P. 1
Scienze della Terra

Scienze della Terra

4.75

|Views: 4,822|Likes:
Published by Ultralord

More info:

Published by: Ultralord on May 23, 2008
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOC, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

12/08/2012

pdf

text

original

La forza di gravità di un corpo celeste di massa M e raggio R può essere espressa in rapporto alla gravità terrestre
(ponendo cioè la gravità terrestre pari a 1) mediante la seguente relazione

(

)

MM
RRT
T

/
/

2

che si ottiene facendo il rapporto tra la forza gravitazionale misurata nei due sistemi. Essendo il raggio medio
terrestre (RT) pari a 6371 km e la massa terrestre (MT) pari a 5,9742 1024

kg

La Luna

Aristarco e la prima misura della distanza della Luna (Approfondimento facoltativo)

La prima stima della distanza della luna si deve ad Aristarco di Samo (III sec. a.C.), famoso soprattutto per la sua ipotesi
eliocentrica, in seguito abbandonata in favore del geocentrismo tolemaico.
Nell’unica opera pervenutaci, “Sulle dimensioni e distanze del Sole e della Luna”, Aristarco afferma correttamente che
quando la luna ci appare illuminata per metà essa deve necessariamente trovarsi al vertice dell’angolo retto di un
triangolo rettangolo, ai rimanenti vertici del quale si trovano Terra e Sole. Aristarco valuta in 87° (un angolo retto meno un
trentesimo di quandrante)
l’angolo α compreso tra le
visuali che dalla Terra
portano alla Luna e al Sole.
In termini trigonometrici ciò
significa che l’angolo β = 3°
e che il rapporto tra la
distanza Terra-Luna (DL) e
la distanza Terra-Sole (DS)
è pari al seno di β.

D
D

sin

L

S = °=

3

1
19

In realtà al tempo di
Aristarco non erano ancora
disponibili

tavole

trigonometriche

(la
trigonometria nasce con
Ipparco di Nicea verso la
seconda metà del II secolo a.C) ed egli dimostra che il rapporto deve essere compreso tra 1/18 e 1/20. Il risultato è
assolutamente corretto dal punto di vista formale, ma il valore dell’angolo α ottenuto da Aristarco è inferiore al valore
reale (89° 51’ 10’’) per la evidente difficoltà di misurare un angolo così prossimo ad un angolo retto. Il valore corretto
dell’angolo porta ad un rapporto tra le distanza pari a circa 1/390.

In realtà la massa della Luna non è del tutto trascurabile rispetto alla massa della Terra ed è quindi
solo una grossolana approssimazione affermare che la Luna ruota intorno alla Terra. Più
correttamente entrambe ruotano intorno ad un baricentro comune che si trova all’interno della Terra,
circa 1700 km sotto la sua superficie. Per questo motivo Terra e Luna possono essere considerate un
sistema gravitazionale doppio.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->