You are on page 1of 3

20

Mestre

LA NUOVA DOMENICA 16 GIUGNO 2013

La politica arriva nelle piazze tra la gente


FONDAZIONE PELLICANI IL FESTIVAL DI SETTEMBRE
Cacciari: Andiamo controcorrente per contraddire la deriva demagogica. Un progetto costruito con la citt
di Mitia Chiarin
Una sfida. Cos Massimo Cacciari, presidente della Fondazione Pellicani, definisce la terza edizione del Festival della Politica (www.festivalpolitica.it), che diventa grande, dopo le tre edizioni di Voci fuori campo, si allarga e si apre alla citt con tante collaborazioni importanti, in primis con il mediapartner di Repubblica delle idee, il contenitore di approfondimenti del quotidiano La Repubblica. E poi la Fondazione di Venezia, che si prepara ai cantieri del Museo M9, e il Comune di Venezia che apre cos il cartellone di Mestre in centro, per gli eventi del settembre mestrino. Oltre quaranta relatori, nomi di spicco del pensiero politico italiano, distribuiti in otto spazi del centro di Mestre per 30 incontri nelle quattro giornate del festival in programma da gioved 5 a domenica 8 settembre. Un festival che guarda alla politica alta, senza politici di professione, lasciando spazio a giornalisti, politologi, economisti, filosofi, giuristi e sociologi. Crediamo ci sia ancora spazio in questo paese per ragionare di politica in senso alto, oltre gli accadimenti. La crisi del paese va letta in una forma alta, spiega Massimo Cacciari che ieri a villa Settembrini intervenuto alla presentazione del festival affidata a Nicola Pellicani, segretario della Fondazione dedicata al padre Gianni, e capo della cronaca cittadina de La Nuova Venezia. Per ragionare sulla crisi di valenza storica che vive il paese serve altezza e consistenza, ha proseguito il filosofo, senza scorciatoie. Questo festival va in controtendenza, contraddice la deriva demagogica e la chiacchiera omnipervasiva. I tanti protagonisti del festival sono persone, continua Cacciari, dotate di disincanto che vengono a raccontare i problemi veri senza narrare favole. Lobiettivo, ammette, Nicola Pellicani, ovviamente superare il successo di pubblico delledizione 2012 e aprirsi alla citt che gi ha dimostrato di apprezzare: Il Festival cresce non solo per il numero dei relatori, dei luoghi, degli incontri, ma per la coralit dei soggetti coinvolti. Abbiamo costruito un momento di qualit, di respiro nazionale, assieme

Ilvo Diamanti

Ezio Mauro

Gustavo Zagrebelsky

Lucio Caracciolo

Lucia Annunziata

Alberto Melloni

Angelo Panebianco

Massimo Cacciari

Tito Boeri

Sergio Chiamparino

Sergio Carofiglio

Simona Colarizi

La presentazione del Festival in villa Settembrini

Ottavia Piccolo

Aldo Cazzullo

Cesare De Michelis

Antonio Gnoli

Marco Revelli

Natalino Balasso

alla citt. Tanti gli appuntamenti: Filosofia e politica al primo pomeriggio, dialoghi in piazza Ferretto, libri che vengono presentati in collaborazione con Vez - la biblioteca civica - e Marsilio e ancora interviste in via

Manin e due lectio magistrali. In piazza Ferretto arriva anche una tensostruttura di 250 metri quadri che ospiter le librerie mestrine. Tanti libri dedicati alla politica e ai temi dei dibattiti; politica, lavoro, innovazione, co-

municazione, rapporto con la chiesa, le donne, il web. Ogni serata si chiuder con reading di attori e proseguir poi fino a notte fonda con le conversazioni filosofiche dirette da Massimo Don, che arricchisce di nuovi

spunti il festival della Fondazione Pellicani. E se si ampliano le location del festival, otto, si aggiungono anche i locali del centro. Siamo aperti a collaborare con quanti si faranno avanti e cerchiamo cittadini volontari che ci aiutino, spiega Pellicani. Tra i partner anche Swg, affermata societ di sondaggi triestina che presenter proprio a Mestre, in esclusiva per il festival, alcune rilevazioni relative ai cambiamenti della societ italiana. In villa Settembrini sono arrivati in tanti per la presentazione del programma. Giuliano Segre, pre-

sidente della Fondazione di Venezia; Amerigo Restucci, rettore del Iuav che assieme a Ca Foscari questanno collabora e Cesare De Michelis, patron della Marsilio, Roberto Crosta /Camera di commercio); Maurizio Franceschi (Confesercenti; Lorezno Miozzi (Movimento Consumatori) e molti altri che collaborano al Festival. Anche questanno levento sotto lAlto patronato della presidenza della Repubblica. E non detto che Giorgio Napolitano non arrivi a Mestre anche questanno.
RIPRODUZIONERISERVATA

la notte dei pensieri

LA TENSOSTRUTTURA

E a tarda ora il salotto filosofico nei locali del centro Una grande libreria arriver in piazza Ferretto
Ognuna delle quattro serate del festival della politica si chiuder con una riflessione libera ribattezzata La notte dei pensieri. Serate che si svolgeranno in particolare nei locali Il Palco e LOfficina del gusto e che sono state pensate e condotte da Massimo Don, musicista e filosofo mestrino. Obiettivo mettere a confronto un ospite illustre e due due giovani dottorandi del dipartimento di Filosofia delluniversit San Raffaele di Milano. Arriveranno cos a Mestre per conversazioni a ora tarda, dalle 22.30, alcuni dei pi giovani filosofi contemporanei. E poi conversazioni sullessere sullessere cittadini nellera di internet con incontri con collegamenti in streaming e ancora referendum online e pillole di economia per capire come la finanza mondiale e nazionale oggi finisce con il condizionare direttamente la nostra vita. Incontri in cui il pubblico avr un ruolo da protagonista interagendo con conduttore e ospiti e che si concluderanno a notte inoltrata attorno ad una tavola imbandita per rifocillarsi dopo la maratona del pensiero. Anche questi incontri, come tutti quelli del festival, sono ad ingresso gratuito. Duecento e cinquanta metri quadri di tensostruttura per una grande libreria della politica in piazza Ferretto. questa una delle novit del festival che si allea questanno anche con le librerie del centro di Mestre. Libreria DonChisciotte, Il Libro con gli Stivali, La Feltrinelli, Libreria San Michele, Supergulp, La Galleria del Libro, Libreria Moderna, Fiera del Libro, Libreria Ulisse and Co si mettono assieme per offrire ai mestrini uno spazio interamente dedicato alla politica e ai temi toccati nel festival. Un modo anche per contrastare la crisi che sta costringendo alla chiusura molte librerie, non solo a Venezia ma in tutta Italia e a riportare il libro al suo valore di strumento per la diffusione della conoscenza. E anche per la terza edizione tornano i laboratori didattici con gli studenti dello scientifico Giordano Bruno e del classico Franchetti per un dialogo coi giovani aperto ad una ventina di studenti. Il focus privilegiato sar lEuropa visto che nella primavera del 2014 si andr allelezione del Parlamento europeo. Il festival cerca anche cittadini volontari, che aiutino lorganizzazione. Chi volesse partecipare pu scrivere a fondazione@fondazionegiannipellicani.it.

I PARTECIPANTI

La mappa

Quaranta ospiti e il reading serale Otto luoghi e la diretta streaming


Da Ezio Mauro a Gustavo Zagrebelsky fino a Natalino Balasso
Il programma dettagliato del festival sar presentato solo pi avanti ma molti dei relatori hanno gi confermato la loro presenza a Mestre e tra loro ci sono importanti personalit. Ecco i principali protagonisti del festival, resi noti ieri dalla Fondazione Pellicani. Si tratta di giornalisti, giuristi, imprenditori, politologi, costituzionalisti di indiscussa fama nazionale. Ezio Mauro, Alberto Melloni, Sergio Chiamparino, Ilvo Diamanti, Angelo Panebianco, Gustavo Zagrebelsky, Lucio Caracciolo, Aldo Cazzullo, Marco Morganti, Stefano Bruno Galli, Ottavia Piccolo, Giulio Giorello, Roberto And, Tito Boeri, Roberto Esposito, Antonio Gnoli, Umberto Galimberti, Cesare De Michelis, Elio Matassi, Gianrico Carofiglio, Marco Revelli, Geminello Alvi, Carlo Sini, Andrea Tagliapietra, Simona Colarizi, Vincenzo Vitiello, Tommaso Cerno, Giovanni Bossi, Luca De Biase, Emanuele Macaluso, Enrico Ghezzi, Massimo Russo, Giuliano Segre, Maria Silvia Sacchi, Lucia Annunziata, Pietrangelo Buttafuoco, Natalino Balasso, Dario Vergassola, Roberto Crosta, Francesco Jori. Il 7 settembre gi confermato il confronto tra Ezio Mauro , direttore di Repubblica, Gustavo Zagrebelsky e Massimo Cacciari. Il 5, 6 e 7 settembre a chiudere le giornate saranno, sul palco di piazza Ferretto, i divertenti reading di Ottavia Piccolo, Dario Vergassola e Natalino Balasso (inizio previsto alle ore 22). Un modo per chiudere con ironia e leggerezza giornate dedicate alla discussione sulla crisi economica e pure politica che sta vivendo il nostro paese. E capire, magari, come uscirne. (m.ch.)

Piazze e strade ma anche locali collaborano ad ospitare gli eventi


Otto i luoghi del Festival della Politica che si estende nel centro di Mestre. Piazzetta Pellicani e piazza Ferretto ma anche via Manin e corte Legrenzi e due locali, Il Palco di piazzetta Battisti, a fianco del Toniolo, e lOfficina del gusto di via Sarpi. Ogni luogo, un evento diverso. In via Manin alle 16 le conversazini filosofiche curate da Antonio Gnoli, giornalista de La Repubblica. Alle 18.30 invece le interviste su temi diversi, dal federalismo al web 2.0. In piazzetta Pellicani alle 17.30 e alle 21 i dialoghi che toccheranno temi importanti dalla politica finanziaria alle riforme istituzionali, il mondo della comunicazione che cambia e linformazione politica vista anche come trasformazione del linguaggio. In Corte Legrenzi, invece, un salotto letterario con la presentazione di libri alla presenza degi autori. Iniziativa realizzata in collaborazione con la Vez, la biblioteca civica di villa Erizzo e Marsilio editore. In piazza Ferretto alle 19 i grandi dibattiti; alle 22 invece i reading per ra ccontare lItalia e la politica sul filo dellironia. Nei due locali si terranno invece le serate de La Notte dei pensieri . Altri luoghi del festival sono la spazio M9, recentemente aperto dalla Fondazione di Venezia in via Poerio, che ospiter la redazione e la segreteria organizzativa. E in caso di maltempo si ricorrer allutilizzo di villa Settembrini e del teatro Toniolo. Il festival ha anche un sito dedicato www.festivalpolitica. it e sar presente anche su Twitter e Facebook per aggiornare sugli eventi e raccontare le quattro giornate. Gli incontri pi importanti, grazie alla collaborazione di Venis, verranno trasmessi in diretta streaming.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Roberto Papetti

16-GIU-2013 da pag. 29

Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Alessandro Russello

16-GIU-2013 da pag. 11