Nella prospettiva fenomenologica di Husserl, potremmo dire che la ragione è considerata la virtù di quell'ente capace di addivenire e realizzare

la sua essenza di soggetto, mentre l'epoché sarebbe la scelta di volersi ragione determinata dal percorso di educazione dei desideri, delle inclinazioni e delle passioni della ragione medesima. Se ragione significa progettare e perseguire dei fini, adottare un metodo per pensare, aderire ad uno stile di vita, determinare disposizioni sulla base delle proprie scelte e instaurare una relazione con il mondo che derivi da una relazione con se stessi, allora l'epoché è il momento in cui l'autocoscienza storica scopre di aver imparato a ragionare e si decide a rendere la ragione guida del proprio vivere mondano.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful