Proprietà letteraria dell'Autrice. I diritti di riproduzione e di traduzione sono riservati per tutti i paesi, comprese la Svezia, la Norvegia e l'Olanda.

INTRODUZIONE

Una edizione ridotta della mia Grammatica teorico-pratica della Lingua Araba mi era stata richiesta da più parli. Infatti in quelle scuole, ove l'arabo è stato inserito fra le materie d'insegnamento, si trovava difficoltà ad adottare quel libro come testo soprattutto a causa del suo prezzo. Mi sono quindi accinta per invito dell'Istituto per l'Oriente, che anche, di questa edizione ridotta ha voluto farsi promotore, al lavoro di abbreviare il più possibile La mia prima grammatica, evitando però di ridurre quella parte di esercizi metodici che l'aveva resa tanto bene accetta agli studiosi e che tuttora è rimasta senza imitatori. Siccome abbreviare si doveva, ho soppresso le letture con gli esercizi orali che le accompagnavano, pur sapendoli utili. Con questa soppressione non pochi vocaboli sono caduti anche dai glossari, indubbiamente con svantaggio per gli studiosi, in quanto la cernita delle parole fra quelle di più largo uso era stata fatta da me accuratamente col criterio di facilitare il passaggio dalle frasi staccate alla lettura dei testi continui. Non mancherà tuttavia modo agli insegnanti di supplire a questa deficienza con altri esercizi e letture di loro scelta. Poche relativamente le riduzioni nella parte espositiva della grammatica ; esse sono state apportate soprattutto alle regole dei verbi deboli, cui ho dato un carattere empirico più adallo alle men(i giovanili degli scolari.

Spero che la mia nuova fatica, semplificando il più possibile lo studio di una lingua diffìcile come l'arabo, rechi un utile contributo alla diffusione di studi cui oggi molti Italiani si dedicano con interesse. Il mio animo si volge anche per questo lavoro con gratitudine a coloro che mi aiutarono per la redazione e la pubblicazione del primo : all'indimenticabile Maestro Carlo Alfonso Nallino, a S. E. Michelangelo Guidi, al Cav. Uff. Giorgio Naama, e sopprattutto a S. E. Mons. Basilio Cattan, sempre pronto a darmi il suo prezioso consiglio. Ringrazio infine gli insegnanti che, usando la mia prima grammatica, ebbero la cortesia di comunicarmi le loro osservazioni. Laura Veccia Vaglieri Roma, gennaio 1940

Vocali brevi - §. 4 — Gli Arabi inventarono ben presto altri segni per precisare la pronuncia delle parole ; però si limitarono a segnare tre vocali soltanto : a, i, u (1). Quando queste

2

3

4 .

5 .

6 .

7 .

8 .

.

10 .

11 .

12 .

13 .

14 .

15 .

16 .

17 .

18 .

19 .

20 .

21 .

22 .

23 .

24 .

25 .

26 .

27 .

28 .

29 .

30 Alfabeto Arabo .

31 .

32 .

33 .

34 .

35 .

36 .

37 .

38 .

39 .

40 .

41 .

44 .

45 .

48 .

49 .

50 .

51 .

52 .

53 .

54 CAPO III Lo stato costrutto .

55 .

56 .

57 .

58 .

59 CAPO V I NUMERI : I) Il plurale .

60 .

61 .

62 CAPO VII A. Plurali fratti B. Accordo dell'aggettivo .

63 c. Negazione innanzi all'aggettivo CAPO VIII Il duale .

64 IL PRONOME CAPO IX A. Pronomi personali .

65 .

66 .

67 .

68 .

69 .

70

71

72

73

74

75

76

77 .

78 .

79 CAPO XII Modi di tradurre altri nostri pronomi o aggettivi pronominali .

80 Tutto Qualcuno Qualcosa : .

qualche.81 Alcuni. . certi. alquanti. un qualche.

82 .

83 CAPO XIII L'AGGETTIVO A. Sue forme B. I gradi I) Il comparativo .

84 Per il comparativo non esiste che questa forma Il secondo termine di paragone. .

85 II) Il superlativo Il superlativo relativo si ottiene. .

86 Declinazione del comparativo e del superlativo a) Comparativo .

Superlativo relativo .

88 III) Note sintattiche .

89 .

90 .

91 .

92 .

93 .

94 .

95 .

96 .

97 .

98 .

99 .

100 .

101 .

102 .

103 .

104 .

105 .

106 .

107 .

108 .

109

110

111

112

113

114

115

116 .

117 .

118 .

119 .

120 .

121 .

122 .

123 .

124 .

123 .

126 .

127 .

128 .

129 .

130 .

131 .

132 .

133 .

134

135

136

137

138

139

140

141 .

142 .

143 .

144 .

145 .

146. .

147 .

148 .

149 .

150 .

151 .

.

156 .

157 .

158 .

159 .

160 .

161 .

162 .

163 .

164 .

165 .

166 .

167 .

168 .

169 .

170 .

171 .

172 .

173 .

174 .

175 .

176 .

177 .

178 .

179 .

180 .

181 .

182 .

183 .

184 .

185 .

186 .

187 .

188 .

189 .

190 .

191 .

192 .

193 .

194 .

195 .

196 .

197 .

198 .

199 .

200 .

201 .

202 .

203 .

204 .

205 .

206 .

207 .

208 .

209 .

210 .

211 .

212 .

213 .

214 .

215 .

216 .

217 .

218 .

219 .

220 .

221 .

222 .

223 .

224 .

225 .

226 .

227 .

228 .

229 .

230 .

231 .

232 .

233 .

234 .

235 .

236 .

237 .

238 .

239 .

240 .

241 .

242 .

243 .

244 .

245 .

246 .

247 .

248

249

250

251

252

253

254

255 .

256 .

257 .

258 .

259 .

260 .

261 .

262 .

263 .

264 .

265 .

266 .

267 .

268 .

269 .

270 .

271 .

272 .

273 .

274 .

275 .

276 .

277 .

278 .

279 .

280 .

281 .

282 .

283 .

284 .

285 .

286 .

287 .

288 .

289 .

290 .

291 .

292 .

293 .

294 .

295 .

296 .

297 .

298 .

299 .

300 .

301 .

302 .

303 .

304 .

305 .

306 .

307 .

308 .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

GLOSSARIO ITALIANO-ARABO .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

TAVOLE SINOTTICHE .

DECLINAZIONI NORMALI DECLINAZIONI ANOMALE .

CONIUGAZIONE DEL VERBO TRILITTERO REGOLARE. VOCE ATTIVA(*) : . Ia FORMA.

Voci di guida per FORME PRIMITIVA E DERIVATE la coniugazione delle DEL VERBO TRILITTERO REGOLARE Tavola in .

VERBO S O R D O : r a l l e g r a r e ( le voci regolari sono m lUs. Tavola I V s .

VERBO DI 1a RADICALE HAMZAH la FORMA E FORME DERIVATE (1) .

VERBO DI 2a RADICALE HAMZAH : l a FORMA E FORME DERIVATE .

VERBO DI 3a RADICALE HAMZAH : Ia FORMA E FORME DERIVATE .

CONIUGAZIONE DEL VERBO DI 3a HAMZAH : la FORMA — VOCE ATTIVA (*) .

VERBO DI PRIMA. DEBOLE .

VERBO DI MEDIA DEBOLE .

VERBO DI MEDIA DEBOLE .

VERBO DI ULTIMA DEBOLE .

FORME DERIVATE del VERBO DI ULTIMA DEBOLE O .

VERBO CONCAVO-HAMZATO .

VERBO HAMZATO-DIFETTOSO .

VERBO HAMZATO-DIFETTOSO .

VEBO CONCAVO-DIFETTOSO .

INDICE .