Università degli Studi di Catania FACOLTÀ DI AGRARIA

Corso di laurea in:

TECNOLOGIE E PIANIFICAZIONE PER IL TERRITORIO E L’AMBIENTE
Corso monodisciplinare in:

VERDE TERRITORIALE E AMBIENTALE
appunti delle lezioni ad uso degli studenti (a cura di: Daniela Romano)

Anno Accademico 2006-2007

Verde territoriale e ambientale

INDICE 1. Definizione ed ambiti del corso 2. Diffusione del verde 3. Le tipologie di spazi a verde 3.1. Evoluzione del verde pubblico 3.2. Criteri di classificazione 3.3. Profilo tecnico e funzionale delle tipologie più rappresentative 3.4. Il giardino privato nel XX secolo 3.5. I giardini tradizionali siciliani 4. Funzioni della vegetazione 5. La progettazione del verde 5.1. Studi preliminari 5.1.1. Individuazione dell’area 5.1.2. Analisi del paesaggio 5.1.3. Analisi del clima 5.1.4. Analisi dell’ambiente geopedologico 5.1.5. Analisi della vegetazione 5.2. Piante ornamentali per gli spazi a verde in ambiente mediterraneo 5.2.1. Premesse 5.2.2. Scelta della specie 5.2.2.1. Considerazioni generali 5.2.2.2. Caratteristiche dell’ambiente mediterraneo 5.2.2.3. Criteri e parametri di scelta 5.2.2.4. Fasi della scelta 5.2.2.5. Principali gruppi di piante 5.2.2.6.Caratteristiche dei principali gruppi di piante 5.2.2.7. Il contributo delle specie esotiche 5.2.2.8. Il ruolo delle specie autoctone 5.3. Disposizione delle componenti vegetali 5.4. Le specificità del giardino 5.5. Tecniche e soluzioni progettuali per l’ambiente mediterraneo 5.6. Redazione del progetto 5.6.1. Elaborati grafici 5.6.2. Relazione esplicativa 5.6.3. Computo metrico estimativo dei lavori 5.6.4. Capitolati generale e speciale 5.6.5. Vincoli ed opportunità di carattere normativo 6. L’impianto del verde 6.1. Sistemazione e preparazione dell’area 6.2. Messa a dimora delle componenti vegetali 6.3. Esecuzione di opere strutturali ed accessorie 6.4. Un caso particolare di impianto del verde: i giardini pensili 7. La gestione del verde 7.1. L’organizzazione delle attività 7.2. Il censimento del verde 7.3. La manutenzione 7.3.1. Pulizia 7.3.2. Controllo delle infestanti 7.3.3. Irrigazione 7.3.4. Fertilizzazione 7.3.5. Difesa fitosanitaria 7.3.6. Trattamenti endoterapici 7.3.7. Potatura 7.3.8. Dendrochirurgia 7.3.9. Gli interventi di manutenzione nel verde storico 7.3.10. Best Management Practice ALLEGATI

pag. “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ ..” “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “

3 6 8 8 11 12 36 53 58 68 69 69 69 77 78 78 80 80 82 82 86 89 93 94 96 108 110 112 113 118 122 122 123 123 124 125 127 127 130 133 136 146 146 148 152 153 153 155 156 157 158 159 162 162 164 166
Pagina 2

Definizioni ed ambiti del corso

1. DEFINIZIONE ED AMBITI DEL CORSO Il corso si propone di approfondire le problematiche relative agli ambiti territoriali ed ambientali della progettazione, realizzazione e gestione degli “spazi a verde”. Quest’ultima locuzione è utilizzata, nell’ambito del corso, per indicare tutte quelle porzioni del territorio che sono progettate ex novo dall’uomo (o lo sono state nel passato) a fini ornamentali e per rispondere alle esigenze della fruizione. Sono compresi quindi tutti gli spazi, siano essi pubblici o privati, di piccole dimensioni o molto estesi, in ambito urbano ed extraurbano, in cui sia presente la componente vegetale. L’elemento caratterizzante il corso è, a nostro avviso, l’attenzione nei confronti delle piante e di tutti gli interventi che occorre mettere in atto - dalla scelta della specie, all’individuazione ed esecuzione delle cure colturali - affinché la realizzazione vegetale duri nel tempo, mantenendo un gradevole effetto estetico, e svolga quelle funzioni di fruizione e di miglioramento dei parametri ambientali, cui si guarda con sempre maggiore interesse. Come vedremo meglio nel prosieguo, sono numerose le figure professionali che si occupano del “verde” e della sua progettazione; architetti, ingegneri, urbanisti, botanici, naturalisti ed ovviamente agronomi. Per sgombrare da subito il campo da equivoci è bene chiarire che “progettare il verde” è operazione complessa che necessita di competenze multidisciplinari se si vogliono ottenere risultati pregevoli: l’importante è, però, che ciascuna figura professionale svolga le proprie funzioni e non cerchi di arrogarsi competenze che non le sono proprie. Nel nostro caso specifico, provenendo da una formazione “agronomica”, cercheremo di privilegiare gli aspetti connessi con la preparazione dell’ambiente (dato che lo spazio a verde si configura come un particolare “agrosistema”, come specificheremo meglio in seguito) e soprattutto con la scelta della pianta e con la sua corretta utilizzazione e/o coltivazione. L’impianto e la manutenzione del verde saranno anch’essi affrontati nella convinzione che se non si risolvono i problemi ad essi collegati qualsiasi progetto rimane solo “di carta” e non potrà mai effettivamente realizzarsi. Nei paesi europei dove la “cultura del verde” è più ampia e consolidata, in genere alla fase progettuale si affianca, come momento imprescindibile, anche quella della previsione delle operazioni da fare per il governo del giardino, per un arco temporale piuttosto ampio (fino a 30 anni). Questo «Piano del governo del giardino» o «Piano operativo di manutenzione» in Italia, a differenza di altri paesi europei (come peraltro dimostra lo stesso aspetto linguistico1), non è ancora stato adeguatamente analizzato. Prima di affrontare gli aspetti specifici del corso, riteniamo opportuno chiarire, da un punto di vista terminologico, gli ambiti in cui ci muoveremo. La questione è interessante perché occorre ricordare come vi siano tante definizioni di “verde”, volendo dare a questo termine il significato estensivo di “spazio a verde”, quante sono le figure professionali coinvolte nella progettazione dei parchi e dei giardini. Da un punto di vista strettamente terminologico i termini di “parco” e “giardino”, spesso utilizzati per definire le diverse tipologie di verde, vengono così definiti dal dizionario Zingarelli: Parco = terreno boscoso e piuttosto esteso, spesso recintato ed adibito a usi particolari / Giardino molto grande abbondantemente alberato, privato o pubblico. Giardino = terreno con colture erbacee e arboree di tipo ornamentale. Risulta chiaro come i due termini siano in parte sovrapponibili: nel concetto di parco prevale soprattutto l’aspetto dell’estensione della superficie; in quello di giardino l’attributo di ornamentalità. Lo stesso dizionario così definisce il termine di verde, che spesso prevale nell’uso per indicare le diverse tipologie di spazi interessati da vegetazione: Verde: (est.) Vegetazione / Area, zona ricca di prati, alberi e vegetazione in genere / Verde
1

Pagina 3

A differenza dell’italiano, dove di fatto non si assiste ad una terminologia ben definita e da tutti accettata, nelle altre lingue europee esistono termini univoci per indicare quest’ambito della manutenzione del verde (es. in tedesco Parkpflegewerk, in francese Directives d’entretien des parcs, in inglese The park scheme).

Definizioni ed ambiti del corso

pubblico, in una città, l’insieme delle aree destinate a parco o giardino dal piano regolatore / Verde attrezzato, nei giardini e nei parchi pubblici, area fornita di attrezzature fisse per attività sportive e ricreative, specialmente di bambini. Se invece analizziamo la definizione di verde che si ritrova nella trattatistica specialistica ci rendiamo conto come il termine venga spesso utilizzato con diverso significato. Così per gli architetti che intervengono nella questione, il verde è “qualsiasi spazio aperto progettato - in tutto o in parte - da aspetti vegetazionali” (Zoppi, 1988) o, con riferimento a quello pubblico, è un “sistema di spazi urbani, non privati, percorribili e consumabili da chiunque” (Vercelloni, 1989). Come è chiaro intuire è la visione “urbanistica” a prevalere: il verde ed in particolare quello pubblico è la “porzione del territorio che lo strumento urbanistico sottrae all’edificazione” (Bertolini, 1988). Il ruolo della pianta in questo contesto può diventare addirittura secondario: “il verde .... può essere “di pietra” come le piazze e le vie pedonali o “d’acqua” nel caso di una canale o di un fiume, quando questi ambiti siano progettati con l’intento di supplire o integrare ruoli specifici delle aree verdi: passeggiare, giocare, trascorrere il proprio tempo libero, incontrarsi o fare sport all’aria aperta” (Zoppi, 1988). Per Porcinai (1965), il più famoso architetto paesaggista italiano, il giardino è una “zona di verde generalmente recinta, costituita da piante ed altri elementi naturali o manufatti, combinati ad arte dall’uomo, avente la funzione di riconciliare perennemente la creatura umana con il circostante mondo naturale”; anche in questo caso il riferimento alla presenza di elementi architettonici (manufatti) è molto forte. Per la componente agronomica la presenza ed il ruolo delle piante è invece centrale: il verde è “una necessità di vita e non un lusso, in quanto alle zone verdi sono demandate vitali funzioni” (Chiusoli, 1985). In questa logica si pone l’espressione anglosassone urban forestry che serve a designare la disciplina che si occupa di verde urbano e che pone in primo piano i problemi dell’inserimento della componente vegetale all’interno delle città. Nell’ambito del corso, in particolare, come già ricordato, cercheremo di definire le questioni ambientali e territoriali connessi con il verde stesso. Anche per tali motivi proveremo di seguito di definire i due termini che talvolta, erroneamente, vengono utilizzati come sinonimi. L’ambiente, come ci ricorda lo stesso dizionario della Zanichelli, è quel “complesso delle condizioni esterne all’organismo in cui si svolge la vita vegetale e animale”; il termine deriva dal latino ambire = andare intorno ed indica l’insieme degli elementi fisici, biotici e abiotici che circondano uno o più esseri viventi, popolazioni, specie, comunità biologiche in rapporto interattivo con essi. Un aspetto da sottolineare è la multidimensionalità del termine stesso. Esso, infatti, da una parte può essere inteso in una accezione ecologica, intesa come scienza che si occupa delle relazioni fra gli organismi viventi e il loro ambiente. In altri casi l’accezione è lievemente differente e l’ambiente è definito non in rapporto a organismi bensì per determinati caratteri che accomunano aree più o meno ampie del paesaggio terrestre in cui vivono popolazioni e comunità diverse di organismi (es. ambiente forestale, ambiente oceanico, ecc.). Quando nel linguaggio corrente il termine viene usato antonomasticamente, senza specificare quali siano gli esseri viventi (o le aree) cui ci si riferisce, è sottinteso che esso indica l’ambiente in cui vivono gli uomini nel loro insieme, ossia in pratica (dato il carattere ubiquitario della nostra specie) l’intera superficie terrestre. Il territorio, invece, termine che per il dizionario della Zanichelli sta a indicare la “porzione definita di terra”, viene concepito come uno spazio fisico organizzato mediante strutture politico-amministrative e socio-economiche espresse dalla sua popolazione; esso appare molto più come il prodotto dell’attività umana, suscettibile di essere modellato con un ampio margine di libertà, piuttosto che come espressione della natura, subordinato alle sue leggi.

Pagina 4

Definizioni ed ambiti del corso

Inoltre tradizionalmente, nella teoria economica, il territorio viene concepito come superficie omogenea. L’analisi penetrante – che dobbiamo all’ecologia come scienza – della struttura e dei rapporti estremamente complessi tra le componenti biotiche ed abiotiche del territorio su cui l’uomo ha stabilito il suo dominio non poteva non rimettere in discussione il concetto stesso di territorio, la cui accezione tradizionale appare oggi eccessivamente semplicistica. Dal punto di vista dell’ecologia, il territorio è un insieme di ecosistemi, che possono essere sovraccaricati solo entro certi limiti, pena la rottura dei meccanismi di equilibrio, con gravi danno alle stesse possibilità di fruizione da parte dell’uomo. A questo punto riteniamo opportuno ricordare che il “coniatore” della parola “ecologia” è stato il famoso biologo di Jena E. Haeckel che nel 1866 usò per primo il termine oekologie. L’introduzione di questa parola in Italia non fu immediata; fu il valente biologo Girolamo Azzi (un agronomo) che contribuì a divulgare il termine. Egli fu il primo a ricoprire una cattedra dal nome di Ecologia agraria ed a scrivere l’omonimo trattato.

Pagina 5

Diffusione del verde

2. DIFFUSIONE DEL VERDE Negli ultimi anni, anche sotto la spinta dei movimenti ambientalistici ed ecologici, la questione del «verde» è diventata prioritaria. Le iniziative di costituzione di parchi e riserve per tutelare gli ambienti naturali sono numerosissime e caldeggiate dalla pubblica opinione; molto avvertita è anche la necessità di disporre di spazi a verde all’interno del recinto urbano e/o nelle immediate vicinanze. Questo interesse appare testimoniato dai numerosi convegni sull’argomento, dalle iniziative editoriali, dall’attenzione dei media nei confronti della problematica. Nonostante tutte queste iniziative, però, le città italiane non sono ancora oggi adeguatamente dotate di spazi a verde. Come è noto, infatti, a più di venti anni dalla 1444, legge con la quale venivano fissati in 15 m2 i minimi di verde per abitante2, gran parte delle città italiane non ha ancora raggiunto tali valori. Sintomatica è anche la difficoltà incontrate dagli uffici tecnici delle città nel monitorare il verde del proprio territorio. Solo per citare i casi più eclatanti, registrati da Legambiente nel suo documento annuale sull’ecosistema urbano, possiamo ricordare che alcune grandi città, come Firenze, Napoli e Milano, “perdono” alcuni milioni di metri quadri da un anno all’altro, mentre altre città, come Parma, vedono quintuplicare il loro dato. Indipendentemente dall’attendibilità dei singoli dati è chiaro come il ripetersi quasi sistematico di certi “errori” evidenzi una carenza di fondo, sia nella disponibilità di banche dati comuni e condivise dai diversi uffici comunali che nell’interpretazione della voce “verde urbano fruibile” da parte di coloro che compilano il questionario. Il quadro che emerge da queste “statistiche”, al di là delle perplessità prima richiamate, non è dei più brillanti: quasi la metà dei comuni dichiara una superficie di parchi e giardini inferiore a 5 m2/abitante, un terzo del minimo previsto dagli standard urbanistici nazionali in precedenza richiamati (tab. 1). La situazione è particolarmente preoccupante con riferimento alla Sicilia, in cui i diversi capoluoghi di provincia possono offrire ai loro abitanti pochi metri, talvolta meno, di verde pubblico pro capite. Al di là del dato di Parma che, in rapporto anche all’elevato incremento nell’arco di un solo anno, desta più di qualche sospetto, occorre ricordare come i valori più elevati si attestino attorno a circa 30 m2/abitante, ben lontani da quelli di Londra (70m2), di Vienna (90 m2) e di Stoccolma (100 m2) che addirittura risalgono ad oltre 10 anni fa (Di Fidio, 1993). In ogni caso la realizzazione di nuove aree a verde a nulla conduce se contestualmente non si provvede ad un’adeguata azione di gestione e di manutenzione del verde stesso. Sono sotto gli occhi di tutti gli esempi di «spazi a verde» degradati, dato che, dopo l’impianto, non sono state reperite le necessarie risorse finanziarie ed organizzative per provvedere alla loro manutenzione. Tali esempi sono più numerosi negli ambienti più meridionali del nostro Paese, non tanto e non solo per una minore attenzione da parte degli Enti gestori, ma soprattutto perché le condizioni dell’ambiente mediterraneo, caratterizzato dalla prolungata siccità estiva, sono più ostative alla sopravvivenza di alcune piante in assenza di adeguati interventi di manutenzione. In questa situazione è chiaro che se si vuole che la presenza del verde nelle città sia strutturale e di buona qualità occorre adoperarsi, a tutti i livelli possibili, affinché non solo la progettazione sia funzionale, ma anche siano reperite le risorse necessarie per effettuare i successivi lavori di manutenzione. In fase di progettazione l’adozione di alcune soluzioni tipiche del cosiddetto xeriscaping, e cioè le tecniche messe in atto in ambiente arido per ridurre i consumi d’acqua ma anche i costi di manutenzione stessi, potrebbe facilitare la “conservazione” degli spazi a verde. In questa direzione ruolo fondamentale assume l’individuazione della specie più idonea per aumentare le possibilità di sopravvivenza della stessa e la facilità di esecuzione delle
2

Il decreto 2 aprile 1968, n. 1444 prevede che “gli spazi per le attrezzature pubbliche di interesse generale – quando risulti l’esigenza di prevedere le attrezzature stesse – debbono essere previsti in misura non inferiore a quella appresso indicata in rapporto alla popolazione del territorio servito: ….. 15 mq/abitante per i parchi pubblici urbani e territoriali”.

Pagina 6

Diffusione del verde

operazioni di manutenzione. In ogni caso è indubbio che una più funzionale gestione del verde pubblico è possibile solo grazie ad una adeguata conoscenza del patrimonio di “verde” di cui ogni città dispone e delle esigenze espresse a livello sia di singolo spazio che di ciascuna specie. La puntuale ricognizione del patrimonio vegetazionale della città è quindi un momento ineludibile della gestione razionale degli spazi a verde.

Tab. 1 – Verde fruibile (m2/abitante) in area urbana.

Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano 2006 (Comuni, dati 2004). Elaborazione: Istituto di Ricerche Ambiente Italia.

Pagina 7

Le tipologie di spazi a verde

3. LE TIPOLOGIE DI SPAZI A VERDE L’argomento sarà affrontato attraverso la definizione dei possibili criteri di classificazione, cui seguirà una sintetica esposizione del profilo tecnico e funzionale delle tipologie più rappresentative, con specifica attenzione al contesto italiano. Per l’analisi dell’evoluzione storica degli spazi a verde e degli stili del giardini si rimanda al corso di “Architettura del paesaggio”; in questa sede si farà solo parziale riferimento all’evoluzione del concetto di verde pubblico. 3.1. Evoluzione del verde pubblico Il concetto di verde pubblico ha subito profonde evoluzioni nel corso del tempo dato che nell’anti-chità lo stesso concetto di “pubblico” era qualcosa di profondamente diverso da quello attuale. All’epoca dei Greci e dei Romani il verde pubblico non è elemento totalmente sconosciuto, dato che esistevano spazi destinati all’utilizzazione collettiva (quali ad esempio gli Horti Caesaris a Roma), ma questa di fatto non prevedeva la fruizione di gran parte della popolazione. In epoca moderna, già nel XVI secolo era chiara la possibilità offerta dalla presenza del verde all’interno della città per esaltare sia la funzione utilitaristica che quella architettonicaestetica. Nel 1570 così scriveva il Palladio: “E sì Gli Horti Caesaris a Roma lungo il Tevere come nelle città si aggiogne bellezza alle vie con le belle fabbriche; così di fuori si accresce ornamento a quelle con gli arbori, i quali, essendo piantati dall’una, e dall’altra parte loro, con la verdura allegrano gli animi nostri, e con l’ombra ne fanno commodo grandissimo” (Panzini, 1993). Anche Leandro Alberti, servendosi dell’autorità di Platone, ribadisce la necessità di provvedere alla presenza di spazi pubblici all’interno della città “Platone raccomandava che nel trivio vi fosse spazio dove talora potessero raccogliersi e stare in compagnia le nutrici con i piccoli. [...]. E certo costituirà un ornamento, sia nei trivi che in un foro, la presenza di un elegante porticato sotto il quale gli anziani possano passeggiare, sedersi, fare la siesta o sbrigare reciproche incombenze” (Panzini, 1993). Se si sostanzia invece la locuzione di “verde pubblico” con quella di “giardino pubblico” si può fare risalire l’origine alla fine del XVIII secolo, a Vienna, nell’Europa illuminista. Il giardino pubblico, infatti, sin dai suoi esordi partecipa a quella serie di eventi che annunciano la trasformazione della città storica in città moderna ed è dunque un fenomeno relativamente recente. È dal XVIII secolo, infatti, che si afferma chiaramente la necessità che la fruizione sia veramente aperta a tutti. Uno dei massimi propugnatori all'epoca del giardino pubblico fu Christian Lorenz Hirschfeld che scrisse un monumentale trattato in cinque volumi, prima in tedesco poi tradotto in francese, su “Thèorie de l'art des jardins”. Nel quinto volume dedicato ai giardini pubblici l'autore scrive: “Una vera città deve comprendere uno o più grandi spazi aperti dove il popolo possa ritrovarsi nelle ricorrenze liete e tristi, dove possa respirare un’aria pura e godere delle bellezze che il cielo e il

Pagina 8

Le tipologie di spazi a verde

paesaggio offrono qui nuovamente ai suoi occhi”. Il modello di giardino pubblico proposto da Hirschfeld è quello dell’Ausgarten della DonauInsel di Vienna, al cui ingresso una iscrizione dichiarava: “Luogo di piacere, dedicato a tutti gli uomini dal loro amico” (Giuseppe II). Inutile aggiungere che tale concetto di giardino precorre o è coevo all'età della borghesia al potere e della rivoluzione industriale che separò in maniera più netta di prima la città dalla campagna. Ausgarten della Donau-Insel di Vienna. Il primo giardino pubblico italiano è la Pubblica Villa Giulia di Palermo inaugurata nel 1778. Scopo di tale giardino era quello (come si legge nel Capitolo dé Comizj del 1777) di essere destinato a “delizioso passeggio” e nel quale “non possa entrarsi a cavallo né in vettura”. Siamo però ancora lontani dalla fruizione per tutti. Nel 1813 Ercole Silva in una nota del capitolo “Dei giardini pubblici” nel suo trattato su “Dell'arte dei giardini inglesi” scriveva “Vi ha un nuovo genere di giardini pubblici, centrali nelle grandi città, ..... nei quali è vietato l’ingresso alle carrozze e al basso popolo”. L’attenzione per la realizzazione dei giardini pubblici si fa più intensa nel XVIII e XIX secolo; nella Milano illuminista, ad esempio, intervengono nel dibattito intellettuali quali Pietro ed Alessandro Verri; grazie anche a questa attenzione vengono progettati alcuni di quei giardini, oggi storici, di cui sono dotate molte delle città italiane. Nel 1828 Loudon nella sua descrizione dei giardini parigini così scriveva “... Il Giardino della Tuileries, una volta Cartolina d’epoca di Villa Giulia. chiamato reale, è, citandone uno per tutti, forse il più interessante giardino pubblico al mondo [...] I giardini delle Tuileries sono inestimabili per l’essere situati nel centro di Parigi e per essere sempre aperti a tutti” (Panzini, 1993). Intorno alla metà del secolo scorso il verde pubblico entra ufficialmente fra gli elementi della neonata disciplina della composizione urbanistica. Il verde “urbano” o “suburbano”, da rimedio locale allo sviluppo edilizio, si evolve in componente connaturata allo svolgimento della vita nella città moderna e perciò deve essere inserito strutturalmente nel tessuto urbanistico (Panzini, 1993). Una dimostrazione di questa sensibilità è data dall’evidenza con cui emerge alla fine dell’Ottocento, il movimento per la garden city (la “città giardino”) che propugna l’idea di una città diffusa nel verde. Nel XX secolo, con Le Corbusier, famoso urbanista francese, l’idea della città verde raggiunge il punto creativo più alto. La sua carica utopica si manifesta appieno nella formulazione della cosiddetta “Carta di Atene” (1942), influente documento che pone le basi

Pagina 9

Le tipologie di spazi a verde

della pianificazione dell’ambiente e delle risorse per il tempo libero. Per Le Corbusier “il tessuto urbano dovrà cambiare struttura; gli agglomerati tenderanno a divenire città verdi. Contrariamente a quanto avviene nelle città giardino, le superfici verdi non saranno suddivise in piccoli compartimenti d’uso privato, ma consacrati alla realizzazione delle diverse attività comuni che formano il prolungamento dell’abitazione” (Panzini, 1993). Tale centralità del verde viene anche ribadita nell’organizzazione urbanistica del secondo dopoguerra di diverse capitali europee. Un esempio famoso è quello di Londra e dei suoi four rings; il terzo anello è proprio quello della green belt, della cosiddetta cintura verde, che rappresenta il polmone della metropoli e soprattutto il suo grande sistema ricreativo. In Italia invece il dibattito, sviluppato nel secondo dopoguerra, ha riguardato soprattutto i temi legati alla funzione “utilitaristica” del verde all’interno delle città, temi che sono diventati sempre più prevalenti rispetto alle funzioni estetiche che il verde può a buon diritto esercitare. Prodotto di questo modo di intendere la questione può essere considerata la cosiddetta “linea dello standard”, ufficialmente recepita nella legislazione italiana sul finire degli anni Sessanta (Bruschi e Di Giovine, 1988). Tale “linea” prevede che venga destinata una porzione del territorio a verde pubblico, senza imporre ulteriori vincoli per quanto attiene alla “qualità” di questo. L’introduzione degli standard urbanistici nella legislazione italiana costituisce il riconoscimento ufficiale del principio che i problemi della residenza non si esauriscono nella cellula abitativa individuale ma debbono essere guardati in rapporto a un sistema più complesso costituito da abitazioni, infrastrutture, attrezzature, servizi pubblici e privati. A questi elementi occorre applicare, quindi, norme e requisiti in analogia a quelli utilizzati per dimensionare e organizzare la cellula abitativa: appunto, gli standard. Uno di questi è lo standard di verde pubblico, cioè la quantità minima di spazio da riservare a verde in proporzione al numero di abitanti. Nel 1968 tale istanza viene accolta dal punto di vista legislativo con l’emanazione di un Decreto Interministeriale, il 1444 del 2/4/1968, che definisce gli standard minimi di aree per servizi pubblici, tra i quali il verde da rispettare obbligatoriamente nella stesura dei piani urbanistici. Gli standard fissati da tale decreto sono pari a 9 m2 di verde residenziale di quartiere (aree pubbliche attrezzate a parco per il gioco e lo sport effettivamente utilizzabili) e 15 m2 per i parchi pubblici urbani e territoriali. Con tali norme, almeno all’epoca, l’Italia si poneva tra i paesi più civili d’Europa avendo garantito a tutti i cittadini, almeno nelle intenzioni, una qualità urbana paragonabile a quella dei Paesi più progrediti. Nei fatti le cose sono andate in modo alquanto diverso, dato che, come abbiamo già ricordato, tali norme sono state disattese nella sostanza. Del resto, anche se fosse stato rispettato, tale standard è ben lontano da quello attuale di alcune grandi città europee. A questo si aggiunga che lo stesso concetto di “standard”, espresso in termini quantitativi, è riduttivo, poiché, al di là dell’area impegnata, quello che rende veramente fruibile dai cittadini un servizio pubblico è il rispetto di alcuni parametri quali la collocazione, l’accessibilità, la funzionalità delle attrezzature e, nel caso particolare del verde, la qualità dello spazio. Questi limiti, impliciti in un approccio quantitativo, erano indubbiamente presenti a coloro che, negli anni Cinquanta e Sessanta, reclamavano che il processo disordinato di urbanizzazione fosse quantomeno regolato da norme e criteri di proporzione tra spazi pubblici e privati, tra spazi liberi e costruiti. La qualità sembrava allora rappresentare l’obiettivo successivo, da raggiungere una volta assicurato almeno il rispetto dello standard quantitativo o meglio del “minimo inderogabile” per usare le parole della legge che lo introdusse. Il contenuto innovativo della linea di pensiero espressa dalla 1444 era infatti l’obbligo a considerare le parti residenziali della città come un insieme organico e indivisibile di abitazioni e di servizi da progettare contestualmente e da realizzare in uno stesso

Pagina 10

Le tipologie di spazi a verde

momento. Salvo poche eccezioni, questo contenuto innovativo non è stato, però, recepito. In molti casi, purtroppo, il rispetto dello standard è stato solo formalmente garantito vincolando a verde pubblico nei piani urbanistici le aree più periferiche e meno appetibili, per le loro caratteristiche fisiche, per la speculazione edilizia; salvo poi modificare successivamente la loro destinazione con una variante e spostare ancora più all’esterno l’elastica “cintura verde”. Peraltro anche dove, come nei casi dei quartieri di edilizia popolare, le abitazioni e i servizi hanno costituito oggetto di un unico impegno progettuale, la realizzazione di questi ultimi è stata posticipata nel tempo o addirittura non ha mai avuto luogo. Davanti a questa situazione gli urbanisti più sensibili hanno reagito con due atteggiamenti apparentemente antitetici. Il primo tenta di superare l’inefficienza dello standard quantitativo a trasformarsi in garanzia di qualità urbana, ampliandone e dettagliandone al massimo i contenuti. A questo atteggiamento vanno ricondotte le proposte di articolazione del concetto di verde pubblico in sub-insiemi funzionali distinti in base alla loro accessibilità (verde di vicinato, di quartiere, urbano, territoriale, ecc.) o alle modalità d’uso (verde attrezzato, verde di rispetto, verde archeologico, verde sportivo, verde di salvaguardia ambientale, ecc.). A partire da queste sub-classificazioni sono state poi indicate ulteriori suddivisioni dello standard urbanistico, precisando, in relazione alle caratteristiche della prevedibile utenza, le esatte percentuali degli spazi da destinare alle diverse attività all’interno della particolare tipologia di verde pubblico considerato, fino a determinare, già in sede di piano urbanistico, la natura, il numero ed il dimensionamento delle singole attrezzature. Questa impostazione ha il pregio di fornire un efficace strumento per verificare un astratto standard rispetto ai concreti bisogni di uno specifico gruppo di utenti, ma può presentare l’inconveniente di vincolare eccessivamente la progettazione di dettaglio, con la conseguenza di limitare l’effettiva fruibilità delle attrezzature al mutare, nel tempo e nello spazio, della composizione dell’utenza ipotizzata nel piano urbanistico. L’altro approccio ha puntato invece sulla destinazione a verde pubblico di aree di particolare pregio ambientale o in grado di evitare l’espansione delle città a macchia d’olio e di indirizzarne lo sviluppo secondo un disegno organico. Questo atteggiamento è rispettato in molte proposte urbanistiche elaborate negli ultimi anni per alcune città italiane, nelle quali si attribuisce alla continuità ed al disegno di grandi spazi il valore di elemento strutturale del recinto urbano. Espressioni di tale concezione sono le locuzioni di “sistema del verde”, “cunei di verde”, “cintura verde”, “sistema dei parchi”, “corridoi verdi” che sempre più si affermano nella moderna urbanistica. Nonostante sul piano concettuale e problematico le questioni attinenti al verde pubblico siano al vaglio dell’attento dibattito che coinvolge figure professionali diverse, la storia del verde urbano è ancora una storia che si deve scrivere. Essa comunque dovrà forse muoversi lungo linee direttrici innovative, vuoi per la difficoltà di recuperare spazi liberi da destinare al verde all’interno del perimetro urbano, vuoi per gli accresciuti e rilevantissimi oneri che l’impianto e soprattutto la manutenzione del verde comportano. 3.2 Criteri di classificazione Nonostante la presenza degli spazi a verde, sia in ambito urbano che extraurbano, sia ancora oggi sporadica non vi è dubbio che questi si presentano articolati in una varietà di tipologie che sono spesso oggetto, per finalità diverse, di classificazione da parte degli Autori che si sono occupati della questione. I criteri utilizzati per le classificazioni fanno principalmente riferimento a: ∗ estensione dell’area (spazi grandi, medi, piccoli); ∗ grado di naturalità (riserve, parchi, spazi urbani); ∗ proprietà (pubblica, privata); ∗ destinazione (verde ricreazionale, scolastico, sportivo, ecc.).

Pagina 11

Le tipologie di spazi a verde

Uno schema di classificazione che abbia significato da un punto di vista didattico deve, a nostro avviso, tenere conto di tutti questi criteri. Quello che di seguito proponiamo per lo studio delle diverse tipologie di verde, che ha il solo pregio di essere quanto più completo possibile e funzionale ai nostri scopi, è stato in parte mutuato da quanto proposto da Agostoni e Marinoni (1987), Castiglioni (1985) e dalla classificazione adottata dal comune di Bologna per la gestione del verde urbano. Tale schema suddivide gli spazi a verde in: ∗ Porzioni privilegiate del territorio; ∗ Parchi urbani e suburbani; ∗ Giardini storici; ∗ Piccoli spazi; ∗ Spazi attrezzati; ∗ Piante in contenitori; ∗ Giardini pensili; ∗ Alberature stradali e verde stradale; ∗ Giardini specialistici; ∗ Orti urbani; ∗ Impianti sportivi e per gli spettacoli; ∗ Verde cimiteriale; ∗ Aree degradate; ∗ Parchi agricoli; ∗ Parchi zoo. Per ciascuna delle tipologie così individuate sarà fornita nel successivo paragrafo una breve descrizione del profilo biologico-tecnico e funzionale. Una avvertenza necessaria è che dal punto di vista terminologico non vi è concordanza di opinioni fra i diversi Autori e quindi spesso vengono utilizzati termini o Attitudine dei popolamenti vegetali a svolgere funzioni dilocuzioni diverse per riferirsi alla verse (Susmel, 1972). medesima tipologia di verde. L’assenza di riferimenti certi, anche di natura normativa, ha determinato questa “confusione”, ma ciò non pregiudica certamente l’interesse di tratteggiare il profilo delle diverse tipologie in cui il “sistema del verde” oggi si esprime. Prima di entrare nel dettaglio delle diverse tipologie occorre sottolineare come tutte le tipologie di verde rappresentino un insieme indivisibile; i diversi “popolamenti vegetali”, al di là della loro estensione e naturalità, sono in grado, infatti, di soddisfare esigenze primarie dell’uomo, così come è stato efficacemente schematizzato da Susmel, elevata; buona; sufficiente; - nessuna già nel lontano 1972. 3.3. Profilo tecnico e funzionale delle tipologie più rappresentative Porzioni privilegiate del territorio: riserve integrali, orientate e parziali, parco naturale Con “porzioni privilegiate del territorio” si intendono tutte quelle zone, a più o meno spiccata “naturalità”, variamente sottoposte a tutela per la loro conservazione. Nel 1980 la CEE ha elaborato una classificazione che prevede 8 categorie di zone protette terrestri, da A ad H, con grado di naturalità decrescente e quindi con possibilità crescenti di utilizzazione per la

Pagina 12

Le tipologie di spazi a verde

fruizione. Occorre infatti ricordare che quando il valore naturalistico dell’area è molto elevato la necessità di protezione prevale sulla possibilità di uso da parte dell’uomo; per questo motivo alcune aree possono essere vietate al pubblico. Le zone previste dalla CEE sono: A - riserva naturale integrata B - riserva naturale C - parco naturale D - paesaggio naturale e seminaturale protetto E - paesaggio rurale protetto F - monumento o sito naturale protetto G - zone protette specifiche H - cinture verdi In atto le principali tipologie di zone protette previste in Italia sono: ∗ Riserve naturali: sono territori di dimensioni da medie a piccole, considerati prioritari per la difesa della natura e per tale motivo sottoposti ad uno specifico regime giuridico di tutela. ∗ Riserve naturali integrali: sono istituite con lo scopo di proteggere e conservare in modo assoluto l’ambiente naturale in tutte le sue parti, vietando ogni alterazione ed ogni attività umana, ad eccezione della ricerca scientifica; sono zone non abitate e vietate al pubblico. ∗ Riserve naturali orientate: richiedono invece una certa manutenzione per il loro mantenimento. In tal modo l’ecosistema viene orientato, mediante una stabilizzazione artificiale, ad un livello evolutivo che si ritiene più utile per l’equilibrio ecologico complessivo del territorio. ∗ Riserve naturali parziali: quando si tenta di salvaguardare soprattutto una componente ambientale (flora, fauna, ecc.); in base a tale componente le riserve vengono denominate come botaniche, zoologiche, forestali, geografico-geologiche, ecc. ∗ Parchi naturali nazionali e regionali: sono aree di grandi dimensioni, nelle quali si cerca di effettuare una efficace tutela della natura e del paesaggio in forme compatibili con la civilizzazione moderna. Parchi urbani e suburbani Si tratta di aree a verde molto ampie, inserite nel tessuto urbano o, caso più frequente, ai margini della città. Il connotato principale è costituito dall’elevata estensione; tali spazi devono ispirarsi alla natura ma devono essere finalizzati alla fruizione diretta. A causa della elevata estensione sono spesso collocati in periferia dove sovente coesistono funzioni residenziali e produttive (ad esempio l’agricoltura) con ambienti naturali, nonché con grandi attrezzature per lo sport, lo spettacolo, la cultura e la ricreazione. In questo caso (proprio per le dimensioni del parco e per l’eterogeneità dell’utenza) Central Park a New York, uno dei più famosi parchi urbani del mondo.
Pagina 13

Le tipologie di spazi a verde

assumono particolare importanza gli aspetti della programmazione socioeconomica (costi di esproprio, di impianto, di gestione, ecc.), della pianificazione urbanistica (accessibilità con mezzi pubblici di trasporto, compatibilità di funzioni, ecc.), del controllo sociale (utenze differenziate nei vari periodi del giorno, ecc.). In tali spazi a verde occorre privilegiare specie rustiche (per tale motivo sono molto utilizzate le essenze autoctone) e schemi compositivi semplici che facilitino le successive operazioni di manutenzione. L’economicità della gestione è infatti l’imperativo cui occorre sottostare, anche alla luce delle difficoltà finanziarie con cui si muovono le Amministrazioni pubbliche. Nel variegato mosaico di tipologie che compongono il verde pubblico, un posto di rilievo spetta sicuramente ai cosiddetti parchi suburbani. Si tratta in buona sostanza di una tipologia che, per ambiti territoriali, per funzioni assegnate o richieste, assume un ruolo centrale nell’organizzazione e gestione degli spazi destinati alla fruizione collettiva. Tale locuzione, pur se ampiamente utilizzata, non ha, però, un’accezione univoca. Come occorre infatti ricordare quello che manca, soprattutto con riferimento alla realtà italiana, è un quadro di riferimento omogeneo che qualifichi in maniera certa i rapporti tra terminologia utilizzata e tipologia di verde. L’espressione, infatti, si riferisce esclusivamente alla localizzazione dell’area, al di fuori del recinto urbano, ma non qualifica nel dettaglio le caratteristiche e quindi le “funzioni” che tale area deve assolvere. Da un punto di vista strettamente terminologico, il termine “parco”, si può riferire ad un “terreno boscoso e piuttosto esteso, spesso recintato ed adibito a usi particolari” o a “giardino molto grande, abbondantemente alberato, privato o pubblico” (Dogliotti e Rosiello, 1994). Molto forte è quindi l’attributo dell’estensione: un parco affinché sia tale, almeno nella accezione più comune, deve essere caratterizzato dall’ampiezza della superficie. Da non dimenticare, inoltre, come il termine derivi etimologicamente dal persiano paradeisos, che sta ad indicare un giardino intercluso e di grande valore ornamentale, al punto che rappresenta l’origine stessa del termine “paradiso”. L’aggettivo “suburbano” fa invece ovviamente riferimento alla vicinanza alla città. Tenuto conto del significato intrinseco dell’espressione, occorre ricordare come altre locuzioni siano talvolta utilizzate, nella trattatistica specializzata, per riferirsi a tipologie di verde le cui funzioni sono largamente sovrapponibili. Cosi Agostoni e Marinoni (1987) parlano di “parco ricreativo” per riferirsi ad “uno spazio verde, delimitato territorialmente e topograficamente sulla base dell’analisi e sintesi ecologica, la cui estensione spaziale prevale nettamente su quella dei singoli elementi naturali ed architettonici che lo compongono”. Nella sua classificazione degli spazi a verde, funzionale all’individuazione dei criteri cui ancorare la scelta delle specie, La Malfa (1987) riporta due locuzioni che, per diversi aspetti, possono essere ricondotte al parco suburbano e cioè ancora una volta “parco ricreativo” e “spazi attrezzati”. Nel primo caso si tratterebbe di “aree a verde molto ampie, inserite nel tessuto urbano o, più frequentemente, ai margini delle città; in ogni caso si tratta di una tipologia di verde finalizzata alla fruizione diretta” (La Malfa, 1987). L’altra espressione “spazi attrezzati” viene riferita invece a “tutte quelle superfici più o meno estese, quasi sempre progettate ad hoc, che dispongono in qualche misura di attrezzature ricreative che ne favoriscano la fruizione”. Giardini storici L’idea di giardino storico e lo stesso termine appartengono al nostro secolo e per questo motivo si possono considerare acquisizioni moderne della cultura del restauro. Da qui deriva che il problema della conservazione del patrimonio storico artistico è anch’esso recente. La problematica relativa ai giardini storici ha cominciato in Italia ad essere percepita ed

Pagina 14

Le tipologie di spazi a verde

affrontata in maniera specifica a partire dagli anni Settanta ed ha condotto al riconoscimento del valore artistico del giardino in sé, al di là della valutazione esclusivamente ambientale. Nel 1981 nell’ambito di un convegno tenutosi a Firenze, è stata redatta la «carta dei giardini storici» o «carta di Firenze», che fornisce la prima definizione di «giardino storico» accettata internazionalmente: «Un giardino storico è una composizione architettonica e vegetale che, dal punto di vista della storia e dell’arte, presenta un interesse pubblico. Come tale è considerato un monumento» e in quanto tale deve essere preservato per le generazioni future. Si tratta, però, di monumenti particolari perché costituiti da esseri viventi (le piante) che, in quanto tali, “nascono, crescono e muoiono”. Occorre quindi mettere in atto delle strategie particolari, spesso onerose, per la manutenzione e la conservazione di tali giardini. L’attributo di «storico», come ricorda la stessa carta di Firenze, può essere conferito sia a «giardini modesti che a parchi ordinati o paesistici», ad aree a verde inserite in contesti archeologici o storici, a particolari aree agricole, purché degni di interesse. I caratteri che individuano il giardino come storico-artistico sono ancorati alla sua configurazione attuale, per cui essi riassumono tutte le trasformazioni e le modificazioni che inevitabilmente il giardino ha subito nel tempo. Possono così essere considerati «storici» anche i giardini in pessimo stato di conservazione, dei quali non resta altro che lo spazio fisico su cui erano costruiti e possono essere considerati «storici» giardini impiantati nel corso del XX secolo (Pozzana, 1989). D’altra parte va considerato che la legge 1089 prevede che i beni di interesse storico artistico abbiano almeno 50 anni di età. Il gruppo italiano del comitato ICOMOS-IFLA ha fornito una definizione più articolata di giardino storico, tesa soprattutto a chiarire l’unicità di questo come manufatto irriproducibile: «Il giardino storico è un insieme polimaterico progettato dall’uomo, realizzato in parte determinante con materiale vivente, che insiste su (e modifica) un territorio antropico, un contesto naturale. Esso in quanto artefatto materiale, è un’opera d’arte e, come tale, bene culturale, risorsa architettonica e ambientale, patrimonio dell’intera collettività che ne fruisce. Il giardino, al pari di ogni altra risorsa, costituisce un unicum, limitato, peribile, irripetibile, ha un proprio processo di sviluppo, una propria storia (nascita, crescita, mutazione, degrado) che riflette la società e la cultura che lo hanno ideato, costruito, usato e che, comunque, sono entrate in Le ville toscane rappresentano uno dei più importanti esempi di verde storico. relazione con esso». Nella definizione italiana il giardino è un’opera d’arte polimaterica, costituita da più materiali, viventi e non, organici e inorganici, in una complessità unica ed irripetibile. Il giardino si inquadra perfettamente come fusione tra natura ed artificio, monumento ed architettura vegetale, opera d’arte dalle grandi complessità perché «sintesi di arti differenti». Il giardino, inoltre, è opera d’arte «storica» che appartiene al passato, ma che deve vivere nel futuro. Si tratta quindi di una tipologia di verde estremamente eterogenea per quanto riguarda gli

Pagina 15

Le tipologie di spazi a verde

stili e le soluzioni compositive adottate. In ogni caso le soluzioni architettoniche, scenografiche e floristiche sono spesso molto elaborate, ormai desuete non tanto per le mutate esigenze estetiche e funzionali quanto per le difficoltà e per gli oneri che la corretta manutenzione imporrebbe. L’interesse nei confronti dei giardini storici ha fatto sì che siano aumentate le iniziative di studio, il che ha comportato l’avvio di un intenso dibattito sulle questioni sottese dalla catalogazione e dal restauro di tali beni e la messa a punto di iniziative mirate alla loro salvaguardia. Questo genere di studi, dedicato in passato solo ai fatti paesisticamente rilevanti e monumentali, cioè giardini e parchi storici dell’epoca d’oro del “giardino all’italiana”, ha recentemente investito anche i complessi sistemi di ville agricole esistenti su differenti territori della penisola, il verde ottocentesco di alcune proprietà terriere, i parchi suburbani di medie e piccole dimensioni e le varie tipologie di verde urbano realizzate sulla scia di consolidati modelli europei. Sta così emergendo nel nostro paese, un repertorio, nuovo e sconosciuto al grande pubblico e spesso anche agli stessi specialisti della materia, di verde storico, privato e pubblico, disseminato in vasti territori regionali (Maniglio Calcagno, 1998). Lo studio, la tutela, il restauro e le competenze stesse sui giardini storici sono state attribuite in Italia, per la maggior parte dei casi, all’interno della Soprintendenza ad architetti e/o storici dell’arte. Ciò ha in parte comportato che le questioni più prettamente biologiche, relative a quelle piante che secondo Serra (1993) rappresentano il principale determinante olistico del giardino, siano state in genere non adeguatamente considerate. Lo studio della flora presente nei giardini storici può fornire, invece, informazioni preziose soprattutto quando – come è il caso che di frequente si verifica in Sicilia – si tratta di giardini di piccole dimensioni per i quali le fonti documentali non sono ampie, quando addirittura non sono del tutto assenti. Spesso sono paradossalmente le peculiari caratteristiche di questi spazi, e cioè le ridotte dimensioni, a determinare una forte difficoltà di protezione. Come ricordato, infatti, affinché ad un bene possa essere data la qualifica di “storico” è necessario l’apposizione del vincolo da parte della Soprintendenza ex lege 1089, vincolo che può essere applicato ad un bene che abbia almeno 50 anni di età. Naturalmente questa azione di protezione diventa improba di fronte ad un patrimonio sterminato, ma soprattutto fortemente frammentato. Occorre anche ricordare che l’interesse di un giardino sovente esula dal riconoscimento “ufficiale” della sua storicità: l’azione di “vincolo” o meglio di “governo” andrebbe applicata sempre ad uno spazio a verde ornamentale in quanto, in rapporto alla sua elevata antropizzazione, è piuttosto “fragile” e necessita di cure continue per potere essere preservato. In ogni caso sempre più forte è la consapevolezza che disponiamo di un patrimonio enorme, al di là di quanto ufficialmente sancito come “storico”, che merita di essere attentamente studiato e preservato. Piccoli spazi Si tratta spesso di aree di risulta da altre destinazioni del territorio, di modeste dimensioni, di forma non sempre regolare, situate ai margini di piazze, strade, edifici, svincoli stradali. La loro limitata ampiezza ne impedisce talora una fruizione diretta ed impone una sistemazione a verde piuttosto accurata secondo modelli a carattere intensivo, con specie di modesto sviluppo. La manutenzione deve essere accurata; in mancanza di cure queste aree perdono quell’effetto estetico cui si fa affidamento per dare un’immagine adeguata della città e dell’attenzione posta verso il verde. Caratteristiche e funzioni analoghe presentano gli spazi a verde pubblico prospicienti i singoli edifici, che vengono talvolta denominati verde di pertinenza.

Pagina 16

Le tipologie di spazi a verde

Spazi attrezzati Comprendono quelle superfici più o meno estese che dispongono in qualche misura di attrezzature ricreative che ne favoriscono la fruizione. In tale tipologia rientrano le aree a verde realizzate spesso a livello di quartiere e sistemate sulla base di schemi piuttosto estensivi in rapporto anche all’uso cui sono destinate. Pur se rivolti alla fruizione privata, possono rientrare in questa categoria gli spazi a verde condominiali o privati. Piante in contenitore Sono sicuramente un elemento importante del “sistema del verde” e spesso rappresentano l’unica possibilità di inserire la vegetazione all’interno delle città e quindi di rispondere alle esigenze che promanano dai cittadini. Al di là dell’effetto estetico che può essere talora gradevole occorre sottolineare che le piante in vaso pongono specifici problemi che attengono da una parte alla compatibilità spaziale fra esemplare e contenitore e dall’altra all’obbligatorietà di un’attenta ed onerosa manutenzione; in mancanza di tali attenzioni dopo l’impianto tali contenitori perdono completamente quelle caratteristiche di pregio estetico per le quali sono utilizzati nell’arredo a verde.

La manutenzione dei piccoli spazi deve essere accurata; in mancanza di cure queste aree perdono quell’effetto estetico cui si fa affidamento per dare un’immagine adeguata della città e della attenzione posta verso il verde.

Giardini pensili La sistemazione a verde dei tetti e delle terrazze ha assunto negli ultimi anni un crescente interesse, dovuto da una parte alle difficoltà di reperire spazi in ambito urbano da destinare alle piante e dall’altra alla maggiore consapevolezza del ruolo che la vegetazione può assicurare ai fini del miglioramento di alcuni parametri ambientali. Il crescente interesse, però, non deve fare dimenticare che tali tipologie di verde, oltre ad essere fra le espressioni più moderne ed attuali, sono al contempo la forma più antica di giardino di cui abbiamo memoria storica. Senza volere, infatti, considerare che già nella preistoria erano utilizzate piote erbose per la sistemazione dei tetti (tecnica fra l’altro di recente enfaticamente riproposta), dato che tali soluzioni erano utilizzate solo a scopi utilitaristici e quindi erano prive di qualsiasi significato ornamentale, non possiamo dimenticare i celebri giardini di Babilonia. Tali giardini, infatti, oltre ad avere assunto un rilevante ruolo presso gli antichi, che li collocavano fra le sette meraviglie del mondo, hanno continuato ad esercitare fino ai nostri giorni una forte influenza nell’immaginifico collettivo, come espressione del valore “estetico” e “sacrale” del giardino stesso. Nel corso degli ultimi anni, sulla spinta anche di specifiche esperienze estere, si è moltiplicato l’interesse nei confronti delle sistemazioni a verde dei tetti e dei terrazzi e sono

Pagina 17

Le tipologie di spazi a verde

aumentate le informazioni su tali soluzioni progettuali, oltre che sulla messa a punto di specifiche tecniche costruttive. Si tratta di un ambito che vede impegnate diverse ditte specializzate, molto attive sul mercato, che continuamente propongono soluzioni “nuove” per consentire l’insediamento del verde nei contesti i più disparati. Numerose sono anche le informazioni in merito alla scelta della specie ed alle cure colturali da utilizzare in queste particolari sistemazioni a verde. Tali informazioni, numerosissime, sono state, però, spesso elaborate con riferimento a realtà del centro Europa o del Nord Italia e quindi debbono essere calibrate alle condizioni dell’Italia meridionale ed in particolare della Sicilia. Questo appare ancor più valido per quanto riguarda le scelte biologiche e la manutenzione che devono essere meglio finalizzate alla realtà meridionale. Prima di entrare nel merito del dettaglio tecnico occorre ricordare come il termine “verde pensile” potrebbe trarre in inganno se si evocano unicamente immagini di lussureggianti giardini collocati sui tetti dei palazzi. Questo termine, in realtà, raggruppa l’enorme campo applicativo rappresentato dalla realizzazione di coperture vegetali su “soletta” e non in piena terra. Tale “modo” di realizzare il verde costituisce una soluzione utile per ricoprire volumi abitativi (terrazzi, coperture di edifici e garage di complessi residenziali), produttivi (uffici, industrie e centri commerciali) o altri elementi che, in contesto urbano, si preferisce occultare. In tutti questi casi l’area esplorata dagli apparati radicali delle piante è fortemente limitata dalla ristrettezza degli spazi disponibili, in particolare in profondità. L’approccio utilizzato per il verde pensile, inoltre, potrebbe essere correttamente applicato, data la similitudine delle condizioni, con molte situazioni di verde urbano, quali ad esempio le stesse alberature stradali nelle quali la parte ipogea delle piante subisce analoghe limitazioni nello sviluppo. Le conseguenze principali determinate da questo fattore critico sono differenti, tra le più influenti occorre ricordare: ∗ la limitazione della crescita della vegetazione, determinata dalla ridotta disponibilità di substrato colturale e dalla rapida perdita di umidità; ∗ la difficoltà di ancoraggio delle piante di una certa dimensione causata dalla ridotta espansione degli apparati radicali; ∗ l’inefficienza del drenaggio determinata dalla costipazione del substrato. I vincoli esistenti nelle realizzazioni del verde su soletta non riguardano esclusivamente l’habitat delle piante; esiste infatti un problema di compatibilità tra l’elemento costruito e la presenza dello “strato verde” ad esso sovrapposto che può essere così schematizzato: ∗ il peso esercitato sulla soletta dal substrato colturale e dall’acqua in esso trattenuta; ∗ la presenza stabile dell’acqua o di uno strato di umidità permanente che costituisce una potenziale fonte d’infiltrazione nella soletta. La capacità di affrontare e risolvere i limiti e i problemi sopraelencati attraverso tecnologie valide può trasformare il rinverdimento delle coperture in un’importante risorsa per fronteggiare tematiche di tipo urbanistico, contribuire alla soluzione di problemi architettonici e soprattutto migliorare la qualità della vita ottenendo benefici estetici ed ecologici. Il sempre maggiore interesse verso i rinverdimenti pensili e la loro diffusione hanno favorito la ricerca di nuove tecnologie di realizzazione; in questo modo si sono ampliate anche le possibilità di utilizzare il rinverdimento su buona parte delle coperture esistenti sugli edifici. Attualmente sono presenti sul mercato numerose ditte specializzate in questo settore, ognuna delle quali offre tecniche d’impianto che generalmente si differenziano da quelle adottate dalle altre imprese per uno o più particolari costruttivi. Esiste però la possibilità di raggruppare le tipologie dei rinverdimenti pensili, così come ha fatto la FLL (Forschungsgesellschaft Landschaftsentwiklung Lanschaftsbau, Associazione tedesca per lo sviluppo e la Costruzione del Paesaggio) la quale ha individuato tre tipi principali di rinverdimento:

Pagina 18

Le tipologie di spazi a verde

∗ rinverdimento estensivo; ∗ rinverdimento intensivo semplice; ∗ rinverdimento intensivo complesso.

Questa distinzione, oggi comunemente accettata e diffusa, è stata formulata in base all’utilizzo di tali sistemazioni, alle caratteristiche progettuali/strutturali, al tipo di vegetazione impiegata ed al tipo di manutenzione richiesta. Nella realtà spesso queste tre diverse “tipologie” possono essere presenti contemporaneamente nello stesso impianto. Negli ultimi anni, inoltre, viene anche indicata, soprattutto dalle ditte specializzate nella fornitura di materiali costruttivi, la tipologia di verde estensivo “inclinato”, nella quale vi ene reso possibile l’inserimento del verde con pendenze elevate fino a 30° e talvolta, con adeguati interventi, a 45°. Secondo alcuni Autori potrebbe essere fatta un’ulteriore distinzione in base al sistema di irrigazione Esempio di verde pensile estensivo. adottato: se tradizionale o a falda. In questo ultimo caso si parla spesso del sistema Optima-Optigrün dal nome del brevetto della ditta che per prima e comunque in maniera più diffusa ha adottato tale sistema di copertura per i tetti verdi. In realtà attualmente sono diversi i sistemi brevettati presenti sul mercato italiano, fra i quali possiamo ricordare il Daku della Roof Garden Program di San Donà di Piave (VE), il Perligarden della Perlite Italiana di Carsico (MI), il Floradrain, il Florate, il Floratherm e l’Elostodrain, tutte proposte dal Tetto Verde di Mompiano (BS), lo Xero Floor, per rivestimenti estensivi di piccolo spessore della Italdreni di Reggio Emilia, sistemi che si affiancano al più famoso Optima-Optigrün della Optigrün di Legnano (MI). Un’ulteriore classificazione del verde pensile può essere effettuata in base alla “estensione” del rinverdimento stesso; sulla base di questo parametro possiamo individuare le seguenti categorie: ∗ verde continuo; ∗ verde localizzato. Un’altra tipologia di verde assimilabile a quella verde pensile è il cosiddetto “verde verticale” che riguarda, soprattutto grazie all’ausilio di piante rampicanti e ricadenti, la copertura “verde” delle pareti verticali degli edifici. Negli ultimi anni, grazie a specifiche soluzioni costruttive sono stati realizzati, soprattutto all’estero, esempi spettacolari di questa tipologia di verde. Al di là delle tipologie, il verde pensile è realizzabile con diverse tecniche di impianto, basandosi su differenti configurazioni vegetazionali e/o su criteri di tipo funzionale e compositivo. A seconda della finalità del giardino pensile e delle variabili compositive e funzionali che lo caratterizzano si possono impiegare diversi gruppi di piante, dalle erbacee da tappeto erboso fino ai piccoli alberi. In alcune tipologie ed in specifici contesti ambientali possono essere utilizzati anche i muschi. La scelta è ovviamente limitata a specie che, oltre ad essere adatte alle condizioni ambientali, sono idonee a vivere sui tetti. Si tratta in genere di piante resistenti alle

Pagina 19

Le tipologie di spazi a verde

escursioni termiche e che presentano apparati radicali superficiali. Di seguito si riportano alcune informazioni sui principali tipi di rinverdimento. Rinverdimento estensivo Si tratta di una tipologia che determina un minore costo di impianto ed un basso onere di manutenzione. Può essere realizzata sia su coperture piane che su quelle inclinate, in quanto richiede normalmente spessori di substrato di coltivazione alquanto limitati (in genere inferiori ai 10 cm). Ciò determina che il peso della struttura si aggiri intorno a 50-100 kg m-2. Questa tipologia è indicata per coprire qualsiasi struttura e, grazie al basso peso, si presta a ricoprire anche solai con limitata capacità di carico. Tale tipologia di rinverdimento non è comunque strettamente legata allo spessore del substrato, in quanto se il solaio lo consente si possono realizzare ricoprimenti con spessori superiori ai 10 cm, in grado di accogliere piante di maggiori dimensioni. Gli oneri di manutenzione sono generalmente molto ridotti; i relativi interventi si limitano infatti all’asportazione delle parti epigee appassite o all’eliminazione di specie non desiderate o sviluppatesi oltre misura. In ogni caso sono esclusi gli interventi di concimazione e di irrigazione ad eccezione della fase di impianto, il che rende difficile proporre tali sistemazioni a verde negli ambienti più meridionali d’Italia, dove il lungo periodo siccitoso di fatto non consentirebbe la sopravvivenza delle piante. Rinverdimento intensivo semplice In questo caso l’impianto del verde pensile necessita di particolari cure. Lo spessore del substrato colturale è maggiore e quindi di conseguenza anche il peso è più elevato e mediamente supera i 100 kg m-2. La possibilità di effettuare operazioni di manutenzione così come il maggiore spessore di substrato determinano una più ampia possibilità di scelta della specie. Possono infatti essere utilizzate sia piante erbacee Esempio di verde pensile intensivo. che arbustive. Anche in questo caso comunque occorre privilegiare piante resistenti ai più comuni stress che si verificano a livello delle coperture vegetali, quali quelli legati alle escursioni termiche. I riverdimenti intensivi semplici sono generalmente caratterizzati da opere a verde realizzate su substrati di limitato spessore che necessitano, per la loro conservazione, di irrigazioni, concimazioni ed operazioni di potatura. Una delle operazioni più importanti nella manutenzione dei rinverdimenti intensivi semplici è rappresentata dall’eliminazione delle piante “infestanti” provenienti dall’ambiente circostante.

Pagina 20

Le tipologie di spazi a verde

Rinverdimento intensivo complesso Rappresenta la tipologia di verde pensile più evoluta e con più ampio impiego di tecnologie e di materiali. È caratterizzata generalmente da un maggiore costo d’impianto e soprattutto dalla esigenza di adottare un preciso ed esteso programma di operazioni colturali e di manutenzione. Il rinverdimento intensivo complesso si presta ad essere impiegato nella realizzazione di ambienti vivibili e normalmente viene realizzato sui tetti piani con una buona capacità di carico. A seconda della disposizione ed ampiezza tale tipologia di verde può essere di tipo localizzato (es. “rinverdimenti” realizzati in contenitori) o di tipo continuo. Lo spessore del substrato destinato alla coltivazione delle piante è mediamente compreso tra 15 e 60 cm, mentre il peso varia da 150 a 600 kg m-2. Questi rinverdimenti consentono una scelta molto ampia delle specie, al punto che le condizioni vincolo da tenere in considerazione sono spesso solo quelle climatiche della zona in cui tale tipologia di verde è inserita. Alberature stradali e verde stradale È una tipologia di verde molto diffusa ed interessa sia il territorio urbano che le zone extraurbane; essa costituisce il primo passo verso la sistemazione a verde pubblico ed è elemento fondamentale di organizzazione del territorio. La scelta della specie deve considerare la compatibilità spaziale tra chioma della pianta a completo sviluppo ed ampiezza della sede stradale. L’apparato radicale non deve essere superficiale ed invadente per evitare danni al manto stradale ed ai manufatti ubicati nel sottosuolo. Anche se la fruizione di tali aree è modesta (a causa dell’intenso traffico urbano) non vanno dimenticate le peculiari funzioni svolte nel miglioramento della qualità dell’ambiente (ombreggiamento, modificazioni microclimatiche, trattenuta delle polveri, ecc.). Oltre alle alberature sono componenti del verde stradale le scarpate lungo le strade in trincea e le aiuole che vengono generalmente realizzate in ambito pedonale. A queste tipologie di verde possono essere assimilati i parcheggi, al margine delle strade, dove può essere collocata la vegetazione (alberi, cespugli, tappeti erbosi) sia a fini estetici che pratici (realizzazione di zone d’ombra sui veicoli). Importante è la scelta delle specie per evitare di utilizzare alberi che emettano sostanze imbrattanti (es. tiglio) o che siano attrattivi per gli uccelli. Giardini specialistici All’interno di tale categoria possono essere compresi i giardini botanici, quelli scolastici, ecc. Si tratta di spazi che rispondono ad esigenze specifiche, prevalentemente didattiche, ma che possono assolvere ad alcune delle funzioni degli spazi a verde, quali quelle educative e ricreazionali. I giardini o orti botanici, in particolare, sorti inizialmente (alla fine del XVI secolo) per la coltivazione di piante officinali da utilizzare per le esercitazioni degli studenti di medicina e in seguito sviluppati per rispondere meglio ad attività di ricerca e di

Pagina 21

Le tipologie di spazi a verde

didattica collegate agli studi naturalistici, vengono oggi concepiti per rispondere a diverse funzioni quali quelle didattiche, per l’insegnamento universitario, la ricerca pura ed applicata, a servizio dell’agricoltura, l’educazione naturalistica, ecc. La maggior parte degli orti botanici italiani sono gestiti da istituti universitari o centri di cultura, recintati e aperti al pubblico solo in orari particolari; la parte coperta, costituita da serre per la conservazione di piante esotiche, può essere molto estesa. La visita a tali strutture diffuse in tutto il Planimetria dell’Orto botanico di Padova, ritenuto il più antico al territorio nazionale consente di mondo. vedere piante diversissime in spazi ristretti, quasi sempre recanti un cartellino con l’indicazione della specie, il che permette di acquisire utili conoscenze sulle diverse specie, ed in particolare su quelle ornamentali che maggiormente interessano ai fini del corso. Fra i giardini specialistici, posto di rilievo spetta al cosiddetto verde scolastico. Negli ultimi anni, infatti, sempre più forte è la convinzione che lo spazio esterno alla scuola non vada visto come sede di una caotica ricreazione durante l’intervallo, ma come spazio strutturato in veri e propri laboratori all’aperto ben caratterizzati in base alle funzioni assegnate dalle varie aree disciplinari che possono utilmente impiegare gli spazi a verde. Il verde per le scuole ha alcune funzioni principali: il gioco, il rapporto con la natura e l’apprendimento fuori dall’aula. Gli spazi a verde, che costituiscono un prolungamento all’aperto delle architetture, possono essere alternativamente usati sia a scopi educativi nel corso delle ore di lezione, sia per i giochi di movimento che per l’osservazione e le riflessioni nelle ore libere dello studio. In questo ambito ruolo prioritario deve svolgere la vegetazione che può diventare momento importante non solo per la fruizione, ma soprattutto per l’apprendimento. Orti urbani È questa una struttura spesso ancora da ipotizzare - anche se già esistono esempi di realizzazioni (soprattutto nel Nord Italia) - che potrebbe essere inserita all’interno dei parchi zonali o urbani oppure in apposite aree destinate allo scopo. Si tratta in buona sostanza di assegnare dei piccoli spazi (nell’ordine di 50-100 m2) in gestione gratuita (o a canone simbolico) a persone che ne facciano richiesta (ad esempio anziani e pensionati). Tale tipologia di verde, se inserita all’interno di un parco, potrebbe stimolare ed accrescere il senso di responsabilità del cittadino verso il verde e quindi ottenere una azione di maggiore vigilanza nei confronti dei vandalismi. L’importante è coniugare le esigenze dell’utenza con le necessità che l’insieme presenti un gradevole effetto estetico, anche per favorire la fruizione di tali luoghi. Per chiarire meglio il significato di questi spazi a verde occorre, però, fare qualche richiamo alle cosiddette orticoltura sociale e orticoltura terapeutica. In entrambi i casi viene assegnato al termine “orticoltura” il significato, non tanto di coltivazione a fini di lucro per ottenere dei prodotti alimentari, gli ortaggi appunto, quanto di possibilità di contatto diretto

Pagina 22

Le tipologie di spazi a verde

fra uomo e pianta. Occorre anche richiamare, per completezza di informazioni, la funzione ambientale dell’orticoltura, quale elemento costitutivo delle cinture verdi (le “green belt” degli Anglosassoni) attorno al recinto urbano. Nelle nazioni più industrializzate l’esercizio diretto della pratica orticola Nella realizzazione degli orti urbani molto avvertita è l’opportunità di coniu- risulta essere soprattutto gare le esigenze dell’utenza con il gradevole effetto complessivo. legato al “piacere di coltivare”, cioè come dicono gli anglosassoni al “gardening for fun”. L’importanza che riveste sotto il profilo sociale la coltivazione delle piante a fini di diletto ha fatto sì che recentemente sia stato proposto di adottare, nel contesto delle Società scientifiche internazionali che si occupano di agricoltura ed in particolare di orticoltura, il termine “Sociohorticulture” per comprendere tutte le attività legate alla coltivazione di specie ortoflorofrutticole in grado di dare riscontro, accanto alle esigenze di natura alimentare, ecologica ed ambientale, a quelle di carattere non materiale attinenti alla vita culturale e spirituale dell’uomo. Si tratta di ambiti disciplinari piuttosto recenti per cui neanche a livello terminologico è stata fatta piena chiarezza. Secondo alcuni infatti il termine, già ricordato, di “Sociohorticulture” è onnicomprensivo e racchiude all’interno la possibilità di uso dell’orticoltura a fini terapeutici. Secondo altri – e noi adotteremo tale suddivisione – tutti gli ambiti di carattere non materiale della coltivazione diretta delle piante vengono ricondotti all’interno dell’esercizio dell’orticoltura a fini terapeutici, di cui quella sociale è solo una delle opportunità offerte. Questa seconda ipotesi è la più consolidata, almeno presso le nazioni anglosassoni, dove a partire dal XIX secolo è stata riconosciuta al contatto diretto con le piante una valida azione terapeutica. Già all’epoca fu infatti chiaro che le possibilità di curare, con esiti positivi, persone affette da malattie nervose o colpiti da handicap fisici erano maggiori se al paziente veniva assicurato un contatto diretto con le piante. Anche nella riabilitazione di soggetti emarginati, così come nei casi di devianza sociale, può essere adottata con successo la pratica dell’orticoltura. Di tutto questo si occupa l’horticultural therapy, una disciplina che in America ha assunto una tale dignità al punto che esistono da diversi anni non solo una società scientifica ad hoc, l’AHTA (American Horticultural Therapy Association), ma anche corsi di laurea o master ad essa dedicati. All’interno dell’horticultural therapy è anche contemplata la funzione sociale. Quest’ultima è stata soprattutto riconosciuta già alla fine del XIX secolo in Francia, dove proprio a scopo sociale, sono stati costituiti degli orti destinati alle classi meno abbienti. Orticoltura terapeutica Il riconoscimento del valore “terapeutico” degli spazi a verde ha una radice molto antica. Da sempre il “giardino” ha rappresentato un luogo di serenità e benessere: si pensi alla favolosa “età dell’oro” o al biblico “paradiso terrestre”. Non deve quindi stupire che nell’antico Egitto alcuni dottori di corte prescrivessero ai loro pazienti, malati di mente, delle lunghe passeggiate nei giardini del palazzo del faraone. Anche nell’Apocalisse di Giovanni si legge “in mezzo ... c’è l’albero della vita che fa dodici frutti, dando ogni mese il suo frutto,

Pagina 23

Le tipologie di spazi a verde

le foglie dell’albero servono per la guarigione delle genti.” I primi esempi di “terapia orticola” si sviluppano comunque a cavallo tra la fine del sec. XVIII e l’inizio del sec. XIX, quando negli ospedali degli Stati Uniti d’America e della Spagna si cominciò ad essere convinti del valore terapeutico della relazione uomo/pianta. In una prima fase, agli inizi del sec. XIX, l’orticoltura terapeutica venne sviluppata nel trattamento dei malati di mente. Nel 1817 a Filadelfia, in USA, nacque la prima istituzione privata psichiatrica, “Asilo per le persone private della loro ragione” nel “Friends Hospital”, che, superando la cornice di tipo rurale, utilizzò un’ambientazione “tipo-parco” con sentieri alberati, con spazi aperti e prati, mentre alcuni pazienti erano coinvolti nella coltivazione di piante da frutto e ortive. Per tutto il secolo XIX l’ortoterapia fu soprattutto rivolta al recupero delle persone psicologicamente Nell’orticoltura terapeutica occorre porre particolare attenzione al tema o mentalmente disabili, dell’accessibilità. senza alcuna estensione al recupero fisico dei pazienti. La tragica esperienza delle due guerre mondiali servì a verificare, con esiti positivi, la possibilità di inserire la terapia orticola nei programmi di riabilitazione fisica (Mc Donald, 1995). Alla luce dei risultati positivi conseguiti con detta terapia, si pose il problema, non secondario, della preparazione di terapeuti professionali. Questa esigenza trovò pieno soddisfacimento nel 1942, quando il College di Milwaukee Downer inserì un corso di orticoltura terapeutica all’interno del piano di studi per la laurea in “Occupational therapy”. Per quanto riguarda la promozione culturale merita una menzione particolare il libro, pubblicato nel 1973, dal titolo particolarmente significativo “Horticulture as a Therapeutic Aid” a cura di Brooks e di Oppenheim. Accanto alla iniziative di organizzazione e di diffusione della terapia orticola è da segnalare la nascita di organizzazioni professionali dei terapeuti orticoli tipo il “National Council for Therapy and Rehabilitation Trough Horticulture” (NCTRH) che nel 1988 diventerà ATHA = “American Horticultural Therapy Association” con lo scopo di incrementare la professionalità in campo terapeutico. Anche in Inghilterra si registrò la costituzione della “Society for Horticultural Therapy and Rural Training”, che successivamente semplifica la sua denominazione in “Horticultural Therapy”, con il compito di aiutare le persone, fisicamente o mentalmente malate, recuperandole attraverso l’uso del giardinaggio in tutte le sue forme. Queste istituzioni hanno avuto diffusione in vari Paesi, compresa l’Italia, in cui opera la “Horticultural Therapy Italia”, a cui fanno capo altre organizzazioni come la “Gardening Promotion Italy”. Quest’ultima si dedica prevalentemente al giardinaggio per soggetti spastici. Orticoltura sociale La nascita dell’orticoltura a scopo sociale si può fare risalire al XIX secolo in Francia. Nel 1893, infatti, un gruppo di intellettuali e di parlamentari liberal-cristiani si impegnano nella

Pagina 24

Le tipologie di spazi a verde

approvazione della legge Siegfried, che riconosceva agli operai la possibilità di diventare proprietari di un lotto di terra. Qualche anno dopo l’abate Lemire (1896) fonda la “Ligue du coin de Terre et de Foyer”. L’idea di mettere gratuitamente a disposizione degli operai lotti di terreno era stato oggetto di diverse iniziative filantropiche, ma la sua estensione sistematica e la sua stessa denominazione “giardini aperti” datano a partire da questo periodo storico (1893-1896). Al giardino si riconosceva quindi non solo un ruolo economico, poiché l’orto assicurava il minimo vitale alimentare, ma anche un ruolo igienico e morale, in quanto spazio alternativo ai modi e ai ritmi imposti dal vivere cittadino e/o industriale. In Italia nel corso della seconda guerra mondiale, alla periferia di Roma, senza alcun intervento da parte dello Stato, si registra la nascita degli “orti di guerra”, costituiti da ampi appezzamenti di terreni, divisi in piccolissimi lotti in cui si svolge un’intensa attività orticola. La loro ubicazione è nelle immediate vicinanze delle strade di grande traffico, alla periferia delle città o nei tratti urbani e suburbani, possibilmente vicini ai fiumi. In Francia, dove le espressioni dell’orticoltura sono molto articolate, con la legge del 26 luglio 1952 si elimina, almeno dal punto di vista legislativo, la distinzione tra le quattro categorie preesistenti – giardini aperti, industriali, rurali e familiari – che vengono inglobate sotto l’unica denominazione di “organismi dei giardini familiari”. Un ulteriore passo, sul piano legislativo, è la promulgazione della legge del 10/IX/1976 (legge Royer) con la quale si sancisce che il giardino familiare è “ogni particella di terreno che il suo conduttore coltiva personalmente in vista di provvedere ai bisogni della famiglia con l’esclusione di ogni beneficio commerciale”. Tale legge mira in particolare a fornire ai proprietari degli orti familiari garanzie contro i rischi di espropriazione, assimilando tali spazi a quelli a verde già oggetto di protezione. Numerose sono in Francia le associazioni che, nei loro statuti, riprendono le motivazioni che stanno alla base della legge Royer: l’attività di “giardinaggio” è fonte di salute fisica e morale, di salvaguardia della natura e della pace sociale. In Svezia ed in Danimarca, invece, si cerca di rendere la residenza secondaria con orto/ giardino alla portata delle classi meno abbienti. In queste nazioni alcune municipalità hanno preso l’iniziativa, nel contesto della lottizzazione, di costituire una nuova tipologia di spazio, dove i giardini sono essenzialmente di diporto e in essi è possibile costruire, con costi contentuti, delle abitazioni per le vacanze. Dette realizzazioni sono previste nei piani di urbanizzazione e sono ubicate ad una certa distanza dal centro urbano: il villaggio di Ekedal, destinato a tale scopo è, ad esempio, ubicato a circa 30 Km da Stoccolma. In Italia tra le più significative esperienze va ricordata quella di Torino dove orti urbani, istituiti a partire dal secondo dopoguerra sul modello di quelli francesi ed estesi negli anni ’70 su circa 200 ettari, hanno rappresentato per gli immigrati un elemento di continuità ideale con le loro radici contadine. Altra esperienza significativa in tema di orti urbani sociali è quella di Parma, dove l’impianto si inquadra nell’ambito del processo di qualificazione del verde urbano anche attraverso attività produttive in grado di valorizzare energie ed esperienze di persone anziane. A criteri e finalità analoghe sono informate le iniziative attivate in altre città, tra cui Ancona, Bologna, Bergamo e Bolzano. Le corrispondenti Amministrazioni operano quasi sempre sulla base di appositi regolamenti, i cui contenuti riguardano aspetti giuridici della concessione (generalmente affitto con canone simbolico), ampiezza dei lotti, vincoli e divieti in tema di utilizzazione della superficie e di vendita dei prodotti, criteri per la conduzione dell’orto e segnatamente per l’uso dei prodotti antiparassitari. Gli orti urbani, anche al di fuori del nostro Paese, sono stati spesso realizzati in aree di risulta, degradate o emarginate, o veri e propri spazi sparsi, integrati nel tessuto urbano. Essi possono essere suddivisi in: ∗ orto urbano privato: un appezzamento di terreno recintato e comprendente un capanno; è una scelta per chi non ha forti relazioni sociali;

Pagina 25

Le tipologie di spazi a verde

∗ orto urbano sociale: un piccolo appezzamento di terreno recintato e suddiviso al suo

interno in 6/8 lotti con un capanno comune; ∗ orto urbano contemplativo: le caratteristiche sono simili ai precedenti, ma la sua ubicazione è all’interno della città e la coltivazione è limitata solo a essenze ornamentali. Ultimamente le diverse tipologie “sociale”, sopra menzionate, sono sottoposte ad un processo di riconsiderazione alla luce delle forti sollecitazioni promosse dai movimenti di matrice ecologica. Questi, recuperando in toto il valore e la funzione dell’ambiente, hanno imposto la rivisitazione di quanto precedentemente sperimentato e proposto in termini più pressanti, la necessità di stabilire un rapporto tra uomo e natura, fondato su basi di equilibrio, che sia espressione di rispetto autentico della natura stessa. Impianti sportivi e per gli spettacoli Possono essere sia coperti che scoperti e sono costituiti da strutture quali piscine, palestre, maneggi, stadi, cinema e teatri, luoghi attrezzati per le feste organizzate, per i concerti musicali, per le fiere, i circhi equestri, ecc. Gli spazi destinati a questo scopo devono essere progettati tenendo conto di utenze massicce e concentrate in brevi periodi di tempo, intervallati da periodi più o meno lunghi di non utilizzo. Il verde in molti casi funge da arredo o può costituire (vedasi ad esempio i campi di calcio) Il campo da golf è uno dei più importanti esempi di verde sportivo. struttura portante dell’attrezzatura. Verde cimiteriale I cimiteri, al di là delle funzioni specifiche, possono essere integrati nel sistema del verde; questo è soprattutto vero in alcuni Paesi esteri in cui si tende ad affidare ai cimiteri anche una funzione paesaggistica. In passato i cimiteri avevano in genere dimensioni limitate, mentre nel XIX secolo sono state create delle soluzioni grandiose, destinate a servire l’intera città, che facevano riferimento ai modelli del giardino italiano o inglese. Nel primo caso si tratta di strutture rigidamente geometriche, con un asse centrale (spesso recante al centro una cappella) e assi laterali; nel secondo caso, i sentieri sono ondulati e lo spazio è articolato mediante gruppi di alberi e/o cespugli, creando in alcuni casi addirittura dei boschetti, con un fabbisogno in superficie piuttosto elevato. Recentemente, riprendendo in forme più semplificate la concezione del cimitero paesistico, in Germania ed in Inghilterra si è sviluppato un movimento a favore di strutture in cui l’elemento vegetale predomina su quello costruito; esso trova la sua espressione più compiuta nei cosiddetti “cimiteri-prato”, in cui le tombe, senza cordonature e sentieri

Pagina 26

Le tipologie di spazi a verde

intermedi pavimentati, sono immerse in una superficie a prato, restando escluse le lapidi e un piccolo riquadro con fiori. La dimensione ottimale di tali cimiteri viene stimata tra i 20 e gli 80 ha, che rispettivamente rappresentano la superficie minima, affinché la manutenzione meccanizzata del prato sia economica, e quella massima che consente il collegamento delle tombe ad un’unica cappella. Quali elementi vegetali si possono utilizzare, oltre alle essenze prative, anche arbusti, con funzione ricoprente. Aree degradate Tale tipologia non presenta differenze per quanto riguarda funzioni e/o destinazione rispetto ad altre in precedenza analizzate; essa si può infatti assimilare, in base alle dimensioni, ai parchi o ai piccoli spazi a verde. La differenza sostanziale è legata alle condizioni di partenza: si cerca di destinare a verde pubblico cave o discariche, cioè aree degradate da un precedente intervento antropico. Specifiche sono le tecniche da adottare per il recupero, che fanno spesso riferimento alla cosiddetta “ingegneria Le cave così come le discariche pongono gravi problemi tecnici per il loro recupero dopo l’uso. naturalistica”. Parco agricolo Visto l’interesse che assume questa tipologia di verde dal punto di vista ambientale e territoriale, abbiamo ritenuto opportuno analizzare con maggiore dettaglio gli aspetti coinvolti. Caratteristiche dei parchi agricoli Fra le variegate configurazioni che le tipologie di verde possono assumere, un posto di rilievo spetta al cosiddetto “parco agricolo” che rappresenta la realizzazione del connubio tra salvaguardia ambientale, fruizione ricreativa e attività economico-produttiva dell’azienda agraria. Da un lato, ponendo sotto tutela determinate aree a destinazione agricola, se ne garantisce la sopravvivenza anche, e soprattutto, quando queste sono di piccole dimensioni e frazionate. D’altro lato, il parco agricolo pone le basi per la diffusione dell’agriturismo (fruizione ricreativa dell’ambiente agrario). Si tratta infatti di coniugare da una parte le esigenze dei coltivatori agricoli con quelle dell’utenza oggi sempre più interessata agli ambienti rurali. Interessante è notare come alcune colture tradizionali della Sicilia (agrumi, vite, olivo) per la “bellezza” del paesaggio cui danno luogo si prestano bene a tale uso. Nel passato, infatti, l’attività agricola era elemento di “costruzione del territorio” mentre con il tempo ha cominciato ad assorbire la cultura del processo di produzione, per cui ha finito per considerare il territorio come risorsa, materia prima da consumare. La rottura dell’equilibrio territoriale e la compromissione dell’ecosistema non si sono realizzati solo perché il territorio non costruito (la campagna) è stato eroso, accerchiato, occupato dall’espansione urbana, ma anche perché la trasformazione dell’agricoltura ha introdotto nelle pratiche colturali la stessa logica di “sfruttamento” che è tipica del territorio urbano. L’agricoltura è stata quindi depauperata della sua capacità di “produrre territorio” (vedi il paziente lavoro dei terrazzamenti, della regimazione idrica, ecc., condotto nel passato) ed invece ha cominciato sempre più ad

Pagina 27

Le tipologie di spazi a verde

utilizzarlo; di conseguenza il territorio agricolo stesso è sempre meno “ambiente” e luogo fruibile per l’abitare, il riposo, lo svago. Costruire un parco agricolo vuol dire quindi compiere questa “rivoluzione copernicana”, con la quale si cerca di ristabilire il legame tra attività agricola ed ambiente circostante, si torna a concepire l’agricoltura capace di “costruire la terra”, perseguendo, anche con adeguate politiche agrarie, la riqualificazione ambientale. In questa ottica quindi un parco agricolo è una struttura territoriale, finalizzata principalmente alla produzione primaria, alla tutela e valorizzazione del territorio ma anche idonea alla fruizione culturale, ludica, ricreativa dell’ambiente da parte dei cittadini. La creazione di un parco agricolo, visto l’intenso fenomeno della conurbazione, potrebbe essere una soluzione per coniugare la necessità di disporre di spazi a verde con quella di mantenere alcune attività agricole che presentano ancora oggi una parziale validità sotto il profilo economico-produttivo. In realtà le questioni sottese dal considerare “parco” l’ambiente agrario sono numerose ed attengono anche ad ambiti fortemente culturali. In questo caso, infatti, si considera “parco” un territorio vasto, complesso, fortemente antropizzato per effetto della presenza di una estesa e intensa produzione agricola, a c c a n t o a d un’urbanizzazione spesso L’elevata qualità percettiva del paesaggio agrario siciliano assume particolare interesse per la creazione di parchi agricoli. rilevante. Si tende quindi a far coincidere il concetto di “parco” con quello di “territorio”, intendendo per costruzione del parco l’esercizio di un’attività di cura del territorio stesso (ed in particolare di attività agricole) che consenta la vita ed il risanamento dell’ecosistema territoriale, il suo riequilibrio, la sua funzione sociale (culturale, ricreativa, ma anche il lavorare ed il risiedere propriamente). Si ipotizza quindi un “coltivare con cura” che consenta di “abitare il territorio”. È evidente che in tal senso il concetto di costruzione del parco viene profondamente ridefinito ed esteso fino ad identificarsi, al limite, con le appropriate azioni di gestione del territorio (urbanistiche, strutturali, infrastrutturali, economiche), ridefinendone però obiettivi, contenuti e metodi, finalizzati alla “bonifica” dell’ecosistema ed introducendo approcci ambientalmente consapevoli (Ferraresi e Rossi, 1993). Il parco, secondo questo approccio, perde la connotazione di struttura separata, specializzata, funzione tra le altre funzioni che le era stata assegnata dalla cultura produttivistica della modernità. Questa assunzione teorica (il parco come territorio) rifiuta la cultura che vuole il territorio come uno spazio disponibile per uno sviluppo crescente ed illimitato ed accetta al contrario la coscienza del limite: le risorse sono limitate, il territorio è finito e non può essere ulteriormente consumato, distrutto; deve essere conservato, bonificato, costruito. In questa ottica quindi un parco agricolo è una struttura territoriale, rivolta principalmente

Pagina 28

Le tipologie di spazi a verde

alla produzione primaria ed alla sua tutela e valorizzazione e contestualmente finalizzata alla fruizione culturale, ludica, ricreativa dell’ambiente da parte dei cittadini, in termini compatibili con la principale destinazione (Ferraresi e Rossi, 1993). La salvaguardia del territorio agrario inteso in senso lato presuppone la messa a punto di specifici interventi per far sì che il modello di agricoltura ipotizzato (non distruttore ma creatore di paesaggio) possa sostentarsi da un punto di vista economico. In tale ottica la realizzazione di attività agrituristiche potrebbe consentire di integrare il reddito degli operatori agricoli e quindi rendere possibile il mantenimento di questi parchi agricoli. Si tratta, è quasi inutile sottolinearlo, di problemi estremamente complessi, la cui soluzione necessita della messa a punto di specifici interventi di carattere politico, dell’individuazione e disponibilità di risorse economiche, ma soprattutto dell’attuazione di attenti studi relativi ai diversi aspetti coinvolti nella realizzazione di un parco agricolo e della sua gestione. Il tentativo di conservare il territorio agricolo nasce dalla presa di coscienza del valore in sé dell’agricoltura. Si riconosce cioè al territorio agricolo di essere il frutto della stratificazione di una complessità natura/cultura. Lo spazio agricolo è quindi ritenuto in grado di incorporare valore antropologico; quest’ultimo non si aggiunge alle proprietà fisiche di un territorio, ma le assorbe, le modella e le rimette in circolo in forme e funzioni variamente culturalizzate. Lo spazio agricolo assume quindi “valore culturale”, in quanto espressione diretta dell’azione dell’uomo sulla natura. Un parco agricolo in prossimità di un ambiente urbano può assicurare servizi di carattere paesaggistico per i quali si avvicina a concezioni simili a quelle di un parco di carattere urbano: l’agricoltura assume qui le caratteristiche di un “giardino”, con tutte le gradazioni possibili di maggiore e o minore caratterizzazione paesistica. Possono essere anche previsti servizi di carattere “ambientale”, ossia vincoli nell’uso di mezzi produttivi che siano più rigidi che nella media dell’agricoltura, allo scopo di creare zone-polmone prossime ai centri abitati per la riduzione di elementi ritenuti inquinanti. Ci si riallaccia quindi ad aspetti molto simili alle funzioni svolte dai parchi naturali; al contempo gli spazi agricoli possono assolvere alcuni servizi sportivi o volti in generale a favorire la fruizione, quali i percorsi di trekking, passeggio, sosta, ristoro, ecc. D’altra parte si può ipotizzare la possibilità che le aree agricole possano assolvere a funzioni di carattere culturale didattico, quando vengano mantenute con l’obbligo della conservazione di forme tradizionali di gestione delle pratiche agricole, per cui tali spazi assumono una funzione esemplificativa delle modalità classiche o tipiche di svolgimento delle attività agricole. Questa tipologia di servizio, adatta per piccole aziende o per settori limitati di imprese più ampie, deve prevedere una destinazione di risorse ad hoc, il che comporta un costo specifico per la produzione del servizio. Simile a questo servizio può essere quello culturale-storico con il quale si vogliono conservare, a scopo dimostrativo, alcune tipologie produttive ora superate e/o marginali. L’interesse di queste due ultimi servizi, in gran parte coincidenti, è a nostro avviso legato da una parte al pieno riconoscimento del “valore” dell’agricoltura tradizionale e dall’altra alla possibilità di destinare allo scopo piccoli appezzamenti inclusi o prossimali al territorio urbano, che difficilmente riuscirebbe ad avere validità sotto il profilo produttivo. L’agricoltura nella pianificazione ecologica del territorio Il territorio è comunemente inteso come uno spazio fisico organizzato da strutture politicoamministrative e socioeconomiche che sono espressione della sua popolazione o, più semplicemente, uno spazio disponibile per le più diverse utilizzazioni da parte dell’uomo. In tale ottica il territorio appare non come espressione della natura ma come un semplice prodotto dell’attività umana, concepito come una superficie geografica omogenea.

Pagina 29

Le tipologie di spazi a verde

Pur considerato in termini geografici il territorio ha, tuttavia, un limite fisico che si è reso particolarmente evidente nei paesi fortemente industrializzati, volti al perseguimento di obiettivi di sviluppo strettamente legati ad un forte aumento delle varie utilizzazioni socioeconomiche del territorio. Tali attività sviluppandosi rapidamente e caoticamente hanno reso evidente l’impossibilità di convivere armoniosamente negli stessi spazi territoriali limitati. La crescita economica e sociale è stata, come è noto, perseguita attraverso la differenziazione delle attività economiche e la ripartizione del lavoro; tale crescita ha avuto quindi bisogno di una intensa suddivisione del territorio che ha causato evidenti disparità tra le varie porzioni (città, campagna). Ciò ha avuto come conseguenza un forte sviluppo delle aree urbano-industriali ed un depauperamento di quelle agricole. La moderna politica di pianificazione territoriale si è posta il problema di un riequilibrio del territorio, cercando di accelerare lo sviluppo socioeconomico degli spazi rurali mediante la creazione di infrastrutture, servizi ed insediamenti industriali e di migliorare, dall’altra, le condizioni ambientali dei centri urbani con misure di carattere igienico ricreativo (es. spazi verdi urbani). Fino agli anni ’70 la pianificazione territoriale ha operato, infatti, considerando le aree esterne alla città come aree da utilizzare quale riserva per gli insediamenti e le infrastrutture, su cui spostare il potenziale di sviluppo economico eccedente e la popolazione, quando il tasso di urbanizzazione dei più importanti centri urbani diveniva eccessivo. La consapevolezza, che si è fatta via via più forte, dell’importanza di considerare il territorio nel suo insieme e soprattutto di preservare alcuni dei valori ecologici che le aree rurali rivestono ha fatto sì che l’attenzione si spostasse sul rapporto e sullo scambio di prestazioni tra i diversi comprensori specializzati. Si sono tenute inoltre sempre più in considerazione talune funzioni ecologiche dei comprensori agro-pastorali, in precedenza poco considerate, avendo dovuto constatare, tra l’altro, che il processo di urbanizzazione ed industrializzazione indifferenziata negli ultimi decenni aveva compromesso gravemente il territorio e le sue indispensabili funzioni di compensazione ecologica e ricreativa. Sono state messe in evidenza alcune funzioni ecologiche caratteristiche dei comprensori agro-silvo-pastorali, in precedenza trascurate. Si è avvertito che la prevalenza accordata alla difesa dell’ambiente con mezzi tecnici nascondeva il pericolo di trascurare e sottovalutare la connessione ecologica dei fattori naturali. Si è affacciato quindi il concetto che possano esistere zone prioritarie per l’assicurazione dei fattori naturali necessari allo stesso sviluppo socioeconomico. Questa evoluzione è stata favorita anche da una radicale contestazione della politica di livellamento territoriale da parte degli ambientalisti, i quali sostengono che l’obiettivo politico che essa sottende non è possibile nell’attuale stato di crisi ecologica. Il processo di urbanizzazione e industrializzazione indifferenziata degli ultimi decenni ha compromesso gravemente territori indispensabili per le loro funzioni di compensazione ecologica e ricreativa. Se i singoli comprensori debbono essere uguali, ciò può condurre a trascurare ulteriormente le esigenze ecologiche a favore di quelle economiche e sociali. L’eguaglianza delle condizioni di vita e la difesa dell’ambiente appaiono conflittuali. In questo modo gli ambientalisti hanno sanzionato come ecologicamente non più tollerabile una politica territoriale basata sulla differenziazione delle funzioni delle varie aree e quindi anche dei ruoli delle popolazioni in esse residenti, sia pure secondo una logica diversa da quella del passato, ossia saldamente ancorata alla teoria ecologica. Dal punto di vista dell’ecologia, infatti, un territorio è un insieme di ecosistemi, che possono essere sovraccaricati solo entro certi limiti, pena la rottura dei meccanismi di equilibrio, con gravi

Pagina 30

Le tipologie di spazi a verde

danni alle stesse possibilità di fruizione da parte dell’uomo. La pianificazione quindi deve essere impostata sulla base di zone prioritarie che debbono essere tutelate per i precipui caratteri ecologici e di preservazione dell’ambiente. Appare chiaro allora che se a determinate zone vengono riconosciute funzioni ecologiche prioritarie, benefiche per il territorio circostante ma che non inducono prestazioni quantificabili dal mercato, queste zone devono essere compensate con un trasferimento di risorse finanziarie a favore delle popolazioni locali che le assicurano. Tradizionalmente i tipi di paesaggio che lo sviluppo indotto dalla rivoluzione industriale ha determinato e che sono caratterizzati da differenti tratti ecologici sono: ∗ urbano-industriali; ∗ ad agricoltura intensiva nelle aree ad alta vocazione agricola; ∗ agro-silvo-pastorali ad utilizzazione estensiva nelle aree marginali; ∗ naturali e semi naturali in alcuni ristretti lembi di territorio. Oggi si tende sempre più a sottolineare l’esigenza della reciproca integrazione tra i vari paesaggi ereditati dal passato; pertanto le aree urbano-industraili e quelle agricole intensive devono svolgere prevalentemente funzioni produttive; alle aree agricole marginali, ad utilizzazione estensiva, vengono riconosciute fondamentali funzioni di regolazione quali compensazione dei carichi provenienti dalle zone di produzione, riequilibrio ecologico, scopo ricreativo (agricoltura nei parchi naturali), alle aree naturali prive, o quasi, di utilizzazione produttiva si attribuiscono infine fondamentali funzioni di difesa della natura (riserve e parchi naturali). Il ruolo dell’agricoltura nelle aree protette L’agricoltura ha tradizionalmente esercitato effetti positivi sull’ambiente, espletando tra l’altro anche funzioni che si possono definire di tipo sociale, basti pensare al ruolo che essa ha avuto nella caratterizzazione del paesaggio, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto dei valori umani tradizionali e, quindi, la sua funzione culturale e ricreativa. La molteplicità delle specie di molti tradizionali paesaggi culturali è, ad esempio, diretta conseguenza dell’attività agricola in quanto la copertura del territorio con vegetazione naturale avrebbe evidenziato caratteri di maggiore uniformità. In passato, la proprietà agricola, l’allevamento del bestiame integrato nell’azienda agricola, la rotazione colturale, la diffusione di colture promiscue alternate a breve distanza hanno favorito la costituzione di paesaggi di grande bellezza e in equilibrio ecologico. La rivoluzione industriale ha comportato la rottura di tale equilibrio con l’adozione di tecniche di sfruttamento del territorio fortemente intensive. Ciò ha condotto ad una graduale riduzione degli schemi di rotazione colturale che ha avuto come conseguenza la semplificazione del tessuto rurale, il degrado del paesaggio e un generalizzato impoverimento biologico del sistema agricolo. Attraverso la ricerca di rese sempre più elevate, il che ha comportato l’impiego di elevati input esterni, l’agricoltura si è sempre più avvicinata ai metodi di produzione industriale. Come conseguenza di tale trasformazione si sono evidenziati problemi di natura economica, legati al rincaro energetico, alla rarefazione di materie prime ed alla sovrapproduzione, e di natura ecologica con impatto pesante sul suolo, sulle acque, sull’aria, sul clima, sulla flora e sulla fauna, sul valore ricreativo del paesaggio. Ciò ha condotto alla consapevolezza che l’ambiente non è una risorsa sfruttabile illimitatamente per fini produttivi, ma è un bene da custodire con la massima cura nell’interesse della collettività. Si è cominciato a discutere di crisi ecologica ed a sostenere con grande vigore, in nome di una visione qualitativa dello sviluppo, la necessità di abbandonare l’obiettivo della massima produzione e rinunciare alla manipolazione indiscriminata dei beni naturali. I paesaggi rurali di tipo tradizionale costituiscono, ormai, aree residuali sempre più ristrette

Pagina 31

Le tipologie di spazi a verde

nelle zone di pianura mentre sopravvivono in zone collinari e montane ad economia marginale, dove si è verificato un imponente esodo della popolazione. Sono questi i paesaggi che, oggi, assumono grande importanza per il riequilibrio ecologico del territorio. Il problema ambientale è così divenuto in breve una delle grandi priorità economiche e sociali della nostra epoca. Da qui la necessità di prefigurare e realizzare un modello di sviluppo atto a garantire il costante miglioramento delle condizioni di vita della collettività senza però nuocere alle risorse ambientali. La locuzione “sviluppo sostenibile”, coniata in occasione della Conferenza dell’ONU di Stoccolma del 1987, sta appunto a significare la ricerca di una formula che assicuri, ad un tempo, sia l’ulteriore crescita economica che la protezione dell’ambiente nelle sue più varie espressioni. Esigenze ecologiche ed economiche, etiche ed estetiche parlano dunque a favore di una nuova concezione strategica dell’agricoltura nell’assetto del territorio e dello sviluppo di modelli aziendali alternativi rispetto a quelli convenzionali. L’agricoltura deve pertanto sempre più cercare di “risparmiare” l’ambiente naturale, conservando e reintroducendo le strutture tipiche del paesaggio agrario tradizionale attraverso, ad esempio, la promozione delle attività esercitate dalle aziende agricole a carattere familiare o favorendo la permanenza di un’agricoltura estensiva in prossimità di componenti paesistiche prossime alle condizioni naturali. In alcune regioni è stato introdotto il concetto di indennizzo, sia pure parziale, per il mantenimento delle funzioni sociali dell’agricoltura, specialmente nelle aree marginali ed esistono al riguardo precise direttive della CEE quali, ad esempio, il Reg. 2078/92 relativo ai metodi di produzione agricola compatibili con l’ambiente e la tutela della natura. In esso si prevede, infatti, un sostegno ai redditi agricoli disancorato dalla regolamentazione dei mercati ed accordato agli agricoltori in funzione del loro impegno ad attuare pratiche compatibili con l’ambiente e la tutela della natura. L’agricoltore viene dunque ricompensato per la sua funzione sociale di tutore dell’ambiente e della salute collettiva. Se questo è un principio valido per la generalità del territorio, a maggior ragione, lo diviene nelle aree protette nelle quali lo svolgimento di attività agricole si deve collocare in un quadro composito di motivazioni, vincoli ed obiettivi, interagendo l’agricoltura con le peculiarità ambientali e naturalistiche del territorio rurale e costituendo al contempo un fondamentale presupposto per lo sviluppo economico sostenibile delle popolazioni residenti. L’agricoltura nei parchi o nelle aree comunque protette deve farsi promotrice di un nuovo ruolo, privilegiando la conservazione di formazioni e assetti che l’uomo ha creato nel corso dei secoli ed armonizzandoli con le peculiarità del territorio da proteggere. Da queste considerazioni deriva il ruolo assai complesso che nei parchi l’agricoltura è chiamata a svolgere, dovendo integrare esigenze assai diverse e perseguendo obiettivi spesso difficili da conciliare. Caratteristiche e funzioni dei parchi agricoli Il parco agricolo è la realizzazione di un connubio tra salvaguardia ambientale, fruizione ricreativa e attività economico-produttiva dell’azienda agraria. Il principale problema che si pone nella realizzazione e gestione di questa tipologia di verde è quello di conciliare l’aspetto ecologico ambientale con le implicazioni di carattere economico-produttivo. Queste ultime infatti assumono fondamentale importanza in quanto il parco agricolo è un ecosistema che si ipotizza viva di sue ragioni legate alla produzione primaria. La consistenza strutturale/fisica di questa figura territoriale è quindi la campagna, il territorio agricolo-produttivo. D’altro canto, questo carattere produttivo convive nel parco agricolo con un’altra finalità di cui si è detto e cioè la fruizione sociale, a vario titolo, dell’ambiente.

Pagina 32

Le tipologie di spazi a verde

Lo spazio pubblico (e cioè la sede più intensa e diretta della fruizione sociale del parco) per poter essere compatibile con la piattaforma produttiva deve assumere forme non deostruenti né competitive rispetto all’esercizio dell’agricoltura, non deve coprire o invadere eccessivamente lo spazio agricolo e deve piuttosto consentire la continuità e l’estensione degli ambiti di questa funzione produttiva. Possono essere destinate alla realizzazione di parchi agricoli aree produttive caratterizzate da diverse vitalità dell’esercizio dell’agricoltura e struttura morfologica del territorio. Da questo punto di vista si possono distinguere aree agricole consolidate, nelle quali l’attività agricola è vitale ed estesa e non è sostanzialmente influenzata dall’espansione della città e in cui gli ambiti territoriali sono estesi e compatti. Vi sono poi ambiti agricoli da consolidare nei quali la destinazione agricola produttiva, per quanto indebolita, persiste ed è quindi recuperabile attraverso interventi di risanamento e innovazione: gli ambiti debbono però essere sufficientemente accorpati (o accorpabili), di dimensioni economicamente fruibili. Esistono anche aree collocate ai margini del degrado urbano periferico che possono essere compattate in micro (o macro) sistemi di verde e spazi liberi, utili ai fini dell’incremento dello standard urbano e per la formazione futura di nuovi parchi: questi sistemi possono essere definiti, secondo Ferraresi e Rossi (1993), come parco rado. Si tratta cioè dell’ipotesi di recupero di risorse/territorio dimesse, di conservazione di queste risorse, proponendo dei “parchi” senza che ciò dia necessariamente luogo a progetti impegnativi di “verde costruito”. In essi l’agricoltura può giocare un ruolo di “mantenimento delle risorse” e dall’altra parte può dare luogo a sperimentazioni colturali; possono essere previsti orti urbani e riutilizzati dei fabbricati ex agricoli a fini sociali o per attività legate all’ambiente e allo svago. In ogni caso l’attenzione all’interno di un parco agricolo deve essere posta nei confronti dei diversi “servizi ambientali” che a buon diritto tale tipologia di verde può assolvere. In base ai vincoli posti all’esercizio dell’attività agricola si possono delineare diversi tipi di servizio ambientale (vedi tabella). Il verde produttivo rappresenta l’agricoltura tradizionale volta all’ottenimento di beni primari. Questa attività è ovviamente sottoposta ai vincoli che la legislazione comunitaria e nazionale pongono al settore primario. All’agricoltura produttiva
Classificazione dei tipi di servizio ambientale forniti da differenti “forme” di agricoltura e le loro caratteristiche essenziali (Fonte: Ferraresi e Rossi, 1993, con modifiche).
DENOMINAZIONE Verde produttivo Verde produttivo con connotati paesaggistici Verde produttivo con vincoli strutturali Verde produttivo con obbligo colture imposte Agricoltura didattica con visitatori Agricoltura museale Verde produttivo con connotati “biologici” Agricoltura naturistica DESCRIZIONE SINTETICA Esercizio normale dell’attività agricola Esercizio normale dell’attività agricola con imposizione di vincoli paesaggistici (es., mantenimento di impianto alberato, di frangiventi, ecc.) Esercizio dell’attività agricola con obblighi di mantenimento fabbricati, dimensione campi, rete canali, strade; vincoli per edilizia strumentale Esercizio attività agricola con colture o allevamenti imposti dall’Ente gestore del parco Esercizio attività agricola con vincoli su tecnologie, obblighi di percorsi per scolaresche e visitatori in genere Attività vincolate nelle tecnologie, nelle colture, nelle strutture; obblighi come sopra nei confronti dei visitatori Esercizio attività agricola con vincoli all’impiego di determinati mezzi chimici (quantità/tipo) Attività semi-estensiva; impiego di tecnologie biologiche per la salvaguardia di fauna e flora

Pagina 33

Le tipologie di spazi a verde

possono venire imposti vincoli di carattere paesaggistico nel senso percettivo del termine. Simili a quelli paesaggistici sono i vincoli di carattere strutturale con obblighi specifici ai miglioramenti fondiari. Mantenere tipologie costruttive acquisite, di carattere utile alla memoria storica, ha vantaggi per la collettività, anche se di frequente comporta ostacoli a una moderna organizzazione produttiva. Simile è pure il vincolo di colture imposte, di norma legate a problematiche conservative e didattiche. Un esempio pregnante relativo all’ambito siciliano e del suo paesaggio agrario, è quello dei vigneti o degli agrumeti posti su terreni terrazzati, che determinano un paesaggio a sua volta utile per altri scopi e che vanno “pagati” per le esternalità che comportano. In alternativa o in via congiunta possono essere richiesti limiti all’impiego di mezzi chimici di sintesi, specie in aree fragili sotto l’aspetto ambientale (terreni pericolanti, prossimi alle città, ai fiumi), per le quali le normali cure colturali possono creare modifiche pericolose in termini di accumulo di prodotti nocivi nei terreni e nelle acque. A un grado di vincolo più spinto si pone l’agricoltura naturistica, con diversi livelli impositivi, che può giungere a forme semi-estensive, con presenza di fauna selvatica e di solito connessa ad areali protetti in via totale. Si tratta di una esperienza già ampiamente consolidata all’estero e che nei Paesi Bassi si sviluppa ormai per circa 200.000 ha. Oltre si arriva all’oasi naturistica, nella quale continua qualche attività agricola, ma solo in funzione di attività “naturali” prevalenti. Il caso limite è il parco naturale negli spazi aperti o pubblico negli agglomerati urbani, nel quale l’uomo opera a fini puramente di mantenimento o di impianto e manutenzione, con qualifiche che si distaccano da quelle dell’agricoltura tradizionale. All’interno del parco agricolo può anche essere prevista la presenza di verde agricolo a carattere didattico, volto a fornire servizi a cittadini che vogliono conoscere la struttura operativa del settore e che, in prossimità dei centri urbani, può svolgere un’utile funzione, anche per una conoscenza delle operazioni agricole che si svincoli da luoghi comuni, spesso non veritieri. In alcuni casi si può pensare ad una agricoltura museale, con la quale si amplifica la valenza culturale, etno-antropologica dell’esercizio dell’attività agricola tradizionale. Naturalmente, affinché lo spazio possa svolgere al meglio la propria funzione di servizio ambientale deve essere sottoposto a vincoli più o meno pregnanti. In particolare nell’agricoltura didattica con visitatori si determinano, per effetto dell’obbligo delle colture imposte, maggiori costi e minori ricavi rispetto ad un esercizio dell’attività agricola totalmente esente da vincoli di questo genere. A tali imposizioni si aggiungono costi extragricoli dovuti alla creazione di appositi percorsi, alla presenza di visitatori, singoli o a gruppi e in particolare di scolaresche. Ciò implica perdite di tempo, costi aggiuntivi di pulizia, di protezione da vandalismi, furti e dalla stessa incuria dei possibili visitatori, elementi tutti di turbativa del normale esercizio dell’attività produttiva. Questi aspetti si accentuano nell’agricoltura museale che implica un maggiore onere connesso proprio all’esigenza di presentare un’attività agricola di fatto non più praticata e che quindi richiede speciali soluzioni per poter essere attuata. Rispetto alla precedente tipologia bisogna altresì considerare che qui siamo in presenza di un afflusso di visitatori potenzialmente più intenso e più concentrato in determinate occasioni e che quindi presenta un potenziale maggiore problema di adattamento per le imprese agricole che debbono necessariamente organizzarsi per far fronte alle esigenze connesse alla funzione museale rivestita dall’azienda agricola. Oltre ai vincoli qui illustrati, il servizio ambientale può comportare, per le attività elencate, anche una serie di opportunità da non trascurare e che possono costituire potenziali incentivi per le aziende agricole ad accettare le regole volute dal parco.

Pagina 34

Le tipologie di spazi a verde

Schema dei rapporti fra servizio ambientale e opportunità per l’agricoltore (Fonte: Ferraresi e Rossi, 1993, con modifiche).
Vantaggi collocazione nel piano Indennizzo in denaro COMPENSAZIONI Licenze vendita prodotti Licenze agrituristiche Diritti edificatori Altri contributi Compensazioni in denaro per i servizi

Verde produttivo Verde produttivo con connotati paesaggistici Verde produttivo con vincoli strutturali Verde produttivo con obbligo colture imposte Agricoltura didattica con visitatori Agricoltura museale Verde produttivo con connotati “biologici” Agricoltura naturistica Le aree in arancio indicano il rapporto esistente fra servizio ambientale offerto e le opportunità per l’agricoltura; i punti interrogativi esprimono ipotesi possibili seppure dubbie.

? ? ?

Ciò comporta la volontà delle parti di instaurare rapporti di tipo contrattuale grazie ai quali sia possibile, con il consenso reciproco, giungere a conciliare le opposte esigenze. Le opportunità offerte agli agricoltori per il fatto di svolgere la loro attività produttiva nell’area del parco sono di diversa natura e sono state sommariamente schematizzate in tabella. Vi è innanzitutto una serie di vantaggi per essere collocati nel parco che possono esprimersi in più elevati valori fondiari, nelle condizioni di vita e di lavoro meno minacciate da inquinamento e da altre attività produttive, nelle possibilità di avvalersi di una serie di strutture e supporti pubblici legati all’esistenza del parco. Ovviamente si possono ipotizzare, sempre nel quadro di ben definiti rapporti contrattuali, una serie di misure indennizzatici degli obblighi imposti all’agricoltura. Fra queste si possono citare indennizzi in moneta per gli obblighi imposti e che sono facilmente ipotizzabili per i casi di agricoltura produttiva con vincoli di tipo paesaggistico, di tipo strutturale, di tipo legato all’imposizione di determinare colture ritenute antieconomiche e, nel caso dell’agricoltura museale, laddove questa costringa ad utilizzare tecnologie superate e più costose di quelle normalmente adoperate. Un’altra categoria può essere costituita da compensazioni non di tipo monetario ma legate ad atti rientranti nelle facoltà discrezionali delle pubbliche amministrazioni, come la concessione di licenze di vendita di prodotti vari, di licenze per l’esercizio di attività agrituristiche, di licenze edilizie legate esclusivamente a precisi rapporti contrattuali (purché compatibili con la generale destinazione dell’area). Infine si potrebbero ipotizzare contributi ad hoc nei casi di agricoltura didattica, museale, naturalistica, di oasi naturalistica e di gestione di aree aziendali a parco pubblico proprio per consentire questo tipo di utilizzo e invogliare i produttori a destinare ad essi, in parte o in toto, le loro superfici aziendali. Da ultimo, per le forme di utilizzo non più strettamente agricole, come oasi naturistiche e

Pagina 35

Le tipologie di spazi a verde

parchi pubblici, si può pensare a compensi diretti in denaro volti a controbilanciare servizi effettivamente resi dai produttori agricoli, come pulizia del terreno, sfalcio dei prati, manutenzione delle strade, cura delle alberature, ecc. Parco zoo A differenza dei giardini botanici, i giardini zoologici si sono sviluppati inizialmente più con carattere popolare che didattico-scientifico; le funzioni ornamentali e di svago venivano soddisfatte esibendo animali, in gran parte esotici, in gabbie anguste. Oggi si tende invece al concetto di parco zoo, cioè collocare gli animali in spazi più ampi, con presenza di vegetazione, per favorire la conoscenza degli animali in ambienti il più possibile simili a quelli naturali. La vegetazione in questi parchi svolge la funzione di arredo e serve anche a mascherare eventuali infrastrutture utili per l’allevamento degli animali ma esteticamente sgradevoli. 3.4. Il giardino privato nel XX secolo Se si ripercorre la storia degli spazi verde si evince facilmente come il giardino privato ne rappresenti l’espressione più importante e tipica. Il tema del giardino familiare, inteso come spazio esterno da abitare non collettivo, inserito in un contesto urbano e/o fortemente antropizzato, presenta, però, indubbiamente, modificazioni piuttosto rilevanti, soprattutto a partire dal XX secolo. Fra gli aspetti più importanti dell’evoluzione di tale tipologia di verde dobbiamo ricordare la riduzione progressiva delle dimensioni, in ragione dell’aumento dei costi del terreno e dell’urbanizzazione. Dagli spazi considerevoli dei giardini urbani della fine dell’Ottocento e degli inizi del Novecento, si passa a giardini di dimensioni sempre più contenute, quando non si adottano soluzioni alternative, quali il destinare a verde tetti o terrazzi. D’altro canto le trasformazioni sociali ed economiche che si sono succedute dopo le due guerre mondiali hanno fatto sì, da una parte, che l’esigenza di disporre di verde si sia progressivamente ampliata, ma di contro hanno dato luogo a giardini di dimensioni modeste, spesso asfittiche. Inoltre occorre ricordare come il giardino sia diventato uno status symbol, segno delle possibilità economiche del proprietario; questo diventa ancor più vero quando lo spazio è collocato all’interno della città. Il rapporto fra spazio urbano e giardino monofamiliare è spesso conflittuale in quanto quest’ultimo a lungo è stato considerato uno spazio “libero” ed in quanto tale destinabile a quelle infrastrutture che l’accentuata urbanizzazione non consentiva di accogliere all’interno delle città. Per tale motivo gli spazi destinati a giardini sono più numerosi nell’edilizia residenziale suburbana e ne rappresentano spesso motivo di aumentato valore degli immobili. Le tipologie di verde privato Nella sua trattazione monografica sui giardini privati, ubicati soprattutto in ambito urbano, Mariella Zoppi (1990) ha proposto una classificazione che ci è sembrata di notevole suggestione e che pertanto abbiamo seguito nella trattazione. In particolare l’autrice suddivide gli spazi a verde privato nelle seguenti categorie: ∗ giardini d’autore; ∗ giardini condominiali; ∗ giardini monofamiliari; ∗ giardini senza terra. A quest’ultima categoria potrebbero anche essere assimilati gli spazi interni all’abitazione stessa, dove si cerca, attraverso la presenza di piante in vaso, di assicurare l’indispensabile rapporto fra uomo e pianta. Per ciascuna delle categorie elencate in prosieguo verranno riportate alcune brevi notazioni di carattere generale, riferite soprattutto agli aspetti tecnici

Pagina 36

Le tipologie di spazi a verde

più specifici ed alle recenti evoluzioni. Giardini d’autore All’interno di questa categoria una classificazione, anche se talvolta impropria e fittizia, consiste nel distinguere i giardini degli architetti da quelli dei paesaggisti. Tale suddivisione trova ragion d’essere nella metodologia e nei mezzi usati nella progettazione stessa, anche se spesso, pur partendo da premesse estremamente lontane fra loro, si giunge a conclusioni ed esiti molto simili. La differenza sostanziale fra queste due categorie di professionisti è che mentre i primi si pongono nei confronti del giardino il solo problema di armonizzare gli spazi rispetto alle abitazioni, senza arrivare a determinare nel dettaglio la specie utilizzata, i progettisti del paesaggio specificano sempre il tipo di pianta impiegata. Inoltre gli architetti progettano il giardino, lo spazio esterno in rapporto all’abitazione di cui sono progettisti e quindi affrontano il tema del giardino come relazione spazio-volume con l’edificio da loro immaginato. I paesaggisti, invece, non sono quasi mai, e soprattutto in Italia, i progettisti dell’edificio e sono chiamati ad operare spesso dopo che l’edificio è già stato realizzato. Il problema di fondo rimane comunque simile per entrambi: occorre concepire e progettare lo spazio aperto in stretta relazione con il costruito e con la sua destinazione d’uso. Il progettista di un giardino privato ha, in genere, una libertà di azione ed una disponibilità finanziaria maggiore rispetto a quello di uno spazio pubblico. In ogni caso nella realizzazione di un giardino privato, come già stabilito nel lontano 1937 da Tunnard, occorre operare in modo da “formare con la casa una relazione diretta, facilitando gli accessi dall’uno all’altro. Il giardino diventa così una parte dell’abitazione”. Da questa dichiarazione si può dedurre che una delle caratteristiche del giardino moderno è proprio il suo stretto legame con l’abitazione. Giardino degli architetti Ripercorrere i punti di vista del dibattito culturale portato avanti dalle diverse scuole di architettura nel corso del Novecento esula dai nostri obiettivi, ma non possiamo esimerci dal citare il pensiero di Le Corbusier che giganteggia nel dibattito culturale sviluppatosi attorno all’abitazione ed al suo giardino. Secondo questo architetto francese il giardino è ogni spazio esterno disponibile che si possa costruire come un giardino, nel quale possono essere espletate le funzioni proprie e necessarie dell’abitare. Nella sua “La maison des hommes” del 1941 Le Corbusier così si esprimeva: “Le gioie essenziali sono: il sole lo spazio il verde … l’alloggio moderno (sole spazio verde), i prolungamenti dell’alloggio (nidi d’infanzia, asili materni, scuole e circoli giovanili, lo sport ai piedi delle case). E tutto lo spazio a disposizione che consente di allestire gli orti privati. Con la riforma intervenuta a livello di ordinamento urbanistico, e col nuovo ordine di grandezza dei volumi edificati, si può fare un patto con la natura. La natura è compresa nell’affitto. La natura era prima che la città fosse …. La natura comportava la presenza di prospettive paesaggistiche, di orizzonti attraenti, di colline, di montagne, mari, di rivi o di fiumi. La città ha innalzato, a venti metri, uno di fronte all’altro, gli schermi delle sue case. Erano rimasti degli alberi, dei prati. Ci si è costruito sopra. Bisogna riconquistare gli orizzonti. Bisogna piantare di nuovo gli alberi”. Per questo architetto il rapporto dell’abitazione con l’esterno è sempre centrale e risolto spesso in termini di organizzazione spaziale, di relazioni. Non interessa specificare le specie indicate nei disegni: interessa la loro localizzazione, le dimensioni, il rapporto con lo spazio progettato e con l’ambiente circostante. Natura può essere, per Le Corbusier, anche un muro, se al di là di esso il riferimento è il cielo; anche tetti e terrazze diventano “spazi verdi”.

Pagina 37

Le tipologie di spazi a verde

Giardino dei paesaggisti A differenza degli architetti, i paesaggisti si cimentano nella composizione del giardino attraverso la ridefinizione di ambiti naturali che vengono catturati entro perimetri forzosamente delimitati. Il rapporto fra esterno ed interno del giardino resta legato ad equilibri sottili o a violenti contrasti che determinano paesaggi ed ambienti particolari. Le formazioni e le esperienze dei diversi paesaggisti sono ovviamente molteplici ed il ripercorrerli in maniera puntuale esula dai nostri obiettivi. Anche in questo caso pertanto faremo solo dei brevi cenni funzionali per illustrare cosa sia il giardino privato per alcuni di questi professionisti. Le figure più significative di paesaggisti ci provengono sicuramente dalla cultura britannica. Personaggi come Sir Geoffrey A. Jellicoe, Dame Sylvia Crowe e Gertrude Jekyll non possono certo essere dimenticati. L’ultima, in particolare, rappresenta una figura cruciale nella storia dell’arte dei giardini non solo perché ne ha realizzato oltre 350, non solo perché ha scritto una quantità incredibile di libri, non solo perché rappresenta il coronamento di quel cammino professionale femminile intrapreso un secolo prima da Jane Loudon, ma soprattutto perché ha saputo pienamente interpretare la tradizione “povera” del giardino, il cottage garden, che era rimasta, sia pure in forma latente, sempre viva nel cuore e nel sentimento di tutti gli inglesi. Uno dei segreti del suo successo e della sua modernità sta forse, secondo la Zoppi (1995), nella sua collaborazione con Sir Edwin Lyutens, architetto, con cui dal 1889 instaura una sorta di società di fatto. È un perfetto esempio di integrazione fra architettura e “paesaggio” che si riscontra nei grandi lavori come nelle piccole composizioni, che si definisce in un attento rapporto fra edificio e spazio circostante ed in una profonda coerenza fra gli ambiti che compongono il giardino. La Jekyll ha una formazione culturale complessa: dalla School of Art di South Kensington assimila la pittura (l’amore per Turner e per gli impressionisti francesi), il disegno e la scultura in legno; il suo rapporto con William Morris ed il movimento Art and Craft le permettono di esprimersi nella tessitura, nei lavori in argento, nel ricamo e nella fotografia; il tutto è filtrato attraverso la sua vita di “gentildonna”, appassionata di giardinaggio. Il fascino che il colore esercita su di lei appare immenso. Il colore, le sue tonalità, l’infinita moltiplicazione degli effetti cromatici fanno sì che i suoi giardini richiamino la suggestione dei quadri di Turner, ma che siano al tempo stesso composizioni basate su una profonda conoscenza botanica, delle forme e dei colori delle diverse specie, ma anche della successione delle fasi fenologiche in modo che si assista ad una composizione puntualmente programmata nelle diverse stagioni, pur apparendo “spontanea” e “naturale”.

Pagina 38

Le tipologie di spazi a verde

Per la Jekyll la chiave del giardino è la composizione: “Possedere una grande quantità di piante, per quanto belle, non equivale ad avere un giardino, ma solo una collezione. Ciò che importa è l’uso che si fa’ delle piante, lo sceglierle accuratamente con un intento preciso”. In uno dei suoi libri più famosi, “Colour schemes for the flower garden” (1908), definisce il suo procedere per quadri e così come gli effetti floreali in un bosco nel mese di marzo diventano l’incanto di una lunga striscia (pennellata e non macchia come precisa la Jekyll), cui fa seguito il tenue celeste della Puschkinia, ed ancora l’azzurro della Chionodoxa che si staglia contro i giacinti bianchi. Sono piani di colore, distesi sul paesaggio chiuso del bosco, fatto di luci filtrate, di mobili ombre e di colori netti dei fiori. Una sequenza dunque di luci e colori, che hanno fatto definire impressionista la Jekyll e che tendono ad annullare lo spazio, che tuttavia resta costruito su di una, sia pure sempre più frantumata, geometrizzazione. Nelle schematizzazioni culturali l’opera della Jekyll resta legata alla definizione del bordo fiorito, in cui è possibile armonizzare il colore e le masse fiorite creando suggestioni dall’apparenza spontanea. In realtà, come scrive lei stessa nell’introduzione a Colour in the flower garden “piantare e mantenere un bordo fiorito, con un buon schema di colori, è cosa più difficile di quanto non si pensi”. Alla grande sensibilità cromatica si unisce un’altrettanta grande conoscenza e curiosità botanica che le permettono di scoprire sempre nuovi accostamenti di piante. Geoffrey A. Jellicoe è una figura centrale fra gli architetti del paesaggio: le sue opere, le sue pubblicazioni e il suo impegno nelle istituzioni sono testimonianza di una formazione culturale complessa ed articolata, tutta improntata sulla centralità del tema paesaggio sia come conservazione di ambienti naturali sia come riprogettazione di luoghi a seguito di mutate richieste d ’ u s o o d e l soddisfacimento di nuove esigenze da parte dei committenti. Ne è testimonianza il più famoso dei suoi lavori, Sutton Place nel Surrey, in cui Jellicoe, in collaborazione con la moglie Susan e con lo stesso proprietario, ha creato un “giardino non solo per gli occhi, ma anche per lo spirito”, dove su un impianto di tipo classico, basato su un’asse centrale e due giardini bilanciati, rispettoso dello antico edificio Tudor di cui fa da sfondo è stato sovrapposto un “piano simbolico” che vuole rappresentare le inquietudini dell’uomo. Nascono così una serie di “stanze” e “passaggi” che introducono ai misteri e alla ricerca della serenità: il fossato di ninfee sottolinea con i blocchi di pietra l’introduzione al giardino del Paradiso, dove tutto è godimento estetico e piacere. Più rigoroso e arioso è il giardino della piscina, segnato dal muro di mattoni, dalle pietre del bordo del piano dell’acqua e dalla profusione di fiori giocati sui toni chiari e su foglie quasi argentee. Fare un elenco dei suoi lavori, anche solo dei più famosi, sarebbe arduo, come altrettanto arduo sarebbe parlare della molteplicità dei suoi interventi che vanno dagli ambienti

Pagina 39

Le tipologie di spazi a verde

acquatici, ai roof-garden, dai parchi ai giardini privati (che più ci interessano), fino ai piani urbanistici. A tutti i livelli in cui interviene Jellicoe ripropone i canoni generali del rapporto arte-natura, con il quale egli identifica l’architettura del paesaggio, come la forma più antica e forse più completa, in quanto in essa è possibile riconoscere “il fluire continuo di spazio e tempo”, ovvero l’essenza stessa delle mutazioni della natura. In maniera non dissimile Sylvia Crowe ripropone il tema arte-giardino. “Realizzare un giardino – scrive infatti nell’introduzione al suo libro Il progetto del giardino (1989) – esige la stessa comprensione delle leggi di armonia e di composizione che accompagnano la creazione di una qualsiasi opera d’arte (…). Alla base di tutti i giardini vi sono determinati principi di composizione che res tano i mmutati perché radicate nelle leggi naturali dell’universo, quelle stesse leggi misteriose che si rivelano nel rapporto matematico fra armonia cromatica e musica”. Il giardino resta, dunque, per la Crowe, una ricerca continua fra i sentimenti, le intuizioni, l’aspirazione umana alla comprensione delle forze della natura e la progettualità creativa insita nello uomo. La risposta è nella semplicità della composizione e nella conquista della tranquillità. Nella sua ricerca “ideologica” la Crowe giunge fra gli anni ’50-’60 all’adesione di quello che viene definito lo “stile astratto”, ovvero di uno stile quasi architettonico, bilanciato nelle sue parti e negli elementi della sua composizione, rivolto alla ricerca dell’equilibrio, ovvero della “tranquillità”. Una figura singolare, di grande rilievo nel panorama mondiale, è quella di Lawrence Halprin. Americano è forse il paesaggista contemporaneo più prossimo al senso della costruzione architettonica: la manipolazione degli elementi naturali, la mimetizzazione o l’esaltazione delle architetture del paesaggio urbano o naturale diventano in Halprin strutture definite e controllate, volte a determinare spazi d’uso o di suggestione. La sua formazione paesaggistica e botanica, la sua prima giovinezza trascorsa in un kibbutz si confrontano con la cultura architettonica di Harvard. Dopo la guerra Halprin inizia la sua attività professionale in California dove realizza alcune delle sue opere migliori, quale, ad esempio, il giardino di villa McIntyre nel 1960, in cui ha ricreato una serie di stanze all’aperto che si susseguono legate da trame di acqua corrente. Quasi all’opposto delle concezioni architettoniche di Halprin troviamo Roberto Burle Marx che è considerato - ed a ragione - l’inventore di un nuovo stile di giardino, colui che ha riscoperto ed introdotto, nel recinto dell’abitazione, i colori e la forza della natura. Nonostante Burle Marx abbia rifiutato questo titolo è indubbio che egli rappresenta un vero e proprio capo scuola: non si potrebbe, infatti, capire l’opera di altri grandi paesaggisti, quale Luis Barraggàn, senza conoscere la sua opera. Tuttavia il suo percorso culturale è così specifico e personale che si comprende come mai Burle Marx abbia rifiutato

Pagina 40

Le tipologie di spazi a verde

catalogazioni e definizioni della sua opera. Architetto, pittore e scultore, botanico appassionato ed attento, egli riflette in tutti i suoi lavori la completa ricchezza della sua molteplice formazione e della sua forza nella passione per la natura, per i colori e i paesaggi. Gli elementi artificiali, le sculture, le vasche determinano contrapposizioni cariche di patos che si moltiplicano in quinte definite e contrapposte agli scenari naturali: ne è sicura testimonianza il rapporto muro-montagna della villa dell’ambasciatore Walter Morena Salles a Rio de Janeiro. La sintesi della sua idea di giardino può essere individuata nell’incontro fra l’arte e la natura: una sorta di equilibrio fra le forze naturali e non, che genera un’intensità di emozioni e al tempo stesso propone un inserimento che apparentemente non contrasta ma anzi inserisce il fruitore nell’armonia dell’ambiente circostante. La botanica è in Burle Marx un amore in continuo rinnovamento: egli cerca, importa, acclimata nuove specie alla ricerca di nuove soluzioni formali. Gli anni passati in Europa, la formazione cosmopolita della sua famiglia e la sua natura così tipicamente brasiliana si fondono in un’esuberanza di linee e colori che tuttavia non degenerano in ridondanze decorative ma si semplificano in schemi elementari, ricchi di suggestioni pittoriche, tese a ricondurre la composizione artificiale nelle forme del paesaggio naturale. La linea curva, i piani dolcemente modellati, la sequenza ed il contrasto dei toni sono elementi che si ritrovano in tutte le sue opere. Nelle opere di Burle Marx importante è anche l’intorno ambientale. L’ambiente circostante, il clima, le emozioni del luogo sono alla base delle sue composizioni, la fantasia segue le regole precise che la natura ha creato intorno allo spazio destinato al giardino. La cultura paesaggista in Europa si intreccia con la scuola parigina di Alphand, di cui Jean Claude N. Forestier (1861-1930) fece parte e rispetto alla quale si pone come figura di transizione tra la formazione classica di ingegnere del paesaggio e quella più moderna di paesaggista. La sua esperienza è per gran parte giocata fra i progetti urbanistici a Parigi ma anche in America Latina. All’attività, più nota, legata ai grandi progetti pubblici, Forestier affianca una ricchissima produzione di giardini privati, dei quali propone una teorizzazione che, secondo la Zoppi (1990) è così sintetizzabile: “il giardino è il prolungamento della casa, un completamento naturale necessario sia al castello più magnifico che alla più umile dimora ed inoltre ribadisce l’insostituibile necessità del giardino anche in contrapposizione alla crescita caotica della città, che, con ottica tipicamente ottocentesca, è vista come fonte e causa di infermità fisiche e psichiche”.

Pagina 41

Le tipologie di spazi a verde

Rispetto al problema dell’estensione, Forestier propone tutta una sequenza di progetti che vanno dai piccoli spazi di 650 m2 ai veri e propri parchi di 5000 m2. Per quanto riguarda lo stile, Forestier affronta sia i temi della composizione geometrica che quelli della tradizione romantica. Per questo paesaggista il giardino è “poesia ed architettura, associa l’arte alla naturalezza, riunisce i contrari, combina la delicatezza con l’audacia, la semplicità con l’ingegno, la regolarità con la fantasia, il rigore degli occhi con l’abbandono della mente” (Zoppi, 1990). La sua attività di pubblicista e l’intenso lavoro sviluppato fanno di Forestier una delle figure più interessanti fra i progettisti di giardini ed il volume da lui pubblicato “Jardins, carnet de plants et dessins” rappresenta uno dei primi, ma ancora validi, manuali di progettazione del giardino. L’opera di Forestier ha gettato i semi di una nuova cultura del verde, che si è caratterizzata, soprattutto in Catalogna, come ricerca di una identità progettuale, che ha avuto come interprete significativo Nicolau M. Rubiò (Barcellona 1891-1981). Nel giardino Rubiò non vede solo gli aspetti della composizione, dell’utilità, del legame con l’abitazione e del rapporto fra arte e tecnica, ma ne cerca un profondo senso di identità e di attualità culturale, perduta nel tempo. Nasce così il concetto di Giardino Meridionale o Latino, un giardino in grado di comprendere e trasmettere il linguaggio ed i messaggi di tutte le civiltà che su esso si sono affacciate e sviluppate. La centralità del Mediterraneo nel mondo antico è la riaffermazione della severa “autorità” del classicismo contrapposta alla spontanea e troppo seducente “anarchia” del Romanticismo. In opposizione alle teorie del modernismo, che proponevano una rivitalizzazione del romanticismo, Rubiò si pone in diretto rapporto con il mondo antico ed il Mediterraneo gli fornisce una base di riferimento concreta. Egli può così plasmare una natura manipolata, ma in perfetta armonia con la sensibilità e i limiti dell’uomo. Tipico nei suoi progetti è la capacità di creare una sintonia fra il paesaggismo di tipo inglese con stilemi classici del giardino formale: così su un tappeto verde (d’erba o di edera) egli dispone pittoricamente le specie vegetali che sono spesso modellate con l’arte topiaria. Frequente è l’impiego dei cipressi, piante naturalmente topiarie. I fiori presenti, ma non dominanti, sono spesso scelti con criteri di uniformità cromatica; lo scopo è quello di ricomporre i contrasti naturali e di creare un’atmosfera che, non a torto, è stata definita come “un dialogo calmo e sereno nello spirito dei migliori pittori del rinascimento fiorentino” (Zoppi, 1990). In Italia figura emblematica e centrale del Novecento è quella di Pietro Porcinai (19101986), che resta il maggiore degli architetti paesaggisti del nostro paese ed è certamente uno dei pochissimi italiani (forse il solo) che ha operato in modo continuo e coerente all’interno della difficile cultura del verde. Con oltre 50 anni di lavoro, più di 200 opere sparse in tutto il mondo, una personalità professionale non

Pagina 42

Le tipologie di spazi a verde

legata ad un luogo o ad una cultura specifica, Porcinai ha avuto il dono di sapersi sintonizzare con ambienti, climi e paesaggi più disparati, cogliendone ogni volta gli elementi essenziali. In una intervista rilasciata alla rivista AD nel 1985, quasi al termine della sua vita ha enunciato con queste parole alcuni dei fondamenti della sua opera: “Il vero giardino non distrugge, ma valorizza il terreno. La fitosociologia studia come le piante si associano fra loro, perché anch’esse hanno simpatie ed antipatie. E soltanto se sono in sintonia il risultato è di vera bellezza” e ancora “La natura con tutti i suoi innumerevoli organismi tende a un’unità e a un’armonia che la scienza non è ancora arrivata a poter decifrare”. In Porcinai forte è la consapevolezza del profondo significato del giardino, al punto che, nella sua trattazione monografica per l’enciclopedia agraria della REDA, egli lo definisce come una “zona di verde generalmente recinta, costituita da piante ed altri elementi naturali o manufatti, combinati ad arte dall’uomo, avente la funzione di riconciliare perennemente la creatura umana con il circostante mondo naturale”. Concetti apparentemente semplici, quasi scarni che, ancora una volta, ci riportano ad un diffuso senso di “rispetto della natura”: la socialità delle piante, la ricerca degli elementi di natura, della felicità nella semplicità rendono le opere di Porcinai capolavori essenziali siano esse grandi sistemazioni paesaggistiche o progetti per piccoli spazi o di rifacimento di giardini già esistenti. La profonda adesione alla natura deriva dall’idea “povera”, umile, quasi francescana che egli ha nei confronti della natura stessa, fonte di ogni certezza progettuale. Nei suoi giardini i materiali, le piante, i percorsi, i colori si fondono creando immagini ed ambienti in cui il rigore delle proporzioni, mutuato dalla tradizione classica del giardino rinascimentale, si fonde con le forme e gli umori mutevoli della natura. Singolare è anche la sua capacità di collaborare con altri architetti riuscendo a rendere tale collaborazione ispiratrice di sinergie. È il caso della villa Riva a Saronno dove collabora con Belgioioso, Peressutti e Rogers o la collaborazione con Scarpa per la sistemazione del verde nella tomba Brion ad Asolo o quella con Niemeyer per la realizzazione della Mondadori a Segrate. Giardini condominiali La progettazione del verde per la residenza richiama spesso l’idea del giardino privato di ville costose o, nell’ipotesi più modesta, rimanda alle sistemazioni del “front garden” o del “back garden” delle case unifamiliari a schiera, molto diffuse nei paesi anglosassoni, ma difficilmente richiama gli spazi di pertinenza delle abitazioni condominiali. La scarsa attenzione nei confronti del verde residenziale scaturisce dall’uso distorto che la speculazione edilizia ha fatto dell’urbanistica razionale costruendo case/alveari e riuscendo quasi ad azzerare gli spazi a verde. Non è però alla scelta di edificare “a condominio” che va addebitata la colpa della scarsa attenzione data agli spazi verdi, ma al modo scorretto e spesso superficiale con il quale è stato affrontato e risolto il tema del rapporto tra edifici

Pagina 43

Le tipologie di spazi a verde

residenziali ed i relativi spazi aperti di pertinenza. Se si pensa ai primi esempi di “edilizia condominiale” che sono rappresentati dai “crescent” di John Wood a Bath, si comprende come in queste opere di architettura sette-centesca gli spazi a verde servono a conferire connotati essenziali all’insieme. Nel Royal Crescent l’invenzione originale della forma semiellittica, data dall’edificio costruito da case a schiera su tre piani, avrebbe perso di respiro se non fosse stata coniugata con il prato degradante verso la campagna, interrotto di tanto in tanto da alberi di alto fusto. Oltre ai crescent l’esperienza inglese d i e d i l i z i a residenziale si sviluppa attorno ai modelli dei circus e degli squares, soluzioni queste che la classe borghese nascente impone per garantirsi spazi verdi privati all’interno della città. L’accesso ai giardini degli “squares” era infatti consentito solo ai proprietari delle case s u c u i s i affacciavano. Dopo queste esperienze la ricerca di nuove soluzioni che mantengono uno stretto rapporto tra residenza ed aree verdi si sposta verso la ridefinizione della città nella sua interezza. Nascono così numerosi modelli che hanno nel verde un costante punto di riferimento: dalla città-giardino di Howard alla città lineare di Soria, dalle greenbelt di Stein agli schemi tracciati a Radburn, dalla Villa Radieuse di Le Corbusier alla Broadacre di Wright, tutte teorie volte a ridisegnare e definire l’assetto della nuova città e che hanno uno dei punti essenziali nella definizione del rapporto verde/residenza. Tutte queste teorizzazioni, però, hanno avuto poche e non rilevanti applicazioni nella realtà. Possiamo pertanto affermare che oggi non esistono modelli di riferimento certi per stabilire dei criteri sul corretto modo di affrontare i problemi connessi con la progettazione degli spazi a verde per la residenza, ma rimangono validi i principi generali da applicare per ogni intervento di paesaggistica: il rispetto del luogo e delle sue caratteristiche ecologiche ed ambientali, il legame con la tradizione storica del sito, l’attenzione degli aspetti funzionali. Da un punto di vista tipologico gli edifici residenziali condominiali possono essere distinti in: a schiera, in linea, a corte, a torre e miste. Per ciascuna di queste tipologie si riportano di seguito alcune esemplificazioni. Edifici a schiera Fra gli esempi più significativi di progettazione degli edifici a schiera possiamo ricordare il Married Officers’ Quarters. Si tratta di un piccolo insediamento residenziale realizzato tra 1964 e 1965 in uno dei quartieri più periferici di Londra. L’obiettivo primario dei progettisti è stato quello di salvaguardare i valori paesaggistici presenti, limitando al massimo l’abbattimento degli alberi e cercando anzi di integrarli al meglio nell’impianto generale e nella distribuzione degli alloggi.

Pagina 44

Le tipologie di spazi a verde

La parte costruita, piuttosto semplice, è composta da case unifamiliari su due piani che si sviluppano attorno ad una strada circolare, mentre la parte centrale, lunga e piuttosto larga (30 metri), è stata pensata come spazio di relazione fra i residenti. I progettisti hanno anche tenuto conto dell’esigenza di lasciare un piccolo spazio (25 m2) all’uso privato. Nella scelta delle specie sono state privilegiate alcune piante arboree ed arbustive che offrivano, oltre un indubbio valore estetico legato alle fioriture, minori problemi di manutenzione. Sono state quindi utilizzati alberi come Ginko biloba, Sophora japonica, Tilia platyphyllos; fra gli arbusti la scelta è ricaduta su Berberis spp., Cotoneaster spp., Escallonia spp., Potentilla spp., Viburnum spp. A distanza di oltre quaranta anni l’impianto paesaggistico appare perfettamente riuscito ed offre ai residenti degli spazi a verde, sia pubblici che privati, funzionali alle loro esigenze. L’Hyde Estate Redevelopment a Londra, fa parte di una vasta opera di riqualificazione urbanistica che ha avuto inizio nella metà degli anni ’50. L’intervento si estende per 36 ettari e comprende 136 appartamenti e 16 case unifamiliari. Nella parte centrale, tra gli edifici per la residenza della Chiesa, è stato sistemato un giardino pensile di circa 2000 m2 che copre un garage di 140 posti macchina. Il giardino realizzato è di tipo “informale” o “naturalistico”, il che ha consentito di meglio di sfruttare l’orografia dei luoghi, ma soprattutto, grazie alla creazione di collinette artificiali, di realizzare degli spazi chiusi che offrono una certa privacy. Intorno agli anni ’60 si avverte sempre più l’esigenza di abbandonare un certo “gigantismo funzionale” dei mega edifici fino ad allora costruiti e di cercare di coniugare le esigenze di possedere una casa singola ai costi ed alla funzionalità dell’edilizia popolare multipiano. Nascono così in Danimarca “Tinggarden I e II”, elaborati anche con la partecipazione attiva degli abitanti e terminati verso gli anni ’80. L’obiettivo raggiunto è stato quello di dare la sensazione di abitare in un paesino. All’interno del complesso residenziale vi è il divieto di circolare in auto e per accedere alla residenza si devono attraversare una sorta di “porte urbane”. In ambito italiano un esempio importante è la sistemazione paesaggistica del quartiere residenziale dell’Ugolino a Firenze, curata da Marco Pozzoli, che ha ben interpretato

Pagina 45

Le tipologie di spazi a verde

l’atmosfera della campagna toscana riproducendola fra questi edifici urbani sorti proprio ai confini dell’area rurale, di alto valore ambientale. La scelta del progettista è stata quella di far sentire il meno possibile l’intervento, come verde progettato, ma di contro, utilizzando piante “povere”, autoctone, quali l’ulivo, il cipresso, la salvia, il timo, il rosmarino, di ricreare suggestioni dei campi coltivati limitrofi. In provincia di Novara, a Belgirate, è stato realizzato negli anni ’80 un complesso che intercetta 4 ettari. Si tratta di un gruppo di 12 appartamenti articolati su due nuovi edifici. L’intervento di sistemazione paesaggistica di Gilberto Oneto è consistito nella ricreazione di terrazzamenti in pietra a secco, secondo modelli locali tradizionali; tutte le opere architettoniche sono state realizzate in pietra. Il complesso, esposto a sud-est sul versante collinare prospiciente il Lago Maggiore, gode di una vista e di esposizione estremamente favorevoli. Le peculiari caratteristiche climatiche hanno consentito l’uso di diverse specie, fra le quali particolare rilievo è stato dato alle acidofile. Edifici in linea L’iterazione degli elementi architettonici, tipica quando si adottano modelli costruttivi “in linea”, rende complessa la progettazione del verde; ciononostante sono numerosi gli esempi in cui i progettisti sono riusciti a rendere l’insieme originale, funzionale e gradevole sotto il profilo estetico. Michael Brown nella realizzazione di Brunel Estate a Londra ha scelto di realizzare un paesaggio molto costruito ed artificiale. La scelta era dettata dalla necessità di coniugare l’aspetto estetico con l’elevata densità abitativa non solo del complesso, ma dell’intera area, il che comportava una forte utilizzazione dell’area a verde. Per tale motivo la soluzione è stata quella di coniugare il tipico “paesaggio all’inglese”, fatto di prati di forma irregolare con la rigidità geometrica dei percorsi pedonali e dei campi giochi, realizzati in mattoni, per salvaguardare l’impianto da una rapida usura. Nel grande complesso residenziale di Chanteloup Les Vignes a Parigi gli edifici fanno da quinte alla sistemazione a verde e vivacizzano, con i brillanti colori delle facciate, l’insieme. Qui l’uso delle prospettive, il senso del ritmo, il gioco dei materiali e le illusioni ottiche sono elementi importanti della progettazione. Ogni singola “isola abitativa” assume un carattere autonomo, pur restando integrata al percorso che collega spazi a verde e residenza. Le sculture anche di grandi dimensioni cercano di caratterizzare un ambiente che si cerca di rendere “unico” in contrasto all’anonimato che spesso contrassegna i nuovi quartieri. Il quartiere di Wandsworth a Londra è un esempio di riqualificazione di quartiere residenziale, destinato a famiglie meno abbienti. La struttura edilizia era composta da abitazioni costruite a cavallo dell’ultima guerra, la densità abitativa era molto alta e scarseggiavano campi gioco, parcheggi, aree a verde. Per cercare di risolvere tali problemi i progettisti hanno creato una gerarchia di spazi. Nelle “aree pubbliche” sono state adottate soluzioni per arginare il vandalismo; in quelle “semi-pubbliche” è stato realizzato uno spazio a verde più aperto ed un ambiente più lussureggiante facendo uso di arbusti, piante erbacee a delimitare piccole aree per il gioco e per il riposo. Le “aree private”, a contatto diretto con le abitazioni, sono state date in gestione agli abitanti, ricreando i “front garden” o “back garden”, tanto cari alla mentalità inglese. Il complesso residenziale, progettato dagli architetti Gabetti ed Isola ad Ivrea, si trova immerso in una grande conca verde confinante con un parco privato: qui i progettisti sono riusciti a realizzare un gran numero di alloggi senza snaturare l’ambiente che è sottoposto a tutela. La soluzione adottata, alquanto originale, prevede le abitazioni disposte ad arco. Le unità residenziali sono totalmente aperte a contatto diretto con il parco davanti e, sul retro, sono servite da una strada completamente interrata che serve da accesso alla casa e come area parcheggio.

Pagina 46

Le tipologie di spazi a verde

Edifici a corte Uno degli esempi più celebri di questa tipologia abitativa è il Water Garden, ovvero il “giardino d’acqua”, che si trova a Londra. In questo caso il progettista del giardino ha collaborato sin dall’inizio nella realizzazione del complesso residenziale. L’idea di dar vita ad una corte dominata dall’uso dell’acqua è nata da tre considerazioni: ∗ la corte così fortemente caratterizzata si contrappone al traffico ed ai rumori delle aree vicine per il senso di pace che è tipico della presenza di acqua; ∗ il gioco delle vasche è stato realizzato in gran parte in quanto queste vasche costituiscono la copertura impermeabilizzata dei garage sottostanti; ∗ la presenza dell’acqua offre una vista gradevole dai piani alti. Alla base dei laghetti, profondi non più di 45 cm, sono stati posti dei ciottoli che, oltre a coprire il cemento, danno la sensazione di un ambiente “naturale”. In cinque contenitori, di 1,5 m di lato collocati in corrispondenza dei pilastri, sono stati piantati degli alberi e degli arbusti. L’intero sistema di vasche è percorribile all’interno grazie a dei piccoli ponti; il tutto è inoltre animato da un ricco gioco di zampilli che muovono l’acqua stagnate. In ogni caso i maggiori problemi che scaturiscono dal destinare a verde uno spazio rinserrato tra gli edifici sono connessi alle forti modificazioni microclimatiche che si verificano ed ai coni d’ombra delle abitazioni che possono determinare problemi per l’inserimento di alcune specie. Un esempio di sistemazione a verde di un edificio a corte che si differenzia nettamente dagli altri è il Rozzol Malara a Trieste, caratterizzato soprattutto dal gigantismo dell’architettura: un unico blocco a forma quadrata per 648 alloggi con edifici da 7 a 12 piani. L’area a verde, rinserrata tra le abitazioni, piuttosto ingombranti, è di ben 4 ettari. La scelta progettuale, operata da Guido Ferrara e Giuliana Campioni, è stata quella di cercare di attutire la presenza del costruito. Così si esprimevano i progettisti: “La sfida verde è quella di un pigmeo contro un gigante e la realizzazione del giardino, pur con i correttivi che devono essere attribuiti al tempo occorrente per la crescita degli alberi, è stata fortemente penalizzata dal rapporto di scala con l’architettura”. Le caratteristiche generali del progetto sono scaturite da due considerazioni di fondo. La prima è stata quella di individuare i principali fruitori del verde nei bambini e negli anziani, la seconda nel rifiuto sia delle

Pagina 47

Le tipologie di spazi a verde

soluzioni formali all’italiana, in cui negli spazi a verde si svolgono solo attività sedentarie, che del dotare gli spazi di un’offerta fruitiva “programmata”, che deprime la fantasia e la creatività associativa. Per tali motivi lo spazio è stato arricchito di numerose attrezzature per il gioco per soddisfare le esigenze dei più piccoli ma al tempo stesso si è puntato sulla possibilità di sviluppare negli stessi spazi la vita associativa e di relazione. Case a torre Con questa tipologia abitativa il problema che si pone è quello di coniugare la struttura abitativa che si sviluppa fortemente in verticale con la presenza di vegetazione. Se lo spazio di pertinenza degli edifici raggiunge dimensioni adeguate vi è la possibilità di ottenere soluzioni molto valide dal punto di vista formale ma anche funzionale. In caso contrario si tratta di un’area asfittica che subisce le conseguenze negative, non solo estetiche ma soprattutto ambientali, della presenza incombente del costruito. Fra i numerosi esempi possiamo citare quello del quartiere Heiligfeld III a Zurigo, caratterizzato dalla presenza di un’edilizia privata (case a “j”) e case a torre (ad opera di cooperative). Complessivamente sono 192 alloggi che si affacciano su un’area dotata di un gruppo di fabbricati per negozi aperti sulla strada. La realizzazione a verde ha previsto la creazione di piacevoli percorsi che consentono di raggiungere angoli appartati tra gli alberi o accanto alle abitazioni per il relax; nella parte centrale, quale fulcro visivo è stata realizzata una collinetta artificiale dotata di una tenda-scultura destinata al riposo, attorno alla quale sono stati piantati dei rampicanti. Tipologia mista In questo caso grazie alla presenza contemporanea di molte tipologie di abitazioni si ha l’assenza di monotonia, il che in genere è positivo dal punto di vista estetico, ma si potrebbe avere di contro un eccesso di variabilità che nuoce all’insieme. Solo la sapiente unione di abitazioni diverse ed un’idonea sistemazione a verde possono consentire alla struttura di assumere notevole valenza ornamentale. Un esempio italiano che possiamo citare è il complesso residenziale in via della Cammilluccia a Roma formato da tre edifici di 3-4 piani collegati da corpi più bassi. Scopo della sistemazione paesaggistica, curata da Valeria de Folly, è stato quello di dotare il comprensorio di un ambiente di elevate valenze paesaggistiche e rispondente al contempo a molteplici esigenze funzionali. Particolare attenzione è stata posta nell’analisi delle potenzialità del luogo e delle presenze vegetazionali nelle zone limitrofe. I forti dislivelli hanno imposto la necessità di uno studio paesaggistico molto dettagliato per la soluzione dei salti di quota, a volte assai rilevanti e tali da restringere drasticamente le aree facilmente fruibili. È sorta così l’esigenza di introdurre muri di contenimento e scarpate anche rigide.

Pagina 48

Le tipologie di spazi a verde

Ove consentito dalle pendenze ci si è limitati alla formazione di un manto erboso con miscugli di erbacee accuratamente scelte; altrove sono stati utilizzati arbusti tappezzanti; per altre zone si è resa necessaria la formazione di giardini rocciosi anche per frenare l’erosione superficiale del suolo. La necessità di disporre di quinte verdi che non rappresentassero elemento di barriera nella continuità della progettazione è stata risolta con l’impiego di piante sia sempreverdi che caducifoglie, il che ha anche comportato un gradevole effetto cromatico all’alternarsi delle stagioni. Quando lo spazio disponibile lo consentiva è stata adottata la soluzione della siepe mista per aumentare la profondità di campo; nella zona piscina sono stati introdotti gli stessi elementi arborei presenti nei giardini limitrofi, integrandoli con specie a foglia caduca per creare una quinta vegetale che raggiungeva la completa funzionalità nel periodo estivo. Nell’impostazione generale della scelta della specie si sono privilegiate le specie autoctone, anche perché questo consentiva di valorizzare e integrare esemplari arborei già presenti al momento della costruzione. Giardini monofamiliari Il giardino monofamiliare nasce dall’esigenza, non solo di ampliare gli spazi abitativi dilatandoli all’esterno, ma anche di godere di un più stretto rapporto con la natura.

Pagina 49

Le tipologie di spazi a verde

Ripercorrere la storia dell’evoluzione del giardino monofamiliare è opera improba, in quanto coincidente spesso con quella del giardino nella sua complessità ed interezza. Naturalmente il riferimento è a quello prossimo alle abitazioni nobiliari o alle regge. Se ci si riferisce, invece al giardino attorno ad una singola abitazione, che sia o no urbano, ma di piccole dimensioni, questo ha sicuramente un’evoluzione molto più recente e meno articolata. In genere tale tipologia non è mai ricca di valenze e spesso ripropone quel modello, tipico del giardino concluso medievale, che prevede vicino alla casa le decorazioni floreali e più lontano da essa una parte più o meno alberata. Il valore estetico se non l’importanza di un giardino non sono, però, funzione delle sue dimensioni: l’attrattiva di un giardino dipende in primo luogo dal suo impianto e dalle cure del proprietario soprattutto quando il giardino stesso è di piccole dimensioni. È anche evidente che giardini ben progettati e ben eseguiti, se non mantenuti, possono in pochi anni perdere il loro primitivo aspetto e degradarsi più di uno spazio a verde di grandi dimensioni, in quanto sono più dipendenti dalle cure colturali. Anche in un piccolo giardino, e forse soprattutto in questo, la fioritura è uno dei valori formali fondamentali, difficile tuttavia da gestire. Occorre infatti che sia abbondante e continua, che le associazioni di colore siano ben armonizzate tra loro. La progettazione dei giardini è stata sempre influenzata dalla cultura e quindi anche dalle mode imperanti. In funzione delle tipologie cui si riferiscono, i giardini possono essere classificati in vari modi. Si può ad esempio suddividere tali spazi a verde in base alla composizione vegetazionale (es. giardino alpino), alla predominanza di un taxon (es. giardino delle rose), allo stile di progettazione (es. giardino giapponese), ecc. La classificazione funzionale che abbiamo seguito, proposta dalla Zoppi (1990), suddivide il giardino in base alla sua destinazione e quindi agli interessi del proprietario. Vengono così individuati: il giardino di rappresentanza, il giardino prolungamento della casa, il giardino da collezione. Anche per ciascuna di queste tipologie nel prosieguo cercheremo di illustrarne alcune esemplificazioni. Giardino di rappresentanza Si ha questa tipologia di giardino quando lo spazio destinato al verde deve rappresentare il corollario di uno status economico-sociale e se la sua bellezza è ricercata in relazione all’impressione che può suscitare nei visitatori. È il giardino dove l’interesse del committente è focalizzato alla realizzazione di un insieme ad alto livello estetico e dove le considerazioni d’ordine scenografico prendono il sopravvento sulle altre. Il giardino di rappresentanza è quello che deve rendersi indimenticabile e che è considerato soprattutto come un ulteriore ornamento della dimora e del potere raggiunto dal suo proprietario. È inutile ricordare che i grandi giardini storici sono riconducibili a questa tipologia, anche se negli ultimi anni la grandiosità dell’insieme, per ovvie considerazioni, è venuta in parte meno. Gli aspetti di maggiore interesse possono essere identificati nello studio compositivo e volumetrico e nella reinterpretazione della natura. Spesso è anche un giardino d’autore, in cui si riconosce l’apporto del progettista. Tuttavia l’epoca contemporanea non ha ancora espresso una nuova concezione del giardino privato ma, ispirandosi a modelli affermati, quali il formale, il paesistico, il romantico, il giapponese, rielabora schemi e realizzazioni del passato, riproponendoli spesso ecletticamente. Non solo, ma stile formale e informale, non più considerati antitetici, sono spesso usati nella stessa opera per ottenere scenografie sempre dissimili. Si assiste così alla progettazione di alto valore estetico che si presentano come collage di stili diversi. La necessità di offrire in tempi brevi il massimo della godibilità estetica impone talvolta una certa povertà progettuale e la mancanza di “sorpresa” che ormai ingenerano i prati ben curati circondati da una corona di arbusti. Lo studio di effetti scenografici e la preferenza nei confronti di piante spettacolari sono i due

Pagina 50

Le tipologie di spazi a verde

poli della progettazione dei giardini di rappresentanza, dove con movimenti di terra e con il saggio inserimento di manufatti si cerca di ottenere un gradevole effetto estetico. La scelta delle specie viene ristretta a quelle a rapida crescita o agli esemplari già “di grandi dimensioni”, talvolta prelevati dall’ambiente rurale (quale è il caso di olivo e carrubo nell’ambiente mediterraneo), in quanto il committente vuole un giardino più da esibire che da seguire personalmente. Questo determina una certa monotonia sotto il profilo biologico: palme, yucche e più recentemente i melograni, assieme ai già citati olivo e carrubo, sono diventati elementi forti e spesso costanti del giardino di rappresentanza, in quanto sono gli esemplari di grandi dimensioni più facilmente disponibili nei vivai ed in grado di creare un giardino di pronto effetto. Si assiste inoltre alla generale necessità di far apparire uno spazio limitato come un paesaggio, dove la singola pianta può diventare punto di interesse. A volte il giardino di rappresentanza, proprio perché ha la funzione di rendere evidente il decoro del suo proprietario, è antistante alla abitazione. Giardino prolungamento della casa In questo caso lo spazio a verde funge da vero e proprio prolungamento dell’abitazione e diventa un luogo dove godere della natura in un rapporto essenzialmente privato. In questo caso si ha un ripetersi di spazi definiti in funzione delle attività che vi si svolgono. La compartimentazione del giardino può spingersi fino alla costruzione di piccoli ambienti sia per scopi pratici, quali il gioco dei bambini o il ricovero di animali domestici, o per l’ulteriore privatizzazione dello spazio. In questa tipologia di verde prevalgono gli elementi naturali e l’assenza di artifici, in quanto il luogo è destinato al godimento della famiglia. Frequente è l’impiego di alberi da frutta, il gradevole accostamento di colore, la sfasatura dei piani e la corretta disposizione delle piante. Le odierne progettazioni del giardino “prolungamento della casa” prevedono una partizione dell’esterno anche enfatizzata e sottolineata da segni fisici di separazione, vi trovano così spesso impiego grandi contenitori in laterizio con fioriere e pergolati. Vengono previste zone per la cucina, per il pranzo, per il relax, per il gioco dei bambini e per qualsiasi altra attività che possa risultare gradita al proprietario. Poiché i committenti di questi giardini gradiscono sistemazioni a bassa manutenzione, si preferisce escludervi nella loro sistemazione gli alberi decidui e si ricorre all’uso di tappezzanti per ridurre le operazioni di diserbo. La progettazione prevede anche la sistemazione più o meno stabile di arredi veri e propri, quali gazebi, ma anche cucine all’aperto, barbecue, ecc. Giardino da collezione Tale giardino nasce nel momento in cui l’interesse del proprietario nei confronti delle piante diviene da passatempo fonte di soddisfazione non solo estetica ma soprattutto intellettuale. Questo si traduce prima in una qualificazione del giardino o di una sua parte fino ad arrivare al “collezionismo” vero e proprio. Naturalmente il “collezionismo” presuppone un collezionatore, in tal senso tutte le raccolte, sia pubbliche che private, devono la loro esistenza all’interesse di un singolo. Giardini da “collezione” sono quelli dei Semplici, creati dagli speziali, i giardini botanici, gli arboreti e infine i giardini veri e propri, quali quelli di Villa Taranto, di Villa Hanbury e della Casa Bianca a Porto Ercole, nati dalla passione di privati. L’aspetto di un giardino che ospita una collezione è strettamente correlato al tipo di piante e al ripetersi inevitabile delle loro forme e quindi è dipendente dalla loro collocazione nella simulazione di ambienti naturali gradevoli. Esempi raffinati di ambientazioni sono, ad esempio, quelli della collezione di piante succulente dell’Orto Botanico di Napoli e quella di Huntington a Los Angeles. Si tratta talvolta di giardini non perfetti nel loro aspetto formale, ma ricchi di interesse e fascino in quanto rispecchiano l’interesse del proprietario nei confronti di alcuni taxa, spinto

Pagina 51

Le tipologie di spazi a verde

talvolta all’estrema specializzazione. Giardini senza terra L’aumentata richiesta di spazi verde, frutto dell’intensa urbanizzazione, si esprime sempre più nella sistemazione a verde di spazi “fuori terra”, quali terrazze, balconi, cortili, finestre. Si tratta di luoghi anche tradizionali per il verde (non possiamo dimenticare che fra le più antiche forme di giardino vi siano quelli pensili di Babilonia) ma il cui interesse è notevolmente cresciuto nel corso degli ultimi anni, il che ha anche comportato la specializzazione di progettisti e maestranze per la realizzazione di alcuni di questi spazi (giardini pensili). Terrazze Il terrazzo è il più diffuso degli spazi attigui all’abitazione e viene spesso trasformato, soprattutto nelle città, dove maggiore è la richiesta di giardini pensili. Le prime proposte per una nuova funzione dei tetti risalgono, invero, al secolo scorso, ma solo in seguito, con Le Corbusier, sarà definito il concetto di “tetto-giardino” nella città moderna, come espansione della abitazione ed elemento per la sua qualificazione. La sistemazione di qualsiasi terrazzo è conseguente soprattutto alla sua forma e dimensione. Nei piccoli spazi diventa maggiormente evidente la funzione decorativa, di arredo che verrà privilegiata nella scelta delle piante, quale elemento caratterizzante degli spazi. I risultati migliori si sono ottenuti attraverso una distribuzione delle piante erbacee ed arbustive ordinata e ben definita in modo da valorizzare la varietà di forme e colori delle piante stesse. Soluzioni molto più fruibili offrono i terrazzi di maggiori dimensioni; in questo caso è possibile suddividerli in zone con funzioni diverse. La caratterizzazione degli spazi, l’eventuale suddivisione in parti aperte e chiuse, coperte e scoperte renderà più confortevole il terrazzo stesso. La copertura vegetale degli edifici consente di creare spazi verdi che, oltre a consentire risparmi energetici, offrono interessanti soluzioni di inserimento paesaggistico, contribuendo a migliorare la qualità dell’ambiente urbano. Si cerca così di evitare, attraverso una corretta progettazione del giardino pensile lo squallore di vaste superfici di copertura lastricata. Balconi Il balcone, elemento importante nei prospetti degli edifici, è una struttura piana, generalmente di piccole dimensioni, aggettante (l’aggetto non supera 1-1,2 m) o meno dal muro di facciata, posto in corrispondenza degli elementi orizzontali di struttura e costituisce uno spazio praticabile esterno. Più protetto di una terrazza, in quanto in genere sormontato da un altro sovrastante, che impedisce alla pioggia di battere, è usato di solito nei luoghi a forte densità abitativa. La presenza di piante in contenitore, nonostante le dimensioni in genere modeste, è elemento importante di qualificazione. Le piante prescelte debbono essere in grado di superare stress di notevole intensità, anche meccanici. I contenitori dovrebbero essere collocati in luoghi riparati e facilmente accessibili per agevolarne le cure colturali. Va ricordato che la fruizione del balcone è anche visiva e quindi è importante pensare al colpo

Pagina 52

Le tipologie di spazi a verde

d’occhio che si ha dall’interno della casa che resta il punto privilegiato di osservazione. Non va sottovalutata infine l’illuminazione ed il raccordo fra gli spazi interni ed esterni. Cortili In alcuni edifici i cortili rappresentano parte integrante del progetto: si creano in questo modo spazi destinati allo svolgimento di funzioni particolari riguardanti la destinazione d’uso dell’edificio stesso. Nelle case unifamiliari il cortile trova larga applicazione e si presenta con le soluzioni più varie, dimostrandosi un valido elemento a completamento dell’abitazione. Il problema principale di questi spazi è che spesso sono in ombra, per cui è necessario selezionare una vegetazione sciafila, in grado di valorizzare tali spazi. D’altra parte il microclima che si determina può talvolta essere favorevole e consentire la coltivazione di specie che in un luogo aperto non potrebbero svilupparsi. La sistemazione del cortile comporta l’impiego di molti elementi tra i quali, pergole, vasche per acqua e piante, statue, ecc. Nelle aree molto ampie i contenitori e i vasi sono utilizzati per suddividere le diverse zone e possono essere disposti in maniera da movimentare la composizione. Nei casi in cui lo spazio sia limitato può essere valorizzato al massimo quello prossimo ai muri, attraverso un saggio impiego di rampicanti. Da un punto di vista biologico, non possiamo tralasciare di ricordare come in questi spazi minimali disposti attorno alla casa, tipici degli ambienti meridionali soprattutto nel passato e negli ambiti più rurali, sia possibile rinvenire alcune specie tradizionali, molto rustiche, che dovrebbero forse essere oggetto di una nuova attenzione per le pregevoli caratteristiche estetiche ma soprattutto per la facilità della loro coltivazione. Anche i contenitori tradizionalmente usati nascevano dal riciclaggio di materiali poveri, latte, piccole botti, il che accresceva il “fascino” di questi ambienti, rendendoli unici. Finestre La sistemazione delle finestre può contribuire a migliorare il prospetto della casa, sottolineandone una caratteristica rilevante oppure diminuendone una imperfezione. Davanzali stretti o grandi finestre, aperture poste su seminterrati o su cortili soleggiati sono tutti spazi che offrono molte possibilità alla decorazione con piante. In questo caso è possibile collocare le piante sia all’esterno che all’interno rispetto all’apertura. Contenitori e vasi di tutte le forme e dimensioni possono essere utilizzati per la coltivazione delle piante. Le soluzioni per allestire la parte interna delle finestre sono molte, dalla più semplice, quella di sistemare con vasi il vano stesso, creando così un contatto immediato con l’interno, alla realizzazione di vani attrezzati con fioriere ma separati con vetrate dallo spazio interno. Davanti alle vetrate le piante godono delle migliori condizioni di illuminazione, ma è opportuno anche in questo caso una idonea scelta della specie, una conoscenza approfondita delle esigenze delle stesse e l’adozione delle corrette operazioni di coltivazione. 3.5. I giardini tradizionali siciliani Il verde storico si presenta in Sicilia, a seguito delle complesse vicende che hanno caratterizzato la storia dell’isola sin dall’antichità più lontana, degli influssi di diverse civiltà che si sono succedute (da quella araba, alla normanna, spagnola, ecc.), delle stesse difficoltà di scambi tra i diversi centri urbani, delle differenti condizioni ambientali, orografiche e climatiche, estremamente diversificato fra le varie province, ma anche fra ambiti territoriali più ristretti. A distinguere forse il giardino siciliano da quelli di una più ampia area geografica mediterranea è innanzitutto il rapporto problematico con il clima, torrido per una buona parte dell’anno, e con un paesaggio che sovente assume toni piuttosto aspri. Ciò rende ancora più straordinaria ed ospitale quell’oasi di verde e di frescura che il giardino crea, a

Pagina 53

Le tipologie di spazi a verde

volte in maniera sorprendente. L’antichissima presenza dell’uomo ha fatto sì che nei luoghi dove esistevano già oasi naturali si concentrassero ancor più gli interventi umani e la creazione dei giardini. Si verifica, così, spesso l’effetto opposto, che i siti naturali cioè siano talmente ricchi di suggestioni simboliche e liriche che l’intervento dell’uomo non può che limitarsi alla sistemazione “minima” per rendere accessibili quei luoghi privilegiati, nei quali l’uomo stesso entra in contatto con lo spettacolo affascinante della natura. Ciò accade già prima della rivalutazione del paesaggio mediata dalla cultura inglese e romantica: è questo certamente il caso di molte sistemazioni dell’area etnea, dove la vista del vulcano e della natura rigogliosa e aspra delle sue pendici, segnate dalle colate laviche, sono superiori a qualsiasi paesaggio artificiale. Cercare di trovare una matrice comune al verde storico della Sicilia sarebbe fuorviante, tanto variegato e differenziato è il patrimonio che, pur fra mille difficoltà, è pervenuto fino ai nostri giorni. Nei giardini delle province orientali della Sicilia (Catania, Ragusa) un elemento in comune è forse l’acqua: ogni cosa dipende dalla sua sempre esigua disponibilità e dalla difficoltà di reperire sorgenti e di sfruttare corsi d’acqua, che il più delle volte hanno regime irregolare. In mancanza di sorgenti, affinché l’uomo potesse abitare questi luoghi, era pertanto quasi sempre indispensabile costruire una cisterna o “gebbia” che desse una sufficiente riserva d’acqua e servisse anche per abbeverare gli animali e, se in esubero, per coltivare un piccolo orto o un giardino. Specialmente in quei giardini che più dipendevano dalle risorse idriche diviene esplicito un carattere che li contraddistingue, spesso in maniera ossessiva: il loro forte legame con le esigenze di carattere alimentare. Ciò a ricordare come non possa esistere godimento se prima non vi sia un appagamento delle esigenze primarie, qual è quella di nutrirsi e quindi di sopravvivere. Anche dopo aver soddisfatto tali esigenze, resta pur sempre connaturato nell’uomo il piacere di sollecitare il gusto. È cosi che quando si realizza un giardino si cerca sempre di assicurare la presenza di piante utilitaristiche: «le piante e gli alberi debbono servire alla botanica del palato», come ricordava Rosario Assunto. La Sicilia veniva colpita spesso da carestie, delle cui conseguenze risentiva persino quell’aristocrazia che creava i giardini. Il possedere il giardino fruttifero era perciò per il proprietario in primo luogo garanzia di agiatezza e ricchezza, condizione prima ed irrinunciabile di benessere fisico che permetteva di realizzare e godere delle altre sublimi gioie del giardino. È emblematico ricordare nei Vicerè di De Roberto l’episodio in cui la famiglia, trasferitasi in villa per sfuggire al colera che infieriva nella città, vede trasformato dalla padrona di casa il giardino dell’avo Giacomo XII in orto: «I fiori essendo “roba che non si mangia”, rose e gelsomini furono divelti». Un carattere molto importante, come già ricordato, che sicuramente ha influenzato le scelte biologiche del giardino siciliano, è quell’intima frammistione fra essenze utilitaristiche ed ornamentali: frequente è quindi la presenza di piante “agrarie”, quali melograno, gelsi, nespolo, banano, agrumi. Per questi ultimi occorre non dimenticare come il loro inserimento in Sicilia sia stato connesso all’essere particolarmente apprezzate come piante ornamentali: solo alla fine del XVIII secolo, grazie soprattutto ai contratti per la fornitura di “agro” alla marina inglese, essi diventeranno l’oro giallo dell’agricoltura isolana. Nei giardini siciliani, soprattutto di quelli presenti nella costa orientale, meno interessata dalla presenza di una classe nobiliare più consolidata, come accade, invece, a Palermo, è piuttosto frequente riscontare diverse specie del genere Citrus e Prunus, Eriobotrya japonica, Morus carica e M. alba, Feijoa sellowiana, Musa x paradisiaca, Punica granatum, Cydonia oblonga, Actinidia deliciosa, Dyospiros kaki. A queste piante, tipicamente agrarie ed utilitaristiche,

Pagina 54

Le tipologie di spazi a verde

Caratteri del giardino catanese

possono essere assimilate alcune ornamentali eduli, qual è il caso ad esempio di Ruscus hypoglossum, Monstera deliciosa e lo stesso Arbutus unedo. Un altro elemento importante per capire le scelte biologiche presenti negli spazi a verde di interesse storico è la moda del giardino di acclimatazione che sicuramente stimolò il collezionismo botanico. Infatti, nonostante in genere lo spazio destinato alla vegetazione sia piuttosto contenuto, una nostra indagine, che ha riguardato 20 giardini privati in provincia di Catania, 14 dei quali presenti nel recinto urbano, ci ha consentito di rilevare 265 specie diverse appartenenti a 188 generi e 81 famiglie botaniche diverse. Si tratta spesso di piante esotiche: le specie provenienti dall’area del Mediterraneo ragguagliano nel complesso La presenza di piante utilitaristiche, quali gli agrumi, è un carattere ricorsolo il 10%. Sulla base dei rente del giardino siciliano

Pagina 55

Le tipologie di spazi a verde

caratteri morfo-biologici il quadro di riferimento è dominato dalle piante perennanti, forse anche in rapporto alle pregresse vicende dei giardini stessi: gli arbusti e dagli alberi rappresentano rispettivamente il 26 e 24% del totale. Al di là della frequenza, un gruppo di piante che sicuramente segna i giardini analizzati è quello delle palme. La peculiarità dei tratti morfo-funzionali ed estetici di queste piante ne ha comportato la collocazione in posizione privilegiata, spesso prossima agli affacci degli edifici stessi, ponendo in risalto il maestoso portamento e l’ornamentalità di queste piante. Il relativo quadro biologico, a lungo incardinato sull’endemica palma nana (Chamaerops humilis) e sulla palma da datteri (Phoenix dactylifera), si è modificato fortemente nell’Ottocento con l’introduzione di numerose specie esotiche. Da rilevare come il XIX secolo sia caratterizzato da massicce introduzioni di piante: oltre il 70% delle piante censite è stato introdotto, infatti, in questo secolo. Non potevano certo mancare in un ambiente segnato da caratteri xerici le succulente che rappresentano il 14% del totale. Piuttosto frequenti sono anche le specie inusuali, in alcuni casi vere e proprie rarità botaniche, talvolta non presenti negli attuali cataloghi dei vivai; fra le presenze più singolari possiamo ricordare solo a titolo esemplificativo: Calycanthus floridus, Iochroma cyaneum, Holmskioldia sanguinea, Dracunculus vulgaris, Crinum spp., Casmanthe floribunda, Eucalyptus citriodora, Cycas circinalis. Alcune delle specie presenti, inoltre, es. Hibiscus rosa-sinensis, Nerium oleander, Camellia japonica, ecc., si esprimono con assetti intraspecifici diversi, che accrescono

Alcune delle piante censite: 1) Holmskioldia sanguinea Retz.; 2) Monstera deliciosa Liebm.; 3) Iochroma cyaneum (Lindl.) Green; 4) Calycanthus floridus L.; 5 e 6) Dracunculus vulgaris Shott.; 7) Eucalyptus citriodora Hook.

l’interesse di questi giardini come fonte di biodiversità. Il profilo delle esigenze, al di là di quelle termiche, il 35,9% delle specie censite è di zona climatica 9 e il 23,5% della 10,

Pagina 56

Le tipologie di spazi a verde

appaiono nel complesso piuttosto contenute. Solo a titolo di esemplificazione si ricorda come solo il 27,2% delle specie censite presenti esigenze idriche piuttosto elevate e che 23,0% necessiti di elevati livelli di sostanza organica. Si tratta di dati che attestano una notevole rusticità delle specie presenti, il che appare il frutto, più che di scelte biologiche originarie, di un’evoluzione del giardino stesso, in cui un ruolo ha sicuramente giocato la discontinuità delle operazioni di manutenzione. Le differenze nelle scelte biologiche fra i giardini dell’area urbana e quelli suburbani appaiono contenute anche se interessanti: in entrambi prevalgono le piante utilitaristiche ed esotiche; l’unica differenza di rilievo è la diffusione negli impianti dell’area pedemontana di piante che manifestano minore tolleranza alle elevate temperature estive; significativa è anche la presenza sempre in questi giardini di camelia e gardenia, il che si giustifica con la possibilità di meglio soddisfare le esigenze per il substrato di queste specie. Nell’isola, inoltre, come in altre regioni mediterranee, l’arte del giardino si confonde con l’agricoltura: ciò è evidente ad esempio per quanto riguarda la produzione degli agrumi, sempre presenti in ogni giardino siciliano. Questi ultimi diventano, nella seconda metà dell’Ottocento, da coltura complementare attività economica primaria di molti centri dell’isola. Significativa in tal senso è l’identificazione, relativamente recente, nel dialetto siciliano della parola “giardino” con l’agrumeto che serve esclusivamente per la produzione destinata alla vendita. E giardini erano anche chiamati in tempi precedenti i gelseti ed altre colture arboree, dove i fini utilitaristici si confondevano spesso con quelli del godimento estetico. L’interesse del legame fra giardino storico e territorio, spesso rurale, sta anche nel fatto che, soprattutto in Sicilia, non può essere condotta una funzionale azione di conservazione e valorizzazione dell’enorme patrimonio dei giardini storici se non si attiva una valida e profonda protezione e pianificazione dell’intero territorio, di cui questi giardini, assieme agli spazi rurali che li circondano, fanno parte. Per potere tutelare questi spazi occorre, oltre alla necessaria ed inderogabile azione vincolistica da parte della Soprintendenza, la messa a punto di strumenti normativi e finanziari che siano in grado di tutelare l’intero territorio, individuandone forme di utilizzazione che siano compatibili con i precipui valori storici, culturali e paesaggistici che esso esprime.

Pagina 57

Funzioni della vegetazione

4. FUNZIONI DELLA VEGETAZIONE Premessa La spinta all’urbanizzazione, avvenuta soprattutto a partire dal XIX secolo, ha posto in termini conflittuali la presenza del verde all’interno delle città. Alcuni interventi di fine ’800, tesi ad introdurre “nelle città la Natura che fino allora ne era stata lontana” (Citati, 2001), non riuscirono ad assicurare una significativa presenza di verde, nonostante se ne riconoscesse l’insostituibile funzione. Intorno alla metà del secolo XIX il verde pubblico comincia a costituire capitolo importante dell’urbanistica. Il verde “urbano” o “suburbano”, da rimedio locale allo sviluppo edilizio, si evolve in componente connaturata allo svolgimento della vita nella città moderna e perciò viene inserito strutturalmente nel tessuto urbanistico (Panzini, 1993). Una dimostrazione di questa sensibilità è data dall’evidenza con cui emerge alla fine dell’Ottocento, il movimento per la garden city (la “città giardino”) che propugna l’idea di una città immersa nel verde. In Italia è soprattutto fra la fine dell’800 e gli inizi del ’900 che nell’organizzazione degli spazi viene prevista la presenza del verde pubblico. Le motivazioni addotte nel 1884 per promuovere il verde a Palermo sottolineano le funzioni del verde: “I giardini pubblici sono dei fattori di salubrità in una città e gli alberi che trovano nelle piazze aria e luce in abbondanza, danno ossigeno, risanano il suolo ed abbelliscono le città. Le piazze alberate costituiscono i polmoni di esse e quanto più vasti e ricchi di vegetazione saranno questi spazi, tanto più saranno salutari. In essi i vecchi ed i fanciulli trovano aria come quella di campagna” (Alessandro et al., 1987). La questione del verde pubblico conduce nel corso del XX secolo, soprattutto nel secondo dopoguerra, alla cosiddetta “linea degli standard”, ufficialmente recepita a livello legislativo, almeno in Italia, con il Decreto Interministeriale 1444 del 2/4/1968 che fissava tale limite, come già ricordato, a 9 m2. A quasi quaranta anni di distanza tale valore, soprattutto per molte città meridionali, rimane ancora oggi un obiettivo disatteso. Nonostante la carenza del verde, e forse proprio per questo, si sono, invece, consolidate sempre più la sensibilità “ecologica” e la necessità di rendere più vivibili, con la presenza delle piante, gli ambienti maggiormente antropizzati ed in particolare quelli urbani. Nella mozione conclusiva di un incontro promosso dall’Accademia dei Georgofili nel 1993 viene in proposito ricordato che “Le piante sono essenziali, non solo come produttrici di sostanza organica indispensabile per la stessa vita animale, ma ci aiutano con la loro azione di filtraggio dell’atmosfera, di regimazione delle acque, di regolazione del ciclo degli elementi nutritivi, di integrazione con altre forme di vita (microrganismi, insetti, ecc.), di influenza sul clima, di monitoraggio dei parametri ambientali; e persino aiutano, non poco, la nostra psiche.” Caratteristiche dell’ambiente urbano L’ambiente urbano presenta alterazioni più o meno significative dei parametri fisici e chimici dell’aria relativamente a temperatura, umidità atmosferica, rumore, particolati e gas. Con riferimento alla temperatura è ben noto che la città può essere considerata una “isola di calore” in quanto i valori della temperatura superano di alcuni gradi quelli che si registrano all’esterno del perimetro urbano. L’isola di calore si determina a seguito delle alterazioni del bilancio radiativo determinato dai maggiori apporti di energia necessari per il riscaldamento, per le attività artigianali o industriali e della funzione di “trappola per radiazioni” svolta dalle strutture murarie delle strade e degli edifici per cui, nonostante la radiazione che raggiunge il suolo si riduca anche del 20% per via della torbidità dell’aria e l’albedo sia di norma maggiore, la temperatura risulta significativamente più elevata. L’aumento della temperatura, variabile con le stagioni e con l’ora del giorno, è dell’ordine di alcuni gradi. A

Pagina 58

Funzioni della vegetazione

Roma, ad esempio, l’aumento del valori delle temperature minime medie raggiunge i 4,3°C in luglio e i 2,5°C in gennaio, valore quest’ultimo molto simile a quello riscontrato (2,4°C) nel trimestre invernale per Milano (Pagliari, 1989). Relativamente alla temperatura media dell’aria si riferisce di valori più elevati da 1,5 a 2,5°C, con punte superiori a 5°C ed in condizioni particolari ai 15°C (Lanphear, 1971). Naturalmente le differenze ed il decorso dei valori termici risultano influenzati anche dalla presenza e dalla esposizione degli edifici; studi al riguardo, effettuati nel mese di agosto nella Columbus Avenue di New York, hanno fatto registrare differenze nella temperatura massima fino a 20°C (22 contro 42°C) tra lato est ed ovest (Bassuk e Witlow, 1987). Sempre nell’ambiente urbano le precipitazioni, a motivo della maggiore presenza di nuclei di condensazione, superano in media quelle delle aree rurali circostanti del 10%; l’umidità relativa risulta comunque più contenuta in quanto le superfici impermeabili sono assai estese per cui le acque meteoriche evaporano più o meno rapidamente o sono smaltite attraverso il sistema fognario. Sempre negli studi prima citati è stato accertato che sulla Columbus Avenue l’umidità relativa oscilla nelle giornate estive tra il 10 ed il 20% contro il 40% registrato a Central Park, il grande polmone verde della metropoli statunitense (Bassuk e Witlow, 1987). L’inquinamento acustico è altra condizione dell’ambiente urbano frequentemente non favorevole; nelle città il rumore supera ordinariamente la soglia di nocività a livello fisico ed anche psichico. Così nel centro cittadino di Milano è stato accertato che per gran parte del giorno il rumore si attesta sui valori nocivi di 80-90 decibel (Arpini, 1990). La concentrazione di particolati e gas rappresenta un’ulteriore modificazione negativa della qualità dell’aria in ambiente urbano sostenuta dagli impianti di riscaldamento, dal traffico veicolare, dalle attività artigianali ed industriali. Il livello di inquinamento che ne risulta dipende dal bilancio tra l’immissione di pollutanti ed il loro allontanamento con la circolazione dell’aria. In città quest’ultima avviene con difficoltà per cui si determinano gravi rischi per la salute umana e per la stessa funzionalità e sopravvivenza delle piante. A New York è stato calcolato che il 50% degli esemplari di specie arboree ornamentali impiantati annualmente muore nei primi dieci anni, proprio a causa delle condizioni ambientali cui le piante restano sottoposte (Bassuk e Witlow, 1987). Funzioni del verde Una fondamentale funzione del verde è quella di migliorare l’ambiente sotto il profilo estetico e paesaggistico. Al di là di questa funzione le piante, grazie ai processi legati al loro ricambio ed in particolare alla fotosintesi, aiutano a mantenere molti dei parametri microclimatici e chimici a livelli più rispondenti alle esigenze degli esseri viventi ed in particolare dell’uomo. Strettamente connesse alla funzione fotosintetica delle piante sono, in primo luogo, la sottrazione di anidride carbonica e la liberazione di ossigeno, che sono fondamentali ai fini del mantenimento nell’atmosfera di livelli di CO2 compatibili con la vita degli animali e, più in generale, con la funzionalità degli ecosistemi. A titolo esemplificativo

Pagina 59

Funzioni della vegetazione

si può ricordare che un ettaro di foresta possa liberare annualmente 4.400 kg di ossigeno (Zipoli, 1994). Altrettanto favorevoli risultano gli effetti della vegetazione sui parametri climatici nonché l’azione di controllo che essa, se opportunamente disposta, esercita sulla diffusione della luce, sulla propagazione delle onde sonore e sui movimenti di aria. Nel loro complesso le funzioni del verde, soprattutto nei contesti più antropizzati, possono essere sintetizzate in: - estetico-paesaggistica; - ricreativa; - di biomitigazione. Funzione estetico-paesaggistica Il ruolo estetico assegnato da sempre alle piante si coglie pienamente dalla storia dei giardini: sin dall’antichità più remota, l’uomo ha sentito la necessità di circondarsi di piante per abbellire i luoghi in cui viveva o gli ambienti più o meno ampi che li circondavano. Questo ruolo è stato assegnato nel tempo a piante diverse a seconda delle “mode” o delle opportunità di approvvigionamento del relativo materiale di propagazione. La più o meno frequente utilizzazione di queste piante nelle sistemazioni a verde contrassegna il paesaggio nel suo complesso: per quanto attiene all’ambiente mediterraneo esemplare è il caso di alcune piante esotiche ornamentali (es. palme, buganvillea, agave, fico d’india, ecc.) che, introdotte nel tempo, contrassegnano oggi il territorio mescolandosi a specie di interesse agrario (agrumi, olivi, mandorli, vite, ecc.). Funzione ricreativa Tale funzione è ancorata, oltre che alle caratteristiche estetiche delle piante e/o delle formazioni a verde cui esse danno luogo, alla gratificazione che si prova attraverso la realizzazione e/o utilizzazione di spazi a verde (Driver e Rosenthal, 1978). Alle funzioni ricreative possono essere ricondotte anche le finalità sociale e/o terapeutica sempre più assegnate ad alcune tipologie di verde. In termini generali, il riferimento è al tema assai attuale della “Sociohorticulture”, cioè ad un ambito disciplinare e professionale che riguarda le attività legate alla utilizzazione delle piante per dare riscontro a esigenze di carattere non materiale, attinenti alla vita culturale e spirituale dell’uomo (Zhou, 1995). Fra i settori della “Sociohorticulture” vi è anche l’orticoltura sociale o quella terapeutica, basata quest’ultima sul riconoscimento dell’azione curativa che il “contatto” con le piante può esercitare nei confronti di persone affette da disturbi nervosi o portatrici di handicap fisici. Il verde in tale visione consente di riproporre, anche ai nostri giorni, l’antico e vivificatore rapporto fra uomo e pianta, spesso compromesso o addirittura distrutto non solo dalla urbanizzazione, ma anche dai collegati modelli di vita. Si tratta di un rapporto che, se può essere ricostruito facilmente da alcune categorie sociali più favorite (va letta in questa chiave la propensione per una edilizia residenziale in cui sono presenti spazi a verde), risulta precluso per quelle categorie svantaggiate o socialmente (es. anziani) o fisicamente (es. non deambulanti), che invece potrebbero acquisire i maggiori vantaggi dalla ricostruzione di questo rapporto (Dwyer, 1982). La presenza delle piante può rendere più salubre l’ambiente di lavoro: recentemente Field (2000), in un complesso studio, ha accertato che vi è una riduzione del 23% delle affezioni che colpiscono i lavoratori, quando questi possono vivere in un ambiente arredato con un congruo numero (10÷20) di piante da interno. I vantaggi sono relativi alla riduzione (fino al 30%) dei disturbi neuropsichici (fatica, mal di testa, problemi di concentrazione) e delle affezioni a carico delle mucose (tosse, irritazioni agli occhi, ecc.). Studi più dettagliati in questa direzione sono auspicabili (Pearson-Mims e Lohr, 2000) per potere meglio comprendere i meccanismi di causa e di effetto.

Pagina 60

Funzioni della vegetazione

Funzione di biomitigazione Le piante superiori, come già detto, svolgono un ruolo insostituibile ai fini del mantenimento della funzionalità degli ecosistemi attraverso le modificazioni delle condizioni fisiche, chimiche e biologiche dell’ambiente in cui esse stesse e gli altri organismi viventi svolgono il loro ciclo biologico. Tale ruolo si esercita attraverso: a) modificazioni del microclima; b) isolamento acustico e visivo; c) controllo dei fattori dell’inquinamento. a) Modificazioni del microclima L’uso della vegetazione per regolare il microclima è antico quanto l’uomo che, ancora nomade, imparò a proteggersi dai raggi del sole riparandosi sotto gli alberi. La storia del giardino, soprattutto negli ambienti più caldi e soleggiati, è attraversata anche dalla ricerca, attraverso l’uso delle piante, dell’ombra e del fresco. Molti testi antichi sono ricchi di testimonianze in tal senso. Su una tomba di Tebe si legge “che io possa passeggiare ogni sera sulle rive del mio lago e che la mia anima possa rinfrescarsi all’ombra del mio sicomoro”. La Mesopotamia, la terra dei paradisi, era considerata nella tradizione biblica “come un giardino, oasi di ombra e di freschezza”. Plinio il vecchio nella sua Storia Naturale (libro XIII) ricorda che l’introduzione, in tempi omerici, del platano nel Mediterraneo si deve principalmente alla sua ombra poiché “per nient’altro quest’albero è utile se non perché ripara dal sole d’estate e lo lascia passare in inverno”. Tradizionale è poi nel paesaggio agrario mediterraneo la presenza, al margine dei campi coltivati, di esemplati di alberi fruttiferi, spesso gelsi o fichi, per assicurare ombra in estate, durante il riposo dai lavori agricoli. Altro tradizionale esempio di utilizzazione delle piante ai fini della termoregolazione è dato dalla copertura con essenze rampicanti o sarmentose dei muri battuti dal sole: attraverso l’ombreggiamento e i processi di traspirazione viene controllata la temperatura delle pareti esposte e quindi dell’ambiente interno (Alessandro et al., 1987). Anche l’utilità della presenza del verde all’interno delle città ai fini di termoregolazione è nota da tempo. Agli inizi del XVIII secolo Francesco de Sanctis nel giustificare la sistemazione urbanistica della Scalinata di Trinità dei Monti a Roma (1723-26) così si esprime: “si stimarebbe pertanto assai a proposito piantarvi dalli fianchi di una congrua distanza doppia alberata, a fine che elevandosi col suo corso il sole, vengano queste, se non in tutto, almeno in quella parte a coprire e a riparare da i raggi per dove il popolo a suo bell’aggio vi si potrà portare….”. In anni più recenti l’interesse per il verde ai fini della regolazione dei parametri del microclima si consolida ulteriormente nell’ottica del risparmio energetico. Il processo fisiologico che è alla base degli effetti delle piante sul microclima è soprattutto costituito dalla traspirazione che influenza più o meno direttamente tutti i parametri dell’atmosfera (Miller, 1988). L’USDA Forest Service Research degli USA ha calcolato che la traspirazione di un albero di grandi dimensioni ha una potenzialità di raffreddamento dell’ambiente circostante pari a quella di cinque condizionatori di media potenza in esercizio per circa 20 ore al giorno (AA.VV., 1972). La traspirazione, e quindi la possibilità di sottrarre calore all’aria circostante, è naturalmente differente in funzione delle specie. L’intensità della traspirazione di alcuni arbusti ornamentali diffusi nell’ambiente mediterraneo è stata compresa durante i mesi estivi tra 229 e 1686 g d-1 m-2 rispettivamente in eleagno e in lantana, cui corrisponde una sottrazione di calore all’ambiente compresa tra 133 e 978 kcal d-1m-2 (Leonardi e Romano, 1998) (fig. 1). L’intensità di traspirazione è naturalmente influenzata da altri fattori fra cui la disponibilità idrica del substrato e l’indice di copertura della vegetazione. In condizioni di carenza idrica nel substrato (punto di appassimento) l’intensità di traspirazione si è ridotta

Pagina 61

Funzioni della vegetazione

Fig. 1

nella media delle specie fino al 37% di quella massima (fig. 2). Le variazioni dell’indice di copertura, conseguenti all’aumento da 8 a 15 ed a 30 del numero di individui sul metro quadrato di superficie, in rapporto a tre specie (oleandro, pittosporo e viburno), hanno comportato in media una riduzione del 26% dell’intensità di traspirazione ma un corrispondente incremento del 167% della quantità di acqua ceduta riferita all’unità di superficie (fig. 3), fino ad arrivare a valori prossimi a 3000 g d-1m-2 di superficie coperta per un equivalente calorico di oltre 1800 kcal d-1m-2 (Leonardi e Romano, 1998).

Un altro meccanismo di riduzione della temperatura è collegato alla intercettazione della radiazione solare ad opera dell’apparato fogliare ma anche dei rami, la quale varia in rapporto alla densità della chioma, al periodo di fogliazione, alle dimensioni e forma della pianta, alla velocità di crescita e durata. Esemplari di Acer platanoides, caratterizzati da un’elevata densità della chioma, posti a ridosso degli edifici possono determinare valori della temperatura di circa 3°C inferiori a quelli registrati in analoghi edifici protetti con Gleditsia triacanthos, la cui chioma non offre ostacoli importanti ai fini della schermatura dalla radiazione. La densità Fig. 2 della chioma, oltre che dalla specie, dipende anche da fattori ambientali e da pratiche di manutenzione. Condizioni di stress idrico, ad esempio, possono condurre all’abscissione di foglie con evidenti conseguenze sull’ombreggiamento e sulla traspirazione; tra gli interventi di manutenzione sono da ricordare in primo luogo le potature (Alessandro et al., 1987) Il periodo di fogliazione è fattore di intuitiva importanza ai fini dell’ombreggiamento. Nelle specie decidue le fenofasi corrispondenti all’emissione ed all’abscissione delle foglie possono a loro volta variare nel tempo per effetto di fattori legati alle condizioni ambientali e/o alla manutenzione. L’isola di calore di cui si è detto può, ad esempio, comportare rilevanti modifiche nei calendari fenologici. Le dimensioni e la forma della pianta controllano fortemente i meccanismi ed i processi di trasmissione della luce. Anche Fig. 3 la velocità di crescita è un fattore

Pagina 62

Funzioni della vegetazione

essenziale ai fini della funzione ombreggiante; l’uso di specie a rapida crescita o di esemplari adulti di dimensioni elevate permette di conseguire in tempi più rapidi l’effetto desiderato. Naturalmente il ricorso a piante di grandi dimensioni, a pronto effetto, o lo stesso “preimpianto” devono essere valutati in rapporto alle implicazioni operative ed economiche che comportano. La riflessione dell’energia radiante ed il raffreddamento legato all’evapotraspirazione, come già ricordato, riducono significativamente la temperatura negli spazi prossimali alle piante. Con indagini specifiche è stato dimostrato come una alberatura possa abbassare la temperatura delle strade cittadine di circa 3-5°C (Lanphear, 1971). L’effetto di raffrescamento dipende naturalmente dalla “quantità” e dalla stessa “qualità” del verde; i risultati sono tanto più significativi quanto più estese sono le aree a verde coperte da vegetazione. Questa influenza, come già detto, i valori igrometrici ma gli effetti sono in genere più contenuti rispetto a quelli registrati per le temperature (Alessandro et al., 1987). Una ricerca sugli effetti determinati dal verde presente nel giardino zoologico di Berlino, esteso per 212 ettari, ha messo in luce abbassamenti di 5°C della temperatura ed in alcune giornate di oltre 7°C. A Francoforte nella cintura verde larga 50-100 metri che circonda la città sono stati evidenziati abbassamenti di temperatura nell’ordine di 3,5°C; riduzioni più rilevanti (5,5°C) sono state registrate in una notte estiva nel Rock Creek Park a Washington. Attenuazioni della temperatura fino a 8°C sono segnalati per il Golden Gate Park a S. Francisco; valori analoghi sono stati registrati in clima desertico a Dhabran in Arabia Saudita (Alessandro et al., 1987). Sempre in clima desertico, a Phoenix in Arizona, sono stati posti a confronto due “modelli” di sistemazione a verde degli spazi a ridosso di edifici con caratteristiche costruttive simili: prato con presenza di piante da alto fusto e piante del deserto non irrigate; la temperatura massima dell’aria durante il giorno è risultata di 41°C in quest’ultimo caso e di 37°C con la sistemazione a prato (Cook, 1980). In rapporto alle possibilità offerte dalle piante di attenuare le temperature massime, sono stati elaborati, per diverse località residenziali delle zone più calde degli Stati Uniti, modelli previsionali della diminuzione delle temperature estive in rapporto alla vegetazione ornamentale (Huang et al., 1987). Attraverso tale modello è stato calcolato che ad un aumento del 25% della disponibilità di verde farebbe riscontro in quelle condizioni un risparmio dell’energia necessaria per il condizionamento termico estivo del 40% a Sacramento e del 25% a Phoenix; tale risparmio aumenterebbe al 50 e 33% nell’ordine per effetto di una distribuzione delle piante più favorevole ai fini dell’ombreggiamento degli stessi edifici (Huang et al., 1987). Con riferimento all’Italia, è stato stimato che un aumento del 10% della superficie investita a verde determinerebbe in alcune città italiane l’abbassamento di 2°C della temperatura dell’aria con un risparmio energetico per il raffreddamento durante l’estate pari all’8-11% (Barbera et al., 1991). Occorre sottolineare come ovviamente non sia di fatto possibile contemperare obiettivi diversi. Sempre a Phoenix sono stati posti a confronto due «modelli» di sistemazione di spazi a verde prospicienti a due edifici di struttura analoga: da una parte alberi con prato, dall’altra l’impiego di piante «succulente». Nel primo caso si è ottenuto un risparmio energetico del 30% per il condizionamento estivo; il vantaggio economico, però, si annullava per effetto del maggior costo necessario per l’approvvigionamento dell’acqua impiegata per l’irrigazione. Occorre quindi comprendere che è opportuno fare delle scelte: o adottare criteri di xeroscaping per ridurre i consumi di acqua o privilegiare la termoregolazione offerta dalla vegetazione accettando un maggiore consumo di acqua. Naturalmente di volta in volta, in base alle condizioni di riferimento, occorrerà effettuare la scelta più opportuna, dopo un’attenta considerazione dei vincoli e delle opportunità. b) Isolamento acustico e visivo L’attenuazione degli effetti dei rumori può essere ottenuta con le cosiddette “barriere”, cioè

Pagina 63

Funzioni della vegetazione

ostacoli di altezza tale da modificare la propagazione delle onde sonore. Le barriere artificiali, costituite con metallo e/o cemento, hanno in genere un potere di abbattimento del rumore pari a 10-15 decibel; quelle vegetali, costituite da alberi ed arbusti, se sufficientemente ampie, possono ridurre i suoni fino a 5-8 decibel. È stato notato, infatti, che una barriera vegetale in buone condizioni può determinare una riduzione del rumore di circa 0,3 decibel (dB) per metro di spessore (Grossoni, 1994). L’efficienza delle barriere vegetali ai fini della riduzione dei rumori dipende dalle specie, dallo stadio di sviluppo delle piante, oltre che dalle caratteristiche stesse del rumore. Per quanto riguarda le specie è stato rilevato, ad esempio, che un esemplare di Acer pseudoplatanus è in grado di determinare una riduzione fino a 10-12 dB, mentre Betula pendula o Tilia cordata determinano una riduzione intorno a 4-6 dB. Anche le coperture vegetali al suolo possono attenuare il rumore; gli effetti dipenderebbero dalla natura del suolo stesso, dalla specie e dall’altezza della vegetazione. I suoni ad elevata frequenza vengono attutiti dalle piante in misura maggiore rispetto a quelli a bassa frequenza. L’orecchio umano è più sensibile ai suoni ad elevata frequenza, per cui le piante sembrano in grado di intervenire selettivamente sulle frequenze più dannose. L’attenuazione di un suono a bassa frequenza è favorita dalla spaziatura tra gli alberi, che crea una sorta di “trappola” per le radiazioni, mentre quella dei suoni ad alta frequenza dalle caratteristiche del singolo albero, quali il fogliame minuto e compatto (Mecklenburg et al., 1972). Le barriere possono risultare molto utili anche per creare un “isolamento visivo” importante non solo per motivi estetici (si pensi al ruolo svolto dalle siepi nel giardino all’italiana), ma anche pratici. Singolare per la sua importanza è l’effetto delle barriere spartitraffico delle autostrade che servono ad attutire l’effetto abbagliante dei fari. c) Controllo dei fattori dell’inquinamento Negli ultimi anni sempre più si guarda alla vegetazione per il contributo che essa può offrire al fine di attenuare l’inquinamento ambientale. La consapevolezza dell’importanza di questo ruolo svolto dalla vegetazione fa sì che, fra i criteri di scelta delle piante da utilizzare in aree urbanizzate, vengano sempre più considerati quelli inerenti alla possibilità di ridurre la concentrazione degli inquinanti (La Malfa, 1987). In ambiente urbano gli effetti di biomitigazione o di “depurazione”, conseguenti alla immobilizzazione più o meno prolungata nel tempo di alcuni pollutanti, sono più attentamente considerati in rapporto ad alcuni metalli pesanti e segnatamente al piombo ed al cadmio (Kovacs et al., 1993; Hernández et al., 1987). Il contenuto di piombo nelle foglie di alcune specie si è rivelato così direttamente dipendente dal traffico veicolare da venire proposto, come nel caso di oleandro e pioppo, quale indicatore del livello di inquinamento da motorizzazione (Hernández et al., 1987). Sempre in relazione ai metalli pesanti, ed in particolare al piombo ed al cadmio, ricerche condotte su diverse specie ornamentali presenti nel verde urbano di Catania hanno messo in luce come la concentrazione di piombo nelle lamine fogliari di piante presenti in zone ad intenso traffico veicolare, rispetto a quella accertata per piante lontane da fonti di inquinamento, possa raggiungere valori fino a circa 90 volte per Pittosporum tobira contro 36 di Nerium oleander; per il cadmio, invece, la capacità di rimozione è stata pari a 9.6 volte in N. oleander ed a soli 2.1 in Pinus halepensis e Tilia cordata (tab. 1) (Romano e Abate, 1995). Il contenuto in piombo varia fortemente in

Pagina 64

Funzioni della vegetazione

rapporto alle specie saggiate ed ha oscillato, a parità di ogni altra condizione, tra 4 ad oltre 90 ppm sul pes o secc o. L’immobilizzaz ione dell’elemento è apparsa in elevata misura determinata dal deposito dei particolati sulla superficie delle foglie dove questi vengono trattenuti per tempi più o meno lunghi. Altri meccanismi sembrano comunque intervenire nel determinismo del fenomeno. Il contenuto in piombo nei tessuti delle diverse specie si è rivelato infatti in qualche misura disancorato dalla superficie sviluppata dalle foglie per unità di peso; del resto significative quantità del metallo sono state riscontrate nei rami privati di tessuti corticali, quasi sicuramente dovute a processi di assorbimento e di traslocazione da parte delle radici ed al successivo accumulo. Indipendentemente dai meccanismi implicati, le ricerche hanno messo in evidenza come alcune fra le più comuni specie ornamentali in ambiente mediterraneo siano in grado di immobilizzare, per metro cubo di chioma, il piombo ed i particolati contenuti in 6 m3 di aria fortemente inquinata; i valori registrati per il pino (Pinus halepensis), pari a 48,7 g di particolati ed a 63,2 mg di piombo per metro cubo di chioma, consentono la immobilizzazione degli inquinanti presenti rispettivamente in 12 e 16 m3 di aria fortemente inquinata (tab. 2) (La Malfa et al., 1996). Con riferimento agli inquinanti gassosi che sempre più preoccupano per livelli e gravità degli effetti, è stato notato, in una prova tesa a valutare la capacità di assorbimento di germogli recisi di specie arboree nei confronti di SO2, NO2 e O3, sia in mescolanza tra loro che singolarmente, come l’assorbimento sia in genere più elevato nelle conifere e per SO2 (Elkiey et al., 1982). I dati disponibili sulla riduzione della concentrazione di pollutanti nell’aria determinata dalle piante non sono però ancora sufficienti a definire un quadro di riferimento che possa orientare con certezza per una gestione degli spazi a verde funzionale all’obiettivo indicato. In ogni caso l’efficienza delle piante appare legata, oltre che al volume della chioma e quindi alla superficie sviluppata, alle caratteristiche morfologiche ed anatomiche, quali soprattutto la densità e la disposizione delle foglie (La Malfa et al., 1996), e alle caratteristiche funzionali, con particolare riferimento alle aperture stomatiche (Smith, 1978). Accanto alla capacità di accumulare pollutanti e di traslocarli nei tessuti anche la tolleranza

Pagina 65

Funzioni della vegetazione

delle specie ai diversi inquinanti è un parametro da tenere in considerazione. In particolare il meccanismo che è alla base della tolleranza andrebbe attentamente studiato per potere comprendere se e come si possa fare riferimento alla pianta che lo esprime ai fini del miglioramento dei parametri ambientali. È stato riscontrato che le piante erbacee sono più efficienti nella rimozione dei pollutanti gassosi rispetto alle specie arboree e che la porzione superiore della chioma, forse per la sua maggiore funzionalità, riesce a rimuovere una maggiore quantità di inquinanti rispetto a quella inferiore (Miller, 1988). Le condizioni d’impiego delle piante sono altrettanto importanti: intuitivo rilievo assumono sia il numero di individui che la loro disposizione rispetto alla sorgente di inquinamento ed alla direzione e velocità del vento. I massimi benefici della vegetazione sulla “qualità dell’aria” si ottengono quindi se la disposizione e l’organizzazione del verde rispondono a criteri funzionali allo scopo. Importante è in questo caso la densità d’impianto: le barriere verdi, infatti, devono opporre ai pollutanti una adeguata massa fogliare filtrante, ma nel contempo devono lasciarsi attraversare dai venti per evitare fenomeni di turbolenza. Una barriera vegetale di media densità è più efficiente nella rimozione di inquinanti gassosi, mentre una più densa è più efficiente nei confronti dei particolati (Miller, 1988). In tema di controllo dell’inquinamento attraverso le piante un richiamo merita la questione relativa alla possibilità di rimozione dagli ambienti domestici di sostanze più o meno tossiche, quali formaldeide e benzene. L’impiego di alcune piante di appartamento è riconosciuto come una valida possibilità per ridurre la concentrazione di tali pollutanti (Wolverton et al., 1984). Sotto questo profilo fra le piante ritenute più efficienti, anche a seguito delle ricerche condotte dalla NASA in relazione al disinquinamento dell’aria nelle capsule spaziali, ve ne sono diverse utilizzate comunemente nei nostri appartamenti (es. chamaedorea, dracena, sansevieria, spathyphyllum, ecc.). Le piante, inoltre, possono essere impiegate, per la loro specifica sensibilità nei confronti di alcuni pollutanti, nel monitoraggio biologico (bioindicatori). Un gruppo di vegetali bioindicatori è costituito dai licheni corticicoli (Bellio e Gasparo, 1995); essi sono infatti assai sensibili all’inquinamento atmosferico, al punto che il “deserto lichenico” (la scomparsa assoluta di tutti i licheni) è un indice di inquinamento molto elevato, soprattutto di quello legato alla presenza di SO2. Anche alcune piante superiori per la loro sensibilità possono essere utilizzate per il biomonitoraggio; il pino domestico è ad esempio indicatore della presenza di acido fluoridrico, il tabacco e l’acero dell’ozono, il larice e il pino dell’anidride solforosa. L’utilità delle piante nel monitoraggio dell’inquinamento è legata, però, ad ulteriori progressi nello sviluppo di metodiche standardizzate per il prelievo dei campioni, in modo che i dati ottenuti risultino fra loro confrontabili. Un aspetto particolare assume la depurazione dell’acqua. L’inquinamento dell’acqua è dovuto quasi esclusivamente alle attività umane soprattutto quando queste sono concentrate nel territorio; in

Pagina 66

Funzioni della vegetazione

questi casi, infatti, le azioni di autodepurazione dell’acqua stessa non sono sufficienti a far fronte al danno. Dagli anni ’70 in poi è stata studiata la possibilità di utilizzare le piante superiori per la rimozione di sostanze inquinanti, quali azoto e fosforo responsabili, soprattutto il primo, dell’eutrofizzazione delle acque. La capacità delle diverse piante di “depurare” l’acqua è ovviamente diversa. L’interesse di tali forme di depurazione ha portato già negli anni 70 alla costruzione di un impianto pilota, per la depurazione delle acque reflue di una piccola cittadina del Mississippi, Lucedale, con una popolazione di circa 2500 abitanti.

Pagina 67

La progettazione del verde

5. LA PROGETTAZIONE DEL VERDE La progettazione degli spazi a verde è operazione complessa che necessita di una accurata fase iniziale di studio per potere acquisire tutti gli elementi necessari per far sì che l’inserimento della vegetazione non sia episodico e che l’impianto a verde sia dotato di pregevoli caratteri estetici e soprattutto risponda alle esigenze della fruizione. A queste esigenze oggi sempre più si aggiunge l’imperativo di far sì che la progettazione stessa e soprattutto le successive operazioni di manutenzione non siano onerose sotto il profilo finanziario per le difficoltà, molto avvertite soprattutto dalle pubbliche amministrazioni ma anche dai privati, di reperire fondi da destinare a tali scopi. Una corretta progettazione (intesa nell’accezione più ampia del termine e cioè dalla fase di progettazione a quella di realizzazione e di manutenzione) del verde pubblico (la quale, per ambiti territoriali e per “attese” da parte degli utenti, è fra le più complesse) necessita, secondo Castiglioni (1985), del rispetto di alcuni presupposti generali, quali: ∗ costituzione di un gruppo di lavoro in cui siano presenti specialisti delle diverse discipline interessate; ∗ analisi dettagliata del contesto urbano e delle realtà preesistenti; ∗ coinvolgimento degli utenti nelle varie fasi della progettazione, della realizzazione e della gestione delle attrezzature; ∗ enunciazione chiara da parte degli Amministratori pubblici delle volontà politiche; ∗ individuazione precisa dei livelli e delle caratteristiche delle attrezzature e dei loro componenti; ∗ inserimento delle singole attrezzature di “verde pubblico” nel più generale “sistema integrato dei servizi pubblici”; ∗ progettazione accurata di tutti gli elementi, ricorrendo quando necessario alla sperimentazione di sistemazioni prototipo; ∗ esecuzione accurata del progetto; ∗ programmazione ed esecuzione delle manutenzioni ordinarie e straordinarie; ∗ analisi critica a posteriori delle realizzazioni effettuate per poter trarre indicazioni utili per successive progettazioni. Al di là dell’eventuale completezza di questo “decalogo” è indubbia l’esigenza di una gestione multidisciplinare della fase di progettazione, gestione che necessita anche di analisi sociologiche sul potenziale bacino di utenza, sullo sviluppo demografico ed edilizio della città, ecc. Fra le competenze più specifiche che attengono alla componente agronomica in senso lato, vi sono quelle relative allo studio dell’ambiente naturale ed antropico, ai criteri di scelta delle specie ed ai problemi relativi alla fase di impianto e di manutenzione. Nel prosieguo della trattazione faremo spesso riferimento, proprio per la complessità che la caratterizza, alla progettazione del verde pubblico e di quella di ambiti territoriali più estesi, nella convinzione che i principi che saranno elencati possano essere utili anche per la progettazione del verde privato e su superfici più limitate. La fase di progettazione consta, secondo Agostoni e Marinoni (1987) di 3 momenti distinti: ∗ la fase di analisi, studio, ideazione, formulazione e soluzione di scelte alternative, zoning, verifiche di fattibilità; ∗ il progetto di massima, con l’individuazione della suddivisione delle aree secondo le funzioni (copertura verde, rete viaria, attrezzature, strutture e servizi, ecc.), l’entità e la distribuzione degli elementi e il preventivo di massima; ∗ il progetto esecutivo, che descrive in dettaglio (anche grafico) i singoli elementi della sistemazione a verde (popolamenti arborei, arbusti, tappeti erbosi, tipo di attrezzature e strutture, ecc.) e le voci di spesa.

Pagina 68

La progettazione del verde

L’argomento della progettazione del verde piuttosto complesso funzionalmente ai nostri obiettivi, nei seguenti punti: ∗ studi preliminari; ∗ piante ornamentali per gli spazi a verde in ambiente mediterraneo ∗ redazione del progetto; ∗ vincoli ed opportunità di carattere normativo.

sarà

articolato,

5.1. Studi preliminari Essi sono necessari per acquisire elementi di riferimento, in ordine ai fattori ambientali, climatici, pedologici ed all’assetto vegetazionale dell’area. Per effettuare alcune di queste indagini si può fare utile riferimento a conoscenze pregresse, acquisite nel corso degli studi; per altre si ritiene opportuno richiamare in questa sede alcuni aspetti specifici della metodologia e/o dei contenuti relativi all’indagine stessa. 5.1.1. Individuazione dell’area La prima operazione da fare per la progettazione è quella di individuare esattamente l’area interessata alla realizzazione a verde. Occorre, quindi, avvalendosi anche dei documenti catastali, individuare i confini dell’area e realizzarne la planimetria ed il piano quotato, i quali faranno poi parte integrante della documentazione iconografica del progetto, che analizzeremo in seguito. Non ci addentriamo nella modalità di realizzazione di tali documenti, dato che questi argomenti vengono affrontati nel dettaglio in altre discipline: qui si può solo richiamare il fatto che oggi, grazie soprattutto all’informatica, le operazioni, un tempo onerose, possono essere semplificate. D’altra parte, sempre grazie a specifici software, è anche possibile utilizzare le informazioni acquisite in questa fase in quella successiva di realizzazione del progetto stesso. 5.1.2. Analisi del paesaggio Prima di entrare nel merito di come viene effettuata è importante definire brevemente cosa si intenda per paesaggio. Tale termine può assumere infatti significati diversi; schematizzando si possono individuare 3 diversi modi di “intendere il paesaggio”, quali: ∗ accezione estetica = il paesaggio è considerato facente parte delle bellezze naturali ed è quindi la “veduta, il panorama, la parte del territorio che si abbraccia con lo sguardo da un punto di vista”; ∗ accezione geografica = il paesaggio è costituito dagli elementi fisici, biologici ed antropici che costituiscono i tratti fisionomici di una certa parte della superficie terrestre; ∗ accezione “ecologica” = il paesaggio viene considerato come ecosistema paesistico concreto, si tratta, più che di un vero e proprio ecosistema omogeneo, di un insieme di ecosistemi, interagenti tra loro. Di fatto tali diverse modalità di concepire il paesaggio hanno portato a due modi profondamente diversi di effettuare l’analisi del paesaggio stesso: da una parte l’analisi oggettiva, frutto della concezione geografico-ecologica, dall’altra quella soggettiva, che nasce dall’accezione di tipo estetico-percettiva del paesaggio. L’analisi oggettiva considera come ambito delle proprie attività l’insieme dei dati “oggettivamente rilevabili”, biotici e abiotici, naturali ed antropogeni, che costituiscono la struttura del paesaggio e fanno riferimento a diversi settori scientifici (come geologia, botanica, pedologia, fitosociologia, ecc.). Poiché nessuna disciplina da sola può spiegare la realtà di un paesaggio, che si presenta al tempo stesso unitaria e multiforme ed è il risultato di interazioni complesse, le singole analisi devono essere utilizzate, contestualmente o separatamente, al fine di individuare le relazioni e le interdipendenze tra fenomeni e classi di fenomeni e di approfondire l’aspetto dinamico del paesaggio che si può cogliere attraverso l’approssimazione sistemica (Romani, 1994). L’analisi di tipo oggettivo, per

Pagina 69

La progettazione del verde

descrivere in modo scientifico i vari elementi e i sistemi che costituiscono il paesaggio, cerca di rilevare e di registrare, spesso attraverso una cartografia di base di scala opportuna, numerosi dati territoriali, naturali ed antropici, scomponendoli nelle differenti categorie di indagine ed analizzandoli secondo metodiche che sono tradizionali e che fanno riferimento a discipline di tipo classico (botanica, zoologia, urbanistica, ecc.). Tali elementi nell’analisi paesaggistica devono essere poi fatti interagire perché occorre tenere sempre presente nell’analisi che il paesaggio non è mai uniforme, ma varia in funzione delle sue componenti; la modifica di una di queste influisce e talvolta stravolge il funzionamento del tutto. Questo tipo di analisi è quindi molto efficace per cogliere, la “fragilità” o la “vulnerabilità” di un’area, la sua “vocazione” o per registrare particolari “valori” che occorre preservare. L’analisi di tipo soggettiva, invece, pone l’accento prevalentemente sul processo visivo, su come il paesaggio si manifesti all’osservatore, in forme, sequenze, ordinamenti sensibili e percepibili ed in particolare attraverso la vista. I metodi di indagine fondati sull’analisi percettivovisiva sono numerosi ed ampiamente utilizzati nella riqualificazione paesistica di determinati ambienti. Il “vedere” è un atto conoscitivo complesso che consiste nell’elaborare le immagini che ci pervengono attraverso la vista tramite specifiche funzioni mentali, quali la memoria, ed utilizzando anche parametri personali, quali la cultura, l’appartenenza a gruppi sociali particolari, ecc. L’apprezzamento estetico del paesaggio è un fatto quindi eminentemente individuale, ma a partire dagli anni ’60 si è cercato di “oggettivare” tale giudizio. Le metodologie di indagini si muovono su diverse direttrici. Fra quelli più diffusi possiamo ricordare i metodi descrittivi che, basandosi su determinate caratteristiche morfologiche “fondamentali”, mirano a descrivere ed a raggruppare in categorie i diversi tipi di paesaggio. Un altro approccio è quello della “preferenza”, cioè cercare di raccogliere la valutazione dei fruitori effettivi o potenziali dei diversi paesaggi. Al di là della concezione di riferimento e del metodo di analisi previsto, può essere utile per i nostri scopi fare riferimento ad alcune delle classificazioni proposte per i diversi “tipi” di

Pagina 70

La progettazione del verde

paesaggio riscontrabili nella realtà italiana. Per dare riferimenti che possono essere utili ai fini di una eventuale analisi del paesaggio che ci circonda, il quale indubbiamente riassume non solo elementi diversi tra loro, ma è anche il frutto della “storia” degli eventi che su quel territorio si sono succeduti, si è ritenuto utile dare qualche indicazione in merito ai “paesaggi” in cui dobbiamo spesso inserire le nostre sistemazioni a verde. Tali paesaggi fanno riferimento a: ∗ paesaggio naturale; ∗ paesaggio agrario; ∗ paesaggio urbano. Paesaggio naturale È dominato dalla presenza della vegetazione naturale che rappresenta un importante elemento da tenere in considerazione per le informazioni preziose che possiamo acquisire in tema di progettazione degli spazi a verde. La distribuzione delle piante sulla terra, come è noto, è regolata da tre grandi fattori: 1) storia; 2) terreno; 3) clima. Con il primo si intende non solo i grandi eventi geologici che hanno influenzato la distribuzione della vegetazione in base ai periodi di glaciazione e di disgelo che si sono succeduti nel tempo, ma soprattutto l’azione attiva dell’uomo che, sin da epoche antichissime, ha trasportato piante da una parte all’altra del globo, modificando il paesaggio naturale. Per quanto riguarda il terreno occorre ricordare l’influenza che le caratteristiche del substrato hanno sulla presenza di determinate specie, caratteristiche che sono anche il frutto dell’intensa azione che i fattori climatici esercitano sul substrato pedogenetico. Il terreno è infatti spesso definito “figlio del clima”. Per quanto attiene ai parametri climatici, quelli che maggiormente influenzano la vegetazione sono: ∗ radiazione luminosa; ∗ temperatura; ∗ precipitazioni. Il condizionamento imposto dal clima nella distribuzione degli esseri viventi fa sì che si possa parlare di bioclima (se ci si riferisce a tutti gli esseri viventi) o di fitoclima (il

Pagina 71

La progettazione del verde

riferimento è solo alla vegetazione). In base alla presenza di particolari tipi di vegetazione, il fitoclima italiano si presenta articolato nei seguenti tipi elementari o biocore climatiche (Giacobbe, 1949): ∗ mediterranea sempreverde; ∗ montana mediterranea; ∗ sub-mediterranea; ∗ subcontinentale o continentale; ∗ montana alpina; ∗ cacuminale. I caratteri distintivi di queste biocore, con l’indicazione delle specie a valenza ecologica compatibile sono riportati nello schema allegato. Paesaggio agrario È quella forma che l’uomo, nel corso dei secoli ed ai fini delle sue attività produttive agricole, coscientemente e sistematicamente, imprime al paesaggio naturale (Sereni, 1961). L’interesse di studiare tale paesaggio, non solo attuale ma anche nella sua evoluzione “storica”, discende direttamente dalla constatazione che gran parte (circa il 50%) della superficie territoriale del nostro Paese (che è di circa 33 milioni di ettari) è occupata da attività agricola. Anche se nell’ultimo secolo l’importanza, in termini di impiego di mano d’opera ma anche di utilizzazione del suolo da parte dell’agricoltura, è certamente diminuita, resta il fatto che fino alle soglie del ’900 l’attività agricola è stata quella in grado, più di tutte le altre, di lasciare dei segni sul nostro territorio. Le tracce che spesso ancora oggi ritroviamo e che caratterizzano il paesaggio rurale sono molto antiche e possono risalire fino al periodo greco o etrusco. Per questo motivo si è ritenuto opportuno riportare brevi cenni sull’evoluzione storica del paesaggio agrario. Periodo greco: il paesaggio agrario era caratterizzato dalla divisione netta tra terre coltivate ed incolti tramite siepi e muri; i campi presentavano forme geometriche regolari; notevole era la presenza delle colture arboree (es. olivo). Una idea di come doveva essere il paesaggio nel periodo greco la possiamo trarre dalla cosiddetta Tavola di Alesa, una mappa del tempo di una porzione di territorio agrario. In Sicilia le tracce di questo uso del suolo sono ancora oggi rinvenibili in alcuni modelli di paesaggio agrario, qual è quello degli appezzamenti irregolari chiusi, a seguito della necessità di proteggere le colture dalle greggi e dai furti campestri.
Tavola di Alesa.

Periodo etrusco: l’elemento che permane fino ai nostri giorni, anche se ormai sporadico, è

Pagina 72

La progettazione del verde

quello della vite maritata al pioppo, all’acero, all’olmo e consociata con le colture dei cereali. Periodo romano: durante tale periodo storico sono state effettuate delle modificazioni sulla struttura del paesaggio che sono giunte fino ai nostri giorni praticamente immodificate. Fra quelle più significative possiamo ricordare la “limitazio” cioè la misurazione e divisione del suolo, che portava alla formazione delle “centuriae”, quadrati di 740 metri di lato (pari a ~50 ha), destinati ai centurioni dell’esercito; il “reticolo” che si veniva a determinare nel territorio è facilmente rilevabile ancora oggi, ad esempio, nell’agro di Cesena. I romani provvidero anche alla costruzione di strade ed acquedotti a maglia molto fitta, di cui tracce permangono fino ai nostri giorni. Per quanto riguarda la tipologia dei campi questi erano spesso chiusi, circondati da elementi di confine. Un aspetto molto importante che risale al periodo romano è la consapevolezza dell’importanza del “bel paesaggio” della villa suburbana che serviva a soddisfare, oltre alle esigenze economiche, quelle estetiche e di diletto. Grande considerazione, anche estetica, nel periodo romano era posto al paesaggio silvo-pastorale.

Tracce di “centuriae” nell’agro di Cesena.

Periodo medievale ed età feudale: è un periodo in cui notevole è stata la degradazione del paesaggio; in tale epoca, anche per i limiti temporali nei quali si poteva esercitare l’agricoltura, si preferiva la coltivazione dei cereali minori, che avevano un ciclo colturale più breve e si prestavano meglio al sistema dei campi aperti. Un altro elemento costitutivo di quel periodo è quello del borgo arroccato sulle alture e del sistema dei campi chiusi per la coltivazione di vite e di piante da orto. Periodo arabo: è questo un periodo le cui influenze, soprattutto sul paesaggio siciliano, permangono fino ai nostri giorni: a tale epoca risalgono, infatti, tutte le sistemazioni idrauliche e le opere di adduzione delle acque che consentirono l’insediamento delle colture irrigue quali riso, carrubo, pistacchio, cotone, melanzana, spinaci, canna da zucchero, cotone, gelsi, agrumi, alcune delle quali connotano fortemente il nostro attuale paesaggio. Gli esempi degli agrumi, del carrubo e, fra le piante ornamentali collocate in ambito rurale, della palma da datteri (Phoenix dactylifera), che presso gli arabi rivestiva significati del tutto peculiari, sono sicuramente fra i più significativi.
∗ ∗ ∗ ∗ ∗ ∗

Alto Medioevo: in tale periodo il paesaggio agrario appare caratterizzato da: ripresa delle attività agricole; esecuzione di opere di bonifica; esecuzione di disboscamenti per destinare nuovi terreni all’agricoltura; esecuzione di terrazzamenti per rendere coltivabili le pendici delle colline; diffusione della coltura granaria; diffusione del sistema dei campi chiusi.

Pagina 73

La progettazione del verde

Rinascimento: è il periodo in cui si assiste all’origine dell’attuale paesaggio agrario. I principali elementi sono: ∗ sistemazioni collinari; ∗ diffusione dei pascoli e dei prati chiusi; ∗ bonifiche dei terreni; ∗ realizzazione di prati irrigui; ∗ costituzione della piantata padana, cioè la coltivazione ai margini dei campi di alberi. A questi elementi si deve aggiungere la piena consapevolezza raggiunta del valore del “bel paesaggio” agrario che portò a far sì, ad esempio, che i Medici costruissero in Toscana numerose ville suburbane circondate da colture agrarie. Ed è anche da questo periodo che cominciano la grandi scoperte geografiche che determinano l’inserimento di nuove specie negli ordinamenti colturali agrari (es. mais, girasole, patata, pomodoro, ecc.). Seicento: è il periodo delle dominazioni straniere e del degrado del paesaggio agrario. Illuminismo: da questo periodo ricominciano le sistemazioni agrarie di vasta scala, per l’importante ruolo rivestito dalla agricoltura nella economia del tempo, per cui si ricercano metodi di produzione innovativi. È questo anche il periodo in cui si assiste alla diffusione delle colture arboree. Unità d’Italia: a seguito dell’unificazione dei diversi Stati si ha una ridistribuzione delle colture su base regionale; fra gli aspetti Il paesaggio agrario di Palermo nel Settecento. più importanti che interessano la Sicilia occorre ricordare come, a partire dagli ultimi decenni del XIX secolo, si assista alla diffusione dell’agrumicoltura, attività agricola che ancora oggi connota fortemente il paesaggio dell’Italia. Periodo contemporaneo: il paesaggio appare modificato a seguito di diversi avvenimenti, fra i quali possiamo ricordare: ∗ riforma agraria del secondo dopoguerra; ∗ diffusione della meccanizzazione; ∗ abbandono delle aree più marginali. Con riferimento a quest’ultimo aspetto dobbiamo ricordare come dal 1910 al 1990 la superficie agricola sia passata da 21 a 16,9 milioni di ettari, con una “perdita” di quasi 4 milioni di ettari. Negli ultimi anni, ed in

L’avvento della meccanizzazione ha profondamente cambiato i tratti fisionomici del paesaggio.

Pagina 74

La progettazione del verde

particolare in corrispondenza dell’ultimo censimento dell’agricoltura, questo processo di “perdita” di territori agricoli è apparso molto accentuato. In particolare la superficie agricola utilizzata è scesa ad appena 13,2 milioni di ettari. Delle superfici sottratte all’agricoltura una quota cospicua è stata assorbita da usi residenziali; nel resto dei casi si è assistito ad un abbandono dell’attività agricola, cui è spesso seguito il degrado ambientale per mancanza degli interventi colturali. Paesaggio urbano Nell’ultimo mezzo secolo il fenomeno dell’urbanizzazione ha avuto uno sviluppo rapidissimo. L’indice di urbanizzazione, cioè la percentuale di popolazione che vive in agglomerati con più di 20.000 abitanti, che si era mantenuto sotto il 10% fino al 1920, ha raggiunto alla fine degli anni ’80 il 55% in Italia ed il 75% in USA; stime ONU indicano che nel 2050 il 90% della popolazione vivrà in agglomerati urbani. Anche non considerando le estrapolazioni nel lungo periodo, già oggi oltre la metà della popolazione italiana vive in un ambiente, quale quello urbano, profondamente modificato dalle attività umane; da questo fatto discende la necessità di conoscere bene le modificazioni che comunemente si verificano all’interno delle nostre città, in modo da tenere conto nelle progettazioni degli spazi a verde nel recinto urbano. Le modificazioni che più frequentemente si verificano per effetto dell’urbanizzazione sono quelle relative al clima ed all’inquinamento. Spesso in città si verifica la cosiddetta “isola di calore”, cioè la differenza, positiva, che si ha tra la temperatura del centro cittadino e quella della campagna circostante. La formazione dell’isola di calore è dovuta in parte al bilancio radiativo alterato, ma soprattutto alla presenza nel bilancio energetico di un ulteriore termine rappresentato dagli apporti di energia dovuti ad alcune delle attività umane, quali il riscaldamento di ambienti, il traffico veicolare, le stesse attività industriali, ecc. Per quanto attiene al bilancio radiativo possiamo ricordare come l’atmosfera urbana sia molto più torbida rispetto a quella circostante dato che contiene una quantità di particolati fino a 10 volte superiore; di conseguenza è minore la radiazione totale che raggiunge la superficie orizzontale, fino al 20% in meno. Nella banda dell’ultravioletto, invece, la diminuzione è solo del 5% in estate, ma può raggiungere il 30% in inverno ed anche questo ha un effetto negativo sulla salubrità dell’aria. L’albedo per radiazioni a lunghezza d’onda corta delle superficie che compongono la città è molto variabile, bassa per l’asfalto e per la vegetazione dei parchi; alta per il calcestruzzo; in genere è comunque più elevata di quella di una campagna ben coltivata. Tuttavia la maggiore albedo e la minore radiazione totale non comportano una corrispondente diminuzione del bilancio radiativo, anche perché le strade fiancheggiate da edifici costituiscono una vera e propria “trappola per radiazioni” a causa delle riflessioni multiple cui danno luogo. Un altro fattore che determina una maggiore incidenza dell’isola di calore è quello legato all’assenza di vento, almeno in quota, il che determina la permanenza sul recinto urbano di una sorta di cupola dove si accumulano gli inquinanti sia particolati che gassosi. Questi fenomeni si traducono in buona sostanza in un aumento della temperatura della città, variabile con le stagioni e con l’ora del giorno, che è nell’ordine di alcuni gradi. Con riferimento alle temperature minime medie, ad esempio, per Roma si ha una differenza di 4,3°C in luglio e 2,5 °C in gennaio, valore molto simile (2,4°C) a quello riscontrato nel trimestre invernale per Milano (Pagliari, 1989). Secondo Lanphear (1971) la temperatura media delle città è da 1,5 a 2,5°C superiore a quella dell’ambiente circostante ma può arrivare anche a 5°C ed in condizioni particolari può superare i 15°C. Per cercare di rendersi conto del significato di tale incremento della temperatura, possiamo ricordare come, analizzando le isoterme relative al nostro Paese, si possa rilevare un incremento per stazioni di tipo continentale di 1°C andando dal Nord verso il Sud al crescere di 1° e 20’ di

Pagina 75

La progettazione del verde

latitudine. L’incremento è più lieve - pari rispettivamente a 0,5°C e 0,3°C - se ci si riferisce a stazioni costiere collocate lungo la costa Adriatica o Tirrenica (Mennella, 1967); il che vuol dire che per effetto dell’isola di calore è come se Roma o Milano, in virtù di quell’incremento termico prima ricordato, si trovassero ad oltre 300 km a Sud rispetto alla loro reale posizione geografica. Importanti sono anche le modificazioni climatiche che si verificano a livello di “micro” ambienti. Sono state osservate, ad esempio, variazioni della temperatura massima, registrate nel mese di agosto alla Columbus Avenue di New York, di ben 10°C (32 contro 42°C) tra lato est ed ovest della stessa strada (Bassuk e Witlow, 1987). Nell’ambiente urbano, inoltre, a causa dell’isola di calore e dei moti convettivi che ne conseguono, insieme alla presenza di un maggiore numero di nuclei di condensazione, le precipitazioni sono del 10% superiori a quelle delle aree rurali circostanti; l’aumento raggiunge il 15% per la frequenza dei temporali. L’umidità relativa è tuttavia minore dato che le superfici che caratterizzano le città (tetti, terrazze, lastricati) sono impermeabili e l’acqua ne evapora rapidamente; le acque meteoriche, inoltre, vengono più o meno rapidamente drenate dal sistema fognario ed allontanate dalla città stessa. A causa quindi della bassa capacità di trattenere l’acqua e di disperderla lentamente nell’ambiente, i valori dell’umidità relativa sono molto bassi durante il periodo secco; rilievi riferiti alla città di New York hanno fatto accertare, infatti, che il valore della umidità relativa a livello delle strade (in particolare nell’esempio sopra citato della Columbus Avenue) è pari al 10-20% contro il 40% registrato a Central Park, il grande polmone verde della metropoli statunitense (Bassuk e Witlow, 1987). Un altro aspetto problematico della qualità dell’aria in ambiente urbano è quello legato all’inquinamento. Le principali sorgenti in città sono rappresentate dal riscaldamento di ambienti, dal traffico veicolare, dalle emissioni di attività artigianali e di piccole industrie ed eventualmente dalle emissioni di grandi complessi industriali posti nell’area suburbana. La concentrazione di inquinanti nell’atmosfera della città dipende dal bilancio tra la loro produzione ed il loro allontanamento ad opera della circolazione atmosferica. Quest’ultima è legata soprattutto alla diffusione verticale dato che, come ricordato, la struttura degli edifici blocca i movimenti orizzontali. Tale stagnazione dell’aria esaspera i problemi legati agli inquinanti con grave pregiudizio della salute degli abitanti e della sopravvivenza delle piante stesse. Altre modificazioni negative in ambiente urbano attengono al substrato pedologico. Le principali caratteristiche dei suoli in ambiente urbano possono essere sintetizzate come segue: ∗ grande variabilità verticale ed orizzontale; ∗ struttura modificata in seguito al costipamento; ∗ presenza di una “crosta” superficiale spesso impermeabile; ∗ reazione modificata, con elevati valori del pH; ∗ aerazione e drenaggio spesso insufficienti; ∗ metabolismo di nutrienti ridotto ed attività degli organismi rallentati; ∗ presenza di materiali diversi e di altri inquinanti; ∗ regime della temperatura modificato. * *** Prima di chiudere il paragrafo dedicato al paesaggio non possiamo fare a meno di richiamare la Convenzione europea sul paesaggio, riportata negli allegati, che costituisce ormai un importante punto di riferimento. Particolarmente importante nella carta è la visione

Pagina 76

La progettazione del verde

“unitaria” del paesaggio stesso che supera la logica di protezione “a macchia di leopardo” del passato per pervenire ad una visione complessiva dei problemi connessi con la protezione di tutto il paesaggio che ci circonda. Come ricorda infatti la convenzione, il paesaggio «designa una determinata parte di territorio, così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall'azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni»; la Convenzione, infatti, si applica «a tutto il territorio delle Parti e riguarda gli spazi naturali, rurali, urbani e periurbani. Essa comprende i paesaggi terrestri, le acque interne e marine. Concerne sia i paesaggi che possono essere considerati eccezionali, che i paesaggi della vita quotidiana e i paesaggi degradati.». 5.1.3. Analisi del clima Dati gli stretti legami fra clima e vegetazione è intuitivo l’interesse di raccogliere informazioni in ordine ai fattori climatici. Occorre infatti acquisire, in fase preliminare, indicazioni in merito di diversi parametri, quali: ∗ temperatura minima, media e massima; ∗ piovosità annuale e sua distribuzione. È importante anche stabilire gli eventuali “tempi di ritorno” di eventi eccezionali per calcolare gli eventuali rischi dell’inserimento di alcune essenze vegetali. Sotto questo profilo possiamo ricordare come le gelate eccezionali (quale quella del 1985 che interessò molti paesi europei, fra cui anche l’Italia) o periodi particolarmente siccitosi (quale l’estate del 2003 che interessò soprattutto il centro Europa) possano determinare la morte di molte piante ornamentali, utilizzate nelle sistemazioni a verde. A seconda del grado di approfondimento dello studio, ai parametri sopra richiamati si possono aggiungere quelli relativi alla qualità ed alla composizione delle acque, all’insolazione, alla nebulosità, alla ventosità, ecc. In tutti i casi la validità delle previsioni dipende dall’ampiezza della serie storica dei dati presi in considerazione che deve superare almeno i 20 anni. Importante è anche la “presentazione” delle informazioni acquisite nelle relazioni che spesso corredano i progetti. Uno dei modi più efficaci ed utili per esprimere il clima, particolarmente funzionale all’inserimento della vegetazione, è quello della costruzione dei cosiddetti diagrammi ombrotermici. Si tratta di un sistema di assi cartesiani in cui a sinistra sono riportati i valori della temperatura, espressi in gradi centigradi (°C), ed a destra quelli della precipitazione, in mm, adottando una scala doppia rispetto a quella della temperatura. L’area sottesa fra la curva della temperatura e quella della piovosità, che viene spesso tratteggiata, esprime il periodo che è fisiologicamente “secco” per la vegetazione, quando cioè il valore della

Pagina 77

La progettazione del verde

precipitazione per quel mese, espresso in mm, è inferiore o uguale al doppio del valore della temperatura media, espressa in °C. Durante questo periodo è opportuno fornire acqua attraverso l’irrigazione per consentire la sopravvivenza delle piante. Altre forme grafiche (vedi tavola) possono essere utilmente impiegate al fine di illustrare i risultati dell’indagine climatica. È utile ricordare come informazioni climatiche, relative soprattutto alla Sicilia, possano essere acquisite mediante la consultazione di: ∗ Annuario di statiche meteorologiche dell’ISTAT; ∗ Annali idrologici della Regione Siciliana.

5.1.4. Analisi dell’ambiente geopedologico Lo studio dei terreni fa parte delle competenze acquisite in altri ambiti disciplinari. Ai nostri fini occorre ricordare come l’analisi pedologica debba spesso misurarsi, soprattutto in ambito urbano, con le eterogenee origini e caratteristiche dei substrati disponibili nelle aree da sistemare a verde. Si tratta spesso di substrati marginali con riporti realizzati in tempi diversi, talora come tali inospitali per il verde e comunque pregiudizievoli per lo sviluppo e la durata in vita delle diverse piante. Così nell’ambito del progetto deve essere spesso valutata la possibilità di sostituire il substrato originario, soprattutto quando si opera in aree di limitata ampiezza. Nel caso invece in cui l’intervento si riferisca a superfici più estese e collocate al di fuori dell’ambito urbano, utile riferimento può essere fatto in Sicilia alla carta dei suoli, redatta da Fierotti (1988) che, nonostante la scala (1: 250.000), rimane, ancora oggi, un elemento prezioso di consultazione. 5.1.5. Analisi della vegetazione Uno studio del quale non si dovrebbe mai fare a meno è quello relativo alla vegetazione naturale. In premessa desideriamo chiarire come, nonostante spesso siano utilizzati come sinonimi, i concetti di flora e di vegetazione siano profondamente differenziati. Con il primo termine, la flora si intendono tutte le specie vegetali che si presentano in un determinato sito; il metodo di analisi utilizzato per stimare il manto vegetale è quindi quello qualitativo che si basa sull’elencazione delle specie; quando si adotta il metodo quantitativo si giunge al concetto di biomassa con la quale si intende la misura ponderale dei viventi presenti su una data superficie. Relativamente tardi, cioè solo alla fine del XIX secolo, si è giunti all’idea di combinare i due approcci, cioè fornire dati qualitativi (elenchi di specie) correlati da dati

Pagina 78

La progettazione del verde

quantitativi relativi alle singole specie. Si è giunti così al concetto di vegetazione che, nel modo più elementare viene descritta mediante un elenco di specie, per ciascuna delle quali è indicata la quantità relativa all’area occupata. Qui sta la differenza sostanziale tra i concetti di flora e vegetazione: il primo è privo di nozioni quantitative, quindi ogni specie vale in quanto tale ed è del tutto indifferente che essa sia comune oppure rara (anzi spesso sono maggiormente le specie rare quelle che risultano interessanti, vedi il caso delle endemiche); invece nella vegetazione ogni specie viene considerata sulla base della sua quantità: specie molto abbondanti hanno grande importanza, specie rare ne hanno poca o nessuna. L’analisi della vegetazione, che si serve della rilevazione delle diverse associazioni vegetali anche per individuare la vicinanza o meno all’equilibrio naturale (climax), assume particolare interesse e notevole validità quando occorre realizzare degli spazi a verde pubblico in aree non vicine ai centri urbani e più o meno prossime a porzioni privilegiate di territorio. In tali ambiti, infatti, l’analisi delle specie in atto presenti e delle loro associazioni può fornire preziosi riferimenti progettuali per cercare di creare un “verde” che resti in sintonia con l’ambiente naturale e per la cui manutenzione non siano necessari onerosi interventi. La vegetazione di un determinato ambiente infatti non si trova in uno stato casuale né definitivo ed immutabile. Esiste sempre una storia precedente ed un’evoluzione futura in atto. Da una puntuale “lettura” della vegetazione è possibile trarre quindi molte utili informazioni. Lo studio della vegetazione assume un’importanza applicativa fondamentale ai fini degli interventi di recupero ambientale in quanto fornisce elementi di base per la ricostruzione del manto vegetale di aree degradate. Lo studio richiede indagini preliminari sia sotto l’aspetto t i p o l o gi c o ( a t t r a ve rs o i rilevamenti fitosociologici) sia sotto l’aspetto dinamico (mediante lo studio dell’evoluzione della vegetazione). Per effettuare i rilievi di tipo fitosociologico ci si basa su una metodologia di rilevamento consolidata che prevede la compilazione di una scheda contenente diversi dati.

Pagina 79

La progettazione del verde

Grazie a tali rilievi è possibile procedere alla ricostruzione delle modalità di aggregazione della vegetazione. A questo fine in fitosociologia vengono utilizzate delle categorie di tipo sistematico più o meno ampie, la cui l’unità base è rappresentata dall’associazione che è un aggruppamento vegetale stabile, statisticamente omogeneo ed in equilibrio con l’ambiente, caratterizzato da una data composizione floristica, dove certi elementi quasi esclusivi (le cosiddette specie caratteristiche) pongono in rilievo un’ecologia particolare. Oggi si tende anche a dare importanza alle specie molto frequenti, anche se non caratteristiche, quali piante indice dell’ambiente. Diverso è invece il caso del verde inserito nel contesto urbano: come abbiamo già evidenziato le modificazioni antropiche sull’ambiente rendono poco utili le indicazioni di un’analisi vegetazionale compiuta in zone che, anche se prossime alla città, sono caratterizzate da un diverso andamento termo-udometrico e da un più basso livello di inquinanti. Per tale motivi anche se si tratta di dati solo puntiformi può risultare utile il “censimento” della flora ornamentale utilizzata in ambito urbano e soprattutto dello stato “sanitario” di questa per trarre utili indicazioni sulle specie che è possibile inserire nell’ambiente urbano stesso. 5.2. Piante ornamentali per gli spazi a verde in ambiente mediterraneo 5.2.1. Premesse Affrontare le problematiche relative alla scelta ed all’impiego delle piante ornamentali in ambiente mediterraneo comporta come necessaria premessa la definizione degli ambiti di riferimento. Da una parte, infatti, si affronta il tema delle piante «ornamentali» e dei particolari «spazi» cui esse danno luogo, che per comodità possiamo indicare come «giardino», mentre dall’altra occorre definire cosa sia l’ambiente «mediterraneo». Una definizione puntuale di pianta ornamentale non è certo agevole, in quanto essa, più che alle caratteristiche della pianta in sé, è spesso connessa alle «funzioni» che questa svolge. Un esempio che può essere esemplificativo è quello delle essenze impiegate per la realizzazione di un tappeto erboso ornamentale: si tratta infatti di piante che sono strettamente analoghe alle cosiddette «malerbe» ma che, in funzione delle particolari modalità d’uso, assumono preminente effetto estetico. Questo comporta quindi che possano essere accolte all’interno del gruppo delle piante ornamentali praticamente tutte le specie, basta che esprimano una qualche caratteristica che attragga la nostra attenzione. La maglia per giudicare l’idoneità all’uso è spesso molto ampia: alle piante ornamentali viene di fatto frequentemente richiesta una prestazione «minima», che può coincidere talvolta con la semplice «sopravvivenza», al di là di possibili risultati «produttivi». Non si tratta, però, di una prestazione semplice da ottenere: l’ambiente in cui trova accoglimento il «verde ornamentale», spesso all’interno del recinto urbano, è infatti di frequente ostativo (a causa dell’inquinamento atmosferico e di variazioni microclimatiche) alla corretta crescita delle piante stesse. Se si fa invece riferimento agli spazi a verde cui le piante ornamentali danno luogo, e cioè i «giardini», la questione si complica laddove si consideri che affrontare il tema del giardino in ambiente mediterraneo significa ripercorrere parte della storia dell’uomo, almeno di quello occidentale. La nascita del giardino si può, infatti, fare coincidere quando la terra cominciò a essere coltivata, non tanto per profitto o per l’uso dei frutti, quanto per offrire piacere o per riflettere la vanità di chi la coltivava (Vessichelli Pane, 1994). Le prime testimonianze sulle trasformazioni ambientali realizzate per «costruire» i giardini presso i popoli antichi risalgono a parecchi millenni or sono e sono relative a quelle civiltà che si svilupparono circa 4000 anni fa nei Paesi situati ad oriente del Mediterraneo, in una zona dove la presenza di favorevoli condizioni di vita determinò lo sviluppo delle civiltà Assira,

Pagina 80

La progettazione del verde

Babilonese, Egiziana e Persiana. L’influenza esercitata da queste civiltà sull’evoluzione in occidente del «giardino» fu notevole. Il giardino stesso è anche legato al mito ed alle diverse religioni presenti nell’area mediterranea. Secondo una leggenda araba il mondo, all’inizio dei tempi, era un immenso giardino, finché l’uomo non cominciò a peccare. Accadde, allora, che per ogni peccato commesso, Allah ordinasse a un angelo di far cadere sulla terra un granello di sabbia; in poco tempo il bel giardino divenne un deserto: il Sahara, simbolo del vuoto e della morte. L’idea del giardino, dell’Eden rimase, però, nelle oasi, superstiti ricordi dell’antico paradiso terrestre, frammenti che dovevano suscitare nei peccatori la nostalgia di quanto avevano perduto e la speranza di riconquistarlo. La stessa origine della parola «giardino» (gan in ebraico, gianna in arabo) è la radice semantica G-N, a cui risale la parola magnum, che in arabo significa velato. Dunque il Paradiso (il gan-eden della Genesi e il pairidaeza persiano) è il luogo cintato di delizie, occultato, velato agli occhi del peccatore, dell’uomo che ha perso il dono della vista soprannaturale. Il concetto di giardino, come luogo di delizia, è comune a molte altre culture: quasi inutile è ricordare, alla nostra sensibilità di occidentali, il paradiso terrestre della Genesi: «Poi il Signore Iddio piantò un giardino in Eden, a Oriente, e vi collocò l’uomo che aveva plasmato. E il Signore Iddio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male. Un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino (...) Il Signore Dio prese l’uomo e lo pose nel giardino di Eden perché lo coltivasse e lo custodisse». Insegnano i rabbini che la conoscenza della Torah ha quattro porte: il Perush, o spiegazione letterale del testo, il Remez, o comprensione dei contenuti inespressi, il Darash, o svisceramento, e il Sod, il livello segreto, mistico. Le iniziali delle quattro porte della conoscenza formano la parola «PRDS», che si legge pardès e significa giardino. L’altro aspetto della questione, su cui ritorneremo in seguito più in dettaglio, è quello dell’ambiente mediterraneo. In realtà il paesaggio mediterraneo, benché costituisca un topos della cultura occidentale, più che un dato reale è un’astrazione, o meglio lo è nella misura in cui, nell’ottica romantica sostanzialmente nordeuropea, lo si considera come un paesaggio privilegiato, naturale, spontaneamente bello. Di fatto, invece, si tratta di un ambiente difficile, fortemente antropizzato al punto che le stesse piante che vi si trovano e che spesso lo connotano sono frequentemente di origine esotica, anche se ormai sono diventate elementi costitutivi del paesaggio: «Una Riviera senza aranci, una Toscana senza cipressi, il cesto di un ambulante senza peperoncini … che cosa può esservi di più inconcepibile oggi, per noi?». Una necessaria puntualizzazione è inoltre quella relativa alla «eterogeneità» del paesaggio mediterraneo. Se si considera che questo è rappresentato da tutte le aree prospicienti l’omonimo mare, è intuitivo comprendere la grande diversità conseguente ai diversi regimi pluviometrici che si realizzano, e di cui diremo in seguito, ma anche del livello delle temperature medie che consentono, solo nelle aree più termofile, la presenza di numerose specie esotiche. Un altro elemento da sottolineare è come spesso in ambiente mediterraneo il passaggio fra spazio a verde ornamentale e spazio agricolo sia piuttosto sfumato, merito anche del notevole valore ornamentale di alcune colture (si pensi ad esempio all’olivo o agli agrumi), al punto che in dialetto siciliano si indica spesso come «giardino» lo spazio «produttivo » agrario ed in particolare l’agrumeto. L’interesse di parlare di giardino in ambiente mediterraneo è notevole: le sistemazioni a verde in ambiente mediterraneo, il “Mediterranean gardening”, così come viene efficacemente indicato in inglese, assumono, infatti, dei tratti così peculiari da giustificarne una trattazione separata. Un primo aspetto da sottolineare è l’importanza, nello scegliere le

Pagina 81

La progettazione del verde

soluzioni progettuali, di tenere conto degli stress idrici, più o meno intensi, cui le piante vanno incontro. Le sistemazioni a verde in ambiente mediterraneo possono, infatti, essere considerate come una forma particolare di “xeriscaping”, cioè di quelle tecniche messe in atto per realizzare spazi a verde dove vi è carenza di acqua. Un’altra peculiarità, di cui si è detto, è connessa alle scelte biologiche: soprattutto negli spazi più antropizzati, l’ambiente mediterraneo è caratterizzato dall’utilizzo, oltre che di piante autoctone, di piante esotiche, in gran parte provenienti da zone a clima tropicale e subtropicale (Huxley et al., 1999). Questa compresenza di piante esotiche ed autoctone costituisce il motivo fondamentale del fascino di questo ambiente. Si tratta, come ricorda lo scrittore catalano Manuel Vázquez Montalbán (1996) di «un microclima» in grado di giustificare «il miracolo delle jacarande, degli alti ficus e di ibischi e banani». La specificità di questo ambiente, sempre per Montalban, è da ricercare nella presenza di specie diverse, «eppure il Mediterraneo è lì, nelle pinete, nei carrubi e negli aranci, e negli allori alti come torrioni e negli oleandri, talvolta in forma di possenti siepi, talvolta in snelli alberi dal cocuzzolo fiorito». Spesso sono le piante di origine esotica quelle che rappresentano un elemento di estremo interesse dei giardini mediterranei soprattutto agli occhi dei visitatori del nord Europa. Un esempio fra tutti è dato dalla descrizione del giardino di Villa Giulia a Palermo fatta da Goethe in occasione del suo viaggio in Italia nel 1787: «È il luogo più stupendo del mondo. Nonostante la regolarità del disegno ha un che di fatato (…) Vedi aiuole che circondano piante esotiche, spalliere di limoni che s’incurvano in eleganti pergolati, alte palizzate di oleandri screziati di mille fiori rossi, simili a garofani, avvincono lo sguardo. Alberi esotici, a me sconosciuti, (e ricordiamo che Goethe era un appassionato di botanica) ancora privi di foglie, probabilmente di origine tropicale si espandono in bizzarre ramature (…) Molte piante, ch’ero abituato a vedere in cassette o in vasi, o addirittura chiuse entro i vetri di una serra per la maggior parte dell’anno, crescono qui felici sotto il libero cielo…». La realizzazione di spazi a verde in ambiente mediterraneo presuppone la soluzione di diversi problemi, primo fra tutti la necessità di individuare specie e/o tecniche idonee ad aumentare la compatibilità del verde ornamentale con le specifiche condizioni ambientali. Sicuramente la scelta della specie rappresenta il punto nodale, da cui dipende la possibilità di realizzare un verde non solo dotato di idonei caratteri estetici ma anche in grado di resistere nel tempo. Per potere operare scelte idonee occorre, però, una conoscenza approfondita delle caratteristiche pedologiche e climatiche dell’ambiente in cui si opera, ma soprattutto delle «prestazioni morfofunzionali» delle piante utilizzate e dei criteri di utilizzazione delle stesse e quindi delle soluzioni progettuali e delle tecniche colturali in grado di minimizzare l’influenza negativa di alcuni parametri ambientali. La possibilità di inserire stabilmente della vegetazione in ambiente mediterraneo e soprattutto in ambito urbano consente, inoltre, di usufruire della capacità della vegetazione stessa di modificare positivamente il microclima e di esercitare un controllo nei confronti di alcuni fattori dell’inquinamento. Si tratta di funzioni che, se pur non specifiche, assumono precipuo interesse in ambiente mediterraneo. Ed è in questi ambiti che si inquadra il presente contributo. 5.2.2. Scelta della specie 5.2.2.1. Considerazioni generali La scelta della specie, come è noto, rappresenta uno dei punti nodali della progettazione, dato che consente da una parte di avere una realizzazione vegetale destinata a sopravvivere a lungo ed a mantenere nel tempo le caratteristiche estetiche di pregio e dall’altra di non impiegare quelle tecniche colturali che, pur se in grado di minimizzare l’influenza negativa di alcuni parametri ambientali, non sono, però, senza conseguenze sul piano della onerosità dei costi (Romano, 1993). Spesso, invece, limitandosi al fatto che

Pagina 82

La progettazione del verde

l’acquisto delle piante rappresenta un’aliquota modesta (intorno al 10-12%) del costo della realizzazione di un’area a verde non si presta adeguata attenzione ad un aspetto che si riflette fortemente sugli esiti dell’impianto stesso. I criteri cui ancorare la scelta sono molteplici (Serra, 1993). Occorre infatti contemperare esigenze connesse con la varietà di tipologie di verde da realizzare, con le specificità di funzioni assegnate o richieste a ciascuna di queste, con le particolari condizioni ambientali in cui le piante sono chiamate a vivere, piuttosto avverse sotto il profilo delle caratteristiche fisiche e chimiche dell’aria e del substrato. Vi sono poi aspetti di carattere sociale, economico ed organizzativo che, pur se esulano dalle competenze più squisitamente tecniche, occorre sempre tenere come punti di riferimento, poiché ad essi sono legate, non tanto la progettazione o la realizzazione del verde - operazioni tutto sommato relativamente fattibili - quanto la manutenzione e quindi la conservazione nel tempo del verde stesso. La necessità di individuare soluzioni non onerose sotto il profilo finanziario è, soprattutto nell’attuale fase congiunturale, uno degli imperativi dai quali non ci si può discostare. Circa i vincoli e le opportunità legate alla scelta della specie in funzione della tipologia di verde possono essere ricordate a titolo esemplificativo, nel caso dei parchi urbani, la necessità di una puntuale conoscenza delle condizioni pedoclimatiche naturali e l’esigenza di tenere conto del preesistente paesaggio naturale e/o antropizzato. Un aspetto fondamentale, tenuto conto delle notevoli dimensioni di questi spazi, è quello della manutenzione. Per evitare infatti che le spese di manutenzione risultino troppo onerose occorre scegliere specie per le quali gli interventi dopo l’impianto possano essere trascurati o ridotti al minimo. Man mano che le dimensioni delle tipologie di verde diventano sempre più modeste (dagli spazi attrezzati ai piccoli spazi, alle alberature stradali) bisogna sempre più considerare le rilevanti modificazioni determinate dall’urbanizzazione e, in particolare, le temperature elevate, i bassi valori di umidità relativa, la presenza di inquinanti (tab. 1). In funzione della tipologia di verde si modificano quindi i gruppi di piante cui si può fare riferimento (tab. 2). Un altro importante vincolo è dato dalla compatibilità delle piante in termini di sviluppo al tipo di funzione ed anche allo spazio, talvolta angusto, in cui le

Pagina 83

La progettazione del verde

piante stesse sono collocate. Sono ben noti i problemi posti, sotto il profilo della manutenzione ed estetico, da esemplari che raggiungono allo stato adulto notevoli dimensioni (platani, ficus, magnolie, ecc.) allorché utilizzati in spazi angusti. I drastici interventi cesori che si rendono necessari pregiudicano sia il valore ornamentale che la sopravvivenza della pianta stessa. I vincoli legati alle condizioni ambientali riguardano in maniera più o meno accentuata tutte le tipologie di verde, anche se quelli più difficili da superare sono legati al fatto che spesso si opera all’interno del recinto urbano, dove le condizioni per le piante sono sfavorevoli. Un aspetto da tenere in debita considerazione è anche l’impossibilità dopo l’impianto di modificare le condizioni del terreno per renderlo più consono alle esigenze delle piante: tutto o quasi tutto deve essere previsto al momento dell’impianto.

Fonte: Fini e Ferrini, 2007

Un elemento che richiede sempre maggiore attenzione è dato dal comportamento delle specie rispetto ai diversi inquinanti presenti nell’atmosfera. Sotto questo profilo sono disponibili dati di riferimento che, sia pure con i limiti presentati (mancanza spesso del valore soglia in corrispondenza del quale si verifica il danno, assenza di indicazioni sullo stato sanitario della pianta, sulla sua età o sulla sua fase fenologica), possono essere utilizzati per una più mirata scelta della specie. La scelta di essenze vegetali in grado di resistere ad elevati livelli di inquinamento potrebbe forse consentire di ottenere meglio quel «disinquinamento» dell’ambiente urbano di cui si dirà in prosieguo, oltre ovviamente a permettere una presenza più duratura delle piante nelle città. I problemi brevemente delineati debbono venire risolti sempre alla luce del valore ornamentale richiesto alla specie nonché a quei vincoli sociali, organizzativi ed economici di cui si è detto. Tali vincoli sono più facilmente superabili attraverso l’impiego di specie più rustiche ed adattabili, dotate di un apprezzabile effetto ornamentale. Le piante caratterizzate da maggiore adattabilità sono in genere le piante autoctone le quali, però,

Pagina 84

La progettazione del verde

non sempre manifestano quel requisito di ornamentalità che talvolta poggia proprio sulla esoticità. La scelta fra piante autoctone ed alloctone va quindi spesso valutata alla luce della tipologia di verde: quando la pianta deve essere inserita all’interno di un piccolo spazio in area urbana l’aspetto fondamentale è l’ornamentalità e quindi possono trovare posto specie alloctone a condizione che siano dotate di una buona capacità di adattamento ecologico (specie euriecie). Un ruolo importante possono poi svolgere le specie a valenza ecologica compatibile, specie cioè che, pur se non originarie dell’area oggetto di intervento, trovano in essa soddisfatte le proprie esigenze. In tutti i casi nella scelta tra piante autoctone ed alloctone non si potrà operare per dicotomie o secondo schemi preclusivi. Del resto il paesaggio vegetazionale mediterraneo, per finalità agricole o ornamentali, è caratterizzato da specie alloctone: fico d’India, agave, palme, ficus, robinia, jacaranda, agrumi, bignonie, buganvillee sono ormai da tempo parte integrante del paesaggio. Lucien Febvre in un saggio dal titolo “Le sorprese di Erodoto e le conquiste dell’agricoltura mediterranea”, scritto nel lontano 1940, ha colto bene il problema della trasformazione del paesaggio sotto l’aspetto vegetazionale. Lo storico francese offre la traccia di un percorso a partire da una constatazione: Erodoto non riconoscerebbe i «suoi» paesaggi, se oggi dovesse ripercorrere lo stesso itinerario dei viaggi da lui compiuti nel V secolo a.C.: «Immaginiamo il buon Erodoto mentre rifà oggi il suo periplo del Mediterraneo orientale. Quali stupori. Questi frutti d’oro entro gli arbusti verde scuro, considerati «caratteristici del paesaggio mediterraneo», aranci, limoni, mandarini: non si ricorda affatto di aver visto nulla di simile in vita sua … Perbacco! Sono frutti dell’Estremo Oriente, portati dagli arabi. Queste piante bizzarre dalle sagome insolite, aculee, lance fiorite, nomi strani, cactus, agavi, aloe; come sono diffuse! Mai viste in vita sua … Perbacco! Sono americane. Questi grandi alberi dal fogliame pallido che, tuttavia, portano un nome greco, Eucalipto: in nessun posto ne ha mai visti di simili, in contrade conosciute, il Padre della Storia … Perbacco! Sono australiani. E queste palme? Erodoto le ha viste una volta nelle oasi in Egitto, ma mai sui bordi del mare azzurro. Mai, neppure i cipressi, questi persiani» (Venturi Ferriolo, 1996). Questa presenza radicata nel paesaggio di piante esotiche ha fatto sì che la stessa locuzione di «specie mediterranea» sottenda almeno quattro diversi significati: ∗ endemica; ∗ originaria di ambienti a clima mediterraneo: stenomediterranea o eumediterranea; ∗ originaria di altri ambienti ma ormai naturalizzata; ∗ di origine esotica ma adattabile alle condizioni dell’ambiente mediterraneo. Il primo attiene alla accezione più restrittiva dell’espressione, nel senso che fa riferimento solo alle specie endemiche, cioè esclusive di areali più o meno ristretti nell’ambito del bacino del Mediterraneo. Si tratta in realtà di un gruppo di piante piuttosto esiguo e che non sempre trovano un ruolo dal punto di vista ornamentale. Una seconda accezione è quella che qualifica come mediterranee le specie originarie del bacino del Mediterraneo e quindi rappresentative della omonima zona di vegetazione. A motivo della stessa difficoltà di dare un significato rigoroso all’attributo «mediterraneo» riferito alle specie, va subito ricordato che mancano riferimenti precisi circa la vegetazione mediterranea di più diretto interesse ornamentale. Un lavoro «classico» al riguardo è quello di Role e Jacamon (1968) intitolato agli alberi, arbusti e suffrutici (ad eccezione quindi delle erbacee) della regione mediterranea. In tale testo, con più specifico riferimento alla Francia meridionale, i due Autori elencano e descrivono, sia pure con qualche «licenza» in ordine a piante naturalizzate ma originarie da Paesi non mediterranei (es. la canna, detta di Provenza, ma in realtà originaria dell’Oriente), le più rappresentative specie ornamentali della flora mediterranea. Negli ultimi anni, nell’ambito di una più attenta riconsiderazione della biodiversità presente nel bacino del Mediterraneo, l’attenzione nei confronti della flora autoctona di interesse ornamentale si è accresciuta, come attestano anche alcuni convegni svoltosi recentemente

Pagina 85

La progettazione del verde

ad Agrigento, a Catania ed a Bari. La questione dell’individuazione delle specie ornamentali mediterranee si complica non poco ove si consideri che nell’ambito di una stessa pianta/coltura vi sono specie di origine mediterranea e specie non mediterranee (es. la stessa rosa). L’elenco si amplia se si considerano come «mediterranee» anche le specie naturalizzate, alcune delle quali connotano sotto il profilo della flora alcuni ambienti (fico d’India, agave, robinia, ailanto, ecc.). Le condizioni del clima mediterraneo sono, infatti, nel complesso favorevoli per una molteplicità di specie esotiche. Così nel recente testo della Gildemeister (2000) sul giardinaggio mediterraneo vengono elencate oltre 1000 piante, molte delle quali non sono però autoctone. Specie mediterranee vengono così considerate quelle compatibili con le condizioni dell’ambiente mediterraneo, compatibilità espressa dalla loro presenza ed utilizzazione nel verde ornamentale delle zone più termoxerofile del nostro Paese. Si tratta spesso di piante che, per peculiari tratti estetici, connotano ormai l’ambiente mediterraneo (es. agrumi, bignonie, palme, ecc.). 5.2.2.2. Caratteristiche dell’ambiente mediterraneo L’elevata influenza esercitata dalle condizioni ambientali sulla scelta della specie necessita di una puntuale conoscenza delle caratteristiche dei luoghi in cui le piante devono essere collocate, caratteristiche spesso ostative alla crescita delle piante in quanto si tratta di contesti difficili e marginali soprattutto se si fa riferimento a quelli urbani e/o antropizzati. L’ambiente nel quale dobbiamo operare, inoltre, è caratterizzato dalla presenza del clima mediterraneo che, come noto, è quello che connota il territorio circostante l’omonimo mare. Tale ambiente è unico al mondo, perché se è vero che esistono altre zone della terra che presentano caratte-ristiche climatiche simili (in California, in Sud Africa, nel sud-est della Australia, nell’America del Sud), queste non assumono il carattere «antropogenico» che è tipico del bacino del Mediterraneo. L’ambiente mediterraneo, infatti, si connota per la notevole densità di popolazione che lo ha caratterizzato sin dal periodo preistorico: è noto, infatti, che le principali civiltà occidentali hanno avuto origine sulle rive di questo mare. Per tali motivi il paesaggio è marcatamente segnato dalla presenza dell’uomo e dal suo intervento che ha modificato le stesse associazioni floristiche e faunistiche. In base alla classificazione di Köppen (1936) il clima mediterraneo rientra all’interno dei climi mesotermici (temperati) con estate secca. Tali climi presentano un ciclo termico stagionale ben definito, dipendente dalla forte variazione nei diversi mesi dell’altezza del sole all’orizzonte. In questi climi il regime pluviometrico ha importanza pari a quello termico nel determinare l’andamento climatico. I connotati specifici del clima mediterraneo sono dati dalla mitezza degli inverni, da un’insolazione effettiva che raggiunge, particolarmente in estate, una percentuale molto alta rispetto a quella teorica, dalla concentrazione delle precipitazioni, solitamente poco abbondanti, nei mesi più freddi, mentre l’estate è calda e quasi completamente arida. Questa associazione fra estati secche e inverni piovosi è una vera anomalia in quanto di norma in altri climi le precipitazioni sono più frequenti nella stagione estiva. Il regime termico è caratterizzato da inverni miti: le temperature medie del mese di gennaio oscillano, infatti, tra 6°C e 11-12°C; d’estate la temperatura si innalza notevolmente e raggiunge in alcune zone valori medi superiori a 22°C mentre quelli giornalieri possono superare i 40°C. Interessante è notare l’elevata somiglianza, almeno sotto il profilo termico, tra il clima mediterraneo e quello subtropicale; la differenza sostanziale è legata al regime pluviometrico (fig. 1). In relazione alla temperatura del mese più caldo - temperatura che dipende dalla posizione geografica - l’ambiente mediterraneo può essere distinto in due sottozone climatiche individuate da Köppen come Csa e Csb. La prima (con temperature medie del mese più caldo superiori a 22°C) comprende le zone orientali e le aree vicine del Medio Oriente; la

Pagina 86

La progettazione del verde

seconda (con temperature medie del mese più caldo inferiori a 22°C e spesso a 20° C) le coste occidentali. L’escursione annua rimane di solito inferiore a 15°C lungo le zone costiere ed aumenta verso l’interno; per quanto riguarda la Sicilia, ad esempio, l’escursione termica raggiunge i 14° C a Palermo ed i 18,5° C a Caltanissetta. Relativamente alle caratteristiche pluviometriche si può distinguere un «regime mediterraneo di transizione» tipico delle zone a nord del 41° parallelo, caratterizzato da due picchi di piovosità in autunno ed in primavera e un «regime mediterraneo tipico» con precipitazioni concentrate nel periodo autunno-vernino ed un lungo periodo di siccità. La lunga stagione arida rappresenta il principale fattore limitante per la vegetazione. Altro carattere peculiare del regime pluviometrico è la notevole variabilità interannuale delle piogge. L’UNESCO e la FAO (1962) hanno suddiviso il clima mediterraneo in base all’indice xerotermico (x) che si può definire come il numero di giorni dell’anno che sono secchi ai fini biologici. Un periodo è definito secco quando la precipitazione (P), espressa in millimetri, è uguale o inferiore al doppio della temperatura media espressa in gradi centigradi (P<2T); viene invece definito semi-secco il periodo durante il quale 2T<P<3T e cioè quando il totale delle precipitazioni è superiore al doppio della temperatura ma inferiore al triplo di questa. In base all’indice xerotermico il clima mediterraneo viene così suddiviso: ∗ xeromediterraneo 150<x<200 ∗ termomediterraneo accentuato 125<x<150 ∗ termomediterraneo attenuato 100<x<125 ∗ mesomediterraneo accentuato 75<x<100 ∗ mesomediterraneo attenuato 40<x< 75 ∗ submediterraneo 0<x< 40 La Sicilia meridionale, ad esempio, ricade nella zona a clima termomediterraneo accentuato; il resto dell’isola nella zona a clima termomediterraneo attenuato o mesomediterraneo; in alcune zone di montagna si può riscontrare il clima submediterraneo. Non è, però, facile delimitare esattamente la zona a clima mediterraneo: un metodo ormai tradizionale, ma ancora in uso, è costituito dal riconoscimento della distribuzione dell’olivo come «pianta guida» della regione mediterranea (fig. 2); si è così distinto un «clima dell’olivo» che dovrebbe essere sinonimo della regione mediterranea. L’olivo, però, se sicuramente è una delle piante che più contribuiscono a caratterizzare il paesaggio delle coste e delle penisole che si protendono nel Mediterraneo, è anche una pianta coltivata e come tale soggetta a subire contrazioni ed espansioni di areale, non solo in dipendenza di fattori fisici, ma anche di fattori umani, economici e storici. Non sempre quindi tale specie è rappresentativa di condizioni naturali climatiche. Tuttavia nelle grandi linee l’olivo può costituire un indicatore sintetico di tale clima. Altri Autori invece preferiscono utilizzare quale indice il leccio (Quercus ilex) una specie spontanea, caratteristica della regione mediterranea o meglio l’associazione a Quercus ilex, cioè il Quercetum ilicis, insieme

Pagina 87

La progettazione del verde

agli aggruppamenti più affini. Il limite anche di tale metodica è che la profonda e millenaria azione dell’uomo ha modificato la presenza potenziale o le tracce di questi tipi di vegetazione r i d u c e n d o n e l ’ e s t e n s i o n e (Giacomini e Fenaroli, 1958). Anche se è difficile disegnare un quadro di riferimento omogeneo, le peculiari condizioni climatiche che caratterizzano l’ambiente mediterraneo influiscono su quelle che sono le caratteristiche morfo-bio-fisiologiche delle diverse piante, per cui esistono dei caratteri comuni che caratterizzano la vegetazione mediterranea. Un primo aspetto che occorre sottolineare è che nelle zone meridionali più termofile di fatto si assiste ad una mancanza di riposo invernale della vegetazione. Le stesse piante legnose caducifoglie non riposano durante l’inverno più di 2-3 mesi. Già a fine gennaio fioriscono i primi mandorli e gli agrumi, mentre molte piante sempreverdi sono già fiorite durante l’inverno. Al di là delle piante spontanee e coltivate sono numerose le specie ornamentali che sono in antesi durante il periodo invernale (Bougainvillea glabra cv. ‘Sanderana’, Jasminum mesnyi, Senecio scandens, Calliandra tweedi, Solandra maxima, Pyrostegia venusta, Thunbergia grandiflora, ecc.). Il massimo rigoglio delle fioriture corrisponde all’aprile-maggio cui segue un periodo caratterizzato da elevate temperature ed assenza di precipitazioni per cui le piante entrano in riposo, maturano rapidamente i frutti mentre scompaiono le specie erbacee annuali. L’autunno, di solito molto piovoso, determina un ritorno alle fioriture ed all’attività vegetativa di molte specie. Il clima mediterraneo, soprattutto negli ambienti estremi, più xerofitici, ha selezionato severamente le forme vegetali (Pignatti, 1994 e 1995). Un carattere assai comune a molte piante mediterranee, sia arboree che arbustive, è la sclerofillia, cioè l’irrobustimento delle foglie mediante una cuticola spessa, resistente, spesso lucente. Tale adattamento consente alle piante sclerofille (leccio, carrubo, olivo, pini, ecc.) una notevole difesa contro l’eccessiva perdita di acqua per traspirazione. Un altro carattere è la stenofillia (riduzione della superficie fogliare) di cui esempi sono l’elicriso, l’erica, il rosmarino ed in genere le conifere. Anche la pelosità abbondante su tutta la pianta, e particolarmente sulla pagina inferiore delle foglie a protezione degli stomi, è un’efficace difesa contro l’eccessiva traspirazione. La riduzione delle foglie può portare alla loro trasformazione in piccole squame come nel caso delle tamerici o alla scomparsa (afillia) nelle ginestre, efedre, osiride. Molte piante dell’ambiente mediterraneo presentano una pronunciata succulenza, soprattutto quelle diffuse in luoghi salsi (mesembriantemi, Sedum, Euphorbia). Diffusa è anche la presenza di spine che caratterizza piante a carattere steppico (Astragalus, Cichorium spinosum, Poterium spinosum, ecc.). Oltre a modificazioni morfologiche si assiste a diversi

Pagina 88

La progettazione del verde

adattamenti di tipo biologico alle condizioni avverse. Fra questi possiamo citare la saccarofillia, la scomparsa cioè di amido nelle cellule che si arricchiscono di zuccheri aumentando quindi la concentrazione osmotica e riducendo la traspirazione. Con l’elevata concentrazione dei succhi cellulari si spiega la persistenza nella regione mediterranea delle foglie di alcune piante nonostante la loro struttura come nel caso del timo, del mirto, del terebinto (malacofillia). Un altro carattere diffuso nella flora spontanea mediterranea, e che può essere parzialmente legato alla selezione effettuata dal pascolamento del bestiame avvenuto sin da tempi lontani, è la presenza nei tessuti fogliari di oli eterei volatili (cisti, rosmarino, elicrisi) o di sostanze tossiche (euforbie, oleandro, ecc.). La lunga stagione arida estiva fa sì che diffuse nella flora siano le piante bulbose, mentre negli ambienti più difficili si riscontrano piante a portamento nano, prostrato e pulvinato, oltre che provviste di glaucescenza delle foglie. 5.2.2.3. Criteri e parametri di scelta La scelta della specie, soprattutto in ambiente mediterraneo, può quindi contare, almeno per quanto riguarda l’adattabilità climatica, su diverse centinaia di specie: il limite alla loro utilizzazione dipende più che da pretese scelte tecniche e/o biologiche dalla mancanza di un quadro di riferimento delle conoscenze su quelle che sono le prestazioni morfofunzionali delle diverse specie. Quello che manca è quindi quel corpus di conoscenze sulle esigenze e sulle caratteristiche delle singole specie, frutto di specifiche indagini sperimentali, che possano aiutare il progettista nel proprio lavoro. La scelta della specie viene quindi effettuata senza che il progettista stesso possa disporre di informazioni attendibili sulle caratteristiche e sulle esigenze delle singole specie, dato che non esiste di fatto nessuna istituzione di ricerca totalmente dedicata allo studio dei problemi biologici ed agronomici connessi con la progettazione e la gestione degli spazi a verde. La carenza di informazioni è più accentuata soprattutto per chi opera negli ambienti più meridionali del nostro Paese, dato che questo non può fare di fatto riferimento alle ampie ed esaurienti notazioni che in tema di scelta della specie vengono effettuate nelle nazioni del centro e nord Europa. Anche se sembra paradossale ci troviamo in una condizione in cui i limiti climatici permetterebbero un’ampia scelta, dato che si può fare riferimento a molte specie tropicali e subtropicali, scelta che viene di fatto frustrata dalla scarsità di informazioni. D’altra parte nonostante da diversi anni siano presenti sul mercato sofisticati software che offrono informazioni su diverse centinaia o addirittura migliaia di specie, tali indicazioni non possono essere travasate, senza alcun adeguamento, nelle nostre condizioni operative. Un altro ostacolo che si può frapporre alla scelta è che talvolta la pianta individuata non è disponibile presso i vivai o se è presente non è nella quantità e/o dimensione desiderata. Tutto questo di fatto conduce ad una banalizzazione delle scelte che si limitano ad un ristretto numero di specie “sicure” o che seguono “i dettami della moda”. Così al periodo di pini e magnolie è seguito quello di alcune palme, svilendo talvolta l’effetto ornamentale che tutte queste specie possono sicuramente offrire. A tal fine si è ritenuto opportuno cercare di organizzare le conoscenze, ancora certamente lacunose, in un quadro di riferimento quanto più articolato e completo possibile che risulti
Criteri fondamentali per giudicare l’idoneità delle diverse specie arboree all’utilizzazione negli spazi urbani secondo la Conferenza Stabile dei Direttori dei servizi Parchi e Giardini delle città tedesche (DST).

• Caratteristiche morfologiche e fisiologiche (vigore, crescita delle radici, del tronco e della chioma, habitus,
ecc.;

• Adattabilità alle condizioni ambientali del luogo; • Necessità di interventi di manutenzione; • Vita media delle piante, capacità di resistere alle avversità ambientali; • Sicurezza rispetto al traffico (stabilità del tronco e dei rami); • Possibilità di impiego in situazioni particolari.
Pagina 89

La progettazione del verde

funzionale, almeno sotto il profilo didattico. Si è trattato in buona sostanza di predisporre uno schema funzionale che possa servire come “canovaccio” sul quale ordinare e rendere più fruibili le informazioni oggi disponibili. La metodologia da noi seguita, e cioè l’individuazione di criteri cui ancorare l’eventuale “giudizio” sulla rispondenza della singola pianta, viene spesso seguita e può condurre a risultati di sicuro interesse. Il problema è che tali analisi sono state effettuate per altri contesti ambientali da noi lontani (es. Germania, Wisconsin) per cui le informazioni non sono come tali utilizzabili in ambiente mediterraneo. Il primo passo compiuto è stato quello di individuare i criteri ed i parametri cui ancorare la scelta delle piante; per quanto riguarda i primi, questi sono stati schematizzati come segue: ∗ rispondenza morfo-biologica; ∗ valenza estetica; ∗ profilo ecologico-naturalistico; ∗ valenza storico-paesaggistica; ∗ compatibilità climatica; ∗ adattabilità pedologica; ∗ compatibilità con l’ambiente costruito; ∗ tolleranza a specifici stress; ∗ peculiarità funzionali; ∗ tasso di propagazione. Per ciascuno di questi sono stati individuati (tab. 3) parametri di riferimento ai fini dell’individuazione delle piante da considerare nella progettazione e quindi nella realizzazione del verde. I diversi criteri ed i relativi parametri individuati possono essere considerati come una ipotesi metodologica, una sorta di check list cui il progettista deve sottoporre la pianta che intende utilizzare, una griglia che consente di selezionare le piante che meglio rispondono alla particolare sistemazione a verde. In tale direzione muovono molti degli schemi proposti per individuare la pianta da adottare; il problema è che non si può assolutamente trasformare la scelta della specie in un’operazione meccanica: i diversi criteri e parametri di scelta hanno un “peso” diverso in base alla particolare sistemazione a verde (La Malfa, 1987). Così in uno spazio a maggiore naturalità assume rilievo prevalente il profilo

Pagina 90

La progettazione del verde

ecologico naturalistico delle piante (e la relativa preferenza nei confronti di piante autoctone), nei piccoli spazi urbani la tolleranza a specifici stress (quali inquinamento) e le peculiarità funzionali (potere disinquinante o di biomitigazione ambientale). Di seguito si riportano alcuni dei parametri che assumono maggiore rilievo per i diversi criteri individuati in ambiente mediterraneo. Rispondenza morfobiologica In quest’ambito possono essere riunite tutte quelle informazioni relative allo sviluppo complessivo, alla durata del ciclo, al portamento, alla forma biologica della piante stesse, alla caducità o meno delle foglie, alla cadenza temporale ed alla durata delle fenofasi. Risulta evidente come quasi tutte queste informazioni per essere attendibili debbano essere il frutto di indagini sperimentali, in quanto non è possibile travasare informazioni, anche corrette, riferite ad altri ambienti. Per quanto attiene alla successione delle fenofasi, come in precedenza sottolineato, in ambiente mediterraneo i periodi di fioritura risultano differenti rispetto a quelli delle stesse specie coltivate in altri ambienti. Così, solo per fare un esempio, la viola del pensiero (Viola x wittrockiana) in un autorevole testo francese, quale Le Bon Jardinier (Burte e Cointat, 1992) è indicata a fioritura primaverile estiva, da marzo a luglio, mentre in ambiente mediterraneo è in antesi a partire dai primi di gennaio. Valenza estetica Ci si riferisce a tratti organografici complessivi ed a singoli organi (foglie, fiori, frutti) che assumono interesse a fini ornamentali, per la loro forma, il loro colore. Anche in questo caso, però, è necessario disporre di dati “originali” relativi all’ambiente mediterraneo, non solo per le specificità delle scelte biologiche che qui è possibile effettuare, ma per la stessa elevata insolazione che caratterizza questo ambiente e che sicuramente modifica le tonalità cromatiche e favorisce una percezione diversa del colore stesso. Luci ed ombre sono infatti temi cari a chi si occupa di sistemazioni a verde in ambiente mediterraneo (Paternò e Paternò, 1992). Profilo ecologico-naturalistico Si tratta di criteri che assumono importanza rilevante in rapporto alla tipologia di verde di cui occorre occuparsi e che sicuramente influenzano la possibilità di impiego delle piante autoctone o alloctone, in rapporto al diverso grado di naturalità dello spazio stesso. L’ambiente mediterraneo si contrassegna, come già rilevato, per l’ampia possibilità di scelta che offre: sono numerose e singolari le specie autoctone ed assieme a queste vi sono numerose specie alloctone, alcune delle quali ormai da tempo naturalizzate (es. fico d’India, agave), altre che, invece, esprimono un elevato grado di compatibilità con l’ambiente al punto da essere considerate, soprattutto nell’immaginario collettivo, come “mediterranee” (es. palma da dattero, buganvillea, bignonie, ecc.) Valenza storico-paesaggistica Negli ultimi anni l’aumentata considerazione del ruolo rivestito dal verde storico ha fatto crescere gli studi sull’epoca di introduzione delle piante stesse. La fitocronologia assume interesse precipuo in ambiente mediterraneo in rapporto al rilievo che rivestono sia gli spazi a verde ereditati dal passato che le introduzioni, talora molto antiche, delle piante stesse. Compilare elenchi ragionati di piante utilizzate in determinate epoche storiche ed ambiti geografici assume elevato rilievo nella manutenzione e nel restauro del verde storico. Spesso, invece, per la malaccorta pretesa di immaginare il paesaggio, anche quello vegetale, come immutabile non si comprende come questo si sia modificato nel tempo e, talvolta, nel breve tempo. Non possiamo dimenticare, infatti, che la gran parte delle specie esotiche sono state introdotte dopo la metà del XIX secolo: solo ad esempio si ricorda come

Pagina 91

La progettazione del verde

la buganvillea più diffusa (Bougainvillea glabra ‘Sanderiana’) sia stata introdotta in coltura nel 1895; di qualche anno prima (1888) è l’introduzione della palma delle Canarie (Phoenix canariensis) (Maniero, 2000). Sotto il profilo paesaggistico, si ricorda l’elevato impatto che hanno alcune colture agrarie, anche alloctone, nel segnare il paesaggio mediterraneo: è questo il caso di olivo, carrubo e soprattutto agrumi. Questi ultimi sono diventati elementi identificativi del paesaggio vegetale mediterraneo, al punto che alcune regioni, come la Sicilia, sono diventate, soprattutto agli occhi dei viaggiatori del Nord Europa, il luogo dove «fioriscono i limoni» (Sereni, 1961). Compatibilità climatica È uno dei vincoli principali cui bisogna sottostare nella scelta della specie. Sotto questo profilo indicazioni preziose possono essere tratte, per le esigenze termiche, dalle zone climatiche che fanno riferimento ai ben noti criteri seguiti dall’USDA (1990) per l’elaborazione di Plant hardiness zone map. Sulla base di tali criteri ciascuna specie viene ricondotta al valore indice della zona (da 1 ad 11) contrassegnata da temperature minime assolute che possono risultare pregiudizievoli per l’insediamento e lo sviluppo della specie stessa. Nell’ambiente mediterraneo possono trovare collocazione le specie fino alla zona 10 ed in particolari aree molto favorite sotto il profilo climatico anche specie della zona 11 in cui la temperatura non scende mai al disotto di 4,4°C. Un altro interessante indice indicativo per la scelta delle piante ornamentali è quello relativo alle esigenze idriche; tale indice, proposto da Burte e Cointat (1992) in Le Bon Jardinier, prevede l’adozione di 5 classi per l’umidità del substrato: H1 (molto secco), H2 (secco), H3 (medio), H4 (da fresco ad umido), H5 (presenza costante di acqua). Utilizzando quest’indice su un gruppo di 592 specie appartenenti a 116 famiglie botaniche diverse di largo impiego nell’ambiente siciliano, è stato rilevato come le piante caratterizzate da esigenze idriche contrassegnate dalla sigla H1 rappresentino il 4,5% del totale, quelle con H2 il 24,8%, le specie H3 il 34,8%, mentre H4 e H5 incidano rispettivamente per il 22,5% ed lo 0,8 % (Romano, dati non pubblicati). Il mancato raggiungimento del valore 100 delle percentuali sopra riportate è legato al fatto che alcune specie sono state riferite a cavallo di due gruppi e quindi non conteggiate. In ogni caso emerge come numerose specie siano in grado di resistere a livelli bassi di umidità nel substrato. Adattabilità pedologica Tale criterio assume enfasi diversa in rapporto all’estensione dell’area. Così mentre in piccoli spazi diviene possibile ipotizzare interventi per modificare le caratteristiche pedologiche, in ambienti più ampi diventa fondamentale individuare piante che siano resistenti a caratteristiche dei suoli subottimali. Anche a tal proposito si deve lamentare la lacunosità delle informazioni relative alle piante di più frequente impiego in ambiente mediterraneo. Compatibilità con l’ambiente costruito Le informazioni in merito alla compatibilità soprattutto dell’apparato ipogeo sono veramente esigue. Sappiamo molto poco in merito alla crescita dell’apparato radicale che sicuramente si modifica fortemente in rapporto alle caratteristiche del terreno e del suo compattamento. In assenza di ampie ed attendibili informazioni la scelta spesso, in contesti in cui i volumi sia dell’apparato ipogeo ed epigeo sono limitati, si restringe all’impiego delle palme che sotto questo profilo offrono prestazioni di sicuro interesse.

Pagina 92

La progettazione del verde

Tolleranza a specifici stress Conoscere il grado di tolleranza delle diverse specie ai più comuni stress (salini, idrici, termici, meccanici, inquinamento, ecc.) dell’ambiente mediterraneo assume ovviamente un ruolo di estremo interesse; anche in questo caso, però, occorre lamentare l’esiguità di informazioni a nostra disposizione. Molto spesso ci si trova davanti a tabelle che sono il frutto di elaborazione di dati eterogenei e che, come tali, non sempre possono essere di fattivo aiuto. Ad esempio si fa riferimento ad una supposta resistenza o sensibilità ad un dato stress (es. singolo inquinante) senza precisare quale sia il valore soglia, l’età della pianta o il suo stato vegetativo. Peculiarità funzionali Negli ultimi anni sempre più si guarda al verde per la sua capacità di migliorare alcuni parametri ambientali, cui è legata la vivibilità dell’ambiente urbano in cui in prevalenza l’uomo vive. Conoscere il potere ombreggiante, disinquinante, traspirativo, antirumore delle diverse piante può essere importante nella realizzazione di spazi a verde. L’argomento è certamente complesso e le informazioni a nostra disposizione non sono esaurienti: in ogni caso, allo stato delle conoscenze è possibile affermare che una corretta scelta della specie può certamente aiutare a realizzare un verde in grado di migliorare le caratteristiche dell’ambiente; anche le condizioni d’impiego delle piante stesse sono altrettanto importanti: intuitivo rilievo assumono sia il numero di individui che la loro disposizione. Così, ad esempio, in rapporto alle possibilità offerte dalle piante di attenuare le temperature massime, sono stati elaborati, per diverse località residenziali delle zone più calde degli Stati Uniti, modelli previsionali della diminuzione delle temperature estive in rapporto alla vegetazione ornamentale (Huang et al., 1987). Attraverso tali modelli è stato calcolato che ad un aumento del 25% della disponibilità di verde farebbe riscontro in quelle condizioni un risparmio dell’energia necessaria per il condizionamento termico estivo del 40% a Sacramento e del 25% a Phoenix; tale risparmio aumenterebbe al 50 e 33% nell’ordine per effetto di una distribuzione delle piante più favorevole ai fini dell’ombreggiamento degli stessi edifici (Huang et al., 1987). Modalità di propagazione Più che un criterio di scelta è una vera e propria condizione vincolo. Come già ricordato, l’individuazione della specie più idonea viene il più delle volte frustrata dal fatto che non disponiamo di adeguati materiali vivaistici. In rapporto all’elevato numero di specie potenzialmente impiegabili nelle sistemazioni a verde si comprende come si tratti di un aspetto complesso che meriterebbe l’attenzione continua di ricercatori e di operatori del settore. Ma questo segmento, come del resto molti altri delle sistemazioni a verde, sconta pesantemente la marginale attenzione e l’assenza di risorse destinate alla ricerca. 5.2.2.4. Fasi della scelta La modalità di operare la scelta della pianta idonea da inserire nella sistemazione a verde può essere articolata in diverse fasi. Nel progetto di massima, ad esempio, si deve, dopo aver dettagliatamente analizzato i vincoli ambientali, procedere all’individuazione di quelle specie che appaiono idonee sotto il profilo ecologico, estetico e spaziale. Risulta anche congruente con le operazioni specifiche

Pagina 93

La progettazione del verde

di progettazione (soprattutto di “composizione” vegetale) raggruppare le diverse specie in base al gruppo di appartenenza (erbacee, arbustive, ecc.), di cui si dirà meglio in seguito. Quando si passa al progetto esecutivo occorre ulteriormente dettagliare gli aspetti tecnici specifici, provvedendo anche ad individuare fornitore e modalità di approvvigionamento. Se l’iter progettuale è stato correttamente eseguito bisogna, infine, in fase di realizzazione, essere “fedeli a quanto stabilito”. La frase potrebbe apparire ovvia se non fosse che molto spesso proprio in tale fase, da parte della ditta appaltatrice e/o del vivaista che provvede alla fornitura delle piante vengono compiute “scelte” che stravolgono completamente quanto stabilito dalla progettazione stessa. 5.2.2.5. Principali gruppi di piante Nella fase di progettazione per l’individuazione delle piante da utilizzare, al di là di quelle che sono le prestazioni morfo-funzionali che assicurano la massima compatibilità delle piante stesse con il contesto in cui sono adottate, è molto funzionale, come già ricordato, anche per l’organizzazione della composizione vegetale e per la determinazione

Pagina 94

La progettazione del verde

dell’aspetto estetico complessivo, la suddivisione delle piante, sulla base soprattutto di specifici tratti organografici, in diversi gruppi. Per quanto riguarda questi ultimi si è preferito adottare un criterio misto che avesse, oltre a qualche fondamento scientifico, un’utilità pratica. Da un punto di vista botanico, ed in particolare della corologia, le piante, come è noto, vengono raggruppate in base alla forma biologica in diversi tipi: terofite, geofite, idrofite, emicriptofite, camefite, fanerofite. Per i nostri scopi, però, abbiamo ritenuto opportuno ricorrere ad espressioni più semplici e più diffuse, quali piante erbacee, arbustive, arborescenti, arboree, rampicanti, succulente. Quale che sia il discriminante utilizzato è ovvio che, come sempre in biologia, è difficile effettuare demarcazioni nette e per alcune specie l’appartenenza ad un determinato gruppo è controversa (es. buganvillea può essere considerata come pianta arbustiva o «rampicante», data la sua sarmentosità, Plumbago auriculata come pianta arbustiva o ricadente, ecc.). Il tipo di classificazione seguito, però, proprio per rispondere meglio all’obiettivo di fornire indicazioni al progettista per la scelta della specie in diverse situazioni, è stato talvolta modificato ed alcune delle categorie individuate sono state determinate dall’uso prevalente delle piante (es. acquatiche). Si è preferito inoltre, per l’indubbio interesse rivestito nella sistemazione a verde delle aree più meridionali, indicare a parte il gruppo delle palme e quello delle cosiddette «palm-like» degli autori anglosassoni (specie cioè assimilabili per esigenze e/o per portamento alle palme stesse). È stato inoltre considerato il gruppo delle piante succulente, ampiamente utilizzate nelle sistemazioni a verde in ambiente mediterraneo. D’altro canto, nonostante il discriminante seguito non sempre sia omogeneo, sono questi i gruppi che si ritrovano nella letteratura internazionale che si occupa di piante per il giardinaggio e per la sistemazione a verde (Graf, 1992; Brickell, 1989; Courtright, 1988). In alcuni casi si è preferito tralasciare alcuni gruppi considerati in tali manuali o perché non riguardavano direttamente la sistemazione degli spazi a verde (es. piante da interno, aromatiche, ecc.) o perché il loro interesse è trascurabile nell’ambiente mediterraneo (piante carnivore, felci, orchidee). Un gruppo di piante che sicuramente manca è quello relativo alle specie per la costituzione di tappeti erbosi, argomento che, per la sua complessità ed interesse, merita specifica attenzione. I gruppi di piante individuati sono stati pertanto i seguenti: erbacee annue e polienni ∗ bulbose ∗ succulente ∗ acquatiche ∗ arbustive ed arborescenti ∗ rampicanti e ricadenti ∗ palme e palm like ∗ arboree. All’interno del singolo gruppo, inoltre, sono state operate ulteriori divisioni in base all’organo che determina maggiormente l’effetto ornamentale (es. da fiore, da fogliame, da frutto). L’elenco di piante proposto (vedi schede allegate nel CD) può offrire un utile riferimento per la scelta in ambiente mediterraneo ed in particolare di quello più xerofitico e termofilo che caratterizza le zone costiere della Sicilia, dove si è prevalentemente svolta una specifica attività di ricognizione delle scelte di cui le schede allegate sono il frutto. Nelle schede si fa spesso riferimento a specie anche se in qualche caso, vuoi per l’ampiezza dell’articolazione intraspecifica, vuoi per la notevole sovrapponibilità dei caratteri e delle esigenze delle diverse specie congeneri, si è preferito riportare solo il genere. Per ogni accessione è stata riportata la famiglia botanica di appartenenza, il gruppo di riferimento, l’organo di interesse ornamentale, l’origine. Sono state anche aggiunte informazioni sulle esigenze pedoclimatiche per le quali è stata utilizzata una simbologia in gran parte mutuata da quanto elaborato da Burte et al. (1992) in Le bon jardinier. In particolare i campi per quanto

Pagina 95

La progettazione del verde

riguarda il substrato sono i seguenti: Natura: TF: terreno franco; TS: terreno sabbioso; TA: terreno argilloso; TV: terreno vegetale; TB: terreno di brughiera; TO: torba; TO+: torba ammendata; Sph: sfagno; Edp: corteccia di pino: Sab: sabbia; Tessitura: Sol-: leggera; sol=: normale; sol+: pesante; pH: <: acido; ≤: da acido a neutro; =: neutro; ≥: da medio ad alcalino; >: alcalino; Sostanza organica: MO-: livello basso; MO=: normale; MO+: elevato; Umidità: H1: molto secco; H2: secco; H3: medio; H4 da fresco ad umido; H5 presenza costante di acqua. La Zona climatica fa riferimento ai ben noti criteri seguiti dall’USDA (1990) per l’elaborazione di Plant hardiness zone map. Sulla base di tali criteri ciascuna specie viene ricondotta al valore indice della zona contrassegnata da temperature minime assolute che possono risultare pregiudizievoli per l’insediamento e lo Zona °C Zona °C sviluppo della specie stessa. 1 <-45,5 7 -17,7÷-12,3 Naturalmente tanto più elevata è la 2 -45,5÷-40,1 8 -12,2÷-6,7 rusticità o la resistenza al freddo di una specie (e quindi tanto più basso è il 3 -40,0÷-35,5 9 -6,6÷-1,2 numero di riferimento) tanto più ampio è 4 -35,4÷-28,9 10 -1,1÷+4,4 l’areale di possibile diffusione della specie 5 -28,8÷-23,4 11 >+4,4 medesima. I livelli estremi delle minime termiche (°C) per ciascuna zona climatica 6 -23,3÷-17,8 sono a fianco seguito riportati. Per l’Umidità relativa ci si è basati, invece, sulla simbologia elaborata da Burte et al. (1992): h1: molto secco; h2: secco; h3: normale; h4: umido; h5: saturazione. Allo stesso modo per l’Insolazione sono stati previsti i seguenti campi: S: pieno sole; MO: mezz’ombra; O: ombra. 5.2.2.6. Caratteristiche dei principali gruppi di piante Di seguito vengono riportate alcune notazioni relative ai gruppi di piante individuate, con particolare riferimento agli aspetti da tenere in considerazione per il loro inserimento nelle diverse sistemazioni a verde in ambiente mediterraneo. Erbacee annue e polienni Sono piante di altezza limitata, con fusto tenero e flessibile e possono essere annuali, biennali o polienni quando la parte sotterranea è persistente e sviluppa ogni anno germogli (piante vivaci o perennanti). Da un punto di vista ornamentale, possono essere suddivise in base al fatto se l’elemento di maggiore pregio è rappresentato dal fogliame o dai fiori. Per quanto riguarda le prime, le specie su cui si può contare non sono numerose; si tratta spesso di piante polienni, idonee ad essere impiegate in luoghi ombrosi, dato che presentano spesso foglie di grandi dimensioni e quindi «dissipatrici» di acqua. Le piante che affidano il loro effetto ornamentale ai fiori, possono essere suddivise in annuali o polienni. Le prime presentano in genere un periodo di fioritura più prolungato e un notevole valore estetico. Il maggiore problema al loro impiego è dato dagli elevati costi di manutenzione che impone il loro uso, dato che la presenza all’interno degli spazi a verde presuppone un’attenta attività di vivaismo per preparare le piante di idonee dimensioni da essere poste a dimora. Quando si intende inserire delle fioriture annuali in un giardino occorre: ∗ definire un programma di impiego delle specie prescelte; ∗ prevedere, soprattutto nel caso in cui si curi in proprio l’attività vivaistica, una disponibilità superiore almeno del 10% a quella ipotizzata per far fronte ai rischi insiti nella produzione e agli imprevisti durante la fioritura delle aiuole; ∗ individuare dei modelli di aiuola cui rifarsi di volta in volta per contenere l’impegno di uomini e per evitare il monotono ripetersi della stessa aiuola (è bene, ad esempio, in un

Pagina 96

La progettazione del verde

giardino pubblico, che il modello non ritorni nella stessa località prima di 4-5 anni). Le piante perennanti pur richiedendo minori oneri di manutenzione appaiono caratterizzate da un periodo di fioritura piuttosto breve, cui segue una lunga fase in cui la pianta spesso non presenta caratteri estetici di pregio. D’altro canto anche per queste piante occorre intervenire con operazioni di manutenzione rivolte all’eliminazione delle parti appassite e delle malerbe. Da ricordare come, soprattutto negli ultimi anni, anche in Italia, sulla spinta di quanto accaduto in Inghilterra e soprattutto in USA, si stia diffondendo l’impiego dei cosiddetti «wildflower» e cioè di piante spontanee, non sempre autoctone, utilizzate per formare dei prati fioriti che richiamino composizioni naturali. Il termine wildflower, che il dizionario Webster definisce come “the flower of a wild or uncultivated plant or the plant bearing it” è entrato ormai nell’uso comune, anche perché il corrispettivo italiano, che potrebbe essere quello di “fiori di campo” o “fiori selvatici”, non ne rende completamente il significato. Con wildflower si intendono le specie erbacee, annuali, biennali e perenni, con fiori evidenti o molto evidenti, che abbiano una valenza estetico-paesaggistica e naturalistica e che possano essere impiegate come arredo di spazi verdi per la ricreazione, la socializzazione e la didattica ambientale. Questa denominazione non è stata coniata di recente, certamente era già entrata nel vocabolario alla fine del ’700 e veniva utilizzata a volte nella descrizione del giardino romantico per indicare le piante erbacee spontanee nelle aree sottochioma, quindi in ombra, o più in generale, i prati formati da specie spontanee. Tuttavia, soltanto recentemente il termine sta assumendo una larga Le piante spontanee possono rappresentare una risorsa per ottenere un diffusione in virtù dell’azione verde più compatibile sotto il profilo ambientale d i r e c u p e r o e rinaturalizzazione di aree degradate e di conservazione della natura. Il termine è anche adottato dagli operatori del settore sementiero che nei cataloghi delle aziende alla voce wildflower inseriscono piante erbacee annuali, biennali e perenni che vengono coltivate in forma naturalistica, ossia seminate in miscuglio e richiedenti una manutenzione molto ridotta, che prevede la lavorazione minima del suolo, la semina, la rullatura, il taglio o l’incendio controllato, più simile a quello di un pascolo, che del verde ornamentale. L’aspetto più interessante dell’utilizzo dei wildflower nelle sistemazioni a verde confrontando anche altre esperienze mondiali quali quelle negli Stati Uniti, Australia, Irlanda, Nuova Zelanda e Gran Bretagna, sembra essere legato all’importanza della tutela ambientale con il recupero e la rinaturalizzazione di aree degradate quali terreni agricoli abbandonati, cave dimesse, scarpate stradali, che potrebbero diventare interessanti serbatoi da cui attingere per rinnovare ed ampliare il panorama colturale nazionale. Nell’areale mediterraneo si riscontra un alto numero di specie spontanee caratteristiche di effettiva bellezza e quindi di potenziale valore ornamentale, verso cui sarebbe auspicabile orientare la produzione. Una volta dimostrata la loro possibile domesticazione e dopo averle adeguatamente commercializzate, tali specie potrebbero essere valorizzate come

Pagina 97

La progettazione del verde

produzioni tipiche, in grado di ritagliarsi uno spazio nel mercato. Bulbose Con tale termine da un punto di vista agronomico vengono comprese le piante provviste di parti vegetative ipogee (bulbi, bulbo-tuberi, tuberi, radici tuberose, rizomi, pseudo bulbi) le quali svolgono principalmente la funzione di riserva per assicurare la sopravvivenza della pianta in condizioni avverse. Esse sono una esclusiva caratteristica delle specie erbacee perenni, in cui la parte epigea alla fine della stagione muore, mentre la pianta sopravvive nel terreno allo stato di organo carnoso in riposo, provvisto di gemme capaci di dare, l’anno successivo, nuovi germogli. Queste piante sono particolarmente adatte ad affrontare, nel corso del loro ciclo vegetativo, periodi climatici sfavorevoli alla vegetazione. I due cicli climatici principali, cui tali organi si adattano, sono il ciclo freddo-caldo della zona temperata e quello umido-secco delle regioni tropicali e subtropicali, fra cui occorre comprendere anche la regione mediterranea. Per quanto riguarda la sistemazione di spazi a verde occorre ricordare come alcune specie, idonee a superare il periodo di freddo, necessitano di basse temperature per completare il loro ciclo biologico. Per queste specie l’ambiente mediterraneo non è idoneo e quindi, qualora utilizzate, tali piante (es. tulipano, giacinto) devono essere considerate come vere e proprie “annuali”. Maggiore impiego possono trovare, invece, nelle sistemazione a verde le specie idonee a resistere alla stagione secca: in questo caso l’utilizzazione è quella tipica delle poliennali (es. agapanto, giaggiolo, ecc.). Fra i caratteri di pregio delle piante bulbose occorre ricordare le vistose fioriture dai brillanti colori; in alcuni casi il limite è dato da una stagione di fioritura molto breve, ulteriormente ridotta dalle elevate temperature primaverili che caratterizzano l’ambiente mediterraneo. Succulente Le succulente possono essere definite come le piante che sono capaci di superare condizioni di secco dato che riescono a conservare acqua nei loro tessuti. Costituiscono un gruppo molto ampio essendo presenti in diverse famiglie sia delle Angiosperme ma anche delle Gimnosperme (es. Welwitschia mirabilis). Secondo Willert et al. (1992) una succulenta è una pianta che possiede almeno un tessuto succulento. Un tessuto succulento è un tessuto vivente che, oltre ad altri obiettivi, serve a garantire una temporanea riserva di acqua utilizzabile, che rende la pianta temporaneamente indipendente da apporti esterni, quando le condizioni idriche del terreno non possono supportare le esigenze della pianta stessa. Tale definizione implica che il tessuto succulento sia presente in uno o più organi della pianta; la specializzazione di tale organo dipende dalla pressione selettiva dell’ambiente. Il tessuto succulento può essere rappresentato dalle foglie e questo accade in diverse famiglie (es. Aizoaceae, Crassulaceae) ed è di solito associato con un ambiente nel quale la stagione arida non è molto lunga. Lo stelo succulento si ritrova nella famiglia delle Cactaceae; in questo caso le foglie sono di dimensioni ridotte, fino a diventare spine, o caduche e la fotosintesi viene svolta dal fusto. Grazie a tali adattamenti, le piante sono in grado di vivere in ambienti molto aridi: il limite è talvolta dato dalle dimensioni delle piante stesse; i cactus giganti (es. Cereus spp.) necessitano di maggiori quantità di acqua per il loro accrescimento. Se l’ambiente diventa più arido le piante riducono fortemente le loro dimensioni. Nel caso di radici succulente l’organo di riserva è sotterraneo e quindi può esser protetto, almeno in natura, dagli stress causati dal vento o dai predatori animali. Le radici succulente sono spesso associate con uno stelo annuale che dissecca durante la stagione arida. Oltre a queste modificazioni, le piante succulente presentano alcuni tratti fisiologici che li avvantaggiano negli ambienti aridi. Il numero e le dimensioni degli stomi sono usualmente

Pagina 98

La progettazione del verde

ridotti; questo non solo riduce la quantità di acqua persa ma anche la quantità di CO2 assorbita. In alcune famiglie è anche presente un particolare tipo di ciclo fotosintetico, cosiddetto CAM; in tali piante gli stomi si aprono solo di notte, quando la temperatura è più bassa e l’umidità atmosferica più alta. Le modificazioni morfologiche conseguenti all’adattamento al secco hanno come conseguenza che le piante succulente si presentano con forme strane, molto ornamentali. Inoltre in alcune famiglie (es. Cactaceae) le fioriture sono molto vistose e questo sicuramente aumenta il valore ornamentale delle piante. La bellezza degli esemplari, la capacità di tollerare situazioni di stress termo-udometrico molto accentuato, le dimensioni spesso contenute ed anche la stessa “lentezza” di crescita sono tutti fattori importanti per l’utilizzazione di tali piante negli spazi a verde. L’impiego principale è legato alla realizzazione di “composizioni rocciose”, inserite in particolari angoli del giardino. Fra gli aspetti da richiamare vi è il fatto che le spine, soprattutto delle cactacee, possono essere pericolose e quindi bisogna stare attenti nel collocare le piante in posizione marginale nel giardino, ponendo le piante più “pericolose” lontane dai sentieri per la viabilità. Un altro aspetto da tenere presente è che le esigenze idriche fra le piante “grasse” sono diverse: di solito quelle che presentano foglie succulente hanno esigenze idriche più spiccate di quelle in cui è lo stelo a manifestare i caratteri della “succulenza”. Per tale motivo se la composizione di piante grasse è in un’area in pendio è bene collocare in basso (dove per percolazione arriva una maggiore quantità di acqua) le specie più sensibili agli stress idrici e più in alto quelle dotate di più spiccati caratteri xerofitici. Acquatiche Con questo nome e anche con quello di idrofite, vengono indicati i vegetali che vivono nell’acqua. L’adattamento a tale genere di vita ha determinato particolarità nella struttura di tali piante, poiché esse assorbono l’acqua ed i sali nutritivi non soltanto con le radici, come avviene nelle piante terrestri, ma con tutta la superficie del corpo e dall’acqua traggono i gas (O e CO2) necessari alla loro vita. Spesso mancano le radici o queste servono solo come mezzo di adesione al suolo. Per sopperire alla mancanza di ossigeno, le foglie sommerse aumentano la loro superficie suddividendosi in sottili lacinie, mentre quelle galleggianti o le aeree conservano la struttura tipica; le foglie sommerse, inoltre, presentano l’epidermide non cuticolarizzata, priva di stomi e generalmente anche di peli; il mesofillo omogeneo è provvisto di grandi spazi intercellulari. Un’altra caratteristica di tali piante è la presenza di un parenchima aerifero detto aerenchima che consente il rapido trasporto dei gas nella pianta. Le piante acquatiche hanno largo impiego nell’arredo dei giardini, perché servono ad assicurare la copertura vegetale di vasche, fontane, laghetti, ruscelli ed acquari. A seconda del modo di risiedere nell’acqua, le piante acquatiche si dicono sommerse, emergenti, galleggianti, palustri e anfibie. Le sommerse non comprendono specie propriamente ornamentali anche se possono modificare il colore dell’acqua e contribuire a migliorare lo stato di salubrità dell’acqua stessa e cooperare alla formazione di un ambiente favorevole alla vita degli animali acquatici. Le emergenti hanno solo la parte basale nell’acqua; tra le numerose specie di questo gruppo, da considerare il più interessante ai fini ornamentali, sono da ricordare: Cyperus spp., Nelumbo lutea e N. nucifera, Nymphaea alba, Victoria regia, Sagittaria spp. Le galleggianti o natanti o fluttuanti sono quelle che sviluppano le foglie e i fiori sull’acqua senza avere bisogno che le radici si fissino sul terreno. Si possono ricordare: Alisma natans, Lemna minor (lenticchia d’acqua), Pistia stratiotes, Trapa natans (castagna d’acqua).

Pagina 99

La progettazione del verde

I generi più importanti delle palustri (piante che crescono nei luoghi paludosi, coperti d’acqua nell’inverno, spesso asciutti d’estate) sono Cyperus, Thypha, Arundo, Caltha, Iris, ecc. Le piante anfibie sono quelle che possono vivere nell’acqua e nelle terra emersa ed umida; tra queste vi sono sia piante arboree (es. Salix) che erbacee (Alisma, Galium, Juncus). Il loro impiego nel giardino mediterraneo, anche se di primo acchito potrebbe apparire insolito, data la forte dipendenza delle piante dall’acqua, è diffuso. Le favorevoli caratteristiche climatiche di questo ambiente, infatti, consentono l’utilizzazione di specie caratterizzate da esigenze termiche specifiche (zone climatiche 9 e soprattutto 10) di indubbio valore estetico, che conferiscono “bellezza” ed “esoticità” ai giardini. Quando la disponibilità di acqua è sufficiente, l’impiego di piante acquatiche, collocate in vasche, di dimensioni più o meno ampie, è quindi elemento tipico del giardino mediterraneo, presente anche in quello di interesse storico. Arbustive ed arborescenti Gli arbusti, sotto un profilo generale, presentano caratteristiche morfoanatomiche intermedie tra quelle delle piante erbacee e degli alberi. Tali caratteristiche comprendono, tra l’altro, l’habitus e la statura che però possono esprimersi in maniera sostanzialmente diversa a seconda delle tecniche di allevamento e soprattutto delle condizioni ambientali. Ne consegue che la stessa specie può assumere più o meno una configurazione di pianta suffruticosa o arborescente a seconda dell’ambiente e dei criteri d’impiego. Sotto un profilo biologico, gli arbusti rientrano in genere nel gruppo delle fanerofite o delle nanofanerofite. Agli arbusti sono funzionalmente riconducibili tuttavia ad alcune camefite ed in particolare le suffruticose. A parte lo sviluppo, il carattere morfologico che più frequentemente accomuna gli arbusti è la presenza di gemme non dormienti in prossimità del colletto, dalle quali prendono origine diversi rami che conferiscono alla pianta l’aspetto di cespuglio, ciò che risulta utile per particolari destinazioni ornamentali. Le piante arbustive per via della relativa plasticità e della varietà di forme e portamento si prestano ad una molteplicità di utilizzazioni nelle sistemazioni a verde. A parte il valore ornamentale, tali piante manifestano rusticità e comunque capacità notevoli di adattamento alle condizioni ambientali. Questa ultima è supportata dalla lignificazione più o meno rapida dei tessuti e dall’alternanza tra periodi di vegetazione e di riposo modulata sulla base del decorso termo-udometrico e non ultimo, con riferimento alle specie tipiche dei climi caldi e aridi, dalle variazioni del potenziale osmotico dei succhi cellulari con conseguente possibilità di sopportare condizioni difficili sotto il profilo delle disponibilità idriche. Negli ambienti a clima mediterraneo il ruolo delle specie arbustive nelle sistemazioni a Al giorno d’oggi l’arte topiaria è tornata ad essere verde diventa preminente, non potendosi elemento presente nei giardini, soprattutto quelli privati e di piccole dimensioni. Essa, infatti, eccelle nel spesso fare riferimento, come invece in altri disegnare i piccoli spazi

Pagina 100

La progettazione del verde

ambienti caratterizzati da decorso pluviometrico più regolare, alle specie annue o bienni erbacee o suffruticose. Del resto se si guarda alle specie endemiche, di potenziale interesse negli ambienti mediterranei, il quadro è molto più articolato per quanto riguarda le specie arbustive che non per quelle erbacee. Una rigorosa individuazione ed elencazione delle specie arbustive utilizzabili a fini ornamentali nelle condizioni di clima mediterraneo è difficile. È certo che l’elenco comprende specie originarie del bacino del Mediterraneo e numerose altre che, nel tempo, e soprattutto nei secoli XVIII e XIX, sono state introdotte prevalentemente dai Paesi a clima subtropicale. In ogni caso un elenco delle specie arbustive ornamentali assume sempre validità relativamente ad uno specifico contesto ambientale e climatico. Molte specie, come già detto, a seconda del clima ed in parte delle stesse tecniche di potatura, possono assumere sviluppo e portamento tali da farle rientrare nel gruppo degli alberi o quanto meno degli arbusti arborescenti. È il caso ad esempio dell’oleandro, il cui habitus e sviluppo si modificano sensibilmente a seconda delle condizioni ambientali e delle modalità di potatura. Gli elementi descrittivi utilizzabili per la classificazione degli arbusti sono naturalmente numerosi. Di norma vengono presi in considerazione, in rapporto all’impiego a fini ornamentali: ∗ la statura; ∗ gli organi di particolare interesse ai fini ornamentali; ∗ la stagione in cui si esprime al massimo l’effetto ornamentale; ∗ le esigenze rispetto al terreno; ∗ le esigenze rispetto ai fattori climatici (luce, temperatura, ecc.); ∗ il metodo di propagazione. Le specie arbustive maggiormente utilizzate presentano una statura che non supera i 2 metri, affidano ai fiori il maggiore effetto ornamentale e sono propagate prevalentemente per talea. Gli arbusti ornamentali, come già detto, trovano un’ampia varietà di utilizzazioni. Alcune specie, in primo luogo, oltre che per la sistemazione di spazi a verde, possono essere coltivate come piante ornamentali in vaso. Oleandro, lantana, pittosporo e numerose altre costituiscono esempi di tale utilizzazione la quale alimenta e sostiene, soprattutto in alcune regioni, una vasta attività di produzione e di commercializzazione. Con riferimento alla sistemazione a verde di spazi più o meno estesi, le utilizzazioni più comuni riguardano: ∗ sistemazioni di aiuole mediante l’inserimento di soggetti singoli o di gruppi; ∗ realizzazione di siepi libere o obbligate; ∗ realizzazione del verde stradale ed autostradale; ∗ ricoprimento di superficie in orizzontale. La pluralità di utilizzazioni delle specie arbustive, oltre che dalla numerosità, dipende anche dalla rusticità delle singole essenze. È il caso di alcune specie impiegate nella sistemazione a verde degli spazi di risulta delle reti viarie stradali ed autostradali, quale ad esempio l’oleandro, che si lasciano apprezzare proprio per la resistenza a fattori avversi, quali l’aridità, la marginalità delle condizioni pedologiche, gli eccessi termici, le basse temperature, i venti anche salsi, la resistenza al fuoco. Un ulteriore elemento che favorisce la pluralità di utilizzazioni è, in alcuni casi, l’ampia variabilità intraspecifica conseguente al lavoro di miglioramento genetico. Tale variabilità si manifesta nel colore dei fiori, nello sviluppo della pianta, nelle esigenze della stessa nei confronti delle condizioni ambientali. Naturalmente alcune specifiche tipologie di utilizzazione sono legate a peculiari caratteristiche organografiche e biologiche, altre alle esigenze di ciascuna specie. È il caso degli arbusti più proficuamente utilizzabili per la realizzazione di siepi o per la sistemazione di spazi prossimi al mare a motivo di una più o meno spiccata resistenza all’azione dei sali
Pagina 101

La progettazione del verde

nel substrato e nell’aria. Rampicanti e ricadenti Il gruppo delle piante rampicanti e ricadenti di interesse ornamentale è ricco complessivamente di circa un migliaio di specie di diversa origine, molte delle quali trovano condizioni idonee per la loro utilizzazione in pien’aria nell’ambito del nostro Paese. Il clima mediterraneo che contrassegna le zone costiere e le regioni poste alle latitudini più meridionali si rivela, infatti, idoneo anche nei confronti delle numerose specie di origine tropicale caratterizzate da elevate esigenze termiche. La qualificazione funzionale di questo gruppo di piante è fondamentalmente legata all’attitudine a ricoprire superfici fortemente inclinate o in verticale; molto articolati appaiono tuttavia sia il quadro di carattere sistematico che il profilo relativo ai meccanismi che sostengono tale loro attitudine, ai caratteri di più diretto significato ornamentale, alle esigenze, alle modalità di utilizzazione. Le piante rampicanti e ricadenti, tra le quali si riscontrano specie erbacee, suffruticose o arbustive, annue e polienni, a foglie caduche o persistenti, sono riconducibili ad oltre 70 famiglie, una decina delle quali sono particolarmente ricche di rappresentanti. Le famiglie cui sono riferibili le specie maggiormente utilizzate in Italia sono: Acanthaceae, Aizoaceae, Apocynaceae, Araliaceae, Asclepiadaceae, Asteraceae, Bignoniaceae, Convolvulaceae, Caprifoliaceae, Fabaceae, Nyctaginaceae, Oleaceae, Passifloraceae, Polygonaceae, Ranunculaceae, Rosaceae, Solanaceae, Vitaceae. Le caratteristiche morfoanatomiche del fusto rappresentano l’elemento più rispondente ai fini di una pur difficile distinzione tra piante rampicanti e ricadenti. Le piante rampicanti sono accomunate dal fatto che il loro fusto per reggersi necessita dell'ancoraggio ad un sostegno vivo o morto; tale ancoraggio viene assicurato da adattamenti di natura morfologica e/o funzionale. In mancanza di tale sostegno il fusto, in genere esile e comunque poco consistente in rapporto alle dimensioni della pianta, tende a ricadere o a strisciare sul terreno in orizzontale ricoprendolo; è a tale ultima possibilità che fa riferimento la locuzione piuttosto imprecisa “piante ricoprenti”, talora utilizzata. I meccanismi sui quali fanno affidamento le piante rampicanti per sostenersi sono numerosi e consentono una ulteriore suddivisione del composito gruppo in categorie relativamente più omogenee. Una prima categoria comprende tutte le piante provviste di specifici organi di ancoraggio originati dalla trasformazione di foglie e rami in viticci o in cirri, i quali, a loro volta, possono essere sensibili agli stimoli tattili o provvisti di particolari tessuti a mezzo dei quali aderiscono alla superficie di appoggio (Passiflora, Parthenocissus, Tetrastigma). La funzione di sostegno del fusto può essere assicurata anche da radici avventizie (Hedera, Monstera, Ficus pumila). Le piante provviste di organi specifici per l’ancoraggio costituiscono le vere e proprie rampicanti (in francese plantes grimpantes; in inglese climbers o vines che designano in modo generico le rampicanti, mentre si usa la locuzione self-clingings per indicare le piante che aderiscono più attivamente al sostegno tramite radici aeree o viticci adesivi). La seconda categoria è costituita dalle specie cosiddette volubili (twiners in lingua inglese e volubiles in francese) il cui fusto si regge attorcigliandosi a sostegni grazie a movimenti di circumnutazione il cui senso rotatorio è specifico. In alcune specie, infatti, la nutazione, dovuta a stimoli tattili, è destrorsa (Jasminum spp., Wisteria chinensis) in altre sinistrorsa (Lonicera, Polygonum, Wisteria floribunda). Una terza categoria fa riferimento alle cosiddette liane (Macuna, Metrosideros carmineus). Le piante, poco rappresentate nei Paesi extratropicali, si avvolgono a sostegni vivi o morti (in natura tronchi di alberi) innalzandosi fino ad esporre le strutture fogliari ed

Pagina 102

La progettazione del verde

eventualmente fiorali al di sopra della chioma degli alberi e quindi all’azione della luce. Le piante ricadenti (ramplings in lingua anglosassone o sarmenteuses in francese) sono in genere sprovviste degli adattamenti morfofisiologi di cui si è detto a proposito delle rampicanti. Esse si caratterizzano per l’elevato numero di fusti e rami sarmentosi che, per quanto relativamente robusti, non riescono a sorreggersi in verticale per cui “ricadono” verso il basso assumendo forma e portamento particolari. La loro funzione ornamentale è spesso riconducibile a quella delle rampicanti, soprattutto se la pianta viene sorretta con idonei sostegni o in qualche maniera ancorata a supporti. Il vero e proprio effetto “ricadente” si esprime naturalmente appieno o si esalta quando la pianta viene collocata a quota più elevata rispetto a quella delle superfici o delle strutture che si vogliono ricoprire. Per analogia di comportamento e di funzioni alle specie rampicanti e ricadenti possono essere ricondotte le cosiddette piante tappezzanti (inglese=creepings, francese=tapissantes o rampantes), utilizzate per ricoprire superfici in orizzontale. Il gruppo, in senso stretto, fa riferimento alle piante striscianti le quali, per il loro ancoraggio al substrato, si avvalgono di radici avventizie (stoloni, rizomi). La copertura di superfici in orizzontale può anche essere assicurata, come già detto, da alcune rampicanti o ricadenti che, in mancanza di sostegni, si adagiano sulla superficie del terreno (Hedera, Vinca). Al gruppo delle tappezzanti vengono, inoltre, omologate tutte quelle specie che con la loro struttura epigea tendono in qualche modo a “ricoprire” il terreno. Da un punto di vista generale le piante rampicanti e ricadenti sono particolarmente apprezzate per il notevole e rapido accrescimento dei fusti e delle foglie e talora per la vistosa fioritura e/o fruttificazione. Esse vengono talvolta classificate sulla base delle caratteristiche ornamentali che maggiormente esprimono e che risultano più funzionali alla loro specifica utilizzazione (rampicanti da fogliame, da fiore o da frutto). Notazioni aggiuntive più specifiche riguardano l’epoca in cui la pianta fiorisce ed eventualmente il colore dei fiori; la persistenza o meno delle foglie; a quest’ultima caratteristica si legano sia la durata dell’effetto ornamentale che la modalità di utilizzazione. Le piante sempreverdi, infatti, determinano un effetto ombreggiante anche nel periodo invernale; ciò va tenuto in debita considerazione in rapporto a particolari luoghi e modalità di impiego. Le conoscenze sulle esigenze delle diverse specie nei confronti del clima, ma anche del terreno e dell’alimentazione non sono in genere approfondite. I riferimenti di cui si dispone sono frammentari o generici; le indicazioni più frequenti in merito riguardano le condizioni di esposizione (ombra, mezz’ombra, pieno sole) e le temperature minime tollerate dalle singole specie. Prendendo in considerazione le specie rampicanti e ricadenti di maggiore diffusione nelle regioni costiere del sud d’Italia, oltre il 59%, secondo la classificazione U.S.D.A., non tollererebbe temperature minime di poco inferiori allo zero rientrando nelle zone climatiche individuate con i numeri 9 e 10; solo il 10% sopporterebbe minime termiche
Pagina 103

La progettazione del verde

ben al di sotto dello zero (zona 3 e 4); anche queste ultime, però, trovano ampia diffusione nel nostro Paese il cui territorio comprende aree contrassegnate con i numeri 8, 9 e 10. Altro aspetto da sottolineare è quello legato alle esigenze idriche, in genere elevate, anche per via degli intensi ritmi di accrescimento e dell’ampia superficie fogliare, che caratterizzano le piante rampicanti. Occorre, però, ricordare come tra le numerose rampicanti ve ne sono anche alcune dotate di meccanismi tali da permettere loro di resistere a condizioni di stress idrico e di elevata insolazione. La maggior parte delle specie rampicanti e ricadenti, per le loro caratteristiche ed esigenze, trovano in generale migliore valorizzazione nelle regioni più calde e luminose, dove peraltro alcune delle loro funzioni, e soprattutto quella di ombreggiamento, risultano più largamente ricercate ed apprezzate. A tal riguardo, ad esempio, meritano un richiamo le classiche pergole del meridione d’Italia ottenute utilizzando specie ornamentali (glicine, Solandra, Thunbergia, ecc.) o, nelle aree rurali, piante che hanno anche finalità produttive (vite comune, actinidia, Sechium, Lagenaria, Cucurbita ficifolia). Le tipologie di utilizzazione delle rampicanti e ricadenti sono molteplici anche per via della numerosità delle specie e si sono notevolmente ampliate in rapporto all’accresciuta articolazione delle aree a verde. Le ridotte dimensioni degli spazi destinabili a verde privato hanno comportato, non fosse altro che per cercare di rivestire i muri di recinzione, un aumento nell’uso delle rampicanti. Alle tradizionali utilizzazioni di queste piante per il rivestimento di pilastri, muri, prospetti di edifici, balconi e di strutture atte a creare zone d’ombra (gazebi, patii, ecc.), particolarmente ricercate negli ambienti più assolati, si sono aggiunte nuove possibilità di impiego. Nel settore del verde pubblico sono, infatti, aumentati gli spazi e le superfici in notevole pendenza o in verticale; basti pensare ai muri di contenimento in cemento ed agli altri manufatti della rete viaria stradale ed autostradale, dove l’uso di rampicanti o ricadenti potrebbe contribuire a ridurre l’impatto ambientale. Alcune specie, infine, per tollerare bene gli interventi cesori, si prestano ad essere modellate e possono pertanto venire utilizzate per creare particolari siepi o pareti divisorie (Bougainvillea, Lantana). Un’ulteriore possibilità d’utilizzazione delle specie rampicanti o ricadenti è rappresentata dalla coltivazione in vaso di alcune specie che, caratterizzate da elevate esigenze termiche, sono utilizzate come piante da fogliame da interni (Philodendron, Scindapsus, Cissus) o anche da esterni. Alla luce di questi brevi richiami, le piante rampicanti e ricadenti rappresentano un valido strumento per affrontare molti dei problemi legati alla sistemazione a verde. Il potenziale del gruppo è d’altronde in larga misura inesplorato se si considera che, a fronte di oltre un migliaio di specie potenzialmente idonee all’ambiente mediterraneo, sono poche quelle comunemente utilizzate. Palme e palm like Le palme (Arecaceae o Palmae) costituiscono una famiglia piuttosto numerosa che comprende circa 2.500 specie piuttosto eterogenee fra loro. Tale famiglia presenta caratteristiche talmente peculiari da venir separata, secondo le più recenti revisioni tassonomiche (Gerola, 1997, Dahlgren et al., 1987), in un ordine ben distinto, le cui affinità con altri ordini (Cychlantales, Pandanales, Arales) sono tanto discutibili da indurre alcuni autori a considerare questi ultimi superordini differenti, così da includere nelle Areciflore l’unico ordine delle Arecales. La stessa famiglia delle Arecaceae è stata oggetto al suo interno di un’attenta opera di revisione tassonomica operata da Harold E. Moore Jr.. Nel 1987 Uhl e Dransfield, basandosi proprio sull’opera di Moore, hanno dato alle stampe “Genera palmarum” che a tutt’oggi può essere considerato il principale riferimento per la tassonomia della famiglia.

Pagina 104

La progettazione del verde

Secondo i risultati di questa revisione, la famiglia comprende 6 sottofamiglie: Coryphoideae, Calamoideae, Nypoideae, Ceroxyloideae, Arecoideae e Phytelephantoideae, cui fanno riferimento 200 generi. Le palme sono piante così diverse tra loro che possono presentare portamento “arboreo” (palma da cocco, palma da datteri, ecc.) o “cespuglioso” (palma nana) o “lianoso” (Calamus spp.). Il fusto, denominato anche stipite, è generalmente solitario, eretto, non ramificato ed è sormontato da un ciuffo di foglie. Esso presenta dimensioni piuttosto diversificate fra le specie: da molto breve o, addirittura, più o meno sotterraneo ad assurgente fino a raggiungere i 60 m di altezza e talvolta il metro di diametro (Dahlgren et al., 1985). Sprovvisti di accrescimento secondario in quanto caratterizzati da fasci chiusi, i fusti delle palme possono aumentare notevolmente le loro dimensioni trasversali grazie alla formazione di nuovi fasci che si aggiungono all’esterno a quelli primari e si raccordano con le foglie. Queste ultime allo stato giovanile possono essere intere, mentre in quello adulto sono pennate, palmate o costo-palmate e sono sostenute da un robusto picciolo, talvolta provvisto di spine; esse possono raggiungere una grandezza molto variabile, da pochi cm fino a 25 m nella Raphia taedigera (Gerola, 1997, Lötschert, 1990). Foglie così grandi talvolta si comportano come vele, per cui i fusti devono essere molto resistenti e flessibili; esempi significativi sono Phoenix dactylifera, Washingtonia robusta ed Euterpe oleracea, i cui fusti hanno una sezione trasversale di diametro contenuto rispetto all’altezza. L’apparato radicale è fascicolato ed è costituito da radici avventizie. La radice principale, infatti, che si forma alla germinazione del seme, ha vita breve e muore precocemente. Essa viene sostituita da radici secondarie (avventizie), che si formano alla base del fusto e possono formare un vero e proprio piedistallo su cui poggia il fusto stesso. Le radici non presentano un ingrossamento secondario e solo grazie all’elevato numero possono sostenere le accresciute esigenze della pianta adulta. Per quanto riguarda l’habitus vegetativo e riproduttivo, le palme possono essere distinte in due grandi gruppi: il primo comprende le specie il cui fusto, completato l’accrescimento vegetativo, differenzia le strutture fiorali in posizione apicale; esauritasi la fase riproduttiva, se la pianta è monocaule muore; diviene invece perennante se provvista di germogli ascellari alla base dello stipite; nelle specie del secondo gruppo le attività vegetativa e riproduttiva coesistono: le infiorescenze si differenziano lateralmente al fusto mentre la gemma apicale continua a crescere. Anche in questo caso le specie possono avere un fusto monocaule o essere provviste di germogli secondari. Le specie ornamentali appartengono prevalentemente a questo secondo gruppo. I fiori sono disposti in grandi infiorescenze ascellari; essi sono di norma unisessuali, in piante monoiche (Cocos nucifera) o dioiche (Phoenix spp.). L’impollinazione è anemofila o entomofila. Il frutto è per lo più una bacca o una drupa con 1-3 semi; nel caso della palma da datteri il frutto è una bacca la cui parte edule è data dal pericarpo; nel caso del cocco è una drupa il cui epicarpo e mesocarpo sono fibrosi e cuoiosi e l’endocarpo, duro e legnoso, racchiude il seme provvisto di un abbondante endosperma. Le strutture carpiche e/o seminali in alcune palme raggiungono dimensioni rilevantissime: il caso limite è rappresentato da Lodoicea malvidica, i cui semi sono considerati fra i più grossi (da 10 a 25 kg) dell’intero regno vegetale (Lötschert, 1990). L’utilizzazione delle palme in pien’aria e quindi nelle sistemazioni a verde interessa in maniera specifica l’ambiente mediterraneo, praticamente l’unico, almeno con riferimento al nostro Paese, in cui queste piante possono essere collocate in pien’aria. L’interesse che le palme assumono nelle sistemazioni a verde è da porre in relazione con la maestosità del portamento, con la eleganza del fogliame e con le singolari caratteristiche morfologiche e strutturali che le contraddistinguono. Le palme sono anche piante longeve: famoso è il caso
Pagina 105

La progettazione del verde

della “palma di Goethe”, maestoso esemplare di Chamaerops humilis che, messo a dimora oltre 400 anni fa’, può essere ancora oggi ammirata all’orto botanico di Padova. Il loro impiego nelle regioni meridionali è favorito dalle condizioni climatiche idonee alla crescita in pien’aria di numerose specie (Noto e Romano, 1987a e 1987b). La temperatura ottimale per l’accrescimento di molte palme si aggira, infatti, intorno ai 1520°C durante la notte ed ai 20-30°C durante il giorno. Alcune specie, meno esigenti, riescono tuttavia a vegetare bene a temperature comprese tra i 10 ed i 15°C e tollerano ampie escursioni termiche giornaliere. La resistenza alle basse temperature è variabile tra le diverse specie: molte palme impiegate per l’arredo di spazi esterni riescono a sopravvivere a temperature inferiori a 10°C (Chamaerops humilis, Phoenix canariensis, Trachycarpus fortunei); in genere la resistenza alle basse Resistenza al freddo in specie di palme in rapporto all’età della temperature aumenta con l’età della pianta; LT1 = danni iniziali; LT50 = danni sul 50% della popolapianta. Nelle condizioni termiche meno zione. favorevoli le uniche specie utilizzabili sono Chamaerops humilis e soprattutto Trachycarpus fortunei. Le palme da esterno prediligono umidità relativa piuttosto bassa, ma si adattano a condizioni non ottimali, anche se queste possono compromettere il valore ornamentale. L’utilizzazione delle palme nelle sistemazioni a verde è favorito dalle modeste esigenze nei confronti del terreno e dell’alimentazione (Noto e Romano, 1986). Anche le esigenze idriche sono piuttosto contenute e ben tollerate sono le condizioni di stress, dovute all’eccesso o alla carenza di acqua. Con riferimento al terreno, le palme possono tollerare, soprattutto ad insediamento avvenuto, substrati poco profondi, a grana grossolana e con elevata salinità. Un esempio dell’adattabilità delle palme a condizioni pedologiche marginali è offerto dalla diffusa presenza allo stato spontaneo di Chamaerops humilis su substrati calcarei, privi o quasi di terra fine e quindi di elementi minerali e con capacità idrica trascurabile. La peculiarità dei tratti morfo-funzionali ed estetici di queste piante ha comportato la collocazione delle palme nei giardini meridionali in posizione privilegiata, spesso prossima agli affacci degli edifici stessi, ponendo in risalto il maestoso portamento e la signorile ornamentalità. “… tutte quante formano l’incanto del luogo e del paese che ne vien decorato” (Cusa, 1873). Al di là del numero di specie e della modalità di impiego è indubbio che i giardini, i paesaggi meridionali e siciliani in particolare siano segnati da queste piante. Come ci ricorda De Santis (2003) con vena poetica: “L’excursus della palma in Sicilia si può leggere nelle opere dell’uomo, nelle usanze, nei riti e nella lingua ove risuonano radici latine (scupazzu), arabe (cifagghiuni), arabe (giummara) e nubiane (addummi). E colonne, capitelli, mosaici, templi si svelano essere giardini di pietra, palme e palmeti che raccontano le parentele dei sogni e delle aspirazioni delle genti che vivono intorno al nostro mare”. Il paesaggio siciliano, in particolare, è spesso sintesi di numerosi eventi culturali che ne hanno segnato la storia; la vegetazione esotica ed in particolare le palme ne rappresentano

Pagina 106

La progettazione del verde

uno dei tratti più peculiari; “… ed in Sicilia non poche se ne osservano sparse per tutte le coste dell’isola, le quali formano il principale ornamento de’ giardini che ne vengono allietati. E qui la vedi [la palma], nella città principale Palermo, or solitaria, or unita ad altre della stessa specie, o della stessa famiglia, in molte ville pubbliche e private occupare il posto più nobile; …” (Cusa, 1873). Le palme trovano impiego – possiamo meglio dire che le contrassegnano e caratterizzano – in diverse tipologie di spazi a verde. Esse, per la loro antica utilizzazione, sono un elemento estremamente diffuso nei giardini storici ed anche in quasi tutti gli orti botanici italiani e soprattutto siciliani, che spesso manifestano un grande valore storico-artistico. Sono numerosissimi anche gli esempi di utilizzazione delle palme nei parchi urbani, dove queste piante si lasciano apprezzare per la bellezza del fogliame, le vistose strutture carpiche, la stranezza dello stipite. Le specie che, anche per la diffusione e le notevoli dimensioni, maggiormente segnano il paesaggio isolano sono Phoenix dactylifera e P. canariensis. Queste specie, ed in particolare la prima, oltre ad essere elemento importante degli spazi a verde ornamentali, connotano anche il paesaggio agrario, dove spesso vengono impiegate in prossimità delle abitazioni rurali o a formare lunghi viali d’ingresso alle dimore signorili. Del resto in Sicilia la palma da dattero è la pianta sacra, la palma dell’uomo, la palma piantata davanti al casolare, simbolo dell’unità familiare: “tante foglie, una sola pianta che cresce con orgoglio e rigoglio” (De Santis, 1998). La palma nana è l’unica palma che si trova allo stato spontaneo nell’ambiente mediterraneo, spesso su substrati calcarei, molto superficiali, privi o quasi di terra fine e quindi di elementi minerali e con capacità idriche trascurabili. Questa specie negli spazi naturali più termofili dà luogo assieme al carrubo all’associazione vegetale denominata C e r a t o n i e t u m . La presenza della palma, talvolta quasi acaule, emergente da spaccature delle rocce in prossimità del mare, talvolta su suolo calcareo, brullo, poverissimo, a costituire un’associazione vegetale che ricorda una gariga con caratteri steppici (Touring Club Italiano, 1958), determina paesaggi naturali di grande suggestione. Per quanto riguarda gli schemi compositivi, questi dipendono dalle dimensioni raggiunte dalle singole piante: le specie di maggiore sviluppo (es. Phoenix e Washingtonia) si prestano a realizzare filari o possono essere collocate come piante singole o talvolta a coppia; per quelle di più piccole dimensioni si tende a formare dei gruppi, sfruttando la naturale attitudine della specie (es. Chamaerops humilis) o ponendo vicine le piante (es. Trachycarpus fortunei). Circa le palm-like va detto che si tratta di un gruppo molto eterogeneo per quanto riguarda l’inquadramento botanico, ma che per morfologia e soprattutto per esigenze e tratti fisiologici ricorda le palme. Anche l’utilizzazione nelle sistemazioni a verde è largamente sovrapponibile a quello delle stesse palme (Romano, 1995). Le palm-like presentano in genere spiccate esigenze termiche e sono caratterizzate da notevole valore ornamentale (Dracaena draco, Strelitzia spp., Nolina recurvata, Yucca spp., Cycas spp.). Si tratta spesso di piante che connotano fortemente lo spazio e diventano il «punto di attrazione» di un giardino. Arboree Sono piante che, per dimensioni raggiunte e per diffusione, assumono un ruolo centrale nelle sistemazioni a verde. In ambiente mediterraneo, la possibilità che si ha, grazie all’adozione degli alberi, di realizzare zone ombrose nel giardino, rende il ruolo di queste piante molto importante. Nell’elenco predisposto – di cui le schede allegate sono il risultato – gli alberi sono stati suddivisi in «da fogliame», «da fiore» e «da frutto». Quest’ultimo gruppo serve anche a sottolineare l’antico ruolo “utilitaristico” che molti alberi rivestono, e
Pagina 107

La progettazione del verde

soprattutto rivestivano, in passato nel giardino mediterraneo. Un censimento del verde privato, effettuato anni or sono a Catania, ha messo in luce la diffusione di alcuni agrumi (limone, arancio, mandarino) nei giardini, dovuta alla duplice “attitudine” (ornamentale e produttiva) che queste piante assicurano. Anche molti fruttiferi tropicali (Casimiroa edulis, Macadamia integrifolia, Persea americana, Psidium guajava) possono e sono utilizzati come piante ornamentali in ambiente mediterraneo grazie alle pregevoli caratteristiche estetiche (Romano e Scrimali, 1994). Un aspetto da sottolineare è la prevalente origine esotica di molti degli alberi riscontrati nell’indagine effettuata in Sicilia. Accanto a carrubo e olivo, specie “simbolo” dell’ambiente mediterraneo più tipico, trovano infatti collocazione negli ambienti più meridionali e termofili molte piante esotiche (Jacaranda mimosifolia, Brachychiton spp., Grevillea robusta, Chorisia spp.) di pregevoli caratteristiche ornamentali. La scelta degli alberi è comunque spesso condizionata dalle dimensioni delle piante che debbono risultare compatibili con gli spazi, spesso angusti, destinati al verde. 5.2.2.7. Il contributo delle specie esotiche In Italia a scopo ornamentale da sempre hanno trovato spazio piante di origine esotica e più propriamente tropicale e subtropicale. Le zone climaticamente più favorite, quelle costiere della Riviera Ligure, della Campania e soprattutto delle Isole ed in particolare della Sicilia sono caratterizzate dalla presenza di una flora del tutto peculiare. La Riviera Ligure, in particolare, costituisce in Italia, la zona mediterranea dove si osserva la più intensa presenza di parchi e giardini con vegetazione esotica. Fra le piante di origine tropicale spiccano le palme (Phoenix dactylifera, P. canariensis, Trachycarpus fortunei, Chamaerops humilis, Erythea armata, Livistona chinensis, Syagrus romanzoffianum); le diverse specie del genere Aloe (Aloe caesia, A. arborescens, ecc.) le yucche (Yucca aloifolia, Y. australis, Y. gloriosa), le dracene, le agavi (Agave americana, A. salmiana, A. sisalana), le acacie, le bignonie, le passiflore, ecc. Negli ambienti più meridionali, paradossalmente, nonostante le condizioni climatiche siano più favorevoli, gli esempi di giardini, almeno sotto il profilo storico, non sono così numerosi come in Riviera. Tuttavia, come ci ricordavano Giacomini e Fenaroli (1958) “proprio in alcune classiche località dell’Italia Centro-Meridionale nacque un’arte dei giardini che fu a lungo famosa in Europa e forse proprio l’Italia peninsulare e la Sicilia sono le regioni ove sorsero i più famosi e celebrati giardini dell’antichità classica ... Nei giardini del Sud possono variare molto le specie esotiche dominanti, a seconda del clima non egualmente favorevole ovunque a certi gruppi di piante ornamentali ... In Sicilia la temperatura invernale mitissima favorisce, nei giardini di Palermo, di Taormina e di Catania, sorprendenti forme di vegetazione ornamentale. Forse l’impressione più viva si prova visitando l’Orto Botanico di Palermo ... Crescono sul suolo vulcanico, alle falde dell’Etna, la Fitolacca arborea (Phytolacca dioica), la stessa e altre specie di Ficus, e, con rusticità sorprendente in questo settore più arido, piante succulente delle più diverse stirpi: dalle Cactacee alle Euforbie colonnari, dai Mesembriantemi alle Aloe, alle Agavi, ai Dasylirion, alle Dracene” (Giacomini e Fenaroli, 1958). Se si fa particolare riferimento alla flora presente nell’Orto Botanico di Palermo si può rilevare come siano presenti numerosissime specie ornamentali esotiche, molte delle quali coltivate all’aperto (Raimondo et al., 1997). Notevole è stato il lavoro di questa Istituzione per l’introduzione di specie nuove provenienti da Paesi a clima tropicale e subtropicale, molte delle quali rivestono oggi un importante ruolo nella sistemazione di spazi a verde non solo della Sicilia ma di tutto il Meridione. Il ruolo delle piante tropicali in ambiente mediterraneo emerge con tutta chiarezza se si considera quello esiguo che rivestono, sia nella trattatistica ma soprattutto negli spazi a

Pagina 108

La progettazione del verde

verde urbani, le piante più strettamente mediterranee. Con riferimento al primo aspetto possiamo ricordare il trattato di Bossard e Cuisance (1984) intitolato “Arbres & arbustes d’ornement des régions tempérées et méditerranéennes” nel quale solo il 6,2% delle specie è di origine strettamente mediterranea. Ad analoghi risultati sono giunti lavori elaborati con riferimento all’Italia (Romano e Scrimali, 1995). Nel testo della Gildemeister su “Mediterranean gardening” (1995), recentemente tradotto in italiano (Gildemeister, 2000), in atto la fonte più articolata disponibile per le sistemazioni a verde in ambiente mediterraneo ed in particolare di quello caratterizzato da più spiccati aspetti termofili e xerofitici, vengono riportate ben 1000 specie. La distribuzione delle specie per zona di origine mostra come il contributo di Paesi a clima tropicale e subtropicale sia cospicuo. In particolare il 26% delle essenze è originario degli Stati meridionali degli USA, del Centro e Sud America, di zone caratterizzate cioè da climi tropicali e subtropicali. Sia l’Oceania che l’Estremo Oriente partecipano per il 12%, mentre le specie originarie del Sud Africa ragguagliano il 15% del totale. Il contributo delle specie mediterranee è comunque rilevante ed è stimato nel 20% del totale. In una nostra indagine è stato notato come le specie ritenute, da diverse fonti bibliografiche (Bossard e Cuisance, 1984; Cocozza Talia, 1979; Latymer, 1990; Le Graverend, 1959; Lippert e Podlech, 1991; Taverna, 1982), idonee ad essere impiegate in ambiente mediterraneo siano quasi 3500 rappresentanti di tutte le zone climatiche ed originarie in pratica da tutte le regioni Distribuzione delle piante utilizzabili in ambiente mediterraneo in base geografiche. Da rilevare la più all’origine. elevata frequenza di specie provenienti da zone climatiche analoghe a quella mediterranea mentre è stata dimostrata la significativa presenza nel verde delle regioni più meridionali d’Italia di piante provenienti da zone climatiche molto calde, contrassegnate da spiccati caratteri di tropicalità o subtropicalità. In particolare le specie cosiddette “esotiche” rappresentano ben il 92% del totale (fig. 5). L’assenza di piante mediterranee ornamentali si riscontra anche nel verde pubblico: elaborando i dati di un’indagine effettuata, anni or sono, nel verde pubblico di Catania si può osservare, ad esempio, come solo il 4% delle specie presenti sia di origine mediterranea; dato questo del tutto in sintonia con altri relativi ad altre città italiane per le

Distribuzione in base all’origine delle piante utilizzate in provincia di Ragusa.
Pagina 109

Distribuzione in base all’origine delle piante conteggiate in provincia di Ragusa.

La progettazione del verde

quali è stato osservato come la presenza di piante mediterranee si attesta intorno al 5%. In un’indagine, sempre da noi condotta in provincia di Ragusa, in cui è stata rilevata la presenza delle piante utilizzate nelle sistemazioni a verde, è emerso il modesto contributo offerto dalle piante di origine mediterranea (15,7% del totale) (fig. 6); l’incidenza si alza di poco se si fa riferimento al numero di piante complessivamente presenti (fig. 7). Il conteggio delle piante e l’indicazione dello stato vegetativo delle piante stesse (valori tra 1 = stato pessimo e 5 = stato ottimo) hanno fornito indicazioni interessanti. In totale nell’indagine sono state conteggiate oltre 14.000 piante. La media ponderata dello stato sanitario delle specie raggruppate per zona climatica ha mostrato valori poco variabili (da 4,75 a 4,98) ad attestazione della capacità dell’ambiente mediterraneo ad “accogliere” piante più diverse per cui numerose specie hanno trovato condizioni idonee al loro sviluppo. Anche per tale motivo la maggiore frequenza di alcune piante sembra essere conseguenza più di scelte arbitrarie, legate talvolta alla mancata disponibilità di materiali vivaistici, che il risultato di analisi sulle interazioni fra pianta ed ambiente. 5.2.2.8. Il ruolo delle specie autoctone Le nuove tendenze nella progettazione degli spazi a verde sono sempre più rivolte da una parte ad esaltarne gli aspetti “naturali” e dall’altra a ricercare schemi caratterizzati da minori costi di manutenzione. Le motivazioni sono molteplici e rispondono a esigenze non solo agronomiche, ma anche politiche, sociali, culturali ed ecologiche (Hitchmughi, 2004). Il concetto di “sostenibilità”, con cui si intende lo sviluppo che è in grado di assicurare «i bisogni delle generazioni presenti […] senza compromettere le capacità delle generazioni future di soddisfare i propri» (Rapporto Brundtland, 1987), sta diventando di estremo interesse anche nella gestione del verde ornamentale e territoriale. Queste tendenze sono anche legate al fatto che i progettisti del verde contemporanei vedono il “giardino” essenzialmente come un luogo destinato alle persone, quindi cercano di tener conto delle questioni sociali e dei mutamenti che si sono verificati negli ultimi anni. Le inquietudini sulle implicazioni della ricerca scientifica nel campo dell’ingegneria genetica, le preoccupazioni sul destino ambientale del pianeta e tutto ciò che ha contribuito a costituire una nuova coscienza ambientalista, come l’idea dello sviluppo sostenibile, l’angoscia per la scomparsa di specie animali vegetali, l’inquinamento atmosferico, hanno modificato anche il punto di vista estetico sulla natura (Nicolin, 2003). Mentre in passato era il lindore dell’insieme, la regolarità delle forme, le stesse rigide simmetrie ad assumere preminente valore ornamentale, oggi a destare l’ammirazione è la consapevolezza che si è davanti ad un processo “naturale”, ad un ambiente che è capace di “reggersi da solo”. Come ricordava Nicolin (2003) «nozioni come ordine e disordine hanno per noi un senso diverso rispetto a un passato relativamente recente a causa dell’importanza assunta dalla nozione di entropia che, come sappiamo, aumenta in concomitanza con l’incremento di strutture “ordinate”. Siamo certamente di fronte a un’accelerazione di quel cambiamento nell’apprezzare le “bellezze” della natura, a un “pluralismo” paesaggistico che conquista al campo estetico nuovi scenari». In passato l’azione del giardiniere era vista come capacità di “assoggettare la natura”. Secondo Ippolito Pindemonte, «l’arte del giardiniere inglese è di abbellire un terreno assai vasto che sembrar possa che la natura l’abbia abbellito a quella guisa lei stessa»; un altro richiamo letterario, ma significativo, è quello di Giacomo Leopardi che nel suo Zibaldone ricordava come «… il giardiniere va saggiamente troncando, tagliando membra sensibili colle unghie, col ferro». Il giardino fino a qualche anno or sono era visto come «meraviglioso recinto in cui si impara a barare con le leggi della natura» (Grimal, 2000), in cui quindi bisognava in qualche modo “contrastare” l’ordine naturale per ottenere un effetto ornamentale. Oggi il giardiniere è, invece, nella visione di Gilles Clement, il cittadino

Pagina 110

La progettazione del verde

planetario attento osservatore della natura; il giardino che custodisce è il pianeta. Secondo il famoso paesaggista francese, il movimento, fisico, di specie di per sé predisposte al vagabondaggio (quali sono le essenze spontanee), deve essere assecondato e si devono ostacolare il meno possibile le energie in gioco (Clement, 1991). Al di là delle diverse “filosofie” di approccio, termini come “sustainable landscape”, “environmental friendly landscape”, “xeriscaping”, “xerogarden” “wild garden” sono ormai entrati di prepotenza nel dibattito sia scientifico che culturale in senso lato, anche al fine di realizzare un verde diverso, più rispettoso delle caratteristiche ambientali ed ecologiche di un dato territorio. In tutte queste modalità di “fare giardino”, per cercare di limitare gli stress biotici ed abiotici, attenzione particolare viene posta in tutte le fasi del processo, dalla scelta della specie alle operazioni di impianto, alla manutenzione, a soluzioni in grado di rendere più compatibile il verde con le condizioni dell’ambiente naturale (Franco et al., 2006). In questo contesto il ruolo delle piante autoctone diventa fondamentale (Iles, 2003). Nonostante tradizionalmente queste piante siano state ignorate nella realizzazione del verde (Romano, 2004), recentemente, soprattutto nell’ambito di modalità di realizzazione di spazi a verde più rispettose delle condizioni climatiche e rivolte alla ricomposizione ambientale, l’interesse nei loro confronti è andato crescendo (Zhang et al., 1996; De Herralde et al., 1998; Sànchez-Blanco et al., 1998; Cabot e Travesa, 2000; Franco et al., 2001; Martìnez-Sànchez et al., 2003). Molte di queste possono rappresentare una buona alternativa alle specie tradizionali soprattutto in ecosistemi semi-aridi, qual è quello mediterraneo, per la loro buona resistenza a malattie ed a elevati livelli salini, per la loro elevata efficienza nel consumo d’acqua, per le specifiche modalità di crescita (Morales et al., 2000; Franco et al., 2002; Clary et al., 2004). Le piante autoctone si lasciano apprezzare, inoltre, per le numerose strategie morfologiche e fisiologiche messe in atto per superare gli stress abiotici; da ricordare, comunque, che l’adattabilità di queste piante si modifica fortemente fra le diverse specie ed anche all’interno della specie stessa (SànchezBlanco et al., 2002; Torrecillas et al., 2003). Il ruolo delle piante autoctone assume potenziale interesse nell’ambiente mediterraneo, in rapporto all’ampia biodiversità che lo caratterizza. Gli ecosistemi mediterranei sono, infatti, costituiti da ambienti molto eterogenei e differenziati fra loro per cui sono considerati una grande riserva di biodiversità vegetale (Schönfelder e Schönfelder, 1996). La flora mediterranea mostra una quantità estremamente ampia di endemismi, soprattutto nelle regioni montuose ed insulari (Greuter, 1991; Mèdail e Quèzel, 1997). Le aree con elevata concentrazione di biodiversità e densità di specie endemiche (superiore al 10%) sono chiamate “hot spots” (Médail e Quézel 1997). Per capire l’importanza della biodiversità mediterranea basti pensare che 24.000 specie di piante sono distribuite in una superficie di circa 2,3 milioni di km² (Greuter 1991), in contrapposizione alle 6.000 specie dell’Europa non a clima mediterraneo distribuite in circa 9 milioni di km². Da un punto di vista quantitativo tale flora si colloca al quarto posto a livello mondiale per ricchezza floristica, dopo Amazzonia, Indonesia e Indocina, Africa sudorientale e Madagascar. Nel bacino del Mediterraneo, l’Italia è il Paese che presenta la flora più ricca con 5.599 specie (Pignatti, 1982), classificabili come native (cioè spontanee e introdotte dall’uomo ma inselvatichite), alle quali se ne possono aggiungere almeno altre 500 più comunemente coltivate o sub-spontanee. Si tratta dunque di oltre la metà della flora dell’intera Europa, valutata in 11.047 specie (Webb, 1978), e questa metà è diffusa su una superficie che è solo 1/30 di quella europea. La Sicilia appare caratterizzata da un assetto floristico ricco e variegato; l’intera superficie regionale è interessata da hot sports (Médail e Quézel 1997) ed è contrassegnata da una grande diversità floristica (Pignatti, 1994): sono, infatti, oltre 2.500 le specie censite. Da richiamare, inoltre, che la frequente propagazione sessuata di fatto conduce ad una elevata variabilità delle popolazioni presenti in natura.

Pagina 111

La progettazione del verde

La diretta utilizzazione a fini ornamentali di specie presenti nella flora mediterranea appare ricca di prospettive soprattutto nel settore delle piante impiegate per la sistemazione di spazi a verde ed in particolare per il recupero di aree degradate. Per questa ultima destinazione più conclamata è l’esigenza di disporre di piante dotate di elevata adattabilità ed in grado di tollerare gli stress biotici e abiotici. L’attenzione può essere rivolta sia al gruppo degli arbusti o cespugli che, come è noto, sono piante contrassegnate da tratti morfo-fisiologici che ne rendono idoneo l’inserimento in numerose tipologie di spazi a verde, sia a quello delle piante erbacee spontanee annuali e perenni (wildflower), che offrono buoni risultati in suoli di bassa qualità, specialmente in quelli poveri in azoto, rivelando un elevato valore ornamentale anche in condizioni di bassa manutenzione (Bretzel e Hitchmough, 2000). L’introduzione di piante autoctone nelle sistemazioni a verde non è, però, un’operazione semplice ed immediata; essa presuppone in una prima fase la rassegna delle specie erbacee e/o arbustive di particolare interesse al fine di definirne preliminarmente le potenzialità. Naturalmente le informazioni necessarie per una fattiva introduzione sono molto più ampie e necessitano della messa a punto di adeguati protocolli di propagazione e di coltivazione e la verifica delle prestazioni delle stesse nelle più comuni modalità di impiego, spesso in un ambiente urbano, che si presenta molto diverso dagli ambienti naturali in cui queste piante danno buona prova di adattabilità (Fini e Ferrini, 2007). 5.3. Disposizione delle componenti vegetali È un aspetto fondamentale della progettazione che rappresenta il complemento ultimo delle corrette scelte biologiche, in grado di migliorare non solo l’aspetto estetico del giardino ma anche di semplificare le successive operazioni di manutenzione. L’argomento può essere analizzato sotto l’aspetto sia architettonico-estetico che bio-agronomico. In realtà molto spesso quest’ultimo non viene tenuto in debito conto e sono infatti poche le informazioni che si possono riscontrare in letteratura in merito ai problemi che, sotto il profilo agronomico, si pongono nella disposizione delle piante. Un aspetto da tenere bene in considerazione è quello relativo alle dimensioni delle piante stesse e quindi del corretto sesto d’impianto; occorre però precisare come nella scelta del sesto si debba considerare sia la necessità di avere inizialmente un buon effetto estetico che il naturale accrescimento delle piante. Per tali motivi è possibile scegliere di impiantare in una prima fase un maggior numero di esemplari e prevedere di estirparne in seguito una parte, non appena le piante si saranno accresciute a sufficienza, oppure impiantare direttamente esemplari di grandi dimensioni. La scelta ovviamente non può essere aprioristica, ma dipende dalle risorse a disposizione e dall’effetto complessivo che si vuole ottenere. In ogni caso, soprattutto alla luce della crescente sensibilità ecologica desta non poche preoccupazioni l’impiego di esemplari di ulivo (e di atre specie agrarie o naturali) molto annosi nei giardini. Tale scelta, infatti, contribuisce talvolta a depauperare un patrimonio - il paesaggio agrario - che andrebbe attentamente tutelato. Nel caso (molto frequente) in cui si opta di utilizzare esemplari di piccole dimensioni, ma con un sesto di impianto molto ampio, non solo l’effetto estetico è scadente, ma occorre anche prevedere numerose operazioni di manutenzione (es. scerbature, lavorazioni) oltre tutte le pratiche connesse con l’allevamento di giovani esemplari. Un altro aspetto da affrontare dal punto di vista agronomico è quello relativo alle esigenze delle piante ed in particolare quelle nei confronti della luce e della nutrizione. La distribuzione delle piante deve tenere conto delle prime; le piante sciafile o a basse esigenze luminose, infatti, possono essere collocate al di sotto di alberi, di arbusti di grandi dimensioni o sotto pergole ricoperte da rampicanti, per valorizzare l’attenuazione dell’intensità luminosa determinata dal fogliame soprastante. Le esigenze nutritive debbono

Pagina 112

La progettazione del verde

essere prese in considerazione cercando di porre insieme specie che abbiano esigenze similari o, meglio, complementari, in grado quindi di usufruire al meglio delle sostanze nutritive presenti nel terreno o somministrate con le concimazioni. Anche le esigenze nei confronti del pH e della salinità debbono essere tenute in conto nella disposizione delle piante in modo da porre vicine specie che presentino analoghe esigenze. Un importante aspetto da considerare, pur se le informazioni in proposito sono frammentarie, è quello relativo ad eventuali fenomeni allopatici o autopatici che si possono determinare fra le diverse piante. Si tratta di un tema interessante, ma le indicazioni relative alle ornamentali non sono numerose: a tal proposito possiamo ricordare l’effetto depressivo nei confronti della vegetazione e soprattutto a carico della germinazione dei semi esercitato dagli alcaloidi contenuti nelle foglie di eucalipto, il che determina che siano ben poche le piante che riescano a sopravvivere nelle immediate vicinanze di questi alberi. Il tema meriterebbe sicuramente una più attenta ricognizione sperimentale. Un ultimo aspetto è quello relativo alle conseguenze della disposizione delle piante sulle successive operazioni di manutenzione: attraverso il raggruppamento corretto delle piante è possibile semplificare le operazioni di manutenzione stessa, consentendone la meccanizzazione. 5.4. Le specificità del giardino Al di là del luogo e delle tecniche che vengono utilizzate per realizzarlo, è opportuno sottolineare come un giardino, anche se mira a creare una composizione armonica che ai nostri occhi può apparire “naturale”, è una “prodotto antropico” e come tale artificioso e dipende quasi sempre per il suo mantenimento dall’intervento dell’uomo, attraverso le diverse operazioni di manutenzione. Il giardino costituisce, da sempre, un’interessante sintesi di realtà architettoniche e di elementi vegetali sapientemente combinati tra loro, rappresentando, quindi, un luogo privilegiato di sperimentazione del senso artistico e dell’ingegno progettuale di ogni civiltà. Il carattere estetico del giardino appare, fin dall’antichità, collegato a sistemazioni artificiose secondo moduli geometrici o fantastici di terreni coltivati (Argan, 1958). Nella sua accezione più vera, il giardino si configura come una composizione estetica che per varie forme e gradi può assumere valore di opera d’arte. Oltre che elementi naturali, quali masse arboree, piantagioni varie, rocce ed acqua, che possono comparire anche in forme artificiate, il giardino impiega elementi architettonici, plastici e decorativi; la preferenza di alcuni di essi e le modalità del loro impiego rivelano l’indole e lo spirito di un’epoca o di una civiltà. Come creazione umana, il giardino è, infatti, intimamente legato ai valori estetici, sociali ed economici di una data cultura e non è possibile tracciarne una storia prescindendo dall’evolversi del rapporto uomo-natura, città-campagna, lavoro-tempo libero, ecc. Il giardino, quindi, non rappresenta solo il frutto delle abilità tecniche e artistiche dei suoi costruttori e ideatori, ma, in qualunque epoca, è stato l’espressione degli interessi, dei talenti, dei valori e del prestigio di importanti personalità del passato e, anche per questo, molti giardini storici continuano a istruire ed ispirare l’uomo contemporaneo. In tale prospettiva, i giardini sono una risorsa di inestimabile valore per la collettività, essendo una testimonianza, non solo di vicende storiche e sociali, ma anche di innovazioni a livello progettuale, di tecniche di coltivazione delle piante e di acclimatazione di nuove specie (Accati, 2002). L’elemento connotativo senza il quale non potrebbe esistere un giardino è la presenza vegetale. Come ricordava Serra (1993) tra gli artefatti del giardino, intesi nell’accezione etimologica più propria (fatto con arte) e non in quella più corrente di falso, innaturale, la pianta rappresenta il principale determinante olistico. Questo olismo, morfologico e cromatico, si manifesta con l’evoluzione ontogenetica e stagionale di ciascuna pianta ed
Pagina 113

La progettazione del verde

attraverso l’interazione estetica e funzionale con le altre piante e con gli altri elementi compositivi abiotici presenti nel giardino stesso. L’identità di un giardino è quindi intimamente legata alla presenza delle piante. L’elemento vegetale, materiale vivente in continuo divenire, è caratterizzato da un proprio ciclo vitale (nascita, crescita, maturità, senescenza e morte), soggetto ad azioni temporali ed accidentali che sottolineano la necessità di salvaguardare la sua fragile integrità. “Un parco che di stagione in stagione non sia continuamente creato dalla mano dell’uomo è condannato a morte. Dopo pochi mesi non ne rimane che un ricordo: la descrizione di un poeta, il disegno di un pittore o di un incisore” (Grimal, 2000). La scelta e la collocazione delle piante è perciò pregiudiziale per potere stabilire idonee premesse alla realizzazione di un impianto a verde di pregevoli caratteristiche estetiche e destinato a durare nel tempo. La maggiore difficoltà nel raggiungere questi obiettivi risiede proprio nella capacità di immaginare il risultato della dinamica stagionale ed ontogenetica di ciascuna e di tutte le piante in quell’ambiente specifico. Questa dinamica è determinata da due componenti: una anelastica e connaturata alla pianta, cioè il suo genotipo, l’altra elastica generata dall’interazione dell’ambiente nel quale la pianta stessa viene inserita con la componente precedente. Il ruolo della gestione agronomica è quello di esaltare o di mitigare gli effetti dell’ambiente sulla pianta, in modo da metterla in grado di assolvere le funzioni alle quali è destinata: nel caso del giardino, prevalentemente se non esclusivamente, quelle estetiche. Un malinteso spirito ambientalistico tende talvolta a sottovalutare, se non addirittura a negare, un ruolo attivo e positivo dell’uomo sugli spazi a verde nonostante che lo stesso giardino dell’Eden, secondo le scritture, è stato consegnato agli uomini con due imperativi: custoditelo e coltivatelo. Il giardino è, infatti, tra le opere più complesse progettate e realizzate dall’uomo; come ricorda bene Grimal (2000) “è il recinto meraviglioso nel quale si impara a barare con le leggi della natura”. Esso, nella sua più comune accezione e configurazione strutturale e funzionale, è basato sull’utilizzazione, quanto più armonica possibile, di un certo numero di componenti. Queste fanno riferimento sostanziale a tutto ciò che viene realizzato da un lato con materiali inorganici, spesso di natura lapidea, e dall’altro con materiali viventi rappresentati dagli elementi vegetali che, a loro volta, esprimono delle caratteristiche biologiche e morfofunzionali diverse. La singolarità del giardino come manufatto è connessa alla differente natura delle due componenti principali: una risulta poco modificabile nel tempo e connotata da una obsolescenza fisica assai lenta, la seconda esprime una configurazione morfofunzionale, e quindi anche estetica, che si modifica, in funzione delle caratteristiche biologiche della pianta, con il ciclico succedersi delle stagioni e con altri eventi e condizioni che modificano l’ambiente nel quale la pianta stessa insiste e svolge le proprie funzioni. Tali differenze nella natura delle componenti e soprattutto la loro diversa obsolescenza temporale sostengono le problematiche più rilevanti che riguardano la progettazione del giardino, la sua realizzazione e soprattutto la sua manutenzione nel tempo che è mirata a far sì che esso possa conservare, in maniera funzionale e dinamica, quei segni stilistici cui si è ispirato chi ha progettato e realizzato il giardino stesso. Se questo è il primum movens delle differenze tra il giardino e un qualunque altro manufatto costruito dall’uomo, si comprendono subito o, meglio, si dovrebbero comprendere, le questioni legate alla natura delle competenze fondamentali – che non possono essere esclusive – riguardanti la gestione di un giardino, la quale è più rigidamente vincolata al continuo divenire delle componenti viventi rispetto alle più modeste variazioni degli elementi inorganici. In questo contesto nella gestione del giardino il primo e più rilevante obiettivo è la ricerca e

Pagina 114

La progettazione del verde

la conservazione di un equilibrio delle due componenti stesse affinché il giardino stesso possa mantenere ed esprimere ai massimi livelli possibili quella sintesi funzionale, potremmo dire stilistica, cui è stata ispirata la progettazione. Muoversi al di fuori di questo schema, almeno per la componente vegetale, significa rinunciare a qualunque possibilità di conoscenza del giardino circa le valenze che esso esprime, tra cui quella estetica e quella storica, e quindi circa la stessa valenza culturale. Il significato e l’interesse dello studio del giardino storico – come si dirà in prosieguo – rappresentano ormai una esigenza largamente condivisa, indipendentemente dalla visione storica e quindi stilistica che ha portato al prevalere nel corso di secoli ora della natura sull’arte (ossia sul costruito), ora dell’arte sulla natura. La matrice storica costituisce la cornice di un quadro senza la cui conoscenza non si può più leggere compiutamente il contenuto dell’opera, la quale ha sempre una sua essenza, una sua identità che, riflettendo mode e costumi, epoche e climi, lo rende patrimonio storico, culturale, artistico ed ambientale unico e non riproducibile. Un altro elemento che occorre sottolineare è che la stessa matrice del giardino, il suo essere innanzitutto «ornamentale», fa sì che si richieda la presenza di piante che esprimano al massimo livello possibile il loro valore estetico e che siano utilizzate in modalità del tutto particolari, per cui si esigono dalle stesse precipue prestazioni morfofunzionali. Le piante da giardino esprimono pertanto delle specificità diverse rispetto a quelle riguardanti le più comuni colture agrarie, specificità che richiedono quindi di essere considerate nel quadro di uno schema che esige di essere adattato ed aggiornato. Gli elementi che in misura maggiore o minore debbono essere considerati ai fini di una manutenzione consapevole del giardino non possono trascurare l’ambito bio-fisiologico e d’uso delle piante e le interazioni tra queste ed i fattori ambientali e colturali. Relativamente agli elementi di cui sopra le differenze rispetto alle colture agrarie riguardano: ∗ le caratteristiche di microecosistema del giardino che lascia poco spazio ad effetti di compensazione ecologica fra le diverse componenti, trattandosi di superfici relativamente limitate e disperse nel territorio; ∗ l’elevato grado di “artificiosità” del sistema determinato, a seconda dello stile, delle tipologie e delle dimensioni dell’edificato, dal grado di antropizzazione spesso elevato in cui il giardino è collocato; ∗ l’inserimento in un contesto urbano, spesso caratterizzato da variazioni microclimatiche non favorevoli e da elevati livelli di inquinamento, che può interagire negativamente sulla componente vegetale ma anche su quella architettonica; ∗ l’origine prevalentemente esotica delle piante, dato che a queste si riconosce, o meglio gli si è riconosciuto in passato, un maggior effetto estetico; di conseguenza le piante utilizzate manifestano in genere esigenze più definite rispetto a quelle autoctone e quindi una minore compatibilità con le condizioni ambientali; ∗ la notevole differenziazione dei tipi biologici utilizzati (terofite, fanerofite, camefite, geofite, ecc.), spesso in spazi contigui, il che può talora accentuare gli effetti di competizione; ∗ la diversa durata dei cicli biologici, il che può determinare la progressiva scomparsa nel tempo – a meno di rimpiazzi di alcune specie o gruppi di specie – delle piante ivi presenti, per cui il giardino si configura sempre più come componente vegetale meno articolata; ∗ il grado di artificiosità dell’ambiente pedologico e, spesso, di quello climatico a motivo delle modificazioni rilevanti operate dall’uomo al momento della realizzazione del giardino con aggiunta, nel caso dei parametri climatici, degli effetti causati dall’interferenza sulle disponibilità di luce per la vegetazione stessa (mutevole nel tempo)
Pagina 115

La progettazione del verde

o dalle stesse caratteristiche costruttive dei fabbricati o di altre opere murarie presenti;
∗ la rilevanza in termini quantitativi dei manufatti inseriti nel giardino che creano ostacolo

allo sviluppo dell’apparato radicale quando non subiscono essi stessi le conseguenze di tale sviluppo; ∗ l’impossibilità operativa di assicurare alle piante appropriate condizioni fisiche del substrato, non essendo spesso possibile l’esecuzione di interventi idonei sotto questo profilo dopo la messa a dimora; ∗ il difficile controllo dei parassiti per la difficoltà, proprio a causa della fruizione da parte dell’uomo, di somministrare i necessari pesticidi, dato che la materia soggiace ad una normativa sempre più stringente. 5.5. Tecniche e soluzioni progettuali per l’ambiente mediterraneo La compatibilità del verde ornamentale con l’ambiente mediterraneo può essere accresciuta, oltre che con l’individuazione di specie idonee, con l’adozione di specifici interventi sia in fase di progettazione che in quella di manutenzione. Dato che uno dei maggiori vincoli in ambiente mediterraneo è rappresentato dalla prolungata siccità estiva, ancorata alle elevate temperature, occorre adottare tutti gli interventi e/o le soluzioni progettuali in grado di limitare i consumi d’acqua. Gli Autori anglosassoni, che hanno affrontato in maniera più sistematica l’argomento, hanno coniato termini specifici per indicare la realizzazione di spazi a verde in ambienti caratterizzati da siccità più o meno intensa e/o prolungata. Il termine di “xeriscaping”, in particolare, viene utilizzato per indicare gli schemi operativi più idonei per la progettazione e per la gestione del verde negli ambienti dove quest’ultimo risulta più limitato nelle sua affermazione dagli eccessi termici e dalla carenza idrica. Si tratta quindi di condizioni, frequenti in ambiente Le diverse espressioni del dry gardening. mediterraneo, per cui è possibile ricorrere ad alcuni degli interventi e/o soluzioni progettuali previsti dallo “xeriscaping”. Il “Mediterranean gardening” è un caso particolare, dato che in esso lo stress idrico, pur se presente, non è così intenso come nelle aree predersetiche. L’adozione di interventi rivolti ad aumentare la compatibilità delle piante con le condizioni di siccità necessita in ogni caso di elementi certi: occorre acquisire in via preliminare informazioni sulle caratteristiche microclimatiche del sito (es. temperatura, umidità relativa, direzione dei venti dominanti, ecc.), sulla disponibilità di acqua, sulla risposta morfofunzionale delle diverse specie utilizzate, al fine di realizzare un verde in grado di resistere alle condizioni ambientali ma, soprattutto, di rispondere a precisi canoni estetici. Lo xeriscaping è stato messo a punto in Colorado nel 1981 a seguito di una prolungata siccità che colpì lo stato americano. Il termine deriva dalla parola greca “xeros”, che significa “secco”, e da quella inglese “landscape” che vuol dire “paesaggio” e viene utilizzato per indicare gli schemi operativi più idonei per la progettazione e la gestione del verde negli ambienti dove quest’ultimo risulta più limitato nella sua affermazione dagli

Pagina 116

La progettazione del verde

eccessi termici e dalla carenza idrica. Si tratta quindi di condizioni frequenti in ambiente mediterraneo, per cui proprio in questo diventa opportuno ricorrere ad alcuni degli interventi e/o soluzioni progettuali previsti dallo “xeriscaping”. Tale modalità di realizzare il verde rientra a buon diritto all’interno del “dry gardening”, termine già da tempo utilizzato per descrivere la coltivazione di piante diverse (alberi, arbusti, erbacee, bulbose) utilizzando piccole quantità di acqua per l’irrigazione. La differenza sostanziale sta nel fatto che il dry gardening può essere adottato sia in luoghi dotati di un buon andamento pluviometrico nel corso dell’anno, sia in luoghi dove le precipitazioni sono basse e/o mal distribuite e l’ambiente è arido e caratterizzato da forte insolazione giornaliera. Nel primo caso si ricorre a queste tecniche per ridurre i costi e/o per la difficoltà di reperire l’acqua in ambiente urbano; nel secondo, invece, si entra nell’ambito specifico dello xeriscaping, cioè nell’utilizzazione di piante xerofitiche e nell’adozione di specifiche soluzioni progettuali e tecniche agronomiche di cui si dirà in prosieguo. Lo xeriscaping è quindi una forma di “costruzione e gestione dello spazio a verde” che cerca di limitare al massimo l’uso dell’acqua al fine anche di proteggere l’ambiente. Per la sua realizzazione ci si avvale soprattutto di specie dette “xerofitiche”, cioè adatte a lunghi periodi di siccità, come i cactus o altre piante succulente. Uno spazio a verde impostato secondo questi principi ha lo scopo di limitare l’uso dell’acqua per irrigare solo ai lunghi periodi di siccità o addirittura di non irrigare affatto. Lo xeriscaping permette di creare o di riadattare uno spazio a verde in modo semplice ma armonioso nei colori, nelle forme e nella trama grazie all’uso di numerose specie, molte delle quali sono autoctone. Inoltre, permette di risparmiare anche nelle operazioni di manutenzione rendendo più economica la gestione del verde. Fra le strategie adottate nello xeriscaping, possiamo ricordare: 1) Organizzazione degli spazi; 2) Analisi del terreno; 3) Scelta delle piante; 4) Tappeto erboso funzionale; 5) Irrigazione efficiente; 6) Pacciamatura; 7) Manutenzione. Organizzazione degli spazi Quando si deve creare un nuovo spazio a verde o rinnovarne uno già esistente, l’organizzazione delle superfici è una fase fondamentale. Non bisogna, infatti, subito dedicare l’attenzione a quali tipi di piante utilizzare in quanto è bene per prima risolvere i problemi connessi con l’uso che lo spazio a verde dovrà assolvere. Nella fase iniziale occorre quindi procedere ad una “zonizzazione” decidendo quali aree destinare alle attività ricreative, quali alla vegetazione, quali ai servizi e così via. Occorre quindi iniziare redigendo una planimetria preliminare in cui verranno riportate tutta una serie di informazioni quali la posizione della abitazione, la sua influenza nel determinare zone d’ombra, le eventuali strutture presenti nella proprietà e informazioni relative ad una possibile presenza di rocce affioranti superficialmente e di vegetazione preesistente. L’accuratezza di questa fase è fondamentale in quanto, solo se correttamente eseguita, consentirà di gestire al meglio il progetto dello spazio a verde. Successivamente occorre effettuare un’attenta analisi visuale del paesaggio evidenziando le vedute migliori da valorizzare e quelle negative da mascherare. È importante correggere i “difetti” di uno spazio a verde prima dell’impianto; ciò può richiedere l’utilizzo di terreno da riporto, la costruzione di muri di contenimento o di terrazzamenti. È fondamentale altresì inserire nel progetto preliminari quanti più elementi naturali possibili, quali ad esempio un albero o un
Pagina 117

La progettazione del verde

La creazione di pergole e la presenza di vialetti in ciottoli bicromi (al posto del prato) sono elementi tipici del giardino siciliano.

arbusto preesistente. Piante già presenti sul luogo, se non spostate, non necessiteranno di particolari cure dopo il trapianto. L’analisi dell’orientamento della casa aiuta a determinare dove collocare le piante che prediligono il sole e dove posizionare, invece, quelle che prediligono l’ombra. Sulla base di questi dati, il progetto terrà in considerazione sia la scelta di piante tolleranti la siccità, che l’adozione di metodologie per l’approvvigionamento supplementare di acqua o l’impiego di pratiche colturali per migliorare la conservazione dell’acqua stessa. Un elemento molto importante da valorizzare è la creazione di una zona d’ombra per aumentare la fruibilità del giardino e consentire, grazie all’effetto schermante, di ridurre la traspirazione delle piante e quindi la perdita d’acqua. Tale zona può essere assicurata o da alberi di grandi dimensioni o dalla realizzazione di pergole. Non a caso nei giardini tradizionali siciliani immancabile era la presenza di pergole delle più svariate dimensioni. Un altro elemento importante di questi giardini era la presenza di vialetti, realizzati con materiali diversi, talvolta con ciottoli bicromi, che consentivano la percorribilità dello spazio ma soprattutto non prevedevano la presenza del tappeto erboso, dissipatore d’acqua per antonomasia. Nell’adozione di pratiche xeriscape è importante inoltre stabilire la direzione dei venti prevalenti che possono influenzare la temperatura del giardino. Tutte queste informazioni sono fondamentali per definire, nel caso si tratti di un giardino privato, le diverse zone dell’impianto a verde: quella pubblica, quella “segreta” e l’area di servizio. La zona destinata ad area pubblica è situata nella parte più in vista di tutta la proprietà e in genere si trova Struttura tradizionale del giardino in cui nessuna attenzione viene nella zona antistante la residenza o posta all’organizzazione delle esigenze idriche delle diverse spe- nelle zone meglio visibili dai cie. visitatori. Tradizionalmente

Pagina 118

La progettazione del verde

rappresenta anche la porzione di proprietà che riceve le maggiori cure ed attenzioni e, di conseguenza, il maggior quantitativo di acqua. Il progetto riguardante quest’area avrà quindi bisogno di maggiore attenzione. L’area privata, “segreta” è spesso situata dietro la residenza, nella zona in cui si riunisce la famiglia, e può essere destinata agli usi più vari; in questo spazio, ad esempio, può essere presente l’orto familiare e il frutteto. Quest’area deve possedere alcuni requisiti fondamentali come la funzionalità e la possibilità di effettuare un risparmio idrico, ma allo stesso tempo deve essere attraente e durevole. L’area dei servizi è quella riservata ai lavori di gestione del giardino stesso, si trova spesso nella parte meno visibile di tutta la proprietà ed è destinata, ad esempio, al ricovero degli attrezzi, alla presenza di animali domestici, ecc. Tale area deve essere concepita in modo da richiedere poca manutenzione e un minor quantitativo di acqua rispetto alle zone precedenti. Dopo aver suddiviso il giardino nelle tre aree è di fondamentale Organizzazione del giardino sulla base dei criteri dello xeriscaping. importanza valutare le diverse quantità di acqua da destinare ad ognuna di esse. Tradizionalmente i giardini erano gestiti come unica superficie da irrigare indistintamente, anche perché quasi tutto lo spazio era interessato da un tappeto erboso. Nella concezione dello xeriscaping, invece, si provvede sempre a distinguere tre (o quattro) zone a seconda delle esigenze idriche (“idrozone”): ∗ ad alta richiesta di acqua; ∗ a moderata richiesta di acqua; ∗ a bassa richiesta di acqua. Le zone ad alta richiesta di acqua rappresentano le porzioni più in vista e le meno estese di tutto il giardino, come la zona intorno alla residenza, dove le piante vengono regolarmente irrigate in assenza di precipitazioni naturali. Nelle aree a moderata richiesta di acqua, invece, le piante vengono irrigate solo quando cominciano a mostrare segni di stress. In quelle a basso consumo di acqua, l’irrigazione delle piante è affidata alle precipitazioni naturali e quindi non si richiedono apporti idrici supplementari. Si comprende come per un migliore risparmio idrico è necessario dilatare quanto più è possibile queste aree nel giardino.
Pagina 119

La progettazione del verde

Nell’esempio riportato in figura viene schematizzata la modalità di organizzare lo spazio in un giardino xeriscape. Analisi del terreno Le caratteristiche del substrato assumono notevole interesse quando si vuole realizzare uno spazio a verde secondo i principi dello xeriscaping. In genere i terreni mediterranei sono esposti all’effetto erosivo delle precipitazioni invernali e pertanto sono poveri in materia organica. Gli strati superficiali di humus in genere sono assenti e di rado la componente umica raggiunge il 5% del volume di terra, come sarebbe necessario. La sostanza organica si decompone rapidamente, anche per l’alto livello di radiazione solare. Il dilavamento di molti elementi nutritivi ed in particolare dell’azoto è piuttosto intenso. L’alto tasso di evaporazione aumenta l’accumulo di sale negli strati superiori, inibendo la crescita di molte piante ornamentali che ne sono sensibili (quali le Ericaceae ed alcune Myrtaceae). I terreni sabbiosi e salini, specialmente in basse zone costiere, possono richiedere la rimozione del sale attraverso l’irrigazione dilavante. Come regola generale, i terreni delle regioni mediterranee con scarse precipitazioni tendono ad essere alcalini. L’alcalinità influenza l’assorbimento di elementi nutritivi e se è elevata può ridurne la disponibilità soprattutto del ferro. In genere si sconsiglia di utilizzare ammendanti organici a diretto contatto con l’apparato radicale, anche perché questo induce le radici a crescere solo dove le condizioni sono favorevoli e a non espandersi riducendo di fatto la loro capacità di captare l’acqua. Scelta della specie La scelta della specie, come già ricordato, rappresenta uno dei punti nodali della progettazione, dato che consente da una parte di avere una realizzazione vegetale destinata a sopravvivere a lungo ed a mantenere nel tempo le caratteristiche estetiche di pregio e dall’altra di non impiegare quelle tecniche colturali che, pur se in grado di minimizzare l’influenza negativa di alcuni parametri ambientali, non sono, però, senza conseguenze sul piano della onerosità dei costi. Nell’ambito delle realizzazioni di xeriscaping un ruolo molto importante rivestono le piante autoctone, che hanno il pregio di adattarsi molto bene alle condizioni xerofitiche, che sono poi quelle che hanno rappresentato in ambiente mediterraneo il principale fattore selettivo. Tappeto erboso funzionale A differenza di quanto si potrebbe a prima vista ritenere negli spazi a verde xeriscape non vengono esclusi i tappeti erbosi, i quali, come è noto, sono forti dissipatori di acqua. I tappeti erbosi, infatti, presentano indubbi caratteri estetici, riescono ad armonizzare la composizione vegetale ma soprattutto consentono di mitigare le elevate temperature estive, grazie proprio all’intensa traspirazione, oltre a svolgere in alcuni casi la funzione di riduzione dell’erosione nei pendii. La soluzione sta quindi da una parte nella giusta collocazione dello spazio a prato in una parte limitata del giardino a stretto contatto con l’abitazione e soprattutto nell’adeguata scelta della specie (spesso macroterme ma comunque resistenti al secco) ed in una sua oculata gestione (anche attraverso l’altezza del taglio). Per tutti questi motivi si parla più correttamente nello xeriscaping di tappeto erboso funzionale. Irrigazione efficiente Lo scopo principale, in uno spazio a verde xeriscape, è quello di minimizzare l’apporto di

Pagina 120

La progettazione del verde

acqua supplementare. Ciò può essere ottenuto sia con l’adeguata scelta della specie e degli schemi compositivi, di cui si è detto, sia attraverso un adeguato dimensionamento dell’impianto di irrigazione. Naturalmente tutte le pratiche di conservazione dell’acqua – come non ricordare a tale proposito le tradizionali cisterne sempre presenti nelle abitazioni meridionali del passato – sono da favorire. L’irrigazione per aspersione è di solito limitata solo alle aree destinare ai tappeti erbosi dove l’acqua deve essere distribuita uniformemente sull’intera zona. L’irrigazione a goccia o micro-irrigazione è Differenze nell’apparato radicale per effetto delle invece un metodo da incentivare in quanto, come diverse frequenze di irrigazione. è noto, consente di risparmiare dal 30 al 50% di acqua rispetto all’irrigazione per aspersione, dato che, distribuendo l’acqua direttamente sulle radici, permette di minimizzare le perdite per evaporazione e per dilavamento. La sua installazione è inoltre abbastanza economica. Tale metodo è particolarmente idoneo per le zone dello spazio a verde ad alto e moderato uso di acqua. È anche possibile utilizzare l’irrigazione manuale per piante trapiantate da poco. È un classico metodo di irrigazione di soccorso e può essere adottato solo in casi particolari. Assieme al metodo di irrigazione grande importanza assume la modalità con cui viene erogata l’acqua. Un primo accorgimento è quello di effettuare l’intervento durante le ore notturne per ridurre le perdite. Inoltre occorre ricordare come un’irrigazione giornaliera e con piccole quantità d’acqua, incoraggi lo sviluppo di un sistema radicale poco profondo ed una minore resistenza alla siccità. Tale tipo di irrigazione, favorendo la permanenza dell’acqua nello strato più superficiale del terreno incrementa le perdite per evaporazione. Distanziando le irrigazioni ed aumentando le quantità di acqua erogata si favorisce lo sviluppo e l’approfondimento dell’apparato radicale. La pacciamatura La pacciamatura è una delle più importanti pratiche agronomiche per la realizzazione di un giardino xeriscape. Anche se può essere utilizzata solo per motivi estetici, essa assicura numerosi vantaggi agronomici quali: ripristino del contenuto di humus; capacità di trattenere acqua e sostanze nutritive; controllo delle infestanti. La pacciamatura conserva l’umidità del terreno impedendo le perdite d’acqua per evaporazione, riducendo il fabbisogno di irrigazioni supplementari nei periodi di piogge limitate e ostacolando le fluttuazioni di umidità che potrebbero danneggiare le radici. Il terreno pacciamato, mantenendo una migliore struttura, assorbe più facilmente l’acqua. La pratica della pacciamatura è molto utilizzata anche per il controllo delle infestanti che competono con le piante coltivate per acqua ed elementi nutritivi. Nel giardino i materiali impiegati possono essere i più diversi: da quelli organici (molto utilizzati corteccia e aghi di pino anche perché si depongono con lentezza) a quelli inorganici (ghiaia, ciottoli, pietrisco). Dato che spesso si tratta di materiali incoerenti è bene utilizzarne uno strato piuttosto elevato (da 10 a 15 cm) anche per evitare che avvenga il passaggio della luce, in modo da esaltare l’effetto di contenimento nei confronti delle malerbe.
Pagina 121

La progettazione del verde

Manutenzione Un giardino xeriscape è in genere un impianto a bassa manutenzione. Dato che bisogna aumentare la compatibilità delle piante con l’ambiente non occorre effettuare frequenti interventi irrigui, né concimazioni: occorre, infatti, evitare di stimolare la crescita delle piante in quanto questo potrebbe comportare un aumento del consumo di acqua. La pratica della pacciamatura, ampiamente utilizzata soprattutto per il risparmio idrico, riduce fortemente il problema delle malerbe, il che determina significative riduzioni degli interventi di manutenzione. Le potature sono anch’esse piuttosto sporadiche, anche perché difficilmente si osservano crescite abnormi. Tutto questo conduce ad una rarefazione delle operazioni colturali, il che, nell’attuale fase congiunturale aumenta l’interesse a sperimentare forme di xeriscaping sia negli spazi a verde privati che soprattutto pubblici. Naturalmente affinché ciò avvenga occorre effettuare una sperimentazione mirata attraverso soprattutto la predisposizione di “impianti pilota” in modo da meglio definire le procedure da seguire. Al contempo servono dei riscontri sperimentali sulle effettive prestazioni delle piante autoctone o di quelle ritenute in grado di rispondere meglio agli stress idrici, in modo da poter basare la scelta della specie su dati più oggettivi. * *** Molte delle soluzioni prospettate – formazione di zone d’ombra, riduzione del prato, costruzione di invasi per il recupero delle acque piovane, impiego di specie xerofitiche – appartengono in pieno alla tradizione del giardino meridionale e siciliano in particolare. La pergola, infatti, è elemento immancabile degli spazi a verde prossimi alle abitazioni assieme alla presenza del fitto intreccio di vialetti che consente la percorribilità del giardino stesso escludendo l’impiego del tappeto erboso. La costruzione di cisterne – frequente nell’area etnea – deve essere vista come la volontà di tesaurizzare l’acqua. Anche l’ampia presenza di palme, di piante succulente e bulbose nel giardino tradizionale siciliano deve essere inserita proprio in questa grande capacità, espressa nel passato, di realizzare uno spazio ornamentale pienamente compatibile con le condizioni ambientali. L’adozione dello xeriscaping, in questa ottica, non deve quindi essere vista come la pedissequa accettazione della recente moda d’oltreoceano, ma come opportunità per vivificare e sviluppare modalità di «fare giardino» che appartengono appieno alla tradizione mediterranea e siciliana in particolare. 5.6. Redazione del progetto È il momento in cui occorre assemblare i risultati raccolti nella fase di analisi ed in cui occorre dare veste grafica intelligibile alle scelte progettuali operate. È una fase delicata perché è quella in cui si partecipa al committente ma anche al realizzatore (imprese del verde e/o singoli operatori) gli interventi da effettuare per realizzare lo spazio a verde. Per questo motivo l'aspetto fondamentale da curare è quello della chiarezza espositiva ma anche della veste formale che deve essere la più accattivante possibile. Di solito un progetto si sostanzia di una pluralità di documenti, per i quali saranno di seguito forniti alcuni sintetici elementi di carattere generale. 5.6.1. Elaborati grafici Gli elaborati grafici o documentazione iconografica servono a fornire degli elementi di facile lettura, esplicativi delle scelte operate dal progettista. Si tratta di documenti che devono presentare una veste grafica gradevole, anche per interessare ed attrarre il committente. Tradizionalmente realizzati “a mano”, oggi possono contare sull’adozione di mezzi grafici e di idonei software che consentono di ottenere in tempi molto limitati risultati decisamente accattivanti. Inutile ricordare, però, che la bontà di un progetto non si misura certo dalla sua

Pagina 122

La progettazione del verde

forma grafica, anche se occorre ricordare che altre figure professionali che si occupano di verde (es. architetti) sono molto preparati nell’uso di questi strumenti, che sicuramente attraggono fortemente l’attenzione dell’eventuale cliente. Per tale motivo corredare un buon progetto con adeguati supporti grafici è una scelta spesso vincente. Di seguito si riportano le caratteristiche di alcuni degli elaborati che vengono predisposti a corredo di un progetto: Planimetria: rappresenta la proiezione orizzontale della sistemazione a verde ad opere ultimate. Gli elementi vengono raffigurati con segni convenzionali che possono variare, fermo restando la loro chiarezza di lettura. L’esplicazione dei segni si trova nella legenda, assieme all’elencazione delle specie e/o delle cultivar che in planimetria sono generalmente indicate con un numero o una lettera. La planimetria deve indicare in modo chiaro ed evidente la scala e l’orientamento. È indispensabile riportare lo stralcio catastale e la planimetria dello stato di fatto originario. I simboli adottati possono essere a colori (in tal caso occorre tenere conto del numero di copie da preparare, anche se i recenti mezzi rendono più semplice la riproduzione di documenti a colori) o in bianco e nero. Piano quotato: riproduce le quote del terreno. I punti con la stessa altimetria vengono collegati con linee (curve di livello) recanti l’indicazione metrica della quota che può essere positiva (+) nel caso di rilievi e negativa (-) nel caso di depressioni. Nel primo caso per convenzione si usa o il colore marrone o una linea continua; nel secondo, invece, il verde o una linea tratteggiata. Anche in questo caso occorre riportare la scala, l’orientamento e la legenda. Sezioni: consistono in immaginari tagli praticati lungo superficie diverse in modo da dare il profilo che un ipotetico osservatore vedrebbe stando in tali posizioni. Se le ondulazioni sono lievi si può usare una scala maggiore che deve però essere chiaramente indicata sulla legenda. Scorci ed elementi di particolare interesse: devono essere rappresentati in scala maggiore. Per chiarire gli aspetti paesistici di porzioni della sistemazione a verde sono estremamente utili gli schizzi prospettici o assonometrici, che mostrano la visuale di un ipotetico osservatore situato ad una certa altezza rispetto al piano. Fotografie: è sempre bene allegare immagini dell’area prima della trasformazione o di elementi di particolare interesse già esistenti. È anche importante fotografare qualsiasi elemento si ritenga possa essere oggetto di discussione dopo la trasformazione. Aerofotogrammetria, con i relativi elaborati grafici, è un elemento sussidiario di grande importanza, soprattutto nelle sistemazioni di spazi a verde di grandi dimensioni. 5.6.2. Relazione esplicativa È la sintesi dell’ideazione progettuale e contiene la descrizione dei criteri che hanno portato alla realizzazione del progetto, a partire dallo stato di fatto originario. La relazione funge da controparte scritta della documentazione grafica e da “registro” nel quale vengono conservate informazioni utili a distanza di tempo. È quindi uno strumento che serve in primo luogo al progettista, in quanto funge come una sorta di diario dove annotare i vari momenti progettuali, diario prezioso in quanto l’esperienza aiuta molto nella crescita professionale. 5.6.3. Computo metrico estimativo dei lavori Dà informazioni sul costo presunto dell’intera opera. Il procedimento da seguire è il seguente: ∗ analisi, individuazione e raggruppamento in tipologie delle opere; ∗ computo metrico di ogni singola voce d’opera: si calcola la superficie, la cubatura, il numero di unità, ecc. che vanno a costituire la “misura globale” prevista da ciascuna categoria di opera; ∗ determinazione del prezzo unitario per ogni singolo elemento riportato in elenco;
Pagina 123

La progettazione del verde

∗ calcolo dell’importo di ogni singola voce d’opera; ∗ calcolo della presunta spesa complessiva o preventivo dei lavori. ∗ ∗ ∗ ∗

Al termine dell’elenco delle singole opere occorre aggiungere i costi relativi a: progettazione e direzione lavori; oneri fiscali (IVA); revisione dei prezzi; spese varie ed impreviste (8-10% sull’importo totale). Occorre ricordare che in alcune riviste specializzate (es. Acer) o a cura di alcune associazioni professionali (es. Assoverde, Associazione italiana costruttori del verde) vengono pubblicati dei prezzi informativi sia sulle piante ornamentali che dei principali lavori di manutenzione e costruzione del verde. Soprattutto le indicazioni fornite dall’Assoverde, per l’ampiezza ed il dettaglio, sono un elemento di riferimento prezioso per il progettista. Naturalmente occorre acquisire anche un’idonea conoscenza del mercato locale, dato che i prezzi possono subire profonde variazioni in base al contesto geografico in cui si opera.

5.6.4. Capitolati generale e speciale Un fondamentale documento del progetto di uno spazio a verde pubblico è il capitolato d’oneri, che deve contenere tutte le condizioni e le clausole tecniche, economiche e amministrative necessarie a garantire la corretta esecuzione dell’opera e a prevenire ogni possibilità di controversia tra le parti contraenti. I capitolati rientrano nella condotta delle opere pubbliche. Nella conduzione di queste ultime, infatti, è obbligatorio attenersi ad una legislazione specifica, le cui procedure sono: ∗ di carattere burocratico-amministrativo, preliminari all’atto della presa dei provvedimenti; ∗ a livello di progettazione dell’opera; ∗ a livello di atto esecutivo dell’opera; ∗ a livello di collaudo dell’opera; ∗ relative agli incarichi professionali nel rispetto dei disciplinari che stabiliscono diritti e doveri del professionista incaricato. I riferimenti normativi sono numerosi. Il testo fondamentale in materia è il R.D. 18.11.1923 n. 2440 su “Nuove disposizioni sull’amministrazione del patrimonio e sulla contabilità generale dello Stato”. Nella condotta di opere pubbliche un’Amministrazione deve conciliare due aspetti: ∗ esecuzione delle opere secondo i più razionali criteri tecnici ed economici ∗ salvaguardia dei diritti delle persone coinvolte nell’esecuzione. Le figure coinvolte nella realizzazione di un'opera pubblica sono: ∗ Il committente (Ente o Amministrazione) che individua lo stato di necessità e la relativa soluzione, definisce l’iter burocratico-amministrativo, emana i provvedimenti deliberativi ed ordina l’esecuzione; ∗ Il progettista incaricato di ideare l’opera e di definire le modalità tecniche di attuazione, eventualmente con la collaborazione di esperti; ∗ Il direttore dei lavori che presiede alla trasposizione in pratica del progetto, con la garanzia dell’applicazione delle leggi in materia; ∗ L’impresa che esegue materialmente l’opera; ∗ Il collaudatore a cui è affidata la verifica dell’idoneità dell’opera. Al di sopra di queste figure sta l’organo di controllo degli atti deliberativi: il Comitato Regionale di Controllo (Co. Re. Co). La garanzia formale di idoneità tecnica, capacità finanziaria ed attrezzatura tecnica dell’impresa proviene dall’Albo Nazionale dei Costruttori. Con l’antimafia è entrata in causa anche la Prefettura. Il R.D. 23.5.1924 n. 827 (Regolamento sull’amministrazione del patrimonio e sulla

Pagina 124

La progettazione del verde

contabilità generale dello Stato) distingue i capitolati in: ∗ Il capitolato generale contiene le condizioni che possono applicarsi indistintamente a un determinato genere di lavoro, appalto o contratto e le norme da seguirsi per le gare (Capitolato generale del Ministero dei Lavori Pubblici approvato nel 1962 e consta di 51 articoli). ∗ Il capitolato speciale riassume tutta l’opera progettata e ne è la guida al regolare compimento. Tale documentazione si riferisce specificatamente a prescrizioni e norme particolari del contratto. Il progettista deve stilare solo il capitolato speciale che deve essere un documento originale e non limitarsi a “copiare” pedissequamente gli esempi presenti in commercio (es. Zangla, G., Capitolato speciale di appalto per opere a verde. Parchi, giardini, paesaggio, Zedi Italia). Da richiamare come recentemente in rete siano disponibili, oltre ai capitolati relativi a specifici interventi, anche delle linee guida. Per ampiezza e completezza delle informazioni possiamo ricordare quelle messe a punto dalla regione Emilia Romagna e riportate in allegato. 5.6.5. Vincoli ed opportunità di carattere normativo La materia del verde, sia esso pubblico che privato, è regolamentata in Italia da numerose disposizioni normative che, come spesso accade per altri ambiti, non presentano un quadro di riferimento omogeneo. Per il verde inoltre non esiste una normativa “specifica” per cui le indicazioni debbono essere reperite all’interno di numerose leggi e/o regolamenti. La questione viene qui affrontata perché le norme si riflettono spesso su numerosi aspetti di natura tecnica che rientrano nelle competenze del progettista. Per non appesantire eccessivamente la trattazione si è preferito riportare di seguito in maniera schematica solo alcune indicazioni generali. Per ulteriori approfondimenti si consiglia di consultare il trattato di Agostoni e Marinoni (1987) e quello della Zoppi (1988) dove si ritrovano in appendice alcune indicazioni di carattere normativo. Indicazioni più recenti, o almeno aggiornate al 2000, sono presenti nel volume di Pirani (2004) su “Il verde in città. La progettazione del verde negli spazi urbani”. Per quanto riguarda il “verde privato” i principali riferimenti normativi fanno riferimento a: ∗ Codice civile; ∗ Codice della strada; ∗ L. 29 giugno 1939 (protezione bellezze naturali) ∗ Regolamenti edilizi o di igiene nei Piani regolatori comunali; ∗ Regolamenti sul verde. Questi ultimi possono riguardare sia il verde privato che quello pubblico. Si tratta di strumenti normativi di cui si stanno dotando quasi tutte le città italiane. In appendice è riportato un esempio elaborato per la città di Firenze. Per quanto attiene al verde urbano manca, come già ricordato, una normativa specifica; le principali indicazioni fanno riferimento a: ∗ “Disciplina urbanistica”; ∗ Decreto Interministeriale 2.4.1968 n. 1444; ∗ Circolare Ministero Lavori Pubblici 20.1.1967 n. 425; ∗ Barriere architettoniche; ∗ Infortunistica; ∗ Piantumazione e tecniche di paesaggismo (decreti e circolari ministeriali). Per quanto riguarda il ben noto D. I. 1444 del 2.4.1968 possiamo ricordare come l’articolo 2 stabilisca la presenza nei piani regolatori di zone territoriali omogenee, definite come parti del territorio interessate da agglomerati urbani con molte caratteristiche similari. L’articolo 3 dello stesso decreto stabilisce i rapporti massimi destinati agli insediamenti residenziali e gli spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a
Pagina 125

La progettazione del verde

parcheggi. In particolare per quanto riguarda il verde pubblico viene statuito che debbano essere lasciati per abitante “m2 9,00 di aree per spazi pubblici attrezzati a parco e per il gioco e lo sport, effettivamente utilizzabili per tali impianti con esclusione di fasce verdi lungo le strade”. Altri elementi normativi da conoscere per una corretta progettazione solo quelli relativi alla legislazione sui lavori pubblici, di cui in parte si è detto con riferimento ai capitolati. La legislazione sul verde pubblico, specificatamente quello collocato in prossimità delle strade, fa riferimento a: ∗ Segnaletica stradale ∗ Pavimentazioni (regolamento dell’associazione nazionale produttori) ∗ Parcheggi : − Leggi urbanistiche − Codice della strada − Parcheggi per handicappati − Norme di sicurezza ∗ Piantagione degli alberi e tutela del paesaggio − Leggi (es. Circolare Ministero Lavori pubblici dell’11.8.66 n. 8321: Alberature stradali. Istruzioni per la salvaguardia del patrimonio arboreo in rapporto alla sicurezza della circolazione stradale) − Codice civile ∗ Regolamenti (vedi verde privato).

Pagina 126

L’impianto del verde

6. L’IMPIANTO DEL VERDE È il momento in cui devono trovare compiuta realizzazione le scelte progettuali operate in precedenza. È una fase inoltre in cui è maggiormente coinvolta la professionalità dell’agronomo, dato che occorre predisporre al meglio l’ambiente per consentire un idoneo inserimento della vegetazione. 6.1. Sistemazione e preparazione dell’area La sistemazione del terreno è aspetto cruciale nella realizzazione di uno spazio a verde in quanto non effettuare correttamente le varie operazioni comporta la vanificazione delle scelte e/o delle soluzioni agronomiche individuate nella fase progettuale. Occorre inoltre tenere conto della difficoltà di ordine tecnico, ma soprattutto economico, di intervenire successivamente alla fase d’impianto, per cui difficilmente possono essere corretti eventuali “errori” effettuati in questa fase. Nella trattazione dell’argomento si è tenuto conto del fatto che molti degli aspetti da affrontare sono stati analizzati in altre discipline in quanto comuni con l’impianto delle colture agrarie. Per tale motivo l’attenzione sarà posta soprattutto su aspetti specifici delle sistemazioni di spazi a verde. Un’altra opportuna premessa è che, pur rendendoci conto dei limiti connessi con il fornire “numeri” di riferimento, dato che questi possono subire oscillazioni molto ampie, si è preferito riportare delle informazioni di tipo quantitativo che servissero ad orientare su quelli che sono ordini di grandezza attendibili. Molto spesso, soprattutto quando si tratta di uno spazio a verde in ambiente urbano le caratteristiche dei suoli sono ben lungi dall’essere ottimali. Si ricorda a tal proposito che un terreno ideale deve essere profondo, di medio impasto, con poco scheletro, dotato di sabbia silicea, a reazione intorno alla neutralità, a tessitura fine e struttura non compatta, così da consentire la circolazione di aria ed un’attiva funzione microbiologica. Queste caratteristiche corrispondono grossomodo a: ∗ Sostanza organica 5% ∗ Composti minerali 45% ∗ Spazi vuoti (aria + acqua) 50%. Nel caso in cui un terreno presenti valori di pH subottimali è possibile, entro determinati limiti correggerlo utilizzando sostanze diverse. Se invece è la struttura a non essere ottimale è possibile impiegare ammendanti di origine organica o inorganica. Nella sistemazione del terreno le operazioni sono diverse in base al fatto se si lavora su piano di campagna o su terreno di riporto. Alcune indicazioni di tipo tecnico possono essere reperite nelle cosiddette norme DIN (Deutsche Industrie Norme), messe a punto in Germania, norme cui si fa specifico riferimento anche nei capitolati. Anche se il linguaggio adottato
Pagina 127

L’impianto del verde

non è sempre quello più corretto sotto il profilo agronomico, le norme DIN sono quelle cui si fa ampio riferimento nella pratica ed hanno il pregio di illustrare nel dettaglio le diverse operazioni e quindi possono essere utilizzate dal progettista come una vera e propria “check list” delle operazioni da effettuare in fase di impianto. In particolare le norme DIN 18915, B1 affrontano alcune problematiche relative alle fasi di impianto e suddividono i suoli in 10 gruppi funzionali in base alle loro caratteristiche e quindi idoneità a subire i vari interventi. Sempre secondo tali norme il suolo viene suddiviso, partendo dall’alto verso il basso, nei seguenti strati: ∗ Strato vegetale o terra di coltura (V): si tratta dello strato sopra il terreno di base o dello strato drenante o filtrante, facilmente attraversabile dalle radici a causa della sua composizione e caratteristiche. In funzione del tipo di utilizzazione, esso può essere così classificato: ◊ strato vegetale caricabile, fortemente sollecitato meccanicamente (Vc) per esempio per calpestio, gioco, parcheggio; ◊ strato vegetale per piante idonee a luoghi secchi o xerofite (Vs); ◊ strato vegetale per piante idonee a luoghi umidi o igrofite (Vu); ∗ Strato drenante (D): viene inserito tra lo strato vegetale, superficiale, e un terreno di base non sufficientemente permeabile. ∗ Strato filtrante (F): circonda lo strato drenante e impedisce la penetrazione di terra dallo strato vegetale o dal terreno di base causata da piogge persistenti o comunque dall’azione dell’acqua. ∗ Terreno di base (B): si tratta del terreno, naturale o riportato, sotto lo strato vegetale o lo strato drenante o filtrante. I parametri di valutazione per determinare l’idoneità del substrato sono i seguenti: ∗ granulometria; ∗ consistenza; ∗ permeabilità; ∗ livello freatico; ∗ contenuto in sostanze organiche; ∗ reazione; ∗ peso specifico allo stato umido. Per quanto riguarda i prodotti per il miglioramento del suolo, questi sono oggetto di attenzione del DIN 18915, B2 che li suddivide in: Prodotti con sostanze organiche di origine naturale o sintetica: a) torba; b) terricciato; c) fango di depurazione; d) compost; e) materie plastiche. Prodotti a granulometria grossolana, di origine naturale o sintetica: a) sabbia, ghiaietto e pietrisco;

Pagina 128

L’impianto del verde

b) materie plastiche; Prodotti a granulometria fine: a) argilla; b) limo; Le norme DIN 18915, B3 definiscono invece i principali lavori da realizzare per preparare il terreno all’impianto di un prato o all’inserimento di alberi e/o arbusti. Essi consistono nello sgombero dell’area di cantiere, il che comporta l’estirpazione delle piante arboree ed arbustive che si intende riutilizzare (estirpazione che deve essere effettuata nel periodo di riposo vegetativo, per collocare subito dopo le piante stesse in quella che sarà la posizione definitiva), l’eliminazione di eventuali strati di suolo non adatti, di materiali nocivi presenti o di resti di costruzione. Dopo questa fase si procede alla rimozione dello strato superficiale, la cosiddetta “terra di coltura” che deve essere accatastata in attesa di riutilizzarla dopo che tutti i movimenti di terra saranno ultimati. I cumuli di terreno non devono essere troppo grandi, per evitare di danneggiare la struttura e la fertilità. Si può anche utilizzare tale terreno miscelato con i resti della copertura vegetale per realizzare i terricciati che trovano impiego nella fase di trapianto. Prima di procedere all’impianto è bene anche provvedere alla scarificatura del suolo stesso. Una pratica molto importante è quella relativa alla difesa del suolo: fino all’impianto delle essenze arboree e arbustive o alla realizzazione dei tappeti erbosi previsti dal progetto è bene, infatti, eliminare le malerbe, intervenendo periodicamente, a intervalli mensili, mediante lavorazione meccanica. Se il periodo tra la lavorazione del suolo e l’impianto è superiore ai due mesi è bene intervenire con pacciamature per impedire l’eccessivo essiccamento e, nelle aree minacciate da erosione, con sostanze collanti in funzione stabilizzatrice. Quando si deve realizzare un prato o si debbono impiantare le diverse essenze è opportuno procedere alla somministrazione di concime; talvolta per migliorare la struttura del suolo, si interviene con la pre-coltivazione, spesso di essenze leguminose, cui segue il sovescio. Una operazione che deve essere sempre effettuata, soprattutto nei terreni pesanti, è quella di realizzare delle opere per assicurare un rapido drenaggio delle acque. I vantaggi di questi interventi consistono in: ∗ più regolare svolgimento dei processi biologici delle piante; ∗ eliminazione dell’umidità in eccesso nei terreni; ∗ miglioramento dello stato di aerazione del terreno; ∗ migliore distribuzione degli elementi nutritivi disponibili per le piante; ∗ aumento del volume di terreno a disposizione degli apparati radicali; ∗ maggiore espansione degli apparati radicali e quindi migliore stabilità delle piante e migliore sfruttamento delle risorse idriche; ∗ più prolungato “uso” degli spazi a verde”;
Pagina 129

L’impianto del verde

∗ maggiore predisposizione del terreno a scaldarsi in primavera.

Un’altra operazione da effettuare in fase di impianto è quella di predisporre un impianto di irrigazione. Le competenze in merito sono state acquisite in altri corsi; qui possiamo solo ricordare come l’adozione di un impianto di irrigazione, pur se fa aumentare i costi, consente di ampliare la scelta delle specie. In alcuni contesti, inoltre, caratterizzati da un prolungato periodo di siccità, l’irrigazione rappresenta la sola possibilità di mantenere in vita la vegetazione. Nella scelta del tipo d’impianto occorre tenere in conto: ∗ costo iniziale d’impianto; ∗ costo di manutenzione (consumo d’acqua, energia, ammortamento, impiego di manodopera) Le due voci di spesa sono spesso in antitesi: spendendo di più in fase d’impianto, soprattutto automatizzando le operazioni di somministrazione di acqua, è possibile infatti abbassare i costi di gestione. Un altro aspetto da considerare è quello connesso all’organizzazione delle operazioni di irrigazione e cioè stabilire il turno irriguo ed anche il momento della giornata nel quale irrigare (dato che questo può impedire o ostacolare, nel caso ad esempio di impianti a pioggia, la presenza degli utenti nello spazio a verde). 6.2. Messa a dimora delle componenti vegetali La messa a dimora delle componenti vegetali presenta aspetti peculiari in base a diversi fattori, quali: ∗ specie; ∗ “tipo” di pianta (erbacea, arbustiva, arborea); ∗ persistenza o meno delle foglie (sempreverdi e caducifolie); ∗ “preparazione” delle piante (a radice nuda, zollata, in contenitore). Le diverse specie, infatti, non tollerano allo stesso modo il trapianto; il “tipo” di pianta, sia per le dimensioni ma anche per caratteristiche peculiari, risponde in maniera diversa al trapianto; una differenza sostanziale, soprattutto per quanto riguarda il periodo in cui è possibile impiantarle, vi è tra piante sempreverdi e caducifolie. La specifica modalità di “preparazione” della pianta può consentire di aumentare i gradi di libertà per il progettista: una pianta in contenitore può essere, infatti, trapiantata praticamente per tutto il corso dell’anno. È importante ricordare che le piante debbono essere poste ad idonea distanza.
Categorie Soggetti di prima grandezza (acero platanoide e pseudoplatano, cedro, platano, ippocastano, tiglio, quercia, pino, ecc. Soggetti di seconda grandezza (acero campestre, betulla, magnolia, robinia, sofora, liquidambar, ecc.) Soggetti di terza grandezza o a portamento fastigiato (carpino, cipresso, pioppo cipressino, corniolo, ecc. Distanze (m) 10÷15 8÷10 4÷8

Pagina 130

L’impianto del verde

Le norme generali nell’impianto delle colture possono essere così schematizzate: ∗ le specie a foglia caduca devono essere impiantate durante il riposo vegetativo, con esclusione dei periodi di gelo; ∗ le specie a foglia persistente senza zolla vanno messe a dimora nel primo autunno o nella tarda primavera; ∗ le piante provviste di zolla possono essere impiantate durante tutto l’anno con l’esclusione della fase di ripresa vegetativa; ∗ le dimensioni delle buche devono essere adeguate a quelle del pane di terra ed alla natura del terreno: ◊ terreno di buona struttura: (h buca = pane di terra) (Ø buca = 2 volte pane di terra)

∗ ∗ ∗ ∗ ∗

∗ ∗

la sommità del pane di terra non deve mai trovarsi al di sotto del livello del terreno (in caso contrario vi è il pericolo del ristagno idrico e quindi di marciume); la superficie del pane di terra deve essere ben incorporata nel terreno circostante; la realizzazione di una conca per l’irrigazione può risultare utile; prima della messa a dimora occorre effettuare la “tolettatura” della pianta; l’orientamento della pianta è importante; nel posizionare la pianta occorre accertarsi che: ◊ il punto d’innesto (se esiste) non sia esposto verso le parti più assolate (pericoli di scottature; ◊ se la pianta presenta una chioma irregolare disporre la parte meno sviluppata verso la zona meglio illuminata; la legatura delle giovani piante con pali tutori è essenziale; in ogni caso è bene accertarsi che: ◊ il palo tutore non deve danneggiare la zolla o l’apparato radicale; ◊ se di legno deve essere impregnato con sostanze protettive (durata almeno 2 anni); ◊ nei terreni in pendio i pali devono essere in direzione opposta al pendio stesso; il trattamento con sostanze antitraspiranti è utile; in base al sito le piante debbono essere più o meno protette (es. alberature stradali, parcheggi, ecc.)

Pagina 131

L’impianto del verde

∗ nel caso di trapianto di grandi esemplari il successo dipende da molti fattori, tra cui:

caratteristiche dei luoghi e delle piante, periodo dell’anno in cui è effettuato; manutenzione post-trapianto; metodo di trapianto. Anche la messa a dimora delle piante, relativamente agli alberi ed agli arbusti, è oggetto delle norme fissate dal DIN 18916. Il primo aspetto analizzato è quello relativo all’approvvigionamento ed alla custodia delle piante. Se, ad esempio, conformemente al progetto, devono essere trapiantate piante provenienti dal cantiere o dalla campagna circostante, si deve innanzitutto verificare che siano immuni da malattie e parassiti. Le piante più giovani possono essere estratte senza pane di terra, avendo però cura di salvaguardare le radici, e subito dopo potate e trapiantate nella posizione definitiva. Le piante adulte devono essere estratte con il pane di terra, di dimensioni pari al triplo del diametro del tronco, misurato un metro sopra al suolo. La zolla deve essere subito assicurata con apposito tessuto metallico o con fibre artificiali. Le piante provenienti da vivai devono essere caricate ordinatamente sui mezzi di trasporto, disponendo vicine le piante della stessa specie e dimensione, ponendo in basso quelle più resistenti e in alto quelle più delicate, avendo cura di evitare il surriscaldamento. Per prevenire l’essiccamento da parte dei movimenti d’aria provocati dal veicolo in movimento, si devono utilizzare per il trasporto veicoli chiusi. Il trasporto è problematico quando la temperatura è superiore ai +25°C o scende al di sotto di -2°C. Al momento dello scarico occorre compensare, mediante bagnatura, le perdite di umidità verificatesi durante il trasporto. Nel caso in cui il surriscaldamento abbia provocato un precoce germogliamento delle piante, queste devono essere subito trapiantate in una stazione provvisoria ombrosa o nella stazione definitiva. Le piante in ogni caso vanno accatastate in cantiere per un tempo massimo di 48 ore, avendo cura di evitare sia l’essiccazione che il surriscaldamento. Ciascuna pianta deve essere collocata in una buca appositamente predisposta, con le radici nude o il pane completamente circondati da terra soffice. Nei trapianti invernali, le piante più sensibili al freddo devono essere provviste di una copertura con sostanze adatte, come paglia o ramaglie. Il controllo e la manutenzione devono essere continui; parassiti e malattie devono essere combattuti subito dopo la loro comparsa. L’epoca più adatta per la messa a dimora delle piante varia, come già ricordato, con la specie. Le piante a foglia caduca devono essere trapiantate nel periodo di riposo vegetativo. Le piante sempreverdi senza zolla devono essere trapiantate nel primo autunno o nella tarda primavera, mentre quelle con la zolla possono essere trapiantate nel corso dell’intero anno, ad eccezione dell’epoca di germogliamento. Le piante in contenitore possono essere trapiantate tutto l’anno. Le buche per l’impianto devono essere scavate con una larghezza e una profondità pari ad almeno 1,5 volte il diametro e l’altezza dell’apparato radicale o della zolla. Nello scavo delle buche, la terra di coltura deve essere separata dall’altra terra e inserita successivamente per la copertura della buca stessa. Nel caso in cui il terreno non sia sufficientemente permeabile, si devono adottare adeguate misure per impedire la formazione di ristagni, pregiudizievoli all’attecchimento della pianta stessa. Di regola le piante devono essere trapiantate esattamente alla profondità in cui si trovavano precedentemente. Nel caso di piante con zolla, la superficie di questa deve essere al livello dell’adiacente superficie del suolo; infatti, nel caso in cui fosse a livello inferiore, potrebbero subentrare fenomeni di marciume del colletto per ristagno d’acqua. Le radici delle piante, dopo aver asportato le parti danneggiate, devono essere inserite nella loro posizione naturale, non curvate o piegate. Le piante di maggiori dimensioni devono anche essere orientate con la medesima esposizione al sole che avevano nella stazione di provenienza. In generale per le piante senza zolle si deve eseguire una potatura delle parti

Pagina 132

L’impianto del verde

aeree, conforme alla specie ed alle dimensioni e tenuto conto inoltre delle condizioni locali e stagionali. Le piante con zolla, invece, di regola non vengono potate, ad eccezione ovviamente dell’eliminazione delle porzioni danneggiate. Dopo il trapianto è bene provvedere all’irrigazione delle piante. Gli esemplari di maggiori dimensioni devono essere inoltre stabilmente ancorati. A tal fine si devono usare, secondo le specie e le dimensioni, pali verticali od obliqui, fili di ancoraggio, ecc. Di regola i tronchi ed i rami principali, subito dopo l’impianto, devono essere provvisti di fasciature o spalmati con sostanze antitraspiranti che inibiscano l’evapotraspirazione; i materiali utilizzati, però, devono avere una durata massima di due periodi vegetativi. Le sostanze chimiche utilizzate non devono ovviamente contenere sostanze solubili dannose alle piante. In ambiente rurale e/o naturale, le piante giovani che potrebbero essere minacciate dalla selvaggina o dal bestiame al pascolo devono essere protette mediante verniciatura con sostanze repellenti. 6.3. Esecuzione di opere strutturali ed accessorie Un giardino è anche costituito da parti architettoniche costruite. Pur se esula dalle nostre competenze più specifiche, in rapporto all’interesse dell’argomento, si riportano di seguito alcuni aspetti di carattere generale relativi alle principali opere e/o strutture presenti nei giardini.
Attrezzature da prevedere in rapporto alla tipologia di spazio a verde.

La rete viaria rappresenta l’elemento fondamentale che consente sia a pedoni che ad eventuali veicoli di percorrere il giardino stesso senza esercitare pressione alcuna sulla vegetazione ed in particolare sui prati. È questo un elemento fondamentale sin dai primi giardini rinascimentali dove i viali erano realizzati lungo assi simmetrici o ortogonali; spesso tali superfici erano ricoperte da sabbia. Nel giardino paesaggistico inglese, come è noto, le linee geometriche diritte sono state sostituite con sentieri curvilinei, realizzati spesso in battuto di terra. Oggi le soluzioni adattate sono diverse, spesso intermedie rispetto agli esempi prima citati, legate soprattutto alla necessità di collegare funzionalmente le diverse parti in cui è strutturato un giardino.
Pagina 133

L’impianto del verde

La pavimentazione può essere realizzata con un battuto di terra, ghiaietto (sciolto, non legato con un conglomerato cementizio), acciottolato (con cemento), massicciata (a “macadam”), in bitume, in pietra. Quest’ultimo materiale può essere a sua volta suddiviso in naturale (porfido, lastre di beola scura o bianca, ecc.) o artificiale (manufatti prefabbricati in cemento). Gli altri aspetti architettonici, spesso lapidei (scalinate, statue, sculture, grottaglie), elementi costituenti “forti” del giardino formale all’italiana, sono praticamente scomparsi nelle realizzazioni più recenti. Talvolta si possono inserire delle sculture o delle ceramiche dai vivaci colori per impreziosire il giardino. Si tratta però di elementi da inserire con parsimonia, anche perché quelli caratterizzati da gradevole effetto estetico sono anche di elevato costo. Più articolate sono le opere accessorie o attrezzature del verde che sono elementi insostituibili sia per l’arredo che soprattutto per favorire la fruizione del verde stesso. La loro presenza dipende anche dalla tipologia di verde e quindi dalle dimensioni di questa, dal grado di naturalità e dalle funzioni assegnate e/o richieste all’area a verde. Tali attrezzature debbono supportare alcune attività (escursionistiche, di riposo e distensione, di gioco e sport) che si svolgono nei parchi e nei giardini. Di seguito vengono riportati alcuni elementi sintetici per le principali attrezzature del verde. Le fontanelle d’acqua sono un elemento inscindibile dalle sistemazioni a verde, dove gli utenti svolgono attività fisiche o, semplicemente, vi si recano nel corso della stagione più calda. I caratteri fondamentali che si debbono assicurare sono: funzionalità, valore estetico (molto importante è l’originalità); idonea distribuzione e drenaggio dell’acqua per evitare problemi di smaltimento dell’acqua in eccesso. La segnaletica: può essere o direzionale o informativa. Al di là del tipo è bene abbondare in segnaletica per aiutare l’utente ad orientarsi o a cogliere alcuni messaggi “culturali” dell’area; la presenza dei cartelli deve però armonizzare esteticamente con la sistemazione a verde. La segnaletica informativa può essere costituita da: ∗ cartellinatura delle specie botaniche più significative; ∗ pannelli esplicativi di esemplari o associazioni vegetali di particolare interesse; ∗ pannelli esplicativi di specie animali che si possono osservare in quel luogo, possibilmente con relazioni al tipo di flora; ∗ descrizioni di ambienti particolari naturali o “costruiti” (es. giardino alpino, cinese, giapponese, ecc.). Panchine: possono essere costruite con materiali diversi quali cemento, fusioni di ghisa, materiali plastici, legno impregnato a pressione. Al di là del materiale impiegato, le panchine debbono rispondere a determinate prerogative, quali: ∗ elevata resistenza all’usura; ∗ aspetto gradevole e di facile inserimento nell’ambiente; ∗ costo contenuto; ∗ comodità; ∗ scoraggiamento dei tentativi di danneggiamento e di furto. È anche importante “calibrare” il numero ed il “tipo” di panchina all’utenza. Così in particolari contesti (es. giardino per una casa di riposo), dove non sono da temere atti vandalici, si possono utilizzare panchine o “sedie” non fisse, realizzate in materiali leggeri, per dare all’utente la possibilità di spostarle agevolmente in posizioni più gradite (al sole, all’ombra). È bene anche dislocare in maniera opportuna le panchine per dar modo all’intera utenza di servirsene. Tavoli: vanno inseriti soprattutto in quelle aree a verde in cui è prevista la possibilità di fare picnic. Possono essere realizzati come le panchine in materiali diversi, avendo cura di inserirli bene nella composizione vegetale e di renderli il più possibile funzionali.

Pagina 134

L’impianto del verde

Contenitori di rifiuti: è un elemento che non può mancare nelle sistemazioni a verde. Occorre che siano funzionali, esteticamente gradevoli (devono essere facilmente individuate dall’utente) e ben dimensionati rispetto alla quantità dei rifiuti che deve essere smaltita. Occorre quindi considerare la frequenza e la dislocazione più opportuna per venire incontro all’utenza. Un altro aspetto da considerare è la capacità: adottando contenitori di grosse dimensioni (300-500 litri) si possono diradare le operazioni di svuotamento ma si aumenta l’ingombro dei contenitori stessi. È bene anche cercare di meccanizzare le operazioni di raccolta per ridurre i costi di manutenzione. Illuminazione: assume un ruolo diverso in base se lo spazio a verde è pubblico o privato. Nel primo caso diventano preponderanti gli aspetti funzionali e di sicurezza degli impianti che consentono di dilatare il periodo di “uso” dello spazio a verde. Nei giardini privati è possibile e talvolta richiesto espressamente dalla committenza realizzare, con particolari lampade, effetti notturni molto suggestivi, per cui l’illuminazione diventa elemento di arredo di precipuo carattere estetico. Attrezzi per il movimento ed il gioco: si tratta di elementi di arredo (quali altalene, scivoli, piccole giostre, ecc.) per i quali occorre curare solo la collocazione e la sicurezza, dato che quasi sempre vengono forniti già pronti da ditte specializzate. I requisiti che debbono presentare sono la durata, la qualità e la resistenza dei materiali, la semplicità della forma, la compatibilità con il “verde” e le altre attrezzature. Le attrezzature ludiche debbono essere ovviamente calibrate alle diverse età degli utenti. Le attrezzature più diffuse sono: ∗ altalene: cui occorre assicurare con una idonea progettazione del verde l’isolamento per avere una adeguata sicurezza; ∗ arrampicate, incastellature: sono spesso realizzati in legno, per motivi estetici e/o funzionali; occorre predisporre che la superficie sottostante sia soffice per evitare incidenti ∗ scivoli: anche in questo caso occorre far sì che la superficie sottostante sia soffice (sabbia, prato) per evitare incidenti. Nonostante le ditte specializzate si impegnino notevolmente per offrire sul mercato prodotti “pronti”, non possiamo dimenticare di sottolineare che molto spesso assumono un grande significato per i bambini elementi semplici e “poveri” (es. tronchi d’albero, pareti bianche per dipingere, un piano di appoggio). I principali requisiti che debbono presentare le attrezzature ludiche sono infatti: ∗ originalità e capacità di stimolare la fantasia; ∗ idoneità del materiale di costruzione (sia esso metallo, cemento, plastica e legno). In ogni caso, soprattutto in uno spazio pubblico, l’elemento più importante da assicurare è la sicurezza dei piccoli utenti. Fra i materiali impiegati per la realizzazione delle attrezzature ludiche posto di rilievo assume in legno in quanto: ∗ armonizza bene con il paesaggio; ∗ offre una sensazione di comfort; ∗ non presenta variazioni termiche molto accentuate essendo un cattivo conduttore di calore; ∗ è gradevole al tatto. Molto spesso le attrezzature ludiche per i bambini vengono collocate vicine per realizzare nello spazio a verde un vero e proprio parco-gioco. Questa area viene spesso recintata per proteggerla da eventuali azioni vandaliche e soprattutto per garantire la sicurezza dei bambini. La recinzione ovviamente deve presentare idonee caratteristiche estetiche, essere funzionale, sicura, ma non “opprimente”. Nei parchi-gioco inoltre particolare cura deve essere posta nella realizzazione di pavimentazioni o di aree di sosta. Tali spazi possono essere realizzati in materiali diversi, in
Pagina 135

L’impianto del verde

modo da rispondere con garanzie di sicurezza alle diverse funzioni che l’area svolge. Molto utilizzati sono: ∗ terreno naturale; ∗ superfici asfaltate; ∗ terra battuta; ∗ rivestimento in cemento; ∗ ghiaietto (poco consigliato, in quanto sdrucciolevole); ∗ lastre di pietra (idonee solo se vi si svolgono attività non motorie). Un elemento spesso utilizzato nei parchi-gioco è la sabbia che può essere posta in vicinanza con l’acqua. Naturalmente la manutenzione ed in particolare la pulizia di queste aree devono essere accurate. L’acqua può essere erogata da fontanelle o essere posta in piccole vasche. Gli aspetti da considerare sono da una parte la facilità di accesso e dall’altra, ovviamente, la sicurezza, per cui è bene che i bacini d’acqua, all’interno di un parco giochi, non superino i 15-20 cm di altezza. 6.4. Un caso particolare di impianto del verde: i giardini pensili La scelta di analizzare con maggiore dettaglio il verde pensile nasce, oltre che dalla specificità degli aspetti tecnici coinvolti, dal riconoscimento delle importanti funzioni ambientali che questo verde assolve. Questo ha indotto numerose amministrazioni, spesso estere, ad incentivarne la diffusione. In Francia, ad esempio, è contemplata la presenza di tetti verdi negli edifici abitativi che beneficiano di sovvenzioni. Anche negli USA esistono facilitazioni, sia in termini di concessioni edilizie che fiscali, per la progettazione di edifici che comprendano aree a verde anche di tipo pensile. Circa una trentina d’anni fa, soprattutto nei paesi di lingua tedesca, quali Germania, Austria e Svizzera, l’impiego e la diffusione del verde pensile ha subito una svolta radicale. L’elemento che ha determinato tale svolta è identificabile nel riconoscimento, soprattutto da parte delle amministrazioni pubbliche che il verde pensile è un utile ed indispensabile “strumento”, in sinergia con altri interventi, per mitigare gli effetti negativi dei processi di edificazione in ambito urbano. In Germania, che rappresenta lo stato più evoluto e con la maggiore esperienza in questo campo, le coperture continue a verde sono incentivate secondo la seguente procedura: ∗ riconoscimento come strumento di mitigazione e compensazione ambientale in base alla legge federale per la protezione della natura; ∗ prescrizione nei piani regolatori; ∗ incentivazioni dirette mediante contributi; ∗ incentivazioni indirette mediante riduzione della tassa sullo smaltimento delle acque bianche e dell’imposta sull’impermeabilizzazione delle superfici. L’introduzione di incentivi diretti, meno utilizzata perché troppo onerosa per le amministrazioni, è stata frequentemente sostituita o supportata da incentivi indiretti. L’applicazione di questi strumenti ha fatto sì che il verde pensile rappresenti oggi un intervento dai costi ammortizzabili e, in funzione della riduzione dell’importo delle tasse e del minore consumo energetico, un risparmio. La città di Bonn, ad esempio, concede ai propri cittadini uno sconto di 0,78 euro sulla tassa di sigillatura delle superfici (smaltimento delle acque bianche meteoriche), per anno e per metro quadrato di copertura a verde pensile realizzata. Su una durata dell’inverdimento di 40 anni si calcola un risparmio di circa 31 euro/m2. Il costo di un inverdimento “estensivo” calcolato sui 40 anni è di circa 44 euro e i vantaggi indiretti derivanti dalla presenza del verde pensile – maggior vita degli strati di impermeabilizzazione e risparmio energetico – rappresentano un risparmio di circa 41 euro/ m2. Il proprietario che realizza il verde pensile consegue su 40 anni un risparmio di circa 28 euro/m2 che, calcolato su una superficie di 1.000 m2, equivale ad un importo notevole. Una fotografia sintetica della situazione tedesca mostra come l’inverdimento pensile sia passato

Pagina 136

L’impianto del verde

dallo 0,6% nel 1983 al 12% delle coperture nuove o risanate nel 1997, al 14% nel 2001. All’interno di questo dato si stima che il verde pensile intensivo rappresenti circa il 15% del mercato contro l’85% del verde pensile estensivo secondo le stime della Federazione europea delle associazioni per il verde pensile. I pochi esempi italiani di interventi a favore del verde pensile si riferiscono ad Amministrazioni del Nord Italia. Così le Regioni Autonome del Trentino e della Val d’Aosta rivalutano, grazie alla bioedilizia (costruzioni ecologiche attentamente e armonicamente inserite nel paesaggio), i tetti verdi. I casi più conosciuti sono quelli dei Comuni di Torino e Bolzano. Il Comune di Bolzano, in particolare, si sta muovendo su due orientamenti normativi: ∗ inserire nell’attuale meccanismo delle concessioni edilizie l’obbligo di rinverdire; ∗ fare sì che ciò sia conveniente per i cittadini. Per quanto riguarda la prima linea di orientamento si è cercato di fissare un parametro oggettivo che quantifichi il verde urbano non solo rispetto alle dimensioni ma anche alla qualità. Tale parametro è stato chiamato “indice del verde” ed è inserito nel regolamento edilizio del Comune di Bolzano come riferimento obbligatorio per ottenere la concessione edilizia per qualsiasi intervento che modifichi lo stato del verde (pubblico e privato) esistente, cioè l’indice medesimo. Un progetto può quindi essere approvato solo se comporta un aumento dell’indice del verde di una determinata porzione di città. Sono stati attribuiti dei coefficienti alle diverse tipologie di aree verdi esistenti al fine di “pesarle” in modo diverso nella determinazione dello stesso indice. L’istituzione di tale indice, quale parametro indicativo dell’impermeabilizzazione e del rinverdimento delle aree urbane, è un obiettivo che l’amministrazione di Bolzano aveva deciso di raggiungere entro il 2003, con l’approvazione del nuovo regolamento edilizio. Con riferimento al secondo orientamento si sta cercando di introdurre incentivi indiretti per chi crea verde pensile, legati soprattutto alla tassa sullo smaltimento delle acque (fonte, Comune di Bolzano, Studio sull’inserimento di opere di compensazione e mitigazione ambientale nelle prescrizioni urbanistiche del comune). A Sestriere, celebre località sciistica in Val di Susa, l’inserimento nel capitolato d’appalto dei tetti verdi per le abitazioni accelera l’iter burocratico per ottenere la concessione edilizia. Nonostante si tratti di iniziative tutte meritorie sono ancora poca cosa rispetto all’attenzione che al problema viene dedicata negli altri Paesi europei, di cui si è già detto. Nelle realizzazioni di verde pensile di concezione più avanzata si possono individuare diversi strati in grado di assolvere alle funzioni necessarie per garantire le condizioni colturali ottimali. Questi strati si differenziano anche per le caratteristiche fisico-chimiche dei materiali che li compongono. La successione degli strati necessari per la realizzazione di un giardino pensile può essere la stessa indipendentemente dal fatto che intervenga sulla ristrutturazione di terrazze esistenti, cambiandone la destinazione, o che si operi su nuove strutture. Nel primo caso occorre ovviamente accertarsi che il solaio sia idoneo a sopportare il sovraccarico dei materiali impiegati. Il giardino pensile impone scelte progettuali e interventi specifici tali da ricreare condizioni idonee per lo sviluppo delle piante da una parte e per non operare “danni” alle strutture sulle quali si inserisce la realizzazione dall’altra. Sotto quest’ultimo profilo assumono particolare importanza aspetti quali l’impermeabilizzazione, il drenaggio, la resistenza meccanica della struttura stessa (alla penetrazione delle radici, ai carichi concentrati, alle sollecitazioni accidentali e continue) e infine la resistenza all’aggressione chimica dei concimi e degli essudati stessi emessi dalle piante. La struttura complessiva di un “tetto verde” può essere divisa in due parti: la struttura di “copertura” e quella di “vegetazione”. La prima deve assolvere alle funzioni costruttivoprotettive del tetto, mentre la seconda deve assicurare i materiali necessari al mantenimento della vegetazione. Schematicamente dal punto di vista delle funzioni svolte
Pagina 137

L’impianto del verde

nei rinverdimenti si possono individuare, dall’esterno verso l’interno, i seguenti strati: ∗ strato di coltura; ∗ strato filtrante; ∗ strato drenante; ∗ strato di protezione; ∗ strato antiradice; ∗ strato divisorio;

Pagina 138

L’impianto del verde

∗ strato isolante; ∗ schermo al vapore; ∗ soletta portante.

Strato di coltura Deve mantenere le condizioni fisico-chimiche e biologiche necessarie per lo sviluppo della vegetazione. Per questi motivi i substrati che normalmente lo compongono devono possedere: ∗ condizioni chimiche ottimali per la coltivazione delle piante; ∗ un rapporto ottimale tra micro e macroporosità al fine di ottenere una buona ritenzione idrica, senza pericoli di asfissia per le radici, e di permettere la normale attività della microflora; ∗ una buona capacità di scambio cationico; ∗ assenza di semi o di altri organi di propagazione di piante infestanti; ∗ buona resistenza al calpestio; ∗ assenza di microrganismi nocivi e di sostanze fitotossiche. Nei primi esempi di sistemazioni a verde sui tetti, il terreno ha rappresentato il substrato più importante per la copertura. Il problema maggiore nel suo impiego è, come noto, l’alto peso specifico, nell’ordine di 1600-1800 kg m-3, il che comporta la necessità di strutture portanti in grado di sopportare elevati carichi. In epoche più recenti, anche sulla base delle esperienze maturate nel settore vivaistico e dell’impianto dei tappeti erbosi, i substrati utilizzati sono rappresentati da terreno ammendato con altri materiali naturali e di sintesi. Fra quelli minerali sono utilizzati, grazie al loro basso peso specifico, l’argilla espansa e la pomice. Fra i substrati di origine organica, impiegati per accrescere la capacità di scambio cationico, possiamo ricordare soprattutto le torbe. Di recente sono stati utilizzati soprattutto substrati di origine artificiale, forniti sotto forma di lastre o di materassini. Fra questi possiamo ricordare Particolari costruttivi di un giardino pensile estensivo soprattutto la lana di roccia e i polimeri plastici espansi. La prima si presta soprattutto a formare lo strato inferiore del substrato di coltura nei rinverdimenti intensivi in quanto, a causa della bassa ritenzione idrica che la caratterizza, necessita di regolari interventi irrigui. La lana di roccia è comunque un materiale che tende a degradare nel tempo e a perdere soprattutto l’elasticità. Le lastre di materiali espansi integrati con sostanza organica ed elementi nutritivi, si prestano ad essere impiegate, in doppio strato, su rinverdimenti estensivi anche su tetti inclinati.

Pagina 139

L’impianto del verde

Strato filtrante Serve a dividere il terreno di coltura dal sottostante drenaggio. La sua funzione è di ostacolare la discesa dei materiali a granulometria fine e dei colloidi che potrebbero intasare lo strato sottostante e limitarne la funzionalità. È generalmente costituito da geotessili o feltri formati da fibre di materie plastiche quali poliammide, poliestere, polietilene, polipropilene, ecc. Tutti i materiali impiegati devono garantire l’assenza di sostanze fitotossiche, la resistenza agli agenti chimici presenti nel substrato, la stabilità fisico-chimica, l’efficacia dell’azione di filtraggio, la permeabilità, la conservazione nel tempo delle caratteristiche iniziali. I materiali maggiormente usati feltri e teli di geotessile presentano uno spessore di 0,7-4,0 mm ed un peso specifico nell’ordine di 150400 g m-2. Strato drenante Questo strato può svolgere sia la funzione di drenaggio delle acque in eccesso che quella di riserva idrica al pari di una vera e propria “falda artificiale”. I materiali impiegati possono essere sia elementi sciolti leggeri ed espansi di tipo idrofilo che elementi precostituiti non idrofili. Lo spessore dello strato è sempre in funzione del Dettagli tecnici delle coperture intensive complesse in rapporto al carico sistema di rinverdimento e ed alle pendenze. dell’organizzazione degli strati. In alcuni sistemi si può ovviare alla mancanza di uno strato filtrante, comprendendo nello strato di drenaggio uno spessore di sabbia a granulometria differenziata. Nei rinverdimenti estensivi i materiali di drenaggio hanno anche una funzione di accumulo di acqua e pertanto devono essere caratterizzati da una buona capacità di ritenuta idrica.

Pagina 140

L’impianto del verde

Fra i materiali maggiormente utilizzati possiamo ricordare la ghiaia, il basalto lavico, la pomice, l’argilla espansa, l’ardesia espansa, la perlite, i mattoni frantumati, ecc. Possono essere anche utilizzati speciali elementi precostituiti, rappresentati da stuoie, piastre e moduli drenanti formati da materiali plastici. Frequentemente questi elementi assolvono anche la funzione di strato filtrante. Tali stuoie hanno spessori variabili tra 10 e 35 mm e peso variabile tra 2,1 e 7,5 kg m-2. La capacità idrica è compresa tra 1,2 e 7,0 l m-2. Le piastre drenanti sono formate da materiali espansi quali il polistirolo e sono caratterizzate da un basso peso specifico (1,8-2,8 kg m-2). In commercio esistono anche degli elementi drenanti, caratterizzati da una rete di scanalatura e realizzati in PVC, in polietilene ed in polistirolo espanso. Strato protettivo Ha funzioni protettive nei confronti della struttura dell’edificio e degli strati isolanti. Esso deve essere in grado di sopportare gli sforzi di natura fisico-chimica prodotti dalle piante e dai diversi strati sovrastanti il rinverdimento. Esso di solito viene realizzato con gettate di calcestruzzo alleggerito dello spessore di circa 5 cm. Frequente è anche l’impiego di cartonfeltro e di geotessili. Strato antiradice Svolge le funzioni di difesa del tetto da parte dell’aggressione delle radici delle piante. In alcuni casi tale funzione è svolta dallo strato utilizzato per l’impermeabilizzazione, in altri viene realizzato uno strato a sé stante. I materiali impiegati devono possedere, oltre alla resistenza fisico-chimica all’attraversamento delle radici, anche caratteristiche di resistenza ai raggi U.V., alla trazione, alla dilatazione ed alla pressione idraulica. Queste caratteristiche dipendono sia dai materiali impiegati che dallo spessore dello strato e dalle tecniche adottate nella posa in opera. I prodotti impiegati sono le membrane bitumose armate o i polimeri plastici, in prevalenza P.V.C. Strato divisorio Serve a separare, quando necessario, lo strato antiradice o quello isolante dalla copertura. Viene impiegato quando questi due strati sono realizzati con materiali incompatibili dal punto di vista chimico e il cui contatto potrebbe originare fenomeni di degrado. Strati isolanti L’isolamento termico e l’impermeabilizzazione rappresentano un binomio inscindibile: pertanto i materiali adottati per le due funzioni non devono presentare alcun problema per quanto riguarda la compatibilità chimica. L’impermeabilizzazione serve a conferire alla copertura l’impermeabilità all’acqua meteorica resistendo contemporaneamente a sollecitazioni fisiche, meccaniche e chimiche determinate dall’ambiente esterno. Tale strato deve inoltre resistere alle deformazioni del supporto causate dalle escursioni termiche. L’impermeabilizzazione riguarda anche gli elementi di costruzione che sono solidali con il supporto ed in particolare con i rilievi per il contenimento del substrato di coltura. La membrana deve così obbligatoriamente superare di alcuni centimetri il livello del substrato. Nel caso frequente di coperture solo parzialmente rinverdite, l’impermeabilizzazione deve estendersi per almeno un metro verso le parti della copertura non interessate dalla vegetazione. I sistemi di impermeabilizzazione possono essere semplici oppure garantire anche la protezione nei confronti delle radici. Nel primo caso vengono impiegate soprattutto miscele di bitume o teli bitumati posti in un solo strato. Quando tale strato svolge anche la funzione antiradice sono previsti sistemi a doppio strato di membrane bitumose rinforzate oppure membrane plastiche a base soprattutto di P.V.C. poste ad un solo strato e saldate con sistemi termici. La scelta del materiale e della tecnica di posa dipende sia dal tipo di
Pagina 141

L’impianto del verde

rinverdimento che si adotta che dalla tipologia costruttiva dell’edificio. Per quanto riguarda l’isolamento termico la membrana deve essere compatibile con i materiali degli strati contigui e con il metodo previsto per l’impermeabilizzazione. L’isolante deve essere anche resistente alla compressione e deve essere scelto in funzione del carico che dovrà subire. Nel caso dei tetti verdi vengono di solito adottati materiali poco comprimibili. Molto diffuse sono le materie plastiche quali il polistirolo, sotto forma di espanso (peso specifico di 20-30 kg m-3) e il poliuretano espanso (30 kg m-3). Diffusi sono anche il sughero, che ha però un maggior peso specifico (80-200 kg m-3), ed i pannelli di vetro espanso. Schermo o barriera al vapore Impedisce o limita il passaggio del vapore acqueo, che condensandosi potrebbe causare danni rilevanti all’isolamento termico, e consente di controllare il fenomeno di condensa all’interno della copertura. Strato portante Rappresenta la base su cui poggia l’insieme degli elementi strutturali che abbiamo in precedenza descritto e che costituiscono il cosiddetto “tetto verde”. Tale elemento portante deve quindi essere in grado di sopportare i carichi permanenti e gli eventuali sovraccarichi. Naturalmente i carichi sono da calcolare saturi d’acqua e si devono considerare anche i carichi periodici, saltuari e straordinari. Al fine di regolarizzare la superficie a contatto con gli strati superiori e per adeguare le pendenze con quanto richiesto dal sistema di rinverdimento e dal relativo drenaggio può essere opportuno realizzare uno strato di livello o di pendenza. Tale pendenza deve avere un valore minimo in direzione dei collettori del sistema di drenaggio nell’ordine dell’1,5%; pendenze maggiori assicurano un più rapido allontanamento delle acque meteoriche. Fra gli impianti che più frequentemente vengono utilizzati nella realizzazione dei tetti pensili possiamo ricordare gli impianti di drenaggio e quelli di irrigazione. In alcuni casi inoltre si ritiene opportuno dotare queste realizzazioni di strutture antincendio e di difesa dal vento. Di seguito sono riportati alcuni aspetti generali relativi ad alcuni degli impianti e delle strutture presenti nei giardini pensili. Impianti di drenaggio Lo smaltimento dell’acqua in eccesso del substrato di coltivazione è condizione essenziale per il funzionamento ed il mantenimento nel tempo dei rinverdimenti. A seconda del posizionamento dei collettori finali per l’allontanamento dell’acqua e delle loro specifiche funzioni possiamo distinguere impianti: ∗ a drenaggio interno, quando i collettori servono ad allontanare le eventuali precipitazioni che provengono dalle strutture contermini; ∗ a drenaggio esterno, quando i collettori raccolgono sia l’acqua proveniente dalla sistemazione a verde che dalle strutture contermini;

Pagina 142

L’impianto del verde

∗ a drenaggio separato, quando lo smaltimento dell’acqua avviene separatamente per il

rinverdimento e per le strutture contermini. Per ottenere un buon drenaggio è comunque necessario assicurarsi della giusta pendenza dei tubi stessi. Inoltre è opportuno che gli scarichi siano facilmente raggiungibili e ispezionabili per evitare inconvenienti durante la fase di manutenzione. Impianti di irrigazione Sono utilizzati soprattutto per le tipologie di verde pensile di tipo intensivo per le quali, anche per mantenere un idoneo effetto ornamentale della vegetazione, occorre compensare le perdite di acqua per evapotraspirazione. Per maggiore facilità di uso si preferisce utilizzare impianti di tipo fisso che consentano, inoltre, l’automazione. Impianti di tipo semifisso e mobile possono essere realizzati ma solo nel caso in cui l’irrigazione abbia carattere sporadico. I metodi di irrigazione adottati possono essere sia per aspersione che a microportata localizzata, i cosiddetti metodi a “goccia”. Specifici degli impianti di verde pensile sono i cosiddetti metodi di subirrigazione o di irrigazione sotterranea che si basano sul principio di somministrare l’acqua al di sotto della superficie del terreno. In questo caso l’aspersione viene assicurata da un tubo di materiale plastico espanso interrato che permette, grazie ad una bassa pressione (nell’ordine di 1,52,0 atm), la trasudazione dell’acqua attraverso i micropori che caratterizzano la sua struttura. La risalita dell’acqua dal terreno fino alle radici avviene per capillarità. Le maggiori perplessità nei confronti di questi metodi di irrigazione attengono alla “durata” dell’impianto stesso, dato che i tubi si possono occludere a causa della salinità dell’acqua, determinata anche dalla fertirrigazione. Un altro sistema di più recente introduzione che si è rapidamente diffuso in molti tipi di rinverdimento intensivo è il cosiddetto sistema di irrigazione-drenaggio. Esso si basa sul principio di prevedere una settorializzazione della sistemazione a verde in grandi vasche di superficie pari a circa 200 m2, con il fondo impermeabilizzato. Le vasche, sulle quali vengono disposti i diversi strati che costituiscono la struttura del rinverdimento, servono ad accumulare l’acqua secondo un livello prestabilito da cui risale al substrato di coltura per capillarità. Un sistema integrato di canalizzazione e di drenaggio permette l’erogazione dell’acqua durante la stagione asciutta ed il suo smaltimento a seguito delle precipitazioni meteoriche. Strutture per la difesa dal vento Per quanto riguarda le strutture che vengono realizzate nelle sistemazioni a verde pensile, tralasciate quelle relative ai sistemi antincendio che interessano soprattutto i rinverdimenti estensivi non calpestabili, molto interessanti ed utili sono quelle messe in atto per la difesa dal vento. Oltre all’adozione dei comuni sistemi frangivento è buona norma l’ancoraggio degli alberi e degli arbusti tramite tutori o tiranti. L’azione del vento si può anche esercitare a carico delle particelle più leggere del substrato che possono essere asportate e, caso più grave, possono andare ad ostruire alcuni condotti di drenaggio ed altri impianti tecnici. Per
Pagina 143

L’impianto del verde

tale motivo occorre scegliere substrati o materiali pacciamanti di più elevato peso specifico. Scelta della specie Qualche breve richiamo merita l’aspetto relativo all’individuazione della specie da impiegare ed alle specifiche tecniche da adottare per l’impianto delle diverse essenza. Quando si collocano delle piante sui tetti e sulle terrazze si deve infatti ricordare che queste si troveranno in condizioni microclimatiche estreme, caratterizzate da forti escursioni termiche fra il giorno e la notte e da condizioni igrometriche sicuramente più sfavorevoli di quelle che si verificano in piena terra. Altri aspetti da tenere in considerazione sono quelli relativi al fatto che le piante si trovano in un volume di substrato limitato il che esaspera, ad esempio, i problemi relativi alla salinità del substrato stesso. Le piante collocate sui tetti e sulle terrazze, inoltre, subiscono in maggior misura, come già in precedenza evidenziato, le sollecitazioni meccaniche determinate, ad esempio, dal vento. D’altra parte nella realizzazione di un giardino pensile si richiede alla pianta stessa prestazioni specifiche, quali ad esempio quella legata allo sviluppo dell’apparato radicale che non deve in alcun caso determinare problemi a carico della struttura. La scelta di idonee specie potrebbe consentire di ottenere un buon effetto estetico e soprattutto un minore onere di manutenzione. Tutti i gruppi di piante possono essere utilizzati nelle sistemazioni a verde pensile dai muschi, adottati in alcune tipologie di verde estensivo proponibili soprattutto per gli ambienti più umidi e freddi, ai piccoli alberi. Del resto nei famosi e già citati giardini pensili di Babilonia trovavano posto, fra le essenze vegetali, alberi e palme ad alto fusto. Le specie erbacee sia annuali che poliennali rivestono notevole interesse nelle sistemazioni di verde pensile. Le graminacee, soprattutto le emicriptofite e le geofite, possono assolvere a funzioni precipue all’interno di alcuni tipi di verde pensile, grazie al loro apparato radicale superficiale, alla loro buona capacità di propagarsi e, non ultimo, alla resistenza nei confronti di alcuni degli stress (termici, idrici, salini) che si verificano spesso in queste tipologie di verde. Il ruolo importante che rivestono le piante erbacee in genere dipende, oltre che dalla variabilità di forme e di colore assicurate il che si riflette positivamente sull’effetto estetico, anche dalle dimensioni piuttosto contenute dell’apparato aereo e soprattutto radicale. Anche le bulbose possono rivestire un importante ruolo nella realizzazione del verde pensile. In questo caso gioca a favore della loro utilizzazione il fatto che si tratta di piante dotate di apparato radicale superficiale. Le succulente sono un gruppo di piante che, per la loro specifica resistenza a stress termici ed idrici, si prestano in misura elevata ad essere utilizzate nei giardini pensili. Le succulente più adatte al rinverdimento di tetti e di altre superfici pensili, nelle quali la manutenzione è sporadica o addirittura assente, sono quelle appartenenti ai generi Sedum, Sempervivum e Jovibarba. A questo proposito possiamo ricordare come in un lavoro Chiusoli et al. (1996), con riferimento alle condizioni dell’Emilia, saggiando oltre 40 specie abbiano ottenuto ottimi risultati con alcune specie di Sedum (S.

Pagina 144

L’impianto del verde

ibridum, S. stoloniferum, S. douglasii, S. album, S. kamschaticum) utilizzate in un impianto a verde pensile per il quale, ad eccezione del primo anno dall’impianto, non veniva effettuato alcun intervento irriguo. La scelta diventa ben più ampia con riferimento ai giardini pensili dotati di specifica valenza estetica ed alle condizioni più meridionali d’Italia. In questi casi, infatti, si può fare riferimento alle moltissime specie di Cactaceae, Aizoaceae, Euphorbiaceae, Crassulaceae, Agavaceae caratterizzate da specifiche esigenze termiche che da sempre adornano i nostri giardini. Gli arbusti per alcuni specifici tratti morfo-funzionali possono rivestire un ruolo molto importante nelle sistemazioni a verde. Tali piante, infatti, per via della loro plasticità e della varietà di forme e portamento si prestano a molteplici tipologie di uso. A parte il valore ornamentale, le piante arbustive presentano, infatti, rusticità e comunque notevoli capacità di adattamento alle condizioni ambientali estreme che spesso caratterizzano il verde pensile. Anche le piante rampicanti e ricadenti possono trovare impiego nel giardino pensile dove il loro impiego è spesso legato all’azione di ombreggiamento e quindi alla formazione di pergole o al rivestimento di piccoli gazebi. L’uso delle palme è sostenuto dalle dimensioni piuttosto contenute di alcune specie (es. Chamaerops humilis, Phoenix roebelinii, Rhapis excelsa) e dai lenti ritmi di accrescimento di molte specie (es. Phoenix canariensis, Sabal spp., Trachicarpus fortunei) che consentono l’impiego in contenitori nel corso della fase giovanile. Le contenute esigenze per quanto riguarda l’alimentazione idrica e minerale, la resistenza alla salinità espressa da alcune specie sono tutte motivazioni che supportano l’inserimento di tali piante nel verde pensile. L’utilizzazione di alberi potrebbe apparire di primo a c c h i t o paradossale all’interno del verde pensile ma invece l’importanza che soprattutto i cosiddetti alberelli (statura inferiore agli 8 m) possono rivestire nei giardini pensili è elevata. Uno dei problemi più avvertiti nella scelta di essenze arboree è connesso alla stabilità verticale dell’albero stesso; quest’ultima è però legata, più che alla profondità del substrato esplorabile dalle radici, alle possibilità offerte alle radici stesse di espandersi lateralmente a raggiera e di aumentare così la superficie di ancoraggio. Oggi a tal proposito il vivaismo è in grado di preparare soggetti a “zolla piatta” più indicati per impianti su substrati poco profondi (Odone, 1995).

Pagina 145

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful