IL DENARO

AFFARI REGIONALI

campania

25

Sabato 12 settembre 2009

PREMIO SELE D’ORO. 1

Più lavoro con l’open innovation
Lepore: Il Mezzogiorno guardi anche all’economia legata ad internet
Le nuove tecnologie come opportunità di lavoro per i giovani del Mezzogiorno e come arricchimento per le aziende che si aprono agli utenti in qualità di potenziali ricercatori. Il modello e l’esperienza dell’Open Innovation di Alexander M. Orlando, che stasera riceve un riconoscimento speciale nell’ambito della venticinquesima edizione del premio Sele d’Oro.
ANTONELLA PETITTI

“Tuttavia -aggiunge Lepore- la crisi economica permette anche una considerazione di altro tipo”.
ECONOMIA E INTERNET

Innovazione aperta, tutti i vantaggi per le imprese in un seminario al Denaro
L’Open Innovation è oggetto di un seminario dal titolo “I vantaggi dell’Open Innovation per le piccole e medie imprese” organizzato a Napoli, presso la sede del Denaro, i prossimi 8 e 9 ottobre. Della durata di dieci ore, articolate in due giorni, il workshop avrà come docente Alexander M. Orlando, presidente - amministratore delegato di InnoCrowding - Washington Dc, premiato al Sele d’Oro. Alla parte teorica si affiancheranno momenti in cui sarà possibile fare domande al docente e dibattere del tema assieme al gruppo partecipante. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi alla Segreteria del seminario: Tina Chiaiese tel. 081-4238093/0812405371; fax 081-2400079, mail: st.progetti@denaro.it. Ma cos’è l’open innovation? L'idea centrale è che, in un mondo come quello attuale dove la conoscenza viene largamente diffusa, le aziende non possono pensare di basarsi solo sui centri ricerca interni, ma dovrebbero invece comprare o concedere in licenza le innovazioni per esempio con i brevetti attraverso scambi con le altre aziende. Inoltre, le invenzioni sviluppate internamente ma non utilizzate nel proprio business dovrebbero essere date all'esterno attraverso contratti di licenza, joint ventures, spin-offs.

Le nuove tecnologie sono entrate a far parte a pieno titolo dei processi economici e della gestione aziendale. L’influenza che esse hanno sul lavoro è una indubbia realtà con cui bisogna fare i conti. E’ da considerazioni di questo tipo che nasce il concetto di Open Innovation, un network di innovazione tecnologica che permette dialogo e condivisioneancheconilcliente finale.
IL NUOVO MODELLO

AMEDEO LEPORE

Ruffo. Ad affiancarlo Amedeo Lepore, docente universitario e presidente della Giuria del Premio, che sta svolgendo delle ricerche sull’evoluzione del marketing, ed anche Andrea Geremicca, presidente della Fondazione Mezzogiorno Europa, Mario Raffa, assessore allo Sviluppo del Comune di Napoli, Gianni Pittella, vicepresidente del Parlamento Europeo ed il parlamentare Fulvio Bonavitacola.
L’ANALISI SULLA CRISI

Apromuoverequestomodelloil professore e direttore esecutivo del “Center for Open Innovation at Berkeley”, Henry Chesbrought, che ha posto l’attenzione su quanto sia importante per un’azienda l’apertura verso l’esterno in una società in cui la conoscenza è largamente diffusa e distribuita. Questa sera, nell’ambito del Premio Sele d’Oro, sarà presente il presidente di InnoCrowding e fondatore del gruppo internazion a l e “ Op e n I n n o v a t i o n & Crowdsourcing”, Alexander M. Orlando, per sviluppare assieme ai giovani il dibattito su “L’innovazione aperta, un’occasione per lo sviluppo del Mezzogiorno”, moderato dal direttore del Denaro”, A l f o n s o

“La crisi economica non è alle nostre spalle, come con eccesso di superficialità si è sostenuto nelle ultime settimane. Infatti, nel suo bollettino di maggio, la Banca Centrale Europea ha messo in evidenza che l’economia globale si trova ancora in condizioni di “forte rallentamento” ed è connotata da una prospettiva di “continuo marcato ristagno” della domanda. Di fronte a questo scenario l’interrogativo sul futuro dell’Italia e, in particolare, sul destino della sua macro-area più debole, il Mezzogiorno, si fa quanto mai insistente”, si legge in un elaborato a firma di Lepore.

“Infatti, proprio a causa del suo divario, ma anche di alcune sue caratteristiche peculiari, il Mezzogiorno può giocare una partita significativa nei settori dell’economia legata a Internet e all’innovazione. I creatori e i realizzatori di un’idea, di un’innovazione o anche di uno scambio di conoscenze non sono più un numero molto ristretto di ricercatori, chiusi in un ufficio aziendale, magari denominato di “ricerca e sviluppo”, ma diviene la popolazione di Internet, ovvero le competenze e i cervelli diffusi su territori reali molto ampi, che nel sistema virtuale possono essere facilmente raccolti, connessi tra loro e messi in grado di interagire per la soluzione di problemi o, quanto meno, per la loro individuazione. Infatti, in una situazione di crisi, che determinerà inevitabilmente una profonda trasformazione degli assetti economici, è possibile cogliere l’occasione, forse unica, per realizzare un’innovazione dal basso”, conclude Amedeo Lepore. In occasione della venticinquesima edizione del Premio Sele d’Oro, il Comune di Oliveto Citra e la Comunità Montana Sele –Tanagro consegneranno una riconoscimento formale, con la statua del Sele e una targa, al Presidente di InnoCrowding, Alexander M. Orlando per l’opera di innovazione aperta avviata anche nel Mezzogiorno, dopo gli straordinari risultati conseguiti da InnoCrowding a livello internazionale.

Il programma
Oliveto Citra Salerno
Sabato 12 settembre ore 19.00 - Aula consiliare L’innovazione aperta: un’occasione per lo sviluppo del mezzogiorno. Saluti: Italo Lullo sindaco di Oliveto Citra. Interventi: Amedeo Lepore presidente giuria del premio Sele d’Oro Andrea Geremicca presidente fondazione Mezzogiorno Europa Gianni Pittella vice presidente Parlamento europeo Mario Raffa assessore allo Sviluppo Comune di Napoli Fulvio Bonavitacola deputato Alexander M. Orlando presidente di InnoCrowding Modera Alfonso Ruffo direttore del Denaro. Domenica 13 settembre ore 10.30 - Aula consiliare Imprese, talenti e istituzioni nel sistema di gestione della conoscenza: l’esperienza di Innocrowding per il Mezzogiorno. Massimo Marrelli presidente del Polo Umanistico Federico II Enzo Amendola candidato alla segreteria regionale campana del Pd Alessandro Bianchi ministro dei Trasporti nel secondo governo Prodi Alexander M. Orlando presidente di InnoCrowding n Enzo Rivellini eurodeputato. Coordina: Roberto Race giornalista ore 20.30 - Piazza Europa premiazione, conduce Mimmo Liguoro

I riconoscimenti assegnati
SEZIONE SAGGI Federico Pirro - Angelo Guarini “Grande industria e Mezzogiorno 1996/2007”Cacucci Ed.- Bari 2008 Daniele Casanova “Fluent Ad Eum Omnes Gentes. Il Monte delle sette Opere della Misericordia di Napoli nel Seicento”Clueb 2008. Clelia Mazzoni riconoscimento speciale “Le relazioni impresa-settore-mercati. Il rapporto micro-macro nella teoria dell'impresa" Carocci Ed. Dicembre 2007 Gennaro Biondi riconoscimento da parte degli enti locali premiato per l’opera di approfondimento scientifico svolta in questi anni in Campania Gino Battaglia menzione speciale “Mille Napoli. La comunità di Sant’Egidio e la città” con la prefazione del cardinale Crescenzio Sepe. A. Guida ed. dicembre 2008 Pasquale Iorio “Il Sud che resiste- Storie di lotta per la Cultura della legalità in Terra di Lavoro”. Presentazione di Guglielmo Epifani, postfazione di don Luigi Ciotti Ediesse– febbraio 2009 SEZIONE BONA PRAXIS Vincenzo Linarello presidente Consorzio sociale Goel di Gioiosa Jonica SEZIONE EUROMED Antonio Pellegrini Tesi di Laurea in Economia del Capitale, conseguita alla Facoltà di Economia e Management delll’Università di Bari “Una indagine conoscitiva dell’economia del Mezzogiorno attraverso le riflessioni di crescita” SEZIONE IMPRENDITORIA GIOVANILE La giuria celebrerà ditte individuali, società cooperative, di persone o di capitali con sede in una delle regioni del Mezzogiorno, costituitesi tra il 2001 e il 31 dicembre 2008
PREMIO SPECIALE

Premio del Comune di Oliveto Citra e della Comunità montana Sele Tanagro al presidente di InnoCrowding, Alexander M, Orlando, per l’opera di innovazione aperta avviata anche nel Mezzogiorno dopo gli straordinari risultati conseguiti dall’associazione a livello internazionale