LUIGI CASCIOLI

LA FAVOLA DI CRISTO
LIBRO-DENUNCIA

Inconfutabile dimostrazione della non esistenza di Gesù

www.luigicascioli.it

Dedico questo libro al Cavalier de la Barre

INDICE

Cap. 1 La Bibbia Cap. 2 Seconda entrata in Egitto Cap. 3 Periodo dei Re Cap. 4 Il Dio della Bibbia Cap. 5 Gli Ebrei dopo l'invasione della Palestina Cap. 6 Culto dei Misteri Cap. 7 Rivolta dei Maccabei Cap. 8 Situazione demografica della Palestina sotto l'occupazione romana Cap. 9 Cap. 10 Cap. 11 Cap. 12 Cap. 13 Cap. 14 Gli Esseni figli della luce Rivoluzioni e guerre esseno - zelote Gli Esseni dopo il 70 I vangeli canonici Giovanni il Nazoreo Crocifissione

pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag.

4 17 27 40 50 55 64

pag. 77 pag. pag. pag. pag. pag. pag. 86 96 107 117 135 143

CAPITOLO I LA BIBBIA
Se il tempo da me previsto per scrivere questo libro è stato molto più lungo di quanto avessi immaginato, ciò è dipeso dal fatto che ho voluto dare ad ogni mia affermazione una giustificazione logica e ponderata, in maniera che anche i più restii possano convenire con la conclusione che mi sono prefisso di raggiungere: dimostrare la non esistenza di Gesù. Resomi conto che la figura di Cristo non è altro che il risultato di un'evoluzione religiosa che si è verificata nel popolo ebraico, ho cercato le cause che l'avevano prodotta nel libro che tratta della loro storia: la Bibbia. Poiché non si può capire Cristo se si ignora la Rivolta dei Maccabei e non si può parlare dei Maccabei se si disconoscono le cause che la determinarono, mi sono ritrovato a partire da quel "In principio creavit Deus caelum et terram" che da inizio alla storia biblica. E' per merito di questa analisi dei fatti, eseguita nella mia più grande indipendenza di ragionamento, che sono giunto a conclusioni che sento di poter difendere nella maniera più decisa contro ogni critica che mi si possa rivolgere. Non bisogna essere dei geni per comprendere, sin dalle prime pagine, che la Bibbia non è altro che un castello di stupidaggini, di contraddizioni e di assurdità la cui costruzione è stata possibile perché messa sulle spalle di un popolo di pastori che, fra tutti gli altri, era il solo a non avere una storia documentata che avrebbe potuto impedirlo. Praticamente la Bibbia ha attribuito una cronaca agli ebrei come quegli istituti di araldica che attribuiscono alberi genealogici a persone prive di un casato verificabile. Se si fosse dovuto dire soltanto la verità su ciò che si conosce realmente del popolo ebraico, il suo passato si sarebbe potuto riassumere, stando alle confuse documentazioni pervenuteci, in una sola frase: "C'erano una volta dei nomadi che, lasciate le zone semi-desertiche della Mesopotamia, invasero la Palestina depredando per secoli i popoli che l'abitavano". Punto e basta ! Ma ciò che più mi ha colpito della Bibbia è che essa, a differenza di tutti gli altri libri epici che riportano personaggi e fatti precedentemente celebrati, quindi già esistiti nel passato, sia pur sotto forma di leggenda, costruisce la propria storia, la storia della sua tribù, facendola derivare da un eroe da tutti sconosciuto, da un eroe che non essendo mai stato prima nominato, risulta del tutto inventato. Mi riferisco al Dio biblico, a quel Dio senza nome che, via via che andavo avanti nella lettura della Bibbia, sempre più mi appariva come un'entità la cui esistenza veniva imposta relazionandola fraudolentemente ad una tribù di nomadi che in realtà lo aveva sempre ignorato. Troppe circostanze ci dimostrano che il Dio della Bibbia non ha mai fatto parte del culto di questi pastori che, da quanto risulta dai fatti, hanno sempre professato un politeismo caratterizzato da un insieme di idoli tribali e di divinità pagane tratte dagli altrui culti. Nulla ci conferma che questo Dio sia esistito prima di essere nominato dalla Bibbia che fu scritta nel VI secolo avanti la nostra era. Nessuna testimonianza, neppure sotto forma di traccia, che attesti un suo culto, nulla che ci parli di lui, come avviene invece per tutte le altre divinità che ebbero un nome e che ci dimostrano la loro esistenza con quei templi, quelle statue e quelle steli che furono eretti in loro onore. Del Dio degli Ebrei, prima del VI secolo, c'è il vuoto più assoluto. Hanno voglia a dire i sostenitori della Bibbia che se il loro Dio non ebbe un nome é perché egli stesso aveva proibito di nominarlo e che se di lui non ci sono pervenute effigi o statue ciò è dipeso dal fatto che era stato severamente proibito ai suoi seguaci di riprodurne la figura...io non ci credo, non posso crederci. E i templi allora, quei templi che la Bibbia afferma che furono costruiti per ospitare l'Arca

Santa, che fine hanno fatto? Dove è finito quel tempio di Gerusalemme che Salomone, a dare ascolto alla Bibbia, fece costruire con pietre tre volte più grandi di quelle del Pantheon e del quale non ci è pervenuto nulla, neppure un frammento? E' evidente che siamo di fronte a una storia inventata nel VI secolo dai redattori della Bibbia per raggiungere, attraverso la riunificazione degli Ebrei sotto un solo Dio, quegli scopi nazionalisti che si erano prefissi dopo la liberazione dalla prigionia di Babilonia. D'altronde, quale altro sistema avrebbero potuto usare per sostenere l'esistenza di un Dio estemporaneo se non quello di ricorrere all'anonimato? Anonimato sostenuto da quella famosa sigla "HJWH", che nessuno ha mai saputo cosa significhi, e da quel "Yahvè" che non è affatto un nome, ma un semplice appellativo che, significando genericamente "Io-sono", tutto può dimostrare meno che la sua esistenza? Il dare un nome a un Dio mai esistito, ad un Dio inventato, avrebbe comportato una verifica storica che avrebbe fatto crollare nel ridicolo tutta l'impalcatura, quell'impalcatura che si sarebbe potuta reggere soltanto grazie all'anonimato. Un Dio messo su esclusivamente con visioni e sogni riferiti da personaggi immaginali vissuti in epoche non controllabili che si perdono nel buio dei secoli, privo di ogni accenno o testimonianza che si riferisca all'esistenza di un suo culto, in quale altro modo poteva essere sostenuto se non sfruttando nella maniera più arrogante l'impossibilità che ha la ragione di dimostrare l'inesistenza dell'inesistente? Come altro potrebbe concludersi una ricerca storica fatta per stabilire se veramente sia esistito il Dio degli ebrei prima del VI secolo, se non con la frase: "Siccome nulla dimostra la sua esistenza e altrettanto nulla dimostra la sua inesistenza, non si può escludere che sia veramente esistito", che poi è la stessa conclusione a cui giunse quella commissione incaricata di accertare se veramente era vissuto il gigante Gargantua che mangiava dieci uomini a pasto e che per farsi le scarpe aveva bisogno della pelle di dodici vacche? E' su questa impossibilità di poter dimostrare l'inesistenza dell'insistente che il Cristianesimo, religione basata esclusivamente sulla rivelazioni e sui sogni, imporrà i suoi dogmi, farà passare per veri i miti costruiti su immaginari personaggi che eleverà agli onori degli altari, quali le migliaia di martiri dell'era neo-cristiana e tanti altri nei secoli che seguirono tra cui, senza andare troppo lontano, Santa Rosa da Viterbo a proposito della quale il biografo Paolo Cenci, dopo averne ricostruito la vita arrampicandosi sugli specchi, conclude così, a pagina 206: " Non possiamo rifiutare ciò che di lei è scritto nella "Seconda Vita " dal momento che nessuno ha potuto dimostrare essere falso"... nessuno, tranne il buon senso! In sintesi, posso concludere che, se gli Ebrei non avessero scritto la Bibbia nel VI secolo in seguito alla decisione presa di costruirsi un Dio, Yahvè sarebbe rimasto in quel limbo dell'attesa dove venivano relegati gli dei sconosciuti a cui la città di Pergamo, in Asia minore, aveva elevato una stele per un senso di pietà che provavano verso di essi, verso la loro frustrazione. L'immagine di questi dei che attraverso la stele di Pergamo vediamo in attesa di uomini che li evochino perché possano scendere dal cielo per poter occupare finalmente un trono sulla Terra è quanto mai significativa per mettere tutte le religioni nel ridicolo. Dopo le piccole divinità, dopo quella miriade di spiriti che furono invocati dagli uomini primitivi, venne il turno dei grandi. I primi ad essere prescelti, fra questa massa di dei in attesa, furono Brahama, Horu, Osiride, Iside, Marduk e Aura Mazda; in seguito vennero via via tutti gli altri ed io, in questa scena mostrante divinità che lasciano il cielo per scendere sulla terra, via via che gli uomini li eleggessero a proprie divinità, immagino l'impazienza di Allah che dovette attendere fino al V secolo prima che qualcuno lo chiamasse, ma gli dei rimasti in attesa sono certamente ancora tanti, direi addirittura miliardi se si pensa che, oltre a quelli che vengono continuamente invocati dalle tante sette che giornalmente si formano, ogni essere umano ne abbisogna di uno tutto suo. Dal momento che la storia ci parla soltanto in forma molto generica delle tribù di

nomadi che vivevano nell'immenso deserto del Medio Oriente, tutto ciò che sappiamo della tribù di Yahvè, dei suoi profeti, delle sue battaglie, dei suoi condottieri e dei suoi re ci viene esclusivamente dalla Bibbia, cioè da un libro che, come unica garanzia dei suoi "credo", invoca le rivelazioni. In nessun documento storico troviamo il più piccolo riscontro dei personaggi e degli episodi di cui parla. Essi, come vedremo in seguito, o sono inventati o interamente ricopiati da leggende altrui. E così, come per i personaggi, altrettanto non troviamo riscontri di nessun genere che ne attestino l'esistenza di quei due regni, di Israele e di Giuda, che saranno usati dagli ebrei come base delle loro rivendicazioni sulla Palestina. Le sacre scritture, lontane dall'essere un'opera d'ispirazione letteraria o poetica, sono un vero trattato di insegnamento di guerriglia e di incitamento alla rivolta armata. Esse furono scritte unicamente per raggiungere degli scopi politici ben precisi, scopi che appariranno evidenti quando ci troveremo davanti a quel Partito Giudaico che porterà gli Ebrei, in un crescendo di esaltazione nazionalista, a concepire un programma di imperialismo universale. Che lo scopo della Bibbia sia quello di riunire un popolo, un popolo frustrato, facendo leva su quei sentimenti di odio e di vendetta che erano andati accumulandosi in esso durante i secoli per via di quell'emarginazione a cui era stato costretto dall'inizio dei tempi, appare evidente da come gli Ebrei si sono costruiti il loro Dio, quel Dio che ci viene mostrato sin dalle primissime pagine come capace soltanto di punire, maledire e ordinare stragi. La Bibbia divide la storia umana in due parti. La prima, che comincia con Adamo e Eva e termina con il diluvio, e la seconda che riprende dopo Noè per continuare fino alla fine del mondo. Sulla prima parte si intrattiene molto poco, soltanto tre pagine e per di più in forma quanto mai confusa e estremamente fantastica. Dopo averci detto che Dio creò Adamo soffiando nel naso di un pupazzo di creta, averci raccontato l'aneddoto della mela, detto che Caino si rifugiò, carico di rimorsi per aver ucciso suo fratello Abele, nel paese di Nod, dove dette origine ad una stirpe accoppiandosi con una donna che non poteva essere che sua sorella, e fatto un elenco di Patriarchi dalla vita media di 750 anni, essa conclude con l'affermazione: " C'erano sulla terra i giganti a quei tempi - e anche dopo -quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell'antichità, uomini famosi". (Gn. 6/4). Sapendo che la stesura della Bibbia ebbe inizio nel VI secolo prima della nostra era, appare chiaro, dai fatti che essa riporta, che non è il risultato di un'ispirazione divina, come affermano i suoi sostenitori, bensì la trascrizione di tutte quelle nozioni che i suoi redattori appresero dalle leggende e dalle mitologie medio-orientali e mediterranee durante i cinquant'anni di esilio passati nel regno di Babilonia. L'accenno che la Bibbia fa circa questi uomini illustri dell'antichità non è che una ripetizione frettolosa di quelle mitologie che tutti conosciamo nelle quali gli eroi erano spesso figli di un Dio e di un umano quali Achille, Perseo, Polifemo ecc.ecc., ripetizione opportunamente riportata per poter giustificare l'esistenza di propri eroi propri da collocare in una storia inventata, eroi che faranno nascere anche loro da donne fecondate da Dio, come Isacco, Sansone, Giacobbe, Esaù e tanti altri per giungere alla costruzione di quel Gesù che faranno partorire a una donna vergine resa incinta dallo Spirito Santo, quel Gesù che sarà preceduto e annunciato da quell'altro eroe, Giovanni Battista, che a sua volta è il prodotto di un altro accoppiamento tra una donna sterile e Dio. La prima prova che la Bibbia sia un testo d'ispirazione pagana e non divina, è l'episodio riguardante Eva e la mela, tratto da una leggenda sumera che faceva dipendere l'origine dei mali dalla prima donna che, indotta da un serpente a disobbedire al

Dio creatore, convinse il suo compagno a mangiare il frutto dell'albero proibito. La favola sumera viene raccontata in un documento chiamato "Cilindro della Tentazione" che è conservato presso il British Museum di Londra. Questo documento, scritto nell'anno 2500, esisteva già venti secoli prima che venisse redatta la Bibbia. Terminata la prima parte con la spiegazione circa la natura degli eroi dell'antichità, la Bibbia ci dice che Dio, insoddisfatto di ciò che aveva creato sulla Terra, decise di distruggere tutto per ricominciare da capo. "Il Signore disse: « Sterminerò dalla Terra l'uomo che ho creato: con lui anche il bestiame e i rettili e gli uccelli del cielo perché sono pentito di averli fatti». Ma Noè trovò grazia agli occhi del Signore ". (Gn.6/7). Tutti conosciamo la storia del diluvio che, sommergendo la terra, estinse ogni essere vivente eccetto Noè, la sua famiglia e i pesci, i quali, Dio, per quanto lo volesse, non riuscì a far morire affogati. A questo punto, prima di passare alla seconda parte, che è quella che segue lo sterminio del diluvio, voglio soffermarmi a fare delle considerazioni sulle date e i fatti riportati dalla Bibbia nel periodo che va da Adamo alla nascita di Cristo, secondo essa durato 4.000 anni. Stando a quanto afferma la Bibbia che il diluvio è avvenuto nell'anno 2350, se può sembrare assurdo che la terra si sia potuta popolare la prima volta in maniera completa in soli 1750 anni partendo da una sola coppia, Adamo ed Eva, apparirà addirittura ridicolo che al tempo di Abramo (1900), cioè soltanto dopo 450 anni dal diluvio che comportò la distruzione totale di tutti gli esseri viventi, si siano potute formare delle popolazioni così numerose e progredite quali erano gli Egiziani, i Persiani, i Babilonesi, i Greci e tutte quelle altre etnie formanti le civiltà mediterranee, africane, indoeuropee, asiatiche ecc. ecc. senza poi parlare dei lapponi del polo nord, degli indiani d'America, degli aborigeni dell'Australia che la Bibbia, escludendoli dalla propria storia, li pone in un altro mondo come se appartenessero a un'altra barzelletta. Un mondo che quando fu scoperto pose dei grossi problemi ai teologi cristiani i quali dovettero decidere se coloro che vi appartenevano, dal momento che non risultavano essere stati generati da Adamo e Eva, avessero o meno l'anima. A questo punto sono certo che molti saranno i lettori che muoveranno critiche alle mie osservazioni, sostenendo che queste scansioni temporali non debbono essere prese alla lettera, ma solo come espressione simbolica di epoche non determinabili. Ebbene, questi lettori sappiano che, sostenere queste date come non reali significa contraddire la Chiesa che le difende condannando come miscredenti coloro che rifiutano di accettarle come verità dogmatiche. Rifiutare queste date, attribuendo ad esse un senso lato, significa sostituire la fede con il ragionamento, quella fede che porta gli Ebrei a festeggiare l'anno in corso, il 2000, quale 5760 anniversario della nascita del primo uomo e i Cristiani a sostenere ferma mente che Adamo fu creato da Dio esattamente Venerdì 24 marzo dell'anno 4004 av.n.e. secondo quanto, dopo approfonditi studi, ha affermato l'arcivescovo inglese Mons. Usher nel suo libro " La Creazione dell'uomo". Se la Chiesa ha accettato, sia pur con molte riserve, la teoria Darwinista sull'evoluzione delle specie vegetali e animali perché costretta dall'evidenza dei fatti, ha però rifiutato nella maniera più categorica di applicarla sull'uomo il quale secondo essa, si sarebbe presentato sulla terra già formato e completo come lo è attualmente. In sostanza la Chiesa sostiene che a dare inizio all'umanità siano stati due esseri apparsi seimilaquattro anni fa, già completi nella loro sembianza umana, per opera della volontà creatrice di Dio. Questa teoria creazionista contrariamente a quanto si possa credere, è sostenuta, oltre che dai teologi, anche da una certa branca di studiosi di scienze naturali. Infatti il consiglio che presiede alla pubblica istruzione dello Stato del Kansas (USA) ha votato nel mese di giugno del 1999 (con una maggioranza di sei voti su dieci) l'abolizione della teoria evolu-

zionista darwinista nei programmi scolastici di biologia e scienze naturali per mettere al suo posto il "creazionismo" sostenuto dalla Bibbia, il quale asserisce come ho già detto, che l'umanità promani dall'accoppiamento di due esseri apparsi sulla terra, come per caso, senza origine, senza infanzia, completi e perfetti, in età adulta e già in grado di usare tutti i propri organi nella maniera più soddisfacente, compresi quelli della riproduzione... Per tranquillizzare coloro che potrebbero rimanere sgomenti nell'apprendere tale notizia, dirò che i rettori di tutte le altre università americane hanno subito reagito non riconoscendo validi i diplomi di biologia e di scienze naturali rilasciati dalle università del Kansas. Nella certezza che la decisione presa dai professori dell'università del Kansas sia stata determinata non da una loro personale convinzione ma da un'imposizione ricevuta dal potente clero locale, dobbiamo seriamente riflettere su ciò che diventerebbero le scuole se fossero affidate alle autorità cristiane. Mettere i nostri figli in mano ai religiosi significherebbe ritornare in pochi lustri nel più buio oscurantismo medioevale e sicuramente a quella inquisizione che nel passato ha condannato alla tortura e al rogo chiunque osasse contestare le "verità" della Chiesa. Non dico una sciocchezza se affermo che la Chiesa ripristinerebbe il rogo, qualora riprendesse il potere avuto in passato, dal momento che in Francia, nonostante le richieste di perdono del Santo Padre è stata ricostituita da parte dei cattolici un'associazione a fini inquisitori come risulta nel seguente documento: CREAZIONE DI UNA NUOVA ASSOCIAZIONE. Dichiarazione alla Prefettura di Polizia di Parigi: Associazione per la ricostituzione dell'inquisizione. Oggetto: ricostituire l'inquisizione che dovrà soprattutto distruggere gli scritti opposti alla dottrina cattolica e impedire la propagazione attraverso altri mezzi di questo genere d'idee, cosa che comporta, naturalmente, la lotta contro le eresie, le false religioni e ideologie. Data della fondazione dell'associazione: 17/09/1996. Se qualcuno avesse dei dubbi sulla costituzione di questa associazione, non ha che da rivolgersi a codesto indirizzo per accertarsene: "Sede sociale: K.J.J. von Hirschfield, 2237225, rue de Charenton - Parigi. " Fallito nel suo primo tentativo, l'infallibile e l'onnisciente Dio creatore dell'universo a cui tutto è permesso e nulla negato, ordinò il diluvio che sommerse la terra. Tutti gli esseri viventi morirono affogati eccetto un certo Noè che restò a galleggiare sopra le acque per oltre ventiquattro mesi al chiuso di un'Arca dove si era rifugiato insieme alla propria famiglia e a una coppia di ciascun animale esistente sulla terra. Due animali per ogni varietà, un maschio e una femmina, secondo quanto aveva ordinato il Signore. Ordine che, però, per quanto autoritario fosse stato, Noè non poté rispettare alla lettera per via di tutte quelle piccole creature che purtroppo gli sfuggirono di mano quali le pulci, i pidocchi e le piattole che rimasero saldamente attaccate addosso a lui e ai suoi familiari, senza contare tutti gli altri parassiti che gli animali di grossa taglia si portarono dietro quando entrarono nell'Arca, come le zecche, i vermi dell'intestino, i tafani e quelle mosche cavalline che riuscirono a superare il controllo nascondendosi sotto le code; e di mosconi, di quei grossi ditteri che attirati dalla sporcizia hanno la capacità di entrare dappertutto, anche a porte chiuse, come lo Spirito Santo, credete che ce ne fossero davvero soltanto due in quell'Arca che, disponendo soltanto di quella finestrella da cui Noè fece uscire la colomba, possiamo immaginare cosa fosse diventata dopo due anni considerando i bisogni fisiologici di quel qualche miliardo dei suoi occupanti? Con questa battuta scherzosa ho voluto mettere in evidenza tutti quei problemi conseguenti all'alimentazione

degli animali e alla costruzione della stessa Arca che, se veramente avesse dovuto contenere tutte le coppie degli esseri esistenti sulla terra e le derrate per nutrirli, avrebbe dovuto avere dimensioni tali che Noè e i suoi tre figli, per costruirla, considerando i mezzi di allora, avrebbe dovuto impiegare, secondo calcoli fatti, non meno di duemila anni. Dopo quattordici mesi di galleggiamento, abbassatosi il livello delle acque, l'Arca finalmente si adagiò su quel monte Ararat dove degli esaltati, nella convinzione che ci sia ancora, continuano a cercarla. Ma non poterono uscire poiché la Terra era ancora tutta sommersa da un livello che, stando all'altezza del monte Ararat, doveva essere di almeno cinquemila metri. A questo punto Dio fece alzare un vento che soffiando ininterrottamente per dieci mesi prosciugò le acque permettendo così ai sopravvissuti di rimettere i piedi a terra "nel primo mese dell'anno seicentuno della vita di Noè". Gli animali, tutti in ottima salute, uscirono a pariglie come erano entrati e, tenendosi per le code, si misero in marcia per ritornare nei luoghi da dove erano venuti per rigenerare le rispettive razze, specie e varietà secondo come il Signore le aveva create il (Giovedì di quella settimana nella quale aveva fatto tutte le cose. Le scimmie platirrine partirono per l'America del sud, le scimmie alonate ritornarono all'equatore, le scimmie delle nevi in Cina, l'elefante indiano in Himalaia e quello africano in Kenya. Molta strada la dovette fare anche la coppia di orsi bianchi, venuta dal polo nord, e le lumache dei tropici che, per quanto giganti fossero, impiegarono più di duecento anni prima di giungere a casa. Anche Noè uscì dall'Arca con la moglie e i suoi tre figli Sem, Cam e Iafet e la prima cosa che fece fu quella di erigere un altare di pietra per offrire al Signore, come segno di ringraziamento, ogni sorta di animali mondi come olocausti da arrostire sulla brace. (Dove abbia preso poi questi animali, dato che tutti quelli salvati, contati coppia per coppia, dovevano servire per ripopolare la terra, è un mistero destinato a rimanere eternamente insoluto). Il Signore s'intenerì tanto "alla soave fragranza dell'arrosto" ( Gn. 8/21), che, pentitosi di ciò che aveva fatto, disse fra sé: "Non maledirò più la Terra a causa dell'uomo perché finalmente ho capito che il cuore umano è incline al male fin dall'adolescenza né colpirò più essere vivente come ho fatto ". E noi, commossi davanti a questo quadretto che vede Noè in ginocchio davanti a un Dio che annusa e lacrima, prendiamo atto di queste belle parole che il Signore disse quel giorno nella sua infinita bontà di Essere onnisciente e onnipotente. Come la cerimonia di ringraziamento fu terminata Dio, scendendo dalle altezze, altezze comunque molto limitate se gli arrivavano gli odori delle carni che arrostivano su un barbecue, si rivolse a Noè e ai suoi figli e disse: " Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite la terra ". Obbedienti all'ordine, i tre figli di Noè, salutato il vecchio genitore, se ne andarono ciascuno con la propria femmina prendendo direzioni differenti, come avevano fatto gli animali, per ripopolare la terra. Assegnatosi ciascuno un settore, praticando accoppiamenti basati su inevitabili incesti e porcherie del genere, come era già avvenuto la prima volta con Adamo ed Eva, i figli di Noè prolificarono tanto da lasciarci sbalorditi per come riuscirono in appena quattro secoli e mezzo, che è il tempo intercorso tra la fine del diluvio (2350) e il tempo di Abramo (1900), a ripopolare i continenti. Da Sem vennero i Semiti rappresentati dai Persiani, Egiziani, Fenici, Babilonesi, Etiopi e tanti altri tra cui gli stessi Ebrei, da Cam i Camiti, che sono gli Africani, e da Iafet tutto il mondo restante, costituito dalla razza indoeuropea comprendente nel suo insieme gli abitanti dell'estremo oriente e i popoli europei, inclusi i Greci. Prima di riprendere con la favola biblica, ci tengo a far sapere che, come l'episodio di Eva, anche quello di Noè è la ripetizione esatta di una favola sumero-babilonese nella quale si racconta di un certo Ziusudra che, rimasto il solo uomo giusto in un'umanità

divenuta malvagia, fu salvato dal dio Enlil che, avendo deciso di distruggere gli uomini con un diluvio, gli ordinò di costruirsi un'Arca per ripararvisi con la sua famiglia. Questa leggenda sumero-babilonese, appresa, come tutto il resto, durante i cinquant'anni di prigionia in Babilonia, venne ripetuta dai redattori della Bibbia in maniera così fedele da non essere trascurato nessun particolare, neppure quello della colomba che il buon Ziusudra liberò dalla finestrella per rendersi conto della situazione esterna. Le uniche differenze esistenti tra i due racconti le troviamo nelle dimensioni delle Arche, essendo quella di Noè quasi il doppio di quella di Ziusudra, e nella durata delle piogge che, se in una è di quaranta giorni, nell'altra è soltanto di sette. Saltando tutte le stupidaggini che seguirono il diluvio, come quella riguardante la torre di Babele che nasce anch'essa da leggende di altri popoli, riprendiamo l'esposizione del racconto nel punto in cui la Bibbia, trascurando tutto il resto dell'umanità, comincia a interessarsi espressamente della storia ebraica facendola partire dagli inizi del XX secolo. Essa comincia con una visione divina che ebbe un certo Abramo che, stando alla Bibbia, era il capo di una delle tante tribù di pastori erranti che vivevano nei territori desertici della Mesopotamia. A questo punto sarà utile, per avere le idee chiare sui fatti che seguiranno, soffermarci un attimo a analizzare, almeno a grandi linee, le popolazioni nomadi che vivevano in quell'oceano di sabbia che comprendeva il deserto degli Accadi, il deserto Arabico e il deserto del Negheb, dalle quali fu estratta la tribù (l'immaginaria tribù), che sarà la protagonista della favola biblica. In questo sterminato deserto, costituito da circa un milione e mezzo di chilometri quadrati, la cui vegetazione era rappresentata da arbusti radi e rinsecchiti, vivevano numerosi raggruppamenti di nomadi che, nel loro insieme, venivano chiamati Ebrei dalla parola "eber", che in aramaico significa errante. Credo che non ci sia bisogno di spiegare come si svolgesse la vita di questi pastori, costretti a vagare in quell'immenso deserto nel quale erano stati relegati dalle potenti nazioni limitrofe che impedivano loro nella maniera più energica di entrare e invadere le loro terre; una vita randagia, carica di tutte le tribolazioni che possono derivare, soprattutto, dalla mancanza di acqua e dalle continue epidemie. Costretti a continui spostamenti per il rinnovo dei pascoli, ogni tribù conduceva una vita autonoma e indipendente dalle altre sia per quanto atteneva le leggi e i regolamenti, basati su tradizioni tribali, sia relativamente alla religione, rappresentata da un politeismo costituito da piccoli idoli ancestrali a carattere prevalentemente superstizioso, come il serpente di bronzo eretto contro il veleno delle vipere, e da divinità maggiori provenienti da culti di altri popoli, come Astarte e Moloc della civiltà fenicia. Astarte e Moloc, "adottate" da tutte le tribù ebraiche, erano divinità sanguinarie alle quali venivano offerti olocausti umani e soprattutto di bambini tra i quali i primogeniti erano i preferiti per quel principio che rende il dono tanto più apprezzato per quanto più è amato da colui che lo offre. Durante il secondo millennio si verificarono frequenti emigrazioni da parte di queste tribù che nella ricerca di terre meno aride lasciavano le zone desertiche della Mesopotamia per dirigersi verso il Mediterraneo. Speranza che veniva però ogni volta frustrata perché il viaggio, arrestandosi di fronte ai confini dell'Egitto e della Palestina, si concludeva in quel deserto del Negheb che di diverso da quello che avevano lasciato aveva soltanto il nome. Da documenti giuntici sia in graffiti che in caratteri cuneiformi risulta che, come conseguenza di questo afflusso generato dalle immigrazioni, si formarono nel deserto Arabico e ancor più nel deserto del Negheb bande di predoni le quali, oltre ad attaccare i popoli palestinesi con scorribande e razzie, si vendevano come mercenari alle grandi nazioni, come gli Ammoniti, gli Ittiti, i Fenici e gli stessi Egiziani, impegnate in continue

lotte di egemonia. E' in questo clima di emigrazioni, di delusioni e di scorribande che la Bibbia comincia il proprio racconto facendolo partire dalla visione che ebbe un certo Abramo, capo di una di queste tribù. Gli apparve un Vegliardo che, dopo essersi rivelato come il Dio creatore dell'universo, gli disse che, se lui e la sua tribù avessero rinnegato le divinità che avevano seguito fino ad allora per adorare e servire lui come unico Dio, li avrebbe ricompensati eleggendoli come suo popolo prediletto e regalandogli una terra nella quale, sistemandosi definitivamente, sarebbero divenuti una grande nazione. In questo contratto basato sul "do ut des", le clausole furono espresse con tanta precisione da stabilire addirittura che la terra sarebbe stata quella di Canaan in Palestina che tanto era fertile da scorrevi latte e miele. Così, a differenza di tutte le altre tribù ebree che si trasferivano cariche di tutti quei dubbi che hanno coloro che si affidano soltanto alla fortuna, quella di Abramo fu la sola che affrontò il suo viaggio nella certezza del successo per quella garanzia che gli veniva da una promessa fattagli dal Dio creatore e padrone di tutte le cose. A parte il fatto che poi tutto si rivelerà, come vedremo, un vero fallimento, quello che più mi ha stupito di questa storia è stato il vedere come questo Dio, nonostante la Bibbia affermi che il suo nome era stato tramandato di generazione in generazione a tutti i pronipoti di Noè, e soprattutto alla discendenza di Sem, da cui si fa derivare direttamente Abramo, sia stato così dimenticato dagli uomini in soli quattro secoli e mezzo da essere costretto a ricorrere a una visione per farsi riconoscere come divinità e a proporre un contratto per farsi eleggere come tale. Quel Dio che soltanto qualche pagina prima ci era stato mostrato come il Kosmocrator, come l'onnipotente che aveva distrutto tutti gli esseri viventi in quaranta giorni e l'onnisciente a cui Noè aveva elevato un altare riconoscendolo come unico viene in realtà ridotto, attraverso il baratto di cui si fa artefice, alla stregua di un faccendiere. Possibile che in quei quattro secoli e mezzo che erano seguiti al diluvio sia stato messo così da parte di fronte a tutti gli altri dèi, scesi dal cielo nel frattempo, da cadere in un oblio così profondo da non essere ricordato da nessuno? Se Abramo avesse respinto la sua proposta di Alleanza, cosa d'altronde possibile, rispondendogli che si era già impegnato con Astarte e Moloc e che a lui e alla sua tribù ben gli confacevano gl'idoli ancestrali che avevano seguito fino ad allora, cos'altro avrebbe potuto fare questo Dio, se non ritornare deluso e frustrato nel mondo da cui era venuto, cioè in quel mondo delle divinità sconosciute alle quali la città di Pergamo aveva eretto una stele? Ebbene, lasciando da parte ogni ipotesi su come sarebbero potute andare le cose, continuiamo con la versione del racconto che dà la Bibbia. Abramo, accettata la proposta per la fiducia che poneva nella parola di Dio, riuniti gli armenti, si diresse con la sua tribù verso la terra promessa. L'itinerario seguito da Abramo nel suo viaggio è già di per sé un assurdo più che sufficiente per dimostrare che questo Dio che gli aveva promesso di guidarlo o era soltanto un sogno oppure di geografia se ne intendeva davvero poco. Il viaggio infatti risulterà un continuo cambiare di direzione del tutto simile al vagare degli uccelli che hanno perso l'orientamento. Dal deserto degli Accadi (Kuwait), seguendo i confini della Mesopotamia verso nord lungo l'Eufrate, Abramo e la sua tribù proseguirono finché, obbligati a ripiegare verso sud perché si trovarono la pista sbarrata dai confini della Fenicia, attraversati i deserti della Siria (Irak e Arabia Saudita), dopo aver fatto un mezzo giro, continuarono finché non furono costretti a fermarsi, dopo 2000 chilometri di marcia, nel deserto del Negheb, come esattamente avveniva per gli altri che partivano senza l'aiuto di Dio. Contrariamente a quanto Dio gli aveva promesso non riuscirono ad entrare nella terra di Canaan. Essa era là, bella e fertile che si stendeva oltre il Giordano, ma essi, nulla

potettero fare oltre che contentarsi di guardala dalla vetta di una montagna perché coloro che l'abitavano, fregandosene della promessa che loro avevano ricevuto da Dio, erano disposti a tenersela e difenderla, nella loro legalità di proprietari, nella maniera più decisa e accanita.

Itinerario del viaggio seguito da Abramo (Deserto di Engaddi - Negheb=2000 km. Decimati dalla fame, dalla sete e dalle pestilenze, è facile immaginare quello che dovettero provare quando si resero conto che la loro situazione, invece di migliorare, era addirittura peggiorata. Scoraggiati e delusi per l'impossibilità di impossessarsi di Canaan decisero di entrare in Egitto. Ma abituati come erano a prendere bastonate ogni volta che oltrepassavano il confine di uno Stato, pensarono di rabbonire gli Egiziani offrendogli tutto in cambio dell'ospitalità. Tutto senza limiti, comprese le donne, le quali senza nessuna remora, decisero di darsi agli Egiziani per quella morale che originava dal culto della dea Astarte che considerava il meretricio un'attività tanto nobile da imporre ad ogni donna di prostituirsi almeno una volta durante la vita per offrire il ricavato ai sacerdoti della dea. "Quando Abramo fu sul punto di entrare in Egitto, disse alla moglie Sara: «Vedi, io so che sei donna di aspetto avvenente. Quando gli Egiziani mostreranno di desiderarti, non dire che sei mia moglie, ma che sei mia sorella, così essi non solo non mi uccideranno per averti ma mi ricompenseranno per quello che riceveranno da te ». (Gn. 12/1). La Bibbia prosegue poi sull' argomento "prostituzione " aggiungendo, quasi temesse di non essere stata sufficientemente chiara: " Appunto, quando Abramo arrivò in Egitto, gli egiziani videro che la donna era molto avvenente. La osservarono gli ufficiali del Faraone e ne fecero le lodi al Faraone; così la donna fu presa nella casa del Faraone. Per riguardo a lei, egli trattò bene Abramo, che ricevette greggi, armenti ed asini e cammelli". Fu così che, mentre la moglie di Abramo esercitava la sua attività di "donna

avvenente" tra le autorità egiziane e gli alti ufficiali, le altre donne della tribù concedevano le loro grazie agli Egiziani di ordine inferiore. Ma il Signore, dice la Bibbia, colpì il Faraone e la sua casa con grandi calamità per cui il Faraone stesso, fatto chiamare Abramo, gli chiese: «Che mi hai fatto? Riprenditi questa donna e vattene ». Poi il Faraone lo affidò ad alcuni uomini che lo accompagnarono fuori della frontiera insieme a sua moglie e a tutti i suoi averi ». (Gn.12/18). Considerando la povertà, la profonda miseria di questi nomadi, cos'altro possono essere questi "suoi averi" non le greggi, gli asini e i cammelli che Abramo aveva ricevuto come ricompensa del meretricio della moglie e delle altre donne della tribù? C'è da rimarcare comunque la generosità del Faraone che, nonostante le calamità arrecategli da questi pastori rappresentate sopratutto dalla blenorragia con la quale le donne avevano infettato gli Egiziani, li espulse pacificamente dall'Egitto affidandoli a guide egiziane e lasciandogli tutto ciò che avevano incassato. Fu in seguito a questa espulsione, dovuta al contagio che le loro donne avevano arrecato agli Egiziani, che gli Ebrei cominciarono a praticare la circoncisione per combattere quella formazione di pus nel glande che fino ad allora avevano creduto, avendola avuta da sempre, che facesse parte della fisiologia umana. Praticamente, avendo compreso dalla reazione degli Egiziani che in realtà era una malattia, nella convinzione che fosse causata dalla sporcizia che si accumulava sotto la pelle, risolsero di combatterla tagliandosi il prepuzio. Ma l'attività di Abramo basata su certi discutibili sistemi di guadagno non finì con questa espulsione perché, lasciato l'Egitto, continuò a far lavorare l'avvenente Sara presentendola come propria sorella ad Abimelech, re di Gerar, dal quale ricevette come ricompensa, ancora una volta, greggi, armenti, schiavi e schiave e in più una somma di mille pezzi d'argento. Così, tra traffici d'ogni genere, litigi con i popoli vicini, nascite miracolose di figli partoriti da donne fecondate da Dio e altre avventure, la tribù di Abramo rimase nel deserto del Negheb per circa due secoli. Appartengono a questo periodo alcuni dei passi più conosciuti della Bibbia, come quello di Esaù che cedette la primogenitura per un piatto di lenticchie, quello di Sodoma e Gomorra che vennero distrutte dal fuoco per il libertinaggio che praticavano, quello della moglie di Lot che divenne una statua di sale per essersi voltata a guardare le due città che bruciavano sotto una pioggia di fuoco e di zolfo, e le tante battaglie che Abramo combattè contro i Cananei per impossessarsi di quella terra che la sua tribù insisteva a considerare come propria in virtù di quel contratto che aveva stipulato con Dio. Ma, certamente, il più farneticante fra tutti gli episodi di questo periodo è quello che si riferisce a quel Giuseppe, figlio di Giacobbe, che diventò, per la sua capacità di interpretare i sogni del Faraone, nientemeno che viceré d'Egitto. Quello che più mi ha indignato della Bibbia è la sfrontatezza che usa nell'affermare le cose più assurde, nella convinzione che gli altri siano degli imbecilli. Comunque, gli stessi ebrei, consci che questa vicereggenza dell'Egitto si sarebbe prestata a grosse critiche per la sua mancanza di riscontri storici, cercarono di giustificare la sua mancata trascrizione sui documenti dicendo che se ciò era avvenuto era dipeso dal fatto che il Faraone del tempo di Mosè non lo aveva inserito nella storia perché "essendo nuovo" non conosceva nulla del passato dell'Egitto. "In quel tempo sorse in Egitto un Nuovo re, che non aveva conosciuto Giuseppe" (Es. (1/8) scrissero sulla Bibbia, come se volessero attribuire all'ignoranza degli Egiziani il fatto che del personaggio Giuseppe, viceré d'Egitto, non fosse rimasta traccia. Se fra tutti gli episodi accaduti durante questo periodo riteniamo che quello che ci mostra Abramo sul punto di immolare a Dio il suo primogenito Isacco sia tra i più importanti, non è tanto per l'efferatezza che esprime, quanto perché attraverso di esso possiamo avere la conferma che presso quei pastori si compivano ancora sacrifici umani

secondo il culto di Astarte e di Moloch. Questa cosa viene ulteriormente confermata da quel passo in cui il Signore della Bibbia che, nella realtà non è altri che la personificazione delle divinità pagane adorate realmente dagli Ebrei, ordina a Mosè che gli siano riservati, oltre ai migliori capi del bestiame, anche i primogeniti del suo popolo: " « II primo parto di ogni madre tra gli Israeliti, di uomini o di animali, esso appartiene a me»". (Es. 13/3). Come si vede, i primogeniti, di qualsiasi natura fossero sia animale che umana, erano messi alla stessa stregua per ciò che riguardava la loro offerta a Dio come olocausti. E ancora più avanti, anche se in forma di condanna, ci viene un'ulteriore conferma, di come gli Ebrei praticassero questi riti, dal versetto 1 del cap. 20 dell'Esodo: "II Signore disse a Mosè: «Dirai agli Israeliti che chiunque tra di essi sacrificherà qualcuno dei suoi figli a Moloc, dovrà essere messo a morte per lapidazione ». Ma l'episodio riguardante il periodo di Abramo che più brilla su tutti gli altri per la sua insensatezza, è certamente quello che narra di una lotta tra Dio e Giacobbe. Tra le tante cose che i redattori della Bibbia dovettero inventarsi, per assumere una dignità di popolo e di nazione, ci fu quella di darsi un nome dal momento che quello di ebrei aveva in realtà un significato, oltre che declassante, troppo generico per stimolare quell'orgoglio di razza necessario per costituire un movimento rivoluzionario nazionalista. Per comprendere come arrivarono a darsi il nome di Israele che significando "colui che lotta e vince", non può che racchiudere un significato di rivendicazioni guerriere, la cosa migliore è di citare il passo come la Bibbia lo riporta: " Durante quella notte Giacobbe si alzò, prese le due mogli, le due schiave, i suoi undici figli e passò il guado dello Iabbok. Li prese, fece loro passare il torrente e fece passare anche tutti i suoi averi. Giacobbe rimase solo e un uomo lottò con lui fino allo spuntare dell'aurora. Vedendo che non riusciva a vincerlo, quest'uomo misterioso lo colpì nell'articolazione del femore e l'articolazione del femore di Giacobbe si slogò mentre continuava a lottare con lui. Questi disse: «Lasciami andare perché è spuntata l'aurora ». Giacobbe rispose: « Non ti lascerò se non mi avrai benedetto ». L'uomo misterioso chiese: « Come ti chiami?». Rispose: « Giacobbe » e l'uomo misterioso aggiunse. «Non ti chiamerai più Giacobbe, ma Israele, perché hai combattuto con Dio e con gli uomini e hai vinto! ».. Giacobbe allora gli chiese: «Dimmi il tuo nome », gli rispose « Perché mi chiedi il nome? ». E qui lo benedisse. Spuntava il sole quando Giacobbe passò Penuel e zoppicava all'anca. Per questo gl'israeliti, fino ad oggi, non mangiano il nervo sciatico, che è sopra l'articolazione del femore, perché quell'uomo aveva colpito l'articolazione del femore di Giacobbe nel nervo sciatico ". Per chi non lo avesse capito dirò che quest'uomo che aveva combattuto con Giacobbe era nientemeno che Dio. Di conseguenza, avendo Dio dato al Patriarca Giacobbe il nome di Israele, gli ebrei da quel giorno si attribuirono il nome di Israeliti. Questo passo, di per sé così banale da risultare addirittura offensivo per un dio a cui si fa recitare la parte di un pazzo che gira di notte per aggredire il primo che incontra, contrariamente a quanto possa sembrare, deve essere tutt'altro che trascurato, perché attraverso di esso potremo renderci conto dell'evoluzione religiosa che porterà gli Ebrei, nei secoli che seguiranno, a trasformare il proprio Dio, da personaggio meschino e rozzo come era concepito nel VI secolo, a un essere metafisico in seguito all'assimilazione dei concetti pagani. Un altro episodio trattato dalla Bibbia nel Genesi, che è il libro in cui si parla di Abramo e dei suoi diretti discendenti, è quello che riguarda suo figlio Lot che ospita dei viandanti in casa propria perché vi passino la notte. Anche se la base dell'argomento è il sesso, se riporto questo fatto non è tanto per dimostrare come l'omosessualità facesse parte dei costumi di questi nomadi, quanto per mettere in evidenza il discredito che essi avevano per la donna. "Lot, nipote di Abramo, era seduto alla porta di Sodoma quando arrivarono due

angeli. Non appena li ebbe visti, Lot si alzò, andò loro incontro e si prostrò con la faccia in terra. E Disse: «Miei Signori, venite in casa del vostro servo: vi passerete la notte, vi laverete i piedi poi, domattina, per tempo, ve ne andrete per la vostra strada. ». Quelli risposero: « No, passeremo la notte sulla piazza ». Ma egli insistette tanto che li convinse ad entrare nella casa sua. Egli preparò loro un banchetto, fece cuocere gli azzimi e così mangiarono. Non si erano ancora coricati, quand'ecco gli uomini della città, cioè gli abitanti di Sodoma, si affollarono intorno alla sua casa, giovani e vecchi, tutto il popolo al completo. Chiamarono Lot e gli dissero: « Dove sono quegli uomini che sono entrati da te questa notte? Falli uscire da noi perché possiamo abusarne ! ». Lot uscì verso di loro sulla porta e, dopo aver chiuso il battente dietro di sé, disse: « No, fratelli miei, non fate del male! Sentite, io ho due figlie che non hanno conosciuto uomo; lasciate che ve le porti fuori e fate loro quel che vi piace, purché non facciate nulla a questi uomini perché sono entrati all'ombra del mio tetto ». Ma quelli risposero: « Tirati via! Quest'uomo è venuto qui come straniero e vuol fare il giudice. Ora faremo a te peggio che a loro ». E spingendosi violentemente contro Lot, si avvicinarono per sfondare la porta. Allora dall'interno quegli uomini (gli angeli ) sporsero le mani e, fatto rientrare Lot in casa, colpirono quelli che erano fuori con abbaglio accecante così che non poterono più trovare la porta." (Gn. 19). A questo punto vorrei chiedere ai teologi, che di queste cose sicuramente se ne intendono avendo lungamente discusso sul sesso degli angeli, cosa sarebbe accaduto a quei due se fossero ritornati in Paradiso riempiti di sperma sodomita. Sarebbero stati respinti e messi alla porta, o sarebbero stati riconfermati nel loro ruolo di messaggeri divini, magari dopo avergli fatto dei bagnoli e dei microclismi? Ma la storia del probo Lot per ciò che riguarda il suo coinvolgimento nel sesso, non finisce qui. Rimasto solo con le due figlie vergini in seguito alla salificazione della moglie, andò con esse ad abitare sulla montagna di Zoar. Fu qui, nella caverna dove si era stabilito, che fu violentato da esse durante il sonno, a turno, prima la maggiore e poi la più piccola, che si coricarono con lui dopo averlo fatto ubriacare. "Così le due figlie di Lot concepirono dal padre. La maggiore partorì un figlio che chiamò Moab che fu il padre dei Moabiti e la più piccola partorì un figlio che chiamò "Figlio del pio popolo, che fu il padre degli Ammoniti" (Gn.39/36)....e tutto sotto la benedizione del Signore! Un altro episodio che ha molte analogie con quello riguardante Lot, gli angeli e le figlie vergini, lo troviamo nel libro dei Giudici, capitolo 19. Questa volta il fatto è ambientato a Gabaa, città della tribù di Beniamino. Era sera, quando un viandante, proveniente da Betlemme e diretto verso le montagne di Efraim in compagnia della sua concubina e di un servo, si fermò sulla piazza della città di Gabaa. Un vecchio, di cui la Bibbia non dice il nome, avvicinatosi ad essi, dopo averli sconsigliati di passare la notte sulla piazza, li invitò a casa sua. Il viandante, accettato l'invito, entrò nella casa del vecchio insieme alla sua concubina e al suo servo. " Mangiarono e bevvero tutti insieme e mentre aprivano il cuore alla gioia, ecco gli uomini della città, circondarono la casa, bussando alla porta, e dissero al vecchio padrone di casa: " « Fa uscire quell'uomo che è entrato in casa tua, perché vogliamo abusare di lui ». Il padrone di casa uscì e disse loro: « No, fratelli, non fate una cattiva azione: Ecco mia figlia è vergine, io ve la condurrò fuori, abusatene e fate quello che vi pare: ma non commettete contro quell'uomo una simile infamia ». Ma quegli uomini non vollero ascoltarlo. Allora il viandante, che apparteneva alla tribù di Levi, afferrò la sua concubina e la portò fuori da loro. Essi la presero e abusarono di lei fino al mattino: la lasciarono andare allo spuntare dell'alba. Quella donna sul far del mattino venne a cadere all'ingresso della casa del vecchio, presso il quale stava il suo padrone e là restò finché fu giorno chiaro. Il suo padrone si alzò la mattina, aprì la porta della casa e

uscì per continuare il suo viaggio: ecco la donna, la sua concubina, giaceva distesa all'ingresso della casa, con le mani sulla soglia. Le disse: « Alzati, dobbiamo partire! ». Ma non ebbe risposta. Allora il marito la caricò sull'asino e partì per tornare alla sua abitazione. Come giunse a casa, si munì di un coltello, afferrò la sua concubina e la tagliò a pezzi, membro per membro, in dodici pezzi, poi li spedì per tutto il territorio d'Israele. Agli uomini che inviava ordinò: « Così direte ad ogni uomo d'Israele: E' forse mai accaduta una cosa simile da quando gl'israeliti sono usciti dal paese d'Egitto fino ad oggi? Pensate, consultatevi e decidete! ». (Gd. Cap.19/20). Poiché questo fatto era avvenuto presso la tribù di Beniamino, le altre undici tribù d'Israele si riunirono e per punirla si armarono contro di lei. Su ordine del Signore si scatenò una guerra in cui perirono in una successione di stragi, a quanto risulta dai numeri riportati dalla Bibbia, complessivamente 106.130 soldati senza contare le vittime civili che non vengono quantificate. Che il fondoschiena costituisse un'attrazione per quei selvaggi ci viene confermato da un altro passo della Bibbia, in cui è lo stesso Dio a darcene prova con il consiglio che dà a Mosè di comportarsi in modo da non indurre in tentazione il suo popolo. Esso è tratto dal Capitolo 20 dell'Esodo che stabilisce le leggi riguardanti i riti: " Se tu mi farai un altare di pietra, non lo costruirai con pietra tagliata, perché alzando la tua lama su di essa la renderesti profana. Non salirai sull'altare per mezzo di gradini, perché non si scopra la tua nudità". Peccato che fra i tanti artisti che hanno riprodotto scene sacre nessuno abbia dipinto un quadro ispirandosi a un Mosè messo in cima a una scala circondato da Israeliti che dal basso gl'infilano gli occhi sotto la veste per guardargli il culo!

CAPITOLO II SECONDA ENTRATA IN EGITTO
Quando gli Ebrei rientrarono in Egitto per la seconda volta, dopo aver passato due secoli nel deserto del Negheb in seguito all'espulsione che subirono con Abramo, questa nazione stava attuando un piano imperialistico basato sull'espansione demografica. I Faraoni che necessitavano quindi di una popolazione la più numerosa possibile, oltre a favorire l'incremento delle nascite degli autoctoni, cercarono di aumentare il numero dei sudditi favorendo l'immigrazione di altri popoli attraverso una garanzia di benessere materiale e morale che non avrebbero trovato altrove. Sociale, attraverso un lavoro costante e duraturo garantito da un'agricoltura che era stata portata al massimo della produzione attraverso le tecniche più avanzate disponibili a quei tempi e dai cantieri delle piramidi che, restando aperti tutto l'anno, assicuravano una continuità di occupazione a tutti, compresi i braccianti agricoli che si riversavano su di essi quando dovevano lasciare i campi a causa delle inondazioni del Nilo, e morale, attraverso un comunismo religioso che rendeva tutti gli uomini spiritualmente uguali tramite quel sacramento del battesimo che, esteso anche ai ceti più umili, permetteva a tutti di accedere alla vita eterna dopo la morte. Che il motivo principale per il quale furono costruite le piramidi sia stato quello di garantire una continuità di lavoro alle collettività lavorataci ci viene, oltre che dal fatto che molte di esse, costruite in eccedenza, rimasero inutilizzate, anche dal tempo che fu impiegato per portarle a termine che risulta essere stato mediamente di tre o quattro volte superiore a quello che normalmente ci sarebbe voluto se fosse stato imposto al lavoro un ritmo perlomeno normale. Eliminata così ogni condizione di urgenza che avesse potuto giustificare un lavoro forzato, è quanto mai inaccettabile ammettere che le piramidi siano state costruite sotto il regime di una schiavitù che inoltre è da escludersi se consideriamo che, oltre ad essere stata condannata nella forma più decisa dopo l'avvento del battesimo, le autorità egiziane volevano ottenere tramite la costruzione delle piramidi un affiatamento tra le masse lavoratrici che era indispensabile per amalgamare le varie razze dei lavoratori immigrati tra di loro e queste a loro volta con il popolo egiziano. Affiatamento che le autorità favorivano organizzando sui posti di lavoro, secondo quanto viene riportato da documenti dell'epoca, continui festini in onore di Iside e di Osiride durante i quali venivano consumati fiumi di birra di cui l'Egitto era grande produttore. Il contributo che queste mastodontiche costruzioni apportarono alla grandezza egiziana fu così determinante, nel loro pacifico ruolo di cantieri sociali, da portare gli egittologi moderni a concludere che non fu l'Egitto a fare le piramidi, ma le piramidi a fare l'Egitto. Incoraggiati da questa politica che favoriva l'immigrazione di lavoratori stranieri, anche gli ebrei entrarono in Egitto per installarvisi definitivamente. Ma a differenza degli altri che cercarono di integrarsi con gli Egiziani accettandone gli usi, i costumi e la religione, queste tribù di nomadi, a cui la Bibbia ha dato il nome di Israeliti, rimasero autonome nei loro accampamenti dove continuarono ad esercitare l'attività di allevatori di bestiame in un regime d'indipendenza che portò le due etnie ad una situazione conflittuale che vide per secoli questi pastori relegati al rango di emarginati dagli egiziani che con disprezzo li chiamavano "figli della sabbia". Vivendo in accampamenti fatti di pelli di capra e in promiscuità con gli animali, ignorando le regole più elementari dell'igiene questi pastori furono spesso causa di infezioni epidemiche che contagiarono sia gli Egiziani che il loro bestiame. In questo isolamento nel quale si erano ermeticamente chiusi per difendere la loro indipendenza sociale vissero come uno Stato in seno ad un altro Stato per ben cinque secoli, cioè fino a quando, in seguito ad un'ennesima pestilenza di gravità eccezionale, furono

definitivamente espulsi dal Faraone che, stando alle epoche a cui si riferiscono i fatti, doveva essere Akhenaton anche se alcuni sono propensi per il Faraone Menaptah, successore di Ramses II. (La possibilità di poter attribuire due Faraoni esistiti in epoche distanti l'una dall'altra di circa due secoli dimostra quanto i fatti riportati dalla Bibbia siano privi di ogni sostegno storico). E' a questo punto che appare la figura di Mosè che la Bibbia ci presenta come colui che condusse fuori dall'Egitto questa orda di primitivi per riportarla in quel deserto del Negheb nel quale gli ebrei poi rimasero accampati, istallandosi sulla riva occidentale del mar Morto, per quarant'anni prima di prendere la decisione di invadere la Palestina. Fu durante questo trasferimento che fecero partendo dall'Egitto per ritornare al deserto del Negheb da cui erano partiti cinquecento anni prima che avvenne la famosa spartizione delle acque che permise agli ebrei di attraversare il mar Rosso a piedi asciutti e ai redattori della Bibbia di dimostrare la potenza del loro Dio. I quarant'anni che essi passarono nel deserto del Negheb prima di invadere definitivamente la Palestina possono essere riassunti nei seguenti episodi: 1) La consegna delle leggi da parte di Dio a Mosè sul monte Sinai. 2) La costruzione di due idoli pagani rappresentanti uno un vitello d'oro voluto dal sommo sacerdote Aronne che viene presentato come fratello di Mosè, e l'altro da un serpente di bronzo che lo stesso Dio consiglia a Mosè di adottarlo contro il veleno dei serpenti. 3) Il continuo ripetersi di epidemie. 4) L'invio della manna da parte del Signore che, cadendo tutti i giorni per quarant'anni assicurò l'alimentazione del suo popolo. 5) la morte di Mosè che chiude questo ciclo per dare inizio al successivo che inizia con l'elezione di Giosuè in qualità di suo successore. Soffermiamoci ora a fare qualche commento circa i fatti principali riguardanti l'Esodo che la Bibbia considera come l'episodio chiave di tutta la storia ebraica e i quarant'anni che lo seguirono. Come prima cosa cerchiamo di stabilire chi fosse realmente questo Mosè la cui figura di liberatore di un popolo ridotto in schiavitù comincia a vacillare in seguito a un esame storico dal quale risulta come gli Ebrei mai parteciparono alla costruzione delle piramidi, né come schiavi né tanto meno come uomini liberi: non come schiavi, perché la schiavitù, mai applicata dagli egiziani, fu addirittura severamente condannata in seguito all'introduzione del battesimo che considerava gli uomini tutti uguali di fronte a Dio, e non come uomini liberi, perché furono sempre loro a rifiutare ogni lavoro offertogli dagli Egiziani, preferendo rimanere autonomi allevatori di bestiame. Che il motivo per cui gli Ebrei furono espulsi dall'Egitto tragga origine dalle calamità di cui erano continuamente causa ci viene confermato da recentissimi studi fatti in collaborazione da egittologi e scienziati che hanno voluto gettare luce su quelle piaghe che la Bibbia fantasiosamente afferma essere state inviate da Dio per costringere, attraverso un ricatto, il Faraone a lasciare libero il suo popolo. E' risultato in maniera indiscutibile che questo popolo di nomadi fu espulso dall'Egitto con provvedimento d'urgenza per aver provocato l'ennesima epidemia di colera nella popolazione e di afta epizootica e carbonchio negli allevamenti. Così come la schiavitù e le dieci piaghe sono delle pure invenzioni, altrettanto risulteranno esserlo tutte le altre affermazioni che la Bibbia sosterrà in seguito, a partire dalla spartizione delle acque del mar Rosso che, oltre ad essere respinta dalla ragione e dal buon senso, non trova riscontro neppure come favola dal momento che è stato dimostrato che gli ebrei uscirono per l'estuario del Nilo e non attraverso il mar Rosso come la Bibbia ci racconta.

E Mosè, questo grande condottiero biblico, sempre ammesso che sia esistito, dal momento che non viene nominato in nessun passo della storia, chi altri potrebbe essere stato se non un funzionario egiziano al quale il Faraone affidò l'incarico di condurre fuori dall'Egitto quel popolo di pastori ribelli e indisciplinati che con il loro primitivo comportamento, oltre ad essere un ostacolo alla realizzazione di un imperialismo basato sull'unità della nazione, erano causa di calamità come già in precedenza quando erano entrati in Egitto per la prima volta con Abramo? Tanti sono gli indizi che ci portano a concludere che Mosè non fosse un ebreo ma un funzionario egiziano: 1) Il nome Mosè che non fa parte dell' onomastica ebraica. 2) Un conoscitore di leggi e di governo del suo rango non poteva provenire da un popolo retrogrado e primitivo di pastori analfabeti. 3) Il Faraone non avrebbe mai affidato l'incarico di espellere un popolo ribelle a qualcuno che appartenesse a quella stessa razza, soprattutto considerando che doveva impedirne nel modo più assoluto il rientro. 4) Mosè, oltre a non essere circonciso, era così contrario a questa pratica che se vi si assoggettò lo fece perché costretto dagli ebrei che si rifiutarono, se non l'avesse fatto, di riconoscerlo come loro capo. Se questi potrebbe essere il Mosè storico, cioè l'incaricato dal Faraone, chi è allora il Mosè biblico salvato dalle acque, il prestigiatore che trasforma il proprio bastone in serpente, il grande condottiero che fa sgorgare l'acqua dalle rocce con un tocco di bacchetta? Ebbene, questo Mosè biblico non è che il clone di un'altra leggenda sumerobabilonese che racconta di un certo Sargon che, nato da una donna di umili condizioni, fu messo da questa in un cesto di vimini ed affidato al fiume Eufrate con la speranza che incontrasse un destino favorevole quale lei non avrebbe potuto dargli. Il neonato galleggiò lungo la riva finché non fu salvato da un pescatore di nome Akkis che lo allevò come un figlio finché, fattosi grande, ebbe la fortuna di entrare alla corte del regno della Mesopotamia dove divenne gran funzionario dopo aver passato un periodo come coppiere del re Kis. Forte del rango raggiunto, organizzò un esercito con il quale riuscì a sottomettere il popolo sumero divenendo così nel 2528 il fondatore del primo regno di Babilonia, 1550 anni prima che nascesse Mosè e, tanto per ribadire gli anacronismi della Bibbia, possiamo aggiungere, 250 anni prima del diluvio.

Siamo così di fronte ad un'altra prova che ci dimostra quanto la Bibbia non sia altro che una fucina di miti che, per giunta, mutua e ricopia da leggende altrui...altro che un libro ispirato da Dio, come vogliono darci ad intendere prendendoci per grulli ! La mela di Adamo ed Eva, la torre di Babele, Noè e Mosè non sono che la ripetizione di leggende apprese durante l'esilio di Babilonia come tutti gli altri fatti, quali quelli che fanno riferimento ai poteri di quel bastone che hanno messo in mano a Mosè perché attraverso di esso facesse zampillare sorgenti dalle rocce, apparire serpenti e spartire le acque di un mare, che non sono altro che la fantasiosa applicazione di quelle arti magiche ed esoteriche che venivano praticate nelle religioni pagane del Medio Oriente nei loro Culti dei Misteri da almeno 1500 anni prima che venisse scritta la Bibbia. Un episodio ancora strabiliante che troviamo nella Bibbia è rappresentato da quel passo in cui Mosè si rivolge a Dio, che gli aveva ordinato di liberare il suo popolo dalla schiavitù d'Egitto, per chiedergli: "« Quando mi presenterò per dirgli che il loro Dio ha deciso di liberarli e loro, chiedendomi chi è questo Dio, vorranno sapere come si chiama, cosa gli risponderò dal momento che essi non ti conoscono? » e il Signore rispose a Mosè: « Dirai agli Israeliti che il mio nome è "Io-Sono " » ". (Es.3/13). ( E' da qui, da questa dichiarazione che il Signore fa a Mosè a proposito del suo nome che egli prenderà il nome di Yhavè che in ebraico significa appunto " io sono"). Come è possibile che gli Ebrei, o meglio gl'Israeliti, non conoscessero questo Dio con il quale, secondo la Bibbia, si erano confrontati precedentemente e per ben due secoli, cioè da quando nel 1900 erano partiti dalla Mesopotamia con Abramo fino al 1700, anno in cui entrarono in Egitto dove furono fatti schiavi? Come è possibile che fra questo Dio onnisciente e onnipresente e il suo popolo prediletto fosse finita ogni relazione tanto da portare gl'Israeliti al punto di ignorare la sua esistenza e Dio da parte sua si fosse talmente disinteressato del suo popolo che se intervenne per liberarlo dalla schiavitù d'Egitto, durava oltre cinquecento anni, lo fece perché si ricordò di loro soltanto perché il caso volle che sentisse i loro lamenti? " Dio udì il loro lamento, si ricordò della sua Alleanza fatta con Abramo, e prese pensiero per la loro condizione" (Era ora!). Escludendo che tutto fosse dipeso da una distrazione di un Dio onnisciente e dalla trascuratezza di un popolo, non ci può essere altra soluzione per spiegare questa situazione che di supporre che i due secoli di storia ebraica che fanno parte del cicli attribuito ad Abramo, non esistevano nella prima redazione della Bibbia. Troppe sono le circostanze che mi hanno portato alla convinzione che la storia di Abramo fu inserita nella Bibbia soltanto in un secondo tempo. Salta agli occhi che il libro Genesi nella prima edizione della Bibbia terminava con la quella dispersione degli uomini che veniva fatta dipendere dalla confusione di lingue che si produsse con la costruzione della torre di Babele. Dalla visione di una moltitudine che si spandeva sulla terra, visione che chiudeva il libro Genesi nella prima edizione della Bibbia, riprendendo la sua storia con il libro "Esodo", dava inizio alla storia del popolo ebraico facendola cominciare con una visione nella quale Dio appariva a Mosè per eleggerlo capo e fondatore del suo popolo su imitazione di quel re Sargon che aveva fondato il grande impero di Babilonia riunendo un popolo sotto una sola legge e un unico Dio. Su questa impostazione della prima Bibbia, che rispettava una certa coerenza nel mostrarci un popolo, quello ebraico, che veniva estratto dalla confusione delle razze umane conseguente alla dispersione generata dalla torre di Babele, Abramo appare un'evidente intromissione illogica sia per la mancanza di collegamento storico esistente tra lui e i fatti che lo precedono e che lo seguono, sia perché le vicende che gli si riferiscono non sono che una ripetizione di quelle che vengono attribuite a Mosè. In entrambe c'è la stessa circostanza di un Dio che si presenta ad un popolo che non lo conosce, la costituzione della stessa Alleanza, lo stesso

raggruppamento di un popolo che intraprende un viaggio verso una terra promessa, quella terra di Canaan che, se può risultare accettabile come terra di conquista nel libro Esodo, perché confinante con l'Egitto, appare piuttosto fantasiosa in un Abramo che, vivendo in Caldea, si trova da essa nientemeno che a millecinquecento chilometri di distanza. Una terra così lontana tanto da risultare, nella sua ubicazione, disconosciuta dallo stesso Abramo secondo quanto risulta dall'itinerario che egli seguì per arrivarvi. Che l'episodio di Abramo sia un inserimento eseguito in un secondo tempo ci viene confermato anche dal fatto che esso non ha nessun collegamento biblico né con il diluvio, che lo precede di quattrocento anni, né con l'Esodo, che lo segue di circa settecento. Abramo e i fatti a lui relativi sono un'evidente aggiunta, sospesa tra due vuoti storici, che la Bibbia ha cercato di riempire attraverso la costruzione di immaginarie generazioni. Se appare semplicistico il ripiego usato per riempire il vuoto di settecento anni che separano Mosè da Abramo, in quanto vengono sommariamente riassunti con la frase: "tutte le persone che nacquero da Giacobbe, nipote di Abramo, furono settanta", l'altro, quello usato per colmare il vuoto di quattrocentocinquanta anni intercorrente tra Abramo e Noè, è quanto mai inverosimile dal momento che si pretende di riempirlo con sole sette generazioni. Considerando che con sette generazioni si possono coprire duecentodieci anni, ne rimangono scoperti ben duecentoquaranta anni di buio che sono più che sufficienti per dimostrare ancora una volta che la Bibbia è un libro basato su fatti e personaggi del tutto immaginari. I motivi per cui gli ebrei aggiunsero Abramo (si presume tra il V e il IV secolo, cioè quando il movimento rivoluzionario si stava solidificando) all'interno della loro storia sono diversi: 1) Darsi, attraverso la persona di Abramo, un fondatore d'origine controllata facendolo discendere direttamente da Sem, figlio di Noè; cosa questa che non avrebbero potuto fare con Mosè che era stato ormai presentato come figlio d'ignoti...e gl'ignoti, si sa, non sono i più adatti per suscitare un nazionalismo basato sull'orgoglio di razza. 2) Dare alla loro religione un'origine la più antica possibile per poter competere con le religioni pagane vecchie di millenni. 3) Togliersi di dosso quell'appellativo di Ebrei, che oltre ad essere privo di carattere per la sua genericità era anche declassante, per darsene uno proprio che gli avesse permesso di costruirsi in un popolo storicamente ben definito, quel nome di Israeliti che trassero dalla lotta che organizzarono tra Dio e Giacobbe. Ma tra tutte le prove, quella che dimostra più di ogni altra che la storia ebraica era inizialmente cominciata con l'esodo, ci viene dalle leggi che furono dettate da Dio a Mosè. Soltanto attraverso l'istituzione di un codice essi avrebbero potuto cominciare la loro storia di popolo che, finalmente liberatosi da una schiavitù, da massa eterogenea che era, cominciava una nuova vita nella compattezza che gli veniva da un Dio che aveva loro promesso un terra se avessero rispettato le sue leggi. Se il testo della prima edizione della Bibbia, quella che vide la luce nel VI secolo, fosse cominciata veramente con quella tribù che lasciò la Mesopotamia per dirigersi verso la terra promessa, perché Dio non dette in quell'occasione le sue leggi al popolo che aveva prediletto? Perché attese sette secoli per darle a Mosè? Dunque non possono esserci dubbi sul fatto che la prima narrazione biblica del popolo ebraico cominciasse da quella visione con la quale il Signore propose un'Alleanza ad una massa eterogenea di uomini senza leggi perché si costituisse popolo in seguito alla liberazione da una schiavitù. Ma, allora, mi si potrebbe chiedere: Abramo, Giacobbe, Esaù e tutti gli altri che animarono quei due secoli di storia biblica relativa ad Abramo, sono personaggi inventati? Certo che sono inventati, come lo sono Adamo, Eva, Mosè,

Giosuè, Saul, Davide e Salomone e lutti gli altri che in seguito faranno parte del Nuovo Testamento. Tutto il Vecchio Testamento, come il Nuovo, non è che una congerie di aggiunte, correzioni, censure e contraffazioni a cui furono costretti a ricorrere i religiosi per ovviare a tutte quelle inesattezze e contraddizioni che emergevano da una storia che, completamente inventata e improvvisata, era continuamente soggetta alle critiche della ragione e del buon senso. Non a caso è stato detto che i Libri Sacri non sono che il risultato delle continue rettifiche operate sui testi in seguito alle contestazioni e alle obiezioni che gli furono mosse dagli avversari. Fatte queste considerazioni, riprendiamo con il Mosè biblico che come liberatore del popolo israelita, una volta divenuto il suo conduttore, entra in contatto giornaliero con Yahvè il quale, a partire dall'Esodo, seguirà il proprio popolo in lutti gli spostamenti standosene sdraiato su una nuvola che resterà costantemente sull'attendamento fatto di pelli di capra. E' da questo quadretto che riproduce un accampamento di pecorai sovrastato da una nuvoletta con sopra il Creatore dell'universo, avente come cornice la sabbia del deserto del Negheb, che la Bibbia fa partire il suo romanzo circa le avventure di un popolo di pastori erranti a cui ha dato il nome di Israeliti. Sarà da questa nuvola che vedremo Dio scendere ogni volta che dovrà comunicare i suoi ordini a Mosè e a tutti i Patriarchi che seguiranno, quegli ordini con i quali autorizzerà i suoi "figli prediletti" a invadere le terre altrui, a compiere le stragi più efferate e le più sanguinarie vendette contro i suoi nemici e ogni volta che deciderà d'infliggerà loro le punizioni più severe per avergli disobbedito. Stando a quanto dice la Bibbia, Mosé rimase al comando di questi nomadi per i quarant'anni che essi restarono nel deserto del Negheb, cioè fino alla sua morte che sopraggiunse all'età di centoventi anni. Fedele alla consegna ricevuta dal Faraone, Mosè cercò di tenere sotto controllo questa orda di selvaggi cercando di inculcare in loro una mentalità sociale attraverso il rispetto delle leggi. Perfezionò i loro regolamenti atavici, si prodigò ad insegnargli i rudimenti della civiltà egiziana soprattutto per ciò che riguardava l'igiene la cui mancanza era causa di continue epidemie dalle quali venivano sistematicamente decimati. Siccome erano abituati a defecare accanto alle tende, impose loro di allontanarsi dall'accampamento imponendo un espresso regolamento che fu poi riportato così nel Pentateuco: "Avrai un posto fuori dell'accampamento e là andrai per i tuoi bisogni. Nel tuo equipaggiamento avrai un piuolo, con il quale, nel ritirarti fuori, scaverai una buca e poi ricoprirai i tuoi escrementi. Perché il Signore tuo Dio passa in mezzo al tuo accampamento per salvarti e mettere i nemici in tuo potere; l'accampamento deve essere dunque santo, perché egli non veda in mezzo a te qualche indecenza e ti abbandoni". (Dt. 23/13). Questo passo assume un significato di particolare importanza perché dimostrandoci quale fosse il concetto che avevano gli ebrei del loro Dio nel VI secolo un Dio che viene ridotto alla stregua di un caporale che ispeziona le latrine di una caserma, ci permetterà di comprendere come nel giro dei quattro secoli che precederanno la rivolta dei Maccabei, gli ebrei, appropriandosi delle teologie pagane, riusciranno a trasformarlo in un Essere essenzialmente spirituale. Ma, nonostante "la legge del piuolo" imposta da Mosè e la promessa di Dio di non inviare più malattie, "Il signore allontanerà dal suo popolo ogni infermità e non manderà più alcune di quelle funeste malattie d'Egitto, ma le manderà a coloro che lo odiano" (Dt. 7/15-), le pestilenze continuarono a far strage degli ebrei tanto che Giosuè, il grande condottiero che succedette a Mosè, continuando a credere che i morbi dipendessero dal fatto che gli ebrei avevano sospeso la circoncisione, ordinò di nuovo a tutti di tagliarsi il prepuzio. Durante quei quarant'anni, da quanto si può comprendere con chiarezza dalla

Bibbia, gli ebrei vissero per lo più di rapine eseguite ai danni dei popoli che si trovavano nel sud della Palestina. Se la prima terra che attaccarono fu quella di Canaan non lo fecero perché gli era stata promessa da Dio, come sostiene la Bibbia nella sua abitudinaria falsificazione dei fatti, ma soltanto perché era la più prossima al deserto del Negheb. In un susseguirsi di razzie oltrepassavano il Giordano per riportare agli accampamenti quelle refurtive che, permettendogli di vivere, furono di fatto quella manna che Dio faceva scendere dal cielo per alimentare il suo popolo, quella "manna" che nessuno ha saputo mai spiegarsi cosa fosse, compresa la Bibbia che la chiamò appunto così facendola derivare dall'espressione di sorpresa che emisero gli ebrei quando, vedendola la prima volta, si chiesero: «Man-hu?» che in ebraico significa "che cos'è ? " Mosè, oltre che dare delle leggi cercò, di conseguenza, anche di farle rispettare istituendo un corpo di tutori dell'ordine costituito da persone prescelte che dovevano collaborare con le autorità civili per ciò che riguardava la vita sociale e con i sacerdoti per ciò che riguardava la pratica dei culti. Gli appartenenti a questo ordine, a cui fu dato il nome di "Nazireato", furono chiamati "Nazir o Nazorei" che significa "consacrati". I Nazir s'impegnavano, attraverso un voto, a rimanere casti, a non bere bevande alcoliche e a non tagliarsi i capelli per tutto il corso d'indottrinamento che durava tre anni, dopo di ché, per ciò che riguardava la tonsura, gli era facoltativo proseguire nel voto o romperlo. Questa istituzione, che col tempo andò sempre più rinforzandosi tanto da divenire una vera e propria casta, assunse con la rivolta dei Maccabei un'importanza determinante su quella che fu l'evoluzione religiosa in seno al Partito Nazionalista Giudaico. Certamente il più famoso Nazir del Vecchio Testamento fu un certo Sansone che fu designato ad assumere questa carica ancor prima che nascesse. Come accade spesso nella Bibbia, dove gli eroi vengono partoriti da donne sterili fecondate da Dio, così anche Sansone nacque da donna infeconda resa incinta per opera divina. Questo sistema di costruire gli eroi trova giustificazione in quel passo della Genesi, sempre traendo le sue affermazioni da leggende altrui, in cui si asserisce: " C'erano sulla terra i giganti a quei tempi- e anche dopo - quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi i figli dell'antichità, uomini famosi ". E' in base a questo riferimento che la Bibbia sforna molti dei suoi personaggi più famosi facendoli nascere da un accoppiamento tra Dio e quelle donne che si erano dimostrate sterili con gli uomini. Così, come Sansone, furono partoriti per fecondazione divina Isacco da Sara, moglie di Abramo, Esaù e Giacobbe da Rebecca, moglie di Isacco, Giuseppe, che diventerà viceré d'Egitto, da Rachele, moglie di Giacobbe e tanti altri fino ad arrivare a quel Giovanni Battista, figlio di Elisabetta moglie di Zaccaria, a cui venne affidato dai redattori dei vangeli l'incarico di annunciare l'avvento di colui che sarà l'eroe degli eroi, cioè quel Gesù che se faranno nascere da una vergine anziché da una donna sterile sarà per dei motivi ben precisi che vedremo a suo tempo. A questo punto sono certo che a molti è venuto spontaneo rapportare questo tipo di miracolo divino a quelle acque minerali che rendono fertili le donne sterili. Ma sapendo quale sia la vera origine della fecondità raggiunta attraverso queste cure termali, almeno nella gran parte dei casi, non si può escludere che le nascite di questi eroi, ritenute prodigiose per quella convinzione che si aveva sulla sterilità che si faceva dipendere esclusivamente dalla donna, in realtà non fossero altro che un prodotto di corna. Per cui, nella convinzione che il tutto dipendesse dal soprannaturale, il figlio che nasceva non poteva essere considerato che un eletto predestinato a diventare un eroe. Un angelo si presentò alla moglie di Manoach e le disse: « Ecco, tu sei sterile e non hai avuto figli, ma concepirai e partorirai un figlio. Ora guardati bene dal bere vino o bevanda inebriante. Poiché ecco, tu concepirai un figlio, sulla cui tetta non passerà rasoio, perché il

fanciullo sarà un Nazoreo consacrato a Dio fin dal seno materno ». Il figlio che nacque fu chiamato Sansone. Cresciuto in virtù e saggezza, divenne fisicamente così gagliardo da fare strage dei Filistei con una mascella d'asino, da scardinare la porta della città di Gaza sollevandola come una piuma, da demolire un tempio spezzandone le colonne con le braccia e tante altre cose che lo resero il terrore dei nemici d'Israele, anche se intellettualmente si mostrò così debole e sprovveduto da rivelare alla prima baldracca che gli concesse le sue grazie il segreto della sua forza che risiedeva nei capelli. Se qualcuno a questo punto volesse giustificare la debolezza di Sansone attribuendola all'astinenza sessuale a cui era stato costretto dal voto durante il seminario, non fa che ribadire quanto la continenza, lo confermano gli psicologi, sia un ostacolo alla normale formazione intellettuale. (Ogni riferimento ai preti non è affatto casuale!) Fatta questa breve disquisizione sui Nazir e sul Nazireato, che sarà molto utile da ricordare in seguito, riprendiamo con quel Mosè che, per quanto si adoperasse, fallì nell'intento di trasformare in popolo civile questa accozzaglia di nomadi primitivi i quali privi di concetto sociale comunitario, si divisero di nuovo in gruppi autonomi e indipendenti, eleggendo ciascuno dei capi tribù che chiamarono Giudici. Queste tribù, ritornate alla primitiva indipendenza, distribuitesi nel deserto Arabico lungo i confini della Palestina fino a toccare la Siria, intensificarono le rapine ai danni dei popoli che pacificamente vivevano di agricoltura e di allevamento di bestiame oltrepassando spesso anche il Giordano. Questo andamento di cose si protrasse finché, morto Mosè, non subentrò al suo posto quel Giosuè che, fattosi interprete della volontà aggressiva che era maturata negli Ebrei, riunite tutte le tribù, invase definitivamente le terre palestinesi. Cominciata l'invasione con la terra di Canaan, questi nomadi avanzarono verso il nord depredando, terrorizzando e incendiando i villaggi che incontravano e trucidando spesso i loro abitanti. Via via che avanzavano si dichiaravano padroni delle terre occupate facendo, come prova del possesso avvenuto, dei mucchi di pietra che la Bibbia, per dimostrarne la legalità, dopo averli dichiarati monumenti commemorativi, insolentemente afferma che esistevano ancora al tempo in cui essa fu scritta. Inizia così quel periodo di lotta tra invasori e popoli occupati che, ricordato dalla Bibbia nel libro dei Giudici, dura all'incirca due secoli. Essendo uno degli scopi principali dei redattori della Bibbia quello di attestare che gli ebrei fossero i legittimi proprietari della Palestina, essi costruiranno una teoria di rivendicazioni basata su battaglie nelle quali, invertendo i ruoli, faranno passare per occupanti abusivi i popoli indigeni e per legali proprietari gli ebrei, grazie a quel diritto che gli derivava dal fatto di averle ricevute da Dio attraverso il contratto stipulato con lui nell'Alleanza. E' su questo contratto, stipulato tra Dio creatore e padrone del mondo e il suo popolo prediletto, che la Bibbia costruirà il suo programma di rivendicazioni sulla Palestina. Tutti i fatti che seguiranno l'Esodo non avranno altro scopo che quello di inculcare negli Ebrei quel sentimento di nazionalismo guerriero che sarà alimentato nel corso dei secoli dall'attesa di un messia condottiero il quale, prescelto da Dio fra gli uomini, si metterà alla loro testa per conquistare definitivamente la Palestina, quale terra promessa. Come conseguenza la Bibbia, per preparare gli Ebrei a sostenere quella che sarà la battaglia finale, assumerà il ruolo di fomentatrice di guerre, stragi, vendette, s'imporrà come un vero manuale di guerriglia dove gli eroi, a partire da Giosuè, saranno mostrati come invincibili conduttori di eserciti anche seppure, nonostante tutte le vittorie e le conquiste che loro saranno attribuite, lasceranno sempre le situazioni come le avevano trovate. E' questa immutabilità della realtà la prova principale a dimostrarci che tutto ciò che si racconta nella Bibbia è soltanto il prodotto della fantasia. E tanta sarà l'esaltazione che useranno i compilatori della Bibbia per raggiungere i loro scopi di propaganda nazionalista da trasformare il tutto in una tragicommedia talmente ridicola da risultare

offensiva alla ragione e al buon senso. Vi si narrerà di eserciti composti di decine di migliaia di soldati armati fino al collo e di migliaia di cavalieri che si affrontano in battaglie epiche da far impallidire Waterloo. Appartengono a questo periodo le narrazioni riguardanti la distruzione di Gerico, la sconfitta di cinque re in quella famosa battaglia in cui Giosuè ordinò al sole di fermarsi affinché, prolungandosi le ore di luce, potesse egli portare a termine la strage dei Filistei, l'uccisione di altri trentuno re in una battaglia combattuta per la conquista della Transgiordania e tante altre, senza contare poi tutte le imprese che saranno attribuite in seguito, dopo questo periodo dei Giudici, a Saul e a quel re Davide che diventerà il simbolo dell'invincibilità dell'esercito d'Israele. Ma senza dilungarmi su questo argomento, per dimostrare l'inverosimiglianza dei fatti biblici, basti dire che, mentre in una pagina si parla di guerrieri armati di spade affilatissime capaci di fare stragi di decine e decine di migliaia di nemici in un solo combattimento, in un'altra si dice che gl'Israeliti per circoncidersi si tagliavano il prepuzio usando attrezzi primitivi fatti di selce e usavano dei bastoni appuntiti per fare buche in cui occultare gli escrementi. In realtà, queste battaglie tra le tribù ebree e gli autoctoni che la Bibbia ci descrive come apocalittiche, non erano altro che scontri tra poveri, sostenuti da una parte dai contadini indigeni (abitanti in villaggi di casupole fatte di un impasto di sterco animale e fango seccato al sole e ricoperte di paglia) che si difendevano a colpi di bastone e dall'altra da pastori invasori che, sorpresi a derubare, reagivano tirando pietre con le fionde o usando il primi rudimentali oggetti che gli capitavano tra le mani, quali potevano essere un corno di bue o una mascella d'asino. Che ci siano state in quel periodo bande di predoni organizzate alle quali si unirono anche elementi israeliti non c'è dubbio, dal momento che la storia parla di esse; ma queste non hanno nulla a che vedere con le ruberie operate dai nomadi. Esse attaccavano le città per le loro riserve di derrate e per i loro allevamenti, portavano via i tesori dei templi, facevano prigionieri per rivenderli come schiavi e attaccavano le carovane che trasportavano il rame che veniva dalle miniere del Negheb. Tra i pastori che avevano invaso la Palestina con i loro pascoli abusivi e questi predoni organizzati in bande di guerriglieri c'era la differenza che ci può essere tra i ladruncoli rionali di una città e le grandi cosche mafiose. Ma la Bibbia, collezionando tutto ciò che veniva riportato a quel tempo attraverso i cantastorie, costruì la sua trama usando i pastori che avevano invaso la Palestina per sostenere le sue pretese di proprietà su di essa dandogli il nome di israeliti e le bande dei predoni per costruire le sue epiche battaglie e i suoi condottieri come si servì della figura degl'indovini e dei chiromanti per costruire i suoi profeti secondo quanto la stessa Bibbia sostiene: " In passato in Israele, quando uno andava a consultare Dio, diceva: « Su, andiamo dal veggente», perché quello che oggi si dice profeta allora si diceva veggente".(ISm. 9/9). Dal quel calderone del passato ricolmo di tutte quelle storie e leggende tramandate al suono dei salteri la Bibbia, facendo di ogni erba un fascio, trasse gli argomenti necessari per inventarsi una storia tutta sua, attribuendola a degli anonimi pastori ebrei che trasformò in protagonisti dei propri piani politici dando loro il nome di Israeliti, nome che, privo di ogni riscontro storico, essa trasse da una lotta combattuta tra Dio e un uomo immaginario ed ipotetico a cui dette il nome Giacobbe. I palestinesi, divisi in decine di etnie autonome che vivevano di agricoltura e di allevamenti di bestiame, non avvezzi all'uso delle armi e quindi incapaci di mettere in atto una resistenza collettiva, si ritrovarono presto occupati da questi pastori resi aggressivi dal bisogno e da quella rabbia che si era accumulata nei secoli derivante dall'emarginazione patita da parte degli altri popoli che dall'inizio dei tempi li avevano relegati nei deserti a condurre una vita di sofferenze e di stenti. Divenuti così sempre più arroganti e baldanzosi per la debole resistenza che incontrarono, arrivarono ben presto a sentirsi talmente padroni di quelle terre da spartirsele fra loro in modo che ogni tribù ne avesse una su cui

poter pascolare il proprio gregge senza entrare in conflitto con le altre. Per comprendere la situazione in cui venne a trovarsi la Palestina in seguito alle invasioni riporto una cartina con la posizione dei vari popoli indigeni e un'altra che mostra come le dodici tribù si erano abusivamente sistemate. Osservando la sovrapposizione tra i vari popoli non c'è bisogno di spiegazioni per comprendere di quali lotte divenne teatro la Palestina nei secoli che seguirono.

Se tra tutti i popoli indigeni quello che più validamente si oppose agli Israeliti fu quello Filisteo ciò dipese dal fatto che esso, oltre ad essere il più socialmente avanzato e quindi organizzato per il grado di civiltà che si era portata dall’isola di Creta da cui proveniva, era mosso dall'orgoglio di razza che gli veniva dal fatto che quelle terre avevano preso il nome di Palestina dal loro di "Pelistin". Divisasi abusivamente la Palestina, le tribù di questi nomadi, che se la Bibbia dice essere dodici è per rispettare la simbologia che questo numero rappresentava nella cabala ebraica, seguirono una vita autonoma, ciascuna sotto il comando di un proprio Giudice, per ben due secoli finché le tribù del nord, separatesi da quelle del sud, non decisero di riunirsi sotto un unico capo che chiamarono "Re". Si presentarono a Samuele, l'allora Patriarca, dicendogli : «Dacci un re che ci governi, un re come lo hanno tutte le altre nazioni ». Samuele, dopo averli ascoltati, riferì tutto al Signore il quale, temendo la concorrenza di un re, subito si oppose a questa richiesta facendo osservare a Samuele che essa rappresentava in realtà la propria detronizzazione: « Il popolo mi ha rigettato perché vuole che io non regni più su di lui. Cosa d'altronde che c'era da aspettarsela dal momento che mi hanno abbandonato dal giorno che lasciarono l'Egitto fino ad oggi per seguire altri dèi ».(Sm. 8/7) . Lasciando da parte ogni commento circa questa risposta del Signore (che non fa che confermare che gli Ebrei mai conobbero questo Dio che gli attribuisce la Bibbia), concludiamo il capitolo dicendo che dopo ripetute ed accese discussioni, alla fine, Dio cedette alla richiesta del popolo che voleva un re, ma ponendo due condizioni: la prima che fosse lui a sceglierlo e la seconda che il re gli giurasse fedeltà riconoscendolo al contempo come suo unico Dio.

CAPITOLO III PERIODO DEI RE
In seguito alla morte di Giosuè che avvenne dieci anni dopo l'invasione della Palestina, le tribù, ritornate autonome sotto il comando di un proprio capo, dettero inizio a quel periodo lungo due secoli che la Bibbia raccoglie nel libro dei "Giudici". Di tutto ciò che la Bibbia riporta circa periodo possiamo trovare dei riscontri storici soltanto in quelle tavolette e in quei graffiti che vagamente accennano a bande di predoni formatesi in seguito alle migrazioni dalla Mesopotamia. Bande di predoni che, dopo essere rimaste per secoli nel deserto Arabico e del Negheb limitandosi ad attaccare le popolazioni che erano oltre il Giordano con incursioni periodiche, alla fine del XII secolo invasero definitivamente la Palestina approfittando della sua debolezza, essendo l'unica terra del Medio Oriente non organizzatasi come nazione, costituita com'era da tante piccole etnie che, oltre ad essere autonome e indipendenti, spesso erano in lotta fra loro. E' da questo quadro di aggressioni e di battaglie, per lo più tramandato dai racconti popolari, che la Bibbia trae gli argomenti per tessere la propria storia, trasformando i capi di queste bande di saccheggiatori in Giudici, i condottieri dei predoni in re eletti da Dio e i territori palestinesi da loro occupati nel loro regno d'Israele. Morto Giosuè, le tribù rimasero sotto il governo dei Giudici fino a quando, resosi conto che non avrebbero potuto mai ottenere una supremazia netta e definitiva sugli indigeni rimanendo disunite, i nuclei del centro nord decisero di coalizzarsi, eleggendo un unico capo in sostituzione dei giudici. Essi si recarono da un certo Samuele, che la Bibbia ci presenta come profeta e Patriarca, e gli dissero: « Al posto dei giudici, che si sono mostrati incapaci e corrotti, noi vogliamo un re, un re come lo hanno tutti gli altri popoli ». (I Sm. 8/5). Il Signore, rattristato da questa richiesta che secondo lui esprimeva la volontà del proprio popolo di sostituirlo, così rispose a Samuele, andato a riferirgliela: « Gli Israeliti mi hanno rigettato perché io non regni più su di loro. Che essi arrivassero a questo punto io avevo già capito dal giorno in cui lasciarono l'Egitto abbandonando me per seguire gli altri dei ». (I Sm.8/7). ( Non c'è bisogno di commento per comprendere che in questa frase c'è un'ulteriore dimostrazione che Yahvè non ha mai fatto parte dei culti religiosi ebraici prima del VI secolo). Il Signore, sulle prime contrario ad un re perché vedeva in lui un suo concorrente, alla fine, lasciatosi convincere dalle suppliche di Samuele, lo concesse ma a condizione che sarebbe stato lui a sceglierlo e che gli sarebbe stato sempre fedele e obbediente. Dopo qualche giorno di riflessione il Signore, lasciata la sua nuvola, ritornò da Samuele per sussurrargli in un orecchio come doveva fare per eleggere re colui che egli aveva designato: «Domani a quest'ora contatterai un uomo della terra di Beniamino e tu lo ungerai come capo del mio popolo». Costui era un certo Saul, figlio di Kis. Samuele si recò allora alla tribù di Beniamino, cercò la tenda di Kis e trovato Saul, dopo averlo baciato, gli versò sul capo un'ampolla d'olio dicendogli: « Ecco, il Signore ti ha unto Capo sopra Israele. Tu avrai potere sul popolo del Signore e tu lo libererai dalle mani dei nemici che gli stanno intorno. Questo sarà per te il segno che il Signore ti ha "unto" capo sulla sua casa ». E tanto per mettere in evidenza come la Bibbia, che ignora sempre i fatti storicamente importanti, si attardi invece su stupidi det-tagli, dirò che chiude la cerimonia informandoci che Samuele, dopo aver unto e linciato Saul, gli disse di non preoccuparsi più delle asine che suo padre aveva smarrito in quanto erano state ritrovate presso il sepolcro di Rachele, sui confini di Zelzac. (Perché invece di raccontarci questa sciocchezza non ci ha detto i nomi dei Faraoni ai

quali è collegata continuamente la sua storia?). Saul, eletto re, uscì dalla tenda e si diresse verso la città di Gabaa. Ma, prima di entrare nella città, vide venirsi incontro un gruppo di profeti che scendevano da un'altura preceduti da arpe, flauti e cetre in atto di profetizzare. Lo spirito del Signore investì Saul che si mise a fare il profeta in mezzo a loro. (Siccome profetizzare significava improvvisare rime accompagnate dalla musica, praticamente Saul si mise a cantare insieme a loro). Questa scena riportata dalla Bibbia s'ispira ai culti pagani secondo i quali gl'indovini acquisivano la preveggenza entrando in uno stato di trance attraverso la danza e gli allucinogeni. Infatti è per questo che tutte le profezie bibliche sono Imito di sogni e di visioni. Dato che da questo momento in poi tutti i re d'Israele saranno uomini eletti da Dio attraverso l'unzione, è doveroso soffermarsi per dire che le parole "unto" (che in ebraico si esprime con la parola "meshiha", cioè messia, e in greco si traduce con la parola "Kristos", cioè cristo), messia e cristo, rimandando a un medesimo campo semantico sono tre appellativi che hanno lo stesso significato. Saul, eletto re attraverso il rito dell'unzione, quale "unto", sarà per gli Ebrei un meshiha, per i Greci un kristos e per noi un messia o un cristo secondo da quale delle due lingue mutiamo la parola. Fatta questa precisazione, riprendiamo con Saul che forte di un esercito numeroso e organizzato espugnò la città di Ebron in terra di Canaan eleggendola come capitale di quel territorio occupato dalle dieci tribù del centro nord che la Bibbia dichiara essere stato il primo regno d'Israele. In un continuo rincorrersi di successi e di vittorie su quelli che la Bibbia chiama "nemici del popolo di Dio" (che in realtà non sono altro che le popolazioni Indigene che difendevano la loro terra dall'invasione di questi predoni), Saul detenne il comando per una decina d'anni, cioè fino a quando non fu lo stesso Dio a destituirlo perché egli non aveva eseguito i suoi ordini. Come già era avvenuto in precedenza, Dio aveva ordinato a Saul un'ennesima strage dei nemici. Questa volta l'ordine era di distruggere un certo Agag, re di Amalech. Samuele, che era l'ambasciatore di Dio, si presentò a Saul e gli disse: « Il Signore degli eserciti, considerato quello che Agag, re della città di Amalech, fece agli Israeliti dopo l'uscita dall'Egitto, mi ha incaricato di ordinarti di punirlo. Va dunque, colpisci Amalech, e vota allo sterminio quanto gli appartiene, non lasciarti prendere da compassione per lui, ma uccidi uomini e donne, bambini e lattanti, buoi e pecore, cammelli e asini ». Saul, messosi a capo dell'esercito, obbediente come lo era stato sempre, parti subito alla volta della città di Amalech. Ma, per quanto avesse cercato di mostrarsi impietoso come Dio gli aveva ordinato, uccidendo uomini, donne, bambini e lattanti, e tutto il bestiame, commise la grave disubbidienza di risparmiare la vita al re Agag limitandosi a farlo prigioniero. Una mancanza che portò Dio a punirlo destituendolo dalla carica di re. Disceso dalla nuvola, il Signore andò da Samuele e gli disse: "« Mi pento dì aver costituito Saul re, perché si è allontanato da me e non ha messo in pratica la mia parola». Samuele, che si era affezionato a Saul, rimase turbato e alzò grida tutta la notte ". Samuele, dopo aver alzato strepiti fino al mattino, il giorno dopo si recò da Saul e, dopo avergli comunicato che il Signore aveva deciso di destituirlo a causa della grave disobbedienza che aveva commesso, si fece lui stesso esecutore dell'ordine di Dio. Ordinò che gli fosse condotto Agag e, come gli fu davanti, lo trafisse con la spada. A parte la ripugnanza che suscita in me questo Dio per via della sua insensata crudeltà, quello che maggiormente provo per lui è la pena che origina da me per quell’angoscia in cui egli perennemente vive a causa dei continui ripensamenti e pentimenti che lo portano a ricominciare sempre da capo, inanellando errori su errori. Questo Dio che elegge Saul re e poi lo rinnega sostituendolo con un altro, che crea Adamo ed Eva per renderli felici e poi li condanna al dolore e alla morte con conseguente

messa in disuso di quel giardino dell'Eden che aveva programmato eterno, che affoga l'umanità perché essa non corrisponde alle sue intenzioni, che decide di sterminare il suo stesso popolo subito dopo averlo liberato dall'Egitto perché gli si dimostra "duro di cervice", sarebbe egli quella "mente superiore" che avrebbe creato l'universo, "quell'orologiaio", come dice Voltaire, che ha dato ordine a tutte le cose? E le incoerenze che dimostrano che questo Dio tutto è all'infuori che onnipotente ed onnisciente sono così frequenti da trovarsene una in ogni pagina della Bibbia. Ma è noto, la Bibbia non è stata scritta per edificare un Dio virtuoso, magnanimo e nobile, piuttosto un prototipo vendicativo, impietoso e assetato di sangue come doveva essere quel conduttore di eserciti, quell'Unto, quel Messia, quel Cristo in cui gli Ebrei immedesimarono tutta la collera, l'odio, la gelosia e l'ottusità di un popolo primitivo, ignorante, represso e frustrato. "Dimmi chi sei e ti dirò chi è il tuo Dio", e nessun trattato ateo potrà mai dimostrare quanto la Bibbia che non fu Dio ad aver creato l'uomo a sua immagine e somiglianza, bensì l'uomo a costruirsi un dio secondo la propria. Come i cavalli che, se dovessero costruirsi un Dio gli darebbero le forme di un cavallo, e i maiali di un porco, così gli uomini bianchi si sono costruiti un dio bianco. "Gott ist Weiss" (Dio è bianco) che, escludendo che possa essere nero, arrivano al punto di chiedersi se i negri abbiano l'anima. Riprendendo il racconto biblico dal punto in cui lo avevamo interrotto, saltando per intero il sedicesimo capitolo del libro di Samuele ( una congerie di insulsaggini che potrebbero essere utilizzate soltanto per ridicolizzare la Bibbia), nel diciassettesimo troviamo Samuele che, dopo la destituzione di Saul, si mette in cammino per andare a cospargere d'olio il nuovo prescelto da Dio a divenire re d'Israele. Questi viveva a Betlemme, si chiamava Davide, era figlio di un certo lessi della tribù di Giuda, aveva sei fratelli e faceva il pastore. Quando arrivò, dato che Davide non era ancora rientrato dal pascolo, Samuele si mise ad aspettarlo sotto la sua tenda e, accanto a lui, sedette il Signore. Appena Davide si presentò, il Signore disse a Samuele: «Alzati e ungilo, è lui», e la Bibbia così ce lo descrive: " Era fulvo, con begli occhi e di gentile aspetto". Samuele, preso il vaso, consacrò Davide in mezzo ai suoi fratelli, versandogli l'olio sul capo. Da quel momento lo spirito del Signore si posò su Davide. Compiuto il rito, Samuele si alzò e tornò a Rama. Da questo momento comincia la rivalità tra le tribù del sud, rappresentate da Giuda e Simeone, e le tribù del nord, ovvero quella lotta tra la Giudea e il regno d'Israele che in realtà non è che una guerra a base egemonica combattuta tra due bande di predoni che si contendevano il dominio sulla Palestina. Ma lo spirito del Signore che si era posato su Davide, come non aveva prodotto nessun effetto su Saul (che fu rinnegato dallo stesso Dio), altrettanto non produsse nulla di buono su di lui che, stando a quanto dice la Bibbia, oltre ad essere un disobbediente recidivo, mantenne un comportamento da autentico criminale. Traditore, fedifrago, omicida, ladro, adultero, crudele: tali sono le prerogative che fanno di Davide il delinquente per antonomasia. Per comprendere chi fosse, basta dire che fece uccidere un uomo soltanto per portarsi a letto la sua donna, quella Betsabea che divenne una delle sue numerose concubine. Per darvi un'idea di quanto fosse vizioso basti dire che sollevò la veste di Saul mentre defecava per il semplice gusto di guardargli i glutei; comportamento che può trovare una giustificazione nell'omosessualità che alcuni storici gli attribuiscono riferendosi alla morbosa amicizia che nutriva per il giovane Gionata, figlio di Saul. Secondo la Bibbia i fatti andarono come segue: per via della discordia che c'era tra i due, capitò una volta che Davide scappasse davanti a Saul che lo inseguiva per ucciderlo. Ad un certo punto dell'inseguimento Davide, per salvarsi, si nascose con i suoi compagni in una caverna. Ebbene, guarda il caso, fu proprio lì che Saul entrò per un bisogno fisiologico. Davide che si era nascosto nel buio della grotta, rimase a guardare Saul che,

accucciato defecava, finché non si mosse e, quatto quatto, gli si avvicinò da dietro. Come gli fu accanto sfoderò la spada e con la punta di questa gli alzò il mantello che gli copriva il fondo schiena. Perché potessero godere dello spettacolo anche i suoi compagni, che erano restati in fondo alla grotta, gli tagliò una parte del mantello con la lama e tutto con una tale abilità che Saul, non accortosi di nulla, si alzò, tirò su le brache e ripartì. "Saul, non accortosi di nulla, uscì dalla grotta e ritornò sulla via, Tutto ciò avvenne nella caverna di Engaddi". (IISm.1/24). Interessante è poi sapere come riuscì Davide ad acquisire il merito che gli consentì di divenire genero di Saul. Secondo la "favola" biblica Saul fu preso da tanta simpatia per Davide che gli propose la figlia come moglie. Ma poiché Davide era povero, fece sapere a Saul che ciò non sarebbe stato mai possibile perché lui non aveva nulla da offrire in dote per sposare la figlia di un re. "Saul, avuta questa risposta, riunì i ministri e disse loro: « Riferite a Davide: il re non pretende il prezzo nuziale, ma solo cento prepuzi di filistei, perché sia fatta vendetta dei nemici del re ». I ministri riferirono a Davide queste parole e a Davide piacque questa condizione per diventare genero del re. Davide partì con i suoi uomini e uccise duecento filistei. Davide riportò i loro prepuzi e li contò davanti al re per diventare genero del re. Saul gli dette in moglie la figlia Mikal ". (II Sm. 18/17). Provo ad immaginare il re Saul mentre porge, davanti a tutta la corte, i duecento prepuzi di filistei alla figlia Mikal su un piatto d'argento dicendole: «Questo è il dono matrimoniale di Davide, sono duecento prepuzi di Filistei » e Mikal che, dopo averli contati uno per uno, dà ordine alle schiave di fargliene una collana con cui ornarsi il giorno delle nozze. Secondo la Bibbia, Davide regnò su Israele per quarant'anni. Vecchio e indebolito, i suoi cortigiani, sapendo quanto fosse vizioso, nella certezza che la cosa migliore per corroborarlo fosse quella di ricorrere al sesso, gli misero a letto una ragazza vergine. Ma per quanto si adoperassero, fallirono nell'intento a causa della mancata erezione. " // re Davide era vecchio e avanzato negli anni e, sebbene lo coprissero, non riusciva a scaldarsi. I suoi ministri dissero: «Si cerchi per il nostro re una vergine giovinetta che assista il re e lo curi e dorma con lui; così il re nostro signore si scalderà ». Si cercò in tutto il territorio d'Israele una giovane bella e si trovò Abisac da Sunem e la condussero al re. La giovane era molto bella, ma il re non si unì a lei". ( I Re. 1/4). (Considerando la debolezza del vecchio, non avrebbe fatto più al caso un'esperta baldracca che non una verginella?). La sostituzione di Saul con Davide, che la Bibbia fa dipendere da Dio, in realtà fu determinata dalla vittoria che riportarono le tribù di Giuda su quelle d'Israele che storicamente erano le due coalizioni di predoni che si contendevano il dominio di quelle terre. Fu così che, riunendo tutte le tribù della Palestina sotto un unico comando, Davide divenne il fondatore di quel grande regno d'Israele, base su cui la Bibbia edificherà quel Partito Nazionalista Giudaico che lotterà nei secoli successivi per ricostituirlo. "La durata del regno di Davide su Israele fu di quarant'anni; sette in Ebron e trentatré in Gerusalemme". ( I Re.2/10) Ma per quanto il Signore avesse promesso a Davide che il suo regno sarebbe stato saldo nel tempo, fino alla consumazione dei secoli, esso cominciò a dare subito segni di cedimento. Le tribù del nord, rimaste fedeli a Saul, continuarono ad opporsi a Davide ritenendolo un usurpatore. Fu a causa di questa ostilità che sentiva crescere intorno a sé che Davide decise di lasciare Ebron, dopo sette anni, per trasferirsi nel territorio di Giuda, presso la sua tribù. Ma non avendo un luogo fisso da eleggere come residenza, essendo tutti gli Ebrei accampati in tende e praticanti il nomadismo, s'impossessò di Gerusalemme, togliendola ai Gebusei. "Davide e i suoi uomini mossero verso Gerusalemme contro i Gebusei che abitavano in quel paese. Davide sconfisse i Gebusei che fuggirono attraverso

il canale. Davide entrò nella rocca, la abitò e la chiamò città di Davide ". ( II Sm. 5/6). Per comprendere come il regno d'Israele sia una pura invenzione, sarebbe di per sé sufficiente il passo sopra riportato che, preso dalla Bibbia, ci mostra un re che, per dare una fissa residenza al governo del suo regno, deve conquistarne la sede espugnandola con le armi. Una sede, per giunta, che, lontana dall'essere quella grande città che la Bibbia vuol darci ad intendere, in realtà è, da quanto risulta dalla storia, una misera rocca sita in prossimità di una grande fonte. Se Davide, con i suoi predoni, scelse Gerusalemme come rifugio, non fu soltanto per quei vantaggi che gli venivano dalla riserva d'acqua che si trovava nelle sue adiacenze ma, soprattutto, per le numerose caverne e cunicoli sotterranei che permettevano ai suoi briganti di entrare ed uscire dal covo senza essere controllati durante le scorrerie e di fuggire quando erano attaccati da eserciti più potenti di loro (come risulta da alcuni passi della Bibbia nei quali viene affermato che Davide, messo alle strette, fuggì attraverso questi cunicoli che terminavano in aperta campagna). Fu in questa rocca, fatta di misere casupole di paglia e di grotte (che da antiche tavolette egiziane risulta avere il nome di Urusalaim), che la Bibbia chiama Città di Davide ed elegge a sede del regno d'Israele, che Davide s'installò con il suo esercito di banditi. Un regno che, nella realtà dei fatti, finiva là dove cominciava, circondato come era da popolazioni che avevano come unico scopo quello di abbatterlo per espellere quel popolo di nomadi che, da secoli, infestava le loro terre facendo uso di razzie e di terrore. Infatti, la maggior parte delle battaglie sostenute da Davide è contro i popoli che costituivano la Palestina, cioè gli Ammoniti, i Gebusei, i Cananei, i Filistei ecc. che, secondo la nozione che normalmente si ha di un regno, avrebbero dovuto essere suoi sudditi. Che questo "Regno" non rappresentasse nulla per alcuno, compresi gli stessi Ebrei, ci viene confermato dal fatto che non fu mai riconosciuto dalle tribù del nord, che continuarono a contestarlo sostenendo la propria superiorità sulle tribù della Giudea. Come ogni re che si rispetti anche Davide impose tasse ai suoi sudditi, ma con un sistema ben differente da quello che normalmente viene praticato dai monarchi legalmente riconosciuti. Usando come esattori i suoi briganti, è la stessa Bibbia a dirci come Davide realizzasse la riscossione dei tributi: " Davide e i suoi partivano a fare razzie contro i Gherusiti e gli Amaleciti: questi appunto sono gli abitanti di quel territorio del regno d'Israele che si estende da Telam verso sud fino al paese d'Egitto. Davide batteva quel territorio e non lasciava in vita né uomo né donna; prendeva greggi e armenti, asini cammelli e vesti; poi tornava indietro da Achis re di Gag. Quando Achis gli chiedeva: « Dove avete fatto scorrerie oggi? » Davide rispondeva: « Contro il Negheb di Giuda, contro il Negheb degli Ieramliti, contro il Negheb dei Reniti ». Davide non lasciava sopravvivere né uomini né donne da portare come prigionieri a Gag per non avere nessuno come testimone delle sue stragi". (Sm.27/8). (Akis, re di Gag, era uno dei tanti ricettatori a cui i predoni vendevano le refurtive). Il fatto che Davide fosse il capo di una banda di predoni ci viene confermato da tanti altri passi della Bibbia, quali i seguenti: " Ed ecco, gli uomini di Davide tornavano da una scorrerìa e portavano con sé grande bottino" ( II Sm. 3/22). " Davide consacrò al Signore l'argento e l'oro che aveva tolto alle nazioni che aveva soggiogato, agli Aramei, ai Moabiti, agli Ammoniti, ai Filistei, agli Amaleciti, come aveva fatto del bottino di Adad-Ezer, figlio di Recob, re di Zoba ". (II Sm. 8/11 ). Se viene da chiedersi perché la Bibbia citi fatti che ledono la figura di Davide, per avere una risposta va tenuto presente che la moralità di Davide era l'ultima cosa ad interessare i redattori i quali, come unico scopo, avevano quello di costruire la figura di un condottiero crudele, sanguinario e senza scrupoli che doveva servire da esempio ai rivoluzionali del movimento nazionalista, i quali avevano basato la riconquista della Palestina su un programma di azioni violente. La Bibbia, lontana dall'essere un libro

d'incitamento alla morale, è un testo d'istigazione alla rivoluzione più spietata e sanguinaria, un vero compendio di tecniche sovversive e terroristi che il Partito Nazionalista Giudaico attuerà prima nella rivolta dei Maccabei contro Antioco IV Epifane, re degli Ellenisti, e poi contro Roma in quelle che saranno le rivoluzioni messianiche. Abramo, Mosè, Giosuè, Saul, Salomone e sopra tutti Davide, che sarà elevato a simbolo del movimento rivoluzionario, non sono che figure costruite per realizzare un programma monoteista a base religioso-guerriera. La figura di Davide, di questo "unto" da Dio, Messia o Cristo che dir si voglia, di questo invincibile conduttore di eserciti, di questo sterminatore di nemici a cui Dio ha promesso un regno senza fine, nello spazio e nel tempo, sarà trasposta in quella di un messia sul cui avvento gli Ebrei riporranno la realizzazione di quel regno universale di cui essi si ritengono i legittimi eredi in quanto figli prediletti di Dio, creatore e padrone del mondo. Questo concetto yahvista, che potrebbe farci sorridere, apparendoci a dire poco farneticante, in realtà è quello che si trova alla base delle tre religioni monoteiste che sono il Cristianesimo, l'Islamismo e l'Ebraismo. Basta riflettere un attimo su ciò che intendono i cristiani per "Universalità della Chiesa" per comprendere come essi siano gli eredi diretti di quell'ideologia rivoluzionaria che aveva portato i Giudei a concepire un regno dal dominio universale. D'altronde è la parola stessa "monoteismo" che, significando "un solo Dio", esprime la volontà di soppressione di tutti gli altri dei, intendendo per "dei" tutte le ideologie che gli si oppongono. Ma ciò che maggiormente stupisce delle tre religioni è il fatto che, per contendersi il dominio del mondo esse si combattono fra loro sostenendo ciascuna che il proprio Dio è quello vero, quando in realtà il Dio dei cristiani, Allah e Yahvé sono tre forme del medesimo Dio. Per comprendere quanto i redattori della prima stesura della Bibbia vollero esaltare Davide, affinché divenisse l'emblema della riscossa giudaica, basti dire che non esitarono a paragonarlo allo stesso Saul asserendo che era superiore a lui di dieci volte. In una cantilena popolare riportata dalla Bibbia a proposito di una guerra nella quale avevano partecipato Saul e Davide, si fa recitare al popolo : « Saul ne uccise mille, Davide diecimila ». Già l'abbattimento del gigante Golia, eroe dei filistei, che dà inizio all'epopea di Davide, ci predispone ad immaginare ciò che sarà detto di lui in seguito, allorché diventerà re. Gli stesori gli attribuiscono stragi di Filistei, e così totali e definitive ogni volta, che non si riesce a capire come potessero riformarsi per essere di nuovo distrutti. Lo stesso avviene per le battaglie contro i Moabiti, gli Aramei, gli Ammoniti e tutti gli altri popoli palestinesi sui quali riesce ogni volta vittorioso. Solo a nominare i re che uccise e le città che rase al suolo c'è da riempire una pagina. Tra le battaglie di particolare significato c'è quella che Davide combattè contro i "predoni amaleciti", poiché essi avevano osato razziare nel deserto del Negheb (che faceva parte del territorio riservato alle sue razzie) perché, attraverso di essa si ha un'ulteriore prova di come egli fosse un capo predone. Per dimostrare fino a che punto fu usata la fantasia per rendere Davide l'eroe degli eroi, basterebbe ricordare quel censimento fatto da lui stesso, dal quale risulta che disponeva di un esercito così poderoso quale nessun'altra nazione, anche la più potente, avrebbe potuto vantare: "Ioab consegnò al re Davide la cifra del censimento del popolo ebreo: c'erano in Israele ottocentomila guerrieri che maneggiavano la spada: in Giudea cinquecentomila". (II Sm. 24/9). Se si pensa che in Palestina ci poteva essere un totale di cinquecentomila Ebrei non si può che ridere dell'impudenza usata dai redattori della Bibbia, i quali mettono a disposizione del loro condottiero un esercito di unmilionetrecentomila guerrieri, cioè un esercito quattro volte superiore a quello di cui poteva disporre l'Egitto. E, come

conseguenza, un esercito così poderoso non poteva avere che degli ufficiali super eroi: " Questi sono i nomi dei prodi di Davide: Is-Bal che impugnò la lancia contro ottocento uomini e li trafisse in un solo scontro. Eleazzaro che percosse i filistei finché la sua mano, sfinita, non rimase attaccata alla spada. Samma che attaccò e sconfisse da solo tutti i Filistei che si erano radunati in un campo di lenticchie". ( II Sm.23/8). E in alto, al di sopra di tutte queste carneficine, la voce tonante del Signore che ripeteva all'invincibile Davide: "La tua casa e il tuo regno saranno saldi per sempre davanti a me e il tuo trono sarà reso stabile per sempre". Ma da quanto riportano i fatti sembra che Davide fosse più propenso a seguire altri dei che non questo Dio d'Abramo perché un giorno, "entrato nella città dì Rabba dopo averla espugnata, accettò che il popolo gli cingesse la testa con la corona del dio Micolm che pesava un talento d'oro e conteneva una pietra preziosa. Terminata l'incoronazione Davide depredò la città di Rabba dì un grande bottino che riportò a Gerusalemme dove ritornò con tutta la sua truppa". (II Sm. 12/29 ). Contrariamente a quanto la Bibbia ci voglia far credere, Gerusalemme non era che un misero raggruppamento di abitazioni rappresentate per lo più da grotte che se viene ricordato attraverso antiche tavolette egiziane è soltanto per via di una grande sorgente che riforniva di acqua le popolazioni adiacenti. Tutto il resto che si attribuisce a Gerusalemme, come le mura di Davide, l'innalzamento del Tempio per metterci dentro l'Arca che conteneva i dieci comandamenti, l'altare che fu eretto sul colle di Sion in ricordo dell'apparizione dell'angelo di Yahvè in occasione di una ennesima pestilenza inviata dal Signore, le ricchezze accumulate in essa che tentarono per la loro immensità anche gli Egiziani, la costruzione della reggia di Salomone,ecc.ecc, non sono che favole inventate dai redattori della Bibbia, che avevano tutto l'interesse a farla apparire il più sontuosa e potente possibile, avendola eletta come capitale del regno d'Israele, quel regno che rappresentava nei loro programmi il fulcro della propaganda nazionalista. Che Davide, Salomone e tutti gli altri re che ad essi si succedettero, ammesso che si chiamassero così i capipredoni ebraici di quell'epoca, abbiano fatto qualcosa per fortificarla contro gli attacchi dei popoli indigeni che la consideravano il quartiere generale di quei briganti che li depredavano è fuori discussione, ma che essa fosse quella grande e splendida città che la Bibbia ci vuol dare ad intendere è da escludersi nella maniera più decisa. Se avvenne che gli Egiziani, gli Assiri e altri popoli se la contesero anche con l'uso delle armi, lo fecero esclusivamente per impossessarsi di quell'enorme riserva di acqua che vi si trovava e non per i tesori ammassati nel tempio. Ricostruita alla meno peggio dai Giudei dopo il rientro dall'esilio di Babilonia per iniziativa di un certo Zorobabele, Gerusalemme in seguito rimase quella piccola rocca che era durante le invasioni che si susseguirono in Giudea e in Palestina, a partire da quella dei Persiani operata da Ciro il Grande, per proseguire poi con quelle di Alessandro Magno e degli Ellenisti che precedettero l'ultima dei romani. Questo agglomerato di misere abitazioni e grotte assunse una certa importanza soltanto all'epoca dell'occupazione romana con il re Erode che, munendolo d'importanti costruzioni, tra cui il Tempio, lo elesse quale residenza della sua corte (73-4 Av.n.e.). A questo sviluppo di Gerusalemme contribuì in maniera determinante anche Roma che, nominandola come sede giuridica, oltre a contribuire finanziariamente al programma di Erode, vi costruì tra le tante altre cose un imponente anfiteatro e la fortezza della Torre Antonia, che divenne residenza del presidio romano. Ma il ruolo da primate a cui ascese Gerusalemme per volontà di Roma, anche se si protrasse nel tempo, ricevette una battuta d'arresto quando, per motivi politico-sociali, la sede dei procuratori fu trasferita a Cesarea Marittima.

In seguito a una rivolta giudaica fu attaccata e rasa al suolo dalle legioni di Tito, figlio dell'imperatore Vespasiano nell'anno 70 dopo n.e. In parte riedificata da quei pochi Giudei che si erano salvati dalle esecuzioni operate dai romani e dalle persecuzioni che avevano seguito la rivolta, fu di nuovo distrutta nell'anno 135, in seguito all'ultima rivoluzione messianica condotta dal Messia Bar Kocheba. Roma, stanca delle rivoluzioni che il Partito Nazionalista Giudaico promuoveva per la conquista della Palestina, quasi volesse cancellarla dalla storia, dopo averla messa a ferro e fuoco, le cambiò il nome in Aelia Capitolina. Soltanto dopo la vittoria del cristianesimo sulle religioni pagane e sull'ebraismo, in seguito al concilio di Nicea avvenuto nel 325, Gerusalemme riprese via via importanza, divenendo meta di pellegrinaggi da Roma per l'importanza che gli veniva dal fatto di essere considerata la città della passione di Cristo. Se ho fatto questo breve riassunto della storia di Gerusalemme è stato per dire, che della Gerusalemme antica, quella trattata dalla Bibbia come città dalle poderose mura, dal grande Tempio e dalla mastodontica dimora di Salomone, non esiste traccia. Nulla di nulla, neppure l'ombra di un rudere che possa testimoniare l'esistenza della grande capitale del regno d'Israele. Le sole vestigia del tempo biblico che ci sono pervenute sono quelle che appartengono ad Erode. Quelle che i sostenitori della Bibbia affermano appartenere al regno di Davide sono in realtà le mura che furono edificate dall'Impero di Bisanzio negli anni 1064-1070 per difendersi dai musulmani ( Selgiuchidi e Fatimiti). Davide salì al trono a trentatré anni e morì a settantatré. "Dei quarant'anni di regno sette li passò ad Ebron e i rimanenti trentatré a Gerusalemme". In realtà, nonostante le prodezze e le conquiste che la Bibbia attribuisce a Davide, nulla cambiò in Palestina con il suo avvento. Alla sua morte tutto era rimasto invariato come era. Come le tribù ebraiche seguitarono a vivere nei loro accampamenti nomadi, in lotta continua tra loro e perennemente attaccati dai popoli indigeni che li consideravano degli invasori, così erano rimasti identici pure quei predoni organizzati che, contendendosi i territori, facevano della Palestina un teatro di disordini e di battaglie, come viene riportato dalle cronache più remote. Davide, stando alla Bibbia, unico libro che parla di lui, morì nel 970. La prima stesura della Bibbia terminava con una disobbedienza di Davide verso Dio che gli aveva proibito di fare un censimento che lui, incurante del divieto, aveva fatto ugualmente. Dio gli propose allora di scegliere fra tre punizioni. Sceso dalla nuvola gli disse: « Vuoi tre anni di carestia nel tuo paese o tre mesi di fuga davanti al nemico che t'insegua oppure tre giorni di peste nel tuo paese!» e Davide, consigliatosi con un certo Gad che gli era amico, scelse la peste. L'epidemia fu tremenda, decimò ancora una volta il popolo ebraico. "Da Dan a Bersabea morirono settantamila persone del popolo. Ma il signore si pentì di quel male che aveva fatto e disse all'angelo che distruggeva il popolo: «Basta, ritira ora la tua mano!» ".(II Sm.24-13). (Ancora un altro pentimento da parte del Dio onnisciente!) Terminata la peste, Davide innalzò un altare al Signore. Vedendo prossima la morte, comprò un terreno per la propria sepoltura che pagò cinquanta cicli d'argento. Davide si addormentò con i suoi padri e fu sepolto nella città di Davide, cioè a Gerusalemme dove, incredibile ma vero, c'è qualcuno che ancora la cerca. Se, riferendomi alla vita di Davide, ho parlato della prima stesura della Bibbia è perché, in seguito, ne verrà aggiunta un'altra, che mostrerà un Davide del tutto differente. Sarà un Davide sofferente, umiliato e penitente, un Davide spirituale e asceta. Il perché fu fatto questo lo vedremo seguendo l'evoluzione religiosa giudaica. Poco prima che morisse, Davide chiamò il sacerdote Zadok e il profeta Natan e ordinò loro di ungere come successore al trono d'Israele suo figlio Salomone. Ma il regno ricevuto dal padre si mostrò subito così precario che Salomone, per garantirsi una tranquillità di comando, dovette sin da subito agire con la massima decisione. Per prima

cosa fece uccidere il fratello Adonia che in qualità di figlio maggiore, reclamava il diritto di successione. Se di Davide la Bibbia ne fece il simbolo della guerra, della violenza e del terrorismo, di Salomone ne fece il simbolo del trionfo che segue una grande vittoria, quella vittoria che vedeva gli Ebrei trionfare definitivamente sui nemici. Con Salomone comincia un periodo di abbondanza e di agiatezza per tutta la Palestina (così dice la Bibbia). Le tribù si rappacificarono e, nel benessere raggiunto, prolificarono tanto da rendere il popolo ebraico numeroso come la sabbia del mare: "Giuda e Israele erano diventati numerosi come la sabbia del mare e mangiavano e bevevano allegramente " ( I RE.4). (Non so come non si possa trovare vergogna a dire certe stupidaggini!). Se questa era la vita del popolo, possiamo immaginarci quale fosse lo splendore della reggia di Salomone e la magnificenza della sua corte gremita di personalità rivestite dei più alti incarichi politici, militari e religiosi con indosso livree e mantelli dorati. Salomone distribuì sulle dodici tribù l'onere di sostenere tanta grandezza, imponendo ad ognuna il mantenimento di un mese: Salomone aveva dodici prefetti su tutto Israele; costoro provvedevano al re e alla sua famiglia. Ognuno aveva l'incarico di procurare il necessario per un mese all'anno". Il regno di Salomone viene elevato dalla Bibbia ad una grandezza e magnificenza faraonica sia per ciò che riguarda il lusso della corte, sia per ciò che riguarda la realizzazione di interi quartieri a Gerusalemme e di grandiose città su tutto il territorio della Palestina. Tutte opere che rimangono però nel mondo dei sogni e dell'invenzione dal momento che gli Ebrei continueranno a vivere, da quanto risulta dalla Bibbia stessa, in tendopoli fatte di pelli di capra. Se con Davide i redattori della Bibbia vollero costruire un monarca la cui figura di conduttore di eserciti rivalizzasse con quella di Ciro il Grande, fondatore dell'impero persiano, con Salomone vollero raggiungere la magnificenza e la grandiosità dei faraoni, costruttori di opere immense. La descrizione che fa la Bibbia riguardo alla costruzione del Tempio voluta da Salomone, identica a come ci viene riportata da documenti egiziani la costruzione delle piramidi, risulta così assurda da riportarci a quella favola di Fedro che tratta della montagna che partorì un topo: " // re Salomone reclutò il lavoro forzato da tutto Israele (avevano già smesso di mangiare e bere allegramente) e il lavoro forzato era di trentamila uomini. Salomone aveva settantamila operai addetti al trasporto del materiale e ottantamila scalpellini a tagliar pietra sui monti, senza contare gl'incaricati dei prefetti che erano tremilatrecento preposti da Salomone al comando delle persone addette al lavoro. Il re dette ordine di estrarre grandi massi, tra i migliori perché venissero squadrati per le fondamenta del Tempio. ( Re 4/14) E il vaneggiamento biblico continua: "// legname per costruire il Tempio veniva dal Libano fornito da Chiram re di Tiro al quale Salomone inviò diecimila uomini affinché aiutassero gli operai di Chiram a tagliare cedri. I cedri venivano calati dal Libano al mare. Venivano messi in zattere che lo trasportavano in Palestina. (Re 4/24). "Le fondamenta erano di pietre pregiate, pietre grandi di dieci otto cubiti". ( Un cubito corrisponde a circa mezzo metro). Per comprendere il ridicolo di queste affermazioni basta considerare le dimensioni del Tempio che la Bibbia ci riferisce: "Le misure del Tempio costruito da Salomone erano le seguenti: 30 metri di lunghezza, 10 di altezza, 15 di larghezza". (Un piccolo capannone da zona artigianale!). Il tempio fu terminato in sette anni, sette anni che dovettero risultare lunghissimi a quel Dio che, da quando il Tempio era stato iniziato, era rimasto in un'attesa così spasmodica del fine lavori che, appena fu portato a termine, vi si precipitò dentro con tanta veemenza da non dare ai sacerdoti neppure il tempo per farne l'inaugurazione: "Appena

gli operai furono usciti dal santuario, Dio vi si precipitò dentro con la nube e i sacerdoti non poterono rimanervi per compiere il servizio a causa della nube stessa" (re. 8/10). E la stravaganza della Bibbia, non certo inferiore a quella dimostrata nel descrivere i lavori del Tempio, va avanti col riferirci i fatti riguardanti la reggia di Salomone, la cui costruzione farebbe impallidire il Palladio per la magnificenza dei colonnati eretti nelle varie corti e nei numerosi vestiboli. Una descrizione così dettagliata da evidenziare che il tutto non è che una riproduzione degli edifici regali del regno di Babilonia. Colonne di bronzo che poggiano su basamenti anch'essi di bronzo dalle misure iperboliche e buoi di bronzo che a dozzine sorreggono ornamenti a forma di cucurbite e tante di quelle altre scemenze che, per farsene un'idea, non c'è che da leggere il capitolo sette del primo libro dei Re che si attarda in maniera tanto puntigliosa sui dettagli da trasformare il tutto in una narrazione grottesca. E la corte? La magnificenza della corte di Salomone? Oh, quella poi... Per averne un'idea basta citare il seguente passo: " / viveri di Salomone ogni giorno erano di 30 Kor di fior di farina e 60 kor di farina comune (essendo un Kor uguale a 45 kg. il totale è di 40,5 Ql.), dieci buoi grassi, venti da pascolo e cento pecore, senza contare i cervi, le gazzelle, le antilopi e i volatili da stia. Salomone possedeva quattromila greppie per i cavalli dei suoi carri e dodicimila cavalli da sella. (I RE. 5/6). Non parliamo poi delle relazioni diplomatiche che sviluppò con i re e i capi dei popoli vicini ai quali, per tenerseli amici, regalava intere città come a Chiram, re di Tiro, che ricompensò, per il legname che gli aveva inviato, nientemeno che con venti villaggi. Fece parte delle sue relazioni diplomatiche anche quella regina di Saba che andò a rendergli omaggio avendo sentito parlare della sua grande saggezza. Ella gli portò "ricchezze molto grandi, con cammelli carichi di aromi e grande quantità di oro e di pietre preziose, e quando la regina di Saba ebbe ammirato il palazzo che Salomone aveva costruito, i cibi sulla tavola, gli alloggi dei suoi dignitari, l'attività dei suoi ministri, le loro divise, i suoi coppieri e gli olocausti che offriva al tempio del Signore, rimase senza fiato" (I Re. 10). La Bibbia, dopo averci narrato che Salomone si dedicò alle sue donne con amore e dedizione aggiunge che ebbe trecento concubine e settecento principesse come mogli una delle quali fu nientemeno che la figlia del Faraone. E guarda caso, ancora una volta, la Bibbia che si dimostra sempre prodiga di dettagli insignificanti, anche questa volta, come nel caso di Mosè e dell'Esodo e in quello di Giuseppe, che interpreta i sogni del Re d'Egitto, ma dimentica di dirci il nome del Faraone in questione. Ma per quanto la Bibbia parli di prefetti, di ministri, di generali e di influenti relazioni diplomatiche, il regno di Salomone rimase comunque sempre abusivo e illegale l'occupazione di Gerusalemme, quella Gerusalemme continuamente reclamata dai legittimi proprietari che erano i Gebusei a cui Davide l'aveva tolta occupandola con i suoi predoni. Gli attacchi dei popoli palestinesi che, dopo la morte di Davide, avevano ripreso vigore, le aggressioni delle nazioni limitrofe che si contendevano la Giudea, la riscossa di quei popoli che erano stati depredati dal padre Davide, quali gli Idumei e un certo Ranzon, figlio di Eliada, che erano stati costretti a rifugiarsi all'estero, i primi in Egitto e il secondo a Damasco, crearono dei grossi problemi a Salomone, già contestato dalle tribù del nord che, riunitesi sotto un certo Geroboamo, volevano ricostituire il regno di Saul. E come se non fossero bastati i nemici che gli venivano dal mondo esterno, gli si rivoltò contro anche il figlio Roboamo, che si mise a capo di una parte dei Giudei che accusavano Salomone di dispotismo e crudeltà. Circondato da questa pletora di oppositori , quel re che la Bibbia dichiara essere stato il più saggio tra gli uomini di quel tempo, riuscì a salvare la testa abdicando in favore

dello stesso figlio Roboamo sollevatosi contro di lui. Che il personaggio di Salomone sia una pura invenzione appare evidente dal contrasto tra la figura artificiosa del re saggio, grande costruttore di monumenti, che viveva nello splendore di una reggia fastosa, che aveva portato il popolo ebraico alla prosperità più opulenta come l'avevano costruita i redattori della Bibbia e quella reale del tiranno predone, che schiavizzava il suo stesso popolo imponendogli un pesante giogo, come lo riportava la tradizione popolare. E come tra le due figure politiche la vera è quella riportata dalla tradizione, non possiamo che concludere, per ciò che riguarda quella religiosa, che altrettanto falso è ciò che la Bibbia dice di lui, del suo Dio e di quel Tempio che non fu mai costruito. Salomone non conobbe mai il Dio della Bibbia. Le sue divinità rimasero sempre e comunque Astarte, Moloch e Milcom, come la stessa Bibbia è stata costretta a riconoscere per non contrastare completamente con ciò che era stato tramandato di lui attraverso i racconti, racconti che fu costretta a tenere in dovuto conto perché, ignorandoli, avrebbe creato una storia troppo immaginaria per essere creduta. Così, come la storicità di Salomone uomo laico è quella che riferisce di lui come di un tiranno, un despota e uno schiavista, altrettanto vera è l'immagine religiosa che lo vuole seguace di divinità pagane: "Salomone seguì Astarte, dea di quelli di Sidone e il dio Milcom dio degli Ammoniti. Salomone costruì un altura (altare) in onore di Camos, dio dei Moabiti, e di Milcom, dio degli Ammoniti, sul colle di fronte a Gerusalemme. Allo stesso modo costruì altari per gli dei delle sue donne straniere, che offrivano incenso e sacrifici ai loro dei". ( (I Re. 11). e per i "duri di cervice" aggiungo ancora questo passo: "Salomone sì prostrò davanti ad Astarte, dea di quelli di Sidone, a Camos, dio dei Moabiti e a Milcolm, dio degli ammoniti". (I Re. 11/33). Roboamo, preso il posto del padre istallandosi a Gerusalemme, che in realtà era rimasta una semplice rocca intorno a una fonte, continuò con il suo esercito di fuorilegge a depredarci popoli indigeni e a schiavizzare le tribù ebraiche usando gli stessi metodi di suo nonno Davide e di suo padre Salomone, che in realtà non era stato che un oppressore e un predone come dalla Bibbia risulta al seguente passo: " Le tribù del nord che si erano messe contro Salomone, si recarono dal figlio Roboamo per tentare un accordo. Presentatesi a lui gli dissero: « Tuo padre ci ha imposto un pesante giogo; ora tu alleggerisci la schiavitù di tuo padre e il giogo pesante che ci ha imposto e noi saremo disposti a servirti », ( Da non dimenticare che queste erano le tribù di cui soltanto poche pagine prima la Bibbia aveva detto che per merito di Salomone cantavano, bevevano e mangiavano allegramente!) Ma Roboamo, che disponeva di un forte esercito, non ritenendo opportuno di cedere alle richieste delle tribù del nord, così rispose: « Se mio padre vi caricò di un giogo pesante, io renderò ancora più pesante il vostro giogo; mio padre vi castigò con la frusta, io vi castigherò con i flagelli ». (I Re. 12/11). Fu così che finì con la separazione delle tribù del nord da quelle del sud, dopo soltanto ottanta anni da che era stato costituito da Davide, quel regno che Dio aveva promesso eterno nel tempo e senza confini nello spazio. Con gli Ebrei divisi di nuovo in due fazioni, quella rappresentata dalle tribù del nord che ricostituirono ad Ebron il vecchio regno d'Israele fondato da Saul, e quella del sud rappresentata dalla tribù di Giuda che si costituì in Regno di Giudea con sede in Gerusalemme, inizia quel periodo di lotta fra i due regni che durerà circa due secoli e che la Bibbia ci riporta nel secondo libro dei Re. Stando sempre alla Bibbia, la capitale del regno d'Israele da Ebron venne trasferita nell'anno 880 nella città di Sichem, in Samaria, fino al 722, quando fu invasa dagli Assiri che occuparono il nord della Palestina fermandosi ai confini della Giudea che, a sua volta, fu invasa nel 586 da Nabucodonosor, re di Babilonia. Fu in seguito a questa invasione che la classe dirigente del regno di Giudea fu catturata e mandata prigioniera a Babilonia, dove rimase per cinquanta anni,

durante i quali apprese tutto ciò che gli servì per scrivere la Bibbia allorché, liberata da Ciro il Grande, poté far ritorno in Giudea. Ciò avvenne intorno al 540, cioè quattrocento anni dopo la morte di Salomone. Dopo tutte le vicende susseguitesi dal tempo di Abramo, attraverso Giacobbe, Mosè, Giosuè, Davide e Salomone, quel popolo che la Bibbia si è tanto applicata per farlo apparire popolo dei seguaci di Yahvè, risulta in realtà ancora idolatra per tutto il periodo dinastico che seguì la morte di Salomone, cioè fino a quando venne redatta la Bibbia, come risulta dai passi sotto riportati.

Idolatria presso il regno d'Israele. Geroboamo, primo re, è idolatra: " Gerobamo fortificò Sichem sulle montagne di Efraim e vi pose la residenza. Consigliatosi il re preparò due vitelli d'oro, ne collocò uno a Betel e uno a Dan. Infatti il popolo andava fino a Dan per prostrarsi davanti ad uno di essi". ( I Re. 28 ). I re che seguirono Geroboamo furono altrettanto idolatri. Re Baasa: durante il suo regno, che dura ventiquattro anni, adora i due vitelli d'oro costruiti dal padre Geroboamo e lo stesso fa il Re Auri che gli succede. Re Acab: innalza altari al dio Baal al posto dei vitelli d'oro - Il re Acazia, figlio di Acab, innalza altri altari a Baal.- Il re Ioram toglie Baal e ripristina il culto dei vitelli d'oro. - Il re Ieu conferma i vitelli d'oro. Al pari di questi furono idolatri tutti i re che seguirono fino alla conquista d'Israele da parte di Salmanassar re di Assiria. Evitando di nominare tutti i re, che sono all'incirca venti, per dimostrare che gli Ebrei del regno d'Israele erano pagani si può riassume nell'attribuzione, operata dalla Bibbia, delle cause che portarono all'invasione degli Assiri "a una punizione di Dio perché essi erano limasti idolatri".

Idolatria presso il regno di Giudea. Come nel regno d'Israele, altrettanto nella Giudea abbiamo la conferma di come gli ebrei fossero stati sempre idolatri. "Dopo che si furono riuniti sotto Roboamo, anche i Giudei, come avevano fatto le tribù del nord, costruirono altari, steli e pali in onore dei loro dei pagani". (I Re. 14/23). "A Roboamo seguì il re Iotam e sotto di lui il popolo continuò a sacrificare e offrire incenso agli idoli" ( II Re 15/36). Re Acaz: " Bruciava incenso agli altari pagani" ( II Re. 16/4). Ezechia: "Sotto il suo regno il popolo riprese ad adorare il serpente di bronzo che chiamava Necusam" ( II Re. 18/4) Anche Manasse erige altari a Baal e, come lui tutti i re che seguirono, fino ad arrivare agli ultimi due che furono Iochim e Sedecia, anch'essi idolatri. E come aveva fatto per le tribù del nord, alle quali aveva attribuito l'occupazione della Siria per via di una punizione del Signore, lo stesso fece riguardo ai Giudei allorché furono invasi da Nabucodonosor. In questa cultura espressamente idolatra, i redattori della Bibbia introducono il loro Dio nella storia ebraica attraverso l'intervento di profeti che si avvicendano per ripetere ai re di abbandonare i loro idoli per seguire il Dio dei loro antenati, quel Dio che la Bibbia ha voluto attribuirgli nella favola che si era inventata. Tutto ciò che è riportato dalla Bibbia è frutto di pura immaginazione, compresi i regni d'Israele e di Giuda che non sono mai esistiti.

Un profondo conoscitore della Bibbia, tanto conoscitore e sostenitore della stessa da essere considerato una colonna portante dell'ideologia Yahvista, mi fece pervenire qualche tempo addietro un libro che, secondo lui, mi avrebbe dimostrato la storicità dei fatti biblici che io negavo. Questo libro, espressamente scritto per eliminare tutti i dubbi che possono venire circa la veridicità di ciò che riporta la Bibbia, fatto stampare dalla Watch Tower Bible nel 1989, in realtà non ha fatto altro che confermare le mie convinzioni. Le prove che esso riporta per sostenere che la Bibbia è un libro con un fondamento storico si racchiudono in tre dimostrazioni. Nella prima si dice che in un documento scoperto negli scavi eseguiti nel 1800 nell'Iraq meridionale viene riportata una preghiera per la salute del figlio Naboredo, re di Babilonia. Siccome questo figlio del re Naboredo si chiamava Baldassarre, la prova consiste nel fatto che un certo re Baldassarre viene nominato anche nel libro di Daniele nel passo 1/30 del cap. 5. Come seconda prova viene portata la distruzione di Gerico che, essendo realmente avvenuta, conferma che Giosuè è esistito, dal momento che la Bibbia gliene attribuisce la distruzione. A parte il fatto che la distruzione di Gerico non può assolutamente dimostrare l'esistenza di Giosuè (circa il quale nessun documento riporta notizie), molto probabilmente colui che aveva scritto questo libro non sapeva che Gerico fu rasa al suolo da un terremoto e non dall'attacco di un esercito e per giunta circa duecento anni dopo la data che la Bibbia attribuisce. La terza prova, quella che avrebbe dovuto dimostrare l'esistenza dei due regni biblici, quello d'Israele e quello di Giuda, è addirittura ridicola. Essa parla di una stele Moabita rinvenuta nel 1886 in Giordania, nella quale si parla di un conflitto che ci fu nel X secolo tra il regno di Moab e il regno di Edom. Siccome nella Bibbia c'è scritto che Israele e Giuda si allearono con Edom per combattere contro Moab, il libro coglie l'affermazione per convalidare la tesi che Israele e Giuda sono esistite. Ma siccome questa partecipazione alla guerra è nominata soltanto dalla Bibbia, che nella stele non si fa nessun riferimento né a Giuda né a Israele, quella che per i sostenitori delle verità bibliche dovrebbe essere una prova a loro vantaggio risulta invece essere tutto l'opposto. E' come se io per dimostrare che un mio antenato sia stato un generale di Napoleone nella guerra contro gli Inglesi portassi come prova, unica prova, un documento che parli della battaglia di Waterloo. Se queste sono le prove che i sostenitori della Bibbia portano per dimostrarne la sua veridicità storica, esaminiamo le prove che usano per affermare che questo è un libro d'ispirazione divina. 1) La legge riguardante l'igiene espressa così nel Deuteronico " Dopo aver defecato devi ricoprire gli escrementi con un piolo" poteva essere ispirata soltanto da un Dio che già sapeva a quei tempi che lo sterco è causa d'infezione. 2) La legge che decretava impuro chiunque avesse toccato un morto e quindi lo obbligava a lavarsi le mani, riportata nel libro Numeri, poteva essere dettata soltanto da un "Essere" superiore che sapeva che i morti possono trasmettere epidemie. 3) Se il Signore aveva ordinato ad Abramo di circoncidere il maschi l'ottavo giorno dalla nascita, lo aveva fatto perché soltanto un Dio poteva sapere, fin da allora, che la vitamina K, che favorisce la coagulazione del sangue, comincia ad essere presente nell'organismo a partire da questo momento. Comunque la realtà è che, come conseguenza di questa circoncisione voluta da un Dio tanto onnisciente, resta il fatto che a tutt'oggi presso i popoli che la praticano essa causa una media annua di 2300 vittime per le infezioni e le emorragie che ne derivano. Questa è la Bibbia, il libro Sacro che viene preso come garanzia di verità nei giuramenti. Questo è il suo Dio, questi sono i suoi eroi, i suoi templi, i suoi regni. E tante saranno ancora le cose che di essa ci lasceranno stupiti nel seguito di questo libro.

CAPITOLO IV IL DIO DELLA BIBBIA
Nessun libro, neanche il più ateo, potrà mai dimostrare al pari della Bibbia come non sia stato Dio a creare l'uomo a propria immagine e somiglianza, bensì l'uomo a costruire un Dio simile a se stesso. L'espressione "dimmi chi sei e li dirò chi è il tuo Dio", che viene citata per sostenere l'antropomorfismo divino, trova la più ampia conferma nel Dio della Bibbia. Quale Dio poteva essere concepito da un popolo frustrato e represso, carico di collera verso un'umanità che riteneva responsabile delle sue proprie sofferenze se non un Dio impastato di odio e di vendetta? Basta leggere soltanto alcuni passi della Bibbia per comprendere quanto gli Ebrei, nel loro Dio, travasarono se stessi con i loro difetti, la loro ignoranza di pastori erranti, la loro ottusità di popolo isolato, primitivo al oscurantista. In ogni riga c'è la dimostrazione dell'antropomorfismo del Dio della Bibbia che, mentre a parole viene proclamato un Essere perfettissimo, onnisciente e onnipotente, nei fatti risulta invece essere

...un millantatore e bugiardo:
...1) "// Signore, dopo aver deciso di eleggere Saul re degli Israeliti, disse a Samuele: « Siccome mi sono commosso al grido di dolore del mio popolo, domani ti manderò da un uomo della terra di Beniamino che tu ungerai re. Quest'uomo libererà il mio popolo dai Filistei" ». (I Sm. 9/15). Promessa che si rivelerà del tutto falsa perché gli Ebrei non riusciranno mai a dominare i Filistei che rimarranno saldamente per sempre proprietari della loro terra. 2) Mente ancora una volta quando promette a Davide che " la sua casa e il suo regno saranno saldi per sempre davanti a lui e il suo trono sarà reso stabile per sempre " ( II Sm. 7/16), quando invece crollerà dopo appena ottant'anni. 3) Promette a Mosè: « Di te farò una grande nazione » (Es.32/10) mentre nella realtà gli Ebrei non saranno mai un popolo compatto, ma sempre dei fuggiaschi, perseguitati ed oppressi per disperdersi poi, definitivamente, nella diaspora che seguì la Guerra Giudaica del 70 d.n.e. 4) Cento volte ripete che sterminerà i nemici d'Israele, quando invece questi si mostreranno sempre molto più potenti di loro da distruggere ripetutamente. Gerusalemme e il loro Tempio, quasi che fosse divenuto un trastullo. 5) Dà così per certo al suo popolo che la terra che gli ha promesso sarà realmente sua da stabilirne addirittura i confini: "« Quando entrerete nel paese di Canaan, questa sarà la vostra terra: la frontiera meridionale partirà dall'estremità del mar Morto...girerà fino al torrente d'Egitto e finirà al mare ...Partendo dal mar Mediterraneo traccerete una linea fino al monte Or...da Cazar fino a Sefam...si estenderà lungo il mare di Gennesared...poi la frontiera scenderà lungo il Giordano ecc. ecc.» come un geometra che rettifica i confini per un rogito, ma un rogito che rimarrà sempre nel mondo dei sogni perché i Cananei, fregandosene altamente di ogni decisione che avesse potuto prendere il Dio creatore del cielo e della terra, ributtano questi sedicenti proprietari che, costretti a fare marcia indietro, rimarranno a fare i nomadi al servizio di un Dio che continuerà ad ingannarli con promesse che non manterrà mai...

...un illogico e superficiale:
1 ) Dio si rivolse così a Mosè: «Ho osservato questo popolo ed ho capito che è duro di cervice. Ora lascia che la mia ira si accenda contro di loro e li distrugga ». Mosè, dimostrandosi di gran lunga più saggio e riflessivo di lui, lo consigliò di calmarsi dicendogli: « Perché vuoi distruggere il tuo popolo ora che lo hai liberato dall'Egitto? Cosa diranno gli egiziani quando sapranno che tu hai fatto perire il tuo popolo dopo aver fatto tanto per liberarlo? Ricordati di quello che hai promesso ad Abramo, Isacco e Giacobbe, ai quali hai assicurato che da loro sarebbe derivata una posterità numerosa come le stelle del cielo. Desisti dalla tua ira e abbandona il proposito di fare del male al tuo popolo » E il Signore, compreso l'errore che avrebbe commesso, abbandonò il proposito di nuocere al suo popolo » (Es. 32...). 2) Chi può essere il vero responsabile della morte di Abele se non Dio stesso che suscitando la gelosia di Caino ha creato il movente per l'assassinio? Soltanto un padre superficiale e stolto si sarebbe comportato come lui, ostentando predilezione per l'uno e avversione verso l'altro dei suoi figli: "Dio gradì Abele e la sua offerta, ma non gradì Caino e la sua offerta. Caino ne fu molto irritato e, alzata la mano sopra il fratello, lo uccise ". (Gn. 4/3).

...uno spietato e violento:
Per farci un'idea della crudeltà del Dio della Bibbia basti citare soltanto qualcuno degli innumerevoli fatti che lo dimostrano: 1 ) " Così disse il Signore al suo popolo: « Qualora il tuo fratello, figlio di tuo padre o figlio di tua madre, o tuo figlio o tua figlia o tua moglie che riposa sul tuo petto o l'amico che è come te stesso ti istighi a servire altri dei che non sia io, tu devi ucciderlo: la tua mano sia la prima a metterlo a morte. Lapidalo e muoia perché ha cercato di trascinarti lontano dal Signore tuo Dio che ti ha fatto uscire dall'Egitto. Qualora tu senta dire di una delle tue città che il signore Dio tuo ti dà per abitare (quando mai?) che uomini iniqui sono usciti in mezzo a te e si servono altri dei, allora tu voterai allo sterminio questa città e passerai a fil di spada tutti gli abitanti compreso il loro bestiame". (Dt. 13). 2) "Samuele disse a Saul: « Il Signore mi ha inviato per dirti: va e colpisci Amalek e tutto quello che gli appartiene, non lasciarti prendere da compassione per lui, ma uccidi uomini e donne, bambini e lattanti » e Saul obbediente eseguì la strage. ( I.Sm. 15). 3 ) Come conferma della sua natura malvagia possiamo citare ancora degli episodi in cui è lo stesso Dio a creare i presupposti per le stragi: "Ma siccome Sicon, Re di Chesbon, non ci volle far passare nel suo paese perché il Signore gli aveva reso inflessibile ed ostinato il cuore per metterlo nelle nostre mani, lo volammo allo sterminio. E, così, su incitamento del Signore, votammo allo sterminio tutti gli uomini, tutte le donne e tutti i bambini della città dì Og in Bassan". (Dt. 2/30 - 3/6). 4) Pentitosi di aver creato l'uomo, Dio disse: " «Sterminerò dalla terra l'uomo che ho creato, con l'uomo il bestiame e i rettili e gli uccelli del cielo e ogni carne in cui è alito di vita ». (Anche il peggiore dei criminali lo vedremmo impallidire di fronte a questo Dio!) 5) Subito dopo l'uscita dall'Egitto, la prima cosa che pensò Dio fu quella di usare il suo popolo per eseguire stragi e genocidi. Il Signore disse a Mosè: « Sterminerai tutti i popoli che il Signore Dio tuo ha promesso di consegnarti e il tuo occhio non li compianga» (Dt.7/16).

6) C'è un passo poi della Bibbia (Gn.10) in cui Dio, superando se stesso, Interviene direttamente nelle stragi lanciando personalmente sassi contro i nemici del suo popolo prediletto. " Giosuè, armato dal Signore, partì con tutti i prodi guerrieri, attaccò i nemici e li mise in fuga. Mentre questi scappavano davanti a Giosuè il Signore lanciò contro di essi dal cielo grosse pietre e molti morirono. Coloro che morirono per le pietre, che erano venute già come grandine, furono più di quanti ne avessero uccisi gl'Israeliti con la spada". (Ma credo che questo intervento da artiglieria aria terra sia da portarsi più come dimostrazione di ridicolo che di crudeltà). 7) Ancora un esempio, l'ultimo, circa la crudeltà insulsa del Dio della Bibbia. Il fatto avviene durante una delle tante marce di trasferimento di questi nomadi che procedevano portandosi sempre dietro, su un carro tirato da buoi, quell'arca in cui avevano collocato dentro le leggi ricevute da Mosè sul monte Sinai. "Davide radunò di nuovo tutti gli uomini migliori d'Israele, in numero di trentamila e partì con tutta la sua gente da Baala di Giudea per trasportare l'Arca di Dio, il Dio degli eserciti, che siede su di essa con i cherubini. Posero l'Arca di Dio sopra un carro nuovo. Uzza e Achio, figli di Abinabab, conducevano il carro. Uzza stava presso l'Arca di Dio e Achio precedeva l'Arca. Davide e tutta la casa d'Israele facevano festa davanti al Signore con tutte le loro forze, con canti e con cetre, arpe, timpani, sistri e cembali. Non quando furono giunti all'aia di Nacon, Uzza stese la mano verso l'arca di Dio e vi si appoggiò perché i buoi la facevano piegare. L'ira del Signore si accese contro Uzza perché aveva osato toccare la sua dimora. Dio lo colpì per la sua colpa ed egli morì sul posto, presso l'Arca di Dio. " (Sm. 2/6). Per commentare questo fatto basti dire che Davide stesso fu così terrorizzato da tanta pazzia che si rifiutò di far entrare l'Arca a casa sua tanto che la fece portare a casa di un certo Obed-Edom di Gad.

...un insicuro che ha sempre bisogno di prove:
Questo Dio onniveggente, che conosce anche i segreti più intimi di ogni uomo, come un San Tommaso che non crede se non tocca con mano per sapere se Abramo gli fosse veramente obbediente, decise un giorno di metterlo alla prova ordinandogli di uccidere il proprio figlio Isacco. "Il Signore disse ad Abramo: « Prendi tuo figlio, il tuo unico figlio che ami, Isacco, va nel territorio di Moira e offrilo in olocausto su di un monte che io ti indicherò ». Abramo fece ciò che il Signore gli aveva detto. Accatasti) la legna, ci stese sopra il figlio legato e già aveva alzato la mano con il coltello quando il Signore, convinto della sua obbedienza, gli fermò il braccio dicendogli di sospendere il sacrificio ". Anche se per la Bibbia l'episodio si conclude qui, con la soddisfazione di un Dio che si rallegra della fedeltà del suo servo Abramo, non possiamo ignorare le conseguenze che esso recò in questi due poveri disgraziati, vittime dell'ottusità di un Dio che, per soddisfare un capriccio, ha reso un padre il potenziale omicida del proprio figlio. Fermando il braccio di Abramo nell'attimo in cui egli sta per vibrare il colpo alla gola del figlio, Dio non ha certo evitato quel trauma che poi penderà sulla vita di entrambi. Come può un uomo dimenticare di aver disteso e legato il proprio figlio su una catasta di legna, di aver estratto un coltello e di averlo alzato su di lui con la determinazione di ucciderlo, e come può lo stesso Isacco dimenticare il proprio padre che è sul punto di vibrargli una coltellata? Un assurdo che soltanto le menti più malate possono concepire. Menti forse più stupide che cattive se consideriamo con quanta leggerezza distribuiscono crudeltà e morte durante tutto il

racconto biblico. E' proprio vero che tra le due categorie che provocano del male, i cattivi e gl'imbecilli, sono da preferirsi i primi perché qualche volta si riposano!

...un vendicativo:
Il Signore disse a Mosè: " « Compi la vendetta contro i Madianiti secondo quanto ti ho detto » e Mosè obbediente uccise tutti i maschi, fece prigioniere tutte le donne di Madian e i loro fanciulli e depredò tutto il loro bestiame, tutti i loro greggi e ogni loro bene e gl'israeliti appiccarono il fuoco a tutte le città". (Nm. 31). Visto che a citare tutti gli atti di vendetta di Dio riportati nella Bibbia sarebbe un lavoro troppo lungo, mi limito a questo riportato facendo però presente che, personalmente, ne ho contati oltre una ventina.

...un Dio che ignora il futuro:
Crea l'uomo e, dopo aver riscontrato che non è riuscito come avrebbe voluto, lo distrugge annegandolo. Detronizza Saul re d'Israele, perché risulterà essere differente da come lo aveva immaginato. Scatena una peste su Gerusalemme per punire Davide ma, rendendosi conto che la peste produce danni superiori a quelli che aveva previsto, ordina allo stesso angelo a cui aveva comandato di scatenare l'epidemia di sospenderla. " II signore sì pentì e disse all'angelo. «Basta, ora ritira la tua mano ! » ". L'espressione "Dio si pentì", che non può dimostrare altro che un Dio insicuro e fallace, la troviamo nella Bibbia con un'impressionante frequenza. D'altronde, che il ripensamento faccia parte della natura di Dio ci viene dimostrato ogni volta che egli sovverte i suoi programmi per concedere grazie a coloro che lo supplicano con le preghiere.

...un ambizioso, vanitoso e amante di adulazioni e di lusso:
Dio disse a Mosè, sul monte Sinai, durante quei tre mesi nei quali, tra lampi e tuoni, gli dettò le leggi: " La mia dimora la farai dì bisso ritorto, di porpora viola, di porpora rossa e di scarlatto. Vi farai figure di cherubini, lavoro d'artista... " E dopo una pagina di dettagli tanto sciocchi e superflui da far impallidire le dive più capricciose e viziate del cinema, continua con Un'esigenza maniacale a descrivere come vuole l'altare, il recinto che lo circonda, gli oggetti per le cerimonie, i paramenti dei sacerdoti che dovranno incensarlo e riverirlo. Tutto a base d'oro, d'argento, di pietre preziose e sete pregiate e le sue descrizioni sono così farneticanti nei dettagli da ridurre tutto ad una comica grottesca, una comica che, più che farci ridere, ci porta a provare della compassione per questo essere supremo, dichiarato onnisciente e perfettissimo. La stessa compassione che si prova verso il suo rappresentante in terra quando attraversa una piazza affollata seduto su uno scanno portato a spalle, carico di merletti dorati e di arabeschi. Per avere un'idea di chi fosse il Dio della Bibbia in rapporto alla sua superficialità e vanità riporto qualche riga tratta dal capitolo degli "Altari". "Il Signore disse ancora a Mosè: « I teli degli altari saranno lunghi venti cubiti e larghi quattro ecc,ecc...cinque teli saranno uniti l'uno all'altro....farai cordoni di porpora

viola ecc.ecc...la parte in eccedenza la farai ricadere sui due lati della dimora...farai venti assi, tutti d'oro che si uniranno ad anelli di smeraldo... " e così continuando si prolunga nei dettagli, tanto da riempire sei capitoli del libro "Genesi", esattamente il 25, 26, 27, 28, 29 e 30. Una scenografia che sicuramente aveva tenuto impegnato Dio da lungo tempo... e poi S. Agostino dice nelle "Confessioni" di non sapere a cosa pensasse Dio prima della creazione! E non finisce qui perché con la stessa pignoleria, Dio esigerà la perfezione degli animali che gli saranno offerti in sacrificio. "Il Signore scese dalla nuvola ( non c'erano ancora i telefonini ) e avvicinatosi a Mosè gli disse: "Un olocausto per essermi gradito deve essere maschio, senza difetto, di buoi, di pecore e di capre. Non mi offrirete nessuna vittima cieca o storpia o mutilata o con ulcere o con la scabbia o con piaghe purulente. Non offrirete al Signore un animale con i testicoli ammaccati o schiacciati o strappati o tagliati ecc.ecc» e continua: « Se l'offerta è un olocausto d'uccelli io preferisco tortore o colombe. Il sacerdote dopo averli uccisi aprendogli la testa con l'unghia, toglierà il gozzo con le sue immondezze, dividerà il volatile in due metà ma senza separarlo lo metterà sulla brace dove sarà cotto a fuoco lento. Da esso salirà un profumo soave alle narici del Signore che osserva tutto da sopra la nuvola dove risiede. (Lv. 1/14). (A pensare che nel 2000 ci siano ancora persone che leggono certe stupidaggini c'è da rabbrividire!)

...un ricattatore:
Per costringere il Faraone a lasciare libero il suo popolo, lo minaccia di inviargli dieci calamità. "Il Signore disse a Mosè: « Va a riferire al Faraone che se non lascia andare via il mio popolo io lo colpirò con dieci piaghe » e il ricatto si ripete inesorabilmente per dieci volte. Ma la parte più sconcertante di tutta questa storia la troviamo nel fatto che lui stesso, il Signore, indurendo il cuore del Faraone, crea i presupposti affinché il Faraone non faccia ciò che Mosè gli avrebbe chiesto. "lo indurirò il cuore del Faraone (è Dio che parla) in maniera che rifiutandosi di liberare il mio popolo io possa dimostrare la mia potenza attraverso i flagelli che invierò all'Egitto". E ancora una volta userà sterminio e violenza per dimostrare la propria grandezza!

...uno schiavista:
1)Il Signore disse a Mosè: "Quando tu avrai acquistato uno schiavo ebreo, egli ti servirà per sei anni e nel settimo potrà andarsene, senza riscatto. Se è entrato solo, uscirà solo; se era coniugato sua moglie se ne andrà con lui. Se il suo padrone gli ha dato moglie e questa gli ha partorito figli o figlie, la donna e i suoi figli saranno proprietà del padrone ed egli se ne andrà solo: Ma se lo schiavo dice: io sono affezionato al mio padrone, a mia moglie e ai miei figli; non voglio andarmene in libertà, allora il padrone lo condurrà davanti a Dio, lo farà accostare al battente o allo stipite della porta e gli forerà un orecchio con la lesina, quegli sarà suo schiavo per sempre ». E ancora, (è sempre il Signore che parla a Mosè): "«Quando un uomo venderà sua figlia come schiava, essa non se ne andrà come se ne vanno gli schiavi. Se essa non piace al padrone, che per ciò non la prende come concubina, la farà riscattare, però può darla come concubina a suo figlio, ecc. ecc.» .

3) Secondo questo Dio amoroso e pieno di giustizia chi aveva un debito poteva estinguerlo vendendosi come schiavo. "Il Signore disse a Mosè: « Un'altra mia legge è questa: Quando uno deve soddisfare un debito, per la stima che dovrai fare alle persone che si offriranno come schiavi attieniti a queste regole: per un maschio dai venti ai sessant'anni, cinquanta sicli d'argento; invece per una donna la tua stima sarà di trenta sicli. Dai cinque ai venti anni la tua stima sarà di venti sicli per un maschio e dieci per una femmina. Da un mese a cinque anni, la tua stima sarà di cinque cicli d'argento per un maschio e tre cicli d'argento per una femmina. Dai sessanta anni in su, la tua stima sarà di quindici sicli per un maschio e dieci per una femmina. Se colui che ha fatto debito è troppo povero per potersi riscattare, allora il sacerdote ne farà la stima. La stima sarà fatta in proporzione ai mezzi del debitore. Lo stesso sarà fatto per le proprietà e le case che saranno stimate dal sacerdote secondo il loro valore. Se poi uno vuole riscattare se stesso prima di avere pagato il debito con la schiavitù, potrà farlo aggiungendo un quinto al prezzo a lui versato" ». (Lv.27). Non dimentichiamo che questo è il libro base dell'insegnamento seguito dalle scuole cattoliche, libro che esalta un Dio padre padrone che autorizza i genitori a vendere i propri figli anche in un'età compresa da un mese a cinque anni per pagare i loro debiti e che considera la donna la metà del valore dell'uomo.

...collerico e criminale:
1) " Dio disse a Mosè: «Se non farete ciò che voglio, la mia collera si accenderà e vi farò morire di spada: le vostre mogli saranno vedove e i vostri figli orfani ». 2) "Israele aderì al culto di Baal-Peor e l'ira del Signore si accese contro Israele. Il Signore disse a Mosè: « Prendi tutti i capi del popolo e fa appendere al palo i colpevoli, al sole, perché la mia ira ardente contro Israele si possa placare » e Mosè dette ordine: « Ognuno di voi uccida dei suoi uomini coloro che hanno aderito al culto di Baal-Peor ». Fines, figlio di Eleazzaro, figlio del sacerdote Aronne, si alzò in mezzo alla comunità, prese in mano una lancia e trafisse nel basso ventre un uomo e una donna che avevano adorato Beal-Peor. E il flagello cessò tra gl'israeliti. Di quel flagello morirono ventiquattromila. Dio si congratulò con Eleazzaro, figlio del sacerdote Aronne, per quello che aveva fatto. (In altri tempi e luoghi sarebbe stato insignito sul campo del grado di capitano delle S.S.) 3) " Dio disse a Mosè: « Se non obbedirai alla mia voce ti raggiungeranno tutte queste maledizioni: Maledette saranno la tua casa e la tua madia. Maledetto sarà il frutto del tuo seno e del tuo suolo. Lancerò contro di te la maledizione su ogni cosa su cui metterai mono. Ti farò attaccare la peste, ti colpirò con la consunzione, con la febbre, con l'infiammazione, con l'arsura, la siccità e il carbonchio. La pioggia di sabbia e polvere scenderà su di te finché non sarai distrutto...diventerai pazzo per ciò che i tuoi occhi dovranno vedere ecc.ecc.» (dt. 28/15). Di fronte a tanta pazzia non si può che concludere affermando che l'unica attenuante che può avere Dio è quella di non esistere, perché un simile mostro, se veramente esistesse, non potrebbe che essere condannato a morte.

...incoerente e contraddittorio:
1) Punisce con la morte i rapporti sessuali tra parenti: « Se uno ha rapporti con la madre, con la sorella, con la matrigna o con la nuora, saranno entrambi messi a morte e si

bruceranno con il fuoco...» (Lv. 9 e segg.) dopo aver basato la prolificazione della razza umana sull'incesto: "Adamo ed Eva ebbero Caino e Abele ed altri figli maschi e femmine che, accoppiandosi tra loro, generarono popoli e nazioni", e la stessa cosa dopo il diluvio per popolare una seconda volta la terra: " Dio benedisse Noè e i suoi tre figli con le loro spose e disse loro: «Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite la terra ». 2) Condanna i maghi alla morte (non lascerai vivere chi pratica la magia) e poi lui stesso ne fa uso per raggiungere i suoi scopi: " // Signore disse a Mosè: « Quando il Faraone vi dirà: fate un prodigio in vostro sostegno, tu dirai ad Aronne: prendi il bastone e gettalo davanti al Faraone e diventerà serpente". 3) Mentre vuole che il suo popolo rimanga compatto per diventare una grande nazione, stabilisce leggi che ostacolano l'unificazione delle dodici tribù. "Allora Mosè disse agli Israeliti: «Questo il Signore ha ordinato: alle figlie sarà proibito maritarsi con uomini che non siano della tribù dei loro padri. Nessuna eredità tra gl'Israeliti potrà passare da una tribù all'altra, ma ciascuno degli Israeliti si terrà vincolato all'eredità della tribù dei suoi padri. Ogni fanciulla si mariterà ad uno che appartenga ad una famiglia della tribù di suo padre perché nessuna eredità passi da una tribù all'altra »". 4) Mentre condanna a morte i fratricidi, garantisce l'incolumità a Caino minacciando di durissima condanna chiunque avesse osato punirlo per l'omicidio commesso: «Chiunque ucciderà Caino subirà la vendetta sette volte».(Gn4/15) 5) L'incoerenza del Dio perfettissimo diventa addirittura ridicola nella storiella delle quaglie. Gli Ebrei, che dopo l'Esodo erano ritornati al nomadismo nel deserto del Negheb, stanchi di mangiare manna tutti i giorni tanto da rimpiangere i cibi dell'Egitto, si rivolsero a Mosè che, compresa la loro situazione, andò dal Signore e gli disse: "« Signore, la nostra vita inaridisce, i nostri occhi non vedono che manna e io, come tutto il tuo popolo, non ne possiamo più. Chi ci darà carne da mangiare ? Ci ricordiamo della carne, dei pesci, delle cipolle, dei cocomeri, dei meloni e dei porri che mangiavamo gratuitamente in Egitto. Se intendi trattarci ancora così facendoci mangiare manna, solo manna, io preferisco morire ». Il Signore rispose: « dirai così al popolo: santificatevi e domani avrete carne. Ne mangerete non per un giorno, non per due. giorni, per cinque o per dieci e non per venti giorni ma per un mese intero finché non vi esca dalle narici e vi venga a noia ». E Mosè disse: « Ma dove prenderemo tutta questa carne se il popolo conta più di seicentomila persone? Non ce ne sarà abbastanza neppure se uccidessimo tutte le pecore e le capre che abbiamo ». Il Signore rispose a Mosè: « Credi che il mio braccio si sia raccorciato? Ti mostrerò io come realizzerò la promessa ». Intanto si era alzato un vento, per ordine del Signore, che portò quaglie dal mare e le fece cadere nell'accampamento. Il popolo si alzò e tutto quel giorno e tutta la notte e tutto il giorno dopo raccolse quaglie. Si misero a mangiarle e avevano ancora la carne fra i denti quando il Signore, sdegnato per tanta ingordigia, fece venire a tutti un colera che decimò il popolo ebreo ".(Nm. 11 e segg.). (Non ci sono parole per commentare un'azione simile!). La Bibbia dice che, dopo il colera, gli Ebrei che si salvarono levarono le tende e partirono per Casrerot. Ancora una volta si lasciavano dietro un'ecatombe di morti ammazzati da un'epidemia voluta dalla giustizia di Dio, un cimitero di cadaveri e un mare di merda impastata dai pioli con la sabbia del deserto. Sporchi come neppure la più fervida fantasia possa farceli immaginare, deboli e magri come cadaveri ricoperti da grezzi tessuti di lana e da pelli di pecora, con gli occhi semichiusi dalle incrostazioni dei tricosoma e con quell'eterna blenorragia che perennemente colava purulenta dalle vagine e dai membri, si misero in marcia dopo aver ringraziato il Dio creatore del mondo, quell'onnipotente e per-

fettissimo che li aveva decimati con un colera per aver mangiato troppe quaglie. 6) Un'altra incoerenza si trova nel concetto che il Signore ha della pace: " Il Signore disse al suo popolo: « Quando ti avvicinerai ad una città, prima di attaccarla le offrirai la pace. Se accetta la pace ed apre le porte , tutti gli abitanti che sono in essa ti saranno tributavi e ti serviranno. Ma se non vuole la pace che gli offrì, allora la assedierai e quando il tuo Dio te l'avrà data nelle mani tu ne colpirai a fìl di spada tutti i maschi. Le donne e i bambini li prenderai come preda ». Praticamente il concetto che il Signore ha della pace è quello espresso nell'intimazione "o la borsa o la vita!" usata dai delinquenti quando puntano la pistola a scopo di rapina. 7) Mentre impone agli Ebrei che seguono gl'idoli pagani la pena di morte, poiché lui è il solo e unico Dio che debbono riconoscere, dice a Mosè di costruire un idolo a forma di serpente: "// Signore per punire il suo popolo mandò serpenti velenosi che mordevano la gente e un gran numero d'Israeliti morì. Mosè supplicò il Signore di avere pietà per il suo popolo. Il Signore disse a Mosè: « Fatti un serpente, mettilo sopra un 'asta; chiunque, dopo essere stato morso, lo guarderà resterà in vita ». Mosè fece un serpente di rame e lo mise sopra l'asta; quando un serpente aveva morso qualcuno, se questi guardava il serpente di rame restava in vita ". Praticamente Dio fa ricorso a un idolo per combattere se stesso! 8) Ma l'incoerenza maggiore, quella che questo Dio dimostra continuamente in tutta la Bibbia, si manifesta ogni volta che stermina il suo popolo, quel popolo a cui, mentre promette che lo renderà numeroso come le stelle del cielo e i granelli della sabbia del deserto, invia continuamente epidemie e morti d'ogni genere.

...consolatore di donne sterili:
E' fuori discussione che il Signore degli ebrei, questo signore degli eserciti, abbia un debole per le donne sterili. E' con esse che concepisce gli eroi designati a glorificare la sua grandezza. 1) Sara, moglie di Abramo, fu la prima donna sterile a concepire un figlio per opera di Dio. Affinché tutto si svolgesse nella maniera più leale, il Signore, prima di visitare la donna lo disse al marito che si mostrò felice di divenire padre putativo di un figlio di Dio: " Secondo quanto aveva annunciato, il Signore visitò Sara e fece a Sara ciò che aveva promesso. Rimasta incinta, Sarai partorì un figlio a cui Abramo dette il nome di Isacco".(Gn.21). 2) L'elenco dei padri putativi continua con un uomo di Zorea, chiamato Manoach, che aveva anche lui una moglie sterile. Questa volta il Signore, forse per una raffinatezza acquisita con il tempo, anziché contattare il marito, preferì rivolgersi direttamente alla donna attraverso un messaggero d'amore: "Il Signore inviò alla moglie di Manoach un angelo che le disse: «Ecco, tu sei sterile e non hai mai avuto figli, ma concepirai ed avrai un figlio ». Il Signore la visitò e la donna partorì un maschio a cui fu dato il nome di Sansone. Il bimbo crebbe e il Signore lo benedisse. " Il successo che il Signore riscosse come visitatore di donne sterili fu tanto che furono gli stessi mariti a rivolgersi a lui affinché fecondasse le loro mogli, come nel caso di Isacco che aveva per moglie una certa Rachele, donna attraente ma sterile. "Isacco supplicò il Signore per sua moglie e il Signore lo esaudì, così che sua moglie Rebecca divenne incinta ". Questo accoppiamento si rivelò particolarmente fortunato perché da esso nacquero due eroi, cioè due gemelli: " Uscì il primo, rossiccio e tutto ricoperto di pelo come un mantello di lupo, e fu chiamato Esaù. Subito dopo uscì il secondo e teneva in mano il calcagno dì Esaù; fu chiamato Gìacobbe " (Gn. 25/25). (Nota: Questo particolare del pelo che presenta uno dei due gemelli potrebbe

servire per conoscere quella natura del Padre che, per quante se ne siano dette su di essa, ancora non si è appurato di cosa sia fatta ). Tralasciando tutte le stupidaggini contenute nel capitolo riguardanti le condizioni da cui si fanno dipendere le nascite dei capostipiti delle dodici tribù ebraiche, alla fine Dio si ricordò anche di Rachele, anch'essa sterile, che divenne la madre di Giuseppe viceré d'Egitto. E così, in un continuo di accoppiamenti tra il Signore e le donne sterili, accoppiamenti che genereranno sempre degli eroi, trascorre quella prima parte della Bibbia che termina con l'occupazione della Palestina da parte di Nabucodonosor. Ma questo sistema di ricorrere a concepimenti divini per costruire figure di eroi verrà riutilizzato nel Nuovo Testamento per dare vita a quell’eroe che sarà il precursore di colui che sarà il prediletto sopra tutti gli altri: Gesù. " C'era un sacerdote di nome Zaccaria e aveva in moglie una discendente di Aronne che si chiamava Elisabetta. Erano tutti e due in avanzata età e non avevano avuto figli perché Elisabetta era sterile. Un angelo del Signore apparve e Zaccaria e gli disse: « Non temere, Zaccaria, io sono l'angelo Gabriele, sono venuto ad annunciarti che il Signore visiterà tua moglie ed essa non sarà più sterile. Dopo quei giorni Elisabetta concepì un figlio che fu chiamato Giovanni Battista ". Dell'ultima annunciazione, quella che si riferisce alla nascita di Gesù, parlerò in seguito quando spiegherò come e quando furono elaborati i vangeli. Perché si possa avere un'idea di come avvenivano questi accoppiamenti di Dio con le varie donne che per opera sua rimangono incinte, brevemente accennerò a come la Chiesa li intende attraverso il Gesuita Sanchez, direttore del noviziato di Grenada (fine del XVI secolo) che nel libro della casistica, fatto apposta per guidare i preti nella confessione, quale autorevole teologo pose quesito interrogativo: "La Vergine Maria produsse dello sperma allorché si unì con lo Spirito Santo?". Per avere una risposta, dal momento che io non conosco come finì la discussione, non c'è che da chiederlo ai preti...se non lo sanno loro!

...disilluso e frustrato:
1) La storia del popolo ebraico comincia nel XX sec. con quel patto di alleanza tra Dio e Abramo nel quale il Signore con Abramo di riconoscere il suo popolo come proprio figlio se questi in cambio lo adotta riconoscendolo come suo unico e solo Dio. In questa simbiosi, che vede un Dio guidare il suo popolo per i deserti, assisterlo contro i nemici, liberarlo dalla schiavitù degli Egiziani, sfamarlo con cibo che fa discendere dal cielo, risulta evidente la disillusione che questo Dio provò quando, dopo la morte di Giosuè, gli Israeliti si sparsero per i territori della Palestina dichiarando apertamente di non riconoscerlo come loro Dio. Se non morì d'infarto dipese solo dal fatto che un Dio, essendo eterno, non può morire: "Gl'Israeliti abbandonarono il Signore, Dio dei loro padri, che li aveva fatti uscire dal paese d'Egitto, e seguirono altri dèi tra quelli dei popoli circostanti. Abbandonarono il Signore e si misero al servizio di Baal e di Astarte, divinità cananee " . 2) Che il Dio degli Ebrei sia un Dio frustrato ci appare evidente ancora quando, deluso e umiliato, si lamenta con il profeta Natan dicendogli che non è giusto che egli continui a vivere sotto una tenda quando invece Davide si è costruito una reggia. "// Signore apparve al profeta Natan e gli disse: « Va, riferisci al mio servo Davide facendogli presente che io non ho mai abitato in una casa da quando ho fatto uscire gl'Israeliti dall'Egitto fino ad oggi; sono andato vagando sempre sotto una tenda, in un padiglione. Finché ho camminato ora qua e ora là, in mezzo a tutti gl'Israeliti, ho forse mai detto a qualcuno dei Giudei, a cui avevo comandato di pascere il mio popolo d'Israele:

perché non mi edificate una casa di cedro?». (2Sm. 7/5). A parte il fatto che, se il suo popolo non gli ha edificato una casa, tutto è dipeso da lui che, non mantenendo la promessa di dare agli Ebrei una terra, li ha costretti a vivere sempre da nomadi, comunque non si può restare impassibili di fronte alla protesta di un Dio che, dopo le fatiche sopportate durante i sei giorni della creazione, è ancora in cerca di una dimora fissa che gli permetta di godersi il meritato riposo. Davide ascoltò Natan e tanto si commosse che, dopo aver chiesto scusa e perdono, cominciò a costruire la casa al suo Dio, cioè quel Tempio di Gerusalemme che però non riuscì a portare a termine perché troppo preso a fare stragi e a fottersi le donne degli altri. Prima di chiudere questo capitolo voglio dire che, tra tante superficialità, meschinità, crudeltà ho comunque trovato qualcosa di positivo nella Bibbia. Mi riferisco al fatto che essa ammetta nella sua morale che una donna fertile possa partorire per conto di una donna sterile usando il seme del marito di quest'ultima. Infatti, c'è un passo della Bibbia che riconosce come cosa giusta che una donna feconda possa "affittare" il suo utero per soddisfare il desiderio di maternità di un'altra donna che non può avere figli. L'esempio ci viene da Sara, moglie di Abramo, che, prima che il Signore la visitasse e quindi la rendesse fertile, era ricorsa alla schiava Agar perché, fecondata da Abramo, partorisse un figlio per lei. "Sara disse ad Abramo: « // Signore mi ha impedito di avere prole; unisciti alla mia schiava: forse da lei potrò avere dei figli che considererò come miei dal momento che vengono dal tuo seme». Abramo si unì alla schiava Agar che, rimasta incinta, partorì un figlio per conto di Sara».(Gn.16). Dio benedisse questa unione e al figlio che nacque fu dato il nome di Ismaele. Questo è il Dio della Bibbia. Se il vostro non dovesse corrispondere a questo, per quanto possiate averlo concepito differente risulterà sempre e comunque una vostra costruzione, una costruzione che, adattandola alla vostra natura, risulterà essere uguale a voi. D'altronde, come potreste usarlo per soddisfare i vostri bisogni se fosse il Dio di un altro, magari del vostro peggiore nemico che, a sua volta, se ne è costruito uno tutto suo espressamente per distruggere voi?

CAPITOLO V GLI EBREI DOPO L’INVASIONE DELLA PALESTINA DEL NORD DA PARTE DELL’ASSIRIA
L'annessione della Palestina all'Assiria, dando fine alle scorribande e ai conflitti che si protraevano da secoli, portò, come conseguenza, un clima di distensione tra le tribù ebraiche e i popoli indigeni da favorire una pacificazione tale da portare le parti a unirsi fra loro con vincoli matrimoniali. Ma per quanto fosse completa la socializzazione che si era realizzata per ciò che riguardava le attività economiche ed i rapporti pubblici, gli Ebrei continuarono a conservare la propria indipendenza di popolo rimanendo fedeli alle loro usanze e leggi ataviche. Ferme nella decisione di restare unite per quell'orgoglio di razza che gli derivava da millenni di lotte, sia pur nella maniera più pacifica e rispettosa delle altrui leggi, tutte le tribù si raggrupparono in un solo popolo eleggendo come loro capitale la città di Samaria, dalla quale se presero il nome di samaritani lo fu soprattutto per ricusare quel passato di predoni e di razziatori che veniva associato alla parola "Ebrei". Confermarono questa volontà erigendo un tempio sul monte Carazin per le loro divinità in antitesi a quelle adorate dalle tribù del sud nel tempio di Gerusalemme, tribù che, continuando a depredare e razziare i territori della Giudea, presero a loro volta ad inveire contro di essi accusandoli di viltà e di tradimento: di viltà, per essersi sottoposti al dominio assiro, di tradimento per essere entrati in connivenza con i popoli indigeni, connivenza che le tribù della Giudea non gli perdonarono mai, tanto che continuarono a chiamarli "bastardi" nei secoli che seguirono a causa dei matrimoni che essi avevano contratto con essi. Questa situazione, che vedeva le comunità samaritane divise da quelle del sud, terminò quando un secolo e mezzo dopo, esattamente nel 586, Nabucodonosor, in seguito alle vittorie riportate sull'Assiria, invase la Giudea annettendo tutta la Palestina al regno di Babilonia. Come era da prevedersi, contrariamente ai Samaritani che seguitarono ad accettare il dominio babilonese come avevano precedentemente fatto con l'Assiria, i Giudei reagirono all'invasione di Nabucodonosor attaccando le sue milizie con azioni di guerriglia, attentati e imboscate, e alimentando un clima di terrore tra le popolazioni della Giudea per costringerle ad unirsi a loro nella lotta contro l'invasore. La rivolta giudea andò avanti per quindici anni circa, cioè fino a quando Nabucodonosor decise di attaccare queste bande di predoni con il | grosso dell'esercito in maniera definitiva. Conquistata Gerusalemme, dove si era asserragliato l'esercito giudaico, e distrattala radendola letteralmente al suolo, inviò a Babilonia come prigionieri i capi della resistenza, le maggiori autorità politiche e religiose e tutti coloro che economicamente e intellettualmente rappresentavano l'elite della società giudaica per un totale complessivo, stando a quanto dice la Bibbia, di circa ventimila persone. "Nabucodonosor deportò tutta Gerusalemme, cioè tutti i capi, tutti i prodi in numero di diecimila, tutti i falegnami e i fabbri; rimase soltanto la gente povera. Deportò in Babilonia il re loachin, la madre del re, le mogli del re, i suoi eunuchi e le guide del paese. Tutti gli uomini di valore, in numero di settemila". (II Re 24/14). Alla distruzione di Gerusalemme e alla deportazione delle autorità seguì una persecuzione contro i Giudei sia da parte di Nabucodonosor che intendeva liberarsi definitivamente di essi e sia da parte dei Caldei, dei Moabiti, degli Ammoniti, degli Aramei

e di tutti quei popoli che li consideravano degli invasori abusivi oltre che dei predoni. Ridotti così a cercare la salvezza attraverso la fuga la maggior parte degli ebrei lasciarono la Giudea cercando riparo nelle altre nazioni. Fu in conseguenza di questa "diaspora", la prima che si verificò nella storia ebraica, che si formarono quelle comunità extrapalestinesi le quali, assimilando i costumi e il pensiero dei popoli che li ospitavano, determinarono nei secoli successivi l'evoluzione religiosa ebraica. Questa situazione che vedeva i Giudei nella parte di perseguitati ebbe termine cinquant’anni dopo allorché in seguito alla sconfitta subita dall'impero babilonese da parte della Persia, i prigionieri ebrei che si trovavano in Babilonia Furono lasciati liberi di ritornare in Giudea. Approfittando della libertà che Ciro il Grande concedeva a tutti i popoli facenti parte dell'impero persiano di mantenere i propri culti e le proprie tradizioni, i giudei rientrati a Gerusalemme si unirono in una comunità a base rivoluzionaria per rivendicare un diritto di proprietà sulla Palestina che gli veniva dai loro antenati. Ricostruita Gerusalemme, che avevano ritrovato in un cumulo di macerie, passarono all'azione dando il via ad un programma mirante a riunire nella loro ideologia di riconquista della Palestina tutti gli ebrei, compresi quelli che, in seguito alla diaspora, si erano sparsi nelle nazioni del Medio Oriente. Avendo compreso durante la prigionia quanto fosse determinante per l'unità di una nazione riunire il suo popolo sotto un solo Dio, decisero di darsene uno che, eliminando tutte le altre divinità pagane, potesse raccogliere tutti gli ebrei sotto un solo culto. In pratica cercarono di convincere le varie comunità ad abbandonare gl'idoli atavici che avevano fino ad allora seguito per sostituirli con un unico dio, un dio dominante come lo avevano tutte le altre nazioni. Fu a questo punto della loro storia, siamo alla fine del VI secolo, che venne data la stesura della Bibbia al fine di costruirsi, attraverso l'invenzione di un Dio che gli aveva promesso una terra e l'apologia di un orgoglio di razza, i presupposti necessari per fondare un movimento rivoluzionario per la conquista della Palestina. Tutto ebbe inizio con un gruppo di dieci-quindicimila esaltati che intendevano riappropriarsi di quelle terre su cui i loro antenati avevano spadroneggiato da tiranni e che, in definitiva, erano le uniche su cui potevano mirare per evitare la scomparsa della loro razza che praticamente era già cominciata con la formazione di quelle comunità che, per quanto volessero restare integre nel rispetto delle loro tradizioni, sarebbero state prima o poi assorbite dai popoli presso i quali si erano insediate. Terminata la prima stesura della Bibbia (che in realtà doveva essere apparsa in forma molto ridotta, limitandosi a raccontare una storia riassumibile nella costruzione di un Dio senza nome, nella formazione di un popolo che si era costituito in seguito alla liberazione di una schiavitù, nel racconto di lotte sostenute per conquistare una terra la cui proprietà gli veniva da una promessa fatta dal Creatore del mondo), la divulgarono nelle varie comunità, affidandola ad attivisti procacciatori di proseliti. Questo popolo, caratterizzato da una solidarietà reciproca che si era in loro connaturata per via di quelle lotte secolari che aveva dovuto sostenere contro tutto il resto del mondo, non rimase insensibile al programma di riunificazione proposto dalla comunità di Gerusalemme. Anche se molti furono gli Ebrei che ne rimasero fuori continuando a professare credenze ancestrali, tanti furono quelli che, accettata l'ideologia monoteista, presero a riunirsi sotto le direttive della comunità di Gerusalemme organizzando assemblee nelle quali venivano discussi i temi e si sviluppava una propaganda di diffusione della nuova ideologia yahvista. Tra queste comunità che cominciarono a sorgere in tutte le città del Medioriente e che in seguito, sotto l'occupazione greca, prenderanno il nome di Ekklesie, le principali furono quelle di Alessandria in Egitto, Corinto in Grecia, Efeso in Asia Minore e Damasco in Siria. In questa organizzazione che riconosceva in Gerusalemme la guida ideologica le cose andarono avanti su questo tenore fino a quando le comunità extrapalestinesi, resesi conto di quanto fosse utopico conquistare la Palestina attraverso l'uso delle armi, si opposero al

programma rivoluzionario giudeo il quale, oltre ad essere irrealizzabile, gli procurava ostilità e diffidenza da parte dei popoli che li ospitavano. La potenza degli imperi, prima quello persiano di Ciro il Grande, poi quello macedone di Alessandro Magno, contro cui combatteva la comunità di Gerusalemme, era troppo grande perché si potesse realizzare un programma di conquista armata della Palestina. Di fronte a questa evidenza, confermata dai continui fallimenti delle rivolte che terminavano immancabilmente con bagni di sangue, le comunità extrapalestinesi decisero di staccarsi definitivamente da quella di Gerusalemme per perseguire un proprio piano di unificazione pacifico basato esclusivamente su un'ideologia religiosa. Anche se non è possibile stabilirlo con esattezza, è da presumersi che la scissione fra i sostenitori dell'ideologia pacifista e quelli dell'ideologia guerriera sia avvenuta agli inizi del IV secolo, cioè dopo circa duecento anni da che era stata redatta la prima stesura della Bibbia. Cosicché mentre la comunità di Gerusalemme continuava a sostenere il Dio guerriero che prometteva l'avvento di un Messia davidico conduttore di eserciti, le altre comunità, respinto il Dio obsoleto, rozzo e superficiale che la comunità di Gerusalemme si era inventato con la sua Bibbia, cominciarono a costruirne uno superiore, spirituale e asceta su imitazione di quelle divinità pagane che si contendevano, sia pure in forma pacifica, il predominio sul Medio Oriente. Entrare in competizione con religioni così teologicamente avanzate con un Dio che sedeva sopra una nuvola, passeggiava tra le tende facendo attenzione a non acciaccare gli escrementi, capace di dare al suo popolo soltanto stragi e epidemie, sarebbe stato andare incontro ad un sicuro fallimento. Compreso quindi che il Dio biblico andava completamente revisionato, ne plasmarono uno metafisico facendo propri i concetti delle divinità pagane, quali quelli che sostenevano il dio Marduk in Babilonia, Iside in Egitto, Cibele in Frigia, Dionisio in Tracia e Mitra in Persia, che nei loro "Culti dei Misteri" promettevano ai loro seguaci una vita eterna dopo la morte completamente ignorata dalla Bibbia nella sua prima edizione. La trasformazione di questo Dio rozzo, obsoleto e superficiale in un Dio essenzialmente spirituale la possiamo seguire attraverso i libri che furono scritti dagli esponenti della corrente religiosa ebraica nei secoli IV, III e II e tutte quelle correzioni, aggiunte e censure che furono apportate in seguito sugli stessi per adattare il loro Dio all'evoluzione dei concetti. I libri scritti dalla corrente pacifista a sostegno della loro dottrina furono una quindicina. Basta prendere a caso soltanto qualcuno di questi libri per comprendere quanto l'ideologia guerriera espressa nella prima redazione della Bibbia si fosse trasformata in spiritualista nel giro di due o tre secoli. Cronache: il popolo ebreo non viene più considerato come conquistatore di una terra attraverso una riscossa armata, ma come strumento di realizzazione di un dominio spirituale basato sulla teocrazia imposta da un popolo eminentemente religioso. Esdra: escludendo ogni possibilità di costruire un potere politico temporale, ipotesi che continuava a sostenere la comunità di Gerusalemme, prende in esame un potere spirituale basato su una riforma religiosa come essi, gli spiritualisti, la stavano realizzando. Salmi: Davide, re sanguinario e spietato conduttore di eserciti quale era stato concepito nella prima redazione della Bibbia, viene trasformato in un re umile e penitente che, rinnegando il suo passato, chiede perdono a Dio dei suoi peccati. E come sfrontatamente oseranno attribuire i Salmi a Davide, vissuto seicento anni prima che fossero scritti, così diranno che l'autore dei libri Qoelet, Proverbi e Sapienza fu Salomone. Questi libri, scritti tutti da anonimi stesori, non sono altro che una raccolta di

antichi fatti e storielle d'ispirazione filosofica orientale che essi ricopiarono adattandoli, spesso in maniera insensata e goffa, alle loro convenienze per dare credito a quella loro ideologia che, improvvisata come si presentava, sarebbe apparsa troppo priva di storia per essere accettata anche dai seguaci più ignoranti. Tanto per citare un esempio affinché si comprenda ciò che ho detto, prendiamo il "Cantico dei Cantici" di derivazione prettamente orientale, tradotto anche questo da un ignoto, nel quale si parla, spesso usando un linguaggio licenzioso più adatto a un Kama Sutra che a un'opera religiosa, di un amore tra due giovani in una maniera a dir poco ridicola. Questo libro che nell'originale risulta essere un capolavoro di poesia amorosa tra due giovani fu trasformato dagli ebrei spiritualisti, che trasposero il ragazzo nella persona di Dio e la ragazza nel popolo d'Israele, in un'opera di comicità così paradossale da portare il lettore a ridere fino alle lacrime. Dal momento che uno degli scopi principali dei sostenitori dell'ideologia religiosa era quello di demolire la figura del Messia guerriero per sostituirla con quella di un Messia spirituale, pensarono di attribuire il libro dei Salmi, che in realtà è una raccolta di cantici orientali d'ispirazione religiosa, a Davide. Ma come avrebbero potuto attribuire a Davide un'opera prettamente mistica se egli era stato descritto nella prima stesura della Bibbia come un sanguinario, un fedifrago, un vizioso, un impietoso esecutore di stragi, un razziatore? Fu a questo punto, dopo circa tre secoli, che i redattori aggiunsero alla Bibbia un Davide frustrato, piangente e implorante perdono a Dio per le proprie colpe. Come causa dell'immenso dolore, quale situazione poteva essere più adatta di quella di un figlio che si rivolta contro il proprio padre? E così s'inventarono la storia di Assalonne che contestò il padre Davide, marciando contro di lui, per impossessarsi del regno di Gerusalemme. Per renderci conto di come fu trasformata la figura del Davide criminale nella prima edizione, in quella di un Davide santo che piange sui propri peccati riporto alcuni passi tratti dalle due edizioni. Dalla prima edizione: "Davide si alzò, partì con i suoi uomini e uccise duecento filistei. Davide tagliò loro i prepuzi e li contò davanti al re Saul " ( I Sm. 18/27). "Davide partiva a fare razzie contro i Gherusiti, i Ghirziti e gli Amaleciti. Batteva quel territorio e non lasciava in vita né uomo né donna. Non lasciava in vita nessuno perché non ci fossero testimoni delle sue stragi". ( I Sm. 27/8). "Gli uomini di Davide tornavano da una scorrerìa e portavano con sé grande bottino". (IISm.3/22). "Davide diede ordine ai suoi soldati di uccìdere Recab e Baana suo fratello; questi li uccisero, tagliarono loro i piedi e le mani e li appesero presso la piscina di Ebron". ( II Sm. 4/12). Di fatti simili, tendenti a costruire la figura di un Messia guerriero implacabile e impietoso verso i nemici d'Israele riportati nella prima Bibbia, ce ne sono ancora a dozzine. Dalla seconda edizione: Agli insulti che gli vengono pubblicamente rivolti da un certo Simei, figlio di Ghera, che lo chiama sanguinario e scellerato, Davide mansuetamente così risponde rivolgendosi a coloro che erano presenti all'umiliazione che pubblicamente aveva subito: « Lasciate che costui mi maledica poiché egli non è che l'esecutore di un ordine del Signore. Forse il Signore guarderà la mia afflizione e mi renderà il bene in cambio della maledizione di oggi». Incalzato dal figlio Assalonne che voleva ucciderlo: "Davide saliva l'erta degli ulivi, saliva piangendo e camminava con il capo coperto e a piedi scalzi. Tutta la gente che era con lui aveva il capo coperto e, salendo, piangeva ". Il re Davide e i pochi che gli erano rimasti fedeli sono ridotti talmente allo stremo

delle forze che, un certo Sabi e un certo Barzillai, presi di pietà verso di essi, gli portarono da mangiare formaggi di pecora e di vacca dicendo: « Questo re e la sua gente hanno patito fame, stanchezza e sete nel deserto! ». E non parliamo poi della disperazione che provò Davide quando gli comunicarono che il figlio Assalonne era stato ucciso da sicari in un'imboscata tesagli nella foresta di Efraim. D'altronde era da prevedersi che nel copione fosse prevista la morte del figlio perché la scena finale della commedia potesse chiudersi su un Davide che piange ed urla con il capo coperto di cenere. Sarà poi da questi libri scritti nel IV, III e II secolo che i cristiani trarranno le profezie per redigere i loro Vangeli e le basi per costruire la loro liturgia, associando alle sofferenze di Davide la Passione di Cristo. Basti dire che i Salmi, come tutti gli altri libri facenti parte del Vecchio Testamento, sono la traduzione in ebraico o in greco di antichissimi carmi orientali operata dai Giudei per costruire la loro ideologia religiosa, per comprendere come la Bibbia sia un insieme di frodi e di falsificazioni esattamente come lo sono i libri del Nuovo Testamento che da essi derivano, quali i Vangeli, gli Atti degli Apostoli e quelle Lettere attribuite ad un fantomatico Paolo di Tarso che la Chiesa ha esaltato come colonna portante delle proprie "verità" e della propria "morale". Le falsificazioni sono talmente evidenti che molte di esse sono state riconosciute anche dalla Chiesa, come per esempio il libro "Sapienza" che, scritto nel primo secolo av.n.e., fu attribuito a Salomone che era vissuto ottocento anni prima. Le due correnti proseguirono ognuna nella propria ideologia fino a quando, nel 168, si unirono nella rivoluzione dei Maccabei per costruire, di comune accordo, un Messia dalla duplice figura che sarebbe disceso dal cielo come lo volevano i religiosi, per mettersi al comando dell'esercito giudaico in qualità di guerriero come lo volevano i rivoluzionari.

CAPITOLO VI CULTO DEI MISTERI
Per comprendere come la corrente religiosa ebraica giunse a costruire il suo Dio spirituale e quindi il Messia asceta da opporre a quello guerriero della corrente rivoluzionaria, dobbiamo soffermarci a spiegare quelle cerimonie che I venivano celebrate nelle religioni pagane con il nome di "Culto dei Misteri". Culto dei Misteri era il nome che si dava a particolari cerimonie religiose a cui potevano partecipare soltanto gli iniziati, rispondenti al nome di "Mista", da cui viene mistero, e sulle quali era fatto obbligo mantenere il più assoluto segreto. I Misteri miravano alla salvezza dell'individuo per mezzo dell'iniziazione a una dottrina e a pratiche rituali ad essa relative che dovevano rimanere celate ai non appartenenti alla setta. Inizialmente connessi a rituali sacro-magici diretti a sollecitare le forze della natura a risvegliarsi dopo la stasi dell'inverno, si rivolsero in un secondo momento, alla condizione dell'anima umana dopo la morte. Come un seme che dopo aver trascorso il periodo invernale torna a vivere attraverso il germoglio, così l'uomo pensò che anche egli sarebbe potuto risorgere a seconda vita. Fu in questo trasferimento di se stesso nel seme che rivive nel proprio germoglio che l'uomo concepì la resurrezione dalla morte. La presenza di un estinto che si sentiva accanto, il realizzarsi di premonizioni ricevute da defunti apparsi in 1 sogno ed altre simili allucinazioni e visioni, furono considerate come prove confermanti l'esistenza di un altro mondo. Si entrava a far parte di queste sette attraverso un rito che i greci chiamarono battesimo dalla voce "baptizzo", ovvero immergo. L'iniziato dopo un periodo d'indottrinamento veniva immerso in una vasca contenente acqua lustrale che, cancellando tutte le colpe del passato, gli permetteva di ricevere come premio la vita eterna se avesse rispettato le regole dettate dalla religione che aveva abbracciato. I primi a praticare il battesimo furono i sacerdoti egiziani della dea Iside. Questa pratica riservata al principio ai Faraoni, concessa poi ai grandi sacerdoti e quindi ai dignitari politici e agli ufficiali, fu infine estesa a tutti, compresi i ceti più umili. Una forma di comunismo spirituale che, legando le masse a un'unica credenza, favorì l'imperialismo faraonico che era basato su quella politica di ampliamento demografico in atto all'epoca della seconda invasione ebraica dell'Egitto. In seguito al successo politico-sociale riportato dagli egiziani, nel giro di pochi secoli tutte le religioni del Medio Oriente, sostenute dai vari imperialismi, si ritrovarono a praticare il battesimo. Nel rito legato al culto del dio Attis, mentre l'iniziato veniva immerso nell’acqua lustrale, il sacerdote recitava: «Tu sei rinato e da questo momento farai parte del mondo degli eletti a cui sono aperte le porte dell'eternità ». Le cerimonie battesimali, anche se recitate in nome di divinità diverse, si somigliarono tutte. Lo stesso rito celebrato in Egitto per la dea Iside veniva ripetuto in Frigia per Attis, a Babilonia per il dio Marduk, in Grecia per Dionisio e Demetra ( Misteri Eleusini) e in Persia per il dio Mitra. Accomunate così da uno stesso rituale e da uno stesso fine, quello di assicurare ai propri seguaci la resurrezione, tutte queste divinità si trovarono nel pieno di una competizione per la supremazia, volta a fare di ciascuna la dominatrice su tutto il Medio Oriente. Praticamente il Culto dei misteri diede inizio a quel sincretismo che in forma pacifica avrebbe portato al monoteismo selezionando la divinità trionfatrice sulle altre; monoteismo ben differente da quello imposto dalla Bibbia che era basato sull'imposizione del proprio Dio attraverso una forma di violenza rivoluzionaria. Che il sincretismo pagano mirasse a imporre un unico dio attraverso una selezione naturale dei culti, o meglio attraverso una fusione spontanea delle religioni, ci viene dimostrato dal fatto

che nel V, IV e III secolo furono costruiti templi in cui venivano adorati contemporaneamente numi rivali quali quello di Serapide in Grecia nel quale si adorava Iside e Zeus se non addirittura monumenti rappresentanti un amalgama di dei. Tra le tante statue ritrovate che datano a quell’epoca ce ne sono alcune che risultano composte da diverse divinità a suffragio di un unico culto come quella che ancora esiste a Comagene (Turchia) nella quale, sotto il simbolo del sole, si trovano scolpite nello stesso monolito le figure di Mitra, Apollo, Elio e Demetre. Su tutte queste divinità trionfava il dio della luce, quel dio sole (Aton) che fu eletto quale unico dio dal Faraone Akenaton, il primo a concepire il monoteismo. Ricollegandosi a questa ideologia che poneva il sole come unico dio dell'universo, tutte le religioni che seguirono tesero a rapportare il proprio dio a questo astro che, nel suo dominio assoluto sull'esistente, come illuminava il inondo dei vivi, altrettanto rischiarava quello dei morti. Ideato così il sacramento del battesimo, che offriva la possibilità di accedere ad una seconda vita dopo la morte, si trattò allora di escogitare il sistema che avrebbe permesso agli uomini di poter rinascere una seconda volta come quel chicco di grano che ritornava a vivere a primavera attraverso il germoglio che usciva dalle zolle. Essendo l'immortalità un requisito riservato soltanto agli dei non rimaneva che trovare il modo di trasferirla da essi all'uomo. Fu così che i praticanti il Culto dei Misteri attraverso l'elaborazione di primitive convinzioni, per le quali si credeva che mangiando le interiora del nemico ucciso e bevendo il suo sangue si sarebbero assimilate le sue virtù, giunsero alla conclusione che avrebbero incorporato l'immortalità del loro dio bevendo il sangue degli animali che venivano immolati in suo onore, animali che in un eccesso di esaltazione religiosa furono tanto assimilati agli déi da divenire essi stessi delle vere e proprie divinità. Dopo averli sgozzati, nella convinzione che questi animali fossero la personificazione del dio che rappresentavano, i seguaci ne bevevano il sangue e ne mangiavano le interiora per incorporare attraverso di essi le essenze divine che contenevano, prima fra tutte l'immortalità che avrebbe permesso loro di vivere una seconda vita eterna in seguito alla resurrezione dalla morte. Questa forma di teofagia primitiva, cioè di comunione con il proprio dio attraverso la fagocitazione dell'animale che lo rappresenta, è ancora praticata da alcune tribù dell'Africa, della Nuova Zelanda e presso alcuni popoli dell'America del sud. In seguito, con i cerimoniali che si facevano sempre più raffinati ed elaborati, il sangue che prima veniva bevuto direttamente dal collo dell'animale fu raccolto in coppe che venivano passate ai fedeli i quali se le portavano a turno alla bocca tra canti, preghiere propiziatorie e gesti magici eseguiti da sacerdoti che pontificavano in abiti sempre più appariscenti e luccicanti di pagliuzze dorate e ricami d'argento. In una fase di ulteriore raffinatezza, dipendente soprattutto dal fatto che non a tutti era gradito bere del sangue, questo fu sostituito con il vino che doveva essere rosso e dolce perché eguagliasse il più possibile il sangue...e gli antropologi ancora si chiedono da dove origini il vampirismo! Il primo utilizzo del vino in sostituzione del sangue fu praticato in Egitto 1500 anni prima di Cristo dai sacerdoti della dea Iside. La cerimonia della transustanziazione del vino nel sangue della divinità viene riportata da graffiti dell'epoca. A un punto stabilito della cerimonia il sacerdote eseguiva la consacrazione dicendo: «Tu sei vino ma non sei vino perché tu sei le interiora di Iside ». Dopo di che, preso il calice lo porgeva ai fedeli presenti che inginocchiati se lo passavano a turno ringraziando la divinità quale dispensatrice di grazie e di eternità. Nel culto di Attis e di Cibele il rito eucaristico assumeva l'importanza di convivi collettivi. Tra canti e suoni si consumavano questi pasti comunitari che venivano chiamati "banchetti eucaristici" esattamente come, dopo tremila anni, vengono ancora oggi

chiamate le riunioni dai comunicandi seguaci del cristianesimo. Delle cerimonie celebrative di Attis e di Cibele sono state ritrovate tavolette che riportano le formule di ringraziamento che i fedeli pronunciavano dopo aver bevuto il vino che si era trasformato nel sangue della divinità: « Io mi sono mischiato ad Attis » diceva il credente e il sacerdote riprendendo il calice aggiungeva: « Felice e bello, anche tu divenuto dio, ora potrai vincere la morte». Coloro che introdussero per primi il pane nel sacramento eucaristico come sostanza trasformabile nel corpo del dio furono i sacerdoti di Dionisio il quale, in qualità di dio della fertilità e dell'abbondanza, era simboleggiato da un chicco di grano. A un certo punto le consacrazioni furono eseguite da tutte le religioni su questi due elementi, tanto che in alcune di esse ritroviamo le stesse formule che ancora oggi vengono praticate dai seguaci di Gesù, di questa divinità cristiana che, come vedremo, fu costruita soltanto nel secondo secolo dopo la nostra era a completa imitazione delle divinità pagane. Ma questa pratica eucaristica, che andò avanti per diversi secoli, per quanto fosse supportata da preghiere e cerimoniali che divenivano sempre più complessi ed elaborati nelle loro manifestazioni magiche fatte di segni in aria e di formule sibilline, cominciò a sembrare sempre più dubbia a causa di quell’evoluzione teologica che portò al seguente interrogativo: "Come può una divinità trasmettere all'uomo la virtù della resurrezione se egli non la possiede, dal momento che essendo eterno non è mai morto?" Quindi, per quel "nemo dat quod non habet" (nessuno può dare ciò che non ha), i teologi pagani pensarono di far discendere gli dei sulla terra affinché, divenendo uomini, potessero morire e quindi risorgere per acquisire la virtù della resurrezione da trasmettere agli nomini. Di conseguenza, essendo questi dei divenuti capaci di trasmettere la salvezza agli uomini, furono chiamati "Soters", cioè Salvatori. La morte della divinità, essendo divenuta così il fine principale da raggiungere per pervenire alla resurrezione, tutte le religioni pagane fecero scendere i propri dei dal cielo presentandoli in età già adulta. Poiché l'incarnazione del dio veniva motivata dal fatto che egli scendeva sulla terra per far conoscere agli nomini la sua morale di salvezza, di conseguenza questi dèi venivano presentati tutti nelle vesti di predicatori prima di essere fatti morire per opera dei loro nemici rappresentati dai seguaci del male. I fatti si svolgevano nel modo seguente: Il Soter, una volta sceso sulla terra, dopo aver predicato la sua religione, veniva catturato dai suoi avversari (le forze del male) che lo uccidevano dopo avergli fatto subire una Passione. Dopo tre giorni dal decesso, durante i quali veniva fatto discendere agli inferi per dimostrare che era divenuto padrone della morte, egli veniva fatto risorgere per ritornare nel mondo degli dèi dal quale era venuto. Acquisita così la virtù della resurrezione, egli poteva di conseguenza trasmetterla all'uomo attraverso il sacramento dell'Eucaristia che si basava sul quel principio primitivo secondo il quale le virtù del nemico ucciso in battaglia si assimilavano bevendo il suo sangue e mangiando le sue interiora. Nella competizione creatasi tra le varie credenze, ogni setta religiosa compilò un vangelo nel quale, raccontando la vita e le prediche del proprio Salvatore, esprimeva la propria morale di salvezza. Sempre per quel principio primitivo che associava la resurrezione alla rinascita della natura, le divinità venivano fatte morire e quindi risorgere tutte in primavera. La morte di Marduk, dio sumero-babilonese, veniva celebrata tra il quindici e il venti di marzo. La sua passione era così raccontata nel suo vangelo: catturato dai nemici, dopo essere stato condotto su una montagna dove, dopo averlo ricoperto con un mantello di porpora a fine derisorio e dopo avergli messo in mano una canna come scettro e sulla testa una corona di foglie di acanto, fu processato e condannato a morte dopo un interrogatorio riguardante le sue pretese di dichiararsi dio. In un passo di questo vangelo veniva detto che i suoi carnefici prima di seppellirlo, per accertarsi che fosse veramente

morto, lo avevano colpito al petto con una lancia provocandogli una ferita dalla quale era uscito un liquido biancastro. Questo particolare, che può apparire secondario, assume invece una grande importanza perché attraverso di esso i seguaci di Marduk intendevano portare la prova della morte del loro dio affinché non ci potessero essere dubbi sulla autenticità della sua resurrezione. Lo stesso avveniva in Siria per il dio Adone che veniva fatto risorgere il 25 di marzo, tre giorni dopo la sua morte. Nel vangelo di Attis si diceva che nel sepolcro vuoto trovarono il lenzuolo con il quale avevano avvolto il dio prima di seppellirlo. (Come si vede la Sindone ha origini molto lontane nel tempo!). Una morte del tutto simile veniva raccontata nel vangelo della dea assirobabilonese Istar che dopo essere stata uccisa per impiccagione rimase appesa all'albero finché il terzo giorno fu liberata dal dio supremo creatore dell'universo che le ridette la vita. Anche lei veniva fatta discendere agli inferi durante i tre giorni trascorsi dopo la morte. (Sarà interessante vedere, quando in seguito tratteremo del cristianesimo, come i primi cristiani nei vari tentativi che fecero per costruire i loro vangeli, prima di giungere alla versione definitiva, tra le tante cose che intentarono ci fu quella di far discendere all'inferno non il loro Salvatore ma sua madre, la vergine Maria, a imitazione della dea Istar). Se in tutte le religioni la durata della morte delle divinità era di tre giorni lo si deve al fatto che tre era il numero dei giorni che i fachiri passavano sotto terra in quelle catalessi che eseguivano per dare una dimostrazione tangibile della resurrezione dopo la morte. La stessa morte per uccisione da parte dei suoi avversari, con conseguente discesa agli inferi e resurrezione finale, veniva attribuita anche al dio greco-egiziano Serapo. A questi dèi salvatori (Soters), fu dato il titolo di Kirios (Signore) in conseguenza della loro vittoria sulla morte. I seguaci del cristianesimo non sanno che quando recitano il Kirie eleison non fanno che ripetere quelle preghiere che i pagani rivolgevano a Ittis, Marduk, Cibele, Adone, Demetra, Mitra e a tutti gli altri nei loro Culti dei Misteri. Se fra tutte le religioni impegnate nel sincretismo quella che si dimostrò la più valida fu il mazdeismo, ciò dipese dal fatto che essendo l'ultima arrivata poté usufruire delle esperienze altrui. Anche se la sua origine si perde nella notte dei tempi, scaturendo da antichi racconti babilonesi risalenti al XIV secolo av.n.e., essa si delineò netta e precisa soltanto nel VII secolo per opera di un certo Zaratustra o Zoroastro che, avuta da Aura Mazda la rivelazione della vera religione, fece leggere a Vishtaspa, re dell'Iran, l'Avesta, che era un libro in lingua avestica che riportava la morale dettatagli da Dio. Il re, riconosciutala valida, dopo essersi convertito con la sua famiglia, la impose a tutti i popoli da lui dipendenti che, frastagliati in una moltitudine di idolatrie, riuscì grazie ad essa a riunire sotto un solo dio. (Fu in seguito a questi esempi che gli venivano dagli altri popoli che i Giudei concepirono il programma di riunire gli ebrei sotto un solo Dio). Imposto così in Iran dal re Vishtaspa, il Mazdeismo dopo essersi imposto in Persia e in Siria si diffuse ben presto in tutto il Medio Oriente in virtù dei suoi concetti religiosopolitici che si dimostrarono superiori a quelli delle altre religioni. Per comprendere nella maniera più chiara e rapida possibile la teologia avestica immaginiamoci di essere degli spettatori che, seduti nella platea di un teatro, assistono a una recita. Le tende si aprono mostrandoci sul palco Aura Mazda che vive solo nella sua essenza eterna di Dio in un infinito privo di materia rappresentato simbolicamente da un toro che nella sua forma trascendentale racchiude in sé il bene e il male. E' con questa visione che esprime un infinito privo di materia rappresentato da un toro cosmico, che il mazdeismo dà inizio alla creazione dell'universo. Dato che nei dettami teologici il nulla viene assimilato alle tenebre, di conseguenza la fine del nulla la si faceva dipendere dall'avvento della luce e quindi del sole.

La religione Mazdeista risolve il mistero della creazione attribuendo ad Aura Mazda un figlio, dio solare, a cui dà il nome di Mitra; un dio di origine indo-iraniana risalente all'epoca vedica (XIV sec. av.n.e.). (Tutte le religioni non sono che l'adattamento, il rimodernamento e la trasformazione di religioni precedenti la cui storia, regredendo nel tempo, ci riporta a quell'animismo che fu la prima base delle credenze umane, animismo che a sua volta deriva dalla superstizione e dell'ignoranza che portò i primitivi a temere l'incognito). Questa situazione di un nulla che procede dall'eternità, a un certo punto s'interrompe per opera di Mitra che, uccidendo il Toro cosmico, dà alla creazione dell'universo. (Mitra è il sole che fuga le tenebre). Le forze del bene e del male che si erano liberate in seguito alla morte del toro cominciarono a combattersi per il predomino dell'universo. Le prime, rappresentate dal dio Aura Mazda e dai suoi angeli della luce "Amesha Spenta" sconfissero il cattivo Arimane e i suoi angeli delle tenebre (demoni) che per salvarsi si rifugiarono sulla terra. Fu in conseguenza di questo trasferimento della lotta cosmica sulla terra che gli uomini vennero coinvolti nella lotta tra il male e il bene. Noi che siamo in platea vediamo a questo punto che sulla scena il sole pervade incontrastato tutto l'universo tranne la terra dove, con la presenza della notte che s'intervalla al giorno e le ombre che contrastano la luce, esistono ancora le tenebre. Gli uomini vorrebbero che anche sulla Terra, come nell'universo, il bene vincesse sul male ma purtroppo sono loro stessi che, per mancanza di una direttiva morale, ne impediscono la realizzazione schierandosi spesso dalla parte delle tenebre. Questo andamento di cose che vede gli uomini cedere alle tentazioni dei demoni nonostante essi desiderino nel loro inconscio che la luce trionfi sulle tenebre, va avanti fino a quando il dio Aura Mazda decide di inviare suo figlio sulla terra per insegnare la via giusta da seguire di modo che l'umanità, schierandosi definitivamente dalla parte del bene entri in una collaborazione con gli angeli della luce che permetta di fugare le tenebre anche sulla Terra. Praticamente, la pretesa della religione avestica di possedere la verità è la stessa che avevano tutte le religioni che si dichiaravano ciascuna essere quella vera, accusando le altre di essere false e mendaci. Mitra era presentato nella teologia avestica come il trait d'union tra quei due desideri di cui ho parlato, il desiderio di Aura Mazda, che voleva la salvezza dell'uomo, e il desiderio dell'uomo che voleva essere salvato, desideri che pur avendo lo stesso fine non potevano realizzarsi perché, appartenendo a due mondi differenti che non potevano comunicare tra loro. Il desiderio di Dio di indicare agli uomini la via da seguire per vincere il male, essendo racchiuso in un pensiero appartenente a un mondo essenzialmente spirituale, non poteva essere recepito dall'uomo che, fatto di materia, apparteneva ad un'altra dimensione. Due mondi separati da un confine invalicabile dal momento che l'uno, quello di Dio, viveva al di fuori della materia nella sua immutabilità spirituale, mentre quello dell'uomo viveva nella materia, soggetta alla corruttibilità. Perché il contatto potesse avvenire e dare inizio ad una comunione tra Dio e gli uomini bisognava dunque che uno dei due mondi superasse il confine di separazione ed entrasse nell'altro. Escluso che l'uomo potesse trasformarsi in essenza divina a causa della sua pochezza, il contatto non poteva quindi avvenire che per iniziativa di Dio. Fu così che Aura Mazda, stando alla teologia avestica, a un certo punto decise di tradurre il suo pensiero trascendentale in una voce comprensibile agli uomini, trasformando suo figlio Mitra, che era puro spirito come lui, in materia facendolo incarnare come uomo. Fu da ciò, da questa trasformazione del pensiero in voce, che Mitra fu chiamato "Logos" che significa "Parola" (Verbo). Poiché questo concetto fu poi adottato e fatto proprio dai cristiani che lo applicarono a Gesù quale Salvatore (Soter) fattosi uomo per volere di Dio, se qualcuno vuole ulteriori spiegazioni sulla nozione di "Logos", non ha che da chiederlo ai preti perché in realtà la

teologia cristiana non è che la riproduzione esatta di quella mazdeista. La vita di Mitra quale Salvatore (Soter), una volta disceso sulla terra, è del tutto simile a quella riportata dalle altre religioni riguardo ai loro dei, anche se nel suo vangelo, a differenza degli altri Culti dei Misteri, gli si dà una spiegazione riguardo alla sua venuta sulla terra che lo vuole nato da una vergine che lo aveva concepito per opera dello stesso dio Aura Mazda. Cresciuto in virtù e saggezza, dette inizio alla sua attività redentrice predicando la morale Mazdeista. Una morale che indirizzandosi soprattutto agli umili e agli oppressi, veniva riassunta in una predica, detta delle "Beatitudini", nella quale Mitra prometteva una ricompensa di felicità eterna dopo la morte a coloro che con rassegnazione avessero sopportato l'oppressione e le ingiustizie su questa terra. Nel vangelo di Mitra venivano raccontati gli attacchi che egli aveva ricevuto da parte dei suoi nemici, i seguaci del principe delle tenebre Arimane (Angra Maniu) e dei suoi demoni, gli angeli del male. La sua passione è del tutto simile a quella degli altri Salvatori appartenenti agli altri Culti dei Misteri. Ucciso dopo essere stato torturato, fu appeso a un palo e fatto resuscitare il terzo giorno dalla morte dopo essere disceso agli inferi. Nel vangelo avestico viene riportata anche l'ultima cena che Mitra consumò con i suoi apostoli. Dopo aver trasformato il pane e il vino nel corpo e sangue proprio e aver detto loro che se lo avessero mangiato e bevuto avrebbero ricevuto la vita eterna, promise che alla fine del mondo sarebbe ridisceso sulla terra su un carro tirato da cavalli per giudicare, dall'alto di una nube, i vivi e i morti che sarebbero usciti dalle tombe ritornando in possesso dei loro corpi (resurrezione della carne). Compiuta così la sua missione sulla terra e lasciato ai suoi discepoli il compito di propagare la sua dottrina, Mitra veniva fatto risalire in cielo dove si riuniva con il padre Aura Mazda in attesa del giudizio universale. Questo giudizio universale, operato su tutti i vivi e i morti, è l'ultimo atto della commedia a cui abbiamo assistito. Dopo di che, con la fine del mondo, con l'annientamento della materia, ritornando tutto allo stato precedente la creazione, il sipario si richiude sulla stessa scena su cui si era aperto, cioè su Aura Mazda che, in qualità di pensiero, si ritrova a pensare, non si sa bene a che cosa, immerso in un'eternità fatta di nulla. A noi non rimane che battere le mani all'ideatore e al regista di questa commedia anche se non possiamo nascondere una certa perplessità che ci viene dall'interrogativo: "perché tutto ciò?" soprattutto se pensiamo che il risultato comporta la condanna di gran parte dell'umanità a un'eternità di dolore. Nella religione avestica, come la resurrezione di Mitra veniva festeggiata alla metà di marzo a simboleggiare la rinascita della natura dopo la morte dell'inverno, così si celebrava la sua nascita il venticinque di dicembre per esprimere, attraverso l'allungarsi del giorno, la vittoria della luce sulle tenebre. Nel rito che si svolgeva in occasione della natività venivano offerti al bambino Mitra, nato da una vergine, l'incenso quale simbolo di spiritualità, l'oro quale riconoscimento della sua regalità e la mirra come espressione del concetto di eternità. Tutto ciò che si riferisce alla religione mazdeista, anche se le sue concezioni base provengono da antiche leggende babilonesi, si attribuisce al suo fondatore Zaratustra. Tra le tante cose che si narrano di lui, come che fosse un principe di stirpe reale, c'era quella che faceva corrispondere la sua nascita (VII sec.) a un evento cosmico apportatore di luce che si verifica ogni sette secoli con l'entrata di Giove e Saturno nella costellazione dei pesci. Fu in seguito a questa coincidenza che alcuni veggenti profetizzarono che al successivo verificarsi dello stesso avvenimento astrale sarebbe nato un "Giusto" simile a Zaratustra che avrebbe dato inizio a un'era di benessere che si sarebbe conclusa con il trionfo definitivo del bene sul male. (Lo scadere di questi sette secoli coinciderà con l'era messianica). Diffusasi subito in Iran, in Persia e in Siria in seguito alla conversione del re Vishtaspa che l'impose ai suoi sudditi, la religione Mazdeista si propagò in tutto il Medio

Oriente e soprattutto in Grecia dove fu incoraggiata da Alessandro il Macedone prima, e dagli imperatori ellenici che seguirono poi con le dinastie dei Seleuciti e in fine a Roma dove fu dichiarata religione di Stato. I motivi per cui il mazdeismo s'impose sulle altre religioni furono essenzialmente due: 1) Coinvolgendo tutta l'umanità in un concetto di salvezza universale favoriva il sincretismo tanto auspicato dagli imperialismi. 2) Rivolgendosi in particolarmente a coloro i quali ricevevano ingiustizie sociali con la promessa di una ricompensa che avrebbero ricevuto dopo la morte se avessero sopportato le sofferenze con umiltà e rassegnazione, tendeva a rendere quieta quella massa di insoddisfatti che ha rappresentato sempre uno dei maggiori nemici della stabilità degli imperialismi. La Grecia, compresi i vantaggi che poteva trame, favorì l'espansione del Mazdeismo esaltandolo filosoficamente come ideologia apportatrice di benessere e di giustizia. Piatone, messosi al servizio del programma imperialista ellenico, filosofeggiando sui concetti avestici, preconizzò la realizzazione del sincretismo su un "Logos" che in qualità di dio lo pose in cielo, al centro di una croce i cui vettori, indicando i quattro punti cardinali, ne dimostravano l'universalità, e come uomo nella figura del "Giusto" zaratustriano che avrebbe dato la propria vita per insegnare agli uomini la giusta morale da seguire. Ispirandosi ai Culti dei Misteri, Piatone arrivò a preconizzare addirittura la passione e la morte di questo Salvatore che sarebbe stato ucciso dai suoi oppositori, cioè da seguaci del male: "Ecco quello che vi diranno: che il "Giusto ", nella condizione in cui si trova, sarà frustato, torturato, legato, gli saranno bruciati gli occhi e infine, dopo avergli fatto soffrire tutti i mali possibili, sarà messo al palo ". Questa frase di Piatone riferita al futuro realizzatore del sincretismo, parla di un palo (stauros) e non di croce come i cristiani hanno invece tradotto per trasferire sul loro Cristo questa profezia. Piatone non poteva assolutamente parlare di croce come la intendono i cristiani, cioè la croce latina, perché essa non è mai esistita come strumento di morte. Come vedremo in seguito, la croce latina non è che un'invenzione operata dai cristiani alla fine del IV secolo. Come Piatone esaltò il "Logos" avestico, vedendo in lui il realizzatore del sincretismo, Aristotele, precettore di Alessandro Magno, espose il concetto di un Dio unico che riteneva essere all'origine dei movimenti della materia. Di conseguenza, come furono incoraggiate le teorie filosofiche sostenenti il sincretismo, furono altrettanto condannati in Grecia quei matematici filosofi che, sostenendo come verità accettabili soltanto quelle derivanti dalla ricerca scientifica, si opponevano a tutte queste teorie teologiche i cui concetti assurdi, rifiutati dalla ragione, non potevano essere che una truffa ai danni del progresso e dell'evoluzione sociale. Per dimostrare quanto le religioni siano state sempre causa di regresso e di oscurantismo accennerò a quei pensatori che, negando ogni principio divino, furono perseguitati dagli imperialismi politico-religiosi che basavano il loro potere sull'alienazione intellettuale dei popoli. PARMENIDE, negando un Dio creatore, sosteneva l'eternità della materia scrivendo in un suo poema: "Tante sono le prove che dimostrano che ciò che esiste non può avere fine". ERACLITO, nella sua opera, della quale è rimasto soltanto qualche frammento, affermava: "// mondo, unità di tutto, non è stato creato da nessun Dio, ma è stato e sarà un fuoco eternamente vivo che si accende e si spegne secondo delle leggi". Concetto che esprime la teoria dell'espansione e della contrazione degli universi sostenuta dagli scienziati di oggi. ANASSAGORA, nelle sue ricerche cosmologiche, spiegava come l'origine del mondo non fosse dovuta a una creazione divina, ma fosse il risultato di un miscuglio di materia realizzatosi in un turbine cosmico. Considerato un oppositore di Piatone per le sue

affermazioni razionaliste e antireligiose, condannato a morte, dovette fuggire da Atene. DIOGENE fu un altro pensatore perseguitato dai Greci per il suo ateismo e per la sua opposizione alle idee mistiche di Piatone. LEUCIPPO, subì la stessa sorte perché dichiarato materialista. Egli pose le basi della teoria atomica introducendo i concetti del vuoto assoluto e degli atomi che si muovono in esso. DEMOCRITO, discepolo di Leucippo, portò così avanti gli studi del suo maestro che si può considerare il fondatore del materialismo odierno. Per lui la realtà del mondo s'iscriveva nell'insieme dei movimenti degli atomi del vuoto. Per Democrito l'infinità dei mondi che nascono e che muoiono nell'universo, non è stata creata da un Dio, ma per merito di una relazione intervenuta tra il caso e la necessità. EPICURO fu certamente il più grande filosofo materialista e ateo della storia ellenica: perfezionò la teoria atomista di Democrito introducendo la nozione della "deviazione" (il famoso clinamen) per ciò che riguardava la traiettoria rettilinea degli atomi. Negando l'intervento degli dei negli affari del mondo, proclamava la materia principio eterno nel suo eterno movimento, quel movimento nel quale nulla si crea, nulla si distrugge ma tutto si trasforma, che fu poi dimostrato da Lavoisier 2300 anni dopo. E' Epicuro che ha dimostrato che Dio non esiste e che le religioni sono sorgente di tormento per l'uomo e che l'uomo, per realizzarsi, deve, perché lo può, seguire un'etica di ragionevole piacere. Il ragionamento di Epicuro che dimostra la non esistenza di Dio, è rimasto inconfutabile per quanto i credenti (creduli) si siano accaniti a sovvertirlo. Il male esiste, quindi di due cose l'una: o Dio ne è a conoscenza o lo ignora. 1) Dio sa che il male esiste, può sopprimerlo ma non vuole...un tale Dio sarebbe crudele e perverso, dunque inammissibile. 2) Dio sa che il male esiste, vuole sopprimerlo ma non può farlo...un tale Dio sarebbe impotente, dunque inammissibile. 3) Dio non sa che il male esiste...un tale Dio sarebbe cieco ed ignorante, dunque inammissibile. LUCREZIO, continuatore di Epicuro, nella sua opera " De Rerum Natura" distrugge ogni concetto di divinità scrivendo: "// principio che noi poseremo sopra tutto è che nulla nasce da nulla per un potere divino (ex nihilo nihil). Il timore che attualmente domina tutti i mortali e li rende succubi delle religioni, dipende dal fatto che essi vedono compiersi sulla terra fenomeni dei quali non conoscendone la causa li attribuiscono alla potenza divina. E' soltanto in seguito alla convinzione che ci porta ad affermare che nulla si può creare dal nulla che noi potremo giungere a scoprire l'oggetto delle nostre ricerche il cui risultato dimostrerà come tutto si compie senza l'intervento degli dei".

***
Poiché la religione era un'istituzione di Stato e tutto era riferito agli dei per poter soggiogare le masse, che più restano ignoranti e più fanno il gioco degli imperialismi, di conseguenza gli atei e i materialisti razionalisti furono perseguitati, mentre furono esaltati i mistici e i religiosi. Il libero pensiero fu messo così a tacere per oltre ventitré secoli cioè fino a quando, nel 1700, l'Illuminismo ridava vita al materialismo ateo. Ventitré secoli di dogmi e di misteri che impedirono ogni forma di evoluzione sociale, lasciando l'umanità nell'oscurantismo di quei Culti dei Misteri che ancora oggi vengono seguiti dai seguaci delle religioni ancora in essere e soprattutto dal cristianesimo che ne è l'esatta riprodu-

zione. Condannati quei pensatori atei che già trattavano argomenti riguardanti l'atomo, l'uomo, costretto dal plagio a credere che la materia fosse all'origine di tutti i mali, si affidò alla volontà divina da cui fece tutto dipendere. Cosicché, esaltata l'ignoranza fino a santificare i sostenitori del regresso, contrariamente a quanto sostenevano le religioni, furono le tenebre dei misteri e dei dogmi a trionfare sulla luce della ragione e del buon senso. Come conseguenza di quella incompatibilità che c'è tra la ragione e la fede, tutte le religioni si opposero, e si oppongono ancora, alla ricerca scientifica, considerata da esse la loro peggiore nemica (ex nihilo nihil). Basti dire che soltanto sotto il pontificato di Pio XII (1939-58) la Chiesa ha ammesso che è utile e lecita l'amputazione chirurgica. La Chiesa ha sempre considerato le epidemie come flagelli voluti da Dio contro i quali ogni lotta veniva considerata un sacrilegio. Quando la peste faceva strage fra le popolazioni, essa emanava ogni volta degli editti che proibivano la distruzione dei ratti, ritenendoli i realizzatori della volontà di Dio. Nel 1829 Leone XII condannò le vaccinazioni scrivendo: "Chiunque procede alla vaccinazione cessa di essere figlio di Dio: il vaiolo è un castigo voluto da Dio, la vaccinazione è una sfida contro il Cielo". Nel 1200 il Doge di Venezia sposò una principessa originaria di Bisanzio. Poiché questa principessa continuò a seguire alcuni usi della sua terra, ella scatenò subito le ire delle autorità ecclesiastiche che la minacciarono di castighi divini. Quando cadde malata, San Bonaventura (il dottore serafico) dichiarò che la sua malattia era la punizione di Dio alla quale la principessa si era esposta con il suo comportamento scandaloso che, dopo la sua morte, fu spiegato dalla Chiesa nei seguenti termini: "La principessa ha ricevuto da Dio la punizione che meritava perché portava i cibi alla bocca non con le mani come è morale fare, ma per mezzo di forche (forchette) in oro a due denti". Praticamente, se fosse dipeso da questi oscurantisti ispirati da Dio, mangeremmo ancora con le mani, lasceremmo che la peste ci distrugga per non uccidere i ratti e lasceremmo i nostri arti incancrenirsi per non contraddire il Cielo che, a quanto risulta, continua a opporsi all'uso dei profilattici per prevenire l'AIDS e alla pratica degli anticoncezionali per combattere la fame nel mondo.

CAPITOLO VII RIVOLTA DEI MACCABEI
Prima di parlare della rivolta dei Maccabei la quale, avendo determinato la riunificazione della corrente spiritualista con quella guerriera, rappresenta certamente uno degli avvenimenti più importanti della storia giudaica, è bene fare un breve sommario degli avvenimenti che seguirono la loro scissione. Le due correnti, separatesi in seguito alla decisione che presero le comunità extrapalestinesi di dissociarsi da Gerusalemme per seguire un programma essenzialmente religioso, proseguirono ciascuna secondo la propria ideologia. Mentre quella rivoluzionaria continuava secondo gli insegnamenti biblici a tener viva l'attesa del Messia guerriero scelto da Dio tra gli uomini (unto) che, novello Davide, si sarebbe messo a capo del loro esercito per ricostituire il regno d'Israele, quella religiosa s'impegnava a costruirsi un Messia sacerdotale che sarebbe disceso dal cielo come predicatore, a imitazione dei Soters dei Culti dei Misteri. Essendo lo scopo degli spiritualisti quello di opporsi al sincretismo delle religioni pagane, si vennero a trovare di fronte due costruendi monoteismi, quello pagano che, provenendo da una naturale selezione di divinità si stava pacificamente realizzando col dio Mitra, e quello giudaico rappresentato dal suo Dio artificioso e preconfezionato. Ma per quanto i teologi giudaici cercassero di elevare il loro Dio, la loro religione rimaneva tuttavia in uno stato d'inferiorità di fronte a quelle pagane per il fatto che, mentre queste presentavano ai loro fedeli un Salvatore già realizzato, la loro non poteva offrire che un Messia che doveva ancora venire. Fu questa attesa di un Messia, la cui venuta diventava sempre più utopica, a determinare quell’indebolimento di fede presso i Giudei di cui si parla nel libro di "Giobbe", uscito nel III secolo. Il libro, ispirato alla letteratura fenicia del XV secolo, fu scritto appunto per richiamare alla fede gli Ebrei che, stanchi di attendere promesse da un Dio che non le manteneva, stavano sempre più avviandosi alla miscredenza. Nella figura di Giobbe veniva rappresentato il popolo d'Israele che, sicuro della propria innocenza, si chiedeva perché Dio lo stesse castigando attraverso un'attesa così lunga, come se fosse un empio. Poiché lo scopo di questo libro era quello di il convincere gli Ebrei a conservare la fede nell'attesa del Messia, viene fatto intervenire Dio stesso con parole d'incitamento alla pazienza ad attendere il Messia che egli aveva promesso. Praticamente questa mancanza di fede non era che la conseguenza della politica applicata dagli imperialismi, prima quello persiano e poi quello ellenista, che rispettando la libertà di culto avevano favorito il sincretismo, quel sincretismo che nel suo pacifismo stava divorando il movimento rivoluzionario giudaico sia nell'ideologia spirituale, che per quanto cercasse di evolversi rimaneva comunque inferiore alle religioni pagane, e sia in quella rivoluzionaria che per i continui fallimenti era andata sempre più ridimensionandosi fino a quasi sparire. È in questo stato di agonia che troviamo nel secondo secolo la religione ebraica che era stata costruita dagli esuli di Babilonia, quella religione messa su per riunire un popolo disperso sotto un solo Dio con lo scopo di creare un movimento che avesse permesso ai Giudei di impossessarsi della Palestina. Sarebbero bastati ancora cento anni di quella politica che permetteva la libertà di culto perché Yahvè e tutti gli eroi biblici costruiti dalla Bibbia ritornassero nel limbo degli dei sconosciuti, cento anni di pace che purtroppo non ci furono perché Antioco IV detto Epifane, re ellenista, invece di proseguire nella tolleranza religiosa praticata dai suoi predecessori, togliendo ogni libertà di culto, dette ai Giudei la possibilità di rialzare la testa con quella rivolta dei Maccabei che ravvivando il sentimento nazionalista languente

determinò la riunificazione delle due correnti, la religiosa e la rivoluzionaria. La rivolta dei Maccabei scoppiò nell'anno 167, allorché l'imperatore Antioco IV, detto Epifane, ritirò tutte le concessioni fatte dai suoi predecessori per imporre ai popoli da lui dipendenti la religione ellenista con la forza. Per quel sincretismo che aveva portato tutte le nazioni del Medio Oriente ad accettare pacificamente l'amalgama delle varie religioni, tanto da indurre le masse nella convinzione che l'una valesse l'altra, tutti i popoli si sottomisero alle leggi greche eccezion fatta per i Giudei che decisero di combattere contro quell'abolizione della libertà del culto che avrebbe determinato la fine della loro razza in quanto che, non avendo una terra propria, sparsi come erano in tutte le nazioni del Medio oriente, avevano soltanto Yahvé come unico collante per rimanere uniti. Ma come realizzare un'unione di tutti gli ebrei se la comunità di Gerusalemme era incentrata sulla figura di un Messia uomo guerriero (unto) e tutte le altre su un Messia che invece scendeva dal Cielo in veste di predicatore? Questo contrasto, che aveva fino ad allora fatto procedere le due ideologie separatamente, data la necessità di unirsi che s'imponeva, fu risolto dalle due parti a mezzo di un accordo su un Messia dalla duplice figura, cioè un Messia che, una volta sceso sulla terra come Dio, secondo l’ideologia spiritualista, si sarebbe poi messo a capo dell'esercito in qualità di uomo come lo voleva l'ideologia rivoluzionaria. Come risulta dalla stessa Bibbia, i primi ebrei a ribellarsi agli editti di Antioco IV furono i Giudei della comunità di Gerusalemme: "Antioco IV prescrisse un decreto a tutto il regno che tutti formassero un sol popolo e ciascuno abbandonasse le proprie leggi. Tutti i popoli acconsentirono a fare secondo gli ordini del re. Anche molti Ebrei accettarono di servirlo e sacrificarono agli idoli e profanarono il sabato. Il re, vedendo che i Giudei resistevano ai suoi ordini, spedì ancora decreti per mezzo di messaggeri a Gerusalemme e alle città di Giuda ordinando di seguire usanze straniere al loro paese e di far cessare nel Tempio gli olocausti, i sacrifici, le libagioni, di contaminare il santuario e i fedeli, di innalzare altari, templi ed edicole e sacrificare carni suine e animali immondi, di lasciare che i propri figli, non circoncisi si contaminassero dì ogni impurità e profanazione, pena la morte a chiunque non avesse agito secondo gli ordini del re. Secondo questi ordini scrisse a tutto il regno, stabilì ispettori su tutto il popolo e intimò alle città di Giuda di sacrificare città per città".(I Mc. 1/41). Come risposta alla repressione decretata da Antioco IV i rivoluzionari intensificarono le rappresaglie contro l'esercito ellenista che occupava la | Palestina e le ritorsioni a scopo terroristico contro le popolazioni della Giudea, creando una situazione di conflitto che costrinse Antioco IV Epifane a proseguire nella repressione contro i Giudei con sistemi sempre più severi. "/ soldati del re stracciavano i libri della legge mosaico che riuscivano a trovare e li gettavano sul fuoco. Se alcuno veniva trovato in possesso di una copia del libro dell'Alleanza o ardiva obbedire alla sua legge, la sentenza del re lo condannava a morte. Mettevano a morte secondo gli ordini, le donne che avevano fatto circoncidere i loro figli, con i bambini appesi al collo e con i familiari e quelli che li avevano circoncisi. Tuttavia molti in Israele si fecero forza e animo a vincere per non mangiare cibi immondi e preferirono morire. Sopra Israele fu scatenato così il furore. (I:Mc. 1/56). Si compirono così i primi martiri della rivoluzione yhavista di cui aveva tanto bisogno il Partito Nazionalista Giudaico, quando 150 anni dopo, sotto l'occupazione romana, fece uscire i due libri dei Maccabei per sostenere le rivoluzioni messianiche. Infatti i due libri dei Maccabei, pur trattando i fatti accaduti nella seconda metà del secondo secolo av. n.e., furono redatti dal Partito Nazionalista Giudaico durante l'era messianica, cioè circa centocinquanta anni dopo il loro svolgersi. Libri che, sottoposti a continue aggiunte, correzioni e censure, operate secondo l'evoluzione ideologica giudaica, furono in realtà portati a compimento soltanto tra il secondo e il terzo secolo d.n.e.

La Bibbia attribuisce l'inizio della rivolta a un certo sacerdote di nome Mattatia che, per lo zelo che dimostrava per la religione giudaica, veniva chiamato il "Maccabeo", appellativo che proveniva dalle lettere M K J B, che in ebraico significa "Chi degli dèi è maggiore di te, Signore"? Questo sacerdote, che la Bibbia ci dice essere figlio di Giovanni e nipote di Simone (nomi che ritroveremo tra i suoi discendenti che sostennero le rivoluzioni messianiche), costretto a lasciare Gerusalemme perché occupata dalle milizie di Antioco IV, si rifugiò nella città di Moadin, che si trovava a circa quaranta chilometri a nord-ovest di Gerusalemme (Kimbert Qumran). Mattatia aveva cinque figli: Giovanni detto Gaddi, Simone detto Tassi, Giuda detto il Maccabeo come suo padre, Eleazzaro detto Euaran e Gionata, l'ultimo, soprannominato Affus. Questo fatto di darsi un soprannome divenne poi una regola per tutti i rivoluzionari che intendevano nascondere, dietro di esso, la vera identità, per evitare soprattutto che le milizie degli occupanti potessero identificare le loro famiglie a scopo di ritorsione. Capitò che un giorno vennero a Moadin, la città dove si era ritirato Mattatia, dei messaggeri inviati da Antioco IV Epifane per innalzare un altare e offrire sacrifici a divinità pagane. "Ciò vedendo, Mattatia arse di zelo, fremettero le sue viscere ed egli gemé di giusto sdegno. Fattosi avanti di corsa lo uccise sull'altare; uccise nel medesimo tempo il messaggero del re che costringeva a sacrificare, e distrusse l'altare. Egli agiva per zelo verso la legge come aveva fatto Finess con Zambri figlio di Salom. La voce di Mattatia tuonò nella città: «Chiunque ha zelo per la legge e vuole difendere l'alleanza mi segua!» Fuggì coi figli sui monti abbandonando in città quanto avevano" .( I Mc.2/24). Questo fu l'inizio della rivolta dei Maccabei (167 av.n.e.). Una gran parte dei Giudei della città di Moadin seguirono Mattatia e i suoi figli e ad essi si aggiunsero volontari che venivano da tutte le parti della Giudea insieme alle loro mogli, ai loro figli, alle loro greggi e tutto ciò che avevano. I rifugi in cui essi si riunirono e si organizzarono, che erano gli stessi dove si annidavano i loro antenati predoni, offrivano una sicurezza pressoché assoluta per la profondità delle grotte e i passaggi tortuosi (esistenti tutt'oggi) che rappresentavano delle vere trappole mortali per chiunque vi si fosse inoltrato per attaccarli. Come il re seppe che una comunità di ribelli si era raccolta sui monti a quaranta chilometri da Gerusalemme, inviò contro di essi le milizie che erano di stanza in Giudea. Ma i ribelli, favoriti come erano dalle difese naturali, li respinsero. Il re, venuto a conoscenza delle difficoltà che avevano incontrato le sue truppe, ordinò di attaccare i rivoltosi di sabato, sapendo che non avrebbero reagito in quel giorno per l'obbligo che gli veniva da Dio di rispettare il riposo più assoluto. I seguaci di Mattatia, fedeli alla legge Mosaica, subirono l'attacco senza opporre resistenza. Le truppe di Antioco fecero una vera strage. La Bibbia dice che ne furono trucidati più di mille. Fu a questo punto che i rivoluzionari presero la grande decisione di non rispettare più il riposo del sabato in caso di attacco nemico. Era la prima volta che i Giudei abolivano una legge del Pentateuco e, per giunta, una che era ritenuta fra le più inviolabili. Fu lo stesso Mattatia, il sacerdote chiamato il Maccabeo per il suo zelo nel rispetto delle leggi, che si fece promotore di questa decisione dicendo ai suoi seguaci che, se avessero continuato a rispettare il sabato anche in caso di attacco dei nemici, la loro stirpe sarebbe presto finita. "Quando Mattatia e i suoi amici vennero a sapere di questo fatto, ne fecero un gran pianto. Poi dissero fra di loro: « Se faremo tutti come hanno fatto i nostri fratelli e non combatteremo contro ì pagani per la nostra vita e per le nostre leggi, ci faranno sparire in breve dalla terra». Presero in quel giorno questa decisione: « Noi combatteremo contro chiunque venga a darci battaglia in giorno di Sabato e non moriremo tutti come sono morti i nostri fratelli nei nascondigli ». (I Mc.2/39). Questo passo della Bibbia, oltre a dimostrarci l'ampiezza del territorio su cui si

erano insediati i rivoluzionari, mette in risalto ancora una volta l'incoerenza di un Dio che, mentre incita il suo popolo a combattere contro i suoi nemici, promettendogli di renderlo un grande popolo numeroso come la sabbia del deserto, nello stesso tempo gli impone quella legge del riposo del Sabato che tende a distruggerlo. Di conseguenza è lo stesso Mattatia che, cambiando la legge, ci dimostra come l'uomo si costruisca Dio adattandolo ai propri bisogni. I rivoluzionari, rassicurati così da Mattatia di poter combattere anche di sabato, come se avessero acquisito nuova energia, s'infervorarono nella rivolta attaccando direttamente le truppe di Antioco IV Epifane con imboscate sempre più frequenti e audaci ed estendendo il terrorismo con continue azioni di rappresaglia contro tutte le popolazioni della Palestina e quegli Ebrei "duri di cervice" che, rimasti idolatri, si erano schierati dalla parte del re, accettando i suoi editti. "Così organizzarono un contingente di forze e percossero con ira e con furore i peccatori e gli uomini empi. Mattatia e i suoi amici andarono in giro a demolire gli altari pagani e fecero circoncidere a forza tutti i bambini non circoncisi che trovarono nel territorio d'Israele; non diedero tregua ai superbi e l'impresa ebbe buona riuscita nelle loro mani" (I Mc. 2/42). Fu durante questa prima fase della rivolta che avvenne la riconciliazione tra la corrente rivoluzionaria, capeggiata da Mattatia il Maccabeo e i suoi figli, e la corrente religiosa rappresentata dagli Asidei. Gli Asidei, il cui nome proveniva dalla parola "Hassedin" che in aramaico significa "pio" (nel concetto religioso di devoto), erano una delle tante caste che costituivano il movimento spiritualista. Di conseguenza, fu la loro comunità ad essere la prima che si unì al movimento rivoluzionario di Mattatia poiché era residente in Palestina. "In quel tempo si unì con i rivoltosi un gruppo di Asidei, i forti d'Israele, e quanti volevano mettersi a disposizione della legge mosaica; inoltre quanti volevano fuggire davanti alle sventure si univano a loro e diventavano loro rinforzo" ( I Mc. 2/42). Se gli Ebrei che si unirono a Mattatia furono tanti, ciò dipese più dal un timore di ritorsioni e di persecuzioni che da una convinzione a seguire un'ideologia: ritorsioni da parte dei rivoluzionari, che li avrebbero accusati di connivenza con il nemico se fossero rimasti neutrali; persecuzioni da parte delle milizie di Antioco IV che li avrebbero sottoposti a torture come appartenenti alla razza ebraica, torture che potevano essere evitate soltanto trasferendosi negli insediamenti rivoluzionari. Che una gran parte dei partecipanti al movimento rivoluzionario fosse rimasta pagana ci viene confermato dalla stessa Bibbia a proposito di una battaglia che i Giudei combatterono contro Gorgia, stratega dell'Idumea: "Intonato nella lingua patema il grido di guerra che si accompagnava agli inni, i giudei diedero un assalto improvviso alle truppe di Gorgia e le misero in fuga. Il giorno dopo, quando ormai la cosa era divenuta necessaria, gli uomini di Giuda andarono a raccogliere i cadaveri dei loro amici per andarli a deporre con i loro parenti nei sepolcri di famiglia. Ma trovarono sotto la tunica di ciascun morto oggetti sacri agli idoli di lamnia che la legge proibisce agli Ebrei". Mattatia morì nel 166 appena un anno dopo l'inizio della rivolta. Sul punto di morire lasciò ai figli un testamento carico di odio, di ira e di vendetta contro i pagani, nemici di Dio. Per confermare ai posteri il diritto di proprietà che gli Ebrei accampavano sulla Palestina, diritto che nessuno in realtà gli aveva mai riconosciuto, ricapitolò tutti quei passi della Bibbia che sostenevano Davide come fondatore del regno d'Israele. Dopo aver esaltato la fede rivoluzionaria ripetendo la parola "zelo" in maniera addirittura ossessiva, terminò il testamento assegnando le cariche principali ai due figli primogeniti Simone e Giuda, affidando quella di capo religioso al primo e quella di capo dell'esercito rivoluzionario al secondo.

Simone e Giuda, carichi di "zelo", continuarono la lotta contro Antioco IV Epifane. Ma l'esercito ellenista era potente: esso si era istallato in Palestina e, inesorabile, procedeva nel suo programma di distruzione del popolo ebraico, che si opponeva agli editti del re. "Gerusalemme, abbandonata dai Giudei, era disabitata come un deserto, nessuno dei suoi figli ne entrava e ne usciva, il santuario era calpestato e gli stranieri erano nella fortezza di Accra, soggiorno dei pagani. ( I Mc. 3/45). Fu a questo punto, nel pieno della rivoluzione, che si posero le basi per la costituzione del Partito Nazionalista Giudaico che elesse come proprio Messia quel Salvatore dalla "duplice figura", l'attesa del quale starà alla base del movimento rivoluzionario. "Simone e Giuda si riunirono con i capi rivoluzionari a Masfa di fronte a Gerusalemme ( è la stessa zona del Kimbert dove si trovava la città di Modin) perché nei tempi antichi Masfa era stata in Israele luogo di preghiera. In quei giorni digiunarono e sì vestirono di sacco, si sparsero la cenere sul capo e si stracciarono le vesti. Aprirono i libri della legge pagana per scoprirvi quanto i pagani cercavano di sapere dagli idoli dei loro dei. Portarono le vesti sacerdotali, le primizie e fecero venire avanti i Nazirei, che avevano compiuto i giorni del loro voto ". C'è da rimarcare, prima di proseguire, che è la stessa Bibbia a riconoscere, attraverso la frase riportata precedentemente in grassetto, che gli spiritualisti, rappresentati dai Nazir, svilupparono la propria ideologia di un Dio celeste traendo insegnamenti dalla teologia pagana. Da questo momento in poi i Nazir, la cui istituzione, come abbiamo visto, viene attribuita dalla Bibbia a Mosè, assumeranno un'importanza determinante per quella che sarà l'organizzazione e la divulgazione dell'ideologia messianica in seno all'organizzazione rivoluzionaria che andrà sempre più estendendosi nelle comunità ebraiche del Medio Oriente. Il movimento rivoluzionario, soddisfatte così le esigenze ideologiche e rinvigoritosi dall'unione delle due correnti, fece dei rivoluzionari in un vero e proprio esercito da contrapporre ad Antioco IV. "Dopo questo, Giuda stabilì i condottieri del popolo, i comandanti di mille, di cento, di cinquanta e di dieci uomini. Disse a coloro che costruivano case o che stavano per prendere moglie, a quelli che piantavano la vigna o che erano paurosi, di tornare a casa loro secondo la legge. Poi levò il campo e si disposero a mezzogiorno di Emmaus. Giuda ordinò: « Cingetevi e siate forti e state preparati per l'alba di domani a dar battaglia a questi stranieri che si sono alleati per distruggere noi e il nostro santuario. Del resto è meglio morire in battaglia che vedere la rovina della nostra gente e del santuario ". Con questa organizzazione, che assicurava anche un'assistenza logistica attraverso coloro che erano rientrati nelle loro abitazioni, la rivolta si trasformò in una vera e propria guerra contro le truppe elleniste di stanza in Palestina e i loro alleati che erano rappresentati dai Cananei, dai Gebusie, dagli Ammoniti e da tutti quei nemici tradizionali che si erano alleati con Antioco IV per buttare fuori definitivamente questi Ebrei che per loro rimanevano sempre degli invasori abusivi e dei predoni. Presi il pugnale e il libro come emblemi della loro ideologia, il primo come simbolo guerriero e il secondo come simbolo spirituale, Giuda, messosi al comando di un esercito che aumentava sempre più di numero, grazie ai volontari che accorrevano dalla Palestina e da tutte le comunità sparse nel Medio Oriente, prese ad attaccare i nemici d'Israele riportando, secondo quanto afferma la Bibbia, le più strabilianti vittorie. Quello che è da prendersi in considerazione in queste battaglie è il continuo richiamo alla venuta del Messia attraverso visioni di angeli e cavalieri che scendono dal cielo per condurre i rivoluzionari alla vittoria, visioni che racchiudono simbolicamente la duplice personalità dell'eroe sacerdotale e guerriero. Nella descrizione di una battaglia che Giuda combatté contro i Tolomei si legge:

"Accesasi una lotta durissima, apparvero dal cielo ai nemici cinque uomini splendidi su cavalli dalle briglie d'oro, che guidavano i Giudei. Essi presero in mezzo il Maccabeo ( Giuda figlio di Mattatia), riparandolo con le loro armature, lo rendevano invulnerabile"'.( Mc. 10/29) Ma il connubio tra il cielo e la terra appare ancora più evidente nelle battaglie che seguirono quella dei Tolomei, quale quella che Giuda combatté contro Lisia, generale di Antioco, nella quale il cavaliere disceso dal cielo, in qualità di annunciatore del futuro Messia, si mette alla testa dell'esercito rivoluzionario: "Giuda e tutti i suoi uomini partirono insieme con coraggio. Mentre si trovavano ancora vicino a Gerusalemme, apparve come un condottiero davanti a loro un cavaliere in sella, vestito di bianco, in atto di agitare un'armatura d'oro. Procedevano in ordine con un alleato venuto dal cielo, per la misericordia che il Signore aveva avuto di loro. Gettatisi come leoni sui nemici, ne stesero al suolo undicimila fanti e milleseicento cavalieri, tutti gli altri li costrinsero a fuggire. Anche Lisia fu costretto a fuggire vergognosamente". (I Mc. 11/8). C'è da rimarcare che in queste visioni vengono sempre abbinati il colore oro che, come il rosso, è il simbolo regale di Davide, ed il colore bianco che rappresenta la sacralità sacerdotale. In questa situazione di conflitto tra i rivoluzionari e l'esercito di Antioco IV, i redattori del libro dei Maccabei costruiscono i primi martiri del Partito Nazionalista Giudaico, cioè quegli eroi di cui tutti i movimenti rivoluzionari basati sulla violenza hanno bisogno per tenere viva la fede nella massa dei seguaci. Non c'è sistema migliore per inculcare un'ideologia ad un popolo che quella di metter in bocca ai martiri l'apologia della fede per la quale vengono torturati e uccisi. "Un tale Eleazaro, uno degli scribi più stimati, veniva costretto dai pagani ad aprire la bocca e ad ingoiare carne suina. ( Il far mangiare carne suina per scoprire gli Ebrei era un sistema praticato dai soldati di Antioco IV che ci ricorda quel metodo che fu usato dai rivoltosi dei Vespri Siciliani i quali per smascherare i soldati francesi che si erano vestiti da civili, facevano loro pronunciare la parola "ceci"). Ma egli, preferendo una morte gloriosa ad una vita ignominiosa, s'incamminò volentieri al supplizio, sputando il boccone e, prima di morire, ripeté ai suoi aguzzini che cercavano di fargli rinnegare il suo Dio: «Se dovessi rinnegare il mio Dio per sottrarmi al castigo degli uomini, non potrei sfuggire né da vivo né da morto alle mani dell'Onnipotente. Il Signore a cui appartiene la sacra scienza, sa bene che soffro atroci dolori sotto i flagelli, ma nell'anima sopporto volentieri tutto questo per il timore di lui»" Questa idea di vita eterna dopo la morte, ignorata nella maniera più assoluta dalla Bibbia, assimilata dal Culto dei Misteri, la troviamo espressa in maniera ancora più evidente nel martirio di sette fratelli che furono uccisi insieme alla madre. La carica dottrinale contenuta nelle espressioni della madre che incita l'ultimo figlio ad affrontare i carnefici, è una chiara esaltazione della resurrezione dopo la morte, quella resurrezione che la religione Avestica aveva esteso attraverso il concetto cosmico a tutta l'umanità la quale sarebbe risorta alla fine del mondo per affrontare il giudizio universale. "Ti scongiuro, Figlio mio, osserva il cielo e la terra, osserva quanto vi è in essi e sappi che Dio li ha fatti non da cose preesistenti; tale è anche l'origine del genere umano. Non temere questo carnefice ma, mostrandoti degno dei tuoi fratelli già morti come martiri, accetta la morte perché io ti possa riavere insieme ad essi nel giorno della misericordia (giudizio universale). (2 Mc. 7 ) Alle persecuzioni operate da Antioco IV Epifane il Partito Nazionalista Giudaico, fedele agli insegnamenti rivoluzionari biblici, rispose potenziando gli attacchi contro i soldati ellenisti e intensificando il terrorismo contro i villaggi dei pagani che incendiavano dopo averli derubati e passato a fil di spada i loro abitanti secondo il sistema già usato dai loro atavici predoni.

"/ guerriglieri di Giuda piombavano all'improvviso su città e villaggi, li incendiavano e impadronendosi delle posizioni più opportune, mettevano in fuga non pochi dei nemici, scegliendo di preferenza la notte come tempo favorevole a queste incursioni. La fama del loro valore risuonava ovunque" (2Mc.7/6). E ancora: " Cosi cominciò a diffondersi il timore di Giuda e dei suoi fratelli e le genti intorno furono prese da terrore". ( I Mc. 3/25). Per comprendere bene di cosa fossero capaci questi guerriglieri, fedeli seguaci degli insegnamenti della Bibbia, riporto un fatto, uno tra i tanti, in cui viene descritta un'azione terroristica che eseguono contro un corteo nuziale che celebrava il matrimonio della figlia di "uno dei grandi magnati di Canaan ". "Ed ecco, alzando gli occhi, i rivoluzionari videro un corteo numeroso e festante e lo sposo con gli amici e i fratelli che avanzava incontro al corteo, con tamburi e strumenti musicali e grande apparato. Balzando dal loro appostamento li trucidarono; molti caddero colpiti a morte mentre gli altri riparavano sul monte ed essi presero le loro spoglie (derubarono i cadaveri). Le nozze furono mutate in lutto e i suoni delle loro musiche in lamento". (Mc. 9/39). Ripetendo così quei sistemi già praticati nel passato da Giosuè, Saul, Davide e da tutti gli altri criminali che la Bibbia esalta come eroi, i partigiani del movimento rivoluzionario yhavista perseverarono in questa forma di terrorismo, che porterà i romani a considerarli dei briganti (latrones) a cui riserverà come condanna la crocifissione. Il Partito Nazionalista Giudaico, rinforzato, come la stessa Bibbia afferma, da volontari provenienti da tutte le comunità extrapalestinesi, si sparse dando vita a insediamenti su tutto il territorio della Palestina. Se uno dei centri più imponenti e più organizzati si costituì in Galilea ciò dipese da due motivi: primo, perché essendo la regione più lontana dalla Giudea era la meno sottoposta ai controlli delle truppe di Antioco IV che risiedevano nei pressi di Gerusalemme; secondo perché, trovandosi sui confini della Siria, riceveva assistenza logistica e arruolamento di volontari dalle comunità che si trovavano in questa nazione, che erano tra le più attive nel sostenere l'ideologia yhavista, attività che si dimostrerà in seguito tutta la sua influenza, attraverso l'Ekklesia di Damasco, che sarà tra le più autorevoli a sviluppare l'ideologia spirituale essena che porterà al cristianesimo. Nel giro di pochi anni tutte le comunità ebraiche del Medio Oriente furono totalmente coinvolte nella rivoluzione giudaica e in maniera così impegnata da formare una vera organizzazione internazionale. Ogni comunità costituì un direttivo che riunendosi in assemblee (Ekklesie) sotto la direzione di un capo s'incaricava di eseguire gli ordini che riceveva dalla comunità di Gerusalemme che era considerata la guida del movimento. Siamo a conoscenza di tre delle lettere inviate dalla comunità di Gerusalemme durante la rivolta dei Maccabei alle comunità extrapalestinesi. Due, dirette alle Ekklesie che si trovavano in Egitto nelle città di Migdol, Tafni, Menfi e nella regione di Patros, contengono esortazioni a rimanere fedeli alla legge mosaica, facendo particolare riferimento alla celebrazione della festa delle Capanne, e la terza, inviata alla comunità di Alessandria che, traendo gli argomenti dal commentario di un certo Anfibulo, incoraggia la riconciliazione tra la religione ebraica e la filosofia greca, quella filosofia religiosa platonica che era contestata dagli spiritualisti ebrei per ragioni che appaiono ovvie se si considera che l'una era a favore al sincretismo che doveva servire l'imperialismo ellenico, l'altra gli era contro vedendo in questo sincretismo il suo peggiore nemico. In questo potenziamento di forze derivante da un coinvolgimento sempre più attivo delle comunità del Medio Oriente, Giuda partì all'attacco dei nemici d'Israele, riportando vittorie contro i figli di Bean, di Gallade, gli Ammoniti e contro lo stesso esercito di Tolomeo, che sconfisse in una battaglia nel Bassan. In un susseguirsi di successi militari, quei successi militari favolosi tipici della narrazione Biblica, batté gli Idumei, i Filistei, distrasse le città di Efrom e umiliò lo stesso Antioco IV Epifane, infliggendo una solenne

sconfitta al generale Lisia che lo stesso re gli aveva mandato contro con un potentissimo esercito. Per comprendere il significato intrinseco dei due libri dei Maccabei bisogna tenere presente che questi furono scritti centocinquanta anni dopo i fatti in esso riportati, cioè editi in quel periodo dell'invasione romana della Palestina durante il quale essi stavano preparando la guerra finale che li avrebbe portati a trionfare definitivamente sui nemici di Dio. Giunti alla conclusione che si sarebbero potuti impadronire dell'impero romano sconfiggendo Roma, i Giudei, per coinvolgere le masse alla loro rivolta, cercarono di ravvivare quella fede che già dal IV secolo aveva cominciato a dare segni di cedimento, dando per imminente l'avvento del Messia e facendo propria quella profezia zaratutriana che stava per compiersi. I sette secoli, che dovevano trascorrere perché si presentasse sulla terra quel "Giusto" che avrebbe dato inizio a un'era di tranquillità e di pace, si stavano compiendo e, come avevano già saccheggiato la teologia Avestica per costruire la propria ideologia religiosa, parimenti s'impadronirono anche della loro profezia attribuendo a Giove la regalità di Davide, a Saturno, pianeta apportatore di mutamenti sociali, il loro trionfo sui nemici e alla costellazione dei pesci, il simbolo del loro Messia che era appunto rappresentato da un pesce. Poiché questo avvenimento astrale avrebbe comportato un aumento di luminosità nel cielo, la propaganda giudaica, per ravvivare la fede che stava scemando, dette come segno dell'imminente avvento del Messia l'illuminarsi della notte. Se il Partito Nazionalista Giudaico era riuscito a indirizzare la massa popolare ebraica sull'attesa di un Messia che sarebbe disceso dal cielo, fu certamente per opera della corrente spirituale, che si era imposta su quella rivoluzionaria pur rispettandola nel suo ruolo di esecutrice materiale. Che i religiosi avessero preso in mano il movimento rivoluzionario ci viene confermato dal fatto che i rivoluzionari cambiarono il loro appellativo di Maccabei con quello di Asidei. Anche Giuda, il capo dell'esercito, lasciato il nome di Maccabeo, si fece chiamare l'Asideo. Di conseguenza, i soldati dell'esercito giudaico, pur continuando a eseguire stragi secondo i metodi tradizionali, assimilati i concetti spiritualistici, furono presentati nei due libri dei Maccabei come credenti ferventi che sollecitavano l'avvento del Messia con le loro preghiere. "Giuda l'Asideo mosse contro Tìmoteo, il quale aveva con se centomila fanti e duemila cinquecento cavalieri. Timoteo era trincerato in un luogo chiamato Carnion che era una fortezza inespugnabile e inaccessibile per la strettezza dei suoi passaggi. All'apparire del primo reparto di Giuda si diffuse tra i nemici il panico e il terrore perché si verificò contro di loro l'apparizione di colui che dall'alto tutto vede, e perciò cominciarono a fuggire precipitandosi chi da una parte e chi dall'altra cosicché erano colpiti dai propri compagni e trafitti dalle punte delle loro spade. Giuda li inseguì e dopo aver sterminato trentamila dei fuggitivi, mosse contro Camion e ne uccise altri venticinquemila" (II Mc. 21/26). "Gli uomini di Nicanore avanzavano al suono delle trombe e degli inni di guerra. Invece gli uomini di Giuda con invocazioni e preghiere si gettarono nella mischia contro i nemici. In tal modo combattendo con le mani e pregando Dio con il cuore, travolsero non meno di trentacinquemila uomini, rallegrandosi grandemente per la manifesta presenza di Dio " ( II Mc. 12-15/26). Morto Antioco IV Epifane, il Partito Nazionalista Giudaico continuò la lotta contro suo figlio Antioco V, continuatore della politica repressiva del padre. Le vittorie dei Giudei si moltiplicarono e tanta fu la baldanza che Giuda trasse dai propri successi che, quando sentì parlare dei romani, delle loro imprese e della loro potenza, dopo averne tessuto gli elogi, inviò un certo Eupolemo messaggero a Roma per ottenere dal senato, dopo avergli proposto un patto di amicizia e di alleanza, la protezione per battere definitivamente il

regno dei Greci che stava riducendo Israele in stato di schiavitù. "Ai romani piacque la proposta e l'accordo di un reciproco sostegno fu scritto su tavolette di bronzo che furono subito spedite a Gerusalemme" (I Mc. 8/21). Giuda morì nell'anno 160 e la sua morte non poteva che essere quella dei più grandi eroi. Con Giuda i redattori dei due libri dei Maccabei vogliono costruire il simbolo dell'eroismo rivoluzionario, equiparandolo a Davide anche se nella realtà dei fatti egli lasciò la situazione giudaica identica a come l'aveva ereditata dal padre Mattatia, se non addirittura peggiorata: Demetrio, successore di Antioco V, continuò ad occupare la Palestina e a schiacciare la Giudea con una severità addirittura superiore a quella di Antioco IV Epifane, a imporre tributi e a perseguitare senza pietà i sovversivi. In onore di Giuda fu composto un cantico di elogio, riportato nel primo libro, che è in tutto uguale, per stile e contenuto, ai canti che furono dedicati a Davide. In esso, tra i tanti episodi che lo associano alla figura di Davide, viene raccontato che Giuda aveva conservato per tutta la vita la spada di Antiochio, sovrintendente di Antioco IV, con la quale, dopo avergliela tolta di mano, gli aveva tagliato la testa, esattamente come aveva fatto Davide che aveva conservato per tutta la vita la spada di Golia con la quale gli aveva tagliato il capo, togliendogliela anche lui di mano, dopo averlo abbattuto colpendolo con una sassata in fronte. Che la figura di Giuda l'Asideo sia tutta una montatura propagandistica tendente a caricare i rivoluzionali di vigore nazionalista appare evidente quando, non potendo dire nulla di concreto circa la sua vita, si cerca di esaltarlo dandogli una personalità dalla fama universale dicendo: "Giuda divenne celebre fino alle estremità della terra, perché radunò coloro che erano sperduti ", riferendosi alle comunità giudaiche che si erano unite alla rivolta dei Maccabei. Una celebrità tanto priva di ogni riscontro storico, passata sotto silenzio dalle fonti storiografiche al pari di tutti gli altri eroi biblici quali Abramo, Mosè, Giosuè, Samuele, Davide, Salomone e tutti gli altri re che li seguirono. Per dimostrare quanto la Bibbia sia un prodotto esclusivo della fantasia voglio riportare il passo riguardante la morte gloriosa che essa attribuisce a Giuda: "Quando Giuda, che comandava tremila uomini, vide che l'esercito di Bacchide era composto di ventimila soldati e duemila cavalieri, fu preso dallo sconforto. La maggior parte dei rivoluzionari, presi dal panico fuggirono. Di tremila che erano ne rimasero così soltanto ottocento. Giuda, deciso a non lasciare ombra nella sua storia, affrontò ugualmente Bacchide. La falange avversaria si mosse avanzando ai due lati al suono delle trombe. La terra fu scossa dal fragore degli eserciti e la battaglia durò dal mattino alla sera. Ci fu un momento in cui Giuda e i suoi uomini misero in difficoltà Bacchide ed avrebbero riportato vittoria se non fossero stati circondati dall'ala sinistra dell'esercito che così li prese alle spalle. Così si accese la battaglia definitiva e caddero finiti a morte da una parte e dall'altra. Cadde anche Giuda e gli altri fuggirono". ( l Mc.9). Ma come si può pensare che certe stupidaggini possano essere prese sul serio? Soltanto nei libri dove le verità dipendono dai sogni e dalle rivelazioni si può sostenere che ventotto soldati, di cui tre a cavallo, debbano lottare tanto contro uno (tale è la proporzione tra l'esercito di Bacchide e gli ottocento rivoluzionari di Giuda) che alla fine neppure viene ucciso poiché una parte degli ottocento riuscì pure a fuggire. La proporzione tra l'esercito di Bacchide e i guerriglieri di Giuda, riportata in termini attuali, è la stessa che c'è fra tre divisioni di fanteria più una divisione corazzata (cavalieri) e un reggimento. Un teologo al quale ho fatto rimarcare questo assurdo mi ha risposto che certe cose possono essere comprese soltanto da coloro che hanno la fede... A Giuda successe il fratello Gionata. In un crescendo di esaltazione propagandista, il Partito Nazionalista Giudaico costruisce in lui una figura di eroe addirittura superiore a quella di Giuda. Viene riportato vittorioso su Apollonio, Tiglio del re Demetrio, lo si fa

diventare amico di Alessandro Balas che era il maggiore sostenitore dei romani nel Medio Oriente e gli si attribuisce una potenza militare e politica tale che lo stesso Demetrio è portato a temerlo tanto che, per averlo suo alleato, dopo avergli riconosciuto il comando della Giudea, lo esonera dal pagamento delle tasse. Ma il re Alessandro, in guerra con Demetrio, venuto a conoscenza di questa alleanza, cercò di trarre dalla sua parte Gionata scrivendogli questa lettera: " Abbiamo sentito dire di te che sei uomo forte e potente e disposto ad essere nostro amico. Noi dunque ti nominiamo oggi Sommo Sacerdote del tuo popolo e amico del re perché tu favorisca la nostra causa e mantenga amicizia con noi ".(l Mc.10/18). Di particolare importanza è da considerarsi il riconoscimento di Gionata quale Sommo Sacerdote da parte del re Alessandro che legalizza, in un certo qual modo, quella carica spirituale che il Partito Nazionalista Giudaico, per la prima volta nella storia ebraica, associa nella stessa persona insieme al quella di capo dell'esercito. Le figure di sacerdote e politico erano state sempre separate a cominciare da Mosè, il grande condottiero, che aveva affidato le funzioni religiose a suo fratello Aronne, il grande sacerdote. Con Gionata, eletto generale dell'esercito e Sommo Sacerdote, si concretizza la fusione politicoreligiosa, già ideologicamente espressa nel Messia dalla duplice figura, indispensabile per sostenere quel programma teocratico che, basato sul monoteismo, porterà i Giudei a perseguire un imperialismo universale. Anche se le concessioni fatte da Demetrio sono di gran lunga superiori a quelle che Gionata riceve dal re Alessandro, i redattori della Bibbia, a cui interessa soprattutto dare importanza al riconoscimento di Gionata quale Sommo Sacerdote da parte del re, schierano il loro eroe dalla parte del re Alessandro, facendogli rinnegare l'alleanza che egli aveva stipulato con Demetrio. E come se non bastasse, per confermare il loro eroe nel suo ruolo di personaggio politico-religioso, i redattori della Bibbia lo mettono a connessione con Roma nella qualifica di Sommo Sacerdote e conduttore di eserciti, facendogli rinnovare l'alleanza precedentemente stipulata dal fratello Giuda. Le vittorie militari e i successi diplomatici che, in seguito all'accordo stretto con i Romani vengono attribuiti a Gionata sono a dir poco strabilianti anche se, alla sua morte, ancora una volta, come sempre accade nella Bibbia, gli Ebrei si ritroveranno con un pugno di mosche: la Giudea, risulterà ancora sottomessa all'impero ellenista, continuerà a pagare i contributi a Trifone, successore di Demetrio, e Gerusalemme continuerà ad essere un mucchio di rovine. Un particolare che va messo in evidenza, riguardo questo periodo della storia di Gionata, è il rinforzarsi degli insediamenti dei rivoluzionari che si erano formati nella regione della Galilea, insediamenti che assumeranno in seguito un’importanza determinante nella lotta contro i Romani. La vita di Gionata, come quella di Giuda suo fratello, non è che un'altra favola che si è voluta rendere credibile puntellandola su fatti e nomi appartenenti alla storia. Ma le favole, per quanto si cerchi di renderle credibili, sempre favole rimarranno e come tali non potranno cambiare mai il corso della realtà alla quale devono alla fine sottostare. Tutte le conclusioni della Bibbia finiscono sempre nel nulla come immagini riflesse su bolle di sapone. Nel nulla si sono concluse le grandi vittorie di Giuda e le grandi conquiste di Gionata, che hanno lasciato le cose invariate esattamente come la storia vera storia le riporta. Due favole, due fiaschi che si uniscono alle favole e ai fiaschi di tutti gli altri eroi biblici, a cominciare da Abramo, che lasciò i suoi pastori erranti nel deserto del Negheb nella stessa situazione in cui li aveva trovati, cioè senza patria e senza terra; per continuare con Mosè che, dopo tanti lampi e tuoni, cedette il comando datogli da Dio a dei capi tribù, come la storia vuole, con Sansone che, dopo avergli attribuito la distruzione dei Filistei, alla fine risulterà una nullità che svanisce nel buio di una cecità che precede il suicidio; con Davide, quel monarca eletto da Dio re dei re, che alla fine dovrà comprarsi la terra per avere una sepoltura. Senza parlare poi di tutti

i fiaschi fatti dal Signore derivanti dai continui pentimenti, quel Dio che, per quanto si cerchi di esaltarlo come essere onnisciente e onnipotente, deve sempre sottostare alla realtà degli eventi riportati dalla storia, quella storia che ignorando le opere che gli attribuisce la fantasia lo costringe a adeguarsi ad essa, obbligandolo a ricominciare sempre da capo con le sue contraddizioni. Con la rivolta dei Maccabei si conclude la storia del popolo ebraico raccontata dalla Bibbia, e la terra promessa è ancora un'utopia. I popoli indigeni, Minasti nelle loro terre ataviche, continuano a combattere contro gli Ebrei ritenendoli degli invasori abusivi e dei terroristi che si sono inventati un Dio per legalizzare il loro mestiere di predoni. La Giudea, la Samaria, la Galilea e tutte le altre terre della Palestina sulle quali hanno ottenuto, secondo la Bibbia, per decine di secoli vittorie e trionfi degni dei più grandi conquistatori, che di tutti sono state e di tutti continuano ad essere tranne che di loro, il popolo prediletto da Dio; come la stessa Gerusalemme, quella città emblematica nella quale, se di tanto in tanto riescono ad infilarci dentro il loro Signore, è soltanto perché gli viene concesso dalle divinità pagane dietro pagamento di un affitto, sotto forma di tasse e di tributi che gli ebrei pagavano agli imperi che gliene concedevano l'uso. Non è questa la dimostrazione più evidente della chimericità di un Dio che promette, promette e non mantiene mai? Se Gionata viene fatto morire in un tranello è perché non si poteva fare altrimenti, anche se tutto era stato predisposto perché riportasse una vittoria contro Trifone meritevole di essere ricordata dalla storia se fosse veramente avvenuta. La morte di Gionata è la classica dimostrazione di come siano state costruite le favole bibliche. Via via che riporterò i passi della Bibbia farò delle osservazioni per far comprendere il meccanismo seguito dai falsari. "Trifone cercava di diventare re dell'Asia, cingere la corona e stendere la mano contro re Antioco (fin qui il fatto corrisponde alla realtà), ma sospettava che Gionata glielo impedisse nel caso gli muovesse guerra, (intromissione abusiva di Gionata come personaggio nella storia, passata per lecita perché nessuno può dimostrare il contrario trattandosi di un sospetto). Perciò gli mosse contro. Gionata gli uscì incontro con quarantamila uomini scelti e inquadrati e venne a Beisan (la Bibbia, mettendo a disposizione di Gionata un esercito di quarantamila uomini, corrispondenti oggi a sei divisioni di fanteria, superiore a quello di Trifone crea, a fine propagandistico, tutti i presupposti per dare la vittoria ai rivoluzionari. Ma siccome non può raccontare di una battaglia sostenuta da Trifone storicamente mai avvenuta, risolve la situazione rimandando tutti a casa). Trifone, vedendo che Gionata era venuto con un poderoso esercito, si guardò bene dal mettergli le mani addosso. Anzi lo ricevette con molti onori, lo presentò ai suoi amici e dopo avergli offerto dei doni gli disse: « Perché sei venuto con questo grande esercito se non c'è guerra tra di noi? Su, rimanda tutti a casa e vieni con me a Tolemaide dove io ti consegnerò le altre fortezze e il resto dell'esercito e i funzionari. lo ero venuto proprio per regalarti tutto questo».(Ma poiché debbono dare un finale alle vicende di Gionata, per farlo morire ricorrono all'espediente del tranello che è uno dei sistemi più usati dalla Bibbia per far sparire i suoi personaggi ). Gionata, fidatosi di lui, rimandò indietro le truppe che ritornarono nella Giudea eccetto duemila uomini che inviò in Galilea. Ma quando Gionata fu entrato in Tolemaide, chiusero le porte e s'impadronirono di lui e passarono a fil di spada quanti erano entrati insieme a lui". Anche se ogni commento è quanto mai superfluo, io faccio comunque rimarcare che i redattori della Bibbia, pur di raggiungere i loro scopi, sono disposti a far passare per fessi anche i loro eroi. Dei cinque figli di Mattatia, dopo la morte di Giuda e di Gionata, avvenute come sopra illustrato, di Eleazzaro, che la Bibbia asserisce sia deceduto schiacciato da un elefante in una battaglia contro Antioco V, e di Giovanni, ucciso da una tribù della Transgiordania mentre trasportava i beni dei Giudei, rimase Simone che, preso il comando del movimento rivoluzionario, continuò la lotta contro gli ellenisti e i loro alleati

rappresentati dai Moabiti, dai Filistei, dagli Ammoniti e contro quegli Ebrei "duri di cervice" che continuavano a ignorare il Dio della Bibbia per seguire le divinità pagane dei loro antenati. Nella persona di Simone la propaganda del Partito Nazionalista Giudaico riconfermerà il connubio tra la corrente religiosa e quella rivoluzionario-politica da cui era stato partorito il Messia dalla duplice figura. Sarà solennemente eletto Sommo Sacerdote, re e condottiero dell'esercito per acclamazione di popolo e sarà riconosciuto nelle sue cariche da Roma. Come avevano fatto con Salomone, così vollero costruire in Simone la figura del monarca giudeo che regna su uno stato che finalmente si è realizzato. Lo fecero diventare amico del re Demetrio e del re Antioco VII, lo resero alleato di Roma, gli fecero costruire mura solide e alte torri per difendere Gerusalemme e tutte le altre città della Giudea, gli attribuirono l'ampliamento delle città di Bet-Zur, di Giaffa, di Ghezer presso i confini di Asdod e, sempre seguendo quell'aspirazione che avevano sempre avuto di rapportarsi alle grandezze dell'Egitto, dissero che a Modin aveva costruito un mausoleo con grandi colonne comprensivo di sette piramidi per tumularvi i corpi del padre, della madre e dei suoi quattro fratelli, Giuda, Gionata, Eleazzaro e Giovanni. Anche se la Bibbia non lo dice c'è da presupporre che la settima fosse per lui. Opere sicuramente esistenti soltanto nella fantasia se di esse nessuno storico ha mai parlato e nessuna traccia è rimasta di esse. Ma come si era frantumato l'immaginario regno di Salomone, così si frantumò quello di Simone per opera di Antioco VII il quale, dopo aver sconfitto la Siria, non avendo più bisogno del suo aiuto, gli chiese indietro le città di loppe, di Gazara e la fortezza di Gerusalemme che secondo la fantasia biblica gli erano state concesse precedentemente da Demetrio. E così, ancora una volta svanisce come una bolla di sapone tutta una costruzione artificiosa tendente a dimostrare i successi di un ennesimo eroe biblico, di fronte alla realtà storica. Le città di Gazara, di loppe e la fortezza di Gerusalemme che erano state date a Simone dalla fantasia dei redattori della Bibbia, vengono ricollocate nel posto dove la storia voleva che fossero, cioè nelle mani di Antioco VII. Simone fu ucciso da Tolomeo, suo genero, a tradimento nel 134 insieme ai suoi due figli durante un banchetto a cui li aveva invitati. Di tutto ciò che la Bibbia riferisce circa Simone, quello che maggiormente deve essere rimarcato, altre al fatto che è il fondatore della stirpe degli Asmonei, e l'insistenza nel legalizzare le sue due cariche, quella di re e di sommo pontefice, attraverso l'elezione del popolo e il riconoscimento da parte dei Romani, degli Spartani e dei vari re, quali Antioco VII e Demetrio, i quali lo confermarono tale attraverso lettere che, secondo la Bibbia, furono scolpite su tavolette di bronzo. Tutto ciò per indottrinare gli Ebrei affinché si preparassero a ricevere quel Messia che essi avevano costruito nella duplice personalità di figlio di Dio che scendeva dal cielo, come lo volevano i religiosi, e di guerriero che si sarebbe messo a capo dell'esercito, come lo volevano i rivoluzionari. " / Giudei e i sacerdoti approvarono che Simone fosse loro condottiero e sommo sacerdote finché sorgesse un profeta fedele che fosse loro comandate militare, re e sacerdote e vestisse di porpora e di ornamenti d'oro. Disposero che questo fosse stato scritto su tavole di bronzo perché fosse a disposizione di Simone e dei suoi discendenti".(Mc. 1/41). Così, attraverso questo scritto inciso su tavole di bronzo, che è la sintesi dei due libri dei Maccabei, venne stabilito che il Messia sarebbe stato un discendente di Simone fondatore della stirpe degli Asmonei, figlio di Mattatia, erede diretto della stirpe di Davide. A Simone succedette il figlio Giovanni che, assunte anche lui le cariche di re dei Giudei, Sommo sacerdote e condottiero dell'esercito rivoluzionario, s'istallò a Gerusalemme, ma sempre sotto il controllo di Antioco VII. Giovanni è l'ultimo personaggio del "Vecchio Testamento", che si chiude su di lui con queste parole: "Le Azioni di Giovanni, le sue battaglie e gli atti di valore da lui compiuti, la ricostruzione delle mura di

Gerusalemme (ancora una volta !) e le sue imprese sono scritte negli annali del suo sacerdozio, da quando divenne Sommo Sacerdote dopo la morte del padre Simone ". Soltanto chi non ha ancora capito che la Bibbia è tutta una finzione si chiede dove possano essere finiti questi "Annali" di cui non è rimasta traccia. Gli "Annali" non esistono, non sono mai esistiti per il semplice motivo che le falsità che avrebbero riportato, quelle falsità che sono alla base della Bibbia, sarebbero state facilmente smascherate nella loro assurdità essendo troppo vicine all'epoca in cui sarebbero state scritte. Giovanni, preso il nome di Ircano I, rimase a capo dei Giudei fino all'anno 104. Dopo questa data segue un vuoto storico per ciò che riguarda l'attività del movimento rivoluzionario, vuoto che termina nel 63 quando la storia, quella vera, ci farà ritrovare i guerriglieri giudei opporsi a Pompeo che invade la Palestina con le sue legioni. Con l'occupazione della Palestina da parte di Roma comincia l'era pre-messianica. Dalla morte di Giovanni Ircano I, figlio di Simone e nipote di Mattatia, all'invasione romana della Palestina passano 67 anni durante i quali tutto rimarrà intatto nel Partito Nazionalista Giudaico eccetto il nome dei rivoluzionari che, durante questo periodo, si è mutato da Asidei (Hassedin) in Esseni (Hassenin). Una variazione che non può essere attribuita ad altro, non trovando una spiegazione storica, che a una semplice deformazione di pronuncia.

CAPITOLO VIII SITUAZIONE DEMOGRAFICA DELLA PALESTINA DURANTE L’OCCUPAZIONE ROMANA
In seguito all'annessione della Siria all'impero di Roma avvenuta nell'anno 64 av. n.e. Pompeo, che ne era stato il fautore, istallatosi a Damasco, si propose di riorganizzare tutti i possedimenti dell'Asia prima di rientrare a Roma. Tra le regioni dipendenti dalla Siria che facevano parte di questo programma, quella che poneva maggiori problemi era la Palestina per via di un conflitto allora esistente tra due fratelli, Ircano II e Aristobulo II, che si contendevano il regno della Giudea. Pompeo, che avrebbe potuto risolvere la diatriba con l'imposizione della forza, sperando in una soluzione diplomatica, decise di attendere prima di intervenire con le proprie legioni. L'occasione per una risoluzione pacifica della vertenza gli venne dai due stessi fratelli che, presa la decisione di eleggere Pompeo come arbitro nella loro discordia, si recarono a Damasco dove Pompeo aveva eletto la sua residenza. Pompeo, ritenendo Aristobulo II non affidabile per via di certe sue amicizie pericolose per Roma, decise in favore di Ircano II. Ma la decisione di Pompeo, invece di porre fine alla disputa dinastica, ne aggravò la situazione perché la detronizzazione di Aristobulo II provocò una reazione da parte del Partito Nazionalista Giudaico che, quale suo sostenitore, organizzò subito una rivolta armata contro Ircano II. Pompeo, che si era impegnato a sostenere militarmente Ircano II, intervenendo con le proprie legioni dette inizio all'era dell'occupazione romana della Palestina (63 av. n.e). A questo punto, per comprendere bene i fatti che seguirono questo intervento di Pompeo, dobbiamo soffermarci a esaminare la situazione demografica della Palestina. Tralasciando le popolazioni autoctone, che continuarono ad accettare il dominio dei Romani come già avevano fatto con i precedenti imperi occupanti, prendiamo in esame gli Ebrei i quali, per quanto la Bibbia voglia farceli apparire riuniti sotto un solo Dio, risulteranno invece seguaci delle più disparate ideologie, sia religiose che politiche. L'unico collante che continua a tenere uniti gli Ebrei rimaneva in realtà la loro fedeltà al Pentateuco, a quel libro che, raccogliendo le loro leggi e tradizioni ataviche, costituiva la base della loro razza. Per spiegarmi meglio dirò che gli Ebrei, indipendentemente dalla credenza religiosa, dalla casta o dal ceto a cui appartenevano, sia che risiedessero in Palestina, in Egitto o in Grecia, seguendo gli usi dei loro antenati, rispettavano tutti il riposo del Sabato, sacrificavano l'agnello nei giorni di Pasqua e si astenevano dal mangiare carni suine, si circoncidevano ecc. Mettendo per il momento da parte quelle comunità extrapalestinesi che avevano cominciato a formarsi in seguito all'occupazione della Samaria da parte degli Assiri e che si erano moltiplicate poi dopo la diaspora determinata dall'invasione della Giudea eseguita da Nabucodonosor ( comunità che già abbiamo visto impegnate nella rivolta dei Maccabei quali sostenitrici dell'ideologia religiosa ), prendiamo in esame gli Ebrei della Palestina che al momento dell'occupazione romana si dividevano nei seguenti quattro partiti: Sadducei, Farisei, Samaritani ed Esseni.

SADDUCEI.
I Sadducei, anche se numericamente pochi, rappresentati dai grandi sacerdoti che

officiavano nel Tempio di Gerusalemme con pompose cerimonie, costituivano la classe socialmente più privilegiata ed economicamente più potente del popolo ebraico. La loro origine data all'epoca della rivolta dei Maccabei, quando Antioco V, per destabilizzare il potere religioso del Partito Nazionalista Giudaico, elesse un Sommo Pontefice in opposizione a quello dei rivoluzionari. Il primo Sommo Pontefice, eletto da Antioco V, fu un certo Alcimo che così viene ricordato dalla Bibbia: "Andarono da Antioco V tutti gli uomini perfidi ed empi d'Israele, guidati da Alcimo che aspirava al sommo sacerdozio, disposti a tradire Giuda e i suoi fratelli. Antioco V, accettate le loro proposte, attribuì ad Alcimo il sommo sacerdozio e gli diede ordine di far vendetta contro gl'Israeliti. Affidò Gerusalemme ad Alcimo e gli lasciò soldati che lo sostenessero". (I Mc. 7). Morto Antioco V, la riconferma a Sommo Pontefice di Alcimo da parte del re Demetrio suo successore, dette inizio a questa casta sacerdotale che ritroviamo intatta nei Sadducei al tempo di Pompeo: "Alcimo, che era stato prima sommo sacerdote, andò da re Demetrio verso l'anno 157 offrendogli una corona d'oro e una palma oltre ai tradizionali ramoscelli d'olivo del Tempio di Gerusalemme. Alcimo offrì al re i suoi servigi dichiarandosi disposto a combattere contro gli Asidei se gli avesse riconfermato la carica di sommo sacerdote. Al ché Demetrio, designato Nicanore stratega della Giudea, gli diede l'ordine di eliminare prima la Giuda e i suoi uomini e poi di costituire Alcimo sacerdote del Tempio massimo". (II Mc. 14). Fu così che in un susseguirsi di nomine di sommi sacerdoti voluti dai re ellenici in contrapposizione a quelli che venivano eletti dal Partito Nazionalista Giudaico, ritroviamo nei Sadducei i diretti discendenti di quell'Alcimo che fu il fondatore del loro ordine. Come i predecessori avevano collaborato con i Greci, così i Sadducei continuarono a collaborare con i Romani per conservare quel privilegio che gli veniva dall'amministrazione del grande Tempio, per essi fonte di enormi guadagni stanti le offerte che ricevevano dagli ebrei palestinesi e dai pellegrini che giungevano continuamente da tutte le parti del Medio Oriente in modo particolare durante le feste della Pasqua. Questo afflusso al tempio di Gerusalemme da parte di tutti gli Ebrei, compresi quelli appartenenti ad altre caste, era dovuto al fatto che questi sacerdoti, più che come rappresentanti di un'ideologia, erano visti come garanti conservatori delle leggi ataviche (Pentateuco) che venivano perpetuate attraverso i riti religiosi, come quello della Pasqua, la cui tradizione si perdeva nella notte dei tempi, cioè da quando, pastori nomadi, usavano sacrificare ai loro idoli i primi agnelli in un giorno di primavera. Come conseguenza di questa posizione preminente che era per loro fonte di cospicui guadagni, avendo tutto l'interesse che nulla mutasse, erano contrari a ogni forma rivoluzionaria che avrebbe potuto portare dei mutamenti sociali e religiosi. Tradizionali nemici del movimento rivoluzionario e quindi contrari all'avvento di un Messia, rimasero saldamente legati ai Romani che per loro rappresentavano, oltre che una garanzia di continuità per la loro posizione privilegiata, anche una protezione contro le ritorsioni terroristiche che usava il Partito Nazionalista Giudaico contro i suoi avversari. Per dimostrare quanto la religione non fosse il collante che cementava gli Ebrei, bensì i costumi e la tradizione, basti dire che i Sadducei, fedeli ai vecchi dettami del Dio biblico, a differenza degli Esseni e degli stessi Farisei che invece avevano assimilato (anche se in maniere diverse), le ideologie pagane espresse nel Culto dei Misteri, non credevano alla resurrezione dell'anima la quale, secondo il loro credo, moriva insieme al corpo.

FARISEI.
I Farisei, pur credendo all'immortalità dell'anima, erano rimasti fedeli seguaci del Messia biblico, cioè di quel Messia che essenzialmente uomo scelto fra gli uomini (unto), li

avrebbe portati quale condottiero davidico alla vittoria finale contro i nemici di Dio. L'origine dei Farisei era la più recente fra tutte le caste ebraiche perché avvenuta molti anni dopo la rivolta dei Maccabei, cioè quando si dissociarono dagli Asidei che per aumentare il numero dei propri seguaci avevano esteso il battesimo anche ai pagani. Fedeli come erano alla tradizione delle leggi mosaiche, respinsero nella maniera più decisa l'idea che dei pagani, sia pure convertiti, potessero entrare nelle loro comunità. Tenaci conservatori dell'ideologia ebraica secondo le leggi contenute nel Vecchio Testamento, saranno loro che alla fine salveranno l'ebraismo, opponendosi a quella gnosi che nel secondo secolo d.n.e. produrrà il cristianesimo. Per lo più accentrati in Giudea, troviamo i Farisei al tempo dei romani come i più convinti sostenitori del Dio biblico e delle tradizioni ebraiche. Raccolti in comunità si riunivano settimanalmente in cameroni che chiamavano "sinagoghe" (dal greco assemblea) dove sotto la direzione di un Rabbi (maestro) pregavano Dio per sollecitare l'avvento del Messia davidico che avrebbe ricostituito il regno d'Israele e discutevano dei vari problemi che riguardavano la loro giurisdizione. Lontani da ogni coinvolgimento politico nei confronti dei Romani, respingevano ogni forma di contatto con il movimento rivoluzionario che ritenevano, viste le esperienze del passato, capace di apportare soltanto lutti e dolore. I rabbi, ai quali era affidata l'amministrazione sociale, per assolvere la loro missione sacerdotale di responsabili del culto e di capi della comunità, tra le tante regole che dovevano rispettare avevano quella di essere obbligatoriamente sposati. Era assolutamente inammissibile, secondo la legge mosaica, che un rabbi restasse celibe. In seguito, durante le rivoluzioni messianiche, per via di quell'amalgama ideologico-religioso che sarà favorito dal movimento rivoluzionario per coinvolgere alla propria causa le masse, i titoli di Rabbi e di Nazir assumeranno lo stesso significato di "maestro" al punto d'essere usati entrambi per la stessa persona. Per quel comportamento che li mostrava da un lato ferventi sostenitori dell'avvento del Messia e dall'altro oppositori di ogni forma di partecipazione attiva nella lotta contro i Romani, nemici di Dio, furono accusati dai rivoluzionari di viltà e di ipocrisia tanto da essere paragonati a sepolcri imbiancati che nascondevano dentro nidi di serpi.

SAMARITANI.
Sono quegli Ebrei che dopo l'invasione della Palestina del nord da parte degli Assiri accettarono di coabitare con le popolazioni autoctone con le quali socializzarono fino a contrarre con esse matrimoni, pur rimanendo indipendenti nel rispetto delle proprie tradizioni. Rimasti idolatri, li troviamo durante l'occupazione romana, che continuano ad adorare le loro divinità pagane, tra le quali campeggia il vitello d'oro. Vennero rispettati da Roma fino a quando furono coinvolti, sia pure indirettamente, nelle lotte rivoluzionarie. La causa principale del loro coinvolgimento nelle rivoluzioni messianiche fu data dalla loro posizione geografica che, svolgendosi tra la Giudea e la Siria, faceva della loro regione un luogo di transito sia per le truppe romane, che si spostavano tra Gerusalemme e Damasco, sia per le truppe rivoluzionarie che, pur agendo principalmente in Giudea, avevano fatto della Galilea un centro di raccolta dei loro guerriglieri. Divenuta così la Samaria un luogo di scontro per via di quelle continue imboscate che i rivoluzionari tendevano alle truppe romane che vi transitavano, i samaritani cominciarono a essere oggetto di persecuzioni da parte di Roma quando, costretti dal ricatto del terrorismo rivoluzionario, dovettero appoggiare il movimento Yhavista. Appoggio che si effettuava dando ai rivoluzionari aiuti secondo i casi che continuamente si presentavano: rifornimenti di vettovaglie durante le incursioni, copertura nelle fughe quando erano inseguiti dalle pattuglie romane e informazioni di cui potevano avere bisogno per sostenere la lotta. Come conseguenza di questa collaborazione, allo stesso modo in cui i rivoluzionari

apprezzavano i samaritani che gliela fornivano, nonostante fossero idolatri, altrettanto disprezzavano i farisei che gliela negavano, benché appartenessero alla stessa religione. I due passi riportati dai vangeli, l'uno che racconta del buon samaritano che aiuta il prossimo nei momenti di bisogno e l'altra che paragona i farisei a sepolcri imbiancati all'esterno che internamente nascondono nidi di serpenti, esprimono nella maniera più evidente di quale tenore fossero le relazioni tra i rivoluzionari e queste due caste ebree all'epoca delle rivoluzioni messianiche.

ESSENI.
Gli esseni che incontriamo al momento dell'invasione romana non sono altro che quel movimento rivoluzionario che abbiamo lasciato con il nome di Asidei in chiusura del libro dei Maccabei. Questo cambiamento di nome, da Hassedin (Asidei) in Hessenin (Esseni), poiché non si può spiegare storicamente come sia avvenuto, non può essere attribuito che a una modifica che ha subito l'appellativo nella pronuncia durante il periodo che intercorre tra l'elezione di Giovanni Ircano I (-128) con la quale termina il periodo maccabeo, e l'invasione romana avvenuta nel -63. Che si tratti degli stessi rivoluzionari lasciati 90 anni prima non ci possono essere dubbi, dal momento che ritroviamo con loro quelle installazioni situate a nord ovest del Mar Morto, a quaranta chilometri da Gerusalemme (Modin e Masfa), dove si erano rifugiati gli Asidei durante la rivolta dei Maccabei; gli stessi accentramenti partigiani nelle regioni della Galilea e della Golanite, gli stessi sistemi di lotta basati su imboscate e azioni di terrorismo ai danni delle popolazioni inermi; gli stessi nazir che sostengono la medesima ideologia religioso-politica basata sull'attesa di un Messia che discende dal cielo per assumere il comando dell'esercito rivoluzionario; la stessa organizzazione tra la comunità di Gerusalemme e le altre comunità sparse nel Medio Oriente e tante altre concordanze tra le quali quella di essere guidati nelle azioni di guerra da capi che sono i diretti discendenti di quella famiglia degli Asmonei che fu fondata da Simone, figlio di Mattatia. Affermare quindi, come sostengono i teologi (storici !?) della Chiesa che gli Esseni non hanno nulla a che vedere con gli Asidei facendo leva sul mutamento del nome, oltre che a essere ridicolo, risulta una prova ulteriore per dimostrare la loro malafede o, meglio, la loro predisposizione a costruire sul falso. La Chiesa tende addirittura a disconoscere gli Esseni, a farli sparire dalla storia per mettere al loro posto immaginari seguaci di un Cristo mai esistito dai quali la derivare il cristianesimo. Nei vangeli infatti si parla di tutte le caste ebraiche tranne che degli Esseni. Vengono continuamente nominati i Farisei, i Sadducei, i Samaritani, ma mai viene spesa una parola su questo movimento rivoluzionario che, come vedremo, sarà quello che determinerà l'era messianica prima e genererà poi quella corrente religiosa da cui uscirà fuori il cristianesimo, ma soltanto alla line del secondo secolo della nostra era. Se chiedete ai preti i quali, come rappresentanti di Cristo in terra, dovrebbero essere i maggiori conoscitori della storia del cristianesimo chi fossero gli Esseni, vi risponderanno che non li conoscono, oppure vi diranno vagamente che erano una insignificante tribù nomade della quale praticamente non si sa nulla. Sono in buona o in cattiva fede? Io, personalmente non posso dirlo perché, per dare una risposta a questa domanda, bisognerebbe sapere quale è la cultura di ognuno di loro circa questo argomento, anche se sono propenso a credere che la maggior parte, almeno di coloro che non sono andati oltre gli studi fatti nei seminari, ignori sinceramente chi sono gli Esseni. Sono arrivato alla conclusione che molti preti, sicuramente la maggior parte, siano i primi ad ignorare le truffe su cui è basato il cristianesimo dopo aver letto il libro "Dalla Fede alla Ragione" di Prosper Alfaric che, come ex-Monsignore insegnante di teologia (e quindi esperto conoscitore dell'insegnamento nei seminari), ha ben spiegato,

dopo essersi convertito all'ateismo, quali sono i sistemi usati per alienare intellettualmente coloro che dovranno poi recitare la commedia del sacerdozio. Sembra incredibile, ma è proprio così! Essi, i preti, sono le prime vittime del plagio eseguito dalla Chiesa sui propri seguaci, i primi a subire quel lavaggio del cervello indispensabile affinché diventino i sostenitori irresponsabili di una morale basata ideologicamente su sofismi e storicamente sulla contraffazione dei fatti. I cinque anni di teologia, senza contare gli otto che li precedono, non hanno altro scopo che quello di trasformare nei futuri sacerdoti la capacità raziocinante di cui ogni uomo è dotato in un'imbecillità acquisita al fine di mettere a tacere a loro stessi quell'ateismo che, innato in ogni individuo, sentiranno poi continuamente agitarsi nelle loro coscienze. Ma per quanto quest'opera di trasformazione sia stata eseguita nella maniera più ossessiva e martellante sono pochi, veramente pochi, i preti che vivranno bovinamente un'esistenza di convinti credenti: come quel curato d'Ars, quel Vienney dal quoziente intellettuale praticamente nullo, che in un atto di ispirazione divina si autodefinì un'oca. La dimostrazione di questa mia affermazione non viene soltanto da quel loro ricorrere continuamente alla preghiera per non naufragare nei dubbi che derivano da una fede che continuamente vacilla, ma anche dai continui casi, sempre più frequenti, di sacerdoti che, superato l'ultimo scrupolo, si liberano della sottana nera custode di angosce e di rimorsi, per rinascere a una seconda vita apportatrice di serenità come soltanto l'ateismo può garantire. "Sono numerosi i preti cattolici e i pastori protestanti che non credono a Dio, ma per viltà, per paura di perdere il guadagno o la loro posizione sociale, essi nascondono ciò che pensano. Ho avuto modo di comprenderlo diverse volte e qualcuno di questi furbi mi ha confessato che essi predicano ciò che considerano menzogna. Non si può che avere compassione di questi individui che, oltre che verso gli altri, sono disonesti verso se stessi " (Lalande, astronomo e scienziato francese - 1732/1807). Ora che sapete ciò che c'è nell'intimo dei preti, saprete cosa pensare di loro ogni qualvolta ne incontrerete uno!

Occupazione romana della Palestina.
Fatta questa breve dissertazione sulle caste ebraiche esistenti al tempo delI'occupazione romana, riprendiamo con Pompeo che entra in Palestina per sedare la sommossa che il Partito nazionalista Giudaico, sostenitore di Aristobulo II, aveva organizzato contro Ircano II. I rivoluzionari, riunito il loro esercito, marciarono contro Pompeo ma, sopraffatti in campo aperto, si ritirarono per portare un'ultima resistenza al riparo delle mura di Gerusalemme la quale, dopo tre mesi di assedio, fu costretta a capitolare. Gerusalemme fu ancora una volta distrutta, ma ciò che sopra ogni cosa generò odio nei giudei verso i romani fu il fatto che Pompeo profanò il Tempio entrando con i suoi soldati nel Sancta Sanctorum. Ircano II fu riconfermato, ma dal momento che lo scopo di Pompeo era quello di sottomettere la Palestina attraverso un controllo più politico che militare, questi cercò di ridurre al massimo il potere di Ircano II dandogli un titolo di etnarca al posto di quello di re, riducendo al minimo il territorio della sua giurisdizione e mettendogli accanto un controllore di sua fiducia nella persona di un tale Antipatro. Convinto di avere dato così una stabilità duratura alla Giudea e all'intera Palestina (il cui controllo lo aveva affidato al proconsole romano in Siria), Pompeo ritornò a Roma con il grosso delle truppe lasciando una sola legione accampata nei pressi di Gerusalemme. Morto Aristobulo nel 58, le pretese che precedentemente aveva accampato lui sul trono di Gerusalemme furono sostenute dai suoi figli che attraverso il movimento rivoluzionario, di cui erano i capi, ripresero ad attaccare le truppe romane, le milizie di

Ircano II e a diffondere il terrorismo tra le popolazioni della Palestina. E' in queste rivoluzioni sostenute dagli eredi di Aristobulo che appare storicamente la figura di un certo Ezechia quale capo dei rivoluzionari e più specificamente di quei reparti oltranzisti che avevano preso il nome di "zeloti" per lo zelo che dimostravano nella loro ideologia rivoluzionaria, quello zelo che Mattatia aveva esaltato nel suo testamento spirituale come la virtù essenziale sulla quale doveva basarsi il Partito Nazionalista Giudaico da lui fondato. Giuseppe Flavio, storico contemporaneo, così ci parla di costui nel suo libro Antichità Giudaiche": "Il rabbi Ezechia, di professione medico, apparteneva ad una famiglia ricca ed altolocata della città di Gamala situata sulla sponda golanita del lago di Tiberiade. Questa città non si era sottoposta ai romani confidando nelle sue difese naturali. Da un'alta montagna si protende infatti uno sperone dirupato il quale nel mezzo s'innalza in una gobba che dalla sommità declina con uguale pendio sia davanti che di dietro, tanto da somigliare al profilo di un cammello (gamlà); da questo trae il nome, anche se i paesani non rispettano l'esatta pronuncia del nome. Sui fianchi e di fronte termina in burroni impraticabili mentre è un po' accessibile di dietro, dove è come se fosse appesa alla montagna. Ma anche qui gli abitanti, scavando una fossa trasversale, hanno sbarrato il passaggio. Le case, costruite sui ripidi pendii, sono fittamente disposte l'una sopra l'altra: sembra che la città sia appesa e sempre sul punto di cadere dall'alto su se stessa. Affacciata a mezzogiorno, la sua sommità meridionale, elevandosi a smisurata altezza, forma la rocca della città, sotto cui un dirupo privo di mura piomba in un profondissimo burrone." (Ho messo in grassetto questo passo riguardante la città di Gamala perché sarà determinante in seguito per il fine che mi sono prefisso di raggiungere). Dato che non esistono documenti che attestino la genealogia del Rabbi Ezechia, capo dei rivoltosi, possiamo risalire ai suoi ascendenti attraverso la storia, partendo da quel Giovanni Ircano I, figlio di Simone e nipote di Mattatia, che fu il fondatore della stirpe degli Asmonei, sul quale si chiude il libro del Maccabei. Eletto, come abbiamo visto, Sommo Pontefice e re di Gerusalemme nel 128, Giovanni Ircano I morì nel 104. A lui succedette il figlio Aristobulo I che dopo soltanto un anno cedette il regno al figlio Alessandro Ianneo; questi morendo (-76) lasciò il trono ai due figli Ircano II e Aristobulo II. Dei due fratelli quello che gli succedette fu Ircano II che però fu spodestato nel 67 dal fratello Aristobulo II che accampava diritti dinastici superiori ai suoi. Preso il trono, Aristobulo II vi rimase fino a quando nel -63 Pompeo, eletto arbitro della disputa, lo sollevò per rimettere al suo posto Ircano II. Aristobulo, non rassegnato alla decisione di Pompeo, proseguì nelle sue rivendicazioni promuovendo sommosse contro il fratello, sommosse che furono continuate, secondo quanto dice la storia, sia pure in forma generica, dai suoi discendenti dopo la sua morte che avvenne nel -58: "I figli di Aristobulo e i suoi discendenti continuarono la lotta di rivendicazioni al trono della Giudea contro Ircano II" (Ant.Giud. di Giuseppe Flavio). Anche se non ci è dato sapere tramite la storia quale fosse il rapporto di parentela tra Ezechia e Aristobulo II (potrebbe essere anche il figlio), è comunque certo che egli era un suo diretto discendente. Sarà grazie a questa discendenza da Aristobulo II, pronipote di quel Mattatia a cui veniva attribuita la diretta discendenza dalla stirpe di Davide, che il Partito Nazionalista Giudaico attese che uscisse il Messia salvatore del popolo giudeo. La rivolta promossa dai discendenti di Aristobulo II contro la decisione di Pompeo favorevole a Ircano II fu di un' imponenza tale che Gabinio, proconsole di Siria (57/55) dovette intervenire due volte per poterla domare. Da questo fatto possiamo comprendere quanto si fosse potenziato l'esercito dei guerriglieri Yhavisti, potenza che dopo l'invasione di Pompeo andò sempre aumentando, vista la necessità che s'imponeva di combattere

contro i Romani che rappresentavano per loro il maggiore ostacolo per realizzare la ricostituzione del regno.

Ristabilito l'ordine, Gabinio passò la Giudea sotto il diretto controllo della Siria togliendo a Ircano II il titolo di etnarca e lasciandogli soltanto quello di Sommo Pontefice. Questa situazione che vedeva la Giudea priva di una propria amministrazione politica andò avanti fino a quando Giulio Cesare, succeduto a Pompeo con l'intento di rabbonire i Giudei che reclamavano i loro diritti politici riconfermò nell'anno -47 Ircano II etnarca della Giudea e riestese i confini della giurisdizione di Gerusalemme riportandoli allo stato primitivo. Una riconferma di privilegi in realtà soltanto apparente perché Pompeo, rimettendo accanto a Ircano II Antipatro come controllore elevato al grado di procuratore della Giudea, riduceva la figura politica dell'etnarca a una autorità puramente simbolica. Questa riconferma di Ircano II come etnarca della Giudea provocò un'ondata di nuove sommosse da parte dei rivoluzionari sostenitori della stirpe di Aristobulo II, che proseguì negli anni successivi impegnando seriamente le truppe romane e le milizie di Ircano II. Antipatro che era stato posto da Giulio Cesare quale controllore di Ircano II aveva un figlio di nome Erode il quale, fortemente ambizioso, aveva sempre coltivato l'idea di salire al

trono di Gerusalemme prendendo il posto di Ircano II. Sapendo che la sua aspirazione si sarebbe potuta realizzare soltanto con l'appoggio dei Romani, per cattivarsi la loro fiducia, tra le tante cose che fece in loro favore ci fu quella di farsi promotore di spedizioni punitive contro i terroristi del Partito Nazionalista Giudaico. Fu in uno degli scontri che tenne contro i ribelli che gli capitò di catturare il rabbi Ezechia, loro capo che giustiziò sommariamente sul campo. Tanta fu la stima che gliene incolse da parte di Roma che di lì a qualche tempo, approfittando del fatto che il trono di Gerusalemme era rimasto vacante (perché Ircano II era stato fatto prigioniero in una battaglia contro il popolo dei Parti), si fece insediare al suo posto dai romani che per la fiducia che riponevano in lui, nell'intento di eliminare per sempre quella stirpe di giudei che non avevano fatto che procurare disordini, gli estesero il comando su tutta la Palestina, elevandolo al grado di re. Gerusalemme, confermata capitale, fu da Erode, con la partecipazione finanziaria di Roma, ampliata e resa per la prima volta nella storia un'importante città come mai in precedenza. Gli edifici voluti da Erode furono concepiti sul modello dell'arte greco-romana e provvisti di tutte le comodità e agiatezze di una civiltà raffinata. Sulla parte alta, munito di tre grandiose torri di difesa, Ippica, Fasaele e Marianne, fu edificato il palazzo regio e nella parte bassa della città fu costruita quella fortezza Antonia che divenne il presidio dei romani. Tutta la città fu cinta da un formidabile fossato. Fuori del fossato sorse un grande edificio (agorà) per le assemblee del popolo, un ampio teatro chiuso, un anfiteatro e un ippodromo. Ma l'opera più spettacolare fu la costruzione del Tempio. Erode, subito dopo l'elezione a re della Palestina, per assicurarsi il potere contro ogni rivendicazione da parte di eventuali pretendenti, dopo aver eliminato tutti i discendenti di Ircano II fece uccidere anche lui non appena ritornò dalla prigionia impostagli dai Parti. Furono queste uccisioni a offrire lo spunto a quella favola sulla strage degli innocenti che venne a lui addebitata ingiustamente, non avendola mai eseguita. Erode, sia per l'abilità diplomatica che per l'ottima amministrazione che mise a punto, è sicuramente stato il più grande monarca di tutta la storia della Palestina. La sua grandezza aumentò quando la sua carica di re fu confermata da Ottaviano Augusto che gli rimase per sempre riconoscente per l'aiuto da lui ricevuto nella guerra contro Antonio e Cleopatra per la conquista dell'Egitto (-31). Contrastato dai tanti nemici che aveva, soprattutto dai rivoluzionari del Partito Nazionalista Giudaico che vedevano in lui l'usurpatore del trono di Davide che spettava ai discendenti di Mattatia (tra i quali l'ultimo era Ezechia, da lui stesso ucciso), seppe ben tenere testa a tutti con l'aiuto incondizionato delle legioni di Roma. Erode morì nell'anno -4 lasciando una successione complicata che dette luogo a episodi di particolare violenza da parte dei guerriglieri yhavisti contro i suoi quattro figli che si contendevano lo scettro di Gerusalemme. Il proconsole di Siria, Quintilio Varo, intervenne due volte con le sue legioni. La repressione fu così feroce che duemila Giudei furono giustiziati con la crocifissione che era la condanna riservata ai turbatori dell'ordine pubblico. Queste crocifissioni, che dovevano servire da monito, non produssero in realtà che un aumento di odio da parte dei Giudei verso Roma che da essi veniva sempre considerata come la peggiore nemica, individuando in essa la capitale della violenza, della crudeltà e dell'ingiustizia. Domata questa ulteriore rivolta, l'imperatore Augusto, fattosi arbitro nella disputa dinastica sorta tra i figli di Erode, divise la Palestina in quattro tetrarchie, affidandone una a ciascuno di loro. Soppresso il titolo di Re, i figli di Erode con la carica di tetrarca, che letteralmente significa "capo di un quarto", amministrarono la Palestina protraendosi a lungo negli anni che seguirono. La tetrarchia della Galilea, che fu l'ultima a cadere, rimase governata da Erode Antipa fino a quando costui nel +39 fu deposto dall'imperatore Caligola che riunì tutta la Palestina affidandola a Erode Agrippa con il quale era unito da una "particolare

amicizia". La tetrarchia più importante, quella di Gerusalemme, che sarà al centro delle vicende messianiche perché depositarla dello scettro di Davide, Augusto la assegnò ad Archelao in qualità di primogenito di Erode con il titolo di etnarca della Giudea. Ma questa elezione, contestata ancora dai giudei yhavisti, fu causa di ulteriori disordini. A questo punto Cesare Augusto per porre fine alle contestazioni rivoluzionarie prese la decisione di invadere definitivamente la Palestina con le truppe per annetterla come provincia all'impero romano togliendole ogni autonomia politica. Fu in seguito a questa decisione che ebbero inizio le rivolte messianiche perché nella sostituzione di Archelao (mandato in esilio) con un prefetto romano nella persona di Coponio si realizzava la profezia di Giacobbe che diceva che il Messia sarebbe arrivato il giorno in cui "lo scettro di Davide sarebbe uscito dalle mani di Giuda", cioè il giorno in cui il trono di Gerusalemme, tolto ai Giudei, sarebbe stato occupato da un non appartenente alla razza ebraica.

CAPITOLO IX GLI ESSENI FIGLI DELLA LUCE
Riprendere la narrazione della storia ebraica durante la dominazione romana disponendo finalmente di prove che confermano fatti dopo aver chiuso, con il libro dei Maccabei, un racconto basato esclusivamente su leggende, visioni e rivelazioni, è un po' come riaprire gli occhi sulla realtà dopo esserci risvegliati da un sogno o, meglio ancora, da un incubo. Mi riferisco alla possibilità che si ha di seguire finalmente le vicende del popolo ebraico attraverso una documentazione seria che ci viene da altre fonti oltre da quelle finora forniteci dagli autori della Bibbia. L'attività rivoluzionaria degli Esseno-Zeloti, trattata da molti storici di quei tempi, quali Giuseppe Flavio, Filone, Plinio il Vecchio e tanti altri, e confermata da documenti ineccepibili (per quanto manomessi e falsificati dalla Chiesa), ci apparirà così chiara da farci sembrare un semplice gioco il dimostrare la grande impostura sulla quale è stato costruito il cristianesimo. Il Partito Nazionalista Giudaico, formatosi sotto la dominazione ellenica in seguito alla rivolta dei Maccabei, lo ritroviamo all'epoca dei romani rappresentato oltre che dalle numerose comunità essene (ex Asidei) che si erano saldamente attestate in Palestina come in tutto il Medio Oriente anche da centri di addestramento nei quali venivano formati i guerriglieri rivoluzionari e gli attivisti dell'ideologia religiosa. Lasciando per il momento da parte le comunità, soffermiamoci a parlare di questi centri di addestramento sorti in prevalenza in Palestina, dei quali il maggiore si trovava nel deserto dell'Engaddi, esattamente a Kimbert Qumran, dove un secolo prima Giuda, figlio di Mattatia, aveva organizzato i rivoluzionari in un vero e proprio esercito dandogli una suddivisione gerarchica. Questo insediamento, favorito dalla presenza di innumerevoli grotte (tuttora esistenti), si era così ampliato nel tempo da assumere un'importanza determinante nel programma di lotta del movimento Yhavista. Negli scavi eseguiti nel 1947 si è dimostrato essere una vera città sotterranea. Oltre a una documentazione contenuta in quaranta rotoli nei quali era riportata in tutti i dettagli l'attività delle comunità essene e il loro programma rivoluzionario (di cui parleremo in seguito) sono state trovate le vasche che venivano usate per il rito del battesimo che gli Esseni praticavano a imitazione del Culto dei Misteri per attirare alla loro ideologia le masse dietro la ricompensa di una beatitudine eterna dopo la morte. I volontari, provenienti da tutte le comunità, venivano addestrati in questi centri in vista di quella che sarebbe stata la battaglia finale contro i nemici di Dio. Plinio il Vecchio, storico che soggiornò a lungo in Palestina durante l'occupazione romana, così parla di questi centri di addestramento esseni: "Sono insediamenti composti da un numero dì persone che può arrivare alle due o tremila. Non ci sono nascite, né bambini, né vecchi ma soltanto uomini giovani e validi che sì rinnovano contìnuamente ". L'indottrinamento, la cui durata era di tre anni (uno di noviziato e due di perfezionamento), era affidato a santoni che, oltre a essere profondi conoscitori dei principi religiosi, erano anche maestri nell'insegnamento delle arti marziali. La preparazione dei Nazir, che erano coloro a cui veniva affidato il ruolo di organizzatori e di attivisti, era particolarmente curata in ciò che riguardava la magia e l'esoterismo, e tanta era la perfezione che si richiedeva loro che alcuni venivano inviati in India, per apprendere direttamente dagli Yoghi la pratica di quella catalessi che doveva servire a convincere le masse sulla veridicità della resurrezione dopo la morte. All'interno di questa organizzazione, che sempre più si ampliava attraverso l'attività

propagandista operata dalle comunità essene sparse nel Medio Oriente, si stava in realtà preparando la guerra del monoteismo ebraico contro il monoteismo pagano il quale, a sua volta, andava sempre più affermandosi con il Mazdeismo che Roma aveva già eletto come religione di Stato sin dai tempi della rivolta dei Maccabei. Il trionfo definitivo del Mazdeismo, così come avrebbe comportato la fine di tutte le altre religioni, come avrebbe eliminato tutte le altre divinità così avrebbe fatto sparire anche il Dìo ebraico, quel Yhavé che per gli ebrei rappresentava la sola ancora di salvezza per evitare la loro dispersione dal momento che non possedevano una terra propria nella quale avrebbero potuto stabilirsi e quindi salvare la loro razza. I Giudei, che avevano tanto sperato in un'alleanza con Roma, la quale avrebbe permesso loro di riprendere quella libertà di culto e di associazione di cui avevano goduto nei secoli precedenti prima che gli venisse tolta da Antioco IV Epifane, furono molto delusi da Pompeo allorché, eliminato Aristobulo II, confermò sul trono di Gerusalemme Ircano II che era il loro oppositore. Come conseguenza, considerato Pompeo come loro nemico, gli si opposero quando entrò in Palestina con una resistenza armata che dette inizio ad una serie di lotte che, pur aumentando d'intensità per un odio che sempre più cresceva stante la crudeltà che i Romani usavano nelle loro repressioni, rimasero comunque contenute in una guerra di rivendicazione della Palestina fino a quando Roma nel -31 conquistò l'Egitto. Fu in seguito a questa annessione dell'Egitto, che estendeva praticamente il dominio di Roma su tutto mondo, che il Partito Nazionalista Giudaico, facendo proprio il concetto universale della religione Mazdeista che dava per certo il trionfo finale della luce sulle tenebre, concepì quel programma di guerra che avrebbe portato gli Ebrei a dominare su tutti i popoli prendendo il posto di Roma nel comando dell'impero. Nella convinzione che Dio si fosse servito di Roma per riunire tutti i suoi nemici sotto un unico comando per dare loro la possibilità di batterli con una sola battaglia, autodefinitisi "Figli della luce", concepirono un programma di guerra contro i "figli delle tenebre" che, concludendosi con la distruzione di Roma, gli avrebbe permesso di divenire padroni del mondo esattamente secondo quanto era stato predetto dalle Sacre scritture. Secondo il "rotolo della guerra", uno dei quaranta rotoli rinvenuti durante gli scavi eseguiti nel 1947 nell'insediamento esseno di Kimbert Qumran, fu proprio qui, da questo insediamento situato sulle rive del Mar Morto, a quaranta chilometri da Gerusalemme, che sarebbe dovuta partire la rivolta che avrebbe dato inizio alla guerra contro Roma e i suoi alleati. Dal "Rotolo della Guerra": "L'inizio della rivoluzione si avrà allorché i figli della luce (gli esseni) porranno mano all'attacco contro il partito dei figli delle tenebre (i romani e i loro alleati pagani), contro l'esercito di Belial (il demonio), contro la milizia di Edom, di Moab (popoli ebrei rimasti idolatri), dei figli di Ammon (divinità egiziana), contro gli Amaleciti e il popolo dei Filistei (sono i palestinesi autoctoni, tradizionali nemici degli ebrei), contro le milizie dei kittim di Assur (i romani protettori delle divinità Assire tra le quali figurava il dio Mitra) ai quali andranno in aiuto coloro che empiamente agiscono contro il patto (l'alleanza che avevano stipulato con Dio attraverso Abramo e Mosè). I figli di Levi, i figli di Giuda e i figli di Beniamino (sono le tribù che hanno formato il Partito Nazionalista Giudaico), gli esuli del deserto (come si era autodefinita la collettività insediatasi a Kimbert Qumran, in ricordo di quei quarant'anni trascorsi nel deserto sotto il comando di Mosè prima di invadere la terra di Canaan), combatteranno contro di essi allorché gli esuli dei figli della luce ritorneranno dal deserto dei popoli per accamparsi nel deserto di Gerusalemme ( riferimento a tutti gli Ebrei sparsi nel mondo che si riuniranno, nel giorno stabilito per la guerra finale, nel deserto dell'Engaddi dove si trovava Kimbert Qumran)". Se in questo passo del "Rotolo della Guerra" gli Esseni dichiarano quali sono i nemici da abbattere in un altro passo espongono il piano di guerra da seguirsi per

pervenire alla vittoria finale: "E dopo questa guerra (si riferisce alla prima fase che considera la conquista della Palestina), i figli della luce se ne andranno di là per combattere contro tutte le milizie dei Kittim in Egitto (è la seconda fase che prevede l'attacco contro le legioni romane in Egitto). E al tempo stabilito, il popolo dei figli della luce uscirà con grande collera per combattere il Re del settentrione ( terza ed ultima fase del programma la quale prevede l'attacco diretto a Roma) e la sua ira sarà diretta a distruggere il potere di Belial (nel demonio Belial ci sono racchiusi simbolicamente tutti i pagani, figli delle tenebre). " Questo sarà il tempo per la salvezza del popolo di Dio e il suo tempo stabilito della dominazione per tutti gli uomini del suo partito e l'annientamento eterno dei suoi nemici rappresentati dal Partito di Belial. Vi sarà una costernazione tra i figli di Iafet (Roma e tutto il mondo occidentale). Assur (Roma) cadrà e nessuno l'aiuterà, scomparirà la dominazione dei Kittim facendo soccombere l'empietà senza lasciare traccia e non rimarrà nessun rifugio per i figli delle tenebre. Nel giorno in cui i Kittim cadranno vi sarà un combattimento e una grande strage al cospetto del Dio d'Israele: giacché questo è il giorno da lui determinato da molto tempo per la guerra di sterminio dei figli delle tenebre da parte dei figli della luce che saranno impegnati a seguire una grande strage" Dalle parole evidenziate in grassetto appare chiaro che gli Ebrei erano convinti che era stato il loro Dio a volere che Roma riunisse tutte le nazioni sotto un unico impero per dare loro la possibilità di rendere universale il regno di Davide, vincendo tutti i nemici con una sola guerra. Esaltati da questa ideologia monoteista, che li portava a vedersi padroni del mondo, gli Ebrei continuarono a espandersi su tutto l'impero romano in comunità sempre più agguerrite e numerose grazie all'espediente del battesimo che i Nazir elargivano a quattro mani per produrre seguaci facendo leva, secondo quanto avevano appreso dalla religione avestica, sui diseredati, gli afflitti e i perseguitati ai quali promettevano una ricompensa eterna dopo la morte se avessero seguito i loro insegnamenti, quegli insegnamenti che camuffati sotto un'ideologia spirituale in realtà incitavano all'odio dei loro nemici etichettati "Figli delle Tenebre". Questa situazione di usare l'ideologia spirituale per realizzare un imperialismo materiale si ripete ancora oggi, dopo duemila anni: gli stessi Nazir che hanno cambiato il nome in preti, gli stessi battesimi, le stesse promesse di una vita eterna e gli stessi grulli che li seguono li ritroviamo tutti nelle recite di questa religione apportatrice soltanto di odio, di guerre e di rancori tra i popoli che è il cristianesimo. Come dal "Rotolo della guerra" abbiamo appreso il programma rivoluzionario guerriero degli esseni, così siamo venuti a conoscenza dell'organizzazione interna delle comunità essene attraverso il "Rotolo delle Regole" che, in fin dei conti, non ha fatto che confermare ciò che già si sapeva attraverso gli storici del tempo, quali Giuseppe Flavio, Filone, Plinio il Vecchio e tanti altri nonostante che i loro scritti fossero stati falsificati e censurati dai cristiani nel II, III e IV secolo per eliminare quelle prove che avrebbero rivelato la loro impostura. La tranquillità di vita che conducevano queste comunità, come risulta dagli scritti degli storici dell'epoca, in realtà non era che un'apparenza ostentata per evitare le persecuzioni romane che altrimenti si sarebbero accanite contro di loro se fossero emerse essere rivoluzionarie, come in realtà erano. Anche se aprivano le adesioni a tutti, indipendentemente dal ceto, dalla razza, dalla religione, per aumentare il numero dei seguaci, per la diffidenza che nutrivano verso gli estranei, sottoponevano i nuovi arrivati a un anno di noviziato che dovevano trascorrere sotto osservazione prima di essere accettati dalle comunità. Come erano ipocriti nell'atteggiamento verso il mondo esterno, al quale si mostravano come osservanti dediti soltanto alle preghiere, altrettanto lo erano

verso i loro proseliti che, dopo averli convinti, attraverso un lavaggio del cervello fattogli durante i tre anni di indottrinamento, che soltanto attraverso la povertà si poteva entrare nel regno dei cieli, spingevano a cedere tutti i loro beni alla comunità, beni che venivano poi utilizzati per sostenere il movimento rivoluzionario. Una volta spogliati di tutto ciò che avevano, i seguaci venivano tenuti sotto diretto controllo facendoli lavorare come schiavi dietro la ricompensa di vitto e alloggio secondo i rituali di una vita monastica. La mattina si recavano al lavoro distribuendosi nelle varie occupazioni sotto la diretta sorveglianza dei Nazir che inculcavano loro le leggi del Pentateuco e li ammaestravano nei concetti spirituali riguardanti quella ricompensa eterna che avrebbero raggiunto dopo la morte se avessero fedelmente seguito le regole del movimento Yhavista. In realtà, attraverso questa sottomissione imposta dalla classe dominante alla massa dei seguaci, gli Esseni preparavano la battaglia finale dei figli della luce contro i figli delle tenebre. "Gli esseni in particolare hanno fama di praticare la santità. Ebrei di nascita, sono più degli altri legati da mutuo affetto. Costoro respingono i piaceri come male, mentre guardano come virtù la temperanza e a non cedere alle passioni. Sono contrari al matrimonio, ma adottano i figli altrui, mentre sono ancora arrendevoli ai loro ammaestramenti: li considerano come loro parenti e li modellano secondo i loro costumi. Dispregiatori della ricchezza, presso di loro è ammirevole la vita comunitaria: invano si cercherebbe presso di loro qualcuno che possieda più degli altri. C'è infatti una legge che quelli che entrano nella comunità cedano il patrimonio alla corporazione. Essi non abitano in una sola città, ma in varie città prendono domicilio in molti. Ai membri delle altre comunità che giungono da fuori, concedono libero uso delle case loro come se fossero proprie di coloro che entrano in casa di quelli che in precedenza non avevano mai visti come in casa di persone familiarissime. La loro pietà verso la divinità ha una forma particolare: prima del sorgere del sole non proferiscono alcunché di profano, ma recitano certe preghiere verso di esso quasi a supplicarlo di spuntare". (E' la ripetizione dei riti mazdeisti nei quali Mitra veniva assimilato al sole sorgente di luce). "Eseguite, le preghiere del mattino, ognuno è invitato dai sovrintendenti al mestiere che sa: dopo aver lavorato energicamente fino all'ora quinta, si radunano nuovamente in un solo posto e copertisi di un indumento di lino si lavano il corpo con acqua fredda. Dopo questa purificazione vanno insieme in un edificio particolare ove a nessuno di altra fede è concesso di entrare. Loro stessi non entrano nel refettorio che dopo essersi purificati, come in un recinto sacro. Dopo che in silenzio si sono seduti, il panettiere serve i pani per ordine e il cuciniere serve a ciascuno una sola scodella con una sola vivanda. Il sacerdote precede il pasto con una preghiera; e nessuno può iniziare a mangiare prima della preghiera; dopo che hanno mangiato egli aggiunge una nuova preghiera; cosicché sia al principio che alla fine venerano Dio come dispensatore della vita. Dopo, deposte le vesti indossate per il pasto, dato che esse sono sacre, tornano nuovamente ai lavori fino alla sera. Allora ritornano e cenano nella stessa maniera in compagnia degli ospiti se ce ne sono. Hanno una cura straordinaria degli scritti antichi, scegliendo specialmente quelli che riguardano il profitto dell'anima e del corpo. E qui studiano le malattie, le radici che preservano da esse e le proprietà delle pietre. Coloro che desiderano entrare nelle comunità non ne ottengono immediatamente l'accesso. Al postulante impongono per un anno la stessa norma di vita lasciandolo durante questo periodo fuori della comunità. Dopo che egli avrà dato in questo tempo prova di temperanza, viene inoltrato più addentro nella norma di vita immergendolo in acque di purificazione ancora più pure, ma ancora non è accolto nella vita comune. E infatti, dopo la dimostrazione di costanza, per altri due anni si mette a prova il suo

carattere; e allora se appare degno viene ammesso nella società. Superano i dolori con la riflessione (Yoga). Quando giunge con gloria (riferimento al martirio),giudicano la morte come migliore mezzo della conservazione della vita. I loro spiriti, del resto furono sottoposti ad ogni genere di prove dalla guerra con i romani, nella quale furono stirati e contorti, bruciati e fratturati, fatti passare sotto ogni strumento di tortura affinché bestemmiassero il legislatore oppure mangiassero alcunché di illecito (particolarmente la carne suina che gli era proibita dal Pentateuco), ma rifiutarono ambedue le cose, mai adularono i loro tormentatori né mai piansero. Sorridendo anzi tra gli spasimi e trattando ironicamente coloro che eseguivano le torture, rendevano lo spirito come persone che stiano per riceverne un altro. (Questi sono i martiri esseni che la Chiesa trasformerà in martiri cristiani). Infatti è ben salda in loro l'opinione che i corpi sono corruttibili e instabile è la loro materia, mentre le, anime permangono per sempre. Venute dall'etere sottile, restano implicate nei corpi come dentro le carceri, attratte da un incantesimo naturale (è lo stesso concetto di anima presente nel Culto dei Misteri). Vi sono poi tra di loro di quelli che asseriscono di prevedere il futuro, esercitandosi fin dalla fanciullezza nello studio dei libri sacri, degli scritti sacri e delle sentenze dei profeti: ed è raro che le loro predizioni falliscano " (da "Antichità Giudaiche" di Giuseppe Flavio). Da questo passo di Giuseppe Flavio appare evidente come le organizzazioni essene cercassero di nascondere la loro attività rivoluzionaria dietro un'apparente tranquillità monastica per evitare le persecuzioni dei Romani. Un'altra importante osservazione che si deve fare per comprendere gli Esseni è quella che riguarda il loro rifiuto ad accettare il sacramento dell'Eucarestia. Anche se avevano ripreso tutto dal "Culto dei Misteri" avevano sempre respinto ogni forma di teofagia. Il solo pensare di poter mangiare il loro Dio, quel Dio di cui era proibito perfino fare il nome, sarebbe stato per essi già motivo di sacrilegio. Di conseguenza, eseguivano un rito che, ricordando solo in apparenza quello eucaristico pagano, si limitava alla semplice benedizione del pane e del vino dolce. Dal Libro delle Regole dell'assemblea: "In ogni luogo dove saranno dieci uomini del consiglio della comunità, tra di essi non mancherà un sacerdote: si siederanno davanti a lui, ognuno secondo il proprio grado e così sarà domandato il loro consiglio in ogni cosa. E allorché disporranno la tavola per mangiare o il vino dolce per bere, il sacerdote stenderà per primo la sua mano per benedire il pane e il vino dolce". D'altronde che il pacifismo ostentato dalle comunità essene fosse solo apparente risulta dal loro programma bellico espresso nel "Rotolo della Guerra": basato sulle stragi più efferate, trabocca di odio e di vendetta. Rimanendo fedeli alle leggi di Mosè (come vedremo nel prossimo brano tratto dal libro dei "Regolamenti delle Comunità"), non sono che dei lupi travestiti da agnelli che hanno fatto propri i concetti cosmici della religione Mazdeista per realizzare un programma di dominio universale basato esclusivamente sull'aggressività più feroce. Autodefinitisi "figli della luce", in realtà non erano altro che i figli di quell'odio e di quel rancore che nei secoli gli si era accumulato contro tutto il mondo, quel mondo che, avendoli sempre emarginati e respinti, li aveva relegati in un ruolo così infimo da essere considerati una razza inferiore. Dal Libro delle Regole: "Per tutta la comunità e per tutti gli uomini affinché vivano secondo la regola della comunità cercando Dio nei suoi statuti e giudizi facendo ciò che è bene e retto dinanzi a lui come ha ordinato a Mosè e per mezzo dei suoi servi e profeti; affinché amino quanto egli ha scelto e odino quanto egli ha respinto; affinché introducano nel patto di grazia tutti coloro che sono volenterosi nell'adempimento degli statuti divini; affinché amino tutti i figli della luce ognuno nel posto che ha nel consiglio di Dio, e odino tutti i figli delle tenebre, secondo la consapevolezza che hanno di fronte

alla vendetta di Dio. I saggi ammaestrino e istruiscano tutti i "Figli della Luce" sulla storia di tutti i figli dell'uomo e su tutti i generi dei loro spiriti con i loro caratteri, secondo le loro opere, e sulle loro genealogie sulla visita (avvento del Messia) nella quale saranno colpiti e sul tempo della loro retribuzione ". In tutto il "Libro delle Regole" si ripetono continuamente le minacce contro i "Figli delle Tenebre" rappresentati da Roma e dai suoi alleati pagani che attraverso Mitra stanno realizzando quel monoteismo che, divorando il loro Dio, determinerebbe l'estinzione della loro razza. "In una sorgente di luce sono le origini della verità e da una fonte di tenebra le origini dell'ingiustizia. In mano al principe delle luci è l'impero su tutti i figli della giustizia: essi camminano sulla via della luce. Ed in mano all'angelo della tenebra è tutto l'impero che dovrebbe essere in mano ai figli della giustizia (chiaro riferimento al loro programma di prendere il posto di Roma): essi camminano sulla via della tenebra. Ma il Dio d'Israele e l'angelo della sua verità soccorrono tutti i figli della luce: è lui, il Dio d'Israele, che ha creato gli spiriti della luce e della tenebra e su di essi ha fondato ogni azione e sulle loro vie ogni servizio ". E più avanti, sempre nel Libro delle Regole: "Ma Dio, negli arcani della sua intelligenza, e nella sapienza della sua gloria, ha concesso un tempo determinato all'esistenza dell'ingiustizia: nel tempo stabilito per la visita (l'avvento del Messia) egli la sterminerà per sempre". Una conferma circa chi fossero veramente gli esseni nell'ambito delle comunità apparentemente pacifiche ci viene da un passo degli "Atti degli Apostoli", uno dei pochissimi brani che sfuggirono alla censura dei falsari cristiani, attraverso un fatto accaduto nella comunità di Gerusalemme alla fine degli anni quaranta quando a capo di essa subentrò un certo Simone, del quale parlerò ampiamente in seguito. Il fatto riguarda due proseliti, marito e moglie, di nome Anania e Saffira, che furono puniti con la morte perché non avevano versato alle casse della comunità tutti i loro beni come la regola imponeva. Da questo passo risulta in maniera inconfutabile che i seguaci di cui parlano gli Atti degli Apostoli non sono dei cristiani come afferma la Chiesa, ma bensì esseni. "Un uomo di nome Anania con la moglie Saffira vendette un suo podere e, tenuta per sé una parte dell'importo d'accordo con la moglie, consegnò l'altra parte deponendola ai piedi degli apostoli (dirigenti della comunità di Gerusalemme). Ma Simone gli disse: « Anania, perché mai Satana si è impossessato così del tuo cuore che tu hai mentito e ti sei trattenuto parte del prezzo del terreno? Perché hai pensato in cuor tuo a questa azione? » All'udire queste parole, Anania cadde a terra e spirò. E un gran timore prese tutti coloro che erano presenti. Si alzarono allora i più giovani e, avvolto il corpo di Anania in un lenzuolo, lo portarono fuori e lo seppellirono. Circa due ore più tardi entrò anche la moglie, ignara dell'accaduto e Simone le chiese: « Avete venduto il campo a tal prezzo? » ed essa: « Si, a tanto ». Allora Simone le disse: « Perché vi siete accordati per tentare lo spirito del Signore? Ecco qui alla porta i passi di coloro che hanno seppellito tuo marito e porteranno via anche te ». Anche Saffira cadde ai piedi di Simone e spirò. Quando i giovani entrarono la trovarono morta e, portatala fuori, la seppellirono accanto al marito. E un gran timore sì diffuse su tutta l'Ekklesia e in quanti venivano a sapere di queste cose". Non c'è bisogno di commento per comprendere quali fossero i mezzi usati dai capi rivoluzionari per sottomettere i loro seguaci i quali, dopo averli spogliati dei loro averi, venivano plagiati a odiare i loro avversari che, quali angeli delle tenebre, dovevano essere soppressi da loro che erano gli angeli della luce. I Romani, attenti a stroncare ogni focolaio di rivolta, perseguitarono questi Esseni in tutto l'impero nella maniera più spietata facendo precedere le morti, affinché servissero da monito, dalle torture e dalle sevizie più crudeli. Il periodo messianico che corse dall'anno 7

(rivolta del censimento) all'anno 70 (guerra giudaica) fu caratterizzato da una continua caccia agli appartenenti al Partito Nazionalista Giudaico da parte dei Romani e dei loro alleati, tra i quali c'erano quei Sadducei che avevano tutto l'interesse a eliminare ogni movimento rivoluzionario che avrebbe potuto mettere a repentaglio il loro stato di privilegio. I martiri esseni furono innumerevoli e tutti morirono, come attesta Giuseppe Flavio, sorridendo ai loro aguzzini nella certezza che avrebbero acquisito come ricompensa del loro sacrificio una vita di beatitudine eterna dopo la morte. Tra questi è interessante ricordare il martirio di un certo Stefano, attivista esseno, perché oltre che a servirci come esempio per comprendere con quale animo gli Esseni affrontavano la morte, ci dà anche la possibilità di parlare di un certo Paolo di Tarso e quindi di comprendere chi fosse veramente costui. Stefano fu catturato e ucciso da una di quelle pattuglie sadducee che collaboravano con i Romani nella lotta di repressione contro gli Esseni. Il discorso che Stefano fece ai suoi aguzzini prima di morire è da considerarsi come il riassunto dell'ideologia essena che era il risultato dell'unione delle leggi mosaiche con i concetti mazdeisti, operata attraverso un'apologia della storia del popolo ebraico nelle figure di Abramo, Mosè, del regno d'Israele, delle rivendicazioni sulla Palestina e dell'esaltazione dell'ideologia spirituale basata sulla resurrezione dell'anima dopo la morte: "A sentire queste parole, i persecutori proruppero in grida altissime turandosi gli orecchi; poi si scagliarono tutti insieme contro Stefano, lo trascinarono fuori della città e si misero a lapidarlo secondo la tradizione ebraica poiché la pattuglia era composta da sadducei. Eseguita la lapidazione, gli esecutori della condanna, deposero il loro mantello ai piedi di un giovane chiamato Saulo" (la deposizione del mantello ai piedi del capo della squadra era un atto di riconoscimento al suo merito per aver portato felicemente a termine una missione). Ma chi era questo Saulo che la Chiesa esalta come uno dei capisaldi della propria teologia mettendogli in bocca, in verità, frasi anacronistiche dal momento che sono il risultato di una gnosi che si sviluppò almeno cento venti anni dopo? Stando alla documentazione storica che fa riferimento a lui risulta essere un uomo ambizioso e sicuramente dotato di grande loquela se da alcuni storici è stato definito, anche per le sue infermità, il "Demostene degli Esseni". Di discendenza farisea, sperando di ottenere cariche importanti dalla ricca e potente casta dei Sadducei, si mise al loro servizio come persecutore degli esseni. Ma resosi conto che a nulla di positivo sarebbe potuto pervenire finché fosse rimasto nel mondo ebraico a causa di quella legge del Deuteronomio che interdiceva cariche pubbliche a coloro che avevano difetti fisici, passò al servizio dei romani, sempre come persecutore di esseni. Dal Deuteronomio:"// Signore disse a Mosè: «Nelle generazioni future nessun uomo della tua stirpe, che abbia qualche deformità, potrà accostarsi ad offrire il pane del suo Dio: perché nessun uomo che abbia qualche deformità potrà accostarsi: né il cieco, né lo zoppo, né chi abbia il viso deforme per difetto o per eccesso, né chi abbia una frattura al piede o alla mano, né un gobbo, né un nano, né chi abbia una macchia nell'occhio o la scabbia o piaghe purulente o sia eunuco»". Ottenuta la cittadinanza romana in seguito a questa collaborazione, proseguì in questa attività finché, commessi dei reati di natura penale, per sfuggire ai tribunali romani, passò al Partito Nazionalista Giudaico approfittando dell'opportunità offertagli dal battesimo di cambiare il proprio nome giudaico, rimasto sconosciuto, in quello latino di Paulus (Paolo). Ammesso dunque alle comunità essene frequentò il corso d'indottrinamento per divenire Nazir. Ottenuta questa qualifica, sempre alla ricerca di affermazioni personali, intraprese la sua missione di attivista esseno predicando nelle varie comunità (Ekklesie) sparse nel Medio Oriente quali Corinto, Efeso, Antiochia, Damasco e Alessandria. Che Paolo, detto Saulo, fosse un Nazir ci viene testimoniato dagli stessi Atti degli

Apostoli. Nell'anno 41, quando l'imperatore Claudio emise un editto con il quale espelleva da Roma gli ebrei perché causa di disordini (era la comunità esseno-zelota che in cooperazione con il Partito Nazionalista Giudaico di Gerusalemme creava continue sommosse e tumulti con lo scopo di destabilizzare le istituzioni romane), ritroviamo Paolo ospite di una coppia di giovani sposi, Priscilla e Aquila, che facevano parte del novero degli espulsi da Roma con i quali intraprese un viaggio alla volta di Antiochia. Fu durante questo viaggio che si tagliò i capelli che i Nazirei erano obbligati a lasciare intonsi durante il corso d'indottrinamento. " Mentre era in compagnia di Priscilla e Aquila, nella città di Centre, Paolo si tagliò i capelli che si era fatto crescere a causa di un voto" ( At. 18/18). Un'ulteriore conferma che Paolo di Tarso fosse un Nazir attivista del partito Nazionalista Giudaico ci viene fornita da un altro passo degli Atti degli Apostoli, uno di quei rari passi che si salvarono dalle censure operate dai falsari cristiani tra i quali emerge quell'Eusebio, vescovo di Cesarea, che gli storici chiamano per antonomasia "il falsario", nel quale si racconta di una cattura che subì quale propagandista esseno. Sorpreso dai Sadducei, che gli erano diventati nemici in seguito alla sua conversione al movimento rivoluzionario, sorpreso mentre svolgeva la sua missione di predicatore esseno, Paolo di Tarso fu condotto al cospetto di Felice, prefetto della Giudea, con l'accusa di essere un sovvertitore dell'ordine pubblico. Il capo di coloro che avevano eseguito l'arresto, un certo sacerdote sadduceo di nome Anania, così si rivolse a Felice: «La lunga pace di cui godiamo grazie a te e le riforme che ci sono state in favore di questo popolo grazie alla tua provvidenza, le accogliamo in tutto e per tutto, eccellentissimo Felice, con profonda gratitudine. Ma per non trattenerti troppo a lungo ti prego di darci ascolto brevemente nella tua benevolenza. Abbiamo scoperto che quest’uomo è una peste, fomenta continue rivolte fra tutti i giudei che sono sparsi nel mondo ed è capo della setta dei Nazirei ». Ma, ancora una volta, come già era accaduto negli altri processi che aveva subito da parte dei romani, Paolo di Tarso riuscì, per quella cittadinanza romana che aveva, a evitare la morte cavandosela con una condanna al carcere che gli fu commutata in una libertà vigilata come risulta da altri documenti. Tralascio i processi e le condanne che Paolo di Tarso collezionò durante la vita perché a raccontarli tutti non basterebbero tre pagine. Ancora per conoscere meglio Paolo di Tarso aggiungiamo che, da recenti studi psicanalitici fatti sulla sua persona, è risultato che le continue perdite di conoscenza, come quella che lo fece cadere da cavallo sulla strada di Damasco, che la Chiesa fa passare per estasi rivelatrici di verità teologiche, non erano altro che attacchi epilettici. Nei suoi studi dedicati a Paolo di Tarso lo storico A. Ragot afferma che nell'episodio di Damasco ci sono tutti i segni caratteristici di una crisi di apoplessia: "Offuscamento della vista, aura luminosa e sonora, caduta, coma, cecità temporanea e perdita della parola e paralisi che si è progressivamente migliorata lasciando comunque conseguenze emiplegiche (cerebrali) definitive ". La descrizione della figura di quest'uomo deforme e privo di salute che a causa dei suoi difetti fisici non poté ottenere cariche pubbliche presso i sadducei, che troviamo in antichi documenti sotto il nome di "Atti di Santa Tecla", è ben differente da quella di cavaliere romano valoroso e aitante con elmo, corazza e spada che vediamo nei dipinti ecclesiastici: "Paolo di Tarso era grosso, corto, largo di spalle. Le sua gambe erano piegate, le sue ginocchia si toccavano, procedeva a piccoli passi e la sua testa era divenuta pressoché calva". (Praticamente un deforme con turbe psichiche). Questa descrizione che potrebbe lasciare perplesso chi si era fatto di lui una ben altra immagine, viene confermata dal suo soprannome "Saulo" (Saulos) che in greco significa "zoppo".

Sempre dagli "Atti di Santa Tecla" veniamo a sapere che di mestiere, prima di darsi alla politica, Saulo faceva il costruttore di tende, cosa questa che viene confermata dagli "Atti degli Apostoli" nel passo già precedentemente portato che lo vede ospite di Priscilla e Aquila: "Paolo lasciò Atene e si recò a Corinto presso un giudeo di nome Aquila, oriundo del Ponto, arrivato poco prima dall'Italia con la moglie Priscilla, in seguito all'ordine di Claudio che allontanava da Roma tutti i Giudei rivoluzionari. Paolo si recò da loro e poiché erano del medesimo mestiere si stabilì nella loro casa e lavorava. Erano infatti di mestiere fabbricatori di tende ". Di questo personaggio che la Chiesa ha assurto a pilastro del cristianesimo non si conosce assolutamente nulla. Non si sa né dove sia nato (la Chiesa dice a Tarso in Cilicia, ma senza nessuna prova che lo confermi), né la sua data, anche se si presume attribuibile intorno all'anno 10. Per quanto riguarda poi la sua morte, anche questa priva di ogni riferimento, secondo una tradizione riportata da un certo Clemente, detto il Romano, sembra che sia avvenuta "nel paese dove tramonta il sole" che, secondo quei tempi, indicava la Spagna. Ipotesi questa che qualche storico ritiene probabile perché suffragata dal bisogno che aveva Paolo di Tarso di sfuggire alla polizia di Roma che lo ricercava per reati di natura pubblica. La Chiesa ha costruito con Paolo di Tarso un eroe del pensiero perché aveva bisogno di un sostegno su cui poggiare le inesistenti origini di un cristianesimo che ha cominciato a formarsi soltanto nella seconda metà del secondo secolo, origini che falsamente ha fatto partire dagli anni trenta del primo secolo sostituendosi agli Esseni, quegli Esseni che ha cercato di far sparire dalla storia sopprimendo tutti i documenti che si riferivano ad essi. Paolo di Tarso quale teologo sostenitore di dogmi e di misteri non è che il prodotto di quella corrente gnostica, revisionata e corretta, che nel secondo secolo si era impegnata a costruire un Salvatore essenzialmente spirituale in antitesi a coloro i quali lo volevano invece umanizzato. Infatti Paolo di Tarso, negando che Cristo fosse stato crocefisso, affermava nelle riunioni che teneva nelle varie Ekklesie, che la sua morte era stata voluta dagli Arconti, spiriti del male, che in realtà erano la derivazione degli angeli delle tenebre della religione mazdeista della quale era impregnata l'ideologia essena. Nessuno come Paolo di Tarso può confermare con le sue incoerenze la non esistenza di Gesù dal momento che lui, benché abbia incontrato per ben due volte, a detta dei libri sacri, tra gli anni quaranta e cinquanta Simone e Giacomo a Gerusalemme, lo disconosce del tutto nella sua figura di Messia crocefisso. Ignora Pilato, ignora la Passione, l'Eucarestia, l'Ascensione e la Crocifissione dal momento che egli affermava che Cristo era morto legato a un palo (stauros), un Cristo che, stando a quanto sostiene la Chiesa, era stato crocefisso soltanto dieci anni prima che lui parlasse con Giacomo e Simone. Quale incoerenza maggiore di questa che ci viene dal fatto che egli neghi la crocifissione di Cristo quando aveva parlato con Giacomo e Simone che erano stati testimoni al fatto? E' mai possibile che Simone e Giacomo non gli abbiano parlato della crocifissione se ci fosse stata veramente? Questo dimostra quanto fosse confusa la persona di Cristo prima che i cristiani gli dessero una figura definitiva. Se prendiamo il libro delle "Antichità Giudaiche" di Giuseppe Flavio nel capitolo in cui spiega come gli esseni vedevano il matrimonio, possiamo avere un'ulteriore conferma dell'appartenenza di Paolo di Tarso al movimento rivoluzionario da come egli tratta questo argomento rivolgendosi ai seguaci dell'Ekklesia di Corinto. Da Giuseppe Flavio: "Gli Esseni, Ebrei di nascita, sono più degli altri legati dal mutuo affetto. Per se stessi disdegnano il matrimonio e sono propensi più ad adottare figli altrui che a farne loro. Esiste un altro gruppo di Esseni che per costumanza e legislazione, pur accordandosi in tutto con gli altri, dissentono però sulla questione del matrimonio. Ritengono infatti che coloro che non si sposano amputino una parte importantissima della vita, e cioè la propagazione della specie, tanto che se tutti adottassero la stessa opinione

ben presto scomparirebbe il genere umano". Paolo di Tarso a proposito di questo argomento così si rivolge ai Corinzi: "So che una parte di voi vuole il matrimonio e una parte è contraria ad esso. lo vorrei che tutti foste come me che sono celibe; ma ai non sposati dico che se non riescono a vivere in continenza allora è bene che si sposino; è meglio sposarsi che ardere ". Se ho riportato questo passo non l'ho fatto per mostrare un Paolo di Tarso contrario alla masturbazione, ma per dare un'ulteriore prova che egli era un attivista Nazir e che coloro i quali formavano le Ekklesie non erano cristiani come la Chiesa sostiene, ma esseni appartenenti al movimento rivoluzionario giudaico.

CAPITOLO X RIVOLUZIONARI E GUERRE ESSENO - ZELOTE
Perché si possano seguire meglio le vicende attinenti l'era messianica è bene fare un breve riepilogo dei fatti che la precedettero:

-44 muore Ezechia e gli succede il figlio Giuda. -41 Erode s'impossessa del trono di Gerusalemme approfittando del fatto che Ircano II è
stato fatto prigioniero dai Parti. Seguono le rivoluzioni che il Partito Nazionalista Giudaico organizza contro Erode ritenendolo usurpatore dei diritti al trono che invece spettano a Giuda quale erede di Aristobulo II.

-37 Roma interviene con le legioni di stanza in Egitto, doma la rivolta che si protraeva da
quattro anni e riconferma Erode sul trono di Gerusalemme elevando il suo titolo di etnarca della Giudea a re di tutta la Palestina. Contrariato da questa nomina a re concessa a Erode, il Partito Nazionalista Giudaico riprende la sua attività rivoluzionaria con un esercito che sempre più si organizza e si rinforza in vista della grande battaglia contro Roma il cui inizio sarà determinato dall'imminente realizzarsi della profezia di Zaratustra che assicura l'avvento del Messia (il Giusto) che condurrà i Giudei alla vittoria finale sui nemici di Dio. Di questo periodo caratterizzato da continui scontri tra i guerriglieri e le truppe romane assume particolare importanza, per dimostrare la risolutezza dei rivoluzionari, l'attacco agli arsenali romani di Seffori condotto da Giuda, figlio di Ezechia. (Giuseppe Flavio).

-4 muore Erode lasciando in eredità una successione complicata che porta i suoi quattro
figli a disputarsi il trono. I rivoluzionari, approfittando della situazione caotica che si era generata, intensificano le rivolte per liberarsi definitivamente della famiglia di Erode usurpatrice del trono di Gerusalemme. Temendo che questa ripresa dell'attività rivoluzionaria porti la Palestina ad una rivoluzione generale, Quintilio Varo, legato di Siria interviene due volte con le sue legioni. La seconda volta la repressione è così feroce che duemila rivoluzionari vengono crocefissi. Archelao, figlio primogenito di Erode, viene confermato da Quintilio Varo sul trono di Gerusalemme in qualità di Etnarca. Nonostante la dura repressione, i rivoluzionari si oppongono alla nomina di Archelao riprendendo nella loro attività rivoluzionaria che si protrae negli anni che seguono con una violenza sempre maggiore.

+6 Ottaviano Augusto, deciso a porre termine ai continui disordini provocati dai
rivoluzionari, occupa definitivamente la Palestina annettendola come provincia all'impero, toglie Archelao dal trono di Gerusalemme e al suo posto colloca un prefetto romano nella persona di Coponio. Questa sostituzione di un giudeo sul trono di Gerusalemme con un non appartenete alla razza ebraica, rappresentando per gli Ebrei la realizzazione della profezia di Giacobbe che asseriva che l'avvento del Messia si sarebbe verificato quando lo scettro di Davide sarebbe passato nelle mani di uno straniero", dà inizio all'era messianica.

ERA MESSIANICA.
I motivi per i quali il movimento nazionalista abbandonò decisamente la profezia di Zaratustra per seguire quella di Giacobbe furono diversi: 1) La profezia di Giacobbe, essendo di origine biblica coinvolgeva, ecce-zion fatta per i Sadducei, non solo i Giudei, ma tutti gli Ebrei che, fedeli alla tradizione, anelavano alla ricostituzione del regno d'Israele, quali i Farisei, gran parte dei Samaritani e molti fra quelli che erano rimasti pagani. 2) A differenza di quella di Zaratustra che, ricavata dalla filosofia avestica, esigeva un supporto teologica per essere compresa, quella di Giacobbe era, nella sua semplicità, alla portata di tutti. 3) Mentre quella di Zaratustra era ancora di là da venire e quindi dal risultato dubbio (anche per via di quell'aumento di luce derivante dalla congiuntura astrale che si sarebbe dimostrato così debole da non garantire un effetto sicuro sulle masse), quella di Giacobbe rappresentava un invece un fatto reale, avvenuto, compreso e già accettato da tutti gli ebrei. 4) Si era realizzata nel momento più opportuno, cioè quando la tensione contro i Romani aveva già coinvolto tutto il popolo a causa dell'occupazione voluta da Augusto che praticamente segnava la fine di ogni aspirazione all'indipendenza della Palestina. Come conseguenza dell'esaltazione che la profezia di Giacobbe aveva provocato nel popolo ebraico, cominciarono a venir fuori Messia in ogni dove nelle persone di santoni e asceti farneticanti o di avventurieri in cerca di facili successi che speravano di ottenere stante la predisposizione che avevano le masse ad ascoltarli e seguirli nei programmi di libertà che essi predicavano assicurandone la realizzazione. Moltiplicandosi nel tempo questi sedicenti Messia divennero così numerosi che, nella concorrenza che si facevano, gli uni esortavano il popolo a diffidare degli altri, accusandosi reciprocamente di impostura e di falsità: "Se qualcuno vi dice che il Messia è qua o là non gli credete perché io soltanto sono quello vero...". Tutti Messia che venivano catturati, sommariamente processati e condannati immancabilmente alla crocifissione che era la pena riservata a chi commetteva i più gravi delitti dei quali facevano parte la sedizione, il terrorismo e il brigantaggio. Dei tanti Messia che la storia ci testimonia ricordiamo i nomi di Theudas, Dosidée di Samaria e di un certo Meandro che furono crocefissi come tutti gli altri. Poiché era usanza presso i Romani rendere pubblico, a scopo di monito, il delitto commesso dai condannati a morte, veniva scritto sul palo dove questi sedicenti Messia venivano legati l'espressione "Re dei Giudei" la quale, oltre che a spiegare il reato, racchiudeva anche uno scherno verso di loro che si erano proclamati tali e verso quegli ebrei che seguendoli li avevano sostenuti. Dal momento che le lingue parlate in Palestina erano l'ebraico, il greco e il latino, la scritta veniva formulata in queste tre lingue. Approfittando di questa esaltazione popolare derivata dalla profezia di Giacobbe, anche i Nazir si diffusero in tutta la Palestina per predicare l'ideologia religiosa essena in preparazione dell'imminente avvento del Messia. Il loro scopo era quello di attirare le masse alla causa rivoluzionaria suscitando odio verso coloro che erano causa dei loro dolori sulla terra che nel loro caso erano rappresentati dai romani e da quanti collaboravano con essi. Si presentavano ipocritamente come consolatori degli afflitti, dei diseredati e dei perseguitati per attuare una forma di plagio che, indirizzata com'era a coloro che maggiormente soffrivano delle ingiustizie sociali, generalmente dava risultati positivi. Tra gli attivisti esseni che s'impegnarono in questa campagna propagandistica preparatoria all'avvento del Messia liberatore, la storia si sofferma su un certo Giovanni Battista che, sicuramente, eccelse fra tutti. Secondo alcuni storici questo Giovanni Battista

sarebbe stato addirittura il designato dal movimento esseno ad assumere il comando della rivoluzione. Una cosa comunque è certa: egli ebbe un tale successo come trascinatore di folle che Erode Antipa, tetrarca di Gerusalemme, lo fece sopprimere vedendo in lui un grave pericolo per la stabilità politica della Galilea. Lo fece uccidere ma non come viene raccontato da quelle favole che sono i Vangeli, dove si parla di una certa Salomè che chiese la sua testa a Erode Antipa come compenso per una danza del ventre. La morte di Giovanni Battista, Nazir e attivista esseno, viene riportata da Giuseppe Flavio nel suo libro "Antichità Giudaiche". Se Giuseppe Flavio ricorda Giovanni Battista lo fa soltanto per spiegare la psicosi religiosa che portò gli ebrei yhavisti a ritenere che la sconfitta subita da Antipa da parte del re Aretra de Petra, contro il quale era in guerra, fosse stata una punizione di Dio contro di lui perché aveva fatto uccidere un grande profeta quale era Giovanni Battista. Così si legge di Giovanni Battista nelle "Antichità Giudaiche": "Molti Giudei hanno creduto che questa sconfìtta dell'esercito di Erode Antipa da parte del re Aretra de Petra sia stata una punizione di Dio a causa di Giovanni detto il Battista: costui era un uomo di grande pietà, che esortava i giudei a seguire la virtù, esercitare la giustizia, a ricevere il battesimo. Così, siccome una grande moltitudine di gente lo seguiva per ascoltare la sua dottrina, Erode Antipa, temendo che il potere che egli esercitava sulle folle potesse produrre una rivoluzione, perché queste si sarebbero mostrate pronte ad eseguire tutto ciò che egli gli avrebbe ordinato, credette di prevenire questo male alfine dì non doversi pentire quando sarebbe stato troppo tardi per rimediarvi. Per questa ragione, dopo averlo catturato, lo inviò alla fortezza di Machera della quale abbiamo precedentemente parlato. I giudei attribuirono la sconfitta dell'armala di Erode Antipa a un castigo di Dio per questa morte ritenuta da essi un'azione ingiusta". Come anticipazione alle conclusioni che trarrò in seguito per dimostrare le contraddizioni riportate dai vangeli sulla morte di Cristo, mi soffermo per far rimarcare quanto segue: sapendo che la sconfitta di Erode Antipa da parte del re Aretra avvenne nel 36 e che la morte di Giovanni Battista, precedendola di poco, avvenne o nello stesso anno o al massimo l'anno precedente, cioè nel 35, risulta impossibile, storicamente parlando, che Gesù sia morto nel 33 dal momento che iniziò la sua missione di predicatore dopo la morte di Giovanni Battista. Come conseguenza, essendo stato crocefisso dopo tre anni di predicazione, cioè nel 39 come si può dedurre dai documenti, non poté essere giudicato da Pilato che lasciò il posto di procuratore della Giudea nel 36. Se qualcuno avesse ancora dei dubbi sul fatto che Giovanni Battista fosse un Nazir non ha che da leggere il vangelo di Luca per averne la conferma. "Un angelo del Signore apparve a Zaccaria e gli disse: « Non temere, Zaccaria, la tua preghiera è stata esaudita e tua moglie Elisabetta ti darà un figlio che chiamerai Giovanni. Egli sarà grande davanti al Signore; non berrà vino né bevande inebrianti e ricondurrà molti figli d'Israele davanti al loro Dio". (Lc. 1/15). Il non bere vino e sostanze inebrianti era la prima regola che dovevano seguire i Nazirei. L'annuncio dell'angelo a Zaccaria è lo stesso che l'angelo fece a Manoach per preconizzargli la nascita di Sansone che, come predestinato a diventare Nazir, doveva astenersi dal bere vino o bevande inebrianti. (Gd. 13/4). Poiché il programma dei rivoluzionari, considerava determinante la partecipazione delle masse così, come gli esseni in Palestina, altrettanto cercavano seguaci le comunità del Medio Oriente e la comunità di Roma che, dopo l'annessione della Palestina all'impero, era andata sempre più rinforzandosi. In un crescendo di estremismo rivoluzionario fomentato dalle comunità giudaiche l'impero romano divenne nel giro di pochi anni un focolaio di sommosse, sedizioni e attentati terroristici che costrinsero i romani a mettere in atto repressioni sempre più severe contro questi "Figli della Luce" che, plagiati dall'ideologia rivoluzionaria, morivano sorridendo ai loro stessi aguzzini.

I martiri esseni furono innumerevoli sia in Palestina che in tutte le altre nazioni del Medio Oriente e nella stessa Roma da cui gli ebrei furono espulsi, a causa dei disordini che creavano, nell'anno 45 da un decreto dell'imperatore Claudio. Per avere un'idea dell'attività rivoluzionaria, alla quale corrispondeva una reazione uguale e contraria da parte dei Romani, basti dire che secondo quanto afferma lo storico Filone soltanto nella città di Alessandria ci furono negli anni quaranta oltre cinquantamila esseni uccisi dai Romani quali attivisti. Questo numero così elevato di "martiri" di cui tutti gli storici parlano, che potrebbe sembrare esagerato, viene spiegato dal fatto che le comunità essene erano arrivate a essere numerosissime per via delle migliaia di emarginati che continuamente si convenivano dal paganesimo al movimento rivoluzionario soprattutto per quel vitto e alloggio che veniva loro garantito, vitto e alloggio che venivano usati per attirare gli affamati e i diseredati come il ragno costruisce la tela per catturare le mosche. La prima rivolta dell'era messianica (+7) scoppiò l'anno successivo alla destituzione di Archelao dal trono di Gerusalemme, in seguito a un censimento che Sulpicio Quirino, legato di Siria, aveva ordinato a scopo fiscale essendo divenuta la Palestina tributaria dell'erario in seguito alla sua annessione a Roma come provincia dell'impero. Approfittando dello scontento generato dall'imposizione delle tasse e di quella esaltazione che aveva provocato presso il popolo ebraico la profezia di Giacobbe che annunciava l'imminente avvento del Messia, Giuda e i suoi rivoluzionari "seguiti da un popolo che riunirono per la rivendicazione della libertà", come scrive Giuseppe Flavio , attaccarono le legioni romane di stanza in Palestina con tanta violenza da costringerle a ripiegare in Siria dove rimasero finché, raggiunte dai rinforzi inviati da Quintillio Varo, ripresero i combattimenti. Il conflitto, protrattosi per circa un anno in un alternarsi di successi e insuccessi di entrambe le parti, terminò con la sconfitta dell'esercito esseno in seguito alla morte di Giuda, figlio di Ezechia, detto il Galileo. Questa guerra che viene ricordata come "Rivolta del Censimento", avendo dimostrato ai rivoluzionari che le legioni di Roma potevano essere battute, riconfermò nel Partito Nazionalista Giudaico la determinazione a proseguire la lotta secondo il piano espresso nel "Rotolo della Guerra" che poneva nella sua prima fase l'espulsione dei romani dalla Palestina. Rinvigoriti così nella certezza di pervenire alla vittoria finale contro Roma, proseguirono nella preparazione di quella che doveva essere la madre di tutte le battaglie, imponendo l'ideologia rivoluzionaria attraverso una forma persuasiva affidata ai Nazir che attiravano pacificamente le masse con le promesse di eternità e con i battesimi, e una politica dissuasiva contro i reticenti affidata a squadre di terroristi che per il loro zelo oltranzista furono chiamati Zeloti. Giuda il Galileo, detto anche lo Zelota, lasciò nove figli, sette maschi e due femmine. Tralasciando le due femmine delle quali nulla ci è pervenuto oltre la loro esistenza, mi soffermerò a parlare dei sette figli maschi che furono in realtà i fautori delle rivolte messianiche. I loro nomi erano: Giovanni (primogenito), Simone, Giacomo, Giuda, Giacobbe (Taddeo), Giuseppe e Menahem. Morto Giuda nella rivolta del censimento, il suo ruolo di capo rivoluzionario fu affidato a Giovanni quale primogenito. Anche lui, benché fosse nato a Gamala in Golanite, città natale della sua famiglia, fu chiamato Galileo nel significato che aveva assunto questo appellativo di rivoluzionario per via del fatto che era dalla Galilea, dove risiedeva il grosso dell'esercito rivoluzionario, che partivano le rivolte e, siccome era un Nazir, fu chiamato anche Nazireo come d'altronde venivano chiamati tutti quelli che avevano frequentato il corso di nazireato. Per quell'indottrinamento perfetto che doveva avere un erede al trono di Gerusalemme quale discendente della dinastia degli Asmonei, ricevette anche la formazione di Rabbi (maestro) come suo padre Giuda e suo nonno Ezechia.

Avendo riscontrato nella rivolta del censimento quanto fosse importante la partecipazione della popolazione, gli Esseni decisero di affidare a Giovanni tutta una campagna preparatoria tendente a coinvolgere le masse alla rivoluzione suscitando in esse odio e risentimento contro i romani e i loro alleati che erano all'origine delle loro sofferenze. Dopo circa tre anni di prediche e di sermoni rivolti a quella categoria di diseredati che il bisogno rende particolarmente ricettivi alla speranza di ricevere dal cielo ciò che non ottengono dalla terra, Giovanni concluse il ciclo di prediche a Gerusalemme dove un esercito di trentamila guerriglieri era in attesa per dare inizio alla rivoluzione. Ma tutto andò a monte per il tempestivo intervento delle truppe romane che sorpresero i rivoluzionari mentre si accingevano a partire per attaccare Gerusalemme. Giovanni fu catturato, processato e condannalo alla crocifissione. Al posto di Giovanni subentrò il fratello Simone che prese il comando della comunità di Gerusalemme insieme al fratello Giacomo i quali a loro volta furono crocefissi nel 46 dal procuratore romano Tiberio Alessandro per la loro attività rivoluzionaria. (Ant. Giud. XX-3). Questo fatto riportato da Giuseppe Flavio in "Antichità Giudaiche" viene confermato dagli Atti degli Apostoli. I due documenti che concordano su tutto, cioè sulla data, sul motivo dell'arresto e sull'esecuzione di Giacomo, discordano invece su quanto attiene a Simone perché, a differenza di Giuseppe Flavio che lo vuole ucciso insieme al fratello Giacomo, gli Atti degli Apostoli sostengono che si salvò dalla morte per via di un angelo che lo liberò aprendogli la porta della prigione. (D'altronde se i cristiani non si fossero inventata questa storiella, come avrebbero potuto inviarlo a Roma per farlo diventare il primo Papa?). Sempre per attività sovversiva era stato giustiziato l'anno precedente, cioè nel 45, un altro figlio di Giuda il Galileo, cioè Giacobbe, la cui morte viene riportata così da Giuseppe Flavio: "Mentre Cuspio Fado era procuratore della Giudea un impostore di nome Jacob, che si professava profeta, trascinò le folle ad una rivolta, ma Fado lo prevenne inviandogli uno squadrone di cavalleria che piombò su di loro all'improvviso: molti furono uccisi e molti presi vivi; fu fatto prigioniero anche Theudas, cui fu tagliata la testa e portata a Gerusalemme" . Morti Giovanni, Simone, Giacomo e Taddeo, dei sette figli di Giuda, figlio di Ezechia, rimanevano Giuda, Menahem e Eleazzaro. Di Giuda, ignorandone la fine, si sa soltanto che era uno zelota e che aveva cercato di ripetere l'impresa del primogenito Giovanni dopo dieci anni che questi era stato crocefisso. Gli ultimi due, Menahem ed Eleazzaro, sono ricordati ampiamente dalla storia. Fallita la rivoluzione che era stata affidata a Giovanni, il Partito Nazionalista Giudaico si accinse a proseguire secondo quanto era stato stabilito nel Rotolo della Guerra preparando un'altra rivoluzione che scoppiò con tutta la violenza propria di un esercito potente e organizzato nell'anno 66. Il comando di questa rivoluzione, per il diritto che gli spettava quale erede al trono di Davide, essendo morti tutti i fratelli più anziani, fu affidata a Menahem. L'armata rivoluzionaria, perfettamente preparata e addestrata, si mostrò imbattibile. Respinse le truppe romane fuori dalla Palestina e rimase praticamente padrona del campo, anche se le legioni riprendevano continuamente la battaglia in seguito ai rinforzi che ricevevano dalla Siria. I rivoluzionari, che in seguito ai continui successi si vedevano sempre più prossimi alla realizzazione di quel loro programma che prevedeva l'espulsione dei romani dal Medio Oriente in seguito ad una vittoria riportata su di loro in Palestina, ebbero la certezza di pervenire al successo finale quando nel 68 la morte di Nerone gettò Roma in uno stato di completa anarchia. La disgregazione delle istituzioni conseguente al caos sociale e politico in cui era caduta Roma si rifletté sull'esercito che entrò in uno stato di indebolimento tale da portare i Giudei ad un tale ottimismo da vedersi già entrare

trionfanti a Roma, distruggerla e prendere il suo posto nel comando nell'impero. Fu in questo periodo che l'entusiasmo derivante dalla certezza della vittoria li portò a scrivere, come un inno al loro successo finale, quei diciannove capitoli della prima edizione dell'Apocalisse nei quali davano libero sfogo al loro odio e alla loro vendetta contro le forze del male, raffigurate da Belial (demonio), e contro gli angeli delle tenebre rappresentati dai nemici del loro Dio con a capo Roma, paragonata alla Babilonia della corruzione e del peccato. Siamo nel 68-69 e il Messia descritto dagli Esseni nell'Apocalisse conserva ancora la duplice figura del Salvatore spirituale che scende dal cielo, secondo l'ideologia religiosa, e del conduttore di eserciti, secondo l'ideologia guerriera. È lo stesso Messia che fu costruito durante la rivolta dei Maccabei in seguito all'unione degli spiritualisti con i rivoluzionari che si presentava durante le battaglie come un cavaliere bianco che scendeva dal cielo per rendere i rivoluzionari vittoriosi nelle battaglie che combattevano contro Antioco IV Epifane e gli altri imperatori che gli succedettero: "...poi vidi il cielo aperto, ed ecco un cavaliere bianco; colui che lo cavalcava si chiamava « fedele » e « verace »: egli giudicava e combatteva con giustizia. I suoi occhi erano come una fiamma di fuoco, aveva sul suo capo molti diademi; portava scritto un nome che nessuno conosce all’infuori di lui (Nella certezza della vittoria sui romani, gli Esseni aspettano il Messia, il suo avvento è imminente, ma ancora non ne conoscono il nome). E' avvolto in un mantello intriso di sangue. Gli eserciti del cielo lo seguono su cavalli bianchi, vestiti di lino bianco e puro. Egli governerà le genti con scettro di ferro. Un nome porta scritto sul mantello e sul femore: Re dei re e Signore dei signori".(Ap. 19/11). E ancora: "Apparve un cavallo bianco e colui che lo cavalcava aveva un arco, gli fu data una corona e poi egli uscì vittorioso per vincere ancora" (Ap. 6/2). La guerra contro i romani volge talmente a loro favore che già si vedono, sotto la guida di questo Messia la cui discesa dal cielo dovrebbe avvenire da un giorno all'altro, conquistare Roma, distruggerla e divenire padroni del mondo (monoteismo) secondo quanto Yahvé aveva promesso: "Renderò il regno d'Israele infinito nel tempo e nello spazio e il mio popolo padrone di tutte le nazioni i cui popoli diventeranno sgabello per i loro piedi". E tutto si concluderà, secondo la profezia dell'apocalisse, come previsto dal Rotolo della Guerra, con una strage totale di Roma e dei suoi alleati: "Uno degli angeli che seguivano il cavaliere disceso dal cielo disse, (le parole dell'angelo sono dirette ai rivoluzionari e il riferimento è a Roma): « Pagatela con la stessa moneta, retribuitele il doppio dei suoi misfatti. Tutto ciò che ha preso per la sua gloria e il suo lusso restituiteglielo in tanto tormento e afflizione. Per questo in un solo giorno verranno su di lei questi flagelli: morte, lutto e fame; sarà bruciata dal fuoco, poiché potente Signore è Dio che l'ha condannata. I re della terra che si sono prostituiti e hanno vissuto nel fasto con essa piangeranno e si lamenteranno a causa di lei; quando vedranno il fumo del suo incendio tenendosi a distanza vedendo i suoi tormenti diranno: « Guai, guai, immensa città, in un 'ora sola è giunta la tua condanna! »... Un altro angelo poi, ritto sul sole, gridava a gran voce a tutti gli uccelli che volavano in mezzo al cielo: « Venite, radunatevi al grande banchetto di Dio (il banchetto è la strage dei romani e dei loro alleati ). Mangiate le carni dei re, le carni dei capitani, le carni degli eroi, dei cavalli e dei cavalieri, le carni di tutti gli uomini, liberi e schiavi, piccoli e grandi» ... Nella mia visione vidi allora la bestia (è sempre il profeta che parla) e i re della terra suoi alleati con i loro eserciti radunati per muovere guerra contro colui che era seduto sul cavallo bianco e contro il suo esercito. Ma la bestia fu catturata e con essa il falso profeta (Mitra) che alla sua presenza aveva sedotto quanti avevano adorato la sua statua. Tutti furono uccisi dalla spada del cavaliere e gli uccelli si saziarono delle loro carni".

Ma purtroppo le cose non andarono come loro le avevano esaltate. Vespasiano, divenuto imperatore e ristabilito l'ordine a Roma, inviò il figlio Tito in Palestina con un esercito così poderoso che dopo averli sconfitti in campo costrinsero i rivoluzionari a rifugiarsi dentro le mura di Gerusalemme. Durante l'assedio i Giudei, vedendo svanire ogni speranza, quasi per una rivincita contro quel destino che gli si era messo contro ancora un'altra volta, elessero Menahem, figlio di Giuda e fratello di Giovanni, re di Gerusalemme riconoscendogli in un estremo atto di fedeltà quei diritti al trono che gli derivavano quale discendente della stirpe di Davide. L'assedio durò sei mesi, durante i quali una parte delle legioni proseguì ad attaccare quei rivoluzionari che erano rimasti isolati sparsi sul territorio della Giudea con lo scopo di sterminare definitivamente la razza ebraica. Quelli che non venivano uccisi sul campo erano catturati e crocefissi. Giuseppe Flavio asserisce che le crocifissioni furono tante ( parla di una media di cinquecento al giorno) che i Romani dovettero sospenderle per mancanza di legni. Espugnata, Gerusalemme fu rasa al suolo in maniera così totale come mai era avvenuto in precedenza. Tutti quelli che vi erano dentro, compresi i civili, furono passati alla spada o crocefissi: sempre Giuseppe Flavio nel suo libro "Guerra Giudaica" parla di dodicimila crocifissioni. Per sfuggire alle persecuzioni che seguirono da parte dei Romani e dei pagani, una gran parte degli ebrei fuggì dalla Palestina e dal Medio Oriente per rifugiarsi in Europa dove formarono quelle comunità che dettero inizio all'espansione ebraica nel mondo occidentale. Anche se il movimento rivoluzionario proseguì, come vedremo, nella lotta armata, la guerra Giudaica determinò praticamente la fine dell'era rivoluzionaria messianica. Quello che s'impone di rimarcare a questo punto è che nell'anno 70, da quanto risulta inconfutabilmente dai fatti e dalla stessa Apocalisse, gli Esseni, come tutti gli Ebrei, erano ancora in attesa del Messia. Facendo un riepilogo dei fatti accaduti durante l'era messianica che va dall'anno +6 al +70, cioè da quella sostituzione di Archelao con Coponio al trono di Gerusalemme che realizzò la profezia di Giacobbe, alla fine della guerra giudaica, rimarchiamo che nessun passo storico riporta l'esistenza del Messia dei cristiani che le sacre scritture affermano essere stato crocefisso nell'anno 33 sotto Ponzio Pilato. Non troviamo nessuna menzione di Gesù nei libri di Giuseppe Flavio che in qualità di storico fu incaricato da Roma di raccontare i fatti accaduti in Palestina durante l'era messianica di cui era stato testimone, parimenti non ne fa parola Plutarco che visse in Palestina negli anni 65-66, e tutti gli altri, quali Seneca,istitutore di Nerone, e Tacito, Marziale, Cassio Dione e Svetonio che, anche se successivi di qualche anno, trattarono comunque nelle loro opere questo periodo messianico che ebbe tanta importanza sulla storia romana nel Medio Oriente. Particolarmente significativo è poi il silenzio di Filone Alessandrino, storico e filosofo ebreo che, quale appartenente alla corrente religiosa essena, prese, sia pure indirettamente, parte all'attività del movimento rivoluzionario tanto da recarsi nell'anno 40 presso l'imperatore Caligola per intercedere a favore delle comunità essene che, secondo lui, egli perseguitava in maniera esageratamente feroce. Filone era così al dentro delle vicende del tempo che prima di rientrare presso la comunità essena di Alessandria di cui faceva parte, si fermò a fare visita alla comunità essena di Roma presso la quale rimase ospite per diversi giorni. Ebbene, Filone non fa nessuna menzione né di Gesù né dei cristiani, al contrario, dai suoi libri scritti negli anni 40-50, si può escludere nella maniera più categorica l'assenza di loro e di Gesù in questo periodo poiché egli parlando di un Logos che deve ancora realizzare il suo avvento, un Logos per giunta essenzialmente spirituale, esclude nella maniera più assoluta ogni forma di realizzazione messianica soprattutto in forma materiale. Un'ulteriore smentita all'esistenza dei cristiani nel primo secolo ci viene da un certo Giusto di Tiberiade che scrisse, quale contemporaneo all'era messianica, una storia degli

ebrei. Che in questo libro, andato distrutto (e possiamo immaginare per opera di chi) non ci sia nessun riferimento a Gesù lo sappiamo da Pothius, Patriarca di Costantinopoli, che, disponendo nella sua biblioteca dell'opera di Giusto di Tiberiade, dopo averla attentamente studiata per cercare prove confermanti l'esistenza di Cristo, conclude: "In nessuna parte del libro dì Giusto di Tiberiade ho trovato il più piccolo riscontro che parli della nascita dì Cristo, della sua vita, degli avvenimenti e dei miracoli che lo concernono". Che dire poi della biografia di Ponzio Pilato, scritta da...su incarico dello stesso Pilato, che pur riportando ogni dettaglio dei fatti riguardanti il periodo in cui era stato procuratore della Giudea (26-36), ignora nella maniera più categorica il processo e la crocifissione di Gesù? In quale altro modo si potrebbe spiegare questo silenzio su Gesù e sui cristiani se non riconoscendo la loro non esistenza, dal momento che tutti gli storici li ignorano, quegli storici che invece sono concordi circa le rivoluzioni, i martiri esseni, le numerose conversioni dei pagani all'ideologia essena, i nomi dei tanti Messia che si succedettero, quali Meandro, Dosidee e tanti altri, e soprattutto nel ricordare quella stirpe di Ezechia che, quale pretendente al trono di Gerusalemme guidò il movimento rivoluzionario con i suoi discendenti? Perché in tutti i libri dell'epoca si parla di Giuda il Galileo e dei suoi figli Giovanni, Simone, Giacomo, Giuda (Taddeo), Giacobbe, Menahem e Eleazzaro e non si fa la minima menzione di Gesù nonostante i suoi miracoli, la sua crocifissione, la sua resurrezione e tutti quei fenomeni che l'accompagnarono? La risposta è semplice: non potevano parlare di un qualcosa che non era esistito! Morto Menahem, Eleazzaro, cognato di Giovanni di Gamala, nonostante la tremenda sconfitta subita nella guerra giudaica e le persecuzioni a cui erano sottoposti gli esseni, riorganizzato un modesto esercito di circa mille volontari, nel 74 attaccò di nuovo i romani. Ma la sua rivolta, mossa soltanto da un ideale, priva com'era di ogni sostegno da parte di un partito rivoluzionario disfatto, non poteva che terminare con un fallimento. Sconfitto al primo urto, Eleazzaro si rifugiò con i suoi guerriglieri nella città essena di Masada che capitolò senza opporre resistenza. Quando i romani entrarono trovarono tutti i rivoluzionari morti. Ritenendo inutile continuare una lotta impari, anziché arrendersi e consegnarsi ai nemici, Eleazzaro e i suoi seguaci avevano preferito uccidersi. Nonostante si trovassero di fronte a uno spettacolo simile, i legionari infuriarono contro gli abitanti facendo una vera strage. Secondo Giuseppe Flavio si salvarono soltanto alcune donne e bambini. A una di queste donne, quale sua parente, Eleazaro consegnò come testamento spirituale una copia del discorso che egli aveva fatto ai suoi guerriglieri prima del suicidio collettivo. Questa lettera, entrata in possesso dei romani e riportata da Giuseppe Flavio nel suo libro "Guerra Giudaica", dopo un breve riassunto sull'ideologia essena, così si concludeva: "«Noi che riceviamo nelle nostre case un'educazione informata a questi principi, dovremmo dare l'esempio agli altri con l'essere pronti a morire; comunque, se volessimo ricevere una conferma prendendo l'esempio dagli stranieri, guardiamo gl'indiani che seguono i dettami della filosofia. Costoro infatti, essendo gente di prim'ordine, sopportando a malincuore il primo periodo della vita che vedono come un debito da pagare alla natura, non vedono l'ora di liberare le anime dai corpi; senza che abbiano mali che li affliggano o condizioni che li costringano a morire presi dal desiderio della vita immortale, annunciano agli altri la loro dipartita e non c'è nessuno che cerchi di dissuaderli, ma tutti si felicitano con loro e consegnano ad essi delle lettere per i loro cari già morti. Dopo aver raccolto tutti i messaggi, salgono sul rogo, perché attraverso il fuoco l'anima si separi dal corpo nel massimo stato di purezza (fu in virtù di questa convinzione che l'inquisizione metteva al rogo gli eretici). Le persone maggiormente care usano accompagnare costoro che partono per il lungo viaggio, e mentre sono afflitte per se stesse perché rimangono in vita considerano beati coloro che con la morte raggiungono la condizione dell'immortalità.

Ed allora evitiamo di provare vergogna nel mostrarci inferiori agli indiani nei pensieri di fronte alla morte e di offendere le patrie leggi che destano l'invidia di tutto il mondo»". Da queste parole risalta come gli esseni, nonostante avessero adottato e fatti propri i principi religiosi del Culto dei Misteri pagani riguardanti la resurrezione dell'anima, erano rimasti fedeli al Deuteronico dove venivano riportate le loro "patrie leggi" che loro ritenevano così perfette da essere invidiate da tutto il mondo. Anche se con la morte di Eleazaro ebbe termine la discendenza di Giuda il Galileo, il movimento rivoluzionario, rialzata la testa dopo la disfatta del 70, riprese a perseguire il programma espresso dal Rotolo della Guerra riorganizzando un esercito che attaccò di nuovo le truppe romane nel 132 sotto il comando di un certo Bar Kocheba che dichiarò apertamente di essere lui il Messia che i Giudei aspettavano, un Messia ritornato espressamente guerriero poiché dopo la disfatta del 70 la corrente religiosa, ritornata autonoma sulle sue primitive posizioni spirituali, si era dissociata dal partito nazionalista sconfessando ogni ideologia basata sulla violenza. La rivolta, affidata al Messia Bar Kocheba (secondo alcuni storici discendente della famiglia di Ezechia), disponendo di un poderoso esercito si trasformò in una guerra che, in un susseguirsi di alterne vicende, terminò dopo tre anni con la caduta di Gerusalemme (135). Deciso a porre termine alle velleità rivoluzionarie giudaiche, l'imperatore Adriano dette ordine di distruggere Gerusalemme da non lasciare di essa pietra su pietra e di sterminare quanti vi fossero stati trovati dentro. Passati gli uomini a fil di spada e sgozzate tutte le donne e i bambini fu distrutto tutto ciò che faceva riferimento al mondo ebraico. Nello stesso Talmud troviamo scritto a proposito di questo sterminio: "La desolazione entrò in Gerusalemme tanto che gli sciacalli presero possesso degli spazi dove prima esisteva il tempio dedicato al Santo dei Santi". E perché Gerusalemme sparisse dalla memoria quale centro del mondo giudaico, Adriano le cambiò il nome dandole quello di Aelia Capitolina. Siamo arrivati all'anno 132 e il Messia dei Giudei risulta ancora lontano da venire se Bar Kocheba può permettersi di dichiararsi tale. Questo fatto non è che un'ulteriore conferma che giustifica il silenzio storico su quel Gesù che la Chiesa sostiene essere morto sulla croce nell'anno 33 e sui quei cristiani la cui esistenza non emerge da alcun documento. La Chiesa, consapevole della gravità di questa lacuna storica, derivante dalla mancanza di testimonianze che potessero sostenere le sue affermazioni, cercò di riparare costruendosi le prove o falsificando i documenti esistenti oppure inventandoseli di sana pianta, come quella corrispondenza composta di dieci lettere intercorse tra Paolo di Tarso e Seneca, precettore di Nerone, che oggi gli stessi teologi, di fronte all'evidenza dei fatti, sono costretti a riconoscere non essere mai esistita. La Chiesa manomise i passi più compromettenti di Giuseppe Flavio, s'inventò l'incendio di Roma che attribuì a Nerone perché i martiri esseni potessero passare per martiri cristiani e tante altre menzogne che a scriverle tutte non basterebbe un libro, menzogne che in realtà, una volta scoperte, hanno prodotto l'effetto opposto a quello che i falsari si erano prefissi di raggiungere. Basterebbe riportare le falsificazioni operate da Eusebio, vescovo di Cesarea (314-340), chiamato dagli storici "il falsario" per antonomasia, per renderci conto di cosa siano stati capaci i cristiani per sopperire alla mancanza di una documentazione storica. L'inchiesta fatta da Domiziano sui cristiani della Giudea per sapere chi essi fossero, riportata da Eusebio di Cesarea nel suo libro "Storia Ecclesiastica" per provare l'esistenza, oltrepassa ogni limite del buonsenso se pensiamo che Domiziano avrebbe potuto sapere tutto sui cristiani senza bisogno di scomodarsi a mandare un incaricato fino alla Giudea quando, stando a quanto poi lui stesso dice in un'altra parte del libro, Roma era già affollata di cristiani al tempo in cui Domiziano era imperatore (81-96) e così già organizzati, sempre secondo le menzogne della Chiesa, da essere già al terzo e quarto nelle persone di Sant'Anacleto

(76/88) e San Clemente (88/97). Ma un'altra cosa posso asserire ancora con certezza: i primi undici Papi dichiarati dalla Chiesa, compreso Simone Pietro, non sono che il risultato di una pura invenzione. Però tra tanto silenzio storico riguardo l'esistenza di Gesù, troviamo un passo interessantissimo nelle "Antichità Giudaiche" di Giuseppe Flavio che, per quanto possa essere stato contraffatto, può metterci sulla strada giusta per scoprire chi fosse realmente il Messia dei cristiani. Il passo di Giuseppe Flavio riguarda la comparsa, avvenuta durante l'era messianica, di un misterioso personaggio di origine egiziana che così viene da lui ricordato in "Antichità Giudaiche" "Arrivò in paese un ciarlatano che, guadagnandosi la fama di profeta, raccolse una turba di circa trentamila individui che si erano lasciati abbindolare da lui, li guidò nel Monte degli Olivi e di lì si preparava a piombare su Gerusalemme, a battere i romani e a farsi Signore del popolo con l'aiuto dei sui seguaci in armi. Felice, prefetto della Giudea, prevenuto il suo attacco affrontandolo con i soldati romani e tutto il popolo collaborò alla difesa sì che, avvenuto lo scontro, l'egiziano riuscì a scappare con alcuni pochi. La maggior parte dei suoi seguaci furono catturati o uccisi mentre tutti gli altri si dispersero". Trovando in questo fatto delle analogie con la rivolta, anch'essa fallita, che gli esseni affidarono a Giovanni la prima cosa che ci viene da pensare è che si tratti della stessa insurrezione. Se così fosse, perché Giuseppe Flavio ne attribuisce il comando a un certo Egiziano invece di dire chiaramente che a condurla fu Giovanni, figlio di Giuda il Galileo? Escludendo ciò che potrebbe rispondere la Chiesa, la quale ha tutto l'interesse a negare l'esistenza di Giovanni, le ipotesi sono due: o è stato Giuseppe Flavio che, come sostenitore di una politica distensiva tra gli i Giudei e i Romani, ha voluto discolpare il Partito Nazionalista Giudaico scaricando la responsabilità della rivolta su un anonimo egiziano che, come lo fa venire dal nulla altrettanto lo fa sparire, oppure tutto è dipeso da un'ennesima contraffazione operata dai falsari cristiani che dovevano eliminare dai documenti ogni traccia di Giovanni, la cui esistenza, come vedremo, avrebbe reso impossibile la costruzione della figura di Gesù. Sembrandomi assurdo che uno storico serio e metodico come Giuseppe Flavio viene dichiarato dagli storici, per giunta incaricato da Roma di redigere i fatti inerenti la Palestina (fatti di cui oltretutto i Romani erano a perfetta conoscenza), sia arrivato, per deresponsabilizzare i Giudei, a pensare che potesse apparire credibile che un truffatore anonimo, per giunta straniero, avesse potuto riunire (abbindolare) e armare trentamila guerrieri che non si sa da dove fossero usciti fuori, dal momento che tutti i rivoluzionari erano impegnati alla causa essena, non posso che sostenere la seconda ipotesi, cioè la falsificazione del passo da parte dei cristiani. L'era messianica appartiene esclusivamente ai seguaci e ai martiri del Partito Nazionalista Giudaico, che impregnati dell'ideologia esseno-zelota, affrontavano la morte sorridendo ai loro carnefici. Sono questi seguaci, questi martiri esseni che saranno trasformati nella seconda metà del secondo secolo in seguaci e martiri di un cristianesimo che si stava formando allora sulle basi dell'ideologia essena. Che Gesù non è mai esistito i primi a saperlo sono proprio loro, i preti (mi riferisco essenzialmente a coloro che occupano le alte cariche nella gerarchia ecclesiastica e non ai curati d'Ars) che tanto hanno fatto per far sparire dalla storia gli Esseni, quegli Esseni che dicono di non conoscere, e nascondere dietro l'Egiziano quel Giovanni che risulterà, alla fine del mio libro e in maniera inconfutabile, essere colui che hanno trasformato nel Cristo salvatore, come hanno trasformato Mitra nel loro Logos. Leone X, della famiglia dei Medici, Papa dal 1513 al 1521, un giorno dichiarò al Cardinale Bembo: « Tutti sappiamo bene quanto la favola di Cristo abbia recato profitto a noi e ai nostri più stretti seguaci » e ancora più esplicita su questo argomento è la testimonianza di Mendoza, ambasciatore di Spagna al Vaticano, riguardante il comportamento di Paolo III, Papa dal 1534 al 1549, nei confronti di Gesù Cristo: «

Spingeva la sua irriverenza fino al punto di affermare che Cristo non era altri che il sole, adorato dalla setta Mitraica, e Giove Ammone rappresentato nel paganesimo sotto la forma di montone e di agnello. Egli spiegava le allegorie della sua incarnazione e della sua resurrezione mettendo in parallelo Cristo e Mitra. Egli diceva ancora che l'adorazione dei magi non era altro che la cerimonia nella quale i preti di Zaratustra offrivano al loro dio oro, incenso e mirra, le tre cose attribuite all'astro della luce. Egli sosteneva che la costellazione della Vergine, o meglio ancora d'Iside, che corrisponde al solstizio in cui avvenne la nascita di Mitra, erano state prese come allegorie per determinare la nascita di Cristo per cui Mitra e Gesù erano lo stesso dio. Egli osava dire che non c'era nessun documento valido per dimostrare l'esistenza di Cristo, e che, per lui, la sua convinzione era che non era mai esistito ». A questo punto sarei curioso di sapere cosa pensa nel suo intimo il Papa attuale, Giovanni Paolo II, il costruttore di santi, di questo Gesù la cui esistenza è stata negata dall'infallibilità di altri Papi, quell'infallibilità garantita dallo Spirito Santo...ma questi sono segreti che si portano nella tomba!

CAPITOLO XI GLI ESSENI DOPO IL 70
Finita la guerra giudaica con la disfatta dell'esercito rivoluzionario e la distruzione di Gerusalemme, le persecuzioni romane, che fino ad allora si erano rivolte specificamente contro i seguaci del movimento rivoluzionario esseno, vennero estese contro tutti gli Ebrei di qualsiasi partito o credo religioso. Come in Palestina, così in tutto il resto dell'impero, cominciò una vera e propria caccia all'uomo sia da parte dei Romani che da parte delle popolazioni per l'odio che avevano accumulato contro questa razza di ribelli che, con le loro continue rivolte e azioni di terrorismo, era stata causa di tanti lutti e sofferenze. In questo clima di astio e di disprezzo collettivo che permetteva, anche ai più vili, di accanirsi contro i perseguitati, le masse popolari, ancor più che i Romani, si scagliarono contro gli Ebrei con tale furore da determinare un vero e proprio genocidio. Soltanto in Siria, dove c'era una della maggiori concentrazioni di comunità essene, furono massacrati oltre centomila Ebrei, spesso in esecuzioni collettive che venivano offerte al popolo come spettacolo negli anfiteatri o su patiboli eretti, nelle piazze e nelle strade. A Efeso e ad Alessandria, come in tutte le altre città del Medio Oriente, i massacri non furono comunque inferiori a quelli della Siria. Fu durante questo periodo che gli Ebrei vennero sottoposti a processi con l'accusa, certamente falsa, di mangiare bambini durante i loro riti religiosi. Sia per evitare le persecuzioni, sia per la sfiducia che sempre avevano conservato di pervenire alla vittoria finale attraverso la violenza, gli Esseni della corrente religiosa si dissociarono dai rivoluzionari ritornando ideologicamente indipendenti come lo erano stati prima della rivolta dei Maccabei. Ripresosi così ciascuno il proprio Messia, i rivoluzionari quello dell'uomo conduttore di eserciti, e i religiosi quello sacerdotale del predicatore, le due correnti continuarono in forma autonoma a perseguire nel loro programma di conquista dell'impero ciascuna secondo la propria ideologia. Ma prima di parlare della corrente religiosa che sarà quella che determinerà l'avvento del cristianesimo, soffermiamoci sulla breve storia del movimento rivoluzionario il quale, non avendo i presupposti per competere con la potenza militare romana, non poteva essere destinato che al fallimento. I rivoluzionari di Gerusalemme, ritornati alla ribalta soltanto quattro anni dopo la disfatta del 70 con quella modesta rivolta di Masada nella quale morì suicida Eleazzaro, per nulla intimoriti dalle persecuzioni che sempre più si accanivano contro di loro, perseverarono nel progetto che prevedeva la distruzione di Roma. A rinvigorire il loro entusiasmo nazionalista contribuì in maniera decisiva un libro sacro intitolato "Giuditta" (il nome Giuditta simboleggiava la Giudea) nel quale si parlava di una vergine che salvava il popolo di Dio dall'oppressore portandolo alla vittoria finale. In questo libro in cui l'eroina tagliava la testa a Oloferne, personificazione dei nemici di Dio, c'era un incitamento a riprendere il combattimento contro quel Belial e quei Kittim la cui distruzione era prevista dal Rotolo della Guerra. Fu così che i rivoluzionari, in seguito all'incoraggiamento ricevuto da questo libro che riconfermava la certezza della vittoria finale del bene sul male, riuscirono a ricostituire un esercito di combattenti che gli permise di attaccare di nuovo, nell'anno 129, le legioni romane di stanza in Palestina prendendo come spunto l'offesa che l'imperatore Adriano aveva loro recato facendo innalzare una statua di Giove Capitolino nel Tempio di Gerusalemme. La rivolta, affidata al Messia Bar Kocheba, terminata, come abbiamo visto nel capitolo precedente, con la distruzione di Gerusalemme pose termine a quel movimento rivoluzionario che era stato fondato da Mattatia 260 anni prima. Finita così la storia guerriera del Partito Nazionalista Giudaico riprendiamo con quella riguardante il movimento spiritualista. Terminata la guerra del 70,

gli spiritualisti, separatisi in maniera decisa e netta dai rivoluzionari, ripresero la loro lotta ideologica contro il sincretismo pagano ostentando un comportamento pacifista che li facesse apparire il più possibile estranei a ogni coinvolgimento con il movimento rivoluzionario e con tutto il resto del mondo ebraico. Una estraneità però soltanto apparente perché, anche se sospesero le circoncisioni, adottarono la lingua greca e cercarono di rendere i loro riti il più possibile simili a quelli del dio Mitra, in lealtà conservarono le leggi del Pentateuco come base della loro vita sociale. Schierandosi apertamente contro i rivoluzionari da divenirne i primi accusatori, riuscirono così bene nell'intento che avevano di apparire pacifisti da ricevere dai Romani stessi protezione contro le popolazioni che, continuando a considerarli comunque sempre degli ebrei, continuavano ad perseguitarli. Forti di questo appoggio che i Romani, desiderosi come erano di porre fine ai disordini, gli avevano concesso, gli Esseni intensificarono la loro propaganda di espansione elargendo al massimo le concessioni che già avevano praticato in precedenza per attirare le masse alla loro ideologia. Praticamente, messa da parte ogni diffidenza che nel passato li aveva resi cauti ad accettare proseliti, aprirono con tanta facilità le porte a quanti volevano far parte delle loro comunità da ammettere, come una legione straniera, anche chi aveva commesso i delitti più gravi, compreso l'omicidio, per quella legge del Pentateuco che concedeva il perdono all'omicida se nell'azione non c'era stata premeditazione: "Colui che colpisce a morte causandone la morte è messo a morte, però, per colui che non ha teso insidia, ma che Dio gli ha fatto incontrare, ci sarà un posto nel quale potrà ritirarsi e rifugiarsi restando salvo". (Es.21/12-13). Ma come in tutte le cose c'è il pro e il contro, così questa politica di espansionismo se risultò positiva per il numero dei proseliti che riuscì ad attirare, sopratutto dal mondo pagano, non lo fu altrettanto per ciò che riguardava la loro qualità. Garantendo vitto e alloggio ai diseredati, consolazione agli afflitti e protezione ai latitanti con quel battesimo che permetteva di cambiare nome, le comunità essene si riempirono di barboni, di avventurieri, di falliti e, soprattutto, di malviventi ricercati per reati politici e comuni. In molte Ekklesie, come quelle di Antiochia e di Tarso, il numero di questi convertiti all'ideologia essena, provenienti dalla peggiore feccia del mondo pagano, fu così elevato da costituire la parte più numerosa dei propri componenti. Fu in questi ambienti, composti da giudei e da convertiti di origine pagana, che le comunità dettero la definizione teologica al loro Salvatore, quella definizione essenzialmente spirituale che doveva competere con i Soters dei Culti dei Misteri e soprattutto con il mazdeismo che, imponendosi sempre più sulle altre religioni, stava realizzando il sincretismo nel dio Mitra. Come giunsero alla costruzione del loro Messia spirituale possiamo comprenderlo dai quattro capitoli (i primi tre e l'ultimo) che aggiunsero nel 95 alla prima edizione dell'Apocalisse, a quella prima edizione che nel 69 avevano essi stessi redatto insieme al movimento rivoluzionario. Dopo appena venticinque anni che si erano separati dai rivoluzionari, li troviamo in attesa di un Messia del tutto differente da quello che avevano concepito precedentemente durante la guerra giudaica. Il Salvatore guerriero sterminatore di nemici, il conduttore di eserciti capace delle stragi più efferate, era stato trasformato in una stella radiosa del mattino che sarebbe disceso sulla terra per dare inizio ad una nuova era di benessere e di giustizia e garantire agli uomini di buona volontà, cioè a coloro che avrebbero seguito i suoi precetti, una beatitudine eterna. Come conseguenza, il Messia dalla duplice figura della prima edizione dell'Apocalisse, spogliato della sua natura umana di guerriero conduttore di eserciti, fu trasformato in un Salvatore essenzialmente spirituale, cioè in un "Logos" che avrebbe svolto la sua missione sulla Terra prendendo dell'uomo soltanto le apparenze. Per comprendere come la corrente religiosa riuscì a costruirsi un Salvatore essenzialmente spirituale, è bene conoscere l'espediente a cui precedentemente era ricorso il movimento rivoluzionario, di cui essi stessi avevano fatto parte, per giustificare

come il loro Messia che viveva in cielo come entità spirituale, potesse prendere il comando del loro esercitò in qualità di uomo, cioè come fosse possibile che quel cavaliere dal mantello rosso cavalcante un cavallo bianco che nelle battaglie dei Maccabei era stato presentato sotto forma di visione celeste, potesse realmente assumere il ruolo di un Messia umanizzato. La spiegazione teologica per giustificare questo Messia dalla duplice figura, la trassero da quella immagine spaziale dalla quale la religione Avesta aveva fatto partire la creazione dell'universo; lo stesso drago cosmico, la stessa battaglia tra il male e il bene, la stessa sconfitta degli angeli delle tenebre che, inseguiti dagli angeli della luce, si rifugiarono sulla terra. La cosa migliore per dimostrare come riuscirono a dare un corpo umano al loro Messia attraverso questo plagio è di riportare il passo dell'Apocalisse che lo riguarda (cap.12). "Nel cielo apparve una donna ( simbolicamente rappresenta il mondo giudaico) vestita di sole, con la luna sotto i piedi e sul capo una corona di dodici stelle (sono le dodici tribù d'Israele). Era incinta e gridava le sue doglie (L'imminenza del parto esprime la certezza che avevano i Giudei sulla prossimità dell'avvento del Messia annunciato dal profeta Giacobbe). Allora apparve un altro segno nel cielo: un enorme drago rosso con sette teste e dieci corna (Questo drago simboleggia Roma che si oppone alla realizzazione del loro programma cercando di sopprimere il loro Messia. Le sette teste si riferiscono ai sette colli su cui è edificata Roma e ai sette imperatori che si succedettero nell'era messianica, cioè Pompeo, Giulio Cesare, Ottaviano Augusto, Tiberio, Caligola, Claudio e Nerone, e le dieci corna sono i dieci re che facevano parte della coalizione alleata a Roma = confr. Ap. 17-9/12). // drago si pose davanti alla donna che stava per partorire per divorare il bambino appena nato. Essa partorì un figlio maschio, destinato a governare tutte le nazioni con scettro di ferro (scettro di Davide) e il suo figlio fu subito rapito verso Dio e verso il suo trono. (La convinzione dei Giudei è che il Messia, già nato sulla terra come uomo, non potendo svolgere la sua missione poiché Roma che glielo impediva, era risalito in cielo dove era rimasto in attesa di ridiscendere come loro condottiero). La donna invece fuggì nel deserto dove Dio le aveva preparato un rifugio perché fosse nutrita per 1260 giorni". ( Questi 1260 giorni, che la donna passa nel rifugio, rappresentano quel periodo di attesa di quaranta anni che i rivoluzionari esseni sostennero nel deserto dell'Engaddi per preparare quella guerra che stavano combattendo contro Roma). In sintesi possiamo riassumere il tutto in un quadro che vede i rivoluzionari ritirarsi nel deserto per preparare quella rivolta che stanno combattendo contro Roma intanto che il Messia da parte sua, risalito in cielo con il corpo che aveva assunto nascendo sulla terra, rimaneva in attesa di scendere come uomo per mettersi alla testa del loro esercito. Giunti così, attraverso questa spiegazione, a dimostrare la parte umana del loro Messia, seguitarono a combattere nella certezza che da un giorno all'altro sarebbe uscito fuori il condottiero che li avrebbe portati alla vittoria finale. Fu per questa convinzione che, nonostante le cose gli si fossero messe male in seguito all'intervento di Tito, che in un'ultima attimo di speranza elessero, durante gli ultimi sei mesi che passarono assediati dentro Gerusalemme, Menahem re d'Israele. Se questo fu l'espediente che il Partito Nazionalista Giudaico usò per dare al Messia guerriero una natura umana, vediamo ora quale fu quello a cui ricorse la corrente religiosa per rendere il loro Messia di nuovo un predicatore essenzialmente spirituale come lo era prima che si unissero alla rivolta dei Maccabei. Nel frattempo erano passati due secoli e la situazione nel mondo delle religioni aveva avuto dei forti mutamenti. Se prima della rivolta dei Maccabei avevano basato il loro concetto messianico su un avvento che si sarebbe realizzato in un futuro di là da venire, cioè in un futuro senza scadenza, trovandosi dopo la guerra del 70 di fronte un Mazdeismo che, divenuto religione di stato, li avrebbe presto divorati, deciso di annunciare che i tempi dell'attesa si erano compiuti e

che il Messia sarebbe presto disceso sulla terra per dare a ciascuno la giusta retribuzione. Ma come sostenere che il loro Messia, a differenza dei Soters pagani che si erano incarnati, avrebbe potuto svolgere la sua missione di predicatore senza diventare un uomo? Prendendo allora come base il concetto del filosofo Filone, della comunità di Alessandria, che sosteneva un Logos privo di natura umana, risolsero il problema ricorrendo ad una visione che aveva avuto un certo profeta Daniele la cui persona appare così oscura da risultare una favola nella favola. Il profeta Daniele, certamente un personaggio immaginario come lo sono tutti gli altri della Bibbia, appare infatti così misterioso e confuso nella sua entità che la stessa Chiesa, non sapendo spiegare chi fosse, mentre in una versione dice che potrebbe essere stato un personaggio di origine fenicia vissuto in un'epoca compresa tra il diluvio e Giacobbe (lasso di tempo comprendente 600 anni), in un'altra ritiene possibile che sia stato invece un giudeo che, deportato da Nabucodonosor, riscosse grande successo presso la corte di Babilonia per le capacità di interpretare i sogni del re. Insomma, per farla breve, tra le tanti visioni che la Bibbia attribuiva a questo Daniele ce n'era una che si esprimeva così: "Guardando ancora nelle visioni notturne, ecco apparire, sulle nubi del cielo, uno, simile a un figlio di uomo; giunse fino al vegliardo (Dio) e fu presentato a lui, che gli diede potere, gloria e regno; tutti i popoli, nazioni e lingue lo servivano; il suo potere è un potere eterno che non tramonta mai, e il suo regno è tale che non sarà mai distrutto ". Anche se sono molti coloro che sostengono che questa visione fu aggiunta nella Bibbia dopo il 70, essa dava comunque la possibilità agli Esseni spiritualisti di poter sostenere due cose: la prima che il loro Messia, traendo la sua origine dalla volontà di Dio, veniva eguagliato a Mitra che secondo la religione ave-stica procedeva da Aura mazda, la seconda che egli avrebbe potuto svolgere la sua missione sulla terra prendendo dell'uomo soltanto le apparenze dal momento che il profeta Daniele aveva dichiarato di averlo visto nella sua visione non come un uomo ma come "uno, simile a figlio di uomo". Dunque, se lo aveva detto Daniele in qualità di profeta e dal momento che i profeti parlano per ispirazione divina, non poteva essere che così: il loro Messia, quel Messia che Dio avrebbe inviato sulla terra per costituire un regno eterno, si sarebbe presentato agli uomini non come uomo ma come "uno" che dell'uomo avrebbe preso soltanto le parvenze. Cambiato così il Messia guerriero e rivoluzionario in Salvatore spirituale apportatore di pace e di benessere, di conseguenza trasformarono in un nuovo» programma pacifico tutto ciò che nell'Apocalisse del 69 costituiva invece un piano di distruzione e di violenza, compresa Gerusalemme che, da capitale dell’odio e della vendetta, fu trasfigurata in una città santa: "Vidi un nuovo cielo e una terra nuova, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c'era più (si riferisce al mare di sangue della prima edizione). Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Una voce potente uscì dal trono: «Ecco la dimora di Dio. Dio dimorerà tra gli uomini e tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non vi sarà più la morte, né lutti, né lamenti, né affanni (riferimento alle stragi previste dalla prima Apocalisse) perché le cose di prima sono passate »... e ancora in un altro passo: « In mezzo alla piazza di Gerusalemme (la piazza dove precedentemente vegetava solo odio e vendetta) ora c'è un albero di vita che dà dodici raccolti (le tribù d'Israele) e produce frutti ogni mese. Le foglie dell'albero servono a guarire le nazioni. Non vi sarà più maledizione. Poi il Messia mi disse: «Ecco, io verrò presto, il tempo in cui si verificheranno queste cose è vicino (si rimarchi che nel 95 il Messia non è ancora arrivato). Io verrò presto e porterò con me il mio salario per rendere a ciascuno secondo le sue opere. Io sono la radice della stirpe dì Davide, la stella radiosa del mattino ». Ma poiché il lupo perde il pelo ma non il vizio, per quanto cercassero di apparire

pacifici e miti, la radice dell'odio atavico ebreo verso il resto del mondo era rimasta in loro inalterata. Le stragi terrene, previste nella prima Apocalisse, si tramutarono nella seconda in una punizione eterna dopo la morte: "Ma per i vili e gli abietti, gl'increduli e gli omicidi, gl'immorali, gli idolatri e tutti i mentitori è riservato lo stagno ardente di fuoco e di zolfo. Saranno divorati da un fuoco che scenderà dal cielo e quindi gettati insieme al demonio che li aveva sedotti nello stagno di zolfo e di fuoco dove già si trovano la bestia (Roma) e il falso profeta (Mitra)". Se riprendo a parlare del Logos che gli Esseni trassero dalla visione di Daniele, lo faccio perché è di particolare importanza conoscerlo bene dipendendo da esso tutti quei contrasti gnostici che, generatisi in seguito, daranno origine alla figura di Gesù. I motivi per i quali nel 95 gli Esseni spiritualisti respinsero il concetto di un Logos dalla natura umana furono principalmente due: 1) Evitare ogni analogia con il partito rivoluzionario che, sostenendo come Messia un uomo guerriero, avrebbe potuto portare i Romani a diffidare di loro. 2) Evitare quel sacramento dell'Eucarestia che li avrebbe costretti, essendo una conseguenza dell'incarnazione, a praticare la teofagia come avveniva nel Culto dei Misteri. Tutto gli esseni ripresero dalle religioni pagane, sopratutto da quella mitraica, meno che il sacramento dell'Eucarestia che invece si limitarono ad imitare attraverso quel rito che si riduceva ad una semplice benedizione de] pane e de vino rosso dolce da parte del sacerdote prima della consumazione dei pasti. Fu così che gli Esseni, concepito un Logos prettamente spirituale, entrarono nel secondo secolo della nostra era assicurando l'imminente arrivo di un Salvatore apportatore di una nuova era di benessere che, come avrebbe ricompensato con una beatitudine eterna i suoi seguaci, così avrebbe castigato con un'eternità di dolore i suoi nemici gettandoli in uno stagno di fuoco e di zolfo. Ma purtroppo non tutti gli appartenenti alle comunità essene si mostrarono disposti a seguire questa teoria che negava la materializzazione del Messia. Coloro che si opposero furono, come era da prevedersi, quei pagani che gli esseni avevano accolto nelle loro comunità. Impregnati come erano dei principi pagani, essi cercarono di imporre ai Giudei un Messia secondo i concetti dei Culti dei Misteri che sostenevano l'incarnazione. Come conseguenza di questo contrasto si formarono in seno alle comunità due correnti, quella che difendeva il messia spirituale e quella che lo voleva umanizzato. Che ci fossero già delle discordie su questo argomento in seno alle Eklesie essene sin da prima che uscisse la seconda edizione dell'Apocalisse, ci viene confermato da uno di quei quattro capitoli che essi aggiunsero nel 95, cioè da quello che oggi figura essere il secondo. In questo capitolo i redattori, rivolgendosi alle sette Eklesie greche per ribadire il concetto del Messia spirituale, mettono in guardia gli Esseni di razza ebrea dalle influenze che avrebbero potuto ricevere da parte dei convcrtiti pagani che sostenevano un Messia materializzato secondo i Culti dei Misteri. Così, come si rivolgono ai membri dell'Eklesia di Efeso dicendo loro di non lasciarsi tentare dai nicolaidi che erano i seguaci di un certo Nicola di origine pagana, i redattori dell'Apocalisse altrettanto incitano l'Eklesia di Pergamo di non ascoltare una certa convertita di nome Iezabele che, dichiaratasi profetessa, sosteneva un Messia incarnato ad imitazione dei Soters pagani. Indirizzandosi poi alle altre comunità, quali quelle di Sardi, Filadelfia e Laodicea, ne esortano i seguaci Esseni di origine israelita a rimanere fedeli al loro Logos spirituale diffidando di quegli infiltrati che si facevano passare per Giudei mentre, in realtà, erano dei sostenitori della dottrina pagana di Baal. (Ap. 2). Ma per quanto l'una e l'altra corrente potessero difendere le loro ragioni, entrambe furono costrette a riconoscere che non avrebbero mai potuto ottenere un successo risolutivo sulle masse finché si fossero presentate ad esse con un Messia che doveva

ancora venire quando le altre religioni offrivano ai loro seguaci Soteres che si erano già realizzati. Giunti così alla conclusione che se avessero continuato a lottare contro un sincretismo sostenuto da religioni che promettevano la vita eterna attraverso la garanzia di Soters che avevano già effettuato la loro missione, con un Messia che doveva ancora scendere sulla terra sarebbe stato come combattere la realtà di un fatto compiuto con l'astrattismo di una promessa, le due fazioni, sia la spirituale che la materialista, decisero di costruirsi, ciascuna per proprio conto, la figura di un Messia che come i Soteres pagani era già disceso sulla Terra. Ma come giustificare, come presentare al mondo la figura di un Messia già esistito se fino ad allora avevano sostenuto che doveva ancora venire? Ebbene questo problema che potrebbe apparire insolubile alla ragione e al buon senso, lo risolsero dando la colpa a se stessi dicendo che se fino ad allora lo avevano aspettato ciò era dipeso semplicemente dal fatto che erano stati loro a non averlo riconosciuto quando era venuto. E come dimostrazione portarono la sconfitta della guerra del 70 dicendo che essa non era stata altro che una punizione infettagli da Dio appunto per non aver riconosciuto il Salvatore che egli gli aveva inviato. Si ripeté in realtà lo stesso caso che precedentemente aveva portato i Giudei a credere che la sconfitta dell'esercito giudaico da parte del re Areta fosse dipesa da una punizione inviatagli da Dio in seguito all'uccisione di Giovanni Battista voluta da Erode Antipa. Ma come era stato possibile che non lo avessero rilevato? Come era potuto accadere che non si fossero accorti che egli era stato in mezzo a loro? E a quest’altra ennesima domanda che gli avversari gli posero nelle loro critiche, i teologi esseni risposero che ciò era avvenuto perché così era stato stabilito che fosse dal momento che lo aveva predetto il profeta Isaia: «Egli (il Messia), dopo essere passato tra gli uomini in maniera così umile e modesta nelle parvenze da non essere rimarcato da alcuno, seguirà i suoi carnefici silenzioso e docile come un agnello che viene condotto al mattatoio ».(Si rimarchi come ancora una volta, per sostenere l'irrazionale, venga sfruttato quel principio per cui non potendosi dimostrare il contrario si nega alla ragione la possibilità di dimostrare l'inesistenza dell'inesistente). Giustificato così il mutamento del loro Messia, da venturo come lo era stato fino ad allora a persona che era esistita, si misero alla ricerca di un qualcuno che avrebbe potuto dare un corpo a questo fantasma che essi sostenevano essere passato tra loro in quell'arco di tempo che era compreso tra l'anno 6 e l'anno 70. Scartati i personaggi che avevano dato vita all'era Messianica, come Giuda il Galileo e suo figlio Menahem perché, come capi rivoluzionari non potevano essere presentati come pecore che seguono docilmente i carnefici al mattatoio, puntarono inizialmente su Giovanni Battista essendo l'unico che veniva ricordato come predicatore della buona novella. Ma se anche costui in seguito fu messo in disparte, benché gli avessero dedicato un vangelo, ciò dipese, oltre che dal fatto che la sua morte essendo avvenuta dentro un carcere per ordine di un giudeo, quale era Erode Antipas, non appariva sufficientemente carismatica per competere con quelle dei Soters pagani che erano stati tutti uccisi dai loro avversari nella qualità di rappresentanti delle forze del male, anche e sopratutto perché la tradizione che gli negava una discendenza dalla stirpe di Davide. Che Giovanni Battista sia stato inizialmente scelto per divenire il Messia esseno, oltre che ad essere provato dal vangelo di Luca (basta leggerne il primo capitolo con attenzione per comprenderlo), ci viene confermato anche dal fatto che in Turchia esiste tutt'ora una setta che lo sostiene e lo venera come l'unico e vero Messia inviato da Dio. Non potendo così trasferire il loro fantasma su un personaggio realmente esistito, se non s'inventarono un Messia di sana pianta attribuendogli fatti e aneddoti del tutto immaginari, ciò dipese esclusivamente dal fatto che il tempo trascorso dall'era messianica era stato troppo breve per permettergli di imporre un personaggio del tutto immaginario

come in precedenza avevano fatto i loro ascendenti con Noè, Abramo, Giacobbe, Mosé e tutti quegli altri eroi della Bibbia, compresi David e Salomone, che, inseriti in epoche così lontane, lontane di secoli, potevano sfuggire da ogni contestazione mossa dalla memoria. Giunti così alla conclusione che non potevano utilizzare nessuno di questi due sistemi, decisero di concretizzare quel loro Messia passato sulla terra come l'uomo invisibile, dandogli un corpo attraverso quei fatti che, riferitesi all'era messianica, venivano riportati dalla tradizione popolare. Fu in seguito a questa decisione che gli Esseni cominciarono a raccogliere tutti quegli avvenimenti che riferitesi all'era messianica gli avrebbero permesso di costruire una figura emblematica di predicatore sul quale avrebbero potuto trasferire quel Messia anonimo che secondo Isaia era passato tra loro inosservato. Ed io li immagino alla ricerca dei fatti riportati dalla memoria popolare, fatti e aneddoti che più si presentavano deformati e più si prestavano al raggiungimento del loro obiettivo, mentre li selezionavano, li modificavano per metterli insieme come incastonatori che accuratamente scelgono gli elementi per il loro mosaico prendendoli da un mucchio di pietruzze dalle forme e dai colori più diversi. Seguendo questo sistema i seguaci delle varie Eklesie del Medio Oriente cominciarono a compilare opuscoli e libretti ai quali dettero i nomi più vari, quali Atti, Lettere, Codici, anche se in prevalenza usarono il nome di Vangeli ad imitazione dei seguaci dei culti dei misteri che chiamavano così i libri che raccontavano la vita dei loro Soteres quali predicatori annuncianti la loro dottrina, quella dottrina che ogni religione dichiarava essere quella giusta. (Vangelo da "eu angelos", dove eu sta per buona e angelos per novella). I primi tentativi per ricostruire la figura di un Messia già esistito, oltre che confusi e contrastanti fra loro, apparvero spesso così assurdi nelle loro affermazioni da risultare addirittura ridicoli. Basti dire che se si fossero realizzati tutti Cristi confezionati dalle elaborazioni delle varie Ekklesie, ora ne avremmo perlomeno qualche dozzina. In questa discordanza che vedeva ogni vangelo sostenere un proprio Messia, furono però tutti d'accordo neh"escludere dai fatti riportati dalla tradizione quelli che contenevano un qualsiasi riferimento rivoluzionario perché, oltre che a contrastare con la figura di un predicatore pacifico, avrebbero attirato su di loro l'ostilità dei Romani che erano contro ogni movimento che potesse apparire sedizioso. Seguendo così questo sistema di montaggio di fatti in parte riportati dalla tradizione e in parte sostenuti dalla fantasia popolare, ciascuna delle maggiori comunità del Medio Oriente si ritrovò con un suo proprio vangelo, un vangelo di cui ognuna ne difendeva la veridicità sostenendo che ciò che esso conteneva era stato scritto o da testimoni oculari o dai loro discepoli che li avevano sentiti raccontare direttamente da essi. Pensare che costoro non avessero già orientato la loro scelta su Giovanni il Nazoreo, figlio di Giuda il Galileo, per costruire il loro Messia appare quanto mai ingenuo dal momento che essi, quali esseni, sapevano bene che fra tutti gli artefici dell'era messianica il solo che aveva svolto un ruolo di predicatore era soltanto lui. Per cui, nella consapevolezza della falsificazione che stavano eseguendo, tutte le comunità essene fecero sparire il nome di Giovanni dai loro vangeli in maniera che i fatti da esse riportati, privati del nome di colui che li aveva determinati, potessero risultare attribuibili ad altro artefice, cioè a quel Messia che era passato tra loro inosservato. Questa sostituzione di persona, che possiamo assimilare ad un innesto che permette di trasformare una pianta di prugne in un ciliegio, si presentò così complessa da costringere i falsali a ricorrere agli imbrogli più assurdi. Per quanto usassero la massima circospezione per realizzare la truffa, gli errori e le contraddizioni che commisero nel redigere vangeli furono così grossolani da offrirci essi stessi, come vedremo, le prove inconfutabili sulla non esistenza di Gesù. Ma prima di parlare di Giovanni il Nazoreo e di come fu trasformato nel Messia dei cristiani, soffermiamoci a esaminare la storia cristologica in generale attraverso la

compilazione dei vari vangeli che furono redatti per darsi un Salvatore realizzato come lo erano i Soters pagani. Tra i primi tentativi fatti dalle Eklesie del Medio Oriente per dimostrare l'esistenza di quel Messia che era passato tra loro inosservato, il primo ad assumere una certa importanza fu quello di un certo Papia, capo della comunità essena di Ieropoli in Frigia. Costui raccolse tutti quei fatti che, potendo attribuirsi alla vita di un predicatore, gli avrebbero permesso di ricostruire la figura di quel Signore la cui esistenza veniva affermata dal profeta Isaia. Avendo come scopo essenziale quello di farlo apparire come l'annunciatore di una nuova era basata sulla pace e sul benessere, Papia selezionò in prevalenza quegli aneddoti che si riferivano a un'abbondanza di benefici più terrestri che celesti. Questo libricino scritto nei primi anni del primo secolo a Ieropoli fu portato da Papia alla comunità essena di Roma (che nel frattempo aveva assunto un ruolo di preminenza), nell'anno 135 con il titolo di "Detti del Signore". Anche se in realtà si trattava di una raccolta di banalità e luoghi comuni, ebbe comunque il grande merito di dare il via alla divulgazione degli altri vangeli che fino ad allora erano rimasti circoscritti nell'ambito delle Eklesie in cui erano stati redatti. Per dare un'idea del contenuto di questo vangelo cito un passo che mi appare particolarmente significativo per comprendere in quale mondo navigavano i compilatori dei vangeli: "In una predica il Signore aveva promesso che presto sarebbero cresciute vigne di 10.000 rami, ognuno dei quali avrebbe portato 10.000 tralci; ogni tralcio si sarebbe piegato sotto il peso di 10.000 grappoli formato ognuno di 10.000 acini e ogni acino avrebbe dato 10.000 litri di vino". Per confermare poi la veridicità di quanto aveva scritto, asseriva, seguendo il sistema usato da tutti, che ciò che aveva riportato nel suo vangelo gli era stato riferito da persone molto anziane che in gioventù le avevano sentite raccontare da un certo Giovanni che, come apostolo del Signore, era stato presente ai fatti. Questi "Detti del Signore", dopo un successo iniziale, furono decisamente respinti dalla comunità di Roma che così si espresse su di essi: "Papia, privo di ogni senso di critica, ha riportato fatti che gli venivano dal popolo in maniera troppo superficiale ". Ma il libricino di Papia, per quanto superficiale fosse, ebbe però il merito di incoraggiare la diffusione dei vangeli già scritti e la stesura di altri. Da questi "Detti del Signore" un certo Marcione, filosofo esseno della comunità di Sinopoli, in Asia Minore, ne trasse uno proprio eliminando gli episodi più assurdi, aggiungendone altri e dando a tutto l'insieme una successione cronologica che era stata ignorata da Papia. Ma, appartenendo egli alla corrente spiritualista, costruì la figura del Signore essenzialmente in chiave mistica, sopprimendo ogni forma carnale che poteva trasparire nel vangelo di Papia. Nella sua convinzione che il Cristo disceso sulla Terra aveva assunto soltanto le parvenze umane perché sarebbe stato vergognoso per un Dio provenire da carne peccatrice, Marcione concludeva il suo vangelo affermando che se si fosse umanizzato avrebbe cessato di essere Dio. Questo vangelo, accettato dalla comunità di Roma, (anche per ché aveva ricevuto da Marcione 200.000 sesterzi) uscì nell'anno 145 insieme a dieci "Lettere" e a un libricino dal titolo "Atti degli Apostoli" che Marcione aveva portato da Sinopoli affermando che le prime gli erano state consegnate da un certo Paolo di Tarso il quale aveva conosciuto personalmente Simone e Giacomo, capi della comunità di Gerusalemme e fratelli del Signore, e il secondo da un certo Luca, medico siriano della comunità di Antiochia, che era stato a sua volta discepolo della stesso Paolo di Tarso. Ma tutti gli esegeti, s'intende quelli seri, sono d'accordo sul fatto che, sia gli Atti degli Apostoli come le dieci Lettere, furono invece scritti da lui stesso che, per renderli credibili nel loro contenuto, li aveva attribuiti a questi due personaggi che per quanto egli li avesse dichiarati presenti ai fatti messianici, risultavano fino a quel momento disconosciuti da tutti. Fu così che per la prima volta, nell'anno 145, vennero alla ribalta le figure di Paolo di Tarso e di Luca, di quel Luca al quale in seguito attribuirono uno dei quattro Vangeli

Canonici che, come vedremo, videro la luce soltanto dopo gli anni 160. L'affermazione sostenuta dalla critica laica che vuole che le prime dieci lettere e la prima edizione degli Atti degli Apostoli siano state scritte da Marcione, trova la sua prima conferma sul fatto che essi oltre ad esprimere i medesimi concetti del suo vangelo ed essere scritti con lo stesso stile, riportavano anche gli stessi particolari. Comunque un cosa è certa: tutte le altre lettere, cioè le quattro in più che risultano nei testi sacri attuali, come tante altre pagine dai significati contraddittori che troviamo in esse e negli Atti degli Apostoli, furono aggiunte in seguito dai falsari per l'obbligo che gli veniva di dover continuamente rettificare i concetti di una religione che si stava formando. (Tutti i testi che furono scritti in quel periodo, compresi i quattro Vangeli ufficiali (canonici), non sono che il prodotto di aggiunte, correzioni e censure che fanno di essi un'antologia di incoerenze tali da renderli, come vedremo, non solo inattendibili, ma spesso addirittura ridicoli). Marcione nel suo vangelo diceva che il suo Messia aveva iniziato la missione di predicatore dalla città di Cafarnao dove era disceso direttamente dal cielo assumendo le sembianze di un uomo di trenta anni. Il Cristo di Marcione non aveva un corpo umano, ma simile a quello degli angeli (!?!). ( Anche se nessuno, compresa la Chiesa, ha saputo mai spiegare di che natura sia fatto il corpo degli angeli, si può comunque desumere che sia di costituzione piuttosto robusta se sono riusciti a trasportare in volo, da Betlemme a Loreto, la casa della Madonna. Un'ulteriore prova confermante che le prime dieci lettere attribuite da Marcione a Paolo di Tarso erano state scritte da lui, ci viene dal fatto che esse affermano, come nel suo vangelo, che Paolo di Tarso si era incontrato con Simone e Giacomo in una visita, in realtà mai avvenuta, che egli aveva fatto alla comunità di Gerusalemme. Visita che Marcione si era inventato per poter difendere, attraverso i concetti che fece esprimere a Paolo di Tarso in una discussione con Simone, il suo Cristo spirituale che veniva contestato dalla comunità di Gerusalemme che sosteneva invece un Messia umanizzato morto crocefisso. Attraverso questo litigio tra Paolo di Tarso e Simone Pietro riportato nel Vangelo di Marcione e negli Atti degli Apostoli, possiamo renderci conto della discordanza esistente tra la comunità di Gerusalemme che, quale testimone dei fatti, affermava l'incarnazione del Cristo e le altre comunità spiritualiste del Medio Oriente che invece affermavano, per i motivi già precedentemente detti, un Messia che aveva preso dell'uomo soltanto le apparenze: "Giacomo e Simone non meritano alcuna fiducia perché non sono dei veri apostoli, ma degli attivisti imbroglioni che predicano un falso Cristo". ( II Cor. 11/13). Marcione, non soddisfatto ancora di questa discussione che si era inventata per imporre il suo Cristo spirituale su quello materializzato sostenuto dalla comunità di Gerusalemme, si servì ancora di Paolo di Tarso come suo porta voce per largii dire, sempre in quelle dieci lettere portate da Sinopoli, che, fra tutti i Cristi che venivano predicati dai vari vangeli, quali quello di Apollo d'Alessandria e quello di Simone Cefa, soltanto il suo era il vero. (I Cor. I/12). Che la figura di Paolo di Tarso sia quella di un personaggio di comodo, ci viene dal fatto che, dopo Marcione, essa fu sfruttata dalle varie correnti che seguirono per esporre i loro concetti. Leggendo gli Atti degli Apostoli e le Lettere rimarcheremo che di Paolo di Tarso ce ne sono tanti quante sono le tendenze religiose: 1) Il Paolo di Marcione che sostiene un Cristo che ha preso dell'uomo soltanto le forme ed è morto al palo (stauros), ma soltanto in forma apparente, per volere degli Arconti. (l Cor. 2/8 - testo greco). 2) Il Paolo che sostiene il Messia spirituale che, non essendo mai sceso sulla Terra, ha svolto la missione trasmettendo la sua morale agli uomini attraverso le rivelazioni: «Io

vi dichiaro che il vangelo che predico non è dell'uomo, poiché non è dall'uomo che l'ho ricevuto, ma da una rivelazione come da una rivelazione lo hanno ricevuto Simone e Giacomo che falsamente affermano di averlo ricevuto da un Cristo fattosi uomo". (Gal. 1/11). 3) Il Paolo materialista che nella lettera ai Galati dice che Cristo si è incarnato ed è morto sulla croce: "O stolti Galati, chi può avere offuscato così lo spirito proprio a voi ai cui occhi fu presentato al vivo Cristo crocefisso?" (Gal. 1/11). E ancora ai Filippesi: "Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo, che umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di Croce" (Fil. 2-6/8). Ma allora, chi è in realtà questo Paolo di Tarso, questa colonna portante del cristianesimo? E' quello che sostiene il Cristo delle rivelazioni, oppure quello che afferma che Cristo ha preso dell'uomo soltanto le apparenze o ancora colui che sostiene che si è incarnato ed è morto sulla croce? Ebbene, egli è tutti e nello stesso tempo nessuno di questo tre. E' tutti nella parte di strumento usato dalle varie ideologie per sostenere i loro concetti, e nessuno nella persona di ideologo e pensatore, tanto nessuno che sono molti gli storici che sostengono che sia semplicemente un'invenzione di Marcione. Siccome io sono della convinzione che tutti i miti, anche i più fantastici, hanno sempre una base di verità, un piccolo nocciolo intorno al quale si sono formate, sono certo che egli sia esistito quale personaggio storico in quell'individuo zoppo che, seguendo la sua natura ambiziosi passò dal servizio dei romani, quale persecutore dei rivoluzionari, all'attivismo esseno come Nazir senza però riportare alcun successo di particolare importanza. Se mi sono soffermato ancora su Paolo di Tarso, non l'ho fatto tanto per dimostrare ancora una volta che la sua figura reale è ben differente da quella che gli attribuisce la Chiesa, quanto per mettere in evidenza come la figura di Cristo fosse ancora così incerta e contraddittoria negli anni cinquanta del secondo secolo da non sapere ancora se era rimasto in cielo svolgendo la sua missione attraverso le visioni, se era sceso in terra prendendo dell'uomo soltanto le apparenze oppure incarnandosi.

CAPITOLO XII I VANGELI CANONICI
In seguito alla decisione che presero gli esseni di costruirsi un Messia già esistito da contrapporre ai Soteres Pagani, i vangeli che vennero fuori furono così numerosi che, alla metà del secondo secolo, se ne contarono più di sessanta. Poiché citarli tutti sarebbe troppo lungo, oltre che inutile, mi limiterò a riferire soltanto i nomi di alcuni di essi: vangelo degli Ebioniti, dei Nazorei, dei Copti, Degli Ebrei, di Gamaliele, di Nicodemo, Arabo, di Arudel, di Hereford, di Maria, di Tommaso, di Pietro, di Giacomo e di tutti gli altri apostoli, compreso Giuda il traditore che ebbe anche lui il suo. Come è da immaginarsi, per quanto volessero raggiungere lo stesso scopo nel rispetto degli stessi canoni, tra i quali quello di evitare ogni riferimento a l'atti rivoluzionari, questi libri, usciti sotto i titoli di Vangeli, Lettere, Atti e Detti, non solo risultarono differenti tra loro negli episodi che venivano riferiti al Salvatore ma anche in ciò che riguardava la sua natura e la sua origine. Vangelo di Marcione: Negando a Cristo una nascita terrestre, perché sarebbe stato vergognoso per un Dio provenire da carne peccatrice, sosteneva che aveva compiuto la sua missione sulla Terra scendendo direttamente dal cielo su Cafarnao in età già adulta prendendo dell'uomo soltanto le sembianze. Atti degli Apostoli: si affermavano tre Cristi differenti: 1) morto al palo per opera degli Arconti. 2) morto in croce come uomo 3) Aveva svolto la missione comunicando la sua morale dal cielo attraverso le rivelazioni. Lettera agli Ebrei: Cristo, assimilato al grande sacerdote Melchisedec, veniva dichiarato "senza padre né madre e senza genealogia poiché la sua natura, essendo eterna, non poteva avere né nascita né morte ". Vangelo degli Ebioniti: affermava che il Salvatore era stato generato da Dio quello stesso giorno in cui cominciò la sua missione che coincise con il battesimo che ricevette da Giovanni Battista: "Mentre Giovanni Battista lo battezzava si udì venire dal cielo una voce tonante che diceva: « Tu sei il mio figlio amato che oggi ho generato ». Lettera di Giuda: In questa lettera si diceva che Cristo era la reincarnazione di Mosè. Vangelo degli Ebrei: Se in questo vangelo si attribuiva la maternità del Messia allo Spinto Santo ciò fu possibile perché in ebraico la parola spirito è di genere femminile. Come prova di questa maternità veniva riportata nel vangelo una frase che lo stesso Cristo aveva rivolto ai suoi discepoli: « Mia madre è lo Spirito Santo che mi prese per i capelli e mi portò sul monte Tabor» Vangelo di Alcazai: In questo vangelo, nel quale viene sostenuto che lo Spirito Santo non era la madre del Messia ma bensì la sorella, la paternità e la natura del Christo risultano così complicate che lo stesso autore conclude la sua spiegazione dicendo: "Potrei aggiungere altre parole per spiegare la natura di Cristo, ma il tutto è così complicato che anche se ci riuscissi voi non potreste capirlo". (...altroché se lo abbiamo capito!).

Vangelo di Tommaso: In questo vangelo, pur non specificando come il Messia sia nato, se si parla della sua infanzia è per dimostrare che egli sin da fanciullo compiva prodigi: "...Gesù camminava attraverso il villaggio, quando un ragazzo andò ad urtare contro la sua spalla. Gesù irritato, gli disse: «Non percorrerai tutta la strada!» e subito cadde morto. Alcuni vedendo questo fatto dissero: "Chi è questo ragazzo, che ogni sua parola sì avvera?" I genitori del ragazzo morto, andati da Giuseppe, lo rimproverarono dicendogli: «Tu che hai un tale figlio, non puoi abitare con noi nel villaggio. Egli infatti fa morire i nostri ragazzi». Giuseppe, chiamato in disparte Gesù, lo ammonì dicendogli: "Perché fai tali cose ? Costoro ne soffrono, ci odiano e ci perseguitano. Gesù gli rispose: «Io so che queste tue parole non sono tue, tuttavia starò zitto per amore tuo, ma quelli riceveranno la loro punizione». E subito i suoi accusatori divennero ciechi. Coloro che videro questo, furono presi da grande spavento e titubanti presero a dire, a proposito di Gesù, che ogni parola che egli pronunciava si trasformava in miracolo. Vedendo che Gesù aveva reso cieche quelle persone, Giuseppe gli prese l'orecchio e glielo tirò forte. Ma Gesù sdegnato gli disse: "Tu non hai agito in modo sensato. Non mi molestare!" (Ho riportato questo passo sopratutto per dimostrare il livello intellettuale dei costruttori del cristianesimo). Tralasciando tutte le altre versioni che furono affermate dai diversi vangeli, tra le quali quella che diceva che Cristo era morto "secondo il rito", cioè come l'agnello che veniva fissato su due bacchette incrociate a forma di X, quello che risulta è che alla metà del secondo secolo, oltre alla confusione che regnava sulla natura del loro Cristo, gli stesori dei vangeli dimostrano di essere ancora ben lontani dall'attribuire la sua maternità a quella vergine che sarà chiamata Maria, Un'altra cosa importante da rimarcare è il fatto che tutti questi documenti si riferivano al loro personaggio con i più vari appellativi, quali Messia, Salvatore, Signore e Rabbi, ma mai con il nome di Gesù. Il nome di Gesù apparirà la prima volta soltanto nel 180 nel libro "Contra Coelsum" che Origene scrisse per confutare Celso che in una sua opera criticava i sistemi di falsificazione usati dai cristiani. Se questo nome lo troviamo riportato negli scritti precedenti a questa data ciò è dovuto esclusivamente dal fatto che i falsari lo misero al posto degli altri appellativi quando nel IV e V secolo contraffecero i documenti. Immaginiamoci ora di vivere in quell'epoca e di dover scegliere il nostro Cristo, di quale saremmo divenuti i seguaci dal momento che ogni comunità essena, tra le quali primeggiavano per fantasia quelle di Antiochia e di Damasco, se ne era costruito uno tutto differente da quelli delle altre? Nell'urgenza che ebbero di darsi un Salvatore da opporre a Mitra, ma sempre nel rispetto del loro principio che ne negava l'incarnazione, gli spiritualisti entrarono in una competizione teologica che li portò a concepire quelle teorie assurde e grottesche che presero il nome di "gnosticismo" (Gnosi = dottrina filo-sofica religiosa che si ritiene superiore a quella normalmente seguita dai semplici credenti). Dalle varie correnti che sostennero questa forma filosofica avente come fine la conoscenza dei misteri di Dio e della sua creazione, sorsero diverse scuole. Ce ne furono di popolari e di teologiche, di siriane, egiziane e d'individuali tra cui quelle di Valentino, Carpocrate e Basilide. Fare lo gnostico a quel tempo, dice uno storico francese, era una sciccheria come fare il filosofo nel 1700. Molti di questi gnostici per dare credito a ciò che sostenevano, dal momento che le loro affermazioni era prive di raziocinio e di logica, fecero dipendere le vicende del loro Messia da frasi tratte dalla Bibbia che, opportunamente adattate, trasformarono in profezie che le avevano preannunciate. Colui che abusò più di ogni altro di questo trucco fu Valentino. Per avere le profezie di cui aveva bisogno spinse l'ardire al punto di fornirsele lui stesso inventandosi dei "Canti" che osò attribuire a Salomone dicendo di averli trovati in un libro che era stato scritto da un

anonimo del V secolo il quale, a sua volta, li aveva tratti da una documentazione risalente al IX secolo. Per ciò che riguardava poi gli altri fatti riguardanti l'esistenza del suo Cristo, cioè quelli che non aveva fatto dipendere dalle profezie, per dimostrarne la veridicità, disse che li aveva appresi da un certo Theudas (Taddeo) che, incontratolo in età avanzata, gli aveva riferito tutto ciò che aveva sentito dire da Paolo di Tarso del quale era stato giovane discepolo negli anni 70. Come Valentino ricorse al fantomatico Theudas, così anche gli altri gnostici, per dimostrare che ciò che scrivevano era vero, ricorsero tutti al sistema di far dipendere i loro Vangeli da fonti originali, cioè da personaggi che, avevano conosciuto direttamente il Salvatore o, alla peggio, che avevano contattato chi era stato con lui. Siccome i nomi più usati furono quelli degli apostoli, in una vera sciarada di sofismi, questi autori dei vangeli del secondo secolo, non esitarono a mettere in bocca a quegli analfabeti pescatori del lago di Tiberiade ragionamenti teologicamente così complessi che spesso neppure loro che li avevano concepiti erano in grado di spiegare tanto risultavano assurdi e fantasiosi: dimostrazioni su come il Logos potesse essere senza principio pur traendo origine dal padre, ragionamenti sulla resurrezione e l'economia della salvezza, sugli aneliti umani tesi a comprendere i misteri divini, sulla forza liberatrice del battesimo dal peccato, sulla separazione esistente tra il mondo divino immutabile nella sua essenza spirituale e il mondo materiale che invece è soggetto alla corruzione e su tante altre cretinate che, non essendo spiegabili con la logica e quindi incomprensibili dalla ragione, venivano risolti con l'intervento di esseri immaginari quali gli Eoni (angeli del bene) e gli Arconti (angeli del Male), che si spostavano nel cosmo seconda dei bisogni come navette spaziali nel mondo della fantascienza. Se poi anche costoro risultavano insufficienti per risolvere i problemi che gli si presentavano durante il percorso dei loro ragionamenti, allora la risoluzione la ottenevano rovesciando tutto dentro quel buco nero, paravento della follia, che è il dogma e il mistero. E tutto questo per costruire un Salvatore essenzialmente spirituale da contrapporre ai Soters pagani che invece si erano incarnati, quei Soters dai quali avevano in realtà tutto ricopiato. Fu per ovviare a questa accusa di plagio, di cui gli avversari li accusavano e li deridevano, che gli spiritualisti esseni cercarono di darsi una superiorità affermando che soltanto il loro Dio era quello perfettissimo e onnisciente mentre gli altri, quelli a cui i loro rivali attribuivano la creazione dell'universo, non erano che divinità inferiori dal momento che avevano creato un mondo così imperfetto e malvagio. Il ragionamento che fecero gli gnostici per sostenere questa accusa fu il seguente: "Non può essere stato il vero Dio, quello onnisciente, a creare un mondo così difettoso e pieno di contraddizioni per cui tra il vero Dio, quello ottimo e perfettissimo, e il mondo creato che costituisce l'estremo opposto con le sue imperfezioni c'è tutta una gerarchla di divinità positive e negative. Il Dio a cui le altre religioni attribuiscono la creazione di un mondo così iniquo, non può essere che un'entità di rango inferiore che, avendo comunque la possibilità di farlo, eseguì la creazione disobbedendo, o per errore o per orgoglio, al Dio altissimo. (Il loro Dio). Questo creatore di rango inferiore, in realtà è il padre del demonio. Ma il mondo e l'uomo, nati così per un errore o per un atto di orgoglio, furono riscattati dal male attraverso l'intervento di un essere di rango molto elevato nelle gerarchie delle divinità positive che, assumendo un ruolo di collegamento tra il vero Dio e l'uomo, scese dalle zone elevate del cielo verso quelle inferiori della terra per riscattare l'umanità dal male (cioè il loro Cristo). Per realizzare la salvezza si unì con la saggezza, quella virtù che, anche se rinnegata dagli uomini, ancora esisteva sulla terra. La sua missione fu ostacolata dal Dio creatore del mondo, padre del demonio, che per far fallire la sua missione fece del tutto per ucciderlo. Ma il Logos non potendo morire perché immortale, compiuta la sua missione, risalì in cielo insieme alla sorella saggezza che lui aveva liberato dal male che la teneva prigioniera sulla terra ".

La pretesa su cui gli gnostici si basavano per sostenere la loro superiorità sulle altre religioni la traevano dal fatto che il loro Cristo, a differenza dei loro Salvatori, aveva svolto la sua missione di predicatore rimanendo purissimo spirito. Questa affermazione che, anche se ardita, poteva reggersi soltanto sotto un punto di vista puramente immaginario, fu fortemente criticato dai loro oppositori che, mettendoli di fronte alla realtà dei fatti, gli chiesero come era stato possibile che un essere avesse potuto svolgere le funzioni umane senza incarnarsi. Fu per rispondere a questo interrogativo che i costruttori dei vangeli gnostici dettero la dimostrazione di come la teologia cada nel ridicolo quando, invece di imporre le proprie verità col dogma, cerca di renderle accettabili attraverso il ragionamento. (Lo stesso ridicolo in cui cadde la Chiesa nel 1700 quando, per opporsi all'illuminismo, cercò di dimostrare l'esistenza di Dio attraverso la ragione). Valentino, per esempio, per dimostrare come il suo Cristo fosse potuto rimanere puro spirito pur essendosi comportato in tutto come un uomo, affermava nel suo vangelo: "// Salvatore, avendo tutto tollerato, divenendo padrone di se stesso, era giunto al punto di continenza che il cibo che mangiava non si corrompeva nell'interno del suo corpo perché in lui non poteva esistere corruzione della materia. Mangiava e beveva come un uomo ma in maniera particolarissima, non restituendo gli alimenti". Praticamente il Cristo di Valentino, come i Cristi di tutti gli altri vangeli gnostici, se nelle manifestazioni esteriori mangiava e beveva come un uomo, nel suo privato non eseguiva i bisogni fisiologici. Non defecava, non orinava, non sudava, non produceva forfora e né si soffiava il naso perché tutto ciò che ingeriva si dissolveva nel suo corpo disperdendosi nel nulla. (Ma per quanto questo metabolismo teologico possa affascinare, per me rimarrà, comunque, sempre più interessante quello della dea Kalì che mangiava riso e cacava supplì). Gli gnostici esseni, pur di battere i loro avversari, privi come erano di tradizione religiosa, furono costretti ad inventarsi le teorie teologiche più azzardate e paradossali per dare un carisma alla loro religione, quella religione che stavano costruendo tra le critiche e la derisione dei loro oppositori che li accusavano di ricopiare tutto dal paganesimo e dall'ebraismo ortodosso. Ma, come ogni soverchio rompe il coperchio, così le teorie gnostiche produssero, con le loro assurdità, un effetto talmente negativo sulle masse dei loro seguaci da rischiare di demolire tutta l'impalcatura che con imbrogli e raggiri erano riusciti a mettere in piedi perché molti dei loro proseliti furono indotti a cercare attraverso le pratiche occulte quella salvezza dopo la morte che gli gnostici avevano reso utopica e incomprensibile. Questo movimento di ribellione ideologico in seno alle comunità essene fu incoraggiato in gran parte da quei pagani convertiti che, trovando inaffidabili le nuove teorie, ritornarono sulla strada che avevano lasciato, la strada che li riportava alla magia e all'esoterismo dei Culti dei Misteri i quali, con i loro Salvatori umanizzati, oltre che a essere più comprensibili nelle loro dottrine, risultavano anche più garantisti per ciò che riguardava la resurrezione ad una vita eterna. Come conseguenza di questo ritorno alla magia, cominciarono a venire fuori quei vangeli nei quali le vittorie del bene sul male venivano affidate a eroi che sostenevano la loro morale in qualità di maghi del bene che affrontavano i loro nemici, rappresentati da maghi del male, in confronti basati su trasformazioni di bastoni in serpenti, su oggetti e corpi che rimanevano sospesi in aria e su tante altre dimostrazioni appartenenti alle arti occulte di provenienza espressamente pagana. I combattimenti più famosi riportati dagli scritti del tempo furono quelli sostenuti tra Simon Pietro e Simone il Mago. Una delle tante morti che furono attribuite a Simon Pietro fu fatta dipendere da una di queste sfide con il mago Simone. In un vangelo attribuito a un certo Marcello, che si dichiarava discepolo di Pietro, veniva asserito che Pietro a Simon Mago furono invitati da

Nerone perché gli dessero una prova delle loro capacità magiche di cui aveva tanto sentito parlare. Dopo aver trasformato i propri bastoni in serpenti ed eseguito dimostrazioni di magia in maniera tale da risultare entrambi dello stesso valore, Simone il Mago per superare Pietro, si sollevò da terra e cominciò a volteggiare in aria. Ma siccome Pietro, a differenza di Simone il Mago, non usava trucchi e imbrogli ma agiva per volere di Dio, ricorrendo alla preghiera, fece cadere il suo rivale che, schiantatosi al suolo, morì sul colpo. Nel vangelo si diceva che Nerone s'infuriò tanto contro Pietro per ciò che aveva fatto a Simone il Mago, che lo condannò a morte. Un altro libro, intitolato "Atti di Pietro e Paolo", riferendosi a questo episodio, ne garantiva l'autenticità dicendo che Marcello, quale discepolo di Pietro, era stato presente al quel confronto. E' chiaro che tutti questi Vangeli, Atti e Detti che riportavano fatti di Cristiani avvenuti durante il periodo in cui esistevano gli Esseni, compresi quindi anche quelli riguardanti Nerone, non possono essere che dei falsi dal momento che in quell'epoca i cristiani ancora non esistevano. Tutta l'impostura della Chiesa è stata imperniata sulla deformazione dei fatti attraverso falsi documenti tendenti a far passare gli esseni per cristiani. Il solo fatto che i preti disconoscano gli Esseni dimostra la loro intenzionalità a trasformare in cristiano tutto ciò che apparteneva al mondo esseno: Le Ekklesie, le persecuzioni, i martiri e tutto il resto, compresi quei proseliti che entrarono nelle comunità essene che furono fatti passare per pagani che si convertivano al cristianesimo. Per comprendere la truffa basti ricordare quello Stefano che da martire esseno fu trasformato in martire cristiano e lo stesso Paolo di Tarso che da attivista Nazir è stato trasfigurato in promulgatore del cristianesimo. Comunque tutto apparirà più chiaro quando dimostrerò che il cristianesimo ha cominciato la sua esistenza a partire dalla seconda metà del secondo secolo in seguito ad uno scisma che ci fu in seno al movimento spiritualista esseno. Se la morte di Pietro fu attribuita in alcuni vangeli a Nerone ciò dipese dal fatto che i cristiani per potersi sostituire agli Esseni dovettero appropriarsi di tutto ciò che era stato il loro mondo, compreso l'odio verso i romani quali loro persecutori. Fu durante questa gigantesca opera di trasformazione basata su falsificazioni dei documenti esistenti, su la costruzione di fatti e di nomi inventati che fecero di Nerone il nemico dei cristiani perché potessero attraverso le sue persecuzioni sostenere che al suo tempo essi già esistevano. S'inventarono un incendio di Roma mai esistito e tante altre storielle che possono essere credute soltanto dai "poveri di spirito". Tra queste possiamo ricordare quel passo che aggiunsero negli "Annali" di Tacito, quel ridicolo passo, nel quale viene detto che Nerone per punire i cristiani perché avevano dato fuoco a Roma, li usò come torce viventi per illuminare di notte i viali del suo giardino. "Questo sistema di bruciare per punire, gl'incendiari non fu mai usato come metodo d'illuminazione", scrive Renan, critico cristologico, e lo storico Las Vergnas aggiunge ironicamente in proposito: «E' un sistema che sembra piuttosto bizzarro. Io immagino che un cristiano che brucia, anche se spalmato di cera, scoppietti, carbonizzi, appesti l'aria ma rischiari molto poco. Molto fumo e niente luce. Per sapere se un cristiano che brucia illumini veramente si dovrebbe tentare l'esperimento con due o tre frati cappuccini». D'altronde, stando a tutte le stupidaggini riportate dai Libri Sacri, in quale altro modo si può parlare di Cristi, di Madonne e di Spiriti Santi se non volgendo tutto alla risata? Riprendendo l'argomento magia, la maggior parte dei capi Esseni, compreso il pericolo di perdere i loro seguaci se avessero continuato con gli astrattismi delle loro dispute teologiche, decisero di passare al concreto dando al loro Messia il prima possibile un corpo incarnato come lo avevano i Soters pagani. Messi così da parte i concetti teologici sostenuti da Valentino e dagli altri gnostici, quali Carpocrate e Basilide, gli Esseni pragmatici e realisti decisero di attribuire al loro

Messia una figura umana di uomo incarnato che fino ad allora gli avevano negato per sostenerla essenzialmente spirituale. Questa umanizzazione che rendeva il loro Messia uguale ai Soters pagani, comportando l'istituzione dell'Eucaristia, determinò nelle comunità essene una scissione fra suoi seguaci che dette origine a una nuova corrente religiosa che prese il nome di "cristianesimo". Pur di opporsi al sincretismo pagano tutto avrebbero potuto accettare gli esseni di origine ebraica meno che quella teofagia che per essi rappresentava quanto di più sacrilego si potesse concepire nei riguardi di Dio, di quel Dio che li avrebbe puniti con la morte se soltanto ne avessero pronunciato il nome. Così, mentre gli esseni di origine israelita si disperdevano seguendo una parte di essi le teorie gnostiche e gli altri ritornando all'ebraismo ortodosso rappresentato per lo più dai Farisei che vivevano ancora nell'attesa del Messia davidico, quelli di origine pagana che avevano deciso di materializzare il loro Messia come i Soters dei Culti dei Misteri, impadronitisi delle Ekklesie, si misero a costruire il loro Cristo-uomo selezionando i passi più opportuni da tutti i vangeli che erano stati precedentemente redatti. Fu in seguito a l'elaborazione di tutti gli scritti che si riferivano al Signore, che la comunità di Roma, assunto il comando di questa nuova religione, presentò nell'anno 160 il primo vangelo nel quale si riconosceva ufficialmente l'incarnazione di Cristo. Questo primo vangelo, uscito nella prima edizione sotto il nome di un certo Levi, se in seguito fu attribuito a Matteo ciò dipese dal fatto che costui, essendo stato presentato in molti testi come apostolo del Signore, avrebbe garantito, in qualità di testimone, la veridicità dei fatti più di quanto avrebbe potuto farlo un autore il cui nome Levi risultava del tutto sconosciuto. Praticamente con l'uscita di questo vangelo redatto dai pagani che si erano convertiti all'essenismo, cioè da quella crema di malfattori comuni, avventurieri, falliti, ricercati politici, delusi e barboni che, per rifarsi una vita, si erano rifugiati nelle comunità essene, ebbe inizio il cristianesimo. Come conseguenza, dichiarati nemici da abbattere sia gli ebrei che i pagani, si organizzarono seguendo canoni ben precisi e dandosi una gerarchia che poneva a capo di ogni Ekklesia un responsabile a cui fu dato il nome di vescovo (episcopus = capo della comunità). Il primo vescovo eletto dalla comunità di Roma fu un certo Sotero originario della Campania (165-173). Questo vescovo, che nell'elenco ufficiale dei papi occupa l'undicesimo posto, è nella realtà storica il primo papa del cristianesimo poiché tutti gli altri che la Chiesa colloca come suoi predecessori, compreso Simone Pietro (che mai venne a Roma), non sono altro che un prodotto di quei falsari, tra i quali primeggia Eusebio di Cesarea (265-340) che s'inventarono la storia di quella che fu definita "la prima Chiesa". Per dare maggior credito al Cristo che si erano costruito con il vangelo di Matteo, i seguaci di questa nuova corrente religiosa, che da ora in poi chiameremo cristiani, scrissero subito altri due vangeli che attribuirono a fantomatici autori, Marco e Luca, che furono dichiarati essere, il primo, discepolo di Pietro, e il secondo, di Paolo di Tarso secondo quanto aveva sostenuto Marcione nell'attribuirgli gli Atti degli Apostoli che aveva portato da Sinopoli. Ma per quanto avessero cercato di renderli originali e autonomi facendoli passare per documenti scritti durante l'era messianica da personaggi dichiarati presenti ai fatti, i tre vangeli, essendo in realtà stati redatti dalle stesse persone, risultarono così simili tra loro negli aneddoti riportati, nelle omissioni e contraddizioni e nell'insieme della stesura dei fatti, che furono associati tutti con il termine di sinottici (sunoptikos), che praticamente significa " basta leggerne uno per leggerli tutti". Siccome questi tre Vangeli, oltre a contenere errori storici, non riportavano i principi teologici che furono elaborati negli anni che seguirono, i neocristiani, per riparare gli uni e spiegare i secondi, scrissero un quarto vangelo che, benché uscito negli anni 90 del secondo secolo, sfrontatamente lo misero

sotto il nome di Giovanni, discepolo-amico del Messia, a cui attribuirono anche l'Apocalisse che, scritta in parte nel 68-69 dagli esseni rivoluzionari e in parte nel 95 dagli esseni spiritualisti, era risultata fino ad allora di autore ignoto. Il primo a parlare del quarto Vangelo fu un certo Ireneo (padre della Chiesa e santo), che lo nominò in un suo scritto uscito alla fine del II secolo, il quale, essendo uno dei maggiori teologi di questa nuova religione, contribuì in maniera determinante alla sua composizione. Fu durante la compilazione del quarto Vangelo eseguita negli anni 180, che i cristiani decisero di dare un nome al loro Messia per toglierlo dall'anonimato che gli veniva dai vari appellativi che fino ad allora gli avevano dato, quali Salvatore, Cristo, Messia e Rabbi, anonimato che contrastava decisamente con la figura storica che sostenevano. Ma il nome che gli dettero di "Yeshua" (Gesù), significando in ebraico "Colui che salva", cioè "Salvatore", oltre che a lasciarlo senza nome lo confermò per quello che realmente era, cioè l’ ultimo "Soter" prodotto dal mondo pagano. Ma per quanto la comunità di Roma avesse cercato d'imporre questi vangeli a tutte le altre Eklesie, la maggior parte di queste continuò a seguire i propri nel rispetto dei loro contenuti. Nella costrizione allora di porre fine a questa anarchia evangelica, l'Eklesia di Roma, nella persona di Papa Zefirino (199-217), propose di affidarsi al giudizio divino. In presenza di numerosi testimoni, collocati su un altare tutti i vangeli esistenti, circa 70, chiesero a Dio di indicargli attraverso un segno quali erano quelli che dovevano essere adottati. La risposta la ebbero il giorno dopo quando, ritornati sul posto, trovarono, neanche a dirlo, tutti i vangeli per terra meno quelli di Matteo, Marco, Luca e Giovanni che erano rimasti sull'altare. Poiché un segno più chiaro di questo non poteva esserci per eliminare ogni contestazione, la comunità di Roma, confermati canonici (veri) i suoi quattro vangeli, respinse tutti gli altri dichiarandoli apocrifi, cioè falsi. A coloro che chiesero poi perché Dio ne avesse scelti quattro quando tre di essi erano praticamente uguali, Ireneo rispose: « Perché quattro sono i punti cardinali e quattro sono i volti dei cherubini". (A ognuno il proprio commento!). La conferma che i quattro vangeli canonici, non furono scritti in Giudea da testimoni presenti ai fatti ma a Roma e per giunta da redattori di origine pagana, ci viene dall'ignoranza totale della Bibbia, del Pentateuco e della Palestina che risulta da ogni loro pagina. Da parte loro, mentre questi ex esseni di origine pagana si organizzavano nel loro cristianesimo, gli Esseni di origine ebraica che avevano rifiutato il sacramento dell'Eucarestia, ebbero vita breve. Mentre una parte di essi, come abbiamo già detto, ritornò alle sue origini riunendosi ai Farisei che erano rimasti fedeli alla Bibbia, gli altri, rappresentati dagli gnostici, proseguirono nelle loro convinzioni teologiche finché, dichiarati eretici dal cristianesimo (che in seguito al concilio di Nicea del 325 poteva contare sull'appoggio di Costantino) furono definitivamente eliminati, anche se attraverso le loro idee continuarono a vivere nell'islamismo i cui concetti furono determinati dalla loro gnosi, quella gnosi che non era altro che un prodotto del Buddismo, del Mazdeismo e dell'Ebraismo. E' interessante sapere a questo punto che una parte, sia pur piccola, di quegli esseni che avevano adottato come proprio vangelo quello che sosteneva Giovanni Battista come Messia, rimasta fedele al suo credo, la ritroviamo tutt'oggi sotto forma di una piccola setta nella regione di Urfa in Turchia, presso i confini della Siria. Messi, così, definitivamente da parte gli Esseni, quegli Esseni di cui la Chiesa finge di ignorare l'esistenza pur sapendo bene che furono i fondatori delle due principali religioni monoteiste, Cristianesimo e Islamismo, riprendiamo con quei pagani convertiti all'essenismo, cioè con quella congerie di barboni, avventurieri, falliti, delusi, ricercati politici e delinquenti comuni che, introducendo il sacramento dell'Eucarestia nel movimento esseno, determinarono il cristianesimo, quel cristianesimo che dopo averlo

costruito con le falsificazioni più vergognose, lo imposero usando i sistemi repressivi più infami, cinici e disumani. D'altronde cos'altro ci si poteva aspettare da certi individui? Rileggendo il passo di Giuseppe Flavio riguardante quel "ciarlatano" che, dichiaratosi profeta, riuscì ad abbindolare trentamila guerriglieri, ci viene spontaneo domandarci perché di tutti coloro che durante l'era messianica guidarono rivolte, comprese le più piccole, ne viene ricordato il nome mentre di costui si tace? Come è possibile che di un personaggio che fu capace di riunire trentamila guerriglieri non si sa nient' altro oltre che era un egiziano? E nel dubbio che sotto questo egiziano anonimo che, come viene fatto venire dal nulla altrettanto nel nulla si fa sparire, si voglia nascondere qualcun altro, non possiamo evitare di chiederci ancora come mai Giuseppe Flavio parli nei sui scritti di tutti i figli di Giuda il Galileo meno che del primogenito Giovanni. Perché tutti i fatti che dovrebbero riferirsi a lui, protagonista veramente esistito, invece di trovarsi su Antichità Giudaiche e su tutti gli altri libri e documenti contemporanei agli avvenimenti, li troviamo su testi successivi, per giunta privi di ogni credibilità, accreditati ad un altro che risulta invece storicamente sconosciuto? Questa soppressione di un personaggio dalla storia operata per costruirne un altro al suo posto attraverso la falsificazione dei documenti cos'altro può essere se non una sostituzione di persona? Questa domanda che, nonostante tutto ciò che ho già precedentemente riportato, potrebbe apparire ancora temeraria, avrà una risposta ben precisa e netta quando porterò le prove inconfutabili che dimostreranno che Gesù e Giovanni sono la stessa persona. Nella certezza che trentamila guerriglieri disponibili durante l'era messianica non potevano essere che i componenti dell'esercito rivoluzionario esseno, di conseguenza l'anonimo egiziano non poteva essere che colui al quale il Partito Nazionalista Giudaico aveva affidato la rivoluzione che secondo il Rotolo della Guerra doveva portare i figli della luce alla vittoria finale sui figli delle tenebre. E chi altri poteva essere costui se non il figlio primogenito di Giuda il Galileo ritenuto dai Giudei erede legittimo del trono di Gerusalemme quale successore della famiglia degli Asmonei riconosciuta discendente diretta della stirpe di Davide? Che ci fosse un designato a divenire re d'Israele sin dalla nascita, ci viene confermato dal timore che sempre ebbe Erode che qualche discendente degli Asmonei potesse insorgere per rivendicare i propri diritti al trono di Gerusalemme. Questa paura fu tale da creare in lui, come dice Giuseppe Flavio, una vera psicosi. Nel -29 fece uccidere sua moglie Marianne per il solo dubbio che avesse potuto congiurare contro di lui per il semplice fatto che era la nipote di Ircano II e, come se non bastasse, nell'anno -7 fece sopprime anche i propri figli, Aristobulo e Alessandro, perché, avendoli avuti da lei, avevano sangue asmoneo. In questa paranoia che portò Erode a eliminare tutti i possibili pretendenti al trono, veniamo a sapere ancora, da documenti dell'epoca, quali il codice Arudel e il libro di Hereford, che egli fece del tutto per eliminare un certo Giovanni asmoneo, nipote di Ezechia, nato intorno all'anno -15, che i Giudei consideravano erede al trono di Gerusalemme. Nel proto-vangelo di Giacomo si dice chiaramente che "Erode cercava Giovanni perché ritenuto dai Giudei re di Gerusalemme ". E interessanti conferme riguardanti la figura di questo Giovanni, quale erede al trono e Messia dei Giudei, le troviamo ancora negli stessi libri sacri, quale il vangelo di Matteo che pone la nascita di Gesù sotto Erode come veniva sostenuto da alcuni scritti ritenuti apocrifi dalla Chiesa, e negli atti degli Apostoli nei quali si fa ricorso a Paolo di Tarso per convincere i seguaci della comunità di Corinto che il Giovanni che essi sostenevano come Messia era soltanto l'annunciatore di quello vero che si chiamava Gesù, un certo Gesù che in verità sentivano nominare da lui per la prima volta. (At. XIX-4). Ma tutte queste prove, che per essere convincenti abbisognerebbero di spiegazioni dettagliate, non sono che da considerarsi come una premessa di quelle chiare ed indiscutibili che saranno portate nel seguito del libro.

Dopo la rivolta del Censimento, avendo gli Esseni compreso quanto sarebbe stata determinante la partecipazione del popolo alla rivoluzione per battere le legioni romane, avevano fatto precedere quella che doveva essere la battaglia finale da una campagna politico-religiosa mirante a suscitare nei ceti più oppressi odio e risentimento contro l'oppressore romano e la casta dei sacerdoti sadducei che li sfrattavano e li ingannavano. L'organizzazione essena in seguito alla prima resistenza che oppose alle legioni di Pomapeo, in un crescendo di entusiasmo e di risolutezza era arrivata ad essere negli anni + 30 una vera potenza militare ed economica. Militare per il continuo affluire di nuovi aderenti che venivano attirati da tutti quei benefici sia materiali che spirituali che venivano garantiti ai proseliti ed economica per le continue entrate di capitali che i più abbienti versavano nelle casse delle comunità. Quando Giovanni iniziò le sue prediche quale designato alla preparazione e alla conduzione della rivoluzione, la Palestina viveva in un clima di massimo scontento e di terrore; lo scontento derivante dallo sfruttamento dei romani che imponevano tasse sempre più onerose e il terrore delle scorribande dei rivoluzionari che depredavano e uccidevano quanti gli erano contrari o soltanto non favorevoli. L'ideologia essena, tratta dalla religione mazdeista, traboccante di promesse di beatitudine eterna e di consolazioni rivolte a coloro che subivano ingiustizie da parte di un potere malvagio e corrotto, non poteva che mietere consensi. Giovanni, iniziata la sua missione di predicatore partendo dai confini della Siria, in un crescendo di successi (salvo qualche contestazione da parte dei Sadducei), scendendo verso il sud attraverso la Samaria, dopo circa tre anni di prediche e di manifestazioni miracolose, giunse a Gerusalemme seguito da una folla che lo aveva eletto al rango di profeta e di Messia. Se il Partito Nazionalista Giudaico aveva preso la decisione di dare inizio alla rivoluzione sotto le feste dì Pasqua lo aveva fatto per la possibilità che avrebbero avuto i combattenti di sfruttare il fattore sorpresa mischiandosi tra la folla dei pellegrini che numerosi accorrevano in quei giorni a Gerusalemme dalla Palestina e da tutto il resto del mondo ebraico. Il piano dei rivoluzionari era di attaccare per primo la Torre Antonia quale presidio delle forze romane, coinvolgere quindi la folla alla rivolta e una volta conquistata Gerusalemme, eleggere Giovanni re dei Giudei. Il resto si sarebbe svolto attaccando le legioni di stanza in Palestina per procedere poi, secondo il programma del Rotolo della Guerra, contro il grosso delle truppe romane che si trovava in Egitto per conseguire, una volta liberato il Medio Oriente, alla vittoria finale con la distruzione di Roma. La rivolta avrebbe avuto inizio la vigilia di Pasqua allo spuntare del giorno. La sera precedente Giovanni entrò in Gerusalemme per recarsi in un'abitazione che un appartenente al movimento rivoluzionario gli aveva messo a disposizione per passarvi la notte. Perché Giovanni e i suoi seguaci potessero arrivarvi speditamente senza dare sospetti dovevano seguire un uomo che il padrone di casa gli avrebbe mandato incontro con una brocca piena d'acqua: "Secondo l'accordo, quando Cristo e i suoi furono entrati in città, gli andò incontro un uomo con una brocca d'acqua. Essi lo seguirono nella casa dove egli entrò". (Asserzione che, riportata da numerosi proto-vangeli quali quelli di Giacomo e di Bartolomeo, viene confermata dai tre vangeli canonici anche se in quello di Matteo risulta alquanto modificata). Entrati nella sala che il padrone di casa aveva decorato con tappeti per ricevere colui che doveva diventare il re dei Giudei (Mc. 14/17), Giovanni e i suoi seguaci si misero seduti secondo il "Libro delle Regole" che voleva che il capo occupasse il posto centrale e gli altri si mettessero intorno a lui rispettando l'ordine gerarchico. Prima di mangiare, Giovanni, quale sacerdote nella sua qualifica di Rabbi, stese le mani sui cibi e sul vino rosso dolce secondo il rito esseno: "In ogni luogo dove saranno dieci più uomini del consiglio delle comunità, tra di essi non mancherà un sacerdote. Si siederanno davanti a lui ognuno secondo il proprio grado e così sarà domandato il loro consiglio. E allorché

disporranno il mangiare e il vino rosso dolce per bere, il sacerdote stenderà la mano per benedire il pane e il vino. E in conformità a questo Statuto, gli appartenenti alle comunità si comporteranno così in ogni pasto, allorché saranno riuniti più di dieci ". (Questo rito esseno sarà poi trasformato dalla Chiesa nell'istituzione eucaristica). Quanti fossero seduti intorno a quella tavola è impossibile dirlo, dal momento che tutti i documenti che si riferivano a questa cena furono fatti sparire per essere sostituiti da altri falsificati. Ciò che si può presumere è che i commensali fossero più di dieci dal momento che fu eseguito il rito della benedizione dei cibi. I nomi dei presenti di cui si è certi sono Simone, Giacomo detto il Maggiore, Giuda detto Taddeo, Giuda L'Iscariota, Simone detto il Minore e Lazzaro, fratello di Maria Maddalena, moglie di Giovanni. Molto probabilmente era presente anche Maria Maddalena che, quale membro attivo della banda, aveva seguito Giovanni nei tre anni di prediche. Questa supposizione trova conferma in antichi documenti quali il Vangelo di Filippo ritrovato in Egitto durante le ricerche archeologiche del 1945 nel quale si afferma: "Maria, che era la consorte del Signore, andava sempre con lui. Il Signore amava Maria di Magdala più degli altri discepoli e spesso la baciava davanti a tutti sulla bocca ". Questo affetto che il Signore dimostrava per sua moglie Maria di Magdala suscitava spesso reazioni di gelosia negli altri seguaci di Giovanni e soprattutto in Simone il quale, secondo quanto risulta in un passo del "Papiro 8502 di Berlino", detto vangelo di Maria, spesso esternava il suo risentimento dicendo agli altri apostoli: "Ha forse il Signore parlato in segreto ad una donna prima che a noi e senza farlo apertamente? Ci dobbiamo umiliare tutti e sottoporci a lei? Forse egli I' ha anteposta a noi?" In un altro passo del Vangelo Copto viene riportata addirittura un'aperta contestazione di Pietro contro la donna: "Simone, detto Pietro, disse agli altri accoliti: « Maria deve andare via da noi perché le femmine non sono degne della vita» e il Signore, avendolo sentito, si rivolse a loro dicendo: "Ecco, io la guiderò da farne un maschio, affinché diventi una combattente come noi maschi»". A questo punto penso che non sia troppo avventato supporre che tra i presenti a quella cena ci fosse anche lei, Maria di Magdala, quale moglie combattente di Giovanni il Galileo detto anche il Nazoreo. Poiché era stato stabilito che la rivoluzione avrebbe avuto inizio allo spuntare del giorno, Giovanni e i suoi sicari rimasero in attesa per recarsi alle prime luci dell'alba in una località chiamata Monte degli Ulivi da dove sarebbero subito ripartiti per ridiscendere di nuovo su Gerusalemme insieme ad un reparto di rivo-luzionari che lì li attendevano. Da quanto si può capire dal vangelo di Luca (22/36), Giovanni si rivolse ai suoi discepoli ricordando loro l'importanza dell'ora che stavano attendendo, di quell'ora decisiva a partire dalla quale tutto sarebbe stato affidato all'uso delle spade. L'aria doveva essere pregna del timore di essere scoperti se ai suoi seguaci che gli mostrarono le spade come prova della loro risolutezza ad agire, Giovanni impose il silenzio: "Gli apostoli dissero: «Signore, ecco qui due spade» ma egli rispose: «Basta!» (Lc. 2/38). Dopo anni di preparazione la rivoluzione che secondo i profeti avrebbe fatto dei nemici di Dio lo sgabello per i piedi del popolo d'Israele era sul punto di cominciare. La responsabilità assunta da Giovanni nel dirigerla, quale erede del trono di Gerusalemme, era enorme e lui certamente la sentì in tutta la sua completezza in quelle ore precedenti l'inizio. Nel silenzio che seguì la sua imposizione a tacere gli ritornò in mente l'infanzia passata a Gamala, città natale dei suoi antenati, il corso d'indottrinamento per divenire Nazir e Rabbi, le prediche con le quali aveva promesso una vita eterna a coloro che lo avrebbero seguito, ripensò alle guarigioni dei cechi e degli storpi e a tutte le altre dimostrazioni prodigiose, comprese le resurrezioni dei morti, eseguite secondo i trucchi appresi dall'esoterismo e dalla magia indiana. Tutti imbrogli finalizzati al raggiungimento di quell'imperialismo teocratico che era intrinseco nel suo monoteismo, tutte chiacchiere per

abbindolare coloro che sono resi creduli dall'ignoranza, tutte dimostrazioni per truffare i miserabili, gli emarginati e tutti quei falliti che sono portati a cercare in cielo ciò che non riescono ad ottenere sulla terra. Non lo aveva detto lui stesso che il regno dei cieli sarebbe appartenuto ai poveri di spirito? Promettendo una ricompensa dopo la morte a coloro che avrebbero sopportato con rassegnazione le ingiustizie ricevute dai potenti su questa terra, minacciando i ricchi di escluderli dal paradiso se non avessero dato nulla ai bisognosi, cos'altro aveva fatto se non sostenere l'ipocrisia di un falso socialismo che, procrastinando la giustizia dopo la morte, avrebbe lasciato le cose esattamente come stavano, cioè con i ricchi Epuloni che sedevano davanti ad una tavola imbandita e i Lazzari che continuavano a raccogliere le molliche? D'altronde quale altra morale poteva predicare lui che stava per diventare un re se non quella che conviene agl'imperialismi? Come sarebbe potuto pervenire alla teocrazia dal dominio universale sostenuta dalla sua Bibbia se avesse predicato veramente un'ideologia che esclude l'alienazione intellettuale dei popoli, quell'alienazione di cui le religioni hanno bisogno perché si debba credere senza comprendere? "Beati i poveri di spirito perché di essi è il regno dei cieli" aveva ripetuto alla folla che lo seguiva, a quella folla nella quale emblematicamente possiamo riunire tutti i poveri di spirito delle generazioni passate, delle presenti e delle future. Quanto sangue era stato versato da quando Abramo aveva convinto dei miserabili erranti a seguirlo dietro la chimerica promessa di una terra che non era mai arrivata, quanto sangue con quella rivolta che stava per iniziare sostenuta anch'essa da poveri di spirito che lo avevano seguito dietro la promessa di una beatitudine eterna, e quanto ne sarebbe stato ancora versato in persecuzioni e genocidi eseguiti in nome di una chimerica promessa di felicità posta oltre la morte ! "lo sono la verità e la vita" aveva asserito nel ruolo di Logos apportatore di pace e di perdono, ma quale pace e perdono avrebbe potuto dare all'umanità lui che, per imporre l'imperialismo del Padre, aveva indossato il manto dell'agnello soltanto per nascondere la ferocia sanguinaria del leone di Giuda? "Io faccio la volontà del padre mio che è nei cieli" aveva affermato nei suoi sermoni. Ma chi poteva essere questo padre, questo "Abba" al quale si rivolgeva nelle preghiere, se per realizzare il suo regno ricorreva ad un delitto? Un delitto rappresentato dall'omicidio del suo stesso figlio? Sangue, soltanto sangue dietro le parole consolatrici che durante le prediche aveva rivolto a coloro che soffrivano le ingiustizie. Mentre enunciava le beatitudini contemporaneamente esortava a seguire la sua legge Yhavista, basata sull'assolutismo e la violenza: "Se uno viene da me e non rinuncia a ogni legame con suo padre, sua madre, i figli, i fratelli e persino alla sua vita, non può essere mio seguace", che, secondo il significato biblico, voleva dire che non avrebbe potuto far parte di quel programma sanguinario che prevedeva la distruzione totale di coloro che si opponevano all'imperialismo ebraico. "Il tempo si sta compiendo e chi non ha una spada venda il mantello e la compri". "Non sono venuto per portare la pace ma la guerra". "Sono venuto a portare il fuoco; e come vorrei che fosse già acceso... ". «Vedete tutte queste cose? In verità vi dico, non resterà qui pietra su pietra che non venga diroccata» aveva detto ai suoi seguaci durante il periodo preparatorio alla rivoluzione e, mettendoli in guardia contro gli altri truffatori religiosi che gli facevano concorrenza dichiarandosi anch'essi dei Messia apportatori di salvezza, aveva aggiunto per imporre la propria dottrina: «Molti di costoro vi parleranno di guerre e di rumori di guerre, ma non credeteli, anche se è inevitabile che ce ne sia una. Quando questa arriverà si solleverà popolo contro popolo, regno contro regno...» A quale altra guerra poteva riferirsi se non alla sua? Chi altri poteva credere alle sue promesse di beatitudine se non dei poveri di spirito, dei sempliciotti plagiati, dal momento che i suoi stessi seguaci, che lo conoscevano bene, quando non ricevevano

accoglienza da un villaggio per il semplice motivo che i suoi abitanti seguivano un altro credo, si rivolgevano a lui chiedendogli: «Rabbi, questo villaggio si è rifiutato di riceverci, vuoi che l'incendiamo?» Filone, storico contemporaneo ai fatti, così parlava di queste bande di zeloti integralisti delle quali faceva parte quella di Giovanni il Nazoreo, figlio di Giuda il Galileo: "Se non ricevevano quanto chiedevano, incendiavano le case di coloro che si rifiutavano e poi li uccidevano con le loro famiglie", e Giuseppe Flavio confermava: "Distribuiti in squadre, saccheggiavano le case dei signori che poi uccidevano, e davano alle fiamme i villaggi sì che tutta la Giudea fu piena delle loro gesta efferate ", Come tutti i rivoluzionari avevano un soprannome di battaglia, secondo una tradizione che si era tramandata dal tempo della rivolta dei Maccabei, altrettanto ogni banda zelota era contraddistinta da un appellativo dal significato rivoluzionario. Quella di Giovanni si era autodefinita, come risulta da innumerevoli documenti in aramaico, ebraico e greco, "banda dei Boanerghes", cioè "Figli del Tuono". Prima di passare all'esame dei singoli componenti di questa banda, almeno di coloro di cui si è certi dei nomi, immaginiamo di averli davanti seduti intorno ad una tavola come vengono dipinti in quei tanti quadri che trattano la famosa "ultima cena", ma aggiungendovi un particolare che è stato sempre omesso da tutti i pittori: far spuntare da sotto i loro mantelli l'elsa di quelle spade che anche i vangeli canonici affermano che essi avevano prima di recarsi al Monte degli Ulivi. Lasciando Giovanni per ultimo, cominciamo con

SIMONE
Simone, essendo il secondogenito dopo Giovanni, era considerato il vicecapo di questa banda di Boanerghes che Giuseppe Flavio definisce "latrones", cioè briganti, e Filone e Plinio il Vecchio "Banda di Galilei", nel significato rivoluzionario che veniva dato alla parola di Galileo. Poiché tutti gli Zeloti nascondevano la propria identità dietro dei soprannomi, Simone, oltre a quello di "Barjona", che in ebraico significa "colui che è ricercato", cioè latitante, aveva quello di Cefa (Kefas) che, significando etimologicamente pietra, gli era stato dato per la sua corporatura vigorosa e massiccia che lo portava a paragonarlo a una roccia. Sicuramente il più violento della squadra, dimostra il suo carattere sanguinario ed impulsivo quando nel corso dell'ultima cena ostenta di avere due spade invece che una, quando al Monte degli Ulivi taglia con un colpo di spada l'orecchio ad un certo Malco, guardia del tempio, e ancora di più quando uccide i due coniugi Anania e Saffira perché non avevano versato alla comunità di Gerusalemme l'intera somma ricavata dalla vendita di un loro terreno. Per imporre la sua legge basata sulla violenza litigò con tutte le Eklesie del Medio Oriente perché si dimostravano propense ad accettare tra i seguaci anche i pagani che lui considerava soltanto come nemici da distruggersi. Il temperamento di Simone, detto Cefa, viene descritto violento ed aggressivo in tutti i documenti che lo riguardano. In un vangelo tra i più antichi, detto "vangelo di Maria di Magdala", uno degli apostoli di nome Levi, prendendo le difese di Maria contro la quale Simone aveva inveito con espressioni di ira e di rancore, dice a Pietro: « Tu sei sempre irruente, Pietro! Ora vedo che ti scagli contro la donna come fanno i nostri avversari ». Preso il posto di Giovanni nell'anno quaranta rimase a capo della comunità essena di Gerusalemme fino al 46, anno in cui fu crocefisso insieme al fratello Giacomo dal procuratore Alessandro Tiberio perché propagandavano l'ideologia rivoluzionaria essenozelota. (Ant. Giud. di Giuseppe Flavio).

GIACOMO (il Maggiore).
Terzogenito di Giuda il Galileo, chiamato il Maggiore per distinguerlo da un Altro Giacomo che fu chiamato il Minore, in molti testi apocrifi viene chiamato indifferentemente con i due appellativi di Zelota e Boenerghe. Eusebio di Cesarea, consigliere della politica ecclesiastica di Costantino il Grande (314-340), conferma sia la sua natura di rivoluzionario che la sua morte avvenuta per crocifissione perché sorpreso dai Sadducei mentre predicava come attivista della collettività essena di Gerusalemme l'imminente avvento del Messia.

GIUDA.
Quarto fratello di Giovanni, da non confondersi con Giuda l'Iscariota, oltre che con l'appellativo di Theudas (Taddeo), che significa coraggioso, veniva chiamato anche con i nomi di Thomas e Didimo, che significano entrambi "gemello" (il primo in greco e il secondo in dialetto semita), per la grande somiglianza che aveva con il primogenito Giovanni. In documenti antichi scritti in greco e in ebraico viene chiamato "Giuda Thomas Zelotes" nei primi e Giuda Theudas Qananite" nei secondi, dove Qananite in ebraico equivale a Zelota in greco. Giuda morì decapitato nell'anno 45 sotto il procuratore Cuspio Fado per avere organizzato una sommossa. Della sua fine ho già parlato in precedenza riportando il passo di Giuseppe Flavio.

GIUDA L'ISCARIOTA.
L'appellativo di Iscariota (dall'ebraico Ecariot che significa sicario), veniva dato agli zeloti più oltranzisti che eseguivano azioni di terrorismo anche in forma isolata. Di costoro così scrive Giuseppe Flavio: "In Gerusalemme nacque una nuova forma di banditismo, quella dei così detti sicari (Ekariots), che commettevano assassini in pieno giorno nel mezzo della città. Era specialmente in occasione delle feste che essi si mescolavano alla folla, nascondevano sotto le vesti dei piccoli pugnali e con questi colpivano i loro avversari. Poi, quando questi cadevano, gli assassini si univano a coloro che esprimevano il loro orrore e recitavano così bene da essere creduti e quindi non riconoscibili"

SIMONE lo Zelota.
Sulla natura di zelota di questo seguace di Giovanni non ci possono essere dubbi dal momento che, oltre che da testi antichi scritti in greco e in ebraico, ci viene confermata anche da alcuni passi degli stessi libri sacri che, nonostante l'accurato lavoro dei falsari, sono sfuggiti alla censura. "Tra i discepoli ce n'era uno di nome Simone soprannominato zelota" (Lc. 6/15) e ancora negli Atti degli Apostoli (1/3) si legge: " Tra i discepoli ce n'era uno che si chiamava Simone lo Zelota". (Ad un prete a cui ho chiesto una spiegazione circa questo appellativo, mi ha risposto che Simone lo chiamavano Zelota perché questo era il nome di suo padre). Anche se si ha la certezza che i partecipanti a quell'ultima cena fossero più di dieci, sono comunque più che sufficienti i cinque sopra riportati per dimostrare che Giovanni e i suoi seguaci erano una banda di rivoluzionari esseno-zeloti che sotto il nome di Boanerghes, dopo essersi attivata per tre anni attraverso prediche e terrorismo, stava aspettando l'alba fatidica che avrebbe dato inizio a quella rivoluzione che, secondo il

Rotolo della Guerra, avrebbe portato i figli della luce a trionfare sui figli delle tenebre. Conosciuti così i seguaci di Giovanni secondo la documentazione storica, sarà interessante ora vedere come i falsari riuscirono a trasformarli in pacifici apostoli di Gesù.

SIMONE.
Dove maggiormente i cristiani operarono le falsificazioni fu nelle traduzioni in greco dei documenti scritti in ebraico e aramaico. L'appellativo Barjona dato a Simone, che in aramaico significava ricercato o latitante, approfittando del fatto che "bar" in aramaico significa "figlio di", lo scomposero in bar e jona in maniera da cambiargli il significato in "figlio di Giona". Di conseguenza venne fuori un'espressione priva di significato in entrambe le lingue: in aramaico, perché "Jona" non esiste né come nome proprio né come nome di persona, in greco, perché la parola figlio non si dice bar ma bensì "uios". Tutto ritornò poi in ordine quando questa espressione "bar Jona", che in greco risultava priva di significato, fu tradotta nei vangeli con il latino "filius Jonae". Per quanto poi riguarda l'altro appellativo di Cefa (da kefas = pietra) che gli era stato dato per la sua corporatura massiccia e vigorosa, il mutamento lo operarono trasferendo il suo significato etimologico nell'allegoria di quella pietra su cui Cristo avrebbe edificato la sua Chiesa. Siccome poi in alcuni testi Simone veniva chiamato anche con l'appellativo di "Qananite", che è la traduzione di Zelota in dialetto semita, risolsero la questione dicendo che Qananite significava "nativo di Cana". Lo stesso fecero poi per tutti quei seguaci di Giovanni che dai documenti apocrifi risultavano Quananites. E' per questo che molti discepoli di Gesù risulteranno cananei. Simone Barjona, detto Cefas il Qananite, figlio di Giuda il Galileo e fratello di Giovanni, morì per crocifissione nel 46 sotto il procuratore della Giudea Alessandro Tiberio per la sua attività di rivoluzionario esseno-zelota insieme al fratello Giacomo ( Da"Antichità giudaiche" di Giuseppe Flavio). La Chiesa, che è d'accordo nel riconoscere l'incarcerazione, nega però questa morte riportata da Giuseppe Flavio dicendo che fu liberato da un angelo che, aprendogli la porta della prigione, gli permise di raggiungere Roma dove fu eletto vescovo della comunità. Il passo riguardante la liberazione di Pietro da parte dell'angelo, riportato negli Atti degli Apostoli (XII-I), lo consiglio a coloro che amano le favole. Le morti che i cristiani attribuirono a Simone Pietro furono per lo meno tre. Oltre a quella che avevano fatto dipendere da Nerone in seguito alla sfida con Simone il mago, gli fu attribuita una morte per crocifissione quale capo dei cristiani la quale ebbe a sua volta due versioni. Mentre in una, per confermare il carattere pusillanime che aveva dimostrato rinnegando Gesù per tre volte, si diceva che era stato trascinato di forza al supplizio, recalcitrante e piangente, in un'altra successiva, avendo deciso che era più opportuno farlo apparire come un coraggioso dal momento che lo avevano dichiarato essere stato il primo Papa, affermarono che aveva affrontato la morte sorridendo, dopo aver assistito con coraggio a quella della moglie che lo aveva preceduto nel supplizio. Siccome veniva detto che era morto in croce come Cristo, per evitare che l'uguaglianza delle due morti potesse compromettere il significato simbolico della croce che doveva dipendere esclusivamente da Cristo, ritennero opportuno specificare che Pietro, non ritenendosi degno di morire come il suo Maestro, aveva voluto essere crocefisso con la testa rivolta verso il basso. (Cos'altro possono essere coloro che credono a certe stupidaggini se non dei poveri di spirito?) Come fu falsamente dichiarato primo Papa Simone detto Pietro, altrettanto lo furono tutti quei personaggi immaginari che furono annoverati come Papi suoi successori

fino a Sotero della Campania (165-173) che anche se occupa nella storia ecclesiastica il dodicesimo posto, fu veramente il primo ad assumere l'incarico di vescovo nella comunità di Roma, cioè il primo che storicamente divenne il capo di quella banda di delinquenti e di emarginati che diedero impulso al cristianesimo in seguito allo scisma che avvenne negli anni 150 tra loro, sostenitori dell'Eucaristia, e gli esseni giudei che rimasero fedeli alla morale mosaica. A titolo più di curiosità che d'interesse storico riporterò i nomi dei dieci inesistenti Papi che la Chiesa sostiene siano stati i successori di Pietro nella cattedra di Roma: S. Lino della Tuscia, S. Anacleto di Roma, S. Clemente di Roma, S. Evaristo di Grecia, S. Alessandro di Roma, S. Sisto di Roma, S. Telesforo di Grecia, S. Igino di Grecia, S. Pio I di Aquileia e S. Aniceto di Siria. Tutti santi che vivono in quel mondo utopico creato dalla fantasia, in quel mondo trascendentale chiamato Paradiso che, essendo al di fuori della materia secondo il dogma, non può che essere relegato nel "nulla".

GIACOMO (il Maggiore).
Per far sparire il rapporto di fratellanza di Giacomo con Giovanni (il quale doveva risultare senza fratelli per non compromettere la figura di Gesù che avevano costruito su di lui), fratellanza che comunque risulta chiara e inequivocabile da tutti i documenti, compresi i Vangeli canonici e gli Atti degli Apostoli, ricorsero al trucco di dargli come padre un certo Alfeo che nessuno, compreso lo Spirito Santo, sa da dove sia uscito fuori. Giacomo fu il componente la banda di Giovanni che dette meno problemi nell’ operare la trasformazione da seguace rivoluzionario in discepolo di Gesù, essendo ricordato dai documenti apocrifi soltanto con l'appellativo di Boanerghe, cioè figlio del tuono. Se chiedete spiegazione ai preti sul perché nel vangelo di Marco (Mc. 3/17) Giacomo e Giovanni furono chiamati "Boanerghes", vi diranno, con quella faccia di bronzo che si ritrovano, che ciò dipese dal fatto che "erano due discepoli che quando parlavano alzavano la voce". Le morti che furono attribuite a Giacomo dai vari scritti religiosi furono quattro: 1) Fatto decollare da Erode Agrippa nel 44, secondo gli Atti degli Apostoli. 2) Giustiziato per crocifissione, secondo gli Atti di san Giacomo. 3) Morto di spada in Spagna dove si era recato per evangelizzare i pagani, secondo gli Atti di Isidoro di Siviglia. 4) Morto di vecchiaia, secondo Epifane. La Chiesa, dal momento che nei vangeli canonici viene taciuta la sua morte, è stata costretta, dall'evidenza storica, a riconoscere che la vera fu quella per crocifissione avvenuta nel 46 sotto Alessandro Tiberio, come viene affermato da Giuseppe Flavio, con la sola differenza che invece di farlo morire da martire esseno lo fa morire da martire cristiano.

GIUDA (non l'Iscariota).
Giuda, quarto fratello di Giovanni, se venne dichiarato nei vangeli fratello di Giacomo, come realmente lo era, ciò non fu fatto per un rispetto della storia ma soltanto perché, avendoli fatti nascere entrambi a Cana per via dell'appellativo che avevano di Quananites, furono costretti a dargli lo stesso padre nella persona di Alfeo. L'altro appellativo di Gemello, datogli per la forte somiglianza che aveva con Giovanni, che corrispondeva a Thomas in greco e a Didimo in dialetto semita, toltolo a lui, lo usarono per nasconderci dietro uno dei seguaci di Giovanni che se fosse stato riportato con il suo vero nome avrebbe certamente compromesso, quale rivoluzionario, la figura pacifica di Gesù. Fu così che dagli appellativi Thomas e Didimo venne fuori un apostolo dal nome "Tommaso detto Didimo" che in realtà, significando "Gemello detto Gemello", è la dimostrazione più evidente della contraffazione. Anche di Giuda, fratello di Giovanni, i

Vangeli non dicono nulla circa la sua fine. Storicamente si sa soltanto che organizzò una rivolta che fu subito repressa dal procuratore Fado con l'intervento della cavalleria.

GIUDA l'Iscariota.
Giuda l'Iscariota è certamente il personaggio più elaborato fra tutti i seguaci di Giovanni. Se gli fu lasciato il suo vero nome ciò dipese dal fatto che, essendo di origine prettamente giudaica, si prestava a fomentare, con il tradimento che gli fu attribuito, l'odio verso i Giudei che dovevano risultare gli assassini di Cristo. Anche se per Giuda furono usati gli epiteti più infamanti, si cercò comunque di nettarlo della natura di terrorista che gli veniva dalla parola Iscariota perché, significando Sicario, avrebbe compromesso tutti gli sforzi che stavano facendo per trasformare una banda di rivoluzionari in un gruppo di apostoli predicatori di pace. Ricorrendo ancora alla geografia, come avevano fatto con la città di Cana per trasformare Qananite in Cananeo, fecero derivare l'appellativo Iscariota, in ebraico Ekariot, dalla città di Keriot che dichiararono essere il suo paese d'origine. Trasformazione che se fece ridere ancora una volta i loro avversari pagani ed ebrei (come d'altronde fa ridere anche noi), non fu tanto per l'evidente trucco che avevano usato ancora una volta per contraffare un nome, quanto perché questa città, la città di Keriot, non era mai esistita. Giuda l'Iscariota è certamente uno dei personaggi più elaborati della storia evangelica. Se gli fu lasciato il suo vero nome ciò dipese dal fatto che, essendo prettamente giudaico, si sarebbe prestato per trasferire su tutti gli Ebrei ogni colpa che gli fosse stata addebitata. Come prova dimostrante che i falsari usarono questo nome intenzionalmente per coinvolgere tutti gli ebrei in un tradimento ci viene dal fatto che era già stato precedentemente usato, come risulta dal vangelo di Giacomo, facendo dipendere la morte di Cristo dalla delazione un certo Giuda, membro del Sinedrio, che aveva voluto la sua morte perché gli era stato sempre nemico. Se questa azione di delazione fu passata nei vangeli canonici dal Giuda membro del Sinedrio a Giuda l'Iscariota ciò dipese dal fatto che, facendola commettere da un discepolo, avrebbe acquisito quel valore di infedeltà che avrebbe permesso ai cristiani di tacciare tutti gli ebrei, oltre che di assassini, anche di traditori e di fedigrafi. Ma come poter attribuire il tradimento ad un apostolo senza rischiare di coinvolgere anche gli altri nel disonore? Fu per scagionare allora gli altri apostoli da ogni responsabilità al fatto, che fecero dipendere il tradimento di Giuda da un'espressione della Bibbia che, opportunamente adattata, fecero passare per una profezia che lo annunciava. Presa così dalla Bibbia la frase "Mi fu avversario anche colui in cui confidavo, colui che mangiava il mio pane" (Slm. 41/10), la trasformarono in profezia costruendo su di essa la scena del tradimento: «In verità vi dico, uno di voi, colui che mangia con me, mi tradirà ». Allora i discepoli cominciarono a rattristarsi e a dirgli l'uno dopo l'altro (Precisazione messa dai falsari appositamente per dimostrare che gli altri discepoli erano estranei al tradimento): «Sono forse io?», e Gesù aggiunse: « Sarà colui che intìnge il pane con me nel mio piatto». E così, per dimostrare che il tutto era stato predetto dalla profezia, messo un pezzetto di pane nella mano dell'apostolo Giuda, i cristiani costruirono quel tradimento che doveva servire loro per fomentare contro gli Ebrei quell'odio di cui conosciamo bene le conseguenze. E nello stesso modo costruirono la scena del bacio prendendo dal libro dei "Proverbi" la frase: " Non mi sono potuto nascondere all'insulto perché mi fu recato dal mio amico e confidente - Fallaci sono i baci di un nemico ", che trasformarono in profezia scrivendo sui vangeli: «II traditore aveva dato questo segnale. «Quello che bacerò, è lui; arrestatelo!» E subito si avvicinò a Gesù e disse: «Salve, Rabbi\» e lo baciò". E Gesù gli disse. «Amico, per questo sei qui?».

Tutte le vicende di Cristo, mancando di storicità, furono fatte dipendere dall'adattamento di frasi tratte dalla Bibbia che opportunamente elaborate furono fatte passare per profezie, frasi che, come vedremo, furono spesso così male interpretate nel loro significato biblico da suscitare ilarità. La figura di Giuda risultava nei primi vangeli del tutto differente da quella che fu definitivamente adottata in quelli canonici. Per esempio nel vangelo di Papia, scritto soltanto trenta anni prima di quello di Matteo, si affermava che Giuda, dopo essersi trascinato in una vita di rimorsi, era morto nella seguente maniera: "// suo corpo si era talmente gonfiato negli ultimi suoi giorni da non passare per le strade e dopo morto la puzza del suo cadavere aveva appestato la città (Gerusalemme) ". Ma trovando questa morte di troppo cattivo gusto la cambiarono dicendo che s'impiccò ad un albero di fico. Per sostenere la veridicità di questa morte, gli stesori dei quattro vangeli, mostrarono all'imperatore l'albero di fico nel quale Giuda si era impiccato, albero che se si trovava allora a est di Gerusalemme, un secolo dopo risultava trovarsi ad ovest. Attualmente, sempre per quel bisogno che hanno i cristiani di ricorrere alla truffa per rendere credibili le loro menzogne, viene mostrato ai turisti-pellegrini come prova dell'impiccagione di Giuda sempre un albero che è nei pressi di Gerusalemme, un albero che però, oltre ad aver mutato di natura diventando un olmo, ha cambiato pure di posto passando a sud di Gerusalemme, la città dei pellegrinaggi che secondo le profezie doveva essere la capitale della pace e della concordia...

SIMONE lo Zelota
E' a riguardo di questo apostolo che i preti maggiormente fanno il "mea culpa" maledicendo la negligenza di quei frati amanuensi che, nelle loro operazioni di revisione dei testi sacri eseguite nel III e IV secolo, si lasciarono sfuggire questo appellativo di zelota che troviamo ancora unito al suo nome nel vangelo di Luca (6/12) e negli Atti degli Apostoli (1/13). (A proposito dell'evangelista Luca ho letto la settimana scorsa su un giornale pretino che una parte di ciò che egli ha scritto lo ha appreso direttamente da Maria (la Madonna), che lui conobbe di persona...e noi terremo presente questo quando parleremo della natività di Gesù). Il fatto che la Chiesa cerchi di riparare questa svista dicendo che Zelota vuol dire zelante, zelante d'amore verso Dio, non può essere che un'ulteriore dimostrazione di un'intenzionalità a sostenere il falso. Se questo soprannome significa "zelante d'amore verso Dio", perché allora sono stati usati tanti sotterfugi per farlo sparire quando si riferiva agli altri apostoli? Perché Quananita, che in ebraico significa Zelota, fu trasformato in Cananeo? Che Zelota significhi zelante d'amore verso Dio lo abbiamo appreso sin dai tempi di Mattatia, come altrettanto abbiamo appreso che, riferito ai guerriglieri del partito Nazionalista Giudaico, aveva assunto il significato di integralista-terrorista. Perché, se il significato che dà la Chiesa a Zelota è quello di fervente d'amore verso Dio, gli storici del tempo, quali Giuseppe Flavio, Filone e Plinio il Vecchio quando si riferiscono a coloro che lo portavano li chiamano sicari o briganti? Se per la Chiesa questi Zelanti sono dei Santi, come essa dimostra eleggendo tali Simone detto Barjona, Giacomo soprannominato Boanerghe e tutti gli altri, allora si può finalmente capire cosa intenda per santità, dal momento che la stessa referenza l' ha data anche alle crociate, alle inquisizioni, alle persecuzioni contro gli Ebrei e contro i pagani e a quelle evangelizzazioni che nel 1500 produssero in America latina stragi e genocidi per oltre cinquantamilioni di vittime...e se le cose fossero andate differentemente, nulla c'impedisce di pensare che Papa Pio XII avrebbe dichiarato santi anche i campi di sterminio nazisti.

La Chiesa così ci descrive la figura del suo Giacomo zelante d'amore per Dio, attraverso Epifane, uno dei maggiori falsari del IV secolo (anche lui Santo): "Giacomo il minore era un asceta. Si asteneva dal lavarsi e non si tagliava mai né i capelli né la barba. A forza di pregare la pelle dei ginocchi gli era diventata dura come quella dei cammelli ".

LAZZARO.
Poiché parlare esaurientemente di Lazzaro comporterebbe un impiego di tempo eccessivamente lungo, mi limiterò a dire che rappresentando egli uno dei personaggi più compromettenti la figura di Gesù per la fratellanza che aveva con Maria di Magdala, non potendo essere completamente eliminato perché ancora presente nella memoria al tempo in cui furono compilati i vangeli, fu relegato ad un ruolo periferico. La sua figura di seguace-amico di Giovanni fu trasferita in un ipotetico apostolo a cui se fu dato il nome di Giovanni ciò dipese dal fatto che questo nome non poteva essere assolutamente taciuto nei vangeli dal momento che la favola che essi avevano costruito era stata tratta da una tradizione popolare che si basava su questo nome. La soppressione del nome di Giovanni avrebbe reso la storia cristologica così priva di ogni riferimento storico da renderla troppo astratta per essere accettabile. Se leggiamo con attenzione i vangeli canonici comprenderemmo che l'amico di Gesù è Lazzaro, cioè quel Lazzaro che, nella realtà, era l'amico prediletto di Giovanni il Nazoreo. Basta prendere in considerazione le tante volte nelle quali coloro che si rivolgevano a Gesù per parlagli di Lazzaro usavano l'espressione "il tuo amico", per assimilarlo nell'apostolo che all'ultima cena era seduto accanto a lui, quell'apostolo amico che ad un certo punto reclinò il capo sul suo petto. La versione ufficiale che la Chiesa ha dato alla morte di questo apostolo immaginario è quella di un vecchio che pacificamente chiude gli occhi nel suo letto a 85 anni anche se un cronista bizantino del IX secolo, un certo Giorgio Hamartole, volle contestarla dicendo che Papia aveva scritto, in qualità di testimone, di averlo visto ucciso dagli ebrei alla fine del primo secolo. Una terza versione, sicuramente la più interessante, fu data invece da Tertulliano, grande apologista cristiano degli inizi del terzo secolo, il quale asseriva che l'apostolo Giovanni era stato decollato dopo essere stato gettato in una caldaia di olio bollente dalla quale miracolosamente era uscito illeso. Messo sotto terra, sempre secondo Tertulliano, il suo corpo continuò a muoversi producendo rumori che, uditi due volte al giorno e sempre nelle stesse ore, si protrassero fino al tempo di S. Agostino il quale confermò in un suo scritto di averli personalmente uditi. Ma quale fiducia si può dare a questo santo, colonna della teologia cristiana, il quale, dopo aver confermato l'esistenza dei succubi (demoni che negli accoppiamenti con gli esseri umani recitano la parte di femmina) e degli incubi (demoni che rivestono invece il ruolo di maschi), scrive nel suo libro "La città di Dio": « Ero già vescovo di Ippone quando mi recai in Etiopia insieme ad altri servitori di Cristo per predicare il vangelo. lo e quelli che erano con me vedemmo degli uomini e delle donne senza testa che avevano due grandi occhi sul petto? ». Penso che ciò sia più che sufficiente per avere un'idea di chi siano i grandi pensatori dichiarati "Padri della Chiesa". A questo punto, immaginando la reazione dei teologi nel difendere le verità affermate da S. Agostino, io pongo a costoro un'altra domanda: come si può spiegare che un S. Agostino tanto illuminato e dotto da considerarsi infallibile nella sua ispirazione divina e genialità umana possa aver affermato in un suo scritto contro i Manichei ( Contra epistolam Manicoei cap. V ): " Ego vero evangelio non crede rem nisi me catholicae eclesiae commovere autoritas", ovvero: "Io non crederei ai vangeli se non fosse la Chiesa ad ordinarmelo?".

CAPITOLO XIII GIOVANNI IL NAZOREO
Dopo aver visto come i componenti della banda dei Behenerghes furono trasformati in pacifici discepoli attraverso la manipolazione dei loro nomi, ( Barjiona in figlio di Giona, Iscariote in nativo di Ekariot, Qananite in abitante di Cana ecc.ecc.), passiamo ora alle contraffazioni che i cristiani operarono su Giovanni per trasformarlo in Gesù. IL NOME: Il nome di Giovanni, sostituito con quelli generici di Cristo (Kristos nel significato di Unto) e di Signore, fu definitivamente tramutato in quello di Gesù intorno all'anno 180 da quanto risulta da un libro di Celso* ( Il Vero Discorso) nel quale egli dice: "Colui al quale avete dato il nome di Gesù in realtà non era che il capo di una banda di briganti i cui miracoli che gli attribuite non erano che manifestazioni operate secondo la magia e i trucchi esoterici. La verità è che tutti questi pretesi fatti non sono che dei miti che voi stessi avete fabbricato senza pertanto riuscire a dare alle vostre menzogne una tinta di credibilità. È noto a tutti che ciò che avete scritto è il risultato di continui rimaneggiamenti fatti in seguito alle critiche che vi venivano portate". * ( Celso, filosofo platonico del II secolo celebre per la sua critica contro il cristianesimo). Infatti nelle prime edizioni dei vangeli di Matteo, Marco e Luca usciti negli anni sessanta del II secolo, il Messia veniva ancora connotato con gli appellativi generici di Cristo e di Signore. I cristiani, non potendogli attribuire un nome proprio, quale potrebbero essere Pasquale, Liborio o Anacleto, un nome cioè che non essendo mai esistito nell'era messianica avrebbe fatto sprofondare nel ridicolo tutta la loro costruzione, gli dettero quello di Josuha (Gesù) che in realtà, significando genericamente "Colui che Salva", solo apparentemente lo toglieva dal suo anonimato. Non c'è bisogno di spiegazioni per comprendere che un conto sarebbe stato sostenere l'esistenza di un Messia che, privo di un nome proprio sarebbe potuto sfuggire ad ogni controllo storico, e un conto sarebbe stato sostenere l'esistenza di un qualcuno che, di punto in bianco, veniva presentato sotto un nome proprio che per essere sostenuto avrebbe chiesto una documentazione specifica. Questo nome, accettato dalla massa plebea che nella sua ignoranza non si poneva problemi etimologici, fece invece ridere gli oppositori che, messo in evidenza l'inghippo ( come nel caso sopraccitato riguardante Celso), accusarono ancora una volta i teologi cristiani di sfrontatezza e di truffa. Il tempo con il suo oblio e le repressioni usate dai cristiani contro i loro avversari fecero sì che il nome di Gesù, acquisito lo status di nome proprio, fu adottato come tale pur esprimendo in realtà lo stesso significato di Soter che veniva attribuito genericamente alle divinità pagane le quali avevano, nondimeno, anche un nome proprio. Praticamente i cristiani dettero un nome al loro Messia ricorrendo allo stesso trucco che usarono i redattori della Bibbia quando nel sesto secolo attribuirono al loro Dio il nome di Yahvè che, significando "Io sono", permetteva loro di difenderne l'esistenza attraverso l'anonimato. (È proprio il caso di dire: quale il padre, tale il figlio!). Eluso così il problema del nome sostituendo con Gesù quello di Giovanni che veniva ricordato dalla tradizione, rimanevano da contraffare gli appellativi di Galileo e di Nazoreo il cui significato zelota avrebbe contrastato decisamente con la natura religiosa e pacifica del loro costruendo Messia. Essendo impossibile sopprimerli, gli dettero altri significati ricorrendo alla frode come avevano fatto con gli altri nomi dei componenti della banda dei Boanerghes. Se l'appellativo di Galileo fu agevolmente fatto passare per "abitante della Galilea", l'altro, cioè quello di Nazoreo, si mostrò particolarmente difficoltoso. Il primo tentativo che fecero per togliergli ogni significato rivoluzionario, da quanto risulta dalle documentazioni,

fu quella di farlo dipendere da una profezia ricorrendo all'annuncio che l'angelo aveva dato alla moglie di Manoach: << Tu concepirai e partorirai un figlio che sarà Nazireo fin dalla Nascita >>, annuncio che però rapportandosi troppo palesemente a Sansone fu scartato per essere sostituito dalla profezia di Michea che, riferendosi alla nascita del futuro re d'Israele, così si esprimeva: << Un virgulto nascerà a Betlemme dal tronco di Iesse che sarà destinato a governare sul popolo di Dio>>. Se avevano preso questa profezia per giustificare il perché Gesù avesse l'appellativo di Nazoreo fu per il fatto che la parola "virgulto" (netzer) e la parola Nazir, scrivendosi entrambe in ebraico con le lettere n z r, avevano le stesse consonanti. (Nella lingua ebraica, come la fenicia e l'antica egiziana, le parole venivano scritte riportando soltanto le consonanti. Esempio: ragione = r g n, oppure verità = v r t ). Se questa soluzione fu anch'essa non ritenuta accettabile non dipese tanto dal fatto che appariva troppo immaginaria e pressoché impossibile a sostenersi quanto perché anche essa, come la prima, non poteva essere applicata a Gesù essendo rivolta ad altro personaggio, cioè a Davide, figlio di Iesse. Quindi, dopo aver cercato inutilmente nella Bibbia un passo che potesse giustificare in qualità di profezia l'appellativo di Nazoreo ricorsero ancora una volta all'espediente geografico mettendolo in connessione con la città di Nazaret come Qananite e Iscariota che avevano fatto derivare da Cana e da Keriot. E sarà proprio con l'impianto di questo ennesimo imbroglio che i falsari ci forniranno la prova definitiva e inconfutabile che Gesù, personaggio mai esistito, non è altri che la controfigura di Giovanni. Tutti e quattro i vangeli canonici fanno dipendere il nome Nazoreo (Nazareno) dalla città di Nazaret affermando che fu il paese nel quale Gesù crebbe e si formò durante quei trenta anni che precedettero le sue prediche. Poiché è da Nazaret che trarremo la prova conclusiva per dimostrare che Gesù in realtà è Giovanni, fermiamoci a esaminare questa città che risulta essere completamente differente da come la riportano i vangeli. Perchè la città di Nazaret situata in pianura e lontana dal lago di Tiberiade viene invece descritta nei vangeli costruita sopra un monte e in riva a un lago? La risposta è semplice: perchè la città sita sul monte e posta in riva al lago è la vera città in cui visse il Messia riportato dalla tradizione su cui vennero costruiti i vangeli mentre l'altra, quella in pianura e distante quaranta chilometri dal lago è quella che i falsari usarono per giustificare l'appellativo Nazoreo. Praticamente questa contraddizione tra la descrizione che riportano i vangeli della vera patria del Messia e la città di Nazaret dipese dal fatto che i falsari, avendo costruito i quattro vangeli canonici a Roma senza conoscere la Palestina, commisero la grande leggerezza di raccontare i fatti secondo la tradizione che si riferiva a Giovanni, senza preoccuparsi di adattarli alla città di Nazaret che avevano scelto soltanto perchè attraverso il suo nome potessero giustificare l'appellativo di Nazoreo. Leggendo i vangeli rimarchiamo che la città di Gesù non è affatto la Nazaret sita in pianura e distante quaranta chilometri dal lago di Tiberiade, ma bensì un'altra città che trovandosi su una montagna che sorge dal lago di Tiberiade, assume un carattere prettamente lacustre fatto di barche, di pescatori e di onde mosse dalle tempeste. Gli stessi apostoli sono tutti dei pescatori che Gesù trasforma in discepoli incontrandoli mentre ritirano le reti: "Terminate queste parabole, Gesù partì di là e venuto nella sua patria insegnava nella Sinagoga. La gente del suo paese, riconosciutolo, si mise a parlare di lui. Gesù, udito ciò che dicevano, partì di là su una barca, ma visto che la gente restava sulla spiaggia guarì i malati e moltiplicò i pani e i pesci. Congedata la folla, salì sul monte e si mise a pregare. Dal monte vide che sotto, nel lago di Tiberiade, la barca degli apostoli era messa in pericolo dalle onde generate dal vento che si era improvvisamente levato" (Mt.13/53).

La stessa conferma sulla città di Gesù ci viene da Luca il quale ci parla pure di un precipizio:"Gesù si recò a Nazaret dove era stato allevato; ed entrò secondo il suo solito, di Sabato nella sinagoga e si alzò a leggere...all'udire queste cose tutti furono pieni di sdegno; si levarono, lo cacciarono fuori della città e lo condussero al ciglio del monte sul quale la città era situata, per gettarlo giù dal precipizio, ma egli passando in mezzo a loro se ne andò".(Lc.4-14/28). E ancora: "Quel giorno Gesù uscì di casa e, sedutosi in riva al mare (lago), si cominciò a raccogliere intorno a lui tanta folla che dovette salire su una barca".(Mt. 13-1/2). Anche Matteo riporta (Cap. 3-4): "Sentendo ciò che diceva, una gran folla si recò da lui. Allora egli pregò i suoi discepoli che gli mettessero a disposizione una barca, a causa della folla, perché non lo schiacciassero...salì poi sul monte, chiamò a se quelli che volle andassero dai lui... Entrò in casa e si radunò intorno a lui molta folla, al punto che neppure potevano prendere cibo. Giunsero sua madre e i suoi fratelli e, stando fuori lo mandarono a chiamare. Dopo aver spiegato chi fossero realmente i suoi parenti, uscito di casa, Gesù si mise ad insegnare di nuovo lungo il mare (lago)". A questo punto, résici conto che la città dove si era allevato Gesù non poteva essere Nazaret che si trova a quaranta chilometri dal lago e situata in pianura, siamo andati a cercare da altre fonti quale fosse in realtà questa città sita in riva al lago di Tiberiade, posta su una montagna e circondata da precipizi. La risposta ci è stata fornita da quel passo di Giuseppe Flavio che descrive la città di Ezechia, padre di Giuda il Golanitide e nonno di Giovanni il Galileo, detto il Nazoreo: "Ezechia era un Rabbi appartenente a famiglia altolocata della città di Gamala che era situata sulla sponda golanita del lago di Tiberiade. Questa città non si era sottomessa ai romani confidando nelle sue difese naturali. Da un'alta montagna si protende infatti uno sperone dirupato il quale nel mezzo s'innalza in una gobba che dalla sommità declina con uguale pendio sia davanti che di dietro, tanto da somigliare al profilo di un cammello (Gamlà); da questo trae il nome, anche se i paesani non rispettano l'esatta pronuncia del nome chiamandola Gamala. Sui fianchi e di fronte termina in burroni impraticabili mentre è un po' accessibile di dietro. Ma anche qui gli abitanti, scavando una fossa trasversale, avevano sbarrato il passaggio. Le case costruite sui pendii erano fittamente disposte l'una sopra l'altra: sembrava che la città fosse appesa e sempre sul punto di cadere dall'alto su se stessa. Affacciata a mezzogiorno, la sua sommità meridionale, elevandosi a smisurata altezza, formava la rocca della città, sotto di cui un dirupo privo di mura piombava in un profondissimo burrone". (Ant.Giud.) Se questa è la città che i vangeli attribuiscono a Gesù, cos'altro si può concludere se non che Gesù fosse nato e vissuto a Gamala in Golanite e non a Nazaret in Galilea come la Chiesa vorrebbe darci ad intendere? Se Gesù allora risulta essere di Gamala chi altri potrebbe essere se non Giovanni nipote del Rabbi Ezechia e figlio di quel Giuda il Galileo del quale così parla Giuseppe Flavio? << Un certo giuda, un Galaunide della città di Gamala, si gettò nella ribellione (Guerra del Censimento) istigando la Nazione all'indipendenza>>. (Ant. Giud. XVIII – 4). Basta sostituire nei vangeli Nazaret con Gamala e tutto apparirà chiaro. Tutto ciò che ho scritto precedentemente, in fin dei conti, aveva il solo scopo di preparare i lettori a questa conclusione la cui evidenza non può essere respinta neppure da coloro che, resi testardi dalla fede, sono portati a negare le verità anche le più evidenti. Comunque non finisce qui la dimostrazione della non esistenza di Gesù, poiché tante saranno le prove che porterò ancora per dimostrare di cosa sono stati capaci i falsari (i Santi padri della Chiesa) per costruire questa grande impostura che è il cristianesimo.

La nascita di Gesù.

Mancando di prove storiche, i cristiani testimoniarono la vita di Gesù servendosi esclusivamente delle profezie. Partendo dal presupposto che tutto ciò che viene annunciato dai profeti deve obbligatoriamente avverarsi perchè originato da ispirazione divina, essi redassero i vangeli facendo dipendere le azioni di Cristo da frasi che, tratte dalla Bibbia e opportunamente adattate, fecero passare per profezie. A questo punto si dovrebbe parlare del fatalismo che, sopprimendo il libero arbitrio e rendendo quindi l'uomo non responsabile delle proprie azioni, farebbe apparire lo stesso Cristo un burattino in balia di un destino già prestabilito dalle Sacre Scritture. Ma poiché non sono qui per discutere la non esistenza di Dio ma soltanto quella di Gesù come personaggio storico, lascio il lettore libero di trarre le proprie conclusioni sulla "predestinazione" che, togliendo agli uomini la responsabilità nelle azioni, vanifica l'esistenza di un Dio che giudica secondo i meriti e i demeriti. La nascita di Gesù, costruita come tutto il resto della sua vita su frasi ricavate dalla Bibbia, risulterà una congerie di contraddizioni, di menzogne e di superficialità. La natività ignorata sul principio dai quattro vangeli, se fu aggiunta soltanto nel del terzo secolo in quelli di Matteo e di Luca ciò dipese dalla necessità che ebbero i cristiani di giustificare attraverso una nascita terrestre l'umanizzazione del loro Messia di fronte alle critiche che gli venivano dagli oppositori che gli chiedevano come fosse possibile che Gesù avesse cominciato la sua attività di predicatore come uomo senza essere nato da una donna. Infatti tutti e quattro i vangeli canonici cominciavano presentando Gesù che iniziava la sua missione di predicatore partendo da Cafarnao in età adulta dando come sola giustificazione della sua esistenza umana quella voce che si era sentita venire dall'alto che diceva, mentre veniva battezzato da Giovanni Battista: <<Questi è il mio figlio prediletto che oggi ho generato>>. Come conseguenza della decisione che presero di dare a Gesù una nascita terrestre, risultando contraddittorio questo concepimento che fino ad allora avevano fatto dipendere direttamente da Dio, cambiarono l'espressione "oggi ho generato" con "mi sono compiaciuto" come risulta nel vangeli odierni.

Se nel vangelo di Giovanni non parlarono della natività terrena dipese dal fatto che preferirono dargliene una teologica in qualità di "Verbo" per poter rendere il loro Messia "Logos" come lo era Mitra nella religione avestica. Sulla nascita terrestre di Gesù si pose subito un grosso problema: farlo nascere a Betlemme, secondo quanto diceva la profezia di Michea, che lo voleva Betlemita (Da te, Betlemme, così piccola per essere fra i capoluoghi di Giudea, uscirà colui che deve essere il dominatore d'Israele) (Mc.V-1), oppure a Nazaret che era la città da cui avevano fatto dipendere l'appellativo Nazareno? Per soddisfare allora queste due esigenze, l'una che lo voleva Betlemita e l'altra Nazareno, i costruttori dei due vangeli, quello di Matteo e quello di Luca, lavorando separatamente secondo la propria fantasia, dettero ciascuno una propria versione sì da far risultare le due nascite l'una differente dall'altra.

Natività secondo il Vangelo di Matteo: Per soddisfare la profezia di Michea che lo voleva Betlemita e l'esigenza di giustificare il suo appellativo di Nazareno, Matteo, dopo aver fatto nascere Gesù a Betlemme, lo trasferì a Nazaret dove vi rimase come residente per il resto della vita. Per comprendere lo stratagemma, nell'insieme piuttosto macchinoso, a cui ricorse Matteo per giustificare il trasferimento da Betlemme a Nazaret, la cosa migliore è seguire i fatti secondo come il Vangelo li racconta: "I re Magi che avevano portato oro, incenso e mirra erano appena ripartiti quando un angelo apparve a Giuseppe e gli disse di partire subito in Egitto perché Erode, saputo che era nato colui che avrebbe regnato su Israele, cercava il bambino per ucciderlo. Giuseppe, presi con se Gesù e la madre, fuggì in Egitto perché ritornando poi dall'Egitto si potesse adempiere ciò che il profeta aveva detto: <<dall'Egitto ho chiamato il mio figlio >>. "Il re Erode per essere certo di eliminare il bambino ordinò di uccidere tutti i maschi di Betlemme e dei sui territori dai due anni in giù. Questa strage adempì ciò che era stato detto dal profeta Geremia: << Un grido è stato udito in Rama, Rachele, la cui tomba è a Betlemme, piange i suoi figli e non vuole essere consolata (?!) >>. Morto Erode, un angelo del Signore disse a Giuseppe che era in Egitto che poteva ritornare a Betlemme perché colui che insidiava suo figlio era morto. Durante il viaggio di ritorno, Giuseppe, saputo che il posto di Erode era stato preso dal figlio Archelao, crudele quanto il padre, per un principio di prudenza, fermatosi in Galilea, andò ad abitare nella città di Nazaret perché si compisse ciò che era stato detto dai profeti: <<Sarà chiamato Nazareno>>". (Il commento sarà fatto dopo). Natività secondo il Vangelo di Luca: Contrariamente al vangelo di Matteo, che faceva nascere Gesù a Betlemme perché Giuseppe e Maria vi erano residenti, in quello di Luca si dice invece che se Gesù nacque in questa città ciò dipese dal fatto che Giuseppe e Maria, residenti a Nazaret, vi si trovavano perchè obbligati a ritornarvi, quale loro città natale, per via di un censimento fiscale che era stato ordinato dal proconsole Quirino in seguito all'annessione della Palestina All'impero romano (è il censimento dell'anno 6 che dette luogo alla rivolta guidata da Giuda il Galileo padre di Giovanni). Soddisfatta così la profezia di Michea, che voleva Gesù Betlemita, con la nascita nella famosa grotta riscaldata da un bue e da un asino, Giuseppe e Maria ritornarono a Nazaret, loro città di residenza, che avevano momentaneamente lasciata per via del censimento. Che entrambe le natività siano frutto di pura invenzione ci viene confermato, oltre che dal fatto già dimostrato che il personaggio evangelico, essendo originario di Gamala, non ha nulla a che vedere né con Betlemme né con Nazaret, anche dai tanti contrasti risultanti dai due vangeli e dalle innumerevoli inesattezze e assurdità che in essi si riscontrano.

1) Le genealogie attribuite a Giuseppe nei due vangeli per dimostrare che suo figlio Gesù proveniva dalla stirpe di Davide, secondo quanto era stato annunciato dalle profezie, sono così differenti tra loro che sembrano riferirsi a due diverse persone. Oltre ai nomi dei componenti che sono così discordanti tra le due versioni da non essercene uno che sia uguale a quello dell'altra, i due alberi genealogici contrastano anche sul numero degli ascendenti che in Matteo risulta essere di 42 e in Luca di 56. Questa differenza numerica dipese dal fatto che le due genealogie non furono scritte secondo un criterio di oggettività storica, ma seguendo un'imposizione che veniva dal numero 14 della cabala ebraica di cui esse, nel totale degli ascendenti, dovevano essere i multipli. La differenza, quindi, dipese dal fatto che mentre Matteo moltiplicò questo numero per tre (42), Luca lo moltiplicò per quattro (56). (Ognuno tragga le proprie conclusioni nel giudicare i principi su cui sono basate le verità evangeliche!). 2) Le date a cui le due nascite si riferiscono hanno uno scarto di almeno undici anni dal momento che il Vangelo di Matteo pone la nascita prima della morte di Erode (Avvenuta nel -4) e il Vangelo di Luca la pone sotto il censimento che avvenne nel +6. (Questo è il caso per ricordare che la Chiesa ci presente Matteo come testimone oculare e Luca come colui che venne a conoscenza dei fatti direttamente da Maria avendola personalmente conosciuta) 3) Mentre Matteo dice che Maria partorì a Betlemme, in casa sua, perché vi era residente al momento del parto: "I re Magi, entrati nella casa di Giuseppe, videro il bambino e Maria sua madre e l'adorarono", Luca, affermando invece che Giuseppe e Maria si era recatati a Betlemme per via di un censimento, fa nascere Gesù in una stalla perchè mancando di una casa propria non avevano trovato nessuno che li ospitasse: "I Magi andarono a Betlemme e trovarono Maria, Giuseppe e il bambino che giaceva nella mangiatoia di una grotta dove c'erano un bue e un asinello che lo riscaldavano, intorno tanti pastori che portavano i loro doni e sopra, dall'alto, una moltitudine di angeli che cantava: <<Gloria a Dio nel più alto dei cieli >>". 4) Gli episodi riguardanti la strage degli innocenti ordinata da Erode, la Fuga in Egitto e la visita dei re Magi sostenute da Matteo, risultano del tutto ignorati nel vangelo di Luca. 5) Il trasferimento della Sacra Famiglia da Nazaret a Betlemme a causa del censimento fiscale è quanto mai inverosimile e palesemente pretestuoso sapendo che, secondo le leggi romane, i cittadini dichiaravano i loro redditi presso gli uffici fiscali della città dove svolgevano la loro attività, cioè dove avevano la residenza, e non in quelli della città dove erano nati. Inverosimiglianza e pretestuosità che vengono confermate dal viaggio che fanno sostenere a Maria che non trova nessuna giustificazione dal momento che, sempre secondo le leggi romane, "dovevano presentarsi alle autorità fiscali soltanto i capi famiglia tanto che espressamente veniva specificato nell'editto che le donne sposate erano esentate se rappresentate dal marito". 6) Un'altra assurdità, inventata per costruire la trama evangelica, è quella di Erode che: "chiamati i tre re Magi in disparte, si fece dire con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme esortandoli. <<Andate e informatevi accuratamente del bambino e, quando lo avrete trovato, fatemelo sapere che anch'io andrò ad adorarlo>>" (Mt. 2/7). Come si può credere che Erode, sicuramente il più potente re esistito in Palestina durante il tempo dei romani, che disponeva, come risulta dai documenti, di una perfettissima organizzazione informativa per difendersi dai rivoluzionari del Partito Nazionalista Giudaico e da quanti avrebbero potuto congiurargli contro, avesse bisogno di tre re stranieri di passaggio per sapere se era nato il Messia a Betlemme, quel Messia della cui nascita tutti erano a conoscenza nella Giudea per l'annuncio dato ai pastori dagli angeli che volavano a stormi nel cielo cantando alleluia, alleluia? Come è possibile che

tutti fossero edotti sul luogo della nascita del re dei re indicato da una stella tanto luminosa da essere vista dal lontano Oriente, tranne che Erode e i suoi cortigiani? Stando a quanto riportano i vangeli che i re Magi per sapere dove si trovasse il re dei Giudei si rivolsero agli abitanti di Gerusalemme (Mt. 2/1) non sarebbe stato sufficiente a Erode per sapere dove fosse il suo rivale uscire dalla reggia e chiedere al primo che avrebbe incontrato? E' chiaro che siamo nel pieno di una favola, per giunta anche demenziale, fatta di personaggi puramente immaginari come i re Magi che sono stati intromessi soltanto perché attraverso i doni dell'oro, dell'incenso e della mirra, che erano i tre elementi che venivano offerti a Mitra, potessero perseguire quel programma che si erano prefissi di sostituirsi alla religione avestica nella mentalità popolare rendendo le due credenze il più possibile simili fra loro. E fu sempre per raggiungere questo scopo che fu fatto nascere Gesù in una grotta come erano stati fatti nascere Mitra, Dionisio, Mammuz e tutti gli altri dei solari perchè potessero dimostrare attraverso una nascita avvenuta in un luogo privo di luce, la loro vittoria sulle tenebre, e in seguito, esattamente nel V secolo, trasferirono al 25 di dicembre, giorno natale di Mitra, la natività di Gesù che fino ad allora avevano festeggiato ai primi di marzo. Questo programma di conquista delle masse basato sull'assecondare il più possibile le credenze pagane per far loro assimilare il cristianesimo senza provocare dei traumi, la Chiesa continuò a seguirlo nei secoli che seguirono usando i templi pagani per celebrare i propri riti. 7) Il fatto poi di avere inviato la Sacra Famiglia in Egitto per dimostrare, attraverso l'espressione messa nella bocca di Dio: << Ho chiamato mio figlio dall'Egitto >>, che il loro Gesù era veramente il figlio di Dio, non è che un ulteriore prova dimostrante che i falsari che scrissero i Vangeli erano cristiani di origine pagana che ignoravano nella maniera più assoluta i significati contenuti nella Bibbia. Infatti la frase "ho chiamato mio figlio dall'Egitto" non si riferiva al Messia, come essi avevano creduto, ma al popolo ebreo che Dio, chiamandolo dall'Egitto, aveva liberato dalla schiavitù dei Faraoni. Quindi, stando così le cose, sarebbe stato molto più opportuno per loro se Gesù lo avessero lasciato a Betlemme dove era nato evitandogli quel viaggio in Egitto che, oltre ad aver dimostrato la loro ignoranza biblica, ci ha fornito la prova definitiva della loro impostura facendo fermare Gesù a Nazaret per trasformarlo da Nazoreo in Nazareno. A questo punto, considerate le discordanze esistenti fra i due vangeli, sarei curioso di vedere la reazione di Matteo se gli si mostrassero i presepi che si costruiscono oggi con un Gesù adagiato sulla paglia di una mangiatoia, dal momento che lui, quale testimone dei fatti, secondo quanto vuole darci ad intendere la Chiesa, fa partorire Maria comodamente nel letto di casa sua! Finito con la natività, Luca passa a raccontarci della circoncisione di Gesù, circoncisione che invece è ignorata da Matteo. Di questa cerimonia Luca ci racconta praticamente tutto; ci parla di un certo Simeone, uomo giusto, che onorò il bambino con parole che gli furono dettate dallo Spirito Santo, ci riferisce di Anna la profetessa e si sofferma persino sulle due colombe bianche dicendoci che furono sacrificate sull'altare secondo la legge di Mosè (schiacciamento della testa con l'unghia del pollice), ma non ci dice nulla di colui che raccolse il prepuzio e lo conservò perché i posteri potessero venerarlo nella teca che attualmente si trova presso il convento delle Orsoline a Charroux, in Francia. A parte la scena comica di queste suore caste e vereconde che immaginiamo arrossire mentre pregano inginocchiate davanti a un pezzo di membro, quello che più suscita ilarità è che, oltre questo prepuzio venerato a Charroux, ce ne sono nel mondo cristiano ben altri cinque che vengono gelosamente conservati e incensati come reliquie nelle loro custodie dorate. A titolo informativo dirò che le reliquie vengono esposte una volta all'anno ai fedeli che, passandogli davanti, le baciano attraverso il vetro. (Sembra che le Orsoline di Charroux lo facciano più spesso!).

Ma questo è niente di fronte al problema teologico sorto in seguito all'interrogativo: "Se Gesù ha lasciato il suo prepuzio sulla terra, è asceso in cielo nella completezza o nell'incompletezza del suo corpo?" Per sapere come la Chiesa ha accomodato questo dilemma non c'è che da rivolgersi ai domenicani o ai gesuiti che sono specializzati nel risolvere i problemi teologici! Terminato il racconto sulle nascite, sia Matteo che Luca proiettano Gesù a Cafarnao all'età di trent'anni facendogli cominciare il ciclo di prediche esattamente come aveva affermato Marcione nel suo vangelo con la sola differenza che il loro Cristo si presenta in carne e ossa, mentre quello di Marcione aveva dell'uomo solo le apparenze. A questo punto concludo con la Natività, anche se ci sarebbero da fare ancora un'infinità di altre puntualizzazioni (serie e comiche), chiedendomi se è mai possibile credere alla Chiesa quando afferma che questi due vangeli, così discordanti tra loro nei fatti anche più essenziali, furono scritti, quello di Matteo, da un testimone oculare, e l'altro, quello di Luca, da un apostolo che riportò le narrazioni "dopo aver eseguito accurate e scrupolose indagini?". Prima di passare al prossimo capitolo che tratterà della passione e morte di nostro Signore Gesù Cristo voglio dare brevemente la spiegazione su come costruirono i personaggi di Giuseppe, padre putativo di Gesù, e di Maria, madre terrena e vergine. Il nome di Maria, che deriva dall'ebraico Miriam, fu scelto perché è tra i più comuni nomi femminili della Bibbia e la verginità le fu tributata per il semplice fatto che tutti gli dei salvatori, sia delle religioni occidentali che orientali, erano figli di un dio che si era accoppiato con una donna vergine quali Horo, nato da Iside, Tammuz da Istar, Attis da Nana, Perseo da Dafne e Mitra da una vergine fecondata da Aura Mazda. Se poi consideriamo la nascita di Visnù dalla vergine Devaki possiamo rimarcare che la natività di Luca ne è la perfetta ripetizione: "La volontà di Dio si è compiuta. Vergine e madre salve! Nascerà da te un figlio che sarà il salvatore del mondo. Ma fuggi, poiché Kansa (il dio del male) ti cerca per farti morire col tenero frutto che rechi nel seno. I nostri fratelli ti guideranno dai pastori che stanno alle falde del monte Metu; è qui che metterai al mondo il figlio divino". Questa narrazione, tratta dai testi induisti, che ci ricorda la nascita di quel Messia della prima Apocalisse che fu partorito sulla terra da una vergine inseguita dal drago, ritrovandola nella natività di Luca in tutti i suoi dettagli, quali quelli riguardanti i pastori e Kansa, il dio del male che viene trasferito in quel re Erode che cerca il nascituro per farlo morire, non può essere che un'ulteriore conferma di quanto il cristianesimo sia un plagio delle altrui religioni. Di conseguenza, per sostenere la verginità di Maria con chi altri potevano farla sposare se non con un uomo puro e casto capace di resistere alle tentazioni della carne? Siccome nella Bibbia l'uomo che veniva ricordato per la sua castità era Giuseppe, figlio di Giacobbe, (quel Giuseppe che viene elevato al rango di viceré d'Egitto) perché era riuscito a resistere alle ripetute tentazioni dell'avvenente moglie di Potifar, dettero per marito a colei che doveva rimanere vergine, un uomo che si chiamava Giuseppe, figlio, anche lui come l'altro, di un padre che si chiamava Giacobbe. A questo punto possiamo riepilogare dicendo che anche se sono innumerevoli (anche troppe) le prove che Gesù non è altri che il prodotto di una trasformazione operata su Giovanni, figlio di Giuda il Golanite, quella decisiva, inoppugnabile e quindi inconfutabile ci è stata data dagli stessi falsari che eseguirono la trasformazione di Nazoreo in Nazareno perchè si adempisse la parola del profeta: << Non può restare nascosta una città posta sopra una montagna >>. (Mt. 5/14).

CAPITOLO XIV CROCIFISSIONE
La croce che la Chiesa ci mostra come apparato sul quale morì Gesù non ha nulla a che vedere con lo strumento di morte usato dai Romani per i condannati alla crocifissione. La croce dei Romani era un'impalcatura di legno costituita da una trave trasversale, chiamata patibolum, che appoggiava le sue estremità su due pali fissati in terra che, terminando a forcina, venivano chiamati "crux". La crocifissione consisteva nel legare le braccia del condannato alla traversa. Questo tipo di intelaiatura usato per crocefiggere (crux figgere = fissare alla croce) era in tutto uguale a quello che veniva usato per le impiccagioni eccetto che nella lunghezza delle forcine che se nel primo caso doveva permettere al condannato di appoggiare i piedi per terra nel secondo doveva tenerlo sollevato in modo da restare appeso.

FURCA

Croce (crux).

Impiccagione

Crocifissione

La morte, che nell'impiccagione era pressoché immediata, nella crocifissione era preceduta da un supplizio che durava dai tre ai quattro giorni. Il condannato entrava in agonia quando sfinito piegava le gambe abbandonandosi al proprio peso. La morte avveniva normalmente per il soffocamento causato dalla testa che, pendendo in avanti, provocava l'occlusione della trachea. La Grecia usò questo tipo di esecuzione soltanto in casi di eccezionale gravità finché, ritenendola troppo atroce, la soppresse definitivamente. Cicerone, parlando di essa, la definì un supplizio così crudele da non esistere nessun crimine che potesse giustificar ne l'applicazione. La prassi di dare la morte tramite crocifissione, originaria dell'oriente semitico e diffusasi poi in tutto il mondo arabo, i Romani la appresero dai Cartaginesi durante le guerre puniche. I primi scrittori romani che la menzionarono furono Macco Plauto (254184) e Ebbio Quinto ( 169-139) i quali, tra le altre cose, ci riferiscono che, considerando l'atrocità delle sofferenze, erano ritenuti atti di clemenza spezzare gli stinchi al condannato per abbreviargli la durata del supplizio e il permettere ai familiari di bagnare le labbra al moribondo durante l'agonia con una spugna imbevuta di un liquido amaro estratto da radici e erbe aromatiche. Per evitare che il condannato fosse sottratto, veniva piantonato da due legionari fino a quando sopraggiungeva la morte. Per essere certi che il decesso fosse avvenuto, era consuetudine presso i romani di trafiggere il cuore del crocefisso con una lancia prima di dare l'autorizzazione a staccare il corpo dalla croce.

La struttura originaria della croce, formata da due forche e da una trave trasversale, subì una forte semplificazione in seguito alla rivolta di Spartacus nella quale furono crocefissi 7.000 schiavi ribelli ( -71), semplificazione che ridusse il tutto ad una sola forca sulla quale il condannato veniva legato per le braccia alle due estremità divergenti.

La crocifissione, riservata all'inizio soltanto agli schiavi, fu in seguito estesa anche ai disertori e ai sovversivi che causavano disordini tendenti a destabilizzare le istituzioni dello Stato. Come conseguenza la provincia romana dove maggiormente venne applicata la crocifissione fu la Palestina a causa delle continue rivolte promosse dal Partito Nazionalista Giudaico. Stando a quanto risulta da documenti riguardanti l'era messianica, anche se non è affermato in maniera chiara ed esplicita, la crocifissione fu ulteriormente semplificata riducendo la forca ad un semplice palo per eliminare la difficoltà che comportava la ricerca di un ramo forcuto quando le crocifissioni erano numerose, come avvenne nella rivolta contro Erode che comportò 2000 esecuzioni e nella guerra giudaica in cui le crocifissioni, arrivando ad una media di 500 al giorno, dovettero a un certo punto essere sospese, secondo quanto dice Giuseppe Flavio, per mancanza di legno. Come sia stato crocefisso Cristo (Giovanni) poco c'interessa, anche se negli Atti degli Apostoli, stando a quanto viene fatto asserire allo stesso Paolo di Tarso, venne legato ad un palo (stauros). Una cosa comunque è certa: non fu fissato a una croce come quella che ci mostra la Chiesa, e tanto meno furono usati dei chiodi dal momento che questi sono escludersi nella maniera più assoluta sia perché mai nominati nella storia delle crocifissioni e sia perché il loro uso non avrebbe avuto nessuna giustificazione essendo le braccia legate con una corda e i piedi appoggiati al suolo. Soltanto il cinismo dei preti, quel cinismo che hanno dimostrato nelle torture operate nelle inquisizioni, poteva aggiungere ad un supplizio già tanto atroce un'ulteriore sofferenza! La croce latina che la Chiesa sostiene essere stata utilizzata per la crocifissione di Gesù era del tutto ignorata dai romani esistendo in quell'epoca soltanto due tipi di croce, la croce a X e la croce, detta greca, a forma di + costituita da quattro vettori di uguale lunghezza. La prima apparizione di quella che fu poi chiamata la croce latina, cioè la croce avente il vettore inferiore più lungo degli altri, la troviamo nella liturgia cristiana soltanto alla fine del IV secolo e senza il Cristo Crocefisso sopra. Quando negli anni 160 uscirono i primo vangeli canonici, i loro redattori, lontani ancora dal concepire la croce latina, trattarono la crocifissione di Cristo nel sottinteso che essa fosse stata eseguita secondo il sistema da tutti conosciuto che era quello basato su un patibolum appoggiato su due "stipes" terminanti a forcina. Le prime croci con il Cristo crocefisso sopra, apparse soltanto alla fine del V secolo, oltre ad avere una struttura a forma di T, presentavano un Gesù non inchiodato ma legato e con il volto rivolto al cielo in

una espressione gioiosa. Questa espressione esultante che esprimeva ancora quel concetto esseno che voleva che si affrontasse la morte sorridendo davanti ai carnefici, fu trasformata in un atteggiamento di dolore allorché i teologi cristiani decisero di mettere in risalto le sofferenze patite da Gesù, quelle sofferenze che se precedentemente non erano state prese in considerazione ciò era dipeso dal fatto che fino ad allora la Chiesa aveva ancora seguito il concetto dei Culti dei Misteri che facevano dipendere la salvezza degli uomini non dal sacrificio e dalle sofferenza patite dal Soter prima di essere ucciso ma esclusivamente dalla sua resurrezione. Fu in seguito a questa decisione, presa certamente per conquistare le masse attraverso l'emotività che poteva produrre il dolore, che i costruttori di questa nuova religione decisero di trapassare le mani e i piedi del loro salvatore e gli fecero reclinare la testa sotto un'espressione di estrema sofferenza come risulta dalle pitture della prima metà del VI secolo. Come conseguenza, per dare risalto a questo nuovo aspetto della passione, aggiunsero nei vangeli tutte quelle frasi che misero in bocca a Gesù stesso prima di affrontare la morte quali: « La mia anima è triste fino alla morte ...Padre mio, se è possibile passi da me questo calice ecc.ecc». Per dimostrare ancora quanto i vangeli non sono altro che il risultato di sovrapposizioni e correzioni, dirò che la frase riportata sul vangelo di Luca (22/44) nella quale si dice che "Gesù era tanto in preda all'angoscia che il suo sudore divenne come gocce di Sangue" fu aggiunta nel VII secolo in sostituzione di una prima versione nella quale si affermava che, oltre alle gocce di sudore, di vero sangue erano anche le lacrime che aveva Gesù versato nel pianto che aveva fatto nell'orto degli Ulivi, pianto che poi fu tolto perché considerato indegno per un Dio. Il primo approccio che i cristiani ebbero con il simbolo della croce (croce che non aveva nulla a che vedere con quella usata come strumento di morte), avvenne quando fecero propria la croce gallica dopo che Costantino la adottò, in seguito alla vittoria riportata sui Galli, come emblema dell'impero facendola stampare con la sua forma a X sulle armature dei soldati, sulle bandiere e sulle monete. Per via di quel sodalizio politicoreligioso che si era instaurato tra l'Impero e la nascente Chiesa in seguito al concilio di Nicea (325), i cristiani assunsero anch'essi la croce gallica come loro emblema per simboleggiare la vittoria che avevano riportato sul paganesimo. Siccome la croce gallica aveva la stessa forma della X che i cristiani avevano già incorporato nel loro simbolo , simbolo che avevano ricavato dalle prime due lettere della parola greca XPICTOC (Cristos), perché potessero aggiungerla nel disegno in maniera che questa non sparisse nella sovrapposizione, la trasformarono in una croce greca tracciando una linea orizzontale sul piede della sì da formare nel

complessivo del disegno il monogramma come risulta dai graffiti del IV secolo. Con questo graffite così astruso e complesso andarono avanti per circa mezzo secolo, cioè fino a quando negli anni 380-390, tolta la X a scopo semplificativo, lasciarono soltanto la croce greca assumendo come definitivo il simbolo che tuttora appare nella liturgia ecclesiastica. Trasformata così in croce greca quella che rappresentava per essi la vittoria sul paganesimo, la esposero al pubblico mettendola sugli altari dove rimase in forma fissa fino a quando, in seguito ad un'autorizzazione di Papa Innocenzo I (401417) che permetteva di portarla in processione, le allungarono il vettore inferiore perché fosse innalzata sopra le teste dei fedeli.

Siamo agli inizi del V secolo, la croce latina era stata realizzata ma, per quanto possa apparire incredibile, i cristiani non avevano ancora pensato di associarla alla crocifissione che ancora sostenevano secondo il sistema romano che voleva il condannato legato al patibolo come risulta dalle tante pitture dell'epoca.

Formella del V sec. raffigurante Gesù crocefisso nel sistema romano fornitami dallo storico Eletto Ramacci di Bagnoregio (VT). Che la croce latina avesse conservato per tutto il V secolo soltanto un valore simbolico che nulla aveva a che vedere con la crocifissione ci viene dimostrato, oltre che dal fatto che Gesù veniva legato al supplizio secondo il sistema romano, anche dal significato che essi le davano che era esclusivamente quello politico che le aveva attribuito Costantino, tanto che colui che la portava in processione, pur appartenendo al clero, veniva chiamato con il termine militare di Dragonianus.

Nardon Penicaud (1500).

