SRI BHAGAVAN - QUANDO ASCOLTI CON IL CUORE, NON CI SARANNO PROBLEMI

“L’ascolto è un’arte che accade nell’immensa attenzione.” 18-06-2013
“Quando ascolti con il cuore, non ci saranno ro!lemi.” 0"-0#-2013
Sri AmmaBhagavan
SRI BHAGAVAN - L’ARTE DELL’ASCOLTO - Tratto dallo sk!" #o$ la G"r%a$&a '(-)'-')*)
htt$%%onenessnordic.nin&.com%ro'iles%!lo&s%sri-!ha&a(an-s)*e-+ith-6, (ideo$ htt$%%(imeo.com%101--330
SRI BHAGAVAN+ .o(ete imarare a la(orare in &ruo. / de(ono essere &rui armoniosi. 0i de(ono essere !uoni raorti all’interno del
&ruo. 1oi, 2uando si a((ia il rocesso, sar3 molto utile. 1erch4 tutti hanno !iso&no di soste&no. 5ena una ersona si sosta in uno
stato sueriore ha !iso&no del soste&no de&li altri. 6l che si&ni'ica che tutti de(ono essere in ottimi raorti. 7olo cos8 saremo in &rado di
scatenare un otere enorme e in oco temo saremo in &rado di ortare le ersone a di(entare ris(e&liate. Quindi 2uesto la(oro di &ruo
è molto, molto imortante. 7ono da((ero contento, che lo stiate 'acendo. / do(ete conoscer(i l’un l’altro come amici. / ci de(e essere la
condi(isione della (ostra (ita. 9on do(reste a(ere aura di condi(idere i (ostri ensieri, le (ostre idee, le (ostre (erit3. 7e iniziate con la
condi(isione di tutti, a(rete un mi&liore a((io... :arole oco chiare;. .o(reste condi(idere le (ostre aure i< intime, i (ostri desideri, le
reoccuazioni e il &ruo de(e essere come un sistema sicuro. 9on do(reste arlarne 'uori o criticare la ersona. .o(ete imarare a
&uardare nella ersona e o''rirle la (ostra amicizia e il (ostro soste&no. Quando raticate 2uesto tio di ascolto, la ersona che sta arlando
'ar3 raidi ro&ressi ed anche la ersona che è in ascolto 'ar3 raidi ro&ressi. 0os8, do(ete arlare solo alla 'ine e do(ete imarare l’arte
dell’ascolto. Quando 2uella ersona sta arlando, do(ete ascoltare ci= che sta accadendo dentro di (oi e do(ete sentirla. .o(ete assisterla
senza &iudicarla o arezzarla, ascoltate soltanto. 0os8 l’arte dell’ascolto è molto, molto imortante. .e(e essere raticata e de(e in'ine
culminare con la condi(isione di un .i)sha.
SRI BHAGAVAN - L’ASCOLTO DEGLI ALTRI - Tratto dallo sk!" #o$ B&"lla, Ital&a *,-*'-'))-
htt$%%onenessnordic.nin&.com%ro'iles%!lo&s%s)*e-+ith-sri-!ha&a(an-!iella, (ideo$ htt$%%+++.(imeo.com%81##-21
D. B/a0a1a$, #& d&#& !"r 2a1or" a$#ora 34al#osa s4ll’as#olto d"0l& altr&5
Sr& B/a0a1a$$ 78, ancora 2ualcosa sull’ascolto. .i solito 2uando la &ente arla, (oi rice(ete le arole 'iltrate dai (ostri condizionamenti, da
tutte le cose che a(ete areso, e dai re&iudizi che a(ete rice(uto. >utte 2ueste cose si inseriscono e de(iano il reale ascolto dell’altra
ersona. ?ra, do(ete mettere da arte tutte 2ueste cose, e con una mente ulita, con una mente ris(e&liata, con una mente aerta do(ete
cominciare ad ascoltare l’altra ersona. Questo è un tio di ascolto. ?ra, io non intendo 2uesto tio di ascolto, che (a anche !enissimo,
!ens8 sto arlando di un altro tio di ascolto. 6ntendo dire che mentre ascolti l’altro, 2ualcosa succede dentro di te. Questa è la cosa che
do(ete sentire. 7e arri(a 2ualcuno e ti racconta i suoi ro!lemi, mentre ascolti i suoi ro!lemi - una cosa triste che &li è successa - 2ualcosa
succede dentro di te, c’è una risonanza. @ 2uesta risonanza che do(ete ascoltare. 7e ascoltate 2uesta cosa il cuore (i dice$ “1rendi la mano
di 2uesta ersona”, oure$ “7'iora&li la testa”, oure$ “5sciu&a le sue lacrime”. Aiene da dentro e se &li darete retta, 2uesta sar3 l’azione
i< &iusta che ossiate 'are. 7olo tenere la mano senza dire una arola, s'iorare le sue lacrime, asciu&arle o semlicemente o&&iar&li la
mano sulla testa. 6l ro!lema si risol(e all’istante. 7e solo a(ete ascoltato ci= che a((eni(a dentro di (oi mentre l’altro sta(a arlando.
Bando 'orti !enedizioni ai trainer, a tutti (oi. 0he ossiate &enerare otenti disensatori di !enedizioni. Ai mando una 'orte !enedizione,
a''inch4 roduciate otenti disensatori di !enedizioni.
SRI BHAGAVAN - L’ASCOLTO - Tratto dalla #o$2"r"$6a #o$ A4st&$, T"7as ''-**-'))-
htt$%%onenesuni(ersit*.!lo&sot.it%200"C11C01Carchi(e.html, (ideo htt$%%(imeo.com%--6-81-
D. S" l" !"rso$" #/" r&#"1o$o &l D&ks/a o & $ostr& #o%!a0$& 2a#&l&tator& so$o d&22&#olt8 #o$ &l loro !ro#"sso, 34al 9 &l r4olo #/" $o&
do1r"%%o s1ol0"r" " &l %odo %&0l&or" !"r sost"$"rl"5
Sr& B/a0a1a$+ 0i sono due cose che do(ete 'are. La rima cosa è ascoltare senza condannare o &iusti'icare. 5scoltateli soltanto. Questo è
tutto. 1oi, mentre li ascoltate, otreste sentire che do(ete tener loro la mano o ian&ere con loro o dar loro un coletto sulla testa. Questa
è la rima arte. La seconda arte è che, mentre ascoltate, accadr3 2ualcosa a (oi. 7e cDè (ero ascolto, ascolto non &iudicante, 2ualcosa (i
accadr3. 1otre!!e esserci un cam!iamento di emozione, otre!!e esserci un cam!iamento di ercezione, otre!!e esserci una nuo(a
intuizione. Quindi, 2ualun2ue cosa (i accada, do(ete dirla all’altra ersona. .o(ete condi(iderla con l’altra ersona, dicendo$ “Bentre sta(i
arlando ed io sta(o ascoltando, mi è successo 2uesto..”. 7e lo 'ate, accadr3 2ualcosa di molto strano. La ersona uscir3 immediatamente
dal suo ro!lema. Questo u= essere raticato a!!astanza 'acilmente e 2uindi otrete (edere che 'unziona a mera(i&lia.
“@ solo in assenza di sie&azioni, &iudizi che ossiamo serimentare l’altro. 1otresti !enissimo iniziare con le tue relazioni ersonali.”
“9on sei in &rado di accettare l’altro erch4 il ro!lema che hai con l’altro è il ro!lema che hai con te stesso.”
“6l (ero ascolto è 2uello di ascoltare senza alcuna interretazione o struttura.”
“7metterai di &iudicare &li altri 2uando smetterai di &iudicare te stesso.”
“Quando .io (uole &uarire, /&li usa come la medicina lD5more.”
“Ai &iudicate l’un l’altro erch4 non (i sentire connessi.”
“0on un e&o atti(o, ascoltare è imossi!ile.”
Sri AmmaBhagavan

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful