P. 1
volantino_scie_chimiche

volantino_scie_chimiche

|Views: 601|Likes:
Published by D.Domenico
VOLANTINO SULLE SCIE CHIMICHE
VOLANTINO SULLE SCIE CHIMICHE

More info:

Published by: D.Domenico on Jun 28, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

08/04/2012

pdf

text

original

Cause ed Effetti delle

Per quanto tempo abbiamo pensato e creduto guardando il cielo, che questo fenomeno fosse normale?

E se normale non è, quali sono le possibili interpretazioni e/o spiegazioni di tale fenomeno? Quali le implicazioni per la salute? COSA SONO LE SCIE CHIMICHE Le normali scie di condensazione, come hanno dimostrato studi della NASA e della National Oceanic and Atmospheric Administration statunitensi, appaiono grazie alla combinazione di temperature inferiori a -60°C e livelli d’umidità relativa superiore al 70%, comunque praticamente mai a quote inferiori agli 8.000 metri, ed anche in condizioni ottimali raramente le scie persistono per più di 20 minuti. Al contrario, le cosiddette “scie chimiche” (dal termine inglese “chemtrails”, un neologismo coniato per distinguerle dalle normali scie di condensazione, o “contrails”) rimangono in cielo per ore, anche per tutta la giornata, allargandosi e mischiandosi tra loro, e riducendo il cielo ad un’inquietante massa lattiginosa. Da notare inoltre che le rotte seguite da questi velivoli (non civili) hanno ben poco di normale, discostandosi da quelle delle comuni aerovie e producendo griglie, incroci, triangoli e “X” lungo tutto l’arco dell’orizzonte. E’ quindi sufficiente controllare la quota di volo di questi aerei ed informarsi sulle condizioni meteo in quota per essere in grado di affermare se quel giorno in quel determinato posto si possano verificare fenomeni di scie di condensazione, ovviamente sempre se in quella zona passano rotte di linea. Sono stati rilevati molte centinaia di voli con relative scie persistenti a quote decisamente piu’ basse , attorno ai 5 , 6.000 metri ed in condizioni atmosferiche nettamente sfavorevoli alla formazione di scie di condensazione. Sono stati documentati inoltre voli simultanei di aerei di linea a quota più alta con una

normale scia corta che sparisce immediatamente, e sotto di essi, a quota più bassa, altri aerei che rilasciano una scia bianca lunga e persistente. Considerando infine che il carburante degli aerei di linea è pressoché uguale per tutti non sembra molto azzardato affermare che non si tratta di normali emissioni dei motori degli aerei che condensano, ma che piuttosto molto probabilmente si tratta di una miscela che viene espulsa tramite il getto delle turbine, una miscela di sostanze chimiche che può essere dosata a secondo delle “necessità”. E’ un fatto assodato - grazie ad esami di laboratorio che queste scie chimiche diffondono nell’atmosfera del sottilissimo particolato (polvere, pulviscolo), che noi poi respiriamo attraverso l’aria e mangiamo con il cibo. In particolare sono stati riscontrati “Sali di Bario” (le cui caratteristiche igroscopiche tendono a fargli attirare l’umidità presente nell’aria) e “Solfato di Alluminio” che ha la caratteristica di penetrare la barriera ematoencefalica del cervello. Stiamo parlando di aerei militari che effettuano operazioni “segrete”, esperimenti sopra le nostre teste, con l’aria che respiriamo e l’acqua che beviamo. Il fenomeno è presente a livello mondiale, sono pochi i paesi esclusi dalla lista. Se le sostanze riscontrate nelle analisi fossero effettivamente presenti nelle scie chimiche i rischi di tumori e di altre malattie aumenterebbero di molto, e anche sull’ambiente l’impatto sarebbe drammatico. In sostanza si presume che stiano mettendo in pratica esperimenti per il controllo climatico, generando o attenuando le masse nuvolose. Lo scopo dichiarato potrebbe essere quello di salvare il mondo dalle catastrofi ambientali ormai imminenti, mentre quello reale sarebbe creare una nuova macchina da guerra, tramite il controllo di uragani, terremoti, tsunami, siccità. Le potenzialità di quest’arma sono molto alte, così come i rischi che comporta per l’equilibrio dei modelli climatici mondiali e per la nostra salute. In Italia c’è molta disinformazione ma di scie ce ne sono in gran quantità, ogni giorno sopra l’Umbria, l'Abruzzo, la Campania, la Toscana, il Veneto, la Sardegna, la Lombardia, il Lazio, la Puglia, c'è un'attività intensissima. (Basti pensare alle più di 120 basi Nato/Usa installate in Italia dopo la guerra persa). Tra le poche voci che si sono alzate in Italia c’è quella degli abitanti della vallata Feltrina colpiti da un grave aumento dei casi di cancro dopo la comparsa delle scie. Si è arrivati ad un interrogazione parlamentare anche grazie all’abbondante documentazione filmata, realizzata dagli abitanti in un esteso lasso di tempo. Purtroppo anche in questo caso il silenzio ci lascia perplessi. Il ministro Martino ha poi risposto dichiarando che le scie visibili sono frutto di "normali" attività di aerei. Per approfondire l'argomento:
http://www.sciechimiche.org http://www.nexusitalia.com http://sciechimiche-zret.blogspot.com

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->