You are on page 1of 1

VENERD 11 OTTOBRE 2013 LA NUOVA

Mestre

29

Studenti emozionati dalla testimonianza dei sopravvissuti


Presentato il libro Io ho visto di Pier Vittorio Buffa Impariamo dalle persone che hanno sofferto cos tanto
di Marta Artico
La voce dellattrice Pamela Villoresi risuona al teatro Toniolo e fa rivivere i volti, le rughe, lanima calpestata delle trenta persone che hanno accettato di mettersi a nudo e farsi raccontare nel volume Io ho visto, del giornalista e scrittore Pier Vittorio Buffa (364 pagine, edizioni Nutrimenti). successo ieri mattina al Toniolo davanti a centinaia di studenti. Parole intense, che scavano per trasmettere la voglia di non dimenticare una delle pagine pi nere del passato recente, le stragi del 1943-1944-1945, gli anni della terza guerra in Italia, quella dei nazisti contro la popolazione indifesa. Sul palco lo scrittore, giornalista ( stato vicedirettore della Nuova) e fotografo al suo quarto libro, a rispondere alle domande dei 440 studenti dei licei Bruno, Franchetti, Stefanini e Benedetti, che quelle storie le avevano solo lette sui libri di
A sinistra Francica e Buffa A destra gli studenti presenti al To niolo la copertina del libro Io ho visto e lattrice Pamela Villoresi mentre legge brani del libro (Candussi)

scuola. A moderare lincontro e introdurre il giovane pubblico nel periodo storico inquadrato, Antonello Francica, vicedirettore dei quotidiani veneti della Finegil. I protagonisti veri per, sono stati loro, Cesira Pardini, sopravvissuta alla strage di SantAnna di Stazzema, che ricorda con dettagli e particolari che impressionano il sangue

che usciva dal cervello della madre, la sorellina di venti giorni massacrata dalle pallottole. Cornelia Paselli, 19 anni allepoca, una dei cinque sopravvissuti delleccidio del cimitero di Casaglia, mentre usa il cappottino nuovo per legare le gambe della mamma ferita, Liliana del Monte Manfedi che a 11 anni nella strage della Bettola ha perso la madre e i nonni. E Norma che

riconosce il padre, bruciato dai vestiti, aprendo le bare una ad una: non riesce a dimenticare lodore di carne umana che sentiva nellaria. In sala il vicesindaco Sandro Simionato e lassessore Gianfranco Bettin. Tante le domande dei ragazzi, che hanno fatto toccare allautore tematiche scottanti, come quella dei processi, delle condanne mai eseguite, della differenza e commistione tra la realt storica e quella percepita, delle colpe imputa-

te ai partigiani e del collegamento con le guerre di oggi. Gli studenti hanno voluto conoscere levoluzione del libro, lindagine che ha portato allindividuazione dei superstiti e alla loro testimonianza, ma anche cosha lasciato nel cuore dello scrittore giornalista e della moglie che con lui ha riportato a galla la storia, rendendola viva a distanza di settantanni, tanta sofferenza. Ha ancora fiducia nel genere umano? ha domandato un ragazzo: Siamo

usciti da questi incontri con spiragli di luce, ha riposto lautore. Se persone che hanno vissuto ci si sono ricostruite una vita, allora possiamo farcela anche noi ad affrontare problemi di ogni giorno. Non sono interviste, sono incontri: ho scritto e dato parola e voce anche a ci che non hanno espresso. Ho cercato di restituire quanto avevo visto in loro, imparando ad ascoltare, e a volte delicatamente cercare di andare oltre a quello che raccontavano spontaneamente, qualcuno per immagini, altri con dettagli. bellissimo vedere questa platea di giovani, ha detto Francica, ci trasmette con ancora maggior vigore lobbligo di conservare la memoria. Io ho visto non solo un libro, ma un progetto, per saperne di pi basta entrare nel sito www.iohovisto.it.
RIPRODUZIONERISERVATA

GUARDALAFOTOGALLERY ILVIDEOE COMMENTA WWW.NUOVAVENEZIA.IT

ente bilaterale del terziario provinciale

Un aiuto da 390 mila euro a dipendenti e aziende


Centocinquantamila euro a sostegno delloccupazione a tempo indeterminato e 240 mila euro per le spese pi sostanziose, come quelle mediche o liscrizione dei figli allasilo nido o allUniversit. Per i titolari e i dipendenti delle attivit commerciali veneziane la buona notizia arriva dallEnte bilaterale del terziario provinciale, composto dalle rappresentanze sindacali e da Confcommercio. Viste le difficolt del momento, soprattutto per i negozi e per gli alimentari di quartiere, lEnte mette sul piatto un gruzzolo di 390mila euro da richiedere entro il 31 dicembre e destinato a sostenere le aziende costrette allangolo dalla crisi. Partiamo dal contributo straordinario alloccupazione. Si tratta di un esborso massimo di 5mila euro riservato a quelle imprese del terziario che decidono di assumere un lavoratore a tempo indeterminato o di trasformare un contratto a tempo determinato in uno a tempo indeterminato. Per ottenerlo, basta scaricare e compilare il relativo modulo

Negozi in citt

che si trova nel sito internet www.ebterziariove.it sempre per se si soddisfano alcune condizioni: lazienda deve essere a posto con i contributi, deve osservare le regole a tutela del lavoratore e rispettare i contratti, e aderire allEnte bilaterale del terziario da almeno un anno. Met dellerogazione avverr entro tre mesi dalla data di trasformazione o di assunzione, laltra met a un anno da quella data. Naturalmente sono necessarie la copia della documentazione di assunzione e la dichiarazione di responsabilit. Considerando che ogni richiedente chieda il contributo massimo, ovvero 5mila euro, sono una trentina i possibili nuovi contratti a tempo indeterminato derivanti dallaccordo. Ogni azienda, infine, pu chiedere al massimo un contributo che, come detto, straordinario, di fronte a veri e propri reati. Forse lassessore non sa, attacca il sindacalista, che stato concesso un esercizio provvisorio, per far riprendere le bonifiche pagando i lavoratori con unintegrazione agli ammortizzatori sociali derivante da una delibera finanziata dalla Regione ma non dal Comune. Ho assicurato, afferma Bettin, ai lavoratori la piena disponibilit, concordata con il sindaco e con il suo delegato Sebastiano Bonzio, a investire risorse comunali per progetti socialmente utili. Inoltre, il Comune con il Pat ha garantito la difesa della vocazione industriale di Marghera. Le denunce di Bettin sono state riprese dal consigliere regionale di FdS Pierangelo Petten che con uninterrogazione chiede alla giunta veneta di prendere provvedimenti. Michele Bugliari

Entro il 31 dicembre si pu fare domanda di contributo soprattutto per i negozi che soffrono la crisi Aziende premiate se assumono a tempo indeterminato
vale dunque solo per questanno. Entro la data del 31 dicembre si potranno domandare anche altri tipi di sussidio scaricando i moduli sempre da www.ebterziariove.it. Ai dipendenti veneziani del commercio sono riservati il premio di natalit per la nascita (o ladozione) di un figlio che prevede lelargizione massima di 600 euro, i sussidi allasilo nido (500 euro), alle spese per le protesi mediche

(oculistiche, 200 euro; acustiche, 220 euro; ortodontiche, 350 euro), ai figli disabili (550 euro), allacquisto o alla ristrutturazione della prima casa (700 euro), allacquisto dei libri scolastici (250 euro), alle tasse universitarie (250 euro), ai buoni mensa scolastica (200 euro). Per i titolari dellattivit sono previsti contributi per numerosi capitoli di spesa, vale a dire gli acquisti delle divise da lavoro (500 euro), per il documento di valutazione rischi (450 euro), per i dispositivi di protezione individuale (100 euro), per i piani formativi degli apprendisti (150 euro per addetto, 300 euro per azienda), per la posta certificata e per la firma digitale (35 euro), per le visite mediche aziendali (50 euro per ogni dipendente 500 euro per lazienda). Gianluca Codognato
RIPRODUZIONE RISERVATA

la polemica

Sopralluogo alla Vinyls, bufera


Meneghetti (Cisl) attacca duramente Bettin: Fa passerella
Massimo Meneghetti della Femca-Cisl attacca lassessore comunale allAmbiente Gianfranco Bettin, dopo il suo sopraluogo al Petrolchimico e le sue denunce sulle condizioni di sicurezza di Porto Marghera. Il sindacalista afferma: Siamo sorpresi dall'improvviso interesse di Gianfranco Bettin riguardo la vicenda Vinyls. Ci chiediamo dove abbia vissuto l'assessore negli ultimi quattro anni anche se come rappresentati dei chimici conosciamo benissimo il suo passato. Bettin seccato replica: Rispondo malvolentieri alle stupidaggini di Meneghetti ma rispondo. Ho seguito le vicende di Vinyls sin dal primo giorno del mio rientro nellamministrazione comunale insieme al sindaco e ai colleghi di giunta. Il sindacalista riferendosi alla visita dellassessore al Petrolchimico ha commentato: Purtroppo nella vicenda Vinyls le passerelle politiche sono state tante, pensavamo per fossero finite. Invece dobbiamo aggiungere un altro nome alla lunga lista, quello di Bettin. Evidentemente a Venezia la corsa alla poltrona di sindaco gi iniziata. Sono andato al Petrolchimico, risponde lassessore, solo perch mi hanno invitato personalmente i lavoratori di Vinyls. Non ci sarei andato senza un valido motivo, visto che sono uno che detesta le passerelle. Sono andato per verificare le condizioni in cui si trovano i lavoratori, dopo di che ho anche presentato un esposto alla Procura. Se a Meneghetti sembrano condizioni normali, vuol dire che copre chi permette lesistenza di una situazione che per me inaccettabile e incivile. I giudici poi stabiliranno se ci troviamo