Canzoniere 5.

0

1

Le regole di composizione di questo canzoniere:
1. Creare un riferimento: Alt + Shift + X 2. Creare il sommario: Inserisci –> Riferimento -> Indici e sommario 3. Canzoni in ordine alfabetico per Autore e Titolo 4. Per i cantanti italiani, l’ordine alfabetico è in base al cognome, nel testo 5. Accordi semplici, il chitarrista da spiaggia non è John Petrucci 6. Accordi in neretto 7. Accordi in notazione anglosassone (quella di John Petrucci) 8. Carattere: Verdana 9. Titolo: corpo 16 10. Testo: corpo 12 11. Sincronizzazione: usare il tasto TAB il più vicino possibile al testo

Ringrazio vivamente: il Millenote, da cui tutto deriva, Mbutozone.it e Mattew, SiSqo e il canzoniere 4.0, impossibiledadimenticare.com. per correzioni e suggerimenti: powercioccio@gmail.com (MSN, Facebook, MySpace, Flickr, Netlog e tanti altri :D) Tabella di conversione della notazione anglosassone Do C Re D Mi E Fa F Sol G La A Si B

2

Indice
Adriano Celentano – L’emozione non ha voce.........................47 Adriano Celentano – Storia d’amore.........47 Adriano Celentano – Una carezza in un pugno.48 Adriano Celentano e Mina – Acqua e sale.........49 Adriano Pappalardo – Ricominciamo.......166 Afterhours – Non è per sempre.......................6 Alex Britti – Oggi sono io .................................39 Angelo Branduardi – Alla fiera dell’est.............38 Antonello Venditti – Notte prima degli esami.....................207 Antonello Venditti – Piero e Cinzia........208 Bandabardò – 20 bottiglie di vino.....................10 Bandabardò – Beppeanna .................................11 Bandabardò – Cuore a metà.........................12 Bandabardò – Disegnata .................................12 Bandabardò – Hamelin song.........................13 Bandabardò – Manifesto .................................13 Bandabardò – Ubriaco canta amore.............14 Baustelle – Il corvo Joe 30 Bluvertigo – Altre forme di vita.......................37 Bluvertigo – Cieli neri. .37 Carmen Consoli – Amore di plastica................52 Carmen Consoli – Confusa e felice.......53 Carmen Consoli – In bianco e nero...........53 Carmen Consoli – L’ultimo bacio.........54 Carmen Consoli e Mario Venuti – Mai come ieri...........................55 Cesare Cremonini – Marmellata #25.......55 Daniele Silvestri Seguimi.................197 Daniele Silvestri – Aria ...............................184 Daniele Silvestri – Cohiba ...............................184 Daniele Silvestri – Domani mi sposo. .186 Daniele Silvestri – Giro in Si...........................188 Daniele Silvestri – Il mio nemico...................189 Daniele Silvestri – L’uomo col megafono ...............................192 Daniele Silvestri – Marzo 3039.......................193 Daniele Silvestri – Occhi da orientale............194 Daniele Silvestri – Salirò ...............................195 Daniele Silvestri – Samantha...............196 Daniele Silvestri – Testardo.................198 Daniele Silvestri – Tu non torni mai................199 Daniele Silvestri – Un Giorno lontano......200 Delirium - Jesahel.........59 Dente – A me piace lei. 68 Dente – Babybuilding...69 Dente – Buon appetito. .70 Dente – Vieni a vivere..70 Dik Dik – Sognando California................72 Domenico Modugno – Nel blu dipinto di blu ...............................150 Edoardo Bennato – Il gatto e la volpe........31 Edoardo Bennato – L’isola che non c’è..32 Edoardo Bennato – Ogni favola è un gioco.....33 Edoardo Bennato – Un giorno credi.............33 Edoardo Bennato – Viva la mamma................34 Elio e le storie tese – Cara ti amo.......................72 Elio e le storie tese – Il vitello dai piedi di balsa........................74 Elio e le storie tese – Tapparella................75 Elisa - Luce...................76 Elisa - Rainbow............78 Elisa – Heaven out of hell .................................77 Fabio Concato – Fiore di maggio.....................51 Fabrizio De Andrè – Amore che vieni, amore che vai..........59 Fabrizio De Andrè – Bocca di rosa...........60 Fabrizio De Andrè – Il pescatore..................62 Fabrizio De Andrè – La canzone di Marinella .................................63 Fabrizio De Andrè – La guerra di Piero.........64 Francesco De Gregori Rimmel....................68 Francesco De Gregori – Buonanotte fiorellino .................................65 Francesco De Gregori – Generale..................66 Francesco De Gregori – La donna cannone...67 Francesco Guccini – Cyrano...................106 Francesco Guccini – Dio è morto..................107 Francesco Guccini – La locomotiva.............108 Francesco Renga Raccontami............178 Francesco Renga – Tracce di te........................178 Franco Battiato – Bandiera bianca.......14 Franco Battiato – Centro di gravità permanente .................................16 Franco Battiato – Cuccuruccuccù........16 Franco Battiato – La cura .................................17 Franco Battiato – Voglio vederti danzare........17 Gianfranco Marziano – Appuntamento.......142 Gianluca Grignani – Destinazione paradiso ...............................103 Gianluca Grignani – Falco a metà..........104 Gianluca Grignani – La mia storia tra le dita ...............................104 Gianni moranti – C’era un ragazzo..................151 Gino Paoli – Il cielo in una stanza..............166 Heather Parisi - Cicale167 Il nucleo - Sospeso......110 Irene Grandi – La tua ragazza sempre........95 italiani............................... Biagio Antonacci - Iris .............................8 Italiani............................... 883 - Come mai.........5 883 – Hanno ucciso l’uomo ragno........6 Afterhours - Quello che non c'è...........7 Antoine - Pietre.........8 Brunori Sas..............41 Brunori Sas – Guardia ’82......................42 Claudio Baglioni – Questo piccolo grande amore.......9 Eugenio Bennato Briganti se more.35 Fabio Concato – Fiore di maggio...........51 Riccardo Cocciante Margherita.........51 Ivan Graziani - Agnese. 97 Ivan Graziani - Firenze ...............................100 Ivan Graziani - Pigro. .102 Ivan Graziani – E sei così bella.........................99 Ivan Graziani – Lugano addio......................101 Ivano Fossati – La mia banda suona il rock. 86 Jovanotti – A te...........111 Jovanotti – Bella.........113 Jovanotti – Mi fido di te ...............................114 Jovanotti – Ragazzo fortunato................116 Jovanotti – Raggio di sole ...............................117 L’Aura – Today..........119 Laura Pausini – La solitudine...............168 Le Vibrazioni – Dedicato a te.........................121 Le Vibrazioni – Vieni da me..........................122 Ligabue - Leggero......127 Ligabue – Balliamo sul mondo....................122 Ligabue – Certe notti. .123 Ligabue – Ho messo via ...............................124 Ligabue – Ho perso le parole.....................125 Ligabue – L’odore del sesso......................127 Ligabue – Piccola stella senza cielo.............128 Ligabue – Quella che non sei..........................129 Ligabue – Questa è la mia vita.........................131 Ligabue – Tra palco e realtà......................132 Ligabue – Una vita da mediano.................134 Ligabue – Urlando contro il cielo....................134 Litfiba – El Diablo......135 Litfiba – Fata Morgana ...............................136 Litfiba – Il mio corpo che cambia...................137 Litfiba – Spirito..........138 Luca Carboni – Ci vuole un fisico bestiale......46 Lucio Battisti – 7 e 40. .18 Lucio Battisti – Con il nastro rosa...............20 Lucio Battisti – Dieci ragazze per me.........20 Lucio Battisti – Emozioni .................................21 Lucio Battisti – Fiori rosa fiori di pesco............22 Lucio Battisti – I giardini di marzo...................23 Lucio Battisti – Il mio canto libero..............24

Lucio Battisti – Io vorrei, non vorrei ma se vuoi…......................26 Lucio Battisti – La canzone del sole......27 Lucio Battisti – Mi ritorni in mente...................27 Lucio Battisti – Non è Francesca.................28 Lucio Battisti – Pensieri e parole.......................29 Lucio Battisti – Un’avventura...........30 Lucio Battsti - Anna.....19 Lucio Dalla - Disperato erotico stomp...........57 Lucio Dalla – 4 marzo 1943.........................56 Marco Ferradini Teorema..................82 Marlene Kuntz – Lieve ...............................141 Marlene Kuntz – Nuotando nell’aria.141 Massimo Di Cataldo – Il mio tempo...............71 Max Gazzè – Cara Valentina.................89 Max Gazzè – Il timido ubriaco.....................90 Max Gazzè – L’uomo più furbo........................94 Max Gazzè – La favola di Adamo ed Eva.........92 Max Gazzè – Una musica può fare...................94 Modena city ramblers – Ahmed l’ambulante ...............................145 Modena city ramblers – Canto di natale......146 Modena city ramblers – In un giorno di pioggia ...............................147 Modena city ramblers – Morte di un poeta. .148 Modena city ramblers – Ninna nanna..........149 Modena city ramblers – The great song of indifference...........150 Moranti, Ruggeri, Tozzi – Si può dare di più. .153 Negramaro – Estate....154 Negramaro – Mentre tutto scorre.....................155 Negramaro – Nuvole e lenzuola.................156 Negramaro – Solo tre minuti....................157 Nek – Laura non c’è...159 Niccolò Fabi - Costruire .................................80 Niccolo Fabi – Mimosa 81 Niccolo Fabi – Vento d’estate....................81 Nomadi - Auschwitz...160

Nomadi – Io vagabondo ...............................160 Offlaga disco pax Kappler..................161 Oro – Quando ti senti sola ...............................161 Oro – Vivo per lei.......164 PFM – Impressioni di settembre...............175 Piero Pelù – Buongiorno mattina...................170 Piero Pelù – Io ci sarò.172 Piero Pelù – Vivere il mio tempo.....................174 Pino Daniele – Je so pazzo.......................58 Pino Daniele – Napul’è 58 Pino Daniele – Quanno chiove......................58 Pino Marino – Non ho lavoro....................140 Pooh – Tanta voglia di lei ...............................175 Pooh – Uomini soli.....176 Raf – Infinito..............176 Renato Zero – Il triangolo ...............................210 Riccardo Cocciante Margherita...............51 Riccardo Cocciante – Bella senz’anima.....50 Rino Gaetano - Aida.....87 Rino Gaetano - Gianna. 87 Rino Gaetano – Ma il cielo è sempre più blu .................................88 Rita Pavone – La partita di pallone...............169 Rokes – Che colpa abbiamo noi...........180 Samuele Bersani – Giudizi universali....35 Samuele Bersani – Spaccacuore............36 Subsonica – Disco labirinto.................200 Subsonica – Tutti i miei sbagli.....................201 Timoria – Sole spento.202 Tiromancino - La descrizione di un attimo....................204 Tiromancino – Due destini....................203 Tiromancino – Per me è importante.............205 Tiziano Ferro – Non me lo so spiegare...........84 Tiziano Ferro – Sere nere .................................85 Valeria Rossi – Ossigeno ...............................180 Valeria Rossi – Tre parole ...............................181 Vasco Rossi - Albachiara ...............................181 Vasco Rossi - Sally.....181

Vasco Rossi – Vita spericolata.............183 Verdena - Valvonauta.210 Vinicio Capossela – Che coss’è l’amor...........43

Zucchero - Donne.......213 Zucchero – Con le mani ...............................211 Zucchero – Diamante. 212

4

Indice

883 – Come mai
G Em Le notti non finiscono C D all'alba nella via G Em Le porto a casa insieme a me C D ne faccio melodia C D E poi mi trovo a scrivere Em G chilometri di lettere C D Sperando di vederti ancora qui Inutile parlare sai non capiresti mai Seguirti fino all'alba e poi vedere dove vai Mi sento un po' bambino ma lo so con te non finirà Il sogno di sentirsi dentro a un film C G E poi all'improvviso C G sei arrivata tu C G Non so chi l'ha deciso Am D m'hai preso sempre più Una quotidiana guerra con la razionalità Ma va bene purché serva per farmi uscire G D Come mai ma chi sarai C G per fare questo a me C G Notti intere ad aspettarti

Am7 D ad aspettare te G D Dimmi come mai ma chi sarai C G per farmi stare qui C G Qui seduto in una stanza D G pregando per un sì Gli amici se sapessero che sono proprio io Pensare che credevano che fossi quasi un dio Perché non mi fermavo mai nessuna storia inutile Uccidersi d'amore ma per chi Lo sai all'improvviso sei arrivata tu Non so chi l'ha deciso m'hai preso sempre più Una quotidiana guerra con la razionalità Ma va bene purché serva per farmi uscire Come mai ma chi sarai per fare questo a me Notti intere ad aspettarti ad aspettare te Dimmi come mai ma chi sarai per farmi stare qui Qui seduto in una stanza pregando per un sì Come mai ma chi sarai per fare questo a me Notti intere ad aspettarti ad aspettare te Dimmi come mai ma chi sarai per farmi stare qui Qui seduto in una stanza pregando per un sì

Indice

883 – Hanno ucciso l’uomo ragno
Am F solita notte da lupi nel Bronx G nel locale stan suonando D un blues degli Stones Am F Loschi individui al bancone del bar G Am G pieni di whisky e margaridas C G Tutto ad un tratto la porta fa 'slam' Dm Il guercio entra di corsa Am G con una novità C G dritta sicura si mormora che Dm Am i cannoni hanno Fatto 'bang'. G Am Fa Hanno ucciso l'uomo ragno C G chi sia stato non si sa Am F forse quelli della mala C G forse la pubblicità. Am Fa Hanno ucciso l'uomo ragno non si sa neanche il perché avrà fatto qualche sgarro a qualche industria di caffè Am F Alla centrale della polizia G il commissario dice: Dm “che volete che sia” Am F quel che è successo non ci fermerà

G Am G il crimine non vincerà C Ma nelle strade c'è il panico ormai Nessuno esce di casa nessuno vuole guai ed agli appelli alla calma in TV adesso chi ci crede più. Hanno ucciso l'uomo ragno chi sia stato non si sa forse quelli della mala forse la pubblicità. Hanno ucciso l'uomo ragno non si sa neanche il perché avrà Fatto qualche sgarro a qualche industria di caffè Giù nelle strade si vedono gangs di ragionieri in doppiopetto pieni di stress Se non ti vendo mi venderai tu per 100 lire o poco più Le Facce di vogue sono miti per noi Attori troppo belli, sono gli unici eroi invece lui, sì lui era una star ma tanto non ritornerà

Afterhours – Non è per sempre
G Dici che i tuoi fiori Em si sono rovinati C non hai abilità questa nazione è brutta ti fa sentire asciutta senza volontà e gioca a fare Dio manipolando il tuo DNA 6

Indice così se vuoi cambiare invece resti uguale per l'eternità G Am Bm C Non c'è niente G Am Bm C che sia per sempre G Am perciò se è da un po' Bm C che stai così male G Am il tuo diploma in fallimento Bm C è una laurea per reagire Am D puoi finger bene Am D ma so che hai fame Tutto è efficacia e razionalità, niente può stupire e non è certo il tempo quello che ti invecchia e ti fa morire ma tu rifiuti di ascoltare ogni segnale che ti può cambiare perché ti fa paura quello che succederà se poi ti senti uguale Non c'è niente che sia per sempre perciò se è da un po' che stai così male il tuo diploma in fallimento è una laurea per reagire sai finger bene ma so che hai fame G Am Bm C Non è niente, non è per sempre è troppo ormai che stai così male il tuo diploma in fallimento è una laurea per reagire G Em C Non è niente, non è per sempre

Afterhours – Quello che non c’è
Am Ho questa foto di pura gioia F è di un bambino con la sua pistola C che spara dritto G davanti a se Am a quello che non c'è Ho perso il gusto, non ha sapore quest'alito di angelo che mi lecca il cuore C ma credo di camminare dritto G sull'acqua e Am su quello che non c'è C G arriva l'alba o forse no F a volte ciò che sembra alba non è C ma so che so camminare dritto G sull'acqua e Am su quello che non c'è Am rivuoi la scelta, rivuoi il controllo rivoglio le mie ali nere, il mio mantello 7

Indice C la chiave della felicità G è la disobbedienza in sè Am a quello che non c'è C G perciò io maledico il modo in cui sono fatto F il mio modo di morire sano e salvo dove m'attacco C il mio modo vigliacco di restare G sperando che ci sia Am quello che non c'è Am curo le foglie, saranno forti se riesco ad ignorare che gli alberi son morti ma questo è camminare alto sull'acqua e su quello che non c'è C ed ecco arriva l'alba G so che è qui per me F meraviglioso come a volte ciò che sembra non è C fottendosi da sè, G fottendomi da me Am per quello che non c'è Sei cattivo e ti tirano le pietre. G D Qualunque cosa fai, G D dovunque te ne vai, G D A sempre pietre in faccia prenderai Tu sei ricco e ti tirano le pietre Non sei ricco e ti tirano le pietre Al mondo non c'è mai qualcosa che gli va e pietre prenderai senza pietà! D A D D7 Sarà così G A finché vivrai D AD Sarà così AGDAD Se lavori, ti tirano le pietre. Non fai niente e ti tirano le pietre Qualunque cosa fai capire tu non puoi se è bene o male quello che tu fai Tu sei bello e ti tirano le pietre Tu sei brutto e ti tirano le pietre E il giorno che vorrai difenderti vedrai che tante pietre in faccia prenderai! Sarà così finché vivrai Sarà così

Biagio Antonacci - Iris
C#m B A Iris tra le tue poesie B C#m B A ho trovato qualcosa che parla di me Le hai scritte tutte col blu 8

Antoine - Pietre
D A D Tu sei buono e ti tirano le pietre D A D D7

Indice su pezzi di carta trovati qua e là Dimmi dove, dimmi come e con che cosa ascoltavi la mia vita, quando non stavo con te E che sapori e che umori, che dolori e che profumi respiravi, quando non stavi con me Iris mi viene da dirti ti amo e lo E E4 E sai non l'ho detto mai C#m F#m Quanta vita c’è B E Quanta vita insieme a te Tu che ami e Tu che non lo rinfacci mai E non smetti mai Di mostrarti come sei Quanta vita c’è In questa vita insieme a te Il mio nome dillo piano, lo vorrei sentire sussurrare adesso che ti sono vicino La tua voce, mi arriva, suona come un onda che mi porta il mare, ma che cosa di più Iris ti ho detto ti amo e se questo ti piace rimani con me Quanta vita c’è Quanta vita insieme a te Tu che ami e Tu che non lo rinfacci mai E non smetti mai Di mostrarti come sei Quanta vita c’è In questa vita insieme a te Fa#m Sol#m La Si Dimmi dove, dimmi come e con che cosa ascoltavi la mia vita, quando non stavo con te E i sapori e gli umori, che dolori e che profumi respiravi, quando non stavi con me Iris ti amo davvero e se questo ti piace rimani con me

Claudio Baglioni – Questo piccolo grande amore
Em D C G Quella sua maglietta fina, D C tanto stretta al punto che, G immaginavo tutto e quell'aria da bambina, che non gliel'ho detto mai, ma io ci andavo matto Am e chiare sere d'estate, G il mare, i giochi, le fate Am C Sol e la paura e la voglia, di essere soli un bacio a labbra salate, un fuoco, quattro risate e far l'amore giù al faro, ti amo davvero, ti amo lo giuro, ti amo ti amo davvero B4 B7 Em E lei, lei mi guardava con sospetto, D poi mi sorrideva e mi teneva G stretto stretto ed io, io non ho mai capito niente visto che oramai non me lo levo dalla mente G7 9

Indice che lei, lei era C G un piccolo grande amore, Am Em solo un piccolo grande amore, F C G niente più, di questo niente più Mi manca da morire quel suo piccolo grande amore F C adesso che, saprei cosa dire, F C adesso che saprei cosa fare F adesso che, Em F C G voglio un piccolo grande amore Em Quella camminata strana, anche in mezzo a chissà che, l'avrei riconosciuta mi diceva “Sei una frana”, ma io questa cosa qui, mica l'ho mai creduta. E lunghe corse affannate incontro a stelle cadute e mani sempre più ansiose, di cose proibite e le canzoni stonate, urlate al cielo lassù chi arriva primo a quel muro, non sono sicuro se ti amo davvero, non sono non sono sicuro B4 B7 Em E lei, tutto ad un tratto non parlava ma le si leggeva chiaro in faccia che soffriva ed io, io non lo so quant'è che ho pianto solamente adesso me ne sto rendendo conto che lei, lei era un piccolo grande amore, solo un piccolo grande amore, niente più, di questo niente più Mi manca da morire quel suo piccolo grande amore adesso che, saprei cosa dire, adesso che saprei cosa fare adesso che, voglio un piccolo grande amore

Bandabardò – 20 bottiglie di vino
Dm Bb F Gm Dm Gm Un articolo molto speciale La calma del surfista Con lei aspetti l'onda E parti alla conquista Di una strada sempre diversa Di una vita che sembra persa Che si riprende in colpo di reni O con una caduta senza problemi E C Servono venti bottiglie di vino Chi dice di più, chi dice di meno Chi vuole la calma serena e orgogliosa B7 Di chi crede, di chi osa Solo 20 bottiglie di vino Chi dice di più, chi dice di meno Chi vuole la calma serena e orgogliosa Di chi crede, di chi osa E C Alzate le mani, alzate le mani! Dm Gm 10

Indice Un articolo molto richiesto Lo sguardo del rapace Per non perdere di vista Ogni minimo segno di pace La vista serve alla concentrazione Di chi non si perde perché fa attenzione Serve alla memoria per non confondere la storia E C Servono venti bottiglie di vino Chi dice di più ,chi dice di meno Chi vuole la calma serena e orgogliosa Di chi crede, di chi osa E C Alzate le mani, alzate le mani! E C Per 20 bottiglie di vino Un pò d'erba del vicino L'emozione dentro al canto Una risata dopo il pianto Un finale da carnevale Il diverso diventa uguale Giocatevi il destino B7 Con 20 bottiglie di vino E C Comprate ,gente,comprate! Alzate le mani ,alzate! Al mercato clandestino B7 Delle 20 bottiglie di vino

F E7 Devo dare di gas, voglio energia F G Am Metto carbone e follia F Am Se mi rilasso collasso F G Am Mi manca l'aria e l'allegria E7 E perciò... E attenziò, concentraziò Ritmo e vitalità F E7 Odio il pigiama e vedo rosso Se la terra mi chiama non posso Restare chiuso fra 4 mura Ho premura di vivere E7 E perciò... E attenziò, concentraziò Ritmo e vitalità E attenziò, concentraziò Ritmo e vitalità Sto fermo un giro, non passo dal via Piuttosto non gioco e vado via Fuori dal vaso fuori di testa Ho sempre un piede sul motore Devo dare di gas voglio energia Metto carbone e follia Se mi rilasso collasso Mi manca l'aria e l'allegria E perciò... E attenziò, concentraziò Ritmo e vitalità E attenziò, concentraziò Ritmo e vitalità Devo dare di gas voglio energia Metto carbone e follia Se mi rilasso collasso Mi manca l'aria e l'allegria E perciò... 11

Bandabardò – Beppeanna
Am E attenziò, concentraziò E Am Ritmo e vitalità E attenziò, concentraziò Ritmo e vitalità

Indice

E attenziò, concentraziò Ritmo e vitalità E attenziò, concentraziò Ritmo e vitalità

Bandabardò – Disegnata
Bm Devo finir di colorare il mondo che vorrei abitare devo finir di colorare il mondo che vorrei abitare F# Bm Un giorno che piove, disegnerò sale F# G Con l'acqua del cielo mi farò il mare, D il mare F# Bm Nascerà la sabbia per farci un altare F# dove solo gli amici ci verranno a G sposare, D F# ci verranno a sposare G F# Bm F# Luna piena di gomma e falò G F# Bm Con la faccia da mostro F# G ti abbraccerò F# Bm Poi disegnerò una casa F# G che sia grande da abitare D B che da davanti viene male

Bandabardò – Cuore a metà
Dm Bb A Era un momento senza importanza Un bacio solo in una danza Un bacio vigliacco del tipo che ti ritrovi distrutto pensando che D Bb A7 ormai è certo lei ama te... In quel momento preciso e vitale come una lama nel cuore ti appare Un viso che dorme vicino a te Un'emozione che gela tutto il bevuto D Bb A7 Un'emozione che gela più del dovuto Fm Bb Cm Dormo col cuore a metà Diviso tra il sogno e la realtà Fm G# Bb Tra un corpo da mille carezze e C# C Fm Le mille incertezze della libertà Dm Bb A Un altro posto, un'altra danza Stesso momento di uguale importanza Non t'immagini certo la tua ragazza che ti dice che in fondo è in vacanza D Bb A7 e che vuole godersi l'età che avanza Dm Bb A A questo punto è l'intimità A parte loro nessuno saprà che fu un trionfo del sangue, della passione, del dirsi tutto con dolcezza!

F#

Bm Devo finir di colorare il mondo che vorrei abitare devo finir di colorare il mondo che vorrei abitare G F# Bm F# Fermo il tempo e il disegno dirà 12

Indice G F# Bm baciami

Bandabardò – Hamelin song
Cm G Cm G Dm C#m Cm Cm Gm G# la donna del porto, è il mio sogno, da li finisce la mia libertà parla in silenzio con labbra sottili e gli occhi cerchiati dall'infedeltà Per tutti è Miragros per me è l'aria e respiro l'ossigeno della città così diversa dalla brava gente che vive pensando ma che non pensa niente Am C F E Escono in tanti stasera in città stracciati d'amore per lei che verrà fino all'ultimo grido che gli porterà e mai più niente di loro si saprà Cm Gm la donna del porto ha mani G# ghiacciate Cm Gm G# che scalda mostrando le sue nudità odora di sesso e dell'ultimo amore iniziato e finito qualche minuto fa Miladros è l'unica ispirazione per mariti assolti dalla fedeltà regala sorrisi e filtri d'amore. fa sciogliere i voti di castità Am C F E Escono in tanti stasera in città Stracciati d'amore per lei che verrà fino all'ultimo grido che gli porterà e mai più niente da loro si saprà

Bandabardò – Manifesto
Dm Oggi non lavoro, C F oggi non mi vesto G Dm C Dm C resto nudo e manifesto sono fuori dal coro, nettamente diverso le mode se ne vanno, io resto! e manifesto! Em F Em contro! ogni occasione persa F B7 i calci di rigore sulla traversa Em Resto nudo e manifesto G C faccio un gesto e manifesto Am oggi guardo il cielo Dm Penso a meno stress e più farfalle, meno chiacchiere alle spalle non ho più silenzio, non ho più un pretesto gli eroi se ne vanno, io resto! e manifesto! Em F Em contro! ogni occasione persa i calci di rigore sulla traversa contro! paranoie e tempeste rimanere fuori dalla feste Em Resto nudo e manifesto G C faccio un gesto e manifesto 13

Indice B7 oggi guardo il cielo Bm È un notte senza luna Em F# ubriaco canta amore alla fortuna Senza freddo e senza pane ubriaco canta amore alle persiane Am È un notte senza luna...

Bandabardò – Ubriaco canta amore
Am È un notte senza luna Dm E Am A6 Am ubriaco canta amore alla fortuna Senza freddo e senza pane ubriaco canta amore alle persiane G Am seduto sull'asfalto che fuma sembra un tempo da medio evo G C qualcuno dice che è un pazzo E Am un altro dice non è nessuno G Am e per la gente nervosa in attesa di un lieto fine che mangia solo terra ed acqua è un errore da digerire Am È un notte senza luna ubriaco canta amore alla fortuna Senza freddo e senza pane ubriaco canta amore alle persiane G Am egli sa di aver ragione pensa di essere felice e sulla sua pelle nera scrive un nome di vernice e alla gente distratta in attesa del lieto fine G Am lui risponde con il vento Am E7 io sono più contento

Franco Battiato – Bandiera bianca
C mister Tamburino F non ho voglia di scherzare C rimettiamoci la maglia F i tempi stanno per cambiare siamo figli delle stelle pronipoti di sua maestà il denaro per fortuna il mio razzismo non mi fa guardare quei programmi demenziali con tribune elettorali e avete voglia di mettervi profumi e deodoranti siete come sabbie mobili tirate giù, G uh uh C C'è chi si mette degli occhiali da sole per avere pi- carisma e sintomatico mistero uh com'è difficile restare padre quando i figli crescono e le mamme imbiancano quante squallide figure 14

Indice che attraversano il paese com'è misera la vita negli abusi di potere F C Sul ponte sventola bandiera bianca, F G sul ponte sventola bandiera bianca (sul ponte sventola bandiera bianca, sul ponte sventola bandiera bianca). C A Beethoven e sinatra preferisco l'insalata a Vivaldi l'uva passa che mi dà più calorie uh com'è difficile restare calmi e indifferenti mentre tutti intorno fanno rumore in quest'epoca di pazzi ci mancavano gli idioti dell'orrore ho sentito degli spari in una via del centro quante stupide galline che si azzuffano per niente C F minima immoralia, minima immoralia e sommersi soprattutto da immondizie musicali Sul ponte sventola bandiera bianca, sul ponte sventola bandiera bianca (sul ponte sventola bandiera bianca, sul ponte sventola bandiera bianca) minima immoralia, minima immoralia, minima immoralia do fa do fa The end, my only friend, this is the end fa do Sul ponte sventola bandiera bianca, fa sol sul ponte sventola bandiera bianca fa do sul ponte sventola bandiera bianca

Franco Battiato – Centro di gravità permanente
Am Gm Una vecchia bretone D Bb con un cappello e un ombrello Gm D Bb D di carta di riso e canna di bambù capitani coraggiosi furbi contrabbandieri macedoni gesuiti euclidei vestiti come dei bonzi per entrare a corte degli imperatori della dinastia dei Ming G Cerco un centro Em C di gravità permanente D che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose sulla gente avrei bisogno di Cerco un centro di gravità permanente che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose sulla gente D A Bb D Over and over again Per le strade di Pechino erano giorni di maggio tra noi si scherzava a raccogliere 15

Indice ortiche non sopporto i cori russi la musica finto rock la new wave italiana il free jazz punk inglese neanche la nera africana Cerco un centro di gravità permanente che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose sulla gente avrei bisogno di Over and over again cuccuruccucucucucucu Paloma ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi cantava Em G D L'ira funesta dei profughi afgani che dal confine si spostarono nell'Iran cantami o diva dei pellerossa americani do re7 le gesta erotiche di Squaw Pelle di Luna C G D le penne stilografiche con l'inchiostro blu la barba col rasoio elettrico Am A7 D7 non la faccio più il mondo è grigio il mondo è blu C G D cuccurucucù Paloma ahi ahi ahi ahi ahi cantava cuccuruccucucucucucu Paloma ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi cantava G D Em C Lady Madonna (I can try) G D Am Em with a little help from my friends goodbye Ruby Tuesday come on baby let's twist again once upon a time you dressed so fine, Mary like just a woman G like a Rolling Stone C G D cuccurucucù Paloma ahi ahi ahi ahi ahi cantava. cuccuruccucucucucucu Paloma ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi cantava 16

Franco Battiato – Cuccuruccuccù
C G D cuccurucucù Paloma ahi ahi ahi ahi ahi cantava. cuccuruccucucucucucu Paloma ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi cantava Em G D Le serenate all'istituto magistrale Am C D nell'ora di ginnastica o di religione per carnevale suonavo sopra i carri mascherati avevo già la luna e Urano nel Leone C G D il mare nel cassetto, le mille bolle blu da quando sei andata via Am A7 D7 non esisto più il mondo è grigio il mondo è blu C G D cuccurucucù Paloma ahi ahi ahi ahi ahi cantava

Indice

Franco Battiato – La cura
Bm Ti proteggerò F#m dalle paure delle ipocondrie, G dai turbamenti che da oggi D A incontrerai per la tua via Bm Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d'umore dalle ossessioni D delle tue manie Bm Supererò le correnti F#m gravitazionali G lo spazio e la luce per non farti Bm invecchiare G D E guarirai da tutte le malattie, Bm F#m perché sei un essere speciale, G ed io avrò cura di te. Bm

Più veloci di aquile i miei sogni Bm attraversano il mare Bm Ti porterò soprattutto F#m il silenzio e la pazienza G Percorreremo insieme D A le vie che portano all'essenza I profumi d'amore inebrieranno i nostri corpi, la bonaccia d'agosto non calmerà i nostri sensi. Tesserò i tuoi capelli come trame di un canto. Conosco le leggi del mondo e te ne farò dono. Supererò le correnti gravitazionali, lo spazio e la luce per non farti invecchiare Ti salverò da ogni malinconia, perché sei un essere speciale, ed io avrò cura di te G Bm lo sì, che avrò cura di te.

Franco Battiato – Voglio vederti danzare
C G Voglio vederti danzare, Dm Am come le zingare del deserto C G con candelabri in testa C F G o come le balinesi nei giorni di festa Voglio vederti danzare, 17

E D Vagavo per i campi del Tennessee G come vi ero arrivato chissà Bm A Non hai fiori bianchi per me? G

Indice come i derviches tourners che girano sulle spine dorsali o al suono di cavigliere del Katakali. F C E gira tutt'intorno la stanza, G Am mentre si danza, danza F C e gira tutt'intorno la stanza, G A mentre si danza D A E Radio Tirana trasmette Em Sm musiche balcaniche mentre D A danzatori bulgari D G a piedi nudi sui bracieri ardenti D A Nell'Irlanda del Nord, nelle balere estive coppie di anziani che ballano B al ritmo di sette ottavi F C E gira tutt'intorno la stanza, mentre si danza, danza e gira tutt'intorno la stanza, mentre si danza D A Nei ritmi ossessivi la chiave, dei riti tribali regni di sciamani e suonatori zingari ribelli Nella bassa Padana, nelle balere estive coppie di anziani che ballano vecchi valzer viennesi.

Lucio Battisti – 7 e 40
F Mi sono informato c’è un treno che parte alle sette e quaranta non hai molto tempo Bb il traffico è lento nell’ora di punta Dm Ti bastano dieci minuti G per giungere a casa, la nostra C la chiave ricorda Sib Do che è sempre lì, lì sulla finestra Dm E nel far le valigie G ricordati di non scordare Bb qualche cosa di tuo che a te F poi mi faccia pensare Am Dm e ora basta non stare più qui Am Dm ti rendi conto anche tu Bb F che noi soffriamo di più C ogni istante che passa di più no, non piangere F Bb Presto, presto F Bb presto, presto F C presto presto, vai... Dm Da un minuto sei partita Bb 18

Indice e sono solo, C F sono strano e non capisco cosa c’è Dm Sui miei occhi da un minuto Bb è sceso un velo, C F forse è solo suggestione, C F o paura, o chissà che ... E’ possibile che abbia fin da ora già bisogno di te... F Mi sono informato c’è un volo che parte alle otto e cinquanta non ho molto tempo, il traffico è lento nell’ora di punta. Mi bastano dieci minuti per giungere a casa, la nostra la chiave l’hai messa senz’altro lì, lì sulla finestra Dm e nel far le valigie stavolta non devo scordare di mettere un fiore che adesso ti voglio comprare Con l’aereo in un’ora son lì e poi di corsa un taxi Sono certo così quando arrivi col treno mi vedi, non piangere F Presto, presto, presto, F Presto, F presto, Bb presto presto presto vai.... Bb presto Bb presto F G# B# presto, presto fai presto F Fai presto, più presto...

Lucio Battisti - Anna
F Am Hai ragione anche tu nananana cosa voglio di più nananana un lavoro io l’ho nananana una casa io l’ho F la mattina c’è chi F Am mi prepara il caffè questo io lo so e la sera c’è chi non sa dir di no cosa voglio di più hai ragione tu cosa voglio di più cosa voglio F Am Anna voglio Anna F Am Non hai mai visto un uomo piangere apri bene gli occhi sai Am perché tu ora lo vedrai F apri bene gli occhi sai Am perché tu ora lo vedrai se tu F Am non hai mai visto un uomo piangere F Am guardami guardami Anna voglio Anna G D C Ho dormito lì fra i capelli suoi io insieme a lei 19

Indice G ero un uomo G D C quanti e quanti si ha gridato lei quanti non lo sai G ero un uomo F Am Cosa sono ora io cosa sono mio Dio resta poco di me io che parlo con te io che parlo con te di Anna Anna.... voglio Anna... voglio Anna Comunque adesso ho un po' paura ora che quest'avventura sta diventando una storia seria spero tanto tu sia sincera! Un magazzino che contiene tante casse alcune nere alcune gialle alcune rosse dovendo scegliere e studiare le mie mosse sono alle impasse Mi sto accorgendo che son giunto dentro casa con la mia cassa ancora con il nastro rosa e non vorrei aver sbagliato la mia spesa con la mia sposa Chissà, chissà chi sei chissà che sarai chissà che sarà di noi lo scopriremo solo vivendo Comunque adesso ho un po' paura ora che quest'avventura sta diventando una storia seria spero tanto tu sia sincera! Mi Do#m La7+ Sol#m7 Chissà chi sei? Chissà chi sei? Do#m Mi/Si Chissà chi sei? Chissà chi sei? Fa#9 La7+ Do#m Si/Mib Mi Fa#9(Do#m) La7+ Mi(Sol#m) Do#m Mi Si Fa#9 La7+ Do#m

Lucio Battisti – Con il nastro rosa
Bm Inseguendo una libellula in un prato G un giorno che avevo rotto col passato A quando già credevo di esserci riuscito Bm son caduto Una frase sciocca un volgare doppio senso mi hanno allarmato non è come io la penso ma il sentimento era già un po' troppo denso e son restato Chissà, chissà chi sei chissà che sarai chissà che sarà di noi lo scopriremo solo vivendo

Lucio Battisti – Dieci ragazze per me
Am Ho visto un uomo che moriva per amore! Ne ho visto un altro F che più lacrime non ha 20

Indice Dm Nessun coltello mai ti può ferir di più F di un grande amore che ti stringe il E7 cuor Am Dieci ragazze per me posson bastare dieci ragazze per me E7 voglio dimenticare Am F6 capelli biondi d'accarezzare Am5+ F e labbra rosse sulle quali morire Am E7 Am E7 dieci ragazze per me solo per me Am Una la voglio perché sa bene ballare Una la voglio perché ancor non sa cosa vuol dir l'amore una soltanto perché ha conosciuto tutti tranne me dieci ragazze così che dicon solo di sì E Am Vorrei sapere chi ha detto G C E che non vivo più senza te Am matto G C quello è proprio matto perché E forse non sa Am G che posso averne una per il giorno Am G una per la sera F però quel matto mi conosce perché Am E7 ha detto una cosa vera Bbm Dieci ragazze per me posson bastare Dieci ragazze per me io voglio F7 dimenticare Bbm F#6 capelli biondi d'accarezzare Bbm5+ Bibm e labbra rosse sulle quali morire Bbm F7 Sibm Fa dieci ragazze così che dicon solo di sì F Sibm Vorrei sapere chi ha detto Ab C# F che non vivo più senza te Bbm matto Ab C# quello è proprio matto perché F forse non sa Bbm Ab che posso averne una per il giorno Bbm Ab una per la sera F# però quel matto mi conosce Bbm perché ha detto una cosa vera F# ah ah ah Bm Dieci ragazze per me oh no no G Dieci ragazze per me oh no no E F# Dieci ragazze per me Bm Sol nananananananana però io muoio per te Dieci ragazze per me però io muoio per te nananananananana però io muoio per te

Lucio Battisti – Emozioni
21

Indice

G F#m7 Em G Seguir con gli occhi un airone sopra F#m7 il fiume e poi Em7 A7 D7+ ritrovarsi a volare G e sdraiarsi felice sopra l’erba F#m Bm ad ascoltare Em7 A7 un sottile dispiacere E di notte passare con lo sguardo la collina per scoprire dove il sole va a dormire Domandarsi perché quando cade la tristezza in fondo al cuore come la neve non fa rumore Bm7 e guidare come un pazzo a fari spenti A nella notte per vedere G D se poi è tanto difficile morire G E stringere le mani per fermare F#m7 Bm7 qualcosa che Em7 è dentro me A7/4 ma nella mente tua non c’è... Em7 A Capire tu non puoi Em7 A tu chiamale se vuoi D G D emozioni Em7 A tu chiamale se vuoi D7+ emozioni

G Uscir nella brughiera di mattina dove non si vede a un passo per ritrovar se stesso Parlar del più e del meno con un pescatore per ore ed ore per non sentire che dentro qualcosa muore E ricoprir di terra una piantina verde sperando possa nascere un giorno una rosa rossa Sol Fa#m7 Sim7 Mim7 La7 Bm7 E prendere a pugni un uomo solo perché è stato un po’ scortese sapendo che quel che brucia non son le offese E chiudere gli occhi per fermare qualcosa che è dentro me ma nella mente tua non c’è Capire tu non puoi tu chiamale se vuoi emozioni tu chiamale se vuoi Emozioni D7+ G D Em7 D

Lucio Battisti – Fiori rosa fiori di pesco
Dm Dm7+ Dm7 Dm6 Gm A7/4 Fiori rosa fiori di pesco c'eri tu Dm Dm7+ Dm7 Dm6 Gm A7/4 fiori nuovi stasera esco A7 ho un anno di più Bb Stessa strada stessa porta 22

Indice C Scusa F G C se son venuto qui questa sera F G da solo non riuscivo a dormire C perché F G C di notte ho ancor bisogno di te Bb6 Fammi entrare per favore C solo F G C credevo di volare non volo F G Am Credevo che l'azzurro di due occhi per me F G C fosse sempre il cielo non è F G C fosse sempre il cielo non è Bb6 Posso stringerti le mani? C Come sono fredde tu tremi E No non sto sbagliando mi ami Am Dimmi che è vero! C Dimmi che è vero! Am Dimmi che è vero! C Dimmi che è vero Am Dimmi che noi non siamo stati mai lontani C ieri era oggi oggi è già domani no! Dimmi che è ve… C Scusa F credevo proprio che fossi sola F G Am Credevo non ci fosse nessuno con te F G C Oh scusami tanto se puoi F G C Signore chiedo scusa anche a lei F G Am Ma io ero proprio fuori di me F G Am Io ero proprio fuori di me quando dicevo Bb Posso stringerti le mani? Come sono fredde tu tremi No non sto sbagliando mi ami Dimmi che è vero! Dimmi che è vero! Dimmi che è vero! Dimmi che è vero

Lucio Battisti – I giardini di marzo
Am Il carretto passava Em7 F7+ e quell'uomo gridava gelati al ventuno del mese i nostri soldi erano già finiti io pensavo a mia madre e rivedevo i suoi vestiti il più bello era nero coi fiori non ancora All'uscita di scuola i ragazzi vendevano i libri io restavo a guardarli cercando il coraggio per imitarli poi sconfitto tornavo a giocar con la mente i suoi tarli e la sera al telefono tu mi dicevi perché non parli C Che anno è 23

G

C

Indice G che giorno è Dm questo è il tempo E7 Am di vivere con te C Am le mie mani come vedi Dm non tremano più G e ho nell'anima E7 in fondo all'anima C cieli immensi Sol Rem Lam e immenso amore e poi ancora ancora amore amor per te Lam7 Rem Sol Mi7+ fiumi azzurri e colline e praterie dove corrono dolcissime Am le mie malinconie C Am l'universo trova spazio Dm dentro me Am ma il coraggio di vivere Em7 F7+ quello ancora non c'è Am I giardini di marzo Em7 F7+ si vestono di nuovi colori e le giovani donne in quel mese vivono nuovi amori camminavi al mio fianco e ad un tratto dicesti tu muori se mi aiuti son certa che io ne verrò fuori ma non una parola chiarì i miei pensieri continuai a camminare lasciandoti attrice di ieri C Che anno è che giorno è questo è il tempo di vivere con te le mie mani come vedi non tremano più e ho nell'anima in fondo all'anima cieli immensi e immenso amore e poi ancora ancora amore amor per te fiumi azzurri e colline e praterie dove corrono dolcissime le mie malinconie l'universo trova spazio dentro me ma il coraggio di vivere quello ancora non c'è

Lucio Battisti – Il mio canto libero
G In un mondo che Bm non ci vuole più C7+ il mio canto libero G sei tu e l'immensità si apre intorno a noi aldilà del limite degli occhi tuoi nasce il sentimento nasce in mezzo al pianto e s'innalza altissimo e va 24

Indice prigioniero è D respiriamo liberi A io e te e la verità si offre nuda a noi e limpida è l'immagine ormai nuove sensazioni, giovani emozioni si esprimono purissime in noi la veste dei fantasmi del passato cadendo lascia il quadro immacolato e s'alza un vento tiepido d'amore di vero amore A D A e riscopro te.

e vola sulle accuse della gente a tutti i suoi retaggi indifferente sorretto da un anelito d'amor di vero amore In un mondo che prigioniero è respiriamo liberi io e te e la verità si offre nuda a noi e limpida è l'immagine ormai nuove sensazioni, giovani emozioni si esprimono purissime in noi la veste dei fantasmi del passato cadendo lascia il quadro immacolato e s'alza un vento tiepido d'amore di vero amore C G e riscopro te Bm dolce compagna che C7+ non sai dove andare ma sai G che ovunque andrai F G al fianco tuo mi avrai Am D se tu lo vuoi pietre un giorno case ricoperte dalle rose selvatiche rivivono, ci chiamano boschi abbandonati e perciò sopravvissuti vergini si aprono, ci abbracciano A In un mondo che C#m

Lucio Battisti – Il tempo di morire
E A E Motocicletta 10 H P tutta cromata B7 è tua se dici sì E mi costa una vita A per niente la darei A B7 ma ho il cuore malato A E e so che guarirei. Non dire no non dire no non dire no,no non dire no E lo so che ami un altro A 25

Indice ma che ci posso fare B io sono un disperato A perché ti voglio amare E perché ti voglio amare perché ti voglio amare perché ti voglio amare B7 stanotte adesso sì E mi basta il tempo di morire fra le tue braccia così domani puoi dimenticare domani si ma adesso dimmi di sì Non dire no non dire no non dire no,no non dire no prendi tutto quello che ho mi basta il tempo di morire fra le tue braccia così domani puoi dimenticare domani si ma adesso dimmi di sì Non dire no non dire no non dire no, no non dire no. F7+ non farnetico più B Em 7 C a guarirmi chi fu ho paura a dirti che sei tu Em Am7 Ora noi siamo già più vicini Am B Io vorrei non vorrei ma se vuoi E Come può lo scoglio A arginare il mare B anche se non voglio E torno già a volare A Le distese azzurre B e le verdi terre le discese ardite e le risalite su nel cielo aperto e poi giù il deserto e poi ancora in alto con un grande salto Em Am7 dove vai quando poi resti sola Am6 B Em senza ali tu lo sai non si vola Io quel dì mi trovai per esempio quasi sperso in quel letto così ampio G C7+ Stalattiti sul soffitto i miei giorni con lei io la morte abbracciai ho paura a dirti che per te mi svegliai Oramai fra di noi solo un passo Io vorrei non vorrei ma se vuoi E Come può lo scoglio arginare il mare 26

Lucio Battisti – Io vorrei, non vorrei ma se vuoi…
Em Am7 dove vai quando poi resti sola Am6 B Em il ricordo come sai non consola Em Am7 Quando lei se ne andò per esempio Am6 B Em Trasformai la mia casa in tempio G C7+ E da allora solo oggi

Indice anche se non voglio torno già a volare Le distese azzurre e le verdi terre le discese ardite e le risalite su nel cielo aperto e poi giù il deserto e poi ancora in alto con un grande salto. all'ombra un fiore in bocca può servire sai più allegro tutto sembra e d'improvviso quel silenzio tra noi e quel tuo sguardo strano ti cade il fiore dalla bocca e poi Oh no ferma ti prego la mano dove sei stata cos'hai fatto mai una donna donna donna dimmi cosa vuol dir sono una donna ormai Io non conosco quel sorriso sicuro che hai non so chi sei non so più chi sei mi fai paura oramai purtroppo ma ti ricordi le onde grandi e noi gli spruzzi e le tue risa cos'è rimasto in fondo agli occhi tuoi la fiamma è spenta o è accesa? Oh mare nero Oh mare nero Oh mare ne... tu eri chiaro e trasparente come me Oh mare nero Oh mare nero Oh mare ne... tu eri chiaro e trasparente come me no no no no no no no no no no no no no no no no no no eeeeeeeeee Il sole quando sorge sorge piano e poi la luce si diffonde tutto a intorno a noi le ombre dei fantasmi della notte sono alberi o cespugli ancora in fiore sono gli occhi di una donna ancora pieni d'amore.

Lucio Battisti – La canzone del sole
A E Le bionde trecce D E gli occhi azzurri e poi le tue calzette rosse e l'innocenza sulle gote tue due arance ancor più rosse e la cantina buia dove noi respiravamo piano e le tue corse l'eco dei tuoi no o no mi stai facendo paura dove sei stata cos'hai fatto mai una donna donna donna dimmi cosa vuol dir sono una donna ormai Ma quante braccia ti hanno stretto tu lo sai per diventar quel che sei che importa tanto tu non me lo dirai purtroppo Ma ti ricordi l'acqua verde e noi le rocce bianco il fondo di che colore sono gli occhi tuoi se me lo chiedi non rispondo Oh mare nero Oh mare nero Oh mare ne... tu eri chiaro e trasparente come me Oh mare nero Oh mare nero Oh mare ne... tu eri chiaro e trasparente come me Le biciclette abbandonate sopra il prato e poi noi due distesi

Lucio Battisti – Mi ritorni in mente
G Bm C G 27

Indice forse ancor di più uuu mi ritorni in mente dolce come mai come non sei tu yey-e Un angelo caduto in volo questo tu ora sei in tutti i sogni miei come ti vorrei come ti vorrei Ma c'è qualcosa che non scordo c'è qualcosa che non scordo che non scordo parapapà-papà.

Em7 C Mi ritorni in mente bella come sei G Am D forse ancor di più Am D7 mi ritorni in mente dolce come mai Bm Em come non sei tu D7 Em Un angelo caduto in volo C questo tu ora sei G Am C in tutti i sogni miei G A7 come ti vorrei come ti vorrei C7 G C7 G Ma c'è qualcosa che non scordo c'è qualcosa che non scordo G E7 Am che non scordo Am quella sera ballavi insieme a me G e ti stringevi a me Am all'improvviso mi hai chiesto lui chi è eee G lui chi è Bm Un sorriso C G e ho visto la mia fine sul tuo viso C G il nostro amor dissolversi nel vento C D ricordo sono morto in un momento Mi… mi… mi… G Em7 C Mi ritorni in mente bella come sei

Lucio Battisti – Non è Francesca
Am Ti stai sbagliando G C chi hai visto non è E7 Am E7 non è Francesca Lei è sempre a casa che aspetta me non è Francesca F Se c'era un F no non può G Am uomo poi G essere lei

Am

E7

Am G C E7 Francesca non ha mai chiesto di più chi sta sbagliando son certo sei tu Francesca non ha mai chiesto di più Am perché lei vive per me Am Come quell'altra è bionda però non è Francesca Era vestita di rosso lo so Ma non è Francesca F Se era abbracciata poi no non può essere lei 28

Indice La mia sincerità per rubare la sua verginità A sì tu lo sai che ne sai? A Dm Davanti a me c'è un'altra vita G E7 Am la nostra è già finita C Dm e nuove notti e nuovi giorni E Am A cara vai o torni con me A Dm Davanti a te ci sono io G E7 Dammi forza mio Dio Am Un altro uomo Chiedo adesso perdono C Dm e nuove notti e nuovi giorni E Am E cara non odiarmi se puoi Am Conosci me (che ne sai di un viaggio in Inghilterra) Quel che darei (che ne sai di un amore israelita) Perché negli altri ritrovare (di due occhi sbarrati che mi han detto) gli occhi miei (bugiardo è finita) Che ne sai di un ragazzo che ti amava Che parlava e niente sapeva E pur quello che diceva chissà perché chissà adesso verità si tu lo sai Davanti a me c'è un'altra vita la nostra è già finita 29

Francesca non ha mai chiesto di più chi sta sbagliando son certo sei tu Francesca non ha mai chiesto di più Am perché lei vive per me.

Lucio Battisti – Pensieri e parole
Che ne sai di un bambino che rubava e soltanto nel buio giocava e del sole che trafigge i solai che ne sai E di un mondo tutto chiuso in una via e di un cinema di periferia che ne sai della nostra ferrovia che ne sai? Am Conosci me la mia lealtà F tu sai che oggi morirei per onestà Dm Conosci me il nome mio E7 tu sola sai se è vero o no Am che credo in Dio Am Che ne sai tu di un campo di grano poesia di un amore profano la paura d'esser preso per mano che ne sai Dm L'amore mio Che ne sai di un ragazzo per bene È roccia ormai Che mostrava tutte quante le sue pene Am E E sfida il tempo e sfida il vento e tu lo sai

Indice e nuove notti e nuovi giorni cara vai o torni con me Davanti a te ci sono io (Dammi forza mio Dio o Oh) Un altro uomo (Chiedo adesso perdono) e nuove notti e nuovi giorni cara non odiarmi se puoi. G D Sempre vivrà Sempre vivrà G D Sempre vivrà Sempre vivrà Non sarà un'avventura Non è un fuoco che col vento può morire Ma vivrà quanto il mondo Fino a quando gli occhi miei Avran luce per guardare gli occhi tuoi G Bm Innamorato sempre di più C G In fondo all'anima per sempre tu D G Perché non è una promessa Bm Ma è quel che sarà C Domani e sempre Sempre vivrà Perché io sono innamorato Sempre di più In fondo all'anima ci sei per sempre tu.

Lucio Battisti – Un’avventura
GCG Non sarà, un avventura Bm Non può essere soltanto E una primavera Am D Questo amore non è una stella C D Che al mattino se ne va C D Oh no no no no no no G Non sarà, un avventura Questo amore è fatto solo di poesia Tu sei mia, tu sei mia Fino a quando gli occhi miei Avran luce per guardare G gli occhi tuoi G Bm Innamorato sempre di più C G In fondo all'anima per sempre tu D G Perché non è una promessa Bm Ma è quel che sarà C Domani e sempre

Baustelle – Il corvo Joe
D I barboni mi guardano Bm G mentre mastico la lucertola anche oggi è domenica tutta d'oro la gente luccica mentre osserva le anatre inventandosi la felicità la sorvolo e capisco che maledice la mia diversità D ma nel parco ci abito F#m G è la vita mia esser simbolo F#m Bm di paura e di morte 30

Indice A D sono tenebre i miei abiti D i bambini sorridono "mamma guardalo, che bestiaccia è?" gli alberi mi consolano apro le ali e resto immobile D gli studenti li evito F#m G preferisco le ricche vedove F#m Bm con gli anelli di platino A D sono un ladro ma fine gentleman E G#m A B Io sono il corvo Joe faccio spavento state attenti lasciatemi stare solo certi poeti del male mi sanno cantare! D I borghesi si siedono e poi leggono il giornale i ragazzi si baciano, mezzogiorno sta per scoccare senza grazia e gracchiando mi avvicino e poi li supplico se soltanto per oggi fossi libero di parlare "piacere: corvo joe, c'è da mangiare? solo sassi sapete lanciare meritate di andare per me nell'eterno dolore" Io sono il corvo Joe faccio paura state attenti lasciatemi stare solo certi poeti del male mi sanno cantare! Ma vi perdono G perché in fondo portate nel cuore sangue che è destinato a seccare vivete a morire.

Edoardo Bennato – Il gatto e la volpe
C Am Quanta fretta, ma dove corri Dm G7 dove vai? Se ci ascolti per un momento capirai C E Lui è il gatto, ed io la volpe, Am stiamo in società Dm G7 C Am C Am di noi ti puoi fidar C Am Puoi parlarci dei tuoi problemi, Dm G7 dei tuoi guai i migliori in questo campo siamo noi C E è una ditta specializzata, Am fa un contratto e vedrai Dm G7 C Am C Am che non ti pentirai Noi scopriamo talenti e non sbagliamo mai noi sapremo sfruttare le tue qualità dacci solo quattro monete e ti iscriviamo al concorso per la celebrità F G Non vedi che è un vero affare C Am non perdere l'occasione Dm G C C7 31

Indice se no poi te ne pentirai, F G Non capita tutti i giorni C Am di avere due consulenti D due impresari G7 che si fanno in quattro per te! Avanti, non perder tempo, firma qua è un normale contratto, è una formalità tu ci cedi tutti i diritti e noi faremo di te un divo da hit parade! Non vedi che è un vero affare non perdere l'occasione se no poi te ne pentirai, Non capita tutti i giorni di avere due consulenti due impresari, che si fanno in quattro per te! Quanta fretta, ma dove corri, dove vai? Che fortuna che hai avuto ad incontrare noi! Lui è il gatto, io la volpe, siamo in società di noi ti puoi fidar di noi ti puoi fidar di noi ti puoi fidar! poi la strada la trovi da te C G C porta all'isola che non c'è C Forse questo ti sembrerà strano, ma la ragione ti ha un pò preso la mano ed ora sei quasi convinto che non può esistere un'isola che non c'è E a pensarci, che pazzia, è una favola, è solo fantasia, e chi è saggio, chi è maturo lo sa non può esistere nella realtà Am E7 Son d'accordo con voi, Am E7 non esiste una terra F C G dove non ci son santi nè eroi Dm G7 e se non ci son ladri Dm G7 se non c'è mai la guerra forse è proprio l'isola che non c'è, che non c'è... C E non è un'invenzione e neanche un gioco di parole se ci credi ti basta perché poi la strada la trovi da te... Am E7 Son d'accordo con voi: niente ladri e gendarmi, ma che razza di isola è? Niente odio e violenza, nè soldati nè armi forse è proprio l'isola che non c'è... che non c'è... C 32

Edoardo Bennato – L’isola che non c’è
C Seconda stella a destra, G questo è il cammino F C e poi dritto, fino al mattino Am Em7 F

Indice Seconda stella a destra, questo è il cammino e poi dritto, fino al mattino non ti puoi sbagliare perché quella è l'isola che non c'è... F G E ti prendono in giro C se continui a cercarla F ma non darti per vinto perchè chi ci ha già rinunciato e ti ride alle spalle C forse è ancora più pazzo di te e chissà dove è nata è una favola, e non è realtà Ogni favola è un gioco se ti fermi a giocare dopo un poco lasciala andare non la puoi ritrovare in nessuna città perché è vera soltanto a metà! Em Universi sconosciuti, F#m anni luce da esplorare D Bm astronavi della mente, G A verso altre verità! Ogni favola è un gioco che si fa con il tempo ed è vera soltanto a metà la puoi vivere tutta in un solo momento è una favola e non è realtà! Ogni favola è un gioco se ti fermi a giocare dopo un poco lasciala andare non la puoi ritrovare in nessuna città perché è vera soltanto a metà

Edoardo Bennato – Ogni favola è un gioco
G Ogni favola è un gioco G7+ che si fa con il tempo A D7 ed è vera soltanto a metà Am D7 La puoi vivere tutta G Em in un solo momento Am D7 è una favola e non è realtà G Ogni favola è un gioco che finisce se senti tutti vissero felici e contenti Forse esiste da sempre non importa l'età perché è vera soltanto a metà! Ogni favola è un gioco è una storia inventata ed è vera soltanto a metà e fa il giro dei mondo,

Edoardo Bennato – Un giorno credi
E B Un giorno credi di essere giusto Ddim F#m e di essere un grande uomo B7 C#m in un altro ti svegli e devi F#7 B7 cominciare da zero Situazioni che stancamente si ripetono senza tempo una musica per pochi amici, come tre anni fa 33

Indice

A questo punto non devi lasciare qui la lotta e' piu' dura ma tu se le prendi di santa ragione insisti di piu' Sei testardo, questo e' sicuro, quindi ti puoi salvare ancora metti tutta la forza che hai nei tuoi fragili nervi Quando ti alzi e ti senti distrutto fatti forza e va incontro al tuo giorno non tornare sui tuoi soliti passi basterebbe un istante Mentre tu sei l'assurdo in persona e ti vedi già vecchio e scadente raccontare a tutta la gente del tuo falso incidente Mentre tu sei l'assurdo in persona e ti vedi già vecchio e scadente raccontare a tutta la gente del tuo falso incidente.

A F#m7 Viva la mamma D E7 affezionata a quella gonna un pò lunga così elegantemente anni cinquanta sempre così sincera Viva la mamma viva le donne con i piedi per terra le sorridenti miss del dopoguerra pettinate come lei A D A E7 A F#m7 D E7 Angeli ballano il rock ora tu non sei un sogno tu sei vera C#7 D viva la mamma ma perché Fm se ti parlo di A F#m7 D E7 lei non sei gelosa! Viva la mamma affezionata a quella gonna un po' lunga indaffarata sempre e sempre convinta a volte un po' severa viva la mamma viva la favola degli anni cinquanta così lontana e pure così moderna e così magica Angeli ballano il rock ora non è un juke-box è un orchestra vera viva la mamma perché se ti parlo di lei non sei gelosa 34

Edoardo Bennato – Viva la mamma
A C'è folla tutte le sere B Nei cinema di Bagnoli G un sogno che è in bianco e nero E7 tra poco sarà a colori A L'estate che passa in fretta D Fm l'estate che torna ancora A F#m7 i giochi messi da parte Bm7 E7 per una chitarra nuova A F#m7 D E7

Indice

F# Bang bang la sveglia che suona bang bang devi andare a scuola G# bang bang soltanto un momento C# D E7 per sognare ancora A F#m7 D E7 Viva la mamma viva le regole e le buone maniere quelle che non ho mai saputo imparare forse per colpa del rock

Femmene belle ca date lu core si lu brigante vulite salvà nun 'o cercate, scurdateve 'o nome, chi ce fà guerra nun tene pietà Ommo se nasce, brigante se more, ma fino all'ultimo avimma sparà e si murimmo, menate nu fiore e na bestemmia pe' sta' libertà.

Samuele Bersani – Giudizi universali
E Troppo cerebrale per capire che si A B può star bene senza complicare il C#m pane G#m Ci si spalma sopra un bel giretto di B E parole vuote ma doppiate E A B

Eugenio Bennato Briganti se more
Em Am Ammo pusato chitarre e tamburo G Em Am pecché sta musica s'adda cagnà C G Am simmo briganti e facimmo paura Em Am e cu a scuppetta vulimmo cantà Em Am e cu a scuppetta vulimmo cantà E mo cantammo sta nova canzone tutta la gente se l'adda 'mparà nun ce ne fotte d'o re Burbone ma 'a terra è 'a nosta e nun s'adda tuccà Tutte e paise d'a Basilicata se so' scetati e vonno luttà pure 'a Calabria mo s'è arrevotata e stu nemico 'o facimmo tremmà Chi ha visto o lupo e s'e miso paura `nun sape buono qual' è a verità o vero lupo ca magna 'e creature è o piemontese c'avimma caccià

E Mangiati le bolle di sapone intorno al mondo e quando dormo taglia bene l'aquilone togli la ragione e lasciami sognare lasciami sognare in pace F#m G#m Liberi come eravamo ieri dai A B centimetri di libri sotto i piedi G#m A per tirare la maniglia della porta e B andare fuori F#m G#m Come Mastroianni anni fa, come la A B voce guida la pubblicità 35

Indice G#m A ci sono stati dei momenti intensi ma B li ho persi già.. Troppo cerebrale per capire che si può star bene senza calpestare il cuore ci si passa sopra almeno due o tre volte i piedi come sulle aiuole E A B F#m G#m Libero come ero stato ieri ho dei centimetri di cielo sotto ai piedi adesso tiro la maniglia della porta e vado fuori Come Mastroianni anni fa sono una nuvola fra poco pioverà e non c'e' niente che mi sposta o vento che mi sposterà E Potrei ma non voglio fidarmi di te io non ti conosco e in fondo non c'è In quello che dici qualcosa che pensi sei solo la copia di mille riassunti G#m Leggera leggera si bagna la fiamma rimane la cera e non ci sei più…

Leviamo via il tappeto e poi mettiamoci dei pattini per scivolare meglio sopra l'odio torre di controllo aiuto sto finendo A l'aria dentro al serbatoio E Potrei ma non voglio fidarmi di te io A B non ti conosco e in fondo non c'è In quello che dici qualcosa che pensi sei solo la copia di mille riassunti G#m Leggera leggera si bagna la fiamma A B rimane la cera e non ci sei più E A B Vuoti di memoria non c'è posto per tenere insieme tutte le puntate di una storia piccolissimo particolare che ho perduto senza cattiveria E A B E Mangiati le bolle di sapone intorno al mondo e quando dormo taglia bene l'aquilone togli la ragione e lasciami sognare A lasciami sognare in pace

Samuele Bersani – Spaccacuore
D4 D Spengo la TV A e la farfalla appesa cade giù G ah, succede anche a me A È uno dei miei limiti G Io per un niente vado giù A se ci penso mi da i brividi G Me lo dicevi anche tu DGDG dicevi tu... Ti ho mandata via sento l'odore della città non faccio niente, resto chiuso qua ecco un altro dei miei limiti Io non sapevo dirti che 36

Indice solo a pensarti mi da i brividi anche a uno stronzo come me come me ... F#m Bm Ma non pensarmi più, Em D ti ho detto di mirare G A l’amore spacca il cuore Bm Bm7 Spara! Spara! Spara, amore! Ma non pensarmi più, che cosa vuoi aspettare? l’amore spacca il cuore Spara! Spara! Spara, G dritto qui ... D4 So chi sono io anche se non ho letto Freud So come sono fatto io ma non riesco a sciogliermi ed per questo che son qui e tu lontana dei chilometri che dormirai con chi sa chi adesso lì F#m Ma non pensarmi più, ti ho detto di mirare l’amore spacca il cuore Spara! Spara! Spara, Amore! Ma non pensarmi più, che cosa vuoi aspettare? l’amore spacca il cuore Spara! Spara! Spara, dritto qui ... E C7+ A4 C7+ un vortice, ci avvolgerà Ti prenderò, se mi vuoi Danzammo in due, lei se ne andò ed ora C#m A E ho i ricordi chiusi in te La tristezza dentro me B tra due mani, le mie E C7+ A4 E Di lacrime, poi si bagnò E C7+ A4 C7+ Il regno che ho chiesto a te ed io ora C#m A E ho i ricordi chiusi in te La tristezza dentro me B tra due mani, le mie C#m A sono i cieli neri F#m D che... Am Cm io so, non si scioglieranno più.

Bluvertigo – Altre forme di vita
Dm Un uomo intelligente F mettendosi gli occhiali Bb ha fatto distinzione G tra gli esseri animali e quelli vegetali in terza media scopro che i regni sono cinque, fatti a loro volta 37

Bluvertigo – Cieli neri
E C7+ A4 E E C7+ A4 C7+ E C7+ A4 E Scegli me, fra i tuoi re

Indice da generi molto diversi tra loro C diversi tra loro Dm se non esistessero i fiori riusciresti ad immaginarli? Bb se non esistessero i pesci A riusciresti ad immaginarli? C in altre zone di questo universo B è facile da realizzare C esiste tutto ciò che io non riesco D D# ancora a immaginare G A E’ praticamente ovvio C D E che esistano altre forme di vita E’ praticamente ovvio che esistano altre forme di vita Oggi ho fatto tardi, però mi sembra strano che solamente noi siamo stati generati dal caso questo è un pò egoista e poco fantasioso e forse un pò cattolico, e poco divertente molto presuntuoso, molto limitante se non ci fossero i funghi riusciresti ad immaginarli? se non esistessero le alghe riusciresti ad immaginarle? le stelle che riesco a vedere sono una piccola percentuale esiste tutto ciò che io non riesco ancora a immaginare G A E’ praticamente ovvio C D E che esistano altre forme di vita E’ praticamente ovvio che esistano altre forme di vita

Angelo Branduardi – Alla fiera dell’est
Em G Alla fiera dell'est D G per due soldi D G un topolino B7 Em mio padre comprò Alla fiera dell'est… G E venne il gatto, D G che si mangiò il topo, D G che al mercato B7 Em mio padre comprò E venne il gatto… Alla fiera dell'est… E venne il cane, che morse il gatto, che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò. Alla fiera dell'est… E venne il bastone, che picchiò il cane, che morse il gatto, che si mangiò il topo che al mercato 38

Indice mio padre comprò. Alla fiera dell'est… E venne il fuoco, che bruciò il bastone, che picchiò il cane, che morse il gatto, che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò. Alla fiera dell'est… E venne l'acqua che spense il fuoco che bruciò il bastone che picchiò il cane che morse il gatto, che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò. Alla fiera dell'est… E venne il toro, che bevve l'acqua, che spense il fuoco, che bruciò il bastone, che picchiò il cane, che morse il gatto, che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò. Alla fiera dell'est… E venne il macellaio, che uccise il toro, che bevve l'acqua, che spense il fuoco, che bruciò il bastone, che picchiò il cane, che morse il gatto, che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò. Alla fiera dell'est… E l'angelo della morte, sul macellaio, che uccise il toro, che bevve l'acqua, che spense il fuoco, che bruciò il bastone, che picchiò il cane, che morse il gatto, che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò. Alla fiera dell'est… E infine il Signore, sull'angelo della morte, sul macellaio, che uccise il toro, che bevve l'acqua, che spense il fuoco, che bruciò il bastone, che picchiò il cane, che morse il gatto, che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò. Alla fiera dell'est…

Alex Britti – Oggi sono io
Bm7 G7+ Em7 E non so perché quello che ti voglio dire A7 poi lo scrivo dentro una canzone D7+ non so neanche se l’ascolterai F#m o resterà soltanto 39

Indice Bm7 un’altra fragile illusione Em7 Se le parole fossero una musica A7 potrei suonare ore ed ore, ancora ore D7+ B4 B7 e dirti tutto di me Ma quando poi ti vedo c’e’ qualcosa che mi blocca e non riesco a dire neanche come stai come stai bene con quei pantaloni neri come stai bene oggi come non vorrei cadere in quei discorsi già sentiti mille volte e rovinare tutto G come vorrei poter parlare senza preoccuparmi, D senza quella sensazione Em7 che non mi fa dire A4 che mi piaci per davvero F#7 anche se non te l’ho detto Bm7 perché è squallido provarci Am7 D7 solo per portarti a letto G e non me ne frega niente F#7 se dovrò aspettare ancora Bm7 per parlarti finalmente Am7 D7 dirti solo una parola G ma dolce più che posso, D come il mare come il sesso E7 finalmente mi presento Bm7 G7+ Em7 E così, anche questa notte e’ già finita e non so ancora dentro come sei non so neanche se ti rivedrò o resterà soltanto un’altra inutile occasione Em7 e domani poi ti rivedo ancora A4 e mi piaci per davvero anche se non te l’ho detto perchè è squallido provarci solo per portarti a letto e non me ne frega niente se non e’ successo ancora aspetterò quand’è il momento e non sarà una volta sola ma spero più che posso che non sia soltanto sesso questa volta lo pretendo G Preferisco stare qui da solo A che con una finta compagnia Bm7 e se davvero prenderò il volo E7 aspetterò l’amore e amore sia G e non so se sarai tu davvero F#7 o forse sei solo un’illusione Bm7 però stasera mi rilasso, Am7 penso a te D7 40

Indice e scrivo una canzone G dolce più che posso D Bm7 come il mare come il sesso E7 questa volta lo pretendo A7 F#7 Bm7 G7+ perchè oggi sono io Bm7 G7+ Bm7 G7+ oggi sono io F#m Di com’è facile andare E quando non sai guidare Naaaa-na-na-na Di com’è triste il Natale senza mio padre F# Il calcio è la sola religione del mondo che ho intorno Una pizza, una birra e poi andremo a ballare giù al mare G#m B Che cosa vuoi che dica? Di cosa vuoi che parli? Si- Re Bm D Naaaa-na-na-na F#m Di com’è grande il mare E quando non sai nuotare Naaaa-na-na-na Di come navigare al rallentatore D4 E9 B Forse dentro me cambiano le cose D4 E9 B Forse dentro me cambiano le cose D4 E9 Dentro al mio giardino nascono le Eb rose F# C# E B

Brunori Sas - Come Stai
F# “Come stai?” E C#7 F# È la frase d’esordio nel mondo E C#7 che ho intorno F# Tutto bene, ho una casa e sto lavorando ogni giorno G#m B Che cosa vuoi che dica? C#7 C #4 C #7 C #4 Di cosa vuoi che parli? F# E’ il mutuo il pensiero peggiore del mondo che ho intorno Tasso fisso, con l’euribor c’è chi sta impazzendo da un anno G#m B Che cosa vuoi che scriva? Di cosa vuoi che canti? Bm D Naaaa-na-na-na

41

Indice

Brunori Sas – Guardia ’82
G La spiaggia di Guardia rovente Em7 Era piena di gente Bm Si parlava di sport, D di Pertini e Bearzot Io ignaro di questo, ignaro di tutto Fabbricavo castelli di sabbia Con paletta e secchiello, ed in testa un cappello C Cm G G7 E lei, stava senza mutande Ma io non la guardavo neanche C Cm M’infilavo i braccioli e poi dritto G D/F# Em nel ma – a – re A7 Non sapevo neanche cosa fosse D D7 l’Amore SOL MI-7 Dieci anni più tardi la vidi, vicino a un falò E bruciava la carne e bruciavano canne Io stavo seduto da solo a suonar la chitarra A cantare canzoni, a cercare attenzioni C Cm G G7 Ma lei non mi guardava neanche Ed io facevo finta di niente Ingollavo Peroni e iniziavo ad urla – a – re Delle pene che solo

ti sa dare l’amo – o – re G Em Bm A Sulla spiaggia lattine anni ‘80 F#m Quando il mare s’incazza e riporta C#m Ricordi che avevi E7 coperto di sabbia Palloni arancioni sgonfiati Fare ‘ciao’ ad un treno che passa E guardare nel cielo la scia di un aereo D Dm E lei, A A7 sempre senza mutande Ed io che non capivo neanche D Dm E scavavo la sabbia cercando A E/G# F#m teso – o – ri B7 E E7 E vedevo la via soltanto a colori A F#m C#m E7 D Dm E poi, A A7 di colpo fra le sue braccia Noi due, stretti sotto la doccia D Dm La paura e la voglia di fare A E/G# F# l’amo – o – re B7 Il 31 d’Agosto, E7 c’è una storia che nasce D Dm 42

Indice e un’estate che muore… Eh… A F#m C#m E7 A F#m C#m D Dm Che coss'è l'amor, chiedilo al vento Che sferza il suo lamento sulla ghiaia Dm del viale del tramonto E all'amaca gelata F che ha perso il suo gazebo Am E guaire alla stagione andata al ritmo Am E7 dei lampione sans souci che coss'è l'amor, chiedilo alla porta alla guardarobiera nera e al suo romanzo rosa che sfoglia senza posa al saluto irriverente del peruviano dondolante che china il capo al lustro della settima polar G aih permette signorina C sono il re della cantina G volteggio tutto crocco sotto i lumi C dell'arco di S Rocco Bbm Ebm Bbm Ebm ma si appoggi volentieri Am E fino all'alba livida di bruma Am E7 che ci asciuga e ci consuma Am che coss'è l'amor, è un sasso nella scarpa che punge il passo lento di bolero con l'amazzone straniera stringere per finta un'estranea cavaliera è il rito di ogni sera perso al caldo 43

Brunori Sas – Il pugile
D G La devi smettere di darmi pugni Em7 A7 4 Non sono mica un pugile D G Ma tu non capisci la poesia Em7 A7 4 Sei solamente un tecnico Em7 A7 4 E sì lo so che sei infallibile Em7 A7 4 Che sei di ferro indistruttibile Bm E7 G Mentre io sono un fiore (3v.) D G La devi smettere di darmi calci, Em7 A7 4 non sono un super santos Ma tu non cogli l’ironia Di questa mia strana poesia E sì lo so che sei imbattibile Che sei perfetto irraggiungibile Mentre io sono un fiore (4v.) Em7 A7 4 E sì lo so che sei infallibile Che sei di ferro indistruttibile Bm E7 G Mentre io sono un fiore (4v.)

Vinicio Capossela – Che coss’è l’amor
Am

Indice dei pois di sans souci Che coss'è l'amor, è la Ramona che entra in campo E come una vaiassa a colpo grosso te lo prende e te lo squassa ha i tacchi alti e il culo basso, la pancia nuda e si dimena, scuote la testa da invasata col consesso dell'amica sua fidata G aih permette signorina sono il re della cantina vampiro nella vigna sottrattor nella cucina son monarca e son boemio, se questa è la miseria mi ci tuffo con dignità da re Am che coss'è l'amor, è un indirizzo sul comò di un posto d'oltremare solo prima di arrivare, partita sei partita e mi ritrovo ricacciato mio malgrado nel girone antico qui dannato tra gli inferi dei bar che coss'è l'amor, è quello che rimane da spartirsi e litigarsi nel setaccio della penultima ora qualche Ester da Ravarino mi permetto di salvare al suo destino, dalla roulotte ghiacciata degli immigrati accesi della banda sans soucì G aih permette signorina sono il re della cantina volteggio tutto crocco sotto i lumi dell'arco di S Rocco son monarca e son boemio, se questa è la miseria mi ci tuffo con dignità da re aih permette signorina sono il re della cantina vampiro nella vigna sottrattor nella cucina son monarca e son boemio, se questa è la miseria mi ci tuffo con dignità da re

Vinicio Capossela – Il ballo di san Vito
Em Em5dim Em salsicce fegatini viscere alla brace Am Em e fiaccole danzanti Am Em lamelle dondolanti Am B7 sul dorso della chiesa Em fiammeggiante

Em vino bancarelle terra arsa e rossa Am Em terra di sud terra di sud Am Em terra di confine Am Em terra di dove finisce la terra Em e il continente se ne infischia e non il vento e il continente se ne infischia e non il vento Am Em Mustafà viene di Africa qui soffia il vento d'Africa ci dice tenetemi fermo 44

Indice ci dice tenetemi fermo Am B7 ho il ballo di San Vito Em e non mi passa ho il ballo di San Vito e non mi passa Em la desolazione che era nella sera Am Em s'è soffiata via col vento s'è soffiata via col rhum Am B7 s'è soffiata da dove era Em ammorsata Em vecchi e giovani pizzicati vecchi e giovani pizzicati dalla taranta dalla taranta dalla tarantolata cerchio che chiude cerchio che apre cerchio che stringe cerchio che stringe Am Em scaccia scaccia satanasso Am Em scaccia il diavolo che ti passa Am B7 scaccia il male che c'ho dentro Em e non sto fermo scaccia il male che c'ho dentro e non sto fermo Em a noi due balliam la danza delle spade Am Em fino allo squarcio rosso d'alba nessuno che mi aspetta nessuno che mi aspetta Am B7 nessuno che mi aspetta Em o mi sospetta Em Am B7 Em Lalalalalalala lala lalalala Em il cerusico ci ha gli occhi ribaltati il curato non se ne cura il ragioniere non ragiona santo Paolo non perdona Am B7 ho il ballo di San Vito Em e non mi passa ho il ballo di San Vito e non mi passa Em questo male che mi porto da trent'anni addosso Am Em fermo non so stare in nessun posto rotola rotola rotola il masso rotola addosso rotola in basso Am B7 e il muschio non si cresce 45

Am cerchio che che abbraccia Em e poi ti scaccia Am B7 ho il ballo di San Vito Em e non mi passa ho il ballo di San Vito e non mi passa Em dentro il cerchio del vudoo mi scaravento Am Em e lì vedo che la vita è quel momento

Indice Em sopra il sasso e il muschio non si cresce sopra il sasso Em scaccia scaccia satanasso scaccia il diavolo che ti passa le nocche si consumano ecco iniziano i tremori della taranta della taranta della tarantolata Em Am B7 Em Lalalalalalala lala lalalala fumare sai, fumare sai G D Em C Ci vuole un fisico bestiale perché siam sempre ad un incrocio sinistra destra oppure dritto il fatto è che è sempre un rischio ci vuole un attimo di pace sai e fare quello che ci piace sai Come dicono i proverbi e lo dice anche mio zio mente sana in corpo sano e adesso son convinto anch' io ci vuole molto allenamento sai per stare dritti contro vento sai G Am C G G D C G

Luca Carboni – Ci vuole un fisico bestiale
G D Em C Ci vuole un fisico speciale G D C per fare quello che ti pare perché di solito a nessuno vai bene così come sei Am C tu che cercavi G D comprensione sai, comprensione sai ti trovi lì in competizione sai, competizione sai G D Em Ci vuole un fisico bestiale C

A E D E Ci vuole un fisico bestiale per stare nel mondo dei grandi e poi trovarsi a certe cene con tipi furbi e arroganti Bm ci vuole un fisico A E bestiale sai, speciale sai anche per bere e per fumare sai, fumare sai A E F#m D Ci vuole un fisico bestiale il mondo è un grande ospedale e siamo tutti un po' malati ma siamo anche un po' dottori Bm e siamo tutti molto ignoranti sai, ignoranti sai ma siamo anche un po' insegnanti sai, insegnanti sai 46

G Bm C D per resistere agli urti della vita G D Em C a quel che leggi sul giornale G D C e certe volte anche alla sfiga Am C ci vuole un fisico G D bestiale sai, speciale sai anche per bere e per

Indice A E D Ci vuole un fisico bestiale A C#m perché siam barche in mezzo al D mare Un'altra vita mi darai che io non conosco la mia compagna tu sarai fino a quando so che lo vorrai Due caratteri diversi prendon fuoco facilmente ma divisi siamo persi ci sentiamo quasi niente Siamo due legati dentro da un amore che ci dà la profonda convinzione che nessuno ci dividerà Tra le mie braccia dormirai serenamente ed è importante questo sai per sentirci pienamente noi Un'altra vita mi darai che io non conosco la mia compagna tu sarai fino a quando lo vorrai Dm C poi vivremo come sai solo di sincerità di amore e di fiducia Dm G poi sarà quel che sarà Tra le mie braccia dormirai serenamente ed è importante questo sai per sentirci pienamente noi

Adriano Celentano – L’emozione non ha voce
C F Io non so parlar d'amore G C l'emozione non ha voce E mi manca un pò il respiro C7 se ci sei c'è troppa luce F La mia anima si espande G Am Come musica d'estate C F poi la voglia sai mi prende G C e mi accende con i baci tuoi C F Io con te sarò sincero resterò quel che sono disonesto mai lo giuro ma se tradisci non perdono F Ti sarò per sempre amico pur geloso come sai io lo so mi contraddico ma preziosa sei tu per me E F Tra le mie braccia dormirai G serenamente Am G F ed è importante questo sai G C per sentirci pienamente noi

Adriano Celentano – Storia d’amore
Am Tu non sai cosa ho fatto quel giorno quando io la incontrai in spiaggia ho fatto il pagliaccio per mettermi in mostra agli occhi di lei E che scherzava con tutti i ragazzi 47

Indice Am all'infuori di me E7 perché perché perché perché Am io le piacevo Am Lei mi amava mi odiava, mi amava mi odiava, era contro di me, io non ero ancora il suo ragazzo e già soffriva per me e per farmi ingelosire quella notte lungo il mare è venuta con te Ora tu vieni a chiedere a me tua moglie dov'è dovevi immaginarti che un giorno o l'altro E7 sarebbe andata via da te l'hai sposata sapendo che lei, sapendo che lei Am moriva per me E7 coi tuoi soldi hai comprato Am il suo corpo non certo il suo cuor Am Lei mi amava mi odiava, mi amava mi odiava E7 era contro di me, io non ero ancora il suo ragazzo e Am già soffriva per me E7 e per farmi ingelosire quella notte lungo il mare Am è venuta con te Am Un giorno io vidi lei entrar nella mia stanza Dm mi guardava Am silenziosa, Dm E7 aspettava un si da me Dm Dal letto io mi alzai Am e tutta la guardai C Am sembrava un angelo E7 Am Mi stringeva sul suo corpo E7 Am mi donava la sua bocca mi diceva sono tua ma di pietra io restai Io la amavo la odiavo, la amavo la odiavo, ero contro di lei, se non ero stato il suo ragazzo era colpa di lei e uno schiaffo all'improvviso le mollai sul suo bel viso rimandandola da te Dm A letto ritornai Am piangendo la sognai C Am sembrava un angelo E Am Mi stringeva sul suo corpo mi donava la sua bocca mi diceva sono tua ma di pietra io restai

Adriano Celentano – Una carezza in un pugno
CFGCF 48

Indice C A mezzanotte sai Em che io ti penserò Dm G ovunque tu sarai, sei mia C Am E stringerò il cuscino fra le braccia Dm mentre cercherò il tuo viso G che splendido nell'ombra apparirà F Mi sembrerà di cogliere G# una stella in mezzo al ciel, C così tu non sarai lontano Dm G quando brillerai nella mia mano C Ma non vorrei che tu a mezzanotte e tre stai già pensando a un altro uomo Mi sento già sperduto e la mia mano dove prima tu brillavi è diventata un pugno chiuso, sai F Cattivo come adesso G# non lo sono stato mai, C e quando mezzanotte viene Dm se davvero mi vuoi bene Em pensami mezz'ora almeno F e dal pugno chiuso G C una carezza nascerà Am C Dm G Am E stringerò il cuscino fra le braccia mentre cercherò il tuo viso che splendido nell'ombra apparirà Ma non vorrei che tu...

Adriano Celentano e Mina – Acqua e sale
Em Bm Semplici e un po' banali C7+ Io direi quasi prevedibili D e sempre uguali Sono fatti tutti Em così gli uomini e l'amore D9 C7+ Come vedi tanti aggettivi D6 Che si incollano su di noi Em Dai che non siamo poi cattivi Em Bm Tu non sei niente male Parli bene e mi sorprendi quando tiri forte La tua moto dal motore che sento truccato E va bene guidi tu che sei brava più di me E io attendo che sia amore, sai Am D Em Ma io sono con te ogni giorno D C Perché di te ho bisogno D Non voglio di più Am7 Acqua e sale D Mi fai bere 49

Indice Bm Em Con un colpo mi trattieni il bicchiere Am7 Ma fai male D Puoi godere Bm se mi vedi in un angolo Em ore ed ore Am7 Ore piene Come un lago Che se piove un po' di meno è uno stagno Vorrei dire... Non conviene... Sono io a pagare amore tutte le pene Am7 D Em Bb è tanto tempo che G volevo dirtelo vivere insieme a te è stato inutile tutto senz´allegria senza una lacrima niente da aggiungere nè da dividere nella tua trappola ci son caduto anch´io avanti il prossimo gli lascio il posto mio Povero diavolo Che pena mi fa e quando a letto lui ti chiederá di piú glielo concederai perche tu fai così come sai fingere se ti fa comodo adesso so chi sei e non ci soffro piú e se verrai di lá te lo dimostreró e questa volta tu te lo ricorderai A e adesso spogliati A D come sai fare tu A D ma non illuderti E io non ci casco piú G tu mi rimpiangerai E bella Senz´anima D

Em Bm Vedi divertirsi fa bene Sento che mi rido dentro e questo non mi conviene C'è qualcosa che non va non so dirti cosa È la tua moto che sta giù Che vorrei guidare io O meglio averti qui vicino a me? Ma io sono con te ogni giorno...

Riccardo Cocciante – Bella senz’anima
C F7+ E adesso siediti C su quella seggiola C stavolta ascoltami G4 senza interrompere

F7+ F7+ G

50

Indice

Riccardo Cocciante Margherita
Bm Em Io non posso stare fermo con le A7 D mani nelle mani, F# G tante cose devo fare A Bm prima che venga domani, Em7 A e se lei già sta dormendo, D F#7 io non posso riposare, G A farò in modo che al risveglio F#7 non mi possa più scordare Bm Em Perché questa lunga notte non sia nera più del nero fatti grande dolce luna e riempi il cielo intero e perché quel suo sorriso possa ritornare ancora splendi sole domattina F#7 Bm come non hai fatto ancora E per poi farle cantare le canzoni che ha imparato io le costruirò un silenzio che nessuno ha mai sentito, sveglierò tutti gli amanti, parlerò per ore ed ore, “abbracciamoci più forte” perché lei vuole l’amore... Poi corriamo per le strade e mettiamoci a ballare, perché lei vuole la gioia, perché lei odia il rancore, poi coi secchi di vernice coloriamo tutti i muri, case, vicoli e palazzi,

perché lei ama i colori, raccogliamo tutti i fiori che può darci primavera, costruiamole una culla, per amarci quando è sera, poi saliamo su nel cielo e prendiamole una stella, perché Margherita è buona, perché Margherita è bella. Perché Margherita è dolce, perché Margherita è vera, perché Margherita ama e lo fa una notte intera, perché Margherita è un sogno, perché Margherita è il sale, perché Margherita è il vento e non sa che può far male Perché Margherita è tutto, ed è lei la mia pazzia, Margherita è Margherita, Margherita adesso è mia

Fabio Concato – Fiore di maggio
G Tu che sei nata C7+ D dove c'è sempre il sole Am Sopra uno scoglio C7+ D che ci si può tuffare Em Bm e quel sole c'è l'hai dentro il cuore C7+ D sole di primavera G su quello scoglio C7+ D G in maggio è nato un fiore G 51

Indice E ti ricordi c'era il paese in festa tutti ubriachi di canzoni e di allegria e pensavo che su quella sabbia forse sei nata tu o a casa mia di mio fratello non ricordo più Am G D E ci hai visti su dal cielo Em D ci hai trovato e piano sei venuta giù Am G D un passaggio da un gabbiano Em D ti ha posato su uno scoglio ed eri tu G Ma che bel sogno era maggio e c'era caldo noi sulla spiaggia vuota ad aspettare e tu che mi dicevi guarda su quel gabbiano stammi vicino e tienimi la mano Am G D E ci hai visti su dal cielo ci hai trovato e piano sei venuta giù un passaggio da un gabbiano ti ha posato su uno scoglio ed eri tu G Tu che sei nata dove c'è sempre il sole Sopra uno scoglio che ci si può tuffare e quel sole c'è l'hai dentro il cuore sole di primavera su quello scoglio in maggio nasce un fiore Quasi non sento il bisogno C9 A4 di insistere D D4 D D2 D D4 E tu che mi offrivi un amore di plastica Ti sei mai chiesto se onesto era C9 A4 illudermi Bm G A Ricorda tu sei quello che non c'è quando io piango E tu sei quello che non sa Bm G Csus9 quando è il mio compleanno Asus4 quando vago nel buio D Ma come posso dare l'anima e riuscire a credere Bm Asus4 Che tutto sia più o meno facile E7 quando è impossibile D Volevo essere più forte G D di ogni tua perplessità Bm A Ma io non posso accontentarmi G A Se tutto quello che sai darmi D4 D è un amore di plastica D D4 D D2 D D4 E tu sei quel fuoco che stenta ad accendersi Non hai più scuse, eppure sai C9 A4 confondermi Bm G A Ricorda tu sei quello che non c'è quando io piango E tu sei quello che non sa 52

Carmen Consoli – Amore di plastica
D D4 D D2 D Non sei per nulla obbligato a comprendermi D4

Indice quando è il mio compleanno, quando vago nel buio D Ma come posso dare l'anima e riuscire a credere Che tutto sia più o meno facile quando è impossibile Volevo essere più forte di ogni tua perplessità Ma io non posso accontentarmi Se tutto quello che sai darmi è un amore di plastica D Volevo essere più forte di ogni tua perplessità Ma io non posso accontentarmi Se tutto quello che sai darmi è un amore di plastica Bm A Ma io non posso accontentarmi G A Se tutto quello che sai darmi è un D4 D amore di plastica Vorrei offrirti le mie mani vorrei tentare B F# G E vorrei difendere questo momento G E e penso di sentirmi confusa e felice e penso di sentirmi confusa e felice e penso di sentirmi C#m A C#m A E E4 E5

B F# A Sai benissimo che sto tremando e non c'è freddo e sono vittima di questa gioia immensa sai benissimo che nulla può scalfirci adesso è così fragile il mondo che ci aspetta, che ci spaventa Vorrei tentare vorrei offrirti le mie mani vorrei tentare vorrei difendere questo momento vorrei tentare vorrei difendere questo momento e penso di sentirmi confusa e felice e penso di sentirmi confusa e felice e penso di sentirmi C#m A confusa e felice (x3) B4 F#7+ A9 Sai benissimo che una goccia inonda il cielo è così piccolo il mondo che ci osserva.

Carmen Consoli – Confusa e felice
C#m Ah A C#m A E E4 E5 Ah Ah Ah

B4 F#7+ A9 Sai benissimo che una goccia inonda il cielo è così piccolo il mondo che ci osserva sai benissimo che non chiedo tanto adesso B F# A è così limpido il mare che ci ascolta C#m che ci addormenta B F# Vorrei tentare G

Carmen Consoli – In bianco e nero
C#m7+ B Guardo una foto di mia madre era felice avrà avuto tre anni stringeva al petto una bambola 53

Indice il regalo più ambito Era la festa del suo compleanno un bianco e nero sbiadito Guardo mia madre a quei tempi e rivedo il mio stesso sorriso. F#m A D E pensare a quante volte l'ho sentita lontana F#m A D e pensare a quante volte... A D A B dei lunghi ed ostili silenzi e di quella arbitraria indolenza puntualmente mi dimostravo inflessibile inaccessibile e fiera intimamente agguerrita temendo l'innata rivalità B E B Le avrei voluto parlare di me E chiederle almeno il perchè Le avrei voluto parlare di me chiederle almeno il perchè chiederle almeno il perchè chiederle almeno il perchè

Le avrei voluto parlare di me D chiederle almeno il perche' A D dei lunghi ed ostili silenzi F#m E e momenti di noncuranza puntualmente mi dimostravo inflessibile inaccessibile e fiera intimamente agguerrita temendo una sciocca rivalità C#m7+ B Guardo una foto di mia madre era felice avra' avuto vent'anni capelli raccolti in un foulard di seta ed una espressione svanita Nitido scorcio degli anni sessanta di una raggiante Catania la scruto per filo e per segno e ritrovo il mio stesso sguardo. F#m A D E pensare a quante volte l'ho sentita lontana e pensare a quante volte... A D A Le avrei voluto parlare di me chiederle almeno il perche'

Carmen Consoli – L’ultimo bacio
Em9 G7+ C6 D Cerchi riparo fraterno conforto tendi le braccia allo specchio ti muovi a stento e con sguardo severo biascichi un malinconico Modugno Am C G E7 Di quei violini suonati dal vento l'ultimo bacio mia dolce bambina brucia sul viso come gocce di limone l'eroico coraggio di un feroce addio Dm7 G ma sono lacrime mentre piove piove mentre piove piove mentre piove piove Em9 G7+ C6 D Magica quiete velata indulgenza dopo l'ingrata tempesta riprendi fiato e con intenso trasporto celebri un mite e insolito risveglio

54

Indice Mille violini suonati dal vento l'ultimo abbraccio mia amata bambina nel tenue ricordo di una pioggia d'argento il senso spietato di un non ritorno Di quei violini suonati dal vento l'ultimo bacio mia dolce bambina brucia sul viso come gocce di limone l'eroico coraggio di un feroce addio ma sono lacrime mentre piove piove mentre piove piove mentre piove piove per un attimo F Ci sono infinite cose deliziose così vicine agli occhi che non le sai vedere Quanto tempo abbiamo perso inutilmente seguendo dei percorsi inevitabili Em F G Am Com'era l'albero così sarà il frutto G Em Bb dolce pensiero di vivere tutto... Dm Non può essere mai come ieri… Non può essere mai come ieri… F Perché essere felici G per una vita intera Am G sarebbe quasi insopportabile.

Carmen Consoli e Mario Venuti – Mai come ieri
F Perché essere felici G per una vita intera Am G sarebbe quasi insopportabile forse è meglio dondolarsi tra l'estasi e la noia cercando le risposte più plausibili Em F G Am Com'era l'albero così sarà il frutto G Em Bb dolce pensiero di vivere tutto.... Dm Non può essere mai come ieri F C mai più la stessa storia Dm Non può essere mai come ieri F Am G4 G mai quella stessa gloria Dm F Su vieni e riabbracciami Eb se ti ho perso è stato solo F C

Cesare Cremonini – Marmellata #25
D G Ci sono le tue scarpe ancora qua ma tu te ne sei già andata D G C'è ancora la tua parte di soldi in banca ma tu non ci sei più C'è ancora la tua patente rosa tutta stropicciata E nel tuo cassetto un libro letto e G7+ A una Winston blu l'ho fumata Ci sono le tue calze rotte la notte in cui ti sei ubriacata 55

Indice C'è ancora lì sul pianoforte una sciarpa blu Ci sono le tue carte, il tuo profumo è ancora in questa casa Proprio lì dove ti ho immaginata G7+ A C'eri tu G Ahh.. F#m D D7+ Da quando Senna non corre più G Ahh.. F#m Bm Da quando Baggio non gioca più Em Oh no no F#m G Da quando mi hai lasciato pure tu D G Non è più domenica Ma poi si dimentica Non si pensa Non si pensa più D G Ci sono le tue scarpe ancora qua ma tu non sei passata Ho spiegato ai vicini ridendo che tu non ci sei più Un ragazzo in cortile abbraccia e bacia la sua fidanzata Proprio lì dove ti ho incontrata G7+ A Non ci sei più G Ahh.. F#m D D7+ Da quando Senna non corre più G Ahh.. F#m Bm Da quando Baggio non gioca più Em Oh no no F#m G Da quando mi hai lasciato pure tu D G Non è più domenica Ma poi si dimentica D G Ora vivo da solo in questa casa buia e desolata Il tempo che davo all'amore lo tengo solo per me Ogni volta in cui ti penso mangio chili di marmellata Quella che mi nascondevi tu G7+ A L'ho trovata

Lucio Dalla – 4 marzo 1943
C Dice che era un bell'uomo e veniva, G7 veniva dal mare parlava un'altra lingua però sapeva amare e quel giorno lui prese a mia madre, sopra un bel prato l'ora più dolce, prima d'essere ammazzato. C Am C Così lei restò sola nella stanza, la stanza sul porto con l'unico vestito, ogni giorno più corto e benchè non sapesse il nome e neppure il paese mi aspettò come un dono d'amore, fino dal primo mese. Compiva sedici anni, quel giorno la mia mamma le strofe di taverna, le cantò a ninna nanna 56

Indice e stringendomi al petto che sapeva, sapeva di mare giocava a far la donna, col bambino da fasciare. Db E forse fu per gioco, Ab7 e forse per amore che mi volle chiamare, come Nostro Signore della sua breve vita il ricordo, il ricordo più grosso È tutto in questo nome, che io mi porto addosso e ancora adesso che gioco a carte e bevo vino per la gente del porto io sono, Gesù Bambino e ancora adesso che gioco a carte e bevo vino per la gente del porto io sono, Gesù Bambino io sto sempre a casa, esco poco, penso solo e sto in mutande. Penso a delusioni a grandi imprese a una Tailandese ma l'impresa eccezionale, dammi retta, è essere normale. Quindi, normalmente, sono uscito dopo una settimana non era tanto freddo, e normalmente ho incontrato una puttana. A parte il vestito, i capelli, la pelliccia e lo stivale aveva dei problemi anche seri, e non ragionava male. Non so se hai presente una puttana ottimista e di sinistra, non abbiamo fatto niente, ma son rimasto solo, solo come un deficiente. Girando ancora un poco ho incontrato uno che si era perduto gli ho detto che nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino mi guarda con la faccia un pò stravolta e mi dice "sono di Berlino". Berlino, ci son stato con Bonetti, era un po’ triste e molto grande però mi sono rotto, torno a casa e mi rimetterò in mutande. Prima di salir le scale mi son fermato A guardare una stella sono molto preoccupato, il silenzio m'ingrossava la cappella. Ho fatto le mie scale tre alla volta, mi son steso sul divano, ho chiuso un poco gli occhi, e con dolcezza è partita la mia mano 57

Lucio Dalla - Disperato erotico stomp
C G C Ti hanno vista bere a una fontana che non ero io ti hanno vista spogliata la mattina, birichina biricò. Mentre con me non ti spogliavi neanche la notte, ed eran botte, Dio, che botte. ti hanno visto alzare la sottana, la sottana fino al pelo. Che nero! Poi mi hai detto : "poveretto, il tuo sesso dallo al gabinetto" te ne sei andata via con la tua amica, quella alta, grande fica. Tutte e due a far qualcosa di importante, di unico e di grande

Indice

Pino Daniele – Je so pazzo
Em Bm7 Em Bm7 Je sò pazzo, je sò pazzo, C7 e vogl' essere chi vogl'io B7 ascite fore da casa mia Em Bm7 Em Bm7 je sò pazzo, je sò pazzo ho il popolo che mi aspetta e scusate vado di fretta Am7 B7 non mi date sempre ragione Em io lo so che sono un errore nella vita voglio vivere almeno un giorno da leone e lo Stato questa volta non mi deve condannare C7 pecchè so pazzo B7 je sò pazzo e oggi voglio parlare Em Bm7 Em Bm7 Je sò pazzo, je sò pazzo si s'ntosta 'a nervatura, metto a tutt' 'nfaccia ò muro Je sò pazzo, je sò pazzo E chi dice che Masaniello poi negro non sia più bello Am7 B7 E non sono menomato, sono pure diplomato E la faccia nera l'ho dipinta per essere notato Masaniello è cresciuto, Masaniello è turnato Je sò pazzo, je sò pazzo Nun ce scassate 'o cazzo

Pino Daniele – Napul’è
C7+ F7+ Napule è mille culure Napule è mille paure G7 Em7 Napule è a voce dè creature E7 Am7 Che saglie chianu chianu F G7 C E tu sai ca nun sì sula C7+ F7+ Napule è nu sole amaro Napule è addore e mare Napule è na carta sporca E nisciuno se ne mporta E ognuno aspetta a sciorta Napule è na camminata Int’e viche e mmiezz’all’ate Napule è tutto lu suonno E a sape tutto o munno Ma nun sann’a verità Napule Napule Napule Napule è è è è mille culure mille paure nu sole amaro addore e mare

Napule è na carta sporca e nisciuno se ne mporta Napule è na camminata int’e viche e mmiezz’all’ate Napule è tutto lu suonno e a sape tutto o munno Napule è mille culura Napule è mille paure

Pino Daniele – Quanno chiove
58

Indice D D7+ E te sento quanno scinne 'e scale D7 'e corza senza guardà G F#m e te veco tutt'e juorne Em7 ca ridenno vaje a faticà ma mo nun ride cchiù E luntano se ne va tutta a vita accussì e t'astipe pe nun murì Bm F#m E aspietta che chiove, G Bm l'acqua te 'nfonne e va Bb D tanto l'aria s'adda cagnà ma po quanno chiove, l'acqua te 'nfonne e va tanto l'aria s'adda cagnà D D7+ Se fa scuro e parla 'a luna, e te vieste pe sentì pe te ogni cosa po' parlà, ma te restano 'e parole e 'o scuorno 'e te 'ncuntrà, ma passanno quaccheduno votta l'uocchie e se ne va. Bm F#m E aspietta che chiove, l'acqua te 'nfonne e va tanto l'aria s'adda cagnà ma po quanno chiove, l'acqua te 'nfonne e va tanto l'aria s'adda cagnà c'è l'amore nel suo corpo c'è la febbre del dolore sta seguendo una laluce che cammina lentamente tanta gente s'avvicina. G Am Bm Em Jesahel, Jesahel, Jesahel, Jesahel G D Mille volti come sabbia nel deserto mille voci come onde in mare aperto terza strada stan sfiorando i grattacieli quinta strada sta volando verso il sole. G Am Bm Em Jesahel, Jesahel, Jesahel, Jesahel G D Liberati dal cemento e dalle luci silenzio nelle mani e nelle voci G Am Bm Em Jesahel, Jesahel, Jesahel, Jesahel

F#

Fabrizio De Andrè – Amore che vieni, amore che vai
Am E7 Quei giorni perduti C E7 a rincorrere il vento Am G a chiederci un bacio C E7 e volerne altri cento Am B7 E7

Delirium - Jesahel
G D Nei suoi occhi c'è la vita, Am Bm Em

Am 59

Indice Un giorno qualunque li ricorderai Dm Am E7 Am Amore che fuggi da me tornerai. Am B7 E7 Am Un giorno qualunque li ricorderai Dm Am E7 Am Amore che fuggi da me tornerai. Am E7 E tu che con gli occhi di un altro colore mi dici le stesse parole d'amore Fra un mese, fra un anno, scordate le avrai Amore che vieni da me fuggirai. Fra un mese, fra un anno, scordate le avrai Amore che vieni da me fuggirai. Am E7 Venuto dal sole o da spiagge gelate perduto in novembre o col vento d'estate Io t'ho amato sempre, non t'ho amato mai Amore che vieni, amore che vai. Io t'ho amato sempre, non t'ho amato mai Amore che vieni, amore che vai.

D7 Gm C'è chi l'amore lo fa per noia C F chi se lo sceglie per professione Gm Dm bocca di rosa ne' l'uno né l'altro A7 Dm lei lo faceva per passione Dm Ma la passione spesso conduce a soddisfare le proprie voglie senza indagare se il concupito ha il cuore libero oppure ha moglie E fu cosi' che da un giorno all'altro bocca di rosa si tirò addosso l'ira funesta delle cagnette a cui aveva sottratto l'osso D7 Gm Ma le comari di un paesino non brillano certo d'iniziativa le contromisure fino al quel punto si limitavano all'invettiva Dm Si sa che la gente dà buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio si sa che la gente dà buoni consigli se non può dare cattivo esempio Cosi' una vecchia mai stata moglie senza mai figli, senza più voglie si prese la briga e di certo il gusto di dare a tutte il consiglio giusto D7 Gm E rivolgendosi alle cornute le apostrofò con parole acute: "Il furto d'amore sarà punito –disse dall'ordine costituito" Dm E quelle andarono dal commissario e dissero senza parafrasare: "Quella schifosa ha già troppi clienti più di un consorzio alimentare" E arrivarono quattro gendarmi 60

Fabrizio De Andrè – Bocca di rosa
Dm La chiamavano bocca di rosa A7 metteva l'amore Dm metteva l'amore la chiamavano bocca di rosa metteva l'amore sopra ogni cosa Appena scese alla stazione del paesino di Sant'Ilario tutti si accorsero con uno sguardo che non si trattava di un missionario

Indice con i pennacchi con i pennacchi e arrivarono quattro gendarmi con i pennacchi e con le armi D7 Gm Il cuore tenero non e' una dote di cui sian colmi i carabinieri ma quella volta a prendere il treno l'accompagnarono malvolentieri Dm Alla stazione c'erano tutti dal commisario al sagrestano alla stazione c'erano tutti con gli occhi rossi e il cappello in mano A salutare chi per un poco senza pretese, senza pretese a salutare chi per un poco portò l'amore nel paese D7 Gm C'era un cartello giallo con una scritta nera, diceva: "Addio bocca di rosa Con te se ne parte la primavera" Dm Ma una notizia un pò originale non ha bisogno di alcun giornale come una freccia dall'arco scocca vola veloce di bocca in bocca E alla stazione successiva molta più gente di quando partiva chi manda un bacio, chi getta un fiore, chi si prenota per due ore D7 Gm Persino il parroco che non disprezza fra un miserere e un'estrema unzione il bene effimero della bellezza la vuole accanto in processione Dm E con la Vergine in prima fila e bocca di rosa poco lontano si porta a spasso per il paese l'amore sacro e l'amor profano

Fabrizio De Andrè – La città vecchia
Am Nei quartieri dove Dm il sole del buon Dio G7 C non da' i suoi raggi, Dm ha gia' troppi impegni Am per scaldar la gente B7 E d'altri paraggi... Am una bimba canta Dm la canzone antica G7 C della donnaccia, Dm quel che ancora non sai Am tu lo imparerai E Am solo qui fra le mie braccia. E se alla sua età le difetterà la competenza, presto affinerà le capacità con l'esperienza. Dove sono andati i tempi d'una volta, per Giunone, quando ci voleva per fare il mestiere anche un po' di vocazione? 61

Indice Cm Una gamba qua, Fm una gamba la', Bb Eb gonfi di vino, Fm quattro pensionati Cm mezzo avvelenati D7 G al tavolino. Li troverai la' col tempo che fa estate e inverno, a stratracannare, a stramaledir le donne, il tempo ed il governo. Loro cercan là la felicità dentro a un bicchiere, per dimenticare d'esser stati presi per il sedere. Ci sara' allegria, anche in agonia, col vino forte, porterai sul viso l'ombra di un sorriso fra le braccia della morte. Am Vecchio professore cosa vai cercando in quel portone forse quella che sola ti puo' dare una lezione. Quella che di giorno chiami con disprezzo pubblica moglie, quella che di notte stabilisce il prezzo alle tue voglie. Tu la cercherai, tu la invocherai piu' di una notte, ti alzerai disfatto rimandando tutto al ventisette. Quando incasserai, dilapiderai mezza pensione, diecimila lire per sentirti dire: "micio bello e bamboccione". Cm Se t'inoltrerai lungo le calate dei vecchi moli, in quell'aria spessa, carica di sale, gonfia di odori: li' ci troverai i ladri, gli assassini ed il tipo strano, quello che ha venduto per tremila lire sua madre ad un nano. Se tu penserai, se giudicherai da buon borghese, li condannerai a cinquemila anni piu' le spese; ma se capirai, se li cercherai fino in fondo se non sono gigli son pur sempre figli, vittime di questo mondo.

Fabrizio De Andrè – Il pescatore
62

Indice C G C All'ombra dell'ultimo sole F C si era assopito un pescatore F G C e aveva un solco lungo il viso F C G C come una specie di sorriso. Venne alla spiaggia un assassino due occhi grandi da bambino due occhi enormi di paura eran gli specchi di un'avventura. E chiese al vecchio, "Dammi il pane ho poco tempo e troppa fame" e chiese al vecchio, "Dammi il vino ho sete e sono un assassino". Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno non si guardò neppure intorno ma versò il vino e spezzò il pane per chi diceva ho sete e ho fame. E fu il calore di un momento poi via di nuovo verso il vento davanti agli occhi ancora il sole dietro alle spalle un pescatore. Dietro alle spalle un pescatore e la memoria è già dolore è già il rimpianto di un aprile giocato all'ombra di un cortile. Vennero in sella due gendarmi vennero in sella con le armi chiesero al vecchio se lì vicino fosse passato un assassino. Ma all'ombra dell'ultimo sole si era assopito il pescatore e aveva un solco lungo il viso come una specie di sorriso. e aveva un solco lungo il viso come una specie di sorriso.

Fabrizio De Andrè – La canzone di Marinella
Am Dm Questa di Marinella è la storia vera G C Am che scivolò nel fiume a primavera A7 Dm ma il vento che la vide cosi bella Am E7 Am dal fiume la portò sopra una stella Am Dm Sola senza il ricordo di un dolore vivevi senza il sogno di un amore ma un re senza corona e senza scorta bussò tre volte un giorno alla tua porta Cm Fm Bianco come la luna il suo cappello, Bb7 Bb Cm come l'amore rosso il suo mantello, C7 Fm tu lo seguisti senza una ragione Fm6 Cm G7 Cm come un ragazzo segue un aquilone E7 e c'era il sole e avevi gli occhi belli lui ti baciò le labbra ed i capelli c'era la luna e avevi gli occhi stanchi lui pose le sue mani sui tuoi fianchi Furono baci e furono sorrisi poi furono soltanto i fiordalisi che videro con gli occhi delle stelle fremere al vento e ai baci la tua pelle dicono poi che mentre ritornavi nel fiume chissà come scivolavi e lui che non ti volle creder morta bussò cent'anni ancora alla tua porta Am Dm 63

Indice Questa è la tua canzone Marinella che sei volata in cielo su una stella e come tutte le più belle cose vivesti solo un giorno, come le rose A7 Dm e come tutte le più belle cose Am E7 Am vivesti solo un giorno, come le rose chi diede la vita Am ebbe in cambio una croce Ma tu non lo udisti ed il tempo passava con le stagioni a passo di "java" ed arrivasti a varcar la frontiera in un bel giorno di Primavera E mentre marciavi con l'anima in spalle vedesti un uomo in fondo alla valle che aveva il tuo stesso identico umore ma la divisa di un altro colore. Sparagli Piero, sparagli ora e dopo un colpo sparagli ancora, fino a che tu non lo vedrai esangue cadere in terra a coprire il suo sangue. "E se gli sparo in fronte o nel cuore soltanto il tempo avra' per morire, ma il tempo a me restera' per vedere, vedere gli occhi d'un uomo che muore". E mentre gli usi questa premura quello si volta, ti vede, ha paura ed imbracciata l'artiglieria non ti ricambia la cortesia. Cadesti a terra, senza un lamento e ti accorgesti in un solo momento che il tempo non ti sarebbe bastato a chieder perdono per ogni peccato. Cadesti a terra, senza un lamento e ti accorgesti in un solo momento che la tua vita finiva quel giorno e non ci sarebbe stato ritorno. "Ninetta mia, crepare di Maggio ci vuole tanto, troppo coraggio. Ninetta bella diritto all'Inferno 64

Fabrizio De Andrè – La guerra di Piero
Am E Am Dormi sepolto in un campo di grano, Dm G7 C non e' la rosa, non e' il tulipano E7 Am che ti fan veglia dall'ombra dei fossi Dm E Am ma sono mille papaveri rossi. Dm Am "Lungo le sponde del mio torrente Dm voglio che scendano Am i lucci argentati, G C non più i cadaveri dei soldati E7 Am portati in braccio dalla corrente". Così dicevi ed era d'Inverno e come gli altri, verso l'inferno te ne vai triste come chi deve ed il vento ti sputa in faccia la neve. Dm Am Fermati Piero, fermati adesso, G lascia che il vento C ti passi un po' addosso, Dm Am dei morti in battaglia ti porti la voce, E7

Indice avrei preferito andarci in Inverno". E mentre il grano ti stava a sentire dentro le mani stringevi il fucile, dentro la bocca stringevi parole troppo gelate per sciogliersi al sole. Dormi sepolto in un campo di grano, non e' la rosa, non e' il tulipano che ti fan veglia dall'ombra dei fossi ma sono mille papaveri rossi. F G C e non me ne frega niente senza te F G Em A7 anche se incontrassi un angelo direi Dm G C non mi fai volare in alto quanto lei. C A E' notte alta e sono sveglio e mi rivesto e mi rispoglio mi fa smaniare questa voglia e prima o poi faro' lo sbaglio di fare il pazzo e venir sotto casa tirare sassi alla finestra accesa prendere a calci la tua porta chiusa, chiusa. Ancora, ancora, ancora, perche' io da quella sera non ho fatto piu' l'amore senza te e non me ne frega niente senza te anche se incontrassi un angelo direi non mi fai volare in alto quanto lei.

Edoardo De Crescenzo – Ancora
C A E' notte alta e sono sveglio, Dm G sei sempre tu il mio chiodo fisso C A insieme a te ci stavo meglio Dm G e piu' ti penso e piu' ti voglio F G tutto il casino fatto per averti C A7 per questo amore che era un frutto acerbo Dm Fm adesso che ti voglio bene io Dm G ti perdo C Am Ancora, Dm G ancora, Em A7 ancora, F E perche' io da quella sera F G C non ho fatto piu' l'amore senza te

Francesco De Gregori – Buonanotte fiorellino
Am Buonanotte, buonanotte Gm amore mio Bb C7 buonanotte tra il telefono F e il cielo Am Gm ti ringrazio per avermi stupito Bb C7 per avermi giurato che è vero F Am Gm il granturco nei campi è maturo G7 C 65

Indice ed ho tanto bisogno di te Am Dm la coperta è gelata e l'estate Bb è finita F C F buonanotte, questa notte è per te Buonanotte, buonanotte fiorellino buonanotte tra le stelle e la stanza per sognarti devo averti vicino e vicino non è ancora abbastanza ora un raggio di sole si è fermato proprio sopra il mio biglietto scaduto tra i tuoi fiocchi di neve e le tue foglie di té buonanotte, questa notte è per te G Bm Buonanotte, buonanotte Am Monetina C D buonanotte tra il mare G e la pioggia Bm Am la tristezza passerà domattina C D7 e l'anello resterà sulla spiaggia G Bm gli uccellini nel vento Am non si fanno mai male A7 D hanno ali più grandi di me Bm Em e dall'alba al tramonto sono soli C nel sole G D buonanotte, questa notte G è per te

A Generale dietro alla collina, ci sta la notte crucca ed assassina D e in mezzo al prato c'è una contadina, A curva sul tramonto F#m sembra una bambina Bm di cinquant'anni e di cinque figli, A venuti al mondo come conigli E7 partiti al mondo come soldati A e non ancora tornati A Generale dietro la stazione, lo vedi il treno che portava al sole non fa più fermate neanche per pisciare si va dritti a casa senza più pensare che la guerra è bella anche se fa male che torneremo ancora a cantare e a farci fare l'amore l'amore dalle infermiere. Generale la guerra è finita il nemico è scappato è vinto è battuto dietro la collina non c'è più nessuno solo aghi di pino e silenzio e funghi buoni da mangiare buoni da seccare da farci il sugo quando viene Natale quando i bambini piangono e a dormire non ci vogliono andare. Generale queste cinque stelle queste cinque lacrime sulla mia pelle che senso hanno dentro al rumore di questo treno che è mezzo vuoto 66

Francesco De Gregori – Generale

Indice e mezzo pieno e va veloce verso il ritorno, tra due minuti è quasi giorno è quasi casa è quasi amore. nel mio cuore ti porterò, A e non avrò paura se non F#m sarò bella come dici tu G G7 ma voleremo in cielo in carne ed ossa do do7+ la- sol-7 do7 Fa non torneremo più Fa- sol e senza Fame e senza sete, re e senza ali e senza rete sol Fa voleremo via C Così la donna cannone quell'enorme mistero volò sola verso il cielo nero si incamminò tutti chiusero gli occhi nell'attimo esatto in cui sparì altri giurarono e spergiurarono che non erano mai stati lì. A E con le mani amore per le mani ti prenderò e senza dire parole nel mio cuore ti porterò, e non avrò paura se non sarò bella come dici tu ma voleremo in cielo in carne ed ossa non torneremo C C7+ G# C più F e senza Fame e senza sete, Dm e senza ali e senza rete G voleremo via

Francesco De Gregori – La donna cannone
C Butterò questo mio enorme cuore C7+ tra le stelle un giorno giuro che lo farò G-6 e oltre l'azzurro della tenda A nell'azzurro io volerò Ab quando la donna cannone C d'oro e d'argento diventerà G senza passare per la stazione G7 l'ultimo treno prenderà C in Faccia ai maligni e ai superbi il mio nome scintillerà dalle porte della notte il giorno si bloccherà un applauso del pubblico pagante lo sottolineerà G che dalla bocca del cannone F una canzone suonerà A E con le mani amore F#m per le mani ti prenderò G e senza dire parole D

67

Indice

Francesco De Gregori Rimmel
C Dm Em F

Dm o giocare con chi vuoi F o farli rimanere G buoni amici come noi C Dm Em F

C E qualcosa rimane F G tra le pagine chiare C e le pagine scure Am Em e cancello il tuo nome F C dalla mia facciata Dm e confondo i miei alibi F e le tue ragioni C G C i miei alibi e le tue ragioni Chi mi ha fatto le carte e mi ha chiamato vincente è uno zingaro è un trucco e un futuro invadente fossi stato un pò più giovane l'avrei distrutto con la fantasia l'avrei stracciato con la fantasia Am ora le tue labbra puoi spedirle Em ad un indirizzo nuovo F E la mia faccia sovrapporla C a quella di chissà chi altro Am ancora i tuoi quattro assi Em bada bene di un colore solo F Li puoi nascondere

C Santa voglia di vivere e dolce venere di rimmel come quando fuori pioveva e tu mi domandavi se per caso avevo ancora quella foto in cui tu sorridevi e non guardavi Ed il vento passava sul tuo collo di pelliccia e sulla tua persona e quando io senza capire ho detto si hai detto è tutto quel che hai di me è tutto quel che ho di te ora le tue labbra puoi spedirle ad un indirizzo nuovo E la mia faccia sovrapporla a quella di chissà chi altro ancora i tuoi quattro assi bada bene di un colore solo Li puoi nascondere o giocare con chi vuoi o farli rimanere buoni amici come noi C Dm Em F

G

Dente – A me piace lei
E D Mi piacciono le ragazze con le doppie punte, 68

Indice le macchine senza le multe Mi piacciono quei lavori in cui si suda tanto, mi piace anche la pausa pranzo Mi piacciono le risate e le stelle filanti, i piedi nudi in mezzo ai campi F7+ E Ma su tutto e su tutti, su tutto e su tutti A F#m C#m a me piace lei e lei piace a me e vorrei che mi vedesse, B A che la pensasse esattamente come me E D Se le piace cucinare, mi farò cucina Sarò sole se le piace la mattina E D Se le piace il suo palazzo le starò vicino, sarò uva se le piace il vino E D Se le piace camminare quando piove tanto sarò l'ombrello di qualcun altro G A Se le piace volare… F7+ E Su tutto e su tutti su tutto e su tutti A F#m C#m B che la pensasse esattamente come me A me piace lei e lei piace a me e vorrei che mi sentisse, che la pensasse esattamente come me E D Mi piacciono le canzoni coi finali tristi.

Dente – Babybuilding
Barrè al 5° tasto, in SOL o alternativamente questi accordi qui C Am Em Am L’inverno finirà e così anche il gelo nel tuo cuore D Am Si scioglierà C Am Em Am l’inverno finirà e ci piacerà ballare D Am Più di quanto non ci piaccia già D Am Più di quanto non ci piaccia già C Am Em Am Quando finirai gli esami andremo al mare con la macchina E si parlerà di quando ti dicevo Ma che begl’occhi che hai chissà come mi vedi bene Che begl’occhi che hai chissà come mi vedi bene D Am Em Am Che begl’occhi che hai C Am Em Am Poi mi regalerai un bacio lungo dall’Emilia all’Africa 69

a me piace lei e lei piace a me e vorrei che mi vedesse, A che la pensasse esattamente come me A me piace lei e lei piace a me A me piace lei e lei piace a me e vorrei che mi vedesse,

Indice Io ti darò un cesto di stelle di plastica D Am E la mia povertà D Am La mia povertà C Am Em Am E niente di niente di niente di niente ci toccherà C Am Em Am La stessa dolcezza di quando ti dicevo D Am Ma che begl’occhi che hai chissà come mi vedi bene Che begl’occhi che hai chissà come mi vedi bene Che begl’occhi che hai Bb Am E a differenza di questa canzone Bb Dm noi non finiremo mai Em Am ed ho sputato sulla tavola, Dm G F E Dm buon appetito amore mio! Sapessi che felicità mi dà l'idea di non sapere più quando cammini dove vai, quando dormi con chi lo fai Di tutte le lacrime che hai quante ne piangerai? Quantificando il male che mi fai ho visto che non finisce mai Quindi ho messo le mani in tasca ed ho sputato sulla tavola, buon appetito amore mio! D9 D4 Dm D9

G

Dente – Buon appetito
Barrè al 5° tasto Am Sapessi che felicità mi dà Dm l'idea di non vederti più, G l'idea di non fidarmi più Em qualsiasi cosa mi dirai Sapessi che felicità mi dà l'idea di non toccarti più, l'idea di non seguirti più in tutto ciò che fai Dm G Ho messo le mani in tasca

Am Quando fai la spesa cosa comperi, di che colore hai colorato i mobili, vorrei non sapere più nemmeno dove abiti (x7)

Dente – Vieni a vivere
D Bm A nido d'ape o a lisca di pesce G A facciamo una casetta tutta come ci va, mettiamo il letto sul pavimento che al mal di schiena ci pensiamo nell'aldilà Prendiamo tutti gli accorgimenti, la testa a nord, le gambe dieci gradi a sud-est Bm A Vieni a vivere come me Vieni a vivere come me Vieni a vivere come me 70

Indice Com'è che non ti muovi? Com'è possibile? D Poi fumiamo le sigarette, chè a casa nostra non ci vengono mamma e papà Mangiamo tutte le scatolette, beviamo birra, andiamo a fare la spesa al discount Bm A Vieni a vivere come me Vieni a vivere come me Vieni a vivere come me Com'è che non ti muovi? Com'è possibile? D Mettiamo un disco sul giradisco Baci in cucina, baci in sala, baci in garage.. Facciamo centoventi bambini, tutti con dei nomi molto particolari così gli canto una canzone, di quelle belle che li fanno addormentare.. D Bm Vieni a vivere come me G A Vieni a vivere come me Vieni a vivere.. Credimi ho già curato i miei lividi lasciami la dignità è tutto quello che ho. Non ho, non ho... B A C#m Non ho più l'esigenza di te B di sentirti intorno B A C#m è meglio senza perché A sto recuperando il tempo B C#m che ho perso ormai da tempo ABCD e lo voglio dare a me. Am Scusami se sto provando ad illudermi meglio di quanto puoi tu ma non ho scelta perché. Non ho, non ho... Non ho più l'esigenza di te di sentirti intorno è meglio senza perché sto recuperando il tempo B C#m che ho perso ormai da tempo e lo voglio dare a me. G#m A Perché sento che il mio tempo B C D è il tempo che c'è. riff in E Non ho, non ho... Non ho più l'esigenza di te di sentirti intorno è meglio senza perché sto recuperando il tempo che ho perso ormai del tempo e lo voglio dare a me. 71

Massimo Di Cataldo – Il mio tempo
Am Guardami F G Am non ho più occhi per piangerti F G Em mi hai fatto male però G F non sei più forte di me.

Indice Perché sento che il mio tempo è il tempo che c'è. cerco un po' di blu cerco un po' di blu dove il blu non c'è dove il blu non c'è se lei non m'aspettasse se non m'aspettasse lei so che partirei so che partirei ti sogno California sogno California e un giorno io verrò

Dik Dik – Sognando California
Am G F Cielo grigio su cielo grigio su E foglie gialle giù foglie gialle giù Am G F cerco un po' di blu cerco un po' di blu E dove il blu non c'è dove il blu non c'è Sento solo freddo tanto freddo sai fuori e dentro me fuori e dentro me ti sogno California sogno California e un giorno io verrò Entro in chiesa e lì in chiesa e lì io cerco di pregar cerco di pregar ma il mio pensiero invece va va pensiero va ritorna sempre lì ritorna sempre lì al sole caldo che vorrei caldo sole che vorrei che qui non verrà mai che qui non verrà mai ti sogno California sogno California e un giorno io verrò Cielo grigio su cielo grigio su foglie gialle giù foglie gialle giù entro

Elio e le storie tese – Cara ti amo
Dm Gm Eravamo fidanzati C7 F Pooooooii Bb Gm tu mi hai lasciato A7 senza addurre Dm D7 motivazioni plausibili. No Gm Gm7 C7 non è vero Fa tu non capisci l'universo femminile Gm C la mia spiccata sensibilità A7 si contrappone al tuo Dm gretto materialismo maschilista. E7 Ciononostante... A Cara ti amo. D Mi sento confusa. B7 Cara ti amo. E 72

Indice Devo stare un pò da sola. C#7 Cara ti amo. F#m Esco da una storia di 3 anni con un tipo. D Cara ti amo. mi7 Non mi voglio sentire legata. Cara ti amo. A (lui) Rimani in casa. D (lei) Voglio essere libera. B7 (lui) Esci pure con chi ti pare. E7 (lei) Non ti interessi mai di quello che faccio. A (lui) Vorrei palparti le tette. D (lei) Porco. B7 (lui) Mai ti toccherei neanche con un fiore. E7 (lei) Finocchio. (lui) Mi drogo, bestemmio, picchio i bambini e non ti cago. (lei) Ti amo. (lui) Mi faccio il culo 14 ore di seguito per mantenerti e ti cago. (lei) Ti lascio per un tossicomane che non fa un cazzo tutto il giorno, che bestemmia e picchia i bambini. (lui) Mi metto il goldone. (lei) Ho un desiderio di maternità. (lui) Ho un desiderio di paternità. (lei) Mettiti il goldone. Cara ti amo. Mi sento confusa. (lui) Rimango in casa. (lei) Mi opprimi. (lui) Esco. (lei) Questa casa non è un albergo. (lui) Ti passo un cubetto di ghiaccio intinto nel Cointreau sulla pancia dopodichè ti scopo bendata. (lei) Non sono una troia. (lui) Allora in posizione canonica io sopra tu sotto? (lei) Che palle! (lui) Disse la vacca al mulo... (lei) Oggi ti puzza il culo! (lui) Disse il mulo alla vacca... (lei) Ho appena fatto la cacca... (lui) Cara ti amo. (lei) Mi sento confusa. (lui) Cara ti amo! (lei) Devo stare un pò da sola. (lui) Cara ti amo! (lei) Brrr.. esco da una storia di tre anni con un tipo. (lui) Cara ti amo! (lei) Non mi voglio sentire legata. (lui) Cara ti amooooo! (lui) Ed ora uniamo i nostri corpi nell'estasi suprema che è propria dell'idillio dell'amore. (lei) No, perchè quando avevo 13 anni mio cugino me l'ha fatto vedere e da allora sono traumatizzata però possiamo restare abbracciati tutta la notte senza fare niente, sarà bellissimo lo stesso... (lui) (te lo tronco nel culo) (lei) (dai sii serio) (lui) Usciresti con me domani sera. (lei) Sono già stanca forse ho già un altro impegno. (lui) Beh, poco male così vedo i miei amici. (lei) Sono libera. (lui) Mettiamola sul sesso. (lei) Ho bisogno d'affetto. (lui) Mettiamola sull'affetto. (lei) Chiaviamo. (lui) Io sono come sono. 73

Indice (lei) Cerca di cambiare. (lui) Sono cambiato. (lei) Non sei più quello di una volta. (lui) Tu mi appartienti. (lei) L'utero è mio! (lui) Eccoti i soldi per la pelliccia. (lei) Eccoti l'utero! A D A D A E Evviva l'amoooOOoOoOoOore. A D G e della tua fantasia. Am Am6 Ma un giorno il vitello coi piedi di balsa si recò dal vitello coi piedi di cobalto Am gli disse: "C'è il vitello coi piedi tonnati Dm che parla molto male di te, G egli sostiene che i tuoi piedi non C sono di vero cobalto ma sono in effetti quattro piedi di E pane ricoperti da un sottile strato di Am cobalto" Am Mio caro vitello dai piedi di balsa

Elio e le storie tese – Il vitello dai piedi di balsa
G D G Nel boschetto della mia fantasia D G C'è un fottio di animaletti Am Bbdim G7 un po' matti inventati da me C D che mi fanno ridere G quando sono triste C D G mi fanno ridere quando sono felice mi fanno ridere quando sono medio insomma mi fanno ridere sempre. Quel fottìo di animaletti inventati da me G D G C'e' il vitello dai piedi di balsa D G il vitello dai piedi di spugna Am Bbdim e indovina chi c'e' C D G c'e' pure il vitello coi piedi di cobalto C D c'e' il vitello coi piedi tonnati B7 Em quattro ne ho inventati C G sono gli animali della mia

Dm la tua storia è falsa G l'amico vitello coi piedi di spugna mi C E ha svelato la verita' Am egli ha nascosto una microspia A Re nei tuoi piedi di balsa D e nei piedi tonnati Bm cosi' ha scoperto che tu C#m D solo tu, sempre tu, E C#m anche tu, nient'altro che tu E proprio tu A E F#m 74

Indice Sei il vitello dai piedi di balsa C# F#m inventore di una storia falsa D A accusavi il vitello dai piedi tonnati G F# e per questo i tuoi piedi saranno asportati A G# Ma la legge prevede una pena aggiuntiva G F# per questo reato l'ascolto forzato di: <Stacchetto mistico> G D G D Nel boschetto della mia fantasia ora c'e' un vitello G Am Bbdim G senza più i piedi che invoca pietà C D quand'ecco che un piccolo amico si Eb avvicina: G# Eb G# "Mi presento son l'orsetto ricchione C# Eb G# e come avrai intuito adesso ti inculo" sol si-7 Non importa, sai, ci avevo judo. re/mi la9 do#7 Ma se serve vi porto i dischi cosi` potrete Fa#m7 ballare i lenti, mi-7 remaj7 re/mi "Porta pure ma non entri". Famaj7 mi sol re Ma perche' siete cosi`? Io che credevo, io che speravo. re#9 sol- sol#9 doPartecipero`, mi autoinvitero`, la#9 sol#9 dannata festa delle medie. la sol si-7 re/mi la sol si-7 la/do# re re/mi la9 sol si-7 Mi presento: burp, haha, ciao ragazzi. re/mi la9 Faccio un vento e gli cambio il clima, do#7 F#m7 la/mi temporeggio bevendo spuma sol sol5b sol sol9 chiedo fonzi e mi danno avanzi. Cristo, sol perche'? Fa#m7 mi9 re9 Parapiglia. scatta il gioco della bottiglia mi9 Se avro` culo potrò si9 la9 "Tu non giochi" baciare. "Abbiam fatto le do#-7 squadre prima" palpare mi/Fa# si9 "Ma se aspetti fra un pò finiamo" amare. la#m7 re#7 sol#m7 Si` va be' pero` poi balliamo, Fa#-7 mimaj7 mi/F# "Non ci rompere i coglioni". 75

Elio e le storie tese – Tapparella
la9 sol si-7 Brufolazzi, tapparella giu` e poltiglia re/mi la piu` ascella purificata: do#7 remaj7 re9/mi ti ricordi che meraviglia la festa delle medie ? la9 "Tu non vieni".

Indice Famaj7 mi sol re Sul piatto gira un geghege', danzo da solo e me ne vanto. Famaj7 mi Fantastico zimbello, io re#9 solm sol#9 do- la#9/re Non consumero`, non deglutiro` questa sol#9/do amarissima aranciata. mi-aj7 si-7 remaj7 la-/do mi/si sol# lamaj7 re7 No, invitato no. niente fonzi no sul bicchiere no niente nome no. mi la/mi do/mi mi Ballo lento no, ballo forte no, la bottiglia no, gioco scopa no. si-/mi la/mi do/mi mi lamicizia no, cortesia no, convenienza no, ampio parcheggio no. mi la/mi Basta do/mi mi la/mi Questa festa e` insoddisfacente, ma ne ho do/mi un'altra nella mia mente. sim/mi la/mi do/mi Una festa molto particolare dove saranno mi invitati tutti: si-/mi la/mi do/mi molti amici, molti nemici e anche Panino. Forza, Panino. mi la/mi Bm/mi mi- 7mi come il vento fra gli alberi D5 Parlami Come il cielo con la sua terra Non ho difese ma ho scelto di essere libera Adesso è la verità l'unica cosa che conta Bb5 Dimmi se farai qualcosa A5 G5 se mi stai sentendo E5 avrai cura di tutto quello A5 che ti ho dato - dimmi Dm Siamo nella stessa lacrima Bb F come un sole e una stella C Dm Luce che cade dagli occhi Bb F sui tramonti della mia terra C su nuovi giorni Ascoltami ora so piangere So che ho bisogno di te non ho mai saputo fingere Ti sento vicino il respiro non mente In tanto dolore niente e' piu' sbagliato niente niente Siamo nella stessa lacrima come un sole e una stella Siamo luce che cade dagli occhi sui tramonti della mia terra Su nuovi giorni in una lacrima come un sole e una stella Luce che cade dagli occhi Sui tramonti della mia terra su nuovi giorni si 76

Elisa - Luce
D5 Parlami G

D

G

Indice Bb Gm Dm A4 Il sole mi parla di te (stai ascoltando ora) La luna mi parla di te (avro' cura di tutto quello che mi hai dato) Anche se dentro una lacrima come un sole ed una stella Luce che cade dagli occhi sui tramonti della mia terra Su nuovi giorni in una lacrima come un sole e una stella Siamo luce che cade dagli occhi sui tramonti della mia terra su nuovi giorni ascoltami Dm Ascoltami Bb Ascoltami F Ascoltami C Ascoltami Dm Ascoltami Bb Ascoltami F Ascoltami C Ascoltati C#m cry because you care A feel 'cause you're alive sleep because you're tired E B make heaven, C#m A heaven out of hell now ... are you locked up in you counting the days oh how long until you have your freedom just shake because you love cry because you care feel 'cause you're alive sleep because you're tired shake because you love bleed 'cause you got hurt die because you lived make heaven, heaven out of hell now... are you still turning around the same things are you still trying that way are you still praying the same prayers are you still waiting for that same day to come climbing the same mountain you're not getting higher you're running after yourself can't let go hiding in that place you don't wanna be you push happiness so far away but it comes back to give you all that you've given before to love you the way that you do, like a mirror look in the air 'n catch that boomerang 77

Elisa – Heaven out of hell
C#m A E G# So are you turning around your mind do you think the sun won't shine this time are you breathing only half of the air are you giving only half of a chance don't you wanna E B shake because you love

Indice can't fall anywhere else but in your own and make heaven heaven out of hell now make heaven heaven out of hell now... make heaven heaven out of hell now make heaven heaven out of hell now are you still waiting make heaven heaven out of hell now are you still praying make heaven heaven out of hell now are you still losing make heaven heaven out of hell now make heaven heaven out of hell now I wanna fly because I dream dream dream 'cause you're not afraid to face my weakness Bm C Bmadd11 Am When we'll wake up D Some morning rain Em Emadd9 Will wash away our pain Am When we'll wake up Some morning rain Will wash away our pain Am D 'cause it never began for us Em Bm It'll never end for us C D 'cause it never began for us Em Bm C Em It'll never end for us C Em You're not my enemy anymore There's a ray of light upon your face now It will be all new again C Em There is something else just 'round the corner Am When we'll wake up D Some morning rain Em Emadd9 Will wash away our pain Am When we'll wake up D Some morning rain Em Emadd9 Will wash away our pain 78

Elisa - Rainbow
Em C Em You are not an enemy anymore C Em There's a ray of light upon your face now I can look into your eyes And I never thought it could be so simple Bm C Bm C Em You can hear the music with no sounds You can heal my heart without me knowing I can cry in front of you C Em

Indice Am D 'cause it never began for us Em Bm It'll never end for us C D No it never began for us Em Emadd9 It'll never end for us Am D Em I was looking for a place to stay Am D Em Emadd9 Are you looking for a place to stay Am D No it never began for us Em Bm It'll never end for us C D No it never began for us Em Bm It'll never end for us Am D No it never began for us Em Bm It'll never end for us C D No it never began for us Em Bm It'll never end for us. D G Ogni mattina uo, uo, A D ed ogni sera, uo, uo A D C ed ogni notte, te. D Io lavoro più forte, ma ho in mente te ma ho in mente te Ogni mattina uo, uo, ed ogni sera, uo, uo ed ogni notte, te. E A B Che cos'ho nella testa, che cos'ho nelle scarpe A G#m B no, non so cos'è. Ho voglia di andare, uo, uo di andarmene via, uo, uo non voglio pensar ma poi ti penso Apro gli occhi e ti penso, ed ho in mente te ed ho in mente te. E Ogni mattina, uo, uo, ed ogni sera, uo, uo D B ed ogni notte te.

G A

Equipe 84 – Io ho in mente te
D Apro gli occhi e ti penso, G A D G ed ho in mente te G F#m A ed ho in mente te. Io cammino per le strade, ed ho in mente te ed ho in mente te.

A

Equipe 84 – Tutta mia la città
Em Em/C Em/F# No, non verrai Em/C F# l'orologio nella strada ormai Am corre troppo per noi 79

Indice So dove sei tu non stai correndo qui da me Am D sei rimasta con lui. G Em Le luci bianche nella notte G F# Am sembrano accese per me Cm Em Em7 Eb D9 E’ tutta mia la città. G Bm Tutta mia la città C Am7 D7 un deserto che conosco G Bm tutta mia la città Am7 D7 G questa notte un uomo piangerà. Em Em/C Em/F# No, non verrai fumo un'altra sigaretta e poi me ne andrò senza te. Porto con me un'immagine che non vedrò tu che corri da me G Em da un'automobile che passa qualcuno grida va a casa E’ tutta mia la città G Bm Tutta mia la città un deserto che conosco tutta mia la città questa notte un uomo piangerà Em Em/C Em/F# Tu non ci sei io mi sono rassegnato ormai tu non eri per me Tu sei con lui cosa importa io non soffro più forse è meglio così.

Niccolò Fabi - Costruire
MI- RE Chiudi gli occhi ed immagina una gioia, LA-7 DO9 molto probabilmente penseresti a una partenza. MISe vivessi solo d'inizi SOL di citazioni da prima volta LA-7 DO9 quando tutto ti sorprende e nulla ti appartiene ancora MIPenseresti all'odore di un libro nuovo, SOL a quello di vernice fresca LA-7 DO9 a un regalo da scartare, al giorno prima della festa. MI- SOL Al 21 marzo, al primo abbraccio, a una matita intera, alla primavera LA-7 alla paura del debutto al tremore dell'esordio DO9 ma tra la partenza e il traguardo MI LA7+ In mezzo c'è tutto il resto e tutto il resto è giorno dopo giorno LA-7 DO9 e giorno dopo giorno è silenziosamente costruire SOL RE MI- / RE / LA-7 / DO9 e costruire è sapere e potere rinunciare alla perfezione. MI- RE LA-7 DO9 Ma il finale, è di certo più teatrale, così di ogni storia, ricordi solo la sua 80

Indice conclusione MIcosì come l'ultimo bicchiere, l'ultima visione, SOL un tramonto solitario, l'inchino poi il sipario LA-7 ma tra l'attesa e il suo compimento DO9 tra il primo tema e il testamento MI LA7+ E in mezzo c'è tutto il resto e tutto il resto è giorno dopo giorno LA-7 DO9 e giorno dopo giorno è silenziosamente costruire SOL RE MI / LA7+ / LA-7 / DO9 / SOL / RE / e costruire è sapere e potere rinunciare alla perfezione. MI- RE LA-7 DO9 Io ti stringo le mani, rimani qui, cadrà la neve a breve MI- RE LA-7 DO9 MI- / RE / La-7 / DO9 / MI- / SOL / LA-7 / DO9 ad Io ti stringo le mani, rimani qui, cadrà la neve a breve perché non ha fatto ora si sente soffocare. Quando si comincia a recriminare è il momento in cui si sta per sparire. Mimosa bella riposa che il sogno ti dona Così pensò al loro primo incontro alla magia di quell'incanto alla sua gioia elementare alle grida di piacere soffocate dal cuscino quando un gesto primitivo si fa divino e a quella esaltazione del presente di un amore che ancora non ti ha chiesto niente niente da sacrificare. poi del lasciarsi il solito rituale dove ogni uomo diventa così banale. Mimosa bella riposa che il sogno ti dona

Niccolo Fabi – Mimosa
Il silenzio imbarazzato di chi sa di non tornare la lasciò senza parole. Della porta che si chiuse non sentì neanche il rumore tanto forte era il suono del suo rancore. Per guardarsi nello specchio mise l'abito migliore perché fosse più elegante il suo dolore. Da quello che le ha sputato addosso perché non ha detto

Niccolo Fabi – Vento d’estate
LARESOL MIFA FA SOL SOL

ho lasciato scappar via l'amore l'ho incontrato dopo poche ore è tornato senza mai un lamento è cambiato come cambia il vento

81

Indice vento d'estate io vado al mare voi che fate non m'aspettate forse mi perdo E sta sicuro che ti lascerà, chi è troppo amato amore non dà LA- FA SOL LA- MI-7 LA E sta sicuro che ti lascerà, chi meno ama è il più forte, si sa. Prendi una donna trattala male, lascia che ti aspetti per ore FA7+ SOL MI7 non farti vivo e quando la chiami, fallo come fosse un favore LA- FA SOL LA- FA SOL fa sentire che è poco importante, dosa bene amore e crudeltà LA- FA SOL MI7 LA- MI-7 LAcerca d'essere un tenero amante, ma fuori dal letto nessuna pietà. LA- FA SOL LA- FA SOL E allora sì vedrai che t'amerà, chi è meno amato più amore ti dà LA- FA SOL LA- MI-7 LA e allora sì vedrai che t'amerà, chi meno ama è il più forte si sa. LA- FA7+ SOL LANo caro amico non sono d'accordo, parli da uomo ferito FA7+ SOL MI7 pezzo di pane lei se n'è andata e tu non hai resistito LA- FA SOL LA- FA SOL non esistono leggi in amore, basta essere quello che sei LA- FA SOL LA- FA MI lascia aperta la porta del cuore, vedrai che una donna è già in cerca di te. LA- FA SOL LA- FA SOL Senza l'amore un uomo che cos'è, su questo sarai d'accordo con me LA- FA SOL FA MI senza l'amore un uomo che cos'è, è questa l'unica legge che c'è.

ho pensato al suono del suo nome a come cambia in base alle persone ho pensato a tutto in un momento ho capito come cambia il vento

vento d'estate io vado al mare vado al mare non mi aspettare mi sono perso

Marco Ferradini Teorema
LA- FA7+ SOL LA Prendi una donna dille che l'ami, scrivile canzoni d'amore FA7+ SOL MI7 mandale rose e poesie, dalle anche spremute di cuore LA- FA SOL LA- FA SOL falla sempre sentire importante, dalle il meglio del meglio che hai LA- FA SOL MI7 LA- MI-7 LA Cerca d'essere un tenero amante, sii sempre presente, risolvile i guai. LA- FA SOL LA- FA SOL

Tiziano Ferro – Non me lo so spiegare
Sim 82

Indice Un po' mi manca l'aria che tirava Sol La Sim Sol La O semplicemente la tua bianca schiena..nananana Sim E quell'orologio non girava Sol La Sim Sol La Stava fermo sempre da mattina a sera come me lui ti fissava Sim Sol La Sim Sol La Io non piango mai per te non farò niente di simile... nononono Sim Sol La Re Do# Fa# Si, lo ammetto, un po' ti penso ma mi scanso non mi tocchi più Si Mi Solo che pensavo a quanto è inutile farneticare Fa# Si Mi E credere di stare bene quando è inverno e te Togli le tue mani calde Fa# Non mi abbracci e mi ripeti che son grande, Si Mi Fa# mi ricordi che rivivo in tante cose...nananana Si Mi Case, libri, auto, viaggi, fogli di giornale Fa# Si Mi Che anche se non valgo niente per lo meno a te ti permetto di sognare Fa# E se hai voglia, di lasciarti camminare Si Mi Fa# Si Scusa, sai, non ti vorrei mai disturbare ma vuoi dirmi come questo può finire? Mi Fa# Si Mi Fa# Non me lo so spiegare Io non me lo so spiegare Sim La notte fonda e la luna piena Sol La Sim Sol La Ci offrivano da dono solo l'atmosfera ma l'amavo e l'amo ancora Sim Ogni dettaglio è aria che mi manca Sol La Re Do# Fa# E se sto così sarà la primavera..ma non regge più la scusa... Si Mi Solo che pensavo a quanto è inutile farneticare Fa# Si Mi E credere di stare bene quando è inverno e te togli le tue mani calde Fa# Non mi abbracci e mi ripeti che son grande, Si Mi Fa# mi ricordi che rivivo in tante cose...nananana Si Mi Case, libri, auto, viaggi, fogli di giornale Fa# Si MI Che anche se non valgo niente perlomeno a te ti permetto di sognare... Si Mi Solo che pensavo a quanto è inutile farneticare Fa# Si Mi E credere di stare bene quando è inverno e te togli le tue mani calde Fa# Non mi abbracci e mi ripeti che son grande, Si Mi Fa# 83

Indice mi ricordi che rivivo in tante cose...nananana Si Mi Case, libri, auto, viaggi, fogli di giornale Fa# Si Mi Che anche se non valgo niente perlomeno a te ti permetto di sognare Fa# Si E se hai voglia, di lasciarti camminare Mi Scusa, sai, non ti vorrei mai disturbare Fa# Si Ma vuoi dirmi come questo può finire? Mi Fa# Si Mi Fa# Si Ma vuoi dirmi come questo può finire? Ma vuoi dirmi come questo può finire... Ma mi scanso C# F# Non mi tocchi più B E Solo che pensavo a quanto è inutile farneticare F# B E credere di stare bene quando è inverno e te E Togli le tue mani calde F# Non mi abbracci e mi ripeti che son grande, B E F# mi ricordi che rivivo in tante cose...nananana B E Case, libri, auto, viaggi, fogli di giornale F# B Che anche se non valgo niente perlomeno a te E Ti permetto di sognare F# E se hai voglia, di lasciarti camminare B E Scusa, sai, non ti vorrei mai disturbare F# B Ma vuoi dirmi come questo può finire? E F# Non me lo so spiegare B E F# Io non me lo so spiegare Bm La notte fonda e la luna piena G A Bm Ci offrivano da dono solo l'atmosfera G A Ma l'amavo e l'amo ancora Bm Ogni dettaglio è aria che mi manca 84

Tiziano Ferro – Non me lo so spiegare
Bm Un po' mi manca l'aria che tirava G A Bm G A O semplicemente la tua bianca schiena..nananana Bm E quell'orologio non girava G A Bm Stava fermo sempre da mattina a sera. G A come me lui ti fissava Bm Io non piango mai per te G A Bm G A Non farò niente di simile... nononono Bm G A Si, lo ammetto, un po' ti penso D

Indice G A D E se sto così sarà la primavera.. C# F# Ma non regge più la scusa... SIm DO# Tra il balcone e il citofono ti dedico i miei guai FA# DO# MIbm Di sere nere SIbm DO# Che non c'è tempo, non c'è spazio e mai nessuno capirà FA# DO# MIbm Puoi rima- nere Sibm DO# FA# SI Perché fa male, male male da morire Senza te FA# SI ho combattuto il silenzio parlandogli addosso FA# SI E levigato la tua assenza solo con le mie braccia SI DO# E più mi vorrai e meno mi vedrai FA# MIbm E meno mi vorrai e più sarò con te SI DO# E più mi vorrai e meno mi vedrai SI E meno mi vorrai e più sarò con te DO# FA#-SI [x2] E più sarò con te,con te,con te Lo giuro FA# DO# MIbm Di sere nere SIbm DO# Che non c'è tempo, non c'è spazio e mai nessuno capirà FA# DO# MIbm Puoi rima- nere Sibm DO# FA# SI FA# SI FA# Perché fa male, male male da morire Senza te senza te Senza te 85

Tiziano Ferro – Sere nere
Intro-FA#-SI FA#-SI FA# SI Ripenserai agli angeli FA# SI Al caffè caldo svegliandoti DO# SI Mentre passa distratta la notizia di noi due FA# SI Dicono che mi servirà FA# SI Se non uccide fortifica DO# SI Mentre passa distratta la tua voce alla TV SIm DO# Tra la radio e il telefono risuonerà il tuo addio FA# DO# MIbm Di sere nere SIbm DO# Che non c'è tempo, non c'è spazio e mai nessuno capirà FA# DO# MIbm Puoi rima- nere Sibm DO# FA# SI FA# SI Perché fa male, male male da morire Senza te senza te Senza te FA# SI Ripenserei che non sei qua FA# SI Ma mi distrae la pubblicità DO# SI Tra gli orari ed il traffico lavoro e tu ci sei

Indice mi- la e cambia faccia all'occorrenza sol da quando il trasformismo mi- la è diventato un'esigenza la- sol ci vedrete in prima linea mi- la come brutte ballerine sol ci vedrete danzare mi- la come giovani zanzare la- sol ci vedrete alla frontiera mi- la con la macchina bloccata sol ma lui ce l'avrà fatta mi- la la musica è passata la- sol È un rock bambino mi- la soltanto un pò latino viaggia senza passaporto mi- la e noi dietro col fiato corto. la- sol Lui ti penetra nei muri mi- la ti fa breccia nella porta sol ma in fondo viene a dirti mi- la che la tua anima non è morta. do sol mi-7 Oh, non svegliatevi, la non ancora do sol mi-7 e non fermateci, no, no, la per favore no. la- sol La mia banda suona il rock lab sib 86

Ivano Fossati – La mia banda suona il rock
la- sol mi- lalasol La mia banda suona il rock mi- la e tutto il resto all'occorrenza; sol sappiamo bene che da noi mi- la fare tutto è un'esigenza. la- sol È un rock bambino mi- la soltanto un pò latino sol una musica che è speranza, mi- la una musica che è pazienza. la- sol È come un treno che è passato mi- la con un carico di frutti: sol eravamo alla stazione, mi- la sì, ma dormivamo tutti. la- sol E la mia banda suona il rock mi- la per chi l'ha visto e per chi non c'era sol e per chi quel giorno lì mi- la inseguiva una sua chimera do sol mi-7 Oh, non svegliatevi, la non ancora do sol mi-7 e non fermateci, no, no, la per favore no. la- sol La mia banda suona il rock

Indice ed è un'eterna partenza lab viaggia bene ad onde medie Fa sib E a modulazione di frequenza sib- lab È un rock bambino Fa- sib Soltanto un pò latino lab una musica che è speranza, Fa- sib Una musica che è pazienza. sib- lab È come un treno che è passato Fa- sib Con un carico di frutti: lab eravamo alla stazione, Fa- sib sì, ma dormivamo tutti. sib- lab E la mia banda suona il rock Fa- sib Per chi l'ha visto e per chi non c'era lab e per chi quel giorno lì Fa- sib Inseguiva una sua chimera reb lab fa-7 Oh, non svegliatevi, sib non ancora reb lab fa-7 e non fermateci, no, no, sib per favore no.

le sue madonne i suoi rosari e mille mari e alala' i suoi vestiti di lino e seta le calze a rete Marlene e Charlot e dopo giugno il gran conflitto e poi l'Egitto e un'altra eta' marce e svastiche e federali sotto i fanali l'oscurita' e poi il ritorno in un paese diviso piu' nero nel viso piu' rosso d'amore Aida come sei bella Aida le sue battaglie i compromessi la poverta' i salari bassi la fame bussa il terrore russo Cristo e Stalin Aida la costituente la democrazia e chi ce l'ha e poi trent'anni di safari tra antilopi e giaguari sciacalli e lapin Aida come sei bella

Rino Gaetano - Aida
sol do sol laLei sfogliava i suoi ricordi fa do le sue istantanee sol lai suoi tabu'

Rino Gaetano - Gianna
Sempre lo stesso giro: C F G F Gianna Gianna Gianna sosteneva, tesi e illusioni 87

Indice Gianna Gianna Gianna prometteva, pareti e fiori Gianna Gianna aveva un coccodrillo, ed un dottore Gianna non perdeva mai un minuto, per fare l'amore

Rino Gaetano – Ma il cielo è sempre più blu
sire si- re sire si- re siChi vive in baracca, chi suda il salario re si- re sichi ama l'amore e i sogni di gloria re la sol chi ruba pensioni, chi ha scarsa memoria re si- re siChi mangia una volta, chi tira al bersaglio re si- re sichi vuole l'aumento, chi gioca a Sanremo re la sol chi porta gli occhiali, chi va sotto un treno re si- re siChi ama la zia chi va a Porta Pia re si- re chi trova scontato, chi come ha trovato sina na na na na na na na na sol la re si- sol Ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh, la re si- sol la ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh, uh uh... re si- re siChi sogna i milioni, chi gioca d'azzardo re la sol chi gioca coi fili chi ha fatto l'indiano re si- re sichi fa il contadino, chi spazza i cortili re si- re chi ruba, chi lotta, chi ha fatto la spia sina na na na na na na na na sol la re si- sol Ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh, 88

RIT. Ma la notte la festa è finita, evviva la vita La gente si sveste comincia un mondo un mondo diverso, ma fatto di sesso e chi vivrà vedrà... Gianna Gianna Gianna non voleva, il suo pigmalione Gianna difendeva il suo salario, dall'inflazione Gianna Gianna Gianna non credeva a canzoni ed ufo Gianna aveva un fiuto eccezionale, per il tartufo Ma dove vai, vieni qua, ma che fai? Dove vai, con chi ce l'hai? Vieni qua, ma che fai? Dove vai, con chi ce l'hai? Di chi sei, ma che vuoi? Dove vai, con chi ce l'hai? Butta la', vieni qua, chi la prende e chi la da! Dove sei, dove stai? Fatti sempre i fatti tuoi! Di chi sei, ma che vuoi? Il dottore non c'e' mai! Non c'e' mai! Non c'e' mai! Tu non prendi se non dai! Vieni qua, ma che fai? Dove vai con chi ce l'hai?

Indice la re si- sol la ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh, uh uh... re si- re si- re si- re sire si- re Chi è assunto alla Zecca, chi ha fatto cilecca si- re chi ha crisi interiori, chi scava nei cuori si- re chi legge la mano, chi regna sovrano si- re chi suda, chi lotta, chi mangia una volta si- re chi gli manca la casa, chi vive da solo si- re chi prende assai poco, chi gioca col fuoco si- re chi vive in Calabria, chi vive d'amore si- re chi ha fatto la guerra, chi prende i sessanta si- re chi arriva agli ottanta, chi muore al lavoro sina na na na na na na na na sol la re si- sol Ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh, la re si- sol ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh, la re ma il cielo è sempre più blu ((il coro continua il ritornello )) si- sol Chi è assicurato, chi è stato multato la re chi possiede ed è avuto, chi va in farmacia si- sol chi è morto di invidia o di gelosia la re chi ha torto o ragione,chi è Napoleone si- sol chi grida "al ladro!", chi ha l'antifurto la re chi ha fatto un bel quadro, chi scrive sui muri si- sol chi reagisce d'istinto, chi ha perso, chi ha vinto la re chi mangia una volta,chi vuole l'aumento si- sol chi cambia la barca felice e contento la re chi come ha trovato,chi tutto sommato si- sol chi sogna i milioni, chi gioca d'azzardo la re chi parte per Beirut e ha in tasca un miliardo si- sol chi è stato multato, chi odia i terroni la re chi canta Prévert, chi copia Baglioni si- sol chi fa il contadino, chi ha fatto la spia la re chi è morto d'invidia o di gelosia si- sol chi legge la mano, chi vende amuleti la re chi scrive poesie, chi tira le reti si- sol chi mangia patate, chi beve un bicchiere la re chi solo ogni tanto, chi tutte le sere si-

Max Gazzè – Cara Valentina
sib- Fa# sol# Fa Fa# 89

Indice Cara Valentina il tempo non fa il suo dovere sol# Fa Fa# E a volte peggiora le cose sib- Fa# sol# Fa Fa# Credimi pensavo davvero di avere superato il sol# Fa momento difficile sib- Fa# sol# Fa Ed ancora adesso non mi è chiaro lo sbaglio Fa# che ho fatto sol# Fa Fa# Se il vero sbaglio è stato il mio sib- Fa# sol# Fa Perchè dai miei trent'anni ti aspettavi un Fa# sol# Fa uomo col senso del dovere sib- Fa# sol# Fa Perchè chi s'innamora non deve dirlo a Fa# sol# Fa nessuno nessuno sib- Fa# sol# Fa Oppure è un impudente enfatica demenza Fa# Fa Fa# Fa sibNel farti le carezze girata dall'altra parte si- Fa#- reHo la strana sensazione di un amore acceso do la- mi Esploso troppo presto fra le mani re- sol do E cara Valentina che fatica innaturale mi perdonare a me stesso Fa mi Di essere io di essere fatto così male si- sol la Fa# sol Cara Valentina il tempo non fa il suo dovere la Fa# sol E a volte peggiora le cose... si- sol | La Fa# | sol La | Fa# | (2 volte) si- Fa#- re- do E tu sarai il pretesto per approfondire la- mi re- sol Un piccolo problema personale di filosofia do Su come trarre giovamento mi dal non piacere agli altri Fa mi Come in fondo ci si aspetta che sia Fa re- Fa Per esempio non è vero do sib re- do che poi mi dilungo spesso su un solo sib do argomento

Max Gazzè – Il timido ubriaco
Sol Mim Do Sol

Sposa domani ti regalero' una rosa Mim Do Sol Re

Geloso d'un compagno non voluto temuto Sol Mim Do Sol

Stesa caldissima per quell'estate accesa Mim Do Sol Re

Fanatica per duri seni al vento io tento Sol Mim Do Sol

Tanto quell'orso che ti alita accanto

90

Indice Mim Do Sol Re Mim Do Sol Re

Sudato che farebbe schifo a un piede non vede Sol Mim Do Sol

Tremendo il mio rapporto con il sesso che fesso Sol Mim Do Sol

Dorme tapino non le tocca le sue forme Mim Do Sol Re

Piango paludi di parole fatte fango Mim Do Sol Re

Eppure e' ardimentosa la sua mano villano

Mi muovo come anguilla nella sabbia che rabbia Sol Mim Do Sol

Rido facendo del mio riso vile nido La Do#m Mi Do#m Re Mim Do Sol Re Cercandomi parole dentro al cuore d'amore

Potranno mai le mie parole esserti da rosa sposa La Do#m Do#m Re Mi Re

Potranno mai le mie parole esserti da rosa sposa

La Do#m Mi

Do#m

Re

Potranno mai le mie parole esserti da rosa sposa Sol Mim Do Sol La Do#m Do#m Re Mi Re

Chino su un lungo e familiar bicchier di vino Mim Do Sol Re

Potranno mai le mie parole esserti da rosa sposa

Partito per un viaggio amico e arzillo gia brillo Sol Sol Mim Do

Sol Mim Do

Sol Mim Do Sol Re

Sol Certo perchè non gioco mai a viso aperto

Mim

Do

Sol

Pare che coppie unite solo con l'altare 91

Indice Mim Do Sol Re strozzati inghiottiti come olive ascolane G F

Non abbian mai trovato le parole da sole Sol Sol Mim Do

spiedini di carne in fila sulle autostrade G Am

Forse domani che pianissimo le morse Mim Do Sol Re

saldare al casello tanto per ringraziare Dm F

Del matrimonio ti attanaglieranno potranno

pensarsi arrivati dopo un lungo week-end La Do#m Mi Do#m Re Am Am

Potranno mai le mie parole esserti da rosa sposa La Do#m Do#m Re Mi Re

Am

G

F

chiedo venia trovo un pò esagerato G Am

Potranno mai le mie parole esserti da rosa sposa La Do#m Mi Do#m Re

pagare tre volte un litro di benzina G F

sentirsi ridire con sorrisi di rame Potranno mai le mie parole esserti da rosa sposa G Am

Max Gazzè – La favola di Adamo ed Eva
Am G F

che sono costretti dal mercato dei cambi Dm F

Santi numi ma che pena mi fate G Am

ma andate a cagare voi e le vostre bugie

Am

Am 92

Indice l'azione è importante siamo uomini troppo distratti C F G G credo di notare una leggera flessione del senso sociale C F G Am la versione scostante dell'essere umano che non aspettavo Am cadere su un uomo così divertente ed ingenuo da credere ancora Dm C G C F G Dm F ma il futuro è toccare mangiare tossire ammalarsi d'amore F da cose che riguardano vite e fantasmi futuri

credo di notare una leggera flessione del senso sociale C F G

alla favola di Adamo ed Eva Am G F la versione scostante dell'essere umano che non aspettavo Am cadere su un uomo così divertente ed ingenuo da credere ancora Dm la favola di Adamo ed Eva alla favola di Adamo ed Eva Am Am Am la favola di Adamo ed Eva Dm Am G F alla favola di Adamo ed Eva Dico quel che penso e faccio quel che dico G Am Am G F C G G F C G

la favola di Adamo ed Eva Dm C G

alla favola di Adamo ed Eva Am G F

la favola di Adamo ed Eva

93

Indice

Max Gazzè – L’uomo più furbo
sol L'uomo più furbo del mondo do conquistatore instancabile e attento sol ha avuto donne di tutti i paesi do donne che aspettano il ritorno sol l'unica donna che ha tanto amato do gli ha voltato lo sguardo sol un incontro all'ultimo bacio do con lei non poteva rifarlo mi- laNegli occhi di tutte le donne del mondo mi- re quando le accarezza cerca lei sol che non vuole più l'uomo più furbo do sol do sol L'uomo più furbo del mondo do fuma tre pacchi di sigari al giorno sol gli bruciano gli occhi dal fumo e dal pianto do come il pianto che non scenderà mai sol per lei con cui non può più stare do per lei con cui non può più parlare sol perché lei uccisa dal rancore do gli ha negato per sempre l'amore mi- laNegli occhi di tutte le donne del mondo

mi- re quando le accarezza cerca lei mi- laNegli occhi di tutte le donne del mondo mi- re quando le accarezza cerca lei sol che non vuole più l'uomo più furbo sol L'uomo più furbo del mondo do può avere tre o quattro donne al secondo sol quella sera torna a casa da solo do scaccia gli sguardi come scaccia le zanzare sol e rinuncia al suo amore di sempre do che non potrà mai scordare mi- laNegli occhi di tutte le donne del mondo miquando le accarezza re cerca lei sol che non vuole più l'uomo più furbo

Max Gazzè – Una musica può fare
la- miUna musica può fare re mi lacantare lililli o lalalla (maggiore) la- miuna musica può fare re mi lacambiare nininni e nananna. la- miUna musica può fare re mi ladove 94

Indice sei, non mi vuoi, stai con me la- miuna musica può fare re mi lacosa fai, non mi vuoi, tanto è uguale la- sol una musica può fare. do sib Fa Salvarti sull'orlo del precipizio re- do sib quello che la musica può fare do sib Fa salvarti sull'orlo del precipizio re- la7 sib non ci si può lamentare. la- mi- re mi la- mi- re mi lalamiUna musica può fare re mi ladormire bambini il giorno la- miuna musica può fare re mi lasvegliare bambini la notte la- sol una musica può fare do sol la- mi solitudini bastate a farsi da mangiare do sol la- mi solitudini bastate a farti innamorare. la- mi- re mi Sotto l'armadio (con la radio) la- mi- re mi Sotto l'armadio (con la radio) sotto l'armadio si- Fa#una musica può fare mi fa# siamare soltanto parole una musica può fare parlare soltanto d'amore si- la una musica può fare. re do sol salvarti sull'orlo del precipizio mi- re do quello che la musica può fare re do sol salvati sull'orlo del precipizio mi- si7 do non ci si può lamentare la- mi- re mi mi la- miuna musica può fare re mi una musica può fare...

Irene Grandi – La tua ragazza sempre
LA+ SI-7 DO#-7

Tu credi ma non sai LA+ Cosa è veramente importante SI-7 DO#-7 Tu sei sicuro che LA+ Sicuro, ci pensi sempre

RE+

MI+

Ma lasciati andare LA+ DO#+

Segui il tuo cuore arrivando alle stelle RE+ Prova a prendere quelle FA+ LA+

Nessuna è più bella di me 95

Indice DO#+ E non dirmi ti amo anche tu RE+ FA+ E non dirmi ti amo anche tu RE+ Lascia soltanto il tuo cuore FA+ LA+

Dammi soltanto il tuo cuore LA+ Niente di più LA+ SI-7 DO#-7 SI-7 DO#-7 LA+

Niente di più

Assolo: DO#+ RE+ FA+ LA+ DO#+ RE+

Tu credi ma non sai LA+ Che a me non me ne frega niente SI-7 DO#-7 Tu credi che oramai LA+ Io sia la tua ragazza sempre RE+ MI+

FA+ Segui il tuo tuo cuore e vedrai DO+ Vedrai che allora è tutto chiaro

E vedrai così lontano

Ma lasciami andare LA+ DO#+ (Lasciati andare)

Segui il tuo cuore arrivando alle stelle e vedrai che è tutto vero RE+ Prova a prendere quelle e capirai cosa dicevo FA+ LA+ LA+ Nessuna è più bella di me Lasciati andare con me DO#+ SI-7 DO#-7 96 MI+ LA+

Indice Tu credi ma non sai LA+ Cosa è veramente grande LA+ SI-7 DO#-7

Vola ancora più su LA+ Na na na na na

Tu credi che oramai SI-7 DO#-7 Ancora più su SI-7 DO#-7 Ancora più su LA+ Na na na na na

Io sia la tua ragazza sempre SI-7 Io sia la tua ragazza sempre RE+ MI+

La la la la la LA+ DO#+ Ancora più su SI-7 DO#-7 LA+ Ancora più su RE Prova a prendere quelle FA+ LA

Segui il tuo cuore arrivando alle stelle

Ivan Graziani - Agnese
Intro: si fa# si fa# mi fa# si7 fa# si fa#

Nessuna è più bella di me DO#+ E non dirmi ti amo anche tu RE FA

Se la mia chitarra piange dolcemente, si fa#

stasera non è sera di vedere gente, mi e i giochi nella strada,

Lascia soltanto il tuo cuore

E vola vola più su

fa#

re#-7 97

Indice che ho chiusi dentro al petto, 7 fa# mi voglio ricordare. si fa# ed io che sto provando le cose che provavo ieri, fa# non ho capito ancora, si si se è gelosia o se sono prigioniero, in un giorno in pieno Agosto, si fa# le biciclette in riva al mare, mi fa#7 re#-7 di questo cielo nero e di un ricordo che fa male, mi fa# re#-7 fa# fa# mi fa# re#-

Io penso ad un barcone rovesciato al sole,

Agnese mi parlava nella sabbia infuocata, fa# si

e se continuo a bere i miei liquori inquinati, fa# si

ed io non so perchè, non l'ho dimenticata. si fa#

è vero che quei giorni non li ho dimenticati. sol7 do sol

la la la la la la la la si fa#

E' uscito un po' di sole da questo cielo nero, do sol

la la la la la la la si fa# l'inverno cittadino, sembra quasi uno straniero. fa sol7 mi-7

Lei mi raccontava di quello che la gente, si fa#

Agnese dolce Agnese color di cioccolata, sol do

diceva del suo corpo con malizia ed allegria,

98

Indice adesso che ci penso non ti ho mai baciata. do sol però non c'è più Agnese seduta sul manubrio, la7 mi-7 la7 re

la la la la la la la la do sol

a cantar canzoni, a cantar canzoni. re la

la la la la la la la fa sol7 mi-7 uh uh do uh sol

la la la la la la la la re la

la la la la la la la

la la la la la la la la do sol

Ivan Graziani – E sei così bella
Intro: re7 la-7 re7 la-7 resol7 x2 do

la la la la la la la la do sol

E sei così bella, che più bella non c'è, lami-7 remi7 la-

la la la la la la la fa sol7

Agnese dolce Agnese color di cioccolata, sol7 adesso che ci penso... re la

e sei così dolce, che più dolce non c'è, la7 resol7 do

e sei così quieta, quando parli di noi, la-7 remi7 la-

Io vado in bicicletta per sentirmi vivo, re la

che m'incanto a guardarti, da non credere sei. Strumentale: re7 la-7 re7 la-7 re sol7 do x2

alle cinque di mattina, con la nebbia nei polmoni, sol la7 fa#-7

Mi tieni stretta la mano, a guidarmi sei tu, laremi7 la99

Indice mi ripeti con gli occhi, cosa cerchi di più, la7 re- sol7 do lo sai, non è servita a cambiarla DO FA LA7 la cosa che ha amato di più è stata l'aria. RE- SOLLei ha disegnato ha riempito cartelle di sogni DO FA LA7 ma gli occhi di marmo del colosso Toscano, guardano troppo lontano. RE SOL Caro il mio Barbarossa, studente in filosofia RE SOL col tuo italiano insicuro, certe cose le sapevi dire RE SOL ooh lo so lo so lo so, lo so bene lo so, RE SOL una donna da amare in due, in comune fra te e me RE MI- RE SOL ma di tempo ce n'è, in questa città, RE MI- LA7 fottuti di malinconia e di lei. RE FA# Per questo canto una canzone triste triste triste, SI- FA# SItriste triste triste, triste triste triste, triste come me. SOL RE LA MIE non c'è più nessuno, che mi parli ancora un po' di lei, LA SOL RE ancora un po' di lei. SOL RE LA MIE non c'è più nessuno, che mi parli ancora un po' di lei, LA SOL RE ancora un po' di lei . . . . . . . . RE- SOLRicordo i suoi occhi, strano tipo di donna che era DO FA LA7 quando gettò i suoi disegni con rabbia giù da Ponte Vecchio. RE- SOLIo 100

la mia vita è tua, anche quando non ci sei, la-7 remi7 la-

ed in mille occasioni, sprofondarmi vorrei. la-7 resol7 do

E sei così scema, che più scema non c'è, laremi7 la-

ed odiarti lo vedi, è più forte di me. la7 resol7 do

E sei così scema, che più scema non c'è, laremi7 la-

ma l'incanto continua, da non credere sei. la7 resol7 do

E sei così scema, che più scema non c'è, laremi7 la-

ma sei così bella, che per te morirò. Outro: re7 la-7 re7 la-7 x2

Ivan Graziani - Firenze
RE- SOLFirenze

Indice sono nata da una conchiglia diceva, DO DO7 FA LA7 la mia casa è il mare, con un fiume no, non lo posso cambiare. RE RE7+ SOL Caro il mio Barbarossa, compagno di un'avventura RE SOL certo che se lei se n'è andata, no, non è colpa mia RE SOL ohh lo so lo so lo so, la tua vita non cambier… RE RE7+ SOL ritornerai in Irlanda, con la tua laurea in filosofia RE MI- RE SOL ma io che farò, in questa città RE MI- LA7 fottuto di malinconia e di lei. RE FA# Per questo canto una canzone triste triste triste,………. DO SOL4 SOL non avevo visto mai. DO SOL LATu, tu mi parlavi di frontiere MI7 FA di finanzieri e contrabbando FA6 DO mi scaldavo ai tuoi racconti DO SOL LA"Sì, mio padre sì" tu mi dicevi MI7 FA "Quassù in montagna ha combattuto" FA6 DO Poi del mio mi domandavi. FA SOL DO MIEd io pensavo a casa FA SOL LAmio padre fermo sulla spiaggia FA SOL DO le reti al sole, i pescherecci MI- RE9 in alto mare, conchiglie e stelle DO SOL4 SOL le bestemmie e il suo dolore DO SOL LAOh, Marta io ti ricordo così MI- FA il tuo sorriso e i tuoi capelli FA6 DO fermi come il lago. FA SOL DO MILugano addio, cantavi FA SOL LAmentre la mano mi tenevi FA SOL DO MIaddio cantavi e non per falsa ingenuità RE9 DO SOL4 SOL tu ci credevi e adesso anch'io che sono qua. DO SOL LAOh, Marta io ti ricordo così MI- FA il tuo sorriso e i tuoi capelli FA6 fermi come il lago. DO SOL LA- MI- FA DO FA SOL (ad libitum) 101

Ivan Graziani – Lugano addio
DO SOL LA Le scarpe da tennis bianche e blu MI7 FA seni pesanti e labbra rosse FA6 DO SOL e la giacca a vento. DO SOL LAOh, Marta io ti ricordo così MI7 FA il tuo sorriso e i tuoi capelli FA6 DO fermi come il lago. FA SOL DO MILugano addio, cantavi FA SOL LAmentre la mano mi tenevi FA SOL DO "canta con me" tu mi dicevi MI- RE9 ed io cantavo di un posto che

Indice

Ivan Graziani - Pigro
MI6 LA MI6 LA

come bava di lumache stanno l ヘ a dimostrare DO#DO#che Š vero, Š vero, non si pu• migliorare SIMI LA FA#-

Tu sai citare MI6 LA

i classici a memoria DO RE LA

ma non distingui il ramo da una foglia DO RE LA MI LA MI LA MI LA MI LA

col tuo schifo d'educazione, SILA MI LA MI LA MI

il ramo da una foglia .... pigro.

col tuo schifo d'educazione .... pigro. MI6 LA MI6 LA dici "E` alla DO RE LA MI6 LA MI6 LA

Una mente fertile base" MI6 LA

La capra per il latte, la donna per le voglie MI6 LA LA DO RE

ma la tua scienza ha creato l'ignoranza DO MI LA LA RE LA MI LA

ma non ti accorgi della noia che ha tua moglie DO RE LA

ha creato l'ignoranza .... pigro.

della noia che ha tua moglie. RE E poi le parolacce che ti lasci scappare MI che servono a condire il tuo discorso d'autore RE MI6 LA MI6 in maniera DO RE LA

Tu castighi i figli esemplare MI6 LA LA

102

Indice poi dici siamo liberi, nessuno deve giudicare DO RE MI LA LA LA MI LA senza fermate nè confini solo orizzonti neanche troppo lontani. Sol Do In questo girotondo d'anime Sol Do chi si volta è perso e resta qua Sol Do lo so per certo amico mi son voltato anch'io Sol Do e per raggiungerti ho dovuto correre. Lam Do Ma più mi guardo in giro e vedo che Lam Do c'è un mondo che va avanti anche se Sol Do se tu non ci sei più se tu non ci sei più. Sol E dimmi perché Sol Do in questo girotondo d' anime non c'è Lam Do un posto per scrollarsi via di dosso Lam quello che ci è stato detto e Do quello che oramai si sae allora sai che c'è Sol Do9 c'è che c'è, Sol Do c'è che prendo un treno che va a paradiso città Lam Do e vi saluto a tutti e salto su Lam Do prendo il treno e non ci penso più. Sol Do Un viaggio ha senso solo senza ritorno se non in volo Sol Do senza fermate nè confini solo orizzonti neanche troppo lontani Mim io mi prenderò il mio posto Do e tu seduta lì al mio fianco 103

nessuno deve giudicare .... pigro.

RE E poi le parolacce che ti lasci scappare MI che servono a condire il tuo discorso d'autore RE come bava di lumache stanno l ヘ a dimostrare DO#DO#che Š vero, Š vero, non si pu• migliorare SIMI LA FA#-

col tuo schifo d'educazione, SILA MI LA MI LA MI

col tuo schifo d'educazione .... pigro.

Gianluca Grignani – Destinazione paradiso
Un viaggio ha senso solo senza ritorno se non in volo Sol Do

Indice Sol Do mi dirai , destinazione paradiso Sol Do Un viaggio ha senso solo senza ritorno se non in volo Sol Do senza fermate nè confini solo orizzonti neanche troppo lontani Mim io mi prenderò il mio posto Do e tu seduta lì al mio fianco So Do mi dirai , destinazione paradiso Sol Do9 C'è che c'è, Sol Do c'è che prendo un treno che va a paradiso città Mim io mi prenderò il mio posto Do e tu seduta lì al mio fianco Sol Do Sol mi dirai, destinazione paradiso paradiso città. SOL LAm senza catene FA REm7 fugge agli sguardi SOL LAm sa che conviene REm SOL DO e indifferente sorvola già FAmaj7 REm tutte le accuse SOL LAm boschi e città FA REm io che son falco, SOL LAm MIm7 REm7 falco a metà. LAm MIm7 REm7 Sono di nuovo sul grattacielo ed ho imparato a volare se guardo giù quello che vedo ora è la gente passare. E chissà se questo è il segreto per vivere con me. Seduto su un grattacielo devo stare in alto come un falco per non farmi catturare. Ma il falco va senza catene fugge agli sguardi sa che conviene e indifferente sorvola già tutte le accuse boschi e città. And so my friends libera le ali ogni anima le ha oh rubale alla libertà. Il falco va senza catene fugge agli sguardi sa che conviene e indifferente sorvola già tutte le accuse boschi e città io che son falco,falco a metà.

Gianluca Grignani – Falco a metà
LAm MIm Sono seduto su un grattacielo REm7 FAmaj7 vedo gli aerei passare LAm MIm poi guardo giù voglio saltare REm7 FAmaj7 voglio imparare a volare. LAm REm7 E allora volo via SOL DOmaj7 siamo in viaggio io e la mente mia LAm REm7 guardami ho già spiccato il volo SOL DOmaj7 ed ora sono proprio sopra casa tua REm7 il falco va

Gianluca Grignani – La mia storia tra le dita
Rem Sol Mim Sai penso che non sia stato inutile Lam stare insieme a te 104

Indice Rem Sol Mim Ok te ne vai decisione discutibile Lam ma si lo so lo sai. Rem Sol Almeno resta qui per questa sera Mim Lam ma no che non ci provo stai sicura Rem Sol puo' darsi gia' mi senta troppo solo Mim perche' conosco quel sorriso Lam di chi gia' deciso Mim quel sorriso gia' una volta Lam mi ha aperto il Paradiso Rem Sol Mim Si dice che per ogni uomo Lam c'e' un'altra come te Rem Sol Mim e al posto mio quindi tu troverai qualcun altro Lam uguale non non credo io Rem Sol ma questa volta abbassi gli occhi e dici Mim Lam noi resteremo sempre buoni amici Rem Sol ma quali buoni amici maledetti Mim io un amico lo perdono Lam mentre a te ti amo MIm puo' sembrarti anche banale, Lam ma e' un istinto naturale Lam7 Sol E c'e' una cosa che non ti ho detto mai Mim7 Sol i miei problemi senza te si chiaman guai Sib Lam ed e' per questo che mi vedi fare il duro Fa Sol in mezzo al mondo per sentirmi piu' sicuro. Lam7 Sol E se davvero non vuoi dirmi che ho sbagliato Mim7 Sol ricorda a volte un uomo va anche perdonato Sib Lam e invece tu, tu non mi lasci via d'uscita Fa Lam e te ne vai con la mia storia tra le dita. Rem Sol Mim Ora che fai cerchi una scusa, Lam Rem se vuoi andare vai Sol tanto di me Mim non ti devi preoccupare, Lam me la sapro' cavare Rem Sol Stasera scrivero' una canzone Mim Lam per soffocare dentro un'esplosione Rem Sol Senza pensare troppo alle parole Mim parlero' di quel sorriso Lam di chi ha gia' deciso Mim quel sorriso che una volta Lam mi ha aperto il paradiso Lam7 Sol E c'e' una cosa che non ti ho detto mai Mim7 Sol 105

Indice i miei problemi senza te si chiaman guai Sib Lam ed e' per questo che mi vedi fare il duro Fa Sol in mezzo al mondo per sentirmi piu' sicuro. Lam7 Sol E se davvero non vuoi dirmi che ho sbagliato Mim7 Sol ricorda a volte un uomo va anche perdonato Sib Lam e invece tu, tu non mi lasci via d'uscita Fa Lam e te ne vai con la mia storia tra le dita. Rem Sol Mi Lam naaa na na na' naa na na na Rem Sol Mim Lam naaa na na na' naa na na na godetevi il successo, godete finché dura ché il pubblico è ammaestrato e non vi fa paura e andate chissà dove per non pagar le tasse col ghigno e l'ignoranza dei primi della classe. Io sono solo un povero cadetto di Guascogna però non la sopporto la gente che non sogna. Gli orpelli? L'arrivismo? All'amo non abbocco e al fin della licenza io non perdono e tocco. Facciamola finita, venite tutti avanti nuovi protagonisti, politici rampanti; venite portaborse, ruffiani e mezze calze, feroci conduttori di trasmissioni false che avete spesso fatto del qualunquismo un arte; coraggio liberisti, buttate giù le carte tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese in questo benedetto assurdo bel paese. Non me ne frega niente se anch'io sono sbagliato, spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato; coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco e al fin della licenza io non perdono e tocco. Sol Do MIm Ma quando sono solo con questo naso al piede MI7dim La7 REm che almeno di mezz'ora da sempre mi precede La Fa si spegne la mia rabbia e ricordo con dolore Sim7 106

Francesco Guccini – Cyrano
Do Sol Fa Sol Venite pure avanti, voi con il naso corto, signori imbellettati, io più non vi sopporto Infilerò la penna fin dentro al vostro orgoglio perché con questa spada vi uccido quando voglio. Venite pure avanti poeti sgangherati, inutili cantanti di giorni sciagurati, buffoni che campate di versi senza forza avrete soldi e gloria ma non avete scorza;

Indice che a me è quasi proibito il sogno di Mi4 un amore; Mi LAm non so quante ne ho amate, non so MIm quante ne ho avute, Fa Sol per colpa o per destino le donne le MIm7 ho perdute LAm7 SIb e quando sento il peso d'essere LAm sempre solo Si mi chiudo in casa e scrivo e MI4 MI scrivendo mi consolo, Sol Do ma dentro di me sento che il grande Sol amore esiste, Fa Sol amo senza peccato, amo ma sono triste Do Sol perché Rossana è bella, siamo così diversi; Fa Sol Do Sol a parlarle non riesco, le parlerò coi versi. Venite gente vuota, facciamola finita: voi preti che vendete a tutti un'altra vita; se c'è come voi dite un Dio nell'infinito guardatevi nel cuore, l'avete già tradito e voi materialisti, col vostro chiodo fisso che Dio è morto e l'uomo è solo in questo abisso, le verità cercate per terra, da maiali, tenetevi le ghiande, lasciatemi le ali; tornate a casa nani, levatevi davanti, per la mia rabbia enorme mi servono giganti. Ai dogmi e ai pregiudizi da sempre non abbocco e al fin della licenza io non perdono e tocco. Io tocco i miei nemici col naso e con la spada ma in questa vita oggi non trovo più la strada, non voglio rassegnarmi ad essere cattivo tu sola puoi salvarmi, tu sola e te lo scrivo; dev'esserci, lo sento, in terra in cielo o un posto dove non soffriremo e tutto sarà giusto. Non ridere, ti prego, di queste mie parole, io sono solo un'ombra e tu, Rossana, il sole; ma tu, lo so, non ridi, dolcissima signora ed io non mi nascondo sotto la tua dimora perché ormai lo sento, non ho sofferto invano, se mi ami come sono, per sempre tuo Cyrano.

Francesco Guccini – Dio è morto
do Fa do Ho visto la gente della mia età andare via lalungo le strade che non portano mai a niente Fa Fa# cercare il sogno che conduce alla follia sol 107

Indice nella ricerca di un qualcosa che non trovano sol7 do nel mondo che hanno già lungo le strade che dal vino son bagnate ladentro alle stanze da pastiglie trasformate Fa lungo le nuvole di fumo, nel mondo fatto di città sol7 essere contro ed ingoiare la nostra stanca civiltà do È un Dio che è morto Fa sol7 do ai bordi delle strade Dio è morto Fa sol7 do nelle auto prese a rate Dio è morto Fa sol7 nei miti dell'estate Dio è morto do Fa do Mi han detto che questa mia generazione più non crede lain cio che spesso è mascherato con la fede Fa Fa# nei miti eterni della patria e dell'eroe sol perché è venuto ormai il momento di negare sol7 do tutto cio che è falsità e che è di parte e di abitudine e paura launa politica che è solo far carriera Fa il perbenismo interessato la dignità fatta di vuoto sol7 l'ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto do È un Dio che è morto Fa sol7 do nei campi di sterminio Dio è morto Fa sol7 do coi miti della razza Dio è morto Fa sol7 con gli uomini di partito Dio è morto. do Fa do Ma penso che questa mia generazione è preparata laad un mondo nuovo e a una speranza appena nata Fa Fa# ad un futuro che ha in mano, ad una rivolta senza armi sol perché noi tutti ormai sappiamo sol7 che se Dio muore è per tre giorni do e poi risorge Fa sol7 do in ciò che noi crediamo Dio è risorto Fa sol7 do in ciò che noi vogliamo Dio è risorto Fa sol7 nel mondo che faremo Dio è risorto

Francesco Guccini – La locomotiva
do Non so che viso avesse, sol do sol7 neppure come si chiamava do con che voce parlasse, sol do sol7 con quale voce poi cantava Fa sol7 do quanti anni avesse visto allora, Fa sol7 do di che colore i suoi capelli Fa sol7 mi7 lama nella fantasia ho l'immagine sua, Fa sol7 do 108

Indice gli eroi son tutti giovani e belli Fa sol7 do gli eroi son tutti giovani e belli Fa sol7 do gli eroi son tutti giovani e belli. Conosco invece l'epoca dei fatti, qual'era il suo mestiere: i primi anni del secolo, macchinista, ferroviere I tempi in cui si cominciava la guerra santa dei pezzenti sembrava il treno anch'esso un mito di progresso, lanciato sopra i continenti lanciato sopra i continenti lanciato sopra i continenti. E la locomotiva sembrava fosse un mostro strano che l'uomo dominava con il pensiero e con la mano ruggendo si lasciava indietro distanze che sembravano infinite sembrava avesse dentro un potere tremendo, la stessa forza della dinamite la stessa forza della dinamite la stessa forza della dinamite. Ma un'altra grande forza spiegava allora le sue ali parole che dicevano: "gli uomini sono tutti uguali" e contro ai re e ai tiranni scoppiava nella via la bomba proletaria, e illuminava l'aria la fiaccola dell'anarchia la fiaccola dell'anarchia la fiaccola dell'anarchia. Un treno tutti i giorni passava per la sua stazione un treno di lusso, lontana destinazione vedeva gente riverita, pensava a quei velluti, agli ori pensava al magro giorno della sua gente attorno, pensava un treno pieno di signori pensava un treno pieno di signori pensava un treno pieno di signori. Non so che cosa accadde, perché prese la decisione forse una rabbia antica, generazioni senza nome che urlarono vendetta, gli accecarono il cuore dimenticò pietà, scordò la sua bontà, la bomba sua la macchina a vapore la bomba sua la macchina a vapore la bomba sua la macchina a vapore. re E sul binario la7 re la7 stava la locomotiva re la macchina pulsante la7 re la7 sembrava fosse cosa viva sol la7 re sembrava un giovane puledro sol la7 re che appena liberato il freno sol la7 Fa#7 simordesse la rotaia con muscoli d'acciaio sol la7 re con forza cieca di baleno sol la7 re con forza cieca di baleno sol la7 re con forza cieca di baleno. E un giorno come gli altri, ma forse con più rabbia in corpo pensò che aveva il modo di riparare a qualche torto salì sul mostro che dormiva, cercò di mandar via la sua paura e prima di pensare a quel che stava a fare, il mostro divorava la pianura il mostro divorava la pianura il mostro divorava la pianura. Correva l'altro treno ignaro, quasi senza fretta nessuno immaginava di andare verso la vendetta ma alla stazione di Bologna arrivò la notizia in un baleno: 109

Indice notizia di emergenza, agite con urgenza, un pazzo si è lanciato contro il treno un pazzo si è lanciato contro il treno un pazzo si è lanciato contro il treno. mib Ma intanto corre, sib7 mib sib7 corre, corre la locomotiva mib e sibila il vapore e sib7 mib sib7 sembra quasi cosa viva, sol# sib7 mib e sembra dire ai contadini curvi, sol# sib7 mib il fischio che si spande in aria: sol# sib7 "Fratello non temere, sol7 doche corro al mio dovere! sol# sib7 mib Trionfi la giustizia proletaria! sol# sib7 mib Trionfi la giustizia proletaria! sol# sib7 mib re Trionfi la giustizia proletaria! re E corre corre corre corre sempre più forte e corre corre corre corre verso la morte e niente ormai può trattenere l'immensa forza distruttrice aspetta sol lo schianto e poi che giunga il manto della grande consolatrice della grande consolatrice della grande consolatrice. do la storia ci racconta come finì la corsa la macchina deviata lungo una linea morta con l'ultimo suo grido di animale la macchina eruttò lapilli e lava esplose contro il cielo, poi il fumo sparse il velo lo raccolsero che ancora respirava lo raccolsero che ancora respirava lo raccolsero che ancora respirava. re Ma a noi piace pensarlo ancora dietro al motore mentre fa correr via la macchina a vapore e che ci giunga un giorno ancora la notizia di una locomotiva come una cosa viva, lanciata a bomba contro l'ingiustizia lanciata a bomba contro l'ingiustizia lanciata a bomba contro l'ingiustizia.

Il nucleo - Sospeso
La Mi accorgo di un istante solo Do#m Mi di un attimo di incerta complicità La Fotografare ogni profumo Do#m Mi Si moltiplica i deliri inventati da … da me La Ora ti sembro più preciso Do#m Mi nel muovermi in assenza di gravità La Prima respiro più leggero Do#m Mi Si poi dimentico i ricordi che si accendono in me La Do#m di fotocopie mal riuscite e fogli vecchi ingialliti che Si mi distraggono Mi Si Do#m Mi La Si 110

Indice Tienimi sospeso tra l’azzurro in volo tu tuh tutu tuh tu tu Mi Si Do#m Mi La Si La Si lasciami sospeso … toglimi il respiro tu tuh tutu tuh tu tu tu tuh tutu tuh tu tu La È quasi dote, più di un dono Do#m Mi estendermi in altezza e profondità La Ogni parola è un capogiro Do#m Mi Si amplifica nei sensi ogni vertigine in me La Do#m e cercare appiglio è un’attenuante per lasciarsi portare su Si Mi dov’è più limpido Mi Si Do#m Mi La Si Tienimi sospeso tra l’azzurro in volo tu tuh tutu tuh tu tu Mi Si Do#m Mi La Si La Si lasciami sospeso … toglimi il respiro tu tuh tutu tuh tu tu tu tuh tutu tuh tu tu Mi Si Do#m Mi La Si Tienimi sospeso tra l’azzurro in volo tu tuh tutu tuh tu tu Mi Si Do#m Do# Sol# lasciami sospeso … a mezz’aria almeno Do# Sol# Do# Sol# Do#9 Sol# Do#9 Fa# Sollevami sollevami in verticale in verticale Si Do#m Mi La Si Tienimi sospeso tra l’azzurro in volo tu tuh tutu tuh tu tu Mi Si Do#m Mi La Si lasciami sospeso … toglimi il respiro tu tuh tutu tuh tu tu Mi

Jovanotti – A te
Do sol A te che sei l’unica al mondo lam L’unica ragione do Per arrivare fino in fondo Ad ogni mio respiro Fa Quando ti guardo Do re Dopo un giorno pieno di parole sol Senza che tu mi dica niente do Tutto si fa chiaro do A te che mi hai trovato sol lam All’angolo coi pugni chiusi do Con le mie spalle contro il muro fa Pronto a difendermi Con gli occhi bassi do Stavo in fila re Con i disillusi 111

Indice Tu mi hai raccolto sol Come un gatto do E mi hai portato con te sol A te io canto una canzone lam Perchè non ho altro do Niente di meglio da offrirti fa Di tutto quello che ho Prendi il mio tempo do E la magìa re Che con un solo salto sol Ci fa volare dentro l’aria Come bollicine fa A te che sei do Semplicemente sei fa7 Sostanza dei giorni miei sol la Sostanza dei giorni miei re la A te che sei il mio grande amore sim Ed il mio amore grande re A te che hai preso la mia vita sol E ne hai fatto molto di più re A te che hai dato senso al tempo mi Senza misurarlo la A te che sei il mio amore grande re Ed il mio grande amore A te che io La sim sim Ti ho visto piangere nella mia mano Re sol Fragile che potevo ucciderti stringendoti un po’ E poi ti ho visto Re mi Con la forza di un aeroplano la Prendere in mano la tua vita re E trascinarla in salvo la A te che mi hai insegnato i sogni sim E l’arte dell’avventura re A te che credi nel coraggio sol E anche nella paura re A te che sei la miglior cosa mi Che mi sia successa la A te che cambi tutti i giorni sol E resti sempre la stessa A te che sei re Semplicemente sei sol Sostanza dei giorni miei la Sostanza dei sogni miei sol A te che sei re Essenzialmente sei sol Sostanza dei sogni miei la Sostanza dei giorni miei re la 112

Indice A te che non ti piaci mai sim E sei una meraviglia re sol Le forze della natura si concentrano in te re mi Che sei una roccia sei una pianta sei un uragano la re Sei l’orizzonte che mi accoglie quando mi allontano la A te che sei l’unica amica sim Che io posso avere re L’unico amore che vorrei sol Se io non ti avessi con me re A te che hai reso la mia vita mi Bella da morire la Che riesci a render la fatica re Un immenso piacere la A te che sei il mio grande amore sim Ed il mio amore grande re A te che hai preso la mia vita sol E ne hai fatto molto di più re A te che hai dato senso al tempo mi Senza misurarlo la A te che sei il mio amore grande sol Ed il mio grande amore A te che sei re Semplicemente sei sol Sostanza dei giorni miei la Sostanza dei sogni miei sol E a te che sei re Semplicemente sei sol Compagna dei giorni miei la Sostanza dei sogni miei

Jovanotti – Bella
re la si-7 sol7+ la6 re la si-7 sol7+ la6 mi-7 re7+ E gira gira il mondo mi-7 re7+ e gira il mondo e giro te mi-7 re7+ mi guardi e non rispondo mi-7 re ah, perchè risposta non c'è nelle parole re bella la si-7 come una mattina d'acqua cristallina sol7+ la6 re come una finestra che mi illumina il cuscino la calda come il pane si-7 ombra sotto un pino sol7+ la6 mentre t'allontani stai con me forever. mi-7 re7+ lavoro tutto il giorno mi-7 re7+ e tutto il giorno penso a te mi-7 re7+ 113

Indice e quando il pane sforno mi-7 re ah, lo tengo caldo per te... ah ah ah re chiara la come un A B C si-7 sol7+ la6 come un lunedì di vacanza dopo un anno di lavoro re bella la forte come un fiore si-7 dolce di dolore sol7+ la6 bella come il vento che ti ha fatto re bella amore la gioia primitiva si-7 di saperti viva sol7+ vita piena giorni e ore la6 batticuore re pura la dolce mariposa si-7 nuda come sposa sol7+ la6 mentre t'allontani stai con me forever. mi-7 la re7+ mi-7 la re7+ re Bella la si-7 come una mattina di acqua cristallina sol7+ la6 re come una finestra che mi illumina il cuscino la calda come il pane si-7 ombra sotto un pino sol7+ la6 re come un passaporto con la foto di un bambino la bella come un tondo si-7 grande come il mondo sol7+ la6 re calda di scirocco e fresca come tramontana la come la fortuna si-7 tu così opportuna sol7+ la6 mentre t'allontani stai con me forever. re Bella la come un'armonia si-7 come l'allegria sol7+ la6 re come la mia nonna in una foto da ragazza la come una poesia si-7 o Madonna mia sol7+ la6 re come la realtà che incontra la mia fantasia la si-7 ah ah, la la la sol7+ la6 bella re la si-7 sol7+ la6

Jovanotti – Mi fido di te
LAFA

114

Indice Case di pane, riunioni di rane, vecchie che ballano nelle cadillac DO SOL Lampi di luce, al collo una croce, la dea dell'amore si muove nei jeans. DO SOL

muscoli d'oro, corone d'alloro, canzoni d'amore per bimbi col frac. LAFA

Culi e catene, assassini perbene, la radio si accende sul pezzo funky. LAFA

Musica seria, luce che varia, pioggia che cade, vita che scorre, DO SOL

Teste fasciate, ferite curate, l'affitto del sole si paga in anticipo, prego DO SOL

cani randagi, cammelli e re magi. Forse fa male, eppure mi va DO SOL FA7+ LADO

arcobaleno più per meno meno, forse fa male, eppure mi va DO SOL FA7+ LADO

di stare collegato, di vivere d'un fiato, di stendermi sopra al burrone, di guardare giù, FA SOL la vertigine non è paura di cadere, ma voglia di volare. DO

di stare collegato, di vivere d'un fiato, di stendermi sopra al burrone, di guardare giù, FA SOL la vertigine non è paura di cadere, ma voglia di volare. DO

DO SOL

FA7+

DO

DO SOL

FA7+

DO

Mi fido di te, mi fido di te, mi fido di te, LASOL FA DO

Mi fido di te, mi fido di te, mi fido di te, cosa sei disposto a perdere? LASOL FA DO

mi fido di te, io mi fido di te, ehi mi fido di te, cosa sei disposto a perdere? LAFA

mi fido di te, mi fido di te, io mi fido di te, cosa sei disposto a perdere? LAFA

115

Indice Rabbia, stupore, la parte, l'attore, dottore, che sintomi ha la felicità? DO SOL uh uh uh, uh uh uh, uh uh uh, uh uh uh, uh uh uh, uh uh uh

LASOL

FA

DO

Evoluzione, il seno in prigione, questa non è un'esercitazione. LAFA

Forza e coraggio, la fede e il miraggio, la luna nell'altra metà DO SOL

Jovanotti – Ragazzo fortunato
la 7+ Se io potessi sarei sempre in vacanza la7 7+ se io fossi capace chiuderei il cielo in una stanza si-7 mi ma se devo dirla tutta, qui non e' il paradiso si-7 mi ma all'inferno delle verità, re mi io mento col sorriso. la 7+ Problemi zero, problemi a non finire la7 7+ un giorno sembra l'ultimo un altro e' da impazzire si-7 mi ma se devo dirla tutta, qui non e' il paradiso si-7 mi ma all'inferno delle verità, re mi io mento col sorriso. Fa# Di dieci cose fatte, te ne' e' riuscita mezza e dove c'e' uno strappo, mi non metti mai una pezza. Fa# Di dieci cose fatte, te ne' e' riuscita mezza e dove c'e' uno strappo, mi non metti mai una pezza. la 116

Lupi in agguato, il peggio è passato, forse fa male, eppure mi va, DO SOL FA7+ LADO

di stare collegato, di vivere d'un fiato, di stendermi sopra al burrone, di guardare giù, FA SOL la vertigine non è paura di cadere, ma voglia di volare. DO SOL FA7+ DO DO

Mi fido di te, mi fido di te, mi fido di te, cosa sei disposto a perdere? LASOL FA DO

mi fido di te, mi fido di te, io mi fido di te, cosa sei disposto a perdere? DO SOL FA7+ DO

Uh uh uh, uh uh uh, uh uh uh, uh uh uh, uh uh uh, uh uh uh

Indice Sono un ragazzo fortunato re perche' m'hanno regalato un sogno la sono fortunato perche' re non c'e' niente che ho bisogno si-7 mi e quando viene sera e tornerò da te si-7 e' andata come e' andata mi la fortuna di incontrarti ancora. la re si- mi Sei bella come il sole, a me mi fai impazzire la re si- mi Sei bella come il sole, a me mi fai impazzire la 7+ Siddarda me l'ha detto la7 7+ non conta solo l'amore e tutto quello che ti serve, è stare dentro al cuore si-7 mi ma se devo dirla tutta, qui non e' il paradiso si-7 mi ma all'inferno delle verità, re mi io mento col sorriso. Fa# Di dieci cose fatte, te ne' e' riuscita mezza e dove c'e' uno strappo, mi non metti mai una pezza. Fa# Di dieci cose fatte, te ne' e' riuscita mezza e dove c'e' uno strappo, mi non metti mai una pezza. la Sono un ragazzo fortunato re perche' m'hanno regalato un sogno la sono fortunato perche' re non c'e' niente che ho bisogno si-7 mi e quando viene sera e tornerò da te si-7 e' andata come e' andata mi la fortuna di incontrarti ancora. la re si- mi Sei bella come il sole, a me mi fai impazzire la re si- mi Sei bella come il sole, a me mi fai impazzire

Jovanotti – Raggio di sole
La4 La Che lingua parli tu Fa#m Mi Mi7 Se dico vita dimmi cosa intendi La4 La E come vivi tu se dico Fa#m Mi Mi7 forza attacchi o ti difendi La4 La Fa#m T'ho detto amore e tu m'hai messo in gabbia Mi Mi7 M'hai scritto sempre ma era scritto sulla sabbia La4 La Fa#m T'ho detto eccomi e volevi cambiarmi Mi Mi7 t'ho detto basta e m'hai detto non lasciarmi 117

Indice La4 La Fa#m Abbiamo fatto l'amore e mi hai detto mi dispiace Mi Mi hai lanciato una scarpa col tacco Mi7 e poi abbiamo fatto pace La4 La Fa#m Abbiam rifatto l'amore e ti è piaciuto un sacco Mi Mi7 E dopo un po' mi hai lanciato la solita scarpa col tacco La4 La Fa#m Gridandomi di andare e di non tornare più Mi Mi7 Io ho fatto finta di uscire e tu hai acceso la tv La4 La e mentre un comico faceva ridere Fa#m Mi io ti ho sentito che piangevi Mi Mi4 Allora son tornato ma tanto già lo sapevi..... La Fa#m Che tornavo da te senza niente da dire Sim Mi7 Senza tante parole ma con in mano Mi Mi4 ma poi tanto tu già lo sai che ritorno da te... La Fa#m Che tornavo da te senza niente da dire 118 La Fa#m Un raggio di sole per te che sei lunatica Sim Mi7 Niente teorie con te soltanto pratica La Fa#m Praticamente amore ti porto in dono Sim Mi7 Un raggio di sole per te, un raggio di sole per te. Che cosa pensi tu Fa#m Mi Mi7 se dico amore dimmi cosa intendi La4 La Fa#m Siamo andati al mare e mi parlavi di montagna Mi Mi7 abbiamo preso una casa in città e sogni la campagna La4 La Fa#m Con gli uccellini le anatre e le oche i delfini i conigli Mi Mi7 Le api i papaveri e le foche e ogni tanto ti perdo La4 La O mi perdo nei miei guai Fa#m Mi ho lo zaino già pronto all'ingresso

Indice Leather, covers, broken glasses, playing music and the LaLa Fa#m Un raggio di sole per te che sei lunatica Sim Mi7 Niente teorie con te soltanto pratica La Fa#m Praticamente amore ti porto in dono Sim Mi7 Un raggio di sole per te, un raggio di sole per te.... Do Spinning around, swimming, jumping ReDo7 Fa Do Fa

Sim Mi7 Senza tante parole ma con in mano

rain, airplanes, morbid phrases turning into dust…

L’Aura – Today
LaSol

in a world of sounds… you are always in my favourite dreams, Sol La-

lovely tender and proud Today get your cinnamon and pray Sol LaSol Re you may be… Today get your cinnamon and pray for the beauty Fa Of our land and for the secrets, for the moments Sol That we use to share Do Re-

Running around searching, looking for something Do7 Fa

to find while I’m still here waiting for you, Sol LaFa Do Redo you see me at all my sweet sweet sweet love? 119 LaSol Fa

Indice in a world of sounds…you are always in my favourite dreams, Sol LaSol lovely tender and proud Today there is nothing left to say Sol LaSol You may be… Today there is nothing left to say Do Re We all know that Fa just a word can break as into pieces Sol Sol do you see me at all my sweet love? so as we cannot forget LaSol ReRunning around searching, looking for something Do7 Fa La-

to find while I’m still here waiting for you,

LaFa

Do

Re-

Fa Sol

Sol Fa dirty

Leather, covers, broken glasses, playing music and the LaDo Fa

Black and white photographs, clothes, two guitars Fa Sol

dirty clothes, two guitars… Rain, airplanes, morbid phrases turning into dust… Do Spinning around, swimming, jumping ReDo7 Fa Do Spinning around, swimming, jumping

120

Indice ReDo7 Fa sei immensamente Giulia Sol/Si Lam Sol Il tuo nome è come musica mi riempie e non mi stanca mai Mi dedicato solo a te Intro due volte Giulia Lam Lam7+ Lam7 Ma chiudi gli occhi e aspetta che Lam6 Rem Mi arrivi la mia bocca ad allietarti chissà dove chissà come Lam Lam7+ Lam7 Vorrei fermare il tempo per Lam6 Rem Mi godere delle tue fantasie e ascoltare senza interruzioni Do Sol/Si Lam Sol Fa Ma questo è dedicato a te alla tua lucente armonia Sol Do sei immensamente Giulia Sol/Si Lam Sol Fa Il tuo nome è come musica mi riempie e non mi stanca mai Mi dedicato solo a te Intro due volte Rem Sol Do Sol/Si Lam Respira piano e ascolta che, questo è dedicato a te Sol Fa Sol Do alla tua lucente armonia sei immensamente Giulia Sol/Si Lam Sol Fa Il tuo nome è come musica mi riempie e non mi stanca mai Sol Do Do Sol/Si Lam Sol Fa sei im mensamente Giulia 121

Fa

In a world of sounds…you are always in my favourite Sol La-

dreams, lovely tender and proud Sol You may be… Do Re-

Running around searching, looking for something to find Do7 Fa

while I’m still here waiting for you… Sol Sol Fa LaSol Sol ... Fa

Do you see me at all my sweet sweet sweet love?

Le Vibrazioni – Dedicato a te
Lam Lam7+ Lam7 Sai certe volte accade che Lam6 Rem Mi ci sia bisogno di andar via e lasciare tutto al fato Lam Lam7+ Lam7 Fare come un equilibrista Lam6 Rem Mi che sul mondo sfida il crollo delle sue capacità Do Sol/Si Lam Sol Fa Ma questo è dedicato a te alla tua lucente armonia Sol Do

Indice Sol Do sei im mensamente Giulia Sol/Si Lam Sol Il tuo nome è come musica mi riempie e non mi stanca mai Mi dedicato solo a te Re La Do Si Solm La Vieni da me abbracciami e fammi sentire che sono solo mie piccole paure Re La Do Si Solm La Vieni da me per vivere ancora quei giorni di incantevole poesia e ridere di questi giorni Mim La Rem dove tutto cio è stata pura poesia...ehh (2v)

Fa

Le Vibrazioni – Vieni da me
Rem Lam7 Le distanze ci informano che siamo fragili Fa Solm E guardando le foto ti ricorderai Rem La7 Quei giorni di quiete sapendo che te ne andrai Solm La Ma io avendo paura non ti cercherò...più…più…più Re La Do Si Solm La Vieni da me abbracciami e fammi sentire che sono solo mie piccole paure Re La Do Si Solm La Riff Vieni da me per vivere ancora quei giorni di incantevole poesia e ridere… ridere… di questa poesia…ridere Rem Lam7 I veri trasformano intere identità Fa Solm Ma è guardando le stelle che mi innamorerò Rem La7 Di tutte le cose piu belle che ci son gia Solm7 ma che fanno paura La Perchè siamo fragili…fragili…fragili

Ligabue – Balliamo sul mondo
la- re sol do Siamo della stessa pasta bionda non la labevo sai. re sol do Ce l'hai scritto che la vita non ti viene lacome vuoi. re sol do Ma è la tua e per me è speciale e se ti lapuò bastare sai re sol do Che se hai voglia di ballare uno pronto laqui ce l'hai re Balliamo sul mondo!! sol do laVa bene qualsiasi musica re cadremo ballando sol do lasul mondo lo sai si scivola. re sol Facciamo un fandango 122

Indice do laLà sotto qualcuno riderà re sol do laBalliamo sul... mondo!!!! la- re sol do laNon ti offro grandi cose però quelle lì le avrai re sol do laNiente case nè futuro nè certezze, forse guai re sol Ma se dall'Atlantide all'Everest do lanon c'è posto per noi re sol Guido io in questo tango do laci facciamo posto dai re Balliamo sul mondo!! sol do laVa bene qualsiasi musica re cadre-o ballando sol do lasul mondo lo sai si scivola. re sol Facciamo un fandango do laLà sotto qualcuno fischierà re sol do laBalliamo sul... mondo!!!! la- re sol Fred e Ginger sono su una supernova do sopra noi la- re sol Chiudi gli occhi e tieni il tempo e sarà do quasi fatta dai la- re sol C'è chi vince e c'è chi perde, noi do balliamo casomai la- re sol non avremo classe ma abbiamo gambe do e fiato finchè vuoi la- re Ballando, ballando sul sol do ballando sul mondo la- re Facendo, facendo un sol do facendo un fandango la- re Ballando, ballando sul sol do ballando sul mondo la- re Ballando, ballando sul ballando sul re Balliamo sul mondo!! sol do laVa bene qualsiasi musica re cadremo ballando sol do lasul mondo lo sai si scivola. re sol Facciamo un fandango do laLà sotto qualcuno applaudirà re sol do laBalliamo sul... mondo!!!!

Ligabue – Certe notti
mi la Certe notti la macchina è calda si la mi e dove ti porta lo decide lei do#- la Certe notti la strada non conta si che quello che conta è sentire che vai sol#- la Certe notti la radio che passa Neil Young do#- la sembra avere capito chi sei mi la Certe notti somigliano a un vizio 123

Indice si la mi re re9 re re9 re che tu non vuoi smettere, smettere mai. mi la Certe notti fai un pò di cagnara si la mi che sentano che non cambierai più do#- la Quelle notti fra cosce e zanzare si e nebbia e locali a cui dai del tu sol#- la Certe notti c'hai qualche ferita do#- la che qualche tua amica disinfetterà mi la Certe notti coi bar che son chiusi si la mi al primo autogrill c'e' chi festeggerà. do#- si e si può restare soli la mi certe notti qui la si che chi s'accontenta gode la mi così così mi la si Certe notti o sei sveglio Fa#- mi la o non sarai sveglio mai si re re9 re re9 re Ci vediamo da Mario prima o poi. mi la Certe notti ti senti padrone si la mi di un posto che tanto di giorno non c'è do#- la Certe notti se sei fortunato si bussi alla porta di chi è come te sol#- la C'e' la notte che ti tiene fra le sue tette do#- la un pò mamma un pò porca com'è mi la Quelle notti da farci l'amore si la mi fin quando fa male, fin quando ce n’è'. do#- si e si può restare soli la mi certe notti qui la si che se ti accontenti godi la così così mi la si Certe notti son notti Fa#- mi la o le regaliamo a voi si re re9 re re9 re Tanto Mario riapre prima o poi. Certe notti qui, certe notti qui, re re9 re re9 re certe notti qui, certe notti.

Ligabue – Ho messo via
sol Ho messo via un pò di rumore do midicono così si fa nel comodino c'è una mina do re e tonsille da seimila watt. sol Ho messo via i rimpiattini do dicono non ho l'età mise si voltano un momomento do re sol do mi- do re io ci rigioco perchè a me... va. sol Ho messo via un pò di illusioni do che prima o poi basta così. mine ho messe via due o tre cartoni do re comunque so che sono lì 124

Indice sol Ho messo via un pò di consigli do dicono è più facile mili ho messi via perchè a sbagliare do re4 sono bravissimo da me. re siMi sto facendo un pò di posto do e che mi aspetto chi lo sa mi- do re4 che posto vuoto ce n'è stato ce n'è ce ne sarà. re sol Ho messo via un bel pò di cose do ma non mi spiego mai il perchè mi- re sol do io non riesca a metter via te sol do mi- do re sol Ho messo via un pò di legnate do i segni quelli non si può miche non è il male nè la botta do re ma purtroppo il livido. sol Ho messo via un bel pò di foto do che prenderanno polvere misia su rimorsi che rimpianti do re4 che rancori e sui perchè re siMi sto facendo un pò di posto do e che mi aspetto chi lo sa mi- do re4 che posto vuoto ce n'è stato ce n'è ce ne sarà. re sol Ho messo via un bel pò di cose do ma non mi spiego mai il perchè mi- re sol do io non riesca a metter via te sol do mi- do re sib In queste scarpe Fa re e su questa terra che dondola dondola dondola dondola sib con il conforto di Fa re un cielo che resta lì siMi sto facendo un pò di posto do e che mi aspetto chi lo sa mi- do re4 che posto vuoto ce n'è stato ce n'è ce ne sarà. re sol Ho messo via un bel pò di cose do ma non mi spiego mai il perchè mi- re io non riesca a metter via do7+ re riesca a metter via, mi- re sol do riesca a metter via te sol do mi- do re (x4) sol

Ligabue – Ho perso le parole
Rem Sib Ho perso le parole Do Fa Do Rem Eppure ce le avevo qua un attimo fa Sib Dovevo dire cose Do Fa Do 125

Indice Cose che sai che ti dovevo che ti dovrei Rem Sib Ho perso le parole Do Fa Do Rem Può darsi che abbia perso solo le mie bugie Sib Si son nascoste bene Do Fa Do Forse però semplicemente non eran mie Sib Rem Do Do Rem Sib Ho perso le parole Do Fa Do Rem Oppure sono loro che perdono me Sib Lo so che dovrei dire Do Fa Do Cose che sai che ti dovevo che ti dovrei Rem Sib Ho perso le parole Do Fa Do Rem Vorrei che mi bastasse solo quello che ho Sib Mi posso far capire Do Fa Do Anche da te se ascolti bene se ascolti un po’ Sib Do Fa 126 Do Rem Fa Do So che lo sai le mie parole non servono più Sib Do Do Fa Rem Sib Non servono parole Do

Credi, credici un po’ sei su radio freccia guardati in faccia e dopo Sib Do Rem Do Fa Sib Credi credici un po’ di più di più davvero

Fa Credi, credici un po’ metti insieme un cuore prova a sentire e dopo Sib Do Rem Do Fa Rem Credi credici un po’ di più di più davvero Rem Sib Ho perso le parole Do Fa Do Rem vorrei che ti bastasse solo quello che so Sib Io mi farò capire Do Fa Do Anche da te se ascolti bene se ascolti un po’ Rem Sib Sei bella che fai male Do Fa Do Rem Sei bella che si balla solo come vuoi tu

Indice Credi, credici un po’ metti insieme un cuore prova a sentire e dopo Sib Do Rem Do Fa Credi credici un po’ di più di più davvero Sib Do Rem Do Fa Credi, credici un po’ sei su radio freccia guardati in faccia e dopo Sib Do Rem Do Fa Sib Credi credici un po’ di più di più davvero e ti attacchi alla vita che hai C G Em F CHORUS: leggero nel vestito migliore senza andata ne' ritorno senza destinazione leggero nel vestito migliore nella testa un po' di sole ed in bocca una canzone CG Em F (x2)

Ligabue - Leggero
C G Em F Ci son macchine nascoste e pero' nascoste male e le vedi dondolare al ritmo di chi e' li dentro per ] potersi consolare ] godendo sui clacson, fra i fantasmi di Elvis ci son nuvole in certe camere e meno ombrelli di quel ] che pensi ] lo sapete cos' ha in testa, il mago Walter F7+ quando il trucco gli riesce e non pensa piu'a niente? C G Em F I ragazzi sono in giro e, certo, alcuni sono in sala giochi e l'odore dei fossi forse lo riconoscono in pochi Am G e le senti le vene piene di cio' che sei Em7 F

C G Em F Dove passera' la banda col suo suono fuori moda col suo suono un giorno un po' pesante un giorno invece ] troppo leggero? ] Mentre Key si sbatte perche' le urla la vena pensi che sei fortunato: ti e' mancato proprio solo un pelo e ti vedi con una che fa il tuo stesso giro F7+ e ti senti il diritto di sentirti leggero C G Em F C'e' qualcuno che urla per un addio al celibato per una botta di vita con una troia affittata Am G E le senti le vene piene di cio' che sei Em7 F e ti attacchi alla vita che hai

Ligabue – L’odore del sesso
Mim Lam Sol

Do Si fa presto a cantare che il tempo sistema le cose Mim Sol Lam 127

Indice Do si fa un po’ meno presto a convincersi che sia cosi Sol Do io non so se è proprio amore Mim Lam faccio ancora confusione Do Lam Mim Do so che sei la più brava a non andarsene via Sol Re forse ti ricordi ero roba tua Sol Mim Do Re non va più via l’odore del sesso che hai addosso Sol Mim Do Re si attacca qui all’amore che posso che io posso Mim Sol Lam Do e ci siamo mischiati la pelle le anime e le ossa Mim Sol Lam Do e appena finito ognuno a ripreso le sue Sol Do tu che dentro sei perfetta Mim Lam mentre io mi vado stretto Do Lam Mim Do tu che sei la più brava a rimanere Maria Sol Re forse ti ricordi sono roba tua Sol Mim Do Re non va più via l’odore del sesso che hai addosso Sol Mim Do Re si attacca qui all’amore che posso che io posso Sol Re non va più via l’odore del sesso che hai addosso Sol Mim Do Re si attacca qui all’amore che posso che io posso Sol Mim ti dico solo non va più via davvero Sol Mim non va più via nemmeno se Sol Mim Do Re non va più via… Mim Do

Ligabue – Piccola stella senza cielo
si-7 sol7+ re la sol si- sol7+ cosa ci fai re In mezzo a tutta la sol questa gente si- sol7+ sei tu che vuoi re la sol o in fin dei conti non ti frega niente si- sol7+ tanti ti cercano re la sol spiazzati da una luce senza futuro. si- sol7+ Altri si allungano re la sol Vorrebbero tenerti nel loro buio si- sol7+ ti brucerai re la sol piccola stella senza cielo. si- sol7+ 128

Indice ti mostrerai re la sol ci incanteremo mentre scoppi in volo si- sol7+ ti scioglierai re la sol dietro a una scia un soffio, un velo si- sol7+ ti staccherai re la sol perchè ti tiene su soltanto un filo, sai si- sol7+ Tieniti su re la sol le altre stelle son disposte si- sol7+ Solo che tu re la sol a volte credi non ti basti si- sol7+ Forse capiterà re la sol che ti si chiuderanno gli occhi ancora si- sol7+ O soltanto sarà re la sol una parentesi di una mezz'ora si- sol7+ ti brucerai re la sol piccola stella senza cielo. si- sol7+ ti mostrerai re la sol ci incanteremo mentre scoppi in volo si- sol7+ ti scioglierai re la sol dietro a una scia un soffio, un velo si- sol7+ ti staccherai re la sol perchè ti tiene su soltanto un filo, sai Em C

Io ti ho vista gia' G D E

eri in mezzo a tutte le parole C G D

che non sei riuscita a dire mai. Eri in mezzo a una vita che poteva andare non si sapeva dove...

[rit] [Qui la TAB dovrebbe essere giusta]

Em

C

G

D

e:--0--------0--------0-----|-3--------3--------2-----| B:-----0--------1--------1--|----0--------3--------3--| G:--------0--------0--------|-------0--------2--------| D:--------------------------|-------------------------| A:--------------------------|-------------------------| E:--------------------------|-------------------------|

Ligabue – Quella che non sei

129

Indice Ti ho vista fare giochi con lo specchio e aver fretta di esser grande e poi voler tornare indietro C C B:-------0------------

G:---------2-- (x3) --0-----D:-2--2------A:-----------E:-----------------4------------------

quando non si puo'. Em Quella che non sei C quella che non sei non sei G ma io sono qua D e se ti bastera'. Quella che non sei e non sarai a me bastera'. C'e' un posto dentro te in cui fa freddo e' il posto in cui nessuno e' entrato mai Em A9 Em A9 Em A9 G D quella che non sei

Io ti ho vista gia' eri in mezzo a tutte le tue scuse senza saper per cosa. Eri in mezzo a chi ti dice scegli: *O troia o sposa*.

[rit] Ti ho vista vergognarti di tua madre fare a pezzi il tuo cognome sempre senza disturbare C C

che non si sa mai. Em Quella che non sei C

Em

A9

G

D quella che non sei non sei G 130

e:------------

---------

Indice ma io sono qua D e se ti bastera'. Questa è la mia vita Quella che non sei e non sarai Se entri chiedimi permesso a me bastera'. Portami a una gita C'e' un posto dentro te che tieni spento e' il posto in cui nessuno arriva mai Em A9 Em A9 Em A9 G D quella che non sei. Fammi ridere di gusto Porta la tua vita Che vediamo che succede a mescolarle un po' Non è mai successo che pagassero per me

Ligabue – Questa è la mia vita
Strofa: SOL DO9 MIm RE4 RE

E ora che ci sei Dato che ci sei Fammi fare un giro su chi non son stato mai Dato che ci sei Come io vorrei

Rit: DO

LAm DO SOL SOL/FA#

LAm

text

Questa è la mia vita Sono quello che ci pensa

Questa è la mia vita Se ho bisogno te lo dico Sono io che guido Io che vado fuori strada Sempre io che pago

Porto un paio d'ore Una notte bella densa Trattamela bene Che al momento ho solo questa E poi vedremo poi

131

Indice Dato che ci sei Questa è la mia vita Certi giorni non si batte Dato che ci sei Certi altri meno Come io vorrei È così che va per tutti Certi giorni è poca Certi giorni sembra troppa E invece non lo è mai Fammi fare un giro su chi non son stato mai

Ligabue – Tra palco e realtà
do sol la-7 Abbiamo facce che non conosciamo sol do ce le mettete voi in faccia pian piano sol la-7 e abbiamo fame di quella fame sol do che il vostro urlo ci regalerà sol la-7 E abbiamo l'aria di chi vive a caso sol do l'aria di quelli che paghi a peso sol la-7 e abbiamo scuse che anche se buone sol do7+ non c'e' nessuno che le ascolterà do do9 sol E poi abbiamo già chi ci porta la-7 sol fino alla prossima città do9 sol ci mette davanti a un altro microfono la-7 sol che qualche cosa succederà re Siam quelli là re4 re Siam quelli là laSiam quelli là do re sol Quelli tra palco e realtà la7/4 ta ta rarara sol 132

E ora che ci sei Dato che ci sei Fammi fare un giro su chi non son stato mai Dato che ci sei Come io vorrei

Questa è la mia vita Tieniteli tu i consigli Io non l'ho capita Figurati se tu fai meglio Porta la tua vita Che vediamo che succede a mescolarle un po'

Ma ora che ci sei

Indice ta ta rarara ta ta rarara do9 do sol Quelli tra palco e realtà la7/4 ta ta rarara sol ta ta rarara do ta ta rarara do sol la-7 Abbiamo amici che neanche sappiamo sol do che finché va bene ci leccano il culo sol la-7 e poi abbiamo casse di Maalox sol do per pettinarci lo stomaco. do sol la-7 Abbiamo soldi da giustificare sol do e complimenti per la trasmissione sol la-7 e abbiamo un ego da far vedere sol do a uno bravo davvero un bel pò do do9 sol E poi abbiamo chi ci dà il voto la-7 sol ci vuol spiegare come si fa: do9 sol è come prima? No si è montato la-7 sol ognuno sceglie la tua verità re Siam quelli là re4 re Siam quelli là laSiam quelli là do re sol Quelli tra palco e realtà la7/4 ta ta rarara sol ta ta rarara ta ta rarara do9 do sol Quelli tra palco e realtà la7/4 ta ta rarara sol ta ta rarara do ta ta rarara mi-7 re do9 E c'e' chi non si sbaglia mai sol re mi-7 ti guarda e sa chi sei. re do9 E c'e' chi non controlla mai sol re dietro la foto. mi-7 re do9 E c'e' chi non ha avuto mai sol re do9 nemmeno un dubbio mai, sol re la9 nemmeno un dubbio mai do sol la-7 Abbiamo andate e ritorni violenti sol do o troppo accesi o troppo spenti sol la-7 e non abbiamo chi ci fa sconti sol do che quando è ora si saluterà do do9 sol E ce l'abbiamo qualche speranza la-7 sol forse qualcuno ci ricorderà do9 sol e non solamente per le canzoni la-7 sol per le parole o la musica re Siam quelli là re4 re Siam quelli là laSiam quelli là do re sol Quelli tra palco e realtà la7/4 ta ta rarara 133

Indice sol ta ta rarara ta ta rarara do9 do sol Quelli tra palco e realtà la7/4 ta ta rarara sol ta ta rarara do ta ta rarara Sol una vita da mediano Re che natura non ti ha dato Lam ne lo spunto della punta Do ne del dieci che peccato Sol Re li sempre li, li nel mezzo Lam Do finché ce n’hai stai liSol una vita da mediano Re da uno che si brucia presto Lam perché quando hai dato troppo Do devi andare fare posto Sol una vita da mediano Re lavorando come Oriali Lam anni di fatiche e botte Do e vinci casomai i mondiali Sol Re li sempre li, li nel mezzo Lam Do finchè ce n’hai stai li Sol li sempre li, li nel mezzo Lam Do finché ce n’hai stai li

Ligabue – Una vita da mediano
Sol una vita da mediano Re a recuperar palloni Lam nato senza i piedi buoni Do lavorare sui polmoni Sol Una vita da mediano Re con dei compiti precisi Lam a coprire certe zone Do a giocare generosi Sol Re li sempre li, li nel mezzo Lam Do finché ce n’hai stai li Sol una vita da mediano Re da chi segna sempre poco Lam Do il pallone devi darlo a chi finalizza il gioco

Ligabue – Urlando contro il cielo
la Come vedi sono qua re mi monta su, non ci avranno 134

Indice la re finchè questo cuore non creperà mi la re mi di ruggine, di botte o di età. la C'è una notte tiepida re e un vecchio blues mi da fare insieme, la in qualche posto accosterò re mi e quella là sarà la nostra casa, ma Fa#- do#- mi si re credo che meriti di più mi ma intanto son qua io Fa#- do#- mi si re e ti offro di ballarci su: siè una canzone di cent'anni almeno re mi Urlando contro il cielo. la re mi la re mi Ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh. la Non saremo delle star re mi ma siam noi, con questi giorni la fatti di ore andate per re mi un weekend e un futuro che non c'è. Fa#- do#- mi si re Non si può sempre perdere mi per cui giochiamoci Fa#- do#- mi si re certe luci non puoi spegnerle. siSe è un purgatorio è nostro perlomeno. re mi Urlando contro il cielo. la re mi la re mi Ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh. re5 mi5 la5 re5 mi5 do re Fantasmi sulla la quattordici. do re Dai finestrini passa odor di mare, diesel, mi4 mi merda, morte e vi-ta. Fa#- do#- mi si re Il patto è stringerci di più mi prima di perderci. Fa#- do#- mi si re Forse ci sentono lassù. siÈ un pò come sputare via il veleno. re mi Urlando contro il cielo. la re mi la re mi Ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh. la re mi la re mi Ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh. (contro il cielo) (contro il cielo) la re mi la re mi la Ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh.

Litfiba – El Diablo
Giro di notte con le anime perse Lam Sol Do Sol/Re Lam Sì della famiglia, io sono il ribelle Sol Do Sol/Re Lam Tu vendimi l'anima e ti mando alle stelle Sol Do Sol/Re Lam E il paradiso è un'astuta bugia Sol Do Sol/Re Lam Tutta la vita è una grassa bugia... 135

Indice Sol Do Sol/Re Lam sì Sol Do Sol/Re Lam Sol Do Sol/Re La vita dura è una gran fregatura Lam Sol Do Sol/Re Lam Ma a volte uno strappo è una necessità Sol Do Sol/Re Lam A chi va bene, a me va male E sono un animale e sia!! Sol Do Sol/Re Lam Tutta la storia è una grassa bugia Sol Do Sol/Re Lam Tutte le vite per primo la mia Sol Do Sol/Re Lam Ah mama mia el diablo Fa Re Lam Ah ariba, ariba el diablo Fa Re Lam Ah mama mia el diablo Fa Re Lam Sei, sei, sei Sol Sol# Lam Sol Do Sol/Re Lam Sol Do Sol/Re Lam Spara al serpente della prima mela Lam Sol Do Sol/Re Lam Che ruba la forza a chi lo condannò Sol Do Sol/Re Lam Ed io con la musica mi cambio la pelle Sol Do Sol/Re Lam Ma il paradiso è un'astuta bugia Sol Do Sol/Re Lam Tutte le vite per primo la mia Sol Do Sol/Re Ah mama mia el diablo, Fa Re Lam Ah ariba ariba el diablo Fa Re Lam Ah mama mia el diablo Fa Re Lam Ah sua santità el diablo Fa Re Lam Sei, sei, sei. Sol Sol# Lam Sol Do Sol/Re Lam

Litfiba – Fata Morgana
Am Am/C G Gm Am Am/C Ho sete, ho sete di te che non sei qui G Gm Am Am/C G Gm Am Am/C G Gm stella caduta dagli o--cchi che voli sul mio deserto Am Am/C G Gm Am Am/C Ho sete le nuvole mi cadono dentro, G Gm Am Am/C cerchio che ha perso il suo centro G Gm Am Am/C perche' ha smarrito ogni senso. G Gm Am Am/C G Gm Oooh, sabbia rossa e deserto. Am Em F G Am Em F G 136

Indice Aaaah, yeeee, aaaah, yeeee Am Em F G Am Em F G Aaaah, yeeee, aaaah, yeeee [solo] Am Em F G Am Em F G Lunga scala d'aria che sale dal deserto Am Em F G non c'e' confine tra l'occhio dentro Am Em F G Am Em F G e l'occhio fuori e' un Morgana. [solo] Am Em F G Am Em FG Lenta processione all'alba nel deserto Am Em F G Am Em F fata Morgana ha gia' cambiato ogni profilo G Am Em F G aa-aspetto a parlare prima che l'illusione Am Em F G si sia mossa. Am Em F Poi scopro il confine che G Am Em F G Am Em F G dall'infinito vola dentro di me, Morgana. [solo] Am Em F G Am Em F G Aaaah, yeeee, aaaah, yeeee Am Em F G Am Em F G Aaaah, yeeee, aaaah, yeeee Am Am/C G Gm Am Am/C Ho sete significa che sono vi-vo G Gm Am Am/C che importa se l'ultimo o il pri-mo G Gm Am Am/C il cuore vuol battere ancora ancora G Gm Am ancora ancora no Am/C G Gm Am Am/C G oooh, sabbia rossa e deserto Gm Am Am/C G la sento negli occhi Gm Am Am/C G in fondo ai miei occhi Gm Am Am/C G salire dal ma------re Gm Am Am/C G Gm passando dal cuo-----re [outro]: Am Am/C G Gm

Litfiba – Il mio corpo che cambia
la- do sol re la- do sol re mi- do sol re Cos'è cos'è questa sensazione mi- do è come un treno che passa sol re dentro senza stazione mi- do sol re dov'è dov'è il capostazione mi- do sto viaggiando senza biglietto sol re e non ho direzione la- do sol re mi- do sol re è lei è lei che prende la mia mano mi- do e mi accompagna in questo lungo viaggio sol re andiamo lontano mi- do sol re 137

Indice ecco cos'è tutto il mio stupore mi- do non è facile guardare in faccia sol re la trasformazione sol re È il mio corpo che cambia mi- do sol re nella forma e nel colore è in trasformazione sol re mi- do È una strana sensazione in un bagno di sudore sol re È il mio corpo che cambia mi- do sol re che cambia e cambia mi- do sol re Cos'è cos'è questa sensazione mi- do è come un treno che mi passa dentro sol re senza stazione mi- do sol re dimmi qual è qual è la mia direzione mi- do sol re sto viaggiando senza biglietto nè limitazioni la- do sol re sol re È il mio corpo che cambia mi- do sol re nella forma e nel colore è in trasformazione sol re mi- do È una strana sensazione in un bagno di sudore sol re È il mio corpo che cambia mi- do sol re che cambia e cambia mi- do sol re che cambia e cambia mi- do sol re che cambia e cambia

Litfiba – Spirito

sol Quando mi sveglio cerco i miei sogni Fa non li ritrovo più sol non apro gli occhi per chiamarti indietro Fa e rivedere la mia fantasia sol Spirito libero Fa sto contento quando mi parli dentro sol libero spirito Fa sto contento quando mi balli dentro sol Il mondo e storto aspetta in coda Fa appeso a un semaforo sol provo a smontarlo con un sorriso Fa è il solo gioco che so il mondo è un cannibale sol Spirito libero Fa sto contento quando mi parli dentro sol libero spirito Fa sto contento quando mi balli dentro sol do Fa Sei la scintilla che scatena l'intensità sol do Fa fratello libero sei il genio della lampada sol do cambia la rabbia dal mio corpo Fa quando ci sei sol do Fa e ogni problema è un labirinto fantastico sol do Fa sol do Fa sol do Fa 138

Indice Spirito sol Il mondo e storto gioca col morto Fa e ruba la fantasia sol provo a smontarlo con un sorriso Fa è il solo gioco che so il mondo è un cannibale sol Spirito libero Fa sto contento quando mi parli dentro sol libero spirito Fa sto contento quando mi balli dentro sol do Fa Sei la scintilla che scatena l'intensità sol do Fa fratello libero sei il genio della lampada sol do cambia la rabbia dal mio corpo Fa quando ci sei sol do Fa e ogni problema è un labirinto fantastico Abbiamo troppa fantasia e se diciamo una bugia mi7 lam la7 è una mancata verità che prima o poi resuccederà sol do cambia il vento ma noi no, Fa e se ci trasformiamo sib un pò mi7 lam è per la voglia di piacere a chi c'è già o potrà Fa arrivare sol a stare con noi do mi- la- do Fa siamo così, è difficile spiegare certe giornate re- Fa sol do mim Amare, lascia stare, tanto ci potrai trovare qui la- do Fa con le nostre notti bianche, ma non saremo re- Fa sol Stanche neanche quando Fa do re- do ti diremo ancora un altro si. Fa do In fretta vanno via delle giornate senza fine re- Fa sol silenzi, che familiarità. Fa do E lasciano una scia le frasi da bambina re- Fa sol che tornano, ma chi le ascoltera? Fa sol do lam E dalle macchine per noi sib i complimenti dei play-boy mi7 lama non li sentiamo più 139

Fiorella Mannoia – Quello che le donne non dicono
Fa do Ci fanno compagnia certe lettere d'amore re- Fa sol parole che restano con noi Fa do e non andiamo via, ma nascondiamo del dolore re- Fa sol che scivola, lo sentiremo poi Fa sol do lam sib

Indice la7 rese c'è chi non ce li fa più sol do Fa cambia il vento ma noi no, e se ci confondiamo sib un pò mi7 lam Fa è per la voglia di capire chi non riesce più a parlare sol ancora con noi do mi- la- do siamo così, dolcemente complicate, Fa sempre più emozionate re- Fa sol do midelicate, ma potrai trovarci ancora qui la- do Fa nelle sere tempestose, portaci delle rose, renuove cose Fa sol Fa sol e ti diremo ancora un altro si. do mi- la- do siamo così, anche quando non parliamo, Fa quando ci nascondiamo re- Fa sol do mio camminiamo, ma potrai trovarci ancora qui la- do Fa recon i nostri sentimenti e i condizionamenti, non ci senti Fa sol Fa do stiamo per gridare un altro si.

mi alzo col botto alle otto ed esco col bassotto dell'inquilino sotto rientro che già piove, mi pagano alle nove discuto gli arretrati che son rimasti indietro ma dovunque siano andati per andare sono andati ho una vita da condurre, con due banconote azzurre con sopra scritto 20 20 e 20 fa 40 e a me che serve 100 ne mancano 60 a te serve 300 e il fatto va a finire in banca a lui serve 3000 e già gli manca una pistola a chi serve 300mila manca una carriola di banconote gialle che il vento porta in aria al posto delle foglie e il vento le raduna le conta le riconta ma ne manca sempre una non ho lavoro quindi non ho paura di perdere il lavoro rientro col botto alle otto rincaso col bassotto dell'inquilino sotto per tutti e due già piove, prendo sonno per le nove così mangio domani e sogno "l'inventore" che ha prestato le sue mani per sostituir le foglie con le banconote gialle da 50 sopra ai rami chi ha prestato le sue mani per sostituir le foglie con le banconote gialle da 50 sopra 140

Pino Marino – Non ho lavoro
non ho lavoro quindi non ho paura di perdere il lavoro

Indice ai rami? chi ha prestato le sue mani per convincere gli umani ad inseguir le foglie gialle appese sopra ai rami? non ho lavoro quindi non ho paura di perdere il lavoro

Marlene Kuntz – Nuotando nell’aria
Pelle, è la tua proprio quella che mi manca in certi momenti, in questo momento la tua pelle è cio che sento, DO MInuotando, nell'aria, FA DO l'odore dell'amore nella mente MIdolente tremante ardente FA il cuore domanda, DO cos'è che manca?? MIperche' si sente male ...molto male FA amando,amando,amandoti ancora DO Nel letto, MIaspetto ogni giorno un pezzo..di te FA un grammo di gioia DO del tuo sorriso e non mi basta MInuotare nell'aria per immaginarti FA se tu sapessi...che pena!! DO Intanto, l'aria intorno MIè piu' nebbia che altro l'aria FA è piu' nebbia che altro!! 141

Marlene Kuntz – Lieve
LA- DO RE Forse, davvero, ci piace, si ci piace di più oltrepassare in volo in alto più in là

Meglio del perdersi in fondo all'immobile LA- DO RE meglio del sentirsi forti nel labile. Forse, sicuro, è il bene più radioso che c'è lieve, svenire, per sempre, persi dentro di noi Meglio del perdersi in fondo all'immobile meglio del sentirsi forti nel labile. Meglio del perdersi in fondo all'immobile meglio del sentirsi forti nel labile. Forse, davvero, ci piace, si ci piace di più

Indice Telefono ma sono un pò perplesso o è uno scherzo, oppure chest è nu cess e buon è buon è cessa, po tant' o'sap sul chi mett o'pesce e chi s'o tene ngulo - Pronto? - risponde co na vocia strana e avvia a parlà e' pisc' in'da patana non si scompone, pare na tipa tosta - Vediamoci alle dieci annanz'e poste, per te va bene? - Benissimo! - Ho risposto non so che faccia tieni, ma già intosto e nun mi par'o ver sta situaziona strana ma a niente a niente mica fa a'pputtana? subito dopo squilla il cellulare na voce e cazz un pò settentrionale - Dottore, il colloquio è domattina lei in cosa è laureato, in medicina? - No, in lettere moderne - Vabbè fa niente venga alle dieci che c'è molta gente. Veng, co cazz! Meglio disoccupato che sta c'o scrupol'e perde na chiavata! mi vesto da bellillo, mi metto il cravattiello, mi lavo sott'i scelle, ro cuoll fin'e palle, profumatissimissimo sarò mannaggiaddìo, s'è appresentata a casa mo zi'zia - Mammà nce sta? - No, ven tra n'oretta scusateme zi'zi' ma vac'e fretta mannaggiaddio, - A'ritt "aspetta, fammi compagnia!" si perd'appuntamento pe colpa e sta cacacazz c'ho chiav aropp a'ess rind'o mazz 142

DO E' certo un brivido averti qui con me MIin volo libero FA sugli anni andati ormai.. DO e non è facile dovresti credermi MIsentirti qui con me FA perche' tu non ci sei DO mi piacerebbe sai sentirti piangere MIanche una lacrima FA per pochi attimi DO mi piacerebbe sai sentirti piangere MIanche una lacrima FA per pochi attimi

Gianfranco Marziano – Appuntamento
Un classico della canzone napoletana che tanto scuorno ha fatto pigliare a grandi e piccirill' Ci sta un amico mio carissimissimo mi ha dato un numero che è sicurissimo - Telefona e parla a nome mio questa chiava sicuro, giuro su dio!

Indice - A zia t'ha purtat'a sfugliatella sfriuta rind'e l'uoglio ca nutella è bona, assaggia ja, famme cuntenta o pasticciere è bravo e nnistassente assaggia sto cannuolo pa ricotta è bono e po è peccato ca se jetta e magna bell'a zia e dall natu muorso t'agg astipat' da sabato scorso da sabbato? da sabbato! da sabbato, ngulo è na settimana e addo t'ha cunservat, rind'a patana? chesta ricotta fete e'cane muorto naggiamaronn m'egghiut pure stuort scusateme zi'zi' ma vac'e press a vij a'sapit ij aggia i 'ndo cesso nnagiamaronn so già dieci e venti me sciacqu'o cazz mentre me lav'i rient me facc mal a barba, me mett stuort e scarp me bagn i caz'ttin, me chieg arreterin anghiappo 'o ddeodorante, o spruzzo ma è vacante mett'a mutanda storta, s'incastra pur'a porta me n'esco pa finestra, tutta bagnat ntesta a scarpa nov'e sola, sciuliea 'ngopp 'e riggiola me schiego dind'e dinocchia, me spacco ngoppa l'uocchio però continuo a corre, co 'ssang ca mi scorre parlato - Uagliò vir che te fatt! mannaggiaddìo, agg perduto pure a filovia chillu ricchion'e'mmerda n'aspettat m'ha fatt corre e aropp ha accellerato mannaggiaddìo, naggia madre teresa e padre pio che non sia ma maronna faliss appuntamento tacciato di ricchionaggine sarò n'appuntamento a pescere non so se puoi capiscere non puoi farti conoscere per ricchionosità la zoccola aspettasce ma se si spazientisce sbuffisce, ti spunisce e se ne vaaaa e poi come si fa, un'altra chi la saaaa? e io mi annoio tanto, come lo passo il tempo seduto nnanz'o bar, sperando di chiavar non si può far attender la signora ci manca ancora scarsa un quarto d'ora e devo attraversare ancora la città se corro a piedi c'ha putesse fà allora risoluto avvio affujo e strippo perchè mi sembro un tossico che appena ha fatto u'scippo la gente guarda strano e a uno addirittura ci scappa il cane pitbull che fiuta la paura stu cess'e cane subito m'anghiapp arret'o mazz a gente guarda e ride, n'so fa passà po cazz m'anghiapp a'scarpa nbocca, io cado e mi strafaccia allucco, sang e polvere, e'pall'e cane nfaccia m'aizz senza scarpa e fujo com'o viento nun posso perde tempo, tengo n'appuntamento quando tutt'ad un tratto un lieve doloretto i passerell'e ziema cominciano a fa effetto mi scende la pressione, se torcon i stentin un litro di sudore me scorre arret'e rin 143

Indice o angelo costodo, nun me lasci a mme sulo maronna marunnella, miettem'o tappo ngulo mannaggiaddìo, m'agg cacat nguoll miezz'a via nu miezz strunz o teng rint'e pacche o riesto poi cio meng' inda pucchiacca!!! mannaggiaddìo, signora mi presento, songo io sì è vero scorro merda e anche sangue dal naso ma non vi spaventate, basta non farci caso mannaggiaddìo, 'sta stronza sta chiamann'a polizia l'appilo 'a vocca, fatemi spiegare mi chiava un muorso e poi comincia a urlare mannaggiaddìo, ma non credete alla parola mia? vi giuro brigadiero, lei era consenziento e tenevamo pure appuntamento ...lassateme, curnut, so innucento! DO DO7+ DO7+ RE- SOL DO6

Sei peggio di un bambino capriccioso, la vuoi sempre vinta tu REDO7+ DO6 SOL7

sei l'uomo più egoista e prepotente che abbia conosciuto mai SOLDO FA DO FASOL-

ma c'è di buono che al momento giusto tu sai diventare un altro DO DO7+

in un attimo tu........ SOL Sei grande grande grande SOL7 DO LAb

e le mie pene non me le ricordo più. REb REb7+ REb7+ MIb- LAb REb6

Mina – Grande grande grande
DO DO7+ DO7+ DO6 RE- SOL

Io vedo tutte quante le mie amiche son tranquille più di me MIbREb7+ LAb

Con te dovrò combattere, non ti si può pigliare come sei REDO7+ DO6 SOL7

non devono discutere ogni cosa come tu fai fare a me LAb- REb SOLb6 SOLb-6 LAb REb

i tuoi difetti son talmente tanti che nemmeno tu li sai

ricevono regali e rose rosse per il loro compleanno 144

Indice REb REb7+ LAb non hanno mai REb LA7 venduto orologi alle stelle do mi- re miAshiwa dea della notte do mi- re vieni a coprirmi d'oro sol do ho braccialetti finti re sol ed un anello per ogni mano do re ma nessuna moglie. mi- do mi- re miLa quarantunesima notte do mi- re vennero a cercarmi sol re mipestaron gli orologi come conchiglie mi- do mi- re miAshiwa dea della notte do mi- re fammi tornare a casa sol re avrò una valigia mipiena di dolci e di cravatte do re e rivedrò il mio villaggio. mi- do mi- re miCosì per divertirsi o forse do mi- re perché risposi male sol re mimi spaccarono la testa con un bastone mi- do mi- re miAshiwa dea della notte do mi- re lei venne a liberarmi sol re le mie tempie milei baciò ed io guarii do re e loro no non la videro. mi- do mi- re miQuaranta notti al gelo do mi- re sotto un portico deserto sol re miho 145

dicon sempre di sì, problemi LAb7

e son convinte che la vita è tutta lì RE RE7+ RE7+ MI- LA7 SI-

Invece no , invece no la vita è quella che tu dai a me MIRE7+ LA7

in guerra tutti i giorni sono viva, sono come piace a te LASOL7+ RE LARE

ti odio e poi ti amo e poi ti amo e poi ti odio e poi ti amo SOL-7 RE RE7+

non lasciarmi mai più LA Sei grande grande grande LA7 RE

come te sei grande solamente tu.

Modena city ramblers – Ahmed l’ambulante
mi- do mi- re miQuaranta notti al gelo do mi- re sotto un portico deserto sol re miho

Indice venduto orologi alle stelle mi- do mi- re miAshiwa dea della notte do mi- re vieni a coprirmi d'oro sol re ho braccialetti finti mied un anello per ogni mano do re ma nessuna moglie. mi- do mi- re miNon sono morto al freddo do mi- re delle vostre città sol re mima su una grande pila d'ebano sol re mie la mia gente ha cantato e ballato do re per quaranta notti C G e la sera ci facemmo un bicchiere di A scura ed un giro di walzer C con tanti saluti ad un altro Natale G A C (x2) G C Signora dei vicoli scuri G C abbracciami forte stasera EC anche i gatti festeggiano a volte G D e cantano sotto le stelle G C dimentica il freddo le lacrime EC e le scarpe coperte di fango G C e il destino di un vecchio ubriacone Ecullato dal canto del vento C ti ricordi c'incontrammo G in un giorno di neve e di freddo C G e stasera ci faremo un bicchiere di A scura ed un giro di walzer C con tanti saluti ad un altro Natale G A C (x2) G C Signora dei vicoli scuri G C non mollare la lotta EC G verranno momenti migliori il tempo D è una ruota che gira G C vedremo le rive del mare EC 146

Modena city ramblers – Canto di natale
E- G D A (x2) G C signora dei vicoli scuri G C dal vecchio cappotto sciupato EC asciugati gli occhi e sorridi G D c'è un altro Natale alle porte G C non senti le grida e le voci EC e qualcosa di strano nell'aria G C anche i muri ingrigiti dei vicoli Esplendono sotto la luna C ti ricordi c'incontrammo G in un giorno di neve e di freddo

Indice in un giorno assolato d'estate G C scoleremo cinquanta bottiglie Eriparo di un cielo lontano C Ti ricordi c'incontrammo G in un giorno di neve e di freddo C G E stasera ce ne andremo a ballare A per strade e a brindare un saluto C E un cordiale fanculo ad un Altro Natale G A C (x2) ai folletti che corrono sulle tue Astrade. C G A- F G (X2) AHai i fianchi robusti di una vecchia signora e i C G modi un pò rudi della gente di mare, Atrascini tra fango, sudore e risate e DF la puzza di alcool nelle notti d'estate. AUn vecchio compagno ti segue paziente, il C G mare si sdraia fedele ai tuoi piedi, Ati culla leggero nelle sere d'inverno, Dti riporta F Avoci degli amanti di ieri. F C È in un giorno di pioggia che ti ho G conosciuta, C G Ae il vento dell'ovest rideva gentile F e in un giorno di pioggia C G ho imparato ad amarti AF G mi hai preso per mano portandomi AVia C G A- F G C A- F G AAHai occhi di ghiaccio ed un cuore di terra, C G hai il passo pesante di un vecchio ubriacone, A147

Modena city ramblers – In un giorno di pioggia
Is è mo laoch, mo ghile mear Is è mo Shaesar ghile mear Ni fhuras fein aon tsuan as sean o chuaigh i gcein mo ghile mear AAddio, addio e un bicchiere levato al C G cielo d'Irlanda e alle nuvole gonfie. AUn nodo alla gola ed un ultimo Dsguardo alla vecchia Liffey e alle F strade del porto. AUn sorso di birra per le verdi C brughiere e un altro ai mocciosi G coperti di fango, Aun brindisi anche agli gnomi a alle fate, DF

Indice ti chiudi a sognare nelle notti d'inverno e ti DF copri di rosso e fiorisci d'estate. AI tuoi esuli parlano lingue straniere, si C G addormentano soli sognando i tuoi cieli, Asi ritrovano persi in paesi lontani a DF cantare una terra di profughi e Asanti. F C È in un giorno di pioggia che ti ho G conosciuta, C G Ae il vento dell'ovest rideva gentile F e in un giorno di pioggia C G ho imparato ad amarti AF G Ami hai preso per mano portandomi via. F C E in un giorno di pioggia ti rivedrò G ancora AG e potrò consolare i tuoi occhi Abagnati. F C In un giorno di pioggia saremo G vicini, AF G Aballeremo leggeri sull'aria di un reel. D Se dovessi cadere nel profondo dell'Inferno G Bdentro un fiume nero come l'inchiostro D rotolare perduto tra i sacchi di immondizia in G A un baratro senza ritorno, D Se dovessi sparire nei meandri della terra e G Bnon vedere più la luce del giorno D G ma è sempre soltanto la stessa vecchia storia A D e nessuno lo capirà G BMa lasciatemi qui nel mio pezzo di cielo ad G D affogare i cattivi ricordi G Bnelle vie di New York il poeta è da solo e A nessuno lo salverà D Nel distretto 19 la vita corre svelta G Btra i palazzi e i boulevards di Parigi D gli emigrati che ballano ritmi zigani G A si scolano le nere e le verdi D lo sdentato inseguiva le ragazze straniere G Bdai cappelli e dai vestiti leggeri D G ma è sempre soltanto la stessa vecchia storia 148

Modena city ramblers – Morte di un poeta

Indice A D e nessuno lo capirà. G BMa lasciatemi qui nel mio pezzo di cielo ad G D affogare i cattivi ricordi G Bnelle vie di Parigi il poeta è da solo e A nessuno lo salverà D Vecchia sporca Dublino per un figlio che ritorna G Bsei una madre che attende al tramonto D con la puzza di alcool coi baci e le canzoni G A per chi è stato un prigionero lontano D c'è una bomba e una pistola, un inglese da accoppare G Be una divisa dell'esercito in verde D ma è sempre soltanto G A la stessa vecchia storia e nessuna lo capirà. G BMa lasciatemi qui nel mio pezzo di cielo ad G D affogare i cattivi ricordi G Bnelle vie di Parigi il poeta è da solo e A nessuno lo salverà G D G D E- G D E- G D B- E G D G BCamminavo vicino alle rive del fiume C G nella brezza fresca Bdegli ultimi giorni d'inverno EG A e nell'aria andava una vecchia canzone EG A e la marea danzava correndo verso il mare. D G BA volte i viaggiatori si fermano stanchi D G e riposano un poco Bin compagnia di qualche straniero. EG A Chissa dove ti addormenterai stasera EG A e chissà come ascolterai questa canzone. D G BForse ti stai cullando al suono di un treno, D Einseguendo il ragazzo gitano G con lo zaino sotto il violino D G e se sei persa Bin qualche fredda terra straniera D Eti mando una ninnananna G E- B- G per sentirti più vicina. Un giorno, guidati da stelle sicure ci ritroveremo in qualche angolo di mondo lontano, nei bassifondi, tra i musicisti e gli sbandati o sui sentieri dove corrono le fate. E prego qualche Dio dei viaggiatori Che tu abbia due soldi in tasca 149

Modena city ramblers – Ninna nanna

Indice da spendere stasera e qualcuno nel letto per scaldare via l'inverno e un angelo bianco seduto vicino alla finestra. D G E- B- (x4) G D A m'in ceva ste fe al masler, A E Marangoun, giurnaler.,, A D ste impieghe o ste un garzoun, A E A a m'in ceva sti maraun. A D A m'in ceva di animel, A E tant nueter a sam uguel A D se te't di c'a sam tot mat, A E A a m'in ceva un caz. A D A m'in ceva s'a vin la neva, A E e dal Pepa c'sa vot c'm'in ceva, A D e 'dla peppa e ragastas, A E A a m'in ceva un caz. A D A m'in ceva di guvernant, A E a m'in ceva dai cantant A D e d'Agnelli e'd Berlusoun, A E A a m'in ceva sti maraun. A D A m'in ceva ste un mort ed fam, A E ste un puvret, un signour o un can. A D A m'in ceva d'un brot sciaf, A E A a m'in ceva un caz.

Modena city ramblers – The great song of indifference
ADAEA A D A m'in ceva ste vo ander. A E A m'in ceva ste't vo fermer. A D A m'in ceva ste dis ed no, A E A a m'in ceva gnanc un pos. A D A m'in ceva ste ve a murir, A E eterntant ste ve a durmir. A D A m'in ceva ste t'amaz, A E A a m'in ceva un caz. A D A m'in ceva d'un panein, A E gnanca d'un bicer ed vein. A D Indo vaghia, indo a soun ste, A E A a m'in ceva ed te. A D A m'in ceva di padroun, A E dal lavor e 'dla disocupazioun, A D e anca 'd me c'a soun a spas, A E A a m'in ceva un caz. A D

Domenico Modugno – Nel blu dipinto di blu
C E Penso che un sogno così non ritorni mai 150

Indice D-7 G7 più, D-7 G7 mi dipingevo le mani e la faccia di C blu. F#A Poi d'improvviso venivo dal vento D-7 rapito, D7 A-7 e incominciavo a volare nel D7 cielo infinito. E DA7 D-7 Volare, oh oh, GC E-7 Acantare, oh oh oh oh. F G C ANel blu dipinto di blu, F G7 C felice di stare lassù. AE volavo volavo felice E Più in alto del sole ed ancora più su E7 mentre il mondo pian piano spariva Alontano laggiù. F- BbUna musica dolce suonava soltanto per Eb G7 me. E D- A7 D-7 Volare, oh oh, GC E-7 Acantare, oh oh oh oh. F G C ANel blu dipinto di blu, F G7 felice di stare lassù. C E Ma tutti i sogni nell'alba svaniscon D-7 G7 perché D-7 G7 C quando tramonta la luna li porta con sé. F#A Ma io continuo a sognare n D-7 egli occhi tuoi belli D7 A-7 che sono blu come un cielo D7 trapunto di stelle... Volare, oh oh, cantare, oh oh oh oh. Nel blu dipinto di blu, felice di stare lassù con te

Gianni Morandi – C’era un ragazzo
E B C'era un ragazzo che come me A B amava i Beatles e i Rolling Stones E B girava il mondo veniva da A B gli Stati Uniti d'America E B Non era bello ma accanto a se A B aveva mille donne se E B cantava Help, Ticket to Ride A B o Lady Jane o Yesterday E A cantava "Viva la libertà" B E ma ricevette una lettera E A la sua chitarra mi regalò F# B fu richiamato in America E G D A B Stop! coi Rolling Stones E G D A B 151

Indice Stop! coi Beatles stop A G#- F#- E Gli han detto vai nel Viet-Nam A G#- B e spara ai Viet-Cong E A B Rattatatata....Rattatatata.... Rattatatata.... E B Rattatatata....Rattatatata.... C'era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones girava il mondo ma poi finì a far la guerra nel Viet-Nam Capelli lunghi non porta più non suona la chitarra ma uno strumento che sempre dà la stessa nota RATTATTATA Non ha più amici non ha più fans vede la gente cadere giù nel suo paese non tornerà adesso è morto nel VietNam Nel petto un cuore più non ha ma due medaglie o tre E A B Rattatatata....Rattatatata.... Rattatatata.... E B Rattatatata....Rattatatata.... occhi di ragazza se vi guardo vedo i sogni che farò

RE MI- 7 partiremo insieme per un viaggio per città che non conosco

SOL

RE

quante primavere che verranno

LA7 LA7

RE

che felici ci faranno sono già negli occhi tuoi Occhi di ragazza io vi parlo coi silenzi dell' amore e riesco a dire tante cose che la bocca non dirà quando ti risvegli la mattina tutto il sole nei tuoi occhi quando si fa notte nella notte nei tuoi occhi c'è una luce che mi porta fino a te

Gianni Morandi – Occhi di ragazza
RE MI- 7 Occhi di ragazza quanti cieli quanti mari che m' aspettano

FA#RE LA7 RE LA7

MI-

un giorno in loro scoprirò quello che tu nasconderai. 152

Indice (Morandi) Perché la guerra, la carestia non sono scene viste in TV e non puoi dire, lascia che sia, perché ne avresti un po' colpa anche tu... Si può dare di più perché dentro di noi si può osare di più senza essere eroi come fare non so, non lo sai neanche tu ma di certo si può A B- A fare di più... D F#(Tozzi) Perché il tempo va EGsulle nostre vite D E7 rubando i minuti A A7 di un'eternità... G D e se parlo con te D e ti chiedo di più A è perché te sono io, B- B7 non solo tu... E Si può dare di più B perché dentro di noi F#si può osare di più C#B7 senza essere eroi E come fare non so, A non lo sai neanche tu B ma di certo si può C#- B dare di più... E 153

** Forse l' ultima riga non è giusta **

Morandi, Ruggeri, Tozzi – Si può dare di più
BF#(Morandi) In questa notte di venerdì G D \perché non dormi, perché sei qui ED \perché non parti per un weekend G A A7 \che ti riporti dentro di te? (Ruggeri) Cosa ti manca, cosa non hai cos'è che insegui se non lo sai se la tua corsa finisse qui forse sarebbe meglio così G D Ma se afferr i un'idea A che ti apre una via Ee la tieni con te BA poi ne segui la scia D risalendo vedrai G quanti cadono giù A e per loro tu puoi B- A D Efare di più... (Ruggeri) In questa barca persa nel blu noi siamo solo dei marinai tutti sommersi, non solo tu, nelle bufere dei nostri guai

Indice come fare non so, A non lo sai neanche tu B ma di certo si può E dare di più! questo amore ? un gelato al ve[C]leno. [F][C][F][C] {eoc} Io non riesco a dirlo ? che ti vorrei soltanto un po' di pi?. Anche tu? Io vorrei toccarti ma pi? mi avvicino e pi? non so chi sei. Anche tu? Ti telefono o no, ti telefono o no, io non cedo per prima. Mi telefoni o no, mi telefoni o no, chiss? chi vincer?. {ci: Ritornello}

Gianna Nannini – Fotoromanza
[C] Se la sera non esci ti prepari un panino mentre guardi la ti[F]v? anche [C]tu? Ti addormenti con qualcuno che alla luce del giorno non co[F]nosci pi? anche [C]tu? [F] Ti telefono o no, ti telefono o no, ho il morale in can[C]tina. [F] Mi telefoni o no, mi telefoni o no, chiss? chi vince[C]r?. Poi se ti diverti non la metti da parte un po' di felicit? anche tu? Io vorrei sognarti ma ho perduto il sonno e la fantasia. Anche tu? Ti telefono o no, ti telefono o no, io non cedo per prima. Mi telefoni o no, mi telefoni o no, chiss? chi vincer?. {soc} [G] Questo a[C]more ? una camera a gas ? un palazzo che brucia in cit[G7]t? questo amore ? una lama sottile ? una scena al rallenta[C]tore. Questo amore ? una bomba all'hotel questo amore ? una finta sul [G7]ring ? una fiamma che esplode nel cielo

Negramaro – Estate
La Mi In bilico tra santi e falsi dei sorretto da Sim DO#M Re La un’insensata voglia di equilibrio MI e resto qui sul filo di un rasoio SIm DO#m RE ad asciugar parole che oggi ho steso e mai dirò Sim DO#m non senti che tremo mentre canto RE Sim LA Sim Nascondo questa stupida allegria quando mi guardi Sim DO#m non senti che tremo mentre canto RE è il segno MI di un’estate che vorrei potesse non finire mai 154

Indice RE è il segno MI di un’estate che vorrei potesse non finir MI vorrei potesse non finir MI LA MI vorrei potesse non finire mai

LA-MI-RE LA MI in bilico tra tutti i miei vorrei non sento più Sim DO#M Re La quell’insensata voglia di equilibrio MI che mi lascia qui sul filo di un rasoio SIm DO#m RE a disegnar capriole che a mezz’aria mai farò Sim DO#m non senti che tremo mentre canto RE Sim LA Sim Nascondo questa stupida allegria quando mi guardi SIm DO#m non senti che tremo mentre canto RE è il segno MI di un’estate che vorrei potesse non finire mai FA#m FA#m/FA in bilico tra santi che non pagano SIm DO#m RE MI e intanto il tempo passa e passerai FA#m FA#m/FA come sai tu FA#m/MI in bilico SIm DO#m RE MI SIm-DO#m e intanto il tempo passa e tu non passi mai RE LA Nascondo questa stupida allegria SOL#m quando mi guardi SIm DO#m non senti che tremo mentre canto

Negramaro – Mentre tutto scorre
MIm Parla in fretta e non pensar se LAm quel che dici può far male RE7 perché mai, io dovrei, fingere, di essere SOL SI fragile, come tu mi MIm vuoi nasconderti in silenzi LAm mille volte già concessi RE7 tanto poi, tu lo sai, riuscirei, sempre a SOL SI DO SI SI7 convincermi che,tutto scorre MIm Usami, straziami, strappami l'anima LAm fai di me quel che vuoi RE7 tanto non cambia l'idea che ormai ho di te verde coniglio SI SI DO SI SI7 dalle mille facce buffe MIm Dimmi ancora quanto pesa LAm la tua maschera di cera 155

Indice RE7 tanto poi tu lo sai si scioglierà SOL SI DO SI SI7 come fosse neve al sol mentre tutto scorre MIm Usami straziami strappami l'anima LAm fai di me quel che vuoi RE7 tanto non cambia l'idea che ormai ho di te verde coniglio SI SI DO SI SI7 dalle mille facce buffe MIm Sparami addosso bersaglio mancato provaci ancora e' un campo minato LAm quello che resta del nostro passato non rinnegarlo e' tempo sprecato RE7 macchie indelebili coprirle e' un reato scagli la pietra chi e' senza peccato SI SI DO SI SI7 scagli la pietra chi e' senza peccato scagliala tu perché e' tutto sbagliato MIm Usami straziami strappami l'anima LAm fai di me quel che vuoi RE7 tanto non cambia l'idea che ormai ho di te verde coniglio SI SI DO SI SI7 dalle mille facce buffe MIm Sparami addosso bersaglio mancato provaci ancora e' un campo minato LAm quello che resta del nostro passato non rinnegarlo e' tempo sprecato RE7 macchie indelebili coprirle e' un reato scagli la pietra chi e' senza peccato SI SI DO SI SI7 scagli la pietra chi e' senza peccato scagliala tu perché e' tutto sbagliato

Negramaro – Nuvole e lenzuola
SIOre che lente e inesorabili attraversano il silenzio del mio cielo SOL SIper poi nascondersi ad un tratto dietro nuvole che straziano il sereno SOL SIsentirle riaffiorare quando tutto sembra aver trovato il giusto peso SOL SIaver la voglia di rubarle al tempo per potergli dare tutto un altro senso MIdistratto, stupido e testardo come sempre provo a farlo SOL RE ho deciso di fermarlo per poterti avere ancora SInon dire una parola SISOL sperando che non se ne accorga ho strappato via anche l'ultima mezz'ora SISOL pensando che sia l'unica maniera per sentirti qui vicino ancora SIsempre più stupido e testardo come sempre torno a farlo 156

Indice SOL e di nuovo per fermarlo e poterti dire RE ancora SOL tra nuvole e lenzuola SInon farlo per un'ora non farlo mai per ora RE e stringimi allora SOL tra nuvole e lenzuola SInon dire una parola non dire una parola non dire una. SISOL ore che lente e inossidabili attraversano il silenzio del mio cielo MISIe si nascondono ad un tratto dietro nuvole che straziano il sereno SIle senti riaffiorare quando tutto tutto SOL sembra aver trovato il giusto peso MISIaver la voglia di rubarle al tempo per potergli dare ancora un altro senso ancora RE stringimi allora SOL tra nuvole e lenzuola LA LA# non dire una parola SInon farlo mai per ora RE abbracciami ancora SOL tra nuvole e lenzuola LA LA# SInon dire una parola non dire una parola SIore che lente e inossidabili attraversano il silenzio del mio cielo e si nascondono ad un tratto dietro nuvole che straziano il sereno le senti riaffiorare quando tutto SOL sembra aver trovato il giusto peso MIaver la voglia di rubarle al tempo SOL per potergli dare ancora un altro senso ancora

Negramaro – Solo tre minuti
A E

Tre minuti solo tre minuti per parlarti di me A Cm#

forse basteranno a ricoprirti di bugie come se B A io dovessi mostrar di me quello che ancora no.non sono E stato mai A per convincerti ho due minuti ancora due minuti ma Cm# B 157

Indice non li sprecherei per mentirti mai E E come stato mai B A neve A fredda scenderei Cm# per coprir B E per convincerti ho due minuti ancora due minuti ma Cm# B tu dovessi saper di me quello che ancora no .non sono

non li sprecherei per mentirti mai E come B neve A fredda scenderei Cm# per coprir B E E

tutto quello che sei B come sale A (B)

bianco brucerei E .brucerei A

tutto quello che sei B come sale

tre minuti solo tre minuti per fidarti di me A Cm#

A pensi basteranno a ricoprirmi di bugie come se B A B come neve

Cm#

B

E

bianco brucerei le bugie che ogni giorno direi

158

Indice

A fredda scenderei Cm# per coprir B E

tutto quello che sei B come sale F# A

Am Fmaj7 Laura non c'e', capisco che G Em7 e' stupido cercarla in te Am Fmaj7 Io sto da schifo credi e non lo vorrei G Em7 stare con te pensando a lei Fmaj7 G stasera voglio stare acceso Am Em7 andiamocene di la' Fmaj7 G a forza di pensare ho fuso. Chorus: se vuoi noi Am C da solo non mi basto stai con me D2 Fmaj7 Am solo e' strano che al suo posto ci sei te, ci sei te. Am C D2 Fmaj7 (verse chords) Laura dov'e', mi manca sai magari c'e' un altro accanto a lei giuro non ci ho pensato mai che succedesse proprio a noi lei si muove dentro un altro abbraccio su di un corpo che non e' piu' il mio e io cosi' non ce la faccio. (chorus chords) Se vuoi ci amiamo adesso, se vuoi pero' non e' lo stesso tra di noi 159 Am C Se vuoi ci amiamo adesso,

bianco brucerei A F# A F# A .bianco brucerei bianco brucerei bianco brucerei brucerei brucerei brucerei Un minuto, resta un minuto per poterti dire… F#

D2 Fmaj7 pero' non e' lo stesso tra di

Nek – Laura non c’è
Am Fmaj7 Laura non c'e', e' andata via G Em7 Laura non e' piu' cosa mia Am Fmaj7 e te che sei qua e mi chiedi perche' G Em7 l'amo se niente piu' mi da' Fmaj7 G mi manca da spezzare il fiato Am Em7 fa male e non lo sa Fmaj7 G che non mi e' mai passata

Indice da solo non mi basto stai con me Am solo e' strano che al suo posto ci sei te, ci sei te. Dm G C F C/E Dm G Am G C Em7 Forse e' difficile cosi' ma non so che cosa fare Dm E/G# Am F E Credo che sia logico, per quanto io provi a scappare lei c'e'. e ancora ci porta il vento Ancora tuona il cannone ancora non e' contento saremo sempre a milioni in polvere qui nel vento in polvere qui nel vento

Nomadi – Io vagabondo
Io un giorno crescerò, e nel cielo della vita re do sol volerò re la sol ma un bimbo che ne sa, sempre azzurra non la7 sipuò essere l'età. sol la7 re Poi, una notte di settembre mi svegliai, il sol vento sulla pelle la7 re sul mio corpo il chiarore delle stelle si- michissà dov'era casa mia la7 Fa#7 e quel bambino che giocava in un cortile! re la si- la Io, vagabondo che son io, vagabondo re che non sono altro la si- la soldi in tasca non ne ho, ma lassù re la fa mi è rimasto Dio. re la sol la7 Sì, la strada è ancora là, un deserto mi re do sol sembrava la città re la sol ma un bimbo che ne sa, sempre la7 siazzurra 160

Nomadi - Auschwitz
RE SISon morto che ero bambino SOL RE son morto con altri cento MI- LA RE passato per un camino MI- LA RE ed ora sono nel vento MI- LA RE ed ora sono nel vento DO/LA.... Ad Auschwitz c'era la neve e il fumo saliva lento nei campi tante persone che ora sono nel vento che ora sono nel vento Nel vento tante persone ma un solo grande silenzio E' strano, non riesco ancora a sorridere qui nel vento a sorridere qui nel vento No, io non credo che l'uomo potra' imparare a vivere senza ammazzare e che il vento mai si posera' e che il vento mai si posera' Ancora tuona il cannone ancora non e' contenta di sangue la belva umana e ancora ci porta il vento

Indice non può essere l'età. sol la7 re Poi, una notte di settembre me ne andai, sol il fuoco di un camino la7 re non è caldo come il sole del mattino si- michissà dov'era casa mia la7 Fa#7 e quel bambino che giocava in un cortile! re la siIo, vagabondo che son io, vagabondo che non re sono altro la si- la soldi in tasca non ne ho, ma lassù re la fa mi è rimasto Dio. Suo figlio è una brutta persona! - le disse - Non studia niente, non viene mai a scuola, quando viene fa casino, sciopera, contesta, sobilla, stanca La scuola a suo figlio non serve, a suo figlio serve il militare nella legione straniera. Ma non pensi che io sia prevenuto: Ho dato quattro compiti in classe in un quadrimestre, è stato assente a tutti e quattro. Mancavano tre giorni agli scrutini, gli ho detto: Va bene che la scuola borghese e gentiliana non le piace, ma forse un due prima della maturità non le piacerebbe neanche quello http://www.free-lyrics.org E allora io sono venuto a scuola al pomeriggio a cinquantasei anni e quasi alla pensione per far fare un compito a suo figlio, che ne ha saltati quattro su quattro in un quadrimestre. Ha preso otto. Poi mi ha detto: Prof, in pagella mi dà otto? La media è otto, no? Suo figlio, signora, ha la faccia come il culo! Mia madre torna e fa: "ragazzo mio, hai qualcosa che non va Kappler, mamma, mi ha dato otto. Kappler andò in pensione tre anni dopo quella maturità. Morì nel giro di qualche mese.

Offlaga disco pax Kappler
D7+ Io dormivo, G7+ mia madre andava a lavorare presto. Arrivava l'una ed ero ancora a letto. Ricordo che mi alzavo, vestivo, prendevo la borsa con dentro i libri del giorno prima ed uscivo dalla finestra della mia stanza mentre mamma entrava dalla porta. Mamma si fidava di me. Una volta andò al ricevimento dei professori, perché era una fase politica intensa: assemblee, cose così. Il docente di agraria era un omone vestito di nero ultracinquantenne e anche ultraconservatore e ti terrorizzava solo a guardarlo. Lo avevamo ribattezzato, visto l'abito e lo stile, "Kappler".

Oro – Quando ti senti sola
lam rem

Quando ti senti sola

161

Indice mi7 lam sola davanti a tutti dentro quell'armatura piangi con gli occhi asciutti son lacrime senza sale per non soffrire ancora forse fa meno male ma ti ritrovi sola libera o prigioniera salvati insieme a me e quando ti senti sola mi4 7 la4 la

piccola e pi— indifesa fa do

con i pensieri in gola fa mi4 mi

il cuore che ti pesa lam rem

tu sfogati e dimmi tutto mi7/9 lam

vuota le tue soffitte fa do

tirami gi— dal letto mi lam 7

io sono come te.

anche se Š mezzanotte fa do

fa#m

sim

mi la

quando ti senti sola rem la

fa#m7

re6

mi 7

Io sono come te lam rem

mi sento solo anch'io rem lam

e quando ti senti sola sol do

lascia il tuo nido e vola mi4 mi lam

parlano solo gli occhi fa do

piccolo amore mio.

fiore di primavera Quando ti senti sola mi7 lam9 7 162

Indice sotto la neve a fiocchi fa do con gli occhi innamorati do sol

quando ti senti sola rem la

in questa vita dura da7+ si9m

tu scappa vicino a me rem lam

noi come due banditi mim lam

fuori dal nido e vola mi4 7 la4 la

disposti a rubare il sole re sol

portami via con te.

per allungare un giorno do sol

fa

do

e mentre avanza il mare si mim 7

Compri dolci e biancheria fa do

ho le tue braccia intorno do sol

per sentirti amata e vuoi fa7+ do

quando ti senti sola lam mi

che ogni notte tu sia mia rem lam9 7

stringiti forte a me lam mim

nel buio come piace a noi fa#m4 si7

io sono sulla riva si7/4 sol 7 mim lam re

e quando il mondo si scolora...

per sempre vicino a te. mim lam do 7 sol si mim Io non ti lascio sola re 7 sol

163

Indice Sei tu la mi ferita l'alba di un'altra vita do mi sol lam poi si addormenta accanto a me col libro aperto per inganno io non esisto per i suoi lam mim mim si7/4 7 anche se sanno tutto ormai RE RE4 Vivo per lei le sere che studia e combatte con il sonno

quando ti senti sola mi sento solo anch'io

lascia quel nido e vola piccolo amore mio.

sanno che canto, sogno e vivo per lei.

Oro – Vivo per lei
RE Vivo per lei e non ho più SIm SOL FA#7 SIm 7

Quante notti al pianoforte SOL LA7 RE

battiti regolari al cuore RE solo una febbre che va su SIm SOL RE

dopo mille sere storte FA#7 SIm 7 SOL

a finire giù per strada gridando alla luna MIm LA4 7

fino a quaranta e più d'amore io vivo per lei. MIm non mi vergogno a dirlo sai MI SIm 7 Vivo per lei ma la realtà che da Natale scorso in poi è fare due conti in fondo al mese SOL LA7 poche lezioni e il piano bar vivo per lei la notte e il giorno. ci bastano solo per le spese

164

Indice vivo per lei adesso che sento l'amore dentro me forte gridare al mondo io vivo. DOm7 FA7

(vivi di lei adesso che) SIb DO7 FA

una luce in pieno amore Come un fiume verso il mare (vivi di lei adesso che) acqua dolce contro il sale (vive l'amore dentro te) siamo corpi in un abbraccio due fette di pane e d'amore. LA7 DOm7 FA

(vive l'amore dentro te) LA4 7 REm

col respiro suo più interno 7 SIb SOLm DO4 7

mi scioglie l'inverno e vivo per lei.

REm Vivi di lei adesso che LAm SOLm7 DO7

FA Vivi una storia insieme a lei REm SIb

vive l'amore dentro te FA SOL MI4

e poi quando meno te l'aspetti FA sei innamorato perso ormai REm SIb FA

libera il cuore e grida io vivo MI7 LAm SOLm7 DO7 FA

io vivo per lei SOL7 DO

dei suoi dolcissimi difetti SOLm se questo grande amore c'è REm 7

sì, io vivo per lei.

LA

REm

tu lascialo scorrere da sé SIb DO LA4 165

Lei è l'anima del sole

Indice non vergognarti a dirle io vivo 7 REm DO DO LARESOL come se non ci fosse pi—, niente pi— niente al mondo

io vivo per te 7 (vivi di lei adesso che)

suona un'armonica, mi sembra un organo che vibra LARESOL DO FA per te per me, su nell'immensit… del cielo DOm7 FA7 LARE-SOL DO

SIb DO7

FA SOLm7

io vivo per te LA4 7 REm

Io vivo per lei...

per te e per me nel cielo DO DO LARESOL

Gino Paoli – Il cielo in una stanza
DO DO LARESOL

suona un'armonica, mi sembra un organo che vibra LARESOL DO

Quando sei qui con me, questa stanza non ha pi— pareti LALARERESOL DO

per te per me, su nell'immensit… del cielo LARE-SOL DO

per te e per me nel cielo ma alberi, alberi infiniti quando tu sei vicino a me SOL DO LARE-

Adriano Pappalardo – Ricominciamo
E lasciami gridare, lasciami sfogare io senza amore non so stare.... do Io non posso restare Fa seduto in disparte sol nè arte nè parte do non sono capace di stare a guardare 166

questo soffitto viola no, non esiste pi — RESOL SOL DO LA-

io vedo il cielo sopra noi che restiamo qui abbandonati DO LARESOL

Indice Fa questi occhi di brace sol e poi non provare laun brivido dentro Fa e correrti incontro, sol do la- Fa gridarti ti amo... sol ricominciamo. do So dove passi le notti Fa è un tuo diritto sol io guardo e sto zitto do ma penso di tutto mi sveglio distrutto Fa però io ci provo sol ti seguo, ti curo lanon mollo lo giuro Fa perchè sono nel giusto sol do la- Fa perchè io ti amo... sol do laRicominciamo sol do laRicominciamo sol do laRicominciamo Cosa vuoi che faccia? Io sarò una roccia Guai a quello che ti tocca do So che tu ami le stelle Fa gettarti nell'occhio sol del primo ciclone do non perdi occasione per darti da fare Fa e farti valere sol ma fammi il piacere lati voglio aiutare Fa su fammi provare sol do la- Fa ancora io ti amo sol ricominciamo

Heather Parisi - Cicale
la7 si-7 Delle cicale mi7 la ci cale, ci cale, ci cale si-7 della formica mi7 la la7 invece non ci cale mica... re mi7 Automobili, telefoni, TV, la nella scatola del mondo Fa#io, tu si-7 Per cui la quale mi7 cicale, cicale, cicale ! la7 si-7 Del Carnevale mi7 la ci cale, ci cale, ci cale si-7 di chi fa il pianto mi7 la la7 ci cale ma mica poi tanto re mi7 Sole rosso fai l'arancia di lassù, la Fa#luna gialla fai il limone di quaggiù si-7 167

Indice Per cui la quale mi7 cicale, cicale, cicale ! mi7 la re Non voglio fare l'altalena su e giù la re io sto bene dove ci sei tu, mi cica cicà la e questo è brutto e questo è bello re chi lo sa la re merlo del castello vola e va, mi Fa#cica, cica io sto qua LA MI/SOL# rinchiuso in camera e non vuoi mangiare FA#m7 LA/MI stringi forte a te il cuscino RE LA/DO# e piangi e non lo sai SIm7 RE/MI quanto altro male ti farà la LA MI/SOL# solitudine. FA#m7 LA/MI RE LA/DO# FA7+ FA/SOL DO7+ Marco nel mio diario ho una fotografia LAm7 hai gli occhi di un bambino un poco timido FA7+ la stringo forte al cuore e sento che ci sei LAm7 fra i compiti d'inglese e matematica DO7+ tuo padre e i suoi consigli che monotonia LAm7 lui con il suo lavoro ti ha portato via FA7+ di certo il tuo parere non l'ha chiesto mai FA/SOL ha detto "un giorno tu mi capirai". DO SOL/SI Chissà se tu mi penserai LAm7 DO/SOL se con gli amici parlerai FA DO/MI per non soffrire più per me REm7 FA/SOL ma non è facile lo sai DO SOL/SI a scuola non ne posso più LAm7 DO/SOL e i pomeriggi senza te FA DO/MI studiare è inutile tutte le idee si 168

Laura Pausini – La solitudine
LA7+ Marco se n'è andato e non ritorna più FA#m7 e il treno delle 7:30 senza lui RE è un cuore di metallo senza l'anima FA#m7 nel freddo del mattino grigio di città LA7+ A scuola il banco è vuoto, Marco è dentro me FA#m7 è dolce il suo respiro fra i pensieri miei SIm9/RE SIm/RE distanze enormi sembrano dividerci RE/MI ma il cuore batte forte dentro me. LA MI/SOL# Chissà se tu mi penserai FA#m7 LA/MI se con i tuoi non parli mai RE LA/DO# se ti nascondi come me SIm7 RE/MI sfuggi gli sguardi e te ne stai

Indice REm7 SOL affollano su te. FA DO/MI REm7 Non è possibile dividere la vita di noi MIm7 due FA DO/MI ti prego aspettami amore mio... REm7 FA/SOL ma illuderti non so! DO SOL/SI La solitudine fra noi LAm7 DO/SOL questo silenzio dentro me FA DO/MI REm7 SOL è l'inquietudine di vivere la vita senza te DO SOL/SI ti prego aspettami perché LAm7 DO/SOL non posso stare senza te FA DO/MI REm7 non è possibile dividere la storia di noi FA/SOL due. DO SOL/SI La solitudine fra noi LAm7 DO/SOL questo silenzio dentro me FA DO/MI REm7 FA è l'inquietudine di vivere la vita senza te DO SOL/SI ti prego aspettami perché LAm7 DO/SOL non posso stare senza te FA DO/MI REm7 Fa non è possibile dividere la storia di noi due. mi lasci sempre sola siper andare a vedere la partita di la-7 re7 pallone sol re mi7 perché, perché una volta non ci porti la7 pure me re Chissà chissà-a se davvero vai a vedere la tua Fa#7 squadra sio se invece tu mi lasci con la scusa del la-7 re7 pallone sol re mi7 la7 chissà, chissà se mi dici una bugia o re la verità. la-7 re7 sol la7 Ma un giorno ti seguirò Fa#-7 perché si-7 mi- la7 ho dei dubbi che non mi fan re re-aj7 re7 dormir. sol la7 E se scoprir io potrò che fa#m7 simi vuoi imbrogliar, da miadd9 mi7 la7 mamma ritornerò! re Perché perché-e la domenica Fa#7 mi lasci sempre sola siper andare a vedere la partita la-7 re7 di pallone sol re mi7 perché, perché una volta non ci porti la7 169

Rita Pavone – La partita di pallone
re Perché perché-e la domenica Fa#7

Indice pure me sol sol mi

Piero Pelù – Buongiorno mattina
mi mi4

E cis sei, si ci sei, dove sei, dove sei adesso tu mi se ci sei dimmi dove sei

Voglio perdermi nella bellezza mi mi4

sol dimmi cosa stai facendo mi e mi salta il cuore in gola

voglio assaggiare ogni tua dolcezza la di averti vicina mi mi4

sol e che luce su di te, su di me, su di noi sol buongiorno mattina mi sol

mi

e voglio credere che sia da adesso mi e che per te io sia speciale mi4 la

e questo è un giorno divino

su di noi (buongiorno mattina)

mi

mi4

mi

mi4

Voliamo sopra l'alba più leggeri la tu stella fissa dentro i miei pensieri mi buongiorno mattina

Dai fammi perdere nella bellezza mi mi4

fammi assaggiare il retrogusto amaro la della tua dolcezza mi mi4 170

Indice Che cosa vuoi che importi aver conferme mi mi4 la mia mano trova il fiore e gli occhi le parole ma ci stiamo un po' giocando su di me su di noi buongiorno mattina su di noi (buongiorno mattina) mi4 sol mi

mi basta solo non sentirti ferma la con la testolina mi

Sentirsi uniti dentro e nei pensieri la ogni minuto d'oggi più di ieri, mi mi4

E ci sei, si ci sei, ma dove sei, sol dove sei adesso tu mi sol se ci sei dimmi dove sei mi tremano le mani mi ma ci stiamo aspettando sol o stiamo solo giocando mi

sentirsi forti dentro e nei pensieri la e poi nei giorni più agitati e neri do sull'arcobaleno di colore pieno ti sfido bambina buongiorno mattina la mi mi4 mi mi mi4 mi

allora oh oh oh oh oh oh eh eh eh eh eh

e mi salta il cuore in gola sol mi e che luce su di te su di me su di noi

E ci sei, si ci sei, ma dove sei, sol dove sei adesso tu buongiorno mattina 171

Indice mi sol Non abbassare lo sguardo con nessuno laStrum: mi sol sol do sol

su di noi (buongiorno mattina) Fuori da un brutto sogno con le mie idee Lami buongiorno mattina mi sol sol do sol

Non c'è bisogno pure di fare male lasol mi

Voglio soltanto farmi ri-spe-tta-re

buongiorno mattina mi sol Do do mi-/si sol con tutto il mio mi

buongiorno mattina

Piero Pelù – Io ci sarò
Lasol lasol

Io ci sarò entusiasmo fa

Un'altra storia da vivere c'è ora Do do mi-/si sol con tutto il mio mi

Ottimismo a colazione è quello che ci vuole Lasol lasol

Io ci sarò entusiasmo fa sol

Dopo la notte che ho passato alla stazione Lasol la-

Con tutta la rabbia che c'è in me in me

Se vedo umani intorno all'osso ad abbaiare ai cani Lasol lasol La- sol lasol sol la- sol la-

Forse è il momento giusto di saltare il fosso

C'è la rabbia da dividere

La-

sol

do

sol

la-

sol

la-

sol 172

Indice Io mi vesto d'assassino col mio passato Lasol lasol Io ci sarò entusiasmo fa con tutto il mio mi

Ho esagerato ma è più forte di me per ora Lasol lasol

Ci scambieremo lo sguardo e poi e poi Do do mi-/si sol con tutto il mio mi

Lassù qualcuno mi ama e sento che mi chiama Lasol la- sol

Io lo farò entusiasmo fa

Mi dice avanti non lasciarti andare mai Lasol lasol

Un'altra storia da vivere c'è e c'è

La- sol La- sol La- sol La- sol Disegno l'onda con cui poi tu giocherai La- sol La- sol La- sol La- sol

La-

sol

do

sol

Do

do mi-/si sol

Non abbassare lo sguardo con nessuno lasol do sol

Io lo farò lo farò lo fa-----rò con tutto il mio entusiasmo fa mi

Tu puoi chiamarlo orgoglio la mia idea Lasol do sol

Un'altra storia da vivere c'è da vivere c'è

Non c'è bisogno baby di dimostrare lasol mi

Do

do mi-/si sol

Io ci sarò ci sarò ci sa-----rò con tutto il mio entusiasmo fa mi

Ci basta solo farci rispettare rispettare rispettare

Ci scambieremo lo sguardo e poi Do do mi-/si sol

Piero Pelù – Toro loco
173

Indice

Calci alla vita e anche più giù ma farò finta che è tutto OK sembrava finita e invece tu mi hai detto alzati che ancora ci sei guarda mi vedi? Son sempre qui io sono il toro e sono el matador se non c'è sangue non c'è business perché chi paga vuole l'anima amati per quello che sei perché se lo fai tu lotti contro il vuoto e scusa se è poco e non pensare che ciò che fai sia esclusivamente un videogioco sarebbe poco RIT.: Toro loco hai quel fuoco hai quel sole e le parole come fare cosa dire devi solo farti capire ehi tu ma stai scherzando Toro loco calci alla vita e anche più giù ma farò finta che è tutto OK il meno peggio non mi basta più voglio il diritto di decidere io ti assicuro che da fare ce n'è per domare la bestia che c'è in me finché c'è lotta c'è speranza perché chi soffre usa... l'anima amati per quello che sei perché se lo fai tu lotti contro il vuoto e scusa se è poco e non pensare che ciò che fai sia esclusivamente un videogioco sarebbe poco RIT.: Toro loco hai quel fuoco hai quel sole e le parole come fare cosa dire devi solo farti capire in quel gioco in quel sole c'è scritto sei speciale

Piero Pelù – Vivere il mio tempo
Ottimismo a colazione è quello che ci vuole dopo la notte che ho passato alla stazione se vedo umani intorno all'osso ad abbaiare ai cani forse è il momento giusto di saltare il fosso. Non abbassare lo sguardo con nessuno fuori da un brutto sogno con le mie idee non c'è bisogno babe di fare male voglio soltanto farmi rispettare. RIT.: Io ci sarò, con tutto il mio entusiasmo, un'altra storia da vivere c'è ora io lo farò, con tutto il mio entusiasmo, con tutta la rabbia che c'è in me, in me. Io mi vesto da assassino col mio passato ho esagerato ma è più forte di me per ora lassù qualcuno mi ama e sento che mi chiama mi dice avanti non lasciarti andare mai. disegna l'onda con cui poi tu giocherai. Non abbassare lo sguardo con nessuno lo puoi chiamare orgoglio, è la mia idea non c'è bisogno babe di dimostrare ci basta solo farsi rispettare, rispettare… 174

Indice RIT.: Io ci sarò… Lam Sim Mim No cosa sono adesso non lo so Sol Re sono un uomo sono un uomo in cerca di se stesso La Mim No cosa sono adesso non lo so Sol Re sono solo sono solo col mio passo La Mim Ma intanto il sole tra la nebbia filtra già Re La Lam Sim Mim il giorno come sempre sarà Mim Re La Mim Mim Re La Mim

PFM – Impressioni di settembre
Mim La Re Mim Quante gocce di rugiada intorno a me cerco il sole ma non c'è Re La Lam Sim Mim dorme ancora la campagna forse no è sveglia mi guarda non so Mim Re La Mim Già l'odore della terra ha odor di grano sale adagio verso me Re La Lam Sim Mim e la vita nel mio petto batte piano respiro la nebbia e penso a te Mim Re Quanto verde tutto intorno e ancor più in là La Mim sembra quasi un mare l'erba Re La e leggero il mio pensiero vola e va Lam Sim Mim ho quasi paura che si perda Mim Re La Mim Mim Re La Mim Mim Re Mim Un cavallo tende il collo verso il prato resta fermo come me Re La Lam Sim Mim faccio un passo lui mi vede è già fuggito respiro la nebbia e penso a te La

Pooh – Tanta voglia di lei
Re Mi dispiace di svegliarti Fa#7 Sim Sim7 forse un uomo non sarò Sol Si7 Mim Mim7 ma d'un tratto so che devo lasciarti La7 Re fra un minuto me ne andrò Re E non dici una parola Fa#7 Sim Sim7 sei più piccola che mai Sol Si7 Mim Mim7 in silenzio morderai le lenzuola La7 Re so che non perdonerai. Fa#7 Sim Sim7 Mi dispiace devo andare Sol La7 Re il mio posto è là Fa#7 Sim Sim7 il mio amore si potrebbe svegliare 175

Indice Sol La Re Fa#7 chi la scalderà Sim Sim7 Sol La Re Strana amica di una sera io ringrazierò Fa#7 Sim Sim7 la tua pelle sconosciuta e sincera Sol La7 Re ma nella mente c'e' tanta, Sol La tanta voglia di lei. Re Lei si muove e la sua mano Fa#7 Sim Sim7 dolcemente cerca me Sol Si7 Mim Mim7 e nel sonno sta abbracciando pian piano La7 Re il suo uomo che non c'è Fa#7 Sim Sim7 Mi dispiace devo andare Sol La7 Re il mio posto è là Fa#7 Sim Sim7 il mio amore si potrebbe svegliare Sol La Re Fa#7 chi la scalderà Re Chiudo gli occhi un solo istante Fa#7 Sim Sim7 la tua porta è chiusa già Sol Si7 Mim Mim7 ho capito che cos'era importante La7 Re il mio posto e' solo là nel va e vieni di una cameriera SIb MI7 ma perché ogni giorno viene sera? A volte un uomo è da solo perché ha intesta strani tarli perché ha paura del sesso o per la smania di successo per scrivere il romanzo che ha di dentro perché la vita l'ha già messo al muro SIb MI7 LAm o perché in un mondo falso è un uomo vero. LAm7 FA SOL4 Dio delle città e dell'immensità 4/7 7 MIm FA(9) se è vero che ci sei e hai viaggiato più di noi FA 7+ REm 7 MI7 vediamo se si può imparare questa vita MI5+ LAm e magari un po' cambiarla LAm7 LA7 prima che ci cambi lei. LA4/7 7 FA SOL4 Vediamo se si può farci amare come siamo 4/7 7 MIm FA(9) senza violentarci più con nevrosi e gelosie FA 7+ REm perché questa vita stende REm7 MI7 e chi è steso o dorme muore MI5+ LAm REm MI4 7 LAm oppure fa l'amore. Ci sono uomini soli per la sete d'avventura perché ha studiato da prete o per vent'anni di galera per madri che non li hanno mai svezzati per donne che li han rivoltati e persi o solo perché sono dei diversi.

Pooh – Uomini soli
LAm REm Li incontri dove la gente MI4 7 LAm viaggia e va a telefonare REm col dopobarba che sa di pioggia MI4 7 LAm e la ventiquattro ore SOL7 9 DO perduti nel Corriere della Sera MI7 LAm

Raf – Infinito
176

Indice Sim La Re Sol L'ironia del destino vuole che Sim7 io sia ancora qui a pensare a te La Re nella mia mente flash ripetuti attimi vissuti con te Re Sol E' passato tanto tempo ma Sim7 tutto e' tornato e' nitido La4 così chiaro e limpido sembra ieri ieri ieri ieri. Sim7 La4 Re Sol Ieri avrei voluto leggere ai tuoi pensieri Sim7 scrutarne ogni piccolo particolare La ed evitare di sbagliare diventare ogni volta l'uomo ideale Re Sol Ma quel giorno che mai mi scorderò Sim7 m'hai detto non so più se ti amo o no La4 La domani partirò sarà più facile dimenticare dimenticare... Re Sol Sim7 La Re E adesso che farai risposi io non so Sol Sim7 La4 quel tuo sguardo poi lo interpretai come un appiglio Re Sol Sim7 La Re senza chiedere perché da te mi allontanai Sol Sim7 La La4 ma ignoravo che in fondo non sarebbe mai finita Re Sol Sim7 La4 La Re Sol Teso ero a pezzi ma un sorriso in superficie Sim7 nascondeva i segni di ogni cicatrice La nessun dettaglio che nel rivederti potesse svelare quanto c'ero stato male Re Sol Quattro anni scivolati in fretta e tu Sim7 mi piaci come sempre forse anche di più La4 Re m'hai detto so che e' un controsenso ma l'amore non e' razionalità Sol non lo si può capire ed ore a parlare Sim7 poi abbiamo fatto l'amore e' stato come morire La4 La prima di partire potrò mai dimenticare dimenticare Re Sol Sim7 La Re E L'infinito sai cos'e' l'irraggiungibile Sol Sim7 La4 fine o meta che rincorrerai per tutta la tua vita (sale di un tono) Mi La Do#m7 Si MI ma adesso che farai adesso che io non so La Do#m7 Si4 Si infiniti noi so solo che non potrà mai finire Mi La Do#m7 Si Mi mai ovunque tu sarai ovunque io sarò La Do#m7 Si4 Si non smetteremo mai se questo e' amore amore infinito Mi La Do#m7 Si Mi ovunque tu sarai ovunque io sarò La Do#m7 Si4 Si 177

Indice non smetteremo mai se questo e' amore amore infinito un amore inutile DO2 ti ho vista delusa SOL sempre più lontana DO2 una stella pallida SOL che non brilla più MIm7 RE4 DO2 amore raccontami SOL RE4 DO2 amore racconta l'inverno che c'è SOL RE4 tu distante MIm7 DO2 sei così grande da farmi perdere LAm DO sono qua a rincorrere parole SOL ad inventare ancore scuse RE MIm accorgermi che... RE SOL sembra impossibile DO2 SOL DO2 LAm DO piove già non ho più parole poi SOL ora è tardi ci sentiamo RE MIm più avanti se vuoi RE SOL amore dove sei DO2 SOL sembra impossibile

Francesco Renga Raccontami
Do2 SOL Semplice parlare con te DO2 e dietro ad un telefono SOL ascoltarti ridere DO2 capire che è dolce SOL solo per un attimo DO2 ignorare i brividi SOL che non senti più MIm7 RE4 DO2 amore raccontami SOL RE4 DO2 amore racconta l'inverno che c'è SOL RE4 tu distante MIm7 DO2 sei così grande da farmi perdere LAm DO sono qua a rincorrere parole SOL ad inventare ancore scuse RE MIm accorgermi che... RE SOL non sei più parte di me DO2 DO2 SOL nelle stanze del mio cuore DO2 ti ho sentita piangere SOL

Francesco Renga – Tracce di te
178

Indice Mi7 Rem Lam La4 La

Per fingere che... Fa Fa# La Sim

Eccomi, bicchiere tra le dita Sib Fa

E gente sconosciuta intorno a noi Rem Lam

E cerco ancora qualcosa nel silenzio che c'è Sol Re Mi

Venderei a pezzi la mia vita Sib Rem

Lungo questo cammino io trovo di nuovo Mi7 La4 La

Per essere un minuto come vuoi Do Rem Solm

Le tracce di te

Ma guardami, non sono l'uomo che credevi tu Do Povera madre Do Sib Solm

Sai... di te ho sempre quel ricordo: Seduta mi accarezzi il volto e poi Resti lì, con quel sorriso sordo Di chi sa che ha finito i giorni suoi Quando anch'io avrò qualcosa forse smetterò Di farmi male Ora no... starò seduto dentro a questo bar

Sì, lo so... il tempo passa e non ce la fai più La Ad aspettare Re La Sim Fa#

Ad aspettare Qui non c'è mai nessuno che mi parli di te Io mi perdo nel fumo di mille parole Per fingere che...

Qui non c'è mai nessuno che mi parli di te Sol Re Mi

Io mi perdo nel fumo di mille parole

179

Indice E cerco ancora qualcosa nel silenzio che c'è Lungo questo cammino io trovo di nuovo Le tracce di te Oh ye che colpa abbiamo noi.

Valeria Rossi – Ossigeno
Stanotte voglio fare un sogno profetico Svitare le antenne ad un grillo elettronico Succede di tutto nel mio campo magnetico Mi pungono le stelle marine dell’Atlantico Non troverete pi? le monete sotto l’albero Lucignolo lo sai ora sono libera come un labirinto torno sempre a te come in mezzo a un branco vedo chi non c’? Se sono un mare aperto adesso mi navigo Se sono la mia casa allora mi abito Groviglio di pensieri ora mi illumino Non posso pi? mentire ho bisogno di ossigeno Nessuno pu? comprarmi pi? con un giocattolo Ora mangiafuoco con me fa il timido come un labirinto torno sempre a te come in mezzo a un branco vedo chi non c’? Respiro il tuo respiro I ricordi dietro l’angolo Li guarder? sfilare diventeranno ossigeno ti voglio complicato e sempliceossigeno

Rokes – Che colpa abbiamo noi
RE RE+2 RE RE4 RE RE+2 RE 2 volte LA LA+2 LA LA4 LA LA+2 LA 2 volte RE RE+2 RE RE4 RE RE+2 RE 2 volte LA La notte cade su di noi, LA LA+2 LA LA4 LA LA+2 LA la pioggia cade su di noi, LA LA+2 LA LA4 LA LA+2 LA LA4 LA la gente non sorride piu' FA#m MIm vediamo un mondo vecchio che MIm7 LA4 ci sta crollando addosso ormai. LA LA7 RE Ma che colpa abbiamo noi. RE RE+2 RE RE4 RE RE+2 RE 2 volte Sara' una bella societa' fondata sulla liberta' pero' spiegateci perche' se non pensiamo come voi ci disprezzate, come mai. Ma che colpa abbiamo noi. E se noi non siamo come voi, e se noi non siamo come voi, e se noi non siamo come voi una ragione forse c'e', e se non la sapete voi oh ye, MIm7 LA4 e se non la sapete voi LA LA7 RE ma che colpa abbiamo noi. LA LA7 RE Oh ye che colpa abbiamo noi. LA LA7 RE

180

Indice

Valeria Rossi – Tre parole
C'è solo una cura, io so che lo sai, è una stanza vuota, io mi fiderei Bravo puoi capire, cose che non vuoi, sei il tuo guaritore, sei nel tuo mondo. *Dammi tre parole, sole cuore amore, dammi un bacio che non fa parlare E' l'amore che ti vuole, prendere o lasciare, stavolta non farlo scappare Sono le istruzioni, per muovere le mani, non siamo mai così vicini…ah…ah… Parla a voce bassa, spiegami che vuoi, sai ne è pieno il mondo, di mali come i tuoi Slacciati la faccia, arrabbia il gatto che, gioca con la buccia, e gira in tondo. Tra la terra e il cielo, in mezzo ci sei te, a volte è solo un velo, un giorno un fulmine Se hai dato dato dato, avuto avuto avrai, oggi ha già piovuto, dove sei………

do sol diventi rossa se qualcuno ti guarda la- do sei fantastica quando sei assorta Fa do re sol7 nei tuoi problemi, nei tuoi pensieri do sol Ti vesti svogliatamente, non metti mai niente la- miche possa attirare attenzione Fa do un particolare, re sol7 solo per farti guardare. do sol E con la faccia pulita cammini per strada, la- mimangiando una mela, coi libri di scuola, Fa do ti piace studiare re sol7 non te ne devi vergognare ! do sol E qualche volta fai pensieri strani... la- mi...con una mano, una mano ti sfiori. Fa do Tu sola dentro la stanza re sol7 e tutto il mondo fuori !!! do sol la- do Fa do re sol7 re sol

Vasco Rossi - Sally
re re7+ re7 sol re/Fa# mi-7 la sol/si la/do# re4 re la re re7+ re7 Sally cammina per la strada senza nemmeno sol re/Fa# mi-7 guardare per terra la sol /si la/do# 181

Vasco Rossi - Albachiara
do sol Respiri piano per non far rumore la- miti addormenti di sera e ti risvegli col sole Fa do sei chiara come un'alba, re sol7 sei fresca come l'aria

Indice Sally è una donna che non ha più voglia.. re4 re re la/do# di fare la guerra sim la6 Sally ha patito troppo sol la/sol sol Sally ha già visto che cosa.. la4 la ti può crollare addosso re4 re Sally è già stata punita re la sim la6 per ogni sua distrazione o debolezza sol per ogni candida carezza la4 re re7+ re7 sol re/Fa# mi-7 data per non sentire l'amarezza la sol/si la/do# senti che fuori piove re4 re la senti che bel rumore re re7+ re7 Sally cammina per la strada sicura sol re/Fa# mi-7 senza pensare a niente la sol /si la/do# ormai guarda la gente re4 re re la/do# con aria indifferente si- la6 sono lontani quei momenti sol la/sol sol quando uno sguardo provocava turbamenti la4 la quando la vita era più facile re4 re e si potevano mangiare anche le fragole re la/do# siperché la vita è un brivido che vola via la6 sol e tutt'un equilibrio sopra la follia la4 re re7+ re7 sol re/Fa# mi-7 sopra la follia la sol/si la/do# senti che fuori piove re4 re la senti che bel rumore re re7+ Ma forse Sally è proprio questo il senso re7 sol re/Fa# mi-7 il senso del tuo vagare la sol/si la/do# forse davvero ci si deve sentire re4 re re la/do# alla fine un pò male si- la6 forse alla fine di questa triste storia sol la/sol sol qualcuno troverà il coraggio la4 la per affrontare i sensi di colpa re4 re e cancellarmi da questo viaggio re la/do# siper vivere davvero ogni momento la6 sol con ogni suo turbamento la4 e come se fosse l'ultimo re re7+ re7 sol re/Fa# mi-7 la sol/si la/do# re re7+ re7 Sally cammina per la strada leggera sol re/Fa# mi-7 ormai è sera la sol/si la/do# si accendono le luci dei lampioni re4 re re la/do# tutta la gente corre a casa davanti alle televisioni si- la6 ed un pensiero le passa per la testa sol la/sol sol forse la vita non è stata tutta persa la4 la forse qualcosa s'è salvato re4 re forse davvero non è stato poi tutto sbagliato la/do# si- la6 sol forse era giusto così.. 182

Indice la4 re re7+ re7 sol re mi-7 forse ma, forse ma si la4 la cosa vuoi che ti dica io re senti che bel rumore Fa sol9 voglio una vita che non è mai tardi do do7 di quelle che non dormi mai Fa sol7 do mivoglio una vita la voglio piena di guai la- mie poi ci troveremo come le stars Fa do mia bere del whisky al Roxy Bar la- mioppure non ci incontreremo mai Fa do miognuno a rincorrere i suoi guai la- miognuno col suo viaggio ognuno diverso Fa Fa- sol ognuno in fondo perso dentro i fatti suoi Fa sol9 Voglio una vita maleducata do do7 di quelle vite fatte così Fa sol9 voglio una vita che se ne frega do do7 che se ne frega di tutto sì Fa sol9 voglio una vita che non è mai tardi do do7 di quelle che non dormi mai Fa sol7 do voglio una vita vedrai che vita vedrai la- minoi ci troveremo come le stars Fa do mia bere del whisky al Roxy Bar la- mioppure non ci incontreremo mai Fa do miognuno a rincorrere i suoi guai Fa sol9 Voglio una vita spericolata do do7 voglio una vita come quelle dei film Fa sol9 voglio una vita esagerata do do7 183

Vasco Rossi – Vita spericolata
do do5+ do do5+ do7 Fa sol Voglio una vita maleducata do do5+ di quelle vite fatte fatte così Fa sol voglio una vita che se ne frega do do5+ che se ne frega di tutto sì Fa sol voglio una vita che non è mai tardi do do5+ di quelle che non dormi mai Fa sol do mivoglio una vita di quelle che non si sa mai la- mie poi ci troveremo come le stars Fa do mia bere del whisky al Roxy Bar la- mio forse non ci incontreremo mai Fa do miognuno a rincorrere i suoi guai la- miognuno col suo viaggio ognuno diverso Fa Fa- sol e ognuno in fondo perso dentro i fatti suoi Fa sol9 Voglio una vita spericolata do do7 voglio una vita come quelle dei film Fa sol9 voglio una vita esagerata do do7 voglio una vita come Steve Mc Queen

Indice voglio una vita come Steve Mc Queen Fa sol9 Voglio una vita maleducata do do7 di quelle vite fatte fatte così Fa sol9 voglio una vita che se ne frega do do7 che se ne frega di tutto sì come se questo mi potesse scoraggiare e poi col tempo mi hanno visto consumarmi a poco a poco ho perso i chili, ho perso i denti, somiglio a un topo ho rosicchiato tutti gli attimi di vita regalati e ho coltivato i miei dolcissimo progetti campati in ARIA……NELL'ARIA……… E gli altri sempre a protestare a vendicare qualche torto a me dicevano schifati tu sei virtualmente morto a te la bocca serve solamente a farti respirare io pensavo e non e' questo il trucco inspirare, espirare, inspirare, espirare questo posso fare quando sono fortunato sento l'umido del mare io la morte la conosco e se non mi ha battuto ancora e' perche' io da una vita vivo solo per un'ora D'ARIA…….ARIA….UN'ORA D'ARIA…… Strum: Sol#m La Do Do#m Sol#

Daniele Silvestri – Aria
Mi Alle 8 e un quarto di un mercoledi' d'agosto Sol#m sto finalmente abbandonando questo posto Mi dopo 30 anni carcerato all'Asinara Sol#m Mi Sol#m che vuoi che siano poche ore in una bara. Mi Che in una bara in fondo non si sta poi male Sol#m basta conoscersi e sapersi accontentare Mi e in questo io modestamente sono sempre stato un grande Sol#m perche' per vivere a me non serve niente, solo Mi Sol#m Mi Sol#m ARIA………… SOLTANTO……..ARIA……….. L'avevo detto prima o poi vi frego tutti Quelli ridevano pensavano scherzassi da qui non esce mai nessuno in verticale

Do#m Sol# Do#m Sol# Respiro lento……aspetto il vento Mi Sol# il mio momento arrivera' La Do Aria aria aria

Daniele Silvestri – Cohiba
mi- mi-7+ mi-6 do si7 do si do si7 do si do 184

Indice si do si C'è, in un'isola lontana, una favola cubana do che vorrei tu conscessi almeno un pò si do C'è un'ipotesi migliore, si per cui battersi e morire do e non credere a chi dice di no si7 do si do perché c'è si do C'è un profumo inebriante si che dall'Africa alle Ande do ti racconta di tabacco e caffè si do C'è una voce chiara ed argentina, si che fu fuoco e medicina do come adesso è amore e rabbia per me sol la C'è, tra le nuvole di un sigaro, sol la voce di uno zingaro do che un giorno di gennaio gridò sol la C'è, o almeno credo ci sia stato, sol un fedelissimo soldato do miche per sempre quella voce cercò e che diceva do#- la sol# Venceremos adelante do#- la sol# o victoria o muerte do#- la sol# Venceremos adelante do#- la sol# o victoria o muerte si7 do si do si7 do si do si do C'è, se vai ben oltre l'apparenza, si un'impossibile coerenza do che vorrei tu ricordassi almeno un pò si do C'è una storia che oramai è leggenda, si e che potrà sembrarti finta do e invece è l'unica certezza che ho sol la C'erano dei porci in una baia, sol armi contro la miseria do solo che quel giorno il vento cambiò sol la C'era un uomo troppo spesso solo, sol e ora resta solo un viso do miche milioni di bandiere giudò e che diceva do#- la sol# Venceremos adelante do#- la sol# o victoria o muerte do#- la sol# Venceremos adelante do#- la sol# o victoria o muerte miL'america ci guarda non proprio con affetto mi-6 mi-5+ apparentemente placida ci osserva ma in fondo, lo sospetto mi- mi-7+ che l'america, l'america ha paura mi-7 mi-6 altrimenti non si spiega come faccia do a vedere in uno stato in miniatura la sol# questa orribile minaccia 185

Indice por esto do#- la sol# Venceremos adelante do#- la sol# o victoria o muerte do#- la sol# Venceremos adelante do#- la sol# o victoria o muerte lei però la sposerò

Daniele Silvestri – Gino e l’alfetta
LA Vado di fretta DO#vado di fretta FA#non ho più tempo datemi retta

Daniele Silvestri – Domani mi sposo
Mi2 Redim MI2 Redim Domani mi sposo, ne sono felice, Mi2 Redim Lam/Do Si7 Mim/Sol Sol/Fa si sente dal tono con cui lo si dice Mi2 Redim Mi2 Redim una piccola chiesa alle undici e venti Mi2 Redim Lam/Do Si7 Mim/Sol Sol/Fa hanno deciso ogni cosa i suoi amici e i parenti Do Do/Si Do/La Do/Sol Fa Do/Mi Lei sarà così vicino a me che ne potrò sentire l'alito pesante Re Fa/Sol Do che in un solo istante mi travolgerà Do/Si Do/La Do/Sol Fa sarà così vicino a me che non potrò non apprezzare Do/Mi Re Fa/Sol il forte odore che proviene dai suoi piedi Fa/La Fa#dim credimi Da/Sol Mi7/Sol# Lam Fa Do è bella, è bella, è bella, è bella, è bella tua sorella ma lei no Re7 Mi2 Redim

LA Gino mi aspetta DO#dentro un'Alfetta FA#piena di muffa

LA Vado di corsa DO#vado a una festa FA#-

186

Indice piena di gente molto entusiasta sei l'unica possibile LA DO#FA#-

ma di Gino io mi fido un po' di più LA ora non posso DO#vado di prescia FA#forse ritorno ma non è una promessa LA lui mi conquista DO# e mi rilassa RE#SOL#

Gino ha i miei stessi punti di vista SI RE MI FA#-

LA Vado di fretta

e per adesso mi basta Ehi ehi

DO# sono gay sono gay vado di corsa non sono gay, no non sono gay RE#SOL# sono gay sono come vuoi quello che serve è tutto dentro alla borsa SI >do#) sarò lei e per adesso mi basta sarò solo lei mi dirai: come fai LA DO#come mai non lo sai cosa sei Maria sei sempre mia sei diverso da noi FA#187 RE MI (nota dooggi sono lui da domani poi se lo vuoi

Indice ma che vuoi, sono gay fatti miei che disturbo ne hai quale enorme disagio ne trai sono gay sono gay si sono gay No non sono gay, ma vorrei ma lo sai quanti geni ed eroi sono gay non lo sai? e mi rilassa o non vuoi ricordare RE#preferisci pensare Gino ha i miei stessi punti di vista che un gay sia una sorta di errore SI una cosa immorale e per adesso mi basta o nel caso migliore un giullare, un fenomeno da baraccone e lo tollererai solo in quanto eccezione e lo tollererai solo in televisione lo chiamano gay e tu pensi ricchione RE MI FA#SOL# LA lui mi conquista DO# FA#sei l'unica possibile LA DO#FA#-

ma di Gino io mi fido un po' di più

Daniele Silvestri – Giro in Si
Sim7 Re Mi Fa# Potevi usare parole migliori Sim7 Re Mi Fa# potevi dire non va così Sim7 Re Mi Fa# io volevo regalarti solo accordi maggiori Sim7 Re Mi Fa# e invece hai scelto un giro in si Sim7 Re Mi Fa# si può o non si può amare senza rancori 188

LA

DO#-

Maria sei sempre mia

Indice Sim7 Re Mi Fa# se lo puoi fare rispondimi Sim7 Re Mi Io sto qui... ancora Re Mi Fa# e tengo aperta l'anima Sim7 Re resto qui... Mi da allora I've got a bad bad feeling 'bout you and me I want my life back and my Mintasy Si può o non si può amare a piccole dosi girare il mondo restando qui parlarsi piano piano e cancellare gli errori senza rischiare di perdersi Io sto qui... ancora e tengo aperta l'anima resto qui da allora... finché non volti pagina.

Re Mi Fa# finché non volti pagina Dovevo offrirti costose emozioni portarti fuori, sorprenderti stordirti col rumore di potenti motori e invece giro da sempre in si. Io sto qui... ancora e non ci voglio credere resto qui... da allora cercando di sorridere... ma... La Do#m il tuo viso, il sorriso La Do#m quello che ho condiviso con te La Do#m e la casa e ogni cosa La Do#m fare la spesa o ridere La Do#m e non posso io, non ci riesco io Re ? La Fa# non rinuncio io, ti denuncio io se mi lasci... No honey please, I'm just tryn' to breath why don't you stop taking care of me

Daniele Silvestri – Il mio nemico
Lam Finché sei in tempo tira Mi e non sbagliare mira Lam probabilmente il bersaglio che vedi Mi Lam

è solo l'abbaglio di chi da dietro spera Mi che tu ci provi ancora Lam Mi

perché poi gira e rigira gli serve solo una scusa Lam Mi

189

Indice la fregatura è che è sempre un altro che paga Lam Mi che ha la coscienza pura ma sotto quella vernice ci sono squallide mura la dittatura c'è ma non si sa dove sta non si vede da qua, non si vede da qua la dittatura c'è ma non si sa dove sta non si vede da qua, non si vede da qua

e c'è qualcuno che indaga per estirpare la piaga Lam Mi

però chissà come mai qualsiasi cosa accada Lam Mi

nel palazzo lontano nessuno fa una piega Lam Lam Mi il mio nemico non ha divisa serve una testa che cada e poi chissenefrega Lam Mi Lam Mi Mi

ama le armi ma non le usa Lam Do

la prima testa di cazzo trovata per strada Lam Mi Fa serve una testa che cada e poi chissenefrega Lam la prima testa di cazzo trovata per strada

nella fondina tiene le carte visa Mi

e quando uccide non chiede scusa Lam Mi

il mio nemico non ha divisa Lam Mi

ama le armi ma non le usa se vuoi tirare tira Lam ma non sbagliare mira nella fondina tiene le carte visa probabilmente il bersaglio che vedi Fa è solo l'abbaglio di chi da dietro giura 190 Mi Do

Indice e quando uccide non chiede scusa (sparagli piero, sparagli ora)

strum: | Lam |

Lam

Mi

il mio nemico non ha divisa e se non hai morale e se non hai passione se nessun dubbio ti assale perché la sola ragione che ti interessa avere è una ragione sociale e quando uccide non chiede scusa soprattutto se hai qualche dannata guerra da fare non farla nel mio nome non farla nel mio nome che non hai mai domandato la mia autorizzazione se ti difenderai non farlo nel mio nome che non hai mai domandato la mia opinione Lam Mi Lam Mi

ama le armi ma non le usa Lam Do

nella fondina tiene le carte visa Fa Mi

il mio nemico non ha divisa Lam Mi

ama le armi ma non le usa Lam Do

nella fondina tiene le carte visa Fa Mi

e quando uccide non chiede scusa finché sei in tempo tira Lam e non sbagliare mira il mio nemico non ha nome (sparagli piero, sparagli ora) Lam finché sei in tempo tira non ha nemmeno religione e non sbagliare mira Lam Sol Mi Lam 191 Mi Mi

Indice e il potere non lo logora Lam Sol Mi Lam sembravano ascoltare il s<uo mib9 monologo, ma l'uomo col megafono credeva sib nei propri argomenti e per questo andava avanti, Fa ignorando i continui commenti di chi lo prendeva per matto... re- mib6 sib però il fatto è che lui... soffriva... lui soffriva... Fa davvero Fa L'uomo col megafono cercava, sperava, tentava di bucare il cemento e gridava renel vento parole di avvertimento e di lotta, mib9 ma intanto la voce era rotta e la tosse sib allungava i silenzi, sembrava che fosse questione di pochi momenti, ma Fa invece di nuovo la voce tornava, la voce tornava... sib sol- lab do- sib Compagni! Amici! Uniamo le voci! Giustizia! sol- lab doProgresso! Adesso! Adesso! Fa L'uomo e il suo megafono sembravano staccati dal mondo, lui così magro, reprofondo e ridicolo insieme, lo sguardo di un uomo a cui preme davvero qualcosa, mib9 e che grida un tormento reale, non per un 192

il potere non lo logora

Lam

Do

Fa

Mi

il mio nemico mi somiglia è come me Lam Do

lui ama la famiglia Fa Mi

e per questo piglia più di ciò che da Lam Do

e non sbaglierà Fa Mi

ma se sbaglia un altro pagherà Lam Sol Mi Lam

e il potere non lo logora Lam Sol Mi Lam

il potere non lo logora

Daniele Silvestri – L’uomo col megafono
Fa L'uomo col megafono parlava parlava parlava di cose importanti, purtroppo rei passanti, passando distratti, a tratti soltanto

Indice sib esaurimento privato e banale, ma proprio per Fa l'odio e l'amore, che danno colore e calore, colore e calore re- mib6 sib ma lui... soffriva... lui soffriva... davvero sib sol- lab do- sib Compagni! Amici! Uniamo le voci! Giustizia! sol- lab doProgresso! Adesso! Adesso! Mi Solm7 e sentirlo sulla pelle fino a farsi bruciare Sib Solm Re Re/Do Però oggi partono i missili, Sib Solm Re Re5+ li guarderò e saranno bellissimi. Do7/5Re7/5+ Marzo 3000 e qualchecosa, è una notte luminosa Solm6 c'è la luna artificiale Do7/5Re7/5+ sugli schermi informativi, su quei pochi ancora attivi Solm6 sembra sia tutto normale Mi Solm7 Chissà com'era quando l'aria si poteva respirare Mi Solm7 e sentirla nei polmoni fino a farli scoppiare Mi Solm6 ogni notte sogno sempre di nuotare Mi Solm6 e sento il fuoco sulle labbra che ti lascia il sale E poi Sib Solm Correre nel traffico, mettersi il soprabito Re Re/Do respirare microbi, perdersi nei vicoli Sib Solm inciampare negli ostacoli, affidarsi a degli oroscopi Re Re/Do arrabbiarsi con le nuvole, evitare le pozzanghere Sì ma... 193

Daniele Silvestri – Marzo 3039
Do7/5Re7/5+ Marzo 3039 come sempre a Londra piove Solm6 ma con calma e precisione Do7/5Re7/5+ ho lasciato il sottosuolo per riflettere da solo Solm6 sull'attuale situazione Do7/5Re7/5+ Dalla guerra del '21 non ho visto più nessuno Solm6 della mia generazione Do7/5Re7/5+ siamo tutti chiusi in casa spaventati da ogni cosa, Solm6 da un'idea, da un'emozione Mi Solm7 Chissà com'era quando il sole si poteva guardare

Indice Sib Però... (correre nel traffico...) Solm Re Re/Do oggi partono i missili (mettersi il soprabito) Sib Solm Re Re5+ Do7/5li guarderò e saranno bellissimi (respirare microbi, perdersi nei vicoli) Sib Così... (inciampare negli ostacoli) Solm Re Re/Do oggi partono i missili (affidarsi a degli oroscopi) Sib Solm Re Re5+ Do7/5li aspetterò e saranno tantissimi (arrabbiarsi con le nuvole, evitare le pozzanghere) Sib Solm Re Perché... oggi partono i missili… Più di cinquecento notti mib7+ già mi sono innamorato dodi una bocca appena aperta sol7 e di un respiro senza fiato mib se potesse questo buio mib7+ cancellare l'universo doforse ti potrei guardare sol7 e non sentirmi così perso. lab mib Ma tu dormi ancora un po' sib non svegliarti ancora no sol7 ho paura di sfiorarti e rovinare tutto. lab mib Ma tu dormi ancora un po' sib ancora non so guardarti sol7 anch'io nel modo giusto. mib mib7+ do- sol7 mib mib7+ I tuoi occhi do- sol7 disarmanti mib Sono occhi di ombra lucida mib7+ tra palpebre di viole dosguardo limpido di aprile come sol7 quando esce il sole mib e io sarò la nuvola mib7+ che ti terrà nascosta do perché gli altri non si accorgano 194

Daniele Silvestri – Occhi da orientale
mib mib7+ do- sol7 x2 mib Occhi da orientale mib7+ che raccontano emozioni dosguardo limpido di Aprile sol7 di dolcissime illusioni mib tutto scritto su di un viso mib7+ che non riesce ad imparare docome chiudere fra i denti sol7 almeno il suo dolore. mib mib7+ do- sol7 mib

Indice sol7 di averti persa. lab mib Ma tu dormi ancora un po' sib non svegliarti ancora no sol7 ho paura di sfiorarti e rovinare tutto. lab mib Ma tu dormi ancora un po' sib ancora non so guardarti sol7 anch'io nel modo giusto. sol7 mib I tuoi occhi mib7+ innocenti do disarmanti sol7 devastanti mib i tuoi occhi mib7+ ti ho davanti dotienili chiusi sol7 ancora pochi istanti La Lam7 Preferirei stare seduto sopra il ciglio di un vulcano La Lam7 Mi brucerei ma salutandoti dall'alto con la mano, ah. Do#m7 Fa#9 E invece sto sdraiato senza fiato La Sol#5 Scotto come il tagliolino al pesto che ho mangiato Do#m7 Fa#9 La Do Si Mim Mim7 E resto qui disteso sul selciato ancora un po' Ma prima o poi ripartirò. La5 Lam Accettereidi addormentarmi su un ghiacciaio tibetano La5 Lam Congelerei ma col sorriso che si allarga piano piano (come De Niro, ma più indiano) Do#m7 Fa#9 La e invece sto sdraiato senza fiato sfatto come il letto Sol#5 su cui prima m'hai lasciato Do#m7 Fa#9 La e resto qui distrutto disperato ancora un po' Do Si ma prima o poi ripartirò. Mim7 Dom7 Sim7 Lam7 E salirò salirò Salirò salirò fra le rose di questo giardino Mim7 Rem7 Sol7 Do7+ Si7 195

Daniele Silvestri – Salirò
Mim Mim7 Dom7 Sim7 Lam7 Salirò salirò Tra le rose di questo giardino Mim7 Rem7 Sol7 Salirò salirò fino a quando sarò Do Si7 Mim Mim7 Solamente un punto lontano pompa... pompa... pompa... pompa...

Indice Mim Salirò salirò fino a quando sarò Solamente un ricordo Lontano. Mim7 Dom7 Sim7 Lam7 E salirò salirò salirò salirò Fra le rose di questo giardino Mim7 Rem7 Sol7 Do7+ Si7 Lam9 Ladim Mim7 Sol7+/9 Do7+ Si7 Re11 Salirò salirò fino a quando sarò solamente un puntino Lontano Lontano Lontano. Mim7 Re6 preferirei ricominciare piano piano dalla base Lam Lam6 e tra le rose lentamente risalire Mim Re6 e prenderei tra le mie mani le tue mani e ti direi: Lam Lam6 "amore in fondo non c'è niente da rifare" e invece Lam9 Ladim più giù di così non si poteva andare Mim7 Sol7+/9 Più in basso di così c'è solo da scavare Do7+ Si7 Re11 Per riprendermi per riprenderti ci vuole un argano a motore Mim7 Dom7 Sim7 Lam7 E Salirò salirò salirò salirò fra le rose di questo giardino Mim7 Rem7 Sol7 Do7+ Si7 Mim Salirò salirò fino a quando sarò Solamente un ricordo lontano. Mim Solm7 Mibm7 Salirò Salirò-o Rem7 Dom7 Non so ancora bene quando ma provando e riprovando Solm7 Fam7 Sib Salirò salirò fino a quando sarò Mib7+ Re Solm7 Solamente un puntino Lontano Lontano Lontano Pompa!

Daniele Silvestri – Samantha
mi7 si-9b/11 Dice "Scusa, scusa senti mi7 si-9b/11 potrei passare avanti sol la si la fila è lunga e io non posso aspettare" mi7 si-9b/11 Dico "Prego, prego faccia mi7 si-9b/11 lo so, una giornataccia sol la si la pioggia, il traffico e le scadenze del mese" sol la "Diamoci del tu" mi dice lei do#"Io mi chiamo Samantha" sol la Io le do la mano e intanto penso si "Madonna quanta!" mi7 si-9b/11 Sta' zitto non parlare mi7 si-9b/11 Sta' zitto non parlare mi7 si-9b/11 Calmo, calmo adesso mi7 si-9b/11 stai diventando rosso sol la Ma c'è qualcosa in lei che mi incanta si Sarà magari il nome Samantha 196

Indice mi7 si-9b/11 Fingi e fai melina mi7 si-9b/11 anche se lei è carina sol la Chissà se dorme dalla parte giusta si Se per la dieta può mangiare pasta sol la Però, lo vedi, tutto va così do#prevedibilmente sol la a studiare tattiche che poi si non ce ne importa niente sol la Anche l'amore in fondo fa così do#identico all'istinto sol la la stessa strada inutile si ma in modo anche più lento re re/do sol/si E' tutto inutile re re/do sol/si sib E' tutto inutile re re/do sol/si sib E' un gioco inutile re re/do sol/si sib Cambiano le regole re Fa sol sib ma non serve a niente vincere mi7 si-9b/11 Sta' zitto non parlare mi7 si-9b/11 Sta' zitto non parlare mi7 si-9b/11 Sta' zitto non parlare sol la Ma c'è qualcosa in lei che mi incanta si Sarà magari il nome Samantha sol la Chissà se dorme dalla parte giusta si Se per la dieta può mangiare pasta sol la Gli amori io non li conosco bene do#però ne ho visti tanti sol la tutti orribili alla fine si ma all'inizio entusiasmanti sol la E le passioni le conosco bene do#che ancora porto i segni sol la per l'abitudine sciocca che ho si di credere ai sogni re re/do sol/si E' tutto inutile re re/do sol/si sib E' un gioco inutile re re/do sol/si sib E' sempre inutile re re/do sol/si sib Puoi solo perdere re re/do sol/si sib Cambiano le regole re Fa sol sib ma non serve a niente vincere re re/do sol/si sib E' tutto inutile re re/do sol/si sib E' tutto inutile re Fa sol sib e non serve a niente vincere

Daniele Silvestri Seguimi
Mi Fa#Mi Fa#Mi Fa#Mi Fa# Forse è vero, non si vive così, è un errore non difendersi Mi Fa#Mi Fa#Mi Fa#Mi Fa# sulla faccia queste lacrime, con le braccia scese come i deboli Re9 La9 Mi 197

Indice ma tu che ne sai se non ci provi mai Mi Fa#Mi Fa#Mi Fa#Mi Fa# Se i miei occhi non piangessero più sei sicura di guadagnarci tu? Mi Fa#Mi Fa#Mi Fa#Mi Fa# O hai paura che ti guarderei? Senza lacrime non mi sbaglierei Re9 La9 Mi ma tu che ne sai, tu che non soffri mai Fa# Do#m Seguimi Fa# Do#m seguimi Fa# Do#m seguimi solo(1): | La | Fa#m | Do#m | Do#m | (2v.) Mi Fa#Mi Fa#Mi Fa#Mi Fa# Le tue mani che non tremano mai, la tua voce che non esita Mi Fa#Mi Fa#Mi Fa#Mi Fa# è una spada che ferisce sai, chi non ha difese non la evita Re9 La9 Mi ma tu che ne sai, tu che non piangi mai Fa# Do#m Seguimi Fa# Do#m seguimi Fa# Do#m seguimi solo(2): | La | Fa#m | Do#m | Do#m/Si | (2v.) Fa# Do#m Seguimi, se hai la forza di rallentare Fa# Do#m seguimi, se hai ginocchia per inciampare Fa# Do#m seguimi, se hai il coraggio di peggiorare

Daniele Silvestri – Testardo
LA Io so' testardo c'ho la capoccia dura e per natura non abbasso mai lo sguardo E è un'esigenza A perché c'ho 'na pazienza da leopardo e so' testardo e non mi ferma gnente vado sempre avanti fino al mio traguardo indifferente e non m'importa gnente se ritardo io so' de legno e sembro muto e sordo ma le tue parole, sta' tranquillo che me le ricordo e qualche volta me le segno Bb io so' de coccio quello che dico faccio io so' uno che, comunque vada le promesse le mantiene che poi nemmeno me conviene molto perché so' un muro e pure se t'ascolto fondamentalmente so' sicuro 198

Indice che la tua vita è appesa a un filo e io c'ho le forbici F però se ancora un po' mi piaci la colpa e dei tuoi baci che m'hanno preso l'anima Bb de li mortacci tua C Io so' De Chirico dico in senso simbolico c'ho un controllo diabolico quasi artistico del mio stato psicofisico e se hai capito, mo' traducilo e so' tenace perché alla gente piace ma è evidente che con un coltello mi puoi fa' cambia' opinione aho, so' testardo ma mica so' cojone C# io so' de marmo ma tu m'hai sbriciolato perché so' testardo fino al punto che so' sempre innamorato pure se tu m'hai già scordato - (e infatti l'hanno vista...) - m'hanno informato! però se ancora un po' mi piaci la colpa è dei tuoi baci che m'hanno preso l'anima de li mortacci tua A F#m C#m E mi pensi mai, mi cercherai D F#m A C#m se ti scrivo mi risponderai come stai se era un sogno non svegliarmi mai C Am Ieri un cervo bianco ha sorvolato la città sbandando per il vento si è fermato qua F Dm aveva grandi occhi C Bb F G# come i tuoi, i tuoi, i tuoi e tu non torni mai e tu non torni mai e tu non torni Aspetterai chi consolerai quanto tempo ti concederai, dove stai Oggi un elefante viola ha scritto una poesia piangendo l'ha stracciata ed è scappato via aveva grandi occhi come i tuoi, i tuoi, i tuoi e tu non torni mai Pensami se puoi pensarmi scrivimi se vuoi parlarmi guardami 199 A F#m C#m E Tu come fai senza di noi D F#m come vivi, come ridi

Daniele Silvestri – Tu non torni mai

Indice se sai vedermi toccami se vuoi cercarmi La Fa#m Do#m Mi ci sei solo tu

Daniele Silvestri – Un Giorno lontano
Re Mi Fa#m Do#m Re La Do#m Un giorno lontano sorriderò persino ma adesso non ci sei più Re Mi Fa#m Do#m Re La Do#m domani per caso confonderò il tuo viso, ma adesso non ci sei più Re Mi Fa#m Do#m Re La Do#m non basta che giuri che scorderò chi eri, adesso, adesso ci sei tu Re Do#m Re Do#m nei miei occhi adesso ci sei tu, nelle orecchie adesso ci sei tu Mi ci sei tu La Fa#m Do#m Mi ci sei solo tu La Fa#m Do#m Mi ci sei solo tu Re Mi Fa#m Do#m Re La Do#m sapere che è giusto che è tutto stanco e guasto non basta a non volerti più Re Mi Fa#m Do#m Re La Do#m vederti partire non ti farà sparire, adesso, adesso ci sei tu Re Do#m Re Do#m nei miei occhi adesso ci sei tu, sulla bocca adesso ci sei tu La Fa#m Do#m Mi ci sei solo tu

Subsonica – Disco labirinto
Mim Quasi quasi lo farei Sol quasi quasi dimmelo Do Si5 quasi quasi ti ho tradito e mi sono divertito Mim Quasi quasi non ti ascolto Sol quasi quasi ho il vomito Do Si5 quasi quasi esagero se mi sopravvaluto. Mim Sol Vorrei una discotecalabirinto bianca senza luci colorate Do Si5 grande un centinaio di chilometri dalla quale non si possa uscire Mim Sol Vorrei una discotecalabirinto bianca senza luci colorate Do Si5 grande un centinaio di chilometri dalla quale non si possa uscire Mim Sol Quasi quasi ascoltami training autogeno Do Si5 Quasi quasi mi sollevo senza nessun aiuto Mim Sol Vorrei una discotecalabirinto bianca senza luci colorate Do Si5 200

Indice grande un centinaio di chilometri dalla quale non si possa uscire Mim Sol Vorrei una discotecalabirinto bianca senza luci colorate Do Si5 grande un centinaio di chilometri dalla quale non si possa uscire Mim Sol Do Si5 lovely,lovely,lovely,lovely Mim Sol Vorrei una discotecalabirinto bianca senza luci colorate Do Si5 grande un centinaio di chilometri dalla quale non si possa uscire Mim Sol Vorrei una discotecalabirinto bianca senza luci colorate Do Si5 grande un centinaio di chilometri dalla quale non si possa uscire Mim Sol vorrei una discotecalabirinto Sibm Fa# Sibm Fa# Sibm Fa#m Sibm Fa# ma fin tanto che sei qui posso dirmi vivo Mibm Mi Si Do# Tu affogando per respirare Sol#m Si imparando anche a sanguinare Fa# Sol# nel giorno che sfugge, il tempo reale sei tu Mibm Mi Si Do# tu a difendermi e farmi male Sol#m Si sezionare la notte e il cuore Fa# Sol# per sentirmi vivo, in tutti i miei sbagli Sibm Fa# Sibm Fa# Sibm Fa# Sibm Fa# Sibm Fa#m Sibm Fa# Non mi importa molto se niente è uguale a prima Sibm Fa# Sibm Fa# Sibm Fa#m Sibm Fa# le parole su di noi si dissolvono così Mibm Si Tu sai difendermi e farmi male Sol#m Si ammazzarmi e ricominciare Fa# Sol# a prendermi vivo, sei tutti i miei sbagli Sol#m Mi Tu affogando per respirare Do#m Mi imparando anche a sanguinare Si Do# nel giorno che sfugge, il tempo reale sei tu Sol#m Mi 201

Subsonica – Tutti i miei sbagli
Mibm Si Tu sai difendermi e farmi male Sol#m Si ammazzarmi e ricominciare Fa# Sol# a prendermi vivo, sei tutti i miei sbagli Sibm Fa# Sibm Fa# Sibm Fa# Sibm Fa# Sibm Fa# Sibm Fa# Sibm Fa#m Sibm Fa# A caduta libera in cerca di uno schianto

Indice tu a difendermi e farmi male Do#m Mi sezionare la notte e il cuore Si Do# per sentirmi vivo, in tutti i miei sbagli Sol#m Mi Tu il mio orgoglio che può aspettare Do#m Mi e anche quando c'è più dolore Si Do# non trovo un rimpianto Sol#m Mi non riesco ad arrendermi Do#m Mi a tutti i miei sbagli Si Do# Si Do# Sei tutti i miei sbagli Sei tutti i miei sbagli Si Do# Sol#m Sei tutti i miei sbagli Penso agli amici fuori e muoio dentro Do Re La mia generazione senza vento Mim Do Sono qui, aspetterò Mim Do Io, aspetterò Mim Do Finchè arriverà il mio momento Re Si7 Stammi accanto Mim Do Col pensiero tu, tu stammi accanto Do/Sol Sole spento Do Mim La Mim La Io ti sento con meMim La Quando sei condannato al pentimento Mim La Stanco di sentir dire “non ho tempo” Do Re Come in un sole in cui sentire freddo Mim Do Sono qui, aspetterò Mim Do Io, aspetterò Mim Do Finchè arriverà il mio momento Re Si7 Stammi accanto Mim Do Col pensiero tu, tu stammi accanto Do/Sol 202

Timoria – Sole spento
Mim La Ci sono giorni in cui mi sveglio spento Mim La E tutto sommato provo a starci dentro Do Re Nella mia stanza aspetto il mio momento Mim Do Sono qui, aspetterò Mim Do Io, aspetterò Mim La Quando la vita sembra un treno lento Mim La

Indice Sole spento Do Mim La Mim La Io ti sento con me Vocalizzo Mim Do Sono qui, aspetterò Mim Do Io, aspetterò Mim Do finchè arriverà il mio momento Re Si7 Stammi accanto Mim Do Col pensiero tu, tu stammi accanto Do/Sol Do Re Sole spento Tu sei dentro di me [LA-] mai [FA] non ti vorrei veder cambiare mai [LA-] [FA]

perchè siamo [RE-] due destini che si uniscono [LA-] stretti in un istante solo [FA] che segnano un percorso profondissimo dentro di loro [RE-] [FA] [RE-] superando quegli ostacoli [LA-] se la vita ci confonde solo [FA] per cercare di essere migliori per guardare [RE-] ancora fuori [FA] per non sentirci soli [LA-] [FA]

Tiromancino – Due destini
[LA-] Ti ricordi i giorni [FA] chiari dell'estate [LA-] quando parlavamo [FA] fra le passeggiate

Strum....[LA-] [FA]

ed è per [LA-] questo che ti sto chiedendo Strum....[LA-] [FA] [FA] di cercare sempre quelle [LA-] cose..... vere che ci fanno [FA] stare..... bene [LA-] mai [FA] io non le perderei mai [LA-] [FA]

[LA-] stammi piu vicino [FA] ora che ho paura [LA-] perchè in questa fretta [FA] tutto si consuma

203

Indice

perchè siamo [RE-] due destini che si uniscono [LA-] stretti in un istante solo [FA] che segnano un percorso profondissimo dentro di loro [RE-] [FA] [RE-] superando quegli ostacoli [LA-] che la vita non ci insegna solo [FA] per cercare di essere più veri per [RE-] guardare ancora fuori [FA] per non sentirci soli [LA-] [FA]

Tiromancino - La descrizione di un attimo
Lam Do Sol Re Lam Do La descrizione di un attimo, le convinzioni che cambiano Sol Re e crolla la fortezza del mio debole per te Lam Do Anche se non sei più sola perchè sola non sai stare Sol Re e credi che dividersi la vita sia normale Mim Sol Ma la mia memoria scivola mi ricordo limpida Do la trasmissione dei pensieri... Mim Sol e la sensazione che in un attimo qualunque cosa pensassimo Fa Mim Mi noi due poteva succedere eh eh La Si Do#m Mi e poi cos'è successo aspettami oppure dimenticami La Si Do#m Re ci rivediamo adesso eh dopo quasi cinque anni

Strum...[LA-] [FA].

[RE-] superando quegli ostacoli [LA-] se la vita ci confonde solo [FA] per cercare di essere sinceri per [RE-] guardare ancora fuori [FA] per non sentirci soli [LA-] [FA] per non sentirci soli [LA-] [FA] per non sentirci soli [LA-] [FA] per non sentirci soli [LA-] [FA]

204

Indice Lam Do Sol Re Ahi come sempre sei la descrizione di un attimo per me Lam Do Sol Re ahi ahi ahi ahi come sempre sei un' emozione fortissima eh Lam Re Do Sol in cui poteva succedere eh eh

La Si Do#m Mi e poi cos'è successo aspettami oppure dimenticami La Si Do#m Re ci rivediamo presto fra almeno altri cinque ann

Lam Do Sol ahi ahi ahi ahi come sempre sei bellissima Lam Do Lam Mi Do Mi hanno detto dei tuoi viaggi, mi hanno detto che stai male Sol Re che sei diventata pazza ma io so che sei normale Lam Do chiedi di partire adesso Sol Re perchè i numeri e il futuro non ti fanno preoccupare Mim Sol vorrei poterti credere sarebbe molto più facile Do rincontrarci nei pensieri Mim Sol distesi come se fossimo sospesi ancora nell'attimo Fa Mi Mim Lam Do Sol Rie Ahi come sempre sei la descrizione di un attimo per me Lam Do Sol Re ahi ahi ahi ahi come sempre sei un'emozione fortissima eh Lam Do Sol Re ah come sempre sei bellissima Lam Do Sol ahi ahi ahi ahi come sempre sei la descrizione di un attimo

Tiromancino – Per me è importante
Re9 Re7 Le incomprensioni sono così strane sarebbe meglio evitarle sempre Lam La9 205

Indice per non rischiare di aver ragione ché la ragione non sempre serve. Do Re9 Domani invece devo ripartire mi aspetta un altro viaggio, Lam e sembrerà come senza fine ma guarderò il paesaggio... Re9 Fa7+ Mi Sono lontano e mi torni in mente t’immagino parlare con la gente... Re7 Mi piace raccontarti sempre quello che mi succede, Lam La9 le mie parole diventano nelle tue mani forme nuove colorate, Re9 Re7 note profonde mai ascoltate di una musica sempre più dolce Lam La9 La9 Arpeggio intro (con effetto) Re7 ... che per me è importante... Lam Re

Mim

Do Do/Sol Lam Il mio pensiero vola verso te per raggiungere le immagini scolpite ormai nella coscienza Do Re come indelebili emozioni che non posso più scordare Do Do/Sol Lam il pensiero andrà a cercare tutte le volte che ti sentirò distante tutte le volte che ti vorrei parlare Do Mim Do Re9 Lam Re

o il suono di una sirena perduta e lontana.

Fa7+ Mi Mi sembrerà di viaggiare io e te con la stessa valigia in due dividendo tutto sempre normalmente....

per dirti ancora che sei solo tu la cosa che per me è importante

Do Do/Sol Lam 206

Indice

Il mio pensiero vola verso te per raggiungere le immagini scolpite ormai nella coscienza Do Re9 come indelebili emozioni che non posso più scordare Do Do/Sol Lam il pensiero andrà a cercare tutte le volte che ti sentirò distante tutte le volte che ti vorrei parlare Do Re9 Lam Re Mim Do

per dirti ancora che sei solo tu la cosa che per me è importante... che per me è importante...

Antonello Venditti – Notte prima degli esami
DO MIm7 LAm DO FA Io mi ricordo quattro ragazzi con la chitarra REm SOL e un pianoforte sulla spalla DO MIm7 LAm DO Come tini di Roma la vita non li spezza FA REm questa notte e' ancora nostra SOL ma come fanno le segretarie con gli occhiali a farsi sposare dagli avvocati DO MIm7 LAm DO FA REm Le bombe delle sei non fanno male e' solo il giorno che muore SOL SOL7 e' solo il giorno che muore DO MIm7 LAm DO FA REm Gli esami sono vicini e tu sei troppo lontana dalla mia stanza SOL tuo padre sembra Dante e tuo fratello Ariosto SOL7 DO MIm7 LAm stasera al solito posto la luna sembra strana DO FA REm SOL SOL7 sarà che non ti vedo da una settimana DO MIm7 LAm Maturità ti avessi preso prima DO FA REm 207

per dirti ancora che sei solo tu la cosa che per me è importante... Mim Do Lam Re che per me è importante...

Re Lam Fa7+ Mi

Do Do/Sol Lam E il mio pensiero ti verrà a cercare tutte le volte che ti sentirà distante tutte le volte che ti vorrei parlare Do Mim Do Mim Do Re9 Lam Re Lam Re

Indice le mie mani sul tuo seno e' fitto il tuo mistero SOL SOL7 e il tuo peccato originale come quei calzoni americani DO MIm7 LAm non fermare ti prego le mie mani DO FA REm sulle tue coscie tese chiuse come le chiese SOL SOL7 quando ti vuoi confessare DO MIm7 LAm Notte prima degli esami DO notte di polizia FA REm certo qualcuno te lo sei portato via SOL notte di mamma e di papa' col biberon in mano SOL7 notte di nonne alla finestra DO MIm7 LAm DO ma questa notte e' ancora nostra FA REm notte di giovani attori, di pizze fredde e di calzoni SOL SOL7 notte di sogni di coppe di campioni DO MIm7 LAm Notte di lacrime e preghiere DO FA REm la matematica non sara' mai il mio mestiere SOL SOL7 e gli aerei volano in alto tra New York e Mosca DO MIm7 LAm ma questa notte e' ancora nostra DO FA REm Claudia non tremare, non ti posso far male SOL SOL7 se l'amore e' amore DO MIm7 LAm Si accendono le luci qui sul palco DO ma quanti amici attorno FA REm che viene voglia di cantare SOL SOL7 forse cambiati, certo un po' diversi DO MIm7 LAm DO FA ma con la voglia ancora di cambiare REm SOL SOL7 se l'amore e' amore, se l'amore e' amore DO MIm7 LAm DO FA REm SOL DO Se l'amore e' amore, se l'amore e' amore, se l'amore e' amore.

Antonello Venditti – Piero e Cinzia
SOL RE MIm DO (tutta)

Cinzia cantava le sue canzoni e si scriveva i versi sul diario per sentirli veri e proprio nell'ora di religione quando tutto il mondo sembra buono, anche il professore e lo stadio era pieno, Cinzia il suo veleno e lo stadio era pieno, Cinzia il suo veleno Piero suonava solo la musica reggae

208

Indice e i suoi capelli erano serpenti neri di medusa Marley sposati di fretta e con un figlio in arrivo un figlio nuovo di zecca da crescere bene partirono insieme, destinazione san Siro con tutto quello che avevano in tasca, un idirizzo sicuro e lo stadio era pieno, Cinzia il suo veleno e lo stadio era pieno, Cinzia il suo veleno E si che Milano quel giorno era Giamaica con quelle palme immense sulle strade vuote, e 41 all'ombra e quando gli idranti spararono sul cielo qualcuno disse 'guarda verso il palco, c'e' l'arcobaleno' e venne la notte da centomila fiammelle la musica correva come un filo su tutta la mia pelle e lo stadio era pieno, Cinzia il suo veleno e lo stadio era pieno, Cinzia il suo veleno dai Cinzia torna a casa, dai Cinzia torna a casa.

Verdena – Ultranoia
No... non ci sei... e' strano sai sen -tirti su di me... qui... sfregami... e' qui che stai soffiando su di me... [chorus] RE MI FA#- MI se... in vena scorre RE MI FA#- MI lei piano corre da me RE MI FA#- MI tu, tu mi spegni RE MI FA#se... sei tu... [chorus_end] che mi vuoi fuori di me e' giusto sai sentirti su di me tu... seno blu mi vuoi per te mi sento cosi' giu' se... in vena scorre lei piano corre da me tu, tu mi spegni se... sei tu... che mi vuoi fuori di me e' giusto sai sentirti su di me qui... sfregami... e' qui che stai soffiando su di me... se... in vena scorre lei piano corre da me 209

Indice tu, tu mi spegni se... sei tu... ...sei tu... sei tu... il pretesto lo sai quattro dischi e un pò di whisky re si- sol re/Fa# mi- la sisarò grande, vedrai, fammi spazio e dopo mi dirai, mi7 mi-7 la7 "che maschio sei..." sol silui chi è? Come mai l'hai portato con te? sol Il suo ruolo mi spieghi qual è? sol7 do si do Io volevo incontrarti da sola, semmai mi-7 la7 la-7 re4re si- mi-4 mimentre lui (lui chi è?) lui chi è? (lui chi è?) la7 re7 sol rem7sol7 lui chi è? già è difficile farlo con te: mollalo! do la-7 re4re si- mi-4 milui chi è? (lui chi è?) lui cos'è? (lui cos'è?) la-7 re7 sol la lui com'è? È distratto, ma è certo di troppo: mollalo! re Mi aspettavo, lo sai, si- sol re/Fa# mi- la7 un rapporto un pò più normale re si- sol re/Fa# quale eventualità trovarmi una mi- la7 collocazione re7 sol do#7 ora spiegami, dai, l'atteggiamento Fa#- la7 che dovrò adottare. re si- sol re/Fa# mentre io rischierei di trovarmi al buio tra le mi- la sibraccia lui. mi7 mi-7 la7 non è il mio tipo! sol 210

Verdena - Valvonauta
Mi affogherei e anche se non mi viene io senza lei e anche se non c'è miele mi viene dolce e penso sempre lo stesso mi affogherei Io senza lei riesco appena a sentire che non ci sei e riesco appena a stupirmi va tutto bene e penso sempre lo stesso mi affogherrei...eei Sto bene se non torni mai Sto bene se non torni mai Sto bene se non torni mai...maaai Mi affogherei e anche se non conviene io senza lei e anche se non c'è miele mi viene dolce e penso sempre lo stesso mi affogherei...eei Sto bene se non torni mai Sto bene se non torni mai Sto bene se non torni mai...maaai

Renato Zero – Il triangolo
re L'indirizzo ce l'ho, si- sol re/Fa# mi- la7 rintracciarti non è un problema re si- sol re/Fa# mi- la7 ti telefonerò, ti offrirò una serata strana re7 sol do#7 Fa#- la7

Indice Lui chi è? si potrebbe vedere (lui chi è?) si potrebbe inventare (lui chi è?) si potrebbe rubare Lui chi è? nononononono... lui chi è (lui chi è?) lui chi è? già è difficile farlo con te: mollalo! mib do- lab mib/sol Fa- sib7 Il triangolo no, non l'avevo considerato mib domlab mib/sol Fam sib7 d'accordo, ci proverò, la geometria non è un reato mib7 lab re7 sol- sib7 garantisci per lui, per questo amore un pò articolato mib do- lab mib/solFasib7domentre io rischierei, ma il triangolo io lo rifarei, Fa7 Fa-7 Fa#-7si7 perché no? lo rifarei! la do#- lala7 lui chi è? nonononono, lui chi è? lui chi è? re do#re mmmh, si vedrà si si- mi4mi do#- Fa#-4 Fa#Lui chi è? (lui chi è?) lui chi è? (lui chi è?) si-7mi7 mi-7la7 e lui è?nonononono re si- mi4mi do#- Fa#-4Fa#Lui chi è? (lui chi è?) lui chi è? (lui chi è?) si-7mi7mi-7la7 mi sol la mi sol la e accarezzi il gatto con le mani mi sol la mi sol la con le mani tu puoi dire di sì si la Far provare nuove sensazioni si Fa#-7 la mi farsi trasportare dall'emozioni mi sol la mi sol la è un incontro di mani questo amore mi sol la mi sol Fa#-7 con le mani se vuoi puoi dirmi di sì la do re la le tue mani così all’improvviso do re le tue mani così all’improvviso mi sol la mi sol la mi si sono fatte strada fuori e dentro di me mi sol la mi sol la Con le mani preghi il signore mi sol la mi sol la guarda un pò più in basso, guardami mi sol la mi sol la apri le finestre con le mani mi sol la mi sol la con le mani se vuoi puoi dirmi di sì si la E provare nuove sensazioni si Fa#-7 la mi farti traspostare dall'emozioni mi sol la mi sol la è un incontro di mani questo amore mi sol la mi sol Fa#-7 usa le tue mani su di me la do re la le tue mani così all’improvviso do re le tue mani così all’improvviso mi sol la mi sol la mi si sono fatte strada fuori e dentro di me si la Far provare nuove sensazioni si Fa#-7 la mi farsi trasportare dall'emozioni mi sol la mi sol la è un incontro di mani questo amore 211

Zucchero – Con le mani
mi sol la mi sol la Con le mani sbucci le cipolle mi sol la mi sol la me le sento addosso sulla pelle

Indice mi sol la mi sol Fa#-7 con le mani se vuoi puoi dirmi di sì la do re la le tue mani così all’improvviso do re le tue mani così all’improvviso mi sol la mi sol la mi si sono fatte strada fuori e dentro di me Impareremo a camminare Do Sib Fa

per mano insieme a camminare Sib Domenica Aspettero` che aprano i vinai

Zucchero – Diamante
Fa

piu` grande ti sembrero` Respirero' e tu piu` grande sarai l'odore dei granai nuove distanze Sib ci riavvicineranno e pace per chi ci sara` dall'alto di un cielo, Diamante, Fa Do i nostri occhi vedranno e per i fornai Do Fa Do pioggia saro` ballare piano in controluce e pioggia tu sarai Do Sib i miei occhi si chiariranno Fa Domenica, Domenica e fioriranno i nevai Do Sib Fa Fai piano i bimbi grandi non piangono Do Sib Fa per mano insieme soldati e spose, Sib Sib Fa moltiplicare la nostra voce Sib Fa Sib Fa Passare insieme soldati e spose

212

Indice Fai piano i bimbi grandi non piangono Passare insieme soldati e spose ballare piano in controluce moltiplicare la nostra voce passare in pace soldati e spose do sol negli occhi hanno gli aeroplani la-7 do per volare ad alta quota Fa do sol4 sol dove si respira l'aria e la vita non è vuota do sol Le vedi camminare insieme la-7 do nella pioggia o sotto il sole Fa do dentro pomeriggi opachi sol4 sol seza gioie ne dolore do sol la-7 Fa Donne, in cerca di guai do sol la-7 sol4 sol donne a un telefono che non suona mai do sol la-7 Fa donne, in mezzo a una via do sol la-7 sol donne allo sbando senza compagnia do sol la-7 Fa donne du du du du du du

Zucchero - Donne
do sol la-7 Fa Donne, in cerca di guai do sol la-7 sol4 sol donne a un telefono che non suona mai do sol la-7 Fa donne, in mezzo a una via do sol la-7 sol donne allo sbando senza compagnia do sol negli occhi hanno dei consigli la-7 do e tanta voglia di avventure Fa do e se hanno fatto molti sbagli sol4 sol sono piene di paure. do sol Le vedi camminare insieme la-7 do nella pioggia o sotto il sole Fa do dentro pomeriggi opachi sol4 sol senza gioie né dolore do sol la-7 Fa Donne, pianeti dispersi do sol la-7 sol4 sol per tutti gli uomini così diversi do sol la-7 Fa donne, amiche di sempre do sol la-7 sol donne alla moda donne contro corrente

213

Indice

214