You are on page 1of 9

"],h~o oriGin_I'e I. '1IldfJjffl'll Ch 978 GaJlim~r.d.

P'iliris

10 1 ?IS ~ 1987 C.lutio lEirt:lwdi ,~ito~~ So. p, a .• Totino .hl1po:l'tll~lon~ 3r~ilil:1I di. Capeitlrn;l= Fecl!:rico LJi!(:i

Uomini ehe eUililmper dtifetto quan:t.o at ]'!i~cttj (! prend~flO meno ]fIi~~ .dl q-U~!110 si cleve, ql:l~;)j 1]00 esisw.no: Urul ~c jlldi£· feJi~llza fiOllJ ~ ~$o-S! I,Hl'UH'!!!., Alle~ gLi snlmllli infsdofi dii=imin~llo Ilegli ~~liIti. ne ~!1lsfiO ;llkUl'li ~ .lIhl'i 110. e se db~~ 1!I1l11 ~reB.t!.Im ,-be MIl ttO'o'l'Isse IlUU~ pi~le e .0011, dhlt:;erem[~9~ nessuna ('05;111 .a~l1'.tdtxl:!, sarebbe ~smrutll)'flente :~f'fI'rOt;~ dIlllI'UMCS!DO. E .peicMutmli:ilii dl q1JC~tQ ~fiCrt non. esi- 5l:ono. fiQ~ .11011. albbiillilrllOUfi nome r;p~dal~ ~r d'esip~dl.

AIU5TO'FEL11: .• El'i.Ci: Nic,. H19a.

E nellllci.19, unenao prima della morte, che Descartes, 'cede-nde alle insbtenze degn amicll,si declse apubbUC<1!l7e il tr:UtatQ sulle Passion; deJJ~animaj un argomentn in cui Ie OOnosoe:!1ze degH antlc;M gH ptar(!VaJIQ oos(d]fettose~ ehe egli si sent~va obbl:ig;3ltoa wtttarne, scrivevs, «en mesme fa90]l~ que si [e traitois dJ'une matn~re que j amais persnnne annt mol" n'eust touch.ee~. A1Pjniz.i~) della seronda parle, Desearteseeumera sel pilssloru «primitive» ~ da cui tutte le al u:epOSiSOJlQ essere rleavaee per deriva.:zIone 0 per oomposiziQ<n~: Meravigli!!l, Amorce, Odic" Desiderio, Gioia, Trisliezza. O$serV'~nd)o p.ia. ~ueotamente "IUe5t~ d,:as~JficiU';lo.l1e. slPUOI oosta.tare lIfi.'asim.metl:ia fandamemsle: menrre til tte le passioni seno, infatd~ ()l'dinare ~n c-opple Ilint:9Jgo.filste: (H Desiderio m eccuio.n.e soltanto in apparensa, poich6 esso ~j in re:altA) doppiQ e, eeme spiega DeSlCart:es:~ romptendelRnt{) 130 ricerea del bene che «a deslderie ,ohe nasee dall'orrore», d.c! ]a fuga. dal male, ehe sl sole\fOli dassm~al:'e oom.epassfone aurenoma 1001 no-

GiIORGIO 'AGAMBEN

me d] Avversione), la Mel:8ivigHa (Admi'r,ationL eke e la «prima di tutte le passieni» ~ nen ha eontrario.

Que.5~:a asil11m:euia non e casuale, Se ]eggi.amo, inf8itd~ la clelIDizioneche U tt!!Ua,to d~. della MeravigUa~ ei aCCOl'· gianm che essa oceupa un posto moho particnlare rid. sisterna deUe psssioni e. ehe, phli the iii una passione in $~, si rratta 'lui di 'G1 ualcosa che ha la Iunzicne di assicura re la pos.sibHiti di tutte Ie alue:, memre, infatti, cgni pasS,lO'.[It;: risuita d'a lJUUI caratterizzezicne positlva 0 J]eg~tiva del proprio. oggetw 0( Amore.Odio j Deelderio-A vv,en,kln.e, Gioia· 'I'ris,tezzll), essa 110n eJ inveee, sltrc ehe lapur,:;J e semplice percesiene delta, sua «dilI:el'enza»:

Loes qu~ la .prncmiererenm.mltre de quelque obiE:~ IlOLlS SIl.fp'rent. &. que 1:'101] 5 le jugelmS estre nouveau, OU fort diA:y[le!1 t de ce que nl}!Js OOIlnois:siolls aupllir~;Vant, cu bien, de ~; que nous suppQ.51oos qu'H dev'Oit esrre, cela fait que m:m~ l'adml· tons & en ~ I'Ilm,es estonnes, E,tPQI.lI ee que cela '~ut arriver :!VilIllJt ,que nous connolsr.!o.ns ,BUC;~m1'm€nt si cet ob,j:et nom €St oon\!el:l~lhJ~, ous'il .. n~ l'esE fm~, .il me semble qlJle l'Admi:mdon est La. premiere d~ mur,c;s les passions. Et die .~·8. poim d~ OOIl· train:, !lI cause que, ~i l'obfet q~'l1 se p.re5en~e n'a :d~ ensci qui nons Sk:!!fprene, M'il& n'en semmes Iliu(unemeitit eme:u;s" ok I'lOUS le mndderoills san s passion,

