You are on page 1of 34

ni.

com/automotive/i
Sviluppo di un ambiente aperto
per un sistema di automazione di
banco di prova
Torino, 29/05/2014
Enrico Corti Corrado Borsari
Luca Solieri Stefano Dalla Verde
www.alma-automotive.it
www.lamborghini.com
3 ni.com/automotive/i
New Test Bed Management
4 ni.com/automotive/i
LAS introduction plan:
SW and HW development
Faseability
Test bed rig
No firing
Engine
Performance
analisys
Engine
High dynamic
beaviour
Engine
dynamic
beaviour
Driveline and
Steering
condition
2010 2011 2016 2012 2018 2020
-3 sec
ni.com/automotive/i
Lapplicazione: sistema di
automazione banco prova
Definizione delle specifiche
6 ni.com/automotive/i
Definizione specifiche: layout
Lamborghini
Automation
System
BRAKE
ENGINE
ECU
CELL
Rpm, Torque settings
Engine Data
(lab sensors)
Engine Data
(Engine sensors,
control parameters)
Calibration settings
Toil, TH2O control,
States settings
Cell data (T, P,
states)
Rpm, Torque settings
7 ni.com/automotive/i
Definizione specifiche: hardware
Layout hardware:
OS Real-time
FPGA: gestione digitali veloci (e
potenzialit per calcolo su input
analogici)
Segnali I/O
o Voltage Inputs (40)
o Voltage Outputs (8)
o Thermocouples (24)
o Thermistors (12)
o Relay (4)
o DO (64)
o DI (64)
o DI, Counters (9)
o CAN (2)
o RS232
8 ni.com/automotive/i
Layout Software:
Configurabilit e semplicit di utilizzo dellinterfaccia
Possibilit di sviluppare funzioni ad hoc, non previste al momento
della definizione delle specifiche
Funzionalit base
o Acquisizione dati
o Gestione attuatori
o Controllo (PID) in feedback di attuatori
o Gestione allarmi
o Calcolo grandezze derivate dalle acquisizioni
o Gestione automatica test
o Rappresentazione grafica delle grandezze acquisite (sia valori medi
che istantanei)
o Valutazione plausibilit dei segnali
o Interfacciabilit con sistemi di misura esterni
Definizione specifiche: software
9 ni.com/automotive/i
Definizione specifiche: management
Gestione della vita del sistema:
Manutenibilit: supporto hardware almeno per i 10 anni
successivi allacquisto
Facilit di individuazione e soluzione di potenziali problemi
hardware
Limitazione tempi di fermo impianto
Calibrazione: accesso a servizi di certificazione della qualit delle
misure
Possibilit di gestire il supporto da remoto
Utilizzabilit per diverse applicazioni (cella di trascinamento)
ni.com/automotive/i
Comunicazione tra diversi
strumenti
la sala prove connessa
11 ni.com/automotive/i
Interlocutori
Interlocutori in sala prove:
Sistemi di controllo banco (PUMA-LAS)
Sistemi analisi combustione (Indimaster/OBI)
Sistemi di calibrazione ECU: INCA/VISION
Sistemi di misura consumo combustibile (AVL 733S)
Sistemi di misura emissioni inquinanti (smokemeter, AMA4000..)
Sistemi di controllo motori elettrici (inverter)
Sistemi di misura standalone (analizzatori di rete, micrometri, )
Attuatori (Motori elettrici lineari, stepper, )
Interlocutori fuori dalla sala prove: software analisi dati
LabVIEW, DIADEM
MATLAB
CONCERTO

12 ni.com/automotive/i
Esempi scambio dati
LAS-OBI:
TCP/IP-CAN
Start/stop misura (da LAS vs OBI)
Invio dati (max 200Hz) da OBI vs LAS ciclo per ciclo, cilindro per
cilindro
Invio dati medi della prova
13 ni.com/automotive/i
Esempi scambio dati
LAS-Indimaster:
TCP-IP/RS232
Start misura (da LAS vs Indimaster)
Invio dati (medi) da Indimaster vs LAS
14 ni.com/automotive/i
Esempi scambio dati
LAS-INCA:
ASAP3 (TCP-IP/RS232), CAN
Invio variabili ECU da INCA a LAS (2-50Hz)
Invio calibrazioni da LAS a INCA (funzionalit verificata, da
integrare)
15 ni.com/automotive/i
Esempi scambio dati
LAS- Fuel balance, smokemeter:
RS232
Invio variabili comandi start/stop/durata da LAS a sistemi di
misura
Invio risultati misura a LAS
ni.com/automotive/i
Integrazione delle funzionalit nel
software LAS
la sala prove connessa
17 ni.com/automotive/i
INTERFACCIA LAS
Interfaccia di base flottante, sempre presente, garantisce
accesso ai menu per la personalizzazione
Linearizzazione I/O
18 ni.com/automotive/i
Definizione numero/posizione/tipologia indicatori (associabili a
I/O precedentemente definiti)
INTERFACCIA LAS
19 ni.com/automotive/i
INTERFACCIA LAS
Esempio di interfaccia (una volta costruita, linterfaccia e la configurazione
possono essere caricate/salvate)
20 ni.com/automotive/i
Definizione Allarmi e grandezze calcolate
INTERFACCIA LAS
21 ni.com/automotive/i
Definizione Allarmi e grandezze calcolate
INTERFACCIA LAS
22 ni.com/automotive/i
Setup PID: impostazione controllori output in feedback
INTERFACCIA LAS
23 ni.com/automotive/i
Definizione Cicli automatici (time-based)
INTERFACCIA LAS
24 ni.com/automotive/i
Definizione Cicli automatici (event-based)
INTERFACCIA LAS
25 ni.com/automotive/i
Applicazione Cicli automatici
INTERFACCIA LAS
26 ni.com/automotive/i
Interfaccia ASAP3 (INCA)
INTEGRAZIONE SISTEMI ESTERNI
27 ni.com/automotive/i
Interfaccia Flow Control (INDICOM)
INTEGRAZIONE SISTEMI ESTERNI
28 ni.com/automotive/i
Interfaccia AK (733S, )
INTEGRAZIONE SISTEMI ESTERNI
29 ni.com/automotive/i
Interfaccia CAN (OBI-1)
INTEGRAZIONE SISTEMI ESTERNI
30 ni.com/automotive/i
Interfaccia USB (Webcam):
NB: i file video fanno parte integrante dello streaming di dati (ad
esempio in caso di post-mortem
INTEGRAZIONE SISTEMI ESTERNI
31 ni.com/automotive/i
LAS fa da collettore di tutti i dati acquisiti
INTEGRAZIONE SISTEMI ESTERNI
32 ni.com/automotive/i
Interfaccia di base flottante, sempre presente, garantisce
accesso ai menu per la personalizzazione
Gestione acquisizione dati
INTERFACCIA LAS
33 ni.com/automotive/i
Interfaccia di base flottante, sempre presente, garantisce
accesso ai menu per la personalizzazione
Gestione salvataggio dati: ifiles, matfiles,
INTERFACCIA LAS
LAS
Diadem
Matlab
Concerto
ni.com/automotive/i
Grazie per lattenzione,
domande?
Torino, 29/05/2014
Enrico Corti Corrado Borsari
Luca Solieri Stefano Dalla Verde
www.alma-automotive.it www.lamborghini.com