Percorso sulla storia personale

di Elena De Luca e Michela Nerozzi a.s. 2004/2005
V° Circolo Didattico di Pistoia

C’ERA UNA VOLTA UN BAMBINO ... Quadro generale degli operatori cognitivi e dei contenuti

COSTRUZIONE DELLA IDENTITÀ INDIVIDUALE STORIA PERSONALE

CRONOLOGIA

PERIODO

EVENTO

DOCUMENTO

Il tempo lineare:

I periodi comuni:
Da piccolino Della scuola materna Della scuola elementare Comune

Dalla pancia della mamma ad ora

CRONOLOGIA

I periodi soggettivi

Soggettivo

C’ERA UNA VOLTA

C’era una volta che Ciro non c’era. Non parlava non mangiava non giocava non faceva ciao con la mano non dormiva non guardava le rondini non sentiva l’odore di minestra o di rose : e tutte queste cose Ciro non faceva perchè ancora non c’era
Roberto Piumini

«Il libro ci è piaciuto perché è divertente. Perché racconta la storia di un bambino piccolo che diventa grande e anche noi eravamo piccoli e siamo diventati grandi. E’ diverso dagli altri libri perché, anche se con un po’ di fantasia, racconta la storia di un bambino e non parla di fate, streghe o pirati.» commenti dei bambini

Saper utilizzare i documenti personali per la ricostruzione della propria storia Saper applicare alla ricostruzione e alla lettura della propria storia concetti e strumenti caratteristici del pensiero storico Saper raccontare la propria storia

o

o

o

o

o

Lettura diacronica e sincronica di fatti ed eventi della propria storia personale e loro ordinamento sulla linea del tempo. Con riferimento al tempo vissuto (storia personale): individuazione dei periodi ; collocazione di fatti ed eventi nei rispettivi periodi. Raccolta,analisi e interpretazione di documenti relativi alla propria storia personale . Uso dei documenti per la ricostruzione della propria storia personale. La storia personale come argomento di produzioni scritte, orali ed iconiche

Percorsi costruiti secondo una didattica laboratoriale Ricerca sui documenti e ricostruzione

Nota: il materiale didattico impiegato costituisce una rielaborazione di strumenti elaborati da Sandra Chesi (Cidi di Firenze).

Saper utilizzare i documenti personali per la ricostruzione della propria storia

«Nel quieto caldo della pancia dentro la donna cresceva qualcuno. Era piccolo e vivo: nessuno sapeva chi fosse nessuno lo vedeva. Però l’uomo e la donna sapevano e l’aspettavano contenti»

Esperienza in classe sul peso e sulla lunghezza al momento della nascita

Foto museo

Saper applicare alla ricostruzione e alla lettura della propria storia concetti e strumenti caratteristici del pensiero storico.

Dall’analisi dei ricordi si passa all’acquisizione del concetto di periodo ...

Mi ricordo

Una volta ...

E’ arrivato il momento di fare un po’ di ordine

Nome …………………………………………………… Data …………………………………. Completa la striscia del tempo collocandolo in ordine cronologico gli eventi della tua storia personale

sono nato

Ho imparato a leggere

Ho iniziato la scuola elementare

Ho camminato da solo

Sono entrato alla scuola dell’infanzia

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

2008

2009

2010

Nome:……………………………… data:………………………………… INDICA CON UNA CROCETTA QUALI , TRA QUESTI FATTI CHE TI RIGUARDANO , SONO GLI

EVENTI

o Ho imparato a scrivere o Sono andato in auto con il babbo o Sono stato al mare in vacanza o Ho imparato a leggere o Ho cominciato a camminare o Sono andato al compleanno del mio amico del cuore o Ho festeggiato il compleanno della mamma con i nonni o Ho cominciato la scuola elementare o Ho imparato a legarmi le scarpe da solo o Sono andato al supermercato con la mamma
COLLEGA OGNI TERMINE ALLA DEFINIZIONE CORRETTA

EVENTO :
Un avvenimento che non ha alcun significato Un avvenimento importante che provoca un cambiamento Un fatto che viene raccontato in un libro

SUCCESSIONE :
Un grande successo Fatti che scorrono nel tempo uno dopo l’altro Fatti che accadono secondo le previsioni

CONTEMPORANEITA’ :
Fatti che si ripetano sempre Fatti che accadono nello stesso tempo Arrivare puntualmente

Nel caso si scelga di affrontare la storia personale in terza è perché il percorso si collega al lavoro sull’autobiografia-identità nell’ambito della lingua italiana. Quindi l’indagine sulla propria storia e sul proprio contesto di vita, su affetti e relazioni, sul rapporto presente –passato diventa contenuto fondamentale per il percorso della conoscenza di sé.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful