You are on page 1of 106

Esiste tutt’oggi alla periferia di una grossa metropoli

Un gufo molto colto che legge di tutto: romanzi, trattati


leggeva tanti scritti: romanzi,saggi filosofici, narrative, ecc..
di diritto e di matematica, saggi filosofici ecc..
di diritto e di matematica, saggi filosofici ecc..
Un giorno si avvicina una persona dall’aspetto molto gentile
Che gli chiese
<<Conosci il segreto del bosco?>>
Il gufo diventò tutto rosso dalla vergogna e il
signore iniziò a ridere ed a raccontare
che aveva ascoltato gli alberi che dicevano
:<< è bello mormorare al vento,
dare rifugio ad animali impauriti
proteggere uccelli e bestiole
piegarsi nella bufera>>
<<proteggere uccelli e bestiole >< dicevano i grandi alberi
Il gufo immaginava tutto quello che gli
raccontava
..paesi e città ,persone
..paesi e città ,persone
Il gufo viveva con i piedi sulla terra
per lui gli alberi erano utili per avviare il fuoco
e per mangiare i buoni frutti
Il signore continuò a domandare
<<Conosci il segreto del mare?>>
E il segreto del cielo?
<<Scenderemmo volentieri anche noi sulla terra
Vorremmo nasconderci come le lucciole negli alberi
giocare con i bimbi
guardare le case degli uomini
Il gufo si pensava che la luna era un satellite della terra
ed un buon barometro gratuito per vedere le previsioni
Per il gufo le stelle erano stelle
Gli alberi erano alberi
Ed il mare era buono per la pesca
Il signore raccontò la storia di un giovane
FEDERICO che ascoltava sempre quelle voci
mentre guardava
una bellissima principessa che dondolava
su di un’altalena
Ed un giorno FEDERICO aveva
fatto
in un castello uno strano incontro
con il re dei sogni
che lo condusse fra i sogni brutti
che appaiono di notte
agli uomini cattivi
E poi lo portò nel giardino dei
Sogni buoni che avevano in mano
le cose più belle e i visi lieti
visitavano ogni notte
i bimbi poveri e sfortunati.
FEDERICO vide la sua
Fra i sogni buoni
Il re disse :<<questo è il sogno più bello
prendilo dato che so che lo vuoi!>>
Allora FEDERICO scese dal regno dei sogni
Con la sua principessa e vissero per sempre
FELICI E CONTENTI. Dott.ssa Felicetti Maria