You are on page 1of 65

Concessioni

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE
Versione 2.0 del 19 aprile 2013

Patrimonio della PA a valori di Mercato

1. 2. 3. 4.

INTRODUZIONE................................................................................................................... 4 I SOGGETTI DELLA RILEVAZIONE: DELIMITAZIONE DEL PERIMETRO SOGGETTIVO ................. 5 GLI OGGETTI DELLA RILEVAZIONE: DELIMITAZIONE DEL PERIMETRO OGGETTIVO ................. 5 DEFINIZIONI ........................................................................................................................ 6 4.1. Concessione di Beni ............................................................................................................. 6 4.2. Concessione di Servizi .......................................................................................................... 6

5. ISTITUTI GIURIDICI NON OGGETTO DI RILEVAZIONE: PRINCIPALI DIFFERENZE CON LA CONCESSIONE ............................................................................................................................ 8 5.1. Autorizzazione ...................................................................................................................... 8 5.2. Appalto ................................................................................................................................. 8 5.3. Comodato d’uso, Locazione, Affitto ..................................................................................... 9 5.4. Contratto di Disponibilità ..................................................................................................... 9 6. 7. LOGICA DI RILEVAZIONE NEL MODULO CONCESSIONI ........................................................ 10 STRUTTURA DEL MODULO CONCESSIONI .......................................................................... 11 7.1. Tassonomia: IV°LIVELLO (Finalità). Casi Particolari ............................................................ 13 7.1.1. 7.1.2. 8. Occupazione di Suolo Pubblico .................................................................................. 13 Attività di Gestione di Impianti e Strutture ................................................................ 14

INSERIMENTO DATI ........................................................................................................... 16 8.1. Inserimento dati relativi alla singola Concessione ............................................................. 17 8.1.1. 8.1.2. 8.1.3. 8.1.4. 8.1.5. 8.2.1. Dati relativi alla Concessione ..................................................................................... 17 Dati anagrafici e sede legale concessionario ............................................................. 19 Dati relativi all'oggetto della Concessione ................................................................. 20 Elementi quantitativi (riferiti alla Concessione) ......................................................... 24 Impegni del concessionario ....................................................................................... 35 Definizione ed Applicabilità ....................................................................................... 36

8.2. Caricamenti Aggregati ........................................................................................................ 36 8.2.2. Modalità di caricamento delle Concessioni ”rilasciate nell’anno” e delle Concessioni “in essere” ....................................................................................................... 37 8.2.3. 8.2.4. 8.2.5. 8.2.6. Dati relativi alla Concessione ..................................................................................... 38 Dati anagrafici e sede legale concessionario ............................................................. 40 Dati relativi all'oggetto della Concessione ................................................................. 41 Elementi quantitativi (riferiti alla Concessione) ......................................................... 44
Pagina 2

MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Patrimonio della PA a valori di Mercato

8.2.7.

Impegni del concessionario ....................................................................................... 54

8.3. Inserimento dei dati tramite file (tracciato record) ........................................................... 55 8.4. Gestione Dati...................................................................................................................... 55 9. ALLEGATI .......................................................................................................................... 57 9.1. ALLEGATO 1: Tassonomia ................................................................................................... 57 9.2. ALLEGATO 2: Metriche e Tabelle di Conversione ............................................................... 61 9.3. ALLEGATO 3: Inserimento di Concessioni con Oggetti multipli e con Finalità multiple ..... 61 9.4. ALLEGATO 4: Gestione di un Oggetto localizzato in Regioni/Provincie/Comuni differenti .............................................................................................................................. 64

MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Pagina 3

hanno inserito nel Portale concessioni il cui canone periodico prevede una componente variabile devono. al Dipartimento del Tesoro (articolo 2.m. Si raccomanda perciò di far riferimento all’ultima versione disponibile. all’utilizzo dell’applicativo Modulo Concessioni realizzato per la rilevazione dei dati. dodicesimo. si fa presente che è possibile compilare mediante interfaccia grafica (“Inserimento”/”Singolo bene”) le schede relative ad alcune concessioni che rappresentano le principali tipologie rilasciate dall’Amministrazione. Se si decide di utilizzare i dati comunicati durante la scorsa rilevazione. come suggerimento operativo. Le indicazioni sulla compilazione dei campi. par.i.xml.). Ai fini di un corretto adempimento si richiama l’attenzione sulla necessità di verificare la completezza ed esattezza dei dati inseriti nel Portale. MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 4 . dovuto all’attività di sviluppo dell’applicativo e alle richieste di chiarimento che perverranno nel corso della rilevazione.1. La qualità delle informazioni inserite nel Portale Tesoro sono elementi indispensabili affinché le comunicazioni delle Amministrazioni non si esauriscano in un mero adempimento ma si traducano in uno strumento di conoscenza del patrimonio pubblico. periodi undicesimo.4). attraverso il Portale Tesoro: https://portaletesoro. Dall’area “Gestione dati” i dati possono essere esportati nel file . come utile esempio per completare la elaborazione del tracciato record per la comunicazione dei dati. il sistema carica nell’area “Gestione dati” solo le schede relative alle concessioni con data di scadenza successiva al 31 dicembre 2012 (e quindi non riporterà tra le concessioni da comunicare per la rilevazione in corso quelle scadute nel corso del 2012).mef. Per la comunicazione dei dati al 31 dicembre 2012 è possibile effettuare l’inserimento dei dati ex novo o partire dai dati inseriti per l’anno 2011. Nell’area di “Gestione dati” la colonna stato segnala con un “bollino verde” le schede nelle quali tutte le sezioni sono state completate e con un “bollino rosso” quelle per le quali una o più sezioni debbono essere completate.xml.Patrimonio della PA a valori di Mercato 1. 8. pertanto. al momento della compilazione dei dati. INTRODUZIONE Il presente documento fornisce indicazioni sulla comunicazione delle Concessioni che le Amministrazioni Pubbliche sono tenute ad inviare annualmente. aggiornare la scheda indicando il parametro (o i parametri) tra quelli riportati nella nuova classificazione oltreché aggiornare le informazioni relative al calcolo della componente variabile del canone per l’anno 2012. sul formato e sull’obbligatorietà del dato.gov. sono presentate in forma di tabella per una maggior immediatezza. sulla homepage del Modulo Concessioni. Il documento vuol fornire all’Utente un supporto. quattordicesimo e quindicesimo della Legge 191/2009 e s. sintetico e di semplice consultazione. della obbligatorietà di compilazione e delle regole di coerenza tra campi). La scheda di rilevazione delle Concessioni per l’anno 2012 è rimasta sostanzialmente invariata rispetto a quella utilizzata per l’anno 2011. i paragrafi dedicati alle istruzioni per l’inserimento dei dati sono suddivisi in base alle sezioni della scheda di rilevazione delle Concessioni. comma 222. La procedura guidata di inserimento dei dati direttamente nel Portale consente di salvare la scheda solo se la compilazione è “formalmente” corretta (rispetto del formato dei campi. A tal fine.it. Al riguardo. Le Amministrazioni che. Si fa presente che questo e gli altri documenti di supporto alla compilazione potranno essere oggetto di aggiornamento. L’unica novità riguarda la diversa classificazione introdotta per il campo relativo all’indicazione del “parametro” della componente variabile del canone periodico (rif. nella passata rilevazione. A complemento di quanto qui riportato si rimanda alla ulteriore documentazione disponibile sulla pagina di benvenuto del Modulo Concessioni: ESEMPI DI COMPILAZIONE: che illustra diversi casi pratici di compilazione della scheda di rilevazione FAQ Concessioni: che fornisce risposte specifiche ai quesiti più frequenti posti dalle Amministrazioni Per la comunicazione dei dati tramite file . si rimanda inoltre al documento disponibile nell’area “Inserimento dati”/”Carica file”.

Non devono. già IPAB .Patrimonio della PA a valori di Mercato Inoltre. Per la comunicazione dei dati del Demanio Marittimo nel SID occorre far riferimento alla relativa documentazione predisposta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. che il riferimento alle Concessioni dei beni del Demanio Marittimo. le Amministrazioni devono comunicare soltanto le Concessioni rilasciate su Beni Demaniali o del proprio Patrimonio Indisponibile (vedi par. MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 5 . comma 3. ai fini della presente rilevazione può essere utilizzato il CRITERIO DELLA DURATA secondo il quale non devono essere comunicate le Concessioni con durata originaria del contratto/atto di Concessione inferiore ai 12 mesi. incluse nell’ elenco S13 definito annualmente dall’ISTAT. per la redazione del conto economico consolidato delle Amministrazioni pubbliche rilevante ai fini del calcolo dei parametri di Maastricht http://www. GLI OGGETTI DELLA RILEVAZIONE: delimitazione del perimetro oggettivo Per la rilevazione dei dati relativi all’anno 2011.i. comma 2. Aler. l'Utente può inviare quesiti specifici di carattere tecnico e Tematico. o comunque denominati.4. le ASP (Aziende di Servizi alla Persona. Nel caso in cui (E SOLTANTO IN QUESTO CASO) la definizione di Concessione temporanea non sia specificata in un apposito regolamento dell’Amministrazione. gli Istituti Autonomi Case Popolari anche trasformati in Ater.m. 1.Istituti di Pubblica Assistenza e Beneficienza). essere comunicate le Concessioni di Servizi (vedi par. al riguardo.istat. invece. Pertanto. le Amministrazioni devono adempiere alla comunicazione dei dati utilizzando il Sistema Informativo Demanio Marittimo (SID) del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Acer. Si precisa. 4 per definizione). A titolo indicativo rientrano nel perimetro anche gli Automobile Club d’Italia. della Legge 196/2009. accessibile dalla home page del Portale Tesoro nella sezione "Supporto all'Utente". nel caso in cui l’Amministrazione comunichi i dati nel SID. è puramente indicativo e serve a dare chiarimenti di carattere generale sulle modalità di inserimento dati nel Modulo Concessioni.   I SOGGETTI DELLA RILEVAZIONE: delimitazione del perimetro soggettivo Le Amministrazioni tenute alla comunicazione relativa ai beni immobili sono quelle: individuate dall’ articolo 1.2 per definizione). inoltre. ai sensi dell’ art. così come definite nel regolamento di ciascuna Amministrazione. L'inserimento dei dati. 3. in questo documento e negli “Esempi di Compilazione”. non è richiesto per le CONCESSIONI TEMPORANEE DI BENI (comprese le TEMPORANEE RICORRENTI). Per quanto concerne le Concessioni rilasciate su beni del Demanio Marittimo . non è richiesto l’inserimento dei dati anche nel Modulo Concessioni.it/it/archivio/6729. 2. e s. tramite la sezione "Richiesta di Assistenza". del Decreto Legislativo del 30 marzo 2001 n. 165.

Concessione di Beni Concessione di beni. pertanto. non esiste un “asset tangibile” sottostante. DEFINIZIONI 4.Patrimonio della PA a valori di Mercato 4. 4. si avrebbe un semplice affidamento del servizio a terzi.2. Concessione di Servizi La "Concessione di servizi " è l’atto mediante il quale la Pubblica Amministrazione (CONCEDENTE) trasferisce ad un soggetto terzo i compiti connessi alla produzione di un servizio pubblico. Più in generale l’ambito di attività è quello esclusivo della Pubblica Amministrazione (es. le Concessioni di Servizi Pubblici non sono oggetto di rilevazione. Il tipo di servizio oggetto di Concessione è “pubblico” e chi beneficia del servizio non è la stessa Amministrazione concedente perché.) Nel caso della Concessione di servizi. Monopoli di Stato. Per “Servizio Pubblico” s’intende l’attività economica (o l’insieme di attività economiche) che ha come presupposto il conseguimento di fini sociali ed il soddisfacimento dei bisogni della collettività. Ai fini degli adempimenti per la comunicazione dei dati al 31/12/2012. MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 6 . La "Concessione di Beni" è un atto unilaterale mediante il quale la Pubblica Amministrazione (CONCEDENTE) conferisce ad un soggetto pubblico o privato (CONCESSIONARIO) il diritto di godimento o sfruttamento di un bene facente parte del Demanio o del Patrimonio Indisponibile (vedi approfondimenti nel BOX riportato di seguito).1. in tal caso. perché in tal caso si configurerebbe come una Concessione di un bene dato in uso per una data finalità.

i cimiteri. Tali beni non sono destinati ai fini istituzionali dell'Amministrazione e possono quindi essere alienati oppure essere dati in uso a terzi tramite contratti di diritto privato come la locazione. l’affitto.822 del Codice Civile: strade. 4. il comodato d’uso (vedi par. . 824 e 1145 del Codice Civile e delle speciali norme che li riguardano.. i beni italiani all’estero. i mercati. e infine gli altri beni che sono dalla legge assoggettati al regime proprio del Demanio pubblico". le raccolte dei musei. i laghi e le altre acque definite pubbliche dalle leggi in materia. autostrade. la spiaggia. a soddisfare prevalenti interessi della collettività. L’assegnazione in uso a terzi di Beni del patrimonio indisponibile è effettuata attraverso la Concessione. le rade e i porti. 822. APPROFONDIMENTO N. immobili riconosciuti di interesse artistico. acquedotti. le strade.°2: Patrimonio Indisponibile Fanno parte del patrimonio indisponibile dell'Amministrazione beni non soggetti al regime demaniale. “trazzere” (in Sicilia). i beni patrimoniali dello Stato che per legge o per uso sono destinati a scopi pubblici. finché permanga tale destinazione. Art. l’edilizia residenziale pubblica. i Beni del Patrimonio Disponibile non possono essere oggetto di Concessione e quindi non sono oggetto di rilevazione. Appartengono a questa categoria. Per tali beni valgono le disposizioni di cui agli artt.c. degli archivi. anche ai sensi del secondo comma dell’art. delle biblioteche.. L’Amministrazione può attribuire aa terzi l’uso temporaneo di un Bene Demaniale attraverso la Concessione. le autostrade e le strade ferrate. sono considerati rispettivamente Demanio provinciale e comunale i beni indicati dal secondo comma dell’art. le foreste. le cave e torbiere. 826 del Codice Civile. gli edifici destinati a sede di uffici pubblici.3 per definizione). Fanno parimenti parte del Demanio pubblico. canali artificiali. delle pinacoteche." . archeologico e artistico a norma delle leggi in materia.. gli acquedotti. la dotazione della Presidenza della Repubblica. In base alla definizione data.°3: Patrimonio Disponibile Fanno parte del Patrimonio Disponibile dell’Amministrazione i beni NON compresi nella categoria dei beni soggetta al regime di Demanio pubblico o in quella dei Beni Indisponibili. APPROFONDIMENTO N. le opere destinate alla difesa nazionale. gli usi governativi e pubblici..°1: Demanio Pubblico I beni soggetti a regime del Demanio pubblico sono destinati. MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 7 . le miniere. 823.822 c. gli aerodromi. destinati comunque ai fini istituzionali dell’Amministrazione stessa ed al soddisfacimento di interessi pubblici. Se appartengono alle province o ai comuni. i fiumi.. per loro natura o per le caratteristiche loro conferite dalle leggi..fanno parte del Demanio pubblico il lido del mare.. strade ferrate. aerodromi.Patrimonio della PA a valori di Mercato APPROFONDIMENTO N. storico e archeologico. i torrenti. gli immobili riconosciuti d'interesse storico.” tratturi” (in Puglia).

…” Nelle casistiche sopraesposte. ma per esercitarlo occorre rimuovere gli ostacoli giuridici consistenti nell’accertamento di determinati requisiti: o o o sanitari morali e professionali idoneità dei locali rispetto alle norme edilizie. apertura di sala da ballo.1. non presente nella sua sfera giuridica e concede allo stesso il diritto a godere o sfruttare un bene di proprietà demaniale (es. … Differenze con la Concessione Con la Concessione. night club. aventi per oggetto l'esecuzione di lavori. quindi. Autorizzazione Con l’autorizzazione (anch'essa negozio di diritto pubblico volto ad aumentare le facoltà dei privati).Patrimonio della PA a valori di Mercato 5. la Pubblica Amministrazione non crea. l’attività economica è libera ed è diritto di ogni cittadino. la Pubblica Amministrazione elimina un ostacolo giuridico al compimento di un’attività “potenzialmente” permessa al destinatario: ESEMPIO: nel caso di somministrazione di cibi e bevande. 5. svolgimento di un servizio pubblico) . impianti pubblicitari (non su suolo pubblico). o dal diritto a gestire l’opera (se Concessione di Opera Pubblica). Differenze con la Concessione La principale differenza con il contratto di Concessione risiede nel fatto che la remunerazione del Concessionario deriva dal diritto di sfruttamento/godimento del bene (se Concessione di Beni). vendita di farmaci presso gli esercizi commerciali. vendita giornali quotidiani e periodici. 163 (Codice dei Contratti Pubblici). apertura attività di toelettatura di animali e canili. la fornitura di prodotti. o nel diritto di gestire i servizi o in tale diritto accompagnato da un prezzo (se Concessione di Servizi). la Pubblica Amministrazione non elimina semplicemente un ostacolo giuridico al compimento di un’attività . detenzione in ambito urbano di animali da cortile. spiaggia) o ad esercitare un’attività che gode di riserva esclusiva in capo alla Pubblica Amministrazione (es. stipulati per iscritto tra una stazione appaltante o un ente aggiudicatore e uno o più operatori economici. E’ il caso ad esempio (lista esemplificativa e non esaustiva) delle autorizzazioni rilasciate per: “… somministrazione di cibi e bevande. ma fa sorgere un diritto nuovo in capo al concessionario. ma si limita a rimuovere un ostacolo (posto per motivi di carattere pubblicistico) che impedisce il libero esercizio di un diritto il cui titolare originario rimane sempre il privato cittadino. pesca. caccia. la prestazione di servizi come definiti dal presente codice”.2. ISTITUTI GIURIDICI NON OGGETTO DI RILEVAZIONE: PRINCIPALI DIFFERENZE CON LA CONCESSIONE 5. Appalto Come definito nell’art. di prevenzione incend i. “ Gli "appalti pubblici" sono i contratti a titolo oneroso.3 del DECRETO LEGISLATIVO 12 aprile 2006. né trasferisce diritti. MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 8 . n.

3. con l’obbligo di restituire la stessa cosa ricevuta. verso un determinato corrispettivo. in genere. non entra a far parte del patrimonio pubblico.1571 e SS): il contratto con il quale una parte si obbliga a far godere all’altra una cosa mobile o immobile per un dato tempo. l’affittuario deve curarne la gestione in conformità della destinazione economica della cosa e dell’interesse della produzione. Differenze con la Concessione La principale differenza con il contratto di Concessione risiede nell’ assetto proprietario del bene. Il Comodato è essenzialmente gratuito. Nel contratto di Concessione infatti. Locazione. A lui spettano i frutti e le altre utilità della cosa. come più volte detto. MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 9 . mobile o immobile. Contratto di Disponibilità Come definito nell’art. nel caso di Appalto la remunerazione per il soggetto aggiudicatore è rappresentato. Differenze con la Concessione Gli istituti sopra descritti. da un prezzo corrisposto direttamente dalla Stazione Appaltante. Ne segue che il bene in oggetto. Comodato d’uso. la costruzione e la messa a disposizione a favore dell'amministrazione aggiudicatrice di un'opera di proprietà privata destinata all'esercizio di un pubblico servizio. a rischio e a spesa dell'affidatario. contratto di Locazione (art. almeno per tutta la durata del contratto. oggetto del contratto è la realizzazione di un’opera di proprietà privata e non della Pubblica Amministrazione. 5. nel contratto di Disponibilità. quando l’oggetto del contratto sia costituito da Beni che non fanno parte del Demanio o del patrimonio indisponibile della Pubblica Amministrazione (che possono essere dati in uso a terzi SOLTANTO con provvedimenti amministrativi come la Concessione) ma che invece rientrano nel patrimonio disponibile. oggetto dell’atto è un bene di proprietà della Pubblica Amministrazione e facente parte. “il "contratto di disponibilità'" é il contratto mediante il quale sono affidate. …. affinché se ne serva per un tempo o per un uso determinato. tra Pubblica Amministrazione e privati . 5.1803 e SS): il contratto con il quale una parte consegna all’altra una cosa mobile o immobile. contratto di Affitto: (art.3 del DECRETO LEGISLATIVO 12 aprile 2006. si definisce: contratto di Comodato (art. Al contrario. sono istituti di diritto privato e vengono utilizzati per regolare rapporti giuridici intercorrenti tra privati. del Demanio o del patrimonio indisponibile della stessa.Patrimonio della PA a valori di Mercato mentre. Affitto Secondo il Codice Civile. ma è solo tenuta a remunerare l’impresa dal momento in cui mette effettivamente a disposizione l’edificio. a fronte di un corrispettivo…” Ciò comporta che la Pubblica Amministrazione non ha alcun onere legato alla realizzazione e alla cura dell’efficienza dell’opera stessa. 163 (Codice dei Contratti Pubblici).1615 e SS): quando la locazione ha per oggetto il godimento di una cosa produttiva.4. n.

attività commerciali. 163 (Codice dei Contratti Pubblici): "l'esecuzione. manutenzione. pertanto. di ristorazione. ovvero la progettazione esecutiva e l'esecuzione. …”). Non rientrano nel perimetro di rilevazione i servizi di pulizia. “Rientrano tra i servizi al pubblico i servizi di caffetteria. e la finalità (o le finalità) per le quali il bene è dato in Concessione. che. la Concessione in discussione si sostanzia come Concessione di una porzione di immobile demaniale (nel caso specifico di un Museo) all’interno della quale sono svolti il Servizio di ristorazione (bar-caffetteria) e quello di vendita di libri. ristrutturazione.Patrimonio della PA a valori di Mercato 6. non possono che essere affidati a terzi tramite la Concessione.. che suddivide gli oggetti in base alla categoria di Demanio e Patrimonio Indisponibile. LOGICA DI RILEVAZIONE NEL MODULO CONCESSIONI Quando un’Amministrazione pubblica dà in Concessione a terzi un bene (facente parte del Demanio o del Patrimonio Indisponibile) specifica anche la finalità dell’atto concessorio . manutenzione e gestione di opere pubbliche ”.Attività Commerciali e di Ristorazione Diversa è invece la casistica dei Servizi che pos siamo chiamare “puri” come ad esempio il Servizio del Gioco (affidato in Concessione. Nel caso in cui al momento della Concessione l’oggetto della Concessione non esiste ancora. In tali casi. l’Amministrazione sta trasferendo a terzi l’utilizzo o la gestione di un bene del Demanio o del Patrimonio Indisponibile per lo svolgimento di una determinata attività economica o di un servizio pubblico. comma 2. Di fatto. …) in quanto non esiste un bene demaniale o patrimoniale al quale il Servizio è collegato. Secondo la logica del Modulo Concessioni. infatti. assistenza informatica. pertanto. a Lottomatica. occorre selezionare fra le finalità “Progettazione. Si tratta ovviamente di affidamento di servizi. n. pertanto. SISAL. l’oggetto della Concessione è il Museo e la finalità della Concessione è lo svolgimento di attività commerciali e di ristorazione (per la classificazione utilizzata nel Modulo Concessione si veda oltre l’ALLEGATO 1: Tassonomia). pertanto.. La "Concessione di Opera Pubblica" è un contratto avente ad oggetto. rilevate come Concessioni di beni. etc …) o di un servizio pubblico (per esempio attività assistenziali) all’interno di beni demaniali o del Patrimonio Indisponibile vanno.. ristorazione o di un bookshop all’interno di un museo (ex articolo 117 del Codice dei beni culturali e del paesaggio . ovvero la progettazione definitiva. poiché svolti all’interno di un bene facente parte del Demanio culturale. ma la sua realizzazione è parte dell’atto di Concessione stesso. Tali servizi. ecc. sebbene svolti all’interno dei beni demaniali o del Patrimonio Indisponibile. Lvo 22 gennaio 2004. In questo caso. ad esempio. come quelli di caffetteria. costruzione. Nella rilevazione.D. nonché la loro gestione MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 10 . non forniscono (o costituiscono) un servizio pubblico in quanto chi ne usufruisce è l’Amministrazione stessa. scegliendolo all’interno della tassonomia proposta. 42. A titolo di esempio si consideri l’affidamento dei servizi al pubblico. come definito nel DECRETO LEGISLATIVO 12 aprile 2006. occorre rilevare la Concessione citata nell’esempio come segue: Tipologia* Categoria* Oggetto* Finalità concessione* Beni DEMANIO CULTURALE MUSEI . . n. la progettazione esecutiva e l'esecuzione di lavori pubblici o di pubblica utilità. Si ricorda che attualmente le Concessioni di Servizi Pubblici non vanno comunicate. Le Concessioni per lo svolgimento di un’attività economica (attività di ristorazione. occorrerà individuare l’oggetto (o gli oggetti) della Concessione.

Patrimonio Forestale .. Anche la Concessione di Opera Pubblica. nel Modulo Concessioni. La struttura del Modulo Concessioni è articolata in 4 livelli. in modo “guidato”. ognuno dei quali permette all’Utente di scegliere. pertanto.Demanio Ferroviario .Demanio Stradale . sulla base della tassonomia proposta. La lista di Oggetti tra cui è possibile scegliere è condizionata dalla Categoria (II°LIVELLO) selezionata dall’Utente.Patrimonio Minerario . il caso di una “Concessione per la progettazione definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione e gestione dell’mercato rionale …” Secondo la logica del Modulo Concessioni. ad esempio. selezionando una delle seguenti voci (elencate nel menù a tendina): .Demanio Aeronautico Civile . ristrutturazione. la comunicazione della Concessione richiede l’individuazione. ad eccezione del fatto che il corrispettivo dei lavori consiste unicamente nel diritto di gestire l'opera o in tale diritto accompagnato da un prezzo .Etere . manutenzione e gestione di opere pubbliche”..Demanio Idrico . che presentano le stesse caratteristiche di un appalto pubblico di lavori.Demanio Marittimo .Demanio Culturale . la Concessione citata nell’esempio va inserita come segue: Tipologia* Categoria* Oggetto* Finalità concessione* Beni ALTRI BENI DEMANIALI O DEL PATRIMONIO INDISPONIBILE Mercati . La tabella che segue riporta.Altri beni Demaniali o del Patrimonio Indisponibile III°LIVELLO (Oggetto): occorre indicare l’oggetto della Concessione. STRUTTURA DEL MODULO CONCESSIONI Come già specificato.Progettazione. dell’oggetto (o degli oggetti) della Concessione e della finalità (o le finalità) per cui il bene è dato in uso a terzi. ristrutturazione. gli elementi che caratterizzano il tipo di Concessione: o o I°LIVELLO (Tipologia): Al momenti sarà possibile selezionare soltanto la Tipologia “Beni” II°LIVELLO (Categoria): occorre indicare la categoria di Demanio o di Patrimonio Indisponibile.". alla quale va indicata la Finalità specifica “Progettazione. è rilevata come una Concessione di un bene.Patrimonio della PA a valori di Mercato funzionale ed economica. manutenzione e gestione di opere pubbliche 7. costruzione. a titolo esemplificativo e non esaustivo. costruzione. di cui il bene oggetto della Concessione fa parte. gli oggetti appartenenti ad alcune categorie di Demanio e Patrimonio Indisponibile: o MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 11 . Si consideri.

Tabacchi. Lagune. parcheggi. Rade. non esaustivo. argilla. …) Estrazione di minerali e similari (inclusa estrazione arena. Carburanti. Bacini di Acqua salsa e salmastra Mare Territoriale (SPECCHI D'ACQUA) Porti e Approdi Stabilimenti Balneari … Beni 1 Demanio Idrico Fiumi. Latte. …) Stoccaggio/Deposito Attività Cantieristiche navali Attraversamenti di cavi e condutture … Patrimonio Minerario Estrazione di minerali e similari (inclusa estrazione arena. Si riporta di seguito un esempio. scarico. …) Stoccaggio/Deposito Attraversamenti di cavi e condutture Posa di strutture ed apparati (diversi da impianti pubblicitari e distributori automatici) Posa di distributori (es. argilla. acquacoltura ed attività connesse alla gestione di Circoli Nautici Attività Turistico-Balneari Nautica da diporto (punti di ormeggio. Foci di fiumi. …) Svolgimento di operazioni portuali e servizi connessi (Carico. raccolta di acque minerali. raccolta di acque minerali. trasbordo. Torrenti e Foci Laghi … Miniere Cave & Torbiere … Patrimonio Minerario o IV°LIVELLO (Finalità): occorre selezionare la finalità per cui il bene è dato in uso a terzi. nella seguente tabella: TIPOLOGIA Beni 2 CATEGORIA Demanio Marittimo Attività Commerciali e di Ristorazione FINALITA' Attività di pesca professionale.Patrimonio della PA a valori di Mercato TIPOLOGIA CATEGORIA Demanio Marittimo OGGETTO Lido. …) … 1 2 Estratto dalla Tassonomia (vedi ALLEGATO 1: Tassonomia) Estratto dalla Tassonomia (vedi ALLEGATO 1: Tassonomia) MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 12 . Fotografia. rimorchiatori. trasporto di merci e persone. Spiaggia . La lista delle Finalità proposte è condizionato dalla Categoria (II°LIVELLO) scelta dall’ Utente. approdo.

) Attività artistiche. per vendita fiori. serbatoi ad uso Condominio) Impianti. attività ricreative. RIVISTE.Patrimonio della PA a valori di Mercato 7. sociali. Edicole.. Posa di distributori automatici Di seguito si riportano due casistiche particolari al fine di specificare meglio la logica di individuazione delle Finalità nel Moulo Concessioni 7. per esempio. …) Chioschi (per produzione e somministrazione generi gastronomia. fiori. Le tipologie di occupazione possono essere svariate in funzione di quanto stabilito ad esempio nei regolamenti specifici di ciascuna Amministrazione.. sedie.. sportelli bancari. Tassonomia: IV°LIVELLO (Finalità). come detto.1. …) Altri banchi (es. sportive. pannelli solari…) Apparati telefonia mobile e telecomunicazione Strutture per giochi. Funivie. Ai fini della rilevazione nel modulo Concessioni. dello stesso dall’uso della collettività. La suddetta “occupazione” può avere ad oggetto i luoghi o il suolo appartenente al Demanio o al Patrimonio Indisponibile dell’Amministrazione (selezionabili dal menù a tendina del campo “Oggetti” presente sulla Scheda di Rilevazione”) o anche a quelli. con conseguente esclusione. culturali. Un’area all’interno di un edificio destinato all’attività istituzionale. piante. soggetti a servitù di pubblico passaggio. cavi e condutture realizzati per l'erogazione di servizi pubblici Passi e accessi Carrabili. può essere data in Concessione per: o o o Attività Commerciali e di Ristorazione (nel caso di Bar. di decoro urbano… Finalità Attività Commerciali e di Ristorazione Attraversamenti di cavi e condutture Passi e accessi Carrabili Posa di strutture ed apparati (diversi da impianti pubblicitari e distributori automatici) MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 13 . libri usati. Casi Particolari La Finalità. nel campo “Finalità”. pedane.1.. anche parziale. lotterie. permette di definire il tipo di “utilizzo” che può essere fatto del Bene dato in Concessione. nuove diramazioni alle strade Altre istallazioni (Seggiovie. cavi e condutture realizzati per l'erogazione di servizi NON pubblici (es. per effetto della Concessione o autorizzazione accordata sulla parte superficiale e/o nello spazio sovrastante o sottostante il suolo”. gazebi. GIORNALI.1. fioriere. manufatti. espositori. sono proposte delle macro-voci all’interno delle quali ricondurre le differenti casistiche di “Occupazione di Suolo Pubblico” secondo la logica di aggregazione riportata nella seguente tabella (NB: l’elenco delle casistiche di “Occupazione di Suolo Pubblico” è esemplificativo e non esaustivo): Occupazione del suolo pubblico Banchi per la vendita (di frutta. pensiline. manufatti. si intende “ogni fatto od atto che concretizza un uso particolare del bene pubblico. ricreative. Occupazione di Suolo Pubblico In genere. libri usati. ascensori panoramici. …) Esposizioni connesse ad esercizi commerciali (mostre. per “occupazione di Suolo Pubblico”. di proprietà privata. Tabacchi. . …) Tavoli.. ombrelloni Impianti.

di intrattenimento. relativi spogliatoi e locale dedicato alla ristorazione (all’interno del quale quindi si svolgono “Att. si richiede di dettagliare ulteriormente la finalità “Attività di Gestione di Impianti e Strutture“ mediante l’affiancamento di almeno un’altra finalità/attività tra quelle elencate nella Scheda di Rilevazione.1. …) Distributori Carburanti Istallazione mezzi pubblicitari (infissi al suolo. manutenzione e gestione di opere pubbliche” una casistica di Concessione per “Attività di gestione di Impianti e Strutture” mercatali da una Concessione di posteggio mercatale esempio A: “… Concessione della gestione del servizio sportivo all'interno dell’immobile comunale adibito a piscina. Cassonetti (raccoglitori abiti usati. sportive. ristrutturazione. su pareti di edifici.2. per finalità di analisi e migliore comprensione delle diverse tipologie di gestione. Questo permetterà di indicare. Nella rilevazione delle Concessioni. …) Installazione di mezzi pubblicitari (infissi al suolo.Att. ricreative. gli esempi riportati. su pareti di edifici. gonfaloni. sportive. TAXI…) Finalità Posa di distributori (es. stallo personalizzato per disabili. DEPOSITI Distributori automatici (Tabacchi. ristorante e tutti i locali facenti parti del compendio immobiliare …” Oggetto* Finalità concessione* Impianti Sportivi/Centri Sportivi . di intrattenimento. ricreative. sportive. stendardi. artistiche. …) Parcheggi/Posti riservati (es. stendardi. striscioni.Patrimonio della PA a valori di Mercato Occupazione del suolo pubblico Cabine telefoniche. gonfaloni. …) Istallazione ALTRI mezzi pubblicitari (striscioni. …” ed anche “Attività Commerciali e di Ristorazione”) Di seguito. …). artistiche. ricreative. stendardi. Sono inoltre rappresentate altre casistiche al fine di distinguere:   una più generica “Attività di gestione di Impianti e Strutture” da quella più specifica e particolare di “Progettazione. …) Altre tipologie di occupazione di suolo 7. striscioni.Attività di gestione di Impianti e Strutture . Latte. Carburanti. espongono alcune modalità di compilazione dei campi della Scheda di Rilevazione (limitatamente all’OGGETTO E ALLA FINALITA’) in funzione dell’oggetto del contratto di Concessione. Fotografie. …”) da “Attività di gestione di Impianti e Strutture” di un impianto sportivo costituito invece da una piscina.Attività Commerciali e di Ristorazione MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 14 . con annessi bar. per macrovoci. … . costruzione. quali sono le attività che possono essere svolte all’interno della struttura/impianto in gestione e distinguere quindi “Attività di gestione di Impianti e Strutture” di un impianto sportivo costituito solo (ad esempio) da una piscina e relativi spogliatoi (all’interno del quale quindi si svolgono soltanto “Att. Attività di Gestione di Impianti e Strutture Le Attività di Gestione di Impianti e Strutture possono comprendere un’ampia gamma di casistiche. Fotografia. Latte. artistiche. di intrattenimento. gonfaloni. evidenziando alcuni casi in cui la Finalità associata è “Attività di gestione di Impianti e Strutture”. Tabacchi.

di intrattenimento.n.1 tribuna coperta per 360 posti a sedere .1 area a verde adibita a riscaldamento atleti … “ Oggetto* Finalità concessione* Impianti Sportivi/Centri Sportivi .n.Att.n.n.Attività Commerciali e di Ristorazione esempio E: “… Concessione di n°3 posteggi presso il mercato Ortofrutticolo all’ingrosso …” Oggetto* Finalità concessione* Mercati .Attività di gestione di Impianti e Strutture .Attività di gestione di Impianti e Strutture . manutenzione e gestione di opere pubbliche esempio D: “… Concessione per la gestione di beni e del servizio complessivamente inteso come Mercato Ortofrutticolo all’ingrosso cui tutti gli immobili e mobili sono finalizzati …” Oggetto* Finalità concessione* Mercati . ristrutturazione. ricreative.1 campo di calcio dedicato alle “gare”. . sportive. costruzione.Patrimonio della PA a valori di Mercato esempio B: “… Concessione per la gestione dell’impianto sportivo costituito dai seguenti beni immobili: . artistiche.2 spogliatoi per giocatori . … esempio C: “… Concessione per la progettazione definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione e gestione dell’ex mercato rionale …” Oggetto* Finalità concessione* Mercati .Attività Commerciali e di Ristorazione MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 15 .Progettazione.

par. L’Utente può scegliere due modalità di inserimento dei dati: o “Singola Concessione”. manutenzione e gestione di opere pubbliche Finalità concessione* 8. Pagina 16 o MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE . ristrutturazione.Utilizzo locali interni ad uso pubblico e per attività commerciali …” Oggetto* Finalità concessione* Porti e Approdi . nel caso in cui l’Utente scelga di registrare nel Portale le informazioni relative a più Concessioni tramite l’invio di un file (rif.gestione parcheggio veicoli locale interrato . approdo.ormeggio natanti sullo specchio acqueo con istallazione e gestione di un pontile .3). …)(rif.Patrimonio della PA a valori di Mercato esempio F: “… Affidamento in Concessione del servizio di gestione dell’area del porto attrezzata e da attrezzare per .Progettazione.Attività di gestione di Impianti e Strutture .la progettazione definitiva ed esecutiva per lo scavalcamento della Provinciale e della ferrovia e di collegamento alla viabilità esistente.2). INSERIMENTO DATI La rilevazione dei dati relativi alle Concessioni rilasciate dalla Pubblica Amministrazione può essere fatta accedendo alla all’area “Inserimento dati” nel menù di navigazione orizzontale della Pagina di Benvenuto del Modulo Concessioni. costruzione.Nautica da diporto (punti di ormeggio.Attività Commerciali e di Ristorazione .la manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere e degli impianti realizzati il monitoraggio degli arenili e l?esecuzione delle eventuali opere di protezione … “ Oggetto* Porti e Approdi . 8. . par. In tal caso Questa modalità di inserimento. par. Attraverso la compilazione di una sola scheda è possibile effettuare anche i Caricamenti Aggregati.la gestione di tutto il complesso portuale secondo la disciplina del capitolato programma prestazionale . …) esempio G: “… Affidamento in Concessione avente ad oggetto . 8. 8.la progettazione esecutiva per il progetto del porto turistico . Attraversamenti di cavi e condutture. . nel caso in cui l’Utente scelga di inserire i dati relativi ad una singola Concessione compilando la scheda di inserimento dati direttamente nel Portale (rif. dove essere selezionata anche nel caso di Caricamenti Aggregati (come ad esempio quelli relativi al rilascio delle Concessioni su Passi ed Accessi Carrabili.1). “Carica file di Concessioni”. perciò.

Il pulsante “Prossimi dati” consente di passare alla sezione successiva solo nel caso in cui tutti i campi obbligatori della scheda siano stati compilati e non ci siano dati non validi (esempio: lettere in un campo numerico. scegliere nell’area “Inserimento dati” l’opzione “Singola Concessione” e compilare la scheda di rilevazione seguendo le istruzioni di seguito specificate.1. Si rinvia al relativo paragrafo per il caso di Caricamenti Aggregati. sono riferite al caso di inserimento dei dati relativi ad una sola Concessione. l’Amministrazione ha Concessioni da comunicare (in tal caso. i campi obbligatori sono contrassegnati da un asterisco. viene visualizzata la pagina “Dichiarazione di detenzione” in cui occorre specificare se l’Amministrazione non ha Concessioni da comunicare (in questo caso.1. MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 17 .2) dati relativi all'oggetto della Concessione (par.Patrimonio della PA a valori di Mercato Accedendo all’area “Inserimento dati” e selezionata una delle due voci disponibili “Singolo Bene” o “Carica file”. cliccando sul “SÌ”.5) L’Utente può spostarsi tra una sezione e l’altra cliccando sui pulsanti “Indietro” e “Prossimi dati”. 3 NB: Le indicazioni di seguito riportate. 8.3) elementi quantitativi (riferiti alla Concessione) (par. Effettuato il salvataggio finale. dati non conformi alle regole di compilazione.1. 8. Sarà comunque possibile modificare in qualunque momento la dichiarazione di assenza di Concessioni da comunicare. il sistema permette di procedere con l’inserimento dei dati). Per ogni Concessione rilasciata dall’Amministrazione. In ogni sezione. L’Utente deve effettuare il salvataggio finale dei dati cliccando sul pulsante “Salva” in fondo alla sezione “Impegni del Concessionario”. … Di seguito si riporta l’elenco completo dei campi presenti nella sezione “D ati relativi alla Concessione” con le indicazioni utili ai fini della compilazione. 8. l’Utente deve compilare le seguenti sezioni seguendo le istruzioni descritte nei paragrafi corrispondenti: o o o o o dati relativi alla Concessione (par. 8.4) impegni del concessionario (par. “Data di Stipula”. sul formato e sull’obbligatorietà o meno del dato. “Data di decorrenza”.1. Inserimento dati relativi alla singola Concessione Per registrare nel Portale i dati relativi ad una singola Concessione.1. … ). invece. selezionando “NO”. 8.1. i dati registrati saranno accessibili e modificabili dall’Utente dall’area “Gestione dati”.1) dati anagrafici e sede legale concessionario (par. l’adempimento è concluso) o se. 8.1. 8.1. Dati relativi alla Concessione3 Nella Sezione vanno riportate le informazioni identificative della Concessione come “Codice Concessione”.

inserire nuovamente la "Data di stipula”. Inserire la data della scadenza del contratto di Concessione. Data di decorrenza Se la "Data di decorrenza" coincide con la "Data di stipula. Nel caso di rinnovi. Indicare se la Concessione è stata attribuita a seguito di una gara pubblica.DATI RELATIVI ALLA CONCESSIONE NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Inserire il codice identificativo della Concessione (es. Caricamento aggregato? In questo caso infatti dovranno essere inseriti i dati relativi alla singola Concessione. N° di repertorio riportato sul contratto di Concessione. Data (GG/MM/AAAA) SI FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Codice Concessione Campo testuale SI Data di stipula Data (GG/MM/AAAA) SI Data di scadenza Data (GG/MM/AAAA) SI Descrizione della Concessione Campo testuale SI Inserire “NO”. Inserire una breve descrizione della Concessione con l'obiettivo di dettagliare meglio il bene oggetto di Concessione. all’interno della categoria “Altri beni demaniali o del Patrimonio Indisponibile”. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI Attribuita con gara pubblica Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 18 .Patrimonio della PA a valori di Mercato TABELLA 1. Inserire la "Data di decorrenza" del contratto di Concessione. inserire sempre la data originaria del contratto di Concessione. Inserire la data di stipula del contratto di Concessione o di rilascio dell’atto di Concessione. ESEMPIO: Nel caso in cui. allora nel campo “Descrizione della Concessione" l'Utente potrà inserire l'informazione sul tipo di Immobile: es EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD UFFICI. o Codice di Inventario o un altro identificativo univoco della Concessione). oppure CENTRO ANZIANI …. o il N° della Convenzione. si indica l’OGGETTO “Edifici e Fabbricati”.

1. sono attivi contratti di subConcessione. alla data di rilevazione.2). Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI 8. potrà essere rinnovata o prorogata. 4. Il campo consente di indicare se. FORMATO Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) CAMPO OBBLIGATORIO SI SI (solo se “Caricamento Aggregato=”NO”) Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI (solo se "Facoltà di subConcessione/cessione" = "SI") Tipologia Concessione In questa prima fase di rilevazione. sarà possibile. par.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO Rinnovabile/ Prorogabile Facoltà di subConcessione/cessione E' attivo un contratto di subConcessione/cessione? INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Indicare se la Concessione. non sarà possibile “navigare” nella sezione della Tipologia dedicata ai SERVIZI (rif. una volta compilati tutti i campi della presente scheda. Codice fiscale concessionario fiscale del FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Nel caso in cui siano presenti più concessionari. Indicare se al concessionario è attribuita la facoltà di cedere/sub-concedere il rapporto concessorio originario. Inserire la ragione sociale o la denominazione del concessionario (se società) o il cognome e nome del Campo testuale (11 o 16 caratteri) SI Ragione sociale /denominazione/Cogn Campo testuale SI MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 19 . sulla base di quanto previsto dal contratto. Di seguito si riporta l’elenco completo dei campi presenti nella sezione “D ati relativi alla Concessione” con le indicazioni utili ai fini della compilazione.2. infatti. mediante il tasto “Aggiungi Concessionario” compilare nuovamente i dati della presente scheda riferiti ad un altro concessionario. Selezionare l’opzione “Beni” dal relativo menù a tendina che attinge direttamente alla Tassonomia. TABELLA 2. Dati anagrafici e sede legale concessionario La presente sezione consente di rilevare i dati anagrafici del concessionario o dei concessionari nel caso di una medesima Concessione rilasciata a soggetti diversi.DATI ANAGRAFICI E SEDE LEGALE CONCESSIONARIO NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Inserire il codice concessionario.

In tale sezione occorre indicare l’oggetto della Concessione (oppure gli oggetti utilizzando il tasto “Aggiungi Oggetto”) e la “Finalità” della Concessione (oppure le Finalità utilizzando il tasto “Aggiungi Finalità”) utilizzando la classificazione riportata all’interno della Tassonomia (ALLEGATO 1: Tassonomia). Inserire la provincia della sede legale del concessionario (se società) o la provincia di residenza del concessionario (se persona fisica). Dati relativi all'oggetto della Concessione Nella presente sezione vanno riportati i dati relativi all'oggetto/i della Concessione.3. FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Provincia sede legale/Provincia residenza Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI Comune sede legale/Comune residenza Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI CAP Indirizzo N° Civico Il tasto consente all’Utente di salvare i dati del concessionario appena inserito e aggiungere uno o più concessionari con i relativi dati anagrafici. Sono inoltre presenti i campi che consentono di indicare la Superficie del bene dato in Concessione o la Quantità ottenibile dallo sfruttamento dell’oggetto dato in Concessione.1. Campo Numerico (5 cifre) Campo testuale SI SI Campo testuale SI Salva Concessionario Pulsante NA 8.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO ome e Nome INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE concessionario (se persona fisica). Di seguito si riporta l’elenco completo dei campi presenti nella sezione “Dati relativi all’oggetto della Concessione” con le indicazioni utili ai fini della compilazione. Inserire il CAP/l’indirizzo/il n° civico del Concessionario. Inserire il Comune della sede legale del concessionario (se società) o il Comune di residenza del concessionario (se persona fisica). Per maggiori chiarimenti sulle modalità di compilazione della scheda nel caso di più oggetti e/o finalità si veda il documento “Esempi di compilazione”. MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 20 .

Si rimanda all’ALLEGATO 3: Inserimento di Concessioni con Oggetti multipli e con Finalità multiple per una migliore trattazione della gestione di Oggetti multipli.Patrimonio della PA a valori di Mercato TABELLA 3.DATI RELATIVI ALL’OGGETTO DELLA CONCESSIONE NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Categoria Selezionare dal menù a tendina la Categoria della Concessione (es. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI Finalità Concessione Il menù a tendina attinge dalla Tassonomia (ALLEGATO 1: Tassonomia). Il menù a tendina attinge dalla Tassonomia (ALLEGATO 1: Tassonomia). valorizzabile mediante un menù a tendina. La scelta della Categoria condizionerà i campi successivi (“Oggetto” e “Finalità” della Concessione). Il menù a tendina attinge dalla Tassonomia (ALLEGATO 1: Tassonomia). Demanio Minerario. Il contenuto. valorizzabile mediante un menù a tendina. sarà condizionato alla selezione effettuata nel campo “Categoria”. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI Oggetto E’ possibile inserire più oggetti di Concessione (ove necessario) utilizzando il tasto “Aggiungi Oggetto” presente all’interno della scheda a fianco al box “Oggetto”. Si rimanda all’ALLEGATO 3: Inserimento di Concessioni con Oggetti multipli e con Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 21 . Il contenuto. Demanio Idrico. sarà condizionato alla selezione effettuata nel campo “Categoria”. Selezionare dal menù a tendina la Finalità della Concessione. Selezionare dal menù a tendina l’oggetto della Concessione. …). E’ possibile inserire più Finalità di Concessione (ove necessario) utilizzando il tasto “Aggiungi Finalità” presente all’interno della scheda a fianco al box “Finalità”.

Sarà possibile valorizzare almeno uno dei campi inserendo il valore nel corrispondente campo editabile.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Finalità multiple. o la quantità di unità istallate (nel caso di metrica = “A corpo/Unità Fisiche/Numero”). per una migliore trattazione della gestione di Finalità multiple. MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 22 . e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) Si rimanda all’ALLEGATO 3: Inserimento di Concessioni con Oggetti multipli e con Finalità multiple. L’Utente dovrà convertire eventuali metriche espresse in scale diverse da quelle proposte secondo l’opportuna tabella di conversione (si riporta una esempio non esaustivo di “Tabella di Conversione” nell’ALLEGATO 2: Metriche e Tabelle di Conversione). e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) Metri cubi Campo numerico SI. e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) Superficie/Quantità oggetto di Concessione Litri al secondo Campo numerico SI. allora l’Utente effettuerà il seguente inserimento: Campo numerico Kilowatt-ora SI. FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Altra finalità della Concessione Il campo è obbligatorio ed editabile solo se si seleziona “altro” nel menù a tendina del campo “Finalità Concessione”. e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) Metri quadri Campo numerico SI. per una migliore trattazione della gestione del campo “Metriche” nel caso di Oggetti/Finalità multiple. o il quantitativo “ottenibile” dal concessionario . e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) nel caso di Concessione di un Immobile facente parte del Patrimonio Indisponibile 2 della PA con superficie pari a 400 m . e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) Tonnellate Campo numerico SI. e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) Litri Campo numerico SI. Indicare l’estensione dell’oggetto dato in Concessione. e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) A corpo/Unità Fisiche/Numero Campo numerico SI. Esempio: SI Campo testuale (se "Finalità Concessione"="Altro") Metri Campo numerico SI.

Campo preimpostato su “ITALIA” e non editabile Selezionare l’ubicazione geografica del bene scegliendo tra le seguenti una tra le seguenti opzioni: SI Campo testuale (se il campo "Caricamento aggregato?"=SI e se la metrica selezionata è diversa da “A corpo/Unità Fisiche/Numero ”) Nazione CAMPO PREIMPOSTATO "ITALIA" E EDITABILE SU NON NA  Ripartizione Geografica NORD-OVEST NORD-EST CENTRO E ISOLE SUD    Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI (se si compila la “ripartizione geografica” del bene) Selezionare la Regione mediante il relativo menù a tendina. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI (se si compila il campo "Ripartizione Geografica") Selezionare la Provincia relativo menù a tendina.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO N° COMPLESSIVO di Concessioni rilasciate Non è necessario compilare il campo nel caso di caricamento di una singola Concessione (diverso sarà il trattamento nel caso di “Caricamenti Aggregati” per i quali si rinvia alla relativa sezione). sarà possibile inserire più Regioni differenti nel caso in cui la Concessione insista su più Regioni (vedi ALLEGATO 4: Gestione di un Oggetto localizzato in Regioni/Provincie/Comuni differenti). mediante il Il contenuto del campo “Provincia” sarà condizionato alla selezione effettuate nel campo “Regione”. sarà possibile inserire più Province differenti nel caso in cui la Concessione insista su più Province (vedi ALLEGATO 4: Gestione di un Oggetto localizzato in Regioni/Provincie/Comuni differenti). Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI (se si compila il campo "Ripartizione Geografica") MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 23 . Regione In alcuni casi. Il contenuto del campo “Regione” sarà condizionato alla selezione effettuate nel campo “Ripartizione Geografica”. Provincia In alcuni casi.

L’obbligazione del Concessionario si estingue quindi nel momento in cui egli effettua l’unico pagamento.4. non essendo previsti alt ri pagamenti a titolo di canone titolo gratuito: ai fini della rilevazione.1. s’intende per “Titolo Gratuito” la Concessione rilasciata al Concessionario senza che sia previsto. al tipo di remunerazione della Concessione. a carico dello stesso. sarà possibile inserire più Comuni differenti nel caso in cui la Concessione insista su più Comuni (vedi ALLEGATO 4: Gestione di un Oggetto localizzato in Regioni/Provincie/Comuni differenti). selezionando tra: canone Periodico: ai fini della rilevazione. alcun esborso monetario a favore del Concedente. s’intende per canone corrisposto in “Unica Soluzione” il canone corrisposto una tantum da parte del Concessionario. Comune In alcuni casi. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI (se si compila il campo "Ripartizione Geografica") CAP In alcuni casi. SI Campo libero (se si compila il campo "Ripartizione Geografica") Indirizzo (del bene oggetto di Concessione) Campo testuale NO 8. Elementi quantitativi (riferiti alla Concessione) Nella presente sezione vanno riportate le informazioni relative agli elementi quantitativi della Concessione (canoni e finanziamenti).100 unica Soluzione: ai fini della rilevazione. In tale sezione occorre indicare le informazioni relative: 1. Il contenuto del campo “Comune” sarà condizionato alla selezione effettuate nel campo “Provincia”. Il contenuto visualizzato sarà condizionato a quanto indicato nel campo "Comune". MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 24 . sarà possibile inserire CAP differenti nel caso in cui la Concessione insista su più Comuni (vedi ALLEGATO 4: Gestione di un Oggetto localizzato in Regioni/Provincie/Comuni differenti).Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Selezionare il Comune mediante il relativo menù a tendina. Inserire l’indirizzo del bene. s’intende per “Canone Periodico” il canone corrisposto per tutta la durata della Concessione o per un periodo inferiore (in alcuni casi può infatti essere prevista la corresponsione di un canone per un numero di anni inferiore alla durata del contratto di Concessione) secondo un determinata periodicità. E ’il caso ad esempio di Concessione che prevede un canone da corrispondere annualmente pari a €.

MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 25 . Concessione sul Demanio Minerario avente ad oggetto l’estrazione di gas per il qua le è previsto un canone annuale pari al 50% dei ricavi.Patrimonio della PA a valori di Mercato 2. In questo caso il canone prevede una componente variabile. Esempi: a. Il caso di adeguamento del canone periodico sulla base dell’inflazione non va indicato come componente variabile ma fissa (si veda punto precedente). Selezionare l’opzione componente fissa anche nel caso di contratti che prevedono l’adeguamento del canone periodico sulla base dell’inflazione . b. 2 2 - componente variabile: se l’ammontare del canone periodico è espresso in funzione di parametri il cui valore non è conosciuto al momento della stipula dell’atto concessorio e. Concessione decennale di occupazione di suolo pubblico per installazione di un distributore automatico di bevande per la quale il concessionario dovrà pagare annualmente un canone ordinario di euro 10. conseguentemente l’importo annuale è determinato contrattualmente e pari ad euro 8. alla modalità di quantificazione del canone (se è stata indicata la tipologia di canone periodico). selezionando una o entrambe delle seguenti opzioni: - componente fissa: se l’ammontare del canone è determinato nel contratto ovvero se è espresso in funzione di parametri fissi. In questo caso il canone ha solamente la componente fissa in quanto l’ammontare del canone annuo è legato ad canone unitario (80 €) ed un parametro (metri quadrati dati in concessione) entrambi fissi e indicati nel contratto di concessione. Nel contratto. indicati nell’atto concessorio. è indicata la regola (o le regole) in base alla quale saranno determinati gli importi dei canoni periodici nel corso della durata della concessione. varierà nel corso della durata della concessione. alla periodicità del Canone (se è stato indicata la tipologia di canone periodico). Concessione ventennale sul Demanio Marittimo avente ad oggetto 100 m di spiaggia con un canone annuale pari a 80€/m . selezionando tra: - annuale: se il canone è corrisposto periodicamente con un solo versamento all’anno semestrale: se il canone è corrisposto periodicamente con 2 versamenti all’anno (ogni 6 mesi) quadrimestrale: se il canone è corrisposto periodicamente con 3 versamenti all’anno (ogni 4 mesi) trimestrale: se il canone è corrisposto periodicamente con 4 versamenti all’anno (ogni 3 mesi) altro 3. quindi.000 (da riportare nel campo “ Ammontare della componente fissa del canone”) per l’intera durata del contratto. In questo caso il contratto quantifica il corrispettivo che il concessionario deve pagare annualmente e pertanto va selezionata la sola componente fissa del canone. Esempi: a.000 euro deve essere riportato nel campo “Ammontare della componente fissa del canone” e il campo non deve essere aggiornato annualmente. L’importo di 10.000. verosimilmente. rivalutato sulla base dell’inflazione.

. Di seguito si riporta l’elenco completo dei campi presenti nella sezione “Elementi quantitativi (riferiti alla Concessione)” con le indicazioni utili ai fini della compilazione. alla tipologia del canone ovvero selezionando tra:     canone ordinario canone minimo canone maggiorato canone agevolato come meglio specificato nella tabella riportata nelle pagine seguenti. ovvero la quota percentuale dei ricavi specificata nel contratto per calcolare il canone periodico. il “box regola” della scheda va compilato come di seguito indicato: .Campo “Valore parametro”: digitare 10. varierà di anno in anno. non nota al momento della stipula del contratto e che. presumibilmente.000. .campo “Valore parametro”: digitare 200. i ricavi realizzati dal Concessionario.campo “Valore % applicato al parametro” digitare il valore “50”. ovvero i ricavi del concessionario con cui calcolare il corrispettivo per l’anno in considerazione.6”. . MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 26 . e di una grandezza.000. pari a 60 centesimi.6 € per ogni metro cubo estratto. varierà di anno in anno.Patrimonio della PA a valori di Mercato espressa come valore percentuale di un parametro. Tale campo andrà aggiornato nelle rilevazioni degli anni futuri in base ai ricavi annuali realizzati dal concessionario. 4. presumibilmente. il box “Regola” della scheda va compilato come di seguito indicato: . Assumendo che il ricavo del concessionario dell’anno in corso di rilevazione sia stato pari a 200.campo “Parametro”: selezionare la voce “Ricavo/fatturato/Incassi”.000 euro. Concessione per attività di escavazione per la quale il canone annuale è stabilito pari a 0. Assumendo che la quantità estratta nell’anno in corso di rilevazione sia stata pari a 10.il campo “Valore canone unitario applicato al parametro” : digitare “0. espressa in termini di un canone unitario. b. i metri cubi estratti. In questo caso il canone prevede una componente variabile. Il contratto definisce la regola in base alla quale sarà determinato il Canone che il concessionario è tenuto a corrispondere. non noto al momento della stipula dell’atto e che. ovvero il corrispettivo unitario previsto contrattualmente per ogni metro cubo estratto dal concessionario. ovvero i metri cubi estratti nell’anno in considerazione. NB.Campo “Parametro” : selezionare la voce “Quantità distribuita/prodotta/erogata/estratta…” .000 metri cubi.

è espresso in LIRE è necessario riportare il valore espresso in termini di euro utilizzando il cambio di 1euro=1. SI Campo testuale (se "Periodicità del canone periodico"="Altro") MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 27 .ELEMENTI QUANTITATIVI (RIFERITI ALLA CONCESSIONE) NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Selezionare la tipologia di remunerazione mediante il menù a tendina contenente i seguenti campi: Tipologia di remunerazione o o o Canone periodico Pagamento con unica soluzione Titolo gratuito Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI Indicare l'ammontare in € del Canone previsto contrattualmente. Indicare l’anno previsto contrattualmente per il pagamento del canone (indipendentemente dal fatto che sia stato incassato o meno). Il campo è obbligatorio solo se dal campo “Tipologia di remunerazione” si seleziona “Pagamento con unica soluzione”.936. Il canone da indicare deve essere al netto dell’IVA.27 lire. Canone in Unica soluzione: Ammontare NB: se il valore originario del canone. Selezionare dal menù a tendina una delle seguenti voci: o Annuale Semestrale Quadrimestrale Trimestrale Altro Campo Numerico (2 cifre decimali) SI (se il campo "Tipologia di remunerazione" è "Unica soluzione") Canone in Unica soluzione: anno di incasso (AAAA) Campo Testuale (formato AAAA) SI (se il campo "Tipologia di remunerazione" è "Unica soluzione") Periodicità del canone periodico o o o o Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI (se il campo "Tipologia di remunerazione" è "Canone periodico") Altra periodicità del canone (specificare) Il campo è obbligatorio ed editabile solo se si seleziona “Altro” nel menù a tendina del campo “Periodicità del canone periodico”. nel contratto.Patrimonio della PA a valori di Mercato TABELLA 3.

rientrano nelle seguenti categorie: o o o o o Attività di assistenza sociale Attività di educazione Attività di protezione civile Attività culturali … SI Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere indicato (se "Componente fissa del Canone Periodico" ="SI") Selezionare se la tipologia del canone fisso previsto contrattualmente è “Minimo” oppure no. Esempio: MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 28 . è riservato un particolare trattamento agli scopi sociali cui è attribuita rilevanza pubblica. le attività svolte dal Concessionario. Canone Ordinario (Componente FISSA) SI Selezionare se la tipologia del canone fisso previsto contrattualmente è “ordinario” oppure no. Canone Minimo (Componente FISSA) SI Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere indicato (se "Componente fissa del Canone Periodico" ="SI") Infatti può essere fissata (dall’Amministrazione concedente) una soglia minima al di sotto della quale il valore del canone ordinario non puo’ scendere. Canone Agevolato (Componente FISSA) Alcune Amministrazioni praticano un canone agevolato. FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Componente fissa del canone periodico Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) Se il campo "Tipologia di remunerazione" è "Canone periodico". I Selezionare Sì anche nel caso di canone periodico con adeguamento all’inflazione. Ai fini della determinazione del canone di Concessione. ad esempio. definendo delle Percentuali di riduzione/abbattimento del Canone Ordinario quando. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere indicato (se "Componente fissa del Canone Periodico" ="SI") Selezionare se la tipologia del canone fisso previsto contrattualmente è “agevolato” oppure no.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Selezionare “Sì” se il canone periodico prevede una componente fissa. in genere. è obbligatorio selezionare almeno una delle due componenti “Fissa” o Variabile”.

Indicare qual è la percentuale di aumento del canone ordinario nel caso in cui precedentemente si è selezionato Canone Maggiorato (Componente FISSA)=”SI”. in aree con elementi di pregio ambientale e paesistico). in genere. definendo delle Percentuali di “aumento” del Canone Ordinario. allora il canone da corrispondere da parte del concessionario sarà pari a 250€ anziché 200€. può essere riservato un particolare trattamento alle occupazioni di suolo o. alle Concessioni ricadenti in particolari aree di pregio (ad es. In questi casi può essere praticato un canone maggiorato.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Concessione di una porzione di un immobile facente parte del Patrimonio Indisponibile dell’Amministrazione 2 Superficie: 20 m 2 Canone ordinario: 10€ /m Canone minimo: 250€ In virtù di tali parametri. Selezionare se la tipologia del canone fisso previsto contrattualmente è “maggiorato” oppure no. FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Canone Maggiorato (Componente FISSA) SI Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere indicato (se "Componente fissa del Canone Periodico" ="SI") % di abbattimento/riduzione applicata alla componente fissa del canone periodico SI Campo numerico (se Canone Agevolato (Componente FISSA)=”SI”) Saggio di aumento del canone applicato alla componente fissa del canone periodico SI Campo numerico (se Canone Maggiorato (Componente FISSA)=”SI”) MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 29 . Indicare qual è la percentuale di abbattimento del canone ordinario nel caso in cui precedentemente si è selezionato Canone Agevolato (Componente FISSA)=”SI”. Ai fini della determinazione del canone di Concessione. in genere. il canone ordinario da corrispondere sarebbe pari a 2 2 20 m x 10€ /m = 200 € Poiché però il canone così determinato è inferiore al canone minimo determinato dall’Amministrazione (250€).

è riservato un particolare trattamento agli scopi sociali cui è attribuita rilevanza pubblica. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere indicato (se "Componente variabile del Canone Periodico" ="SI") Canone Agevolato (Componente VARIABILE) Alcune Amministrazioni praticano un canone agevolato. in genere. rientrano nelle seguenti categorie: o o o o o Attività di assistenza sociale Attività di educazione Attività di protezione civile Attività culturali … SI Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere indicato (se "Componente variabile del Canone Periodico" ="SI") Canone Minimo (Componente VARIABILE) Selezionare se la tipologia del canone variabile previsto contrattualmente è “Minimo” oppure no. Canone Ordinario (Componente VARIABILE) SI Selezionare se la tipologia del canone variabile previsto contrattualmente è “ordinario” oppure no. ad esempio. le attività svolte dal Concessionario. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere indicato (se "Componente variabile del Canone Periodico" ="SI") MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 30 . Campo testuale (se "Componente fissa del Canone Periodico" ="SI") Componente variabile del canone periodico Selezionare “Sì” se il canone periodico prevede una componente e “No” se non la prevede. definendo delle Percentuali di riduzione/abbattimento del Canone Ordinario quando. Ai fini della determinazione del canone di Concessione. Infatti può essere fissata (dall’Amministrazione concedente) una soglia minima al di sotto della quale il valore del canone ordinario non può scendere. è obbligatorio selezionare almeno una delle due componenti “Fissa” o Variabile”.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO Descrizione della componente fissa del canone INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO SI Inserire una descrizione del canone periodico (componente FISSA). Selezionare se la tipologia del canone variabile previsto contrattualmente è “agevolato” oppure no. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) Se il campo "Tipologia di remunerazione" è "Canone periodico".

definendo delle Percentuali di “aumento” del Canone Ordinario. % di abbattimento/riduzione applicata alla componente variabile del canone periodico Canone Maggiorato (Componente VARIABILE) SI Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere indicato (se "Componente variabile del Canone Periodico" ="SI") Indicare qual è la percentuale di abbattimento del canone ordinario nel caso in cui precedentemente si è selezionato Canone Agevolato (Componente VARIABILE)=”SI”.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Esempio: FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Concessione di una porzione di un immobile facente parte del Patrimonio Indisponibile dell’Amministrazione 2 Superficie: 20 m 2 Canone ordinario: 10€ /m Canone minimo: 250€ In virtù di tali parametri. allora il canone da corrispondere da parte del concessionario sarà pari a 250€ anziché 200€. il canone ordinario da corrispondere sarebbe pari a 2 2 20 m x 10€ /m = 200 € Poiché però il canone così determinato è inferiore al canone minimo determinato dall’Amministrazione (250€). in genere. SI Campo testuale (se Canone Agevolato (Componente VARIABILE)=”SI”) Saggio di aumento del canone applicato alla componente variabile del canone periodico SI Campo testuale (se Canone Maggiorato (Componente VARIABILE)=”SI”) MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 31 . In questi casi può essere praticato un canone maggiorato. può essere riservato un particolare trattamento alle occupazioni di suolo o. Ai fini della determinazione del canone di Concessione. alle Concessioni ricadenti in particolari aree di pregio (es. in aree con elementi di pregio ambientale e paesistico). in genere. Indicare qual è la percentuale di aumento del canone ordinario nel caso in cui precedentemente si è selezionato Canone Maggiorato (Componente VARIABILE)=”SI”. Selezionare se la tipologia del canone variabile previsto contrattualmente è “maggiorato” oppure no.

VRC (Vincolo Ricavi Commercializzazione). Canone anno precedente (es. VRM (Vincolo Ricavi Misura). VRD (Vincolo Ricavi Distribuzione). Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI (se "Componente Variabile del canone periodico"="SI") Indicare il valore del parametro scelto per quantificare l’ammontare del canone variabile di competenza dell’anno di riferimento. (questo campo viene replicato per 4 volte in quanto sarà possibile indicare fino ad un massimo di 4 regole per il calcolo della componente variabile del canone). Margine distribuzione. Superficie. adeguamento annuale con DM )). WLU (unità di carico). Ricavo/ fatturato/incassi. Oneri patrimoniali. qualità (price cap). Inflazione programmata (price cap). allora nel campo dovranno essere 3 inseriti i m utilizzati per il calcolo della quota variabile dell’anno di riferimento (nel campo “Parametro” in questo caso va scelto “Superficie”). (questo campo viene replicato per 4 volte in quanto sarà possibile indicare fino ad un massimo di 4 regole per il calcolo della componente variabile del canone). Produttività (price cap). Unità fisiche (numero) installate/vendute/distribuite….Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Descrizione della componente variabile del canone Inserire una descrizione del canone periodico (componente Variabile). spese gestione. il parametro utilizzato per il calcolo del Canone Variabile in oggetto (Quantità distribuita/prodotta/erogata /estratta …. SI Campo testuale (se "Componente variabile del Canone Periodico" ="SI") Parametro Selezionare mediante il menù a tendina. Investimenti (price cap). Utenti/utenze. Riequilibrio (price cap). Esempio Se è prevista la corresponsione di una componente variabile pari a 10 € per 3 m . Utile. SI (se "Componente Variabile del canone periodico"="SI") Valore del parametro Campo numerico MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 32 .

Inserire il valore della componente variabile del canone periodico complessivo relativo all'anno di riferimento NB: Il canone da indicare. Esempio Canone pari a 10 € per m estratto. deve essere al netto dell’IVA.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Inserire il valore unitario della componente variabile del canone applicato al parametro. NB: il parametro è “Ricavo/ Fatturato/Incassi” è stata inserita precedentemente nel campo “Parametro”. 3 FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO SI Campo numerico (se "Componente Variabile del canone periodico"="SI" e se non è valorizzato il campo "Valore % del canone periodico variabile") Valore canone unitario applicato al parametro In questo caso il valore da inserire nel campo è “10”. (questo campo viene replicato per 4 volte in quanto sarà possibile indicare fino ad un massimo di 4 regole). NB: Il canone da indicare. deve essere al netto dell’IVA. (questo campo viene replicato per 4 volte in quanto sarà possibile indicare fino ad un massimo di 4 regole). Ammontare della componente fissa del canone periodico Inserire il valore della componente fissa del canone previsto contrattualmente. Valore % applicato al parametro SI (se "Componente Variabile del Campo numerico canone periodico"="SI" e se non è valorizzato il campo "Valore unitario del canone periodico variabile") In questo caso il valore da inserire nel campo è pari a “5”. Esempio Canone pari al 5% del Fatturato. scegliendo la voce “Superficie”. NB: la metrica (m ) dovrà essere inserita nel campo “Parametro”. SI Campo testuale (se "Componente fissa del Canone Periodico" ="SI") Ammontare della componente variabile del canone Campo testuale SI (se "Componente Variabile del canone periodico"="SI") Ammontare del canone periodico di competenza dell'anno Campo automatico: calcola il valore complessivo del canone relativo Campo non calcolato editabile NA MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 33 . 3 Inserire il valore percentuale del canone variabile applicato al parametro.

trasferimenti. Indicare l’ammontare complessivo di canoni da corrispondere.100. Indicare l’ammontare complessivo dei finanziamenti. Può infatti verificarsi la situazione in cui il Canone è corrisposto per un numero di anni inferiore alla durata del contratto di Concessione. Il canone sarà corrisposto fino alla concorrenza dell'importo di €.000). o contributi a favore del Concessionario oppure no. Compilare il campo nei casi in cui è stabilito. o contributi corrisposti al Concessionario fino alla data di rilevazione SI Campo testuale (se il campo "Tipologia di remunerazione" è "Canone periodico") Importo fino alla concorrenza del quale è corrisposto il canone periodico Campo testuale NO Finanziamenti/contributi previsti a favore del concessionario Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI Finanziamenti/contributi corrisposti al concessionario SI Campo testuale (se il campo "Finanziamenti/contributi previsti a favore del concessionario"="SI") MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 34 . trasferimenti. che il canone sarà corrisposto fino alla concorrenza di un determinato importo indipendentemente dalla durata contrattuale della Concessione (es.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE all'anno di riferimento derivante dalla somma di: o o “Ammontare della componente fissa del canone" “Ammontare della componente variabile del canone " FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Premere il pulsante “Calcola Ammontare Totale” per calcolare l’ammontare totale del canone derivante dalla somma di: Calcola Ammontare Totale o o “Ammontare della componente fissa del canone" “Ammontare della componente variabile del canone " Pulsante NA Numero di anni per i quali è corrisposto il canone periodico Indicare il numero di anni per i quali è corrisposto il canone. da contratto. Selezionare se è prevista contrattualmente la corresponsione di finanziamenti.

Indicare l’ammontare complessivo dei finanziamenti.1. manutenzione e gestione di opere pubbliche ") Campo Numerico MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 35 . o contributi a favore del Concessionario sulla base degli Stati Avanzamento Lavori (SAL) oppure no. costruzione.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE (31/12/2012). costruzione. come contropartita. nel caso di “Finalità” = “Progettazione. trasferimenti. ristrutturazione. ad esempio. Indicare. ristrutturazione. l’importo complessivo degli investimenti previsti a carico del concessionario. manutenzione e gestione di opere pubbliche “. diritti di proprietà su alcune aree o parti del bene realizzate. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI SI Campo testuale (se il campo "Finanziamenti/contributi erogati sulla base di SAL (Stati Avanzamento Lavori)? "="SI") % di completamento dei lavori da SAL Altri diritti trasferiti al Concessionario (nel caso di OOPP) Campo testuale NO 8. manutenzione e gestione di opere pubbliche “ se. E’ obbligatorio se tra la/le finalità indicate nel campo "Finalità Concessione" è selezionata la finalità "Progettazione. manutenzione e gestione di opere pubbliche " . ristrutturazione. Impegni del concessionario NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Importo complessivo degli investimenti previsti/Costo previsto dell'Opera Indicare. costruzione. al concessionario sono trasferiti altri diritti come. SI (se tra la/le finalità indicate nel campo "Finalità Concessione" è selezionata la finalità "Progettazione. FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Finanziamenti/contributi erogati sulla base di SAL (Stati Avanzamento Lavori)? Selezionare se è prevista contrattualmente la corresponsione di finanziamenti. o contributi corrisposti al Concessionario sulla base degli Stati Avanzamento Lavori (SAL) fino alla data di rilevazione (31/12/2012). trasferimenti. nel caso di “Finalità” = “Progettazione.5. ristrutturazione. costruzione.

se presenti.2. nel caso di “Finalità” = “Progettazione.1. costruzione. manutenzione e gestione di opere pubbliche ") Campo Numerico Oneri di Manutenzione ordinaria sostenuti Campo Numerico NO Oneri di Manutenzione straordinaria sostenuti Campo Numerico NO 8. se presenti.2. SI (se tra la/le finalità indicate nel campo "Finalità Concessione" è selezionata la finalità "Progettazione. Indicare.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Importo complessivo degli investimenti effettuati/Costo dell'Opera effettivamente sostenuto Indicare. E’ il caso ad esempio del rilascio di Concessioni Cimiteriali: l’Amministrazione. con la compilazione di un’unica scheda. gli oneri di manutenzione straordinaria complessivamente sostenuti nel periodo compreso tra l'inizio della Concessione o di decorrenza del contratto (se diversa dalla data di inizio) e la data del 31/12/2012. con un'unica compilazione. ristrutturazione. in considerazione delle più contenute esigenze di analisi. Sono state individuate alcune casistiche (rappresentate dal campo “Finalità”) per le quali. Indicare. potrà inserire. Definizione ed Applicabilità Il caricamento aggregato permette all'Utente di fornire. ristrutturazione. Il caricamento aggregato consente l’inserimento di dati relativi a diversi contratti di Concessione con caratteristiche e natura omogenee mediante un’unica comunicazione. manutenzione e gestione di opere pubbliche " . manutenzione e gestione di opere pubbliche “. l’importo complessivo degli investimenti effettivamente sostenuti dal concessionario alla data di rilevazione del dato. i dati relativi a più contratti di Concessione che per loro natura sono molto numerose e che presentano caratteristiche standardizzate. è possibile effettuare un caricamento aggregato: MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 36 . costruzione. costruzione. E’ obbligatorio se tra la/le finalità indicate nel campo "Finalità Concessione" è selezionata la finalità "Progettazione. ristrutturazione. piuttosto che inserire il dato di ogni singola Concessione. gli oneri di manutenzione ordinaria complessivamente sostenuti nel periodo compreso tra l'inizio della Concessione o di decorrenza del contratto (se diversa dalla data di inizio) e la data del 31/12/2012. i dati aggregati delle N Concessioni. Caricamenti Aggregati 8.

approdo. Fotografia. Tabacchi. Modalità di caricamento delle Concessioni ”rilasciate nell’anno” e delle Concessioni “in essere” Il caricamento aggregato consente la comunicazione di dati relativi a più Concessioni aventi caratteristiche e natura omogenee mediante un unico inserimento. su pareti di edifici. ossari.1. 5 Caricamento Aggregato consentito SOLTANTO se OGGETTO=Mercati oppure se si tratta di una delle casistiche di Occupazione di Suolo Pubblico elencate nel Par.1.Patrimonio della PA a valori di Mercato FINALITA' Attività Commerciali e di Ristorazione Derivazioni dell'acqua Attraversamenti di cavi e condutture Posa di strutture ed apparati (diversi da impianti pubblicitari e distributori automatici) Posa di distributori (es. FINALITA' Attività Commerciali e di Ristorazione 5 Caricamento Aggregato delle Concessioni IN ESSERE al 31/12 dell’anno di riferimento della rilevazione Installazione di mezzi pubblicitari (infissi al suolo.2.1.) 4 Nautica da diporto (punti di ormeggio. libri. cellette. gonfaloni.. 8. Le Concessioni per le quali è possibile la rilevazione in forma aggregata ) prevedono due distinte modalità di rilevazione in funzione della finalità selezionata: o o CARICAMENTO AGGREGATO delle CONCESSIONI IN ESSERE: l’Utente deve comunicare i dati aggregati relativi a tutte le Concessioni ancora attive alla data di riferimento della rilevazione (31/12/2012). devono essere comunicati i dati dei contratti stipulati nell’anno di rilevazione (31/12/2012). invece. nicchie …) Sepolture per Famiglie (cappelle di famiglia. Carburanti. …) Installazione di mezzi pubblicitari (infissi al suolo. su pareti …) 4 Caricamento Aggregato consentito SOLTANTO se OGGETTO=Mercati oppure se si tratta di una delle casistiche di Occupazione di Suolo Pubblico elencate nel Par.1. Latte.2. …) 8. …) Passi e accessi Carrabili Altre tipologie di Occupazione di Suolo Riproduzioni dei beni culturali (foto.. 7. MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 37 . La seguente tabella specifica in quali casi devono comunicare i dati dei contratti IN ESSERE e in quali. …) Sepolture Individuali (loculi.. striscioni. CARICAMENTO AGGREGATO delle CONCESSIONI RILASCIATE: l’Utente deve comunicare soltanto le Concessioni “nate” nell’anno di riferimento della rilevazione (31/12/201 2).

Dati relativi alla Concessione Di seguito si riporta l’elenco completo dei campi presenti nella sezione “D ati relativi alla Concessione” con le indicazioni per la compilazione nel caso di inserimento AGGREGATO DEI DATI. ossari. cellette. nicchie …) “Caricamento Aggregato” + “Finalità” (come riportata nel par. cellette.2. …) Attraversamenti di cavi e condutture Derivazioni dell'acqua Riproduzioni dei beni culturali (foto. ossari. nicchie …) Sepolture per Famiglie (cappelle di famiglia. . Data di decorrenza. Carburanti. Tabacchi. Data di scadenza (si rimanda all’esempio riportato a seguire della presente tabella).Patrimonio della PA a valori di Mercato Nautica da diporto (punti di ormeggio.8. …) Posa di strutture ed apparati (diversi da impianti pubblicitari…) Posa di distributori (es. TABELLA 1. …) Passi e accessi Carrabili Altre tipologie di Occupazione di Suolo Sepolture Individuali (loculi.DATI RELATIVI ALLA CONCESSIONE NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Inserire il testo composto dalla dicitura: Codice Concessione Esempio Caricamento Aggregato Passi e Accessi Carrabili Caricamento Aggregato Sepolture Individuali (loculi. riportare l’anno di rilevazione (2012) Data (GG/MM/AAAA) SI 6 Il valore medio così ottenuto deve essere approssimato MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 38 . approdo.3.2. libri..) Aggregato delle Concessioni Rilasciate nell’Anno di riferimento della rilevazione 8.. Nel caso di Caricamenti Aggregati di Concessioni “Rilasciate nell’Anno”.1) Campo testuale SI FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO - Data di stipula Nel caso di Caricamenti Aggregati di Concessioni “in essere” riportare un valore 6 medio rappresentativo di tutte le Concessioni inserite in modo aggregato per i seguenti campi: Data di stipula/rinnovo.

Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE anno = anno di rilevazione Inserire lo stesso valore inserito nel campo “Data di stipula” Seguire ed applicare la stessa logica di calcolo esposta per la “Data di Stipula” (nella casistica Caricamenti Aggregati di Concessioni “in essere”). Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 39 . Ad esempio si possono inserire le seguenti diciture: Descrizione della Concessione Caricamento aggregato? Attribuita con gara pubblica Rinnovabile/ Prorogabile Facoltà di subConcessione/cessione E' attivo un contratto di subConcessione/cessione? Caricamento aggregato Concessioni passi e accessi carrabili. FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Data di decorrenza Data (GG/MM/AAAA) SI Data di scadenza Data (GG/MM/AAAA) SI Inserire una breve descrizione in funzione del tipo di caricamento e del tipo di finalità della Concessione. Caricamento aggregato Concessioni posa di distributori. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI SI (solo se “Caricamento Aggregato”=NO) Non compilare SI (solo se “Caricamento Aggregato”=NO) Non compilare Non compilare SI (solo se “Caricamento Aggregato”=NO) Non compilare SI (solo se "Facoltà di subConcessione/cessione" = "SI") Tipologia Concessione Selezionare l’opzione “Beni” dal relativo menù a tendina che attinge direttamente alla Tassonomia. Caricamento aggregato Concessioni attraversamento di cavi e condutture Caricamento aggregato Concessioni sepolture individuali … Campo testuale SI Inserire “SI”. Caricamento aggregato Concessioni attraversamento di cavi e condutture.

2. un esempio di calcolo per la compilazione del campo “Data di Stipula” • • • GG inserire “01” MM inserire “01” AAAA inserire un VALORE MEDIO DELL'ANNO. sarà calcolato nel seguente modo: DATA N° Concessione STIPULA 1 2007 2 2007 3 2007 4 2012 5 2012 6 2007 7 2007 8 2007 9 2007 10 2012 Data di stipula calcolo VALORE MEDIO 2007+2007+2007+2012+2012+2007+2007+2007+2007+2007+2012* 10 = 2008 Data di stipula 01/01/2008 8. Dati anagrafici e sede legale concessionario Nel caso specifico dei “Caricamenti Aggregati” non è ovviamente richiesto l’inserimento dei dati dei (MOLTEPLICI) concessionari. Di seguito si riporta l’elenco completo dei campi presenti nella sezione “D ati relativi alla Concessione” con le indicazioni utili ai fini della compilazione. Nel caso. per ciascuno delle voci elencate.4. il dato da inserire nel campo. MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 40 . La sezione deve essere compilata inserendo nei campi i dati del CONCEDENTE (ovvero dell’Amministrazione che rilascia e comunica la Concessione). ad esempio di caricamento aggregato di posteggi mercatali.Patrimonio della PA a valori di Mercato ESEMPIO DI CALCOLO DELL’ANNO MEDIO Riportiamo di seguito.

Nel campo “Superficie del bene dato in Concessione/Quantità ottenibile dallo sfruttamento dell’oggetto dato in Concessione”. dovrà essere indicato il valore complessivo relativo alle Concessioni comunicate in forma aggregata (come esposto nella tabella riportata successivamente). nel caso di “Caricamenti Aggregati”. INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO SI Inserire il codice fiscale del Concedente. Demanio Idrico. par. Di seguito si riporta l’elenco completo dei campi presenti nella sezione “Dati relativi all’oggetto della Concessione” con le indicazioni utili ai fini della compilazione.8. Demanio Minerario.DATI ANAGRAFICI E SEDE LEGALE CONCESSIONARIO NOME DEL CAMPO Codice fiscale concessionario Ragione sociale/ denominazione/ Cognome e Nome Provincia sede legale/Provincia residenza Comune sede legale/Comune residenza CAP Indirizzo N° Civico Aggiungi Concessionario Il tasto consente all’Utente di salvare i dati del concessionario appena inserito (ovvero i dati relativi al CONCEDENTE). Campo testuale (11 o 16 caratteri) Inserire la ragione sociale denominazione del Concedente. Inserie il CAP/l’indirizzo/il n° civico del Concedente. …). Il menù a FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO SI Categoria Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 41 . Dati relativi all'oggetto della Concessione Nel caso di “Caricamenti Aggregati” l’Utente deve selezionare un solo “Oggetto” ed una sola “Finalità” sulla base di quanto esposto nel paragrafo introduttivo (cfr.Patrimonio della PA a valori di Mercato TABELLA 2. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI Inserire il Comune della sede legale del Concedente. TABELLA 3. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI Campo Numerico (5 cifre) Campo testuale SI SI Campo testuale SI Pulsante NA 8.DATI RELATIVI ALL’OGGETTO DELLA CONCESSIONE NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Selezionare dal menù a tendina la Categoria della Concessione (es.2.2.5. o la Campo testuale SI Inserire la provincia della sede legale del Concedente.1).

Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE tendina attinge dalla (ALLEGATO 1: Tassonomia). Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI Finalità Concessione Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI Altro (specificare) Non compilare Indicare l’estensione complessiva oggetti dati in Concessione. Tassonomia FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO La scelta della Categoria condizionerà i campi successivi (“Oggetto” e “Finalità della Concessione). Selezionare dal menù a tendina la Finalità della Concessione. degli o il dai unità = “A SI Campo testuale (se "Finalità Concessione"="Altro") Superficie/Quantità oggetto di Concessione Metri Campo numerico SI. Il contenuto.2. sarà condizionato alla selezione effettuata nel campo “Categoria”. Il menù a tendina attinge dalla Tassonomia (ALLEGATO 1: Tassonomia). è possibile effettuare un caricamento aggregato SOLO in corrispondenza di alcune “Finalità”. Il menù a tendina attinge dalla Tassonomia (ALLEGATO 1: Tassonomia). e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) Metri quadri NB: L’Utente dovrà convertire eventuali metriche espresse in scale diverse da quelle proposte secondo l’opportuna tabella di conversione (si riporta una MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 42 . o la quantità di istallate (nel caso di metrica corpo/Unità Fisiche/Numero”). Oggetto Il contenuto. valorizzabile mediante un menù a tendina. Selezionare dal menù a tendina l’oggetto della Concessione. sarà condizionato alla selezione effettuata nel campo “Categoria”. e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) Campo numerico SI.1. come riportato nel paragrafo 8. quantitativo “ottenibile” Concessionari. valorizzabile mediante un menù a tendina. NB: si ricorda. Nel caso di “Caricamenti Aggregati” l’oggetto deve essere unico.

Campo numerico SI. e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) Campo numerico Tonnellate SI. e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) Inserire il N° di Concessioni rilasciate   nel caso di Caricamento Aggregato e nel caso in cui la metrica selezionata sia diversa da "A corpo/Unità Campo testuale SI (se il campo "Caricamento aggregato?"=SI e se la metrica selezionata è diversa da “A corpo/Unità Fisiche/Numero ”) N° COMPLESSIVO di Concessioni rilasciate Fisiche/Numero“ Esempio: Riprendendo l’esempio proposto nel campo precedente (contenente le metriche). e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) Campo numerico SI. e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) A corpo/Unità Fisiche/Numero Litri al secondo (l/s) Esempio: nel caso di caricamento di 50 Concessioni di posteggi mercatali (la casistica rientra tra quelle per le quali è possibile effettuare un caricamento aggregato) ognuno dei quali ha una estensione pari a 2 8 m . in questo caso. e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) Campo numerico Kilowattora SI. il campo “ N° COMPLESSIVO di Concessioni rilasciate” sarebbe stato valorizzato con il numero di MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 43 .Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE esempio non esaustivo di “Tabella di Conversione” nell’ALLEGATO 2: Metriche e Tabelle di Conversione). il dato da inserire corrisponde all’estensione complessiva di tutti i 50 posteggi dati in Concessione e caricati in 2 modo aggregato (50 x 8 = 400 m ). e almeno uno degli 8 valori deve essere compilato (se “Tipologia Concessione”=BENI) Campo numerico Litri SI. FORMATO Campo numerico CAMPO OBBLIGATORIO Metri cubi SI. Quindi nel caso di Caricamenti Aggregati bisognerà inserire la somma de dati relativi ai singoli contratti di Concessione.

Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE posteggi mercatali dati in Concessione: 50. alla modalità di quantificazione del canone. minimo. Al suo interno sarà quindi possibile inserire. Non compilare. alla tipologia del canone. Non compilare.6. ad esempio. 100 Concessioni che hanno un canone periodico e 50 Concessioni che invece sono a titolo gratuito. le informazioni relative 1 2 3 4 al tipo di remunerazione della Concessione. Elementi quantitativi (riferiti alla Concessione) La presente sezione consente di rilevare gli elementi quantitativi della Concessione.ELEMENTI QUANTITATIVI (RIFERITI ALLA CONCESSIONE) NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 44 . vale a dire se il canone è di tipo ordinario. alla periodicità del Canone Periodico. devono essere fatti due distinti caricamenti aggregati.2. tra l’altro. FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Nazione Campo preimpostato su “ITALIA” e non editabile Non compilare. uno per il gruppo di Concessioni con canone periodico e un altro per quello a titolo gratuito. CAMPO PREIMPOSTATO "ITALIA" E EDITABILE SU NON NA Ripartizione Geografica Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) Campo testuale NO SI (se si compila il campo "Ripartizione Geografica") Regione SI (se si compila il campo "Ripartizione Geografica") Provincia SI (se si compila il campo "Ripartizione Geografica") Comune Indirizzo (del bene oggetto di Concessione) CAP NO SI Campo libero (se si compila il campo "Ripartizione Geografica") 8. Non compilare. Per tali Concessioni le condizioni contrattuali sono tipicamente standardizzate e prevedono. Non compilare. TABELLA 3. Non compilare. Se questo fosse il caso. Il Caricamento Aggregato è concepito per Concessioni con caratteristiche e natura omogenee. maggiorato o agevolato (come meglio specificato nella tabella riportata nelle pagine seguenti) Di seguito si riporta l’elenco completo dei campi presenti nella sezione “Elementi quantitativi (riferiti alla Concessione)” con le indicazioni utili ai fini della compilazione. pertanto la stessa “tipologia di remunerazione”: non è possibile caricare contemporaneamente in modo aggregato.

è espresso in LIRE è necessario riportare il valore espresso in termini di Euro utilizzando il cambio di 1euro=1. Il canone da indicare deve essere al netto dell’IVA. NB: se il valore originario del canone.936. Esempio: nel caso di caricamento di n. supponendo che il canone pagato IN UNICA SOLUZIONE da ciascun concessionario per il posteggio ad egli assegnato sia pari a €. Nel caso di caricamenti aggregati. nel contratto.100. allora il dato da inserire nel campo “Canone in Unica soluzione: Ammontare“ corrisponde alla somma dei canoni pagati da ciascun concessionario dei n.000€).27 lire Indicare l’anno previsto contrattualmente per il pagamento del canone (indipendentemente dal fatto che sia stato incassato o meno).Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Selezionare la tipologia di remunerazione mediante il menù a tendina contenente i seguenti campi: FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Tipologia di remunerazione o o o Canone periodico Pagamento con unica soluzione Titolo gratuito Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI Indicare l'ammontare in euro del Canone previsto contrattualmente. Il campo è obbligatorio solo se dal campo “Tipologia di remunerazione” si MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 45 Canone in Unica soluzione: Ammontare Campo Numerico (2 cifre decimali) SI (se il campo "Tipologia di remunerazione" è "Unica soluzione") Canone in Unica soluzione: anno di incasso (AAAA) Campo Testuale (formato AAAA) SI (se il campo "Tipologia di remunerazione" è "Unica soluzione") . il campo accoglierà la somma dei canoni relativi ai singoli contratti di Concessione.50 posteggi caricati in modo aggregato (50 x 100€ = 5.50 Concessioni di posteggi mercatali (la casistica rientra tra quelle per le quali è possibile effettuare un caricamento aggregato).

Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE seleziona “unica soluzione”. Canone Ordinario (Componente FISSA) Selezionare se la tipologia del canone fisso previsto contrattualmente è “ordinario” oppure no. in genere. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) Se il campo "Tipologia di remunerazione" è "Canone periodico". SI Campo testuale (se "Periodicità del canone periodico"="Altro") Altro (specificare) Componente fissa del canone periodico Selezionare se il canone previsto contrattualmente è fisso oppure no. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI. è obbligatorio selezionare almeno una delle due componenti “Fissa” o Variabile”. per la determinazione dell’anno di incasso. Nel caso di Caricamenti Aggregati. si rimanda alla metodologia indicata nel Paragrafo 8. Selezionare dal menù a tendina una delle seguenti voci: o o o Annuale Semestrale Quadrimestrale Trimestrale Altro FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Periodicità del canone periodico o o Campo preimpostato (MENU' A TENDINA) SI (se il campo "Tipologia di remunerazione" è "Canone periodico") NB: le Concessioni caricate in modo aggregato. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI. e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere indicato (se "Componente fissa del Canone Periodico" ="si") MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 46 . Il campo è obbligatorio ed editabile solo se si seleziona “Altro” nel menù a tendina del campo “Periodicità del canone periodico”.2. dovranno possedere la stessa “Periodicità del canone periodico”. Ai fini della determinazione del canone di Concessione.3 “Dati relativi alla Concessione”. e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere indicato (se "Componente fissa del Canone Periodico" ="si") Canone Agevolato (Componente FISSA) Selezionare se la tipologia del canone fisso previsto contrattualmente è “agevolato” oppure no. è riservato un particolare trattamento agli scopi sociali cui è attribuita rilevanza pubblica.

il canone ordinario da corrispondere sarebbe pari a 2 2 20 m x 10€ /m = 200 € Poiché però il canone così determinato è inferiore al canone minimo determinato dall’Amministrazione (250€). e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere indicato (se "Componente fissa del Canone Periodico" ="si") MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 47 . allora il canone da corrispondere dal concessionario sarà pari a 250€ anziché 200€. ad esempio. le attività svolte dal Concessionario. Infatti può essere fissata (dall’Amministrazione concedente) una soglia minima al di sotto della quale il valore del canone ordinario non può’ scendere. Canone Minimo (Componente FISSA) Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI. definendo delle Percentuali di riduzione/abbattimento del Canone Ordinario quando.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Alcune Amministrazioni praticano un canone agevolato. rientrano nelle seguenti categorie: o o o o o Attività di assistenza sociale Attività di educazione Attività di protezione civile Attività culturali … FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Selezionare se la tipologia del canone fisso previsto contrattualmente è “Minimo” oppure no. Esempio: Concessione di una porzione di un immobile facente parte del Patrimonio Indisponibile dell’Amministrazione 2 Superficie: 20 m 2 Canone ordinario: 10€ /m Canone minimo: 250€ In virtù di tali parametri.

FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Canone Maggiorato (Componente FISSA) Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI. e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere impostato a "SI" (se "Componente variabile del Canone Periodico" ="SI") Canone Agevolato (Componente VARIABILE) Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI. Inserire una descrizione del canone periodico (componente Fissa). è riservato Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI. Ai fini della determinazione del canone di Concessione. Ai fini della determinazione del canone di Concessione. Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) Se il campo "Tipologia di remunerazione" è "Canone periodico". Selezionare se la tipologia del canone variabile previsto contrattualmente è “agevolato” oppure no. può essere riservato un particolare trattamento alle occupazioni di suolo o. Canone Ordinario (Componente VARIABILE) Selezionare se la tipologia del canone variabile previsto contrattualmente è “ordinario” oppure no. Indicare qual è la percentuale di aumento del canone ordinario nel caso in cui precedentemente si è selezionato Canone Maggiorato (Componente FISSA)=”SI”. In questi casi può essere praticato un canone maggiorato. in genere.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Selezionare se la tipologia del canone fisso previsto contrattualmente è “maggiorato” oppure no. in genere. alle Concessioni ricadenti in particolari aree di pregio (ad es. e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere indicato (se "Componente fissa del Canone Periodico" ="si") % di abbattimento/riduzione applicata alla componente fissa del canone periodico SI Campo numerico (se Canone Agevolato (Componente FISSA)=”SI”) Saggio di aumento del canone applicato alla componente fissa del canone periodico SI Campo numerico (se Canone Maggiorato (Componente FISSA)=”SI”) Descrizione della componente fissa del canone SI Campo testuale (se "Componente fissa del Canone Periodico" ="SI") Componente variabile del canone periodico Selezionare se il canone previsto contrattualmente è variabile oppure no. Indicare qual è la percentuale di abbattimento del canone ordinario nel caso in cui precedentemente si è selezionato Canone Agevolato (Componente FISSA)=”SI”. è obbligatorio selezionare almeno una delle due componenti “Fissa” o Variabile”. definendo delle Percentuali di “aumento” del Canone Ordinario. in genere. e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere impostato a "SI" (se "Componente variabile del Canone Periodico" ="SI") MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 48 . in aree con elementi di pregio ambientale e paesistico).

definendo delle Percentuali di riduzione/abbattimento del Canone Ordinario quando. ad esempio. Infatti può essere fissata (dall’Amministrazione concedente) una soglia minima al di sotto della quale il valore del canone ordinario non può scendere. allora il canone da corrispondere dal concessionario sarà pari a 250€ anziché 200€. Esempio: Concessione di una porzione di un immobile facente parte del Patrimonio Indisponibile dell’Amministrazione 2 Superficie: 20 m 2 Canone ordinario: 10€ /m Canone minimo: 250€ In virtù di tali parametri. il canone ordinario da corrispondere sarebbe pari a 2 2 20 m x 10€ /m = 200 € Poiché però il canone così determinato è inferiore al canone minimo determinato dall’Amministrazione (250€). Canone Minimo (Componente VARIABILE) Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI. le attività svolte dal Concessionario. Alcune Amministrazioni praticano un canone agevolato. rientrano nelle seguenti categorie: o o o o o Attività di assistenza sociale Attività di educazione Attività di protezione civile Attività culturali … FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Selezionare se la tipologia del canone variabile previsto contrattualmente è “Minimo” oppure no.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE un particolare trattamento agli scopi sociali cui è attribuita rilevanza pubblica. e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere impostato a "SI" (se "Componente variabile del Canone Periodico" ="SI") MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 49 .

Patrimonio della PA a valori di Mercato

NOME DEL CAMPO

INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Selezionare se la tipologia del canone variabile previsto contrattualmente è “maggiorato” oppure no. Ai fini della determinazione del canone di Concessione, in genere, può essere riservato un particolare trattamento alle occupazioni di suolo o, in genere, alle Concessioni ricadenti in particolari aree di pregio (ad es. in aree con elementi di pregio ambientale e paesistico). In questi casi può essere praticato un canone maggiorato, definendo delle Percentuali di “aumento” del Canone Ordinario.

FORMATO

CAMPO OBBLIGATORIO

Canone Maggiorato (Componente VARIABILE)

Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO)

SI, e almeno uno dei 4 valori (indicati con “-“) deve essere impostato a "SI"
(se "Componente variabile del Canone Periodico" ="SI")

% di abbattimento/riduzione applicata alla componente variabile del canone periodico

Indicare qual è la percentuale di abbattimento del canone ordinario nel caso in cui precedentemente si è selezionato Canone Agevolato (Componente VARIABILE)=”SI”. Indicare qual è la percentuale di aumento del canone ordinario nel caso in cui precedentemente si è selezionato Canone Maggiorato (Componente VARIABILE)=”SI”.

SI Campo testuale
(se Canone Agevolato (Componente VARIABILE)=”SI”)

Saggio di aumento del canone applicato alla componente variabile del canone periodico

SI Campo testuale
(se Canone Maggiorato (Componente VARIABILE)=”SI”)

Descrizione della componente variabile del canone

Inserire una descrizione del canone periodico (componente Variabile).

SI Campo testuale
(se "Componente variabile del Canone Periodico" ="SI")

Parametro

Selezionare mediante il menù a tendina, il parametro utilizzato per il calcolo del Canone Variabile in oggetto (Quantità distribuita/prodotta/erogata /estratta …, Unità fisiche (numero) installate/vendute/distribuite…, Utenti/utenze, Superficie, Ricavo/ fatturato/incassi, Utile, Margine distribuzione, Oneri patrimoniali, spese gestione, VRD (Vincolo Ricavi Distribuzione), VRC (Vincolo Ricavi Commercializzazione), VRM (Vincolo Ricavi Misura), Inflazione programmata (price cap), Produttività (price cap), Investimenti (price cap),

Campo preimpostato (MENU' A TENDINA)

SI (se "Componente Variabile del
canone periodico"="SI")

MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Pagina 50

Patrimonio della PA a valori di Mercato

NOME DEL CAMPO

INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE qualità (price cap), Riequilibrio (price cap), WLU (unità di carico), Canone anno precedente (es. adeguamento annuale con DM )).
(questo campo viene replicato per 4 volte in quanto sarà possibile indicare fino ad un massimo di 4 regole per il calcolo della componente variabile del canone).

FORMATO

CAMPO OBBLIGATORIO

Indicare il valore del parametro scelto per quantificare l’ammontare del canone variabile di competenza dell’anno di riferimento. Esempio Se è prevista la corresponsione di una componente variabile pari a 10 € per 3 m , allora nel campo dovranno essere 3 inseriti i m utilizzati per il calcolo della quota variabile dell’anno di riferimento (nel campo “Parametro” in questo caso va scelto “Superficie”).
(questo campo viene replicato per 4 volte in quanto sarà possibile indicare fino ad un massimo di 4 regole per il calcolo della componente variabile del canone). SI (se "Componente Variabile del
canone periodico"="SI")

Valore del parametro

Campo numerico

Inserire il valore unitario della componente variabile del canone applicato al parametro. Esempio Canone pari a 10 € per m estratto.
Valore canone unitario applicato al parametro
3

SI Campo numerico
(se "Componente Variabile del canone periodico"="SI" e se non è valorizzato il campo "Valore % del canone periodico variabile")

In questo caso il valore da inserire nel campo è “10”. NB: la metrica (m ) dovrà essere inserita nel campo “Parametro”, scegliendo la voce “Superficie”.
(questo campo viene replicato per 4 volte in quanto sarà possibile indicare fino ad un massimo di 4 regole).
3

Valore % applicato al parametro

Inserire il valore percentuale del canone variabile applicato al parametro. Esempio Canone pari al 5% del Fatturato. In questo caso il valore da inserire nel
Campo numerico

SI (se "Componente Variabile del
canone periodico"="SI" e se non è valorizzato il campo "Valore unitario del canone periodico variabile")

MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Pagina 51

Patrimonio della PA a valori di Mercato

NOME DEL CAMPO

INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE campo è pari a “5”. NB: il parametro è “Ricavo/ Fatturato/Incassi” è stata inserita precedentemente nel campo “Parametro”.
(questo campo viene replicato per 4 volte in quanto sarà possibile indicare fino ad un massimo di 4 regole).

FORMATO

CAMPO OBBLIGATORIO

Inserire l’ammontare del canone previsto contrattualmente con riferimento alla sola COMPONENTE FISSA. NB: Il canone da indicare deve essere al netto dell’IVA. Quindi nel caso di caricamenti aggregati, il campo accoglierà la somma dei canoni relativi ai singoli contratti di Concessione.
Ammontare della componente fissa del canone

Esempio: nel caso di caricamento di n.50 Concessioni di posteggi mercatali (la casistica rientra tra quelle per le quali è possibile effettuare un caricamento aggregato), supponendo che il canone PERIODICO pagato da ciascun concessionario per il posteggio ad egli assegnato sia pari a €.100, allora il dato da inserire nel campo “Ammontare del canone periodico (componente fissa) “ corrisponde alla somma dei canoni pagati da ciascun concessionario dei 50 posteggi caricati in modo aggregato (50 x 100€ = 5.000€). Inserire il valore del canone periodico (componente variabile) complessivo relativo all'anno di riferimento

SI Campo testuale
(se "Componente fissa del Canone Periodico" ="SI")

Ammontare della componente variabile del canone

NB: Il canone da indicare, deve essere al netto dell’IVA. Nel caso di caricamenti aggregati, il campo accoglierà la somma dei canoni relativi ai singoli contratti di Concessione. Esempio:

Campo testuale

SI (se "Componente Variabile del
canone periodico"="Vero")

MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Pagina 52

Campo testuale (se il campo "Finanziamenti/contributi previsti a favore del MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 53 . Esempio: se “Data di stipula”= 31/04/1980 e “Data di scadenza”= 04/07/2015 allora “Numero di anni per i quali è corrisposto il canone periodico”= 2015-1980 = 35 SI Campo testuale (se il campo "Tipologia di remunerazione" è "Canone periodico") Importo fino alla concorrenza del quale è corrisposto il canone periodico Finanziamenti/contributi previsti a favore del concessionario Finanziamenti/contributi corrisposti al concessionario Non compilare. Campo testuale NO Inserire sempre “NO” Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI SI Non compilare.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE Si rimanda all’esempio riportato per il campo “Ammontare del canone periodico (componente fissa)” ai soli fini di esposizione della logica di aggregazione dei dati. Campo automatico: calcola il valore complessivo del canone relativo all'anno di riferimento derivante dalla somma di: FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Ammontare del canone periodico di competenza dell'anno o o “Ammontare della componente fissa del canone" “Ammontare della componente variabile del canone " Campo non calcolato editabile NA Premere il pulsante “Calcola” per calcolare l’ammontare totale del canone derivante dalla somma di: Calcola Ammontare Canone Totale o o “Ammontare della componente fissa del canone" “Ammontare della componente variabile del canone " Pulsante NA Numero di anni per i quali è corrisposto il canone periodico Nel caso di Caricamenti Aggregati il campo accoglierà semplicemente la differenza tra l’anno della “Data di stipula” e l’anno della “Data di scadenza”.

ristrutturazione. manutenzione e gestione di opere pubbliche " Non compilabile in quanto tra i caricamenti Aggregati. Impegni del concessionario NOME DEL CAMPO CONTENUTO FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO Importo complessivo degli investimenti previsti/Costo previsto dell'Opera Non compilabile in quanto tra i caricamenti Aggregati. costruzione.Patrimonio della PA a valori di Mercato NOME DEL CAMPO INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE FORMATO CAMPO OBBLIGATORIO concessionario"="SI") Finanziamenti/contributi erogati sulla base di SAL (Stati Avanzamento Lavori)? Inserire sempre “NO” Campo preimpostato (MENU' A TENDINA SI/NO) SI SI % di completamento dei lavori da SAL Non compilare. ristrutturazione. manutenzione e gestione di opere pubbliche ") Campo Numerico SI (se tra la/le finalità indicate nel campo "Finalità Concessione" è selezionata la finalità "Progettazione. non sono previste casistiche di Concessioni rilasciate con finalità di "Progettazione. costruzione. costruzione. costruzione. manutenzione e gestione di opere pubbliche " Non compilare SI (se tra la/le finalità indicate nel campo "Finalità Concessione" è selezionata la finalità "Progettazione.2.7. Campo testuale (se il campo "Finanziamenti/contributi erogati sulla base di SAL (Stati Avanzamento Lavori)? "="SI") Altri diritti trasferiti al Concessionario (nel caso di OOPP) Non compilare Campo testuale NO 8. ristrutturazione. manutenzione e gestione di opere pubbliche ") Importo complessivo degli investimenti effettuati/Costo dell'Opera effettivamente sostenuto Campo Numerico Oneri di Manutenzione ordinaria sostenuti Campo Numerico NO Oneri di Manutenzione straordinaria sostenuti Non compilare Campo Numerico NO MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 54 . ristrutturazione. non sono previste casistiche di Concessioni rilasciate con finalità di "Progettazione.

se lo riterrà opportuno potrà modificare i dati relativi ad una o più concessioni quando necessario scaricando il file XML dalla sezione “Gestione Dati”. Di conseguenza l’Utente. L’esito del caricamento verrà comunicato direttamente all’utente tramite e -mail.4. ATTENZIONE: Si segnala che i file scaricabili dalla “Gestione Dati” tramite la funzionalità “Esporta dati xml” rispettano le regole di compilazione relative al caricamento file nello stesso formato XML. MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 55 .    MODIFICA CONCESSIONE: permette all’Utente di modificare i dati relativi alla concessione selezionata ELIMINA CONCESSIONE: permette all’Utente di eliminare la concessione selezionata.  RICERCA AVANZATA: consente all’Utente di eseguire delle ricerche. 8.Patrimonio della PA a valori di Mercato 8. sulla base di uno o più criteri di ricerca.3. apportandovi le opportune modifiche e ricaricando il file tramite la funzionalità “Carica file XML”. Sarà possibile scaricare il file di istruzione direttamente dalla schermata “Carica File” cliccando sul link individuato dalla parola *Istruzioni+. il tracciato XML scaricabile tramite tale funzionalità corrisponde esattamente ai requisiti del file caricabile tramite la funzionalità di Caricamento dati tramite file in formato XML. eliminare ed esportare in formato PDF ed EXCEL i dati inseriti nel Portale dall’Amministrazione per l’anno di rilevazione in corso. Inoltre. sono associate le seguenti funzionalità:  VISUALIZZA CONCESSIONE: permette all’Utente di visualizzare in un'unica schermata tutti i dati relativi alla concessione selezionata registrati nel Portale. Inserimento dei dati tramite file (tracciato record) Per caricare nel Portale file relativi a più Concessioni. di cui sono visualizzati alcuni dei dati principali nella tabella. ESTRAI PDF: consente di scaricare un report in formato pdf che riepiloga tutti i dati inseriti nel Portale relativi alla concessione selezionata. Gestione Dati L’area “Gestione dati” consente all’Utente di visualizzare. In particolare. l’Utente potrà scegliere di aggiornare i dati relativi ad una o più concessioni scaricando il file in formato XML. Ogni riga della tabella corrisponde ad una concessione inserita nel Portale. aggiornarlo in base alle esigenze e ricaricalo seguendo le istruzioni relative al caricamento dei dati tramite file. all’interno dell’elenco delle concessioni registrate dall’Amministrazione. Nella pagina è visualizzato l’elenco delle concessioni comunicate dall’Amministrazione. Se opportuno. modificare. Ad ogni singola concessione. cliccando sulle rispettive icone in testa alla tabella di elenco è possibile accedere alle seguenti funzionalità:  ESPORTA DATI XML: consente all’Utente di scaricare in formato XML i dati relativi a tutte le concessioni registrate nel Portale dall’Amministrazione stessa. scegliere nella pagina “Inserimento Dati” l’opzione ”Carica File”.

cliccando sulle rispettive icone in fondo alla tabella di elenco è possibile accedere alle seguenti funzionalità:  EXPORT PDF: consente all’Utente di scaricare un report in formato PDF che riepiloga i dati prin cipali relativi a tutte le concessioni registrate nel Portale dall’Amministrazione stessa. MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 56 .  EXPORT EXCEL: consente all’Utente di scaricare un report in formato EXCEL che riepiloga tutti i dati relativi a tutte le concessioni registrate nel Portale dall’Amministrazione stessa.Patrimonio della PA a valori di Mercato Inoltre.

…) Estrazione di minerali e similari (inclusa estrazione arena. striscioni. acquacoltura ed attività connesse alla gestione di Circoli Nautici Attività Turistico-Balneari Nautica da diporto (punti di ormeggio.. parcheggi. stenda rdi. fossati.Idrico) Altre infrastrutture (es: ponti. ricreative.Tabacchi. …) Passi e accessi Carrabili Attività artistiche. terminalsilos. …) Derivazioni dell'acqua Estrazione di minerali e similari (inclusa estrazione arena.Patrimonio della PA a valori di Mercato 9. parcheggi. Rade. raccolta di acque minerali. Carburanti. …) Attività Commerciali e di Ristorazione Attività di pesca professionale. raccolta di acque minerali. rivi.1. …) Installazione di mezzi pubblicitari (infissi al suolo. ALLEGATI 9. rimorchiatori.. …) Stoccaggio/Deposito Attività Cantieristiche navali Attraversamenti di cavi e condutture Posa di strutture ed apparati (diversi da impianti pubblicitari e distributori automatici) Posa di distributori (es. ) Attività Commerciali e di Ristorazione Attività di pesca professionale. argilla. di intrattenimento. colatoi. …) Svolgimento di operazioni portuali e servizi connessi (Carico. su pareti di edifici. scarico. acquacoltura ed attività connesse alla gestione di Circoli Nautici Attività Turistico-Balneari Nautica da diporto (punti di ormeggio. trasbordo.…) Pozzi Acquedotti e Dighe Canali artificiali Porti e Approdi (D. ristrutturazione. Latte. manutenzione e gestione di opere pubbliche Altro Demanio Idrico Fiumi. approdo. fognature. Fotografia. strutture inamovibili. …) MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 57 . argilla. costruzione. Bacini di Acqua salsa e salmastra) Mare Territoriale (SPECCHI D'ACQUA) Porti e Approdi Stabilimenti Balneari Altre Pertinenze demaniali (costruzioni ed altre opere. ALLEGATO 1: Tassonomia OGGETTO CATEGORIA TIPOLOGIA FINALITA' Beni Demanio Marittimo Lido. Spiaggia. approdo.. trasporto di merci e persone. Torrenti e Foci Laghi Acque sotterranee e Acque sorgenti Pertinenze idrauliche ALTRO (Ghiacciai. gonfaloni. didattico-divulgative Altre tipologie di Occupazione di Spazi e Suolo Attività di Gestione di Impianti e Strutture Progettazione. Foci di fiumi. sportive. Lagune.

gonfaloni. petrolio. di intrattenimento. Tabacchi. ricreative. Fotografia. Carburanti. …) Passi e accessi Carrabili Attività artistiche. …) Attività Commerciali e di Ristorazione Coltivazione e raccolta (inclusa coltivazione arborea lungo i tratturi. …) Installazione di mezzi pubblicitari (infissi al suolo. ricreative. raccolta da castagneti/uliveti…) Attraversamenti di cavi e condutture Posa di strutture ed apparati (diversi da impianti pubblicitari e distributori automatici) Posa di distributori (es. didattico-divulgative Altre tipologie di Occupazione di Spazi e Suolo Attività di Gestione di Impianti e Strutture MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 58 . …) Attività Cantieristiche navali Attraversamenti di cavi e condutture Posa di strutture ed apparati (diversi da impianti pubblicitari e distributori automatici) Posa di distributori (es. ricreative. gonfaloni.Patrimonio della PA a valori di Mercato OGGETTO TIPOLOGIA CATEGORIA FINALITA' Stoccaggio/Deposito Svolgimento di operazioni portuali e servizi connessi (Carico. costruzione. didattico-divulgative Altre tipologie di Occupazione di Spazi e Suolo Attività di Gestione di Impianti e Strutture Progettazione. sportive. …) Installazione di mezzi pubblicitari (infissi al suolo. striscioni. di intrattenimento. …) Risorse Geotermiche (in Mare) Risorse Geotermiche (su Terraferma) Estrazione di minerali e similari (inclusa estrazione arena. …) Passi e accessi Carrabili Attività artistiche. raccolta di acque minerali. Latte. stendardi. Latte. striscioni. rimorchiatori. su pareti di edifici. …) Passi e accessi Carrabili Attività artistiche. Fotografia. Tabacchi.Tabacchi. edifici di rappresentanza. raccolta legna da ardere. manutenzione e gestione di opere pubbliche Altro Patrimonio Minerario Miniere Cave & Torbiere Acque Termali e Minerali Idrocarburi (gas metano. coltura agraria. su pareti di edifici. trasbordo. sportive. didattico-divulgative Altre tipologie di Occupazione di Spazi e Suolo Attività di Gestione di Impianti e Strutture Altro Patrimonio Forestale Parchi e Riserve Naturali Boschi e Foreste FABBRICATI e altre Pertinenze (parcheggi. sportive. ristrutturazione. Latte. Carburanti. argilla. trasporto di merci e persone. Fotografia. …) Stoccaggio/Deposito Attraversamenti di cavi e condutture Posa di strutture ed apparati (diversi da impianti pubblicitari e distributori automatici) Posa di distributori (es. di intrattenimento. scarico. Carburanti. parcheggi. stendardi.

ricreative. bretelle di raccordo. di intrattenimento. …) Passi e accessi Carrabili Altre tipologie di Occupazione di Spazi e Suolo Attività artistiche. …) Demanio Stradale MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 59 . su pareti di edifici. Provinciali. Regionali. ristrutturazione. gonfaloni. manutenzione e gestione di opere pubbliche Altro Demanio Ferroviario Tratte ferrovierie (Nazionali e Regionali) Impianti e Stazioni Pertinenze Attività Commerciali e di Ristorazione Attraversamenti di cavi e condutture Posa di strutture ed apparati (diversi da impianti pubblicitari e distributori automatici) Posa di distributori (es. sportive. ricreative. Aree di Parcheggio. stendardi. Latte. raccolta legna da ardere.Tabacchi. …) Installazione di mezzi pubblicitari (infissi al suolo. gonfaloni. Comunali) Strade Urbane e Locali Trafori Itinerari Ciclopedonali. …) Installazione di mezzi pubblicitari (infissi al suolo. ristrutturazione. costruzione. Carburanti. striscioni. striscioni. didattico-divulgative Attività di Gestione di Impianti e Strutture Progettazione. stendardi. costruzione. Fotografia. Carburanti. coltura agraria. Sentieri Pertinenze (Aree di Servizio. su pareti di edifici. raccolta da castagneti/uliveti…) Attraversamenti di cavi e condutture Posa di strutture ed apparati (diversi da impianti pubblicitari e distributori automatici) Posa di distributori (es.Patrimonio della PA a valori di Mercato OGGETTO TIPOLOGIA CATEGORIA FINALITA' Alpeggio e pascolo Utilizzo del marchio Altro Etere Frequenze Radiodiffusione Televisiva e Sonora Telecomunicazione Altro Autostrade Strade extraurbane (Statali. di intrattenimento. …) Passi e accessi Carrabili Attività artistiche. Fotografia. …) Attività Commerciali e di Ristorazione Coltivazione e raccolta (inclusa coltivazione arborea lungo i tratturi. manutenzione e gestione di opere pubbliche Altro Demanio Aeronautico Aerostazioni Altre infrastrutture (piste. sportive. didattico-divulgative Altre tipologie di Occupazione di Spazi e Suolo Attività di Gestione di Impianti e Strutture Progettazione.Tabacchi. Latte.

sportive. gonfaloni. Latte.) Terreni Attività Commerciali e di Ristorazione Coltivazione e raccolta (inclusa coltivazione arborea lungo i tratturi. Carburanti. Aree Verdi. storico o paesaggistico Attività Commerciali e di Ristorazione Attraversamenti di cavi e condutture Posa di strutture ed apparati (diversi da impianti pubblicitari e distributori automatici) Posa di distributori (es. Fotografia. su pareti di edifici. …) Attività artistiche. …) Siti di interesse artistico. stendardi. striscioni. coltura agraria. Carburanti.Tabacchi. …) Installazione di mezzi pubblicitari (infissi al suolo... Pinacoteche. ricreative. Aree di Parcheggio/Sosta. Fotografia. manutenzione e gestione di opere pubbliche Altro Demanio Culturale Musei. Biblioteche. su pareti di edifici. striscioni. raccolta da castagneti/uliveti…) Attraversamenti di cavi e condutture Posa di strutture ed apparati (diversi da impianti pubblicitari e distributori automatici) Attività Turistico-Balneari Posa di distributori (es. …) Altre tipologie di Occupazione di Spazi e Suolo Progettazione. ristrutturazione. quadri. …) Attività di ricerca e scavo Altro Altri beni demaniali o del Patrimonio Indisponibile Cimiteri Mercati Edifici e Fabbricati Impianti Sportivi/Centri Sportivi Parcheggi (infrastrutture) Altri Beni Immobili Beni Mobili Ferrovie Metropolitane Altro suolo Pubblico (Piazze. di intrattenimento. …) Installazione di mezzi pubblicitari (infissi al suolo. Fotografia. libri. ricreative. Carburanti. Latte.Patrimonio della PA a valori di Mercato OGGETTO TIPOLOGIA CATEGORIA FINALITA' Civile Attività Commerciali e di Ristorazione Gestione Totale (gestione di infrastrutture e servizi aeroportuali) Gestione Parziale (gestione delle aerostazioni e delle pertinenze e dei servizi) Posa di strutture ed apparati (diversi da impianti pubblicitari e distributori automatici) Posa di distributori (es.. Gallerie. didattico-divulgative Altre tipologie di Occupazione di Spazi e Suolo MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 60 .Tabacchi. gonfaloni. costruzione. raccolta legna da ardere. di intrattenimento. …) Passi e accessi Carrabili Attività artistiche. didattico-divulgative Altre tipologie di Occupazione di Spazi e Suolo Attività di Gestione di Impianti e Strutture Riproduzioni dei beni culturali (foto. sportive. Archivi e altri Palazzi Storici Universalità di Mobili (collezioni di reperti. stendardi. Latte.Tabacchi.

oppure può essere riferita a più “Oggetti” e più “Finalità”: MODULO CONCESSIONI – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 61 . …) utilizzando il relativo menù a tendina.) Attività socio-assistenziali e assistenza sanitaria Altro 9.2.001 m 3 3 3 3 3 3 3 m /min 1 m /min = 16. costruzione. sia le metriche necessarie alla quantificazione del canone variabile (se presente) mediante l’esplicitazione della regola utilizzata per il suo calcolo (ad esempio nel caso in cui la componente variabile del canone è calcolata in funzione dei metri cubi estratti.67 l/s 1 m /h = 0.000 l/s 3 3 3 metri cubi al secondo m /s m /h T G Kg Q metro quadrato m metrica presente nel Modulo 2 2 2 centimetro quadrato cm 1 cm = 0. nicchie …) Sepolture per Famiglie (cappelle di famiglia. Sarà necessario. . ossari.001 t 1 q = 0.0001 m 2 2 2 chilometro quadrato km 1 km = 1.1 t cm 1 cm =0. ALLEGATO 3: Inserimento di Concessioni con Oggetti multipli e con Finalità multiple La Concessione inserita dall’Utente può essere riferita ad un solo “Oggetto” con la relativa “Finalità”.000 m 2 Acre Ac 1 ac=4.000 m 2 Ettaro Ha 1 ha=10.3.000 m 2 PORTATA litri al secondo metri cubi al minuto metri cubi all'ora PESO/MASSA Tonnellata Grammo Chilogrammo quintale l/s 3 3 3 metrica presente nel Modulo 1 m /s = 1..000001 t 1 kg = 0. ristrutturazione. cellette. convertire le eventuali metriche previste contrattualmente (o nell’atto di Concessione) non riportate nel modulo Concessioni secondo i relativi rapporti di conversione riportati nella seguente tabella. o in funzione del Fatturato. ALLEGATO 2: Metriche e Tabelle di Conversione Nel modulo Concessioni è possibile indicare le metriche necessarie alla quantificazione sia della “dimensione della Concessione” (ad esempio quanti metri quadri di un bene sono dati in Concessione).Patrimonio della PA a valori di Mercato OGGETTO TIPOLOGIA CATEGORIA FINALITA' Attività di Gestione di Impianti e Strutture Progettazione. manutenzione e gestione di opere pubbliche Attività di ricerca e scavo Alpeggio e pascolo Sepolture Individuali (loculi.000. oppure in funzione dei biglietti venduti.046. a seconda delle casistiche.86 m VOLUME metro cubo decimetro cubo centimetro cubo m metrica presente nel Modulo dm 1 dm =0. Di seguito sono riportati alcuni esempi di conversione: LUNGHEZZA/DISTANZA Metro Centimetro Chilometro SUPERFICIE M metrica presente nel Modulo Cm 1 cm= 0.28 l/s metrica presente nel Modulo 1 g = 0..00001 m 9.01 m Km 1 km = 1.

comune. Compilare il campo relativo all’estensione dell’oggetto della Concessione (in questo caso bisognerà inserire il valore “550” in corrispondenza della metrica “Metri Quadri”) 10. Selezionare il secondo oggetto della Concessione dal menù a tendina del campo “Oggetti” (es. eventualmente. PORTALE TESORO – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 62 . è possibile inserire queste informazioni in due modi differenti. l’Utente dovrà: 1. Cliccare sul tasto “Aggiungi” (presente a fianco del campo “Finalità”). 6. Selezionare. provincia. Noleggio di imbarcazioni e natanti In questo caso esistono due oggetti di Concessione (spiaggia e specchio d’acqua) e diverse “Finalità” (quelle elencate al punto 1 e al punto 2). Spiaggia . 5. Foci di fiumi.Patrimonio della PA a valori di Mercato Esempio: Concessione demaniale di una spiaggia e dell’antistante specchio d’acqua da adibire a 1. Cliccare nuovamente sul tasto “Aggiungi” (presente a fianco del campo “Oggetti”). anche in funzione dei dati di dettaglio (ad esempio. Nella compilazione della scheda. 8. Lagune. Selezionare una “Finalità” della Concessione dal menù a tendina del campo “Finalità” (es. regione. Proseguire nella compilazione dei dati relativi alla localizzazione (ripartizione geografica. …) 11. Noleggio attrezzature da spiaggia (ombrelloni. 9.“Attività Turistico-Balneari”). Cliccare sul tasto “Aggiungi” (presente a fianco del campo “Finalità”). approdo. Cliccare sul tasto “Salva Oggetto della Concessione” in fondo alla scheda di compilazione 12. …)” ).“Mare Territoriale (SPECCHI D'ACQUA)”) 4. 3. Bacini di Acqua salsa e salmastra”) 2. 7. Selezionare il primo oggetto della Concessione dal menù a tendina del campo “Oggetti” (“Lido. Nella Scheda di rilevazione. Cliccare sul tasto “Aggiungi” (presente a fianco del campo “Oggetti”). Noleggio di imbarcazioni e natanti In questo caso non ci sono dati distinti relativi alla “dimensione” espressa in metri quadri degli oggetti della Concessione ma è disponibile soltanto la dimensione complessiva. Cliccare sul tasto “Prossimi dati” in fondo alla scheda di compilazione per passare alla sezione successiva “ELEMENTI QUANTITATIVI (riferiti alla Concessione). CAP. Noleggio attrezzature da spiaggia (ombrelloni. un’altra “Finalità” della Concessione dal menù a tendina del campo “Finalità” (es“Nautica da diporto (punti di ormeggio. sedie a sdraio e lettini) 2. sedie a sdraio e lettini) 2. quelli relativi all’estensione dell’area data in Concessione) a disposizione del soggetto concedente come riportato nei due esempi a seguire: Esempio 1: Concessione demaniale di una spiaggia e dell’antistante specchio d’acqua per complessivi metri quadri 550 da adibire a 1. Rade.

“Lido. 12. l’Utente dovrà: 1. Foci di fiumi. Cliccare sul tasto “Salva Oggetto della Concessione” in fondo alla scheda di compilazione 15. CAP. 11.“Mare Territoriale (SPECCHI D'ACQUA)”) 9. Proseguire nella compilazione dei dati relativi alla localizzazione (ripartizione geografica. 4. Selezionare il primo oggetto della Concessione dal menù a tendina del campo “Oggetti” (es. Cliccare sul tasto “Aggiungi” (presente a fianco del campo “Oggetti”). Nella compilazione della scheda. Spiaggia . Bacini di Acqua salsa e salmastra” ) 2. 3. Cliccare sul tasto “Prossimi dati” in fondo alla scheda di compilazione per passare alla sezione successiva “ELEMENTI QUANTITATIVI (riferiti alla Concessione). Selezionare una “Finalità” della Concessione dal menù a tendina del campo “Finalità” (es. Lagune. regione. Rade. provincia. CAP. comune. Quanto esposto nei due esempi sopra riportati consente quindi una “gestione” differenziata del dato e “ritagliata” sul tipo di dati disponibili: PORTALE TESORO – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 63 . i dati relativi alla “dimensione” espressa in metri quadri degli oggetti della Concessione sono distinti e sono quindi disponibili le dimensione di ciascun oggetto della Concessione. 10. Compilare il campo relativo all’estensione dell’oggetto della Concessione (in questo caso bisognerà inserire il valore “200” in corrispondenza della metrica “Metri Quadri”) 6. Cliccare sul tasto “Aggiungi” (presente a fianco del campo “Oggetti”). …)”).“Nautica da diporto (punti di ormeggio. sedie a sdraio e lettini)  e dell’antistante specchio d’acqua (per metri quadri 350) da adibire a:  Noleggio di imbarcazioni e natanti In questo caso. Proseguire nella compilazione dei dati relativi alla localizzazione (ripartizione geografica.Patrimonio della PA a valori di Mercato Esempio 2: Concessione demaniale  di una spiaggia (per metri quadri 200) da adibire a:  Noleggio attrezzature da spiaggia (ombrelloni. regione. …) 7. 5. approdo. comune. Cliccare sul tasto “Aggiungi” (presente a fianco del campo “Finalità”). Selezionare una “Finalità” della Concessione dal menù a tendina del campo “Finalità” (es. 8. Compilare il campo relativo all’estensione dell’oggetto della Concessione (in questo caso bisognerà inserire il valore “350” in corrispondenza della metrica “Metri Quadri”) 13. Cliccare sul tasto “Aggiungi” (presente a fianco del campo “Finalità”). Cliccare sul tasto “Salva Oggetto della Concessione” in fondo alla scheda di compilazione Selezionare il secondo oggetto della Concessione dal menù a tendina del campo “Oggetti” (es. provincia.“Attività Turistico-Balneari”). …) 14.

9.4. …)” ). ALLEGATO 4: Gestione di un Oggetto localizzato in Regioni/Provincie/Comuni differenti In alcune Concessioni. sono distinti. petrolio. 5. la gestione dei dati relativi all’estensione dell a superficie data in Concessione. la gestione dei dati relativi all’estensione del la superficie data in Concessione. la logica di rilevazione è molto simile a quella esposta nel paragrafo 9.“ Idrocarburi (gas metano. Selezionare l’oggetto della Concessione dal menù a tendina del campo “Oggetti” (es.Patrimonio della PA a valori di Mercato - nel primo esempio. …)”) 2.3“Inserimento di Concessioni con Oggetti multipli e con Finalità multiple”. Cliccare sul tasto “Aggiungi” (presente a fianco del campo “Oggetti”). Compilare il campo relativo all’estensione dell’oggetto della Concessione ricadente in una delle due Regioni (in questo caso bisognerà inserire il valore “150. E’ il caso ad esempio delle Concessioni per la coltivazione degli Idrocarburi che possono interessare diverse Regioni . Proseguire nella compilazione dei dati relativi alla localizzazione relativa in questo caso ad una delle due Regioni o o o o o ripartizione geografica: CENTRO regione: MARCHE provincia: ASCOLI PICENO comune: ASCOLI PICENO CAP: 63100 Pagina 64 PORTALE TESORO – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE . Nella compilazione della scheda. l’Utente dovrà: 1. - nel secondo esempio.000. raccolta di acque minerali. In questo caso. Cliccare sul tasto “Aggiungi” (presente a fianco del campo “Finalità”). 3. argilla. Selezionare una “Finalità” della Concessione dal menù a tendina del campo “Finalità” (es. o la gestione delle informazioni relative alla Localizzazione dello/degli oggetto/oggetti è fatta in modo dettagliato per oggetto. Esempio : La Concessione demaniale denominata “IDROCARDURO 12” per la coltivazione di Idrocarburi su un territorio di circa 200 chilometri quadri. ricade sia sulla regione Marche (per un’estensione di circa 150 chilometri quadri) sia sulla regione ABRUZZO (per un’estensione di circa 50 chilometri quadri) In questo caso i dati relativi alla “dimensione” espressa in kilometri quadri di competenza di ciascuna Regione. o la gestione delle informazioni relative alla Localizzazione dello/degli oggetto/oggetti è fatta in modo “complessivo” e non differenziato per oggetto.“ Estrazione di minerali e similari (inclusa estrazione arena. il bene oggetto di Concessione può avere una estensione tale da ricadere in più Comuni differenti (magari in diverse Provincie o addirittura in diverse Regioni). 4.000” in corrispondenza della metrica “Metri Quadri”) NB: in questo caso bisogna convertire la metrica “kilometro quadro” nella metrica “metro quadro” presente sul modulo 6.

Compilare il campo relativo all’estensione dell’oggetto della Concessione ricadente nella seconda delle due Regioni (in questo caso bisognerà inserire il valore “50. PORTALE TESORO – ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Pagina 65 . petrolio. Cliccare sul tasto “Aggiungi” (presente a fianco del campo “Finalità”). …)”) 9.Patrimonio della PA a valori di Mercato o 7. Proseguire nella compilazione dei dati relativi alla localizzazione relativa in questo caso alla seconda delle due Regioni o o o o o ripartizione geografica: CENTRO regione: ABRUZZO provincia: TERAMO comune: TERAMO CAP: 64100 14.000. 8. Cliccare sul tasto “Prossimi dati” in fondo alla scheda di compilazione per passare alla sezione successiva “ELEMENTI QUANTITATIVI (riferiti alla Concessione).“ Estrazione di minerali e similari (inclusa estrazione arena. raccolta di acque minerali. 10.“ Idrocarburi (gas metano.000” in corrispondenza della metrica “Metri Quadri”) NB: in questo caso bisogna convertire la metrica “chilometro quadro” nella metrica “metro quadro” presente sul modulo 13. …)” ). 12. Selezionare una “Finalità” della Concessione dal menù a tendina del campo “Finalità” (es. Cliccare sul tasto “Aggiungi” (presente a fianco del campo “Oggetti”). argilla. Cliccare sul tasto “Salva Oggetto della Concessione” in fondo alla scheda di compilazione 15. 11. Indirizzo del bene: NON APPLICABILE Cliccare sul tasto “Salva Oggetto della Concessione” in fondo alla scheda di compilazione Selezionare NUOVAMENTE l’oggetto della Concessione dal menù a tendina del campo “Oggetti” (es.

Related Interests