You are on page 1of 166

Mensile: Austria, Belgio, Francia, Lussemburgo

,
Mensile:
Austria,
Portogallo
(cont.) Belgio,
SpagnaFrancia,
€ 7,00 /Lussemburgo,
Canada CAD 12,00
Portogallo
(cont.) /Spagna
€ 6,00
7,00 Svizzera
/ CanadaChf
CAD
12,00
Germania € 9,50
UK GBP
8,90

Germania € 9,50
GBPPoste
6,00 Svizzera
8,90 –
C.T. Chf 8,40 USA/ UK
$ 12,00
Italiane /Chf
Sped.
C.T.
ChfD.L.
8,40353-03
USA $art.
12,00
Poste Italiane
/ Sped.
in A.P.
1, Comma
1 / Verona
CMP
in A.P. D.L. 353-03 art. 1, Comma 1 / Verona CMP

DICEMBRE 2015
€ 3,90 IN ITALIA

SCOPRIRE E CAPIRE IL MONDO

Ambiente

I DIECI MODI
HI-TECH PER
SALVARE IL CLIMA

Nella mente
del leccapiedi

COMPORTAMENTO

278

La Sindone è autentica? Si riapre il caso
IL GRAN PREMIO DEI DRONI

Come realizzare il più grande sogno dell’umanità

IN VIAGGIO
NEL TEMPO

Società

PROFESSIONE:
SUPER MANGIONE

La buona
notizia

Tom Harris

Abitare
davvero
low-cost

Ecco la casa “100 euro”
È questo il prezzo al metro quadro di
un’abitazione innovativa progettata
da un’architetta messicana. I materiali?
Un mix di riciclo, elementi “poveri” e hi-tech.
Costa appena 6mila euro e
offre una superficie calpestabile di 63,35 metri quadrati:
sono i numeri della Vivienda
Popular, il prototipo di una
casa rivoluzionaria presentata all’ultima Biennale di
Architettura di Chicago
(Stati Uniti). Il progetto,
ideato dall’architetta
messicana Tatiana Bilbao,
vuole essere una risposta al
problema demografico che
da anni affligge il Messico,
dove la popolazione cresce in
modo ultrarapido (120

milioni gli abitanti, attualmente) e i prezzi delle case
sono inaccessibili per la
maggior parte delle persone
(53 milioni di poveri, di cui
11 in condizioni estreme),
al punto che secondo alcuni
calcoli, servirebbero 9
milioni di nuove case
popolari.
I MATERIALI. La proposta

di Bilbao è quella di un’abitazione dall’aspetto gradevole,
facile e veloce da costruire
(a Chicago è stata realizzata

in tre settimane sotto gli
occhi degli organizzatori) e
che, soprattutto, faccia largo
uso di materiali low-cost: da
quelli tradizionali (per
esempio i blocchi di adobe,
un impasto di argilla e paglia
essiccato al sole) a quelli più
hi-tech (tra cui il panel-w,
polistirolo rinforzato da
un’armatura in acciaio) senza
ovviamente trascurare quelli
di riciclo (come i bancali in
legno normalmente impiegati nei magazzini per appoggiarvi i materiali).

63

La superficie, in metri
quadrati, della Vivienda
Popular: 20 in più del minimo
stabilito per legge in Messico.

SODDISFATTI. Il tutto è
disposto in una struttura modulare – con due camere da
letto, soggiorno, cucina e
bagno – che, all’occorrenza,
può essere facilmente
modificata e ampliata.
Il prototipo appena presentato, in realtà, non è l’unico
esistente: in Messico sono
state costruite già venti
abitazioni e, rispetto a chi
abita in case popolari
tradizionali, chi ci vive si
dichiara entusiasta.
Roberto Graziosi

Dicembre 2015 Focus | 3

DICEMBRE 2015 NUMERO 278

LINK ATTIVO
Vuoi scaricare
Gratis
la raccolta di Focus
2015

Scoprire e capire il mondo

DOSSIER

19

81

IN VIAGGIO NEL TEMPO

82

CI VEDREMO MILLE ANNI FA
Viaggiare nel tempo era solo
fantascienza. Ma Einstein...

88

NEL TUNNEL TEMPORALE
Come si costruisce una macchina
del tempo.

93

UN INTRUSO IN MEZZO A NOI
Cronoviaggiatori dal futuro.

Perché l’umanità
è aggressiva?
Uno studioso
ha cercato la
risposta sul ring

Salviamo il pianeta Terra

Salute

NON MANGIATE QUELLA SALSICCIA!���������������������������������������������14
L’Organizzazione mondiale della sanità dice che le carni lavorate sono cancerogene, e
probabilmente anche le carni rosse. Che cosa significa? E che fare per ridurre i rischi?

Ambiente

pag. 17

SALVIAMO IL PIANETA TERRA��������������������������������������������������������19
La sfida della Conferenza sul clima di Parigi: fermare il riscaldamento globale. Come
fare? Ecco i progetti più avanzati, curiosi, innovativi.

Architettura

RIPARTE LA SFIDA AL CIELO����������������������������������������������������������26
Riprende la costruzione della Sagrada Família di Barcellona. Alla basilica manca ancora,
tra l’altro, una torre di 170 m che ne farà l’edificio religioso più alto d’Europa.

Comportamento

LA STRATEGIA DEL LECCAPIEDI����������������������������������������������������32
Lo disprezziamo perché è bugiardo e manipola gli altri. Eppure, dice la scienza,
l’adulazione è fondamentale: garantisce la civiltà e la convivenza pacifica. Ecco come.

Inchiesta

SERGENTE FIDO A RAPPORTO�������������������������������������������������������38
Catturano malviventi, fiutano mine e persino le malattie dell’uomo. Imprese per le quali i
cani dell’esercito sono addestrati fin da cuccioli. Come? Dove? Vediamo.

Sport

I DRONI CORRONO IL GRAN PREMIO���������������������������������������������46

Società

PER FAME O PER FAMA?����������������������������������������������������������������52
Mangiano fino a scoppiare... ma non scoppiano. Viaggio nel mondo dei competitive
eater e dei professionisti dell’abbuffata.

Getty Images

Li abbiamo visti scattare foto o consegnare posta. Ma ora i multicotteri regalano
emozioni più forti, portandoci in gara in prima persona.

102

In copertina, dall’alto in basso e da sinistra a destra: Stefano Dal Pozzo/Contrasto; Getty Images + Shutterstock (4), elaborazione grafica di Chiara Scandurra; Corbis/Contrasto; Shutterstock; Getty Images.

Un cervello da paura

Dicembre 2015 Focus | 5

71
Prisma

Scienza

VIVIAMO IN UNA “BOLLA” DI BATTERI��������������� 58
Ognuno di noi è circondato da una nuvola personale di microbi.

Spazio

PERCHÉ ANDREMO SU MARTE������������������������� 64

Guida a colori
e temi di
questo numero

Tutto sulla più grande impresa umana mai tentata.

Ambiente
Animali
Natura

Scienze sociali

È NORMALE CHE...?������������������������������������������� 96
... dimentichiamo le cose, parliamo da soli, pensiamo sempre al
sesso? Sì, ma entro certi limiti. Che a volte non è facile definire.

SEZIONI
71 Prisma

Animali

UN CERVELLO DA PAURA�������������������������������� 102

128 Domande & Risposte

I corvi costruiscono strumenti, praticano lo sport di gruppo e
organizzano riti funebri... Altro che uccelli “del malaugurio”!

147 MyFocus

Mistero

153 Relax

Nuove analisi del Dna ricostruiscono la storia del sudario di Gesù.

157 Giochi

Trasporti

161 Mondo Focus

SINDONE: IL CASO NON È CHIUSO������������������ 114

IL POPOLO DEL MARE������������������������������������� 120

Salute
Scienza
Spazio

Architettura
Trasporti

Navi e barche? Concentrati tecnologici, a partire dalla sagoma.

Comportamento
Inchiesta
Scienze sociali
Società

Scienza

SEI UN TIPO DA IPNOSI?���������������������������������� 134
L’ipnosi non è per tutti. Ecco chi e perché è suggestionabile.

Natura

MERAVIGLIE SOTTO GHIACCIO������������������������ 140
L’Artico resta uno dei luoghi più affascinanti del pianeta.

140

Mistero
Sport

Perché
andremo
su Marte

pag. 64

RUBRICHE
Il fascino
del Grande Nord

3

La buona notizia

8 Flash

L’INVITO ALLA LETTURA DEL DIRETTORE

Due gradi centigradi. In questo piccolo
valore è racchiusa la più grande sfida
della Storia. È il massimo aumento di
temperatura accettabile dal pianeta
nel XXI secolo, per evitare la catastrofe
ambientale. Obiettivo, come vi diciamo da
pag. 19, che sarà raggiunto soltanto se tutti i
terrestri lavoreranno insieme.
Jacopo Loredan
6 | Focus Dicembre 2015

17 L’intervista
78

Come funziona

108

Visioni dal futuro

Ci trovi anche su:

108 Visioni dal futuro
111 Cinema
113 Osservatorio

www.focus.it

ENGIE

Tutti i colori
dell’energia
Educazione
Innovazione
Gender Balance
Ambiente
Solidarietà
Sport

Siamo protagonisti dell’energia, presenti nei settori chiave
del gas, della produzione e vendita di elettricità
e nella fornitura di servizi di efficienza energetica.
Ma la nostra energia alimenta anche il nostro impegno:
educazione, innovazione, gender balance,
salvaguardia dell’ambiente, solidarietà, sport.
Scoprilo su www.gdfsuez.it/impegno.

Flash
Lotta
digitale

8 | Focus Dicembre 2015

Questi signori, all’apparenza
un po’ su di giri per
qualche boccale di birra di
troppo, in realtà si stanno
sfidando a una gara molto
antica. Si tratta di un vero
e proprio campionato
di lotta con le dita, in
tedesco Fingerhakeln,
simile a “braccio di ferro”,
che si svolge ogni anno a
Garmisch-Partenkirchen, in
Germania. Sport tradizionale
in Baviera, si dice risalga
al 17° secolo, quando la
Germania Meridionale e la
vicina Austria lo usavano
per risolvere pacificamente
le controversie.

Dicembre 2015 Focus | 9

Getty Images

DITA DI FERRO

Flash
Lotta
nel fango

10 | Focus Dicembre 2015

Due lottatori (pehlwan) di
kushti, una forma di lotta
indiana, si affrontano in
una palestra a Noida, in
India. Come da tradizione
si battono nel fango vestiti
soltanto con un perizoma
(langot). La formazione degli
atleti avviene nelle akhada,
scuole dove si insegna
questa antica arte marziale.
Il “ring” è una fossa di argilla
mischiata a sale, limone e
ghee (burro chiarificato).
Prima di affrontare l’incontro,
i lottatori si cospargono il
corpo con la terra per evitare
di scivolare o di perdere la
presa a causa del sudore.

Dicembre 2015 Focus | 11

Reuters/Contrasto

ARTE ANTICA

Flash
Lotta
nomade

12 | Focus Dicembre 2015

ONORE E FORZA

Contrasto

Due lottatori di bökh, una
lotta tradizionale mongola,
ripresi lo scorso agosto
durante la decima edizione
dei Giochi Nazionali
tradizionali delle minoranze
etniche della Cina, a Ordos,
nella Mongolia Interna (che
si trova in territorio cinese).
Bökh in lingua mongola
significa forza e durevolezza.
Nella foto, i due lottatori
in azione indossano la
jangga, una specie di grossa
collana, simbolo d’onore.
Si combatte in un torneo
a eliminazione diretta che
dura nove o dieci cicli.

Dicembre 2015 Focus | 13

TORNA ALL'INDICE

2015

Focus Gennaio 2015 .......................................... Download clicca qui
Focus Febbraio 2015 ......................................... Download clicca qui
Focus Marzo 2015 ............................................. Download clicca qui
Focus Aprile 2015 ............................................. Download clicca qui
Focus Maggio 2015 ........................................... Download clicca qui
Focus Giugno 2015 ........................................... Download clicca qui
Focus Luglio 2015 ............................................ Download clicca qui
Focus Agosto 2015 ........................................... Download clicca qui
Focus Settembre 2015 ...................................... Download clicca qui
Focus Ottobre 2015 .......................................... Download clicca qui
Focus Novembre 2015 ...................................... Download clicca qui
Focus Dicembre 2015 ....................................... Download clicca qui
SEGUE PAGINA clicca qui

Guida per il Download

TORNA ALL'INDICE

Esempio

1) Digitare il codice captcha nel riquadro Your Answer e premere Submit

2) Ciccare il link nel riquadro Live Link

3) Ciccare sul simbolo download

4) Ciccare su scarica comunque.... buona lettura!

Salute

NON MANGIATE
QUELLA SALSICCIA!
L’Organizzazione mondiale della sanità
dice che sono sicuramente cancerogene
le carni lavorate, e probabilmente anche
le carni rosse. Che cosa significa? E che
cosa fare per ridurre i rischi al minimo?

Classificazione dei gruppi di cancerogenicità dello Iarc (International Agency for Research on Cancer)

OMS

PANCETTA

GRUPPO 1

SALSICCE E WÜRSTEL

CAUSA TUMORI

GRUPPO 1

SALUMI

GRUPPO 2A
PROBABILMENTE
CAUSA TUMORI

SUINI

BOVINI

Le carni lavorate sono
state classificate nel

OVINI

Le carni rosse sono
state classificate nel

GRUPPO 2A

GRUPPO 2B
POSSIBILE
CAUSA DI TUMORI

MA FRA LE SOSTANZE CHE
POSSONO CAUSARE TUMORI
CI SONO GRANDI DIFFERENZE

GRUPPO 3
NON CLASSIFICABILE
COME CAUSA DI TUMORI

Nel mondo il fumo causa 1.000.000 di morti l’anno.

GRUPPO 4
PROBABILMENTE
NON CAUSA TUMORI
L’alcol 800.000 morti.

OM

OM S

S

L’inquinamento
200.000 morti.

50 GRAMMI
AL GIORNO
di carni conservate
AUMENTANO DEL 18%
il rischio di tumore a
stomaco, colon ecc.

14 | Focus Dicembre 2015

100 GRAMMI
AL GIORNO
di carni rosse
AUMENTANO DEL 17%
il rischio di tumore a
pancreas, prostata,
colon.

La carne rossa (bovini,
suini, ovini, caprini,
equini) 50.000 morti.
La carne conservata
(carni salate, fermentate,
affumicate) 34.000 morti
(meno della rossa perché
se ne consuma meno).

QUANTA NE
CONSUMIAMO NOI?
Il consumo settimanale medio di
carni rosse è di 300 grammi e di
carni lavorate è di 250 grammi.

LA SITUAZIONE
E QUANTA NE DOVREMMO
IN ITALIA
CONSUMARE?

La revisione del 2002 delle Linee guida
nazionali (Inran) invita a limitare il consumo
di carni rosse e conservate. Concede:

Il consumo maggiore di carni
rosse è nel Nord-Ovest, dove
le femmine ne mangiano:

2 PORZIONI
A SETTIMANA
(140-200 grammi)
di carni rosse;

360 GRAMMI
ALLA SETTIMANA

e non più di

Mentre i maschi
ne consumano:

1 PORZIONE
A SETTIMANA

400 GRAMMI
ALLA SETTIMANA

(50 grammi) di carni
trasformate
o conservate.

A
IT

LI

A

SEGUIRE LE
LINEE GUIDA
È UTILE.
ECCO PERCHÉ

Fonte: Farchi S., Lapucci E., Michelozzi P.,
Epidemiologia & Prevenzione 2015:
39: 308-313.
Infografica di Francesca Patuzzi.

Adeguarsi alle Linee guida (sopra) equivale
a diminuire dell’80% il consumo di carni
trasformate e del 50% quello di carni
rosse, con una riduzione complessiva di
2.168 decessi l’anno da tumore del colon e
benefici per l’ambiente.

-80%
-50%

DI CARNI
TRASFORMATE
DI CARNI
ROSSE

-1.193
-975

DECESSI DA
TUMORE
AL COLON
DECESSI DA
TUMORE
AL COLON

I VANTAGGI PER L’AMBIENTE
Ogni kg di carne bovina prodotta è responsabile di 18,7 kg di CO2
equivalenti (unità di misura che pesa tutti i gas serra).

-50%

di consumo di carne bovina

- 5.000 Gg di CO2 equivalenti
(1 Gg = 1.000.000 di kg)

Dicembre 2015 Focus | 15

by

La migliore Videosorveglianza domestica
in tempo reale dal tuo smartphone e tablet.

Videocamera Wi-Fi Motorizzata DCS-5222L by D-Link
Risoluzione HD • Motore per rotazione obiettivo da remoto • Rilevamento movimenti con notifiche push
Visione notturna ad infrarossi • Slot per scheda Micro SD per archiviazione registrazioni (scheda non inclusa)

Dal 26/11 al 31/12 la trovi in offerta a

149,99 € anziché 199 €

solo nei negozi
mydlink™ è un servizio cloud totalmente gratuito e non prevede alcun costo di gestione né alcun
canone mensile. Per utilizzare la videocamera di sorveglianza è sufficiente avere un router Wi-Fi a casa.
Scarica ora l’app gratuita
mydlink Lite

Installa la videocamera in pochi semplici passaggi associandola al tuo router Wi-Fi,
crea il tuo account gratuito mydlink™ e sei subito pronto per scoprire in tempo reale
cosa succede nella tua proprietà anche quando non sei a casa!
Per saperne di più visita www.dlink.com/mydlink

Perché l’umanità
è aggressiva?

L’intervista
di

Jonathan
Gottschall
Quando la
ricerca usa
i pugni per
capire l’uomo

Uno studioso a metà tra scienza e letteratura
è salito di persona su un ring per studiare
la violenza nella società umana. E ha scoperto
che è tutt’altro che inutile o dannosa.

1

Nei suoi libri più noti lei si è occupato di
evoluzione e letteratura. Che cos’hanno a
che fare le arti marziali, di cui lei parla nel suo
ultimo libro, Il professore sul ring, con queste
discipline?

Redux/Contrasto

Non mi considero un vero studioso di letteratura, ma uno che indaga la natura umana e usa
la letteratura. Nei miei libri precedenti ho usato una prospettiva evolutiva per capire l’attrazione umana per il racconto. In questo ho applicato la stessa prospettiva per capire il ruolo
della violenza nella storia dell’uomo.

Biografia
Laureato in letteratura, ha
ottenuto il Ph.D con
l’evoluzionista americano
David Sloan Wilson, che gli
ha instillato l’interesse per
lo studio dell’uomo
attraverso l’evoluzione.
Il suo ultimo libro, Il
professore sul ring (Bollati
Boringhieri), parla della
violenza nella società.
È ricercatore al
Dipartimento di inglese
del Washington &
Jefferson College
in Pennsylvania (Usa).
Nel suo primo libro, The
Rape of Troy, descrive
l’Iliade in termini evolutivi;
il conflitto sarebbe
causato dalla mancanza di
donne con cui sposarsi.
Il suo libro più famoso,
L’istinto di narrare (Bollati
Boringhieri, 2014), parla
della letteratura come
adattamento evolutivo.
È sposato e ha due figli.

2

Possiamo paragonare i combattimenti di
maschi contro maschi alle forme di lotta
che avvengono nel regno animale durante le
dispute territoriali o di corteggiamento?

È l’idea principale del libro. In molti hanno
visto i documentari in cui grossi maschi di elefanti di mare combattono, o dove due stambecchi si colpiscono con le corna: è quello che
i biologi chiamano combattimento ritualizzato. Molte specie hanno inventato metodi per
decidere chi sia più forte senza combattere
fino alla morte. Io penso che la stessa cosa sia
vera per l’uomo. Siamo molto complicati, ma
in fondo siamo sempre animali. E i combattimenti rituali, dai duelli mortali a quelli verbali, dai litigi davanti a scuola a quelli sportivi,
hanno la stessa funzione. Se non ci fossero, il
mondo sarebbe più oscuro e più violento.

3

Quali sono le domande cui cercava di rispondere con le arti marziali, sia dal punto
di vista personale sia da quello teorico?

Volevo esplorare il ruolo della violenza nella
vita umana, comportandomi in modo violento! L’ho studiata in altri momenti della mia
vita (il mio primo libro, The Rape of Troy - Evolution, Violence, and the World of Homer, trattava la storia e la scienza della violenza) ma
non avevo esperienze personali. Per questo mi
sono iscritto a un club di “arti marziali miste”
e alla fine dell’allenamento ho fatto un vero
combattimento “nella gabbia”, di quelli con
poche regole, se non quella di abbattere l’avversario. Solo dopo aver sonoramente perso
mi sono messo a scrivere questo libro. Il com-

battimento (uno solo!) è stato uno sforzo per
capire la violenza dall’interno, cosa significhi
subirla e infliggerla agli altri.

4
Nel passato sono esistite società pacifiche, ma

Pensa che le società antiche fossero più
violente di quelle odierne?

penso sia ormai un fatto assodato che i secoli
recenti abbiano visto un netto declino della
violenza (pur tenendo in considerazione le
guerre mondiali). La probabilità di morire per
atti violenti in una società occidentale è bassissima; le prove che lo studioso Steven Pinker
ha raccolto nel suo libro più recente, Il declino
della violenza (Mondadori), sono definitive.

L’aggressività ritualizzata
crea e mantiene gerarchie
stabili tra i maschi, anche
nella società umana
Anche se è necessario dire che le società moderne hanno solo cercato di indirizzarla verso
forme meno aggressive.

5

Credo che la nostra biologia tenda a spingere i maschi l’uno contro l’altro per stabilire una gerarchia. La cultura invece è più pacifica. Lei sentiva queste due spinte prima e
durante i combattimenti?

Veramente no. La vera stranezza del combattimento sportivo è che ci si sente limitati. Nelle palestre la violenza è consensuale, e c’è
un’aura di rispetto. Tutti sanno che, una volta
fuori dalla palestra, le leggi tornano a valere.

6
I miei lavori su evoluzione e letteratura mi
hanno spinto fuori dall’ambiente accademico!
Che cos’ha in serbo per il futuro?

E scrivere Il professore sul ring è stato quasi un
suicidio fisico e professionale. Ora sto cercando di scrivere romanzi; ho sempre pensato di
avere dentro di me un romanzo o due.

Marco Ferrari

Dicembre 2015 Focus | 17

L a p a r o l a Z AC A PA e i l l o g o a s s o c i a t i s o n o m a r c h i r e g i s t r a t i © R u m C r e a t i o n & P r o d u c t s , I n c . 2 0 1 5

DRINKIQ.com

BEVI RESPONSABILMENTE

La sfida della
Conferenza sul clima
di Parigi: fermare
il riscaldamento
globale. Come fare?
Ecco i progetti più
avanzati, curiosi,
innovativi.

Salviamo
il pianeta Terra

N

on più di 2 °C: è l’aumento
massimo che noi (e il pianeta)
ci possiamo permettere. Ed
è questa la sfida della Conferenza sui cambiamenti climatici delle
Nazioni Unite (Cop 21), a Parigi, tra il
30 novembre e l’11 dicembre: arrivare a
un accordo internazionale per limitare
il riscaldamento globale a 2 °C in più nel
2100, rispetto all’era preindustriale. Perciò, gli inviati di governi, associazioni e
industrie discutono su come limitare le
emissioni di anidride carbonica e altri
gas serra che scaldano la Terra.

COMPROMESSO. La soglia dei 2 °C è conMarco Paternostro

siderata un compromesso accettabile:
tra la necessità di evitare una catastrofe
ambientale e le esigenze dello sviluppo (a
emettere CO2 sono industrie, auto, centrali elettriche...). Ma bisogna agire ora.

ORTI URBANI.
Un progetto dell’Università
di Toronto per testare diversi
tipi di vegetazione.

«Se si riuscisse a raggiungere un accordo
a Parigi e una riduzione importante delle
emissioni da parte dei principali Paesi
emettitori, si potrebbe avere una buona
probabilità di mantenere un aumento
entro i 2 °C», dice Sergio Castellari,
dell’Istituto Nazionale di Geofisica e
Vulcanologia a Bologna. Perciò serve un
impegno concreto. E uno sforzo tecnologico per trovare nuove fonti di energia,
“pulire” le esistenti, assorbire i gas serra.
Qui vi presentiamo progetti, prototipi,
sistemi avviati. Nessuno, da solo, salverà
il pianeta. Ma le strade da percorrere,
come si vede, possono essere molte.
Marco Ferrari

I prati sul tetto
VERDI. Anche piccoli cambiamenti
nella nostra vita servono. Iniziando
dai tetti: perché non coprirli di
vegetazione? I “tetti verdi” frenano
le perdite di calore in inverno e
combattono la calura in estate,
riflettendo i raggi solari e per effetto
dell’evaporazione. Così si consuma
meno energia. A Chicago ne sono
stati creati 500.000 m2; in Germania
il 12% dei tetti piatti sono verdi e il
settore cresce del 15% l’anno.

Sandy Nicholson

Ambiente

20%

SPECCHI.
La centrale di Ivanpah fornisce
energia a 140.000 case negli Usa.

Corbis/Contrasto

La percentuale minima
di energie “verdi”, se
vogliamo che l’aumento
di temperatura rimanga
sotto i 2 °C.

Il Sole al centro
PRONTA. L’80% dell’energia che
usiamo potrebbe essere generata
dalle fonti rinnovabili, secondo un
rapporto di 120 studiosi dell’Ipcc.
Per esempio, useremo sempre più
il Sole per produrre elettricità. In
due modi. Con pannelli fotovoltaici
– che convertono l’energia solare in
corrente, usati nelle centrali o nelle
nostre case – o con sistemi a
concentrazione solare: in questi,
una serie di specchi riflette i raggi
verso una caldaia centrale, dove
l’acqua bolle e produce vapore che
aziona una turbina; il più esteso
impianto di questo tipo è la
centrale solare termica di Ivanpah,
nel deserto del Mojave, Usa (sopra).
Uno studio dell’Agenzia
internazionale dell’energia prevede
che nel 2050 queste due tecnologie
ci daranno il 27% dell’elettricità
(rispettivamente il 16% e l’11%).

20 | Focus Dicembre 2015

Le soluzioni più concrete: le energie
rinnovabili. Nel 2050 potremmo
ricavare dal Sole il 27% dell’elettricità
Ammoniaca (vapore)

Turbina

Evaporatore

Condensatore

CENTRALE OFFSHORE.
Una centrale galleggiante,
a poca distanza dalla
costa, potrebbe
alimentare in futuro
120.000 case.

Ingresso
acqua fredda

Ingresso
acqua calda
Acqua di ritorno
al mare

Cavo elettrico

Ammoniaca
(liquida)

CORRENTE DAGLI OCEANI
Possiamo ricavare energia sfruttando la
differenza di temperatura tra superficie e
profondità oceaniche: è ciò che fa l’impianto
della Makai Ocean Engineering, alle Hawaii.
Il sistema (sopra) usa un liquido con
basso punto di ebollizione, l’ammoniaca,
scaldato usando acqua a 25 °C presa dalla
superficie marina; l’ammoniaca diventa
vapore, muove una turbina e genera
energia. Poi, con acqua fredda dalle
profondità, la si fa tornare liquida.

IN SUPERFICIE.
A pochi metri
di profondità, nelle
zone tropicali,
l’acqua è a 25 °C.

IN PROFONDITÀ.
A circa 1.000 metri
di profondità,
l’acqua è a 5 °C.

Vortex Bladeless

CENTRALE A TERRA.
Per ora è stata inaugurata
una centrale sulla terraferma,
che pesca l’acqua da diverse
profondità dell’oceano:
alimenta 120 case. È prevista
una centrale al largo (a sin.
nel disegno), più potente.

PALO OSCILLANTE
Gli impianti eolici nel mondo
hanno una capacità di circa
370 gigawatt (più 16%
dall’anno precedente). La
maggior parte hanno pale
rotanti, accusate però di
uccidere uccelli e pipistrelli.
Un’azienda spagnola ha
creato così un prototipo di
turbina senza pale, Vortex
(sopra e a lato). È costituita
da una base (1), un sistema
per la generazione di energia
(2) e un “palo” (3) che oscilla.
Si tratta di un cono studiato
per essere “scosso” dai
vortici prodotti dal vento
attorno a un ostacolo. Un
alternatore lineare converte
tale movimento in elettricità.

2

1

Dicembre 2015 Focus | 21

Marco Paternostro

Makai Ocean Engineering (2)

3

50%
L’obiettivo del calo della
deforestazione nel 2020,
secondo la New York
Declaration on Forests.

Marco Paternostro (3)

CON L’AIUTO DEI DRONI
La società BioCarbon Engineering
vuole combattere la deforestazione
con i droni (nella pag. accanto). Prima
questi monitorano l’area disboscata e
creano un mappa, poi altri apparecchi
sorvolano la zona e rilasciano capsule
biodegradabili contenenti semi degli
alberi e nutrienti. I droni piantano fino
a 36.000 semi al giorno, a un costo
molto inferiore ad altri metodi.

1Telecamere
Un progetto
in Brasile
combatte
il taglio illegale.
22 | Focus Dicembre 2015

L’hi-tech anti-deforestazione
ALBERI PREZIOSI. La deforestazione ai Tropici immette 1,5 miliardi di t di CO2
l’anno: gli alberi abbattuti non solo smettono di “assorbire” CO2, ma se bruciati
o lasciati marcire la rilasciano in atmosfera. Per difendere le foreste (sopra, in
Brasile), ci sono metodi hi-tech (sotto). Greenpeace ha affiancato il popolo
indigeno dei Ka’apor, in Brasile: hanno installato telecamere con sensori termici
e di movimento per individuare le invasioni della riserva da parte dei taglialegna
(1). L’analisi del Dna dei tronchi può poi accertare se il legno viene da aree
protette (2). E la creazione di mappe online, col progetto Global Forest Watch,
derivate da osservazioni da satellite permette di seguire ogni singola area (3).

2 Identificazione
È possibile
sapere l’origine
dei tronchi dal
loro Dna.

3 Satelliti
Global Forest
Watch osserva
le aree verdi
dallo spazio.

Alimentati a... rifiuti

Reuters/Contrasto

Getty Images

COLPEVOLI! Combustibili fossili come petrolio e
carbone, usati sia per produrre elettricità sia per i
trasporti, sono i maggiori responsabili delle
emissioni di CO2. Le alternative? Per esempio,
combustibili ottenuti dai rifiuti: si sfrutterebbero così
scarti agricoli, commerciali o industriali.

Biodiesel e
bioetanolo sono
il 3,4% dei
combustibili
per trasporto
su strada.

WHISKY NEL MOTORE
Si può estrarre combustibile
anche dagli scarti della
produzione del whisky. Martin
Tangney (a sin.), della Edinburgh
Napier University, ha ricevuto
fondi per costruire un impianto
da 1 milione di litri all’anno di
biobutanolo (che ha una
potenza del 30% superiore
all’etanolo), ottenuti da residui
di malto scartati dalle distillerie.

BioCarbon Engineering

Stop al taglio delle foreste: sono preziosi “serbatoi”
di anidride carbonica, che viene assorbita dalle piante

TUTTO DA SOLI.
Semina automatica della BioCarbon
Engineering: le capsule coi semi sono
rilasciate dai droni, da un’altezza di 3 m.

Dicembre 2015 Focus | 23

RICICLATA PER L’INDUSTRIA
L’anidride carbonica si può recuperare e usare in molti modi. Anche
guadagnandoci. Per esempio si può impiegare nell’estrazione del petrolio: è
immessa ad alta pressione nei pozzi per “spingere” fuori il liquido rimasto. Si può
poi utilizzare per produrre metanolo, o altre sostanze chimiche. Ed è stato
provato un impiego particolare: produrre bibite gasate. Ci sono i primi impianti
che puntano a “rivenderla”: come il Capitol SkyMine, in Texas, che “pulisce”
dalla CO2 i gas di un cementificio producendo poi varie sostanze, come il
bicarbonato di sodio (per esempio, per usi alimentari o prodotti per la pulizia).

Intrappolare il carbonio
RICERCHE. Le emissioni di anidride carbonica vanno limitate. Ma
se potessimo anche catturarla dall’aria, o dai gas di centrali e
industrie? La tecnologia non è perfetta, ma le ricerche sulla
“cattura del carbonio” procedono ovunque. E sono stati creati i
primi impianti: da quello sperimentale Global Thermostat, negli Usa,
per rimuovere la CO2 dall’aria, a quello installato su una centrale a
carbone canadese (v. a destra in basso). E poi? Ci sono esperimenti
per immagazzinarla in depositi profondi, o usarla nell’industria.

La scommessa
per il futuro:
catturare la
CO2 dall’aria o
dagli impianti.
E seppellirla

SEPOLTA NELLE ROCCE
Il metodo più sicuro per immagazzinare
l’anidride carbonica è iniettarla in rocce
profonde. Per esempio, nel basalto: è
quello che fa il progetto CarbFix, testato
in Islanda presso la centrale Hellisheiði.
La CO2 è iniettata con acqua nel basalto
(sotto): qui reagisce con la roccia e
forma calcite. Ora si stanno verificando
come procede la trasformazione (a
destra, il recupero di campioni). Un
progetto simile è in corso negli Usa.

24 | Focus Dicembre 2015

CO2

Calcite

The New York Times/Contrasto

Marco Paternostro (2)

Acqua

Desorbitore

Scrubber

Serbatoio
delle ammine

SaskPower, elaborazione di Marco Paternostro

Assorbitore

CATTURATA DALLA CENTRALE
La centrale a carbone di Boundary Dam, in
Canada, è diventata un po’ più pulita: è stato
installato un sistema che blocca la CO2 presente
nei suoi fumi. Così si abbassano le emissioni del
gas di un milione di tonnellate all’anno:
l’equivalente di togliere 250.000 auto dalle strade.
Il disegno raffigura un impianto analogo, usato per
i test, dello stesso gestore della centrale. Il gas
refluo della centrale è inviato allo scrubber, che lo
raffredda e ne estrae lo zolfo, e poi verso
l’assorbitore, dove reagisce con composti chimici
(ammine) che catturano la CO2. Il gas privo di
anidride carbonica esce dall’impianto e le ammine
sono mandate a un desorbitore: qui rilasciano la
CO2, recuperata per essere sepolta o usata.

Parigi:
12 giorni per
trovare un
accordo
fondamentale
per il futuro
della Terra (e
per il nostro).
Tutti gli
aggiornamenti
e i temi della
Conferenza sul
clima su:
www.focus.it/
parigi

Dicembre 2015 Focus | 25

Arctic-Images/Corbis

SPARATA
SOTTOTERRA.
L’impianto
geotermico
di Hellisheiði, in
Islanda. Qui è in
corso un progetto
per immettere
anidride carbonica
nelle rocce
sottostanti.

Architettura

David Ramos/Getty Images (7)

Sono arrivati
i soldi e riprende
la costruzione
della Sagrada
Família di
Barcellona. Alla
basilica manca,
tra l’altro, una
torre di 170 m.

RIPARTE
L               A SFID     A
AL CIELO

GIGANTE IN SCALA.
Il modello della Sagrada
Família posto davanti alla
basilica di Barcellona. In
ottobre è iniziata la fase
finale dei lavori alla chiesa.

Il pittore Salvador Dalí la definì una
“zona erogena tattile”. Ma la chiesa
non piace a tutti, neanche a Barcellona

LA FABBRICA DELLA BASILICA.
Sopra, la silhouette neogotica svetta sulla capitale catalana.
La prima pietra fu posta nel 1882. L’architetto Antoni Gaudí ne
seguì il progetto dal 1883 fino alla morte, nel 1926. Le prossime
opere? La sacrestia ovest, le torri centrali e la Torre di Gesù, alta
170 m. Ogni anno 3 milioni di turisti (a destra) visitano il tempio.

28 | Focus Dicembre 2015

ALMENO ALTRI
15 ANNI.
Tecnici al lavoro
sulla facciata della
Nascita di Cristo,
una delle tre della
basilica. Secondo
la “Fondazione
Sagrada Família”,
la chiesa potrà
essere completata
entro il primo terzo
del secolo.

CERCANSI
DONAZIONI.
L’interno della
chiesa. La velocità
dei lavori dipende
dall’afflusso
delle donazioni.
La basilica è stata
consacrata,
ancora non
conclusa,
nel 2010 da
Benedetto XVI.

Dicembre 2015 Focus | 29

FORESTA DI
PIETRA.
Sopra, il soffitto
della basilica. Le
colonne la fanno
somigliare a una
foresta incantata.
La chiesa, una
combinazione
di gotico e Art
nouveau, è
il capolavoro di
Gaudí e (a destra)
il monumento più
visitato di Spagna.

Alla fine, la Sagrada Família conterà
18 torri, di cui 6 sono ancora da costruire, e
sarà l’edificio religioso più alto d’Europa
30 | Focus Dicembre 2015

B.A.G. Spa

WWW.NEROGIARDINI.IT

INQUADRA IL QR CODE:
NEROGIARDINI TI
OFFRE IL VIDEO-MODA
DIRETTAMENTE SUL
TUO SMARTPHONE!

Comportamento

La strategia
del leccapiedi

Lo disprezziamo perché è bugiardo
e manipola gli altri. Eppure, dice la scienza,
l’adulazione è fondamentale: garantisce
la civiltà e la convivenza pacifica. Ecco come.

32 | Focus Dicembre 2015

Artit Fongfung/Shutterstock (2)

UN CAFFÈ?
In ufficio la
piaggeria si
esprime anche
portando il caffè
ai superiori.

I

n riunione, il direttore illustra i
progetti del 2016. Uno stagista alza
la mano e dice: “Che belle idee! Lei
è sempre un passo avanti a tutti!”.
Il direttore sorride compiaciuto, e
lo invita a mandargli le sue osservazioni via email. Invece di prendere a calci quel meschino adulatore...
Chi non ha mai vissuto una situazione
del genere? Gli adulatori fanno rabbia:
usano i complimenti per manipolare gli
altri, calpestando la verità e la giustizia,
oltre alla loro stessa dignità. Eppure, con
queste manovre, spesso riescono a ottenere ciò che vogliono (e non meritano):
“Il capo ha promosso quell’imbecille
solo perché dice sempre sì”, si sente dire.
Perciò gli incensatori sono definiti con
nomi carichi di disprezzo: leccaculo, lecchino, ruffiano, lacchè, signorsì, incensatore, untuoso... Quest’anno la Cassazione
ha ufficializzato che dare del leccapiedi
è un’ingiuria: “ha un’intrinseca valenza
mortificatoria della persona”. D’altra
parte, già Dante aveva piazzato gli adulatori nel penultimo cerchio dell’inferno
(dopo i tiranni, gli assassini, gli usurai).
Immersi nello sterco fino al collo.

POTERE E CORTE. Ecco perché oggi siamo più attenti: inventiamo nuovi modi di
elogiare perché quelli tradizionali sono
inflazionati e nessuno vuol essere giudicato un viscido calcolatore. Ma gli adulatori sono sempre esistiti: dall’antico
Egitto alle multinazionali, ovunque vi sia
una persona di potere, c’è una corte di
SLURP!
Nel lusingare i capi, gli
adulatori si umiliano: di qui
la metafora del leccapiedi.

Dicembre 2015 Focus | 33

DOTI AGGIUNTIVE.
Nei rapporti di lavoro non
conta solo la capacità, ma
anche la simpatia.

SOTTO I PIEDI.
Subire in silenzio: la
piaggeria comporta un certo
grado di autocensura.

lecchini che vogliono conquistarne una
parte. Ma la lusinga è solo un’attività riprovevole? Strano a dirsi, no. I sociologi
hanno dimostrato che la piaggeria serve
a mantenere la pace sociale: impossibile
immaginare un mondo senza sviolinate,
afferma Richard Stengel, oggi consigliere diplomatico di Barack Obama e autore
del recente Manuale del leccaculo (Fazi).
COME LE SCIMMIE. Ma perché gli adula-

MASCHERA GRADEVOLE.
La piaggeria è una gentilezza
di facciata: serve a rendere
più facili i rapporti con gli altri.

34 | Focus Dicembre 2015

tori hanno successo anche se mentono e
manipolano gli altri? Perché la piaggeria
aumenta le probabilità di sopravvivenza, dicono gli etologi. Basta guardare la
vita sociale degli scimpanzé: «Un mercato in cui si compra potere, sesso, affetto,
sostegno», dice il primatologo Frans de
Waal. Le scimmie, infatti, hanno diversi
comportamenti adulatori: le femmine
si concedono sessualmente quando vogliono cibo. E i maschi, quando si avvicinano a quello dominante, devono tenere
il capo chinato. A volte gli baciano i piedi,
gli offrono una foglia o un bastone o lo
spulciano; i più vicini hanno il discutibile privilegio di accarezzargli lo scroto in
segno di deferenza. In cambio, il “grande
capo” può concedere loro cibo o accesso alle femmine. Insomma, la riverenza
verso il maschio alfa non è diversa dal
bacio dei nobili egizi ai piedi del faraone.

Ma perché avviene questo? Perché nella foresta, come in una sala riunioni, la
piaggeria aumenta le possibilità di sopravvivere. Se un corpulento maschio
sta addentando un pezzo di carne, ci
sono due possibilità: o tentate di dargli
una botta in testa e rubargli il cibo, oppure provate a entrare nelle sue simpatie
sperando che non vi uccida e divida con
voi il pasto. Le tattiche indirette hanno la
meglio sulla forza bruta: sopravvive il più
ipocrita, non il più forte.
E questo vale ancor più per gli uomini:
mentre gli scimpanzé devono adulare facendo favori al capo, la nostra adulazione
costa poco perché è solo verbale. Ma per
entrambi ha un effetto biochimico: studiando i cercopitechi, lo psichiatra Michael McGuire ha scoperto che i maschi
dominanti hanno nel sangue livelli di serotonina doppi rispetto ai subordinati. È
la vista del comportamento sottomesso
dei subalterni a far salire questa sostanza, un neurotrasmettitore associato al
senso di felicità. La vera droga del potere
è l’adulazione degli altri.
CLASSI RIGIDE. La piaggeria prospera

nelle società divise in classi rigide, dove
c’è poca mobilità sociale: come quella degli Egizi. Per loro, l’unico modo di scalare
i gradini della società era ingraziarsi il fa-

Artit Fongfung/Shutterstock (4)

GIUDIZI DI PARTE.
Un capo è più vulnerabile
alle lodi: le vive come
conferma del proprio valore.

10 MODI PER LUSINGARE
CON SUCCESSO

1
raone. Nell’antica Roma, l’adulazione era
un mestiere: i potenti offrivano protezione a un “cliente” (un poeta, uno scrittore, un filosofo) che in cambio di vitto,
alloggio e soldi tesseva lodi dal mattino
alla sera. Un atteggiamento che i Greci
disprezzavano: a loro, inventori della
democrazia, «non garbava l’idea che alcuni si considerassero superiori e che altri si abbassassero davanti ai loro simili.
Perciò detestavano l’adulazione: la ritenevano una forma di autoumiliazione,
radicalmente antidemocratica», ricorda
Stengel. Anche perché chi ingannava il
popolo con false promesse (i populisti)
metteva a rischio la democrazia.
Ma i Greci furono un’eccezione. Fra il
1400 e il 1700, con la nascita dei sovrani assoluti, le corti europee divennero
una grande catena di piaggeria: «Ave-

La piaggeria è una
droga: vedere gli
altri sottomessi
alza la serotonina,
che dà felicità

vate sempre il sedere d’un superiore da
baciare e qualcuno di inferiore che ve lo
baciava», scrive Stengel. «Tranne il sovrano, che poteva guardare tutti dall’alto
in basso».
L’adulazione, insomma, era l’unico modo
di far carriera. E questo spiega il successo del Cortigiano (1528) di Baldassarre
Castiglione: un manuale che insegnava
i modi più efficaci di arruffianarsi i potenti. Pochi anni prima, invece, Niccolò
Machiavelli, nel Principe, aveva dato ai
sovrani il consiglio opposto: meglio incoraggiare i cortigiani a essere sinceri, per
non ricevere da loro consigli falsi.
PIAZZISTI. Questo pragmatismo trovò
terreno fertile in America, dove l’etica
protestante del duro lavoro non lasciava
spazio a complimenti superflui. Ma lo
scenario cambiò quando esplose il commercio: il successo di un piazzista non
dipendeva dal prodotto, ma da come lo
presentava. L’apparenza era tutto. Così
nel 1936 diventò un best seller il manuale di Dale Carnegie Come trattare gli
altri e farseli amici: si era scoperto che
il successo sul lavoro dipendeva poco
dalle conoscenze tecniche, ma molto di
più dall’abilità nei rapporti umani. In effetti, è molto più facile piacere agli altri
che convincerli delle proprie capacità.

Siate specifici: invece dei
complimenti generici (“Sei il migliore
chef!”) fate una lode circostanziata (“Mi
è piaciuto molto il tuo brasato”).
Non fate mai un complimento
chiedendo un favore (“Che bella
giacca! Hai 50 € da prestarmi?”): la lode
suonerebbe falsa.
Non esagerate (“Genio!”): desta
sospetti.
Siate originali: fate i complimenti a
Carlo Cracco per l’abbigliamento,
non per la sua cucina.
Non dite mai “Sei molto meglio di
quello che credevo”: non fa piacere
sapere d’esser stati mal giudicati.
Fate qualche piccola critica insieme
alle lodi: vi rende più credibili (“Il
timo era superfluo, ma l’arrosto era
eccezionale”).
In un nuovo rapporto, procedete
per gradi: all’inizio piccoli
complimenti, poi lodi sperticate
(sembrerete più sinceri).
Svelate un segreto o chiedete un
consiglio: sono atti che denotano
stima e fiducia in una persona.
Individuate una debolezza e lodate
la virtù opposta: elogiate un
taccagno per la sua generosità.
Solo chi è in una posizione di
potere può fare lodi smaccate:
se adulate chi sta in alto, fatelo in modo
più indiretto.

2

3
4
5
6
7

8
9
10

Dicembre 2015 Focus | 35

A CALCI.
Spesso chi lusinga molto
viene trattato male: è il
contrappasso dei ruffiani.

COME SMASCHERARE
UN ADULATORE

Artit Fongfung/Shutterstock

L’adulazione è pericolosa perché
rischia di farci considerare amici quelli
che non lo sono. Ecco perché è
importante distinguere i veri amici
dagli ipocriti: già nel I secolo d.C. il
filosofo greco Plutarco identificò 8
segni per smascherare un lecchino:

Sono più sensibili alle lodi le persone
di successo e gli uomini. Chi si stima
poco, invece, in genere è più dubbioso
E fra due persone di valore simile, farà
strada il più simpatico. Perciò è fondamentale piacere agli altri. E il segreto è
uno solo: non criticare. “Tutti hanno un
disperato bisogno di essere stimati”, diceva Carnegie. “E nessuno riesce a giudicarsi in modo obiettivo: anche Al Capone
si riteneva una brava persona. La critica
è sterile: mette le persone sulla difensiva
e le spinge a cercare giustificazioni. Ed è
pericolosa: ferisce l’orgoglio, fa sentire
impotenti e suscita risentimento”. Dunque, inutile tentare di cambiare gli altri;
conviene invece sfruttarne le debolezze.
È facile entrare nelle loro simpatie con
semplici trucchi: ascoltarli, fare complimenti, adularli con piccole attenzioni. Se
sorridi alla barista che prepara i panini,
ci metterà più prosciutto.
LUBRIFICANTE. Ma l’adulazione non è
solo una bugia strategica, per spremere
vantaggi da qualcuno, al lavoro o in amore (se i complimenti sono una manovra
per portare a letto qualcuno). Gli elogi
sono anche un lubrificante per mantenere la pace sociale, diceva il sociologo
Erving Goffman. I rapporti sociali, infatti, sono come un palcoscenico nel quale
l’obiettivo principale è non fare figuracce

36 | Focus Dicembre 2015

e avere rapporti pacifici con gli altri. Le
lusinghe servono proprio a questo. Se
incontrate una donna incinta, un collega
che ha avuto un lutto in famiglia, o un’amica che ha cambiato pettinatura, tacere
sarebbe interpretato come indifferenza, disprezzo o ostilità. Dunque meglio
rompere il silenzio con un elogio, anche
se solo di facciata: “Stai bene con quella
frangetta” (“Congratulazioni! Quando
nasce il bebè?”, “Condoglianze, se ne
vanno sempre i migliori”). E se qualcuno vi chiede un parere, meglio dosare la
sincerità, soprattutto se è spiacevole o
potenzialmente offensiva.
Esaminando centinaia di studi sull’adulazione, lo psicologo Randall Gordon
dell’Università del Minnesota ha riscontrato che elogiare ha quasi sempre effetti positivi: l’adulato si sente più capace e
l’adulatore più sicuro. Ci guadagnano entrambi. E, sorpresa, è più vulnerabile alle
lodi chi ha successo e autostima: infatti
interpreta gli elogi non come lusinghe
ma come dimostrazione d’intelligenza
da parte degli altri (“Rossi è proprio sagace a capire la mia inventiva”). Invece, chi
si stima poco tende a essere più scettico
(“Che cosa vorrà da me, con tutti quei
complimenti che mi fa?”).

• l’adulatore cambia idea appena la
cambiate voi;
• elogia voi più che le vostre azioni;
• usa spesso lodi di “terze persone”
(“Hai notato come ti guarda la
gente?”);
• è dispotico coi sottoposti e
indulgente con i capi;
• esprime affetto in modo formale
invece che con uno sguardo;
• quando gli chiedete un favore vi dirà:
“È già fatto” (un amico direbbe: “Se
posso lo farò”);
• cerca di allontanarvi dai vostri amici;
• essendo insicuro e asservito, è felice
anche se viene insultato.

Altra sorpresa, gli uomini sono più vulnerabili alla lusinga delle donne. E non tutti
i complimenti hanno la stessa efficacia: i
capi possono adulare i sottoposti senza
sembrare ipocriti, ma non vale il contrario. Gli elogi di un sottoposto, infatti, rischiano sempre di sembrare strumentali
o presuntuosi: meglio dire al capo che si è
d’accordo con lui, piuttosto che dirgli che
ha avuto “ottime idee”. Le lodi, insomma,
vanno mimetizzate.
RICONOSCIMENTI. E oggi? La fama è

tutto, e i complimenti sono inflazionati:
basta un minimo successo per definire
qualcuno visionario, genio, grandissimo.
E le grandi aziende si basano più sulla
collaborazione che sulla gerarchia, aggiunge Fred Luthans, docente di management all’Università del Nebraska, negli Usa. «La piaggeria fa parte del passato;
oggi c’è bisogno di riconoscimento», dice.
«Un capo non dice più “Stai facendo un
buon lavoro”, ma: “Ho visto che sei rimasto fino a mezzanotte”».
L’adulazione, insomma, diventa più sottile; invece di chiamare i lavoratori “dipendenti” oggi li si definisce “collaboratori”; e non li si “licenzia”: si “riducono
gli esuberi”. Se questo sia davvero un
progresso, giudicate voi. E, a proposito:
se mi avete letto fin qui, siete stati davvero troppo gentili.
Vito Tartamella

Value on your terms
Il primo tablet personalizzabile al mondo.
Intel, il logo Intel, Intel Atom e Intel Atom Inside sono marchi di Intel Corporation negli Stati Uniti e/o in altri Paesi.

Tecnologia ASUS Tru2Life per immagini accurate
nei colori, nei contrasti e nei dettagli
Audio di alta qualità e surround coinvolgente grazie
alla tecnologia DTS-HD® Premium Sound

Intel Inside®. Vivi un’esperienza straordinaria.
Scopri dove acquistare su www.zenpad.it

Garanzia esclusiva ASUS

Z300C/CG/CL

Z170CG

Z580CA

In caso di difetto tecnico nei primi 365 giorni dalla data di acquisto, il tuo ZenPad sarà riparato gratuitamente
e avrai diritto a un rimborso pari al prezzo di acquisto. In caso di danni accidentali, sarà sostituito con uno
ZenPad uguale o equivalente. Valida per ZenPad acquistati fino al 31 dicembre 2015.
Scopri di più su www.zencareplus.it.
Offerta soggetta a termini e condizioni, solo per acquisti effettuati in Italia da residenti in Italia e previa registrazione al sito dedicato (www.zencareplus.it).

Inchiesta

SERGENTE FIDO
A RAPPORTO

Roberto Caccuri/Contrasto (2)

UN FIUTO
ECCEZIONALE.
Due scatti nel
Centro militare
veterinario di
Grosseto: qui i cani
vengono addestrati
per la ricerca di
esplosivi, ma anche
per la diagnosi dei
tumori (che
scoprono
annusando l’urina).

Catturano malviventi, fiutano
mine e persino le malattie dell’uomo.
Imprese per le quali i cani dell’esercito
sono addestrati fin da cuccioli.
Come? Dove? Vediamo.
Dicembre 2015 Focus | 39

Tutti i cani del Centro sanno riconoscere
gli esplosivi, ma alcuni si specializzano in
altri compiti. Come diagnosticare i
tumori dell’uomo dall’odore dell’urina

H

anno lavorato tutte le notti,
dal primo maggio al 31 ottobre,
controllando ogni mezzo in entrata nell’area dell’Expo. Sono
stati in zone di guerra, in Afghanistan e
in Libano, per individuare bombe o mine
nascoste sottoterra e impedire che facessero vittime. Hanno catturato malviventi fiutandoli alla distanza, e alcuni sono
stati persino protagonisti di studi scientifici all’avanguardia, che volevano capire se il loro olfatto eccezionale potesse
essere utile alla medicina. Sono i cani
dell’esercito, circa 130 soldati specialissimi, dal pelo lucido e lo sguardo vivace.

40 | Focus Dicembre 2015

Il loro quartier generale si trova a pochi
chilometri da Grosseto, nella Maremma
più verde, fra pini imponenti e prati: quasi tutti nascono qui, nel Centro militare
veterinario, unico in Italia, che ospita
anche i cavalli dell’esercito e accoglie gli
animali che vanno in pensione.
UN AMORE SPECIALE. Al Centro i cani
sono addestrati e si preparano alle missioni, costantemente al fianco del loro
compagno umano (il “conducente”) al
quale sono accoppiati dall’età di pochi
mesi e dal quale non si separano mai.
«Lo guarda in continuazione, vede? Si-

gnifica che il rapporto funziona», mi
dice il tenente colonnello Carlo Guerrini, comandante del gruppo cinofilo, alludendo al cane che alza il muso e fissa il
militare di fronte a noi. Le straordinarie
performance di questi animali si basano
tutte sulla speciale relazione fra loro e il
conducente. A decidere di farne il cardine dell’addestramento è stato il tenente
colonnello Lorenzo Tidu, ufficiale veterinario, capo della Sezione di medicina
e diagnostica canina: «Esistono altri
metodi che non prevedono binomi così
stretti fra uomo e animale, ma funzionano meno bene», racconta. «Molti dei nostri cani vivono in casa con i loro conducenti e questo aumenta sia il benessere
sia la motivazione».
Il loro lavoro, infatti, non è facile: il caldo
e i terreni difficili delle zone di guerra, i
rumori improvvisi degli spari o quelli
forti di elicotteri e ambulanze, la confusione della folla, la difficoltà a riconoscere e segnalare uno specifico odore, fra i
tanti che la loro mucosa olfattiva perce-

Suggerimenti per Fido
REGOLE. Alcune delle tecniche usate con i cani dell’esercito possono essere
utili anche a chi ha un animale domestico. Soprattutto, sono validi i metodi usati
coi cuccioli, «la cui educazione deve rispettare le tappe naturali dello sviluppo»,
dice il maresciallo Denny Marconi, comandante di plotone. «Per esempio, fino a
6-7 mesi dare ordini è controproducente. Anche da noi, l’addestramento vero e
proprio inizia dopo». Ai cuccioli si insegna soprattutto a sentirsi a loro agio nei
diversi ambienti e a socializzare. «È importante per tutti i cani familiarizzare con
situazioni varie, per non esserne spaventati in futuro», dice l’esperto. Ci sono
poi alcune finestre temporali da sfruttare: «per esempio», prosegue Marconi, «se
si vuole che il cane abbia un buon rapporto con i gatti bisogna farglieli
conoscere fra la decima e l’undicesima settimana di vita». Purtroppo, però, gli
errori sono frequenti. «Fra i più comuni c’è quello di far dormire l’animale sul
letto, o farlo salire sul divano», dice il maresciallo. «In natura, fra i lupi, è
l’esemplare dominante a dormire in posizione elevata rispetto al branco e per i
cani quella collocazione ha lo stesso significato. Il risultato è che diventano
aggressivi e non permettono più ai proprietari di sedersi sul divano». Ma il torto
più grande che si può fare a un cane è assimilarlo a una persona. «Sono animali
meravigliosi, ma parlano un linguaggio diverso dal nostro», conclude Marconi.
«La cosa più bella che si può fare per loro è trattarli da cani, non da umani».

Roberto Caccuri/Contrasto (2)

GUERRA E PACE.
Ossy azzanna il caporal maggiore capo
Giovanni Orlando che fa il “cattivo”,
colui che viene catturato e morso.
Sotto, il tenente colonnello Lorenzo Tidu.

pisce in ogni istante, sono tutti motivi di
stress. «Per superarlo devono essere in
ottima salute e molto motivati; il gioco e
l’approvazione del loro compagno umano sono ciò che li spinge ad affrontare le
difficoltà», spiega il veterinario.
FIDUCIA TOTALE. L’attaccamento è reci-

proco. I soldati ricordano e festeggiano
il compleanno dei loro cani, li mostrano

con orgoglio, raccontano le loro imprese.
Soprattutto, si fidano di loro, come appare chiaro quando il primo caporal maggiore Michele Melis ci fa vedere come il
suo Okar, un pastore tedesco di 6 anni e
mezzo, trova le mine nascoste sottoterra.
Sei corridoi con diversi tipi di terreno,
larghi un metro e 20 centimetri, percorrono la tensostruttura in cui si svolge
la prova. Il cane indossa la pettorina, il
militare lo tiene al guinzaglio e cammina sui suoi passi, attaccato a lui. «Qui
usiamo mine vere, che però non possono
esplodere; i cani sono addestrati a riconoscere i 7 principali tipi di esplosivo»,
mi informa la tenente Roberta Macculi,
vice comandante della compagnia cino-

fila del Genio. Nelle zone di guerra però
le mine esplodono; se l’animale fallisse,
a saltare in aria sarebbero in due. Melis e
Okar sono stati due volte in Afghanistan,
per periodi di sei mesi. «I cani sono usati
per ispezionare i mezzi che entrano nelle
basi, per trovare bombe, o per perlustrare
gli itinerari che saranno poi attraversati
dai convogli militari», spiega la tenente.
Intanto Okar percorre il corridoio con
il terriccio fine e giallastro, come quello
afghano. All’improvviso si ferma, è teso.
Fissa un punto preciso e resta immobile.
Lì sotto c’è la mina.
MEGLIO DI UN DOTTORE. Tutti i cani
del Centro sono addestrati a riconoscere
gli esplosivi. Alcuni poi si specializzano
anche in altri compiti e recentemente in
due sono stati utilizzati per uno studio
scientifico, volto a capire se sia davvero
possibile usare l’olfatto di questi animali
per diagnosticare i tumori.
L’idea è di Gian Luigi Taverna, urologo dell’Istituto Humanitas di Rozzano
(Milano): «Alcuni studi pilota condotti
in passato suggerivano che i cani sono in
grado di riconoscere certi tumori. Abbiamo verificato che è effettivamente così,
con una ricerca più ampia centrata sul
tumore della prostata, la cui diagnosi,
con i metodi oggi disponili, è ancora piuttosto complessa», racconta. In tre anni,
Liù e Zoe, due pastori tedeschi, hanno
esaminato oltre mille campioni di urina
alla ricerca delle molecole che indicano
la presenza del tumore, riuscendo a individuare con esattezza quelle prove

Dicembre 2015 Focus | 41

Roberto Caccuri/Contrasto

RICOMPENSA.
Obiettivo raggiunto?
Il cane va premiato. Così il caporal
maggiore capo scelto Gianluca
Cicchella gioca con Zagor.

La sensibilità dei
cani agli odori è
sopraffina: la loro
mucosa olfattoria
misura ben 2 m2;
la nostra solo 5 cm2
nienti da malati quasi nel 100% dei casi.
Sulla base di questi risultati, pubblicati
ad aprile su Journal of Urology, il Regno
Unito ha avviato una ricerca per valutare i benefici economici dell’impiego dei
cani nella diagnosi del tumore della prostata, rispetto ai metodi tradizionali.
«L’addestramento consiste nell’insegnare ai cani a discriminare i campioni provenienti da individui malati dagli altri,
ma non sappiamo quali siano esattamente le molecole che indicano la presenza di
un tumore», spiega Tidu.
La precisione raggiunta è il risultato di
una sensibilità per noi impensabile: la
mucosa olfattoria dei cani misura due
metri quadrati e la nostra appena 5 cm2.
Il loro bulbo, la zona del cervello che ela42 | Focus Dicembre 2015

bora le informazioni odorose, è grande
40 volte il nostro.
TEMPRATI. «I cuccioli nascono in una
zona del Centro separata dal resto e iniziano a svolgere delle attività a partire
dallo svezzamento», riprende Guerrini.
«Nella prima fase li portiamo fuori in
ambienti anche molto diversi fra loro:
sulla spiaggia, al mercato, nei centri commerciali. Serve per abituarli a muoversi
con sicurezza in contesti vari. Inoltre,
li esponiamo a rumori forti, che devono
imparare a ignorare». L’addestramento
vero e proprio inizia fra gli 8 e i 12 mesi,
quando sono anche assegnati al conducente. «L’accoppiamento si basa sulle
caratteristiche dei due», dice Tidu. «Tendiamo a compensarle: se il cane è poco
giocherellone si sceglie un conducente esuberante, se è agitato si sceglie un
conducente calmo e così via». Moses è un
pastore tedesco di due anni, molto socievole. Più riservato, il primo caporal maggiore Marco Falvelli racconta dei loro 40
giorni in Expo, quando il cane esaminava
ogni notte decine di camion nell’eventualità che ci fosse dell’esplosivo (che
fortunatamente non è mai stato trovato).
Ci sono però delle eccezioni. I cani che
catturano i malviventi hanno tutti un
carattere forte. «Per tenerli c’è bisogno

di un conducente altrettanto energico»,
spiega Guerrini. Sono animali più massicci degli altri e molto più potenti.
ALL’ATTACCO! Lo sa bene il caporal mag-

giore capo Giovanni Orlando, che per lavoro fa “il cattivo”: colui che viene catturato e morso. Indossa protezioni sul
braccio e sul corpo, ma quando Ossy, pastore tedesco di 6 anni, si lancia all’attacco, deve schivare la prima carica. «Era
troppo veloce, si sarebbero fatti male
entrambi», mi spiegano. La seconda carica va invece a segno: il cane addenta la
manica protettiva e la lascia solo al segnale del suo conducente, che poi, per
ricompensa, gioca con lui. La stessa scena si ripete quando un altro cane, Zagor,
cattura il figurante, che si è nascosto in
una casa diroccata, usata come campo di
addestramento. «In questi casi dobbiamo essere certi di mandare il cane dove
c’è la persona da catturare, perché lui
non sa riconoscerla. Sa solo che c’è qualcuno da trovare e fermare», spiega il conducente, caporal maggiore capo scelto
Gianluca Cicchella. Zagor esce dalla costruzione con la protezione per il braccio
in bocca. Ho accarezzato e giocato con
molti cani fin qui. Ma ora mi avvisano:
«Questo è meglio non toccarlo».

Margherita Fronte

“Coniughiamo design e funzioni creando una perfetta armonia negli spazi.
Spazi ideati per stare bene, circondandosi di bellezza.
Ci ispira da sempre la nostra terra: la nostra Puglia, la nostra musa.”
Pasquale Natuzzi
Interior Design service gratuito disponibile nei nostri negozi. Milano, via Durini, 24 - 023456152
Roma, via GregorioVII, 314 - 0678725374 / Como, via P. Paoli, 45 - 031564537

natuzzi.com

Sport

PROVE.
Un’immagine della “House
of Drones” alla Maker
Faire di Roma: in
quest’area i droni si sono
esibiti in gare di velocità e
prove di destrezza.

I droni corrono
il Gran Premio

Li abbiamo visti scattare foto o consegnare
posta. Ma ora i multicotteri regalano emozioni
più forti, portandoci in gara in prima persona.
Foto di Stefano Dal Pozzolo/Contrasto

PER LA
SICUREZZA.
Le reti di
protezione che
circondano e
sovrastano un
campo di gara.

Attraverso il
visore il pilota
può seguire il
volo in “prima
persona”:
«Sembra
di essere nella
cabina
di un jet!»

L’

adrenalina pura delle gare motoristiche
vere, abbinata alla
sicurezza di non correre alcun rischio di
farsi male, come accade nei videogame: è la
formula magica che sta alla base del successo del “drone racing”, il nuovo sport
nato qualche anno fa negli Usa, ma che di
recente è sbarcato in Europa (e conta già
centinaia di appassionati anche in Italia)
dove a sfidarsi in pista sono particolari
droni da corsa.
IN PRIMA PERSONA. Se state pensando ai

grandi multicotteri impiegati dalle tv per
riprendere video dall’alto o di cui si parla
per i più svariati, possibili, impieghi futuri (recapito di posta e medicinali, operazioni di polizia ecc.) siete fuori strada.

48 | Focus Dicembre 2015

I protagonisti di queste sfide sono droni piccoli e leggeri (i “mini racer”) che a
bordo hanno solo l’essenziale: la scocca
(o frame, in carbonio o plastica), quattro motorini elettrici a elica, la batteria
ai polimeri di litio, la radio (per ricevere
gli “ordini” dal telecomando) e, piazzata
a prua, una telecamera che invia in diretta le immagini al visore indossato dal
pilota. Proprio quest’ultimo elemento ci
svela perché, nonostante questa disciplina abbia già dato vita a diverse varianti,
tutte contengano nel nome una sigla:
Fpv, che sta per First person view, ossia
visione in prima persona. E ci spiega anche l’adrenalina di cui si diceva all’inizio:
con il visore calato sugli occhi (e spesso
con le cuffie sulle orecchie per isolarsi
dai rumori circostanti) chi sta ai comandi dimentica di essere comodamente seduto su una poltroncina e vive il volo in

modo “immersivo”, proprio come se si
trovasse a bordo del drone: «L’emozione
è davvero indescrivibile», racconta Massimiliano Pozzani, tra i fondatori di Fpv
Grand Prix, l’associazione dilettantistica
italiana gemellata con Aerial Grand Prix,
un’organizzazione di piloti che ha filiali
in tutto il mondo. «La prima volta mi tremavano persino le gambe per le vertigini,
mi sembrava quasi di essere nella cabina
di pilotaggio di un jet!». Del resto, anche
se le velocità in ballo non sono certo supersoniche, parliamo comunque di bolidi capaci di toccare i 100 km/h e a volte
persino di superarli.
COME SONO FATTI. In commercio esisto-

no droni “ready to fly”, ossia già pronti (i
prezzi vanno da circa 200 euro in su), ma
i campioni se li fanno costruire su misura
per le proprie esigenze: «Io uso un racer

OCCHIO!
Un pilota indossa
un visore: alcuni
modelli mostrano
i dati su velocità,
batteria ecc.

LA COPPIA.
Un drone da
corsa con il
relativo
radiocomando.

che raggiunge i 120 km/h», racconta Giuseppe “BadSide84” Rinaldi, terzo in una
gara a Marsiglia qualche settimana fa,
«costruito apposta per me da un amico
progettista. È studiato affinché, in caso
di impatto, tutta l’elettronica, batterie
comprese, rimanga protetta». Non si
tratta di un dettaglio di poco conto: generalmente, infatti, le gare consistono
nel percorrere a tutta velocità un percorso pieno di ostacoli (porte, tunnel e
bandiere) che mettono a dura prova le
capacità dei piloti (le manovre vengono
eseguite manualmente, senza l’aiuto del
Gps, che questi droni non hanno) ma anche la resistenza dei mezzi, perché non è
raro vederne qualcuno andare a sbattere
contro una barriera e perdere pezzi. Anche per questo motivo sul campo di gara è
allestita un’area attrezzata (un po’ come
i box della Formula Uno, v. disegno pag.

seguente) dove i piloti possono provvedere personalmente a riparare i loro piccoli bolidi, oltre che effettuare modifiche e
sperimentare nuove soluzioni.
NEGLI STADI. In Italia, al momento, le
gare ufficiali si svolgono in parcheggi sotterranei, in edifici abbandonati, o in altri
spazi al chiuso autorizzati (per esempio
in occasione di fiere, eventi ecc.) e sempre nel rispetto delle misure di sicurezza
imposte dal regolamento Enac, l’autorità che regola il trasporto aereo nel nostro Paese. «Con qualche accorgimento,
però», spiega Pozzani, «si potrebbero organizzare competizioni in stadi di calcio
o in campi lontani dai centri abitati, “ingabbiandoli” con reti che corrono lungo
tutto il perimetro del tracciato, come
avviene negli Stati Uniti». A proposito
di sicurezza, durante le gare a ogni pilo-

ta viene assegnato un “controllore” (in
gergo spotter), che segue a vista il relativo
drone e ne controlla lo spazio circostante: in caso di emergenza lo spotter può intervenire direttamente sul telecomando
del pilota e spegnere i motori.
LE REGOLE. Detto di come sono fatte

queste particolari “macchine da corsa”
e come si presentano le piste dove si sfidano, non resta che scoprire le regole del
gioco. Insomma: come “funziona” una
gara? Esistono diverse specialità: ci sono
le competizioni individuali, dove trionfa
il pilota che effettua nel minore tempo
possibile il numero di giri previsto, e
quelle a squadre, dove i droni sfrecciano
nel circuito tutti insieme (a gruppi di 6 o
più, suddivisi in team) e alla fine vince chi
ha messo insieme il minor tempo complessivo. In certe gare, per vincere, non
Dicembre 2015 Focus | 49

IL BOLIDE.
Un mini racer:
i droni da
corsa sono
più piccoli e
leggeri di
quelli
“normali”.

Ci sono gare individuali e prove
a squadre: per vincere servono
velocità e doti acrobatiche
conta (solo) la velocità: succede in alcune
specialità “freestyle”, dove i piloti devono compiere giravolte e altre manovre
acrobatiche davanti ai giudici che, come
accade nella ginnastica o nel pattinaggio,
alla fine assegnano loro un punteggio.
E le novità sono continuamente all’orizzonte: «Il drone racing ha possibilità di

sviluppo infinite», spiega infatti Scot T.
Refsland, organizzatore della US National Drone Racing, la gara più importante del mondo, che all’ultima edizione ha
visto ai nastri di partenza circa 120 piloti
provenienti da tutto il pianeta.
«Un esempio? Di recente», racconta
Refsland, «abbiamo portato un gruppo di

Ecco dove si svolgono le gare

piloti a effettuare un sopralluogo alle isole Hawaii, dove l’anno prossimo si svolgeranno i Campionati del Mondo. Con
l’occasione abbiamo anche inventato
una nuova forma di freestyle, che abbiamo chiamato “Cliff Surfing”: i piloti portano in alto il loro drone, poi lo fanno
scendere in picchiata il più vicino possibile alla scogliera e devono “richiamarlo”
prima che si schianti contro le rocce. È
un brivido simile a quello che si prova
lanciandosi con un paracadute, ma che
tutti possono sperimentare!».
Francesca Tarissi

OSTACOLI
Bandiere, archi e incroci
segnano il percorso, che
occupa una superficie di
80 x 73 metri.

ZONA PILOTI
Ospita i
concorrenti in
gara e i relativi
spotter, i
controllori
“di volo”.

Disegno di Marco Paternostro

VERIFICHE
Qui i giudici
controllano che
i droni siano
conformi al
regolamento.

PROTEZIONI
Le reti di sicurezza corrono
tutt’attorno al circuito e lo
chiudono anche dall’alto
(a un’altezza di almeno 15
metri).

50 | Focus Dicembre 2015

PALCO
È il punto da
cui i piloti non
impegnati in
gara seguono la
competizione.

CAMPO
I circuiti all’aperto (in Italia
non consentiti) sono allestiti in
stadi o in campi lontano dalle città.

AREA TECNICA
Sono i box della Formula
Uno. Qui i piloti possono
effettuare riparazioni e
modifiche ai loro droni.

Per fame
o per fama?
Società

Mangiano fino a scoppiare... ma
non scoppiano. Viaggio nel
mondo dei “competitive eater” e
dei professionisti dell’abbuffata.

Reuters/Contrasto

M

iki Sudo è una graziosa
ventinovenne nippoameri­
cana: lineamenti delicati,
corpo snello, gambe legge­
re. Il tipo giusto per promuovere un inte­
gratore di Omega 3 o una nuova palestra.
Invece si distingue in ben altre specialità:
divorare 170 ali di pollo in 12 minuti e, se
l’occasione lo richiede, anche 38 hot dog in
10. Miki Sudo è, a colpi di record, la nuova
stella nell’olimpo dei mangiatori profes­
sionisti. Più precisamente i competitive
eater, sportivi dell’abbuffata che si sfida­
no a ingurgitare più cibo possibile in una
manciata di minuti. Uno “sport” diffusis­
simo negli Stati Uniti, ma che si sta facen­
do largo anche nel Regno Unito e in Giap­
pone. Come in tutte le discipline, anche il
“competitive eating” ha le sue specialità:
oltre ai classici hamburger, il tacchino o i
tacos ci sono sfide al gusto di torte nuzia­
li, pastrami e cocktail di scampi. A parte
la Sudo, i grandi nomi di questo strano
mondo sono quelli di Joey Chestnut, che
ingurgita 8 chili e mezzo di asparagi nei
canonici 10 minuti, e Matthew Stonie, che
butta giù 182 fette di bacon in 5. Parliamo
di professionisti con tanto di federazione,

l’International Federation of Competiti­
ve Eating, che stabilisce le regole delle
gare: i partecipanti devono essere mag­
giorenni, le sfide non durano in media più
di 10 o 12 minuti, è permesso immergere il
cibo in acqua per ingerirlo più facilmente
e deve essere presente personale medi­
co per eventuali emergenze. Cartellino
giallo per chi mangia sporcandosi troppo,
quello rosso (e conseguente squalifica)
per “reversal of fortune”, rovesciamento
delle sorti, meglio conosciuto come vomi­
to (durante la gara).
BUSINESS REDDITIZIO. Il motivo che
spinge a ingollare chili di cibo? Soldi e
fama. Di solito nelle gare di professional
eating i premi si aggirano intorno ai 2.000
dollari per il vincitore e via a scendere,
anche se in alcuni dei tornei più famosi,
come quello di Elk Grove in California,
chi mangia più torte alla zucca si aggiu­
dica la cifra non indifferente di 4.000
dollari (Miki Sudo l’ha vinto nel 2014).
Da non sottovalutare gli introiti pubbli­
citari: Joey Chestnut, per esempio, ha
firmato un contratto da 100.000 dollari
per sponsorizzare dei prodotti contro...

NON MI BATTE
NESSUNO.
Joey Chestnut, 32
anni, durante una
performance: è forse
il più forte fra i
competitive eater.
La sua specialità?
Salsicce.

Ap

ALL’OPERA. Miki Sudo in gara a Las Vegas
ingurgita ali di pollo. A destra, lottatori di sumo in
cucina: consumano circa 5.500 calorie al giorno.

il gonfiore di stomaco. Di soldi, come in
ogni sport professionistico, ne girano
parecchi: uno dei campioni del passato,
il giapponese Takeru Kobayashi, era arrivato a guadagnare anche 500.000 dollari all’anno grazie agli sponsor ma ora,
causa litigi proprio sui contratti di sponsorizzazione con la Major League Eating
(l’ente organizzatore dei maggiori eventi), è stato escluso dalle competizioni.
TRAINING DA CAMPIONI. Il bello di que-

sto sport è che non prevede un allenamento tosto. Sebbene i campioni siano
gelosissimi dei segreti del loro training, si
sa che c’è chi consuma una gran quantità
di acqua per espandere lo stomaco e chi
preferisce il digiuno, ma tutti masticano
chewing gum (meglio se quattro o cinque
alla volta) per assicurarsi mandibole da
squalo. La Sudo sostiene di non allenarsi
in modo particolare: «Nei giorni prima
bevo solo liquidi e sto a stecchetto. Nei
tornei preferisco gareggiare con cosce di

I vincitori portano a casa 2-3 mila
dollari. Ma i guadagni maggiori
arrivano dagli sponsor: Joey Chestnut
pubblicizza un farmaco contro,
guarda caso, il gonfiore di stomaco
pollo, ma posso mangiare di tutto. Di italiano ho mangiato un panino con polpette di sette chili a Chicago. Buonissimo»,
giura la campionessa che grazie alle competizioni può arrivare a guadagnare fino
a 10.000 dollari al mese. Problemi? «Mai
avuti. A fine gara sto male solo se perdo,
se vinco invece sono molto contenta. Ma
dopo non festeggio certo con una cena».
Le gare dei competitive eater sono seguitissime su Internet, ispirano diversi
reality televisivi e, sul posto, possono richiamare fino a 50.000 spettatori.

Ma non viviamo in un’epoca in cui impera l’input del mangiar sano? «Questi
divoratori incarnano un desiderio del
consumatore moderno: abbuffarsi senza inibizioni e senza pensare alle conseguenze per la salute e l’estetica», spiega
l’antropologa Alessandra Guigoni. «La
società occidentale è il regno dei “no” e
delle proibizioni, popolata di uomini e
donne perennemente a dieta. Chi platealmente rompe il tabù, suscita ammirazione e consenso. Ma sono un’eccezione.
I super mangiatori sono dei freak: solo a

Shutterstock (10)

Chi sono i più grandi mangiatori del mondo?

MIKI SUDO
(29 anni, Stati Uniti)
• 170 ali di pollo in 12’
• Calorie: 15.300
• Con questa energia
si può sollevare di 1,31
m un elefante da 5 t

54 | Focus Dicembre 2015

TAKERU KOBAYASHI
(37 anni, Giappone)
• 50 hot dog in 12’
• Calorie: 15.000
• Con questa energia si
solleva un elefante di
1,29 m

SONYA THOMAS
(48 anni, Corea del Sud)
• 3,8 kg di chicken
nuggets in 10’
• Calorie: 11.200
• Con questa energia si
può sollevare un
elefante di 0,96 m

RICHARD LEFEVRE
(70 anni, Stati Uniti)
• 6 chili di carne in scatola
in 12’
• Calorie: 18.600
• Con questa energia si
può sollevare un elefante
di 1,6 m

TIM JANUS
(39 anni, Stati Uniti)
• 141 pezzi di sushi in 6’
• Calorie: 5.600
• Con questa energia si
può sollevare un
elefante di 0,48 m

ATTORI ALL’INGRASSO
Hollywood (e non solo) chiede
spesso agli attori di aderire, anche
fisicamente, al personaggio che
devono interpretare. Ecco quanto
sono ingrassate, a colpi di diete
ipercaloriche, alcune star per dare
credibilità alle loro creature.
JOHNNY DEPP: più 15 chili per
diventare James “Whitey” Bulger in
Black Mass, 2015.
BRADLEY COOPER: più 18 chili
per impersonare il cecchino Chris
Kyle di American Sniper, 2014.
JARED LETO: più 30 chili per
assomigliare al vero Mark David
Chapman in Chapter 27, 2008.
CHARLIZE THERON: più 15 chili
per diventare Aileen (Monster, 2003).
RENÉE ZELLWEGER: più 12 chili
per interpretare la protagonista ne
Il diario di Bridget Jones, 2001.

Reuters/Contrasto

VINCENT D’ONOFRIO: più 31 chili
per diventare “Palla di lardo” in Full
Metal Jacket, 1987.

loro è concesso rompere gli schemi e sovvertire un ordine che, nella realtà, resta
inalterato».
CAPACITÀ INNATA? Queste sfide non

possono non lasciare il segno. Una ricerca dell’Università della Pennsylvania è
andata a verificare cosa succede allo stomaco di un competitive eater dopo averlo riempito di hot dog (36!) conditi con
bario (mezzo di contrasto visibile nelle
radiografie): lo stomaco della “cavia”
si dilatava innaturalmente per poi tra-

sformarsi in una grossa sacca flaccida, in
grado di contenere di tutto. L’espansione
comportava però la perdita della capacità di contrarsi e svuotarsi, in altre parole
era inibita la peristalsi, il movimento digestivo. Proprio per la straordinaria capacità di accoglienza del suo stomaco, il
competitive eater aveva anche perso per
sempre il senso di sazietà. Ne era perfettamente consapevole così, prima della
gara, mangiava poco senza concedersi
bis (ecco spiegato perché questi “sportivi” difficilmente sono grassi).

BOB SHOUDT
(44 anni, Stati Uniti)
• 3,6 kg di patatine in 10’
• Calorie: 8.200
• Con questa energia si
può sollevare un
elefante di 0,70 m
JOEY CHESTNUT
(32 anni, Stati Uniti)
• 70 wurstel in 10’
• Calorie: 18.200
• Con questa energia si
solleva un elefante di
1,56 m

PATRICK BERTOLETTI
(30 anni, Stati Uniti)
• 4,1 kg di torta di mirtilli
in 8’ (senza mani)
• Calorie: 11.300
• Con questa energia si
solleva un elefante di
0,97 m

ROBERT DE NIRO: più 27 chili per
interpretare Jack LaMotta in Toro
scatenato, 1980.

«Non sappiamo ancora quanto questa
abilità sia innata o dovuta al training e
allo sforzo delle gare», ammette il radiologo Marc Levine, che ha diretto lo studio. «Lo stomaco è un organo straordinariamente flessibile», spiega Giuseppe
Marinari, responsabile del Centro chirurgia dell’obesità dell’Istituto Humanitas di Rozzano (Mi), «che può contenere
fino a 2-3 litri di liquido. Più si espande
e meno diventa elastico, come succede
a un palloncino gonfio d’aria, e questo
spiega perché il suo movimento s’inibi-

ERIC BOOKER
(46 anni, Stati Uniti)
• 49 doughnuts in 8’
• Calorie: 12.700
• Con questa energia si
può sollevare un
elefante di 1,09 m
ED COOKIE JARVIS
(49 anni, Stati Uniti)
• 4 lt di gelato in 12’
• Calorie: 8.500
• Con questa energia si
può sollevare un
elefante di 0,73 m

Dicembre 2015 Focus | 55

Come fanno gli atleti a non vomitare?
Resistono, ma solo il tempo
necessario a finire la gara. Poi vanno
dietro le quinte e in un secchio....
sca. Una volta sospese le abbuffate, però,
anche lo stomaco di un grande mangiatore può tornare alle dimensioni originarie». Ma, a gara finita, la montagna di
hot dog, hamburger o torte viene effettivamente digerita? Perché in questo caso
le conseguenze non si limiterebbero ai
guai di stomaco. Ebbene, fra i dettagli
su cui spesso volutamente si sorvola c’è
il fatto che dietro le quinte degli show ci
sono sempre dei secchi per vomitare. E,
molto spesso, vengono usati.
IN LABORATORIO. Ma c’è anche chi stramangia per fini più nobili. Tra questi
meritano una menzione d’onore le cavie
umane che si sottopongono a diete ipercaloriche per raccogliere dati sull’ipernutrizione. Di solito si tratta di studenti
di medicina che, dietro compenso, vengono bombardati per un certo periodo di
calorie per poi essere pesati, sottoposti a
prelievi e studiati. Una delle ricerche più
recenti, pubblicata su Science Traslational Medicine, è americana e ha coinvolto

un piccolo campione di sei uomini. «Erano previsti tre pasti da 1.500 calorie l’uno
e tre snack da 500», spiega Salim Merali,
uno dei ricercatori. Lo studio è durato
una sola settimana, ma tanto è bastato
perché nei volontari si registrasse una
preoccupante predisposizione al diabete, con segni di resistenza all’insulina e
danni cellulari causati da un eccesso di
radicali liberi. Un’altra ricerca ha coinvolto 25 ragazzi che per 2 mesi hanno
mangiato 1.000 calorie in più rispetto
al normale. Lo studio, condotto al Pennington Biomedical Research Center
di Baton Rouge (Louisiana), puntava a
verificare l’aumento di peso in regimi
dietetici diversamente proteici. Tutti i
ragazzi sono ingrassati, i più fortunati 3
chili e mezzo, i meno fino a quasi 7 chili.
NEL SUMO, INVECE... Se ingrassare è
sempre un effetto collaterale indesiderato, ci sono alcuni ambiti dove invece è
auspicabile. Nel sumo, per esempio. In
questo sport la mole è importantissima

perché aumenta la stabilità in quanto abbassa il baricentro, dettaglio fondamentale in uno sport dove lo sconfitto è chi
perde l’equilibrio e cade. Non a caso gli
atleti veleggiano in media sui 150 chili.
Anche la dieta, quindi, fa parte del loro
training e il rancio a cui nessun lottatore
può sottrarsi è il chanko nabe, una zuppa
ipercalorica e proteica di cui non c’è
un’unica ricetta ma che contiene praticamente tutto, compreso manzo, funghi,
uova, pesce e pollo. I lottatori non fanno
colazione la mattina perché preferiscono allenarsi a stomaco vuoto, ma intorno
alle 11 si accomodano a tavola (ci ritorneranno verso le 19). Subito dopo il pranzo,
pennichella in modo che le calorie vengano ben stoccate. Quanto mangiano?
In uno studio del 2005 pubblicato su
Ageing Research Reviews, John Phelan di
U.C.L.A. e Michael Rose dell’Università
di California Irvine hanno verificato che
l’introito calorico giornaliero di un lottatore giapponese si aggira sulle 5.500 calorie. Una stima per difetto, sembrerebbe, pensando a ciò di cui era capace il
lottatore Yasokichi Konishiki (287 chili
per 1,84 metri), famoso per far fuori in un
unico pasto dieci piatti di chanko, otto di
riso, 130 pezzi di sushi e 25 di carne, senza tralasciare i dolci. Da far impallidire
persino un competitive eater.
Camilla Ghirardato e Andrea Indiano

Ap

SATOLLE ALL’ALTARE.
Abbuffate di torte nuziali al
Bridezillas Cake-Eating
Contest (New York, 2013).

56 | Focus Dicembre 2015

Scienza

S

TUTTI CIRCONDATI.
Siamo avvolti da una bolla
formata dai batteri che “perdiamo”.
Non si sa ancora quanto sia grande.

Getty Images

iete lontani da casa in
un’anonima stanza d’albergo, e vi sentite terribilmente soli... Forse
non vi consolerà più di
tanto, ma in realtà siete
in compagnia di tantissimi “familiari”, per quanto piccolissimi.
Tutto intorno a voi, infatti, c’è una miriade di batteri: sono i vostri microbi personali, quelli che emettete nell’ambiente
respirando, soffiandovi il naso, grattandovi la testa, o solo stando immobili. Vi
avvolgono come una nuvola, unica come
un’impronta digitale. E, insieme a quelli
che lasciate in giro toccando maniglie,
lenzuola o telecomandi, in poche ore colonizzeranno la camera. Quando si dice
“personalizzare una stanza”...

COLONIZZATI. Che i batteri siano parte
di noi non è una novità. Nel nostro corpo – dalla pelle all’intestino – ci sono più
cellule batteriche che umane (il rapporto
è di dieci a uno) e il loro insieme è vitale per la salute: pensiamo all’importanza della flora batterica intestinale. Ciò
che sta diventando sempre più chiaro è
come spargiamo in giro questi microbi,
lasciando persino “impronte batteriche” personali nell’aria e sugli oggetti.
«In pratica ci estendiamo oltre il nostro
corpo attraverso batteri in continua relazione con l’ambiente», dice Jack Gilbert,
dell’Università di Chicago. Se da una
parte raccogliamo i microbi che ci circondano, dall’altra lasciamo giù i nostri
(v. tabella alla pag. seguente) dalla pelle
o dalla bocca; perfino i batteri intestinali o della vagina riescono a eludere le

Dicembre 2015 Focus | 59

Shutterstock

Viviamo
in una
“bolla” di
batteri

Ognuno
di noi è
circondato da
una nuvola
personale di
microbi. E li
disperdiamo
su tutto ciò che
tocchiamo...

Noi e i nostri piccoli abitanti
LI SEMINIAMO. Vivono sopra e dentro di noi. E li
disperdiamo di continuo: attraverso il contatto
diretto con superfici e oggetti, o seminando nell’aria

particelle provenienti da pelle, vestiti, capelli o
emesse con il respiro. Ecco quali sono le “famiglie”
di batteri che caratterizzano le varie parti del corpo.

NASO. Le cavità nasali sono colonizzate soprattutto da
Staphylococcus epidermidis; ci sono poi corinebatteri e in
vari casi Staphylococcus aureus: non è sempre patogeno,
ma può essere responsabile di infezioni.
Tosse. Tossire e starnutire ci fa espellere direttamente dal
naso secrezioni cariche di microbi (altre “scendono” in
bocca e da lì sono espulse parlando e respirando), che
passano anche, attraverso i fazzoletti, su mani e oggetti.

MANI. Sono un veicolo per seminare
(e raccogliere) batteri. Ciò che tocchiamo di solito
conserva persino la nostra impronta microbica.
Veicolo. Dalle mani possono però passare anche
patogeni: per questo è importante lavarsele. E a volte
evitare la stretta di mano (per esempio, negli ospedali).
Lo dicono alla University of Aberystwyth (Uk): hanno
visto, con un guanto contaminato con Escherichia
coli, che con la stretta si trasferiscono 10 volte più
batteri che nel saluto “pugno contro pugno”.

60 | Focus Dicembre 2015

VAGINA. I batteri della vagina sono
soprattutto lactobacilli: la loro
presenza è una difesa, perché
inibiscono la crescita di patogeni
soprattutto attraverso la produzione
di acido lattico. Tra gli altri generi,
streptococchi e Gardnerella.
Sedie. Lo studio di James Meadow
(v. articolo) ha per esempio trovato,
sulle sedie di un’aula universitaria,
batteri vaginali come Lactobacillus
crispatus (oltre a batteri del tratto
urinario come Corynebacterium
riegelii o dell’intestino come
Lactobacillus acidophilus).
INTESTINO. Tra i generi presenti nella flora batterica
intestinale ci sono Bacteroides (costituiscono una
parte importante dei batteri che ritroviamo nelle feci),
Faecalibacterium, lactobacilli.
Occhio al wc! Si diffondono nell’ambiente in vari
modi: i batteri fecali “viaggiano” sulle mani ma sono
persino trasportati dalle goccioline che vanno
nell’aria quando si aziona lo sciacquone.
E un test ha visto che, con un peto,
espelliamo batteri intestinali (e della pelle,
trascinati dalla corrente...).

Shutterstock

PELLE. Seminiamo moltissimi microbi dalla
pelle, sottoposta a un ricambio cellulare
continuo: insieme alle cellule, si disperdono
anche i batteri che vi stanno sopra. E, come
ha spiegato James Meadow, ogni volta che
ci grattiamo la testa finiscono nell’aria
migliaia di cellule della pelle e batteri...
Amici. Sulla pelle in generale vivono batteri
come Staphylococcus epidermidis e
corinebatteri. Di norma non sono patogeni e
possono avere una funzione protettiva, per
esempio producendo acidi grassi che
inibiscono la crescita di funghi.
Diversi per zone. Ogni zona del corpo ha
una “popolazione” diversa: il mix di batteri
che si trova sulla schiena, sulle braccia o
sotto i piedi cambia molto.

BOCCA. I batteri della cavità
orale includono streptococchi,
stafilococchi, corinebatteri.
Telefono. Microbi provenienti
dalla nostra bocca finiscono,
per esempio, su cuscini,
smartphone, scrivanie e banchi.
Baci. Secondo uno studio
olandese del 2014, in un bacio
sulla bocca di 10 secondi sono
trasferiti 80 milioni di batteri.
Tanto che i partner, se si
baciano almeno nove volte al
giorno, hanno una composizione
simile dei batteri salivari.

A FURIA DI USARLO...
Sullo schermo di un telefono si
rileva un mix di batteri simile a
quello delle dita del proprietario.

barriere di biancheria e vestiti per rag­
giungere l’esterno. «In tutto, disperdia­
mo circa 38 milioni di batteri all’ora»,
precisa Gilbert. E se da un lato i gruppi
di microrganismi che si possono trovare
sulla pelle o in bocca sono più o meno
gli stessi in tutti gli uomini, dall’altro la
composizione finale del cocktail batte­
rico di ciascuno può anche essere molto
diversa. «Ogni individuo ha un microbio­
ta unico, che dipende da tanti fattori: la
salute della madre in gravidanza, il modo
in cui è venuto al mondo, l’ambiente in
cui è cresciuto, l’alimentazione, il lavoro
che fa, l’aria che respira», spiega Gilbert.
nei batteri sparsi nell’ambiente. L’ultima
ricerca in proposito ha persino verificato
che ognuno di noi emette quella nuvola
di batteri personale di cui parlavamo
all’inizio. A individuare la “bolla” mi­
crobica è stato il team dello scienziato
Usa James Meadow. I ricercatori, alla
University of Oregon, hanno preso 11
volontari, li hanno fatti sedere uno alla
volta in una stanza sterile per qualche
ora e hanno analizzato i batteri circolanti
nell’aria della camera – raccolti da filtri –
attraverso l’esame del Dna batterico tro­
vato. Hanno osservato che, se la camera
era occupata, l’aria all’interno aveva una
composizione batterica diversa rispetto
a quando era vuota: comparivano batteri
associati all’uomo, come Staphylococcus
epidermidis e vari corinebatteri. E so­
prattutto hanno verificato che il cocktail
microbico nella stanza variava a secon­
da dell’occupante, per il tipo di batteri
e per l’abbondanza relativa di ciascuno.
In presenza di una donna, per esempio,
la stanza si arricchiva di batteri vagina­
li, con concentrazioni differenti da vo­
lontaria a volontaria. Un partecipante è
risultato associato a un batterio, Dolosigranulum pigrum, assente negli altri. Il
mix era abbastanza differenziato da per­
mettere in alcuni casi di identificare chi
occupava la stanza.
In altri termini, significa che ciascuno di
noi è racchiuso in una “bolla” batterica
unica e irripetibile. «Difficile per il mo­
mento dire quanto sia grande», dichia­
ra Adam Altrichter, uno dei ricercatori
del team. «Questo è uno degli aspetti da
chiarire». Ma sembra inevitabile che,
nella vita quotidiana, ci scappi l’incon­
tro con le bolle altrui. «È molto probabi­
le che quando due individui sono vicini

Getty Images

SCAMBI. Queste differenze si riflettono

Probabilmente entriamo nelle “nubi” di
microrganismi di chi ci sta vicino. Ma non
c’è pericolo: di norma, sono innocui
– pensiamo a treni, cinema, scuole, bar
– ci sia uno scambio passivo dei microbi
delle rispettive nuvole», dice Altrichter.
L’idea di entrare in bolle di microbi al­
trui è abbastanza disgustosa, ma in real­
tà possiamo stare tranquilli: secondo
gli esperti non c’è nulla da temere. «In
generale, quelli che ci portiamo addosso
sono batteri innocui», sostiene Gilbert.
«Inoltre, gli scambi sono una cosa buo­
na, perché per funzionare bene il nostro
sistema immunitario ha bisogno di en­
trare in contatto con una gran quantità
di microrganismi differenti. Il modo più
semplice per scambiarsi batteri è attra­
verso le interazioni fisiche, come baciar­
si o toccarsi: forse la nostra propensione
per i contatti si è evoluta per aumentare
la “condivisione” di microbi nella tribù».
Certo, rimane da capire quale possa es­

sere il ruolo della nuvola microbica nella
diffusione di eventuali patogeni. Questo
è uno dei prossimi obiettivi di lavoro per
Meadow, Altrichter e colleghi.
Ma non è individuale solo la nuvola.
Tutta la “polvere batterica” che deposi­
tiamo in giro è specifica per ciascuno di
noi. In uno studio del 2010, il gruppo di
Noah Fierer dell’Università del Colora­
do ha dimostrato che è possibile risalire
all’identità di una persona a partire dai
residui batterici provenienti dalla pelle
lasciati sulla sua tastiera del pc o sul suo
mouse. E lo stesso vale per i cellulari: il
team di James Meadow ha osservato che
su uno smartphone si trovano batteri
umani derivati dalla pelle e dalla bocca.
Ma, soprattutto, ha verificato che la flora
batterica sullo schermo è molto più simi­
le a quella presente sulle dita del pro­
Dicembre 2015 Focus | 61

CI SONO ANCHE I MIEI.
Nelle case con cani si rilevano i
loro batteri, per esempio quelli
associati a pelo o saliva.

iStock

Anche Fido
lascia il segno

Ogni individuo ha i propri ospiti.
E quelli che lasciamo sugli oggetti sono
una vera “impronta” personale
prietario che a quella di altre persone.
Tanto che per Jack Gilbert non ci sono
dubbi: siamo all’inizio dell’uso dell’impronta microbica personale in ambito
forense. «I nostri batteri possono raccontare molto di noi: che dieta seguiamo,
che tipo di lavoro facciamo (se d’ufficio
o all’aria aperta), se prendiamo farmaci.
Studiare le tracce microbiche rimaste sul
luogo di un delitto potrebbe indirizzare
le indagini verso particolari individui».
La tecnica potrebbe affiancare la collaudata analisi del Dna umano trovato sulla scena del crimine. Attenzione, però.
«Questo ambito di ricerca sta dando
risultati molto interessanti, ma per utilizzarli davvero nell’indagine scientifica
serve ancora tempo», dichiara Andrea
Berti, responsabile del Reparto di indagini scientifiche dei Carabinieri di Roma.

tutto il tempo), mentre le sedie pullulano di lactobacilli vaginali e del tratto
gastrointestinale. Lo stesso accade nelle abitazioni: Robert Dunn, della North
Carolina State University, ha analizzato
campioni raccolti su diverse superfici di
casa osservando che per ogni “habitat”
c’è una popolazione diversa: sul sedile
del wc dominano per esempio batteri
fecali e della pelle, sulle federe quelli di
pelle e bocca. E un altro recente studio
dell’équipe di Dunn ha confermato che
i batteri presenti nella polvere di casa

IN CASA. Quello che già oggi è sicuro è

I diversi tipi di batteri
presenti in media in una
casa, secondo uno
studio fatto sulle
abitazioni Usa da
Robert Dunn.

che gli ambienti in cui viviamo sono pieni dei nostri batteri... e che questi possono raccontare molto di noi. Il gruppo di
­Meadow ha visto per esempio che i banchi di un’aula universitaria abbondano
di microbi della pelle e del cavo orale (gli
studenti, in fondo, ci respirano sopra
62 | Focus Dicembre 2015

2.250

CANI. Un animale da compagnia fa
la differenza. E non parliamo di
affetto, ma della composizione dei
batteri di casa. Lo hanno mostrato
gli studi di Robert Dunn e colleghi:
la presenza di un cane o di un gatto
si riflette nella maggiore presenza
di quei batteri che si trovano per
esempio nelle bocche o nelle feci di
questi animali. Nel caso del cane, i
ricercatori hanno osservato che le
superfici più “infestate” sono i
cuscini e gli schermi tv (in
particolare dai microbi provenienti
da bocca, pelle, pelo). E per Dunn è
una buona notizia: «In città è
sempre più difficile entrare in
contatto con tanti batteri diversi: il
cane può essere un ottimo veicolo
di biodiversità batterica». Alcuni
studi indicano per esempio che
l’esposizione a cani o gatti, da
piccoli, protegge dalle allergie.

possono rivelare molto su chi vi abita.
I ricercatori hanno analizzato funghi e
batteri presenti in campioni di polvere
prelevati dagli stipiti di oltre 1.200 abitazioni negli Usa. «I funghi presenti dipendono fortemente dall’area geografica in
cui si trova la casa», racconta Dunn. «Invece i batteri hanno più a che fare con le
caratteristiche degli abitanti». Per esempio, conta il genere. Se in casa c’è almeno una donna sono presenti lactobacilli
vaginali. E più maschi ci sono, più nella
polvere sono abbondanti i batteri della
pelle. Forse perché gli uomini sono più
massicci (e dunque “perdono” più pelle)
e fanno meno uso di detergenti e prodotti per la pelle, che potrebbero interferire
con la “disseminazione batterica”.
E se cambiamo casa? I batteri traslocano
con noi. Gilbert ha osservato che bastano
24 ore ai batteri caratteristici di una famiglia per colonizzare una nuova casa. E
lo stesso vale, come raccontavamo all’inizio, per una camera d’albergo: in poco
tempo la nostra impronta batterica si
sostituisce a quella dell’occupante precedente. Ovunque andiamo, la nostra
bolla di batteri viene con noi.
Valentina Murelli

Spazio

...quale sarà il
momento
giusto e dove
ci stabiliremo
sul Pianeta
rosso. Ragioni,
opportunità e
mille difficoltà
della più
grande impresa
umana mai
tentata.

Perché
andremo
su Marte...

Foxmovies

DOVE
ANDREMO.
Acidalia Planitia,
la zona di Marte
ricostruita in The
Martian (2015).
Lì, nel film, c’era
la base della
missione Ares3.
Ora la Nasa ha
aperto un
dibattito
pubblico: dove
scenderà l’uomo
su Marte?

Nasa/Jpl-Caltech

A CACCIA
DELLA VITA.
Il luogo di
atterraggio della
prima delle
celebri sonde
Viking (1976),
nella Chryse
Planitia.

P

ortare l’uomo su Marte. Un’impresa titanica. Anche perché
non si tratterebbe di una “gita
spaziale” di pochi giorni, come
le missioni Apollo alla conquista della
Luna. L’idea è rimanerci almeno qualche
mese, anche per giustificare la lunghezza del viaggio. Un po’ come nel film The
Martian, ambientato in un futuro prossimo in cui un astronauta, creduto morto, è
abbandonato sul Pianeta rosso.
Ciò che forse il film mette in luce meglio
è che lo spazio, inutile negarlo, è ostile.
Molto ostile. Arrivare a Marte richiede

mesi, le trasmissioni radio decine di minuti (avere una comunicazione rapida
domanda-risposta in caso di emergenza
è impossibile), la permanenza sul posto
infiniti accorgimenti per sopravvivere in
un ambiente che non offre nulla, o quasi.
Eppure, probabilmente nel giro di 20-25
anni, su Marte l’uomo ci andrà davvero.
SOPRAVVIVENZA. Ma perché prendersi
questa incombenza? Non potremmo evitare i viaggi interplanetari, visti i problemi e i costi? No. I motivi, seri e pretestuosi,
sono diversi. «Se l’umanità intende an-

Calvin J. Hamilton/http://www.solarviews.com

Nasa

IL PRIMO
ROVER.
Sempre nell’area
Chryse Planitia,
il punto di arrivo
della missione
Pathfinder, che
nel 1997 portò
il primo rover
(Sojourner) sul
Pianeta rosso.

Un robot non vale
un astronauta. Un
rover ci mette anni
a esplorare l’area
che un uomo vede
in pochi giorni
dare avanti per un altro milione di anni,
dovremo recarci dove nessuno è mai stato prima». Lo ha detto Stephen Hawking,
uno dei massimi scienziati viventi, alcuni anni fa in occasione di una conferenza
per i 50 anni della Nasa. In altre parole,
colonizzare altri pianeti è una questione
di sopravvivenza della specie. In fondo
anche i dinosauri hanno dominato il pianeta per centinaia di milioni di anni, poi
sono stati spazzati via (anche) da un asteroide. Vorremmo evitare la stessa fine.
SOLDI E SCIENZA. Ma ci sono altre ra-

gioni, per esempio economiche. Diversi
studi hanno stimato che per ogni dollaro
speso, la Nasa produce un ritorno compreso tra 7 e 14 dollari. In altre parole, gli
investimenti creano una ricchezza moltiplicata, in media, per 10. E il business
globale dello spazio oggi vale diverse
decine di miliardi di euro l’anno. Portare
l’uomo su Marte richiederebbe molti investimenti, certo, ma produrrebbe anche
enormi ricadute commerciali, come già
accaduto con il programma Apollo.
Poi, naturalmente, non si deve dimenticare la scienza: si spera ancora di trovare
su Marte tracce di vita elementare presente o passata. E il fatto che gli esseri
umani per molti versi sono più efficienti
delle macchine. «Un robot, anche il più
evoluto, non può essere paragonato neanche lontanamente a un essere umano», sottolinea Donald Pettit, astronauta
americano che ha all’attivo una missione con lo Space shuttle e due soggiorni
di sei mesi sulla Stazione spaziale. «È un

6

volte la ricchezza
prodotta in un anno
da Ue o Usa. Tanto
costerà una
missione su Marte.

66 | Focus Dicembre 2015

po’ come dire di aver fatto una vacanza
alle Bahamas semplicemente perché
hai mandato sul posto un automa che
ha ripreso un video; l’esperienza diretta
è un’altra cosa. Le macchine fanno bene
alcune cose, altre no. Per esempio, i primi
due rover inviati su Marte hanno esplorato in anni un’area di un paio di chilometri, che un uomo avrebbe coperto in
non più di 10 giorni facendo rilevamenti
geologici molto più rapidi ed efficaci».
GRANDE FRATELLO MARZIANO. Quanto

potrebbe costare una missione su Marte? «È difficile fare una stima precisa»,
afferma Roberto Battiston, presidente
dell’Agenzia Spaziale Italiana, «ma posso fare un esempio. La Stazione spaziale
internazionale è costata 100 miliardi di
dollari, e ritengo che per una missione
su Marte si stimi 10 volte tanto». Cioè
1.000 miliardi di dollari, come dire 5 o
6 volte la ricchezza complessivamente
prodotta dall’Unione europea o dagli Usa
in un anno. La corsa a Marte quindi non

potrà essere “competitiva” come quella
alla Luna (tra Usa e Urss) ma dovrà essere frutto di una collaborazione globale. «È impensabile che un singolo Paese,
seppure importante come gli Stati Uniti,
possa fare una cosa del genere da solo»,
prosegue Battiston. A meno che non si
trovi un escamotage. Mars One, un’organizzazione no-profit con sede nei Paesi
Bassi, dal 2012 sta portando avanti un
progetto privato di missione umana verso Marte. Ora è in corso la selezione degli
astronauti. Il piano prevede una serie di
missioni, prima per inviare materiali, poi
esseri umani a gruppi di quattro, fino a
formare una colonia di 20 o 24 persone.
Come finanziarsi? Inizialmente grazie a
sponsor e raccolta di fondi sul Web poi, a
missione iniziata, gestendo le avventure
degli astronauti come un reality show,
in diretta tv a pagamento. Ma c’è un altro piccolo dettaglio: non è previsto che
i coloni marziani tornino mai indietro.
Il progetto di Mars One è visto dal mondo scientifico con grande scetticismo,

Il “kit” marziano
Di cosa ci sarà bisogno per andare su
Marte? La Nasa sta già sviluppando le
tecnologie necessarie. Ecco alcuni
esempi, qui sotto e nel disegno.

BUCHE
E SASSI.
La vera Acidalia
Planitia su
Marte. A
differenza di
quella ricostruita
nel film, è molto
accidentata.

Stefano Carrara

LE TUTE.
Flessibili e resistenti
(per raccogliere le
rocce), i prototipi delle
tute da esplorazione
Z-2 sono di tessuti e
materiali compositi. Si
agganciano all’esterno
della base e si
indossano attraverso
un boccaporto, per
lasciar fuori la sabbia.

OSSIGENO. Per respirare gli astronauti
avranno bisogno di produrre continuamente
ossigeno. La tecnologia viene già usata
sulla Stazione spaziale internazionale e
funziona riprocessando l’aria respirata con
l’elettrolisi. La Nasa sta lavorando a una
versione migliorata che aumenti la quantità
di ossigeno prodotta.

HABITAT.
Gli scienziati stanno sperimentando sulla Terra la
base che ospiterà gli astronauti una volta su Marte: si
chiama Hera, ed è un ambiente a due piani con un
boccaporto di uscita e postazioni di lavoro, spazi per
il riposo e un modulo per l’igiene personale.
SERRE
Per coltivare, la Nasa sta
portando avanti MPX (Mars
Plant Experiment).
.

SOLARE E NUCLEARE.
Finora, per fornire energia alle sonde, la Nasa
ha usato generatori termoelettrici basati sul
decadimento di isotopi radioattivi. Si studiano
sistemi simili più potenti, ma anche celle
solari, fissione nucleare e pile a combustibile.

Nasa/Jpl/University of Arizona

PROPULSIONE. Serviranno velocità e
risparmio energetico. Perciò la Nasa sta
pensando alla propulsione ionica, che
funziona caricando elettricamente un gas
come argon o xeno ed espellendo gli ioni.
L’accelerazione è progressiva e si
raggiungono alte velocità, come
sperimentato con la sonda Dawn, che ha
toccato i 38.620 km/ora.

I ROVER.
Gli astronauti ne avranno
bisogno per l’esplorazione. La
Nasa sta lavorando a MMSEV,
veicolo a dodici ruote che
garantirebbe, oltre a una
autonomia di 200 km, protezione
degli astronauti per 72 ore e
ingresso e uscita rapidi.

Dicembre 2015 Focus | 67

La colonia
marziana finirà,
secondo gli
studiosi, per
dichiararsi
indipendente
dalla Terra

e recentemente è stato stroncato senza
appello da ricercatori del Mit.
QUANDO E DOVE. Tornando ai progetti
più seri, il primo problema è il viaggio.
Nelle situazioni più favorevoli, la distanza tra la Terra e Marte è di circa 56 milioni
di chilometri. Ma non capita spesso, solo
una volta ogni quindicina d’anni: una
buona “finestra di lancio” si presenterà
per esempio tra il 2035 e il 2037. E comunque si tratta di un viaggio quasi 150
volte più lungo di quello fino alla Luna, il
corpo celeste più lontano mai raggiunto

150
volte il tragitto tra
la Terra e la Luna.
È la distanza da
percorrere per
arrivare su Marte.

68 | Focus Dicembre 2015

da un equipaggio umano. Ma, si potrebbe
pensare, in fondo l’uomo è andato sulla
Luna quasi 50 anni fa, con una tecnologia
che oggi ci fa sorridere.
Per arrivare a Marte, quale potrebbe essere il “motore” più adatto? «Purtroppo
in questi 50 anni la propulsione non è
progredita quanto altri settori», precisa
Roberto Battiston. «Raggiungere Marte
richiede dai 6 ai 10 mesi, a seconda della
distanza. È qualcosa di mai tentato prima. Il tipo di propulsione da utilizzare
deve sostenere la missione per molto
tempo, quindi noi pensiamo a un motore a energia nucleare, che sarebbe la
soluzione tecnologica di gran lunga più
interessante. Perché se rimaniamo sulla
propulsione chimica, quella attuale, allora occorre pensare a rifornimenti nel
corso del viaggio, sfruttando gli asteroidi
come risorsa di materie prime, oppure
lanciare prima altre astronavi che fungano da stazioni di rifornimento».
Il luogo dove atterrare e stabilire la base
non è ancora definito. Potrebbe trovarsi a latitudini relativamente basse per
sfruttare al meglio la luce solare ed evitare le “notti polari”, presenti in inverno

su Marte come sulla Terra. Come la pianura di Acidalia Planitia scelta per The
Martian, a 31° nord.
CONTAMINAZIONE. “Ammartare” più
vicino ai poli sarebbe più scomodo ma
anche più interessante, perché le calotte ghiacciate potrebbero essere luoghi
adatti per cercare eventuali forme di
vita. Ma proprio questo pone un problema serio di contaminazione del Pianeta
rosso. Le sonde automatiche si possono
sterilizzare con cura, ma gli esseri umani
solo fino a un certo punto. Fino a quando rimane aperta la possibilità di trovare forme di vita su Marte (e la recente
scoperta di acqua allo stato liquido, sia
pure occasionale, l’ha innalzata in modo
significativo), la protezione biologica del
pianeta è considerata con attenzione. Ma
l’acqua è vista anche sotto un altro aspetto. «È importantissima perché non solo
è fonte di vita, ma può essere utilizzata
per creare carburante per i razzi», spiega
l’astronauta Nasa Don Pettit. «Potrebbe
essere utile come propellente per il
viaggio di ritorno. Ma non sarà davvero
importante per irrigare eventuali col-

Spazio? Sì, grazie

I TEMPI DELLA
MISSIONE
Andata

Partenza
dalla Terra
27/08/2037

174 giorni
Permanenza
539 giorni
Ritorno

201 giorni
TOTALE

Partenza
da Marte
10/08/2039

914
giorni

30 MESI
Tappe e tempi di un
viaggio verso il Pianeta
rosso come ipotizzati
dalla Nasa.

Nasa/Jpl

CRATERI E COLLINE.
La zona reale in cui è
ambientato The Martian.
A fianco, da sin., gli
astronauti Terry Virts,
Samantha Cristoforetti e
Anton Shkaplerov.

Arrivo
su Marte
17/02/2038

Stefano Carrara

Arrivo
sulla Terra
27/02/2040

ASTRO-FAN. L’entusiasmo suscitato
dalla prima astronauta donna italiana
ha riempito il Planetario di Milano lo
scorso 7 novembre. L’incontro con
Samantha Cristoforetti e gli altri due
membri della missione Futura,
l’americano Terry Virts e il russo Anton
Shkaplerov, è stato organizzato da
Focus, con Asi, Esa e Aeronautica
Militare, in collaborazione con Ibm e
Lavazza. I tre astronauti hanno
rievocato i quasi 7 mesi trascorsi a
bordo della Stazione spaziale e hanno
risposto alle domande dei presenti e a
quelle inviate al sito di Focus, che ha
trasmesso la serata in streaming
(trovate il video all’indirizzo http://
bit.ly/1Mm2 Sft). Tocco finale: per tutti,
una busta con un pasto “spaziale” di
Argotec, l’azienda italiana che ha
realizzato alcuni cibi speciali portati in
orbita da Samantha Cristoforetti.

tivazioni, perché per una missione del
genere il cibo sarà portato tutto da casa.
Certo sarebbe diverso se bisognasse colonizzare il pianeta: ma per una missione
di esplorazione la quantità di materiale
necessaria per creare una piantagione
sarebbe eccessiva».
mo per un istante che nel giro di una
ventina d’anni l’uomo arrivi su Marte e
che successivamente si possa pensare di
impiantare colonie permanenti, di sviluppare una società “aliena”, la prima
nella storia del genere umano. Qualcuno
sta già pensando alle implicazioni politiche e sociologiche. Jacob Haqq-Misra,
astrobiologo del Blue Marble Space Institute of Science di Seattle (Usa), arriva
a conclusioni piuttosto sorprendenti. I
futuri “marziani”, dice, dovrebbero essere lasciati liberi di sviluppare propri usi
e costumi, un proprio governo e proprie
tecnologie, con la minima interferenza
possibile da parte dei terrestri. Anche
perché una nuova società potrebbe sviluppare una nuova cultura.
Da un lato, questa possibilità ha basi le-

Roberto Caccuri/Contrasto

E ALLA FINE, LE COLONIE. Immaginia-

gali nell’Outer Space Treaty, un documento sottoscritto nel 1967 da 103 nazioni (tra cui Usa e Russia) che regola i
diritti legali nello spazio, e secondo il
quale nessun Paese ha diritto di reclamare come proprio un territorio al di fuori
della Terra, in quanto si tratta di patrimonio comune dell’umanità. Dall’altro
lato, per esempio, gli astronauti a bordo
della Stazione spaziale sono sottoposti
alle leggi del proprio Paese di origine. Se
la Nasa dovesse realizzare una colonia su
Marte, i suoi “coloni” sarebbero dunque

sottoposti alle leggi americane. «Ma un
giorno si stancherebbero», sottolinea
Frans von der Dunk, esperto di diritto
dello spazio all’Università del Nebraska.
«Non si sentirebbero più americani o
russi o di qualunque altro Paese. Si sentirebbero marziani. E vorrebbero il potere di autodeterminarsi». Facile però prevedere quale sarebbe la reazione dei
“terrestri”: “Con tutto quello che ci è
costato mandarli fino a là, ora non vogliono neanche pagare le tasse...”.
Marco Consoli e Gianluca Ranzini

Dicembre 2015 Focus | 69

Ioannis Rekleitis McGill University

Prisma

Come rintracciare relitti o strane
creature nei vasti fondali marini?
Inviando un robot... curioso.
Yogesh Girdhar (Usa) ha creato un
software grazie a cui un robot impara a
distinguere gli elementi più frequenti
(come sabbia o alghe in un oceano) da
quelli insoliti, in un dato ambiente:
l’inusuale scatena così la “curiosità” della
macchina e la fa partire in esplorazione. Il
robot Aqua (sopra), dotato del software,
nei test si è diretto verso ciò che ha
catturato la sua attenzione: per esempio,
un sub che gli è passato davanti. E.I.

5%

La percentuale delle lingue
del mondo (circa 7.100)
presenti in Internet, secondo
il rapporto sullo stato della
banda larga 2015 (Broadband
Commission for Digital
Development).

Getty Images

Il robot va a scuola
di curiosità

LO TSUNAMI CHE
SPOSTÒ LE ROCCE

Lo causò il collasso di un vulcano, a Capo Verde.
I massi sono sparsi sugli altopiani a nord dell’isola di Santiago, Capo Verde,
ben lontani dalla costa e fino a 220 m sul livello del mare. Alcuni sono grandi
come frigoriferi, altri come camion: il più pesante supera le 700 t. E sono fatti
di una roccia diversa da quella su cui oggi sono posati. Cosa li ha portati lì? Ricardo Ramalho, University of Bristol (Uk), ha trovato una risposta: è stato un “megatsunami”
– un’enorme onda causata da un impatto in acqua – scatenato dal collasso del vulcano
che domina Fogo (nella foto, a destra), un’altra isola dell’arcipelago africano. «Si sapeva del crollo. Ma ora abbiamo trovato le prove che ha generato un gigantesco tsunami: è stato un collasso catastrofico, più di 150 km3 di materiale sono finiti nell’oceano
sollevando un’onda che ha devastato la vicina Santiago e altre isole», dice Ramalho.
MASSI. Il suo team ha analizzato i massi e alcuni sedimenti trovati a Santiago, determinando con precisione l’epoca e le proporzioni dell’antico disastro. «È avvenuto
73.000 anni fa. E abbiamo calcolato che l’onda doveva essere alta 170 m: ha strappato
dal bordo delle scogliere i massi e li ha portati dove si trovano ora. Sono infatti composti di una roccia più antica della superficie su cui poggiano, e che si trova sulle scogliere che limitano l’altopiano, ad altitudini minori. Devono essere stati trasportati
dal basso, e solo un megatsunami avrebbe potuto farlo». G.C.

Questo seme sembra proprio una...

Getty Images

Cosa non si fa, in natura, per riprodursi. Una pianta sudafricana, Ceratocaryum
argenteum, arriva a camuffare i suoi semi da... palline di cacca. L’obiettivo, come hanno
scoperto all’Università di Città del Capo, è ingannare gli scarabei stercorari, varie specie
che si nutrono appunto di sterco (a destra). La pianta produce infatti semi marroni, tondi e lunghi
circa 1 cm: quasi indistinguibili dalla cacca di un’antilope locale, il bontebok. Non solo. Emettono
anche la tipica puzza: rilasciano molecole volatili simili a quelle presenti nello sterco dell’antilope.
E gli stercorari locali ci cascano: convinti di trovarsi di fronte al loro cibo, lo fanno rotolare via e lo
seppelliscono come riserva. In pratica disperdono i semi, aiutando la pianta a diffondersi. G.F.

Dicembre 2015 Focus | 71

Una foto alle onde
(d’urto)? Si fa così

Prisma
Le “leggi” della
risposta alle email

Nasa

Entro quanto tempo rispondiamo
a una email? Dipende. Lo
racconta una ricerca, la più
grande condotta finora sulla posta
elettronica, guidata da un team della
University of South California. I risultati?
Il 90% delle persone, se decide di
rispondere, lo fa entro un giorno o due.
Ma poi entrano in gioco altri fattori.
L’età, per esempio. I teen-ager, in media,
rispondono entro 13 minuti. Le persone
di 20-35 anni, entro 16. Quelle tra i 35 e i
50 anni, entro 24. Dopo i 51 anni, si
arriva a 47 minuti. E una donna impiega
circa 4 minuti in più rispetto a un uomo.
Altro fattore è il mezzo usato: col
computer ci vorrà il doppio del tempo
rispetto a quando si usa un cellulare. Lo
studio ha rilevato anche che la maggior
parte delle risposte è di 5 parole; più
della metà ne ha comunque meno di 43,
e solo il 30% più di 100. Infine, se volete
una risposta complessa, scrivete al
mattino: le risposte tendono a essere
più lunghe che nel pomeriggio. S.T.

Getty Images

Dettagliata e... spettacolare: è una visualizzazione
dell’effetto creato da un jet supersonico nell’aria.
Quello che vedete al centro della foto qui sopra è un aereo, più precisamente un T38C, jet da addestramento in dotazione alla Air Force Test Pilot School di Edwards
(Usa). Quelle ai suoi lati, invece, sono le onde d’urto provocate durante un volo
supersonico: sono onde che viaggiano a velocità maggiore di quella del suono. In pratica,
è la visualizzazione degli effetti e delle deformazioni che avvengono nell’aria a causa del
passaggio dell’aereo. Mai prima d’ora si era riusciti a fotografare queste onde con tanta
precisione e con tale dettaglio puntando una fotocamera da terra: è stato possibile con un
metodo messo a punto all’Armstrong Flight Research Center della Nasa.
APPLICAZIONI. Il merito si deve a una tecnica vecchia di 150 anni, la fotografia Schlieren
o strioscopia, spesso impiegata per visualizzare il flusso dell’aria attorno a un oggetto e
usata in genere nelle gallerie del vento. La Nasa ha perfezionato il suo uso all’aperto, sfruttando come sfondo il Sole – come in questa foto – o la Luna: luminosi e con una superficie
coperta di “chiazze” o crateri che appare distorta dalle onde d’urto. L’esperimento è frutto
di una combinazione di tecnologia e abilità del pilota, che doveva trovarsi in un determinato punto, con un margine d’errore di 90 metri, in una finestra di tempo di 2 minuti,
viaggiando vicino ai 1.200 km/h. Questo metodo, oltre a offrire immagini spettacolari,
rende più facile studiare gli effetti aerodinamici – degli aerei ma anche di turbine o auto
– in condizioni reali, dove temperatura e umidità hanno un peso importante. F.B.

VELENOSI, MA UTILISSIMI
I ricercatori hanno girato tutto il mondo, catturando
serpenti, ragni, vespe, molluschi... Tutto per raccogliere
i loro veleni. Il progetto europeo Venomics, in 4 anni, ne
ha ottenuti da 203 specie terrestri e marine, come quelle a
destra. Ogni veleno è un cocktail di tossine, che sono state
identificate e raccolte, creando il più grande database
esistente: 25.000 tossine, tra cui cercare nuovi farmaci (ne
esistono già diversi, derivati da veleni). Le analisi sono in corso.

72 | Focus Dicembre 2015

Conus textile, un conide.

Trimeresurus
albolabris,
vipera asiatica.

Sulle strade

1° Emirati Arabi Uniti
2° Paesi Bassi
9° Svizzera
13° Germania
14° Usa
42° Cina
49° Italia
Redux/Contrasto

La competitività di un
Paese è il risultato di
diversi fattori: il Global
Competitiveness Report 20152016 del Forum Economico
Mondiale ne esamina molti, dalle
istituzioni alle infrastrutture.
Compresa la qualità delle strade:
nel grafico, la posizione di varie
nazioni su 140 Paesi, in base alla
valutazione della rete stradale
(nella classifica della competitività
generale, vince invece la Svizzera;
noi siamo 43esimi).

61° India
123° Russia

Molte altre Terre
devono nascere

140° Guinea

Quella faccia l’ho già vista

Gallery Stock

Avete già visto quel viso... Non ricordate dove, ma vi dà un senso di familiarità. A farlo
scattare è la vostra corteccia peririnale. «È la parte del cervello che identifica novità
o familiarità in oggetti, immagini e facce», dice Rebecca Burwell, Brown University
(Usa). Il suo ruolo era noto, ma restava da capire come funzionasse. Lavorando sui ratti,
Burwell ha scoperto che il senso di novità o di “già visto” è dato dagli stessi gruppi di neuroni,
che si attivano però in modo diverso. Davanti a qualcosa di nuovo, le cellule “lanciano” molti
segnali (30) al secondo; se l’oggetto è noto, la frequenza degli impulsi scende.
STIMOLO. Burwell ha stimolato i neuroni di alcuni ratti in modo che si “attivassero” a diverse frequenze. Risultato: «Hanno trattato le immagini note come nuove, guardandole più a
lungo: fanno come noi, che quando incontriamo persone o cose nuove tendiamo a porvi più
attenzione. O al contrario hanno considerato immagini nuove come già viste». E.I.

Scolopendra
cingulata,
mediterranea.

Scorpio maurus,
scorpione di Africa e
Medio Oriente.

Npl/Contrasto (5)

Getty Images

Trachycephalus resinifictrix,
rana amazzonica.

Non solo nello spazio ci sono
altre Terre, ma molte di più...
devono ancora nascere. È la
conclusione a cui è arrivato uno
studio guidato da Peter Behroozi
dello Space Telescope Science
Institute di Baltimora (Usa). Gli
scienziati hanno calcolato che
quando il nostro sistema solare è
nato – circa 4,6 miliardi di anni fa
– esisteva già solo l’8% dei pianeti
potenzialmente abitabili che il cosmo
ha la possibilità di creare. «La Terra è
nata presto, comparata a tutti i
pianeti che si formeranno
nell’universo», dice Behroozi. Oggi
restano disponibili tali quantità di
materiali (gas delle nubi interstellari,
le cui parti più dense, con un
collasso gravitazionale, evolvono in
stelle) da alimentare per lungo tempo
la produzione di stelle e sistemi
solari. E tra i pianeti nasceranno
anche “Terre future”, rocciose e
poste nella zona abitabile – quella in
cui è possibile la presenza di acqua
liquida – del loro sistema. Secondo
gli scienziati, è più probabile che si
formino per esempio nelle galassie
nane, che hanno ancora molto gas
disponibile; la nostra Via Lattea,
invece, lo ha già in gran parte usato.

Brachypelma boehmei,
tarantola messicana.

Dicembre 2015 Focus | 73

La numero 1
* Fonte: Nielsen Market*Track,
mercato camomilla filtri, Italia, at 14/06/15, quota valore.

*

Come sai, le camomille non sono tutte uguali.

Filtrofiore Bonomelli contiene tutte le parti del fiore.

www.bonomelli.it

ML&Partners

I suoi filtri, ricchi della migliore camomilla, sono, da sempre, confezionati a mano con cura.
Bonomelli, grazie a più di 100 anni di esperienza, sa sempre offrirti il meglio per te.
Filtrofiore Bonomelli è unica. E lo senti dal profumo.

Le regole del gruppo,
a due ruote e non solo

Prisma

Getty Images/National Geographic

Ogni corridore (e spettatore) ha visto
come parte e si “evolve” un gruppo
di ciclisti, in una corsa. Ora Hugh
Trenchard (Canada) lo ha analizzato come
fosse un “superorganismo” – un’unità
sociale di molti organismi – e ha studiato i
principi che lo regolano con simulazioni al
computer. All’inizio il plotone è compatto e
di forma circolare: sta unito perché i ciclisti
più deboli sono aiutati dalla riduzione della
resistenza dell’aria, pedalando nella scia
degli altri. Quando ciò non basta più a
compensare la loro minore velocità rispetto
agli atleti in testa, il gruppo si sgretola. Il
modello si applica anche a gruppi di animali:
Trenchard vuole studiare se, per esempio,
funziona per i pesci in fuga dai predatori.

CACCIATI DA NOI

La civiltà moderna non ha l’esclusiva delle estinzioni: una “scia di distruzione” segue le antiche migrazioni con cui siamo arrivati a colonizzare il mondo.
È stata la caccia eccessiva, infatti, a causare l’estinzione dei grandi mammiferi americani, come mammut, mastodonti, cammelli.
COLPA. Lo sostiene uno studio dell’Università del Wyoming (Usa), confermando la
teoria secondo cui questa scomparsa sarebbe colpa nostra. I ricercatori hanno comparato le datazioni di fossili di animali americani estinti con le tracce della colonizzazione umana. Trovando una corrispondenza: il declino dei grandi mammiferi è
iniziato prima nell’area dello stretto di Bering (tra 13.300 e 15.000 anni fa), un po’
dopo nel Nord America e poi in Sud America. Seguendo l’arrivo dell’uomo, che dallo
stretto di Bering ha percorso il continente. G.F.

Getty Images

Così si estinsero i grandi mammiferi americani.

Vera la foto del killer di JFK

Getty Images

Fucile nella sinistra, giornali marxisti nella destra, al
fianco una pistola: così appare in una foto Lee
Harvey Oswald, l’uomo che nel 1963 ha sparato al
presidente Usa John F. Kennedy, con un fucile dello stesso
tipo di quello nello scatto. Ma, dicono i complottisti,
l’immagine è un fotomontaggio. Ora, un team del
Dartmouth College conferma che è vera: con un modello
3D ha dimostrato che la posa di Oswald, all’apparenza
sbilanciata (era una delle critiche), è realistica. Come
illuminazione, ombre e lunghezza del fucile. M.L.L.

Hany Farid

È una banconota innovativa, realizzata con tre processi di stampa
(offset, serigrafia e calcografia) e con una tecnologia che fa apparire
un’inedita “finestrella” all’interno dell’ormai solito ologramma. È il
nuovo biglietto da 20 euro, in circolazione dal 25 novembre. La finestra
incornicia il ritratto di Europa, la figura mitologica greca che ha dato il nome
al Vecchio continente. Questo e altri elementi – tra cui l’effetto che fa
apparire sul numero 20 un riflesso di luce che si sposta a seconda di come
muoviamo la banconota – sono tra le misure anti-contraffazione della
Banca centrale europea: nei primi sei mesi di quest’anno, infatti, solo in
Italia sono state sequestrate 81mila banconote false, di cui ben il 53%
erano biglietti da 20 euro. R.G.

Corbis/Contrasto

Nuovi 20 euro, a prova di falsario

Dicembre 2015 Focus | 75

WE
LOVE
YOUR
BACK

Varier
per vivere bene
Postura naturale
Incoraggia il movimento
Rinforza la schiena
Respirazione e circolazione
Energia e benessere

Thatsit™ Balans®, per lavorare meglio Gravity™ Balans®, per riposare di più

Regalati il benessere, ad un prezzo speciale
Il benessere oggi ha un prezzo speciale: 20% di sconto su tutti i modelli di Gravity e
Thatsit fino al 20 dicembre.
I prodotti Varier sono raccomandati dalle più importanti associazioni medico scientifiche

shop online: varierstore.it

varier.it

In collaborazione con

GHIACCIO CHE
SI RINNOVA

Lo strumento Virtis a bordo della
missione Rosetta ha scoperto un ciclo
del ghiaccio sulla cometa 67P.

La sonda Rosetta da quasi un anno sta “inseguendo” la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko nel suo percorso attorno al Sole.
E recentemente ha fatto una scoperta importante: un “ciclo del ghiaccio” su questo
nucleo cometario. Quando il Sole illumina
una certa zona, il ghiaccio in superficie e
qualche centimetro sotto sublima (cioè
passa da solido a vapore). Poi, quando la
stessa zona entra in ombra a causa della
rotazione della cometa attorno al proprio
asse, lo strato in superficie si raffredda suFocus04.pdf 1 03/03/2015 11:49:51
bito, mentre quello sottostante continua

RIFLESSIONI DIVERSE.
In rosso, le zone del nucleo di 67P che riflettono di
più la luce rossa/IR: da queste caratteristiche si può
risalire alla composizione chimica.

a evaporare perché mantiene per un po’ il
calore accumulato. Ma una volta emerso
in superficie torna a essere ghiaccio, che
sublimerà di nuovo quando il nucleo sarà
ancora esposto al Sole. In altre parole, il
ghiaccio segue un ciclo giorno-notte. La
scoperta è stata possibile grazie a Virtis
(Visible InfraRed and Thermal Imaging
Spectrometer), strumento pensato più

http://blogs.esa.int/rosetta. Matisse software developed by A. Zinzi and coll.

DALLO SPAZIO

di dieci anni fa da Angioletta Coradini, la
“signora dei pianeti” scomparsa nel 2011,
e realizzato dall’industria italiana sotto
il coordinamento dell’Asi. In differenti
versioni è stato utilizzato in missioni interplanetarie come Venus Express, Dawn
(che si è avvicinata al pianeta nano Cerere)
e Juno, una sonda che arriverà a Giove nel
luglio dell’anno prossimo. G.R.

L’Agenzia spaziale italiana (Asi) coordina gli investimenti nel settore aerospaziale e dipende
dal ministero dell’Università e della Ricerca. È uno dei più importanti attori mondiali
per lo spazio e le tecnologie satellitari. Il suo presidente è il prof. Roberto Battiston.

Come
funziona
Il numero
uno dei
video
in Rete

Lungo le vie
di YouTube

Quando clicchiamo sul triangolo che avvia la
riproduzione di un film, in realtà siamo a metà
della storia... Ecco che succede prima e dopo.
A cura di Silvia Ponzio

2. OGNUNO PER LA SUA VIA.
I pacchetti, dopo essere stati
“trasformati” in un codice,
viaggiano in Internet
separatamente, compiendo
ciascuno un suo percorso
attraverso le linee (telefoniche,
banda larga ecc.) e i nodi (fornitori
di servizi, centri di calcolo ecc.).

Illustrazione di Mirco Tangherlini

1. CIAK SI... PARTE!
Il percorso del filmato inizia
nello smartphone usato per
realizzarlo: viene suddiviso
in milioni di fotogrammi
(pacchetti) e trasmesso in
Internet attraverso la rete
cellulare o via wi-fi da un
punto di accesso (hotspot)
pubblico. Se usiamo una
videocamera tradizionale,
il viaggio inizierà nel computer
di casa (collegato in Rete)
dove il video viene scaricato.

3. A DIVERSE QUALITÀ.
Arrivati a destinazione, cioè nei
server di YouTube, i pacchetti
sono decodificati e riassemblati,
come in un mosaico, per
ricostruire il video originale.
Quest’ultimo viene copiato in più
versioni, con formati e qualità
diversi, affinché sia possibile
guardarlo da qualsiasi dispositivo
(pc, smartphone e tablet).

La sua storia in otto tappe
2005

2006

2007

2008

IL PRIMO VIDEO
Jawed Karim, uno dei
tre fondatori, carica il
primo filmato: 19
secondi girati allo
zoo di San Diego.

CON GOOGLE
Con 65 milioni di
video caricati ogni
giorno, YouTube è il
sito del momento.
E Google lo acquista.

NEL TELEFONINO
Arriva YouTube
Mobile, la versione
per i cellulari. Nel
frattempo si vedono
le prime pubblicità.

ALTA DEFINIZIONE
Debuttano i video nel
formato “HD Ready”.
L’alta definizione
“piena” (a 1080p)
arriverà l’anno dopo.

78 | Focus Dicembre 2015

Il fenomeno in cifre
Prima di sbloccarlo, lo staff di
YouTube verifica che non si tratti di
di clic “artificiali” effettuati per dare
l’idea di un grande successo.
500: la durata equivalente (in anni!)
dei video di YouTube che vengono
visti ogni giorno su Facebook.
700: i video di YouTube condivisi
ogni minuto su Twitter.

27: i gradi di temperatura nei
datacenter Google per mantenere i
video (e tutti gli altri dati) al sicuro.
300: le ore di video che vengono
caricate ogni minuto su YouTube.
301: il numero al quale il contatore
delle visualizzazioni resta fermo
per ore (se non per giorni) anche se
il video continua a essere visto.

7.680 x 4.320: il formato (in pixel)
dei video di YouTube che hanno la
qualità massima (8K). Nell’alta
definizione è 1.920 x 1.080.
1 miliardo: le persone che usano il
sito regolarmente.
2,3 miliardi: il numero di clic
totalizzati dal video più visto di
sempre (Gangnam Style).

4. VIDEO IN PARCHEGGIO.
Le varie versioni del filmato vengono
“compresse” e inviate a uno dei 14 data
center di Google (che è proprietaria di
YouTube) sparsi per il mondo: si tratta
di edifici che ospitano migliaia di
computer che fanno funzionare il celebre
motore di ricerca e tutti gli altri servizi
associati (mail, mappe ecc.). Qui
i video restano parcheggiati in attesa
che qualcuno... voglia vederli.

5. ARRIVA IL FILMATO!
YouTube ritrasforma il video in pacchetti e,
attraverso la Rete, li invia al nostro
computer, affinché quando le “porzioni”
verranno riassemblate, il filmato risulti
visibile nel formato e nella qualità più adatti.
Se la connessione è lenta, entra in azione
il “buffer”: la visualizzazione del video non
inizia subito, ma solo quando una certa
quantità del video è arrivata a destinazione.
Questo fa sì che il filmato possa essere
guardato senza (troppe) interruzioni.

6. CHE COSA GUARDIAMO?
Quando dal computer di casa facciamo
una ricerca, YouTube ci mostra una lista
di video che potrebbero interessarci.
Come fa a indovinare? In base alle
parole chiave che abbiamo digitato,
ma anche tenendo conto dei video che
abbiamo visto precedentemente. Dopo
aver scelto e cliccato sul triangolino,
parte la richiesta verso il sistema.

2009

2010

2012

2015

TRIDIMENSIONALE
È l’anno dei primi film
in 3D, da vedere con i
vecchi occhialini
rossi e blu o con
nuovi monitor 3D.

COME AL CINEMA
La qualità migliora
ancora: viene
introdotto il 4K, lo
standard impiegato
nel cinema.

IN DIRETTA!
Arriva YouTube Live:
si può filmare un
evento e trasmetterlo
in diretta (usando uno
smartphone o un pc).

A TUTTO TONDO
L’ultima novità: i
filmati “sferici”, girati
con lo smartphone,
che mostrano la
realtà a 360°.

Dicembre 2015 Focus | 79

www.fonteessenziale.it

Getty Images

LA Times via Getty Images

DOSSIER

In viaggio
nel tempo

Fantaingegneria
Come si progetta
un cunicolo
spazio-temporale.

Tra cinema,
scienza e
paradossi
Nel tunnel
cronologico
C’è un
intruso
(venuto
dal futuro)
in mezzo
a noi?
Dicembre 2015 Focus | 81

DOSSIER

Getty Images (3)

Ci vedremo
mille anni fa

VERSO L’ANNO 3000.
Viaggiare nel futuro
si può. Purché si
raggiungano velocità
prossime a quella della
luce... E nel passato?

Viaggiare nel tempo, fino
a poco più di un secolo fa,
era solo fantascienza.
Poi è arrivato Einstein...

T

ornare indietro nel tempo per rimediare a un
errore, cambiare il destino, rivivere un’esperienza indimenticabile: chi
non ci ha mai pensato?
Nel mondo della fantascienza è facile. Al Dr Who, nella famosa
serie tv inglese, bastava una cabina telefonica. Nel più recente film Predestination (2014), una custodia di violino. E
nella trilogia Ritorno al futuro di Robert
Zemeckis, un qualunque veicolo, a partire dall’indimenticabile DeLorean DMC12, equipaggiata con “circuiti temporali”
e un “condensatore di flusso” che entra
in funzione alla velocità di 141 km/h.
Nella realtà le cose non sono così semplici. Sorprendentemente, però, la fisica
moderna non esclude affatto i viaggi nel
tempo... purché non si pretenda troppo;
come Marty McFly, che sempre in Ritorno al futuro si ritrova a interferire con
le vicende dei suoi genitori, rischiando
di compromettere la sua stessa nascita.
Perché i viaggi nel passato, si sa, se veramente fossero possibili, sarebbero una
fonte pressoché inesauribile di paradossi. Venirne a capo è impossibile? Non è
detto. Ecco che cosa dice la scienza.

IN ARRIVO, TRA 10MILA ANNI. Innanzi-

tutto c’è da fare una distinzione tra viaggi
nel futuro e nel passato. I primi, grazie ad
Einstein, sono certamente possibili. «Secondo la teoria della Relatività ristretta,
il tempo non scorre allo stesso modo per
tutti», spiega Anna Curir, dell’Osservatorio Astronomico Inaf di Pino Torinese. «Gli intervalli temporali, infatti, si
dilatano per osservatori che si muovano
a velocità elevatissime, prossime a quella della luce nel vuoto (v. intervista nella
prossima pagina e Focus n° 276)». E questo ci permetterebbe di raggiungere il
futuro con un viaggio di sola andata, così
come è raccontato nel libro Gli uomini
del passato (1954) dello scrittore belga
Jean-Gaston Vandel. Questo romanzo,

ambientato nel 2068, racconta la storia
di un gruppo di astronauti che si mette in
viaggio con il Photojet, un’astronave iperveloce, per tornare sulla Terra nell’anno
12068: in realtà per l’equipaggio sono
passati solo 5 anni, ma sulla Terra ne
sono trascorsi ben 10.000.
C’è anche un altro modo, spiega Curir,
per viaggiare nel futuro: entrare in un
campo gravitazionale intenso. Come nel
film Interstellar (2014) di Christopher
Nolan, quando gli astronauti si recano
sul “pianeta di Miller” nei pressi del buco
nero Gargantua: anche se restano lì solo
per poche ore, accumulano un ritardo
di ben 23 anni rispetto ai loro compagni
rimasti a debita distanza sull’astronave.
DIVIETO DI NONNICIDIO. Fin qui tutto
bene. I problemi sorgono, però, con i
viaggi nel passato, una possibilità già immaginata dallo scrittore britannico H. G.
Wells, nel suo classico della fantascienza
La macchina del tempo (1895).
«Se potessimo tornare nel passato, potremmo anche, in linea di principio, uccidere i nostri antenati, e quindi impedire la nostra stessa nascita», spiega Curir.
«Ma come posso interferire con il mio
passato se non sono mai nato? Questo
paradosso non è solo una violazione temporale ma anche causale: andando nel
passato, do luogo a una causa che ha un

300

MILA

La velocità della luce nel
vuoto (circa) in km/sec:
se ci si avvicina, diventa
possibile viaggiare nel
futuro anche di millenni.

Dicembre 2015 Focus | 83

DOSSIER
GRAVITÀ ANTI-INVECCHIAMENTO.
Una scena sul Pianeta di Miller, nel
film Interstellar. Qui il tempo scorre
più lentamente rispetto alla Terra.

All’idea che si potesse
tornare indietro nel tempo
anche Einstein si turbò
effetto sul mio futuro». Si potrebbe, dunque, concludere che il viaggio nel passato
non è possibile. Può darsi. Ma il bello è
che, invece, la Relatività generale non
lo esclude affatto. Il primo a rendersene
conto, fu proprio un logico e matematico, Kurt Gödel, che era amico di Einstein.
Nel 1949, Gödel immaginò un ipotetico
universo rotante, in cui viaggiare nello
spazio equivarrebbe a spostarsi nel tempo, e sarebbe perfino possibile seguire
particolari percorsi ad anello. Noi non
ce ne accorgeremmo nemmeno, perché
in ogni momento vedremmo di fronte a
noi il futuro senza notare nulla di strano.
Solo che, a un certo punto, ritorneremmo al punto di partenza. Il nostro futuro,
in altre parole, si troverebbe a coincidere
con il passato.
BILIARDO TRUCCATO. Oggi sappiamo

che il nostro universo non sta ruotando
(piuttosto, si sta espandendo), quindi

OMICIDIO
IMPOSSIBILE.
Nello schema,
il paradosso
del nonno.

quello di Gödel resta un esercizio puramente teorico. «Ma Einstein fu turbato
nel constatare che la Relatività ammette
questa possibilità», spiega Curir. E ci sono
anche altri modi in cui si può rea­lizzare
un viaggio nel passato, come i wormhole
(v. articolo seguente). Che queste situazioni si verifichino e si possano utilizzare davvero è tutto da dimostrare. Ma,
nonostante questo, nel 1985 il fisico russo Igor D. Novikov sentì l’esigenza di fare
chiarezza. Lo scienziato considerò il caso
delle palle da biliardo. Immaginiamone
una che entri in una buca dove c’è una
macchina del tempo: la pallina torna nel
passato ed esce da un’altra buca, andando a colpire se stessa... Già, ma se colpisce se stessa, non può più andare a finire
nella buca, contraddicendo la sua stessa
esistenza. Dov’è l’errore? Nell’ipotesi di
partenza: in una situazione di quel tipo
non si può cominciare considerando una
sola pallina imperturbata. Fin dall’inizio

1. Un uomo entra in una
macchina del tempo.

dobbiamo immaginare l’arrivo della pallina proveniente dal futuro che, con il suo
urto, colpisce l’altra e la spinge nella buca,
eliminando la contraddizione.
DESTINO IMMUTABILE. In termini più

vicini alla nostra vita quotidiana, potremmo trasporre questo esempio così:
immaginiamo di entrare in una macchina del tempo con le peggiori intenzioni,
e cioè di uccidere nostra nonna. Non lo
faremmo per cattiveria, ma per creare
un paradosso. Ebbene, il principio di
Novikov dice che possiamo pure provarci, ma non potremmo riuscirci. Nel
momento in cui premiamo il grilletto,
per esempio, la pistola potrebbe incepparsi. Oppure potremmo sbagliare mira,
costringendo la povera donna a finire tra
le braccia di uno sconosciuto... nostro
nonno (mentre noi finiremmo in prigione), dando origine alla catena di eventi
che porterà infine alla nostra nascita,
2. Raggiunge
il passato.

3. Incontra
suo nonno.

Un viaggiatore nel tempo
che uccidesse un proprio antenato
negherebbe la sua stessa esistenza
6. L’uccisione
del nonno ha
creato un
paradosso.

84 | Focus Dicembre 2015

5. Ma allora non
può esistere .

4. Lo uccide.

Archivio (2)

Scommettiamo che si può!

fino al momento dell’efferata decisione.
Secondo il Principio di autoconsistenza
di Novikov, dunque, nei viaggi nel tempo non c’è possibilità di libero arbitrio e
qualsiasi tentativo di alterare la storia sarebbe destinato a fallire, con buona pace
di chi vorrebbe tornare nel passato per
cancellare i propri errori.
Il già citato Interstellar si basa su questo
principio: l’astronauta Joseph Cooper
rie­sce infatti a salvare l’umanità trasmettendo informazioni dal futuro, grazie ai
dati da lui raccolti durante la caduta verso Gargantua. Al contrario, nel romanzo
La fine dell’eternità (1955), di Isaac Asimov, la storia temporale dell’umanità è
continuamente modificata dalla casta
dagli Eterni che, per mezzo di incursioni
temporali (altro che paradosso del nonno!), manipolano passato e futuro eliminando gli eventi che potrebbero turbare
la storia dell’uomo. Purtroppo così ne
impediscono anche il progresso.
PROTETTI PER PRINCIPIO. In realtà,
non è affatto detto che i viaggi indietro
nel tempo siano davvero possibili. «Nel
1992, il celebre fisico britannico Stephen
Hawking ha proposto una “Congettura
di protezione cronologica”, secondo cui
la natura non permette la formazione di
curve temporali chiuse: in questo modo
saremmo protetti dal paradosso del nonno», conclude Curir.
Potrebbe, insomma, valere anche per
il tempo qualcosa di simile a quello che
varrebbe per un vaso di porcellana che
andasse in frantumi: la legge della conservazione dell’energia non impedirebbe, in sé, che il vaso si ricomponesse
spontaneamente. Ma si tratta di un fenomeno talmente improbabile che in pratica non si potrebbe mai verificare, come
stabilisce un altro principio, quello che

Il viaggio nel tempo è possibile? Con
quali conseguenze? Lo abbiamo chiesto a Paul Davies (foto), astrofisico di
fama mondiale e autore del libro Come
costruire una macchina del tempo, edito
in Italia da Mondadori. Davies è docente all’Arizona State University (Usa) e
dirige il centro Beyond per i Concetti
Fondamentali della Scienza.

1

Se oggi la scienza può parlare di
viaggi nel tempo è merito della Relatività di Einstein. Come mai?

Già nel 1905, la teoria speciale della
Relatività era basata sull’affermazione
che l’intervallo di tempo tra due eventi
non è assoluto, ma dipende dal moto
dell’osservatore. Oggi sappiamo che è
vero. Se si prende un volo da Roma a
Los Angeles e indietro, e si usano orologi precisi, ci si accorge che il tempo
di volo misurato in aereo differisce
(di pochi miliardesimi di secondo) da
quello rilevato per lo stesso viaggio da
un osservatore che si trovi a Roma. Per
ottenere una deformazione temporale
rilevante, però, c’è bisogno di viaggiare
a velocità prossime a quella della luce.
La teoria della Relatività generale
prevede anche un’altra possibilità per
rallentare il tempo: la gravità. Il tempo
scorre, infatti, un po’ più rapidamente
su un tetto che al piano terra, nello spazio che a livello del mare. Per ottenere
una grande distorsione, però, dovremmo essere nei pressi di un buco nero.
Entrambi i meccanismi permettono
un viaggio verso il futuro, per esempio
sarebbe possibile raggiungere l’anno
3000 in 6 mesi viaggiando a velocità
prossime a quelle della luce. Nessuno
dei due metodi consente di tornare indietro nel tempo. Ma la teoria di Einstein non esclude che anche questo sia
possibile, sebbene i meccanismi proposti finora facciano affidamento su
speculazioni piuttosto esotiche, come
i wormhole (v. articolo seguente).

2
Non è impossibile, secondo la nostra

È possibile che una macchina del
tempo esista nel nostro universo?

attuale comprensione. Ma può darsi
che principi fisici ancora ignoti impediscano il viaggio a ritroso nel tempo. È

una questione aperta. In ogni caso, tutti
i metodi conosciuti comporterebbero
una super-tecnologia, ben oltre quanto
disponibile qui sulla Terra.

3
In tutte le macchine del tempo propo-

Se tutto ciò fosse possibile, perché
i cronoviaggiatori non sono tra noi?

ste finora, non si può viaggiare indietro
nel tempo prima che lo strumento sia
stato costruito. Quindi, se avessimo
iniziato a crearne uno oggi e ci volessero 100 anni, non potremmo usarlo per
tornare al 2010. Forse la ragione per cui
non vediamo i nostri discendenti che
vengono a trovarci è perché non saran-

“Se potessi, andrei
a visitare il futuro
tra mille anni.
Sarebbe oltre ogni
immaginazione”.

Paul Davies

no in grado di costruire una macchina
del tempo fino, per dire, all’anno 3000.

4
La società non sarebbe più la stessa se i
Che impatto avrebbe una tale tecnologia sulla nostra civiltà?

viaggi nel tempo fossero possibili senza limitazioni. Mi sembra però difficile
che si possa davvero trovare un modo
per mandare qualcuno nel passato;
mentre non vedo alcun motivo per cui
tra mille anni non si possa viaggiare nel
futuro. Quello che potrebbe risultare
possibile è inviare una particella subatomica indietro nel tempo. La ragione è
che alcune nuove teorie, oggi popolari,
suggeriscono che potremmo essere in
grado di creare wormhole microscopici
a energie ottenibili negli acceleratori di
particelle. Finora, nessuno lo ha fatto.

5
Suppongo che non resisterei. Vorrei
Se fosse possibile, lei entrerebbe in
una macchina del tempo?

raggiungere l’anno 3000, perché è al di
là di ogni credibile futurologia. Spero
che gli esseri umani ci siano ancora!

Andrea Parlangeli

Dicembre 2015 Focus | 85

DOSSIER

sui libri di testo è noto come “secondo
principio della termodinamica”.

Archivio

Forse si può
tornare nel
passato. Ma
in un mondo
parallelo

VISIONI
DAL FUTURO.
Una scena
del film
Predestination
(2014), in cui
la macchina
del tempo è
una valigetta.

Le mille possibilità di Hollywood
OGNI OPZIONE CONCEPIBILE. Universi paralleli (multiverso), preveggenza,
autoconsistenza... tutte le possibilità discusse (e talvolta escluse) dalla scienza hanno
trovato una rappresentazione sul grande schermo. Ecco le più memorabili.
I VIAGGI NEL TEMPO
AL CINEMA

IN PARALLELO. C’è, però, una possibili-

tà, di natura completamente diversa, di
tornare nel passato senza paradossi: lo
consente la visione a molti-mondi della
realtà, proposta da Hugh Everett III nel
1956. Secondo questa interpretazione,
ogni volta che si osserva una particella
microscopica, l’universo si moltiplica, generando tutti i possibili risultati
dell’osservazione. Per esempio, se lanciassimo una moneta quantistica e guardassimo il risultato, l’universo si sdoppierebbe: in un mondo si verificherebbe
il risultato “testa”, nell’altro “croce”. È
quello che accade nel film Sliding Doors
(1998), in cui la vita della protagonista
cambia in modo drastico a seconda che
riesca o meno a prendere un treno in un
certo momento.
Per quanto possa sembrare fantascientifico, nessuno è stato in grado, finora, di
smentire questa ipotesi. In molti la considerano irrealistica. Ma, se fosse confermata, risolverebbe tutti i paradossi logici
temporali: per eliminare le contraddizioni, basterebbe che il viaggio nel passato portasse non nel nostro universo, ma
in un altro. Esattamente come accade nel
film Star Trek (2009) diretto da Jeffrey
Jacob Abrams, in cui un’astronave romulana viaggia indietro nel tempo attraverso un wormhole fino all’anno 2233 e modifica la sequenza degli eventi in un
universo parallelo: un abile stratagemma che ha consentito il “reboot” della
serie classica di Star Trek (1966-1969),
senza che la nuova fosse in contraddizione con l’originale. In questo caso, per una
volta, un viaggio nel tempo ha consentito
di “risolvere” i paradossi, invece che di
generarne di nuovi.

