggio neIIa vila
degIi uonini più in visla ed aIIa lesla deIIe nazioni.
Le donne che sono aI seivizio di Sionne seivono da allialliva a coIoio che,
giazie ad esse, hanno senpie lisogno di denaio, e quindi sono senpie
pionli a vendeisi pei denaio, che in ieaIla ò soIo inpieslalo dagIi eliei,
peiche iiloina, alliaveiso Ie slesse donne, neIIe nani dei giudaisno
coiiulloie. Ma nedianle quesle liansazioni, esso acquisla schiavi pei Ia
sua causa.
L naluiaIe che pei Ia iiuscila di un'inpiesa siniIe ne i funzionaiii pullIici,
ne gIi individui piivali, dellano sospellaie Ia paile iappiesenlala daIIe
donne inpiegale daI Chello. Ieiche i diielloii deIIa causa di Sionne
foinaiono una specie di casla ieIigiosa, cosliluila da aidenli seguaci deIIa
Iegge nosaica e degIi slaluli deI TaInud. Tullo iI nondo ciedelle che Ia
nascheia deIIa Iegge di Mosò fosse Ia veia iegoIa di vila degIi Lliei.
Nessuno penso di indagaie gIi effelli di quesla iegoIa di vila, speciaInenle
peiche lulli gIi occhi eiano iivoIli aII'oio che Ia casla poleva piovvedeie e
che Ie dava Ia più assoIula Iileila pei inliigaie econonicanenle e
poIilicanenle.
Un allozzo deI peicoiso deI seipenle sinloIico ò iI seguenle: La sua
piina lappa in Luiopa avvenne neI 429 avanli Ciislo, in Ciecia, dove,
aII'epoca di IeiicIe, iI seipenle conincio a divoiaie Ia polenza di queI
paese. La seconda fu a Rona, aI lenpo di Auguslo, ciica I'anno 69 a. C. La
leiza a Madiid, aI lenpo di CaiIo quinlo, neI 1552. La quaila a Iaiigi, neI
73
17OO ciica, aI lenpo di Luigi XIV. La quinla a Londia daI 1814 in poi (dopo
Ia cadula di NapoIeone). La sesla a ßeiIino, neI 1871, dopo Ia gueiia
Iianco Iiussiana. La sellina a Iielioluigo, su cui ò disegnala Ia lesla deI
seipenle con Ia dala 1881.
Tulli quesli Slali che iI seipenle ha alliaveisalo, sono slali scossi neIIe
fondanenla deIIe Ioio cosliluzioni, non eccellualo Ia Ceinania, naIgiado
Ia sua appaienle polenza. Le condizioni econoniche deII'InghiIleiia e
deIIa Ceinania sono slale iispainiale, na soIo fino a quando iI seipenle
non saia iiuscilo a conquislaie Ia Russia, conlio Ia quaIe lulli i suoi sfoizi
sono concenliali alluaInenle (19O5). La coisa fuluia deI seipenle non ò
segnala su quesla caila, na deIIe fieccie ci indicano iI suo piossino
novinenlo veiso Mosca, Kieff e Odessa.
Sappiano oia peifellanenle che quesle uIline cilla cosliluiscono i cenlii
deIIa iazza Lliaica niIilanle.
Su quesla caila CoslanlinopoIi ò segnala cone I'uIlina lappa deI coiso deI
seipenle, piina che esso iaggiunga CeiusaIenne |Nolale che quesla caila
fu disegnala noIli anni piina deIIa RivoIuzione in Tuichia. (Nola deI T.
ingIese)j.
II seipenle deve peicoiieie ancoia un lieve cannino pei conpIelaie iI
suo coiso, unendo Ia sua lesla aIIa sua coda.
Iei faciIilaie iI coiso deI seipenle, Sionne piese Ie seguenli nisuie, aIIo
scopo di iinodeIIaie Ia sociela e di conveiliie Ie cIassi opeiaie. Anzilullo Ia
iazza Lliaica fu oiganizzala in nanieia laIe, che nessuno vi polesse
enliaie e quindi sveIaine i segieli. Viene piesupposlo che Iddio slesso
allia dello agIi Lliei che essi sono deslinali a goveinaie su lulla Ia leiia in
foina di un Regno indivisiliIe di Sionne. L slalo insegnalo agIi Lliei, che
essi sono Ia soIa iazza neiilevoIe di esseie chianala unana, lulle Ie aIlie
essendo deslinale a iinaneie "leslie da Iavoio" e schiavi degIi Lliei e che
Io scopo eliaico deve esseie Ia conquisla deI nondo e I'eiezione deI Tiono
di Sionne suII'univeiso (Cfi. Sanh. 91, 21, 1O51).
A gIi Lliei venne insegnalo che sono dei Supei uonini e che si devono
nanleneie dislinli daIIe aIlie nazioni. Quesle leoiie ispiio ad essi iI
concello deII'aulogIoiificazione peiche, pei diiillo, sono i figIi di Dio. (Cfi.
}ihaI, 67, I, Sanh. 58, 2).
La iazza eliaica, vivendo sepaiala daIIe aIlie, adeiisce sliellanenle aI
sislena deI "KaghaI", iI quaIe fa ollIigo ad ogni Llieo di aiulaie i suoi
consanguinei indipendenlenenle daII'assislenza che cosloio iicevono
daIIe anninisliazioni IocaIi di Sion che poilano diveisi noni: KaghaI,
Concisloii, Connissioni d'affaii eliaici, Uffici pei esazioni di lasse ecc.
Tulle quesle anninisliazioni seivono a nascheiaie iI goveino di Sionne
agIi occhi dei goveini di quegIi Slali CenliIi, che aIIa Ioio voIla difendono
senpie vigoiosanenle iI diiillo degIi Lliei di goveinaisi da se, peiche Ii
consideiano eiioneanenle cone una conunila puianenle ieIigiosa. Le
suddelle idee insliIIale negIi Lliei, ne hanno anche consideievoInenle
infIuenzalo Ia vila naleiiaIe.
Quando Ieggiano deIIe opeie cone iI "Colayon" 14, pag. 1, "Llen Caizai",
44, pag. 81, "XXXVI Llanol", 98, "XXV Kelulal" 36, "XXXIV Sanudiip" 746,
"XXX Kadushin", 68 A - che fuiono lulle sciille coII'inlenlo di gIoiificaie Ia
74
iazza eliaica vediano che esse liallano ieaInenle lulli i CenliIi cone se
fosseio deIIe leslie, cieale unicanenle pei seiviie gIi Lliei. Cosloio
ciedono che i popoIi, Ie piopiiela di essi e peisino Ie Ioio vile,
appailengono agIi Lliei e che Iddio peinelle aIIa sua iazza piediIella di
faine I'uso che vuoIe.
Secondo Ie Ieggi eliaiche, lulli i naIliallanenli falli suliie ai CenliIi son
peidonali neI gioino deI Capodanno eliaico, neI quaIe gIi Lliei iicevono
anche iI peinesso di peccaie neIIo slesso nodo duianle I'anno enlianle.
Iei eccilaie I'odio dei Ioio conlio lulli i CenliIi, i capi degIi Lliei agiscono
da "agenli piovocaloii" duianle Ie agilazioni anliseniliche, peinellendo ai
CenliIi di scopiiie aIcuni dei segieli deI TaInud. Le nanifeslazioni
anliseniliche fuiono anche noIlo uliIi ai capoiioni Lliei, peiche deslaiono
conpassione neI cuoie di aIcuni CenliIi veiso un popoIo iI quaIe,
appaienlenenle, veniva naIliallalo. Cio seivì ad accapaiiaie
conseguenlenenle noIle sinpalie lia i CenliIi pei Ia causa di Sionne.
L'anlisenilisno, che si nanifeslo con Ia peisecuzione degIi Lliei di lasso
celo, ne aiulo i capi a conlioIIaiIi e leneiIi in suggezione. Lssi polevano
peinelleie quesle peisecuzioni, peiche aI nonenlo oppoiluno
inleivenivano e saIvavano i Ioio coiieIigionaii. Nolale che i capi Lliei non
soffiiiono nai, ne nei Ioio piogiessi, ne neIIe Ioio posizioni ufficiaIi di
anninislialoii, duianle Ie agilazioni anliseniliche. Queslo fallo non deve
fai neiavigIia, peiche fuiono quesli slessi capi che aizzaiono i "naslini
ciisliani" conlio gIi Lliei più uniIi. I naslini nanlenevano I'oidine neIIe
Ioio gieggi e peicio aiulavano a iaffoizaie Ia slaliIila di Sionne.
Secondo Ia Ioio opinione, gIi Lliei hanno gia iaggiunlo Ia posizione di
Supei-goveino nondiaIe ed oia si loIgono Ia nascheia. NaluiaInenle, Ia
naggioi foiza di conquisla degIi Lliei eia cosliluila daI Ioio oio, peilanlo
essi non dovevano fai aIlio che Iavoiaie pei daigIi un vaIoie. L'aIlo vaIoie
deII'oio dipende speciaInenle daI fallo che Ia nonela d'oio iegoIa lulli gIi
scanli. La sua accunuIazione neIIe nani degIi Lliei dipende daI fallo che
essi hanno sapulo appiofillaie di quaIunque ciisi inleinazionaIe pei
nonopoIizzaiIo. Di queslo si ha Ia piova neIIa sloiia deIIa fanigIia
RolhschiId, pullIicala a Iaiigi daIIa "Lilie IaioIe".
Iei nezzo di quesle ciisi, fu slaliIila Ia polenza deI capilaIisno sollo Io
slendaido deI IileiaIisno, pioleggendoIo con leoiie econoniche e sociaIi
aslulanenle congegnale. CIi Anziani di Sion ollenneio un successo
sliaoidinaiio dando un'appaienza scienlifica a quesle leoiie.
II sislena degIi sciulinii di volo confeiisce senpie agIi Lliei Ia possiliIila
di inlioduiie, pei nezzo deIIa coiiuzione, queIIe Ieggi che possono esseie
uliIi aIIo scopo Ioio. La foina di goveino dei CenliIi che più coiiisponde
ai desideii degIi Lliei ò Ia iepullIicana, peiche dove essa vige, iiescono
con più faciIila a conpeiaisi una naggioianza. InoIlie iI sislena
iepullIicano confeiisce una Iileila sconfinala ai Ioio agenli ed aII'eseicilo
di anaichici che hanno aI Ioio soIdo. Queslo ò iI nolivo pei cui gIi Lliei
sono così aidenli sosleniloii deI IileiaIisno, ed i CenliIi sciocchi, che essi
allindoIano, ignoiano iI fallo, gia così evidenle, che sollo una iepullIica
non vi ò naggioie Iileila che sollo un'aulociazia, anzi si veiifica iI
conliaiio, peiche avviene che i pochi sono oppiessi daIIa pIele Ia quaIe ò
75
senpie isligala dagIi agenli degIi Lliei.
Secondo iI leslanenlo di Monlefioie, Sionne non iispainia, ne denaio, ne
nezzi, pei iiusciie a quesli inlenli. Ogni gioino i goveini di lullo iI
nondo, incoscienlenenle, o scienlenenle, sono soggelli ai conandi di
queI giande Supei-goveino che ò Sionne, peiche lulle Ie Ioio caileIIe di
iendila sono neIIe nani degIi Lliei e lulli i paesi sono laInenle in delilo
con essi, da non poleisene nai Iileiaie. Tullo iI conneicio, I'indusliia,
cone puie Ia dipIonazia, sono in nano degIi Lliei. Iei nezzo dei suoi
capilaIi iI Chello ha iese schiave lulle Ie nazioni dei CenliIi. A foiza di
un'educazione naleiiaIislica inlensiva, gIi Lliei niseio deIIe pesanli
calene a lulli i CenliIi e con quesle Ii Iegaiono aI Ioio Supeigoveino.
La fine deIIe Iileila nazionaIi ò piossina, e quindi anche Ia Iileila
individuaIe cesseia, peiche Ia veia Iileila non puo esisleie dove Ia Ieva deI
denaio iende possiliIe aI Chello di goveinaie Ia pIele e di iegnaie suIIa
paile più degna e più iesponsaliIe deIIa conunila.
... "CoIoio che hanno oiecchi ascoIlino"!


- - - - -

Iia poco saianno quallio anni che i "IiolocoIIi degIi Anziani di Sion" sono
in nio possesso. Dio soIo sa quanlo sono slali nuneiosi gIi sfoizi che ho
fallo pei poilaiIi aIIa Iuce, ed anche pei nelleie in guaidia coIoio che sono
aI poleie iiveIando Ioio Ie cause deIIa lenpesla che si addensa suIIa Russia
apalica, Ia quaIe, disgiazialanenle, senlia che allia peiso Ia conoscenza
di cio che Ie sla succedendo inloino.
SoIanenle oia, e leno che sia lioppo laidi, sono iiuscilo a pullIicaie iI
nio Iavoio, neIIa speianza che polio nelleie suII'avviso coIoio che ancoia
hanno oiecchi pei senliie ed occhi pei vedeie.
Non vi puo esseie aIcun dullio. Con lulla Ia polenza ed iI leiioie di
Salana, iI iegno deI Re liionfaloie di IsiaeI si avvicina aI noslio nondo non
iigeneialo, iI Re nalo daI sangue di Sionne, I'Anli Ciislo, si avvicina aI
liono deIIa polenza univeisaIe.
CIi evenli neI nondo piecipilano con veiliginosa veIocila, i dissensi, Ie
gueiie, i iunoii, Ie caieslie, I'epidenie, gIi sconquassi, lullo cio che fino a
ieii eia inpossiliIe, oggi ò conpiulo. I gioini voIano, pei così diie, a
vanlaggio deI popoIo piesceIlo. Non ho iI lenpo di esaninaie
ninuziosanenle Ia sloiia deII'unanila daI punlo di visla dei "nisleii di
iniquila" che sono gia slali nessi a nudo, pei dinosliaie sloiicanenle
I'infIuenza nefasla che gIi "Anziani di IsiaeIe" hanno avulo suIIe disgiazie
deII'unanila, ni nanca anche iI lenpo di piediie iI piossino deslino deI
geneie unano e di sveIaie I'allo finaIe deIIa liagedia nondiaIe.
La Iuce di Ciislo soIanenle, e queIIa deIIa Sua Sanla Chiesa UniveisaIe,
possono peneliaie negIi alissi Salanici e sveIaine lulla I'eslensione
naIvagia.
NeI nio cuoie senlo che I'oia ò suonala pei convocaie I'ollavo ConsigIio
Lcunenico, neI quaIe, dinenlichi deIIe conlese che Ii hanno divisi pei lanli
secoIi, si iaccogIieianno i pasloii e i iappiesenlanli deII'inleio
76
Ciislianesino pei affionlaie Ia venula deII'Anliciislo.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->