P. 1
Sistemi Elettronici Digitali

Sistemi Elettronici Digitali

5.0

|Views: 3,787|Likes:
Electronic systems design by Alberto Tibaldi.
Electronic systems design by Alberto Tibaldi.

More info:

Categories:Types, School Work
Published by: Project Symphony Collection on Jun 30, 2009
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

08/08/2013

pdf

text

original

La ARCHITECTURE `e la parte che riguarda la descrizione del comporta-

mento logico del circuito, precedentemente definito con approccio blackbox

nell’ambito della ENTITY. Si pu`o dire sotto certi punti di vista che in essa

sia il cuore del progetto: la descrizione del comportamento reale del circuito

`e qui contenuta.

Si tratta di una sezione abbastanza importante: qui `e possibile da un lato

costruire blocchi, o mediante i comandi basilari del VHDL o mediante il riu-

tilizzo di blocchi precedentemente ideati. Ci`o pu`o essere utile, dal momento

che definire l’intero progetto in un singolo file pu`o essere molto scomodo:

il debug nonch`e eventuali migliorie risulterebbero essere molto pi`u difficili,

utilizzando un approccio di questo tipo. Fondamentale dunque `e l’uso di

COMPONENTS, ossia di elementi gi`a precedentemente presentati, e che ora

vengono esclusivamente istanziati in modo da costituire un macroblocco.

Sostanzialmente, al fine di istanziare un COMPONENT, `e sufficiente uti-

lizzare un costrutto molto simile a quello di una ENTITY; esso permette

di definire tutti i parametri che esso contiene, anche se esso `e effettiva-

mente descritto in un altro file del progetto, dunque `e possibile istanziarlo

effettivamente mediante il seguente comando (si propone un esempio pratico):

Multiplexer1 : mux2to1 PORT MAP ( A, B, C );

“Multiplexer1” `e il nome che si attribuisce al componente istanziato, di ti-

po “mux2to1”; PORT MAP permette, come il nome del comando suggerisce,

di “istanziare”, di “mappare” i segnali alle porte di ingresso del componente.

Al termine del capitolo verr`a descritto un esempio pratico completo, che

permetter`a di comprendere meglio tutto ci`o che `e stato finora detto.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->