You are on page 1of 2

A parte le pene reclusive per gli otto imputati, c un aspetto che sempre sotteso nel dibattimento processuale ma che

e non ha trovato adeguato risalto nelle cronache giornalistiche. Di fatto il maggior punto di contenzioso fra Ausimont e Solvay: il pagamento degli effetti delle eventuali condanne. Chi pagher sar deciso dalla Corte di Assise di Alessandria. Anche il !uanto. Soffermiamoci appunto su !uesto ultimo aspetto e in particolare sul risarcimento del danno ambientale "i risarcimenti alle #arti civili sono lonere minore$. %l massimo esperto in materia, l%S#&A, %stituto Superiore per la #rotezione e la &icerca Ambientale, in tribunale ha gi presentato per conto dello Stato una prima valutazione del danno ambientale stimandolo provvisoriamente in 51.100.000 euro. 'n (acconto) per i (danni di fruibilit ) causati dallavvelenamento doloso delle ac!ue pubbliche e private sia ad uso potabile che irriguo, nonch* per i danni derivati dalla dolosa omessa bonifica. A !uesta iniziale richiesta il Servizio per le +mergenze Ambientali dell%S#&A era pervenuto dopo aver concluso in ,- pagine di relazione "vedi pagina ./$ che (Ausimont e Solvay hanno propinato a lavoratori e cittadini ac!ue ad uso alimentare in violazione del D#& 0/.12-33)4 inoltre che (per effetto delle loro condotte e omissioni e ritardi di bonifica, mai imputabili agli +nti pubblici, entrambe le Societ a danno di migliaia di persone hanno consapevolmente immesso nellambiente sostanze tossiche e cancerogene superiori ai limiti di legge "es. ,561l cromo, /561l trialometani$)4 e infine che (per le ac!ue trattenute oltre il confine dello stabilimento fin dentro il 7ormida la bonifica di fatto sar impossibile,anche !uando eliminate le fonti di in!uinamento: suscettibili solo di peggioramento). 8ei ,2 milioni di euro provvisoriamente calcolati 9eonardo Arru, il consulente dell%S#&A che ha valutato il danno ambientale, non ha dun!ue tenuto conto degli altri danni ambientali (che si sono verificati ma che appaiono, alla luce degli elementi disponibili, ancora di difficile valutazione). 'na valutazione supplementare sar perci: fatta per gli interventi relativi alla contaminazione della falda profonda: di entit certo non inferiore a !uella per le falde superficiali e intermedie. Altra valutazione sar fatta per lalterazione delle ac!ue di falda in espansione sia a valle che a monte dello stabilimento. %dem per il danno di riversamento attraverso il flusso di falda delle sostanze cancerogene e tossiche nel fiume Bormida "il #;<A stato rinvenuto alla foce del #o=$. %n particolare saranno da !uantificare gli effetti dellin!uinamento sugli ecosistemi e sulla salute della popolazione per lingestione di ac!ua contaminata ed il consumo di prodotti agricoli coltivati in zona. #er tale stima lISPRA sollecita un ampliamento del quadro epidemiolo ico di base! "# indubitabile c$e le sostanze abbiano provocato linsor enza di patolo ie c$e $anno causato decessi non dovuti% abbrivi di vita in so etti affetti da altre patolo ie% insor enza di altre patolo ie. &uindi occorrer' considerarne i risarcimenti per decessi% abbrivi% spese per cure% perdite di lavoro ecc.) %nfine saranno da calcolare (le spese sostenute dalla Pubblica Amministrazione "&egione, #rovincia, Comune, Arpa ecc.$ per accertamenti e interventi per condurre la procedura di bonifica, inoltre sostenute dal Servizio Sanitario (azionale per le affezioni sanitarie causate dallavvelenamento delle ac!ue e dal perdurare della contaminazione della falda a causa dellomessa bonifica).

)**+ ,eonardo Arru, consulente del -inistero dellambiente, dirigente dellISPRA , %stituto superiore protezione e ricerca ambientale, ha chiesto per danni ambientali allo Stato un acconto di ,2.252.555 euro, cento miliardi di vecchie lire. Ci: per effetto di ,- pagine di relazione in cui ha documentato che (tutto ci: che era noto ad Ausimont era noto a Solvay). Cio: 2$ Che Solvay

conosceva dagli arc$ivi "se reti. che almeno dal >3 Ausimont aveva riscontrato concentrazioni nelle ac!ue di falda di cromo. e composti organici clorurati superiori ai limiti di legge. 0$ Che Solvay ha nascosto fino al 055- lo studio idrogeologico "dott. -auro -olinari$ datato addirittura 2-3-, in cui era dimostrata la connessione tra il livelli superficiali e profondi di falda, nonch* lalto piezometrico sotto Al ofreni, dun!ue le enormi perdite delle tubazioni e delle reti fognarie. /$ Che tale connessione era peraltro stata ribadita da ARPA nel 2---. ?$ Che tali fenomeni amplificavano lin!uinamento provocando il ritorno in falda superficiale dei contaminanti che erano prima colati nella falda profonda. Addirittura linversione del senso della falda. 'n circolo vizioso. ,$ Che, dagli archivi, Solvay sapeva che nelle discaric$e autorizzate per ricevere rifiuti speciali non pericolosi erano invece stoccati rifiuti tossico nocivi. .$ Che non mai stata avviata una vera bonifica n* prima n* dopo il 0552. Dun!ue dimostrato il reato di omessa bonifica anche per Solvay. >$ Che le falde profonde dentro e fuori lo stabilimento perci: erano fortemente in!uinate, mentre Solvay finiva per ammetterlo nei piani di caratterizzazione solo nel 055?, per: limitandosi ad un progetto solo nel 055, e solo di mera messa in sicurezza della falda superficiale e solo tramite ininfluenti barriere idraulic$e su tale falda: inefficaci fino ai giorni nostri. Sono scandalose le perdite di ac!ua ancora attuali. 3$ Che Solvay sapeva che lavvelenamento delle falde impedisce usi umani. Che fino al 055- Solvay aveva contribuito a fornire una falsa rappresentazione delle caratteristiche idrogeologiche dellarea, delle discariche, nonch* dei dati di in!uinamento delle falde interna e soprattutto esterna allo stabilimento. Dun!ue presentando agli +nti piani di caratterizzazione errati. -$ Che, per effetto delle omissioni e dei ritardi di bonifica, mai imputabili agli +nti pubblici, Ausimont e Solvay a danno di migliaia di persone hanno immesso nellambiente sostanze tossiche e cancerogene superiori ai limiti di le e. ,5 61l per cromo totale, , 61l per cromo., 5,2, 61l per tricloroetano e tetraclorometano, 2,, 61l per tricloroetile, 2,2 61l per tetracloroetilene, /5 61l per trialometani eccetera. 25$ Che per le ac!ue trattenute oltre il confine dello stabilimento la bonifica della falda, di fatto sar !uasi impossibile, anche !uando eliminata la fonte di in!uinamento. Suscettibile solo di peggioramenti. 9a falda in!uinata continuer a confluire in Bormida. 22$ Che i danni ambientali allo Stato per omessa bonifica e avvelenamento delle ac!ue provvisoriamente vengono !uantificate in ,2 milioni di euro. 20$ #rovvisoriamente, !uale acconto, perch* non ancora valutati tutti i danni ambientali, tra cui: a$ contaminazione della falda profonda, b$ alterazione della !ualit delle ac!ue di falda a valle e a monte dello stabilimento, c$ alterazione della !ualit delle ac!ue del fiume 7ormida, d$ danni agli ecosistemi ed alla salute dei cittadini, e$ spese sostenute dalla pubblica amministrazione, f$ spese sostenute dal Servizio sanitario nazionale.

Related Interests