Se in seguito l'impalcatura della crocifissione fu trasformata in un attrezzo a forma di T ciò dipese dalla decisione che presero i teologi cristiani di presentare il Cristo con le braccia aperte in una posizione che esprimesse, attraverso un simbolico abbraccio rivolto a tutta l'umanità, un concetto di redenzione universale. Dovette passare un secolo prima che la crocifissione fosse associata alla croce latina la cui intromissione non eliminò comunque nel mondo cristiano la croce a T che continuò ad essere riprodotta in molti quadri fino al 1500. Le prime immagini riproducenti Gesù fissato alla croce latina risalgono alla VI secolo ma, in esse, come appare dalle pitture dell'epoca, Gesù risultava ancora con le braccia legate al patibolo con le corde e i piedi appoggiati al suolo secondo il sistema usato nella crocifissione romana. Come sia avvenuto il passaggio dalla croce a forma di T a quella latina si disconosce anche se qualcuno sostiene che potrebbe essere stato determinato dal primo pittore che ebbe l'idea di disegnare una prolunga sopra la croce per avere un supporto su cui istallare quella scritta JNRI che infatti non appare in nessuna delle crocifissioni precedentemente eseguite sia secondo il sistema classico romano che con la croce a T. I chiodi, fino ad allora ignorati, apparirono insieme al capo di Gesù reclinato in un'espressione di dolore, soltanto nel VI secolo. Raggiunto così l'insetto perfetto dopo questa lunga metamorfosi, tutti i Crocifissi furono riprodotti con le mani e i piedi trafitti dai chiodi per esaltare quel dolore della Passione di cui ho parlato, dolore che fu ancora suffragato da alcune espressioni che aggiunsero ai vangeli quale quella "Padre mio, allontana da me questo calice" che misero in bocca a Gesù nell'Orto degli Ulivi e quell'altra "Padre mio, perché mi hai abbandonato" che gli fecero pronunciare prima di morire, la quale, però, esprimendo uno stato di disperazione che non s'addiceva ad un Salvatore che era morto per dare speranza agli uomini, fu in seguito cambiata (sembra nel IX secolo) nel vangelo di Luca con "Padre mio, nelle tue mani raccomando il mio spirito" e in quello di Giovanni con "Tutto è compiuto". Altre modifiche furono poi apportate alla crocifissione quando si operarono le prime sculture, come quella dell'applicazione di un sostegno per appoggiarvi i piedi che si dimostrò indispensabile dal momento che, avendo eliminato l'appoggio del terreno, risultò evidente che un corpo non poteva restare attaccato alla croce soltanto per i chiodi. La croce, adottata inizialmente come simbolo della vittoria riportata sui pagani ed elevata in seguito come immagine delle sofferenze sopportate da Gesù nella passione, ebbe un rapido successo presso i seguaci come simbolo cardine nel loro culto. Per divulgarne la venerazione le furono subito dedicate chiese e solenni cerimonie. Nel giro di pochi anni dall'astrattismo di simbolo passò a una realtà di fatto così concreta da permettere ai falsari di sostenere che durante gli scavi eseguiti sul Calvario fosse stata ritrovata la croce a forma latina sulla quale era stato crocifisso Gesù. E, come se non bastasse, venne asserito che durante gli scavi voluti da Elena, madre di Costantino, erano state riportate alla luce anche le croci dei due ladroni e il cranio (in aramaico golgotha) di Adamo che secondo i cristiani doveva essere morto lì perché quel luogo corrispondeva in realtà alla valle dell'Eden, cioè a quel paradiso terrestre dove Dio lo aveva creato traendolo da un pupazzo di creta. Il motivo per cui s'inventarono la storia del cranio fu quello di dimostrare che Gesù era morto per tutta l'umanità quale discendente di Adamo. Di conseguenza, per rendere universale il culto della Croce, vennero diffusi ovunque pezzi del suo legno che, provenienti da Gerusalemme, furono venerati come reliquie. Tramite un recente sondaggio è stato dimostrato che se si riunissero tutte le schegge di legno attribuite alla croce di Cristo che tutt'ora si trovano sparse per il mondo cristiano si otterrebbero circa tre metri cubi di legno, tre metri steri che risulterebbero formati per giunta dai legni più disparati quali quelli della quercia, del cedro, del ciliegio e perfino del fico.

A partire dalla fine del V secolo i cristiani, assunta ormai una baldanza religiosa per via di quel concilio di Nicea che aveva ridotto gli ebrei e i pagani al ruolo di perseguitati, imposero il culto della croce in tutto l'Occidente. Fu in questo periodo che furono consacrate alla Croce la chiesa di S. Pietro, di S. Giovanni in Laterano e numerose altre importanti cattedrali in Italia e all'estero compresa quella di Poitiers alla quale, come a tutte le altre, fu consegnato in una teca un pezzo di legno della croce di Cristo. E, incredibile ma vero, nonostante fosse stata eseguita questa frammentazione, veniva esposta nel tempio di Gerusalemme, divenuto ormai proprietà della Chiesa, l'intera croce di Gesù con un'arroganza tale da permettere a Cirillo di scrivere: "La vera Croce è già da tempo venerata a Gerusalemme e le sue reliquie sono sparse in tutto il mondo". (Sono i miracoli della fede!). Arrivati così alla conclusione che Gesù era stato crocifisso su una croce latina, i cristiani dovettero stabilire quali connotati dare al loro eroe perché si potesse seguire un canone ben stabilito nella riproduzione delle sue immagini. La discussione su quale figura dare a Gesù si protrasse a lungo tra i seguaci di Tertulliano e Origene che tre secoli prima, seguendo la profezia di Isaia: Non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, non ha splendore per potercene compiacere", avevano sostenuto che fisicamente era così brutto da essere ritenuto addirittura deforme, stando a quanto sosteneva Giustino, e i sostenitori di Gregorio, vescovo di Nissa, che rifacentesi al Salmo 45 che diceva: "Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo, sulle tue labbra è diffusa la grazia, ti ha benedetto Dio per sempre "sosteneva invece che "Gesù era stato un uomo di bellissimo aspetto". Siccome il successo delle vendite dipende molto da come viene presentata la merce sul mercato, alla fine tutti furono concordi a dare a Gesù un aspetto così bello che più bello non si può.

PASSIONE E MORTE DI NOSTRO SIGNOR GESÙ' CRISTO.
Dopo avervi aggiunto le due natività in una maniera così contrastante tra loro, i falsari, saltando tutto ciò che poteva riferirsi all'infanzia e all'adolescenza di Gesù, lasciarono i vangeli di Matteo e di Luca esattamente come erano stati presentati nella prime edizione tutti e quattro i vangeli che, ricopiando Marcione, facevano cominciare il ciclo di prediche a Gesù partendo dalla città di Cafarnao all'età di trenta anni. Seguendo ciò che era stato già scritto nei precedenti documenti apocrifi che a loro volta, come abbiamo visto, erano stati costretti a ricalcare le orme di Giovanni il Nazoreo per l'imposizione che gli veniva dalla tradizione, anche i quattro vangeli canonici fecero concludere la vita di Gesù a Gerusalemme attribuendogli una passione, morte e resurrezione che trassero in parte dai Culti dei Misteri e in parte da passi della Bibbia che fecero passare per profezie. Ma per quanto la Chiesa cerchi di dare credito ai fatti raccontati dicendo che furono scritti da testimoni oculari o da stesori che li avevano direttamente contattati, noi troviamo nelle quattro storie evangeliche le stesse discordanze che esistevano nei vangeli apocrifi. Indipendentemente dalla durata del periodo delle prediche che, se viene dichiarata di tre anni nel vangelo di Luca, si fa durare due in quelli di Marco e di Matteo e di uno soltanto in quello di Giovanni, tutti e quattro i vangeli, essendo in realtà il prodotto di una cernita di episodi operata su più di sessanta vangeli, faranno risultare il periodo delle prediche una sequela di fatterelli disordinati che oltre ad essere privi di ogni collegamento logico si dimostreranno spesso addirittura così confusi e discordanti tra loro nei concetti che esprimono, da portare i due storici Jules Soury e Binet-Sanglé a concludere che il personaggio a cui si attribuiscono, se fosse veramente esistito, non poteva esse re che un pazzo. Un pazzo, aggiungo io, che deve essere eliminato dalla storia e dalla memoria

soltanto per i massacri che le sue ambiguità hanno generato tra i suoi stessi seguaci sempre in lotta fra loro per le diverse interpretazioni che offrano. E' a causa di questa mancanza di chiarezza che ossessiona coloro che hanno seguito la morale cristiana senza cercare di darsi una seria risposta agli interrogativi che da essa derivano, che i seguaci del cristianesimo si sono divisi in cattolici, luterani, calvinisti, Testimoni de Geova, Quaqueri, Battisti, Angligani, Ortodossi ecc ecc. senza contare le ulteriori divergenze che si sono formate in seno alla Chiesa stessa che vedono i gesuiti opporsi ai giansenisti, i domenicani urtarsi contro i francescani, i tornisti litigare con i molinisti, i carmelitani contemplativi seguire regole che sono in totale opposizione con i monaci battaglieri ecc.ecc. Il tutto non è che la naturale conseguenza di quel prodotto posticcio e raffistolato messo in essere da una banda di assetati di potere quali erano i cristiani provenienti da quei ricettacoli esseni che raccolsero le peggiori canaglie esistenti nell'impero romano. Ma noi che sappiamo che tutto questo caos dipende esclusivamente dal fatto che dovettero costruire la figura di un pacifista traendola da un rivoluzionario, possiamo capire il perché di tutti questi contrasti esistenti nei vangeli che possono apparire incomprensibili a chi non sa che il vero personaggio era l'esponente di quella ideologia esseno-zelota a cui era stato assegnato il compito di preparare la guerra attraverso una campagna di promesse spirituali rivolte alle classi più umili perché si rivoltassero contro coloro che li opprimevano. Soltanto ora che la maschera è stata tolta possiamo comprendere il significato di tutti quei passi dei vangeli che fino ad ora ci sembravano incomprensibili e contraddittori come l'esorcizzazione dell'indemoniato di Gerasa che racchiude in se tutto l'odio dei giudei rivoluzionali contro Roma sapendo che il nome "Legione", dato al demonio, si riferiva alla "legione" romana Fretensis di stanza in Giudea, che i "maiali" concernevano il simbolo di questa legione rappresentato da un muso di porco e il mare in cui questi animali venivano fatti affogare era in realtà quell'Adriatico nel quale, secondo il Rotolo della Guerra, loro avrebbero rigettato l'esercito romano in seguito all'espulsione dall'Egitto. A conferma che l'esorcizzazione operata sull'indemoniato era soltanto un'allegoria facente riferimento all'aspirazione che avevano i Giudei di pervenire presto alla liberazione della Palestina dall'invasione romana, c'è ancora il fatto che Gerasa è un nome immaginario di una città mai esistita. Comunque, anche se noi, a differenza dei creduloni, siamo riusciti a capire il significato di tante espressioni che prima ci apparivano addirittura assurde nei loro contrasti, ciò non toglie alla storia evangelica l'incoerenza cronologica e geografica degli avvenimenti che racconta. Un po' per la necessità che s'imponeva di travisare i fatti e un po' per la confusione con cui erano pervenute le vicende attribuite a Giovanni il Nazoreo dai racconti popolari, la ricostruzione del periodo delle prediche risulta in maniera così sconnessa nei tempi e negli itinerari nei quali si fa operare Gesù da restare allibiti su come lo si possa trasferire dalla Galilea a Gerusalemme, Da Betania a Cafarnao, e viceversa, nel corso della stessa pagina. Eppure, nonostante questo disordine nelle sequenze dei racconti, questo passare, nel giro di qualche riga, da un'estremità all'altra della Palestina, la Chiesa sostiene che il tutto viene esposto con tanta precisione da avallare ciò che ha affermato nel suo libro "Elementi di Geografia Sacra" (Casa editrice Delalain) lo storiografo religioso Bousquet, Monsignore di Vanves, il quale, metro alla mano, è riuscito a dimostrare, dopo minuziose e serie indagini, che Gesù, durante i tre anni di predicazioni, percorse esattamente 2740 Km, 649 m e 58 cm. (sic). Non aggiungo altro se non che basterebbe soltanto questo per farci capire chi furono coloro che scrissero i vangeli e chi sono coloro che li sostengono. Colta l'occasione per ribadire ancora una volta l'origine dei cristiani, riprendiamo con la storia della Croce, poiché la cristologia ci riserva ancora interessantissime sorprese, sorprese che ormai non avranno altro scopo che confermarci come la Chiesa si regga su

un'abominevole impostura. Quale sia stata la data di morte che fu attribuita a Gesù nei quattro vangeli canonici quando videro la luce la prima volta non possiamo saperlo dal momento che quelli di cui ora disponiamo non sono che le edizioni rivedute e corrette che uscirono nel VI secolo. Comunque una cosa è certa: la data che gli è stata attribuita, cioè l'anno 33, non può essere che il risultato di un ennesimo imbroglio. Prima di passare a un esame storico per determinarla, soffermiamoci a mettere in evidenza le discordanze esistenti nella documentazione cristiana. Nel vangelo di Pietro, ritenuto il più attendibile dai seguaci di Geova, In morte di Cristo avvenne sotto Erode il Grande, cioè almeno 37 anni prima della data dichiarata nei Vangeli canonici, sapendo che costui morì nellanno -4. In altri scritti provenienti da Gerusalemme si affermava invece Cristo che Cristo era morto addirittura nel 58 sotto Nerone. Per altri, come Papia, "Cristo morì in età avanzata dovendo sacrificare alla sua missione di Salvatore tutte le età della vita, compreso il declino". S. Ireneo, storico della Chiesa vissuto nel trecento (questa è una fra le tante prove che attestano che nel trecento ancora non era stata stabilita né la data di nascita né quella della morte di Gesù), non ritenendo dignitoso che un Dio potesse invecchiare, fa morire Cristo all'età di cinquant'anni e, come prova di questa sua affermazione, dice di "averlo scoperto consultando antichi documenti ". Se questi contrasti sono motivo di stupore, quello che stupisce maggiormente è l'indifferenza che i teologi cristiani mostrano di fronte a queste contraddizioni dichiarandole "insignificanti divergenze " In alcuni testi, riconosciuti falsi anche dalla Chiesa tanto da condannarli con la scomunica, usciti nel trecento sotto il titolo di "Atti di Pilato", per tentare di riparare tutti gli errori storici commessi in precedenza, si fece morire Gesù nell'anno 21. In questi scritti venivano riportate lettere inviate da Pilato all'imperatore Claudio nelle quali, dopo aver affermato di aver processato e condannato a Morte Gesù, si dichiarava pentito per aver fatto giustiziare un innocente. L'imperatore Claudio, emotivamente preso da questa ingiustizia, dopo aver dato ordine di arrestarlo, fece portare Pilato in catene a Roma affinché fosse a sua volta giudicato e condannato per l'errore commesso. Ma tutto fu cestinato risultando un accrocco di anacronismi e di insulsaggini che fecero ancora una volta ridere gli oppositori i quali fecero rimarcare che Pilato, avendo svolto il suo mandato di procuratore dal 26 al 36, non poteva assolutamente aver scritto delle lettere nel 21 a Claudio che era divenuto imperatore nel 41. Comunque, anche se alla fine stabilirono come data il trentatré essa risulta così evidentemente fasulla, come d'altronde lo sono tutte le altre nei vangeli, che gli stessi teologi non possono sottrarsi dall'ammettere che le date della nascita e della morte di Gesù "non si conoscono con esattezza ", quegli stessi teologi che contemporaneamente affermano che i Vangeli furono scritti da testimoni oculari. Vediamo ora quale fu il procedimento che i falsari usarono per determinare questo anno 33 che fu definitivamente adottato come vero. Confermato che l'era messianica si era consumata nell'arco di tempo compreso tra la realizzazione della profezia di Giacobbe (anno +6 in cui avvenne la destituzione di Archelao) e la fine della guerra giudaica (+70 ), ricavarono l'anno 33 ricorrendo ancora una volta alle profezie. Le profezie di cui si servirono furono due: una di Daniele e l'altra di Giacobbe. Da quella di Daniele (IX 1/24) trassero la conferma che il periodo messianico era durato settanta anni (fu per far corrispondere poi il periodo messianico,che in realtà risultava di 64, ai 70 anni annunciati dalla profezia che nel Vangelo di Luca retrodatarono il censimento di sei anni portandolo all'anno uno), e da quella di Giacobbe, che annunciava una vendetta di Dio contro il suo popolo dopo aver pazientato per quarant'anni, che così si esprimeva: "Dopo essere rimasto sdegnato di quella generazione per quarant'anni (é Dio

che parla) arrivato alla conclusione che gli ebrei sono un popolo travagliato, ho giurato di vendicarmi non facendolo entrare nel mio riposo ", ricavarono la data in cui il Messia, sceso sulla terra, aveva sofferto ed era morto. Praticamente, stabilito che la vendetta di Dio corrispondeva alla sconfitta della guerra del 70 che, con tutte le conseguenze che aveva portato, aveva tolto il riposo agli ebrei, e convenuto che i quarant'anni che Dio aveva pazientato prima di punirli rappresentavano il periodo trascorso dal giorno che essi avevano commesso la grave colpa di non riconoscere il Messia, facendo 70 meno quaranta, determinarono l'anno di morte del Messia come risulta dal Vangelo di Luca che fa cominciare il ciclo di prediche tre anni prima di questa data, cioè nell'anno 27 che corrisponde esattamente all'anno "decimoquinto dell'Imperatore Tiberio". (Lc.3-1). Se questa data fu poi posticipata negli altri vangeli all'anno 33 ciò dipese dal fatto che vollero dare alla morte di Cristo un numero che rappresentasse il massimo della perfezione secondo la cabala ebraica portando all'apoteosi il 3 che era considerato il numero perfetto (10 x 3 +3 = 33). Il ragionamento che fecero per trasferire la data della morte dall'anno 30, come l'avevano inizialmente stabilita, all'anno 33 fu il seguente: se Dio aveva atteso quarant'anni prima di punirli e la punizione era arrivata nel 70 ciò significava che il Messia aveva iniziato la sua missione nell'anno 30, e siccome la missione era durata 3 anni, la sua morte non poteva essere avvenuta che nell'anno 33. (Anche se questi calcoli furono fatti secondo il calendario romano, nulla cambia sapendo che l'anno 33 corrispondeva al 787 dalla fondazione di Roma). Stabilito così attraverso le profezie che Gesù era morto nell'anno 33, tutto il resto riguardante gli avvenimenti e i personaggi citati nei vangeli li fecero dipendere da questa data. Siccome nell'anno 33 Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode Antipa tetrarca della Galilea e Caifa Sommo Pontefice, i cristiani redassero in base a questi personaggi la sceneggiata della passione e morte del loro Cristo-Salvatore-Signore, cioè del loro Unto, Soter, Kirios, a cui dettero in seguito il nome di Gesù che, come abbiamo visto, significando "Colui che Salva" lo ha lasciato nel più completo anonimato. Che la passione e la morte di Gesù siano il risultato di pura fantasia lo dimostrano le tante inesattezze storiche riportate dai vangeli. La prima che salta agli occhi ci viene dall'ignoranza dei falsari cristiani che, dichiarando contemporanei due Sommi Sacerdoti, quali Anna e Caifa, commisero lo stesso errore che mettere insieme due Papi nella chiesa cattolica. E come se non bastasse questa contraddizione di carattere istituzionale derivante dal fatto di mettere due Sommi Sacerdoti nello stesso periodo, commisero anche un grave errore storico perché dimostrarono di ignorare che Anna, essendosi ritirato dall'incarico nell'anno 15, non poteva essere presente ad un processo che si svolgeva 18 anni dopo. Sapendo che i Sommi Sacerdoti se lasciavano la loro funzione prima di morire lo facevano in età molto avanzata, possiamo affermare quasi con certezza che Anna nel 33 era già morto. Un'altra incoerenza di carattere giuridico la troviamo nel passo dei vangeli in cui si dice che Ponzio Pilato inviò Gesù da Erode Antipa per farlo giudicare da lui. All'obbiezione che sollevarono gli oppositori facendo presente che Erode Antipa non poteva essere a Gerusalemme perché, come tetrarca della Galilea, non aveva nulla a che spartire con la Giudea, i falsari cristiani cercarono di riparare la gaffe aggiungendo nei Vangeli che Erode Antipa si trovava a Gerusalemme soltanto di passaggio (Luc. 23/7). Anche ammettendo questa circostanza la cosa non regge comunque perché, essendo la Galilea e la Giudea due Stati politicamente e amministrativamente autonomi, sarebbe stato come se il re Baldovino avesse inviato a giudizio un imputato belga dalla regina d'Olanda durante una sua visita a Bruxelles. Ma lo scopo dei falsari era ben chiaro: coinvolgere nella loro storia il maggior

numero di personaggi storicamente esistiti per rendere credibili le vicende da loro narrate. Soltanto facendo un'analisi dei fatti per il tramite della storia possiamo determinare l'anno in cui fu crocifisso Gesù, che poi sarebbe quello in cui fu ucciso Giovanni il Nazoreo, figlio di Giuda il Galileo. Secondo quanto risulta da documenti apocrifi, cosa d'altronde confermata anche dai vangeli, Giovanni Battista morì all'inizio delle predicazioni di Gesù che durarono tre anni. Sapendo da Giuseppe Flavio (Antichità Giudaiche) che Giovanni Battista fu ucciso da Erode Antipa poco prima di subire la sconfitta dal re Petra nel 36, si deduce, sommando i tre anni di predicazioni, che la data della crocifissione avvenne intorno all'anno 39. Come conseguenza Gesù non poté essere processato da Pilato, avendo egli terminato l'incarico di procuratore della Giudea nell'anno trentasei, incarico che rimase vacante fino al 44, anno in cui venne eletto un nuovo procuratore nella persona di Cuspio Fado. I fatti riguardanti la procura di Gerusalemme seguirono il seguente corso: subito dopo la cessazione dell'incarico di Ponzio Pilato morì l'imperatore Tiberio. Caligola, che succedette a Tiberio, invece di nominare un altro procuratore romano preferì affidare il governo della Giudea ad una delegazione dipendente amministrativamente dal comando romano di Siria. Il motivo per cui Caligola eliminò il procuratore della Giudea fu quello di riunire la Palestina in un' unico Stato con lo scopo di affidarlo a Erode Agrippa come attestato della grande amicizia che li univa, un'amicizia che secondo alcuni storici aveva carattere omosessuale. Quindi, essendo vacante il posto di procuratore nell'anno 39, Gesù non fu processato né da Pilato né da altro procuratore romano ma bensì da un funzionario,di cui non si conosce il nome, che svolgeva il ruolo di procuratore in forma interinale. Una prova, a conferma che la crocifissione avvenne nell'anno 39, ci viene da un'opera intitolata "Contra Flaccum" che lo storico Filone Alessandrino scrisse contro il prefetto Fiacco che in quel periodo governava la Siria. In un passo, in cui si parla di una visita che Erode Agrippa fece nel 39 al suo amico Caligola, viene detto che durante il viaggio di ritorno da Roma si fermò per qualche giorno ad Alessandria. I pagani, nemici degli Ebrei, approfittando della visita di questo re giudeo, per irriderlo organizzarono nello stadio di Alessandria una rappresentazione teatrale nella quale veniva riprodotto il processo tenutosi poco prima a Gerusalemme, terminato con la crocifissione di un famoso capo rivoluzionario (Giovanni) condannato perché pretendente al trono di Gerusalemme.. Dunque, se questa messa in scena organizzata dai pagani di Alessandria avvenne nel trentanove e soltanto poco prima, secondo Filone, c'era stato il processo del famoso rivoluzionario non si può concludere altro che la data di morte di Gesù (Giovanni) corrisponde all'anno 39. Altre prove ci vengono fornite analizzando quei primi documenti che la Chiesa dichiarò apocrifi. Nel "Vangelo degli Ebrei", che fu uno dei primissimi a raccogliere i fatti riportati dalla tradizione popolare, c'era un passo nel quale gli apostoli, dopo che il Signore aveva detto loro di aver parlato con Abramo, gli chiesero: « Come puoi tu sapere queste cose se non hai ancora compiuto cinquant'anni?». (Vang. Ebrei VIII-57). Questa età di circa cinquant'anni che il "Vangelo degli Ebrei" attribuisce al Messia nel periodo delle sue predicazioni, viene confermata dallo "Pseudo vangelo di Giovanni" in un passo in cui si afferma chiaramente: "Cristo aveva cominciato la sua attività all'età di quarantasei anni". Sapendo che l'attività era durata tre anni, ecco che l'età in cui fu crocifisso Gesù-Giovanni si conferma essere quarantanove-cinquanta anni. Stabilito così che il Cristo-Giovanni è morto a circa cinquant'anni nel trentanove, facendo una semplice sottrazione troveremo il suo anno di nascita essere corrispondente all'incirca all'anno -12, esattamente come viene affermato dal vangelo di Pietro e dallo stesso Vangelo di Luca che lo fanno nascere sotto il re Erode, morto nel -4. Se fosse nato veramente nell'anno del censimento, cioè nell'anno +7 in cui morì Giuda il Galileo, padre di

Giovanni il Nazoreo, come avrebbe potuto Gesù avere sette fratelli e due sorelle, come affermavano i proto-vangeli e gli stessi Vangeli canonici, ovvero quei sette fratelli e due sorelle che la storia attribuisce a Giovanni? Cosa che invece appare in tutta la sua naturalezza, ponendo un lasso di tempo di diciannove anni tra la nascita di Giovanni (-12) primogenito, e la morte di suo padre, Giuda il Galileo (+7). Che la passione e la morte di Gesù siano il risultato di macchinazioni operate per nascondere la verità ci viene ancora confermato dalle innumerevoli incoerenze che a ogni passo si riscontrano nei quattro Vangeli Canonici, incoerenze e raggiri a cui furono costretti i falsali a ricorrere per stravolgere il procedimento di quel processo romano che, concludendosi con una condanna alla crocifissione, dimostrava che l'imputato era un rivoltoso. Dal momento che la crocifissione non poteva essere taciuta (per quanto, come abbiamo visto, avessero cercato di sostituirla con la lapidazione), come non poteva essere taciuto che il processo era avvenuto presso un tribunale romano, l'unico modo per risolvere il problema era quello di trasformare il processo da politico a religioso, ossia far dipendere la sentenza da una colpa commessa da Gesù non in qualità di rivoluzionario ma di predicatore. Ma come poter sostenere una simile versione se i romani, favorevoli come erano a lasciare libere tutte le religioni nei loro culti, mai avrebbero processato e tanto meno condannato qualcuno soltanto perché predicava una religione? Come far figurare che in un tribunale romano poteva essere stata emessa una condanna per crocifissione contro un religioso quando le crocifissioni erano riservate a coloro che operavano contro la stabilità delle istituzioni, cioè contro i ribelli? Non trovando allora una soluzione legale per risolvere questo problema, costruirono quel processo farsa che troviamo riportato sui quattro vangeli. Portarono sì Gesù sul tribunale romano, come riportava la tradizione riferentesi a Giovanni, ma invece di far emettere la sentenza di morte dai romani perché rivoluzionario, la fecero pronunciare dai Sadducei e dal popolo ebraico che lo condannarono a morte come religioso per essersi dichiarato figlio di Dio. Fu così, con questo raggiro, che fecero figurare che il loro Gesù, pur essendo stato giudicato da un procuratore, era stato condannato a morte non come Messia rivoluzionario, ma come Messia apportatore della buona novella. Tutto il processo, basato su vaghe domande da parte degli inquisitori e di "vuoti" silenzi da parte dell'imputato, fu risolto in definitiva con quella lavata di mani che, togliendo ai romani ogni responsabilità, caricava di accuse gli ebrei che, alla domanda di Pilato: « Chi volete che liberi, costui che trovo privo di colpe (Gesù) oppure Barabba il brigante? » risposero: « Libera Barabba e crocifiggi Gesù! » aggiungendo subito: «Che il suo sangue ricada su di noi e sui nostri figli », un'automaledizione che, non trovando nessuna motivazione circa il perché se la siano rivolta, può essere giustificata soltanto da un'intenzionalità da parte dei cristiani di far riconoscere a loro stessi in modo che non ci potesse essere possibilità di attenuanti, la colpa di essere stati gli assassini di Cristo, il figlio di Dio. A questo punto potrei spiegare chi fosse in realtà Barabba, ma preferisco riservarmi di mettere "questa ciliegina sulla torta" soltanto dopo aver trattato della passione e morte di colui che i cristiani chiamano "Nostro Signore Gesù Cristo". Spiegato così, sia pure sommariamente, come fu imbrogliato il processo romano per dare alla crocifissione una subordinazione religiosa, vediamo di esaminare le vicende che gli evangelisti attribuirono alla Passione di Gesù attraverso un esame storico e usando quel minimo di buonsenso e di ragione che si esige per comprendere i fatti. 1 ) Ammesso che fosse stato Pilato a presiedere il tribunale in cui fu giudicato Gesù, i redattori dei Vangeli che lo fecero passare per una persona indecisa che, lavandosi le mani, rimetteva la sentenza al giudizio del popolo certamente non lo conoscevano. Se avessero letto ciò che diceva Filone Alessandrino nella biografia che

scrisse su di lui, nella quale metteva in particolare risalto una severità nei processi e un autoritarismo contro i Giudei che spesso si confondeva con la crudeltà, si sarebbero forse ben guardati dall'attribuirgli quella lavata di mani che lo fa apparire un vile e un titubante. Basti dire che la figura di Ponzio Pilato, come uomo impietoso e feroce, rimase per molto tempo impressa nella memoria dei Giudei per convincerci ancora di più che tutto ciò che è stato scritto nei Vangeli è un prodotto o dell'ignoranza o di un'intenzionalità a ingannare. A me personalmente, poi, fa ridere il fatto che Pilato, dopo aver lasciato d'urgenza Cesarea Marittima, residenza del procuratore romano in Giudea, perché informato della rivolta in atto, e aver inviato una coorte (600 soldati) al comando di un tribuno nel pieno della notte per sedarla, trovandosi di fronte il capo della sommossa, possa aver chiesto a quelli che glielo consegnarono, cosa avesse fatto: "Uscì Pilato verso coloro che glielo consegnarono e domandò: «Che accusa portate contro quest'uomo? » (Gv. 17-29). E, colmo dei colmi, alla fine risulta che la sua unica colpa è quella di essersi dichiarato "Bar Abba", cioè figlio di Dio. 2) II contrasto esistente nell'indole dei discepoli che, mentre viene sostenuto che fossero dei pacifici pescatori destinati a spandere la buona novella e a compiere miracoli, vengono presentati nel corso dell'ultima cena come rivoluzionari che seguono il Maestro sul monte degli Ulivi armati di spade. (E' la prima volta che sento dire che le armi sono uno strumento di preghiera!). 3) E' inammissibile ammettere che il tribuno, ufficiale romano inviato da Ponzio Pilato, invece di tradurre il prigioniero al tribunale romano, lo conduca al Sinedrio per consegnarlo ai sacerdoti giudei. 4) Far celebrare il processo ebraico nel sinedrio, che era il luogo delle riunioni politiche e sociali, e non nel Beth-Din, che era il tribunale, dimostra ancora una volta l'ignoranza dei neocristiani che, essendo di origine pagana, ignoravano in maniera assoluta le regole più elementari del Pentateuco (Torah). Ignoranza che si manifesta ancora nel far celebrare il processo durante le feste di Pasqua e per giunta di notte, cose assolutamente proibite presso gli Ebrei, e nel far emettere dal sommo sacerdote Caifa una condanna a morte subito dopo l'interrogatorio quando, sempre secondo il Pentateuco, le sentenze non potevano essere emesse prima che fossero passate ventiquattro ore dal processo. 5) Conoscendo le date relative ai pontificati dei due sommi sacerdoti, l'asserzione che Caifa inviò Gesù presso Anna perché lo giudicasse, dal momento che Anna aveva terminato il suo incarico di sommo sacerdote nel 15, costituisce un'altra circostanza che esclude nella maniera più decisa che i Vangeli sono stati scritti da testimoni presenti ai fatti come afferma la Chiesa. Tante altre sarebbero le considerazioni da farsi su questo processo ebraico che in realtà non si è mai tenuto, processo che, costruito esclusivamente con le profezie, non fece che suscitare critiche e derisioni da parte degli oppositori. Il tempo in cui si svolge tutto il dramma evangelico è di per se stesso già un paradosso. Seguendo le tante vicende che si svolsero nel giro delle poche ore comprese tra il mattino e le tre del pomeriggio, si ha l'impressione di avere davanti uno di quei film muti nei quali il moto degli attori viene presentato in maniera comicamente accelerata: arresto di Gesù, resistenza dei discepoli ai soldati romani durante la quale viene staccato un orecchio a una guardia del tempio, cattura e traduzione del medesimo dall'Orto degli Ulivi a Gerusalemme (un chilometro e mezzo), processo nel Sinedrio, trasferimento da Caifa ad Anna, da Anna a Caifa, processo romano, altro trasferimento da Pilato a Erode e da Erode a Pilato, ballottaggio con Barabba, flagellazione e derisione dei soldati romani che tirano a sorte le vesti del condannato, viaggio verso il Calvario con la croce sulle spalle, tre cadute, il discorso alle pie donne, la pausa nella quale il sofferente regala una foto ricordo alla donna che gli aveva asciugato il sudore dal viso, crocifissione, agonia e

finalmente la morte, il tutto nel giro di sette-otto ore. E tutto questo perché, se Gesù fosse morto dopo il tramonto, la sua anima sarebbe stata maledetta per le tre leggi del Pentateuco che imponevano: 1) Il cadavere di un condannato non può essere tolto dal palo dopo il tramonto. 2) Se il condannato muore dopo il tramonto e passa la notte al palo la sua anima sarà dannata. 3) E' proibito togliere dal patibolo i cadaveri nel giorno di Pasqua. (La Pasqua veniva celebrata di Sabato e Gesù morì nel pomeriggio del venerdì). Di conseguenza, Gesù doveva assolutamente morire prima della fine del giorno perché potesse essere tolto dalla croce prima del tramonto per non avere l'anima dannata. (Era per questo motivo che gli ebrei, per evitare che l'agonia potesse protrarsi oltre la calata del sole, legavano al palo i condannati soltanto dopo averli già uccisi con la lapidazione). Di conseguenza, la durata dell'agonia che normalmente durava da tre a quattro giorni, fu ridotta in Gesù, per esigenze di copione, a sole tre ore. Ma per quanto cercassero di fornire, in una maniera anche fin troppo dettagliata, i particolari della passione e della morte, alla fine risultò che avevano commesso un grave errore nei calcoli del cerimoniale, perché facendolo morire la sera del venerdì e facendolo risorgere il giorno dopo, cioè il Sabato giorno di Pasqua, venivano meno quei famosi tre giorni che il loro Salvatore avrebbe dovuto trascorrere da morto per poter scendere agli inferi come tutti gli altri Soters nell'ambito dei Culti dei Misteri. Per riparale allora a questa lacuna anticiparono nel Vangelo di Giovanni la data della morte di un giorno portandola dal venerdì al giovedì ma con un risultato del tutto insoddisfacente mancando comunque trentasei ore per raggiungere i tre giorni passati nel sepolcro, quei tre giorni che i cristiani, nonostante l'evidenza dei fatti, nella loro semplicità di "poveri di spirito" continuano a sostenere che ci siano stati ogni volta che ripetono quel passo del "Credo" che recita: "...Gesù morì sotto Ponzio Pilato e il terzo giorno resuscitò da morte... ".

LE PROFEZIE.
Mancando ogni riferimento storico, i redattori dei Vangeli costruirono la passione e morte di Gesù mettendosi alla ricerca di tutte quelle espressioni bibliche che, annunciando i fatti sotto forma di profezie, avrebbero dovuto garantire la veridicità delle loro affermazioni. Estratte così dalla preghiera del "giusto sofferente" (salmo 21) le espressioni : "Si dividono le mie vesti e sul mio vestito gettano la sorte" e "Hanno forato le mie mai e i miei piedi e posso contare le mie ossa ", senza pensarci su due volte, andando contro tutte le leggi sulla crocifissione che volevano che i condannati fossero legati per le braccia con una corda, forarono le mani e i piedi del loro Gesù con i chiodi e misero in mano ai soldati romani i dadi per sorteggiare i suoi vestiti. Se fecero dire a Gesù prima di spirare: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato" lo fecero perché questa frase, pronunciata da Davide in qualità di profeta, veniva riportata nel Salmo XXII, espressione che, in seguito alla critica degli avversali che fecero rimarcare che non si addiceva a un Salvatore, venuto sulla terra per insegnare la fiducia in Dio, un'espressione di sconforto, cambiarono nel vangelo di Luca con: "Dio mio, Dio mio, rimetto nelle tue mani il mio spirito ". Se poi qualcuno dovesse chiedersi chi fosse quel fanciullo che durante la cattura di Gesù all'Orto degli Ulivi viene fatto scappare nel vangelo di Marco a culo scoperto: "Tutti allora, abbandonato Gesù, fuggirono. Un giovanetto però lo seguiva, rivestito soltanto di

un lenzuolo, e lo fermarono. Ma egli, lasciato il lenzuolo, fuggì via tutto nudo"(Mc. 14/51), la risposta la trova nel libro dì Amos (II-16) in cui sta scritto. "Arrivato quel tempo il più bravo scapperà completamente nudo". (La Chiesa cerca di spiegare questa insulsaggine dicendo che questo giovanetto, dal momento che viene dichiarato "il più bravo", poteva essere l'Apostolo Giovanni che era considerato il migliore amico di Gesù). Anche se qualche storico ha insinuato dei sospetti che mi rifiuto di accettare e dei quali preferisco non parlare, è evidente che questo giovanetto che durante la cattura intravediamo nelle prime luci dell'alba correre nudo tra gli olivi non può essere Che una comparsa messa nella grande sceneggiata evangelica per dimostrare che la vita di Gesù, dal momento che era stata annunciata dalle profezie, era vera in tutto, anche nei dettagli. Se a chi veniva crocifisso durante l'agonia si bagnavano le labbra con un liquido amaro estratto da erbe aromatiche e radici, perché a Gesù dettero invece aceto e fiele? Ebbene la risposta la troviamo nel Salmo LXIX nel quale è scritto: "Quando avevo sete mi dettero da bere l'aceto e nel cibo ci misero il fiele". Ma per renderci bene conto dell'assurdità delle profezie bisogna esaminare le frasi che nel loro contesto originale assumono un ben altro significato da quello che gli venne attribuito dai falsari che le usarono separandole dai versi che le precedeva e da quelli che le seguivano. La frase "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato ? " messa in bocca a Cristo per esprimere la sofferenza che egli provò nell'agonia, se fosse stata recitata per intero, avrebbe dato un risultato piuttosto compromettente dal momento che continua: "«Tu sei lontano dalla mia salvezza. Dio mio, t'invoco di giorno ma non rispondi, grido di notte e non trovo riposo. Ma io sono verme, non uomo, infamia degli uomini, rifiuto del mio popolo. Mi scherniscono quelli che mi vedono ecc.ecc»" Cos'altro si potrebbe concludere, se mettessimo in bocca a Gesù tutto il resto del salmo, se non che egli è un verme, l'infamia degli uomini ecc.ecc? Così è per tutte le frasi che furono tratte dalla Bibbia per essere usate come profezie, tutte frasi che se colte separatamente possono adattarsi alla situazione a cui le riferiscono, nel contesto invece assumono un significato ben diverso e spesso del tutto contrastante. Una tale sfacciataggine poteva avere successo soltanto presso la grande ignoranza e superficialità che dimorava allora presso i primi cristiani che rappresentavano la parte più retrograda delle popolazioni dell'impero come oggi, gli stessi, rappresentano l’oscurantismo dell'umanità, un' oscurantismo che sempre più rappresenta un ostacolo per lo sviluppo razionale dei popoli. (Ci sono già tante proposte da parte dei rappresentanti dei paesi ONU di escludere il Vaticano, che in seno all'assemblea ricopre un ruolo di auditore, perché con i suoi "veto" rappresenta un serio ostacolo all'emancipazione sociale). II Santo Padre incita i cristiani ad un suicidio di massa.

(Da Tribuna degli Atei- Bruxelles-Belgio)

D'altronde il primo presupposto che esige il cristianesimo per imporsi non è forse la ignoranza? Se non fosse così perché allora la Chiesa si è sempre opposta, e si oppone ancora, a tutto ciò che rappresenta il progresso? Continuando con le profezie, prendiamo ancora quella che Matteo trae da Geremia per spiegare che fine fecero i trenta denari che Giuda ricevette in cambio della delazione. In questa profezia, oltre alla sua errata interpretazione, c'è anche un errore circa il Profeta a cui essa si riferisce. Infatti non è Geremia, come viene detto dai Vangeli, ma bensì Zaccaria il profeta che parla del pastore che gettò nel "vasaio" i trenta denari ricavati dalla vendita del gregge, quei trenta denari che, secondo quanto era scritto, dovevano essere il prezzo di quel tradimento con cui Giuda vendette Gesù ai Sacerdoti sadducei. (Perché si possa comprendere bene la questione dirò che Gesù, quale agnello sacrificale, rappresenta le pecore che sono state vendute). Su Zaccaria (non su Geremia come viene erroneamente riportato dai falsari su Matteo), si legge: (XI-13): "Un pastore, stanco di pascere le pecore, (faccio il riassunto) le portò a vendere presso dei mercanti i quali gliele comperarono per trenta denari. Eseguita la compravendita, il pastore si recò dal padrone che gli aveva affidato il gregge, e gli chiese: «Cosa debbo fare di questi trenta denari?» e il padrone, ritenuto che i soldi ricavati rappresentavano una cifra irrisoria di fronte al valore reale delle pecore, per dimostrargli il disprezzo per il cattivo affare che aveva fatto, gli disse di gettarli nel "vasaio ", cioè nel recipiente che era sito all'entrata del tempio per ricevere le elemosine". E da questa favola biblica che i falsari trassero la storia che tutti conosciamo nella quale viene raccontato che Giuda, preso dal rimorso, ritornò dai sacerdoti che lo avevano pagato e gettò ai loro piedi i trenta denari ricevuti dalla vendita di Gesù, che essi, dopo averli raccolti, gettarono nel Vasaio ma in una maniera talmente differente da come veniva riportata dalla Bibbia da rendere il passo del vangelo addirittura ridicolo. Poiché i falsari cristiani, essendo di origine pagana, nulla conoscevano della Bibbia, non sapendo che il "vasaio" era il vaso per le elemosine, aggiustarono il tutto dicendo che i sacerdoti usarono i trenta denari per comperare un terreno che si chiamava "vasaio", un terreno, viene spiegato nei Vangeli, che poi fu utilizzato per seppellirci i forestieri: "Giuda, gettati i trenta denari ai piedi dei sacerdoti, andò a impiccarsi. I sacerdoti, non trovando lecito di tenersi quei soldi perché erano il ricavato di un tradimento, decisero di comprarci il Campo del Vasaio per la sepoltura degli stranieri perché si adempisse la profezia di Geremia (?): « Presero trenta denari d'argento, il prezzo del venduto, che i figli d'Israele avevano mercanteggiato e li diedero per il campo del Vasaio come aveva ordinato il Signore". (Mt. 27). Ma non furono soltanto le profezie ad essere usate dai cristiani per comporre la passione del loro Cristo poiché molti furono i passi che essi ripresero dai vangeli pagani nei quali i Soters, prima di essere uccisi, venivano scherniti per essersi dichiarati dèi. Come a Marduk, così fu messo sulle spalle di Cristo il mantello rosso dei re in segno di scherno, in mano gli fu posta una canna a mo' di scettro e sul capo una corona con la sola differenza che mentre quella di Marduk era fatta di foglie di acanto la loro era di spine e, a imitazione di Mitra, costruirono la scena nella quale Gesù disse ai suoi apostoli che lo avrebbero rivisto scendere dal cielo da sopra una nube per giudicare i vivi e i morti. Tutta la vita di Gesù, dalla nascita alla morte, si riduce a una recita che vede il protagonista muoversi secondo un copione già scritto dalle profezie, un copione imposto che trasforma il fondatore del cristianesimo in una marionetta azionata dai fili di un destino già prestabilito. Privo di ogni iniziativa e personalità egli segue come un automa le vicende che si susseguono dalla nascita alla morte secondo un programma stabilito dalle profezie che ineluttabilmente devono compiersi perché sia fatta la volontà del Padre che è nei Cieli. L'esistenza di Gesù, imposta dalle profezie, è la chiara dimostrazione

dell'incoerenza di Dio che castigando o premiando pur conoscendo il futuro, ci porta a chiederci: « Se tutto ciò che avviene era stato già prestabilito, come può Dio giudicare gli uomini ritenendoli responsabili delle loro azioni? Come si può condannare Giuda se era scritto che egli doveva tradire? Se Giuda fosse stato veramente libero di decidere e non avesse tradito, come si sarebbe allora realizzata la passione di Cristo che è stata fatta dipendere dal suo tradimento? Soffermarsi a discutere su un tale argomento significherebbe declassare l'intelligenza umana tanto appare ovvia la conclusione a cui si può pervenire. Questo interrogativo, mai risolto dalla Chiesa, fece correre dei grossi rischi al cristianesimo in quella diatriba che vide i Tornisti, seguaci di Tommaso d'Aquino, che sostenevano il fatalismo, opporsi ai Molinisti che, seguaci del gesuita Molina, difendevano invece il libero arbitrio. In un'accusa reciproca di ateismo, andarono avanti per decenni finché, nel 1607, Papa Clemente VIII proibì di proseguire la disputa che, secondo lui, stava portando alla negazione dell'esistenza di Dio. La questione, rimasta insoluta, è una delle maggiori prove del fallimento teologico della religione cristiana. Le stesse incoerenze e assurdità che si trovano nella vita di Gesù le ritroviamo in quel periodo che seguì la sua morte. Siccome nei vangeli apocrifi il periodo passato sulla terra dopo la Resurrezione variava, facendolo durare alcuni anche diciotto mesi, nella prima edizione dei vangeli canonici decisero di far salire Gesù in cielo direttamente dal sepolcro a imitazione dei Soters pagani. Se in seguito questa versione fu successivamente ancora corretta dicendo che Gesù era rimasto sulla terra quaranta giorni ciò dipese dal fatto che dovettero rispondere alle critiche degli oppositori che, deridendoli, dicevano loro che l'aver trovato un sepolcro vuoto non era una prova sufficiente per dimostrare la resurrezione, in quanto potevano essere stati gli stessi apostoli ad aver trafugato il corpo. Infatti si rimarcherà che le aggiunte poste in seguito dai falsari non ha altro scopo che quello di fornire le prove di una resurrezione avvenuta: fanno toccare la ferita del costato all'apostolo Tommaso, fanno parlare il risorto con le varie Marie e lo fanno ripetutamente mangiare con i discepoli ai quali si presentava, guarda caso, sempre all'ora di cena e in un camerone che se ci tengono a far rimarcare che era ermeticamente chiuso è per dimostrarci che egli entrando attraverso i muri era veramente il Dio-uomo (come Dio in qualità di spirito passa i muri e come uomo mangiava il pesce) risorto e non un impostore che si faceva passare per Gesù come i loro nemici sostenevano riferendosi a quei passi dei vangeli in cui si diceva, in un'altra precedente gaffe, che le Marie e gli stessi apostoli, incontratolo, non lo avevano riconosciuto. "La sera di quello stesso giorno, mentre erano chiuse le porte del luogo ove si trovavano i discepoli per timore dei giudei venne Gesù e disse: « pace a voi!»....ma poiché per la grande gioia gli apostoli non credevano ed erano stupefatti, aggiunse: «Avete qualche cosa da mangiare?». Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro ". Così , dopo aver mangiato, come era entrato riuscì dal luogo dove erano riuniti gli apostoli. Ciò che mi lascia perplesso nel leggere questo passo del vangelo non è tanto il fatto che Gesù passi attraverso i muri, dal momento che tutto è possibile a chi possiede un corpo simile a quello degli angeli, quanto il costatare che insieme a lui attraversino i muri anche i pesci che erano nel suo stomaco. Basta leggere il passo di Matteo (28-11) riguardante "le guardie subornate" (corrotte) per comprendere le critiche che i costruttori dei vangeli ricevevano dai loro oppositori. Insomma, per farla finita con questa farsa della resurrezione, diciamo che alla fine, passati quaranta giorni, stando a quanto dicono gli Atti degli Apostoli, Gesù lasciò la terra scomparendo dietro una nuvola: "Gesù fu elevato in alto sotto gli occhi degli apostoli e una nube lo sottrasse ai loro sguardi" (At. 1-9).

Questa ascensione, ovvero questa elevazione verso un paradiso che si trova in alto, avendo perso ogni significato dopo che Galileo dimostrò che un corpo nell'infinito non ha né alti né bassi, né destre e né sinistre, non è che la dimostrazione di quell'oscurantismo di cui ha bisogno la Chiesa per imporre le sue verità sostenute dai sogni e dalle visioni. La dimostrazione che fece Galileo sulla sfericità di una Terra che girava intorno al sole contrastava con troppi passi delle Sacre Scritture perché non fosse condannata. Oltre a ridicolizzare quel "fermati, sole" di Giosuè e il concetto dell'Ascensione, dimostrava anche l'assurdità di quel passo del Vangelo, basato sul concetto di una terra piatta, nel quale si racconta che Satana per tentare Cristo gli dice, dopo avergli mostrato dalla cima di un monte tutti i regni del mondo: «Tutte queste cose ti darò se prostrandoti mi adorerai». Questo passo del Vangelo di Matteo che potrebbe apparire un dettaglio insignificante a chi segue la logica e il buon senso, per i dotti della Chiesa era invece una verità inconfutabile, tanto indiscutibile da costituire una verità di fede così assoluta che a negarla avrebbe comportato la morte. Morte per rogo a cui fu condannato un certo Cecco d'Ascoli nel 1610 per avere soltanto detto che "non era possibile poter vedere tutti i regni della terra da una montagna per quanto altissima fosse stata".

BARABBA.
Di tutta la vita di Gesù la parte che maggiormente impegnò i falsari per dissociare la sua figura da quella di Giovanni fu la crocifissione, comportando essa la prova che il condannato fosse quel rivoluzionario che la tradizione e i documenti ricordavano essere stato condannato durante l'era messianica perché arrestato sul Monte degli Ulivi mentre era in procinto di dare inizio a una rivolta. Per eludere allora le conseguenze che avrebbe comportato la crocifissione, le versioni che inizialmente i cristiani dettero alla morte di Gesù, prima di giungere a quella definitiva riportata dai vangeli canonici, furono tre: nella prima veniva asserito che Pilato, temendo una rivolta se lo avesse assolto, lo aveva ceduto spontaneamente ai giudei i quali lo avevano condannato alla lapidazione sotto l'accusa di essersi dichiarato figlio di Dio. Ma sembrando questa versione inaccettabile per la viltà che attribuivano a un procuratore romano che si era lasciato intimidire dal popolo, ne tirarono fuori una seconda nella quale dicevano che Pilato aveva ceduto Gesù ai giudei in cambio di una somma offertagli dai sacerdoti sadducei. Ma se la prima si era mostrata denigratoria verso un procuratore, la seconda, mostrandosi offensiva addirittura contro i romani che faceva passare per un popolo di corrotti, fu anch'essa subito ritirata. Fallite così queste due versioni fatte per dare a Gesù una morte per lapidazione, ne costruirono una terza nella quale fecero figurare che nel processo c'erano due Messia, uno rivoluzionario e uno pacifista che avevano entrambi svolto la loro missione nello stesso periodo facendosi chiamare entrambi "Figli di Dio" cioè "Bar Abba". Il processo si svolgeva in tutto e per tutto uguale a quello che troviamo oggi nei vangeli canonici eccetto il finale che si concludeva con la condanna a croce del brigante e la liberazione di Gesù. Ma anche questo espediente che avevano ripreso dal "Vangelo di Filippo", ebbe breve durata perché, anche se poteva essere valida per evitare la morte per crocifissione, dichiarando che Gesù si era salvato, rendeva impossibile la resurrezione che doveva seguire la sua morte, quella resurrezione che era la virtù base che dovevano acquisire i Soters per trasmettere attraverso l'Eucaristia l'immortalità agli uomini. Praticamente, eludendo la morte, avrebbero vanificato l'esistenza del loro Messia. Comunque questa versione riportata dal vangelo di Filippo non fu respinta da tutti, poiché molti continuarono a sostenerla nell'ambiente orientale cristiano tanto che, trasmessasi nel

mondo arabo, fu quella ritenuta valida dai musulmani che ancora oggi sostengono che Gesù non morì in croce, come dicono i cristiani, ma in tarda età come d'altronde veniva sostenuto dall'ideologia gnostica che dette le basi all'islamismo. ( A questo punto ritengo che sia interessante dire che già precedentemente era stato considerato un altro processo nel quale si diceva che Gesù non era morto per crocifissione perché al suo posto era stato crocifisso un altro. Colui che aveva affermato questo era stato lo gnostico Basilide il quale, sostenendo che Cristo non poteva morire avendo soltanto un'apparenza di carne, diceva di aver appreso da un certo Glaucias, che a sua volta era stato il traduttore del Vangelo di Pietro, che al Posto di Cristo era stato crocifisso un certo Simone di Cirene che si era offerto di morire al suo posto, quel Simone di Cirenc che in una stazione della Via Crucis lo vediamo aiutare Gesù a portare la croce ). Eliminata così anche la costruzione processuale del vangelo di Filippo, i falsari costruirono quel processo che, rimasto definitivo, risulta tutt'ora nei quattro Vangeli canonici. Come aveva fatto Filippo anche loro misero i due Messia uno di fronte all'altro, il buono rappresentato da Gesù e il cattivo, cioè il rivoluzionario, rappresentato dal brigante. A questo punto, per comprendere il processo la cosa migliore è seguire la recita come è stata impostata nei Vangeli: sulla scena ci sono, a sinistra il Messia dei cristiani collocato lì dai falsati con il nome di Bar Abba, al centro il procuratore romano nel ruolo di giudice, e sulla destra il Messia rivoluzionario messo dalla storia, anche lui detto Bar Abba, che gli stessi Vangeli, pur non rivelandone il nome, ci dicono chiaramente chi fosse: Matteo: "Avevano in quel tempo un prigioniero famoso detto Bar Abba". (Giovanni era famoso) Marco: "Un tale chiamato Bar Abba si trovava in carcere insieme ai ribelli che nel tumulto avevano commesso un omicidio" (Marco). (Il tumulto che Giuseppe Flavio attribuisce all'egiziano) Luca: "C'era un certo Bar Abba che era stato messo in carcere per una sommossa scoppiata in città e per un omicidio".(Stesso riferimento alla sommossa attribuita all'egiziano) Giovanni: "Barabba era un brigante". (E' il nome che davano ai rivoluzionari estremisti zeloti). Se costui veniva chiamato Bar Abba, se era famoso, se era stato catturato per una sommossa scoppiata in città, se era un brigante, come gli zeloti venivano chiamati, chi altri poteva essere se non Giovanni il Nazoreo, quel Messia nato a Gamala, come gli stessi vangeli ci confermano, il quale era stato catturato dai romani nell'orto degli ulivi durante le feste di Pasqua? E i vangeli proseguono dicendoci che siccome i Romani erano soliti graziare un malfattore nelle feste di Pasqua, Pilato ordinò che se ne prendesse uno dal carcere perché i giudei decidessero quale dei due Bar Abba egli doveva liberare. (Prima di proseguire ci tengo a dire che mai i Romani avevano praticato l'usanza di liberare un malfattore né a Roma né tanto meno in Palestina e sopratutto in occasione di una festa religiosa ebraica. Se nella storia di Roma si era verificato qualche condono esso era avvenuto soltanto in occasioni saltuarie determinate da grossi avvenimenti politici, quali i "Trionfi", ma sempre verso detenuti colpevoli di piccoli reati). I soldati romani scesero nelle prigioni, presero un malfattore che, guarda caso, si chiamava proprio Bar Abba, e lo condussero sulla scena evangelica senza però accorgersi che durante il tragitto i falsari cristiani, con un atto di magia, gli avevano cambiato i connotati trasformando il suo appellativo "Bar Abba" nel nome proprio di Barabba, con quello stesso atto di magia che avevano usato per Simone che da latitante ("Bargiona") lo avevano fatto divenire figlio di Jona ("Bar Jona").

«Chi volete che liberi dei due, chiese Pilato, il Bar Abba dei cristiani, (il fantasma che vi è stato messo davanti dai falsari), o il Bar Abba degli esseno-zeloti, il vero personaggio ricordato dalla storia e dalla tradizione?». «Dei due Bar Abba, sia crocefisso quello dei cristiani, cioè il Gesù Nazareno dei falsari, e liberato quello della storia, ossia Giovanni il Nazoreo, figlio di Giuda il Galileo! » rispose la folla secondo il copione redatto dagli impostori, quel copione che poi è stato tramandato sotto l'etichetta dei Vangeli, quei Vangeli che col tempo acquisirono tanta credibilità da essere presi come garanzia di verità nei giuramenti presso i tribunali. Giovanni, il Messia rivoluzionario, liberato e fatto sparire nel nulla, fu definitivamente eliminato dalla storia per lasciare il posto a quel Salvatore anonimo su cui fu fondato il cristianesimo. Gesù prese sulla spalle il patibolo, cioè l'asse trasversale che veniva posato sulle due forche e, preso il posto di Giovanni, salì sul Calvario per essere crocifsso per la nostra salvezza. Per darci poi la prova che colui che era stato crocifisso non era un rivoluzionario ma veramente Gesù, il figlio di Dio disceso sulla terra per riscattare gli uomini dei loro peccati (?!?), i redattori dei Vangeli scrissero che il cielo si oscurò, ci fu un gran terremoto e che si squarciò il muro del Tempio di Gerusalemme che proteggeva il Sancta Sanctorum nel quale abitava quell'altro Dio, quel Yhavè degli Ebrei che loro si erano ripromessi di distruggere per sostituirlo con il loro che in realtà era lo stesso, identico Dio. Infatti il crollo del velo del tempio che proteggeva l'altare di Yhavè non è che un'allegoria usata dai cristiani per annunciare al mondo la fine dell'ebraismo e l'inizio del cristianesimo. Matteo, discepolo presente alla crocifissione, dopo averci detto che Gesù spirò emettendo un grande grido, aggiunge: "La terra si scosse, le rocce si spezzarono, i sepolcri si aprirono e molti corpi di santi resuscitarono. E uscendo dai sepolcri entrarono nella città santa e apparvero a molti". E come se non bastasse questo per dimostrare che il Crocifisso era proprio il loro Gesù corroborarono la sua morte con altri strepitosi episodi. Scrissero che un certo Quadratus, vescovo di Atene, aveva dichiarato in una sua apologia dedicata all'imperatore Adriano che molti di questi resuscitati del Venerdì Santo vivevano ancora nella sua epoca, e fecero dire a Nicodemo nel suo vangelo che due di questi, che si chiamavano Lecius e Clarinus, erano andati in giro per Gerusalemme, una volta ritornati in vita, raccontando che mentre essi salivano da sotto terra per ritornare nel mondo dei vivi, avevano incontrato Gesù Cristo che scendeva per visitare gli inferi. A questo punto, come conclusione di questo libro, ci tengo a dire che, per quanto il grido emesso da Gesù prima di spirare possa essere stato forte io non l'ho sentito. Al suo posto mi è arrivato quello che emise il Cavaliere della Barre a cui nel 1766 fu strappata la lingua prima che accendessero il rogo sul quale fu portato con una barella avendogli, i carnefici della "Santa Inquisizione", rotto le ossa da non potersi reggere in piedi. Volete sapere il motivo per cui questo giovane di diciotto anni fu così barbaramente torturato, condannato ad essere bruciato vivo sul rogo dopo avergli strappato la lingua? Perché non si era genuflesso e levato il cappello al Crocifisso che gli era passato davanti in processione.

Il Processo Don Enrico Righi sfida Luigi Cascioli Luigi Cascioli confuta le obiezioni L'ateismo di Luigi Cascioli Lettera aperta al Vaticano Le vittime della Chiesa Cattolica L'Apocalisse Sesso e Cristianesimo Nudismo e Satanismo Links e Rubriche Acquista e Regala il libro Approfondire Contatta l’autore Nota del releaser

pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag.

163 165 171 193 198 203 222 229 246 264 266 267 268 269

1) Querela 2) Memorie integrative presentate in aggiunta a quelle già portate nella querela 3) Richiesta di un esperto (Incidente probatorio) presentata al tribunale da Luigi Cascioli 4) Richiesta di archiviazione 5) Opposizione all'archiviazione 6) Esposto alle maggiori autorità con AR riguardante la richiesta dell'archiviazione non ritenuta giusta dal Cascioli 7) Commento alla richiesta di archiviazione 8) Decreto fissazione udienza 9) L'avvocato Mauro Fonzo assume la difesa 10) Udienza 11) Ulteriori prove dimostranti la non esistenza storica di Gesù consegnate al giudice all'udienza del 21 novembre 2003 12) Il Giudice Mautone rigetta l'opposizione 13) Commento all'opposizione di Luigi Cascioli 14) Opposizione dell'avv. Fonzo all'archiviazione e seconda denucia presentata al Tribunale di Perugia in seguito alla proposta di archiviazione del Giudice Mautone 15) Esposto dell'Avv. Fonzo al Tribunale di Perugia 16) Don Enrico Righi, parroco di Bagnoregio (VT), è stata iscritto nel registro degli indagati 17) Commento all'iscrizione di Don Enrico Righi nel registro degli indagati 18) Lettera aperta a Don Enrico Righi, parroco di Bagnoregio (VT) 19) Lettera aperta al Cardinale Biffi 20) Richiesta di archiviazione 21) Opposizione alla richiesta di archiviazione

13 settembre 2002 27 novembre 2002 21 gennaio 2003 8 maggio 2003 14 maggio 2003 14 giugno 2003 26 settembre 2003 15 novembre 2003 21 novembre 2003 21 novembre 2003 15 febbraio 2004 24 marzo 2004 23 aprile 2004

Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui!

11 maggio 2004 4 giugno 2004 19 giungo 2004

14 settembre 2004

15 settembre 2004 Clicca qui! 23 settembre 2004 Clicca qui!

22) Commento alla richiesta di archiviazione del 15 sett. 2004 23) Processo a Gesù: ricusato il Giudice 24) La Corte d'Appello di Roma respinge la richiesta di ricusazione del Giudice Mautone 25) Fissazione udienza 26) Relazione udienza tenutasi presso il Tribunale di Viterbo il 27 gennaio 2006 27) Archiviazione del Giudice Mautone in seguito all'udienza del 27 gennaio 2006 28) Il Dott. GIOVANNI DI STEFANO, tra i più grandi avvocati in diritto internazionale, ha assunto la difesa di Luigi Cascioli nel ricorso al Tribunale di Strasburgo

Clicca qui!

29 aprile 2005 24 ottobre 2005 17 dicembre 2005 27 gennaio 2006 02 febbraio 2006 18 marzo 2006

Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui!

Don Enrico Righi sfida Luigi Cascioli
Dopo aver escamottato la mia denuncia ricorrendo all'anonimato (vedi fasi iniziali del processo su www.luigicascioli.it), don Enrico Righi, resosi conto che nella posizione d'indagato nella quale si trova non poteva più sostenere la figura del transfuga davanti a un'opinione pubblica che sempre più insistentemente gli chiedeva perché evitasse un confronto diretto in tribunale se veramente era convinto delle sue ragioni, ha deciso di farsi avanti portandomi quelle prove dell'esistenza storica di Gesù che ripetutamente avevo richiesto a lui, al Card. Biffi e all'Arcivescovo Carraro ma senza avere risposta.

Dal bollettino parrocchiale “ RISVEGLIO” N° 264 .

Questo è il vero titolo del libro pubblicato da Luigi Cascioli come “Favola di Cristo” La favola è un racconto immaginario che affonda le radici nella fantasia e che di conseguenza è aperto ad ogni soluzione la più inverosimile. Il fatto storico invece è tutto il contrario della favola perché non si fonda sulla fantasia, ma “in re”. Il Cristo uomo emerge come figura inconfondibile tra tutti gli uomini del passato con una quantità impressionante di testimonianze di provenienza religiosa e pagana. I personaggi non religiosi che parlano di Cristo sono moltissimi e lo fanno in maniera disinteressata, da osservatori lontani e sconosciuti tra loro: Giuseppe Flavio, Tacito, Svetonio, Plinio il giovane, Adriano, Trifone, Marco Aurelio, Epitteto, Publio Lentulo. Bisognerebbe sbuggiardarli uno per uno per annullare il Cristo Uomo di cui parlano. (Riporto “sbuggiardarli” con due g come è stato scritto sulla lettera). Uno storico che si rispetti dovrebbe conoscere il latino, il greco, i generi letterari, l'esegesi, la critica storica, l'analisi scientifica. La storia non s'inventa la si riscopre cercando pazientemente e mettendo insieme infiniti frammenti fino a comporre il mosaico originale! Il fatto storico è allergico alla immaginazione di che vorrebbe per forza. per malizia o per ignoranza piegarlo alle proprie tesi. È, se è, non è, se non è. Il Cascioli ha la preparazione dello storico? I giornalisti lo presentano come “studioso del Lazio” e come “storico” ma loro ci credono a queste qualifiche? Leggendo attentamente i loro articoli, questi titoli sanno tanto di presa in giro. 75 anni fa, quando venni battezzato, il parroco che mi fece cristiano già predicava il Cristo Uomo. Il Cascioli mi trascina davanti al tribunale perché “IO” tra 33.000 parroci italiani abuso della credulità popolare imbrogliando tutti col mettere Cristo al posto di Giovanni di Gamala. Il Cascioli sostiene che Cristo non è mai esistito. Se non vede il sole a mezzogiorno, non può denunciami perché lo vedo io. Dovrebbe denunciare tutti i vedenti (?!). Da duemila anni viene

“La favola di Giovanni di Gamala”.

rispettata la libertà di credere o almeno all'esistenza di Cristo uomo, ma il Cascioli non ammette questa libertà e mi denuncia perché non credo a quello che crede lui. (?!). Chi era Giovanni di Gamala? Che cosa ha fatto? Quali tracce ha lasciato? Ho l'impressione che il Cascioli sia l'unico testimone della sua esistenza (?!). Quanti personaggi in questi anni hanno cantato, dipinto, scolpito, elogiato Cristo? Sono tutti matti?! Tristo è colui che per vedere le stelle ha bisogno di una capocciata! Quanti martiri per Cristo! Tutti scemi? Quando crolla un edificio, s'indaga l'impresario non l'operaio che vi ha lavorato. Che parte ho io nell'operazione di Cristo? Se non fossi mai nato, oggi non cambierebbe nulla. Mi sembra di rileggere in chiave moderna la storia di don Chisciotte che assaliva i mulini a vento! Con don Chisciotte si ride, ma con Cascioli che si fa? Dopo 50 anni di sacerdozio, mi sarei aspettato un po' di riposo, invece mi trovo al centro di una disputa “ridicola” sulla esistenza storica dell'uomo Gesù. Di solito le feste finiscono con i fuochi, ma non credo mai che Cascioli festeggiasse i miei 50 anni di sacerdozio sparando una bomba così grossa! PAZIENZA. Don Enrico Righi.

Risposta di Luigi Cascioli Leggendo la lettera ci si rende subito conto che è stata scritta da un prete per il continuo ricorso che si fa all'arroganza e al sofisma per imporre le proprie verità. Se l'arroganza ci fa sorridere perché basata sull'utopica convinzione che hanno tutti preti di essere i soli detentori del sapere per aver studiato la teologia (scienza del nulla), il greco e il latino quando invece, ignorando le nozioni più elementari del sapere scientifico e pratico, sono i più grandi asini della terra, l'uso del sofisma (argomentazione logica in apparenza ma che nasconde intenzionalmente un errore) ci riempie di sdegno perché ci dimostra come ancora una volta si abusi dell'ignoranza popolare. Il sofisma è un ragionamento fallace che porta a una conclusione partendo da un presupposto che si dà per buono quando invece è sbagliato. Porto l'esempio di Sant'Anselmo che, per rispondere ai razionalisti che contestavano il fatto che Dio, prima della creazione, non poteva esistere nel nulla in quanto ché il nulla non è concepibile sotto nessuna forma, dette al nulla un significato esistenziale dicendo: << Il nulla è uguale e zero, zero è un concetto, quindi il nulla esisteva sotto forma di concetto>>. Uguale al ragionamento di Sant'Anselmo è quello di don Enrico allorché, all'inizio della lettera, per sostenere l'esistenza di Cristo dice: << Cristo è uguale a fatto

storico, il fatto storico non è una favola, quindi Cristo non è una favola ma un fatto storico >>. Due evidenti sofismi, il primo rappresentato nel porre il nulla uguale a zero, il secondo sta nell'affermazione che pone Cristo uguale a fatto storico, affermazione che dimostra subito la sua fallacità allorché si pretende suffragarla con prove prive di ogni attendibilità, quali i martiri che morirono per lui (citazione tratta da Pascal), i pittori che lo ritrassero, gli scrittori che lo elogiarono e i musicisti che lo cantarono e lo cantano ancora come i pifferai che suonano il “tu scendi dalle stelle” sotto le feste di Natale. Ritornando sulla grande “cultura pretina” che permette ai reverendi ecclesiastici di arrogarsi la qualifica di dotti, è interessante rimarcare la suddivisione che fa don Enrico dei personaggi che lui porta come testimoni dell'esistenza di Gesù. Dicendo che sono di provenienza “ sia religiosa che pagana ”, sapendo che il paganesimo è anch'esso una religione, è come se avesse detto, per distinguere due razze di maiali, “ di provenienza sia porcina che suina ”. Ameno che non avesse voluto dire, (speriamolo per lui), “ di provenienza sia ebraica che pagana” , riferendo alla prima Giuseppe Flavio e Trifone e alla seconda tutti gli altri. Lasciando, a questo punto, ogni ulteriore critica agli errori, voluti e non voluti, commessi nelle sole prime righe della sua lettera e don Enrico nell'illusione che gli articoli scritti su di me, quale storico del Lazio, “ sanno tanto di presa in giro” (argomento questo sul quale ritornerò alla fine ), passiamo ad esaminare il resto della lettera con tutte le fesserie che è riuscito a metterci dentro un dotto teologo, professore di greco e di latino. 1) Sfidandomi a sbugiardare le prove da lui portate, prove di natura prettamente storica, don Enrico non ha fatto altro che dimostrare quanto sia infondato l'espediente a cui sono ricorsi i giudici allorché, per archiviare la mia denuncia, hanno sostenuto che l'argomento non poteva essere trattato da un tribunale laico perché di natura teologica. (Vedi proposta di archiviazione del Pubblico Ministero Petroselli e relativa sentenza del Giudice Mautone in data 8 maggio 2003 – 15 febbraio 2004). 2) Portando per propria discolpa il fatto di non essere stato lui a inventare il personaggio Gesù perché già altri predicavano la sua figura di uomo prima che lui nascesse, don Enrico ha dimostrato di essere lui il primo a non credere o, almeno, a dubitare della sua esistenza. Se veramente credesse che le testimonianze da lui citate sono certe e inconfutabili, non cercherebbe di addossare su altri le proprie colpe. Quando le prove dell'innocenza sono evidenti e nette, non si ricorre alle vie traverse, come fa don Enrico, dicendo che l'inghippo lui lo ha trovato già bello che fatto perché costruito da altri che sono nati prima di lui.

<< Quando un edificio crolla, s'indaga l'impresario e non l'operaio che vi ha lavorato >>, insiste a dire don Enrico dimostrando una volta di più di essere lui il primo a dubitare della solidità delle fondamenta su cui è stata costruita la Chiesa. E come se non avessimo ancora capito che lui intende tirarsi fuori da ogni accusa lavandosi le mani di ogni responsabilità che potrebbe coinvolgerlo nella costruzione della “grande impostura”, ripete ancora: << Che parte ho io nell'operazione Cristo?>>, come per dire. << Se Cristo non è esistito, non accusate me, ma coloro che lo hanno inventato>>. Comportamento da Ponzio Pilato che esprime tutto l'ateismo che risiede nell'intimo del mondo clericale, ateismo ben conosciuto da tutti e sul quale così si esprime l'astronomo Lalande: << Sono numerosi i preti cattolici che non credono a Dio, ma per viltà, per paura di perdere il guadagno o la loro posizione sociale (per don Enrico sembra che attualmente sia il riposo) essi nascondono ciò che pensano. Ho avuto modo di comprenderlo numerose volte e qualcuno di questi furbi mi ha confessato che essi predicano ciò che considerano menzogna. Non si può avere compassione di questi individui che, oltre verso gli altri, sono disonesti verso se stessi>>. Ma don Enrico può dire e fare quello che vuole ma non cercare di liberarsi delle proprie responsabilità attribuendo ad altri le proprie colpe perché, anche se non è stato lui a costruire la truffa, ne è comunque correo sostenendola in qualità di complice. Patrocinare la causa di don Enrico dicendo, come ha fatto il suo avvocato Bruno Severo nell'udienza del 29 aprile, che egli non può essere accusato dei reati 661 e 495 del C.P. perché non è stato lui a inventare il “Pater Noster” e il “cristianesimo”, oltre che ad essere un chiaro riconoscimento dell'esistenza del crimine, anche se commesso da altri, costituisce una vera e propria apologia di reato, la stessa apologia di reato che commetterebbe chi pubblicamente affermasse che non è da ritenersi colpevole chi vende una paccottiglia velenosa perché non è stato lui ad inventarne la formula. 3) Dandomi la possibilità di dimostrare pubblicamente la falsità dei documenti su cui si basa l'esistenza storica di Cristo, don Enrico, quale ministro e rappresentante della Chiesa, ha messo il cristianesimo in una posizione estremamente critica di fronte a tutto il mondo qualora le mie obiezioni risultassero certe e inconfutabili. 4) In un compatimento da don Abbondio rivolto a se stesso, don Enrico, dicendo che non riesce a capire come sia possibile che tra i 33.000 parroci italiani sia stato proprio lui ad essere accusato di abuso di credulità popolare, dimostra di non aver capito che lui è soltanto il soggetto simbolico di una denuncia che in realtà coinvolge, con lui, non solo i 33.000 parroci italiani ma tutti gli ecclesiastici del mondo, compresi frati, monache, vescovi, cardinali e Sua Santità

il Vicario di Cristo. Lui, come ministro del cristianesimo, rappresenta nella denuncia tutta la Chiesa. Non c'è un Cristo per ogni prete e per ogni parrocchia. Una volta dimostrato che Cristo non è esistito la sua figura di uomo si estingue per tutti. Praticamente don Enrico non ne ha azzeccata una. Si può essere dotti teologi e professori di latino quanto si vuole ma se non c'è, non c'è! Di discussioni e diatribe riguardanti l'esistenza storica di Gesù ce ne sono state a migliaia se cominciamo a contarle da quella metà del secondo secolo nel quale si dette il via al cristianesimo, ma mai in forma pubblica e ufficiale come questa che si sta passando tra me e don Enrico. Tutte si sono svolte in scambi di opinioni in forma diretta ed indiretta ma sempre in una maniera ufficiosa che, rimanendo nel privato, sono finite con quei bla,bla,bla che hanno lasciato sempre le cose come stavano. Don Enrico, rispondendo alla mia querela in forma pubblica e ufficiale ha coinvolto per la prima volta la Chiesa in una discussione che, anche se viene sostenuta fuori da un'aula di tribunale, ha comunque tutte le caratteristiche di un vero e proprio processo, un processo che vede la Chiesa, nella persona di un suo rappresentante, seduta al banco degli imputati che si scagiona dalle accuse portando come prove delle propria discolpa le numerosissime testimonianze, “ di provenienza sia religiosa che pagana”, che le vengono da Giuseppe Flavio, Tacito, Svetonio, Plinio il Giovane, Adriano, Trifone, Marco Aurelio, Epitteto e Publio Lentulo; quelle prove chi io avevo insistentemente richiesto ma che la Chiesa, avendo capito le gravi conseguenze che ne sarebbero derivate se me le avesse pubblicamente fornite, mi avevano sempre negato. Perché don Enrico lo ha fatto? Perché don Enrico ha messo la Chiesa in una situazione così critica? Escludendo che abbia agito in disobbedienza, quale altro motivo ci può essere se quello generato da una grande leggerezza? Possibile che don Enrico non si sia reso conto che se io riuscirò a sbugiardare le prove da lui portate sarà la fine del cristianesimo dal momento che esso si regge essenzialmente sull'idea del peccato originale e del suo riscatto attraverso il sacrificio del figlio di Dio come uomo? Demolita la figura umana di Gesù, il cristianesimo, basato come è su di essa, automaticamente crolla, si estingue per la mancanza del soggetto che la sostiene. il corpo di Cristo. Almeno che la Chiesa non decida, per salvarsi, di ricominciare tutto da capo ricostruendosi sulla figura di un Cristo essenzialmente spirituale che è disceso dal cielo prendendo dell'uomo soltanto le apparenze come fu concepito da quegli gnostici che furono trucidati e distrutti perché dichiarati eretici. Questo è l'unico sistema che potrebbe permettere al cristianesimo di trascinarsi ancora avanti per qualche tempo, una volta che le prove dell'incarnazione

saranno smentite: riportare il cristianesimo alle sue origini, quelle origini essenopagane che negavano l'umanizzazione di Cristo. Sono sicuro che nella maestria che ha sempre dimostrato nel rigirare le frittate, la Chiesa, come è riuscita a far credere che Cristo è morto in croce, che Pietro è stato il primo Papa, che gli angeli hanno trasportato in volo la casa natale della Vergine Maria da Nazaret a Loreto, riuscirà anche ad operare questa nuova trasformazione facendo passare per canonici i vangeli di Marcione, Valentino e Carpocrate. Finché ci sarà la fede che permette di “camminare sulle acque”, tutto è possibile! Lasciando a questo punto don Enrico nell'illusione che gli articoli riferentisi a Cascioli “ sanno tanto di presa in giro ”, chiudo questa mia risposta alla sua lettera mostrandogli ciò che i giornali dicono di lui. Sul Messaggero di Viterbo, in riferimento all'udienza del 29 aprile, nella rubrica “Chi sale e chi scende” che tratta dei successi e degli insuccessi dei VIP della provincia leggiamo, a proposito di don Enrico che viene posto fra coloro che sono in discesa: << Abbia fede, il parroco di Bagnoregio, denunciato per aver abusato della credulità popolare sulla storicità di Cristo: sarà sicuramente assolto perché, in un caso come il suo, le vie della giustizia terrena sono come quelle del suo Principale: infinite (e benevolenti)>>. Pace e bene!

Luigi Cascioli. All'inizio della prossima settimana, cominciando con Giuseppe Flavio, sarà pubblicata sul sito www.luigicascioli.it la confutazione delle testimonianze che don Enrico ha potato come prova dell'esistenza storica di Gesù, detto il Cristo.
Se poi don Enrico vuole veramente sapere chi è Giovanni di Gamala, glielo dirò in privato al prezzo di una messa.

Risposta alle obiezioni
Anche se non ci fossero state le prove precedentemente portate dimostranti che Gesù è una costruzione di falsari, sarebbe stato sufficiente considerare il silenzio riservatogli dagli autori del tempo per convincerci della sua non esistenza.

Plinio il Vecchio
Plinio il Vecchio, morto nel 79, testimone dei fatti palestinesi che seguirono la presunta crocefissione di Gesù, avendo passato in Palestina un periodo di cinque anni compreso tra il 65 e il 70, non fa la minima menzione di un qualcuno che avesse questo nome. Famoso per la sua cavillosità nel redigere i fatti in ogni dettaglio, tanto da morire sul cratere del Vesuvio perché gli si era troppo avvicinato per rendersi personalmente conto del fenomeno eruttivo, se tace su Gesù e i cristiani non è certo per trascuratezza o indifferenza. Del periodo passato in Palestina di tante cose di cui parla, compresa quella riguardante quella comunità essena che si era istallata nel deserto dell'Engaddi della quale fa una descrizione che corrisponde esattamente a quanto abbiamo poi appresa su di essa dai rotoli di Qumran, nulla dice ne di Gesù ne di quella nuova religione formata dai cristiani che secondo gli Atti degli Apostoli andava sempre più imponendosi per il continuo afflusso di decine e decine di migliaia di convertiti.

Seneca
Filosofo e scrittore contemporaneo ai fatti evangelici, ignora nella maniera più totale Gesù, i cristiani e le persecuzioni che secondo la Chiesa furono eseguite contro di essi da Nerone. Nella ricerca di prove che colmassero questo vuoto estremamente significativo che veniva dal silenzio di Seneca che, quale precettore di Nerone, non poteva ignorare i cristiani se veramente fossero esistiti negli anni 50-60, San Girolamo (347-420), prendendo come spunto lo stoicismo che questo filosofo aveva praticato, nel colmo dell'arroganza arrivò ad affermare che era stato così vicino ai cristiani per la conformità che sentiva di avere con la loro teologia, da dichiararlo padre della Chiesa. E come se questo non bastasse, per dimostrare l'esistenza di questa pretesa relazione con i cristiani la Chiesa non esitò a fabbricare una corrispondenza fraterna tra lui e Paolo di Tarso, corrispondenza che si è dimostrata così assurda e banale che nessuno, compresa la Chiesa, osa più difendere come vera.

Svetonio
Segretario dell'imperatore Domiziano negli anni 90-95, cioè nel pieno delle presunte persecuzioni, anche lui, come Plinio il Vecchio e Seneca, nulla dice di Gesù e dei cristiani. Nella "Vita dei Dodici Cesari", parlando di Claudio, Svetonio dice che 51 egli scacciò da Roma gli ebrei perché causavano continui disordini dietro l'incitamento di un certo Chrestos* che se la Chiesa non ha più insistito a far passare per Christo, pur avendoci provato, non è stato per un ritegno dovuto al buon senso, ma per ben altri motivi, quali quello storico derivante dal fatto che Gesù morto nel 33 non poteva essere il Crestos del 51, e quello concettuale che le impediva di trasferire il fondatore del cristianesimo nella persona di un rivoluzionario agitatore. <<Gli ebrei furono scacciati da Roma nel 41 con un editto dell'Imperatore Claudio perché causavano continui disordini sotto l'incitamento di un certo Crestos (impulsore Cresto) >>. (Vita dei 12 Cesari - Biografia di Claudio). Questa affermazione di Svetonio riguardo l'espulsione degli ebrei agitatori non è che un'ulteriore conferma della presenza a Roma di una comunità esseno-zelota (non cristiana come sostiene la Chiesa), alla quale appartenevano i coniugi Priscilla e Aquila che ospitarono Paolo manifestamente anche lui un Nazir. (At. 17-18). (Vedi La Favola di Cristo). *Crestos, che significa "il migliore", fu il maggiore organizzatore di quei disordini che si manifestarono a Roma con particolare frequenza negli anni 39-40 sotto Caligola, disordini che Claudio si adoperò subito a stroncare con un editto che ordinava l'espulsione degli ebrei agitatori allorché nel 41 divenne Imperatore. Il fatto che Priscilla e Aquila fossero tra costoro e che essi avessero ospitato Paolo quale nazir, è un'ulteriore prova confermante che coloro che la Chiesa vuol far passare per primi cristiani non erano in realtà che degli esseno-zeloti.

Plinio il Giovane
Durante il periodo nel quale era governatore in Bitinia (112-113), Plinio il Giovane scrisse una lettera all'Imperatore Traiano per chiedergli istruzioni su come doveva comportarsi verso i componenti di una comunità che praticavano dei particolari riti propiziatori al levarsi del sole in onore di un certo Khristo che essi considerano quasi una divinità (Khristo quasi deo)* e che si riunivano per consumare dei pasti innocenti. Basta leggere il seguente passo di Giuseppe Flavio riguardante gli esseni, per renderci subito conto che costoro a cui si riferisce Plinio il Giovane non erano affatto dei cristiani come la Chiesa vorrebbe sostenere:

<<La loro pietà verso la divinità ha una forma particolare: prima del sorgere del sole recitano certe preghiere verso di esso quasi a supplicarlo di spuntare. Non entrano in refettorio se non dopo essersi purificati lavandosi con acqua fredda. Dopo essersi seduti in silenzio, il sacerdote premette al pasto una preghiera, e nessuno può gustare alcunché prima della preghiera; dopo che hanno mangiato egli aggiunge una nuova preghiera; cosicché sia al principio che alla fine venerano Dio come dispensatore di vita>>.(La Guerra Giudaica VII). * Il "Cristo quasi deo" del quale parla Plinio il Giovane è il Messia religioso che le comunità spirituali essene, separatesi dalla corrente rivoluzionaria guerriera, avevano cominciato ad aspettare dopo la disfatta del 70 dell'esercito giudaico. I pasti comunitari riportati sulle Lettere di Paolo di Tarso (Agapi), del tutto simili ai riti descritti da Giuseppe Flavio e confermati dai documenti rinvenuti a Qumran ("Rotolo delle Regole") non sono che un'ulteriore prova che coloro che la Chiesa vuol far passare per primi cristiani non erano altri che i componenti delle comunità essene. *******************************************************************************

Tacito
Il passo riportato sugli “Annali” che la Chiesa cita come una delle maggiori prove dimostranti l’esistenza storica di Gesù è il seguente: <<Tuttavia, non i rimedi escogitati, né la generosità del principe (Nerone), né le cerimonie religiose per propiziarsi gli dei potevano soffocare l’infame diceria che l’incendio fosse stato ordinato. Nerone allora, per troncare quelle voci, fece passare per colpevoli e sottopose a raffinatissimi tormenti coloro che il volgo chiamava Cristiani e odiava per le loro azioni nefande. Cristo, il fondatore della setta dal quale avevano preso il nome, era stato giustiziato dal procuratore Ponzio Pilato sotto il regno di Tiberio. Ma la rovinosa superstizione, repressa per il momento, dilagava di nuovo non solo per la Giudea, luogo d’origine del male, ma anche per Roma, dove confluivano e trovavano seguito tutte le atrocità e le vergogne del mondo. Dapprima pertanto si processarono coloro che erano confessi: poi, in base alle loro denunzie, moltissimi vennero convinti non tanto di avere appiccato il fuoco, quanto di odiare il genere umano. I condannati a morte furono anche oggetto della scherno più atroce. Alcuni, coperti con pelli di fiere, erano dilaniati dal morso dei cani; altri crocifissi o arsi vivi, per rischiarare come fiaccole la notte, dopo il tramonto del sole. Per un tale spettacolo Nerone aveva offerto i suoi giardini e dava giochi al Circo, mischiandosi alla folla in costume d’auriga o ritto sul cocchio. Perciò costoro, sebbene colpevoli e meritevoli dei castighi più gravi, suscitavano pietà, come gente sacrificata non al pubblico bene, ma alla crudeltà di uno solo>>. (Ann. capitolo XV- XLIV). Sin da una prima lettura dei capitoli riguardanti l’incendio si rimarcano subito delle incoerenze che ci portano a sospettare l’intromissione di una seconda mano

nella stesura originale di Tacito, prima fra queste quella riguardante la descrizione di un Nerone la cui figura ci viene presentata sotto due aspetti completamente contrastanti, quella di un pazzo criminale che cinicamente canta sullo sterminio di Roma e quella di un imperatore che, dopo aver sostenuto il popolo nella maniera più premurosa e paterna, si dedica alla ricostruzione della città con il massimo della solerzia e assennatezza: <<Nerone che si trovava ad Anzio quando scoppiò l’incendio, per soccorrere il popolo atterrito, ritornato a Roma, aprì il Campo di Marte, i monumenti di Agrippa e perfino i suoi giardini. Fece innalzare costruzioni improvvisate per dare ricovero alla gente mancante di tutto: da Ostia fece venire le cose più necessarie e ridusse a tre sesterzi il prezzo del frumento... eseguì la ricostruzione di Roma, alla quale partecipò in parte a sue spese, con tanta saggezza e sollecitudine come mai era stato fatto dagli altri imperatori sotto i quali erano scoppiati gl’incendi precedenti.>> (cap.XLIII). Due figure così opposte quelle che risultano di Nerone nei capitoli riguardanti l’incendio da portarci istintivamente a chiederci se non siano il prodotto di due penne differenti, quella realista e obbiettiva di uno storico come Tacito che coerentemente riconferma un imperatore che ama il suo popolo e la sua città come nei capitoli precedenti lo aveva già presentato, e quella di un qualcuno che si è prefisso lo scopo di farlo passare per un cinico criminale per poter rendere credibile una persecuzione che soltanto un atto di pazzia avrebbe potuto giustificare. Che i capitoli riguardanti l’incendio abbiano subito una manomissione ci viene inoltre confermato, oltre che dalle incoerenze che si trovano nei fatti riportati, anche dalla forma letteraria usata per esporli, una forma tortuosa e cincischiante così differente da quella schematica e concisa caratteristica di Tacito da far dire a Las Vergnas, uno dei maggiori esegeti del secolo scorso: <<Non possiamo provare che della perplessità su come Tacito, dallo stile rapido e folgorante, possa tanto sonnecchiare ed invischiarsi sul racconto di questo incendio>>. Riepilogo storico. Fatta questa premessa di carattere generale per esprimere quei primi dubbi che ci portano a sospettare sull’autenticità del passo in questione, è utile fare un riepilogo storico per poter dimostrare nella maniera più inconfutabile la falsità della testimonianza che la Chiesa trae dagli “Annali” di Tacito per sostenere la storicità di Cristo. Nella rivolta dei Maccabei (167 a.C), in seguito all’alleanza dei Giudei con i Samaritani, si formò quella setta ebraica che, con il nome di Esseni (ex Asidei), proseguì nella lotta contro l’invasione straniera nell’attesa di un liberatore la cui figura risultò formata dall’unione dei due concetti che ognuna di esse aveva separatamente attribuito al proprio Messia, quello del guerriero davidico giudeo e quello del sacerdote spiritualista samaritano. Le due correnti rimasero unite fino a quando, in seguito alla sconfitta dell’esercito rivoluzionario (+70) non si separarono di nuovo per continuare

ciascuna la propria lotta contro Roma, capitale del paganesimo, secondo il programma che gli veniva dal proprio Messia, quella zelota d’origine giudaica il programma guerriero, quella d’origine asidea il programma spirituale. Mentre i rivoluzionari giudaici ripresero a combattere in Palestina nell’attesa dell’eroe prescelto da Dio fra gli uomini che li avrebbe portati alla vittoria finale contro Roma, gli spiritualisti, sparsi in tutto il Medio Oriente in comunità in apparenza pacifiste, rimasero a sollecitare l’avvento del loro Messia celeste fino a quando, agli inizi del secondo secolo, una certa corrente filosofica essena d’origine egiziana (gnosi) non pose fine a questa attesa dichiarando che, contrariamente a quanto essi avevano creduto fino ad allora, egli si era in realtà già realizzato svolgendo la sua missione di predicatore sulla terra ma in una maniera così discreta da non essere rimarcato. Un capovolgimento totale nella religiosità essena spiritualista che, inaccettabile per la sua stravaganza dalla ragione e dal buon senso, fu fatta passare come verità storica attraverso l’interpretazione delle profezie e con tanta sicurezza da trarre da esse anche la data in cui era disceso dal cielo, data che fecero ricadere “nell’anno quindicesimo del regno di Tiberio, procuratore Ponzio Pilato”, come risulta dal Vangelo gnostico di Marcione (140-144) che fu usato poi dai Padri della Chiesa per costruire nella seconda metà del II secolo i vangeli canonici. Con questo messia gnostico che secondo i filosofi di Alessandria (terapeuti) aveva preso dell’uomo soltanto le apparenze, gli esseni spiritualisti proseguirono concordi fino a quando una parte di essi non decise, intorno all’anno 150, di dargli un corpo per potersi mettere alla pari con le religioni pagane che si presentavano con Soteres che avevano svolto la missione di predicatori da veri uomini. Infatti, la Gnosi, a causa della complessità dei suoi concetti teologici tendenti a sostenere un Messia che, posto come era tra la materia e lo spirito, risultava alla fine di una natura così imbrogliata e confusa da non poter essere considerata né carne né pesce, stava perdendo sempre più terreno di fronte al paganesimo che con le sue divinità incarnate risultava più realista e comprensibile alle masse. La trasformazione del Cristo spirituale gnostico, comportando l’istituzione dell’eucaristia, determinò la separazione tra gli esseni di origine ebraica, che mai avrebbero potuto accettare di mangiare il proprio Dio, e gli esseni di origine pagana che, provenendo dal Culto dei Misteri, erano già preparati a questa forma di teofagia. La comunità nella quale si concepì la figura di questo messia incarnato fu quella di Roma. Fu in essa che si sviluppò, a partire dal 150, la nuova religione di Santa Madre Chiesa i cui seguaci, pur avendo assunto il nome di cristiani, non hanno avuto mai nulla a che vedere con i cristiani esseni del primo secolo che erano vissuti nell’attesa di un Cristo (logos) che doveva ancora venire. Come conseguenza, Roma, per sostenere l’invenzione di questo Messia incarnato del quale nessuno aveva mai sentito parlare, fu costretta a costruirsi tutta una falsa documentazione che andò a costituire quelli che furono dalla Chiesa dichiarati “testi canonici”, quali i quattro vangeli, gli Atti degli Apostoli e le lettere di Paolo di Tarso. Intromessisi attraverso uno sconvolgimento dei fatti nelle vicende del primo secolo, favoriti come erano dal fatto di avere lo stesso appellativo di cristiani,

come il cuculo che pone l’uovo nel nido degli altri uccelli, i fautori di questa nuova religione si costruirono una storia appropriandosi delle comunità essene, nonché dei loro seguaci, quali Stefano, Simone (Pietro),Giacomo il Maggiore e Giacomo il Minore che, uccisi dai romani quali rivoluzionari, fecero passare per propri martiri. Mistificata così la storia attraverso la trasformazione degli esseni in propri seguaci, Roma decise di appropriarsi anche della direzione dell’ideologia religiosa che, nonostante tutte le contraffazioni operate per far sparire ogni traccia essena, risultava appartenere comunque al mondo filosofico orientale che l’aveva originata, con particolare riferimento alla comunità di Gerusalemme che si era fatta risultare come la culla nella quale si era formata e sviluppata. (Vedi Atti degli Apostoli). Ma su quale presupposto la comunità di Roma poteva arrogarsi il diritto di sostituirsi a Gerusalemme quale leader del nuovo cristianesimo? E ancora una volta, ricorrendo ad una falsa rappresentazione dei fatti, la soluzione fu trovata trasferendo Pietro a Roma in maniera che facendovelo morire si fosse potuta costruire sulla sua tomba tutta l’impalcatura del cristianesimo nel rispetto di ciò che lo stesso Gesù aveva detto in quella frase che fu appositamente inserita dai falsari nel vangelo di Matteo: << Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa>>.(Mt.16,16). Fu verso la fine del 200 che cominciarono ad uscire i primi scritti nei quali si diceva che Pietro, secondo la tradizione, era morto a Roma. La sua morte ebbe diverse versioni: In una prima si disse che era stato crocifisso per ordine di Nerone perché aveva provocato la morte di Simone il Mago facendolo sfracellare al suolo mentre, in una sfida di magia, costui stava dimostrando i suoi poteri sovrannaturali in un’esibizione di volo. Ma poiché questa morte non aveva il presupposto perché fosse dichiarato martire, gliene fu attribuita una seconda che, fatta dipendere dalla sua testimonianza al cristianesimo, ebbe a sua volta due diverse finali: nella prima, perché fosse rispettata la morte predettagli da Gesù (Gv. 21-18), si raccontò che era stato trascinato al patibolo piangente e con le mani tese in avanti, nella seconda, avendo ritenuto che non era dignitoso per il capo della Chiesa mostrarsi vile davanti alla morte, fu sostenuto invece che aveva affrontato il supplizio sorridente dopo aver assistito imperturbabile alla morte di sua moglie. Soltanto verso la fine del VI secolo, cioè dopo che era stata inventata la croce latina, fu coniata quella che diventerà la crocifissione definitiva, che tutt’oggi viene sostenuta, nella quale si dice che Pietro chiese di essere crocifisso con la testa all’ingiù perché non si riteneva degno di essere appeso come il suo Maestro. (Il ridicolo di tale posizione viene messo in evidenza dai films e dai quadri che la riproducono). In verità, il motivo per cui la Chiesa appese Pietro alla croce con la testa in basso e le zampe all’aria fu determinato esclusivamente dal fatto che due crocifissi uguali, oltre che a generare una confusione nello svolgimento dei riti, avrebbero potuto nuocere alla figura di Cristo.

Lo scisma d’Occidente. Questo primato sul cristianesimo, basato esclusivamente sulla tradizione, Roma riuscì a imporlo fino a quando, agli inizi del XV secolo, non cominciarono le contestazioni in seguito alla decisione che prese Urbano VI (1378) di riportare il trono di Pietro da Avignone a Roma, decisione che portò i cardinali francesi a porsi domande sulle origini del papato per poter giustificare l’elezione di un antipapa che realizzarono nella persona di Clemente VII. Fu così che in un continuo succedersi di papi e antipapi che si arrogavano il diritto di poter scegliere ciascuno la propria sede (vedi concili di Pisa, di Costanza, di Basilea, di Ferrara e di Firenze), la discussione sulla legalità del trono di Pietro andò avanti finché l’antipapa Felice V dei Savoia non vi pose termine abdicando nel 1449 in favore del papa Nicolò V vescovo di Roma. L’argomento base su cui facevano leva i contestatori non era tanto la mancanza di una documentazione che confermasse la venuta di Pietro a Roma (tutte le strade vi ci portano), quanto quella crocifissione che, attribuitagli quale seguace del cristianesimo, non poteva essere storicamente accettata dal momento che i romani, tolleranti come erano sempre stati verso ogni culto, mai avevano eseguito condanne per questioni religiose. Fu per controbattere questa motivazione che era alla base della contestazione che un certo Poggio Bracciolini, segretario del papa Martino V dei Colonna, rimasto famoso per innumerevoli altre falsificazioni, pensò di dare alla crocifissione di Pietro un movente che non fosse di natura religiosa, tirando fuori nel 1429 il passo di Tacito in questione dicendo che gli era stato consegnato, sotto forma di un manoscritto dell’XI secolo, da un frate venuto in pellegrinaggio a Roma, un frate anonimo che come dal nulla era venuto nel nulla era ritornato. Lo scopo che il Bracciolini si propose di raggiungere con questo documento non fu tanto quello di dimostrare l’esistenza dei cristiani al tempo di Nerone, cosa questa che nel XV secolo non poteva porre problemi alla Chiesa per via dell’inquisizione che imponeva a crederlo, quanto quello di far dipendere la crocifissione di Pietro non da una causa religiosa, che storicamente non poteva essere accettata, ma da una persecuzione ordinata da Nerone contro i cristiani per aver commesso un reato comune quale quello di avere incendiato Roma. Falsità del documento. Che il passo riportato sugli “Annali”, dal quale la Chiesa trae una delle testimonianze per sostenere la figura storica di Gesù, sia un falso ci viene confermato da un’infinità di prove oltre a quella storica per la quale risulta indiscutibile che Pietro non può essere morto a Roma nel 64 se fu giustiziato nel 46 insieme a suo fratello Giacomo sotto il procuratore Cuspio Fado secondo quanto ci viene testimoniato da Giuseppe Flavio: <<Sotto l’amministrazione di Tiberio Alessandro, Giacomo e Simone (Pietro), figli di Giuda il Galileo, furono sottoposti a processo e crocifissi; questi era il Giuda che, come ho spiegato sopra, aveva aizzato il popolo alla rivolta contro i Romani mentre Quirino faceva il censimento in Giudea>>. (Gius. Fl. Ant. Giud. XX-122).

1) Che Pietro non si trovasse a Roma sotto l’imperatore Nerone ci viene confermato dagli stessi Atti degli Apostoli dal momento che non ne fanno nessuna menzione allorché parlano della venuta di Paolo presso la comunità cristiana di Roma e del suo soggiorno che, secondo la Chiesa, si protrae fino all’anno 67. Un silenzio che assume un significato determinante per dimostrare quanto tutto ciò che si riferisce a Pietro sia tutta un’invenzione cominciando dall’attribuzione della carica di vescovo della comunità di Roma. 2) Prima del 1429, data in cui Bracciolini tirò fuori il documento del frate pellegrino, nessuno aveva mai parlato di questa persecuzione contro i cristiani. L’avevano ignorata Plinio il Vecchio, Giuseppe Flavio, Marziale, Plinio il Giovane, Svetonio, Cassio Dione e gli stessi padri della Chiesa, quali Clemente, Ireneo, Eusebio, Origene, Agostino e Ambrogio, che l’avrebbero ben volentieri citata per controbattere coloro che negavano l’esistenza dei cristani a Roma nel I secolo. Il silenzio di Svetonio risulta poi particolarmente significativo se consideriamo che quando scrisse la “Vita dei 12 Cesari” egli conosceva gli Annali di Tacito usciti cinque o sei anni prima. Il fatto che non abbia riportato la persecuzione, quando per lui sarebbe stato un ulteriore ottimo motivo per denigrare Nerone, verso il quale si era dimostrato sempre ostile, dimostra nella maniera più indiscutibile che il passo in questione non esisteva negli “Annali” nella sua edizione originale del 115. 3) Se il passo in questione fosse stato scritto veramente da Tacito, secondo quanto sostiene la Chiesa, come si spiega che egli non fa nessuna menzione della persecuzione dei cristiani nel suo libro “Historia”, scritto soltanto tre anni prima degli Annali, e nulla dice del “Cristo giustiziato” nel capitolo dedicato a Pilato? Un silenzio questo di Tacito nel suo libro Historia che risulta eccezionalmente grave per la Chiesa perché, oltre che a confermare la falsità del documento, dimostra nella maniera più decisa che mai ci fu un processo contro Cristo sotto Pilato per il semplice motivo che se ci fosse veramente stato, coinvolgendo tutta Gerusalemme con la crocifissione e tutto il Medio Oriente con i suoi terremoti e oscuramenti di sole, avrebbe rappresentato un avvenimento tutt’altro che insignificante per essere taciuto. 4) Come si può poi credere che Tacito abbia potuto scrivere che il fondatore dei “cristiani” sia stato il Cristo giustiziato da Pilato nel trentatré quando lui stesso nel libro “Historia”, scritto precedentemente agli “Annali”, sostiene che i seguaci di questa setta erano stati già espulsi da Roma, quali apportatori di disordini, due volte da Cesare Augusto e una terza dal suo successore Tiberio nell’anno 19? (Emilio Bossi - “Gesù Cristo non è mai esistito” - Cap. III - pag.36). 5) Come si può, poi, non considerare come un’ulteriore prova della falsificazione la contraddizione che ci viene da un Tacito nell’esprimere la pietà che i romani provavano per le sofferenze inflitte a questi cristiani, quando lui in tutti gli altri scritti riferentesi agli spettacoli del Circo (Annali III-27- Germ. 33) dice che le atrocità che venivano in essi operate contro i condannati a morte erano motivo di divertimento per il popolo romano?

Chi altri può aver cercato di suscitare della commozione verso questi cristiani se non una mano interessata a suscitare sentimenti di pietà perché fossero venerati come santi martiri? Sulpicio Severo. Ma dove aveva preso Poggio Bracciolini gli estremi per costruire questo falso documento che lui sosteneva di aver ricevuto da un frate pellegrino? La persecuzione ordinata da Nerone contro i cristiani per avere incendiato Roma fu riportata per la prima volta da un certo Sulpicio Severo (IV sec) nel suo libro “Historia Sacra” (II-29). Questo libro, ritirato dalla circolazione in seguito ad un processo che lo aveva dichiarato una raccolta di assurde invenzioni, fu ricopiato da Bracciolini in maniera così fedele da riprodurne letteralmente alcuni passi con le stesse parole, come quello riguardante i cristiani che venivano bruciati per rischiarare di notte le strade di Roma: <<Ut cum deficisse dies, in usum nocturni luminis urerentur>>.(Come cominciava a far sera, venivano usati come illuminazione notturna). Soltanto un rimbecillito dal fanatismo religioso avrebbe potuto concepire l’idea di trasformare questa combustione umana in una fonte d’illuminazione da essere usata anche da Nerone per rischiarare i suoi giardini, come viene riportato nel passo in discussione. <<Anche se questa condanna veniva usata presso i Romani per punire gl’incendiari, non risulta comunque in nesuna parte che si usasse come illuminazione>>, rimarca Renan e Las Vergnas, ridendoci sopra, commenta: <<Questo sistema usato per illuminare è davvero bizzarro. Io immagino che un cristiano che brucia, anche se cosparso di cera, possa friggere, carbonizzare, appestare ma non rischiarare. Molto fumo e poca luce. Per averne una conferma si potrebbe provare con due o tre frati cappuccini>>. Per dimostrare la demenza di Poggio Bracciolini e di quanti hanno creduto e continuano a credere a questa assurdità, basterebbe considerare la reazione che potrebbe avere il nostro vicino di casa se gli si cuocessero sotto la finestra quattro braciole alla griglia, almeno che costui non sia quel Dio della Bibbia a cui certi fetori risultano particolarmente graditi. (Lev. 17-6). *******************************************************************************

Plutarco
Nulla di nulla da parte di Plutarco che si riferisca a Gesù e ai cristiani, e come lui nessuna menzione da parte di Giovenale, Pausania e Cassio Dione il quale ultimo avrebbe avuto modo di parlarne, se fossero veramente esistiti, nel suo libro "Storia Romana" che tratta delle vicende di Roma che vanno dal 67a.C. al 47 d.C. Soltanto Lucien di Samosate (125-192) fa riferimento ad un mago morto in croce per aver introdotto un nuovo Culto dei Misteri che, essendo d'ispirazione siriana, non possono essere che un un'ulteriore conferma di un qualcuno che, qualora fosse veramente esistito, non sarebbe potuto essere altri che un seguace

dell'ideologia essena che si era sviluppata appunto in Siria secondo i concetti della religione Mitraica.

Celso
Accanito critico anticristiano, vissuto proprio nel periodo in cui i primi cristiani costruivano i vangeli e gli Atti degli Apostoli in seguito allo scisma determinato dall'introduzione del Sacramento Eucaristico in seno alle comunità essene, (vedi Favola di Cristo), Celso* scrisse alla fine del II secolo un libro dal titolo "Contro i Cristiani" nel quale puntualizzava tutti gl'imbrogli che essi stavano facendo "per costruire la figura di un mago che, qualora fosse veramente esistito, poteva tutt'al più essere quella di uno dei tanti ciarlatani che avevano percorso la Palestina imbrogliando la gente". Ed è proprio in questo periodo, cioè alla fine del II secolo, che per la prima volta viene nominato il nome "Gesù" da Origene nel suo libro "Contra Celsum", da lui scritto per rispondere alle accuse che Celso rivolgeva alla Chiesa a proposito di questo nome che avevano dato al loro eroe che fino a quel momento era stato chiamato con gli appellativi generici di Signore, Cristo, Messia e Salvatore. Il nome di Gesù che troviamo nei testi precedenti fu aggiunto soltanto in seguito, cioè nel II, III e IV secolo. Che i vangeli siano sottoposti a continue modifiche di aggiornamento ci viene dall'ultima trasformazione che si sta operando in essi nelle edizioni moderne sul nome di Nazareno, che viene sostituito con quello di Nazarettano, da quando si è fatto rimarcare che questo è il vero appellativo dipendente dalla città di Nazaret. * Del libro di Celso "Contro i Cristiani" (distrutto dalla Chiesa), rimangono soltanto le frasi che furono riportate da Origene nel suo "Contra Celsum" come quella che dice: << La verità è che tutti questi fatti da voi riportati sul vostro eroe a cui avete dato il nome di Gesù, non sono che delle invenzioni che voi e i vostri maestri avete fabbricato senza pertanto riuscire a dargli una minima parvenza di credibilità>>. (Da "Contro i Cristiani" di Celso).

Filone Alessandrino
Filone Alessandrino, morto nel 50 e quindi vissuto nel pieno dell'era messianica, quale filosofo neoplatonico, parla del Logos che le comunità essene attendevano come Messia realizzatore di una giustizia sulla Terra, ma nulla dice di Gesù e dei cristiani. È mai possibile che se veramente ci fosse stata in Alessandria, la città in cui viveva, quella nuova religione cristiana verso la quale affluivano tante conversioni di popolo, di ufficiali romani, di nobili e di politici secondo quanto raccontano i testi sacri, egli non avrebbe detto nulla di essa? Possibile che avrebbe ignorato quel Paolo di Tarso di cui tutti parlavano, sia amici che nemici, per le sue

prediche e per i suoi miracoli, se le cose si fossero passate veramente come ci vengono raccontate dagli Atti e dalle Lettere?

Giusto di Tiberiade
Che Giusto di Tiberiade, storico contemporaneo e rivale di Giuseppe Flavio, non parli né di Gesù, né dei cristiani nel suo libro perduto "Storia della Guerra Giudaica", lo sappiamo da Potius, Patriarca di Costantinopoli, che nel IX secolo, dopo aver cercato inutilmente qualche riferimento a Gesù in una copia del libro che egli ancora possedeva, esprimendo tutta la sua meraviglia, così conclude: <<Giusto di Tiberiade non fa nessuna menzione della nascita, degli avvenimenti e dei miracoli che sono stati attribuiti a Gesù >>.

Flavio Giuseppe
Conoscere Giuseppe Flavio nelle sue caratteristiche religiose e politiche è determinante per comprendere la confutazione del cosiddetto “testamentum Flavianum” dal quale la Chiesa trae quella che per lei rappresenta la prova fondamentale dell'esistenza storica di Gesù. Nato nel 38 e morto intorno all'anno 100, Giuseppe Flavio fu testimone oculare dell'ultimo periodo dell'era messianica e dell'evoluzione religiosa ebraica che seguì la guerra giudaica del 70. Politicamente simpatizzò per Roma e religiosamente fu un così convinto seguace della fede ebraica da ritirarsi nel deserto per passarvi tre anni della sua giovinezza in meditazioni e preghiere. Discendente da una famiglia di sacerdoti farisaici, ricevette incarichi parareligiosi che svolse con tanto zelo da meritarsi l'incarico di recarsi a Roma per ottenere la liberazione di alcuni sacerdoti che erano stati arrestati dal procuratore Felice. Entrato nella convinzione che un'attesa passiva del Messia basata sulla rassegnazione e la preghiera, quale era quella praticata dai Farisei, non avrebbe dato nessun risultato finché la Palestina sarebbe rimasta sotto l'occupazione romana, considerando che i principi morali esseni erano gli stessi di quelli farisaici per ciò che riguardava l'eternità dell'anima e la resurrezione dopo la morte, prese la decisione di passare all'essenismo rivoluzionario pur conservando quei principi di moderazione e di saggezza che dovevano essere seguiti prima di dare inizio ad una vera e propria rivolta armata. Fu per questa sua politica basata sulla prudenza e la riflessione che lo portava ad osteggiare l'estremismo zelota, che nel 64 Giuseppe Flavio fu incaricato dal Sinedrio di recarsi in Galilea per convincere i rivoluzionari a procrastinare la guerra che stavano preparando contro Roma. (I rivoluzionari venivano chiamati Galilei perché era in Galilea che organizzavano le scorribande sulla Palestina e gli attacchi contro i soldati romani). Fallito come moderatore, Giuseppe Flavio si ritrovò coinvolto nella guerra del 66 che combatté con la qualifica di ufficiale dell'esercito rivoluzionario finché, in seguito all'assedio della città di Iotapala, nella quale si era rifugiato con i compagni, non fu costretto alla resa. Per sfuggire alla cattura che avrebbe comportato una condanna alla

crocifissione, Giuseppe Flavio con quaranta dei suoi soldati si nascose in una cisterna dove rimase finché non prese la decisione di darsi volontariamente la morte secondo quelle convinzioni essene che furono seguite nel 74 anche da Eleazaro nell'assedio di Masada nel quale si suicidarono con la spada 1000 guerriglieri seguendo un odine di morte basato sull'estrazione dei loro nomi. Il capo si uccideva per ultimo. Ma, a differenza di Eleazaro, che mantenne la parola, Giuseppe Flavio, dopo aver assistito ai suicidi, invece di darsi la morte convinse l'ultimo dei suoi dipendenti che era rimasto vivo con lui, di rinunciare alla morte e di consegnarsi prigionieri ai romani. Condotto davanti a Vespasiano, che dirigeva allora la guerra contro l'esercito giudeo, era l'anno 67, Giuseppe Flavio, improvvisandosi profeta, gli preannunciò che presto sarebbe diventato imperatore di Roma. Avveratasi la profezia nel 69, Vespasiano, ricordandosi di lui per la profezia che gli aveva dato, lo tirò fuori dalla prigione e lo affiancò come persona meritevole di fiducia, al figlio Tito che nel frattempo aveva preso il suo posto di generale in Palestina. Terminata la guerra giudaica, con la disfatta dell'esercito giudaico, Giuseppe Flavio venne con Tito a Roma dove visse come ospite della corte Imperiale attendendo ai suoi lavori storici. Fu in seguito a questo comportamento amicale che ricevette dalla famiglia imperiale Flavia che Giuseppe, da buon ruffiano, aggiunse al suo nome, in segno di riconoscenza, l'appellativo di Flavio. Per quella libertà che i romani concedevano a tutte le religioni, Giuseppe Flavio rimase fino in ultimo un fervente sostenitore della religione ebraica e su di essa educò i figli. Quello che rimarchiamo nei suoi scritti è la convinzione che sempre rimase in lui di sostenere una politica di distensione tra il mondo ebraico e Roma, convinzione che espresse attraverso l'esaltazione del pacifismo delle comunità essene e il disprezzo verso l'estremismo di quei zeloti rivoluzionari che dopo il 70 lottavano ancora contro Roma. Una politica sicuramente basata sull'ipocrisia dal momento che il programma esseno, anche se in una forma apparentemente non guerriera, considerava nel suo concetto di universalità l'annientamento totale di ogni altra ideologia religiosa che si sarebbe realizzato con l'avvento del loro Messia. Giuseppe Flavio, quale seguace dell'essenismo, rimase fino alla morte nell'attesa di quel Messia celeste il cui avvento veniva sollecitato dalla corrente spiritualista come risulta dalle prime lettere di Paolo di Tarso, dai terapeuti d'Egitto seguaci del logos di Filone, e dall'ultimo capitolo dell'Apocalisse nel quale l'autore si rivolge a lui dandogli l'appellativo di Gesù. Giuseppe Flavio visse fino all'ultimo giorno nella ferma credenza dell'ebreo esseno che attende ancora l'avvento del Cristo spiritualista. (Dire Cristo o Messia è la stessa cosa essendo Cristo la traduzione in greco della parola ebraica Messia ). Fatta questa breve esposizione sulla persona di Giuseppe Flavio, dalla quale risulta sopra ogni cosa la sua fedeltà alla religione ebraica, passiamo ora ad analizzare i due passi dai quali la Chiesa trae le testimonianze dell'esistenza storica di Cristo. Prima testimonianza. La prima testimonianza viene tratta da “Antichità Giudaiche”. << Ci fu verso questo tempo Gesù, uomo saggio, se pure bisogna chiamarlo uomo: era infatti autore di opere straordinarie, maestro di uomini che accolgono con piacere la

verità, ed attirò a se molti Giudei, e anche molti dei greci. Questi era il Cristo . Quando Pilato udì che dai principali nostri uomini era accusato, lo condannò alla croce. Coloro che fin da principio lo avevano amato non cessarono di aderire a lui. Nel terzo giorno apparve a loro nuovamente vivo : perché i profeti di Dio avevano profetato queste e innumerevoli altre cose su di lui. E fino ad oggi non è venuta meno la tribù che da lui sono detti cristiani>>. (Ant, Giud. 18,63-64). Analisi della citazione: 1) Basta prendere in esame l'affermazione nella quale viene riconosciuto che Gesù è il Cristo, cioè quel Messia annunciato dai profeti che il mondo ebraico attendeva ancora, per renderci subito conto che non può essere stata scritta da Giuseppe Flavio quale seguace fedele della sua religione. Come può un ebreo che aspetta ancora il Messia riconoscere che si è realizzato e, per giunta, nella persona di un fondatore di un'altra religione? Un'incoerenza che portò Voltaire a esclamare: << Se Giuseppe Flavio era così convinto che Gesù fosse il Cristo, perché non si è fatto cristiano?>>. 2) Come avrebbe potuto osare Giuseppe Flavio, mentre era ospite della famiglia imperiale, manifestare tanta ammirazione verso questo Messia quando i suoi seguaci, chiamati cristiani, erano considerati i peggiori nemici di Roma? 3) Come ha potuto scrivere Giuseppe Flavio che fu Ponzio Pilato a condannare Gesù quando nel capitolo di “Antichità giudaiche” che riguarda Pilato riporta di lui tutti i particolari, compresi i più marginali, e nessuna menzione fa di questo processo che, stando alla chiesa, coinvolse sommi pontefici, re e tutta la popolazione di Gerusalemme senza contare i terremoti che lo seguirono e gli oscuramenti del sole? 4) Come può uno scrittore attento e perfezionista nell'esposizione dei fatti, come lo era Giuseppe Flavio, aver introdotto questo passo fra due fatti che retoricamente lo escludono? Come può aver intromesso un fatto tutt'altro che nefasto nel pieno di una cronaca riportante una serie di sciagure? L'apologia di un uomo giusto che aveva predicato la verità, che aveva compiuto miracoli, che continuava ancora ad essere seguito anche dopo la morte da coloro che lo avevano amato durante la vita, inserito tra due avvenimenti riportanti uno una strage di giudei e l'altro una crocifissione di sacerdoti, risulta così fuori ogni logica da farlo apparire come i cavoli a merenda. Questo passo, mai nominato in tutte le diatribe che ci furono tra gli oppositori del cristianesimo che negavano l'incarnazione e i padri della Chiesa che la sostenevano, quali Ireneo, vescovo di Lione nella seconda metà del II secolo, Clemente Alessandrino (150-215) che lo avrebbero certamente citato per dimostrare la storicità di Cristo, fu per la prima volta menzionato da Eusebio da Cesarea, nel 324 suscitando il legittimo sospetto che fosse stato proprio lui ad inventarselo, sospetto che divenne certezza allorché il patriarca Fozio dichiarò esplicitamente che nella copia che lui aveva di “Antichità Giudaiche”, una delle pochissime non manipolate che erano ancora rimaste in circolazione, Giuseppe Flavio non faceva nessuna menzione di Gesù e

dei suoi miracoli. (J.P. Pigne, Patrologie Cursus Conpletus, Series Graeca, Tomus CIII. Pfozius Costantinopolitanus Patriarca). Un'altra prova che ci conferma che il passo è stato interpolato ci viene da Rylands il quale ci dice che uno studioso del XVI secolo, di nome Vossius, aveva ancora un esemplare manoscritto di “Antichità Giudaiche” nel quale mancava ogni riferimento a Gesù. (Gordon Ryland, Did Jesus Ever Live?, Watts & Co., London, 1929. Pag. 20). Storia e analisi di una grossolana falsificazione. In seguito alla separazione che avvenne intorno al 150 tra i materialisti (sostenitori dell'incarnazione) e gli gnostici che sostenevano un Messia spirituale che aveva preso dell'uomo soltanto le apparenze, sorsero diatribe tra le più accese. I materialisti, che da ora in poi chiameremo i “nuovi cristiani” per distinguerli da quelli che già da prima di loro venivano chiamati così dai pagani perché sostenitori di un Cristo che, che doveva ancora venire, sprovvisti come erano di testimonianze che dimostrassero l'esistenza storica del loro Messia incarnato a cui avevano dato il nome di Gesù, furono costretti a costruirsele. Fu in questo periodo, cioè nella seconda metà del II secolo che s'inventarono i quattro vangeli canonici, gli atti degli Apostoli e manipolarono le lettere di Paolo di Tarso che Marcione aveva portato nel 144 a Roma da Sinope sul mar Nero. Ma per quanto questi nuovi cristiani cercassero di costruire l'esistenza del loro Messia incarnato nella maniera più convincente, i primi documenti che scrissero, essendo basati su ricopiature e manipolazioni tra le più sfrontate, vennero fuori pieni di tutte quelle contraddizioni e incoerenze che cercarono poi di riparare nel corso degli anni che seguirono via via che esse venivano fatte oggetto di contestazione e spesso di derisione da parte della critica avversaria. I quattro vangeli, privi tutti della nascita di Gesù, cominciavano con un Messia che aveva dato inizio alle predicazioni partendo da Cafarnao all'età di trenta anni esattamente come veniva sostenuto nel vangelo di Marcione scritto nel 140 con la sola differenza che in quello di Marcione era essenzialmente spirituale (gnostico) mentre in quello dei nuovi cristiani era dichiarato uomo a tutti gli effetti. È importante sapere, per comprendere come i primi documenti riferentisi a Gesù fossero stati tratti da altri scritti, che intorno al 160 Marcione accusò pubblicamente i neo-cristiani di aver costruito i loro vangeli ricopiandoli dal suo. Le nascite furono aggiunte nei vangeli di Matteo e di Luca soltanto tra il III e il IV secolo allorché i padri della Chiesa dovettero giustificare la natura umana del loro Gesù dandogli una nascita terrena, quella nascita che come conseguenza portò l'invenzione di Maria e di Giuseppe. I contrasti nei luoghi e nei tempi e le contraddizioni storiche esistenti tra la nascita riportata da Matteo e quella riportata da Luca dimostrano nella maniera più evidente quanto nel IV secolo la Chiesa stesse ancora annaspando per dare alla figura di Gesù una personalità umana. Le diatribe tra i nuovi cristiani e tutta la parte religiosa opposta, costituita da pagani, ebrei e gnostici, si protrassero in un libero scambio di espressione fino a quando Costantino non arrivò alla decisione di fare del cristianesimo la religione di Stato sia per porre termine ai disordini sociali che i seguaci di questa nuova religione generavano a fine ricattatorio contro lo Stato attraverso continue sommosse e ribellioni e, soprattutto, con la renitenza al servizio militare, e sia perché, coinvolgendo tutti

i ceti, gli apparve il più idonea per divenire la religione dell'Impero. Forti, così, dell'appoggio che gli veniva dai vari editti di Castantino, quali quello del 313 che concedeva ai cristiani la libertà di stampa e la salvaguardia dalle ingiurie degli eretici, quello del 315 che minacciava di severe punizioni gli ebrei che avessero ostacolato i loro correligionari a convertirsi al cristianesimo, quello del 319 che concedeva speciali immunità e privilegi ai sacerdoti cristiani, quello del 324 nel quale egli stesso si dichiarava essere passato al cristianesimo ed esortava tutti i sudditi a convertirsi a questa religione, e dalle tante altre leggi che tendevano ad eliminare in maniera sempre più decisa il paganesimo, l'ebraismo e lo gnosticismo, i padri della Chiesa, tra i quali primeggiarono Eusebio e Ambrogio da Milano, operarono le maggiori contraffazioni sui Testi Sacri e i libri storici, contraffazioni che sfrontatamente imposero ricorrendo a quelle ritorsioni e punizioni che seguivano una condanna di eresia di cui ne conosciamo bene il seguito. Ritirati il più possibile dalla circolazione il libri di Giuseppe Flavio, i padri della Chiesa cercarono di sostituirli con edizioni totalmente contraffatte. Tolsero i passi che compromettevano la figura di Cristo, quali quelli che si riferivano alla famiglia degli Asmonei della quale è indubbio che Giuseppe Flavio ne abbia largamente parlato essendo stata la principale promotrice delle guerre giudaiche, e aggiunsero quelli che gli avrebbero permesso di sostenerne la storicità. È a questo punto che uscì una versione in lingua latina della “Guerra Giudaica” firmata da un certo Egesippo, dichiarato scrittore cristiano del II secolo di cui nessuno fino ad allora aveva mai sentito parlare e del quale si conoscevano soltanto i passi citati da Eusebio. La scelta di questo nome Egesippo è già di per se più che sufficiente per dimostrare l'intenzionalità a costruire un falso per l'equivocità che esso rappresenta da momento che un libro firmato con questo nome, derivando dal greco “Ioseppus”, che significa appunto Giuseppe, lo si sarebbe potuto far passare per quello autentico scritto da Giuseppe (Flavio). Ma oggi tutti gli esegeti, esclusi quelli che sono condizionati da un servilismo ecclesiastico, sono concordi nel riconosce che questa versione della “Guerra Giudaica”, attribuita a Egesippo, fu scritta da Ambrogio da Milano (Santo). Eusebio (chiamato dagli esegeti “il falsario per antonomasia” per le innumerevoli contraffazioni operate sui libri storici e su gli stesse Testi Sacri) autore del libro “Historia ecclesiastica”, per giustificare le falsità che s'inventava le faceva passare per informazioni che gli erano venute dai libri di Egesippo, informazioni che, ammesso pure che siano state veramente scritte alla fine del II secolo, ci portano a chiederci da dove fossero state prese dal momento che si riferiscono a fatti accaduti comunque 150 anni prima. Per via delle contestazioni che gli storici rivolgevano ai frati amanuensi per aver fatto sparire la “Guerra Giudaica ” originale, la Chiesa fu costretta a rimettere in circolazione nel VI secolo un'edizione di Giuseppe Flavio che in realtà non era altro che la riproduzione di quella di Egesippo che è quella che ci è pervenuta. Guy Fau, esegeta francese, ex monsignore e professore di teologia convertitosi all'ateismo, ha dichiarato che è impossibile conoscere la verità storica messianica attraverso lo studio della “Guerra Giudaica” della quale oggi disponiamo tanto le falsificazioni e le interpolazioni l'hanno resa incompressibile. Stimolati dal successo che ebbero nel mondo cristiano le contraffazioni che i padri della Chiesa operarono sulle opere di Giuseppe Flavio attraverso le loro traduzioni, numerosi furono coloro che negli

anni che seguirono vollero fare altrettanto introducendo ciascuno nella propria versione ciò che più riteneva favorevole per dare una credibilità storica al cristianesimo. Nel VI secolo ci fu una traduzione della “Guerra Giudaica” in lingua siriaca alla quale fu dato il nome di “V libro dei Maccabei”. (Titolo giustificato dal fatto che “ La Guerra Giudaica ” di Giuseppe Flavio comincia dalla rivolta dei Maccabei). Un'altra elaborazione delle “Antichità Giudaiche” fu eseguita nel X secolo da un certo Yosef ben Gorion che si firmò con lo pseudonimo di Yosippon (Yosippon sta per Giuseppe). Ce ne furono altre nel XII secolo in lingua armena e slava che furono presentate come traduzioni eseguite direttamente dalla prima versione di Giuseppe Flavio scritta in aramaico che risultarono essere una volgare elaborazione di quella attribuita ad Egesippo. Fatta questa breve cronistoria delle falsificazioni che furono eseguite sui libri di Giuseppe Flavio, dalla quale possiamo comprendere come i cattolici abbiano sempre cercato di dimostrare l'esistenza di Gesù attraverso la falsificazione dei documenti, ritorniamo sulla famosa prova, chiamata “Testamentun Falvianum”, che la Chiesa stessa è stata costretta ad ammettere di essere falsificata, almeno in parte, per via della identificazione del Cristo nella persona di Gesù e del riconoscimento della sua resurrezione che un ebreo non avrebbe mai potuto riconoscere né tanto meno sostenere. << Tolte queste due affermazioni , sostiene la Chiesa per rendere credibile tutto il resto della testimonianza, che molto probabilmente sono state aggiunte da una mano pietosa mossa da un eccesso di fede, tutto il resto non può essere contestato perché Giuseppe Flavio, sapendo che Gesù era esistito, doveva pur dire qualche cosa su di lui >>. Altro sofisma a cui ricorre ancora una volta la Chiesa per affermare una sua verità, che in questo caso è rappresentato dal presupposto errato di dare per certa l'esistenza di Gesù. Ma come dimostrare che tutto il resto, tolta l'affermazione che riconosceva Gesù per vero Messia, era stato scritto veramente da Giuseppe Flavio? Questa dimostrazione che ha sempre messo in grosse difficoltà la Chiesa perché tra i contestatori ce ne sono anche di cattolici, ci viene fornita da Vittorio Messori nel suo libro “Ipotesi su Gesù” (pag. 197) dicendoci che un certo Prof. Shlomo Pines ha scoperto che in un'opera araba del X secolo, “Storia universale di Agapio”, vescovo di Hierapoils, viene riportato il Testamentum Flavianum nella sua forma originale, cioè senza quelle “espressioni di fede” che, secondo la Chiesa erano state aggiunte in buona fede da una mano pietosa. Questo è il passo che il prof. Pines ha trovato su “Storia Universale di Agapio”: << A quell'epoca viveva un saggio di nome Gesù. La condotta era buona, ed era stimato per le sue virtù. Numerosi furono quelli che, tra i giudei e le altre nazioni, divennero suoi discepoli. Pilato lo condannò ad essere crocifisso e a morire. Ma coloro che erano divenuti suoi discepoli non smisero di seguire il suo insegnamento. Essi raccontarono che era apparso loro tre giorni dopo la sua crocifissione e che era vivo. Forse era il Messia di cui i profeti hanno raccontato tante meraviglie >>. Come si vede, le frasi “ egli era il Cristo ” e “ apparve loro nuovamente vivo ” che vengono riconosciute false per la loro forma affermativa, vengono trasformate la prima sotto una forma dubitativa e la seconda in un racconto da

poter essere entrambe accettate anche se scritte da un ebreo. Interessante, poi, è l'osservazione di Pines (riportata da Messori) che, per controbattere l'obbiezione di coloro che potrebbero vedere nell'eliminazione delle frasi compromettenti un'ulteriore falsificazione, dice che non si può ammettere che un ecclesiastico, come Agapio, abbia potuto togliere dal testo proprio quelle espressioni che per lui avrebbero rappresentato la testimoniavano storica di Cristo. A questo punto due sono le cose, o Pines e Messori, che lo sostiene, sono degli ingenui, o loro credono che noi siamo dei minchioni. Chi altri, più di un ecclesiastico, avrebbe avuto interesse di togliere le parole che rendevano evidente la falsità del passo? Chi altri più di un prete avrebbe avuto l'interesse di togliere l'impedimento che rendeva inaccettabile la testimonianza di Giuseppe Falvio? A proposito di “Ipotesi su Gesù” di Messori posso dire e dimostrare che mai fu stampato nulla di più ateo di questo libro; soltanto il fatto che esso si basi la dimostrazione dell'esistenza di Gesù su delle ipotesi, dimostra nella maniera più evidente che colui che lo ha scritto è il primo dubitare di ciò che sostiene. Seconda prova: fratello di Gesù. La seconda prova dell'esistenza di Gesù la Chiesa la trae da un passo di “Antichità Giudaiche” nel quale si parla di un certo Giacomo che fu condannato alla lapidazione nell'anno 62: << Con il carattere franco e audace che aveva, Anano pensò di avere un'occasione favorevole alla morte di Festo mentre Albino era ancora in viaggio: così convocò i giudici del Sinedrio e introdusse davanti a loro un uomo di nome Giacomo, fratello di Gesù, che era soprannominato il Cristo, e certi altri, con l'accusa di avere trasgredito la legge, e li consegnò perché fossero lapidati>>. (Ant. Giud. XX-200). Questa presentazione di un personaggio dichiarato fratello di Giacomo il cui nome viene fatto seguire dal soprannome Cristo come se si volesse attraverso questa specificazione confermare che sia proprio il Gesù della Chiesa, avendo tutte le caratteristiche di una forzatura operata per introdurlo nella storia, continua ad alimentare quelle polemiche che, perpetuandosi ormai da secoli, possono essere definitivamente eliminate soltanto da un'attenta analisi dei fatti. Chi era Anano? Anano era un giovane religioso che dopo essersi distinto nella lotta contro i rivoluzionari zeloti venne eletto nel 62 Sommo Sacerdote dal re Agrippa. Alla morte del procuratore Festo, avvenuta soltanto tre mesi dopo avere assunto questa carica, seguendo l'impulso del suo carattere, che Giuseppe Flavio ci presenta risoluto e ardito, Anano pensò che sarebbe stata osa gradita al nuovo procuratore Albino se gli avesse fatto trovare ammazzati dei malfattori che non potevano essere che dei rivoltosi zeloti se intendeva riconfermare con la loro morte la sua fedeltà a Roma. Ma, purtroppo, invece di ricevere il plauso che s'aspettava, Anano pagò la sua iniziativa con la destituzione dalla carica di Sommo Sacerdote per aver contravvenuto alla legge che riservava le condanne a morte soltanto a un tribunale romano. E chi era questo Giacomo, fratello di Gesù, del quale ci parla Giuseppe Flavio? Prima di rispondere a questa domanda bisogna innanzitutto tenere presente che il termine Gesù non ebbe nel primo secolo e per tutta la prima metà del secondo il

significato non di nome proprio, come s'intende oggi, ma soltanto quello di appellativo come tutti gli altri che si davano al Salvatore del popolo d'Israele, quali Messia, Signore e Cristo. Ciò esclusivamente perché il “Salvatore” d'Israele, non essendosi ancora realizzato nella persona di nessuno, non poteva assolutamente avere un nome. Il nome Gesù assunse il significato di nome proprio soltanto nella seconda metà del II secolo quando i nuovi cristiani presentarono il Messia nella persona di un uomo che era esistito come ci viene confermato da Celso che nel 180 esplicitamente accusò i nuovi cristiani di questo abuso: << Colui al quale avete dato il nome di Gesù era in realtà un capo brigante>>. (Celso”Contro i Cristiani). Chiarito così come nel primo secolo i termini di Gesù, Signore, Messia e Cristo erano tutti appellativi dallo stesso significato, nella certezza che Giuseppe Flavio fosse a conoscenza di questa sinonimia, non possiamo evitare di sorprenderci di come abbia potuto scrivere nel 95 una frase che può risultare soltanto insulsa, se non addirittura ridicola, con uno qualsiasi degli altri appellativi come, per esempio “Cristo”: << Onano introdusse davanti al Sinedrio un uomo di nome Giacomo, fratello di Cristo, soprannominato Cristo>>, e di conseguenza concludere che il nome di Gesù nasconda in realtà un nome proprio. Fatta questa prima osservazione, continuiamo nella nostra analisi considerando questa fratellanza che Giuseppe Flavio pone tra Giacomo il Minore e questo qualcuno a cui è stato dato il soprannome di Cristo. Se questo Giacomo, detto il Minore, risulta essere fratello di colui al quale veniva dato l'appellativo Cristo e di Signore, di conseguenza egli sarà anche fratello di un altro Giacomo, detto il Maggiore, e di un Simone che vengono dichiarati anch'essi, come viene confermato dagli stessi Testi Sacri e da un abbondate documentazione extratestamentaria, fratelli di Cristo e del Signore. Chi erano Giacomo il Maggiore e Simone fratelli di Giacomo il Minore? Erano due rivoluzionari zeloti che furono crocifissi a Gerusalemme nel 46 dal procuratore Tiberio Alessandro: << Sotto l'amministrazione di Tiberio Alessandro, Giacomo e Simone, figli di Giuda il Galileo, furono sottoposti sotto processo e crocifissi; questi era il Giuda che, come ho spiegato sopra, aveva aizzato il popolo alla rivolta contro i Romani mentre Quirino faceva il censimento in Giudea>>. (Ant. Giud. XX-122). Come si vede, siamo di fronte a quella famiglia asmonea che fu la principale autrice delle rivoluzioni messianiche: Giuda il Galileo, promotore della rivolta del censimento, e tre dei suoi figli i cui nomi sono Giacomo il Maggiore, Simone e Giacomo il Minore ai quali possiamo aggiungere, già che ci siamo, un certo Giuda che risulta anche lui essere un fratello di questo Cristo-Signore che, da quanto ci riferisce Eusebio, ci apparteneva nella maniera più inequivocabile alla famiglia asmonea di Giuda il Galileo quale discendete della stirpe di Davide: << Della famiglia del Signore rimanevano ancora al tempo di Domiziano (81-96) i nipoti di Giuda, detto fratello del Signore secondo la carne, i quali furono denunciati sotto l'accusa di essere appartenenti alla famiglia di Davide >>. (Epifanio- Hist. Eccl. III-20,1). Questo Giuda, i cui nipoti sono accusati di appartenere a quella famiglia di Davide che nell'era messianica aveva dato tanti problemi a Roma e continuava a darne anche dopo la guerra giudaica del 70 attraverso i suoi discendenti quali sostenitori rivoluzionari di un Messia che ancora aspettavano, era un altro figlio di Giuda il Galileo che aveva fatto parte di quella banda di Bohanerges, condotta dal fratello primogenito, che fu metamorfizzata nella squadra di Cristo con

opportune modifiche dei loro nomi, come nel caso di questo Giuda il cui soprannome di Taddeo (Theudas), che significa coraggioso, fu trasformato nel nome proprio di un discepolo. Ci sarebbero ancora tante osservazioni da fare su questo passo riportato da Epifanio per dimostrare come la Chiesa si regga su una sequela di improvvisazioni e di abborracciamenti a cui è stata sempre obbligata a ricorrere per atturare quei buchi che via via si aprivano nel tempo, quale quello che riguarda la verginità della Madonna che fu stabilita dai teologi soltanto dopo il IV secolo dal momento che lo stesso Epifanio, padre della Chiesa, dichiara di ignorarla se ancora attribuisce agli inizi del quattrocento una fratellanza carnale tra Giuda e il Signore (Gesù). La Chiesa per quanto possa rigirare la frittata non potrà mai dimostrare attraverso la frase riportata su “Antichità Giudaiche”, anche se l'avesse veramente scritta Giuseppe Falvio, che il fratello di Giacomo il Minore sia il suo Gesù crocifisso nell'anno 33 per la contraddizione che c'è tra la sua stessa affermazione che lo vuole discendente di Davide, e la realtà storica che ci dà per certo che nel 62, cioè quando fu lapidato Giacomo, il Messia della stirpe di Davide era ancora lontano dal venire. A questo punto, stando così le cose, non ci resta che rivolgere alla Chiesa una sola domanda perché tutto il suo castello crolli: Il Vostro Gesù è o non è della stirpe di Davide? Se lo è non può essere quello da voi dichiarato crocifisso nel 33, se non lo è allora il vostro Gesù è un personaggio che viene escluso dalla storia. Ma chi erano allora quei cristiani che la Chiesa sostiene essere i seguaci del Gesù morto nel 33? La risposta sarà data in maniera esauriente allorché “sbugiarderò” quella che don Enrico ha portato come prova riferendosi alla lettera che Plinio il Giovane scrisse da Bitinia all'Imperatore Trainano. Una cosa per volta! Ma prima di chiudere, voglio ritornare sulla frase in oggetto per apportare in essa quella piccola modifica che, togliendola dal ridicolo datole da un falsario, la renderebbe logica letteralmente e storicamente accettabile come sarebbe risultata se fosse stata scritta veramente da Giuseppe Flavio che avrebbe messo il nome proprio di colui al quale l'appellativo Gesù si riferisce: << Anano convocò i giudici del Sinedrio e introdusse davanti a loro un uomo di nome Giacomo, fratello di Giovanni, che era soprannominato Cristo, e certi altri, con l'accusa di avere trasgredito la legge, e li consegnò perché fossero lapidati >>. Sicuramente anche Epifanio dovette accorgersi del pericolo che veniva da una fratellanza che, basata com'era su due appellativi che, riferendosi al primogenito di Giuda il Galileo, portavano agli Asmonei, se cercò di rattoppare la gaffe specificandone il padre: << In quel tempo Giacomo, fratello del Signore, poiché anch'egli era chiamato figlio di Giuseppe e Giuseppe era il padre di Cristo>>. (ist. Eccl. II-1,2). È così che la Chiesa ha costruito la sua storia! Agli oppositori che chiesero a Epifanio dove avesse preso questa informazione riguardante la paternità di Gesù e Giacomo il Minore, della quale nessuno fino ad

allora aveva mai parlato, candidamente rispose che l'aveva tratta dai libri di Egesippo. Santificazione dei fratelli zeloti. San Giacomo il Minore : Dal testo ecclesiastico “Santi di Pienza”: << Nel Nuovo Testamento si parla diverse volte di un apostolo di nome Giacomo, chiamato anche Giacomo di Alfeo (per distinguerlo da Giacomo il Maggiore figlio di Zebedeo), fratello di Gesù (cugino), figlio di Maria di Cleofa. Viene martirizzato nel primo secolo, così come viene raccontato da Giuseppe Flavio e Egesippo (Eusebio), vittima del fanatismo giudaico. Capitò che alcuni dei seguaci delle varie sette, prendendo spunto dal vangelo di Giacomo (10-7), gli chiesero chi fosse la porta delle pecore e siccome Giacomo rispose che era il Signore, molti credettero in Gesù . Gli Scribi e i Farisei, preoccupati di questa sua affermazione, si riunirono e chiesero a Giacomo di ritrattare ciò che aveva detto gridandolo forte dal pinnacolo del Tempio. Quando fu sul pinnacolo egli gridò a gran voce: <<Perché m'interrogate sul Figlio dell'uomo che siede in cielo alla destra della grande Potenza e tornerà sulle nubi del cielo?>>. Gli Scribi e i Farisei, contrariati da quanto aveva detto Giacomo, salirono sul pinnacolo e lo gettarono giù. Giacomo non morì dopo la caduta e così iniziarono a lapidarlo. Giacomo si rigirò e in ginocchio pregò per i suoi carnefici. Frattanto uno dei presenti, che di mestiere era lavandaio, afferrato uno di quei bastoni con cui si battono i panni, lo vibrò sul capo di Giacomo e così lo martirizzò. I fedeli lo seppellirono in un luogo vicino al Tempio, dove ancora una lapide lo ricorda >>. (Viene festeggiato il 3 marzo insieme a s. Filippo). Questa versione della morte di Giacomo il Minore, che è quella riconosciuta formalmente dalla Chiesa, non doveva essere ancora conosciuta nel IV secolo quando Epifanio lo fece morire di vecchiaia: << Giacomo il Minore era un asceta. Si asteneva dal lavarsi e non si tagliava mai i capelli né la barba. A forza di pregare, la pelle dei ginocchi gli era diventata dura come quella dei cammelli>>. Giacomo il Maggiore : << Giacomo il Maggiore fu, con i suoi fratelli Giovanni e Pietro, tra i discepoli prediletti del Signore. Gli Atti degli Apostoli narrano che Giacomo fu fatto uccidere di spada da Erode Agrippa a Gerusalemme intorno al 44, ma la tradizione orale, riportata da San Isidoro da Siviglia, vuole che sia morto a Compostela in Galizia (Spagna) dove si era recato per predicare il Vangelo. Sulla sua tomba fu eretto, quale protettore della Spagna, il celebre santuario divenuto meta di numerosi pellegrinaggi con scalo a Gerusalemme >>. (Per ulteriori informazioni turistiche rivolgersi al proprio parroco). Una speranza svanita.

(L'ossario di S.Giacomo). Tre anni addietro, tutto il mondo cristiano fece salti di Gioia perché era arrivata finalmente la prova che dimostrava l'esistenza storica di Cristo: a Gerusalemme era stata rinvenuta un'urna funeraria risalente all'anno 62 sulla quale c'era scritto: << Qui giace Giacomo, fratello di Gesù>>. Ormai non ci potevano essere più dubbi, la scritta era così chiara e specifica nella data e nei nomi da lasciare perplessa una gran parte degli stessi esegeti. Numerose furono le mail mi arrivarono da parte dei credenti e dei non credenti. Mentre i primi mi deridevano i secondi mi facevano presente il loro smarrimento. Nelle mie risposte, secche e laconiche, certo come sono che Gesù è una costruzione della fine del secondo secolo, dissi semplicemente che non poteva essere che un falso. Stavo preparando la confutazione della scoperta basandomi principalmente sul fatto che Giuseppe non poteva essere nominato nel 62 dal momento che egli è apparso sui testi sacri soltanto tra il III e il IV quando si diede a Gesù una nascita terrestre, allorché uscì lo scandalo della falsificazione, scandalo che fu pressoché taciuto dai mass media italiani per quel servilismo verso il Vaticano che li aveva portati precedentemente a divulgare la scoperta più che in ogni altra nazione al mondo. Un silenzio così totale da esserci, dopo due anni dall'accertamento del falso, persone che credono ancora all'autenticità di questa scoperta, tanto che un'associazione cattolica di Arezzo mi ha chiesto ultimamente, in un tono di derisione e di compatimento, come potessi insistere a sostenere la non esistenza storica di Gesù dopo il ritrovamento dell'ossario. Uno dei primi giornali stranieri ad informare sul falso fu “Archeology” che così scrisse il 18 giugno 2003: << Il vero dramma del cristianesimo è che, dopo 2000 anni, i cristiani ancora cercano febbrilmente le prove dell'esistenza di Gesù. E attenderanno purtroppo ancora poiché la recente scoperta che aveva dato un pallore di speranza al cuore di alcuni si è rivelata purtroppo un'impostura supplementare che s'iscriverà nella lunga lista delle menzogne e contraffazioni praticate dalla Chiesa. In ottobre 2002, André Lamare, direttore della scuola di Alti Studi, aveva annunciato come avvenimento sensazionale la scoperta di un'iscrizione su un ossario di Gerusalemme. Il contenitore d'ossa portava, apparentemente, una prova dell'esistenza di Gesù Cristo per via di una menzione, in aramaico, di “Giacomo” fratello di Cristo. L'ossario avrebbe dunque contenuto i resti del fratello di Gesù. Se questa notizia ha trasportato al settimo cielo alcuni credenti, altri, facenti parte della gerarchia cattolica, l'accettavano piuttosto male poiché l'esistenza di un fratello distruggeva l 'idiota dogma della verginità della Madonna. La soluzione è venuta il 18 giugno 2003 da un'analisi effettuata dal dipartimento della Antichità Israelita: l'urna è autentica ma le iscrizioni sono recenti, esse sono state apportate con lo scopo di dare un senso religioso all'oggetto. Si tratta quindi di una falsificazione e il proprietario dell'ossario , certo Olan Golan, è sospettato di esserne lui l'artefice. Bisogna rimarcare che questa contraffazione ha fortemente deprezzato l'oggetto archeologico>>.

Dal settimanale “Time” del 30 giugno 2003, pag. 14: << La più antica e unica prova della vita di Gesù che poteva venire da un contenuto funerario di pietra che si riteneva custodire frammenti ossei di Giacomo, fratello di Gesù, è stato dichiarato un falso dall'Autorità Israeliana delle Antichità. Il gruppo di esperti ha trovato incongruenze nella patina e nel linguaggio dell'iscrizione sulla tomba, “Giacomo, fratello di Gesù” che la collocano in tempi moderni. Dal giornale “Liberazione” del 23 ottobre 2003: << Il 21 giugno 2003 è stato arrestato dalla polizia israelita Odan Golan accusato di essere il responsabile della falsificazione operata sull'ossario. Degli strumenti utilizzati per eseguire questo arresto sono stati trovati presso il suo domicilio insieme ad altre falsificazioni in fase di realizzazione. Il valore dell'ossario è così passato da più di unmilione di dollari praticamente a nulla. Odan Golan, in seguito al processo, è stato condannato a sei mesi di reclusione e a un risarcimento verso lo Stato Israeliano di umilione di dollari>>. (Sembra che tra i libri di Odan Golan sia stato trovato un manuale sui metodi da seguire per operare le falsificazioni firmato da“Epifanio”). Luigi Cascioli

L'ateismo di Luigi Cascioli
Se io combatto le religioni non è perché esse sostengono l’idea di un Dio inesistente, ma perché esse fondano su questa chimera una morale basata sulla stagnazione e sul regresso. Perché dovrei io oppormi a un Dio, anche se non esiste, se fosse portatore di benefici? Perché dovrei io attaccare il cristianesimo se le sue leggi esortassero gli uomini a crescere, a perfezionarsi e quindi a evolversi? Che il cristianesimo s’opponga a l’evoluzione intellettuale e scientifica attraverso la negazione dell’esperienza è un’evidenza dimostrata dal fatto che, mettendo la perfezione come punto di partenza e non di arrivo, essa impedisce agli uomini di maturare costringendoli a rimanere sempre dei bambini. “Ego te baptizo”, dice il prete immergendo nell’acqua la testa del catecumeno, “ Da questo momento tu sei un uomo senza peccato, un essere perfetto e tale tu rimarrai se seguirai i miei precetti Sarà soltanto attraverso le mie leggi che tu potrai conoscere e seguire la verità”. “È attraverso le leggi che mi furono imposte, e non per un’esperienza personale, che io conobbi il peccato”, dice S. Paolo ai Corinti, e la Chiesa conferma l’esclusione della ragione nella ricerca della conoscenza decretando: “Degenerati saranno coloro che cercheranno la verità al di fuori delle mie leggi”. D’altronde non è lo stesso Cristo che dice: ”Beati coloro che credono senza comprendere, beati i poveri di spirito perché di essi sarà il regno dei cieli?”. Negando il libero arbitrio e negando a l’uomo la possibilità di conoscere ciò che è male e ciò che è bene attraverso l’esperienza, il cristianesimo costringe gli uomini a uno stato di immaturità, direi d’infantilismo, tale da permettergli di caricarli come dei bambini resi docili dalle minacce di severe punizioni, sui vagoni di un treno senza finestre che, seguendo un itinerario già tracciato, termina in quell’abisso rappresentato dal nulla nel quale pone, come ricompensa di un’ubbidienza cieca ed insensata, la beatitudine eterna. Questa è la vera immoralità del cristianesimo dalla quale derivano tutti i mali che tormentano la società: impedire agli uomini di maturare attraverso una propria esperienza. Luigi Cascioli, promuovendo un processo con formale denuncia-querela presso un tribunale civile perché sia riconosciuta la non esistenza di una delle tre persone della Trinità, cioè Gesù, realizza il primo processo contro Dio ricorrendo non ad argomentazioni puramente teoriche, come finora era stato fatto nel passato, ma portando prove che, tratte da una realtà storica, risultano evidenti e quindi non più discutibili. Il libro “LA FAVOLA DI CRISTO”, dopo aver dimostrato con dovizia di argomenti la NON esistenza di Gesù, termina con una denuncia contro i ministri della Chiesa affinché, in seguito ad una sentenza di tribunale, sia definitivamente bandita dalla società la grande impostura del Cristianesimo.

L’assurdo della Trinità, che la teologia era riuscita fino ad ora a sostenere eludendo la ragione e il buon senso con quell’escamotage che si chiama “mistero”, viene confermato in tutta la sua utopia e stravaganza dal libro “LA FAVOLA DI CRISTO” attraverso un’inoppugnabile documentazione storica dimostrante la non esistenza della sua seconda persona: Gesù. Molti sono coloro che, dopo aver letto “LA FAVOLA DI CRISTO”, hanno affermato che questo libro, distruggendo la figura di Cristo, oltre che a determinare la fine del cristianesimo, farà vacillare non solo le altre due fedi monoteiste (ebraismo e islamismo), ma anche tutte le altre per quelle analogie fiabesche che accomunano tutte le religioni. Soltanto annullando la ragione si può imporre una morale (falsa morale) basata su verità che, non essendo dimostrabili (dogmi), sono da considerarsi puramente astratte ed utopiche come, una fra le tante, quella riguardante l’esistenza di una vita dopo la morte che, in seguito al giudizio di un Dio, può rappresentare per ogni uomo un’eternità di felicità o di dolore.

CHI E' DIO?
Dio è l’essere perfettissimo creatore e signore del cielo e della Terra, rispondono i credenti, è colui che dal nulla ha fatto tutte le cose e dal quale tutto procede, è l’eterno, la bontà infinita, l’onnisciente e l’onnipotente. Tutte affermazioni incoerenti e contraddittorie, rispondono gli atei, che non fanno altro che confermare che una simile entità non può essere che una costruzione sostenuta dalla superstizione e dall’ignoranza. EPICURO: " Il male esiste, quindi di due cose l’una, o Dio ne è a conoscenza o lo ignora: Dio sa che il male esiste, può sopprimerlo ma non vuole...un tale Dio sarebbe crudele e perverso, dunque inammissibile. Dio sa che il male esiste, vuole sopprimerlo ma non può farlo...un tale Dio sarebbe impotente, dunque inammissibile. Dio non sa che il male esiste...una tale Dio sarebbe cieco ed ignorante, dunque inammissibile." LUCREZIO, continuatore di Epicuro nelle ricerche scientifiche, nel suo “De Rerum Natura” distrugge ogni concetto di un Dio creatore: " Il principio che noi poseremo sopra tutto è che nulla nasce dal nulla per un potere divino (ex nihilo nihil). Il timore che domina tutti i mortali e li rende succubi delle religioni, dipende dal fatto che essi vedono compiersi sulla terra fenomeni dei quali non conoscendone la causa li attribuiscono alla potenza di entità soprannaturali che chiamano dei. E soltanto seguendo la convinzione che ci porta ad affermare che nulla si può creare dal nulla che noi potremo scoprire l’oggetto delle nostre ricerche il cui risultato, una volta raggiunto, dimostrerà come tutto si compie senza l’intervento di Dio".

“Dio è il nome che dall’inizio dei tempi fino ai nostri giorni gli uomini hanno dato alla loro ignoranza”. (Max Nordeau). ___________________ “E assurdo ammettere l’esistenza di un creatore dal momento che è impossibile non solo dimostrare ma anche immaginare che il nulla si trasformi in qualche cosa e qualche cosa in nulla". (Enciclopedia Anarchica) ___________________ “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma” conferma Lavoisier dimostrando scientificamente l’inesistenza di un creatore. Il numero stesso delle religioni che sostengono ognuna di avere il Dio vero mentre tutti quelli delle altre sono falsi, ha portato il Dr.Carret a questa conclusione: “Due sono le cose: o Dio ha voluto farsi conoscere dagli uomini o non lo ha voluto. Se ha voluto farsi conoscere e non c’è riuscito ciò non può dimostrare altro se non che egli è impotente; un Dio impotente non è ammissibile. Se Dio non ha voluto farsi conoscere allora tutte le religioni sono false. Se Dio non ha voluto né l’una né l’altra, allora non resta che concludere che Dio non esiste”. Il solo fatto che esistano gli atei, cioè persone che negano Dio, dimostra che nessuno è risuscito a dimostrarne l’esistenza. La sola differenza che c’è tra l’ateo e il credente dipende dall’origine che essi danno alla materia. Mentre il primo sostiene che è stata voluta da un creatore, il secondo afferma che è sempre esistita. Il credente sostiene la sua verità con il mistero e con il dogma (verità non dimostrabile), l’ateo sostiene la sua con la dimostrazione scientifica. Fede contro ragione: la fede è un astrattismo, un’utopia, una concezione dell’immaginario, un’incoerenza nevrotica, la ragione è una realtà, un positivismo, una certezza che si basa sul tangibile. "chi ha creato tutto questo?" chiede il bambino guardando il cielo in una notte stellata, e dalla risposta che gli viene data si forma il credente (credulone) o l’ateo. L’ha creato Dio... Chi è Dio?....E l’essere perfettissimo... e continuando con una sequela di sofismi sostenuti dal mistero, la spiegazione del credente si conclude con un imperativo che, non ammettendo repliche, obbliga a credere all’esistenza di un creatore. E sempre esistito... e con dimostrazioni pratiche e inconfutabili, l’ateo dimostra la non esistenza di un creatore.

Se il primo insegnamento è dogmatico, il secondo è scientifico, e siccome la scuola non deve servire come catechesi, l’insegnamento deve essere scevro di ogni condizionamento che viene dalla presenza di simboli che avallano il falso, che favoriscono la continuazione di quella malattia mentale che sono le religioni, come i crocefissi appesi alle pareti. Per dimostrare che il Cristianesimo è una religione falsa basta riportare ciò che lo stesso S. Agostino scrisse nel 350, quando si considerava un’eresia affermare che la terra fosse rotonda: “Se si dimostrasse che la terra è rotonda, tutto il cattolicesimo risulterebbe un errore”. Il concetto di un Dio perfettissimo è già di per sé la dimostrazione dell’inesistenza di un Dio creatore. La parola perfettissimo che gli si attribuisce nel suo significato di completezza assoluta, già esclude di per se un Dio che possa aver avuto il desiderio, o meglio ancora, il bisogno di darsi, attraverso una creazione, un qualcosa che gli mancava. Per quanto lo si voglia rendere metafisico ponendolo in un mondo trascendentale al di fuori della materia, Dio non riesce a uscire dal fango della materia che lo ha generato. Essendo un prodotto degli uomini, della loro ignoranza, della loro superstizione, dei loro interessi ed egoismi non può risultare, come realmente risulta, che un essere composto dei peggiori difetti umani. Basta leggere la Bibbia per renderci conto quanto Dio sia un essere antropomorfo. Il Dio della Bibbia è collerico, invidioso, superbo, vanitoso, autoritario...un vero criminale che racchiude la parte peggiore dell’uomo. (Leggere “LA FAVOLA DI CRISTO”). L’uomo, sostituendo Dio alla Natura, si è così intellettualmente impoverito da divenire un burattino che, incapace di provvedere a se stesso, affida la propria tutela alla magia di religioni che, con promesse di grazie e minacce di punizioni, si fanno garanti della sua salvezza. La costrizione ottenuta con il plagio ad obbedire ciecamente a leggi che vengono da un mondo metafisico, un mondo astratto ed utopico, esigendo l’abdicazione della ragione e del buon senso, riduce l’uomo ad una schiavitù teorica e pratica che ci porta a concludere, senza tema di smentita, che dove esiste Dio l’uomo è schiavo e dove l’uomo è libero non può esistere Dio. Il vescovo americano Brown (condannato dalla Chiesa due volte per eresia), negando ogni concetto creazionistico e quindi un Dio trascendentale, ha scritto: "Il mio Dio è una trinità di cui la materia è il Padre, la forza che la muove è il Figlio e la legge che la regola è lo Spirito Santo. Dio è l’unione della Natura con un’umanità che lavora per la costruzione di una società il più possibile felice”. E Prosper Alfaric, ex professore di teologia presso i grandi seminari francesi, convertitosi all’ateismo, ha concluso alla Sorbona, in una conferenza tesa a dimostrare l’assurdità di un Dio creatore e legislatore: "Se gli atei ripudiano la fede tradizionale non è soltanto perché questa fede è in contrasto con le affermazioni degli stessi credenti, con la ragione che nega l’idea di Dio, ma perché hanno capito che i dogmi vanno contro la vera morale, contro le esigenze sociali del mondo in cui viviamo. La credenza in Dio non è soltanto una semplice

illusione, un errore puramente teorico. Essa falsa la direzione pratica della vita orientandola verso una direzione chimerica. Essa va contro le realtà sociali, i bisogni essenziali della collettività umana che sono il primo motore e l’ultimo fine di ogni moralità". ___________________ Prima di chiudere questa pagina voglio precisare che io, Luigi Cascioli, nella convinzione che l’ateismo è uno stato d’essere connaturato in ogni uomo e quindi universale, rifiuto ogni coinvolgimento personale in partiti o ideologie che possano usarlo per scopi politici o individuali. Per comprendere quale deve essere la posizione di un vero ateo che intende lottare con me per la liberazione dell’umanità da ogni forma di dittatura, è d’uopo sapere che di figure di Gesù costruite dagli uomini ce ne sono due: quella di religioso sostenuta dall’imperialismo cristiano e quella di politico rivoluzionario socialista sostenuta dall’imperialismo comunista. “LA FAVOLA DI CRISTO”, distruggendole entrambe, non può essere sostenuto, di conseguenza, che da chi veramente vuole una società libera da ogni alienazione intellettuale. Confondere l’ateismo con il comunismo significherebbe sostituire la dittatura di un Dio trascendentale con la dittatura di un Dio uomo che risulterebbe non di certo migliore dell’altra: Stalin ne è stato l’esempio.

Lettera aperta al Vaticano
(la bomba)
Uno spretato, convertitosi all'ateismo, mette in ridicolo il Cattolicesimo dimostrando l'assurdità dei dogmi minaccia la Chiesa di mettere in vendita vino trasformato in sangue di Cristo Prendendo come motivo la chiusura da parte del Vaticano di cinque siti internet per blasfemia, io, Cascioli Luigi, ho iniziato oggi, con la presente lettera inviata all'Osservatore Romano, la guerra già da me annunciata con il mio libro-denuncia "La Favola di Cristo". Considerando inutile continuare con una lotta basata su teoriche argomentazioni dottrinali, ho deciso di attaccare la Chiesa Cattolica ritorcendo contro di essa, nella forma la più realista e pratica, quelle stesse armi di cui essa si serve per imporre la sua impostura quali sono i suoi sacramenti, in questo caso l'Eucaristia e il Sacerdozio. Per comprendere la natura della bomba a cui mi riferisco, bomba confezionata insieme a un ex sacerdote, le cui generalità saranno rivelate nel momento opportuno, è necessaria una breve spiegazione su cosa è il Sacerdozio e cosa è il l'Eucaristia. A differenza degli Ebrei e dei Pagani che considerano il Sacerdozio una carica revocabile perché, potendosi acquisire per eredità o per appropriazione personale, lo fanno dipendere da una decisone umana, per i Cattolici, che lo fanno procedere invece da una chiamata divina (vocazione), assume un carattere eterno. "Nessuno può appropriarsi di questo nome (sacerdote), ma soltanto chi è chiamato da Dio". (Ebrei V-4). Come prove portate per dimostrare che i sacerdoti cattolici vengono eletti da Dio, la Chiesa ci porta quei passi dei vangeli che dimostrano come gli apostoli divennero tali non per propria decisione ma per una diretta chiamata di Gesù: "Mentre camminava lungo il mare di Galilea, Gesù vide due fratelli, Andrea e Simone, che gettavano le reti in mare, poiché erano pescatori. E disse loro: <<Seguitemi, perché io vi ho scelto fra tutti per farvi pescatori di uomini >> (pescatori di uomini sta per sacerdoti). Ed essi, lasciate le reti, lo seguirono. Andando un poco oltre, vide sulla barca anche Giacomo di Zebedeo e Giovanni suo fratello mentre riassettavano le reti. Li chiamò. Ed essi, lasciato il loro padre Zebedeo sulla barca con i garzoni, lo seguirono". E così via, via, camminando e guardando a destra e a manca, seguendo il suo fiuto divino di selettore di sacerdoti, scelse e chiamò al suo seguito quei dodici che, dopo un apprendistato di tre anni, divennero, grazie alla discesa dello Spirito Santo, sacerdoti in eterno secondo l'ordine di un certo Melchisedec che nella Bibbia ci viene presentato come il primo sacerdote del Dio altissimo il quale, come precursore dell'istituzione del Sacramento dell'Eucaristia, offrì ad Abramo pezzo pane e un bicchiere di vino.

Infatti la formula che suggella la perpetuità del patto di alleanza tra il Sacerdote e Dio nel momento dell'investitura è: << Tu sei sacerdote in eterno secondo l'ordine di Melchisec>>. ( A titolo informativo dirò che il passo riguardante Melchisedec fu aggiunto alla Bibbia tra il IV e il V dai falsari cristiani per liberare il cristianesimo da ogni dipendenza che gli fosse potuta venire da Aronne, fratello di Mosè, fondatore del sacerdozio ebraico). Cosa è in realtà il sacerdozio secondo la teologia cattolica? Il sacerdozio secondo la teologia cattolica è un patto basato sulla reciprocità di una fedeltà eterna stipulato tra un uomo prescelto da Dio e Dio stesso nel quale i contraenti si promettono, il primo di svolgere la sua missione sacerdotale nel rispetto della morale evangelica e il secondo di garantire in eterno la Grazia indispensabile per svolgere la sua missione. Alla domanda che a questo punto sorge spontanea: << Come può la Chiesa parlare di eternità del sacerdozio quando tanti sono i preti che lasciano l'abito talare per abbracciare la vita laica, per seguire un'altra religione, se non addirittura per un rifiuto della fede cristiana in seguito ad una conversione all'ateismo?>>, quale può essere la risposta della Chiesa? Ebbene, la Chiesa risponde così: "Qualsiasi fosse il motivo per cui un prete rompe il contratto stipulato con Dio, egli rimane sempre e comunque un sacerdote in eterno, secundum ordinem Melchisedec" perché secondo quello che ha detto Gesù nei vangeli, cioè che l'uomo non può sciogliere sulla terra ciò che viene legato nei cieli, non è la parola umana, spesso infedele, a decidere la validità dell'alleanza, ma quella di Dio che rimane immutata in eterno". Questo concetto teologico confermato da S. Paolo, colonna portante del cristianesimo, nella prima lettera a Timoteo (IV-14): <<La grazia che il vescovo conferisce al sacerdote nell'investitura, non va perduta, anche se rinnegata, potendosi ravvivare per riportare sulla giusta strada colui che l'ha smarrita >>, e ribadita da S. Agostino: <<Il Sacerdozio è un'investitura sacra, permanente e così indelebile da restare nell'anima per sempre come un sigillo>>, viene continuamente convalidato nei testi sacri come in I Timoteo (V/14) e in II Timoteo (6-7), da poter concludere d'accordo con la Chiesa (è la prima volta che mi capita), che "la sacra ordinazione, o investitura del sacerdozio, che si compie con parole e segni esterni, non è un semplice rito di elezione dei ministri della parola e dei sacramenti; molto meno invenzione umana, ma un vero e proprio sacramento istituito da Cristo a conferimento di grazia che infondendo il carattere dello Spirito santo, impedisce al sacerdote di tornare laico, anche se per contrasti sopraggiunti, viene ridotto dalla Chiesa alla condizione laicale".

L'ateismo di un prete non annulla il Sacerdozio
Se l'ateismo non annulla il sacerdozio, di quali mezzi dispone la Chiesa per difendersi da uno spretato il quale, non credendo più ai suoi sacramenti, potrebbe agire contro di essa attraverso forme profanatrici tendenti a dimostrare l'assurdità delle sue verità teologiche come, per esempio, dar da mangiare ai cani del pane da lui (sacerdote eterno) precedentemente trasformato in corpo di Cristo? Praticamente di nessuno. Le uniche armi di cui dispone la Chiesa, che sono

la scomunica e la sospensione a divinis, sono assolutamente inefficienti contro delle eventuali rappresaglie che uno spretato potrebbe fare contro di essa.

Scomunica e sospensione a divinis
"La sospensione a divinis è l'interdizione a un sacerdote a svolgere le funzioni ministeriali sacre", cioè l'insieme dei riti che si esprimono attraverso le preghiere, i canti, la recita della messa, l'ascolto dei penitenti che si confessano, la distribuzione delle ostie ai comunicandi ecc, insomma la parte esteriore della religione che si annovera sotto i nomi di liturgia e catechesi. "La scomunica è una censura che esclude di godere dei diritti e benefici spirituali e temporali derivanti dalla comunione dei fedeli", cioè l'esclusione di un cattolico da tutto ciò che dipende dalla parte esteriore della religione che si esprime con l'espressione "comunione dei fedeli" che è rappresentata appunto "dal godimento dei diritti e benefizi spirituali e temporali derivanti dall'appartenenza alla Chiesa quale società esterna e visibile", come potrebbe essere fare la comunione, confessarsi, partecipare ai riti religiosi, assumere cariche ecclesiastiche, ricevere la pensione da Santa Madre Chiesa, organizzare oratori e circoli cristiani ecc. che sono tutte privazioni che non hanno però nulla a che vedere con l'altra essenza della Chiesa che è la Comunione dei Santi.

Cosa è la comunione dei Santi?
"La comunione dei Santi, rappresentando tutto ciò che è interiore, è la parte spirituale della Chiesa che, fondata sulla fede, rende tutti i fedeli, vivi e defunti, uniti fra loro in Gesù Cristo loro capo, e fa gli uni partecipi dei beni spirituali degli altri." Per spiegare la differenza esistente tra la Comunione dei Fedeli e la Comunione dei Santi prendiamo come esempio un rubino. La lavorazione della pietra, determinata dall'uomo, è la Comunione dei Fedeli, il colore rosso intrinseco alla sua natura, nel quale si identificano tutti i suoi atomi, è la Comunione dei Santi. L'esclusione dalla comunione dei fedeli, avendo quindi un effetto soltanto esteriore come può essere l'interdizione ai riti religiosi, non può impedire ad uno spretato, qualora lo volesse, di avvalersi, sia pure commettendo per la Chiesa un sacrilegio, delle facoltà che gli sono state concesse (quali celebrare il sacramento dell'Eucaristia e di assolvere i peccati) dallo Spirito Santo attraverso la Grazia che rimane in lui perpetua come un marchio indelebile (colore rosso del rubino). E questo è tanto vero che la stessa Chiesa riconosce che uno spretato, anche se interdetto a confessare perché sospeso a divinis, può assolvere i peccati ai moribondi qualora fosse testimone di un caso estremo come potrebbe essere un incidente stradale. La Chiesa fu costretta a rendere indipendente la figura del sacerdote dalla figura umana allorché, in seguito al comportamento immorale e spesso ateo dei preti, i fedeli si chiesero se i sacramenti celebrati da essi in stato di peccato o di ateismo erano da considerarsi validi. La conferma della validità del sacerdozio qualunque fosse stato il comportamento dell'uomo, data dal Concilio Lateranense, ricevette opposizione da coloro che, vedendo in essa i gravi pericoli che questa decisione

poteva apportare al Cristianesimo, negando ogni ragione di sacerdozio cristiano reagirono confondendo nella stessa persona le due figure (protestanti). La Chiesa, costretta così a cavalcare la tigre per garantire ai fedeli che le consacrazioni rimangono valide anche se eseguite da un prete in stato di peccato e di ateismo, cerca di sopperire a questa grave lacuna che la rende praticamente impotente verso ogni forma di ritorsione che potrebbe venirgli dagli spretati, dicendo: <<L'esclusione dalla comunione dei fedeli non produce soltanto un effetto puramente esterno, ma anche interiore, perché obbliga la coscienza>>. Ma ditemi, voi teologi della Chiesa Cattolica, a parte il fatto che questo affidarsi alla coscienza degli spretati è la manifestazione più evidente della vostra debolezza, di quale coscienza parlate? Dell'ateo o del credente? Che significato può avere questo appello alla coscienza quando ognuno la sente secondo la propria moralità e le proprie convinzioni? E se, a questo punto, dovessimo parlare di moralità non credo che la Chiesa abbia molti argomenti per difendere la propria! D'altronde se la Chiesa dovesse riconoscere nulle tutte le consacrazioni che sono state e vengono ancora celebrate da un clero ateo, ben poche ne risulterebbero valide dal momento che almeno l'ottanta per cento dei preti non crede a Dio. Basta ricordare i Papi Leone X e Paolo III che si dichiararono miscredenti negando l'esistenza di Gesù, Monsignor Propsper Alfaric che dichiara in suo libro di aver celebrato la messa in completo stato di ateismo, il curato d'Etrepigny (FR), Jean Meslier, morto nel 1733, che nel testamento aperto dopo la morte, chiese perdono ai sui parrocchiani per averli portati a credere per tanti anni alle falsità della religione Cristiana per il timore del rogo, e tanti, tanti altri che hanno dichiarato il loro ateismo nel pieno delle loro funzioni sacerdotali. Quale altra virtù può essere così meritevole di lode quanto il coraggio di uno spretato che, compresa l'immoralità della vostra impostura, usa i poteri che gli avete dato per combattervi con le vostre stesse armi? Più vi si studia e più vi si conosce e tanto più appare evidente quanto sia grande la vostra fragilità. Soltanto l'aver unito nella stessa persona la figura trascendentale di Dio con quella umana di Gesù Cristo, dimostra la vostra superficialità teologica e tutta la debolezza che avete difeso non con la logica e la ragione, come si dovrebbe nelle ideologie degne di questo nome, ma con il plagio e la violenza delle stragi e dei roghi e continuate a difendere con il ricatto e le rappresaglie, ultima delle quali è stata la chiusura di cinque siti internet a voi contrari. Questa è stata la goccia che, facendo traboccare il mio vaso, mi ha portato alla determinazione di distruggervi. Se dico che non sono solo in questa lotta contro di voi, non mi riferisco tanto a quei pochi coraggiosi che mi sostengono, ai quali, lascio la piena libertà di decidere se partecipare o no a questa azione, quanto al mio amico spretato (il cui nome sarà fatto nel momento opportuno), che con entusiasmo ha accettato di usare la Grazia eterna e indelebile ricevuta dal vostro Spirito Santo, per unirsi a me per porre fine alla vostra comunione dei fedeli le cui enormi ricchezze (parlo di quelle economiche), e la cui potenza (mi riferisco a quella politica) non ci sono affatto motivo di soggezione e di spavento ma ben sì di risolutezza e d'incoraggiamento tanto da inviarvi, nella maniera più ferma e decisa la seguente diffida: << Al primo sentore che avremo di una qualsiasi repressione operata da

voi di siti internet a voi contrari, o di semplici boicottaggi, comincerà la trasformazione di vino in sangue di Gesù Cristo in damigiane e botti i cui luoghi ove esse si troveranno verranno comunicati a voi con e-mail che saranno contemporaneamente inviati a migliaia di cittadini, enti pubblici e privati, compresi i mass media, affinché tutto il mondo ne venga a conoscenza >>. Sono proprio curioso di vedere come la vostra potenza economica e politica, rappresentata dalla Comunione dei Fedeli, possa riuscire a salvare la fantomatica Comunione dei Santi, allorché le transustanziazioni assumeranno un'ampiezza industriale e il vino, trasformato in sangue di Cristo, del vostro eroe in realtà mai esistito, sarà messo in commercio a due franchi al litro. Un prete a cui accennai qualche tempo addietro la possibilità di una tale evenienza, dopo essere impallidito dallo spavento, mi rispose che soltanto una persona priva di coscienza avrebbe potuto compiere un simile sacrilegio. Ebbene, se la coscienza è la valutazione morale del proprio agire intesa come criterio supremo della moralità, come osate voi, stirpe di criminali, giudicare le coscienze altrui? Come potete pretendere voi, falsificatori di documenti e travisatori di ogni principio di giustizia, costringerci a rispettare le vostre utopie e le vostre assurdità, prima fra tutte quella di credere che la magia possa trasformare la natura della materia come, nel nostro caso, il vino e il pane nel corpo di un qualcuno che per giunta non è mai nato, mai vissuto e quindi mai morto? La mia coscienza di ateo, quindi di essere ragionante, che vuole liberare l'umanità dai vostri soprusi, fregandosene altamente dei vostri precetti, mi obbliga ad agire nella maniera più risoluta e definitiva per distruggere la vostra comunione di santi che tanto vi è servita per rendere spudoratamente potente il vostro imperialismo, o come voi lo chiamate comunione di fedeli, derubando, saccheggiando e violentando le masse rese succubi dal terrore delle vostre stragi, dei vostri genocidi, ricatti e ritorsioni. La guerra ormai è aperta e dichiarata. Da una parte voi con la vostra coscienza e le vostre comunioni di fedeli e di santi, e dall'altra io con la mia coscienza, il mio libro "LA FAVOLA DI CRISTO" e la comunione dei martiri rappresentata da tutte le vostre vittime del passato, quali gli ebrei, i mussulmani, gli eretici e le streghe a cui si uniscono le vittime del presente che vengono quotidianamente uccise dal vostro oscurantismo generatore di fame e di malattie Tutte vittime alle quali mi unisco per gridare insieme a loro: <<Che siate maledetti!>>. Luigi Cascioli da Bagnoregio, concittadino di S. Bonaventura detto il Serafico.

Le vittime della chiesa Cattolica

LA SANTA INQUISIZIONE Segue l'elenco delle vittime della Chiesa Cattolica che si sono unite a noi nella lotta che stiamo conducendo contro i loro carnefici. Sono questi i nomi che presto andranno a sostituire, nelle targhe commemorative poste sulle strade e nelle piazze, quelli dei tanti criminali che un imperialismo basato sull'impostura ci ha costretto ad onorare come Santi: L'Inquisizione, dichiarata Santa da Santa Romana Chiesa come lo sono state le Crociate, anche se nei fatti esisteva già dagli inizi dell'anno 1000, fu ufficialmente riconosciuta e legittimata sotto Papa Gregorio IX nel 1215 allorché la sua gestione fu affidata all'ordine dei domenicani fondato da Domenico da Guzman (anche lui santo) il quale perseguitò gli eretici con un cinismo tale da essere ricordato dalla storia come uno dei più sanguinari carnefici di tutti i tempi. Qualche cenno esplicativo: Eretico era considerato chi con scritti o con parole si opponeva alle norme dettate dalla Chiesa. Abiura: L'abiura era la ritrattazione delle proprie convinzioni, quasi sempre estorta sotto tortura, che un eretico scriveva in forma solenne davanti al consiglio dell'inquisizione. Le abiure a cui era sottoposto un eretico erano sempre due perché alla prima ne doveva seguire per legge una seconda di conferma. Normalmente il tempo che intercorreva tra le due era di un anno. L'eretico che rifiutava di firmare la seconda abiura, considerato "relapso", cioè eretico irriducibile, veniva bruciato vivo. Gli argomenti che maggiormente determinarono le eresie furono la Santissima Trinità, la verginità della Madonna e la sua attribuzione di madre di Gesù che fu fortemente contestata da quei credenti che seguitavano a sostenere ciò che era stato affermato nei primi secoli della Chiesa da una gran parte dei teologi i quali ritenevano impossibile che Dio avesse concesso un tale privilegio ad una donna allorché le donne venivano considerate così immonde da essere ritenute prive di anima. L'altro motivo che determinò gli eretici furono le contestazioni rivolte alla Chiesa per la sua lussuria e la sua ingordigia. Tra le innumerevoli vittime della Chiesa nel periodo precedente all'avvento dell'Inquisizione istituita da Innocenzo III, rimaste purtroppo nella maggior

parte anonime per via di mancanza di documenti, giganteggia la figura di Arnaldo da Brescia bruciato vivo nel 1155 sotto il pontificato di Adriano IV per aver denunciato l'immoralità della Chiesa. I papi che seguirono Adriano IV (1154-1159), promettendo ai persecutori degli eretici le stesse indulgenze riservate ai crociati, spinsero i cattolici ad eseguire delle vere e proprie stragi come quelle volute da Innocenzo III che si servì delle milizie di Simone de Monfort per distruggere città intere, come Carcassonne, Tolosa e Beziers, perché gli abitanti si erano rifiutati di consegnare i seguaci di Valdo (Valdesi). Soltanto a Beziers furono massacrati oltre 7.000 dei suoi abitanti. Le milizie cattoliche entrarono in queste città e senza curarsi di selezionare gli eretici dai non eretici, eseguirono le carneficine al grido: <<Uccideteli tutti perché Dio saprà poi riconoscere i suoi!>>. Da ricordare che Innocenzo III nell'ultimo anno del suo pontificato fece votare dal Concilio Lateranense IV una legge che obbligava gli ebrei a vestire di giallo perché fossero sottoposti al pubblico ludibrio... e ci si chiede ancora da dove originino i campi di stermino nazisti! Sotto il Papa Innocenzo IV, successore di Innocenzo III, le leggi inquisitorie furono confermate e aggravate. Chiunque fosse stato dichiarato eretico veniva automaticamente imprigionato e condannato a morte con la confisca dei beni se non avesse abiurato. Come conseguenza di questa legge, che considerava la confisca del beni, molti furono i figli che furono potati all'infamia di accusare i propri genitori di eresia pur di salvare le proprietà di cui erano eredi. Delle centinaia di processi terminanti con condanne a morte, l'unico che ci è pervenuto è quello contro Paolo Gioacchino dei Rusconi che fu torturato e bruciato vivo quale relapso. I nomi dei martiri riportati qui di seguito nei vari pontificati che si susseguirono, essendo tratti dai pochi documenti rimasti, non sono che una minima parte di quanti furono in realtà uccisi da Santa Madre Chiesa. Nell'elenco ci sono anche tre martiri uccisi per aver celebrato la messa da spretati (si trovano sottolineati nei pontificati di Paolo VI - Urbano VIII Clemente XIII). — Papa Clemente V Fra Dolcino, per nulla intimorito dalle minacce dell'Inquisizione, si scaglia contro Clemente V accusandolo di immoralità. Ridotto a brandelli il suo corpo viene bruciato al rogo. 13 marzo 1307 Suor Margherita e Frate Longino insieme ad oltre mille seguaci dell'eretico Dolcino, bruciati al rogo. 1307. Soppressione dei Templari con stragi di massa con "torture inimmaginabili"

perché accusati di eresia. Molay, Gran Maestro, fu arso vivo a Parigi dopo anni di atroci torture.

— Papa Benedetto XII (beatificato) Francesco da Pistoia, Lorenzo Gherardi, Bartolomeo Greco, Bartolomeo da Bucciano, Antonio Bevilacqua e altri dieci frati Francescani, arsi vivi per predicare la povertà di Cristo - Venezia 1337. Stessa sorte a Parma per Donna Oliva anch'essa perché seguace di S. Francesco. — Papa Clemente VI Migliaia di vittime dell'inquisizione delle quali ci sono pervenuti soltanto i processi di: Francesco Stabili, detto Cecco d'Ascoli, il quale fu arso vivo per aver detto, a proposito delle tentazione di Gesù, che non è possibile vedere tutta la terra da una montagna per quanto alta fosse stata come veniva affermato da vangelo. Pietro d'Albano, medico, bruciato vivo perché accusato di stregoneria. Domenico Savi condannato al rogo come eretico per aver eretto un ospedale senza la benedizione della Chiesa. — Innocenzo VI Tra le numerose vittime di Santa Madre Chiesa da ricordare i frati Pietro da Novara, Bernardo da Sicilia, Fra Tommaso vescovo d'Aquino e Francesco Marchesino vescovo di Trivento accusati di appartenere ai fraticelli di S.Francesco. Torturati e bruciati vivi. — Gregorio XI Intere città furono teatro di stragi perché avevano ospitato gli eretici. Nelle piazze di Firenze, Venezia, Roma e Ferrara fu un continuo accendersi di roghi. Belramo Agosti, umile calzolaio, torturato e bruciato vivo per aver bestemmiato durane una partita a carte: 5 giugno 1382. Menelao Santori perché conviveva con due donne: 10 ottobre 1387. Lorenzo di Bologna costretto sotto tortura a confessare di aver rubato una pisside. Reso moribondo dalle torture, fu accompagnato al rogo a colpi frusta. 1 novembre 1388.

— Gregorio XII Dopo il periodo di tregua passato sotto Urbano VI, con Gregorio XII riprendono le stragi e i roghi in una maniera estremamente spietata. La città che fu particolarmente colpita fu Pisa. Un certo giovane di nome Andreani fu torturato e bruciato vivo insieme alla moglie e alla figlia perché aveva osato deridere i Padri Conciliari. I cardinali appartenenti al concilio assistettero in massa alle esecuzioni per il piacere di veder morire insieme alla sua famiglia colui che essi "avevano condannato per solo sentimento di vendetta". 1413. Jean Hus e Gerolamo da Praga macellati e bruciati vivi per aver detto che la morale del vangelo proibisce ai religiosi di possedere beni materiali. 1414. — Papa Eugenio IV Giovanna d'Arco, bruciata viva accusata di stregoneria (1431). Merenda e Matteo, due popolani, bruciati vivi dall'Inquisizione per rendere un favore alle famiglie dei Colonna e dei Savelli delle quali avevano parlato male. Ripetute stragi in Boemia contro gli Hussidi (seguaci di Jean Hus), per le rimostranze fatte in seguito alla uccisione del loro maestro. Una delle stragi fu eseguita facendo entrare gli Ussidi in un fienile al quale dettero fuoco dopo aver chiuso le porte. Il fatto fu così commentato da uno scrittore cattolico: <<Appena entrati, si chiusero le porte e si appiccò il fuoco; e in tal modo quella feccia, quel rifiuto della razza umana, dopo aver commesso tanti delitti, pagò finalmente tra le fiamme la pena del suo disprezzo per la religione>>. Ma il peggio verrà allorché la Chiesa dovrà difendersi dall'avvento del Rinascimento. — Papa Sisto IV (Per conoscere l'immoralità di questi papi consultare: www.anti-religions.org , scritto in inglese, francese, italiano). In Spagna eccelse per la sua crudeltà il domenicano Tommaso Torquemada il quale, confiscando i beni degli accusati di eresia e di stregoneria, era arrivato ad accumulare tante ricchezze da essere temuto dallo stesso Papa che lo obbligò a versargli la metà del bottino. Quando costui arrivava in un paese come inquisitore, la popolazione fuggiva in massa lasciando tutto nelle sue mani. Nell'impossibilità di elencare tutte le vittime di Torquemada mi limiterò a dire che in 18 anni della sua inquisizione ci furono: 800.000 ebrei allontanati dalla Spagna, con confisca dei beni, sotto pena di

morte se fossero restati. 10.200 bruciati vivi. 6.860 cadaveri riesumati per essere bruciati al rogo in seguito a processi (terminati tutti con la confisca dei beni) celebrati "post mortem" (dopo la morte). 97.000 condannati alla prigione perpetua con confisca delle proprietà. E intanto che Torquemada faceva il macellaio in Spagna, a Roma l'inquisizione accendeva roghi in tutte le sue piazze per bruciare gli eretici i cui patrimoni venivano automaticamente requisiti per conto del Papa dalla confraternita di San Giovanni Decollato. — Papa Alessandro VI Gerolamo Savanarola bruciato vivo in Piazza della Signoria a Firenze. 23 maggio 1498 insieme ai suoi due suoi discepoli Domenico da Pescia e Sivestro da Firenze. Tre ebrei arsi vivi in campo dei Fiori a Roma. 13 gennaio 1498 Gentile Cimeli, accusata di stregoneria arsa viva a campo dei Fiori 14 luglio 1498 Marcello da Fiorentino arso vivo in piazza S. Pietro. 29 luglio 1498. — Giulio II 4 donne giustiziate per stregoneria a Cavalese (Trento). 1505. Diego Portoghese impiccato per eresia. 14 ottobre 1606. 30 persone bruciate vive a Logrono (Spagna) per stregoneria. Fra Agostino Grimaldi giustiziato per eresia. 6 agosto. 1507 15 cittadini romani massacrati dalle guardie svizzere per eresia.1513. Orazio e Giacomo di Riffredo, giustiziati per eresia. 30 aprile 1513. — Leone X (Il Papa che ha dichiarato la non esistenza di Cristo) 30 donne accusate di stregoneria arse vive a Bormio. 1514. Martino Jacopo giustiziato per eresia a Vercelli. 18 febbraio 1517. 80 donne bruciate vive in Valcamonica per stregoneria. 1518. 5 eretici arsi vivi a Brescia. 13 aprile 1519. Baglione Paolo da Perugia decapitato per eresia alla Traspontina. 4 giugno 1520. Fra Camillo Lomaccio, Fra Giulio Carino, Leonardo Cesalpini strangolati in carcere per eresia. 8 luglio 1520.

— Clemente VII Anna Furabach, giustiziata per eresia. 9 maggio 1524. Migliaia di protestanti Anabattisti decapitati, arsi vivi, annegati e torturati a morte. 1525. Una donna accusata di stregoneria arsa viva in Campidoglio. 30 settembre 1525 Claudio Artoidi e Lerenza di Pietro giustiziati per eresia. 16 maggio 1526. Rinaldo di Colonia giustiziato per eresia. 26 agosto 1528. Lorenzo di Gabriele da Parma e Tiberio di Giannantonio torturati e giustiziati per eresia. 9 sett. 1528. Berrnardino da Palestrina Burciato vivo per eresia. 20 novembre 1529. Giovanni Milanese bruciato vivo per eresia. 23 novembre 1530. — Paolo III (Un altro Papa ateo che ha affermato la non esistenza di Cristo. Gli altri lo sanno come lui ma non li dicono). Uccisi tutti gli abitanti della città di Mérindol (Francia) per aver abbracciato la fede dei protestanti Evangelici. I loro beni furono confiscati e la città rimase deserta e inabitabile.1540. Tutti gli Anabattisti della città di Munster (Germania) furono massacrati. Giovanni di Leida, loro capo, fu ucciso dopo essere stato sottoposto "a orrendo supplizio". 4 aprile 1535. Martino Govinin giustiziato nelle carceri di Grenoble. 26 aprile 1536. Francesco di Giovanni di Capocena ucciso per eresia. 1538. Ene di Ambrogio giustiziato per eresia. 1539. Galateo di Girolamo giustiziato nelle carceri dell'Inquisizione per eresia. 17 gennaio 1541. Giandomenico dell'Aquila. Eretico, bruciato vivo. 4 febbraio 1542. Federico d'Abbruzzo ucciso per eresia. Il suo corpo fu portato al supplizio trascinato da un cavallo. Quello che rimase del suo corpo fu appeso alla forca. 12 luglio 1542. 2.740 Valdesi furono massacrati dai cattolici in Provenza (Francia). Aprile 1545. Girolamo Francese impiccato perchè luterano. 27 settembre 1546. Baldassarre Altieri, dell'Ambasciat inglese, fatto sparire nelle carceri dell'Inquisizione. 1548 Federico Consalvo, eretico, giustiziato. 25 maggio 1549. Annibale di Lattanzio giustiziato per eresia. 25 maggio 1549.

— Giulio III Fanino Faenza impiccato e bruciato per eresia. 18 febbraio 1550. Domenico della Casa Bianca, luterano. Decapitato. 20 febbraio 1550. Geronimo Geril Francese, Impiccato per eresia e poi squartato. 20 marzo 1550. Giovanni Buzio e Giovanni Teodori, impiccati e bruciati per eresia. 4 settembre 1553. Francesco Gamba, decapitato e bruciato vivo per eresia. 21 lugio 1554. Giovanni Moglio e Tisserando da Perugia, luterani. Impiccati e bruciati vivi. 5 settembre 1554. — Paolo IV Istituzione del Ghetto a Roma con restrizioni contro gli ebrei ancor più severe del ghetto di Venezia. Cola Francesco di Salerno, giustiziato per eresia. 14 giugno 1555 Bartolomeo Hector, bruciato vivo per aver venduto due Bibbie. 20 giugno 1555. Golla Elia e Paolo Rappi, protestanti, bruciati vivi a Torino. 22 giugno 1555. Vernon Giovanni e Labori Antonio, evangelisti, bruciati vivi. 28 agosto 1555. Stefano di Girolamo, giustiziato per eresia. 11 gennaio 1556. Giulio Napolitano, bruciato vivo per eresia. 6 marzo 1556. Ambrogio de Cavoli, impiccato e bruciato per eresia. 15 giugno 1556. Don Pompeo dei Monti, bruciato vivo per eresia. 4 luglio 1556. Pomponio Angerio, bruciato vivo per eresia. 19 agosto 1556. Nicola Sartonio, luterano, bruciato vivo. 13 maggio 1557. Jeronimo da Bergamo, Alessandra Fiorentina e Madonna Caterina, impiccati e bruciati per omosessualità. 22 dicembre 1557. Fra Gioffredo Varaglia, francescano, bruciato vivo per eresia. 25 marzo 1558. Gisberto di Milanuccio, eretico, bruciato vivo. 15 giugno 1558. Francesco Cartone, eretico, bruciato vivo. 3 agosto 1558. 14 protestanti bruciati vivi a Siviglia in Spagna. 1559. 15 protestanti bruciati vivi a Valadolid in Spagna. 1559. Gabriello di Thomaien, bruciato vivo per omosessualità. 8 febbraio 1559. Antonio di Colella arso vivo per eresia. 8 febbraio 1559. Leonardo da Meola e Giovanni Antonio del Bò, impiccati e bruciati per eresia. 8 febbr.1559. 13 eretici più un tedesco di Augsburg accusato di omosessualità arsi vivi. 17 febbraio 1559. Antonio Gesualdi, luterano, giustiziato per eresia. 16 marzo 1559.

Ferrante Bisantino, eretico, arso vivo.24 agosto 1559. Scipione Retio, eretico, ucciso nelle carceri della Santa Inquisizione. 1559. — Papa Pio IV I monaci dell'Abazia di Perosa (Pinerolo) si divertirono a bruciare vivi a fuoco lento un prete evangelico insieme ai suoi fedeli. Dicembre 1559. Carneficina di Valdesi in Calabria per opera di bande di delinquenti assoldate da Santa Madre Chiesa (uomini, donne, vecchi e bambini atrocemente torturati prime di essere uccisi su diretto ordine del Papa). Dicembre 1559. "A Santo-Xisto, alla Guardia, a Montalto e a Sant'Agata si fecero cose inaudite: gente sgozzata, squartata, bruciata e orrendamente mutilata. Pezzi di resti umani furono appesi alle porte delle case come esempio alle genti. Quelli che fuggirono sulle montagne furono assediati fino a che morirono di fame. Molte donne e fanciulli furono ridotti in schiavitù". I559. (Da "La Santa Inquisizione di Maurizio Marchetti. Ed. La Fiaccola). 4000 valdesi massacrati su ordine di Santa Madre Chiesa. 1560. Giulio Ghirlanda, Baudo Lupettino, Marcello Spinola, Nicola Bucello, Antonio Rietto, Francesco Sega, condannati a morte perchè sorpresi a svolgere una funzione religiosa in una casa privata officiante la messa uno spretato. 1560. Giacomo Bonello, bruciato vivo perché evangelista. 18 febbraio 1560. Mermetto Savoiardo, eretico, arso vivo. 13 agosto 1560. Dionigi di Cola, eretico, bruciato vivo. 13 agosto 1560. Aloisio Pascale, evangelista, impiccato e bruciato. 8 settembre 1560. Gian Pascali di Cuneo, bruciato vivo per eresia. 15 settembre 1560. Stefano Negrone, eretico, lasciato morire di fame nelle prigioni della Santa Inquisizione. 15 settembre 1560. Stefano Morello, eretico, impiccato e bruciato. 25 settembre 1560. Bernardino Conte, bruciato vivo per eresia. 1560. 300 persone a Oppenau, 63 donne a Wiesensteig e 54 a Obermachtal in Gemania, bruciate vive per stregoneria. 1562. Macario, vescovo di Macedonia, eretico, bruciato vivo. 10 giugno 1562. Cornelio di Olanda, eretico, impiccato e bruciato. 23 g3nnaio 1563. Franceso Cipriotto, impiccato e bruciato per eresia. 4 settembre 1564. Giulio Cesare Vanini, panteista, bruciato vivo dopo avergli strappato la lingua. Giulio di Grifone, eretico, giustiziato.

— Pio V (elevato dalla Chiesa agli onori degli altari). Con bolla papale viene imposta a Roma la chiusura di tutte le sinagoghe. Muzio della Torella, eretico, giustiziato. 1 marzo 1566. Giulio Napolitano, eretico, bruciato vivo. 6 marzo 1566. Don Pompeo dei Monti, decapitato per eresia. 3 luglio 1566. Curzio di Cave, francescano, decapitato per eresia. 9 lugio 1566. 17.000 (diciassettemila) protestanti massacrati nelle Fiandre da cattolici spagnoli. Giorgio Olivetto arso vivo perché luterano. 27 gennaio 1567. Domenico Zocchi, ebreo, impiccato e bruciato a Piazza Giudia nel Ghetto di Roma. 1 febbraio 1567. Girolamo Landi, impiccato e bruciato per eresia.. 25 febbraio 1567. Pietro Carnesecchi, impiccato e bruciato per eresia. 30 settembre 1567. Giulio Maresco, decapitato e arso per eresia. 30 settembre 1567. Paolo e Matteo murato vivo per eresia. 30 sett.1567. Ottaviano Fioravanti, murato vivo per eresia. 30 sett. 1567. . Giovannino Guastavillani, eretico, murato vivo. 30 settembre 1567. Geronimo del Puzo, murato vivo per eresia. 30 settembre 1567. Gerolamo Donato con altri suoi confratelli dell'Ordine degli Umiliati, vengono giustiziati su ordine di Carlo Borromeo (santo), vescovo di Milano, dopo lunghe ore di torture, per eresia. 2 agosto 1570. Macario Giulio da Cetona, decapitato e bruciato per eresia. 1 ottobre 1567. Lorenzo da Mugnano, impiccato e bruciato per eresia. 10 maggio 1668. Matteo d'Ippolito, impiccato e bruciato per eresia. 10 maggio 1568. Francesco Stanga, impiccato e bruciato per eresia. 10 maggio 1568. Donato Matteo Minoli, lasciato morire nelle carceri dopo avergli rotto le ossa e bruciato i piedi. 27 maggio 1568. Francesco Castellani, eretico, impiccato. 6 dicembre 1568. Pietro Gelosi, eretico, impiccato e bruciato. 6 dicembre 1568 Marcantonio Verotti, eretico, impiccato e bruciato. 6 dicembre 1568. Luca di Faenza, eretico, bruciato vivo. 28 febbraio 1568. Borghesi Filippo, decapitato e bruciato per eresia. 2 maggio 1569. Giovanni dei Blasi, impiccato e bruciato per eresia. 2 maggio 1569. Camillo Ragnolo, impiccato e bruciato per eresia. 25 maggio 1569. Fra Cellario Francesco, impiccato e bruciato per eresia. 25 maggio 1569. Bartolomeo Bartoccio, bruciato vivo per eresia. 25 maggio 1569. Guido Zanetti, murato vivo per eresia. 27 maggio 1569. Filippo Porroni, eretico luterano, impiccato. 11 febbraio 1570. Gian Matteo di Giulianello, giustiziato per eresia. 25 febbraio 1570. Nicolò Franco, impiccato per aver deriso il papa con degli scritti. Impiccato. 11 marzo 1570. Giovanni di Pietro, eretico, impiccato e bruciato. 13 maggio 1570. Aolio Paliero, eretico, impiccato e bruciato su espreso desiderio di Papa Pio

V (santo).3 luglio1570. Fra Arnaldo di Santo Zeno, eretico, bruciato vivo. 4 novembre 1570. Don Girolamo di Pesaro, Giovanni Antonio di Jesi e Pitro Paolo di Maranzano, giustiziati per eresia. 6 ottobre 1571. Francesco Galatieri, pugnalato a morte dai sicari pontifici perché eretico. 5 gennaio 1572. Madonna Dianora di Montpelier, eretica, impiccata e bruciata. 9 febbraio 1572. Madonna Pellegrina di Valenza, eretica impiccata e bruciata. 9 febbraio 1972. Madonna Girolama Guanziana, eretica impiccata e bruciata. 9 febbraio 1572 Madonna Isabella di Montpelier, eretica impiccata e bruciata. 9 febbraio 1572. Domenico della Xenia, eretico impiccato e bruciato. 9 febbraio 1572. Teofilo Penarelli, eretico impiccato e bruciato. 22 febbraio 1572. Alessandro di Giulio, eretico impiccato e bruciato. — Gregorio XIII Alessandro di Giulio, impiccato e bruciato per eresia. 15 marzo 1572. Giovanni di Giovan Battista, impiccato e bruciato perchè eretico. 15 marzo 1572. Girolamo Pellegrino, impiccato e bruciato per eresia. 19 luglio 1572. 10.000 (diecimila) eretici massacrati in Francia per ordine del Papa (strage degli Ugonotti- Notte di S. Bartolomeo). 24 agosto 1572. 500 eretici massacrati in Croazia per ordine del vescovo cattolico Juraj Draskovic. 1573. Nicolò Colonici eretico impiccato e bruciato. Giovanni Francesco Ghisleri, strangolato nelle carceri dell'Inquisizione. 25 ottobre del 1574. Alessandro di Giacomo, arso vivo. 19 novembre 1574. Benedetto Thomaria, eretico bruciato vivo. 12 Maggio 1574. Don Antonio Nolfo, eretico giustiziato. 29 luglio 1578. Giovanni Battista di Tigoni, eretico giustiziato. 29 lugio 1578. Baldassarre di Nicolò, eretico impiccato e bruciato. 13 agosto 1578. Antonio Valies de la Malta, eretico impiccato e bruciato. 13 agosto 1578. Francesco di Giovanni Martino, eretico impiccato e bruciato. 13 agosto 1578. Bernardino di Alfar, eretico impiccato e bruciato. 13 agosto 1578. Alfonso di Poglis, eretico impiccato e bruciato. 13 agosto 1578. Marco di Giovanni Pinto, eretico impiccato e bruciato.13 agosto 1578. Girolamo di Giovanni da Toledo, eretico impiccato e bruciato 13 agosto 1578. Gasparre di Martino, eretico impiccato e bruciato. 13 agosto 1578.

Fra Clemente Sapone, eretico impiccato e bruciato. 29 novembre 1578. Pompeo Loiani, eretico impiccato e bruciato. 12 giugno 1579. Cosimo Tranconi, eretico impiccato e bruciato. 12 giugno 1579. 222 (duecentoventidue) ebrei bruciati al rogo per ordine della Santa Inquisizione. 1558. Salomone, ebreo impiccato per aver rifiutato il battesimo. 13 marzo 1580. Un inglese bruciato vivo per aver offeso un prete. 2 agosto 1581. Diego Lopez, bruciato vivo per eresia. 18 febbraio 1583. Domenico Danzarelli, impiccato e bruciato per eresia. 18 febbraio 1583. Prospero di Barberia, eretico impiccato e bruciato. 18 febbraio 1583. Gabriello Henriquez, bruciato vivo per eresia. 18 febbraio 1583. Borro d'Arezzo, bruciato vivo per eresia. 7 febbraio 1583. Ludovico Moro, eretico arso vivo. 10 lugio 1583. Fra Camillo Lomaccio, Fra Giulio Carino, Leonardo di Andrea strangolati nel carcere di Tor Nona per eresia. 23 luglio 1583. Lorenzo Perna, arrestato per ordine del cardinale Savelli per eresia, si ignora la sua fine. 16 giugno 1584. <<La Signora di Bellegard>>, arrestata per eresia, si ignora la sua fine. ottobre 1584. Giacomo Paleologo, decapitato e bruciato. 22 marzo 1585. I fratelli Missori decapitati per aver espresso il diritto alla libertà di stampa. Le loro teste furono lasciate in esposizione al pubblico. 22 marzo 1585. (Il corpo di Gregorio XIII, di questo carnefice, viene onorato e riverito dai cattolici nella sua monumentale tomba in S.Pietro a Roma). — Papa Sisto V Questo Papa fece impiccare uno spagnolo per aver ucciso con una bastonata un soldato svizzero che lo aveva ferito con l'alabarda. Respinta la richiesta di sostituire la forca con la mannaia, Sisto V assisteva gioiosamente alle esecuzioni facendosi portare da mangiare perchè "questi atti di giustizia gli accrescevano l'appetito". Dopo l'esecuzione di una sentenza disse: << Dio sia benedetto per il grande appetito con cui ho mangiato>>. Pietro Benato, arso vivo per eresia. 26 aprile 85. Pomponio Rustici, Gasparre Ravelli, Antonio Nantrò, Fra Giovanni Bellinelli, impiccati e bruciati vivi per eresia. 5 agosto 1587. Vittorio, conte di Saluzzo, giustiziato per eresia. 9 dicembre 1589. Valerio Marliano, eretico impiccato e bruciato. 16 febbraio 1590. Don Domenico Bravo, decapitato per eresia. 30 marzo 1590. Fra Lorenzo dell'Aglio, impiccato e bruciato.13 aprile 1590.

— Gregorio XIV Fra Andrea Forzati, Fra Flaminio Fabrizi, Fra Francesco Serafini, impiccati e bruciati. 6 febbraio 1591. Giovanni Battista Corobinacci, Giovanni Antonio de Manno Rosario, Alexandro d'Arcangelo, Fulvio Luparino, Francesco de Alexandro, giustiziati. Giugno 1590. Giovanni Angelo Fullo, Giò Carlo di Luna, Decio Panella, Domenico Brailo, Antonio Costa, Fra Giovanni Battista Grosso, l'Abate Volpino, insieme ad altri seguaci di Fra Girolamo da Milano, arrestati dalla Santa Inquisizione, si ignora la loro fine... 1590. ( Tutto questo in un solo anno di Santo Pontificato!). — Clemente VIII Giordano Bruno, bruciato vivo per eresia il 17 febbraio 1600. Quattro donne e un vecchio bruciate vive per eresia. 16 febbraio 1600. Francesco Gambonelli, eretico arso vivo. 17 febbraio 1594. Marcantonio Valena e un altro luterano, arsi vivi. agosto 1594. Graziani Agostini, eretico impiccato e bruciato. 1596. Prestini Menandro, eretico impiccato e bruciato. 1596. Achille della Regina, se ne ignora la fine. Giugno 1597. Cesare di Giuliano, eretico impiccato e bruciato. 1597. Damiano di Francesco, eretico impiccato e bruciato. 1597. Baldo di Francesco, impiccato e bruciato per eresia. 1957. De Magistri Giovanni Angelo, eretico impiccato e bruciato.1597. Don Ottavio Scipione, eretico, decapitato e bruciato.1597. Giovanni Antonio da Verona e Fra Celestino, eretici bruciati vivi. 16 settembre 1599. Fra Cierrente Mancini e Don Galeazzo Porta decapitati per eresia. 9 novembre 1599. Maurizio Rinaldi, eretico bruciato vivo. 23 febbraio 1600. Francesco Moreno, eretico impiccato e bruciato. 9 giugno 1600. Nunzio Servandio, ebreo impiccato. 25 giugno 1600. Bartolomeo Coppino, luterano arso vivo. 7 aprile 1601. Tommaso Caraffa e Onorio Costanzo eretici decapitati e bruciati. 10 maggio 1601. — Papa Paolo V Giovanni Pietro di Tunisi, impiccato e bruciato. 1607. Giuseppe Teodoro, eretico impiccato e bruciato. 1609. Felice d'Ottavio, eretico impiccato e bruciato. 1609.

Rossi Francesco, eretico impiccato e bruciato. 1609. Antonio di Jacopo, eretico impiccato e bruciato. 1609. Fortunato Aniello, eretico impiccato e bruciato. 1609. Vincenti Pietro, eretico impiccato e bruciato. 1609. Umberto Marcantonio, eretico impiccato e bruciato. 1609. Fra Manfredi Fulgenzio, eretico impiccato e bruciato. 1610. Lucarelli Battista, eretico impiccato e bruciato. 1610. Emilio di Valerio, ebreo, impiccato e bruciato. 1610. Don Domenico di Giovanni, per essere passato dal cristianesimo all'ebraismo, impiccato. 1611. Giovanni Milo, luterano impiccato. marzo 1611. Giovanni Mancini, per aver celebrato la messa da spretato impiccato e bruciato. 22 ottobre 1611 Jacopo de Elia, ebreo impiccato e bruciato. 22 gennaio 1616. Francesco Maria Sagni, eretico impiccato e bruciato. 1 luglio 1616. Arrestato un negromante zoppo, arso vivo per stregoneria. 1617. Lucilio Vanini, arso vivo per aver messo in dubbio l'esistenza di Dio. 17 febbraio 1618. Migliaia di eretici trucidati dai cattolici nei Grigioni in Valtellina. 1620. (La Chiesa, rimasta nella convinzione che in Valtellina ci siano ancora tendenze religiose eretico-pagane, mantiene tutt'oggi la regione sotto controllo tramite la "Missione Rezia", affidata ai cappuccini, dipendenti direttamente da "Propaganda Fidei") ... e il Santo Padre Gian Paolo II chiede perdono!!! — Urbano VIII Galileo Galilei, torturato e condannato al carcere perpetuo quale eretico per aver affermato che la Terra gira intorno al Sole. 1633. Ferrari Ambrogio, eretico impiccato. 1624. Donna Anna Sobrero, morta di peste in carcere dove era stata condannata a vita. 1627. (nei mesi che seguirono, tutti coloro che passarono per quel carcere, morirono di peste). Frate Serafino, eretico, impiccato e bruciato. 1634. Giacinto Centini, decapitato per aver offeso la sovranità papale. 1635. Fra Diego Giavaloni, eretico impiccato e bruciato. 1635. Alverez Ferdinando, bruciato vivo per essersi convertito all'ebraismo. 19 marzo 140. Policarpo Angelo, impiccato e bruciato per aver celebrato la messa da spretato. 19 maggio 1642. Ferrante Pallavicino, eretico impiccato e bruciato. 1644. Fra Camillo d'Angelo, Ludovico Domenico, Simone Cossio, Domenico da Sterlignano, giustiziati per eresia. 1644.

— Papa Innocenzo X Brugnarello Giuseppe e Claudio Borgegnone, impiccati e bruciati per aver falsificato alcune lettere apostoliche. 1652. ( Se questo Papa applicò in prevalenza condanne di carceri a vita ciò dipese dal fatto che in quegli anni ricorreva l'anno Santo). — Papa Alessandro II Fello Giovanni, sacerdote, decapitato per eresia. 1657. 1.712 Valdesi massacrati dai cattolici nelle Valli Alpine. 1655. — Papa Innocenzo XI (santificato) 20 ebrei condannati al rogo. 1680. Vincenzo Scatolari, per aver esercitato la professione di giornalista senza autorizzazione di Santa Madre Chiesa. Decapitato. 2 agosto 1685. 2.000 (duemila) Valdesi massacrati dai cattolici nelle Valli Alpine per ordine diretto del Papa. Maggio 1686. 24 protestanti uccisi dai cattolici a Pressov in Slovacchia. 1687. — Papa Innacenzo XII Martino Alessandro, morto in carcere per torura. 3 maggio 1690. 37 ebrei bruciati vivi. 1691. (poi si cercano le cause che hanno generato l'antisemitismo!). Antonio Bevilacqua e Carlo Maria Campana, cappuccini, decapitati perchè seguaci del Quietismo di Molinos. 26 marzo 1695. — Clemente XI Filippo Rivarola, portato al patibolo in barella per le torture ricevute, decapitato. 4 agosto 1708. Spallaccini Domenico, impiccato e bruciato per aver bestemmiato a causa di un colpo di alabarda ricevuta da una guardia papalina. 28 luglio 1711. Gaetano Volpini, decapitato per aver scritto una poesia contro il Papa. 3 febbraio 1720. — Clemente XII Questo Papa, ripristinando la "mazzolatura" (rottura delle ossa a colpi di bastone), si dimostrò uno dei più cinici sostenitori dell'arte della tortura. Pietro Giarinone, filosofo e storico, morì sotto tortura per aver sostenuto la supremazia del re sulla curia romana. 24 marzo 1736. Enrico Trivelli, decapitato per aver scritto frasi di rivolta contro il Papa. 23

febbraio 1737. Le numerose vittime di questo Papa sono rimaste sconosciute perchè egli peferiva più uccidere sotto tortura nella carceri dell'Inquisizione che giustiziarle nelle pubbliche piazze. L'EUROPA COMINCIA A RISENTIRE DEL BENFICO EFFETTO DELL'ILLUMINISMO CHE SI MANIFESTA LIMITANDO L'ALTERIGIA DELLA CHIESA CHE RIDUCE LE SUE PERSECUZIONI RELIGIOSE ORINTANDOSI VERSO DELITTI POLITICI, CRIMINI COMUNI OPPURE REATI RIGUARDANTI GLI ORDINAMENTI INTERNI ECCLESIASTI. QUELLO CHE PER LEI CONTA SOPRA OGNI COSA È L'IMPORRE IL SUO POTERE ATRAVERSO IL TERRORE. — Clemente XIII Tommaso Crudeli, condannato al carcere a vita per massoneria. 2 agosto 1740. Giuseppe Morelli, impiccato per aver celebrato l'Eucaristia da spretato. 22 agosto 1761. Carlo Sala, eretico, giustiziato. 25 settembre. 1765. (Carlo Sala è l'ultimo martire ucciso dalla Chiesa per eresia). I massacri, non più di carattere religioso, continuarono contro i cospiratori politici, i giornalisti e tutti quei progressisti che intendevano rovesciare l'immoralità dell'oscurantismo religioso attraverso una rivoluzione armata. Le atrocità furono come nel passato. Tagli di teste, torture con mazzolature, impiccagioni e sevizie che spesso portavano allo squartamento degli accusati. Pur di mantenere il terrore venivano puniti di morte anche i delitti meno gravi come i semplici furti. — Pio VI Nei suoi quattro anni di pontificato ci furono soltanto cinque esecuzioni capitali per reati comuni, anche se la sua lotta si intensificò aspramente contro gli ebrei che furono costretti, tra le tante umiliazioni e minacce che subirono, a indossare vestiti di colore giallo perchè fossero pubblicamente oltraggiati. — Pio VII Gregorio Silvestri, impiccato per cospirazione politica. 18 gennaio 1800. Ottavio Cappello, impiccato perchè patriota rivoluzionario. 29 gennaio 1800. Giovanni Battista Genovesi, patriota squartato e bruciato. La sua testa fu esposta al pubblico. 7 febbr. 1800.

Teodoro Cacciona, impiccato e squartato per furto di un abito ecclesiastico. 9 febbraio 1801. Paolo Salvati, impiccato e squartato per aver derubato un corriere del Papa. 11 dicembre 1805. Bernardo Fortuna, impiccato e squartato per furto ai danni di un corriere francese. 22 aprile 1806. Tommaso Rotilesi, impiccato per aver ferito un ufficiale francese. 161 furono le esecuzioni capitali per reati comuni nei 15 anni del pontificato di questo vice Dio in terra che prese il mite e devoto nome di Pio. — Leone XII Leonida Montanari, decapitato per aver offeso pubblicamente il Papa. 23 novembre 1825. Angelo Targhini, decapitato per aver ferito una spia papalina. 23 novembre 1825. Luigi Zanoli, decapitato per aver ucciso uno sbirro papalino. 13 maggio 1828. Angelo Ortolani, impiccato per aver ucciso guardia papalina. 13 maggio 1828. Gaetano Montanari, squartato per tentato omicidio dell'emissario papalino Rivolta. 1828 Gaetano Rambelli, impiccato per aver ferito emissario papalino. 1828. Le esecuzioni capitali, oltre queste sopra elencate, furono 29 e sempre per reati comuni. — Pio VIII In un anno di Pontificato eseguì 13 condanne capitali per reati comuni. — Gregorio XVI Impose divieto assoluto ad ogni libertà di parola o di espressione scritta che non seguisse i dettami di Santa Madre Chiesa. Dietro le minacce più gravi obbligò gli ebrei di non esercitare nessuna attività fuori del Ghetto. Giuseppe Balzani, decapitato per offese la Papa. 14 maggio 1833. Luigi Scopigno, decapitato per furto di oggetti sactri. 21 luglio 1840. Pietro Rossi, decapitato per piccolo furto. 9 gennaio 1844. Luigi Muzi, decapitato per piccolo furto. 19 gennaio 1844. Giovanni Battista Rossi, decapitato per piccolo furto. 3 agosto 1944. Oltre a queste ci furono sotto il pontificato di questo Santo Padre altre 110 condanne a morte per reati comuni. La descrizione dei moltissimi

decapitati, impiccati e squartati dall'Inquisizione sotto Gregorio XI è riportata in un libri scritto da Mastro Titta. — Pio IX (santificato da Gian Paolo II, chiamato metro cubo di merda da Garibaldi) Romolo Salvatori, decapitato per aver consegnato ai Garibaldini l'Arciprete di Anagni. 10 settembre 1851. Gustavo Paolo Rambelli, Gustavo Marloni, Ignazio Mancini, decapitati per aver ucciso tre preti. 24 gennaio 1854. Antonio de Felici, decapitato per aver attentato al Cardinale Antonelli. Per comprendere la criminalità di questo Papa (santo), basta dire che quando i patrioti dell'unificazione italiana entrarono nelle carceri pontificie per liberare alcune decine di prigionieri che vi vivevano incatenati da così lungo tempo da aver perso la vista e l'uso delle gambe, trovarono in quei sotterranei mucchi di scheletri e di cadaveri in decomposizione in un misto di tonache di frati e di monache, di vestiti civili di uomini e di donne, divise militari e scarpe come quando furono liberati i campi di sterminio nazisti. Vi furono trovati anche giocattoli di bambini morti insieme ai loro genitori. SE QUESTI SONO I SANTI, CHI SONO ALLORA I DEMONI? Cambiato il nome alla Santa Inquisizione con quello della Santa Penitenzieria in seguito all'occupazione di Roma da parte dell'esercito italiano, per tutto il XIX secolo, anche se in forma non cruenta, Santa madre Chiesa, facendosi politicamente forte per l'autorità spirituale che gli veniva dalla massa credula e ottusa che gli era rimasta fedele (cosa che purtroppo ancora esiste tutt'oggi) continuò comunque a imporre la sua autorità religiosa su quella politica ricorrendo ancora all'abiura e alla scomunica con conseguenti rivalse e castighi temporali che usa tuttora e che noi ben conosciamo (la chiusura dei cinque siti internet ne è un esempio). Una delle ultime abiure eseguite da Santa Madre Chiesa, è stata quella che fu imposta a mio nonno Luigi Cascioli, Ingegnere e Architetto che, come sindaco di Roccalvecce, Sipicciano e Montecalvello, per evitare le conseguenze che avrebbe portato a lui e a tutta la sua famiglia una scomunica, fu costretto ad "abiurare" la fedeltà giurata al Governo Italiano per giurare fedeltà a "Santa Madre Chiesa"

Le due abiure: la prima del 1889 e la seconda del 1890 " In nome di Dio. Così sia. Io sottoscritto con la presente dichiaro di ritrattare, come sinceramente ritratto nel senso voluto dalla S. Penitenzieria l'iilecito giuramento da me al governo prestato in occasione che assunsi l'ufficio di Sindaco di Roccalvecce, diocesi di Bagnorea, e prometto nell'esercizio del medesimo di astenermi da ogni atto contrario alla legge di Dio e della Chiesa e di riparare allo scandalo* dato. " Bagnorea lì 5 agosto 1889 Fotocopia: l'originale è conservato presso gli archivi della diocesi di Bagnoregio (* Lo scandalo è l'aver giurato fedeltà al Governo). Come si vede, la S. Penitenzieria, seguendo le stesse leggi dell'Inquisizione, costringeva l'eretico a una seconda abiura confermante la prima per accertarsi che non fosse relapso, cioè ricaduto nell'errore. La differenza nella punizione che c'era tra relapso e pentito consisteva nel fatto che il primo veniva bruciato vivo mentre il secondo dopo essere stato giustiziato. Se il giuramento di fedeltà al Goveno fosse stato prestato soltanto un secolo prima, ora avremmo Luigi Cascioli tra gli eretici giustiziati e bruciati. La Chiesa, che ha sempre negato le esecuzioni dell'Inquisizione, non potendo più tenerle nascoste dopo che alcuni laici riuscirono a consultare gli archivi segreti del Vaticano, ha cercato di scaricare ogni responsabilità ai tribunali civili. Portando come giustificazione il fatto che la morale cristiana non avrebbe mai potuto compiere ciò di cui era accusata perché è stata sempre contro le condanne a morte, la Chiesa di Cristo non ha fatto che dimostrare ancora una volta quanto le sia congenita la spudoratezza di sostenere il falso. "Chiedo perdono per ciò che i nostri predecessori hanno fatto, tenendo però presente che una parte della responsabilità va anche sulle loro vittime che li costrinsero a comportarsi in quella maniera " ...e bravo Woltija! Comunque il numero delle vittime di cui si conoscono i nomi non è che una minima parte di quanti furono realmente massacrati. Il numero poi di coloro che furono condannati al carcere con confisca dei beni è talmente alto da

raggiungere, secondo gli storici, cifre a sette zeri. Ma senza ricorrere alle documentazioni, basta calcolare la ricchezza accumulata dal Vaticano attraverso i beni confiscati alle sue vittime, per renderci conto del numero dei suoi omicidi, stragi e genocidi. Soltanto le vittime generate da quella che fu chiamata l'Evangelizzazione dei popoli dell'America del sud, in seguito alle scoperte di Cristoforo Colombo, si calcola che tra giustiziati e resi schiavi superino i 50.000.000. La cristianissima regina Isabella sostenitrice di tanta immoralità, ben presto Santa, potrà sedere felice e contenta insieme a tutti questi altri santi di cui abbiamo fatto in queste pagine conoscenza. Questi Papi dai nomi più virtuosi come Innocenzi, Clementi, Pii, Benedetti e Urbani che si sarebbero dovuti chiamare invece Macellai, Criminali, Squartatori, Banditi, Delinquenti e Bastardi... Tu, che molto probabilmente sei caduto su questo sito per puro caso, tu, agnostico viandante di passaggio, a quale categoria senti di appartenere? A quella formata da dementi ubriaconi che ridono davanti ai patiboli, a quella che per vigliaccheria e opportunismo tace, oppure a quella che reagisce? Stando ai risultati che la società mi offre attraverso la sua rassegnazione a subire l'impostura, sono portato a credere che tu appartenga più alle prime due che a quest’ultima. Ma se così non fosse, allora prendi carta e penna e unisciti a noi e a tutti questi martiri sopra elencati, magari scegliendone uno perché esso, attraverso la tua chiamata, possa rivivere in te e attraverso di te combattere i suoi carnefici. È con i fatti e con l'azione che si onorano gli eroi e non con le chiacchiere...o si, o no! Il resto non è che una perdita di tempo!

L'Apocalisse
Da chi e quando è stata scritta l'Apocalisse? Cosa esprime l'Apocalisse? Secondo la Chiesa, “l'Apocalisse, dal greco “Rivelazione”, è stata scritta dal discepolo Giovanni, lo stesso autore del IV vangelo, negli anni 94-95 nell'isola di Patmos (Grecia) durante le persecuzioni contro i cristiani operate dall'Imperatore Domiziano. Essa esprime, attraverso la rivelazione da parte di un angelo a Giovanni l'evangelista, la certezza della vittoria finale di Cristo sulle potenze del male”. (Bibbia ed. C.E.I.) Lasciando ogni commento sul significato abusivo e fazioso che la Chiesa attribuisce a questo libro, che non è nostra intenzione entrare in discussioni fideistiche, passiamo all'esame di questo libro considerando esclusivamente quei presupposti che possono essere trattati in un processo laico, quali quelli dipendenti esclusivamente dalla ragione e da una controllabile documentazione storica. Il libro dell'Apocalisse, composto di 22 capitoli, è stata scritta in realtà in due edizioni, la prima costituita da 18 capitoli, uscita nel 68 durante la guerra del 70, e la seconda, rappresentata dai primi tre capitolo e dall'ultimo, che fu aggiunti nel 95 dagli spiritualisti. Come è logico che fosse, mentre i primi 18, scritti dai rivoluzionari, sono l'espressione del programma guerriero zelota basato sull'odio e la vendetta contro Roma e i suoi alleati, i secondi quattro, scritti dagli esseni spiritualisti, rappresentano tutto il pacifismo di cui costoro si erano fatti ostentatori dopo la scissione dalla corrente rivoluzionaria. L'Apocalisse, guardata dalla Chiesa sempre con diffidenza per i suoi concetti esseno-zeloti, tanto da essere inclusa nei testi canonici soltanto nel VI secolo, è dei libri sacri quello che più di ogni altro dimostra la non esistenza storica di Gesù. In entrambe le edizioni, sia in quella del 68 come in quella del 95, si ignora tutto della vita di Cristo e della sua morte. Il Messia dell'Apocalisse risiede ancora in cielo, presso il trono di Dio, e quando in un suo capitolo (XII) si parla della sua nascita lo si fa concepire dalla costellazione della Vergine all'origine dei tempi e, sempre rimanendo nel mondo dell'astrologia, il Messia dell'Apocalisse è rappresentato in cielo sotto la forma dell'Ariete, primo segno dello zodiaco che comanda i destini del mondo, al quale viene simbolicamente associato l'agnello pasquale biblico dell'Esodo. La discesa del Messia, che si realizzerà, secondo le visioni riportate dal libro dei Maccabei, nella persona di un condottiero vittorioso su un cavallo bianco al suono di trombette, annunciata come prossima, non ha nulla a che vedere con la Passione di Cristo dichiara avvenuta nel 33: lontano dal morire in croce, egli sterminerà i nemici per sedere su un trono che durerà mille anni. La Chiesa cerca di dare a questa immagine dei mille anni, come viene detto dalla C.E.I nel passo introduttivo sopra riportato, il valore simbolico di un messaggio di speranza nella vittoria finale del Cristo sulle potenze del male, ma basta leggere bene l'Apocalisse per renderci conto che la distruzione di Roma, simbolo della corruzione, è annunciata come un fatto reale e non come una profezia. “Il Messia atteso nell'Apocalisse è il “Figlio dell'uomo” della visione di Daniele.

Lontano dal morire in croce, egli è colui che stabilirà l'impero giudaico sulle rovine di Roma che non sono procrastinate ad un'epoca lontana e futura, ma previste così imminenti da rendere assurda ogni altra interpretazione. E l'autore, che ha ripreso questo messaggio nel 95, non contraddice affatto l'attesa espressa dall'edizione del 68, facendo terminare l'opera su questa promessa da parte del Messia: <<Si. io verrò presto>>, al che l'autore rispondendo :<<Venite, Signore, venite!>>, dimostra di ignorare che egli sia già venuto sotto un'altra forma”. (Guy Fau. op. cit. pag. 60). Come si vede, l'Apocalisse non è che un'ulteriore prova confermante che nel primo secolo, almeno fino al 95, lontano da ogni forma d'incarnazione, il Cristo è ancora rappresentato sotto forma di sogni e di visioni. <<L'Apocalisse non è l'espressione di un solo libro, ma di diversi, di molti. Non tuttavia unioni di vari frammenti, come per addizione di libri diversi, come Enoch, ma piuttosto di un libro solo, formato da diverse stratificazioni, come quelle di varie civiltà quando si scavi al fondo di un'antica città. Dopo una prima rielaborazione di uno scrittore ebraico di Apocalissi, e dopo altre aggiunte, ebbe la sua versione definitiva ad opera di Giovanni, il giudeo cristiano, e dopo queste stagioni storiche il libro fu ancora rimaneggiato e corretto, con aggiunte e ancellature, da editori che volevano che l'opera diventasse cristiana. Restiamo comunque perplessi, poiché se Giovanni terminò la sua Apocalisse nel 96 d.C., è davvero strano che egli nulla sapesse della leggenda di Gesù, che nulla avesse assimilato dello spirito dei Vangeli, tutti momenti precedenti al suo testo. Strana figura, questo Giovanni di Patmos, chiunque egli fosse>>. (D. H. Lawrens Apocalisse- Tasc. Newton, pag. 38). ...e ancora: <<L'Apocalisse è un'opera di guerra, un ardente richiamo dei Giudei contro l'occupante romano detestato. La discesa del Messia, annunciata come prossima, non ha nulla a che vedere con una passione già vissuta: lontano dal morire in croce, il Salvatore vincitore è visto come uno sterminatore di nemici prima che possa sedere sul suo regno terrestre di mille anni. Si cerca oggi di farci ammettere che le immagini sono simboliche, ma la distruzione di Roma, ricordando quella di Babilonia, è annunciata come reale. Dopo la descrizione del grande massacro, l'opera, terminando con la promessa che fa il Salvatore di venire presto, esclude nella maniera più categorica che egli, il Cristo, sia già venuto. Tutta l'Apocalisse ignora del cristianesimo; l'agnello non è messo a morte sotto Pilato ma è immolato “dalla creazione del mondo” (XIII-8) secondo un rito di valore permanente ebraico e non per un fatto storico. Siamo alla fine della seconda metà del primo secolo e Cristo, lontano da ogni riferimento storico, è sostenuto nell'Apocalisse, come negli Atti degli Apostoli, esclusivamente da visioni>>. (Guy Fau. op. cit. pag. 60). Il silenzio dell'Apocalisse su ogni riferimento storico della vita di Cristo, l'ignoranza più assoluta da parte dell'autore su Pilato, Caifa, i miracoli e quei terremoti che scossero la terra alla sua morte, sono la dimostrazione più chiara che tutto ciò che è stato su scritto su Gesù non è che una favola, per giunta, anche mal raccontata. Per quanto riguarda poi la datazione del 95 data dalla Chiesa a tutta l'Apocalisse, siamo di fronte ad un altro falso storico secondo quanto ha inconfutabilmente

dimostrato Engels confermando l'uscita della prima edizione agli anni 68-69. Ma prima di passare alla dimostrazione di Engels, è bene fare un breve riepilogo dei fatti che precedettero la sua redazione. La morte di Nerone, avvenuta per suicidio nell'anno 68, gettò Roma in uno stato di tale anarchia e di disordine da costringere le legioni impegnate nella guerra contro i rivoluzionari a ritirarsi in Siria lasciando campo libero all'esercito giudeo esseno-zelota. I Giudei sicuri di essere pervenuti alla vittoria finale, già si vedendosi padroni dell'Impero e quindi del mondo, sfogano nel libro tutto il loro rancore contro Roma, la Babilonia della corruzione, e contro tutti i nemici di Dio annunciando un programma di odio, di vendetta e di stragi. A Nerone succedette Galba, ma sotto il suo regno incerto della durata di sei-sette mesi compresi tra il giugno del 68 e il gennaio del 69, la situazione di disgregazione delle istituzione dello Stato addirittura peggiorò per una voce che cominciò a circolare secondo la quale veniva dato per certo che Nerone, dichiarato suicida, non era morto come si credeva ma che stesse preparando un esercito per riconquistare il trono. <<In effetti, dopo l'insediamento di Galba al trono di Roma, ben presto fece la sua comparsa un personaggio che affermava di essere Nerone e che per un certo tempo combatté per il potere ma fu sconfitto>>. (Josif Kryvelev. L'Apoalisse. 8) Fatta questa brevissima premessa, leggiamo ora il passo dal quale Engels ha tratto la data esatta nella quale fu scritta l'Apocalisse: “L'angelo mi trasportò in spirito nel deserto (è l'autore che parla seguendo la sua visione). Là vidi una donna seduta sopra una bestia scarlatta, coperta di nomi blasfemi, con sette teste e dieci corna. La donna era ammantata di porpora e di scarlatto, adorna d'oro e di pietre preziose e di perle, teneva in mano una coppa d'oro, colma degli abomini e delle immondezze della sua prostituzione. Sulla fronte aveva scritto un nome misterioso: <<Babilonia la grande, la madre delle prostitute e degli abomini della terra>>. A vederla fui preso da grande stupore. Ma l'angelo mi disse: perché ti meravigli? Io ti spiegherò il mistero della donna e della bestia che la porta, con sette teste e dieci corna. La bestia che hai visto, ma che non esiste più salirà dall'abisso ma per andare in perdizione. E gli abitanti della terra stupiranno al vedere che la bestia che non era e non è più, riapparirà. Le sette teste sono i sette colli sui quali è seduta la donna e sono anche i sette re. I primi cinque sono caduti (Augusto, Tiberio, Caligola, Claudio, Nerone), ne resta ancora uno in vita (Galba), l'altro non è ancora venuto e quando sarà venuto, dovrà rimanere per poco. Quando la bestia che era e non è più (continua a spiegare l'angelo), il re che dovrà venire anche se figura come ottavo rimane comunque il settimo, ma va in perdizione”. Perché il successore di Galba potrebbe apparire come ottavo anche se in realtà è il settimo? Perché Nerone, riprendendo il trono secondo quanto si diceva, appare come una doppia figura rappresentando un imperatore già annoverato tra quelli caduti. Che Nerone sia la settima testa ce lo conferma lo stesso autore dell'Apocalisse allorché, riferendosi al suo presunto suicidio, così scrive: <<Una delle sette teste sembrò colpita a morte, ma la sua piaga mortale fu guarita>>. (Ap.13-3).

Un'ulteriore prova confermante che il settimo imperatore, cioè quello che succederà a Galba, è Nerone ci viene ancora dalla stesso autore dell'Apocalisse allorché ci dice che il suo nome corrisponde al numero 666: <<Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: esso rappresenta un nome d'uomo. E tal cifra è seicentosessantasei>> (Ap. 13-18). L'interpretazione di questo numero, ricavata da Ferdinand Bernari, professore berlinese le cui lezioni furono seguite da Engels, secondo la simbologia numerica ebraica corrisponde esattamente a “Nerone Imperatore”. Il calcolo eseguito da Ferdinand Bernari trova conferma nello stesso Ireneo, Padre della Chiesa, che nel libro “Contro le Eresie” indica l'Imperatore Nerone con il numero 616. Perché questa differenza? Per il semplice fatto che Ireneo fece il calcolo sul testo scritto in latino, dove il nome Nerone, scritto in greco Neron, diventa Nero. Cadendo la lettera N, che nella simbologia ebraica corrisponde a 50, il conto e bello che fatto: 666-50= 616. Dunque, se l'Apocalisse è stata scritta mentre regnava Galba, cioè nel periodo compreso tra il quinto imperatore che era stato Nerone morto suicida e il settimo imperatore, previsto nella persona dello stesso Nerone redivivo, e sapendo che Galba ha regnato dal giugno del 68 al gennaio del 69, come conseguenza l'Apocalisse non può essere stata scritta chi in questo periodo e non nel 95 come sostiene la Chiesa, e neppure essere stata redatta da Giovanni l'evangelista nell'Isola di Patmos ma dai rivoluzionari in Giudea durante la guerra del 70. Che i Giudei fossero sicuri della vittoria sui romani ci viene confermato da Eleazaro allorché nel discorso di Masada, riferendosi alla disfatta del 70, la definisce una “sconfitta inaspettata”. (Guerra Giudaica. cap.8). La Chiesa, per giustificare il 95 come data da lei assegnata all'Apocalisse, così commenta il passo dal quale Engels ha tratto la sua conclusione: <<Sette re, cioè gl'imperi di Augusto, Tiberio, Caligola, Nerone e Domiziano, che esisteva ancora al tempo di Giovanni. Il poco tempo è il tempo della persecuzione e il settimo impero è il dominio ostile al regno di Dio, identificato con la fiera>>. (Nota a pag 7 dell'Ap. ed. CEI). Praticamente, pur di giustificare il 95 come anno in cui fu scritta tutta l'Apocalisse, ignorando gl'imperatori Galba, Vespasiano e Tito, la Chiesa fa fare un volo alla testa della bestia numero 5 di ben 25 anni per metterla sulle spalle di Domiziano che viene considerato come il sesto imperatore. E la settima testa? La settima testa la ottiene trasformando il redivivo Nerone in “un Impero ostile al regno di Dio” che incoerentemente viene identificato con l'intera bestia. Perché la Chiesa insiste ad attribuire all'Apocalisse la data del 95? La risposta è semplice: se riconoscesse che è stata scritta nel 68, tutta la seconda parte riguardante Gesù, cioè i 4 capitoli aggiunti, risulterebbe troppo evidentemente un falso per l'anacronismo esistente tra i concetti espressi nel “Saluto alle sette chiese” nei cap. 1 -2 -3, quali quello dei Nicolaidi, che ancora non esistevano nel 68. Per cui, non potendo retrodatare l'Apocalisse del 95 al 68, l'ha posdata tutta al 95. Ma in fondo, cosa potrebbe cambiare in ciò che riguarda l'esistenza storica di Gesù anche se l'Apocalisse fosse stata scritta tutta nel 95, dal momento che essa esclude nel suo intero nella maniera più categorica ogni riferimento ad una sua vita terrestre?

L'Apocalisse è un'opera di guerra che ripete nella maniera più fedele il programma di sterminio di Roma esposto dagli esseno-zeloti nel “Rotolo della Guerra” ritrovato negli scavi di Qumran nel 1947. Essa ignora nella maniera più assoluta tutto ciò che è stato attribuito a Cristo. Ignora Pilato, la crocifissione, i miracoli, la resurrezione, gli apostoli. Essa, disconoscendo tutti gli altri libri sacri che si riferiscono al cristianesimo, oltre che ha dimostrare la sua natura giudeoessena, conferma che i vangeli, gli Atti degli apostoli e le lettere che la Chiesa afferma esserle contemporanei, non sono state scritte nel primo secolo ma in date, come vedremo, molto più tardive. Il Messia dell'Apocalisse è un condottiero sterminatore di nemici che dovrà instaurare un regno giudaico che durerà mille anni. Lontana da ogni forma simbolica attribuitale dalla Chiesa quale annunciatrice di una vittoria di Cristo sulle potenze del male procrastinata alla fine dei tempi, l'Apocalisse parla nella maniera più chiara della distruzione dei nemici di Dio in una maniera così prossima e reale da considerarla come se si fosse già compiuta. Come si può pretendere che l'Apocalisse sostenga l'esistenza storica di Gesù quando, sollecitandone la sua discesa dal cielo, la nega nella maniera più assoluta? (Ap. 22,10). L'Apocalisse è un libro di guerra, un ardente appello alla lotta contro l'occupante romano, un libro di odio e di vendetta che esclude ogni significato di amore e di pace che si è voluto attribuire alla morale predicata da Cristo. Il Messia atteso nell'Apocalisse è il “Figlio dell'uomo” di Daniele. Estraneo ad ogni morte di croce, egli è destinato a stabilire l'impero giudeo sulle rovine di Roma. Facendo una comparazione tra le due opere che la Chiesa attribuisce all'apostolo Giovanni, non possiamo trarre che un ulteriore conferma dell'inesistenza storica di Gesù dal momento che l'una esclude l'altra se consideriamo che nell'Apocalisse il Cristo deve ancora discendere mentre nel IV vangelo viene sostenuto incarnato, nato da una donna terrena che non ha nulla a che vedere con la costellazione della Vergine. Se a questo punto mi si facesse rimarcare, come già è accaduto, che l'Apocalisse conferma l'esistenza di Gesù nel primo secolo perché essa riporta il suo nome tre volte (le hanno contate), ebbene non posso che rispondere che anche se le volte fossero state cinquanta o cento, a parte il fatto che nulla potrebbe cambiare di fronte alle prove portate, il nome di Gesù era largamente usato dagli Essenti nel significato biblico di Jeosua (Giosué) che significa “colui che salva“ che chiaramente si riferisce al “Maestro di Giustizia” atteso dagli Esseni. Infatti il nome di Gesù lo troviamo nel suo significato di umanizzazione che gli ha dato Madre Chiesa, per la prima volta nel “Discorso Veritiero“ scritto da Celso nel 180 attraverso la confutazione che ne fa Origene riportandone il passo: << Colui al quale avete dato il nome di Gesù Cristo in realtà non era che il capo di una banda di briganti i cui miracoli che gli attribuite non erano che manifestazioni operate secondo la magia e i trucchi esoterici. La verità è che tutti questi pretesi fatti non sono che dei miti che voi stessi avete fabbricato senza pertanto riuscire a dare alle vostre menzogne una tinta di credibilità. È noto a tutti che ciò che avete scritto è il risultato di continui rimaneggiamenti in seguito alle critiche che vi venivano portate>>. (Celso. Discorso Veritiero). In questa diatriba tra Celso e Origene, quello che ancora interessa, oltre

all'accusa mossa contro i cristiani di aver dato il nome di Gesù al capo di una bandi Briganti, è il fatto che Origene in essa non difendeva l'esistenza storica di Gesù ma soltanto il fatto che egli venisse associato ad un capo di briganti, dal momento che egli quale gnostico lo sosteneva soltanto nella sua realizzazione di predicatore che aveva svolto la sua missione prendendo dell'uomo soltanto le apparenze, da quanto ci viene confermato dal Patriarca Fozio che ci dà per certo che S.Clemente e il suo discepolo Origene morto nel 254, negano l'incarnazione di Cristo e di conseguenza la sua figura storica di uomo: <<Il Patriarca Fozio, vissuto nel IX secolo (827- 97), quando ormai la Chiesa aveva i suoi dogmi e non si poteva più seguire quella libertà di studio e di espressione che troviamo nei libri di matrice cristiana del II e III secolo, parlando del libro delle dispute di S. Clemente (160-220), afferma che s. Clemete aveva sostenuto che il Logos non si era mai incarnato (Pag. 286, in Ganeval, cap. II e III); e parlando dei quattro libri sui “Principi” di Origene, ci fa sapere che Origene parlava del “Cresto” - come egli lo chiamava - secondo la favola e che quanto all'incarnazione del Salvatore, egli opinava che lo stesso spirito (soffio) che lo aveva animato era lo stesso che era in Mosè, negli altri profeti e apostoli; onde a ben ragione, Fozio del IX secolo, quale difensore dell'incarnazione secondo i dogmi ormai stabiliti e imposti, se ne scandalizza dichiarando che Origene scrisse molte bestemmie>> (Bossi. op. cit.pag. 39- da Ganeval. capp.II e III). A questo punto non ci resta che aggiungere altri esempi simili al precedente per dimostrare quanto il cristianesimo che la Chiesa afferma essersi costituito negli anni trenta, cioè dopo la morte di Cristo, in realtà ancora annaspava alla fine del II e per tutto che negano nella maniera più categorica l'incarnazione di Cristo: 1) S. Giustino martire nel 160, per contraddire Celso che affermava l'esistenza di Gesù ma soltanto come capo brigante, scriveva: <<se Gesù è nato, e se è nato in qualche luogo, rimane comunque completamente sconosciuto>> (Dialogo con Trifone- Dide. “La Fine delle Religioni”- pag.171). 3) Papia, vescovo di Gerapoli, autore di una esegesi sui detti del Signore, vissuto nel pieno del II secolo, mancando di riferimenti storici sulla vita di Gesù, ne sostiene l'esistenza citando i passi di un vangelo spiritualista esseno-egiziano (terapeuta). 4) S. Ireneo, vescovo di Lione dal 177, afferma che il Dio cristiano non è né uomo né donna. 5) S. Giustino, scrittore cristiano, autore di due apologie del cristianesimo, morto a Roma nel 165, parlando di Cristo afferma che è un'emanazione di Dio che avviene come la proiezione dei raggi del sole. (Concetto gnostico che esclude ogni relazione tra la divinità e la materia). 6) <<Tutte le sette gnostiche esistenti nei secoli I, II e III., quali i Marcioniti, i Valentiniani, i Basilidiani, i Nicolaidi e tante altre negano l'incarnazione di Gesù affermando, secondo quanto ha detto S. Epifane, che egli è la ricostruzione di Oro, il figlio della Trinità egiziana, divenuto poi Serapide. A queste sette, citate da Ganeval, le quali negavano che il Verbo si fosse fatto carne, va aggiunta e segnalata specialmente quella dei Doceti, negatori della storicità di Cristo, per confutare i quali, secondo il Salvador (Gesù Cristo e la sua dottrina- lib.II, cap.II), il quarto vangelo aggiunge alla Passione il colpo di lancia che fa uscire acqua e sangue dal corpo di Cristo per provare la sua natura umana

a quanti la smentivano. Determinante per la negazione dell'umanizzazzione di Gesù è il fatto che i doceti sono contemporanei degli apostoli, al dire di S. Girolamo>> (Bossi. Gesù Cristo non è mai esistito. Ed. La Fiaccola. pag.40). Praticamente la figura storica di Cristo che tutti, compresi i Santi e gli esegeti cristiani si rifiutavano di riconoscere, se è stata riconosciuta tale non è dipeso da una documentazione corredata di prove ma bensì da un'imposizione di falsità e di contraffazioni sostenuta dalle torture più atroci e dal rogo. <<Se il Gesù dei cristiani fosse veramente esistito, non si avrebbe avuto bisogno di falsificare la storia per provarlo>>. (Bossi, avvocato. op. cit. pag.16). Inchiesta di Domiziano. Secondo quanto dice S. Eusebio, l'Imperatore Domiziano (81-96), avendo sentito parlare dei cristiani, avrebbe fatto venire a Roma dalla Palestina dei parenti del Signore, discendenti della stirpe di Davide, per interrogarli sul Cristo del quale aveva sentito parlare. Costoro, ignorando apostoli, passione e morte, gli risposero che “il regno di Cristo non essendo di questo mondo e di questa terra, ma celeste e angelico, si sarebbe realizzato alla fine dei tempi”. Domiziano, sempre stando a S.Eusebio, rassicurato dal pacifismo che avevano dimostrato queste brave persone, li rinviò in Giudea (augurandogli un buon viaggio. o.p.). Questo fatto di per se già privo di logica per il semplice motivo che Domiziano se avesse voluto informarsi sul Cristo e sui suoi seguaci avrebbe avuto sistemi molto più imperiali che quello di convocare dei Giudei a Roma, come fece per esempio dopo di lui Adriano che chiese informazioni a Plinio il Giovane procuratore della Bitinia, non è che un altro esempio dei tentativi fatti dalla Chiesa per dimostrare l'esistenza storica dei cristiani nel primo secolo attraverso la falsificazione dei documenti. Se ci fossero stati veramente dei cristiani a Roma, con tanto di vescovi successori di S. Pietro (morto a Roma nel 63), come S. Anacleto (76-88) e S. Clemente (88-97), perché Domiziano avrebbe dovuto far venire dei cristiani dalla Palestina per informarsi della loro religione? Come può la Chiesa giustificare la contraddizione tra un Domiziano che interroga dei cristiani che non conosce e che per giunta gli risultano dopo l'interrogatorio dei pacifici seguaci di una religione del tutto spirituale, e un Domiziano che nello stesso tempo ci viene presentato come un persecutore dei medesimi? Come potrebbe Domiziano (51-96) ignorare i cristiani quando nel 68 furono accusati dell'incendio di Roma? È chiaro che tutta questa confusione esistente nella storia ecclesiastica dipende dalla necessità che la Chiesa ha avuto per potersi sostituire a quegli esseni pacifisti che sostenevano il Cristo di un regno angelico e celeste.

Sesso e Cristianesimo
Se Adamo ed Eva non avessero commesso il peccato di disobbedienza mangiando il frutto che gli era stato proibito da Dio, gli esseri umani procreerebbero, secondo il Cristianesimo, in una “santa gioia” che, coinvolgendo soltanto lo spirito, permetterebbe all’uomo di usare gli organi riproduttori senza compiere il peccato mortale della concupiscenza che è intrinseco nel piacere sessuale. Come prova dimostrante che il cedere alle tentazioni della carne è motivo di riprovazione e di condanna da parte di Dio, i sostenitori della morale cristiana ci dicono che Adamo ed Eva, presi da vergogna subito dopo aver compiuto l’atto, nascosero i loro attributi genitali con una foglia di fico. Come conseguenza di questo primo coito eseguito da Adamo ed Eva dietro la tentazione di un serpente, si venne a creare il cozzo tra il “bene”, che imponeva all’uomo di procrearsi escludendo ogni ricerca di piacere, e il “male” che lo spingeva invece a godere il più possibile dei piaceri sensuali. Che la Chiesa sia stata sempre contraria ad ogni rapporto sessuale sin dagli inizi della sua fondazione ci viene dal fatto che essa concesse ai suoi seguaci il permesso di sposarsi soltanto quando, in seguito alla mancata realizzazione di una profezia che dava per imminente la fine del mondo, fu costretta a riconoscere che l’interdizione ad ogni forma di accoppiamento avrebbe portato all’estinzione della specie umana. Costretta quindi a riconoscere l’indispensabilità della fecondazione, la Chiesa, aggiudicatosi il ruolo di moralizzatrice, autorizzò i matrimoni dietro la condizione che i coniugi si attenessero nella maniera più scrupolosa alle leggi della sua morale.

S. Agostino

S. Ambogio da Milano

Teologo e padre della Chiesa Teologo e padre della Chiesa (falsificatore (prendeva le idee al volo infilandole di Giuseppe Flavio - antichità giudaiche) con la penna) Costituiti di conseguenza i canoni che stabilivano ciò che era lecito e ciò che era illecito, la Chiesa si garantì della loro osservanza imponendo ai suoi seguaci di dichiararli a dei controllori che, in qualità di confessori, decidevano in nome di Dio quale era la punizione da darsi sotto forma di penitenze che variavano secondo la gravità dei peccati che poteva essere veniale o mortale. (Che la confessione sia stata l’arma più valida del Cristianesimo per costruire il proprio imperialismo, ci viene dal fatto che la Chiesa, imponendola ai re e agli imperatori cristiani, poteva controllare attraverso il loro confessore personale tutte le decisioni di Stato).

S. Bonaventura da Bagnoregio (chiamato il Serafico) Teologo e padre della Chiesa

S. Tommaso D'Acquino (chiamato l'Angelico) Teologo e padre della Chiesa

Codice Morale
Perché si possa capire l’oscurantismo e l’ottusità della morale cristiana, riporto alcuni passi del suo codice morale riguardante le relazioni sessuali: 1. Non si commette peccato se i coniugi compiono l’atto sessuale senza provare piacere. (Casistica). Fu in seguito a questo precetto che le donne per non compiere il peccato di concupiscenza, di cui poi dovevano confessarsi (molto probabilmente ce ne sono

ancora di queste), recitavano durante il coito: “Non lo fò per piacer mio ma per dare un figlio a Dio”. 2. Se durante il coito uno dei due coniugi desidera ardentemente l’altro, costui compie peccato mortale. (S. Geronimo - Teologo). 3. I palpeggiamenti che precedono il coito, da considerarsi peccato veniale se si limitano a semplici carezze, assumono una gravità mortale se sono eseguiti con baci sugli organi genitali e sulla bocca e soprattutto se con l’introduzione della lingua. (Debreyne - Teologo). 4. Il coito tra marito e moglie deve essere praticato non più di quattro volte al mese. (Sanchez- Teologo) 5) Non è peccato se ad un coito compiuto durante il giorno ne segue un altro nella notte successiva. (Sant’Alfonso de Liguori Teologo). 5. Non è peccato se uno dei coniugi si ritira dal coito prima di emettere semenza. (Ciò perché si credeva che anche la donna producesse liquido seminale). (Sanchez- Teologo). 6. Poiché l’uomo s’indebolisce prima, la donna commette peccato se pretende due prestazioni consecutive. (Zacchia- Teologo). 7. Tra gli atti preliminari del coito sono considerati veniali la penetrazione del membro nella bocca e l’introduzione di un dito nell’ano della donna. (Codice ecclesiastico). 8. Commette grave peccato mortale l’uomo che misura la lunghezza del proprio pene. (Monsabré - Teologo). 9. La masturbazione femminile, considerata veniale se eseguita sulla parte esterna della vagina, diventa peccato mortale se viene praticata con l’introduzione delle dita o di altro qualsiasi strumento. (Debreyne - Teologo). 10. Poiché il distendersi sul dorso è contro natura, per non commettere peccato la donna deve eseguire il coito mostrando all’uomo la sua parte posteriore. (Casistica). 11. Quando una donna dice di essere stata violentata dal demonio, affinché si possano esaminarne gli effetti, si deve eseguire un’approfondita analisi su di essa osservandone minuziosamente la vagina e l’ano. (Per farci un’idea di come venivano operati questi controlli dai padri inquisitori nei conventi quando le suore erano possedute dal demonio, basta riportare ciò che scrissero alcuni testimoni ai fatti: “Il vizio dei teologi inquisitori si realizzava in cerimonie scandalosamente oscene” (Margaret Murray).

“La curiosità dei giudici era insaziabile, essi volevano conoscere tutto dei rapporti sessuali che le monache avevano avuto con il demonio entrando in ogni più piccolo dettaglio” (Henry Lea). (Una prassi che si pratica ancora oggi nei confessionali), e Jacques Fines, cronista del tempo, scrive di aver visto gli inquisitori stessi violentare le suore durante i loro accertamenti. (Praticamente gli inquisitori sostituivano le dita con il membro). 12. Perché il coito non costituisca peccato, lo sperma deve essere lasciato nell’interno della vagina oltre le labbra dell’utero (Ultra uteri labra). (Zacchia Teologo). 13. Per combattere la frigidità che si dimostrava attraverso la mancata erezione del pene, se si dovevano far celebrare tre messe secondo Sanchez, per gli altri teologi era invece più efficace ricorrere all’esorcismo o alla pratica della comunione. 14. Il coito anale non costituisce peccato mortale se viene concluso nella vagina. (Sanchez -Teologo). 15. I seminaristi e i giovani preti commettono solo peccato veniale se arrivano all’eiaculazione attraverso semplici carezze. (Diagonali). 16. Contrariamente alla polluzione involontaria che non genera colpa, è da ritenersi peccato gravissimo la masturbazione perché essa, secondo a chi si rivolge il pensiero, corrisponde all’adulterio, all’incesto e allo stupro. La masturbazione diventa poi un orribile sacrilegio se l’oggetto del desiderio è la Beata Vergine Maria. (Sanchez - Teologo). Basterebbe soltanto questo, cioè considerare che i preti possono ammettere che ci si possa masturbare davanti all’immagine della Madonna, per comprendere a quali livelli di perversione può addurre la morale cristiana!

Madonna dal collo lungo Francesco Mazzola detto IL PARMIGIANINO

Madonna Jean Fouquet Jean Fouquet

Madonna di Munch Munch

Perché non chiedete al vostro parroco quale di queste Madonne preferisce?

Repressione Sessuale
L’osservanza di questi precetti, imposta attraverso i confessionali, portò i fedeli ad un soffocamento così eccessivo, che la Chiesa stessa fu costretta, per evitare una reazione di rivolta, a concedere delle feste carnascialesche perché le masse potessero sfogare la loro repressione. <<Gli uomini hanno bisogno almeno una volta all’anno di divertirsi per scaricare gl’istinti naturali che non possono essere repressi oltre misura. Come le botti, che cederebbero se non si levasse di tanto in tanto il tappo per scaricare la pressione, così essi scoppierebbero se in loro si facesse bollire sempre e soltanto la devozione verso Dio>>. (Da una lettera inviata da Padre Tillot nel 1444 alla facoltà di teologia di Parigi ). Queste feste orgiastiche volute dalla Chiesa per scaricare i propri seguaci della pressione che in essi si accumulava a causa della repressione sessuale, andarono avanti fino al 1700 assumendo spesso un carattere estremamente dissacratorio soprattutto quando venivano eseguite nell’interno delle stesse chiese. “A queste cerimonie, oltre alla popolazione, vi partecipavano anche i preti appartenenti al clero povero. Questi preti intervenivano soltanto a cerimonia iniziata presentandosi, secondo l’usanza, ballando e cantando versi osceni perlopiù travestiti da donne. I riti religiosi venivano parodiati offrendo al posto dell’ostia salsicce di sangue e bruciando scarpe vecchie al posto dell’incenso. Bevendo senza ritegno, si mischiavano tra la folla e tra rotti e vomiti mostravano il loro astio contro la repressione ecclesiastica facendo delle imitazioni caricaturali dell’erotismo e ripetendo le mosse del coito e della masturbazione e, sempre nell’ambito dei travestimenti, ce n’erano di quelli che montavano altri preti mascherati da monache. E poiché in queste occasioni era tutto permesso, sacrilegamente costoro si esaltavano sessualmente in lente danze ecclesiastiche che trovavano più eccitanti se accompagnate da lenti canti mortuari. Erano delle vere feste baccanali nelle quali, nella maniera più esplicita, il popolo reagiva contro la repressione della morale cristiana esaltando Satana. Ma la repressione sessuale che veniva così mitigata nel mondo religioso esterno con l’autorizzazione di orge collettive, produsse i suoi danni in quei luoghi, mi riferisco ai conventi, dove non essendo permesso nessuno sfogo fisico si cercò di soddisfare il sesso con illusori accoppiamenti eseguiti dai religiosi con partners spirituali: le suore con Gesù Cristo e i monaci con la Vergine Maria. Questi penitenti, che nella nomenclatura religiosa vengono chiamati “mistici”, impegnandosi per una convinzione derivante dal plagio a rispettare nella forma più assoluta l’osservanza di una morale che basa la perfezione spirituale nella rinnegazione di ogni piacere che viene dalla carne, in realtà non erano, come lo

sono, che degli esaltati illusi di poter reprimere impunemente quelle leggi naturali che impongono la riproduzione attraverso lo sfogo degli istinti sessuali. Il dramma che essi vivono, originato da una perenne astinenza corredata da continue sevizie sul proprio corpo per castigarlo quale fonte di concupiscenza (sevizie che li rendono dei perfetti masochisti), produce in costoro quegli stati di alienazione mentale che se per la Chiesa sono “estasi”, per la psicanalisi sono invece allucinazioni derivanti da “turbe psichiche da repressione sessuale”. Il Dottor Caufeinon afferma che “la non soddisfazione dei bisogni sessuali è una delle cause più potenti a generare l’isterismo” e aggiunge a proposito dei conventi: “Se la vita claustrale favorisce questa malattia nervosa non è soltanto per l’astinenza sessuale ma anche per la preghiera incessante a cui le monache sono sottoposte, per la vita contemplativa e le continue preghiere a cui bisogna aggiungere l’eccitazione nervosa data dalla continua preoccupazione delle terribili punizioni che gli riserva la giustizia divina per i loro peccati”. Gli psicologi Dupré e Logre spiegano ampiamente come le estasi non siano altro che nevrosi mistiche dovute a deliri d’immaginazione e il Dottor Murisier nel suo libro “Malattie del Sentimento Religioso” dimostra come <<L’attaccamento dei mistici a Dio, a Gesù Cristo e alla Beata Vergine, sia impregnato di un amore estremamente sensuale>>. James Leuba, specializzato in psicologia religiosa, chiaramente accusa la Chiesa di essere una costruttrice di pazzi quando afferma: <<Gli orgasmi che i Santi raggiungono negli accoppiamenti con le divinità, essendo soltanto immaginari, lasciano i soggetti in un perenne stato di insoddisfazione sessuale che è all’origine di quei deliri nevrotici che vengono chiamati estasi>>. L’Abate Jacques Gauden riporta in un suo scritto: <<Conosco un celebre medico, specializzato nella terapia dei pazzi, che cura i suoi malati, tra i quali sono numerosi i preti, dando ad essi quei piaceri dei quali erano stati privati >>. Non potendo evitare tali nefaste conseguenze attraverso un intervento diretto come aveva risolto per le masse con l’autorizzazione di orge periodiche, la Chiesa ha risolto ogni accusa che poteva essere diretta alla sua falsa morale trasformando la pazzia in santità.

Gli arrossamenti della pelle caratteristici delle vergini, delle vedove e di tutti coloro che sono costretti a una vita solitaria, non sono che il primo sintomo di un’isteria derivante da una prolungata insoddisfazione sessuale. Il dramma, di natura psicofisica, si esterna attraverso infiammazioni cutanee che possono essere dirette dalla volontà su quelle parti del corpo su cui si concentra l’interesse del soggetto, come nel caso degli asceti che, avendo come scopo quello di imitare Cristo, anelano rivivere le sofferenze della passione concentrando il loro pensiero sulle ferite prodotte dalla crocifissione. Gli arrossamenti non sono che una dilatazione delle vene dovuta a una concentrazione sanguigna che, oltre al dolore, può causare delle uscite di sangue in seguito alla lacerazione dei tessuti. È il caso delle ferite che appaiono nelle mani e nei piedi dei grandi asceti, dei quali si può portare come esempio Padre Pio il quale affermava che le sue stigmate erano state precedute da macchie rosse accompagnate da un forte dolore. D’altronde, esempi di esteriorizzazioni della volontà attraverso manifestazioni fisiche li troviamo, oltre che nell’uomo e negli animali in quelle che sono le erezioni del membro quando sono causate dal pensiero, anche in quel fenomeno epidermico che determina il mimetismo negli animali.

Sesso nei monasteri
Che l’isterismo causato dalla repressione sessuale sia retaggio dei monasteri ci viene confermato dal detto popolare: “Se per soddisfare le depravazioni di un paese è sufficiente un solo demonio, per soddisfare quelle di un convento non ne bastano mille. Più le regole imposte nelle comunità sono severe e tanto più la perversione tende a coinvolgere in massa i loro componenti che, in un alternarsi di profumi di fiori e di esalazioni di zolfo, entrano in vere e proprie orge collettive che la Chiesa, attribuendole all’azione dei demoni, risolve furbescamente attraverso gli esorcismi invece di affidarle alla psichiatria. Tra l’infinità dei casi riportati dalle cronache, citiamo come esempio, per dimostrare l’oscurantismo esistente nella religione cristiana, il rapporto firmato da quattro vescovi presenti agli esorcismi eseguiti nel convento di Auxonne: << Le monache vomitano spaventose bestemmie durante le sante messe e i riti eseguiti per liberarle dalla possessione diabolica. I loro corpi sono marcati da segni di certa natura soprannaturale eseguiti dai demoni. Le monache assumono durante

gli esorcismi posizioni che per essere eseguite abbisognano di una forza sovrumana come il prosternarsi per terra con la punta del ventre intanto che il corpo arcuato si protende in aria oppure piegandosi a cerchio a tal punto che la testa tocca la punta dei piedi ecc.ecc.>> ...e ancora: “Nel convento di Nazaret a Colonia, le monache si allungavano per terra e come se avessero un uomo sopra, ripetevano i movimenti del coito”. Nel convento di Louviere in Belgio, “le orge collettive si consumavano in un alternarsi di estasi, durante le quali le suore in ginocchio invocavano Gesù, e di crisi nevrasteniche nelle quali porgevano le parti posteriori scoperte al Demonio che sollecitavano a possederle”. A questo punto, dopo esserci soffermati brevemente su questi deliri psichici di cui la Chiesa si è tolta ogni responsabilità che possa scaturire dalla sua imposizione all’astinenza attribuendoli all’azione del Demonio, passiamo ad esaminare quelli che, nel colmo di una sfrontatezza senza limiti, sono stati trasformati da crisi epilettiche in estasi santificanti.

Estasi e Santi
Santa Margherita Maria Alacoque, fatto voto di castità a quattro anni ed entrata in convento a otto, comincia ad avere i primi contatti estatici con Gesù, “suo fidanzato”, a quindici. Dalla sua biografia: <<Quando ero davanti a Gesù mi consumavo come una candela nel contatto amoroso che avevo con lui >>. << Ero di natura così delicata che la più piccola sporcizia mi rivoltava lo stomaco. Gesù mi rimproverò così energicamente per questa mia debolezza che io reagii contro di essa con tanta decisione che un giorno pulii con la mia lingua il pavimento sporco del vomito di una malata. Egli mi fece provare tanta delizia in questa azione che avrei voluto avere l’occasione per farlo tutti i giorni >>. (Masochismo da delirio isterico)

<< Una volta che avevo dimostrato una certa ritrosia nel servire una malata di dissenteria, Gesù mi rimproverò così severamente che, per riparare, mi riempii la bocca dei suoi escrementi; li avrei ingurgitati se la Regola non avesse proibito di mangiare fuori dei pasti. (Idem) <<Un giorno che Gesù mi si mise sopra con tutto il suo peso, egli rispose così alle mie proteste: “Lascia che ti usi a mio piacere perché ogni cosa va fatta a suo tempo. Adesso io voglio che tu sia l’oggetto del mio amore, abbandonata alle mie volontà, senza resistenza da parte tua, in modo che io possa godere di te”>>. (Coito vissuto fisicamente attraverso l’immaginazione). Il ripetersi di atti di masochismo che si alternavano a estasi nelle quali Maria Alacoque viveva nella maniera più carnale gli accoppiamenti con Gesù, che lei chiamava il “mio fidanzato”, furono così frequenti che fanno di essa, secondo gli psicologi, un classico caso di erotomania isterica.

La Chiesa, approfittando della credulità e dell’ignoranza umana, ha dato origine all’apostolato del Sacro Cuore basandosi sulle affermazioni di una ninfomane le cui estasi rivelatrici non sono altro, nella realtà dei fatti, che crisi catalettiche provocate dall’assoluta repressione sessuale. Come accadeva ad altre Sante mistiche, così, anche a Margherita Alacoque, appariva continuamente la Madonna. <<La santa Vergine mi appariva spesso facendomi delle carezze inesplicabili e promettendomi la sua protezione>>. Questa intromissione della Madonna nei rapporti amorosi tra le Sante e Gesù trova giustificazione nel bisogno che avevano di avere il consenso della madre di colui che esse amavano in una maniera quanto mai clandestina attraverso le loro estasi. La relazione amorosa, avendo un carattere sessuale e quindi peccaminoso, dava a loro un complesso di colpa del quale cercavano di liberarsi, per godere pienamente degli accoppiamenti, non solo ottenendo il consenso della madre del loro amante ma anche rendendolo pubblico attraverso le loro autobiografie. Che le biografie siano la loro catarsi, cioè la liberazione di un senso di colpa, ci viene dimostrato dal fatto che esse le usano come una confessione liberatoria nella quale descrivono tutti i particolari dei loro orgasmi tanto da renderle dei veri trattati di pornografia. Santa Maria dell’Incarnazione, dopo aver sollecitato Gesù, suo sposo ad unirsi a lei con parole che hanno veramente poco di spiritualità: <<Allora, mio amante adorato, quando è che faremo questo accoppiamento?>>,così racconta nella sua biografia ciò che provava nell’isteria delle sue estasi “Nei rapimenti mi sembrava di avere nel mio interno delle braccia che io tendevo per abbracciare colui che tanto desideravo>>. Santa Guyon, asceta e penitente, scrive che in un’estasi Gesù l’aveva portata in un bosco di cedri dove c’era una camera con due letti e a lei, che gli aveva chiesto per chi fosse l’altro letto, egli gli aveva risposto: <<Uno è per te, che sei la mia sposa, e l’altro è per mia madre >>, e riferendosi poi ai piaceri sessuali che

raggiungeva nelle estasi, scrive ancora nel suo libro. << Io arrivavo a possedere Gesù non nella maniera come s’intende spirituale attraverso il pensiero, ma in un modo così tangibile da sentire la partecipazione del corpo nella maniera più reale>>. Quando poi ritornava nella normalità, si fa per dire, ritenendo il corpo responsabile di questi suoi peccati, si accaniva contro di esso infiggendosi le sevizie più atroci: <<Per mortificare il mio corpo leccavo gli sputi più schifosi...mettevo delle piccole pietre nelle scarpe...mi facevo cavare i denti anche se erano sani...>>. Dalla biografia di Sant’Angela da Foligno: <<...Durante le estasi era come se fossi posseduta da uno strumento che mi penetrava e si ritirava strappandomi la carne...Venivo riempita d’amore e saziata di una pienezza inestimabile...Le mie membra si frantumavano e si rompevano di desiderio mentre io languivo, languivo, languivo...Quando poi rinvenivo da questi rapimenti d’amore mi sentivo così leggera e appagata da voler bene anche ai demoni...>> . (Bellissima descrizione della quietudine dei sensi che segue l’orgasmo!). Sant’Angela da Foligno era così consapevole che i piaceri che provava durante le estasi erano di natura sessuale che ella stessa dichiara di essere vittima di un “vizio che non oso nominare”, un vizio di concupiscenza del quale cercava di liberarsi mettendo “carboni ardenti sulla vagina per smorzarne le voglie”. Santa Rosa da Lima per poter vivere i piaceri sessuali nella maniera più libera da ogni senso di colpa, come se scontare la pena prima l’autorizzasse a commettere il reato, puniva il corpo prima delle estasi con sevizie che fanno rabbrividire il buon senso: “Nonostante che il confessore la incitasse a non esagerare, ella arrivò a darsi cinquemila frustate in quattro giorni...” Santa Giovanna degli Angeli fu lei, quale superiora di un convento di Orsoline, che con le sue ripetute estasi trasmise il contagio dell’isterismo a tutta la comunità. Da una cronaca del tempo: “Tutte le suore del convento delle Orsoline di Loudun, dove era superiora Madre Giovanna degli Angeli, si misero ad urlare, a sbavare, a spogliarsi mostrandosi nella loro totale nudità”. Un certo Robbyns, cronista del tempo, presente ad una di queste crisi collettive, nella descrizione che fa dei fatti, si sofferma in un particolare: << Suor Clara cadde al suolo e in uno stato di trans. assoluto continuò a masturbarsi gridando:<< scopatemi, scopatemi...>>, finche, preso un crocefisso, ne fece un uso che il pudore mi proibisce di riferire >>. Incaricato dalla curia vescovile un certo padre confessore, di nome Surin, di praticare gli esorcismi nel convento, ben presto anche lui fu coinvolto tanto in queste orge da scrivere: << La mia lingua gustava Dio come quando bevo il vino

moscato o mangio le albicocche >>. (Non credo che ci sia bisogno di spiegazioni per intuire dove costui cercasse Dio con la lingua!). Padre Surin venne sostituito da un altro prete esorcista di nome Ressés, il quale, resistendo ad ogni tentazione, riuscì a liberare il convento dai demoni. Come prova di esorcismo riuscito venne presa l’interruzione della gravidanza della stessa superiora Giovanna degli Angeli che lui diceva aver fatto abortire liberandola dal demonio con l’acqua benedetta. Siccome lei affermò di essere stata guarita da San Giuseppe che gli era apparso durante l’esorcismo, la Chiesa, presa la palla al balzo, riuscì a trasformare le orge sessuali del monastero di Loudun in manifestazioni edificanti gridando al miracolo. Le bende e gli stracci usati da Giovanna degli Angeli per curarsi le ferite prodotte dalle flagellazioni, trasformate in oggetti benedetti, furono usati per curare i malati che cominciano ad affluire al convento in pellegrinaggi organizzati. Considerata ormai una Santa guaritrice, Giovanna degli angeli cominciò a girare la Francia per curare gl’infermi e tanta fu la fama a cui pervenne che lo stesso Cardinale Richelieu la invitò presso di lui per farsi alleviare i forti dolori che gli venivano dalle emorroidi. In una cronaca dell’epoca si afferma che tra le tante personalità che ricevettero vantaggio da Santa Giovanna degli Angeli ci fu anche Anna d’Austria, la quale, sofferente per un parto complicato, si sentì sollevata toccando un lembo della sua camicia. Così, usando quall’arte della mistificazione di cui è maestra, (leggere “LA FAVOLA DI CRISTO”), la Chiesa riuscì ancora una volta a tirare l’acqua al proprio molino trasformando in santità un isterismo prodotto da repressione sessuale. Santa Teresa d’Avila è certamente una delle più rappresentative di questo mondo di ninfomani represse che affollano il Paradiso dei cristiani. Essa potrebbe costituire un esempio classico da portarsi nei libri di sessuologia come dimostrazione dei danni cerebrali che può produrre l’astinenza sessuale.

Angelo che si accinge a trafiggere con il dardo Santa Teresa d'Avila (Bernini) Dalla sua autobiografia: <<Il mio male era arrivato ad un tale punto di gravità da essere sempre sul punto di svenire. Sentivo un fuoco interno che mi bruciava...la mia lingua era ridotta a brandelli a furia di morderla>>. << Mentre Cristo mi parlava, io rimanevo a contemplare la straordinaria bellezza della sua umanità... Provavo un piacere così forte che non è possibile provarne dei simili in altri momenti della vita... <<Durante le estasi il corpo perde ogni movimento, il respiro s’indebolisce, si emettono soltanto dei sospiri e il godimento arriva ad intervalli... (Ottima descrizione dell’orgasmo!) <<In un’estasi mi apparve un angelo tangibile nella sua costituzione carnale e era bellissimo; io vedevo nella mano di questo angelo un dardo lungo; esso era d’oro e portava all’estremità una punta di fuoco. L’angelo mi penetrò con il dardo fino alle viscere e quando lo ritirò mi lasciò tutta bruciata d’amore per Dio... Il dolore della ferita prodotta dal dardo era così vivo che mi strappava dei deboli sospiri, ma questo indicibile martirio che mi faceva nello stesso tempo gustare le delizie più soavi, non era costituito da sofferenze corporali anche se il corpo vi partecipava nella forma più completa...

<<Io ero in preda a un turbamento interiore che mi faceva vivere in una continua eccitazione che non osavo interrompere chiedendo l’acqua benedetta per non sconvolgere le altre suore che avrebbero potuto capirne l’origine... (Evidente stato di colpa). <<Nostro Signore, il mio sposo, mi procurava tali eccessi di piacere da impormi di non aggiungere altro oltre che a dire che tutti i miei sensi ne erano rapiti... (Idem). Questi brani tratti dalle autobiografie di donne portate alla pazzia dalla repressione sessuale che la Chiesa ha convertito in esempi edificanti, non sono in realtà che la dimostrazione più evidente della falsità della morale cristiana. L’essere umano ha bisogno di sesso come ha bisogno di cibo. L’astinenza prolungata, come la fame, genera squilibri mentali che portano l’uomo a comportamenti spesso pericolosi per se e per gli altri. Molti dei vizi e delle perversioni che si verificano nella società sono determinati da tabù che impediscono il normale svolgersi delle leggi naturali. La Natura quando viene contrastata, prima o poi fa valere le sue ragioni e in maniera tanto più violenta per quanto più violenta è la repressione che si opera contro di essa. In una società dove il sesso è considerato come un bisogno fisiologico e non come fonte di vizio e di peccato, tutte le perversioni sarebbero ridotte pressoché a nulla come lo sarebbero quelle violenze carnali e quegli omicidi che spesso sono determinati da un odio verso la donna che è vista dall’uomo come responsabile dell’angoscia derivante dalla repressione. Il sesso, che in una società priva di tabù potrebbe essere motivo di distensione e di concordia, diviene così, in un mondo basato sulla frustrazione, motivo di ricatto, di odio e di rancore. Chi è colui che nell’agonia, ricordando le sofferenze patite durante la vita dalla repressione, non è portato a maledire chi ne è stato la causa? Respingiamo, dunque, finche se ne è in tempo, quanti ci impediscono di godere (sempre rispettando la libertà altrui), nella maniera più libera e completa delle gioie del sesso tenendo sempre presente che ogni battuta lasciata, oltre a procurare l’inevitabile rammarico che prima o poi si farà avanti per averla persa, rappresenta soprattutto un ritardo al raggiungimento di quell’esperienza di cui abbisogniamo per conoscerci e migliorarci. Il credere che la rinuncia ai piaceri della carne ci renda meritevoli di ricompense dopo la morte non è che uno dei tanti assurdi sostenuti dal Cristianesimo per imporre, attraverso il plagio, un imperialismo basato su una falsa morale!

Lesbismo nei conventi
La percentuale di lesbiche nei conventi, per quanto sia un argomento al quale non mi sono mai interessato, sono certo che è superiore al mondo laico dal momento che questi, oltre a dare alle donne gay la possibilità di sfuggire al matrimonio, offrono la possibilità di vivere in un mondo esclusivamente femminile. Per quanto la Chiesa, consapevole di questo fatto, cerchi di imporre regole particolarmente severe per evitare ogni contatto personale tra le monache, le relazioni lesbiche fanno parte integrante della vita conventuale. Una riprova di quanto affermo ci viene dal crescente numero di suore gay che lasciano il convento da quando è cominciata la liberazione sessuale che consente gli accoppiamenti nella vita laica. Basta leggere i libri che trattano questo argomento come “DENTRO IL CONVENTO” di due ex suore, Nancy Manahan e Rosemary curb, nel quel cinquanta monache confessano la loro vita sessuale, la cui lettura è rigorosamente riservata agli adulti, per comprendere l’immoralità della religione cristiana che riesce ancora ad imporsi con il plagio del suo oscurantismo. Dal libro “DENTRO IL CONVENTO” (Tullio Pironti Editore), brani tratti da interviste fatte a due ex suore, la prima Kewyn Lutton e la seconda Rosemary Curb. Prima intervista: D: Cosa ricordi della tua sessualità? K: Ricordo di essermi masturbata la prima volta a dodici anni. D: Quando pensasti di farti monaca? K: Durante la terza liceo mi convinsi che volevo entrare in convento per vivere al fianco di altre donne, lontana dagli uomini. Avrei risolto ogni problema. D: Eri al corrente degli altri rapporti sessuali che avvenivano in convento? K: No, ma ebbi qualche dubbio. C’era un’insegnante che mi piaceva molto. Una notte mi sentivo depressa e sola...era tardi, lei venne nella mia cella, ci abbracciammo rotolando sul letto. Seconda intervista. È Rosemary Curb che parla nell’ufficio di Ginny Apuzzo, direttrice esecutiva della National Gay Task Force: <<La mia vita in convento fu dolorosa ma produttiva. Non riuscirei a lavorare per i Gay se non avessi imparato a concentrarmi. Io la chiamo la mia grazia. I miei discorsi pubblici non hanno grazia, Eppure ogni volta che mi alzo davanti al pubblico uno strano carisma si sprigiona chiedendo di unirci e lottare per una vita migliore.

Questa è la vera grazia. Non è Dio, non è Maria e non sono neppure io. È il potere della massa e la sua volontà di trasformazione. La fierezza dei gay non deve trasformarsi nella vergogna dei gay. Quando chiediamo la soppressione di ogni forma di fobia contro le lesbo e i gay, portiamo con noi una ventata di aria fresca. Questo libro è la dimostrazione inconfutabile di quanto lesbo, gay, masturbazione e sesso siano alla base della vita conventuale.

Demonio in un convento della Romania -Suora crocifissa in convento Il prete: "Posseduta dal demonio" Sommossa nel villaggio per difendere il padre superiore barricato in chiesa Aggredito il rappresentante del patriarca ortodosso andato a rimuoverlo

Il pope Daniel Corogeanu BUCAREST - Una suora di 23 anni crocifissa e lasciata morire nel suo stesso convento perché "posseduta dal demonio". Un padre superiore che ha dato l'ordine e le consorelle della vittima che lo hanno eseguito. Una rivolta sfociata in una sommossa quando gli alti rappresentanti della chiesa hanno cercato di entrare nell'edificio per capire che cosa era avvenuto. Una storia che viene dalla Romania quasi a voler confermare le cupe atmosfere di quelle terre. Ma non è letteratura, la vicenda di suor Maricica Irina Cornici, probabilmente malata di schizofrenia, e uccisa nel tentativo di scacciare quello che Daniel Corogeanu, il padre superiore del convento ortodosso, era certo si trattasse del demonio. Secondo le prime indegini avviate sul caso, il pope del convento della Santa Trinità di Tanaco, nella Romania orientale, e le quattro religiose avrebbero legato suor Irina e l'avrebbero rinchiusa nella sua cella, lasciandola senza acqua e senza cibo. Poi, stanchi delle sue proteste, l'avrebbero imbavagliata e crocifissa, lasciandola morire. E' accaduto il 15 giugno scorso e sia il patriarca della Chiesa ortodossa che la magistratura hanno avviato le indagini che si sono concluse per il momento con un'incriminazione per sequestro e omicidio per i cinque religiosi. Ma quando ieri i rappresentanti della Chiesa ortodossa sono arrivati al convento per privare padre Corogeanu del diritto di officiare, è scoppiata una sommossa. Il pope e

alcuni cittadini del villaggio - riferisce oggi in prima pagina il quotidiano romeno Evenimentul Zilei - hanno aggredito i religiosi e si sono barricati all'interno del convento.

"Abbiamo a che fare con una persona molto malata, il pope Corogeanu. Eravamo venuti a comunicargli che non può più servire nel monastero fino a quando la Procura non avrà espresso il suo verdetto su questo caso, ma egli ha chiamato in suo aiuto gli uomini del villaggio e ci hanno aggredito. Questa è la triste realta", ha raccontato Corneliu, vicario di Husi, mandato dal patriarcato per condurre l'inchiesta. Secondo i primi risultati medici, suor Irina è morta per "insufficienza cardiorespiratoria" dopo essere rimasta per tre giorni legata a una croce di legno senza bere e senza mangiare e con un asciugamano legato intorno alla bocca come bavaglio. Suor Irina era malata di schizofrenia, secondo i medici. La ragazza era cresciuta in un orfanotrofio ed era arrivata nel convento tre mesi prima per trovare un'amica. Poi aveva deciso di restare. Gli episodi schizofrenici sono apparsi al pope e alle altre suore come comportamento da persona posseduta da spiriti maligni, scrive Evenimentul Zilei citando fonti mediche. Il patriarcato ortodosso romeno ha giudicato "orrendo e un grande peccato" quanto avvenuto al monastero di Tanacu. "Si tratta del gesto di un pope instabile dal punto di vista psicologico, che ha compiuto atti barbari pensando di curare la suora dagli spiriti maligni. E' un gesto che non ha niente a che fare con la tradizione e la spiritualità ortodossa", ha dichiarato il portavoce del patriarcato, il pope Costel Stoica. Padre Daniel la pensa in tutt'altro modo e nei giorni scorsi ha detto di essere sorpreso dell'attenzione della stampa riguardo a questo caso visto che "l'esorcismo è una pratica comune nel cuore della Chiesa ortodossa romena: i miei metodi sono perfettamente noti agli altri preti".

Nudismo e Satanismo
Origini della magia e della stregoneria
Il Naturismo Nudismo, con la sua reazione ai tabù imposti da leggi repressive e oscurantiste, è la dimostrazione più evidente del bisogno che ha l’uomo di vivere secondo una morale basata sul buon senso e la ragione. Proponendo una dottrina che permette di godere nella maniera più pacifica dei benefici della Natura nei limiti di un “ragionevole benessere” (Epicuro), rappresenta l’equilibrio laico che libera gli uomini dell’odio generato dal conflitto dei due eterni antagonisti, il bene e il male, rappresentati, il primo, da un Dio repressivo e castigatore quale quello dei cristiani, e il secondo da Satana, Dio permissivo e licenzioso. Due estremismi che, ponendo il corpo come oggetto del loro contrasto (l’uno lo umilia e lo castiga ritenendolo un ostacolo al raggiungimento della perfezione spirituale e l’altro lo esalta come unica sorgente di piacere), non possono recare che dolore, regresso e angoscia.

Il cristianesimo e il satanismo in realtà, non sono che una realizzazione pacchiana del dualismo cosmico zaratustriano che determinò quella lotta tra la luce e le tenebre che la Chiesa cattolica continua ancora a sostenere nella forma più primitiva attraverso rituali di magia che vedono i suoi preti-stregoni impegnati, in una comica di segni tracciati in aria e spruzzi d’acqua benedetta, a operare esorcismi e a gettare anatemi contro i loro antagonisti, gli angeli delle tenebre, i quali a loro volta reagiscono contro di essi con cerimoniali carichi di insulti e di bestemmie.Le cerimonie sataniche, chiamate Messe Nere, non sono che una rivolta della Natura contro un Dio che, impedendo di godere dei piaceri che lui stesso ha creato, dimostra di essere cattivo, cinico e incoerente.

Se i satanisti celebrano i propri riti ad imitazione di quelli cristiani lo fanno per darsi la possibilità di esprimere tutto l’odio e il rancore che provano verso tutto ciò che è alla base di una religione la cui morale, basandosi sulla repressione dei sensi, considerano nemica dell’uomo e quindi meritevole di profanazione e di disprezzo; sputano sulle ostie, profanano con gli atti più osceni le immagini dei santi e della Madonna, orinano nel calice, bruciano ciabatte e sterco al posto dell’incenso, eseguono canti mortuari per stimolare la libidine e usano il crocefisso come mezzo di masturbazione vaginale come risulta dai relatori che erano presenti a queste orge collettive che, anche se può apparire incredibile, si realizzavano per lo più dentro le chiese e nei monasteri. (www.sessoereligione.com) - sesso e religione -

Culto dei Misteri e Messe Bianche
Le Messe, sia bianche che nere, non sono che la ripetizione di quei riti “magici” che venivano praticati nei “Culti dei Misteri” pagani affinché tutti i presenti potessero partecipare attraverso una comunione di sensi all’orgia collettiva finale: Baccanali. ( FAVOLA DI CRISTO )- sito web: www.luigicascioli.it) Dalla confessione di un satanista: “Ai canti e ai suoni preparatori che accompagnano le danze eseguite da fanciulle semivelate davanti all’altare di Satana, i presenti procedono nella consumazione di un pasto che in un crescendo di esaltazione sessuale termina dando inizio a una cerimonia nella quale la nudità dei corpi è da considersi regola base. Gli atti osceni e i turpiloqui contro Dio e tutto ciò che a lui si riferisce, rappresentano per i presenti, oltre che la ribellione contro la repressione di una morale degenerata, la liberazione di ogni eventuale ipocrita ritegno che potrebbe rappresentare un impedimento alla piena partecipazione dell’orgasmo generale, quell’orgasmo che, appagando nella maniera più completa tutti i desideri, anhe i più incosci, lascia i partecipanti in uno stato di tale rappacificazione e di serenità da portarli ad amare anche coloro che fino a pochi minuti prima erano stati oggetto di odio e di rancore.

Che l’orgasmo generi una catarsi ce lo conferma nella manera più esplicita Sant’Angela da Foligno che nella sua biografia, dopo aver dichiarato di arrivare a possedere Gesù, nelle sue estasi, “ non nella maniera come s’intende spirituale attraverso il pensiero, ma in un modo così tangibile da sentire la partecipazione del corpo nella maniera più reale”, così si esprime a proposito della serenità e della quietudine che provava dopo gli orgasmi: <<Durante le estasi era come se fossi posseduta da uno strumento che mi penetrava e si ritirava strappandomi la carne...venivo riempita d’amore e saziata di una pienezza inestimabile e le mie membra si frantumavano e si rompevano di desiderio mentre io languivo, languivo, languivo... Quando poi rinvenivo da questi rapimenti d’amore mi sentivo così leggera e appagata da voler bene anche ai demoni>>. Essendo lo scopo di tutte le cerimonie religiose quello di unire i partecipanti in una comunione dei sensi, anche le Messe Bianche celebrate dai cristiani tra canti, suoni, profumi d’incenso e luccichii di pianete argentate e riflessi dorati di calici e patene, terminano in un’orgia collettiva di sensi che di spirituale ha soltanto l’apparenza. Pur partecipando tutti i presenti a questa eccitazione mistico-sessuale, coloro che maggiormente ne vengono coinvolti, oltre il clero che da essa trae in più del nutrimento anche la giustificazione per la propria depravazione, sono tutti quei repressi sessuali, quali gli eunuchi, le zitelle, le vedove e gli omosessuali soprattutto latenti, che cercano l’appagamento delle loro voglie segrete respirando la magia liturgica che aleggia nell’aria durante le cerimonie come i vapori di una droga. La differenza tra le Messe Nere e le Messe Bianche sta nel fatto che, mentre le prime terminano con una totale serenità dei sensi, le seconde, lasciando i loro seguaci soltanto in uno stato di apparente appagamento, non fanno che accrescere il desiderio sessuale e le nevrosi originate dalla repressione, quelle nevrosi che sfociano poi nei dialoghi più pornografici dei confessionali, nella pedofilia dei preti, nei priapismi (erezioni del membro) che s’invigoriscono all’ombra dei santuari dopo una giornata di cerimoniali e di preghiere (leggere le testimonianze dei proprietari degli alberghi di Lourdes), e soprattutto in quelle estasi nelle quali i Santi vivono dei veri e propri orgasmi isterici accoppiandosi con la Madonna o con Gesù, secondo il proprio sesso. (www.sessoereligioni.com). Tutto questo per dimostrare quanto il cristianesimo sia, con le sue repressioni, all’origine delle maggiori immoralità e perversioni. Le Messe Bianche e le Messe Nere, figlie dirette di quell’oscurantismo su cui la Chiesa basa la propria impostura, non sono che le facce di un medesima moneta il cui conio rappresenta in entrambe, per quanto le si voglia metterle in contrasto, la rivolta della Natura contro un Dio repressivo, cinico e incoerente. -LA FAVOLA DI CRISTO- (www.luigicascioli.it ).

Origine del satanismo La magia, nata in Egitto come arte capace di dominare le forze occulte della Natura attraverso oggetti a cui si attribuivano proprietà soprannaturali, subì una sostanziale evoluzione da parte dei popoli arabi allorché costoro, usando le reazioni dei minerali per ottenere risultati pratici nel campo della ricerca, la trasformarono in una vera e propria scienza che chiamarono Al-kimia (alchimia), dove “Al” stava ad indicare il “quid” che si doveva scoprire per ottenere il risultato desiderato e “kimia” l’insieme del lavoro che veniva fatto per eseguire la ricerca. L’alchimia fu introdotta in Europa tra il VII e VIII secolo da quegli gnostici che, avendo fallito nella ricerca di Dio sul piano filosofico, pensarono di arrivare a lui attraverso la manipolazione della materia. Il concetto su cui si basarono fu il seguente: come ci sono dei processi chimici capaci di liberare i minerali delle loro impurità, altrettanto deve esserci in natura un procedimento capace di ridare all’uomo lo stato di purezza in cui era prima che Adamo commettesse il peccato originale. Associato così lo spirito alla materia, partendo dal presupposto che il segreto che avrebbe riportato l’uomo alla primitiva integrità non poteva trovarsi che nella sostanza capace di dare il massimo della purezza, si misero a cercare il “quid” (Al) che avrebbe permesso di trasformare i minerali più volgari nel più nobile dei metalli, cioè l’oro, attraverso distillazioni, sublimazioni e cristallizzazioni che ottenevano mescolando acetati, solfati e acidi d’ogni sorta e soprattutto quell’acqua reggia (raggia) che, essendo il solo elemento capace d’intaccare l’oro, assunse un ruolo di preminenza in questa ricerca di Dio. Poiché la sostanza ricercata doveva avere, quale purificatrice dell’anima, oltre a un potere chimico anche un valore teologico, fu chiamata “Filosofale” (Pietra filosofale). La convinzione che portò gli alchimisti gnostici a sostenere che attraverso procedimenti chimici si potesse trovare un’essenza (quid) che avrebbe potuto agire sullo spirito, cosa che può soltanto far ridere chi segue la ragione e il buon senso, trovò giustificazione in quel “Logos” (Gesù) che, facendosi carne, aveva realizzato l’unione, cioè la fusione, tra il mondo divino trascendentale e quello umano fatto di materia corruttibile... (Fu da questa analogia posta tra la pietra filosofale e la persona di Gesù che la Chiesa trasse il pretesto, allorché nel XV sec. si rese conto che essa era motivo di contestazioni teologiche, per perseguitare gli alchimisti come eretici da condannarsi al rogo). Come conseguenza, l’alchimia, perso quel valore che gli arabi le avevano dato elevandola a una scienza esatta basata sulla ricerca e la ragione, acquisendo un carattere teologico, si ritrovò di nuovo declassata nel mondo della magia, una magia religiosa che, per quella convenzione che vuole che il bianco sia il colore

che simboleggia il bene, fu chiamata, dagli stessi farneticanti mistici che l’avevano ideata, “Magia Bianca”. Nella certezza che una magia così complessa ed elaborata non poteva essere compresa e quindi seguita dalle masse di cui avevano bisogno per imporla come dottrina religiosa, per non ripetere lo stesso errore che avevano già commesso gli gnostici nel II secolo che si erano ritrovati isolati per l’astrusità dei loro ragionamenti, questi filosofi alchimisti decisero di associarla alle pratiche popolari che facevano uso di minerali, erbe e radici per curare le malattie e alleviare i dolori, come fecero, per spiegarci meglio, quei maestri della cucina lombarda che, per rendere accessibile al popolo il risotto alla milanese, ricorsero allo zafferano per sostituire la polvere d’oro che veniva usata dai ceti facoltosi secondo la ricetta originale.

Giovane stega e dragone - Hans Baldung Ma come conferire un’idea di purificazione dell’anima, cioè un concetto religioso a medicamenti che venivano ricavati da minerali, erbe e radici? Ebbene, l’ostacolo fu superato ricorrendo all’eterno principio usato da tutte le credenze del mondo che hanno sempre avuto bisogno di costruirsi come antitesi un mondo

infernale da combattere per potersi arrogare il ruolo di detentrici di salvezza. Se la loro era una “magia bianca” perché aveva come scopo quello di fare del bene, chi altri poteva essere il loro avversario se non una “magia nera” che avrebbe usato le erbe e i minerali per fare infusi malefici apportatori di dolore e di morte? Se loro, quali praticanti la “Magia Bianca” erano i figli di Dio, chi altri potevano essere i loro nemici se non i figli del demonio? E su questo presupposto basato sull’eterno dualismo del male e del bene, trasferiti nelle erbe e negli infusi i concetti della salvezza o della dannazione secondo l’uso che se ne faceva, si cominciò a fomentare l’odio contro degli immaginari artefici di malefici che, per dare loro un aspetto di ripugnante magrezza, furono chiamati streghe e stregoni (da strigosus = rinsecchito). Una ripugnante magrezza che però fu cambiata in seguito alle donne quando, per sostenere che esse erano le amanti del Demonio, venne deciso di raffigurarle avvenenti e tentatrici. (Mettere le due foto: l’una magra dall’enciclopedia e l’altra avvenente che già ho e due foto riproducenti gli alchimisti buoni e quelli cattivi, stregoni). La Chiesa, compreso che da questa situazione di antagonismo tra il bene e il male voluta dagli alchimisti avrebbe potuto trarre giovamento per imporre definitivamente il Cristianesimo, la cui dottrina veniva ancora contrastata dalle credenze pagane, fatto proprio il programma degli alchimisti, prese a perseguitare tutti coloro che si rifiutavano di accettare i suoi dettami accusandoli di praticare la magia nera. Cominciò così, con i primi editti di condanna che uscirono nel IX secolo, nella maniera più inventata, quella caccia alle streghe che, con i suoi roghi, impiccagioni e tagli di teste, permise alla Chiesa di imporre l’immoralità della sua dottrina facendo ricorso al terrore, un terrore che durò per oltre ottocento anni (l’ultimo rogo fu acceso a Poznen - Germania- nel 1793). Le prime vittime, anche se colpite soltanto da scomunica, furono i Valdesi che vennero accusati di praticare la stregoneria quali seguaci di Satana (Concilio di Verona 1184) soltanto perché predicavano la povertà di Cristo in opposizione all’avidità del clero. Le persecuzioni vere e proprie ebbero inizio nel 1300 allorché la Chiesa cominciò a servirsi della stregoneria per eliminare gli eretici, cioè quei contestatori che si opponevano alla sua corruzione, alla sua ignoranza e ai suoi assurdi teologici tra i quali quello riguardante la trinità di Dio. Giordano Bruno, condannato a morte sotto l’accusa di praticare la magia, può essere portato come un esempio tra i più evidenti.

Abiura di Galilei

La stregoneria, nata da un’invenzione degli alchimisti e sfruttata poi dalla Chiesa come mezzo per imporre la sua egemonia attraverso l’orrore delle condanne a morte precedute dalle più disumane torture, divenne una tale realtà da essere creduta e seguita nei suoi riti magici da gran parte dello stesso clero e delle classi privilegiate che insieme presero a frequentarla celebrando quelle Messe Nere e quei “Saba” che, secondo documenti del tempo, terminavano in orge tra le più oscene. Credere che la stregoneria e la magia nera siano state praticate dalle classi povere, significa ignorare la verità. Il popolo, nella realtà dei fatti, terrorizzato com’era dalle persecuzioni, serviva alla Chiesa soltanto per fornire quelle vittime innocenti che, nella realtà dei fatti, costrette a confessare sotto tortura colpe mai commesse, avevano il solo scopo di fornire con i loro pubblici sacrifici i presupposti necessari per sostenere l’esistenza di un demonio dal quale la massa doveva guardarsi se non voleva essere accusata di essere nemica di Dio. Si dovevano fornire streghe per alimentare i roghi nelle piazze? Si dovevano eliminare i contestatori dei dogmi e della corruzione ecclesiastica? Ebbene, nulla di più facile per raggiungere tali scopi: bastava una lettera anonima, magari inviata dalla stesso clero, o la delazione di un ignoto, per instaurare un processo contro l’eretico e contro il praticante di quella magia nera la cui esistenza era indispensabile alla Chiesa per imporre la propria magia bianca i cui riti, a perfetta imitazione dei cerimoniali pagani, si basavano, come ancora tutt’oggi, sull’acqua santa, sull’olio benedetto, sul pane della salvezza eterna, su segni tracciati in aria, su nuvolette d’incenso e anatemi contro Satana “et aliosques spiritos malignos...” E così, intanto che nell’interno delle chiese i preti facevano volare nelle loro omelie le streghe con le scope e fuori bruciavano i roghi, il clero e la nobiltà organizzavano i loro “Saba” e recitavano le loro “Messe Nere” con omicidi di neonati il cui numero, come vedremo dai rapporti di polizia, risulterà così grande da lasciarci turbati. La prostituzione organizzata dal clero, l’attività sessuale nei conventi, sia maschili che femminili, i concubinaggi praticati dai preti senza il minimo ritegno e gl’incesti fecero di Roma, centro del cristianesimo, la capitale dei bastardi. - LA FAVOLA DI CRISTO - ( www.luigicascioli.it ).

Orge e stregoneria nel clero

Perché il clero potesse seguire nella massima libertà la turpitudine e il vizio, eleggeva i vescovi e i papi tra i prelati più corrotti. Quei pochi che si opponevano alla sua immoralità venivano insultati, denigrati o addirittura assassinati con tisane o ostie avvelenate.La dissolutezza si era così radicata nella Chiesa da ritenere che fosse cosa normale e lecita usare il sesso come fonte di guadagno. A centinaia furono i conventi che, dietro il pretesto di avere reliquie contro la sterilità, ricavarono dei grossi benefici pecuniari usando i loro attributi sessuali come mezzo di commercio con le donne che accorrevano per ricevere la grazia. Gli ordini religiosi che più s’impegnarono nei miracoli della fecondazione furono i francescani e i carmelitani che, dopo aver separato i maschi dalle femmine, cioè i mariti dalle mogli, per quei principi che sono imposti dalla morale cristiana, si portavano le donne nelle loro celle facendole passare attraverso porte segrete e cunicoli che continuarono ad essere usati fino al XVIII secolo nonostante che il concilio di Parigi del 1212 ne avesse ordinato la chiusura. Come erano sessualmente attivi nelle loro celle, questi frati, altrettanto lo erano fuori allorché lasciavano i conventi per recarsi nei contadi come predicatori o come questuanti. Le cronache del tempo riferiscono che il loro valore di amatori aveva acquisito un così alto prestigio che le donne speravano al caso fortunato che le mettesse sul loro cammino. Secondo la psicologia moderna, tra le cause che portavano questi frati alla continua ricerca dello sfogo sessuale, oltre ai più ovvii, quali quelli dipendenti dal continuo esercizio e dalla mancanza di pensieri, c’era quello derivante da un continuo prurito causato dalla grande sporcizia che ricopriva i loro corpi. Il motivo per cui i Francescani e i Carmelitani si distinsero su gli altri ordini nell’attività sessuale dipese soprattutto dall’eccessiva severità delle loro regole che consideravano peccato anche il solo toccarsi il corpo per grattarsi. Che il proibizionismo sia stato all’origine della loro avidità sessuale, ci viene provato dal fatto che, nonostante la grande facilità che avevano di fottere donne di tutte le età e di ogni ceto, praticavano comunque e senza alcun ritegno anche l’omosessualità. La pederastia era imposta con tanta naturalezza sui novizi da parte degli anziani che, quando questi si allontanavano dal proprio convento, si portavano sempre dietro uno di essi.

Tra le tante leggi che furono emanate dai concili per porre termine all’omosessualità nei monasteri, sia maschili che femminili, vanno ricordate quelle che proibivano di dormire nello stesso letto e imponevano la presenza di sorveglianti notturni nei dormitori. Secondo un programma già stabilito, ogni volta che si istituiva un convento di suore se ne costruivano immancabilmente accanto uno, due o anche tre di frati i quali venivano messi in comunicazione con il primo tramite gallerie che sussisto ancora. Le relazioni sessuali tra i conventi maschili e femminili si erano così formalizzate che i frati consideravano le monache come una loro proprietà personale. In una ispezione ai conventi di suore ordinata da Enrico VIII risultò che il 60% delle suore era in stato interessante. Siccome il pericolo di perdere la vita in seguito all’aborto, per via delle infezioni e delle emorragie che ne seguivano, spaventava le monache, la maggior parte di esse preferiva portare a termine la gravidanza. I neonati che si salvavano dalla morte erano pochissimi perché erano le stesse madri che, prive di ogni scrupolo, li strangolavano per quella tranquillità di coscienza che gli veniva dall’assoluzione concessa dalla “casistica” ( libro che permette ai confessori di esaminare ogni singolo caso per stabilire la penitenza secondo l’intenzionalità a commettere il peccato) che in questo caso stabiliva che era meglio uccidere che compromettere la reputazione del convento. Riporto alcuni casi di applicazione della casistica per comprendere su quali basi si regge la morale cristiana: 1) Mentre i soldati mussulmani quando violentavano venivano condannati dalla Chiesa per i loro stupri, i soldati cristiani erano assolti perché la colpa veniva data alle donne ritenute responsabili per averli portati all’eccitazione con la loro avvenenza. 2) Se mettere la statua della Madonna in un’orgia era considerato peccato grave per i satanisti, per i nobili e per il clero assumeva motivo di merito perché l’averla messa in diretto contatto con il peccato ne aveva esaltato la virtù. 3) Nel libretto in cui è riportata la richiesta di perdono del Papa c’è scritto: “Bisogna comunque tenere in considerazione che se la Chiesa commise dei crimini ciò dipese dal fatto che vi fu costretta da coloro che li subirono”. Un prete cronista del tempo, di nome Barletta, che aveva la possibilità di visitare i monasteri femminili come predicatore e confessore, riportava in un rapporto che nei cessi (latrines) sentiva spesso i gridi dei neonati che venivano soffocati, e un frate francescano, certo Maillard, scriveva <<...se avessimo buone orecchie sentiremmo i gridi dei bambini che vengono gettati nei cessi e nei fiumi >>. Un’altra testimonianza ci viene ancora da Henri Estienne, frate e confessore, che a proposito della soppressione dei neonati operata dalle monache scrisse: <<Questi crimini sono ordinari nei conventi dove i figli che nascono vengono uccisi dalle madri che li strangolano appena escono dai loro corpi >>.

Messe Nere
...e intanto che attraverso le procedure più vili la Chiesa istruiva processi contro degli innocenti con lettere anonime e false delazioni, il clero e i nobili organizzavano orge basate su quei riti macabri, chiamati “Messe Nere”, durante i quali venivano sgozzati bambini forniti dai monasteri o dalle stesse concubine dei preti. Sotto il regno di Luigi XIV ne furono uccisi a migliaia. Una sola sacerdotessa di nome Voisin ne immolò più di duemila, e l’abbate Guiburg, che era uno dei prelati che celebravano le messe nere per la nobiltà di Francia, alle quali partecipava attivamente la Montespan mettendo a disposizione dei riti il proprio corpo nudo, ne uccise per diversi anni mediamente sei al mese. Secondo un rapporto del capo della polizia di Parigi, luogotenente La Reynie, l’abbate Guiburg, mancando di bambini altrui, in due occasioni ricorse al sacrificio dei suoi stessi figli avuti dalle innumerevoli concubine. Il rito si svolgeva versando il sangue del bambino sgozzato in un calice dove veniva mischiato con le secrezioni liquide e solide dello stesso per formare una pasta che, in seguito a una consacrazione satanica operata ad imitazione del rito eucaristico cristiano, veniva usata per le fatture. La Montespan, per esempio, la metteva nel cibo di Luigi XIV per garantirsi i suoi favori. E come l’abbate Guiburg celebravano messe nere Manette il vicario episcopale di Parigi, gli abbati Davot, Sebault, Lepreux, Le Sage e tanti altri, senza contare quelli che sono rimasi sconosciuti, come risulta dalle cronache dell’epoca e dai numerosissimi verbali di polizia. In questo mondo di depravazione sostenuto da un terrore esercitato sul popolo con un cinismo e una crudeltà che non ha precedenti nella storia dell’uomo, i pontefici ci si immersero tanto che gran parte di essi furono dei bastardi nati da relazioni di altri Papi con concubine e prostitute o con accoppiamenti incestuosi. Giovanni XII, Papa a sedici anni, nato dall’incesto di Papa Sergio III con sua figlia Marozie di tredici anni, fu l’amante della stessa Marozie, sua madre. Praticamente Marozie fu contemporaneamente amante di suo padre Papa Sergio III e di suo figlio Papa Giovanni XII. Bastava soltanto esprimere una critica su tali immoralità perché si finisse al rogo sotto l’accusa di eresia o di stregoneria. Con la scoperta dell’America s’introdusse in Europa la sifilide. I clericali che contrassero questa malattia furono praticamente tutti e molti ne morirono. Nessun ecclesiastico ne rimase immune compresi gli stessi papi, quali Giulio II e Leone X il quale, sempre per quel bastardume che favoriva l’elezione al seggio di S. Pietro, divenuto cardinale a quattordici anni, fu eletto Papa a trentasei dopo aver preso la sifilide a venticinque. Sisto IV, il realizzatore della cappella Sistina, anche lui sifilitico, ebbe due figli dalla sorella maggiore. Bisessuale, fu un gran pederasta e sodomita tanto che, secondo quanto scrive il cancelliere d’Infessura, molti furono coloro che ricevettero da lui la porpora cardinalizia come ricompensa dei favori sessuali ricevuti. (Non dimentichiamo che Michelangelo fu un omosessuale...)

Papa Sisto IV organizzò la prostituzione istituendo quei bordelli dei quali la Chiesa continuò ad esserne l’amministratrice fino ai nostri tempi, cioè fino a quando furono chiusi dalla leggi Merlini. Di bordelli istituiti dalla Chiesa se ne contarono a centinaia in tutto il mondo cristiano. Considerati fonte di sicuro reddito, i papi spesso li assegnavano come base di sostentamento alle diocesi i cui vescovi, a loro volta, li parteggiavano con le parrocchie assegnando a ciascuna di esse una prostituta la quale, divenuta proprietà della Chiesa, versava ogni quindici giorni il ricavato delle marchette al parroco (quindicina). Tra tanti bordelli, il maggiore, sia nella perversità che nella grandiosità dell’organizzazione, fu certamente il Vaticano nel quale ogni sera entravano schiere di omosessuali e di donne travestite da uomini per animare le orge dei nobili romani che, in qualità di bastardi, erano legati da parentela con i più grandi prelati e con gli stessi papi. Nei secoli XV e XVI il 50% della popolazione di Roma era formata da bastardi provenienti dai conventi, dai bordelli e dalle relazioni dei preti che disponevano di un numero illimitato di concubine. ( Leggere LA FAVOLA DI CRISTOwww.luigicascioli.it ).

Omosessualità nel clero
Se i Francescani e i Carmelitani ebbero fama come grandi amatori di donne, i Gesuiti l’acquistarono come pederasti. Secondo Voltaire, Grécourt, Mirabeau e altri scrittori e storici dell’epoca, i Gesuiti avevano posto come regola nei loro istituti di considerare come ricompensa ai meriti scolastici il portarsi a letto gli allievi. Secondo la storico Benedetto Varchi, il vescovo di Faenza, Monsignor Cheri, morì mentre veniva sodomizzato da Pierluigi Farnese, figlio bastardo di Paolo III. La debauche presso il clero era ormai praticata con tanta naturalezza che Leone X la legalizzò con il libro-codice “Camera Taxe”, che con i suoi 35 articoli permetteva di ottenere il perdono di tutti i crimini, anche i più efferati, dietro pagamento di una ammenda da versarsi all’erario pontificio. Basta riportare qualcuno degli articoli della Camera-Taxe per renderci conto di come il Cristianesimo abbia fatto dell’immoralità la base del proprio imperialismo: Art. 1) Un ecclesiastico che commette un peccato carnale con le proprie sorelle, figlie, cugine, nipoti o con altra donna, sarà assolto dietro pagamento di 67 libre. Art. 2) Se un ecclesiastico chiede l’assoluzione per aver commesso peccati contro

natura con un bambino o con una bestia potrà ottenerla dietro pagamento di libre 131. Art. 5) Ai preti è permesso di vivere in concubinaggio con i propri parenti dietro pagamento di 76 libre. Art. 9) Se un prete uccide un laico può avere l’assoluzione versando un montante di 15 libre. Art. 10) Se l’assassino ha ucciso due o più persone nello sesso giorno, pagherà 15 libre come se ne avesse ucciso uno solo. Art. 14) Per l’omicidio di un fratello, d’una sorella, del padre o della madre, si dovrà pagare 17 libre. Art 18) Colui che vuole garantirsi l’assoluzione per tutti gli omicidi che potrà commettere in futuro, pagherà 168 libre. Art. 29) Il figlio bastardo di un prete che vuole succedere al posto del padre nelle sue funzioni religiose, pagherà 27 libre. (Per l’acquisto del libro “La Camera Taxe”, con imprimatur, rivolgersi direttamente alla Santa Sede - via del Paradiso 23 - Città del Vaticano). Intanto che in questo ambiente di depravazione il clero e la nobiltà bastarda compiva spavaldamente ogni nefandezza, fuori di esso si bruciavano vivi, affinché il fuoco purificasse le loro anime, gli eretici e le streghe; i primi accusati di non seguire i dettami della Chiesa e le seconde di accoppiarsi con il Demonio, di volare con le scope, di baciare il culo ai gatti e di fare pozioni malefiche mischiando lingue di serpenti, code di rospo e penne di gallina... Questa è la morale su cui si è costruita la Chiesa e sulla quale ancora si basa per imporre un’impostura costruita su un individuo, Gesù Cristo, mai esistito come viene inconfutabilmente dimostrato nel libro “LA FAVOLA DI CRISTO”. (www.luigicascioli.it) Ma le cose non sono cambiate sia nel comportamento immorale che nei principi oscurantisti che sono rimasti gli stessi, quali impedire la ricerca scientifica e favorire la fame e l’ignoranza che sono i presupposti indispensabili per sostenere l’immoralità di un’egemonia basato sull’utopia e l’astrattismo di un Dio che per esistere ha bisogno di demoni, di esorcismi e di magia. Per quanto voglia nascondere la sua infame natura dietro ipocriti e opportunistici appelli alla pace dei popoli, la Chiesa è rimasta immutata nell’oscurantismo che le è congenito e nella sua immoralità capace di tutti i crimini. Se oggi per liberare gl’indemoniati da Satana essa si limita all’esorcismo, ciò dipende soltanto dal fatto che per quell’evoluzione sociale che ci è venuta dall’illuminismo ateo non le è più permesso di ricorrere al fuoco dei roghi, fuoco che purtroppo, contrariamente a quanto si crede, non si è affatto spento ma arde ancora sotto la cenere di un’apparente rassegnazione camuffata da ipocrite richieste di perdono e da teatrali invocazioni alla pace. La costituzione di un’associazione cattolica pronta per riaccendere i roghi ne è la prova più lampante: “Dichiarazione fatta alla prefettura di Parigi per la costituzione di un’associazione”. Oggetto: Ricostituire l’Inquisizione che dovrà soprattutto distruggere gli scritti

opposti alla dottrina cristiana e impedire la propagazione attraverso altri mezzi di questo genere d’idee, cosa che comporta, naturalmente, la lotta contro le eresie, le false religioni e ideologie”. Data della fondazione dell’associazione 17 / 09 / 1996. (Attenzione, quindi, a non leggere LA FAVOLA DI CRISTO (www.luigicascioli.it) perché potreste finire su quel libro nero dal quale l’Inquisizione potrà trarre, allorché la Chiesa avrà riacquistato tutto il suo potere, i nomi di coloro che alimenteranno i roghi futuri).

Celibato dei preti
Qualche cenno sul celibato dei preti sarà utile per comprendere ancora di più l’ipocrisia su cui la Chiesa cattolica basa la sua impostura. 378 - l’Imperatore Falvio Graziano dichiara Damaso, il vescovo di Roma, capo di tutti i vescovi della cristianità. (Damaso è il primo Papa legalmente riconosciuto dallo Stato). 388 - Il Papa Siricio, successore di Damaso, impone il celibato ai preti sotto pena di scomunica per coloro che si rifiutano di praticarlo. Il celibato viene rispettato fino a quando il mondo cristiano, per opporsi alle invasioni barbariche, non è costretto a eleggere come vescovi dei funzionari dello Stato che erano già sposati. La Chiesa, nell’obbligo di revisionare la legge di fronte agli eventi, si salva in corner concedendo il matrimonio ma alla condizione che i coniugi non dormano nello stesso letto. (Il controllo veniva eseguito tramite la confessione). Passato il periodo delle invasioni barbariche, la Chiesa ripristina il celibato con un’austerità tale da condannare alla schiavitù le concubine dei preti e i loro figli (Concilio di Toledo del 633). Le persecuzioni contro i preti sposati furono così feroci da portarne alcuni al suicidio (II Concilio di Toledo del 683), e da costringere la maggior parte degli altri a raggirare la legge assumendo come assistenti domestiche le loro madri e le loro sorelle con conseguenti incesti e nascite di figli, come risulta dal concilio di Mayenne dell’anno 888 nel quale si scrive: “La causa principale dei castighi che riceviamo è la collera di Dio per i troppi figli che i preti fanno con le loro sorelle”. Come la teologia cristiana deriva tutta da concetti pagani, quali il Logos, l’Eucaristia, la Resurrezione, il dualismo tra il bene e il male, la verginità della Madre del Salvatore (Soter), e i rituali, che sono la perfetta riproduzione de Culti dei Misteri che venivano celebrati in onore di Marduk, Dionisio, Isis, Osiride, Astarte e soprattutto di Mitra (FAVOLA DI CRISTO- www.luigicascioli.it) così, anche il celibato dei preti origina da quelle religioni più primitive le quali sostenevano che ogni cosa esistente sulla terra, animale, vegetale o minerale che fosse, aveva una energia interna (animismo). Partendo da questo presupposto, tali credenze giunsero alla conclusione che gli uomini, pur possedendo tutti questa energia interna, si differenziavano comunque tra loro in quanto che ce n’erano alcuni che, o per privilegio di nascita o per

meriti acquisiti, ne avevano più degli altri. La causa a cui principalmente attribuivano l’incremento di tale forza interiore, che chiamavano “Mala”, era la continenza. Più un uomo rimaneva sessualmente puro e più egli si arricchiva di questa forza prestigiosa da cui facevano dipendere quei poteri magici che permettevano di invocare la pioggia, di guarire i malati, di assicurare le vittorie e perfino di resuscitare i morti. Furono costoro che, attribuendosi poteri di mediazione tra gli uomini e le divinità, dettero luogo alla figura del sacerdote nelle religioni che seguirono. Il Mala, secondo alcune credenze, rimaneva nel corpo e nell’anima del santone anche dopo morto tanto da poter compiere prodigi attraverso influssi che inviava dall’oltre tomba. È su questa convinzione che la Chiesa conferma la santità dei suoi eroi attraverso i miracoli eseguiti “post mortem”. (Un miracolo dà la beatitudine, due miracoli la santità). Il motivo per cui, eccetto rarissimi casi, il sacerdozio non era consentito alle donne dipendeva dal fatto che costoro, pur rimanendo caste, non potevano ammassare energia per via della dispersione che questa subiva a causa delle mestruazioni le quali, oltre a fargli perdere la virtù carismatica, le rendeva anche impure. Siccome l’unico periodo in cui una donna poteva accumulare il Mala era quello che precedeva lì’inizio delle mestruazioni, di conseguenza le vergini puberali erano tenute in così grande considerazione quali dispensatrici di benefici che ci sono dei casi nella storia che raccontano di re ed eroi che si misero a letto con loro per trarre forza e guarigioni dai loro fluidi positivi. Questa è l’origine per la quale il Cristianesimo riserva grande considerazione alle sue sante vergini. Seguendo questa convinzione animistica, molte furono le religioni che imposero ai sacerdoti l’astinenza sessuale perché acquisissero quei doni soprannaturali che gli avrebbero permesso di elevarsi al di sopra degli altri uomini tanto da interporsi tra essi e Dio. Per assicurarsi la castità assoluta, i preti di Cibele, di Astarte e di Artemide si tagliavano il membro con coltelli di silice. Nella religione taoista, i sacerdoti, sicuramente più scaltri, considerando che la forza si perde soltanto se c’è fuoriuscita di sperma, rifiutando ogni forma di evirazione, affermano che si può pervenire all’accumulo del Mala anche provando l’orgasmo purché si riesca a ritenere lo sperma. Tutto dipende da una forza interiore che, impedendone la fuoriuscita, fa si che esso ritorni in circolazione nel corpo attraverso un assorbimento che viene operato dal midollo spinale. E tanto è il beneficio che deriva da questa autofecondazione, come loro la chiamano, da essere considerata come presupposto base per poter pervenire a quella perfezione spirituale che è indispensabile per raggiungere il Nirvana. (Ognuno tragga le proprie conclusioni su quello che sono le religioni). Athenagora, nella sua apologia a Marc’Aurelio, a proposito delle castrazioni che i sacerdoti si autoinfliggevano, commenta: <<Un Dio che costringe i propri seguaci ad andare così contro natura, non può essere che un pazzo>>. Ma di tutt’altro parere è invece Matteo, il redattore del primo vangelo canonico, che quale credente esalta la castrazione sacerdotale nella risposta che Gesù dà agli apostoli quando gli fanno osservare che se l’uomo non può ripudiare la donna perché il

matrimonio è indissolubile, non è conveniente sposarsi: <<Tutti debbono sposarsi meno che coloro a cui è concesso di non farlo. Vi sono infatti eunuchi che nascono così dal ventre della madre; ve ne sono altri che sono stati resi eunuchi dagli uomini, e vi sono altri che si sono fatti eunuchi per il regno dei cieli >>. (Matt. 1912) A parte il fatto che non c’interessa sapere, almeno in questo sito, a quale categoria potesse appartenere Gsù dal momento che, stando a quanto affermano i vangeli non era sposato, questa espressione riportata dal vangelo di Matteo assume una enorme importanza perché essa ci fa capire come Gesù sia stato costruito sacerdote per eccellenza perché servisse come esempio ai preti che, secondo la Chiesa, debbono essere in tutto uguali a lui per poter svolgere il loro ministero tra gli uomini. Il Mala attribuito a Gesù è tra i più potenti che si possano concepire: gli permette di restituire la vista ai ciechi, di raddrizzare le gambe agli storpi, di esorcizza gl’indemoniati, di resuscitare i morti e addirittura di compiere, con la sola forza della sua veste, miracoli a distanza. Il prete, quindi, per poter compiere i prodigi sulla terra, come il rimettere i peccati, liberare i posseduti dal demonio, guarire le malattie con l’olio santo, assicurare un buon raccolto con le Rogazioni e soprattutto eseguire il miracolo della trasformazione del pane e del vino nel corpo e sangue di Cristo, deve essere uguale a Gesù soprattutto nella castità che è la virtù indispensabile per poter assolvere il ministero sacerdotale. Un prete reso impuro dal matrimonio, oltre a non avere più quel Mala che gli permette di operare prodigi, renderebbe impuro anche Cristo con il quale egli si unisce ogni volta che celebra il Sacramento dell’Eucaristia, quel Sacramento in cui egli s’identifica a Cristo dicendo: <<Questo è il mio corpo, questo è il mio sangue>>. Rendendo impuro Cristo egli vanificherebbe quella comunione dei Santi che è alla base dell’istituzione della Chiesa la quale, come vergine sposa di Cristo, esige la purezza di tutte le membra che costituiscono il suo corpo. Un prete reso impuro dal matrimonio, cioè dall’unione carnale con una donna, non potrebbe più avere quel Mala che gli permette di assolvere i peccati, di celebrare la messa, di esorcizzare e di svolgere tutte quelle funzioni che lo rendono superiore a tutti gli altri uomini, compresi i re e gl’imperatori, che s’inginocchiano davanti a lui per avere l’assoluzione dei loro peccati. Praticamente l’abolizione del celibato dei preti, vanificando la figura del prete, il cui requisito indispensabile per svolgere il suo ministero è quello di essere puro, segnerebbe la fine della stessa Chiesa che, quale associazione di santi, trae la sua pretesa di imporre un imperialismo teocratico universale dalla forza del Mala che gli viene dalla verginità garantita dal matrimonio con Cristo che il sacerdote casto per eccellenza. (Almeno è così per il momento, perché in futuro, costretta come sarà a concederlo per la crescente ribellione dei preti che chiedono di sposarsi, sicuramente riuscirà ancora una volta, maestra come è nell’arte del raggiro e della truffa, a risolvere il problema escamottando le sue stesse leggi, come già fece nel V secolo quando ammise il matrimonio con la condizione che i coniugi non dormissero nello stesso letto).

Riassumendo a questo punto il concetto teologico riguardante il celibato nelle parole che San Paolo (altro personaggio costruito dai falsari del II sec. secondo quanto viene ampiamente dimostrato dal libro “LA FAVOLA DI CRISTO www.luigicascioli.it ), rivolge ai suoi seguaci: << Tutti sappiamo che i nostri corpi sono membra di Cristo; allora sareste voi disposti a far parte di queste membra quelle di una prostituta?>>, mi si potrebbe chiedere: <<Se ogni volta che un sacerdote consacra l’Eucarestia in stato di impurità e questa impurità si trasmette a Cristo tramite l’ostia, chi può essere questo Cristo così insozzato dalle migliaia di comunioni sacrileghe che quotidianamente vengono eseguite da un clero che vive delle depravazioni più infami? E chi può essere allora questa Chiesa Cattolica, questa “Comunione di Santi” se nella realtà risulta essere un impasto di sporcizia e di sacrilegi? Che il motivo per cui i preti non possono sposarsi dipenda dal fatto che essi debbono rimanere casti per poter svolgere il loro ministero sacerdotale sia un’altra truffa usata dalla Chiesa Cattolica per sostenere la sua impostura ci viene confermato, oltre che dalla realtà che lo vanifica e lo ridicolizza, da Papa Pio IV che così si espresse nel Concilio di Trento: <<Il matrimonio porterebbe i preti, attraverso la famiglia che costituirebbero, a vedere nello Stato la loro Patria con conseguente rilassamento dei loro doveri verso la Chiesa>>, e in maniera ancora più chiara dal cardinale Carpi: <<Se si permettesse ai preti il matrimonio, essi sarebbero portati più ad obbedire allo stato che alla Chiesa per quei vincoli sociali di cittadini conseguenti dalle loro mogli e dai loro figli>>...altro che Cristi, purezza e verginità! (LA FAVOLA DI CRISTOwww.luigicascioli.it)

Sessualità nella Chiesa di oggi
Che il comportamento della Chiesa sia tutt’oggi scandaloso come nel passato ci viene confermato dai fatti, quali, uno fra i tanti, l’esistenza di innumerevoli centri di raccolta, tutti protetti dal segreto, finanziati dal Vaticano per allevare i figli dei preti che a migliaia nascono ogni anno in tutte le parti del mondo. Al congresso dei Padri Superiori tenutosi a Roma nel settembre del 2000, l’abatessa Ester Faugman, dopo aver deplorato la situazione sessuale nel mondo ecclesiastico dicendo: <<È una croce pesantissima quella che noi suore dobbiamo portare come vittime dell’abuso sessuale dei preti>>, continua la sua denuncia spiegando come nei paesi meno sviluppati, cioè in quelli nei quali la sfrontatezza è incoraggiata dall’inefficienza delle autorità civili, i preti possano arrivare ad abusare delle suore con tanta disinvoltura da usare i conventi come se fossero dei bordelli: <<È una prassi naturale vedere un prete presentarsi a un convento per chiedere che gli venga concessa una religiosa per sfogare le sue voglie sessuali>>. E come nei paesi sotto sviluppati, così gli stessi abusi vengono operati nel mondo ecclesiastico occidentale dove è divenuta una consuetudine offrire alle suore, in cambio del loro sesso, favori sotto forma di ricatto, quali la concessione di documenti o l’assegnazione di incarichi personali presso i monsignori che se le assumono alle loro dipendenze in qualità di assistenti sociali, apprendiste di

segretariato o collaboratrici domestiche lo fanno soltanto per camuffare un vero e proprio stato di concubinaggio. Non parliamo poi dei ricatti spirituali e materiali che i preti usano soprattutto verso le novizie che, nella loro ingenuità di fanciulle plagiate, si concedono alle voglie di questi sporchi truffatori in cambio della remissione dei peccati o dietro la ricompensa di qualche spicciolo. I luoghi dove maggiormente si operano gli abusi sessuali, Roma in testa, sono i grandi centri della cristianità dove continuamente affluiscono religiose da tutto il mondo. Se tra le suore provenienti dall’estero sono le novizie ad essere le più richieste, ciò dipende dal fatto che la loro inesperienza sessuale rappresenta per i prelati una garanzia d’immunità dall’AIDS che ormai si è diffuso in tutti i monasteri dei paesi sottosviluppati per via del contagio che le suore ricevono dagli stessi preti i quali, come era avvenuto nel passato per la sifilide, costituiscono la categoria più colpita da questa malattia. Questa situazione sta dando dei grossi problemi alla Chiesa per la difficoltà che ha sempre più di nascondere al mondo laico la realtà della sua morale impastata di depravazione. Un vero scandalo che il Papa ha cercato ancora una volta di riparare inviando alle conferenze episcopali d’Australia, di Tahiti, Samoa e Tonga un E-mail carico di scuse per gli abusi sessuali commessi dai sacerdoti nei confronti delle popolazioni locali. (Usque tandem, Catilinae, abuteri patientia nostra?). A parte lo schifo che provo verso tanta insolenza, quello che mi ha particolarmente indignato nel leggere la notizia è l’ipocrisia della stampa italiana che, ignorando ogni etica morale, invece di considerare il fatto come una conferma dell’immoralità della Chiesa, ha preferito dargli il valore di un avvenimento storico per il semplice motivo che il grande Pontefice, il costruttore di Santi e il fautore di guerre, inviava il primo messaggio della sua vita con posta elettronica.

Links Suggeriti

q

Alateus Atheisme Bruno Courcelle Union des Athees 2thins New Magnaura Circle The Christ Conspiracy Association AIME Athees ille et Vilaine Anti Religions Mednat Fairelejour The Indidel Guy The Atheist Network Athee I Dubbi stanno per assalirti Yeshua Clerofobia La Libre Pemsée Haïtienne

q

q

q

q

q

q

q

q

q

q

q

q

q

q

q

q

q

q

Rubriche

Evoluzionismo Umorismo Ateo Solidarietà per un amico Promesse elettorali Il triplice falsus sulle radici cristiane dell'europa Epilogo e moralità Lettera dall'Inghilterra Un reato che ritorna Dopo la discesa non entro in chiesa Lettera aperta alla Dott.ssa Schellinger, educatrice secondo le leggi del Signore Lettera aperta al Ministro Moratti Libero arbitrio Risposta alle osservazioni sul libro la “Favola di Cristo” che il Sindaco di Bagnoregio, Erino Pompei, ha inviato a un giornalino di Viterbo. CLICK

Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui! Clicca qui!

Per tutti gli sviluppi del Processo , per approfondire i temi del libro e per leggere tanto altro materiale

www.luigicascioli.it

Acquista il libro
(Grazie ad un ineccepibile servizio postale e bancario, la prima edizione si è esaurita nel rispetto della più perfetta esecuzione delle spedizioni).

Seconda edizione della "favola di Cristo" riveduta e corretta

(Autorizzazione Ministeriale del 30 Aprile 1997, 94/E - DPR. 633/72)

Il libro può essere richiesto: 1) online con (CLICK) oppure con (CLICK)

2) con versamento di euro 14,50 su CCP 64071418 intestato a Elena Cascioli - Via Province 45/ B - 01020 Roccalvecce (Viterbo) 3) con bonifico bancario (Banco Posta) con le seguenti coordinate: ABI 07601, CAB 14500, numero di conto 64071418 intestato a Elena Cascioli (IMPORTANTE: comunicare direttamente all'autore l'indirizzo di spedizione) 4) in contrassegno 5) con assegno intestato a Cascioli Luigi Via Province 45/B - 01020 Roccalvecce (Viterbo)

Per la Svizzera rivolgersi al Sig. Caprara Ivo - rue des Jumelles 22 1530 Pajerne (Losanna) - tel. abitazione 0266604678 - cell. 0793347137 Il costo del libro è di 22 Franchi comp. exp.
N.B.: i prezzi, comprensivi della spedizione prioritaria, sono:

Quantità 1 2 3 4 oltre i 4

Italia 14,50 27,00 39,00 50,00 Chiedere

Europa 14,50 27,00 39,00 50,00 Chiedere

Altro 17,50 33,00 48,00 60,00 Chiedere

Luigi Cascioli Via Provincie, 45/B 01020 Roccalvecce Viterbo Tel/Fax +39 0761 910283 E-Mail: info@luigicascioli.it

Nota del Releaser Un grazie enorme a tutti quelli che hanno seguito questa rel con la loro voglia di conoscere ed esplorare, di spingersi al di là di quegli ologrammi che essendo verità di massa prendono forma e si travestono da realtà. La missione di questo libro non è quella di creare un nuova verità assoluta, ma pretende di affiancarsi ed alternarsi alla dittatura dell’unico dogma, quello che non accetta opinioni diverse, quello che condanna ciò che non comprende, quello che vuole uniformare attraverso l’evocazione della paura e il favoreggiamento dell’ignoranza, quello che narcotizza le spinte dell’evoluzione: la curiosità, il bisogno di cambiare, provare, creare, quello che fa credere che esistano solo le domande per cui ha le risposte. Questo libro nella mia visione, va oltre il contenuto e al suo contesto religioso, alle sue ragioni e ai suoi torti, leggere e diffondere questo libro è conquistarci un po’ di libertà, togliersi catene pesanti millenni, spargere quelle idee per cui quante vite sono state spezzate in nome di una verità che mai esisterà, diviene simbolo di mille battaglie perché nessuno possa mai più condannare il falso in quanto nessuno conoscerà mai il vero.
“Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare” (F.W. Nietzsche) Rel By TheBlAcKAnGeL

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful