You are on page 1of 21

Corso intensivo di teoria

dell'apprendimento.
Sommario.
(Crash Course in Learning Summary)

di
Kathy Sierra

Testo originale:

http://headrush.typepad.com/creating_passionate_users/files/crashCourseInLearning.pdf

Software libero e tecnologie didattiche


Supera il filtro cerebrale della noia.
L'apprendimento non è un modello
trasmissivo a senso unico.
Usa le immagini per aumentare
(e rendere più veloce)
la comprensione e la memorizzazione.
Usa la ridondanza per aumentare
(e rendere più veloce) la comprensione e la
memorizzazione. Di' la stessa cosa, ma in
maniera diversa.
Usa un linguaggio colloquiale.
Mantieni l'interesse con la varietà e la sorpresa.
Usa gli errori, gli insuccessi e il principio di
apprendimento WTF .
(What's the fuck? Ma che cavolo succede?).
Usa il principio di registi e romanzieri:
mostra, non raccontare.
Usa il “chunking”
(raggruppamento/riorganizzazione di informazioni)
per ridurre il sovraccarico cognitivo.
Poiché lo stress e l'ansia possono ridurre
l'attenzione e la memoria, fai tutto il possibile
per rendere rilassato e fiducioso chi apprende.
Usa la seduzione, il fascino e il mistero
per creare curiosità.
Usa un modello di
esperienza a spirale per
mantenere l'attenzione
degli utenti.
Usa il concetto di “prossimo livello”, utilizzato nella
progettazione dei giochi.
Non togliere a chi apprende
la possibilità di pensare.
Usa il principio 80/20 per ridurre il sovraccarico
cognitivo. Sapere che cosa tralasciare è più
importante di sapere che cosa includere.
Usa le emozioni per aumentare
l'attenzione e la memoria.
Mai sottovalutare la potenza del divertimento
nel tenere viva l'attenzione della gente.
Varia i ritmi e i tempi dell'apprendimento.
Non si tratta di te, ma dei tuoi utenti.
La traduzione italiana del testo completo di
Crash Course in Learning Theory
si trova a questo indirizzo:
http://nilocram.altervista.org/spip/article.php3?id_article=113

Un ringraziamento a Fausto Barbarito della cooperativa di


traduttori Nosmet per il contributo alla traduzione e ad Andrea
“Catta” Cattaneo che si è occupato della rielaborazione grafica
delle immagini

nilocram@aim.com
Software libero e tecnologie didattiche