Net sistema delle passioni, la .l\~et8J'I,i'igHa ha, dunque r 18J fUfizlone di a~iennare che un deter:wl1na to oggetto ,e sfgni6~nte per ]I sistema stesso: essa e, cioe, il sig,~ificante zero del sistema, ehe Iilon ha aleun seguo positive e .negatfvo {cause llb1',F;, definisce Descartes H suo oggetto h rna ~i oppone semplicemente all.' assenz:a di pass-tOoIle (UQUS le comiderom StUH p.auion). Sequesto e vero, I ~ afrermazIofie eli Deseartes secondo cui la MeravigHa non hii contra do j va preclsara e eorretta. Qu,e.'no con trerio - doe ril1al!Jf.mmZfl- non soltanto esiste, mala Meravi~ gila non ha ahro contenuto che queno di enuneiare Ia sU.a esclusiene. Memviglia si,gn.ificil semplicemen te: nega::l:lc-

LA PASSIONE DJELL'lN'DIFf'ERENZA.

ne deU'indiffel'e.nza., ed e SUi questa esdusioue odginaria che sifondi! nnto il sistema delle psssioni.

Che ia S1 tuauone dena I\I1erav~glia nd sistemacartesiano delle passioni fosse snomala ~ non em, sfuggi to a Spinoza. N el terzo llbro dell ~ Etica ~ egU dichi~r~ di. non vedere alcuna ragione per includere lSi Mel'avlgli0l. £ra lie psssionl piimhi ve, pokhe essa non SOif~ «da nessuna causa positiva .. " rna solo cial f:J.ltW ehe mance lacausa p~r cui 1", men te ~ della oont:empla.zionc di una certa cos E1I.j Sla cleterminata a pens are ad ahl'u e ad .ml'ibuixe cost .fl. questa cosa j pel' U meccsuismo <lisso,chl, tlvo che dO'~1~:!I .hl concezione spinoziana delle passioni, un segno POS1U:IQ (I .negatioo. Su questa base .• SpinQzfI ammette che la Mernviglia <J!bbi a un roll U'ado,: . gu~w con trario .no~~ pel'o ~ come ei aspetteremmo j Piru:hiel"efiZ'fl1 mall dlsprezzo) doe « l' immagina:::1one di unacetta COS·3! ehe tac~8i ,11.\ mente cost pooo~ che fa W~S8n rneate, da]la p[es~nza dena cesa, e indotta piu a immaginare g uelle eose ebe non son.o in essa, che noon quelle che vi sono». Seben si guatt!a!! Spineea non f:lll ql[] i the arretrare dlun gredo la po~i2:i?ne di 's]gnificflnte ZE:l'O del sistema ,he De5ca!lr~es attr]butsce [lna Me l'<,vigH.Q; come if!. Me[;avigHa pel' Descartes, anche H disprezze nen ha q~I8J]r ro significaOO che l' esclusione deU.>ifidifferenz8i~ enche quando un oggetto dcvzebbe lasciarci indUlerentij l'attesa dl $igru.ficato e di diller~nz.n, delusa, sitrasiorma In diSpl~~, che assume come p081- tl vO una. mancaoaa e u])anegativit~.

Tuttcavvtene, doe, comese l'indiffel'et'aza iosse veramente cost «remota dall'ueiane» da dover eSsere eselnsa a ognl '00'5to dal sistema delle passionl,e eome s-er. nel contempo ~ ques tosistema aves se, pero ,bisogno dell'escluslcne dell'ind:iilel1emS! per pater fU:llZ:lOJ1l'.'U:e.

Una oonfel'm a eli quesea supposiaione cit viene da un sis bema delle passion! in cui esse svolgono una punt fun,

]0

zlone d[ tassnnomia e di c-aJOOunical:ione' soclale, eioe '.Iud,. 10 di Four]e'!. Om questo sistema me .. nella ,sua delil'mte prolifeuzione da8silicatQ,r]~, dovrebbe ric'Oprir-e tu tte le possibmtil dclPumal1o, fino alle phi rare e !olJberrantl (il grs Ua!tanoni~ H manglapo.n::herie ece.] non fa peste da nessuna parte a]1'indlffe:rente" Natum]men.te Fourier, in quan to tratta le passienl oo'me slgfl:ificanci e dementi classificatori diuna specie di ~otemlsm,Q dell~;lnima, ha bisegno di termini nell tri di pas,saggio che permeteano dl transl taee da uca classe all' <\1: h:r a : ma queui ~lemend dl trensizione non sono iJldiiEeren.ci~ rna t2111biv4te!#i (come, nel liegnovege'tare~ ]oa mel0c0'oogna~ 130 noc::epesc:a~ eee.), Am:ne n manda felice at Armonia sl tCiIld<ll sull' esclusione d~IPindiffer~lUa e I'll pub dire, anal, c.he un sole indiffetenle baste:rehbe a fal!' vacillate [;1 sua oo]]iJjpHcata c{)'mbfn:atoltia.

In un :ur.d.vetso p~.ssfon;11e' tune diverse ci insmduce questa racconte «perduto e rltrovare» di Proust. Il suo tern:!!. centrale e~ infattl, l'inclifl"erenza nd :suorap,PQrt;o eon I'amcre. Fin d<liIl'in[~o Lepre e oonU'apposto a Mil.' deleinecome FinclifTerenza alla -df:ilerenza~ l ~h1s1grillican2:a alia, sIgnlfiC'alzione; e questo non soltanto Game soggette delia. passione (Madeleine ama, Lepre e i:ru::iiacer'eII!lle L rna anehe c'OmeSUQ oggtu.o: «il est Ue~ gentilj• mals sans rien de tem:ar.'3!uable» dice dl lui Mw: Lawrenee l~pfima 'Volta, che to nomina 1I.M:ilddein~« Leplie est cres ge'f1fi[ m ads ties insignl6.:!!nt)) apprendiamn poco. dopa essere l' avviso di rutti, E,. .aoche quando, sl e ormai aoooJ:"ta di esserne im'Ulm.ornta~ MilIde1elne non eessa di rendersl coeto che Lepr.e e «peu recherehe» e ,,,be, senza essere poop!'lO' sgradevole, e,gli e, pero, «infe'1'Teut anx hommes remarqu8.

LA PA 8. SLONE DELL'lNmPFERENZII.

bles "'. M.a. e proprio questa duplice I perfetta . insignifiear» za, che tie fa qnaleosa (lome 1]:11 essere neg<litivo (<<'essere di fuga .... , Sara. debrd:ta. Albertine nella Rl;:'Cbe'!'cbe)~ a mettere in mow n meccanismo che proveea ealimen ta la p3:S' sione ill Madeleine. 141 prima volta che essa avverte qualCOSa come un pressgio deH"amore die sta per nascere e, infani) nella £orma negad.va della pereesione at un'assen~a: essa rimpiange che :Lepre n()~abbil.1Jpotu:b) vecl.ed~. nello splendo.re esotieo della sua accenciatura di cm::hidee: « .. Bientfit a i'lndiffere.noe heureuse avec laquelleelle mir.9ih ses gt;a(-es de ce sOlir dans ]C~ yeu:>:: eb]ollis qui les :r6fl.e:ta::i..ent a:vec UI''H::' fideHte certaine se Jllel~ le reg.retg:y,e' 'Lepre ne l'ait pas vue alnsi», E~ doe. l'indiie;r.eIJlZ8i di Lepre (coJt'a qui n:eIl'illISpeuo in~oio.ntaI]o~ .1lIa. pl'opdo 'p~i queero, £or$e~ pi6 essenziale, di un~a",se:ll~EI) at<lt' useire Madeleine dall' ifi,dLf1erenzs:;. oo:d come .(!: I >ins,igrJ:i:fi:c~nza di Lepri:! che fa entraee Mildeleintl in urt rnondo in cui tutto si metee imj?r.ovvislo1mente a s~gnifiall"e. Le orchidee, d1 cui ~mav:llla galeulli e Ia trlsteaza solo «oom,~ u;!'.ll.me,g~ giamento della lore beUezz;a»~s:i. cericane ora eli un s:u.pplemento di signinC"ilto e diventano la cifra deUa Sufi psssione; un rnomentoclopo I essa 81 rende eonto dl aver C(lS;sato «diivivere uniesmen te loa viis: degH evende del fatti» ,

N el :sistema deUe passloni che ques~o l".'l:coonto d preSle:llt8:, l'fndifiereIlZa, dunqoe, non oollflntO non ~ esclusa, rna, 811 contrarie ~ (:; POUiiI esplicitamen te come odaine e Qgget~o dell'emere. P~'Qust pUG,. 9jlcl) enunciate come UPt! vera e proprilii. legge delParnore la msselms di dvettetia ehe balena per un attlmo nella mente dl Madeleine:« sl jene t'8lmes pasr tu m'eimes». n mecc~nismo ehe rende operon te questa messima e ,ql1alcos~ ell sLllgolare, che v~le la perla di seguire PUfiOO per punta neUE! narl'u~one p1"OUstiana, tin mcdepuramente negativo~ artraeerso la sua

12

GWRGW "AGAMBEN

stessa incredihiHta~ ehe A'indiHetenza di Lepre comincia ad agire su Madeleine. Rienrrata in casa dopo il prime ineontro i Madeleine immagina che Lepre Q,bbia. volute nasconderle, per qualehe misreriosa ragione, la propria tenerezza: il giorno dopo essa pensa che fa sua mdifferem-a sia finta: e' im possibile che I] n uomo cosl insignjfi· can te resti insensibile all' a ttenzione di una delle piu belle ed elegantl donne di Parigi, Ph] tt'lrdi ancora, quando I'indifferenza di Lepre sembra ormal dlflicHe da negal'e} Madeleine si consols pensaado che que.,sta indiflerenza non pub essere totale, e che Lepre, se non ne ha g,oduto, deve almeno aver compreso hi sua attenzione, L'indiflerenza e, anzi, qualcosa di tanto lmpossibile, che, poco dopo ~ ~ in un a scena che e} pel' nol, il centro di grayiril del raeeonto - vediamo Madeleine interrogare degli (mid pel' sapere «s' il :.'Ivai r une maltresse, une chaIne quelconq lie ... qui ,r.:;xpUquat son extraordinaire conduite».

L'origine dell'amore non e, dunque, nient'altro che 13. negazione dell'indifferenza. Proust comincia eosi 001 metleft"; a nudo ill. raeita esclusione su cui si fondano le classificazioni fil()50fiche delle passionl eo mcsua CAe l'indifferenzae la molls segreta che meete in movimento H sisterna e gli conferisce U suo sense. Ma, se questo ,(!. veto ,. che cos'e sllora l'indiHerenza? Cosa si nasconde dietro quest' essere negative, ehe non e presen te ehe attraverso la sua. esclusione e che coni tulsce, per.o f ]I foadamento e H contenuto ddla. pa.ssfone?

La. spiegasione che MaclddJi.e riceve quando cerca di seoprire le ragioni della «C()·ndo~ ta straold_inad~ ~ di Lepre d fcrnisce una prima risposta. Questa spiegazione e, in apparenae, paradossele, pucne: ci dice eke, se Lepre non pUG amare, e perehe egU sma tro ppo:

Lep~ est un Cha~mil!lt garccn, mais qui a un vice. 11 ajme les femmes ignobles qU'O'll rsmasse dans Ia boue et iI les

LA PA S s lONE IDELL' rNDI F FERE.NZA

alme folleinem; parfols H plilisse $!:5 nui ts dana Ia banlicue ou SUl: Ies boulevards ex:te!!'ielltS al] risque de se fake tuer un jour, et non seulernent HIes aime follement, mai$ il n'aime qu'elles,

Il segreto den'indifIerenza. (doe del dlfetto dl passione) e, dunque, il vizio (doe, un eccesso di passionel, Nell'universo proustiano, questa ccnispondenea fra indifferenza e VIZ]O e una Iegge cosi costante (basti qui pensare a1 vizio che si nasconde metro l'indiffereeza di Albenlne) che, se rluscissimo a scoprire il significate del vizio, porremmo ragloaevolmente spera.re di chlarh:e anche la funzione di quel suo omologo che ·~·l'indi.fEetenza e che l'allegoresi prous tiana ha em blema rlcamenre fissa to nella figura di Lepre.

Possediamo, per fortuna, un documeme singolare che ci permette di ricostruire con 5ufficiente precisione la 51· tuazione del v isio nel slseema proustiano delle passioni. Si tratta di quelle Notes sur l'amour che Philip Kolb ha incl usa nella terza sezione dei T esse s re trouves e che costituiscono, secendo noi, un testa impcrtante per l']nt,el· ligenza delle idee dl Proust sull'amore.

L'arnou.r- leggiamo qui - ne pEe!tend pas seulement trouver l'ameur, iJ pret~nd le chereher, Le nom de «fiUesl!> ,Cl les artribuu de ccme. professloa, Ie 1'l00m d'un vice Oil d 'un besoin I.Ul crlent non seulement «Tu nerrouveras pas I'amour», mais «Ce que tu cherches (Ie: n'est pBS l' amour, c'e:s,~ ce petit vlee-el, Oe besoln phy&ique d(l ce soie».

Go che questa testa ci dice} e che H vizio manifesta sempllcemen te l'impossibilita den' amore di trovare se stesso, la sua necessaria eccedensa tispetto ai proprl eggetti: ma db che' colpisce 'e che, secondo Proust, i_l vfzio svolge questa fuezicne atrraverso del signtficami (i nomi delle prostitute, gli ,attributi di questa professione, i nomi del vizi e delle perversionl), ot1rendo, cioe, all'amore

GIORGIO AGAMBEN

del s1gnific~nti U cui un icc SJgrri.ficn to e ill afferrnare ogni volta un'eccedensa dell'amore rispetto ad essi {ce n',est pos l"amr:J'tJt', c'est ce petit oice-ci), Nel discorso d'amore, doe) I'eccedenza dell'amore rlspetto ai suoi eggettl sj traduce in un'eccedenza de! significate rispetto al signifi· cante, Se, racoogHendo il suggerimento di Proust, consideri amo I ~ amore come un diseorso, come un sistema di comunicazlone, vediamo dunque roe il viaio (it vccabelsrio dei viai e delle perversloni, ehe e) in tutte le lingue, coo! ricco e articolato) manitesta una dlsfunzione del sistema stesso, che ne e, perc, parte necessaria, e ehe introduce ognl volta un eccesso de! significa to rispetto ai significanti, del messaggio rispetto 311 codice ..

. ~e que~to e ,veto, se, nel i[~gu~ggio del1 ~assioni, it VLZ10 espnme I'eccedensa del slgnificato, possiamo forse allors comprendere quale sia ll sense d~n'indi£fe'1'enza:.~ che Proust si tua in rappono di omologia col vizio, eome I'altra faccia che esso volge verso l'amore, L'indifferenza ricopr«, infat!i~ nel sistema delle passioni) tina lun:(,i(me simmetrica e oppost«: come insuf}icl,enza deWamore, esse ma~ifesta ~m'eccedenza del significan'Nl suI $;gnifir:at()~ del codic« rispeuo .at messaggio. L'iedifferenza e un significante che ness un signii':ica~o pub 111al riempire, cosf come H viz~o ,~ un significa to ehenessun signHicante pub mai esauure,

Possiemo IilIlot!l rappresen tate! il discorso amoroso, secondo Proust I come afEetto da una disccrdenea e da una non-coincidensa essensiali ft." signifi,cante e signHkato,di cui indifferenza e v.izio costituiscono t poli estrerni, rna me domina, in misura diversa, tutto il siue'ma, n discorso amo.1:'OSO e un discotsoche non conosce termini propri, ina oscilla continuarnente dalla metafora alla metonimia, cia un'eccedenza del signittca.nlle a un'eccedeaza del slgnificato, Ma~ in realdl, ~ solo attraverso questa pel"petua

L.A PA S STONE DELL' INOIF'f'ERENZ,A

15

discrepanza del dlscorso e della comunicazione, del sense e delLa sigrrificazione che P amore puo trovare il ptQprio spazio e hi propria misura : come il linguaggio ~ esso e forma e non sostanza, e puo significate solo isti tuende un sistema di dtfIel"enze e dl negszioni in cui e impossibile trovare alcl!mroe di positive.

Che indifIeretlz;a e visio coincidano in una sola perseW1; do significa, jnfatti, che quel che <lpparet cia una parte, rome eccedenea del signHicato, sit presenta, dall'altra, come eccedenzs del si.gnlficante, ristabilendo cosl il di· 8(;001:'50 amomso ehe sembra va aver tocca to nel visio 11 suo limite estremo. Come it di.5COi'80 poetico che, secondo Ia bella intuizione di J akobson I proiettal' asse della similarita. e della selezione su quello della combinszione e della contiguits J a polo metaforico su quello metonimico, CO'Sl l' amore trasfozma :in 'signilic@Jl'1te eccessivo un eccesso di signifies to ~ ristabilendo incessanternente jl discorso che tendeva ad annullarsi. L'indifferenza assieura, cine, la funzlone di entropia negativa del sistema, im edendogli di raggiungere il Hvello di emropia massima,

In questa prospeuiva, la Irase di La B1::'uy~re~ che Prous t ha peste in e xer gue al sUQ raccon to, aequista un significato nuovo: il eucre umano - essa ci dice - non ha in se di che amare e lui bisogno, pel' poeer rimaneeenel disccrso amQ[:iJSO~ deU'indifferenza e del vizic. L'arnore 'non ha, doe, altro contenu to che "luella che gli prestano it viaio e l)in.diRerenza., il proprio eccesso e it proprio difetto, e puo trovare la propria misura solo opponendoli e ~tdcolandi).H in un linguaggio. Esse ~ una tmccia (nel sense proprio della parola, che rimanda a un'origine nel momenta stes so in cui ne afierma Wi spariaionel del vizkl' e dell' indi££elreJIza, cioe dell 'eccesso di significat:o e delI'eccesso di significante, ti: Proust stesso -a darei questa defini~~Qn~ dell'amore, in una delle phi belle paglne della

r6

GIORGIO AGAMBEN Fugitiv,t?j a proposito del sospetri del narratore sur vizio di Albertine, che ormai Andree gli ha rivelatc:

P'~l-etr,e rnalgre tout, ces intuitions premieres, valnit-Il mi~ux que [e naIes rencontrasse Ii nouveau, verHiees, que maintenant, T andis que dural ~ tou t rnon amou r pour Albernne, elles m'eussent lrop fair so'Uf:frir et Ii eta1t mieux 'lU'U [I"eUt ~1Jhs,is.t.e d'ellss qu'une trace, mon perperuel 5DUr~n de choses q ue je ne v'oyals pas et qui pO'u [tam se passiheQt contiIrudl~ent si pres. de mol, et peut-etre une autre truce encore, anteneuFe, plus vaste, qui €t11it man ,dHtOt'" lui-meme, N'etaitce pas en diet, m8lgn~ routes Ies dcnegatiorus de ma raison, cODilai'tl'e dans tome sa hideur Albenine, que la chojsil', 1'al. mer? et meme dans les moments 'au ]a mffill.fi(;e s'assoupit, I'amour n'cn est-il pas la petsJstance· ct tine transformation?

; Cos!" ~ uando Ma?eJef.lle. si I~de con lD/che. le l:agio- m pet: cut ama Lepre sono ill Jet s tessa e/non in lul «e t sl elles iftaient aussi un peu 'en. lui, ee fi~'etflit ni dam sa superiori t,r;; inrellectuells, ni meme dans sa supedolt'he physi~ue, C'esr prec-~semcm parce qU'eHe l'aim1l1~ qu'aaCUn visage, qu'sucun sourjre, qu'aucune demarche ne lui e~,afent aussl Ilgr~able que lea siens et non parce que son visage, son sounre, Sa demarche etaient plus agreables que d'autres, qu'elle l'aimait», non equivale do forse a aHermare chee 1 a pura eccedenza del significance - doe l'~.~diffe'fenza ~ ;:he fornisce all' amore umano Ia sua possi: bdita~ sal VQ por ascancellarsl nella stessatraccis ehe ne proclama fervfdame.n te Is r,eaha? Come' aveva intra vis to una no (toe H narratore deUa Recberc he I conremplando il corpo «inslgnificanre» di Alhertine addot'ment~ ta (eft tte figure allegorique de qf~oi? de ma mort? de 1111;)11 amour?). l'indjif,e.renz.'l (come il vizfo) non e che I'allegoria doe nel sense stretto della parola, jl~{signi:fici1i,l;' altroi '(allo~' (lgoreuein) del discorso d'amore.

LA PASSIONE DEI .. L'lNlJIFFERBNZA

Se abbiarno approlittato della Iiberta che ci Iasciava la prefazione di Philip Kolb all'edizione Francese - dispen .. sandoci dalla fa tics dl dare inform azioni cri tiche e 61'0]0- giche sulla siruaaione di ques to racoon to nell 'opera di Proust ~ pet tentare un approccio ehe PUQ forse apparire insolito, ,db ~ perche Slama convinti ebe si possa ormai comlncisre a guardare ,ar patrlmonio letterario europeo in una prospeniva che vada al di Iii di quelle delI j es tetica e deU", storiogtafia letteraria, Perche troppo spesso noi guardiamo aUe opere "he appartengono a questa 'trilJdwQ· ne dill un punta di vista che giudicheremmo Inadeguato se 81 trattasse di opereapparrenenti a unaculrura diversa, presupponendo 1.H1.8i conoscenza generale e consapevcle dei prindp,i ~ dei rneecanismi della nostra cultura "he, in realts, non esiste, Beninreso, in attesa di quells «scienaa della le tteta tura europea» ehe Currius auspicava phi di trenr'anni fa e che, forse, non eslstera mai, I'approccio tradizionaJe rimane essenziale, soprattutto net suo aspetto filologico: ma esso puo fin d'ora essere integrate in una prospettiva che consideri 1 'opera letteraria pet' quelloche e: cioe, come una parte di un P atrirnonioculturale che puo e deve essere messa in relazione con il tu tto, sis per peter essere in terpretata, sia per rica varne informazioni su quella zona di esso clie H nostro punto di vista ci impedisce di percepire.

Cia cbe abbiamo appt'esG~ attraverso I'esarne di questo racccnro, sui rappottl ira le passioni e l'indiffer(;flZa, non e, infattl, in alcun modo una slngolarits da cui si po:ssano tutt'al phi trarre delle conclusioni sulls psicologla dell'individuo di nome Proust, rna e I'estremo, coerente svolglmento di una trsdizione malta arnica, roe occupa un pes to non lrrilevan te nella nos tra cultura. Poiche j

..

I I I

quando l'amoee come noi ]0 conOiSd~mo fa la suaapparizioae nella ]etteratm:!l europea moderna nella poesia dei I:roV:!l!wri prov~li~ esso si precsentap'l'ocis;1!ro.e.nte con i carareeri eke: ibbiamo appe.rUli rlceneseiutc nell'Indifle· rente preustlaac. Ndla~eo1'ia dell'amore ccrtese, infatti, non selrsnto 18 donna, rome ogeno d'amore, deve restare indiffiertoteai]].ed.(hles~e: dell'amanre (l':amatat nella Uricu ttobad.CII:ica~ ,~> per eoaellenza, oorei che eja o·aura un jOt merei de mci» L ma essa non ~! anzl, me. un pure nome. un senhalJ d.Q~ un significante libero "he serve a gsranti r~ l'eeeedensa del di~oorso suUa cemunlcaslene su cui si fonda in £uru;iOtHU'ne:nl-o del sistema, Come nel case di Jauf~ R.udel, ]'oggetto d.'amore. e sempre una lonta~ nam:i8,ogni amore ,e seropt~ una amotde lonb,cosl OO[[1Il;:~ in Prouse, Poggetto d'amore e sempreuneessere dl fu.· gu. Nel sistema dell'amore eortese, esiste, ansi, una pas. done: speelale, .'leJotypitt~ Siem:a la quale;r- 5,1 dice ~ non puc. esistere v~ro amore e cfie~ io quanro, ttep.idatic)ine-. q,ualit'atis amo.ri!, tlt',epidazlone sull'ineguagHanza. den'a· mere, non ha <li]lm complro ehe queUe, dl msntenere alper. r1 U divarlo e 1a seenneseione Era sign[f'icanu;,; e sigl1ifi-· cato; vern ~rchelj po J in ques'to ~ d~dl:!1 gclosia prousthm<9i, ruspensSiuf.ce unica di bclr~SI e di desid.erio. EJ 'G:o:me reoviame qui cedificara l!md.Lffel'ej}Z'~ dell'oggettc d'alDo, re, 1"[~1'Ovi8lm() anche ll \1iz]Q nella sua fun:;:':ione di slgnifi· C8inte di l,][HI s]mmetrica eoppost'S! eCCOOe'.I12a del diseorSo: e ]I ,ot tu:!W.ur ,che si situa in OOSl stretta relaziene COn P amore correse e ae e cod diflicilmente sepal'abile,. che alcl!:!ruuudiosi hanno' potu to vedere nell ~.amo~e OOi'~ tese nien t 'altro ebe una cl'inaJlliz~ulotle della.pe:rvel'· sione,

Possiamo forrnulare, a quest:o punro, alcune eensiderazioni di cararteregenerale sulla ncsera culture. Tutro avv.ie-n.e} infatti, CO'Ole se ~-!lsa a.v,esse bisQgnQ di OpPO'{·

re all'amere un ~rnore secondo" quasi che in C:1l11turiz~a~ sione della sessuaHrfi 1l.8Itull'1l1e non fosse aneora ultimaHI col matrimonio e neeessitasse di un ulreriore svolgi. menta ih..::' oppone un amoreseceedc aU' amore oodaJiz.. zato. Quest;;]op:pGIslzi.one pu~ avvenire soltantc isthuen· do I' amore (e il s~st.emg delle pa:sslQw) come un disoofOO 1'0'1. ooi signil'icatlvid\ propd<l! si fo.nda sl.J!U!n~e<:(jede~ de] lingu!liggio' dspeno alia ,6omunka~ione~ del sense rlspetta ilia sign.HiC<'l:z;kme, e ehe deve~ perc:io,~ porre iDdifEeli'enz;~ e vizio come suni estrem i pou. semantici. D:'I questo pun· te di vist<lij #n'(Jmors~ jol amour e zelotJpia eertesi e tID.· diffe:renza e l:il.pelversione prom tlane :S1 equivalgofiO j peKhe non sene che lsjgnihcan.d ,di cui la nos tra culrura ~i serve perreili~re l'0ppOiSizJ!one dell'amore ~ll:)amore che cosrituisce I] s~8t~m'8 delle passleni oomeun !irljguaggjQ. E ae ill, bellessa (dle. gil in Platollej e il nomedel sup.remo oggeUQ d'amore) hafinlto, nel corso di un proces~Q ehe ha nena lirica provenzale eo in Manrurrne i suoi mOifflenti emblemariei, ron l'identificarsi ooll~hlJi£ferenza~ db VUQl dhe ehe essa mppre8r!llta, nella Rostra (01t1(l ra, qudLai, steS$<1! eoaeden_~ del sisnifican:lle S1!1 cui sl fonda II diseorso <'Im;oooso.

Non. dOV~~D pe4lcib sblpird se, in una tr~~,t~tistica IeIigiosa eke comincia 00.1'1 SaJnt.~Ignazio dl Loyola e ha il S,1l10 cuilmi]]e nella .l.ntr()du7:ion~ ,aUa vita devola di san f'l'afice$oo dl Sales, (ll Gio8L nell Trattato s~dljindil~rem:12 dl Yves de Paris (l ,6 3 8)1 e ncl1 >,opera. dJ Fenelon.~ la oJ santa ind.i£fere~za» s !iden.dfiche:rn celperfetto amore, intese eomea sseluta dis.ponibili ta alla « volofiw signincBlt<l» ill Dio, d.o~ come losteto di perfetta vacuit.a (simbolegglato dal due pi~.tt1 di unebilaneia in equillbrie) di un sig~Hi. mot.e sul quale~· come S1,]I una «pi8iUa dl cern doc.lJe a ricevete roue ]e impres.skmi» - Din pub segnare la sua v~· lonrii; fie se ques~o state d.~~nclHllettnza sam. pot posto HI

20

omologia COn qucl10 divino, dal momenro che Dto .e ]' eterna eccedensa del signilirnnte, in eui n CUOI\e trova scm. pre «plus de bon~e~ qu'il n'a de de:sr.n».

Dal nostm tll.pido eseme del ruscoroo ametosn pessiaQJjO trarre ~ 3 q uestn PUJll!Q, Blnche un' ill tra ccm.segucnza, eke illumina s.i.ngoJarmente J~ stretta ool"re]azione ira P(H:':" S]l1 e amore, Irapoesica e teO'!]:l! dcl1'a:more me e' aU'oll]. g]]}e della llrica europea modcma e the ha aCIDlnp!lgnt1!to buena parte del suo svolgimeruo, Se l'amore e il da L'O(e delia, parola poetica (U «.fonte del genril parlare», dice Dann~:) e Ia poesia 'e H ].uogo (la «stanza»)< per eccellensa del di.sCQJ:flo smeroso j se, cioe, ]a poesia mederna ha potil to costruire ]:ll sua autori [a testualee affeflf:l1<lre 111 5U 3. rndipenclem:a dal dlscerse del. mi l'O sole ooncependo se stessa COme un ';H::ieU~to d'amore»e se, d'ahm pane. l"~. more e state essenzi ahmen te una scoperta dei poe ~i, una poetica prl ITHI che una peassi soclale, db e pe.r.che: l'a ITIOl'e, coene Ia poesia, e un sistema di ccmunicszione fonduto ~uJ div<lirio e sun>, non-,coind.de.nz3 d~! mess<lggio e deI eodice, del significante e del si.gnHicato. Amore e poesia, Hflg!J~ggio del le passionl e ]i[')gu:'Iggiopoet[co sono. in flJ.p. porto di ·o.m.o]o,gi~, perche el1lU:lilmbi si S:OKlO costi UJ i.d Gp. ponendosi .~. un diseorso in cui. vi ~, fl~ 5[gnHicf!iOle e slgnificam, l)el'fet~~coinddenza (S1 iii q ues to j ~ dismtso de'~ mito >0 quello delle [stimzioni ma.tr.imora_iali): essi hanno in cemnne, ciQ~~ 1[:J pauione delrind£fJer(;"~;:(l.

Possiamo COSt spiegare Ia fa~dnilz:ione che iI quadro di Walle~u - cui si deve fOfse ~ secondo H suggerirnento di Philip KoJb ~ n thoro di q uesto racconto - PUIO a ver esercirato suna farltas.ia diPtoust,Pokh,e H giovane «in. dffIel'ente», ron le maul alzate a sQn~gger,e !1!l filo ]fivis.i. bite, sospeso j n un geM@1 enigma tkof.ra H passe e la dan~ z:;a, Era. una P'l'os:!)!]mita e una lontananza, non ~. solranro 1iJn.'.8J]legoria dcIl'amm:e: rome aveva intuito CJaudd eella

GIOJi:OW AGAMBEN

MorE

Gli altt,er:edelJt:i ~Ml'« InJiff~N~le 1>, CJme h~g.tL1S;~mell;re ooserv:~ t,o G, M<l:ocbi:a (MIINel Pr(Mlctt e t'hJdifJe,re~, ]!'l «C::mieJIe'cl.ella Sen~, '" ID.:lr.lO 1£17&), L 'indlfjettnlie b~, llfipelu{a/fl ~l t=noo MMdij"",Uque viJMgia/,ure de'Mme de !.rgym1.1'. dle fa pamdi Les plai!tt.f e-l {es jQurs, ed t: ~ll:;! sDmjgli~!:!Z!Il frn idue tett[ elle ~i cleve, presl1inib:~11Il¢JIl~, l'eselusJ.on.e &ll'I,ndif!eNml't: dalls taccolt:a. Quante ,~I1~liofite QJigiruiJ..e della n'w·~lla - ~mme:ll.'lQ ehe 'I:I!'!Ia~k fQnte esLsta. -,Ia~it;l~IDM di La :B •. IJf~erc che i.lltrodLJce il t;JW;lnID puo, forte, fotl'lire IlIll'jlldi.caz~mH~ utile, N~I1~ :;;ez[olle d.¢l C~1'acteres jlld[o1:'1~a D,~s ietntl'l'l!!, La. Bfu~r¢ .l'llt'(lOlltll. l$: ~to.!'ii! die Emlre e (11 CteslphOI1, ~hepre-sef:lt1!J un accclolo assM ~jmib, pokhe ltI:'lclle qui, COme neJ.i'Imi#JerenU, l'!lJIlwe, at una ,dQ!l:il~ nasce dal1'jndit!'et>e= ill un uomo. d!t, ~lb .fin>!:, 5i ll.\ieb j:'ia~e{~nde~e pWIl'rio i1 ~m!~!l'io delI'indiffe'n;M~, In p~rJoo!9re. il ptilrlJ') m~I1iEestm~i deI,· l'.'1IDO.re .ill Em1t<: pteooe t11llChe qlli Ia fotlt!.al dil,lll desi,deriio dli neg~re l'itlclit'ie~~ eli CtesipOOu1 «e:Ue 1~ 'lIt lllVec: in~~t'er, er, ~ 11 se t!,lt beaUiooUip en Ia presen.o: de SQ,fI ~f~J ene trOi,iva q~ '11 Il'a'i.rlllt p;a.~ aS5>:Z d'~~pfI[ e~ de!~ir~ qu'il en elll cla\f:llJt'!~~g.e, ]I ]a 'lit 5'e!Jl,pmJa assez !!it a\1'~C: esp,tit; mais, roJllJtn.e H 111: teg~i!:d~ peu et qu.'H pat:la,cnoot(! .molJ1S d'elle et de S~. he~ute, die rut SllUp'dse et C{)fn~~ mdlgn~ gll'un oomL'llle 5i bien hit et si 5<pjdtuelne fUr pas 3~la~t~,

/

1'indliHerente