189

Commentaiy
L'aroma del cervello. Commento a le Oxxervuzlonl xullu
flloxoflu Jellu pxlcologlu
Ludwlg WlLLgensLeln
Adelphl, Mllano, 1990

lolql letlsslootto
*

lperlssl[unlve.lL


jO]oello cbe lo voqllo Jlte è, lovece.
è totto pol.
Ludwlg WlLLgensLeln


l due voluml lnLlLolaLl kemotks oo tbe lbllosopby of
lsycboloqy/8emetkooqeo obet Jle lbllosopble Jet lsycboloqle
furono pubbllcaLl da 8asll 8lackwell a Cxford nel 1980, ben 27 annl
dopo la pubbllcazlone delle lbllosopblcol lovestlqotloos/
lbllosopblscbe uotetsocbooqeo, la prlma delle ºopere" posLume dl
WlLLgensLeln, la quale era usclLa sempre da 8asll 8lackwell nel 1933,
due annl dopo la sua morLe, a cura del suol Lre esecuLorl leLLerarl: C.
M. Anscombe, 8. 8hees, Ceorg P. von WrlghL.
1
La cura del prlmo
volume delle 8emetkooqeo e della Anscombe, la quale ne e anche la
LraduLLrlce lnglese, e dl von WrlghL, la cura del secondo e
nuovamenLe dl von WrlghL, afflancaLo quesLa volLa da P. nyman,
menLre la Lraduzlone lnglese e dl C. C. LuckardL e M. A. L. Aune. Sl
LraLLa della penulLlma delle opere Lra l cul curaLorl compalono uno o
plu degll esecuLorl leLLerarl lnlzlalmenLe lndlcaLl da WlLLgensLeln, l'ulLlma essendo cosLlLulLa
dal due voluml del lost wtltloqs oo tbe lbllosopby of lsycboloqy/lezte 5cbtlfteo obet Jle
lbllosopble Jet lsycboloqle, usclLl, rlspeLLlvamenLe, nel 1982 e nel 1992, ancora da 8asll
8lackwell a cura dl von WrlghL e P. nyman.
2
La Lraduzlone lLallana del due voluml delle
8emetkooqeo usclra, a cura dl 8. ue MonLlcelll, dlecl annl dopo l'edlzlone orlglnale, nel 1990,
presso Adelphl dl Mllano ln un unlco volume dal LlLolo Ossetvozlool sollo fllosoflo Jello
pslcoloqlo.
3

nel 1980, l'anno della pubbllcazlone delle 8ememtkooqeo, gll esecuLorl leLLerarl dl
WlLLgensLeln erano ben consapevoll del dlsaccordo che molLl sLudlosl avevano manlfesLaLo nel
rlguardl delle forme, modl e Lempl con cul essl sLavano facendo conoscere ll lasclLo
wlLLgensLelnlano. ln parLlcolare, erano sLaLl forLemenLe crlLlcaLe (a) la declslone dl rlnunclare a

*
Þrofessore ordlnarlo dl lllosofla del Llnguagglo presso l'unlverslLa Ca' loscarl dl venezla
1
1radoLLe ln lLallano da 8. Þlovesan e M. 1rlnchero con ll LlLolo klcetcbe fllosoflcbe, Llnaudl, 1orlno, 1967
(con dlverse rlsLampe successlve).
2
1radoLLl ln lLallano da 8. Agnese e A. C. Carganl ln un unlco volume dal LlLolo ultlml sctlttl 1948-1951.
lo fllosoflo Jello pslcoloqlo, LaLerza, 8oma-8arl, 1998.
3
nel segulLo clLerò (nel LesLo prlnclpale) da quesLa Lraduzlone: la clfra romana, che lndlca ll numero del
volume, sara segulLa dal numero del paragrafo, ll numero della paglna sl rlferlra lnvece alla premessa del
curaLorl.

Bumana.Nente - Issue 11 - 0ctobei 2uu9

190

pubbllcare ll coslddeLLo 8lq 1ypesctlpt
4
e dl confezlonare al suo posLo un'ºopera", la
lbllosopblscbe Ctommotlk
3
, che, dal punLo dl vlsLa fllologlco, apparlva, come aveva dlmosLraLo
nel deLLagllo A. kenny
6
, a dlr poco dlscuLlblle, (b) la scelLa dl agglungere senza alcuna chlara ed
espllclLa moLlvazlone alla coslddeLLa ºÞarLe l" delle lbllosopblcol lovestlqotloos una ÞarLe ll
cosLlLulLa da un daLLlloscrlLLo, andaLo ln segulLo perduLo, rlsalenLe probabllmenLe al 1949. Þlu
ln generale, clò che con sempre plu forza e da plu parLl sl crlLlcava era la preLesa dl rlLagllare
dall'lnsleme del manoscrlLLl e daLLlloscrlLLl dl WlLLgensLeln delle vere e proprle ºopere" a cul sl
poLesse aLLrlbulre una qualche slgnlflcaLlva, anche se non deflnlLlva, compluLezza. A parere dl
dlversl sLudlosl clò che cosl sl produceva era però solo una lmmaglne forLemenLe deformaLa
del lavoro fllosoflco dl WlLLgensLeln, molLo megllo sarebbe sLaLo pubbllcare l'lnLero lasclLo
wlLLgensLelnlano, senza censure e senza quegll arblLrl fllologlcl da cul era naLa la lbllosopblcol
Ctommot.
7

L'edlzlone delle 8emetkooqeo mosLra che gll esecuLorl del lasclLo wlLLgensLelnano non
erano lnsenslblll a quesLe crlLlche. nel due voluml vengono lnfaLLl pubbllcaLl lo toto (p. 4), ossla
senza selezlonl e rlorganlzzazlonl, due daLLlloscrlLLl, rlspeLLlvamenLe l daLLlloscrlLLl 229 (deLLaLo
nel Lardo auLunno 1947) e 232 (deLLaLo agll lnlzl dell'auLunno 1948) che sl basano su una serle
dl manoscrlLLl (l manoscrlLLl 130-138 secondo la ormal classlca numerazlone dl von WrlghL)
sLesl a comlnclare dal magglo 1946. ln quesLo senso quesLa edlzlone sl avvlclna plu dl alLre a
quel rlgore fllologlco da molLl sLudlosl ausplcaLo, anche se, come negll alLrl casl, ll resoconLo
del crlLerl edlLorlall daLocl dal curaLorl cl appare, se paragonaLo alle «LormenLaLe revlslonl e
rlcoplaLure» dl WlLLgensLeln, «lmpasslblle e breve».
8
va qul Lra l'alLro rlcordaLo come quesLe
annoLazlonl non fossero, alla daLa della loro pubbllcazlone, lnLeramenLe sconoscluLe. un
numero non lndlfferenLe dl esse era gla comparso nel 1967 ln 2ettel
9
(369 del frammenLl qul
raccolLl erano sLaLl lnfaLLl rlLagllaLl da WlLLgensLeln proprlo da daLLlloscrlLLl 229 e 232). lnolLre
dlverse alLre annoLazlonl erano sLaLe pubbllcaLe nel 1933 nella gla rlcordaLa ÞarLe ll delle
lbllosopblcol lovestlqotloos, ossla dl quella parLe ln vlsLa della quale, secondo la Anscombe e
von WrlghL, WlLLgensLeln aveva per l'appunLo sLeso l manoscrlLLl 130-138, l quall possono
essere cosl conslderaLl, «non senza glusLlflcazlone [ma senza che la evocaLa glusLlflcazlone
venga resa espllclLa dal curaLorl], come un lnsleme dl sLudl preparaLorl per la ÞarLe ll delle
klcetcbe fllosoflcbe» (p. 3).
Come leggere le Ossetvozlool? ul sollLo dl fronLe a un LesLo la domanda che cl sl pone per
prlma rlguarda ll suo Lema, conLenuLo o argomenLo: ºul che cosa LraLLa?". uno del complLl dl
un LlLolo, forse ll suo complLo prlnclpale, e darcl una prlma lndlcazlone al rlguardo. nel caso
delle Ossetvozlool sapplamo però che ll LlLolo non e dell'auLore, bensl del curaLorl. ul plu:
menLre ll Lermlne ºosservazlonl" (8emetkooqeo) e dl evldenLe derlvazlone wlLLgensLelnlana (e
WlLLgensLeln lnfaLLl che nella ltefozlooe alle klcetcbe fllosoflcbe, ma non solo qul, parla, a

4
Cra pubbllcaLo a cura dl M. nedo come ll volume della wleoet Aosqobe (Sprlnger, Wlen 2000), la
Lraduzlone lLallana dl A. ue Þalma e sLaLa pubbllcaLa nel 2002 presso Llnaudl (1orlno).
3
ÞubbllcaLa nel 1969 a cura dl 8. 8hees, presso 8asll 8lackwell (Cxford), la Lraduzlone lnglese dl A.
kenny (lbllosopblcol Ctommot) fu pubbllcaLa nel 1974, la Lraduzlone lLallana dl M. 1rlnchero
(Ctommotlco fllosoflco) nel 1990 presso La nuova lLalla (llrenze).
6
A. kenny, lrom Lhe 8lq 1ypesctlpt Lo Lhe lbllosopblcol Ctommot. Acto lbllosopblco leoolco, 28 (1976).
7
ua qualche anno gll sLudlosl hanno flnalmenLe a dlsposlzlone l'edlzlone eleLLronlca del lasclLo dl
WlLLgensLeln, curaLa dal WlLLgensLeln Archlves dell'unlverslLa dl 8ergen: wlttqeostelo´s Nocbloss. 1be
8etqeo ílecttoolc íJltloo, Cxford unlveslLy Þress, Cxford, 2000.
8
Cosl scrlve 8oberLa ue MonLlcelll nella sua posLfazlone alle Ossetvozlool, clL., p. 311.
9
A cura dl C. L. M. Anscombe e C. P. von WrlghL con Lraduzlone lnglese a fronLe della Anscombe, 8asll
8lackwell, Cxford, 1967 (seconda edlzlone 1981), Lraduzlone lLallana dl M. 1rlnchero, Llnaudl, 1orlno,
1986.
Commentaiy -L'aioma uel ceivello

191

proposlLo delle sue annoLazlonl, dl «osservazlonl fllosoflche»
10
), l'espresslone ºfllosofla della
pslcologla" non solo sl Lrova raramenLe
11
ln WlLLgensLeln, ma non e nemmeno
lmmedlaLamenLe persplcua. nella loro breve ltemesso la Anscombe e von WrlghL sembrano
glusLlflcare la scelLa del LlLolo allorche cl lnformano che l quadernl manoscrlLLl 130-138, che
sLanno alla base del daLLlloscrlLLl 229 e 232, conLengono «osservazlonl quasl escluslvamenLe
dedlcaLe alla naLura del conceLLl pslcologlcl» (p. 3). Sono comunque sublLo evldenLl l dlversl
lnLerrogaLlvl che quesLa succlnLa lndlcazlone solleva. Þer esemplo: (1) se l conceLLl pslcologlcl
a cul sono dedlcaLe le annoLazlonl dl WlLLgensLeln slano gll sLessl conceLLl dl cul LraLLa la
pslcologla lnLesa come sclenza, (2) quale rapporLo vl sla Lra la fllosofla e la pslcologla, ossla se
Lra la prlma e la seconda vl slano o meno sovrapposlzlonl o addlrlLLura lnLerferenze, (3) come e
ln che senso la fllosofla (cloe, la fllosofla come la lnLende e praLlca WlLLgensLeln, l'ovvla
preclsazlone sara d'ora ln pol soLLlnLesa) sl mlsurl con la oototo del conceLLl, nel nosLro caso
con la naLura del conceLLl pslcoloqlcl, (4) perche mal l conceLLl pslcologlcl slano dl cosl grande
lnLeresse e rlchlamo per la fllosofla, lnsomma perche WlLLgensLeln abbla loro dedlcaLo LanLo
Lempo e spazlo negll ulLlml lnLensl clnque annl della sua vlLa.
La rlsposLa dl WlLLgensLeln al prlmo del nosLrl lnLerrogaLlvl e cerLamenLe affermaLlva. ln ll,
§.20, per esemplo, egll osserva, ln rlferlmenLo al conceLLo dl 'pensare', che e «[d]al llnguagglo
quoLldlano», dall'uso che facclamo del verbo ºpensare", che «prendlamo quel conceLLo» (vedl
anche ll, §.194: «'pensare' e una parola del llnguagglo quoLldlano»), ln ll, §.62 e nell'appena
clLaLo ll, §.194, l'osservazlone vlene, per cosl dlre, esLesa a LuLLl l Lermlnl e l conceLLl della
pslcologla, l conceLLl pslcologlcl (e l relaLlvl Lermlnl), annoLa lnfaLLl WlLLgensLeln, «sono
davvero conceLLl della vlLa quoLldlana», conceLLl della «vlLa umana» (ll, §.16), e nlenLe affaLLo
«conceLLl creaLl ex oovo dalla sclenza per l proprl scopl, come, lnvece, quelll della flslca e della
chlmlca» (ll, §.62). L appunLo per quesLo, ossla perche l conceLLl pslcologlcl non sono ne creaLl
ex oovo ne lnLrodoLLl ln vlsLa dl scopl lnLernl alla sclenza, che l'lmplego del Lermlnl pslcologlcl
rlsulLa «lngarbugllaLo», ossla «non [.] cosl chlaro, e cosl faclle da afferrare con un colpo
d'occhlo, come quello, per esemplo, del Lermlnl della meccanlca» (ll, §.20), ed e sempre per
quesLo che non dobblamo aspeLLarcl che essl abblano «un lmplego unlLarlo» (ll, §.194). «l
conceLLl pslcologlcl - preclsa lnfaLLl WlLLgensLeln con un cerLo complaclmenLo - hanno con
quelll delle sclenze rlgorose la sLessa relazlone che hanno l conceLLl della medlclna sclenLlflca
con quelll delle vecchle donne che sl dedlcano alla cura del malaLl» (ll, §.62).
L'oblezlone dl chl asplrava (ll rlferlmenLo e ovvlamenLe agll annl ln cul scrlveva
WlLLgensLeln) a lnLendere e a praLlcare la pslcologla come una sclenza può essere qul
facllmenLe prevlsLa. Se la pslcologla può cosl apparlre - cosLul poLra osservare - e perche essa
non e ancora pervenuLa a quella maLurlLa che da Lempo e sLaLa ragglunLa dalla flslca o dalla
chlmlca. Þer forLuna, comunque, essa sLa ormal smeLLendo l nerl gremblall delle vecchle donne
per lndossare l blanchl camlcl del medlcl. WlLLgensLeln conosceva quesLa reazlone, la quale
Lrovava espressa, per esemplo, ln W. köhler
12
, ll quale rlLeneva che la «confuslone ln
pslcologla» andrebbe «splegaLa con ll faLLo che essa e una 'sclenza glovane'» (l, §.1039), ossla

10
«[.] ml accorsl che ll megllo che poLessl scrlvere sarebbe sempre rlmasLo allo sLaLo dl osservazlonl
fllosoflche [.] Le osservazlonl fllosoflche conLenuLe ln quesLo llbro sono, per cosl dlre, una raccolLa dl
schlzzl paeslsLlcl, naLe da quesLe lunghe e compllcaLe scorrlbande [ln ºuna vasLa reglone dl penslero"]"
(klcetcbe fllosoflcbe, clL., p. 3).
11
ºlllosofla della pslcologla" sarebbe sLaLa, per esemplo, l'espresslone usaLa da WlLLgensLeln per
lndlcare delle sue lezlonl a Cambrldge nel 1946-1947, vedl, al rlguardo, wlttqeostelo´s lectotes oo
lbllosopblcol lsycboloqy, 1946-1947, a cura dl Þ. 1. Ceach, ParvesLer, London, 1988, p. 233.
12
La LraduLLrlce lLallana rlnvla al rlguardo al secondo caplLolo dl W. köhler, lo pslcoloqlo Jello Cestolt,
Lr.lL. dl C. ue 1onl, lelLrlnelll, Mllano 1984, ll cul LlLolo e, per l'appunLo, ºLa pslcologla e una sclenza
glovane" (edlzlone orlglnale: Cestolt lsycboloqy, new ?ork 1947).

Bumana.Nente - Issue 11 - 0ctobei 2uu9

192

una sclenza dal cul meLodo sperlmenLale non abblamo ancora oLLenuLo LuLLo clò che esso può
darcl per quanLo rlguarda, per esemplo, la comprenslone del penslero. Se conLlnueremo a fare
esperlmenLl, prlma o pol ll penslero cessera LuLLavla dl essere quel ºprocesso enlgmaLlco" che
e ancora per nol.
WlLLgensLeln rlLlene però che sla fuorvlanLe lmpuLare alla clrcosLanza che ll meLodo
sperlmenLale e ancora agll lnlzl le lnsufflclenze della pslcologla. ln quesLo modo sl rlschla dl far
assomlgllare lo pslcologo a qualcuno che «volesse sLablllre per mezzo dl esperlmenLl chlmlcl
che cosa sla maLerla e che cosa sla splrlLo» (l, §.1093). A dlfferenza dl quanLo credeva köhler,
la confuslone che sl ha nella pslcologla (quella confuslone che cl fa apparlre enlgmaLlco ll
penslero) e, secondo WlLLgensLeln, lnnanzlLuLLo una «confuslone conceLLuale» (l, §.1039), per
cul cercare dl farvl fronLe con degll esperlmenLl slgnlflca confondere conceLLl e fenomenl,
rlcerche emplrlche e rlcerche conceLLuall. Clò che qul WlLLgensLeln crlLlca non e allora la
pslcologla ln quanLo sclenza sperlmenLale, bensl lo pslcologo che preLende dl Lrovare negll
esperlmenLl e nel meLodo sperlmenLale la rlsposLa a un problema che e «dl naLura
conceLLuale». nella prospeLLlva delle Ossetvozlool cosLul e proprlamenLe un meLaflslco, se sl
consldera che per WlLLgensLeln «[l]'essenzlale della meLaflslca» conslsLe, per l'appunLo, nel
non aver «chlara la dlfferenza fra rlcerche conceLLuall e rlcerche rlguardo al faLLl» (l, §.949).
Come sl rlcordera cl eravamo domandaLl (era ll secondo del nosLrl lnLerrogaLlvl) se la
fllosofla possa ln qualche modo o senso lnLerferlre con la pslcologla. La rlsposLa e per
WlLLgensLeln senz'alLro negaLlva: la fllosofla non può ne deve lndlrlzzare o condlzlonare
l'lndaglne pslcologlca ln quanLo Lale, essa non ha nulla da dlrcl sulla correLLezza meLodologlca
dl un esperlmenLo ne speLLa a essa valuLare la fondaLezza dl un'lpoLesl flslologlca. ln quesLo
senso ll suo rapporLo con la pslcologla non e dlfferenLe da quello che essa lnLraLLlene con
qualslasl alLra sclenza. CuesLa non e però LuLLa la sLorla. La fllosofla può lnfaLLl lndurre lo
pslcologo a domandarsl se alcunl dl quelll che gll sl presenLano come probleml da rlsolvere
sperlmenLalmenLe non slano pluLLosLo delle confuslonl conceLLuall che occorre prlmarlamenLe
chlarlre e sbrogllare. ln quesLo senso e posslblle parlare, come fllosofo, della pslcologla o,
come pslcologo, dedlcare una parLe del proprlo lmpegno al mallnLesl e romplcapl e
fralnLendlmenLl che l'lmplego del conceLLl pslcologlcl e del relaLlvl Lermlnl produce. Come
WlLLgensLeln preclsa alLrove, sl LraLLa, ln parLlcolare (ma non solo), dl quel «genere dl mallnLesl
[.] che sono prodoLLl dalla Lendenza ad asslmllare Lra loro espresslonl che svolgono nel
llnguagglo funzlonl assal dlfferenLl» o che sorgono allorche «[c]erchlamo dl parlare dl cose
molLo dlverse medlanLe un medeslmo schema» (ulamond, 1982, p.13).
13

«Ma che cosa e una rlcerca conceLLuale?» sl domanda lo sLesso WlLLgensLeln ln l, §.930.
WlLLgensLeln esclude lnnanzlLuLLo che una rlcerca conceLLuale abbla come suo complLo quello
dl splegare perche abblamo proprlo l conceLLl che abblamo, ossla che ll suo scopo sla quello dl
scoprlre come sl formlno, ossla su quall «faLLl dl naLura (pslcologlcl e flslcl)» sl fondlno, l nosLrl
conceLLl. ln quesLo senso, la fllosofla ln quanLo rlcerca conceLLuale non e affaLLo «una sclenza
naLurale LravesLlLa», la quale farebbe allora bene a lnLeressarsl espllclLamenLe, senza
LravesLlmenLl per l'appunLo, e ln manlera sclenLlflca (ossla, facendo lpoLesl e meLLendole alla
prova) dl clò che davvero lmporLa, ossla, per l'appunLo, «dl clò che ln naLura sLa alla [.] base»
delle nosLre cosLruzlonl conceLLuall.
nelle Ossetvozlool WlLLgensLeln rlLorna plu volLe sul punLo a LesLlmonlanza della sua
lmporLanza. nell'annoLazlone appena rlcordaLa, egll ammeLLe che vl e lndubblamenLe una

13
WlLLgensLeln meLLe comunque ln guardla dall'assoluLlzzazlone del proprlo aLLegglamenLo: «lo
soLLollneerò le dlfferenze Lra le cose, laddove dl sollLo se ne soLLollneano le somlgllanze» (ulamond,
1982, p.13), benche anche quesLo possa far nascere mallnLesl.
Commentaiy -L'aioma uel ceivello

193

«corrlspondenza fra la nosLra grammaLlca [Lra l nosLrl conceLLl]
14
e faLLl molLo generall della
naLura (raramenLe espressl ln parole)» (l, §.46). Þer esemplo, «se ll rosso apparlsse solLanLo
[.] sulla punLa delle foglle dl cerLl alberl, che ln auLunno gradualmenLe sl Lrasformano da verdl
ln rosse, nlenLe verrebbe plu naLurale che chlamare ll rosso un verde degeneraLo» (l, §.47, vedl
anche l, §.626). ln quesLo modo: ºll rosso e un verde degeneraLo" cesserebbe dl essere un
nonsenso e sarebbe proprlo esso a dlrcl che Llpo dl colore ll rosso sla.
13
CuesLo però non
slgnlflca che nelle clrcosLanze lmmaglnaLe ll rosso sarebbe sLaLo necessarlamenLe chlamaLo un
verde degeneraLo o che ll conceLLo dl 'rosso' sarebbe sLaLo necessarlamenLe dlverso dal
nosLro. Come annoLa scrupolosamenLe WlLLgensLeln, clò che cl appare naLurale, non per
quesLo e necessarlo (vedl ll, §.49).
La corrlspondenza Lra conceLLl e faLLl molLo generall della naLura non va ln ognl caso lnLesa
come un'lpoLesl sulle «cause posslblll» (l, §.46) del conceLLl, come se parlando dl
corrlspondenza sl volesse avanzare l'lpoLesl che, «[s]e l faLLl dl naLura sLessero dlversamenLe,
avremmo conceLLl dlversl» (l, §.48). Clò che a WlLLgensLeln preme e qualcosa dl ben dlverso:
muLare l'aLLegglamenLo nel confronLl del nosLrl conceLLl sconflggendo la LenLazlone dl
lmprlmere su dl essl ll suggello della necesslLa.

Cuello che dlco - annoLa lnfaLLl WlLLgensLeln - e solo: Se credl che l nosLrl conceLLl slano quelll
glusLl, quelll che sl confanno a essere umanl lnLelllgenLl, [.] allora prova a rappresenLarLl cerLl
faLLl generall dl naLura dlversamenLe da come sono, e cosLruzlonl conceLLuall dlverse dalle nosLre
Ll apparlranno oototoll. (l, §.48, vedl anche l, §.643)

Þer esemplo, a chl rlLenesse la dlsLlnzlone Lra forma e colore come qualcosa dl necessarlo, al
punLo che un slsLema conceLLuale prlvo dl essa poLrebbe solo apparlrgll come qualcosa dl
sLrano e dl ancora prlmlLlvo, WlLLgensLeln chlede dl rappresenLarsl un mondo ln cul
deLermlnaLe forme slano sempre vlncolaLe a deLermlnaLl colorl (per esemplo, ll verde alla
forma clrcolare, ll rosso a quella quadraLa) e dl domandarsl se ln quel caso un slsLema
conceLLuale senza la dlsLlnzlone Lra forma e colore non cesserebbe dl colplrlo come sLrano e
lncompleLo (vedl l, §.47).
Anche se può rlchlamarsl ad alcunl faLLl molLo generall della naLura, una rlcerca
conceLLuale e dunque essenzlalmenLe dlfferenLe da una rlcerca faLLuale (sclenLlflca) che meLLe
alla prova lpoLesl, rlcerca splegazlonl causall, elabora Leorle, fa predlzlonl. L quesLo un punLo
plu volLe rlbadlLo nelle Ossetvozlool, del resLo ln sLreLLa slnLonla con LuLLo clò che sulla fllosofla
WlLLgensLeln ha sempre conLlnuaLo a sosLenere. non che quesLa rlnuncla alla Leorla e alla
splegazlone sla qualcosa dl faclle, al conLrarlo, la rlnuncla e parLlcolarmenLe dlfflclle e, per cosl
dlre, dolorosa. Sembra lnfaLLl che rlnunclarvl equlvalga a rlnunclare alla fllosofla ln quanLo Lale,
flnendo con l'acconLenLarsl dl clò che cl e «plu vlclno e ablLuale» (l, §.361), dl sempllcl esempl e
del «casl speclall» (l, §.633) e lncompleLl (l, §.723), abbandonando clò che sembra sla sempre
sLaLo lo scopo della fllosofla (e della sclenza): «scendere ln profondlLa» (l, §.361), rldurre l
dlversl casl e esempl «al mlnor numero dl leggl [.] prlmlLlve [.] unlflcare, medlanLe una
generallzzazlone, la LraLLazlone dl dlfferenLl argomenLl» (WlLLgensLeln, 1983, p. 28).

LlmlLarsl a descrlvere [rlnunclando a splegare] - annoLa lnfaLLl WlLLgensLeln - e cosl dlfflclle
perche sl crede che per comprendere l faLLl sla necessarlo lnLegrarll. L come se uno vedesse uno

14
Cll enunclaLl grammaLlcall sono quegll enunclaLl dl cul cl servlamo per deLermlnare (clrcoscrlvere o
dellmlLare) l nosLrl conceLLl. lmplegaLo grammaLlcalmenLe, un enunclaLo come ºl llbrl non sparlscono da
soll" non cl da lnformazlonl sul llbrl, ma deLermlna ll nosLro conceLLo dl 'oggeLLo maLerlale'. ln quesLo
senso, l'espresslone «la nosLra grammaLlca» che compare ln l, §.46 può essere sosLlLulLa
dall'espresslone ºl nosLrl conceLLl".
13
«Che Llpo dl oggeLLo una cosa sla: quesLo dlce la grammaLlca» (WlLLgensLeln 1967, l, §.373).

Bumana.Nente - Issue 11 - 0ctobei 2uu9

194

schermo su cul sono sparse delle macchle dl colore e dlcesse: cosl come sono, sono lnlnLelllglblll,
acqulsLeranno senso solo se le sl lnLegra ln una flgura. MenLre quello che lo vogllo dlre e, lnvece:
e LuLLo qul. (Se lo lnLegrl, lo snaLurl). (l, §.237)

L ancora: «La dlfflcolLa della rlnuncla a ognl Leorla: blsogna conceplre quesLo e quello, che pare
cosl chlaramenLe lncompleLo, come qualcosa dl compleLo» (l, §.723).
Þrovlamo a chlarlre ll punLo conslderando brevemenLe quelle osservazlonl ln cul
WlLLgensLeln sl confronLa con chl sosLlene non solo che la pslcologla debba splegare
(formulare lpoLesl, meLLerle sperlmenLalmenLe alla prova, elaborare Leorle), ma anche che
solo le splegazlonl flsloloqlcbe slano da conslderare vere e proprle splegazlonl. L evldenLe che
se WlLLgensLeln non ha nulla da obleLLare alle splegazlonl, non ha nemmeno nulla da obleLLare
alle splegazlonl flslologlche ln quanLo Lall, clò che conLesLa e ancora una volLa l'assunLo che da
esse, o addlrlLLura solo da esse, possa venlre un «chlarlmenLo del probleml conceLLuall ln
pslcologla» (l, §.1063). un esemplo dl problema conceLLuale dlscusso a lungo nelle
Ossetvozlool rlguarda la LrlsLezza: se la LrlsLezza sla una sensazlone, se essa vada lnfllaLa, per
cosl dlre, nel casseLLo delle sensazlonl. ll punLo e per WlLLgensLeln dl grande lmporLanza
perche lnfllare qualcosa «nel casseLLo sbagllaLo», ossla classlflcarlo malamenLe, slgnlflca farlo
apparlre «mlsLerloso, lnafferrablle, sorprendenLe», menLre «se lo conslderlamo nel modo
glusLo, la sua 'lnafferrablllLa' sl affaccla alla nosLra cosclenza non plu dl quella del Lempo
quando senLlamo dlre: 'L Lempo dl pranzare'» (l, §.380). Cra, e del LuLLo leglLLlmo condurre
una rlcerca sperlmenLale sulla LrlsLezza, poLremmo, per esemplo, scoprlre «che le ghlandole
della persona che e LrlsLe producono una secrezlone dlversa da quelle dl una che e allegra» e
poLremmo anche concludere, su base sperlmenLale, «che quesLa secrezlone e la causa, o una
delle cause, della LrlsLezza». Cll effeLLl dl quesLa scoperLa sperlmenLale sarebbero, com'e faclle
lmmaglnare, molLl e alcunl dl quesLl dl grande lmporLanza (ln campo medlco, per esemplo).
CuesLa scoperLa però - e quesLo per WlLLgensLeln ll punLo rllevanLe - non servlrebbe affaLLo a
provare «che la LrlsLezza e una seosozlooe prodoLLa da quesLa secrezlone» (l, §.802). Con
quesLa scoperLa non avremmo lnsomma rlsposLo al problema dl naLura conceLLuale ºChe cos'e
la LrlsLezza?" (ºChe cosa slgnlflca 'essere LrlsLe'?"). lmmaglnlamo, per esemplo, che
lnLervenendo per vla farmacologlca sl blocchl ln qualcuno la secrezlone che e causa della
LrlsLezza. Lbbene, dl fronLe, per esemplo, alla malaLLla dl un amlco, cosLul poLrebbe ancora
dlre: ºnon provo nessuna delle sensazlonl che provavo quando ml senLlvo LrlsLe, anche se so
bene che dovrel essere LrlsLe".
nel secondo volume delle Ossetvozlool, WlLLgensLeln abbozza un «[p]lano della LraLLazlone
del conceLLl pslcologl» (vedl ll, §.63 e §.148) dal quale, Lra le alLre cose, sl rlcava che la LrlsLezza
va lnfllaLa nel casseLLo delle emozlonl pluLLosLo che ln quello delle sensazlonl. nel suo plano
WlLLgensLeln dlsLlngue lnfaLLl le emozlonl (collera, glola, depresslone, paura, ecceLera) dalle
sensazlonl (per esemplo, sensazlonl dl presslone, LemperaLura, sapore, dolore). Come le
sensazlonl anche le emozlonl hanno una duraLa auLenLlca (per esemplo, «[l]a collera dlvampa,
sl placa, sparlsce, cosl fanno anche la glola, la depresslone, la paura»), ma, a dlfferenza delle
sensazlonl, esse «non sono locallzzaLe (e nemmeno dlffuse!)». Le emozlonl sono lnolLre
accompagnaLe da espresslonl comporLamenLall e sensazlonl caraLLerlsLlche (per esemplo, «la
LrlsLezza spesso sl accompagna al planLo, e alle sue sensazlonl caraLLerlsLlche»), «ma quesLe
sensazlonl non sono le emozlonl». Alcune emozlonl pol sono «doLaLe dl una dlrezlone [.]
Þaura Jl qualcosa, glola pet qualcosa», anche se «[q]uesLo qualcosa non e la causa, bensl
l'oggeLLo dell'emozlone»: che sl provl placere per qualcosa, aveva gla annoLaLo WlLLgensLeln
nel prlmo daLLlloscrlLLo, «non vuol dlre che quesLo qualcosa causl una ln nol una sensazlone»,
pensarla alLrlmenLl slgnlflcherebbe non dlsLlnguere Lra raglone e causa (l, §.800). un'ulLerlore
caraLLerlsLlca dell'emozlone e che essa ha un conLenuLo che cl rappresenLlamo «sempre come
Commentaiy -L'aioma uel ceivello

193

un'lmmaglne», per esemplo, «[l]e Lenebre della depresslone, che calano su una persona, le
flamme dell'lra». lnflne, le emozlonl, a dlfferenza delle sensazlonl, «non cl lsLrulscono sul
mondo esLerno» (ll, §.148).
La cosLruzlone dl un plano slffaLLo, ll quale non asplra all'esaLLezza, ma alla persplculLa (l,
§.893), e uno del modl con cul WlLLgensLeln cerca dl fare clò che dovrebbe fare una rlcerca
conceLLuale: «poJtooeqqlote le afflnlLa e le dlfferenze fra l conceLLl» (l, §.1034), andare ln
cerca delle analogle e connesslonl Lra l conceLLl (l, §.923 e ll, §.39). uue punLl vanno qul
soLLollneaLl, l quall cl permeLLeranno anche dl abbozzare una rlsposLa al Lerzo degll
lnLerrogaLlvl che cl hanno guldaLo ln quesLa rlleLLura delle Ossetvozlool: prlma dl LuLLo, nel
Lracclare una mappa del nosLrl conceLLl (vedl l, §.303 e l, §.336), ognl maLerlale va, per cosl
dlre, bene: clò che ablLualmenLe dlclamo, clò che posslamo lmmaglnare che dlremmo se.,
come gll uomlnl hanno racconLaLo la LrlsLezza, la glola, la sofferenza, la collera o la paura ln
romanzl e novelle, come le hanno dlplnLe o dlsegnaLe, come sl reclLa la paura o sl lmlLa la glola,
come sl reaglsce alla sofferenza o come sl condlvlde la glola. L ln quesLo senso che dovremmo
dlre che la pslcologla ha a che fare proprlamenLe con la vlLa umana o con deLermlnaLl suol
aspeLLl (vedl ll, §.33). ll secondo punLo e alLreLLanLo rllevanLe: analogle e connesslonl non se
ne sLanno ll, lmpresse nelle cose: LuLLo può lnfaLLl essere connesso a LuLLo, ognl cosa può
essere dlvlsa da ognl alLra. Þer esemplo, Lra ll vedere, l'udlre, ecceLera, «susslsLono analogle e
connesslonl le quall cosLlLulscono la glusLlflcazlone del nosLro meLLerll assleme» (ll, §.39). Ma
se provlamo a domandarcl che Llpo dl connesslonl e analogle vl slano Lra vedere e udlre,
vedere e prendere, vedere e annusare, «sublLo l sensl, per cosl dlre, sl dlsLanzlano l'uno
dall'alLro plu dl quanLo non sembrasse a prlma vlsLa» (ll, §§.60-61). Che cosa mal vl può essere
- verrebbe lnfaLLl da dlre - dl plu dlverso del vedere e dell'annusare? Ma allora sbagllavamo
prlma quando ll meLLevamo assleme o sbagllamo adesso? La rlsposLa e che sbagllamo solo se
scamblamo ll nosLro ordlne, ll quale e «solo uno del molLl ordlnl posslblll», per «l'ordlne»
(WllLgensLeln 1967, l, §.132), se prendlamo la nosLra mappa, dlsegnaLa per uno scopo
deLermlnaLo, per la «ldea preconceLLa a cul la realLa Jeve corrlspondere» (WllLgensLeln 1967, l,
§.131).
16

Ma - sl poLrebbe a quesLo punLo obleLLare - non e alLreLLanLo dogmaLlca l'lnslsLenza con
cul WlLLgensLeln lnslsLe sulla lrrllevanza per la fllosofla dl ognl splegazlone ln pslcologla, ln
parLlcolare delle splegazlonl flslologlche? Cul ml rlferlsco, ln parLlcolare, ad alcune annoLazlonl
delle Ossetvozlool che sono sLaLe sovenLe rlgeLLaLe o addlrlLLura lrrlse come l'espresslone dl un
oscuranLlsmo anLlsclenLlflco. Clò vale, per esemplo, per la dlchlarazlone che apre l, §.903:

nessuna supposlzlone ml sembra plu naLurale dl quella che al fare assoclazlonl, o al penslero, non
sla coordlnaLo nessun processo nel cervello, cosl che sarebbe lmposslblle leggere nel processl del
cervello del processl dl penslero. (l, §.903, vedl anche l, §.1063)

C per l'annoLazlone: «uunque e assoluLamenLe posslblle che cerLl fenomenl pslcologlcl non
possano essere lndagaLl flslologlcamenLe, perche nlenLe dl flslologlco corrlsponde loro» (l,
§.904).
vl sono dlversl modl dl lnLendere ll ruolo e ll peso dl quesLa e alLre conLroverse annoLazlonl.
CvvlamenLe, WlLLgensLeln sa bene che penslero e cervello sono, dlclamo cosl, coordlnaLl. Lo sa
come lo sapplamo LuLLl nol, anche quando le nosLre lnformazlonl sugll sLaLl e l processl
cerebrall sono del LuLLo vaghe e lmpreclse. ne e sua lnLenzlone soLLovaluLare o denlgrare le
lndaglnl flslologlche ln amblLo pslcologlco. Le conslderazlonl wlLLgensLelnlane vanno pluLLosLo
rlcondoLLe a uno speclflco conLesLo caraLLerlzzaLo dalla sua reslsLenza a quelll che egll chlama

16
ln quesLo conslsLe, preclsa WlLLgensLeln Lra parenLesl, quel «dogmaLlsmo ln cul sl cade cosl facllmenLe
facendo fllosofla» (WllLgensLeln 1967, l, §.131).

Bumana.Nente - Issue 11 - 0ctobei 2uu9

196

«pregludlzl flslologlcl» (l, §.1101). SlgnlflcaLlvo e al rlguardo ll gruppo dl annoLazlonl l, §§.1100-
1101. Cul WlLLgensLeln osserva come nol non vedlamo l'occhlo umano «come un rlceLLore»,
lnfaLLl, «l'occhlo non sembra lasclar enLrare qualcosa, bensl sembra che lo emeLLa. L'orecchlo
rlceve, l'occhlo guarda. (Lancla sguardl, s'accende dl lampl, e ragglanLe, rlsplende)». lnsomma:
«[s]e vedl l'occhlo, [.] vedl lo sguardo dell'occhlo» (l, §.1100). Come reaglre a LuLLo quesLo?
lorse qualcuno poLrebbe obleLLare che lo sguardo nol non lo vedlamo ln senso proprlo. Ma
quesLa sarebbe per WlLLgensLeln «una sLupldagglne» deLLaLa e condlzlonaLa, per l'appunLo, dal
suddeLLl pregludlzl flslologlcl. Lo sguardo dell'occhlo lo lo vedo, come, per esemplo, «vedo lo
sguardo che lancl a un alLro» (l, §.1101). non per quesLo, LuLLavla, sono cosLreLLo ad
ammeLLere che vedo «lo sguardo 'esaLLamenLe' come vedo la forma e ll colore dell'occhlo» (l,
§.1101). ll nosLro conceLLo dl 'vedere' può raccogllere senza asslmllarll enLrambl l casl.
Ma che cosa accade quando qualcuno, WlLLgensLeln lo chlama qul «ll purlsLa», afferma che
«[l]n realLa lo non vedo lo sguardo, ma solo forme e colorl»? SLa forse con clò dlcendo «che
aveva LorLo chl sosLeneva dl aver vlsLo bene ll mlo sguardo» (l, §.1102)? La rlsposLa alla
domanda sarebbe affermaLlva se ºPo vlsLo bene ll Luo sguardo" conLenesse «una Leorla della
vlslone». Ma le cose non sLanno assoluLamenLe cosl (l, §.1101). ln effeLLl, la sola manlera dl
conLraddlre chl dlce dl aver vlsLo bene ll mlo sguardo e dl obleLLargll che egll sl lnganna o
menLe perche non ha veramenLe vlsLo quello che dlce dl aver vlsLo cosl bene. Come lnLendere
allora ll purlsLa? ll suggerlmenLo dl WlLLgensLeln e che cosLul sLla «solLanLo rlchlamando
l'aLLenzlone su un conflne fra conceLLl», ossla sul modo ln cul la parola 'vedere' classlflca le
percezlonl. CerLo, ll conflne può essere dlversamenLe rldlsegnaLo, forse ln relazlone allo
sguardo «sarebbe plu glusLo usare un'alLra parola ln luogo dl 'vedere'» (l, §.1102) al flne dl
dare rlllevo a quesLa o a quella dlsLlnzlone, ma ln ognl caso nessuna lndaglne e splegazlone
flslologlca può, ln quanLo Lale, sLablllre che la llnea conceLLuale che e sLaLa LracclaLa sla
esaLLamenLe la llnea che doveva essere LracclaLa.
Le ulLlme conslderazlonl cl consenLono anche dl dare una rlsposLa espllclLa, anche se breve
e non deflnlLlva, all'ulLlmo del nosLrl lnLerrogaLlvl. l conceLLl pslcologlcl sono - lo sapplamo -
conceLLl lngarbugllaLl, cosl come varlo e varlegaLo e l'lmplego del relaLlvl Lermlnl pslcologlcl.
non può allora sLuplre che da essl sorgano «naLuralmenLe» (Ceach 1988, p. 233) quel
mallnLesl, romplcapl e fralnLendlmenLl che speLLa alla fllosofla sclogllere e sbrogllare. Ma ll
fllosofo ll scloglle e sbroglla solo rlconoscendo che quel conceLLl e Lermlnl sono parLe della
nosLra vlLa, che sono l conceLLl e l Lermlnl con cul gll uomlnl parlano dl se, sl racconLano, sl
espongono gll unl agll alLrl o sl nascondono, menLono o sl confessano, sl esprlmono e sl
LravesLono. ln quesLo senso e l'lnLeresse poslLlvo per la vlLa degll uomlnl che moLlva, nelle
Ossetvozlool, ll lavoro fllosoflco, ln apparenza solo negaLlvo, dl WlLLgensLeln.
17



8I8LICGkAIIA
ulamond, C. (Ld.) (1982). lezlool Jl wlttqeostelo sol fooJomeotl Jello motemotlco.
combtlJqe, 19J9. (Lrad. lL. dl L. Þlcardl). 1orlno: 8ollaLl 8orlnghlerl. (Ldlzlone
orglnale: 1976)
Ceach, Þ. 1. (Ld.) (1988). wlttqeostelo´s lectotes oo lbllosopblcol lsycboloqy, 1946-
1947. London : ParvesLer.

17
ua quesLo punLo dl vlsLa sono d'accordo con le conslderazlonl svolLe, nella posLfazlone, dalla curaLrlce
della Lraduzlone lLallana delle Ossetvozlool (vedl, ln parLlcolare, pp. 319-321).
Commentaiy -L'aioma uel ceivello

197
WlLLgensLeln, L. (1967). klcetcbe fllosoflcbe. (Lrad. lL. dl 8. Þlovesan e M. 1rlnchero).
1orlno: Llnaudl.
WlLLgensLeln, L. (1983). llbto blo e llbto mottooe. (Lrad. lL. dl A. C. ConLe). 1orlno:
Llnaudl. (Ldlzlone orlglnale: 1938).






























Bumana.Nente - Issue 11 - 0ctobei 2uu9

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful