You are on page 1of 101

Architettura Design Arte Comunicazione Architecture Design Art Communication Febbraio/February 2000 823 Lire 15.000 € 7.

75
Periodico mensile - Spedizione in abbonamento postale -45%-art.2, comma 20/B, legge 662/96-Filiale di Milano
Domus Subscription & 130 00 PRAHA 3 Fax 0711-2507350 TOKYO 160 Ebsco NZ Ltd Herbert Lang & Cie AG
Distribution Agencies Tel. 02-6848547 Fax 02-6848618 Otto Harrassowitz Tel. 03-32080181 Fax 03- Private Bag 99914 CH 3000 BERN 9
• indicates domestic distributors Linea Ubok Taunusstraße 5 32090288 Newmarket Tel. 031-3108484
Argentina Na Prikope 37 65183 WIESBADEN Segawa Books AUCKLAND Fax 031-3108494
11349 PRAHA 1 Tel. 0611-5300 Fax 0611-530560 2-59 Yamazoe-Cho Tel. 09-5248119 Fax 09-5248067 Dynapress Marketing SA
• Libreria Tecnica C.P. 67
Florida 683 Local 18 Tel. 02-24228788 Great Britain Chikusa-Ku Poland 38 Avenue Vibert
1375 BUENOS AIRES Fax 02-24228293 NAGOYA •Pol-Perfect Poland 1227 CAROUGE
• USM Distribution Ltd Tel.022-3080870
Tel. 01-3146303 Fax 01-3147135 Cyprus Fax 052-7636721 Ul. Samarytanka 51
86 Newman Street Fax 022-3080859
Australia • Hellenic Distribution Agency Ltd LONDON W1P 3LD AD Shoseki Boeki 03588 WARSZAWA
Chr. Sozou 2E Tel. 0171-3968000 C.P.O. Box 1114 Tel./Fax 022-6787027 Cumulus Fachbuchhandlung AG
• Europress Distributors Pty Ltd OSAKA 530-91 Hauptstraße 84
119 McEvoy Street Unit 3 P.O. Box 4508 Fax 0171-3968002 Ars Polona
NICOSIA Tel. 06-4480809 Fax 06-4483059 P.O. Box 1001 5042 HIRSCHTHAL
2015 ALEXANDRIA NSW Dawson UK Ltd Tel. 062-7213562
Tel. 02-6984922 Fax 02-6987675 Tel. 02-444488 Fax 02-473662 Cannon House Park Farm Road Asahiya Shoten Ltd 00950 WARSZAWA
C.P.O. Box 398 Tel. 022-261201 Fax 022-266240 Fax 062-7210268
Gordon & Gotch Denmark FOLKESTONE CT19 5EE
Tel. 0303-850101 Fax 0303- OSAKA 530-91 Portugal Librairie Payot
Huntingdale Road 25/37 • Dansk Bladdistribution A/S Tel. 06-3766650 Case Postale 3212
3125 BURWOOD VIC Ved Amagerbanen 9 850440 •Johnsons International
Bookman’s Co. Ltd. 1002 LAUSANNE
Tel. 03-98051650 2300 COPENHAGEN S DLJ Subscription Agency News Portugal Lote 1 A Tel. 021-3413231
Fax 03-98888561 Tel. 31543444 Fax 31546064 26 Evelyn Road 1-18 Toyosaki 3-Chome Rua Dr. Jesé Espirito Santo
Oyodo-Ku OSAKA 531 Fax 021-3413235
Perimeter Arnold Busk LONDON SW19 8NU 1900 LISBOA
Tel. 0181-5437141 Fax 0181- Tel. 06-3714164 Fax 06-3714174 Tel. 01-8371739 Fax 01-8370037 R.J. Segalat
190 Bourke Street Købmagergade 29 4, rue de la Pontaise
3000 MELBOURNE VIC 1140 COPENHAGEN K 5440588 Elm & Co Livraria Ferin Lda
18-6 Takadono 3 Chome 1018 LAUSANNE 18
Tel. 03-96633119 Tel. 33122453 Fax 33930434 Motor Books Rua Nova do Almada 72 Tel. 021-6483601
Fax 03-96634506 33 St’Martins Court Asaki-Ku 1200 LISBOA
Rhodos OSAKA 535 Fax 021-6482585
Magazine Subscription Agency Strangate 36 LONDON WC2N 4AL Tel. 01-3424422 Fax 01-3471101
Tel. 0171-6365376 Tel. 06-9522857 Freihofer AG
20 Booralie Road 1401 COPENHAGEN K Principate of Monaco Weinbergstrasse 109
2084 TERREY HILLS NSW Tel. 31543060 Fax 32962245 Fax 0171-4972539 Hakuriyo Co Ltd
• Presse Diffusion 80333 ZÜRICH
Tel./Fax 02-4500040 R.D. Franks Ltd 1-15-17 Shimanouchi Chuo-Ku
Finland Boite Postale 479 Tel. 01-3634282 Fax 01-3629718
Kent House OSAKA 542
ISA Australia • Akateeminen Kirjakauppa 98012 MONACO CEDEX Stäheli’s Bookshop Ltd
Market Place Oxford Circus Tel. 06-2525250 Fax 06-2525964
P.O. Box 709 Stockmann/Akatemineen Tel. 93101200 Fax 92052492 Bederstraße 77
4066 TOOWONG QLD LONDON W1N 8EJ Kitao Publications Trading Co
Kirjakauppa Romania 8021 ZÜRICH
Tel. 07-33717500 Tel. 0171-6361244 Ltd
P.O. Box 23 Fax 0171-4364904 2-3-18 Nakanoshima Kita-Ku • S.C.IBC. Hiparion Tel. 01-2013302 Fax 01-2025552
Fax 07-33715566 00371 HELSINKI Str. Muresului 14
Blackwell’s Periodicals OSAKA 530 Taiwan
Austria Tel. 09-1214330 Fax 09-1214241 Tel. 06-2035961 Fax 06-2223590 3400 CLUJ NAPOCA • Chii Maw Enterprise Co Ltd
P.O. Box 40 Tel. 064-414004 Fax 064-414521
• Morawa & Co. KG. Lehtimarket Oy Hythe Bridge Street Kaigai Publications Co Ltd P.O. Box 24-710
Wollzeile 11 Nokiantie 2-4 P.O. Box 16 OXFORD OX1 2EU P.O. Box 5020 Tokyo Singapore TAIPEI
WIEN 1 00511 HELSINKI Tel. 01865-792792 International • Page One The Bookshop Ltd Tel. 02-7781678 Fax 02-7782907
Tel. 01-51562 Fax 01-5125778 Tel. 0-716022 Fax 0-7533468 Fax 01865-791438 TOKYO 100-31 Blk 4 Pasir Panjang Road Thailand
Jos A. Kienreich Suomalainen Kirjakauppa Greece Tel. 03-32924271 Fax 03- 0833 Alexandra Distripark • Central Books Distrib. Ltd
Sackstraße 6 P.O. Box 2 2924278 0511 SINGAPORE 306 Silom Road
8011 GRAZ 01641 VANTAA • Hellenic Distribution Agency Ltd Tel. 2730128 Fax 2730042
1 Digeni Street Kinokuniya Co Ltd 10500 BANGKOK
Tel. 0316-826441 Tel. 09-8527880 P.O. Box 55 Chitose South Africa Tel. 02-2355400 Fax 02-
Fax 09-8527990 17456 ALIMOS
Georg Prachner KG Tel. 01-9955383 Fax 01-9936043 TOKYO 156 • Mico L’Edicola Pty Ltd 2378321
Kärntnerstraße 30 France Tel. 03-34390124 Fax 03- 66 Grant Avenue Turkey
1015 WIEN G.C. Eleftheroudakis SA 34391094
• Nouvelles Messageries de la 17 Panepistimioy Street 2192 NORWOOD • Yab Yay Yayincilik Sanay Ltd
Tel. 01-5128549 Fax 01-5120158 resse Parisienne NMPP Maruzen Co Ltd Tel. 011-4831960 Fax 011-
10564 ATHENS Besiktas Barbaros Bulvari 61 Kat
Minerva 52, Rue Jacques Hillairet Tel. 01-3314180 Fax 01-3239821 P.O. Box 5050 Tokyo 7283217 3 D3
Sachsenplatz 4/6 75612 PARIS International International Subscription BESIKTAS ISTAMBUL
1201 WIEN Tel. 01-49287042 Papasotiriou SA TOKYO 100-31
35 Stournara Street Service Tel. 0212-2583913 Fax 0212-
Tel. 01-3302433 Fax 01-3302439 Fax 01-49287622 Tel. 03-32758591 P.O. BOX 41095 Craighall 2598863
10682 ATHENS Fax 03-32750657
Belgium Dawson France Tel. 01-33029802 2024 JOHANNESBOURG Bilimsel Eserler Yayincilik
• AMP Rue de la Prairie Fax 01-3848254 Milos Book Service Tel. 011-6466558 Siraselviler Cad. 101/2
1, Rue de la Petite Ile Villebon-sur-Yvette 3-22-11 Hatchobori Chuo-Ku Fax 011-6466565 80060 TAKSIM ISTAMBUL
91871 PALAISEAU CEDEX Studio Bookshop TOKYO 104
1070 BRUXELLES 32 Tsakolof Street Kolonaki Spain Tel. 0212-2434173
Tel. 02-5251411 Fax 02-5234863 Tel. 01-69104700 Tel. 03-35513790 Fax 03- Fax 0212-2494787
10673 ATHENS • Comercial Atheneum SA
Fax 01-64548326 35513687
Naos Diffusion SA Tel. 01-3622602 Fax 01-3609447 Joventud 19 U.S.A.
Rue des Glands 85 Documentec Pacific Books 08830 SANT BOI DE
58, Boulevard des Batignolles Holland Morikawa Bldg. • Speedimpex Usa Inc
1190 BRUXELLES LLOBREGAT 35-02 48th Avenue
Tel. 02-3435338 Fax 02-3461258 75017 PARIS • Betapress BV 7-4 Idabashi 1 Chome Tel. 03-6544061 Fax 03-6401343
Tel. 01-43871422 Burg. Krollaan 14 Chiyoda-Ku TOKYO 102 LONG ISLAND CITY NY
S.P.R.L. Studio Spazi Abitati 5126 PT GILZE Diaz de Santos SA 11101-2421
Fax 01-42939262 Tel. 03-32623962 Fax 03-
55, Avenue de la Constitution Tel. 0161-457800 Calle Balmes 417-419 Tel. 0718-3927477
Germany 32624409
1083 BRUXELLES Fax 0161-452771 08022 BARCELONA Fax 0718-3610815
Tel. 02-4255004 Fax 02-4253022 • W.E. Saarbach GmbH Shimada & Co Inc Tel. 03-2128647 Fax 03-2114991
Bruil Tijdschriften • Overseas Publishers Rep.
Hans Böckler Straße 19 9-15 Minami-Ayoama 5-Chome
Office International des Postbus 100 LLibreria La Ploma 47 West 34th Street Rooms
50354 HÜRT HERMÜLHEIM Kyodo Bldg. Shin Ayoama 5F
Periodiques 7000 AC DOETINCHEM Calle Sicilia 332 625/629
Tel. 02233-79960 Minato-Ku
Kouterveld 14 Tel. 08340-24033 08025 BARCELONA NEW YORK NY D7
Fax 02233-799610 TOKYO 107
1831 DIEGEM Fax 08340-33433 Tel. 03-4579949 Tel. 0212-5843854 Fax 0212-
Tel. 03-34078317 Fax 03-
Tel. 02-7231282 Fax 02-7231413 Mayer’sche Buchhandlung Promotora de Prensa Int. SA 4658938
Kooyker Booksellers 34078340
Standaard Boekhandel Matthiashofstraße 28-30 Diputacion 410 F Ebsco Subscription Services
52064 AACHEN Korevaarstraat 8 B The Tokodo Shoten
Industriepark Noord 28/A 2311 JC LEIDEN 08013 BARCELONA P.O. Box 1943
Tel. 0241-4777470 Nakauchi Bldg.
9100 SINT NIKLAAS Tel. 071-160560 Fax 071-144439 Tel. 03-2451464 Fax 03-2654883 BIRMINGHAM AL 35201-1943
Fax 0241-4777479 7-6 Nihonbashi 1 Chome
Tel. 03-7603287 Fax 03-7779263 A.Asppan Tel. 0205-9911234
Swets Subscription Service Chuo-Ku
Brazil Lange & Springer C/Dr. Ramon Castroviejo 63 Fax 0205-9911479
P.O. Box 830 TOKYO 103
Otto-Suhr-Allee 26/28 Tel. 03-32721966 Fax 03- Local International Subscription Inc.
• Distribuidora Leonardo da Vinci 10585 BERLIN 2160 SZ LISSE
Ltda Tel. 0252-435111 32788249 28035 MADRID 30 Montgomery Street 7th floor
Tel. 030-340050 Tel. 01-3733478 Fax 01-3737439 JERSEY CITY NJ 07302
Av. Ibijau 204 Fax 030-3420611 Fax 0252-415888 Tokyo Book Center Co Ltd
04524 SAO PAULO Mundi Prensa Libros SA Tel. 0201-4519420
Bruil & Van de Staaij 3-12-14 Sendagaya Shibuya-Ku
Tel. 011-53163992 Wasmuth GmbH Castello 37 Fax 0201-4515745
Postbus 75 TOKYO 151
Fax 011-55611311 Pfalzburger Straße 43/44 Tel. 03-34041461 Fax 03- 28001 MADRID Readmore Inc
10717 BERLIN 7940 AB MEPPEL
Informational Tel. 0522-261303 Fax 0522- 34041462 Tel. 01-4313222 Fax 01-5753998 22 Cortland Street
Tel. 030-8630990 Publicaciones de Arquitectura y NEW YORK NY 10007
P.O. Box 9505 Fax 030-86309999 257827 Korea
90441-970 PORTO ALEGRE RS Arte Tel. 0212-3495540 Fax 0212-
Bonner Presse Vertrieb Hong Kong • M&G&H Co 2330746
Tel. 051-3344524 Fax 3344018 General Rodrigo 1
Limpericher Straße 10 Apollo Book Suite 901 Pierson Bldg. Faxon Illinois Service Center
Santoro Editora 28003 MADRID
53225 BONN 27-33 Kimberly Road Chin Mijn Ro 2 Ka 1001 W. Pines Road
Rua 7 de Setembro 63 Sala 202 Tel. 01-5546106 Fax 01-5532444
Tel. 0228-400040 Fax 0228- 2nd Floor Flat A Chongro-Ku OREGON IL 61061-9570
20050-005 RIO DE JANEIRO RJ Wing Lee Bldg KOWLOON SEOUL 110-062 Xarait Libros
4000444 P. S.Francisco de Sales 32 Tel. 0815-7329001 Fax 0815-
Tel. 021-2523909 Tel. 03-678482 Fax 03-695282 Tel. 02-7542881 Fax 02-7354028
Fax 021-2527078 Graff Buchhandlung 28003 MADRID 7322123
Neue Straße 23 Hungary Seoul Subscription Service Inc Silver Visions Publishing Co
Canada Tel. 01-5341567 Fax 01-5350831
38012 BRAUNSCHWEIG Librotrade Kft Youido P.O. Box 174 1550 Soldiers Field Road
Periodica SEOUL 150-601 Sweden
Tel. 0531-480890 P.O. Box 126 02135 BRIGHTON MA
C.P. 444 Fax 0531-46531 1656 BUDAPEST Tel. 02-7801094 Fax 02-7843980 • Bror Lundberg Eftr. AB Tel. 0617-7872939
OUTREMONT QUE H2V 4R6 Tel. 01-2561672 Fax 01-2568727 Lebanon Kungstensgatan 23 Fax 0617-7872670
Walther König GmbH
Tel. 514-2745468 Fax 514- P.O. Box 19063
Heinrich-Heine-Allee 15 India • Messageries du Moyen Orient The Faxon Company Inc
2740201 10432 STOCKHOLM
40213 DÜSSELDORF Globe Publications Pvt Ltd B.P. 11 15 Southwest Park
Chile
Tel. 08-6129680 Fax 08-6122790
Tel. 0211-136210 B 13 3rd Floor A Block 6400 BEYROUTH WESTWOOD MA 02090
Fax 0211-134746 Tel. 01-447526 Fax 01-492625 BTJ Tidschriftscentralen Tel. 800-9993594
• Libro’s Soc. Ltda Shopping Complex BTJ INFO & MEDIA Fax 0617-3299875
Clasificador 115 Correo Central Sautter & Lackmann Naraina Vihar Ring Road Luxembourg
Traktorvägen 11
SANTIAGO Admiralitätstraße 71/72 NEW DELHI 110 028 • Messageries Paul Kraus Venezuela
22182 LUND
Tel. 02-23577337 20459 HAMBURG Tel. 011-5460211 11, Rue Christoph Plantin • Edital SA
Tel. 046-180000 Fax 046-180125
Fax 02-2357859 Tel. 040-373196 Fax 040-365479 Fax 011-5752535 1020 LUXEMBOURGH Calle Negrin Edif. Davolca
Wennergren Williams
Colombia Mode....Information Iran Tel./Fax 499888444 Planta Baja Apt. 50683
P.O. Box 1305
• Peinternational Heinz Kramer GmbH Jafa Co Ltd Malta 1050 CARACAS
17125 SOLNA
Maria Costanza Carvajal Pilgerstraße 20 P.O. Box 19395 Fax 02-7621648
• Miller Distributors Ltd Tel. 08-7059750 Fax 08-270071
Calle 90 18-31 51491 KÖLN OVERATH 4165 TEHRAN * Only for Usa & Canada
Miller House Switzerland
SANTA FE’ DE BOGOTA’ Tel. 02206-60070 Fax 6406441 Tarxien Road Airport Way .DOMUS (USPS 7010107) is
Tel. 01-6168529 Fax 01-6166864 Fax 02206-600717 • Kiosk AG
Israel LUQA published for US$ 135 per year
L. Werner Buchhandlung Hofackerstraße 40
Luis Antonio Puin Alvarez • Literary Transactions Ltd Tel. 664488 Fax 676799
Theatinerstraße 44 II 4132 MUTTENZ by Editoriale Domus Spa - Via
Avenida 25 C # 3 35/37 c/o Steimatzky Ltd Mexico Tel. 061-4672339
BOGOTA’ 80333 MÜNCHEN Achille Grandi 5/7 - 20089
Tel. 089-226979 11 Rehov Hakishon Agencia de Suscripciones SA de Fax 061-4672961
Tel. 01-3426401 Rozzano - Italy and distributed by
Fax 089-2289167 51114 BNEI BRAK CV • Naville SA
C.S.I. Tel. 03-5794579 Fax 03-5794567 Av. 16 de Septiembre 6-402 Speedimpex USA Inc.
Karl Krämer 38-42 Avenue Vibert
Mezhdunarodnaya Kniga Teldan Col. Centro 1227 CAROUGE-GE Periodicals Postage Paid at Long
Rotebühlstraße 40 Island City NY 11101.
39 Bolshaya Yakimanka Street 7 Derech Hashalom 06000 MEXICO DF Tel. 022-3080444 Fax 022-
70178 STUTTGART
117049 MOSCOW 67892 TEL AVIV Tel. 064-140423 Fax 064-152413 3080429 Postmaster: send address changes
Tel. 0711-669930
Tel./Fax 095-2384634 Fax 0711-628955 Tel. 03-6950073 Fax 03-6956359 New Zealand • Melisa to DOMUS c/o Speedimpex USA
Czech Republic Konrad Wittwer GmbH Japan • The Fashion Bookery Via Vegezzi 4 Inc, 35-02 48th Avenue Long
• Mediaprint & Kapa Postfach 10 53 43 • Yohan P.O. Box 35-621 Browns Bay 6901 LUGANO Island City NY 11101-2421
Pressegrosso s.r.o. 70173 STUTTGART 14-9 Okubo 3 Chome AUCKLAND 10 Tel. 091-9238341
Na Jarove 2 Tel. 0711-25070 Shinjuku-Ku Tel. 09-4786324 Fax 09-4155650 Fax 091-9237304
Notizie News I

Herbs Ritts e Sarah Sze alla Fondazione Cartier di Parigi


Herbs Ritts and Sarah Sze at the Cartier Foundation in Paris
Un dettaglio, una parte del corpo interpre-
tatata in modo insolito, una lente, che legge
non parole ma le pieghe della bocca si com-
pongono nell’arte fotografica di Herbs Ritts
(Los Angeles, 1952) per costruire così il suo
strumento preferito: il ritratto. Inteso come
disarmante avvicinamento alla persona, Ritts
usa questa modalità per riprendere i grandi per-
sonaggi della cronaca quotidiana: i divi di Hol-
lywood, i politici come Nelson Mandela, o
musicisti come Dizzy Gillespie. Le sue foto
sono ora in mostra alla Fondazione Cartier di
Parigi in contemporanea a una personale dedi-
cata a Sarah Sze.
Nata a Boston nel 1969, ha partecipato nel
1999 alla 46ª Biennale di Venezia con una in-
stallazione strettamente legata al contesto. Al
centro del suo lavoro, l’interesse per l’archi-
tettura e la città che si esplica in fantastiche
formazioni di sculture volanti, fatte di chinca-
glierie che l’artista recupera sulle bancarelle.
“Reliquie abbandonate dalla civiltà industria- 1
le”, diventano nell’arte di Sarah Sze metafora
di un tessuto urbano frammentario e in conti-
nua mutazione. Le due mostre sono aperte fi-
no al 12 marzo. Fondazione Cartier: Internet:
www.fondation.cartier.fr

A detail, a part of the body interpreted in an


unusual way, a lens which reads creases in
the mouth rather than words – all of these
things come together in the photographic
art of Herbs Ritts (Los Angeles, 1952) to
construct the instrument he prefers, the por-
trait. Interpreted as a disarming approach
to the individual, Ritts uses this procedure
to capture noted personages that populate
the daily newspapers – Hollywood stars,
politicians like Nelson Mandela or musi-
cians like Dizzy Gillespie. His photos are
now on display at the Cartier Foundation in
Paris at the same time as a one-woman
show dedicated to Sarah Sze.
Born in Boston in 1969, she participated in
1999 in the 46th Biennial of Venice with an
installation that was closely linked to the
surroundings. At the center of her work is
the interest in architecture and the city,
which is manifested in fantastic formations
of flying sculptures, made of odds and ends
picked up by the artist at flea markets.
“Relics that have been thrown away by an
industrial civilization", become, in Sarah
Sze's art, a metaphor for a fragmentary and
ever-changing urban fabric. Cartier Foun-
dation: Internet: www.fondation.cartier.fr
Sommario Contents
Ritts e Sze alla Fondazione Cartier di Parigi I Ritts and Sze at the Cartier Foundation in Paris
Tre cicli di mostre al MoMa di New York II Three cycles of shows at New York’s MoMA
Cucchi e Sottsass Cucchi and Sottsass
Tra Milano e San Paolo III Between Milan and Sao Paulo
Un appello della Fondazione Klee di Berna An appeal from the Klee Foundation in Bern
Chiaramonte alla Triennale di Milano Chiaramonte at the Milan’s Triennale
Un’interpretazione dell’architettura di Soane IV An interpretation of Soane’s architecture
Le collezioni del C.C.A. The collections of C.C.A.
Gehry in mostra all’arc en rêve Gehry on display at the arc en rêve 2
Interazioni tra artisti e architetti V Interactions between artists and architects
Politecnico, design e aziende VI Polytechnic, design and companies
Due storie del Centre Pompidou Two stories about the Pompidou Center
I prototipi di Designing Craft Europe VII The prototypes of Designing Craft Europe
Artigiani e designer allo spazio Openspace Artisans and designers at the Openspace
Rinasce un capolavoro di Neutra VIII Neutra’s Masterpiece reborn 1 Sarah Sze, Second Means of Egress, Biennale
Arte come serie: le opere di Gordillo al MACBA X Art as series: works by Gordillo at MACBA di Berlino, 1999 (© Marian Boesky Gallery,
Luce ma non solo: Light+Building Light plus: Light+Building New York; foto di Sarah Sze e Frank Oudeman).
La collezione della Fondazione Cartier a Siena The Cartier Foundation on display in Siena Sarah Sze, Second Means of Egress,
Arredi per “nuovi nomadi” XI Furnishing for “new nomads” Berlin Biennial, 1999 (© Marian Boesky
Arte e fotografia nella Svizzera Italiana Art and photography in Italian Switzerland Gallery, New York; photo by Sarah Sze and Frank
I trent’anni della Max Protetch Gallery Oudeman).
XII The 30th anniversary of the Protetch Gallery
Globi di luce Orbs of light
2 Herb Ritts, Alek Wek, Los Angeles, 1998 (©
La tradizione in forme moderne XIII Tradition in modern forms Herb Ritts Photography).
Un tessuto che compie 25 anni A 25 years old fabric Herb Ritts, Alek Wek, Los Angeles, 1998 (© Herb
Nel nome della qualità: La Società del Sale XIV In the name of quality: The Salt Society Ritts Photography).
Premiato il lavabo disegnato da Starck The washbasin by Starck wins award
Al polso una costellazione A constellation on your wrist 3 Herb Ritts, Jack Nicholson, Los Angeles, 1986
Il negozio all’angolo: un’icona urbana The store on the corner: an urban icon (© Herb Ritts Photography).
Mobili per nuovi “tipi etnici” XV Furniture for new “ethnic types” Herb Ritts, Jack Nicholson, Los Angeles, 1986
Naoko Hirota vince il Design Forum Prize Naoko Hirota wins the Design Forum Prize (© Herb Ritts Photography). 3
II Notizie News Domus 823 Febbraio February ‘00 Domus 823 Febbraio February ‘00 Notizie News III

Il sentimento della modernità: tre cicli di mostre al MoMa di New York Tra Milano e San Paolo: 12 opere contemporanee
The feeling of modernism: three cycles of shows at MoMa in New York Between Milan and Sao Paulo: 12 contemporary works
Come gli artisti si sono avvicinati e hanno in- La galleria Venti Correnti di Milano, nel- involved six Italian artists (Cristian Boffelli, through the art of etching, with the possibil-
terpretato nel Novecento il concetto di moder- l’ambito di un programma di scambi cultu- Daniela Lorenzi, Francesca Gagliardi, ities offered by this instrument in the con-
nità? Questa la domanda che i curatori del rali tra Italia e Brasile e con il patrocinio del Massimo Petringa, Paolo Curti and Valeria temporary world. At the same time, the exhi-
MoMa di New York si sono posti nell’organiz- Consolato del Brasile, presenta fino al 26 Manzi) and six Brazilians (Francisco José bition reveals the cultural and expressive
zare i tre cicli di mostre, suddivisi per periodi febbraio la mostra “Incisione Contempora- Maringelli, Helena Freddi, Maria Leonor differences that stem from the different
storici (1881-1920, 1920-1960, 1960-2000), nea: Milano-San Paolo”. Questo progetto ha Décourt, Moa Simplício, Renata Basile and backgrounds of the artists. For information:
che segneranno in modo incisivo l’attività del coinvolto sei artisti italiani (Cristian Boffel- Selete Mulin), called upon to experiment, tel. +39-02.894.00732.
museo newyorchese fino al 13 febbraio 2001. li, Daniela Lorenzi, Francesca Gagliardi,
La prima parte si intitola “ModernStarts” e in- Massimo Petringa, Paolo Curti, Valeria
tende analizzare il nascere della modernità du- Manzi) e sei brasiliani (Francisco José Ma-
rante la rivoluzione industriale, un periodo ringelli, Helena Freddi, Maria Leonor Dé-
che, sconvolgendo le forme tradizionali di raf- court, Moa Simplício, Renata Basile, Selete
figurazione, da una parte viene interpretato Mulin) chiamati a sperimentare, attraverso
come un fenomeno ostile e dall’altra come l’arte dell’incisione, le possibilità che questo
un’apertura verso forme sperimentali. La mo- strumento può offrire nel mondo contempo-
stra, che resterà aperta fino alla metà di marzo, raneo. Allo stesso tempo, la mostra rivela le
si articola in tre sezioni (“persone”, “luoghi” e differenze culturali ed espressive che deriva-
“cose”) che approfondiscono l’approccio de- no dal diverso background degli artisti. Per
gli artisti verso la figura umana, il concetto di informazioni: tel. +39-02.894.00732.
luogo – sia reale che immaginato – e l’oggetto
nella sua rappresentazione. In particolare, The Venti Correnti Gallery in Milan, as
“ModernStarts” gioca sull’accostamento di part of a cultural exchange program
pezzi che tra loro possono sembrare molto between Italy and Brazil and with the
lontani, come nella parte dedicata all’artista patronage of the Brazilian Consulate, is
belga James Ensor (1860-1949) e alla messi- presenting, until the 26th of February, a
cana Guadalupe Posada (1852-1913). Mentre 1 show entitled "Contemporary Etching:
risultano distinti i caratteri culturali che infor- Milan-Sao Paulo". It's a project that has 5
mano i loro lavori, appare evidente una certa
condivisione di intenti. Entrambi, infatti, han-
no creato opere di natura apocalittica e grotte- Un appello della Fondazione Paul Klee di Berna
sca, interpretando satiricamente lo stato della An appeal from the Paul Klee Foundation in Bern
società al chiudersi dell’Ottocento. MoMa:
tel. +1-212-708.9750, fax +1-212-708.9691. La Fondazione Paul Klee, che ha sede pres- The Paul Klee Foundation, whose headquar-
so il Kunstmuseum di Berna, da molti anni ters are in the Kunstmuseum of Bern, has been
How have artists approached and interpreted porta avanti un’attività di ricerca e documen- carrying on an activity involving research on
the concept of modernism in the twentieth cen- tazione del corpus delle opere di Paul Klee and documentation of the corpus of Paul Klee's
tury? This is the question that the curators of (1879-1940). A questo proposito ha lanciato works (1879-1940). An appeal has been
MoMa in New York asked themselves while un appello chiedendo a tutti coloro che pos- launched, therefore, asking all those who pos-
organizing the three cycles of shows, divided siedono informazioni e materiali riguardanti sess any information or material having to do
up by historic periods (1881-1920, 1920- il periodo 1922-1940, di contribuire alla rea- with the period from 1922 to 1940 to contribute
1960, 1960-2000), which will landmark the lizzazione di un catalogo ragionato. Infatti, la to the compilation of a catalogue raisonné. In
activity of the New York museum up until the Fondazione ha già pubblicato due volumi che fact, the Foundation has already published two 5 Helena Freddi, Senza titolo, 1996.
13th of February 2001. The first part is enti- analizzano gli spazi temporali 1900-1912 e volumes that analyze the temporal spaces Helena Freddi, Untitled, 1996.
tled "ModernStarts" and intends to analyze 1919-1922 e entro la fine del 2002 comple- 1900-1912 and 1919-1922 and will complete
the birth of modernism during the industrial terà il suo lavoro. Referenti dell’appello sono its work by the end of 2002. Consultants for the 6 Porta Nuova a Milano nell’interpretazione
revolution, a period that, by upsetting the tra- i dott. Josef Helfenstein (josef.helfen- appeal are Dr. Josef Helfenstein (josef.helfen- fotografica di Giuseppe Chiaramonte. In mostra
ditional forms of representation, was interpre- stein@kmb.unibe.ch) e Christian Rümelin stein@kmb.unibe.ch) and Christian Rümelin alla Triennale di Milano fino al 5 marzo.
ted on the one hand as a hostile phenomenon (christian.ruemelin@kmb.unibe.ch). Fonda- (christian.ruemelin@kmb.unibe.ch). Paul Klee Porta Nuova in Milan in a photographic
and, on the other, as a curtain-raiser to the use zione Paul Klee: tel. +41-31-312.2840, fax Foundation: tel. +41-31-312.2840, fax +41- interpretation by Giuseppe Chiaramonte. On display
of experimental forms. The show, which will 2 +41-312.2840. 312-2840. at the Triennale in Milan until the 5th of March.
remain open until the middle of March, is divi-
ded into three sections ("persons", "places" ces that may seem light years away from one from one another, a certain sharing of inten-
and "things") which explore the approach of another, as in the part dedicated to the Bel- tions seems obvious. Both, in fact, created Poesia e fotografia: le opere di Chiaramonte alla Triennale
each artist to the human figure, the concept of gian artist, James Ensor (1860-1949) and the works of an apocalyptic and grotesque nature, Poetry and photography: works by Chiaramonte at the Triennale
place – either real or imagined – and the Mexican, Guadalupe Posada (1852-1913). satirically interpreting the state of society at
3 object in its representation. "ModernStarts", While the cultural characters with which their the close of the nineteenth century. MoMa: tel. La mostra “Milano, Cerchi della città di grafica, articolando la sua ricognizione in dini (Maurizio Cucchi, Milo De Angelis,
in particular, gets its effects by combining pie- works are imbued are separate and distinct +1-212-708.9750, fax +1-212-708.9691. mezzo”, che la Triennale ospita dal 7 feb- cinque sezioni: gli anelli concentrici costi- Luca Doninelli, Umberto Fiori, Giovanni
braio al 10 marzo, nasce da un duplice con- tuiti dalle quattro tangenziali interne, il per- Raboni e Davide Rondoni) hanno dato vita
tributo. Da una parte, Giovanni Chiaramon- corso circolare della linea autobus n. 90-91, a un insieme di testi che costituiscono un
Cucchi e Sottsass: due opere a quattro mani Cucchi and Sottsass: two works by four hands te (Varese, 1948) ha ‘riletto’ Milano la cinta muraria, la cerchia coperta dei navi- commento poetico alla parte iconografica.
attraverso l’obiettivo della macchina foto- gli e il centro. Dall’altra, cinque poeti citta- L’allestimento di “Milano, Cerchi della città
Un duetto tra artisti, un colloquio di segni tra tore Sottsass nella creazione di due lavori a solo toccare due gambe in ceramica verde, co- di mezzo”, realizzata con il supporto di Ag-
persone che possiedono il potere di ‘ascoltare’ quattro mani. La prima nasce da un immagina- me se il piano ondulato metallico avesse ri- fa, è stato progettato da Pierluigi Nicolin. Il
la voce degli oggetti inanimati, si trasforma nel rio ritrovamento di un “reperto”, una figura succhiato dentro di sé il resto. Un pannello catalogo è stato curato dall’editore Federico
gioco dei rimandi che ha coinvolto, presso la umana creata da Cucchi che Sottsass affonda in di terracotta diventa l’oggetto della seconda Motta. Triennale: +39-02.724.341, fax +39-
galleria Memphis di Roma, Enzo Cucchi e Et- una lastra di metallo. Di questo corpo possiamo speculazione. La sua superficie incisa da 02.8901.0693.
Cucchi descrive un paesaggio; al centro la fi-
1 August Sander, Bohemians (i pittori Gottfried gura spezzata di un cane. Sottsass interviene ri- An exhibition entitled "Milan, Circles with
Brockmann e Willi Bongard), 1925, Museo di Arte tagliando il disegno di un’architettura. Galleria a City in the middle", which the Triennale is
moderna di New York. Regalo del fotografo. Memphis: tel. +39-06.6813.5013. hosting from the 7th of February until the
August Sander, Bohemians (painters Gottfried 10th of March, was born of a dual contribu-
Brockmann and Willi Bongard), 1925, Museum of A duet between artists, a colloquy of signs tion. On the one hand, Giovanni Chiara-
Modern Art of New York. Gift of the photographer. between people who have the power of “listen- monte (Varese, 1948) 'reread' Milan
ing to” the voices of inanimate objects, was through the lens of his camera, dividing his
2 Henry Blancard, La Tour Eiffel in costruzione, transformed into a game of parry and riposte perception of the city up into five sections –
aprile 1888, Museo di Arte moderna di New York. that involved, at the Rome’s Memphis Gallery, the concentric rings that are formed by four
Henry Blanchard, The Eiffel Tower under Enzo Cucchi and Ettore Sottsass in the cre- interior by-passes, the circular course plied
construction, April 1888, Museum of Modern Art ation of two works done by four hands. The by streetcar line no. 90-91, the circle of
of New York. first came into being from an imaginary redis- walls, the circle of under-cover canals, and
covery of a "find", a human figure created by the center. On the other hand, five of the
3 Vladimir Baranoff-Rossiné, Sinfonia n.1, Cucchi that Sottsass sank into a metal sheet. city's poets (Maurizio Cucchi, Milo De
1913, Museo di Arte moderna di New York. Fondo We succeed in touching only the two legs in Angelis, Luca Doninelli, Umberto Fiori,
Katia Granoff (© MoMa New York). green ceramics of this body, as though the cor- Giovanni Raboni and Davide Rondoni)
Vladimir Baranoff-Rossiné, Symphony no.1, rugated metal top had sucked all the rest of it breathed life into a cluster of texts that con-
1913, Museum of Modern Art of New York, Katia back into itself. A terra cotta panel becomes the stitute a poetic comment on the iconograph-
Granoff Fund (©MoMa New York). object of the second speculation. Its surface, ic part of the show. The decor of "Milano,
etched by Cucchi, describes a landscape. At Circles with a City in the middle", created
4 Opera a due mani di Ettore Sottsass e Enzo the center is the shattered figure of a dog. with the support of Agfa, was designed by
Cucchi. Galleria Memphis di Roma. 4 Sottsass's contribution was to carve the draw- Pierluigi Nicolin. The catalogue was curat-
Work for two by Ettore Sottsass and Enzo Cucchi. ing of a architecture. Memphis Gallery: tel. ed by editor Federico Motta. Triennale:
Memphis Gallery in Rome. +39-06.6813.5013. 6 +39-02.724.341, fax +39-02.8901.0693.
IV Notizie News Domus 823 Febbraio February ‘00 Domus 823 Febbraio February ‘00 Notizie News V

Un’interpretazione moderna dell’architettura di Sir John Soane Il paesaggio come interazione tra artisti e architetti
A modern interpretation of Sir John Soane's architecture The landscape as interaction between artists and architects
Quattordici personaggi, che appartengono al Rosemarie Trockel, Richard Wentworth, e La progettazione ambientale è al centro delle
mondo dell’arte e dell’architettura, hanno in- Cerith Wyn Evans. Sir John Soane’s Mu- iniziative organizzate dalla galleria Elba Beni-
terpretato attraverso una sensibilità tutta parti- seum: tel. +44-171-430.0175. tez di Madrid che, attraverso la mostra “Co-la-
colare gli spazi del museo londinese dedicato boraciones: arquitectos/artistas”, ha analizzato
a Sir John Soane (1753-1837). La mostra Fourteen personages, who belong to the come architetti e artisti possono collaborare
“Retrace your steps”, che rimarrà aperta fino worlds of art and architecture, have interpret- nella costruzione di una comune identità. Que-
al 25 marzo, ha preso spunto dalla grande ras- ed, through highly developed sensibilities, the sto progetto di condivisione è stato approfondi-
segna che la Royal Academy ha dedicato nel spaces in the London museum that are dedi- to dall’allestimento attraverso la selezione di
1999 a Soane. Allo stesso tempo, gli rende cated to Sir John Soane (1753-1837). The cinque progetti europei, cinque realizzazioni
omaggio sovrapponendo opere contempora- "Retrace your steps" exhibition, which will pubbliche che possiedono un’identità piuttosto
nee ad elementi di fattura storica. All’interno remain open until the 25th of March, was differente l’una dall’altra: l’atrio di cristallo del
del museo, infatti, ogni artista ha selezionato inspired by the show on a grand scale that the parco delle scienze di Gelsenkirchen (Kiessler
un luogo in relazione alla propria interpreta- Royal Academy has dedicated to Soane in & Partner con Dan Flavin), il Giardino delle
zione dell’architettura di Soane e ideato così 1999. It is paying him tribute, at the same Onde di Lisbona (João Gomes da Silva con
un’installazione dal carattere temporaneo. time, by overlapping elements characterized 1 Fernanda Fragateiro), la linea Verneda di Bar-
Molti dei pezzi sono stati appositamente crea- by historic craftsmanship with contemporary cellona (Ufficio di progettazione comunale di
ti per la mostra; Anish Kapoor, per esempio, works. On the inside of the museum, in fact, tion, curated by Hans Ulrich Obrist, has Barcellona con Francesc Torres), la biblioteca
ha immaginato una scultura in forma di tavo- each artist has chosen a place, on the basis of assembled an extraordinary cast – Lucius della scuola tecnica superiore di Eberswalde
lo che, grazie a un sistema di specchi, riflette his own interpretation of Soane's architec- Burkhardt, Douglas Gordon, Joseph Grigely, (Herzog & de Meuron) e la ristrutturazione
la luce. La mostra, curata da Hans Ulrich ture, and ideated, in this way, an installation Richard Hamilton, Jacques Herzog, Koo della piazza Leopold De Waelplaats di Anver-
Obrist, ha riunito un ‘cast’ eccezionale: Lu- that is temporary in character. Many of the Jeong-A, Anish Kapoor Rem Koolhaas, sa (Paul Robbrecht & Hide Daem, Maria José
cius Burkhardt, Douglas Gordon, Joseph Gri- pieces were created specifically for the show. Bruce Mau, Christina Mackie, Steve Mac- Van Hee con Cristina Iglesias). La ricchezza,
gely, Richard Hamilton, Jacques Herzog, Koo Anish Kapoor, for example, imagined a sculp- Queen, Rosemarie Trockel, Richard Went- che nasce dalla correlazione tra questi due am-
Jeong-A, Anish Kapoor, Rem Koolhaas, Bru- ture in the form of a table which, owing to a worth and Cerith Wyn Evans. Sir John biti, incontra una sua connotazione teorica e
ce Mau, Christina Mackie, Steve MacQueen, system of mirrors, reflects light. The exhibi- Soane's Museum: tel. +44-171-430.0175. formale in grado di modificare la nostra perce-
zione nei confronti del paesaggio. Dopo Ma-
drid, la mostra si sposta in febbraio a Tenerife,
La punta dell’iceberg: le collezioni del Canadian Centre of Architecture dove sarà allestita presso il Colegio de Arqui-
The tip of the iceberg: collections from the Canadian Centre of Architecture tectos. Galleria Elba Benitez: tel +34-91-
308.0468, fax +34-91-319.0169.
Wright per pervenire alle avventure moderni-
ste di Eisenman, Hejduk, Herzog & de Meu- Environmental design is at the center of the
ron e Matta Clark. “En chantier” rimarrà aper- initiatives being organized by the Elba Benitez
ta fino al 30 aprile. Canadian Centre of Gallery in Madrid which, through the "Co-lab-
Architecture: tel. +1-514-939.7028, Internet: oraciones: arquitectos/artistas" exhibition, has
www.cca.qc.ca analyzed the ways in which architects and
artists can collaborate in the construction of a
Can we compare an exhibition to the tip of an common identity. This sharing project was
iceberg? We certainly can, in fact, there is no explored by the show's decor through the
2 better analogy, when the works on exhibit con- selection of five European projects – five pub-
stitute but a minimal part of the treasures pre- lic creations that possess identities which differ
served all over the world. The Canadian Cen- to a certain degree from one another. They are
tre of Architecture in Montréal, for example, the plate glass entrace-hall of the
possesses an extraordinary accumulation of Gelsenkirchen Park of Sciences (Kiessler & 5
documents, drawings, artefacts and works of Partner with Dan Flavin), the Lisbon’s Wave
1 Cerith Wyn Evans ritratto all’interno art. We're talking about approximately half a Garden (João Gomes da Silva with Fernanda 5, 6 Il Giardino delle Onde di Lisbona progettato
del Museo Sir John Soane di Londra (foto di million pieces that reveal, as nothing else can, Fragateiro), the Barcelona’s Verneda line dall’architetto João Gomes da Silva con la
Stephen White) . how the world of architecture was imagined, (Communal Design Department of Barcelona collaborazione dell’artista Fernanda Fragateiro
Cerith Wyn Evans portraited in the Sir John Soane’s theorized about and put into practice down with Francesco Torres), the library of the tech- (foto di Bruno Portella). Per gentile concessione
Museum of London (photo by Stephen White). through the ages. The C.C.A. is paying tribute nical high school in Eberswalde (Herzog & de della galleria Elba Benitez, Madrid.
to this wealth of heirlooms through a show Meuron) and the restructuring of Antwerp’s The Wave Garden in Lisbon designed by architect
2 Giocattolo in forma di tempio greco prodotto entitled "En chantier" (in the building yard), Leopold De Waelplaats Square (Paul Rob- João Gomes da Silva with the collaboration
da F. Ad. Richter & Company, Rudelstadt, 1932. which reconstructs the origins of the collec- brecht & Hide Daem, Maria José Van Hee of the artist, Fernanda Fragateiro (photo by Bruno
Fa parte della collezione dei giocattoli e dei giochi tion, suggesting how the latter has been con- with Cristina Iglesias). The richness that is Portella). By permission of the Elba Benitez
del Canadian Centre of Architecture. tinually modified and updated with the pas- born of the correlation between these two Gallery in Madrid.
Toy in the form of a Greek temple produced by 3 sage of time. The exhibition opens with a sheet spheres, encounters a theoretical and formal
F. Ad. Richter & Company, Rudelstadt, 1932. It of copper that was used in Gutenberg's time to connotation that is capable of modifying our
belongs to the Canadian Centre of Architecture's Si può paragonare una mostra alla punta di gio a questo patrimonio con la mostra “En print several of the first illustrations of the clas- perception of landscapes. The show will leave
collections of toys and games. un iceberg? Certamente quando le opere esi- chantier” che ricostruisce le origini della col- sic orders. Subsequently passed in review are Madrid for Tenerife in February, where it will
bite costituiscono una minima parte del patri- lezione, suggerendo come quest’ultima sia five centuries of theorization and practice be housed at the Colegio de Arquitectos (archi-
3 Isle Bing, La Torre Eiffel illuminata dalla monio custodito. Questo è il caso del Cana- stata continuamente modificata e rinnovata through works by Dürer, Piranesi, Ruskin, tects' college). Elba Benitez Gallery: tel. +34-
pubblicità della Citroën, Parigi, 1934. Collezione dian Centre of Architecture di Montréal che nel tempo. La mostra si apre con una lastra di Asplund, Mies van der Rohe, Le Corbusier 91-308.0468, fax +34-91-319.0169.
del Canadian Centre of Architecture. possiede un complesso eccezionale di docu- rame utilizzata ai tempi di Gutenberg per and Frank Lloyd Wright, climaxing in the mod-
Isle Bing, The Eiffel Tower lighted by the Citroën menti, disegni, artefatti e opere d’arte. Si trat- stampare alcune delle prime illustrazioni degli ernist adventures of Eisenman, Hejduk, Her-
ad, Paris, 1934. Canadian Centre of Architecture ta di circa mezzo milione di pezzi che raccon- ordini classici. Passa poi in rassegna cinque zog & de Meuron and Matta Clark. "En
Collection. tano come il mondo dell’architettura è stato secoli di pratica e teorizzazione attraverso i la- chantier" will remain open until the 30th of
immaginato, teorizzato e trasformato in prati- vori di Dürer, Piranesi, Ruskin, Asplund, Mies April. Canadian Centre of Architecture: tel.
4 Frank Gehry. ca attraverso i secoli. Il C.C.A. rende omag- van der Rohe, Le Corbusier e Frank Lloyd +1-514-939.7028, Internet: www.cca.qc.ca
Frank Gehry.

Frank O. Gehry in mostra all’arc en rêve di Bordeaux Frank O. Gehry on display at the arc en rêve in Bordeaux
L’architetto che, meglio di ogni altro, rappre- progettuale articolazioni ancora più comples- center is being dedicated to him until the 2nd
senta le tensioni e le contraddizioni del passato se. Ne derivano forme fiammeggianti che si of April and which has reconstructed his
e che, dopo aver abbandonato strutture con- avvolgono in volumi dinamici, trasportando in design process and procedures through 17 of
venzionali, attinge da un presente in progress architettura l’anarchia urbanistica di Los An- his latest creations. The visitor is brought into
suggestioni inattese, Frank Gehry racconta in geles, ossia la grande musa ispiratrice di direct contact with a method which, starting
architettura il passaggio da un secolo all’altro, Gehry. Arc en rêve: tel. +33-556.527.836, fax from the outside, pragmatically works its way
una soglia temporale già anticipata dalle fanta- +33-556.484.520, Internet: www.arcenreve. toward the inside of a work. Each function is
stiche forme delle sue opere. In questo senso si com, E-mail: info@arcenreve.com identified by a block of wood, which is then
inserisce la mostra che il centro arc en rêve di assembled in accordance with certain config-
Bordeaux gli dedica fino al 2 aprile e che attra- The architect who, better than any other, rep- urations. This still-rigid complex is trans-
verso 17 recenti realizzazioni ne ricostruisce resents the tensions and contradictions of the formed and shaped while taking on, during
processo e modalità progettuali. Il visitatore past and, after abandoning conventional the process, ever more complex design artic-
viene messo a contatto diretto con un metodo structures, has drawn on an ongoing present ulations. What emerges are blazing forms
che, partendo dall’esterno, lavora in modo for today's most startling concepts, Frank enveloped in dynamic volumes that have
pragmatico verso l’interno. Ogni funzione vie- Gehry talks, through his buildings, about the transformed the urban anarchy of Los Ange-
ne identificata da un blocco di legno che è poi transition from one century to the other – a les – Gehry's muse – into architecture.
assemblato secondo configurazioni particolari. temporal threshold foreshadowed by the fan- Arc en rêve: tel. +33-556.527.836, fax +33-
Questo insieme ancora rigido viene trasforma- ciful shapes in his works. This is the vein in 556.484.520, Internet: www.arcenreve.com,
4 to e plasmato, assumendo durante il processo which the show at Bordeaux's arc en rêve E-mail: info@arcenreve.com 6
VI Notizie News Domus 823 Febbraio February ‘00 Domus 823 Febbraio February ‘00 Notizie News VII

Politecnico, design e aziende I prototipi di Designing Craft Europe a Torino


Polytechnic, design and companies The prototypes of Designing Craft Europe in Turin
Il Corso di Laurea in Disegno Industriale La mostra “Designing Craft Europe”, allesti- artisans. At the same time, the show presented Turin Polytechnic Institute, Thomas Edel-
del Politecnico di Milano organizza ogni an- ta in dicembre presso la Società Promotrice eight prototypes designed by several of mann, Design Report director, Chantal
no la mostra “OpenLab” per presentare i delle Belle Arti di Torino, ha raccolto più di today's most intriguing exponents of contem- Hamaide, Intramuros director, Loredana
progetti svolti dagli studenti durante l’anno cento oggetti e complementi d’arredo che, porary design (Gianfranco Cavaglià, Jeannot Mascheroni, Domus assistant editor-in-chief,
accademico. All’interno della mostra erano progettati da giovani designer europei, sono Cerrutti, Aldo Cibic, Michele De Lucchi, Giuseppe Picchetto, Piedmont Unioncamere
presenti i lavori del Laboratorio di Disegno stati messi in produzione da artigiani locali. In Giancarlo Montebello, Massimo Morozzi and president, Mario Pisani, Janny Rodermond,
Industriale e Ambientale 4, diretto dal prof. parallelo, la mostra ha presentato otto prototi- Denis Santachiara). "Designing Craft editor-in-chief of DeArchitect, and Joelle
Francesco Trabucco e dal prof. Davide Bru- pi disegnati da alcuni dei più interessanti espo- Europe" was born in 1998, when Union- Secondo, the Museum of Fine Arts of Boston.
no. Come accade da diversi anni, durante il nenti del design contemporaneo (Gianfranco camere and the Piedmont Region decided to The show, which will go on tour, may repre-
laboratorio è stato simulato un rapporto tra Cavaglià, Jeannot Cerrutti, Aldo Cibic, Mi- repeat the positive experience had by the sent a useful means for approaching the
committente e progettista. Un gruppo sele- chele De Lucchi, Giancarlo Montebello, Mas- Turin Chamber of Commerce which, through handicraft world and that of the European
zionato d’aziende ha collaborato con gli stu- simo Morozzi, Denis Santachiara). “Desi- their "Designing Handicrafts. Building Yard" markets, through a repertoire of products that
denti al fine di promuovere la conoscenza gning Craft Europe” nasce nel 1998, quando initiative, scored a resounding hit and orga- have been enriched by a certain design abili-
della complessità della realtà industriale, in Unioncamere e la Regione Piemonte decido- nized all of six exhibitions in Italy and other ty. Cristina Morozzi, catalogue’s curator, had
relazione allo sviluppo progettuale dei pro- no di riprendere la positiva esperienza della countries. The show represents the climax of a this to say on the subject: "Handcraftsman-
dotti. La sfida di combinare al meglio una Camera di Commercio di Torino che, con l’i- complex promotional initiative in favour of ship is, to all intents and purposes, a luxury.
bassa complessità di prodotto con un’alta niziativa “Disegnare l’Artigianato. Cantiere”, regional handcraftsmanship which, launched And therefore right up to the minute. It
qualità di design è stata lanciata quest’anno aveva riscosso un notevole successo e organiz- with a survey and sustained by means of an behooves the activity to abandon its territorial
dal Gruppo Metra S.p.A., che, da oltre zato in Italia e all’estero ben sei esposizioni. international design competition, made it isolation and get back into the international
trent’anni, opera in diverse aree di mercato La mostra rappresenta così il punto d’arrivo di possible to select innovative designers, flow of consumer goods, with its head held
producendo estrusi di alluminio. Le aree di una complessa promozione dell’artigianato schools and artisans' workshops. Among the high". Designing Craft Europe: Internet:
ricerca e progettazione si sono estese dal set- regionale che, avviata con un’indagine e so- members of the jury, Giorgio De Ferrari, www.designingcraft-europe.org Ettore Bellotti
tore domestico all’arredo urbano, dall’edili- stenuta con un concorso internazionale di de-
1 Portabiciclette in estruso di alluminio per zia al complemento d’arredo, fino al campo sign, ha permesso di selezionare progettisti in-
automobili. Progetto di Mauro Vescovi, Stefan motociclistico. Il risultato ottenuto è stata novativi, scuole e laboratori artigianali. Tra i
Vervliet. Produzione Gruppo Metra. l’elaborazione di una serie di progetti che membri della giuria, Giorgio De Ferrari, Poli-
Bicycle rack in aluminum extrusion for automobiles. hanno superato gli attuali utilizzi “dell’estru- tecnico di Torino, Thomas Edelmann, diretto-
It’s designed by Mauro Vescovi, Stefan Vervliet and so di alluminio”, riuscendo a integrare gli re di Design Report, Chantal Hamaide, diret-
produced by Gruppo Metra. aspetti tecnici, prestazionali, morfologici e trice di Intramuros, Loredana Mascheroni,
comunicativi del prodotto. Molti progetti si vicecaporedattore di Domus, Giuseppe Pic-
2, 3 Spaccato assonometrico e componenti del sono inoltre distinti per originalità e poten- chetto, presidente Unioncamere Piemonte,
cerchione in estruso di alluminio progettato per zialità realizzative. Dipartimento Disegno Mario Pisani, Janny Rodermond, caporedatto-
la ruota posteriore della motocicletta. Progetto Industriale: tel. +39-02.2399.5988, fax +39- re di DeArchitect, e Joelle Secondo, Museum
di Marcello Sebis, Stefano Giambalvo, Federico 02.2399.5986. Elena Fusar Poli of Fine Arts di Boston. La mostra, che sarà iti-
Ramponi. Produzione Gruppo Metra. 1 nerante, può rappresentare un utile mezzo per
Questi progetti sono stati realizzati presso il The Degree Course in Industrial Design at avvicinare, attraverso un repertorio di prodotti
Politecnico di Milano nell’ambito del laboratorio Polytechnic in Milan organizes every year arricchiti da una certa capacità progettuale, il
diretto dal prof. Francesco Trabucco e dal prof. the "OpenLab" show to present the projects mondo artigiano a quello dei mercati europei.
Davide Bruno con la collaborazione di Elena carried out by students during the academ- A questo riguardo Cristina Morozzi, curatrice
Fusar Poli e Luigi Rovere. ic year. Present at the exhibition were del catalogo, ha scritto: “L’artigianato è a tutti
Axonometric cross-section and components of works by the Laboratory of Industrial and gli effetti un lusso. E quindi di puntuale attua-
wheel rim in aluminum extrusion designed for the Environmental Design 4, under the direc- lità. Conviene allora che abbandoni il suo iso-
rear wheel of a motorcycle. Design by Marcello tion of Prof. Francesco Trabucco and Prof. lamento territoriale per rientrare a testa alta nel
Sebis, Stefano Giambalvo, Federico Ramponi. It is Davide Bruno. As has been happening for flusso internazionale dei consumi”. Designing
produced by Gruppo Metra. several years, a rapport between customer Craft Europe: Internet: www.designingcraft-
These designs were created at the Milan’s and designer was simulated in the labora- europe.org Ettore Bellotti
Polytechnic in the laboratory directed by Prof. tory. A selected group of companies collab-
Francesco Trabucco and Prof. Davide Bruno with orated with the students for the purpose of 2 3 The show "Designing Craft Europe", mount-
the collaboration of Elena Fusar Poli and Luigi promoting a knowledge of the complexity of ed in December at Turin‘s Fine Arts Promo-
Rovere. the industrial reality, in relation to the ing aluminum extrusions. The areas of by succeeding in integrating the technical, tional Company, has collected more than a
design development of products. The chal- research and design have been extended performance, morphological and commu- hundred objects and interior decorating com-
4, 5 L’ufficio virtuale di Gaetano Pesce dal lenge of combining to the best of their abil- from the domestic scene to urban decors nicative aspects of the product. Many of the plements. Designed by young European
video Travailler (serie Histoires d’Object) edito ity a product with a low complexity factor and from the building field to furnishing designs, moreover, stood out from the designers, they have been produced by local 6 7
dal Centro Pompidou di Parigi. and a high quality of design was launched complements all the way to motorcycling. crowd for their originality and manufactur-
Gaetano Pesce's virtual office from the Travailler this year by Gruppo Metra S.p.A., which The result obtained was the brainstorming ing potential. Industrial Design Depart-
video (Histoires d'Object series), gotten out by the has been operating for more than three of a series of projects that have made pre- ment: tel. +39-02.2399.5988, fax +39-02. Artigiani e designer per un interno contemporaneo
Pompidou Center in Paris. decades in various market areas by produc- sent uses of aluminum extrusion out of date 2399.5986. Elena Fusar Poli Artisans and designers for a contemporary interior design
Chi sono i giovani “Esperti in materia” le cui cation in the design of a contemporary
Il design raccontato per immagini: due storie del Centre Pompidou opere andranno in scena allo spazio Open- domestic environment. Wood, iron, glass,
Design narrated through images: two stories about the Pompidou Center space di Milano dal 15 febbraio? Stiamo par- ceramics, resin, plastic and aluminum have
lando di un gruppo di artigiani che, dotati di combined to form the decor of a dining
Nei due video della serie Histoires d’Ob- In two videos from the Histoires d'Object una certa sensibilità, opera al confine tra ar- room, bedroom and other spaces in the
ject, Travailler (lavorare) e S’asseoir (seder- (object stories) series, Travailler (working) te, tecniche tradizionali e design. In comune home. The "Experts on the Subject" show,
si), editi dal Centre Georges Pompidou, and S'asseoir (sitting), published by the Cen- presentano una profonda conoscenza dei me- which will remain open until the 5th of
sono i colori che si contrappongono. O per tre Georges Pompidou, are colours that coun- todi di produzione e una forte creatività, ele- March at the space-workshop in the Aren-
meglio dire i colori e la loro assenza, un ele- terpoint one another. Or, to put it better, menti che trovano una loro applicazione nel gario Palace, was curated by Alessandra
mento che si risolve nell’uso del bianco e colours and the absence of the same, an ele- progetto di un ambiente domestico contem- Alessi and is being organized by Progetto 6 Sistema di scaffalature «Pentagramma»
nero, che si declinano sfumati nel grigio, ment that is worked out through a use of black poraneo. Legno, ferro, vetro, ceramica, resi- Giovani: tel. +39-02.6208.33789, fax +39- progettato da Riccardo Rolando e Laura Testa e
per dare consistenza ai visi dei protagonisti and white that shade off into grey, to lend na, plastica e alluminio si combinano nell’al- 02.865.5067, Internet: //web.tin.it/MILANO- prodotto dalla ditta artigiana Roberto
intervistati: Gaetano Pesce, Ross Love- body to the faces of the protagonists inter- lestimento di una sala da pranzo, una camera GIOVANIESPORT Celebrano Costruzioni in ferro di Bagnolo
grove, Jean Nouvel, Jonathan Ive, Antonio viewed – Gaetano Pesce, Ross Lovegrove, da letto e degli altri spazi della casa. La mo- Piemonte (Cuneo).
4 Citterio, Michele de Lucchi, Alberto Meda, Jean Nouvel, Jonathan Ive, Antonio Citterio, stra “Esperti in materia”, che resterà aperta «Pentagramma» shelving system designed by
Ron Arad. Intensi ritratti che si confrontano Michele de Lucchi, Alberto Meda and Ron fino al 5 marzo presso lo spazio-laboratorio Riccardo Rolando and Laura Testa and
con i colori delle loro architetture e dei Arad. Intense portraits that face each other del Palazzo dell’Arengario, è stata curata da produced by the Roberto Celebrano Constructions
pezzi di design. Così Gaetano Pesce inter- down with colours from their architectures Alessandra Alessi ed è organizzata da Pro- in Iron, an artisans' company in Bagnolo
preta le mutazioni che il mondo dell’ufficio and design pieces. That's how Gaetano Pesce getto Giovani del Comune di Milano. Proget- Piemonte (Cuneo).
sta attraversando, narrando di una microcit- interprets the changes that the office world is to Giovani: tel +39-02.6208.33789, fax +39-
tà colorata in cima a un grattacielo undergoing, by telling about a colourful 02.865.5067, Internet: //web.tin.it/MILANO 7 Seduta «Scaglia la prima sedia» progettata da
newyorchese, un luogo dove le persone pos- micro-city at the top of a New York skyscraper, GIOVANIESPORT Massimo Rasero e prodotta dalla ditta artigiana
sono spostarsi e lavorare secondo esigenze e a place where people can move and work, as Il Rustico di Domenico Bessone & Figli di
stati d’animo. Gli intervistati si raccontano dictated by needs and moods. Those inter- Who are the youngsters – "Experts on the Saluzzo (Cuneo).
in relazione alla propria provenienza cultur- viewed talked about themselves in relation to subject", whose works will go onstage at «Cast the first chair» seating solution designed
ale, assumendo così una precisa posizione e their cultural origins, thereby assuming a Openspace in Milan from the 15th of Febru- by Massimo Rasero and produced by the Il Rustico
rispettando una delle tesi di Ettore Sottsass: precise position and respecting one of Ettore ary on? We're talking about a group of arti- handicraft company of Domenico Bessone & figli
“Il design è un altro modo di interrogare la Sottsass's theses: "Design is another way of sans who, gifted with a certain sensitivity, of Saluzzo (Cuneo).
vita”. Travailler e S’asseoir sono stati pen- probing the mysteries of life". Travailler and work on the borderline between art, tradi-
sati e scritti da Françoise Darmon e realiz- S'asseoir were dreamed up and written by tional techniques and design. What they 8 Piattaia costruita con legno di recupero
zati da Olivier Mégaton. Centre Pompidou, Françoise Darmon and executed by Olivier have in common is a profound knowledge of da Katrin Arens, 1998.
Parigi: tel. +33-1-4478.1233, fax +33-1- Mégaton. Centre Pompidou, Paris: tel. +33- production methods and extraordinary cre- Dish-drainer made of salvaged wood by Katrin
5 4478.1302. 1-4478.1233, fax +33-1-4478.1302. ativity, elements which have found an appli- 8 Arens, 1998.
VIII Notizie News Domus 823 Febbraio February ‘00

Rinasce un capolavoro di Neutra Neutra’s Masterpiece reborn


La casa di Palm Springs, che nel 1946 Edgar lati che ospita un bar con un grande schermo
Kauffman commissionò a Richard Neutra, è TV, una palestra con una doccia a vapore,
stata restaurata con amore e riportata al suo uno spazio per il gioco dei bambini e le at-
stato originale dopo decenni di trascuratezza trezzature elettroniche per l’ufficio domesti-
e di abbandono. Gli architetti Leo Marmol e co. Ma soprattutto hanno ridato il senso degli
Ron Radziner hanno collaborato con Brent e orizzonti senza limiti con una sistemazione
Beth Harris, i nuovi proprietari appassionati paesaggistica che media il passaggio fra la ri-
e scrupolosi, per eliminare aggiunte e super- serva naturale e il deserto e nasconde la vista
fetazioni e per restaurare o sostituire ogni delle case vicine. Michael Webb
pezzetto di pietra e di acciaio, di legno e di
stucco – e tutto è stato fatto in modo da adat- The Palm Springs house, that Edgar Kauff-
tarsi con la massima precisione alle parti su- man commissioned from Richard Neutra in
perstiti, ai colori, alle luci, alle strutture in 1946, has been lovingly restored to its origi-
ferro. Grazie a un lavoro durato cinque anni, nal condition after decades of abuse and
la casa ora appare esattamente com’era quan- neglect. Architects Leo Marmol and Ron
do Julius Shulman scattò le sue intense foto Radziner collaborated with Brent and Beth
in bianco e nero, poco dopo il completamen- Harris, the dedicated new owners, to strip
to della costruzione. Le immagini di Shul- away additions and to restore or replace
man fecero capire agli Harris che quella spe- every last fragment of stone and steel, wood
cie di rudere che avevano acquistato era una and mica-washed stucco, all of which have
bellezza in misere vesti; ne parlarono con i been precisely matched to surviving frag-
restauratori, i quali per i loro interventi im- ments, along with paint colors, lighting and
piegarono quei materiali piuttosto poveri che hardware. Thanks to their five-year effort, the
Neutra era stato costretto a usare al momento house looks exactly as it did when Julius
della costruzione, e non quelli che forse inve- Shulman took his iconic black and white pho-
ce avrebbe preferito. Un adeguamento del- tographs, soon after completion. Shulman’s
l’impianto di climatizzazione si è reso co- images persuaded the Harrisses that their
munque necessario ed è stato realizzato decrepit purchase was a beauty in rags, and
they informed the restoration team, which
employed the poorer materials and mis-
matched grain that Neutra was compelled to
use, rather than what he might have pre-
ferred. However, one necessary improvement
on the original air-conditioning was inserted
invisibly by running the thinnest of ducts
through reconstructed sections of the con-
crete floor and up through closets and under
beds. Cool air is essential for year-round liv-

1 2

1 – 3 Casa Kauffman a Palm Springs


restaurata da Leo Marmol e Ron Radziner (foto
di David Glomb e Julius Shulman).
Kauffman House in Palm Springs restored by
Leo Marmol and Ron Radziner (photo by David
Glomb and Julius Shulman).

inserendo in modo praticamente invisibile tu- ing in the desert, where summer temperatures
bazioni il più possibile sottili nelle parti rifat- can rise to 50 degrees C, and to preserve the
te della pavimentazione di cemento, nelle ca- interior from drying out. Previous owners had
bine-armadio, nei ripostigli, sotto i letti. La retrofitted the house with unsightly external
climatizzazione è essenziale se si vuole vive- compressors and ducts. The strategy of
re in ogni stagione dell’anno nel deserto, do- returning the house to its original appear-
ve d’estate la temperatura può salire fino a ance, yet using it to the full, was accom-
50°C, e se si vuole salvaguardare l’interno plished by building a new, self-effacing pool
della casa dai danni di un clima troppo secco. house that the architects call the “90s con-
I precedenti proprietari avevano alterato la tainer”. Marmol & Radziner have taken their
casa con brutte condutture e compressori cues from Neutra without mimicking him and
esterni. La scelta di riportare la costruzione have created an open sided structure that
al suo aspetto originale, senza tuttavia rinun- contains a bar and big screen TV, gym and
ciare alle comodità necessarie, è stata attuata steam shower, childrens play room and home
costruendo un nuovo corpo ben mimetizzato, office electronics. Still more remarkably, they
che gli architetti chiamano il “container degli have restored the sense of limitless horizons
anni ‘90”. Marmol & Radziner si sono ispi- with landscaping that mediates between the
rati a Neutra senza però imitarlo pedestre- sanctuary and the wilderness, and blocks out
mente e hanno creato una struttura aperta sui neighboring houses. Michael Webb
X Notizie News Domus 823 Febbraio February ‘00 Domus 823 Febbraio February ‘00 Notizie News XI

Arte come serie: le opere di Gordillo al MACBA Luce ma non solo: Light+Building Arredi per “nuovi nomadi” Furnishings for "new nomads"
Art as series: works by Gordillo at MACBA Light plus: Light+Building
Nell’ambito dell’edizione 2000 di SpazioCa- has always distinguished his design approach,
La fiera Light+Building, che si aprirà a Fran- sa, che si tiene a Vicenza dal 19 al 27 febbraio, an up-to-the-minute social phenomenon –
coforte dal 19 al 23 marzo, propone un evento il centro di ricerca “Fabrica”, diretto da Olivie- nomadism as a life style. Research material-
di grande portata e dall’inedita concezione. ro Toscani, è stato chiamato a interpretare, at- ized in the "Nomad" exhibition and focussed
Infatti sarà la prima volta che una manifesta- traverso la particolare sensibilità che da sempre on a new program of case pieces that does not
zione fieristica si impone di analizzare il pro- ne contraddistingue l’approccio progettuale, possess a specific function and can move with
cesso costruttivo con un approccio di tipo in- un fenomeno sociale di grande attualità: il ‘no- agility around a domestic environment. At the
tegrale, radunando quattro saloni specializzati madismo’ come modalità e stile di vita. La ri- same time, the «Nomad» system was con-
dedicati rispettivamente alle tecniche di condi- cerca si è concretizzata nella mostra “Nomad” ceived to be low-cost, recyclable and function-
zionamento, all’automazione, all’illuminazio- incentrata su un nuovo programma di conteni- ally interchangeable. The theme takes into
ne e all’elettrotecnica. Un orientamento molto tori che non possiede una funzione specifica e consideration changes caused by real factors
chiaro che costituisce l’ideale completamento può muoversi con agilità all’interno dell’am- (mobility, for example, for study and work rea-
di ISH, la rassegna dedicata al settore riscalda- biente domestico. Allo stesso tempo, il sistema sons) and social inputs (nomadism as a
mento e idrosanitario (23 - 27 marzo) e che «Nomad» è stato pensato per essere poco co- picaresque feeling of being "citizens of the
permetterà al visitatore di raggiungere una vi- stoso, riciclabile e funzionalmente interscam- world"). Fair Body of Vicenza: tel. +39-0444.
sione integrata su aspetti finora scollegati. biabile. Il tema prende atto dei cambiamenti 969.111, fax +39-0444.563.954.
Questo programma risulta vincente anche nei causati da fattori reali (per esempio, la mobilità
risultati finora raggiunti e si propone come un per motivi di studio e di lavoro) e da imput so-
modello da seguire. La società organizzatrice ciali (il nomadismo come sentimento picare-
delle fiere di Francoforte ha ora una sua sede sco di sentirsi “cittadini del mondo”). Ente Fie-
1 anche in Italia. Messe Frankfurt GmbH: tel. ra di Vicenza: tel. +39-0444.969.111, fax
+49-69-75750, fax +49-69-7575.6433, Inter- +39-0444.563.954.
Prodotta e allestita dal Museo di Arte Produced and set up by the MACBA Museum net: www.messefrankfurt. com; in Italia: tel.
contemporanea MACBA di Barcellona, la of Contemporary Art in Barcelona, the "Luis +39-02.796.622, fax +39-02.796.522. As part of the 2000 SpazioCasa, which is
mostra “Luis Gordillo. Retrospective (1959- Gordillo. Retrospective (1959-1999)" show being held in Vicenza from the 19th to the 27th
1999)” esplora, attraverso un vasto reperto- explores, through a vast repertoire composed The Light+Building fair, which will be open of February, the “Fabrica” research center,
rio costituito da dipinti, disegni, fotografie by paintings, drawings, photographs and col- in Frankfurt from the 19th to the 23rd of directed by Oliviero Toscani, was called upon
e collage, le diverse componenti che hanno lages, the various components that have March, is offering an event characterized by to interpret, through the unique sensitivity that 5
dato forma e sostanza al linguaggio artisti- given form and substance to the Spanish its immense range and unusual conception.
co del pittore spagnolo. L’allestimento mette painter’s artistic language. The show's decor In fact, it will be the first time that a fair is
in evidenza due concetti significativi: da una throws a spotlight on two important concepts taking on the task of analyzing the construc- Arte e fotografia nella Svizzera italiana Art and photography in Italian Switzerland
parte, il principio di serie e ripetizione e, – on the one hand, the principle of series and tive process through an integral type
dall’altra, il pensare l’immagine come ele- repetition and, on the other, the belief of the approach, bringing together four trade
mento soggetto a un processo permanente image as element subjected to a permanent shows dedicated, respectively, to the tech-
di riproduzione, uno stato non perviene mai process of reproduction, a state that never niques of air conditioning, automation, light-
a una condizione finale. arrives at a final condition. ing and electro-technology. A very clear ori-
Nato a Siviglia nel 1934, Gordillo divide Born in Seville in 1934, Gordillo split his entation that constitutes an ideal addition to
la sua adolescenza tra la passione per l’ar- adolescence up between his passion for art ISH, an exhibition dedicated to the heating
te e gli studi in legge. Nel 1958 si trasferi- and his studies of law. In 1958, he moved to and hydro-sanitary sector (23 - 27 March),
sce a Parigi ed entra in contatto con il Sur- Paris and came into contact with Surrealism, which will give the visitor an integrated view
realismo, compiendo i primi lavori sotto l’in- creating his first works under the influence of of aspects that have been disconnected up to
fluenza di Wols, Dubuffet e Fautrier. Attor- Wols, Dubuffet and Fautrier. Around 1962, his now. This program has turned out to be a
2 no al 1962 il suo linguaggio si muove verso language moved toward more figurative winner, judging from the results achieved
forme più figurative, assimilando elementi forms by assimilating elements of Pop Art and and is being offered as a model to be fol-
1 Luis Gordillo, Elefantomas, 1992. della Pop Art e del linguaggio di Bacon e the languages of Bacon and Giacometti. lowed. The Frankfurt Fair organizing compa-
Luis Gordillo, Elefantomas, 1992. Giacometti. Curata da da Manuel Borja-Vil- Curated by Manuel Borja-Villel and José ny now has its headquarters in Italy as well.
lel e José Lebrero Stals, la rassegna resterà Lebrero Stals, the show will remain open until Messe Frankfurt GmbH: tel. +49-69-75750,
2 Luis Gordillo, Cabeza con franjas, 1964. aperta fino al 5 marzo. the 5th of March. fax +49-69-7575.6433, Internet: www.messe
Luis Gordillo, Head with fringes, 1964. MACBA: tel. +34-934.120.810, fax +34- MACBA: tel. +34-934.120.810, fax +34- frankfurt.com; in Italy: tel. +39-02.796.622,
934.124.602, E-mail: macba@macba.es 934.124.602, E-mail: macba@macba.es fax +39-02.796.522. 6
3 Markus Raetz, L’Amour, 1980. Collezione
Fondazione Cartier per l’Arte contemporanea, La stagione invernale del Canton Ticino è ani- 5 Schizzo progettuale del sistema di contenitori
Parigi (foto di A. Morain). La collezione della Fondazione Cartier al Palazzo delle Papesse mata da due eventi: la mostra “Galleria Gottar- «Nomad» progettato dal centro di ricerca
Markus Raetz, L'Amour, 1980. Collection The Cartier Foundation’s collection at the Palace of the She-Popes do 1989-1999”, aperta fino al 18 marzo presso “Fabrica” ed evento centrale dell’edizione 2000
of Cartier Foundation for Contemporary Art, Paris la sede espositiva di Lugano, e l’installazione di SpazioCasa di Vicenza.
(photo by A. Morain). La collezione della Fondazione Cartier per Quel Future?, allestita da Anne e Patrick Poi- Design sketch of «Nomad» case piece system,
l’Arte contemporanea di Parigi ha trovato, rier negli spazi della Massimo Martino Fine designed by the “Fabrica” research center and
4 Matthew Barney, Cremaster 4, 1994. in forma parziale, una sua collocazione Arts & Project di Mendrisio. La galleria luga- the central event of SpazioCasa 2000
Collezione Fondazione Cartier per l’Arte temporanea nel centro di Siena, presso le nese festeggia così il decimo anniversario della in Vicenza.
contemporanea, Parigi (foto di J.L. Losi). sale rinascimentali di Palazzo Piccolomini sua fondazione che ebbe luogo nel segno di
Matthew Barney, Cremaster 4, 1994. Collection (o delle Papesse). La mostra senese, che uno dei maggiori fotografi internazionali di ori- 6 Allestimento della mostra “Galleria Gottardo
of Cartier Foundation for Contemporary Art, Paris resterà aperta fino al 5 marzo, si compone gine svizzera: Robert Frank. L’installazione 1989-1999” presso la sede espositiva di Lugano.
(photo by J.L. Losi). di 40 opere che riassumono simbolicamen- Quel Future?, che rimarrà in essere fino al 29 Scenography of the "Gottardo Gallery 1989-1999"
te i criteri di costruzione della collezione. I febbraio, interpreta il passaggio al nuovo mil- show at the Lugano’s exhibition space.
curatori, da una parte, hanno voluto pre- lennio attraverso una metafora di speranza.
miare l’arte contemporanea francese, sele- Nulla infatti è cambiato, il mondo rimane sem- 5 Particolare dell’installazione Quel Future?
zionando i lavori di Domercq, Couturier o pre segnato da eventi luttuosi ma da un blocco allestita da Anne e Patrick Poirier presso la
Séchas; dall’altra, si sono aperti al mondo di ghiaccio riappaiono forme naturali. Galleria galleria Massimo Martino di Mendrisio.
andando a cercare le realizzazioni di Kin- Gottardo: tel. +41-91-808.1988; Massimo Detail of the Quel Future? installation prepared by
gelez, Muniz o Sugimoto. Allo stesso tem- Martino Fine Arts & Project: tel. +41-91- Anne and Patrick Poirier at the Massimo Martino
po, la Fondazione, diretta dal 1984 da 640.5070. Gallery in Mendrisio.
Hervé Chandes, opera per riunire comples-
si coerenti di opere dello stesso autore, per The winter season in Canton Ticino is being
sostenere il lavoro degli emergenti e per pepped up by two events – a show entitled
diffondere la conoscenza degli artisti fran- "Gottardo Gallery 1989-1999", open until the
cesi nel mondo. Il Palazzo delle Papesse, 18th of March at an exhibitional venue in
inaugurato nella sua veste attuale nel 1998, Lugano, and an installation called Quel Future
si propone come un laboratorio permanen- ?, staged by Anne and Patrick Poirier in the
te in cui le mostre vengono affiancate da spaces of the Massimo Martino Fine Arts &
convegni, workshop e corsi di formazione. 3 Project Gallery in Mendrisio. The Lugano
Palazzo delle Papesse: tel. +39-0577.479 gallery is celebrating the tenth anniversary of
20; Fondazione Cartier: Internet: www. up the constructive criteria of the collec- works by the same author, to support the its founding, which took place in the name of
fondation.cartier.fr tion. The curators, on the one hand, want- work of emerging artists and spread the one of the world's leading photographers,
ed to reward contemporary French art by word about French artists throughout the Robert Frank, of Swiss origin. The Quel
The collection of the Cartier Foundation selecting works by Domercq, Couturier or world. The Palace of the She-Popes, offi- Future? installation, which can be seen until the
for Contemporary Art in Paris has found, Séchas. They were anxious, on the other, to cially inaugurated in 1998, is being offered 29th of February, interprets the transit to the
partially, a temporary home for itself in the open the show up to the world by going as a permanent laboratory where exhibi- new millennium through a metaphor of hope.
center of Siena, in the Renaissance rooms after creations by Kingelez, Muniz or Sug- tions are flanked by meetings, workshops Nothing has changed, in fact. The world is still
of Piccolomini Palace (or Palace of the imoto. At the same time, the Foundation, and training courses. scarred by tragic events, but natural forms
She-Popes). The Sienese exhibition, which which has been directed since 1984 by Palazzo delle Papesse: tel. +39-0577.479 from a block of ice are coming back to life. Got-
remain open until the 5th of March, con- Hervé Chandes, exists for the purpose of 20; Cartier Foundation: Internet: www.fon- tardo Gallery: tel. +41-91-808.1988; Massimo
4 sists of 40 works, which symbolically sum bringing together coherent complexes of dation.cartier.fr Fine Arts & Project: tel.+41-91-640.5070. 6
XII Notizie News Domus 823 Febbraio February ‘00 Domus 823 Febbraio February ‘00 Notizie News XIII

I trent’anni della Max Protetch Gallery di New York The 30th anniversary of the Max Protetch Gallery, New York City La tradizione in forme moderne Tradition in modern forms
Quest’anno ricorre il trentesimo anniversario del pubblico generico per il design mai raggiunto ed its first architecture exhibition of drawings La collezione di rubinetteria «Akro» dell’a-
della fondazione della Max Protetch Gallery, prima, la galleria sta lavorando al progetto di by Michael Graves in 1979, citing Post-Mod- zienda bresciana Savil Rubinetterie ripropone
nota come la prima galleria d’arte che, alle opere creare una collezione di mobili sperimentali di ernism as the movement of the moment. The in forme moderne il tradizionale miscelatore
di autori quali Donald Judd, Siah Armajani e Vito artisti e architetti in edizione limitata. Al 1983 show practically sold out as did the 1983 hall- che nelle case del passato adornava l’arredo
Acconci, abbia accostato disegni di architettu- risale la collaborazione con Alessi per la pro- mark exhibition of over 50 Frank Lloyd Wright bagno con un tocco di eleganza. In particola-
ra contemporanea, indagando così le affinità e duzione di servizi da tè e da caffè in argento originals. The gallery’s archive is like a time re, «Akro» si caratterizza per il disegno del-
le differenze fra i prodotti delle diverse disci- disegnati, fra gli altri, dagli architetti Michael capsule of 20th century ideas on paper. One l’elemento centrale, un tubolare che nel se-
pline per allargare i confini fra il funzionale, il Graves, Hans Hollein, Alessandro Mendini, becomes acutely aware of architecture’s power guire un andamento curvilineo porta l’acqua
concettuale e la pura scultura. Alla fine degli anni Richard Meier, Paolo Portoghesi, Eliel Saari- to fuse contemporary ideas with form, land- alle mani, e delle due manopole. Quest’ulti-
’60 Max Protetch studiava scienze politiche a nen e Robert Venturi. Un’esposizione di mobi- scape, and the pragmatism of human habita- me rispettano la tradizionale suddivisione tra
Washington e fu allora che ebbe l’idea di un li fatti a mano su disegno di Alvaro Siza è in tion while standing amidst flat files labeled: caldo e freddo ma sono rese in forme geome-
‘foro’ di scambio fra ambito politico e quello programma per la seconda metà dell’anno. Ora Ando, Asplund, Buckminster Fuller, Hadid, triche compatte ed essenziali. «Akro» rispon-
sociale attraverso l’arte contemporanea. Nel 1972 sono in mostra dipinti astratti di Thomas Nozkow- Hejduk, Kahn, Mies, Pesce, Rossi, Sullivan, de con la sua gamma a tutte le problematiche
organizzò nella sua galleria di Washington la ski e in marzo aprirà un’esposizione dei nuovi Wright and SITE. In keeping with the quest to presenti nel bagno ed è realizzato in tre finitu-
mostra “Arte politica”, in cui furono esposte lavori di Manglano-Ovalle, il cui progetto Le inspire dialogue between the disciplines, re: cromo, cromo/oro e cromo/satinato. Savil
opere di Daniel Buren, Dorothea Rockburne, Baiser, ovvero Farnsworth House, sarà esposto among the drawings are placed furniture by Rubinetterie: tel. +39-030.890.0437, fax +39-
Carl Andre, Sol LeWitt e Robert Morris. Il suo alla Biennale del Whitney che sarà inaugurata Scott Burton, ceramics by Betty Woodman and 030.890.1056, Internet: www.savil.it 6
interesse per l’arte e per la politica lo portò il 23 marzo prossimo. Protetch Gallery, tel. +1- images by Michelangelo Pistoletto. Continued
infine all’architettura, che è il principale baro- 212-663 6999, fax +1-212-691 4342, E-mail: interest in politics and the consequences of The «Akro» collection of faucets and fittings
metro del clima sociale, economico e politico di mprotetch@aol.com Suzan Wines globalization has led to recent acquisitions offered by a company in Brescia called Savil
Rubinetterie, is reoffering in modern forms
the traditional mixer which, in houses of the
past, adorned bathroom decors with a touch
of elegance. «Akro» is characterized, in parti-
cular, by the design of its central element, a
tubular that brings water to your hands by 6 Miscelatore monoforo per lavabo «Akro»
following a curvilinear course, and the design prodotto da Savil.
of its two knobs. The latter respect the tradi- Single-hole mixer for «Akro» washbasin produced
tional subdivision into hot and cold but are by Savil.
rendered in compact and essential geometric
forms. «Akro» responds, through its spec- 7 Installazione realizzata in «Alcantara » su
trum, to all the problems present in the bath- progetto di Alessandro Mendini per
1 room and is supplied in three finishes: chro- “Materialidea”, 1982 (foto di Enrico Creso).
mium, chromium/gold and chromium/silked. Installation realized in «Alcantara» and
un Paese. Nel 1978 egli trasferì la galleria a New Savil Rubinetterie: tel. +39-030.890.0437, designed by Alessandro Mendini for
York, dove continuò a coltivare la sua passione fax +39-030.890.1056, Internet: www.savil.it "Materialidea", 1982 (photo by Enrico Creso).
per l’architettura attraverso incontri settimanali
con John Hejduk e Peter Eisenman. Visitando la
casa che il suo cliente Peter Brandt si era fatto Un tessuto che compie 25 anni A 25 years old fabric
costruire nel Connecticut dall’architetto Robert
Venturi, Protetch si convinse del significato cul- Nel 1974 due aziende, una italiana e l’altra In 1974, a couple of companies, one Italian
turale e del valore artistico del disegno di archi- giapponese, si incontrarono per dare vita a and the other Japanese, got together to
tettura. Fu così che nel 1979 la galleria realizzò un progetto che oggi compie venticinque breath life into a project that is twenty-five
la sua prima mostra di architettura con disegni 2 anni. Stiamo parlando del Gruppo ENI e di years old today. We're talking about the ENI
di Michael Graves, citando il Postmodernismo Toray Industries Inc. che unirono le loro group and Toray Industries Inc., which joined
come il movimento del momento. Le opere espo- This year marks the 30th anniversary of the and exhibitions of work by contemporary Chi- forze nella produzione di un tessuto innov- forces for the production of an innovative
ste furono praticamente tutte vendute, e così Max Protetch Gallery. World renowned as the nese artists such as Zhang Huan, Ma Liuming, ativo, dotato di alte caratteristiche tecniche fabric, equipped with high-quality technical
avvenne nel 1983 nel corso di una importante first to juxtapose works by Donald Judd, Siah Zhang Peili, and Zhuang Hui all of whom were ed estetiche: l’«Alcantara». Alessandro and aesthetic characteristics, called «Alcan-
mostra di oltre cinquanta originali di Frank Lloyd Armajani and Vito Acconci with contemporary featured in the 1999 Venice Biennale. The Mendini fu uno dei primi a utilizzare tara». Alessandro Mendini was one of the
Wright. L’archivio della galleria è come una architectural drawings, exploring the parallels gallery is in the process of putting it’s collec- questo materiale e nel 1982 immaginò per first to make use of it and, in 1982, fantasized
“capsula del tempo” delle idee del Ventesimo and contradictions between each discipline’s tion on line and according to Mr. Protetch la Triennale un piccolo padiglione in forma a small pavilion for the Triennale in the form
secolo trasposte su carta. Aggirandosi fra le gran- endeavor to expand the boundaries between Internet communication has boosted sales, di tempietto che, avvolto in «Alcantara», of a small temple which, wrapped in «Alcan-
di cassettiere etichettate con i nomi di Ando, the functional, conceptual and purely sculptur- particularly of work by living artists and archi- incontrava nella definizione “tender archi- tara», found an on-target correspondence
Asplund, Buckminster Fuller, Hadid, Hejduk, al. While studying political science in Washing- tects. Encouraged by the unprecedented level tectura” una perfetta corrispondenza di idee between ideas and forms in the definition
Kahn, Mies, Pesce, Rossi, Sullivan, Wright e ton D.C. during the late 60’s, Protetch con- of design sophistication among the general e forme. A questo proposito, l’architetto "tender architecture". The Milanese architect
SITE, ci si rende conto del potere che l’archi- ceived of a forum for the exchange of social public the gallery is working on a project to milanese ha detto “ Per me [questo tessuto] had this to say on the subject: "In my view,
tettura ha di fondere le idee contemporanee con and political ideas through contemporary art. create limited edition experimental furniture non è un materiale di simulazione. La sua [this fabric] is not a material involving simu-
la forma, il paesaggio e l’abitazione dell’uo- In 1972 his Washington gallery mounted the prototypes by contemporary artists and archi- precisa identità, questo senso del vellutato, lation. Its precise identity, this sense of some-
mo. In armonia con l’intento di ispirare un dia- seminal exhibition: “Political Art” featuring tects. In 1983 the gallery collaborated with di un tocco gentile, soffice, quasi fosse thing velvety, graceful and soft, almost as
3 logo fra le diverse discipline, alternati ai disegni the work of Daniel Buren, Dorothea Rock- Alessi to commission silver tea and coffee sets ricoperto di cipria, la fa oscillare fra il though it were covered with face powder,
sono esposti mobili di Scott Burton, ceramiche burne, Carl Andre, Sol LeWitt and Robert Mor- by Michael Graves, Hans Hollein, Alessandro ricordo di una immagine settecentesca e makes it oscillate between the memory of an
di Betty Woodman e immagini di Michelange- ris. Eventually. Protetch’s parallel interests in Mendini, Richard Meier, Paolo Portoghesi, l’ipotesi di un materiale molto futuro”. Ma eighteenth-century image and the hypothesis
lo Pistoletto. L’interesse per la politica e le con- art and politics led him to architecture, the Eliel Saarinen, and Robert Venturi among oth- per saperne di più, consigliamo la consul- of a very future-oriented material". To find
seguenze della globalizzazione hanno portato greatest barometer of any given social, eco- ers and a show of Alvaro Siza’s hand made fur- tazione del volume che Alcantara ha voluto out more, we advise you to consult a volume
Protetch alle recenti acquisizioni e alle mostre nomic or political climate. In 1978 Protetch niture is planned for later this year. Currently per festeggiare degnamente un quarto di created by Alcantara to provide a fitting cel-
di opere di artisti cinesi contemporanei come moved the gallery to New York City where his on view are abstract paintings by Thomas secolo. Alcantara 1974-1999 è stato pre- ebration of a quarter of a century. Alcantara
1 Inigo Manglano-Ovalle, Le Baiser (Farnsworth Zhang Huan, Ma Liuming, Zhang Peili e Zhuang passion for architecture was further cultivated Nozkowski followed in March by an exhibition sentato a Milano, presso Palazzo Reale, in 1974-1999 was presented in Milan, at the
House), 1999. In mostra in marzo alla Max Hui, che erano presenti alla Biennale di Venezia through weekly discussions with John Hejduk of new work by Manglano-Ovalle whose Le occasione della mostra dedicata al pittore Palazzo Reale, during the show of the
Protetch Gallery di New York. del 1999. La galleria sta via via mettendo in rete and Peter Eisenman. Upon visiting client, Baiser or Farnsworth House project is part of giapponese Hokusai. Alcantara: tel. +39- Japanese painter Hokusai. Alcantara: tel.
Inigo Manglano-Ovalle, Le Baiser (Farnsworth la propria collezione e secondo Max Protetch la Peter Brandt’s Connecticut home designed by the Whitney Biennale opening on March 23. 02.5803.001. +39-02.5803.001.
House), 1999. On exhibit in March at the Max comunicazione via Internet ha incrementato le Robert Venturi , he became convinced of the Protetch Gallery: tel. +1-212-663.6999, fax.
Protetch Gallery in New York. vendite, specie di opere di artisti viventi e di archi- cultural significance and artistic value in +1-212-691.4342, E-mail: mprotetch@aol.
tetti. Incoraggiata da un livello di attenzione architectural drawings and the gallery mount- com Suzan Wines
2 Frank Lloyd Wright, Istituto di fisica mentale,
1957; disegno a inchiostro su carta. Collezione
Max Protetch Gallery. Globi di luce Orbs of light
Frank Lloyd Wright, Institute of Mental Physics,
1957; ink drawing on paper. Max Protetch Gallery Giampiero Derai ha progettato per Fabbian Giampiero Derai has designed a lighting sy-
collection. un sistema di illuminazione che ripropone la leg- stem for Fabbian that impacts with the
gerezza del vetro soffiato di Murano. La colle- buoyancy of Murano blown glass. The «Echo»
3 Aldo Rossi, L’orologio sommerso; disegno in zione «Echo» si articola in una serie di appa- collection comprises a series of hanging, table,
inchiostro e matita su carta. Collezione Max recchi a sospensione, da tavolo, a parete e a sof- wall and ceiling lamps, which come equipped
Protetch Gallery. fitto, dotati di un corpo illuminante a forma di with a lighting body in the form of a globe. The
Aldo Rossi, The submerged watch; ink and crayon globo. Quest’ultimo, realizzato in vetro soffia- latter, done in blown glass, can be supplied
drawing on paper. Max Protetch Gallery collection. to, può essere trasparente o bianco satinato ed transparent or silked white and is characterized
è caratterizzato da una superficie mossa da onde by a surface enlivened by parallel waves. Sup-
4 Lampada a sospensione «Echo» nella parallele. Le strutture portanti sono in metallo port structures are in glossy chromium-plated
versione singola. Disegnata da Giampiero Derai, cromato lucido mentre i cavi di alimentazione metal, while supply cables are sheathed with a
è prodotta da Fabbian. sono rivestiti da un tubolare trasparente. Fabbian transparent tubular. Fabbian Illuminazione:
«Echo» hanging lamp in the single version. Illuminazione: Numero verde: 800-800.444, tel. Green Number: 800-800.444, tel. +39-0423.
Designed by Giampiero Derai, is produced by +39-0423.784.535/6/7, fax +39-0423.484.395, 784.535/6/7, fax +39-0423.484.395, Internet:
Fabbian. 4 Internet: www.fabbian.com www.fabbian.com 7
XIV Notizie News Domus 823 Febbraio February ‘00 Domus 823 Febbraio February ‘00 Notizie News XV

Nel nome della qualità: La Società del Sale In the name of quality: The Salt Society Mobili per nuovi “tipi etnici”
Furniture pieces for new "ethnic types"
Non è un conclave segreto ma bensì un Runtal, Stella e Stone Italiana), sono riu- attività con una serie di installazioni to-
nuovo gruppo che ha convocato i suoi nite da un comune sentire dell’idea di temiche, che, rifiutando un linguaggio di Autonomia, trasversalità e pari valore tra Autonomy, cross-cultural trends and equiva-
membri durante l’ultimo CERSAIE. La qualità. Un concetto che oltrepassa la tipo commerciale, richiamano questa qualità artigianale e produzione seriale: que- lent value between handicraft quality and mass
Società del Sale si è offerta al pubblico a normale nozione di piacere estetico e di particolare interpretazione culturale. Per sti gli elementi progettuali che si ritrovano production. These are the design elements that
Bologna presso La Salara, un torrione prestazione funzionale per arrivare alla informazioni: tel. +39-02.3310.4675, fax nei mobili e nei complementi d’arredo della are to be found in furniture pieces and decor
costruito nel 1783 che per oltre un seco- realizzazione di oggetti belli, tecnologi- +39-02.3310.6747. linea «N.E.T. - New Etnic Type» disegnata complements from the «N.E.T. - New Ethnic
lo è stato utilizzato come deposito di sa- camente avanzati e soprattutto carichi di da Ludovica e Roberto Palomba per Lema. Type» line designed by Ludovica and Roberto
le. Le aziende, che hanno preso parte al “una particolare intensità emotiva”. La It's not a secret conclave but rather a new Una collezione aperta a molteplici inter- Palomba for Lema. A collection that's open to
progetto (Agape, Celsius, Dornbracht, Società del Sale ha inaugurato la propria group that has called its members at the pretazioni che si compone di «Rhino», un myriad interpretations comprising «Rhino», a
last CERSAIE. The Società del Sale (the gruppo di panche basse in rovere moro, group of low benches in ox-blood oak, «Top»,
salt society) was offered to the public in «Top», tavolini in stile impero, i letti «Land» end tables in empire style, «Land» and
Bologna at La Salara (the sale ware- e «Teddy» e lo scrittoio «Stilo» in multi- «Teddy» beds and the «Stilo» (stylus) writing
house), a large tower built in 1783 which, strato curvato e struttura metallica. Ogni desk in curved plywood and a metal structure.
for more than a century, was used to store elemento, comunque, vive di vita propria Each element, in all cases, lives a life of its own
salt. The companies, which took part in the ed è dotato di un carattere indipendente, and is endowed with an independent character.
project (Agape, Celsius, Dornbracht, Run- come per esempio il letto tessile «Land»: di As, for example, the «Land» fabric bed. Distin-
tal, Stella and Stone Italiana), are joined grande impatto visivo, è caratterizzato da guished for its great visual impact, it is charac-
by a common feeling regarding the idea of un andamento morbido e accogliente. Per il terized by soft and comfortable-looking lines.
quality. A concept that goes beyond the rivestimento sono stati scelti tessuti a trama Chosen for the upholstery were fabrics with a
usual notion of aesthetic pleasure and larga declinati in toni naturali. Lema: tel. wide weave, dyed in natural tones. Lema: tel.
functional performance to arrive at the +39-031.630.990, fax +39-031.632.492, +39-031.630.990, fax +39-031.632.492, Inter-
creation of beautiful and technologically Internet: www.lemamobili.com, E-mail: net: www.lemamobili.com, E-mail: lema@
advanced objects which, most important of lema @lemamobili.com lemamobili.com 4
all, are saturated with a "unique emotion-
al intensity". The Società del Sale has
inaugurated their activities with a series of Naoko Hirota vince il Design Forum Prize
totem installations which, wanting no part Naoko Hirota wins the Design Forum Prize
of a commercial type language, reflect this
particular cultural interpretation. For Si è tenuta a Matsuya (Tokyo) la dodicesima name of the designer and was born of the fact
information: tel. +39-02.3310.4675, fax edizione del Design Forum, un concorso a ca- that these bags were conceived as outright
1 +39-02.3310.6747. denza biennale patrocinato dal Japan Design ‘friends’ of those who use them – discreet
Committee, che comprende diverse branche presences but always at hand, with which you
del design (product, craft, graphic). Quest’an- can do your shopping or, if you have nothing
Premiato il lavabo progettato da Philippe Starck Al polso una costellazione no il Golden Prize è stato assegnato alla serie else to do, just sit and chat. A member of this
Philippe Starck's washbasin wins award A constellation on your wrist di borse «Naoca» della giovane designer giap- series is the «Fourtune Cokey» knapsack,
ponese Naoko Hirota. È da tre anni che la Hi- designed in such a way as to close automati-
Il lavabo disegnato da Philippe Starck per mica bianca di cm 70x58, sorretto da una Ornarsi di stelle, portare al polso una costel- rota si dedica a questa ricerca, da quando si è cally every time you put it on your shoulder,
Duravit ha ricevuto dal Chicago Athenaeum struttura in legno massello pregiato a quat- lazione: questa l’idea di Michele Sanvito messa in proprio dopo aver lavorato presso and the «Double Zip» ovoid bag (which will,
il premio Good Design. Il lavabo, parte del- tro gambe. Il risultato è un lavabo dalle for- per il suo bracciale della linea di gioielli uno studio di design di Tokyo. Il materiale uti- among other things, be put on sale at the shop
l’omonima collezione, entra dunque a far me semplici, eleganti e moderne. Il Good contemporanei «First». L’idea prende forma lizzato per queste borse è stato preso in presti- in the Museum of Modern Art in New York).
parte dell’esposizione permanente del Chi- Design Award si affianca ai numerosi rico- attraverso una struttura in oro bianco fine- to dall’abbigliamento subacqueo ed è costitui- It's an item that enables the user to remove
cago Athenaeum, museo di fama interna- noscimenti ottenuti dall’azienda, grazie alle mente lavorato su cui si incastonano dia- to da un tessuto di nylon applicato su entrambi from, or introduce into it, objects with the
zionale per l’architettura e il design. Alla idee di Philippe Starck, dal 1995, anno di manti scelti. Semplicità ed eleganza, purez- i lati di uno strato in gomma. Al tatto, tale ma- greatest of ease, without taking it off her
base di questo progetto sta la reinterpreta- lancio della collezione. Duravit: tel. +39- za ed essenzialità contraddistinguono que- teriale risulta morbido come un peluche, estre- shoulder, thanks to a double slide fastener
zione della bacinella d’altri tempi: la cara, 0544. 501.698, fax +39-0544.501.694. sto gioiello così come gli altri pezzi della mamente elastico e per di più leggerissimo. that starts from the body of the bag itself and
vecchia bacinella sorge su un piano in cera- collezione: collier, ciondoli e monili hand- Vista la sua origine va da sé che non teme la runs along the upper edge of the shoulder
A washbasin designed by Philippe Starck made dal design innovativo e dallo stile ben pioggia ed è facilmente lavabile. Il nome scel- strap. The "bag-friend" by Naoko Hirota ful-
for Duravit has received the Good Design definito. Gioielli dalle elaborate trame geo- to («Naoca») è chiaramente ispirato al nome fills all the needs of a young city woman, as
Award from the Chicago Athenaeum. The metriche impreziosite di diamanti, frutto proprio della designer e nasce dal fatto che far as her bag is concerned. It's always clean
item, which is part of the collection of the dell’esperienza ultratrentennale di Sanvito queste borse sono concepite come vere e pro- because washable; tough and longlasting;
same name, has thus won the right to da sempre attenta alla qualità. Una storia prie ‘amiche’ di chi le usa: presenze discrete casual and elegant; light and manageable;
become a member of the permanent exhibi- rappresentata dalla conquista di tre Dia- ma sempre vicine, con le quali si esce a far sportive and ‘friendly’. Japan Design Com-
tion at the Chicago Athenaeum, a museum monds International Awards, riconoscimento shopping e con le quali – al limite – chiacchie- mittee: tel. +81-3-3561-2572, fax +81-3-
internationally famous for its exhibits of professionale per le creazioni di alta gioiel- rare. Appartengono a questa serie lo zainetto 5 3561-6038. Kazuko Sato
architecture and design. The Starck creation leria. Sanvito: tel./fax +39-02.7600.7796. «Fourtune Cokey», progettato in modo da
1 Le sale della Salara di Bologna durante la is based on a reinterpretation of the basin of chiudersi automaticamente ogniqualvolta lo si
presentazione al pubblico de La Società del Sale. the old days. The quaint, endearing basin mette in spalla, e la borsa ovoidale «Double
The rooms in the Bologna Salara (salt warehouse) rises from a surface in white ceramics, mea- Zip» (che sarà tra l’altro messa in vendita
during the presentation to the public of the Società suring 70x58 cm, and is held up by a four- presso lo shop del Museum of Modern Art di
del Sale (salt society). legged structure in top-quality heartwood. New York), che permette di estrarre ed intro-
The result is a washbasin with lines that are durre oggetti comodamente senza toglierla
2 Lavabo disegnato da Philippe Starck 2 simple, elegant and modern. The Good dalla spalla, grazie a una doppia cerniera che
per Duravit. Good Design Award al Chicago Design Award is but the latest in a long parte dal corpo della borsa stessa e corre lun-
Athenaeum. string of prizes won by the company with go il bordo superiore della tracolla. La “borsa-
Duravit's washbasin by Philippe Starck. Good Philippe Starck's ideas since 1995, the year amica” di Naoko Hirota incarna le esigenze
Design Award at the Chicago Athenaeum. the collection was launched. Duravit: tel. della giovane donna metropolitana riferite alla
+39-0544.501.698, fax +39-0544.501.694. borsa: sempre pulita perché lavabile; resisten-
3 Bracciale in oro bianco e diamanti di Michele te e durevole; casual ed elegante; leggera e
Sanvito. maneggevole; sportiva e ‘amichevole’. Japan
Bracelet in white gold and diamonds by Michele Il negozio all’angolo: un’icona urbana The store on the corner: an urban icon Design Committee: tel. +81-3-3561-2572, fax
Sanvito. 3 +81-3-3561-6038. Kazuko Sato
Il termine corner store (letteralmente il nego- The term corner store refers, in American
4 Particolare del letto «Land» disegnato da zio all’angolo) identifica nella topografia ame- topography, to grocery stores that character- Cover yourself with stars, put a constella- Staged at Matsuya (Tokyo) was the twelfth
Ludovica e Roberto Palomba per Lema. ricana i negozi di drogheria che caratterizza- ize intersections in residential districts. The tion on your wrist. That was the idea that Design Forum, a biennial competition spon-
Detail of «Land» bed designed by Ludovica and no gli incroci stradali nei quartieri residenzia- National Building Museum in Washington is came to Michele Sanvito for his bracelet sored by the Japan Design Committee, which
Roberto Palomba for Lema. li. Il National Building Museum di Washing- now dedicating an exhibition to it, through a from a line of contemporary jewels called includes various branches of design (product,
ton gli dedica ora una mostra analizzando, vast repertoire of examples collected «First». The idea takes form through a struc- craft and graphic). This year, the Golden
5, 6 Zainetto «Fourtune Cokey» e borsa ovoidale attraverso un vasto repertorio di esempi raccolti throughout the country, alongwith their his- ture in finely worked white gold on which Prize was awarded to a series of bags called
«Double Zip» (foto di David Zanardi). Le due in tutto il Paese, storia e significato. Questo ele- tory and meaning. This element, which can select diamonds are mounted. Simplicity and «Naoca» by a young Japanese designer by 6
borse progettate da Naoko Hirota fanno parte mento, che con buona ragione si può conside- be considered an urban icon as well as a elegance, purity and essentialness set this the name of Naoko Hirota. Hirota has been
della serie «Naoca». rare un’icona urbana e un momento di aggre- gathering place, has watched its numbers jewel apart from its peers, just like the other dedicated to this research for the past three
The «Fourtune Cokey» knapsack and the «Double gazione sociale, ha visto il proprio numero dimi- dwindle away at a mind-boggling pace in pieces in the collection – necklaces, pen- years – ever since he decided to go into busi-
Zip» ovoid bag (photo by David Zanardi). nuire vertiginosamente in relazione alla cre- relation to the growth and industrialization dants and handmade jewels with an innova- ness on his own, after working at a design
Designed by Naoko Hirota, they belong to the scita e all’industrializzazione della città americana. of the American city. Corner stores formed a tive design and clearly defined style. Jewelry studio in Tokyo. The material used for these
«Naoca» series. I corner store inizialmente formavano un nucleo complete nucleus at their birth, thus sustain- with elaborate geometric textures enriched bags was borrowed from skindiving apparel
completo, sostenendo così un’economia micro- ing a micro-family economy, and consisted by diamonds, the fruit of Sanvito's more than and consists of a nylon fabric applied to both
7 Collezione di borse «Naoca» disegnata da familiare, ed erano composti da un piano of a commercial ground floor and an upper thirty years of experience of remaining sides of a layer in rubber. The material is as
Naoko Hirota e vincitrice del Design Forum Prize terra commerciale e da un piano superiore desti- floor given over to the home of the manager. unfailingly alert to quality. A story that was soft to the touch as plush, extremely elastic
(foto di David Zanardi). nato all’abitazione del gestore. La mostra “The The "The Corner Store" show, which will climaxed by Sanvito's winning of three Dia- and, on top of that, light as a feather. Given its
«Naoca» bag collection designed by Naoko Hirota Corner Store”, che resterà aperta fino al 6 marzo, remain open until the 6th of March, was monds International Awards, a professional origin, you can take it for granted that it's
and Design Forum Prize’s winner (photo by David è stata curata da Ellen Beasley. National Buil- curated by Ellen Beasley. National Building prize for top quality jewelry creations. San- rain-proof and very easy to wash. The name
Zanardi). ding Museum: tel. +1-202-2722.448. Museum: tel. +1-202-2722.448. vito: tel./fax +39-02.7600.7796. chosen («Naoca») was clearly inspired by the 7
Informazione aziendale Manufacturer’s information Domus 823 Febbraio February ‘00 Domus 823 Febbraio February ‘00 Informazione aziendale Manufacturer’s information

Gruppo Frati: i superficiALI Frati Group: i superficiALI



Il Gruppo Frati è una solida realtà industriale di tato il Gruppo Frati a investire nel potenziamento ti abbinati ad altrettanti stampatori europei – Con- logie delle aziende che fanno capo al gruppo ci sono Frati Group, a solid industrial reality with a Euro- strengthening the formal definition of its surfaces, thus European printers – Confalonieri, Decotec Printing, technologies put out by the companies that are off-
respiro europeo, con sede a Pomponesco (Manto- della definizione formale delle superfici, e quindi a falonieri, Decotec Printing, Interprint, Lamigraf, Liri “Ecopan”, il pannello truciolare grezzo ecologico per pean resonance, has its headquarters in Pomponesco breathing life into the company's “i superficiALI” pro- Interprint, Lamigraf, Liri Industriale, Masa Decor, N.V. shoots of the group, are “Ecopan”, the ecological raw
va), specializzata nella produzione di pannelli tru- dar vita al progetto “i superficiALI”. L’iniziativa, di Industriale, Masa Decor, N.V. Chiyoda, Schattdecor, eccellenza, e la verniciatura senza solventi, seguita (Mantua). It specializes in the production of chipboards ject. The initiative, the results of which can be seen on Chiyoda, Schattdecor and Süddekor – thus giving the chipboard par excellence, and a paint without solvents,
ciolari a base legno, pannelli mdf e laminati plasti- cui si vedono in queste pagine alcuni risultati, va ol- Süddekor – dando così all’intera operazione una di- da un’essiccazione a fascio di elettroni, unica in Eu- with a wooden base, mdf panels and plastic laminates. these pages, goes far beyond the simple statement of entire operation a dimension of harmoniousness that followed by drying with a band of electrons – the only
ci. La sua forza deriva dal lavoro sinergico di nove tre la semplice proposizione di nuovi decorativi e in- mensione corale che non poteva non giovare al ri- ropa. Tutti gli impianti del Gruppo Frati sono realiz- Its power as a leader stems from the synergetic work new decorative fantasies to invent a new formula for could not help but make an immense contribution to one in Europe. All of the systems created and used by
unità produttive altamente specializzate e con venta una nuova formula di coordinamento tra le sultato finale. zati e condotti a basso impatto ambientale, garan- of nine highly specialized productive units featuring coordination among the parts – a synergy among furni- the success of the final result. After being reproduced Frati Group vaunt a low environmental impact, thereby
competenze diversificate, che vanno dalla produ- parti, una sinergia tra mobiliere, architetto, stam- Riprodotto su carta a impregnazione melaminica, il tendo un decimo dei valori di emissione previsti diversified capabilities ranging from the production of ture manufacturer, architect, printer and panel produc- on paper, which has been saturated with melamine, the guaranteeing no more than a tenth of the emission val-
zione di resine e collanti alla realizzazione di co- patore e produttore di pannelli. I nove progettisti decorativo verrà applicato sui pannelli truciolari me- dalle norme vigenti. resins to the creation of mechanical constructions and er. The nine designers who were involved in the ambi- decoration is applied to melamine faced chipboards and ues provided for by regulations currently in force.
struzioni meccaniche e impianti specifici per la la- coinvolti nell’ambizioso progetto – Adriano Balutto, laminici e laminati, di dimensione massima 610x220 Scegliendo come testimonial del lancio de “i su- special installations for processing panels. tious project – Adriano Balutto, Lino Codato, Piero to laminates with special pressing systems, and offered By choosing, as a testimonial of the launch of “i super-
vorazione dei pannelli. Lino Codato, Piero Lissoni, Vittorio Plazzogna, Paolo cm, con speciali sistemi di pressatura e proposto in perficiALI” Actias Maenas, una farfalla delle fore- Their awareness that the panel, which was designed to Lissoni, Vittorio Piazzogna, Paolo Portoghesi, Luca in numerous chromatic variants. ficiALI”, Actias Maenas, a butterfly that lives in the rain
La consapevolezza che il pannello, destinato a vari Portoghesi, Luca Scacchetti, Ettore Tinagli, Giancar- numerose varianti cromatiche. ste pluviali malesi, il Gruppo Frati dichiara di vo- be used in various ways in the interior decorating Scacchetti, Ettore Tinagli, Giancarlo Vegni and Alfredo Frati Group has never turned its back on the environ- forests of the Malay Peninsula, Frati Group has made
utilizzi nell’industria dell’arredamento, comunica lo Vegni e Alfredo Zengiaro – ciascuno portatore di Il Gruppo Frati non trascura l’ambiente e opera “se- ler scegliere la natura, la sua intelligenza e la sua industry, communicates to the onlooker exclusively Zengiaro – each artist a treasurehouse of long experi- ment and operates “according to science and con- an all-important statement. They have chosen nature,
esclusivamente attraverso la sua superficie ha por- una lunga esperienza e di un proprio stile, sono sta- condo scienza e coscienza”; tra i prodotti e le tecno- bellezza. through its surface has led Frati Group to invest in ence and a style of his own, were allied with as many science”. Which means that, among the products and its intelligence and its beauty as their mentor.

Gruppo Frati Piero Lissoni


Sede Centrale: Via XX Settembre, 58 Milky Effect
46030 Pomponesco (Mantova) Interprint (Germania)
Tel. +39.0375.8401 – Fax +39.0375.840401
e-mail: info@gruppofrati.com
http://www.gruppofrati.com

Paolo Portoghesi
La rete magica
Confalonieri (Italia)

Luca Scacchetti Giancarlo Vegni


Tramaordito Chicchini
Lamigraf (Spagna) Masa (Germania)

Adriano Balutto
Millennium Stars
Chiyoda (Belgio)

Vittorio Plazzogna
Le Filigrane Alfredo Zengiaro
Schattdecor (Germania) Ettore Tinagli Fibre di vita
Frasdog Decotec Printing (Spagna)
Süddekor (Germania)

Lino Codato
Rovere Baltic
Liri Industriale (Italia)

In questa pagina e in quella a fianco: i progettisti e Il decorativo viene applicato sui pannelli truciolari On this page and the facing one: the designers and a The decoration is applied to melamine faced chipboards Il Gruppo Frati conta nove unità produttive (suddivise tra specifici per la lavorazione dei pannelli. Le società sono: Frati Group numbers nine productive units (divided up formulated specifically for processing panels. The companies
alcuni decorativi della collezione “i superficiALI”, abbinati melaminici e laminati, di dimensione massima 610x220 number of decorations from the “i superficiALI” collection, and to laminates, in a maximum size of 610x220 cm, with società madri e divisioni specializzate), che coprono Frati Luigi, Bipan, Chimica Pomponesco, CMP Costruzioni between parent companies and specialized divisions), which involved are Frati Luigi, Bipan, Chimica Pomponesco and CMP
alle industrie che hanno provveduto alla stampa del cm, con speciali sistemi di pressatura e proposto in created in collaboration with the industries that took care special pressing systems and offered in numerous l’intero ciclo del pannello industriale per l’industria Meccaniche Pomponesco. Tutti gli impianti sono a basso cover the entire productive cycle of the industrial panel for Costruzioni Meccaniche Pomponesco. All systems vaunt a
decoro su carta a impregnazione melaminica. numerose varianti cromatiche. of printing the decoration on melamine-saturated paper. chromatic variants. dell’arredamento: dalla produzione di resine e collanti alla impatto ambientale e vantano processi produttivi the interior decorating industry, from the production of resins low degree of environmental impact, as well as avantgarde
realizzazione di costruzioni meccaniche e impianti all’avanguardia. to the creation of mechanical constructions and systems productive processes.
Domus 823 Febbraio February 2000 Sommario Contents 3

Domus 823 Febbraio February 2000

Autore Author Progettista Designer Titolo Title

François Burkhardt 2 Editoriale Editorial


La copertina
The cover
Zush Intervista Interview
Collaboratori
Collaborators
Rita Capezzuto Herzog & de Meuron 3 Herzog & de Meuron e la ricerca 3 Herzog & de Meuron and
Cecilia Avogadro fenomenologica phenomenological research
Ettore Bellotti
Ruth Berktold
Maurizio Bortolotti Architettura Architecture
Giampiero Bosoni
Mary Boxwoods
Lucy Bullivant Herzog & de Meuron 9 Edificio per il marketing Ricola, 9 Ricola marketing office building,
Alberto Capatti Laufen, Basilea Laufen, Basle
Roberto Cecchi
Marco De Michelis
András Ferkai Ruth Berktold Christian de Portzamparc 16 Torre LVMH, New York 16 LVMH Tower Building, New York
Antonello Ferraro
Elena Fusar Poli
Fabio Grazioli András Ferkai Tamás Karácsony 22 Centro di riabilitazione per giovani 22 Rehabilitation centre for disabled
Antonia Jacchia Péter Janesch disabili, Perbál, Ungheria young people, Perbál, Hungary
Caterina Majocchi
Silvia Milesi
Laura Mosconi Silvia Milesi Mauro Galantino 30 Insediamento residenzale a Ugnano 30 Housing estate, Ugnano Mantignano,
Francesca Picchi
Darko Prolic Mantignano, Firenze Florence
Paola Proverbio
Marco Riva
Kazuko Sato
Marco De Michelis Zvi Hecker 40 Centro culturale ebraico, Duisburg 40 Jewish Cultural Centre, Duisburg
Veronica Scortecci
Angelo Stagno Design Design
Deyan Sudjic
Paolo Thea
Michael Webb Lucy Bullivant Philippe Starck 48 St. Martins Lane Hotel 48 St. Martins Lane Hotel
Suzan Wines
Il senso della sorpresa Sense of encounter
Fotografie
Photographs
Nicolas Borel
Lucy Bullivant Marc Newson 56 Per me è tutto design 56 It’s all design to me
Paola De Pietri
Todd Eberle Maria Cristina Tommasini Marco Ferreri 66 Scopa a spazzole intercambiabili 66 A broom with the case and
Ramak Fazel
Nicholas Kane con custodia interchangeable brushes
Péter Klobusovszky
László Lelkes
László Lugosi Lugo 68 Dossier 68 Dossier
Peter Mauss / Esto Il progetto del cibo industriale Food design
Alberto Muciaccia
Margherita Spiluttini
Zsolt Wanger Alberto Capatti 68 Artefatti alimentari 68 Food artefacts
Traduttori
Translators Marco Riva 70 Mangiare con gli occhi 70 Eating with our eyes
Duccio Biasi
Carlo Dresbach
Barbara Fisher Giampiero Bosoni 72 Cibo: l’ingegneria genetica 72 Food: genetic engineering
Anna Clara Ippolito prende il comando takes command
Charles McMillen
Dario Moretti
Carla Russo Francesca Picchi 78 Versare–Mescolare–Raffreddare 78 Pour–Stir–Refrigerate
Michael Scuffil
Virginia Shuey Vergani
Rodney Stringer Kazuko Sato 84 Zuppa istantanea di noodle 84 Istant Cup Noodle

Francesca Picchi 86 Forme commestibili e meccanizzazione 86 Edible forms and mechanization

Evento Event

Lucy Bullivant 89 Glasgow 1999, città britannica 89 Glasgow 1999, UK city


Deyan Sudjic dell’architettura e del design of architecture and design

97 Libri 97 Books

Itinerario Itinerary

Angelo Stagno 105 Architettura moderna 105 Modern architecture


a Innsbruck (N. 164) in Innsbruck (N. 164)

Rassegna Product Survey

Maria Cristina Tommasini 113 Oggetti e complementi d’arredo 113 Interior decor objects
and complements

129 Calendario 129 Calendar


Concorsi, congressi e mostre Competitions, congresses and
d’architettura, design e arte exhibitions of architecture, design and art

134 Autori 134 Protagonists

Domus, Rivista Internazionale di Architettura, Design, Arte, Comunicazione International Review of Architecture, Design, Art, Communication
2 Intervista Interview Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Intervista Interview 3

François Burkhardt

Dal mese di febbraio 1996 questa redazione ha dedicato ciascun numero a un tema preciso, una specie di filo
conduttore che aveva lo scopo di collegare le opere presentate a un’idea comune e trasversale. A distanza
di quattro anni proponiamo ai lettori una formula lievemente modificata. In luogo dell’Editoriale e della “Cronaca
del pensiero” pubblicheremo un’intervista all’autore di un progetto appositamente prescelto, che verrà poi
presentato nelle pagine successive. L’obiettivo è aumentare la flessibilità e l’attualità di Domus, lievemente
penalizzata con la formula precedente che ci vedeva costretti a rinviare la pubblicazione di alcuni servizi
HERZOG & DE MEURON
E LA RICERCA
FENOMENOLOGICA
i
Jacques Herzog a colloquio con Rita Capezzuto
Rita Capezzuto: Vorrei sapere qualcosa riguardo
all’attività di insegnamento che avete incominciato
quest’anno a Basilea nell’ambito dei corsi dell’ETH
di Zurigo: quali sono i vostri programmi?
Jacques Herzog: Pierre e io non siamo insegnanti nati
e il nostro obiettivo non è quello di essere pedagoghi:
siamo architetti, cioè interessati a fare noi stessi
esperienze, a imparare. Durante gli anni del nostro studio
abbiamo potuto apprendere molto dal carisma
e dal sapere di Lucius Burckhardt, Dolf Schnebli, Aldo
Rossi: grazie a questa dinamica egoistica ora possiamo
Rispetto alla vostra formazione di studenti all’ETH,
con Aldo Rossi, Dolf Schnebli e gli altri professori,
riproponete nel vostro programma le stesse modalità
di quella esperienza o ne prendete le distanze?
A suo tempo, con Schnebli e Rossi, siamo stati coinvolti
nel metodo tradizionale d’insegnamento dell’architettura
che era riferito al progetto. Allora era un’impostazione
giusta e ci ha aiutato molto. Ma va detto che prima che
Rossi e Schnebli arrivassero all’ETH abbiamo seguito
– come era nello spirito del tempo, intorno al ’68 –
le lezioni di Lucius Burckhardt, che è sociologo.
al numero tematicamente corrispondente, e presentare quindi opere importanti con un certo ritardo, se non continuare a trasmettere queste cose ad altri giovani. Per Burckhardt ci fece conoscere altri metodi, più orientati
questo penso che il nostro atteggiamento non sia un male alle scienze sociali, alla filosofia. Per due anni ci siamo
addirittura rinunciare a pubblicarle. Riteniamo che questa nuova “connessione strutturale” non impoverisca per gli studenti, ma sia piuttosto una fortuna. Abbiamo confrontati concretamente con la filosofia, la sociologia.
proposto una forma d’insegnamento diversa da quella Questa impronta nella nostra formazione è quella
affatto la rivista. Consente anzi di mettere meglio in rapporto tra loro intento creativo, opera e critica, e quindi normalmente svolta a Zurigo dai professori ospiti: non che ora viene alla luce nello studio su Basilea, perché
terremo lezione a Zurigo, ma a Basilea, in un piccolo intendiamo trattare i livelli sociologici, comunicativi,
incontrare la comprensione del lettore. studio che si configura come un laboratorio, un center of filosofici dell’oggetto di ricerca.
research. In realtà vogliamo riproporre in forma ridotta il
modo in cui lavoriamo nel nostro studio, poiché il nostro La vostra tesi di laurea è stata in urbanistica?
lavoro è orientato alla ricerca, non allo stile. Questo Non esattamente, ma si trattava di temi urbanistici:
Since February 1996 this editorial office has devoted each issue to a particular subject, in a guiding thread piccolo centro di ricerca sarà dedicato all’urbanistica e abbiamo studiato lo sviluppo urbanistico della città di
per i prossimi tre anni vorremmo occuparci della Basilea, l’abbiamo tematizzato dal punto di vista storico
whose purpose was to connect the works published to a common and transversal idea. Four years later we Svizzera dal punto di vista urbanistico nell’epoca della naturalmente, e poi analizzato con il metodo di Rossi,
globalizzazione. Il progetto si chiama: “Svizzera, un dunque ponendo attenzione alla permanenza dei
have decided to introduce a slightly different formula. Instead of the Editorial and the “Chronicle”, we shall ritratto urbanistico”. Questo significa che gli studenti – monumenti, alla tipologia. Oggi non osserviamo le città
venti in totale – si confronteranno con la questione dello all’interno di questo schema relativamente rigido poiché
be publishing an interview with the author of a specially selected project, which will then be presented sviluppo urbano, della crescita della città, esistono altri elementi che riteniamo essenziali.
dell’urbanizzazione della Svizzera oggi. Pierre e io ci
on the following pages. The object is to increase the flexibility and topical interest of Domus. These alterneremo ogni secondo semestre con Marcel Meili Vi siete confrontati con i problemi urbanistici
e Roger Diener. Inoltre nel nostro corso insegneranno in anni differenti. È cambiato qualcosa nel vostro
qualities had in fact been somewhat penalized by the previous recipe, which made it necessary to put off professionisti di altre discipline: un geografo urbano, metodo? Pensate che oggi sia possibile una
Christian Schmid dell’Università di Berna, e un strategia urbanistica?
publication of some reports until that of their corresponding issue. As a result, a number of important progettista visuale, Cornell Windlin. Vogliamo che tutto Noi non abbiamo nessuna ricetta, nessuna base
ciò che verrà elaborato possa essere comunicato in ideologica, come avevano per esempio Rossi
works appeared late, and sometimes even not at all. We believe this new “structural connection” will termini visuali e testuali. Il risultato finale deve potersi o i modernisti, che formularono un’idea molto precisa
vedere su cd-rom o su Internet, ma anche su carta: di come una città debba essere. Quando anni fa abbiamo
in no way impoverish the magazine. On the contrary, it will allow us better to relate creative intent, works ne risulterà una ricchezza di immagini che permetterà condotto lo studio sull’agglomerazione trinazionale di
di raccontare le nostre riflessioni. Basilea intitolato “Basel, eine Stadt im Werden?”
and criticism, and thereby to reinforce the reader’s comprehension. (Basilea, una città in divenire?), abbiamo proceduto
attraverso un’analisi fenomenologica basata
sull’osservazione progressiva più che su una tesi: allora
abbiamo notato che ogni città ha certe tendenze, certe
linee di sviluppo, certi luoghi specifici e non specifici.
E proprio questi aspetti volevamo conoscere e capire:
dov’è la natura, dove la topografia, dove la città in
concreto – la città storica, la città nuova – dove sono le
zone dinamiche e quelle ‘addormentate’ che hanno un
potenziale, dove c’è quiete, dove c’è energia. Volevamo
semplicemente capire come è possibile lavorare sugli

Gli schizzi che accompagnano l'intervista sono studi relativi all'edificio


per il marketing della Ricola a Laufen.

The sketches accompanying the interview are studies for the Ricola mar-
keting building at Laufen.
4 Intervista Interview Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Intervista Interview 5

elementi caratteristici di un luogo, come li si può E la collaborazione con gli artisti funziona non solo Mi sembra che tu abbia detto una volta che l’arte Il tema della percezione gioca un ruolo centrale nel dire che il deposito di Laufen sia forse il primo esempio nostre architetture non sono mai state realizzate in
rafforzare. Venezia, per esempio, è museale perché sull’architettura ma anche sui problemi urbanistici? rispecchia più rapidamente dell’architettura vostro pensiero progettuale. La comunicazione che in tutto il mondo in cui si è manifestato un tipo di precedenza: questo comporta una lunga serie di test da
la sua idea urbanistica è compiuta e dunque è una città Per gli studi urbanistici abbiamo lavorato concretamente lo spirito del nostro tempo; questo perché riuscite a realizzare con i vostri edifici vi permette riflessione minimalista o minimale: il ripetitivo, parte nostra e da parte delle aziende produttrici, in modo
che non può più essere cambiata. New York è simile, con Rémy Zaugg, un artista straordinario che non si la sensibilità dell’artista è diversa da quella di istituire un contatto culturale con i tipi più vari l’astratto, la scomposizione, la strutturazione chiara, che noi possiamo fare proposte concrete al costruttore.
anche Parigi nel suo centro è molto specifica, e non si interessa soltanto della sua pittura ma che è anche un dell’architetto? di fruitori. Pensi che la percezione abbia a che fare ma contemporaneamente la messa in scena della catasta In questo caso abbiamo collegato i tubi in materiale
può cambiare quasi niente. Tuttavia pochissime città artista concettuale; e questo approccio concettuale può Ho detto semplicemente che gli artisti – e i filosofi, più con lo spazio reale o con quello virtuale? di assi. Come immagine credo che per noi sia stato sintetico con reti, in modo che i rampicanti potessero
sono così tipiche, ma ogni città, perfino un paesino, ha essere applicato a diversi campi. Zaugg non ha lavorato come artisti in senso lato – sono gli unici che si La questione della percezione è effettivamente molto un passo molto importante per la nostra riflessione; ramificarsi e li avvolgessero completamente. Il tetto
piccolissimi caratteri che possono farla diventare tipica. con noi con la matita, ma ponendo interrogativi sempre espongono alle questioni del mondo in modo importante nel nostro lavoro. La percezione è qualcosa confrontato con i lavori precedenti il deposito risulta ‘morbido’ si muove così sotto l’effetto del carico di
Noi cerchiamo di sviluppare questi elementi, in nuovi, spesso scomodi e faticosi: solo così si arriva a un totalmente libero. Gli artisti si trovano in maniera di soggettivo: ogni persona percepisce il mondo in molto discreto e astratto; dall’astrazione che deriva dalla acqua piovana o di neve. Per le facciate in vetro
maniera che ciò che è specifico diventi ancora più punto che è nuovo. Questo vale sia che si costruisca un del tutto concreta davanti alla tela bianca, e devono modo diverso da un’altra persona; dunque quello che ripetizione dei singoli elementi abbiamo ottenuto una dell’edificio abbiamo invece chiamato due artisti
evidente. Nel caso di Basilea, l’edificazione lungo edificio, sia che si dipinga un quadro, sia che si progetti cercare e costruire da sé tutti gli elementi: non hanno noi percepiamo è relativo: non esiste una sola sorta di figuratività: è un accatastamento di assi a intervenire: Adrian Schiess, svizzero, e Rosemarie
il Reno s’interrompe non appena il fiume piega in una città: è sempre lo stesso. cliente, committente, budget, regolamento edilizio che percezione, così come non esiste una sola realtà perché e nonostante ciò, o proprio in virtù di questo, è un Trockel, tedesca. Hanno disegnato le tende in diversi
direzione della Germania attraverso la Francia: sarebbe ponga loro dei limiti. Questa limitazione, cui al la realtà è strettamente collegata alla percezione. La deposito. Il secondo progetto è la fabbrica con deposito materiali e colori, disponendole in vari strati: Schiess
del tutto logico che le parti francese e tedesca Vorrei parlare del tempo come elemento di primaria contrario sono soggetti gli architetti, è però anche nostra domanda centrale è: “Che cos’è la realtà, che a Mulhouse: qui per la prima volta abbiamo potuto ha scelto la banda dei colori e la Trockel ha sviluppato
dell’agglomerato procedessero allo stesso modo lungo importanza nel processo intellettuale. Il tempo un aiuto, una sorta di stampella: gli architetti si cos’è il mondo?”. Ma questo è un quesito che riguarda realizzare l’idea dell’immagine serigrafata ripetitiva, le strisce di feltro di richiamo orientale. Questi interventi
il fiume. È un’idea primitiva, quasi arcaica, e sarebbe inteso nel suo duplice significato, come tempo lamentano, ma in realtà hanno bisogno di questa tutta l’umanità, che interessa tutti gli uomini, di un’idea che già negli anni precedenti avevamo si integrano a vicenda, consentono una interazione
ovvio che si realizzasse: la città verrebbe a modificarsi materiale (quello che si misura in giorni, mesi ecc.) condizione perché non sanno muoversi in uno spazio qualunque cultura essi siano perché ha a che fare con cominciato a maturare. L’immagine rappresenta quasi tra interno ed esterno e costituiscono uno strato che può
in un solo colpo e sarebbe ancora più tipica. Questo e come tempo immateriale, ovvero lo spirito del libero. Gli artisti non hanno questa stampella, la loro identità. Ci interroghiamo sull’esistenza del un rovesciamento nei confronti del deposito di Laufen: essere continuamente modificato tra utenti,
probabilmente è un esempio che mostra come tempo. Come si integra il tempo nei vostri progetti e devono riempire lo spazio vuoto in modo molto reale non solo nello spazio reale ma anche in quello là siamo partiti da un’immagine astratta – quella di strati architettura e giardino.
procediamo, attraverso osservazioni e mezzi semplici. e nelle vostre architetture? più forte con la loro visione del mondo: per questo virtuale. Ma noi tutti, oggi come un tempo, viviamo su strati di assi – e abbiamo generato un’immagine
In passato le città erano costruite tutte così, e io penso Credo che il tempo sia qualcosa che non può essere producono molto più rapidamente e in maniera molto più fortemente nello spazio reale che in quello virtuale, figurativa; qui abbiamo preso la riproduzione di Con chi lavorate per questi test?
che anche la città del futuro si dovrà basare su tipi afferrato concretamente. Al contrario, ora tutti gli più immediata idee sul mondo in cui vivono; sono mangiamo nello spazio reale, dormiamo nello spazio un’immagine figurativa, una pianta, e attraverso la Abbiamo nel nostro studio un costruttore di grande
arcaici, in maniera che le persone comprendano individui sanno chiaramente che viviamo in un periodo più veloci e anche più radicali degli architetti. reale, anche se la realtà virtuale ha indubbiamente ripetizione l’abbiamo tradotta in qualcosa di astratto. esperienza, Mario Maier, che ha lavorato per diversi
facilmente un luogo e vi si orientino senza difficoltà. contraddistinto dal fenomeno della globalizzazione che L’architettura ha più filtri, più collaboratori, dipende un impatto sullo spazio reale. Il terzo progetto, la sede del marketing, è un edificio progetti in cui ha dovuto realizzare modelli uno a uno;
ha effetti molto concreti sul nostro mondo. Questo da molti fattori – come il denaro, le leggi e così via – che si confronta in maniera più forte con lo spazio, è inoltre cerchiamo di volta in volta un’azienda-partner.
Questo significa che il vostro metodo è rimasto riguarda la relativizzazione dei confini nazionali, la tutto le giunge mediato e non diretto. Ma urbanistica Gli edifici per Ricola – il deposito di Laufen, nato dall’interno e come corpo quasi non esiste nello Ancora una volta tengo a sottolineare che un
sempre uguale in questi anni. relativizzazione dello spazio, dei mercati, e influisce e architettura sono naturalmente molto più presenti la fabbrica con deposito di Mulhouse, l’edificio spazio: con la facciata di vetro interrotta abbiamo cercato committente come Ricola è ideale perché con questi
Non il metodo, piuttosto l’atteggiamento, il rifiuto verso anche sull’aspetto delle città. Questi effetti sono anche fisicamente, il loro prodotto dà un’impronta del marketing ancora a Laufen – rappresentano una di distruggere ogni corporeità; la linea spezzata del progetti di dimensioni ridotte ci ha permesso di
un modo di pensare a priori. Abbiamo cercato di capire uno dei motivi per cui studiamo il ritratto urbanistico all’ambiente e interagisce con esso; in tal senso sono sorta di trittico che mostra con grande chiarezza qual fronte fa sì che lo spazio esterno si rispecchi in quello sperimentare, mentre con un progetto di grandi
sempre più, di portare sempre più in primo piano questo della città, e siamo interessati a come mutino i processi più affascinanti, tanto che negli ultimi anni sono è la vostra posizione dal punto di vista progettuale. interno e viceversa. Le persone che vi lavorano non dimensioni le difficoltà sono maggiori e spesso
modo di procedere fenomenologico, questo osservare di urbanizzazione nella Svizzera, per esempio – ma diventate terreno d’azione interessante anche L’ultima realizzazione a Laufen, pur nelle sue hanno l’impressione di sedere dentro a un edificio: per il committente non consente sperimentazioni.
e percepire. Prima di forzare qualcosa in senso formale potremmo considerare anche la Greater London, per gli artisti. piccole dimensioni, racchiude tutta la complessità questo abbiamo utilizzato anche piante per il tetto
dobbiamo vedere come la città appare e da questo o il territorio industriale della Ruhr o certe zone del dei grandi progetti. – una sorta di copertura vegetale – e stoffa, e vetro,
probabilmente scaturirà spontaneamente l’intervento più Portogallo. Non è così ovunque: esistono nel mondo La vostra architettura è molto ricettiva rispetto a È naturalmente stupendo per un architetto avere con e pareti articolate in più strati.
adatto. Questo significa che riprendiamo la dinamica del luoghi che rimangono fermi e luoghi che sono molto quello che succede, alle nuove correnti negli ambiti un committente un rapporto continuativo e un dialogo
luogo – e lo stesso facciamo anche per l’architettura – più dinamici. Questi fenomeni li studiamo da un punto più diversi: che filtro utilizzate per fare in modo costruttivo come è stato per noi con Ricola. Per ogni Puoi dirci qualcosa sulla soluzione della copertura,
e cerchiamo di trasformarla nella nostra dinamica, come di vista urbanistico. Per quanto riguarda l’architettura che non diventi “di moda”? edificio non ci hanno chiesto di riprodurre una copia, sul materiale molto particolare che avete utilizzato,
avviene in uno sport da combattimento asiatico. La città per noi è importante il mutamento degli elementi. Non usiamo nessun filtro, ma procediamo sempre ma al contrario di proporre le nostre riflessioni più e di conseguenza sulla sperimentazione continua che
in genere è troppo forte perché si possa fare qualcosa che Il tempo è quello della luce e quello delle stagioni, in maniera molto riflessiva, passo dopo passo, nuove, lasciandoci ampio margine di libertà. E noi conducete su materiali e su tecniche di costruzione?
le si contrapponga radicalmente. Questo non significa che interagisce con l’architettura. ci evolviamo in diverse direzioni ma senza salti abbiamo realizzato tre tipi di edifici completamente Una novità in questo progetto è il tubo di materiale
che non ci siano eccezioni, che non possa esserci una improvvisi. Se si osservano i nostri progetti si nota diversi che tutti, nel loro aspetto, sono tipici rispetto alle sintetico che abbiamo utilizzato per la copertura.
tabula rasa – una strategia urbana tra le preferite di Rem che sono tutti legati da una certa logica: non sono principali linee di sviluppo del nostro lavoro. Si potrebbe Volevamo un tetto che fosse morbido, come uno strato
Koolhaas – dove si comincia da zero. In altre parole non discontinui, possono essere ricondotti a una vegetale o di stoffa: per questo non volevamo travi
esiste una teoria, o un metodo: credo però che quello che linea genealogica. di acciaio o di legno, ma un prodotto sintetico in grado
noi cerchiamo di applicare è un metodo tai-chi di di ‘muoversi’. Abbiamo pensato che avremmo potuto
osservazione fenomenologica, che in futuro potrebbe utilizzare lo stesso materiale flessibile dell’asta che gli
produrre risultati di successo. atleti usano per il salto in alto. Dato che non era
materiale per costruzione abbiamo dovuto fare molti test
impegnativi sui valori di rottura e di reazione ai raggi
UVA. È stato un processo molto faticoso. Il problema
è che molte delle soluzioni che vogliamo adottare nelle
6 Intervista Interview Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Intervista Interview 7

HERZOG & DE MEURON Jacques Herzog in conversation with Rita Capezzuto built area along the Rhine is interrupted as soon as the
river bends in the direction of Germany through France.
I would like to talk about time, as an element of
primary importance in the intellectual process.
Your architecture is very receptive to what’s going on
in the world, to new movements in the most diverse
social sciences, and towards philosophy. For two years It would be perfectly logical for the French and German
AND PHENOMENOLOGICAL Rita Capezzuto:Would you mind telling me something
about the teaching work that you began this year we came to grips with philosophy, and with sociology. parts of the agglomerate to proceed along the river in the
I mean time intended in its twofold meaning, as
material time (measured in days, months etc) and as
areas: what filter do you use to make sure this doesn’t
become ‘fashion’?
in Basle as part of the Zurich ETH course: what is This imprint on our training is the one now reflected in same way. This is a primitive, almost archaic idea, and immaterial time, or the spirit of the time. How is time We don’t use any filter, but always proceed in a very
RESEARCH your curriculum? the Basle studio, because we intend to deal with the obviously if it were realised the city would be changed at integrated into your projects and architecture? reflective way, step by step; we evolve in different
Jacques Herzog: Pierre and I are not born teachers, and sociological, communicative and philosophical levels one blow; it would become still more typical, more I believe time is something that can’t be grasped in directions though not by fits and starts. Anyone
pedagogy is not our objective: we are architects, that of each research project. specific. This is probably an instance of how we operate, a practical sense. On the contrary, now all individuals observing our projects will notice that they are all joined
is to say interested in gaining experience ourselves, in by straightforward observations and simple means. In know clearly that we are living in a period distinguished by a certain logical thread: they are not discontinuous,
learning. During our student years we were able to learn Was your own degree thesis on town planning? the past, cities were all built in this way; and I think that by the phenomenon of globalization, which has very they can be retraced to a genealogical line.
a great deal from the charisma and wisdom of Lucius Not exactly, but it did cover town planing themes: we cities in the future will also have to be based on archaic substantial effects on our world. This concerns the
Burckhardt, Dolf Schnebli and Aldo Rossi. Thanks to this studied the town planning development of Basle, and types, so that people can easily comprehend a place and relativization of national borders, the relativization of The theme of perception plays a key role in your
kind of egotistic dynamic we can continue now to pass examined it from the historical point of view naturally. find their way around in it without difficulty. space and of markets, and it influences the way cities architectural design thinking. The communication
on this knowledge to other young people. So I think our We then analysed it in terms of Rossi’s method, thus look. These effects are also one of the reasons why we achieved through your buildings enables you to
attitude is not a bad thing for the students, who are paying attention to the permanence of monuments, and This means that your method has always been the same study the town planning portrait of a city, and are establish cultural contact with the most varied types
indeed probably lucky to get something of it. We propose to type categories. Today we do not observe cities from in the last few years. interested in the way the processes of urbanization of people. Do you think perception is about real or
a form of teaching different to that normally adopted by this relatively rigid angle, since other elements exist Not the method, rather then attitude, the rejection of change in Switzerland, for example – though we might about virtual space?
guest professors in Zurich. We won’t be holding our which we believe to be essential. a priori kind of thinking. We have tried to increase our equally consider Greater London, or the industrial Ruhr, The question of perception is effectively very important
lessons in Zurich, but in Basle, in a small studio set up understanding, to bring ever more into the foreground or certain parts of Portugal. It is not like that in our work. Perception is something subjective: each
as a workshop, a research centre. Actually our aim is to You have examined problems of town planning in this phenomenological outlook: this observing and everywhere. There are places in the world that stay still, person perceives the world in a different way to that of
recreate in a reduced form the way we go about our tasks different years. Has anything changed in your perceiving attitude. Before forcing something in a formal and places that are much more dynamic. We study these another person. So what we perceive is relative: there
in our own office, since our work is geared to research, method? Do you think a town planning strategy sense, we have to see what the city looks like, and the phenomena from a town planning point of view. As far as is not one perception only, just as there is not one reality
not to style. This small-scale research centre will be is possible today? result will probably spontaneously produce the most architecture is concerned, the changing of elements is only, for reality is closely tied up with perception.
devoted to town planning, and for the next three years we We have no recipe, no ideological basis, as for example appropriate action. So we take up the dynamic of the very important to us. Time is that of light and that of the The underlying question is: “What is reality, what is the
shall be focusing our attention on Switzerland from the Rossi or the modernists had. They formulated a precise place – and do likewise with its architecture – and seasons, and it interacts with architecture. world?”. But this concerns all mankind, all men,
town-planning point of view in this age of globalization. idea of what a city should be like. When some years ago endeavour to transform it into our own dynamic, as regardless of their culture, because it has to do with their
The project is called “Switzerland, an urbanistic we did a study for the trinational agglomeration of Basle, happens in Asian combat sport. The city is generally too I seem to recall you once said that art mirrors the identity. We question ourselves about the existence of
portrait”. This means that the students – twenty in all – called “Basel, eine Stadt im Werden?”(Basle, an entrenched for anything radically in contrast with it to be spirit of our time more rapidly than architecture does; reality not only in real space but in virtual space too.
will be tackling the question of urban development, the evolving city?), we adopted a phenomenological analysis done. However this does not mean there are not is this because the artist’s sensitivity is different All of us however, today as in the past, live more
growth of cities, and the urbanization of Switzerland based on progressive observation more than on a thesis; exceptions, that there cannot be a tabula rasa – an urban to that of the architect? conspicuously in real space than in virtual space; we eat
today. Pierre and I will be taking turns every second we noted then that every city has certain tendencies, strategy that belongs to Rem Koolhaas favorites – from I simply said that artists – and philosophers, as artists in in real space and sleep in it, even though virtual reality
half-year, with Marcel Meili and Roger Diener. certain lines of development, certain specific and non- which to start again from scratch. In other words no the broad sense – are the only people who expose undoubtedly has an impact on real space.
Furthermore, professionals from other disciplines will specific places. And it was these aspects that we wanted theory, or method, actually exists. I believe, though, that themselves to the world’s issues in a totally free way.
also be teaching in our course: an urban geographer, to get to know and to understand: where is nature, where what we try to apply is kind of a tai-chi method of Artists find themselves in a totally concrete way faced The buildings for Ricola – the Laufen warehouse, the
Christian Schmid of Berne University, and a visual is topography, where is the city in its substance – the phenomenological observation, which in the future could with a blank canvas. They have to try to construct all the factory and warehouse at Mulhouse, the marketing
designer, Cornell Windlin. Our hope is that everything historic city, the new city – where are the dynamic zones produce successful results. elements by themselves: they have no client, budget or building also at Laufen – represent a sort of triptych
elaborated can be communicated in visual and textual and the ‘latent’ones which have a potential; where is the building regulations imposing restraints on them. This showing vividly what your position is in terms of
terms. The final result will need to be visible on cd-rom stillness and where is the energy? We wanted simply to And does your collaboration with artists work not only limitation, to which architects are on the other hand architectural design.Your latest accomplishment at
and on the Internet, but also on paper. This will produce understand how we could work on the existing features in the architecture but also in the town planning subject, is however also a help; it is a crutch, so to Laufen, albeit on a smaller scale, embraces all the
a wealth of images to illustrate our reflections. of a place, and how they can be enhanced. Venice, for problems? speak: architects complain, but actually they need this complexity of your major projects.
instance, is a museum-city because its town planning For our town planning studies we have worked condition, because they are unable to move around in It is of course marvellous for an architect to have
Vis-à-vis your training as students at the ETH, under idea is finished. It is therefore a city that cannot be concretely with Rémy Zaugg, who is an outstanding a free space. Artists don’t have this crutch to lean on; a continuing relationship and a constructive dialogue
Aldo Rossi, Dolf Schnebli and the other professors, changed. New York is similar, and Paris too, in its centre, artist. He is not interested only in his painting, he is also they have to fill empty space in a very forceful way with with a client, as we have it with Ricola. For each new
will your programme include the same approaches is very specific; almost nothing in it can be changed. a conceptual artist; and this conceptual approach can be their vision of the world. For this reason they produce building they did not ask us to reproduce a copy. On the
pursued during that experience, or will you be Nevertheless very few cities are actually so typical. applied to different fields. Zaugg has not worked with us ideas about the world they live in much more rapidly and contrary, they asked us to put forward newer reflections,
departing from them? Rather, every city, even a small town, has a few very using only a pencil, but by raising ever changing immediately; they are quicker, and also more radical, leaving us ample room for freedom. And we came up
At that time, with Schnebli and Rossi, we were involved small characteristics that can make it become typical. questions. These are often awkward and challenging, but than architects. Architecture has more filters, more with three completely different types of buildings that are
in the traditional method of teaching architecture and its We try to develop these elements, so that what is specific only in this way can a genuinely new point be arrived at. collaborators; it depends on numerous factors, like all, in their appearance, typical of the principal lines of
reference to projects and their design. It was the right will be made still more evident. In the case of Basle, the This is true regardless of whether you happen to be money, laws and so on; everything reaches it through development of our work. It could almost be said that the
approach then, and it helped us a lot. But it should be erecting a building, painting a picture, or designing mediated, indirect channels. But town planning and Laufen warehouse is perhaps the world’s first example of
mentioned that before Rossi and Schnebli came to the a city: it is always the same. architecture are naturally more present physically; their a type of minimalist or minimal reflection: manifested in
ETH we had attended – as was in the spirit of the time, product leaves an imprint and interacts with the
around 1968 – the lessons held by Lucius Burckhardt, environment. In that respect, they are more fascinating,
who is a sociologist. Burckhardt introduced us to other and indeed in recent years they have provided interesting
methods, that were oriented more towards different scope for artists too.
8 Intervista Interview Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Architettura Architecture 9

Fotografie di Margherita Spiluttini Photographs by Margherita Spiluttini

Herzog & de Meuron Edificio per il marketing Ricola marketing office


Ricola, Laufen, Basilea building at Laufen, Basle
Progetto: Herzog & de Meuron – Jacques Herzog, Project: Herzog & de Meuron, Jacques Herzog,
Pierre de Meuron, Harry Gugger, Christine Binswanger Pierre de Meuron, Harry Gugger, Christine Binswanger
Direzione progetto: Ivo Sollberger Project architect: Ivo Sollberger
Collaboratori: Mario Meier (consulenza costruttiva), Collaborators: Mario Meier (constructional consultancy),
Anna Wickenhauser Anna Wickenhauser
Strutture: Ingenieurbüro Helmut Pauli Structural engineering: Ingenieurbüro Helmut Pauli
Progettazione paesaggistica: Kienast Vogt Partner Landscape design: Kienast Vogt Partner
Consulenza facciata: Fa. Hirsch AG Facade consultancy: Fa. Hirsch AG

the repetitive, the abstract, the breaking-down, the clear Can you tell us something about this roof solution, about L’edificio poligonale, vetrato su tutti i lati,
structuring, but at the same time in the presentation the peculiar material that you used, and consequently è circondato dal verde che gli conferisce un carattere
of a wood-pile. As an image, I believe this was a deeply about the constant experiments conducted by your mutevole a seconda delle stagioni. All’interno della
important step in our reflections. Compared to our office on materials and on construction techniques? costruzione è ricavata una zona uffici articolata
earlier works, the warehouse looks more discrete and A novelty in this project is the synthetic tube that we used su due livelli e priva di partizioni interne, mentre
abstract. From the abstraction derived from the for the roofing. We wanted a roof that would be soft, like a il disegno degli arredi tessili fa parte del progetto
repetition of single elements we arrived at a sort of vegetal or woven layer, which is why we didn’t want steel architettonico ed è stato sviluppato in stretta
figurativeness. It is a pile of planks, yet despite this, or wooden beams but a synthetic product that could collaborazione con architetti del paesaggio e artisti.
or precisely by virtue of this, it is a warehouse. The ‘move’. We thought we could have made use of the same
second project was the factory and warehouse at flexible material as that used in athletics by pole-jumpers. The polygonal structure with its all-round glazing
Mulhouse. Here for the first time we were able to realise Since it was not a construction material we had to do a has plants climbing all over it, causing the building
the idea of the repetitive silkscreened image, an idea large number of difficult tests on breaking values and on to change its appearance with the seasons.
which we had already begun to ripen in previous years. its reaction to UVA rays. It was a laborious process. The The interior consists of an open-plan office
The image represents almost a reversal of the Laufen problem is that many of the solutions that we want to extending over two storeys. The textile design
warehouse theme. At Laufen we started from an abstract adopt in our architecture have never previously been put is part of the architectural concept, having been
image – that of layers and layers of plants – to generate into practice. Therefore long series of tests have to be developed in close co-operation with the landscape
a figurative image. Here we took the reproduction carried out by us and by the manufacturers, so that we architects and artists.
of a figurative image, a plant and, through its repetition, can safely recommend them to the building contractor.
translated it into something abstract. The third project, In this case we connected the synthetic tubes with nets,
the marketing office, is a building that measures its so that the creepers could spread and envelop them
strength more sharply with space. It started from within completely. The ‘soft’roof thus moves under the effect of
and as a body it hardly exists in space: with the the rainwater or snow load. For the glass facades of the
interrupted glass front we tried to destroy all corporeity. building we brought in two artists: Adrian Schiess, a
The broken line of its front causes the exterior space Swiss, and Rosemarie Trockel, a German. They designed
to be mirrored in the interior one, and vice versa. the curtains in different materials and colours, arranging
The people working there do not have the impression them in various strata: Schiess chose the colour range
of sitting inside a building. For this reason we also used and Trockel developed the felt stripes in an oriental mood.
plants on the roof – a sort of vegetal covering – plus These contributions integrated with each other,
cloth, and glass, and multi-layered walls. to constitute a layer that can be continually altered,
between users, architecture and garden.

Who do you work with on these tests?


In our firm we have a very experienced and skilled
constructor, Mario Maier, who has worked on several
projects in which he had to make models one by one,
and we also look each time for a partner-company. Once
again I must emphasize that a client like Ricola is ideal,
because with these smaller-scale projects they enabled
us to experiment, whilst for a large-scale operation
1
the difficulties are greater.

2 3

1 2
10 Progetti Projects Domus XXX Xxxxx Xxxxx ’95 Domus XXX Xxxxx Xxxxx ’95 Architettura Architecture 11

A pagina 8: 1, 2 Piante del piano On page 8: 1, 2 Ground and first


terreno e del primo piano. floor plans.
A pagina 9: 1 Veduta della On page 9: 1 View of roof.
copertura. Un manto vegetale A vegetal carpet consisting
costituito prevalentemente da mainly of evergreen ivy covers
edera sempreverde ricopre il tetto the roof to stress the desired
sottolineando l’intento di fusione merging of architecture
fra architettura e natura. and nature.
2 Sezione longitudinale. 2 Longitudinal section.
3 Sezione trasversale. 3 Cross-section.

1 Il fronte principale. L’edificio 1 The main front. The building


è interamente circondato is entirely surrounded
da un giardino e le vetrate by a garden and the glazed
consentono un gioco continuo walls afford a continuous play
di rimando tra spazio of references between exterior
esterno e interno. and interior space.
2, 3 Scorci dei fronti laterale 2, 3 Glimpses of the lateral
e posteriore. and rear fronts.

1 3
12 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00

Il nuovo edificio si trova al centro di un tessuto edilizio


dalle proporzioni ridotte e dall’aspetto rurale, privo di
particolari qualità architettoniche; per questo i giardini
circostanti, fitti di siepi e di alberi, creano un contesto
magnifico per un’architettura trasparente che colleghi
interno ed esterno.
Abbiamo rinunciato a un volume dall’impatto urbanisti-
co apprezzabile e disposto su più livelli in favore di un
complesso di altezza molto ridotta e di forma poligona-
le, che si ambienta nel giardino della Ricola come un
padiglione. L’intento era quello di creare un’architettu-
ra il cui aspetto esteriore e la cui geometria non fossero
riconoscibili al primo sguardo; un’architettura che gra-
zie alla facciata spezzata si frammenta in singoli ele-
menti ciascuno dei quali avvolge, riflette o cerca di
proiettare all’interno dell’edificio un particolare ambito
del giardino. La copertura fortemente aggettante costi-
tuisce una sorta di simbolo di questa strategia di fusione
tra natura e architettura: le travature di copertura sono
realizzate infatti in un materiale plastico che modifica il
proprio profilo assecondando le variazioni di tempera-
tura e di carico dovute alla pioggia e alla neve. L’intrec-
cio del manto vegetale che ricopre l’edificio si collega
con le coperture fino a formare una struttura ibrida, che
dà alla costruzione un aspetto sempre mutevole a se-
conda delle stagioni. L’edera sempreverde costituisce un
fondale vegetale perenne tra le travature del tetto, men-
tre il fogliame di altre essenze, come la vite selvatica, è
visibile soltanto nei mesi estivi permettendo di attenua-
re l’effetto della maggiore insolazione a cui sono sotto-
poste le facciate in vetro.
All’interno l’edificio è concepito come un unico am-
biente aperto e ininterrotto che ospita una grande zona
amministrativa disposta su due livelli e fortemente per-
meabile, mentre la grande scala che si trova al centro
dell’edificio svolge contemporaneamente la funzione
1 di elemento di collegamento, luogo di incontro e audi-
torium. L’edificio è chiuso lungo tutto il perimetro da
vetrate in cui sono ricavate porte scorrevoli a tutta pa-
rete; di conseguenza la delimitazione degli spazi acqui-
sta dinamicità e può essere variata secondo le neces-
sità: le cortine montate su tre guide parallele
permettono infatti agli utilizzatori di creare innumere-
voli combinazioni agendo sul colore, la trasparenza e la
2 visibilità verso l’esterno.
Al pari della definizione paesaggistica, anche il rivesti-
mento tessile dell’edificio è inseparabilmente legato al-
la sua concezione architettonica e non rappresenta sol-
tanto un elemento decorativo più o meno piacevole:
questo grazie alla stretta collaborazione avviata sin dal-
l’inizio con gli architetti del paesaggio Kienast Vogt e, per
quanto riguarda gli arredi tessili, con gli artisti Rosemarie
Trockel e Adrian Schiess. (dalla relazione di progetto)

1 Particolare costruttivo della 1 Constructional detail


copertura. Le travature sono of the roof. The beams
realizzate in un materiale are made of flexible plastic
plastico flessibile che modifica which alters their section
il proprio profilo assecondando according to the variations
le variazioni di temperatura e di of temperature and load
carico dovute a pioggia e neve. due to rain and snow.
2 e pagina a fronte: veduta 2 and facing page: view from
da est e dettaglio del fronte east and detail of the front
con l’ingresso. with entry.
14 Progetti Projects Domus 823 Febbraio February ’00

The new building sits in the midst of a small-scale and


rustic building development of no architectural quality
worthy of the name. By way of compensation, the sur-
rounding gardens with their hedges and trees provided a
wonderful environment for a transparent architecture
linking interior and exterior space.
We dispense with an imposing multi-storey volume and
decide instead on a low-level polygonal complex which
fits like a pavilion into the Ricola garden. We wanted an
architecture whose external form and geometry did not
reveal themselves at first sight, but, thanks to folds in the
facades, breaks up into individual components which
each embrace or reflect a particular place in the garden,
or manage to project it far into the building’s interior.
The markedly projecting roof can be understood as sym-
bolic of the strategy applied here, namely to fuse archi-
tecture and nature. The rafters are of a special synthetic
material which bends differentially in varying tempera-
tures and under varying weights of rain or snow. The
plants which thread their way in and out combine with
the rafters to form a natural/artificial hybrid structure,
which gives the building a changing appearance in
1
accordance with the changing seasons. The evergreen
ivy provides for a year-round basic greenery between the
rafters, while the foliage of other plants, such as Virginia
creeper for example, is only visible in the summer
months and then, in addition, helps to shade the glass
facades from excessively strong sunlight.
In the interior the building is conceived as a single,
cohesive, open space, providing a largely transparent
office landscape on two storeys. The large staircase in
the middle of the building is a linking element, a meeting
place and auditorium. The building is totally glazed all
round and equipped with a number of ceiling-high slid-
ing doors. The actual spatial boundary is thus not static,
and can be changed as required. The curtains installed
on three parallel rails allow users various possibilities in
respect of colour, transparency and view.
Like the landscape design, the textile design of the build-
ing is also inseparably linked to the architectural con-
cept, and is in no sense merely a more or less arbitrary
decorative element. This required early and close co-
operation with landscape architects Kienast Vogt and
artists Rosemarie Trockel and Adrian Schiess for the tex-
tile fittings.(from architect’s report)

2
3

1 La grande scala che domina 1 The wide stairs dominating


la hall d’ingresso svolge the entrance hall serve both
contemporaneamente la funzione as a link and as an auditorium.
di elemento di collegamento e di 2 The ground and upper floors
auditorium. are legible together thanks
2 Il piano terra e il piano superiore to the openness and
sono leggibili insieme grazie transparency of the inner
all’apertura e trasparenza dello space. The sliding curtains
spazio interno. Le tende of different colours arranged
scorrevoli di diverso colore along the glazed walls
disposte lungo le vetrate permit a wide variation
consentono di ottenere svariati of optical effects.
effetti ottici. 3 A working area glimpsed
3 Un ambiente di lavoro intravvisto through the filter of a curtain
attraverso il filtro di una tenda in felt blades.
in lamelle di feltro. Opposite: perspective view of the
Pagina a fronte: scorcio dell’interno first floor interior. The textile
al primo piano. Gli arredi tessili furnishings were designed
sono stati curati dagli artisti by artists Rosemarie Trockel
Rosemarie Trockel e Adrian Schiess. and Adrian Schiess.
16 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Architettura Architecture 17

Testo di Ruth Berktold Text by Ruth Berktold


Fotografie di Peter Mauss/Esto Photographs by Peter Mauss/Esto

Christian de Portzamparc Torre LVMH, New York LVMH tower building, New York
Progetto: Christian de Portzamparc Project: Christian de Portzamparc
Collaboratori: Bruno Durbecq, Wilfrid Bellecourt Collaborators: Bruno Durbecq, Wilfrid Bellecourt
Direzione progetto: Bruno Durbecq Project architect: Bruno Durbecq
Architetto esecutivo: Hillier Egger Group Executive architects: Hillier Egger Group
Strutture: Weiskopf & Pickworth Structural engineering: Weiskopf & Pickworth
Consulenza curtain wall: R.A. Heintges Curtain wall consultant: R.A. Heintges
Committente: LVMH Client: LVMH

2 3 4

La sede newyorchese di una celebre azienda 1 Serie di studi sulla tipologia 1 Studies of tower types.
francese che produce accessori di lusso richiedeva a torre. 2, 3 Study models.
2, 3 Modelli di studio. 4 Virtual insertion of the tower
un sito rappresentativo e un’architettura non meno 4 Inserimento virtuale della torre in its context.
sfarzosa. L’architetto parigino Christian de nel contesto. 5 The final composition was
5 Lo studio di molteplici varianti made possible by the study
Portzamparc ha creato una torre rivestita in vetro ha reso possibile la definizione of a large number of variants.
opaco simile a una corolla di petali, che nasconde compositiva finale.
il pregio dei materiali dietro un’eleganza discreta.
Mentre i vari livelli dell’edificio sono stati
parzialmente suddivisi dagli occupanti in modo da
ricavare ambienti per uffici, la forza delle idee del
progettista riaffiora nel coronamento della torre,
nell’atrio del ventiduesimo piano e nella sovrastante
sala per feste che si sviluppa su due livelli.

The New York branch of a French manufacturer


of luxury goods demands a no less luxurious
architecture and a prestige location. Paris architect
Christian de Portzamparc has created a matt-glass
tower block resembling folded petals, which 1
conceals the luxury of its materials behind a reticent
elegance. While some of the floors have been divided Christian de Portzamparc, il cui nome è legato ad archi- ha ottenuto la stessa plasticità che caratterizza solita- tramento dei pilastri di sostegno permettono di dare alla cazione tra la facciata bianca e quella verde sottolinea L’edificio sorge su un lotto stretto che ne limita forte-
up by the tenants into conventional offices, the tetture allo stesso tempo poetiche ed eleganti, ha inserito mente i suoi edifici fortemente scultorei. Il punto di par- superficie esterna della torre l’effetto di una filigrana e questo effetto e avvolge il fronte anteriore ripiegato in mente la distribuzione in pianta, fatto del resto consueto
crown of the tower, the lobby of the 22nd floor and nel tessuto edilizio di New York, con grande sensibilità tenza di questa scultura di vetro è la cosiddetta “Blue di far sì che la luce proveniente dagli spazi interni illu- una luce colorata che cambia continuamente grazie a un a Manhattan. Nonostante l’architetto abbia predisposto
the two-storey party room above it more faithfully urbanistica, una torre di ventitré piani a chiudere un vuo- room”, un basamento parzialmente interrato da cui si mini l’intero fronte senza fastidiose interruzioni dovute programma computerizzato. per il committente grandi superfici open space destinate
reflect the ideas of the architect. to che persisteva da molti anni sulla Cinquantasettesima slanciano verso l’alto lungo tutti i fronti dell’edificio, alle scansioni orizzontali in corrispondenza dei vari li- Gli interni dell’edificio contrastano fortemente con l’a- a uffici, le aziende ospiti dell’edificio hanno preferito
strada, la via dei negozi di lusso. L’edificio, che accoglie come petali di un bocciolo, due strutture completamente velli. Molti grattacieli newyorkesi sono caratterizzati da spetto esterno. Uno stretto atrio d’ingresso conduce il vi- suddividere ciascun livello in piccoli ambienti per riu-
la sede del gruppo Louis Vuitton-Moët-Hennessy e si diverse. Uno di questi ‘petali’ è rivestito di pannelli in una netta suddivisione orizzontale dei piani dovuta alla sitatore nel cuore della torre fino agli ascensori passan- nioni, conferenze e lavoro. La vera sorpresa dell’edifi-
trova all’angolo con Madison Avenue, in adiacenza alla vetro sabbiato bianco prodotti appositamente in Francia presenza di solai massicci che ospitano gli impianti tec- do di fronte a pannelli in vetro illuminati indirettamente; cio è comunque l’atrio al ventiduesimo piano, che dà ac-
torre Chanel, ospita tra l’altro alcuni produttori di artico- e rifiniti in Canada: questo trattamento permette di neu- nici, il che determina una certa pesantezza; Portzamparc la vista dell’atrio e degli ascensori permette un primo cesso all’ambiente che costituisce la ‘corona’ della torre
li e accessori di lusso come Christian Dior e Guerlain. Si tralizzare i riflessi bruni della torre IBM che sorge di sottolinea invece lo slancio verticale del suo edificio ri- contatto ravvicinato con i materiali pregiati impiegati al- e da cui si gode un ampio panorama della città, esteso fi-
tratta certamente di uno degli incarichi più importanti af- fronte alla LVMH Tower. correndo a una serie di piccole facce di vetro illuminate l’interno dell’edificio: le pavimentazioni sono infatti in no al fiume Hudson a ovest e all’anello per il pattinag-
fidati a un architetto europeo a New York dai tempi del Il rivestimento esterno dei fronti rimanenti consiste in che sembrano avanzare e arretrare incessantemente e a calcare indiano arancio-bruno, mentre il rivestimento gio del Central Park a nord-ovest. La sala per eventi su
Seagram Building. elementi di vetro isolante di colore verde che lasciano giochi di luce che variano di continuo. delle pareti è in ottone, vetro e legno. Questi materiali due livelli situata al ventitreesimo piano, infine, signifi-
Il progettista ha rinunciato al cemento, il materiale che trasparire i solai sospesi, più sottili in corrispondenza Una serie di tubi al neon blu e rossi che corrono in verti- preziosi si ritrovano in tutti gli interni dell’edificio, in- cativamente battezzata “Magic Room”, è completamen-
predilige, ma impiegando vetro sabbiato verde e bianco della facciata. Il trattamento speciale dei solai e l’arre- cale parallelamente al lato interno della linea di demar- clusi gli ambienti di servizio. te vetrata e provvista di frangisole: questo ambiente of-
5
18 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00

1 Planivolumetrico. La torre 1 Site plan and volume.


sorge su uno stretto lotto The tower rises on a narrow
e chiude un vuoto che site and closes what had
persisteva da molti anni sulla for many years been an empty
Cinquantasettesima Strada space on New York’s
di New York. 57th Street.
2, 3 Due scorci del fronte su 2, 3 Two perspective views
strada. Per il rivestimento of the street front. For the
di facciata l’architetto ha usato facing the architect has used
uno speciale vetro sabbiato a special white sandblasted
bianco – che neutralizza glass – that neutralizesthe
i riflessi bruni dell’edificio dark reflections of the building
prospiciente – e un vetro opposite – and a green
isolante verde che lascia insulating glass through
trasparire i solai sospesi. which the suspended floor
4 Veduta notturna. L’arretramento slabs can be glimpsed.
dei pilastri di sostegno permette 4 View by night. The recessed
di ottenere un effetto filigrana support pillars give the facade
sulla facciata. a filigree effect.
Pagina a fronte: particolare Opposite: detail of the tower
del coronamento della torre. coping. Located in a two-level
All’ultimo piano, in uno spazio space on the top storey
a doppio livello, è collocata is the Magic Room, used for
la Magic Room, una sala per special events.
eventi speciali .
1

fre su tre lati una vista magnifica su New York mentre la superfici alle sfaccettature che le rendono simili a cri- blasted glass, which, however, generates the same plas-
quarta parete, priva di finestre, ospita una piccola loggia stalli, ha realizzato un edificio che si potrebbe quasi de- ticity otherwise associated with his highly sculptural
sopraelevata raggiungibile attraverso una scala autopor- finire un esempio di gotico contemporaneo. Anche se il concrete buildings. The starting point for his glass sculp-
tante. La Magic Room può essere trasformata o ridefini- trattamento dei fronti scelto da Portzamparc ha essen- ture is the so-called “Blue Room”, a sunken pedestal
ta a seconda dei desideri degli utilizzatori: lo stilista zialmente ragioni pratiche, come quella di evitare la ri- from which two different facade components emerge
John Galliano per esempio, che vi ha ambientato una fe- flessione dovuta alle rientranze e la rifrazione della luce sideways and upwards like petals from a bud. One of
sta in concomitanza con l’inaugurazione della filiale generata dal vetro sabbiato opaco, questo edificio rientra these ‘petals’ has been clad in white sandblasted glass
newyorkese della sua casa di moda, ha fatto moltiplicare certamente nel novero dei grattacieli più importanti di flown in specially from France and processed in Canada
il numero di livelli per dare più risalto all’allestimento New York e riflette – prima realizzazione di questo ge- to ensure that there were absolutely no reflections of the
sfarzoso delle sue sfilate. nere – le correnti architettoniche contemporanee. brown IBM tower opposite.
Portzamparc si è confrontato in maniera intelligente con The remaining outer skin consists of greenish insulating
la scarsa disponibilità di superfici edificabili che carat- Christian de Portzamparc, whose name is widely linked glass through which the hung ceilings, which grow
terizza la metropoli americana, redigendo numerose ver- with poetic and at the same time elegant architecture, thinner towards the facade, can be indistinctly discerned.
sioni di progetto per adeguarsi in maniera ottimale ai re- has inserted a 23-storey tower block into the existing The special treatment of the ceilings and the set-back
golamenti vigenti a Manhattan in materia di altezze e urban complex with great sensitivity, and thereby closed supports give the tower a filigree look; the interior light
volumi. Le prime versioni prevedevano infatti diversi a gap which had for many years disfigured New York’s illuminates the whole front without interruption by
corpi di fabbrica che si contrapponevano in modo ironi- top retail address, 57th Street. The building now houses broad and intrusive horizontal elements.
co, rispondendo così all’arretramento dei fronti richiesto the headquarters of the Louis Vuitton-Moët-Hennessy Many New York skyscrapers are characterized by their
dalla normativa. Certamente per quanto riguarda le zone Group and is immediately adjacent to the Chanel Tower broad horizontal divisions, which, as a result of massive
a uffici il progettista non poteva imporre una pianta to- on the corner of Madison Avenue. Among the tenants are hung ceilings that conceal all the technology, cannot
talmente libera; tuttavia a coronamento dell’edificio è such manufacturers of luxury goods as Christian Dior, escape from the charge of a certain heaviness. Portzam-
riuscito a realizzare un ambiente multifunzionale di Guerlain and others. This is certainly one of the most parc by contrast uses flowing light effects and illuminat-
grande interesse, che costituisce una sorta di luce sulla important New York commissions to be given to a Euro- ed glass facets, which seem to lean backwards and for-
città, e a dare alla torre un aspetto esterno piacevole. Ri- pean since the Seagram Building. wards, to emphasize the vertical elements of his building.
correndo a un trattamento pregiato dei materiali e a for- The architect has dispensed with his preferred building This effect is underlined still further by blue and red flu-
me insolite e affascinanti, dalle variazioni di piano delle material, concrete, in favour of green and white sand- orescent tubes which lead vertically along the inside of

2 3 4
20 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Architettura Architecture 21

the transition from the white to the green facade and


bathe the folded front in changing coloured light con-
trolled by a computer program.
The interior is in strong contrast to the exterior appear-
ance. A narrow entrance hall draws the visitor deep into
the building, past indirectly lit glass panels to the elev-
ators. The lobby and elevators convey a first impression
of the expensive materials which were used in this build-
ing. The floor is paved with orange-brown Indian lime-
stone; the wall-cladding consists of brass, glass and
wooden elements. These upmarket materials are found
throughout the interior of the whole building including
the decor of the ancillary rooms.
The building stands on one of Manhattan’s typical
cramped plots which place narrow restrictions on the
organization of the ground-plan. Although the architect
proposed open-plan offices to the client, the tenants pre-
ferred the office accommodation divided up into small 4 5 6
reception rooms, conference rooms and offices.
The surprise comes with the lobby on the 22nd floor, 7
which leads to the ‘crown’ of the building. From here, a
broad view opens up to the Hudson River in the west
and the ice-rink in Central Park to the north-west. The
two-storey party room on the 23rd floor – tellingly
named the “Magic Room” – is glazed ceiling-high on
1 three sides and provided with protection from the sun.
On these three sides, the room provides attractive views
over the city. On the windowless fourth wall there is a
small elliptical gallery which can be reached via a free-
standing staircase. This room can be re-arranged
according to the wishes of the host. Fashion designer
John Galliano, who used the premises to throw a party
on the occasion of the opening of his new branch in
New York, had a number of levels built in to lend more
charm to his opulent fashion shows.
Portzamparc has given intelligent consideration to the
usual New York problem of too little space. It cost him
many design attempts before he could get anywhere near
to complying with Manhattan’s regulations concerning
height and volume. The first drafts played with various
structures placed one upon the other in playful fashion,
thus fulfilling the building regulations demanding “set-
back” facades.
While he was unable to get his way over open-plan
offices, he did succeed in creating an attractive multi-
functional space as a crown on the building like a lamp
in the city, and thus give the tower an attractive external
appearance. Using expensively worked material and fas-
cinating unusual shapes, such as folds or crystal-like
indentations, he has created a tower block that could
2
almost be described as contemporary Gothic. Even
though the background to Christian de Portzamparc’s
concept for the facade is chiefly pragmatic in origin –
witness the avoidance of reflection by the use of folds
and sandblasted matt glass, yet this building must rank
among the more important of New York’s tall buildings,
and is the first building of this kind to reflect contem-
porary architectural trends.

1-3 Piante del piano terra, 1-3 Plans of the ground floor,
del diciottesimo e del the eighteenth and the twenty-
ventiduesimo piano. second floors.
4-6 La Magic Room allestita 4-6 The Magic Room prepared
3 per una manifestazione. for an occasion.
7 La Magic Room, interamente 7 The Magic Room, entirely
vetrata su tre lati, offre una glazed on three sides, affords
0 2,5 5 splendida vista su New York a splendid view of New York
MT (foto Nicolas Borel). (photo Nicolas Borel).
22 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Architettura Architecture 23

1 Planimetria. 1 Site plan.


Testo di András Ferkai Text by András Ferkai 2, 4 Due vedute del complesso 2, 4 Two views of the complex
Fotografie di László Lelkes Photographs by László Lelkes dalla campagna circostante. from the surrounding
Costruito sul sito di un mulino countryside. Built on the site
ad acqua settecentesco, il of an 18th century water-mill,
centro sorge fuori dalla cerchia the centre is situated outside
Tamás Karácsony Centro di riabilitazione Rehabilitation centre del villaggio di Perbál, a una
trentina di chilometri a nord-est
the circle of Perbál village,
some thirty kilometres north-
di Budapest. L’obiettivo è stato east of Budapest. The aim was
Péter Janesch per giovani disabili, for disabled young people quello di creare, per i ragazzi to create, for the handicapped
handicappati e per il personale young people and for the staff
Perbál, Ungheria at Perbál, Hungary che li segue, un luogo dove
vivere e lavorare a contatto
attending them, a place
where they can live and work
con la natura. in contact with nature.
3 Vista aerea del complesso 3 Aerial view of the complex
Progetto: Tamás Karácsony, Péter Janesch Project: Tamás Karácsony, Péter Janesch
(foto Zsolt Wanger). (photo Zsolt Wanger).

Questa casa per bambini disabili, situata a nord-


ovest di Budapest, segue un principio innovatore
secondo cui i piccoli ospiti devono crescere in una
sorta di fattoria, circondati da un paesaggio
piacevole, in mezzo a piante e animali e a stretto
contatto con le persone che li assistono. Il complesso
formato da case d’abitazione, corti ed edifici di
servizio, tra cui le stalle, è sorto gradualmente
a seconda della disponibilità dei finanziamenti
e costituisce un luogo piacevole che, in maniera
analoga a un villaggio tradizionale, risalta
nettamente nella vastità del paesaggio ungherese.

This home for handicapped children, to the north-


west of Budapest, follows a reform concept
according to which the children live together
with their carers on a kind of farm in attractive
countryside surrounded by plants and animals.
The ensemble of residential houses, courtyards
and utility buildings (and also the stables), added
by and by as funds become available, together
form a pleasant place, which, like a traditional
village, keeps at bay the broad expanses
of the Hungarian countryside.

1 ex mulino, ora direzione 1 the ex-mill, now the


e laboratorio management’s office
2 edificio comunitario 1 and workshop
3 edificio comunitario 2 2 community building 1
4 abitazione custode 3 community building 2
5 negozio 4 caretaker’s house
6 affumicatoio 5 shop
7 stalla 6 ham curing room
8 porcile 7 stable
9 deposito mais 8 pigsty
10 cantina 9 maize storage
10 10 cellar

9
8 2

La sistemazione adeguata di persone fisicamente disa- gestito fin dall’inizio da una fondazione privata. Perbál, centrale dei fondatori era di sistemare i piccoli e il per- gioco all’aperto, mentre lo spiazzo nel cortile sarà co-
bili e mentalmente ritardate è un problema a lungo di- un villaggio con una popolazione di circa duemila abi- sonale che ne ha cura in una specie di fattoria dove fos- perto da una tensostruttura. Il gruppo degli edifici resi-
battuto. L’atteggiamento tradizionale tendeva a classifi- tanti, sorge a una trentina di chilometri a nord-ovest di sero vicini alla natura e dove coltivare piante e allevare denziali che crea un cortile ben protetto assomiglia a
4
5 care questo gruppo di persone nelle stesse categorie dei Budapest. Un tempo pittoresco paesino sulle pendici animali fosse al tempo stesso un’avventura e un mezzo quello di una fattoria tradizionale, in Ungheria o altro-
criminali e dei lunatici, e si proponeva quindi di sepa- delle alture transdanubiane, conserva ancora qualche di autosussistenza. D’altro canto il centro è d’aiuto al ve, dove il complesso ritaglia uno spazio cintato e quin-
1
3 rarlo dalla parte sana della società e trattarlo nel modo traccia di atmosfera mediterranea. villaggio perché recluta il proprio personale per la mag- di vivibile nell’ambiente circostante sconfinato. Intimo
6
che Foucault descriveva come “sorvegliare e punire”. Perbál, a partire dagli anni Settanta, si è gradatamente gior parte tra i residenti, mentre i paesani disoccupati ma non opprimente, questo microcosmo appare ideale
2
Le residenze per i disabili perciò erano sbarrate come trasformato in uno stanziamento urbano eclettico, sem- tessono tappeti con i telai della sede della comunità. per la comunità dei disabili e testimonia una profonda
prigioni o nel caso migliore assomigliavano a ospedali pre più abitato da pendolari. Il solo momento architet- Gli edifici residenziali e quelli agricoli sono stati co- comprensione del luogo, nel senso in cui Christian Nor-
o ospizi sovraffollati. Nei Paesi dell’ex Blocco orienta- tonico in questa evoluzione è una vasta edificazione di struiti a partire dal 1993, a mano a mano che venivano berg-Schulz indica il fondamento dell’architettura,
le si era soliti ospitare orfani, anziani e disabili in resi- case a terrazza del 1972-76 (architetto Tamás Maros), raccolti fondi. Innanzitutto il sito venne racchiuso da un principalmente sulla base delle riflessioni di Heidegger
denze di campagna confiscate all’aristocrazia, classe importante come esperimento tipologico e, per qualche muro di pietre e mattoni, poi venne eretta la sede della sulla “dimora poetica”. Mentre gli edifici della fattoria
sociale condannata a morte dal comunismo. misteriosa ragione, affine al centro di riabilitazione col- comunità sulle rovine del mulino. L’alloggio a L per i sono fortemente debitori dell’architettura vernacolare
La pratica di realizzare delle specie di riserve per que- locato all’estremità opposta dell’insediamento. Que- primi dieci-quindici bambini e per chi li assiste fu ag- dell’Europa orientale e della tipologia della casa “di fa-
ste persone si interruppe con il declino del regime, st’ultimo è stato costruito sul sito di un mulino ad ac- giunto in seguito, insieme con gli alloggi del personale miglia”, con pareti trasversali e corridoi longitudinali
quando nuove organizzazioni caritative, private o eccle- qua settecentesco, fuori dalla cerchia del villaggio. e alcuni edifici agricoli (stalla, fienile, porcile), distri- su un lato al piano terreno e sull’altro al primo piano,
siastiche, entrarono in campo e introdussero nuove for- Nettamente separato per quanto non estraneo alla popo- buiti sul pendio esterno al muro. Di recente è stato forse derivati dalle fattorie dell’Italia settentrionale, la
me di intervento sociale. Una di queste è rappresentata lazione locale, ospita una piccola comunità di giovani completato l’alloggio della seconda ‘famiglia’. Resta forma delle abitazioni e ancor di più i loro materiali e la
1 dal centro di riabilitazione di Perbál, fondato nel 1993 e 3 disadattati in un piacevole scenario naturale. L’idea da realizzare una voliera, va completato un campo di loro struttura non hanno nulla a che fare con il vernaco-
24 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Architettura Architecture 25

1-4 Prospetto nord, pianta del 9 Scorcio del fronte posteriore. 1-4 North elevation, ground floor front. The use of rough
piano terra, prospetto ovest L’impiego di materiali grezzi come plan, west and east elevations materials such as bare
e prospetto est dell'edificio il calcestruzzo a vista, i pannelli of community building 2. concrete, non-finished Durisol
comunitario 2. di Durisol non rifiniti e i mattoni a 5, 6 The corridor leading to the panels and unfaced brick was
5, 6 Il corridoio di distribuzione vista, oltre che per ragioni formali, common rooms on the ground favoured not only for reasons
agli ambienti comuni del piano è stato privilegiato per stimolare floor, and the upstairs railed of form but to stimulate the
terra e il ballatoio al piano la tattilità nei ragazzi. balcony (photos László young people’s sense of touch.
superiore (foto László Lugosi 10 Particolare del portico. Lugosi Lugo). 10 Detail of the portico.
Lugo). Le grandi vetrate inducono 7, 8 Views of the building from The wide windows foster
7, 8 Vedute dell’edificio all’osservazione e favoriscono the courtyard. observation and perception
dalla corte. la percezione del paesaggio. 9 Perspective view of the rear of the landscape.

1
7 8 9

10
lo rurale. L’uso generale di materiali grezzi come il
mattone non intonacato, il calcestruzzo a vista, i pan-
nelli di Durisol non rifiniti all’esterno e le tavole di
OSB all’interno – soluzione mai vista nell’architettura
residenziale ungherese – mette piuttosto in rapporto
quest’opera con recenti tendenze minimaliste svizzere
e britanniche, che intendono riportare l’architettura a
percezioni elementari.
Ma è corretto costruire per persone mentalmente ritar-
date con materiali grezzi e stimoli minimi? Sarebbe
fuorviante, credo, concentrare l’attenzione esclusiva-
mente sugli edifici. La maggior parte degli stimoli vie-
ne infatti dal paesaggio, dai campi e dalle stalle, oltre
2
che dagli altri bambini. Si possono citare le vetrate su
0 2,5 5 entrambi i lati della sala di soggiorno, attraverso le
MT quali le impressioni dell’esterno entrano nella stanza; e
poi lo spazio esterno e il portico che dà a ovest, il cui
effetto benefico può essere goduto anche dai disabili.
E, per tornare alla domanda iniziale, i materiali grezzi
dopo tutto stimolano il senso del tatto. Chissà che que-
sti ragazzi non possano vivere meglio ciò che si inten-
de per istinti fondamentali e subconscio. Nella riduzio-
ne non c’è nulla di sbagliato, se non è fine a se stessa.
3
In questo caso gli architetti hanno adottato soluzioni
semplici ed economiche perché dovevano tener conto
di fondi limitati. Ma non è l’unica ragione delle loro
scelte. È un fatto indicativo della loro serietà e del loro
impegno in direzione di quel linguaggio architettonico
ridotto agli effetti essenziali di cui Péter Janesch scri-
veva in un saggio del 1988: “Un atteggiamento vera-
mente serio consiste nel considerare che l’arte è un
‘mezzo’ per arrivare a qualcosa che sta oltre, che può
essere raggiunto solo rinunciando all’arte. [...] Rilke ri-
tiene che sia possibile superare l’alienazione della co-
4 scienza senza lasciarsi alle spalle interamente il lin-
guaggio. Basta restringere continuamente il territorio e
l’uso del linguaggio. L’ingannevolmente semplice atto
del nominare richiede una immensa preparazione intel-
lettuale (il contrario dell’alienazione), oltre che la puri-
ficazione, l’affinamento e la concentrazione dei sensi”.
La modestia discreta della ristrutturazione del centro di
Perbál è il risultato di tale concentrazione.
Solo un simile linguaggio architettonico succinto può
offrire ai bambini disadattati una dimora tranquilla e
gradevole e ai loro genitori un ambiente di dignità e di
sostegno. I primi paiono trovarsi assai bene, i secondi
sono molto soddisfatti di constatarlo e quindi apprez-
zano il lavoro degli architetti e dei capimastri venuti
dalla Transilvania. Per quanto ‘fredda’ possa sembrare
questa architettura, essa è calda e umana, ma non nel
senso banale della parola.

The appropriate accommodation of physically disabled


and mentally retarded people has been a long-dis-
cussed problem. The traditional attitude tended to class
this group of people under the same categories as crim-
inals and lunatics, hence with intent to sever them from
5 6 the healthy part of society and treat them in the way
26 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Architettura Architecture 27

1 Prospetto sud dell'ex mulino 6 Il complesso visto da sud-ovest. Il 1 South elevation of the ex-mill west. The group of buildings
(ora sede della direzione gruppo degli edifici crea un cortile (now housing the director’s creates a protected courtyard
e del laboratorio del centro) protetto simile a quelli delle office and the centre’s workshop) similar to those of traditional
e dell’edificio comunitario 1. fattorie tradizionali ungheresi. and of community building 1. Hungarian farmhouses.
2 Sezione trasversale dell'edificio 7, 8 L’ingresso alla corte centrale 2 Cross-section of community 7, 8 The entrance to the central
comunitario 1. e il fronte ovest dell’edificio building 1. courtyard and the west front
3, 4 Piante del piano terra e del comunitario 1. Questo corpo 3, 4 Plans of the ground and first of community building 1.
primo piano dell’unità a L. ospita alloggi per circa quindici floors of the L-shaped unit. This part of the building
5 Vista di una sala per il gioco ragazzi. 5 View of a playroom with contains accommodation for
con vetrate su entrambi i lati. 9 Dettaglio della copertura. glazing on both sides. about fifteen young people.
6 The complex seen from south- 9 Detail of the roof.

described by Foucault as “surveiller et punir”. Homes


for disabled people, therefore, had been fenced off like
2 prisons or at best resembled overcrowded hospitals or
hostels. In the republics of the former Soviet communist
bloc, it was quite usual to house orphans, the elderly
and the disabled in country mansions that had been
confiscated from the nobility, a social class condemned
to death by communists.
The practice of allocating a sort of reserve to these
people was broken with the decline of the regime, when
new charity organizations, both private and ecclesias-
tic, entered the field and introduced new forms of
social care. One of these is the Perbál rehabilitation
centre, which was established in 1993 and has since
been run by a private foundation.
Perbál, a village with a population of about 2000, lies
about 20 miles north-west of Budapest. Once a pic-
turesque spot on the slopes of the Danube basin, with a
lingering Mediterranean atmosphere from the 1970s,
Perbál gradually turned into an eclectic suburban set-
tlement increasingly inhabited by commuters. The only
architectural feature of this progress is a large group of
terraced houses built in 1972-76 (architect Tamás
Maros), which is important as an experiment in type
and, in some mysterious way, akin to the rehabilitation
centre situated at the opposite end of the settlement.
This last was built on the site of an 18th century water
3 mill, beyond the village boundary. In this centre, set in
a beautiful landscape, clearly separated though not cut
off from the local population, lives a tiny community of
0 5 10 young disabled people. The basic idea of the founders
MT was to settle children and their attendants in a sort of
farmstead, close to nature, where growing plants and
breeding animals is both an adventure and a liveli-
hood. On the other hand, the centre helps the village by
recruiting assistant staff mostly from its residents, and
unemployed villagers can weave rugs on looms at the
community house.
The living quarters and agricultural buildings were
gradually constructed from 1993, as funds were raised. 6
First, the site was enclosed by a mixed stone-brick
wall, then the community building was erected on the
ruins of the mill. The L-shaped home for the first 10-15
children and their helpers followed, together with the
caretaker’s house and farm buildings (stable, barn,
pigsty), the latter being scattered across the slope out-
side the wall. The second ’family’ home has recently
been finished. An aviary is still to come, open-air play-
grounds have to be completed, and the platform in the
courtyard will be covered by a tent-like structure. The
group of residential buildings, which creates a well-
protected courtyard, resembles traditional farmsteads,
both in and outside Hungary, where the compound cuts
out an enclosed and thus liveable place from its infinite
natural surroundings. Intimate but not confining, this
4
microcosm seems ideal for the disabled community,
and shows a deep understanding of place, in the sense
intended by Christian Norberg-Schulz as the basis of 7 8 9
28 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00

1 La sommità del porcile vista 3-6 Prospetto sud, pianta, 1 The top of the pigsty seen from 3-6 South elevation, plan, section
dal muro di cinta. sezione e prospetto ovest the enclosing wall. and west elevation of the pigsty.
2 Il porcile. Gli edifici agricoli – del porcile. 2 The pigsty. The farm buildings 7-9 Detailed views of
stalla, granaio e porcile – 7-9 Vedute di dettaglio dei – stable, barn and pigsty – communications within the
completano il programma del percorsi interni al complesso complete the programme for complex (photos 7 and 8
centro che prevede di coltivare (foto 7 e 8 László Lugosi Lugo). the centre which plans to grow László Lugosi Lugo).
piante e allevare animali plants and to breed animals
(foto Péter Klobusovszky). (photo Péter Klobusovszky).

1 7 8

9
architecture, largely relying on Heidegger’s thoughts
about “poetically dwelling”.
While the farm buildings owe much to East European
vernacular and to typical ’family’ homes, with trans-
versal walls and longitudinal corridors at one side on
the ground-floor and the other on the first floor, and
might be derived from North-Italian farmhouses, the
very forms of the home-buildings and even more so
their materials and structures have nothing to do with
agrarian vernacular. Instead, the extensive use of
rough materials such as unplastered brickwork,
exposed concrete, plain Durisol panels outside and
OSB boards inside, a feature hardly seen in Hungarian
domestic architecture, relates this work to some of the
recent minimalist tendencies in Switzerland and
Britain which seek to bring architecture back to ele-
mental sensations. But is it proper to build for mental-
ly retarded people with plain materials and minimum
stimuli? It would be misleading, I think, to focus on the
buildings exclusively. For most of the stimuli come from
the landscape, the fields and the animal farm as well as
from other children. To these can be added the glass
2 screens on both sides of the living room, through which
outside impressions enter; and the positive outdoor
space and west-facing porch, the beneficial effects of
which can be enjoyed even by the disabled. And to
return to the original question, rough materials do
after all stimulate the sense of touch.
Heaven knows whether these youngsters cannot feel
better what is meant for basic instincts and the subcon-
3 scious. Nothing is wrong with reduction, if it is not an
end in itself. In this case, the architects chose simple
and cheap solutions because they had to consider a
low budget, but this was not their only reason.
Showing their seriousness and commitment to an
architectural language reduced to essential effects,
Péter Janesch wrote in a 1988 essay: “The truly seri-
ous attitude considers art to be a ’means’ to something
beyond it, which may be reached by giving up art itself.
[…]Rilke believes it is possible to overcome the alien-
ation of consciousness without leaving language com-
pletely behind. It is sufficient to restrict the territory
and use of language relentlessly. The misleadingly sim-
ple act of denomination calls for immense intellectual
preparation (the opposite of alienation), no less than
the purification and concentrated sharpening of sens-
4 es”. The unaffected modesty of the Perbál rehabilita-
tion centre is the outcome of a similar concentration.
Only a succinct architectural language of this kind can
provide disabled children with a quiet and cosy home
and their parents and relatives with an atmosphere of
dignity and solace.
The former apparently feel quite well, while the latter
are very pleased to see that they do, and thus appreci-
ate the work of the architects as well as that of the mas-
ter masons who came from Transylvania. However
‘cool’ this architecture may seem, it is warm and
5 6
humane, though not in the banal sense of the word.
30 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Architettura Architecture 31

1 lotto 1
Testo di Silvia Milesi Text by Silvia Milesi 2 lotto 4
Fotografie di Alberto Muciaccia Photographs by Alberto Muciaccia 3 lotto 6
4 lotto 8

1 lot 1
Mauro Galantino Insediamento residenziale Housing estate at Ugnano 2 lot 4
3 lot 6
4 lot 8
a Ugnano Mantignano, Firenze Mantignano, Florence
Progetto urbano: Mauro Galantino, Andrea Santini Urban project: Mauro Galantino, Andrea Santini 1 2 3
4
Progetto architettonico esecutivo lotti 1, 4, 6, 8: Architectural master design of lots 1, 4, 6, 8:
Mauro Galantino Mauro Galantino
Collaboratori: Roberto Bertossi, Alessandra Mancini, Collaborators: Roberto Bertossi, Alessandra Mancini,
Marco Mazzucchelli, Anna Penco Marco Mazzucchelli, Anna Penco
Direzione lavori: Marco Jaff con Andrea Martini Work management: Marco Jaff with Andrea Martini
Strutture: Alberto Cecchi con Ciro Paradisi Structural engineering: Alberto Cecchi with Ciro Paradisi
Impianti: Ginko Perone Systems: Ginko Perone
Committente: Cooperativa UNICA Client: Cooperativa UNICA
1

A Ugnano Mantignano, a ovest di Firenze, Galantino L’attacco a terra e la chiara definizione della quota di ri-
ha progettato e realizzato un quartiere che riassume ferimento sono nei progetti di Mauro Galantino questione
una serie di prescrizioni trasformandola in cruciale. L’atto fondativo del tracciare riconosce alla su-
un’architettura urbana di grande interesse. Gli edifici perficie del territorio uno spessore vero e proprio, di cui
residenziali si elevano a partire da una quota di due l’attacco al suolo vuole stabilire la misura. Secondo l’idea
metri sopra il piano di campagna, sottoposto alla di André Corboz del “territorio come palinsesto” in cui le
minaccia delle alluvioni, mentre i percorsi pedonali scritture sovrapposte svelano una dimensione temporale o
che li servono sono disposti un metro più in basso. storica ancora prima che geografica, questo spessore è
Un impianto a blocchi che rappresenta per Galantino materiale di progetto. Così a Ugnano Man-
intenzionalmente un’estensione della città storica tignano, nella piana fiorentina, vengono contemporanea-
dà vita così a strade, percorsi e piazze, cioè a spazi mente metabolizzati in tracce storiche sia i segni fisici an-
pubblici dotati di una funzione sociale, un aspetto cora tangibili della centuriatio romana, sia le linee
trascurato dai moderni. La struttura interna è basata incongrue di una parcellazione tracciata dal Piano secon-
su un modulo di 5,5 metri, che permette di ricavare do i confini di proprietà, sia la norma della quota di sicu-
undici diverse tipologie di alloggi con una superficie rezza di due metri più alta della quota della campagna,
compresa tra 48 e 115 metri quadrati. stabilita per le nuove abitazioni dopo l’alluvione del 1966.
Il progetto trova l’avvio sicuro nella normativa e di questa
To the west of Florence, in Ugnano Mantignano, riesce a fare una ragione architettonica: un percorso pedo-
Galantino has planned and implemented a nale posto a una quota di un metro più alta rispetto a quel-
neighbourhood which sublimates a whole series la della strada, a cui si raccorda con minimi movimenti di
of regulations and transforms them into magnificent terra, dimezza la misura di sicurezza tra la quota naturale
urban architecture. The residential buildings lift e il primo piano di calpestio degli alloggi e segna la diffe-
themselves two metres above the flood-endangered renza tra il vecchio e il nuovo. Nuovo che si dispone sulla
terrain, while the footpaths are placed at a height lottizzazione con orientamenti molteplici e quasi obbliga-
of one metre between them. The block structure, ti e che si apre – grazie alla sezione dell’attacco a terra –
borrowing from the historic urban design-plan, su questa ‘infrastruttura’ pedonale piantumata. Libero da
gives rise to streets, paths and squares – valuable ossessioni per la geometria e gli allineamenti, questo per-
public spaces, whose importance was neglected corso si snoda inseguendo una sequenza di prospettive
by the architects of the Modern Movement. che portano via via a scoprire altri spazi pubblici (la piaz-
The internal structure follows a 5.50 grid pattern, za commerciale, il giardino del ‘crescent’ o il bordo di al-
which allows for eleven different sizes beri che accompagna le teorie dei parcheggi poste al pia-
of apartment from 48 to 115 square metres. no della strada); lo stesso percorso sembra aprire delle
brecce nel costruito per abbracciare altre digressioni spa-
ziali (i giardini privati delle abitazioni o quelli condomi-
niali percepibili dalla piazza commerciale attraverso le ve-
trine dei negozi o il giardino dei parcheggi rivolto al
borgo) che si concludono, parzialmente, nelle discese ver-
so il piano ‘storico’ del borgo e della campagna o, defini-
tivamente, nelle impasse del giardino/dancing o del recin-
to delle bocce dietro il centro sociale. Nell’urbanizzazione
senza isolati lo spazio pubblico è sospinto nei meandri de-
gli edifici fino alle parti di lotto privato piantumate per es-
sere fondali aperti dello spazio collettivo e al contempo
schermare gli sguardi dall’esterno nella salvaguardia della
privacy. Gli spazi pubblici maggiori sono caratterizzati da
sedute esterne inglobate nella sezione dei basamenti “per-
ché le facciate tiepide si contemplano con la schiena, stan-
do seduti ai loro piedi”. In questo brano di città in cui, co-
me ci ha insegnato il Moderno, lo spazio pubblico vale
almeno quanto quello del privato, si ritrovano alcuni sug-
gerimenti d’uso e di misura che la storia ha saputo conser-
1 Planimetria. Nel progetto 1 Site plan. Emerging from the
emerge come traccia storica project emerges as a historical vare a Firenze, come l’adattamento dalla strada medievale
il segno ancora tangibile trace are the still tangible signs al découpage dei lotti o le logge delle piazze civiche poste
della centuriatio romana. of a centuriatio romana.
2 Lotto 1: il percorso pubblico 2 Lot 1: the public way through
a cerniera tra configurazioni spaziali diverse. Per Galanti-
tra i giardini privati. Il percorso the private gardens. The no: “Era importante non perdere una Firenze astratta e
pedonale è più alto di un metro pedestrian way is one metre concreta che ritrovo ovunque, anche lontano, riflessa nel
rispetto al piano stradale, above the road level, and the
il primo piano di calpestio first floor of the apartments modo in cui una specchiatura di intonaco non è più la stes-
degli alloggi di due metri. is two metres above. sa dopo il Beato Angelico, dove l’armonia non può pre- 2
32 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Architettura Architecture 33

scindere dalla inquadratura della dorsale di una collina [...]


Una città fatta di frammenti in cui l’originale e la copia pit-
torica si sovrappongono fino a non distinguersi”.
Già negli schizzi di progetto l’architetto riesce a dribbla-
re il tempo unendo alla prefigurazione la descrizione
analitica di luoghi di là da venire, con un controllo della
misura che il disegno tecnico conferma e che la ‘prova’
del costruito ribadisce come se la distanza tra l’ideazio-
ne e la sua realizzazione non esistesse e gli schizzi fos-
sero una copia dell’opera. Architettura visionaria?
Tutt’altro, perché questa riconosce solo al caso capacità
1 generative escludendo le ragioni della necessità. Neces-
sità che per Galantino, come si diceva, è quella di svela-
re con il nuovo anche quelle “preesistenze ambientali”
opacizzate dalla cattiva consuetudine collettiva all’oblio.
Così la necessità di guadagnare la maggiore superficie
muraria, unita, bianca, d’intonaco nasce dalla raggiunta
‘equivalenza’ dei fronti della città moderna senza isolati, 4
senza facciate interne e facciate esterne. Solo il ritmo
cambia: verso la campagna e le parti nuove un piano, un
nastro continuo “come da un secolo si fanno le case”;
verso il borgo volumi scanditi, come appaiono le case di
Ugnano Mantignano, sotto le inclinate dei tetti a falda. Il
commercio, che in questa regione la tradizione del buon
senso vorrebbe protetto da un loggiato, è qui messo a di-
stanza da un ricetto che protegge dal sole contempora-
neamente i negozi e gli androni.
Si legge in questa capacità di configurare le singoli parti
e di dare un ordine preciso ai rapporti che fra queste si
stabiliscono quasi una volontà di regolare i modi di abita-
re “per una cultura della convivenza civile” come nei 5 6
quartieri eroici del Movimento Moderno in cui la ragione
del sociale plasmava e legittimava le diverse soluzioni
abitative. Così in un programma distorto in cui venivano
chieste, in nome della varietà, ben undici grandezze di-
verse di alloggi comprese tra i 48 metri quadri e i 115
metri quadri, l’incastro degli appartamenti si gioca dietro
alle logge schermate che si alternano sui due fronti con
un ritmo costante. Due le larghezze delle scansioni mo-
dulari all’interno degli alloggi concesse da una struttura
di 5,50 metri di passo uguale per tutti. La diversità allora
sarà tutta contenuta nel numero dei metri quadri o in
quello dei vani acquistati, mentre l’uguaglianza verrà ri-
conosciuta a partire dagli ingressi, nei corpi scala a tripla
altezza con luce diretta che guardano verso il cielo e re-
stituiscono, in una visione da lontano, la dimensione e il
carattere che anche un pianerottolo deve avere per essere
vero e proprio luogo della comunicazione.

Ground attachment and a clear definition of reference


levels are crucial factors in Mauro Galantino’s projects.
The foundational act of planning recognizes the surface of
the land as having an actual thickness, the measure of
which the ground attachment is intended to establish. In
accordance with André Corboz’s idea of “territory as a
palimpsest”, whose superimposed writings disclose a
2 mainly temporal or historical rather than geographical 7

0 5 10
MT

1 Prospettiva a volo d’uccello 1 Bird’s-eye perspective of the


dell’intero complesso. whole complex.
2 Lotto 1: veduta delle unità 2 Lot 1: view of the housing units
residenziali dal futuro parco. from the future park.
3 Particolari di prospetto 3 Details of elevations
e sezioni trasversali del lotto 1. and cross-sections on lot 1.
4 Pianta del primo piano del lotto 1. 4 Plan of first floor of lot 1.
5-7 Lotto 1: viste di dettaglio del 5-7 Lot 1: detailed views of the
fronte interno. L’uso del muro inner front. The use of walls in
nelle recinzioni dei giardini the private garden enclosures
privati accentua la forza del heightens the impact of the
percorso pedonale. pedestrian way.
8 Pianta del secondo piano del 8 Plan of second floor of lot 1.
lotto 1. 8 0 10 20
3 MT
34 Progetti Projects Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Architettura Architecture 35

1 La zona pedonale tra i lotti 1 The pedestrian zone between


4, 6 e 8. lots 4, 6 and 8.
2, 3 La piazza commerciale 2, 3 The shopping square located
compresa tra i lotti 4 e 6. between lots 4 and 6.
4 Lotti 8 e 6: dettaglio 4 Lots 8 and 6: detail of the
dell’attacco a terra dei giardini ground attachment of the
1 pergolati. trellised gardens.
36 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00

dimension, Galantino sees this thickness as a project


material in itself. Thus at Ugnano Mantignano, situated in
the low-lying valley west of Florence, both the still tangi-
ble physical signs of the Roman centuriatio and the incon-
gruous lines of building plots traced by the Master Plan
on the basis of property boundaries, as well as the regula-
tory safety height of two metres above the surrounding
land level decreed for new housing after the flood of 1966,
are simultaneously metabolised. The project takes its cue
from these norms and actually manages to turn them into
an architectural reason for existence. A pedestrian way set
one metre above the road level, to which it is connected by
minimal earth movements, halves the safety measure
between the natural height and the first floor of the homes
and marks the difference between old and new. The new
complex is laid out on building plots with multiple and
almost obligatory orientations, and opens – thanks to the
1 section of its ground attachment – onto this tree-planted
pedestrian ‘infrastructure’. Free from obsessions with
geometry and alignments, this route winds through a
sequence of perspectives that gradually reveal other pub-
lic spaces (the shopping square, the ‘crescent’ garden or
the tree-lined border along the suite of parking lots locat-
ed at road surface level). The same route seems to open
breaches in the built fabric to embrace other spatial
digressions (the private gardens of flats or those of the
condominium which can be glimpsed from the square
through the shop windows or from the car park gardens
overlooking the old town). These conclude partly on land
sloping down towards the ‘historic’ plain on which lie the
old town and the surrounding countryside or, definitively,
in the impasse of the garden/dance hall or of the bowling
alley behind the social centre. In this blockless urbaniza-
tion, public space is driven into the meandering of build-
2 ings as far as the private tree-planted sites, to form open
backdrops to the community space whilst also acting as a
screen to ensure privacy. The larger public spaces are
characterised by external seating, built into the base sec-
tions “so that the sitter can contemplate warm facades
while sitting at their feet”. In this excerpt from a town in
which, as the Modern has taught us, public space is worth
at least as much as private, can be found a number of sug-
gestions for use and measure which history has succeeded
in conserving at Florence, such as the adaptation of the
medieval street to the découpage of lots, or the loggias of
the civic plazas set hingewise among diverse spatial con-
figurations. For Galantino: “It was important not to lose
sight of an abstract and concrete Florence which I redis-
cover everywhere, even at a distance, reflected in the man-
ner in which a plaster frame is no longer the same after
Beato Angelico, where harmony cannot exist without tak-
ing in the shoulder of a hillside […] A city made of frag-
ments in which the original and the painted copy overlap,
until they are no longer distinguishable”.
The architect had already in his project sketches managed
to dodge time by combining with his prefiguration the
analytical description of places still to come, with a con-
3

0 10 20
MT

1, 3 Lotto 8: schizzi della loggia 1, 3 Lot 8: sketches of the public


pubblica e dell’attacco a terra loggia and of the ground
dalla parte del giardino. attachment on the garden side.
2, 4 Piante del primo e del 2, 4 Plans of first and second
secondo piano del lotto 8. Gli floors in lot 8. The apartments
appartamenti hanno grandezze vary in size from 45 to 115
variabili dai 45 ai 115 metri square metres.
quadrati. Opposite: lot 8. Detail
Pagina a fronte: lotto 8. of the base-wall of the gardens
Particolare del basamento-muro that becomes a loggia and
dei giardini diventato loggia e il the wall of the private gardens
muro dei giardini privati con le with outside seating
4 sedute esterne sulla via pubblica. on the public way.
38 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Architettura Architecture 39

1 4
0 5 10
MT

trol over measure which the technical drawing confirms


and the ‘proof’ of the built work reiterates, as if no gap
existed between ideation and realisation and the sketches
were a copy of the work. Visionary architecture? Not at
all, because that would recognize only chance as having
generative capacities, while precluding the reasons of
necessity. For Galantino, that necessity is also to disclose,
by means of the new, the “environmental pre-existences”
that had been blurred by bad habits of forgetfulness. Thus
the necessity to create a larger wall surface, united and
white and in plaster, stems from the accomplished ‘equiv-
alence’ of the fronts of the modern city without blocks,
inner or exterior facades. Only the rhythm changes: with,
towards the countryside and the new parts of a floor, a
continuous ribbon “as houses have been built for a cen-
tury”; and towards the old town, volumes punctuated, as
in the houses of Ugnano Mantignano, beneath pitched
roofs. The shopping precinct, which in this region tradi-
tional common sense prefers to protect with a loggia, is
here kept at a distance by a recipe that simultaneously
protects the shops and front entrances from the sun.
This capacity to configure individual parts and to bestow
a definite order upon the relations between them can be
read almost as a desire to regulate modes of living “for a
culture of civilised cohabitation” – as in the heroic estates
of the Modern Movement in which the various housing
solutions were shaped and justified by social reasons.
Thus in a distorted programme for which, in the name of
2 variety, no less than eleven different sizes of flats were
specified from 48 to 115 square metres, their interlocking
is played out behind screened loggias alternating on the
two fronts at a constant rhythm. Two widths of modular
patterns within the flats are granted by a 5.5 metre struc-
ture equal for all. The difference therefore lies entirely in
the number of square metres or in that of the rooms
bought, whilst the equality can be recognized in the
entrances, and in the directly lit triple-storey stair wells
that look up to the sky and, in a vision from afar, restore
the dimension and character which even a landing must
have if it is to be truly a place of communication.

1, 4 Dettagli di prospetti e sezioni 1, 4 Details of elevations and


trasversali del lotto 8. cross-sections of lot 8.
2 Lotti 6-8: il passaggio tra 2 Lots 6-8: passage between
giardino e piazza commerciale. a garden and the shopping
3 Lotto 8: loggia pubblica sulla square.
testata del lotto. 3 Lot 8: public loggia on the end
5 Lotto 8: dettaglio of the lot.
dell’appartamento duplex 5 Lot 8: detail of the end duplex
3 di testata. apartment. 5
40 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Architettura Architecture 41

1 Schizzo di studio. Si notano 1 Study sketch. Note the parts


Testo di Marco De Michelis Text by Marco De Michelis i corpi di fabbrica allungati of the building elongated
Fotografie di Paola De Pietri Photographs by Paola De Pietri distribuiti come le dita di una like the fingers of a hand or
mano o come le pagine di un the pages of an open book –
libro aperto, il libro della the book of collective
memoria collettiva ebraica. Jewish memory.
Zvi Hecker Centro culturale ebraico Jewish Cultural Centre, 2 Veduta del fronte che si apre
a ventaglio verso il fiume Reno.
2 View of the front which opens
like a fan towards the river
Il programma del concorso del Rhine. The 1996 competition
a Duisburg, Germania Duisburg, Germany 1996 prevedeva la realizzazione brief specified the building
of the synagogue, a large
della sinagoga, di una grande
sala multifunzionale, di abitazioni assembly hall, the Rabbi’s
Progetto: Zvi Hecker Project: Zvi Hecker per il rabbino e per gli ospiti and guest accommodation,
Direzione progetto: Inken Baller Project architect: Inken Baller e di uffici. and offices.
3 Planimetria generale. Il 3 Site plan. The complex
Collaboratori: Petra Korff, Laurence Nash Collaborators: Petra Korff, Laurence Nash occupies a block on the
complesso occupa un isolato
Strutture: Gerhard Pichler con Carsten Pammer Structural engineering: Gerhard Pichler with Carsten Pammer al confine fra la cinta muraria borderline between the
Progettazione paesaggistica: Zvi Hecker Landscape design: Zvi Hecker medievale e il porto fluviale medieval city walls and the
di Duisburg. river port of Duisburg.
Impianti: Kalinowski + Kappe Technical engineering: Kalinowski + Kappe
Direzione lavori: Dirk Druschke Work management: Dirk Druschke

Zvi Hecker ha realizzato questo edificio tra i confini Nella lingua ebraica la parola “Ya’ad” significa ‘ma- ha osservato Hecker, nella quale si potesse abitare, la- scelte successive: collocare l’ingresso sul retro, dunque
storici della città di Duisburg e il porto fluviale. no’, ma anche ‘memoria’. E l’idea della memoria, del vorare, festeggiare, accogliere gli amici e ritirarsi in verso la città, attraverso una corte nella quale convergo-
La forma della costruzione si adegua nel primo tratto ricordo, dell’appartenenza trovano la loro espressione preghiera. no le parti diverse dell’edificio, e distribuirne i singoli
agli edifici abitativi esistenti disposti lungo la strada, nel ‘libro’, piuttosto che in quel territorio negato da Il luogo prescelto occupa un isolato al confine tra la episodi a partire da quelli domestici affacciati sulla stra-
per ruotare in seguito aprendosi a ventaglio verso una diaspora millenaria. Il libro può dunque essere in- cinta muraria medievale della città e il porto fluviale di da per concludersi nel corpo edilizio isolato nel verde
il fiume. Le stecche del ventaglio, che simboleggiano terpretato come la ‘patria’ del popolo di Israele e come Duisburg. Hecker dispone il suo progetto continuando della sinagoga.
le dita di una mano, separano alcune corti verdi il luogo della sua memoria collettiva. l’allineamento dell’edificazione residenziale preesi- Le “dita della mano” si allungano verso il fiume se-
semiaperte dallo spazio pubblico. Nella lingua ebraica Da qui è partito Zvi Hecker nel suo progetto in occa- stente lungo la strada e, da qui, distribuisce a ventaglio guendo una curva che distribuisce con una precisione
‘mano’ e ‘memoria’ sono indicati dalla stessa parola. sione del concorso per il Centro culturale ebraico ban- i corpi allungati, appunto come le dita della mano o le faticosamente conquistata gli intervalli crescenti tra i
dito a Duisburg nel 1996 e portato rapidamente a com- pagine di un libro aperto. In tal modo il nuovo com- singoli elementi, e le lame in cemento si prolungano ol-
Zvi Hecker has spread out his building between pimento, nel quadro del complesso ridisegno del plesso assume una duplice fisionomia, da una parte tre il volume edificato ritagliando corti erbose di diver-
Duisburg’s historical municipal boundary and the river territorio industriale e urbano della Ruhr promosso dal- quella che si adegua alle forme edificate della città sa ampiezza e profondità per ispessirsi alle estremità, in-
docks. In its shape, it follows first of all the existing la Esposizione internazionale IBA-Emscher Park. preesistente, dall’altra quella che si dischiude lungo il tersecate da telai disposti obliquamente che disegnano le
residential buildings along the street, and then, Il programma del concorso richiedeva di ospitare una fronte del fiume e le superfici a parco che ne seguono figure di monumentali portali e, al tempo stesso, evoca-
turning around, spreads itself out fan-like towards grande sala multifunzionale, spazi per l’insegnamento la riva, affacciandosi sulle attrezzature industriali della no l’enigma della parola ripetendo le forme delle prime
the river. The fan, symbolizing the fingers of a hand, religioso, abitazioni per il rabbino e per gli ospiti del sponda opposta. Questa strategia progettuale viene ul- lettere dell’alfabeto ebraico.
cuts half-open green courtyards out of the centro e uffici, oltre alla sinagoga: una grande casa – teriormente articolata dall’architetto attraverso due Negli intervalli sono disposti i singoli elementi del
surrounding space. In the Hebrew language, ‘hand’ 1
and ‘memory’ are the same word.

2
42 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Architettura Architecture 43

1 Veduta da est. 1 View from east.


2 Assonometria del complesso. 2 Axonometric of the complex.
3 Le lame in cemento che si 3 The concrete blades
allungano oltre il corpo extend beyond the building
dell’edificio formano alle to form monumental doors
estremità dei portali monumentali. at their ends.
4 Diagramma geometrico. 4 Geometric diagram.
5 Veduta di dettaglio da nord-ovest. 5 Detailed view from north-west.
6 Particolare del rivestimento 6 Detail of the facing on the
del prisma triangolare triangular prism of the
della sinagoga. synagogue.

4 5
1 6
complesso, a partire da quelli più bassi delle abitazio-
ni che formano sul retro una sorta di portale verso la
corte d’ingresso che quasi sfiora, senza pur tuttavia
trovarvi appoggio, il muro cieco della casa adiacente,
per poi raggiungere il grande volume della sala delle
assemblee, il corpo vetrato dell’entrata attraversata al-
l’interno da una leggera passerella metallica e, infine
il nero triangolo irregolare della sinagoga, illuminato
solo da una sottile fessura che intaglia e deforma la
parete per proseguire sulla copertura piana, al cui in-
terno il rivestimento in pietra di Gerusalemme della
torah e del matroneo evoca i colori assolati dei biblici
paesaggi di Israele.
Proprio il percorso progettuale seguito da Hecker nella
definizione dell’episodio cruciale della sinagoga ne
svela la capacità straordinaria di ricondurre a figure ar-
chitettoniche le simbologie complesse, gli interrogativi
e le drammatiche evocazioni che un edificio religioso
ebraico suscita inesorabilmente in terra tedesca. La stel-
la di Davide che, ancora nel progetto di concorso, defi-
niva il perimetro della sinagoga e lo isolava dal resto del
complesso è stata laboriosamente risagomata fino a ren-
derne irriconoscibile l’icona originaria, condensata nel-
la astrazione monumentale e interrogativa del nero vo-
lume scultoreo che interrompe perentoriamente il fluire
armonioso della raggiera di setti e lo conclude.
Dopo essersi affacciato quietamente sul paesaggio ur-
bano della strada e aver dispiegato la figura armoniosa
della “mano aperta” verso gli spazi inedificati del por-
to, il complesso di Zvi Hecker si conclude con una pa-
gina silenziosa e ritrosa, capace di riproporre quell’in-
terrogativo epocale che, dopo Auschwitz, non ha potuto
2 trovare una rassicurante risposta.

In Hebrew the word “Ya’ad” means ‘hand’, but also


3 ‘memory’. And the idea of memory, of recollection and
belonging, is expressed in the shape of a ‘book’ rather
than in a territory denied by an age-old Diaspora. The
‘book’ may thus be interpreted as the ‘homeland’ of the
people of Israel and the place of their collective memory.
This was Zvi Hecker’s point of departure in his compe-
tition project for the Jewish Cultural Centre, announced
in Duisburg in 1996 and rapidly brought to completion
as part of the complex replanning of the Ruhr industri-
al and urban zone promoted by the IBA-Emscher Park
international exhibition.
The competition brief specified a large multipurpose
hall, facilities for religious teaching, accommodation
for the rabbi and for guests visiting the centre, and
offices, in addition to the synagogue. This, observed
Hecker, could be summed up as the need for a large
‘house’, in which people could live, work, celebrate,
receive friends and pray.
The chosen site occupies a block situated on the border
between the medieval city wall and the river port of
Duisburg. Hecker lays out his project as a continuation
of the existing residential buildings along the road and,
from here distributes in a fanlike pattern the elongated
44 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Architettura Architecture 45

1 La zona d’ingresso con l’ala 1 Entry zone with the caretaker’s


dell'abitazione del custode. accommodation wing.
2 La corte d’ingresso collocata 2 The entry courtyard situated
nel cuore dell’edificio. in the heart of the building.
3-5 Piante del piano terra, 3-5 Ground, first and second
del primo e del secondo piano. floor plans.
6, 7 Vedute del foyer attraversato 6, 7 Views of the foyer crossed
da una leggera passerella metallica. by a light metal walkway.

2
3

2 3
0 5 10
MT

1 atrio d'ingresso 1 entrance hall


2 sala comunitaria 2 community room
3 sinagoga 3 synagogue
6 4 amministrazione 4 administration
5 cucina 5 kitchen
6 galleria 6 gallery
7 aula 7 lecture-room
8 abitazione custode 8 caretaker’s accommodation
9 abitazione rabbino 9 Rabbi’s accommodation

7
8

5 7
46 Architettura Architecture Domus 823 Febbraio February ’00

1 Sezione lungo la sinagoga. 1 Section along the synagogue.


2 Sezione lungo la zona d’ingresso. 2 Section along the entry zone.
3 e pagina fronte: l'interno della 3 and facing page: interior of the
sinagoga. Il rivestimento in synagogue. The Jerusalem stone
pietra di Gerusalemme della facing of the torah and the
torah e del matroneo evoca gynaeceum evokes the colours
i colori e le atmosfere di Israele. and atmosphere of Israel.
4 Prospetto ovest. 4 West elevation.
5 Prospetto dal parco. 5 Elevation from the park.
1 6 Sezione lungo la sala 6 Section along the
polivalente. assembly hall.

blocks, indeed like the fingers of a hand or the pages of


a half-closed book. In this way the new complex takes
on a twofold appearance, on the one hand adjusting to
the built forms of the existing city, and on the other
stretching along the river front and across the park sur-
faces of its banks, facing the industrial area on the
opposite side. The architect further articulates this
design strategy by means of two successive choices, to
locate the entrance at the back, hence towards the city,
through a courtyard onto which the different parts of the
building converge; and to distribute their individual
units starting from the domestic ones facing the street
and concluding with the synagogue building which
stands alone in the gardens.
The “fingers of the hand” are outstretched towards the
river in a curve which with hard-won precision spreads
out the increasing intervals between each element. The
concrete blades extend beyond the built volume to cut
out grassy courts on varying scales and depths to thick-
en at their ends. They are then intersected by frames set
obliquely which outline monumental portals and at the
same time evoke the enigma of speech by repeating the
3 first letters of the Hebrew alphabet.
Placed in the intervals are the single elements of the
complex, starting from the lower ones containing the
apartments which form, at the back, a sort of gateway to
the entry courtyard. This almost touches but does not
quite rest upon the blind wall of the adjacent house, and
goes on to reach the main volume of the assembly hall,
the glazed block of the entrance, crossed within by a
light metal walkway and, finally, the black irregular tri-
angle of the synagogue.
The building is lit only by a narrow slot that cuts into
4 and distorts the wall, continuing onto the flat roof
inside which the Jerusalem stone facings of the torah
and of the gynaeceum conjure up the sun-baked colours
of Israel’s biblical landscapes.
Precisely the design path taken by Hecker in his defini-
tion of the crucial area formed by the synagogue reveals
his remarkable skill in leading back into architectural fig-
ures the complex symbology, questions and dramatic
evocations which any Jewish religious building must
inexorably raise on German soil. The cross of David
which, in the competition project, still defined the
5 perimeter of the synagogue and isolated it from the rest of
the complex, has been painstakingly re-outlined until its
original icon is rendered unrecognizable, condensed as it
is into the monumental and interrogative abstraction of
the black sculptural volume that abruptly halts and con-
cludes the harmoniously flowing halo of partitions.
Having quietly come to face the urban landscape of the
street and unfolded the harmonious figure of its “open
hand” towards the unoccupied spaces of the port, Zvi
Hecker’s complex ends on a silent, reluctant note, with
its inherent allusion to the epochal doubt which has not,
6 since Auschwitz, yet found a reassuring answer. 7
48 Design Design Domus 823 Febbraio February ’00

Testo di Lucy Bullivant Text by Lucy Bullivant


Fotografie di Nicholas Kane, Todd Eberle Photographs by Nicholas Kane, Todd Eberle

Philippe Starck St Martins Lane Hotel St Martins Lane Hotel


Il senso della sorpresa Sense of encounter
Progetto: Philippe Starck Project: Philippe Starck
Proprietà: Ian Schrager London Limited Owner: Ian Schrager London Limited
Responsabile design: Anda Andrei Design president: Anda Andrei
Direzione artistica: Fabien Baron, Lisa Atkin, Melissa Sison Art direction: Fabien Baron, Lisa Atkin, Melissa Sison

Dopo i famosi alberghi Royal e Paramount di


Manhattan, l’inconfondibile stile del Delano di Miami
o del Mondrian di West Hollywood, ecco di nuovo
all’opera la celebre coppia: l’imprenditore
alberghiero Ian Schrager e il progettista Philippe
Starck. Il risultato è il St Martins Lane, il nuovo
albergo di Londra, di sette piani con duecentoquattro
camere a nord della English National Opera. Starck
infonde in tutto il progetto il “suo senso della
sorpresa”: una porta girevole di vetro giallo
introduce nell’atrio, tra ‘tappeti’ di luce, pareti giallo
vivo fluorescente, punteggiate da colonne illuminate.
Reti azzurro chiaro pendono all’interno della facciata
di vetro trasparente.

After the famous Royal and Paramount hotels in


Manhattan, the unmistakable style of the Delano at
Miami or of the Mondrian in West Hollywood, the
renowned twosome have gone into action again:
hotel entrepreneur Ian Schrager, and designer
Philippe Starck. The result is London new hotel, the
St Martins Lane. The seven-storey, two hundred room
bui lding is located north of the English National
Opera. Starck has infusedinto the whole project his
sense of surprise. A yellow glass revolving door
leads into the reception hall, with its carpets of light
and vivid fluorescent yellow walls punctuated by
illuminated columns. Pale blue nets hang inside the
transparent glass front.
1

La vista del St Martins Lane, un nuovo albergo di sette pia- menti sono piovuti da più parti per l’inconfondibile stile di
ni con duecentoquattro camere a nord della English Natio- alberghi come il Delano di Miami e il Mondrian di West
nal Opera, nella via omonima, turba sottilmente il nostro Hollywood. Un’occhiata al nuovo albergo rende chiaro al
vissuto culturale. L’ingresso di grande scala, con velari di visitatore che, lavorando insieme, i due impartiscono lezio-
rete schivi, vagamente celati, suggerisce un’aria da direzio- ni oggettuali di teoria (e di commercio) del piacere estetico.
ne generale; oppure da luogo pubblico, caldo e accessibile, Starck infonde in tutto il suo progetto giochi visivi, con il
un campo da giochi e tuttavia di non facile collocazione in- suo “senso della sorpresa”. Reti azzurro chiaro sono appe-
tellettuale. Visto dalla strada, di notte, è uno spettacolo lu- se per tre quarti della lunghezza all’interno della facciata
minoso. La facciata del palazzo modernista anni Sessanta, vetrata trasparente. Al di sotto si vede andare avanti e indie-
già sede di un’importante agenzia pubblicitaria, è dominata tro un misterioso corteo di gambe indaffarate. Un’enorme
dalle grandi finestre delle camere prive di telaio, orlate di porta girevole dai pannelli di vetro giallo rotea sul suo per-
lieve luce colorata. Di tanto in tanto il colore di una di esse no, e due giovani fattorini vestiti come scolaretti di sempli-
muta tonalità e intensità (un ospite ha regolato la sua lam- ci pullover di jersey vi introducono nell’atrio. Pareti giallo
pada da comodino interattiva, e un nanosecondo dopo la lu- vivo fluorescente, punteggiate di colonne illuminate da sot-
ce cambia ancora). to, svelano la parte più ‘pubblica’ dello schema. Un ‘tappe-
È l’iniziativa più recente di Ian Schrager, imprenditore al- to’ di luce asimmetrico proiettato su un liscio pavimento di
berghiero e turistico americano, i cui progetti sono ‘rifiniti’ arenaria vi conduce a un lontano video wall. La logica tea-
fino al compimento per garantire che siano adeguati a rigi- trale di questo spazio prevede una schiera di sedute ecletti-
di livelli qualitativi, tra i quali figura ovviamente “l’espres- che – panche e sgabelli – intorno al perimetro. C’e persino
sione dello spirito culturale contemporaneo” per la “parti- un banco di legno di tulipefera del portiere, fatto come una
1 La facciata del St Martins Lane 1 St Martins Lane Hotel facade,
Hotel, a Londra, dominata dalle in London, is dominated by colare tribù nomade di chi viaggia per il mondo”. Schrager scrivania Luigi XV e posizionato accanto al banco dei ser-
grandi finestre delle camere large frameless bedrooms ha già realizzato cose notevoli con Philippe Starck in qua- vizi vero e proprio, racchiuso dentro un contenitore più
prive di telaio. Il nuovo albergo windows. The new hotel has 7
ha sette piani e duecentoquattro storeys and 204 rooms.
lità di progettista. In particolare le precedenti collaborazio- grande di perspex giallo.
camere. 2 The building by night, from the ni della coppia per gli alberghi Royalton e Paramount di Il ristorante Asia de Cuba, improvvisamente disegnato in
2 Il palazzo di notte: le finestre street: with its bedroom Manhattan, alla fine degli anni Ottanta, sono entrate a far stile differente, rimescola riferimenti e senso dello spazio e
accentuano la luce interattiva windows accentuated by the glow
delle camere che può of coloured interactive parte di una nuova generazione di classici di un’architettu- della geografia intorno a una serie di colonne, eccentrico
cambiare di colore. lighting fixture. ra di interni espressionista e innovativa. E grandi riconosci- punto di riferimento di uno spazio su due livelli non altri- 2
Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Progetti Projects 51

1 La porta girevole dai pannelli 1 Luminiscent yellow glass


di vetro giallo luminiscente revolving doors form the
introduce nell’atrio. entrance to the hotel.
2 La pianta del piano terra con 2 Ground floor plan with the
l’atrio, il ristorante Asia de lobby, Asia de Cuba restaurant,
Cuba, i due bar e il caffè- two bars, with the external
corridoio lungo il lato nord sidewalk café running along
dell’albergo. the north side of the hotel.
3 Uno scorcio dell’atrio, con le 3 In the lobby, Stark’s elongated
panche allungate di Starck, polished steel banquettes with
di acciaio lucido con tufted silk seats.
sedute in seta. 4 The ‘stage set’ lobby, with its
4 L’atrio “a palcoscenico”, con le underlit columns and medley of
colonne illuminate dal basso e wooden stools and harmchairs,
una raccolta di sgabelli e products of the 18th-20th
poltroncine di legno, del centuries, on a floor of
periodo dal Settecento al limestone, flanked by white and
Novecento, su un acid yellow walls.
pavimento di arenaria.

Gold Kiosk Shop

Asia de Cuba
Restaurant M

Light Bar
Hotel Lobby

Saint M Brasserie

M
Sea Bar

3 4
52 Design Design Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Progetti Projects 53

1 Il Rum bar accanto al ristorante 1 The Rum bar on the edge of the
Asia de Cuba, con la schiera Asia de Cuba restaurant, with
dei tavolini alti di alluminio its squadron of Starck’s
spazzolato. brushed aluminium lean-on
2 Il ristorante Asia de Cuba, tables.
dominato da una sequenza di 2 Asia de Cuba restaurant is
colonne e illuminato da un dominated by a sequence of
sistema di lampade pendenti styled columns and lit by
Edison. pendant Edison light fittings.
3 Il Light bar, un semplice 3 The light bar, a simple box with
contenitore con il pavimento in black slate floors and grey
lastre nere e le pareti grigie, ha walls has a ceiling with 25 high
un soffitto a cavità colorate alte coloured voids above the line of
oltre sette metri e mezzo, sopra Stark’s narrow white table and
alla linea dello stretto bancone bar stools.
bianco e degli sgabelli del bar
progettati da Starck.

menti colmato. Le colonne hanno una loro identità stilistica


(curata da Michael Howells) e sono destinate a trasformar-
si periodicamente. Alcune mostrano file di libri, televisori
in miniatura, piccoli mappamondi e oggettini; altre fiori,
piante e fotografie. Le panche di Starck a forma di ferro di
cavallo, imbottite e coperte di tessuto giallo bouclé, collo-
cate contro la parete, danno ampia vista a gruppi di otto
persone. Gli ospiti in attesa possono degustare vari tipi di
rum nel piccolo Rum Bar, una zona d’attesa punteggiata di
tavolini per le consumazioni in piedi. Il Light Bar, da cui
proviene la retroproiezione, mette in pratica molto bene le
tendenze esperienziali di Starck. Alti soffitti liberi, ciascu-
no dipinto di un colore diverso, pavimenti di lastre nere e
strette panche bianche per le consumazioni creano un’at-
mosfera afosa da cantina. L’impatto dei vuoti di colore bril-
lante sopra la testa (il rosso è quello che meglio riunisce gli
avventori) ha un effetto persistente.
Le camere possiedono un’atmosfera riposante di studiata
nitidezza. L’insieme di piani di onice, sedie di Lucite, tele-
visori/mobile bar a forma di croce, tende pieghettate che
1
fungono da porte d’armadio, bagni di arenaria con lavelli e
2 vasche centrali di porcellana, è composto con maestria,
considerando le dimensioni limitate di ogni spazio. Sono di
grande aiuto le finestre vetrate dal pavimento al soffitto.
Sopra il letto, l’impianto di illuminazione ambientale vi in-
vita (con un cartello) a “scegliere la luce che più vi si
confà” tra tutti i colori dello spettro e a contribuire alle tra-
sformazioni della facciata dell’albergo. Schrager adora
questo particolare: “Il mio colore favorito?” scherza “Il ros-
so prima e il blu dopo”. “Non disturbare” è indicato da una
coroncina di margherite che spesso gli ospiti si portano via.
Le stanze del primo piano hanno dei giardini sistemati ne-
gli angoli, così che la stanza è letteralmente avvolta da un
minuscolo giardino personale pieno di edera con mobili di
teak: il vostro piccolo, effimero pezzo d’Inghilterra in que-
sto luogo di effetti contraddittori, lo spazio teatrale/di servi-
zio “anti-marchio” dell’albergo dell’arte contemporanea.

Seeing St Martins Lane, a new 7 storey, 204 room hotel


north of the English National Opera on the street of the
same name, subtly jolts your cultural bearings. Loosely
veiled with coy net curtains, big-scaled entrance, suggest-
ing a corporate headquarters – and a fun public place,
warm and accessible, a playground, yet not easily located
mentally. From the street at night, it’s a light show. The
facade of this modernist 1960s block, formerly the home of
a major advertising agency, is dominated by large frame-
less bedroom windows edged by a faint coloured glow.
Once in a while, the colour of one changes hue and depth.
(A guest has adjusted his interactive bedhead light, and a
nanosecond later, it’s changed again).
This is the latest scheme of American hotel and club entre-
preneur Ian Schrager, whose projects are ‘polished’to com-
pletion to ensure that they adhere to stringent standards,
which of course includes “manifesting the cultural Zeit-
geist” for a “specific, itinerant tribe of world travellers”.
He has famously worked with Philippe Starck, the designer,
before. The duo’s earlier collaborations on the Royalton
and Paramount Hotels in central Manhattan in the late 3
54 Design Design Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Progetti Projects 55

1 Nel bagno un particolare del 1 In the bathroom, sinks and


miscelatore sul lavabo di vanity units in moulded
porcellana. porcelaine.
2 I bagni hanno pareti ricoperte 2 Bathrooms have Portugese
di arenaria portoghese e vasche limestone walls and Stark’s
centrali progettate da Stark. freestanding bathtubs.
3 Nelle stanze da letto ci sono 3 Bedrooms include narrow onyx
stretti ripiani di onice, sedie di desktop, Stark’s Lucite chair,
Stark in Lucite, tende pleated curtains that acts as
pieghettate che fungono da within-window venetian blinds
tende alla veneziana that work by magnet.
incorporate nelle finestre, 4 In each of the bedrooms, an
funzionanti a magnete. interactive coloured light
4 In ogni camera un dispositivo feature positioned above the
interattivo a luce colorata, bed, and programmed to
collocato sopra il letto e change colour through the
programmato per cambiare spectrum, allows the
colore su tutto lo spettro, atmosphere in the white spaces
permette di personalizzare to be adjusted.
l’atmosfera degli spazi bianchi.

1 3

2 4
1980s in particular were part of a new breed of innovative,
expressionist interior design classics. They also received
global recognition and acclaim for the trendsettings delano
in Miami and Mondrian in West Hollywood. Glancing
around the new hotel, it is clear to the visitor that, working
together, they provide object lessons in the discipline (and
commerce) of aesthetic pleasure. Starck injects his whole
design with visual puns, with his “sense of encounter”. A
three quarter length pale blue net curtain hangs along the
interior of the clear glazed facade. Below, a mysterious suc-
cession of busy legs can be seen marching up and down. An
oversized revolving door with yellow glass panes spins on
its pivot, and two young bellboys attired in simple v-neck
jerseys like schoolboys usher you into the lobby. Bright yel-
low fluorescent walls, punctuated by underlit columns,
open up the most public part of the scheme. An asymmetri-
cal ‘carpet’ of light projected onto a sleek limestone floor
beckons you towards a far video wall. The stage set logic
behind this space brings an array eclectic seating – ban-
quettes and stools – around the perimeter. Even a desk in
tulipwood for the concierge, styled like a Louis XV bureau,
is planted next to the lobby desk itself, housed inside a larg-
er yellow perspex case. The Asia de Cuba restaurant, pre-
cociously styled in a different way, mixes its references, and
your sense of space and geography around a series of
columns, eccentric reference points in an otherwise unclut-
tered two level space. These are styled (by Michael How-
ells), and will change regularly. Some feature rows of
books, miniature tvs, tiny globes and curios; others flowers,
plants and photographs. Starck’s yellow bouclé uphol-
stered, horseshoe shaped banquettes against the back wall
allow parties of eight generous views. Waiting guests sam-
ple varieties of rum from the tiny Rum Bar, a stand up area
dotted with lean-on tables. The Light Bar, from where the
back projection comes, makes Starck’s experiential lean-
ings work very well. High void ceilings, each painted a dif-
ferent colour, black slate floors and narrow white drinking
benches create a sultry ‘cellarbar’. The impact of voids of
glowing colour above the head – red being the most effec-
tive in gathering people – has a lingering effect. The guest
rooms have a restful atmosphere of studied purity. An
ensemble of onyx desktops, Lucite chairs, cross shaped
tv/drinks cabinets, pleated curtains that act as closet doors;
limestone bathrooms with moulded porcelain sinks and
freestanding baths, is deftly arranged. considering the
small size of each space. Floor-to-ceiling glass windows
help a lot. Above the bed, the ambient light installation
invites you (with a sign) to “light your mood” with any
colour across the spectrum, and contribute to the changing
facade of the hotel. Schrager loves this feature: “My
favourite colour?” – he jokes – “red before, and blue after-
wards”. “Do not disturb” is denoted by a daisy chain, often
taken away by the guests. The first floor garden rooms have
patio gardens built into their corners, so each room is liter-
ally wrapped around a tiny, ivy filled, personal garden
space with teak furniture – your own, temporary little piece
of England in this place of contradictory effects, the ‘anti-
brand’theatre/service space of the contemporary art hotel.
MARC
56 Design Design Domus 823 Febbraio February’00 Design Design 57

Intervista di Interview by Lucy Bullivant

Non vedo differenze tra un’auto e un apribottiglie. Per me è tutto design


I can’t see a difference between a car and a bottle opener. It’s all design to me

La romantica immagine di Marc Newson diffusa dai In questo periodo ti senti di lanciare nuove sfide nel un sacco di tempo. Il mio obiettivo era progettare una
media è quella di un surfer senza età, un designer campo del design? Hai ancora l’aria di voler rifare macchina speciale, divertente, allegra, non reinventare la
legato all’audacia dell’era spaziale; ma rischia di il mondo. Con l’età ti senti motivato da un tipo ruota o cercare apertamente di essere originale. Non è
diventare uno stereotipo che trascura l’importanza particolare di complessità? sicuramente un giocattolo, è un veicolo perfettamente
della sua sensibilità nei confronti delle possibilità Il mio primissimo desiderio, da ragazzo, era progettare funzionante.
umane, materiali e tecnologiche del design. di tutto, in modo da essere circondato da tutte le mie cose
Classificare il suo design come organico lo spinge e non doverle comprare. No, non mi sento limitato da Vuoi rivolgerti, in modo più diretto e sensuale,
a sottolineare con passione la sua dedizione alla fattori di scala e tipologie. Per me è tutto design. Pensa a un settore di utenti presumibilmente non
simmetria e le qualità ludiche che si manifestano in che non ho cominciato con una formazione da designer, soddisfatto, oggi come oggi, dall’industria
tutto il suo lavoro, materializzazione di uno spirito in ma da progettista di gioielli. Non vedo differenze automobilistica. Perciò l’operazione è motivata da
sintonia con i piaceri quotidiani e con la vita della fondamentali tra un’automobile e un apribottiglie. stimoli molto personali, come tutte le tue opere?
cultura. Tutto ciò che affronta, e sempre più si In realtà l’automobile è più complessa, l’apribottiglie Sì. L’automobile è progettata per rivolgersi, su un livello
cimenta con il progetto di veicoli, viene analizzato potrebbe essere più tecnico, perché lo sviluppo di nuovi piuttosto emotivo, a individui più sensibili e
a fondo e ricostruito, in un processo profondo che tipi di plastica e di polimeri apre moltissime possibilità intellettualmente aperti. Personalmente mi riuscirebbe
raggiunge evidenti risultati di leggerezza e di libertà. radicali. difficile comprare un’automobile nuova oggi scegliendola
Il modo in cui un’automobile funziona, però, con un tra quelle che sono sul mercato. Molto di ciò che faccio
Marc Newson's romantic media image is of an motore a combustione interna, non è propriamente nasce dall’insoddisfazione. Il mio punto di partenza è
ageless surfer, a designer bracketed in with the un’invenzione moderna. progettare qualcosa che personalmente acquisterei
audacity of the space age, but it's prone to be volentieri e di solito non trovo cose che mi piacciano.
a typecasting identity that overlooks the sheer Insomma la 021C, il tuo nuovo progetto d’automobile Lo stimolo è la voglia di progettare di tutto, ma ancor di
incisiveness of his grasp of the human, material and per la Ford, non rivoluziona gli elementi fondamentali più, la sfida di voler sapere come funzionano le cose.
technological possibilities of design. Attributing to dell’identità dell’autoveicolo. Qual è il suo senso?
him an organicism in his design provokes him into Benché la produzione di serie non presenti alcuna A quanto pare è il tuo unico metodo di lavoro.
passionately affirming his commitment instead to difficoltà sostanziale, si tratta di un concept car. È un Sviluppi un progetto che esiste nella tua mente nella
symmetry, and playful qualities that manifest progetto varato dalla Ford negli Stati Uniti e realizzato a sua totalità. Quale credi possa essere il tuo contributo
themselves throughout his work, embodying a spirit Torino. Per la mia mentalità, vederla dal vero rivela più al progetto aeronautico, una frontiera completamente
attuned to day to day pleasures and cultural life. cose che non in fotografia, ma ho dovuto rispettare, da nuova per te?
Everything that comes his way, and increasingly he's ogni punto di vista, meno vincoli di quanti ne avrebbe Non lo so, ma mi hanno sempre interessato molto gli
tackling vehicle design, gets throughly scrutinized dovuti affrontare un car designer. Non ero proprio oggetti che si muovono e vedo che mi sto tuffando nel
and reconstituted, a deep process achieving costretto a seguire l’immagine di marca. La cosa stupenda settore dei veicoli, aumentando le mie conoscenze su ogni
perceptually light and unhindered results. è che ho progettato ogni singolo componente aspetto di questo settore. Non sono interamente
dell’automobile, sia quelli che si vedono sia quelli che soddisfatto di progettare solo prodotti domestici. Mi
non si vedono. Di solito le automobili vengono progettate piacerebbe frequentare Burt Rutan, il celebre ingegnere
da un gruppo di designer specializzati, mentre il risultato aeronautico americano indipendente e autodidatta.
del mio concept car è più coerente, perché ho progettato
tutto. Per esempio il modo in cui l’intero cruscotto si Nel caso della bicicletta direi che hai seguito
sposta in su e in giù, l’aspetto semplice di ogni cosa, si un’impostazione molto scientifica e responsabile dal
può ridurre ai minimi termini; dimostra quanto può essere punto di vista progettuale, dico bene?
semplice una vettura. Ho dedicato enorme attenzione ai Nel mio progetto ero totalmente concentrato sulla
particolari, cercando di costruire l’auto come avrei bicicletta, in termini progettuali, in fatto di telaio. Il
costruito un orologio, solo in scala maggiore. C’è voluto brief mi imponeva di rispettare certi parametri di

NEWSON
58 Design Design Domus 823 Febbraio February’00 Domus Febbraio February‘00 Design Design 59

dimensione, di peso e ovviamente di costo. Oltre che Anche lui lavora per Alessi. Che cosa guadagna solito portano via un sacco di tempo ed è facile Marc, do you feel drawn to particular types of design
innovativo, il risultato può anche tradursi in una un’azienda dalla collaborazione con voi due in tutti perdere il controllo assoluto sul risultato finale. challenges these days? You still seem to want to replace
maggior leggerezza, dato che il telaio è di alluminio questi prodotti essenziali, quasi generici? the whole world.Are you motivated by a particular kind
superformato, cioè di alluminio formato sotto vuoto. La collaborazione di Alessi con noi due esprime un La tua carriera si sta spostando oggi in direzione of complexity as you become older?
Tutto il telaio è incollato, non saldato. I telai di approccio particolare, forse più riflessivo. Le nostre dell’ingegnerizzazione e dei prodotti ad alta My early desire as a kid was to design one of everything
bicicletta per molto tempo sono stati costruiti con i tubi opere hanno una forte identità, entrambi lavoriamo tecnologia, anche se hai sempre insistito molto so I would be surrounded by all my own stuff, and I
e, più o meno nell’ultimo decennio, con materiali come progettisti singoli. Io ho alcuni collaboratori, ma sull’utilizzo delle tecnologie contemporanee e dei wouldn’t have to buy it. No, I don’t feel restricted by scale
compositi. Qui l’impostazione è diversa. Il processo tutta la progettazione è lavoro mio. Preferirei ritirarmi nuovi materiali. Questa propensione alla tecnica or by typologies. It’s all design to me. Remember that I
nasce dalla corretta formulazione della lega e dello su un’isola deserta piuttosto che assumere dei risale alla tua infanzia, no? didn’t originally train as a designer, but as a jewellery
spessore del materiale, un processo molto costoso come progettisti per sostenere un’organizzazione più grande. Da ragazzo costruivo e mettevo insieme cose come designer. I can’t see a fundamental difference between a
ogni fabbricazione di lastre metalliche, dove il telaio ha Avere uno studio più grande non mi interessa, tutto qui. tavole da surf, go-kart, moto. L’Australia sotto questo car and a bottle opener: in fact, while a car is more
il corretto rapporto peso-resistenza. Penso che lo si aspetto è un posto strano, c’è una grande tradizione di complex, the opener could be more technical, because of
possa usare in una quantità di applicazioni, anche per Che vantaggi trai dalla stretta frequentazione di invenzione e le persone più interessanti progettano the development of new types of plastics and polymers
biciclette olimpioniche da circuito, per esempio. In differenti generi di design? oggetti nel garage di casa. Così era in famiglia: mio zio that provide a lot of radical possibilities.
ogni caso è più che altro un esperimento – Complessivamente quel che traggo dal largo ventaglio ‘truccava’ le auto per aumentarne le prestazioni. Mio The ways cars work, with an internal combustion engine,
un’esperienza – dei miei incarichi è l’occasione di imparare nuovi nonno e gli otto componenti della sua famiglia erano is not exactly a modern invention.
ed è il primo passo verso risultati potenzialmente processi. La possibilità di progettare un’automobile, un carpentieri, immigrati dalla Grecia. Crescendo in
interessanti. Il progetto aveva un carattere in larga orologio da polso, una bicicletta, l’interno di un jet è quest’ambiente, ho assorbito delle cose per osmosi. So the 021C, your new car design for Ford, doesn’t turn
misura ingegneristico ed ero unito al committente da interessante, e non solo perché si progetta qualcosa mai Quando mi iscrissi all’Istituto d’Arte, non volli studiare the basic identifying elements of a car inside out.What
intenti ideali. Si spera sia sempre così, ovviamente. progettato prima. arte ma scelsi oreficeria e scultura perché così potevo does it aim to do?
fabbricare qualcosa, era un apprendistato in quella Although there isn’t anything fundamentally difficult
Credi veramente nel valore della contaminazione Il tuo progetto degli orologi Ikepod si basa sulla direzione. L’Istituto d’Arte inoltre mi permetteva di about producing in series, it was a concept car. It was
culturale? familiarità con la tecnica dell’orologeria che risale realizzare ciò che volevo. Perciò ho un’impostazione a project initiated by Ford in the States, and made in
Qualunque tipo di contaminazione è salutare. Secondo alla tua infanzia. È un caso diverso dal progetto fortemente tecnica, sono in grado di smontare un Turin. As far as my approach goes, seeing it in reality is
la mia esperienza i car designer tendenzialmente non si della maggior parte dei cosiddetti orologi “di orologio oppure un’automobile e poi rimontarli. Ora la more revealing than the photographs taken, but I was far
interessano molto alla cultura contemporanea. Il mio moda”? mia officina è il computer e tutti i miei utensili sono lì less constrained in every aspect than a car designer
quadro di riferimento è la cultura contemporanea. Ho Tutti gli orologi che ho disegnato per Ikepod parlano dentro. Ma sono profondamente convinto che, prima di would have been; I didn’t exactly have to play the
sempre viaggiato e ho vissuto e lavorato in città tanto di qualità e funzionalità quanto di design. realizzare un progetto, bisogna sapere che aspetto avrà. Il corporate line. The great thing was that I got to design
cosmopolite di tutto il mondo. Abbiamo preso la decisione consapevole di usare i computer per me non è uno strumento di progettazione, è every single element of the car, both what you see and
movimenti meccanici sia da un punto di vista tecnico solo un attrezzo, per quanto indispensabile sia diventato. what you don’t see. Generally cars are designed by a
Evidentemente tu ritieni che si debba operare sul sia commerciale. Se vuoi essere preso sul serio in Avrei potuto dedicarmi al software ma, se l’avessi fatto, number of automative designers, whereas the result with
luogo della produzione. Hai passato anche otto mesi questo settore non puoi essere tradito dagli aspetti mi ci sarei immerso completamente. Ho preso la the concept car is more coherent because I’m designing
in Italia, all’inizio di quest’ anno, durante la tecnici. Proprio per questo Ikepod è equiparabile decisione cosciente di tenere le distanze. Ho già detto everything. For instance, the way the entire instrument
produzione del concept car della Ford. È il modo perlomeno al prodotto migliore che si può trovare sul che mi piacerebbe avere un grande studio, ma che per la panel moves up and down, the simple way everything
migliore di agire? mercato. A questo punto il design diventa il nostro stessa ragione sarebbe pericoloso. E così lavoro con looks, it’s so reduced; it shows how simple a car can be.
Se si è l’autore del progetto, se ne sa più di chiunque unico vantaggio. Diversamente da moltissimi produttori persone esperte di programmi CAD che sono la mia I paid an enormous amount of attention to the details,
altro, e il potenziale di fraintendimento è enorme. di orologi pretenziosi, penso che il livello del nostro interfaccia per arrivare alla realizzazione dei progetti. trying to build the car like I would a watch, only scaled
Quindi si ha la responsabilità di seguire l’intero design e della nostra direzione artististica sia In fatto di processo di realizzazione dei miei progetti, le up. It took up a lot of time. My aim was to design a cool,
processo dall’inizio alla fine. Bisogna essere perfetti, ragionevolmente superiore in ragione della sua tecniche di prototipazione rapida stanno diventando la funny, happy car, not to reinvent the wheel, or consciously
non ci sono scuse. I committenti con cui si lavora coerenza. norma. Il livello del controllo e della tecnologia mi strive for originality. It’s definitely not a toy, it’s a fully
affrontano dei rischi, ne sono cosciente, e anch’io tutelo interessa molto perché permette di procedere senza functioning vehicle.
i miei eventuali rischi. È importante ottenere rispetto e L’interno di un jet è un contributo di enorme valore a soluzione di continuità – e senza bisogno di costruire
non lasciarsi sminuire. Ho sempre combattuto questo settore trascurato dell’architettura d’interni, prototipi potenzialmente imprecisi – dall’idea You want to make an appeal on a most direct, sensuous
l’immagine pubblica che mi dipingeva unicamente ma in generale mi pare di capire che ti sei direttamente all’oggetto. level to a set of consumers who are arguably not being
come uno stilista. Non mi piace lasciare che un allontanato dalle tue precedenti motivazioni in fatto catered for right now by the automotive industry. So it's
produttore interpreti e dissezioni il mio progetto per di progetto di interni, dopo grandi successi del Come concili la tua vita professionale con il resto del motivated by very personal stimuli, like all your work?
cercare di farlo funzionare, magari introducendo calibro del ristorante Coast di Londra. Due anni fa tempo? Hai acquistato un appartamento a Londra Yes. It’s designed to appeal on quite an emotional level to
tecniche estranee che non ho previsto. volevi mantenere la massima apertura in termini di e oggi possiedi uno studio ben gestito con molti more sensitive, open-minded individuals. I’d personally
gamma di incarichi. Ora sei in grado di scegliere? collaboratori ai confini tra SoHo e Mayfair. find it difficult to buy a new car right now from what
Secondo te non c’è alternativa: il lavoro deve essere Beh, la Canteen di SoHo, a New York, terminata A quanto pare hai realizzato la sistemazione più exists on the market. A lot of what I do is born of
sotto il tuo controllo personale, non è vero? l’autunno scorso, è stata un lavoro rapidissimo, ma la solida di tutta la tua carriera. Il che significa che sei dissatisfaction. My entry point is still that I design
Sì, sono un patito del controllo completo. Nella mia mia parte come progettista era più indiretta a causa della più libero in entrambe le sfere della tua vita? something that I would personally like to buy, and I
testa vedo in un certo modo e quindi si deve fare in quel richiesta di altri progetti nello stesso anno, come Cerco di divertirmi e quindi tutti gli anni mi ritaglierò il usually can’t find things that I like. It’s stimulated by
modo. Mi rendo conto dei costi, è una parte essenziale l’automobile. Più che altro si trattava di collocare gruppi tempo di fare cose diverse come lo snowboarding, per wanting to design everything, but more by the challenge
e interessante dell’insieme del processo. Fa tutto parte di prodotti progettati da me in uno spazio aperto. D’altra esempio. Per me lo studio è un grande vantaggio ma of wanting to know how things work.
dell’essere un designer competente. parte André Balasz, per cui sto progettando un bar nel credo di pensare i miei migliori progetti a casa o in
nuovo Standard Hotel di Los Angeles, mi chiede un’idea aereo. Ho anche bisogno di pause. Considero la mia vita This seems to be the only way you can work.You evolve
Sei un ammiratore di Jasper Morrison perché più completa. È vero, il progetto di interni non mi creativa come una foresta: una volta che hai tagliato gli a design that exists in its totality in your head. So what
è riuscito a creare un linguaggio visivo, un segno interessa più come una volta, perché secondo me il alberi, devi lasciare tempo e spazio perché ne crescano do you believe you can contribute to aeronautical
personale coerente, cosa che si può dire anche di te. risultato non è mai né soddisfacente né coerente. Di di nuovi, non puoi volerne immediatamente degli altri. design, which is a whole new frontier for you?

Molto di ciò che faccio nasce dall’insoddisfazione. Il mio punto di


partenza è progettare qualcosa che acquisterei volentieri e di solito non
trovo cose che mi piacciano. In questa pagina: in alto, schizzi On this page: top, study sketches
preparatori per il tavolo in for the aluminium table Event
A lot of what I do is born of dissatisfaction. My entry point is still that I alluminio Event Horizon (1992). Horizon (1992).
In basso, Newson ha progettato Bottom, Newson has been
design something that I would personally like to buy, and I usually can’t vari modelli di orologi per
Ikepod, tra i quali il modello
designing different clocks’ models
for Ikepod; Hemipode (1996),
Hemipode (1996) cui si to whom theese sketches
find things that I like. riferiscono questi schizzi. belong, is one of them.
60 Design Design Domus 823 Febbraio February’00 Domus 823 Febbraio February’00 Design Design 61

Considero la mia vita creativa come una foresta: una volta che hai tagliato In questa pagina: in alto, schizzi
per Orgone chair (1993).
On this page: top, sketches
for Orgone chair (1993).
In basso, schizzi di preparazione Bottom, study sketches
gli alberi, devi lasciare tempo e spazio perché ne crescano di nuovi, non per la Coast Chair; di questa for Coast Chair; about this chair,
sedia, commissionata nel 1995 commissioned in 1995,
puoi volerne immediatamente degli altri. per un ristorante, Newson dice:
“Ho dedicato parecchio tempo
Newson said: “The shape
is one that I’d been thinking
a pensare alla forma: la forma a lot of time,
My creative life I view as a forest: once the trees are cut down, you need di uno schermo televisivo. Ma a TV screen shape. But the chair,
la sedia, come tutto il ristorante, like the whole restaurant,
to allow time and space for new ones to grow, you can’t immediately in realtà si gioca nella
mescolanza di materiali nuovi
was really
about mixing old and new
e vecchi. C’è una struttura di materials. There’s
demand replacements. rovere tradizionale che però a traditional oak base,
contiene un’imbottitura but with polyurethane flexible
di poliuretano”. cushioning inside it”.

I’ve no idea, but I’ve always been very interested in things Yes, I’m a complete control freak. I see it in my head in a designing a bar in his new Standard Hotel in LA, is
that move, and I can see myself immersing myself in certain way, so therefore it has to be built that way. I requiring a more complete concept. It’s true, I’m not as
vehicles, learning more about every aspect of this area. know about cost, it’s an essential and interesting part of interested in designing interiors as I was, because for me
I’m not completely satisfied by designing only domestic the entire process. This is all part of being a competent the results are simply never as satisfying or coherent.
products. I’d love to hang out with Burt Rutan the famous designer. They often take huge amounts of time and you can easily
American maverick, self-taught, aeronautical engineer. lack absolute control over the final result.
You admire Jasper Morrison for having successfully
With the bicycle, I’d say you are being quite scientific as created a visual language, a consistent hallmark, which Your career’s now moving towards engineering and
well as design conscious in your approach, am I right? you also share. He too works with Alessi.What does the high technology products, but I think you’ve always
In terms of my design I was totally preoccupied with bike company gain from its collaboration with the two of you been deeply proactive when it comes to exploiting
in design terms with the frame. My brief was to stay on all these essential, almost generic domestic products? contemporary technical processes and new materials,
within certain parameters such as size and weight, and of Alessi’s collaboration with us represents a more pushing the boundaries of processes. This technical
course cost. As well as being innovative, the result may restrained and perhaps considered approach. Our work is facility goes right back to your childhood, doesn’t it?
well be a little bit lighter, as the frame is made from strongly identifiable, and both of us work as sole As a kid I always built and engineered things like
superformed aluminium, which is vacuum formed designers. I have people working with me, but I insist on surfboards, go-karts, bikes. Australia is an odd place in
aluminium. The entire frame is glued, not welded. Bicycle doing all the design work, that’s my job. I’d rather go and that sense, it’s got a great tradition of invention, with
frames have been made out of tubes for a long time, and live on a desert island instead of employing designers to some of the most inspiring people just designing things
from composite materials for maybe the last decade. This do the work to support a larger organisation. I’m just not in their sheds. My family did: my uncle built hot rod
is another approach. The process is achieved by means of interested in having a larger company. cars. My grandfather and his family of eight were
the correct alloy and material thickness, a fairly carpenters, immigrants from Greece. Growing up in this
expensive process like any fabrication of sheet metal, How does your close exposure to different design environment, I picked things up by osmosis. When I went
when the frame has the right weight-strength ratio. typologies benefit you? to Art School I didn’t study art but I chose jewellery and
I could imagine it being used for a variety of applications, What I get out of the wide ranging nature of my sculpture because I could build things, it was an
even an Olympic track bike, for instance. In any case it’s commissions overall is the chance to learn about new apprenticeship in that sense. Art School also let me do
more about the experiment – the experience – and this is processes. The ability to design a car, a wristwatch, what I wanted. So I have a strong technical aptitude, I
the first step towards some potentially interesting results. a bicycle, the interior of a jet is exciting, but it’s not can pull a watch or a car apart and put it together. Now
The project was really very much about engineering, just about designing something you haven’t designed computers are my workshop and all my tools are there.
where I and the client came together with idealistic aims. before. On a conceptual level, though, it will perhaps be But I feel strongly that with a design, you’ve got to know
That’s hopefully always the case, of course. much easier to design a car next time. how it looks before you build it. The computer for me is
not a design aid, it’s only a tool, however indispensable
Do you strongly believe in the value of a cross-cultural Ikepod brand is based on a familiarity with watch it’s become. I could learn the software, but if I did, I’d
approach? building that goes back to childhood. This is not the case become completely immersed. I make a conscious
Any kind of cross-pollination is healthy. In my experience with the design of most so called ‘fashion’ watches? decision to keep a distance. I’ve said before that I’d love
car designers tend not to have as big an interest in All of the watches I’ve designed for Ikepod are as much a workshop, but it would also be dangerous for the same
contemporary culture. My frame of reference is about quality and function as design itself. We made a reason. So instead I work with people who’re experts in
contemporary culture. I’ve always travelled, and lived conscious decision to use mechanical movements both CAD software, who’re my interface in getting things
and worked in cosmopolitan cities across the world. from a technical and a commercial point of view. If you done. When it comes to the process of realising my
want to be taken seriously in that business you cannot be designs, rapid prototyping procedures are becoming the
You clearly believe in being active at the site of let down by any technical aspects. In that respect, Ikepod norm. The level of control and technology really excites
production.You even spent eight months in Italy during is at least as good as the best product on the market. At me because it allows you to progress smoothly – and
the production of the concept car for Ford earlier this this point, design becomes our unique advantage. Unlike without the need to craft potentially inexact prototypes –
year. This is very immersive. Is it the best way? a lot of high end watch manufacturers, I think the level of from concept to object.
If it’s your design you know more about it than anyone our design and art direction is reasonably superior in
else, and the potential for misinterpretation is enormous. terms of its coherence. How do you balance your professional life with the rest
You therefore have a responsibility to follow the entire of your time? You’ve bought a flat in London, and now
process from beginning to end. It has to be perfect, there’s The jet interior is a hugely valuable contribution in this have a very large, well run studio with a number of
no excuse. Clients you’re working with are taking risks, neglected area of interior design, but in general support staff on the boundary between SoHo and
I’m aware of this, and I’m also protecting my own risk. I detact that you’ve moved away from your earlier Mayfair, so you seem to have built the securest set up of
It’s important that you command respect, and don’t allow motivation to design interiors, after the big success of your entire career to date. This surely means you also
yourself to be fobbed off. I’ve always struggled with the Coast restaurant in London, and others. Two years ago have more freedom in both areas of your life?
public perception that I am only a stylist. I wouldn’t be you wanted to keep everything open in terms of range of I want to try to have fun, so I’ll make time every year to
happy to let a manufacturer interpret and dissect my design commission.Are you able to choose now? do things like snowboarding, just to give you one example
design to try to make it work, perhaps introducing alien Well, the Canteen in SoHo in New York, which was of what I do when I’m not working. The studio’s a great
In questa pagina: in alto, schizzi On this page: top, study sketches
techniques that I haven’t specified. preparatori per Komed chair for Komed chair (1996),
finished in the autumn, has been an instant hit, but my boon to me, but I still find I do my best design at home or
(1996), struttura d’acciaio with steel structure role as designer there was more distanced because of the on a plane. I also need a lot of downtime. My creative life
You easily justify your determination to lead your work e imbottitura. and upholstery. demands this year of other projects, such as the car. It I view as a forest: once the trees are cut down, you need
In basso, schizzi per Bottom: sketches for
through personal control, since you argue that there is Bumper Bed, con imbottitura Bumper Bed, was more a case of placing lots of my products in an open to allow time and space for new ones to grow, you can’t
no alternative, isn’t it? in espanso (1997). upholstered foam (1997). space. On the other hand, André Balazs, for whom I’m immediately demand replacements.
62 Design Design Domus 823 Febbraio February’00 Domus 823 Febbraio February’00 Design Design 63

BICICLETTA, BICYCLE 1998-99


Produttore Manufacturer: Biomega
Designer: Marc Newson
“La Biomega è un piccolo “Biomega is a small start up
produttore di biciclette danese Danish bicycle company, and
da poco in attività, e questa the bike will be the first of their
bicicletta sarà il primo prodotto products on the market, an
che porterà sul mercato: una urban bike with all the latest
bici da città dotata di tutti i components”. The frame is
componenti più aggiornati”. Il made in aluminium, in a new
telaio è di alluminio, realizzato process called superforming, in
con un nuovo tipo di processo which the entire frame is glued,
detto ‘superformatura’, che not welded.
prevede, invece della saldatura,
l’incollatura dell’intero telaio.
64 Design Design Domus 823 Febbraio February’00 Domus 823 Febbraio February’00 Design Design 65

CONCEPT CAR 021C, 1999


Designer: Marc Newson
Produttore Manufacturer: Ford
Realizzato presso lo stabilimento Ford Ghia di Torino.
Produced at Ford’s Ghia factory in Turin.
“Hanno detto che è graziosa. “It’s been called cute,
Suppongo perché ricorda a I suppose because it reminds
chiunque un’automobile, perché everyone of a car, it’s
dal punto di vista iconografico iconographically very car-like
è molto automobile in un modo in a naive way. It’s more
ingenuo. È comoda per la comfortable because of the
funzionalità dell’apertura delle functionality in the way
porte e per le dimensioni della the doors open very easily,
‘serra’ (lo spazio dell’abitacolo and the size of the ‘greenhouse’
sopra la linea dello sterzo). (the cabin space above the line
Le proporzioni dello spazio of the steering wheel).
interno sono molto buone The proportion of space inside
rispetto alle dimensioni is quite good in relation to
complessive dell’auto. the size of the car itself. There’s
C’è essenzialmente meno substantially less confusion
confusione perché ho tenuto because I’ve pared down
sotto tono il design. Non the design. I’m not embellishing
abbellisco niente. Faccio anything. I’m drawing attention
attenzione alle cose cui bisogna to the things that need to be
badare, non a una stupida focussed on, not some dumb
ellisse che interseca la plancia ellipses that intersect the
in modo casuale”. Il prototipo instrument panel in pointless
(che comprende un set di valige ways”. The concept car (which
prodotto da Prada e cuscini di includes luggage produced by
B&B Italia) verrà esposto Prada and cushions by B & B
quest’anno al Detroit Motor Italia) will be shown this year
Show, al Design Museum di at the Tokyo and Detroit Motor
Londra e nel corso Shows, the Design Museum,
di un’importante manifestazione London, and at a major
di design europea. design event in Europe.
66 Design Design Domus 823 Febbraio February ’00 Domus XXX Xxxxx Xxxxx ’95 Progetti Projects 67

Testo di Maria Cristina Tommasini Text by Maria Cristina Tommasini


Fotografie di Ramak Fazel Photographs by Ramak Fazel

Marco Ferreri Bella da vedere, pratica Nice to look at, practical


da riporre. to keep.
Titi, scopa con custodia Titi, broom with case

Alcuni strumenti d’uso quotidiano non hanno diritto “La suocera di Mario aveva un problema: dalla sua casa “Mario’s mother-in-law had a problem: the closet and
di esistere in casa se non nascosti. Si adoperano, si erano spariti lo sgabuzzino e gli armadietti della cucina kitchen cupboards used for brushes and detergents had
consumano, si buttano senza averli mai veramente destinati a spazzoloni e detersivi. Non sapeva più dove disappeared from her house, and she didn’t know where to
scelti. Analogamente a quanto accaduto per altri riporre la scopa. Pensò di ricavare un po’ di spazio in un put her broom. So she thought she would find room for it in
oggetti quotidiani, la scopa con custodia disegnata armadio, ma il suo senso dell’igiene le impediva di tro- another cupboard, but her sense of hygiene prevented her
da Marco Ferreri per Indarte aiuta a riscoprire il vare accettabile questa soluzione. In mancanza di me- from accepting this solution. So for want of anything better,
valore degli strumenti più umili e a dare loro la glio, decise di coprire la scopa con un cappuccio. Chiu- she decided to cover the broom with a hood. She closed the
dignità che meritano. se l’armadio con disagio… ”. cupboard, feeling uneasy… ”.
Quasi tutte le favole hanno un prologo e anche quella di Nearly all fables have a prologue and that of Titi, the
There are some household goods that have no right Titi, la scopa con custodia, ha il suo. Perché, a quanto di- broom with the case, has one too. Because Marco Ferreri
to exist in the house unless hidden from sight; ce Marco Ferreri, il progetto di Titi è nato proprio da says the design for Titi started precisely from this need to
they are used, consumed and thrown away without questo spunto: togliere la scopa dalla clandestinità e ren- bring the broom out of hiding, and to make it nicer to look
ever having really been chosen. Similarly derla un oggetto bello da vedere. Alcuni strumenti d’uso at. Some household articles have no right to exist in the
to what has been happening to other such humdrum quotidiano non hanno diritto di esistere in casa se non home unless hidden from sight. They are used, consumed
commodities, the broom with brush-case, nascosti. Si adoperano, si consumano, si buttano senza and thrown away without ever having really been chosen.
designed by Marco Ferreri for Indarte, is helpful in averli mai veramente scelti. Qualcuno regalerebbe mai Would anyone ever think of giving a broom (or an ironing-
rediscovering the value of our humblest una scopa (o un’asse da stiro oppure un secchio) pen- board or a bucket) as a present because it looks nice
utensils and giving them the dignity they deserve. sando di donare qualcosa di bello oltre che utile? Una besides being useful? A well-designed and (when put to the
scopa ben disegnata, e (alla prova) estremamente funzio- test) extremely functional broom, can change people’s
nale, può far cambiare idea. Non perché gli oggetti sen- ideas. Not because anonymous objects have no personali-
za autore siano privi di personalità (una scopa di saggina ty (a broom of twigs is a thing of intrinsic beauty!), but
ha una sua intrinseca bellezza!), quanto perché dare una because improving the looks of a utensil taken for granted
veste nuova a uno strumento scontato spesso serve a ri- as having no aesthetic charm can often serve to re-
scoprine il valore. enhance its value. There are some who want to make this
C’è chi ne vuole fare una missione, come Mario Giglio- their mission, like Mario Giglioli (the Mario mentioned)
li (quel Mario) con Indarte, l’azienda nata per produrre with Indarte, the company set up to produce Titi and other
Titi e altri ‘umili’ oggetti a venire. L’apporto di Marco ‘humble’ articles to come. Marco Ferreri’s contribution
Ferreri è stato al tempo stesso preciso e leggero, punti- has been at once precise and light, painstaking and fanci-
glioso e fantasioso, anche nella scelta del nome, che può ful. And that includes his choice of name, which might con-
richiamare un’automobile famosa, una bella fanciulla jure up images of a famous car, or of a lovely girl who has
che si è (ahimè) negata o, molto più pertinentemente, la (alas) denied herself. Or, much more aptly, it may suggest
forma a ‘T’ propria della scopa, sia che venga usata sia the ‘T’ shape typical of the broom, whether it be in use or,
che, capovolta, stia attaccata alla parete. In bella vista. upside-down, hanging on the wall. In full view.

La scopa è caratterizzata da un The broom is characterised


contenitore in polipropilene che by a polypropylene container that
copre e protegge la spazzola covers and protects the brush
fungendo al tempo stesso da whilst acting as a hanger. The
appendino. La spazzola – brush is interchangeable and
intercambiabile e disponibile in available in three types: with
tre tipi: con fibre corte e rigide short and stiff fibres for carpets;
per tappeti; con fibre lunghe long and stiff fibres for exteriors
e rigide per esterno e per stuoie and coconut matting; and in
in cocco; in tampico, fibra tampico, a natural fibre highly
naturale molto resistente al calore resistant to heat. It has
– ha la base in acciaio zincato a galvanised steel base covered
ricoperto di plastica morbida. Le with soft plastic. The polyester
fibre in poliestere sono in fibres are greater on quantity
quantità superiore al consueto e than usual, and very firmly
incastrate in modo molto saldo. attached.
Il manico è realizzato in estruso The handle is in anodised
di alluminio anodizzato, mentre extruded aluminium, while the
il giunto, sul quale si trova joint, in which the key necessary
l’alloggiamento per la chiave for changing the
necessaria a cambiare la brush is housed, is in hot-forged,
spazzola, è in alluminio forgiato tempered aluminium subsequently
a caldo, temprato, poi brillantato polished and oxidised. The
e ossidato. La forgia garantisce al forging guarantees the broom’s
pezzo resistenza e durata. resistance and long life.
Domus Febbraio February ’00 Designi Design 69

FOOD brodo limpido e scuro, un brodo così filtrato da apparire


finto. Con l’ausilio delle polveri si fabbricano, modifica-
no, colorano oggetti nutritivi. Ce ne sono di color nero (al
caffè), marrone (al cacao), giallo (all’uovo), e soprattutto
bianche: dai lieviti per pasticceria alla maizena, dal latte in
barattolo allo zucchero vanigliato, son servite da base alle
If we were to imagine a museum of specimens represent-
ing the most significant breakthroughs in the history of
food over the past two centuries, we would have no diffi-
culty in lining up our exhibits in the following order:
Appert’s glass jug vacuum preservation, invented in 1810,
a machine-welded sardine tin, dating from the very early
(coffee), brown (cocoa), yellow (egg) and above all white.
From self-raising pastry based on maize flour, and from
tinned milk to vanilla-flavoured sugar, they served as a
basis for the most appetising processes. Fine and extra-
fine, uniform and impalpable, to be mixed, to correct
flavours, to change consistency or induce fermentation, or

Il progetto del cibo industriale elaborazioni più ghiotte. Fini e finissime, uniformi e im-
palpabili, per miscelare, correggere i sapori, modificare la
consistenza, indurre la fermentazione, predisporre un vei-
1900s, a can of condensed milk next to a tin of soluble cof-
fee, and ending for the time being, in the last decade of the
20th century, with a sample of pharmafood, based on
to prepare a vehicle which the passage to the fridge.
Thanks to powders, cooking became a doll’s laboratory,
and the art of creating food “a small home chemistry set”.
colo che il passaggio in frigorifero trasformerà in budino. bioregulatory principles rich in vitamins, fibre and calci- So in our hypothetical museum of industrial foods, records
Grazie alle polveri, la cucina diventa un laboratorio da um. Food technologies have not only created stable or of the space allocated to cooking and eating, to preserving

DESIGN bambola, e l’arte di creare il cibo una “piccola chimica do-


mestica”. Nell’ipotetico museo dell’industria alimentare i
documenti sul vano per cuocere e per mangiare, per con-
servare e per pulire, sono particolarmente importanti.
Quella sorta di retrobottega con acquaio e fuochi che è una
cucina, rappresenta il punto in cui converge la maggior
durable nutrition, in powder or solidified, but surfaces,
volumes, colours and substances for all uses. A cylindrical
metal can of beef in gelatine, a bar of chocolate, a packet
of powdered yeast, would not only represent milestones of
research in the fields of meat, confectionery and leavens,
but accomplishments both formally and substantially orig-
and cleaning, are particularly important. The old back-
room, so to speak, with its sink and ranges that constitutes
the kitchen, represents the point into which converges the
majority of packed foods for a further, definitive, transfor-
mation. Perhaps it resembles not so much a back-room as
a heterogeneous and permanent store-room, not only of
parte dei cibi confezionati per una ulteriore, definitiva, tra- inal. If canned food contained a surprise, the cube archaeological items, sharpened knives and saucepans of
sformazione. Forse, più che un retrobottega si tratta di un explained itself more easily. But before it was widespread, boiling water, but of energies and technologies, some of
ripostiglio eterogeneo e permanente di energie e di tecno- the jar of Liebig meat extract had already been a common which, like microwave ovens for example, are sophisticat-
logie, alcune di queste, come i forni a microonde, sofisti- ingredient of home cooking. In 1891 Pellegrino Artusi, ed. A storeroom occupied by simple machines and small
cate. Un deposito di macchine semplici e di piccoli moto- author of Scienza in cucina, the Italians’ first cookery motors, but above all by products, each one of which
ri, ma soprattutto di prodotti, ognuno dei quali è oggetto di book, recommended its use as a substitute for broth, in a stems from a precise choice and has its own industrial,
una scelta precisa e ha la sua storia industriale, ben distin- recipe for fricandeau. But for the next few years solid clearly distinct, history, whether it be as dry as macaroni
ta, sia che appaia secco come un maccherone oppure croc- extracts waged such fierce competition against the old jar or as crisp as a potato chip, or as easy to spread as
cante come una patatina o ancora spalmabile come una that it was eventually eclipsed. The newcomer was a small cream. The date carried by every foodstuff is not only that
crema. La data che ogni commestibile porta in sé non è so- cube, consisting mainly of sodium glutamate. Known in of its expiry, but also that of its patent: for margarine,
lo quella di scadenza, ma anche quella del suo brevetto: Europe by the name of KUB, it was sufficient for half a 1869, and for instant Swiss coffee, 1938. The study of
Perché un dossier sul cibo? Il livello di sofisticazione raggiunto da un Why a dossier on food? The degree of sophistication attained by any per la margarina, il 1869, e per il caffè istantaneo svizzero, litre of water and could be dissolved and ready for con- industrial foods is a journey backwards into the past to
qualsiasi prodotto destinato alle nostre tavole potrebbe far impallidi- product intended for our tables could make the most sophisticated te- il 1938. Lo studio degli alimenti industriali è un viaggio a sumption at any time. It could be stored virtually anywhere which others, into space, are added. Eating the foods that
re il più evoluto dei congegni tecnologici. Dalle modificazioni geneti- chnological devices turn pale. From genetic modifications to the late- ritroso nel passato, cui se ne aggiungono altri, nello spazio. and cost only a fraction of a lira or franc. Maggi sold it in industry prepares and supplies daily to our homes is like
che ai nuovi rituali di consumo il progetto del cibo tocca una com- st consumer rituals, the production of food touches on complex deci- Infatti, mangiare i cibi che l’industria prepara e fornisce Switzerland and France, Germany and Italy. The KUB in putting the world into our mouths, with products not only
ogni giorno alla casa, significa portare il mondo intero its red packet was ubiquitous, appearing in advertisements from torrid climates, in the form of exotic foods, sugar
plessa serie di decisioni che entrano nel vivo della questione del sions involving the roots of the design issue. With the help of a scholar
nella propria bocca, non solo da climi torridi, sotto forma and on shop signs. The secret of its success lay in a six cane, cocoa and coffee beans, but from the market gar-
progetto. Con l'aiuto di uno studioso di storia della gastronomia è sta- of the history of gastronomy it has been possible briefly to trace the di derrate esotiche, zuccheri di canna, fave di cacao e gra- sides form, which became the symbol of a fluid, volatile, dens and orchards of temperate countries, from those
to possibile tracciare un breve percorso delle invenzioni che hanno ri- path of inventions that have revolutionized the consumption of food in ni di caffè, ma dagli orti dei Paesi temperati, da quei tun- aromatic food as ancient as meat broth itself. Cut into par- plastic tunnels to be seen from motorways, that are a fea-
voluzionato i consumi alimentari in epoca moderna mentre il contri- modern times, whilst the contribution of an alimentation technologist nel di plastica che affiancano le autostrade e contrasse- allelepipeds it will be sold in packets of two or four por- ture of modern agricultural landscapes. One is left won-
buto di un tecnologo dell'alimentazione ha permesso di individuare i has enabled us to spotlight the parameters on which technological gnano il nuovo paesaggio agrario. Resta da domandarsi tions, similar to chocolates, wrapped in tinfoil. Fifty or dering therefore, before which label and or product
parametri su cui si costruisce il progetto tecnologico degli alimenti. food design is built. Finally, some of the aesthetic questions of form davanti a quale etichetta, davanti a quale prodotto debba sixty years later only the cardboard packet had changed. should the visit to our museum conclude. It might end
finire la visita al nostro museo. Potrebbe concludersi con Foodstuffs of this kind, to which could be added chocolate with a surprise, with a traditional kitchen installed in the
Infine sono state analizzate alcune questioni estetiche sulla forma e and structure in industrial objects have been analysed and cases that una sorpresa: nell’ultima sala è stata infatti installata una bars, margarine, cheese segments were conceived in a final room. The recovery of gastronomic values and the
la struttura dell’oggetto industriale e sono stati presi in esame alcu- have led to significant food standards have been examined. cucina tradizionale. Il recupero dei valori gastronomici, geometric spirit. It was not the package that properly dis- reformulation of pre-industrial foods are part of our nutri-
ni casi che hanno dato luogo a significativi standard del cibo. a cura edited by di Giampiero Bosoni e Francesca Picchi la riformulazione dei cibi preindustriali, fanno parte del- tinguished the handmade article from the artificial indus- tional research. They are its less obvious face, dictated by
la ricerca alimentare, e ne sono la faccia meno ovvia, trial product: the history of canning accustomed us to sep- a need for nutritive continuity constantly advanced by
dettata da una esigenza di continuità nutritiva costante- arate container from content. It was now possible to fill a consumers. If the pot and the open hearth are uncontem-
mente avanzata dai consumatori. Se il paiolo e il camino metal can with refined food, and to seal it. Before the porary symbols, Tefal pans and energy distributors are
sono simboli inattuali, le pentole in tefal e gli erogatori advent of frozen food, up till the 1920s canned products here to assist a cook in the use of powders, extracts, fats
FOOD di energia assistono un cuoco che usa polveri, estratti,
grassi, conserve per eseguire ricette via via adeguate al
were much appreciated by French caterers. Such delica-
cies as salmon in gelatine, lobster, and roast partridge,
and preserves, to create recipes adjusted to changing
tastes. Where does technological assistance end and where
gusto. Dove finisce l’assistenza tecnologica e dove co- prepared by expert cooks, ended up canned, sealed and on does creative flair begin? It is hard to say just how far the
Artefatti alimentari Food artefacts mincia il suo lavoro creativo? È difficile dirlo, a tal pun- hand ready to be opened by other chefs, who would then concept itself of gastronomic tradition is a reflection of our

DESIGN to il concetto stesso di tradizione gastronomica è un ri-


flesso della nostra modernità. Sostituendo gli ingredienti
o modificandone la durata, abbreviando o eliminando le
heat them and serve them in the appropriate manner (with-
out, of course, revealing their canned origin). If a feature
of the industrial product lies in its inner originality, the
modernity. By substituting ingredients or changing their
durability, abbreviating or abolishing manipulations,
industry has already occupied all available space in our
manipolazioni, l’industria ha già occupato tutto lo spazio cube came to be ousted by a granular substance which, artisan and domestic kitchen. Or nearly all, since good
Per un museo immaginario del cibo industriale della cucina artigianale e di quella domestica. O meglio dissolved in water, produced a clear and dark broth, a cooking still leaves room for imagination and patience –
An imaginary museum of industrial food quasi tutto, in quanto restano al cuoco, per realizzare un soup so pure and finely filtered as to seem almost false. qualities that can’t be purchased or refrigerated.
piatto, l’immaginazione e la pazienza che, come è noto, With the aid of powders, nutritive products could now be *Studioso di storia della gastronomia e direttore di Slow Food
Testo di Text by Alberto Capatti
non possono essere acquistate né estratte dal congelatore. manufactured, modified and coloured. They could be black *Scholar of the history of gastronomy and director of Slow Food
Se dovessimo immaginare un museo consacrato alle indu- sa. Con un dado sarà più facile spiegarlo. Prima che esso gnola. Cinquanta, sessant’anni dopo ha cambiato solo l’in-
strie alimentari in cui venissero esposti i reperti più signi- apparisse, il vasetto di estratto di carne Liebig era già dif- volucro di cartone. Tali oggetti commestibili, cui affian-
ficativi, quei cibi che, negli ultimi due secoli, ne hanno se- fuso nelle case. Pellegrino Artusi, autore della Scienza in chiamo tavolette di cioccolato, pacchetti di margarina,
gnato la storia, non avremmo difficoltà ad allineare in cucina, il primo ricettario degli Italiani, nel 1891 lo racco- spicchi di formaggio, sono concepiti con spirito geometri-

Conserve secondo il metodo di Chevallier Appert, 1809


ordine: la conserva sottovuoto in boccale di vetro di Appert mandava in mancanza del brodo, in una ricetta di vitello in co. Non è la confezione che distingue propriamente il ma-

Scatoletta di corned-beef, brevetto n.161.848, 1875.


del 1810, una scatoletta di sardine saldata a macchina, dei fricandò. L’estratto solido, negli anni immediatamente suc- nufatto dall’artefatto industriale: la storia della conserva ci

Canning according to Chevallier Appert in 1809.


Farine Lactée, designed by Henri Nestlé in 1860

Can of corned beef, patent no. 161.848 of 1875.


primissimi anni del ‘900, un vasetto di latte condensato ac- cessivi, gli farà concorrenza fino a eclissarlo. Si tratta di un ha abituati a separare contenente e contenuto. È possibile
Henri Nestlé progetta la Farine Lactée, 1860

canto a uno di caffè solubile, per arrivare, nell’ultimo de- cubetto, prevalentemente di glutammato di sodio, cono- riempire una scatola metallica, e saldarla, con cibi raffina-
cennio del XX secolo, ai pharmafoods, alimenti funziona- sciuto in Europa con il nome di KUB, sufficiente per mez- ti. Questa tecnica prima dell’avvento della surgelazione, si-
li, basati su principi bioregolatori, ricchi di vitamine, fibre, zo litro d’acqua, pronto in ogni istante, conservabile ovun- no agli anni ‘20, era molto apprezzata nella ristorazione al-
calcio. Le tecnologie alimentari hanno non solo creato dei que, per pochi centesimi. La società Maggi lo diffonde in berghiera francese. Salmoni in gelatina, code di aragosta,
nutrimenti stabili e durevoli ma superfici, volumi, colori, Svizzera e in Francia, in Germania e in Italia. Il KUB, in pernici arrosto, cotti da un abile cuoco, finivano in scatola,
sostanze per tutti i gusti. Una scatola metallica cilindrica, confezione rossa, lo si ritrova dovunque, nelle réclame e suggellati, sino al momento in cui erano aperti da un suo
contenente manzo in gelatina, una tavoletta di cioccolato, nelle insegne dei negozi. Qual è il segreto del suo succes- collega che li riscaldava e li serviva nell’addobbo più con-
la bustina di lievito in polvere, non corrispondono solo al- so? Una forma a sei facce che diventa il simbolo di un ali- facente (tacendo ovviamente il ricorso alla conserva).
le tappe della ricerca nei comparti delle carni, dei dolciumi mento fluido, volatile, aromatico, antico come il brodo. Se un elemento distintivo del prodotto industriale sta nella
e dei fermenti, ma a esiti formalmente, oltre che sostan- Tagliato in parallelepipedi, verrà venduto in confezioni da sua intrinseca originalità, al posto del cubetto possiamo
zialmente originali. Nella scatola di conserva c’è la sorpre- due o quattro porzioni, simili a cioccolatini in carta sta- immaginare un granulato che, sciolto nell’acqua, dà un
Domus 823 Febbraio February ’00 Design Design 71

FOOD
Mangiare con gli occhi Eating with our eyes
DESIGN

L'aspetto, la forma e il colore degli alimenti non sono Parametri e tecnologie adattarsi alla cottura a contatto degli impasti con minimo forma e aspetto della produzione industriale, la crescita spoon (viscosity); the second group concerns the actu- cooking, to make bread (always in a hemispheric
affatto attributi accessori nel consumo alimentare: attra- perimetro interessato ai fenomeni di caramellizzazione) dell’offerta di prodotti di imitazione? Toccare, mastica- al characteristics evaluated at the moment of tasting, form: and here we also have leavening and baking by
del progetto alimentare
verso la loro percezione scatta un complesso meccani- e a valutarne l’edibilità attraverso il colore dorato pro- re, annusare, assaporare sembrano d’altronde, a livello and the use of nose and palate. Although the attribut- irradiation), sausages and cheese (in cylindrical
smo psicofisiologico, recentemente definito come “anti- Parameters and technologies dotto dalla cottura, a produrre il pane (sempre di forma sociale, comportamenti regressivi, a differenza che guar- es perceived in the participatory phase are the defini- shapes, to encourage the centripetal phenomena of
cipazione del flavour e della texture (ovvero della of the food product semisferica: inclusa anche la lievitazione e la cottura per dare (che d’altra parte è un’attività passiva). Volendo es- tive ones, there is no doubt that the predisposition microbic ripening and drying). It was only later that
consistenza) associata con l’apparenza” . L’informazio- irraggiamento), i salumi e i formaggi (di forma cilindri- sere pessimisti, potremmo affermare che il mondo vir- exercised in the anticipatory stage is fundamental. coloured caramels (but without vitamins) appeared,
ne visiva comunicata dal cibo è inconsciamente confron- Testo di Text by Marco Riva ca, per favorire i fenomeni centripeti di maturazione mi- tuale che ci aspetta selezionerà forse, come mutanti, Quite a lot of this anticipatory mechanism depends on along with such things as canned meat (where it is the
tata con archetipi presenti nella nostra memoria, deter- crobica e asciugamento). Solo in seguito sono venute le soltanto coloro che professeranno come religione diete- the complex ‘natural’ language of foodstuffs, a lan- container and the technological rules of preservation
Anticipazione Anticipation caramelle colorate (ma senza vitamine), la carne in sca- that determine its form), rectangular biscuits (so that
minando, in pochi millesimi di secondo, la nostra Apparenza Appearance
tica il voyerismo alimentare. guage where aesthetic elements and functional proper-
eventuale predisposizione ad ‘affilare’ gli altri apparati tola (ove sono il contenitore e le regole tecnologiche del- ties are closely related, also for symbolic reasons. they can be accumulated in a packet without being
Colore Colour
sensoriali. Un aspetto inusuale scatena immediatamente Dimensioni Dimensions la conservazione a determinare la forma), i biscotti ret- The appearance, shape and colour of food are by no Thus red stands for life (blood foods like meat, or broken), apples waxed, polished and all alike (i.e. the
ur r

Co
vo ou

ns

Forma Form
fla av

un allarme di altri organi di senso: se la superficie di un tangolari (per poterli accumulare in una confezione ove means secondary attributes of its consumption. Their foods rich in ‘vitamins’, like carrots and tomatoes), standardization of nature), Philadelfia Kraft (or
ist
of fl

en
n el

Partecipazione ( 1°) Participation (1°)


io d

za
at e

crostaceo ci risulta opaca e magari il colore presenta non si sfaldassero), le mele cerate, lucidate e tutte ugua- perception sets in motion a complex psycho-physiolog- and green for nature, whilst white suggests the sub- miniature tray to substitute a plate to eat off), and
ip ion

Co
ns
tic az

is
An ticip

te

nuance verdognole, sarà sicuro che avvicineremo il naso li (ovvero la standardizzazione della natura), il Philadel- ical mechanism, recently defined as the “anticipation stance or reserve fuel (the amylaceous part of seeds); surimi (i.e. reconstituted, texturized, aromatized and
nc
An

per verificare la presenza di eventuali odori di stantio e fia Kraft (ovvero la vaschetta che sostituisce il piatto in of flavour and texture (i.e. consistency) associated a viscose visual consistency texture (oil, condiments) coloured products that play on the reinvention of a
Consistenza Consistency

allerteremo il gusto a ricercare immediatamente sapori cui mangiare), il surimi (ovvero i prodotti ricostituiti, te- with appearance”. The visual information communi- indicates palatability (i.e. the pleasure of softening the non-existent archetype). Pending, of course, the mira-
Odore Odour

correlati, per esempio quelli acri o amari; se un pomo- sturizzati, aromatizzati e colorati in cui si gioca a rein- cated by food is unconsciously compared with arche- mouthful and of the lingering effect on the taste buds cles of genetic engineering: cubic tomatoes, cylindri-
doro si presenta raggrinzito, di colore troppo cupo, con ventare un archetipo inesistente). Ovviamente aspettan- types present in our memories, thereby creating, in a of substances endowed with flavours); a translucent cal eggs, cockles that can be opened simultaneous-
our

aree diverse alla vista, cercheremo immediatamente di do i miracoli dell’ingegneria genetica: pomodori cubici, few thousandths of a second, our eventual readiness to surface (apples, grapes, citrus fruit, courgettes) and a ly.All this leads to reconsideration in design terms, of
Flav

saggiarne la consistenza tattile, di verificare eventuali uova cilindriche, vongole ad apertura simultanea. Tutto ‘sharpen’ our other sensorial apparatuses. An unusual spheroid or oblong form (minimum surface displayed the modalities of presentation. And this can go a long
our

°)
odori di marciume e sicuramente saremo poco allettati a (2 ciò porta a riconsiderare progettualmente le modalità di appearance will immediately set off an alarm from the per unit of mass) testifies to the presence of a protec- way, seeing that the characteristics of anticipation of
Flav

Te

Ci
te

st

n
s

on
ur

es
Ta

ati
t

consumarlo. A questa impressione anticipata, segue poi presentazione: qui il discorso può condurre lontano, other organs of sense: if the surface of a crustacean tive casing inside which a precious secret is hidden; flavour are mingled with the psypathology of con-
o

Te

es
st

xt

cip
ia
Gu

ur

Ki

ti
e

la valutazione di una serie di attributi ‘partecipatori’: il giacché le caratteristiche di anticipo del flavour si looks opaque and its colour maybe a bit greenish, we and so on. So there’s nothing new about nutritional sumer foods, as anyone laying a table, designing a
na

ar
e

P
st

°) Palatabilita’ Palatability
he

primo gruppo comprende tutte le caratteristiche indaga- (2 confondono con la psicopatologia dei consumi alimenta- will surely sniff it to check possible whiffs of non- analysis or functional properties: for tens of thou- type of packaging or deciding on ways of displaying at
si
a

e
bili con mezzi tattili, per esempio tagliando con un col- ion ri, come ben sa chi apparecchia una tavola, chi disegna freshness, and alert our taste to search at once for any sands of years men have learnt to choose and use a sales outlet will well know. The cheapest of products
i paz
tello della carne (consistenza) o rimescolando uno yo- c
r te un tipo di packaging, chi decide o progetta le modalità di re-lated hints, for example of sour or bitter. If a toma- foods on the basis of their appearance, associating looks smarter if well presented, and the most off-
Pa
gurt con un cucchiaino (viscosità); il secondo gruppo esposizione in una struttura commerciale. Il più vile dei to looks shrivelled and too dark in colour, with patch- this if necessary with experience and substance.Before putting aspect can become attractive in a suitable set-
riguarda invece le vere e proprie caratteristiche valutate prodotti si ingentilisce se ben presentato, l’aspetto più es of different visual consistencies, we will at once try the modern architects of food (nutritional technolo- ting.In conclusion: eating with the eyes is increasingly
In queste pagine, in alto: la On these pages, top: the variation
all’atto dell’assaggio e con l’impiego del naso e del pa- variazione dello standard di colore of colour standards in certain scostante può diventare attraente con una opportuna am- out its tactile consistency, to check possible odours of gists) came along with man-made products, nature important, especially for a society everlastingly on a
lato. Benché gli attributi percepiti nella fase partecipato- in alcuni alimenti condiziona foods sharply conditions the bientazione. In conclusione: mangiare con gli occhi è rot, and certainly won’t feel enticed to consume it. This and the culture of survival had set the precise rules for diet. But so is producing for the eyes. How otherwise
fortemente il meccanismo psycho-physiological mechanism
ria siano quelli definitivi, non vi è dubbio che la predi- psicofisiologico dell’anticipazione of anticipation of flavour.
sempre più importante, soprattutto per una società pe- anticipated impression is then followed by an evalua- this language. The culture of survival had taught man are we to judge the use (to excess in some sectors) of
sposizione esercitata nella fase anticipatoria sia del flavour. Al centro, diagramma Centre, diagram for the rennemente a dieta. Ma anche produrre per gli occhi: co- tion of a series of ‘participatory’ attributes: the first to ‘construct’ loaves (that were round, so as to adapt additives or technological aids having a purely aes-
fondamentale. Buona parte di questo meccanismo anti- per la rappresentazione delle representation of sensorial me altrimenti giudicare l’impiego (in alcuni settori ec- group includes all those characteristics that can be to cooking in contact with mixtures having a minimal thetic function, over-standardization in the shapes and
caratteristiche sensoriali e del loro characteristics and their order
cipatorio dipende dal complesso linguaggio ‘naturale’ ordine di percezione (metodo di of perception (Kramer and cessivo) di additivi o coadiuvanti tecnologici a funzione surveyed by tactile means, for example by cutting meat perimeter affected by caramelization) and to assess appearance of industrial products, or the growing sup-
degli alimenti, un linguaggio ove elementi estetici e pro- Kramer e Szeczesniak). Szeczesniak method). puramente estetica, l’eccesso di standardizzazione in with a knife (consistency) or stirring yogurt with a their edibility through the golden colour created by ply of imitation products? Touching, chewing, sniffing
prietà funzionali sono strettamente correlati, anche per and tasting seem for that matter, on a social level, to
ragioni simboliche. Così il colore rosso è la vita (cibi be regressive forms of behaviour, unlike looking
sanguigni come la carne, o ricchi in ‘vitamine’, come la (which is in any case a passive characteristic). To be
carota e il pomodoro), il colore verde è la natura, il colo- pessimistic, we might affirm that the virtual world
re bianco è la sostanza o il carburante di riserva (parte awaiting us will select perhaps, as outer space-like
amilacea dei semi); una consistenza visiva viscosa (olio, creatures, only those professing an alimentary
condimenti) indica la palatabilità (cioè il piacere di am- voyeurism as their dietetic religion.
morbidimento del boccone e di persistenza sulle papille *Docente di Tecnologie Alimentari presso il DISTAM,
gustative delle sostanze dotate di flavour); una superficie Università degli Studi di Milano
*Professor of Alimentary Technologies at DISTAM,
traslucida (mela, uva, agrumi, zucchina) e una forma Università degli Studi, Milan
sferoidale o oblunga (minima superficie esposta per
unità di massa) testimonia la presenza di un involucro di
protezione entro cui è nascosto un segreto prezioso, e
In questa pagina: porzione di On this page: a portion of frozen
così via. Altro che analisi nutrizionale e proprietà fun- insalata russa surgelata. Per Russian salad. Due to the interest
zionali: per decine di migliaia di anni gli uomini hanno l’interesse che rivestono nel which they arouse in determining
imparato a scegliere e utilizzare gli alimenti, sulla base determinare la propensione al propensity to consumption of a
consumo di un prodotto foodstuff, the properties of
delle loro caratteristiche di apparenza, associando caso- alimentare, le proprietà di appearance (optical properties,
mai con l’esperienza aspetto e sostanza.Prima che i mo- apparenza (proprietà ottiche, physical form and manner of
forma fisica e modo di representation) are objectively
derni architetti del cibo (i tecnologi alimentari) interve- presentazione) sono valutate evaluated. For example in the case
nissero con l’artefazione, natura e cultura della oggettivamente. Nel caso of a frozen food product like
sopravvivenza avevano determinato regole precise di dell’insalata russa, la Russian salad, the composition of
composizione dei singoli alimenti its single ingredients is
questo linguaggio. La cultura della sopravvivenza aveva viene parametrizzata in funzione paramatrized on the basis
insegnato a ‘costruire’ le focacce (di forma tonda, per del comportamento di cottura. of cooking behaviour.
FOOD
Cibo: l'ingegneria genetica prende il comando Food: genetic engineering takes command
DESIGN

Testo di Text by Giampiero Bosoni

Alcune questioni sulla forma e la struttura La storia del disegno industriale ha raramente affrontato dotto derivato dal mondo organico. Non c’è qui lo spa- ancora oggi illuminanti, come quando ci fa presente che quanto appaia sempre più evidente il ruolo preponderan-
la complessa e delicata questione del progetto del pro- zio per riassumere adeguatamente le cento e più pagine la catena di montaggio nasce nei macelli meccanizzati di te del progetto, in termini di forma e di struttura, nella
degli alimenti prodotti industrialmente dotto alimentare nella sua stravolgente evoluzione attra- dedicate da Giedion a questo particolare mondo della Cincinnati e Chicago tra gli anni Trenta e Ottanta del ‘costruzione’ del prodotto alimentare all’interno del
Some questions regarding the form and verso le diverse fasi dell’era industriale. Pochi hanno sa- produzione industriale, ma basti citare alcuni titoli di ca- XIX secolo, e che quindi, anche se lui non lo dice così complesso e variegato mondo dell’industria che lavora la
puto leggere con la dovuta considerazione e con i giusti pitoli e di paragrafi in cui si suddivide questa sezione chiaramente, la linea di montaggio messa a punto da materia organica.
structure of industrially produced foods
strumenti i diversi aspetti che il progetto dell’industria dell’opera per rendersi conto della qualità di tale ap- Ford per l’automobile (1908), non è altro che un proces- Questo nostro discorso evidentemente vuole superare
alimentare ha rappresentato in quel mondo che noi co- profondimento tematico: La mutazione strutturale del so di costruzione per assemblaggio di parti che imita in l’interessante, ma ancora superficiale questione del
munemente chiamiamo industrial design. Eppure le ori- contadino, Il suolo, Agricoltura intensiva, Il Middle senso inverso il sistema industriale di scomposizione per packaging, per sollecitare piuttosto un urgente approfon-
gini di questa storia progettuale si incrociano significati- West e la meccanizzazione dell’agricoltura, La nuova separazione di “parti funzionali” praticato già da alcuni dimento sul progetto del suo contenuto alimentare. Un
vamente con la storia dell’organizzazione del processo forma degli attrezzi; Pane, La meccanizzazione della decenni nei macelli americani. O ancora quando raccon- contenuto che a noi appare ‘naturale’, ma che spesso è in
industriale, e molti prodotti alimentari hanno rappresen- produzione del pane, La mutata struttura del pane mec- ta del processo di meccanizzazione della produzione del realtà il frutto di una raffinata manipolazione, chimica o
tato emblematicamente le diverse e contraddittorie que- canizzato, Mutamenti della struttura, La meccanizzazio- pane e introduce la storia di quel particolare processo di anche genetica, fatta a tavolino, per così dire con riga e
stioni estetiche di forma e struttura dell’oggetto indu- ne trasforma il gusto; Carne, Meccanizzazione della pro- gassificazione del pane che ha consentito di ridurre di squadra, in termini di colore, di odore, di sapore, di for-
striale, come si può ben capire osservando i più noti casi duzione di carne in America, Industriali e industria della un decimo i tempi di cottura dando luogo anche a una ma, che si tratti di carne in scatola o di una merendina. E
storici di certe bevande gassate o degli hamburger, ma carne in scatola, Meccanizzazione e sostanza organica, fondamentale trasformazione strutturale del prodotto attenzione, non si tratta dell’ennesima variante scaturita
che può valere anche per il latte in polvere, oppure per Crescita e meccanizzazione; Semi, L’uovo, Fecondazio- della panificazione industriale, che poi è quel genere di dall’infinita storia dell’arte culinaria creata dall’uomo
una perfetta e allettante mela, prodotto dell'ingegneria ne artificiale. Tenuto conto che chi scrive queste pagine pane a cassetta dalla fitta porosità tipica di molti generi sino a oggi: altri fattori del tutto estranei alla storia, per
genetica. In tal senso si può dire che il cibo industriale è lo stesso Sigfried Giedion che fu per tanti anni paladi- di pane industriale di origine americana. In tal senso ri- quanto evoluta e sofisticata, delle scienze alimentari di
ha giocato un ruolo strategico tra i principali prodotti di no del Movimento Moderno, sia come impegnato stori- sulta impressionante lo stretto rapporto dimostrato da tutti i tempi e di tutti i continenti, entrano in campo. Pro-
consumo arrivando a costituire un punto di riferimento co dell’architettura sia come segretario dei Congrès In- Giedion grazie agli insostituibili documenti di brevetto, va ne è il fatto che oggi si effettuano, grazie all’ingegne-
fondamentale della dimensione culturale della società ternationaux d’Architecture Moderne, tenendo ancora presentati sempre con geniale accortezza da tale autore, ria genetica, diversi esperimenti per trasformare diretta-
moderna. Una pietra miliare per questo genere di studi presente che questa vivace e colta personalità fu così secondo cui tale processo industriale della produzione mente la materia prima, l’elemento naturale, sia nella
risulta ancora una volta quello che senza dubbio può es- coinvolta da questo spirito innovativo del progetto da di- del pane si collega direttamente all’applicazione del me- forma sia nella struttura, in modo tale da risolvere già
sere ricordato, visto che con il 2000 siamo alla fine di ventare lui stesso designer di apparecchi d’illuminazio- desimo processo sia per la produzione dell’acqua gassi- sul nascere, tanto i valori del suo contenuto, sotto diver-
questo secolo, come il migliore testo di storia del dise- ne e fondatore negli anni Trenta di una rinomata azienda ficata e ancora più stupefacente per un analogo processo si punti di vista, quanto, per certi aspetti, il suo nuovo
gno industriale pubblicato nel XX secolo, ovvero il ma- di elementi di arredo razionalista, appare evidente che industriale della produzione dell’acciaio (metodo Besse- packaging ‘naturale’. Vedi in tal senso i casi del pomo-
gistrale Mechanization Takes Command scritto da Sig- questo suo specifico interesse per il disegno industriale mer, 1856). Oggi a cinquant’anni dalla prima edizione di doro ‘cubico’ che non marcisce, le mele con la pelle più
fried Giedion nel 1948. In particolare la quarta sezione della produzione alimentare costituisce un riferimento Mechanization Takes Command, ci sentiamo, soprattut- spessa e resistente, più lucida e tutte perfettamente stan-
di questa opera intitolata La meccanizzazione affronta il fondamentale per un così particolare e quanto mai ne- to in questo campo, particolarmente dardizzate, oppure il caso paradossale dell’anguria che
mondo organico costituisce un ricca e oggi quanto mai cessario orientamento di studi storici sul quale, a distan- orfani di Sigfried Giedion. Purtroppo non ci risulta che cresce a forma piramidale per consentire un immagazzi-
profetica prospettiva di studi sul vasto e articolato pro- za di più di cinquant’anni da quel testo, occorre ancora la storia del disegno industriale, dopo l’opera di Gie- namento ottimale. Volendo oggi aggiornare con nuovi
blema della progettazione industriale in relazione al pro- molto indagare e riflettere. Alcune sue osservazioni sono dion, abbia saputo continuare una simile ricerca, per capitoli e paragrafi la ricerca storica iniziata da Giedion,

Nella pagina accanto, dall’alto: Facing page, from top: Kock’s


congegno di Kock per uccidere il pig-killing device (from Sigfried
maiale (tratto da Sigfried Giedion, Mechanization Takes
Giedion, Mechanization Takes Command, Oxford University
Command, Oxford University Press, 1948); automatic scales
Press, 1948); bilancia automatica for weighing pigs, in use at
per pesare il maiale in uso nelle canning factories of Cincinnati,
aziende conserviere di US patent
Cincinnati, brevetto americano n. 92083, 29 June 1869, (from
n. 92083, 29 giugno 1869 (tratto Siegfried Giedion,
da: Sigfried Giedion, Mechanization Takes Command,
Mechanization Takes Command, Oxford University Press, 1948);
Oxford University Press, 1948); a card from the Giedion archives
una scheda dell’archivio Giedion containing a famous image of
contenente una celebre immagine Charlie Chaplin in Modern
di Charlie Chaplin in Tempi Times: “The mechanized
Moderni, “L’individualista individualist goes mad and
meccanizzato impazzisce proceeds to turn the factory into
e trasforma la fabbrica nel the madhous it has always
manicomio che è sempre stata”, been”, (courtesy United Artists).
(courtesy United Artists). This page: top, industrialized
In questa pagina: in alto, macello slaughterhouse, Inalca factory
industrializzato, stabilimento (photo Grazia Neri); bottom,
Inalca (foto Grazia Neri); canned meat (Design Museum,
in basso, carne in scatola London), and constructive
(Designmuseum, London); drawing of a Carmel Kilm
disegno costruttivo di hamburger hamburger, California.
della Carmel Kilm, California.
74 Design Design Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Design Design 75

Nella pagina accanto: in alto da Facing page: top from left, oven
sinistra, forno con catena senza with endless chain, US patent
fine, brevetto americano n. 7778, n. 7778, 18 November 1850 (from
18 novembre 1850, (tratto da Sigfried Giedion, Mechanization
Sigfried Giedion, Mechanization Takes Command, Oxford
Takes Command, Oxford University Press); section
University Press); linea di drawing of an industrial bakery
produzione industriale del pane, production line, Britain, early
Inghilterra, 1925. Al centro, 20th century.
immagine pubblicitaria di un Centre: advertisement for an
pane in cassetta prodotto industrially manufactured loaf,
industrialmente, USA, 1948. USA, 1948. Bottom: control point
In basso, fase di controllo in una on an industrial bakery
linea di produzione industriale del production line (photo
pane (foto Grazia Neri). Grazia Neri).
In questa pagina: in alto da This page: top from left, patent
sinistra, disegno di brevetto per drawing deposited by Ditta
una macchina di stampaggio di D. Lazzaroni for a continuous
biscotti depositato della Ditta D. moulding machine for biscuits,
Lazzaroni nel giugno 1905; June 1905, and the industrial
produzione industriale di gallette production of crackers in
in Germania, anni Trenta circa; Germany, 1930s; bottom,
in basso, produzione industriale industrial production of pizzas,
di pizze, Nestlé, Francia 1996 Nestlé, France 1996
(foto Grazia Neri). (photo Grazia Neri).

nuove parole e nuove questioni giocherebbero un ruolo Seldom in the history of industrial design has the com- more pages devoted by Giedion to this particular world
fondamentale: fisica del liofilizzato, percezione dei co- plex and delicate question of food products been con- of industrial production. However, we need only quote a
loranti chimici, estetica dei surgelati, forma e struttura fronted, in all its diverse and mind-boggling stages of few titles of chapters and paragraphs into which this sec-

FOOD del cibo precotto, compatibilità dei cibi estrusi, la muc-


ca come macchina a controllo numerico, grasso animale
e cosmesi, la catena alimentare modificata geneticamen-
evolution during the industrial era. Few have succeeded
in reading, with due consideration and the right tools,
the multifarious aspects of the food industry in the world
tion of the work is subdivided to appreciate the quality of
his in-depth study of the subject: The structural chang-
ing of the peasant, The land, Intensive agriculture, The
te, bioingegneria, clonazione, i nuovi alimenti transgeni- commonly known as industrial design. And yet the ori- Middle West and the mechanization of agriculture, The
ci. Tutti temi di grande interesse progettuale, ma anche, gins of this design history significantly intersect the his- new shape of tools; Bread, The mechanization of the

DESIGN come deve sempre essere quando si parla di progetto, te-


mi da valutare con grandissima responsabilità etica e
culturale.
tory of the organization of the industrial process. More-
over, many foodstuffs have emblematically represented
the diverse and contradictory aesthetic questions of form
production of bread, The changed structure of mecha-
nised bread, Changes of structure, Mechanization trans-
forms taste; Meat, The mechanization of meat produc-
Per questo torna quanto mai profetico il capoverso con- and structure in industrial goods, as can be clearly tion in America, Canned meat industrials and industry,
clusivo del testo dedicato da Giedion all’industria ali- understood by looking at the best-known historical cases Mechanization and organic substance, Growth and
mentare, quando l’autore terminava, nel 1948, il suo ex- of certain soft drinks or of hamburgers, for example. But mechanization; Seeds, The egg, Artificial fecundation.
cursus storico affrontando i temi dell’ibridazione dei it can also apply to powdered milk, or to a perfect and We should bear in mind that the man who wrote those
semi e della fecondazione artificiale: “Una tempting apple, produced by genetic engineering. In that pages was the same Sigfried Giedion who for many
cosa resta certa: la meccanizzazione respect industrial food can be said to have played a years championed the Modern Movement, both as a
deve arrestarsi quando si trova da- strategic role among the principal consumer products, committed architectural historian and as secretary to the
vanti alla sostanza vivente. Una and even to constitute a key point of reference in the cul- Congrès Internationaux d’Architecture Moderne; and
nuova presa di posizione è diventata tural scale of modern society. A milestone in studies of again, that this lively and learned figure was so deeply
necessaria. Il campo sconfinato de- this kind is once again that which can without doubt be involved in the innovative spirit of design as to become
gli interventi nella fecondazione, di remembered, seeing that the year 2000 has now brought himself a designer of lighting fixtures and founder in the
cui vediamo oggi soltanto i primi this century to an end, as the best work on the history of 1930s of a renowned rationalist furniture factory. So this
inizi, ci mette sulle spalle una pauro- industrial design ever published in the 20th century: the specific interest of his in the industrial design of food
sa responsabilità. Se invece di deva- masterly Mechanization Takes Command by Sigfried products would seem clearly to constitute a fundamental
stazione e di sfruttamento vogliamo Giedion, which came out in 1948. In particular, section reference for such a particular and very necessary
realizzare un autentico controllo della four of this work, entitled Mechanization tackles the orientation of historical studies which, more than fifty
natura occorre la massima cautela: nessuna organic world, provides a rich and what has by now years after that text was written, still leave a great deal
azione di forza, ma la più intima e approfondita cono- shown itself to be a deeply prophetic perspective survey to be researched and reflected. Some of his observa-
scenza degli organismi ne è la premessa. Questo impone of the vast and intricate matter of industrial design relat- tions are still just as enlightening as they were then, for
una concezione spirituale che abbandoni decisamente ing to products derived from the organic world. There is instance when he reminds us that the assembly line
l’idolatria della produzione”. not room here to sum up adequately the hundred and started from the mechanized slaughterhouses of
76 Design Design Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Design Design 77

FOOD In questa pagina: dall’alto,


produzione industriale di
This page, from top: industrial
production of water-ices,
ghiaccioli, Esselunga, Italia 1997; Esselunga, Italy 1997; patent
disegno di brevetto per un cono drawing for an ice cream cone,
gelato, progetto di J. Balton, USA design by J. Balton, USA 1941;

DESIGN 1941; angurie piramidali


‘prodotte’ grazie all’ingegneria
genetica, molto più comode da
pyramidal water-melons
‘produced’ with the aid of genetic
engineering, much more
immagazzinare (tratto da convenient to warehouse (from
CorriereEconomia, 19 gennaio CorriereEconomia, 19 January
1998); laboratorio di ingegneria 1998); genetic engineering
genetica (foto Grazia Neri). laboratory (photo Grazia Neri).
Nella pagina accanto: in alto, Facing page, on the top:
pillole ‘alimentari’ in sostituzione ‘alimentary’ pills as a substitute
di cibo, USA, 1994; a destra: for food (USA, 1994); on the
immagine di una campagna di right: image from a campaign
condanna contro la crudeltà del condemning the cruelty of
ciclo industriale della industrial slaughterhouse cycles
macellazione (www.peta- (from www.peta-online.org/Meat
online.org/Meat Stinks: Stinks: McCruelty to go);
McCruelty to go); in basso: bottom: a harvest of apples all
raccolta di mele tutte uguali e alike and perfect, as the market
perfette, come le vuole il mercato. wants them.

Cincinnati and Chicago between the 1930s and 1980s, matter. And here of course we have intentionally left out metics, the genetically modified food chain, bio-engi-
and that, even if he does not say so clearly, the assem- the interesting, though still superficial question of pack- neering, cloning, and the new transgenic foodstuffs. All
bly line developed by Ford for the automobile (in 1908) aging, to press instead for an urgent examination of the these are topics of great interest to design. But they
is therefore simply a construction process by the design of food content. To us that content appears 'nat- need to be appraised with the utmost ethical and cultur-
assembling of parts, which imitates in reverse the ural', but it is often in reality the outcome of refined, al responsibility. For this reason the conclusive para-
industrial system of breaking down by separation of chemical or even genetic manipulation carried out on graph of the text devoted by Giedion to the food indus-
“functional parts” that had already been practised for the drawing-board, so to speak, with rulers and set- try is today more than ever prophetic, when in 1948 the
decades in American slaughterhouses. Or again, when squares, in terms of colour, odour, taste and form, be it author ended his historical excursus by tackling the
he recounts the process of mechanisation of bread-bak- for tinned meat or for snacks. And it must be noted that subjects of the hybridization of seeds and of artificial
ing and introduces the history of this particular this is not yet another variant set in motion by the end- fecundation: “One thing is certain”, he wrote: “mecha-
process of aerated bread which made it possible to less story of culinary art created by man up till today. nization must stop when it finds itself in front of a living
reduce baking times by one tenth, thereby also spark- Other factors totally extraneous to the history, however substance. A new attitude has become necessary. The
ing a vital structural transformation of the industrially evolved and sophisticated it may be, of food sciences of boundless field of fecundation, of which we are today
produced bread. The result was the heavily porous loaf all times and of all continents, have come into play. seeing only the very beginnings, is placing a fearful
typical of many kinds of industrial bread of American Proof of this lies in the fact that, thanks to genetic engi- responsibility on our shoulders.
origin. In that sense the close relationship demonstrat- neering, a number of experiments are today being con- If instead of devastation and exploitation we wish truly
ed by Giedion is impressive, thanks to unique patent ducted to transform directly the raw material, the natur- to control nature, the greatest possible caution is called
records, always admirably presented by that author, al element, both in form and in structure, so as to for: not action by force, but the innermost and deepest
according to which that industrial process of baking is resolve even as they are born, both the values of its con- knowledge of organisms is the premise. And that entails
directly linked to the application of the same process tent from diverse angles, and, in some respects, its 'nat- a spiritual conception that must decidedly abandon the
both to the production of aerated water and still more ural' new packaging. Witness the cases of 'cubic' toma- idolatry of production”.
astonishingly, to an analogous industrial process of toes that do not rot, of apples with thicker and more

Do you want
steel milling (Bessemer method, 1856). resistant, shinier skins all perfectly standardized, or the
Today, fifty years after the first edition of Mechanization paradoxical case of the water-melon that grows in a
Takes Command, we feel, especially in this field, par- pyramidal shape to permit optimal storage. If we were
ticularly indebted to Sigfried Giedion. Unfortunately the to update with new chapters and paragraphs the histor-
history of industrial design since Giedion’s work does ical research begun by Giedion, new words and new
not appear to have continued along similar lines, though issues would play a key role: the physics of lyophiliza-

fries
the preponderant role of design, in terms of form and tion, the perception of chemical colourings, the aesthet-
structure, is increasingly conspicuous in the ‘construc- ics of frozen food, the shape and structure of pre-cooked
tion’ of food products within the complex and varie- food, the compatibility of extruded foods, the cow as a
gated world of industry in the processing of organic numerically controlled machine, animal fats and cos-

with that?
McCruelty to go.
PeTA
78 Design Design Domus 823 Febbraio February ’00

FOOD
Versare-Mescolare-Raffreddare Pour-Stir-Refrigerate
DESIGN

Standard alimentari: i pionieri


dell’industrializzazione
Alimentary standards: the pioneers
of industrialization
Testo di Text by Francesca Picchi

Le abitudini alimentari sono un fatto eminentemente culturale, rispondono a fat- “Quick'n easy”: Jell-O®, la variabilità uniformata
tori radicati, specifici, a sistemi di riferimento che, come dicono gli antropologi, Il budino di gelatina mette in scena il prodotto sempre
“appartengono alla parte più profonda della personalità etnica”. uguale a se stesso ma nello stesso tempo suscettibile di
Gli Stati Uniti si prestano a un’analisi di significativi casi industriali, perché lì la mille variazioni: un tipico esempio di produzione in serie
tradizione gastronomica meno radicata ha permesso che si sviluppassero straor- variata. Gli americani amano il budino di gelatina, soprat-
dinari esempi di standard applicato al cibo. Sicuramente sussistono molteplici ra- tutto quello che si prepara in pochi minuti. Oggi ne consu-
gioni ma in ogni caso è difficile pensare che il concetto di “laborsaving food” (ci- mano più di quattrocento milioni di scatole all’anno e si
bo per risparmiare fatica) potesse trovare ascolto in altri luoghi del mondo. prevede che il consumo andrà sempre crescendo. L’inven-
Possiamo quasi sostenere che l’industria alimentare americana ha potuto svi- zione della gelatina risale al 1845 quando il filantropo
lupparsi ed espandersi innestandosi su un comportamento fortemente connatu- newyorkese Peter Cooper deposita il primo brevetto di un
rato nello spirito americano: la promessa di uniformità. Kathleen Ann Smallzried dessert di gelatina. Nel testo lo descrive come alimento
nel suo libro The Everlasting Pleasure racchiude questo principio nella parola ‘de- adatto “a un uso da tavola in forma portatile”. In realtà il
pendability’ che ella usa per descrivere una sorta di garanzia di alta qualità che ri- successo della gelatina fu il risultato di un accurato pro-
mane costante nel tempo e che non riserva sorprese, un fatto che gli americani ri- gramma di educazione al consumo e di distribuzione.
terrebbero premessa indispensabile del consumo alimentare. L’idea di un cibo per- Quando Orator Francis Woodward acquisì il marchio
fezionato - improved - racchiude il senso di un prodotto sottoposto a un attento Jell’O® fece di tutto per tener fede allo slogan: “ogni bam-
processo di modellizzazione che presuppone verifiche e continui miglioramenti, bino può prepararlo”. Buona parte di questo successo si
principi piuttosto consueti quando si parla di progetto per l’industria. Nel cercare deve al programma di distribuzione porta a porta: una
di capire meglio abbiamo indagato alcuni casi che si presterebbero a una lettura squadra di venditori alla guida di carri trainati da cavalli
più ampia anche perché si tratta di prodotti che si sono tramandati inalterati an- batteva ogni cittadina della campagna americana regalan-
che per più di cento anni. do libri di ricette e allestendo espositori colorati nelle ri-
vendite locali. Con questo sistema oltre quindici milioni di
Alimentary habits are an eminently cultural thing. They respond to radical, specific ricettari poterono essere distribuiti ogni anno. Nel contem-
factors and to systems of reference which, as the anthropologists say, “belong to the po il marchio fu fatto conoscere attraverso un’abile cam-
deeper part of ethnic personality”. pagna pubblicitaria su scala nazionale che dal 1902 co-
The United States lends itself to an analysis of significant industrial cases, because minciò a spiegarne l’uso, la facilità di preparazione e la
the not so deep-rooted gastronomic tradition there permitted the development of convenienza dalle pagine delle riviste femminili. La gelati-
some extraordinary examples of standards applied to food. To be sure, a great many na si presenta come concentrato di sapore e nella sua tra-
reasons certainly exist, nevertheless it is hard to think that the concept of “laborsa- sparenza non può che comunicare la purezza della sua
ving food” could arouse much interest in other countries. It could almost be claimed composizione e nello stesso tempo mettere in scena la va-
that the American food industry has developed and expanded by grafting itself into a rietà delle sue combinazioni d’uso. L’assenza di una forma
deep-rooted facet of the American spirit: the promise of uniformity. Kathleen Ann necessaria rende possibile ogni forma: così sul finire degli
Smallzried, in her book The Everlasting Pleasure, sums up this principle in the word ‘de- anni Venti anche i budini assumono eleganti forme Art Dé-
pendability’. She adopts this term to describe a sort of guarantee of lasting high qua- co mentre oggi l’idea del “cibo divertente per bambini” ha
lity with no surprises – which the Americans would regard as an indispensable pre- prodotto nuove forme di cibo portatile, merendine di gela-
mise to food consumption. The idea of an ‘improved’ food embodies the sense of a tina concentrata e giochi commestibili. Straordinario
product subjected to an attentive process of modelling, with the assumption of verifi- esempio di uniformità del gusto rassicura da oltre cent’an-
cation and continual steps forward, and these are fairly customary principles of indu- ni i palati di milioni di consumatori con la promessa di una
strial design. In trying to understand the situation better, we looked at a number of riuscita sempre uguale a se stessa. E per finire, la produ-
cases worthy of broader examination, also because they refer to products that have zione industriale della gelatina nasce come sistema com-
been passed down for even more than a hundred years. plementare a quello dell’allevamento e della macellazione.

In questa pagina: in alto, e Trenta. Illustrazioni di Guy Rowe On this page: top, dessert sold in the 1920s and
“Il preferito di Eleanor Roosevelt”, (Giro), Linn Ball, Maxfield “Eleanor Roosevelt’s favourite”. ‘30s. Illustrations by Guy Rowe
“Un semplice hot dog... Non ci Parrish e Norman Rockwell. “A simple hot dog with mustard (Giro), Linn Ball, Maxfield
sarebbe da sorprendersi se la Al centro, Jell-O® “Cocktail di on a roll. It’s not surprising Parrish and Norman Rockwell.
moglie del nostro ultimo frutta d’estate”, da Ladies’Home that the wife of our last Centre. Jell-O® “Summer fruit
presidente, Franklin D. Roosevelt, Journal, dicembre 1949. president, Franklin D. Roosevelt, cocktail”, from Ladies’ Home
avesse servito questo popolare In basso, Jigglers® (merendine di should have served this popular Journal, December 1949.
panino americano durante il picnic gelatina) e Snacktivities®, i giochi American sandwich at their Bottom, Jigglers® (concentrated
in Hyde Park in onore del Re e edibili per bambini in versione Hyde Park picnic for the King gelatin snacks) and
della Regina d’Inghilterra”. Pagina alfabeto e Dirt Cups, letteralmente and Queen of England”. Snacktivities®, edible games
pubblicitaria del 1949 a cura del “coppa sporca”. Advertisement of 1949 by the for children in the alphabet
Wheat Flour Institute per educare Nella ricerca sugli standard del Wheat Flour Institute to educate and Dirt Cups version.
sui valori nutritivi del pane cibo le pagine pubblicitarie consumers in the nutritive In any survey of food standards,
industrializzato. acquistano particolare valore values of industrialized advertisements are of particular
In basso: pubblicità delle zuppe documentario in quanto fin dal and enriched bread. documentary value, because
Campbells’, 1948: “Un valido periodo della piena meccanizza- Bottom, “A useful help in from the period of full
aiuto nella pianificazione del zione (1918-1939) diventano lo planning your dinner”, mechanization (1918-1939)
pranzo”. strumento privilegiato di cui si advertisement for Campbells’ they became
Nella pagina a fronte: in alto, servono le industrie alimentari soups, 1948. a medium privileged by
sequenza di pagine pubblicitarie americane per educare al consumo Next page: top, sequence of American food industries to
del budino Jell-O ® degli anni Venti i possibili acquirenti. advertisements for the Jell-O® educate potential consumers.
80 Design Design Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 81

FOOD
DESIGN
La sottiletta: prevalenza della geometria Il surgelato come prodotto di massa: visibili nei banchi dei supermercati. Intanto nuovi mac- “Quick’n easy”: Jell-O, variability uniformed
nel progetto alimentare il programma di educazione al consumo chinari più piccoli e leggeri, facilmente installabili, per- The jelly introduces a product that is always the
Il canadese James L. Kraft, impiegato in un negozio di Dopo la conservazione dei cibi in scatola e la pastoriz- misero di creare una rete capillare di surgelazione in lo- same, yet susceptible to a thousand variations: a typical
alimentari, constatando lo scarso consumo del formaggio zazione, è la surgelazione a rivoluzionare i sistemi di co, direttamente alla fonte dove avveniva la raccolta o la example of varied series production. The Americans love
da parte del pubblico americano ne individua le cause in conservazione alimentare. Il brevetto di tale sistema si produzione del cibo. jellies, and especially the kind that can be prepared in a
ciò che possiamo riassumere con il concetto di eccessiva deve a Clarence Birdseye, un biologo e naturalista L'affermarsi del frigorifero nella case americane fu un matter of minutes. Today 400 million packets of jelly are
variabilità. Il formaggio, prodotto eminentemente artigia- newyorkese che trae ispirazione dai metodi di conserva- indubbio aiuto nell’accettazione del surgelato. Va ricor- consumed per year and this rate is expected to rise in the
nale, sfugge a criteri di uniformità, non sembra quindi zione in uso presso le popolazioni locali del Labrador. dato infatti che dalla metà degli anni Venti in poi va cre- coming years.
prestarsi alle abitudini alimentari degli americani: la for- Quando fonda una propria società nel 1923, la Birdseye scendo la presenza del frigorifero nelle case americane; The invention of jelly dates from 1845, when the New
te deperibilità non si adatta ai sistema di vendita e alla Seafoods Company la strada per la messa a punto di un solo nel 1925, nel giro di un anno, il prezzo dei frigori- York philanthropist Peter Cooper registered the first
frequenza degli acquisti, la perdita di peso del prodotto sistema ‘affidabile’ di meccanizzazione e distribuzione feri Frigidaire si ridusse di oltre un terzo. patent for a jelly dessert. In the accompanying text he
come anche il sapore che cambia a seconda del grado di di prodotti surgelati è ancora lunga. Ci vorranno sei anni described it as a food “fitted for table use in portable
stagionatura non lo rendono un prodotto affidabile. e tre bancarotte per approntare la meccanizzazione del “Good cooking means exact portioning”: form”. In reality the success of jelly was the result of a
I primi successi Kraft li ottiene quando riesce a produrre sistema in modo che il cibo fatto entrare in una macchi- l'addestramento del consumatore come valore careful programme of education in consumption and dis-
un formaggio pastorizzato che impacchetta in un barat- na ne esca surgelato e pronto per essere distribuito sul aggiunto al prodotto di massa tribution. When Orator Francis Woodward, owner of the
tolo di banda stagnata per il quale ottiene una notevole mercato. Una volta messo a punto un nuovo prodotto, ovvero Genesee Pure Food Company, acquired the Jell-O trade-
commessa da parte dell'esercito americano impegnato Nonostante tutto, negli anni successivi, tra il 1930 e il sottoposto a un rigido programma di ricerca nei labo- mark, he did all he could to endorse the slogan “any
nella prima guerra mondiale. 1940 la società General Foods, un colosso dell’alimenta- ratori delle aziende, il problema centrale diventa come child can make it”.
Da qui Kraft appronta una strategia che lo porta a mette- zione, arrivò a investire a fondo perduto più di cinque far apprezzare al consumatore le proprietà per cui è Much of that success was due to his door-to-door distri-
re a punto un progetto di formaggio che si dimostri un milioni di dollari nel cibo surgelato prima che il sistema stato progettato. Il lavoro dell’“home economist” svol- bution programme. A team of salesmen driving horse-
reale prodotto industriale: equilibrato dal punto di vista rivoluzionasse i consumi e iniziasse a rendere dimo- to all’interno dell’industria alimentare deve venir tra- drawn carts travelled to all the small country towns of
nutritivo, durevole, con una forma geometrica e una do- strandosi un insostituibile sistema di approvvigionamen- sferito al prodotto e comunicato come valore aggiunto. America, handing out recipe books and setting up
minante cromatica costante, ampiamente riconoscibile to domestico. L’accettazione da parte del pubblico fu La confezione del prodotto alimentare contiene ogni coloured display-stands in local retail stores. With this
anche grazie al packaging. pianificata attraverso un’imponente campagna di pro- informazione per una corretta “programmazione del system over 15 million cookery books were distributed
Nel 1920 esce sul mercato con il primo formaggio ven- mozione dato che i sistemi fino ad allora conosciuti co- pasto” sulla base delle norme stabilite dal Food and each year. At the same time the brand was popularised
duto su scala nazionale: è senza crosta, neanche un me quello della “conservazione a freddo”, ritenuti poco Drug Administration. through a shrewd advertising promotion scheme on a
grammo viene sprecato poiché l'aggiunta di citrato di so- ‘affidabili’ avevano ingenerato una certa diffidenza da Betty Crocker, più che un personaggio di fantasia, è un nationwide scale which from 1902 began to explain,
dio lo rende stabile di fronte ai cambiamenti di tempera- parte del pubblico. Perché il surgelato diventasse un ve- marchio di proprietà di una delle più potenti industrie from the pages of women’s magazines, the use of the new
tura, e in più è porzionato in panetti di 5 libbre, stimato ro prodotto di massa fu necessario progettare nuovi si- alimentari americane, General Mills. Concepita come product, its ease of preparation and its economic advan-
essere il consumo medio tra un acquisto e l’altro, oltre stemi di esposizione per rendere i prodotti pienamente servizio all’utente, l’identità di Betty Crocker fu creata tages. The jelly was presented as a concentrate of
tutto la sua forma di parallelepipedo lo rende facilmente da un intero dipartimento che le diede vita nel 1921. flavour. Its transparency could not but communicate
stoccabile. Qualche anno dopo la sua figura gentile stampigliata the purity of its composition whilst also presenting the
A questi fini la caratteristica geometria rotonda della sulle scatole di farina fu provvista di voce e grazie al sot- variety of its combinations.
forma di formaggio viene ritenuta poco economica. Va- tile potere esercitato attraverso le istruzioni elargite dal- The absence of a necessary form made all forms poss-
le la pena aggiungere che negli stessi anni, ossia a parti- le scatole di cibo e grazie alla promozione radiofonica, ible. Thus towards the end of the 1920s jellies, too,
re dagli anni Trenta, l'invenzione e la diffusione delle la sua credibilità crebbe a tal punto da farla diventare un assumed elegant Art Déco forms. Today the idea of
tecniche di inseminazione artificiale dei bovini introdu- personaggio popolare e ‘affidabile’ tanto che il suo libro “fun food for kids” has led to new forms of portable
cono notevoli trasformazione nei sistemi di allevamento di ricette a metà degli anni Cinquanta arrivò a occupare food, concentrated jelly snacks, and edible games. A
con notevoli riflessi nell’industria casearia. gli scaffali di almeno tre milioni di cucine americane. remarkable example of uniformity of taste, it has for
more than a hundred years reassured the palates of

In questa pagina: in alto, cinquant’anni, ciascuna pesa On this page: top, the cheese slice Opposite, gastronomic
la sottiletta rappresenta la poco meno di 30 grammi. is the ‘mechanized’solution to a composition based on cheese
soluzione ‘meccanizzata’ di un A fianco, composizione traditional food like cheese, with cream, from an advertisement in
alimento tradizionale come il gastronomica a base di crema di each pack containing eight Ladies’ Home Journal,
formaggio, ogni confezione formaggio da una pagina ‘perfect’slices, portioned October 1950.
contiene otto fette ‘perfette’, pubblicitaria di Ladies’Home and easy to use. Centre, the two-door Frigidaire
porzionate e facili da usare. Journal, ottobre 1950. Bottom, advertisement from Imperial refrigerator of 1955,
In basso, pagina pubblicitaria Al centro, il frigorifero Frigidaire Ladies’ Home Journal, October designed for the domestic display
tratta da Ladies’Home Journal, Imperial a due porte del 1955 1951, in which the slices are of food purchased at the
ottobre 1951, le fette risultano studiato per l’esposizione ‘protected’because they are sealed supermarket, according to the
‘protette’ in quanto sigillate non domestica del cibo acquistato nel as soon as the pasteurizing slogan: “Store your food
appena concluso il processo di supermercato, secondo lo slogan: process is finished. They are the way you buy it”.
pastorizzazione, ‘maneggevoli’ “Immagazzina il cibo nel modo almost as ‘handier’as “almost like Bottom, Clarence Birdseye in 1929
da usare quasi si trattasse di in cui lo compri”. peeling a banana”. setting up a machine for the
“sbucciare una banana”. In basso, Clarence Birdseye nel Facing page: top, the slice has not continuous freezing of foods.
Nella pagina a fronte: in alto, la 1929 mette a punto una macchina changed its shape in over fifty
sottiletta ha mantenuto inalterata per ottenenere in continuo la years, each piece weighing just
la sua forma per più di surgelazione degli alimenti. under 30 grams.
82 Design Design Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Design Design 83

Nella pagina a fronte: in alto, Facing page: top,


pranzo in scatola pronto in 12 Canned “Chef Boy-Ar-Dee
minuti “Chef Boy-Ar-Dee Spaghetti Dinners”, ready in 12
Spaghetti Dinners”, tratto da Life, minutes, from Life, September
settembre 1954.
In basso, interno di supermercato
della catena A&P, da Ladies’
Home Journal 1948.
1954.
Bottom, interior of the A&P
supermarket chain, from Ladies’
Home Journal, 1948.
FOOD
In questa pagina: pagina On this page, advertisement from
pubblicitaria pubblicata su the Saturday Evening Post, 1955.
Saturday Evening Post nel 1955. The character of Betty
Il personaggio di Betty Crocker, è
in realtà un marchio di proprietà
della General Mills. Essa
Crocker is in reality a brand
name owned by General Mills.
She represents the “home
DESIGN
rappresenta la figura dell’ “home economist”, a figure
economist” che si fa garante della guaranteeing the quality of
qualità dei prodotti ed elargisce products and dispensing advice
consigli sulla correttezza dei on correct consumption through
consumi attraverso le istruzioni the instructions supplied on the
contenute sulle confezioni dei product packs.
prodotti. Opposite, a character from the
A fianco, un personaggio del Li’L Abner comic by Al Capp
fumetto Li’L Abner di Al Capp advertising Cream of Wheat®
pubblicizza Cream of Wheat® ready in 5 minutes.
pronta in 5 minuti.

millions of consumers with the promise that it will Frozen food as a mass product: the consumer “Good cooking means exact portioning”: consumer
“always be the same, just right!”. Finally, it should be education programme training as a mass product added value
remembered that the industrial production of jelly After food canning and pasteurization, it was frozen Once a new product had been developed, that is to say
started as a system complementary to that of animal food that revolutionized the systems of alimentary subjected to a rigid research programme in company
breeding and slaughtering. preservation. The patent for that system came from laboratories, the key problem remains how to get the
Clarence Birdseye, a New York biologist and naturalist consumer to appreciate the properties for which it was
Cheese slices: the prevalence of geometry in who drew inspiration from the methods of conservation designed. The job done by the “home economist” in the
alimentary design in use among the local populations of Labrador. food industry has to be transferred to the product and
The Canadian James L. Kraft was employed as an assist- When he set up a business of his own in 1923, the Birds- put across as an added value. The food product pack
ant in a grocer’s shop. Noticing the low consumption of eye Seafoods Company, the road to a ‘reliable’ system of contains all the information required for a correct
cheese by the American public, he spotted the causes in mechanization and distribution of frozen products was “meal programming”, based on the standards estab-
what may be summed up by as “excessive variability”. still a long one. lished by the “Food and Drug Administration”. Betty
Cheese, an eminently artisan product, escaped stan- It took six years and three bankruptcies to set up the Crocker is not so much a fantasy figure as a house-
dards of uniformity, and seemed unsuited to the eating mechanization of the system in such a way that the food hold name for one of the most powerful American food
habits of the Americans. Its high degree of perishability put into a machine would come out frozen and ready to manufacturers, General Mills. Conceived as a user ser-
clashed with sales systems and purchase frequency; and be distributed on the market. vice, Betty Crocker’s identity was created by an entire
its loss of weight, along with its changing flavour Despite everything, in the years that followed, between department that launched her in 1921. A few years later
depending on how mature it happened to be, made it an 1930 and 1940 the giant corporation, General Foods, her friendly figure impressed on packets of flour was
unreliable product. Kraft scored his first successes when managed to sink more than 5 million dollars in frozen given a voice, and thanks to the subtle power exerted
he succeeded in producing a pasteurized cheese which foods without gain before the system finally revolution- through instructions distributed by the food packs, and
he wrapped in tin foil. For this product he won a notable ized consumer habits and broke even, demonstrating a to radio promotion, her credibility rose so high that she
order from the US army engaged in the First World War. unique system of domestic supplying. became a popular and ‘dependable’ figure. Indeed her
On the strength of this, Kraft devised a strategy enabling Consumer acceptance was planned through an impres- recipe book in the mid-1950s ended up on the shelves of
him to perfect a cheese design that proved to be a real sive promotion campaign, given that the systems previ- at least three million American kitchens.
industrial product. Balanced from the nutritive point of ously known as cold storage, and considered ‘unreli-
view, and durable, it had a geometric form and a domi- able’, had engendered a certain distrust among the
nant colour constant, widely recognizable also from its general public.
packaging. In 1920 he marketed the first cheese to be For frozen food to become a true mass product it was
sold on a national scale: it had no rind, and not a gram necessary to design new display systems to make it fully
was wasted as the addition of sodium citrate rendered it visible on supermarket counters. Meanwhile new,
stable against changes of temperature. Moreover, it was smaller and lighter machinery, easily installed, made
portioned in blocks of 5 pounds, estimated to be the it possible to create a far-reaching network of on-the-
average consumption between one purchase and the spot freezing at source, in the place where the food was
next. Further, its parallelepiped shape made it easy to actually harvested or produced.
stock. For these purposes the characteristic round The spread of refrigerators in American homes undoubt-
geometry of the cheese form was deemed uneconomical. edly helped to boost consumer acceptance of frozen
It is worth adding that during that same period, from the foods. It should be remembered in fact that from the
1930s, the invention and spread of artificial insemi- mid-1920s the number of refrigerators in American
nation techniques for cattle ushered in a notable trans- homes rose sharply.
formation of breeding systems and these sharply In 1925 alone, in the space of a single year, the price of
affected the dairy industry. Frigidaires dropped by more than a third.
Domus 823 Febbraio February ’00 Design Design 85

FOOD Brevetti e innovazione alimentare


Zuppa istantanea di noodle Instant Cup Noodle Patents and alimentary innovation

DESIGN Per dare un’idea dell’investimento di progetto che


contraddistingue la ricerca e l’innovazione in campo
alimentare riportiamo di seguito una breve selezione
dei brevetti depositati negli ultimi mesi in Giappone.
To give an idea of the design investment that goes into
research and innovation in the food industry, we list
below a brief selection of patents registered in recent
months in Japan.

Consumi diffusi e allargati Cibo per microonde in contenitore


commestibile
del prodotto alimentare
Microwavable food in edible container
Popular and wider
Ajinomoto Takara Corp. 10-295338
consumption of foods
Una preparazione alimentare surgelata è confezionata in un
Testo di Text by Kazuko Sato contenitore commestibile, progettato per essere riscaldato
in un forno a microonde. Cottura rapida e meno rifiuti. Il
L’instant noodle è un alimento di larghissima diffusione della cucina popolare giapponese disponibile sempre e prima l’interstizio inferiore e poi di risalire, avvolgendo i where at any time. As a preservative system, after lengthy In questa pagina: in alto, linea On this page: top, the Noodles contenitore commestibile è ricoperto di una proteina, la
in Giappone, assurto agli onori della cronaca durante ovunque. Come sistema di conservazione, dopo lunghe tagliolini in un “abbraccio termico” ottimale. research he chose to adopt the tempura method (instant di produzione industriale industrial production line,
dei Noodle, lavorazione della pasta processing, distribution prolamina, oppure può contenerla.
quei terribili giorni di gennaio di cinque anni fa, quando ricerche scelse di adottare il metodo tempura (trattamen- Instant noodles are a very widely consumed food in heat treatment in oil). This procedure consists of dipping pasta, distribuzione degli of lyophilised ingredients A frozen food is packed in an edible container designed to
un terremoto di grande intensità distrusse gran parte del- to termico istantaneo in olio). Questa procedura consiste Japan. They made headline news during the grim days of the flour-covered food in boiling oil, so that the violent ingredienti liofilizzati (shrimps, meat, vegetables) be heated in a microwave oven. Quick cooking and less
(gamberetti, carne, verdure) e and portioning.
la città di Kobe. In quell’occasione, infatti, la Nissin Food nel tuffare il cibo infarinato nell’olio bollente, in modo January five years ago, when a devastating earthquake change of heat causes the flour coating instantly to expel porzionamento. Bottom, a young woman
waste packaging. The edible container is coated with
Products (l’azienda produttrice del Cup Noodle) allestì in che per il violento sbalzo termico il rivestimento di fari- destroyed a large part of the city of Kobe. On that occa- the water contained inside, through a series of minute In basso: una giovane consumer with prolamine protein or contains prolamine protein.
tempi record un camion equipaggiato con ventimila por- na espella istantaneamente l’acqua contenuta all’interno, sion in fact, Nissin Food Products (which make the Cup pores. When boiling water is poured onto the pasta thus consumatrice con la confezione the 100 yen Cup Noodle
da 100 yen di Cup Noodle pack designed
zioni di instant noodle. In una settimana il “Chicken Ra- attraverso una serie di minuscoli pori. Quando si versa Noodle) set up in record time a truck equipped with treated, the pasta absorbs it very rapidly through the disegnata da Takeshi Ootaka by Takeshi Ootaka Tagliatelle che cambiano
men Go” riuscì a distribuire trecentomila porzioni di ra- l’acqua bollente sulla pasta così trattata, questa l’assorbe 20,000 servings of instant noodles. In the space of one pores on its surface. Within two or three minutes, the soft nel 1971. L’invenzione in 1971. The invention colore con la cottura
men (tagliolini in brodo) pronti in soli tre minuti. Questo molto velocemente attraverso i pori presenti sulla sua su- week, “Chicken Ramen Go” managed to distribute and fragrant noodles are ready as if they had just been della zuppa istantanea Chicken of Chicken Ramen instant soup
Ramen venne commercializzata was marketed Noodles change color when cooked
è stato solo il punto d’arrivo di una tecnologia alimentare perficie e nel giro di due-tre minuti si ottengono gli spa- 300,000 portions of ramen (noodles in broth) ready to eat cooked. dalla Nissin Food Products nel by Nissin Food products i
altamente evoluta e riconosciuta come tale dai suoi con- ghettini morbidi e fragranti come appena cucinati. in just three minutes. This was only the arrival point of a 1971, conoscendo subito un n 1971 and was an immediate Ma.Ma Macaroni KK 10-276694
notevole successo presso le success with the younger
sumatori, come emerge chiaramente dalla vasta indagine highly evolved food technology also recognized as such by The three functions of Cup Noodles giovani generazioni. generations. Almost at the same Le tagliatelle cambiano colore bollendo, indicando quando
“Uno sguardo indietro al 20° secolo” effettuata nel no- Le tre funzioni del Cup Noodle its consumers, as clearly emerges from the large-scale Cup Noodle is a practical evolution of Chicken Ramen, Contemporaneamente time the establishment la cottura è completa. Grazie alla combinazione di coloranti
vembre scorso dall’istituto Japan Nouritsu Kyoukai. Se- Il Cup Noodle è l’evoluzione in termini di praticità del survey, “Looking back on the 20th century”, conducted with its wrapper bag. The Cup Noodle tray in fact per- l’affermarsi in Giappone del of the fast food colossus alimentari di differenti tinte, di diversa sensibilità al calore.
colosso del fast food, Mc Mc Donald’s in Japan induced
condo la maggioranza del campione intervistato (uomini Chicken Ramen con la sua confezione a sacchetto. La va- last November by the Japan Nouritsu Kyoukai institute. forms a triple task: as a wrapper (for preservation), Donald’s, indusse la Nissin a Nissin to change its too These noodles change color during boiling to indicate when
e donne fra i 15 ed i 69 anni abitanti nelle grandi città schetta del Cup Noodle assolve infatti una triplice fun- According to the majority of the sample interviewed (men saucepan (for cooking), and bowl (for consumption). All modificare il sapore troppo traditional flavour they have been fully cooked. Thanks to a combination of
giapponesi), alla definizione “la tecnologia alimentare zione: di involucro (per la conservazione), di pentola (per and women aged between 15 and 69 living in major you need is hot water and a pair of hashi (chopsticks) to tradizionale adattando la nuova by adapting the new food colorings of different hues, one with strong and the
zuppa Cup Noodle al gusto più Cup Noodle soup to other with weak heat-resistance.
che meglio rappresenta il 20° secolo” si adattano i surge- la preparazione), di ciotola (per il consumo). Basta avere Japanese cities), “the food technology that best represents consume this food anywhere: on a camping site, while occidentale dei giovani the more westernized taste of
lati e gli instant food, rispettivamente al primo e al secon- dell’acqua calda e un paio di hashi (bastoncini) a disposi- the 20th century”, is that of frozen and instant foods, travelling… This new version, first sold by Nissin Food consumatori. younger consumers.
do posto. Se poi si va a individuare “il cibo che meglio zione e si può consumarlo dovunque: in campeggio, in which came first and second respectively. If we then pick products in 1971, was an immediate success among Pellicola commestibile
rappresenta l’attuale alimentazione giapponese”, gli in- viaggio... Questa nuova versione, commercializzata dalla “the food that best represents Japanese food today”, we young Japanese people. Edible film
stant noodle stravincono col 78.9%, seguiti solo a grande Nissin Food Products nel 1971, divenne in un batter d’oc- find that instant noodles are the absolute winners at The arrangement of the noodles inside the pack also is
distanza dagli hamburger (33.6%). chio un vero successo tra i giovani giapponesi. Anche la 78.9%, with hamburgers lagging far behind at 33.6%. not left to chance. The ramen mass exactly follows the Osaka Kagaku Gokin KK 10-295348
disposizione degli spaghettini all’interno della confezio- inner circumference of the container and is, as it were, La pellicola commestibile è fatta di carragenina per il 55-
Instant Chicken Ramen ne non è affidata al caso. La massa dei ramen segue esat- Instant Chicken Ramen suspended over an empty space. 65%, di alcool per il 25 % e di un altro polisaccaride.
La prima versione dei Chicken Ramen fu inventata da tamente la circonferenza interna del contenitore ed è co- The first version of Chicken Ramen was invented by This structure serves a dual purpose: it allows the La pellicola è usata per impedire ai cibi surgelati di aderire
Momofuku Ando e messa in vendita nel 1958. Fino ad al- me sospesa sopra uno spazio vuoto. Momofuku Ando and marketed in 1958. Until that time closed pack to be carried without its contents moving or gli uni agli altri.
lora i ramen erano un piatto popolare e ‘povero’ che si Tale struttura ha una duplice funzione: permette di tra- ramen had been a popular and ‘poor’ dish consumed at crumbling, and the hot water to fill first the lower gap This edible film contains 55-65% carrageenan, 25-35%
consumava presso i chioschi all’aperto. Ando si dedicò sportare la confezione chiusa senza che il contenuto si outdoor kiosks. Ando spent years looking for a way of and then to rise, thus wrapping the noodles in an opti- polyhydric alcohol and an other polysaccharide. This film is
used to prevent frozen foods from adhering together.
per anni a cercare il modo per rendere questo cibo tipico sposti o si sgretoli e consente all’acqua calda di riempire making this typical popular Japanese food available any- mal “hot embrace”.

Cibo funzionale
Functional food
Wakamoto Pharmaceutical Co. 10-309178
Pare che questo cibo possa prevenire le allergie di origine
In questa pagina: in alto a On this page: top left, the
sinistra, la pasta del Chicken Chicken Ramen pasta alimentare. Comprende uno specifico ceppo di batteri
Ramen contenuta all’interno contained in Cup Noodle is Bifidus, preferibilmente Bifidobacterium infantis e/o
della Cup Noodle è trattata treated with an instant Bifidobacterium breve.
secondo un processo termico oil heat process that enables This food is said to prevent food allergies. It comprises a
istantaneo a olio (tempura) che the product to be preserved
consente lunghi tempi di for long periods. specified strain of bifidus bacteria, preferably
conservazione. A destra, Right, transparent plastic Bifidobacterium infantis and/or B. breve.
vaschetta Cup Noodle di Cup Noodle tray.
plastica trasparente. Bottom, section of Cup Noodle
In basso, sezione della pack. The truncated Patatine fritte preformate
confezione di Cup Noodle. cone tray allows the portion
La dimensione troncoconica of Noodles to be naturally Preformed chips
della vaschetta permette di suspended at the centre
spospendere naturalmente of the packet. Morinaga & Co. 10-313816
la porzione di Noodle al centro In this way, when the water has
della confezione in modo been poured, it is Le patatine preformate contengono almeno il 50% di amido
che l’acqua versata si immediately deposited on the pregelatinizzato. L’impasto viene ritagliato in una forma
depositi sul fondo. bottom of the tray.
ondulata prestabilita e cotto in forno. Le patatine hanno
A destra, la prima versione di Right, the first version of Instant
Instant Chicken Ramen (Nissin Chicken Ramen (Nissin Food basso contenuto di grassi, forma e aspetto gradevole e
Food Products, 1958). Products, 1958) . sono di facile cottura.
These preformed chips contain 50% minimum
pregelatinized starch. The dough is crinkle cut into fixed
shape and baked in an oven. These chips are low in fat,
have good shape and appearance and bake well.
Domus 823 Febbraio February ’00

FOOD
Forme commestibili e meccanizzazione Edible forms and mechanization In questa pagina: fasi di
lavorazione della cioccolata nel
On this page: chocolate
processing phases at the
laboratorio Peyrano di Torino. Peyrano plant in Turin.

DESIGN In alto, da sinistra, stagionatura


dei panetti di granella di cacao
solido ossia il semilavorato cui si
arriva dopo un lungo processo
Top from left, seasoning
of the blocks of solid cocoa
grain, i.e. the semi-worked
product obtained after a
di lavorazione delle fave di cacao. lengthy processing of the
Molitura delle nocciole per cocoa beans. Grinding
i ripieni, in dettaglio la mola che of the nuts for fillings,
viene usata anche per la in detail, the grinder also
lavorazione del cacao. Processo used for processing the cocoa.
di tempera della cioccolata. Messa Chocolate tempering
in forma dei cioccolatini per process. Forming of the
ricopertura: preparazione dello chocolates for coating:
Il biscotto Lazzaroni e la cioccolata Peyrano: zoccolo di cioccolato preparation of the chocolate
e decorazione finale del mould and final decoration
due casi tra tradizione e industria cioccolatino uscito dalla of the chocolate after coating.
ricopertura. L’archivio degli The moulds archive.
Lazzaroni biscuits and Peyrano chocolate: stampi. In basso, fase iniziale della Bottom, initial phase in the
lavorazione del cioccolatino processing of the Conca d’oro
two industrial cases Conca d’oro (foto Ramak Fazel). chocolate (photos Ramak Fazel).

Testo di Text by Francesca Picchi


I biologi ci insegnano che il gusto è “il senso inferiore” Biologists teach us that taste is “the inferior sense” La cioccolata Peyrano: qualità artigianale
tra quelli di cui disponiamo. “Eppure”, scrive Brillat-Sa- among those at our disposal. “And yet”, writes Brillat- in un contesto industriale
varin nella sua Physiologie du goût “il gusto così come Savarin in his Physiologie du Goût, “taste, as bestowed Brillat-Savarin traccia una breve storia sulle origini e sulla
la natura ce l’ha elargito, è ancora il senso che ci procu- upon us by nature, is still the sense that gives us the diffusione del cioccolato: “Il cioccolato fu introdotto in
ra il maggior numero di piaceri [...] perché nel mangiare largest number of pleasures [...] Because eating fills us Spagna intorno al Diciassettesimo secolo, e il suo uso di-
proviamo un benessere particolare e indefinibile, na- with a particular and indefinable well-being which venne immediatamente popolare grazie alla spiccata pre-
scente dall’istintiva certezza che, col fatto stesso di man- springs from the instinctive certainty that, by the very fact ferenza manifestata, nei confronti dell’aromatica bevanda,
giare, compensiamo le perdite subite e prolunghiamo la of eating, we make up for losses undergone and extend dalle donne e soprattutto dai monaci [...] Il cioccolato pas-
nostra esistenza”. our existence”. sò i Pirenei con Anna d’Austria, figlia di Filippo II e sposa
Ci sono alcuni cibi che devono il proprio credito a quel- There are some foods that owe their credit to what Brillat- di Luigi XIII. Anche i monaci spagnoli contribuirono a far-
la che Brillat-Savarin chiama “cucina di riparazione”, Savarin calls “the kitchen of reparation”, that is, to the lo conoscere, attraverso i doni offerti ai loro confratelli di
ossia alle intrinseche alchimie che misurano il potere intrinsic alchemies that measure the power of food to Francia”. Scrive ancora Brillat-Savarin “[...] si è dimostra-
che hanno gli alimenti di nutrire e di influire “sul mora- nourish and influence “man’s morale, imagination, intel- to che il cioccolato preparato con cura è un alimento sano
le dell’uomo, sull’immaginazione, sull’intelligenza, sul ligence, discernment, courage and perceptions”. e piacevole, che è nutriente, facilmente digeribile[...] inol-
discernimento, sul coraggio e sulle percezioni”. So in our survey of industrial food standards, two aspects tre è adattissimo alle persone che compiono grandi sforzi
Ecco, nella nostra indagine sugli standard industriali del are of particular interest: on the one hand that of ‘func- intellettuali, ai predicatori, agli avvocati e soprattutto ai
cibo si mostrano particolarmente interessanti due aspet- tional’ foods, or rather, those created on the basis of a viaggiatori”. Torino vanta un’antica attrazione per la cioc-
ti, da una parte, quello degli alimenti ‘funzionali’ o me- nutritional programme in which aesthetic and decorative colata. Pare addirittura che l’invenzione del cioccolatino
glio nati sulla base di un programma nutrizionale dove criteria relate to the quantitative question of measures nella sua forma solida, rispetto alla consuetudine della be-
criteri estetici e decorativi si sposano alla questioni and portioning; and on the other, those foodstuffs in which vanda, si debba a Torino. Peyrano è un’azienda che vanta
quantitative delle dosi e del porzionamento, dall’altra, the visionary repertoire of the pastry-shop and of the dec- una solida tradizione e ancora oggi lavora il cioccolato co-
quegli alimenti dove il repertorio visionario della pastic- orative kitchen have to reckon with the difficulties of me si è sempre fatto a Torino, controllando tutto il ciclo di
ceria e della cucina decorativa si trova a fare i conti con mechanization. lavorazione dalla scelta delle fave di cacao alla messa in
le problematiche della meccanizzazione. forma dei cioccolatini. Le fave vengono tostate con fuoco
Lazzaroni biscuits: an “article of maximum comfort” alimentato con legno d’ulivo, sono quindi lavorate fino a
Il biscotto Lazzaroni: “articolo di massimo comfort” Lazzaroni biscuits were the first to be made industrially in ottenere un prodotto semiliquido che, una volta raffredda-
I biscotti Lazzaroni sono i primi a essere prodotti indu- Italy. In 1888 machinery using British technology was to, si trasforma in granella di cacao solido.
strialmente in Italia. Nel 1888 vengono installati nello installed in the Saronno factory, thus launching the series Dopo un periodo di stagionatura si procede alla miscela
stabilimento di Saronno i macchinari che utilizzano tec- production of biscuits. The biscuit as a long-lasting nutri- dei vari semilavorati in funzione del prodotto finale che si
nologia inglese dando inizio alla produzione in serie dei tive concentrate was a typical British tradition, estab- desidera ottenere.
biscotti. Il biscotto come concentrato nutritivo a lunga lished by long periods spent at sea and by consolidated
conservazione è una tipica tradizione inglese che si lega rituals such as tea-drinking. The existence of applications Peyrano chocolate: artisan quality in an industrial context
alle lunghe permanenze in mare e a rituali consolidati co- for patent-rights relating to “models of a biscuit factory” Brillat-Savarin traces a brief history of the origins and dif-
me quello del tè. La presenza di domande di privativa re- has, since 1895, denoted a search for formal values to be fusion of chocolate. “Chocolate was introduced into Spain
lative a “modelli di fabbrica per biscotti” fin dal 1895 te- associated with the pure ‘industrial’ forms of biscuits around the seventeenth century, and its use immediately
stimonia la ricerca di valori formali da associare alle pure based on production requirements and portioning. The became popular thanks to the conspicuous preference
forme ‘industriali’ dei biscotti conformate sulla base di presence of models grouped under the class of ‘celebri- shown, for the new aromatic beverage, by women, and
ragioni produttive e di porzionamento. Interessanti i mo- ties’ is striking, and alludes perhaps to the ancient tradi- most of all by monks […] Chocolate crossed the Pyrenees
delli raccolti all’interno della categoria ‘celebrità’ che al- tion of medals bearing portraits of illustrious figures. Sim- with Anne of Austria, daughter of Philip II and bride to
lude forse alla tradizione antichissima delle medaglie con ilarly, biscuits with “Good wishes” or ‘Congratulations’ Louis XIII. The Spanish monks, too, helped make chocolate
ritratto di uomini illustri, così come i biscotti con le scrit- inscribed on them, restore the augural meaning tradition- better known as a result of the gifts offered by them to their
te ‘Augurio’ o ‘Felicitazioni’ che recuperano il significa- ally associated with the consumption of chocolate and brothers in France”. And again Brillat-Savarin writes:
to augurale tradizionalmente associato al consumo della biscuits. The company’s first catalogue dating from as “[…] it has been demonstrated that carefully prepared
cioccolata e dei biscotti. Già nel primo catalogo dell’a- far back as 1888 features a number of typical shapes chocolate is a healthy and pleasant, nutritious and easily
zienda datato 1888 sono presenti alcune forme tipiche that have come unaltered right down to the present day: digestible food[…] it is furthermore ideally suited to per-
che si sono tramandate inalterate fino a oggi, è il caso dei examples being the Oswego and the Nutritive Oats bis- sons required to make great intellectual efforts, to preach-
biscotti Oswego e Nutritivo all’Avena, forme industriali cuits, with anonymous industrial forms that have been ers, lawyers and especially to travellers”. Turin boasts a
anonime ripetute in serie per più di cento anni. repeated in series for over a hundred years. long-standing attraction for chocolate. It seems even that
Turin is to be credited with the invention of chocolates in
their solid form, as opposed to the customary beverage.
Peyrano has a solid tradition behind it, and continues to
make chocolate as it has always been made in Turin, by
In questa pagina: in alto, Stabilimento anglo-italiano On this page: top, “Model Stabilimento anglo-italiano controlling the full cycle of production. The beans are
“Modello di fabbrica per biscotto D. Lazzaroni, del 1895. of a biscuit factory distinguished D. Lazzaroni, of 1895.
contraddistinto dal motto Al centro, stampo per by the motto Augurio”, Centre: mould for the continuous
roasted on a fire heated by olive wood and are then
Augurio” depositato il 13 agosto la produzione in continuo registered 13 August 1898 production of the oatmeal processed to obtain a semi-liquid product. When this has
1898 dalla Ditta Davide del biscotto Nutritivo all’Avena by the firm Davide Lazzaroni Nutritivo biscuit featured in the been cooled it is transformed into solid cocoa grains. After
Lazzaroni di Saronno. presente in catalogo of Saronno. catalogue from 1895
Repertorio di biscotti dal primo fin dal 1895 (Foto Massimiliano Range of biscuits from the first (Photo Massimiliano Conte/ a period of seasoning the various semi-processed products
catalogo del Premiato Conte/Studio Di Bello). catalogue of the Premiato Studio Di Bello). are blended to create the final article desired.
88 Design Design Domus 823 Febbraio February ’00 Evento Event 89

FOOD Una festa popolare A festival for the people

design
DESIGN

a e del
Testo di Text by Lucy Bullivant

Fotografie di Photographs by

hitettur
David Churchill, Phil Sayer

dell’arc
“Glasgow 1999, città britannica della cultura e del
Glasgow
design”. È questo il titolo del programma culturale che
1999, U K
per un intero anno ha ridisegnato la città, denso di c ity of Arc
avvenimenti diversi ma con un unico messaggio hitecture
and desig

annica
fondamentale: l’architettura e il design sono potenti
catalizzatori della vita culturale contemporanea. n
Per cogliere la portata di questo evento, abbiamo
chiesto a Deyan Sudjic, direttore e mente dell’intera

ittà brit
manifestazione, una riflessione complessiva e a Lucy
Bullivant un articolo di sintesi e di commento.

For the whole of last year Glasgow was redesigned


under a programme named “Glasgow 1999, British City

1999, c
of Culture and Design”. Packed with a rich diversity of
events , its fundamental message was that architecture
and design are powerful catalysts of contemporary
cultural life. To capture the sweep of this year-long

Glasgow
occasion in its entirety, we asked its director and
mastermind, Deyan Sudjic, for an overview, and Lucy
Bullivant for a summing-up and comment.
1

The Lighthouse Centre for Architecture, Design and the City


(già sede del previously Glasgow Herald, progetto di designed by
Charles Rennie Mackintosh); architetti architects: Page & Park
Architects; comunicazione grafica graphics: Javier Mariscal,
Estudio Mariscal; interni interiors: Sam Booth, lwd; illuminazione
lighting: Jonathan Spiers Associates.

1 L’ingresso per il pubblico, 1 The recessed public entrance is 2


arretrato, è sul vicolo chiamato on Mitchell Lane, a narrow
Mitchell Lane. L’insegna lane. Javier Mariscal’s
sospesa di Javier Mariscal è suspended signage is highly
visibile da Buchanan Street. visible from Buchanan Street.
In questa pagina: in alto, 2-4 Striscioni e cartelloni stradali 2-4 Street banners and roadside
Conchiglia e Cuore, cioccolatini nel centro di Glasgow. advertising hoardings in
prodotti per stampaggio central Glasgow.
e Conca d’oro, realizzato
per ricopertura.
A destra, processo di tempera
della cioccolata. La temperatura
di fusione viene portata da 45° a
30° per consentire la lavorazione
della cioccolata allo stato fuso.
(foto Ramak Fazel).

On this page: top, Conchiglia


and Cuore chocolates
made by moulding and Conca
d’oro, made by coating.
3
Right, chocolate tempering
process. The casting temperature
is lowered from 45° to 30°
so that the chocolate can be
processed in its molten state
(photos Ramak Fazel). 4
90 Evento Event Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Evento Event 91

1 2 3 4 5

Il rinascimento di Glasgow Glasgow’s renaissance


Il ricordo più duraturo del rinascimento culturale di tempi di Christopher Wren ebbe la sua immagine su E il Lighthouse Centre, con il suo programma di manife- The most abiding memory of Glasgow’s cultural re- year of architecture and design was that it was going to out a generation of young people with just as sure a
Glasgow nel corso dell’ultimo decennio è senz’altro la una banconota britannica? Spero proprio di no. L’idea stazioni e mostre, è trionfalmente riuscito a fare proprio naissance over the past decade must be the artist Geor- be more than just a year. It was going to be fun while it grasp of why design matters to them as you will find in
locomotiva di paglia a grandezza naturale dell’artista fondamentale dell’anno dell’architettura e del design questo. Ha un programma didattico che negli ultimi ge Wylie’s life size straw locomotive, hoisted high over lasted, but more important, would be leaving a sub- many colleges or universities.
George Wylie, sollevata sul Clyde, incendiata e – come era che fosse qualcosa di più che un semplice anno. Do- quattro anni ha raggiunto tutte le scuole della città, the Clyde, set ablaze, and like some mechanical version stantial legacy behind. So has the partnership fund which has involved com-
una specie di “lunga nave” vichinga in versione mecca- veva essere divertente finché durava ma, cosa più im- dando a una generazione di giovani un’idea chiara del of a Viking longship, turned into a funeral pyre. Here, fi- So though I personally will have any number of vivid munities throughout the city. So has the “Homes for the
nica – trasformata in rogo funebre. Quel momento, fi- portante, lasciare dietro di sé un’eredità sostanziale. perché il design sia importante, come si potrebbe verifi- nally, was half a century of industrial decline laid to re- memories of 1999, from the sight of the Empire State Future” project, which has brought people back to live
nalmente, metteva in archivio mezzo secolo di declino Perciò, benché io abbia una quantità di vividi ricordi care in molte università. Ha creato un consorzio di fi- st. It was an acknowledgement of the city’s extraordi- building running along Buchanan Street pursued by an in the heart of Glasgow, reversing more than a century
industriale. Era un tributo allo straordinario passato del- del 1999, dalla visione dell’Empire State Building che nanziamenti che coinvolge numerose comunità cittadi- nary past, a reminder that this was once Europe’s actor dressed as the Eiffel Tower, to the Ideal Hut show of steady population loss.
la città, il ricordo di quella che fu un tempo il motore del- percorre Buchanan Street seguito da un attore trave- ne. Ha varato il progetto “Homes for the Future”, che industrial powerhouse, a city that in its primne was graced by Paul Smith, to a fashion catwalk in the Glasgow 1999 has beaten all the targets it was set in
l’industria d’Europa, una città che all’apice del suo svi- stito da Tour Eiffel, allo spettacolo dell’Ideal Hut offer- ha riportato la gente a vivere nel cuore di Glasgow, in- building half the world’s ships. It paid tribute to the deprived suburb of Castlemilk, to the magical experi- terms of numbers.
luppo produceva la metà delle navi del mondo. Era un to da Paul Smith, a una sfilata di moda nella degradata vertendo una tendenza allo spopolamento radicale che countless lives transformed by the experience of rapid ence of watching the plans for the Lighthouse, Scot- We are on course for more than 800.000 visitors for the
omaggio alle innumerevoli vite trasformate dall’espe- periferia di Castlemilk, alla magica esperienza di veder durava da oltre un secolo. industrialisation, followed by the stress of equally rapid land’s Centre for Architecture, Design and the City, and year as a whole. With hotels 14 per cent busier in Glas-
rienza della rapida industrializzazione, seguita dallo trasformati in realtà il Lighthouse Centre for Architec- Glasgow nel 1999 ha centrato, in termini di cifre, tutti post industrialisation. But the burning of the locomoti- the “Homes for the Future” project turning into physi- gow this year than last, we have clearly attracted
shock di un’altrettanto rapida de-industrializzazione. ture, Design and the City, e il progetto “Homes for the gli obiettivi che si era proposta. ve was also the drawing of a line under the sentimental cal reality, something that no amount of time spent as tourists, as well as appealed to Glaswegians. But the
Ma il rogo della locomotiva metteva anche in evidenza il Future” – un programma cui non si è preparati da nes- Si sono superati gli ottocentomila visitatori nell’arco del- view that the city was only truly itself when it was do- an architecture critic really prepares you for, none of year is also about a change in the city’s cultural climate.
sentimentalismo dell’opinione secondo cui la città era suna militanza, per lunga che sia, nella critica d’archi- l’intero anno. Con un aumento del quattordici per cento minated by men bashing metal; a worker’s city, a met- them match the day to day experience of walking up You can see that change demonstrated physically in the
veramente se stessa solo quando era dominata dagli tettura – tuttavia nessuna di queste esperienze è pa- delle presenze alberghiere a Glasgow rispetto all’anno tlesome, troublesome one off creation that could never Mitchell Lane to discover the Lighthouse in full swing. Lighthouse, at Glasgow Green, at the five Millennium
uomini che battevano le lastre di metallo; una città ope- ragonabile a quella quotidiana di percorrere a piedi precedente, oltre che risvegliare l’interesse dei cittadi- recover its nineteenth century dynamism. Glasgow This is one Design Museum that does not look like a spaces. But its also there in the way that Glasgow’s gap
raia, una creazione irripetibile dalla tempra sconvolgen- Mitchell Lane per scoprire il Lighthouse Centre in tut- ni, abbiamo evidentemente attirato turisti. Un anno che was at last emerging from a period in which the past hospital. Nor is it a ghetto inhabited entirely by archi- sites are beginning to fill up. The city is gradually
te che mai avrebbe potuto recuperare il suo dinamismo to il suo slancio. È l’unico museo del design che non soprattutto ha significato una trasformazione del clima had seemed far more attractive than the future. It was tects in black linen suits. Scotland’s Centre for Architec- beginning to heal the dereliction that afflicted its cen-
ottocentesco. Glasgow usciva finalmente da un periodo sembri un ospedale. E non è neppure un ghetto infe- culturale della città. a suggestion that if Glasgow was to survive, it had to ture Design and the City is a rip roaring success, both tre. Equally important is the cultural shift.
in cui il passato era parso molto più affascinante del fu- stato da architetti in completo nero. Questo cambiamento ha la sua dimostrazione concreta rediscover itself. critically and with the public. Glasgow’s architects and designers have shown what
turo. L’evento suggeriva che Glasgow per sopravvivere Lo Scotland’s Centre for Architecture Design and the nel Lighthouse Centre, nel Glasgow Green, nei cinque What nobody could have predicted in 1990, when Glas- It’s a place which in its first three months attracted they can do. In particular the Glasgow Collection has
doveva riscoprire se stessa. City è un successo clamoroso, sia dal punto di vista del- spazi del Millennium. Ma è presente anche nel modo in gow’s year as European Capital of Culture was being more visitors than the Design Museum in London gets been a unique experiment in encouraging young
Nessuno lo avrebbe previsto nel 1990, quando l’anno di la critica sia da quello del pubblico. È un luogo che nei cui i luoghi non edificati di Glasgow iniziano a riempir- written off as three parts fiasco, to six parts elitist irrel- in a year. People come because its an exciting, place to designers to make the leap to the commercial world by
Glasgow “capitale europea della cultura” fu archiviato primi tre mesi di vita ha attirato più visitatori del Design si. La città sta gradualmente cominciando a guarire dal- evance was the idea that Glasgow would in just a few be, capable of putting on scholarly but crowd pulling helping turn their brighest ideas into products that
come un fiasco pressoché totale. Doppiamente inconsi- Museum di Londra in un anno. l’abbandono che ne affliggeva il centro. Altrettanto im- years develop precisely the same sense of fond nostal- shows on long dead Victorian architects on one floor, have reached the shops.
stente e aristocratica era l’idea che Glasgow entro pochi La gente lo visita perché è un posto interessante, in gra- portante è la trasformazione culturale. Gli architetti e i gia for Frank Sinatra, commercial flop though his Glas- whacky exhibits by Philippe Starck on another, and And in the long term it is those talents who are the
anni si sarebbe sviluppata proprio nel senso della senti- do di allestire a un piano manifestazioni scientifiche e designer di Glasgow hanno dimostrato che cosa sanno gow concert was, Peter Brook and the wildly overspent enthralling school children on a third. The impact of the most effective antidote to nostalgia. Glasgow is not just
mentale nostalgia per Frank Sinatra – per quanto il suo popolari al tempo stesso su architetti vittoriani scom- fare. La Glasgow Collection in particolare è stata un exhibition, Glasgow’s Glasgow that it once reserved for Lighthouse is not just its attraction of a brand new audi- a place that used to be good at architecture and design
concerto in città si fosse rivelato un fallimento commer- parsi da tempo, a un altro piano eccentriche mostre di esperimento unico nell’incoraggiare i giovani designer the Queen Mary, and trams. The very year 1990 now ence, it lies in the way that it is changing perception of a long time ago.
ciale – Peter Brook e la mostra follemente iperfinanzia- Philippe Starck, e a un terzo accattivarsi le simpatie dei a compiere un salto di qualità verso il mondo del merca- seems to carry with it the sepia patina of some far off what design is. It is now one of the very few British cities with a thriv-
ta, Glasgow ‘s Glasgow, un tempo riservata alla Queen ragazzi delle scuole. to, aiutandoli a trasformare le loro idee migliori in pro- golden age, when the taps ran with wine, when the No other institution has done anything like that yet. ing architecture and design community of its own.
Mary, e i tram. Quell’anno 1990 oggi pare possedere la L’impatto del Lighthouse Centre non consiste solo nel dotti che hanno raggiunto i punti di vendita. streets were full of overseas visitors, and when there The original point of the year was to rescue architecture Deyan Sudjic, Director of Glasgow 1999
patina color seppia di remote età dell’oro, quando le fon- fascino che esercita su un pubblico di neofiti, ma nel E, sul lungo periodo, sono questi talenti a costituire il was a Rembrandt up every close. and design from the professional ghetto. They are sub-
tane davano vino, le strade erano affollate di turisti stra- modo in cui trasforma la percezione di che cosa sia il de- migliore antidoto alla nostalgia. Will Glasgow 1999 one day induce the same fond nos- jects that are simply too important to leave just to the
nieri e quando c’era un Rembrandt a ogni angolo. sign. Nessun’altra istituzione ha finora fatto qualcosa di Glasgow non è solo un luogo che tanto tempo fa era talgia? Will people get misty eyed about the year that specialists. And the Lighthouse, along with the exhibi-
La Glasgow del 1999 provocherà un giorno la stessa no- simile. L’originalità dell’anno è stata salvare l’architet- propizio all’architettura e al design. Oggi è una delle po- the Groucho Club came to Glasgow, Ingram Street saw tions and events programme has triumphantly suc-
stalgia sentimentale? Penseremo con occhi umidi al- tura e il design dalla ghettizzazione professionale. Sono chissime città britanniche che possano vantare una pro- Scotland’s first loft, and the first architect since Christo- ceeded in doing just that.
l’anno in cui il Groucho Club aprì a Glasgow, Ingram temi troppo importanti perché vengano abbandonati pria prospera comunità di architettura e di design. pher Wren got onto a British banknote? So has an education programme that has reached out to
Street vide il primo loft di Scozia e il primo architetto dai nelle mani degli specialisti. Deyan Sudjic, Direttore di Glasgow 1999 I certainly hope not. The fundamental conception of the every school in the city over the past four years, turning

L’idea fondamentale dell’anno dell’architettura e del design 1 Il logotipo di Glasgow 1999. 1 Glasgow 1999 logo. L’originalità dell’anno è stata salvare l’architettura e il design dalla
2 Campagna di comunicazione. 2 Advertising campaign.
era che fosse qualcosa di più che un semplice anno. 3, 5 Brochure d’informazione per 3, 5 Information brochure ghettizzazione professionale. Sono temi troppo importanti perché
la manifestazione. of the manifestation.
Doveva essere divertente finché durava ma, cosa più importante, 4 Un elemento grafico 4 A design identity graphic vengano abbandonati agli specialisti.
dell’immagine coordinata che element reproducing
lasciare dietro di sé un’eredità sostanziale. riproduce la pianta della città. city plant. The original point of the year was to rescue architecture and design
The fundamental conception of the year of architecture and design from the professional ghetto. They are subjects that are simply too
was that it was going to be more than just a year. important to leave just to the specialists.
It was going to be fun while it lasted, but more important, would be
leaving a substantial legacy behind.
92 Evento Event Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Evento Event 93

Il programma realizzato grazie a un imponente finanziamento di trentotto milioni di sterline (poco meno The programme staged on an impressive budget of £38m (£6m from Glasgow City Council, with £1m in
di centodiciotto miliardi di lire, di cui quasi venti miliardi stanziati dal Comune di Glasgow, oltre tre private sponsorship, and the rest from mainly public, including Lottery funds), it wasn't intended to be
miliardi di sponsorizzazioni private e il resto proveniente da finanziamenti pubblici, inclusi i proventi delle purely about Glasgow's own tremendous architectural heritage and urban identity so much as a way to
lotterie), non aveva come obiettivo soltanto l’importante patrimonio culturale e dell’identità urbanistica make the city, which has its darkness as well, standing potentially for any major European city, a centre
di Glasgow, ma si proponeva di far entrare la città, anche con i suoi lati oscuri, nell’Olimpo delle più at home with the reality of its vibrant cultural life. It beat off competing bids from Liverpool and Edinburgh
importanti capitali europee, un centro nazionale nella realtà della sua dinamica vita culturale. Si trattava in an Arts Council of England “Arts 2000” initiative to encourage UK cities or regions to make the arts
di battere le offerte concorrenti di Liverpool ed Edimburgo nell’ambito dell’iniziativa “Arts 2000” dell’Arts more accessible to a wider audience. It therefore couldn't afford to be anything less than a symbolically
Council of England, il cui scopo era aiutare città e regioni britanniche a rendere l’arte accessibile a un and operatively open cultural model.
pubblico più vasto. Di conseguenza l’iniziativa non poteva permettersi di essere nulla di meno di un
modello culturale aperto dal punto di vista simbolico come da quello operativo.

Cinque spazi Five Spaces


Un finanziamento di 2,8 milioni A £2.8m scheme supported the
di sterline (oltre 8,5 miliardi di transformation of outdoor areas
lire) ha consentito in five derelict or underdeveloped
la trasformazione di cinque aree sites across the city into new
degradate o poco edificate del public spaces for local
territorio urbano in nuovi spazi community use.
pubblici a uso delle comunità Fruin Street, Possilpark.
locali. Architects: Zoo Architects. Artist:
Fruin Street, Possil Park. David Shrigley. Housing
Architetti: Zoo Architects; Association, Hawthorn.
artista: David Shrigley. A project developed from
Consorzio residenziale di children’s ideas about their
Hawthorn. Un progetto nato dalle immediate living environment,
idee dei bambini sul loro including a sandstone sculpture
ambiente di vita quotidiano. of giant feet, set on a plinth,
Comprende la scultura in public art that aims to be
arenaria di un gigantesco piede accessible and thought-
collocata su un basamento, opera provoking. A map of Europe
d’arte pubblica che vuole essere etched into the concrete replaces
accessibile e stimolante. Una Glasgow with Hawthorn and
mappa d’Europa incisa nel ranks it with Rome, Paris and
cemento sostituisce Hawthorn a Athens; a map of the stars
Design Machine: Creativity in Action
Glasgow e la mette allo stesso delineates the basketball zone.
a cura di curated by Sarah Derrick, Maureen Finn; allestimento di
livello di Roma, Parigi, Atene; Housing Association, Govanhill.
designed by Urban Salon; grafica di graphic design by Cartlidge
una mappa celeste disegna l’area Architect: Chris Platt; Artist:
Levene; presso staged at The Art Gallery and Museum,
destinata alla pallacanestro. Claire Barclay. A Millennium
Kelvingrove.
Consorzio residenziale di Hut, a kind of modern garden
La sedia Hug Me Hug Me chair, Museum; Lucy Orta-Collective Govanhill. Architetto: Chris Platt; shed, is a prominent feature of
Ilke Schaumberg, 1998; Dwelling Project, installazione artista: Claire Barclay. Una the Larkfield Community Centre,
Kelvingrove Art Gallery and installation. “Capanna del Millennio”, una made from oroco, pine and
specie di moderno capanno da Douglas fir. A romantic refuge in
giardino, è l’elemento principale a very public space.
del Larkfield Community Centre, The Cranhill Water Tower. The
costruito in legno d’oroco, abete Greater Easterhouse community
Alexander Thomson: the Unknown Genius e Douglas. Un rifugio romantico group working on the
a cura di curated by Gavin Stamp, Murray Grigor; allestita presso il in uno spazio pubblico. development of the 25 metres
staged at the Lighthouse Centre for Architecture, Design and the City. La torre d’acqua di Cranhill. high Cranfield Water Tower was
Il gruppo di lavoro della one of the recipients of
La mostra d’apertura del The opening exhibition in the comunità di Greater Easterhouse, Partnership Funding from the
Lighthouse Centre mirava Lighthouse Centre aimed to che ha lavorato allo sviluppo Glasgow 1999 kitty. Its turquoise,
a correggere il tradizionale, redress the traditional focus della torre, alta 25 metri, era uno blue and green floodlights, a
esclusivo accentramento on Mackintosh, putting dei beneficiari dei finanziamenti scheme designed by Chris
dell’attenzione su Mackintosh, Glasgow’s ‘other’ world class in compartecipazione del fondo Stewart Architects, transform the
accostandogli l’altro architetto architect known for his abstracted per Glasgow 1999. Le luci working tower into a city beacon
di Glasgow di livello mondiale, classicism. turchese, blu e verde – uno in a downbeat area.
noto per il suo classicismo Models of his three Presbyterian schema progettato dallo studio
astratto. I modelli delle sue tre churches include the Queens Park Chris Stewart Architects –
chiese presbiteriane Church, destroyed in the Second trasformano una torre di servizio
comprendevano la Queens Park World War. in un punto di riferimento di
Church, distrutta durante la importanza cittadina posto in una
seconda guerra mondiale. zona degradata.

Giunti al momento del bilancio (il che si farà con un’a- tenzione controbilanciare l’attenzione della cultura importanti architetti come Frank Lloyd Wright, del nuovo Parlamento scozzese di Edimburgo – e con Jones. La mostra ha presentato al pubblico i primi pro- di riferimento come Chandigarh di Le Corbusier, sulla
nalisi biennale a posteriori realizzata dall’ACE) è evi- per Glasgow con temi di interesse più generale, met- Ludwig Mies van der Rohe, Alvar Aalto o ancora met- la formulazione di una politica nazionale dell’architet- getti completi di Enric Miralles per il nuovo Parla- ricostruzione del Reichstag di Foster and Partners, ma
dente che molti elementi nati nel pantagruelico pro- tendo comunque in primo piano il ruolo eminente- tevano in luce personaggi di Glasgow come Alexander tura da parte del nuovo partito laburista, sulla base del- mento scozzese, un progetto definito dal primo mini- anche su un nuovo gruppo di edifici istituzionali in-
gramma di Glasgow (mostre, dibattiti, un nuovo piano mente globale, invece che elitario, dell’architettura e Thomson, detto “il Greco”, che ha avuto un’occasione le nuove indicazioni in materia di ristrutturazione del- stro Donald Dewar “il più importante incarico glesi in corso di realizzazione, come la nuova sede del
di edilizia residenziale, un nuovo centro di architettura del design nella vita contemporanea. postuma di surclassare il mostro sacro Charles Rennie le città elaborate dal Gruppo di lavoro per l’urbanistica d’architettura della Scozia di questo secolo”. Parlamento di Michael Hopkins, a Westminster, e i
e design) hanno rappresentato risposte provocatorie e Più di trecento manifestazioni, alcune riferite alla sto- Mackintosh. (promosso da Richard Rogers, architetto e fautore del- Inaugurata in marzo, questa mostra di valore simboli- progetti di Richard Rogers per il nuovo Parlamento
aperte alla cultura contemporanea, in modo da poter ria del design, ma più spesso visioni libere sul proget- L’insieme delle manifestazioni, alcune di elevata cul- l’intervento nella sfera pubblica). co collocava la sede del Parlamento, una specie di ico- gallese di Cardiff.
essere adattati anche ad altri centri urbani (e in realtà to e sulla sua importanza sociale, oltre che sul crucia- tura, altre più modestamente radicate nella comunità na futura per l’attuale governo democratico, in un Il progetto “Homes for the Future”, un’iniziativa edili-
parecchie mostre avranno un itinerario internaziona- le territorio di frontiera dell’imprenditoria dal design locale, oppure di taglio prevalentemente antropologi- Ottica internazionale contesto storico internazionale più vasto. I curatori zia da dieci milioni di sterline (circa trentuno miliardi
le). Che Glasgow già possieda una fortissima tradizio- (dopo tutto questa è la Glasgow forte, orgogliosa che co, autonome o interattive, temporanee o – nelle inten- Per fortuna il programma di attività di Glasgow 1999 è volevano definire chiaramente il rapporto tra idee ar- di lire) su un sito industriale dismesso recuperato ai
ne culturale e che il suo turismo abbia ampiamente be- pensa ai soldi), compresa una serie di mostre che spa- zioni – permanenti, ha coinciso con una presa di posi- riuscito a essere illuminante e internazionale, invece chitettoniche e prassi politica, con riferimento ai temi margini orientali dell’area urbana, ha messo in luce
neficiato delle manifestazioni di Glasgow 1999 fa ziavano dal design sportivo (“Winning”), del cibo, zione esplicita sulla politica dell’architettura in Scozia che circoscritto localmente, nella sua visione del ruolo del progetto e della delega dei poteri non solo in Sco- quanto sia auspicabile utilizzare l’innovazione dell’ar-
parte del quadro, ma non lo esaurisce. La sfida accet- della casa, al progetto della città contemporanea (lo Scottish Office ha emesso il suo primo documento del design nel contesto della delega dei poteri alla Sco- zia, ma rispetto all’intera Gran Bretagna. I visitatori chitettura e del design come leva per realizzare il rin-
tata da Deyan Sudjic, direttore di Glasgow 1999, nel- (“Vertigo”), ai rapporti tra design e identità personale politico in settembre) con la delega dei poteri – che zia, principalmente grazie alla mostra “The Architec- erano invitati a utilizzare apparecchiature per il voto novamento delle città. È stata una delle chiavi di volta
l’adottare un’impostazione popolare aveva come in- (“Identity Crisis”) oppure presentavano personali di porterà all’elaborazione di un progetto per l’edificio ture of Democracy”, a cura di Deyan Sudjic e di Helen elettronico per indicare le loro preferenze su progetti della credibilità di Glasgow 1999, realizzata con il so-
94 Evento Event Domus 823 Febbraio February ’00 Domus 823 Febbraio February ’00 Evento Event 95

stegno dei principali imprenditori dell’edilizia resi- zo misto devono ancora concretizzarsi ma analoghe to trasportabile, trasformabile e plurifunzionale. un mondo più vasto”. Glasgow è famosa per possedere have been provocative, open-minded, responses to con- neurism (this is loud, proud and money conscious Glas-
denziale scozzese e delle agenzie per la rinascita citta- iniziative di collaborazione tra pubblico e privato sono Per Sudjic Glasgow 1999 mirava a dimostrare che un fortissimo senso di identità: la si descrive spesso co- temporary culture, making them also appropriate for gow, after all), included a continuous sequence of exhi-
dina di Glasgow. Il complesso (sei edifici per un tota- in corso di elaborazione. “l’architettura e il design sono troppo importanti per me una persona, ma forse il 1999 è stato una sfida a que- other city centres (and in fact a number of the exhibi- bitions exploring the design of sport (“Winning”), food,
le di ottantotto appartamenti in vendita e un palazzo “Deve esserci un modo di scuotere le attese dell’era essere lasciati ai professionisti”. La categoria degli ar- sta concezione, nel senso migliore del termine. tions will tour internationally). The fact that Glasgow the home, the contemporary city (“Vertigo”), on design
residenziale con dodici appartamenti in affitto) è stato pre-Habitat nel modo di abitare, ancora così predomi- chitetti britannici sarà anche stata attirata nell’orbita Se i benefici di Glasgow 1999 si dimostreranno tangibi- has already a very strong heritage, and its tourism has and personal identity (“Identity Crisis”), or showcasing
progettato dai più importanti studi britannici, tra cui nante in Gran Bretagna”, afferma Sudjic. Sul sito il di- politica di Blair, afferma Sudjic, ma conserva ancora li come le sue metafore, le sue ambizioni avranno dato benefitted hugely from Glasgow 1999’s staging, is part major architects such as Frank Lloyd Wright, Ludwig
Rick Mather, Ian Ritchie, Elder and Cannon e Ushida rettore ha allestito “Home”, una mostra sull’influsso ciò che egli chiama “un linguaggio privato, difensivo”, il via a un’intera nuova era egualitaria di fiducia nella of the picture, but not the whole picture. The challenge Mies van der Rohe, Alvar Aalto, and that overlooked
-Findlay. Realizzato con audacia e pensato nel conte- dell’architettura e del design internazionali sulla scena che mette in ombra il fatto che l’architettura e il design cultura. E adesso in che direzione si muoveranno Sudjic for Deyan Sudjic, Glasgow 1999’s director, in choosing Glasgwegian figure Alexander “Greek” Thomson, who
sto di questa manifestazione, il complesso, nella sua del Paese. Mettendo in secondo piano l’effetto ‘capo- sono “centrali nella vita della cultura, non periferici”. e i suoi referenti? a populist approach, was to balance the cultural focus got his posthumous chance to upstage the iconic Charles
auspicata eterogeneità, riesce a non essere un ghetto. lavoro’ del complesso e della mostra, ha invitato il on Glasgow with a highlighting of wider issues, while Rennie Mackintosh.
Costruito molto rapidamente, lo si potrebbe idealmen- pubblico a partecipare con le proprie opinioni in mate- Periferia e identità Now that the time of assessment has arrived (and this underlining design and architecture’s valuably encom- The clustering of activities, some more classically high
te considerare una recentissima Weissenhofsiedlung e ria di valori domestici nello spazio: “Che cosa fa della Glasgow 1999 ha rafforzato il messaggio, ponendosi co- will be a two year post-analysis by ACE), it’s clear that passing, rather than elitist, role in contemporary life. culture, others more humbly based in the community, or
al tempo stesso un tentativo di sfidare le leggi del mer- casa una vera casa?”, interpretato da designer tra cui me evento ‘periferico’ nel senso migliore del termine, many of the elements shoehorned into the gargantuan Over 300 events, some on design’s heritage, but mostly loosely anthropological, hands off and interactive, tem-
cato suscitando interesse per l’innovazione sostenibile Tom Dixon, Konstantin Grcic, One Foot Taller e Ja- riunendo sotto le sue ali una varietà di progetti promossi Glasgow programme – exhibitions, debates, a new hous- more freewheeling embraces of design and its social rel- porary and intentionally permanent, has coincided with
e per nuove tipologie residenziali. Gli intenti di utiliz- mes Irvine, che hanno risposto con idee di arredamen- da comunità, associazioni per l’edilizia residenziale, ing scheme, a new centre for architecture and design – evance, as well as the hard edge of design entrepre- the energetic shaping of political policy on architecture

Vertigo: the Strange New World of the Contemporary City


a cura di curated by Rowan Moore; allestimento degli architetti
designed by architects Caruso, St John e del grafico and by graphic
designer Peter Wilberg, presso un magazzino di oltre 1100 metri
quadrati della galleria del Vecchio mercato ortofrutticolo staged in
the 12,000 square feet warehouse of the Old Fruitmarket gallery.

Pensata per mostrare come gli Conceived to show how


architetti rispondono ai nuovi architects are responding to new
paradigmi culturali, senza cultural paradigms, avoiding the
distinguere tra edifici di qualità distinction between high and
ed edifici commerciali. commercial buildings. Bringing
Proiettando nello spazio le the essential qualities of each
qualità essenziali di ogni project into the space, the
progetto, la mostra comunica exhibition conveys how buildings,
come gli edifici, per esempio such as those for transport for
quelli destinati ai trasporti, siano instance, are also multi-layered
anche status symbol cittadini civic status symbols. To do this,
a molteplici livelli. Per Moore combined commissioned
raggiungere lo scopo Moore ha art works, video walls, models
unito opere d’arte appositamente and full size details of buildings,
realizzate, video wall, modelli e installations (like the Tate
particolari a grandezza naturale Gallery of Modern Art, Bankside,
di edifici, installazioni (come la by Herzog & de Meuron)
Tate Gallery of Modern Art di projected passages of feature
Bankside, opera di Herzog & de films, graphics, furniture and The Shape of Colour: Red Frank Lloyd Wright and the Living City
Meuron), proiezioni di spezzoni recorded interviews with makers a cura di curated by Jane Pavitt; allestimento di designed by Graven organizzata dal organised by Vitra Design Museum; allestimento
di film, grafica, arredamento e and users. Images, presso staged at The Lighthouse Centre. staged at the Art Gallery and Museum, Kelvingrove.
registrazioni di interviste con
autori e utenti. Due settori, “Simboli e identità” Two zones, “Symbols and L’ampia visione artistica di Wright Wright’s broad artistic vision
e “Significati e metafore” Identities”, and “Meanings and presentata con modelli come il shown by models such as the
analizzavano i codici costanti del Metaphors”, explored the fixed Johnson Wax Administration Johnson Wax Administration
colore ed esploravano le codes of colour and questioned Building, disegni, fotografie, Building, drawings, photographs,
associazioni cromatiche negli the associations of colour in arredamento e grafica editoriale. furniture and book designs.
oggetti quotidiani. everyday objects.

Winning: the Design of Sports Identity Crisis: the 90s Defined Food: Design and Culture
a cura di curated by Susan Andrew; allestimento di designed by Ron a cura di curated by David Redhead, Hannah Ford; allestimento di a cura di curated by Claire Catterall; allestimento di designed by
Arad; presso at The McLellan Galleries. designed by Thomas Heatherwick, Stephen Coates. Gerard Taylor, grafica di graphics by Paul Khera; presso at the Art
Gallery and Museum, Kelvingrove.
Il progetto presenta una serie di The design features a series of Trecento oggetti collocati in un 300 objects set in a “silkworm’s
sfere di grandi dimensioni che large scale spheres containing ambiente simile a un allevamento lair” environment of metal boxes Analisi dei rapporti tra cibo e Explores the relationship
contengono gli oggetti esposti exhibits grouped into categories of di bachi da seta, con contenitori threaded together by miles of design, con attenzione particolare between food and design, looking
raggruppati nelle categorie “Speed”, “Play Safe”, “Winning”, metallici legati da chilometri di ethereal clingfilm. a come la vita moderna incide at how modern life impacts on
‘Velocità’, ‘Sicurezza’, ‘Vittoria’, “Survival of the Fittest”, pellicola trasparente. The exhibition surveys the last sulla cultura dell’alimentazione, food culture, including newly
‘Sopravvivenza del più adatto’, “Footprints” (trainers), “Hard La mostra percorre gli ultimi ten years of cultural, compresi i cibi di recente developed foods and eating
‘Impronte’ (attrezzature da Sell” (advertising), “It’s Only a dieci anni della cultura, della technological and stylistic formulazione, gli ambienti e gli environments and accessories,
allenamento), ‘Vendere’ (la Game” (team sports) and “You’re tecnologia e dello stile, developments, looking at cult accessori dell’alimentazione e and a kitchen of the future.
pubblicità), ‘È solo un gioco’ On Your Own” (equipment for focalizzandosi su oggetti cult, objects, design icons una cucina del futuro.
(sport di squadra) e ‘Conta solo individual and ‘extreme’sports). icone del design e prodotti d’uso and everyday products and
su te stesso’ (attrezzature per (photo K. Hunter). quotidiano. E illustra i grandi indicates far reaching cultural
sport estremi individuali) mutamenti culturali. modal shifts.
(foto K. Hunter).

scuole e collettivi artistici e associandosi a essi con fi- definisce l’orizzonte cittadino, offrendo un nuovo punto prima della trasformazione era rimasto vuoto per un in Scotland (the Scottish Office issued its first policy and Helen Jones. This unveiled the first completed designs such as Le Corbusier’s Chandigarh, and the
nanziamenti per favorirne lo sviluppo. I progetti hanno focale all’ambiente edificato – vergognosamente misto – quindicennio. I particolari classici della facciata origina- document in September), devolution – ushering in a designs by Enric Miralles for the new Scottish Parlia- rebuilding of the Reichstag by Foster and Partners, but
trovato spazio non nei musei cittadini o in centro, ma al- di grandiosità e decadenza di Glasgow. le si innalzano a incontrare le forme organiche delle fi- scheme for a new Scottish parliament building in Edin- ment, a project billed by Donald Dewar, Secretary of also for a new crop of British political buildings cur-
l’esterno, in ambienti quotidiani che di solito non bene- Un elemento importante nell’ottica di risultati di lungo nestre e un’elaborata torre d’acqua angolare “a calice burgh – as well the creation of a national architectural State for Scotland as “the most important architectur- rently in development, like Michael Hopkins’ new Par-
ficiano della cultura ufficiale, come Easterhouse, Possil, periodo – invece che di convergenza effimera – di ener- floreale”, ora accompagnata dalla vicina galleria panora- policy by new Labour informed by the Urban Task al commission in Scotland this century”. liamentary Building at Westminster, and Richard
Cranhill e Govanhill, in scuole, biblioteche ma anche in gia culturale più egualitaria e aperta raggiunti da Gla- mica. L’operazione dà luogo a ciò che Sudjic chiama Force’s new recommendations for urban regeneration Opening three months into the year, this symbolic Rogers’ designs for the new Welsh Assembly in Cardiff.
terreni industriali liberi. La torre d’acqua di Cranhill, per sgow 1999 è stata l’apertura nel corso dell’anno del pez- “una torre d’osservazione alla Geddes”, simbolo della (promoted by the UK’s architect knight of the public exhibition placed the Parliament building, perhaps a The desirability of employing innovative architecture
esempio, segno industriale in un paesaggio di abitazioni zo forte costituito dal Lighthouse Centre for volontà di “costruire un veicolo per guardare nel futuro, realm Richard Rogers). future icon for contemporary democratic government, and design as a mechanism to bring about urban
senza identità, ha beneficiato di ventottomila sterline Architecture, Design and the City, diretto da Stuart Mac- per anticipare, sfidare e promuovere il design”. into a broader international historical and cultural renewal came to the fore with the “Homes for the
(circa ottantasette milioni di lire), un terzo del finanzia- Donald, con le sue sei aree espositive (dai 130 ai 586 Si moltiplicano le metafore per descrivere l’emergere International view context. The curators wanted to sharply define the Future” project, a £10 million housing development on
mento triennale di un programma di sistemazione pae- metri quadrati) e un centro didattico, il più grande del del centro sottostante dall’originaria idea organica del- Fortunately, Glasgow 1999’s programme managed to connection between architectural ideas and political a reclaimed ‘brownfield’ site in the east end of the city.
saggistica e di illuminotecnica finanziato da sponsor genere in Gran Bretagna. Molto opportunamente è stato l’edificio. E questo, a detta degli architetti Page & Park, be illuminating and international rather than practice, embracing issues of design and devolution of This was a major cornerstone of