Dottorato in Ecologia Forestale Università degli Studi di Padova

Una spiegazione funzionale della posizione del limite superiore del bosco nelle Alpi italiane orientali: alcune evidenze ecofisiologiche.
Supervisore: prof. Tommaso Anfodillo Dottorando: Claudio Fior

Importanza limite del bosco
Biodiversità Ciclo gas atmosferici Idrologia

Definizioni

< 3m

Albero

Linea

Elementi costitutivi
Limite del bosco Limite della specie

Limite della foresta

Ipotesi limite superiore del bosco
Attività antropiche Stress ambientale

Limitazione dell’attività metabolica

Disturbo biotico ed abiotico

Deficit nel bilancio del carbonio

Difficoltà nella riproduzione

Indagini effettuare
• Allometria e produzione primaria in Larix decidua Mill. e Pinus cembra L. lungo un gradiente altitudinale • Misura degli scambi gassosi in L. decidua, Pinus leucodermis Ant. e P. cembra al limite superiore del bosco

Rilievi allometrici

Descrizione siti
2.000 2.200

1.500 – 1.700

Rilievi allometrici

Scelta dei campioni
L decidua P. cembra

∅ < 6 cm, h < 2.0 m

Rilievi allometrici

Parametri rilevati
Masse chioma, fusto, rami, radici Età

Lunghezze

Rilievi allometrici

Allocazione biomassa
L. decidua 100%
19%a
9%b

P. cembra
15%a
15%a 14%a 24%a 30%b 13%a 20%b 40%a

Frazione di biomassa

80%
24%a

33%b 33%b

60% 40% 20%
30%a 27%a 26%a

21%b

35%a

23%b

32%a

31%a

32%a

29%a

27%a

0%

1.500

2.000

2.200
Altitudine (m)

1.700

2.000
Chioma Fusto

2.200
Rami Radici

Rilievi allometrici

Incrementi in diametro
L. decidua 0.13 0.12 0.11 0.10 0.09 0.08 0.07 0.06 0.05 0.04 0.13 0.12 0.11 0.10 0.09 0.08 0.07 0.06 0.05 0.04 Altitudine (m) P. cembra
-1 Inc. diametro (cm anni )

1500

2000

2200

1700

2000

2200

Rilievi allometrici

Incrementi in massa
L. decidua 40 35
Inc. massa (g anni-1)

P. cembra 40 35 30 25 20 15 10

30 25 20 15 10 5 0 1500 2000 2200
Altitudine (m)

5 0 1700 2000 2200

Rilievi allometrici

Incrementi in altezza
L. decidua 6.0 5.5 5.0 4.5 4.0 3.5 3.0 2.5 2.0 1.5 1.0 6.0 5.5 5.0 4.5 4.0 3.5 3.0 2.5 2.0 1.5 1.0
Altitudine (m)

P. cembra

-1 Inc. altezza (cm anni )

a a b

b b

1500

2000

2200

1700

2000

2200

Rilievi allometrici

Risultati
Con la quota in piante di piccole dimensioni: • Non aumenta la massa eterotrofa • Forte contrazione degli incrementi in altezza • Alterazione non significativa di incrementi in massa, diametro e altre relazioni allometriche

Modello WBE

Descrizione modelli
Pipe model Modello WBE

Flusso

Jv =

πa ∆ψ p
4

raggio tubo lunghezza tubo

8ηl

Modello WBE

Descrizione modelli
Struttura ramificata Similarità

K=0

Organizzazione frattale

Modello WBE

Raccolta campioni
Campioni Microscopio

Processatore

Microtomo Vetrino

Modello WBE

Misura elementi di conduzione
25 24 23 22 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 8 9 10 20 30 40 Distanza dall'apice (cm) 50 60 70 80 90 100 200 300 L. decidua P. cembra α RMA =0.24±0.02 α RMA =0.38±0.02

Diametro vasi (µm)

Modello WBE

Elementi di conduzione e chioma
22 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 1500 2200 α RMA α RMA =0.37±0.03 =0.26±0.03

Diametro vasi (µm)

0.5 1.0 Diametro fusto (cm)

1.5 2.0

2.5 3.0

3.5 4.0

4.5 5.0

5.5 6.0

Modello WBE

Tapering elementi conduzione
400 300 200 α RMA 10090 80 70 60 50 40 30 20 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 1500 2200 =5.12±0.42

ak T= aN
ak = diametro elemento di conduzione alla distanza k dall’apice aN= diametro elementi di conduzione all’apice

Distanza dall'apice (cm)

0.8

0.9

1.0

1.1

1.2 Tapering

1.3 (T)

1.4

1.5

1.6

1.7

1.8

1.9

2.0

2.1

Modello WBE

Elementi conduzione nelle radici
28 26 24 22 20 18 Diametro dei vasi (µm) 16 14 12 10 8 Fusto Radici

200

300

Distanza dall'apice (cm)

400 500 600 700 800

4 5 6 7 8 9 10

20

30

40 50 60 70 80 90 100

Modello WBE

Diversi modelli possibili
n=2 n=3

1.500 m

2.200 m

Modello WBE

Diversi modelli possibili
n=2 n=3

1.500 m

57%

57%

N
2.200 m

Modello WBE

Diversi modelli possibili
n=2 n=3

1.500 m

9%

9%

V
2.200 m

Modello WBE

Diversi modelli possibili
n=2 n=3

1.500 m

52%

52%

r
2.200 m

Modello WBE

Diversi modelli possibili
n=2 n=3

1.500 m

88%

88%

a
2.200 m

Modello WBE

Diversi modelli possibili
n=2 n=3

1.500 m

173%

165%

lN
2.200 m

Modello WBE

Modello di crescita delle piante

Modello WBE

Conclusioni
• Applicabilità modello WBE:
 Rastremazione fusto e vasi  Similarità rastremazione fusto e vasi

• Architettura pianta sub ottimale • La quota limita l’altezza delle piante

Scambi gassosi

Ipotesi limite superiore del bosco
Basse temperature Produzione primaria

Minor attività metabolica

Scarsa disponibilità di fotosintati > concentrazione di fotosintati nella linfa

Deficit bilancio del carbonio Limitazione attività metabolica

Scambi gassosi

Ipotesi limite superiore del bosco
Fotosintesi invariata Deficit bilancio del carbonio Limitazione attività metabolica Maggior attività metabolica Maggior richiesta fotosintati Maggior fotosintesi

Specie analizzate
Pinus leucodermis Ant. Larix decidua Mill. Pinus cembra L.

Materiali utilizzati

Scambi gassosi

Materiali utilizzati

Scambi gassosi

Resistenza

Materiali utilizzati

Scambi gassosi

Generatore

Materiali utilizzati

Scambi gassosi

Data logger

Materiali utilizzati

Scambi gassosi

LCi

Materiali utilizzati

Scambi gassosi

Fornello e generi di conforto

Variabilità dei dati
A = Amax
6

Scambi gassosi

PAR+ b PAR+c

L . d ecid u a P . le u c o d e r m i s P . cem bra

A ( mol m-2 s-1)

200

400

600

800

1000

1200

1400
-2

1600 s -1 )

1800

2000

2200

2400

2600

P A R (µm o l m

Efficienza nell’uso dell’acqua
0 ,7 0 M e d ia 0 ,6 5 0 ,6 0 WUE ( mol CO2 / mol H2 O) 0 ,5 5 0 ,5 0 0 ,4 5 0 ,4 0 0 ,3 5 0 ,3 0 0 ,2 5 M e d ia ± 0 . 9 5 I . C .

Scambi gassosi

P . le u c o d e r m i s

L. d ecid u a

P cem bra

Scambi gassosi

Efficacia sistema riscaldamento
P. leucodermis 45 40 35 Temperatura del ramo (°C) 30 25 20 15 10 Ramo di riferimento Ramo riscaldato Ant. - 13 giugno 2003

9 10 11 Ora del giorno

12

13 14

15

16

17 18

19

20 21

22

23

24

Scambi gassosi

Naturale differenza tra i rami
P. leucodermis 7 giugno 2003 Riscaldamento spento 6 5 A (µmol m-2 s-1) 4 3 2 1 0 Ant. 15 giugno 2003 Riscaldamento acceso Ramo testimone Ramo riscaldato

10

11

12 Ora

10

11

12

Scambi gassosi

Calcolo differenza tra i due rami
Pinus leucodermis Ramo testimone 6.0 5.5 5.0 4.0 3.5 3.0 2.5 2.0 1.5 1.0 0.5 0.0 6 7 8 9 10 11 12 Ora A residui (µmol m-2 s-1) 4.5 A (µmol m-2 s-1) 3.5 3.0 2.5 2.0 1.5 1.0 0.5 0.0 -0.5 -1.0 -1.5 -2.0 -2.5 -3.0 -3.5 Ant. - 14 giugno 2003 Ramo riscaldato

10

11

12

Scambi gassosi

Residui assimilazione
P. leucodermis Ant. - Anno 2003
2.0

Riscaldamento acceso
1.5

1.0

A residui (µmol m-2 s-1)

0.5

0.0

-0.5

-1.0

-1.5 6 giugno 7 giugno 8 giugno 9 giugno 10 giugno 11 giugno 12 giugno 13 giugno 14 giugno 15 giugno 16 giugno 17 giugno

Scambi gassosi

1.0 0.8 0.6 0.4 A residui (µmol m-2 s-1) 0.2 0.0 -0.2 -0.4 -0.6 -0.8

Residui assimilazione
Riscaldamento spento - Media ± 0.95 I. C. Riscaldamento acceso - Media ± 0.95 I. C.

L. decidua

P. leucodermis

P. cembra

Scambi gassosi
0.04 0.02 0.00 -0.02 Residui gs (mol m-2 s-1) -0.04 -0.06 -0.08 -0.10 -0.12 -0.14 -0.16 -0.18 L. decidua P. leucodermis P. cembra

Residui conduttanza stomatica
Riscaldamento spento - Media ± 0.95 I. C. Riscaldamento acceso - Media ± 0.95 I. C.

Scambi gassosi

10 8 6 4 2 ci residui (ppm) 0 -2 -4 -6 -8 -10 -12 -14

Residui CO2 sottostomatica
Riscaldamento spento - Media ± 0.95 I. C. Riscaldamento acceso - Media ± 0.95 I. C.

L decidua

P. leucodermis

P. cembra

Scambi gassosi

Residui e ora del giorno
Ora del giorno Specie L. decidua P. cembra P. leucodermis
Conduttanza stomatica Assimilazione netta

7 7 7

11 9 9

9 8 7

11 10 9

Scambi gassosi

Conclusioni
Al limite superiore del bosco un aumentato metabolismo determina: • Maggiore attività fotosintetica • Maggiore conduttanza stomatica • Nessun effetto su CO2 sottostomatica

Conclusioni
• Strato limite con condizioni adatte alle piante • In piccole piante l’alta quota non altera produzione primaria • In piante adulte attività metabolica limita la produzione primaria

Conclusioni
Deficit nel bilancio del carbonio

Lim itazi one dell’ attiv ità meta boli ca

Grazie a …
Giorgio Pielli Alessandro Masotto Rachele Beghin Giai Petit Carlo De Zan Tommaso Anfodillo Vinicio Carraro Sergio Rossi Annie Deslaurie

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful