FIAT PANDA

USO E MANUTENZIONE

Egregio cliente, ci congratuliamo e La ringraziamo per aver scelto una FIAT. Abbiamo preparato questo libretto per consentir Le di apprezzare appieno le qualità di questa vettura. Le raccomandiamo di leggerlo in tutte le sue parti prima di accingersi per la prima volta alla guida. In esso sono contenute informazioni, consigli ed avvertenze diretti all'utilizzo conveniente della Sua vettura; scoprirà altresì caratteristiche particolari ed accorgimenti che La convinceranno della bontà della Sua scelta. Insieme al libretto, Le sarà consegnato il "carnet" dei tagliandi per la manutenzione periodica programmata. Nello stesso è inserito il certificato di garanzia con i termini e le condizioni per il mantenimento della medesima. Siamo certi che, tenendone conto, Le sarà facile entrare in sintonia con la Sua nuova vettura e che potrà servirsene a lungo e con piena soddisfazione. Cordialmente. Fiat Auto S.p.A

DA LEGGERE ASSOLUTAMENTE!
RIFORNIMENTO DI CARBURANTE
R i f o r n i r e l a v e t t u r a u n i c a m e n t e c o n b e n z i n a senza p i o m b o c o n n u m e r o d i o t t a n o ( R O N ) n o n i n f e r i o r e a 95.

AVVIAMENTO DEL MOTORE
A s s i c u r a r s i c h e i l f r e n o a m a n o sia t i r a t o ; m e t t e r e l a leva d e l c a m b i o i n f o l l e ; p r e m e r e a f o n d o i l p e d a l e d e l l a f r i z i o n e senza p r e m e r e l ' a c c e l e r a t o r e , q u i n d i r u o t a r e l a c h i a v e d i a v v i a m e n t o i n A W e rilasciarla a p p e n a il m o t o r e si è a v v i a t o .

PARCHEGGIO SU MATERIALE INFIAMMABILE
Durante il f u n z i o n a m e n t o , la m a r m i t t a catalitica sviluppa elevate t e m p e r a t u r e . Q u i n d i , n o n parcheggiare la vettura su erba, foglie secche, aghi di pino o altro materiale i n f i a m m a b i l e : pericolo di incendio.

RISPETTO DELL'AMBIENTE
L a v e t t u r a è d o t a t a d i u n s i s t e m a c h e p e r m e t t e u n a d i a g n o s i c o n t i n u a d e i c o m p o n e n t i c o r r e l a t i alle e m i s sioni per garantire un miglior rispetto dell'ambiente.

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ACCESSORIE
Se d o p o l'acquisto della vettura desidera installare accessori che necessitino di alimentazione elettrica (con r i s c h i o d i s c a r i c a r e g r a d u a l m e n t e l a b a t t e r i a ) , r i v o l g e r s i p r e s s o l a R e t e A s s i s t e n z i a l e Fiat c h e n e v a l u t e r à l ' a s s o r b i m e n t o e l e t t r i c o c o m p l e s s i v o e v e r i f i c h e r à se l ' i m p i a n t o d e l l a v e t t u r a è in g r a d o di s o s t e n e r e il carico r i c h i e s t o .

CODE card
Conservarla in l u o g o sicuro, n o n in vettura. E' consigliabile avere s e m p r e con se il codice elettronico rip o r t a t o s u l l a CODE c a r d n e l l ' e v e n t u a l i t à d i d o v e r e f f e t t u a r e u n a v v i a m e n t o d ' e m e r g e n z a .

MANUTENZIONE PROGRAMMATA
U n a corretta m a n u t e n z i o n e c o n s e n t e di c o n s e r v a r e inalterate nel t e m p o le prestazioni della v e t t u r a e le c a r a t t e r i s t i c h e di s i c u r e z z a , r i s p e t t o p e r l ' a m b i e n t e e bassi c o s t i di esercizio.

N E L L I B R E T T O DI U S O E M A N U T E N Z I O N E . . .
. . . t r o v e r à i n f o r m a z i o n i , c o n s i g l i ed a v v e r t e n z e i m p o r t a n t i p e r il c o r r e t t o u s o , la sicurezza di g u i d a e p e r il m a n t e n i m e n t o nel t e m p o d e l l a S u a v e t t u r a . Presti p a r t i c o l a r e a t t e n z i o n e a i s i m b o l i sone) (salvaguardia dell'ambiente) (integrità della vettura). (sicurezza d e l l e p e r -

I SEGNALI DI UNA GUIDA CORRETTA
I segnali che vedete in questa pagina s o n o m o l t o i m p o r t a n t i . S e r v o n o infatti ad evidenziare parti del libretto sulle quali è più che altrove necessario soffermarsi con attenzione. C o m e vedete, ogni segnale è costituito da un diverso s i m b o l o grafico per rendere subito facile ed evidente la collocazione degli a r g o m e n t i nelle diverse aree:

SICUREZZA DELLE PERSONE A t t e n z i o n e . La m a n c a t a o i n c o m p l e t a osservanza di queste prescrizioni può c o m p o r t a r e pericolo grave per l'incolumità delle persone.

SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE Indica i giusti c o m p o r t a m e n t i da tenere perché l'uso della v e t t u r a n o n arrechi alcun d a n n o alla natura.

INTEGRITÀ DELLA VETTURA A t t e n z i o n e . La m a n c a t a o i n c o m p l e t a osservanza di queste prescrizioni c o m p o r t a un pericolo di seri d a n n i al v e i c o l o e t a l v o l t a a n c h e la decadenza della garanzia.

SOMMARIO
CONOSCENZA DELLA VETTURA USO DELLA VETTURA COSA FARE SE... MANUTENZIONE DELLA VETTURA CONSIGLI PER LA MANUTENZIONE DELLA CARROZZERIA PANDA 4X4 - PANDA VAN CARATTERISTICHE E DATI TECNICI APPENDICE

CONOSCENZA DELLA VETTURA
PLANCIA PORTASTRUMENTI IL SISTEMA FIAT CODE COMMUTATORE DI AVVIAMENTO STRUMENTI DI BORDO SEGNALATORI SU PLANCIA PO RTASTRU MENTI 13 RISCALDAMENTO E VENTILAZIONE .... 16 COMANDI DI SEGNALAZIONE E DI SERVIZIO REGOLAZIONI PERSONALIZZATE PORTE VANO BAGAGLI COFANO MOTORE 19 23 34 36 39 8 9 11 12

FARI 40 SISTEMA EOBD 42 ALLA STAZIONE DI RIFORNIMENTO .... 43 ACCESSORI 45

PLANCIA PORTASTRUMENTI
La presenza e la posizione degli s t r u m e n t i e dei s e g n a l a t o r i p u ò variare in f u n z i o n e delle v e r s i o n i .

1. M a n o p o l a a p e r t u r a e c h i u s u r a d i f f u s o r e - 2. P u l s a n t e per a v v i s a t o r e a c u s t i c o - 3. Q u a d r o di c o n t r o l l o 4. G r u p p o c o m a n d o r i s c a l d a m e n t o e v e n t i l a z i o n e - 5. I n t e r r u t t o r i di servizio - 6. S b r i n a m e n t o - d i s a p p a n n a m e n t o p a r a brezza - 7. D i f f u s o r e aria d i r e t t a m e n t e d a l l ' e s t e r n o - 8. M a n o p o l a a p e r t u r a e c h i u s u r a d i f f u s o r e - 9. Levetta di c o m m u t a z i o n e i l l u m i n a z i o n e p r o i e t t o r i - 10. I n d i c a t o r i di d i r e z i o n e - 1 1 . C o r r e t t o r e a s s e t t o f a r i - 12. V o l a n t e g u i d a 1 3 . C o m m u t a t o r e d ' a c c e n s i o n e - 1 4 . A c c e n d i s i g a r i - 15. L e v e t t a c o m a n d o t e r g i l a v a c r i s t a l l o - 16. V a n o p o r t a o g g e t t i o sede per e v e n t u a l e r a d i o r i c e v i t o r e - 1 7 . Diffusore orientabile per e r o g a z i o n e aria - 1 8 . Posacenere

8

IL SISTEMA FIAT CODE
Per a u m e n t a r e l a p r o t e z i o n e c o n t r o i l f u r t o , l a v e t t u r a è d o t a t a d i u n s i s t e m a e l e t t r o n i c o d i b l o c c o d e l m o t o r e (Fiat CODE) c h e s i a t t i v a a u t o m a t i c a m e n t e e s t r a e n d o l a c h i a v e di a v v i a m e n t o . Infatti le chiavi di a v v i a m e n t o s o n o dotate di un dispositivo elettronico che trasmette un segnale in c o d i c e a l l a c e n t r a l i n a d e l Fiat C O D E , c h e s o l a m e n t e s e r i conosciuto c o n s e n t e la m e s s a in m o t o del m o t o r e . LE C H I A V I Con la v e t t u r a v e n g o n o c o n s e g n a t i d u e tipi di c h i a v i . La chiave c o n i m p u g n a t u r a di c o l o r e b o r d e a u x è la chiave " M a s t e r " . È f o r n i t a in u n i c o e s e m p l a r e e serve per la m e morizzazione del codice delle altre chiavi per cui se ne consiglia l ' i m p i e g o s o l o in casi eccezionali. Il suo s m a r r i m e n t o impedisce successivi interventi sul sis t e m a Fiat CODE e sulla c e n t r a l i n a c o n t r o l l o m o t o r e . La chiave con i m p u g n a t u r a di colore blu è fornita in d u plice e s e m p l a r e ed è quella di n o r m a l e uso; serve per: l'avviamento;

- le p o r t e .

BORDEAUX

BLU

9

IL SISTEMA FIAT CODE
I n s i e m e alle c h i a v i v i e n e c o n s e g n a t a la CODE card sulla quale è riportato: - sulla facciata anteriore: Dil codice elettronico da utilizzare in caso di avviamento il codice meccanico delle chiavi R u o t a n d o la chiave in M A R , si disattiva il blocco del m o tore solo se il sistema di protezione riconosce il codice trasmesso dalla chiave. Se il codice v i e n e r i c o n o s c i u t o , la spia 7£ sul q u a d r o s t r u menti emette un breve l a m p e g g i o . Se il c o d i c e n o n v i e n e r i c o n o s c i u t o , la s p i a 7£ r i m a n e accesa u n i t a m e n t e alla spia C a . In q u e s t o c a s o si c o n s i g l i a di riportare la chiave in posizione STOP e poi di n u o v o in M A R ; se il b l o c c o persiste, r i p r o v a r e c o n l'altra chiave in dotazione. Se a n c o r a n o n si riesce ad a v v i a r e il m o t o r e ricorrere all'avviamento d'emergenza (vedi capitolo "Cosa fare s e " . . . ) e recarsi presso la R e t e A s s i s t e n z i a l e Fiat. Avvertenza Ogni chiave in dotazione possiede un proprio codice, diverso da tutti gli altri, che deve essere memorizzato dalla centralina del sistema. Q u a n d o si richiedono delle chiavi s u p p l e m e n t a r i , ricordare che la m e m o r i z z a z i o n e (fino ad un m a s s i m o di 7 chiavi) va e s e g u i t a su t u t t e le c h i a v i , sia q u e l l e n u o v e , sia q u e l l e già in possesso. Rivolgersi d i r e t t a m e n t e alla Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat p o r t a n d o con se la chiave con i m p u gnatura di colore bordeaux, tutte le chiavi che si possied o n o e la CODE c a r d . I codici delle chiavi non presentate durante la n u o v a procedura di memorizzazione v e n g o n o cancellati dalla mem o r i a a garanzia che le chiavi e v e n t u a l m e n t e smarrite non siano più in grado di avviare il m o t o r e .

E-

- sulla facciata posteriore: F - G g l i s p a z i p e r r i p o r t a r e le t a r g h e t t e a u t o a d e s i ve di eventuali telecomandi.

I n u m e r i di c o d i c e r i p o r t a t i sulla CODE card e la c h i a v e con i m p u g n a t u r a bordeaux d e v o n o essere conservati in luogo sicuro. È consigliabile che l'utilizzatore abbia s e m p r e c o n sé il codice elettronico riportato sulla CODE card nell'eventualità di dover effettuare un avviamento d'emergenza. IL F U N Z I O N A M E N T O Per q u a n t o r i g u a r d a l e v a r i e p o s i z i o n i d e l l a c h i a v e d i a v viamento, vedere il capitolo " C o m m u t a t o r e di avviamento". O g n i volta che si ruota la chiave di a v v i a m e n t o in posizione STOP o p p u r e PARK il sistema di protezione attiva il blocco del m o t o r e .

10

IL SISTEMA FIAT CODE
Urti violenti potrebbero danneggiare i componenti elettronici c o n t e n u t i nella chiave.

COMMUTATORE DI AVVIAMENTO
STOP MAR AW Blocco dello sterzo (antifurto), chiave estraibile. Marcia ed utilizzatori vari sotto t e n s i o n e . A v v i a m e n t o del m o t o r e . Luci di p a r c h e g g i o accese, blocco dello sterzo (antifurto), chiave estraibile. Per r u o t a r e la c h i a v e in PARK, p r e m e r e il p u l ante di consenso A.

L'accensione della spia durante la marcia significa che i l s i s t e m a sta e f f e t t u a n d o u n ' a u t o d i a g n o s i (ad e s e m p i o p e r u n c a l o d i t e n s i o n e ) . Per e f f e t t u a r e i l t e s t d e l l ' i m pianto, f e r m a r s i e s p e g n e r e il m o t o r e r u o t a n d o la chiave di a v v i a m e n t o in STOP; ruotare n u o v a m e n t e la chiave in M A R : la spia si a c c e n d e r à e d o v r à s p e g n e r s i in circa un s e c o n d o . Se la spia c o n t i n u a a r i m a n e r e accesa ripetere la p r o c e d u r a descritta in precedenza lasciando la chiave in STOP per più di 30 secondi. Se l'inconveniente p e r m a n e , rivolgersi alla Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat. Se c o n chiave di a v v i a m e n t o in M A R la spia continua a lampeggiare significa che la v e t t u r a n o n risulta protetta dal dispositivo blocco m o t o r e . Rivolgersi alla Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat per far eseguire la m e m o r i z z a z i o n e di tutte le chiavi.

PARK

C o n m o t o r e f e r m o n o n lasciare m a i l a chiave del c o m m u t a t o r e nella posizione M A R .

ATTENZIONE In caso di manomissione del dispositivo di avviamento (ad es. un tentativo ai furto), farne verificare il funzionamento presso la Rete Assistenziale Fiat prima di riprendere la marcia.

In caso di c a m b i o di proprietà della v e t t u r a è indispensabile che il n u o v o proprietario entri in possesso della c h i a v e b o r d e a u x (oltre alle altre c h i a vi) e della CODE card.

11

COMMUTATORE DI AVVIAMENTO
ATTENZIONE Scendendo dalla vettura togliete sempre la chiave, per evitare che qualcuno azioni inavvertitamente i comandi. Ricordarsi di inserire il freno a mano e, se la vettura è in salita, la prima marcia. Se la vettura è in discesa, la retromarcia. Non lasciare mai bambini sulla vettura incustodita.

STRUMENTI DI BORDO
TACHIMETRO E CONTACHILOMETRI a bContachilometri, Tachimetro.

BLOCCASTERZO I n s e r i m e n t o : con c o m m u t a t o r e in STOP o p p u r e in PARK, ruotare il v o l a n t e in u n o dei d u e sensi fino ad avvertire lo scatto di bloccaggio. D i s i n s e r i m e n t o : è f a v o r i t o c o n un leggero m o v i m e n t o alternativo del v o l a n t e m e n t r e si ruota la chiave in M A R .

ATTENZIONE Non estrarre mai la chiave quando la vettura è in movimento. Il volante si bloccherebbe automaticamente alla prima sterzata. Questo vale sempre, anche nel caso in cui la vettura sia trainata.

12

STRUMENTI DI BORDO
INDICATORE DEL LIVELLO C A R B U R A N T E Non v i a g g i a r e con s e r b a t o i o quasi v u o t o : gli eventuali mancamenti di alimentazione potrebbero danneggiare il catalizzatore.

SEGNALATORI SU PLANCIA PORTASTRUMENTI
Luci di posizione (verde) Si i l l u m i n a q u a n d o s o n o accese le luci di p o s i z i o n e , le luci della t a r g a , la luce del q u a d r o c o n t r o l l o e la luce della s e d e a c c e n d i s i g a r i .

Indicatori di direzione (verde) L a m p e g g i a q u a n d o gli indicatori di direzione s o n o in f u n z i o n e , o p p u r e s o n o inserite le luci di emergenza.

Luci a b b a g l i a n t i (blu) Si illumina c o n t e m p o r a n e a m e n t e al funzionam e n t o delle luci c o r r i s p o n d e n t i .

SEGNALATORI SU PLANCIA PORTASTRUMENTI
Scarso livello liquido freni o p p u r e freno di s t a z i o n a m e n t o inserito (rosso) A v a r i a s i s t e m a c o n t r o l l o m o t o r e (EOBD) (giallo a m b r a ) In condizioni n o r m a l i , r u o t a n d o la chiave di avv i a m e n t o in posizione M A R , la spia si accende, ma deve spegnersi a m o t o r e avviato. L'accensione iniziale indica il c o r r e t t o f u n z i o n a m e n t o della spia. Se la spia r i m a n e accesa o si a c c e n de durante la marcia: 1. A luce fissa - segnala un m a l f u n z i o n a m e n t o nel s i s t e m a di a l i m e n t a z i o n e / a c c e n s i o n e che p o t r e b b e provocare elevate e m i s s i o n i allo scarico, possibile perdita di prestazioni, cattiva guidabilità e c o n s u m i elevati. In queste c o n d i zioni si p u ò proseguire la marcia evitando però di richiedere sforzi gravosi al m o t o r e o forti velocità. L'uso p r o l u n g a t o della v e t t u r a con spia accesa fissa p u ò causare danni. Rivolgersi il più presto possibile alla Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat. La spia si s p e g n e se il m a l f u n z i o n a m e n t o scompare, ma il sistema memorizza comunq u e la segnalazione.

Insufficiente ricarica della batteria (rosso) La sua accensione indica un guasto all'impianto del g e n e r a t o r e di corrente. È a m m i s s i b i l e un eventuale ritardo allo s p e g n i m e n t o c o n m o t o r e al m i n i m o .

Luci di emergenza (rosso) La sua accensione c o n g i u n t a m e n t e al segnalat o r e " I n d i c a t o r i di d i r e z i o n e " indica c h e le luci di e m e r g e n z a s o n o inserite per segnalare che la v e t t u r a è f e r m a per a v a r i a o sta p r o c e d e n d o in condizioni che potrebbero arrecare pericolo ad altri utenti.

Insufficiente pressione olio m o t o r e (rosso) Si s p e g n e n o n a p p e n a il m o t o r e si è avviato anche se è accettabile un certo ritardo nello spegnimento con motore al minimo. Dopo un lungo viaggio, con motore sottoposto ad un intenso sforzo, il segnalatore può accendersi: ciò n o n deve destare preoccupazione purché si spenga d o p o aver accelerato leggermente.

14

SEGNALATORI SU PLANCIA PORTASTRUMENTI
2. A l u c e l a m p e g g i a n t e - s e g n a l a la p o s s i b i l i t à di d a n n e g g i a m e n t o del catalizzatore (vedere " S i s t e m a E O B D " nel p r e s e n t e c a p i t o l o ) . I n caso di spia accesa c o n luce i n t e r m i t t e n t e occorre rilasciare il pedale acceleratore, p o r t a n d o s i a bassi r e g i m i , f i n o a q u a n d o la spia s m e t t e di l a m p e g g i a r e ; p r o s e g u i r e la marcia a velocità moderata, cercando di evitare condizioni di guida che possono provocare ulteriori l a m p e g gi e r i v o l g e r s i il più p r e s t o p o s s i b i l e alla Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat. Fiat CODE (giallo a m b r a ) In tre casi (con c h i a v e di a v v i a m e n t o in M A R ) : 1. Un solo l a m p e g g i o - segnala di aver riconosciuto il c o d i c e della chiave. È possibile avviare il m o t o r e . 2. A luce f i s s a - s e g n a l a di n o n r i c o n o s c e r e il c o d i c e d e l l a c h i a v e . Per a v v i a r e i l m o t o r e , e s e guire la procedura descritta nell'avviamento d'emergenza (vedere capitolo "Cosa fare se..."). 3. A l u c e l a m p e g g i a n t e - s e g n a l a c h e la v e t t u r a non è protetta dal dispositivo. È c o m u n q u e possibile avviare il m o t o r e . Riserva carburante (giallo ambra) La sua a c c e n s i o n e indica che nel s e r b a t o i o sono r i m a s t i circa 5 litri di c a r b u r a n t e .

Se, r u o t a n d o la chiave di a v v i a m e n t o in posizione M A R , la spia n o n si accende o p p u r e se, d u r a n t e la m a r c i a , si a c c e n d e a luce fissa o l a m p e g g i a n t e , r i v o l g e r s i il più p r e s t o possibile alla Rete Assistenziale Fiat.

Eccessiva t e m p e r a t u r a del liquido r a f f r e d d a m e n t o m o t o r e (rosso) A v v e r t e che il m o t o r e è s u r r i s c a l d a t o . Se la sua accensione avviene durante la marcia, arrestare la v e t t u r a m a n t e n e n d o il m o t o r e acceso e l e g g e r m e n t e a c c e l e r a t o p e r f a v o r i r e u n a p i ù attiva circolazione del liquido di raffreddamento. Se il s e g n a l a t o r e n o n si s p e g n e e n t r o i success i v i 2 -i- 3 m i n u t i , a r r e s t a r e il m o t o r e e r i v o l g e r s i alla Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat.

L u n o t t o t e r m i c o (giallo ambra) La sua a c c e n s i o n e i n d i c a che è i n s e r i t o il d i spositivo per il d i s a p p a n n a m e n t o del cristallo posteriore.

Luci retronebbia (giallo ambra)

15

RISCALDAMENTO E VENTILAZIONE
DIFFUSORI ARIA 1 - Per s b r i n a r e o d i s a p p a n n a r e il p a r a b r e z z a 2 - Flusso d'aria dall'esterno solo c o n v e t t u r a in m o v i m e n t o 3 - Diffusori orientabili 4 - Per i n v i a r e a r i a ai p i e d i d e i p a s s e g g e r i

16

RISCALDAMENTO E VENTILAZIONE
DIFFUSORI A R I A O R I E N T A B I L I E R E G O L A B I L I A - C o m a n d o per il c o n t r o l l o della p o r t a t a d ' a r i a : ruotato in alto = diffusore aperto diffusore chiuso DIFFUSORI ARIA LATERALI C - C o m a n d o per il c o n t r o l l o della p o r t a t a d ' a r i a : r u o t a t o in alto r u o t a t o in basso = = diffusore aperto diffusore chiuso

ruotato in basso =

B - C o m a n d o per l ' o r i e n t a m e n t o laterale dell'aria I diffusori p o s s o n o essere o r i e n t a t i in alto o in basso m e diante parziale r o t a z i o n e del c o r p o c o m p l e t o di ciascun diffusore.

(solo aria a t e m p e r a t u r a e s t e r n a e solo c o n v e t t u r a in movimento).

17

RISCALDAMENTO E VENTILAZIONE
COMANDI 1. Levetta per regolazione della quantità dell'aria. 2. Levetta per regolazione della t e m p e r a t u r a . 3. Levetta per distribuzione dell'aria parabrezza-piedi. 4. Levetta per i n s e r i m e n t o del ventilatore a d u e velocità. Il ventilatore si inserisce con levetta posizionata verso l'alto e c h i a v e d ' a c c e n s i o n e in p o s i z i o n e M A R . RISCALDAMENTO - DISAPPANNAMENTO - Levetta 1 in basso su M A X o p p u r e in posizione i n t e r m e dia. - L e v e t t a 2 in b a s s o p e r a v e r e a r i a c a l d a . - L e v e t t a 3 in b a s s o se si d e s i d e r a d i s a p p a n n a r e il p a r a brezza o p p u r e in alto per o t t e n e r e aria c a l d a v e r s o i piedi dei p a s s e g g e r i anteriori e posteriori ed in piccola parte v e r s o il parabrezza. - Posizionare la levetta 4, che c o m a n d a la v e l o c i t à del ventilatore, in funzione della quantità d'aria desiderata.

VENTILAZIONE - Levetta 1 in basso su M A X o p p u r e in posizione intermedia. - L e v e t t a 2 in a l t o p e r a v e r e a r i a a t e m p e r a t u r a e s t e r n a . - L e v e t t a 3 in a l t o p e r a v e r e aria v e r s o i p i e d i dei p a s s e g geri anteriori e posteriori ed in piccola parte v e r s o il parabrezza. - P o s i z i o n a r e la levetta 4, che c o m a n d a la v e l o c i t à del ventilatore , in f u n z i o n e della quantità d'aria desiderata.

18

COMANDI DI SEGNALAZIONE E DI SERVIZIO
I N T E R R U T T O R E PER I L L U M I N A Z I O N E E S T E R N A E Q U A D R O DI C O N T R O L L O Con c h i a v e d ' a c c e n s i o n e i n M A R , s p o s t a n d o l ' i n t e r r u t t o r e a cursore: in alto in mezzo = = tutto spento; (1° s c a t t o ) , l u c i d i p o s i z i o n e c o n r i s p e t t i v o s e g n a l a t o r e l u m i n o s o ;00; luce targa, illuminazione lampade ideogrammi e q u a d r o di c o n t r o l l o , luce sede accendisigari;
(

I N T E R R U T T O R E PER L U N O T T O T E R M I C O La v e t t u r a è allestita c o n resistenze elettriche i n c o r p o r a t e nel l u n o t t o p o s t e r i o r e , atte ad o t t e n e r e un r a p i d o disapp a n n a m e n t o o s b r i n a m e n t o del l u n o t t o stesso. Per l ' a t t i v a z i o n e d e l l e r e s i s t e n z e , p r e m e r e l ' a p p o s i t o i n t e r r u t t o r e ; si i l l u m i n e r à sul q u a d r o di c o n t r o l l o il segnalatore giallo a m b r a

I N T E R R U T T O R E PER L U C I D I E M E R G E N Z A La presenza della vettura f e r m a sulla strada per avaria può essere segnalata dall'accensione c o n t e m p o r a n e a , a luce p u l s a n t e , di t u t t e le luci di d i r e z i o n e .

in basso

=

(2° s c a t t o ) , o l t r e ai c i r c u i t i già citati s o p r a , si a c c e n d o n o le luci a n a b b a g l i a n t i .

19

COMANDI DI SEGNALAZIONE E DI SERVIZIO
Per l ' i n s e r i m e n t o , p r e m e r e l ' a p p o s i t o i n t e r r u t t o r e ; i l f u n z i o n a m e n t o del dispositivo è avvertito dall'accensione a luce pulsante dei segnalatori e , sul q u a d r o di c o n trollo. Il circuito è s e m p r e s o t t o tensione i n d i p e n d e n t e m e n t e dalla posizione della chiave d'accensione. I N T E R R U T T O R E PER T E R G I L A V A L U N O T T O Tenendo leggermente p r e m u t o l'interruttore entra in funzione la spazzola del t e r g i l u n o t t o ; al rilascio, la spazzola si arresta. P r e m e n d o a f o n d o l'interruttore entra in f u n z i o n e la spazzola del t e r g i l u n o t t o e r i m a n e inserita f i n o a q u a n d o n o n si p r e m e n u o v a m e n t e ; in questo caso lo spruzzatore del l a v a l u n o t t o e n t r a i n f u n z i o n e s o l o p e r u n istante sia all'inizio che al t e r m i n e del f u n z i o n a m e n t o della spazzola. L'interruttore è s o t t o tensione con chiave d'accensione in MAR.

ATTENZIONE

L'uso delle luci di emergenza è regolamentato dal codice stradale del paese in cui si circola. L'automobilista è quindi tenuto ad ossevame le prescrizioni.

20

COMANDI DI SEGNALAZIONE E DI SERVIZIO
I N T E R R U T T O R E PER L U C I P O S T E R I O R I A N T I N E B B I A L'interruttore c o m a n d a d u e luci s u p p l e m e n t a r i posteriori di portata l u m i n o s a tale da rendersi visibili ad u n a distanza che offre m a g g i o r i garanzie di sicurezza; c o n le luci, si illumina l'apposito segnalatore giallo a m b r a sul q u a d r o di c o n t r o l l o . Per a t t i v a r e t a l i l u c i , è n e c e s s a r i o a v e r e i n s e r i t e l e l u c i a n a b b a g l i a n t i e/o l e l u c i a n t e r i o r i a n t i n e b b i a s e m o n t a t e . L e luci a n t i n e b b i a p o s t e r i o r i v e n g o n o d i s a t t i v a t e a l l a r o t a zione della c h i a v e di a v v i a m e n t o in STOP. Al s u c c e s s i v o avviamento, se ancora necessario occorre riattivarle. LEVA DI C O M M U T A Z I O N E I L L U M I N A Z I O N E PROIETTORI Il c o m m u t a t o r e è sotto tensione solo c o n chiave di accensione in M A R e interruttore d'illuminazione esterna spostato in basso al s e c o n d o scatto. Le posizioni della leva s o n o : in a l t o in basso = = luci a n a b b a g l i a n t i luci a b b a g l i a n t i c o n rispettivo s e g n a l a t o r e luminoso

Con chiave d'accensione in M A R , s p o s t a n d o la leva verso il v o l a n t e si o t t e n g o n o lampi luci abbaglianti anche se t u t t e le luci s o n o spente.

21

COMANDI DI SEGNALAZIONE E DI SERVIZIO
LEVA DI C O M A N D O INDICATORI DI DIREZIONE Le posizioni della leva s o n o : in alto in basso = = i n s e r i m e n t o indicatori di destra i n s e r i m e n t o indicatori di sinistra LEVA C O M A N D O TERGICRISTALLO E LAVACRISTALLO È sotto tensione soltanto con chiave d'accensione in M A R . Le posizioni della leva s o n o : in alto al c e n t r o in basso = = = tergicristallo f e r m o ; f u n z i o n a m e n t o ad i n t e r m i t t e n z a ; funzionamento continuo.

Gli i n d i c a t o r i di direzione f u n z i o n a n o e s c l u s i v a m e n t e c o n chiave di accensione in M A R . L'accensione del s e g n a l a t o r e v e r d e a luce p u l s a n t e avverte che gli indicatori di direzione s o n o in f u n z i o n e . ,

S p o s t a n d o la leva v e r s o il v o l a n t e , si aziona l'elettropompa del lavacristallo. Q u a n d o si disattiva il tergicristallo, le spazzole ritornano automaticamente in posizione di riposo.

Il r i t o r n o della leva nella posizione centrale avviene a u t o maticamente raddrizzando il volante guida.

22

COMANDI DI SEGNALAZIONE E DI SERVIZIO
INTERRUTTORE BLOCCO C A R B U R A N T E Interviene in caso d'urto, i n t e r r o m p e n d o l'alimentazione di carburante causando di conseguenza, lo s p e g n i m e n t o del m o t o r e . I n c a s o q u e s t o i n t e r r u t t o r e s i a t t i v i , r i c o r d a t e di ruotare la chiave di a v v i a m e n t o in STOP per evitare di scaricare la b a t t e r i a . ATTENZIONE Dopo o mentazione, schi di si l'urto, notano non se si avverte perdite odore di carburante di aliri-

REGOLAZIONI PERSONALIZZATE
A V V E R T E N Z E G E N E R A L I PER L ' I M P I E G O DELLE CINTURE DI SICUREZZA Il c o n d u c e n t e è t e n u t o a r i s p e t t a r e (ed a f a r o s s e r v a r e agli o c c u p a n t i della vettura) t u t t e le d i s p o s i z i o n i legislative locali r i g u a r d o l ' o b b l i g o e le m o d a l i t à di utilizzo delle cinture. Allacciare s e m p r e le cinture di sicurezza p r i m a di mettersi in viaggio.

delle

dall'impianto per

ATTENZIONE Per avere in la massima posizione protezione, eretta, le tenere lo be-

reinserire

l'interrutore,

evitare

incendio.

schienale e al bacino. allacciate in caso

appoggiarvi sia

ne la schiena e tenere la cintura Se n o n si n o t a n o p e r d i t e di c a r b u r a n t e ed il v e i c o l o è in grado di ripartire, riattivare il sistema di alimentazione p r e m e n d o il p u l s a n t e A situato sotto la plancia porta s t r u m e n t i lato sinistro. Allacciate sempre aumenta d'urto. il anteriori, ture morte sia di quelli posteriori! rischio

ben aderente al busto cinture, di dei posti le o cindi Viaggiare senza lesioni gravi

23

REGOLAZIONI PERSONALIZZATE
ATTENZIONE ATTENZIONE

Il nastro della cintura non deve essere attorcigliato. La parte superiore deve passare sulla spalla e attraversare diagonalmente il torace. La parte inferiore deve aderire al bacino, non all'addome del passeggero, per evitare il rischio di scivolare in avanti. Non utilizzare dispositivi (mollette, fermi, ecc.) che tengano le cinture non aderenti al corpo dei passeggeri.

Se la cintura è stata sottoposta ad una forte sollecitazione, ad esempio in seguito ad un incidente, deve essere sostituita completamente insieme agli ancoraggi, alle viti di fissaggio degli ancoraggi stessi ed al pretensionatore; infatti, anche se non presenta difetti visibili, la cintura potrebbe aver perso le sue proprietà di resistenza.

ATTENZIONE

E severamente proibito smontare o manomettere i componenti della cintura di sicurezza. Qualsiasi intervento deve essere eseguito da personale qualificato e autorizzato. Rivolgersi sempre alla Rete Assistenziale Fiat.

L'uso delle c i n t u r e di sicurezza è necessario a n c h e per le d o n n e in g r a v i d a n z a : a n c h e per loro e per il n a s c i t u r o il rischio di lesioni in caso d'urto è n e t t a m e n t e m i n o r e se indossano le cinture. Ovviamente le donne in gravidanza devono posizionare la parte inferiore del nastro m o l t o in basso, in m o d o che passi s o t t o il v e n t r e .

24

REGOLAZIONI PERSONALIZZATE
COME M A N T E N E R E S E M P R E EFFICIENTI LE C I N T U R E DI S I C U R E Z Z A 1) Utilizzare s e m p r e le c i n t u r e c o n il nastro ben disteso, non attorcigliato; accertarsi che q u e s t o possa s c o r r e r e liberamente, senza i m p e d i m e n t i . 2) A s e g u i t o di un incidente di una certa entità, sostituire la cintura indossata, anche se in apparenza non s e m b r a danneggiata. 3 ) Per p u l i r e l e c i n t u r e , l a v a r l e a m a n o c o n a c q u a e s a p o ne n e u t r o , risciacquarle e lasciarle asciugare a l l ' o m b r a . Non usare detergenti forti, candeggianti o coloranti ed ogni altra sostanza c h i m i c a che possa indebolire le fibre. 4) Evitare che gli arrotolatori v e n g a n o b a g n a t i : il loro corretto f u n z i o n a m e n t o è g a r a n t i t o solo se n o n s u b i s c o n o infiltrazioni d'acqua. 5) Sostituire la cintura q u a n d o presenti tracce di sensibile logorio o dei tagli. Impiego delle cinture di sicurezza a u t o m a t i c h e (per p o s t i a n t e r i o r i e p o s t i p o s t e r i o r i laterali) Per a l l a c c i a r e l e c i n t u r e , i m p u g n a r e l a l i n g u e t t a d i a g g a n cio A ed i n s e r i r l a nella s e d e B d e l l a f i b b i a , f i n o a s e n t i r e lo scatto di blocco. Per s l a c c i a r e l e c i n t u r e , p r e m e r e i l p u l s a n t e C . Queste cinture non necessitano di regolazione manuale. Il nastro, uscendo dall'arrotolatore D, posto all'interno della f i a n c a t a , e p a s s a n d o a t t r a v e r s o l'anello oscillante E, si r e g o l a a u t o m a t i c a m e n t e alla lunghezza più i d o n e a per chi i n d o s s a la c i n t u r a , c o n s e n t e n d o a questi tutti i m o v i menti, a condizione che non siano repentini. Il m e c c a n i s m o dell'arrotolatore interviene b l o c c a n d o il nastro ad o g n i estrazione rapida di questo o variazione di assetto del veicolo d o v u t a a brusca frenata od accelerazione, forte pendenza, curva a velocità sostenuta. Per g a r a n t i r e i l c o r r e t t o f u n z i o n a m e n t o d e l l ' a r r o t o l a t o r e , è indispensabile che lo stesso n o n v e n g a bagnato.

25

REGOLAZIONI PERSONALIZZATE
I m p i e g o delle cinture di sicurezza per i posti anteriori Per a d a t t a r e l e c i n t u r e a l l a s t a t u r a d i c h i l e i n d o s s a , l ' a n c o raggio dell'anello oscillante p u ò essere effettuato in u n o dei d u e punti A e B predisposti sul m o n t a n t e centrale. Utilizzare s e m p r e le cinture c o n il nastro ben disteso, n o n attorcigliato; accertarsi che questo possa scorrere liberam e n t e senza i m p e d i m e n t i . Impiego delle cinture di sicurezza dei posti posteriori Le c i n t u r e d e v o n o essere indossate s e c o n d o lo s c h e m a illustrato. Al fine di evitare allacciamenti errati, esiste i n c o m p a t i b i lità t r a le l i n g u e t t e A d e l l e c i n t u r e l a t e r a l i e la f i b b i a F d e l la c i n t u r a c e n t r a l e e, v i c e v e r s a , t r a la l i n g u e t t a E e le f i b b i e B. Sulle versioni con cinture statiche, in condizioni di non utilizzo, d e v o n o essere agganciate al fulcro superiore.

26

REGOLAZIONI PERSONALIZZATE
Impiego della cintura di sicurezza statica (per i l p o s t o c e n t r a l e p o s t e r i o r e ) Indossare la cintura c o n busto eretto ed a p p o g g i a t o c o n tro lo schienale. Per a l l a c c i a r e l a c i n t u r a , i n s e r i r e l a l i n g u e t t a d i a g g a n c i o E nella s e d e F d e l l a f i b b i a f i n o a s e n t i r e l o s c a t t o d i b l o c c o . Per s l a c c i a r e l a c i n t u r a , p r e m e r e i l p u l s a n t e G . Per r e g o l a r e l a c i n t u r a , f a r s c o r r e r e n e l r e g o l a t o r e H l a quantità necessaria di nastro: tirare l'estremità I per stringere, t i r a r e il t r a t t o L per a l l e n t a r e . Ricordare seggeri le cinture ricolo per i che ATTENZIONE in caso di urto che violento, non i pasAvvertenza La cintura è ben aderente al bacino. correttamente regolata quando è

dei

sedili

posteriori posti

indossano

di sicurezza passeggeri

costituiscono dei

anche anteriori.

un grave pe-

27

REGOLAZIONI PERSONALIZZATE
TRASPORTARE BAMBINI IN SICUREZZA Per la m i g l i o r e p r o t e z i o n e in c a s o di u r t o t u t t i gli o c c u panti d e v o n o viaggiare seduti e assicurati dagli o p p o r t u n i sistemi di ritenuta. Ciò vale a m a g g i o r ragione per i b a m bini. In essi, rispetto agli a d u l t i , la testa è p r o p o r z i o n a l m e n t e più g r a n d e e pesante rispetto al resto del c o r p o , m e n t r e muscoli e struttura ossea non sono c o m p l e t a m e n t e sviluppati. S o n o pertanto necessari, per il loro corretto tratt e n i m e n t o in caso di urto, sistemi diversi dalle cinture degli adulti. I risultati della ricerca sulla m i g l i o r protezione dei b a m b i ni s o n o sintetizzati nella n o r m a e u r o p e a ECE-R44, che o l tre a renderli o b b l i g a t o r i , s u d d i v i d e i s i s t e m i di ritenuta in quattro gruppi: Gruppo 0 Gruppo 0+ Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 - f i n o a 10 kg di p e s o - f i n o a 13 kg di p e s o 9-18 k g d i p e s o 15-25 k g d i p e s o 22-36 kg di peso C o m e si v e d e vi è u n a parziale s o v r a p p o s i z i o n e tra i g r u p pi, e difatti vi s o n o in c o m m e r c i o dispositivi che c o p r o n o più di un g r u p p o di peso. Tutti i d i s p o s i t i v i di r i t e n u t a d e v o n o r i p o r t a r e i dati di omologazione, insieme con il marchio di controllo, su una targhetta s o l i d a m e n t e fissata, che non deve essere assolutamente rimossa. O l t r e 3 6 k g d i p e s o o 1,50 m d i s t a t u r a i b a m b i n i , d a l p u n to di vista dei sistemi di ritenuta, s o n o equiparati agli adulti e i n d o s s a n o n o r m a l m e n t e le cinture. N e l l a L i n e a c c e s s o r i Fiat s o n o d i s p o n i b i l i s e g g i o l i n i p e r o g n i g r u p p o d i p e s o , c h e s o n o l a scelta c o n s i g l i a t a , ess e n d o stati p r o g e t t a t i e s p e r i m e n t a t i s p e c i f i c a t a m e n t e per l e v e t t u r e Fiat.

ATTENZIONE Si consiglia di trasportare sempre i bambini sul sedile posteriore, in quanto questa risulta la posizione più protetta in caso di urto.

28

REGOLAZIONI PERSONALIZZATE
G R U P P O 0 e 0+ I lattanti f i n o a 13 kg d e v o n o essere t r a s p o r t a t i rivolti all'indietro su un s e g g i o l i n o a culla, che, s o s t e n e n d o la testa, n o n induce sollecitazioni sul collo in caso di b r u sche d e c e l e r a z i o n i . La culla è t r a t t e n u t a dalle c i n t u r e di sicurezza della v e t t u ra, e d e v e t r a t t e n e r e a s u a v o l t a i l b a m b i n o c o n l e s u e c i n ture i n c o r p o r a t e . GRUPPO 1 A p a r t i r e dai 9 kg di p e s o i b a m b i n i p o s s o n o essere t r a sportati rivolti verso l'avanti, con seggiolini dotati di cuscino anteriore, t r a m i t e il quale la cintura di sicurezza della vettura trattiene insieme b a m b i n o e seggiolino.

ATTENZIONE La figura è solamente indicativa per il montaggio. Montare il seggiolino secondo le istruzioni obbligatoriamente allegate allo stesso. Esistono seggiolini adatti a coprire i gruppi di peso 0 e I con un attacco posteriore alle cinture del veicolo e cinture proprie per trattenere il bambino. A causa della loro massa possono essere pericolosi se montati impropriamente allacciati alle cinture della vettura con l'interposizione di un cuscino. Rispettare scrupolosamente le istruzioni di montaggio allegate.

ATTENZIONE La figura è solamente indicativa per il montaggio. Montare il seggiolino secondo le istruobbligatoriamente allegate allo stesso.

zioni

29

REGOLAZIONI PERSONALIZZATE
GRUPPO 2 I b a m b i n i dai 15 ai 25 kg di peso p o s s o n o essere t r a t t e n u ti direttamente dalle cinture della vettura. I seggiolini hanno solo più la f u n z i o n e di posizionare c o r r e t t a m e n t e il b a m b i n o r i s p e t t o alle c i n t u r e , i n m o d o c h e i l t r a t t o d i a g o nale a d e r i s c a al t o r a c e e m a i al c o l l o e c h e il t r a t t o orizzontale aderisca al bacino e n o n a l l ' a d d o m e del b a m b i n o . GRUPPO 3 Per b a m b i n i d a i 2 2 a i 3 6 k g d i p e s o l o s p e s s o r e d e l t o r a c e è tale da n o n rendere più necessario lo schienale distanziatore. La figura riporta un esempio di corretto posizionamento del b a m b i n o sul sedile posteriore. O l t r e 1,50 m d i s t a t u r a i b a m b i n i i n d o s s a n o l e c i n t u r e c o m e gli adulti.

R

ATTENZIONE La zioni figura è solamente il allegate indicativa allo per il le monistruzioni La figura è taggio. Montare seggiolino secondo stesso.

ATTENZIONE solamente il allegate indicativa allo per il le monistru-

taggio.

Montare

seggiolino

secondo stesso.

obbligatoriamente

obbligatoriamente

30

REGOLAZIONI PERSONALIZZATE IDONEITÀ DEI SEDILI PASSEGGERI PER L'UTILIZZO DEI SEGGIOLINI La vettura è conforme alla nuova Direttiva Europea 2000/3/CE che regolamenta la montabilità dei seggiolini bambini sui vari posti della vettura secondo le tabelle seguenti:
SEDILE Gruppo G r u p p o 0, 0+ Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 Fasce d i p e s o f i n o a 13 kg Passeggero anteriore Passeggero posteriore laterale Passeggero posteriore centrale (*) (*) (*) (*)

U U U U

U U U U

9 - 1 8 kg

1 5 - 2 5 kg

22 - 36 kg

Legenda: U = i d o n e o p e r i s i s t e m i di r i t e n u t a d e l l a c a t e g o r i a " U n i v e r s a l e " s e c o n d o il R e g o l a m e n t o E u r o p e o ECE-R44 p e r i " G r u p p i " indicati. I n c o r r i s p o n d e n z a d e l p o s t o c e n t r a l e del s e d i l e p o s t e r i o r e n o n p u ò essere m o n t a t o a l c u n t i p o d i s e g g i o l i n o .

(*)

=

31

REGOLAZIONI PERSONALIZZATE
Ricapitoliamo qui di seguito le n o r m e di sicurezza da seguire per il t r a s p o r t o di b a m b i n i : 1) La posizione consigliata per l'installazione dei seggiolini b a m b i n i è sul sedile p o s t e r i o r e , in q u a n t o è la più p r o tetta in caso di urto. 2) Rispettare s c r u p o l o s a m e n t e le istruzioni f o r n i t e c o n il seggiolino stesso, che il fornitore deve obbligatoriamente allegare. Conservarle nella vettura insieme ai d o c u m e n t i e al presente libretto. N o n utilizzare seggiolini usati privi delle istruzioni di uso. 3) Verificare s e m p r e c o n una trazione sul nastro l'avvenuto a g g a n c i o delle cinture. 4) Ciascun sistema di ritenuta è r i g o r o s a m e n t e m o n o p o sto: n o n trasportare due b a m b i n i c o n t e m p o r a n e a m e n t e . 5) Verificare s e m p r e che le cinture n o n a p p o g g i n o sul collo del b a m b i n o . 6) Durante il viaggio n o n permettere al b a m b i n o di assum e r e posizioni a n o m a l e o di slacciare le cinture. 7) Non trasportare mai bambini in braccio, neppure neonati. N e s s u n o , per q u a n t o forte, è in g r a d o di trattenerli in caso di urto. 8) In caso di incidente sostituire il seggiolino con uno nuovo. SPECCHI RETROVISORI La regolazione degli specchi retrovisori deve essere fatta d o p o essersi m e s s i a p r o p r i o a g i o p e r la g u i d a c o n la regolazione del sedile. Specchio retrovisore interno Lo specchio retrovisore interno è orientabile con posizione di n o r m a l e utilizzo o posizione a n t i a b b a g l i a n t e (ove previsto). In e n t r a m b e le p o s i z i o n i , lo s p e c c h i o è o r i e n t a b i l e in tutte le direzioni con regolazione continua. Inoltre è p r o v v i s t o di d i s p o s i t i v o a n t i n f o r t u n i s t i c o che lo fa sganciare in caso d'urto.

32

REGOLAZIONI PERSONALIZZATE
Specchio retrovisore esterno La regolazione si effettua dall'interno vettura a g e n d o sulla l e v a C. Se la sporgenza dello specchio retrovisore esterno crea difficoltà in p a s s a g g i stretti, stazioni di l a v a g g i o , ecc., è possibile ripiegare il c o r p o c o m p l e t o dello specchio c o n tro l a f i a n c a t a , r i d u c e n d o c o s ì l ' i n g o m b r o l a t e r a l e d e l l a vettura. SEDILI ANTERIORI

ATTENZIONE Qualunque regolazione deve essere fatta esclusivamente a vettura ferma.
S o l l e v a r e la l e v a A e s p i n g e r e il s e d i l e a v a n t i o i n d i e t r o : in posizione di guida le braccia d e v o n o risultare leggerm e n t e flesse e le m a n i d e v o n o p o g g i a r e sulla c o r o n a del volante. U n a v o l t a rilasciata la leva, verificare che il sedile sia b e n b l o c c a t o sulle g u i d e , p r o v a n d o a s p o s t a r l o avanti e indietro. La mancanza di detto b l o c c a g g i o potrebbe provocare lo s p o s t a m e n t o inaspettato del sedile con evidenti pericolose conseguenze. Per r e g o l a r e l ' e v e n t u a l e s c h i e n a l e i n c l i n a b i l e , s o l l e v a r e l a l e v e t t a B. Per r i b a l t a r e i n a v a n t i i s e d i l i , o c c o r r e p r i m a s b l o c c a r l i t i r a n d o v e r s o l'alto la leva C (una per sedile).

33

PORTE
PORTE LATERALI A p e r t u r a d a l l ' i n t e r n o : tirare v e r s o l'alto la levetta B. C h i u s u r a d a l l ' i n t e r n o : p r e m e r e il p o m e l l o A solo a b a t t e n te chiuso. ATTENZIONE Prima di aprire una porta, novra sicurezza. possa essere accertarsi che la main condizioni di

realizzata

A p e r t u r a dall'esterno: sbloccare la serratura con la chiave e p r e m e r e il p o m e l l o . Chiusura dall'esterno: usare la chiave.

N o n p r e m e r e il p o m e l l o a b a t t e n t e aperto: il dis p o s i t i v o di bloccaggio n o n entra in f u n z i o n e e la serratura potrebbe danneggiarsi.

34

PORTE
PORTELLONE POSTERIORE Per t u t t e l e v e r s i o n i i l p o r t e l l o n e p o s t e r i o r e , a n c h e i n p r e senza d i c h i u s u r a c e n t r a l i z z a t a , è a p r i b i l e s o l o c o n c h i a v e . Per a p r i r e i l p o r t e l l o n e , s b l o c c a r e l a s e r r a t u r a c o n l a c h i a ve, p r e m e r e il p u l s a n t e e s o l l e v a r e il p o r t e l l o n e . Per c h i u d e r e i l p o r t e l l o n e , a b b a s s a r l o e l a s c i a r l o s c e n d e r e nel m o m e n t o i n c u i n o n o p p o n e p i ù r e s i s t e n z a ; s i c h i u derà a u t o m a t i c a m e n t e . Bloccarlo q u i n d i con la chiave. La m o l l a a gas della p o r t a p o s t e r i o r e è t a r a t a per g a r a n t i re un corretto f u n z i o n a m e n t o con i pesi previsti dal costruttore. Qualsiasi aggiunta arbitraria di oggetti (altoparlanti, spoiler, e c c . ) d a p a r t e d e l c l i e n t e p u ò p r e g i u d i c a r e i l c o r r e t t o f u n z i o n a m e n t o e la sicurezza d ' u s o di tale porta. CHIUSURA CENTRALIZZATA (dove prevista) Bloccando una delle due porte laterali, dall'esterno con la chiave o dall'interno p r e m e n d o il p o m e l l o , si ottiene anche il blocco s i m u l t a n e o dall'altra porta e della porta posteriore. Sbloccando una delle due porte laterali, dall'esterno con la c h i a v e o d a l l ' i n t e r n o alzando il p o m e l l o , si ottiene a n che lo sblocco s i m u l t a n e o dall'altra porta e della porta posteriore. Lo scollegamento della batteria p u ò c o m p o r t a r e il blocco delle porte. Assicurarsi pertanto che le chiavi non siano r i m a s t e in v e t t u r a o che a l m e n o u n a p o r t a sia socchiusa p r i m a di intervenire sulla batteria. Avvertenze - In caso di anomalo funzionamento della centralina bloccaporte, con conseguente alimentazione prolungata degli attuatori, onde evitare la "bruciatura" dei motori interviene un termofusibile interno non ripristinabile (è necessario quindi sostituire la centralina). - Nel caso in cui una delle porte anteriori non risulti ben chiusa o ci sia un guasto sull'impianto, dopo il tentativo di attuazione si ha la repulsione del comando per 3 volte e quindi l'interdizione del sistema bloccaporta per 2 min. Durante i 2 min. di interdizione è possibile effettuare qualsiasi manovra manuale e quindi bloccare o sbloccare le porte senza che sistema bloccaporte elettrico intervenga. Dopo i 2 min. di inibizione, la centralina si predispone a ricevere un nuovo comando e, nel caso sia stata rimossa la causa del difetto, il sistema riprende a funzionare regolarmente, altrimenti ripete il ciclo di interdizione.

35

PORTE
A L Z A C R I S T A L L I ELETTRICI ( d o v e p r e v i s t i ) Sul p a n n e l l o della porta lato g u i d a s o n o i n c o r p o r a t i d u e interruttori a pulsante per apertura e c h i u s u r a cristalli. Un altro interruttore è situato sul pannello della porta passeggero per il c o m a n d o del relativo cristallo. Gli i n t e r r u t t o r i s o n o attivi s o l o c o n c h i a v e in M A R .

VANO BAGAGLI
Per a c c e d e r e a l v a n o b a g a g l i , s b l o c c a r e l a s e r r a t u r a d e l l a p o r t a p o s t e r i o r e c o n l a c h i a v e e p r e m e r e i l n o t t o l i n o . Per mezzo di due tiranti (uno per parte) il piano portaoggetti s i alza a c c o m p a g n a t o d a l l a p o r t a p o s t e r i o r e . Per u t i l i z z a r e i l v a n o b a g a g l i c o n s e d i l e p o s t e r i o r e i n p o s i zione e piano portaoggetti ripiegato, staccare i due tiranti A dalle relative sedi ricavate nello scatolato della porta p o s t e r i o r e , i m p r i m e n d o alla loro e s t r e m i t à u n a rotazione di 90°. può siano trache col'azionadirettamenvettura, A g g i u n g e r e o g g e t t i sulla cappelliera o sul portell o n e ( a l t o p a r l a n t i , s p o i l e r , ecc.) p u ò p r e g i u d i c a r e il corretto funzionamento dell'ammortizzatore laterale a gas del portellone stesso.

ATTENZIONE L'uso essere mento, esposti te dai scinati togliere gli al vetri o improprio pericoloso. sempre di degli che sia i alzacristalli e passeggeri sia elettrici non

Prima

durante

accertarsi rischio in urtati

lesioni stessi.

provocate da Scendendo

movimento, dagli la elettrici, pericolo chiave

oggetti personali dalla per evitare a bordo.

sempre un

d'avviamento azionati rimane

alzacristalli

inavvertitamente,

stituiscano

per chi

36

VANO BAGAGLI
Sbloccare lo schienale s p i n g e n d o in avanti le d u e leve B (una per parte) q u i n d i ribaltarlo l e g g e r m e n t e in a v a n t i . Quest'ultima o p e r a z i o n e p e r m e t t e r à il r i p i e g a m e n t o del piano p o r t a o g g e t t i c o n t r o lo schienale. Riagganciare quindi lo schienale tirandolo indietro. L ' a b b a t t i m e n t o dello schienale sul c u s c i n o p e r m e t t e r à un p r i m o a m p l i a m e n t o del v a n o bagagli c o n piano p o r t a o g getti ripiegato sullo schienale o in posizione eretta. V o l e n d o utilizzare la capacità m a s s i m a del v a n o b a g a g l i , ribaltare il t u t t o in a v a n t i c o n t r o i sedili a n t e r i o r i e fissarlo a l l ' a p p o g g i a t e s t a del sedile lato g u i d a per mezzo del nastro velcro.

37

VANO BAGAGLI
Q u a n d o si v u o l e riposizionare sedile e v a n o portaoggetti nella posizione originaria, afferrare il p i a n o p o r t a o g g e t t i e, dall'esterno, posizionarlo al di sopra dei perni di app o g g i o e tirarlo all'indietro fino ad agganciare lo schienale. R i a g g a n c i a r e q u i n d i i t i r a n t i A , i n f i l a n d o l e l o r o e s t r e m i t à nelle sedi ricavate nello scatolato della porta posteriore e poi i m p r i m e n d o loro una rotazione di 90°.

ATTENZIONE Un bagaglio pesante non ancorato, in caso di incidente, potrebbe provocare gravi danni ai passeggeri.

ATTENZIONE Nell'uso del bagagliaio non superare mai i carichi massimi consentiti (vedere capitolo "Caratteristiche e dati tecnici"). Assicurarsi inoltre che gli oggetti contenuti nel bagagliaio siano ben sistemati, per evitare che una frenata brusca possa proiettarli in avanti, causando ferimenti di passeggeri.

ATTENZIONE Se viaggiando in zone in cui è difficoltoso il rifornimento di carburante, e si vuole trasportare benzina in una tanica di riserva, occorre farlo nel rispetto delle disposizioni di legge, usando solamente una tanica omologata, e correttamente fissata. Anche così tuttavia si aumenta il rischio di incendio in caso di incidente.

38

COFANO MOTORE
APERTURA-CHIUSURA Per s b l o c c a r e il c o f a n o , t i r a r e la l e v a s i t u a t a a s i n i s t r a s o t to la plancia p o r t a s t r u m e n t i . Sollevare il c o f a n o e c o n t e m p o r a n e a m e n t e d i s i m p e g n a re l'asta di s o s t e g n o C dal p r o p r i o d i s p o s i t i v o di b l o c c a g gio. A cofano sollevato, inserire l'estremità sagomata dell'asta C n e l l ' a p p o s i t a sede D ricavata nel c o f a n o .

ATTENZIONE Eseguire l'operazione solo a vettura ferma. fano.
Dalla p a r t e a n t e r i o r e d e l l a v e t t u r a p r e m e r e s u l l a l e v e t t a B .

ATTENZIONE L'errato posizionamento dell'asta di sostegno potrebbe provocare la caduta violenta del co-

ATTENZIONE ATTENZIONE Prima di procedere al sollevamento del cofano accertarsi che il braccio del tergicristallo risulti sollevato dal parabrezza. Evitare accuratamente che sciarpe, cravatte e capi di abbigliamento non aderenti vengano, anche solo accidentalmente, a contatto con organi in movimento; potrebbero essere trascinati con grave rischio per chi li indossa.

non

Con motore caldo, agire con cautela all'interno del vano motore per evitare il pericolo di ustioni. Non avvicinare le mani all'elettroventilatore: può mettersi in funzione anche con chiave estratta dal commutatore. Attendere che il motore si raffreddi.

39

COFANO MOTORE
P r i m a di c h i u d e r e il c o f a n o , p o s i z i o n a r e l'asta di sosteg n o C nel r i s p e t t i v o d i s p o s i t i v o di r i t e g n o E. La chiusura deve avvenire lasciando cadere il cofano da un'altezza di circa 20 c e n t i m e t r i e n o n p r e m e n d o su di esso dopo averlo appoggiato. D o p o la c h i u s u r a del c o f a n o , p r o v a r e a sollevarlo c o n u n a m a n o per v e r i f i c a r e che sia a g g a n c i a t o b e n e .

FARI
R E G O L A T O R E A S S E T T O FARI Il r e g o l a t o r e dell'altezza del fascio di luce dei fari dall'interno v e t t u r a é p o s t o sul lato sinistro del p i a n t o n e g u i d a . Un attuatore posto sul c o r p o del faro è in g r a d o di regolare l'altezza d e l f a s c i o l u m i n o s o i n f u n z i o n e d e l c a r i c o t r a s p o r tato e della sua ubicazione a b o r d o della vettura stessa. Il r e g o l a t o r e c o n s t a di q u a t t r o posizioni da " 0 " a " 3 " e deve essere p o s i z i o n a t o c o m e specificato nella t a b e l l a seguente in funzione del carico.

40

FARI
Posizione comando 0 Panda Van Panda Panda 4 x 4 4 x 2 e 4 x 4 - Solo conducente

- Solo conducente - Conducente e passeggero posto anteriore

- Solo conducente - Conducente e passeggero posto anteriore - Tutti i sedili occupati - Tutti i sedili occupati e v a n o bagagli carico

1

- Da n o n u t i l i z z a r e

- Da n o n u t i l i z z a r e

2

- Tutti i sedili occupati - Tutti i sedili occupati e v a n o bagagli carico

- Conducente e vano bagagli carico

- Conducente e vano bagagli carico

3

- Conducente e vano bagagli carico

- Da n o n u t i l i z z a r e

- Da n o n utilizzare

Per le altre condizioni di carico, servirsi di posizioni intermedie. Si consiglia di non oltrepassare la posizione 3 che c o m p o r t e r e b b e un a b b a t t i m e n t o eccessivo del fascio l u m i n o s o .

41

SISTEMA EOBD
Il sistema EOBD (European On Board Diagnosis) installato sulla v e t t u r a , è c o n f o r m e alla Direttiva 98/69/CE (EURO 3). Questo sistema p e r m e t t e u n a d i a g n o s i c o n t i n u a dei c o m p o n e n t i su v e t t u r a correlati alle e m i s s i o n i ; s e g n a l a inoltre all'utente, m e d i a n t e l'accensione della spia sul q u a d r o s t r u m e n t i la c o n d i z i o n e di d e t e r i o r a m e n t o in atto sei c o m p o n e n t i stessi. L'obbiettivo è quello di: - t e n e r e sotto c o n t r o l l o l'efficienza d e l l ' i m p i a n t o ; - segnalare q u a n d o un m a l f u n z i o n a m e n t o p r o v o c a l'aum e n t o d e l l e e m i s s i o n i o l t r e l a s o g l i a p r e s t a b i l i t a d a l l a regolamentazione europea. - segnalare la necessità di sostituzione dei c o m p o n e n t i deteriorati. Il sistema inoltre dispone di un connettore diagnostico, interfacciabile con adeguata strumentazione, che permette la lettura dei codici di errore memorizzati in centralina, insieme con una serie di p a r a m e t r i specifici della d i a g n o si e del f u n z i o n a m e n t o del m o t o r e . Q u e s t a verifica è possibile anche agli agenti addetti al c o n t r o l l o del traffico.

Se, r u o t a n d o la chiave di a v v i a m e n t o in posizione MAR, la spia n o n si accende o p p u r e se, d u r a n t e la m a r c i a , si a c c e n d e a luce fissa o l a m p e g g i a n t e , rivolgersi il più p r e s t o possibile alla Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat. La f u n z i o n a l i t à della spia p u ò essere verificata m e d i a n t e a p p o s i t e apparecchiature dagli a g e n t i d i c o n t r o l l o del t r a f f i c o . A t t e n e r s i alle n o r m e v i g e n t i nel Paese in cui si circola.

Avvertenza Dopo l'eliminazione dell'inconveniente, per la verifica completa dell'impianto la Rete Assistenziale Fiat è tenuta ad effettuare test al banco di prova e, qualora fosse necessario, prove su strada le quali possono richiedere anche lunga percorrenza.

42

ALLA STAZIONE DI RIFORNIMENTO
RIFORNIMENTO COMBUSTIBILE I d i s p o s i t i v i a n t i n q u i n a m e n t o d e l l a Fiat P a n d a i m p o n g o no di usare e s c l u s i v a m e n t e benzina senza p i o m b o . C o m u n q u e , per evitare errori, il d i a m e t r o del b o c c h e t t o n e del s e r b a t o i o è d i m i s u r a t r o p p o p i c c o l a p e r i n t r o d u r v i i l becco d e l l e p o m p e d i b e n z i n a c o n p i o m b o . I l n u m e r o d i ottano della benzina (R.O.N.) utilizzata n o n d e v e essere inferiore a 95. TAPPO DEL SERBATOIO COMBUSTIBILE Per a p r i r e : 1) Aprire lo sportello c o m e indicato in figura.

La marmitta catalitica inefficiente comporta emissioni nocive allo scarico e c o n s e g u e n t e inquinamento all'ambiente.

N o n i m m e t t e r e m a i nel s e r b a t o i o n e p p u r e i n casi di emergenza, anche una m i n i m a quantità di benzina con p i o m b o ; la m a r m i t t a catalitica, ne subirebbe u n d a n n o d i v e n t a n d o i r r e p a r a b i l m e n t e inefficiente.

43

ALLA STAZIONE DI RIFORNIMENTO
2) Ruotare il t a p p o di circa un q u a r t o di giro in senso antiorario ed estrarlo. Il t a p p o è p r o v v i s t o di d i s p o s i t i v o a n t i s m a r r i m e n t o A che lo assicura allo sportello B r e n d e n d o l o i m p e r d i b i l e . Durante il r i f o r n i m e n t o agganciare il t a p p o al dispositivo ricavato all'interno dello sportello, c o m e illustrato in figura. Per c h i u d e r e : Inserire il t a p p o e ruotarlo in senso orario, f i n o ad avvertire u n o o più scatti. Avvertenza In caso di necessità occorre sostituire il tappo serbatoio combustibile con un altro originale o l'efficienza dell'impianto recupero vapori combustibile potrebbe essere compromessa.

Avvertenza La chiusura ermetica può determinare un leggero aumento di pressione nel serbatoio: un eventuale rumore di sfiato, mentre si ruota il tappo è quindi del tutto normale. lo

ATTENZIONE Non con d'incendio. con bocchettone avvicinarsi fiamme Evitare al o anche bocchettone sigarette di inalare del serbatoio pericoal nocivi. troppo

libere

accese: vapori

avvicinarsi

il viso,

per non

44

ACCESSORI
AUTORADIO La v e t t u r a è p r e d i s p o s t a per il m o n t a g g i o di u n ' a u t o r a d i o . Tutte le v e r s i o n i s o n o infatti d o t a t e a l l ' o r i g i n e del c a v o di alimentazione e del c a v o di m a s s a reperibili a s p o r t a n d o il vano portaoggetti (dove previsto). La v e t t u r a è dotata su richiesta di vetri laterali posteriori a p r i b i l i a c o m p a s s o . Per l ' a p e r t u r a a z i o n a r e l a l e v e t t a n e l senso indicato in figura. VETRI LATERALI POSTERIORI APRIBILI A C O M P A S S O (dove previsti)

45

ACCESSORI
POSACENERE Per m a g g i o r c o m o d i t à , i l p o s a c e n e r e p u ò e s s e r e p o s i z i o nato lungo tutto il b o r d o della plancia p o r t a s t r u m e n t i . ACCENDISIGARI (dove previsto) Per u t i l i z z a r e l ' a c c e n d i s i g a r i , p r e m e r e a f o n d o i l r e l a t i v o pulsante; d o p o circa quindici secondi esso ritornerà aut o m a t i c a m e n t e nella p o s i z i o n e o r i g i n a l e p r o n t o per essere u s a t o . L'eventuale suo impiego c o m e presa di corrente è a m messo solo per utilizzatori con potenza non superiore a 100 W .

ATTENZIONE Non la mozziconi di utilizzare carta: sigaretta. il posacenere incendiarsi come a cestino contatto per con

potrebbe

ATTENZIONE L'accendisigari re. ga ni. utilizzato Maneggiare dai raggiunge con cautela pericolo elevate ed evitare d'incendio temperatuche e/o venustio-

bambini:

46

ACCESSORI
ILLUMINAZIONE INTERNO VETTURA Sul p a d i g l i o n e , p r e s s o l a b a s e d e l l o s p e c c h i e t t o r e t r o v i s o re i n t e r n o , è a p p l i c a t a u n a l a m p a d a c h e si a c c e n d e e si spegne a u t o m a t i c a m e n t e a l l ' a p e r t u r a ed alla c h i u s u r a di una d e l l e d u e p o r t e l a t e r a l i . Q u a n d o le p o r t e s o n o c h i u s e , è p o s s i b i l e a c c e n d e r e o spegnere la l a m p a d a a g e n d o sull'interruttore A. ALETTE PARASOLE Sono orientabili verticalmente e, su certe versioni, poss o n o c o n t e m p o r a n e a m e n t e essere ribaltate lateralmente contro i finestrini delle porte. Sul r i v e s t i m e n t o della aletta lato g u i d a , è r i c a v a t a u n a t a sca p o r t a d o c u m e n t i c o n s t a m p i g l i a t a l'avvertenza c h e la v e t t u r a è d o t a t a del dispositivo blocco carburante.

47

ACCESSORI
TETTO APRIBILE (per v e r s i o n i / m e r c a t i d o v e previsto) Il tetto apribile si c o m p o n e di d u e elementi che si a p r o n o e si c h i u d o n o allo stesso m o d o . A p e r t u r a parziale Inserire l'estremità della leva A, nel g a n c i o E e s i s t e m a r e la c i n g h i e t t a B c o m e in f i g u r a .

ATTENZIONE Aprire e chiudere il tetto solo a vettura ferma.

Apertura Sbloccare la leva A, piegare la tela in avanti, assicurarsi che n o n resti i m p i g l i a t a s o t t o l'intelaiatura, a r r o t o l a r l a all ' i n d i e t r o e f i s s a r l a c o n la c i n g h i e t t a B a g g a n c i a n d o l a al tetto. La l e v a A d e v e t r o v a r p o s t o t r a la c i n g h i e t t a e la t e l a .

48

ACCESSORI
Chiusura Invertire le o p e r a z i o n i descritte p r e c e d e n t e m e n t e . A t t e n z i o n e a s i s t e m a r e il p e r n o C d e l l a l e v a A n e l l a s e d e D. I n f i n e , a g g a n c i a r e la c i n g h i e t t a B a l l ' e s t r e m i t à d e l l a leva A . PORTAPACCHI (dove previsto)

Il carico m a s s i m o a m m e s s o sul p o r t a p a c c h i è di 50 kg, uniformemente distribuito.

Non superare mai i carichi massimi consentiti (vedere capitolo "Caratteristiche e dati tecnici").

N o n aprire il t e t t o in presenza di neve o ghiaccio: si rischia di danneggiarlo. Il portapacchi p u ò essere integrato da elementi trasvers a l i d i s p o n i b i l i i n L i n e a c c e s s o r i Fiat.

ATTENZIONE Attenzione pacchi po viti di fissaggio aver percorso a non il urtare gli oggetti sul portaDole che

aprendo alcuni degli

portellone

posteriore. chiuse.

chilometri,

ricontrollate ben

attacchi siano

49

ACCESSORI
TRASMETTITORI RADIO E TELEFONI CELLULARI I t e l e f o n i cellulari ed altri a p p a r e c c h i r a d i o t r a s m e t t i t o r i (ad e s e m p i o CB) n o n p o s s o n o e s s e r e u s a t i a l l ' i n t e r n o d e l la v e t t u r a , a m e n o di utilizzare una a n t e n n a separata m o n t a t a e s t e r n a m e n t e alla v e t t u r a stessa. Avvertenza L'impiego di telefoni cellulari, trasmettitori CB o similari all'interno dell'abitacolo (senza antenna esterna) produce campi elettromagnetici a radiofrequenza che, amplificati dagli effetti di risonanza entro l'abitacolo, possono causare, oltre a potenziali danni per la salute dei passeggeri, malfunzionamenti ai sistemi elettronici di cui la vettura è equipaggiata, che possono compromettere la sicurezza della vettura stessa. Inoltre l'efficienza di trasmissione e di ricezione di tali apparati può risultare degradata dall'effetto schermante della scocca della vettura. CATENE DA NEVE Il l o r o i m p i e g o è s u b o r d i n a t o alle d i s p o s i z i o n i del Paese in cui la v e t t u r a circola. L'applicazione d e v e essere effettuata sui p n e u m a t i c i delle ruote anteriori (motrici). Si consiglia di ritensionare le catene d o p o aver percorso alcune decine di metri. Con le catene m o n t a t e , tenete una velocità m o d e r a t a , evitate le b u c h e , n o n salite sui g r a d i n i o m a r c i a p i e d i e n o n percorrete lunghi tratti su strade non innevate, per non danneggiare p n e u m a t i c i , sospensioni e sterzo. Sui p n e u m a t i c i 155/65 R 1 3 " - 7 3 S utilizzare c a t e n e da neve di spessore ridotto ( i n g o m b r o max 12 m m ) . Le suddette catene d e v o n o essere impiegate anche per la versione 4x4 effettuando il m o n t a g g i o solo sulle ruote anteriori. La ruota di soccorso c o n d i m e n s i o n i ridotte non è idonea al m o n t a g g i o delle catene da neve.

Con le catene m o n t a t e , tenete una velocità m o d e r a t a ; non superate i 50 k m / h . Evitate le b u c h e , n o n salite sui gradini o marciapiedi e non percorrete lunghi tratti su strade non innevate, per non danneggiare la v e t t u r a ed il m a n t o stradale.

50

USO DELLA VETTURA
AVVIAMENTO DEL MOTORE AVVIAMENTO DELLA VETTURA IN SOSTA GUIDA SICURA 52 53 54 54

CONTENIMENTO DELLE SPESE DI GESTIONE E DELL' INQUINAMENTO AMBIENTALE 58 GUIDA ECONOMICA E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE SALVAGUARDIA DELLAMBIENTE TRAINO DI RIMORCHI 61 62 63

51

AVVIAMENTO DEL MOTORE
GENERALITÀ Portare la leva del c a m b i o in folle e p r e m e r e a f o n d o il pedale della frizione. Gli utilizzatori a g r a n d e a s s o r b i m e n t o ( l u n o t t o t e r m i c o , t e r g i c r i s t a l l o , ecc.) s i d i s i n s e r i s c o n o a u t o m a t i c a m e n t e d u rante la fase di a v v i a m e n t o . Il c o m m u t a t o r e di a v v i a m e n t o è p r o v v i s t o di un dispositivo antiripetitivo, per cui, in caso di mancato a v v i a m e n t o del m o t o r e , occorre riportare la chiave in posizione STOP prima di ripetere la m a n o v r a di avviamento. Con m o t o r e s p e n t o , n o n lasciare l a chiave del c o m m u t a tore in posizione MAR. N o n far girare il m o t o r e appena avviato a regimi t r o p p o elevati e n o n dare colpi di acceleratore; inoltre, nei p r i m i chilometri di percorso, non richiedere al m o t o r e il massimo delle prestazioni. N o n riscaldare il m o t o r e m a n t e n e n d o l o a l u n g o al m i n i m o ; è c o n s i g l i a b i l e utilizzare s u b i t o la v e t t u r a a bassi carichi e m e d i r e g i m i del m o t o r e ; ciò c o n s e n t e di c o n t e n e r e il t e m p o di riscaldamento del m o t o r e stesso. Per q u a l u n q u e c o n d i z i o n e d i t e m p e r a t u r a a m b i e n t e e d e l m o t o r e , la centralina del sistema d'iniezione p r o v v e d e a u t o m a t i c a m e n t e ad un d o s a g g i o ottimale della miscela combustibile per un a v v i a m e n t o i m m e d i a t o . - N o n azionare il p e d a l e acceleratore. - Ruotare la chiave del c o m m u t a t o r e nella posizione A V V e rilasciarla n o n a p p e n a il m o t o r e si è avviato. In caso di a n o m a l i e d ' a v v i a m e n t o , vedere il paragrafo "Salvaguardia dell'ambiente". A V V I A M E N T O DEL M O T O R E

ATTENZIONE È pericoloso far funzionare il motore in locale chiuso. Il motore consuma ossigeno e scarica anidride carbonica, ossido di carbonio ed altri gas tossici.

ATTENZIONE A motore in moto, non toccare i cavi di alta tensione (cavi delle candele).

52

AVVIAMENTO DEL MOTORE
AVVIAMENTO D'EMERGENZA L'utilizzo d i u n a b a t t e r i a a u s i l i a r i a è i l m e t o d o p i ù c o r r e t t o per l ' e v e n t u a l e t e n t a t i v o d i a v v i a m e n t o i n c a s o d i e m e r genza. Non usare un carica batterie e n o n ricorrere a tentativi di avviamento "ad inerzia" mediante spinta, traino, oppure sfruttando strade in discesa.

AVVIAMENTO DELLA VETTURA
UTILIZZO DELLA LEVA DEL C A M B I O L ' i n s e r i m e n t o delle m a r c e avviene p o s i z i o n a n d o la leva secondo lo s c h e m a della figura ( l ' i d e o g r a m m a è riportato s u l l ' i m p u g n a t u r a della leva stessa). Avvertenza La retromarcia si può inserire solo a vettura completamente ferma. A motore in moto, prima di innestare la retromarcia, attendere almeno 2 secondi con pedale frizione premuto a fondo, per evitare di danneggiare gli ingranaggi e grattare. Per innestare la retromarcia R, dalla posizione di folle, spostare la leva verso destra ed indietro.

L'uso del carica b a t t e r i e è r i g o r o s a m e n t e da evitare in q u a n t o le caratteristiche elettriche dell'energia fornita, sono una possibile causa di danneggiamento dei sistemi elettronici, in particolare delle centraline che gestiscono le funzioni di accensione ed alimentazione.

ATTENZIONE

Per cambiare correttamente le marce bisogna premere a fondo il pedale della frizione; pertanto, il pavimento sotto la pedaliera non deve presentare ostacoli. Accertarsi che eventuali sovratappeti siano sempre ben distesi e non interferiscano con i pedali.

Deve a s s o l u t a m e n t e essere evitato l'avviamento mediante spinta, traino oppure sfruttando le dis c e s e . Q u e s t e m a n o v r e p o t r e b b e r o c a u s a r e l'afflusso di carburante nella m a r m i t t a catalitica e d a n n e g giarla i r r i m e d i a b i l m e n t e .

53

IN SOSTA
S p e g n e r e il m o t o r e , azionare il f r e n o a m a n o , inserire la 1 m a r c i a in salita o la r e t r o m a r c i a in discesa e lasciare le ruote sterzate. Se la v e t t u r a è p o s t e g g i a t a in forte p e n denza si consiglia anche di bloccare le ruote con un cuneo o c o n un sasso.
a

GUIDA SICURA
N e l l a p r o g e t t a z i o n e d e l l a Fiat P a n d a , Fiat ha l a v o r a t o a f o n d o per ottenere una vettura in grado di garantire la m a s s i m a sicurezza dei passeggeri. Tuttavia il c o m p o r t a m e n t o di chi g u i d a resta s e m p r e un fattore decisivo per la sicurezza stradale. Di seguito troverà alcune semplici regole per viaggiare in sicurezza in diverse c o n d i z i o n i . S i c u r a m e n t e m o l t e Le saranno già familiari m a , in o g n i caso, sarà utile leggere tutto con attenzione. PRIMA DI METTERSI AL VOLANTE ATTENZIONE - Accertarsi del c o r r e t t o f u n z i o n a m e n t o delle luci e dei fari.

N o n lasciare la chiave d ' a v v i a m e n t o in posizione M A R p e r c h é si scarica la batteria. Scendendo dalla vettura, estrarre s e m p r e la chiave.

Non lasciare mai bambini da soli sulla incustodita.

vettura

- Regolare b e n e la p o s i z i o n e del sedile, del v o l a n t e e degli specchi r e t r o v i s o r i , per o t t e n e r e la m i g l i o r e posizione di guida. - A s s i c u r a r s i c h e n u l l a ( s o v r a t a p p e t i , ecc.) o s t a c o l i la corsa dei pedali. - A n c o r a r e l'anello oscillante delle cinture anteriori in f u n zione della propria statura (vedere le indicazioni riportate nel c a p i t o l o " C o n o s c e n z a della v e t t u r a - r e g o l a z i o n i personalizzate"). - A s s i c u r a r s i che eventuali sistemi di ritenuta bambini ( s e g g i o l i n i , c u l l e , ecc.) s i a n o c o r r e t t a m e n t e f i s s a t i . - S i s t e m a r e c o n c u r a e v e n t u a l i o g g e t t i nel b a g a g l i a i o , per evitare che una frenata brusca possa proiettarli in avanti. - Evitare di d e p o s i t a r e sulla plancia o g g e t t i chiari o fogli di carta che si riflettano sul parabrezza.

54

GUIDA SICURA
- Evitare cibi pesanti p r i m a di affrontare un v i a g g i o . Un'alimentazione leggera contribuisce a m a n t e n e r e i riflessi p r o n t i . E v i t a r e a s s o l u t a m e n t e d i i n g e r i r e a l c o l i c i . L'uso d i d e t e r m i n a t i f a r m a c i p u ò r i d u r r e l a c a p a c i t à d i guida: leggere attentamente le relative avvertenze d'uso. -Periodicamente, ricordarsi di verificare quanto riportato al p a r a g r a f o " I n t e r v e n t i a g g i u n t i v i " nel c a p i t o l o "Manutenzione della v e t t u r a " . Allacciate IN V I A G G I O - La p r i m a r e g o l a per u n a g u i d a s i c u r a è la p r u d e n z a . - P r u d e n z a significa anche mettersi in condizione di poter prevedere un c o m p o r t a m e n t o errato o i m p r u d e n t e degli altri. - A t t e n e r s i s t r e t t a m e n t e alle n o r m e d i circolazione s t r a d a le di o g n i Paese e s o p r a t t u t t o r i s p e t t a r e i l i m i t i di v e l o c i t à . Acqua, - Non guidare u s a n d o c o m e a p p o g g i a p i e d i il pedale della frizione. Ciò p u ò causare u n ' u s u r a precoce della frizione stessa. - A s s i c u r a r s i s e m p r e che, oltre a Lei, anche tutti i passeggeri della v e t t u r a a b b i a n o le c i n t u r e allacciate, c h e i b a m bini s i a n o t r a s p o r t a t i c o n gli a p p r o p r i a t i s e g g i o l i n i e c h e gli e v e n t u a l i a n i m a l i s i a n o p o s t i i n a p p o s i t i s c o m p a r t i menti. - I l u n g h i viaggi v a n n o affrontati in c o n d i z i o n i di f o r m a ottimale. serie: quindi lente e strade riducendo ghiaccio si tuali te in teriori, seggiolini caso sia per ATTENZIONE Guidare ricolosissimo in stato o e di di ebbrezza, altri. sotto l'effetto è di pestupefacenti per sé determinati medicinali

per gli

ATTENZIONE sempre le cinture, Viaggiare sia dei posti le an-

di quelli posteriori compresi gli evenbambini. senza cintu-

re allacciate aumenta il rischio di lesioni gravi o di mord'urto.

ATTENZIONE e sale antigelo sui prima sparso dischi frenata. sulle freno, possono depositare alla

l'efficacia

frenante

ATTENZIONE Prestare aggiuntivi, potrebbero la loro ripetute, attenzione ruote ridurre efficienza oppure in in di la nel lega montaggio e coppe di di dei spoiler non freni di e vio-

ruota

ventilazione condizioni lunghe

frenate

discese.

55

GUIDA SICURA
ATTENZIONE Non vanti ta potrebbero accelerare sibile viaggiare al sedile o con nei oggetti pedali sul in pavimento caso di dafrenaimposdel guidatore: GUIDARE DI NOTTE Ecco le principali indicazioni da s e g u i r e q u a n d o si v i a g gia di notte. - Guidare c o n particolare p r u d e n z a : di notte le condizioni di guida s o n o più impegnative. - Ridurre la velocità, s o p r a t t u t t o su strade prive di illuminazione. ATTENZIONE Attenzione tappeti: all'impianto corsa del pedale un frenante all'ingombro potrebbe al di eventuali anche una sovramodesto maggior - Ai primi sintomi di sonnolenza, fermarsi: proseguire sarebbe un rischio per sé e per gli altri. R i p r e n d e r e la m a r cia s o l o d o p o u n s u f f i c i e n t e r i p o s o . - M a n t e n e r e una distanza di sicurezza, rispetto ai veicoli che precedono, m a g g i o r e che di g i o r n o : è difficile valutare la velocità degli altri veicoli q u a n d o se ne v e d o n o s o l o le l u c i . - Assicurarsi del corretto o r i e n t a m e n t o dei fari: se s o n o t r o p p o bassi, r i d u c o n o la visibilità e affaticano la vista. Se s o n o t r o p p o alti, p o s s o n o infastidire i g u i d a t o r i delle altre vetture. - U s a r e gli a b b a g l i a n t i s o l o f u o r i città e q u a n d o si è s i c u ri di n o n infastidire gli altri g u i d a t o r i . - Incrociando un altro veicolo, passare con sufficiente a n t i c i p o d a g l i a b b a g l i a n t i (se i n s e r i t i ) a g l i a n a b b a g l i a n t i . - M a n t e n e r e luci e fari puliti. - Fuori città, attenzione a l l ' a t t r a v e r s a m e n t o di a n i m a l i .

incastrarsi

rendendo

frenare.

inconveniente normale.

richiedere

rispetto

- N o n guidare per t r o p p e ore consecutive, ma effettuare delle soste periodiche per fare un p o ' di m o t o e ritemprare il f i s i c o . - Provvedere ad un costante ricambio d'aria nell'abitacolo. - N o n percorrere mai discese a m o t o r e s p e n t o : n o n si ha l'ausilio del f r e n o m o t o r e .

56

GUIDA SICURA
GUIDARE CON LA PIOGGIA La p i o g g i a e le s t r a d e b a g n a t e s i g n i f i c a n o p e r i c o l o . Su una strada bagnata tutte le m a n o v r e s o n o più difficili, in q u a n t o l'attrito delle ruote sull'asfalto è n o t e v o l m e n t e ridotto. Di c o n s e g u e n z a gli spazi di f r e n a t a si a l l u n g a n o n o t e v o l m e n t e e la t e n u t a di strada d i m i n u i s c e . Ecco a l c u n i c o n s i g l i d a s e g u i r e i n c a s o d i p i o g g i a : - Ridurre la velocità e m a n t e n e r e u n a m a g g i o r e distanza di sicurezza dai veicoli che p r e c e d o n o . - Se p i o v e m o l t o f o r t e , si riduce a n c h e la visibilità. In q u e sti c a s i , a n c h e s e è g i o r n o , a c c e n d e r e i f a r i a n a b b a g l i a n t i , per r e n d e r s i più visibili agli altri. - N o n attraversare ad alta velocità le p o z z a n g h e r e ed i m pugnare saldamente il volante: una pozzanghera presa ad alta velocità p u ò far perdere il controllo della vettura ("aquaplaning"). - Posizionare i c o m a n d i di v e n t i l a z i o n e per la f u n z i o n e di d i s a p p a n n a m e n t o (vedi capitolo " C o n o s c e n z a della vettura"), in m o d o da non avere problemi di visibilità. - Verificare p e r i o d i c a m e n t e le c o n d i z i o n i delle spazzole del tergicristallo e t e r g i l u n o t t o . GUIDARE NELLA NEBBIA - Se la n e b b i a è f i t t a , evitare per q u a n t o possibile di m e t tersi in viaggio. In caso di marcia con foschìa, nebbia u n i f o r m e o possibilità d i n e b b i a a b a n c h i : - T e n e r e una velocità moderata. - A c c e n d e r e anche di g i o r n o i fari a n a b b a g l i a n t i , il retronebbia posteriore e gli eventuali f e n d i n e b b i a anteriori. N o n usare gli a b b a g l i a n t i . Avvertenza Nei tratti di buona visibilità spegnere il retronebbia posteriore; l'alta intensità luminosa emessa dalle luci infastidisce i passeggeri dei veicoli che seguono. - Ricordare che la presenza di nebbia c o m p o r t a anche umidità sull'asfalto e quindi m a g g i o r e difficoltà in ogni tipo di m a n o v r a e a l l u n g a m e n t o degli spazi di f r e n a t a . - Conservare u n ' a m p i a distanza di sicurezza dal veicolo che precede. - Evitare il più possibile variazioni i m p r o v v i s e di velocità. - Evitare p o s s i b i l m e n t e il s o r p a s s o di altri v e i c o l i . - In caso di arresto forzato della vettura (guasti, i m p o s s i bilità a p r o c e d e r e per difficoltosa visibilità, ecc.), cercare i n n a n z i t u t t o d i f e r m a r s i f u o r i d a l l e c o r s i e d i m a r c i a . Poi a c c e n d e r e le luci d ' e m e r g e n z a e, se p o s s i b i l e , i fari a n a b baglianti. S u o n a r e r i t m i c a m e n t e il clacson se ci si accorge del s o p r a g g i u n g e r e di un'altra vettura. GUIDARE IN M O N T A G N A - Su strade in discesa, usare il f r e n o m o t o r e , inserendo m a r c e basse, per n o n surriscaldare i freni. - N o n percorrere a s s o l u t a m e n t e discese a m o t o r e spento o in folle, e t a n t o m e n o c o n la chiave d ' a v v i a m e n t o estratta.

57

GUIDA SICURA
- G u i d a r e a v e l o c i t à m o d e r a t a , e v i t a n d o di " t a g l i a r e " le curve. - R i c o r d a r e c h e il s o r p a s s o in s a l i t a è p i ù l e n t o e q u i n d i r i chiede più strada libera. Se si viene sorpassati in salita, agevolare il sorpasso da parte dell'altra vettura. GUIDARE SULLA NEVE E SUL GHIACCIO Ecco alcuni consigli per g u i d a r e in queste c o n d i z i o n i :

CONTENIMENTO DELLE SPESE DI GESTIONE E DELL'INQUINAMENTO AMBIENTALE
Qui di s e g u i t o v e n g o n o riportati alcuni utili s u g g e r i m e n t i che c o n s e n t o n o di ottenere un risparmio nelle spese di gestione della vettura ed un c o n t e n i m e n t o delle emissioni nocive.

CONSIDERAZIONI GENERALI M a n u t e n z i o n e della v e t t u r a

- T e n e r e una velocità moderatissima. - Su strada innevata, m o n t a r e le catene; fare riferimento al paragrafo "Catene da n e v e " in questo capitolo. - Usare p r e v a l e n t e m e n t e il f r e n o m o t o r e ed evitare com u n q u e frenate brusche. - Evitare accelerazioni i m p r o v v i s e e bruschi c a m b i di d i rezione. - D u r a n t e i p e r i o d i i n v e r n a l i , a n c h e le strade a p p a r e n t e mente asciutte possono presentare tratti ghiacciati. Attenzione q u i n d i nel percorrere tratti stradali p o c o esposti al s o l e , c o s t e g g i a t i da a l b e r i e r o c c e , sui q u a l i p u ò essere r i m a s t o del ghiaccio. - Tenere u n ' a m p i a distanza di sicurezza dai veicoli che precedono. - N o n r i m a n e r e a l u n g o f e r m i sulla neve alta c o n il m o t o re in m o t o : la neve p o t r e b b e d e v i a r e i gas di scarico in abitacolo. Le condizioni della vettura rappresentano un fattore i m portante che incide sul c o n s u m o di carburante n o n c h é sulla tranquillità di v i a g g i o e sulla vita stessa della vettura. Per q u e s t o m o t i v o è o p p o r t u n o c u r a r n e l a m a n u t e n zione facendo eseguire controlli e registrazioni secondo q u a n t o p r e v i s t o nel Piano d i M a n u t e n z i o n e P r o g r a m m a t a (vedi voci... candele, m i n i m o , filtro aria, filtro c o m b u s t i b i le, ecc.). Pneumatici Controllare periodicamente la pressione dei pneumatici c o n un i n t e r v a l l o n o n s u p e r i o r e alle 4 s e t t i m a n e : se la pressione è t r o p p o bassa i c o n s u m i a u m e n t a n o in q u a n t o m a g g i o r e è la resistenza al r o t o l a m e n t o . Va s o t t o l i n e a t o che in tali c o n d i z i o n i a u m e n t a l'usura dei p n e u m a t i c i e p e g g i o r a il c o m p o r t a m e n t o della vettura in marcia e q u i n d i la sua sicurezza.

58

CONTENIMENTO DELLE SPESE DI GESTIONE E DELL' INQUINAMENTO AMBIENTALE
Carichi i n u t i l i Non v i a g g i a r e c o n s o v r a c c a r i c o nel b a g a g l i a i o . Il p e s o della v e t t u r a ( s o p r a t t u t t o nel t r a f f i c o u r b a n o ) , ed il s u o assetto i n f l u e n z a n o f o r t e m e n t e i c o n s u m i e la s t a b i l i t à . Portapacchi/portasci Togliere il portapacchi od il portasci dal tetto a p p e n a utilizzati. Q u e s t i a c c e s s o r i d i m i n u i s c o n o l a p e n e t r a z i o n e a e r o d i n a m i c a della vettura i n f l u e n d o n e g a t i v a m e n t e sui consumi. In caso di trasporto di oggetti particolarmente v o l u m i n o s i utilizzare p r e f e r i b i l m e n t e u n r i m o r c h i o . Utilizzatori elettrici Utilizzare i d i s p o s i t i v i elettrici s o l o per il t e m p o necessario. Il l u n o t t o t e r m i c o , i p r o i e t t o r i s u p p l e m e n t a r i , il t e r g i cristallo, la v e n t o l a d e l l ' i m p i a n t o di riscaldamento h a n n o un f a b b i s o g n o di energia notevole per cui, a u m e n t a n d o la richiesta di corrente, a u m e n t a il c o n s u m o di carburante (fino a + 2 5 % su ciclo u r b a n o ) . Appendici aerodinamiche L'utilizzo d i a p p e n d i c i a e r o d i n a m i c h e , n o n certificate allo scopo, p u ò penalizzare a e r o d i n a m i c a e c o n s u m i . STILE DI G U I D A Avviamento N o n fare scaldare il m o t o r e con vettura f e r m a né al regime m i n i m o né elevato: in queste condizioni il m o t o r e si scalda m o l t o più lentamente, a u m e n t a n d o c o n s u m i ed emissioni. È consigliabile pertanto partire subito e lentam e n t e , e v i t a n d o r e g i m e elevati, in tal m o d o il m o t o r e si scalderà più rapidamente. Manovre inutili Evitare colpi di acceleratore q u a n d o si è f e r m i al s e m a f o ro o p r i m a di s p e g n e r e il m o t o r e . Q u e s t ' u l t i m a m a n o v r a c o m e anche la " d o p p i e t t a " sono assolutamente inutili sulle vetture m o d e r n e . Queste operazioni a u m e n t a n o consumi ed inquinamento. Selezione delle marce A p p e n a le condizioni del traffico ed il percorso stradale lo c o n s e n t o n o , utilizzare u n a m a r c i a più alta. Utilizzare una marcia bassa per ottenere una brillante accelerazione c o m p o r t a u n a u m e n t o dei c o n s u m i . Allo stesso m o d o l'utilizzo i m p r o p r i o d i u n a m a r c i a alta a u m e n t a c o n s u m i , emissioni, usura motore.

59

CONTENIMENTO DELLE SPESE DI GESTIONE E DELL'INQUINAMENTO AMBIENTALE
Velocità massima Il c o n s u m o di carburante a u m e n t a n o t e v o l m e n t e col crescere della velocità: è utile osservare che passando da 90 a 120 k m / h si ha un i n c r e m e n t o nei c o n s u m i di circa +30%. Tenere inoltre una velocità il più possibile uniform e , e v i t a n d o f r e n a t e e riprese s u p e r f l u e , che c o s t a n o carb u r a n t e ed a u m e n t a n o nel c o n t e m p o le e m i s s i o n i . Si consiglia p e r t a n t o di a d o t t a r e u n o stile di g u i d a " m o r b i d o " cercando di anticipare le m a n o v r e per evitare pericoli i m m i n e n t i e di r i s p e t t a r e le d i s t a n z e di sicurezza al f i n e di evitare bruschi rallentamenti. Accelerazione Accelerare v i o l e n t e m e n t e p o r t a n d o il m o t o r e a n u m e r o di giri e l e v a t o penalizza n o t e v o l m e n t e i c o n s u m i e le e m i s sioni; conviene accelerare con gradualità e non oltrepassare il r e g i m e di c o p p i a m a s s i m a . CONDIZIONI D'IMPIEGO Avviamento a freddo Percorsi m o l t o brevi e frequenti a v v i a m e n t i a f r e d d o non consentono al m o t o r e di raggiungere la temperatura ottimale di esercizio. Ne c o n s e g u e un significativo a u m e n t o sia dei c o n s u m i (da + 1 5 f i n o a + 3 0 % su ciclo u r b a n o ) che delle emissioni di sostanze nocive. Situazioni di traffico e condizioni stradali C o n s u m i piuttosto elevati s o n o legati a situazioni di traffico intenso, ad esempio quando si procede incolonnati c o n f r e q u e n t e utilizzo dei r a p p o r t i inferiori del c a m b i o o p pure in grandi città o v e s o n o presenti n u m e r o s i s e m a f o r i . Anche percorsi tortuosi, strade di m o n t a g n a e superfici stradali sconnesse influenzano negativamente i c o n s u m i . Soste nel traffico D u r a n t e l e s o s t e p r o l u n g a t e (es.: p a s s a g g i a l i v e l l o ) è c o n sigliabile spegnere il m o t o r e .

60

GUIDA ECONOMICA E RISPETTOSA DELLAMBIENTE
La tutela dell'ambiente è u n o dei principi che h a n n o g u i d a t o l a r e a l i z z a z i o n e d e l l a Fiat P a n d a . N o n p e r n u l l a i s u o i dispositivi a n t i n q u i n a m e n t o o t t e n g o n o risultati ben al di là della n o r m a t i v a vigente. T u t t a v i a , l'ambiente n o n p u ò fare a m e n o d e l l a m a s s i m a a t t e n z i o n e d a p a r t e d i o g n u no. L'automobilista, seguendo poche semplici regole, può evitare d a n n i a l l ' a m b i e n t e e m o l t o spesso limitare c o n temporaneamente i consumi. A questo proposito qui di seguito sono riportate molte indicazioni utili, che v a n n o a s o m m a r s i a tutte quelle c o n traddistinte dal s i m b o l o , presenti in vari p u n t i del libretto. L'invito, per le p r i m e c o m e per le s e c o n d e , è di leggerle con attenzione. S A L V A G U A R D I A DEI D I S P O S I T I V I CHE R I D U C O N O LE EMISSIONI Il corretto f u n z i o n a m e n t o dei dispositivi a n t i n q u i n a m e n t o non solo garantisce il rispetto dell'ambiente ma influisce anche sul r e n d i m e n t o della v e t t u r a . Mantenere in b u o n e condizioni questi dispositivi è quindi la prima regola per una guida al t e m p o stesso ecologica ed economica. La p r i m a p r e c a u z i o n e è seguire s c r u p o l o s a m e n t e il Piano di Manutenzione Programmata. Se l'avviamento è difficoltoso, non insistere con prolungati tentativi. Evitare assolutamente le m a n o v r e a spinta, il traino o di sfruttare strade in discesa: s o n o tutte m a n o vre che p o s s o n o danneggiare la m a r m i t t a catalitica. Servirsi esclusivamente di una batteria ausiliaria. Se durante la marcia il m o t o r e "gira m a l e " , proseguire rid u c e n d o al m i n i m o indispensabile la richiesta di prestazioni del m o t o r e , e rivolgersi p r i m a possibile alla Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat. Q u a n d o si accende la spia della riserva p r o v v e d e r e , appena possibile, al r i f o r n i m e n t o . Un basso livello del c a r b u rante p o t r e b b e causare u n ' a l i m e n t a z i o n e irregolare del m o t o r e c o n inevitabile a u m e n t o della t e m p e r a t u r a dei gas di scarico; ne d e r i v e r e b b e r o seri d a n n i alla m a r m i t t a catalitica.

61

GUIDA ECONOMICA E RISPETTOSA DELLAMBIENTE
N o n far funzionare il m o t o r e , anche solo per p r o v a , con una o più candele scollegate. Non far scaldare il m o t o r e al m i n i m o prima di partire, se non q u a n d o la t e m p e r a t u r a esterna è m o l t o bassa e, anche in questo caso, per non più di 30 secondi. N o n installare altri ripari di calore e n o n r i m u o v e r e quelli esistenti posti sulla m a r m i t t a catalitica e sul c o n d o t t o di scarico. N o n spruzzare nulla sulla m a r m i t t a catalitica, sulla s o n d a L a m b d a e sul c o n d o t t o di scarico.

SALVAGUARDIA DELLAMBIENTE
La salvaguardia d e l l ' a m b i e n t e ha g u i d a t o la progettazione e la r e a l i z z a z i o n e d e l l a Fiat P a n d a in t u t t e le s u e f a s i . Il r i s u l t a t o è nell'utilizzo di m a t e r i a l i e nella m e s s a a p u n t o di dispositivi in g r a d o di ridurre o limitare drasticamente le influenze nocive sull'ambiente. L a Fiat P a n d a è p r o n t a p e r v i a g g i a r e c o n u n b u o n m a r g i ne di vantaggio sulle più severe normative antinquinamento internazionali. I dispositivi impiegati per ridurre le e m i s s i o n i s o n o : - convertitore catalitico trivalente ( m a r m i t t a catalitica); - sonde Lambda; - impianto antievaporazione.

ATTENZIONE Nel di, colo non di suo normale sviluppa la secche, funzionamento, elevate vettura aghi su di la marmitta Quininfiamperi-

catalitica mabile (erba,

temperature. materiale pino, ecc.):

parcheggiare foglie incendio.

ATTENZIONE L'inosservanza schi di di queste norme può creare ri-

incendio.

62

TRAINO DI RIMORCHI
Avvertenze Per il traino di rimorchi la vettura deve essere dotata di gancio di traino omologato e di adeguato impianto elettrico. Montare specchi retrovisori specifici, nel rispetto delle norme del Codice di Circolazione Stradale. Ricordate che un rimorchio al traino riduce la possibilità di superare le pendenze massime. Nei percorsi in discesa inserire una marcia bassa, anziché usare costantemente il freno. Il peso che il rimorchio esercita sul gancio di traino della vettura, riduce di uguale valore la capacità di carico della vettura stessa. Per essere sicuri di non superare il peso massimo rimorchiabile si deve tener conto del peso del rimorchio a pieno carico, compresi gli accessori e i bagagli personali. Rispettare i limiti di velocità specifici di ogni Paese per i veicoli con traino di rimorchio. In ogni caso la velocità massima non deve superare i 100 km/h. I N S T A L L A Z I O N E DEL DISPOSITIVO L'attacco per il dispositivo di traino d e v e essere fissato alla c a r r o z z e r i a a c u r a d e l l ' U t e n t e . Per i l c o l l e g a m e n t o m e c c a n i c o d e v o n o e s s e r e i m p i e g a t i : - g a n c i o a s f e r a V c a t e g o r i a m o d e l l o " C U N A 501 " ( t a b e l la CUNA N C 1 3 8 - 4 0 ) ; - o c c h i o n e a sfera 1 c a t e g o r i a m o d e l l o " C U N A 501 " (tabella C U N A N C 4 3 8 - 4 0 ) ; Per i l c o l l e g a m e n t o e l e t t r i c o d e v e e s s e r e a d o t t a t o u n g i u n t o a 7 poli a 12V (tabella C U N A U N I 9128). Il g i u n t o di c o l l e g a m e n t o elettrico p u ò essere fissato su apposita staffa da applicare all'attacco per il g a n c i o a sfera. I collegamenti con la morsettiera d e v o n o essere o p p o r t u namente modificati, sostituendo anche il lampeggiatore con un altro a carico duplice, adatto per tre l a m p a d e da 21W, allo scopo di garantire il corretto f u n z i o n a m e n t o degli indicatori di direzione. Inoltre si deve collegare la m a s sa della v e t t u r a alla m a s s a del r i m o r c h i o , t r a m i t e il g i u n t o a 7 p o l i c o n u n c a v o d i 2,5 m m d i s e z i o n e .
2 a

63

TRAINO DI RIMORCHI
In a g g i u n t a ai r e g o l a m e n t a r i d i s p o s i t i v i di s e g n a l a z i o n e , è a m m e s s o collegare all'impianto della vettura soltanto il cavo per l'alimentazione di un eventuale freno elettrico ed il cavo per una l a m p a d a d ' i l l u m i n a z i o n e interna del rim o r c h i o , purché di potenza non superiore a 15W. Il cavo per il f r e n o elettrico deve essere a l i m e n t a t o dirett a m e n t e dalla batteria ed essere di sezione n o n inferiore a 2,5 m m .
2

La Fiat non si assume alcuna responsabilità nel caso di esecuzioni non corrispondenti a quanto qui prescritto. Fermo restando la validità dei punti di attacco per il dispositivo di traino occorre che l'Utente sì attenga alle eventuali leggi specifiche in vigore nei Paesi in cui la vettura è immatricolata.

L'insieme delle operazioni da c o m p i e r e è illustrato dagli schemi di principio in " A p p e n d i c e " a f o n d o libretto. Avvertenze L'alloggiamento della targa è compatibile con il montaggio di un dispositivo di traino a sfera di tipo mobile, vale a dire facilmente smontabile, oppure che possa assumere una posizione diversa da quella di lavoro, tale da non occultare la visibilità della targa quando la motrice viaggia come veicolo isolato. Nel caso in cui il veicolo tivo di traino a sfera di tipo ci di illuminazione devono sentato in figura. venga equipaggiato con disposifisso, la targa e le rispettive luessere alloggiate come rappre-

64

TRAINO DI RIMORCHI
FRENI

N o n s o n o a s s o l u t a m e n t e a m m e s s e m o d i f i c h e all'impianto freni della v e t t u r a per il c o m a n d o del freno del r i m o r c h i o , per cui l'impianto di frenatura del r i m o r c h i o deve essere c o m p l e t a m e n t e indipendente dall'impianto idraulico della vettura.

S C H E M A ELETTRICO 1 - L a m p e g g i a t o r i a c a r i c o d u p l i c e p e r i n d i c a t o r i di d i r e zione. 2 - I n t e r r u t t o r e c o m a n d o luci di s e g n a l a z i o n e a r r e s t o vettura. 3 - Giunto a 7 poli. 4 - P u n t o di m a s s a p o s t e r i o r e . 5 - G r u p p o ottico posteriore sinistro.

In nero: collegamenti esistenti su vettura. In rosso: c o l l e g a m e n t i da effettuare a cura dell'installatore.

65

TRAINO DI RIMORCHI

ATTENZIONE

Dopo il montaggio, i fori di passaggio delle viti di fissaggio devono essere sigillati, per impedire eventuali infiltrazioni dei gas di scarico.

N.B. - L'installatore del gancio di traino rimorchio ha l'obbligo di fissare alla stessa altezza della sfera una targhetta (ben visibile) di dimensioni e materiale opportuno con la seguente scritta: CARICO MAX SULLA SFERA 56 kg.

66

COSA FARE SE...
... IL MOTORE NON SI AVVIA ... SI FORA UN PNEUMATICO ... SI SPEGNE UNA LUCE INTERNA ... SI SPEGNE UNA LUCE ESTERNA ... SI BRUCIA UN FUSIBILE ...SI SCARICA LA BATTERIA 68 69 74 76 79 81

... SI DEVE SOLLEVARE LA VETTURA .. 82 ...SI DEVE TRAINARE LA VETTURA .... 84

67

IL MOTORE NON SI AVVIA
A V V I A M E N T O D'EMERGENZA S e i l s i s t e m a Fiat C O D E n o n r i e s c e a d i s a t t i v a r e i l b l o c c o m o t o r e le spie e r i m a n g o n o accese ed il m o t o r e n o n s i a v v i a . Per a v v i a r e i l m o t o r e è n e c e s s a r i o r i c o r r e r e all'avviamento di emergenza. Si consiglia di leggere con attenzione t u t t a la procedura p r i m a di eseguirla. Se si c o m m e t t e un errore durante la p r o c e d u r a di e m e r g e n z a b i s o g n a r i p o r t a r e la c h i a v e di avv i a m e n t o in S T O P e r i p e t e r e le o p e r a z i o n i a p a r t i r e dal p u n t o 1). 1) L e g g e r e il c o d i c e e l e t t r o n i c o a 5 c i f r e r i p o r t a t o s u l l a CODE card. 2) Ruotare la chiave di a v v i a m e n t o in M A R . 3) P r e m e r e a f o n d o e m a n t e n e r e p r e m u t o il p e d a l e acceleratore. La spia si a c c e n d e , p e r circa 8 s e c o n d i , e p o i si s p e g n e ; adesso rilasciare il pedale dell'acceleratore. 4) La spia c o m i n c i a a l a m p e g g i a r e : d o p o un n u m e r o di l a m p e g g i u g u a l e alla p r i m a cifra del c o d i c e della CODE card, p r e m e r e e m a n t e n e r e p r e m u t o il pedale acceleratore f i n o a q u a n d o la spia si a c c e n d e (per q u a t t r o s e c o n di) e p o i s i s p e g n e ; a d e s s o r i l a s c i a r e i l p e d a l e d e l l ' a c c e l e ratore. 5) La spia c o m i n c i a a l a m p e g g i a r e : d o p o un n u m e r o di l a m p e g g i u g u a l e alla s e c o n d a cifra del codice della C O D E c a r d , p r e m e r e e m a n t e n e r e p r e m u t o i l p e d a l e acceleratore. 6 ) P r o c e d e r e a l l o s t e s s o m o d o p e r l e r i m a n e n t i c i f r e del codice della CODE card. 7) I m m e s s a l'ultima cifra, m a n t e n e r e p r e m u t o il pedale dell'acceleratore. La spia s i a c c e n d e ( p e r q u a t t r o sec o n d i ) e poi si s p e g n e ; a d e s s o rilasciare il pedale dell'acceleratore. 8) Un l a m p e g g i o rapido della spia (per circa quattro secondi) conferma che l'operazione è avvenuta correttamente. 9) Procedere a l l ' a v v i a m e n t o del m o t o r e r u o t a n d o la chiav e dalla posizione M A R alla p o s i z i o n e A V V . Se invece la spia continua a rimanere accesa, ruotare la c h i a v e di a v v i a m e n t o in S T O P e r i p e t e r e la p r o c e d u r a a p a r t i r e d a l p u n t o 1). Avvertenza Dopo un avviamento d'emergenza è consigliabile rivolgersi alla Rete Assistenziale Fiat perché la procedura di emergenza va ripetuta ad ogni avviamento del motore.

68

SI FORA UN PNEUMATICO
INDICAZIONI GENERALI

ATTENZIONE Il ruotino in dotazione è specifico per la vettura; non adoperarlo su veicoli di modello diverso, né utilizzare ruote di soccorso di altri modelli sulla sua vettura. L'eventuale sostituzione del tipo di ruote impiegate (cerchi in lega al posto di quelli in acciaio) comporta che necessariamente venga cambiata la completa dotazione dei bulloni di fissaggio con altri di dimensione adeguata. Il ruotino di scorta deve essere usato solo in caso di emergenza. L'impiego deve essere ridotto al minimo indispensabile e la velocità non deve superare gli 80 km/h. Le caratteristiche di guida della vettura, con il ruotino montato, risultano modificate. Evitare accelerate e frenate violente, brusche sterzate e curve veloci. La durata complessiva è di circa 3000 km, dopo tale percorrenza il pneumatico del ruotino deve essere sostituito con un altro dello stesso tipo.

L'operazione di sostituzione ruota ed il corretto i m p i e g o del cric e della r u o t a di scorta r i c h i e d o n o l'osservanza di alcune precauzioni che v e n g o n o di seguito elencate.

ATTENZIONE Segnalare la presenza della vettura ferma secondo le disposizioni vigenti: luci di emergenza, triangolo rifrangente, ecc. E opportuno che le persone a bordo scendano, specialmente se la vettura è molto carica, ed attendano che si compia la sostituzione sostando fuori dal pericolo del traffico. In caso di strade in pendenza o dissestate, posizionare sotto le ruote dei cunei o altri materiali adatti a bloccare la vettura.

69

... SI FORA UN PNEUMATICO
ATTENZIONE ATTENZIONE

Non installare in alcun caso un pneumatico tradizionale su di un cerchio previsto per l'uso come ruotino di scorta. Far riparare e rimontare la ruota sostituita il più presto possibile. Non è consentito l'impiego contemporaneo di due o più ruotini. Non ingrassare i filetti dei bulloni prima di montarli: potrebbero svitarsi spontaneamente. Il cric serve solo per la sostituzione di ruote sulla vettura a cui è in dotazione oppure su vetture dello stesso modello. Sono assolutamente da escludere impieghi diversi come ad esempio sollevare vetture di altri modelli. In nessun caso, utilizzarlo per riparazioni sotto la vettura. Il non corretto posizionamento del cric può provocare la caduta della vettura sollevata. Non utilizzare il cric per portate superiori a quella indicata sull'etichetta che vi si trova applicata. Non avviare mai il motore quando la vettura è sollevata sul cric. Se si viaggia con il rimorchio, sganciare il rimorchio prima di sollevare la vettura.

Sul ruotino di scorta non possono essere montate le catene da neve, pertanto se si fora un pneumatico anteriore (ruota motrice) e vi è necessità di impiego delle catene, si deve prelevare dall'asse posteriore una ruota normale e montare il ruotino al posto di quest'ultima. In questo modo, avendo due ruote normali motrici anteriori, si possono montare su queste le catene da neve risolvendo quindi la situazione di emergenza. Un montaggio errato della coppa ruota, può causarne il relativo distacco quando la vettura è in marcia. Non manomettere assolutamente la valvola di gonfiaggio. Non introdurre utensili di alcun genere tra cerchio e pneumatico. Controllare periodicamente la pressione dei pneumatici e del ruotino di scorta attenendosi ai valori riportati nel capitolo "Caratteristiche e dati tecnici".

70

SI FORA UN PNEUMATICO
SOSTITUZIONE RUOTA É o p p o r t u n o sapere che: - la m a s s a d e l c r i c è di 2 , 5 8 kg - il cric n o n r i c h i ede n e s s u n a r e g o l a z i o n e - il cric n o n é r i p a r a b i l e , in caso di g u a s t o va s o s t i t u i t o con un altro originale. Procedere alla s o s t i t u z i o n e r u o t a c o m e s e g u e : 1) Fermare la v e t t u r a in posizione tale che n o n costituisca p e r i c o l o per il traffico e p e r m e t t a di s o s t i t u i r e la r u o t a a g e n d o con sicurezza. Il t e r r e n o deve essere p o s s i b i l m e n te piano e s u f f i c i e n t e m e n t e c o m p a t t o . 2) S p e g n e r e il m o t o r e e t i r a r e il f r e n o a m a n o . 3) Inserire la p r i m a m a r c i a o la r e t r o m a r c i a . 4) A p r i r e il c o f a n o v a n o m o t o r e e p r e l e v a r e la ruota di scorta. 5) Estrarre il cric di s o l l e v a m e n t o v e t t u r a s g a n c i a n d o prima il tirante elastico A. 6) Estrarre l'apposita chiave dalla sede ricavata sulla vaschetta liquido lavacristallo-lavalunotto ed allentare di circa un giro le c o l o n n e t t e di fissaggio della ruota da sostituire. 7) Innestare il c o d o l o del cric di s o l l e v a m e n t o nella m e n sola situata sotto il pianale, d o p o essersi assicurati che il t e r r e n o d i a p p o g g i o sia s u f f i c i e n t e m e n t e c o m p a t t o (in f a se di s o l l e v a m e n t o la base del cric n o n d e v e a f f o n d a r e ) . 8) A v v i s a r e le eventuali persone presenti che la vettura sta per essere s o l l e v a t a ; o c c o r r e p e r t a n t o scostarsi dalle s u e i m m e d i a t e v i c i n a n z e e d a m a g g i o r r a g i o n e a v e r e l'avvertenza di n o n toccarla fin q u a n d o n o n sarà n u o v a m e n t e riabbassata.

SI FORA UN PNEUMATICO
9) Ruotare la m a n o v e l l a , f i n o a q u a n d o la ruota da sostituire risulti sollevata da terra di alcuni centimetri. Ruotando la m a n o v e l l a , cautelarsi che la rotazione avvenga l i b e r a m e n t e senza rischi di escoriazioni alla m a n o per s f r e g a m e n t o c o n t r o il s u o l o . A n c h e le parti del cric in m o v i m e n t o (vite e d articolazioni) p o s s o n o p r o c u r a r e lesioni: evitarne il contatto. Pulirsi a c c u r a t a m e n t e in caso di i m brattamento con il grasso lubrificante. 10) T o g l i e r e l a c o p p a d e l l a r u o t a d o p o a v e r s v i t a t o l e t r e colonnette che la fissano infine svitare l'ultima colonnetta ed estrarre la ruota. O v v i a m e n t e per le versioni con coppette a p r e s s i o n e p r i m a di svitare le c o l o n n e t t e scalzare la coppetta. 11) D e p o r r e l e v i t i i n m o d o d a e v i t a r e d i i m b r a t t a r e d i t e r riccio la filettatura, causa di difficoltà nel successivo rimontaggio. 12) A s s i c u r a r s i c h e l a r u o t a d i s c o r t a s i a , s u l l e s u p e r f i c i d i a p p o g g i o , pulita e priva di i m p u r i t à che p o t r e b b e r o , successivamente, causare l'allentamento dei bulloni di fissaggio. 13) M o n t a r e l a r u o t a d i s c o r t a , t e n e n d o p r e s e n t e c h e i l perno di centraggio deve c o r r i s p o n d e r e con u n o dei fori di riferimento sul disco della ruota. 14) P o s i z i o n a r e l a c o p p a s u l l a r u o t a f a c e n d o c o i n c i d e r e l a finestratura più g r a n d e c o n la v a l v o l a del p n e u m a t i c o , d o p o d i c h é fissare il tutto al mozzo con le quattro colonnette. 15) A b b a s s a r e l a v e t t u r a e d e s t r a r r e i l c r i c . 16) S e r r a r e a f o n d o l e c o l o n n e t t e i n m o d o u n i f o r m e , p a s sando alternativamente da una vite a quella diametralmente opposta. Sulle versioni d o v e le coppette s o n o a pressione montarle d o p o aver fissato la ruota al mozzo con le quattro colonnette.

72

SI FORA UN PNEUMATICO
17) R i c o n t r o l l a r e l a c h i u s u r a a f o n d o d e l l e c o l o n n e t t e d o p o c i r c a 100 k m . 18) Far c o n t r o l l a r e l a p r e s s i o n e d e l p n e u m a t i c o : d e v e c o r r i s p o n d e r e a q u e l l a prescritta nel c a p i t o l o " C a r a t t e r i s t i c h e e dati t e c n i c i " . 19) A d o p e r a z i o n e u l t i m a t a , p r i m a d i s i s t e m a r e i l c r i c n e l la p r o p r i a s e d e , r i p i e g a r e il c o d o l o e g i r a r e la m a n o v e l l a finché l'estremità del c o d o l o stesso r i m a n g a bloccata sulla base del cric, o n d e evitare eventuali vibrazioni d u r a n t e la m a r c i a della v e t t u r a . Sulle v e r s i o n i allestite c o n c o p p a ruote integrale v i e n e fornita, con la dotazione di b o r d o , la prolunga A. Tale p r o l u n g a p u ò essere utilizzata per facilitare l ' i m b o c c o delle colonnette fissaggio ruote; l'estremità opposta consente di facilitare la m a n o v r a del t a p p o della v a l v o l a di g o n fiaggio dei p n e u m a t i c i .

Volendo adottare cerchi ruote diversi da quelli con cui la vettura è equipaggiata all'origine, consultare la Rete Assistenziale Fiat. Solo cerchi specificatam e n t e previsti come ricambio per i singoli allestimenti garantiscono di non incorrere in inconvenienti di m o n t a g g i o o funzionali.

73

... SI SPEGNE UNA LUCE INTERNA
ATTENZIONE Modifiche eseguite conto sono di delle causare incendio. in o riparazioni modo non di dell'impianto corretto e senza con elettrico tenere posrischi - Dopo aver sostituito una l a m p a d a dei fari, verificare s e m p r e l ' o r i e n t a m e n t o per m o t i v i di sicurezza. Avvertenza Sulla superficie interna del faro può apparire un leggero strato di appannamento: ciò non indica un 'anomalia, è infatti un fenomeno naturale dovuto alla bassa temperatura e al grado di umidità dell'aria; sparirà rapidamente accendendo i fari, la presenza di gocce all'interno del faro indica infiltrazione d'acqua, rivolgersi alla Rete Assistenziale Fiat. - Le l a m p a d e bruciate d e v o n o essere sostituite c o n altre dello stesso tipo e potenza.

caratteristiche anomalie

tecniche

dell'impianto,

funzionamento

ATTENZIONE Si consiglia, stituzione stenziale mento previste sicurezza Fiat. luci di dalla Il delle se possibile, lampade sono corretto esterne e di far effettuare la sopresso la Rete ed nelle Assiorientasanzioni

delle

funzionamento incorrere

requisiti essenziali per la

marcia legge.

per non

LUCE INTERNA La l a m p a d a B ( 1 2 V - 5 W c o n i n n e s t o a p r e s s i o n e ) è a c c e s s i b i l e a s p o r t a n d o il t r a s p a r e n t e A f i s s a t o a p r e s s i o n e .

INDICAZIONI GENERALI - Q u a n d o non funziona una luce, p r i m a di sostituire la l a m p a d a , v e r i f i c a r e c h e il f u s i b i l e c o r r i s p o n d e n t e sia integro. - Per l ' u b i c a z i o n e d e i f u s i b i l i f a r e r i f e r i m e n t o a l p a r a g r a f o "...si b r u c i a u n f u s i b i l e " i n q u e s t o c a p i t o l o . - P r i m a di sostituire una l a m p a d a verificare che i relativi contatti non siano ossidati.

74

... SI SPEGNE UNA LUCE INTERNA
LUCE 3° STOP Per s o s t i t u i r e u n a o p i ù l a m p a d e d a 1 2 V - 5 W : - A p r i r e il portellone del bagagliaio. - S v i t a r e le d u e v i t i A e r i m u o v e r e il g r u p p o . - S c o l l e g a r e la c o n n e s i o n e e l e t t r i c a B. - S v i t a r e le v i t i C di f i s s a g g i o del g r u p p o o t t i c o e s o s t i t u i re la l a m p a d a D b r u c i a t a i n s e r i t a a p r e s s i o n e . - Procedere al r i m o n t a g g i o e s e g u e n d o in m o d o inverso le varie operazioni sopra elencate.

75

... SI SPEGNE UNA LUCE ESTERNA
FARI Per s o s t i t u i r e l a l a m p a d a D ( 1 2 V - 4 0 / 4 5 W ) d e l l e l u c i a b b a glianti ed anabbaglianti occorre: - S f i l a r e il r a c c o r d o a s p i n a A ed il r i p a r o in g o m m a B. - R u o t a r e in s e n s o a n t i o r a r i o la m o l l e t t a ad a n e l l o C prem e n d o sulle d u e alette esterne fino a liberarle dalle loro sedi di ritegno. - S o s t i t u i r e la l a m p a d a D a v e n d o c u r a di far c o i n c i d e r e il g r a n o di riferimento sulla l a m p a d a c o n la rispettiva sede. - R i m e t t e r e la m o l l e t t a C. - I n f i l a r e il r i p a r o in g o m m a B. - I n n e s t a r e il r a c c o r d o a s p i n a A s u l l a l a m p a d a . Ad operazione u l t i m a t a verificare l ' o r i e n t a m e n t o dei fari.

76

... SI SPEGNE UNA LUCE ESTERNA
LUCI A N T E R I O R I DI POSIZIONE Per s o s t i t u i r e l a l a m p a d a ( 1 2 V - 5 W ) d e l l e l u c i d i p o s i z i o n e occorre: - a s p o r t a r e il r i p a r o A c o m e s o p r a ; - s f i l a r e il p o r t a l a m p a d a E ed a s p o r t a r e la l a m p a d a fissata a baionetta. LUCI LATERALI DI DIREZIONE In caso di avaria degli indicatori laterali di direzione, sostituire il c o r p o c o m p l e t o a g e n d o dall'interno del parafango sulle m o l l e t t e di b l o c c a g g i o alla carrozzeria e s f i l a n d o c o n t e m p o r a n e a m e n t e il p o r t a l a m p a d e dalla parte esterna della carrozzeria.

LUCI ANTERIORI DI DIREZIONE Per a c c e d e r e a l l a l a m p a d a A ( 1 2 V - 2 1 W c o n i n n e s t o a baionetta) asportare il trasparente, a g e n d o sulle viti C.

77

... SI SPEGNE UNA LUCE ESTERNA
LUCI POSTERIORI DI POSIZIONE, A R R E S T O , DIREZIONE, A N T I N E B B I A E RETROMARCIA Per a c c e d e r e a l l e l a m p a d e ( c o n i n n e s t o a b a i o n e t t a ) o c corre svitare le d u e viti A che fissano il c o r p o p o r t a l a m p a de c o m p l e t o alla carrozzeria, p r e m e r e la m o l l e t t a B ed a s p o r t a r e il t r a s p a r e n t e C. D - L a m p a d a (12V - 5 / 2 1 W a d o p p i o f i l a m e n t o ) per luci d p o s i z i o n e e di a r r e s t o . E - L a m p a d a ( 1 2 V - 2 1 W ) p e r l u c e di d i r e z i o n e . F - L a m p a d a (12V - 2 1 W ) per luce s u p p l e m e n t a r e antinebb i a , g r u p p o o t t i c o s i n i s t r o , e l a m p a d a ( 1 2 V - 2 1 W ) p e r luce retromarcia g r u p p o ottico destro. LUCE T A R G A Per a c c e d e r e a l l a l a m p a d a H ( 1 2 V - 5 W ) c o n i n n e s t o a p r e s s i o n e ) s v i t a r e le d u e v i t i G ed a s p o r t a r e il t r a s p a r e n t e I.

78

... SI BRUCIA UN FUSIBILE
FUSIBILE G E N E R A L E DI P R O T E Z I O N E DELL'IMPIANTO ELETTRICO I cavi d e l l ' i m p i a n t o elettrico a l i m e n t a t i d i r e t t a m e n t e dalla batteria s o n o protetti da un fusibile ad alto a m p e r a g g i o posto tra la batteria ed il n o d o di derivazione. Avvertenza Se il fusibile interviene, tutto vettura è inefficiente. Non eseguire nessun intervento riparativo Rete Assistenziale Fiat. CENTRALINA PORTA FUSIBILI I fusibili t r o v a n o posto in una centralina sistemata sotto la plancia p o r t a s t r u m e n t i sul lato sinistro. l'impianto rivolgersi della alla Superiormente ad ogni fusibile è riportato l ' i d e o g r a m m a che individua il particolare elettrico principale protetto. Il v a l o r e della corrente di f u s i o n e è c h i a r a m e n t e s t a m p i gliato su ogni fusibile. Per c o n s t a t a r e l ' e f f i c i e n z a d i u n f u s i b i l e , e s t r a r l a d a l l a s e d e e v e r i f i c a r e c h e l ' e l e m e n t o c o n d u t t o r e A n o n sia i n t e r rotto: in caso c o n t r a r i o p r o v v e d e r e alla s o s t i t u z i o n e c o n u n fusibile r i g o r o s a m e n t e del m e d e s i m o a m p e r a g g i o . Prima di sostituire un fusibile, ricercare ed eliminare il guasto che ha provocato la fusione.

N o n sostituire mai un fusibile g u a s t o c o n fili metallici o altro materiale di recupero. Utilizzare sempre un fusibile integro dello stesso colore.

ATTENZIONE

LO

Non sostituire in alcun caso un fusibile con un altro avente amperaggio superiore; PERICODI INCENDIO.

ATTENZIONE

Prima di sostituire un fusibile, accertarsi di aver tolto la chiave dal commutatore di avviamento e di aver spento e/o disinserito tutti gli utilizzatori.

79

... SI BRUCIA UN FUSIBILE
E L E N C O DEI F U S I B I L I 15A Luci di e m e r g e n z a , accendisigari e autoradio. Indicatori di direzione con relativi lampeggiatore ed indicatore ottico, indicatore ottico i n s u f f i c i e n t e livello l i q u i d o f r e n i e/o f r e n o a m a n o inserito, indicatore ottico insufficiente p r e s s i o n e o l i o m o t o r e , i n d i c a t o r e l i v e l l o carburante e relativo indicatore ottico riserva, i n d i c a t o r e o t t i c o e c c e s s i v a t e m p e r a t u r a liq u i d o r a f f r e d d a m e n t o m o t o r e , e v e n t u a l e ind i c a t o r e o t t i c o t r a z i o n e i n t e g r a l e i n s e r i t a , luc i a r r e s t o v e t t u r a , s i s t e m a Fiat C O D E . F u s i b i l e p e r p r o t e z i o n e s i s t e m a Fiat C O D E e CCM (centralina controllo motore)

15A 10A A v v i s a t o r e acustico e luce interna.

10A

A b b a g l i a n t e s i n i s t r o ed i n d i c a t o r e o t t i c o luci abbaglianti. A n a b b a g l i a n t e sinistro, luce posteriore antinebbia e relativo indicatore ottico. Luce di posizione p o s t e r i o r e sinistra e anteriore destra, luce q u a d r o di c o n t r o l l o , luce t a r g a d e s t r a , i n d i c a t o r e ottico luci di p o s i zione inserita, illuminazione i d e o g r a m m i riscaldatore e illuminazione sede accendisigari. Elettroventilatore interno vettura e relativo resistore addizionale per variazione velocità. Lunotto termico e relativo indicatore ottico. Abbagliante destro. Anabbagliante destro. Luce di posizione p o s t e r i o r e sinistra e anteriore sinistra, luce t a r g a sinistra e i l l u m i n a zione i d e o g r a m m i interruttori. Tergilavacristallo e tergilavalunotto.

10A

7,5A

7,5A

FUSIBILI SU STAFFA AUSILIARIA I seguenti fusibili s o n o ubicati sotto la plancia portastrumenti: 30A 15A Alzacristalli elettrici. Chiusura centralizzata.

15A

15A 10A 10A 7,5A

ATTENZIONE

20A

Nel caso il fusibile dovesse ulteriormente interrompersi, rivolgersi alla Rete Assistenziale Fiat

80

... SI SCARICA LA BATTERIA
A V V I A M E N T O CON BATTERIA AUSILIARIA Q u a l o r a , a c c i d e n t a l m e n t e , la batteria si f o s s e scaricata, è possibile effettuare l ' a v v i a m e n t o del m o t o r e c o n u n a batteria ausiliaria che a b b i a caratteristiche elettriche e q u i v a lenti o di p o c o s u p e r i o r i a q u e l l e d e l l a b a t t e r i a s c a r i c a ( v e d . C a p i t o l o " C a r a t t e r i s t i c h e e d a t i t e c n i c i " ) . Per i l c o l l e gamento usare cavi di sezione sufficiente ed operare in quest'ordine: - c o l l e g a r e i m o r s e t t i p o s i t i v i (+) d e l l e d u e b a t t e r i e c o n u n cavo; - c o l l e g a r e u n s e c o n d o c a v o a l m o r s e t t o n e g a t i v o (-) d e l l a batteria carica ed al t e r m i n a l e metallico del c a v o di m a s sa, i n d i c a t o in f i g u r a , della v e t t u r a c o n batteria scarica; Avvertenza Non collegare direttamente i morsetti negativi delle due batterie: eventuali scintille possono incendiare il gas detonante che potrebbe fuoriuscire dalla batteria. Se la batteria ausiliaria è installata su un'altra vettura, occorre evitare che tra quest'ultima e la vettura con batteATTENZIONE ria scarica contatto. vi siano parti metalliche accidentalmente a

-a motore avviato, rimuovere i collegamenti cominciando dalla pinza collegata con il terminale metallico lontano dalla batteria. Vedere al capitolo " M a n u t e n z i o n e della v e t t u r a " le precauzioni per p r e v e n i r e la scarica della batteria e garantirne una lunga funzionalità.

Non tentare di ricaricare una batterìa congelata: occorre prima sgelarla, altrimenti si corre il rìschio di scoppio. Se vi è stato congelamento, occorre controllare che gli elementi interni non siano rotti (rìschio di corto circuito) e che il corpo non si sia fessurato, con rischio di fuoriuscita di acido velenoso e corrosivo.

Evitare r i g o r o s a m e n t e di i m p i e g a r e un carica batteria per l'avviamento d'emergenza: potrebbero s u b i r e d a n n i i s i s t e m i e l e t t r o n i c i e in p a r t i c o l a r e le centraline che g e s t i s c o n o le f u n z i o n i di accensione e alimentazione.

81

...SI SCARICA LA BATTERIA
RICARICA DELLA BATTERIA Per e f f e t t u a r e l a r i c a r i c a d e l l a b a t t e r i a , o p e r a r e n e l m o d o seguente: - scollegare i morsetti terminali dell'impianto elettrico della v e t t u r a dai poli della batteria; - c o l l e g a r e ai p o l i della b a t t e r i a i cavi d e l l ' a p p a r e c c h i o di ricarica ed accendere q u e s t ' u l t i m o ; - ad operazione di ricarica u l t i m a t a , disinserire l'apparecchio p r i m a di scollegarlo dalla batteria; - ripristinare il f i s s a g g i o dei m o r s e t t i ai poli della batteria e s p a l m a r l i c o n vaselina pura o altri appositi protettivi.

...SI DEVE SOLLEVARE LA VETTURA
C O N IL CRIC V e d e r e il p a r a g r a f o "... si f o r a un p n e u m a t i c o " , in q u e s t o capitolo.

ATTENZIONE

Il cric serve so/o per la te sulla vettura cui è in lutamente da escludere impieghi pio sollevare altre vetture. In per riparazioni sotto vettura.

sostituzione delle ruodotazione. Sono assodiversi come ad esemnessun caso utilizzarlo

ATTENZIONE ATTENZIONE

Questa procedura dì avviamento deve essere eseguita da personale esperto poiché manovre scorrette possono provocare scariche elettriche di notevole intensità. Inoltre il liquido contenuto nella batteria è velenoso e corrosivo, evitare il contorto con la pelle e gli occhi. Si raccomanda di non avvicinarsi alla batteria con fiamme libere o sigarette accese e di non provocare scintille.

Il non corretto posizionamento del cric può provocare la caduta della vettura sollevata. Non utilizzare il cric per portate superiori a quella indicata sull'etichetta che vi si trova applicata.

È o p p o r t u n o sapere che: - il cric n o n richiede n e s s u n a r e g o l a z i o n e ; - il cric n o n è r i p a r a b i l e , in caso di g u a s t o d e v e essere sostituito con un altro originale; - nessun utensile, al di fuori della m a n o v e l l a di azionam e n t o illustrata nel p r e s e n t e c a p i t o l o , è m o n t a b i l e sul cric.

82

...SI DEVE SOLLEVARE LA VETTURA
CON IL SOLLEVATORE IDRAULICO DA OFFICINA Lato anteriore Per s o l l e v a r e la v e t t u r a d a l l a p a r t e a n t e r i o r e utilizzare la staffa indicata dalla freccia. Lato posteriore Per s o l l e v a r e l a v e t t u r a d a l l a p a r t e p o s t e r i o r e u t i l i z z a r e l a staffa indicata dalla freccia.

La v e t t u r a n o n deve a s s o l u t a m e n t e essere sollevata se non in corrispondenza dei punti indicati p e r e v i t a r e d a n n i a o r g a n i m e c c a n i c i o alla carrozzeria.

83

... SI DEVE TRAINARE LA VETTURA
PUNTI DI A G G A N C I O I p u n t i di a g g a n c i o s o n o gli stessi che s e r v o n o per il solle v a m e n t o della vettura (vedere pagina precedente). ATTENZIONE

Prima di iniziare il traino, ruotare la chiave di avviamento in MAR e successivamente in STOP, non estrarla. Estraendo la chiave, si inserisce automaticamente il bloccasterzo con conseguente impossibilità di sterzare le ruote.

ATTENZIONE

Nel trainare la vettura, è obbligatorio rispettare le specifiche norme di circolazione stradale, relative sia al dispositivo di traino, sia al comportamento da tenere sulla strada.

ATTENZIONE

N o n utilizzare cavi flessibili per effettuare il traino, evitare gli strappi. Accertarsi inoltre che il fissaggio del giunto alla vettura non danneggi i componenti a contatto.

84

MANUTENZIONE DELLA VETTURA
MANUTENZIONE PROGRAMMATA PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA PIANO DI ISPEZIONE ANNUALE INTERVENTI AGGIUNTIVI VERIFICA DEI LIVELLI FILTRO ARIA BATTERIA CENTRALINE ELETTRONICHE CANDELE RUOTE E PNEUMATICI 86 87 88 89 89 94 95 98 99 100

TERGICRISTALLO - TERGILUNOTTO ... 102 SMALTIMENTO LIQUIDI E MATERIALI 103 TUBAZIONI IN GOMMA 104

85

MANUTENZIONE PROGRAMMATA
Una corretta manutenzione è determinante per garantire alla v e t t u r a u n a l u n g a v i t a i n c o n d i z i o n i o t t i m a l i . Per q u e s t o Fiat h a p r e d i s p o s t o u n a s e r i e d i c o n t r o l l i e d i i n terventi di m a n u t e n z i o n e o g n i 20.000 c h i l o m e t r i . È utile tuttavia ricordare che la m a n u t e n z i o n e p r o g r a m m a t a non esaurisce c o m p l e t a m e n t e tutte le esigenze della vett u r a : a n c h e nel p e r i o d o iniziale p r i m a del t a g l i a n d o dei 2 0 . 0 0 0 c h i l o m e t r i e s u c c e s s i v a m e n t e , t r a u n t a g l i a n d o e l'altro, sono per s e m p r e necessarie le ordinarie attenzioni c o m e ad e s e m p i o il controllo sistematico con eventuale ripristino del livello dei liquidi, della pressione dei p n e u m a tici e c c . . Avvertenza I tagliandi di Manutenzione Programmata no prescritti dal Costruttore. La mancata esecuzione stessi può comportare la decadenza della garanzia. sodegli Se d u r a n t e l'effettuazione di ciascun i n t e r v e n t o , oltre alle operazioni previste, si d o v e s s e presentare la necessità di ulteriori sostituzioni o riparazioni, queste potranno venire eseguite solo c o n l'esplicito a c c o r d o del Cliente. Avvertenza Si consiglia di segnalare subito alla Rete Assistenziale Fiat eventuali piccole anomalie di funzionamento, senza attendere l'esecuzione del prossimo tagliando.

Se la v e t t u r a viene usata f r e q u e n t e m e n t e per il traino di rimorchi, occorre ridurre l'intervallo tra una m a n u t e n z i o n e p r o g r a m m a t a e l'altra.

Il servizio di M a n u t e n z i o n e P r o g r a m m a t a viene prestato da tutta la Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat, a t e m p i prefissati.

86

PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA
migliaia di chilometri
Controllo condizioni / usura pneumatici ed eventuale regolazione pressione Controllo funzionamento impianto di illuminazione (fari, indicatori di direzione, emergenza, vano bagagli, abitacolo, portaoggetti, spie quadro strumenti, ecc.) Controllo funzionamento impianto tergi lavacristallo, registrazione spruzzatori Controllo posizionamento / usura spazzole tergicristallo anteriori / posteriori Controllo condizioni e usura pattini freni a disco anteriori Controllo condizioni e usura guarnizioni freni a tamburo posteriori Controllo visivo condizioni: esterno carrozzeria, protettivo sottoscocca, tratti rigidi e flessibili delle tubazioni (scarico-alimentazione combustibile -freni), elementi in gomma (cuffie-manicotti-boccole ecc.)............................................................... Controllo tensione ed eventuale regolazione cinghie comando accessori Controllo visivo condizioni cinghie comandi vari ................................................................. Controllo, regolazione gioco punterie .................................................................................. Controllo regolazione corsa leva freno a mano ................................................................... Verifica impianto antievaporazione ...................................................................................... Sostituzione cartuccia filtro aria ........................................................................................... Ripristino livello liquidi (raffreddamento motore.freni , lavacristalli, batteria ecc.) Controllo condizioni cinghia dentata comando distribuzione ............................................... Sostituzione cinghia dentata comando distribuzione (*) Sostituzione candele accensione ......................................................................................... Lubrificazione albero di trasmissione (Panda 4x4) .............................................................. Controllo funzionalità sistemi controllo motore (mediante presa diagnosi) Controllo livello olio cambio / differenziale ........................................................................... Sostituzione olio differenziale posteriore (Panda 4x4) ........................................................ Sostituzione olio motore ...................................................................................................... Sostituzione filtro olio motore .............................................................................................. Sostituzione liquido freni (oppure agni 2 anni) .................................................................... (*) Oppure ogni 3 anni per impieghi severi (climi freddi, uso cittadino con lunghe permanenze al minimo, zone polverose) Oppure ogni 5 anni, indipendentemente dalla percorrenza

87

PIANO DI ISPEZIONE ANNUALE
Per l e v e t t u r e c o n u n c h i l o m e t r a g g i o a n n u a l e i n f e r i o r e a i 2 0 . 0 0 0 k m ( e s e m p i o c i r c a 10.000 k m ) è c o n s i g l i a t o u n p i a n o di ispezione annuale con i seguenti contenuti: - C o n t r o l l o c o n d i z i o n i / u s u r a p n e u m a t i c i ed e v e n t u a l e regolazione pressione (compresa ruota di scorta). - Controllo f u n z i o n a m e n t o i m p i a n t o di illuminazione (fari, indicatori di direzione, emergenza, v a n o bagagli, abitacolo, p o r t a o g g e t t i , spie q u a d r o s t r u m e n t i , ecc.). - C o n t r o l l o f u n z i o n a m e n t o i m p i a n t o t e r g i lavacristallo, registrazione spruzzatori. - Controllo p o s i z i o n a m e n t o / usura spazzole tergicristallo ant. / post. - Controllo condizioni e riori. usura pattini freni a disco ante- Controllo visivo condizioni cinghie comandi vari. - Controllo ed eventuale ripristino livello liquidi (raffreddam e n t o m o t o r e , f r e n i , l a v a c r i s t a l l i , b a t t e r i a ecc.). - Sostituzione olio motore. - Sostituzione filtro olio motore. - Sostituzione filtro antipolline (dove previsto).

- Controllo visivo condizioni: motore, cambio, trasmissione, tubazioni (scarico- a l i m e n t a z i o n e c a r b u r a n t e - freni) elem e n t i i n g o m m a ( c u f f i e - m a n i c o t t i - b o c c o l e ecc.), t u b a z i o n i flessibili impianti freni e alimentazione. - C o n t r o l l o stato di carica batteria.

88

INTERVENTI AGGIUNTIVI
ogni 1000 km o prima di lunghi viaggi c o n t r o l l a r e ed tualmente ripristinare: - livello liquido r a f f r e d d a m e n t o m o t o r e - livello liquido freni - livello liquido lavacristalli even-

VERIFICA DEI LIVELLI
Avvertenza Olio motore

Nel caso che la v e t t u r a sia utilizzata p r e v a l e n t e m e n t e in una delle seguenti condizioni particolarmente severe: - t r a i n o di rimorchio o roulotte - strade polverose

- livello liquido batteria - pressione e condizione pneumatici. - t r a g i t t i b r e v i ( m e n o d i 7-8 k m ) e r i p e t u t i e c o n t e m p e r a tura esterna sotto zero - m o t o r e che gira f r e q u e n t e m e n t e al m i n i m o o g u i d a su lunghe distanze a bassa velocità (esempio taxi o consegne porta a porta) o p p u r e in caso di lunga inattività sostituire l'olio m o t o r e più f r e q u e n t e m e n t e di q u a n t o indicato sul Piano di M a n u t e n z i o n e P r o g r a m m a t a . Avvertenza Filtro aria

ogni3000 km c o n t r o l l a r e ed - livello olio m o t o r e

eventualmente

ripristinare:

Si consiglia l'uso dei p r o d o t t i r a c c o m a n d a t i , s t u diati e realizzati e s p r e s s a m e n t e per le v e t t u r e Fiat (vedere la t a b e l l a " R i f o r n i m e n t i " nel c a p i t o l o "Caratteristiche e dati tecnici").

Utilizzando la vettura su strade polverose sostituire il filtro dell'aria più f r e q u e n t e m e n t e di q u a n t o indicato sul Piano di Manutenzione Programmata. Per o g n i d u b b i o s u l l e f r e q u e n z e d i s o s t i t u z i o n e d e l l ' o l i o m o t o r e e f i l t r o a r i a in r e l a z i o n e a c o m e è u t i l i z z a t a la v e t t u r a , r i v o l g e r s i alla Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat.

89

VERIFICA DEI LIVELLI
Avvertenza Batteria OLIO MOTORE Il controllo del livello dell'olio deve essere effettuato, con v e t t u r a i n p i a n o , a l c u n i m i n u t i ( c i r c a 5 ) d o p o l ' a r r e s t o del motore. Il livello dell'olio d e v e essere c o m p r e s o fra i riferimenti M I N e M A X sull'asta di controllo. L'intervallo tra M I N e M A X c o r r i s p o n d e a circa 1 litro di olio.

Si consiglia di fare effettuare il c o n t r o l l o dello stato di carica d e l l a b a t t e r i a , p r e f e r i b i l m e n t e a d i n i z i o d e l l a s t a g i o n e fredda per evitare possibilità di c o n g e l a m e n t o dell'elettrolito. Tale c o n t r o l l o va effettuato più f r e q u e n t e m e n t e se la vettura è usata p r e v a l e n t e m e n t e per percorsi brevi, o p p u r e se è d o t a t a di utilizzatori ad a s s o r b i m e n t o p e r m a n e n t e a chiave disinserita, soprattutto se applicati in after market.

ATTENZIONE La m a n u t e n z i o n e del veicolo deve essere affidata alla Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat. Per q u e g l i i n t e r v e n t i di o r d i n a r i a e m i n u t a m a n u t e n z i o n e e riparazioni eseguibili in p r o p r i o , accertarsi s e m p r e di avere l'attrezz a t u r a a d e g u a t a , i r i c a m b i o r i g i n a l i Fiat ed i l i q u i d i di consumo; in ogni caso, non eseguire tali operazioni se non se ne ha alcuna esperienza.

Con motore caldo, agite con molta cautela all'interno del vano motore: pericolo di ustioni. Ricordate che, a motore caldo, l'elettroventilatore può mettersi in movimento: pericolo di lesioni.

90

VERIFICA DEI LIVELLI
ATTENZIONE C O N S U M O OLIO MOTORE Avvertenza Qualora il livello olio golare controllo, risultasse sopra rivolgersi alla Rete Assistenziale stino del livello stesso. motore, in seguito a real livello MAX, occorre Fiat per il corretto ripri-

scinati

Attenzione a sciarpe, cravatte e capi di abbigliamento non aderenti: potrebbero essere tradagli organi in movimento.

Se il l i v e l l o d e l l ' o l i o è v i c i n o o a d d i r i t t u r a s o t t o il r i f e r i m e n t o M I N , aggiungere olio attraverso il bocchettone di riempim e n t o fino a raggiungere il riferimento M A X . Il livello dell'olio n o n d e v e m a i superare il r i f e r i m e n t o M A X . Non aggiungere olio con caratteristiche diverse da quelle dell'olio già esistente nel m o t o r e .

Avvertenza Dopo aver aggiunto o sostituito l'olio, prima di verificarne il livello, fare girare il motore per alcuni secondi ed attendere qualche minuto dopo l'arresto. Indicativamente il c o n s u m o m a s s i m o di olio m o t o r e é di 400 g r a m m i o g n i 1000 k m . Nel p r i m o p e r i o d o d'uso della vettura il m o t o r e è in fase di assestamento, pertanto i c o n s u m i di olio m o t o r e poss o n o essere considerati stabilizzati solo d o p o aver perc o r s o i p r i m i 5000 4- 6000 k m . Avvertenza II guida e dalle consumo condizioni dell'olio dipende di impiego della dal modo vettura. di

L'olio m o t o r e usato e il filtro dell'olio s o s t i t u i t o c o n t e n g o n o sostanze pericolose per l'ambiente. Per l a s o s t i t u z i o n e d e l l ' o l i o e d e i f i l t r i c o n s i g l i a m o di r i v o l g e r s i alla Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat, che è attrezzata per s m a l t i r e olio e filtri usati nel r i s p e t t o della n a t u r a e delle n o r m e di legge.

91

VERIFICA DEI LIVELLI
LIQUIDO IMPIANTO DI RAFFREDDAMENTO MOTORE Il livello del l i q u i d o d e v e essere c o n t r o l l a t o a m o t o r e f r e d d o e n o n deve essere inferiore al riferimento M I N visibile sulla vaschetta. Se il livello è i n s u f f i c i e n t e , v e r s a r e l e n t a m e n t e , a t t r a v e r s o il bocchettone della vaschetta, una miscela al 5 0 % di acqua demineralizzata e di liquido P A R A F L U UP della FL G r o u p . La m i s c e l a di P A R A F L U UP ed a c q u a d e m i n e r a l i z z a t a alla c o n c e n t r a z i o n e del 5 0 % p r o t e g g e dal g e l o f i n o alla t e m p e ratura d i - 3 5 ° C .

ATTENZIONE

Quando il motore è molto caldo, non il tappo della vaschetta: pericolo di

togliete ustioni.

CONTROLLO OLIO CAMBIO E DIFFERENZIALE Con v e t t u r a in p i a n o , il livello dell'olio d o v e sfiorare il b o r d o inferiore della sede del t a p p o A d'introduzione. Non aggiungere olio con caratteristiche diverse da quelle d e l l ' o l i o già e s i s t e n t e nel c a m b i o .

L'impianto di raffreddamento m o t o r e utilizza fluid o p r o t e t t i v o a n t i c o n g e l a n t e P A R A F L U UP. Per eventuali rabbocchi utilizzare esclusivamente fluido dello stesso t i p o . PARAFLU UP, i n c o m p a t i b i l e con qualsiasi altro t i p o di f l u i d o , n o n p u ò essere miscelato. Se si dovesse verificare questa condizione evitare assol u t a m e n t e di avviare il m o t o r e e c o n t a t t a r e la Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat.

92

VERIFICA DEI LIVELLI
LIQUIDO FRENI Periodicamente controllare il f u n z i o n a m e n t o della spia posta s u l q u a d r o s t r u m e n t i : p r e m e n d o s u l c o p e r c h i o d e l s e r batoio (con chiave di a v v i a m e n t o in M A R ) la spia si deve accendere. Se si d e v e a g g i u n g e r e l i q u i d o , utilizzare s o l o quelli classificati D O T 4. In p a r t i c o l a r e , si c o n s i g l i a di usare T U T E L A TOP4, c o n il q u a l e è stato effettuato il p r i m o r i e m p i m e n t o . Il livello del l i q u i d o nel s e r b a t o i o n o n d e v e s u p e r a r e il riferimento MAX. A - Sezione per circuito idraulico freni posteriori. B - Sezione per circuito idraulico freni anteriori. ATTENZIONE Il fica nerale nizioni simbolo i liquidi , presente freno minerale. dell'impianto sul Usare di contenitore, sintetico, le identiIl liquido vo. mediatamente ne caso dico. neutro, di In le ATTENZIONE freni è di parti velenoso contatto e con altamente acqua ad e un corrosiimIn mesapocaso accidentale lavare

interessate

quindi

effettuare

abbondanti

risciacqui.

ingestione

rivolgersi immediatamente

Evitare che il liquido freni, altamente corrosivo, vada a c o n t a t t o con le parti verniciate. Se dovesse succedere, lavare i m m e d i a t a m e n t e con acqua.

di tipo

distinguenguar-

doli da quelli di tipo danneggia in gomma

liquidi di tipo mispeciali frenatura.

irrimediabilmente

Avvertenza II liquido freni è igroscopico (cioè assorbe l'umidità). Per questo, se la vettura viene usata prevalentemente in zone ad alta percentuale di umidità atmosferica, il liquido deve essere sostituito più spesso di quanto indicato dal Piano di Manutenzione Programmata.

93

VERIFICA DEI LIVELLI
LIQUIDO L A V A C R I S T A L L O / L A V A L U N O T T O Controllare f r e q u e n t e m e n t e il livello del liquido nell'appos i t o c o n t e n i t o r e . Per e v e n t u a l i r a b b o c c h i , s i c o n s i g l i a l ' i m p i e g o di u n a miscela di a c q u a e l i q u i d o T U T E L A PROFESS I O N A L SC 35 in queste percentuali: - 3 0 % di T U T E L A PROFESSIONAL SC 35 e 7 0 % d'acqua in estate. - 5 0 % di T U T E L A PROFESSIONAL SC 35 e 5 0 % d ' a c q u a in inverno. In caso di t e m p e r a t u r e inferiori a - 2 0 ° C , usare T U TELA PROFESSIONAL SC 35 puro. Avvertenza Non viaggiare con il lo vuoto: l'azione del lavacristallo gliorare la visibilità. ATTENZIONE serbatoio del lavacristalè fondamentale per mi-

FILTRO ARIA
PULIZIA E SOSTITUZIONE ELEMENTO FILTRANTE Per l a s o s t i t u z i o n e d e l l ' e l e m e n t o f i l t r a n t e , a g i r e s u l l e d u e l e v e di r i t e n u t a l a t e r a l i A e s g a n c i a r e la m o l l e t t a a n t e r i o r e di r i t e g n o B. Il c o n t e n i t o r e del filtro risulta così a s p o r t a b i l e e l ' e l e m e n t o filtrante C accessibile.

ti

Alcuni additivi commerciali per lavacristallo sono infiammabili. Il vano motore contiene parcalde che a contatto potrebbero accenderli.

94

FILTRO ARIA
Avvertenza La mancata pulizia o sostituzione del filtro aria causa peggioramenti di inquinamento e fumosità oltreché diminuzione di resa del motore.

BATTERIA
L a b a t t e r i a d e l l a Fiat P a n d a è d e l t i p o a " R i d o t t a M a n u t e n zione": in normali condizioni d'uso non richiede rabbocchi con acqua distillata. CONTROLLO LIVELLO LIQUIDO BATTERIA (elettrolito) Il c o n t r o l l o del livello elettrolito (ed e v e n t u a l e r a b b o c c o ) deve essere effettuato rispettando le scadenze m a n u t e n t i v e previste nel Piano di M a n u t e n z i o n e P r o g r a m m a t a in q u e s t o c a p i t o l o . Per t a l e o p e r a z i o n e o c c o r r e r i v o l g e r s i p r e s s o l a R e t e A s s i s t e n z i a l e Fiat. Il livello del liquido della batteria (elettrolito), c o n vettura in piano, d e v e essere c o m u n q u e c o m p r e s o fra i riferimenti ricavati sulla batteria.

95

BATTERIA
I n c a s o d i utilizzo d e l l a v e t t u r a i n c l i m i c a l d i o c o n d i z i o n i part i c o l a r m e n t e gravose è o p p o r t u n o far eseguire il controllo livello del liquido batteria (elettrolito) ad intervalli più freq u e n t i rispeto a quelli riportati nel Piano di M a n u t e n z i o n e Programmata. Qualora il livello risultasse inferiore al riferimento M I N riv o l g e r s i alla Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat. Per l a r i c a r i c a d e l l a b a t t e r i a , v e d e r e i l c a p i t o l o " C o s a f a r e se...". gli bere di Il f u n z i o n a m e n t o con il livello del liquido t r o p p o basso, danneggia irreparabilmente la batteria, fino alla r o t t u r a del c o r p o e p e r d i t a t o t a l e dell'acido contenuto. Non lata: il rotti e rischio (rischio corrosivo. di di corre controllare con tentare occorre scoppio. che corto rischio // e occhi. o liquido corrosivo. Non possibili fonti Se la v e t t u r a deve restare f e r m a per l u n g o t e m p o in c o n d i z i o n i di f r e d d o i n t e n s o , per e v i t a r e il rischio di c o n g e l a m e n t o , s m o n t a r e la batteria e trasportarla in luogo caldo.

ATTENZIONE contenuto Evitarne di avvicinarsi nella il alla scintille: batteria con con di è la velenoso pelle o lie fiamme scoppio

contatto batteria

pericolo

incendio.

ATTENZIONE di prima Se gli dì vi e ricaricare sgelarla, è stato interni il di che elementi una batteria si si non congelamento, non acido corpo congecorre ocsiano si sia velenoso

altrimenti

circuito)

fessurato,

fuoriuscita

96

BATTERIA
Le batterie c o n t e n g o n o sostanze m o l t o pericolose p e r l ' a m b i e n t e . Per l a s o s t i t u z i o n e d e l l a b a t t e r i a , c o n s i g l i a m o di r i v o l g e r s i alla Rete Assistenziale Fiat, c h e è a t t r e z z a t a p e r l o s m a l t i m e n t o n e l r i s p e t t o d e l l a natura e delle n o r m e di legge. C O N S I G L I U T I L I PER P R O L U N G A R E LA DURATA DELLA BATTERIA P a r c h e g g i a n d o la v e t t u r a , a s s i c u r a r s i c h e le p o r t e e i c o f a n i s i a n o ben c h i u s i . Le luci della p l a f o n i e r a d e v o n o essere spente. A m o t o r e s p e n t o , n o n tenere dispositivi accesi per l u n g o t e m p o ( a d e s . a u t o r a d i o , luci d i e m e r g e n z a , e c c . ) . Avvertenza La batteria mantenuta per lungo tempo in stato di carica inferiore al 50% si danneggia per solfatazione, riduce la capacità e l'attitudine all'avviamento ed è inoltre maggiormente soggetta alla possibilità di congelamento (può già verificarsi a -10 °C). In caso di sosta p r o l u n g a t a , fare r i f e r i m e n t o a " L u n g a inattività della v e t t u r a " , nel c a p i t o l o " C o n s i g l i per l a m a n u t e n zione della carozzeria". Q u a l o r a , d o p o l'acquisto della vettura, si desiderasse installare a b o r d o degli accessori elettrici che necessitano di alimentazione elettrica permanente (allarme, vivavoce, ecc.) r i v o l g e r s i p r e s s o l a R e t e A s s i s t e n z i a l e F i a t , i l c u i p e r sonale qualificato, oltre a suggerire i dispositivi più idonei a p p a r t e n e n t i a l l a L i n e a c c e s s o r i Fiat, n e v a l u t e r à l ' a s s o r b i m e n t o e l e t t r i c o c o m p l e s s i v o , v e r i f i c a n d o s e l ' i m p i a n t o elettrico della v e t t u r a è in g r a d o di sostenere il carico richies t o , o se i n v e c e sia necessario i n t e g r a r l o c o n u n a batteria maggiorata. Infatti questi dispositivi c o n t i n u a n o ad assorbire energia elettrica anche a chiave di a v v i a m e n t o disinserita (vettura in stazionamento, m o t o r e spento), p o t e n d o scaricare grad u a l m e n t e la batteria.

Un m o n t a g g i o scorretto di accessori elettrici ed e l e t t r o n i c i p u ò causare g r a v i d a n n i alla v e t t u r a .

97

BATTERIA
L ' a s s o r b i m e n t o c o m p l e s s i v o d i t a l i a c c e s s o r i (di s e r i e e d i s e c o n d a i n s t a l l a z i o n e ) d e v e e s s e r e i n f e r i o r e a 0,6 m A x A h (della batteria), c o m e esplicitato nella tabella s e g u e n t e :

CENTRALINE ELETTRONICHE
Nel n o r m a l e utilizzo della v e t t u r a , n o n s o n o richieste particolari precauzioni. In caso di interventi s u l l ' i m p i a n t o elettrico o di a v v i a m e n t o con batteria ausiliaria, bisogna però osservare scrupolosamente queste istruzioni: - N o n scollegare mai la batteria d a l l ' i m p i a n t o elettrico con motore in moto. - S c o l l e g a r e l a b a t t e r i a d a l l ' i m p i a n t o e l e t t r i c o i n c a s o d i ricarica. I m o d e r n i carica batteria infatti p o s s o n o erogare tensioni fino a 20V. - I n e m e r g e n z a n o n e f f e t t u a r e m a i l ' a v v i a m e n t o c o n u n carica b a t t e r i a , m a u t i l i z z a r e u n a b a t t e r i a a u s i l i a r i a .

Batteria da 32Ah 40Ah

Massimo assorbimento a vuoto ammesso 19 m A 24 m A

S i r i c o r d a i n o l t r e c h e utilizzatori a d a l t o a s s o r b i m e n t o d i corrente attivati dall'utente quali ad e s e m p i o : scaldabiberon, a s p i r a p o l v e r e , t e l e f o n o cellulare ecc., se a l i m e n t a t i a m o t o r e s p e n t o accelerano il processo di scarica della batteria. Avvertenza Dovendo installare in vettura impianti aggiuntivi, si evidenzia la pericolosità di derivazioni improprie su connessioni del cablaggio elettrico, in particolare se interessano dispositivi di sicurezza.

- Porre particolare cura al c o l l e g a m e n t o tra batteria e i m p i a n t o e l e t t r i c o , v e r i f i c a n d o sia l'esatta p o l a r i t à , sia l'effic i e n z a d e l c o l l e g a m e n t o s t e s s o . Q u a n d o s i r i c o l l e g a l a batteria, la centralina del s i s t e m a di iniezione/accensione deve riadattare i p r o p r i p a r a m e t r i interni; p e r t a n t o , nei p r i m i chilometri di utilizzo, la vettura p u ò manifestare un c o m p o r t a m e n t o l e g g e r m e n t e differente dal precedente. - N o n collegare o scollegare i terminali delle unità elettroniche q u a n d o la chiave d ' a v v i a m e n t o è in posizione M A R . - S c o l l e g a r e l e u n i t à e l e t t r o n i c h e n e l c a s o d i s a l d a t u r e elett r i c h e alla s c o c c a . T o g l i e r l e i n c a s o d i t e m p e r a t u r e s u p e r i o r i a d 8 0 ° C ( l a v o r a z i o n i p a r t i c o l a r i d i c a r r o z z e r i a , ecc.).

98

CENTRALINE ELETTRONICHE
Avvertenza La non corretta installazione di impianti radio e sistemi d'allarme, può causare interferenze al funzionamento delle centraline elettroniche.

CANDELE
La loro pulizia ed integrità s o n o condizioni d e t e r m i n a n t i , al pari delle c a r a t t e r i s t i c h e t e r m i c h e ed e l e t t r i c h e , per l'efficienza del m o t o r e in t e r m i n i di r e n d i m e n t o , durata e c o n t e n i m e n t o delle emissioni inquinanti. L'aspetto della candela, se e s a m i n a t o da un occhio esperto, è un v a l i d o indizio per l'individuazione d e l l ' a n o m a l i a , anche se estranea al sistema di accensione. Q u i n d i se il m o tore ha qualche p r o b l e m a , è i m p o r t a n t e far verificare le candele p r e s s o la Rete A s s i s t e n z i a l e Fiat.

ATTENZIONE Modifiche co nere to, rischi conto possono di eseguite delle o in riparazioni modo non di caratteristiche anomalie dell'impianto corretto tecniche e elettrisenza tedell'impiancon

causare

funzionamento

incendio.

Le c a n d e l e d e v o n o essére s o s t i t u i t e alle scadenze previste dal Piano di M a n u t e n z i o n e P r o g r a m m a t a . Usate esclusivamente candele del t i p o prescritto: se il g r a d o t e r m i c o è i n a d e g u a t o , o se n o n è g a r a n t i t a la durata prevista, si possono verificare degli inconvenienti.

99

RUOTE E PNEUMATICI
PRESSIONE PNEUMATICI Controllare o g n i d u e s e t t i m a n e circa e p r i m a di l u n g h i viaggi la pressione di ciascun pneumatico, c o m p r e s o quello di scorta. Il controllo della pressione deve essere eseguito con p n e u matico riposato e freddo. Q u a n d o si usa la v e t t u r a , è n o r m a l e che la pressione aum e n t i . Se per caso si d e v e c o n t r o l l a r e o ripristinare la pressione con pneumatico caldo, tenere presente che il valore della pressione d o v r à essere +0,3 bar rispetto al v a l o r e prescritto. Per i l c o r r e t t o v a l o r e r e l a t i v o a l l a p r e s s i o n e d i g o n f i a g g i o del p n e u m a t i c o v e d e r e "Pressione dei p n e u m a t i c i " nel capitolo "Caratteristiche e dati tecnici". U n ' e r r a t a p r e s s i o n e p r o v o c a u n c o n s u m o a n o m a l o dei pneumatici: A - pressione normale: battistrada u n i f o r m e m e n t e consumato; B - pressione insufficiente: battistrada particolarmente consumato ai bordi; C - pressione eccessiva: battistrada particolarmente cons u m a t o al centro. ATTENZIONE Una gravi danni pressione del al troppo bassa provoca con il surridi Ricordate ra gonfiaggio dei che ATTENZIONE la tenuta dalla di strada della vettudi dipende anche corretta pressione

pneumatici.

scaldamento

pneumatico stesso.

possibilità

pneumatico

I p n e u m a t i c i v a n n o sostituiti q u a n d o lo spessore del battis t r a d a s i r i d u c e a 1,6 m m . I n o g n i c a s o , a t t e n e r s i a l l e n o r m a t i v e v i g e n t i nel Paese in cui si circola.

100

RUOTE E PNEUMATICI
Avvertenze Alcuni tipi di pneumatici sono muniti di indicatori di usura; la sostituzione deve essere effettuata non appena tali indicatori si rendono visibili sul battistrada. Controllare periodicamente che i pneumatici non presentino tagli sui fianchi, rigonfiamenti o irregolare consumo del battistrada. Nel caso, rivolgersi alla Rete Assistenziale Fiat. Evitare dì viaggiare in sono causare seri danni condizioni di sovraccarico: a ruote e pneumatici. si posNon sottoporre i pneumatici a eccessive sollecitazioni. Partenze repentine, frenate brusche con ruote bloccate o lunghi percorsi effettuati ad alta velocità in condizioni di sovraccarico della vettura, possono causare danni e anomali consumi ai pneumatici. In vi, caso di evitando sostituzione, montare quelli di provenienza sempre dubbia. pneumatici nuo-

Per consentire un consumo teriori e quelli posteriori, si matici ogni 10-15 mila stesso lato vettura per non

uniforme tra i pneumatici anconsiglia lo scambio dei pneuchilometri, mantenendoli dallo invertire il senso di rotazione. senza camera camera d'aria

Se si fora un pneumatico, fermarsi immediatamente stituirlo, per non danneggiare il pneumatico stesso, chio, le sospensioni e lo sterzo. Un la pneumatico ruota per

e soil cer-

La Fiat Panda adotta pneumatici Tubeless, d'aria. Non impiegare assolutamente la con questi pneumatici. In caso di sostituzione di un pneumatico, stituire anche la valvola di gonfiaggio. è

forato deve sempre essere smontato verificare eventuali danneggiamenti.

dal-

opportuno

so-

Evitare in modo particolare urti violenti contro marciapiedi, buche stradali od ostacoli di varia natura. La marcia prolungata su strade dissestate può danneggiare i pneumatici. Il pneumatico invecchia anche se usato poco. Screpolature nella gomma del battistrada e dei fianchi sono un segnale di invecchiamento. In ogni caso, se ì pneumatici sono montati da più di 6 anni, è necessario farli controllare da personale specializzato, perché valuti se possono ancora venire utilizzati. Ricordarsi anche di controllare con particolare cura il ruotino di scorta.

ATTENZIONE Non effettuare lo scambio in croce dei pneumatici, spostandoli dal lato destro a quello sie viceversa.

nistro

101

TERGICRISTALLO-TERGILUNOTTO
SPAZZOLE E SPRUZZATORI Pulire p e r i o d i c a m e n t e la parte in g o m m a u s a n d o appositi prodotti. S o s t i t u i r e le spazzole se il filo della g o m m a è d e f o r m a t o o usurato. In o g n i caso, si consiglia di sostituirle circa una volta l'anno. ATTENZIONE In caso di m a n c a t o f u n z i o n a m e n t o degli spruzzatori controllare che i circuiti di alimentazione non siano otturati; e v e n t u a l m e n t e disostruire con uno spillo i fori di uscita. Se il getto di u n o spruzzatore risulta m a l e o r i e n t a t o , è possibile c o r r e g g e r e l ' o r i e n t a m e n t o a g e n d o sul c o r p o dello spruzzatore.

riduce sferiche.

Viaggiare con le spazzole del tergicristallo consumate rappresenta un grave rischio, perché la visibilità in caso di cattive condizioni atmo-

Alcuni semplici accorgimenti possono ridurre la possibilità d i d a n n i a l l e s p a z z o l e : - in caso di t e m p e r a t u r e s o t t o zero, accertarsi che il gelo non abbia bloccato la parte in g o m m a contro il vetro. Se necessario, sbloccare con un prodotto antighiaccio. - n o n r i m u o v e r e a s s o l u t a m e n t e le sostanze estranee azion a n d o le spazzole sul parabrezza o l u n o t t o asciutti; - t o g l i e r e la neve e v e n t u a l m e n t e a c c u m u l a t a sul vetro: olt r e a s a l v a g u a r d a r e le s p a z z o l e , si e v i t a di s f o r z a r e e s u r r i scaldare il m o t o r i n o elettrico; - n o n a z i o n a r e il t e r g i c r i s t a l l o e il t e r g i l u n o t t o sul v e t r o asciutto; - la m a n c a t a osservanza di q u a n t o sopra descritto provoca una precoce usura del t e r g e n t e delle spazzole.

102

TERGICRISTALLO-TERGILUNOTTO
Sostituzione spazzola Ribaltare il braccio c o m p l e t o sollevandolo perpendicolar mente al vetro.

SMALTIMENTO LIQUIDI E MATERIALI
S M A L T I M E N T O LIQUIDI ESAUSTI E MATERIALI SOSTITUITI

Gli oli e gli altri l i q u i d i esausti r i c u p e r a t i dalla vetL i b e r a r e il f o r o d ' a t t a c c o A d e l l a s p a z z o l a d a l g r a n o B di ar resto sul braccio, q u i n d i sfilarla v e r s o l'alto. t u r a , le batterie ed i filtri s o s t i t u i t i d e v o n o essere s m a l t i t i nel rispetto delle specifiche n o r m a t i v e di legge vigenti.

103

TUBAZIONI IN GOMMA
Per q u a n t o r i g u a r d a l e t u b a z i o n i f l e s s i b i l i i n g o m m a d e l l ' i m pianto freni, e di quello di alimentazione, seguire scrupol o s a m e n t e il Piano di M a n u t e n z i o n e P r o g r a m m a t a . Infatti l'ozono, le alte t e m p e r a t u r e e la p r o l u n g a t a m a n c a n z a di liq u i d o nell'impianto p o s s o n o causare l ' i n d u r i m e n t o e la crepatura delle tubazioni, con possibili perdite di liquido. È quindi necessario un attento controllo.

104

CONSIGLI PER LA MANUTENZIONE DELLA CARROZZERIA
MANUTENZIONE DELLA CARROZZERIA - Protezione dagli agenti atmosferici .. 106 -Verniciatura - Scocca -Vetri - Vano motore - Sottoscocca - Interno vettura - Pulizia parti in plastica LUNGA INATTIVITÀ DELLA VETTURA 106 107 108 108 108 109 110

105

MANUTENZIONE DELLA CARROZZERIA
PROTEZIONE DAGLI AGENTI ATMOSFERICI Le principali cause dei f e n o m e n i di c o r r o s i o n e sono: - inquinamento atmosferico - s a l i n i t à ed u m i d i t à d e l l ' a t m o s f e r a ( z o n e m a r i n e , o a c l i m a caldo umido) - c o n d i z i o n i ambientali stagionali. N o n è poi da sottovalutare l'azione abrasiva del pulviscolo a t m o s f e r i c o e della sabbia portati dal v e n t o , del f a n g o e del pietrisco sollevato dagli altri mezzi. Fiat h a a d o t t a t o s u l l a v o s t r a Fiat P a n d a l e m i g l i o r i s o l u z i o n i tecnologiche per proteggere efficacemente la carrozzeria dalla corrosione. Ecco le p r i n c i p a l i : - P r o d o t t i e s i s t e m i di v e r n i c i a t u r a c h e c o n f e r i s c o n o alla v e t t u r a particolare resistenza alla c o r r o s i o n e e all'abrasione. - I m p i e g o di l a m i e r e zincate (o pretrattate), dotate di alta resistenza alla c o r r o s i o n e . - S p r u z z a t u r a del sottoscocca, v a n o m o t o r e , interni passaruote e altri e l e m e n t i c o n p r o d o t t i cerosi dall'elevato potere protettivo. - Spruzzatura di materiali plastici, con funzione protettiva, nei p u n t i più esposti: s o t t o p o r t a , i n t e r n o p a r a f a n g h i , b o r d i , ecc. - U s o di scatolati " a p e r t i " , per evitare c o n d e n s a z i o n e e ristagno di acqua, che possono favorire la formazione di ruggine all'interno. GARANZIA ESTERNO VETTURA E SOTTOSCOCCA L a Fiat P a n d a è p r o v v i s t a d i u n a g a r a n z i a c o n t r o l a p e r f o r a zione, dovuta a corrosione, di qualsiasi e l e m e n t o originale d e l l a s t r u t t u r a o d e l l a c a r r o z z e r i a . Per l e c o n d i z i o n i g e n e r a l i di questa garanzia, fare riferimento al libretto "FIAT ASSISTENZA". VERNICIATURA - SCOCCA La vernice non ha solo funzione estetica ma anche protettiva della lamiera. In caso di abrasioni o rigature p r o f o n d e , si consiglia q u i n d i di p r o v v e d e r e s u b i t o a far e s e g u i r e i necessari ritocchi, per evitare formazioni di ruggine. Per i r i t o c c h i d e l l a v e r n i c e u t i l i z z a r e s o l o p r o d o t t i o r i g i n a l i ( v e d e r e " T a r g h e t t a d ' i d e n t i f i c a z i o n e d e l l a v e r n i c e d e l l a carrozzeria" nel c a p i t o l o " C a r a t t e r i s t i c h e e d a t i tecnici"). La n o r m a l e m a n u t e n z i o n e della v e r n i c e consiste nel lavaggio, la cui periodicità d i p e n d e dalle condizioni e d a l l ' a m biente d'uso. A d e s e m p i o , nelle zone c o n alto i n q u i n a m e n t o a t m o s f e r i c o , o se si p e r c o r r o n o strade c o s p a r s e di sale a n tighiaccio è bene lavare più f r e q u e n t e m e n t e la v e t t u r a .

106

MANUTENZIONE DELLA CARROZZERIA
I d e t e r s i v i i n q u i n a n o le acque. P e r t a n t o il lavaggio della v e t t u r a va effettuato in zone attrezzate per la raccolta e la d e p u r a z i o n e dei liquidi i m p i e gati per il lavaggio stesso. N o n lavare la v e t t u r a d o p o u n a sosta al sole o con il c o f a n o m o t o r e caldo: si p u ò alterare la brillantezza della vernice. Le parti in plastica esterne d e v o n o essere pulite con la stessa p r o c e d u r a seguita per il n o r m a l e lavaggio della vettura. Evitare di p a r c h e g g i a r e la v e t t u r a s o t t o gli a l b e r i ; le sostanze resinose che m o l t e specie lasciano cadere conferis c o n o un a s p e t t o o p a c o alla v e r n i c e ed i n c r e m e n t a n o le possibilità di innesco di processi corrosivi.

Per u n c o r r e t t o l a v a g g i o : 1) A s p o r t a r e l'antenna dal tetto o n d e evitare di d a n n e g giarla se si lava la vettura in un i m p i a n t o a u t o m a t i c o . 2) B a g n a r e la carrozzeria c o n un getto di a c q u a a bassa pressione. 3) Passare sulla carrozzeria u n a s p u g n a c o n u n a leggera soluzione detergente risciacquando di frequente la spugna. 4) Risciacquare bene con acqua ed asciugare con getto d'aria o pelle scamosciata. Nell'asciugatura, curare soprattutto le parti m e n o in vista, c o m e v a n i porte, c o f a n o , c o n t o r n o fari, in cui l'acqua p u ò ristagnare più facilmente. Si consiglia di n o n portare subito la vettura in a m b i e n t e chiuso, ma lasciarla all'aperto in m o d o da favorire l'evaporazione dell'acqua.

Avvertenza Gli escrementi di uccelli devono essere lavati immediatamente e con cura, in quanto la loro acidità è particolarmente aggressiva. VETRI Per l a p u l i z i a d e i v e t r i , i m p i e g a r e d e t e r g e n t i s p e c i f i c i . U s a r e s e m p r e p a n n i ben puliti per n o n rigare i vetri o alternare la trasperenza. È c o n s i g l i a b i l e i n o l t r e o s s e r v a r e le indicazioni f o r n i t e nel capitolo " M a n u t e n z i o n e della v e t t u r a " per la pulizia e m a nutenzione delle spazzole tergicristallo-tergilunotto. Avvertenza Per non danneggiare presenti sulla superficie interna strofinare delicatamente seguendo stenze stesse. le resistenze elettriche del lunotto posteriore, il senso delle resi-

107

MANUTENZIONE DELLA CARROZZERIA
V A N O MOTORE Alla fine di ogni stagione invernale effettuare un accurato l a v a g g i o d e l v a n o m o t o r e . Per q u e s t a o p e r a z i o n e , r i v o l g e r s i a officine specializzate. SOTTOSCOCCA Le parti m e n o in vista della scocca e degli scatolati dell'ossatura s o n o già stati trattati s e c o n d o i più recenti d e t t a m i della tecnica e dell'esperienza. È bene c o m u n q u e c h e sia s o t t o p o s t a a dei c o n t r o l l i , cadenzati in relazione alle c o n d i z i o n i a m b i e n t a l i d ' i m p i e g o , per q u a n t o è stato d e t t o nella parte i n t r o d u t t i v a del capitolo. Q u e s t a m a n u t e n z i o n e p e r m e t t e r à s o p r a t t u t t o d i r i l e v a r e l'int e g r i t à del f o n d o e delle parti m e c c a n i c h e , o n d e p r o v v e d e r e alle cure del caso q u a l o r a si o s s e r v a s s e r o d a n n e g g i a m e n t i o fatti a n o r m a l i .

I detersivi i n q u i n a n o le acque. P e r t a n t o il l a v a g g i o del vano m o t o r e va effettuato in zone attrezzate per la raccolta e la d e p u r a z i o n e dei liquidi i m p i e gati per il lavaggio stesso.

INTERNO VETTURA Avvertenza II lavaggio deve essere eseguito a motore freddo e chiave d'avviamento in posizione STOP. Dopo il lavaggio accertarsi che le varie protezioni (es. cappucci in gomma e ripari vari) non siano rimosse o danneggiate. P e r i o d i c a m e n t e v e r i f i c a r e c h e n o n c i s i a n o r i s t a g n i d i acq u a sotto i tappeti (dovuti al gocciolio di scarpe, o m b r e l l i , ecc.) c h e p o t r e b b e r o c a u s a r e l ' o s s i d a z i o n e d e l l a l a m i e r a .

ATTENZIONE Non me la pulizia trostatiche rante sa di utilizzare etere delle che di parti di mai petrolio interne a pulitura, prodotti o vettura. generarsi infiammabili rettificata cariche strofinio essere Le per coper eletducaubenzina

vengono

l'operazione incendio.

potrebbero

108

MANUTENZIONE DELLA CARROZZERIA
P U L I Z I A DEI SEDILI E DELLE PARTI IN T E S S U T O - Eliminare la polvere c o n u n a spazzola m o r b i d a o c o n un aspirapolvere. - Strofinare i sedili c o n una s p u g n a i n u m i d i t a in una s o l u zione di a c q u a e detergente neutro. PULIZIA PARTI IN PLASTICA ESTERNE Le parti in plastica esterne esposte agli agenti atmosferici v a n n o pulite con la stessa procedura di un n o r m a l e lavaggio dell'autoveicolo. I trasparenti fanali, luce t a r g a , indicatori di direzione cosi c o m e il trasparente dello s t r u m e n t o di controllo e m a r c h i o Fiat s u v o l a n t e , n o n d e v o n o e s s e r e p u l i t i c o n a l c o o l o p r o d o t t i c o n t e n e n t i l o stesso, poiché d e t e r m i n e r e b b e r o screpolature e rotture del particolare.

ATTENZIONE Non ricolo devono peratura essere può tenere di bombolette Le ad aerosol in bombolette vettura. aerosol Penon

scoppio.

esposte superare

una

temperatura tale

superiore la temvalore. PULIZIA PARTI IN PLASTICA INTERNE Usare prodotti appropriati, l'aspetto dei c o m p o n e n t i . Avvertenza del vetro studiati per non alterare

a 50°C. All'interno della vettura esposta al sole, abbondantemente

Non utilizzare alcool del quadro strumenti.

o

benzine

per

la

pulizia

109

LUNGA INATTIVITÀ DELLA VETTURA
Se la vettura deve restare f e r m a per più di un m e s e , osservare queste precauzioni: - S i s t e m a r e la v e t t u r a in un locale c o p e r t o , asciutto e possibilmente arieggiato. - Inserire una marcia. - V e r i f i c a r e c h e i l f r e n o a m a n o n o n sia i n s e r i t o . - Scollegare i m o r s e t t i dai poli della batteria (staccare per p r i m o il m o r s e t t o negativo) e c o n t r o l l a r e lo stato di carica della m e d e s i m a . Durante il rimessaggio, questo controllo d o v r à essere ripetuto m e n s i l m e n t e . Ricaricare se la tens i o n e a v u o t o è i n f e r i o r e a 12,5V. - Pulire e p r o t e g g e r e le p a r t i v e r n i c i a t e a p p l i c a n d o c e r e p r o tettive. - Pulire e p r o t e g g e r e la parti m e t a l l i c h e lucide c o n s p e c i fici p r o d o t t i in c o m m e r c i o . - Cospargere di talco le spazzole in g o m m a del tergicristallo e del t e r g i l u n o t t o e lasciarle sollevate dai vetri. - A p r i r e leggermente i finestrini. - C o p r i r e la v e t t u r a c o n un t e l o n e in t e s s u t o o in plastica traforata. N o n i m p i e g a r e teloni in plastica c o m p a t t a , che n o n p e r m e t t o n o l'evaporazione dell'umidità presente sulla superficie della vettura. - G o n f i a r e i p n e u m a t i c i a u n a p r e s s i o n e di + 0 , 5 b a r r i s p e t t o a quella n o r m a l m e n t e prescritta e controllarla periodicamente. - Controllare o g n i m e s e lo stato di carica della batteria. - N o n svuotare l'impianto di r a f f r e d d a m e n t o del m o t o r e .

110

VARIANTI PER Panda 4 x 4
QUADRO DI CONTROLLO TRAZIONE INTEGRALE SOLLEVAMENTO VETTURA RUOTE RIPARO ORGANI MECCANICI DIFFERENZIALE POSTERIORE DIMENSIONI 112 113 115 117 119 119 120

Le notizie e le illustrazioni di s e g u i t o riportate s o n o specifiche per la v e r s i o n e Panda 4x4. Per q u a n t o n o n t r a t t a t o , s o n o v a l i d e l e i n f o r m a z i o n i c o n t e n u t e n e l l e a l t r e s e z i o n e d e l p r e s e n t e l i b r e t t o .

111

QUADRO DI CONTROLLO
CARATTERISTICHE DELLA VETTURA La Panda 4 x 4 è una v e t t u r a che ha la possibilità di d i s i m pegnarsi a g e v o l m e n t e nella neve, nel f a n g o , sulle strade sterrate e anche su forti pendenze. TERMOMETRO LIQUIDO RAFFREDDAMENTO MOTORE A m o t o r e f r e d d o la l a n c e t t a si t r o v a a s i n i s t r a . In normali condizioni di f u n z i o n a m e n t o la lancetta deve spaziare sul s e t t o r e centrale. La lancetta al limite della zona delimitata dalle tacche rosse avverte c h e il m o t o r e è sollecitato e c c e s s i v a m e n t e , per cui occorre ridurre il n u m e r o dei giri. Trazione integrale inserita (giallo ambra) U n o s p o s t a m e n t o deciso della lancetta sulla zona d e l i m i tata dalle tacche rosse avverte che il m o t o r e si sta surris c a l d a n d o . O c c o r r e q u i n d i attenersi alle d i s p o s i z i o n i date per il segnalatore di eccessiva t e m p e r a t u r a .

112

QUADRO DI CONTROLLO
TACHIMETRO E CONTACHILOMETRI a - Tachimetro. b - C o n t a c h i l o m e t r i parziale. c - Contachilometri totale.

TRAZIONE INTEGRALE
Per i n s e r i r e o d i s i n s e r i r e l a t r a z i o n e i n t e g r a l e o c c o r r e a g i r e sulla leva A: posizione 1 = trazione integrale inserita; posizione 2 = trazione sulle sole ruote anteriori.

113

TRAZIONE INTEGRALE
Per l ' i m p i e g o d e l l a t r a z i o n e i n t e g r a l e è n e c e s s a r i o effettuare l'inserimento della trazione stessa con ruote diritte e ad una velocità costante preferibilm e n t e inferiore ai 50 k m / h . L'uso del pedale c o m a n d o frizione è necessario solo q u a n d o a g e n d o sulla leva A, si avverte un indurimento. Per d i s i n s e r i r e l a t r a z i o n e i n t e g r a l e d u r a n t e l a m a r c i a , o c corre rilasciare il pedale acceleratore ed e f f e t t u a r e l'operazione con ruote diritte. N o n è consigliabile usare la trazione integrale ad una velocità s u p e r i o r e ai 60 k m / h per e v i t a r e u n a p r e c o c e u s u r a dei pneumatici posteriori e consumi carburante superiori a quelli r i s c o n t r a b i l i nel n o r m a l e esercizio della v e t t u r a . Avvertenza Inserire la trazione integrale per affrontare strade a bassa aderenza (con neve, fango, acqua, ecc.) ma non utilizzarla su strade ad alta aderenza (asfalto asciutto), perché in manovre a bassa velocità e con ruote anteriori sterzate al massimo, la vettura risulterebbe frenata.

Per e f f e t t u a r e l ' i n s e r i m e n t o / d i s i n s e r i m e n t o d e l l a trazione integrale a v e t t u r a f e r m a , si consiglia di c o m p i e r e dei piccoli s p o s t a m e n t i in a v a n t i o all'indietro con la v e t t u r a , al fine di detensionare gli ingranaggi che t r a s m e t t o n o il m o t o alle r u o t e p o s t e r i o r i , agendo sulla leva A c o m e su descritto.

114

TRAZIONE INTEGRALE
CARATTERISTICHE TECNICHE T r a s m i s s i o n e d e l m o t o alle r u o t e p o s t e r i o r i r e a l i z z a t a i n t r e tronchi. Motoassale anteriore con coppia cilindrica di riduzione avente rapporto C o p p i a c o n i c a di r i n v i o del m o t o all'asse posteriore con rapporto Motoassale posteriore con coppia conica di riduzione del differenziale avente rapporto

SOLLEVAMENTO VETTURA
Con il cric è f o r n i t o un s u p p o r t o che p u ò servire per il soll e v a m e n t o della vettura.

11/60 ATTENZIONE 11/41 Il non corretto la posizionamento caduta della del cric può provocare vettura sollevata.

14/41

115

SOLLEVAMENTO VETTURA
Q u a n d o l'alzata m a s s i m a d e l c r i c , a c a u s a d e l t e r r e n o s c o n nesso, n o n consente il s o l l e v a m e n t o dal suolo della ruota da sostituire, servirsi dell'apposito s u p p o r t o posizionand o l o s o t t o la base del cric c o n la parte dentata a c o n t a t t o del s u o l o . ATTENZIONE Il ne Sono me ad cric di serve ruote da esclusivamente della vettura escludere altre sotto a per cui è In la in sostituziodotazione. cocaso diversi nessun

assolutamente esempio per

impieghi vettura.

sollevare riparazioni

vetture.

utilizzarlo

116

SOLLEVAMENTO VETTURA
T e r m i n a t o l'uso posizionare il s u p p o r t o sotto la ruota di scorta.

RUOTE
RUOTA DI SCORTA È bloccata da un d a d o a u t o c e n t r a n t e ad alette.

117

RUOTE

DISPOSITIVO MOZZI RUOTE LIBERI
Il d i s p o s i t i v o "mozzi ruote liberi" è un particolare sistem a , a p p l i c a t o alle r u o t e p o s t e r i o r i della Panda nella versione 4x4, che evita il t r a s c i n a m e n t o degli i n g r a n a g g i e degli altri o r g a n i di t r a s m i s s i o n e del m o t o alle r u o t e stesse c o n s e n t e n d o , q u a n d o si viaggia con il dispositivo disinserito (versione 4x2), un c o n t e n i m e n t o della r u m o r o sità interna alla v e t t u r a , delle v i b r a z i o n i e dei c o n s u m i di carburante. Per l ' i n s e r i m e n t o del s i s t e m a o c c o r r e r u o t a r e i n s e n s o antiorario la m a n o p o l a applicata sulle ruote posteriori, n e l l a p o s i z i o n e (1) d i e n t r a m b e l e r u o t e . Per i l d i s i n s e r i m e n t o , r u o t a r e l a m a n o p o l a i n s e n s o o r a r i o (2) d i e n t r a m b e l e r u o t e .

Avvertenza Viaggiare nato su 4x2 o 4x4 viaggiare mai con un tro in 4x4.

sempre con il dispositivo posiziosu entrambe le ruote posteriori; non solo mozzo posizionato in 4x2 e l'al-

Avvertenza Con il dispositivo posizionato in 4x2, non inserire la trazione integrale con la vettura in movimento.

Avvertenza L'accensione della spia sul quadro strumenti, segnala l'inserimento della trazione integrale solo se il dispositivo è posizionato su 4x4. Gli organi meccanici sottostanti alla parte anteriore della scocca sono protetti da un apposito riparo.

118

RIPARO ORGANI MECCANICI
Gli o r g a n i m e c c a n i c i s o t t o s t a n t i alla p a r t e a n t e r i o r e della scocca s o n o protetti da un apposito riparo.

DIFFERENZIALE POSTERIORE
Il livello dell'olio d e v e sfiorare il b o r d o inferiore del t a p p o di i n t r o d u z i o n e B.

119

DIMENSIONI
Versione Panda 4x4 D i m e n s i o n i (in m m )

L 'altezza si i n t e n d e a v e t t u r a s c a r i c a . Capacità del v a n o bagagli ( n o r m e VDA): - con sedile posteriore in posizione n o r m a l e 204 d m
3

- c o n sedile p o s t e r i o r e ribaltato (carico f i n o a filo p a d i g l i o n e ) 822 d m

3

120

VARIANTI PER Panda Van
PORTA POSTERIORE SPORTELLI LATERALI VARIE DIMENSIONI 122 123 123 124

Le notizie e le illustrazioni di s e g u i t o riportate s o n o specifiche per la v e r s i o n e Panda V a n . Per q u a n t o n o n t r a t t a t o , s o n o v a l i d e l e i n f o r m a z i o n i c o n t e n u t e n e l l e a l t r e s e z i o n e d e l p r e s e n t e l i b r e t t o .

121

PORTA POSTERIORE
La porta posteriore è c o m p o s t a da d u e battenti. Per a p r i r e i l b a t t e n t e d i d e s t r a o c c o r r e s b l o c c a r e l a s e r r a t u r a c o n la c h i a v e e p r e m e r e il n o t t o l i n o . Per a p r i r e i l b a t t e n t e d i s i n i s t r a o c c o r r e p r i m a s p i n g e r e i n avanti il tirante A, s e c o n d o il senso di marcia della vettura, d e t e r m i n a n d o così il s u o sbloccaggio. Per c h i u d e r e l a p o r t a c o m p l e t a , o c c o r r e p r i m a c h i u d e r e i l battente di sinistra, poi quello di destra e bloccare c o n la chiave.

122

SPORTELLI LATERALI
A l p o s t o d e i v e t r i laterali p o s t e r i o r i l a v e t t u r a è d o t a t a d i d u e sportelli basculanti muniti di serratura ed apribili dall'esterno. Per a p r i r e o c c o r r e s b l o c c a r e la s e r r a t u r a c o n la c h i a v e e p r e m e r e il nottolino; lo sportello si apre a u t o m a t i c a m e n t e . Per c h i u d e r e , è s u f f i c i e n t e s p i n g e r e l o s p o r t e l l o v e r s o i l basso q u i n d i , a chiusura a v v e n u t a , bloccare con la chiave.

VARIE
Il v e i c o l o p u ò essere f o r n i t o di un portascale e d u e cassett i e r e o g n u n a c o m p o s t a d a sei c a s s e t t i e v e n t i v a s c h e t t e p o r taminuterie.

CONSUMI COMBUSTIBILE C o n s u m o s e c o n d o n o r m e C U N A (litri p e r 100 k m ) : Panda Panda 4x4 5,7 7,6

123

DIMENSIONI
Versione Panda Van D i m e n s i o n i (in m m ) Versione Panda 4x4 Van D i m e n s i o n i (in m m )

L'altezza s i i n t e n d e a v e t t u r a s c a r i c a . Capacità del v a n o d i carico: 1000 d m
3

L'altezza si i n t e n d e a v e t t u r a s c a r i c a . Capacità del v a n o d i carico: 1000 d m
3

124

CARATTERISTICHE E DATI TECNICI
DATI PER L'IDENTIFICAZIONE MOTORE FRENI TRASMISSIONE SOSPENSIONI STERZO RUOTINO DI SCORTA CERCHI E PNEUMATICI IMPIANTO ELETTRICO PRESTAZIONI PESI DIMENSIONI RIFORNIMENTI FLUIDI E LUBRIFICANTI CONSUMO DI CARBURANTE EMISSIONI DI C 0 PRESSIONE DEI PNEUMATICI
2

126 128 131 132 132 133 133 134 136 137 138 139 140 141 143 144

125

DATI PER L'IDENTIFICAZIONE
A - Marcatura dell'autotelaio È s t a m p i g l i a t a nel v a n o m o t o r e , a lato d e l l ' a t t a c c o s u p e riore dell'ammortizzatore destro; c o m p r e n d e : - c o d i c e di identificazione del t i p o di v e i c o l o ( r i f e r i m e n t o C sulla targhetta riassuntiva): ZFA 141000; - n u m e r ò p r o g r e s s i v o di f a b b r i c a z i o n e d e l l ' a u t o t e l a i o (rifer i m e n t o D sulla targhetta riassuntiva). B - Targhetta riassuntiva dei dati d'identificazione La t a r g h e t t a è u b i c a t a nel b a g a g l i a i o sulla t r a v e r s a p o s t e riore c o m e illustrato in f i g u r a . A. N o m e del costruttore. B. N u m e r o d'omologazione. C. Codice d'identificazione del t i p o di veicolo. D. N u m e r o progressivo di fabbricazione dell'autotelaio. E . Peso m a s s i m o a u t o r i z z a t o d e l v e i c o l o a p i e n o c a r i c o . F. Peso m a s s i m o a u t o r i z z a t o a p i e n o c a r i c o d e l v e i c o l o p i ù rimorchio.

G. Peso m a s s i m o autorizzato sul p r i m o asse (anteriore).

126

DATI PER L'IDENTIFICAZIONE
H . Peso m a s s i m o a u t o r i z z a t o s u l s e c o n d o asse ( p o s t e r i o r e ) . I. L. Tipo motore. Codice v e r s i o n e carrozzeria. P a n d a V a n (*) Panda Van (**) Panda 4x4 Panda 4x4 CITIVAN P a n d a 4 x 4 V a n (*) Panda 4 x 4 V a n (**) Panda 4x4 Climbing
(*) Portata 260 kg (**) Portata 280 kg

141AW53D AX 141AW53D BX 1 4 1 A W 5 3 B 05C 141AW53EAX 141AW53F AX 141AW53F BX 141AW53B05D

M. N u m e r o per ricambi. N. Valore corretto del coefficiente di f u m o s i t à per m o t o r i Diesel. M A R C A T U R A DEL M O T O R E Codice m o t o r e 187A1000

Codice versione carrozzeria (riportato solo sulla targhetta riassuntiva, riferimento L) Panda Panda CITIVAN 141AW53A04B 141AW53C AX

Targhetta d'identificazione della vernice della carrozzeria (applicata i n t e r n a m e n t e al p o r t e l l o n e p o s t e r i o r e ) A. Fabbricante della vernice. B. D e n o m i n a z i o n e del colore. C. Codice del colore. D. C o d i c e del c o l o r e per ritocchi o riverniciatura.

Numero progressivo di fabbricazione del motore

127

MOTORE
GENERALITÀ

Codice tipo Ciclo Numero e posizione cilindri Diametro e corsa stantuffi Cilindrata totale Rapporto di compressione kW/CV Potenza massima (CEE) regime corrispondente Nm/kgm Coppia massima (CEE) regime corrispondente giri/min giri/min mm cm
3

187A1000 Otto 4 in linea 70x72 1108 9,6 : 1 40/54 5000 88/9,0 2750

128

MOTORE
DISTRIBUZIONE

Ad albero in testa comandato da cinghia dentata: Aspirazione inizio: dopo il p.m.s fine: Scarico dopo il p.m.i 15° 35,5° 37,5° 35°

inizio: prima del p.m.i fine: prima del p.m.s

Gioco punterie per controllo messa in fase: - aspirazione / scarico Gioco punterie di funzionamento a freddo: -aspirazione -scarico mm mm 0,35±0,05 0,45±0,05 mm 0,70

129

MOTORE
ALIMENTAZIONE / ACCENSIONE

Tipo

Iniezione elettronica multipoint ed accensione a sistema integrato: una sola centralina elettronica controlla entrambe le funzioni elaborando congiuntamente la durata del tempo d'iniezione (per il dosaggio della benzina) e l'angolo di anticipo dell'accensione.

Ordine d'accensione Regime minimo del motore Candele d'accensione

1-3-4-2 750 + 50 giri/min. NGK BKR5EZ

130

FRENI
LUBRIFICAZIONE Forzata c o n p o m p a ad i n g r a n a g g i . Filtro olio a p o r t a t a t o tale c o n cartuccia. RAFFREDDAMENTO Circolazione a c q u a c o n p o m p a c e n t r i f u g a , v e n t i l a t o r e azionato da un m o t o r i n o elettrico ad inserzione a u t o m a t i c a , com a n d a t o da interruttore t e r m o s t a t i c o sull'uscita del radiatore. Serbatoio supplementare in materiale plastico traslucido. FRENI DI S E R V I Z I O E DI S O C C O R S O A n t e r i o r i : a disco, del t i p o a pinza flottante c o n un cilindretto di c o m a n d o per o g n i ruota. Posteriori: a ganasce autocentranti con un cilindretto di com a n d o per ogni ruota. Circuiti idraulici freni anteriori e posteriori i n d i p e n d e n t i . Recupero a u t o m a t i c o del gioco di usura delle guarnizioni d'attrito. serie: SERVOFRENO A d e p r e s s i o n e da 7 " . quindi lente e Prestare aggiuntivi, potrebbero la loro ripetute, ruote ridurre oppure ATTENZIONE attenzione in in in la nel lega montaggio e coppe di di dei spoiler non freni di e vioducendo FRENO DI S T A Z I O N A M E N T O C o m a n d a t o a m a n o e agente m e c c a n i c a m e n t e sulle ganasce d e i f r e n i p o s t e r i o r i .

ATTENZIONE Acqua, strade ghiaccio possono e sale alla antigelo sui prima sparso frenata. sulle ri-

depositarsi

dischi

freno,

l'efficacia

frenante

ruota

ventilazione condizioni lunghe

efficienza

frenate

discese.

131

TRASMISSIONE
FRIZIONE A c o m a n d o m e c c a n i c o , a u t o r e g i s t r a n t e c o n pedale senza corsa a vuoto. G u a r n i z i o n e disco e c o l o g i c a (senza a m i a n t o ) . TRASMISSIONE Rapporti del c a m b i o di velocità a c o m a n d o m a n u a l e .

SOSPENSIONI
A n t e r i o r e : a ruote i n d i p e n d e n t i , c o n bracci oscillanti inferiori o m o n t a n t i telescopici costituiti c i a s c u n o dal m o n t a n t e in lamiera collegato rigidamente all'ammortizzatore idraulico a d o p p i o e f f e t t o . M o l l a a d e l i c a e t a s s e l l i d i t a m p o n a m e n t o coassiali con gli ammortizzatori. Snodi a lubrificazione permanente. Posteriore: ad iì c o n boccola centrale a d e f o r m a z i o n e c o n trollata e bracci di reazione l o n g i t u d i n a l e . Solo per v e r s i o n e 4x4 S o s p e n s i o n e posteriore ad assale rigido t u b o l a r e collegato alla scocca c o n balestra l o n g i t u d i n a l e a tre l a m e e tasselli e l a s t i c i . A m m o r t i z z a t o r i i d r a u l i c i t e l e s c o p i c i a d o p p i o effetto.

Panda 1 marcia 2 marcia 3 marcia 4 marcia 5 marcia RM Coppia di riduzione del differenziale
a a a a a

Panda 4x4 3,909 2,056 1,272 0,978 0,731 3,727 1:5,454 (11/60)

3,909 2,158 1,345 0,974 0,766 3,818 1:3,562 (16/57)

132

STERZO
V o l a n t e (EAS) ad alto a s s o r b i m e n t o di energia. Piantone snodato con due giunti cardanici. Comando a cremagliera. N u m e r o giri v o l a n t e fra le sterzate m a s s i m e : corrispondenti ad uno s p o s t a m e n t o della cremagliera di Tiranti di c o m a n d o simmetrici ed indipendenti per ciascuna ruota. Snodi a lubrificazione permanente. D i a m e t r o m i n i m o di sterzata tra m a r c i a p i e d i Convergenza misurata fra i cerchi con vettura in ordine di marcia (serbatoio carburante pieno, ruota di scorta, utensili ed accessori) Solo per versione Panda 4x4 D i a m e t r o m i n i m o di sterzata 9,22 m 9,455 m 3,8 130 m m

RUOTINO DI SCORTA
L e v e t t u r e d o t a t e d i p n e u m a t i c i 155/65 R 1 3 " - 7 3 S s o n o p r o v viste della ruota di soccorso di d i m e n s i o n i ridotte di colore r o s s o 135 R 1 3 " - 6 8 S ( e c c e t t o le v e r s i o n i V a n / C I T I V A N ) . L'uso del r u o t i n o di s c o r t a , d e v e essere l i m i t a t o alla percorrenza necessaria a r a g g i u n g e r e u n a stazione di servizio.

ATTENZIONE

Durante il suo utilizzo non deve essere superata la velocità di 80 km/h. Evitare accelerate a tutto gas, frenate violente e curve veloci. Pressione di gonfiaggio 2,5 bar Non è consentito l'impiego contemporaneo di due o più ruote di soccorso.

-2±2mm Avvertenza scorta. Non montate mai la coppa sul ruotino di

Convergenza misurata fra i cerchi con vettura in ordine di marcia (serbatoio carburante pieno, ruota di scorta, utensili e d a c c e s s o r i ) -4±2mm

133

CERCHI E PNEUMATICI
C e r c h i o a disco in acciaio s t a m p a t o 4.00 B 1 3 " Indice di carico (portata) 60 = 250 kg 61 = 2 5 7 k g (In a l c u n e v e r s i o n i e P a n d a V a n ) Solo per versione Panda 4x4 Pneumatici Tubeless a carcassa radiale 155/65 R 1 3 " - 73S 62 = 2 6 5 k g 63 = 2 7 2 k g 64 = 2 8 0 k g 145 R 1 3 " - 7 4 Q W I N T E R 65 = 2 9 0 k g 66 = 3 0 0 k g 67 = 3 0 7 k g 68 = 3 1 5 k g 69 = 3 2 5 k g 70 = 3 3 5 k g 71 = 3 4 5 k g Con pneumatici camere d'aria. Tubeless non devono essere impiegate 72 = 3 5 5 k g 73 = 3 6 5 k g Per l'eventuale impiego di catene da neve, scrizioni al paragrafo "Accessori" "Conoscenza della vettura ". vedere del le precapitolo 74 = 3 7 5 k g 75 = 3 8 7 k g 76 = 4 0 0 k g 77 = 4 1 2 k g 78 = 4 2 5 k g 79 = 4 3 7 k g 80 = 4 5 0 k g 81 = 4 6 2 k g 82 = 4 7 5 k g 83 = 4 8 7 k g 8 4 = 5 0 0 kg 85 = 5 1 5 kg 8 6 = 5 3 0 kg 87 = 5 4 5 kg 88 = 5 6 0 kg 89 = 5 8 0 kg 9 0 = 6 0 0 kg 91 = 6 1 5 kg 92 = 6 3 0 k g 93 = 6 5 0 k g 9 4 = 6 7 0 kg 95 = 6 9 0 kg 9 6 = 7 1 0 kg 97 = 7 3 0 kg 9 8 = 7 5 0 kg 99 = 7 7 5 kg 100 = 8 0 0 kg 101 = 8 2 5 kg 102 = 8 5 0 kg 103 = 8 7 5 kg 104 = 9 0 0 kg 105 = 9 2 5 k g 106 = 9 5 0 k g P n e u m a t i c i T u b e l e s s a c a r c a s s a r a d i a l e .... 135 R 1 3 " - 6 8 S

Ferme restando le d i m e n s i o n i prescritte, per la sicurezza di marcia è indispensabile che la v e t t u r a sia dotata di p n e u matici della stessa m a r c a e dello stesso tipo su tutte le ruote. Attenzione

134

CERCHI E PNEUMATICI
Indice di velocità m a s s i m a Q R S T U H V W Y = f i n o a 160 k m / h . = f i n o a 170 k m / h . = f i n o a 180 k m / h . = f i n o a 190 k m / h . = f i n o a 200 km/h. = fino a 210 km/h. = f i n o a 240 km/h. = f i n o a 270 k m / h . = fino a 300 km/h. 4.00 B = = l a r g h e z z a d e l c e r c h i o in p o l l i c i (1) profilo della balconata (risalto laterale d o v e app o g g i a i l t a l l o n e d e l p n e u m a t i c o ) (2) d i a m e t r o di c a l e t t a m e n t o in pollici ( c o r r i s p o n d e a quello del p n e u m a t i c o che deve essere m o n t a t o ) (3 = 0) f o r m a e n u m e r o degli " h u m p " (rilievo circonferenziale, che trattiene in sede il t a l l o n e del p n e u m a t i c o tubeless sul cerchio) c a m p a n a t u r a r u o t a (distanza tra il p i a n o di app o g g i o disco/cerchio e mezzeria cerchio ruota) E s e m p i o : 4 . 0 0 B x 13 H2 E T 4 3 LETTURA CORRETTA DEL CERCHIO Di seguito v e n g o n o riportate le indicazioni necessarie per conoscere il significato della sigla identificativa stampata sul cerchio.

Indice di velocità m a s s i m a per p n e u m a t i c i da neve QM + S TM + S HM + S = = = f i n o a 160 k m / h . f i n o a 190 k m / h . f i n o a 210 k m / h .

13

=

H2

=

ET 43

=

135

CERCHI E PNEUMATICI
LETTURA CORRETTA DEL P N E U M A T I C O Esempio 1 5 5 / 6 5 R 13 73 S

IMPIANTO ELETTRICO
T e n s i o n e di a l i m e n t a z i o n e : 12 V BATTERIA

Con negativo a massa. 155 = Larghezza n o m i n a l e (S, distanza in mm tra i fianchi). Capacità 65 R 13 73 S = = = = = R a p p o r t o a l t e z z a / l a r g h e z z a (H/S) in p e r c e n t u a l e . P n e u m a t i c o radiale. D i a m e t r o del cerchio in pollici ( 0 ) . I n d i c e di c a r i c o ( p o r t a t a ) . I n d i c e di v e l o c i t à m a s s i m a . ALTERNATORE P o n t e r a d d r i z z a t o r e a 9 d i o d i e r e g o l a t o r e di t e n s i o n e i n c o r p o r a t i . Inizio ricarica batteria a m o t o r e a p p e n a a v v i a t o . (alla scarica di 20 ore) Corrente di scarica rapida a freddo (-18 °C) 40Ah 200A

Corrente continua erogabile

55 A

ATTENZIONE Modifiche o riparazioni dell'impianto elettrico eseguite in modo non corretto e senza tenere conto delle caratteristiche tecniche dell'impianto, possono causare anomalie di funzionamento con rischi di incendio.

136

PRESTAZIONI
Velocità massime ammissibili d o p o il primo periodo d'uso della v e t t u r a in k m / h :

Versioni

1

a

2

a

3

a

4

a

5

a

RM

Panda

36

69

106

130

140

38

Panda 4x4

27

50

81

106

130

28

137

PESI
PESI ( i n k g ) Panda Van CITIVAN Panda 4x4 Van 4x4 CITIVAN

Panda

Panda 4x4

Peso vettura in ordine di marcia (con rifornimenti, ruota di soccorso, utensili ed accessori) (1) Portata utile compreso il conducente Carichi massimi ammessi (2): - asse anteriore - asse posteriore - a pieno carico ............................................................................ Peso rimorchiabile: - rimorchio con freni - rimorchio senza freni Carico sulla sfera traino (2) Carico massimo sul tetto .............................................................

805 300

890 300

825 (845*) 280 (260*)

910 (930*) 280 (260*)

580 630 1150

590 680 1220

580 630 1150

590 680 1220

800 350 56 50

900 400 63 50

800 350 56 50

900 400 63 50

(1) N o t a p e r v e r s i o n i a c c e s s o r i a t e . I n p r e s e n z a d i e q u i p a g g i a m e n t i speciali (tetto apribile, dispositivo t r a i n o r i m o r c h i ) il peso a v u o t o a u m e n t a e p e r t a n t o p u ò d i m i n u i r e la portata utile, nel rispetto dei carichi m a x a m m e s s i . In particolare, per la v e r s i o n e Panda CITIVAN allestita per t r a s p o r t i specifici, è da tenere presente una riduzione della portata u t i l e d i 3 0 k g . I d a t i r i p o r t a t i c o n l ' a s t e r i s c o s i r i f e r i s c o n o alla versione Panda V a n allestita per trasporti specifici.

(2) C a r i c h i c h e n o n d e v o n o e s s e r e m a i s u p e r a t i . È r e s p o n s a b i l i t à d e l l ' U t e n t e d i s p o r r e l e m e r c i n e l v a n o b a g a g l i e/o sul p i a n o di carico in m o d o da rispettare tali m a s s i m i .

138

DIMENSIONI

L'altezza si i n t e n d e a v e t t u r a s c a r i c a . Capacità del v a n o di carico ( n o r m e VDA): - con sedile posteriore in posizione n o r m a l e 204 d m
3 3

- c o n sedile posteriore ribaltato (carico fino a filo padiglione) 822 d m

*1500 per versioni con fasce paracolpi Dimensioni in m m .

139

RIFORNIMENTI
dm (litri) 30/43 (*) 4-r6 Radiatore e motore, riscaldatore, vaschetta 5,2 Coppa del motore Scatola del cambio e differenziale Scatola differenziale posteriore Scatola sterzo Cavità giunti omocinetici e cuffie di protezione (ciascuna) Giunti cardanici (ciascuno) Circuiti dei freni idraulici anteriori e posteriori Recipiente liquido lavacristallo o lavacristallo-lavalunotto 0,39 3,5 3,1 3,5 2,40 2,8 3,1 2,15 1,2 0,1 0,045 0,050 0,39
3

P r o d o t t i FL Group

Parti da rifornire

kg

Combustibili prescritti Prodotti consigliati Benzina verde senza piombo non inferiore a 95 R.O.N. Miscela di acqua demineralizzata e liquido PARAFLU UP al 50%. Olio SELENIA 20K Olio TUTELA CAR ZC 75 SYNTH Olio TUTELA W 140/MDA Grasso K 854 Grasso TUTELA M R M 2 Liquido TUTELA TOP4 Miscela acqua e liquido TUTELA PROFESSIONAL SC 35

(*) Panda 4 x 4

140

FLUIDI E LUBRIFICANTI
PRODOTTI CONSIGLIATI E LORO CARATTERISTICHE

Prodotti

FL Group

Impiego

Caratteristiche qualitative dei fluidi e lubrificanti per un corretto funzionamento della vettura

Fluidi e Lubrificanti consigliati

Applicazioni

Olio motore multigrado con base sintetica di gradazione SAE 10W-40. Supera le specifiche ACEA A3, API SL

SELENIA 20K

Lubrificanti per mototi a benzina (*)

Olio motore multigrado con base sintetica di gradazione SAE 5W-30. Supera le specifiche ACEA A 1 , API SL

SELENIA PERFORMER

(*) Per temperature inferiori a - 20°C utilizzare olio motore SELENIA PERFORMER SAE 5W-30

141

FLUIDI E LUBRIFICANTI
PRODOTTI UTILIZZABILI E LORO CARATTERISTICHE

Prodotti

FL Group

Impiego

Caratteristiche qualitative dei fluidi e lubrificanti per un corretto funzionamento della vettura Olio trasmissioni a base sintetica SAE 75W-80 EP. Soddisfa le specifiche API GL5, MIL - L - 2105 D LEV.

Fluidi e Lubrificanti consigliati TUTELA CAR ZC 75 SYNTH TUTELA G l / A

Applicazioni

Cambio meccanico e differenziale Servosterzo idraulico Cambio automatico

Lubrificanti e grassi per la trasmissione del moto

Olio tipo "ATF DEXRON II D LEV"

Grasso a base di saponi di litio con bisolfuro di molibdeno consistenza NLGI 2 Prodotti per freni Fluido sintetico FMVSS n° 116, DOT 4, ISO 4925 SAE J-1703, SAE J 1704, CUNA NC 956 - 01 Protettivo di colore rosso, con azione anticongelante a base di glicole monoetilenico ed inibitori di corrosione organici

TUTELA M R M 2

Giunti omocinetici

TUTELA TOP 4

Comandi idraulici freni e frizione Percentuale di impiego 50% acqua demineralizzata 50% PARAFLU UP Da impiegarsi puro o diluito negli impianti tergilavacristalli

Protettivo per radiatori

PARAFLU UP (•)

Liquido per lavacristallo/ lavalunotto

Miscela di alcoli e tensiottavi CUNA NC 956 - Il

TUTELA PROFESSIONAL SC 35

(•) A v v e r t e n z a Non rabboccare o miscelare con altri tipi di fluidi aventi caratteristiche diverse da quelle prescritte.

142

CONSUMO DI CARBURANTE - EMISSIONI DI CO
I v a l o r i d i c o n s u m o c a r b u r a n t e , e s p r e s s i i n litri x 100 k m , r i portati nelle seguenti tabelle, s o n o d e t e r m i n a t i sulla base di p r o v e o m o l o g a t i v e prescritte da specifiche Direttive Eur o p e e . Per l a r i l e v a z i o n e d e l c o n s u m o v e n g o n o s e g u i t e l e seguenti procedure: - c i c l o u r b a n o : inizia c o n un a v v i a m e n t o a f r e d d o q u i n d i v i e n e e f f e t t u a t a u n a g u i d a c h e s i m u l a l'utilizzo d i circolazione u r b a n a della vettura; - ciclo e x t r a u r b a n o : viene effettuata una guida che simula l'utilizzo di circolazione e x t r a u r b a n a della v e t t u r a c o n freq u e n t i accelerazioni in tutte le marce; la velocità di percorr e n z a v a r i a da 0 a 120 k m / h ; - c o n s u m o c o m b i n a t o : viene determinato con una ponderazione di circa il 3 7 % del ciclo u r b a n o e di circa il 6 3 % del ciclo e x t r a u r b a n o . Avvertenza Tipologia di percorso, situazioni di traffico, condizioni atmosferiche, stile di guida, stato generale della vettura, livello di allestimento/dotazioni/accessori, carico della vettura, presenza di portapacchi sul tetto, altre situazioni che penalizzano la penetrazione aerodinamica o la resistenza all'avanzamento possono portare a valori di consumo diversi da quelli rilevati (vedere capitolo "Contenimento spese di gestione e dell'inquinamento ambientale" nel capitolo "Uso della vettura"). Avvertenza É consigliata in seconda marcia. la partenza su strada piana ed Consumi secondo la direttiva 1999/100/CE Panda Panda 4x4 Panda 4x4 Climbing

Urbano Extraurbano Combinato

7,8 (*) 4,9 (*) 6(*)

8,2 (**) 6,5 (**) 7,1 (**)

8,0 6,3 6,9

(*) Partenza in 1 marcia (**) Partenza in 2 marcia
a

a

EMISSIONI DI CO

2

I valori di e m i s s i o n e di C O , riportati nella seguente tabella, s o n o riferiti a l c o n s u m o c o m b i n a t o .
2

Emissioni di C 0 secondo la direttiva 1999/100/CE (g/km)
2

Panda

Panda 4x4

Panda 4x4 Climbing

141

168

165

143

PRESSIONE DEI PNEUMATICI
PRESSIONI DI G O N F I A G G I O A FREDDO (bar) C o n p n e u m a t i c o c a l d o il v a l o r e della p r e s s i o n e d e v e essere +0,3 bar rispetto al v a l o r e prescritto. Ricontrollare c o m u n q u e il corretto valore a p n e u m a t i c o f r e d d o .

A v u o t o e medio carico Versioni Pneumatici Anteriori 135 R 13"- 68S Panda 155/65 R 13"-73S (dove previsto) Panda 4 x 4 145/80 R 13" - 740. WINTER 2,2 2,0 2,2 2,0 2,2 2,2 2,0 Posteriori 2,0

A pieno carico Anteriori 2,2 Posteriori 2,2 2,2 2,2

144

APPENDICE
INSTALLAZIONE AUTORADIO INSTALLAZIONE DISPOSITIVO DI TRAINO INSTALLAZIONE SISTEMA DI ALLARME 146 148 150

Per o g n i e v e n t u a l e a p p l i c a z i o n e d i a c c e s s o r i e l e t t r i c i n o n d e s c r i t t i n e l p r e s e n t e l i b r e t t o , o c c o r r e e f f e t t u a r e c o l l e g a m e n t i a l l ' i m pianto di bordo tramite un teleruttore asservito al c o m m u t a t o r e di avviamento.

145

INSTALLAZIONE AUTORADIO
S C H E M A DELLA PREDISPOSIZIONE ELETTRICA E DERIVAZIONI AGGIUNTIVE A. B. C. D. E. Collegamenti per alimentazione autoradio. Altoparlante destro. Altoparlante sinistro. Antenna. Punto di massa per alimentazione i m p i a n t o autoradio. P u n t o a 12V p e r a l i m e n t a z i o n e i m p i a n t o a u t o r a d i o , s u c o m m u t a t o r e d ' a c c e n s i o n e (fusibile d a 7,5A).

F.

146

INSTALLAZIONE AUTORADIO
UBICAZIONE COMPONENTI SU VETTURA A. B. C. D. E. Sede per radioricevitore. Sede per altoparlante destro. Sede per altoparlante sinistro. Antenna. Punto di massa per alimentazione i m p i a n t o autoradio. P u n t o a 12V p e r a l i m e n t a z i o n e i m p i a n t o a u t o r a d i o , s u c o m m u t a t o r e d'accensione (fusibile da 7,5A).

F.

147

INSTALLAZIONE DISPOSITIVO DI TRAINO
S C H E M A DELLE DERIVAZIONI ELETTRICHE A. P u n t o di d e r i v a z i o n e per luci di posizione r i m o r c h i o , su c o m m u t a t o r e d'accensione (fusibile da 7,5A). G i u n t o di r a c c o r d o a 7 p o l i . Punto di m a s s a posteriore per alimentazione i m p i a n t o elettrico rimorchio. P u n t o di d e r i v a z i o n e per luci di direzione e r e t r o n e b bia r i m o r c h i o . P u n t o di d e r i v a z i o n e per luci di s e g n a l a z i o n e arresto vettura/rimorchio. Punto di derivazione per un eventuale sistema di frenatura elettrica del r i m o r c h i o .

B. C.

D.

E.

F.

148

INSTALLAZIONE DISPOSITIVO DI TRAINO
INTERVENTI SU VETTURA A. Punto di d e r i v a z i o n e per luci di posizione r i m o r c h i o su c o m m u t a t o r e d ' a c c e n s i o n e (fusibile da 7,5A). G i u n t o di r a c c o r d o a 7 p o l i . Punto di massa posteriore per alimentazione impianto elettrico rimorchio. P u n t o di derivazione per luci di direzione e r e t r o n e b bia rimorchio. P u n t o di d e r i v a z i o n e per luci di s e g n a l a z i o n e arresto vettura/rimorchio. Punto di derivazione per un eventuale sistema di frenatura elettrica del r i m o r c h i o . S o s t i t u z i o n e d e l l ' i n t e r m i t t e n z a luci di d i r e z i o n e c o n un'altra con carico duplice.

B. C.

D.

E.

F.

G.

149

INSTALLAZIONE SISTEMA DI ALLARME
S C H E M A DELLE DERIVAZIONI ELETTRICHE A. B. C. Sirena. Sensore volumetrico. C o l l e g a m e n t o p e r l a m p e g g i o luci d i d i r e z i o n e , s u p u l sante c o m a n d o luci di e m e r g e n z a . Sensore di apertura v a n o bagagli. Punto di derivazione per alimentazione polarità positiva centralina antifurto su centralina portafusibili. Sensore di apertura v a n o m o t o r e . Collegamento a massa per alimentazione centralina antifurto.

D. E.

F. G.

150

INSTALLAZIONE SISTEMA DI ALLARME
INTERVENTI SU VETTURA A. B. C. Sirena. Sensore volumetrico. C o l l e g a m e n t o p e r l a m p e g g i o luci d i d i r e z i o n e , s u p u l sante c o m a n d o luci d i e m e r g e n z a . Sensore di apertura v a n o bagagli. Punto di derivazione per alimentazione polarità positiva centralina antifurto su centralina portafusibili. Sensore di apertura v a n o m o t o r e . C o l l e g a m e n t o a massa per alimentazione centralina antifurto.

D. E.

F. G.

151

INDICE ALFABETICO
Accendisigari Accessori Alette parasole Alternatore Alzacristalli elettrici Appendice Autoradio Avviamento del motore Avviamento della vettura Avviamento d'emergenza Batteria - avviamento con batteria ausiliaria -caratteristiche - manutenzione - ricarica Bloccasterzo C a m b i o di velocità - uso del cambio - livello olio - rapporti marce Candele di accensione - manutenzione -tipo Carrozzeria -manutenzione Caratteristiche e dati tecnici Catene da neve Caratteristiche dei lubrificanti e dei liquidi Centraline elettroniche Cerchi ruote, dimensioni 46 45 47 136 36 145 45-146 52 53 53-68 81 136 96 82 12 53 92 132 99 130 106 125 50 141 98 134 - lettura corretta del cerchio Chiavi Chiusura centralizzata Cinture di sicurezza Cofano motore Comandi di segnalazione e servizio Commutatore di avviamento Conoscenza della vettura Consigli per la manutenzione della carrozzeria Consumi di carburante Consumo olio motore Contachilometri Contenimento delle spese di gestione e dell'inquinamento ambientale Cosa fare se Cric D a t i per l'identificazione Differenziale posteriore Diffusori aria Dimensioni Disappannamento Dispositivo di traino (installazione) Dispositivo "mozzi ruote liberi" Distribuzione Emissioni di EOBD (Il sistema) CO
2

135 9 35 23 39 19 11 105 123-143 91 12-113 58 67 73

126 119 16-17 120-124-139 18 148 118 129
1

43 42

152

INDICE ALFABETICO
Fari Filtro aria - pulizia e sostituzione elemento filtrante Fluidi e lubrificanti Freni - caratteristiche - livello liquido nel serbatoio Frizione Fusibili G a n c i o di traino - schemi per l'installazione Guida economica e rispettosa dell'ambiente Guida sicura Illuminazione interna Il sistema Fiat CODE Impianto elettrico Indicatore del livello del carburante Indicatori di direzione - leva di comando - sostituzione della lampada Interno vettura (pulizia) Interruttore blocco carburante Interventi aggiuntivi In sosta Lavacristallo Lavalunotto Liquido lavacristallo/lavalunotto 40 94 141 131 93 132 79 148 61 54 47 9 136 13 22 77-78 108 23 89 54 22 20 94 Liquido freni Liquido impianto raffreddamento motore Lubrificanti - olio motore Luci abbaglianti - sostituzione delle lampade Luci anabbaglianti - sostituzione delle lampade Luci antinebbia posteriori - sostituzione delle lampade Luce di cortesia - sostituzione della lampada Luci di direzione - sostituzione delle lampade anteriori - sostituzione delle lampade posteriori Luci di emergenza Luci di posizione - sostituzione delle lampade Luci retromarcia - sostituzione delle lampade Luce targa - sostituzione della lampada Luce terzo stop - sostituzione della lampade Lunga inattività della vettura Lunotto termico 93 92 140 21 76 19-21 76 21 78 74 22 77 78 19 19 77 78 78 75 110 19

Manutenzione della vettura - manutenzione programmata - piano di manutenzione programmata - piano di ispezione annuale

85 86 87 88

153

INDICE ALFABETICO
- interventi aggiuntivi Motore - alimentazione / accensione - d a t i tecnici O l i o cambio e differenziale Olio differenziale posteriore (Panda 4x4) -verifica del livello Olio motore -verifica del livello Orientamento dei fari Pesi Plancia portastrumenti Pneumatici - dimensioni -foratura - lettura corretta del pneumatico -manutenzione - pressione di gonfiaggio Portapacchi Porte Posacenere Prestazioni Protezione dagli agenti atmosferici Pulizia parti in plastica Pulizia dei sedili e parti in tessuto Q u a d r o di controllo Rapporti del cambio Regolatore assetto fari 89 130 128-129 Regolazioni personalizzate Rifornimenti Riparo organi meccanici Riscaldamento e ventilazione Ruota (sostituzione di una) Ruota di scorta Ruotino di scorta Salvaguardia dell'ambiente Scocca Sedili anteriori Sedili posteriori - ribaltamento per ampliamento del vano bagagli Segnalatori su plancia portastrumenti Sistema d'allarme (installazione) Sistema EOBD Smaltimento liquidi e materiali Sollevamento della vettura - con cric - con sollevatore idraulico d'officina Sospensioni Sottoscocca Specchi retrovisori Sportelli laterali Sterzo Strumenti di bordo Tachimetro Tappo del serbatoio combustibile Tergicristallo - leva di comando 23 43-140 119 16-18 71 117 133 62 106 33 37 13 150 42 103 83-115 83 132 108 32-33 123 133 12 12-113 43-44 22

119 90 40-41 138 8 133 69 134 100 144 49 34-122 45 137 106 109 109 11-12-13-14-112 132 40

154

INDICE ALFABETICO
- pulizia, sostituzione spazzole Tergilunotto - pulsante di comando - pulizia, sostituzione spazzole Termometro liquido raffreddamento motore Tetto apribile Traino della vettura Traino di rimorchi Trasmettitori radio e telefoni cellulari Trasmissione (rapporti di) Trasportare bambini in sicurezza Trazione integrale Tubazioni in gomma U s o della vettura V a n o bagagli -capacità Vano motore (lavaggio) Velocità massime Varianti per Panda 4x4 Varianti per Panda Van Ventilazione interno vettura Verifica dei livelli Verniciatura Vetri laterali posteriori Vetri (pulizia) 103 20 103 112 48 84 63 50 132 28 113 104 51

120-124-138 108 137 111 121 16-18 89 106 45 109

CAMBIO OLIO? GLI ESPERTI CONSIGLIANO SELENIA.
L'auto che hai acquistato è nata con i prodotti di FL Group. Ovunque presso la Rete Assistenziale Fiat e in tutti i punti vendita specializzati troverai Selenia per effettuare i tuoi cambi d'olio. 35.000 esperti di motori di tutta Europa consigliano Selenia per la massima protezione del motore della tua auto.

AL TUO MECCANICO CHIEDI SELENIA.

LA TUA AUTO HA SCELTO SELENIA
Il motore della tua nuova auto è nato con Selenia 20K l'olio a base sintetica che soddisfa le più avanzate specifiche internazionali. Selenia 20K esalta le caratteristiche del motore garantendo ottime prestazioni e massima protezione. S E L E N I A 20K Olio Top Quality fuel economy di specifica API SJ, per motori benzina aspirati, turbocompressi o multivalvole. Consente un risparmio del carburante fino al 2% e massima stabilità alle alte temperature. S E L E N I A PERFORMER Olio specifico per il funzionamento ottimale dei motori benzina in condizioni climatiche particolarmente rigide (avviabilità fino a -35°C). ANALISI OLIO USATO: I N C R E M E N T O DI V I S C O S I T À A 40°C (*)

Dedicato alle nuove motorizzazioni Selenia 20K, grazie alla elevata stabilità chimica, consente di estendere l'intervallo di cambio fino a 20.000 k m , garantendo una duratura pulizia del motore.

SELENIA. NEL CUORE DEL TUO MOTORE
Non disperdere l'olio usato nell'ambiente. Per informazioni telefonare al numero verde 800/863048

Pressione pneumatici a freddo, in"bar" A v u o t o e m e d i o carico Versioni Pneumatici Anteriori 135 R 13"- 6 8 S Panda 155/65 R 13"- 73S (dove previsto) 145 R 13"- 7 4 Q WINTER 2,0 2,2 2,0 Posteriori 2,0 2,2 2,0 Anteriori 2,2 2,2 2,2 Posteriori 2,2 2,2 2,2 A pieno carico

Panda 4x4

Sostituzione olio m o t o r e in litri (dm ) Versioni Panda / Panda 4x4 C o p p a del m o t o r e 3,1 C o p p a del m o t o r e e filtro 3,5

3

C a p a c i t à s e r b a t o i o c a r b u r a n t e i n litri ( c o m p r e s a u n a riserva d i circa ...) Versioni Panda Panda 4x4 Capacità serbatoio 30 43 Riserva 4 - 6 4 - 6

Rifornire l a v e t t u r a u n i c a m e n t e c o n b e n z i n a senza p i o m b o c o n n u m e r o d i o t t a n o (RON) n o n i n f e r i o r e a 95. Fiat Auto S.p.A. B.U. After Sales - Assistenza Tecnica - Ingegneria Assistenziale Largo Senatore G. Agnelli, 5 - 10040 Volvera - Torino (Italia) Stampato n. 6 0 3 . 4 5 . 6 1 3 - MI/2003 - V edizione - Printed by Satiz - Turin (Italy) C o o r d i n a m e n t o Editoriale Satiz - T o r i n o

I dati contenuti in questa pubblicazione sono forniti a titolo indicativo. La Fiat potrà apportare in qualunque momento modifiche ai modelli descritti in questa pubblicazione per ragioni di natura tecnica o commerciale. Per ulteriore informazione, il Cliente è pregato di rivolgersi alla Rete Assistenziale Fiat. Stampa su carta ecologica senza cloro.