Albino Carbognani

86 | Focus Dicembre 2015

Paycheck (2003)
VIAGGIANO ANCHE
I CORPI

C’È UN’UNICA
LINEA TEMPORALE

NO
NO

Viaggia solo
la coscienza

PREVEGGENZA
NO

NO

Donnie Darko (2001)

NO
Il pianeta delle
scimmie (1968)

La coscienza atterra nello
stesso corpo
in un altro momento

RIPETIZIONE DELLO
STESSO GIORNO

SI VIAGGIA (ANCHE)
NEL PASSATO

UNIVERSI PARALLELI

Sliding Doors
(1998)
PARADOSSI
TEMPORALI

Ricomincio
da capo (1993)

NO
NO

The Butterfly
Effect (2004)

CI SI INCONTRA
CON SE STESSI

L’esercito delle
12 scimmie (1995)

Midnight in
Paris (2011)

IL PASSATO È IMMUTABILE
(PRINCIPIO DI AUTOCONSISTENZA
DI NOVIKOV)

NO
NO
Ritorno al futuro (1985)

Terminator (1984)

DOSSIER
AL DI LÀ,
IL PASSATO.
Nel montaggio,
come apparirebbe
un “wormhole”, un
tunnel che ci
farebbe
raggiungere
il passato. Questo
tipo di macchina
del tempo (vedi
anche schema nelle
prossime pagine)
è la più plausibile
tra quelle finora
ipotizzate.

NEL TUNNEL
TEMPORALE

Costruire una macchina del tempo è una
grande sfida per gli scienziati e gli ingegneri
del futuro. Ecco come si può affrontare.
88 | Focus Dicembre 2015

1935

Fotolia(3), Cern, elaborazione grafica di Chiara Scandurra

Anno in cui Einstein
teorizzò, con Nathan
Rosen, un primo
tipo di tunnel
spazio-temporale.

C

he aspetto dovrebbe avere una
macchina del tempo? Il modello più realistico è una grande sfera. Una di quelle palle di
vetro che usano i maghi, al cui interno si
intravede un altro mondo. È questo che
vedrebbe davanti a sé un viaggiatore che
si dirigesse verso un wormhole, un cunicolo spazio-temporale capace (molto,
ma molto sulla carta) di portarlo avanti
e indietro nel tempo. Basterebbe entrare
nella bolla per trovarsi in un tunnel, una
galleria che sbuca nel passato. All’interno le immagini sarebbero distorte come
attraverso una lente, e riflesse sulle pareti della galleria. Con repentini cambi
di scena e l’attraversamento di zone più
buie. Fino a che ci si troverebbe dall’altra
parte nella situazione opposta, e cioè im-

mersi nella realtà del “passato”, di fronte a una sfera in cui compare il vecchio
“presente” (v. illustrazione sopra).
SIMULATO AL COMPUTER. Questa, al-

meno, è una delle possibilità: l’ipotesi
di macchina del tempo più accreditata
dagli scienziati. Si può persino vederla su YouTube, in una simulazione in
3D creata dal fisico Andrew Hamilton.
Questa e le altre macchine del tempo
a oggi concepibili (ne esistono diverse
versioni) sono tutti esercizi matematici
basati sulle equazioni di Albert Einstein.
Esercizi che però i fisici prendono molto
sul serio. Non tanto perché sperino di costruire davvero una macchina del tempo
in tempi brevi, ma perché immaginarla e
descriverne il funzionamento in termini

matematici è un buon modo per mettere
alla prova le loro teorie, magari scoprirne
le contraddizioni e migliorarle.
I wormhole nascono come “soluzioni
valide” delle equazioni della Relatività
generale, la teoria con cui Einstein ha
cambiato per sempre le nostre nozioni
di spazio e tempo. Rivelando che essi
sono intimamente legati tra loro, e che
in presenza di un forte campo gravitazionale, come quello creato da una stella
che collassa al termine della sua vita, si
incurvano e si deformano. Immaginiamo
allora lo spazio-tempo come un foglio di
carta, e segniamo due puntini alle sue
estremità. Poi ripieghiamo il foglio fino
ad avvicinare i due puntini e con una matita trasformiamoli in due buchi comunicanti. Più o meno, quello è un wormhole: una scorciatoia tra due punti distanti
(v. schema nelle prossime pagine).
Il nome, coniato da John Archibald Wheeler – lo stesso che ha reso famoso il termine “buco nero” –, richiama l’immagine del verme che scava un foro nella mela
anziché camminare sulla sua superficie.
Visto che, come ci ha insegnato Einstein,
lo spazio è un tutt’uno con il tempo, la
scorciatoia può portarci anche nel futuro... o nel passato. «Nella Relatività generale non c’è nulla che vieti di viaggiare
liberamente avanti e indietro nel tempo,
come facciamo con lo spazio», spiega
Roberto Trotta, astrofisico all’Imperial
College di Londra. «Le due cose sembrano equivalenti, anche se la nostra esperienza ci dice che non lo sono».
FANTAINGEGNERIA. C’è un problema,

però: costruire un wormhole in un foglio
di carta è una cosa, farne uno davvero e
usarlo per viaggiare nel tempo è un’altra. Come dovranno comportarsi, allora,
gli ingegneri della gravità del futuro per
progettare un tale tunnel spazio-temporale? È impossibile dirlo con certezza,
Dicembre 2015 Focus | 89

DOSSIER

35

ma, sulla base delle conoscenze attuali, qualche ipotesi si può fare. Prima di
tutto, come per qualunque tunnel, bisognerebbe scegliere un punto di entrata e
uno di uscita. L’entrata potrebbe essere
un buco nero, uno di quegli oggetti che
si formano quando una stella a fine vita
collassa su se stessa, creando un campo
gravitazionale così forte da piegare lo
spazio-tempo tutto attorno, impedendo
persino alla luce di sfuggire.
Dovrebbe essere il buco nero giusto,
però. Non uno di quelli classici, i più comuni, che finiscono in una “singolarità”,
cioè un punto in cui la densità della materia è infinita e il tempo non scorre più.
Ma uno (le equazioni di Einstein non lo
escludono) che invece prosegue fino a
sbucare da un’altra parte in una sua versione in negativo: un “buco bianco”, che
anziché risucchiare la materia e la luce,
le sputa fuori con violenza.
Buco nero e buco bianco sarebbero collegati tra loro da una gola, una sorta di
tunnel. Chi lo attraversasse si troverebbe
sputato fuori dal buco bianco... in un altro punto del cosmo, o secondo alcuni addirittura in un altro universo. Questo è il
cosiddetto wormhole di Schwarzschild,
o ponte di Einstein-Rosen (c’è qualche
diatriba sul copyright dell’invenzione).
Il problema è che questo ponte, se esistesse, sarebbe in una sola direzione: si
può entrare nel buco nero e uscire da
quello bianco, non il contrario. E comunque non lo potrebbe percorrere nessuno:
basterebbe anche una sola particella a far
collassare le pareti della gola e a chiudere
il passaggio.
Come fare, allora? Qui ci viene in aiuto
Kip Thorne, già docente al California
Institute of Technology (Usa), il più famoso studioso di wormhole al mondo: li
ha “progettati” per ben due film, Contact
(1997) e Interstellar (2014). L’articolo
del 1988 in cui descrive la sua teoria è un
90 | Focus Dicembre 2015

LA Times via Getty Images

Le cifre necessarie per
esprimere, in metri, le
dimensioni (0,00...01 m)
di un ipotetico wormhole
microscopico.

Una porta nel tempo appare
come una sfera di vetro. Ma
funziona come una galleria
vero e proprio libretto di istruzioni per la
costruzione di una macchina del tempo.
DOPPIO INGRESSO. Prima di tutto, spie-

ga Thorne, un wormhole stabile sarebbe
un po’ diverso da un ponte di EinsteinRosen: non avrebbe un ingresso e un’uscita, ma potrebbe essere percorso in
entrambi i sensi. Per crearne uno, la cosa
migliore sarebbe cercarlo molto, molto
piccolo, e poi farlo crescere. Secondo le
teorie attuali, infatti, a scale molto inferiori a quella dell’atomo lo spazio-tempo
non è continuo, ma irregolare: forma
una sorta di “schiuma”. Lì potrebbero
crearsi, tra le altre cose, anche minuscoli wormhole. Sarebbero un po’ come
i piccoli spazi vuoti nella struttura fine di
un tessuto che, da lontano, sembra liscia.
E una futura civiltà superiore potrebbe
scoprire il modo di “gonfiarne” uno fino
alla dimensione macroscopica. Poi però
dovrebbe stabilizzarlo.
«Per tenere la gola aperta più di un tempo brevissimo e renderla attraversabile,
la teoria richiede grandi quantità di qualcosa che contrasti l’azione della gravità»,
spiega ancora Trotta. Thorne suggerisce
di sfruttare l’effetto Casimir, un bizzar-

ro fenomeno che dovrebbe verificarsi
affiancando, nel vuoto, due elettrodi
con la stessa carica elettrica e in grado
di condurre perfettamente l’elettricità.
Nel mezzo dovrebbe crearsi una zona
con densità di energia inferiore a quella
del vuoto: una forza che si opporrebbe
alla gravità e terrebbe aperto il nostro
wormhole. L’effetto Casimir in sé è stato
osservato, ma creare le enormi quantità
di energia negativa richieste per stabilizzare un wormhole è un’impresa ben più
ardua. Ammesso che sia possibile farlo,
il wormhole che ne risulterebbe sarebbe
ancora un tunnel che collega punti diversi nello spazio e basta. Per trasformarlo
in una macchina del tempo ci sarebbe
bisogno di un ultimo passaggio.
STELLARI. Iniziamo posizionando le due imboccature del wormhole una accanto all’altra. Poi prendiamo
quella di destra, acceleriamola fino ad
avvicinarci alla velocità della luce e facciamole fare un bel giro nella galassia e
dintorni. Quindi invertiamo la rotta e
riportiamola al punto di partenza vicino
all’altra bocca, che nel frattempo è rimasta ferma. A questo punto, sfruttando
VIAGGI

ANATOMIA DI UN TUNNEL. A sinistra, il fisico
Kip Thorne. Sotto, la raffigurazione di un tipico
wormhole da lui studiato: è un tunnel nella
struttura dell’universo che consente viaggi nello
spazio e nel tempo, anche verso il passato.

2. L’INGRESSO.
Un viaggiatore
del tempo
vedrebbe il
wormhole come
una sfera di
cristallo; in
realtà è un
tunnel.

1. COME UN FOGLIO PIEGATO.
Einstein ci ha insegnato che lo
spazio e il tempo formano un
“tessuto”, qui raffigurato come
un foglio piegato.

WORMHOLE

PRESENTE

5. ANELLO
TEMPORALE.
Tornando al punto
di partenza, il
nostro viaggiatore
si ritrova in un
“anello temporale”
(v. articolo
precedente).

4. VERSO IL FUTURO.
Il normale fluire del tempo
è raffigurato nella grafica dalla
freccia azzurra, che qui scorre
in senso orario.

l’effetto di dilatazione temporale dovuto
alla velocità (v. articolo precedente), abbiamo ottenuto un risultato importante:
l’imboccatura che ha viaggiato si ritroverebbe più indietro nel tempo rispetto a
quella rimasta ferma. Da quel momento
in poi, entrata e uscita del tunnel sarebbero “sfasate”, e attraverso il wormhole
si potrebbe viaggiare in entrambi i sensi,
verso il futuro o verso il passato, a seconda della preferenza.
Già, ma come si fa a portare l’imboccatura di un wormhole a quelle velocità? Con
questa domanda ci fermiamo. Thorne
suggerisce che una civiltà superiore potrebbe farlo sfruttando i campi elettrici o
gravitazionali. Confidiamo in loro.

3. USCITA: VENT’ANNI FA.
Attraversando il wormhole, il
viaggiatore si ritrova nel passato.
Ma il tunnel si può percorrere
anche in senso inverso.

E SE L’INTERO UNIVERSO FOSSE CICLICO?
MADRE DI SE STESSO. L’universo stesso potrebbe essere una macchina del
tempo: è la suggestiva proposta avanzata nel 1997 dai fisici di Pricenton (Usa)
Richard Gott e Li Xin Li. Partiti dalla più classica domanda della cosmologia,
“come è iniziato il mondo?”, i due scoprirono che potrebbe essere la domanda
sbagliata. Diciamo pure che l’universo inizia da una sorta di “bolla” prodotta dal
Big Bang. La bolla si espande fino a diventare l’universo che conosciamo. Al suo
interno, le stelle che collassano diventano buchi neri, che hanno molte
caratteristiche in comune con l’universo primordiale. E infatti, ogni tanto, il buco
nero potrebbe creare un ponte di Einstein-Rosen (vedi articolo principale) alla
cui altra estremità ci sarebbe una nuova bolla, un universo bambino in tutto e
per tutto simile al primo. E qui viene il bello. Siccome il ponte può collegare
passato e futuro, quella bolla potrebbe essere proprio la stessa da cui era
iniziata la storia. Insomma, le leggi della fisica permetterebbero all’universo di
essere – parole di Gott e Li – “la sua stessa mamma”.

Nicola Nosengo

Dicembre 2015 Focus | 91

Spl/Contrasto-elaborazione grafica di Chiara Scandurra

PASSATO

ML&Partners

LE TISANE BONOMELLI.
DETOX
SENTIRSI PURIFICATA
È UN VERO PIACERE.

Dall’esperienza erboristica Bonomelli, le tisane dedicate a te, ognuna con una specifica funzione benefica, e tutte buonissime.
Bonomelli da oltre 100 anni per il tuo benessere. Scopri l’intera gamma e le novità create per te su

www.tisanebonomelli.it 

seguici su

DOSSIER
SALTO NEL ’700.
Sotto, E. Jourdain e C. A.
Moberly: nel 1901 hanno
detto di aver visto la
regina Maria Antonietta a
Versailles (a sinistra).

Bralorne Pioneer Museum

Getty Images

SOLDI
SPORCHI.
A lato,
A. Carlssin,
accusato
di insider
trading, disse
di venire dal
futuro.

CELLULARI
ANACRONISTICI.
Due donne che
sembrano parlare
al cellulare, una
nel 1938 (sopra)
e l’altra nel
1928 (a destra).

Cronoviaggiatori provenienti
dal futuro, secondo alcuni,
potrebbero essere tra noi. Gli
scienziati li hanno cercati, ma...

C’è un intruso
in mez   zo a noi!

“B

envenuti, viaggiatori nel
tempo”. Il 28 giugno 2009, il
cartellone e i palloncini accoglievano a Cambridge chiunque fosse
tornato nel passato per visitare il professor Stephen Hawking a caccia di prove
sul viaggio a ritroso nel tempo (v. foto
sopra, tratta da un video su YouTube).

FUORI POSTO.
Sopra, lo
striscione della
festa di Stephen
Hawking per
viaggiatori nel
tempo.
A lato, un uomo
con abbigliamento
moderno nel
1940... che ci
faceva lì?

Ovviamente gli inviti furono stampati
solo a festa conclusa, in modo che nessuno, tranne chi viveva nel futuro, leggendo
l’invito potesse presentarsi. Nessuno lo
andò a trovare.
I DUBBI DI FERMI. L’esperimento era uno
scherzo (ma non troppo) del geniale

scienziato britannico, che all’epoca dichiarò: «La teoria della Relatività generale di Einstein sembra offrire la possibilità di curvare lo spazio-tempo al punto
tale da tornare nel passato. Però è probabile che la curvatura attiverebbe un lampo di radiazioni tale da distruggere l’astronave e forse lo stesso spazio-tempo».
La festa di Hawking era certamente una
provocazione. Che, però, mette in luce
una questione profonda: se il viaggio nel
tempo è possibile, come mai non abbiamo ancora incontrato qualcuno venuto
dal futuro? È un paradosso simile a quello formulato da Enrico Fermi a proposito
degli alieni: se davvero esistono, come
pensano in molti, come mai non sono
Dicembre 2015 Focus | 93

DOSSIER
Uno scienziato, negli Usa, ha
cercato i visitatori dal futuro
sui social media e su Google
ancora venuti a trovarci? Una domanda
apparentemente innocua, che però in un
altro settore gli astronomi si pongono
quando occorre fare una stima quantitativa dell’effettiva diffusione della vita e
dell’intelligenza nel cosmo.
PONTI E DINOSAURI. Tornando ai viag-

giatori nel tempo, c’è chi è convinto che
ci siano e che si nascondano tra di noi. Lo
ha pensato, per esempio, il cinefilo George Clark, quando, guardando i contenuti
extra nel Dvd del Circo di Charlie Chaplin
(1928), ha visto in un filmato della première una donna che sembra parlare a un
telefono portatile. E una prova simile
sarebbe il filmato di un’altra donna che
uscendo da una fabbrica DuPont nel
1938 sembra impugnare un cellulare (v.
foto nella pagina precedente).
Per gli storici si tratterebbe, in entrambi
i casi, di una radio o di uno dei primi apparecchi acustici della Siemens, però a
vedere entrambi i video (si trovano su
YouTube) qualche dubbio viene. E lo
stesso vale per una foto dell’inaugurazione del ponte di South Fork Bridge in Canada, nel 1940, dove un giovanotto spicca
tra la folla per il suo abbigliamento a dir
poco anacronistico: gli occhiali, la maglietta e quella che potrebbe essere una
reflex contemporanea.
Ma perché mai qualcuno dovrebbe affrontare i pericoli di un viaggio nel tempo

per assistere a un evento insignificante
come l’inaugurazione di un ponte? Non
sarebbe più affascinante vedere le piramidi, i dinosauri o la nascita di Cristo?
GUADAGNI MILIONARI. Certamente sì.

Ma in linea di principio non si può sottovalutare un’altra possibilità: che i viaggiatori nel tempo si mascherino tra gli
altri perché sono interessati ad arricchirsi. Come ha sostenuto di aver fatto
Andrew Carlssin, arrestato dall’Fbi per
insider trading a New York il 19 marzo
del 2003 per aver guadagnato 350 milioni di dollari in due settimane, partendo
con un capitale di soli 800 dollari. L’uomo si è giustificato sostenendo di essere
tornato indietro dall’anno 2256 e di avere sfruttato le conoscenze future sull’andamento del mercato azionario. Peccato
che a pubblicare la storia, ripresa da molti siti web, sia stato il Weekly World News,
giornale di notizie fittizie e goliardiche.
Altre storie simili di bizzarri viaggi attraverso le pieghe del tempo sono state
smontate ancor più facilmente, come il
tuffo nel passato descritto nel libro An
Adventure da Eleanor Jourdain e Charlotte Anne Moberly, che nel 1901 sostennero di aver incontrato la regina Maria

Antonietta (1755-1793) nel castello di
Petit Trianon a Versailles.
RICERCA IN INTERNET. Fino a pochi anni
fa, su questo argomento ognuno poteva
dire più o meno quello che voleva. Ma
oggi, nell’era di Internet, è possibile organizzare ricerche più sistematiche, per
cercare tracce concrete dei presunti spostamenti di persone da un’epoca all’altra.
Ci ha pensato Robert Nemiroff, astrofisico della Michigan Technology University (Usa), che ha scandagliato la Rete per
vedere se qualcuno in viaggio nel passato
avesse lasciato prove sul Web e sui social
media della conoscenza di eventi prima
ancora che avvenissero. Così lo scienziato si è messo alla ricerca di eventuali notizie anticipate sull’elezione di papa
Francesco o sulla scoperta della cometa
Ison , per esempio. Ma, dati alla mano, lo
scienziato si è dovuto arrendere all’evidenza: nessuna traccia.
E Stephen Hawking? Al suo party, lo
scienziato non se ne è stato tutto il tempo
ad aspettare con lo champagne in mano.
«I viaggi nel passato sono impossibili»,
ha sostenuto, «ma quelli nel futuro,
sfruttando l’energia di un buco nero o
viaggiando a una velocità prossima a
quella della luce, sono teoricamente possibili. Se mai si realizzasse una macchina
del tempo simile mi piacerebbe viaggiare
molti millenni in avanti per vedere come
finisce l’universo». E voi, verso quale
epoca viaggereste?
Marco Consoli

JOHN TITOR, L’UOMO VENUTO DAL 2036
SEDICENTE PROFETA. Ci aveva già provato Nostradamus a predire il futuro, ma
in quel caso si trattava di supposta preveggenza. John Titor ha fatto di più:
scrivendo online su alcuni forum tra il 2000 e il 2001 ha detto di essere un militare
assegnato a un progetto di viaggio nel tempo e di essere tornato indietro dal 2036.
Poi ha descritto nei dettagli la sua macchina del tempo (adattata su un’auto come
in Ritorno al futuro, v. foto) e fatto alcune previsioni, tra cui la creazione di mini
buchi neri al Cern di Ginevra nel 2001 e lo scoppio di una guerra civile negli Usa nel
2004. In molti gli hanno creduto e lui è diventato una celebrità del Web, ma le sue
previsioni non si sono mai avverate. La spiegazione di Titor? Questi fatti sono
realmente avvenuti, ma in un universo parallelo al nostro. Peccato che Titor non sia
mai esistito veramente, ma è stato creato da qualche buontempone.
La sua storia è una specie di romanzo che ha trovato spazio sul Web.
STILE UN PO’ RETRÒ. La macchina del tempo che
avrebbe usato John Titor, una Corvette del 1966.

94 | Focus Dicembre 2015

informazione pubblicitaria

Uno chef
di nome
Cukò

È l’innovativo
robot Imetec
che cucina
per te il
meglio della
tradizione
italiana.

Cercavate un aiutante in cucina? Con Cukò avete trovato un vero cuoco, perché va ben
oltre il semplice tagliare, sminuzzare, mescolare, soffriggere, frullare, cuocere a vapore
e impastare torte: Cukò cucina per te i migliori piatti della tradizione italiana. Antipasti,
salse, primi, secondi piatti e dolci sono la sua specialità: a te basterà scegliere la ricetta,
inserire gli ingredienti, impostare tempo, velocità e temperatura. Al resto ci penserà
Cukò, regalandoti tanto tempo libero lontano dai fornelli. Il suo utilizzo è molto semplice
grazie al display digitale retro illuminato con comandi touch screen per i 3 programmi
automatici e per le impostazioni manuali di velocità, temperatura e tempo. Grazie alla
sua boccia in acciaio inox con 1,2 l di capienza è possibile cucinare per 4 persone. Cukò
è dotato di un kit di accessori per tutte le fasi di preparazione e cottura e di un esclusivo
libro con 100 ricette. Grande attenzione anche a chi segue una dieta gluten-free: con
Cokò è possibile realizzare anche tantissime ricette senza glutine, disponibili online e
raccolte nel ricettario dedicato scaricabile dal sito cuko.imetec.com. Sul sito troverete
anche una Community molto attiva di appassionati di cucina
pronti a scambiarsi tante idee e consigli.

Tre programmi automatici:
la massima autonomia
Con i tre esclusivi programmi automatici Cukò cucina da solo i
primi piatti della tradizione italiana: strepitosi risotti, paste risottate o gustose vellutate,
avvisando quando il piatto è pronto. Selezionando le impostazioni manuali di tempo,
velocità e temperatura Cukò cucina una grandissima varietà di piatti diversi e gustosi:
aperitivi, antipasti, salse, primi piatti e sughi, secondi piatti e contorni, dolci, bevande,
sorbetti, salse e conserve.

www. cuko.imetec.com

Scienze sociali

È NORMALE
CHE...?

... dimentichiamo
le cose, parliamo
da soli, pensiamo
sempre al sesso?
Sì, ma entro
certi limiti.
Che a volte non
è facile definire.

L

e chiavi che non saltano mai fuori. Quella parola sulla punta della
lingua. Quei passi indietro per controllare per la quarta o quinta
volta se abbiamo chiuso la porta di casa. Lo fanno tutti? O dobbiamo preoccuparci? Come si fa a sapere se le nostre sono défaillance
normali; o se invece sono segno di una malattia? Può essere rassicurante
sapere che nessuno è perfetto. Salvo eccezioni specifiche, nessuno ha una
memoria di ferro o una razionalità da macchina calcolatrice. E non bisogna
sorprendersi: il nostro cervello è frutto di un’evoluzione che ha selezionato
da un insieme di mutazioni casuali il meglio che si poteva. Il risultato è che
abbiamo la tendenza a credere al soprannaturale o all’illogico. O che abbiamo “scorciatoie mentali” con cui interpretiamo frettolosamente il mondo,
anche sbagliando, prima di avere il tempo di osservarlo bene.

TESTIAMOCI. È per questo che può apparire sottile il confine, per esempio,
tra un’ansia giustificata (quando i figli si allontanano) e un’ansia paralizzante. O tra una flessione dell’umore per un lutto e l’inizio di una depressione. Capire da soli se “dobbiamo preoccuparci” è difficile: una valutazione seria richiede l’aiuto di un professionista. Nei test in queste pagine
troverete alcune domande che uno psicologo, un neurologo o uno psichiatra potrebbero porre per capire se c’è un reale problema. I test hanno valore indicativo: più sono i “sì” ai quali si risponde, più diventa difficile cavarsela con un semplice “succede anche a me”.
Silvia Bencivelli

1. I TRANELLI DELLA MEMORIA

Sopra i quarant’anni è normale
che declini... Ma non troppo
QUESTIONE DI ETÀ. “La mia memoria non è più quella di una volta: un
tempo avevo in testa un’agendina telefonica, oggi faccio fatica anche con
la lista della spesa”. È una frase che dicono in tanti. D’altra parte, dopo i
quarant’anni la memoria delle esperienze recenti subisce un declino, e
questo è perfettamente normale. Il processo, però, è lento e graduale:
«Rendersene conto da soli è piuttosto difficile», spiega Claudio Gentili,
docente di psicologia clinica all’Università di Padova. «È come quando stai
crescendo. Una zia che non vedi da cinque anni se ne accorge subito, tu
molto probabilmente no». Ed è difficilissimo, se non impossibile, capire da
soli se il decadimento sia quello “normale” dovuto all’età o se si stia
andando verso la demenza: «Per sciogliere questo dubbio, però, esistono
valutazioni neuropsicologiche abbastanza accurate, in grado di quantificare
i danni alla memoria (e talvolta anche di prevederne l’andamento)», spiega
Gentili. Anche la depressione, però, può essere una minaccia, perché
intacca la memoria recente. Spiega Gentili: «Ma il decadimento fisiologico
legato all’età è lento e graduale, mentre quello dovuto alla depressione è
spesso rapido».

C.J. Burton/Corbis/Contrasto (5)

Ooops... Che sbadato!
A. Impieghi più di 5 secondi per dire la data odierna?
B. Hai dimenticato l’indirizzo della tua casa precedente
o il tuo vecchio numero di telefono?
C. Gli altri ti fanno notare che ripeti spesso le domande?
D. Ti perdi per strada anche in luoghi familiari, e più
spesso di un tempo?
E. Le tue perdite di memoria ti complicano la vita?

Dicembre 2015 Focus | 97

2. QUEL CHIODO FISSO IN TESTA

Va bene avere qualche rituale,
ma non perderci tutto il giorno
ME NE LAVO LE MANI. C’è chi pensa troppo al cibo, chi a lavarsi,
chi ha idee bizzarre per la testa. «Le ossessioni sono pensieri intrusivi
che non senti tuoi e non riesci a scacciare. Oppure li scacci con
comportamenti compulsivi. Tutto questo è spesso vissuto come
spiacevole, e genera ansia», spiega Claudio Gentili. Ma quand’è che
“il troppo” diventa troppo? «In parte è soggettivo: in molti hanno
rituali e scaramanzie che in genere non destano problemi. C’è chi va
agli esami vestito nello stesso modo, chi controlla tre volte i
bagagli...». Tra gli atleti, per esempio, l’oggetto portafortuna è molto
diffuso e, come è stato mostrato da una ricerca sulla rivista
Psychological Science, in un certo senso funziona davvero, perché se
l’atleta non lo ha con sé ha la sensazione di avere un minor controllo
sulla propria prestazione. E si concentra meno.
Oltre un certo limite, però, le ossessioni possono diventare un
ostacolo alla vita lavorativa, sociale e personale. «Una cosa è lavarsi
le mani», puntualizza Gentili, «un’altra è fare rituali di abluzione per
cinque ore al giorno».

Pensieri intrusivi
A. Hai idee, pensieri o impulsi che avverti
come intrusivi e che ti causano disagio?
B. Hai comportamenti ripetitivi?
C. Hai azioni mentali che ripeti secondo
regole precise?
D. Pensieri, impulsi e comportamenti
interferiscono con la tua vita?
E. Hai pensieri ossessivi sull’avverarsi di
situazioni che gli altri ritengono
improbabili?

Voci interiori
A. Senti voci che gli altri non sentono?
B. Queste voci ti insultano, ti
disturbano, ti molestano, ti danno
ordini?
C. Queste voci non interpretano i tuoi
pensieri, ma li dirigono?
D. Ti capita la sensazione di fluttuare
fuori dal tuo corpo?
E. Ti capita di vedere cose che gli altri
non vedono?

3. CHI HA PARLATO?

Il guaio è se si sente un
suono che non c’è...

Dialogare con se
stessi può essere
utile. Ascoltare voci
(che possono essere
minacciose) no

GRANDI MONOLOGHI. Alzi la mano chi non ha
mai parlato tra sé e sé. Chi non ha una voce
pensante dentro la propria testa, con cui talvolta
dialoga o che ascolta a lungo o a cui spiega la
lista delle cose da fare. Le voci dei pensieri sono
esperienze molto comuni: lo psicologo inglese
Charles Fernyhough ha dimostrato che almeno il
60% di noi è solito fare quattro chiacchiere con
se stesso, senza che questo costituisca un
problema. Ricerche successive hanno aggiunto
che parlare tra sé e sé può essere persino utile:
a indirizzare l’attenzione, a organizzare i
pensieri, a memorizzare meglio le cose.
Però poi ci sono le voci psicotiche, come quelle
della schizofrenia. «La differenza è che queste
sono tipicamente percepite come esterne,
proprio come un suono che proviene da un
ambiente circostante, ed è difficile che il
paziente prenda in considerazione la possibilità
che siano frutto della propria mente. Piuttosto
cerca spiegazioni che dall’esterno sembrano
illogiche, come quando le attribuisce a loschi
personaggi nascosti dietro i muri o chip
impiantati nel cervello», spiega Gentili.
Ma se in questo caso capire di non doversi
preoccupare, per la persona sana, è facile,
perché la preoccupazione è già segno di
capacità di critica verso le proprie voci interiori,
quello che è difficile è portare alla
consapevolezza e alla critica la persona malata:
«È un lavoro lungo e difficile che quasi sempre
necessita di una terapia farmacologica».

Dicembre 2015 Focus | 99

4. OSSESSIONE SESSO

La colpa è di alcuni
neuroni specifici nel
cervello maschile
DESIDERIO DI RIPRODURSI. Succede anche ai
vermi. Succede ai pesci. Succede a tutti gli
animali che si riproducono per via sessuata. E
succede soprattutto ai maschi. Il chiodo fisso
dell’accoppiamento è, entro un certo limite, del
tutto naturale. Recentemente, una ricerca
pubblicata sulla rivista Nature ne ha anche
spiegato (alcuni dei) meccanismi di base. In
particolare, è stato identificato un gruppetto di
neuroni presenti solo nel cervello dei maschi con
il compito preciso di ricordare costantemente
l’imperativo biologico della riproduzione, anche a
spese di quello, non meno importante,
dell’alimentazione. La ricerca lo ha mostrato nel
cervello del Caenorhabditis elegans, un verme
con relativamente pochi neuroni. E lo ha fatto
puntando il dito sui cambiamenti che avvengono
durante la maturazione sessuale: “questi
cambiamenti rendono i maschi più inclini a
ricordare gli incontri passati e a considerare il
sesso una priorità”, hanno spiegato gli autori.
Però non significa che pensieri e comportamenti
sessuali esuberanti siano sempre “normali”. Una
ricerca americana di qualche tempo fa aveva
calcolato una frequenza media di pensieri legati al
sesso pari a 19 al giorno per i maschi e 10 al
giorno per le femmine. Ma anche, per i maschi, 18
al giorno per il cibo e 11 al giorno per il sonno. Se
questa è una misura media, ne segue che
cinquanta, cento pensieri di matrice sessuale al
giorno sono davvero un po’ troppi.

Quando non basta mai
A. Pensi più spesso al sesso di quanto
non facciano le persone vicine a te?
B. Pensi più spesso al sesso in questo
periodo rispetto ad altri?
C. Il bisogno “fisico” di fare sesso
interferisce con la tua normale
quotidianità?
D. Il bisogno di fare sesso ti porta a
comportamenti potenzialmente
rischiosi per la salute (promiscuità,
sesso occasionale)?
E. Nonostante un partner sessuale
stabile e soddisfacente sei sempre
alla ricerca di altri partner?

100 | Focus Dicembre 2015

Gli uomini
pensano
più spesso
ad accoppiarsi
(e farlo fino a
19 volte al giorno
è normale)

A caccia di emozioni
A. Avverti una perdita di interesse o piacere
per tutte le attività che svolgi nel corso della
giornata?
B. Hai disturbi del sonno, marcati, che si
presentano quasi ogni notte?
C. Hai perso o preso peso in maniera
significativa, senza fare diete?
D. Hai difficoltà di concentrazione o di
pensiero, e indecisioni frequenti?
E. Ti dicono che hai sbalzi di umore
frequenti e imprevedibili?

5. DEPRESSI O PSICOPATICI?

C’è chi è dominato dalle emozioni,
e c’è chi non ne prova affatto
TRISTEZZA ECCESSIVA. Essere tristi è normale, ma come distinguere il limite
che porta alla depressione? «Il depresso spesso crede che la propria tristezza,
anche se profondissima, sia una reazione normale agli eventi della vita», spiega
Gentili. «Quando è in fase euforica, la stessa persona si sente in uno stato di
benessere completo, e sono gli altri ad accorgersi che, per esempio, è sempre
sveglio o spende l’intero stipendio in poche ore. In questo caso, la malattia
comprende il non rendersi conto di essere malati». A volte, però, ci si accorge
del problema: «A un certo punto si riesce a sentire che queste emozioni, per
esempio profonda tristezza e apatia, creano problemi alla vita familiare, sociale
e lavorativa e che non si è più quelli di prima», dice Gentili. Il campanello
d’allarme, insomma, si accende quando ci si accorge che le emozioni prendono
il sopravvento. Ma ci sono anche individui che, al contrario, le emozioni non le
sentono affatto: gli psicopatici. «Queste persone non avvertono, per esempio, il
disgusto o il disprezzo, e stanno benissimo», conclude l’esperto. «Solo che a
volte diventano un problema per gli altri». Perché senza quelle emozioni, che
contribuiscono al senso morale, possono diventare persone senza scrupoli o
manipolatori. E a tutto pensano tranne che di doversi correggere.

Dicembre 2015 Focus | 101

Getty Images

Animali

PROFILO.
Primo piano di
corvo imperiale
(Corvus corax).
I corvi,
che hanno
conquistato
l’intero pianeta,
hanno una vita
sociale
complessa e
un’intelligenza
acutissima.

102 | Focus Dicembre 2015

I corvi sanno costruire
strumenti, praticano lo
sport e organizzano
perfino riti funebri per i
loro morti... Altro che
uccelli “del malaugurio”!

UN
CERVELLO
DA PAURA

Dicembre 2015 Focus | 103

Minden/Contrasto

PARTNER PREMUROSO.
Sotto, un corvo maschio imperiale
imbocca la compagna, durante la cova.

Sono monogami e vivono
organizzati in società
complesse, con gruppi
che si scambiano i favori

S

ono spietati predatori,
ma nel tempo libero
amano giocare e organizzare scherzi tra compagni. Quando trovano
un partner non lo abbandonano più, e sono
tanto legati ai loro amici da organizzare
commuoventi riti funebri per l’estremo
addio. Se messi alla prova, dimostrano
l’intelligenza di un bambino di sette
anni. Ma non sono umani. Anzi, nemmeno mammiferi. Sono i corvi, i volatili più
intelligenti del pianeta, anche più di
qualsiasi cane o gatto. Ingiustamente si
sono beccati l’epiteto di “uccelli del malaugurio”. Forse perché sono neri, forse
perché troppo svegli per non farci sentire almeno un po’ a disagio.

OVUNQUE NEL MONDO. «I corvi sono gli

animali più duttili del pianeta: si adattano a qualsiasi situazione, anche la più
aliena, molto rapidamente», spiega Corina Logan, biologa all’Università di Cambridge, che li studia da anni. La prima
cosa che ha imparato è che dire “corvo”
significa tutto e niente: le circa cento
specie della famiglia dei Corvidae sono
molto diverse tra loro per dimensioni,
colori e comportamento, e il fatto che in
circa 17 milioni di anni abbiano colonizzato quasi tutto il mondo (con l’esclusione del Polo Sud e della Patagonia) dà

104 | Focus Dicembre 2015

forse un’idea della varietà di condizioni
alle quali si sono dovuti adattare. «I corvi sono tra gli animali con la cultura più
complessa ed evoluta, ma sono anche in
grado di affrontare situazioni sconosciute con sorprendente abilità», dice Logan.
La loro intelligenza, insomma, è il vero
tratto distintivo dell’intera famiglia.
Membri dell’ordine dei passeriformi, i
corvidi sono i suoi rappresentanti più
grossi: se è vero che il corvo più piccolo,
la ghiandaia nana, non supera i 40 grammi di peso, il corvo imperiale (il “nostro”
corvo, anche se il suo areale, cioè il territorio che abita, arriva fino in Nord America) supera il mezzo metro e il chilo di
peso. Sono spesso robusti come i loro
becchi, e sono tutti onnivori; con alcune
specie come la ghiandaia di Steller che,
a forza di rimanere a contatto con gli
umani, ha imparato ad apprezzare la loro
cucina, a partire da spaghetti e patatine.
I corvi sanno come sfruttarci, insomma,
ma se interferiscono con le nostre attività economiche è solo per caso: se alcune
specie si nutrono di vermi e cavallette,
facendo un favore ai nostri raccolti, altre
vanno tenute sotto controllo perché possono fare strage di altri uccelli.
In ogni caso, la loro struttura sociale è
complessa, più di quella di molti mammiferi. «Oltre alle gerarchie di gruppo,
per i corvi sono importanti i rapporti tra
singoli individui, perché, contrariamen-

te alla maggior parte dei mammiferi, i
corvidi sono monogami e, di conseguenza, le loro cure parentali arrivano di solito da entrambi i genitori».
ALLEANZE STRATEGICHE. Il paragone
è sempre quello con i nostri parenti più
stretti, gli altri mammiferi, perché tipicamente (ed erroneamente) si crede che
più un animale ci è “simile”, più è intelligente, mentre i corvi dimostrano più di
ogni altra creatura che l’intelligenza non
è una nostra prerogativa esclusiva. Collaborazione, gerarchie e monogamia, per
esempio, sono strutture che richiedono
grande coordinazione tra individui, ma
garantiscono all’intero gruppo protezione e sostegno. Pochi animali hanno
strutture sociali forti come quelle dei
corvidi, che costituiscono quasi sempre
colonie permanenti. Le specie più furbe
come il corvo imperiale, in particolare, in
caso di necessità non hanno problemi a
condividere il territorio con una colonia
confinante, sapendo che un giorno questa restituirà il favore.
Gli equilibri all’interno dei gruppi sono
complessi e delicati. Sempre il corvo imperiale, per esempio, riconosce il peso
della diplomazia: l’anno scorso, un gruppo dell’Università di Vienna ha studiato
come i maschi di una colonia reagissero
a una situazione politicamente impossibile, un confronto (simulato) vocale

Juan-Carlos Muñoz / Biosphoto/Agf
Getty Images

GAZZE
Europa, Asia, Africa
Il gruppo più
intelligente, a livello
degli scimpanzé.

NOCCIOLAIE
Europa, Asia, N.America
Sono ghiotte di pinoli:
ne accumulano fino a
30mila all’anno.

Naturepl/Contrasto

GRACCHI
Europa e Nord Africa
Neri con zampe colorate:
i gracchi sono parenti
stretti dei corvi.

GHIANDAIE
Europa e America
Colorate e rumorose,
sono in grado di imitare
la voce umana.

Contrasto

ABILI ARTIGIANI. Collaborazione, cure
parentali e strutture sociali complesse,
però, non sono rare in natura. Sono altri i
motivi per cui i corvidi sono davvero unici, con una complessità cognitiva paragonabile a quella di delfini, scimpanzé ed
elefanti. «Molte specie di corvidi sanno
fare progetti per il futuro, imparare una
sequenza di azioni e ripeterle nell’ordine
corretto al fine di ottenere un certo risultato, sono in grado di usare strumenti e
adattarli alla situazione, ricordarsi per
anni di un altro individuo, e persino tenere conto delle necessità degli altri prima di prendere una decisione».
L’attenzione dei ricercatori nei loro confronti s’impennò dal 1998, quando la britannica Nicola Clayton dimostrò le doti
di memoria episodica (la capacità, cioè,
di ricordare il “cosa, dove e quando” di un
evento passato) della ghiandaia americana. Esattamente dieci anni dopo, l’etologo Frans de Waal dimostrò che la gazza
ladra è l’unico animale, al di fuori dei

Npl/Contrasto

tra due individui nel quale il più debole si comportava come se fosse stato il
maschio dominante. Risultato? Panico
immediato nel maschio senza più certezze sociali: sapere che un individuo
più debole poteva avere la meglio su uno
più forte metteva in crisi il suo intero sistema di valori, e potenzialmente la sua
posizione all’interno del gruppo.

Getty Images

Npl/Contrasto

ALLO SPECCHIO. A lato, un raduno di corvi (Corvus frugilegus) per la
notte, in Gran Bretagna. Sopra, una gazza che si specchia: questi
animali sono tra i pochissimi capaci di riconoscersi nel proprio riflesso.

CORVI (E CORNACCHIE)
Ovunque nel mondo
Sono loro il cuore della famiglia:
corvi comuni e imperiali,
cornacchie (foto) e taccole.

Una grande famiglia
IN CINQUE RAMI. La famiglia dei Corvidae, diffusa in tutto il mondo, comprende 120
specie, la maggior parte delle quali diffuse tra America, Asia ed Europa. L’estrema
varietà di forme ha portato a suddividerla (informalmente) in “gruppi”, senza valore
tassonomico ma che riuniscono le specie con caratteristiche in comune: ghiandaie,
nocciolaie, gazze, gracchi e corvi veri e propri (comprese cornacchie e taccole).

Dicembre 2015 Focus | 105

Anzenberger/Contrasto

CAPACI DI
STUPIRCI.
Un corvo alle
prese con un
esperimento
a Grünau,
in Austria.

LE “TESTE” PIÙ BRILLANTI

Sono in grado
di usare alcuni
strumenti e di
tramandarsi
come farlo
mammiferi, in grado di riconoscersi allo
specchio, un segnale inequivocabile di
autocoscienza.
L’elenco di esperimenti impressionanti
che hanno coinvolto corvi, ghiandaie e gli
incredibili corvi della Nuova Caledonia
negli ultimi dieci anni potrebbe riempire un libro. Questi ultimi, in particolare,
sono una miniera infinita di storie: per
esempio, messi di fronte a un enigma che
coinvolgeva tubi a U, vasi comunicanti e
dodici sassi da distribuire in modo da arrivare a un po’ di cibo, risolsero il problema più velocemente e meglio di un bambino di 7 anni. Questi animali sono anche
capaci di scegliere un ramoscello della
giusta dimensione, staccarlo, lavorarlo e trasformarlo in un gancio (perfetto
per catturare larve di insetto nascoste in
minuscoli buchi nei tronchi degli alberi).
E persino di combinare pezzi di legno e
foglie di felce in uno strumento di caccia.
DI PADRE IN FIGLIO. E non finisce qui.
Sempre i corvi della Nuova Caledonia
hanno una cultura tecnologica che si è
evoluta nel corso di millenni in tandem
non solo con la specie, ma addirittura
con i singoli gruppi. L’invenzione del

106 | Focus Dicembre 2015

MEGLIO DI CANI E GATTI. Quali sono gli animali più intelligenti? Difficile dirlo,
perché l’intelligenza non si può racchiudere in una formula. Un tempo ci si
limitava a considerare la relazione tra dimensioni del cervello e dimensioni del
corpo, un legame che però non è lineare: negli animali più piccoli, per esempio,
il cervello è sempre più voluminoso, in proporzione, rispetto a quelli più grandi.
Oggi gli scienziati usano il “quoziente di encefalizzazione” (QE), determinato in
modo da tener conto della massa corporea, di quella cerebrale e delle
dimensioni complessive dell’animale considerato. Il risultato è la classifica qui
sotto, a oggi la stima più precisa che si possa avere dell’intelligenza di questi
animali. Nell’elenco ci sono solo mammiferi (a parte due uccelli), perché dai
rettili in giù l’intelligenza è troppo diversa dalla nostra per poter fare paragoni.
ANIMALE

QE

ANIMALE

QE

Homo sapiens

8.1

Ghiottone

1.70

Tursiope

5.9

Tricheco

1.60

Scimpanzé

4.2

Giraffa

1.57

Corvo

4.1

Babbuino

1.48

Orca

3.98

Gatto

1.45

Pappagallo cenerino

3.96

Cane

1.42

Elefante africano

3.95

Cavallo

1.15

Macaco

1.74

Maiale

1.10

gancio per nutrirsi è forse retaggio dei
primi esemplari arrivati sull’isola, ma
da allora si sono sviluppate decine di varianti locali dello stesso strumento. Questo fatto straordinario presuppone la capacità non solo di imparare a costrui­re
lo strumento imitando gli individui più
anziani, ma di apportare modifiche e
renderle “virali”, insegnandole agli altri
e trasformandole in un “marchio di fabbrica”. Perché, sottolinea Logan, «i corvi
non si limitano a imparare una sequenza di azioni: a loro interessa il risultato
finale (la produzione dello strumento,
ndr), poi per tentativi scoprono come ottenerlo». E se servono due ultimi esempi
di comportamenti forse “superflui”, ma

molto umani, e dunque sintomo di un’intelligenza complessa, sentite che cosa fa
la gazza ladra.
ULTIMO ADDIO. Nel 2009, l’etologo Marc

Bekoff pubblicò uno studio nel quale dimostrò come questa specie organizzi funerali per i compagni morti, depositando
fili d’erba sui loro cadaveri e picchiettandoli delicatamente con il becco per un
ultimo saluto. Dal canto loro, i giovani di
corvo imperiale da veri adolescenti sprecano il loro tempo... giocando: passano le
giornate praticando sport di gruppo e
arrivano a farsi scherzi di ogni tipo. Vi
ricorda qualcosa, o meglio, qualcuno?
Gabriele Ferrari

Visioni
dal futuro
La piscina
sospesa
Un “ponte”
per nuotare tra
due palazzi
2

1
3

4

A Londra, una
vasca a 35
metri da terra
offrirà una vista
mozzafiato
sulla città.
A cura di Elisabetta Intini
108 | Focus Dicembre 2015

DECIMO PIANO. Una corsia trasparente
tra due palazzi, a 35 m da terra (1): la
piscina sospesa sarà il fiore all’occhiello
di un complesso di appartamenti di lusso
nella zona di Nine Elms, a Londra. La Sky
Pool è stata ideata da Arup Associates in
collaborazione con Hal Architects e
Reynolds, azienda che progetta acquari:
collegherà il 10° piano di due palazzi del
complesso Embassy Gardens, che
sorgerà vicino alla nuova ambasciata
degli Usa (2), attualmente in costruzione
sulla riva sud del Tamigi.

BAGNO IN TERRAZZA. La vasca di
vetro acrilico spesso 20 cm si estenderà
per 25 m, 14 dei quali nel vuoto. Priva di
altre strutture di supporto, sarà ampia 5 m
e profonda 3 (ma l’acqua arriverà a 1,2 m):
più simile a un acquario con vista che a
un impianto olimpionico. La terrazza
panoramica su cui sorgerà ospiterà anche
una spa, un bar e un giardino d’inverno
(3) per i residenti. Un secondo ponte
pedonale (4) sorgerà tra i due edifici. La
costruzione è già stata autorizzata e sarà
ultimata nel 2019.

818

5

MILA EURO.
Il prezzo di partenza
di un appartamento
nel complesso
Embassy Gardens:
è pensato per ricchi
clienti, soprattutto
da Asia e Medio
Oriente.

6

Arup Associates (3)

PANORAMICA. «Volevamo qualcosa di
mai tentato prima: la piscina darà
l’impressione di galleggiare nell’aria nel
centro di Londra», ha detto Sean Mulryan,
di Ballymore, la società che con EcoWorld
sta sviluppando questo complesso con
tre palazzi e 2mila appartamenti di lusso
(5). Nuotando nella piscina (6) si avrà
infatti una vista sulla città (per esempio,
dicono gli architetti, sul palazzo di
Westminster, sede del Parlamento) oltre
che sui giardini del complesso. L’accesso
alla vasca sarà riservato ai residenti.

Dicembre 2015 Focus | 109

Cinema

Il futuro sullo schermo
La scienza in campo nel nuovo episodio
della space opera più longeva della storia.

Star Wars
Il risveglio
della Forza

IL LATO OSCURO.
Il “re” dei cattivi è Kylo Ren.
Può maneggiare “la Forza”,
che nel film pervade il
cosmo ed è generata dai
“midi-chlorian”. Questi
ultimi sono ispirati ai
mitocondri, piccole
strutture che producono
energia nelle cellule.

IPERSPAZIO.
Nella saga, per viaggiare da un
luogo all’altro della galassia, le
astronavi vanno nell’“iperspazio”.
Che sia possibile non lo esclude
la Teoria delle stringhe, per la
quale esistono delle dimensioni
“extra” nascoste nell’universo.

SPADA LASER.
È l’arma simbolo
della saga. I laser
moderni, però, non
si possono confinare:
sono fasci di
lunghezza infinita e
non si possono
maneggiare come
una spada.

CON LO STAMPINO.
Gli Stormtrooper, schierati con Kylo,
sono tutti cloni dello stesso individuo.
Nella realtà, la clonazione è stata
effettivamente dimostrata per gli animali,
ma resta un tabù per gli esseri umani.

IL FUCILE.
Gli Stormtrooper
impugnano il fucile
d’assalto E-11, che
spara “proiettili”
laser. Anche con la
tecnologia attuale è
possibile generare
impulsi laser molto
brevi e concentrati.

DAGLI SCHERMI ALLO SPAZIO. 38 anni dopo Star Wars, la space opera di George Lucas torna al cinema con Il risveglio della
Forza. Il film si svolge 30 anni dopo l’ultimo capitolo (Il ritorno dello Jedi) e vede protagonisti, tra gli altri, Rey, una cacciatrice di
manufatti, e Finn, uno Stormtrooper disertore. Nella saga ci sono molti elementi ispirati alla realtà, o che l’hanno anticipata.
Come i “Remoti” che fluttuano a mezz’aria, con cui si addestrano gli Jedi: l’idea si è concretizzata nel progetto Spheres della Nasa:
piccoli satelliti sferici che, galleggiando all’interno della Stazione spaziale internazionale, testano nuovi software e hardware.

Dicembre 2015 Focus | 111

© Walt Disney Studios Motion Pictures/Lucasfilm

A cura di Marco Consoli

AVANGUARDIA
TECNOLOGICA

PAGAMENTI
PERSONALIZZATI
PRESTAZIONI
ODONTOIATRICHE
ED ESTETICHE

QUALITÀ ITALIANA
AL GIUSTO PREZZO
INFORMATICA
INTEGRATA

FREE
PARKING
MEDICI E PARAMEDICI
COSTANTEMENTE
AGGIORNATI

CONVENIENZA
PER TUTTA LA FAMIGLIA

APERTI IL
SABATO

RISPARMIO CON
DENTALCARD
CAPILLARITÀ
CON 60 SEDI
IN ITALIA

60 Centri Odontoiatrici in tutta Italia
Il sorriso è il primo passo nei rapporti con gli altri.
E’ il tuo miglior biglietto da visita!
Scegli uno dei 60 centri italiani DENTALCOOP.
Grazie all’eccellenza nelle cure odontoiatriche e alle condizioni
chiare e vantaggiose con DENTALCOOP potrai ritrovare il sorriso
senza compromessi.

Prenota

visita
Aperti la tua
senza
anche
impegno
il sabato

www.dentalcoop.it

45 €

395 €

575 €

Igiene Orale
Professionale

Corona ceramica
in LNP

Impianto endosseo
(escluso moncone)

DentalTop S.r.l. Via Dante Alighieri 10/1 31027, Spresiano (TV) P.I. 04458200260 info@dentaltop.it

Idee
Innovazione
Tecnologia

Lo spray
contro
la fatica

Pechino dà i voti
Dove vai, che cosa compri, chi
vedi, quanti punti hai sulla
patente... Il governo cinese sta
mettendo in linea una banca
dati che servirà per dare un
voto ai singoli cittadini. Il
giudizio finale su ciascuno sarà
poi scambiato tra i vari enti
pubblici e i “buoni” verranno
premiati con una serie di
facilitazioni. Se questa vi
sembra una versione hi-tech
del Grande Fratello di Orwell,
non siete i soli, ma ciò non
turba Pechino. L’iniziativa è
stata battezzata Scs (Social
credit system) e collegherà le
informazioni possedute dalle
banche, dai siti di e-commerce
e dai social integrandole in una
valutazione complessiva; chi
sarà promosso troverà lavoro
più facilmente e godrà di
servizi migliori. E, visto che il
voto sarà di dominio pubblico,
anche un padrone di casa o un
partner sentimentale potranno
servirsene per giudicare il
carattere dell’inquilino... o
dell’innamorato.

Il colpevole è l’accumulo
dell’acido lattico che i muscoli producono naturalmente sotto sforzo. Molti studi sono stati
condotti a livello biochimico per svelare i mec-

SMALTIMENTO.

canismi che portano al suo smaltimento, e si è
scoperto che, a livello muscolare, dipende da
una sostanza, la carnosina. Per facilitare la vita
agli sportivi, sarebbe sufficiente, si è dedotto,
aumentare il livello di carnosina nei muscoli. Peccato che non sia facile: assunta per via
orale, non è resa disponibile in maniera sufficiente per contrastare l’effetto dell’acido
lattico. Come farla arrivare a destinazione? È
sufficiente spruzzare la soluzione a base di carnosina sul rovescio degli indumenti sportivi
all’interno della tuta o dei calzoncini. Lo spray
veicola sul tessuto dei liposomi, vescicole che
durante l’attività sportiva, mediante il calore
del corpo, permettono il rilascio del principio
attivo. Liberano così la carnosina direttamente
sulla pelle, riducendo l’acido lattico. E la fatica.

IL MAGGIORDOMO HA UN BRACCIO SOLO

AP

Mondo

Reuters/Contrasto

C

ontro la fatica nello sport? Bastano pochi spruzzi all’interno dell’abbigliamento sportivo. Muscoli pesanti, dolore,
la voglia di mollare perché lo sforzo è troppo
intenso sono fenomeni ben conosciuti da tutti
gli sportivi (e più cresce l’impegno agonistico,
più si fanno sentire e compromettono le prestazioni). Non soltanto nel ciclismo, nel calcio,
nel rugby e nel triathlon, dove la differenza tra
un buon risultato e una sconfitta è spesso legata a una pedalata in più, all’ultimo calcio al
pallone, a una schiacciata abbastanza potente.

Sport

Robot
Nel 2002 ha inventato
Roomba, l’aspirapolvererobot che tiene pulita la casa
correndo sul pavimento ed
evitando da solo gli ostacoli.
Ora, però, Colin Angle, il
fondatore di iRobot (foto), sta

pensando a qualcosa di
molto più ambizioso: un
automa-maggiordomo che si
occupi di noi, proprio come
farebbe un collaboratore
umano: per esempio
mettendo in ordine la casa,

accendendo e spegnendo la
televisione in base alle nostre
esigenze, portandoci “a
mano” i messaggi di altri
membri della famiglia... «I
nostri aspirapolvere», spiega
Angle, «già raggiungono ogni
punto delle abitazioni.
Mentre si muovono usano
sensori ottici e software per
documentare il loro itinerario.
In sostanza, costruiscono
una mappa; sanno dov’è
ogni stanza. Su questa base,
aggiungendo delle
informazioni 3D, immagino
un robot-maggiordomo,
munito di un braccio che ci
aiuti a pulire e a riparare le
cose. E che quando
torniamo a casa ci accolga e
interagisca con noi».

Dicembre 2015 Focus | 113

Getty Images

Osservatorio

Mistero

Sindone: il caso
non è chiuso
114 | Focus Dicembre 2015

Nuove analisi del Dna
ricostruiscono la storia
del sudario di Gesù.
E confondono le idee
anche ai più scettici. A
cosa dobbiamo credere?

Afp/Getty Images

I

SIMBOLO PER
I CRISTIANI.
Una copia della
Sindone esibita
dai fedeli
durante la
processione del
Venerdì Santo a
Medellín
(Colombia).

l condannato fu costretto a portare
sulle spalle il patibolo, dal centro di
Gerusalemme fino a un colle poco
fuori le mura. Lungo il percorso venne offeso, picchiato e frustato, ma
fu niente di fronte al dolore patito
mentre lo inchiodavano al legno. Lo
lasciarono lì, crocefisso. Quando morì, il
corpo venne portato in un sepolcro e avvolto in un telo di lino. Era venerdì. La mattina
di domenica, Pietro scoprì che, nel sepolcro,
Gesù non c’era più: erano rimasti solo “i lini
giacenti” che gli autori dei Vangeli chiamano sindón. E che secondo molti credenti
vanno riconosciuti nel lenzuolo conservato
nel Duomo di Torino: un rettangolo lungo e
stretto di tessuto su cui appare l’immagine
di fronte e di schiena del corpo nudo e disteso di un uomo con la barba, i capelli lunghi e
i segni della crocifissione.
È Gesù Cristo per gli “autenticisti”, che
si basano su leggende medioevali e testi
apocrifi dell’antichità. Si tratta invece di
un indiscutibile falso per la maggior parte
degli scienziati e degli storici, che esibiscono come prova la datazione del telo, ottenuta col metodo del radiocarbonio da tre
diversi laboratori e fissata in un periodo

Il lungo viaggio della
reliquia più preziosa
GENETICA. Uno studio dell’Università di
Padova ha isolato frammenti di Dna da
microparticelle aspirate dalla tela, rilevando
le tracce di 19 specie vegetali (da
Mediterraneo, Asia e Medio Oriente) e
sequenze genetiche di 21 persone di diversa
origine (le zone in colore nella mappa a
fianco). Che significa? Che la Sindone ha
viaggiato. Oppure che, pur “ferma” in
Europa, è stata “contaminata”. Senza
contare il fatto che alcune tracce potrebbero
essere dell’uomo della Sindone. Tutto è
possibile, lo studio infatti non riconduce a un
periodo preciso e le tracce potrebbero
risalire a 800 come pure a 2.000 anni fa.

Lirey
Chambéry

Torino
Costantinopoli
Edessa
Gerusalemme

Dicembre 2015 Focus | 115

Il metodo del radiocarbonio data il telo
fra il 1155 e il 1390 d.C. Un incendio
potrebbe avere falsato questa prova?
compreso tra il 1155 e il 1390 d.C. Per gli
autenticisti, tuttavia, anche questa prova
scientifica è contestabile (a causa dell’incendio di cui parliamo nel box a fianco).
E pure i risultati delle ultime analisi
compiute da un team di genetisti delle
Università di Padova, Pavia e Perugia
potrebbero aprire qualche crepa nelle
granitiche certezze degli scettici.
UN LUNGO VIAGGIO. A cominciare dal
vero “contenuto” della Sindone. Secondo alcuni scienziati, per riprodurre l’immagine di Cristo sul telo potrebbe essere
stato usato un bassorilievo: non ci sono
infatti le deformazioni naturali provocate dal contatto con un viso.
Ma questo bassorilievo non avrebbe certo lasciato tracce di Dna. Tanto meno
di origine mediorientale, come invece
mostrano le analisi, effettuate sul Dna
genomico (quello presente nel nucleo
delle cellule) estratto da alcune particelle aspirate nel 1988 dal bordo laterale
della Sindone e in diversi punti sul retro
dell’immagine.
«Tre aplotipi mitocondriali (l’insieme
degli individui che condivide alcune varianti del Dna mitocondriale, ndr), H33,
H13 e H2, sono stati riscontrati in tutti
i campioni: i primi due sono comuni in
Medio Oriente, il terzo è caucasico. Uno
di questi potrebbe appartenere all’uomo
della Sindone, e non possiamo ignorare
il fatto che H33, molto raro, sia tipico anche delle comunità dei Drusi, un gruppo
etnico che vive soprattutto in aree ristrette tra Giordania e Siria, Libano e
Israele, e nella regione storica della Palestina: la Galilea», dice Gianni Barcaccia,
coordinatore della ricerca e docente di

50

Le copie della Sindone
nel mondo. Una tra le
più famose risale al XVI
secolo ed è attribuita ad
Albrecht Dürer.

116 | Focus Dicembre 2015

Genetica agraria all’Università di Padova. Piuttosto comune, in Medio Oriente e
in Nord Africa, è anche l’averla, un uccellino il cui Dna è stato rinvenuto sulla Sindone insieme a quello di un verme marino e di almeno 19 specie vegetali diffuse
in Europa Centrale, nel Mediterraneo e
in Medio Oriente, ma anche originarie
della Cina (introdotte in Europa dopo il
XIII secolo) e dell’America (giunte nel
XV-XVI secolo).
«Il Dna delle piante era presente soprattutto sul campione dal bordo della Sindone, quello cioè più esposto alla contaminazione. La specie più abbondante
è risultata l’abete rosso: l’albero geneticamente più simile si trova nelle Alpi
Svizzere, vicino a Torino e alla Francia,
dove la Sindone è stata conservata per
secoli, a Chambéry in particolare», dice
ancora Barcaccia. La Sindone soggiorna

infatti da lungo tempo in Europa, ma da
dove vi arrivò?
«Poiché non esiste alcun documento
che menzioni la Sindone prima del Medioevo, le ricostruzioni storiche dei suoi
viaggi proposte dagli autenticisti sono
basate su congetture», sostiene Andrea
Nicolotti, docente di Storia del Cristianesimo e delle Chiese all’Università di
Torino e autore di Sindone. Storia e leggende di una reliquia controversa (Einaudi). «Un tempo si pensava che fosse
giunta in Francia dalla Palestina durante
le crociate; altri l’hanno fatta passare per
Cipro. Da circa 40 anni si afferma che sarebbe passata da Edessa (l’attuale Urfa,
in Turchia) per poi giungere in Francia.
Qualcuno chiama in causa i Templari.
In realtà non è necessario immaginare
alcun viaggio: la Sindone è stata fabbricata dopo il 1260 e la cosa più probabile

Vista da vicino

113 cm

442 cm

Ap/Ansa

IL TESSUTO è lino grezzo lavorato a
spina di pesce. Lo spessore è di 0,38
mm. È largo 113 cm e lungo 442 cm.

Getty Images

IL RESTAURO del telo è avvenuto nel 2002: sono stati rimossi i
lembi di tessuto bruciato nell’incendio del 1532 a Chambéry, i
rattoppi e la tela di sostegno applicati all’epoca dalle monache
clarisse. Il lenzuolo è stato anche ripulito con un aspirapolvere e
questo purtroppo potrebbe aver eliminato preziose tracce.

FAMOSA OVUNQUE.
Una copia della Sindone,
esposta nella cattedrale
di Malaga (Spagna),
“spiegata” ai turisti.

MANCANO le deformazioni che ci si
aspetterebbe di trovare nell’impronta
lasciata dal contatto tra telo e corpo.

è che ciò sia avvenuto in Francia, dove i
documenti la attestano per la prima volta
vicino a Troyes».
FALSARIO MEDIEVALE. Lo testimonia

una lettera, inviata nel 1389 dal vescovo
di quella città, Pierre d’Arcis sur-Aube,
all’antipapa avignonese Clemente VII: il
prelato se la prende con i canonici della chiesa di Lirey, che, spacciandolo per
l’autentico lino sepolcrale di Gesù, mostrano ai fedeli un lenzuolo con impressa
l’immagine di Cristo.
Nella lettera si ricostruisce anche la storia di quel telo: il fondatore della chiesa di
Lirey, il cavaliere Geoffroy di Charny, “vi
aveva fatto collocare con venerazione” la
reliquia intorno al 1355. Non senza scalpore, però: già il vescovo predecessore di
d’Arcis aveva indagato e scoperto che un
falsario aveva “artificiosamente dipin-

CHIODI? Sul polso sinistro c’è una ferita
di forma ovale, interpretabile come un
buco causato da uno strumento a punta.
L’ALTEZZA DI GESÙ: si è tentato per
anni di misurarla attraverso la Sindone:
all’epoca dei Savoia si calcolò in 183 cm.
BRUCIATURE, aloni, macchie di acqua
segnano il telo: molti danni sono stati
causati dall’incendio del 1532.
FLAGELLO: 120 segni lungo tutto il corpo
sarebbero, secondo gli autenticisti, tracce
delle ferite inferte a Gesù dai soldati.
NEL CUOIO CAPELLUTO si notano
numerose impronte puntiformi: le ferite
prodotte dalla corona di spine?
L’ANALISI delle macchie, nel 1980, ha
rilevato tracce di ossido di ferro, proteine
e pigmenti: resti di pittura o sangue?
Contrasto

Afp/Getty Images

David Lees/Corbis

LE MANI hanno una posa innaturale: per
ottenerla servono i muscoli in tensione,
cosa impossibile in un cadavere.

BOTTE. L’impronta impressa nella Sindone
denuncia segni di ferite sul volto.

Dicembre 2015 Focus | 117

to in modo ingegnoso” il corpo sul telo.
Dopodiché, racconta ancora il prelato, la
Sindone era scomparsa. Per ricomparire
appunto 34 anni dopo, nel 1389, grazie
all’autorizzazione del legato apostolico
del re di Francia, sollecitato dal figlio del
cavaliere Geoffroy. Il giovane, però, non
sapeva chi avesse donato a suo padre la
reliquia. «Anche se non mi pare troppo
probabile, certamente non si può escludere che sia stata importata: da dove, se
così fosse, è impossibile saperlo», nota
Nicolotti.
Un’idea in merito, però, i genetisti ce
l’hanno: secondo loro il telo potrebbe
venire dall’India. Tra le 21 persone geneticamente distinte che hanno identificato, infatti, alcuni sarebbero di etnia
indiana. Semplici pellegrini in Europa,
come gli altri che provenivano dall’Europa Occidentale e Centro-orientale,
dal Caucaso, dal Nord Africa, dal Medio
Oriente e dall’Asia Centrale? Forse no.
«Pare improbabile che più fedeli, appartenenti a gruppi etnici rari indiani, possano aver avuto l’occasione di toccare e
contaminare parti diverse di questo lenzuolo, da almeno 8 secoli ben conservato
e protetto. Dato che questi Dna sono stati

rinvenuti ovunque, sia nel bordo esterno sia nelle parti interne della Sindone,
sembrerebbe invece più probabile che
queste persone siano coloro che hanno
prodotto o maneggiato il tessuto. Come
peraltro farebbe pensare il suo nome originale, sindón, che secondo alcuni linguisti deriverebbe dal termine sindia o sindie, cioè “tessuto derivante dall’India”»,
sostiene Barcaccia. Ma perché, sempre
nell’ipotesi di un falso risalente al Medio
Evo, l’artista della Sindone avrebbe dovuto prendere in India un tessuto che in
quel periodo poteva trovare in Francia?
La tela, come sostengono molti esperti,
sembrerebbe infatti essere stata lavorata
da un telaio a pedali con quattro licci, un
tipo di macchinario introdotto in Europa
intorno al XIII secolo.

118 | Focus Dicembre 2015

RELIQUIA
DIGITALE.
La app Sindone
2.0, che
permette una
visione
ravvicinata del
sudario fin nei
minimi
particolari.

ne non soltanto religiosa ma anche politica, perché il suo possesso era il segno di
una particolare benevolenza di Dio verso
quella famiglia», conclude lo storico.
In mano ai nuovi potenti proprietari,
ogni dubbio sulla sua autenticità scomparve e nel 1506 il suo culto venne approvato dal pontefice. Dapprima conservata
a Chambéry, antica capitale sabauda,
scampata a un incendio nel 1532, nel
1578 la Sindone trovò la sua collocazione
a Torino, diventata capitale sedici anni
prima. E ancora oggi, dopo tanti anni, indagini e polemiche, continua a dividere
gli osservatori: chi ha fede, per definizione, non ha bisogno di prove. Gli altri, invece, restano San Tommaso.
Maria Leonarda Leone

Gesù da giovane

NELLE MANI DEI SAVOIA. Risposte precise non ce ne sono, ma di sicuro nessuna di
queste domande sfiorò la mente del duca
Ludovico di Savoia, che nel 1453 divenne
proprietario del telo sacro grazie alla nipote di Geoffroy, Marguerite, che glielo
cedette. «Pur non essendo la prima in ordine cronologico, la Sindone di Torino è
quella che ha oscurato la fama e il ricordo
di tutte le altre, essenzialmente per due
motivi: a differenza delle altre contiene
un’immagine molto evocativa e, ancora
più importante, fu acquistata dai duchi
di Savoia, diventando la reliquia ufficiale
della dinastia. Svolse quindi una funzio-

Ansa

UN BEL RAGAZZINO. La ricostruzione
del volto di Gesù da come appare nella
Sindone a quando era giovanissimo.

Afp/Getty Images

Nel telo è stato
trovato anche
il Dna di
persone di
etnìa indiana. Il
mistero è come
ci sia arrivato

ARIA SANTA. Ringiovanire non è
possibile per nessuno, tranne che
per Gesù. Purché sia aiutato da un
software dal sapore di telefilm
poliziesco, ma realmente usato
dagli investigatori della Polizia di
Stato per ricostruire il volto
invecchiato dei boss latitanti,
quando ne esistono solo fotografie
del passato (come nel caso del
capomafia Bernardo Provenzano, le
cui immagini precedenti l’arresto
risalivano a 40 anni fa). Nel caso
della Sindone, il procedimento,
svolto a Roma, è stato invertito per
ricreare l’ipotetico aspetto di Gesù
da ragazzo, a partire dall’immagine
del volto dell’uomo impresso sul
lenzuolo conservato a Torino. Al
ritratto, opera non solo del
computer ma anche della mano di
un disegnatore, gli esperti sono
arrivati riducendo le dimensioni
della mandibola, sollevando il
mento e raddrizzando il naso, che
sul telo pare deviato da una
frattura. Il risultato è il viso di un
ragazzo magrolino, con i capelli
castano chiari e l’aria pulita.

made in iconomia

Il valore della ricerca.

Avere soluzioni terapeutiche innovative significa migliorare la vita delle persone
dal punto vista umano, sociale ed economico. Ma non sarebbe possibile senza nuove
e incoraggianti scoperte in ambito farmaceutico: per questo motivo Janssen
sostiene la ricerca globale all’interno dei propri laboratori e collabora con le realtà
accademiche, scientifiche, industriali, istituzionali.
Giorno dopo giorno, Janssen affronta sfide sempre più complesse nel campo
della medicina, rimanendo al fianco dei pazienti in molte delle principali aree
terapeutiche: neuroscienze, infettivologia e vaccini, immunologia, malattie
cardiovascolari e metaboliche, oncologia ed ematologia. Al tempo stesso
promuove la sostenibilità del sistema salute con modelli innovativi di accesso
e programmi di formazione e informazione.
Il valore della ricerca è solo uno dei cardini sui cui si basa l’operato di Janssen
in Italia: da 40 anni al servizio della ricerca per un mondo più sano.

Janssen. Più vita nella vita.

Janssen-Cilag SpA
www.janssen-italia.it

Janssen
in Italia

Trasporti

NOTTURNI
SULLE ONDE.
La Carnival
Sensation (261
metri di lunghezza)
e la gigantesca
Disney Dream
(340 m e 16 ponti),
fotografate
di notte. Su
quest’ultima
nave, c’è un maxi
scivolo “montagne
russe” lungo
233 metri.

Il popolo
del mare

CITTÀ
GALLEGGIANTE.
La Carnival Victory,
272 m, 1.321 cabine
e 1.110 persone
d’equipaggio,
ritratta al tramonto
(come quasi tutte le
imbarcazioni di
questo servizio)
dal fotografo e
pilota di elicotteri
Jeffrey Millstein.

Jeffrey Milstein (3)

Che siano grandi navi o piccole barche,
oggi le imbarcazioni sono un
concentrato di tecnologia, già a partire
dalla sagoma. Eccole... viste dall’alto.

CAMPIONE
DI RESISTENZA.
Un trimarano
in fibra di vetro
(o vetroresina),
materiale leggero
ma dotato
di una notevole
resistenza elastica
e meccanica.

EVOLUZIONE
LOW COST.
Un runabout in
vetroresina.
Poiché il legno
richiede parecchia
manodopera per
la costruzione
e molta
manutenzione
dopo, i motoscafi
sono stati costruiti
anche in
vetroresina a
partire dal 1960.

La velocità è data
dalla forma e dal
materiale degli
scafi. E dai cavalli
del motore
OBIETTIVO
AQUAPLANING.
Un runabout,
motoscafo che
si guida con un
volante, come le
auto. Lo scafo è
disegnato per
sfruttare
il fenomeno
dell’aquaplaning,
lo scivolamento
sull’acqua.

FILARE SU UNA
SIGARETTA.
Una “cigarette
boat”, un
motoscafo da
competizione
capace di alte
velocità (fino a 150
km/h) costruito a
partire dagli Anni
’60 e utilizzato
anche per il
contrabbando.

STABILE COME
UN PONTONE.
Imbarcazione
piatta che poggia
su galleggianti
(pontoni) in
alluminio. È adatta
alle acque dolci.

Jeffrey Milstein (6)

MAXIMOTORE,
ULTRAVELOCITÀ.
Un piccolo
motoscafo con
motore fuoribordo.
I motoscafi sono
veloci perché
hanno un basso
rapporto
peso-potenza.

Sulle grandi
navi da
crociera il
rapporto tra
equipaggio e
passeggeri
a bordo è
di uno a tre

UNA NORVEGESE AI CARAIBI.
Più a destra, la Norwegian Sky (252
metri di lunghezza, fino a 1.928
passeggeri), oggi in servizio tra
Miami e Nassau (Bahamas).

Jeffrey Milstein (3)

IL GIGANTE
E LA FORMICA.
A fianco, la
Majesty of the
seas, una delle
navi da crociera
più “vecchie” (è
del 1992) ma
comunque molto
grande (260 m).
Sotto, ben più
piccola (ma non in
scala), una barca
a pontoni.

Dal 1963 il pet food italiano nel mondo

Quando e a chi serve?

Che cos’è?
La sedazione cosciente è una tecnica
che toglie ansia, stress e paura,
donandoti un piacevole senso di
relax. È utilizzata da decenni in nazioni
tecnologicamente avanzate come:
Stati Uniti, Giappone, Inghilterra, Svezia,
Olanda... e ora si sta diffondendo anche
in Italia.

Tuo figlio ha paura del dentista?
Ha paura della puntura?
È normalissimo che abbia paura,
la sedazione cosciente gliela toglie
e lo rende tranquillo e sereno.
Ma è utile solo nelle operazioni lunghe e
complesse? No... ti darà grande sollievo
in tutte le operazioni, anche le più
semplici, come ad esempio l’igiene
orale, dove grazie al leggero effetto
anestetico, non sentirai fastidio.

dove posso trovarla?

ABRUZZO

Bologna - Centro Odontoiatrico Dr. M. Farneti Dr.ssa E. Bondi
www.centro-odontoiatrico.com - Tel. 051/546398

AQ L’Aquila
CH Lanciano
PE Pescara

BASILICATA
PZ Lauria

CAMPANIA

CE
CE
NA
SA

Aversa
Caserta
Napoli
Giffoni Valle Piana

Dott. Olivio Ciuffetelli
Dott.ssa Fanci Paola
Studio di Odontoiatria Chiavaroli Giancarlo

0862/351010
0872/717196
085/414758

Dott. Giuseppe Reale

0973/628390

Dott. Carlo Cantelli
Dott.ssa Savastano Linda
Dott. Guido Balsamo
Studio Tedesco

081/8906291
0823/361611
081/7643600
089/865354

EMILIA ROMAGNA

BO
BO
FC
MO
RA
RE
RN

Bologna
Zola Predosa
Forlì
Formigine
Ravenna
Correggio
Rimini

COS Srl - Centro Odontoiatrico Sforza
Dott. Massimo Rossetti
Studio Azzolina - Gozzi
Galassini Dr Giovanni
St. Od. Dr. Boldrini Dr. Ravaioli Dr Tabanelli
St. Dent. Ass. Dr. Paolo Lasagni Dr.ssa Elisa Serafini
I. Denticoop

FRIULI VENEZIA GIULIA
TS Trieste

LAZIO

FR
FR
RM
RM
RM
RM
RM

Cassino
Sora
Roma
Roma
Roma
Santa Marinella
Tivoli

Dott. Fortunati Gabriele

Studio Odontoiatrico Dr. Fabio Dell’Olmo
Dott. Maciocia Sergio
Dr.ri Angela - Alceo Federici
Omicron Medical Center S.r.l.
Procacci S.r.l.
St. Ass. Dr. A. Guida Dr. M Pasquali Dr G. Guida
Studio Odontoiatrico Dott. Gentile Alessandro

051/222542
051/751309
0543/782484
059/556031
0544/67070
0522/692429
0541/392298
040/365723
0776/311618
0776/825161
06/2301549
06/5012519
06/66152550
0766/520099
338/4169353

Per maggiori informazioni consultate l’elenco completo dei dentisti

informazione pubblicitaria

RelaxDent

La prima App gratuita
informativa sulla Sedazione
Cosciente Inalatoria, dedicata
sia ai pazienti che
ai professionisti

Disponibile su:

È difficile da somministrare?
No... è semplice!!
Ti basta respirare da una mascherina
messa sul naso ed in un paio di minuti
sarai completamente rilassato.
La tecnica permette di calibrare su ogni
paziente l’esatta posologia, che è del
tutto individuale, in modo da offrire
elevato comfort.
Al termine delle cure, in pochi minuti,
termina l’effetto sedativo e potrai
tornare alle tue normali attività.

LIGURIA
GE Chiavari

LOMBARDIA
BG
BG
BS
BS
CR
LO
MB
MB
MB
MI
MI
MI
MI
MI
PV
SO
VA

Bergamo
Calcinate
Botticino Mattina
Pompiano
Gussola
Lodi
Correzzana
Meda
Verano Brianza
Gorgonzola
Milano
Milano
Milano
Pregnana Milanese
Pavia
Sondrio
Solbiate Arno

MARCHE
AN
AN
AN
AN
AP
FM
PU
PU
PU

Jesi
Loreto
Senigallia
Senigallia
Castel di Lama
S. Elpidio a Mare
Fano
Pesaro
Urbino

Dott. Paola Agostino

0185/599594

Pianeta Sorriso Dr Maurizio Maggioni
S.D.A. Studi Dentistici Associati S.r.l.
Studio Dentistico Dott. Lancetti Pietro
Studio Dentistico Dott. Lancetti Pietro
Studio Dentistico Dental Team
Dr Bonomi Franco e Dr Federico
Studio Ass. Project Dott. R. Mauri Dott.ssa V. Canauz
Centro Odontoiatrico Brianza C.O.B.
Sanimed S.r.l. - Dr Gualtiero Mandelli
Centro Dentistico 3D Karic
Dr. Scalzo Gerlando
Centro Dentistico Achilli - Russo
Dental Children Srl Prof. Caprioglio
S.D.C. S.r.l. Dr Pietro Cacciamani
Studio Rao
Dott.ssa Elena Signorelli
Dr Borracci Riccardo

035/213009
035/843016
030/2693078
030/9465773
0375/260969
0371/420776
039/6064153
0362/342892
0362/991751
02/95300572
02/39211542
02/67072146
02/29513674
02/93291209
0382/530730
0342/200208
0331/995810

Dott.Daniela Batazzi
Dottor Gambini Mauro
Memè Dr.ssa Lucia - Bambini Prof. Fabrizio
Studio Benedetti Guarrella
Studio Odontoiatrico Dott. Chiavelli Gustavo
Dott. Catini Giovanni
Studio Dentistico Dr. Roland Malecki
Studio Odontoiatrico Dott. Foglietta e Dott. Spadoni
Studio Dentistico Dott Carlo Paci

0731/213185
071/976850
071/7926794
071/7928836
0736/813731
0734/871004
0721/862535
0721/401372
0722/322436

MOLISE
IS

Isernia

PUGLIA

LE Galatina

SARDEGNA
SS Sassari

TOSCANA
PT Pistoia

UMBRIA
TR Orvieto

VENETO
BL
PD
PD
PD
PD
RO
TV
TV
VE
VI
VI
VI
VR
VR

Feltre
Albignasego
Cartura
Padova
Padova
Adria
Cavaso del Tomba
Farra di Soligo
Mestre
Bassano del Grappa
Vicenza
Sandrigo
Verona
Verona

Dott.ssa Laura Procaccini

328/2363668

Studio Modoni Romano

0836/569196

Studio Massaiu S.r.l.

800622027

Centro Odontoiatrico Dottori Cocchi

0573/530471

Mancini Dr Giuseppe

0763/341912

Clinica Feltre
Clinica Sorriso del Bambino
StudioDentistico Bergamasco e Ruzzon
Studio Dentistico Dott. Maurizio Mazzuchin
Dr Finotti Marco
Clinica Odontoiatrica Biscaro Poggio
St. Dentistico Associato Dr.ri Novello L. & R.
St. Dentistico Ass.to Dr Rasera C. e Dr.ssa Rasera L
Studio Dentistico Dott. Michele D’Amelio
St. Dentistico Associato Dr.ri Novello L. & R.
Caredent Clinica Dentale
Studio Dentistico Bettega – Bernkopf
Dott. Soave Sandro
Studio Dentistico Dott.ssa Caterina Comin Chiaramonti

0439/840426
049/690115
049/9556159
049/8686211
049/723413
0426/40014
0423/942070
0438/801552
041/958736
0424/523734
0444/303953
0444/658877
045/534253
045/8008029

che la usano e aderiscono all’iniziativa: www.sedazionereinhold.it
E’ un dispositivo medico CE - Leggere attentamente le avvertenze o le istruzioni per l’uso - Aut. Min. del 30/04/2015

Domande
& Risposte

Shutterstock

1.371, e sono in continuo
aumento. Lo sostengono i
creatori di everynoise.com, che
hanno provato a mettere ordine nella
miriade di generi e sottogeneri musicali
esistenti. L’enorme lavoro di
catalogazione è sintetizzato da una
mappa interattiva, sulla quale ogni
tipologia musicale è posizionata in
base alla propria sonorità e divisa per
colori (uno per ogni macro-famiglia).
Mappa interattiva. Cliccando su
ognuno dei generi è possibile accedere
alla rispettiva sotto-mappa di
appartenenza, nella quale i nomi degli
artisti sono raggruppati e posizionati su
uno schema che segue gli stessi criteri
di quello principale.
Cliccando ogni nome è infine possibile
ascoltare un file audio esemplificativo
del genere o dell’artista.
Per l’Italia sono presenti, tra gli altri,
nella pagina principale, Giorgia come
esempio di “Italian Pop”, Mario Tessuto
(Lisa dagli occhi blu) per il “pop
classico” e i Club Dogo come esempio
di Hip Hop nostrano.

Ipa

Quanti
generi
musicali
ci sono?

È vero che l’evoluzione spinge
all’aumento delle dimensioni?
Che gli animali tendano a diventare sempre più
grandi è una vecchia e discussa teoria. E oggi...
In generale sì, almeno per quanto riguarda i 17.208 generi marini
studiati da un gruppo di ricercatori della Stanford University, che ne
hanno ricostruito la storia evolutiva degli ultimi 542 milioni di anni. Per quanto
riguarda questi animali, in media la loro
dimensione è aumentata di 150 volte!
Inoltre, lo studio ha rivelato che i generi e
le specie che raggiungono le dimensioni
maggiori si diversificano di più.
Per giungere a queste conclusioni gli
scienziati, capitanati da Noel A. Heim,
hanno creato una vastissima banca dati:

l’obbiettivo era verificare la validità di
una vecchia teoria, la cosiddetta “regola
di Cope” (dal nome di Edward Cope, il paleontologo che l’aveva formulata alla fine
dell’1800). Si tratta, in sintesi, dell’osservazione che, nel corso del tempo, le dimensioni di molti mammiferi terrestri
sono aumentate, e che questa potrebbe
essere interpretata come una tendenza
evolutiva generale. Tuttavia, se la regola
di Cope funziona bene con l’evoluzione
dei dinosauri e di molti mammiferi, non
sembra invece aver nulla a che fare con la
storia degli uccelli o degli insetti.

Esistono animali che si auto-fecondano?
Sì, e lo fanno in modo bizzarro, rivela uno studio delle università di Bielefeld (D)
e di Basilea (CH). I ricercatori hanno osservato il comportamento di un
microscopico verme piatto ermafrodita, il Macrostomum hystrix: la sua
anatomia è semplice, da una parte ha la testa, in mezzo lo stomaco e i gameti
femminili, dall’altra ha due peni, che normalmente infilza come aghi nel corpo di un
suo simile, che tenterà di fare altrettanto: “fa il maschio” il primo che ci riesce. Se
rimane solo, però, il vermetto non si rassegna e... si inietta il proprio sperma in testa!

Shutterstock

Inviata da ALDO

Si può creare una pillola che
sostituisce la ginnastica?
NON ANCORA, MA potrebbe essere disponibile in futuro grazie allo
studio condotto da alcuni ricercatori della School of Molecular
Bioscience dell’Università di Sydney e pubblicato su Cell Metabolism.
Secondo Nolan Hoffman, coordinatore del team di scienziati, i risultati del loro
lavoro potrebbero fornire indicazioni per la creazione di un farmaco in grado di
riprodurre gli effetti dell’attività fisica sul corpo umano, e tale medicinale
potrebbe essere utilissimo per le persone paralizzate o con difficoltà motorie.
Gli studiosi, sfruttando la tecnica della spettroscopia di massa, hanno
registrato i cambi strutturali nelle proteine del tessuto muscolare provocati
dall’esercizio fisico, ottenendo così una mappa dettagliata delle circa mille
reazioni molecolari che tale attività provoca nel corpo.
Per arrivare al possibile farmaco in grado di replicare esattamente tutti i cambi
registrati dai ricercatori ci vorrà però ancora del tempo: «Dobbiamo lavorare
per isolare i cambiamenti più significativi dal punto di vista biologico»,
conclude Hoffman, «e per fare questo ci vorranno almeno dieci anni».

Shutterstock

Esiste
ancora il
megalodonte?
No. Il Carcharodon (o Carcharocles) megalodon, squalo preistorico lungo circa 18 metri, è estinto
da oltre 500.000 anni, anche se è tornato
agli onori delle cronache per via di alcuni documentari prodotti da Discovery
Channel, incentrati proprio su pseudoavvistamenti di tale mastodontico animale (protagonista tra l’altro della recente pellicola Jurassic World).
Solo finzione. Per quanto ben fatti e accattivanti, i documentari in questione sono
risultati dei falsi (come ammesso dalla
produzione), ricostruiti a partire dal ritrovamento di un video che testimoniava
il naufragio di un’imbarcazione causato
da un’enorme bestia marina al largo delle
coste sudafricane. La comunità scientifica aveva peraltro già smentito ogni veridicità di tali filmati con una semplice
constatazione: se il megalodonte fosse
sopravvissuto finora alle profondità descritte (2.000 metri), avrebbe dovuto basare la propria dieta sul plankton lì presente, senza avere dunque alcun motivo
per tornare in superficie a dar la caccia a
pesci e... navi.

Qual è il vino più
costoso del mondo?

Corbis/Contrasto

È IL RICHEBOURG GRAND CRU del 1985: costa poco
più di 15 mila dollari a bottiglia (13.500 euro). A stabilirlo è
la classifica annuale del sito inglese Wine Searcher, che
prende in esame la produzione di circa 55 mila produttori del
mondo per un totale di più di 7 milioni e trecentomila bottiglie.
Il Richebourg Grand Cru è un vino raro, proveniente dai vigneti
della Borgogna, ed è relativamente sconosciuto anche agli
esperti. Fra i primi 50 vini più cari non vi sono prodotti nostrani,
mentre ben 40 arrivano dalla sopracitata regione francese. In ogni
caso, il vino più caro d’Italia nel 2015 sarebbe il piemontese
Barolo Collina Rionda Docg, quotato 981 dollari a bottiglia.

Dicembre 2015 Focus | 129

Shutterstock

D&R

Si chiama Controlled
cognitive engagement
method (Cce), ed è stata
sviluppata da Thomas Ormerod,
esperto che lavora con le forze di
sicurezza aeroportuali. Secondo
Ormerod, i movimenti del corpo
generalmente associati al
mentire, come coprirsi la bocca
con la mano, potrebbero essere
una semplice espressione di
nervosismo. Il metodo Cce si
basa invece sul dialogo: dopo
una serie di domande “aperte”,
vengono posti all’interlocutore
interrogativi a sorpresa, o gli si
chiede di ricostruire a ritroso
l’argomento di cui si discute, ad
esempio come è arrivato in quel
luogo. A questo punto chi mente
tende a confondersi o a
contraddirsi. Con questa tecnica,
i bugiardi vengono individuati nel
70% dei casi, ossia in modo 20
volte più efficace che con
l’analisi del linguaggio del corpo.

Shutterstock

Qual è la tecnica
più efficace per
scoprire le bugie?

Cosa sono quei “vermetti” che
vediamo galleggiare negli occhi?
Succede soprattutto con l’avanzare degli anni,
quando fissiamo uno sfondo uniforme.
Si chiamano floaters (o corpi mobili vitreali) e sono per la maggior
parte proteine che galleggiano nel
corpo vitreo dei nostri occhi: li vedono
circa il 70% delle persone, in modo più
marcato dopo i 45/50 anni. Sembrano
granelli vermiformi che appaiono alla deriva nel nostro campo visivo, soprattutto
in determinate situazioni di illuminazione e in presenza di uno sfondo uniforme.
Acqua e proteine. Il corpo vitreo è una
sostanza gelatinosa che costituisce circa

l’80% del nostro bulbo oculare: dopo aver
passato il cristallino, la luce deve attraversarlo per raggiungere la retina e il nervo
ottico, che sono collocati sulla parte posteriore dell’occhio.
Il gel è formato per la maggior parte di
acqua (al 99%), ma contiene anche altre
sostanze, come proteine e molecole che
aggregandosi possono formare ammassi
fibrosi, i floaters, appunto, che diventano
visibili quando bloccano la luce, proiettando la propria ombra sulla retina.

Con un’equazione. James Hind, matematico della Nottingham Trent University (Uk),
avrebbe infatti trovato la formula della calza perfetta in ogni occasione. La sua equazione
considera due variabili: la velocità del vento “w” e la temperatura “t”. Le costanti sono “e”,
che equivale a 2,8 e il classico pi greco “π”, dal valore di 3,14. Il risultato, “D”, indica quindi la
pesantezza in denari, ossia lo spessore della calza. Secondo il matematico la formula
è indicata per le calze da donna, ma potrebbe valere anche per quelle maschili, con il
rischio però di calcoli imprecisi a causa dei peli sulle gambe. L’idea della ricerca trae
origine da un’esperienza personale di Hind, ossia una giornata trascorsa nel centro
turistico di Nottingham City travestito da Robin Hood. Costretto a indossare una
calzamaglia, il matematico si è reso conto di quanto sia importante indossare il collant
più adeguato per non soffrire il caldo in estate e il freddo in inverno.

Shutterstock

Come si fa a scegliere il collant giusto?

Shutterstock

D&R

Shutterstock

Shakespeare
fumava marijuana?

È vero che lavarsi i denti
dopo mangiato fa male?
Spazzolino e dentifricio sono indispensabili
per la salute, ma.... occhio al momento!
Mezz’ora di attesa. Lo strofinìo demineralizza lo strato superficiale dei denti e
permette alle sostanze acide di attaccarli
in profondità, almeno in una bocca che
abbia pH alterato per via di un pasto appena consumato. Ad affermarlo è uno
studio dell’Università di Göttingen (Germania). La soluzione? Attendere circa
mezz’ora prima di lavarsi i denti, per dare
il tempo ai valori del pH della nostra bocca di ristabilirsi naturalmente.

Getty Images

Sembrerebbe di sì: a meno che
non si stia seguendo una dieta a
base di sola frutta e verdura, lavarsi i denti subito dopo i pasti potrebbe
risultare più nocivo che salutare. Strofinarli dopo aver bevuto bibite gassate o
ingerito cibi acidi (la stragrande maggioranza degli alimenti, inclusi pesce, carne,
pasta, cereali e latticini) danneggia infatti lo smalto dei nostri denti, scalfendone
lo strato sottostante, chiamato dentina.

Il drammaturgo e poeta
inglese potrebbe avere
composto le sue opere non
solo grazie a un naturale estro
creativo, ma anche sotto l’influsso
di sostanze stupefacenti, in
particolare della cannabis. Un
team di ricercatori sudafricani,
guidati dall’antropologo Francis
Thackeray, della University of the
Witwatersrand di Johannesburg,
ha infatti esaminato alcune pipe
rinvenute nel giardino di
Shakespeare a Stratford-uponAvon (nella foto). Dalle analisi
chimiche dei frammenti è emerso
che le pipe erano utilizzate per
fumare marijuana. Altre pipe,
rinvenute nei giardini limitrofi,
riportavano invece tracce di foglie
di cocaina. Va comunque
considerato che, durante il periodo
elisabettiano, queste sostanze
erano tranquillamente considerate
come un’alternativa al tabacco.

Shutterstock

Che cos’è l’effetto Diderot?
Ben conosciuto dagli economisti e adorato da chiunque voglia venderci
qualcosa, si tratta del fenomeno per cui, acquistato per esempio un nuovo divano,
non resistiamo alla tentazione di comprare anche un paio di cuscini abbinati che
siano alla sua “altezza”... O meglio: all’“altezza” sociale che intimamente pensiamo di aver
raggiunto con l’acquisto del nuovo sofà. Teorizzato dall’antropologo Grant McCracken nel
1988, deve il suo nome a un saggio scritto da Diderot nel 1769: Rimpianti sopra la mia
vecchia vestaglia. Il filosofo raccontava come, avendo ricevuto in dono una bellissima
giacca da camera, già pochi minuti dopo gli era sembrato che le vecchie pantofole (e forse
lui stesso) stonassero con tanta magnificenza, e ne aveva quindi voluto un paio nuovo. Per
lo stesso motivo, cioè per restare all’altezza della vestaglia, alle pantofole erano seguite le
lenzuola, il copriletto, i cuscini e infine l’intero arredamento della stanza.

Dicembre 2015 Focus | 133

CHE COSA PASSA
PER LA TESTA?
Una volontaria si sottopone a
elettroencefalogramma per
un esperimento del Gruppo
studio dolore e ipnotizzabilità
dell’Università di Pisa.

Sei un tipo
da ipnosi?

L’ipnosi è una grande opportunità
terapeutica... ma non è per tutti.
All’Università di Pisa hanno scoperto
come funzionano il corpo e il
cervello di chi è “suggestionabile”.

Roberto Caccuri/Contrasto

Scienza

IN COSCIENZA. Ancora oggi, perfino tra
i medici, l’ipnosi è circondata da un’aura
inquietante: c’è chi la ritiene ciarlataneria, chi la collega a trucchi da prestigiato-

10
persone su cento non
sono ipnotizzabili: non
hanno cioè i requisiti
mentali e fisici giusti.

136 | Focus Dicembre 2015

Roberto Caccuri/Contrasto

«S

tia comodamente seduta…
Volga gli occhi all’insù e
fissi quel punto… Desidero
che guardi fissamente quel
punto… Ascolti ciò che le dico… Lasci che
succeda qualunque cosa sente che sta
per accadere: lasci pure che accada... Si
rilassi. Non stia tesa. Continui a fissare il
punto. Lo guardi il più fissamente possibile…». Seduta su una comoda poltrona,
per una ventina di minuti ho provato a
farmi ipnotizzare. Non a uno spettacolo
di maghi, ma in un serissimo laboratorio
dell’Università di Pisa.
Sfortunatamente (almeno per certi aspetti, come si capirà) ho avuto un
punteggio molto basso: rientro in quella
minoranza di persone (10-15 per cento)
per niente ipnotizzabili. Un’altra piccola
percentuale, nella mia stessa situazione,
avrebbe ottenuto un punteggio alto rispondendo a tutte o quasi le “suggestioni ipnotiche”, come vengono chiamate:
per esempio non riuscendo a separare
le dita intrecciate o a pronunciare il proprio nome a comando, o perfino a sentire
il ronzio di una mosca immaginaria. La
stragrande maggioranza avrebbe ottenuto punteggi intermedi nelle scale che
valutano il grado di ipnotizzabilità.
Quando il “mentalista” Giucas Casella sembrava in grado di incantare uno
spettatore che, dopo avere intrecciato
le mani sopra la testa, non riusciva più a
separarle e veniva liberato “solo quando
lo dirò io”, forse non stava solo fingendo
con la complicità di un compare: è possibile che l’ipnosi fosse vera, almeno in
alcuni casi, ma la persona non era stata
scelta a caso, bensì “preselezionata” sulla base della capacità (già testata) di rispondere alle suggestioni ipnotiche.

Dormire “a comando”, sognare a
occhi aperti e fare due cose
contemporaneamente: chi ci riesce
di solito è anche ipnotizzabile
re da quattro soldi. Uno dei primi esperimenti con l’ipnosi per poco non sfociò in
tragedia: Georges Gilles de la Tourette, il
medico francese tra i primi studiosi del
metodo, nel 1893 fu quasi ammazzato da
una paziente che sosteneva di essere stata ipnotizzata contro la sua volontà (cosa
unanimemente ritenuta impossibile).
A volte si pensa che essere ipnotizzato
equivalga a essere raggirato, e che possa
capitare solo a chi è credulone. Niente di
più distante dalla realtà. «L’ipnosi è un
mezzo importante per studiare la coscienza e la capacità del nostro cervello
di autoregolarsi», dice Vilfredo De Pascalis, che all’Università di Roma è tra i
pochissimi ricercatori in Italia a occuparsi di ipnosi.
Lo sparuto gruppetto di scienziati che,
all’interno soprattutto delle neuroscienze e spesso tra lo scetticismo dei colleghi,
si è dedicato negli ultimi anni a indagare
in maniera sistematica sul fenomeno, ha
intanto messo alcuni punti fermi. Tra
i fatti assodati c’è che lo stato di ipnosi
non ha niente a che vedere con il sonno,
né con una ipotetica sospensione della
volontà, né col sonnambulismo; e non è
neppure uno stato di coscienza alterato.

Anzi: chi è ipnotizzato è ben sveglio, con
l’attenzione intensamente focalizzata su
qualcosa, come quando siamo totalmente assorti nella lettura di un libro. L’opinione acquisita più di recente è che la caratteristica delle persone ipnotizzabili,
ancora più della capacità di concentrare
l’attenzione, sia quella di non distoglierla una volta che l’hanno indirizzata su
qualcosa. Negli studi effettuati da David
Oakley, psicologo all’University College di Londra, si è poi visto che gli effetti
dell’ipnosi sono reali: l’attività cerebrale
delle persone cui in trance viene suggerito che hanno una gamba paralizzata è
diversa da quella dei soggetti cui viene
chiesto di fingere soltanto di avere una
gamba paralizzata.
CANDIDATI IDEALI. I primi ipnotisti avevano una grande fantasia. Si racconta
per esempio che Milton Erickson, psichiatra di formazione psicoanalitica e
padre dell’ipnosi moderna, iniziasse le
suggestioni che conducevano all’ipnosi
dal primo momento in cui incontrava i
suoi pazienti: li disorientava fissandoli
fin dalla stretta di mano, oppure si lanciava con voce suadente in descrizioni

OBIETTIVO
DOLORE.
La dottoressa
Santarcangelo
segue un
esperimento
all’Ospedale di Pisa:
sta studiando la
risposta al dolore
nei soggetti
considerati “ad
alta suscettibilità”
ipnotica.

A me gli occhi!

particolarmente vivide che stimolavano
l’immaginazione, con metodi che oggi
definiremmo poco etici.
Oggi sappiamo che il successo dell’ipnosi
dipende più dal soggetto ipnotizzato che
dall’ipnotizzatore. Il gruppo di ricercatori dell’Università di Pisa guidato da
Enrica Santarcangelo ritiene che le persone suscettibili abbiano caratteristiche
peculiari non solo da un punto di vista
cognitivo ma anche fisiologico. Secondo
quest’ipotesi, ci devono essere determinati meccanismi che, oltre a influenzare
alcune funzioni fisiologiche, come “effetto collaterale” rendono determinate persone più suggestionabili di altre.
Anni di esperimenti sembrano darle ragione. Gli individui altamente ipnotizzabili, infatti, sembrerebbero distinguersi
dagli altri in molti aspetti assai concreti,
che vanno dal controllo della postura e
del coordinamento motorio (elementi
fondamentali dell’interazione tra corpo
e ambiente) alla circolazione del sangue
(da sempre un tema al centro dell’interesse della ricerca nel settore).
Gli high, come in gergo sono definiti i
soggetti altamente suscettibili all’ipnosi, per esempio, sbagliano molto più de-

gli altri a centrare un bersaglio con una
pallina – un compito di coordinamento
motorio gestito dal cervelletto –, sia in
condizioni normali sia quando indossano lenti prismatiche che distorcono la
visione. Altro esempio di differenza fisiologica: normalmente, in una situazione di stress o quando proviamo dolore, i
nostri vasi sanguigni si costringono. Ma
questo non accade agli high, che mantengono un diametro delle arterie invariato
anche quando si sottopongono a un compito stressante, e hanno una riduzione
minima nel caso di uno stimolo doloroso. L’ipotesi dei ricercatori di Pisa è che
abbiano maggiori disponibilità di ossido
nitrico, una sostanza che gioca un ruolo
importante in questi meccanismi fisiologici. E si pensa che questo possa renderli
anche meno suscettibili alle malattie
cardiovascolari.
IN ORBITA. L’abbondanza di ossido nitri-

co potrebbe tra l’altro spiegare, almeno
in parte, anche alcune anomalie che sono
state osservate nel cervelletto degli high.
L’ossido nitrico, infatti, a livello cerebrale produce alterazioni dello sviluppo del
tessuto nervoso.

COME SI VA IN TRANCE. Ci sono
più modi per farlo. Nel più noto,
l’ipnotizzatore fa oscillare davanti
agli occhi un orologio da tasca o un
pendolino: è il sistema che si vede
più spesso nei film o sul
palcoscenico. E funziona in quanto
l’orologio o il pendolo servono a far
sì che la persona si concentri su un
oggetto, escludendo dall’attenzione
altri stimoli. Lo stesso scopo si
ottiene quando l’ipnotizzatore
chiede di fissare lo sguardo su un
punto, oppure su una luce
intermittente, colori che sfumano,
una spirale che si muove... Nella
ricerca di laboratorio, si usa anche
un altro metodo: mentre la persona
sta semisdraiata su una poltrona o
un lettino, le viene letto un copione
prestabilito, frasi (come quelle
all’inizio di questo articolo) che la
inducono a rilassarsi per facilitare
lo stato di trance. C’è poi la
cosiddetta induzione rapida, che
funziona se in una seduta
precedente sono stati dati comandi
post-ipnotici, per esempio parole
che agiscono come interruttori per
far scattare l’ipnosi: “dormi!”.

Queste scoperte hanno fatto sorgere domande che spaziano lontanissime dai
territori tradizionali dell’ipnosi. Secondo dati preliminari, gli high hanno un ridottissimo “spazio peri­personale”, quello delimitato da un guscio immaginario
attorno al corpo, normalmente ampio
quanto il nostro braccio esteso. Ebbene, negli ipnotizzabili sarebbe inferiore
ai trenta centimetri. Che cosa potrebbe significare? Per esempio che questi
individui sono meno soggetti alle fobie
sociali e più adatti a stare in ambienti
sovraffollati.
Dicembre 2015 Focus | 137

Getty Images

GLI DÀ FORZA. Una seduta
di ipnosi per aiutare a dimagrire
l’uomo più grasso d’Australia:
Ulu Tuipulotu pesa 337 kg.

L’ipnosi viene anche usata per indurre
i sintomi di malattie psichiatriche.
Così si studiano gli effetti sul cervello
NELLO SPAZIO. Nel mirino dei ricercato-

ri sono entrati addirittura gli astronauti
della Stazione spaziale internazionale,
complice un finanziamento dell’Agenzia
spaziale italiana. Sorprendentemente, è
risultato che, per loro, essere ipnotizzabili costituirebbe un vantaggio. Perché?
La risposta, ancora una volta, si nasconde nel modo in cui funziona il nostro cervello. Un po’ per tutti noi, infatti, vale la
seguente regola: pensare un movimento
rende più facile riprodurlo. Solo che negli
individui altamente ipnotizzabili questa
dote è particolarmente accentuata, e
questo li rende anche più predisposti ad
adattarsi alle condizioni “acrobatiche”
in cui sono costretti a muoversi gli astronauti in assenza di gravità.

Tra l’altro questi studi aiutano a far luce
su uno dei fenomeni più tipici e apparentemente misteriosi che si verifica
sotto ipnosi: la sensazione che un arto si
muova o resti immobilizzato per effetto
di una forza estranea.
RISVOLTI PRATICI. A che cosa serve tutto

questo? L’idea dei diversi gruppi di ricerca in tutto il mondo è di sfruttare le
apparenti stranezze, emerse dagli esperimenti, nella pratica clinica. In collaborazione con i neurologi, per esempio,
gli scienziati pisani puntano a scoprire
le tecniche migliori per allenare in tutti, non soltanto negli high, la capacità di
immaginare schemi motori e utilizzarli
nella riabilitazione. Un esercizio utile

Una storia suggestiva
COM’È NATA. L’austriaco Franz Mesmer, considerato precursore dell’ipnosi,
alla fine del ’700 sosteneva esistesse un “fluido animale” che si trasmetteva
dall’ipnotizzatore all’ipnotizzato. Ma a coniare il termine “ipnosi” fu, più tardi, lo
scozzese James Braid, che con altri medici teorizzò si trattasse non di una forza
misteriosa ma di una risposta alle suggestioni. L’ipnosi moderna è nata con lo
psichiatra americano Milton Erickson, di scuola psicoanalitica: diceva che tutti
possiamo essere ipnotizzati perché identificava questo metodo con qualunque
altro consentisse l’accesso all’inconscio. I ricercatori che la utilizzano oggi per
studiare particolari aspetti del cervello, invece, si limitano a classificare le
persone in base ai punteggi in apposite scale di ipnotizzabilità, che non hanno
niente a che vedere con teorie della personalità o dell’inconscio.

per esempio dopo un ictus, quando si devono re-imparare i movimenti. A questa
applicazione si aggiunge il cosiddetto
“training immaginativo” utilizzato da
atleti di diverse discipline sportive, dal
karate al golf all’atletica: chi si allena a
ripetere un gesto tecnico anche mentalmente migliora la prestazione più che
con il solo allenamento fisico.
Poi c’è il trattamento del dolore, uno dei
campi più promettenti. Si sa che con le
suggestioni di analgesia, cioè la richiesta
di immaginare per esempio che il dolore
si sposti in punti diversi del corpo oppure svanisca, cambia l’attività cerebrale:
immaginare di non sentire dolore ne fa
sentire meno, insomma.
DISLESSIA SIMULATA. Da alcuni studiosi l’ipnosi viene anche impiegata per
“simulare” disturbi mentali: in pratica,
si cerca di trasformare persone sane in
pazienti virtuali che soffrono di allucinazioni o altri disturbi mentali per studiare
in laboratorio (di solito con la risonanza
magnetica) quel che succede nel loro cervello. Sotto ipnosi si può suggerire a una
persona “tu non capisci più l’italiano”,
ricreare una sorta di dislessia artificiale e studiare le risposte del cervello. E si
possono perfino indurre le allucinazioni
tipiche della schizofrenia.
E nella più comune pratica clinica? Santarcangelo ritiene che l’ipnosi sarebbe
un ausilio molto utile. «Non sarebbe necessario avere un ipnotista in ospedale o
nello studio dentistico: basterebbe che il
medico o l’infermiere imparassero alcune semplici tecniche per dare ai pazienti
istruzioni su come rilassarsi e concentrarsi», spiega Santarcangelo. Al contrario, sapere chi è più o meno suscettibile a
questa tecnica potrebbe fornire indicazioni su quali persone possono beneficiare davvero di metodi ampiamente
diffusi. «Inutile», dice Santarcangelo,
«proporre il training autogeno, tecnica
affine all’ipnosi, contro il dolore del parto a tutte le donne incinte, quando si sa
che sarà utile solo per una percentuale
minima di loro». Ci sono poi le applicazioni dell’ipnosi “terapeutica”, per
esempio per smettere di fumare. Funziona? Probabilmente serve a sopportare
l’astinenza, ma solo una volta che si è deciso, non sotto ipnosi ma lucidamente, di
dare l’addio alle sigarette.
Chiara Palmerini

138 | Focus Dicembre 2015

© 2015 Sebastian Copeland/www.sebastiancopeland.com All rights reserved

Natura

SOLO COME
UN CANE.
La selvaggia e
inospitale isola
di Ellesmere
detiene due
record: è la più
settentrionale
delle isole
artiche
canadesi e
ospita
l’insediamento
più a nord del
mondo.

Meraviglie
sotto
ghiaccio

L’estremo Nord
sta cambiando.
Ma resta uno
dei luoghi più
affascinanti del
nostro pianeta.

Artico e Antartico sono
due tra gli ecosistemi più
delicati della Terra
RUSCELLI STAGIONALI.
I primi segni dell’estate in arrivo
sono i piccoli ruscelli che si formano
con le acque di fusione sulle
immense distese dei ghiacciai artici.

142 | Focus Dicembre 2015

© 2015 Sebastian Copeland/www.sebastiancopeland.com All rights reserved (3)

FIORI D’INVERNO.
La superficie del mare improvvisamente
ghiacciata. Le particolari condizioni
meteo hanno provocato la formazione
di eleganti strutture simili a gemme.

IL SIGNORE
SOLITARIO.
Gli orsi bianchi
vivono gran
parte dell’anno
sulla superficie
gelata, a caccia
delle loro prede
preferite:
le foche. Maschi
e femmine
si incontrano
solo per
accoppiarsi.

LA FORZA
DELL’OCEANO.
In estate, la
scomparsa di
ampie distese
di ghiaccio libera
le onde degli
oceani, che
provocano
attorno al Polo
Nord violente
tempeste.

Gli ambienti
estremi sono
vere fucine
di soluzioni
evolutive

© 2015 Sebastian Copeland/www.sebastiancopeland.com All rights reserved (4)

ALLA RICERCA
DI CIBO.
Le renne sono
tra i pochi
animali che
riescono a
sopravvivere
all’inverno
artico, scavando
nella neve per
raggiungere
i licheni di cui
si nutrono.

TRIBUTO
PER L’ARTICO.
Le foto sono tratte
dal libro Arctica:
The Vanishing
North (teNeues)
di Sebastian
Copeland, € 98,
disponibile anche in
Collector’s Edition:
www.teneues.com

Dicembre 2015 Focus | 145

`

MyFocus

redazione@focus.it
facebook.com/focus.it
@Focus_it

Fotografie,
segnalazioni,
commenti...
Il dialogo
con i lettori
di Focus
Scienza e astrologia
149

Il turista inconsapevole
149

Fantasie in fotografia
150

Cinque
metri
La foto
del mese
Alessandra
Piasecka Onde di 5
metri contro gli scogli di
Manarola (Cinque Terre).

Dicembre 2015 Focus | 147

E’ in arrivo una collezione esplosiva con i
10 giochi DA TAVoLo più amati di tutti i tempi!

Dal 24 novEmbrE in EDicola solo con
www.hasbrogaming.it

Il piacere di giocare insieme
www.editricegiochi.it
www.risiko.it

www.feltrinellieditore.it/gribaudo/

Scopri tutti i dettagli su mondadoriperte.it

© 2015 Editrice Giochi

© 2015 Hasbro

Preparati
all' invasione!

MyFocus

Amici di Focus, ho appena terminato di leggere sul n. 273
(luglio 2015) il dossier sul
comportamento animale: una
rassegna scientifica dalla formica al cane che spiega ciò che
chiamiamo “intelligenza animale”. Ottimo e ben fatto.
Vorrei aggiungere un caso
emblematico: gli uccelli che
percorrono o attraversano le
strade trafficate ad altezza
auto e si schiantano sui parabrezza, anche con grande rischio per gli automobilisti.
Forse vogliono farci capire
che cosa stiamo facendo alla
natura.

Elisa P., via mail
VIVERE CON POCO O NULLA

Istock

Alessandro S., via Facebook

SI PIANGE LA SCOMPARSA
DEL TURISTA CONSAPEVOLE

Sono una studentessa della
Laurea Magistrale in Biologia Evoluzionistica dell’Università di Padova. Recentemente sono stata in Egitto
per una vacanza, a Sharm El
Sheikh, e come tutti i turisti
ho fatto “snorkeling” lungo

Caro Focus, mi piaci sempre
ma ti scrivo per darti una
tiratina d’orecchi. Scrivete
sempre di cambiamenti climatici, riscaldamento globale, della necessità di trovare
un’alternativa al petrolio...
Mai, o troppo poco, della necessità di cambiare modelli di
comportamento e vivere con
meno frenesia per le cose. Anche senza fare scelte radicali,
come quell’irlandese, Mark
Boyle, che afferma di aver
vissuto “a costo zero” per due
anni, dal 2008 al 2010. Il che
non è proprio vero, visto che
ha abitato in una roulotte che
gli venne regalata. E perché
difficilmente in città si può vivere del proprio orto o, come
afferma, di cibo scartato o regalato... Però questi casi estremi qualche orientamento lo
danno. E così dovreste fare
anche voi, con taglio “scientifico”: suggerire modelli alternativi e pratici per una società
sempre più sostenibile.
Sabina B., via facebook

I NOSTRI ERRORI
SU FOCUS 276 A PAGINA 123, nel riquadro “Obiettivo

Pacifico” abbiamo scritto “costa orientale degli Usa” anziché “costa occidentale”.

Scienza e
astrologia
Caro Focus, ho letto con curiosità l’articolo Quello che
(non) dice l’oroscopo, sul n°
275, dove citate la nostra associazione, il Centro italiano
discipline astrologiche. Forse
sarebbe stato corretto e
“scientifico” consultare anche la nostra campana (...);
ma ci siamo ormai rassegnati,
anche perché nessun articolo è mai riuscito a far cambiare opinione all’una o all’altra parte. Rinuncio quindi a
chiedere una replica, ma non a porre agli “scienziati” due
domande: di che natura è la gravitazione? E di che natura
è l’energia vitale? Naturalmente è chiaro che si tratta di
una provocazione, perché è la risposta a queste domande
che ci avvicina almeno un po’ alla natura dell’astrologia.
Dante Valente, via mail

Risponde la redazione di Focus
Caro dr Valente, si potrebbe dire che la gravità è un effetto
geometrico e la vita un gioco di molecole. Resta il fatto che
la scienza si mette sempre in discussione, ma sulla base dei
fatti. Alla ricerca di nuove risposte (e di nuove domande).
TUTTI I NODI VENGONO...
AL CANCELLO

Perché per la questione Volkswagen si parla di dieselgate?
Perché usare la parola “gate”
per indicare uno scandalo?
Paolo C., via mail

Risponde Raymond Zreick
( focus.it)
Nel contesto di cui parliamo il
significato da attribuire al
termine inglese “gate”, in italiano “cancello”, è proprio
scandalo. L’uso di questo suffisso per indicare uno scandalo risale al Watergate. Il Wa-

tergate Hotel è il posto dove
furono fatte le registrazioni
che, svelando gli abusi del
Partito repubblicano americano, nel 1974 portarono alle
dimissioni di Nixon, l’allora
presidente degli Stati Uniti.
All’inizio della vicenda, nel
’72, i giornali utilizzavano
correttamente l’espressione
“Watergate scandal” (lo scandalo Watergate), ma presto il
desiderio di sintesi e brevità
prese il sopravvento e Watergate diventò una parola sola
per riferirsi a quei fatti. Negli
anni successivi, il “giornalismo creativo” riprese il concetto e coniò di volta in volta
una parola ad hoc per lo scandalo di turno: dal winegate
degli Anni ’80 (i vari scandali
del vino adulterato) al sexgate, dall’Irangate al climategate fino al recente dieselgate.
Dicembre 2015 Focus | 149

Getty Images

la barriera corallina. Quello
che ho visto è inquietante e
scandaloso: i coralli sono in
pessime condizioni di salute, la barriera in molti punti
è, secondo me, irrimediabilmente rovinata e in generale
la situazione sta peggiorando.
Complici i comportamenti
della gente del posto e dei turisti, scorretti e indifferenti
alle conseguenze nel tempo
di ciò che fanno: dov’è finito
il “turista consapevole”? Solo
chi va in Patagonia si sente in
dovere di rispettare la natura?

INTELLIGENZA SUICIDA

Felicità è stare con persone felici? Mica facile
trovarle! Stefania C. (http://on.fb.me/1ZZZYHj)

google

Commenti, post, iniziative

MyFocus
Le foto dei lettori

La missione EU-Russia sulla Luna: perché una
sonda? Domenico M. (http://on.fb.me/1jCKMPQ)

1

macro@focus.it

Dai lettori fotografi
e filosofi
Qual è il tempo dei ricordi? Quanto
durano i cristalli di ghiaccio e le bolle di
sapone? Che cosa stanno aspettando le tre
marmotte-sentinella nell’aspro silenzio della
montagna? Quando si congederà l’inverno dalle
nostre campagne? Attesa, fugacità, nostalgia...
Le foto di questo mese interpretano a modo
loro il concetto di tempo e stimolano, col
linguaggio dell’immagine, ogni sorta di
riflessione. Per questo le abbiamo scelte fra le
tante, splendide, che ogni giorno ci mandate.

Spedisci i tuoi scatti alla redazione
di Focus: vedi su www.focus.it/
myfocus l’elenco delle caselle
tematiche e i nostri consigli, e le foto
dei lettori su www.focus.it/letuefoto
150 | Focus Dicembre 2015

tecnologia@focus.it

2

MyFocus
Da che esiste FB non si sono mai visti tanti asteroidi
colpire la Terra. Giuseppe L. (http://on.fb.me/1GW9yPM)

3

curiosita@focus.it

1

Elena Nobili
Fiori di ghiaccio nella
bergamasca.

2

Amorvena Mengarelli
Il tempo si muove in
una direzione, i ricordi
in un’altra (W. Gibson).

3

Rebecca Costanza
Bolle in ballo a Roma.

4

Fabio Minati
L’inverno.

5

Paolo Deimichei
Tris di marmotte:
sentinelle in Trentino.

Primi piani, macro, panoramiche...
Da qualsiasi distanza la si guardi,
la natura resta lo spettacolo più
stimolante per un fotografo. E queste
immagini ce ne forniscono la prova
natura@focus.it

4

animali@focus.it

5

Dicembre 2015 Focus | 151

DISP

ILE
ONIB

ANC

N
HE I

TA L
DIGI

EDIT

ION

Relax
SCULTURE
DI GLASSA.
Una
macchina
per cucire,
un giradischi
e una
fotocamera:
tutto da
mangiare!

Fotofollie

Torte che
funzionano
Fiorellini di
zucchero e fiocchetti
di panna? Mai!

Scienza quotidiana

Primo tacco o primo bacio?

Forse è vero, il primo amore non si scorda
mai. Però, insomma, può capitare anche

alla più romantica delle ragazze di non ricordarsi proprio tutti i particolari... Tipo
come caspita si chiamasse il tipo con cui
ha scambiato il primo bacio!
Di tutt’altra pasta, invece, pare sia fatta
la memoria femminile quando si parla

di scarpe. Un’indagine condotta in Gran
Bretagna per conto di un sito online specializzato nella vendita di calzature ha rivelato che circa il 92% delle intervistate,
su un campione di un migliaio di donne,
riesce a ricordare con precisione tipologia e marca del primo paio di scarpe acquistato con i propri soldi.

Per contro, solo il 63% delle stesse ricorda senza difficoltà il nome del primo ragazzo baciato. A corroborare questo dato
interviene una seconda percentuale: il
96% del campione ancora si dispiace di
aver dovuto buttare via un paio di scarpe
rovinate, ma solo il 15% afferma di rimpiangere un uomo che ha “scaricato”.

Cioè, sono le 22 e tu
solo ora mi dici che ti
serve un umano per
l’esercizio di scienze
di domattina!?!

Shutterstock

Elena Locatelli

Sorrisi

Bethann Goldberg/Ipa (3)

Se la pasticciera è un’ex ingegnera
della Nasa, è ovvio che le sue torte non
potranno avere un aspetto banale.
E, infatti, i dolci di Beth Ann Goldberg, un
curriculum di tutto rispetto
nell’ingegneristica spaziale, danno
soprattutto l’impressione di funzionare
perfettamente. Speriamo, per il successo
della sua pasticceria in California, che
siano anche buoni!

Dicembre 2015 Focus | 153

La scienza dell’acqua calda

di Giovanna Camardo

Shutterstock

Felicità è... uno
stipendio più alto
lavorando uguale

Sapevi che... ?

Statistiche

io
ol
G
as

bo
ne
C
ar

o
Pr
op
an

gn
a
Le

B
al att
ca er
lin ie
e

Siete tra i molti che hanno il cellulare perennemente scarico? Potrebbe durare molto di più, secondo uno studio pubblicato dal Wall Street Journal, se fosse possibile utilizzare
batterie grandi come quelle al litio attualmente in uso ma
basate su altri principi: per esempio, a gasolio (10 giorni).
La carica sarebbe molto più breve, invece, se si sfruttasse
una batteria al piombo, come quella dell’auto.

SMARTPHONE.
Le attuali
batterie ai
polimeri di litio,
con un uso
normale, si
scaricano in
circa 15 ore.

G
co ras
rp so
or
eo

Uno smartphone
caricato a carbone

B
au att
to eri
a

I soldi non danno la felicità, però si sa
che aiutano. E un aumento di stipendio è
una di quelle cose che ti mettono
indiscutibilmente di buon umore... Eppure,
gli economisti indagano da anni
sull’effettivo rapporto denaro/
soddisfazione. Tra loro ci sono Christian
Bayer, dell’Università di Bonn, e Falko
Jüssen della Bergische Universität
Wuppertal. Che, al termine di calcoli
matematici, hanno stabilito la formula per
avere una maggiore soddisfazione nella
vita: guadagnare più soldi continuando
però a lavorare esattamente quanto prima.
Bayer e Jüssen hanno verificato che in
effetti i soldi rendono più felici: basta un
aumento di reddito anche piccolo, purché
si mantenga nel tempo. Una crescita
temporanea degli introiti, anche se
notevole, non ha invece un effetto
misurabile sul livello di felicità di un
impiegato. C’è poi un secondo elemento
della vita professionale che influenza la
soddisfazione personale: le ore di lavoro.
«Quelli che devono costantemente
lavorare di più», dice il professor Bayer,
«diventano meno felici».

Notizie curiose da
raccontare agli amici

Le “narconovelas” sono un genere
di telenovela molto popolare in
Colombia e in Messico: gli eroi sono
trafficanti di droga e prostitute.
Durante il suo mandato, il presidente
Hugo Chavez ne aveva proibito la
diffusione in Venezuela.
Il kebab moderno, servito sotto
forma di piadina piegata, fu inventato
da un certo Mehmet Aygün nel 1971.
Un uomo medio produce circa 1,5
litri di saliva al giorno.

1

ora

9

ore

154 | Focus Dicembre 2015

12
ore

6

giorni

8

giorni

9
giorni

10

giorni

Il personaggio di Chewbacca (in
Star Wars) fu ispirato a George Lucas
dal suo cane, Indiana.

SCOPRIRE IL PASSATO, CAPIRE IL PRESENTE.

CALENDARIO

A SOLI

4 € IN PIÙ

L’ineguagliabile epopea di Roma Antica: dall’epoca repubblicana a quella imperiale tutte le eccellenze dell’Urbe nell’ingegneria, nel diritto,
nell’architettura, nella strategia militare... E inoltre: la storia dei profughi e dei Giubilei, Churchill sul lago di Como, scrittori profetici, la
libertà di stampa. In

più il calendario storico 2016 delle legioni di Roma. DA NON PERDERE!!
FOCUS STORIA. OGNI MESE LO SPETTACOLO DEL PASSATO.

Disponibile anche in versione digitale su:

Abbonati su: www.abbonamenti.it/storia

Relax
Brain Trainer, ginnastica per la mente

ORIZZONTALI
1 Sporgenza di parete rocciosa
- 7 È liquido a temperatura ambiente - 15 Si susseguono nelle
gare di scherma - 17 È solitario
quello di Leopardi - 18 Bensì 19 È allo studio un vaccino per
contrastarla - 20 Commissario Tecnico - 21 Antica regione della Persia - 23 Sigla per
radioamatori - 24 Un tributo
per le società - 27 Metropoli
venezuelana - 31 Urli - 32 Un
formaggio piemontese - 33
L’antica nota do - 34 Emilio,

l’editore che lanciò Giovanni
Verga - 35 L’Estonia nel Web
- 37 Vegetazione delle terre artiche - 40 Stop - 41 Fenomeno
che si verifica nella propagazione di onde sonore o elettromagnetiche - 44 A me - 45 Einstein
formulò quella della relatività
- 47 Il contrario di niente - 49
L’involucro più interno della
Terra - 50 Si corre a Siena - 52
Gertrude, la scrittrice americana ritratta da Picasso - 53
Sigla di Modena - 54 Saranno
una fonte di energia pulita 56 Dopo - 57 Concittadini di
Saba - 60 Il fiume di Firenze
- 62 Il romanziere Fleming 63 Oggetto molto piccolo - 65
Dura millenni - 67 La Hari nota
spia - 69 Iniziali di Mengacci
- 70 L’argo nelle formule - 72
Virgilio ne cantò le gesta - 74
Anagramma di proemio - 75
Unione Europea - 76 L’uomo
nelle gare dei cavalli - 78 Remix
agli estremi - 79 Che non provoca sofferenza - 81 Effimere
tracce - 82 Nella birra - 83 Confina con il Pakistan - 84 Periodo
dell’Era mesozoica.
VERTICALI
1 Formaggio francese - 2 Effondere - 3 Iniziali di un eroico
Sauro - 4 La terza lettera greca - 5 Ranocchia arboricola - 6
Atlante (abbr.) - 8 Eroico - 9 La

1

2

3

4

5

6

15

16

18

9

10

23

28

32

33

36

41

12

13

14

25

26

17

22

35

11

20

27

29

24

30

31

34

37

38

39

40

42

43

46

47

49

44

48

50

52

51

53

56

57

60

61

65

70

8

19

21

45

7

71

72

76

78

79

58

63

67

64

68

73

69

74

77

80

81

83

55

59

62

66

75

54

82

84

Il cereale all’82 orizzontale.

meretrice di Gerico - 10 Cosenza per l’Aci - 11 Andare fuori
- 12 Avversa al progresso - 13
Giro in centro - 14 Un tipo di
farina - 16 Simili ai dittonghi
- 22 Misura agraria - 25 Il Fornaciari in arte Zucchero - 26 Si
servono al ristorante - 28 Rame - 29 Seducenti - 30 Monaci
buddisti - 31 Farmaco per uso
orale - 34 Pesce d’acqua dolce

- 36 Una maga dell’Odissea - 38
Pari nella Luna - 39 Breve giorno - 41 Il trantran quotidiano
- 42 Li tira il burattinaio - 43
Alcolismo - 46 James, pittore
e incisore belga - 48 Famosa
famiglia circense - 50 Scrisse
Lo scarabeo d’oro - 51 Qualora - 53 Canta Renato - 55 Una
lingua ufficiale dell’India - 56
Le protezioni alle estremità

dei veicoli - 58 Verderame 59 Formaggio a pasta filata - 61
Vendono preziosi - 64 Insidioso uncino - 66 Guarì San Paolo
dalla cecità - 68 Cantanti come
Bocelli - 71 Il Tyrannosaurus
di Jurassic Park - 73 Michael
romanziere tedesco - 77 Una
soppressa imposta locale - 80
Dea greca dell’aurora - 81 Iniziali della Dandini.

Dicembre 2015 Focus | 157

Corbis/Contrasto

CruciFocus

A Natale la curiosità
cresce... insieme
alla convenienza!
1 ANNO

FOCUS
FOCUS EXTRA
INCLUSA
L’EDIZIONE
DIGITALE

39,90

12

numeri

TUTTO
A SOLO

INVECE DI 70,40 EURO
* + € 3,90 come contributo spese
di spedizione per un totale di € 43,80
(IVA inclusa) invece di € 70,40

Abbonati
subito!
4

numeri

Lo sconto è computato sul prezzo di copertina al lordo di offerte promozionali edicola. La presente offerta, in conformità con l’art.45 e ss. del codice del consumo, è formulata
da Gruner+Jahr Mondadori S.p.A. Puoi recedere entro 14 giorni dalla ricezione del primo numero. Per maggiori informazioni visita www.abbonamenti.it/cgagruner.

Scegli la modalità
che preferisci:
INTERNET

www.abbonamenti.it/r40315

POSTA

Spedisci in busta chiusa a:
Servizio Abbonamenti
C/O CMP BRESCIA
25197 Brescia BS

FAX

Programma Abbonamenti 2015

Coupon di Abbonamento SPECIALE
Sì, mi abbono per un anno a Focus (12 numeri inclusa l’edizione digitale) + Focus Extra (4 numeri) con lo

SCONTO SPECIALE DEL 43% a solo € 39,90 + € 3,90 di spese di spedizione per un totale di € 43,80 (IVA inclusa)
invece di € 70,40.

INDICO QUI I MIEI DATI:

Via

ACCEDI ALL’EDIZIONE
DIGITALE

Tel.

Città

NON INVIO DENARO ORA.
SCELGO DI PAGARE CON:
Bollettino di conto corrente postale che invierete al mio indirizzo

Nome

Invia la cartolina al numero
030.7772385

DAL 1° GIORNO DI USCITA

099 06 023 579 13

Cognome

N.

CAP
Prov.

E-mail
È importante inserire il tuo indirizzo e-mail, per poterti inviare i dati di accesso all’edizione
digitale, tutte le comunicazioni relative al tuo abbonamento e le informazioni sui pagamenti.

Se preferisci pagare con
Carta di credito collegati a

www.abbonamenti.it/r40315
Acconsento a che i dati personali da me volontariamente forniti siano utilizzati da Gruner+Jahr/
Mondadori S.p.A. e dalle Società del Gruppo Mondadori per le finalità promozionali specificate al
punto 1. dell’informativa.
SI m NO m
Acconsento alla comunicazione dei miei dati personali per le finalità di cui al punto 1. dell’informativa
ai soggetti terzi indicati.
SI m NO m
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per finalità di profilazione per migliorare la qualità
dei servizi erogati, come specificato al punto 3 dell’informativa.
SI m NO m

INFORMATIVA AI SENSI DELL’ART. 13 DEL D.LGS. 196/03 La informiamo che la compilazione della presente pagina autorizza Gruner+Jahr/Mondadori S.p.A., in qualità di Titolare del Trattamento, a dare seguito alla sua richiesta.
Previo suo consenso espresso, lei autorizza l’uso dei suoi dati per: 1. finalità di marketing, attività promozionali e commerciali, consentendoci di inviarle materiale pubblicitario o effettuare attività di vendita diretta o comunicazioni
commerciali interattive su prodotti, servizi ed altre attività di Gruner+Jahr/Mondadori S.p.A., delle Società del Gruppo Mondadori e di società terze attraverso i canali di contatto che ci ha comunicato (i.e. telefono, e-mail, fax,
SMS, mms); 2. comunicare ad altre aziende operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, vendita a distanza, arredamento, telecomunicazioni, farmaceutico, finanziario, assicurativo, automobilistico, della politica
e delle organizzazioni umanitarie e benefiche per le medesime finalità di cui al punto 1. 3. utilizzare le Sue preferenze di acquisto per poter migliorare la nostra offerta ed offrirle un servizio personalizzato e di Suo gradimento.
Ulteriori informazioni sulle modalità del trattamento, sui nominativi dei co-Titolari e dei Responsabili del trattamento nonchè sulle modalità di esercizio dei suoi diritti ex art. 7 Dlgs. 196/03, sono disponibili collegandosi al sito
www.abbonamenti.it/privacygruner o scrivendo a questo indirizzo: Ufficio Privacy Servizio Abbonamenti - c/o Koinè, Via Val D’Avio 9- 25132 Brescia (BS) - privacy.pressdi@pressdi.it.

Relax
Brain Trainer, ginnastica per la mente
Bunny Bond

Soluzioni dei giochi

accedere a un tempio usato come base segreta.
Non conosce la parola d’ordine che le chiederanno all’ingresso, ma dall’agenzia le mandano
questa immagine. Riuscite a capire qual è la
password suggerita dall’immagine?

FREGI. Guardando con attenzione
l’immagine, si capisce che in realtà ogni
fregio è formato da una lettera ruotata e
ripetuta 4 volte. La password è dunque:
“WALHALLA”.
COLORE. Le 6 parole corrispondono ai
nomi di cinque astri: “Urano, Giove,
Sole, Terra, Venere, Marte”, con una
sola lettera cambiata. Ad esempio
“Urano” diventa “brano” grazie a una
“B”. Leggendo di seguito le lettere
sostituite si ottiene il colore “bianco”.

FREGI. Bunny Bond è in Baviera, e deve

Bunny Bond

COLORE. Bunny deve accedere a un sistema di sicurezza di un planetario. Ha
saputo che la password è il nome di un colore, ma non sa quale. Sul fianco del
terminale c’è un biglietto con queste sei parole.

Gioco testatina cyan
CruciFocus
Hai risolto correttamente il CruciFocus?
C
A
M
E
M
B
E
R
T

E
N
S
P O
A R
R
A R
U E
R X
T
I N

“BRANO GIOIE SALE TERNA CENERE MORTE”

Mettiti a Focus!

C

ontinua il successo della nuova
edizione di “Mettiti a Focus!”,
il casting di Focus tv (gruppo
Discovery Italia, dtt 56, Sky
418, Tivùsat 56) per trovare i 4 nuovi volti protagonisti del canale: in meno di 2
mesi sono state raccolte più di 1000 candidature, sia online su www.focustv.it

sia attraverso gli eventi sul territorio (7
tappe in tutta Italia). Che cosa succede
adesso? Saranno selezionati 12 finalisti
(3 per ogni categoria tematica: Storia,
Spazio&Scienza, Natura, Come Funziona) che si affronteranno in una sfida a
colpi di conoscenza. A partire dal 14 dicembre Focus tv trasmetterà all’inizio
della prima serata 12 clip (prodotte da
Hangar per Discovery Italia) in cui i candidati, in uno scenario spettacolare e con
rivoluzionari effetti grafici, spiegheranno a modo loro un argomento scientifico

N G I
S A L
M A
A M
R A C
A
U
C
R I F
O R I
U C L
T E I
I
N O
E R A
E N
F A
I N
S C I
D I A

A
M
T I
L A R
T
A I B
T
O
T U N
R A Z
A
I
E O
N
M
T R I
I A N
M A
E A
N T I
D O L
E
O
T R

E
P
I
C
O
D
I
P
O
E
T
E
N
O
R
I

R C U R I
A S S E R
A
C T
B
I R A
G R I D
T R E V E
R A
A L
O N E
M
T U T T O
A L I O
A L G H
S T I N I
C O S I N
A
M
D
M P O R I
O
R E
Z O
A S

O
O
P
A
S
T
I
S
E
A
M
O

Vuoi continuare a giocare?
Scopri il Focus Quiz online
www.focus.it/quiz

Riuscite a capire qual è il colore suggerito da queste parole?

Il casting di Focus tv per trovare quattro
volti nuovi del canale entra nel vivo. Il 14
dicembre comincia la sfida fra i 12 finalisti.

E
S
A
L
A
R
E

Come
funziona
Storia

Spazio&
Scienza

Natura

in linea con la programmazione di Focus
tv. A gennaio 2016 la redazione di Focus
tv proclamerà i vincitori nel corso di 4
finalissime e i volti ufficiali debutteranno in tv a febbraio, protagonisti di un
nuovo programma di “pop-science” in
cui racconteranno temi e argomenti legati alle 4 aree tematiche del canale.
Per tutto l’anno, inoltre, daranno voce e
volto al fortunato format “Domanda &
Risposta”, insieme ai due vincitori “under 18” della sezione Junior che si sono
distinti durante i casting sul territorio.
Dicembre 2015 Focus | 159

Autori dei giochi: Silvano Sorrentino, studiogiochi

L’affascinante cugina del
ben più noto James
lavora per un’agenzia
senza nome come
esperta di codici segreti.
Ecco due
nuovi “casi” da risolvere.

info r m a z i oni

dalle aziende
3M

APRE IN ITALIA
IL CUSTOMER
INNOVATION CENTER

3M ha aperto in Italia, all’interno della sede di Pioltello, il
customer Innovation center,
il nuovo motore tecnologico
dell’azienda che svela tutta
l’innovazione e la scienza 3M
applicata alla vita. si tratta di
uno spazio pensato per accogliere i clienti e i partner e
far scoprire loro le soluzioni
tecnologiche di 3M attraverso un’immersione diretta ed interattiva. E’diviso in cinque
aree destinate alla clientela B2B nei mondi industria, individui, città, trasporti con una
panoramica d’effetto su superfici e materiali. è presente inoltre uno spazio 3M in Daily
Life, pensato per una clientela consumer.
VaLDOBBIaDENE
PrOsEccO suPErIOrE D.O.c.G. - Dry

saEcO

UNA SVOLTA NEL MONDO
DEL CAFFè IN TERMINI
DI INNOVAZIONE,
VARIETà E
PERSONALIZZAZIONE

con 30 anni di esperienza e passione per il
caffè, GranBaristo avanti di saeco è la prima
macchina automatica connessa che realizza
una varietà di 18 bevande irresistibili attraverso un dispositivo smart: basta scaricare l’app
saeco avanti sul tablet o sullo smartphone e
impostare una connessione tramite Bluetooth 4.0 con GranBaristo. sarà così possibile
scegliere e memorizzare intensità, lunghezza,
temperatura e sapore di ogni bevanda: ognuno potrà personalizzare caffè, cappuccino,
latte macchiato e l’app li preparerà uno dopo
l’altro. Inoltre, vanta le migliori tecnologie saeco per un’esperienza senza precedenti.

UVAGGIO STORICO VAL D’OCA
IL FASCINO DELLA TRADIZIONE
RIVISITATO IN CHIAVE MODERNA

uvaggio storico Val D’Oca Prosecco superiore
D.O.c.G. Valdobbiadene Dry offre un viaggio nel
Prosecco come si faceva un tempo. Questo spumante nasce dal recupero dell’antico uvaggio
che, oltre alla Glera, prevedeva l’impiego di rare
uve autoctone presenti sui colli di Valdobbiadene, quali  Verdiso, Perera e Bianchetta Trevigiana.
Grazie all’impegno di quattro viticoltori, sono stati
ripristinati in piccoli appezzamenti alcuni vigenti
composti dalle varietà originali. Il risultato è uno
spumante limpido, di color giallo paglierino con
riflessi verdognoli. Il perlage è fine e persistente.
all’olfatto scopre aromi delicati, note fruttate e
floreali ricordano la mela e i fiori d’acacia.In bocca
si rivela un vino elegante, ben strutturato. Ottimo
come aperitivo, è perfetto per accompagnare pasticceria secca, biscotti alle mandorle e altri tradizionali dolci italiani.

BONOMELLI

MESE DONNA BONOMELLI

La tisana Mese Donna Bonomelli è frutto di un’attenta selezione delle migliori
erbe dalla qualità sicura e controllata: camomilla, achillea, finocchio e borsa
pastore, piante tradizionalmente note per aiutare i fastidi del ciclo femminile.
La tisana è, inoltre, arricchita dalle vitamine B6 e B12 che favoriscono la normale formazione dei globuli rossi e la vitamina B2 che contribuisce al normale
metabolismo del ferro. Il mix delle piante funzionali di questa tisana, abbinato
ad uno stile di vita sano e ad una dieta varia ed equilibrata, è un aiuto per il tuo
benessere.

Questo mese online

Mondo Focus
Direttore Responsabile: Jacopo Loredan
Ufficio Centrale: Gian Mattia Bazzoli (caporedattore),
Giovanna Camardo (caposervizio), Isabella Cioni (caporedattore),
Emanuela Cruciano (caporedattore), Andrea Parlangeli (caporedattore
centrale), Gianluca Ranzini (vicecaporedattore),
Marina Trivellini (caporedattore art director)
Redazione Grafica: Giorgio Azzollini (caposervizio), Gloria Galbiati,
Elena Lecchi, Luca Maniero (caporedattore art director),
Francesca Patuzzi (caporedattore), Emanuela Ragusa, Luca Tomasi
Ufficio Fotografico: Paola Brivio (caposervizio),
Alessandra Cristiani (vicecaposervizio), Sara Ricciardelli, Daniela Scibè.
Redazione: Amelia Beltramini (caporedattore), Sabina Berra,
Marco Ferrari (caposervizio), Margherita Fronte, Roberto Graziosi,
Raffaella Procenzano (caporedattore), Fabrizia Sacchetti (caposervizio),
Vito Tartamella (caporedattore), Stella Tortora (caporedattore),
Raymond Zreick (caposervizio)
Segretaria di Redazione: Antonella Buccino
Hanno collaborato a questo numero: Silvia Bencivelli, Federico Bona,
Albino Carbognani, Marco Consoli, Fabio Dalmasso, Gabriele Ferrari,
Camilla Ghirardato, Andrea Indiano, Elisabetta Intini, Maria Leonarda
Leone, Roberto Mammì, Valentina Murelli, Nicola Nosengo, Riccardo
Oldani, Chiara Palmerini, Silvia Ponzio, Alberta Sestito, Francesca Tarissi,
Simone Valtieri

©Think Film/Courtesy Everett Co

Via Battistotti Sassi, 11/A – 20133 Milano

Creative commons

Gruner+Jahr/Mondadori SpA

MISTERO 9 antichi sistemi di
scrittura non ancora decifrati.

CINEMA I “trucchi” per girare
le scene di sesso dei film.

Tutto questo e molto altro su:
http://www.focus.it/278

Dicembre

Progetto Grafico: Studio Berg
Magazine Publishing Coordinator e Business Manager Carolina Cefalù
Digital Publishing Coordinator Daniela Grasso
Subscription Manager Alessandro Scampini
Coordinamento Tecnico Valter Martin
Amministratore Delegato, Coo e Publisher
Roberto De Melgazzi
Direttore del Personale e Affari Legali Lucio Ricci
Direttore Controllo di Gestione Paolo Cescatti
Abbonamenti: 12 numeri € 29,90 + spese di spedizione. Non inviare denaro.
Per informazioni o per comunicare il cambio di indirizzo telefonare esclusivamente ai
numeri: dall’Italia 199 111 999 costo da telefono fisso € 0,12 + Iva al minuto senza
scatto alla risposta, costo da cellulare in funzione dell’operatore;
dall’estero +39 041.5099049; fax 030.7772387. Il servizio abbonamenti è in funzione
da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 19.00. Oppure scrivere a Press-Di Srl Servizio
Abbonamenti – via Mondadori, 1 – 20090 Segrate (MI);
mail: abbonamenti@mondadori.it; Internet: www.abbonamenti.it/gruner
Servizio collezionisti: Arretrati: I numeri arretrati possono essere richiesti
direttamente alla propria edicola, al doppio del prezzo di copertina per la copia
semplice e al prezzo di copertina maggiorato di € 4,00 per la copia con allegato
(DVD, libro, CD, gadget). La disponibilità è limitata agli ultimi 18 mesi per le copie
semplici e agli ultimi 6 mesi per le copie con allegato, salvo esaurimento scorte.
Per informazioni: tel. 045.8884400; fax 045.8884378; mail collez@mondadori.it
Raccoglitori: € 14,90. Per acquistare o per informazioni telefonare al numero 199
152 152 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00 e il sabato dalle 10.00 alle 14.00
(costo da telefono fisso € 0,12 + Iva al minuto senza scatto alla risposta, costo da
cellulare in funzione dell’operatore). Fax: 030.7772385;
mail: focusclub@mondadori.it; Internet: www.tuttocollezioni.com/raccoglitorefocus
Stampa: Elcograf S.p.A., via Mondadori, 15, Verona. Distribuzione: Press-Di
Distribuzione Stampa e Multimedia Srl - 20090 Segrate (Mi).
Focus: Pubblicazione mensile registrata presso il Tribunale di Milano n. 552 del
16/10/92. Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica sono riservati. Tutto il materiale
ricevuto e non richiesto (testi e fotografie), anche se non pubblicato, non sarà
restituito.
Direzione, redazione, amministrazione:
Via Battistotti Sassi, 11/A - 20133 Milano.
Telefono 02/76210.1. Fax amministrazione: 02/76013439.
Fax redazione: 02/76013379.
Garanzia di riservatezza per gli abbonati. L’editore garantisce la massima
riservatezza dei dati forniti dagli abbonati e la possibilità di richiederne gratuitamente
la rettifica o la cancellazione ai sensi dell’art. 7 D. leg. 196/2003 scrivendo a: PressDi Srl Ufficio Privacy – Via Mondadori, 1 – 20090 Segrate (MI).
Mail: privacy.pressdi@pressdi.it
Pubblicità: Mediamond S.p.A. - Sede centrale: Palazzo Cellini - Milano Due 20090
Segrate (Mi) - Tel. 02/21025917 - Mail: info.adv@mediamond.it
Accertamento Diffusione Stampa
Certificato n. 7152 del 14/12/2011

Periodico associato alla FIEG
(Federaz. Ital. Editori Giornali)
Codice ISSN: 1122-3308

22.05
Lunedì
7 dicembre

THE VATICAN
Un accesso privilegiato nel cuore della Chiesa
Cattolica in occasione dell’apertura del Giubileo.

COMUNICATO SINDACALE
COMUNICATO DELL’ASSEMBLEA DEI GIORNALISTI
DEL MONDO FOCUS
Cari lettori, i giornalisti del mondo Focus contestano il piano
industriale della capogruppo, Mondadori, che ha portato
all’uscita dall’Azienda di 23 persone (su di un organico di 26)
tra segretarie, impiegati, addetti al marketing e alla produzione.
I giornalisti manifestano solidarietà ai colleghi, che da più
di 20 anni contribuiscono con il loro lavoro al successo dei
nostri giornali e, sconcertati da questa perdita di valore in
Azienda, esprimono preoccupazione per il futuro delle testate
e dell’occupazione nella casa editrice.
Milano, 28 ottobre 2015
L’Assemblea dei giornalisti di G+J/Mondadori Spa
===========================
G+J/Mondadori Spa, società interamente controllata
da Mondadori, pubblica Focus, Focus Storia, Focus Junior,
Geo, Focus.it, Focus Domande & Risposte, Focus Extra,
Nostrofiglio.it, Focus Storia Wars, Focusjunior.it,
Focus Storia Collection, Focus Wild, Focus Pico.
Dicembre 2015 Focus | 161

Nei prossimi
numeri di Focus:

MINIERE
SPAZIALI

Getty Images

Gli asteroidi iniziano
a essere visti come
un business: in uno
solo di questi enormi
“sassi” ci sono
metalli per migliaia di
miliardi di euro. Ma
come estrarli?
Numero 279 in edicola dal 22 dicembre

Questo mese in edicola
FOCUS D&R
Come fanno i cavalli a
dormire in piedi? Si può
girare un reality su Marte?
E come si fa a evitare il dopo
sbornia? Più di 250
domande (e risposte) per
soddisfare le curiosità più
divertenti ti aspettano su
Focus D&R, in edicola!

... a farsi ascoltare
da un uomo?

46

PIÙ DI 250 DOMANDE E RISPOSTE

DOMANDE E RISPOSTE

COME SI FA A INNAMORARSI IN 90 MINUTI? (LA RISPOSTA È NELL’ULTIMA PAGINA)

COME
SI FA...

... a proteggere
le password?

> ... a capire

se un cane è
amichevole?
> ... a smettere
di fumare?
> ... a far
passare il
singhiozzo?

... a diventare
astronauti?

NUMERO
SPECIALE
… a essere
felici?
SEM N. 46, Autunno 2015 - Belgio €
7,50 / Austria € 7,50 - Canada cad
13,00 / Canton Ticino chf 10,40 /
Francia € 7,00 / Germania € 11,50
/ Lussemburgo € 7,50 / Portogallo
(cont.) € 7,50 - Spagna € 7,50 /
Svizzera chf 10,80 - Usa $12,00

P.I. Sped. in A.P. - D.L. 353/03 art.1, comma 1, Verona CMP

... L’HAMBURGER PERFETTO?

Storia

Svizzera Canton Ticino Chf 7,70 - Germania € 9,50 - Portogallo

Mens. Numero 143 - Dicembre 2015 - € 3,50 in Italia -




Come erano
SPORT
strani gli appena
nati!

Come la stampa nei
secoli conquistò
la libertà

I PRIMATI DI ROMA ANTICA

Churchill

Che cosa ci
faceva sotto
falso nome in
Italia nel ’45?

Invasioni

1242
I Mongoli
terrorizzano
l’Europa

DICEMBRE 2015
€ 4,90 in Italia

Sped. in A.P. - D.L. 353/03 art.1, comma 1, DCB Verona

30/10/2015 11:29:40

FOCUS JUNIOR
Entra in un universo di
divertimento con il nuovo
Focus Junior!

162 | Focus Dicembre 2015

SALUTE
IL MEDICO GIUSTO

DIRITTO
DI CRONACA

COVER.indd 1

LA CIVILT
CIVILTA
DEI RECORD
ESPLORAZIONI, ARCHITETTURA,
LUSSI, IDEE, CONQUISTE
DALLA REPUBBLICA ALL’IMPERO

GIUBILEI

CRONACA E CURIOSITÀ
DEI PELLEGRINAGGI
A SAN PIETRO

PROFEZIE AZZECCATE
300 ANNI FA UNO SCRITTORE
ANTICIPÒ INTERNET.
E NON FU L’UNICO

ISOLE DEL SUD

LIPARI, LAMPEDUSA,
TREMITI...QUANDO
SBARCARONO I COLONI

GUIDA SALUTE 2015 - LA SCELTA DEL MEDICO

E
FALSE CREDENZ

Un tuffo con
Greg Paltrinieri

... E ALTRE

25

MENSILE – Austria, Belgio, Francia, Lussemburgo, Portogallo, Spagna € 8 - Germania € 11,50 - Svizzera CHF 10,80 - Svizzera Canton Ticino CHF 10,40 - Canada CAD 11,50 - USA $ 11,50

Poste Italiane Sped. in A.P. D.L. 353/03 art. 1 - comma 1 - Verona

CMP

Nonè
vero!
..
PIÙ.
E IN
A
ANIMALI: RIESCI
SONO
VEDERE DOVE
TÀ:
NASCOSTI? CURIOSI
FOLLI
GLI HOTEL PIÙ FOCUS
LAB:: SIEDITI SU... :
JUNIOR. RECORD
LA PECORA PIÙ
DEL
LANOSA
MONDO

PRIMATI ROMANI CHURCHILL IN ITALIA ESULI GIUBILEI ISOLE BORBONICHE MENOCCHIO ORDA D’ORO PAESI DIMENTICATI PROFEZIE LETTERARIE ROVINE

Pte cont. € 6,00 - Spagna € 6,00

110

È scientifico:
tutti i gatti
odiano l’acqua.
E invece...

COVER.indd 1

Guide 2015

SCOPRIRE IL PASSATO, CAPIRE IL PRESENTE

n°110

3,50

2016

CALENDARIO DELLE LEGIONI DI ROMA

20/10/2015 10:57:47

n. 143/2015

INTERVISTA

FOCUS PICO
Fiabe, giochi e filastrocche per
i più piccini.

... A GIRARE IL
MONDO GRATIS?

COVER.indd 1

Carlo Stanga

€ 4,90 IN ITALIA

LO SCEGLI COSÌ

REGIONE
IONE
PER REG

EDALI
GLI OSP
ARTI
E I REPTOP
AL

GLI SPECIALISTI
Dal cardiologo
al chirurgo,
dal diabetologo
all’oncologo
all’ortopedico...
La prima guida
completa per tutti
ALLA BASE
Prima degli altri
ti cura lui.
Ecco che cosa
chiedere
al medico di
famiglia

DR. GOOGLE
I pro e i contro
delle autodiagnosi
via Internet

I

l legionario
imperiale
ha una corazza
laminata in
ferro, riservata
alla fanteria
pesante; l’elmo
è di derivazione
celtica.
Lo scutum,
la spada a doppio
taglio e il pilum
completano il suo
equipaggiamento.

COME TROVARE IL
PEDIATRA PERFETTO

€ 3,90*

MILES LEGIONARIUS GRAVIS ARMATURA

Gli Speciali di
Focus n. 277
Non vendibile
separatamente
da Focus in edicola.
*prezzo rivista esclusa

VEXILLATIO LEGIONIS IIII FLAVIAE FELICIS, 102 d.C.

Il miles fa parte di un distaccamento della Legio IIII Flavia Felix, assoldata già da Vespasiano.
Le legioni in questa fase sono divise in cohortes e centuriae.

30/10/2015 12:11:58

FOCUS STORIA
In questo numero
tutti i record della
civiltà romana.

GUIDA SALUTE
Una guida su come
trovare i migliori specialisti
e i medici di famiglia.

CALENDARIO.indd 1

27/10/2015 12:14:28

FOCUS STORIA WARS
Imperdibile numero sulle legioni
romane, con calendario storico 2016.

www.valdoca.com
www.valdoca.com/shop