STUDIA

UNIVERSITATIS PETRU MAIOR

HISTORIA 1/12

TÎRGU MUREŞ

2012

EDITORIAL BOARD Cornel Sigmirean (Chief Editor) Giordano Altarozzi (Associate Editor) Corina Teodor (Scientific Secretary) Georgeta Fodor (Desktop Publishing) Vasile Dobrescu Simion Costea Maria Dan

SCIENTIFIC COMMITEE Ioan-Aurel Pop, Member of the Romanian Academy, Director of The Center for Transylvanian Studies Mihai Bărbulescu, Correspondent member of the Romanian Academy, Keith Hitchins, Champaign-Illinois University, Urbana, Honorary Member of the Romanian Academy Dennis Deletant, University College of London Harald Heppner, History Institute of Graz, Austria Trencsenyi Balázs, Central European University Budapest, Hungary Nicolae Bocşan, “Babeş-Bolyai” University, Cluj Napoca, Romania Liviu Maior, Bucharest University, Romania Antonello Biagini, Sapienza University of Rome, Italy Anatol Petrencu, State University of Moldova, Moldova Republic Ion Negrei, Institute of History, State and Law of the Academy of Sciences, Chişinău, Moldova Republic

ISSN 1582-8433 Published by Editura Universităţii „Petru Maior”, Tîrgu Mureş, România, 2012 Str. Nicolae Iorga, nr. 1 540088, Tîrgu Mureş, România Tel./Fax. 0265-211838 e-mail: studia.historia@science.upm.ro

12 STUDIA UNIVERSITATIS PETRU MAIOR SERIES HISTORIA

2012

Redacţia: 540088, Tîrgu-Mureş, str. Nicolae Iorga, 1, Telefon 0265-236034 Email: studia.historia@science.upm.ro

CONTENTS - SOMMAIRE - INDICE Studies and Articles Fábián István, Germanic Ethnic Units on the Territory of Roman Dacia ..................5 Giordano Altarozzi, Diplomazia vaticana e relazioni franco-spagnole all‟epoca della Notte di San Bartolomeo (1572) ..........................................................................11 Georgeta Fodor, Astra‟s Involvement in the Debate Concerning the Necessity of Educating the Romanian Women ........................................................................23 Maria Dan, Modernity‟s Challenge: Alternatives to Traditional Family. Divorce, Concubinage and Illegitimacy in the Saxon Reghin (the second half of the 19thcentury) .......................................................................................................31 Corina Teodor, Il Professor Iuliu Maior. Dalla Catedra all‟ Ambone ..................... 39 Antonello Biagini, Andrea Carteny, L‟Italia e le rivolte per l‟indipendenza albanese nel contesto balcanico (1911) ..............................................................................47 Hadrian Gorun, Mirabela Eleonora Tufan, Des considérations sur les relations roumaino-russes et roumaino-bulgares au début de la Première Guerre mondiale. Quelques témoignages documentaires roumaines et françaises ........................... 57 Daniel Pommier Vincelli, La prima indipendenza dell‟Azerbaigian nei documenti militari italiani (1919-1920) ................................................................................ 67 Giuseppe Motta, Il bolscevismo in Romania nel primo dopoguerra ....................... 87 Paolo Formiconi, Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 ................................................................................................................. 99 Andrea Chiriu, Il processo Maniu-Mihalache. Osservazioni e considerazioni della Legazione d‟Italia a Bucarest ........................................................................... 131 Mihai Teodor Nicoară, Party Vigilance Regarding University “Elements” in the „50s. Top Secret Instructions ..................................................................................... 141 Reviews Nicoleta Man, Aşezarea romană de la Cristeşti, Cluj-Napoca, Editura Mega, 2011, 277 p., 169 planşe (Fábián István) ................................................................... 159

........................... 208 p.............. (Corina Teodor) ....... (Ilona Diana Drancă) ...... XVI-XXI)...... Oradea.............. Editura Curtea Veche..... Cluj-Napoca................... Editura Accent..................... 167 Silviu Borș...... 220 p...... 1861-1950........................ Editura Universităţii din Oradea.....Disciplinarea socială şi modernitatea în societatea modernă şi contemporană (sec.. 162 Dana Pantea....... 168 4 ......... Carte regală de bucate......... (Corina Teodor) .......... 2011... 2010. Coordonator Toader Nicoară..... 2011. 164 Principesa Margareta a României.................... Bucureşti. Biblioteca Centrală a Asociațiunii................. Editura Info Art Media...... Editura Mega..... 572 p........... Sibiu..... Cluj-Napoca.... 392 p..... (Cornel Sigmirean) .. 2010......... Imaginea Angliei şi a englezului în cultura românească din secolul al XIX-lea...

Besides them the defense of the province made massive use of auxiliary units (auxilia) who were based on the fortresses on the limes or in areas considered to be of strategic importance.GERMANIC ETHNIC UNITS ON THE TERRITORY OF ROMAN DACIA Fábián István Abstract The Germanic auxiliary units were brought in Dacia mainly with the wars of Trajan against king Decebal or. Deciana. having as identification mark the word “numerus” and Lecturer Ph.g. Petolescu. Ala I Batavorum or Cohors I Britonum. p. Of course the elite units were the legions (legiones) based in castrae. Istoria militară a Daciei romane. Petolescu op. Cohors III Betavorum (Batavorum). 187 sqq. Cohors I Cannanefatium. but also in complex administrative problems2. op. cohors I Flavia Brittonum. later they were recruited from the provinces in the age of the empire. pp. In other instances they had the names of the recruiting provinces: e. Germanic. Christescu. 1937. Petolescu. Husar. C. Numeri. Editura Fundaţia Regele Carol I. Alae.D. V. 42-sqq.3 Auxiliary units were grouped in irregular ones (nationes and numeri): kind of ethnic militia. In the time of the principate. op. Keywords: Province. 2002. Cluj-Napoca. Editura Presa Universitară Clujeană. vitrix or-with the beginning of the 3rd century A. Cohors II Gallorum Macedonica. Sometimes they had honorific names as: pia fidelis. 3 C. These two elements created a unitary defense system. sometimes they were cives romani.. Gordiana etc. which assured the protection of the propugnaculum barbarii -as the province of Dacia was considered to be by the Roman leadership. the soldiers of these units were given by the foederati. Ala I Tungrorum frontoniana. p. cit. Elemente de civilizaţie. Initially. Dacia şi Imperiul Roman. p. Husar.g. p. Epigraphic Evidence The defensive system of Roman Dacia was based on two essential elements: the army (legions. A. auxiliary troops and singulares) and a large number of castrae and smaller fortifications 1 .cit. Numerus Germanicianorum exploratorum. Editura Teora. Cohors IX Batavorum miliaria equitata. p. imperial appellations: Antoniniana. C. Epigraphic and archaeological evidence shows a number of eight such units: Ala I Batavorum miliaria. Cohors I Ubiorum . No other European province of the Roman Empire had such a long frontier with the barbarian world and that is way the military element had an essential role not only in the defense of the province. C. Cohors I Batavorum miliaria pia fidelis.D. Bucureşti. 56. 178. C. Din istoria Daciei romane. 2000. who gave the name of the unit: e. . or they were given the name of the emperor under whose reign the unit was founded: e. At the beginning. 1 2 . 181. “Petru Maior” University of Tîrgu Mureş C. the auxilia consisted from the members of the same population and/or tribe..cit. A.g. Cohortes.. the soldiers from auxiliary units were peregrines but. more lately during the reign of Emperor Hadrian. Bucureşti. 82-83.

Editura Carpatica.Protase. Protase. veredarii (mounted messengers) singulares (elite soldiers who were the personal guards of the provincial high officials). in the same time. Epigraphic evidence shows that beside military units from Britannia. the auxiliary units recruited from the Germanic provinces played an important part 4 . are eight in number as follows: Ala I Batavorum miliaria Ala I Tungrorum frontoniana Cohors I Batavorum miliaria pia fidelis Cohors III Betavorum (Batavorum) Cohors IX Batavorum miliaria equitata Cohors I Cannanefatium Cohors I Ubiorum Numerus Germanicianorum exploratorum. op. famous for their bravery. Grouped in mounted (alae). “Troupes auxiliaries originaires des provinces germaniques dans l‟ armee de Dacie”. Trupele auxiliare romane recrutate din Galia şi Germania în perioada Principatului. Some of these units had special missions: exploratores (scouts). one numerus. later as parts of the Roman defensive system in the province.. Gallia. 110-111. they were used as amphibious forces in crossing rivers6. Britannicianorum etc. The soldiers from the auxilia stationed in Dacia were mostly recruited from the western provinces (with Celtic indigenous population) long subjected to Romanization. 136. Numeri were mono functional units with a precise specialization and tactical role in the roman army. The remaining Germanic auxilia mentioned for the time of Dacian wars and.D. Initially they were stationed in Germania Inferior and in Pannonia up to the reign of Emperor Hadrian when it was transferred to Dacia. They had a number of 500 to 900 soldiers lead by a praepositus. 6 Tacitus. the unit was transferred on the middle part of the Mures River in the castrum of D. 7 A. Each of these provinces had its own exercitus -legions and auxiliary units (the former in Dacia Superior and Porolissensis. p. Regular units (alae. But. in Dacia Inferior just auxiliary units were stationed) mentioned in the epigraphic and monetary sources. in the great military effort made by the Roman Empire in conquering and maintaining the north Danubian province. Istorii. Husar. Cluj-Napoca. and four (maybe five) cohortes of Germanic origin participated at the Dacian wars and. 1995. 4 6 . Ala I Batavorum miliaria. and infantry (cohortes) of five hundred (quingenariae) or thousand (milliariae) troops. At the middle of the 2nd century A. these units had a multirole missions (patrol. Dragan. 222. Diss. From the military point of view.Fábián István the ethinc name: Germanorum. in D. recruited from the tribe of Batavi. 5 Ibidem. For a short period of time it was garrisoned at Borosneul . roman Dacia was organized in three provinces: Dacia Superior. became part of Exercitus Daciae. Interesting is the fact that only one Germanic unit returned to its base in Raetia after concluding the conquest of Dacia5. p. 2011.cit. small scale military operations). pp. local police. IV.Mare7. 2 apud E. Inferior and Porolisenssis. later. cohortes) were much closer to the organizational type of a legion. Orizonturi daco-romane. Cluj-Napoca. Hispania or from the Balkans or Eastern provinces two alae.

17 A. in Britannia. 222. where is mentioned in the diplomas between 80 and 11415. 111. 85. Protase. C. A. 16 CIL III. fragm. 7644.. p 65. fragm. Husar. 18 CIL III. IIIrd Volume. Auxilia.Iulius Fronto14. op. C. 267. C. Husar.shows. 8 7 . Spaul. In the year the unit was transferred temporarily in Pannonia to fight against the Marcommanic tribes. Katholieke Universiteit te Leuven.cit. most probably they were archers (Notitia Dignitatum much later mentions them as sagittari). the unit was sent to Dacia. Furius Victorinus20. 1978. in “Zeitschrift fur Papirologie und Epigraphic”. C..Germanic Ethnic Units on the Territory of Roman Dacia Razboieni-Cetate. as the stamped bricks AL(A)E) FRONT(ONIANAE) . T. Epigraphic evidence reveals the name of commanders of the unit: Ael(ius) Celerinus18. p. Other epigraphic evidence about this Ala are at Optatiana12 and Potaissa13. Inscriptiones Asiae. p. p. Auxilia Daciae. The Ala was part of the army of Germania Inferior and after the Batavian revolt was transferred to Dalmatia and Pannonia. 119. 11 Corpus Inscriptionum Latinarum. After the conflict with the Iazyges. military tribune in II Adiutrix pia fidelis legion in Pannonia inferior and commander of Ala I Tungrorum Frontoniana in Dacia Porolissensis. Between the commanders of this auxilia. Knight. C. It is not known where this unit was stationed in the 3rd century but it is possible to be transferred to Syria10. having as base the castrum form Ilisua.Iulius Corinthianus mentioned on a funerary inscription in Apulum(where were also two funerary inscriptions mentions the presence of two equites) 11 . Some presumed that the Ala was stationed also in Apulum (based on epigraphic evidence) but is not probable9. Attius Tutor from Flavia Solva (Noricum) who had a long military carrier: commander of Cohors I B(a)etasiorum c. Editura Ars Docendi. The movements of the auxilia from Augustus to Hadrian . op. T. A. The author believes that the inscription from Potaissa refers to Ala I Bosporanorum. 9 Ibidem. fragm.cit. Alae named after their commanders . op. took its name of Frontoniana after one of its commanding officers L. Other praefecti of this Ala could be: T. (further on: CIL III). Auxilia. 1994. 798.Iulius Apigianus21. p. Nectoreca Press. p. cit. 64. 15 D. 222. 6274. probably in Banat because we have a funerary inscription an Varset dedicated by a signifer to his wife16and at Pojeneja where. C. provinciarum Europae Graecarum. During this period the Ala receives the imperial epithets of Antoniniana and Alexandriana17. the unit became part of the armed forces of Dacia Porolissensis. Attius Tutor19. p. cit. D. Created probably under the reign of Augustus from the Germanic tribe of the Tungri. p. Protase. Bucureşti. C. Husar. J. During the reign of Hadrian. which become its permanent base8. p. p. p. 1873. 2002.Vibius Pius mentioned on an inscription in Pergam.. 118. n. s. Andover. 64. 10 J. Berlin. 1991. Petolescu. for certainty is known T. 13 CIL III 7696. archaeological excavations dug out a tabula ansata with the inscription: a(la) Frontonian(a).R. C. in “Ancient society”. Ala I Tungrorum frontoniana. 14 E Birley. 12 CIL III.cit. Petolescu. 9. (turma?) Valeri Firmi. As for their specialization. The Auxiliary Cavalry Units of the Pre-Diocletianic Imperial Roman Army. 202. Also D. Contribuţie la istoria militară a Daciei Romane. Ala. 78.. 223. Petolescu. fragm. 7800. p. Illyrici latinae..

fragm. the Ala. Isac. 26 A. Eck. fragm. p. op. 83. 123. p.Iulius Atinanus.13330. It is believed the unit fought in both wars against the Dacians.Legiunea a V -a Macedonica şi castrul de la Potaissa. the cohort appears in Dacia Porolissensis in the military diplomas from the years 130 (first mention)29.(further on IDR). The bricks were in the walls of a sarcophagus from arund 14 A.31 16132 and 16433. D.Popilius Albinus 23 but also soldiers of this Ala: Ael. p. University of London. 22 CIL III. J. So.19. 25 CIL III. Piso. Two other inscriptions mention two soldiers of the cohort at Potaissa: Aurelius Certus 34 a signifier and Aurelius Meatinus Birsi35. Later. 4748. Institute of Archaeology. 13766. 32 W. 800. P. 1987. fragm. Cohors II BE(sorum). 31 IDR I. 39440. 801. vol I. See also IDR I. fragm. 33 CIL XVI. Cluj-Napoca. p. Din istoria militară a Daciei romane. 28 Roman Military Diplomas 1954-1977. fragm. fragm.154. fact which bought them the citizenship as it is mentioned the military diplomas from May 12. Ein Militärdiplom aus der Provinz Dacia Porolissensis in Zeitschirft fur Papirologie und Epigraphic. London. CIL VI. To notice the fact that the great majority of names are italic ones. but such names were used by Romanized provincials. during its long encampment in Dacia made use of recruits from the surrounding provinces and even from the local provincials26. C. School of Advanced Study. Based on these inscriptions some authors presumed that a certain moment stationed at Potaissa before the arrival of Legio V Macedonica36. A.17. 577. 13760. (further on RMD). 24 CIL III.. cit. 2003. 22 T. Institute of Classical Studies. Auxiliary deployment in the reign of Hadrian. 202. p. 36 M. 1978. and in the year 86 is relocated in Pannonia 27 with the Legio II Adiutrix. CIL III. Cohors III Betavorum (Batavorum). p. 21 CIL III. C(o)H(ors) III Be(tasiorum) C(ohors) IIII Be(tavorum). 591. Husar. Knight. Campanius Vitalis the nephew of Florius Virilis veteranus ex decurione of the same cohort. 23 CIL XI.recruited from the tribe of the Batavi.cit. so their ethnic origins are hard to discover. 185. Auxilia. fragm.Fábián István C. fragm 786.cit. 120. Many different interpretations were given to these stamps: C(ohors)IIII Brittonum equitata. 30 Inscripţiile Daciei Romane. Another unit-this time an infantry one. Editura Academiei RSR. The presence of this unit could be indicated by the stamped bricks C IIII BE or C IIII BE +T discovered at Olteni. 19 20 8 . 102. Petolescu. 789. I 86. Barbulescu. op. fragm. 35 CIL III.. 11. It was stationed initially in Britannia. 34 CIL III.122 and 16 December 113 (discovered at Regensburg)28. Husar. fragm. Cocceius Iulius25 etc.. Cohors I Batavorum miliaria pia fidelis. Bucureşti. 100. 1975. 29 C. The cohort is stationed at Romita (Certia). I. based on the funerary inscription of centurion C. Holder. 27 D. 788. Quadratus24. 1994.D. p. 36.

p. The cohort was stationed at the castrum from Tihau. 130. 144. from the Germanic tribe of Cannanefates. p. A.CICF . op. 46 CIL X. a fort which was abandoned during the reign of Hadrian when the limes Alutanus was created. Husar. After defeating the Dacians the unit returned to its base camp at Passau38. 44 C. 223-224. 39 A. at the beginning of the 1st century A. 9946 at Capidava. emphasizes the fact that unit is mentioned in the year 164 by three diplomas. p. p. Probably the unit was stationed at Olteni. Later.and a shrine dedicated to (N)ymphis Augustis to the health of Emperors Caracalla and Geta by the consular governor Postumus42. This unit was under the command of the governor of Moesia Inferior. Cohors I Ubiorum. They probably took part in the Dacian wars.. Nonetheless the presence of this cohort remains elusive. 9245. Ibidem. p. Fasti provinciae Daciae I. p. Holder. during Trajan‟s reign was in Moesia Inferior. 37 38 9 . cit. Stamped bricks . 95. 132. pp. 102. Husar. This auxiliary unit is first mentioned in the military diplomas of Moesia Inferior in the years 7844. 41 P. 121. Auxilia. p. Petolescu.cit. From archaeological point of view its presence is marked by the stamped bricks . so it is clear that it was sent in Dacia during the political/military reorganization of the province during Hadrian41. Bonn. fragm. C. D. p. 40 C. this cohort is the only one remade by Emperor Vespasianus after all other cohortes Ubiorum were destroyed in the year 70 by the Batavian revolt43. 6015. 48 IDR III/4. Protase. considered that the first mention of the unit is in 154 in the military diploma from Domasnea. C. Auxilia.C(ohors)I VB(iorum) were discovered also at Ozd 48 . Husar. pp. a settlement which. 132. fragm. 45 CIL XVI. cit.. fragm. 49 IDR III/4. Die Senatorischen Amtrager . it was sent in Dacia Superior and it was stationed at Odorheiu Secuiesc. Protase. 224. p... footnote 37. Petolescu.cit. 224. Recruited from the Germanic tribe of the Ubii.Germanic Ethnic Units on the Territory of Roman Dacia (based on a coin of Faustina). probably during the reign of Hadrian47. cit. op. 47 P. About this unit is known that it was formed during the reign of Augustus. not being mentioned by epigraphic sources or military diplomas37. 132. A fragmentary diploma from the years 120-130 (?) places this unit between the armed forces of Dacia Inferior.. The unit fought in the area of lower Danube only during the Dacian wars. where it replaced a vexillatio of the XIII Gemina legion. 168-169 43 A.D.. The cohorts is mentioned in Dacia Porolissensis in a military diploma from 10 December 130/9 December 131 (place of discovery is not known)40. 102. Cohors I Cannanefatium. Holder. The unit is known form stamps on bricks and tiles found in the fortress of Barsesti and from the fortified camp of Stolniceni (Buridava) on the Olt river. Cohors IX Batavorum miliaria equitata was sent in Dacia from Raetia during the wars of Emperor Trajan. cit. op. in the first decades of the 2nd century. Tarnaveni49. cit. 42 I Piso.. and it was a part of exercitus Germaniae Inferioris 39 . Among the ranking officers of this unit evidence shows certain: D. fragm. 1993. 44.

a centurion and an L. It seems that Germanic auxiliary units . in “Klio”. 79.cit. 131. fragm. The number of soldiers who participated in the wars against the Dacians and later. 56 D. 161-177. 55 IDR III/5. pp. C. Pompeius (or Pomponius) Celer a prefect of the cohort51. 1. Ezov. CIL III. 1997. p. 8074. cit. p. After the conflict the Numerus was stationed at Orastioara de Sus fact underlined by epigraphic evidence: a shrine dedicated to the godess Diana. Auxilia. 52 For a general view see: A.Fábián István Aelius Equester 50 . It was stationed in Mauritania. The numeri exploratorum units in the German Provinces and Raetia. op. 145. p. Petolescu. 54 C. 53 CIL 12574 -IDR III/3 262.with a few exceptions remained in the province north of Danube from its conquering up to its abandonment. 228. stationed in the province could be between 3500-450056. A.. 615. Numerus Germanicianorum exploratorum. An inscription mentioning the numerus Germanicianorum was discovered at Micia and at Apulum a funerary inscription with the name of Zeno Tarasis miles numeri Germanicianorum was found55. Husar. and in Thrace and was relocated in Dacia during Trajan‟s wars as scouts. This specialized scout unit is identical with the nummerus Germanicianorum mentioned in Germania Inferior52. Protase. Verius Superstes (centurio)leg(ionis) V Mac(edonicae) p(repositus) n(umeri) G(ermanicinorum). 50 51 10 . 53 From the same location a funerary inscription was discovered: Iulius Secundus expl(orator) domo Agip(pinensis) and of course a large number of stamped bricks and tiles: N(umerus) G(ermanicianorum) E(xploratorum) or N(umerus) GER(manicianorum) 54 . pro salut(e) C(ai)Arri Antonini leg(ati) Aug(usti) pr(o) pr(aetore) by M.

Idem. alla successiva tappa della vera e propria Controriforma. caratterizzata dalla lotta a tutto campo contro i nemici della cattolicità. in “Società”. il Mulino 1979. Laterza. Tra l‟immensa mole di studi dedicati a tale soggetto. “Petru Maior” University of Tîrgu Mureş Come tutti i grandi fenomeni storici. except as simple instrumentum regni Keyword: Holy See. II. Rinascimento. 4 voll. si rimanda qui ai seguenti: K. Guglielmotti. 1949. Vallecchi. Paolo Prodi (a cura di). con il pontificato di Pio V. Memoria histórico-crítica del 1 . parte III. Riforma cattolica. l‟obiettivo principale dell‟azione diplomatica Lecturer Ph. J. i propri problemi attraverso un movimento di riforma interna che si chiude con il Concilio di Trento. M. Imprenta de la Real Academia de la Historia. In merito cfr. Marcantonio Colonna alla battaglia di Lepanto. Firenze. showing how religion can not find more space in determining the policy of the States. Gregory XIII. la Riforma cattolica e la successiva Controriforma sono state oggetto di ampio dibattito storiografico. this step also produces political effects. In tale contesto. siano essi interni o esterni al mondo cristiano1. quella straordinaria personalità che è Pio V non tralascia nessuno sforzo. Massimo Marcocchi (a cura di). H. 2 Anche sulla battaglia di Lepanto esiste una vasta bibliografia. H. 1853. A.D. La Riforma cattolica. which ended with the close of the Council of Trent. Prosperi. 1958. Riforma cattolica. French Wars of Religion. Una introduzione storica. based on that between France and Spain. Kaser. Studium.DIPLOMAZIA VATICANA E RELAZIONI FRANCO-SPAGNOLE ALL‟EPOCA DELLA NOTTE DI SAN BARTOLOMEO (1572) Giordano Altarozzi Abstract In the second half of the XVIth century the Catholic Church passes from its internal reform. Roma. Il Concilio di Trento. Roma. Storia della filosofia. Morcelliana. 1957. the Holy See tries several times to promote an alliance of all the Catholic sovereigns. Felice Le Monnier. Firenze. Fernandez de la Puente y Acevedo. Riforma e Controriforma. 1927. nella prima metà del secolo. 1963. Bartholomew‟s Day Massacre Nella seconda metà del Cinquecento si apre per la Chiesa cattolica una stagione nuova. Brescia. Jedin. fino al momento culminante rappresentato dalla straordinaria battaglia di Lepanto2. Riforma e Controriforma. St. 2001. Jedin. Bendiscioli. Beyond a purely religious. y juicio de la importancia y consecuencias de aquel suceso. D. Cantimori. 7-8. Storia del Concilio di Trento. Bologna. Studium. to that of the real Counter-Reformation. Terminata questa prima fase Roma passa. 1937. Bari. Torino. In tal senso. Morcelliana. 1862. Einaudi. Il Concilio di Trento come crocevia della politica europea. The St. Cayetano Rossell. sotto il suo pontificato Roma spende denaro e risorse nell‟incessante sforzo di dare vita ad alleanze quanto più vaste tra i sovrani cattolici. Historia del combate naval de Lepanto. 1946. A. pp.. G. Bartholomew‟s Day massacre opens new possibilities. but in the end all the efforts of Vatican diplomacy will remain unfulfilled. Brescia.. M. In this context. Vatican Diplomacy. Riforma cattolica o Controriforma? Tentativo di chiarimento dei concetti con riflessioni sul Concilio di Trento. Antologia di documenti. Bendiscioli. De Ruggiero. Minacciata dalla Riforma luterana prima e calvinista poi. la religione cattolica risolve. 820-834. n. Madrid.

così come vengono mantenuti nelle loro sedi i nunzi nominati da Pio V. The Greatest Naval Battle of the Renaissance. 12 . la cui struttura rimane praticamente immutata fino all‟epoca contemporanea. in contraddizione con la pratica comune fino a quel momento di cambiare i rappresentanti pontifici all‟inizio di ogni nuovo pontificato. XIX. 2000. miglioramento delle relazioni con tutti i principi cattolici. 26-27 e 323325. L. Quando Gregorio XIII giunge al soglio di Pietro. le rappresentanze permanenti del pontefice nelle principali capitali europee. von Pastor. Beeching. pp. Ensayo histórico a base de documentos diplomáticos . doverosa vigilanza dei territori dello Stato pontificio 3 . tanto da essere considerato il vero padre delle nunziature stabili moderne. esecuzione dei decreti tridentini e perseguimento della riforma interna della Chiesa. tre cosiddette latine (Spagna. Firenze. infatti. 1971. Gregorio XIII conferma espressamente di voler continuare l‟azione del suo predecessore. che inizialmente rimane nunzio ordinario a cui Gregorio XIII affianca l‟Ormaneto come nunzio straordinario. nunzio in Spagna. da cui manca da ormai troppo tempo. 1863. C. Barbero. 2 voll. Gregory XIII (1572-1585). A. sostituito dal vescovo di Padova Niccolò Ormaneto. ma anzi è potenziata dal successore di Pio V al soglio di Pietro. La battaglia di Lepanto. 2010.Giordano Altarozzi vaticana non può essere che quello di un‟alleanza franco-spagnola. A. 3 Cfr. che porterebbe all‟unione dei due più grandi Stati cattolici in una lega capace di condurre l‟offensiva su tutti i fronti: in Europa settentrionale e centrale contro i protestanti.. Roma-Bari. 1918-1919. La Liga de Lepanto entre España. Vicente. 1998. L. L‟elemento centrale per la realizzazione di un simile programma è costituito dalle nunziature. lotta contro gli errori dogmatici per mezzo dell‟Inquisizione ma anche degli ordini religiosi. 1930. Lepanto 1571. Trubner & Co. Tale impostazione non solo non viene abbandonata. Motta (a cura di). Rappresentano eccezioni in tal senso Fabio Mirto Frangipane. Konstam. I turchi. per questo motivo fin dall‟inizio del suo pontificato Gregorio XIII opera una serie di importanti cambiamenti nell‟apparato diplomatico della Santa Sede. il Mediterraneo e l‟Europa. Bompiani. il 30 maggio 1572. Serrano. Madrid. nunzio in Francia. J. Inizialmente il numero di nunziature viene mantenuto. London. Lepanto. Trench. Kegan Paul. il cui posto è preso da Anton Maria Salviati. 2003. FrancoAngeli. e Giovan Battista Castagna. chiede espressamente di essere rimandato nella sua diocesi di Rossano. Portogallo). Venezia. una tedesca (presso l‟imperatore) e una slava (Polonia). Laterza. basandosi su cinque punti fondamentali: rafforzamento e consolidamento della lega contro il Turco. Tali mutamenti non sono però determinati da motivi per così dire professionali. Venecia y la Santa Sede (1570-1573). La battaglia dei tre imperi. in Mediterraneo e in Nord Africa settentrionale contro i mussulmani. Oxford. vol. viene sollevato dall‟incarico a causa delle precarie condizioni di salute. Junta para la ampliación de estudios e investigaciones científicas. il Frangipane. Savoia). mentre il Castagna. in violazione tra l‟altro dei célebre combate y victoria de Lepanto. Milano. Dionisotti. Francia. la Santa Sede conta nove nunziature ordinarie di cui quattro in Italia (Napoli. Drawn from the Secret Archives of the Vatican and Other Original Sources . Olschki. The History of the Popes from the Close of the Middle Ages. Firenze. Annunciando il suo programma in concistoro. Lepanto nella cultura italiana del tempo. Osprey Publishing. G. Madrid. Milano.. Imprenta de A.

Stato. G. 6 F. Civiltà e imperi del Mediterraneo nell‟età di Filippo II. Milano. Un solo re. il 1572 si apre infatti. F.. Bologna. 2 voll. vol. sorveglia l‟infida Inghilterra che le si oppone ormai come antagonista» 6 . Nunzio in Francia. “Filippo II”. in cui si segnalano gli sforzi dell‟inviato francese a Costantinopoli per far uscire Venezia dalla Lega. nei Paesi Bassi. pp. [Tolomeo Gallio] Cardinale di Como a [Giovan Battista Castagna] arcivescovo di Rossano. 735. 1948. 1998.. f. quello di favorire un‟alleanza tra Francia e Spagna per poter portare un attacco diretto ai nemici della fede. con l‟obbligo di smantellare tutte le infrastrutture di difesa. in Ettore Rota (a cura di). Monsignor Salviati. Milano. p. Si veda anche ASV. 4. la Francia. La política religiosa de Felipe II. Ibidem. anche mediante una soluzione negoziata della questione cipriota: secondo la proposta del D‟Acqs. Torino. infatti: «Sotto l‟insegna della Controriforma. Parker. la Serenissima ritornerebbe in possesso dell‟isola in qualità di tributaria della Porta. con serie minacce di guerra. 5. 60-62. Einaudi. 2003. “L‟Inghilterra nella politica europea”. VII. Idem. siano essi interni o esterni alla cristianità. 491-541. Obiettivo di Gregorio XIII è.l.Diplomazia Vaticana e relazioni franco-spagnole all‟epoca della notte di San Bartolomeo (1572) decreti tridentini che avevano imposto l‟obbligo di residenza dei vescovi nelle loro diocesi4. Stato.. 8 Cfr.almeno ufficialmente . vol. Fondo Segreteria di Stato. in “Anuario de Historia de la Iglesia”. quanto piuttosto dalle Fiandre dove i ribelli hanno ripreso l‟offensiva con l‟appoggio dell‟Inghilterra. In tale momento storico la Santa Sede poggia la propria azione in particolare sull‟alleanza con la Spagna. pp. Charrière. In tal senso egli incarica i suoi rappresentanti a Madrid e Parigi di fare tutto quello che sta in loro potere per rimuovere ogni motivo di sospetto tra i due sovrani7. Roma. Marzorati. 3. il Mulino. Tra Stato e Chiesa. Nunziatura di Spagna (Segr. 7 Archivio Segreto Vaticano (ASV). un solo impero. Braudel. Le nunziature apostoliche nella prima età moderna. vol. Francia).. 21-33. I problemi maggiori non vengono però dal Mediterraneo. in Idem. la Spagna combatte una nuova battaglia per l‟egemonia: interviene nelle discordie intestine dell‟antico rivale. per quanto riguarda i rapporti franco-spagnoli. Scritti sulla storia. ff. 5 Sulla persona e il regno di Filippo II cfr. Questioni di storia moderna. Negociations de la France dans le Levant. pp. 240-271. in “Acta Musei Napocensis”.d. Parigi. 45-58. Bompiani.. 1853. Antonio Maria Salviati. 2010. Fondo Segreteria di Stato. Filippo II di Spagna. eppure sarebbe un errore ricondurre l‟intera politica di Filippo II al solo aspetto religioso 5. Imprimerie Impériale. Paris. La politica estera spagnola è determinata senza dubbio dalla personalità del sovrano e dalla sua fervida religiosità.-v. Altarozzi. G. s. f. fin dall‟inizio del suo pontificato. Kamen. H. Spagna). vol. [ma della fine di luglio o dell‟inizio di agosto 1572]. s. 4 13 . y si fuera Per maggiori dettagli cfr.a difendere la religione cattolica contro tutti i suoi nemici. Come riconosce Franco Valsecchi. nunzio straordinario a Parigi al Nunzio in Spagna. che a sua volta stringe nuovi contatti con la Francia in vista di un‟alleanza antispagnola: «Todo se trata con desacato de V[uestra] M[ajestad]. 350 r. potenza dominante dell‟epoca e unico Stato determinato . pp. Nunziatura di Francia (Segr. 2. III. 1998. 23 luglio 1572. XLVIII. 16 luglio 1572. a Cardinale [Filippo] Buoncompagni. con le posizioni cattoliche le sue posizioni politiche. difende. E. A fine gennaio è ormai di dominio pubblico che la Francia mantenga stretti rapporti con i turchi e che il Cristianissimo abbia inviato a Costantinopoli un proprio rappresentante nella persona del vescovo d‟Acqs8. Valsecchi. 2011. Il contesto in cui i rappresentanti papali devono muoversi non è però dei più propizi.

prevedendo peraltro un casus foederis puramente difensivo. 15 J.Giordano Altarozzi concluida la liga con franceses áun hablarán y obrarán con nosotros peor» 9 . non perde occasione per tentare di convincere Carlo IX e Caterina de‟ Medici a offrire sostegno ai ribelli13. 1186-1187. e il 1° aprile 1572 i gueux de la mer occupano con il sostegno di una flotta inglese il porto di Brielle.. p. in missione a Parigi. La notizia giunge in breve tempo a Madrid. Stato. e in particolare lungo quella francese. non si lascia distrarre. 14 Ibidem. Ginesta Hermanos. II. Intanto però mette in movimento il suo poderoso esercito e concentra la sua azione su Mons16.. Segr. il giorno successivo è la volta di Mons. et in Fresamech [sic.. pp... Bruxelles. Civiltà e imperi.. Qui gli spagnoli sconfiggono un corpo di spedizione ugonotto condotto da Jean de Hangest. op... vol. in Hainaut. p. XC. Braudel. Civiltà e imperi. M. raduna il suo esercito anziché disperderlo e adotta una tattica temporeggiatrice. 1187-1188. Dépuis la naissance de Charles-Quint jusqu‟à la mort de Léopold II. p. f. mentre in Zelanda un corpo di spedizione inglese intercetta un convoglio d‟artiglieria spagnolo inviato dal duca di Medinaceli all‟Alba15. Imprimerie de Delevingne et Callewaert. Con la primavera torna anche la guerra. F.. da abile condottiero qual è. sono francesi. Fresnes?] Don Guerau de Spes a Filippo II. 273. Civiltà e imperi. in Colección de documentos inéditos para la historia de España (CODOIN). Marie Bruno Constantin Kervyn de Lettenhove. 13 J. [ Fabio Mirto Frangipane] vescovo di Caiazzo a [Tolomeo Gallio] Cardinale di Como... 1850. et in Valentina [Valenciennes] con il conte Ludovico di Nassao. cit. Marie Bruno Constantin Kervyn de Lettenhove. Histoire de Flandre. 11 F. vol. conscio del fatto che gli attacchi dei ribelli si fermeranno quando il soldo per i mercenari francesi e tedeschi comincierà a scarseggiare. VI.. quando il principe d‟Orange entra in Gheldria muovendo dalla Germania. 1186. 1888. Quest‟ultimo. p. Braudel. fatto prigioniero dal duca d‟Alba e addosso al quale vengono trovate carte firmate da Carlo IX in persona17. I timori spagnoli sono poi accentuati dal moltiplicarsi di rumori in merito ai preparativi per la flotta che i francesi compiono intenzionatamente in modo chiassoso. Madrid. aveva eccessiva tendenza a veder tutto nero»11.. Parigi. 272-273. 5. L‟alleanza è ancora lontana e verrà firmata soltanto in giugno 10 . 266. 10 ASV. vol. Sempre attento a quanto avviene lungo le frontiere terrestri. signore di Genlis. I veri motivi di tensione nei rapporti franco-spagnoli sono però legati all‟evoluzione della situazione nelle Fiandre. tanto più che dall‟agosto 1571 Ludovico di Nassau. verso il confine francese: il 23 maggio cade Valenciennes. 7 gennaio 1572. cit. Temps modernes.. 9 14 . meno invece la corte di Madrid che: «Informatissima. cit. vol. vol. che si è mosso dalla Francia alla testa del suo esercito14. pp. Francia. da dove il nunzio Castagna trasmette: «Li huomini che introrono in Mons. Canterbury. annuncia il rappresentante di Filippo II a Londra.. 12 Ibidem. conquistata da Ludovico di Nassau. 16 Ibidem. Delle reticenze francesi sono coscienti gli inglesi. p. pp. sia in Atlantico che in Mediterraneo 12. 20 giugno 1572. 551. cit. L‟azione dei ribelli si conclude a luglio. anche perché in Francia si teme che la firma di un simile accordo porti alla guerra con la Spagna. poi la rivolta si estende fino a Flessinga e a fine maggio l‟azione si muta verso sud. ci dice Braudel. II. 17 F. 1500-1792. 19. Braudel. troppo informata. 1192.

visto che lui stesso ha grandi problemi al proprio interno a causa dei conflitti di natura religiosa che sconvolgono il suo regno. Madrid. cit. affinché questi ottenga da Carlo IX nuove assicurazioni. non ASV.-v. Madrid. Egli ovviamente... 18 15 . vol. vol. tenta di tranquillizzare Filippo II ricordandogli di nuovo tutto il sostegno di cui gode da parte della Santa Sede. 17. ff. confessandogli però che la sua missione nella capitale francese sarà oltremodo difficile soprattutto a causa dell‟influenza che sembra esercitare a corte l‟ammiraglio Gaspard de Coligny. 17. monsignor Salviati. 17-18. 363. Probabilmente su pressione del nunzio straordinario. che pure aiuta di nascosto i ribelli fiamminghi. 17.. mentre la regina madre. trattenuta ancora con la scusa dei timori di un possibile conflitto con la Francia24.. invia un breve in Francia. et che il Re non può con essi. Vescovo Salviati. 19 Ibidem. f... si trasmette dal regno vicino. al Rossano . f. Stato. prepara tra la fine di giugno e l‟inizio di luglio un lungo memorandum indirizzato a Filippo II in cui si dimostra come la Francia. f. ma anche il Castagna è conscio che per far credere a Filippo II e ai suoi consiglieri che la Francia è animata da buone intenzioni sarebbe necessaria anche qualche misura concreta20. 18 giugno 1572. vol. Braudel. 16. Parigi. 21 Cfr. 20 Ibidem. vol. di cui il Salviati informa immediatamente il nunzio a Madrid. Civiltà e imperi. 1193-1198. non sia in realtà interessata a una guerra aperta con la Spagna. o in alternativa a un‟azione in Irlanda e Inghilterra contro Elisabetta I. nunzio straordinario in Francia. conferma le buone intenzioni. anche il Salviati come il Castagna ritiene però che le semplici dichiarazioni non saranno sufficienti a tranquillizzare Filippo II22. interessata a ottenere il via libera di Filippo II alla sua flotta mediterranea per prendere la via del Levante. II. Segr. Gregorio XIII. che rappresenta il vero fattore decisionale. nessun ufficiale francese è intervenuto nella vicenda. II. compromesse dai disordini religiosi che lo agitano. che non raccomandano né la situazione economica. In tale contesto la Santa Sede.. avvisato delle voci che circolano. inviato da Gregorio XIII per affiancare il nunzio ordinario nello sforzo di favorire la pace tra Francia e Spagna. f. Da Parigi arrivano le smentite richieste e gli opportuni chiarimenti: «Si dice che questi sono ugonotti. Segr. 24 F. 22 ASV. né quella politico-sociale del regno. pp... 12 luglio 1572.Diplomazia Vaticana e relazioni franco-spagnole all‟epoca della notte di San Bartolomeo (1572) similmente s‟intende che siano francesi insieme con inglesi»18. nel rispetto delle indicazioni ricevute. 1188-1190. cit. né la volontà di un re interessato più ai piaceri della corte che alla pratica delle armi. cit. almeno ufficiali. d‟altra parte. havendo li medesimi preso le armi contra lui stesso»19. Da Parigi intanto il nuovo nunzio straordinario. 6 luglio 1572. Arcivescovo di Rossano a Cardinale di Como. Arcivescovo di Rossano a Cardinale di Como. pp. F. f. 23 Ibidem. vol. Civiltà e imperi. Spagna. il più fervido fautore di una guerra con la Spagna23. al suo nunzio. Spagna.. 25. 2. del Cristianissimo. 350 r. Carlo IX emana una serie di decreti contro i suoi sudditi che daranno aiuto ai ribelli fiamminghi. né il re di Francia avrebbe motivi di sostenere la rivolta protestante nelle Fiandre. il quale assicura che i movimenti di truppe da più parti segnalati lungo le frontiere spagnole 21 hanno uno scopo puramente difensivo e sono determinati dai movimenti similari delle truppe spagnole. Molte dichiarazioni di pace dunque. Stato. Braudel.

Giordano Altarozzi

prenderà a cuor leggero la decisione di entrare in guerra con il potente vicino, memore delle conseguenze della sconfitta di San Quintino25. Filippo II da parte sua comunica al nunzio a Madrid il suo rallegramento per le rassicurazioni che giungono da Parigi, ma nonostante ciò sottolinea che: «dalle opere si cognoscerà presto se li fatti corresponderanno a li detti; che quando fusse altramente non potrebbe mancare di accendersi un aspro fuogo, et una sdegnosissima guerra»26. Nonostante gli sforzi fatti, però, la situazione rimane tesa, anche perché con lo stesso dispaccio del 12 luglio il Castagna trasmette a Roma la notizia dell‟ingresso nelle Fiandre, stavolta dalla Germania, di un nuovo esercito protestante condotto da Enrico di Nassau, fratello del principe d‟Orange27; a Roma si teme che gli spagnoli traggano la conclusione, condivisa dalla Curia, che Carlo IX aiuti segretamente i ribelli e mantenga rapporti di collaborazione con tutti i nemici della Spagna, e che ciò possa portare a un conflitto tra i due Stati, tanto desiderata dagli ugonotti i quali potrebbero a tal fine svelare, nonostante le promesse di segretezza, i contatti che intrattengono con la corona28. La realtà è però alquanto diversa; la Francia non è sicura dei suoi appoggi esterni, né della propria situazione interna: «In agosto, la Germania protestante non era disposta a muoversi. L‟Inghilterra non vedeva con favore che la Francia s‟insediasse nei Paesi Bassi... Il Turco, infine, ne aveva abbastanza dei propri guai... La politica antispagnuola era la politica personale di Carlo IX, un impulsivo, del Coligny, che si muoveva in un mondo di sogno»29. Sul piano interno le voci contrarie a una guerra aperta con la Spagna diventano sempre più forti, anche perché cominciano a circolare notizie in merito ai rinforzi che il duca d‟Alba avrebbe ricevuto dal Medinaceli30. Inoltre anche in caso di vittoria - peraltro per nulla scontata, come pronosticava lo stesso duca d‟Angiò, buon conoscitore dello stato delle armi francesi - i vantaggi sarebbero stati relativi, e anzi un successo sarebbe stato potenzialmente negativo per la Francia perché, come notava Gaspard de Saulx, signore di Tavannes, nel Consiglio regio del 26 giugno 1572, avrebbe rafforzato oltre misura gli ugonotti, con il riscio che: «venant à mourir ou changer ceux qui les conduisent avec bonne intention..., le roy et son royaume seront toujours menez en laisse, et vauldroit bien mieux n‟avoir point de Flandres et aultres conquestes que d‟estre incessamment à maistre» 31 . Si tratta dunque di una
ASV, Fondo Miscellanea, Armadio II (Misc., Arm. II), vol. 100, f. 197. Ibidem, Segr. Stato, Spagna, vol. 17, f. 25, cit. 27 Ibidem. 28 Ibidem, f. 26, Arcivescovo di Rossano a Cardinale di Como , Madrid, 20 luglio 1572. 29 F. Braudel, Civiltà e imperi..., cit., vol. II, p. 1190. 30 ASV, Fondo Segreteria di Stato, Nunziatura di Germania (Segr. Stato, Germania), vol. 69, pp. 28-29, Giovanni Delfino, vescovo di Torcello, Nunzio presso l‟imperatore, a Cardinale di Como, Vienna, 7 luglio 1572; Ibidem, p. 41, Giovanni Delfino, vescovo di Torcello, Nunzio presso l‟imperatore, a Cardinale di Como, Vienna, 8 luglio 1572; Ibidem, p. 84, Giovanni Delfino, vescovo di Torcello, Nunzio presso l‟imperatore, a Cardinale di Como, Augusta, 12 luglio 1572. 31 E. Lavisse, Histoire de France illustrée dépuis les origines jusqu ‟à la Révolution , vol. VI, parte I, La Réforme et la Ligue. L‟Édit de Nantes (1559-1598), Paris, Librairie Hachette, 1911, p. 122; cfr. anche F. Braudel, Civiltà e imperi..., cit., pp. 1190-1191, che cita la fonte.
25 26

16

Diplomazia Vaticana e relazioni franco-spagnole all‟epoca della notte di San Bartolomeo (1572)

politica ondivaga, duplice, fatta di dichiarazioni destinate a rimanere valide lo spazio di un mattino; in tale contesto i timori spagnoli sono più che giustificati: come prestar fede alle dichiarazioni del re di Francia quando è cosa nota ovunque che in luglio, dopo la riconquista di Mons da parte del duca d‟Alba: «il Conte Ludovico di Nassao... andò diritto à la Corte di Francia, et fu subbito admesso à parlare al Re»32 e che «li Francesi presi nel recuperar di Valentiana dicevano manifestamente ch‟erano stati mandati da Mons[igno]r di Longavilla governatore di Piccardia»33? O quando al confine francese si segnalano ingenti movimenti di truppe34? Tutto diventa così credibile, e i timori di Filippo II e del suo entourage risultano perfettamente motivati; come scrive Diego de Zúñiga, da poco inviato in Francia in qualità di ambasciatore35: «È dunque impossibile avere fiducia, se non con la spada in pugno»36, tanto più che a inizio agosto si torna a parlare di una possibile alleanza anglo-francese favorita dal matrimonio tra Elisabetta I d‟Inghilterra e Francesco duca d‟Alençon e d‟Angiò 37 , il più giovane dei fratelli di Carlo IX38. Alla diplomazia vaticana spetta dunque un compito oltremodo arduo: convincere ciascun interlorcutore della buona fede degli altri e tentare così di rimuovere ogni impedimento alla formazione di un‟alleanza tra tutte le potenze cattoliche; e tutti rispondo in modo positivo, almeno a parole, salvo poi agire in maniera diametralmente opposta: «... a li dui del presente [mese] hebbi una lettera di Mons[igno]r Salviati Nunzio in Francia, la quale benché vecchia, cioè de li 6 del passato [luglio], ho voluto comunicare con S[ua] M[aes]tà perché veda li boni offici del N[ost]ro Sig[no]re, et quello che il Nunzio scrive che la buona mente di quelle MM[aes]tà verso la pace, et concordia con questa... Assicurando che il desiderio di S[ua] M[aes]tà

ASV, Segr. Stato, Spagna, vol. 17, f. 34, Arcivescovo di Rossano a Cardinale di Como, Madrid, [20 luglio 1572]. 33 Ibidem. Tale affermazione contraddice, tra l ‟altro, quanto messo in evidenza dall‟ambasciatore francese a Madrid alla metà di giugno, prontamente registrato dal rappresentante papale, e cioè che: «né Monsignor di Longavilla governatore di Piccardia, che sta vicinissimo a Valentina, né altri si era mosso verso Fiandra in così buona occasione di far male»; cfr. Ibidem, ff. 17-18, cit. 34 Ibidem, ff. 36-39, Arcivescovo di Rossano a Cardinale di Como , Madrid, 20 luglio 1572, in cui si parla di 8.500 fanti e 1.500 cavalieri francesi al confine con i Paesi Bassi spagnoli. 35 Cfr. R. Menéndez Pidal, Historia de España, vol. XXII, parte 2, España en tiempo de Felipe II, Madrid, Espasa-Calpe, 1981, p. 736. 36 Diego de Zúñiga al duca d‟Alba, Parigi, 27 giugno 1572, apud F. Braudel, Civiltà e imperi..., cit., p. 1192 e nota 3. 37 Su questo personaggio del tutto sui generis, destinato a giocare un ruolo di una certa importanza durante le guerre di religione della seconda metà del Cinquecento, pretendente alla mano di Elisabetta I ma anche alla corona olandese nel caso i Paesi Bassi fossero riusciti a emanciparsi dalla Spagna si vedano: M. P. Holt, The Duke of Anjou and the Politique Struggle during the Wars of Religion, Cambridge, Cambridge University Press, 1986; I. Cloulas, La diplomatie pontificale médiatrice entre la France et l‟Espagne: la mission de l‟archevêque de Nazareth auprès de François d‟Anjou (1578), in “Mélanges de la Casa de Velazquez”, V, 1969, No. 5, pp. 451-459. 38 ASV, Segr. Stato, Francia, vol. 5, f. 83, Antonio Maria Salviati a Cardinale di Como , Parigi, 1 agosto 1572.
32

17

Giordano Altarozzi

Cat[toli]ca non è altro che non che tra Principi Christiani si stia in concordia, et che le loro forze si impegnino contra infideli et Heretici»39. Il mese di agosto porta però anche tante speranze; il 5 agosto il nunzio in Spagna informa la Segreteria di Stato vaticana di una grande vittoria in Fiandra, più importante di quello che si creda perché: «vi sono morti e presi li più valorosi capi di essi Ugonotti di Francia»40. Le opportunità aperte da questo successo non sfuggono al rappresentante papale: se solo volesse, il re di Francia potrebbe: «purgare il regno dei suoi inimici» 41 e se giungesse a un accordo con Filippo II «si potria distruggere al resto»42, tanto più che il Coligny, a capo degli ugonotti, si trova a Parigi dove la popolazione è in grande maggioranza cattolica e fedele alla Corona43. Comincia dunque a prefigurarsi quello che sarebbe successo di lì a qualche settimana; nonostante ciò, e nonostante le tante speculazioni su un determinante intervento spagnolo o pontificio nella sua organizzazione, la responsabilità della Notte di San Bartolomeo appartiene ai circoli cattolici francesi e all‟entourage del re e della regina madre. Eppure all‟inizio di agosto nulla lascia presagire una simile evoluzione degli eventi, anche perché dopo anni di conflitto intestino la Francia vive un momento di pace tra cattolici e ugonotti. L‟organizzazione del matrimonio tra il giovane Enrico di Navarra e Margherita di Valois, sorella di Carlo IX - che offrirà l‟occasione della strage - continua, nonostante da Roma non giunga la tanto agognata dispensa papale, condizionata all‟abiura da parte dello sposo protestante e alla celebrazione delle nozze secondo il rito romano44. Che Roma e la Spagna non abbiano avuto alcun ruolo nella preparazione e progettazione della Notte di San Bartolomeo è ormai un punto fermo di lunga durata della storiografia45. E similmente è stato ormai dimostrato come l‟evento sia determinato in gran parte dalla volontà della regina madre e dei Guisa di eliminare il Coligny, che dal suo ritorno in Francia aveva cominciato a esercitare una crescente influenza sul giovane re, oltre che dal clima di tensione e odio serpeggiante nel Paese ormai da diverso tempo. Ma non è da escludere neanche un coinvolgimento dello stesso Carlo IX il quale, volendo giungere a una pacificazione del regno, è convinto che sia necessario eliminare preliminarmente alcuni notabili ugonotti contrari a una politica di intesa; né vanno trascurate le motivazioni personali: il Coligny, con la sua statura morale, mette in ombra infatti la stessa autorità regia. Un coacervo di motivi portano dunque alla decisione di attentare alla vita dell‟Ammiraglio, indiscusso capo politico degli ugonotti. L‟attentato però, come noto, fallisce. Il 22 agosto, in pieni festeggiamenti per le nozze di Enrico di Navarra e Margherita di Valois, un uomo dei Guisa tira un colpo d‟archibugio, ferendo il Coligny a un braccio;
Ibidem, Segr. Stato, Spagna, vol. 17, f. 45, Arcivescovo di Rossano a Cardinale di Como, Madrid, 5 agosto 1572. 40 Ibidem, f. 46, Arcivescovo di Rossano a Cardinale di Como , Madrid, 5 agosto 1572. 41 Ibidem. 42 Ibidem. 43 Ibidem. 44 Ibidem, Cardinale di Como a [Niccolò Ormaneto] Vescovo di Padova, Nunzio in Spagna, Roma 22 agosto 1572; vol. 15, f. 64, Lo stesso allo stesso, Roma, 22 settembre 1572. 45 Cfr. E. Boutaric, La Saint-Barthélemy d‟auprès les archives du Vatican, in “Bibliothèque de l‟école des chartes”, XXIII, 1862, pp. 1-27.
39

18

Fontemoing & C. Roma-Bari. 2005. M. Dopo la vittoria di Lepanto dell‟anno precedente. P. ma tenendo conto delle medie dell‟epoca50 si potrebbe dire . Gallimard. Bartholomew and the European Conflict. a Roma Gregorio XIII intona un Te Deum. Per maggiori dettagli sulla Notte di San Bartolomeo si rimanda alla seguente bibliografia minima di riferimento: E. Joutard et alii. Stato. alla testa di un manipolo di uomini. Paris. Braudel. La Saint-Barthélemy. pp. Laterza. 46 19 . VII. doc. Choix de pièces des archives vaticanes précédé d‟une étude sur les relations de Rome et de la France à la veille de la Saint Barthélemy . von Pastor. La notizia impiega qualche giorno per raggiungere le cancellerie europee. 24 août 1572. II. pp. 61. irrompe nella residenza del Coligny e lo assassina. P.. Paris. Braudel. 379-395. cit. J. in “Revue d‟histoire de l‟Église de France”. A. 341352. Les mystères d‟un crime d‟état. économie et société”. . Hirschauer.Diplomazia Vaticana e relazioni franco-spagnole all‟epoca della notte di San Bartolomeo (1572) nella notte tra il 23 e il 24 agosto il duca Enrico di Guisa. M. op. Le guerre di religione nel Cinquecento. Holt.. Bruxelles. il massacro di ugonotti perpetrato la notte tra il 23 e il 24 agosto 1572 fa nascere dunque tra i cattolici il sentimento che la lotta contro i nemici della fede si avvii ormai verso una soluzione definitiva. n.. La Saint-Barthélemy et la bourgeoisie parisienne. pp. 1988. p. n. Venezia. 1941. Appendice documentaria. non solo in Francia ma ovunque in Europa. che come avverte Braudel non modificherà sul lungo periodo la politica francese48. op. XVII. La Nuit de la Saint-Barthélemy. Le massacre de la Saint-Barthélemy. C. Venezia (Segr. 1960. vol.. Neuchâtel.. n. 24 août 1572. The Massacre of St.. Garrisson. Civiltà e imperi. 565-566 e doc. 568. C. Noguères. 2007. D. Civiltà e imperi. La Saint-Barthélemy. Venezia). 6 settembre 1572. économie et société”. 1990. 221229. Immediatamente i rappresentanti diplomatici accreditati presso il re di Francia trasmettono la notizia ai loro Stati. Diefendorf. 112. 2007. ma che pure testimoniano dello stato di euforia che si diffonde ovunque 49 . 15591572. Delachaux et Niestlé. Paris. Bourgeon. pp. vol. B. Fondo Segreteria di Stato. B. ff. 50 Sulla circolazione delle notizie nel XVI secolo cfr. cit. Un rêve perdu de la Renaissance. F. La Notte di San Bartolomeo. La politique de Saint Pie V en France (1566-1572). i nobili protestanti radunatisi a Parigi per il matrimonio che avrebbe dovuto pacificare la Francia sono cacciati per le strade della capitale e trucidati. ha effetti immediati. p. Crouzet. Cambridge. XXVII. Les divisions religieuses dans les familles parisiennes avant la Saint-Barthélemy.usando una locuzione contemporanea . La fronde parlamentaire à la veille de la Saint-Barthélemy. 1193. The French Wars of Religion. In Vaticano e all‟Escorial le novità provenienti da Parigi vengono accolte con gioia. 1. cit. Paris. Gallimard. in “Histoire. 1562-1629. Vivanti. B. 1959. 49 Si veda in modo esemplificativo ASV.. Les lendemains de la Saint-Barthélemy en Languedoc. Fayard. N.. 1987. in “Bibliothèque de l‟école des chartes”. L. 76-98. Diefendorf. pp. 6. 4. A questo punto la situazione degenera. London. vol. CXLVIII. pp. 2004. H. p. La notizia si diffonde rapidamente in tutto il regno e il massacro si generalizza 46 . in “Histoire.-L. 24 août 1572. Éditions Complexe. 12. Carrière. Jouanna. 1922. cit. pp. Boutaric. 1998. 1976. Cambridge University Press. Sutherland. 17-89. Il 3 settembre essa. Vivanti. J. 47 C. MacMillan.. La Saint-Barthélemy ou les résonances d‟un massacre. La Saint-Barthélemy.. 1. 58-61. Giovanni Antonio Facchinetti a Cardinale di Como.che è appresa ovunque in tempo reale. P. n. mentre a Madrid e a Bruxelles la notizia è accolta come un trionfo47. 55-77. pp. generando uno stato di euforia che si traduce in una serie di progetti di leghe dei quali nessuno si concretizzerà. I. V. op. Erlanger. Laffont. 1973. 48 F. cit. Paris. 80-83. 17 -2..

pp. 12. Roma. f. M. 54 Si veda per esempio il dispaccio che monsignor Ormaneto invia al cardinale di Como il 18 settembre 1572. Ibidem. 337-425. p. in cui presenta le diverse opzioni e le difficoltà che ciascuna presenta in merito a un possibile intervento in Inghilterra volto a detronare Elisabetta e mettere al suo posto la regina di Scozia Mary Stuart. Madrid. in Germania. fu persuaso il Ré d‟assicurarsi da casi suoi con farli morire. Per tentare di rimuovere ogni possibile ostacolo a un‟alleanza tra i due sovrani. 617-620. Segr. Venezia. Giovanni Antonio Facchinetti. 51 20 . Niccolò Ormaneto a Tolomeo Gallio. un‟offerta d‟aiuto che favorirebbe la soluzione dei problemi sia in quella regione che in Francia e scoraggerebbe qualsiasi nuovo intervento dei principi protestanti tedeschi e della regina d‟Inghilterra53. von Pastor. 16. un‟alleanza franco-spagnola per combattere il protestantesimo all‟interno dei due regni. pp. di che havutone consiglio con pochi la sera del 23 dopo cena la matina de 24 di buon hora comandò le guardie et fu ammazzato l‟Amiraglio con molti capi principali di quella setta». Venezia. vol 283. 53 Ibidem. Gregorio XIII decide l‟invio a Parigi di un legato straordinario nella persona del Tali affermazioni saranno successivamente contraddette da quanto affermato dall‟allora nunzio in Francia Antonio Maria Salviati in una relazione per il papa: «essendo l‟Amiraglio capo de Ugunotti in Parigi et uscendo una mattina dal palazzo regio per tornare a desinare. suo rappresentante nelle Fiandre. XXXV-XXXVI. Voci. Stato. ha già raggiunto Roma. gli fu da una fenestra tirata un‟archibugiata che gli portò via alcuni diti della man destra et passò il braccio sinistro. L‟impresa d‟Inghilterra nei dispacci del nunzio a Madrid Nicolò Ormanetto (1572-1577). riducendo le responsabilità della parte cattolica: l‟Ammiraglio è stato sì vittima di un attentato il 22 agosto. ma il massacro sarebbe stato determinato dalla reazione sproporzionata dei suoi correligionari. si progettano spedizioni contro Elisabetta I. Segr. nondimeno havendo di più il detto Amiraglio usato parole molto insolenti et il medesimo fatto i suoi seguaci. doc. 8 settembre 1572. cit. vol. Cardinale di Como a Antonio Maria Salviati. Appendice documentaria. 6 settembre 1572. La descrizione degli eventi è ovviamente distorta. L‟8 settembre il cardinale di Como trasmette al nunzio in Francia il desiderio di Sua Santità che il Re Cristianissimo trasmetta a Filippo II e al duca d‟Alba. in “Annuario dell‟Istituto Storico Italiano per l‟età moderna e contemporanea”. 18 settembre 1572. 93-97. troppi. corredate delle giuste doti e dei giusti compensi territoriali54. Più in generale sull‟impresa d‟Inghilterra si veda A. E infatti la diplomazia vaticana si mette immediatamente in movimento in tale direzione. progetti: si propone da più parti l‟ingresso della Francia nella Lega antiturca. 1983-1984. si sarebbero difesi invocando la violazione degli articoli della pace di Saint Germain del 157051. Il 6 settembre il nunzio a Venezia. 80. si felicita con il Segretario di Stato per le belle notizie giunte da Parigi. 52 ASV. 31. a loro volta. et questo fu a XXII d ‟Agosto 1572. Segr. Giovanni Antonio Facchinetti a Tolomeo Gallio. tanto più che esse dovrebbero migliorare la situazione nelle Fiandre e favorire un riavvicinamento franco-spagnolo 52 . op. Francia. Stato. Gli avvenimenti francesi generano dunque tante aspettative e tanti. 77. vol. e a corollario di ciò si propongono una serie di alleanze matrimoniali. la quale ferita ancorché fosse mortale.Giordano Altarozzi corredata di numerosi dettagli relativi alla sorte del Coligny e di vari altri nobili ugonotti. Stato. ff. Spagna. nelle Fiandre. che ne avrebbe causato la morte due giorni più tardi.. che avrebbero immediatamente preso le armi contro i cattolici i quali. apud L.

Intanto l‟autorità regia è minata da un‟altra conseguenza. Da una parte la Francia non ha alcun interesse a entrare in un‟alleanza con il potente vicino. pp. Spagna. elaborate sulla base delle informazioni ottenute a Torino. Storia delle dottrine politiche. 22 settembre 1572. che dovrebbe portare in dote un qualche regno per lo sposo. Fondo Segreteria di Stato. 58 Ibidem. Francia. tant‟è che Carlo IX rifiuta di ricevere il legato apostolico inviato da Gregorio XIII avanzando come scusa il fatto che il suo arrivo potrebbe essere interpretato negativamente dai principi tedeschi e dalla regina d‟Inghilterra. vol. 55 21 . I protestanti rifugiati nel porto sull‟Atlantico resistono valorosamente. 11. e gli assedianti subiscono notevoli perdite. 84. Tolomeo Gallio a Flavio Orsini. si potrebbero tentare in parallelo l‟azione in Levante e l‟impresa d‟Inghilterra58. Torino. Segr. Dalla capitale savoiarda.non sarà possibile se non verrà prima rimossa una serie di impedimenti e non si concretizzeranno una serie di atti necessari. f. 16. si sono organizzati e resistono nella loro piazzaforte di La Rochelle. 105. p. gli ugonotti.dice il nunzio a Torino. vol. che tanto aiuterebbe alla realizzazione dei progetti politici e religiosi della Santa Sede. Il che equivale sostanzialmente con il rifiutare qualsiasi progetto di collaborazione. 169. di modo che esso non finisca nella zona d‟influenza esclusiva di Francia o Spagna55. tra cui in particolare il matrimonio del duca d‟Angiò con una delle figlie di Filippo II. e di cui l‟espressione più alta è rappresentata dalle Vindiciae contra tyrannos. Il 23 settembre l‟Ormaneto. vol. Niccolò Ormaneto a Tolomeo Gallio . 2003. di cui . Savoia). 59 Cfr. i quali potrebbero decidere di intervenire in Francia a sostegno dei loro correligionari57. Roma. Un‟alternativa . G. 22 settembre 1572. vol. 28 settembre 1572.Diplomazia Vaticana e relazioni franco-spagnole all‟epoca della notte di San Bartolomeo (1572) cardinale Flavio Orsini. 101. e nel corso degli anni tenterà di sfruttare ogni occasione e utilizzerà qualsiasi mezzo per giungere a un‟alleanza tra Francia e Spagna. dopo lo sbandamento iniziale determinato dalla morte del Coligny e dagli eventi successivi. 3. La diplomazia vaticana non lascerà nulla di intentato. Nunziatura di Savoia (Segr. Stato. p. 57 Ibidem. Flavio Orsini a Tolomeo Gallio. concedendo poi tale regno ai due coniugi. La Francia nel frattempo è tornata alla sua politica tradizionale. Stato.potrebbe privarsi senza troppo danno e senza diminuire troppo il proprio prestigio56. Madrid. 283.o in qualsiasi altro tipo di alleanza . Ciò non scoraggia però la diplomazia vaticana. altra opzione potrebbe essere rappresentata dalla Franca Contea. soprattutto tra le file dell‟alta aristocrazia. Roma. [Vincenzo Lauri]. Per altro verso la situazione interna non è per nulla tranquilla. Sabine.sarebbe l‟invasione dell‟Inghilterra da farsi congiuntamente. 5. Torino. assediati dalle truppe regie fino al luglio 1573. da Madrid. 283-293. Tolomeo Gallio ad Antonio Maria Salviati. 23 settembre 1572. rilancia: se il Cristianissimo e l‟Imperatore entrassero nella Lega. il rappresentante pontificio trasmette però notizie poco confortanti. Questi progetti e tentativi falliranno però tutti. f. Stato. in particolare l‟ingresso di Carlo IX nella Lega . Milano.dice il legato . del tutto imprevista. H. Vescovo di Mondovì. 56 Ibidem. Etas. Nunzio alla Corte di Torino a cardinale di Como. 22 settembre 1572. tappa del suo viaggio verso Parigi. opera pubblicata nel 1572 e generalmente attribuita a Philippe Duplessis-Mornay59. La realtà è però diversa. Vincenzo Lauri . Segr. che prevedono il diritto di resistenza contro il sovrano che si trasforma in tiranno. a Ibidem. della Notte di San Bartolomeo: l‟elaborazione delle teorie monarcomache. f.

Giordano Altarozzi dimostrazione del fatto che ormai la religione non trova più spazio nella determinazione della linea politica degli Stati se non quale semplice instrumentum regni. 22 .

It is a primary source based article as we constructed our approach on the discourses and the reports Astra published in its official journal. self-conscious of her quality as a human and thereafter as a citizen of the nation. First because it is our intention to stress the importance that this issue had in the optics of the elites. financed under the Sectoral Operational Programme Human Resources Development 2007-2013. Education.D. Transilvania Journal.5/S/63663. Elites It is some time since we have started to approach this fascinating historical subject of Romanian women and the process which led to emerging of the Romanian modern woman. Institutional building (postdoctoral school) and fellowships program (CommScie)” POSDRU/89/1.ASTRA‟S INVOLVEMENT IN THE DEBATE CONCERNING THE NECESSITY OF EDUCATING THE ROMANIAN WOMEN Georgeta Fodor Abstract Our study represents a concise historical analysis of the connection between the most important organization Romanians had in the XIXth century and its involvement in the debate around women and their status in the Romanian Transylvanian society during the second half of the XIXth century and the beginning of the XXth century. This approach is meant to reveal if in the XIXth century a change happened in the perspective the men had on women. secondly. There is in fact a real discourse that Astra constructed around this subject. the present article represents another insight in the effort of revealing the progresses made by the women‟s status in the XIXth century Romanian Transylvanian society. Although it is hardly to separate the discussion on women‟s need to education from the more general debate on the educational needs of the Romanians we will center our analysis mainly on the women‟s issue out of two reasons: 1. 2. Women. But each subject we studied so far forced us to deepen our researches for it is no doubt that this is one of the most complex historical issues that needs further study. because we also try to see the gender optics: that is the image that men had upon the other sex. And. We would instead prefer to reveal the key aspects of Astra‟s debate around education. For this purpose we will give an overview of Lecturer Ph. .. We chose to insist upon the educational problem which in fact represented one of the sides of the intellectual debate the Romanian elites were shaping in a general effort of uprising the nation to the level of the civilized nations of the West (this was the model) they were taking after. “Petru Maior” University of Tîrgu Mureş This paper is a result of the project “Transnational Network for Integrated management of Postdoctoral Research in Communicating Sciences. We will no longer insist on the importance that Astra had in uprising the nation‟s cultural level as this has already been the subject of several valuable historical approaches. Transilvania. Keywords: Astra. Thus.

Despre educatiunea femeiloru la natiunea romanésca. Bariţ. Astra‟s members were both interested in the development of the educational system as well in the curricula. George Bariţ2. No. Astra start to be interested in the women‟s‟ educational necessity. The practice: Astra‟s actual actions for implementing the model. if there could be given a precise date. Starting with Transilvania‟s issues form this year and up to 1911 there is not a single year without a reference to it. (Idei rapsodice). He is one of the first among Astra‟s members who stressed the importance that women‟s educational issue should play in the organization‟s activities. in “Transilvania”. 1869. 4. G. what Romanians should be taught in schools as well as in the family. and sometimes subject of controversy among its members.Georgeta Fodor this debate as shown in the public discourses as well as the reports and articles published in Transilvania. He is also one of the first to consider that those eight years that passed since Astra‟s foundation. 199-202. From a chronological point of view. This report should be understood as a feedback on Astra‟s successful efforts in giving women a wider access to educational system. The speech was given by one of the most important fighters for the women‟s right to education. Transilvania published a discourse from Astra‟s meeting held in Somcuta Mare between 10th and 11th August 1868. The initiative belonged to the elite which wrote in the establishment act that the organization‟s intention was to support by all means the development of the Romanian people‟s literature and culture in all fields. a confaptui la deslegarea unor problem La jubilelul de cincizeci de ani al Asociatiunii in “Transilvania”. scholarships for the youth etc. This aim was obviously even in the organization‟s name. 17. His arguments make reference to the main goals Astra assumed from the very beginning: “Asociatiúnea nóstra si-a propusu. Since 1861 when Astra was established it worked mainly for the purpose of educating the nation. Astra being the abbreviation for Asociaţia transilvană pentru Literatura Română şi Cultura Poporului Român meaning an association for Romanian literature and for Romanians‟ culture. These “all means” were: book editing. The questions to be asked at this level of analysis is when did. our analysis concentrates on the period between beginning 1868 and 1911 when Astra had celebrated its 50 years of activity. pp. the organization‟s members begun to be interested in this subject somewhere around 1868-1869. the official voice of the organization. 1 These declared aims explain the interest Astra had upon education. precumu ne este cunoscutu din chiaru numele ce pórta ea. No. it did not show any interest in this problem and this should be changed. 1 2 24 . 1911. With this occasion the organization will give an evaluation of how its efforts in the educational field were put into practice. awards. As the articles form Transilvania prove. as they were revealed by studying the issues from Transilvania journal: Which is Astra‟s vision on the necessity of educating the people? Which is Astra‟s view on women? The theory: why educating women? The educational pattern emerged as a result of this debate. In number 17 from 1869 a first article was published on this subject. In fact. as it was of great importance. These are some of the subjects we try to argue in the following pages.

on contrary: “la prim‟a vedere s‟ar parea. cà in restempu de optu ani. éra ceealalta diumatate s „a trecutu cu vederea”3. It is also truth that between the speech given by Bariţ in 1869 and that of Bologa‟s in 1911 the interest in educating Romanian women increased exponentially with the efforts of opening schools for girls. From his point of view. 4. The reason for this progress can also be found in Bariţ‟s discourse as he is the one to argue the stringent necessity of giving the nation educated women. Besides the organization‟s statutes who clearly forces its members to take action. A more logic explanation will be given few years later by Vasile Bologa5. cà femeiloru se nu li se dea nici unu feliu de educatiune. 3 4 25 . the human nature and “the heavenly spirit of Christianity” forces them to do so. propagate de mii de ani asupra secsului femeiescu spre cea mai mare nedreptatirea a lui si spre rusînea secsului barbatescu. as he also considers. But this. Bariţ also tries to find the actual means for correcting this major error his contemporaries made regarding the women‟s access to education. they are “our mothers.Astra‟s Involvement in the Debate Concerning the Necessity of Educating the Romanian Women sublime. Why this thing happened is also a question G. carii au intru nimicu a sustîné. thus women too. indata inse. Bariţ thinks that it is also compulsory for its members to deal with this matter because even the Creator. in catu nu avemu se ne miramu intru nemicu. déca ni se va oserba cà incepandu din dîlele lui Fleury 7 si ale lui Fenelon8 … pana la L. a French ecclesiastical historian. He considers that this was caused either by indifference or by selfishness4. 7 Claude Fleury (1640-1723). dela care depende esistenti „a. ce vomu reflecta la legionulu de opinuni scalciate. author of a treaty about the girl ‟s education. In number 4 of Transilvania form 1911 Vasile Bologa published an article on the first 25 years of existence of Astra‟s school for girls from Sibiu6. Traitè de l „education des filles. viitoriulu si reputatiunea natiunei romanesci … Intr „aceea nu sciu cum s „a intemplatu. p. Ibidem. pp. Besides the arguments previously mentioned. cá acilea respunsulu ar fi fórte usoriu. carele adoptàatatea prejudetie. ci ele se aiba a Ibidem. deslegarea cestiunei devine atatu de grea. in “Transilvania”. la partea cea mai tare. ci cà pana in ór‟a de fatia se mai afla si ómeni de aceia. Istoricul înfinţării şi desvoltării în cei din tâi 25 de ani. These are his arguments: women are half of the nation. 6 V. 8 François Fenelon (1651-1715). disput‟anu curge numai asupra principiului si a modului de educatiune a secsului femeiescu. 5 He was first a professor (1888-1919) and then the headmaster (1893-1919) of the girls‟ school Astra established in Sibiu. oricandu s „au cercetatu midiulócele ducêtorie la scopu. 410-456. 1911. was not an easy thing to do. 200. daughters and sisters” and Astra aimed at raising the entire nation. 1699. mai totdeauna discusiunile nóstre se redusera totu numai la un „a diumatate a poporului. No. Bologa. Aimé Martin din tempulu nostru. as well as “our national honor”. Thus he tries to state some basic principles for straightening the mistake of ignoring the problem of women‟s education and instruction. Bariţ tries to answer. first Astra and the elites had to insist and made efforts for giving the nation it‟s most needed educated men and only after these male elite was formed could Astra turn its eyes towards women and the necessity of educating women.

boys and girls. D.. The discourse will be published in Transilvania number 3 from 187711. No. citita in Adunarea generala din anul 1868. 13 I. 1871. But Bariţ agrees that there should be some limits in the women‟s education. But his intention is in fact to stress the first agent: the family and. No. pp. The major difference between Ioan Dima Patrascu and Ioan Pop‟s discourses is that the latter insists mainly on the formative role a mother has. 11 I. In issues 16 and 17 from 1870 Transilvania published a selection from the speech of secretary minister Ladislau Vajda. His words are of great G. Bariţ. neither the educated men nor the women. and no one. 193-197. pp. These were the women‟s designated roles they had for centuries. 201. 21. He considered that not only the boys but also the girls should have access to illustrated historical books as these are a major media for educating women towards patriotic feelings and the love for nation10. by extension the mothers‟ role in education. His words are more representative as they came from his experience as a teacher. two are the agents of education: the family and the school. Pop. in “Transilvania”. The speaker was giving his audience a sort of educational typology that he considered to be a perfect one for educating the nation. 1871. Out of this dissertation and for our interest stands the author‟s perspective on the curricula girls should be taught. 245-247. meaning the parents and the teachers. op.1877. No. p. In 15th September 1876 when Astra gathered in Sinca the teacher from the locality feels the need to debate around the influence a mother had in her children‟s education. a strong patriotic education. He also thinks that Romanians should take the Hungarians‟ example as they give their children. His dissertation was formerly given in Astra‟s reunion in 1868. Disertatiunea dlui secrectariu ministerial Lad. 1870. 3. From Bariţ onwards the subject will frequently be debated in Astra‟s reunions and published in Transilvania. 12 Ibidem. women seen as educators. No. Once the subject was brought to the attention of Astra‟s members it will frequently appear in the organization‟s meetings. Vajda.Georgeta Fodor sci numai de fric‟a barbatiloru”9. the education Romanians should get in order to enrich their cultural background begun with the maternal education 13 . understood as the process through which children are educated by adults up to the moment they can educate themselves12. 269-270. si cumu se aplica ele la romani in specie. 22. pp. In fact. challenged this state of facts. Transilvania was publishing in 1871 another discourse. This kind of understanding the educational typology makes him debate around the role women should have in educating the children. pp. Patrascu. The subject appears either in a more general analysis on the nation‟s educational needs or in thematic articles limited on women‟s educational problem. for he cannot overpass the general optics men had upon women: indeed they should deserve the right to education but this is first of all for improving their qualities as wives and mothers. 9 10 26 . He starts his reasoning by defining the concept of education. According to his words. 3032. cit. in “Transilvania”. the one of Ioan Dima Patrascu. 1871. In his view. This perspective was shared by the majority of men. No. Influinti „a mamelor asupra educatiunei. Diferitele forme ale educatiunei omenesci in genere. in “Transilvania”. For instance. 16. 23. represents one of the new features their profile gets in the modern age.

3-4. 1883. the nutrition. intocm‟a aru fi forte mare scadere. But its key features do not seem to change: in the forefront remains the maternal role in rising and educating the nation‟s sons. pp. In his view mothers‟ role was as follows: They set the basis of education as up to the age of 6-7 children were under their protection and control. But he also insists. No. Moreover this was considered to be the most difficult period. 1877. in consequence more attention should be paid to educating the girls as this was first duty a mother had. V. like son” seems to be the ultimate argument of the speaker. In 1882. in Cugir. discussed on the duty mothers have for raising and educating their children. as it is the beginning which is never easy to do14. no one can or should dispute the maternal influence on the child‟s education. 1867. Once the importance being stressed. pp. Pop. “Like mother. patriei si natiunei”15. the hygiene and the physical education. Bria. by opening schools for girls: “A conlucrá si a midiuloci prin crscerea séu cultivarea fetitieloru la scolele ce le avemu. op. 3. They are the ones to determine the child‟s path in life as from the mothers‟ education depended the good or worst rising of the children. In his view. 102-104. Despite the fact that she seems to assume someone else‟s words. cà-ci atunci siguru vomu avea si ómeni mai multi devotati basericei.. Her point of view was also published in Transilvania. It is also of great significance that both men and women agree on this subject matter. like mother. the major role women have in educating the children. cit. The 1880s will be even more proficient for Astra‟s involvement in the debate on women‟s access to education almost sure because it was this the period while the efforts for opening a school for girls had come to materialize. Ibidem. 16 S. 21-24. p. Datorinti‟a mameloru façia de crescerea si educatiunea copiiloru. Sofia Bria. in “Familia”. I. in “Transilvania”. She also insists that education begins with the mothers. like daughter. a school teacher. Despre crescerea feteloru. of great significance stays the fact that she agrees with the view men had upon women‟s destiny: “cà precum educatiunea scientific aru fi gresita. mens sana in corpora sano. No. issues 3-4 from 188316. Although she does not make any biographical references we recognized that she had been using an article from another journal. cá se avemu si noi. Familia17. prin tóte midiulócele posibile si conducatóre la scopu. adeca mai bene crescute. 9. 30. mame mai conscie de chiamarea-le sublima. cu unu cuventu. No. that mothers should pay attention not only to the psychical education but also to their physical one and for this purpose five were the major means of heaving a healthy child: the fresh air. 17 cf. by lot of examples. 14 15 27 . Pop. Ioan Pop tries to point out some key features of how mothers should raise the children for the family and for the nation‟s sake: to correct any bad habit and to teach them the religious and moral values. the clothing suited for each season. according to the Latin proverb. The discourse ends by stressing that this desired improvement in children‟s raising could be achieved only by giving women access to education. in “Transilvania”. He argues. we will come back to this subject later. precumu au alte natiuni mai inaintate.Astra‟s Involvement in the Debate Concerning the Necessity of Educating the Romanian Women relevance for this positive reevaluation of women‟s status marked by the XIXth century. prin infiintiarea scóleloru de fetitie.

more general. Boteanu. in Transilvania. And. This was a great event. number 13-14. 1-15 October 1886. Necesitatea infiintiarii de scole romane pentru fete. cit. 21-22. For instance Alexandrina Gr. (this representing in fact a series of discourses held on the occasion). Cultur‟a nici interna. op. G. in “Transilvania”. in 1886. 1 Novembre st. 1883. Tractarea despre crescerea femeii si modulu formarei intelegentii din sinulu poporului. The gazette even published issue following issue a nominal list of the persons. great effort on the part of the association was made for putting it into practice. Besides these previously mentioned discourses that had been at the basis of our reasoning on how Astra got involved and shaped the debate on women‟s educational opportunities. Astra opened the Secondary Boarding school for girls. Cuventu pronuntiatu de càtra dómn‟a Alexandrin‟a Gr.. 1887. She also thought that an educated woman was a great asset both for her family and for the nation too: “Româna adevarată îşi va ţinea de sfânta datorie creşterea naţională a fetitelor ei. Bria. 1-15 Feburary. nici sterna se nu lipsésca. 1. It did not remain only at a declarative stage. Internatulu si scol‟a romana superioara de fete in Sibiiu. care pre lànga tóte se fia si nationala”18 . and that is a first in Astra‟s general debate on women‟s condition and role in society. First was Astra‟s involvement in the efforts of the Women‟s Association‟s from Sibiu for opening. the actual construction of the S. No. on the contrary. Due also to Transilvania journal we are able to reconstruct all these efforts the association made beginning with the financial problem. 1884. for opening the boarding school so much needed for the Romanian girls. It involved lots of intellectuals and. they must be granted access as only by this mean they could fulfill their national duty. N. 1-15th July. 1887. Bariţ. Other significant articles to be mentioned are as follows: Deschiderea scolei romane de fete din Sibiiu. But Sofia Bria is not the only woman to express a point of view that is similar to the men‟s one. this debate was not a futile one. 1-15 November. these are the basic features of the debate: women are the key for a nation‟s progress. si económe bune. Summing up. p. there are also to be mentioned some similar points of view which have also been published in Transilvania aiming at stressing the complexity this issue had in Astra‟s debates: Cuventu pronuntiatu de catra domn‟a Alexandrina Gr. both men and women. Mateiu la deschiderea scolei noue de fetitie in Sibiiu … în numele Reuniunei femeiloru romane. 1883. p. Mateiu la deschiderea scoléi noue de fetitie in Sibiiu. Matei the representative of the Women‟s Reunion from Sibiu at the grand opening of the girls‟ school from Sibiu in 1883 has the same view regarding a woman‟s destiny. as we previously mentioned. 24. who contributed by their financial power. the healthier part of Romanians as the associations frequently published in Transilvania appeals for the financial support of this initiative. in 1883. His speech is also of great significance as the author does not only speak about Romanian women in general but he also insists on the peasant women. in Transilvania number 19-20. number 21-22. in Transilvania. ca ele să devină mame şi soţii bune… Femeia generaţiunii noastre să devie femei în sensul curat al cuvântului: o fiinţă omenească în clasa omenească”19.Georgeta Fodor càndu fetele s‟aru cresce numai de mame. 18 19 28 . I. they are the first educators. afterwards. of the girls‟ school. in Transilvania number 3-4. 1883 în numele Reuniunei femeiloru romane . in Transilvania. E. Hodosiu.

20 V. the school‟s opening. Overall we have 46 pages of arguing the necessity of giving women a most deserved access to education for the nation‟s sake 20 . Indeed it had all the necessary means for doing so but it is also very significant that it could capacitate the public opinion for this cause. The article was signed by Vasile Bologa and is structured in eight parts: first the author explains the context which led to the initiative of opening the school. For instance. op. from the school‟s opening in 1886 and up to 1911 three were the girls formed at this school who after completing their higher education abroad returned to Sibiu as teachers: Alexandrina Cunţan. What is also outstanding is the fact that Astra‟s school was considered as a breeding ground for the future Romanian women as it formed future teachers for the Romanian girls. the boarding school.Astra‟s Involvement in the Debate Concerning the Necessity of Educating the Romanian Women school. the teaching staff. then the actual building of the school. mothers and citizens through an institutionalized education. Bologa. pp. the school‟s inspection organized by Astra. the school had 43 students whereas in 1907/8 the number will increase at 143. we find them as teachers at the same school. A total number of 46 page article explaining the efforts. This is also a subject that needs further analysis for it would be of great interest to reveal how Astra and the women‟s reunions had joined their efforts for the same cause of giving the Romanian girls the opportunity of becoming better wives. Astra not only reacted but acted by its entire means for putting into practice what others only debated at a theoretical level. with the grand opening. the curricula. So Astra involvement in the problem of women‟s education as proven by the deep analysis of the issues from Transilvania up to 1911 had confirmed us once again that the problem of women‟s education was of great interest for the Romanian elites of the XIXth century and could be indeed placed among the most important debates of the century. the school‟s yearbooks. the first year of activity. then attended the association‟s boarding school being even sponsored from Astra‟s funds and. the first students the school had and the teachers who taught there. 410-456. very significant indeed. cit. Delia Olariu and Eleonora Lemeny but this is a subject we will expand in a future study. For arguing this is enough to have a look at the numbers meaning the number of girls who attended this secondary school: in 1886.. Due also to Transilvania we were able to trace girls which started school at the primary school of the Women‟s Reunion from Sibiu. All this reconstruction is possible due to the 4th issue of Transilvania from 1911 which publishes a very detailed historical article on the school and its 25th years of activity. the reasons for and the actual functioning of the school. the curricula which caused great controversy. Also the retrospective made by Vasile Bologa is important for revealing the impact Astra‟s initiative had in this field. It is also the perfect example for proving the importance that the problem of education had for Astra. 29 .

.

Transilvania mea. 2 M. Marriage. 56. the Church imposed right from the start of its existence the authority on this fundamental moment of life2. Iaşi. mentalităţi. Keywords: Modernity. Local particularities influenced the rhythms of this process. Brie. “Petru Maior” University of Tîrgu Mureş S. Through its multiethnic and multi-denominational character. institutionally. CONCUBINAGE AND ILLEGITIMACY IN THE SAXON REGHIN (THE SECOND HALF OF THE 19THCENTURY) Maria Dan Abstract The Transylvanian society of the second half of the nineteenth century went through fundamental changes. DIVORCE. Through its spiritual. 2008. Concubinage. The family institution. p. marriage. the mutations that take place in mentality and sensibility are completing in fact the picture of the epoch. guiding role. 2006. urbanization.MODERNITY‟S CHALLENGE: ALTERNATIVES TO TRADITIONAL FAMILY. and individualism) have radically changed the way of life in all aspects: economically. Oradea. p. the act of creating a family. the state Assistant Lecturer.începutul secolului XX). death. What really changes are in fact the rhythms of private life1. throughout its place in society and in the life of each of us reveals the real dimensions of these changes. Divorce. under the pressure of some much more mobile patterns. the transformations with the biggest impact upon human destiny are those operating at a different level. each community contributing to defining the general image. the church or the community. it imposed strict rules regarding this major demographical event in an individual‟s life. Editura Universităţii din Oradea. the attempts towards emancipation from family and community authority are more and more frequent. 180. Editura Polirom. Marriage. The subject of the present study focuses on alternatives to the traditional way of constituting a family. technically. alternatives which. If in the beginning. and ideologically. Be a control either from the state. Familie şi societate în nord-vestul Transilvaniei (a doua jumătate a secolului XIX . that is to say. 1 . identităţi. secularization. Illegitimacy Modernity and its processes (industrialization. The individual‟s behaviour concerning the fundamental moments of life: birth. which determined a turnover of social order. As the traditional backgrounds of life are broken. Nevertheless. has always included a certain social control. everyday life. as it is at its first or at best second generation who lives in town between the exigencies of tradition and the challenges of modernity. the Romanian community in this area offering an interesting example of balance between rural and urban model. become a frequent reality in the Transylvania of the second half of the nineteenth century. proposed by the new pre-urban and urban society. Istorii. the Saxon Reghin is representative for the Transylvania of the nineteenth century. culturally. but also in the life of the community. Mitu. including the amorous practices and the model of life in two.

parents‟ profession) these documents allow us to reconstitute the structure of a community.Maria Dan often recognized the matrimonial rules created by the Church. Editura Accent. but also of the rural with the urban. Bolovan. confessional. Studii de istoria populaţiei României (sec. Bolovan. 36. p. Bolovan. as the laic phenomenon generalized. în S. The main source used in the analysis has been the registry of births. increased mobility of population. Cluj-Napoca. the Saxon Reghin. 5 P. from the perspective of the ones who had already obtained this status and were choosing to restore their life with someone else. Om si societate. Regarding family life. Divorce. taking over most of the mechanisms of control. Cluj-Napoca. Bolovan. generous in relevant aspects concerning the confrontation with modernity. Bolovan. deaths and marriages of the Greek-Catholic parish4. once the civil marriage was imposed. în I. it offers the example of a Romanian community at its first or at best second generation living in an urban. P. the data is fragmentary.). C. p. P. Although the registry of births. The weakening of the Church‟s influence determined a relaxation of the social morals and manners taking to pieces the way of thinking and the traditional language at the level of couple life3. Populaţie şi societate. The Church usually rejected the idea of divorce as it contradicted the evangelical precept: What God has joined. In the case of divorce. 6 S. Therefore. evolving to the state of losing one‟s soul 6 . By the character of the data registered (age. “Câteva aspecte privind căsătoria în protopopiatele arădene în secolele XVIII şi XIX”. The nineteenth century marks the final confrontation and the inversion of positions between the two institutions. Through its character and structure. p. multicultural environment generous in mental and behavioural models. the relationship between the two institutions changed. 19:6)5. confessional. I. Presa Universitară Clujeană. Pădurean (coord. like many other Transylvanian towns. Pădurean (coord. illegitimacy became the most frequent expressions of the attempt towards emancipation from family and community authority. C. the dynamics and the phenomena that marked its existence. Avatarurile creştinismului şi triumfalismul mesianismelor noilor ere (sec. some S. with nothing left but a continuous profanation. the state intervening more and more in the institution of family. place of birth. concubinage. the registers point out only an aspect of the phenomenon. ClujNapoca. I. The changes that occurred at the middle of the century in social structure (abolition of feudal relationships. The ethnical.). let man not separate (Matthew. Vesa. “Familie şi comportament matrimonial în Transilvania între 1850 şi 1914 (între tradiţie şi modernizare)”. 215. 3 32 . Nicoară. residence. Despite this. and cultural interferences.XVII-XXI). Presa Universitară Clujeană. XIX-XX). O istorie a secularizării. 2006. II. 2003. especially matrimonial behaviour. the beginning of urbanization and industrialization) accelerated this process suggesting new ways of family constitution and cohabitation. an area of ethnic. is. 131. profession. deaths and marriages dates from the 1880‟. 2006. 4 In the Saxon Reghin the Orthodox parish was founded only at the end of the nineteenth century. the Church had to accept the existence of some cases in which the conjugal life had no more sacramental substance. vol. and cultural diversity of the Transylvanian province imposed different rhythms to this process strongly influenced by local specificity and practices. Studii de demografie istorică a Transilvaniei (secolele XVIII-XX).

a Macedo-Romanian merchant born in the town of Mega Târnovo moved in the Saxon Reghin convinced by the archpriest Petru Maior. he paid half of the costs of building the Holy Trinity Church. Bolovan. we could say that the parochial registers offer the „legal‟. If in Sidonia‟s case. Converted to Greek Catholic faith. the couple appears in the registers with a second child.cit. born on the 4th July. adultery. nr. In 1880. Agapia was only 16 years old. Not even two years after the unfortunate event. Agapia was previously married to Anania Trombiţaş. Colecţia (C) Registre de stare civilă. born on the 18th February 1874. Ioan Eugen Aurelu. until the end of their lives. He also donated 500 florins for purchasing a house that could serve as a chapel until the church was finished. 646. Centrul de Studii Transilvane. 1999. Agapia being a member of the great family Marinovici. When they married. Brie. Concubinage and Illegitimacy in the Saxon Reghin (the second half of the 19thcentury) conditions for the dissolution of the couple were accepted. p. the imprisonment of the spouse. Sabina Sidonia. p. Agapia gives birth to a girl. P. and then. she is mentioned as an illegitimate child. Marinovici. These conditions have in fact remained unchanged for centuries: murder. op. Familia în satul românesc din Transilvania: A doua jumătate a secolului al XIX-lea şi începutul secolului XX.7 The definite sentence could prohibit the guilty spouse to remarry until he/she proved his/her moral improvement or it could totally annul the right to get married again8. P. Active presences in the Romanian cultural life in the Reghin of the second half of the nineteenth century. Olimpia Elvira Agapia. Bolovan. The couple had a child. insanity. acts that undermine the spouse‟s life. and Eugen being the son of the Greek-Catholic archpriest Mihail Crişan. 9 I. Both Agapia and Eugen were part of the Romanian aristocracy in Reghin. 11 S. The first one is the case of Agapia Marinovici. 81. „tolerated‟ image of this final solution. but they were hidden). In these situations. noble of Bethlen. Divorce. 171-172. in Ioan Aurel‟s case this mention is missing. pp. Thus.cit. doctor of philosophy and law. 10 Arhivele Naţionale Mure ş (ANM). 7 8 33 . the absence from home of one of the spouses for a period longer than three years. deliberate abortion. they cohabited for more than five years before marriage. She remarries in 31st July 1881 at the age of 35 with the young man Eugen Crişan who was 40 years old. impotence. the daughter of George and Ecaterina (born Nicolau). the granddaughter of the founder of the first GreekCatholic church in the Saxon Reghin9. suffering of dysentery.. In what concerns the Romanian community in Reghin. epilepsy (if these also existed before marriage. the divorce could be requested by the guiltless part after the previous solicitation of bed and table separation. who passed away a year later.Despite the fact that this kind of cohabitation was criticized both by the ecclesiastical authorities and by the laic ones. maltreating. although Agapia and Eugen got married only in 1881 10 . Cluj-Napoca. one of the spouses enters the monastic life. registered in the list of baptized children as the illegitimate daughter of Eugeniu Crişan. an orthodox. high treason. S. M. until the First World War only two of this type of cases are registered: one in 1881 and the other in 1894.. 183. there were cases in which concubinage received almost a legal status if the cohabitation was durable11.Modernity‟s Challenge: Alternatives to Traditional Family. op.

both residents of the Saxon Reghin. 13 S. and Ana. The case of this couple represents a situation that was frequent at that time. the two had grown apart. the spicy and frivolous details became transparent and known by the entire community.cit. Ioan Soke Kelemen. and with whom they even had offspring. It was even suggested the solving of the causes of the litigants who will not have the means to pay all the lawsuit taxes in the convened meeting and to solve other matrimonial causes. Ioan having his origins in the Hungarian Reghin. divorce. the two. 25-27. During this time. their frustrations and dissatisfactions. It also meant transferring the private life in the public sphere. to the individual decision and will14. the loathing towards the other. a widow. both Greek-Catholics. one could say that there were cases when divorce came to correct some deviant behaviour. P. Christianity strongly supported this general tendency to disapprove the breaking of a union by giving divorce serious religious sanctions12. Dosar (D. the couple‟s intimacies. 2003. Editura Polirom. Still. 167. the one who raised her. Familia europeană.. 15 ANM. The memorandum sent to the entire archdiocesan clergy communicating the decisions taken at the Synod in November 1896 insisted upon these aspects. had to pay the suit taxes. Even the fact that the matrimonial court decided in this case that the person who was guilty for constraining the couple to get married.. Nicoară. there can easily be cases in which J. the priests were advised against postponing the process for years. 94. as the civil marriage came into being. All the more so as a consequence of the law article XXI in 1894. op. all these having the purpose to discourage the first impulses of dissolution and save the couple from a definitive separation 13 . aged 47. As modernity submitted the conjugal relationship. However. the public‟s feelings were manifesting against separation and for the permanence and wholeness of marriage. a Greek-Catholic woman living in the same native village. as social phenomenon. p. 222. was even from the most distant times a problem of society. 12 34 . Ioan had been married for 23 years to Dochiţa Duca. The lawsuit itself implied numerous compulsory formalities and high taxes. The matrimonial court in Reghin recommends the invalidation of the marriage. both litigants being allowed to step towards a happier marriage. Fond (F.) 31. Elena Buican. aged 49. without levying daily fees and taxes also from the very poor litigants15. O încercare de antropologie istorică. increased. Towards the end of the nineteenth century. Goody. constituted through the will of God. as their marriage took place with great physical and moral reluctance. Bolovan. The divorce is approved so that they do not take into consideration the people who encourage them to change their confession to the reformed one where they will soon be divorced and then get married to the people they live in concubinage with. Thus. p. Iaşi. Even when it was approved. is an argument in this sense.cit. ff. the church had to make some concessions. p. op. so that the parties will not avoid the ecclesiastical court because of the expenses of the lawsuit. 14 S. It is the case of an older couple. instead of decreasing.Maria Dan The second case of remarrying after a divorce is registered in 1894. They also had to thrive to order the investigation and the debating of the cause with taxes as reduced as possible. as it results from the divorce suit.) Protopopiatului greco-catolic Reghin. had not been living together for 20 years. because of the pressures made by Dochiţa‟s aunt.

In all. and thus putting in peril the salvation of their soul16. Brie.cit. p. The two phenomena of concubinage and illegitimate children have to be discussed in connection with each other. the fact that until the abolition of the Greek-Catholic Church in 1948 no other marriage of this sort is registered. 18 I. as in the first half of the twentieth century at the level of the parish there were kept annual reports which also comprised the number of people united only through civil marriage and which was extremely reduced. Neither does the theory that people turned only to the civil courts apply. Holom. în I. 1. 20 M. the fact that the ecclesiastical or civil authorities did not officialise this relationship placed it in the category of illegitimacy and defined it as a phenomenon corroding the idea of family in general 20 .Modernity‟s Challenge: Alternatives to Traditional Family. the births named as being Ibidem. maximum 2 couples a year. D. Dete şan. the Church found other ways of strengthening its control. p.E. Legislaţia ecleziastică şi laică privind familia românească din Transilvania în a doua jumătate a secolului al XIX lea.cit. The Church continued however to disapprove divorce and tried to reduce its popularity as much as possible through sermons. Bolovan. C. al XIX-lea şi începutul secolului XX”. D. as alternatives to the traditional way of constituting a family there can also be mentioned concubinage and illegitimacy. Divorce. Then. the 202 marriages registered between 1899 and 1950. M. the dissolubility of marriage was related to discipline. Concubinage and Illegitimacy in the Saxon Reghin (the second half of the 19thcentury) the litigants. while in the Latin one it was considered one of the pilasters of the Catholic dogma. which represent a quite high percentage . 20. allows us to state that this phenomenon was of reduced amplitude in the Greek-Catholic community in Reghin. 328.32.). “Aspecte privind moralitatea şi statutul femeii în cadrul familiei arădene la sfârşitul sec. catechization and even through different public conferences held by priests during the cultural manifestations organized by the different societies they were members of. Eppel. Although concubinage included the decision of two people to live together following all the moral rules of marriage 19 . the Greek-Catholic Church accepting the position of Rome in this matter18.. C. because of the taxes and the difficulties together with solving the matrimonial causes in the ecclesiastical court. Covaci. Brie. are satisfied with the sentence given by the civil court and based on that sentence to step towards a new marriage. Cluj-Napoca. The difference between the two confessional communities can be explained through the way the two institutions viewed divorce. 84. 2009. totally ignoring the ecclesiastical laws and courts. as it could refuse remarriage. op. as the children registered as being illegitimate offer data about their parents‟ status. In the oriental church. On the other side. Centrul de Studii Transilvane.. 19 L. mostly Astra. M. 16 17 35 . Stepan.. The registrations made in the registry of baptised children in the second half of the nineteenth century show a moving world. p. the registers of the Orthodox Church show a completely different situation. It is obvious that the matrimonial registers do not encompass the phenomenon of divorce in its totality. but.cit. 421. despite this. p.67%. Bolovan. or deny administering the sacrament and even the sermon of burial17. op. Together with divorce. 66 are contracted by divorced people. Pădurean (coord. op.

from day-labourer. to reach its peak (15) in the 70s. Cununaţilor şi Morţilor. the number of consensual unions increasing from a decade to another. The causes of concubinage were diverse: lack of satisfactory means for organizing a wedding or supporting a family. servants conditioned by the material issues to the good families whose members were rebelling against outer pressures (religion. enter the Saxon town bringing the practices and taboos of the surrounding rural world. nr.cit.Maria Dan illegitimate reflecting the impact of modernity on the family-related behaviour of the Romanian community in Reghin immortalized in these documents. community. 646. 645. the villager who moves to town gradually lets go of his constraints. Matricola Botezaţilor. op. The explosion of this phenomenon was a reality in the entire province. The Romanians who live in the Saxon Reghin in this epoch are the first generations who. The town being itself at the beginning of urbanization and industrialization offers them cosmopolitan scenery and a variety of behavioural patterns. Registre de stare civilă. C. the high expenses of a divorce suit. The social status of the couples in Reghin who choose this kind of family life reflects the spreading of the phenomenon in the entire society. Both laic and ecclesiastic authorities thrived to diminish the phenomenon. p.68% (17 of 25)21.. the objections of the parents or relatives which often caused young people to run away from home and to illegitimately cohabit22. if in the 50s only three of this type of couples are registered. under the sign of the reforms promoted by Vienna starting with the second half of the nineteenth century. Stepan. 22 L. Related to the total number of illegitimate births registered in this decade. The growing number of children who come from couples that do not validate their relationship in front of the traditional institution of the church is an argument in this regard. Priests were constantly demanded to take measures to reduce it while civic authorities demanded surveys which focused on creating an accurate vision of the situation in order to find some truly viable solutions. the percentage of children who are the result of concubinage is very high . family) desiring more and more to fulfil their own wishes and interests. Parohia greco-catolică Reghinul Săsesc 1887-1920. Consequently. Primăria Reghin. out of which two unite their destinies in front of God only a few months after birth. 21 36 . 84. their number increases in the following decade to 9. embracing new models in what concerns couple life. ANM. which often determined couples to simply separate and to form other couples through concubinage. Away from the village and from the eye of the family and of the community.

Cătană Demeter and Ilyes Theresia. and the one of a young couple. Although there were cases in which the community and. builders. D. day-labourers. the civil marriage represented a new corrosion of the idea of family. f. The priest must call them in front of him and with the entire strength of the word to describe the great sin. In general. The civil marriage was actually introduced as a solution to this problem. 52. political or even financial. Demeter coming from a powerful family of merchants. be it canonical. F. A strong campaign against concubinage starts towards the end of the nineteenth century also in the town of Reghin led by both civil and ecclesiastic authorities. for the Church. the mention of illegitimate is missing in the case of the second child. sometimes he even omitted to mention the illegitimate status. The recognition of the child by his father often validated in the eyes of the community the illegitimate liaison. and shoemakers etc. the amplitude of the phenomenon worried both the civic and the laic authorities. DayLabourers 36% Handicrafstmen 54% Most couples who live in concubinage in the area of Reghin are handicraftsmen. tailors. they are living in. M Workers erchants 5% 5% Servants. followed by servants. the ecclesiastical authorities become even keener in the campaign against savage marriages. if the impediment is poverty. 24 ANM. especially in what concerns the persons living in concubinage. the one of Agapia Marinovici. telling them to get married as soon as possible 24 . the reasons were specific to the epoch: poverty. However. offering the ones hindered by different norms and tradition an alternative. 25 Ibidem. usually the priest registered the name of both parents. Concubinage and Illegitimacy in the Saxon Reghin (the second half of the 19thcentury) The Social Status of Couples living in Concubinage (1850-1914) Proprietors. as an attempt to regain the control they had lost. The priests were invited to start going with all their energy against these violations. which has already been mentioned. sometimes. In the context of civil regulations. The urgent abolishment of any impediment is recommended. In the Romanian aristocracy there are registered only two cases.Modernity‟s Challenge: Alternatives to Traditional Family. 23 37 . not having the legal age. Protopopiatul greco-catolic Reghin. 31. both Greek-Catholics. carpenters. Divorce. The example of Agapia Marinovici is relevant. Priests are bringing the cases not only to the office of the archpriest but even to the civil authorities so that the state laws harshly In these cases. even the ecclesiastical authorities did not sanction these situations so harshly23. or the parents consent. so that the souls redeemed with an incredibly high price can be saved 25.

38 . it is in our opinion the clear expression of modernity.92% in the first decade of the twentieth century. Even if this evolution does not match the Transylvanian trend. the number of concubinages decreasing dramatically. 22. in the first decade of the twentieth century only three cases are registered. D. at the same time. f. in the province the rate of illegitimacy increasing towards the end of the nineteenth century. Young girls came to town in search of a better life and rapidly embraced a more libertine perspective on intimate life. towards the end of the century a gradual decrease is registered. the dynamic of the analysed Romanian community expresses the different rhythms in which the Transylvanian communities of the second half of the nineteenth century lived under the new models suggested by modernity.Maria Dan penalized them. The Evolution of Illegitimate Births. The individual‟s freedom of movement generated in a first phase a growth of the phenomenon of illegitimacy. in percentage from 14. 26 Ibidem. However. The evolution of this phenomenon towards the end of the nineteenth century reveals a success in this concern. because only then one can stop this current of demoralization which is progressing so rapidly in this area26. From the perspective of alternatives to traditional family. modernity is also the one that contributes to the diminution of the phenomenon of illegitimacy by spreading birth control as the efficacy of conception increases. The Greek-Catholic Parish of the Saxon Reghin 40 20 0 28 33 25 33 29 20 9 1851-1860 1861-1870 1871-1880 1881-1890 1891-1900 1901-1910 1911-1920 After an explosion in the first stage of the period studied. A similar situation is noticed in what concerns illegitimate births. 56.28% in the 80s to 12% in the following decade and 8. Thus.

Reading Church. Schmidtt. Cărţile bunului creştin (The Books of a Good Christian). 2 Dati biografici su Iuliu Maior in N.Lepori. ma anche in quella moderna e contemporanea. Interwar Transylvania. Editura Demiurg. a cura di F. nel 1994. Potremmo porci una simile domanda. Jean-Claude Schmitt. it tries to identify especially his facet of GreekCatholic intellectual. F. an important character of the Transylvanian religious life. quella giornalistica. meditando sulla complessità religiosa della Transilvania. G. 1994. Ecco perché. Collaboratore a più Associate Professor Ph. “Petru Maior” University of Tîrgu Mureş Lo studio è parte dei lavori per il progetto Crossing Borders: Insights into the Cultural and Intellectual History of Transylvania (1848-1948)/ Dincolo de frontiere: aspecte ale istoriei culturale si intelectuale a Transilvaniei (1848-1948) Cod proiect PN-II-ID-PCE2011-3-0841. 7383. Ploeşteanu. Comşa. canonico metropolitano tra gli anni 1939-1945) 2 e non per ultimo. «È forse possibile una storia religiosa del Medio Evo?» si interrogava. “Une histoire religieuse du Moyen Age est-elle possible?”. in una famiglia dalle antiche tradizioni greco-cattoliche. pp. Così come molti altri della sua generazione. IInd volume. in “Reghinul . 1994. Seiceanu. 156-157. T. Spoleto. La sua biografia è indissolubilmente legata al centro spirituale dei greco-cattolici: la città di Blaj. ha compiuto la sua formazione intellettuale presso il Seminario di Blaj (1905-1909). figlio dell‟insegnante Gheorghe Maior e fratello del futuro fisico Augustin Maior. Basilio dal 1920 al 1931. ha armonizzato la carriera didattica (professore alla scuola pedagogica tra gli anni 1912 . uno dei più grandi studiosi francesi di fenomeni religiosi1.Santi. in Mestiere di storico del Medioevo.D. poi all‟Università di Budapest. His works have an evident educational role as it is proved by the collection title they have been published on. Una risposta certa potrebbe essere offerta soltanto dopo aver riempito i vuoti di una storia che comprenda anche quella delle élites ecclesiastiche transilvane. specializzandosi in latino e tedesco (1909-1912). dove ha seguito i corsi della Facoltà di Lettere. 1 J. Dascălii Blajului. Iuliu Maior ha seguito i corsi presso la scuola media nella città natale.. proporremo qualche riflessione sull‟attività di uno tra i tanti artefici della vita ecclesiastica in Transilvania: Iuliu Maior.-C. Iuliu Maior. Nato il 13 luglio 1886 a Reghin. pp. poi a Tîrgu Mureş (1897-1905). in attesa di studi di sintesi. quindi alla scuola superiore 1931-1939) con quella missionaria e amministrativo-religiosa (sacerdote dal 1920. Bucureşti. Intellectuality. as it emerges from the works he has wrote. non solo in epoca medievale. poi al Liceo S.IL PROFESSOR IULIU MAIOR. Spirito novatore.1920. DALLA CATTEDRA ALL‟AMBONE Corina Teodor Abstract This study analyses the destiny of Professor Iuliu Maior. Keywords: Greek-Catholic Religious Books.

Corina Teodor

riviste (Unirea, Cultura creştină), mette le basi, insieme ad Alexandru LupeanuMelin3, dell‟Unirea poporului e del Calendarul de la Blaj, di cui è stato redattore fino alla morte (1945). Una completa radiografia dell‟attività dell‟intellettuale greco-cattolico richiederebbe una vera inchiesta sulla totalità dell‟archivio, per poter sorprendere in questo modo gli effetti del suo messaggio pastorale, insieme a un‟analisi del suo contributo pubblicistico. Resteremo su questa seconda dimensione della sua personalità provando a dedurre il suo messaggio educativo, così come esso può essere ricomposto dai lavori da lui elaborati. Una semplice enumerazione dei titoli dei suoi scritti nella collana Cărţile bunului creştin offre l‟immagine dei due gruppi socio-professionali ai quali erano indirizzati: i parroci greco-cattolici e i loro fedeli, specialmente quelli del mondo contadino. La tematica affrontata dagli scritti di Iuliu Maior mirava al campo liturgico (Tâlcuirea apostolilor din toate duminicile de peste an; Tâlcuirea evangheliilor din toate duminicile de peste an; Sf.Liturghie- jertfa legii Noi; Tâlcuirea evangheliilor din toate sărbătorile de peste an), omiletico (Cele şapte cuvinte de pe cruce ale lui Isus; 54 de predici scurte pentru popor), dogmatico (Taina spovedaniei; Darul lui Dumnezeu; Taina tainelor, sfânta cuminecătură), della morale (Despre păcat; Cărticica mirilor; Cum să ne creştem copiii)4. Accanto a questi, aveva affrontato anche temi di storia della Chiesa (Legea strămoşească; Din viaţa vechilor creştini), evidentemente da posizioni soggetive della confessione alla quale apparteneva. Si evidenzia però il rigore dell‟inquadramento di questa dinamica editoriale in un programma ben articolato. Le radici di questi testi si trovavano, come confessa l‟autore stesso, nella rubrica “Grani spirituali” della rivista Unirea poporului: «esortato da qualche amico e dalle lettere dei lettori, ai quali è piaciuto leggerli, mi sono deciso di rilegarli in un opuscolo, affinché possano essere letti anche da coloro che non erano abbonati della rivista»5. Fidandosi della reazione positiva dei lettori, Iuliu Maior progetta già da 1924 le coordinate dei seguenti volumi: «siccome l‟opuscolo sarebbe gradito e vorrei sperare che quelle che seguono saranno richieste in più esemplari, mi piacerebbe mandare subito in stampa altri tre opuscoli già pronti»6. Consapevole del fatto che la strada intrapresa potrebbe portarlo al fine desiderato solo se intorno all‟autore si radunino altri servitori dell‟altare, Iuliu Maior intende collaborare con loro, imponendo un doppio ruolo: quello di diffusori degli opuscoli nel mondo contadino e di censori degli stessi: «amorevolmente sono pregati di esprimere liberamente il loro parere su questa prima prova»7. Quali siano gli effetti di questo primo appello, è dimostrato dal fatto che, a partire dal 1939, l‟autore riprende la loro ristampa, in forma rivista.

cultural”, II, 1990, pp.161-162; M. Păcurariu, Dicţionarul teologilor români, Bucureşti, Editura Univers Enciclopedic, 1996, pp. 241-242. 3 A costui I. Maior dedica un sensibile ritratto: Al. Lupeanu- Melin (necrolog), in “Calendarul din Blaj”, tom XV, 1938, p. 52. 4 Ha scritto anche: Fiţi desăvârşiţi, Bolşevicii şi biserica, Adevărata fericire. 5 I. Maior, Despre păcat, ed.I, Blaj, 1924, p. 6. 6 Ibidem, copertina III. Il programma non sarà esseguito nell‟ordine annuciato, il libro sulle feste essendo il nono della serie e non il quarto. 7 Ibidem, copertina IV. 40

Il Professor Iuliu Maior. Dalla Catedra all‟ Ambone

A breve tempo dall‟inizio della collezione, nel 1925, nell‟autopresentazione fatta al libro Darul lui Dumnezeu, il professore di Blaj individualizza in quel presuntivo universo dei lettori il personaggio che incarnava l‟essenza del mondo contadino: l‟aratore. In un‟evocazione che ricordava il lirismo di Octavian Goga, questa volta un sacerdote impressionava con la filiazione quasi paterna con la quale si dava da fare per connettere i suoi simili: «dei opuscoletti a basso prezzo, destinati ad essere letti da tutti, ma soprattutto dal nostro aratore (s.n.), colui che è la pianta del paese e il quale, attraverso di esse, sarà sempre più incollato a Dio e alla Chiesa, a queste sorgenti di vita»8. Vista nel suo insieme, la collana Cărţile bunului creştin ha voluto certamente essere una guida di vita, un vademecum dei fedeli nei momenti di crisi. Iuliu Maior include spesso nei suoi proemi non soltanto l‟appello alla lettura, ma anche ad una metamorfosi di vita di coloro che si sono soffermati a leggere quelle pagine: «leggete dunque con attenzione quello che viene scritto in questo libretto sul mistero della penitenza, leggetelo, ma soprattutto seguitelo e vi assicuro che sarete felici, più felici dei bambini immacolati, di coloro di cui il Salvatore del mondo ha detto che sarà il Regno dei cieli»9. Un‟analisi dello stile dei lavori di Iuliu Maior deve tenere conto delle fonti su cui si basano. La fonte essenziale, così come era inevitabile d‟altronde, è rappresentata dalla Bibbia di cui interi brani sono spesso spiegati, per essere ben compresi dai lettori di modeste condizioni. L‟autore stesso sottolinea il valore di questa fondamentale fonte: «non ho detto niente di nuovo, solo la veste è mia, ma le verità appartengono alla Sacra Scrittura»10. Nella genesi degli scritti sono state prese in considerazione innumerevoli interpretazioni di testi dei primi scrittori cristiani: Giovanni Crisostomo, Sant‟Agostino, Tertulliano, Ambrogio etc. In modo complementare, a mo‟ di edificazione morale, Iuliu Maior riassume diversi episodi inquadrati nella realtà storica: il distacco del re inglese Enrico VIII dalla Chiesa cattolica 11 , l‟inizio della Riforma luterana 12 , l‟assedio di Vienna (1683) 13 , come sequenze tratte dalle biografie di CarloV, Ignazio di Loyola14 etc. Anche se l‟autore non indica i rimandi bibliografici, molto probabilmente queste conoscenze trovano la loro fonte da quanto assimilato nelle scuole frequentate. In cambio, indica la provenienza di altri esempi narrativi. Potrebbe sorprendere il fatto che nel 1938 un intellettuale greco-cattolico citi un fatto accaduto nel 1899, secondo il Corriere di Napoli. Iuliu Maior faceva leva dunque non soltanto sui dettagli della vita di certe personalità significative, che avrebbero potuto impressionare, ma anche su quelle della vita dei suoi prossimi, che fino a un certo punto non avevano niente di particolare nella loro biografia. Da qui forse, un prolungamento dei suoi obiettivi: il rafforzamento della fede nel miracolo divino15.
Idem, Darul lui Dumnezeu, Blaj, 1925, copertina III. Idem, Taina spovedaniei, Blaj, 1928, p. 8. 10 Idem, Despre păcat, Blaj, 1924, p. 6. 11 Idem, Cărticica soţilor de căsătorie , Blaj, 1937, pp. 2-5. 12 Idem, Darul lui Dumnezeu, Blaj, 1925, p. 17. 13 Idem, 54 de predici scurte pentru popor , Blaj, 1938, p. 197. 14 Idem, Darul lui Dumnezeu, Blaj, 1925, p. 10. 15 Idem, 54 de predici scurte pentru popor, Blaj, 1938, p. 55. „Nel 28 gen. 1899 il poliziotto Ph.Barone ha litigato in modo molto brutto con la sua moglie ...” e la
8 9

41

Corina Teodor

Se dovessimo commentare la sostanza di certi suoi lavori, certamente la prima che dovremmo prendere in considerazione sarebbe Legea strămoşească. Questo è un caso singolare nella sua bibliografia: in primo luogo perché la tematica abbordata è una maggiore - l‟identità e l‟importanza della confessione greco-cattolica - e poi perché il suo grado di originalità è minimo, essendo di fatto un‟elaborazione del libro del metropolita Vasile Suciu, Dogmatica fundamentală. Maior fa appello a questa soluzione proprio per allargare la cerchia dei lettori al di là di coloro che “sono dotti”: «mi sono deciso a interpretarla in modo che tutti la comprendano, così che nessuno di quelli che leggeranno questa interpretazione (e ben sarebbe se ogni rumeno che sa leggere la leggesse anche a coloro che non ne sanno) resti più in dubbio»16. Trattandosi di una problematica cruciale per la Chiesa greco-cattolica, il gesto di Iuliu Maior ha la naturale obbedienza del sacerdote che considera il giudizio del suo gerarca come assoluto. Proprio per questo motivo, il libro soffre a causa dei limiti del partigianato confessionale e sfonda nell‟ammirazione indisturbata verso la sua Chiesa. Nelle brevi considerazioni storiche viene adottata l‟opinione della storiografia greco-cattolica per quanto riguarda il rapporto numerico tra ortodossi e greco-cattolici. Solo che questa sottolineatura avviene come se nella storiografia ci fosse un luogo comune, come un punto di vista accettato dagli ortodossi: «ma lasciamo parlare la storia, che non noi, ma gli scienziati ortodossi hanno scritto. Tutti sanno (s.n.) che i romeni di Transilvania sono passati tutti, nel 1700, alla legge della Madre Roma, quella vecchia» 17 . Questa sistemazione confessionale sarebbe stata sconvolta dall‟azione dei monaci venuti dal Vecchio Regno: «cosicché gran parte del popolo romeno di Transilvania e Banato, quasi metà di loro, sono tornati di nuovo alla legge ortodossa»18. Provando a trasformarla in una dissertazione sull‟origine cattolica della „legge degli antenati” dei romeni, Iuliu Maior utilizza le tesi del metropolita Suciu: non solo citazioni tratte dalle opere degli storici ortodossi, come A.D. Xenopol, E. Panaitescu, N. Dobrescu, D. Onciul, N. Iorga, Şt. Meteş, che possono sostenere questa ipotesi. Le estrapolazioni sono pertanto evidenti, e il rigore scientifico deve soffrire solo a causa del confessionalismo. Né Iuliu Maior, né il metropolita Suciu utilizza qualcosa dalla ricca opera storica di Augustin Bunea, e la ragione non è difficile da trovare: «perché non possa dire qualcuno che le abbiamo tratte dalle testimonianze degli scienziati uniati, che tiriamo il fuoco sotto la nostra pentola»19. Ne risulta alla fine un discorso confessionale, che comprendeva attacchi indirizzati alla Chiesa ortodossa, che si allontanano dal modo di fare della Scuola transilvana e che parlando dell‟appartenenza della Chiesa grecocattolica al rito latino, non faceva altro che restare iscritta nell‟ambito del Concordato che lo Stato romeno aveva firmato con la Santa Sede l‟anno
storiella continua con lo scetticismo costui nei confronti della Vergine Maria, e con la punizione divina a lui destinata 16 Idem, Legea strămoşească, Blaj, 1928, p. 4. 17 Ibidem, p. 6. 18 Ibidem, pp. 6-7. 19 Ibidem, p. 104. A Bunea viene riservato un posto appropriato appena nella chiusura del libro dove, come conclusione viene riportato un suo articolo dal numero anniversario di Unirea, del 1900. 42

Il Professor Iuliu Maior. Dalla Catedra all‟ Ambone

precedente, il 1927. Il libro contiene evidenti accenti di proselitismo, consoni alla politica papale del tempo. In questo senso, i greco-cattolici sono esortati a provare la conversione degli ortodossi: «abbiamo il santo dovere di illuminare i nostri fratelli ortodossi e di attirarli alla legge comune di tutti i Rumeni»20. Esistono altri due lavori che meritano di essere analizzati, sempre dal punto di vista dell‟ordinamento interno della raccolta. Se la Legea strămoșească si discosta dagli altri lavori per un più ricco appello alla storia e alla filologia, queste appartengono a un altro orizzonte tematico: l‟omiletica. Però il fatto che Iuliu Maior raccolga più omelie è quello che arricchisce il suo valore, quanto l‟arte della raccolta. Cele şapte cuvinte de pe cruce ale lui Isus sono sette omelie per la Quaresima. „Le parole” sono difatti dei brevi pronunciamenti cristici, prima della crocefissione. Raccolte dai vangeli di Giovanni, Luca e Matteo, innescano sempre il discorso clericale. Sono commuoventi con il loro momento religioso speciale al quale fanno allusione, le tre ultime immagini cristiche della vita terrena, come anche per la loro profondità semantica. Per esempio, la quarta omelia („quarta parola”), che parte dalla terrificante invocazione divina, «Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?», viene trasposta in una composizione tonda, tramite il ritorno in conclusione alla stessa meditazione, la quale per questa volta deve appartenere ai lettori e non al personaggio divino21. Molto più ricco è l‟altro libro, che contiene delle omelie per le domeniche dell‟anno. Una tematica più ampia viene esposta nell‟interferenza delle citazioni apostoliche con quello che probabilmente aspettava di sentire il fedele del 1938, arrivato la domenica in chiesa. Verità universali, valide al di là dei limiti dello spazio e del tempo, si associano con delle particolarizzazioni degli stati delle cose transilvane. Interessante è la doppia posizione nella quale si ritrova adesso Iuliu Maior: autore e allo stesso tempo servitore dell‟altare ma anche dell‟ambone, che non esita di scrutare dall‟interno la situazione materiale di questa categoria socio-professionale successiva al 1918. Vista nel suo insieme, l‟opera libresca del professore Maior porta i segni di una stonatura, in paragone alla dinamica delle idee del tempo. Nei primi decenni postbellici, quando lo spirito critico faceva carriera nel mondo scientifico europeo, i suoi testi portavano le stimmate del romantismo, della corrente che nella scrittura ecclesiastica era stata abbattuta dal rigore di Augustin Bunea. Provando una definizione dell‟umiltà, Iuliu Maior utilizza un paragone che sembra infantile per uno scrittore del XXmo secolo: „l‟umiltà è un fiore molto raro e nonostante ci sta chi si vanta di averla, si può trovare nel mondo in modo tanto raro che il fiore della regina, il quale si trova sulle cime delle più alte montagne” 22 . E gli esempi potrebbero continuare nella stesa tonalità. Essendo comunque un‟opera di uno spirito narrativo, quella di Iuliu Maior può essere riguardata anche dal punto di vista delle correnti letterarie che si scontravano nei decenni interbellici. Opposto alla modernità, preferisce di accostarsi al tradizionalismo, precisamente a quel movimento neoseminatorista, comunque mediocre da punto di vista letterario, a prescindere

20 21 22

Ibidem, p.105. Idem, Cele şapte cuvinte de pe cruce ale lui Isus , Blaj, 1938, pp. 30-39. Idem, 54 de predici scurte pentru popor, Blaj, 1938, p. 172. 43

Corina Teodor

dall‟opera di Cezar Petrescu23. Asserisce per un tale inquadramento non soltanto il fatto che tutta la sua opera si indirizza al mondo contadino, ma anche le invettive che lancia verso la modernità tramite le critiche dei novi vizi urbani e la difesa dei valori patriarcali. Iuliu Maior considera se stesso come un portatore di una missioni purificatrice dello stato da tutte le „innovazioni intellettuali” che arrivavano dall‟ambiente cittadino. Lui accetta la letteratura, ma soltanto quei testi che fanno parte della collezione da lui gestita. E questo perché altri libri, persino delle riviste transilvane, sarebbero distruttrici dello spirito: „le più numerose riviste e giornali di oggi non vengono scritti per amore per i lettori, ma per desiderio di guadagnare. Poco fa, in Transilvania non era così. Essere giornalista, tempo fa significava immolarsi per la nazione. Oggi invece, a parte qualche caso onesto, significa guadagnare dei soldi. State dunque lontani dai lupi vestiti in pelliccia di pecora, non leggete giornale o libri disonesti ma, prima di acquistarli, chiedete al prete” 24 . L‟antinomia paese/città viene segnalata in modo allarmante, a traverso diversi pericoli che turbano la vita della città: il cinematografo e il teatro25. Nonostante tutto, al di là di queste riserve, possiamo provare una sequenza del piano educativo pensato dal professore di Blaj, nella sua profondità. Iuliu Maior ha desiderato per prima un‟educazione religiosa, attenta alla situazione parrocchiale. Essa viene spesso espressa tramite la spiegazione di certe pratiche ecclesiastiche (i sacramenti e soprattutto il battesimo) e tramite la tendenza di ordinare la vita comunitaria conformemente ai coordinati religiosi. Il battesimo dei bambini doveva rispettare certe tradizioni antiche, dovendo essere compiuto a otto giorni dalla nascita („mantenetevi all‟antica tradizione cristiana, ereditata dai nostri antenati”26). La confessione è presentata nei suoi dettagli, con la sua svolta processionale, tanto dal punto di vista del fedele, quanto a quello del sacerdote. Questo mistero ecclesiale generalizzato poteva diventare, secondo Maior, un supporto per l‟evoluzione morale: «quando la nostra nazione avrà più sacerdoti ben preparati, quando la confessione sarà fatta anche da noi non una sola volta, ma almeno quattro volte all‟anno, allora la nazione romena si solleverà a una vera gloria e benessere mai visto prima, i molti furti e ladrocini diventeranno meno numerosi, tanto tra i più alti nella piramide sociale quanto tra il popolo minuto, e la benedizione di Dio scenderà su di noi, come un raggio benefattore e noi diventeremo non soltanto un popolo onesto e per bene ma anche temuto da tutti i vicini e tutte le nazioni»27. L‟educazione religiosa significa, nella concezione di Iuliu Maior, anche lo sbocciare di una vera crociata contro le stregonerie. Reminescenze pagane, le stregonerie sono l‟opposto della fede, delle „cospirazioni diaboliche”. Oltre l‟esplicabile duello tra la religione ufficiale e quello che chiamiamo la religione popolare, è discutibile la maniera in cui Iuliu Maior incrimina anche le vecchie tradizioni, che non hanno alcuna connessione con il malvagio. Esse sono
Z. Ornea, Tradiţionalism şi modernitate în deceniul trei, Bucureşti, Editura Eminescu, 1980, p. 490. 24 I. Maior, Despre păcat, Blaj, 1924, p. 63. 25 Ibidem, pp. 62-63. 26 Idem, 54 de predici scurte pentru popor , Blaj, 1938, p.172. 27 Idem, Taina spovedaniei, Blaj, 1928, pp. 118-119.
23

44

Il Professor Iuliu Maior. Dalla Catedra all‟ Ambone

piuttosto delle innocue superstizioni, ma l‟autore non traccia alcuna frontiera tra queste e le pratiche malefiche: «perché dovrebbe essere il numero 13 sfortunato? Ha affidato forse il Signore il destino dell‟umanità a una vecchiona o a un cane? Se il cane ulula con la testa alzata, arde la casa! Se invece tiene la testa abbassata, muore qualcuno! Ma, per carità, come potete credere una cosa del genere? Qualsiasi persona che ha l‟uso della ragione deve vedere che queste non sono altro che stupidaggini»28. Un fondamento educativo reale avrebbe supposto anche l‟operare corretto con i termini ecclesiastici, anche se su questo terreno la tentazione del‟autore è chiaramente latinizzante (la denominazione di sacramento al posto di mistero per esempio). Altre volte, le spiegazioni portate sono valide tanto nella pratica greco-cattolica, quanto in quella ortodossa. È il caso dei libri romeni di culto e Iuliu Maior non esita a spiegare cos‟è il Messale, L‟Apostolo (= le Letture della messa, n.t.), L‟Ordine liturgico per anno, oppure la Raccolta delle preghiere utili. Da questa terminologia l‟autore va incontro al linguaggio dei lettori. Non per caso ci offre spesso dei sinonimi oppure spiegazioni lessicali. Soprattutto il libro Legea strămoșească, con un linguaggio meno accessibile, contiene tali immistioni linguistiche. Prelevando un frammento da Eugen Lovinescu, aggiunge le sue proprie spiegazioni del testo: «il più attivo (colui che lavora) frumento (lievito) dell‟orientalizzazione è stato però l‟ortodossismo. In un tempo in cui le differenze tra i popoli si facevano soprattutto dal punto di vista religioso e non della razza (la varietà della specie umana), esso ci ha gettati nel pericolo della dissoluzione nella grande massa (nella folla) dei slavi del Sud e poi dell‟Est (Levante)»29. Ma il messaggio educativo non si fermava qui. Essenziali sono per Iuliu Maior la conoscenza e il rispetto dei valori etici. In un mondo che aveva bisogno di questi modelli, questi si potevano trovare persino al suo interno. Qualsiasi comunità doveva provare di automodellarsi e il sacerdote, ma anche il sindaco oppure l‟insegnante, dovevano diventare dei personaggi positivi. La cerchia poteva allargarsi, pensava Maior, grazie al modello paterno di ogni famiglia: «desideriamo vedere un cambiamento in bene di questo mondo? Cominciamo da noi stessi… I genitori sono i più chiamati a dare il buon esempio e questa cosa non la dobbiamo nemmeno dire»30. Una conoscenza dei principi morali porta di per sé alla loro osservanza. Un buon pezzo di tutta la costruzione etica della società è collegata a degli eventi maggiori per il destino dell‟uomo. Il matrimonio, per esempio, aveva goduto già da molto tempo di un‟attenzione speciale da parte della Chiesa. Tramite i suoi testi, Iuliu Maior continua una tradizione storiografica e giuridica, avvertendo i fedeli sulle modalità in cui la Chiesa regola questo evento sociale, trasformandolo in un mistero. Egli evoca in questo modo quei casi in cui un matrimonio viene invalidato dalla Chiesa (il minorato, la follia, l‟ubriachezza, la sposa rubata, la consanguineità etc.), così come indaga dal punto di vista della Chiesa alla quale appartiene il problema dei matrimoni misti. Per Iuliu

Idem, 54 de predici scurte pentru popor, Blaj, 1938, p. 37. Idem, Legea strămoşească, Blaj, 1928, p. 74. Le parentesi del testo appartengono a I. Maior, il citato a Lovinescu. 30 Idem, 54 de predici scurte pentru popor , Blaj, 1938, pp. 100-101.
28 29

45

Comunque. il fatto che siano state diffuse con gran successo è dimostrato dall‟idea di ristampare la collezione. Iuliu Maior resta però. Ancorato in una realtà parrocchiale. Quale sia stato esattamente il loro impatto sull‟ambiente greco-cattolico è difficile da dire. né in Europa. che è la grappa»34. con delle reminiscenze romantiche. Idem. I. Ibidem. non a causa del vino però. 1938. per le sue preoccupazioni e le raccomandazioni di lettura che fa. L‟appello all‟unità gli sembra la soluzione salvatrice: «sembra che mai la nostra nazione abbia avuto bisogno di una maggiore unità dei suoi figli che in questi tempi difficili e di grandi trasformazioni. 185. Soprattutto in Cărticica soţilor de căsătorie e nel Cărticica mirilor. né in Asia. condannati nei decenni interbellici. egli prova a volte a integrare il religioso nella quotidianità politica. se analizziamo la sua opera con lo strumentario della critica letteraria. generato dalla pluralità confessionale transilvana. Il fenomeno deve aver toccato delle quote allarmanti. il che spiega le accentuate tirate di Iuliu Maior. uno stato di spirito angosciante . quanto da parte dell‟ortodosso Şaguna. un motore della vita religiosa nella Transilvania interbellica.lo spinge a formulare tali riflessioni. Iuliu Maior non si è erto a erudito. essendo abbandonata da una e dall‟altra delle nazioni. quando la Lega delle Nazioni si lacera sempre di più. p. il discorso di Iuliu Maior assume anche un valore politico. come quella dell‟episodio delle nozze di Cana): «l‟uno dei grandi peccati del nostro popolo è quello della spessa ubriachezza. Despre păcat. sono stati oggetto di taglienti critiche nel secolo precedente. pp.Corina Teodor Maior gli atti del II Concilio provinciale di Blaj diventano pezzi di resistenza in questo registro matrimoniale31. anche perché non abbiamo risposte da parte dei lettori. molto attento al dialogo tra sacerdote e comunità. Idem. una carica educativa molto ricca era nascosta in tutti i lavori della collezione Cărţile bunului creştin. che derivano dalla nuova situazione della Chiesa greco-cattolica dopo la chiusura del Concordato col Vaticano nel 1927. grazie al suo ruolo liturgico e la sua simbologia biblica. Spirito pragmatico. ma di qualcosa più triste. con delle tendenze seminatoriste. Soltanto il vino resta non incriminato (né poteva esserlo. 1924. Dunque. la società sembrava immobile. 96-97. quando le guerre non si fermano più. p. La società transilvana sembra essere ancora molto lontana dall‟ideale educazionale dell‟autore. Blaj. Per esempio. un peccato32. 54 de predici scurte pentru popor. ma ha desiderato essere uno scrupoloso educatore. l‟ubriachezza viene considerata da lui nel suo primo opuscolo del 1924. pp. e quando i ministri degli esteri di tutti i paesi si danno da fare per rinviare. Molti vizi umani. la guerra che fra poco arriverà e della quale tutto il mondo è certo»35. ancor per qualche anno. 62. Blaj. dal momento che l‟autore traccia quasi una tipologia delle bevande che potevano essere consumate e dei loro immediati effetti. Con inflessioni latinizzanti. che non passa inosservata nemmeno alle guide della Chiesa cattolica. 84-85. Maior. Blaj. ma ritorna in breve tempo su tale argomento nel Taina spovedaniei 33 e in molte omelie. Purtroppo.lo spettro della guerra . 46 31 32 33 34 35 . 1928. da parte del gerarca grecocattolico Şuluţiu. Da questo punto di vista. Taina spovedaniei. Attento alla dinamica della situazione internazionale del 1938. se sorvoliamo la sua opera con gli occhi dello storico.

Vickers. The Albanians. Historia e popullit shqiptar. Naturalmente. Tauris. 2002. Enrico Merrone) arrived to Rome reports and relations concerning the Constantinople Ottoman environment.D. come ultimo popolo balcanico avrebbero proclamato la propria indipendenza dall‟Impero ottomano il 28 novembre 1912. Jefferson. Albanians. Jacques. in una vasta bibliografia. was inaugurated a period of competition between Rome and Vienna responsible for a gradual "corrosion" of the Triple Alliance. una questione nazionale rimasta in sordina per decenni ma mai realmente sopita: quella albanese1. Ottomans. ***. 1995. I. Da tenere in considerazione anche la più recente storiografia albanese.e le Full Professor. in forme crescenti per impegno militare e per mobilitazione nazionale sul territorio. Italy. Marro.B. Andrea Carteny Abstract At the beginning of the second decade of the twentieth century exploded a national issue remained quietly for decades but never really resolved: Albanians. Milano. Since the middle of the first decade of the twentieth-century. Storia dell‟Albania contemporanea. but also the Balkans provinces. sia nella prospettiva della storia nazionale sia di quella più strettamente statuale: cfr. which fits within the regional context that is emerging as a new player in the local movement of Albanian independence. Toena. 2005 (poi tradotto anche in albanese). Revolts Introduzione All‟inizio del secondo decennio del XX secolo esplodeva sostanzialmente. anche in questo caso la competizione tra l‟Italia che si considerava una sorta di “protettore” del “Paese delle aquile”. come A. A modern history. Gli albanesi.. come in relazione con altre realtà della regione adriatico-balcanica. anche per la presenza in Italia dell‟antica comunità albanofona degli arbëreshë . Sapienza University of Rome Lecturer Ph. Biagini. 2. maggioritariamente musulmani e ben inseriti in molti ambienti governativi e militari turchi. in this period particularly animated by local and national movements. An Ethnic History from Prehistoric Times to the Present. testi in italiano. Prospero Marro) and Sofia (Col. The Albanians. Independence. London. Tiranë. which manifests itself through references to the tradition of the Risorgimento claim unredeemed.Instituti i Historise. in generale. Keywords: Albania. Of particular interest are the reports of Col. vol. It is therefore from the Italian military attaches in Constantinople (Col. tra cui M. Merrone. and identifies the most interesting aspects to the influence of Italy in Adriatic-Balkan region on the eve of the Great War. E. but also in competition for control of Albania. Sapienza University of Rome Cfr. 1 . Bompiani. E. Akademia e Shkencave te Shqiperise .L‟ITALIA E LE RIVOLTE PER L‟INDIPENDENZA ALBANESE NEL CONTESTO BALCANICO (1911) Antonello Biagini . Merrone. o in inglese. McFarland. 1995.

East European Monographs. Albania. in osservanza agli accordi presi con Vienna. nonché la nuova edizione de L‟Italia e le guerre balcaniche. a cento anni di distanza da quegli eventi. Per l‟Italia dunque l‟unica via da seguire in funzione anti-austriaca è rappresentata da un‟intesa con la Russia. però. Ufficio Storico SME. Biagini. Bulgaria‟s Road to the First World War . La formazione dell‟Albania. Il ministro degli Esteri italiano Tommaso Tittoni e costretto allora a trattare direttamente con Vienna. l‟Italia riesce a ottenere l‟impegno da parte dell‟Austria a non intervenire in Albania. risultava la chiave di lettura per la comprensione della politica italiana nei confronti di questi territori adriatici2. si mostra decisamente contraria a ogni influenza italiana nei Balcani. 1940. Sulla documentazione prodotta dopo la fine delle guerre balcaniche e della Grande Guerra. Nuova Cultura. anche R. Nuova Cultura. C. capitale bulgara. Giannini. 1. in cambio di un‟analoga assicurazione da parte italiana. da dove l‟Italia monitorava non solo la Bulgaria e il Montenegro ma anche le regioni limitrofe (Macedonia. Ufficio Storico SME. i testi sempre interessanti di A. Pietroburgo. 1996. 2012. sia da Sofia. 1990). ISPI. cfr. Roma. Roma. essendo la Bulgaria considerata la chiave di volta dell‟intera area4. 1981. Note e relazioni di viaggio nei Balcani (1879-1898). 3 In particolare si utilizza qui la documentazione presente nel fondo G-33 (“Comando del Corpo di S. già irritata dalle manifestazioni irredentistiche. Per quanto concerne questa documentazione è particolarmente interessante la serie di rapporti trasmessi sia da Costantinopoli. 2012 (I ed. I riferimenti archivistici ai documenti presenti nei fascicoli e nelle “buste” ( b. Pacukaj.Antonello Biagini. Roma. anche il recente S. si può trovare nell‟Archivio Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell‟Esercito italiano dispacci. che storicamente e geograficamente ha tutto l‟interesse di bloccare la marcia di Vienna all‟interno dei Balcani. Albania). Andrea Carteny grandi potenze. Milano. 4 Cfr.) riportati nel volume possono risultare leggermente variati in seguito al riordino dei fondi ancora in corso. Biagini) Ancora oggi. capitale dell‟Impero. Antropografia degli anni „20. Roma. 1930. Cfr. 1979. Anonima Romana Editoriale. 1913-1939. rapporti e relazioni sul contesto balcanico dell‟epoca e sulle specificità delle differenti regioni e popolazioni. Ad ogni modo la penetrazione italiana in Albania (economicocommerciale ma anche e soprattutto culturale) si realizza progressivamente attraverso una strategia composta da una serie di varie iniziative (dall‟emigrazione di consistenti gruppi di braccianti e agricoltori alla costituzione di scuole sul territorio). Hall. Ufficio Storico SME. da tempo oggetto di propri e meditati progetti espansionistici. Momenti di storia balcanica (1878-1914): aspetti militari.M. di A. Reparto Operazioni Scacchiere Meridionale” poi “Ufficio Coloniale”) dell‟Archivio Ufficio Storico dello Stato Maggiore Esercito(AUSSME). come quelle albanesi 3 . l‟Austria. in primis al fine di evitare un‟eventuale occupazione austriaca del territorio albanese: appoggiata dalla diplomazia anglo-francese. e L‟Albania dall‟indipendenza all‟unione con l‟Italia. Kosovo. Boulder. 2 48 . in primis l‟Austria-Ungheria. Roma. È dunque con un deciso impegno diplomatico che negli anni Cfr. è fredda rispetto alle sollecitazioni di Roma e dimostra di non gradire eccessivamente l‟infiltrazione dell‟Italia nella penisola balcanica. Opportunità diplomatiche e penetrazione economica nel contesto balcanico: la presenza italiana in Albania (A. Roma.

p. le quali avevano accentuato le stesse rivalità tra le differenti “nazionalità oppresse”8. superando l‟Austria per un milione di franchi. La crisi del potere centrale. Bompiani. cit. rimanendo pur sempre un ostacolo oggettivo all‟espansione italiana nell‟Europa balcanica. 77-78. costruisce ponti e strade in Dalmazia. pp. nell‟ipotesi di un mutamento degli equilibri. non potendo piu opporsi da sola alle manovre di Vienna e con il timore di una guerra proprio da parte dei suoi alleati nella Triplice. Storia della Turchia contemporanea. nel 1907 e l‟Italia a esportare di più. Ma non puo accentuare in alcun modo la propria influenza nei Balcani dove. Per l‟Italia quindi la strada più percorribile risulta sempre quella della penetrazione economica. con la quale stipula gli accordi di Racconigi. si prepara un duro colpo alla stabilita europea.. Cfr. anche se negli ambienti italiani si teme la veridicità delle voci (aventi origine nell‟opinione di Agenor Maria Gołuchowski. anche in generale per la storia turco-ottomana: A. Con Racconigi nessuno dei due giovani governi inoltre avrebbe stipulato separatamente dall‟altro nuovi accordi per l‟Est europeo con una terza potenza. i governi di Roma e di Pietroburgo si impegnano a lavorare in comune per mantenere lo status quo nella penisola balcanica e. il fallimento della politica dei Giovani Turchi. Con tale intesa. Biagini. 79. Ad ogni modo nel luglio 1907 la Triplice Alleanza viene rinnovata per altri sette anni anche se.: tutti questi elementi avevano causato uno stato di endemica anarchia manifestatosi con un lungo succedersi di insurrezioni spesso sanguinose. la propaganda nazionale. ministro degli Esteri austroungarico fino al 1906) che non prevedevano tra Italia e Austria-Ungheria «alcuna soluzione intermedia: o alleanza o guerra»5. pp. 5 6 49 . Biagini. All‟inizio. a esclusione di ogni dominazione straniera6. L‟intesa conclusa non si contrappone in alcun modo alla Triplice Alleanza (gia questa obbligava Italia e Austria a mantenere inalterata la situazione nei Balcani): di fatto la Triplice si trova sempre piu circondata e soffocata dalle intese italo-francesi. etc. è «bloccata» dalla Triplice7. L‟Italia inoltre manda notevoli quantita di tessili alla Serbia. 2005. la penetrazione economica e l‟ingerenza degli Stati europei. Cfr. ha il monopolio del commercio montenegrino. 78-79. Il programma di “ottomanizzazione-turchizzazione” e di islamizzazione A. 7 Ibidem. riconferma la sua amicizia con l‟Inghilterra e si rivolge di nuovo alla Russia. italo-inglesi e italo-russe. nella speranza della concessione di una reale autonomia amministrativa e dell‟uguaglianza delle etnie all‟interno dell‟Impero. La crisi albanese era dunque un fenomeno che si accompagnava direttamente alla crisi dell‟Impero ottomano sin dall‟inizio del Novecento. da parte sua la Russia si impegna a considerare con benevolenza gli interessi italiani in Tripolitania e in Cirenaica e il governo di Roma quelli russi in ordine alla questione degli Stretti e all‟accesso dal Mar Nero al Mar Mediterraneo. le velleità dei piccoli Stati balcanici con il loro particolarismo. Milano. con il colpo di mano austro-ungarico in Bosnia-Erzegovina dell‟anno seguente. di fatto. Ivi. la “rivoluzione” e il tentativo di ripristino costituzionale dei Giovani Turchi fu appoggiato dalle tribù albanesi. 8 Cfr. del resto gia avviata: se nel 1900 le esportazioni austriache in Albania sono state di quattro volte superiori a quelle italiane. Ivi. L‟Italia allora. si obbligano ad applicare il «principio della nazionalità» per lo sviluppo degli Stati balcanici. L‟ Italia e le guerre…. nel 1908.L‟Italia e le rivolte per l‟indipendenza albanese nel contesto balcanico (1911) 1906-1907 si mantiene l‟apparenza di un buon accordo con gli austriaci.

si accordano con i vantaggi nostri. Il capitolo “V. della fede. invece. altamente umanitari. fu promosso Colonnello (1912) e membro alla commissione per la delimitazione dei confini dell ‟Albania. Momenti di storia…. non è senso d‟amore alla libertà. scriveva a Roma indicando i pericoli di un‟Albania «austriaca o austriacante» e i vantaggi di un intervento italiano. 9 50 . 76. delle giuste aspirazioni dei non musulmani». in generale. cit. Gli appoggi trasversali (provenienti da Roma. in A. Momenti di storia…. “Questione albanese”. La prima ribellione di una certa consistenza. cit. I progetti sulla sorte dell‟Albania e le mire sul suo territorio non furono caratteristiche della politica italiana o austriaca: oltre al Montenegro c‟era anche la Serbia. in AUSSME. aveva costretto l‟esercito ottomano all‟intervento. quindi sottolineando che i «grandi Stati capitalistici ed industriali quali la Francia. che non poteva rimanere indifferente di fronte alla possibilità di crearsi uno sbocco al mare. il capitolo “VIII. Stati Balcanici. cit. n.Antonello Biagini. aveva prestato servizio in Eritrea. Sofia e Vienna) trasformarono il movimento albanese in uno strumento per l‟affermazione della propria politica di potenza nel territorio albanese e in tutto l‟Adriatico sud-orientale. in A. Biagini. 12 P. la Germania e l‟Austria più che politica di pace qui svolgono la politica che loro più produce. “VIII. Sottotenente di Artiglieria (1872). Biagini. Addetto militare come Tenente colonnello a Costantinopoli (1911) e Capo del servizio informazioni ad Atene durante la guerra di Libia. anche il capitolo “VI. cit. l‟artiglieria del VI Corpo d‟Armata. Maggior generale (1915). rapp. 25/bis. e più in particolare per questo periodo. L‟indipendenza albanese…”. Biagini. 10 Cfr. furono le cause determinanti della definitiva e insanabile rottura con il movimento giovane turco 9 . in quanto loro fedeli servitori). non aveva imprese nazionali da difendere e quindi era libera di seguire «più che una politica bottegaia una politica di principi fondati sul rispetto che il popolo ottomano deve avere in Albania e Macedonia della coscienza. ma l‟anno successivo questa rivolta si era trasformata in una vera e propria sollevazione armata 10 . La rivoluzione dei Giovani Turchi (1908)”. al progresso del nuovo popolo turco che guida la loro azione. Andrea Carteny messo in atto dal regime costituzionale. così come la proibizione a costituire società politiche e la nuova legge sul servizio militare (che aveva posto fine agli stessi privilegi di cui gli albanesi avevano goduto con i sultani. Costantinopoli. 11 Prospero Marro. a giudizio dell‟ufficiale italiano. Il governo di Costantinopoli era stato dunque costretto a inviare un contingente di truppe regolari di 16. Le attività dei comitati albanesi all‟estero furono influenzate dalla politica dei paesi ospitanti. con la suprema necessità del momento: che l‟Italia abbia parte importantissima nella soluzione Cfr. Solo l‟Italia. Cfr.000 uomini e da quel momento le insurrezioni albanesi divennero uno dei problemi più gravi per l‟amministrazione ottomana. La Riorganizzazione della Gendarmeria Turca in Macedonia (1904-1911)”. riportato in A. fu addetto militare in Serbia e comandò. Tenente colonnello Prospero Marro11. Biagini. Marro. in A. Momenti di storia…. è sete di guadagno» 12 . per poi essere nominato Generale di divisione (1923). manifestatasi nel 1909 nel distretto di Kosovo. b. 22 aprile 1 911. L‟indipendenza albanese (1911-1912)”. concludendo che per «somma nostra ventura questi principi. durante la prima guerra mondiale. È così che nella primavera del 1911 l‟addetto militare a Costantinopoli.

cit. p.. n. 9 agosto 1911. povero. Libreria Editrice Goriziana. 164. Al centro dell‟analisi politica dell‟ufficiale italiano restava comunque la presenza di Vienna. da questo assorbito»: di fronte a questa nuova minaccia la Turchia avrebbe sempre più cercato e ottenuto l‟appoggio germanico15. Radev. Costantinopoli. in AUSSME. inoltre. per legge di natura. 16 Cfr. i bulgari per capacità di mobilitazione. Biagini. fomentavano la rivolta albanese appoggiando i ribelli (ma anche impedendo loro di riattraversare le frontiere nel momento in cui venivano emanati dal governo dei Giovani Turchi provvedimenti di clemenza).come nazione cattolica .con lo scopo di appoggiare i cattolici albanesi e di impedire che slavi e albanesi. 124. riportato in A. in primis il capitolo “VII. Lo scopo principale dell‟Austria-Ungheria (come dimostrato nel caso della Bosnia-Erzegovina nel 1908) era l‟annessione. Da Sofia. Cfr. la recente edizione del sempre autorevole L. quindi protettrice dei ribelli . 13 51 .. Momenti di storia. I rapporti degli addetti militari italiani sulla questione albanese: il col.. “La situazione in Turchia”. Merrone da Sofia nel 1911 (A. facessero causa comune con il Montenegro su incoraggiamento della Russia 14 . Albertini. 2010. in AUSSME. cit. n. b. 33. forte. rapp. inoltre il ruolo della Bulgaria all‟inizio delle guerre balcaniche come ben delineato nel capitolo “I. L‟indipendenza albanese…”. Stati Balcanici. riportato in Biagini. Marro. “La situazione in Albania”. S. facendo il quadro geopolitico di riferimento per l‟esplosione della “guerra europea”16. rapp. abbandonati a se stessi. b. I montenegrini. privo dei conforti della civiltà è in comunanza di vita con un altro popolo colto. 29 luglio 1911. rimbalza in tutta Europa la eco di qualsivoglia aspettativa e speranza che le tensioni e i conflitti dell‟epoca potessero prospettare sui popoli e sulle nazioni emergenti dei Balcani17. L‟area balcanica alla vigilia del conflitto”. intraprendente e ricco è. mostratasi dapprima «grande amica della Turchia». a loro volta. infatti. “VIII. 3 voll.. in A. 2.: Le origini della guerra del 1914. “La politica dell‟Austria in Albania”. 25/bis. n. Biagini. cit. rapp. rapp. La forza militare della Bulgaria. “VIII. Carteny) In un contesto quanto mai complesso e delicato un punto di osservazione privilegiato risulta essere la Bulgaria.. Costantinopoli. 135. n. cit. L‟ Italia e le guerre. n. in A. era considerata una minaccia anche negli ambienti viennesi quale potenza realmente in grado di attuare politiche di espansione territoriale 18 : con un parallelo con l‟Estremo Oriente asiatico. e anche: “Lettera al Capo di Stato Maggiore”. “Le nazioni balcaniche e la guerra italo-turca del 1912”. Gorizia.. Costantinopoli. e anche: “Un bilancio morale”. 25 luglio 1911. fogli 7. Stati Balcanici. “Ufficiali austriaci in Albania. Marro. Ibidem. 15 P.L‟Italia e le rivolte per l‟indipendenza albanese nel contesto balcanico (1911) della questione albanese»13. 25/bis. Costantinopoli. Le relazioni europee dal Congresso di Berlino all‟attentato di Sarajevo. Macedonia e Montenegro”. 18 Ivi. 131. vol. 14 giugno 1911. 11 luglio 1911. 17 Cfr. Costantinopoli. L‟indipendenza albanese…”. 173. Cfr. Dai cenni di queste informative si possono ben trovare già delineate chiaramente le prospettive che gli equilibri internazionali avrebbero realizzato da lì a poco nella penisola balcanica. Biagini. 1. Costantinopoli. 14 P. poiché «quando un popolo piccolo. d‟organizzazione e per il loro Il tono enfatico sulla politica dei principi non deve trarre in inganno poiché il Marro non poteva ignorare la consistente presenza del capitale italiano nella regione balcanica. rapp. 9 giugno 1911.

Partecipo alla prima guerra mondiale quale Capo di Stato Maggiore dell‟Intendenza generale meritando prestigiosi riconoscimenti.secondo Merrone . Operazioni di truppe turche nell‟Albania del Nord. Il memorandum infatti si presentava «ricco di sottintesi. poiche ancora molti ribelli ed ancora moltissimi vecchi. Il Montenegro intuì che lo scoppio della ribellione del Malissori avrebbe peggiorato enormemente la sua situazione. “VII. Merrone. A. Esemplificativo è il rapporto inviato nel luglio 1911. Osservazioni”. ancora fondamentalmente il capitolo “VIII. 22 E. Sofia. in Momenti di storia…. Orgasmo in Montenegro. all‟Albania. Stati balcanici. Quarta fase della ribellione (15 maggio-12 giugno): stato di assedio nel sangiaccato di Scutari. Quinta fase della ribellione. Continuazione degli attacchi dei ribelli durante il periodo concesso per la sottomissione. quando in circa sessanta pagine illustra con acume e completezza di dati la situazione venutasi a creare in Albania dal marzo precedente. riportato anche in A. vi si potevano scorgere i motivi che avrebbero portato ala lunga sollevazione albanese. p. nato a Maddaloni nel 1865 e morto a Roma nel 1923. Sintesi della prima fase della ribellione in Albania del Nord (24-28 marzo). in Momenti di storia…. “VIII. in AUSSME. di sotterfugi per non dichiarare le proprie speranze e i compromessi con i ribelli»23. «La rivoluzione albanese fu iniziata ufficialmente il 24 marzo 1911. 21 E. In posizione ausiliaria nel 1918. Sintesi della seconda fase (9 marzo-16 aprile). al Kosovo. 59). mostrava . Biagini. donne e fanciulli delle regioni limitrofe avrebbero cercato aiuto nel suo territorio». L‟indipendenza albanese (19111912)”. 19 20 52 . L‟indipendenza albanese (19111912)”. Il memorandum. Cfr. “La questione albanese e montenegrina: situazione del Montenegro a fine marzo 1911. cit. Biagini.quanto fosse equivoca la domanda di aiuti mentre allo stesso tempo non prendeva forma il desiderio di mantenimento della pace: anzi. il Tenente colonnello Enrico Merrone 21 . riunione a Podgoritza e Kénotitza. Supposta spedizione di volontari italiani in Albania: provvedimenti presi dall‟Italia. Querimonie fra Turchia e Montenegro: voci di guerra. Nota della Russia. Cfr. come la Croce d‟ufficiale dell‟Ordine militare di Savoia. cit. di lezioni a nuovo regime turco. Emerge così dagli ambienti bulgari un dettagliato resoconto degli avvenimenti albanesi nel 1911-191220. però. Non accettazione di sottomettersi. Si distinguevano Ivi. n. 18 luglio 1911. Sintesi della terza fase (17 aprile-15 maggio): proclama invitante i Malissori alla sottomissione. riferisce le voci che si diffondono negli ambienti bulgari relativamente alla Macedonia. fu promosso Tenente generale nel 1919. memorandum alle grandi potenze. che alla fine di marzo il governo montenegrino presentò ai rappresentanti delle grandi potenze a Cetinje. in particolare dalle informazioni raccolte nella capitale Sofia dall‟addetto militare italiano per la Bulgaria e il Montenegro. 23 Ibidem. Merrone. Oltre a comunicare dettagliatamente rapporti. Simeon Radev…”. 91. 18. come Sottotenente d‟artiglieria (1883) frequento la Scuola di guerra e passo poi nel Corpo di Stato Maggiore.Antonello Biagini. b. rapp. 25 (pp. dichiarazione di Rifaat pascià e del gran vizir alla Camera ottomana. Andrea Carteny spirito militare nell‟autunno 1912 sarebbero stati definiti «i giapponesi dei Balcani»19. Fu Addetto militare a Sofia (1911-1914) e quindi promosso Colonnello (1914) e Maggior generale (1915). cit. quando con la primavera erano prevedibilmente iniziate le rivolte22.

IV. Qualche settimana dopo. Cfr. Biagini. i timori del Montenegro per la decisa azione anti-guerriglia che le truppe della Sublime Porta stavano conducendo sui suoi confini e l‟intervento dell‟Austria a favore dei ribelli. Il 15 maggio. “VIII. citato in A. 24 53 . Guardia di finanza e Marina militare per il controllo delle coste adriatiche. rapp. Merrone. Cfr E. impiegando Carabinieri. 38 (pp. 26 Ibidem.la Turchia si allarmava per le voci di «una spedizione di volontari italiani in Albania»25. emise un proclama per invitare i ribelli a sottomettersi. Situazione politico-militare del Montenegro e fine della ribellione dei Malissori”. Sottosegretario agli Esteri) e avesse ordinato a tutti i prefetti del regno di vigilare per impedire la partenza di nuclei armati per l‟Albania. a. nel settembre 1911. che aveva impegnato circa 8. nuovo valì e comandante del distretto di Scutari. “L‟ultima fase della questione albanese-montenegrina: il pensiero e l‟azione del Montenegro durante le trattative per la sottomissione dei Malissori. Proprio questo intervento sostanzialmente ebbe come esito la fine dell‟azione ottomana. n. la concessione per i soldati abanesi di rimanere nel proprio paese e un‟amnistia per tutti i combattenti. sottolineava Enrico Merrone.continuava il Merrone . 27 E. 19. fu il sogno degli ingrandimenti territoriali da parte di re Nicola del Montenegro a far durare tanto a lungo l‟insurrezione albanese26.000 ribelli a Tuzi. cit. in Momenti di storia…. 25 Ibidem. Ibidem. Le condizioni poste dagli insorti prevedevano la costituzione di tutta l‟Albania in un unico vilayet. LXVI (1979). in “Rassegna Storica del Risorgimento”. 27 settembre 1911. erano riuscite a ricongiungersi con quelle del maggiore Edim bey della guarnigione di Tuzi ristabilendo le comunicazioni tra Scutari e l‟alta Albania. Maserati. Merrone redigeva un secondo lungo rapporto27.000 uomini appartenenti a vari gruppi albanesi e il 16 aprile le truppe regolari del colonnello Muhieddin bey. Il 9 maggio Tiourgot pascià. 67). con la scadenza del termine previsto per la sottomissione. In conclusione. provenienti da Scutari. Cetinje. mentre il rigore della repressione operata dalle truppe ottomane spiegava di per sé la massiccia emigrazione della popolazione in Montenegro. I Comitati “Pro Patria” e il Consiglio albanese d‟Italia nelle carte di Ricciotti Garibaldi. di fame e di sofferenza dei villaggi albanesi. Nella terza fase (17 aprile-15 maggio) i ribelli erano riusciti a interrompere nuovamente le comunicazioni tra Scutari e l ‟alta Albania attuando una continua e logorante guerriglia contro le truppe regolari. mentre la maggior parte dei ribelli si era spostata verso la frontiera montenegrina. armi e volontari destinati a supportare la rivolta. trasmesso a Roma solo nel gennaio 1912: come ricordava lui La prima fase della ribellione (24-28 marzo 1911) era iniziata con un attacco sulla frontiera turco-montenegrina e con la concentrazione di 4. si segnalava però l ‟attività in terra albanese di esponenti e agitatori italo-albanesi per l‟organizzazione di aiuti.L‟Italia e le rivolte per l‟indipendenza albanese nel contesto balcanico (1911) alcune ben precise fasi nel conflitto24. fasc. L‟ufficiale italiano prendeva dunque in considerazione lo stato di povertà. Mentre i rapporti con il Montenegro tornavano a deteriorarsi . in AUSSME. inducendo in qualche modo il governo ottomano a lanciare un proclama ai Malissori perché si ponesse fine alla rivolta. L‟indipendenza albanese (1911-1912)”. La seconda fase (29 marzo-16 aprile) era stata caratterizzata dalla guerriglia. b. senza esiti. Addetti militari. Sebbene il governo italiano avesse fin dall ‟aprile diffuso una nota attraverso l‟Agenzia Stefani con cui proclamava che avrebbe impedito con ogni mezzo la partenza di volontari per l‟Albania (posizione confermata in Parlamento il 13 maggio da un‟esplicita dichiarazione del principe di Scalea. ebbe inizio la quarta fase (15 maggio-12 giugno) durante la quale venne posto sotto stato d ‟assedio l‟intero sangiaccato di Scutari e furono riprese le operazioni contro i ribelli.

L‟indipendenza albanese (1911-1912)”. Per intervento del Montenegro. 29 Era infatti stato il Montenegro a indurre prima Roma e Pietroburgo a essere garanti delle concessioni che Costantinopoli avrebbe fatto agli albanesi. 19 gennaio 1912. 28 E. anche queste concessioni vennero rifiutate. poi a intervenire su Vienna. L‟ufficiale italiano ricostruiva le complesse vicende delle settimane precedenti. Andrea Carteny stesso.per lo scoppio del conflitto con la Turchia . cit. in Momenti di storia…. La seconda analizza il ruolo di Cetinje. Precisava ancora di aver cercato di mettere in evidenza le lungaggini e «le vie tortuose» che i Turchi avevano usato durante le trattative con i Malissori e di aver segnalato quei punti che facevano prevedere una nuova ribellione «per la prossima primavera» 28 . ma non porterà né a complicazioni internazionali né ad una guerra fra la Turchia e il Montenegro». Nel memoriale presentato dalla parte albanese si ribadiva la speranza di un equo trattamento e della concessione delle riforme promesse. ora 25/bis. Addetti militari. «potrà essere valevole a chi dovesse scrivere la storia degli avvenimenti contemporanei nei paesi balcanici». Questo appello rimaneva però senza effetti. l‟Austria-Ungheria e la Russia) di concordare un‟azione di pressione verso Costantinopoli. al pagamento delle tasse e al porto d‟armi. al Capo di Stato Maggiore. Il 26 giugno giungeva ai rappresentanti degli insorti albanesi una vaga promessa di concessioni da parte del governo ottomano e si esortavano gli albanesi a por fine alla sollevazione per la benevolenza del sultano.Antonello Biagini. L‟atteggiamento di resistenza dimostrato dai Malissori costringeva così il governo ottomano ad accettare le richieste degli insorti sulle questioni relative al servizio militare. fino a promuovere per il 23 giugno un incontro a Podgorica tra i capi albanesi e il rappresentante ottomano. Sofia. L‟indipendenza albanese (1911-1912)”. “VIII. cit. e alla scadenza dell ‟ultimo termine previsto per la sottomissione anche Cetinje concentrò alla frontiera una divisione di settemila montenegrini contro un‟eventuale invasione ottomana. Si chiedeva dunque una garanzia internazionale in merito e precise condizioni per la conclusione della pace. che sarebbe risultato “scavalcato” nella mediazione dell‟accordo. con alcune sintetiche considerazioni: la prima è la previsione che «sarà una fiammata più o meno grande. più o meno lunga. anche in seguito a un ulteriore prolungamento del suo termine di 10 giorni.a raggiungere il posto a Sofia. Fu così che il termine per la sottomissione venne ancora rimandato al 1° agosto per lasciar il tempo alle cancellerie delle potenze (in primis l‟Italia. Il rapporto. cit. “VIII. riportato anche in Biagini. b. perché non ostacolasse la mediazione. redatto con notizie ufficiali e ben controllate. perché concedesse di più e verso Cetinje. Merrone. 19. che aveva prorogato di 15 giorni il termine per la sottomissione al governo. «dopo l‟ultimo viaggio in Montenegro (seconda quindicina di settembre) fui costretto . in AUSSME. a maggior ragione in seguito alle devastazioni subite durante la repressione ottomana. “L‟ultima fase della…”. Merrone. Cfr. così come non aveva successo la mediazione del vescovo di Scutari (caldeggiata da Costantinopoli. Concludeva. quindi. e mi mancò finora il tempo per riordinare le notizie e gli interessanti documenti raccolti a Cetinje». 54 . rilevando alcuni atteggiamenti di doppiezza degli attori in campo ma anche la necessità della comprensione delle questioni in gioco per il successo della mediazione in funzione di una cessazione delle sollevazioni albanesi29. Finalmente il 3 agosto i Malissori accettarono l‟accordo sulla base delle concessioni concordate con il Montenegro e accettate dalla Sublime Porta ormai preoccupata dalle ripercussioni che la questione albanese stava causando ben oltre l‟area ristretta interessata dalle rivolte. visto che «il Montenegro fornì riportato anche in Biagini. Vienna e dalla Santa Sede) per indurre i rifugiati a rientrare. “L‟ultimo rapporto sulla ribellione del nord Albania nel 1911”. in Momenti di storia….

L‟indipendenza albanese…”. le armi al ritorno nella zona di combattimento. Biagini. rapp. tollerò che soldati montenegrini andassero a combattere a fianco del Malissori mentre dichiarava solennemente e formalmente di mantenere la neutralità».come si e di fatto avvantaggiato . Gli sforzi che nei mesi precedenti i capi albanesi avevano fatto per canalizzare il movimento insurrezionale verso migliori risultati venivano colti così in un rapporto del maggio 1912. munizioni e viveri agli albanesi ribelli. La terza considerazione era espressamente concernente alla condizione finanziaria del Montenegro. 431. “VIII. L‟indipendenza albanese…”. “Malcontento in Albania”. Merrone. riportato anche in A. 16 aprile 1912. e tendevano ormai a costituire una reale unione di tutte le componenti sociali e territoriali32. in AUSSME. dimostrando alla Turchia ed a tutte le altre nazioni che senza il concorso del Montenegro e senza il consenso di re Nicola. in AUSSME. 19. dalla primitiva fase di vano sogno di ingrandimenti territoriali verso Scutari. conclude Enrico Merrone. che dall‟ottobre 1910 all‟agosto 1911 si era notevolmente esposto il sostegno alle ribellioni30. dove risultano ormai in notevole fermento proprio gli ambienti interventisti: infatti. 33 Anche per queste ragioni.della nuova caratteristica a base nazionalistica ed autonoma della rivoluzione albanese di quest‟anno»: la strategia di Vienna.la Macedonia di aspirazione bulgara rimarrebbe inghiottita dagli albanesi»33. non avrebbe permesso un‟espansione bulgara verso il 30 31 55 . Sofia. e questo grande vilayet comprendesse la zona di maggior rivolta attuale e tutto il territorio a destra del Vardar .L‟Italia e le rivolte per l‟indipendenza albanese nel contesto balcanico (1911) continuamente armi. rapp. n. b. di nuovo. Sofia. l‟Austria e riuscita ad Ibidem. continua l ‟ufficiale italiano nel documento. “VIII. pur sapendo che nel paese manca una sufficiente preparazione» 31 . Conclusione L‟estate del 1912 diventa rovente proprio a partire dunque dalla Bulgaria. Merrone. In sostanza. cit. 19. riportato anche in Biagini. “Un documento ufficiale sull‟attuale inizio del movimento rivoluzionario in Albania”. 26 maggio 1912. finalizzata ad aprirsi una strada verso Salonicco. non era possibile arrivare alla pacificazione dell‟Albania». 547. E. n. Addetti Militari. Addetti militari. in cui si indicava la sostanziale differenza tra le insurrezioni del 1911 e quelle dell‟anno in corso: gli albanesi non erano più tanto divisi da rivalità religiose e tribali. da Sofia i partiti interventisti «sentivano istintivamente che l‟intelligente e continuo lavorio dell‟Austria in Albania e in Macedonia si sarebbe avvantaggiato . disarmò i fuggiaschi al passaggio del confine per poi rendere loro. Le previsioni espresse nel rapporto del settembre 1911 si avverarono puntualmente: nell‟aprile 1912 l‟ufficiale italiano informava lo Stato Maggiore che emissari di Vienna erano al lavoro per convincere i capi albanesi a richiedere l‟intervento dell‟Austria-Ungheria: «Gli albanesi mussulmani e cattolici sono tutti stanchi del regime giovane-turco. «qualora si formasse un unico grande vilayet d‟Albania. passò in ultimo al definitivo scopo di mantenere inalterato il prestigio sui Malissori. cit. I capi albanesi non sono affatto alieni dall‟incitare ad una prossima rivolta. b. tanto più ora per i soprusi enormi e le illegalità verificatesi durante il periodo elettorale. Merrone definisce questo un «processo psicologico che. 32 E.

fu allora che. Sangiaccato di Novi Pazar. Dunque. Cfr. le voci. cit. Roma aveva puntato sull‟Africa. 6 agosto 1912. Sofia. È dunque da Costantinopoli e da Sofia che giungono a Roma i sentori. Miraggi. ma anche dalle province in questo periodo particolarmente in ebollizione. veniva inaugurata una fase di competizione tra Roma e Vienna responsabile di una graduale “corrosione” della Triplice Alleanza che si manifesta attraverso i riferimenti alla tradizione risorgimentale di rivendicazione delle terre irredente. Torino. Merrone. per superare la crisi economica e sotto la spinta dalle correnti espansionistiche. le avvisaglie e le reazioni provenienti non solo dagli ambienti di corte ottomani e balcanici. di fatto già dalla metà del primo decennio novecentesco. C‟era una volta la Libia: 1911-2011. Vienna a maggior ragione avrebbe potuto estendervi la sua “protezione”. pp. 34 Ibidem. 32-33.Antonello Biagini. però. un ruolo importante per i destini dei popoli della regione: ben prima della svolta maturatasi durante le “radiose giornate” del maggio 1915.. Historia e Shtetit Shqiptar. 56 . A. “Bande bulgaro-macedoni in Macedonia e la questione macedone in relazione alla questione albanese”. era ormai inesorabilmente in marcia. L‟Italia e le guerre…. l‟Austria-Ungheria avrebbe potuto continuare il suo “lavorio” sotterraneo di propaganda e denaro. ancora una volta. b. ma anche nella concorrenza per il controllo dell‟Albania. 2011. Storia e cronaca. in una produzione storiografica varia e di recente produzione. e si sarebbe finalizzato con la costituzione del primo Stato albanese nella storia moderna d‟Europa35. se tale zona fosse stata interamente costituita come provincia turca dell‟Albania. 35 Cfr. Dervishi. 55 Shtepia Botuese. 19. Come precedentemente articolato. riportato in Biagini. 2006. Tiranë. 36 Cfr. L‟Italia avrebbe giocato. 1912-2005. mentre se l‟Albania fosse divenuta una provincia autonoma o indipendente. con la campagna di Libia e il conflitto contro l‟Impero ottomano (1911-1912)36. Andrea Carteny ottenere dalle piu varie situazioni diversi numerosi vantaggi per la sua politica di espansione 34 : il processo di affrancamento dei gruppi albanesi. E. Biagini (a cura di). K.

Il essaye de mettre en lumière.). The Entente and the Central Empires used “divide et impera” principle. signed in Bucharest. Consiliere şi Orientare în Carieră a Studenţilor (C. “Constantin Brâncuşi” University of Târgu Jiu. QUELQUES TEMOIGNAGES DOCUMENTAIRES ROUMAINES ET FRANÇAISES Hadrian Gorun Mirabela Eleonora Tufan Abstract This article is a short analysis of the relations between the Romanian Kingdom and the Russian Empire and between Romania and Bulgaria in the eve of the World War I and at its beginning. “Constantin Brâncuşi” University of Târgu Jiu. Petrograd and Sofia. International Relations. Due to the historical events in the past and the obvious Russian expansionist tendencies. Centrul De Informare. Finally Romania and Bulgaria adhered to rival belligerent blocks. S. the relations between the two countries worsened. The Balkan geopolitical region was found in an endless turmoil so we attempted to point out the special dynamic of this space and the new balance of power after the second Balkan war and the peace treaty of 1913. when Romania obtained South Dobrudja (Cadrilater) from Bulgaria.D. Romania‟s relations with its Southern neighbour remained strained. C.DES CONSIDERATIONS SUR LES RELATIONS ROUMAINO-RUSSES ET ROUMAINO-BULGARES AU DEBUT DE LA PREMIERE GUERRE MONDIALE. the Great Powers. Balkans. Methodologically. But the territorial compensations involved reciprocal concessions and the Balkan states were reluctant to this subject. par une méthode que nous pourrions appeler «triangle» . we used a “triangular” approach referring to the relations between Bucharest.. Lecturer Ph. Paris et en celles militaires de Vincennes. Bulgaria and Serbia. If the relations between Bucharest and Petrograd became better at the beginning of the First World War. Keywords: World War I. mais aussi dans les Archives Nationales de Roumanie. Romanian authorities had no confidence in the Empire of the tsars. . I. Counselor. After 1913. Romania L‟article ci-dessous est basé principalement sur des sources originales détectées dans les archives diplomatiques de Quai d‟Orsay. as Romania. Another way to maintain the balance of power referred to territorial compensations in the favour of these states. trying to obtain military aid from the neutral Balkan states.les relations de la Roumanie avec les deux États slaves. These concessions would determine the normalization of the relations between Romania and Bulgaria on the one hand and between Bulgaria and Serbia on the other hand. O. The Governement leaded by Vasil Radoslavov wanted to revise the Treaty of 1913. C. It is based mainly on the documents from Romanian and French archives.

Editura Humanitas. Timişoara. à se battre pour obtenir les territoires roumains. 1997. Argetoianu. Ce dernier n‟a pas accepté toutes les conditions imposées. Editura Dacia. L‟historique américain G. România în anii neutralităţii (1914-1916). se pronnoncer pour l‟adoption d‟une position de neutralité ou. p. C. la Roumanie aurait eu le devoir d‟intervenir en faveur de la double monarchie seulement si l‟Autriche-Hongrie aurait été la victime d‟une agression militaire. C. I. Comme les opérations militaires ont eu lieu à proximité de ses frontières. f. 1975. G. a été assassiné à Sarajevo1. Editura Helicon. Duca. 1916. E. Cluj-Napoca. Editura Ştiinţifică şi Enciclopedică. Center for Romanian Studies. Ou tout simplement Vienne avait été celle qui avait lancé l‟agression contre la Serbie. et l‟AutricheHongrie a déclare la guerre à la Serbie. Par la suite. au contraire. Le traité de la Roumanie avec les Puissances Centrales. 83. Torrey a souligné que la majorité des diplômés présents au Conseil de Couronne respectif ont tombés d‟accord sur la neutralité de la Roumanie. Voir Glenn E. Rosetti. parmi d‟autres. Popa. Fond Diamandi. Nuţu. 1999. 1981. l‟action unilatérale et agressive de l‟Autiche-Hongrie. Bucureşti. a absolvé la Roumanie de toute obligation assumée par le traité signé en 1883. Iaşi. România şi Franţa la începutul secolului al XX-lea (1900-1916). p. 1914-1916”. M.27 Août 1916.) 27. R. La déclaration de la neutralité Le 28 Juin 1914. de la Cour et de l‟État. 1 58 . V. dirigé contre la Serbie. Editura Eminescu. Bucureşti. la neutralité de la Roumanie reste neutre adoptant dans le même temps toutes les mesures nécessaires pour la défense des frontières. Editura Ştiinţifică. Bucureşti. 1972. 1-2. a marqué le début de la Première Guerre mondiale. 3 Arhivele Naţionale Istorice Centrale (ANIC. le prince héritier d‟Autriche-Hongrie. pp. qui étaient sous la domination de l‟Empire austro-hongrois. Memorii.). Mirabela Eleonora Tufan 1. Presque immédiatement. Bucureşti. Bulei. signé en 1883. Torrey. 1992. 1991. Bucureşti. La Roumanie n‟a pas violé le traité d‟alliance avec les Puissances Centrales de 1883. R. 10. Ce traité prévoyait casus fœderis. Primul război mondial 1914-1918. I. in Romania and World War I. Oxford. Le début du conflit mondiale et les dilemmes de la Roumanie. contre le souhait exprimés par le roi Carol Ier. Imprimerie I. Mărturisiri (1914-1919). Vesa. 1979. Dosar (D. Vienne. 152. Ainsi. Arcul aşteptării 1914-1915-1916. Donc. Voir aussi. Ainsi. le conflit armé est devenu progressivement une guerre mondiale. L‟assassinat du prince héritier de la double monarchie a representé «l‟étincelle» qui a conduit à l‟éclatement de la première guerre mondiale un mois plus tard. les autorités Austro-hongroises ont envoyé un ultimatum à la Serbie2. Franz Ferdinand.Hadrian Gorun. 2 Documents diplomatiques concernant les rapports entre l ‟ Autriche-Hongrie et la Roumanie: 22 Juillet 1914 . Pentru cei de mâine. “Romania and the Belligerents. les autorités Roumaines compétentes devaient choisir entre trois options: entrer en guerre avec les Puissances Centrales. Portland. N. Editura Modelism. est devenu finalement obsolète3. Amintiri din vremea celor de ieri. les grands pouvoirs qui formaient les deux blocs politico-militaires (Antanta et la TripleAlliance) ont déclaré la guerre l‟un à l‟autre. Le Conseil de la Couronne réuni à Sinaia le 21 Juillet/3 Août 1914 a décidé. L‟attaque austro-hongroise de 28 Juillet 1914. s‟engager militairement de la part des puissances qui composaient Entente et de cette façon.

l‟Empire Tsariste était assez réticente à cet égard. p. Cahul. Cet idéal impliquait l‟union de la Transylvanie. D‟elle se liaient les espérances Roumaines concernant la réalisation de l‟idéal national. La Bessarabie était une province de l‟Empire des tsars et la Russie faisait partie d‟Entente. voir M. p. en dépit de la visite du Tsar Nicolas II à Constanţa. la Russie a continué. mais surtout avec Antanta. Gorun. sous le couvert de l‟ancien statut de protectrice. Bolgrad et Ismail reviennent à l‟État roumain.Quelques témoignages documentaires roumaines et françaises 2. “Analele Universităţii Bucureşti”. La domination sur la ville de Constantinople et les controle du Bosphore et des Dardanelles representaient les objectifs essentiels de l‟Empire des Romanovs. Cependant. 1969. En outre. ce qui a duré jusqu‟en 1878. La méfiance de la Roumanie en Russie Dans la période après la déclaration de neutralité. Le protectorat tsariste dans les Pays Roumaines a été institutionnalisé par la convention d‟Akerman de 1826 et. 4 59 . le protectorat unilatéral exercé par la Russie sur la Moldavie et les Pays Roumaines a été remplacé par la garantie colective des grandes puissances européennes. N. la Russie s‟est emparé de nouveau sur la Bessarabie entiere. Cluj-Napoca. par le traité d‟Andrinople de 1829. Ulterieurement. au cours du XIXème siècle et au début du XXème siècle. Popa. En 1856. Ses prétentions concernant le Constantinople et les Détroits Bosphore et Dardanelles étaient évidentes. au cours du Congrès de Paix de Paris. 69. Contribuţii privind relaţiile româno-franceze în anul 1914. Les projets de la Russie représentaient aussi une raison d‟inquiétude pour les officialités roumaines. l‟attitude pas sincère du passé de celui-ci pèsait lourdement.Des considérations sur les relations roumaino-russes et roumaino-bulgares au début de la Première Guerre mondiale. de la diplomatie roumaine a eu des négociations avec les groupes belligérants. les premisses d‟une hégémonie. le Congrès de paix de Paris a décidé que les comtés de Sud de Bessarabie. 2009. Au début du conflit mondial. l‟acquisition du concours de la Roumanie dans la guerre. La Roumanie représentait un obstacle pour les Russes qui leur barrait la voie vers les Detroits. après la guerre russo-turque de 1806-1812. Editura Argonaut. après un bref intermède de l‟administration roumaine. H. Le statut du «protecteur» de la Russie légitimait ses interventions et ses ingérences. La province entre Prut et Nistru a été incorporé à l‟Empire des tsars en 1812. le voisin de l‟Est de la Roumanie a montré de nouveau une attitude hostile. en juin 1914 5 . sa politique d‟agir en tant que protecteur des Etats et des peuples slaves et (ou) orthodoxes des Balkans. Cependant. les rapports de la Roumanie avec la Russie n‟étaient pas trop cordiaux. l‟armée russe essayant à occuper des parties du territoire roumain4. la Roumanie prenant en echange Dobrogea et Delta du Danube. Si la République Française représentant l‟État qui voulait le plus. 2. de la Bukovine et du Banat avec l‟Ancien Royaume. L‟adheration de la Roumanie au bloc d‟Antanta dans la première conflagration mondiale a été reportée aussi par la présence de l‟Empire tsariste en alliance. d‟essayer imposer sa domination sur les Balkans et de saisir des nouveaux territoires. en particulier. La Russie a continué aussi plus tard à montrer de fortes tendances hégémoniques. On ne pouvait pas parler de l‟acquisition de la Bessarabie. a toujours créé. À la fin de la guerre russo-turque de 1877-1878. y compris dans les affaires intérieures des Principautés Roumaines. 28. 5 Concernant cette visite. Relaţii politico-diplomatice şi militare ale României cu Franţa în primul război mondial.

cette dernière étant persuadé par Paris d‟accepter l‟intervention roumaine en Bulgarie. la Bulgarie a montré des frappantes intentions révisionnistes. p. mettait en cause la balance du pouvoir. sans que les représentants des grandes puissances soyent presents. Ce pays acquisait de la Bulgarie la Dobrudja du Sud (le Quadrilatère). Elle a joué le rôle d‟un élément modérateur dans le fonctionnement de l‟équilibre de pouvoir de l‟areal balkanique. Oprescu. la region balkanique a été identifiée comme la poudrière de l‟Europe. un acte inamical contre l‟Autriche-Hongrie6. “Revista de istorie”. en intervenant contre la Bulgarie. L‟alliance balkanique de 1912. V. p. le pouvoir le plus important dans la région. L‟action anti-bulgaire du Royaume Roumain constituait. En raison de sa dynamique speciale et en raison de l‟instabilité augmentée. Évidememt que les autorités de Bucarest ont décrété la mobilisation. L‟État vaincu a été obligé de faire aussi des concessions territoriales en faveur de la Grèce et de la Serbie. 1983. Vesa. celle-ci a émergé comme une puissance régionale. c‟est l‟attitude de la Roumanie dans la seconde guerre balkanique. Intéressant. 7 P. en réserve et n‟intervenant que lorsque la Bulgarie. la Serbie et la Grèce. Les cercles dirigeants de Bucarest agiront toujours en faveur de la préservation du statu quo établi par le traité de 1913. ayant le l‟accept des grandes puissances. Les relations sont caractérisées par une tension latente après la Seconde Guerre balkanique. initialement en se maintenant délibérément en attente. “Revue Roumaine d‟ Histoire”. Problema naţională în politica externă a României din preajma primului război mondial. se traduisant par la signature du traité de 10 août 1913. Mirabela Eleonora Tufan Certains milieux russes préféraient la version d‟une collaboration militaire avec la Bulgarie. en fait. en devenant hégémonique. Les tensions dans les relations roumano-bulgares Une réalité similaire on peut observer si nous analysons les relations de la Roumanie avec son voisin du Sud du Danube. un affront. Le Bucarest avait affirmé sa volonté d‟avoir une totale liberté de choix du moment de l‟action. parce que la Bulgarie a été perçue comme état protégé par la double monarchie. L‟implication de la Roumanie dans le deuxieme conflit balkanique a une signification particulière. La Roumanie et la politique des grandes puissances à la veille de la Première Guerre Mondiale (octobre 1912 . L‟organisation de la conférence de paix de Bucarest. constituait une preuve indéniable de la reconnaissance du statut privilégié de la Roumanie. 4. en suggèrant l‟enlèvement de l‟Empire dualiste austro-ungaire. d‟une manière voilée. la Bulgarie pouvait modifier le rapport des forces dans la région.août 1914). Il a opposé la Bulgarie aux anciens alliés. Les ressentiments et les souhaits vengeances des Bulgares pourraient éclater à tout moment avec énergie et violence. 46. 6 60 . XV. à travers ses actions. qui a gagné la victoire sur l‟Empire ottoman n‟a pas duré. à laquelle a contribué de manière décisive la Roumanie. la Bulgarie. V. En plus. 1100. 80. Après la défaite de la Bulgarie dans la seconde guerre balkanique. Un nouveau conflit a commencé dans cette région très importante du point de vue géostratégique. Maciu. 3. la France et la Russie. 11.Hadrian Gorun. 1976. XXXVI. Sur l‟insistance de la France. la Russie a choisi de ne pas agir dans la direction de réviser ce traité 7 . Naturellement.

10 H. dans la sphere de l‟influence des Puissances Centrales. la neutralité roumaine est préférable à son entrée dans la campagnie et que son intérêt . le 28 juin/10 août 1914. au moins de jure. Cette tactique. Série Attachés Militaires en Roumanie. 14. 337. 38. 28 iulie/10 août 1914.est de conserver ses forces [. synonyme avec le principe divide et impera. les cas de la Roumanie. des actions dirigées contre lui par les voisins. SousSérie Roumanie. Il ne serait pas préférable d‟attendre que la Roumanie décide elle-même d‟entrer en action. Entente a commencé les demarches difficiles pour gagner le soutien des pays qui gravitaient.Quelques témoignages documentaires roumaines et françaises Une action militaire de la Bulgarie contre le Royaume de la Roumanie n‟était pas impossible parce que la récupération du Quadrilatère de la Roumanie. De divide et impera au principe des compensations territorialles. no. jusqu‟à ce moment ont jugé nécessaire de rester en position neutre ou en attente. si la Bulgarie ou la Turquie ne l‟avait pas obligée? [. D. Historia”. L‟approche entre la Roumanie et la Russie et des tentatives Roumaines de parvenir à un modus vivendi avec la Bulgarie Dans leur tentative d‟obtenir un avantage militaire et psychologique devant le preopinent. Série Guerre. Blondel s‟attendait que les événements évoluent et l‟entree de la Roumanie en guerre soit le résultat de circonstances hostiles.Des considérations sur les relations roumaino-russes et roumaino-bulgares au début de la Première Guerre mondiale. Demersuri ale Antantei pentru normalizarea raporturilor româno-bulgare în vederea reconstituirii unui bloc al statelor balcanice. 2006. le ministre plénipotentiaire de France à Bucarest. Carton 7N 1455. Le 10 août 1914. exactement une année après la Roumanie est devenue la plus grande puissance régionale dans les Balkans. le capitaine Jules Pichon.. on peut deduire qu‟il n‟était pas exclu ni que la Roumanie elle meme prenne l‟initiative d‟une attaque contre son voisin meridional. a conçu pour recréer le bloc balkanique né en 1912 contre la Turquie. “Sudia Universitatis Babeş-Bolyai. les deux camps rivals (Entente et les Puissances Centrales) ont cherché à attirer dans la guerre des pays qui. La position de la Bulgarie tenait en suspension l‟action roumaine. La Roumanie hésitait entre la possibilité de traverser le Danube pour la seconde fois. de la Bulgarie et de l‟Italie étant claires. L‟attitude indéfinie de la Bulgarie et l‟indécision de la Roumanie ont été soulevées aussi par l‟attachement militaire de la France à Bucarest. se constituait dans un levier classique de maintient ou rétablissement de l‟équilibre du pouvoir. 2.]. pour arrêter les Bulgares sur le chemin de la Macédoine et le risque de passer les Carpates sous la menace bulgare en arrière 9 . pp. Le Rapport du capitaine Pichon au ministre de la guerre. 9 Service Historique de l ‟Armée de Terre (SHAT). Archives du Ministère des Affaires Etrangères Français (AMAEF).]»8. Donc.. 8 61 . constituait le grand défi pour les autorités de Sofia. 4. f. Gorun. perdu en 1913.. Entente (en particulier la Russie et la France).. 97-113.tout comme le nôtre . Jean-Camille Blondel a télégraphié au Quai d‟Orsay: «Je continue à croire que pour le moment. Il est connu le fait que la Bulgarie avait de fortes disputes territoriales avec la Serbie et la Grèce concernant la Macédoine. qui visait de detruire ou au mois l‟affaiblissement du camp rival. cette fois-ci suivant d‟inclure également la Roumanie10.

Compte tenu de l‟orientation predilecte en faveur des Puissances Centrales de la majorité de la classe politique bulgare et de l‟opinion publique. Étant donné l‟augmentation considérable du rôle de la Roumanie dans le Sud-Ouest de l‟Europe après le traité de Bucarest. est devenu. l‟activité des cercles pro-allemands a été très forte et même les autorités s‟inclinaient pour les Puissances Centrales13.Hadrian Gorun. 11 62 . 13 Ibidem. à travers des discussions et des négociations. ont réagi négativement aux propositions du gouvernement bulgare que ce cas soit enquêté par une commission internationale. Mirabela Eleonora Tufan Si les relations de la Roumanie avec la Russie etaient loin d‟être considérés comme des relations de confiance et d‟amitié. mais aussi en Bulgarie. 133. Stanislas Poklevski-Koziell. en rappelant les bonnes rapports entre les deux États dans la periode pré-paix de 1913. La position de la Russie vers la Roumanie s‟est modifiée tout d‟un coup. le 23 juillet/ 5 août. attentives à l‟attitude des bulgares et des grandes puissances. qui a pris fin avec l‟entree des deux pays dans des camps beligerantes opposés. Juste après la déclaration de neutralité. p. en adoptant une politique d‟attente et de contrôle. les relations de Sofia avec Belgrade. Les cercles gouvernamentales roumaines. 130. 1914. le ministre tsariste de la Légation du Pétrograd a présenté au gouvernement Ion Bratianu un projet de convention militaire russo-roumaine. Seria Ştiinţe Sociale. La politique étrangère du gouvernement Radoslavov a eu la tendance à normaliser les rapports avec les voisins11. Ce projet stipulait l‟engagement de la Roumanie avec toutes les forces d‟une coopération avec la Russie contre l‟Empire austro-hongrois. celles roumanobulgaires se sont caractérisées. p. il y avaient des tendances pour realiser un rapprochement roumano-bulgare. p. tirant l‟espoir que leurs objectifs de politique étrangère seront remplis. les autorités russes semblaient être satisfaits de la version adoptée à Bucarest. En Bulgarie. Ils se sont déclarés neutres. les autorités bulgares ne pouvaient pas être indifférentes à la situation que le voisin du nord de Danube va adopter dans le développement ultérieur des événements. Initialement. “Analele Universităţii Bucureşti. Après le second conflit balkanique. XVII. le gouvernement de Vasil Radoslavov regardait avec prudence une alliance avec les autres États balkaniques. Nastovici. 132. Dans l‟été de l‟anée 1914. Istorie”. à partir de ce moment. Si en Roumanie était preponderent le courant proantantist. Cu privire la unele aspecte ale relaţiilor româno-bulgare în anii 19141916. En Roumaniem. en proposant la creation d‟une commission mixte roumano-bulgare dans ce sens 12 . les intentions révisionnistes ne se sont pas manifestées qu‟au niveau diplomatique. 12 Ibidem. La E. en Bulgarie. La tension et la froideur qui ont survenu incontestablement après août 1913 ont été stimulées un an plus tard par quelques incidents de frontière. Athènes et Bucarest s‟étaient détériorées. 1968. par une évolution sinueuse. en général. au contraire. la Bulgarie finira par rejoindre le bloc militaire respectif. extremememnt evidente la séparation très claire des milieux politiques après leur adhésion à l‟un des deux groupes combattants. Les concessions territoriales auxquelles a été contraint d‟accepter la Bulgarie en faveur des gagnants ont généré l‟exacerbation de l‟esprit révisionniste bulgare. La Roumanie et la Bulgarie ont oscillé entre les deux blocs belligérants.

Reorientarea politică a României şi neutralitatea armată 1914-1916. N. 2. „Rusia şi intrarea României în război” . a déclaré que la Russie serait prête à garantir l‟intégrité territoriale de la Roumanie à cette époque. C. par exemple. Fond Diamandi. À la base de l‟établissement des frontières. 27. au cas d‟une attaque bulgare au cours de la coopération militaire roumaino-russe15. M. Roumanie. en Bosnie et Herzégovine16. D. Derussi eu une discussion. Bucureşti. p. les Puissances Centrales cherchaient. Bucureşti. Danilov. ed. f. Les limites des territoires respectifs seront déterminées plus tard. Pour donner à la Bulgarie des territoires et de la persuader à joindre l‟alliance balkanique. à titre personnel. avec Seres et Drama de la Grèce. f. Brătianu a eu à ennoncer une objection sur la forme prévue de la proposition russe. D. Editura Militară. 137. D. Pour la Roumanie. f. A. Preda. Ş. n‟a été pas possible qu‟avec la promesse que ses aspirations nationales seront réalisées. se trouvait le principe de la majorité de la population. et pour la Serbie. Mărturii documentare. in România în timpul primului război mondial. Soit le projet respectif visait seulement une coopération militaire14. Le projet de la convention laisse à l‟attitude de la Roumanie le moment lorsque on va commencer les opérations militaires pour libérer les territoires roumains incorporés dans l‟empire dualiste. dont il a informé. 120-121. 15 AMAEF.Quelques témoignages documentaires roumaines et françaises Russie s‟obligeait de ne pas arrêter la guerre contre l‟Autriche-Hongrie avant que les territoires qui se trouvaient sous la domination de la double monarchie et habités par la population roumaine soient reçus par la Couronne roumaine. 28/1914. Guerre. Pâslaru. et la convention respective suivait rester en vigueur jusqu‟à la signiation de la paix entre la Russie et l‟AutricheHongrie. M. à condition que le ANIC. les compensations territoriales seront etre cherchées en Transylvanie et Bucovine. La Bulgarie va obtenir le Quadrilatère de la Roumanie et Kavalla. Cette fois. la Roumanie devait s‟angajer à ne pas signer la paix avec l‟Autriche-Hongrie qu‟avec le consentement de la Russie et dans le meme temps avec elle. 14 63 . Panafieu. 1996. non seulement au détriment de la Turquie. certainement.. au risque même de nuire aux intérêts de ses voisins. à 9 Août 1914. f. la Serbie et la Grèce. pp. Georgescu.. f.Des considérations sur les relations roumaino-russes et roumaino-bulgares au début de la Première Guerre mondiale. Editura Paideia. Iordache. À son tour. L‟insatisfaction des États qui auraient été privés de ces territoires sera limitée ou éliminée par quelques compensations. La mise en place du bloc balkanique conçu s‟est heurtée des grosses difficultés. Le Premier Ion I. à quelques sacrifices au cadre des nouveaux associations balkaniques. Le Ministre de la Roumanie à Sofia. 17. mais aussi de la Roumanie. 16 I. D‟autre part. sous le patronage de la Russie et de la France. À cet égard. à leur tour. que son gouvernement serait d‟accord. Les États Roumaines et russes seront responsable se mettre d‟accord sur la façon de la coopération. 531. 1998. 13. la balance de pouvoir aurait été préservée par le principe de la compensation territoriale. la Serbie devait renoncer à une grande partie de la Macédoine. Stănescu. 105-107. Le Ministre des Affaires Étrangères. Attirer la Bulgarie dans l‟alliance balkanique. de créer un front bulgaro-turque-roumaine sous son propre contrôle. Chaque État viseait à obtenir son propre profit. avec son homologue français. 110-112. cela impliquant des grands sacrifices de leur part. C. pour Grèce en Epir. en notant à juste titre qu‟une convention militaire ne pouvait être que le résultat d‟un traité politique. D. il était nécessaire de garantir à étendre le territoire. Serghei Sazonov.

Comme moyen de menace. Emil Lahovari a proposé d‟utiliser le soidisant douche écossaise. et la facilitation des transports russes conçu pour atteindre la Serbie . 27. son homologue français. le dernier s‟engageant à rester neutre. Ibidem. La Roumanie continuait à exprimer des inquiétudes sur l‟attitude Bulagariei. Radev. le diplomate russe.Hadrian Gorun. 217. Pour parvenir à une attitude pacifique de la parte de Bulgarie. Donc. En d‟autres termes. Ibidem. le ministre plenipontiaire de la Roumanie à Paris. on lui reconnaisait le droit d‟incorporer les provinces de l‟Autriche-Hongrie habitées par une majorité roumaine et le consentement de disposer du pouvoir de decision sur le moment opportun pour occuper les provinces respectives. D. a réaffirmé vers Jean-Camille Blondel. Le gouvernement roumain a refusé la proposition de la Russie de coopérer militairement. un accord a été signé entre la Russie et la Roumanie. D. Iordache. pour éviter ainsi un conflit avec l‟Entente. Le problème des concessions pour le Royaume de la Roumanie n‟a pas été envisagé lors de la réalisation d‟une paix séparée. Le 7 Octobre 1914. contre les Russes. Sous-Série Balkans.Roumanie recevait des garanties pour son intégrité territoriale. Constantin Diamandi. Si nous donnons confiance aux mots du représentant de Sofia. et leurs désirs était de parvenir à un accord avec la Roumanie. Torrey. 183. f. 2. en declarant que dans cette partie de la guerre. ANIC. En échange de sa neutralité bienveillante . qui restaient toujours impénétrables. l‟idée que la Bulgarie va se maintenir en neutralité. De plus. les pourparlers de paix distincte menées plus tard par le gouvernement russe ont révélé la violation de l‟accord du 18 Septembre/1 Octobre 1914 22 . les Bulgares ne pouraient pas combattre la lutte. p. f.qui implique l‟arrêt des livraisons de matériels de guerre pour la Turquie dans son territoire. la Russie devrait envoyer des navires de guerre à Varna avec un corps de troupes de débarquement recruté des troupes de Caucase19. la Roumanie aurait montré sa disponibilité d‟accepter les cessions territoriales en faveur de la Bulgarie que si les Alliés auraient reconnu comme incontestables les droits de l‟État roumain sur la Transylvanie18. Mais le 18 septembre/1 octobre 1914. 60. 64 . Série Guerre. Dans son avis. En outre. A.58. La Roumanie avait l‟intention de surveiller l‟attitude de la Bulgarie dans les premiers mois de conflit20. Mirabela Eleonora Tufan problème de la Transylvanie soit resolu en conformité avec les aspirations nationales de la Roumanie17. Ibidem. à condition que la double monarchie accepte les concessions en faveur de la Serbie21. 16. ses projets. Fond Diamandi. Mais 17 18 19 20 21 22 AMAEF. on devrait reserver les efforts pour maintenir l‟équilibre des balkanique. Dans une conversation avec le plénipotentiaire de la Roumanie à Pétrograd. la Bulgarie n‟avait pas décidé d‟attaquer la Serbie jusqu‟à ce moment. le baron Maurice Schilling a également abordé la question d‟une paix séparée possible avec l‟Autriche-Hongrie. ministre de la Bulgarie à Bucarest. l‟idée n‟a pas été rejetée par les cercles dirigeants tsaristes. même si la Roumanie entra en action. qui soient combinés avec les promesses des territoires avec les menaces.

f. Sazonov. 27. 123-124 ANIC. Ibidem. f. D. la Roumanie en Transylvanie24. si l‟exécutif roumain souhaiterait sincèrement de parvenir à un modus vivendi avec la Bulgarie. en tenant d‟invoquer le danger bulgare pour expliquer son inaction. Compte tenu de ces réalités. aprofondaient les contradictions et les rivalités entre eux. à la fin d‟octobre 1914. Il y avait des grandes craintes t répandues que la Russie pourrait emparé la Mer Noire et les Détroits. 27. tandis que la Bulgarie était entrée en possession de la ligne Turtucaia-Balcic25. mais aussi de guerre. Diamandi. Le fait est que le 27 octobre 1914. Toutefois. Quelques diplomates roumains. d‟une part à cause de la guerre austro-hongrois-serbe et d‟autre part. cette chose serait possible grâce à l‟arbitrage de Russie. au gouvernement roumain ne lui sourit pas idée d‟un tel accord. Le représentant diplomatique de la Roumaine à Petrograd. Blondel a voulu une explication officielle du gouvernement russe. En échange. En novembre 1914. Le deputé nationaliste russe Krupenski a procédé même à des propositions concrètes lors d‟une réunion de la Duma. D. la Russie aurait gardé la dominationsur les Détroits. aspirait à la réalisation d‟un accord serbo-bulgaire. 23 24 25 26 AMAEF. les deux pour tous les types de navires. 216. f. Guerre. Constantin Diamandi a suggéré qu‟elle soit décrétée la neutralité commerciale des Détroits et du Constantinople. en fait. en plaidant pour le retour de la Bessarabie à la Roumanie. la Roumanie a été inquiete en ce qui concerne les Détroits et voulait obtenir des assurances ou meme des engagements à cet égard. 65 . Ibidem. D. si le voisin du sud de la Roumanie consentirait à intervenir militairement contre la Turquie 23 .Des considérations sur les relations roumaino-russes et roumaino-bulgares au début de la Première Guerre mondiale. pour éviter tout doute planer sur les principes de la liberté et l‟internationalisation des Détroits Bosphore et Dardanelles26. La proclamation du tsar de Russie Nicolas II. qui au lieu de rassembler des États balkaniques. qui met fin à ces hypothèses. ou le Bucarest excluait dès le début cette alternative. par contraste. à cause des intérêts profondément divergentes. I. 279. Le ministre des Affaires Étrangères Russes. vol. principalement à Bucarest. Dans tous les cas. Cette proclamation exprimait l‟espoir que la guerre russo-turque se terminera par le triomphe du programme hégémonique initié par Petru cel Mare. La zone était encore assez mixte.Quelques témoignages documentaires roumaines et françaises celui-ci n‟était pas réceptif aux initiatives bulgares. a entraîné une escalade des troubles des didensions de la guerre qui ont causés des troubles. 337. 30. Une entente avec la Bulgarie n‟était possible que par la cession du Quadrilatère. tels que le ministre de Petrograd sentait une éventuelle action simultanée: la Bulgarie en Thrace. Blondel croyat que. Toutes les parties etaient heureuses. Malheureusement. f. Il a suggéré une bargaining. Par conséquent. la diplomatie d‟Antanta a été convaincue qu‟un engagement militaire de la Bulgarie impliquerait l‟embauche en Roumanie. Roumanie. D. Sazonov preconisait la forme d‟une alliance avec la Roumanie et la Bulgarie. du 8 Novembre 1914. mais aussi l‟octroi du droit de libre passage en temps de paix. 230. un nouvel événement a enflammé encore plus les esprits dans la region balcanique. mais les chances de reussite étaient faibles en raison du contentieux macédonien et des ressentiments trop récents des deux parties qui faisaient la conciliation improbable.

. Le dialogue et les négociations se sont prouvés insufissantes en essayant d‟apporter dans le même camp tous les États de la région balkanique. La Roumanie continuera dans l‟état de neutralité pour plus d‟un an. 10. et la Bulgarie. f. D. finalement elle va se rallier aux Puissances Centrales en octobre 1915. Mirabela Eleonora Tufan Lorsque le gouvernement roumain a demandé des explications à la Russie en ce qui concerne la proclamation respective. Les intérêts nationaux particuliers demeurent une priorité et étaient trop importants pour faire plus place aux concessions. Diamandi. après que la Turquie a rejoint également le même bloc militaire depuis novembre 1914. 66 . 27 ANIC. les cercles dirigeants de Russie ont montré une attitude méprisante en disant que la Roumanie n‟avait pas le droit de participer à la réglementation des questions de première importance27. Ainsi. même si la diplomatie de l‟Antanta a travaillé dur pour attirer. les relations russo-roumaines et roumano-bulgaires étaient tout à fait froids. cette réalité constituant une cause de l‟échec de reconstituer un bloc balkanique. 29.Hadrian Gorun.

D. its political landscape and economic aspects. Azerbaijan and Georgia. The Russian threat. Tsarist Empire.was important for the building of Italian relations with the Caucasians. The Italian delegation. The shortliving Transcaucasian federation split in three national and ethnic-based independent States: Armenia.LA PRIMA INDIPENDENZA DELL‟AZERBAIGIAN NEI DOCUMENTI MILITARI ITALIANI (1919-1920) Daniel Pommier Vincelli Abstract After the dissolution of the Tsarist Empire in 1917 and the Bolshevik coup staged in November. la sconfitta e la successiva dissoluzione dei grandi imperi plurinazionali (come quello asburgico e ottomano) così come la drammatica trasformazione dell‟impero zarista .alleato fino al 1917 delle potenze dell‟Intesa .compongono il quadro di un nuovo sistema politico e istituzionale. Karabakh). after years of ambiguity. After England in spring 1919 decided to withdraw its troops from Caucasus due to the financial burden of occupation.which have been recently published by Daniel Pommier and Andrea Carteny . Armenia and Azerbaijan and successfully paving the way to an occupation of the whole area by the Italian troops. Instead of seeking a unity of intents. The three democratic republics were ill-fated as the Red Army invaded Caucasus and communist parties seized power in 1920-1921. e soprattutto Lecturer Ph. La rivoluzione di febbraio 1917 e la successiva presa di potere da parte del bolscevismo nell‟ottobre dello stesso anno. The rich and almost unsearched papers of the Gabba mission . aprono scenari nuovi e imprevisti sia in Europa centro-orientale sia nei territori caucasici e dell‟Asia minore. The twenty months mission of colonel Gabba. the Southern Caucasus faced both independence and turmoil. to the Caucasian States. Back to Italy in summer 1920 . The seizure of power by Soviets interrupted a pro-western stance of Georgia and Azerbaigian which resurfaced after the second independence in 1991. Days before the landing of the Italian troops the mission was repealed. Italian Military Documents. Independence Introduzione La fine della Grande guerra.. Their international recognition was delayed until early 1920 when the Entente powers acknowledged the inevitability of Soviet invasion and switched. Keywords: Azerbaigian. turned into a diplomatic mission in charge by the new government of establishing economic relations. An Italian military mission was dispatched to Caucasus visiting Georgia. Sapienza University of Rome . the Three Caucasian republics often clashed among themselves over boundaries and disputed lands (Zangezur. the Entente power decided to assign a mandate to Italy as a peacekeeping power in the region. un tempo soggetti agli imperi ottomano e zarista. constantly affected the short existence of the three independent States. from the Reds as well as from the With armies of General Denikin. lead by colonel Gabba.shade a light on independent Caucasus. The sudden change of government in Italy (with the resignation of PM Orlando and the takeover of Nitti) produced a change of priorities in the Italian foreign policy.

in D. L‟Azerbaigian. Tra le tre formazioni statali sorte nel maggio del 1918. Istituto Italiano per gli Studi Filosofici. L‟occupazione italiana del Caucaso: un ingrato servizio da rendere a Londra. La Repubblica Democratica dell‟Azerbaigian. A. 1919-1921. 2007. la possibilità di costituire un proprio Stato nazionale sovrano si affaccia concretamente per le comunità etnolinguistiche che abitano la regione durante il dominio zarista e che solo dalla seconda metà del XIX secolo cominciano ad assumere una coscienza di carattere “nazionale”3. Prefazione di A. Caucasus: an Introduction. Una lunga guerra civile che. Roma.Daniel Pommier Vincelli l‟uscita della nuova Russia bolscevica dal conflitto con il trattato di Brest Litovsk (3 marzo 1918) lasciano l‟ex impero russo in un conflitto fratricida tra bolscevichi e le composite forze politiche e militari dei “bianchi”.dal Caucaso all‟estremo Oriente . Pommier Vincelli (a cura di). Motta. dopo la fallimentare esperienza del commissariato transcaucasico prima (formalmente ancora parte dello Stato russo) e della federazione transcaucasica dopo (durata solo quattro settimane). «l‟implosione rivoluzionaria dello Stato zarista porta nella regione transcaucasica all‟emergere. 4 Per una sintesi storiografica e manualistica in lingua italiana sulla complessa storia dell‟Azerbaigian cfr. A.M. Natalizia. soprattutto in funzione antibolscevica2. 1990. di grande rilevanza per la forza del processo di modernizzazione che la classe dirigente riesce a imprimere al nuovo Stato5. p. dell‟Armenia e dell‟Azerbaigian4. I. per una visione comparata dei conflitti che si aprono alla fine della Grande guerra e per un approccio multidimensionale al periodo di costruzione della nuova Europa: G. 3 Cfr. 64. Tra gli altri lavori che si occupano della missione italiana: M. La missione militare italiana in Transcaucasia 1919-1920. l‟estensione del diritto di voto alle donne. Pommier Vincelli. Napoli. Motta. 2012. G. Roma. Roma. Nuova Cultura. Firenze. la corruzione e la debolezza della società civile. Biagini. L‟idea di indipendenza. L‟Europa centro-orientale nel primo dopoguerra. F. Alla ricerca di materie prime e nuovi mercati nella crisi postbellica: l‟Italia e la Transcaucasia. Giuffré. 1 68 . quella dello Stato azerbaigiano è ritenuta. Carteny (a cura di). Come ben articolato da Antonello Biagini. nelle periferie dell‟Ex impero. Cambridge University Press. G. Azerbaigian una lunga storia. Presentazione di G. s‟intreccia con una nuova questione nazionale e con gli oscillanti interessi delle potenze dell‟Intesa che inviano sul territorio russo . “Prefazione”. 2010. secondo gli storici. Nuova Cultura. non solo in sede storiografica. di inedite formazioni statali che proclamano la propria indipendenza (con la conseguente aspirazione al riconoscimento internazionale) in un‟area dove non erano mai esistiti “Stati nazionali” nel senso occidentale e moderno del termine» 1 . D. 2 Cfr. 1972. 2012. Milano. 2011. Passigli. vive infatti durante questa fase tutte le sfide tipiche di un “Paese post-coloniale”: la sottoformazione del personale tecnico e amministrativo. Motta (a cura di). Vincitori e Vinti. Biagini. De Matteo. Sale. dopo oltre un secolo di dominazione russa.diverse missioni militari. New York. l‟arretratezza del sistema produttivo e delle infrastrutture ereditate dal governo zarista. Petricioli. A queste criticità devono però essere sommati importanti risultati ottenuti dalla classe dirigente azerbaigiana come l‟effettivo funzionamento di un sistema parlamentare multipartitico. L. Ufficio Storico SME. 5 Th. I documenti militari italiani (1919-1920). Dopo una prima e breve fase confederativa nascono nel maggio del 1918 le repubbliche democratiche della Georgia. la promozione di diritti civili per le minoranze inclusa quella armena (che si Cfr. De Waal.

il primo corpo politico davvero autonomo della regione e l‟embrione istituzionale delle future repubbliche indipendenti. T. L. 8 Cfr. 1. che mantenga formalmente la sovranità russa.. Quest‟ultimo punto viene ripreso nel 1923 dall‟amministrazione sovietica. Sale. Il crocevia del Caucaso . Il Caucaso alla caduta dello zarismo L‟uscita dal conflitto della Russia avrebbe significato la certa invasione da parte turca. 1905-1920”. Lo storico turco. in nome del Commissariato. op. pp. un nuovo governo ad interim «per far fronte sia alla minaccia bolscevica. G. per una storia generale della regione caucasica nel periodo bellico e rivoluzionario. cioè fino al progetto delle quattro grandi potenze alla conferenza di pace di Versailles di lasciare all‟Italia (in sostituzione della Gran Bretagna) la gestione militare della Transcaucasia 7 . 52. G. in S. Kazemzadeh. 9 I. M. pp. 10 Cfr. 1951. Magarotto (a cura di). p. cit. “Il confine Transcaucasico visto da Sud: il punto di vista persiano”. La Russia verso oriente. New York.La prima indipendenza dell‟Azerbaigian nei documenti militari italiani (1919 -1920) vede rappresentata in Parlamento). Dopo la rivoluzione d‟ottobre viene formato da parte dei partiti dominanti in Georgia. la promozione della lingua azerbaigiana con il progetto della conversione in caratteri latini. 6 69 . Swietochowski. le forze bolsceviche. accresciute dalla permanenza del conflitto. 55-56. Tauris. 2004.M. fondato da Mammad Amin Rasulzada10. Armenia e Azerbaigian il Commissariato transcaucasico (Zakavkom). i programmi di formazione per i tecnici (ferrovieri e radiotelegrafisti). Suny. Philosophical Library. e il 29 novembre 1917 insorgono a Tiflis e scacciano. 7 Cfr. Rota. in R. cui viene consentito di rimanere e continuare a lavorare in quella azerbaigiana. anche la sinistra dello Himmat. The Struggle for Transcaucasia (19171921). autore di una documentata storia politica della nazione azerbaigiana dalla fine del XIX secolo sino al tempo presente attribuisce allo status di paese postcoloniale una doppia valenza. 2010. Bertolissi. La piattaforma S. precedendo di qualche anno la parallela operazione realizzata nella Repubblica turca da Kemal Atatürk. sia a quella turca» 9 .marzo 1919. Dal punto di vista azerbaigiano la forza politica dominante è il Musavat (“Uguaglianza”) che sorge sulle ceneri di un omonimo gruppo operante negli anni precedenti il conflitto. Nationalism and Social Change. da questo momento. la fondazione di un sistema universitario nazionale e di istituzioni economiche e finanziarie indipendenti. Napoli. È in questo periodo che finalizzano i processi di nation building avviatisi propriamente solo a partire dalla fine del XIX secolo8. Il Commissariato transcaucasico rappresenta. Sono soprattutto i menscevichi georgiani a premere per questa forma istituzionale. London. Da un lato vi sono le difficoltà e le debolezze strutturali citate. una decisa posizione di politica estera favorevole alle potenze dell‟Intesa 6 . 36-37. il sempre valido F. Momento fondamentale per la comprensione delle vicende della regione è costituito dal periodo febbraio 1917 . le forze islamiste dello Ittihad e persino la minoranza armena del Dashnak. la maggiore tolleranza per gli impiegati dell‟amministrazione zarista russa. “National Consciousness and Political Orientation in Azerbaijan. Transcaucasia. la vivace vita politica della Repubblica che vede sedere nell‟assemblea costituente oltre al partito dominante Musavat. Bolukbasi. Azerbaijan a Political History. dall‟altro vi sono i “successi” della giovane repubblica quali l‟apertura dell‟università di Baku nel settembre 1919. D‟Auria Editore.

Suny. Subito dopo Brest Litovsk gli ottomani penetrano in forze nel Caucaso ex russo e conquistano Kars. principale alleato degli ottomani. trattato non riconosciuto dal Commissariato transcaucasico che. al fine di preservare l‟indipendenza dai turchi. pubblicata nell‟ottobre del 1917. più in generale. scacciati da Tiflis e minoranza dal punto di vista elettorale. Con l‟espulsione del Musavat da Baku. p. trattative e riprese delle ostilità tra le forze ottomane e i rappresentanti del Sejm. 1972. The Baku Commune. Il governo bolscevico e la Turchia ottomana sospendono le ostilità con l‟armistizio di Erzincan. assume la denominazione di Sejm (dieta) transcaucasico. Nel marzo del 1918 le forze bolsceviche delle città entrano in conflitto con il Musavat e. Azerbaijan and Georgia. Princeton. gli armeni ritengono prioritario rimanere all‟interno dell‟orbita russa e i georgiani scelgono a sorpresa di porsi sotto l‟ala protettiva dell‟Impero tedesco. 70 . Ann Arbor. accanto alla maggioranza nazionalista del Musavat (63% dei voti nelle elezioni del 25 novembre 1917) vi sono le consistenti minoranze dello Ittihad. L‟obiettivo ottomano è la massimizzazione delle conquiste territoriali mentre i tedeschi cercano di mantenere lo status quo al fine dell‟accaparramento di risorse petrolifere e per dirigere maggiori forze contro i britannici in Mesopotamia e Palestina. l‟azerbaigiano Xoyski Fətəlixan ed esponenti del partito armeno Dashnak (Federazione rivoluzionaria armena). 221. p. è fondata sui principi dell‟autonomia politica e culturale per le popolazioni turcofone dell‟Azerbaigian. segnando un ulteriore passo verso l‟indipendenza.Daniel Pommier Vincelli del partito. Tuttavia occorre notare che mentre i menscevichi georgiani e i Dashnak detengono il monopolio politico in Georgia e Armenia. 11 R. del Turkestan. 1996. 1917-1918. Da questo momento le sorti delle classi dirigenti e dei popoli uniti nel commissariato transcaucasico cominciano a divaricarsi: gli azerbaigiani ritengono di poter trarre vantaggi dall‟invasione turca. con la componente musulmana della città azerbaigiana. che apre le porte del Caucaso all‟invasione ottomana. in Azerbaigian i risultati elettorali dipingono uno scenario maggiormente pluralizzato. Nei mesi che vanno tra il marzo e il maggio 1918 si susseguono in maniera convulsa tregue. Baku precipita in una “mini” guerra civile dove i conflitti ideologici si intersecano con le rivalità etniche. dal 10 febbraio 1918. Princeton University Press. University of Michigan Press. Ardahan e Batum secondo le previsioni del trattato stipulato col governo bolscevico. del Kirghizistan e della Baschiria. Un orientamento “federalista” ancora distante dalla richiesta di completa indipendenza. la Comune bolscevica diventa il centro del bolscevismo transcaucasico sino all‟arrivo delle truppe turche nella regione. anche se il collasso dello Stato russo e lo scoppio della guerra civile accelerano la strada verso la completa autonomia della regione. Il Commissariato transcaucasico vede nella sua composizione i rappresentanti delle tre popolazioni: tra gli altri il georgiano Evgeniy Gegechkori. il partito islamico conservatore e i socialisti dello Himmat guidati dal futuro leader dell‟Azerbaigian sovietico Narinan Narimanov11. La determinazione di Enver Essays in the History of Armenia. I bolscevichi. Le elezioni per l‟Assemblea costituente panrussa del novembre 1917 confermano la polarizzazione politica delle tre nazionalità verso partiti capaci di rappresentare in maniera forte l‟aspirazione allo Stato nazionale. G. 178. nel dicembre 1917. trovano nel Soviet degli operai e dei soldati di Baku un punto di forza e consenso.

. Nauka. 14 I testi dedicati. Cfr.elimina ogni dubbio sulla legittimità politica e giuridica delle rivendicazioni territoriali ottomane. (Enciclopedia della Repubblica democratica dell‟Azerbaigian in 2 voll. Bakı "Azərbaycan”. Il 26 maggio 1918 il leader menscevico Jordiana proclama a sorpresa l‟indipendenza di una Repubblica democratica di Georgia (segretamente negoziata con Berlino. Parlament (Stenoqrafik hesabatlar).guidato dal triumvirato Enver. capitale dell‟effimera repubblica federativa. al punto che manca una storia della prima repubblica in una lingua occidentale. Gemal e Talȃt . Tiflis.) 15 Il primo articolo della dichiarazione di indipendenza del Consiglio nazionale azerbaigiano stabilisce che: «L‟Azerbaigian è una nazione pienamente indipendente. sono infine A. i tedeschi cercano di mediare tra transcaucasici. 31. Il mese successivo alla proclamazione dell‟indipendenza è particolarmente convulso e conduce alla veloce disgregazione della repubblica federativa. 12 13 71 . Azərbaycan Xalq Cümhuriyyəti Ensiklopediyası. 2005. Bakı. turchi e bolscevichi. è il luogo dove avvengono le tre dichiarazioni di indipendenza delle nuove repubbliche. sono i primi. Bompiani. Milano. 1998. Azərbaycan Xalq Cumhuriyyəti (1918-1920). Seguono i rappresentanti azerbaigiani del dissolto Sejm. Storia della Turchia contemporanea. i più riluttanti a perdere l‟appoggio russo. sponsorizzati dalla Germania imperiale.la Turchia lo fa il 28 aprile 1918 . Yaqub Mahmudovun baş redaktorluğu. gli inglesi inviano una spedizione a difesa della comune bolscevica di Baku alleata degli armeni. Vnešnââ politika Azerbajdžanskoj Demokratičeskoj Respubliki (1918-1920). Goltz.ritiene di un‟importanza decisiva favorire la creazione della nuova repubblica. Bakı. contro la Comune bolscevica13. in mano ai bolscevichi dalle sanguinose giornate di marzo. 50.La prima indipendenza dell‟Azerbaigian nei documenti militari italiani (1919 -1920) pascià (suo fratello Nuri pascià è al comando della terza armata ottomana) ha la meglio sulle pressioni tedesche e l‟avanzata ottomana prosegue12. 1-ci cild. Un nuovo Stato ufficialmente riconosciuto . Mahmudov. op. Moskva. Azerbaigiani. Yaqub Mahmudovun baş redaktorluğu. cit. Il governo ottomano . I georgiani. sia contro gli armeni che danno vita a un‟insurrezione armata nel Nagorno Karabakh. 2010. 1-ci cild. (resoconti stenogtafici in 2 voll. Gli armeni. georgiani e armeni si attestano su orientamenti completamente divergenti rispetto alle condizioni di pace imposte dagli ottomani. in russo: J Hasanli. Lider. Biagini. T. in Azerbaigiano le raccolte documentarie e di sintesi come: Azərbaycan Xalq Cumhuriyyəti (1918-1920). i turchi continuano la loro avanzata in Armenia e verso Baku. delle sedute del parlamento azerbaigiano 1918-1920) Y. garante dell‟integrità territoriale): così il 28 maggio anche Armenia e Azerbaigian proclamano la propria indipendenza 14 . 2004. 2-ci cild. Gli ottomani promettono assistenza alla repubblica azerbaigiana sia contro la comune di Baku. in lingue occidentali. 2004. 2-ci cild. Attraverso la repubblica transcaucasica gli ottomani possono invocare un legittimo intervento in “aiuto” al nuovo Stato. Azərbaycan Xalq Cümhuriyyəti Ensiklopediyası. p. Si apre il problema di Baku.. Lider. p. Parlament (Stenoqrafik hesabatlar). all‟Azerbaigian e in particolare al breve periodo dell‟indipendenza sono estremamente limitati. che si costituiscono come Consiglio nazionale azerbaigiano e dichiarano la nascita della repubblica15. 1998. Bakı "Azərbaycan”.. ID. Il 22 aprile 1918 di fronte a una nuova offerta di tregua il Sejm decide di accettare le condizioni imposte dai turchi e proclamare l‟indipendenza dello Stato transcaucasico: nasce la Repubblica democratica federativa di Transcaucasia. rispetto alla più copiosa produzione su Georgia e Armenia.

dalla cosiddetta “dittatura centro-caspiana”: è questa un‟eterogenea alleanza formata da socialisti rivoluzionari “di destra”.inviato dal triumviro turco in Caucaso . p. 18 S. L‟Azerbaigian a differenza di Armenia e Georgia non viene riconosciuto ufficialmente dal governo ottomano. pur non riconoscendo Essa è composta dalle regioni meridionale e orientale della Transcaucasia abitate dal popolo Azerbaigiano»: cfr.000 uomini) al comando del generale Lionel Dunsterville (per questo chiamato Dunsterforce)16. Le mosse di Thomson soprendono la dirigenza azerbaigiana. L‟obiettivo del nuovo governo cittadino è fermare l‟avanzata azerbaigiano-ottomana e mantenere Baku all‟interno dello Stato russo. p. Quello degli azerbaigiani con le autorità ottomane. Si forma. e nell‟antica capitale azerbaigiana Nuri pascià dà vita alla cosiddetta “armata dell‟Islam”. Nel corso dell‟assedio il governo bolscevico di Baku viene sostituito . A Political History. Nuovi massacri. La dittatura centro-caspiana tenta in extremis una mediazione attraverso i tedeschi. cit. l‟attività di propaganda socialista combattuta. Tauris.B.. Azerbaijan. Gli inglesi giungono a Baku nell‟agosto del 1918 con un piccolo corpo di spedizione (1. Per l‟Azerbaigian l‟improvvisa fine della potenza militare ottomana apre un periodo di incertezza di fronte al rovesciamento degli equilibri politici e militari e all‟arrivo di un corpo di spedizione britannico guidato dal generale William Thomson. 16 Cfr. un governo azerbaigiano a Ganja. escludendo i politici azerbaigiani di orientamento socialista o tiepidi nei confronti del governo di Istanbul. 35. Dunsterville. Questa politica contribuisce in maniera decisiva ad attenuare il sentimento filo-turco della classe dirigente ottomana che. London. Edward Arnold. The Adventures of Dunsterforce . 224.probabilmente con l‟assenso degli stessi bolscevichi per stimolare l‟intervento inglese . op. L. op. che spera in un‟ormai prossima annessione. cioè una forza militare composta da truppe regolari ottomane. Da un lato essi vedono con favore l‟avanzata ottomana tesa a liberare Baku e a garantire la protezione di una grande potenza musulmana dagli Stati vicini. i sindacati soppressi. Bolukbasi. p. T. soprattutto a partire dalla definitiva sconfitta degli imperi centrali nell‟ottobre-novembre 1918. si succedono al momento della resa definitiva della città. dalla fine di maggio. Swietochowski. Viene formato il 17 giugno 1918. 17 T. subito dopo la conquista di Baku che diventa capitale della repubblica.possa rivelarsi un abbraccio mortale per il nuovo Stato. cit. London. è un rapporto molto complesso e oscillante. I. che fallisce per la determinazione dei turchi di conquistare la metropoli caucasica. nel corso del 1918. Nuri pascià influenza anche la formazione del governo. fino al 16 settembre 1918. menscevichi e nazionalisti armeni. 1920. In pratica il patronage ottomano sul governo azerbaigiano sembra erodere le conquiste rivoluzionarie 17 . Il 16 novembre 1918 quindici battaglioni dell‟esercito britannico giungono a Baku.Daniel Pommier Vincelli gli ultimi a ratificare la propria indipendenza. Gli inglesi. Le truppe di Dunsterville si ritirano di fronte alla vittoria azerbaigianoottomana il 15 settembre 1918. in risposta alle sanguinose giornate del marzo precedente. Swietochowski. L‟armata dell‟Islam attacca Baku nel giugno 1918 assediandola per circa 90 giorni. anche se la pressione ottomana riduce di molto lo slancio riformistico del governo azerbaigiano. ma dall‟altro comprendono benissimo come quello di Enver pascià e di suo fratello Nuri .. 72 . forze regolari ex zariste e irregolari musulmani. 2010. 225. comincia a guardare alle potenze dell‟Intesa 18 . La riforma agraria viene sospesa.

Hovver Institution Press. Subito dopo la decisione di accettare l ‟invio delle truppe il generale Pietro Badoglio. pp. Ruolo e missione italiana nel Caucaso Gli inglesi nei primi mesi del 1919 impiegano un numero alto di truppe (circa 20. il militare azerbaigiano Xosrov Sultanov e intimando al generale armeno Andranik Ozanian di cessare le ostilità contro l‟Azerbaigian19. ucraina e polacca. esprime a Diaz tutte le sue perplessità ritenendo l‟occupazione della Transcaucasia meno redditizia di quella di Eraclea e di altre aree anatoliche con importanti risorse minerarie. georgiana. cit. russa. Thomson riconosce altresì la sovranità azerbaigiana in Zangezur e Karabakh inviandovi. 1992. Alstadt. T.sono dimostrati dalla composizione della rappresentanza parlamentare: oltre al partito dominante e alle forze di opposizione di etnia azerbaigiana. In pratica il periodo di occupazione britannica.000) stabilendo una guarnigione a Baku. 879 P. 2. L‟idea dell‟occupazione italiana del Caucaso si A.La prima indipendenza dell‟Azerbaigian nei documenti militari italiani (1919 -1920) formalmente l‟indipendenza del nuovo Stato. 33-41. a gruppi regionali. religiosi. anche “Il Presidente del Consiglio Orlando al Vice Presidente del Consiglio e Ministro delle Colonie Colosimo”. mettendo in sicurezza la ferrovia Caspio-Mar Nero e offrendo assistenza tecnica ai settori del governo azerbaigiano più delicati come il ministero delle Finanze o degli Approvvigionamenti. non permettendo il riconoscimento della repubblica fino al febbraio 1920. La vivacità e il pluralismo dell‟esperienza azerbaigiana . Torino 24 marzo 1919. Cfr. sottocapo di Stato Maggiore. ebraica. Stanford. 95. p. estone. nel Caucaso 21 . di carattere esplorativo. nel marzo dello stesso anno e determina l‟invio di una missione militare italiana. vi sono forze politiche delle minoranze armena. se da un lato comprime l‟autonomia internazionale dell‟Azerbaigian.a differenza del rigido multipartitismo delle repubbliche confinanti . 94. The Azerbaijani Turks. op. viene approvata la possibilità di sostituire la presenza militare britannica con quella italiana. associativi e studenteschi20. In una sorta di eterogenesi dei fini il liberalismo inglese apre le porte proprio al ritorno bolscevico. oltre naturalmente al Dashnak.. 20 Ibidem. come governatore. permettendo una certa attività politica e dunque anche la riconciliazione del partito socialista Himmat con l‟ala bolscevica (dicembre 1918). Prende così corpo l‟ipotesi italiana: in occasione della 53ª seduta della sezione militare del Consiglio Supremo il 5 febbraio 1919. La proposta si concretizza. Nel dicembre del 1918 si tengono in Azerbaigian le prime elezioni a suffragio universale con la partecipazione delle donne nell‟elettorato attivo. RR. ai nazionalisti russi (Edinaja Rossija). dall‟altro ha un benefico effetto sugli assetti interni dello Stato favorendo processi di modernizzazione e pluralismo. Power and Identity under Russian Rule . lasciano de facto al governo della repubblica il ruolo di unica autorità legittimata in territorio azerbaigiano a trattare con l‟Intesa. p. ai Socialisti rivoluzionari (SR). in seguito a un colloquio tra i capi di governo inglese e italiano. 21 I. Già nei primi mesi del 1919 Londra realizza come la permanenza della missione in Transcaucasia sia eccessivamente onerosa per le risorse britanniche.. Sale. presente per l‟Italia il generale di Robilant che negozia con i rappresentanti dell‟Intesa l‟invio di due divisioni italiane. in Documenti Diplomatici 19 73 .

con il sostegno del dispositivo militare italiano23. Vol. Torino. Milano. Grispo. Dall‟unità a oggi. . Castronovo. colonie africane. il processo di concentrazione industriale nei settori siderurgico e metalmeccanico e la crescita di centri di potere autonomi nell‟ambito dell‟amministrazione statale e dei servizi economici addetti alla mobilitazione industriale. Orlando. Rizzoli. 74 . 4. 31. che si muova sulle rivendicazioni della grande potenza vincitrice. Aumentano così le pressioni degli ambienti d‟affari italiani sul governo. una serie di dossier in cui il governo italiano cerca di tutelare gli interessi nazionali e massimizzare i vantaggi politico-economici che possono scaturire dal crollo dei grandi imperi. sono i fattori che concorrono nella scelta dei grandi gruppi industriali e finanziari (con il sostegno di ambienti politici. Le principali debolezze italiane. doc. 23 V. n. pp. Cfr. Vittorio Orlando: Italy. London. Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. sconta le difficoltà della questione adriatica e fiumana . oltre che nel crescente peso negativo della questione adriatica e nel peggioramento delle relazioni intra-alleate e con gli Stati Uniti. 2010. vol. Memorie (1915-1919). nei conflitti tra Presidente del Consiglio Orlando e il ministro degli Esteri Sonnino. III (24 marzo . in Storia d‟Italia. oltre naturalmente a V. vincitrice del conflitto e tra le quattro grandi potenze che dirigono i lavori della conferenza di pace di Versailles apertasi nel gennaio 1919. Cfr. 206-215. L‟Italia. Caucaso. a cura di R. 2. 1982. in un contesto interno molto turbolento e polarizzato22. Einaudi. orientata alla massima prudenza nei confronti delle nuove repubbliche post-zariste e delle forze bianche in lotta con i bolscevichi. stanno nella mancanza di una strategia coerente. La difficile condizione economica italiana al termine delle ostilità con i problemi legati alla riconversione e al fortissimo indebitamento statale. La politica estera del primo semestre post-bellico dalla vittoria sino alla caduta del governo Orlando non presenta un numero ampio di studi come quelli dedicati al governo Nitti che segna una forte discontinuità rispetto all‟esecutivo precedente. 1960. il Comando Supremo e la diplomazia sia per il sostegno ad Italiani (DDI) . Di Scala. Mosca. La questione caucasica non può essere tuttavia letta soltanto all‟interno della posizione italiana sulla guerra civile russa. nella sproporzione tra mezzi (sia economici che politici) e obiettivi.cercando al tempo stesso un posizionamento da grande potenza nei diversi contesti internazionali: Europa centro-orientale danubiana e balcanica. La storia economica.che porterà nel giugno dello stesso anno alla prematura caduta del gabinetto Orlando . 2007. E. F. 1975. 22 Cfr.Daniel Pommier Vincelli inserisce in una fase molto complessa e difficile della politica estera italiana guidata da Orlando e dal ministro degli Esteri Sidney Sonnino. Alatri. Roma. Asia Minore. Nitti D‟Annunzio e la questione adriatica: 1919-1920. Milano. a cura di R. pp.22 giugno 1919). Feltrinelli. per una visione del problema adriatico e della sua ricaduta sull‟attività dei due governi: P. 3-4. per una sintesi complessiva della vicenda politica e del ruolo del governo Orlando una delle poche e recenti opere monografiche dedicate allo statista siciliano: S. p. 1959. ministeriali e militari) di provare a sanare gli squilibri economici del Paese attraverso una nuova spinta espansionistica. La fine delle ostilità e l‟apertura della conferenza di pace aprono. l‟aumento dell‟inflazione. oltre la questione adriatica. ma deve essere necessariamente compresa in un indirizzo politico ed economico prevalente nei circoli dirigenti del Paese nel primo dopoguerra teso a sostenere un imperialismo di tipo economico. Gaeta. Bologna. Il Mulino. Democrazie e totalitarismi dalla prima alla seconda guerra mondiale . Haus Publishing. VI serie: 1918-1922.

della nuova Russia e del Caucaso. 24 75 . cfr. che rappresenta gli interessi italiani nell ‟ex Impero asburgico e che allarga la sua competenza.e l‟occupazione del Caucaso è tra questi . Romanelli. con notevoli forze. nel contesto ungherese e in particolare durante la Repubblica dei consigli. o quella Romanelli a Budapest). Biagini.non viene meno il disegno di un‟espansione commerciale verso le aree dell‟Europa orientale. L‟Azerbaigian nei documenti militari italiani: dalla primavera del 1919 alla conquista sovietica I documenti conservati presso l‟Archivio dell‟Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell‟Esercito (AUSSME) riguardano l‟attività della missione militare in Transcaucasia (dal gennaio 1919 al luglio 1920). Tale ruolo è stato non sufficientemente preso in considerazione dalla storiografia più consolidata sulle relazioni internazionali e l‟Europa orientale. Le missioni militari italiane del dopoguerra. di fronte all‟ineluttabile conquista sovietica la missione perde di importanza fino a chiudere.: G. La debolezza politica dell‟Italia imprigionata nella questione adriatica e nelle difficili trattative di Versailles (nonché una tradizionale “scarsezza” di fondi e di risorse) porta a un rapido declino di questa breve stagione di imperialismo economico. Pommier Vincelli. e trasformatasi in una vera e propria legazione politica . Nell‟Ungheria di Béla Kun e durante l‟occupazione militare romena. svolsero una reale funzione di “supplenza” della diplomazia tradizionale. anche gli Stati successori: D. 3. intessere relazioni politiche ed economiche. giocando sull‟ambiguità politicoistituzionale del periodo post-armistiziale. sotto la spinta di un imperialismo economico-politico dei grandi gruppi industriali e finanziari. Per una filiazione della missione Segre. La missione Segre. con la completa sovietizzazione dell‟area. Con il governo Nitti tuttavia. In ogni caso. sebbene vengano ripensati gli impegni considerati più onerosi e avventurosi . mediare conflitti e sostenere gli interessi italiani. Dopo il giugno 1920 e la conquista dell‟Azerbaigian dell‟aprile. Asia Minore.gioca un ruolo fondamentale nel redigere rapporti e analisi. Si possono distinguere così diversi periodi nella vicenda della missione italiana nelle repubbliche transcaucasiche tra 1919 e 1920: dal marzo all‟estate del 1919 si ha la genesi della missione e l‟idea di una grande occupazione militare italiana nel Caucaso. inviate in territori ancora in stato di guerra o non completamente riconosciuti dal punto di vista internazionale. mentre la recente riscoperta del valore politico della documentazione militare sta favorendo nuove ricerche in tal senso24.nata come strumento conoscitivo ed esplorativo in vista di un‟occupazione di una vasta area. per la missione Segre. Roma. La mia missione. 2002. (1918-1920). Nuova Cultura. dall‟agosto 1919 sino al giugno 1920 la missione esplorativa italiana viene trasformata in una più contenuta rappresentanza politica e ha soprattutto il compito di sostenere una penetrazione economica italiana nell‟area. Etiopia e Caucaso. L‟Austria e la nuova Europa centro-orientale. Roma. in fasi così differenti la missione militare italiana .La prima indipendenza dell‟Azerbaigian nei documenti militari italiani (1919 -1920) acquisizioni di carattere privatistico sia per una penetrazione più ufficiale non solo nella regione adriatica ma anche in Medio Oriente. Ufficio Storico SME. come la missione Gabba (ma anche la missione Segre a Vienna. a cura di A. trasformatasi dall‟estate del Cfr. 2010.

Missioni militari varie presso gli alleati e missioni militari all‟estero . rapporti su situazioni militari e politiche. Emergono dunque documenti inviati dal Capo di Stato Maggiore della Regia Marina ammiraglio Paolo Thaon di Revel. 26 Il col. Pommier. Generale di Brigata dal 1926 e generale di Corpo d‟Armata dal 1934. più in generale. Fu 25 76 . buste 110-111-112: cfr. sede del Comando supremo italiano. Altri soggetti produttori sono naturalmente i massimi responsabili militari e politici dell‟Italia nei primi mesi del 1919. resoconti di missioni e conversazioni con esponenti politici locali. oltre a diversi esperti tecnici come l ‟ingegnere minerario Vittorio Novarese o l‟esperto finanziario Giuseppe Vita. economiche e militari. da Carlo Sforza in qualità di alto commissario italiano a Costantinopoli.Missione militare in Transcaucasia.venga reso nelle forme più diverse: Azerbagian. i 56 documenti di particolare interesse selezionati da Daniel Pommier Vincelli e pubblicati per la prima volta integralmente in D. Melchiade Gabba (1874-1952). oppure fungono da raccordo per comprendere il contesto generale della situazione transcaucasica tra la fine dello zarismo e la definitiva conquista sovietica del 1920-1921. Armenia (ottobre 1920) e infine Georgia (febbraio 1921) avrebbe portato alla chiusura della Regia Agenzia. Stato Maggiore dell‟Esercito Ufficio Storico. il capo di Stato maggiore della missione tenente colonnello Carlo Micheli che lo sostituisce per molte settimane quando Gabba lascia il Caucaso per recarsi a Parigi. Roma. altri servono come fonte per la conoscenza di alcuni rilevanti aspetti interni dell ‟esperienza nazionale azerbaigiana del 1918-1920 (con particolare rilievo agli aspetti economici e alle relazioni con gli altri Stati caucasici come l‟Armenia). Vi è pertanto un numero limitato di documenti che non riguardano esclusivamente la repubblica azerbaigiana. Carteny (a cura di). 2004. Elenco dei fondi custoditi nell‟archivio documentale.Daniel Pommier Vincelli 1919 in “Regia Agenzia politica” presso le tre repubbliche transcaucasiche25. p. A. anche in traduzione dall ‟inglese o dal russo. I documenti che sono stati selezionati rispondono a diversi criteri: la maggior parte descrivono i rapporti tra l ‟Italia e la neonata Repubblica democratica dell‟Azerbaigian. Sono materiali molto eterogenei: telegrammi brevi. Da notare come nei documenti italiani il nome del Paese Azerbaigian . dal console in Russia meridionale Giovanni Cesare Majoni. poi Regia Agenzia politica. La prima questione che si pone di fronte ai Cfr. che già dall‟estate del 1920 non sarebbe stata più guidata dal colonnello Melchiade Gabba. ma anche Georgia e Armenia oppure. 29. impegnati tra Roma. ricoprì l‟incarico di capo della missione militare in Transcaucasia.dove è in corso la conferenza di pace . studi sulla natura del territorio. op. note tecniche. poi senatore del Regno su proposta del ministro della Guerra dal 25 marzo 1939. La fine dell‟indipendenza statale rispettivamente di Azerbaigian (aprile 1920). dal suo sottosegretario Luigi Borsarelli. Aserberdjian. Manuale delle ricerche nell‟Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell‟Esercito. Parigi . Le citazioni documentali di seguito illustrate nel corpo del presente contributo si riferiscono direttamente ai documenti trascritti nell ‟appendice “Documenti” del volume suindicato. Azerberdjian etc. il capo della sezione marina capitano di fregata Aslan Granafei.e Padova. estratti di documenti o pubblicazioni ritenute utili. Primo aiutante di campo generale di SAR il Principe del Piemonte (17 novembre 1932-25 maggio 1935).attualmente in uso nella traslitterazione italiana . Gionfrida (a cura di). dal ministro degli Affari Esteri Sidney Sonnino. oggetto del volume citato. sostituito da un funzionario civile del Ministero degli Affari Esteri26. A. già capo ufficio operazioni del Comando Supremo durante la guerra. Impegnato e decorato nella guerra d‟Etiopia. cit. I soggetti produttori dei documenti sono soprattutto i responsabili diretti della missione: il comandante Gabba. I documenti dell‟AUSSME sono raccolti in buste non ordinate nel fondo E-11. fino al 22 giugno 1920. Al ritorno in Italia comandò la 3ª Armata di Milano. la guerra civile russa. dal rappresentante dell‟Italia al comitato militare interalleato di Parigi generale Ugo Cavallero. Azerbaijan.

28 Ibidem. invia un promemoria al capo di divisione di Stato Maggiore del ministero della Guerra colonnello Rota esponendo le immediate necessità della missione 27 . trova una comprensibile resistenza nei delegati azerbaigiani all‟ipotesi di una occupazione membro della Commissione degli affari dell‟Africa italiana (17 aprile 1939-10 luglio 1941). n. Archivio Storico del Senato della Repubblica: http://notes9. le società russe. informando il ministero della dotazione tecnica necessaria e dei tempi previsti. ed è l‟oggetto del telegramma dell‟ufficiale di collegamento con il War Office colonnello Gloria che negozia. presso le autorità britanniche. 8. assistito da Majoni console nelle Russia meridionale.. 9. Vicepresidente della Commissione degli affari dell‟Africa italiana (10 luglio 1941-5 agosto 1943). Il rapporto con gli inglesi diventa centrale per la realizzazione dell‟occupazione militare. doc. 31 Ibidem. C‟è il problema della documentazione sull‟area. Sforza relaziona sulle risorse petrolifere del Caucaso e il loro sfruttamento. si prepara la missione italiana: il colonnello Gabba. doc. di conoscere i mezzi per raggiungere la Transcaucasia. appena ricevuto l‟incarico. n. Sforza elenca tutte le società locali e straniere operanti a Baku: la Nobel. Gabba richiede l‟individuazione del rappresentante della Regia marina. dunque. che sono individuati in circa due mesi. 27 D. doc. il futuro imbarco delle truppe italiane29. Al dispaccio di Gloria è allegato uno “schizzo” sulla situazione delle truppe inglesi in Transcaucasia in modo che gli italiani possano prepararsi alla sostituzione30. Carteny. 29 Ibidem. Importanti informazioni giungono dalla capitale dell‟Impero ottomano dove l‟inviato italiano Carlo Sforza invia un dettagliato rapporto a Sonnino il 19 aprile 191928. politici ed economici. Con l‟avvicinarsi della missione si aprono i primi contatti ufficiali con le nazioni dell‟area. op. una volta presa la decisione di inviare la missione esplorativa guidata da Gabba in vista di una più impegnativa occupazione del Caucaso del Sud. Il 6 maggio 1919 il sottosegretario agli Esteri Borsarelli incontra la delegazione azerbaigiana alla conferenza della pace di Parigi 31 : Borsarelli. Tra il marzo e l‟aprile 1919. appendice “Documenti”.it/Web/senregno. Mentre Sforza è favorevole a una penetrazione economica vede con sfavore un‟avventura militare italiana nel Caucaso «che richiederebbe spese ingenti ed impiego di effettivi non possibile a prevedersi dal principio». 77 . n. il personale tecnico e ausiliario a disposizione. doc. che viene risolto come possibile.La prima indipendenza dell‟Azerbaigian nei documenti militari italiani (1919 -1920) vertici politici e militari italiani. è la conoscenza del territorio nei suoi aspetti geografici. Pommier. la Pollak con capitali inglesi e olandesi. membro della Commissione per il giudizio dell‟Alta Corte di Giustizia (17 aprile 1939-5 agosto 1943) e ministro dell‟Africa italiana nel governo Badoglio I (26 luglio 1943-24 febbraio 1944). 6. A. n. Morì a Roma il 15 novembre 1952. cit. Mentre in altre aree della Transcaucasia le condizioni lasciate dalla guerra non permettono un adeguato sfruttamento: «Baku invece è in piena efficienza per quanto lo comportano le disastrose conseguenze delle condizioni politiche provocate dagli avvenimenti prima dell‟armistizio. n. Il tubo [l‟oleodotto] da Baku a Batum funziona abbastanza regolarmente sotto la sorveglianza degli Inglesi». Cfr. 30 Ibidem.senato. 4. Con l‟Ordinanza di decadenza del Senato del 7 agosto 1944 terminò il suo incarico parlamentare. doc.NSF/6c48e5794fc641b0c125711400382de0/9 2824c820489a9e04125646f005be8ba?OpenDocument. 7.

32 78 . n. che in questo momento sembrano poter sconfiggere i bolscevichi. Azərbaycan Paris Sülh Konfransında. Essi acconsentono a sviluppare la più ampia cooperazione commerciale e tecnica ma rifiutano l‟invio di qualsiasi distaccamento militare. n. La missione Gabba giunge infine a Batum il 9 maggio 1919 e già dal 10 maggio Sforza può comunicare a Gabba la piena soddisfazione del governo georgiano di fronte all‟ipotesi di una penetrazione economica e militare italiana33. Si tratta in realtà. doc. mettendo in evidenza tutti le principali aree di intervento economico. Domando ancora se l‟Italia invierà truppe anche in Georgia ed in Armenia»: cfr Ibidem. è il desiderio dell‟Aserberdjian che spera si addivenga ad una Confederazione. per gli italiani. 12. n. La soddisfazione dei governi locali viene confermata dalle autorità in quello che è il primo incontro ufficiale. doc. È un colloquio lungo. Nei giorni successivi è Gabba a recarsi a Baku: di ritorno a Tiflis invia un telegramma a Parigi37 dove racconta della “calorosa accoglienza” da parte azerbaigiana e delle preoccupazioni di Baku sulle mosse del generale bianco Denikin. doc. riportato da Granafei in dettaglio nel rapporto inviato a Thaon di Revel e a Gabba. Si tratta del primo ministro Nəsib bəy Yusifbəyli (1881-1921) succeduto a Xoinski nell‟aprile del 1919. a partire dallo sfruttamento degli idrocarburi di Baku 34 . Cfr. mi sembra che.Daniel Pommier Vincelli italiana 32 . 10. appunto. Ozan. nella traslitterazione corretta. se l ‟Italia non avesse l‟intenzione di riconoscere l‟indipendenza di queste repubbliche non avrebbe neanche preso in considerazione l‟invio. 13. Gli azerbaigiani infatti non sanno della missione Gabba e della decisione presa dal Consiglio dei quattro. appendice “Documenti”. 37 Ibidem. 36 Secondo l‟ufficiale di marina. 33 D. qui. Sulla posizione da assumere nei confronti di Denikin e dell‟ammiraglio Kolčak. Gabba relaziona a Parigi il 17 maggio 1919. L‟Aserberdjian farà il possibile per venire ad una intesa su basi federative. vi è una forte I tre nomi della delegazione azerbaigiana sono posti nel documento a penna. 2008. Carteny. Il Ministro degli Esteri attualmente si trova a Tiflis ove vi è una riunione fra i vari Stati. 34 Ibidem. soprattutto in una chiave di garanzia dell‟indipendenza nazionale.. Vilayət Quliyev. purché assicurata l‟indipendenza nazionale. La Repubblica Democratica dell‟Azerbaigian…. n. si dice disponibile con Granafei a possibili soluzioni confederative con le atre due repubbliche: «Questo. di sue truppe». Da parte azerbaigiana c‟è interesse e attenzione alla missione italiana. È da notare che il primo ministro azerbaigiano. A. Baku. cit. di Əlimərdan bəy Topçubaşov (18621934) capo della delegazione azerbaigiana alla Conferenza di pace. Granafei nelle sue risposte e considerazioni non è immune da una certa doppiezza nei confronti dell‟interlocutore (in realtà l‟Italia non ha preso ancora impegni) ma trasmette ai suoi superiori la convinzione della necessità di un intervento italiano a protezione dell‟Azerbaigian in un quadro di ottenimento. doc. 11. 35 Ibidem. «in ogni modo. sia dai bolscevichi sia dalle truppe bianche. in Azerbaigian. tra un inviato del governo italiano (il comandante Aslan Granafei) e un rappresentante del governo azerbaigiano35. M əmmədhəsən Hacınski (1875-1931) ministro degli Esteri del secondo governo Xoinski e Əkbər ağa Şeyxülislamov (1891-1961) ministro del Lavoro della repubblica azerbaigiana. temendo una perdita di indipendenza. di importanti vantaggi economici 36 . Pommier.

sulle società petrolifere di Baku sulle condizioni della “tubolatura” e sugli stock di greggio presenti nelle regione.. l‟appoggio e l‟assistenza che l‟Inghilterra dà cordialmente alle repubbliche caucasiche è considerato da Denikin come atto ostile alla rigenerazione della Russia. spiega l‟ufficiale di marina. degli inglesi. Giovannini. La potenza che si faccia carico di tale incombenza. 40 Ibidem. ammiraglio zarista ed esploratore polare. doc. che faccia da garante della conquistata indipendenza. Nel telegramma42 del 31 maggio inviato a Parigi il vice di Gabba Micheli (Gabba è tornato in Europa per relazionare alla conferenza di pace) spiega come a Baku sia forte l‟apprensione per l‟avanzata di Denikin e che. oramai auspicato dalle autorità azerbaigiane. A. 16. Viene catturato dai bolscevichi nel gennaio 1920 e fucilato a Mosca nel febbraio dello stesso anno. l‟arrivo delle A. 42 Ibidem. 39 D. visto l‟imminente ritiro britannico.La prima indipendenza dell‟Azerbaigian nei documenti militari italiani (1919 -1920) ambiguità non solo italiana ma di tutta l‟Intesa38. l‟appoggio e l‟aiuto. Ibidem. appendice “Documenti”. 38 79 . cit. 15. sulla linea ferrovia di Tiflis i treni sono talvolta fermati da bande di briganti. È il caso del rapporto proveniente da Batum del comandante della nave Roma. l‟Italia può aspirare ad essere tale potenza purché prenda una posizione netta su Denikin e l‟indipendenza41. Oltre a notizie di carattere economico e politico. ribadisce la necessità. non si è assimilata con quelli. La Repubblica Democratica dell‟Azerbaigian…. e dedita alla rapina ed al brigantaggio. Nelle ore successive monta l‟attesa per l‟arrivo delle truppe italiane. i rapporti sulla situazione transcaucasica. realizzata da Granafei. ai massimi livelli politici e militari. doc. Giovannini riporta dati precisi sul prezzo del petrolio. al vecchio regime russo ed al suo ritorno. n. che riguarda sempre come i suoi oppressori. può essere ripagata con consistenti vantaggi economici. Nell‟Azerbagian la popolazione è più mite. Pommier. doc. “Reggente supremo di Russia” dal novembre 1918 costituisce un governo controrivoluzionario in Siberia. Cfr. Il successivo rapporto40 del 30 maggio 1919 è una lunga analisi di contesto. Carteny. è il più importante generale del movimento bianco. motivato dalla necessità di riduzione degli impegni. 17. Tutta la regione. Di fronte al ritiro inglese. Nel Daghestan la popolazione guerriera è insuscettibile di freno e sfugge quasi completamente il controllo degli Inglesi. V. Sonnino e Diaz 39 . Cosicché gli inglesi hanno ottenuto il non invidiabile risultato di riuscire sospetti alle due parti e di scontentarle entrambe pur facendo e spendendo molto per esse». è stato ed è considerato dai caucasici come dimostrazione della tendenza. D‟altra parte. ed i viaggiatori e le merci depredati. 41 Il generale russo è infatti considerato «l ‟esponente del vecchio regime russo autocratico. inviato da Thaon di Revel a Orlando. dato dagli inglesi a Denikin. Granafei. da parte delle repubbliche transcaucasiche (a cui si aggiungono i montanari del Dagestan e il distretto di Batum oramai autonomo) di una potenza europea. dopo aver sintetizzato le vicende politiche e militari dell‟area. ma sono continue le lotte fra l‟elemento mussulmano e gli armeni. probabilmente per richiesta di Gabba e indirizzata anche a Thaon di Revel. Nel frattempo si succedono. Granafei conclude con una sorta di decalogo per l ‟Italia che va dal cercare di favorire una confederazione tra le tre repubbliche a consigli di natura tecnica e commerciale. n. Aggiunge alcune considerazioni sulle popolazioni dell‟area affermando che: «Nella Georgia la popolazione è turbolenta. a Omsk. superiore a Denikin (suo vice dal giugno 1919). Kolčak (1874-1920). per quanto da più di un secolo sotto il dominio dei Russi. e lo spirito dominante è quello dell‟indipendenza». n.

per quanto possibile.e descrivendo la legislazione mineraria e le condizioni delle miniere di manganese e carbone della Georgia. Gli italiani vogliono sostituirsi agli inglesi. Vol. Secondo l‟ufficiale italiano «di fronte alle supreme ragioni della pace e della civiltà una potenza europea dovrà intervenire in Caucaso. n. possa subentrare alle autorità inglesi nel controllo della Banca di Stato russa di Baku e dello shipping controller. doc. Sin dalle prime settimane di attività la missione italiana lavora alacremente nell‟individuazione di quei vantaggi economici che costituirebbero la principale motivazione di un invio di truppe.22 giugno 1919). occupi il territorio di Georgia e Azerbaigian. 18. Oltre al settore minerario l‟attività economica della missione s‟indirizza anche a quello bancario e finanziario.a che l‟esperto finanziario della missione. dopo un colloquio informale con il comandate britannico della città Shuttleworh apprende come Baku sia l‟unica città della regione con un tale regime e come gli inglesi abbiano esercitato. Il giorno successivo Micheli invia al suo superiore una nota politica e militare dedicata agli inglesi e al rapporto con Denikin46. doc. Di qui l‟appoggio continuo e. Il problema più rilevante è la possibilità che il generale russo. A causa della centralità economica di Baku nel periodo prebellico. incondizionato a Denikin ed all‟amm. Koltciak». che troppo favoriscono. L‟ufficiale italiano spiega. 21. Prendendo senza successione di continuità la successione degli inglesi». n. doc. 755. attuando una forte discontinuità politica rispetto al tipo di intervento. 46 Ibidem.Daniel Pommier Vincelli truppe italiane sia previsto per il 12 giugno 191943. i musulmani. 44 D. Nel telegramma45 del 2 giugno 1919 Micheli richiede l‟autorizzazione . 758-763. Tale mossa viene ritenuta da Micheli fondamentale. Carteny. per assicurarsi delle vie di comunicazione sicure. pp. Nel lungo rapporto Gabba esprime molte considerazioni di carattere politico.. Ne è la prova la comunicazione. davanti alla quale ogni altra deve scomparire se in contrasto. ancora una volta. cit. n. A. seppure un numero limitato di La relazione di Gabba al ritorno dal Caucaso nel giugno 1919 è pubblicata in DDI. appendice “Documenti”. Pommier. cioè l‟autorità marittima mercantile. sottotenente Giuseppe Vita. per assicurare all‟Italia una decisiva influenza politica ed economica nella regione. Si rende pertanto necessario l‟invio di almeno una brigata italiana per occupare Baku e Tiflis. gli inglesi ritengono che la quistione [sic] più importante in questo momento. Nel dettagliato rapporto 44 del 2 giugno 1919 l‟ingegnere minerario Novarese relaziona sulle ricchezze minerarie della regione . La Repubblica Democratica dell‟Azerbaigian…. 19. doc. 20. doc. gli inglesi nella scottante questione del Zangezur ed altre analoghe sono nel giusto ed anche noi dovremmo attenerci alla loro condotta».stimando il petrolio di Baku con un valore economico di circa 1 miliardo di franchi . Sulla questione armena Gabba ritiene che «gli armeni si ritengono male trattati dagli inglesi. che il tenente colonnello Barberis invia a Gabba il 4 giugno 1919 da Baku. 45 Ibidem. 47 Ibidem. III (24 marzo . n. la accusa per mio conto è infondata. n. 43 80 .in vista dell‟imminente ritiro delle truppe britanniche . concernente la legge marziale britannica in Azerbaigian47. nel vuoto di potere dato dal ritiro inglese. allarmata. secondo loro. Barberis. si è quella della lotta contro il bolscevismo e il suo dilagare. la capitale azerbaigiana continua a essere il centro finanziario e bancario della regione caucasica. l‟ambiguità della politica britannica: «pur volendo rispettare e favorire l‟indipendenza delle repubbliche del Transcaucaso.

organo dei socialisti mussulmani. Rimane aperto il problema dei valori russi custoditi nella banca e risalenti al regime zarista. il quale è contrarissimo agli Inglesi ogni giorno stampa violenti articoli contro di loro». una vera e propria ingerenza nei confronti del governo azerbaigiano. ancora una volta. n. Governo erano di dichiarare nettamente a quei governi locali che non potevamo dar loro alcun affidamento di indipendenza e che ogni nostra intromissione presso il governo della Russia ricostituita avrebbe dovuto limitarsi a raccomandare la concessione a quelle popolazioni della maggior possibile autonomia. e accettando le passività pregresse .come la linea di credito concessa all‟industria petrolifera . e la notizia che lo sgombero delle truppe britanniche è rimandato a metà luglio. Tra i giornali ve ne è uno. doc. 81 . Sin dai primi giorni del 1919 gli inglesi hanno preso il controllo della banca di Stato russa di Baku. n. n. 26. ricevendo la fiducia degli investitori. risorse per rimettere in moto la produzione. Sonnino spiega sommariamente gli scopi e le motivazioni del progetto di occupazione e. L‟istituto di credito è stato ben governato. Ibidem. nonostante il governo azerbaigiano volesse entrarne in possesso. il Zarià. doc. conclude l‟ufficiale. In pratica diventando la Banca di Stato di Baku una banca italiana. esprime con ambiguità la posizione italiana. individuate le esigenze. nonché la custodia dei valori russi». Nella nota indirizzata a Gabba dal Comando supremo viene elencata la composizione del XII corpo d‟Armata destinato alla Transcaucasia50. il giorno successivo. rispetto a quella delineata nei colloqui col governo azerbaigiano: «Le istruzioni del R. Lo stesso giorno Micheli comunica a Gabba l‟esito della riunione sulla Banca.La prima indipendenza dell‟Azerbaigian nei documenti militari italiani (1919 -1920) volte. quest‟ultima. Nel giro di pochi giorni. richiesta da Micheli il 3 giugno. Un altro documento di provenienza diplomatica appare nella documentazione militare: è il resoconto del colloquio del 9 giugno 1919 tra Sonnino e Mikhail Girs (Giers nella traslitterazione italiana dell‟epoca) ambasciatore russo a Roma e rappresentante delle forze bianche49. 25. a cui hanno partecipato quattro ministri azerbaigiani. per quanto ho saputo finora. secondo gli intendimenti generali della conferenza della pace e le comunicazioni da esse fatte al Generale Kolciak. vengono anche chiarite quali sarebbero state le forze destinate al teatro caucasico.l‟Italia potrebbe giocare un ruolo decisivo nell‟economia azerbaigiana. Giunge. come capo del Governo di Omsk e nello spirito delle assicurazioni date dallo stesso Kolciak nelle sue risposte alla Conferenza stessa». alla quale il governo di Baku ha anticipato. Nella seconda quindicina di gennaio è stata compiuta un‟importante operazione di credito nei confronti dell‟industria petrolifera locale. Il sottotenente Vita spiega dettagliatamente le condizioni finanziarie della piazza di Baku48. In ogni caso. la relazione finanziaria sulla Banca di Stato russa a Baku. non esiste censura. La missione Gabba raccoglie intanto la documentazione necessaria per la conoscenza dei problemi politici e 48 49 50 Ibidem. il grande pubblico è all‟oscuro della sovranità limitata imposta dagli inglesi: «è lasciata ampia libertà di stampa: e. imponendo le dimissioni di membri non graditi. La soluzione di Vita è che «non conveniva all‟Italia cedere la banca al governo dell‟Azerbagian. ma che la banca di stato russa sarebbe ceduta dal comando inglese all‟Italia. doc. Ibidem. in una prospettiva molto differente. in seguito a un incontro con inglesi e azerbaigiani. per mezzo della Banca di Stato. 22.

55 I. doc. appendice “Documenti”. Tommaso Tittoni. Heinz lascia l‟Europa per tornare alla guida della sua azienda negli Stati Uniti. anche per evitare il contagio del bolscevismo. 28. La rinuncia all‟intervento non ferma l‟attività politica della missione. presieduta dal Presidente del Parlamento signor Topçubaşov si sia espressa nel colloquio avuto col Marchese Borsarelli in modo assolutamente contrario a qualsiasi invio di truppe. originaria della Pennsylvania e proprietaria dell‟omonima industria alimentare. 33. 53 D. Heinz (1877-1952) è membro della dinastia imprenditoriale Heinz. p. L‟accordo tra georgiani e azerbaigiani è un vero e proprio meccanismo difensivo in funzione anti-russa e nel giudizio degli storici è il massimo grado di collaborazione raggiunto tra gli Stati transcaucasici di fronte alle minacce russe. Uno dei primi atti sarebbe stato l‟abbandono del progetto di occupazione militare del Caucaso 55 . creata e guidata dal futuro presidente degli Stati Uniti Herbert Hoover (1928-1933) per l‟invio di cibo e assistenza in Europa e in Russia: B.. avrebbe optato per una riduzione degli impegni di carattere militare ed espansivo. Carteny. tra Georgia e Azerbaigian51. 113. A Roma. doc. Patenaude. cit. The Big Show in Bololand: The American Relief Expedition to Soviet Russia in the Famine of 1921. p. Nei successivi documenti Gabba comunica a Micheli che l‟intervento italiano non avrebbe più avuto luogo e che l‟organico della missione sarebbe stato fortemente ridotto 57 . stipulato il 16 giugno 1919. n. sulla American Relief Administration. A. nei giorni successivi. A.M. Un‟ulteriore questione per la missione militare italiana viene dal colloquio53 tra il generale Cavallero e il rappresentante di Herbert Hoover. 2002. 27. si ha un nuovo colloquio con gli inviati azerbaigiani 56 . In ogni caso si auspica la massima cooperazione di carattere economico tra i due Paesi. Howard Heinz. n. op. 227. Poco dopo il colloquio con Cavallero. Pommier. denuncia le misere condizioni della Transcaucasia dove: «georgiani ed i tartari dell‟Azerbagian si odiano tra loro. appendice “Documenti”. Carteny. e ambedue questi popoli a loro volta odiano gli armeni». 56 D. Stanford University Press. Nel giugno 1919 in Italia cade il governo Orlando.. Stanford. Sale. 51 52 82 . Il nuovo ministro degli Esteri. cit. H. È ancora una volta Majoni a conferire con Aziz bek Tairof qualificato come “rappresentate azerbaigiano presso il Comando supremo”. Il diplomatico azerbaigiano esprime la più viva soddisfazione per l‟invio della missione italiana e aggiorna la posizione espressa a Parigi nel maggio: «è spiegabile che mentre la Delegazione del mio Paese. 35. sia bianche sia bolsceviche52.. op. cit.. di fronte a una profonda crisi politica e sociale del Paese. Pommier.Daniel Pommier Vincelli militari dell‟area: è il caso della traduzione italiana del trattato difensivo. doc. cit. capo della American Relief Administration. n. Il nuovo esecutivo guidato da Francesco Saverio Nitti. T. doc. Heinz viene nominato da Hoover responsabile dell‟ARA per l‟Europa sud-orientale e il Medio Oriente. n. 54 Cfr. Il consiglio dell‟inviato americano è dunque di provvedere soprattutto agli armeni. La Repubblica Democratica dell‟Azerbaigian…. comunica a Gabba le notizie da divulgare ai governi locali sulla ridefinizione della missione italiana soprattutto verso scopi commerciali. il rappresentante di Hoover. 57 Ibidem. per l‟Oriente54. Swietochowski. In un Ibidem. vi sia ora un revirement vale a dire che le truppe sarebbero bene accolte tanto ripeto è stata l‟eccellente impressione della Missione Militare». La Repubblica Democratica dell‟Azerbaigian….

doc. Pommier. appendice “Documenti”. cit. Alla fine di luglio il nuovo ministro Tittoni invia a un sottosegretario (probabilmente Sforza) maggiori istruzioni concernenti la missione italiana 59 . A. Carteny. non vi abbia poi partecipato). in particolare Tittoni vorrebbe individuare un funzionario commerciale: «che non si limiti. Carteny. 42. doc. della commissione guidata dall‟ufficiale statunitense William Haskell. doc. 58 83 . 60 Ibidem. doc.dell‟equilibrata politica italiana nell‟area64. Di fronte alla richiesta armena di armamenti da utilizzare contro gli azerbaigiani Sforza ribadisce con fermezza: «Rifiuto fornitura armi governi transcaucasici vale anche per Armenia in vista anche conflitto di quello stato con tartari Azerbaijan contro i quali potrebbero essere rivolte armi da noi fornite indisponendo contro di noi elemento musulmano ciò che devesi evitare». 63 D.. tra le varie notizie. La Repubblica Democratica dell‟Azerbaigian…. rende conto . il 28 maggio 1919 abbiano proclamato l‟Armenia “unificata”. 62 Si tratta della cosiddetta “Armenia wilsoniana” ratificata dal trattato di S èvres e svanita in seguito alla vittoria kemalista e al successivo trattato di Losanna. anche in riferimento al problema armeno58. la difficile situazione sociale ed economica vissuta in Georgia e Azerbaigian a causa del forte deprezzamento del rublo locale. cit. L‟ufficiale mette in evidenza. 64 Ibidem.nella sua sintesi . l‟ufficiale riporta i dubbi espressi dagli inglesi sull‟opportunità di partecipare a tale commissione. 45. al riconoscimento da parte della Conferenza di pace della sovranità azerbaigiana sul Karabakh. A. 44. n. Gabba promette di inviare a Roma dettagliati rapporti sulla questione del Karabakh e delle relazioni con l‟Azerbaigian che non sono stati rinvenuti nel corso della ricerca. praticata dagli americani. appendice “Documenti”. La Repubblica Democratica dell‟Azerbaigian…. all ‟inizio del 1920. 39.. ad osservare. e divenuto oramai massimo rappresentante diplomatico italiano nell‟area. tornato a Tiflis. 61 Ibidem. p.La prima indipendenza dell‟Azerbaigian nei documenti militari italiani (1919 -1920) telegramma da Baku del 21 luglio 1919 Granafei informa Micheli a Tiflis sulla richiesta di partecipazione rivolta all‟Italia e alle altre rappresentanze militari alleate (sono presenti nella regione anche francesi e americani) a una commissione arbitrale per la risoluzione del problema del Nagorno Karabakh. doc. n. Altstadt. Alla fine del 1919 Gabba segnala ancora il rischio di un attacco a Si tratta anche se non chiaramente citata nel documento. op. n. del 30 ottobre 1919. Nei mesi successivi il colonnello italiano osserva l‟evoluzione della situazione transcaucasica. cit. raccogliere dati statistici e tradurre opuscoli già esistenti». già inviato Usa in Romania. n. Pommier. Gabba. 102. 59 D. Nel dispaccio 63 del 22 ottobre Gabba informa che gli Stati Uniti hanno inviato a Baku una numerosa missione e nominato una commissione per il Nagorno Karabakh (questo lascia intendere che Gabba. A. come spesso accade. comprensiva dei territori ex ottomani 62 . informa Tittoni61 del fatto che gli armeni. Si completa quindi il ritiro inglese dall‟Azerbaigian e da gran parte della Transcaucasia (gli inglesi rimarranno con un corpo d‟occupazione a Batum) e Micheli comunica a Gabba il disappunto degli ufficiali britannici per il mancato arrivo italiano60. 40. Il fatto che gli Stati Uniti cedano armi agli armeni è dovuto alla politica anti-turca e anti-curda. per voce del loro primo ministro.. che diventa operativa nell‟estate del 1919 e i cui risultati conducono. pur invitato. Cfr. Il documento successivo. n.

123-124. p. che anche la Georgia entri nell‟Unione Bolscevica [sic] e che vengano avviate operazioni militari contro le forze inglesi che stanno al suo interno. viene fondato un partito comunista turco guidato da Mustafa Suphi. Princeton University Press. per questo successo azerbaigiano68.. Pommier. La Repubblica Democratica dell‟Azerbaigian…. Sulle origini del partito comunista turco cfr. appendice “Documenti”. possa essere inviato un contingente interalleato nella regione contesa. 49. Cfr. Si tratta dei resoconti di una serie di incontri del giugno-luglio 1920 tra il diplomatico italiano Luigi Mercatelli e Sergej Mironovič Kirov destinato anche egli a essere uno dei massimi dirigenti sovietici negli anni successivi 69 . n. 47. cit. doc. Kemal scrive a Lenin: «Accettiamo la collaborazione e l‟unità d‟azione con i Russi bolscevichi. Se le forze bolsceviche compiranno operazioni militari contro la Georgia o faranno in modo. insieme alla Georgia. Daniel Pommier Vincelli. che hanno per scopo la lotta contro i Governi imperialisti e la liberazione degli uomini oppressi che si trovano sotto il loro dominio e sfruttamento. La Strana alleanza: Turchia kemalista e Russia sovietica. 1919-1922. A Dictionary of 20th-Century Communism. Alla fine di dicembre del 1919 Denikin ha ancora modo di lanciare una minaccia a Georgia e Azerbaigian. 68 D.. a sua volta il Governo turco si assume l‟impegno di dirigere operazioni militari contro il Governo imperialista armeno e di inserire anche il Governo azerbaigiano nel gruppo degli Stati bolscevichi» (F. Antonello Biagini. Fabio Grassi. comunica Gabba.Daniel Pommier Vincelli Baku delle truppe bianche di Denikin 65 . cit. Già dal febbraio sono numerose le azioni di Kemal per favorire la bolscevizzazione della Transcaucasia. in “Annali della fondazione Ugo La Malfa”. Ibidem. pp. Gabba comunica il profondo disappunto degli armeni. è in corso a Baku una conferenza per il Karabakh: un probabile risultato di questa conferenza è che. doc. A. op. non per opera del generale bianco (che viene sconfitto e prende la via dell‟esilio) ma per l‟avanzata dei bolscevichi. sempre più vicini alla Turchia kemalista 67 . un intellettuale esiliato dal governo unionista ma divenuto in breve il braccio politico in Transcaucasia di Enver. “Communist Party in the Middle East and the Maghreb”. 65 66 84 . 69 Sergej Mironovič Kirov (1886-1934) diventa uno dei massimi oppositori di Stalin all‟inizio degli anni Trenta dirigendo dopo l‟esperienza caucasica il partito di Leningrado. per espellerle. di fronte al rifiuto americano di un impegno diretto. con la politica che seguiranno o con l‟influsso e la pressione che dispiegheranno. Proprio a Baku. sin dal settembre 1919. Riberto Service (eds. 2010. 67 Proprio il 26 aprile 1920. 1989. n. doc. questa volta accusate di rilasciare concessioni economiche agli stranieri dannose per gli interessi russi66. alla vigilia della conquista dell ‟Azerbaigian.). Gli ultimi documenti di questo fondo rendono conto della più generale atmosfera politica nel Caucaso al momento della penetrazione sovietica. 190). in Silvio Pons. pp. V. Se la notizia venisse confermata: «produrrebbe gravissime conseguenze questi paesi che da diciotto mesi godono pace et tranquillità notevoli». 50. La sorte della Repubblica democratica dell‟Azerbaigian e delle altre repubbliche è però segnata dall‟inizio del 1920. Grassi. Come noto il suo assassinio nel 1934 (che viene attributo a un militante trozkista ma porta con sé numerose ombre sullo NKVD e Stalin) apre la stagione delle purghe staliniane. n. Nel mese di dicembre. ufficialmente ancora non riconosciuti. L‟Azerbaigian viene tardivamente riconosciuto nella sua indipendenza de facto dalla conferenza di pace di Parigi il 12 gennaio 1920. Pur in una prospettiva diversa Kemal continua la linea di appoggio ai comunisti turchi operanti in Azerbaigian. 173-196. Princeton. L‟incontro richiesto da Kirov è determinato Ibidem. Carteny.

nell‟ambito del progetto FIRB 2010 L‟Europa di Versailles (19191939). La documentazione presente nell‟Archivio Ufficio Storico dello Stato Maggiore Esercito risulta dunque essere in grado di gettare una luce inedita sia sulla rilevanza della breve esperienza di modernizzazione politica ed economica affrontata dalla classe dirigente azerbaigiana sia sugli aspetti della politica estera italiana che vedono. che è il massimo dirigente bolscevico nella regione. pp. in un messaggio riservato. sono assolutamente indispensabili. RSS Azerbaigiana) avrebbero dato vita a una nuova forma confederativa: la Repubblica Socialista Sovietica Federata Transcaucasica (Zakavkazskaja Sovetskaja Federativna Respublika) destinata poi a essere sciolta da Stalin nel 1936. posti al fondo della raccolta perché non datati (docc. e poi anche da altri. a Grigorij Konstantinovič Ordžonikidze. Non si tratta solo di un espediente retorico: Lenin è davvero convinto che sia nell‟interesse sovietico una permanenza commerciale. merci in cambio del petrolio». I nuovi equilibri europei tra le due guerre nelle fonti dell ‟Archivio dell‟Ufficio Storico dello Stato Maggiore Esercito si è ritenuto congruo realizzare la pubblicazione dei documenti della missione italiana riguardanti lo Stato azerbaigiano. il forte interesse per la Cfr. lamentando persino un clima di “persecuzione” da parte del governo georgiano.in cui auspica che l‟Italia e il Caucaso costituiscano un modello di “convivenza” attraverso gli scambi commerciali tra l‟URSS e l‟occidente capitalistico. come lo è ottenere su larga scala da questi paesi. Per Lenin è fondamentale usare la leva del petrolio azerbaigiano: «le concessioni. proprio a causa della sua penetrazione caucasica. è confermato da Lenin in due discorsi dell‟aprile e maggio 1921 . 1972. particolarmente con l ‟Italia e la Germania. quindi databile attorno alla metà del maggio 1919. di tramare con la 11ª Armata bolscevica di stanza a Baku. se non politica. Scritti e discorsi. il 5 aprile 1921. Conclusione Il processo di nation-building dell‟Azerbaigian viene dunque stroncato dall‟invasione bolscevica dell‟aprile del 1920 che pone fine. Questo cercare legami con l‟Italia. Cfr. 55-56) sono il primo rapporto che Gabba invia dal Caucaso a Parigi.quindi dopo la caduta della Georgia menscevica . attorno al primo trimestre del 1920. La lettera a Ordžonikidze è ripor tata nello stesso volume. anche dai toni duri. Edizioni Progress. con parole di appeasement per la Russia sovietica. all‟esistenza dello Stato indipendente71. all‟indomani del conflitto. Da un punto di vista politico Kirov “corteggia” l‟inviato italiano e rifiuta le accuse. Nel 1922 le tre neocostituite repubbliche socialiste sovietiche (RSS Armena. e un dettagliato report sulla situazione politica e militare in Anatolia e Caucaso. 71 Proprio per il particolare interesse dell ‟esperienza statuale azerbaigiana e del significativo (seppur estremamente limitato nel tempo) rapporto con l‟Italia liberale negli anni 1919-1920. nn.La prima indipendenza dell‟Azerbaigian nei documenti militari italiani (1919 -1920) dalla pubblicazione di estratti del discorso di insediamento di Giovani Giolitti alla Presidenza del Consiglio nello stesso mese. 70 85 . RSS Georgiana. Mosca. per i due discorsi Lenin e l‟Italia. da parte georgiana. Il leader bolscevico chiede addirittura che l‟Italia mantenga la propria rappresentanza diplomatica nel Caucaso70. Georgia nel febbraio 1921). Ibidem. p. dopo 23 mesi. Nei mesi successivi sarebbero cadute in mano sovietica anche le altre repubbliche indipendenti transcaucasiche (Armenia nel novembre 1920. Gli ultimi documenti. 433. 361-364. italiana nelle ex repubbliche caucasiche. Lo scrive.

Passigli. 2012. in A. tali fonti aprono nuove prospettive sul ruolo dell ‟Italia in Europa orientale in alcune fasi chiave come il congresso di Berlino.: G. in un‟area travagliata dai conflitti etnici. A. 1981. il primo dopoguerra e offrono un‟importante fonte sugli aspetti interni di quella che Tamborra aveva definito la “fisiologia” delle giovani nazionalità dell‟Europa centro-orientale e balcanica. Firenze. “Introduzione”. Una consolidata e vivace storiografia sui temi dell‟Europa orientale nei secoli XIX e XX ha infatti messo in luce il valore delle fonti militari prodotte da ufficiali italiani operanti sul campo. Roma. In continuità con la tradizione che fa riferimento ad Angelo Tamborra.di letture libere dai condizionamenti strutturali imposti alle più tradizionali fonti diplomatiche72. Momenti di storia balcanica. Si tratta di fonti molto analitiche. 72 86 . Per quanto riguarda le fonti militari per la conoscenza della storia dell ‟Europa orientale nel XIX e XX secolo. Studi sull‟Europa orientale. SME. le guerre balcaniche. Inoltre. Tamborra. Biagini.al tempo stesso .Daniel Pommier Vincelli regione caucasica di cui i quadri militari intuiscono la potenzialità economica e strategica. Cfr. cfr. Motta (a cura di). con un forte approccio tecnico e . gli italiani si pongono come una forza di stabilizzazione e compromesso tra le parti in conflitto rifiutando qualsiasi discriminazione o favoritismo su basi etniche e religiose.

Nonostante non ci siano contatti diretti né una particolare simpatia tra queste forze e i bolscevichi russi. was a little bit different. sembra estendersi in molti paesi. lavoratori) al di là delle distinzioni nazionali: le difficili condizioni del dopoguerra. and their geographic threat. and the agitations were strictly connected to the irredentist interests of Soviet Russia and Hungary by Romanian politics. in tal senso..IL BOLSCEVISMO IN ROMANIA NEL PRIMO DOPOGUERRA Giuseppe Motta Abstract This paper focuses on the first postwar period of Romania and on the fear of a socialist menace. they were not excessively serious and grave. Agitations La rivoluzione russa del 1917 apre uno scenario inquietante per tutta l‟Europa. il socialismo è ritenuto una ideologia di carattere internazionale che abbraccia tutti i proletari (operai. dove si manifestano i primi sintomi di un malessere che viene alimentato dal conflitto e che. Keywords: Socialism. anyway. Irredentism. emphasized the danger of a socialist revolt also in Romania. Le lotte che da tempo opponevano i contadini all‟establishment per una vasta e radicale riforma agraria riemergono Lecturer Ph. rappresentano una ottima occasioni per tali istanze di cambiamento e per la nascita di una diversa forma di Stato costruito secondo i principi del socialismo. in tal senso. in Ungheria una sollevazione di piazza porta al governo Károlyi e i socialisti. anticipano quanto avviene al termine delle ostilità. al termine della guerra. Their perception. dove d‟altra parte il marxismo era nato nel secolo precedente. according to the documents of the Italian officers. L‟avvento al potere di Lenin e dei bolscevichi non sembra essere soltanto un fenomeno passeggero e le sempre più critiche condizioni economiche e sociali di molti paesi belligeranti fanno pensare al peggio. Se il centro di una futura rivoluzione viene individuato in Germania. generando il timore della diffusione del contagio bolscevico. Sapienza University of Rome .D. Some troubles effectively conditioned this troublesome phase. but. ove gli agrari di Stambolijski conquistano il potere in ottobre. quando scioperi. L‟opinione pubblica interpreta questi avvenimenti come i sintomi di un generale cambiamento e ne individua il comune denominatore nella matrice socialista. manifestazioni di piazza e proteste rendono ancor più difficile la situazione. I primi disordini colpiscono la Bulgaria. Minorities. Romania. The experiences of Hungary and Russia. i territori compresi fra la Russia e il centro-Europa diventano un terreno fertile per il propagarsi di moti che sono percepiti come una gravissima turbativa per l‟ordine sociale e democratico di tutto il mondo libero. soldati. La perdita di disciplina in seno agli eserciti e la diffusione del “bolscevismo di trincea”. mentre nello stesso periodo nasce la repubblica socialista di Monaco di Baviera e tale modello viene presto imitato anche in altre regioni della Germania.

cfr. in Theory and Practice. il bolscevismo viene descritto come un attacco contro la cristianità e la civilizzazione. A. a Berlino la rivolta è seguita dall‟assassinio di Rosa Luxemburg e Liebknecht. per poi trovarsi a dover fare i conti con la rapida espansione di tale fenomeno 2. Mondo Operaio. scioperi. che verranno chiamati social-fascisti proprio dai comunisti russi1. I rivoluzionari russi «have instituted a reign of terror. Laterza. in aperta polemica con i più moderati socialdemocratici. Sassonia). FrancoAngeli. Roma. They are killing everybody who wears a white collar. “Francis confirms all the horrors of bolshevism”. Crisi post-bellica e rivoluzione. in New York Times. Numerosi libri e articoli vengono dedicati a tale argomento. 1977. A. II. in New York Times. Ruhr. fra il 1918 e il 1919 dedicano ampi articoli al bolscevismo. The Enemy of Political and Industrial Democracy. Firenze 1969. in New York Times. il 24 novembre 1918. rivolte e proteste sono all‟ordine del giorno e la loro pericolosità viene collegata alla nascita della Terza internazionale leninista. puntando sul miglioramento delle condizioni materiali. 1978. a marzo ha inizio l‟esperienza della repubblica sovietica ungherese. Roma. R. 1999. 3 Cfr. S. Storia del comunismo europeo (1917-1948). Several provinces have gone so far as to nationalize their women». all ‟interno del quale si realizza negli anni di guerra una frattura che si dimostrerà difficilmente sanabile. vol. Fornaro. L‟Ungheria dei Consigli e l‟Europa danubiana nel primo dopoguerra. Bologna. J. Storia globale del comunismo nel XX secolo. A gennaio i moti non si placano e coinvolgono vaste regioni della Germania (Renania. Borkenau. Un profilo storico dei comunismi europei. 1981. Più in generale. 1963. la quale punta a esportare la rivoluzione oltre i confini russi. Le pagine del New York Times. Rosenberg. Milano. Tale articolo commenta il notissimo libro di John Reed su “I dieci giorni che fecero tremare il mondo” e quello di Spargo Bolshevism. il Mulino. Compagni. riportando anche a una serie di testimonianze sugli orrori della Russia e delle città europee in preda al caos rivoluzionario 3 . 27 aprile 1919. L. P. Neri Pozza. 2 Il quotidiano newyorkese propone come possibili soluzioni. Lindemann. The Myth of the Nation and the Vision of Revolution. Venezia. Secker & Warburg. Service. seguita fra giugno e luglio da una repubblica sovietica slovacca. Storia del bolscevismo. 2008. partendo da incaute previsioni di una sua rapida fine. Agosti. 9 marzo 1919. Cfr. oppure come una Per una più attenta analisi delle dinamiche interne al socialismo europeo.Giuseppe Motta prepotentemente e vengono associate ai disordini più o meno spontanei dei lavoratori e degli abitanti dei centri urbani. as friend and opponent see it”. 9 aprile 1919. London. “Sees early death for Bolshevism” su quella del 27 giugno 1919. Moti. grazie all ‟intervento della Croce Rossa o a una generale Americanization. F. Cfr. (1919-1921). La stampa internazionale dà grande risalto alle atrocità e alla barbarie del comunismo russo e. “War on Bolshevism through the Red Cross”. Bandiere rosse. vittime della carenza di viveri e di generi di prima necessità. “Bolshevism dying Says Tschaikovski” sull‟edizione del 30 ottobre 1918. Il clima postbellico è animato proprio dalle agitazioni sociali che si diffondono in diversi Stati e che vengono spesso percepite come i segnali di una più vasta campagna sovversiva con il proprio epicentro nella Russia bolscevica. 1 88 . per esempio.Talmon. Socialismo europeo e bolscevismo. 1987. Editori Riuniti. “Americanization is Cure for Bolshevism”. Bari-Roma. di conseguenza. anche a tutte quelle manifestazioni di stampo “socialista” che sono più o meno direttamente collegate a tale minaccia. 1917-1924. “Bolshevism. Rivoluzione e reazione in Europa.

rendono tale minaccia ancora più concreta. e non si placano una volta finita la guerra. La presenza di un governo di stampo socialista in Ungheria. Le prime agitazioni sociali romene erano comparse durante il periodo di occupazione da parte dei tedeschi nel 1918. 74. la città è minacciata dalla fame e quasi 6. Notizie allarmanti vengono diffuse dalla stampa estera. Secondo la Neue Freie Presse di Vienna (24 novembre 1918) in diverse zone meridionali del paese i rivoluzionari socialisti rumeni hanno proclamato la repubblica. Roma. La situazione politica appare segnata dall‟incertezza e dalla instabilità. che fra i contadini si estende rapidamente. E8. in New York Times. per esempio. che ha impoverito le risorse romene. Nella prima metà del 1919. 5 Telegramma di Peano del 27 gennaio 1919 al presidente del Consiglio. 27 luglio 1919. un prodotto della decomposizione sociale causato dalla guerra4. In una riunione del 13 gennaio 1919. in New York Times. quando le aspettative di riscossa sociale sono in parte disilluse e portano la popolazione a manifestare il proprio malcontento. la Romania appare particolarmente minacciata trovandosi quasi accerchiata dai bolscevichi russi in Bessarabia e da quelli ungheresi in Transilvania.Il bolscevismo in Romania nel primo dopoguerra nuova religione. contribuendo ad alimentare il mito di una minaccia bolscevica che pende sull‟Europa intera. AUSSME. I quotidiani ungheresi sono ancor più interessati a tali vicende. Theory”. che trovano ampio spazio sulle pagine del Az Ujság (28 gennaio) secondo cui a Cluj (Kolozsvár) l‟anarchia è completa.000 uomini sono disoccupati6. viene comunicato ai ministri alleati a Bucarest che una seduta del consiglio dei ministri del governo Károlyi avrebbe stabilito l‟invio in Transilvania di agenti socialisti per la preparazione della guerriglia contro gli occupanti romeni. dove vi aderiscono tramvieri. Archivio dell‟Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell‟Esercito (AUSSME). e lungo i suoi confini (Polonia. ove è in corso una cruenta guerra civile. per cui è stato chiesto l‟intervento del generale Berthelot per soffocare la rivoluzione. scioperi e manifestazioni animano le principali città del paese. in Bessarabia e in Transilvania. oltre che dalle lacune strutturali di cui il paese soffre anche a causa dell‟occupazione tedesca. Le agitazioni sociali si manifestano in tutta Europa e segnano in questi anni una stagione di precarietà e incertezza. Cfr. soprattutto nelle regioni petrolifere e nella capitale Bucarest. “Existing bolshevism vs. 7. In dicembre. Il timore è concreto e l‟esempio ungherese fa ritenere che «le tristissime condizioni sociali ed economiche del paese» possano costituire un ottimo terreno per l‟estensione del movimento bolscevico in Romania5. 11 gennaio 1918. cartella 1. “Bolshevism seen as new religion”. I funzionari non sono in grado di disarmare i contadini armati. già negli ultimi mesi del 1918 aumenta i timori che tali proteste possano essere usate per indebolire la Romania e limitare le sue conquiste territoriali. Fondo E8. 6 Estratto di diversi articoli inviati dall ‟addetto militare a Bucarest. faldone 76. quando in Ungheria sale al potere Béla Kun. Ucraina). soprattutto negli Stati che sono maggiormente esposti a causa della loro contiguità territoriale con la Russia. La situazione geografica e la continuazione della guerra in Russia. 4 89 . tipografi e operai delle principali fabbriche. che si teme possano anche ricongiungersi.

«Il malcontento e la ribellione della truppa furono seguiti dall‟insurrezione degli operai.. Il Nyolc Órai Ujság di Budapest (11 febbraio) testimonia la scarsa disciplina in seno all‟esercito e dei numerosi rifiuti di rispondere al reclutamento e di obbedire agli ordini dei comandi superiori. Frimu e Constantinescu. I militari comincerebbero a unirsi ai contadini. oltre il Nistro. L‟insurrection de Khotine dans la Bessarabie et la Paix Europeenne. La ribellione di Khotin del gennaio 1919. il pericolo socialista sembra confondersi con le istanze di tali popolazioni. giunte da Bucarest. si rifiutano di combattere e si disperdono. invece. che sono zeppe di prigionieri politici». dove risiedono consistenti minoranze nazionali. secondo il Journal de Geneve (3 febbraio) «persone bene informate. Il Berner Tagwacht (10 febbraio) afferma che «Brătianu prende severe misure contro la minacciante rivoluzione». La situazione del governo è critica». Mai l‟impopolarità del futuro sovrano e stata così grande come in questi giorni. fra i quali si segnalano i ferrovieri e gli operai. 1927. le testimonianze riportate dalla stampa internazionale sembrano confermare l‟esistenza di seri attriti e di forti tensioni sociali. vede gli ucraini rivoltarsi contro le forze di occupazione facendo appello al diritto all‟autodeterminazione. 1927. Batchinsky. hanno parlato di una grande insurrezione di contadini e di molti sanguinosi conflitti avvenuti in parecchie località di provincia. Il governo fece comandare la truppa contro gli operai.Giuseppe Motta Il capo della missione militare italiana in Romania. per esempio. Molti fra i circa 60. Tale instabilità è aggravata dal fatto che nei territori di recente acquisizione. fucilandoli in massa e in parte incarcerandoli. Nelle vie di Bucarest vennero piazzate mitragliatrici. 7 90 . ma essa negò di obbedire e non volle sparare sui dimostranti. che non sempre accettano pacificamente l‟occupazione romena. anche in Transilvania gli ungheresi si rifiutano di cedere l‟amministrazione ai romeni che avanzano nella loro occupazione. New York. certo non più tranquilli. Peano. Secondo il Az Ujság (8 febbraio) fra le vittime si trovano i due delegati romeni che hanno partecipato alla conferenza di Stoccolma. I capi degli operai furono chiusi nelle carceri di Vacaresti. C. Il Volksrecht di Zurigo (1 febbraio) riporta la testimonianza di un socialista romeno sulla «reazione imperversante in Romania per opera dell‟oligarchia ebbra di vittoria».000 uomini concentrati a Iaşi per sedare il movimento rivoluzionario dei contadini della Bessarabia. I più gravi sono stati a Bucarest». Così come avviene nella regione di Khotin. Anche in questo caso.. e danno un‟immagine inquietante della Romania. A questi disordini i romeni reagiscono con la rigida repressione. Bessarabia. che condussero sabato e domenica a sanguinosi scontri. J. per esempio. come la proclamazione dello stato d‟assedio e l‟inasprimento delle pene contro i dimostranti. Il Magyarország del 5 marzo. A Bucarest il 23 gennaio si svolsero grandi dimostrazioni nelle strade. invia un interessante dossier contenente diversi articoli della stampa estera. Upson Clark. negato loro dalla rapida repressione da parte delle truppe romene7. Paris. le vittime furono numerosissime. Okhotnikov-N. soffocando inesorabilmente il movimento degli operai e dei contadini romeni. Secondo la Neue Zuercher Zeitung di Zurigo del 28 gennaio «notizie da Bucarest riferiscono circa gravi disordini di contadini. afferma che in tutta la Transilvania i romeni stanno La ribellione ha luogo alla fine di gennaio del 1919 ed è seguita da una dura repressione e dalla fuga di molti civili nei territori. che dipingono la situazione romena come governata dal caos e prossima al collasso. Cfr.

vengono comunque confermate anche da altre fonti più attendibili. Per la verità. le prospettive di ripresa non sono rosee. il 12 febbraio. vi furono giornate in cui oltre un centinaio di persone moriva di fame e di assideramento nei sobborghi della capitale.. la quale è stata però bloccata dalla folla che ha circondato il palazzo reale. si dice. pur essendo «ridotta economicamente a mal partito. Milano. per esempio nei rapporti del capitano Joseph C. 52-54. il quale dopo aver visitato la Romania. Green.. VI Serie. Tipografia e Zecca dello Stato. 74. un rapporto dal titolo Pericolo di una insurrezione bolscevica in Romania9. che hanno causato la crisi del governo e una tentata fuga della famiglia reale. Il Neue Zurcher Zeitung di Zurigo. divertendosi e mostrandosi indifferenti alla miseria che le circonda e alle sorti della nazione». Vol. G. pp. il paese è stato spogliato dagli invasori tedeschi e «la maggior parte del materiale ferroviario non si salvò dalla loro rapacità». Roma. afferma che sono scoppiati nuovi disordini. invia a Parigi. Negli ultimi disordini furono uccisi 60 individui e altri 150 rimasero feriti. e viene dunque considerato come una fonte attendibile. pur forse eccessivamente allarmiste.Il bolscevismo in Romania nel primo dopoguerra organizzando un grande servizio di spionaggio per mezzo degli studenti delle università e anche di preti e teologi. A Bucarest è stato Così il Világ di Budapest del 7 febbraio. che contiene la relazione fatta dal tenente Alberto Olivotto. Mentre nei treni è facile imbattersi in tali spie... in I Documenti Diplomatici Italiani (DDI). E8. che desiderino allontanarsi dalla Capitale»8. anzi. ove le masse dei contadini reclamano violentemente la redistribuzione delle terre. la folla gridava… da allora i Reali non abbandonarono più il palazzo. di ritorno a Fiume dopo un viaggio in Romania. 8 9 91 . tanto da temere da un momento all‟altro una rivolta della classi agrarie e operaie». Fiume 26 febbraio 1919. 1980. Grazioli. non si trovi comunque nella condizioni gravissime di cui si legge nella stampa ungherese e tedesca10. Un rapporto difficile. al comando della terza armata. 1918-1922. FrancoAngeli. malgrado le difficili condizioni attuali. Romania e Stati Uniti nel periodo interbellico . è nativo di Bucarest e figlio di un vice-console d‟Italia. le classi privilegiate vivono nell‟abbondanza e nel lusso. AUSSME. L‟ultima volta che i Reali passarono per le strade della capitale in automobile. 2006. La situazione comunque non è tragica. Gli anni di guerra quindi hanno causato gravi conseguenze che ostacolano la ripresa del primo dopoguerra: «navi cariche di granaglie provenienti dall‟America attendono nel porto di Costanza di affidare il loro carico ai vagoni che viceversa non esistono. Le carte di Joseph Coy Green sono conservate come Joseph Coy Green Papers presso gli Hoover Institution Archives. almeno non fino al punto di far pensare a una vera rivoluzione e le voci che parlano delle dimostrazioni di carattere rivoluzionario e antimonarchico di Bucarest vengono considerate quantomeno esagerate: è vero invece che si è avuto un periodo di crisi con delle sommosse parziali nella capitale e nei dintorni. 10 Il comandante del corpo di occupazione interalleato di Fiume. l‟11 aprile 1919. nel paese si registra un vivo fermento: «A Bucarest lo stato d‟animo si fa sempre più acuto e trova espressione in appassionate dimostrazioni. Cfr. Una testimonianza dello stesso carattere la si ritrova anche nella corrispondenza delle autorità militari italiane. Nel suo rapporto riferisce di una «campagna di penetrazione politica ed economica» attuata dai francesi e ritiene che la Romania. II. Le notizie della stampa. 7. Olivotto parla romeno. Motta.

Grazioli. la sfiducia nell‟attuale regime è condivisa dall‟opinione pubblica dei territori redenti.. i decreti-legge sulla espropriazione. D‟altra parte in Romania manca una struttura sociale fatta di operai organizzati. sin da prima della guerra. In una relazione sugli avvenimenti politico-militari svoltesi La relazione contiene anche varie critiche allo scarso interesse della diplomazia italiana per Romania. ma non può liberarsi». le voci diffuse dalla stampa austriaca e tedesca sono da ritenersi senz‟altro esagerate e troppo allarmiste. ma è altrettanto fermo nel ritenere del tutto esagerata la minaccia di una rivoluzione di carattere socialista. Secondo altri documenti inviati dalla Romania. ove «avvengono frequentemente scontri con bande organizzate ungheresi alla frontiera di occupazione in Transilvania. le autorità agiscono tramite decreti che vengono imposti all‟autorità giudiziaria e così «le esagerate attribuzioni dei reali commissari e della corte marziale oltrepassano ogni limite legale». Olivotto conferma l‟esistenza di gravi perturbazioni e di un «disordine indescrivibile» e non si sottrae a dure critiche nei confronti di alcune decisioni del governo: il sistema delle requisizioni. ed essi mercanteggiano le loro autorità. ed essa non cesserà finché verrà forza maggiore capace di abbatterlo unitamente all‟attuale regime… il governo Bratianu è impopolarissimo. il quale è estremamente critico nei confronti della gestione politica romena. e che vuole non solo sottrarsi all‟amministrazione comune con la Romania. I timori sono inoltre enfatizzati dalle pressioni sui nuovi confini romeni. L‟opinione di Olivotto. 12 Nella nota si legge: «il Bratianu personalmente è in facil guisa attaccabile… le persone che compongono il governo liberale amministrano in forma evidentemente 11 92 .. Fiume 26 febbraio 1919. hanno rappresentato «dei veri attentati commessi contro la libertà. VI Serie. Nel paese il disordine tende sempre ad aumentare e contro di esso non valgono le numerose ordinanze e disposizioni di applicazione incompleta. non fa che censurare tutto ciò che nella stampa può esservi di ostile a lui. in DDI. appare in linea anche con altre fonti militari. il Governo Bratianu. cit. per esempio dall‟addetto militare. pur così infatuato del gallicismo. che peraltro non vede in Romania uomini capaci di salvare la situazione presente. invece di provvedere. all‟esercito e alla monarchia. e il regime costituzionale antebellico non è ancora stato ripristinato. In Transilvania vennero inviate non solo persone incompetenti in fatto di organizzazione. «il popolo romeno. la situazione è invece abbastanza calma e non presenta pericoli di alterazione. E così la forza ha violentato il diritto. È difatti evidente l‟incapacità di organizzazione della Romania.Giuseppe Motta proclamato lo stato d‟assedio. D‟altra parte i bolscevichi minacciano continuamente le frontiere della Bessarabia tentando in più punti il passaggio del fiume Dniester»11. perché la classe degli agenti incaricati della loro esecuzione è corrottissima. «La Romania sembra quasi completamente asservita ai francesi».. anzi odiato dalla maggioranza del paese.. e la grande massa dei lavoratori è costituita dalle popolazioni agricole12. ma anche così poco abili da provocare le proteste della stessa popolazione contro le eccessive repressioni verso i magiari». al comando della terza armata. Il comandante del corpo di occupazione interalleato di Fiume. 1918-1922. ma cercherebbe di imporsi con i suoi dirigenti e le sue direttive alla Madre Patria. le molteplici restrizioni imposte dal governo. si mostra ora seccato di questa tutela di cui vorrebbe. Tranne alcune agitazioni registratesi nel mese di dicembre.

specialmente con l‟accusa di concussione e appropriazione indebita. senza alcuna distinzione in base alla religione dei medesimi. aveva già dato luogo a disordini nelle campagne nel 1907 e nel 1910. E8. la situazione economica romena è abbastanza precaria: il bestiame è andato quasi interamente perduto. «condannato a morte per diserzione e tradimento». non essendovi riuscito in via giudiziaria. i raccolti sono scarsi. che vede la Romania geograficamente accerchiata di fronte al dilagare bolscevico in Russia e Ungheria: «dalle informazioni che si ricevono. d‟altra parte. che aveva imposto alla Romania l‟eguaglianza dei diritti civili e politici per tutti i suoi abitanti. La Romania però è un paese estremamente ricco in cereali. 1. 29 marzo 1919. 151. AUSSME. AUSSME E8. calunnie. la moneta è svalutata. risulterebbe che. rappresentati in Galizia dai Ruteni e in Podolia dai Bolscevisti e da una parte delle truppe di Petliura. aiutati da bande irregolari agenti alle spalle delle forze romene dell‟Ardeal. un partito che può contare su una fitta rete di aderenze. disonesta. Così mentre sotto la presidenza Marghiloman erano stati imprigionati e processati molti uomini politici liberali. che gli Ucraini. I problemi della Romania . invaderebbero la Bessarabia. Il partito bolscevico. sia gli Ungheresi in Transilvania. mentre la questione ebraica si era trascinata fin dall‟epoca della prima costituzione del 1866 e del Congresso di Berlino del 1878. il problema degli ebrei . L‟esempio più evidente è quello del colonnello Verzea. già sindaco di Bucarest. Il Gabinetto Carp. aiutati dalla truppe Petliuriste. 93 . cointeressenze e complicità: «tra le molte e fruttuose iniziative economiche liberali primeggiava la società dei tramways di Bucarest. gli Ungheresi e i Ruteni con truppe regolari ucraine attaccherebbero da Nord e da Ovest la Transilvania. così da dar luogo a continui lamenti e recriminazioni». mentre il malaffare dei governanti è testimoniato dalle vicende del partito liberale. Il gravissimo problema agrario. offese personali. in seguito vengono messi sotto processo esponenti dell‟avverso partito. È soprattutto la riforma agraria a stare a cuore a vasti strati della popolazione. 7. della cui formazione segreta si occupano fin d‟ora emissari speciali inviati nel cuore della regione dall‟interno dell‟Ungheria». Ufficio operazioni nota del Generale Peano al Comando Supremo. invece. 74. petrolio e legnami e con l‟acquisizione delle nuove terre può contare anche su minerali e metalli di ogni sorta. persecuzioni e vendette da parte del partito al potere. stanno prendendo accordi segreti per darsi mutuo appoggio e concertare per la prossima primavera un‟azione comune ai danni della Romania: mentre i bolscevisti russi. si constata come il clima politico romeno sia segnato da molte accuse. pur manifestando nelle vie di Bucarest e di altre città. non esitò a ricorrere a provvedimenti legislativi con effetto retroattivo»13.quello agrario. non è rappresentato in parlamento ma dispone di fondi provenienti dalla Russia e dalla Germania e trova nell‟inflazione e nel malcontento largamente diffuso tra le classi meno abbienti un grande fattore di successo. i disertori e coloro i quali si erano dimostrati «propensi all‟elemento tedesco». In generale.Il bolscevismo in Romania nel primo dopoguerra in Romania fino al primo marzo 1919. quello elettorale. 13 Relazione del capo della missione militare italiana in Romania di Peano sugli avvenimenti politico-militari in Romania fino al primo marzo 1919.rendono la situazione abbastanza tesa. 76. Prot. L‟instabilità interna è aggravata dalla situazione internazionale. si propose di annullare la concessione di cui questa società godeva e.

14 94 . sono stati liberati dal campo di concentramento e hanno iniziato a fare una attiva propaganda bolscevica fra la popolazione ungherese della Transilvania per provocare scioperi e agitazioni contro le truppe e le autorità romene17. secondo cui magiari e spartachisti hanno intenzione di provocare una rivoluzione sociale in Transilvania e in tutta la Romania15. pp. 1. L‟inchiesta porta alla luce il fatto che un operaio di nome Konitz possiede una lettera di Kagan. La presenza di Kun viene avvertita come pericolosa anche per la vicina Germania. 1. comunque. 16 aprile 1919. 18 Cfr.3. prot. L. “La situation en Roumanie”. Il bolscevismo non si dimostra in grado di conquistare le campagne e le voci della stampa tedesca e ungherese risultano puntualmente contraddette dalla testimonianza diretta di viaggiatori e rifugiati provenienti dalla Romania18. “Kun in Bavaria. 15 Cfr. La stampa internazionale continua a dedicare molte attenzioni alla situazione romena e segnala gli avvenimenti più interessanti. La situazione sui fronti di Ucraina e Ungheria. soprattutto a Monaco ritenuta «the hotbed of Bolshevism in Germany». 815 al Comando Supremo. Dopo una prolungata occupazione e una difficile campagna militare. 2. che segnalano l‟attività degli ufficiali dell‟ex-divisione sicula. d‟altra parte. è facilmente spiegabile alla luce della contesa per il possesso della Transilvania e viene testimoniato anche da fonti militari. Il coinvolgimento magiaro. in quanto l‟eco delle notizie provenienti dalla Francia provoca un vivo malcontento che viene acuito dalla propaganda bolscevica. d‟altra parte. Algazy. dopo aver prestato giuramento di fedeltà alla Romania. in New York Times. les Hongrois et les Bulgares en Roumanie”. Una notizia simile è quella. Cfr. 76. è quindi normale che la Romania non riesca a risollevarsi immediatamente a causa della precarietà delle condizioni materiali del primo Promemoria di Peano. anch‟essa del parigino Le Temps. E8. in Le Temps. 3 aprile 1919. “Les Allemands. p. rende il pericolo “massimalista” ancora più concreto14. non coinvolgono solo la Romania e ostacolano la ripresa in tutti i paesi europei. non raccoglie adesioni convinte nelle grandi masse. in Le Temps. 16 Cfr. alcuni dei quali risultano implicati in una organizzazione rivoluzionaria scoperta a Sibiu e Cluj16. “Un complot bolcheviste en Roumanie”. pur sorretta da manifestazioni eclatanti e di forte impatto. AUSSME. il quale vi era stato inviato da Sofia per conto di un sedicente Comitato per il soccorso dei bulgari in Dobrugia con il compito di tastare la situazione per una eventuale rivoluzione. le negoziazioni di Parigi rendono la realtà romena ancor più turbolenta. E8. soprattutto in quelli che hanno affrontato il conflitto. 12 aprile 1919. 6724 del 18 aprile 1919 al Comando Supremo. Germans alarmed”. Questo sembra essere l‟obiettivo anche di agenti esterni. secondo cui in Dobrugia è stato arrestato l‟ungherese István Heller Portia. 17 Relazione sulla situazione del nemico delle varie fronti della Romania alla data de 31 agosto 1919 Prot. Le difficoltà economiche. Nonostante la segnalazione di numerose iniziative di carattere sovversivo. Questi ultimi. dove secondo i romeni continuano i massacri delle pacifiche popolazioni romene della Transilvania. capo dell‟organizzazione rivoluzionaria di Budapest. la realtà romena non appare vicina a un tracollo economico e la propaganda socialista. AUSSME. come il processo che si svolge a Bucarest per un attentato verificatosi il 26 dicembre. 74. 5 aprile 1919. 7. 2. p. soprattutto dai magiari inviati da Béla Kun.Giuseppe Motta Durante il mese di marzo. in Le Temps.

come afferma il procuratore della Corte di Cluj. E8. è associato alla precaria situazione dei nuovi confini romeni e alla realtà della Transilvania. per esempio dagli ungheresi che si rifiutano di prestare giuramento al nuovo governo. 21 Relazione del 15 marzo 1920 sulle frontiere. 2. a cominciare dalle sue infrastrutture. bestiame e foraggio.Il bolscevismo in Romania nel primo dopoguerra dopoguerra.. E8. si tratta infatti di scontri di guardie frontiere perdutesi nella nebbia. E8. Il pericolo bolscevico. Relazione della seduta n. al contrario. anche se tali incidenti appaiono talvolta ingigantiti. 1. e sembra con qualche vittima. Tutte queste misure si sommano alla requisizione forzata di viveri. per esempio. fanno pensare a possibili agitazioni da parte dei magiari e inducono a ritenere che Budapest stia organizzando un piano per richiamare dalla Germania tutti gli ex ufficiali e farli convergere in Transilvania. il quale accusa varie associazioni di tramare in segreto Nota dell‟addetto militare italiano a Bucarest al Comando Supremo . fra 1918 e 1920. In Transilvania. sostituiscono gli impiegati pubblici e impongono a tutti gli abitanti fra i 21 e i 45 anni di presentarsi immediatamente alle commissioni di reclutamento. Anche se la minaccia proveniente da Ungheria e Russia va ormai scemando. Il Governo si dimostra debole e incapace. e creano un profondo malcontento nella popolazione21. AUSSME. Piccole scaramucce di frontiera confermano tali sospetti. inoltre. Il Parlamento si esaurisce in continue discussioni senza riuscire a prendere decisioni che valgano a fronteggiare la situazione»19. e secondo alcuni la loro attività deve essere ricollegata all‟irredentismo ungherese. l‟addetto militare italiano a Bucarest conferma che le condizioni attuali della Romania sono allarmanti: «Da otto giorni in Bucarest perdura lo sciopero dei tramvieri ed oggi vi sono stati disordini in città. 76. contro un nemico percepito come ancora più pericoloso dei precedenti avversari. Bucarest si trova ancora impegnata nelle ostilità postbelliche su due fronti. 20 «La Romania ha confuso i preparativi in corso di esecuzione con le voci di probabili preparativi futuri”. Molte “informazioni romene” invece sono nettamente più allarmiste e denunciano il fatto che al termine dell‟occupazione le località evacuate sono a mano a mano prese in consegna da commissioni militari ungheresi. L‟obiettivo de dimostranti sembra essere quello di voler paralizzare la ripresa politica ed economica della Romania. dove la minaccia ungherese non accenna a diminuire. l‟attenzione verso tali paesi rimane molto alta.. 1. 201 della conferenza ambasciatori del 24 gennaio 1920 sugli “Incidenti romeno-ungheresi». 24 dicembre 1919. e l‟attività dei magiari continua a essere associata a un generico pericolo bolscevico. 19 95 . Numerosi incidenti. si registrano più di cinquanta scioperi (soprattutto nella valle del Jiu) che sono spesso sostenuti e animati da elementi non romeni. La difficile ripresa fa pensare a un paese quasi paralizzato. ritirano le armi. e tale visione appare confermata comparando le notizie summenzionate con analoghe conclusioni fatte alla fine del 1919. e non di agenti provocatori inviati dall‟Ungheria per attaccare la Romania 20 . Nei suoi rapporti del 17 e del 24 dicembre. che proclamano immediatamente lo stato d‟assedio. 76. in quanto capace di esportare la rivoluzione al di là dei propri confini. AUSSME. AUSSME.Roma. 75.

il giorno 8 dicembre un giovane rivoluzionario ebraico. vol. ANC. in ottobre si giunge a uno sciopero generale e. che è legato alla Terza Internazionale di Lenin. Scobelev e Varga . nei centri petroliferi e nella capitale ove producono una eco sicuramente maggiore. in S. anzi.Giuseppe Motta contro lo Stato romeno: il giornale Ellenzék o le società culturali Emke. dopo il fallimento dello sciopero generale proclamato in ottobre. 194. in quanto risulta composto principalmente da ebrei e da membri di altre minoranze etniche. 395/11) è descritta la situazione dei centri minerari della valle del Jiu. 1. dove i lavoratori. In un dossier dei servizi di sicurezza del febbraio 1921 (no. Service (a cura di). Turda. Si riferisce a una seduta della Corte del 27 dicembre 1920. nel 1921. 23 ANC. È in questo contesto. Ţîrău. “Partito Comunista in Romania”. con una bomba piazzata sotto a un treno. Parchetul General al Curţii de Apel. Dossier 6/1921. Gli agitatori cercano inoltre di bloccare le infrastrutture (strade. tuttavia. Communism and the National Issue in Transylvania in the First Half of the 20th Century. Leon Liechtblau. Tale movimento. I disordini che vengono spesso imputati all‟elemento magiaro sono comunque diffusi nell‟intero paese. Erdélyi Gazdásagi Egyesület22. Le agitazioni non cessano nel corso del 1920. viene presto messo fuori legge dalle autorità romene che vedono nei comunisti locali la longa manus dell‟Unione sovietica. che dal partito socialista prende vita il partito comunista romeno. L. ponti) come nel caso dei fratelli Maderschpach. Bucur. 135. Gelber Moscovici . 24 Questa attività viene sovvenzionata anche da Budapest e trova il suo centro politico nel partito comunista. 25 Cfr.. II. cit. Rapporto del Dipartimento di sicurezza trasmesso all‟Ispettorato generale di Transilvania e al ministero dell ‟Interno. come il congresso dell ‟8 maggio di Bucarest.e cogliere informazioni sull‟attentato al tunnel di Băniţa. In questa occasione un agente riesce a stabilire un contatto con tre comunisti . Erdélyi Közmüvelödési Egyesület. Cluj (ANC). Deva. dossier 2/1921. op. nel caso della Transilvania. radicale e contrario agli ideali “nazionali” abbracciati dai socialisti. January 1995. che sono considerati i nemici dell‟unità e della stabilità dello Stato romeno25. M. Cfr.Rudnjaski. Parchetul General al Curţii de Apel. Ege. 123-124. Dopo un tentativo di assassinare il ministro degli Interni Argetoianu. La situazione della Transilvania. fortemente anticomunista. Constantiniu. si distinguono per la loro inoperosità 23. 25. fondato proprio nel 1921. in “Bulletin of the Center for Transylvanian Studies”. che vede coinvolto anche il clero ungherese24.Saul Osias. Parchetul General al Curţii de Apel. La stagione “rivoluzionaria” romena raggiunge il suo climax alla fine del 1920. R. Pons. Nel 1893 nasce il partito social-democratico di Solomon Kantz. si inserisce in un contesto non certo più tranquillo.piazza un ordigno al senato uccidendo il ministro di Giustizia Dimitrie Greceanu e due senatori (Demetriu Radu e Spirea Gheorghiu) e ferendone altri. o nella cospirazione di Târgu Mureş. per bloccare la linea ferroviaria Simeria -Petroşani. Max Goldstein. che acquisterà maggiore visibilità solo 22 96 . Archivi nazionali. Dossier 6/1921. IV. ferrovie. che intendono piazzare una bomba per fermare il trasporto di carbone nel tunnel di Băniţa. i sospetti di un collegamento fra le turbative socialiste e il nazionalismo magiaro si fanno sempre più forti. quasi tutti ungheresi. L‟attività di tale organizzazione è monitorata dai servizi fin dalle prime riunioni. con alcuni suoi compagni . p. Simili dichiarazioni sono fatte anche nei tribunali di Alba Iulia. alias Constantin Dobrogeanu Gherea. Il partito comunista romeno viene bandito nel 1924 proprio per le sue tendenze “antinazionali”. Vol. F. no.

quando «l‟annessione di alcune province alla Romania alla fine della prima guerra mondiale (1918) influì in maniera notevole sullo sviluppo del movimento operaio». magiari come Elek Köblös. King. tuttavia. Stanford. R. la sua direzione rimane affidata soprattutto a esponenti delle minoranze nazionali. Istoria românilor. Hoover Institution Press. 1992. A history of the Romanian Communist Party. V. 1980. Georgescu. Nel periodo interbellico.Il bolscevismo in Romania nel primo dopoguerra successivamente. Editura Humanitas. 97 . pp. Cfr. e ucraini come Vitali Holostenko. R. De la origini pînă în zilele noastre . Bucureşti. 206-207.

.

and the absolute refuse of a limit in the employment of the military strong. are some of the most important and dramatic character of this conflict. from the Reconquista to the Colonial war in Marocco. Conspiracy 1 Origine militare dell‟identità spagnola Quasi ogni paese ha un proprio mito fondativo. che poteva essere mobilitato in qualsiasi momento. The power of General Franco. Keywords: Reconquista. and the Spanish Morocco‟s Army represented the strong of “old Spain”. in genere localizzato in una “guerra di liberazione” che in un passato più o meno remoto ha sgomberato il territorio nazionale da un nemico esterno e ha consentito lo svilupparsi di una identità patria. Spain. the republican Spain was the new “terra infidelium” like the Muslim Spain or the American continent of the XV-XVI centuries. ovvero dei musulmani che nell‟VIII sec.IDENTITÀ NAZIONALE E TRADIZIONE MILITARE NEL SOLLEVAMENTO DEL LUGLIO 1936 Paolo Formiconi Abstract This work talks about some of the rapports between the Spanish military history. In the Spanish Civil War. Tradition. Military. was in fact the political representation of a colonial order. non solo. at the born of the Spanish Third Republic in the 1931. The difficult experience of the colonial war was really the mental and political background of the most part of the military official class who. come ci si potrebbe aspettare. avevano cancellato il regno visigoto sommergendo la Spagna fino quasi ai Pirenei. La Chiesa era partecipe della guerra non meno del resto della società. contadino o pastore. take part in the project for “rescue Spain from the red danger”. founded during the civil war. L‟uomo comune. che si affermò come il principale motore della Reconquista al punto che l‟intera Castiglia finì per identificarvisi sia materialmente che spiritualmente. era sempre anche un soldato. A dare la propria impronta a questo processo fu la monarchia castigliana. and the development in Spain of militarist ideology in the first part of the XX century. The big charge of violence. La nazione spagnola ha il proprio mito nella Reconquista della penisola compiuta ai danni dei “moros”. taken from the Spanish experience of the war in North-Morocco. nel Consulente della Commissione storica italo-tedesca . L‟identità e la società spagnola si strutturarono quindi con una natura “guerriera” fin dal loro nascere. al contrario che nel resto d‟Europa. In the conspirator‟s plain. are presents many elements of a Crusade and many elements of a colonial war. National Identity. the usual killing of the prisoners. build after the conflict. I nobili erano tutti soldati e la loro unica occupazione era il servizio al sovrano. called to conquer a new Spanish empire.

Tale processo di “castiglianizzazione” della penisola iberica andò accentuandosi quando una nuova dinastia prese il potere nella Spagna moresca e pose un argine ai successi dei regni cristiani nella loro marcia verso meridione. La stessa economia era condizionata dalla necessità di reperire rapidamente i mezzi finanziari indispensabili alle esigenze belliche. i grandi spazi della meseta punteggiati dai mulini a vento1. che comprendeva anche l‟odierna Catalogna. p. o almeno in una parte di essa. che per essere vittoriosa e grande deve essere unita. l‟aspetto di una Castiglia dilatata e declinata nelle diverse sfumature geografiche e sociali. La presenza per lungo tempo dei musulmani sul suolo spagnolo. i villaggi piccoli e isolati. e la loro definitiva espulsione nel XVI secolo al termine di un‟ultima serie di ferocissime guerre. assumeva il potere. Nasce in questo momento il concetto tradizionale di nazione spagnola. come sarà per i territori amerindi. in Spagna una dinastia di guerrieri provenienti dal Marocco. andò così assumendo un carattere parzialmente differente dal resto della Spagna. lascerà nella nazione spagnola. Il paesaggio della Spagna interna andò così assumendo il carattere desolato e stepposo che conserva ancora adesso. 100 . il Leon e la Navarra e l‟Aragona erano sopravvissuti sulle scoscese doline pirenaiche. introducendo nel raffinato Islam spagnolo una carica di zelo religioso e di selvatica efficienza guerriera. che malamente poteva adattarsi alle esigenze di un regno costantemente con l‟arma al piede. con i suoi campi desertificati dal passaggio secolare delle greggi. Per riprendere l‟iniziativa i regni cristiani dovettero forzatamente iniziare un processo di formazione nazionale che caratterizzerà indelebilmente l‟identità spagnola. L‟influenza di questo regno nella Reconquista fu tuttavia minore proprio perché la sua espansione fuori dal territorio iberico ne disperdeva considerevolmente le forze. Altri tre regni. al contrario dell‟agricoltura. che acquisì mano a mano. gli Almohadi. attraverso gli ordini militari religiosi. Beevor.Paolo Formiconi ruolo di patrono benedicente di un crociata contro i musulmani. ma anche come attore stesso della guerra combattuta. dove le dinastie militari dei Mamelucchi e dei Selgiuchidi rimpiazzavano le deboli monarchie arabe. di questi. Da questo momento l‟identità spagnola andrà nutrendosi anche di un altro principio. cristiana e guerriera2. ulteriore alla fede cristiana e alla vocazione militare: l‟unità del paese contro il nemico esterno. lasciando la guerra ai mori un affare principalmente affidato ai “cugini” dell‟entroterra. 14. la sensazione perenne dell‟insidia dall‟interno. Milano. retaggio della paura diffusa dei 1 2 A. L‟Aragona. Qualcuno definirà la Spagna una “Prussia mediterranea”. La guerra civile spagnola. l‟Aragona aveva sviluppato una vocazione marinara e mediterranea piuttosto diversa da quella terriera e continentale della Castiglia. Rizzoli. L‟allevamento delle pecore divenne così l‟attività tipica del popolo spagnolo. 2006. la vendita della lana grezza infatti. consentiva di ottenere guadagni modesti ma sicuri. Con una simmetria quasi esatta con quanto accadeva nel mondo musulmano dell‟Egitto e dell‟Asia Minore.

che proiettava le proprie ambizioni sul Golfo del Messico e sull‟Oceano Pacifico. orfana della grandezza imperiale. fosse quella del Brasile. si persuaderà. 73-182. Quando la Spagna si avvierà al suo declino alla metà del XVII secolo questa tradizione radicata inciderà nello sviluppo del pensiero reazionario in alcuni segmenti della società spagnola che. dietro cui stagnava un paese arretrato e diviso. Anche gli stati indipendenti che nacquero sulle rovine dell‟Impero spagnolo furono dunque “figli” di un evento militare. Certo è che come la Rivoluzione dell‟89 anche quella latino-americana venne addebitata a un complotto massonico europeo. L‟Impero spagnolo tuttavia non scomparve. specificamente volto contro la Chiesa cattolica e il suo cristianissimo baluardo spagnolo. È difficile dire quale parte abbia avuto in questa secessione delle colonie americane la massoneria. furono agitati da una violenta Per l‟eredità della Reconquista nella storia spagnola si veda: A.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 moriscos. andò assumendo un ritmo sempre più catastrofico a partire dalle guerre della Rivoluzione francese. 638-2003: il lungo conflitto fra cristianesimo e islam. come spesso è accaduto anche ad altri popoli. Nell‟ultimo decennio del XIX sec. Wheatcroft. quanto bastava a giustificare un concetto di orgoglio imperiale e di grandezza. che questa perdita fosse imputabile all‟abbandono delle virtù antiche causato dall‟influsso dannoso della modernità. 3 101 . lenta da principio. ma che tuttavia manteneva nella società spagnola. soprattutto inglese. sia il fatto che l‟unica monarchia rimasta nel Sud America. Infedeli. in Africa l‟arcipelago delle Canarie e gli avamposti costieri di Melilla e Ceuta in Marocco. In quello stesso momento i principali possedimenti spagnoli. dopo un fugace tentativo di riacquisire il Perù. Laterza. sia pure indipendente dal Portogallo. per otto decenni sopravvisse a sé stesso. rimanevano le isole di Cuba e Portorico. 2004. e tutti vennero condizionati dalla presenza di una casta militare ritenuta depositaria dei valori della nazione e pronta a difenderli anche dal tradimento della nazione stessa. Era un Impero costituito dalle briciole dell‟antico dominio “donde nunca se aquesta el sol”. ovvero dei falsi cristiani dediti segretamente alla fede musulmana e intenti a tramare la rovina della nazione con i propri complici stranieri3. Il momentaneo crollo della monarchia borbonica in Spagna e la conseguente feroce guerra di liberazione contro l‟invasore francese indebolirono a tal punto la presa di Madrid sulle colonie amerindie che queste non tardarono a dichiarare la propria indipendenza e a iniziare la serie di guerre di liberazione che avrebbero quasi cancellato il dominio spagnolo nel Nuovo Mondo. pp. Cuba e le Filippine. 2. che arrancava sulla via di una modesta modernizzazione. dove la casa regnante portoghese dei Braganza era notoriamente massona e anti-clericale. A sostegno di questa tesi deponevano sia la grande influenza delle logge massoniche nella politica dell‟America latina. in Asia il grande arcipelago delle Filippine e gli sperduti atolli di Guam e Wake. e soprattutto nella sua squattrinata nobiltà. mantenendo un cospicuo patrimonio transcontinetale: in America. Bari.Il trauma del 1898 La decadenza dell‟Impero spagnolo. irruppe sulla scena mondiale la potenza del colosso statunitense.

la tradizione della Spagna imperiale esercitava ancora una suggestione notevole. Per quanto possa sembrare strano. Meno facile fu riportare l‟ordine nelle Filippine. In effetti il contingente americano sbarcato a Cuba era piuttosto esiguo. ebbe l‟effetto di un terremoto sulla politica e sulla società spagnole. mentre la potenza del colosso statunitense era ancora poco conosciuta. e gran parte dei suoi componenti non avevano una grande esperienza di combattimento. che pure erano numerosi e sufficientemente armati. nell‟isola di Cuba. a dispetto della larghezza e della modernità dei mezzi impiegati non bastò infatti a conservare alla Spagna il proprio dominio transoceanico. il carattere e la storia personale di molti di loro. Josè Millán Astray. era uscita dalla guerra decisamente compromessa. L‟esperienza della guerra coloniale. Gli spagnoli avrebbero effettivamente potuto averne ragione. Isolati dalla madrepatria e presi nel mezzo fra i guerriglieri e i reparti statunitensi. gli spagnoli. dove oltretutto i ribelli potevano giovarsi della natura impervia della giungla. la guerra ispano-americana dette l‟impressione effettiva di un match pugilistico fra due avversari appartenenti a categorie molto diverse. e soprattutto della Marina. A quanti vi presero parte. la cui marina moderna e numerosa ebbe poca o nessuna difficoltà a cancellare entrambe le antiquate flotte spagnole in due scontri che possono essere difficilmente chiamati “battaglie”: a Cavite. che un certo ordine lo riportò. ma la debolezza del comando militare spagnolo. La reazione della madrepatria fu piuttosto drastica. con il carico di brutalità e di frustrazione dovute al suo infelice epilogo. Gonzalo Queipo de Llano.Paolo Formiconi scossa indipendentista. ben pochi avrebbero scommesso allora sul successo americano contro la Spagna. La repressione dei movimenti nazionalisti. presso Manila e a Santiago. e la conseguente perdita dei possedimenti americani e asiatici. L‟immagine dei militari. non poterono resistere a lungo e si arresero tutti entro pochi mesi. e si tradusse nella attuazione di qualche modestissima concessione e di una repressione inconsulta per violenza e durata. o nel deformare. ma al prezzo di deportazioni e carneficine. dove fu affidata al generale Valeriano Weyler. Josè Sanjurjo.000 uomini. La sconfitta militare. l‟isolamento internazionale del paese e le scarsissime risorse economiche avevano minato lo sforzo bellico spagnolo fin dall‟inizio. La misteriosa esplosione dell‟incrociatore Maine nella baia di Santiago di Cuba fu il pretesto per l‟intervento nel conflitto degli Stati Uniti d‟America. Nonostante la decrepitezza delle sue strutture civili e militari e la quasi totale assenza dalla scena politica mondiale. soprattutto nell‟isola caraibica. oltre che il notevole onere 102 . e la stessa influenza politica. Essa rappresentava il punto più basso toccato dal paese in diversi secoli: privata del proprio impero la Spagna ritornava un semplice pezzo di Europa. È in queste operazioni che cominciamo a incontrare i nomi di alcuni giovani tenenti dell‟esercito coloniale spagnolo. avrà un ruolo decisivo nel formare. che avranno un ruolo importante nella storia del loro paese: Emilio Mola. arretrato e in preda a una patologica instabilità interna. sia nelle Filippine che nei Caraibi. appena 17.

altri erano invece sostenitori di una vera e propria trasformazione in senso repubblicano dello Stato. Preston. tradizionalmente pilastro della saldezza della monarchia e dell‟ordine esistente in Spagna. Allo stesso modo i partiti politici si divedevano anche loro fra cattolici e anticlericali. fedelissima invece al Re e alla Chiesa. Sarebbe anche inesatto sostenere che l‟esercito nella sua totalità appoggiasse una politica muscolare di espansione coloniale e di rigida conservazione all‟interno. l‟Esercito vide diffondersi al proprio interno l‟affiliazione massonica come mezzo di associazione fra gli ufficiali animati da un desiderio di rinnovamento del Paese. liberali e conservatori. che pure sopravviveva. Milano. Da tempo diviso in fazioni legate ad ambienti politici disparati e spesso in rivalità fra loro. rendendo il panorama spagnolo decisamente frammentato e confuso. P. Molti. la rigida impalcatura sociale tradizionale. cominciarono a riflettere sullo stato di corruzione e di malgoverno in cui era immerso il loro paese. espansionisti e anti-colonialisti. ma si era sempre scontrata con la presenza di una forte resistenza indigena e con le asperità della regione.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 finanziario. monarchici e repubblicani. Anche i militari. meno la Marina. che la classe militare aveva potuto esigere fino a quel momento. Proprio in seguito alla sconfitta del 1898 nell‟ambiente militare si era prodotto un certo risentimento verso la classe dirigente responsabile dell‟immobilismo del paese e della sua arretratezza. La possibilità di una espansione coloniale in Marocco non era una novità della politica di Madrid. Come spesso accade in questi casi in molti ufficiali si era radicata la convinzione che di fronte alla paralisi del mondo politico toccasse a quello militare intraprendere o comunque favorire il cammino del Paese verso la modernità. 3. Mondadori. 4 103 . mentre i partiti riformatori fossero tutti ostili all‟ipotesi di un ingrandimento territoriale. 33. si mutò progressivamente in una attore autonomo della vita pubblica spagnola. La lunga vita del caudillo. Sempre più questa corrente vedeva la Chiesa e la Monarchia come i principali ostacoli a un ritorno della Spagna all‟antica grandezza. altri ancora intendevano limitare le riforme ai settori militari ed economici del paese. p. e se possibile accentuandone la durezza. Da tradizionale puntello della monarchia.Il Marocco e l‟Accademia di Saragozza Il campo in cui l‟esercito potè investire le proprie ambizioni di rivalsa fu l‟Africa. Inoltre esistevano in Spagna forti forze politiche ostili a una prosecuzione dell‟avventura coloniale. La corrente “modernista” delle forze armate era poi piuttosto divisa al proprio interno. lasciandone inalterata. l‟Esercito. pur auspicando un ridimensionamento dell‟influenza della nobiltà e del clero non intendevano mettere in discussione i fondamenti della sicurtà spagnola. e che sostenevano al contrario una vasta politica di riforme volta a modernizzare le strutture del paese. Francisco Franco. e cercava di imporsi alla gerarchia militare tradizionale. 1998. ne avrebbero risentito fortemente4. il Rif. verso cui si indirizzavano le mire spagnole.

Storia della Guerra civile spagnola. una base fortificata dove 20. e ancora maggiore fu. op. In questo quadro internazionale agitato. nei Paesi Baschi e nelle Asturie. P. quella dovuta agli sconvolgimenti seguiti alla prima guerra mondiale. che assegnavano all‟influenza spagnola alcune porzioni di territorio tutt‟altro che facili da controllare. Torino. Le colpe del re. L‟impressione in Spagna fu notevole. La catastrofe. con la scomparsa di ben quattro imperi e il deflagrare di una crudele guerra civile in Russia e in Ungheria. fu causata dalla pessima qualità dei comandanti spagnoli oltre che dalla corruzione e inefficienza dell‟intera amministrazione militare e coloniale. culminò nel 1921 con la disastrosa sconfitta di Annual. nel 1926. aprirono la strada a un periodo di confusione che si concluse con la presa del potere. quando i rincalzi per le truppe in Marocco si ammutinarono a Barcellona. dell‟Esercito che non aveva saputo gestirla e dei politici. la quale comportò anche la nascita di una industria nazionale. In particolare il protettorato spagnolo sul Rif. Einaudi. fortemente inclinata in senso radicale e anti-clericale. che riuscì a tenere assieme un‟alleanza di tribù sufficientemente forte da respingere gli spagnoli al possesso della sola striscia costiera. il primo e il secondo presto pervasi da una forma di anarchismo e di socialismo estremista e anti-religioso5.. la Spagna andò incontro a un‟ulteriore sciagura nazionale.000 spagnoli si trovarono circondati dai ribelli e dovettero intraprendere una penosa anabasi verso Melilla che costò oltre 10. p. che sommava il proprio scontento a quello del bracciantato agricolo. H. cit. soprattutto a nord. da parte di un generale. 40. 16. Thomas. come riscontrò una commissione di inchiesta... conteneva un passaggio rivelatore del 5 6 7 H. Miguel Primo de Rivera 7. e sulla costa mediterranea. 1976. un disastro militare che doveva minare quel che rimaneva del prestigio nazionale dell‟Esercito. p. che aveva incoraggiato l‟impresa africana.. Preston. La politica di espansione in Marocco infatti era proseguita sulla base di accordi internazionali con Francia e Gran Bretagna. 104 . L‟ultimatum con il quale i militari presentarono al sovrano la richiesta di affidare le redini del governo al generale. con la conseguente formazione di un proletariato industriale turbolento e politicizzato. in seguito a un cruento seguito di omicidi politici e sommosse venne proclamata la repubblica. Quando si decise di rendere effettiva la sovranità di Madrid su quella regione. ovvero sulla catena montuosa del Marocco settentrionale era quasi esclusivamente teorico. pochi anni dopo.000 vite e ingenti quantità di materiale bellico6. cit. Francisco Franco. Thomas. p. che si rinfacciavano l‟uno con l‟altro le responsabilità del disastro. Nel 1910 il vicino regno del Portogallo cessò di esistere. Già nel 1909 una grave sconfitta nelle operazioni contro i ribelli aveva avuto un forte contraccolpo in Spagna. 15. l‟esercito spagnolo si trovò costretto a intraprendere una difficile campagna contro le bellicose tribù comandate da un capo carismatico e capace.Paolo Formiconi Il paese conobbe comunque nel primo decennio del XX secolo una sua modernizzazione.. in Catalogna. rendendo necessaria una dura repressione. Abd el Krim. Un ulteriore tentativo di risolvere le sorti della guerra con l‟invio di cospicui rinforzi sotto il comando del generale Fernández Silvestre.

Primo de Rivera non subiva il fascino particolare dell‟impresa marocchina. Tali ufficiali rappresentavano i reduci di tutte le sfortunate guerre coloniali spagnole. perché potesse tornare a essere grande. composto di coscritti poco addestrati e per nulla motivati. che ora si proponevano di applicare all‟interno del generoso margine di indipendenza che Primo de Rivera aveva accordato loro. fondato nel 1920. dalle quali avevano tratto alcune conclusioni drastiche quanto semplici. La guerra per essere vinta doveva essere condotta senza alcuna riserva. a sottolineare il legame col modello della Legione straniera francese. venne deciso di creare un corpo scelto di mercenari. 4. verrà ufficialmente denominato Tercio de Extranjeros.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 concetto che l‟esercito spagnolo aveva del compito di custode della salvezza dello Stato: «Se i politici credono di difendersi formando un fronte unico. La politica era il male che aveva minato la saldezza dell‟esercito. il governo di Primo De Rivera non fu particolarmente oppressivo. rinunciando a 105 . Riscontrata l‟inefficienza dell‟esercito tradizionale. Del resto esso coincise con una generale ripresa dell‟economia mondiale. Primo de Rivera si lasciò convincere. corrompendone i vertici. oggi moderata un carattere cruento». I politici e i generali immischiati con la politica non avrebbero avuto alcuna voce sulla nuova struttura militare. frantumandone l‟unità. e intromettendosi con le decisioni militari. attuando alcune caute riforme e riducendo anche le dimensioni dell‟Esercito. 3. Tale reparto. 2. e avrebbe forse voluto porre fine all‟avventura africana. Nonostante la premessa minacciosa. La debolezza e la divisione della società spagnola erano la causa della decadenza del paese e quindi delle sue forze armate. coinvolti a loro volta nella rivolta del Marocco. e daremo a questa rivoluzione. Contestualmente sarebbe stato incrementato l‟arruolamento di indigeni marocchini in reparti comandati come il Tercio da ufficiali e sottufficiali spagnoli. che racchiude in sé tante energie. e anche la Spagna poté giovarsi di questa favorevole congiuntura. cosa che gli provocò diversi rancori. Sollecitato anche dai francesi. I principi che ispiravano la piccola casta militare degli ufficiali coloniali spagnoli erano riassumibili in quattro punti: 1. da impiegare nelle operazioni più dure della guerra coloniale. L‟esercito sarebbe stato dunque chiamato. se non ne fosse stato sconsigliato dagli ufficiali dell‟esercito coloniale. i quali anzi garantirono che con un radicale rinnovamento dell‟esercito del Marocco si sarebbe potuta riaprire la partita con Abd el Krim. noi lo faremo con il popolo sano. anche per la relativa economicità della soluzione. impegnandovi tutta la durezza e la doppiezza necessaria. che favorì il momentaneo allentarsi delle tensioni sociali. a scapito di ogni concessione liberale o federalista. ma sarà più spicciativamente conosciuto come Legión. Il dittatore cercò di porre rimedio alle principali storture del Paese. a restituire la Spagna a se stessa. ovvero la sua parte migliore. prima o dopo. Era essenziale che la Spagna riacquistasse l‟antica compattezza. autorizzando una novità che avrà sviluppi decisivi nella storia spagnola. L‟esercito. era l‟ultimo luogo dove sopravvivessero ancora gli ideali della “grande España”.

nessun documento era richiesto all‟atto dell‟arruolamento. Questo personaggio. Come per l‟analogo reparto francese. e l‟estradizione o la consegna alla giustizia dei legionari erano escluse. e a un 8 P. un superbo strumento di guerra. spietato. La sua oratoria aspra e roboante. Il loro addestramento e il loro impiego era praticamente svincolato da qualsiasi ingerenza del governo di Madrid e rispondeva unicamente ai loro ufficiali in comando. amante dell‟avventura. In cambio si esigeva da essi la disponibilità a combattere a oltranza in condizioni difficilissime. Il materiale umano di cui si componevano sia il Tercio che i Regulares era fatto per lo più di briganti e avventurieri con pochi o nessuno scrupolo. Ben presto non ci fu ufficiale ambizioso che non ricercasse un trasferimento nell‟esercito del Marocco per guadagnarvisi i gradi e l‟esperienza necessaria a una buona carriera. Milano. p. ferito e mutilato innumerevoli volte. L‟ufficiale coloniale rinnovò nell‟immaginario di gran parte del Paese l‟immagine epica del conquistador: coraggioso. 2002. sarà il creatore e l‟addestratore del primo nucleo del Tercio. criminali comuni latitanti. ambizioso. la figura imponente. il petto coperto di medaglie e il grande coraggio personale. un veterano della guerra della Filippine. Millán Astray lo disse chiaramente alle prime reclute: «Vi siete sollevati dalla condizione di morti. Le tre Spagne del 36. perché non dimenticatelo: voi eravate morti. la mascella e diverse pallottole conficcate in una costola. del quale riuscì a fare. Corbaccio. contro ogni previsione di quanti lo consideravano un autentico squilibrato. Fra di loro non mancavano anarchici condannati per l‟insurrezione di Barcellona del 1917. che gli costò un occhio. che nel chiuso delle caserme del Marocco esercitavano un arbitrio quasi assoluto sulla vita dei propri uomini. dei soldati disposti a obbedire e a morire a comando. mentre cresceva il disprezzo per i generali da tavolino. responsabili della catastrofe di Annual. Tutto si riduceva a una disciplina durissima. un braccio. 21. e si fregiarono di un soprannome che testimoniava del loro comune passato: erano gli “africanistas”. 106 .Paolo Formiconi tutti i vincoli che potessero essere un impaccio alla pura valutazione dei rapporti di forza. Preston. quelli della vecchia gerarchia. erano parte di quel magnetismo che riuscì fare delle prime due centinaia di filibustieri arrivati come “volontari”. reduci dalla Grande Guerra che non riuscivano ad abituarsi alla vita civile e volevano continuare a fare il solo mestiere che sapevano. Tanto fra i reparti di legionari che fra quelli di marocchini le regole e la burocrazia erano ridotti al minimo. dedito fanaticamente al mestiere militare e pervaso da un senso quasi mistico del sacrificio fisico estremo. Fra gli ufficiali permeati di questi concetti il più carismatico fu senz‟altro Josè Millán Astray y Terreros. imposta con castighi di compiaciuta brutalità. Voi siete venuti qui a morire»8. Siete venuti qui per vivere una nuova vita per la quale dovete pagare con la morte. Fu chiaro fin dall‟inizio che questi reparti avevano ben poco in comune con il tradizionale esercito spagnolo. Tali ufficiali divennero una casta a parte del mondo militare spagnolo. le vostre vite erano finite.

Cerra. Non deve stupire quindi che. che si cementava nelle dure condizioni della guerriglia sul Rif. Formalmente. Piccoli reparti estremamente coesi venivano impiegati in operazioni di ricognizione e pattugliamento. lo scrittore socialista Arturo Barea Ogazón. Preston.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 addestramento basato quasi esclusivamente sull‟esperienza di combattimento. durante la quale ebbe modo di condividere per due anni e mezzo la vita dei legionari. che del resto erano la grande maggioranza del reparto. tutti i soldati potevano essere promossi ai gradi superiori per atti di valore. e abbia fatto del Marocco la palestra dove esercitare le ritrovate virtù guerriere della Nazione che un giorno avrebbero redento la madrepatria. Odetti.. I legionari avevano tutti il titolo onorifico di caballero. a fronte di risultati militari positivi. p. altre da spagnoli. F. restando isolati per più giorni sulle montagne infestate di ribelli. ciò basta a dimostrare quanto le gerarchie usuali fossero stravolte nella colonia marocchina10. in 9 10 P. La stessa modalità di impiego dei “regulares” e dei “tercieros” accentuava il sentimento della loro diversità e unicità all‟interno dell‟esercito e dello stato spagnolo. il che. assieme a quelli di carriera. 25. La selezione operata dalla stessa vita militare faceva sì che in capo a pochi mesi ogni reparto divenisse uno strumento estremamente coeso ed efficiente. alcune da stranieri che vi prestarono servizio. Le tre Spagne. 45. cosa che garantiva un continuo spirito di emulazione sia fra gli ufficiali che fra i soldati.. Il Tercio era effettivamente caratterizzato da una serie di differenze con il resto del mondo militare spagnolo. Uno di questi. come lo stesso Millán Astray. 1940. abbia cominciato a considerarsi come la “vera Spagna”. L‟uso era tratto dalla Spagna imperiale. Roma. La morte sotto il fuoco nemico o per il morso di uno scorpione era letteralmente una presenza quotidiana per i legionari. Considerato che il titolo era ora riconosciuto a uomini spesso dal passato criminale. In ogni reparto. il che ne faceva uno strumento di guerra piuttosto efficace. ci ha lasciato una importante descrizione della vita nel primo Tercio. per i quali i rituali della vita di caserma erano la sola regola in una esistenza contraddistinta da privazioni persino peggiori della morte in combattimento. una promozione sociale invidiabile nella società dell‟epoca. nella quale tutti i componenti dei Tercios erano considerati señores soldados. che combatté nelle file nazionaliste durante la Guerra Civile. p. i legionari erano tenuti uniti da un forte spirito di corpo. cit. 107 . e spesso gli ufficiali. Trenta mesi nel Tercio. soprattutto nella parte dei suoi ufficiali. Diverse testimonianze ne sono giunte. era infatti assegnato almeno un ufficiale proveniente dalla bassa forza. l‟esercito coloniale del Marocco. li accompagnavano a cavallo. composto di uomini con un passato spesso patibolare. nel quale ebbe come comandante lo stesso Millán Astray9. verso la quale erano tenuti a mostrare la più disinvolta accettazione. Svincolati da qualsiasi dipendenza che non fosse quella verso il proprio reparto e il proprio comandante. I reparti del Tercio attaccavano rigorosamente di fronte. i quali imparavano a fidarsi unicamente delle proprie armi e dei propri compagni... una gratifica che in Spagna spettava solo alle persone in vista della comunità. Una seconda testimonianza interessante è quella dell‟italiano Francesco Odetti.

p. 25... nel quale non mancava di evidenziare come la leadership di Millán Astray avesse incoraggiato la formazione di ufficiali che poco si differenziavano ormai dai delinquenti che comandavano. Ciò garantiva un continuo ricambio di ufficiali giovani e ambiziosi al comando dei reparti e liberava posti per le promozioni12. 67. armare e vestire una grande quantità di soldati. colori cupi e adunate notturne al suono di tamburi e alla luce delle torce14. cit.. descritto con parole molto simili a quelle riportate nelle memorie di quanti parteciperanno ai comizi nazisti. cit. e lo stesso Barea testimonia come durante i discorsi alla truppa di Millán Astray. P. al fianco di Millán Astray si fece notare ben presto un giovane maggiore. Un aspetto quest‟ultimo. p. La stessa efficienza del Tercio infine. figlio di un funzionario della Marina e fratello di 11 12 13 14 15 16 Ivi.Paolo Formiconi un periodo in cui già erano diffuse le mitragliatrici. comportava spesso perdite molto alte11. p. 87. Il pericolo era di fatto l‟ingrediente principale di cui Millán Astray si era servito per cementare l‟esistenza stessa del nuovo corpo. anche quelli dominati da funeree messe in scena pseudo-medievali. Chi degli ufficiali tenesse un libretto di risparmio in banca era segnato a vista. L‟irrazionalità era insomma il fondamento della disciplina del Tercio... che culminavano nel grido “Viva la muerte!” gli fosse effettivamente quasi impossibile restare padrone delle proprie facoltà. Odetti. 108 . travolto come era dalla potente suggestione suscitata in lui dal clima della Legión. andava considerata anche alla luce delle perdite molto alte che ogni azione comportava. cit. Preston. spesso come punizione. e molte attività. dalla manifattura delle divise all‟allevamento degli equini. la qualità che Millán Astray prediligeva. l‟allora colonnello Domingo Batet. Il suo nome era Francisco Franco Bahamonde. I comandanti erano quindi in ultima analisi in grado di arruolare. P. È possibile che in questi giudizi severi influisse la rivalità esistente fra gli africanistas e gli altri ufficiali. Le tre Spagne. F. certo è che Batet si guadagnò una tenace impopolarità fra i colleghi coloniali. che avrebbe dovuto mettere in sospetto il governo. contrastando con le elementari leggi di natura. quasi al di là di ogni controllo15. 23. p. p. con grande uso di teschi.. op. dacché per il Comandante chi pensava al futuro aveva intenzione di risparmiarsi nel combattimento13.. Esso doveva essere accettato e anzi cercato. era la loro tendenza a rendersi economicamente autonome. In questo Marocco spagnolo. 53. p. In Marocco infatti ampi appezzamenti di terra erano lavorati.. considerando l‟incolumità personale poco meno che una inadempienza al dovere. dai legionari. erano svolte in totale autonomia. dall‟aspetto poco marziale ma con un grande coraggio personale. Preston. Ivi. Un ufficiale mandato in ispezione in Marocco proprio per constatare i metodi e l‟organizzazione dell‟esercito coloniale. 200. che forse influirà sulla sua sorte durante la guerra civile. redasse un rapporto assai critico. Le tre Spagne. Un ultimo aspetto delle truppe coloniali spagnole. Ivi. e il cui coraggio in combattimento era “aiutato” dall‟uso di cocaina e dalla dipendenza dall‟alcol16..

si accentuò drasticamente. il giovane tenente si era fatto un nome. comandante militare del Marocco spagnolo. e come scriverà in seguito nelle proprie memorie. 25. p. Francisco Franco. la passò sveglio con il revolver in mano. Il giovane maggiore era arrivato in Africa nel 1910. come coraggioso comandante di reparti di linea. nel corso dei combattimenti. nemmeno dei suoi colleghi. l‟unico col quale Franco ebbe un rapporto simile all‟amicizia. aveva impiegato poco tempo a rendersi conto delle condizioni deplorevoli dell‟esercito coloniale 17 . e dovette lasciare il comando al generale Valenzuela. equamente divisi il primo in Marina e il secondo nella neonata Aeronautica. Sospettosissimo. e comandante delle truppe coloniali spagnole. con esiti fatali. Anche costui venne ferito. al giovanissimo Franco. mentre a Campins. Con Sanjurjo e sotto Sanjurjo il processo di trasformazione del Marocco e dell‟intero esercito coloniale in un mondo separato dal resto della Spagna. membro di una antica famiglia di militari. a dispetto del fisico modesto. Goded e Sanjurjo.. Campins. che Franco dosava con efficacia19. Solo un anno dopo tenterà di 17 18 19 Ivi. Le tre Spagne. Nel 1931 negherà al re l‟appoggio della Guardia Civil contro i repubblicani. Tutti e quattro non sopravvissero alla Guerra Civile: Goded venne fucilato dai lealisti a Barcellona. toccò la stessa sorte per mano degli insorti..p.. con la promozione a generale. cit. fu ben presto gravemente ferito.. 67-68. cit. poi a maggiore. e la stessa Guardia mora della quale si circonderà negli anni del potere sarà il segno più eloquente di come le suggestioni dell‟Africa sopravvivessero in lui e nelle apparenze del suo potere. Ben presto tuttavia. comandante dei Regulares marocchini. Idem. ricorderà. e si era guadagnato sul campo la promozione a capitano. Della guerra in Marocco Franco serberà sempre un ricordo vivissimo. trattare con i capi-tribù delle montagne... 109 . pp.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 altri due militari. perché diffidava dei propri nuovi soldati e temeva gli tagliassero la gola nel sonno18. il potere di Franco sarà esercitato nei modi appresi in Africa: la fedeltà dei generali sarebbe stata mantenuta attraverso generose elargizioni e cariche onorifiche dal Caudillo sempre attento però a giuocarli uno contro l‟altro e a colpire chi si ritraesse dalla sua autorità di giudice. e stavolta il pericoloso incarico di comandante del Tercio venne affidato. Idem. posseduto dalla propria smania di esporsi al pericolo. Di tutti il più celebre all‟epoca era Josè Sanjurjo. In Marocco Franco imparò soprattutto l‟arte di comandare. la presa di ostaggi e le rappresaglie erano la regola più che l‟eccezione. che fece la conoscenza di quattro altri generali destinati ad avere un ruolo nella sua storia: Mola. La prima notte. e infine a secondo del vulcanico Millán Astray al momento della nomina di questo a comandante del Tercio.. costringendolo ad abdicare. che in quei frangenti voleva dire soprattutto farsi ubbidire da subordinati infidi. Fu proprio in questo periodo del resto. Ancora durante la dittatura. Franco non si fidò mai di nessuno. muoversi perennemente in un ambiente ostile e pericoloso. 77. nel quale l‟inganno. e la fedeltà degli uomini si manteneva con la paura e le ricompense. Astray..

Franco fece dell‟Accademia una autentica succursale del Marocco coloniale. che erano per la Spagna di allora ciò che i reduci dell‟Indocina e dell‟Algeria sarebbero stati per la Francia degli anni Cinquanta. Vi importò la stessa disciplina severissima. Francisco Franco. L‟Accademia era stata una creazione di Primo de Rivera. legata alle liturgie monarchiche e cattoliche dei secoli precedenti. Le parole disciplina. 71. aveva assunto un significato spregiativo nel loro linguaggio. appena trentaquattrenne.. Ai suoi successi militari. opposta alla Spagna imperiale. che aveva inteso creare un nuovo istituto unificato che fornisse ai giovani ufficiali una nuova istruzione militare. fu Franco a essere consacrato dalla guerra marocchina come il soldato più famoso e il generale più giovane di Spagna. piuttosto che quella dei propri compatrioti. benché imbevuti di hispanidad trovassero preferibile la compagnia dei soldati stranieri del Tercio o dei Regulares marocchini. onore e guerra. Ramón. seguì la fine della ribellione e il ritorno in Spagna del giovane generale come eroe nazionale. come il fratello dello stesso Franco. Più di tutti costoro comunque. per il quale essa era „l‟altra Spagna”. Mentre la Spagna affrontava i cambiamenti di una crisi economica e sociale dalla quale sarebbe venuta la caduta della dittatura di de Rivera e poi della monarchia. avevano un significato piuttosto sinistro agli orecchi di molti. quella corrotta e decadente. nella quale l‟esercito spagnolo era sempre stato coinvolto. fra i quali chiamò numerosi veterani della guerra d‟Africa. il medesimo spirito aggressivo e amorale.. L‟Accademia divenne con Franco la migliore scuola militare di Spagna. che ebbero modo di visitarla in quegli anni20. che si succedettero numerosi assieme a quelli dei francesi. che riviveva nelle imprese del Rif. fallito il quale fuggirà in Portogallo. 20 110 . La sua fama era tale che il vanitoso ufficiale venuto dal Marocco accettò persino di recitare in un pellicola cinematografica una piccola parte nei panni di un reduce dall‟Africa. p. alla quale sarebbe stata affidata la formazione dei moderni ufficiali dell‟Esercito spagnolo. In questo contesto non era raro che ufficiali dell‟esercito. fu la direzione della nuova accademia militare di Saragozza. da dove tenterà di tornare per unirsi alla congiura del 1936. ma l‟aria che vi si respirava era qualcosa di alquanto diverso da quella che si respirava nel resto del paese. Gli ufficiali veterani della guerra in Marocco avevano vissuto un‟esperienza militare di tale durezza e intensità. Il nuovo incarico affidato al generale Franco..Paolo Formiconi abbattere anche la Repubblica con un colpo di stato.. La didattica imposta da Franco trascurava le discipline teoriche. lo stesso ideale ossessivo dell‟obbedienza. morendo però in un incidente aereo. da trovarsi disadattati nella Spagna appena democratizzata degli anni Trenta. simile a quello in cui morirà anche Mola poco più tardi. senza gli antiquati sistemi dell‟Accademia di Toledo. e che gli Arditi e le Stosstruppen erano stati per l‟Italia e la Germania del primo dopoguerra. Anche la politica. Ramón affermò che l‟Accademia era perfetta per creare “pessimi cittadini”. Idem. e impostava tutti i programmi soprattutto sull‟esperienza personale degli insegnanti. cit. così come erano declinate all‟interno delle mura dell‟Accademia.

Franco dedicava molte ore nel suo ufficio all‟Accademia. pp. 70-71. cristiani o musulmani.. 111 .. e soprattutto opuscoli politici che denunciavano la penetrazione marxista nel paese e nelle Forze Armate. anche per l‟influenza della moglie. o stranieri. in direzione più marcatamente reazionaria e antimarxista. In particolare. A questo proposito. negli anni giovanili aveva letto una grande quantità di letteratura sui conquistadores e sulle imprese del Cid. un processo che si accentuerà negli anni del suo potere assoluto. essi erano più spagnoli degli spagnoli traditori.. Ramón. i nuovi moros dai quali la Spagna era stata invasa e che andavano ricacciati al termine di una nuova crociata. e che da questo aspetto Franco traesse una ulteriore conferma di quanto aveva appreso in Africa. purché arruolati dalla parte della Patria. facendo vacillare la monarchia e lo stesso generale Primo 21 Idem. 4. per loro natura certo poco portati alla speculazione intellettuale. l‟eroe medievale spagnolo delle guerre contro i mori.. non si trascurerà al termine della Guerra Civile di conferire a tutti gli ex-combattenti marocchini un diploma di “cristiani onorari”. il generale era attratto dagli articoli che spiegavano come i complotti della massoneria fossero stati alla base della perdita dell‟impero coloniale spagnolo nelle Americhe e della successiva anarchia della nazione21. politica e storia “in pillole”. cit. È difficile dire cosa sia stato a segnare nella sua mente l‟idea di un complotto marxista e massonico contro la Spagna. non si può fare a meno di notare come la presenza quotidiana della morte e l‟idea ossessiva del sacrificio coltivate nel Tercio si sposassero con alcuni aspetti della religiosità tradizionale spagnola. È significativo che tanto il fratello minore. Lo stesso Franco. dapprima solamente nazionaliste e conservatrici. Le tre Spagne.La II Repubblica e i militari Alla fine degli anni Venti in Spagna i torbidi e le agitazioni laceravano l‟esercito e la società. che suo padre Nicolás fossero massoni e convinti repubblicani. fortemente influenzata da una spiritualità dominata dal senso della morte e della tragicità dell‟esistenza. alla lettura. Anche se il fervore religioso non era certo un aspetto della personalità e della quotidianità degli ufficiali coloniali. ovvero che di nessuno era possibile fidarsi. Egli non era del tutto refrattario alla cultura come la maggior parte degli africanistas.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 Quando sarà il momento della Guerra Civile. una progressiva identificazione della propria etica militare con quella religiosa. i „rossi”. ma dagli anni di Saragozza è certo che l‟idea fissa di Franco fu che le convulsioni della Spagna repubblicana fossero i sintomi di una malattia che solo i militari fedeli alla tradizione della Spagna imperiale avrebbero potuto curare. Leggeva in particolare alcune riviste „popolari” che trattavano temi di economia. non ci saranno dubbi: marocchini. benché del tutto indifferente alla religione da principio. ostentò proprio a partire dagli anni di Saragozza. Fu sempre nel periodo di direzione dell‟Accademia di Saragozza che Franco caratterizzò le proprie posizioni politiche. Avendo a disposizione molto tempo libero rispetto ai tempi in Marocco.

23 Tale caduta fu preceduta da un tentativo di sollevazione militare repubblicana della guarnigione di Jaca che fu represso prontamente. Il bagno di sangue. conobbe su scala maggiorata gli episodi che si verificavano in Spagna da un cinquantennio: l‟assassinio dei sacerdoti. Notizie preoccupanti arrivavano dal Messico. Sulla guerra dei cristeros vedi P. modello ideale di larga parte della sinistra spagnola. inasprì duramente l‟azione anti-religiosa. E ancora maggiore dovette essere il timore dato che si ravvisavano i presupposti per una ripetizione in Spagna della tragedia messicana: la monarchia era ormai moribonda.. cit. mentre la sinistra rivoluzionaria spagnola andava radicalizzando sempre di più la propria politica.000 morti e con un precario compromesso. annichilendo o eliminando del tutto intere classi sociali come i contadini e i commercianti. che per altro non furono pubblicati. Plutarco Calles. op. presto seguiti dalle rappresaglie dei ribelli cattolici. dove ormai il nuovo padrone del Cremlino mostrava di voler ancora più irrigidire la stretta del potere bolscevico. con una serie di leggi il cui intento dichiarato era la cancellazione della religione dalla società. In particolare. le violenze sui fedeli. Notizie ancora peggiori si affacciavano da Mosca. lo stato che forse aveva mantenuto i caratteri più “spagnoli” dell‟intero Sudamerica. maturava la definitiva frattura fra l‟Esercito e la monarchia.Paolo Formiconi de Rivera. Gulisano. Cominciò a verificarsi da questo momento un parziale riavvicinamento della Chiesa spagnola alla borghesia moderata. il suo successore. incapace di equilibrarsi fra il cauto riformismo dei liberali e la politica reazionaria dei grandi latifondisti e della borghesia conservatrice. La decisione del re Alfonso XIII di abbandonare il trono fu determinata proprio dal rifiuto di una parte dei militari di sostenerlo contro la sollevazione dei repubblicani. perdeva gradualmente il controllo della situazione. non senza buone ragioni. l‟incendio delle chiese. ma rivelò le fratture che dividevano l‟esercito spagnolo. Rimini. La commozione negli ambienti cattolici spagnoli fu grande. 20. i quali. i cristeros. la frattura fra la Spagna cattolica e quella laica. mentre le nuove forze politiche che si affacciavano sempre più prepotentemente. Nel paese centro-americano fin dal 1926 una fazione politica nazionalista e anti-clericale aveva iniziato un violento attacco alla Chiesa cattolica. Thomas. durato dal 1926 al 1929. terminò con un bilancio di oltre 90. Quando nel 1928 un pittore cattolico assassinò lo stesso presidente Álvaro Obregón. p. anche di tendenza repubblicana. socialisti anarchici e comunisti. Quest‟ultimo infatti. che solo in parte coincideva con quella fra la destra e la sinistra. 22 112 . contestavano la correttezza dei risultati delle elezioni. si andava approfondendo pericolosamente. dopo il ritiro del generale Primo de Rivera. non facevano mistero di condividere tutti l‟idea che la Chiesa rappresentasse la principale sciagura della Spagna. Viva Cristo Re! Cristeros: il martirio del Messico 1926-29. già colpito da una lunga serie di conflitti civili. Il Messico. che lasciò comunque la Chiesa cattolica in una posizione di semi-illegalità. H. la dittatura alla fine. e con il quale la Spagna manteneva i rapporti più frequenti. 1999. Il Cerchio. e la guerra civile dilagò con violenza ancora maggiore22. proprio mentre. che ebbe un ruolo decisivo nella sua caduta dopo le elezioni del 193123.

Evidentemente. cui molti generali avevano entusiasticamente aderito. Nella coalizione di sinistra al potere emerse ben presto la figura di Manuel Azaña. che seppe bene barcamenarsi fra le due anime della politica spagnola. l‟annunciata messa allo studio degli statuti di autonomia per la Catalogna e i Paesi Baschi. ma in pochi sapevano esattamente che forma avrebbe assunto in futuro. Azaña era però alieno da ogni 24 Ivi. 57. non appariva infatti disposta a tollerare un feudo militare semi-indipendente in terra d‟Africa. In questo programma. lo stato spagnolo cominciò a trasformarsi radicalmente. con una leggera prevalenza della coalizione di sinistra. p. un rispettabile liberale repubblicano. fu quello più gravido di conseguenze sui fatti che seguirono. 113 . l‟abolizione delle otto Capitanerie generali militari in cui era diviso il territorio spagnolo e. e persino nella Castiglia. culla tradizionale della hispanidad. In ossequio a questo equilibrio fu eletto presidente Niceto Alcalá Zamora. soprattutto. La Repubblica. e un piccolo esercito mercenario in mano a una classe di ufficiali ambiziosi e reazionari. L‟eco di queste trasformazioni certo poco gradite. Venuto meno il cemento rappresentato dal monarca e dall‟intangibilità del valore “pubblico” della religione e delle Forze Armate. Quest‟ultimo provvedimento in particolare. la cui influenza sulla neonata Repubblica fu sin dall‟inizio preponderante. dell‟unità del paese. Alcuni dei provvedimenti presi dal nuovo governo ebbero una impressione molto forte nell‟intera società spagnola.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 Minata dalla radicale opposizione fra destra tradizionalista e sinistra anticlericale. che riguardavano direttamente la casta militare coloniale. che alle elezioni del 1931 avevano riscosso praticamente lo stesso numero di voti. la Repubblica nacque fragile. che non aveva prodotto quasi nulla se non un conflitto sanguinoso con i nativi. ricordando a molti la politica di dissolvimento dell‟unità statale messa in atto dai bolscevichi in Russia all‟indomani della presa del potere. e più in generale mostrava l‟intenzione di ridurre drasticamente le dimensioni e l‟importanza dell‟Esercito. si aggiunsero presto anche quelli galiziano e andaluso. almeno secondo alcuni partiti. esponente del partito della Izquierda Republicana. la decisione di ridurre il peso della Chiesa e dell‟Esercito nella società spagnola. Talvolta contraddittorio e impaziente. Alla richiesta degli statuti catalano e basco. ovvero della sinistra borghese. non era escluso anche l‟abbandono del modesto e costoso impero coloniale spagnolo. arrivava nelle guarnigioni del Marocco assieme ad alcuni altri cambiamenti. aveva compromesso quelli che erano storicamente i fondamenti. l‟abrogazione della competenza della giustizia militare sulle offese portate dai civili alle Forze Armate. così come fragilissimo era l‟accordo che teneva assieme i partiti politici in un equilibrio precario fondato sulla reciproca diffidenza. assieme alla monarchia. In breve tempo si successero la legge che riduceva il ruolo della Chiesa nell‟educazione dei giovani. un forbito professore. si cominciò a parlare di un nuovo assetto federale per il Paese24. nato nella stessa città di Cervantes.

Alcuni aderenti alle Juntas avevano a tal «Azaña… riassumeva in sé tutte le incertezze e le contraddizioni dell ‟intellettuale tuffato nella politica». 26 P.. il governo trovò una sponda negli ufficiali. cit. «la Spagna ha cessato di essere cattolica». già comandante generale in Marocco e Comandante della Guardia Civil. Josè Sanjurjo. Preston. in un altro discorso. e che mal sopportavano i generosi e ripetuti scatti di grado concessi ai tempi della monarchia agli ufficiali coloniali. Si erano già verificati casi problematici. avviata dal Ministero della Guerra per ridurre il gran numero di ufficiali in forza all‟Esercito.. Successivamente. e non erano rari i casi... nel contesto in cui fu pronunziata. il significato sinistro gli fu attribuito26. In un discorso tenuto il 7 giugno a Valencia. 32-33. pp. 25. per tutelare le carriere degli ufficiali non appartenenti all‟Armata d‟Africa. Asceso alla carica di ministro della Guerra. e univa la personale integrità a una energia e capacità politica notevoli25. 28 P. 25 114 . Il colpo fallì. come quello di Francisco Franco. che avevano proseguito la carriera in Spagna. di giovani ufficiali che avessero guadagnato sul campo e in pochi anni i gradi di generale a un‟età nella quale la maggior parte dei colleghi dell‟esercito territoriale erano ancora capitani. detti peninsulares. una frase che raggelò il sangue di molti. il cui rapporto con i soldati era di oltre 1:1027. le Juntas de defensa.. Il passo definitivo che guadagnò alla Repubblica l‟ostilità degli africanistas fu la cosiddetta Ley Azaña del 3 giugno 1931. che pur senza indulgere alla retorica era ostile sia alla Chiesa che all‟Esercito. cit. il presidente ritenne di dover chiarire pubblicamente che il nuovo regime repubblicano era disposto a difendersi e non mancava dei mezzi per farlo. in cui giovanissimi colonnelli non ancora quarantenni avevano ai propri ordini ufficiali che solo pochi anni avanti erano stati loro superiori28. Francisco Franco. Thomas. 85. 57-58. in cui ognuna delle due parti interpretava le azioni e le parole dell‟altra come una esplicita minaccia.. p. asserzione anche questa che venne accolta assai male dai militari. e Azaña riscontrò con soddisfazione la fedeltà di gran parte dell‟esercito. soprattutto di artiglieria. Azaña. si decise di annullare molte promozioni concesse come ricompensa per particolari atti di valore durante la Campagna del Marocco. alle Cortes dichiarò recisamente che. p. Ivi. Preston. pp. Il re Alfonso XIII e Primo de Rivera erano stati particolarmente prodighi di riconoscimenti con gli ufficiali dell‟Armata d‟Africa che avevano risollevato il prestigio delle armi spagnole dopo il disastro Annual. In questo intento. Purtroppo questi concetti cadevano in una situazione estremamente agitata. Francisco Franco. In Spagna si era costituita fin dal 1917 una associazione di ufficiali di carriera.. cit.. ovvero la revisione delle promozioni di grado.Paolo Formiconi estremismo. Nel 1932 era stato sventato un tentativo di golpe da parte del Comandante dei Carabineros generale. dichiarò la propria determinazione a „triturare” le minacce alla Repubblica. Tale dichiarazione probabilmente non aveva. op.. In particolare. 27 H.

e l‟altra le considerava una minaccia perenne. come si immagina. la Unión Militar. Se questo era il suo intendimento. e forse non sarebbe andato in porto se la divisione dell‟esercito spagnolo sulla questione non avesse favorito l‟azione del governo. fosse in definitiva apolitica. si scontrò con il colonnello Magalda. Un simile progetto non poteva realizzarsi in un periodo di grave crisi sociale. È difficile dire se Azaña volesse effettivamente cattivarsi con questo provvedimento le simpatie di una parte almeno dell‟Esercito 31 . 63. che avrà una parte importante nella sollevazione militare del 1936. 31Idem. 63. Ivi.. p.. op. Azaña probabilmente coltivava l‟idea di puntellare al vertice dell‟Esercito un gruppo di ufficiali estranei alla politica. cit.. o revisión de ascentos. duramente osteggiato. la gendarmeria nazionale. 81. generale Goded. che al suo saluto “Arriba Espana!” aveva risposto “Viva la Repubblica!”.. in nome del rispetto della gerarchia.. Non passò molto tempo che. Il ministro approvò la messa agli arresti di Magalda. Preston. e si rivolse anche verso quei colleghi che avevano appoggiato l‟odiata revisione delle promozioni30. P. L‟accertamento della posizione di circa mille carriere andò avanti per oltre un anno e mezzo. cit.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 punto considerato le promozioni ai loro colleghi in Marocco come un affronto personale. 32 Il generale Sanjurjo venne condannato all ‟ergastolo. e difficilmente avrebbe accettato di venire estromesso dalle stanze del potere32. 270. e creò una tale confusione nei ranghi dell‟esercito da rendere inevitabile una sua riforma. ai rapporti compromessi con gran parte dell‟Esercito si aggiungesse anche lo scontro con la Guardia Civil. che l‟ufficialità spagnola. venne creata una associazione finalizzata a tutelarne la carriera e gli interessi. Thomas. durante il quale molti ufficiali non sapevano se avrebbero conservato il posto e il grado. da tentare un golpe per rovesciare Primo de Rivera nel 192629. La spaccatura nell‟esercito fu tanto profonda da influire sulla successiva caduta di Primo de Rivera e della monarchia.. L‟esercito spagnolo aveva del resto una tradizione di ingerenza nella politica che risaliva alla fine delle guerre napoleoniche. peccò di ottimismo eccessivo.. «… se tutti coloro che avevano compiuto avanzamenti di carriera durante la Dictadura fossero stati coinvolti. Egli era d‟altronde convinto. e che con una accorta strategia la Repubblica potesse guadagnarne la fedeltà. e lo stesso ex-re Alfonso XIII fu condannato in contumacia alla stessa pena. nel quale il paese era diviso in due parti di cui una considerava le Forze Armate come la sola garanzia rimasta della propria incolumità. Francisco Franco. Il provvedimento di revisione. a parte gli aristocratici più legati al re. l‟odio degli africanistas crebbe a dismisura.. garantendosene la fedeltà assicurando loro il rispetto della Repubblica per la disciplina e l‟integrità delle Forze Armate. Le tre Spagne. Per reazione. venne. come testimoniavano quarantatré colpi di stato fra il 1814 e il 1923. repubblicano fervente. molti influenti generali . anche da parte degli ufficiali coloniali.incluso Francisco Franco sarebbero stati retrocessi al grado di colonnello». cit. H. 29 30 115 . p. Se ne ebbe un esempio quando l‟ispettore dell‟Esercito. Come si può immaginare. p. o almeno voleva apparirlo.. p.

Modernismo.. si diceva. cit. aveva riscosso una limitata adesione in un ambiente politico come quello spagnolo. Non si era spenta l‟eco dello scandalo. e destò l‟inquietudine dei monarchici che risiedevano nei grandi centri urbani. anche se in numero inferiore a quanto denunciato dalla destra spagnola. noti militanti della sinistra radicale.Paolo Formiconi Quest‟ultima era una forza di polizia militarizzata diffusa nelle campagne e nota per la estrema durezza dei propri metodi e l‟ostilità ai partiti di sinistra. che comandava l‟Accademia. Azana aveva intuito che ben più che in quella di Toledo. «Quando ci si arruola nella Guardia Civil».. appariva chiaro che per gran parte dei militari esisteva una differenza fra la fedeltà alla Repubblica e quella alla Spagna. Non lo fece.. Questa era un movimento che si ispirava chiaramente al fascismo nella sua confusionaria versione radical-conservatrice. José Antonio Primo de Rivera. Franco. giustizialismo sociale. e nell‟ultima circolare agli allievi li esortò a obbedire con disciplina. Anche i contadini conservatori della Navarra. come responsabile della repressione. del Leon e della Vecchia Castiglia sentivano di avere poco a che fare con i giovani istruiti e borghesi 33 P. enunciato dall‟oratoria forbita e accesa di un giovane avvocato. sotto le accuse congiunte dell‟estrema sinistra e della destra. creare una nuova polizia di sicura fede repubblicana. che il suo atto successivo fu tale da inasprire ulteriormente lo scontro: decise di chiudere l‟Accademia di Saragozza. Come nel caso di Goded e Magalda. dove fece il suo macabro debutto proprio la Guardia de Asalto. Molti notarono però. L‟eccidio che seguì fu tale da confermare le paure di quanti sospettavano che la polizia repubblicana non fosse altro che una pericolosa milizia politica composta di dilettanti armati. che il comunicato si chiudeva con l‟esortazione “Viva España!” e non “Viva la República!” come avrebbe dovuto33. la Falange. e fra questi Azaña. ricevette molte pressioni per disobbedire all‟ordine di Azana. 86. mentre la giurisdizione della Guardia Civil venne limitata ai centri minori e alle campagne. La neonata Repubblica infatti intese.. dopo aver dovuto sventare un pericolo “da destra”. p. che univa elementi reazionari a slogan intemperanti come «vogliamo una Spagna giovane e con le gonne corte». 116 . Azaña finì sul banco degli imputati. Con molta lucidità. La formazione di questa nuova polizia preoccupò fortemente i vertici militari. si trovò a doverne fronteggiare uno opposto: una violenta rivolta di braccianti anarchici nel Sud nella città di Casas Viejas. uno dei figli del dittatore. Francisco Franco. Quest‟ultima. «si dichiara la guerra civile». dopo aver ridotto i bilanci di Esercito e Marina. la Guardia de Asalto. i quali si sentivano quasi come ostaggi nelle mani armate della Repubblica. e che anzi la seconda fosse incompatibile con la prima. “Viva España!” era divenuto anche il motto di una nuova formazione politica. nazionalismo. autoritarismo e un occasionale anticlericalismo si mescolavano in un credo politico piuttosto versatile. Tuttavia la complessità del programma. nella quale vennero arruolati. che prediligeva le contrapposizioni nette. Preston. Al nuovo corpo di polizia venne assegnata la custodia delle città. nell‟Accademia di Saragozza si istruivano ufficiali abituati all‟obbedienza all‟Esercito e non al Governo.

. era un personaggio contraddittorio che esercitava. Alejandro Lerroux. P. cit. non sopportiamo l‟isolamento internazionale né l‟interferenza straniera.. che si erano presentati separati alle elezioni dopo la lacerazione seguita all‟eccidio di Casas Viejas. Le tre Spagne. una grande influenza sugli avvenimenti spagnoli. si presentava alle elezioni del 1933 in ordine sparso. era stato un leader della sinistra rivoluzionaria spagnola.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 della Falange. che dopo l‟abbandono del Partido Radical di Alejandro Lerroux. 117 . dall‟agguato isolato allo scontro a fuoco sistematico fra bande di diverso colore. Le città maggiori della Spagna si tramutarono nei primi anni Trenta in una via di mezzo fra la Chicago dei gangsters e l‟Italia del primo squadrismo. In realtà la destra spagnola era assai molto meno legalitaria di quanto temessero i militari coloniali.. L‟intesa della Falange con gli africanistas divenne quindi quasi naturale dal momento in cui questi videro nei “señoritos” della madrepatria gli unici rimasti a rivendicare il destino imperiale della Spagna. Reclamiamo per la Spagna un posto preminente in Europa. op. e dove lo scontro violento con i partiti di sinistra divenne quotidiano. Affermiamo che la grandezza storica della Spagna è nell‟Impero... e la volontà di farne il fondamento di una rinascita nazionale che spazzasse via il corrotto parlamentarismo. noi miriamo all‟unificazione di cultura.. che chiamavano con tono canzonatorio los señoritos. cit. come lo era quello dei monarchici e dei sindacati di destra. Preston... Il carattere invincibilmente borghese e cittadino del movimento lo costringeva a radicarsi soprattutto nelle città. L‟ideologia della Falange rivelava chiaramente la sua forte suggestione dalla storia imperiale spagnola. una confederazione delle formazioni cattoliche della destra tradizionalista. proprio dove più forti erano le organizzazioni operaie. F. Il successo elettorale della falange era modesto. Il governo formatosi all‟indomani delle elezioni del 1933 fu ispirato dalla CEDA. le Juntas de Ofensiva Nacional-Sindicalista. Massone. a combattere con le armi il dilagare delle sinistre. Il primo ministro. la destra spagnola vinse.. p. ma si reggeva su di una inedita alleanza con la Falange e col Partido Radical. a denunciare l‟immobilismo dei partiti della destra tradizionale36. Odetti. Rispetto alle nazioni ispano-americane. pp. cit. 116. ma per ora essa era ancora orientata a cercare di recuperare il potere per via legale. 122. Inoltre la vittoria della destra era stata consentita dal disgregamento del fronte unito dei partiti di sinistra. p. una formazione di sinistra che aveva rotto con i vecchi alleati e che da principio egemonizzava tutte le cariche del governo. 34 35 36 Idem. Tale scontro seguì la genesi usuale di tutte le violenze politiche: dalla rissa occasionale alla bastonatura organizzata. e si era fatto un nome ai tempi della rivolta di Barcellona del 1917. dotato di un‟oratoria trascinante. Le tre Spagne. 35-42. repubblicano. E infatti. Un passo del decalogo politico della Falange recitava testualmente: «Abbiamo volontà di formare un impero. degli interessi politici e di potere»35. cosa possibile data la crisi che aveva scosso la coalizione di sinistra. a dispetto del poco credito personale. con i quali Primo de Rivera riuscì ad allearsi34.

. teneva comizi infuocati nei quali era acclamato al grido di “Jefe! Jefe!”. La sua carriera come parlamentare e poi ministro era stata caratterizzata dagli scandali della sua condotta privata e pubblica. non faceva mistero delle proprie frequentazioni con i tiranni di Roma e Berlino. ma che 37 H. il suo ardore rivoluzionario si era progressivamente affievolito. e cioè al vertice dell‟Esercito spagnolo. impiegando cioè truppe straniere contro gli stessi spagnoli. La decisione di Lerroux di cancellare gran parte delle riforme del precedente governo causò prestissimo un attrito violento con le componenti radicali della sinistra spagnola. Un esempio di come Franco intendesse condursi nella nuova posizione venne offerto dalla sua decisione di penalizzare tutti i generali compromessi con la politica o sospettati di massoneria. ritenuta. op. In particolare il capo della CEDA. dove avvenne il suo incontro con Franco37. Fondatore e leader del Partido Radical. ignorando sistematicamente i consigli dei politici e dei colleghi. anche se di non facile approccio. fino ad allora piuttosto occasionale e generico. Incaricato di reprimere le sommosse. Una tale gratificazione sancì l‟inizio del legame. venne scosso dall‟esplosione del 1934 di una violenta rivolta dei minatori nelle Asturie e degli operai in Catalogna. 80-81. venne issato dal nuovo ministro Gil Robles alla carica di Capo di Stato Maggiore. che significa più o meno “Duce”. inviandovi anche alcuni reparti di Regulares marocchini. cit. Il governo dell‟alleanza Radicali . Quest‟ultimo era stato esiliato dal governo “izquierdista” al comando della guarnigione di La Coruña. attrito che si accentuò quando nel governo vennero ammessi anche ministri della CEDA. dalle sinistre spagnole come un partito dichiaratamente fascista e anti-democratico. pp. Franco dimostrò infatti di non aver cambiato granché il proprio concetto della gerarchia dai tempi del Marocco.CEDA intanto. Una volta a capo dell‟Esercito si comportò con la solita determinazione. e possiamo bene immaginare quale inquietudini abbia sollevato assumendo nel ministero Lerroux il Ministero della Guerra. tra il vanitoso generale e la destra parlamentare spagnola. che non tardò ad accorgersi di aver acquisito un alleato utile. non senza qualche ragione. esiste anzi di questo periodo una fotografia che lo ritrae a fianco di Azaña in una cerimonia pubblica. che avevano assunto un carattere sanguinoso con sistematici assalti alle chiese e alle caserme. e Lerroux aveva mostrato una certa propensione alla vita dispendiosa e alle avventure galanti. 118 . Thomas. La sua nomina a capo del governo pertanto venne vista tanto a destra che a sinistra come un ulteriore segno che le strutture della Repubblica erano prive di credibilità.Paolo Formiconi Mano a mano che prendeva parte alla politica parlamentare tuttavia. nella quale il generale sembra ritrarsi disgustato dalla vicinanza al ministro. Trasferito in seguito al comando militare delle Baleari. cosa che gli portò diversi rancori anche fra gli ufficiali più conservatori. un bilancio modesto se confrontato coi massacri futuri della Guerra Civile. La rivolta fu domata al prezzo di 1.500 morti. Josè Gil Robles. trasformò questa formazione politica in una clientela personale. Franco impiegò particolare durezza nelle Asturie. tanto da essere definito l‟uomo più corrotto dei suoi tempi.

riuscì a dividere i rivoltosi con un abile negoziato. Ivi. Come poi apparve dal suo carteggio personale con elementi del nuovo governo. 95. conquistò una risicatissima maggioranza39. al quale successe Francisco Casares Quiroga quando lo stesso Azaña assunse la presidenza della Repubblica estromettendone bruscamente il vecchio presidente Niceto Alcalá 38 39 40 Ivi. Come quando venne chiusa la sua creatura prediletta. si rifiutò di eseguire la repressione inconsulta ordinatagli da Franco. Le violenze continuarono. Per Franco tutto ciò era niente di diverso da un tradimento aggravato dall‟insubordinazione. sia pure episodicamente. Capo del nuovo governo fu Manuel Azaña. e già prima che i risultati fossero conosciuti molti negli ambienti militari pensavano a una soluzione armata per impedire il ritorno delle sinistre al potere. Inoltre la guerra nel Rif gli aveva insegnato quale fosse l‟esito delle imprese improvvisate sotto la pressione emotiva degli eventi. e procedette secondo un differente criterio. Capo di Stato Maggiore dell‟Esercito. un odio freddo e implacabile. e maturò nei confronti di Batet. Il nuovo governo venne tenuto a battesimo da un assalto generale alle carceri per liberare i detenuti arrestati durante la rivolta delle Asturie. p. con un alternarsi di vendette da una parte e dall‟altra40. p. 82-87. 120. dall‟altro aveva ben chiaro da tempo un proprio giudizio sui governi “liberali” che avevano portato la Spagna al caos. il governo della CEDA cadde nel 1935. tergiversò. il Frente Popular. Per il momento decise di aspettare.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 rappresentò un trauma per una democrazia che si sosteneva su di un fragilissimo compromesso38. Da un lato era restio a rompere l‟ordine gerarchico. e alle successive elezioni del febbraio 1936 la nuova alleanza dei partiti di sinistra. e da una recrudescenza di violenze anti-religiose. In Catalogna si verificò invece una spaccatura all‟interno dello stesso esercito. nei mesi seguenti. Ivi. ma ciò sarebbe avvenuto a tempo debito. già inviso agli africanistas per la sua relazione sull‟Armata d‟Africa di alcuni anni prima. dall‟ennesimo scandalo che colpiva il leader radicale Lerroux e dallo sconcerto per la feroce repressione nelle Asturie. Se le circostanze lo avessero richiesto avrebbe contribuito a rovesciare la Repubblica. 5. Franco attese gli eventi. pp. Franco. Avendo intuito che gran parte dei dirigenti socialisti e sindacali disapprovava la deriva violenta delle manifestazioni. Anche la campagna elettorale era stata punteggiata di violenze da ambo le parti. In questa sua riluttanza a un‟azione di forza contro la Repubblica che pure disprezzava c‟era tutto l‟uomo Franco e la sua indole indecifrabile e paziente. catalano. Il generale Domingo Batet. egli si riteneva talmente insostituibile da credere che sarebbe stato lasciato al proprio posto al vertice dell‟Esercito anche dal nuovo governo. l‟Accademia di Saragozza.La cospirazione e la ribellione Logorato dalle divisioni interne. che lo porterà a far giustiziare il generale nel luglio1936. 119 . ristabilendo l‟ordine senza ricorrere a un bagno di sangue come quello asturiano.

Chi inventa complotti in base alle proprie oscure passioni.. affidata a una personalità debole come il tisico Casares Quiroga. Era questa un‟altra eredità del Marocco. Ivi. esitava a impegnarsi. privò del capace e astuto Azaña la guida del governo. 188. quando si è consapevoli che le autorità superiori sono in errore e agiscono avventatamente». E concludeva. Tuttavia nemmeno allora Franco accettò di partecipare alla sollevazione.. e mandato a comandare il presidio militare delle isole Canarie. una regola dell‟obbedienza. Il comando del Marocco venne tolto a Mola e affidato a Gómez Morato. in cui è facile vedere un‟analogia con quella dell‟ordine della Compagnia di Gesù. malgrado l‟avversione per la Repubblica. commentando l‟ascesa al potere del Generalissimo: «La posizione occupata da Franco è la Nazione. preveggente. Per forzarlo all‟insubordinazione occorreva ancora qualcosa che gli desse l‟impressione dell‟inevitabile chiamata del dovere. Le esitazioni di Franco. quando il cuore lotta per levarsi. confinato nel suo comando di Tenerife a giocare a golf e guardare l‟oceano. Fu una mossa errata. Scrisse una lettera di doppiezza impareggiabile a Casares Quiroga. 87. il colonnello Yagüe. uno dei suoi colleghi in Africa: «Franco incarna la mentalità del capitano del Tercio. 137. p. in cui avvertiva con un linguaggio insinuante. che lui e solo lui poteva evitare che l‟esercito si sollevasse41: «Chi dice che l‟Esercito non è fedele alla Repubblica. che acquisiva tanto valore quanto essa contrastava con i naturali desideri del singolo42. Offeso da quello che considerò un affronto. Dirà in seguito il colonnello repubblicano Casado. Probabilmente. occupate la posizione Y e non muovetevi da lì finché non ricevete altri ordini». p. Essa eliminò dalla scena politica un uomo equilibrato come Alcalá Zamora.. ma ben chiaro a chi lo volesse intendere. contro gli ordini ricevuti.. la dignità e il patriottismo degli ufficiali. Egli era già fuori della legalità in quanto essendo al corrente dei progetti dei golpisti non li denunciava. il generale Saliquet venne collocato a riposo e Franco venne rimosso dalla carica di Capo di Stato Maggiore. Tutto qui. e un turbine di sostituzioni nell‟esercito. e soprattutto rafforzò la sensazione della destra di non avere più alcuna garanzia in seno alle istituzioni. cit. p. ma non si comprometteva. ribellandosi interiormente.Paolo Formiconi Zamora. rende un ben misero servizio alla patria». tuttavia per motivi che sono tuttora difficili a comprendersi. Franco assentiva a queste proposte. 43 Ivi. Preston. La risposta fu la convocazione da parte di una commissione incaricata di indagare sui massacri delle Asturie di un suo fido. gli valsero da parte dei suoi colleghi il soprannome di P. Nel discorso di chiusura dell‟Accademia di Saragozza Franco aveva fatto un appassionato elogio dell‟obbedienza: «… essa acquista il suo valore più alto quando il pensiero consiglia il contrario di quanto viene ordinato. 41 42 120 . Ci viene detto: prendete X uomini. gli riusciva difficile rompere l‟ordine gerarchico nel quale era sempre vissuto. non si muoverà più da lì»43. Chi trasforma in simboli di cospirazione l‟ansia. e poiché non ha superiori. Prima di decidere volle fare un ultimo tentativo di rimanere nella propria carica anche con il nuovo governo. la inganna. Francisco Franco. non dice il vero. Franco divenne sempre più sensibile alle sirene di quanti cominciavano a parlargli della necessità di rovesciare il nuovo governo. l‟assoluta sottomissione all‟autorità superiore. rispettato anche dai militari.

era decisamente improbabile. rischiava di venire bloccata da un insuccesso nella stessa Madrid. cit. op. sarebbero state le milizie armate dei partiti di destra. repubblicano convinto. Milano. al Governo bastava tenere il controllo di questa per mantenere il controllo di tutto. Kindelán. i più celebri erano il generale Goded. Rodríguez del Barrio. il “Director”46. un allampanato ufficiale coloniale. mentre solo pochi nella Aeronautica. i militari carlisti che il colonnello Varela addestrava da un paio d‟anni nelle montagne della Navarra. 46 Ivi. aderirono in massa alla cospirazione. Queipo de Llano. come erano state le precedenti sollevazioni militari. Mola ideò un movimento che prendesse il controllo del Marocco e poi. malgrado il governo della CEDA avesse provveduto a infoltirne i ruoli con personale “fidato”. Fra i sodali di Mola. che pur non essendo in servizio attivo aderì immediatamente47. M.. Fanjul. che era diviso e numericamente scarso. cit. comandante militare delle Baleari. 44 45 121 . Contrariamente alla maggior parte dei suoi colleghi era più che mai convinto che un movimento che si proponesse di abbattere la Repubblica necessitasse di una preparazione diversa dai precedenti. mentre quello della Guardia de Asalto. p. I vertici della Marina. A. Da quel momento Franco aderì decisamente alla cospirazione.. pp. op. Una storia militare. il colonnello Yagüe. dacché aveva già con sé alle Canarie un cifrario segreto con cui comunicare con i cospiratori. oltre che della CEDA. Le perplessità ebbero fine solo con l‟assassinio da parte di membri del UMRA del capo dell‟opposizione monarchica José Calvo Sotelo. tutti monarchici. oltre ad altri comandanti come i generali Cavalcanti. 65. L‟appoggio della Guardia Civil era dato per scontato. L‟arte di uccidere. Beevor. Ad aiutare l‟Esercito. dalla Falange ai monarchici. pp. comandante del presidio di Saragozza. 16. Questi ultimi avevano tessuto una complessa alleanza politico-militare sotto la regia del generale Emilio Mola. Beevor. J. entrambi repubblicani e massoni come Mola. 47 A. p. come lui stesso amava essere definito. Se l‟obbedienza delle altre guarnigioni era legata al controllo della capitale. Mondadori. simultaneamente. Mola aveva compreso che una sollevazione diretta a prendere il controllo della capitale e che poi si allargasse a tutte le guarnigioni. con la quale era già in contatto. Varela. che avevano fatto di lui il coordinatore dell‟intero movimento.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 “Miss Canarie 1936”. e aveva conquistato l‟adesione dei nomi più autorevoli dell‟esercito. con ciascuno dei quali Mola aveva tenuto incontri a quattr‟occhi. comandante militare di Pamplona. massone e anti-clericale44. Il patto dei cospiratori raccoglieva dunque l‟adesione delle forze politiche legate alla destra tradizionale. che aveva mantenuto molti contatti stabiliti ai tempi in cui era Direttore Generale della Pubblica Sicurezza. divampasse in tutte le guarnigioni spagnole. Orgaz. o. fra i quali avrebbero avuto una parte fondamentale i Requetès. e naturalmente l‟entusiasta Millán Astray. E Madrid era tenuta da ufficiali fedeli alla Repubblica e circondata da quartieri operai abitati in massima parte da aderenti ai partiti della sinistra45. comandante dei Carabineros. Come si combatté la Guerra civile spagnola. 116-117. 14-15. Mola era un uomo di grande accortezza. Cabanellas. Reverte.

mentre 60. e nelle campagne settentrionali dei volontari carlisti e dei Requetès.Paolo Formiconi Come si vede la maggior parte delle forze armate erano coinvolte nel progetto di colpo di stato che Mola aveva minuziosamente preparato.. p. era lasciato a successivi accordi. L‟obbiettivo era di sollevare tutte le guarnigioni delle colonie e trasbordare le truppe dell‟esercito d‟Africa sul continente dove si sarebbero unite alle guarnigioni della madrepatria. L‟esercito tuttavia. In compenso Marina e Aeronautica erano ampiamente infiltrate. Il generale Sanjurjo sarebbe ritornato dal Portogallo per assumere la coordinazione del movimento. Dal momento che entrò nel complotto.000 uomini sul suolo spagnolo. Alla fine saranno 30. soprattutto ai gradi inferiori. L‟attività politica sarebbe stata.000 aderiranno all‟alzamiento. Se il nuovo stato dovesse essere repubblicano o monarchico e quale spazio vi fosse per la Chiesa e la Falange. alla testa del quale si sarebbe insediato un governo composto di civili e militari. Preston. Thomas.000 i soldati metropolitani che rimarranno fedeli al Governo di Madrid. L‟adesione di Franco fu fondamentale. oltre a un certo numero di ufficiali dell‟Esercito. 139.. 122 . ai quali potevano aggiungersi i 30. anche unito a quello coloniale. ma lucidamente prevedeva che lo scontro con la destra spagnola sarebbe venuto presto e si premuniva per 48 49 H.. p. A questo proposito è bene dire che all‟interno del Frente Popular esisteva una divisione fra quanti propendevano per l‟incoraggiamento di queste formazioni e quanti ne diffidavano. come in Andalusia. Francisco Franco. le sue perplessità avevano trattenuto molti dall‟aderire al golpe. Dove però il contesto sociale era diviso. P. Si faceva conto però di avvalersi nelle città dell‟appoggio delle formazioni falangiste. nei Paesi Baschi o nelle Asturie. 104. e il suo prestigio fra i coloniali era enorme. o decisamente ostile alla sollevazione militare. Che cosa rimaneva al governo per opporsi? In teoria i 14. Inoltre era noto che tanto gli anarchici che i comunisti avessero a disposizione notevoli quantitativi di armi ed esplosivi. bandita e le autonomie regionali soppresse. la disponibilità dell‟Armata d‟Africa fu sicura49.. almeno al momento. Esso contava appena 70. Alla ribellione sarebbe seguito subitaneamente l‟arresto e l‟esecuzione degli esponenti del Frente Popular e dei militari a loro fedeli48. da attivisti politici che avevano provveduto a isolare gran parte degli ufficiali “reazionari” dai loro uomini.. e che potessero a loro volta contare su di una organizzazione paramilitare in grado di mobilitare decine di migliaia di uomini.000 uomini della Guardia Civil erano tutto ciò su cui si poteva fare sicuro affidamento. non era sufficiente per prendere il controllo dell‟intera Spagna. dei quali però non era certo se sarebbero riusciti a conservare il controllo dei loro reparti. I più chiassosi sostenitori delle “armi al popolo” erano la sinistra socialista e gli anarchici. cit. op. come nella Catalogna. il successo dell‟alzamiento sarebbe dipeso dalla rapidità e dalla prontezza dei pochi aderenti alla sollevazione. come era stato chiaro nella rivolta del 1934. cit. mentre il Partido Comunista Español ostentava un profilo moderato e legalitario.000 della Guardia Civil.

Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 quel momento addestrando clandestinamente molti suoi militanti all‟uso delle armi50. Mena. come Queipo de Llano. Campins. comandante militare a Granada. i subordinati erano in grande maggioranza nazionalisti. Tutti. e ne avrebbe avuti di notevoli nel condizionarne l‟evoluzione. Fernández Viña-Abril a Siviglia. Questo fattore avrebbe potuto avere esiti decisivi per l‟esito della sollevazione militare. comandante militare del Marocco spagnolo. Molero a Valladolid. 77 e 132. L‟avvicinarsi della sollevazione era avvertito da tutti. Accadeva così che mentre le due parti della Guerra Civile si preparavano allo scontro. e la posizione di molti degli ufficiali realmente fedeli era piuttosto fragile. Campins. erano virtualmente prigionieri dei loro stessi subordinati. Batet. Al momento della sollevazione. e con piena ragione. Il 3 giugno 1936. segno evidente che in campo nazionalista non mancavano delatori. Se insomma i comandanti erano in generale fedeli al governo. Romerales comandante a Melilla. la flotta si sarebbe schierata quasi totalmente con la Repubblica. Per strano che possa sembrare. Le forze più rilevanti del governo tuttavia. op. ma equipaggi e sottufficiali erano organizzati in “comitati” tutti egemonizzati dall‟estrema sinistra. si opponevano decisamente ad autorizzare qualsiasi uscita dalla legalità. Caridad Pita a La Coruña. fatta in parte di eccessiva fiducia e in parte di rassegnato fatalismo. Gómez Morato e Romerales. La sede del comando di Mola venne accuratamente perquisita e così le sedi della Falange. previa eliminazione degli ufficiali. ma Madrid sembrava preda di una strana paralisi. Thomas. Batet e Mena. a Madrid nessun esponente del governo sembrava aver dato particolare importanza all‟iniziativa di Mallol. Gómez Morato. rispettivamente comandante militare e della Guardia Civil a Burgos. che una volta armati. il governo perdesse del tutto il controllo degli avvenimenti. una colonna di camion della polizia piombò improvvisamente a Pamplona. Cabanellas e Aranda. pp. la Izquierda Republicana e i socialisti moderati. 50 H. al comando diretto di Alonso Mallol. Sfortunatamente alcuni ufficiali considerati affidabili. Allo stesso modo. Direttore Generale della Pubblica Sicurezza. cit. Casares Quiroga pensava probabilmente di aver disinnescato ogni tentativo di sollevazione allontanando i generali sospetti e promuovendo quelli di sicura fede come Pozas al comando della Guardia Civil. gli ufficiali superiori e inferiori erano legati alla cospirazione nazionalista.. 123 . non si rivelarono tali. e soprattutto perché i suoi contatti nella polizia lo avevano preavvertito. o quasi. uno degli aderenti alla rivolta. e già da tempo avevano stabilito di opporsi a ogni tentativo di ribellione alla Repubblica. della CEDA e dell‟Unión Militar. tutti acquisiti al complotto nazionalista. Un discorso analogo ma speculare valeva per la Marina. Nulla fu trovato. Llano de la Encomienda e Arangueren comandanti della divisione e della Guardia Civil di Barcellona. Castellò Pantoja a Badajoz. perché Mola era per abitudine assai prudente. A La Coruña il generale Caridad Pita era affiancato dal generale Salcedo comandante della divisione della città. anche perché temevano. anarchici e comunisti sarebbero divenuti incontrollabili.

Patxot comandante di Malaga e i colonnelli dell‟Esercito Moscardò. e contava la maggior parte dei propri aderenti nella Guardia de Asalto51. Il primo era noto per le proprie simpatie reazionarie. sapevano sottrarsi alla suggestione del connubio di morte e di sfida che lo spettacolo rappresentava. Quasi tutto ciò che era efficiente in termini militari si trovava in Africa. persino le divise complete erano una rarità. diffusa soprattutto nei gradi subalterni. e probabilmente su questo si fondava gran parte dell‟ottimismo del governo del Frente Popular. Rojo. si aveva scarsa considerazione del loro ingegno. assieme a lui circa i due terzi dell‟arma sarebbero rimasti fedeli al governo. senza doversi affidare completamente alle indisciplinate milizie di partito. la Unión Militar Republicana Antifascista. un curioso tipo di aristocratico che aveva abbracciato il comunismo. op. 124 . ovvero un militare da tavolino che non aveva mai comandato un reparto in azione e per questo era snobbato dai suoi colleghi africanistas. si affiancavano poi diversi altri che a vario titolo non erano stati fatti partecipi del progetto. Diverso il caso di Hidalgo de Cisneros. 51 A. La ribellione sarebbe dovuta iniziare il giorno 18 luglio alle 17. seppure dopo una iniziale esitazione. Costoro non erano stati esclusi perché ritenuti particolarmente fedeli al governo. Mancavano le munizioni. e sul suo esempio circa un terzo dell‟esercito metropolitano non aderirà alla sollevazione.. o UMRA. Rojo diventerà il “cervello” della difesa di Madrid e poi dell‟intero esercito repubblicano. La corrida dei tori era allora ancora popolarissima in Spagna. Rojo e Casado. Agli ufficiali fedeli per convinzione alla Repubblica. o perché. ed era quindi necessario che le navi lo trasbordassero rapidamente per consentire all‟Esercito di avere una netta superiorità sui partigiani della Repubblica. 66. Beevor.Paolo Formiconi La fiducia che Mola aveva nella riuscita dell‟alzamiento si fondava infatti sul contributo della flotta. in diversi casi. ma perché. Al momento dell‟alzamiento sarebbe divenuto il comandante dell‟aeronautica repubblicana. un errore. Martínez Monje. essa aveva però poco successo nell‟Esercito e quasi nessuno nella Guardia Civil. sarà il simbolo dell‟esercito fedele al Governo. p. come nel caso di Miaja. Forse tale richiamo non era casuale. Miaja e Rojo divennero le due colonne sulle quali la Repubblica poté contare per avere un esercito e uno Stato maggiore regolari. era invece un soldaje de cabinete. Esisteva inoltre una associazione politica che raggruppava gli ufficiali di idee vicine a quelle del Frente Popular. l‟ora delle corride. comandante di Albacete. Nulla di sorprendente che i cospiratori volessero iniziare la propria impresa per la salvezza della Spagna all‟unisono con la discesa in campo dei toreri nell‟arena. anche fra i progressisti che si vantavano di voler strappare la Spagna al proprio retaggio medievale. come nel caso di Rojo. García Aldave. mentre Miaja. Sul suolo spagnolo le condizioni dell‟Esercito non erano affatto incoraggianti. comandante di Valencia. il loro consenso alla sollevazione era ritenuto superfluo dato che non ricopriva alcun comando di reparti. comandante della piazza di Madrid. insegnante all‟Accademia di Toledo. una volta affermò persino che i socialisti andassero tutti fucilati. Fu. e non pochi soldati mescolavano capi di abbigliamento civili e militari secondo le disponibilità del momento. cit. In breve. oltre che per essere notoriamente una mente poco brillante. e ben pochi. Fra questi i generali Miaja.

32-33. come il torero nell‟arena54. “el Director” della sollevazione. 52 53 125 . cit. sia pure in tono minore rispetto a quella con la cruzada. non si sarebbe potuto più tornare indietro. i reparti dei F. Barbieri. i militari avrebbero trasmesso alla radio il messaggio in codice: “nessuna novità”.Sin novedad Nel 1936 si svolsero in Marocco le manovre dell‟Armata d‟Africa. attraverso gli uffici di un raffinato arabista aderente al golpe.. era stato esplicito: «chi non è con noi è contro». ne sono testimonianza diversi elementi. Non ci sarebbe stata dunque alcuna indulgenza. Alla presenza di tutte le autorità civili e militari della regione. pp. 5. A quel momento tutte le guarnigioni africane si sarebbero sollevate prendendo il controllo dell‟intera colonia.. le liste erano già state predisposte. acquisitone il controllo. Si contava di avere ragione di ogni resistenza in 36 ore. Non è un caso che la decadenza della corrida sia cominciata con la fine della dittatura franchista: essa ricordava troppo da vicino agli spagnoli la sanguinosa fine del toro della rivoluzione spagnola. Mola chiarì questo punto molto brutalmente agli altri: nessun compromesso politico sarebbe stato possibile per mettere fine alla guerra 53 . il colonnello Beigbeder. come ad attendere il momento. come si farà con tutti gli altri strati sociali. Muerte del torero Joselito. a livelli più o meno espliciti: il grottesco toro bianco del dipinto di Pablo Picasso. «Lo schema è molto semplice: i primi a morire sono i compagni “che non sono compagni” secondo la terminologia di Mola. poi ribattezzato Guernica. Acquisito il controllo del Marocco. Non si era nemmeno tralasciato di garantirsi l‟appoggio dell‟emiro di Tetuán. la massima autorità musulmana del Marocco spagnolo. largamente maggioritarie in gran parte del paese. Avuta conferma del successo in Marocco. il luogo della plaza in molte città per l‟esecuzione delle condanne capitali. M. Mola. e la medesima sorte sarebbe toccata ai militari che non avessero aderito o si fossero opposti. Milano. sarebbe stata trasmessa la parola d‟ordine ai congiurati in Spagna: sin novedad. 23. Longanesi. Reverte. 72. Dopo Franco. 54 A. che il governo del Frente Popular aveva appena richiamato dal suo incarico di addetto militare a Berlino. L‟impresa sarebbe terminata con una vittoria o con la bolscevizzazione del Paese. ma si evita anche che chi è rimasto fedele alla Repubblica sia in grado di ricostituire un esercito efficiente con soldati che potrebbero sfuggirre alla morte». ed erano decisi a sfruttare il più possibile l‟effetto sorpresa. e infine la stessa vanità del generalissimo Franco di farsi rappresentare stringendo l‟elsa di una spada appuntita. Una volta iniziato. Tutto avrebbe avuto inizio dalla stazione radio di Melilla. cit. anche le guarnigioni della Spagna si sarebbero sollevate. Quanto ai mezzi da adottare. op. In questo modo si comincia a seminare il panico. p. Beevor. J. matado dal torero Franco al termine di un duello di oltre trenta mesi52. Tutti i possibili nemici avrebbero dovuto essere neutralizzati nelle ore immediatamente seguenti la sollevazione.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 L‟identificazione con la tauromachia. fu del resto un elemento ben presente nella memoria della Guerra Civile. l‟esercito e le milizie della destra spagnola sapevano che il loro colpo avrebbe scatenato la violenta reazione delle frange più estreme della sinistra spagnola. op. p. pronto all‟affondo finale sulla Repubblica. 1968.

Álvarez Buylla. Possibile che si fosse prodotta una tale macchinazione proprio sotto i suoi occhi? Decise di ordinare una perquisizione. p. erano dalla parte della ribellione. Il generale ci credette a metà. Thomas. Come mai tanta passività? Di fronte 55 56 57 H. ma fino ad allora il governo aveva dato prova di una certa tranquillità. avrebbe ordinato gli arresti. scandendo ad alta voce “Cafè! Cafè! Cafè!”.. e gli indecisi si sarebbero schierati col governo. Casares Quiroga assentì. dato che si era ancora al pesce. op. e che il fulcro di questa cospirazione a Melilla fosse proprio la sede dell‟Unión Militar. avrebbe proceduto all‟arresto immediato e all‟immediato interrogatorio di tutti i sospetti. i complottatori avrebbero potuto essere sopraffatti. aveva persino assistito alle manovre nella propria vecchia divisa di capitano di artiglieria55. generale Romerales. Alla metà del pranzo. cit. 126 . Sfortunatamente. insediato dal governo del Frente Popular. del Tercio e dell‟esercito coloniale dettero una dimostrazione di buona preparazione e di grande affiatamento. Ivi. In questo edificio si stava svolgendo una riunione dell‟Unión Militar. cit. Gli anticipò la propria intenzione di controllare alcuni luoghi “sospetti” delle installazioni militari e promise che gli avrebbe fatto avere notizie nel pomeriggio. 136 A. Tuttavia ricevette la comunicazione di Romerales con una certa inquietudine57. Al banchetto che seguì la fine delle manovre l‟atmosfera era piuttosto euforica. il capo del governo spagnolo. Un comandante più energico avrebbe interrotto le comunicazioni telefoniche della città e. diffusissima nei circoli ufficiali del Marocco 56 . un‟informazione che gli rivelava come molti degli ufficiali del suo comando aderissero a una cospirazione anti-governativa. a cominciare dai membri dell‟Unión Militar. Romerales sfortunatamente non era uomo da decisioni rapide e drammatiche. accompagnato da molte bottiglie di vino. chiese stupefatto la ragione di quella strana richiesta di caffè. un gruppo di ufficiali cominciò a battere ritmicamente la mano sul tavolo. pp. Presi alla sprovvista. Se fossero emersi degli indizi. assai vicina all‟incoscienza. Sembrava persino che la feroce ostilità fra la Spagna reazionaria e quella popolare si fosse stemperata. 66. gli ufficiali in comando ebbero grandi lodi dai loro superiori e dai politici presenti. Romerales evidentemente ignorava che “Cafè” era una sigla con cui si salutavano gli aderenti alla fazione più radicale e nazionalista dell‟Esercito: Camaradas Arriba Falange Española! Alle 17 del 17 luglio 1936 un reparto di Asaltos e uno della Guardia Civil circondarono un edificio del comprensorio militare di Melilla. Un Queipo de Llano o un Franco avrebbero stroncato la rivolta sul nascere e con poche forze. Numerosi segnali del resto.. Il nuovo governatore del Marocco spagnolo. op. Gli venne risposto non senza imbarazzo che si trattava sicuramente di giovani ufficiali che avevano bevuto troppo. Il comandante militare di Melilla.Paolo Formiconi Regulares. Altri ufficiali si unirono e ben presto la sala risuonò di un‟unica corale esclamazione. Romerales comunque avvisò per telefono Santiago Casares Quiroga.122-123. che sedeva nel tavolo delle autorità. p. radunati i reparti di sicura fede. Beevor. Il generale Francisco Romerales aveva ricevuto una “soffiata”. davano per imminente una ribellione dell‟esercito.

J. Yagüe. Il generale ascoltò pazientemente le proteste di Gazapo. Munizioni e provviste non sarebbero bastati per due giorni di guerra.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 alla prospettiva di un colpo di stato membri del governo erano confortati da alcuni dati di fatto: parte degli ufficiali di alto grado era di sicura fede repubblicana. si fece passare il comandante e spiegò la situazione: Romerales 58 59 Ivi. L‟azione. dal nome del comandante del Marocco Orientale dal quale si sperava di avere appoggio58. p. Il piano prevedeva anche l‟arresto e la fucilazione immediata di tutti i contrari alla ribellione. Editorial Crítica. cervelli della cospirazione nel Marocco orientale. Tanta brutalità era motivata dalla necessità che nessuno dei cospiratori tornasse sui propri passi. nella certezza di schiacciarla e di approfittare dell‟occasione per liquidare anche i resti della Spagna conservatrice. e intimò di essere incaricato di una perquisizione dei locali. era previsto per l‟inizio di luglio. e pretese di telefonare al comandante militare della città per avere spiegazioni. l‟entità numerica dell‟esercito era esigua e per di più le sue dotazioni erano decisamente scarse. la rivolta si sarebbe propagata in tutto il Marocco. Il progetto. Non si può escludere però che vi fosse da parte di molti. illustrarono i dettagli del piano. e avrebbero vestito la divisa nell‟immediatezza del colpo. come Casares Quiroga. Presa Melilla. era stata la ribellione del generale Kornilov a costringere Kerenskij e il suo governo borghese a mettersi nelle mani dei bolscevichi e della loro milizia militare. Intanto alla Sala delle carte accadeva proprio quello che l‟informatore aveva detto. Le cose erano a questo punto quando il tenente Zaro della Guardia de Asalto si presentò con un seguito di armati alla soglia della Sala delle carte dove era in corso la riunione. I colonnelli Seguí e Gazapo. la speranza che la ribellione avesse luogo. I sicari sarebbero giunti in Marocco in borghese. Seguí. Losada Ruido de sables. sulle cui probabilità di riuscita è inutile interrogarsi. non si perse d‟animo. Gli fu concesso. 127 . che prevedeva l‟uccisione dei principali ufficiali nazionalisti: Beigbeder. e depresse non poco il morale dei militari repubblicani59. poi tagliò corto: la perquisizione era solo una formalità: pazientassero e obbedissero. e avrebbe seguito il medesimo sistema usato in Spagna nelle lotte tra fazioni politiche. e in breve il telefono squillò sulla scrivania di Romerales. 74. cui aderirono 200 ufficiali dell‟UMRA. 2003. senza riuscire a nascondere una certa ansietà. Alcuni ufficiali appartenenti all‟UMRA avevano tanto chiaro cosa stessero organizzando i loro colleghi che avevano messo a punto un contro-golpe da attuarsi in Marocco. p. Barcelona. Gazapo. Forse questi stessi pensieri agitavano anche gli esponenti moderati del governo di Madrid che. soprattutto nella sinistra estrema. e riattaccò. L‟operazione avrebbe avuto il nome di “Operación Romerales”. Saenz. In Russia del resto. con il prelevamento degli ufficiali a casa nel cuore della notte e la loro subitanea uccisione a distanza di pochi minuti. venne bloccata personalmente da Casares Quiroga. 66. J. Busquets. Gazapo protestò vivacemente. compreso Romerales. Una volta versato del sangue non ci sarebbe stata altra scelta che andare avanti. poi in tutta l‟Africa spagnola e infine nella Spagna stessa. telefonò immediatamente al comando del Tercio. C. guardavano con preoccupazione a una struttura armata al di fuori del controllo dello Stato.

rispose Seguí senza identificarsi. l‟alzamiento era iniziato60. probabilmente asciugandosi il sudore sulla fronte. Asaltos e Guardia Civil abbassarono le armi. era con lui o contro di lui? L‟ufficiale esitò. Alcuni ufficiali spingevano perché Romerales aderisse alla sollevazione. i telefoni dei comandi squillavano a vuoto. 137. 73. salì su di un‟automobile. assieme a qualche gruppo di avieri e di soldati comandati da ufficiali fedeli tentò di opporsi. Poco dopo che Romerales e i suoi collaboratori erano stati arrestati. all‟altro capo del filo era Casares Quiroga..000 uomini che rappresentavano l‟élite dell‟esercito spagnolo. Beevor. p. un gruppo di militari entrava nella centrale radiotelegrafonica. e si diresse subito verso la sede del comando militare di Melilla. op. il telefono squillò nuovamente sulla scrivania del generale. Nell‟ufficio di Romerales intanto regnava la più grande concitazione. bisognava agire in fretta e anticipare tutto. Gruppi di militari stavano occupando diversi punti della città. poi scattò sull‟attenti. Con un anticipo di alcune ore. Thomas. Finirono quasi tutti fucilati. un capo di accusa piuttosto spudorato. revolver in pugno. Si poteva tentare di opporre resistenza sufficiente per dare tempo a Madrid di mandare rinforzi. ma contro i 34. La sua risposta fu piuttosto inconsistente: resistete fino a domani. telefonò di nuovo. dalla propria residenza di Tetuán. quando un reparto del Tercio piombò sul posto. c‟erano fin dall‟inizio ben poche speranze. il telefono squillava a vuoto. A chiamarlo era il governatore Álvarez Buylla. p.Paolo Formiconi aveva ordinato una perquisizione. Si trovava assediato nel palazzo con i pochi soldati fedeli: i ribelli minacciavano di prendere a cannonate l‟edificio. ma pazientò. alcune ore dopo. altri lo incoraggiavano a opporsi. bloccava le comunicazioni con l‟esterno e diramava un comunicato che terminava con le parole “Sin Novedad”. Osservando la scena dalla finestra nella Sala delle carte. era quello di Casares Quiroga. Romerales e gli ufficiali lealisti furono arrestati. l‟edificio era circondato da gendarmi. Gazapo scese le scale. e si stupì di sentire una voce diversa da quella di Romerales. Quando. del colonnello Seguí e di altri sei ufficiali. cit. circondando le guardie d‟assalto e le guardie civili che bloccavano la sede dell‟Unión Militar. Seguí rispose. Il piccolo proletariato spagnolo di Melilla e Tetuán. il cortile si riempì di grida: “Arriba España!”. cit. comprendere che l‟insurrezione era avvenuta. Le discussioni furono interrotte dall‟arrivo. «Il generale è fuori per un‟ispezione». Quest‟ultimo voleva notizie circa la perquisizione del circolo della Unión Militar. La sera stessa un plotone di esecuzione li avrebbe giustiziati per “tradimento e ribellione”. Nuovamente. Come si doveva comportare? Casares Quiroga dovette.. op. H. I due gruppi si fronteggiavano col dito sul grilletto. verremo a 60 61 A. il colonnello Gazapo si rivolse allora al tenete Zaro. la parola d‟ordine della ribellione. 128 . quando si considerino le circostanze in cui venne eseguita la sentenza. Casares Quiroga avrebbe dovuto sospettare qualcosa. Simultaneamente. In quel momento l‟insurrezione era già dilagata anche nel Marocco occidentale. e riagganciò. un telefono squillò. Resistenze ce ne furono poche 61 . La perquisizione era appena iniziata. Forse c‟era tempo per stroncare la sollevazione: alcuni reparti non si erano mossi e potevano essere ancora fedeli. ed erano cominciate le prime sparatorie. finalmente.

Finalmente il capo del governo riuscì a contattarlo.Identità nazionale e tradizione militare nel sollevamento del luglio 1936 liberarvi. si rivolse al governatore chiamandolo ironicamente “capitano”. Dall‟Africa nessuna notizia sarebbe più giunta a Madrid: sin novedad. e i loro occupanti. la quale non era ancora toccata dalla sollevazione. a cominciare dal governatore. Il generale si trovava invece a Larache. Anzi. Sfortunatamente. La manovra era irrealizzabile e fu accolta con freddo sarcasmo. Gómez Morato si sentì annunciare che era in atto una ribellione militare e che il Marocco orientale era sotto controllo degli insorti. 62 Ivi. Buylla cercò di prendere tempo e tentò una trattativa con gli ufficiali ribelli. dove un gruppo di avieri comandato dal maggiore Lapuente. Anche il comandante militare del Marocco spagnolo. una città sulla costa atlantica. Prima della sera del 17 però. comandante della sollevazione a Tetuán. cugino del generale Franco. Per il maggiore Lapuente si era ritenuto di dover chiedere almeno il consenso del suo importante cugino. generale Gómez Morato. Sceso dalla scaletta. musica. il quale aveva risposto pressappoco: fate come credete62. il generale annunciò al capo del governo che si sarebbe recato immediatamente a rendersi conto di persona. alludendo alla divisa con cui Buylla aveva assistito alle manovre. era rimasto fedele al governo. 138. Nel frattempo Casares Quiroga contattò il comando militare del Marocco. 129 . Col probabile sottofondo tipico di una festa. Ancora frastornato dalla sorpresa. l‟aeroporto era stato appena occupato dai ribelli. per avere un quadro della diffusione della ribellione. Oltre al palazzo del governatore a Tetuán era rimasta anche una seconda isola di lealtà repubblicana: l‟aeroporto militare. brindisi e voci spensierate. Gómez Morato venne arrestato e fucilato immediatamente. entrambe le posizioni furono sopraffatte. spicciativamente giustiziati. il colonnello Saenz. non era nella sede del comando. Si precipitò dunque all‟aeroporto e decollò immediatamente per Tetuán. p. a un ricevimento nell‟elegante albergo della città.

.

Nel giro di pochi anni. suo malgrado. nella sfera d‟influenza sovietica. Iuliu Maniu opposed the dictatorship of King Carol II encouraged and then fought against the General Antonescu‟s regime. un governo di coalizione. La sua forza risiedeva interamente nell‟appoggio sovietico. . A differenza. fra le fila del Partito Nazionalista romeno. si rendeva conto di questa situazione e. followed carefully and in a critical manner the developments of the trial to Iuliu Maniu and Ion Mihalache. This paper‟s purpose is to show how the Italian diplomatic mission in Bucharest. Tuttavia. Nel 1906 sedeva in Parlamento. Vyshinsky. Mihalache became Vice-President of the National-Peasant Party. Italy La seconda guerra mondiale consegnava una Romania inserita. OSSERVAZIONI E CONSIDERAZIONI DELLA LEGAZIONE D‟ITALIA A BUCAREST Andrea Chiriu Abstract Iuliu Maniu. Documents get a new light both on the trial as seen from an external perspective and on Italian attitudes and feelings about the Romanian communist regime. Student in History. però. University of Cagliari. Romania. Nato a Bădăcin. Iuliu Maniu rappresentava senza ombra di dubbio uno dei massimi esponenti dell‟ambiente politico romeno fra gli anni Trenta e Quaranta. All‟interno di questo percorso storico. villaggio transilvano allora sotto il dominio della Corona AustroUngarica degli Asburgo. Communism. Mihalache. non poteva vantare a suo favore un‟epica lotta contro le forze nazifasciste. Mosca. e dal Partito Comunista. This process played a crucial role in the strengthening of the new communist regime in Romania. constantly reporting to its superiorors. dopo essersi laureato in giurisprudenza nel 1896. neanche vent‟anni dopo era già entrato in politica. la componente comunista sarebbe riuscita ad escludere tutte le altre forze politiche dal governo. del Partito Comunista Jugoslavo. International Relations of Asia and Africa. Keywords: Maniu. which joined the National-Peasant Party on 1926. Ion Mihalache founded the Peasant Party. Both Maniu and Mihalache died behind bars. comprendente varie forze. tramite il suo rappresentante. il Partito Comunista Romeno era un‟entità di scarso rilievo. incoraggiò. dominato però dal Partito Agrario di Petru Groza. assunse un ruolo di grande importanza. quali Iuliu Maniu e Ion Mihalache. then of Legation Level. dal parlamento e da tutte le istituzioni statali. Institutions. il processo nei confronti dei leader del Partito Nazional-Contadino. D. was the leader of National-Peasant Party and Romanian Prime Minister since 1928 to 1930 and from 1932 until 1933. filo-sovietico. per esempio. secondo uno schema utilizzato anche in altre circostanze in Europa orientale. l‟8 gennaio 1873. Arruolatosi nel Ph. The National-Peasant Party didn‟t join the Petru Groza‟s government and it was declared as illegal by new Romanian authorities on 1947. Austro-Hungarian former soldier which left the imperial army to fight it.IL PROCESSO MANIU-MIHALACHE. peraltro. con pochi militanti.

. Decise poi di non cooperare con il Governo di Petru Groza. per poi ritrovarsi estromesso da funzioni politiche sotto il Governo Groza. Vaida-Voievod e Maniu.) fondata l‟affermazione che il gran numero di persone recentemente arrestate dalle autorità romene e detenute in condizioni inumane appartengano tutte ad organizzazioni fasciste o abbiano condotto propaganda ostile alle Nazioni Unite”. Nei vari dispacci di seguito menzionati. Dopo la guerra. divenne Vicepresidente del Partito NazionalContadino e nuovamente Ministro dell‟Agricoltura fra il 1928 e il 1930. ma alla fine del conflitto. fu prospettata la possibilità di riparare all‟estero. fondò il Partito Contadino e divenne Ministro dell‟Agricoltura fra il dicembre 1919 e il marzo 1920. guidò l‟insurrezione dei soldati di etnia romena contro di esse. dopo la fusione con la formazione di Ion Mihalache nel 1926. Contribuì alla caduta del Re Carol II. e alla firma dell‟armistizio con l‟URSS. Contrario alla sottomissione della Romania al giogo nazifascista. anche Iuliu Maniu. in quanto si è ipotizzato che fosse stata orchestrata dai comunisti. e di lì a poco. non sempre riuscendoci. tramite l‟azione del suo Partito Nazionale Romeno. la Legazione d‟Italia a Bucarest riportava come il processo ebbe una vasta eco anche in Francia. Fra il 1930 e il 1933 occupò la posizione di Ministro degli Affari Esteri nei governi Mironescu. Non riconobbe la Costituzione del 1923.Andrea Chiriu 1915. anche se il suo destino pareva comunque segnato. Nato il 3 marzo 1882 a Topoloveni. transilvano. pag. di perorare i diritti delle popolazioni recentemente annesse al Regno Romeno. ma furono arrestati il 14 luglio 1947 all‟aeroporto di Tămădău. L‟episodio è passato alla storia come “messa in scena”. 1. poi sancita dal Trattato di Trianon. Maniu. fu arrestato con accuse risibili. nel Governo Vaida-Voievod. ad alcuni dirigenti del Partito NazionalContadino. 22-23 luglio 1947. E‟ però da rilevare che durante il processo Maniu ammise di aver organizzato la fuga all‟estero dei dirigenti del suo partito. fondò il Partito Nazional-Contadino.. Ion Mihalache combatté anch‟egli nella Prima Guerra Mondiale. iniziò il 29 ottobre 1947. nei governi Maniu e Mironescu. Il Partito Nazional-Contadino e i suoi massimi dirigenti erano accusati In particolare. ma fra la file dell‟esercito romeno. cercò. “Stampasera”. Messi alle strette dalle nuove autorità. contribuì alla cacciata dello stesso Antonescu. divenendo Primo Ministro dal 1928 al 1930 e dal 1932 al 1933. Dopo l‟unione con la formazione di Iuliu Maniu. Tale scelta probabilmente accelerò la repressione del Partito Nazional-Contadino da parte del regime. fra le proteste dei paesi occidentali1. Il 1° dicembre 1918 partecipò alla proclamazione dell‟annessione della Transilvania al Regno di Romania. Il processo. che non aveva partecipato all‟episodio. sostenuto dai sovietici e a cui invece aderirono altre forze borghesi. dopo aver disertato nel 1918. L‟occasione per sbarazzarsi dei dirigenti del Partito Nazional-Contadino fu offerta al regime comunista dalla cosiddetta “messa in scena di Tămădău”. il Regno Unito “non (. In ogni caso. giudicata eccessivamente centralista. alla luce delle progressive epurazioni delle componenti liberali dal Governo Groza. durante la Prima Guerra Mondiale militò nelle forze armate austroungariche. favorendo l‟ascesa al trono di Mihai e al governo del Generale Antonescu. 1 132 . il 23 agosto 1944. Combatté anche durante la Seconda Guerra Mondiale. di fronte al Tribunale militare di Bucarest. tra cui Ion Mihalache.

. ovvero i lavori forzati a vita. Maniu ammise solamente di aver organizzato la fuga all‟estero dei dirigenti del suo partito. Partidul lui Maniu (. Inoltre. Ştefan Stoika a 8 anni di detenzione rigorosa.)”2.) acuzaţii Maniu şi Mihalache au organizat şi s‟au pus în fruntea complotului contr Statului.. Nicolae Carandino a 6 anni di lavori forzati. 4 “Scânteia”. şi sprijinindu-se pe cercurile imperialiste din Statele Unite ale Americei şi Marea Britanie (. per via dell‟età dei due condannati). 31 ottobre 1947. care cu sprijinul direct din afară al cercurilor imperialiste ale unor State străine pregătea răsturnarea prin forţa a regimului demcorat din România. le condanne in prima pagina. non esisteva più la pena di morte. Ovviamente. In particolare. come precedentemente accennato. precum şi un grup de funcţionari superiori ai Ministerului Afacerilor Străine în activitatea lor trădătoare şi conspirativa (. Emil Lazarescu Ion de Mocsony Styrcea a 2 anni di reclusione correttiva. da sottolineare che in Romania. gran parte delle accuse furono respinte dagli imputati.. con titoli cubitali. negando si trattasse di un processo politico. all‟interno.Il processo Maniu-Mihalache. era pubblicato il testo ufficiale dell‟intera sentenza4. di sei pagine.) au fost (. 2 133 . il “Scânteia”.. la rappresentanza italiana a Bucarest evidenzia. p.1. Il giornale del partito comunista romeno. La pubblica accusa richiese il massimo della pena. au condus activitatea subversivă şi conspirativă a reacţiunii românești. Mercoledì 12 novembre 1947.) devotate ale capitalului străin. agenţi ai imperialismului care au trădat suveranitatea. Nel suo resoconto del processo. 13 novembre 1947. fu pronunciata la sentenza di condanna ai lavori forzati a vita per Iuliu Maniu e Ion Mihalache (pena poi commutata in ergastolo. Ilie Lazar a 12 anni di lavori forzati. Grigore Gafencu a 20 anni di lavoro duro. pp. fruntaşii partidului Naţional-Tărănesc. alle ore 20. era dedicata alla pubblicazione degli atti di accusa agli imputati del processo. Radu Niculescu-Buzeşti a 10 anni di detenzione rigorosa. in tempo di pace.. (. libertatea şi independenţa naţională a Statului Român. Vasile Serdiol a 10 anni di lavori forzati. care a provocat cel mai mare dezastru naţional din istoria neamului românesc. “Scânteia”. accogliendo la richiesta della pubblica accusa.. Emil Opreşanu a 3 anni di lavori forzati.) au atras în acest complot atât pe cei mai apropriaţi colaboratori ai lor. Grigore Niculescu-Buzeşti e Alexandru Cretzeanu al lavoro duro a vita. Andò meglio agli altri coimputati del processo: Nicolae Penescu e Florin Roiu furono condannati a 5 anni di lavori forzati. 4.) transformându-se într‟o organizaţie conspirativă de spioni şi complotiști. 1. pag. Praticamente l‟intera edizione del quotidiano.. Osservazioni e considerazioni della Legazione d‟Italia a Bucarest “pentru instaurarea dictaturii fasciste a lui Antonescu şi pentru intrarea în războiul criminal hitlerist. Camil Demetrescu a 15 anni di lavori forzati. alcune criticità: La velocità del processo. Victor Radulescu-Pogoneanu a 25 anni di lavori forzati.. 3 “La Stampa”. Costantin Vişoianu a 15 anni di lavoro duro.. Dumitru Statescu a un anno di detenzione semplice. Maniu şi partidul său (. e di aver sostenuto una campagna di stampa contraria al Governo Groza 3 . bensì di un “processo al tradimento e allo spionaggio”... per Maniu e Mihalache. 1. Il regime intendeva chiaramente far durare poco il processo. riportava. 1 novembre 1947. senza astenersi dal commentare. durato solo 12 giorni..

è da rilevare come un quotidiano certamente non favorevole al comunismo. dunque rifiutando nettamente. la sentenza. Si veda. 9 “The New York Times”. quali Bratianu. “StampaSera”. ad altri esponenti di partiti non comunisti. 22.della difesa. “denounced the recent trial of former Premier Iuliu Maniu in Romania as another effort by a Communist-dominated regime to eliminate all opposition”8. Marshall. al contrario. mentre qualcuno ipotizzò addirittura il ricorso alle Nazioni Unite per le violazioni ai trattati. il Ministro Scammacca. Da sottolineare come. quale “La Stampa” riferiva di un Maniu “pallido e nervoso”. in talune circostanze. 1. Peraltro tale eco non poteva sicuramente scalfire il regime comunista. p. rappresentante italiano a Bucarest. la inesistenza . appare genuinamente indignato da una “così tragica manifestazione di intolleranza” e conclude il resoconto con una frase di L. p. 8 “Pittsburgh Post-Gazette”. a titolo di esempio. Qualche settimana più tardi. Segur: “Allorché. ogni critica viene considerata come eresia ed occorre attendere che i primi fuochi del fanatismo siano spenti per opporgli con qualche successo le armi della ragione”6. Il Segretario di Stato statunitense.per non dire soppressione . compiute dalla Romania9. In occidente. 1. suscitò grande clamore ed ebbe vasta risonanza sullla stampa 7 . del Partito Socialista Indipendente. quasi a voler ribadire la propria aderenza al comunismo e la continua lotta ai suoi nemici. in contemporanea allo svolgimento del processo Maniu. il 30 A questo proposito. la tesi propagata dall‟organo ufficiale del Partito Comunista Romeno. internamente avrebbe potuto utilizzarlo per provare la colpevolezza degli imputati. 1. 7 L‟eco fu sicuramente minore fra i quotidiani di orientamento comunista. 13 novembre 1947. “L‟Unità” italiano. 29-30 ottobre 1947. Le proteste più accese arrivarono da Gran Bretagna e Stati Uniti. “Scânteia”. il 6 novembre 1947. come del resto l‟intero processo. Nel redigere queste parole. “L‟Unità”. un qualunque sistema è divenuto una specie di religione. e Petrescu. che. P. p. 12 novembre 1947. 6 Telespresso n. “La parzialità evidente dei giudici. la più volte asserita dichiarazione che “nessun preconcetto politico pesasse sulla condotta dell‟accusa” quando invece tutta la struttura del procedimento è di sola ed esclusiva natura politica”. degno di ammirazione: “Il contegno del vecchio Maniu è stato di grande dignità e coraggio”5. 5 134 . la impostazione viziosa del procedimento. Il comportamento degli imputati e di Iuliu Maniu in particolare.Andrea Chiriu procedimento accadeva quasi in concomitanza con le celebrazioni dell‟amicizia sovietico-romena. esemplificati dal processo Maniu-Mihalache. “La palese scarsità delle prove contro Maniu”. p. da parte dell‟accusa. in maniera tranciante. del Partito Liberale. che dedicò alla sentenza appena un trafiletto di 18 righe. I continui attacchi verbali. 14 novembre 1947. il liberale Tatarescu veniva sostituito (e successivamente internato) dalla carica di Ministro degli Affari Esteri con la comunista filo-sovietica Ana Pauker. 1738/883 del 14 novembre 1947 della Legazione d ‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri.

Fra queste personalità figuravano Alessandro Pop e Joan Bujoiu. Mihalache. Ma il 1948 fu contrassegnato anche da ulteriori procedimenti penali nei confronti di altri ex membri del Partito Nazional-Contadino (in maggio) e di altre personalità di rilievo della politica. In particolare. a patto che appoggiasse la collettivizzazione delle terre. ma il Ministro Scammacca. 16354 del 15 dicembre 1948 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. a pensare che il ricorso presentato da alcuni coimputati del processo Maniu. Nonostante l‟opera di collettivizzazione forzata dell‟agricoltura (3-5 marzo). che videro le forze di sinistra vincere con il 93. Osservazioni e considerazioni della Legazione d‟Italia a Bucarest dicembre 1947. si sarebbe compiuto il destino della monarchia romena. probabilmente basandosi sulle precedenti esperienze date anche dal processo Maniu. pronti anzi a far partire un processo nei confronti di Tatarescu12. L‟ex leader nazional-contadino sarebbe stato messo in contatto con elementi del suo ex partito. Il rappresentante italiano a Bucarest. la i diplomatici italiani ritennero che tale “ammorbidimento” fosse dovuto a direttive provenienti da Mosca. In realtà. ma non dal vecchio leader del Partito NazionalTelegramma per corriere n. Le voci di riconciliazione indussero comunque qualcuno. 1005/488 del 11 giugno 1949 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. di Ion Mihalache da una prigione di provincia a Bucarest. nell‟ambiente diplomatico occidentale. Nonostante lo scetticismo italiano. avvenuto in primavera. tacciati dal Ministro stesso di dilettantismo11. 13 Telespresso n. i cui motivi peraltro non apparivano semplici da decifrare. le voci di riconciliazione trovarono una qualche conferma nel trasferimento. con l‟abdicazione forzata del Re Mihai. fortemente osteggiata nelle campagne. Tale informazione pare suggerire che la riconciliazione non fosse altro che un tentativo del regime di utilizzare i maggiori rappresentanti della classe contadina per fornire una qualche legittimazione e consenso all‟opera di collettivizzazione. Castronuovo. piuttosto che alla volontà dei dirigenti comunisti locali. accusati di aver contattato gli anglo-americani al fine di rovesciare il regime comunista. smentiva il suo collega. Telespresso n. 1139/548 del 4 luglio 1949 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. 14413 del 28 ottobre 1948 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. con l‟obiettivo di costituire un partito contadino a cui sarebbe stato concesso di esercitare una limitata opposizione. si cercò di attenuare il regime d‟internamento (arresti domiciliari) nei confronti dell‟ex Ministro Tatarescu.Il processo Maniu-Mihalache. 12 Telespresso n. dubitava della fondatezza delle accuse e prevedeva una condanna ai lavori forzati 10 . Telegramma n. Pop e Bujoiu furono condannati ai lavori forzati. 1048/504 del 20 giugno 1949 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. ammettendo che si. Il processo di consolidamento del regime comunista continuò poi con le elezioni del marzo 1948. nel 1949 il regime parve dare qualche segnale di riconciliazione nei confronti delle forze non comuniste. però rifiutò la proposta13. in un successivo telegramma da Bucarest.2% dei voti e la nazionalizzazione dei principali mezzi di produzione (11 giugno 1948). Effettivamente. effettivamente Bujoiu forse aveva avuto reali contatti con gli americani. 11 Il Ministro informava inoltre Roma della possibilità che delle spie comuniste si fossero infiltrate nella comunità dei rifugiati romeni in Italia. 10 135 . della finanza e dell‟alta industria romena.

ma la Legazione appare ancora nutrire dubbi sulla loro veridicità (Telespresso n. La Corte di Cassazione si pronunciò sul ricorso nella primavera del 1949. sconcertato e basito. la Signora Pauker e Gheorghiu-Dej. anche il fronte comunista non pareva unito. così che i romeni poterono apprendere tali notizie solo da trasmissioni radiofoniche americane. Peraltro. del Fronte degli Aratori. in tal modo. presso gli esponenti dell‟opposizione (…) voci di cui si era voluto da taluni trovare la conferma appunto nella riesumazione del processo Maniu. non si voleva dare molto peso a queste voci. le voci sui dissidi si fanno più insistenti. la Legazione d‟Italia in Bucarest riportava voci di dissidi interni. 14 136 . 817/394 del 11 maggio 1949 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. da accogliere con riserva (Telespresso n. almeno a riguardo di alcuni imputati. 15 Telespresso n. 16 Ben prima che lo scontro fra le due anime del Partito diventasse palese. Il ricorso non fu accolto ma. contro la sentenza di condanna comminata dal Tribunale militare di Bucarest. Peraltro. Così commentava. le motivazioni del diniego. 2008/953 del 6 dicembre 1949 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. potesse avere un qualche barlume di successo. a tal fine. Nei mesi successivi. e l‟ala nazionalista. Tale impressione espressa dal diplomatico italiano sarebbe stata confermata poco più avanti dall‟ennesimo rimaneggiamento nella composizione del Governo di Bucarest. Ministero degli Affari Esteri). rappresentata da Ana Pauker e Vasile Luca. erano realmente inusuali: per esempio. affiancando Gheorghiu-Dej. non valeva dunque la pena accogliere tale ricorso. tra Telespresso n. il carattere totalitario del regime”15. eccetto il premier Groza e il Ministro dei Culti Stanciu Stoian. se l‟esito non pareva sorprendente. da cui furono estromessi tutti gli esponenti non comunisti. 1222/585 del 18 luglio 1949 “Segreto in doppia busta” della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Dott. Nell‟interpretazione italiana. con l‟epurazione di Ana Pauker e Vasile Luca. è sempre assai vivo” (Telespresso n. Direttore Generale degli Affari Politici. Così. si realizza che “Sembra ormai confermato che il vecchio e acuto dissidio tra i due maggiori esponenti comunisti romeni. “accentuandosi. 1099/535 del 25 giugno 1949). che nel 1952 uscì vincitore dallo scontro16. la Corte motivava il rifiuto con il fatto che se il ricorso fosse stato accolto. se il 21 aprile 1949 la Legazione informava Roma della nomina di Pauker e Luca a Vicepresidenti del Consiglio dei Ministri. il rappresentante diplomatico italiano a Bucarest: “Non so se da quando esistano al mondo Corti di Cassazione. Gastone Guidotti. la sentenza andava infine “a smentire definitivamente le voci di una possibile distensione interna e di approcci che sarebbero stati fatti. nonostante le voci di cui si è sopra accennato. almeno fino al mese successivo. guidata da Gheorghe Gheorghiu-Dej. ve ne sia stata mai una che abbia avuto occasione di pronunciare si dotta sentenza”. Il processo Maniu-Mihalache registrò infine una coda finale nell‟inverno 1950-1951. con un telespresso classificato come “segreto”. riferiva anche di voci su possibili dissidi fra lo stesso Dej. quando la magistratura del regime socialista intentò nuovi processi ad ulteriori ex esponenti dei parti storici romeni (peraltro già incarcerati).Andrea Chiriu Contadino. Nel telespresso trasmesso dalla Legazione italiana al Ministero degli Affari Esteri si precisava inoltre che la stampa romena non diede spazio al ricorso e al suo rigetto. dopo un anno e mezzo di silenzio”14. quando. la diminuzione di pena sarebbe stata di soli due o tre anni. 705/337). come dimostrato dal caso Pătrășcanu e dai dissidi fra l‟ala filo-sovietica. Pauker e Luca.

“l‟ex collaboratore di Maniu è stato seriamente ammalato (…) e (…) non si troverebbe più nelle carceri di Galatz (Galaţi. di cui l‟Italia faceva parte. e rende sempre più difficile qualsiasi atto di resistenza anche isolata contro il regime. NdA)” 17 . moglie di Ion Mihalache. i diplomatici italiani a Bucarest non si limitarono a inviare un resoconto sterile dei fatti alla sede centrale della Farnesina. mentre Iuliu Maniu morì il 5 febbraio 1953 nella prigione di Sighet. “La Stampa”. Di sicuro. che vedevano una forte contrapposizione fra forze comuniste e cristiano-democratiche. Archivio Storico Diplomatico del Ministero degli Affari Esteri. riguardo al marito. il diplomatico italiano riporta la voce. non confermata dal regime. appare lecito affermare che i diplomatici italiani a Bucarest ritenevano. ma non riesce tuttavia a reprimere la resistenza ideologica di questo popolo contro il comunismo”18. In realtà. in cui il Paese vive. né si astennero dall‟elaborare commenti e impressioni personali. La signora Mihalache fu condannata a cinque anni di reclusione in quanto “nemica del popolo lavoratore”. all‟indomani della fine della guerra. Riguardo a questi ultimi. composta da personale che aveva iniziato la propria carriera sotto il precedente regime. inoltre. il paradigma utile ad analizzare i successivi avvenimenti politico-giudiziari romeni a cavallo fra la fine degli anni Quaranta e l‟inizio degli anni Cinquanta. A tal proposito. si rende utile sottolineare. Osservazioni e considerazioni della Legazione d‟Italia a Bucarest cui Elena Mihalache. L‟anticomunismo era sicuramente giustificato dagli avvenimenti a cui i diplomatici italiani assistevano impotenti in Romania. 162/89 del 29 gennaio 1951 della Legazione d ‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. recita il telespresso. Tale atteggiamento è evidente soprattutto durante gli anni Quaranta. D‟altronde. pag. Il rapporto della missione diplomatica italiana snocciola poi ulteriori condanne e pene comminate a ex membri del Partito Nazional-Contadino e conclude evidenziando come “quest‟ondata di severe repressioni ha acuito l‟atmosfera di terrore. la rappresentanza italiana a Bucarest notava come alcuni processi furono condotti a porte chiuse e altri pubblicamente. di un suo decesso in prigione a Galaţi. 17 137 . perché a ben pochi è consentito di entrare nell‟aula del dibattimento” e che radio e stampa non si occuparono dei processi. che gran parte dei funzionari del Ministero degli Affari Esteri italiano era ancora. inviato il 29 gennaio 1951. pur senza scomparire del tutto. per i diplomatici italiani. pacco 1149. Sezione Affari Politici 1951-1957. Ion Mihalache morì il 6 marzo 1963. recluso a Râmnicu Sărat. da cui si può desumere un marcato anticomunismo. 18 luglio 1951. ma con tutta probabilità era anche figlio delle vicende politiche interne italiane dell‟epoca. In quest‟ottica. 5. il processo ai leader del Partito Nazionl-Contadino divenne quasi.Il processo Maniu-Mihalache. 18 Telespresso n. l‟incaricato d‟affari Puri Purini precisava fra parentesi che si trattava di una “pubblicità relativa. mentre a partire dal 1950 appare affievolirsi. Nell‟analisi del processo Maniu-Mihalache e più in generale delle purghe attuate dal regime comunista romeno in via di consolidamento. Da rilevare come anche la stampa italiana riportasse la notizia della morte di Mihalache (in febbraio) e di Maniu (in luglio). che il processo a Iuliu Maniu e Ion Mihalache e più in generale tutti i procedimenti intentati nei confronti di ex membri dei vecchi partiti “borghesi” fossero dei processi politici. al di là di ogni riscontro oggettivo. In un telespresso indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. il regime romeno dell‟epoca risultava fortemente legato all‟Unione Sovietica e contrario all‟occidente. In conclusione. Romania.

La rappresentanza italiana a Bucarest. Telegramma per corriere n. Sezione Affari Politici 1946-1950. con l‟autorizzazione del Ministero del Lavoro italiano. 817/394 del 11 maggio 1949 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. Romania. 1099/535 del 25 giugno 1949 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. Documenti. i documenti di seguito elencati sono stati consultati nel febbraio 2012 presso l‟Archivio Storico Diplomatico del Ministero degli Affari Esteri. Telespresso n. A. fondi G. G. ma probabilmente anche a causa del diverso clima politica interno riscontrabile in Italia. Telespresso n. Telegramma n. Infine si consigliava di rispondere “con articoli sulla nostra stampa in modo da prend ere in giro quella romena”. 19 138 . Telespresso n. osservando “che dalla necessità di impiegare tali metodi si può dedurre la gravità della situazione interna romena”. Telespresso n. in cui si denunciava la prassi delle madri di vendere i propri bambini nei mercati di Benevento. essa stessa rivolta a cercare nuovi partner commerciali all‟infuori del mondo occidentale. 1328/454 del 22 settembre 1952 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. Il diplomatico italiano rimarcava “il ridicolo che ricade su chi ricorre a tali mezzi di propaganda”. Quando non diversamente specificato. che sicuramente non facilitavano i rapporti diplomatici fra i due paesi19. 15/ 09796/C del 20 maggio 1949 del D. rivolta a smarcarsi il più possibile da Mosca alla ricerca di una propria autonomia. sconsigliando di inoltrare protesta scritta alle autorità romene “che non avrebbe alcuna replica”. erano frequenti le campagne stampa di screditamento delle istituzioni italiane. Telespresso n. Romania. in questo senso. informava di ciò il Ministero degli Affari esteri. 14413 del 28 ottobre 1948 della Legazione d‟Italia a Bucares indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. 1048/504 del 20 giugno 1949 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri.Andrea Chiriu Conseguentemente. 705/337 del 21 aprile 1949 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. L‟orientamento marcatamente anticomunista andrà infine quasi a scomparire solo negli anni Sessanta. 1139/548 del 4 luglio 1949 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri.7 e G. Risulta emblematico. Archivio Storico Diplomatico del Ministero degli Affari Esteri. Telespresso n. 1738/883 del 14 novembre 1947 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. 16354 del 15 dicembre 1948 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. Ufficio IV alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.8. un articolo apparso su “Sc ânteia” del 19 settembre 1952. pacco 1149. Sezione Affari Politici 1951-1957. P. Telespresso n. Telespresso n. Telespresso n. 1005/488 del 11 giugno 1949 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. in virtù della mutata politica estera romena.

2004. 1991. Institutul Naţional Pentru Studiul Totalitarismului. 139 . Saeculum I. Archivio Storico Diplomatico del Ministero degli Affari Esteri. 1 novembre 1947. 13 novembre 1947. Ministero degli Affari Esteri Telespresso n.. 2008. Sezione Affari Politici 1951-1957. Biagini A. 30 ottobre 1947. “StampaSera”. Procesul lui Iuliu Maniu. Dumitru-Ciuca M. Direttore Generale degli Affari Politici. “Scânteia”. Archivio Storico Diplomatico del Ministero degli Affari Esteri.. 1 novembre 1947. Gastone Guidotti. 22-23 luglio 1947. Romania. 29-30 ottobre 1947. 2011. “La Stampa”. Onișoru G. Academia Română.. 1328/454 del 22 settembre 1952 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. București. 11 novembre 1947. “La Stampa”. “Scânteia”. 162/89 del 29 gennaio 1951 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. Telespresso n. 31 ottobre 1947. pacco 1149. “Scânteia”. “L‟Unità”. “La Stampa”.Il processo Maniu-Mihalache. 12 novembre 1947. “Pittsburgh Post-Gazette”. Eu si Gheorghiu-Dej. Società Editrice Internazionale. “Scânteia”. “StampaSera”. 12 novembre 1947. “La Stampa”. 6 novembre 1947. Quotidiani. Documentele procesului conducatorilor Partidului National Taranesc . 2001. “The Milwaukee Journal”.O. Sezione Affari Politici 1951-1957. 12 novembre 1947. Storia della Romania Contemporanea. Bucuresti. 18 luglio 1951. 1222/585 del 18 luglio 1949 “Segreto in doppia busta” della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Dott. “Scânteia”. Milano. Telespresso n. Petersburgh Times”. București. Torino. 4-5 novembre 1947. “StampaSera”. Editura & Tipografie PACO.. Osservazioni e considerazioni della Legazione d‟Italia a Bucarest Telespresso n. Bogdan H.1947. Operaţiunea Tămădău: Desfiinţarea Partidului Naţional Ţărănesc . 2008/953 del 6 dicembre 1949 della Legazione d‟Italia a Bucarest indirizzato al Ministero degli Affari Esteri. “St. pacco 1149. Storia dei paesi dell‟Est. 13 novembre 1947.. 2 novembre 1947. Romania. Tascabili Bompiani.. Bibliografia di riferimento Apostol G.

Sitografia.iuliumaniu.ro 140 . 7 novembre 1947.Andrea Chiriu “The New York Times”. 14 novembre 1947. “The News and Courier”. http://www.

Such Personnel Policy intended to prevent and annihilate all resistance against ideological servitude. used revolutionary vigilance both as a “shield” and as a “weapon” to the defence of the socialist conquests. institutionalized in Romania in 1948. Cioroianu. Accordinto Communist Parties ideology. Political Cleansing. traditionally. which. Reactionary “Elements” 1. Massive campaigns of suspicion and pressure took place. 46-50. as far as 1947.I. the working class had to be vigilant.professors. coord. The R. 1998. Tactics of Revolutionary Vigilance.D. the Ministry of Public Education released Instructions no. had been elitist and autonomous. in Miturile comunismului românesc. especially in between 1952-1953 and during the autumn of 1957. Bucureşti. TOP SECRET INSTRUCTIONS Mihai Teodor Nicoară Abstract In 1950 the communist government established. D. 1 . V. Bucureşti.K. already experienced by the glorious Soviet Union Communist Party. Noua imagine a Uniunii Sovietice în România postbelică. on the contrary.PARTY VIGILANCE REGARDING UNIVERSITY “ELEMENTS” IN THE „50S.P.P. 75. The “Commandment” of revolutionary vigilance came from the Marxist-Leninist teaching. 1944-1947”. Keywords: Communist Party. Enemies of the People. organized in a table. assistant professors. Lenin suspected that the so called driving classes would never cease to fight for power after having been chased away. On March 25 1950. the N. “Lumina vine de la Răsărit. The teaching staff of “Victor Babeş” University was not exempt from the generalized “cleansing” movement that started after 1948. Communist Party requested that all working Adjunct Lecturer Ph. which abusively subordinated the universities. the new categories of “enemies of the people”. etc. professional skills. pp. 5357. the managements of Universities should elaborate lists with the teaching staff . “Petru Maior” University of Târgu Mureş Culegere de probleme în legătură cu construcţia socialismului în R. considered top secret.R. 100.R. Such instructions stated that in the shortest time possible. containing information such as: political background. and their characterization.V. A. the hard-bitter the resistance of the class enemies shall be. directions concerning states under Soviet influence provisioned the removal of valuable professors who enjoyed prestige and popularity. The term elements in the official correspondence of the Ministry of Education meant literally removing teaching staff from their teaching role and including them in the Communist ideological system. and to always remember that. lecturers. assistants. that is all those known to have a reactionary past and an attitude adverse to the Romanian popular democracy Actually. they would fight with even more arduous furious passion and hateful rage1. L. Boia. for a better knowledge of such “elements” within the upper education system. the bigger in number and essence their success is in their way of building a new life. 1953.. Editura Nemira. and encouraged the attitude of duplicity and give-away. by Decree No. etc. pp. The politics of revolutionary vigilance The Communist power. It used to be the method by which the Party and the Popular-Democratic State enforced upon workers the breaking of any attempt of the “enemies of the people” to remove the popular-democratic regime and reinstate the old political structures.

“Istoria elitelor în istoriografia română postcomunistă”. After 1948. All the traditional Romanian institutions of culture and education were compromised. pp. the destruction of the old traditional social classes. built on a previously cleansed territory by force of the “cleansing” of professors and banishment of students. 61. crouching to the imperialist science and culture. loc. writers. E. pp.. Experimentul stalinist în varianta Roller: Istoria R. dishonest and nationalist elements. 1998. the emergence of cooperatives. after 1948. In reality. (1944-1954)”. “10 ani de transformări revoluţionare în R. pp. After the “cleansing” of 19451946. have been dramatic for many of the intellectuals working in universities. Especially party members had to fight vigorously against conceit. Comunicările celui de-al XIII-lea Simpozion al cercetătorilor români din Ungaria. 2004. denigrated. doctors.P. but also peasants and workers. 4. priests. 2.R. in order to annihilate any attempt to undermine the revolutionary conquests of the working class. corrupt. Simpozion. in Cercetări filozofice. being adapted to the requirements of communism3.R. 7-33. Dandara. the reductions of 1947 were justified by a “double need”: on the one hand. “15 ani de mari realizări ale poporului nostru“. 41-56. on the one hand on a complete denial of the didactic and scientific past of the Romanian University. Analele Sighet.P. facilitating rationalization of higher education. for the ones who built the Romanian culture and civilization and founded the Great Romania: professors. typical for intellectuals2. 6. labelled unfit for the communist university requirements4. opportunism.P. L. useless or damaging elements to the scientific progress. no. and pride on success. 4 Universitatea "Babeş-Bolyai" din Cluj. After 1948 there followed the most dramatic and devastating period in the history of Romania: nationalization. cit. and especially after a well thought rationalization of our higher Culegere de probleme în legătură cu construcţia socialismului în R. After the reform of the Education System from august 1948. An VI. in vol. 1959. they emphasized on a continuation at a superior level of all which was positive and meant progress in the university. an entirely new personnel politics. The minister secretary of state sustained that the regime of compressions did not affect “in any way” science or learning: “on the contrary. lawyers.. silenced or labelled as “conservatory” and “retrograde”. 2 3 142 . în Ediţii successive (septembrie 1947 . concentration camps. the Labour Party mitigated the need to destroy the “class enemy” and to insure the repressive function of the state. In a few declarations released in newspaper Tribuna Nouă (1947) professor C. discourse of the Party and of the Government focused. found in a putrid state. cultural and scientific life of Romania. Daicoviciu. in Anul 1948. in the period of effusion in building socialism. 1972. Ralea.Cf.iunie 1948 etc. “Extirparea ideologică a memoriei naţionale prin falsificarea masivă a trecutului istoric. Rodan. persecutions. 32-37. them being subject of a series of “cleansing” and reductions to which an “organisation” meaning was given. pp. Instituţionalizarea comunismului. due to cleansing of all ballast.Mihai Teodor Nicoară men discover and reveal sabotaging. 148. regarding the real need of instruction and education. p. vol. artists. and on the other hand. prisons.)”. careerism. C.R. Acad. 27. 22-23. Fundaţia Academia Civică. on the other hand. 1954. Gyula. p. advocates that the cuts were compatible with the superior interests of education. the entire higher education experienced. Year 1947 and especially year 1948. vice minister of the Ministry of Education. M. The premise of isolating the class enemy was the sharpening and strengthening of political and ideological vigilance and the means for underlining mistakes and gaps was critics and self critics. Sigmirean. the temporary budget cuts imposed by the State. 586587.

P. some of it being stimulated also by the relationships of hostility among the teaching staff6. 1944-1950. cultural and economical management of Romania. R. pp. III. Marxist-Leninist in essence7. Top secret instructions education system scientific work in the Universities. the University of Cluj succeeded to accumulate a great pallet of powers (social. 11-28. the first to be “cleansed” from “Tribuna Nouă”. Defascizarea Universităţii Regele Ferdinand I din Cluj (1944-1946). The Rector agreed to the cleansing of some professors on political grounds. pp. offering them the only choice of the communist ideology. the university-city. used to have a particular role among the other large Romanian Universities. 2. p. appointed a District Committee of control from Cluj (Comisie judeţeană de verificare). Cluj-Napoca. 2002. The Cluj. 1992. 3. offering efficient instruments of political. 5-11. represented in the person of Rector Emil Petrovici. No. which was supposed to coordinate various Sub-Committees of control. but also a certain public popularity. Beginning with 1948. Editura Limes. withholding the essential levers in the management of culture. By its teaching staff. carrying a culturally creative type of work.L. 4.Ştiinţe Politice”. 6 M. in which regards both teaching staff and students labelled under the terms of “traitor” and “reactionaries”. 5 143 . 60-63. Epurările şi comprimările corpului didactic. science and techniques. Someşan. in “Analele Universitatii Bucureşti . laboratories and institutes shall boost in a sane way”5. in order to insure loyalty in the midst of such socio-professional category (the university teaching staff).P. who took no interest in the Party life or who were considered to hold activities linked to the “enemies” of the regime. (Romanian Labour Party) and on social background. 566. Corpul didactic universitar în anii consolidării sistemului comunist din România. pp. 230. without though being completely banished. M. M. pp. The traditional university principle of meritocracy. The popular democracy regime shattered the illusion of variegated political options for the university teaching staff. 2007. Mecanisme de selecţie şi promovare a elitei intelectuale. No. by its didactic and educational activity. 85-87. Constantin Daicoviciu. No. 4-5. university professor from Cluj. “V. which held the main scope of confirming the quality of members of the party of the university comrades (tovarăşi). Nastasă. Decapitarea elitei româneşti. was pushed far in the shadow of the ideological one. such as those from Iaşi and Bucharest. intellectual and political). 7 L. I Facultatea de Filosofie şi Litere. “Suveranii” universităţilor româneşti. T. the Party and the Government instituted a severe control upon the formation and legitimating of university careers and established its own hierarchy. 2009. Thus. The Committee was in charge of eliminating from the Party the teaching staff members. Babeş” University of Cluj distinguished itself by the rigid and tendentious attitude of the university management. Further more. Eliminarea vechii elite universitare. the autonomy of the university intellectual being replaced by directives and unique ministerial norms. in “Dosarele istoriei”. as well as all the universities in Romania was unrecognisable at the end of 1948 in which regards the content of the teaching staff. 7. Rector Petrovici proved to be docile to the pressures exerted by the local and central communist authorities. based on the affiliation to the R. an “aristocracy of the spirit”. Bucur. 1 october 1947.L. The university teaching staff used to be the elite of elites. never admitted the fact that the cleansing was in fact linked to ideological reasons. Nicoară. in “Cotidianul”. The University from Cluj.Party Vigilance Regarding University “elements” in the ‟50s. 80. Installed in function in 1945.

pp. 1079. In order to be able to control the activity in the universities. the seminars and the methods of teaching. Babeş” University (up to 1051 professor Emil Petrovici holding the Rector‟s chair). The staff belonging to such disciplines formed the entire university teaching staff by means of conferences. Pedagogy and Psychology and Philology. the greatest importance was given to the Social sciences. A. Lönhárt T. The scientific breakthrough and the soviet experience had to constitute the base for improving the lectures. the Official Monitor published Decree no. In the optics of the ministries. “Modificarea structurii Universităţii în anii consolidării sistemului comunist” in Anul 1948. pp. Analele Sighet.1. 673. Cluj. November 9 1948. Umberto Cianciolo. Among the teaching staff. Collection Diversitate Etnoculturală în România. No. Varga. But the most dramatic faith confronted the elder university teaching staff from Cluj. relegating. M. 275 bv. Someşan. Analele Sighet. Fundaţia Academia Civică. Fundaţia Academia Civică. No.1060. p. Cluj-Napoca. regulating the new measures based on which the entire university education was supposed to operate9. This measure had equal effects on foreign teachers such as Yves Auges. Instituţionalizarea comunismului. For other Universities. Babeş” Rector‟s office. 9 “Tribuna Nouă”. 657-659. 6. could not be build with old people. by their didactic staff were supposed to give an example and contribute effectively and decisively to the preparation of the didactic personnel required by the education system at all its levels. p.P.1. (Ministry of Public Education) ordered new delegations to the chairs of Rector and Dean. The management of “V. designated Alexandru Roşca to the management of the Faculties of History and Geography.E. Maghiarii din România (1945-1955). 6. They formed the new researchers and creators in all the fields of socialist science and culture. to go on studying the classics of MarxismLeninism. the Ministry S. categorized by departments and scientific-didactic subjects. M. Mândruţ. p. M. 8 144 . starting with November 1 1948. p. Mărturii documentare. ideological) value of the accomplishments of the Romanian people of science and culture. The Social Scientific Staff was in charge of recommending all other teaching staff. was supposed to assume responsibility in which regards the enclosure of necessary teaching staff. A Memento signed by the Director of the Department of Education which was sent to the “V. 312. pp. M. Iosifescu. 2002. the “new world”. The most appreciated quality of the new university teacher after 1948 was the sincere attachment to the Marxist-Leninist teachings (“the book of all books”) the socialist society. speleologist Chapuis as well. Instituţionalizarea comunismului.P. with a compromising past. as such it was considered. advised that. Minorităţi etnoculturale. 1. L. 1998. 1998. 31 January 1948. “damaged” by the old capitalist system. 2005. Andreescu. 445480. publishers A. 12 February.e. by highlighting the “critical” (i. “Retrograde” and “conservatory” all the Universities from Cluj had to be cleansed from the last reactionaries and their obsolete conceptions. the ones with a kulak or bourgeois origin8. in case of need. No.3. p. in Anul 1948. 622. Philosophy. PhD Thesis. the role of the Universities in forming the socialist intellectuality had to start from refreshing the teaching staff with personnel devoted to the socialist education and instructions. The universities.Mihai Teodor Nicoară the “V. Babeş” as well as from “Bolyai” universities were especially the old university professors. 25 February 1948. Babeş” University to the governmental policy. “Istorici clujeni “epuraţi” în anul 1948”. Nastasă. 26 February 1948. No. such as the one from Iaşi.. The newly chosen had to be vigilant towards aligning “V. focused on the problems of building socialism. 565-571. personnel from one faculty to another. Uniunea Populară Maghiară în perioada instaurării regimului communist în România (1944-1948).E.

It constituted the means by which the management of universities could evaluate the trust of the members of the teaching staff. Enuţă. Unconditioned adherence to Marxism-Leninism was not the only condition of the personnel policy applied to the University of Cluj. Iaşi. Such was the case of Henri Jacquier. and depended on the capacity of each and every teaching staff to adapt its own scientific specialization to the new Marxist-Leninist requirements11. 12 “Viaţa studenţească”. pp. They used the pretext of control in order to proceed to the cleansing of the active mass of members. “Restructurarea Partidului Muncitoresc Român (1948-1952)”. 261. Gh. 10 145 . my love for the culture of the Romanian people. Revista asociaţiilor studenţeşti din Republica Populară Română. Instituţionalizarea comunismului. 1049. “social background” and loyalty towards the Party and the socialist politics. 258. or due to a discrete professional activity. Similar to many other cases of teachers. 1. for over three decades. No. Presa Universitară. promotion and permanence with the various departments of teaching staff was conditioned by a preliminary “control” of professional skills. op. p. 1 (2) January 1957. and the ideological criteria became a priority to the professional one. p. the co-operant attitude towards the socialist commandments of the University saved them. which meant that the university personnel was supposed to have birth roots in the social background of the underprivileged classes during the bourgeoisie-landlord regime. pp. 1998. Thanks to this trust I am able to know quite well the dreams and hopes of young intellectuals from Cluj”12. Fundaţia Academia Civică. Jacquier never hesitate to show himself “animated by the new socialist trend” after 1948. 482. beginning from the top power and descending towards the lower layers13. published in Viaţa studenţească (1957). the selection. It was accompanied by several other conditions such as: “sane origin”. L. Thus. by which the department of Social Sciences be able to often participate to the meetings of all other university departments10. some of the Party practices have been transferred into the university life from Cluj. Babeş” University of Cluj. 253-254. 13 A. No.. 11 “România Liberă”.Party Vigilance Regarding University “elements” in the ‟50s. and made compulsory. Personnel Records and political trust Starting from year 1948. Top secret instructions dictated that “common meetings” be held. Nastasă. cit. coord.Universitatea din Iaşi. 6. In an article entitled Sugestii privind învăţământul umanistic (Suggestions in which regards the Humanistic Studies). pp.2-3. generations of Romanian students never ceased to show in my regard (…). Analele Sighet. Universitatea din Iaşi. în Anul 1948. he specified the reasons that kept him in Romania in 1948. The “New” and the “Old” in this university phenomenon was defined by the way in which personnel was able to conform to the communist ideology. pp. 2007. Some members of the teaching staff of “V. who remained professor of “V.101-104. after the departure from Cluj of his French colleagues “the sympathy and thrust that for over twenty-five years. 22 January 1948. In 1948 such measures of introducing ideologies within the Romanian institutions were not far from the new politics of communist parties. 2. From 1948 and up to 1952 the personnel record was introduced. thus enjoying a “happy destiny (…) in a country irresistibly driven by the consolidation of socialism. II. either due to having gained the “trust” of the Party. (…) having the great advantage of knowing that he will work for the benefit of the people”. De la modelul francez la sistemul Bologna. Iacob. Babeş” had the chance to remain active even after the „50. De la modelul francez la sistemul Bologna.

from U. fortune. Universitatea BabeşBolyai. Student la Cluj.L. Editura Limes. from Cluj. and it also contained specifications regarding the attitude towards all political groups and nationalist movements from the time of university student years. management and the attentive control of the Universities was insured by the Control Committees organized by R. 218-219. “Political trust” was the key of success in the university hierarchy. M. suspected of being reactionaries. opened the door to opportunists and informers from among students and teachers who wished to achieve success by advocating loyalty to the new regime. Cluj-Napoca. 184-185. The personnel record became the focal point of University hierarchy escalation. Momanu. of idealism.W. 283. Seniorii.P. Such Dossiers used to contain references. 14 15 146 . p. 1. even since the beginning of the inter-war period. and the cleansing of 1949 clearly shows it. the restructuring going on in the university world in the months following the reform of August 1948 was a clear proof for the urgency to an ideological orientation of the content of learning and research. The official documents of the Rector‟s office of “V. Ibidem. Bucureşti. Cluj-Napoca. Cuza” în anii sovietizării învăţământului românesc”. the organization. p. XIXXX. The statute of member of the Romanian Labour Party became compulsory. 16 C. Nastasă. Istoria stalinismului în România. pp. and in being promoted. for which full political affiliation was compulsory14. the strict control and censure of university activities by the local R. L. (Pentru o morfologie a câmpului universitar). Babeş” University clearly showed that the movements of teaching staff from the academic year 1949/1950 were directly related to Party control. “Universitatea "Alexandru I. detailed declarations upon birth origins. 129. Pagini de jurnal 1948-1954. Such control was carried on periodically. (Union of Young Workers) and all other communist student‟s associations. which imposed the system of virulent self-criticism ad a vivid proof of sincere penitence and devoted regimentation. Roller used to take down critical notes about all those who resisted the “work” of socialist transformation of the country. 2 January 1949. pp. especially in the appointment in leadership positions within the University. Editura Humanitas. individualism and scientific objectivity intensified even further. 1990. 7 ani cât 70. No. Cluj-Napoca 1979. 371-372. Babeş” University16. P. and that is why he was one of the most vigilant agents of control of the universities from Cluj. 2004. The Party was the one designating the ones worthy of “political trust”. the acceptance or not acceptance of the teaching staff in the Labour Party being extremely important. Sec. These Committees amplified the atmosphere of suspicion. in Universitatea din Iaşi. “Tribuna Nouă”. pp.610. with the complicity of the Party organisations within “V. men of culture and men of science. the favourites were the professors specializing in Social Sciences. Bucureşti.Y. 2002. Intelectualii şi promovarea socială.Mihai Teodor Nicoară The sever process of control and cleansing from the Party was carried on in the spirit of the soviet tradition of “revolutionary vigilance”. Even if the discourse of the reform of the education system affirmed the necessity of raising the scientific level of university students and teaching staff activities. Up to 1949-1950.L. the Zhdanovist action of hunting university professors. Since the beginning of 1948. 259-260. pp. Frunză. Present quite often at Cluj. V. Martinescu. p.P15. Editura Vitruviu. Vol. 1997. them becoming immediately the favourites to be reinstated or being kept from the department. De la modelul francez la sistemul Bologna. Mihail Roller was one of the ones thirsty for gaining acknowledgement within the Party. Mustaţă. professional activity.

Thus.A. Bucureşti. in “Dosarele istoriei”. as well as all “elements” with a dubious reactionary past or hostile attitude. 2002. considered to be top secrets. No. pp. Bălan. The reason was of course certain “spots” on the Record often connected with the personal relations of the staff members. lack of a fighting spirit in the ideological activities. 20. 19. Eliminarea vechii elite universitare. listened and broadcast propaganda on imperialist radio stations. Analele Sighet 7.E. as well as all those who frequently went to libraries. Doboş. 1944-1950. faint effort in granting the young researchers scientific help. Fundaţia Academia Civică. Thus. cit. 855-858. No. published Instructions no. 17 147 .. 83-85. Fundaţia Academia Civică. From 22 February 1949. New instructions regarding university “elements” On April 3 1950. and its leaders). etc.R. No. that is all those who spread alarming and tendentious news. pp. 18 C. No. 4-5. collectivization. pp. 4. I. 4-5. 4. România-Viaţa politică în documente 1950. (Ministry of Administration and Internal Affairs) order). established the new categories of “enemies of the people”. coord. in Memoria Închisorii Sighet. M. Fundaţia Academia Civică. in Anii 1949-1953. 4. 75. 21. 2000. 4-5. “Cronica”. Bucureşti. 1999. or for questionable “political level” continued to grow. Nevertheless. Someşan. 30-31. M. pp. 7. The “enemies of the people” were those unsatisfied with nationalization. 18. 100 (amended by M. Someşan op. elaborating a complete list of the ones cleansed from the University of Cluj in between 1948-1950 is rather difficult. 27. U. No. Comunicări prezentate la al VII-lea Simpozion al Memorialului Sighetu Marmaţiei. pp. Regimul concentraţionar din România. being surprised in unexpected situations that could not be avoided. Iosifescu.P. art. “Contribuţii privind distrugerea elitei politice româneşti”. manifested by keeping foreign correspondence with people outside Romania. 853.I. Babeş” University took act of the dispositions of Decree no.P. 5-11. The teaching members were not even aware of the justificatory notes. starting from 1948 the number of teaching staff proposed for cleansing for “insane origins” or “deviationist” purposes. the local and central press. all those who insulted the R. pp.Party Vigilance Regarding University “elements” in the ‟50s. the Official Monitor (Monitorul Oficial) stopped publishing the appointed and suspended personnel from higher education. 1 of Decree no. 249-251. The management of “V. Mecanismele terorii. the sectarians and many others18. the government. D.17 This often was helpful in masking the free will of some decisionmaking factors from the university from Cluj. pp. 80-81. Top secret instructions All these controls had as consequences that a large series of members of teaching staff from different Faculties of “V. p. 2002. p. that were supposed to collaborate to publishing collective studies. 22.S. Elita universitară ieşeană în anii regimului totalitarist comunist (1950-1960).S. all those who entertained relationships of friendship with legations of imperialist countries. Bucureşti. Secaşiu. especially because many of the teachers from Cluj were friendly towards (or were willing to establish cultural and scientific contacts with) foreign cultural institutions and universities. concerts or any kind of cultural manifestations. M. (their leaders. Bucureşti. p. 1992. 23. p. “Politica de cadre în învăţământul superior”.858. 1945-1964. Babeş” University ceased their activity. Someşan. 2-4 iulie 1999. collection. A. 1999. M. No. Iosifescu. Arhivele Naţionale ale României. On March 25 1950. Duţu. 4-5. the situation of teaching staff members worsened beginning with year 1950! 3. being friendly with imperialist embassies officials and attaches and their families. in the purpose of knowing better the “elements” from the M. M. No.L. p. 100.

16964) was the notable university professor D. the way they do their duty. as well as the ex “comrades”.Mihai Teodor Nicoară higher education system. the forced evictions. The cleansing from the state apparatus. meetings and exchange of opinions. The former political opponents have been imprisoned or isolated from society. which. tom LI. but also the former dignitaries of the Romanian state in between 1918-1947 .many of them university professors. 348-349. the nationalizations. 4. as well as the situation of the leadership staff. the immoral elements!). etc. Distrugerea elitelor politice istorice între 1950-1955. the working concentration camp.were doomed to the communist prison. assistant professors. 2. their professional background. who considered themselves protected from the harsh measures of the regime. the families and the society of all those “guilty” of anticommunism were destroyed. regimul bolşevic din România (Fear reigns everywhere.P. followers of Tătărăscu and Bejan (NLP National Liberal Party of P. 333-355. You shall elaborate a table. Frica păzeşte. the positive points politically and professionally speaking. During the night in between 5 and 6 May 1950 the General Directorate of State Security arrested all the ministries and secretaries active in the period 1918 . Istorie. the professional background. cit. cosmopolitans. with ministry or parliamentary positions . had been elitist and autonomous. Bejan). 19 148 . without being able to do anything. Seria Nouă. the liberals. containing the most trustworthy elements politically speaking. became means of daily terror. All shall be top secret and shall be sent to the Personnel Directorate”19. 3. In order to not let anyone escape control and punishment (the most common punishment was prison. where there is need of new teaching personnel. You shall elaborate a table containing the elements showing improper manifestation during the current year. The ministry‟s measures showed a quite big fear of the authorities that the manifestations of the “enemies of the people” were not only isolated events. (describing each case in detail). In his diary. Not only the leaders of the political parties. so as to avoid any kind of protest. the way they do their duty.. p. You shall also depict the general situation of the teaching staff. the philosopher Constantin Rădulescu-Motru wrote on March 19 1952: Peste tot domneşte frica.February 1945. in “Analele Ştiinţifice ale Universităţii “Alexandru Ioan Cuza”. Such Instructions required the management of universities to elaborate in the shortest time possible (April 5 1950 being the deadline) a table containing the names and characterisation of all teaching staff -professors. their political and professional behaviour.which should contain: the political situation. their political and ideological views.. which abusively subordinated the universities. din Iaşi. assistants.L. pp. lecturers. The term elements used in the official correspondence of the Ministry of Education meant literally removing teaching staff from their teaching role and including them in the Communist ideological system. 2005. Liviu Niţu. reactionaries. în orice caz. op. nourishing a climate of permanent suspicion.. You shall pay special attention to the privacy of such works. etc. excluded from R. You shall elaborate a table containing the elements which are not to be trusted (ex legionaries. “The following specific actions were required from the management of universities: 1. their faults. traditionally. unhealthy tendencies. deportation in the fields of Bărăgan and in the Delta. house arrest). Doboş. Actually fear is the guardian of the Romanian Bolshevik regime). In the first lot (patrol wagon no.

created the scenario of the anti-communist danger. Mihalache.P. Fundaţia Academia Civică. Exemplary in this sense the meeting of the History Section of R.P.R. the ones who were not interested in becoming better but only in receiving a diploma”. Editura Albatros. Instructions no. 67130/ from July 14 1950. with a basic or mediocre level of preparation. if not exclusively. Sovietizarea României. Each member of the teaching staff had to meet the criteria and conditions required by the Party. neither at “V. 1995. 20-21. In this purpose.a blot to the address of the intellectuals who did not reveal firmly the “traitors” of the country.from the high communist cultural forum .D. Party Organs from within universities were in charge with making sure that “the lacks and faults” in organisation and propaganda be diminished22. 6. Bucureşti. D.E. 1998. Analele Sighet. the quantity of documentary material was supposed to be reduced (…) The faculties were supposed to meet prevalently. pp.C. Maghiarii din România (1945-1955). As consequence of such reactionary manifestations (and after the publication of the main article of Scânteia newspaper. Arhivele Naţionale Istorice Centrale. apud A.E. Someşan. f. Babeş” University nor at “Bolyai” University.Party Vigilance Regarding University “elements” in the ‟50s. The political work though was not able to stop the spreading of “reactionary manifestations”. Philology. Dej and the M. “Modificarea structurii Universităţii în anii consolidării sistemului comunist”.E. regarding the beginning of the school year 1950/51. where some Hungarian students from the faculties of Philosophy. in order to consolidate their position to the disadvantage of the deviationists. 445-480. 2003. 713-716. pp. pp. Although in 1952 the soviet pressure was not as powerful as before. 20 21 149 . Top secret instructions Alexandru Lapedatu. in “Arhivele Totalitarismului”. O perspectivă geopolitică. The differences among different subjects were supposed to be submitted to analysis. held July 11 1952. 22 Minorităţi etnoculturale. 74-76. dossier 58/1949. on the subject of “vigilance”) measures were taken so that in the vicinity of university exams the social situation and the behaviour of clearly hostile “elements” among the student body be more carefully analysed. pp. Their positions were supposed to be occupied by “people nominated by us. who was taken to the Sighet prison. Gheorghe Gheorghiu-Dej considered that to be the right moment to cleanse the “reactionary” teaching members from the Universities. 1. and making anti-Party declarations. students from the lower social classes.C.K. beginning with year 1947. M. 9. The cleansing from the education system were supposed to be applied to so called “incompetent elements”. in Anul 1948. Academy. place of humiliation of many of our national personalities20. Cancelarie. Istorie şi practici discursive în România “democrat-popular”.V. followed “sentences” pronounced within the District Party Bureau meetings. The Communist Party actually included such specifications in the M. History and Geology were scribbling on the desks “fascist inscriptions” (“Fascism does not equal demagogy”). of P.R. that no member of the teaching staff could begin his activity prior to the expressed decision or the M.. In that occasion university professor Petre Constantinescu-Iaşi addressed . Iosifescu. III. which clearly stated. with a “hostile” attitude towards popular democracy and the promotions were supposed to be based on devotion rather than professional competence21. (People‟s Commissariat for Internal Affairs) for the countries under soviet influence”. Mărturii documentare. No. In fact. They were drawing swastikas and showed indifference towards Marxism-Leninism. Zamfirescu. The series of firing from 1952 were foregone by sessions of “exposure”. Instituţionalizarea comunismului. A Ibidem. “The main Directives of N. collection C.P.P. M. provisioned the removal of valuable professors who enjoyed prestige and popularity.

op. exposed. Pentru întărirea rolului de organizator colectiv. the university teaching staff were aware of the existence of agents infiltrated “behind their back”. In their turn. The Party got rid of them without hesitation. mitigating that they were not enough involved and did not acquire the language and message of communism. were the historian Şerban Papacostea and some of his colleagues from other Universities and Institutes countrywide24. Forcibly dismissing a university teaching staff member from his position meant not only degrading to the position of unemployed. 160.P. The new wave of cleansing. betrayed by colleagues. The regime was wishing for loyal university elite. Nevertheless. The guilt of being a … polyglot! The professor and academician Petre Constantinescu-Iaşi. The accomplices of “right deviationists” from the Universities had to be discovered.. professors or alleged23. p. 4.. Bucureşti. vol. To such suspicions fell victim a lot of researchers. who the trackers were. floating over the University from Cluj was unprecedented. “conciliatory attitude towards opportunism”. 70-77. Cluj-Napoca. 2003. Răduţiu. pp. known only by the Securitate (the Romanian Secret Service). The arguments for the cleansing or for the demotions were: lack of “political level”. D. Mihalache. to imprint in them the communist “ideals” was one of the criteria by which attachment to the cause of the Party was measured. Prodan. but also a warning against the older “maladies” of the university staff: idealism and cosmopolitanism. and a new series of professors were temporarily or permanently banned. party member. Student la Cluj.4. pentru o mai mare combativitate a presei în domeniul construcţiei socialiste. To be involved with students and young researchers. pp. Among such victims. 25 V. XXXVI. behind Raluca Ripan‟s “back” there was Eger Ignat. Editura Enciclopedică. made known the fear of the regime that the historians only mimicked the adherence to Marxism.Mihai Teodor Nicoară reprehension was addressed to all those showing a “conciliatory” attitude. Isolating itself in pure scientific and savant activities was considered a reason for suspicion. forcibly made to go into pension or just demoted. Zborul printre meteoriţi. Editura Studia. wish of documentation from the university library funds catalogued under S. Memorii. the brain of the introduction of communism in the R. but also loosing civil privileges and even the house. and behind Candin Liteanu‟s “back” there was a certain Vohl Andrei. 24A. 272. 66-69. 66. collective debates. cit. etc. obsessively encouraging the theoretical and ideological formation of the young university elements. who preferred scientific investigation to the demonstrations of party‟s loyalty. 23 150 . For instance. Mihalache. op. Years 1950-1951 came with a new wave of political cleansing.R Universities. text cared annotated and prefaced by A. focusing especially other university centres rather than the one from Cluj. 35. A. which meant favouring the “class enemy”. insufficient attachment to the Party. “confessions”. The surveillances were not well masked. Pop. It was a good pretext for the university management to exercise its political authority and control in the university life. explanations. pp. Even some of the people participating in the cleansing waves of 1948 were hit at Iaşi. In the „50s began the series of night arrests. pp. The communists were afraid of the “right deviation”. II. No. 33-35. April 1956. in “Lupta de clasă”. and submitted to penitence. the atmosphere of continuous suspicion. cit. “reactionary” attitude. everybody knowing. 25 C. in the purpose of following them continuously. Mustaţă. thus they rushed the generation change. considered not to be sufficiently engaged in the political life. 1993.

professor and academician from Cluj. Iosifescu. lead by Titel Petrescu. David Prodan. assistants. Prof. Babeş” University of Cluj about three hundred staff members. M. p. full of uncertainties. op. Ştefan Pascu returned to the University in 1956. 4-5. being decisive for the chance of the teaching staff members to continue their activity for the next few years. 28 Supravegherea "de jos" a primit numele de centralism democratic. pp. Mustaţă. The remaining professors also had a hard time. and then. just because they were “polyglots”26. the Communist Party from Cluj District kicked him out of the Party as well. academician Raluca Ripan was informed that repeatedly. during an extraordinary meeting. (The “down-up” surveillance received the de nomination of democratic centralism. Ştefan Pascu. pp. au fost transferate în viaţa academică sub forma "discuţiei". "criticii" şi "autocriticii". 853-855.P. But he didn‟t. Someşan "Politica de cadre în învăţământul superior “. Student la Cluj. regulamente şi dispoziţiuni normative. as well as the lack of a great number of university documents from the „50s does not allow us to uncover the entire range of reasons for the accusations raised for the professors we hereby took under analysis. Practicile vieţii de partid. based on such self-confessions.D. For example. the sins against the Party order were publicly and willingly confessed. under the slogan of the fight against bureaucracy and corruption within the 26 151 . It was meant to intensify the surveillance upon “local organs”. nu în scopuri intelectuale. M. and rumours said that he was a nationalist. cit. For this cumulus of guilt. lecturers Vladimir Ghimbav and Viorica Guy Marica were reassigned to the Museum of Romanian Language. Doboş. the adequate measures were taken. the cuts were dictated from the Party. who were not labelled “good” in the Records. Such accusations were included in all indictments. sub forma centralismului democratic. op. Colecţiune de legi. lecturers) who were left aside. By this “ritual” of criticism and self-criticism. From the testimonies of all those involved. The teaching staff members were compelled to self expose themselves. 128-129. After a series of exposure meetings. professor Ştefan Pascu enthusiastically spoke in his courses about the heroes of the kin. pp. pp. Pascu was guilty of another sin: he was a “reactionary”. decrete. The Chief of Personnel from the University and Rector Emil Petrovici handed in. stressed in his memoires that criticism and self-criticism during the university departments meetings became a frequent practice in the university world. Prodan. These proceeding were part of a formative process. 73. vol.. C. letting it transpire that actually. because he had been a member of the S. subordinating the university members to the behavioural model prescribed by the Party. 1 January-28 February 1953. Seniorii.Party Vigilance Regarding University “elements” in the ‟50s. D. In 1952 there came the time of an historian to be kicked out of the University. most of the accusations were linked to the irregularities inherent to the courses and the superficial use of soviet bibliography. George Bariţiu and Simion Bărnuţiu.. He had just become professor. Bucureşti. the new Rector. 27 D. some of them finding over night that they have been moved to another department. The top secret aspect of the professors‟ exposure meetings.28. a group which refused to fusion with the communists. Top secret instructions In 1951 were kicked out from “V. the list with the three hundred staff members (teaching assistants. Avram Iancu. Acesta avea rolul de a intensifica supravegherea exercitată asupra "organelor locale". professor Pascu was dismissed again up until 196227. I. By an official report from “Victor Babeş” University. cit. I. sub lozinca luptei contra birocratismului şi a corupţiei în aparatul de partid. because during the war he welcomed the Romanian Army on Feleacului Hill. Petrovici promised them that they could have been “called to resume their positions” in the future. Prof. but only after having publicly made his self criticism promising to “go straight“. Editura de Stat. ci politico-ideologice. 14-15.

their versatility. Bucureşti. Zub. pp. şi avertizare în privinţa forţei şi fermităţii Partidului. 1998. The new wave of cleansing started in the spring of 1952 and was not at all foreign to the dissensions between rival groups from the R. cit. M. op. to work together with the “healthy forces from among the people”. 33-34.cit. 1995. The first suspects were the university teaching staff members who were not also Party members and those who did not give proof of “revolutionary militancy”29. all along the „50s.L. Class fight had to be continued firmly. began the mass dismissal of old type personnel in the entire county and in all the institutions. M. Martinescu. 66. cit. decrete. translated under the form of democratic centralism. P. 31 Războiul cu duşmanul de clasă în perioada 1950-1955 a însemnat anchetarea a 143 982 persoane. in Anul 1948. keeping operative records. Numărul foarte mare de suspecţi arestaţi făcea parte din strategia de intimidare. op. regulamente şi dispoziţiuni normative.. Întoarcerea tragicului. pentru activitate “trădătoare” în perioada regimului burghezo-moşieresc. The ones who were professors during the previous regime had to account for how and why did they serve the bourgeois-landlord regime. Not even in the University did the regime change its methods: manipulation and scheming. academician from Cluj. Securitate. op. op. Dintre cei arestaţi au fost eliberaţi. but also the conformists were reprehended. from “Victor Babeş” University accepted or.. cit. Editura Meridiane.Mihai Teodor Nicoară Criticism and self-criticism used to function by over-solicitation. “Despre anul istoriografic 1948 în România: impactul stalinist”. p. D. pp. All tense political moments such as the alienation of Pauker-Luca-Georgescu group or the events from Hungary from year 1956 and the retreat of the soviet troupes in 1958 were all well put to use30. 853. Fundaţia Academia Civică. pp. Doboş. In 1952. Instituţionalizarea comunismului. The pressure under which the university teaching staff was kept was the means by which they were coerced to feel the power of the regime. A. as the reports of the most vigilant institution of the regime. 66-69. Someşan. 554-558. “criticism”. surveillance. op. The sanctions for those who were guilty of being old type university professors could be limitless. Analele Sighet. p. (The war with the class enemy in between 1950-1955 meant investigating a number of 143982 people. Part of the teaching staff. 4. A.. Within the Labour Party there were great rivalries and huge elations which dramatically influenced the Romanian university life and stimulated political cleansing. 218-219. L. 30 M. p. and abandoned the politics of the “exploiting classes”. not for intellectual purpose but in political and ideological purposes. Mihalache. was forced to accept. Others were more conspicuous in this respect. A.. Năstasă. the Securitate organs sustained that the work should be carried on in the scope of discovering the hostile activities of liberals. Not only the nonconformists. depending on the regime‟s internal and external politics. Mihalache. din motive de nevinovăţie cca 10 601 persoane. were transferred to the academic life under the form of “discussions”. in a report in a self criticism report. cit. op. pp. 78-79. 61-64. that is why the simple suspicion caused great anxiety among the teaching staff and among the students as well. cit. the ambition of some to occupy someone else‟s spot. Domenach. The habits of the party life. out of which 63832 people have 152 . p. 66-69. The tactics of the “road comrade” was the embodiment of the image of the Party leadership and the newcomer had to be clear of any suspicion of opportunism or “class enemy” label. The petty passions of the professors were used.P. “One literally risked falling to mistake at every step one took” affirmed David Prodan. translated by Al. 29 D. J. dintre care 63 832 au fost arestaţi. of the peasants and of the independent social-democrats31 . op. the servile disposition. Prodan. cit.. 134. 283. Thus. the university politics during Gheorghiu-Dej‟s regime was more brutal or more lax. A. their party apparatus. Similarly.) Colecţiune de legi. pp. op. 1-31 octombrie 1951. 6.858. the rivalry among them.. “self criticism”. cit. Baciu.. 6-11.. pp. pp. In November 1955. Mihalache. showed. Iosifescu.

the writing of courses had a big advantage. 33 Ibidem.L. 64-65. And all were imposed without any right to protest. p. Trial of a “right-wing deviationist”: David Prodan Academician and professor at the Department of Modern History. Niţu. his trackers had more work to do32. cit. Prodan. But the scientific activity itself was taken under communist control and censorship. of “Victor Babeş” University from Cluj. (…) by the editing committee”33. You just have to respond using titles on others or. Bothersome were also the conditions of working in teams. Academician Prodan referred above to the volume Documentele privind istoria României. Top secret instructions constant tracking was supposed to be insured by a real plan. all was now possible. op. only about 10601 persons were released on grounds of innocence.. As risky and unpleasant were for professor Prodan the compulsory involvement in all kinds of collective militant activities. He would be put in the position to appear as co-author. of a militant article against academician Ioan Lupaş (1880-1967). Every word he addressed could be interpreted in dubious ways. Prodan.Party Vigilance Regarding University “elements” in the ‟50s. recently appointed and least competent. David Prodan was carefully surveyed since 1948.P. pp. As a historian. The great number of suspects arrested was part of the strategy of intimidation and advertisement against the Party force and firmness. He was dissatisfied and very critical towards this particular volume. “and to read them always”. The same happened to professor D. emphasize upon their lack of competence. The fact that he was praised and appreciated by the university professors which were already cleansed. the walk-on. D. in which one had to quote new researchers. Without your consent or knowledge one‟s name was written on the cover of publications. 5. op. By doing this. The refusal to sign such militant articles was a huge sin. 32 D. and the professors who had been asked to put their name on such articles signed actually entire paragraphs that they never wrote or affirmed and they could not even protest against it. One of the most unpleasant implications of communist vigilance manifested during his courses and seminars. Prodan. together with Professor Bányai Ladislau (1907-1981). Besides a prudent warning.). the inconsistency of official attitudes towards the contemporary. volume coordinated by the chief editor Mihail Roller. Militant studies “required from above” were often modified. He was asked to militate against the ex professors of “Regele Ferdinand I” University by using the most offensive terms. “I actually preferred to write down word by word my lectures”. the preferences for collective works. pp. 349. specifying which action was to be taken by which qualified secret service agency. since he was insufficiently harsh with the history before 1944. April 2005. fact that caused consequences. the abuses of names. confessed D. a contemporary historian and R. confessed professor D. in “Magazin istoric”. 153 . considering it an “unhappy” piece of science. Prodan. but with normative powers” being so difficult to achieve. Out of the ones arrested. on the contrary. but only ad some clarifications and improve them periodically. 56-59. L. Prodan faced “acclimatization” difficulties. made it so that his persona be continuously under suspicion. that he did not have to prepare the lessons every year. which contained badly translated and been arrested for “betrayal” in the period of the bourgeoisie-landlord regime. militant. 56-59. Idem. Războiul de clasă cu duşmanul. (Documents regarding the history of Romania).. Especially in which regards contemporary history (…) it was more than easy to make mistakes “the reconciliation of one‟s own beliefs with the directives. cit. the slogans.

Actually. gathered under the editing crew he himself was part of. despite consequences. Roller was putting under question mark the origin of the early medieval origins. Prodan remembered that in those times a joke was being spread. Much more. Vallachi. Someşan. he was summoned to a meeting of analysis of the deviations he was accused of. D. Since he did not concur to the “historiography frame” of the time all the participants to the meeting raised to blame him. The atmosphere of years 1952-1953 was tensioned for all the university teaching staff of Cluj. D. M. Iosifescu. for all three Romanian Participates. that is why the attitude of duplicity and give-away was encouraged35. 154 . large collective teams were formed. The Academy‟s answer was that his name was stipulated as part of the editing committee due to the prestige he enjoyed among historians. Sigismund Jakó. since the volume was far from his own professional activity. pp. there were knocks in the door. Babeş” University was not protected against the general movements of “cleansing” from after 1948. who went to sleep and woke up in fear of being cleansed and jumped at every knock in the door. to his discontent. As consequence. The Personnel Politics had as a main purpose the prevention or annihilation of any resistance to ideological indoctrination. being afraid for their own skin. these prefaces never appeared in the form that he proposed. Ştefan Pascu (who was the proof reader) and many others. Although the quality of the volumes was questionable. committee formed also by: Francisc Pall. The ones who rebuked the most were those who “changed face” in the University. M. The teaching staff of “V. independently of the political frame of the time. the editing board received a prize from the Academy. accusing him for the way in which he addressed the young researchers in which regards historical research. were vaguely interpreted. but on the collaborator‟s list there also were the names of researchers who did not actually work on the volume. Prodan does not mention their names in his Memorii Memoires) put him through a circle of fire. For the collection and research of the Documents. but nobody was brave enough to open the door. Prodan protested against the fact that his name appeared among the names of the editing committee. it‟s just the thieves!” Suspicion for “right deviation” was rising in that period. Roller had in his subordination a small group of new names. but the massive campaigns of suspicion and coercion was more intense in between 1952-1953 and in the fall of 1957. Ştefan Bezdechi. especially from the first volume. But also his colleagues from the department and from the university management (D.Roller was the one who interfered and caused that even the term Romanian be put in footnotes. Finally when somebody braved up and opened the door he turned around relieved: oh don‟t worry. The historical documents from the volumes. the term român (Romanian) being preferred. Teodor Naum. Prodan was among the ones who where suspected of it. Indeed D. Mihail Dan. “Politica de cadre în învăţământul superior”. and professor D. They accused him of being assertive and 34 35 Ibidem. 853-858. the ones that referred to Blachi. Prodan actually became the responsible of the editing committee for Transylvania. Academician D. M. by saying that the translation of the text was “unfinished”. It happened that finally D. but. which was distributed among the members so as to cause frustrations in the midst of those who actually worked in respect to those who only did control and proofreading34. which was the only truth. which was picturing exactly the state of spirit from the University: “in the middle of the night the bell would ring. in order for him to perform firmly his self-criticism.Mihai Teodor Nicoară fragmented documents. such denominations were transcribed in footnotes. Prodan wrote the prefaces of the first two volumes. Prodan used to encourage the students to search the historical truth.

he does not even shows up to class (…) he despises Russian”. but it was Daicoviciu still who recommended D. Even his best friend Ion Lungu firmly rebuked him. bitterly. waiting for him to say that his intentions were different and that he was not an enemy of the working class. Prodan recunoştea că nu-i era “moale” nici lui Daicoviciu. Numai că deseori arheologul clujean era cinic. professor Daicoviciu seems to have said: “Now. the professor was supposed to present also promises to make amends to all the mistakes he was accused of. each new speaker adding to the charge of accusations. of what was supposed to happen during the exposure meeting. Prodan to take the word and defend himself. op. făcea exces de zel. The professor stood up. and said ironically that he elaborated a speech in which he apologized for the mistakes that he was charged with.. 36 37 155 . Petrovici. when we all strive to learn Russian. The prosecutions were harsh. the Marxist philosopher Constantin Ionescu-Gulian from the R. cit.R. during another long meeting. Taken by surprise. În Memoriile sale D. The answer was: No! Soon Apostol was imprisoned for a couple of years and his wife kept her word and got a divorce38. where he was able to learn more from E. The trial convocation was spontaneous and the courtroom was to be filled with public. (In his Memoires. D. Academy. and were depicting him ad a “right deviationist”. overdoing it by over accusing others in order to save his own skin. And then. composed of the local Party secretary. fact which was yet unproven) she could still be his wife. Gáll Ernő exclaimed: “how can it be possible that such a person be tolerated by the University?” The most vehement of them all was C. Top secret instructions reactionary. Daicoviciu and E. Serious accusations were pronounced against Prodan. Yet often the archeologist from Cluj was cynical. There they decided that he be Ibidem. because nobody felt safe those days. even if he was the one to warn him. self-accusing himself. of lack of vigilance and justifying it. cosmopolitan. But he did not engage to make amends and follow “the righteous teachings”36. The great trial of this young member of the University of Cluj was held before a large Praesidium. pentru că nimeni nu se simţea atunci în siguranţă. poisonous for the youth. His situation worsened when somebody in the courtroom asked Pavel Apostol‟s wife if in such a web of guilt (including the sin of being an enemy of the Soviet Union. 67.) D. D. încărcând cu acuzaţii pe alţii. the meeting took an unexpected turn. ca să se salveze pe sine. (Gulian accused him of it). a day before. the accusations and verbal attacks turned towards the “prosecutor” Pavel Apostol. being suspicious of espionage. Petrovici. His gesture was well received.P.37 In the middle of the court session. E. Cărămida putea să cadă în capul oricui. and the session was long. Prodan to make amends as soon as possible. He was accused of being: nationalist. That was a “dangerous” insinuation in Stalinist times. Prodan. thus he exaggerated with self-criticism. This time. Petrovici and Pavel Apostol encourages D. 38 Ibidem. Apostol was skilful in making his own self-criticism. professors C. The next day. who. and continued also the next day.Party Vigilance Regarding University “elements” in the ‟50s. first of all pronounces his own self-criticism. and from Bucharest somebody from the party. dangerous for the education of the students and enemy to the working class. The sword could fall on anyone‟s head. Daicoviciu. for not having taken a drastic decision against young Prodan in his quality as head of the department. Suddenly. For David Prodan the decisive meeting was held at the Local Party headquarters. The “Prosecutor” was Pavel Apostol. Among other things. taking the course of a whole day from dusk to dawn. Prodan admitted that not even for Daicoviciu things were “swell”. Prodan was asked for new explanations in which regards his non scientific and impartial attitude. p. but asked for clemency.

but continued working together with other professors and a soviet expert to the Law of the Archives41. lead by professor C. Shortly after the trial held at the Academy. ceea ce explica buna informare a organelor de Partid şi academice. Roller wanted to harness Prodan to his own benefit and that is why he recommended him for the position of Director of the State Archives at the Ministry of Internal Affairs. pp. Prodan s-a gândit că prezentarea mapei cu cursuri îl va disculpa de suspiciunile legate de activitatea didactică. a new party decision reinstated D. Prodan‟s quality of member by correspondence of the R. Prodan found out that in the report they had introduced a direct attack to Daicoviciu. D. Prodan what was his opinion about professors Daicoviciu and Petrovici. he was supposed to criticise them.P. that his prosecutors had no chance to know certain details of his teaching activity. Prodan in his place from the department and Institute. Every time he went to Bucharest he would most “politely” call Roller. Roller used young Prodan. Prodan did not take it seriously and did not pay attention to the elaboration of the answers39. but he still was allowed to work “in agreement”. Avea să afle mai târziu că printre studenţii săi se aflau informatori periculoşi. 41 Ibidem. for his contempt. such as Francisc Pall. Roller notified Prodan that what he had written in the report was to be published. Much later he learned that among his students there were dangerous informers. and became a blackmailing tool. But Prodan preferred to keep silence. And again he was invited to answer to all the accusations. of Cluj. Two months from the exposure. which explained the exactness of the Party and academic organs knowledge.L. but he faked amities. The prosecutors were not happy about it! The strategy of the “judges” changed. D. Prodan thought that by presenting the map with his lectures would exonerate him from the suspicions regarding his teaching activities.put him through a severe “trial”. During the meeting held at the Academy. the text of the report was full of added paragraphs which were not of his writing40. 40 Ibidem. from his study desk in Cluj. who was not at all one of Roller‟s sympathies. the way Dumitru Macrea (1907-1988) did in respect of the philologists of Cluj. Roller asked D. about which he was not previously informed. Under the pretext of the elaboration of a new course of modern history. The dislike was mutual. In his dispute with Daicoviciu. who was well seen in the upper power layers of the Party. And he used him not only against Daicoviciu. the prosecutors referring to his activity at the department and at the Institute. He was asked to elaborate a critical report about the activities of the department of History and the Institute from Cluj.P. where Roller. The young academician was prosecuted for three hours. (D.together with the party secretary attaché to the Academy and the Minister of Education. Roller complained to Prodan that often Daicoviciu offended him. In order to “save” himself. Thinking that the mistakes they charged him with (related to his activity at the department of history) were “unfounded”. p. Prodan was summoned to the Academy. This report was sent to the Central Committee. Ştefan Pascu and Mihail Dan. more lecture pages have been taken away. Academy was no longer competence of Local R. but. but he was transferred to the department of Modern History. Daicoviciu himself did not like Roller at all. Ştefan Pascu and Mihail Dan. Daicoviciu.) Ibidem. but. 68. and the reasons were: the lack of militancy and their religious orientation to Greek-Catholicism. as well. 39 156 . especially when he would be angry. To the same type of solution were condemned Francisc Pall. Roller again summoned Prodan to Bucharest. dar de pe masa sa de lucru de la Cluj au fost sustrase mai multe file de curs. but also against other colleagues from the Institute. The professor from Cluj refused the position. 69-71. and blackmailed him with the publication of the critical report.R.Mihai Teodor Nicoară removed from the department and Institute.

professors. techniques.only those who joined the creative work of building socialism were recuperated43. Turliuc. The entire system of the University of Cluj was supposed to be changed.. C. 4-5. The recuperated university intellectuality as well as the new intellectuality raised in the „50s was encouraged to form a unique body of intellectuals. which promoted constant control and social change. educated. literature. its permanent quoting. The repressive cycles of power were meant to trigger “confessions” and then adherence to the truth of power. 2007. implicitly. were annulled in favour of the now communist ideals: proletariancultism and proletarian internationalism. We may as well consider that. N. Preventive culpability. the R. the omnipresence of treason. tom LI. pp. 267-285. meant the instalment of a general suspicion. Serie Nouă. In the years of the power of the people the didactic and scientific work had to pass through an ideological validation and selection. Morar-Vulcu. the value of patriotic and national implication.. D. cit. 275-276. art. Domains such as science. very different from the one in the inter-war period) a proletarian-cultist elite. so that all along this decade no member of the University of Cluj be capable of anti-communist attitudes. which concentrated the entire “care” of the Government. compared to the populism of years 1944-1947. A Mihalache. not only for gaining professional identity.P. 75. Top secret instructions The decade 1948-1958 focused mainly on repression as a means of cardinal governing measure. p.Party Vigilance Regarding University “elements” in the ‟50s. men of art and men of culture . op. Turliuc. Cuza” în anii comunismului. each exposed “traitor” contributing to its intensification. Republica îşi făureşte oamenii. Cluj-Napoca. pp. Istorie. Editura Eikon. in “Analele Ştiinţifice ale Universităţii Alexandru Ioan Cuza”. Doboş. This meant ideological suppression of the idea of intellectual creativeness. but also in order to be able to assume the ideological conscience of working classes. This explains the constant measures and threats which constantly focused. Universitatea "Al. created by generations of intellectuals from the old “bourgeoisie-landlord regime”. 2005. M. The Party rediscovered elitism along the „50s (but it was another type of elitism. Became the Cerberus (surveyor) of all institutions of science and culture. From all that was considered valuable in the old university world .. 42 43 157 .L. Iaşi. The traditional criteria of value for originality. op. I. cit. social revenge42. the work of the “intellectual workers” being part of the effort to building socialism of the entire working people. C. were considered to be not valid for the working class. savants. etc. Construirea identităţilor politice în discursul oficial în Romînia 1948-1965. pp. 280-281.

Reviews
Nicoleta Man, Aşezarea romană de la Cristeşti, Cluj-Napoca, Editura Mega, 2011, 277 pagini, 169 planşe. The present book was conceived and realized as a PhD coordinated under the supervision of university profesor dr. Dumitru Protase and, it represents a very well documented archaeological monographic which present mostly all the archaeological, epigraphic, sculptural and monetary materials from Cristesti registered during history. The book is structured in two main parts: the first contains aspects concerning the historiography of the archaeological researches, the geographic area, the strategic and economic importance, the plan of the settlement, its population, and economy, artistic and spiritual aspects. The second part deals with the archaeological material discovered in the settlement: Ceramics (sorted by categories), bronze and iron objects, glass, epigraphic materials, funerary monuments, architectonic pieces, statues, bone Present in the archaeological literature as a great pottery settlement, the newest researches and interpretations configures Cristesti as a vicus militaris whose existence in bonded with the castrum (completely destroyed and unidentifiable on the ground) of the Ala I Gallorum et Bosporanorum, a military unit whose presence in confirmed by epigraphic and monetary evidences. It is unterstandable why the first chapter is entitled “Aşezarea în literatura arheologico-istorică şi stadiul actual al cercetărilor”, chapter in which are presented the researches of I.F. Neigebauer, C. Goos, Orban Balazs concerning the fortress and the settlement, but also the history of researches done by Emil Panaitescu, D.M: Teodorescu, Aurel Filimon, Alexandru Ferenci, D. Popescu, Dumitru Protase, Andrei Zrinyi, Man Nicoleta and Adrian Husar. Of course the author emphasizes the historiography‟s debate around the settlement and the fortress: „ from the chronological point of view, the historiography is divided in two great categories: the one from the 19th century and the first half of the 20th, which had taken into account the type of the settlement, if it was a castrum or a rural settlement (Goos, Orban, Filimon, Ferenczi, Paulovics) and the modern historiography which deals especially with the archaeological material discovered in th settlement”. Concerning the historiography‟s approaches, the author stretches out the fact that: „the most known and historiographic reviewed material is ceramics, although it has not been made a typology and an analysis concordant with the modern expectances of treating ceramic material”. In fact the only one who made a classification of the ceramics from Cristesti was D.Popescu who divided the local pottery production in red and gray ceramics, the first group being sub-divided in: 1). Dishes, cups, and plates, 2). Pots 3) Pitchers and jugs. In the archaeological historiography of the settlement a special place is taken by the stamped ceramics, described by Filimon, Paulovics, Popescu and Zrinyi but, also the imported terra sigiliata described thoroughly by Dan Isac. These authors describe also other categories of findings: lamps, sculptures, coins, inscriptions etc.

Reviews

The second chapter of the book: “Aşezarea geografică şi importanţa strategică şi economică a zonei”, presents briefly the geographic conditions of the area but also its importance in the defense of the province. Not accidentally the castrum from Cristesti was situated at 45 km from Brancovenesti and „was a part from the line of castrae situated between the central defense formed by the two legions(V Macedonica from Potaissa, and XIII Gemina from Apulum) and the limes”, its role being of helping out, in case of necessity the unit from Brancovenesti. As for the economic aspect, it is stretched out that we are dealing with a mainly agricultural area, producer of cereals but, there is also evidence of horticulture and animal breading, pottery, and working bronze and iron. The third chapter entitled, “Planul aşezării” presents aspects concerning the houses, stressing out the fact that we are dealing with surface houses with a small rocky foundation and adobe walls and, there are no data concerning the placement of the houses on the ground. Nevertheless it can be presumed a certain order in placing the houses. Another important aspect treated in this chapter is one of the ceramic workshops, about which we a little information but, what is given is presented in detail due to their importance for the settlement. The author underlines the fact that some of the workshops were identified by epigraphic means: „by the analysis the stamps of the craftsmen, by graffiti or by other signs left in the soft material of the pottery”. Linked with this activity are the ceramic burning furnaces-six in number- discovered by Filimon, Ferenczi and Zrinyi. Unfortunately the information is rather ambiguous concerning the exact number of furnaces due to documentary gaps. To mention the fact the author gives a very details description of the furnace discovered in 2007 at Tg-Mures, at the site of the (illegal) construction of an auto park. The last aspect in this chapter are linked with the the roads and the graveyard. As for the roads: the Roman road from Cristesti to Brancovenesti is one of the three ramifications (at Razboieni) of the great imperial road „the trace of the road were identified in the Mures valley at Cristesti, Mureseni, TgMures, and from this area went to a north-western direction on the right bank of the Mures river”. Concerning the street grid of the settlement, it was partially paved. The graveyard was not identified on the ground but its presence is underlined by the graves described by Paulovics and Zrinyi, but also by the funerary monuments from the collection of count Teleki at Gornesti. „The theme of the fourth chapter is “Populaţia”, a chapter which underlines the syntagma „ex toto orbe romano” even if the percentage of the persons whose origins and ethnicity can be established is rather small. „Epigraphic documents gives us the names of 23 persons mostly gentilicium and cognomina-belonging both to civilians and soldiers, the later having Latin names but a different ethnic origin”. Thus there are Celtic-Roman, GreekOriental, Thracic and African names. From the social- juridical point of view, the Roman settlement form Cristesti, has the typical division of the imperial age: cives Romani and peregrini, respectivelly honestiores and humiliores. “Economia aşezării” is the subject of the fifth chapter, which offers representative aspects of each segment of economic life: handicraft production( stressing out the ceramics and sculpture workshops), agriculture, animal breeding, coins and monetary circulation (with the presentation of two hoards and a lot of isolated discoveries) with a division of the monetary presence in the
160

ornaments (acus crinalis. G) Pieces of architecture H) Statuaria: Jupiter on his throne (Jupiter tronans or Verospi). oil lamps. oil lamps(lucernae). specifying in the same time the imported artifacts (lamps. paterae‟s handles). There are a number of ex voto-with images of deities from the classical Greek-Roman pantheon. last but not least the commercial relations of the area. Egypt. also the pride of being a Roman citizen. Epigraphic monuments: military diploma. incised or stamped bricks and tiles. The presence of big or small statues and the epigraphic material provides a complex image of the spiritual life of the Roman settlement. construction materials. a fragmentary statuette of Liber Pater and the statuette of a genius. The interesting problematic of the spiritual and artistic life is the subject of the sixth chapter entitled „Arts and religius beleifs”. or a settlement beside a major route or the civilian settlement of a castrum”. takes once more into account the main characteristics of the settlement from Cristesti. But in 1972. but also representations of cults from Asia Minor. F) Funerary monuments: stelae. Cristesti. Syria. stressing out once more its role 161 . to which we can add the great number of military linked discoveries. all this making the author to incline toward the hypothesis of a vicus militaris. an almost urban settlement. I) Bone objects: for common use. comatoria). The determination of the caracter of the settlement was rendered more difficult by the fact that the Roman camp was never identified. as well as the Lupa Capitolina reveals the prevalence of Noric-Pannonian motifs but. vici militares represents a special category being set near auxiliary camps. specillum oricularium. weapons (arrow and javelin heads). small artistic products). The last chapter of the first part has as title „The character of the Roman settlement” it is stressed out the fact that. statuettes. local produced luxury pottery (local terra sigilata presented alongside with a list of decorative motifs). military equipment. which was probably the praetorium of the camp. construction materials made of ceramics.Reviews area on centuries. a building was discovered. medical instruments. because the great number of discovered ceramics and of the furnaces was wrongly identified as a settlement of craftsmen. Glass vessels. varia (stilus). the „inscriptions from Germania and Raetia. stelae and medallions discovered at Cristesti. pieces of military equipment etc. The numerous aediculae. a white marble torso. E). medallions. serpent decorated pots. ornaments. In this larger frame. stamped ceramics (presented by types of pottery). inscribed pottery. “Concluzii” chapter. an alabaster head of Juno. although in the Romanian archaeological historiography the term vicus is equivalent with the term „village”. pottery. D). and. amphorae. cochlear). amphora). common pottery. ceramics with special destination (turibulae. funerary and imperial epigraphic monuments. moulds and instruments made of clay. the term designates the administrative center of a territory. handles. aediculae. weapons (clay balls for ballista). and (probably) Christian. terra sigilata. B) Bronze objects: vessels. C) Iron objects: agricultural and manufacturing tools. medical instruments (spatomella. The repertoire is completed by a series of analogies and comments. The second part of the book is dedicated exclusively to the “Materialul arheologic descoperit în aşezare”: A) Imported pottery (terra sigilata.

and the military diploma. contract number POSDRU/107/1. statues. Investing in people!” 1 162 . One interesting study Violenţa domestică . oil lamps. such as the drunkard or the unfaithful. from gipsy magic to students‟ dormitories in early 20th century Cluj. 572 p. plans of excavations. lacking any forms of This paper has been financially supported within the project entitled „Doctorate: an Attractive Research Career”. 2011. Cluj-Napoca. But the author goes further. the author discusses the parts of men and women in the traditional family and the role of women as “humble servants” of their male counterparts.formă extremă de disciplinare socială în comunităţile tradiţionale româneşti by research assistant Monica Mureşan refers to the disciplinarian role of domestic violence in traditional. The volume contains 38 of the articles developed after the conference. social norms encouraging the use of violence against women (so as she should fear her husband for the rest of their married life). a repertoire of the forms of stamped ceramics and of the decorative motifs. rural. cofinanced by European Social Fund through Sectoral Operational Programme for Human Resources Development 2007-2013. humans tend to appeal to their most base instincts in order to solve their problems. local pottery.and 169 drawings which presents the position of the map of the vicus. images of the furnace discovered in 2007. The first section “Disciplinarea socială şi modernitatea” gathers some substantial research into the period with themes varying from the differentiated influence of prison life on inmates to domestic violence in traditional Romanian communities and. 1 The volume entitled Disciplinarea socială şi modernitatea în societatea modernă şi contemporană (sec.5/S/77946. as a socially accepted means of combating individuals who tended to ward off from generally recognized norms and morals. on November 19-20 2010. Romanian society. As such.Reviews as: „administrative center in this part of Eastern Dacia an area completely lacking urban structures” The book has an impressive bibliography-fact which stresses out the punctiliousness of the author . presenting arguments from the “given psychology”. XVI-XXI) gathers the proceedings of the conference with the same name organized in Cluj-Napoca. In this general context. financial and work-related obligations that can turn tensions amongst family members into violent conflicts. Coordonator Toader Nicoară. and is organized into several sections that not only encompass a chronological timeline. Fábián István Disciplinarea socială şi modernitatea în societatea modernă şi contemporană (secolele XVI-XXI). but also terra sigilata. but also refer to various aspects of social disciplination. a series of institutions act to perpetuate this state of things: the Church defending the moral superiority of men. completed by education: in a medium exceeding in violence. by the Faculty of History and Philosophy of Universitatea Babeş-Bolyai. Editura Accent. Furthermore.

In the present state. debating the problems of morality and social discipline in the military world from the beginning of the modern age to the 20th century. refering to different individuals (regarded by the state as delinquents and agents of foreign powers) that were refused visas and entry permits by the Consulate of Romania in Belgium in the years 1900-1944. studies the regulating process that had to be put into place once the University of Cluj was created and Avram Iancu dormitory opened for students. Based on the internal regulation for this dormitory and the policies of the surveillance committee of this structure. completed with a thorough study of the problem makes this work one of the most entertaining and instructive of the volume. Based on a complete research of contemporary bibliography in this field (from experts in all European combatant countries). Two other articles in this section attracted our attention. the author presents not only the texts that are at the basis of the disciplinarian system of a dormitory. one also takes into consideration the “non-interventionist” policy of the community: its members are characterized by a dual tendency. Frânturi din biografiile unor „indezirabili”. epidemics and corporal hygiene in different periods and areas in Romania. but it can turn into an interesting analytical document regarding the Romanian state‟s perception and treatment of individuals deemed „undesirable”. Regulamentul intern al Căminului studenţesc din Cluj (1920) by Mihai Teodor Nicoară. with themes as varied as hygienism.Reviews education other than observing their own community and family. but interprets them as an effective means of socialization and disciplination amongst students in the „20s Cluj. in patterns that reproduce indefinitely.D. the article mearly makes a complete inventory of such characters of different social and national origins and the correspondence concerning their various requests. The second section “Disciplina şi indisciplina în societatea militară românească” contains various studies of interest. is based on documents found by the author in the Archive of the Romanian Ministry of Foreign Affairs. children tend to adopt the violent behaviour of their parents. The third section. the author debates a series of questions of 163 . Not only the interesting theme. on the one hand. Added to this violent domestic environment. they manifest their disagreement to such behaviours in the form of “gossip”. entitled “Medicină. but the literary style adopted by the author.D. One article worth reading is Professor Constantin Bărbulescu‟s „Jegul stă gros pe pielea lor”. entitled Disciplina în mediul studenţesc. delincvenţi. as well as more detailed life histories for these individuals. on the other hand. Ph. by Ph. propagandişti în faţa autorităţilor statului român (prima parte a veacului al XX -lea) by Laurenţiu Vald. they do not interfere into situations of domestic violence. Ph.. The conclusion of the article refers to the still open question of domestic violence in contemporary society and the means used nowadays to combat it. Another study detaches itself as one of the few on this subject in Romanian historiography: Lupta şi nebunia: nevrozele şi disciplina militară în timpul Marelui Război. Igiena corporală a ţăranilor în discursul medical din Vechiul Regat în a doua jumătate a secolului al XIX-lea. prostitution. candidate Gheorghe Negustor. The first. The second article. igienizare şi disciplinare socială” gathers the most articles. Aventurieri.D.

). including the main participants and the programme presented for the public. Readers can find a vast array of problems discussed here and such a collection of works can provide a valid starting point for further investigations. disciplinare şi dresaj social în România comunistă”. namely the significance and forms of loisir in modern Romanian society.d. as well as educating the various social classes of Transylvania in the 19th century. Overall. This is the subject of Dana Pantea‟s book. as well as the traumas of attacks may have caused the “shell-shock” phenomenon amongst so many of the soldiers involved in this war. The volume includes another five sections: “Istorie şi antropologie în secolul al XIX-lea”. In this section. „Istorie şi antropologie în secolul al XX-lea”. despite the fact that one the famous 164 . 220 p. The fourth section “Loisir şi sensibilităţi în secolele XIX şi XX”. offering to those interested various perspectives on issues of significance. Rolul reuniunilor muzicale în Transilvania secolului al XIX-lea. Braşov. studying the phenomenon of psychic disorders in relation with the new. industrialized. the author attempts to present the way everyday life in the trenches. etc. but also of certain aspects that characterized our past world. modern. their heteroclite nature makes us unwilling to further debate them here. anthropology. sociology. Using theories from psychology. Imaginea Angliei şi a englezului în cultura românească din secolul al XIX-lea. The majority of these reunions are thoroughly presented. for Romanians an island too far away. „Ipostaze şi sensibilităţi balcanice postcomuniste” and „Perspective antropologice contemporane”. These sections include more diversified articles and analyses.Reviews extreme importance for the analysis of the First World War. Oradea. deals with a rather more recent field of studies in Romanian historiography. 2010. One particular aspect of interest is the author‟s attempt to place this problem in the Romanian historiography of the Great War. candidate Andra-Maria Armean. as well as our present one. published by University of Oradea Printing House. total warfare that characterized the conflagration. the volume under question seems to be an important work for Romanian historical anthropology. Cluj. Imaginea Angliei şi a englezului în cultura românească din secolul al XIX-lea. Editura Universităţii din Oradea.The author presents the various musical reunions and societies. linking them with the reforming ideals of national identity and self-determination. A novel study. is the investigation of the imagery. the article of Ph. The article is organized both chronologically and according to the cities that had the most important cultural activity (Sibiu. equally interesting and important for the general field of social disciplination. „Violenţă. rezistenţă. Ilona Diana Drancă Dana Pantea. However. These almost institutionalized forms of culture contribute to enhancing the sense of national identity. England and the British culture have been for a long time. One of the ways that may lead us to the understanding of Western civilization.

where the community‟s individualism was forged with the conviction that the progress of a society is not based solely on diplomas. Lord Byron. In the same introductory chapter. reminds one of the presence and the property of an Englishman in Wallachia‟s capital. Charles Dickens entered Romanian culture.A Manner of Expression of Contemporary Historiography. Thus. Tribuna. in the context of the global postmodernism. the multiplicity. In the Principalities. but on an ideal and pragmatic learning of whatever profession. the manner in which W. which. and other subjects and phenomena that touched the sphere of interest of the researches in imagology. Grant Bridge. of mental representations. best represented in the cultural field by Titu Maiorescu. the ethnic and cultural pluralism. I believe that Dana Pantea could further study. All these could not be absent from Romanians‟ cultural horizon. an object for study. sets about a foray in historical writing. Dana Pantea‟s introductive chapter Historical Imagology . As Dana Pantea‟s research proves. Mary. Moldavia. Heliade Radulescu. all the more considerable. we believe. with its state and private establishments. a good and correct one of 19th century English society. representing moral. Spencer represented a major benchmark for the theory of the organic development of Romanian society. the national identity. of Romanian society. have valued both the difference. and impressed by the linguistic affinities. peaceful influence from the part of a foreign state. Gazeta de Transilvania. I. Rosetti. Two chapters of the work represent a radiography and. consequently. or the Romanian magazines in the Habsburg Empire. when England was the most developed country in the world from an economic point of view. such as Familia. English culture and primarily its literature were attractive cultural benchmarks for a part of the Romanian elite. Dana Pantea puts forward a necessary definition of imagology as a research method. The face of a beautiful Englishwoman. married to C. This was the beginning of an amazing. on the other hand. looking for European development models. For the conservatism of the Junimea group. through its higher education. In fact. caught in an epoch of deep changes. his sister. for the inventory of significant achievements in Romanian historiography. through his translation project. on the one hand. Shakespeare. England was present through its liberal political regime. of the system of intellectual communication. was the symbol of Romania. aesthetic 165 . is very open to English culture and the British political model. England could not be absent in a Romanian society open to the West European model of culture and civilization. Such a context makes the reconstruction of England and the Englishman‟s images in Romanian culture. Drawn up in a classical manner. quite uncomfortable. A. located thousands of miles away. set as goals by Dana Pantea‟s book. from the Renaissance to New History. offering suggestions for the reconstruction of history through the lenses of sociology. Romanians chose the French model.Reviews bridges in Bucharest. The effort and the results are. which opened its way to an extraordinary period of prosperity and power and. or Convorbiri in Iasi. fascinated as early as the Phanariot period by the enormous French prestige. Effingham Grant. in the future. of structures. Maria Rosetti. Revolutionary Romania (Romania revolutionara). was the model for Daniel Rosenthal famous painting. the eclectic.

but out of his condition and thus all things are possible for him. New research will 166 . well funded and respected human justice. It is a novel work in its subject. Balteanu. Ion Ghica surprised the spirit of freedom that characterizes English society: One the most important conditions for the freedom of a people is the fact that among the lower classes there must be a spirit of the dialogue and among the upper classes there must be a spirit of innovation and progress. and solid mentally: he kills you with his exactitude. The paper is completed by chapters that record the image of England and the Englishman in Romanian historiography. by Ion Ghica. that is. many Romanian intellectuals studied in English universities. still today. School prepares one for life. getting near to the essence of his work. towards the end the 19th century. the saying that everything simple and elegant is à l‟anglaise. very much actual: School in England does not aim to give completely accomplished people. for example. They created real archetypal clichés for the image of England and of the Englishman in Romanian culture. Marcu Berza. and the clothes‟ originality consists in their simplicity united with solidarity. observed the accomplishments in pedagogy and didacticism that are. An important way of knowing English society is the journey as a form of knowledge. However. not only for a part of life. “Men‟s clothes are almost like a brown uniform. to form themselves. I believe that the most eloquent images of England were transmitted by Ion Codru Dragusanu. who majored in London in English language and literature (in 1909). and. at Lyster Institute. study journeys. of course. Dana Pantea presents the image of England in journals. one that could be made perfect. it seeks not to give people saturated with science. “the academic pilgrimage” registers. that is. the necessity of a national culture. but people thirsty for it and enthusiastic about the battle of life. but remains faithful to it till death. Thus. Alexandru Odobescu. considered the first Romanian anglophile. Then. and. the journey with political or economic goals. suited for English tastes or “The Englishman is a rich man. but people who are able to accomplish themselves. with such broad significances. moreover. He is not a speculator out of need. Viorel Tilea among others and they have transmitted images of England and the Englishman through travel diaries or letters. After Ioan Botez. but to develop a huge power to learn. Without reaching the scope of attending French and German universities. He never changes his condition. where the articles of G. as well: The intellectual forty-eighters found in Shakespeare‟s work the images they needed in their fight. The conclusions and annexes with photographs from the press of the time and from the books that register the British dimension in 19th century Romanian society complete the reconstruction suggested by the author. Barit and Victor Ardeleanu stand out. We thus have the first synthesis in our historiography regarding the image of England and the Englishman in Romanian culture. like other nations. Vasile Alecsandri. Constantin Karadya.Reviews values. Botez. an increase of the interest for England. England in the correspondence between Romanian diplomats. but one who keeps his word. Besides the fact that he has enough money. I. Romanian political personalities and considerations on the educational system in England. it does not seek to stuff a huge amount of knowledge. he is also a man of his word. he is exact and a very good merchant. Ion G.

Bucureşti. It also meant being together with the one sharing the bread . feelings. Here and there. Cornel Sigmirean Principesa Margareta a României. the grandmothers. family connection and even cuisine. or gifted with a political sense. Neither is the subject a surprise nor the interest a member of the royal family has for such a subject. You can actually feel the flavour ant the tastes of this period of her life. I cannot go further on presenting the book without thinking that the author makes us more attentive to certain gestures. rituals. By private space I do not mean the hidden kitchen‟s corners but mainly the confidences the author made about the loved ones.cum panis . gestures. Her highness. What surprises the reader is the script this book is based on: the author has paired a recipe with a person cut out of her memories.Reviews complete the reconstructions. as we well know. Princess Margareta signs this book representing the perfect embodiment of her childhood. being someone‟s companion to dinner originally meant sharing the experience and the generosity.in an age when this was an expensive aliment. By this manner we were able to take a look inside the private space. 167 . 2010. as well as the manner they work and act on the collective mind. Carte regală de bucate brings to our attention the importance of the family meals. They are all characters of the living history. Queen Elena of Romania and Princess Margaret of Denmark. But the reader can also taste the elegance and the refinement of her maturity. The past does not mean only battles and wars but also emotions. The book is to be remarked through the elegant manner by which Her Highness managed to gently raise the curtains separating the private form the public spaces. The present reviewed book has a bit of everything. Thus the royal family. when she recommends king of Spain Juan Carols as a model of the European monarch. as imagology can prove the value of reality of the other‟s representations. There are decades since the new historical methodology has expanded the “historians‟ field” beyond the event history. History has recorded not a single case of monarchs who greatly valued their chefs rewarding them with lifelong pensions. In fact. Carte regală de bucate. the reader can find the author‟s precise descriptions of her characters: these are either full of emotion. for instance when she describes Princess Elena having a “heart as big as the world”. highly emotional and social. in the portraits made by Princess Margareta. Editura Curtea Veche. It is a volume rich of positive memories and energies. of private life stances as well as ordinary human beings that feel. This is obvious by the fact that all the recipes serve more than one person. King Mihai and Queen Ana are all captured within this story in a different manner than we used to know them from the history books. Even the painful experience of the exile is associated not with tears and sorrows but with such touching moments of the snowdrops once she picked with her mother. 208 p. act and eat accordingly. There is not a single monarch who kept in great secrecy their recipes.

2011. as parts of the European history. American or oriental. The same are to be understood the descriptions of the meetings with her family members elsewhere in Europe. considering the royal family gatherings in Romania.they are also to be seen as remarkable characters. Editura Mega. they are living with us. Princess Margareta indeed underlined. If the criticism cannot be overcome. at least the foreign cuisine must raise our interest. Plus.Reviews This is also a book about Romania: each episode somehow ends the circle around this country. thesis which partially respects the academic standards that require such a scientific approach based on documents‟ research for obtaining a great deal of originality and credibility in historiography. A great credit for the book is also that the author really succeeded in proving that the culinary art hasn‟t left the competition of multiculturalism despite the existing criticism. The book is an ars memoriae with a deep trust in the Other‟s words where the memories on sisters. one of them stays in the fact that the author centred on the traditions. as dual characters. The book is based on a Ph. Bucureşti or Săvârşin. The details on the visits paid here by other royal families‟ representatives. England. Switzerland and. due to the historical context. This fact is proven by the present book with all the foreign recipes gathered together: European. is under permanent definition: for Princess Margareta home meant villa Sparta near Florence. two parts of a collective memory. Corina Teodor Silviu Borș. Cluj-Napoca. It suggested the monograph of one of the most representative cultural institution from Transylvania. the images taken from the personal archive make this approach a very successful one. All these details are to be rooted in that hidden and discrete word called “home”. Sibiu. betting once again on the importance the blood and affective ties has. 1861-1950. nephews do not mean only recalling some unforgettable characters -to be passed on from one generation to another in a sort of spiritual legacy . cousins. A second reason is that it offers us a view from the inside upon the European royal families. after 2011. Editura Info Art Media.D. A credit is also to be given to the editors from Curtea Veche Publishing House for editing this book in excellent graphic conditions. on the other hand. who on one hand have their own individual existence but. They should also be taken. in a simple manner. It is not easy to evaluate the reasons making this book a worth reading one. We also consider that the book‟s major accomplishment is the life lesson transmitted. for ever. 392 p. I enjoyed finding within the book‟s pages the references made to Princess Ileana and Princess Maria. those values to be taken as guiding lines in both the outside and the inner worlds. It is also truth that this concept. as George Banu says. I must confess that from the very beginning I was very curious about the book written by Silviu Borş as it look very promising from the title. Biblioteca Centrală a Asociațiunii. The fact the book was published in 2011 is of great significance as well: it is the anniversary of 168 . Definitely. They both are King Ferdinand and Queen Maria‟s daughters.

Thus the book is the living proof of how the local memory records the significance of this institution as being a part of Sibiu‟s emotional geography. We would have expected that in the chapter Contextul social. the present book is part of a tradition. first through donations. This was possible by emphasizing the patronage of Astra over the Library as well as on the librarians‟ activity. The difficulties of the process were quite a lot: such as those for completing the books‟ funds year after year. he limited himself to some brief comments on the functioning rules. The author‟s choice to arrange the book on chapters dealing with the persons that once were librarians at the Astra‟s library would have been useful if the author had captured. Philobiblon transilvan. as three decades ago professor Jakó noted in his remarkable work on the libraries from Transylvania. the former library‟s directors. She signs the introduction of the present reviewed book where she elegantly tries to place this approach in the similar concerns of the domain. if reading between the lines. the books are not only a part of a patrimony but also the logo of a cultural identity. This explains why he profiled. Românii 1774-1866 (1996). therein lays the essence of the present book. cultural şi politic (pp. the author‟s intellectual formation as historian and librarian helped him to easily identify the leit-motives of the activities developed by his own “heroes”. as well to such works. Moreover. on Astra written by Vasile Curticăpean. reducing this social. From this point of view. The author preferred this method rather than using some of the analytical suggestions existing in the western historiography. She also stressed the place Biblioteca Astra had in the cultural context of Transylvania. advisor. the great diversity of the intellectual. is to be understood as a deficiency of contents. a work to be taken as a model for those choosing the same researching subject. Indeed. but also the commitment to value the books for the future. It was meant to be the richest library available to the Romanians from Transylvania. But. 35-54) the author gave a more detailed analysis on this subject. although referential.finding the actual 169 . for revealing the manner through which a book ended on a library‟s bookshelf. we will remark how difficult the process of founding Astra‟s library was.Reviews 150 years from the founding of the Library from Sibiu. cultural and political context to the information from Keith Hitchins‟ book. Mihai Sofronie and others. from a chronological perspective. the administrative ones . From his point of view. A positive credit is to be given for the manner in which the author tried to keep the subject in connection with the historical context of the period. taking into account its generous historiography published during the past decades. moral and psychological profiles. We must mention that the author had benefited from the positive influence of Professor Eva Mârza from “1 Decembrie” University of Alba Iulia. that the study of the libraries‟ history meant not only a dialogue with the past. She was the author‟s Ph. Professor Keith Hitchins is a reputed historian who can not be omitted while investigating any subject from Transylvania‟s modern history. a reputed historian on the history of books and libraries from Transylvania and Central Europe. as literati sometimes do better than historians. Instead. Silviu Borş indeed tried to make a complete profile of each librarian using documents form the archives.D. Beyond any doubt. Professor Zsigmond Jakó stressed. since 1977. Silviu Borş had given us a look from the inside as he is now the library‟s director. Pamfil Matei.

with reference to the history of reading. The author only mentions. Unfortunately the author‟s choice to reduce the library‟s history to the librarians who worked there for 9 decades led to an overwhelming assault of figures and numbers being both monotonous and single-stringed. as well. a modern monograph. from past and present. then were the actual librarians. what for European historiography is now a very generous researching domain out of which names like those of Henri-Jean Martin. something that made the balance lean between being either a librarian or becoming a state‟s official? Which were the patterns the librarians used with the cataloguing system? The frequent system changes must have been anchored in a librarianship‟s reality. Reading the book. Thus. still leaves plenty of questions to be answered. Astra‟s Library. Instead. in a hurry. by which the institution to be revealed. and quite a bit hazardous to choose. like the major character of a play.Reviews building for the library. Liviu Rebreanu and indirectly from George Călinescu via Liviu Maliţa. a subject once stated by someone. not only through its librarians from that past but through its entire patrimony even those of its readers is yet to come. Silviu Borş wished to give his readers a possible comparison between past and present. the reader finds it difficult to remember what it must be remembered. the author had preferred to. the types of collections‟s classifications. due to the benefits of Sibiu‟s becoming the cultural capital of Europe. It was only fugitive resolved by the author by giving some references from Horia Petra Petrescu. one of Astra‟s librarians. The present reviewed book still remains an attempt of giving new clarifications on what had been for nine decades. Fortunately. the functioning rules the library had. Perhaps. and we must reckon. More valuable would have been a comparison with other libraries from Transylvania and Romanian kingdom. We mention some: the book funds. hiring the personnel among the first were the persons chosen by the preferences of the Astra‟s members. with a professional background. although a concise one. the personnel. in 2007. It is a pity that the author had not insisted upon those subjects in the book itself. the assets/the furniture. this lack of content is somehow diminished by the ending chapter. the great innovations of a system developed in the long run of history. on the different phases of evolution the library went through. But. that the author was not too successful in his approach. by chance. in the present book Silviu Borş‟s conclusions on the history and reading practice are somehow aliened from the book‟s subject. Corina Teodor 170 . What impact had on the library the decision of hiring women as librarians beginning with 1928? In what extent can we discuss about the feminization of this profession? At Astra‟s library this process becomes obvious after 1945. Also. How can someone explain the repeated resignations of the first librarians? Were they a result of Astra promoting them in other functions as the author lets us understand here and there? Or were these resignations motivated by something else. Roger Chartier and Frédéric Barbier are definitely some of the most well known names for the Romanian history. when some teachers were transferred here. the public Library beneficiated from the opening of a modern residence. some information on the model of the Library of the Romanian Academy as well as on the dynamic role played by Romanian refugees from Cluj in Sibiu after the political drama from 1940. Besides this. under the pressure of the moment: 2011 was the anniversary year of Astra‟s Library. Consideraţii finale is the one offering an image.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful