You are on page 1of 1

da repubblica.

it

http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/sport/sci-coppa-del-mondo/commento-bocca/commento-

bocca.html

Sci, la Karbon domina


nell'indifferenza della Rai
di FABRIZIO BOCCA

TRE VITTORIE su tre, quando c'è lei e le porte veloci e morbide di uno slalom gigante non ce
n'è per nessuno. E vincere in casa degli austriaci vale ancora di più: per capire, ieri la regia tv
indugiava più che sul suo viso raggiante sulle lacrime delle ragazze austriache beffate in casa
loro da Denise Karbon, ragazza altoatesina nata a Bressanone, 27 anni: un fenomeno italiano,
un entusiasmo che mancava dall'epoca di Deborah Compagnoni ora tranquilla e felice signora
Benetton.

Denise è grintosa, infiamma le piste: a Lienz, a pochi chilometri dal confine italiano, c'erano
migliaia di italiani a tifare per lei. Sempre a caccia di qualcuno che ci riporti ai tempi d'oro di
Thoeni, Tomba o della Compagnoni appunto, abbiamo una campionessa in casa e non
possiamo vederla. La Rai - che ha i diritti della Coppa del Mondo di sci - ha relegato le gare su
Raisport Sat. La vedi solo se hai la parabola e il decoder.

La Karbon ha già vinto a Soelden, sempre in Austria, e a Panorama, negli Stati Uniti e la Rai
l'ha ignorata. A Lienz l'Italia ha piazzato 4 ragazze tra le prime 10: prima la Karbon, terza la
Gius, settima la Moelgg, decima la Alfieri. Il ritorno della valanga rosa. Ma per trovare Denise &
C. in tv devi essere un appassionato e andarti a cercare il canale giusto, magari straniero. E se
non hai i canali satellitari niente da fare. Di RaiUno, RaiDue e RaiTre non se ne parla nemmeno.
C'è la Clerici che spignatta in cucina...

La federsci si è infuriata perché le gare non vengono trasmesse, il presidente del Coni Petrucci
si è incontrato con la Rai per dire che questo certo non è servizio pubblico, il direttore di
RaiSport Massimo De Luca, ha detto che i direttori di rete non gli lasciano gli spazi. Ma non è
successo nulla, Denise si vede in diretta in Austria ed è clandestina in Italia.

Gli appassionati non solo di sci ma di sport pagano un canone che prevede sempre e solo gol e
pallone in tutte le salse e a tutte le ore: con audience che tra l'altro scendono
preoccupantemente. Non solo, la discriminazione della tv oscurata spesso si è ripetuta con le
tante vittorie al femminile nel 2007. Quando la valanga rosa arriverà dalle Alpi fino a Viale
Mazzini, forse alla Rai si sveglieranno.

(28 dicembre 2007)