AGRIFOGLIO

DESCRIZIONE Pianta sempreverde, perenne FUSTO Allo stato spontaneo e in una zona favorevole, l’agrifoglio può crescere fino a 20 m di altezza. Coltivato come arbusto, non supera i 4-5 m. L'Agrifoglio fornisce un legno duro e compatto, molto apprezzato per i lavori di ebanisteria e per sculture. FOGLIE Le foglie dell’agrifoglio comune sono verde scuro, lucide, come verniciate. il margine può essere liscio e intero o spinoso e ondulato. FIORI I fiori maschili, con 4 petali a cucchiaino, sono bianchi con margine rosso; quelli femminili sono bianchi con ovario verde scuro. FRUTTI i frutti si presentano come piccole bacche rosse (o gialle in alcune varietà) riunite a grappoli che solitamente durano tutto l'inverno ....................... PROPIETA' Attenzione è tossico Le bacche contengono un glicoside molto velenoso: se ingerite provocano gravi intossicazioni (anche mortali) con vomito e diarrea. .................

CURIOSITA' Eccovi una leggenda nordica trovata in rete C'era una volta un bambino che abitava in una casetta sperduta nel bosco. Tutti i giorni andava in cerca di legna per riscaldare il fuoco al focolare. Un giorno si inciampò in una pianticina con le foglie irte di aghi. Cadde a terra e si punse in diverse parti della mano. Il sangue gli usciva copiosamente. Invocò il dio del bosco perché lo soccorresse in questa grande caduta. Ripetè più volte la sua preghiera al dio protettore, ma invano. Gli apparve invece un elfo che subito lo medicò, lo fasciò accuratamente e lo accompagnò alla sua casetta. Passò qualche giorno, il bambino tornò sul luogo dove era caduto. Con gran sorpresa, vide che sull'albero spinoso erano cresciute delle bacche rosse. Si fermò a pensare. All'improvviso gli si parò davanti il re del bosco che gli rivolse le seguenti parole:" Tu hai avuto fiducia in me, mi hai invocato; io non t'ho abbandonato, ho mandato un elfo che ti curasse. Per premiarti di questa grande fiducia in me, ho trasformato le gocce del tuo sangue in bacche rosseggianti. Questa pianta tu la potrai usare per guarirti dai tuoi malanni, ma per gli altri sarà molto dannosa." ...................... Nel medioevo si credeva possedesse delle miracolose propietà curative (in realtà è tossico), la tradizione popolare lo usava per curare i geloni, prima si bruciavano le bacche e si applicava la cenere sulla parte malata poi per potenziarne l'effetto si camminava scalzi nella neve ( e dubito che in effetti poi si guarisse visto che è il freddo a causare i geloni). Per guarire ed evitare la febbre bastava strofinarsi le gambe con un ramo di questa miracolosa pianta; per calmare la tosse si beveva il latte da una ciotola ricavata con il suo legno. ....................... Tante sono anche le superstizioni legate alla sfortuna che un utilizzo errato di questa pianta porterebbe ( che vi cito solo per interesse storico perchè alcune le trovo veramente esagerate), per esempio portare in casa i rami prima della vigilia di Natale porterebbe una notevole sfortuna, ma la sua assenza la notte di Natale è addirittura peggiore. ......................... Abbattere un Agrifoglio, spazzare il camino con i suoi rami o bruciarveli si credeva fosse talmente di cattivo auspicio che a

breve l'Angelo della morte si sarebbe presentato per riscuotere il suo tribuito. .............. Un altra vecchia leggenda cristiana narra che la croce su cui è morto Cristo era stata fabbricata con legno di agrifoglio e fù il suo sangue a tingere di rosso le bacche di questa pianta. ..................... UN PO' DI MAGIA L'Agrifoglio era piantato vicino alle case per proteggere gli abitanti e la propietà contro i fulmini, i malefici, i fantasmi gli spiriti maligni ed ogni forma di magia. Secondo la tradizion occulta portare con un un ramo od un bastone da passeggio fatto con il suo legno protegge da malefici ed incanti. La varietà con le foglie spinose (il maschi) è un potente porta fortuna per le persone di sesso maschile, mentre quello con le foglie lisce è un buon amuleto porta fortuna per le donne. É considerato un ottimo legno per la fabbricazione di amuleti ed arnesi per l'Arte.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful