You are on page 1of 18

Approfondimenti

Teoremi di Green, Stokes e Gauss


In questa sezione dimostriamo i Teoremi di Green (detto anche Formula di Guass-Green),
di Stokes (o del rotore) e di Guass (o della divergenza).

1.1

Teorema di Green
(di Green (o formula di Gauss-Green)) Siano R2

(1.1) Teorema

aperto non vuoto, F : R2 un campo vettoriale di classe C 1 , F = (f1 , f2 ), A


un aperto limitato tale che A `e il sostegno di una curva parametrica chiusa,
semplice e regolare a tratti : [a, b] . Supponiamo che A sia orientamento
positivamente.
Allora

F dP =

Z 
A

f2
f1
(x, y)
(x, y) dx dy.
x
y

Dimostrazione. Consideriamo inizialmente alcuni casi particolari e poi procediamo


con il caso generale.
1) Supponiamo che linsieme A sia della forma
n

A = (x, y) R2 : a < x < b, (x) < y < (x) ,


dove , : [a, b] R sono due funzioni di classe C 1 tali che (x) < (x) per ogni
x [a, b] (vedi Fig. 1.1).
1

Analogamente si procede se A `e della forma


A=

(x, y) R : a < y < b, (y) < x < (y) ,

dove , : [a, b] R sono due funzioni di classe C 1 tali che (y) < (y) per ogni y [a, b].

S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

y = (x)
3

2
A

1
y = (x)
O

Fig. 1.1: Linsieme A.


Si ha che A = im () = im (1 ) im (2 ) im (3 ) im (4 ), dove
1 (t) = (t, (t)),
2 (t) = (b, t),


t [a, b],
t [(b), (b)],


3 (t) = b + t(a b), (b + t(a b)) ,




t [0, 1],

4 (t) = a, (a) + t((a) (a)) ,

t [0, 1].

Poiche le quattro curve sono orientate in modo coerente con il verso di percorrenza
antiorario indotto da su A, si ha che
I

F dP =

F dP =

F dP +

F dP +

F (1 (t)) 10 (t) dt +

F (3 (t)) 30 (t) dt +

(b)
(b)

F dP +

F dP =

F (2 (t)) 20 (t) dt+

F (4 (t)) 40 (t) dt =


essendo F = (f1 , f2 ), 10 (t) = (1, 0 (t)), 20 (t) = (0, 1), 30 (t) = a b, (a b) 0 (b + t(a


b)) , 40 (t) = 0, (a) (a) , si ha


=

bh

f1 (t, (t)) + (t)f2 (t, (t)) dt +

(b)

(b)

f2 (b, t) dt+

1.1 Teorema di Green

1h

i

(ab)f1 b+t(ab), (b+t(ab)) +(ab) 0 (b+t(ab))f2 b+t(ab), (b+t(ab))


Z

1

(a) (a) f2 a, (a) + t((a) (a)) dt =

operando le sostituzioni s = b + t(a b) e s = (a) + t((a) (a)) rispettivamente nel


terzo e quarto integrale si ottiene
=

bh

f1 (t, (t)) + (t)f2 (t, (t)) dt +

bh

Si ha che

f1 (t, (t)) dt

f1 (s, (s)) ds =

(x)

(x)

(a)
(a)

f2 (a, s) ds.

f1 (x, (x)) dx

f1 (x, (x)) dx =

essendo f1 di classe C 1 e quindi la funzione


(1.2)

f1 (x, (x)) f1 (x, (x)) dx =

f2 (b, t) dt+

bh

(b)

(b)

f1 (s, (s)) + 0 (s)f2 (s, (s)) ds

f1
(x, y) dy
y

f1
continua,
y

dx =

f1
(x, y) dx dy.
y

Inoltre, se si considera la funzione : [a, b] R definita da


x [a, b] :

(x) =

(x)

(x)

f2 (x, y) dy,

per il Teorema di derivazione sotto il segno di integrale2 si ha che `e derivabile in [a, b]


con
0 (x) =

x [a, b] :

(x)

(x)

f2
(x, y) dy + 0 (x)f2 (x, (x)) 0 (x)f2 (x, (x)).
x

Ne segue che
Z

(b)
(b)

f2 (b, t) dt

(a)
(a)

f2 (a, s) ds =

(b)

(b)

f2 (b, y) dy

(a)

(a)

f2 (a, y) dy = (b) (a) =

Teorema di derivazione sotto il segno di integrale. Siano I, J due intervalli chiusi e limitati
di R e f : I J R una funzione continua. Supponiamo che f ammetta derivata parziale rispetto a x
f
: I J R sia continua.
e che la funzione x
Allora la funzione g : I R definita da
x I :

g(x) =

f (x, y) dy

`e derivabile e si ha che
x I :

g 0 (x) =

f
(x, y) dy.
x

dt+

S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

per il Teorema di Torricelli-Barrow


Z

(x) dx =

(x)

(x)

f2
(x, y) dy + 0 (x)f2 (x, (x)) 0 (x)f2 (x, (x))
x
Z

f2
(x, y) dx dy +
x

bh

f2
(x, y) dx dy +
x

0 (x)f2 (x, (x)) 0 (x)f2 (x, (x)) dx =

dx =

(s)f2 (s, (s)) ds

0 (t)f2 (t, (t)) dt.

Quindi
Z

0 (t)f2 (t, (t)) dt

0 (s)f2 (s, (s)) ds +

(1.3)

(b)

(b)

f2 (b, t) dt

(a)

(a)

f2 (a, s) ds =

f2
(x, y) dx dy.
x

Ne segue che
I

F dP =

bh

f1 (t, (t)) + (t)f2 (t, (t)) dt +

bh

f1 (s, (s)) + 0 (s)f2 (s, (s)) ds

f1 (t, (t)) dt

b
a

f1 (s, (s)) ds +
+

(b)

(a)

(a)

f2 (a, s) ds =

f2 (b, t) dt

f2 (b, t) dt+

(b)

(t)f2 (t, (t)) dt

(b)

(b)

b
a

0 (s)f2 (s, (s)) ds+

(a)

(a)

f2 (a, s) ds =

per (1.2) e (1.3)


=

f1
(x, y) dx dy +
y

f2
(x, y) dx dy =
x

Z 
A

f2
f1
(x, y)
(x, y) dx dy.
x
y

2) Supponiamo che la chiusura di A sia suddivisibile nellunione delle chiusure di due


insiemi della forma considerata nel caso precedente, ad esempio sia A = A1 A2 , dove
n

A1 = (x, y) R2 : a1 < x < b1 , 1 (x) < y < 1 (x) ,


n

A2 = (x, y) R2 : a2 < y < b2 , 2 (y) < x < 2 (y) ,


con 1 , 1 , 2 , 2 soddisfacenti ipotesi conformi con il caso precedente (analogamente
negli altri casi).
Allora si ha che

Z 
A

A1

f2
f1
(x, y)
(x, y) dx dy =
x
y


f2
f1
(x, y)
(x, y) dx dy +
x
y

A2

f2
f1
(x, y)
(x, y) dx dy =
x
y

1.1 Teorema di Green

A2

A1

Fig. 1.2: Linsieme A = A1 A2 .


per il caso precedente applicato ad A1 e A2
=

F dP +

A1

F dP.

A2

Gli integrali di linea sui tratti dei bordi di A1 e A2 interni ad A (in Fig. 1.2 la linea tratteggiata) sono calcolati due volte, ma a causa del verso di percorrenza opposto indotto
dalle curve che parametrizzano questi tratti dei bordi di A1 e A2 la loro somma `e nulla.
Quindi si ottiene
Z 
A

f2
f1
(x, y)
(x, y) dx dy =
x
y

A1

F dP +

A2

F dP =

F dP =

F dP.

3) Caso generale: si dimostra che se A `e un insieme soddisfacente le ipotesi, allora la sua


chiusura `e suddivisibile nellunione di un numero finito di chiusure di insiemi della forma
considerata nel punto 1). Applicando il procedimento del punto 2) a questi insiemi si
giunge alla tesi.

S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

1.2

Teorema di Stokes
(di Stokes (o del rotore)) Siano R3 aperto non vuoto,

(1.4) Teorema

F : R3 un campo vettoriale di classe C 1 , F = (f1 , f2 , f3 ), A R2 un


aperto limitato connesso per archi tale che A `e lunione di un numero finito di
sostegni a due a due disgiunti di curve parametriche chiuse, semplici e regolari a
tratti, K = A = A A e : K una calotta regolare con orientamento
positivamente.
Allora

F dP =

rotF n,

dove rotF `e il rotore del campo F , definito formalmente da

(x, y, z) :

rotF (x, y, z) =
x


f (x, y, z)
1

f2 (x, y, z)

.

z


f3 (x, y, z)

Dimostrazione. Dimostriamo per semplicit`


a il Teorema nellipotesi ulteriore che sia
di classe C 2 . Per brevit`
a espositiva, nel seguito data una funzione = (x1 , x2 , , xn )
denoteremo la derivata parziale rispetto alla variabile xi con xi e la derivata parziale
rispetto alle variabili xi e xj con xi xj .
Sia : [a, b] R2 una curva parametrica semplice e regolare che parametrizza
il bordo di K (essendo di classe C 2 esiste una parametrizzazione regolare di K).
Poniamo = . Quindi : [a, b] `e una parametrizzazione del bordo di , dove
= (K). Si ha che
I

F dP =

essendo

0 (t)

= J

F dP =

((t)) 0 (t),
=

F ((t)) 0 (t) dt =

dove J ((t)) `e la matrice Jacobiana di in (t)


b

F (((t))) J ((t)) 0 (t) dt.

Consideriamo il campo vettoriale G : K R2 definito da


G(u, v) = F ((u, v)) J (u, v).

Osserviamo che


F (((t))) J ((t)) 0 (t) = G((t)) 0 (t).


3

Si intende il prodotto matriciale fra la matrice 1 3 (vettore riga) F ((u, v)) e la matrice 3 2
J (u, v).

1.2 Teorema di Stokes

Infatti,


F (((t))) J ((t)) 0 (t) =

1,u ((t))


= f1 (((t))), f2 (((t))), f3 (((t)))
2,u ((t))

3,u ((t))

1,v ((t))

2,v ((t))

3,v ((t))

10 (t)
20 (t)

per la propriet`
a associativa del prodotto matriciale

1,u ((t))



=
f1 (((t))), f2 (((t))), f3 (((t))) 2,u ((t))

3,u ((t))

{z

=G((t))

1,v ((t))

10 (t)

2,v ((t))

3,v ((t))

20 (t)

= G((t)) 0 (t).

Quindi
I

F dP =

F (((t))) J ((t)) 0 (t) dt =

G((t)) 0 (t) =

G dP =

e applicando il Teorema di Green al campo vettoriale G = (g1 , g2 ) si ottiene

(1.5)

g2
g1
(u, v)
(u, v) du dv,
u
v

dove

g1 (u, v) = f1 ((u, v)) 1,u (u, v) + f2 ((u, v)) 2,u (u, v) + f3 ((u, v)) 3,u (u, v),

g2 (u, v) = f1 ((u, v)) 1,v (u, v) + f2 ((u, v)) 2,v (u, v) + f3 ((u, v)) 3,v (u, v).

S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

Si ha che
g2
g1
(u, v)
(u, v) =
u
v


= f1,x ((u, v)) 1,u (u, v) + f1,y ((u, v)) 2,u (u, v) + f1,z ((u, v)) 3,u (u, v) 1,v (u, v)+
+f1 ((u, v)) 1,uv (u, v)+


+ f2,x ((u, v)) 1,u (u, v) + f2,y ((u, v)) 2,u (u, v) + f2,z ((u, v)) 3,u (u, v) 2,v (u, v)+
+f2 ((u, v)) 2,uv (u, v)+

+ f3,x ((u, v)) 1,u (u, v) + f3,y ((u, v)) 2,u (u, v) + f3,z ((u, v)) 3,u (u, v) 3,v (u, v)+
+f3 ((u, v)) 3,uv (u, v)+

f1,x ((u, v)) 1,v (u, v) + f1,y ((u, v)) 2,v (u, v) + f1,z ((u, v)) 3,v (u, v) 1,u (u, v)+
f1 ((u, v)) 1,vu (u, v)+

f2,x ((u, v)) 1,v (u, v) + f2,y ((u, v)) 2,v (u, v) + f2,z ((u, v)) 3,v (u, v) 2,u (u, v)+
f2 ((u, v)) 2,vu (u, v)+
f3,x ((u, v)) 1,v (u, v) + f3,y ((u, v)) 2,v (u, v) + f3,z ((u, v)) 3,v (u, v) 3,u (u, v)+
f3 ((u, v)) 3,vu (u, v) =

essendo di classe C 2 le derivate seconde miste delle sue componenti sono uguali e si
ottiene


= f1,x ((u, v)) 1,u (u, v) + f1,y ((u, v)) 2,u (u, v) + f1,z ((u, v)) 3,u (u, v) 1,v (u, v)+


+ f2,x ((u, v)) 1,u (u, v) + f2,y ((u, v)) 2,u (u, v) + f2,z ((u, v)) 3,u (u, v) 2,v (u, v)+


+ f3,x ((u, v)) 1,u (u, v) + f3,y ((u, v)) 2,u (u, v) + f3,z ((u, v)) 3,u (u, v) 3,v (u, v)+
f1,x ((u, v)) 1,v (u, v) + f1,y ((u, v)) 2,v (u, v) + f1,z ((u, v)) 3,v (u, v) 1,u (u, v)+


f2,x ((u, v)) 1,v (u, v) + f2,y ((u, v)) 2,v (u, v) + f2,z ((u, v)) 3,v (u, v) 2,u (u, v)+
f3,x ((u, v)) 1,v (u, v) + f3,y ((u, v)) 2,v (u, v) + f3,z ((u, v)) 3,v (u, v) 3,u (u, v) =
h

= f3,y ((u, v)) 2,u (u, v)3,v (u, v) 3,u (u, v)2,v (u, v) +
h

f2,z ((u, v)) 2,u (u, v)3,v (u, v) 3,u (u, v)2,v (u, v) +
h

+f1,z ((u, v)) 3,u (u, v)1,v (u, v) 1,u (u, v)3,v (u, v) +
(1.6)

f3,x((u, v)) 3,u (u, v)1,v (u, v) 1,u (u, v)3,v (u, v) +
h

+f2,x((u, v)) 1,u (u, v)2,v (u, v) 2,u (u, v)1,v (u, v) +
h

f1,y ((u, v)) 1,u (u, v)2,v (u, v) 2,u (u, v)1,v (u, v) .

1.2 Teorema di Stokes

Inoltre si ha che
Z

rotF n =

dove

rotF ((u, v)) N (u, v) du dv,

rotF ((u, v)) =


x

f ((u, v))
1

=

z

f3 ((u, v))

f2 ((u, v))

= f3,y ((u, v)) f2,z ((u, v)), f1,z ((u, v)) f3,x ((u, v)), f2,x ((u, v)) f1,y ((u, v))
e



i


N (u, v) = u (u, v) v (u, v) = 1,u (u, v)

(u, v)
1,v





3,u (u, v) =

(u, v)

2,u (u, v)
2,v (u, v)

3,v

2,u (u, v)3,v (u, v) 3,u (u, v)2,v (u, v)

=
3,u (u, v)1,v (u, v) 1,u (u, v)3,v (u, v) .

1,u (u, v)2,v (u, v) 2,u (u, v)1,v (u, v)

Quindi

rotF ((u, v)) N (u, v) =




= f3,y ((u, v)) f2,z ((u, v)), f1,z ((u, v)) f3,x ((u, v)), f2,x ((u, v)) f1,y ((u, v))

2,u (u, v)3,v (u, v) 3,u (u, v)2,v (u, v)

3,u (u, v)1,v (u, v) 1,u (u, v)3,v (u, v) =

1,u (u, v)2,v (u, v) 2,u (u, v)1,v (u, v)


h

= f3,y ((u, v)) 2,u (u, v)3,v (u, v) 3,u (u, v)2,v (u, v) +
h

f2,z ((u, v)) 2,u (u, v)3,v (u, v) 3,u (u, v)2,v (u, v) +
h

+f1,z ((u, v)) 3,u (u, v)1,v (u, v) 1,u (u, v)3,v (u, v) +
f3,x ((u, v)) 3,u (u, v)1,v (u, v) 1,u (u, v)3,v (u, v) +
h

+f2,x ((u, v)) 1,u (u, v)2,v (u, v) 2,u (u, v)1,v (u, v) +
h

f1,y ((u, v)) 1,u (u, v)2,v (u, v) 2,u (u, v)1,v (u, v)

g2
g1
(u, v)
(u, v).
u
v

=
x

(1.6)

Ne segue che
Z

rotF n =

rotF ((u, v))N (u, v) du dv =

Z 
K

g2
g1
(u, v)
(u, v)
u
v

du dv =
x

(1.5)

F dP

10

S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

che `e la tesi.

(1.7) Osservazione Il Teorema di Green altro non `e che il Teorema di Stokes in due
dimensioni. Infatti, siano F : R2 , A e = (1 , 2 ) soddisfacenti le ipotesi del
Teorema di Green (supponiamo per semplicit`
a espositiva che sia regolare; se fosse
solo regolare a tratti, a patto di fare qualche piccola modifica, si riotterrebbe lo stesso
risultato).
z

N
y
A
x

Fig. 1.3: Linsieme A visto come sottoinsieme di R3 .


Consideriamo il campo vettoriale G(x, y, z) = (f1 (x, y), f2 (x, y), 0) e la calotta regolare : A R3 definita da (x, y) = (x, y, 0). In pratica G `e il campo F a cui `e stata
aggiunta la terza componente nulla mentre `e la superficie che descrive linsieme A visto
come sottoinsieme di R3 (ovvero parametrizza il grafico della funzione identicamente
nulla definita sullinsieme A). Si osserva che im () = A dom (G). Poiche induce su
A un verso di percorrenza antiorario rispetto al versore fondamentale dellasse z (vedi
Fig. 1.3), anche = |A , che parametrizza A, deve indurre lo stesso orientamento.
Un vettore normale (nello spazio tridimensionale) a im () che induca un orientamento
antiorario su A rispetto al versore fondamentale dellasse z `e

(x, y)
(x, y) = (0, 0, 1).
x
y

N (x, y) =

Applicando il Teorema di Stokes a G e si ottiene


I

(1.8)

G dP =

rotG n.

Una parametrizzazione equivalente di `e : [a, b] R3 definita da (t) = ((t), 0) =


(1 (t), 2 (t), 0). Ne segue che
I

G dP =

G dP =

G((t)) (t) dt =

G((t), 0) ( 0 (t), 0) dt =

11

1.2 Teorema di Stokes

=
=

Z
Z

b

b

 

f1 ((t)), f2 ((t)), 0
 

f1 ((t)), f2 ((t))

Inoltre
Z

rotG n =

10 (t), 20 (t), 0


10 (t), 20 (t)

dt =

dt =

bh

F ((t)) (t) dt =

F dP =

rotG((x, y)) N (x, y) dx dy =

f1 ((t))10 (t) + f2 ((t))20 (t) dt =


I

F dP.
A

rotG(x, y, 0) (0, 0, 1) dx dy =

rot(f1 (x, y), f2 (x, y), 0)(0, 0, 1) dx dy =


=

Z 
A

Z 

0, 0,

f2
f1
(x, y)
(x, y) (0, 0, 1) dx dy =
x
y


f2
f1
(x, y)
(x, y) dx dy.
x
y

Quindi (1.8) diventa


I

F dP =

Z 
A

f1
f2
(x, y)
(x, y) dx dy
x
y

che `e la formulazione del Teorema di Green.

12

S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

1.3

Teorema di Gauss
(di Gauss (o della divergenza)) Siano R3 un aperto

(1.9) Teorema

non vuoto, F : R3 un campo vettoriale di classe C 1 , F = (f1 , f2 , f3 ), D


un aperto con bordo tale che D .
Allora il flusso uscente del campo F dal bordo di D `e dato da
Z

F n=

divF (x, y, z) dx dy dz,

dove divF `e la divergenza del campo F , definita da


(x, y, z) :

divF (x, y, z) =

f1
f2
f3
(x, y, z) +
(x, y, z) +
(x, y, z).
x
y
z

Dimostrazione. Dimostriamo il Teorema nel caso particolare in cui D `e un insieme


convesso4 nelle tre direzioni degli assi coordinati. Dobbiamo dimostrare che
(1.10)

(f1 , f2 , f3 ) n =

Z 
D

f1
f2
f3
(x, y, z) +
(x, y, z) +
(x, y, z)
x
y
z

dx dy dz.

Essendo F = (f1 , f2 , f3 ) = (f1 , 0, 0) + (0, f2 , 0) + (0, 0, f3 ), `e sufficiente dimostrare che


(1.11)

Z
Z

(1.12)

(1.13)

(f1 , 0, 0) n =

f1
(x, y, z) dx dy dz,
x

(0, f2 , 0) n =

f2
(x, y, z) dx dy dz,
y

(0, 0, f3 ) n =

f3
(x, y, z) dx dy dz.
z

Infatti, sommando (1.11), (1.12) e (1.13) si ottiene (1.10).


Proviamo (1.13). In modo simile si provano anche (1.11) e (1.12). Per semplicit`
a
espositiva supponiamo che, essendo D un aperto con bordo convesso nella direzione di
z, si abbia che D = D D `e della forma
n

D = (x, y, z) R3 : (x, y) K, (x, y) z (x, y) ,


dove K R2 `e un compatto e , : K R sono di classe C 1 con (x, y) (x, y) per
ogni (x, y) K.5
4

Un insieme D R `e convesso se per ogni X, Y D e per ogni t [0, 1] si ha che X + t(Y X) D,

13

1.3 Teorema di Gauss

z
z = (x, y)

z = (x, y)
y

K
x

Fig. 1.4: Una possibile (semplice) rappresentazione dellinsieme D.


Si ha che D = 1 2 3 con
n

1 = (x, y, z) R3 : (x, y) K, z = (x, y) ,


n

2 = (x, y, z) R3 : (x, y) K, (x, y) z (x, y) ,


3 = (x, y, z) R3 : (x, y) K, z = (x, y) .
Quindi
Z

(0, 0, f3 ) n =

(0, 0, f3 ) n +

(0, 0, f3 ) n +

(0, 0, f3 ) n.

Essendo 1 il grafico della funzione : K R, si ha che 1 = 1 (K) dove 1 (x, y) =


(x, y, (x, y)). Quindi
Z

(0, 0, f3 ) n =

(0, 0, f3 (1 (x, y))) N1 (x, y) dx dy,

ovvero se il segmento che unisce X e Y `e tutto contenuto in D.


5

In generale si ha che (K) =

n
[

i=1

tali che K =

n
[

i=1

Ki =

m
[

i (Ki ) e (K) =

m
[

j (Hj ), dove Ki , Hj sono compatti di

R2

j=1

Hj , Ki Kp e Hj Hq hanno al pi`
u in comune solo parti dei loro bordi, e

j=1

i : Ai R e j : Bj R sono funzioni di classe C 1 definite rispettivamente su Ai e Bj aperti di


tali che Ki Ai e Hj Bj .

R2

14

S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

dove N1 (x, y) `e un vettore normale al piano tangente a 1 in 1 (x, y) uscente da D.


Essendo


N1 (x, y) =
si ottiene

(x, y), (x, y), 1 =


x
y
Z

(0, 0, f3 ) n =

 

(0, 0, f3 (1 (x, y))) N1 (x, y) dx dy =




0, 0, f3 (x, y, (x, y))


(x, y),
(x, y), 1
x
y

(x, y),
(x, y), 1 ,
x
y

dx dy =

f3 (x, y, (x, y)) dx dy.

Essendo 3 il grafico della funzione : K R, si ha che 3 = 3 (K) dove 3 (x, y) =


(x, y, (x, y)). Quindi
Z

(0, 0, f3 ) n =

(0, 0, f3 (3 (x, y))) N3 (x, y) dx dy,

dove N3 (x, y) `e un vettore normale al piano tangente a 3 in 3 (x, y) uscente da D.


Essendo

N3 (x, y) = (x, y), (x, y), 1 ,


x
y
si ottiene

(0, 0, f3 ) n =

 

0, 0, f3 (x, y, (x, y))

(0, 0, f3 (3 (x, y))) N3 (x, y) dx dy =

(x, y),

(x, y), 1
y

dx dy =

f3 (x, y, (x, y)) dx dy.

Infine, osserviamo che 2 `e la porzione del cilindro retto generato dalle rette parallele
allasse z passanti per il bordo di K. Quindi in ogni punto di 2 il vettore normale N2
al piano tangente a 2 in tale punto `e ortogonale a una di queste rette e di conseguenza
`e ortogonale al versore k = (0, 0, 1). In particolare N2 (0, 0, f3 ) = 0. Ne segue che se
2 : K2 R3 `e una parametrizzazione di 2 , allora
Z

(0, 0, f3 ) n =

K2

(0, 0, f3 (2 (u, v))) N2 (u, v) du dv = 0.

In definitiva
Z

(0, 0, f3 ) n =

(1.14)

Z 
K

Consideriamo ora

(0, 0, f3 ) n +

(0, 0, f3 ) n +


(0, 0, f3 ) n =

f3 (x, y, (x, y)) f3 (x, y, (x, y)) dx dy.


Z

f3
(x, y, z) dx dy dz.
z

15

1.3 Teorema di Gauss

Integrando per fili paralleli allasse z, si ha che


Z

f3
(x, y, z) dx dy dz =
z

che `e (1.13).

(x,y)

(x,y)

f3
(x, y, z) dz
z

f3 (x, y, (x, y)) f3 (x, y, (x, y)) dx dy. =


x

(1.14)

dx dy =

(0, 0, f3 ) n,

(1.15) Osservazione Il Teorema di Green altro non `e che il Teorema di Gauss in


due dimensioni. Infatti, siano F = (f1 , f2 ), A e = (1 , 2 ) soddisfacenti le ipotesi
del Teorema di Green (supponiamo per semplicit`
a espositiva che sia regolare; se fosse
solo regolare a tratti, a patto di fare qualche piccola modifica, si riotterrebbe lo stesso
risultato). Un vettore normale a A = im () nel punto (t) `e N (t) = (20 (t), 10 (t)).
Infatti, essendo 0 (t) il vettore tangente a im () in (t), si ha che
N (t) 0 (t) = (20 (t), 10 (t)) (10 (t), 20 (t)) = 20 (t)10 (t) 10 (t)20 (t) = 0.
Il versore associato `e
n(t) =

( 0 (t), 0 (t))
N (t)
= 2 0 1
.
kN (t)k
k (t)k

0 (t)

20 (t)

(t)

10 (t)

N (t)

10 (t)
20 (t)

Fig. 1.5: Linsieme A e i vettori tangenti e normali a A.

16

S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

Osserviamo (vedi Fig. 1.5) che questo versore `e esterno ad A. Consideriamo il


campo vettoriale G = (f2 , f1 ). Anche G `e di classe C 1 e applicando il Teorema di
Green al campo G si ottiene
I

(1.16)

G dP =

Z 
A

f1
f2
(x, y) +
(x, y) dx dy =
x
y

divF (x, y) dx dy,


A

f1
f2
(x, y) +
(x, y) `e la divergenza del campo vettoriale F . Conx
y
sideriamo ora lintegrale curvilineo (di prima specie) della funzione f = F n lungo il
dove divF (x, y) =

bordo di A orientato positivamente. Si ha che


Z

F n ds =

F n ds =

b

b

bh

F ((t))n(t) k 0 (t)kdt =

f2 ((t)), f1 ((t) (10 (t), 20 (t)) dt =

Da (1.16) segue che


(1.17)

F n ds =

bh

F ((t))

f1 ((t)), f2 ((t) (20 (t), 10 (t)) dt =




bh

N (t) i 0
k (t)kdt =
kN (t)k
i

f1 ((t))20 (t) f2 ((t))10 (t) dt =

G((t)) 0 (t) dt =

GdP =

GdP.

divF (x, y) dx dy,

che `e la versione bidimensionale del Teorema della divergenza, dove lintegrale di sinistra
(che `e un integrale curvilineo di prima specie) rappresenta il flusso uscente del campo F
dal bordo di A.
Una conseguenza diretta dei teoremi di Green e Gauss `e la cosidetta Formula di
integrazione per parti negli integrali multipli, che estende la ben nota Formula di integrazione per parti negli integrali definitivi (di funzioni reali di una variabile) alle funzioni
di pi`
u variabili.
Una prima formulazione vettoriale per i campi di R3 `e la seguente.
(1.18) Teorema (Formula di integrazione per parti per i campi vettoriali
in R3 ) Siano R3 un aperto non vuoto, F : R3 un campo vettoriale di
classe C 1 , g : R una funzione di classe C 1 , D un aperto con bordo tale
che D e n il versore normale a D uscente da D.
Allora, posto x = (x1 , x2 , x3 ), si ha che
Z

g(x) F (x) dx1 dx2 dx3 =

g F n d

dove divF `e la divergenza del campo vettoriale F .6

g(x) divF (x) dx1 dx2 dx3 ,

17

1.3 Teorema di Gauss

Dimostrazione. Consideriamo il campo vettoriale H : R3 definito da H = gF .


Applicando il Teorema di Gauss ad H si ha che
Z

(1.19)

divH(x) dx1 dx2 dx3 =

H n d.

Posto F = (f1 , f2 , f3 ), si ha che H = (gf1 , gf2 , gf3 ) e quindi per ogni x


divH(x) =

(gf2 )
(gf3 )
(gf1 )
(x) +
(x) +
(x) =
x1
x2
x3

g
f1
g
f2
g
f3
(x) f1 (x)+g(x)
(x)+
(x) f2 (x)+g(x)
(x)+
(x) f3 (x)+g(x)
(x) =
x1
x1
x2
x2
x3
x3





g
g
g
f1
f2
f3
(x),
(x),
(x) f1 (x), f2 (x), f3 (x) +g(x)
(x) +
(x) +
(x) =
x1
x2
x3
x1
x2
x3

= g(x) F (x) + g(x)divF (x).

Sostituendo in (1.19) si ha
Z 
D

g(x) F (x) + g(x)divF (x) dx1 dx2 dx3 =

gF n d.

da cui segue immediatamente la tesi.

Una formulazione analoga per i campi vettoriali di R2 `e la seguente


(1.20) Teorema (Formula di integrazione per parti per i campi vettoriali
in R2 ) Siano R2 aperto non vuoto, F : R2 un campo vettoriale di classe
C 1 , F = (f1 , f2 ), A un aperto limitato tale che A `e il sostegno di una
curva parametrica chiusa, semplice e regolare a tratti : [a, b] . Supponiamo
che A sia orientamento positivamente.
Allora, posto x = (x1 , x2 ), si ha che
Z

g(x) F (x) dx1 dx2 =

g F n ds
A

g(x) divF (x) dx1 dx2 ,

f1
f2
(x) +
(x) `e la divergenza del campo vettoriale F e n `e il
x1
x2
versore normale a A uscente da A.7
dove divF (x) =

Lintegrale
Lintegrale

Z D
A

g F n d `e il flusso uscente del campo vettoriale g F dal bordo di D.


g F n ds `e il flusso uscente del campo vettoriale g F dal bordo di A, ovvero lintegrale

curvilineo di prima specie della funzione gF n lungo il bordo di A.

18

S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

Dimostrazione. Si applica (1.17) al campo vettoriale H = gF e poi si procede come


nella dimostrazione del teorema precedente.

Da questi teoremi scendono immediatamente le Formule di integrazione per parti


negli integrali doppi e tripli.
(1.21) Teorema

(Formula di integrazione per parti negli integrali tripli)

Siano R3 un aperto non vuoto, f, g : R due funzioni di classe C 1 , D


un aperto con bordo tale che D e n il versore normale a D uscente da D.
Allora, posto x = (x1 , x2 , x3 ), per ogni i = 1, 2, 3 si ha che
Z

g
(x) f (x) dx1 dx2 dx3 =
xi

f g ni d

g(x)

f
(x) dx1 dx2 dx3 ,
xi

dove ni `e la componente i-esima del versore normale n.8


Dimostrazione. Per ogni i = 1, 2, 3 si applica il Teorema (1.18) al campo vettoriale F
avente la componente i-esima uguale a f e le altre nulle.

(1.22) Teorema (Formula di integrazione per parti negli integrali doppi)


Siano R2 un aperto non vuoto, f, g : R due funzioni di classe C 1 , A
un aperto limitato tale che A `e il sostegno di una curva parametrica chiusa,
semplice e regolare a tratti : [a, b] e n il versore normale a A uscente da
A.
Allora, posto x = (x1 , x2 ), per ogni i = 1, 2 si ha che
Z

g
(x) f (x) dx1 dx2 =
xi

f g ni ds

g(x)

f
(x) dx1 dx2 ,
xi

dove ni `e la componente i-esima del versore normale n.9


Dimostrazione. Per ogni i = 1, 2 si applica il Teorema (1.20) al campo vettoriale F
avente la componente i-esima uguale a f e laltra nulla.

Lintegrale
Lintegrale

bordo di A.

f g ni d `e lintegrale di superficie della funzione reale f g ni sul bordo di D.

ZD

f g ni ds `e lintegrale curvilineo di prima specie della funzione reale f g ni lungo il